Sei sulla pagina 1di 278

Torquato Tasso

Rime doccasione o dencomio


Parte 3 (libro 4)
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Edizioni di riferimento
elettroniche
Liz, Letteratura Italiana Zanichelli
a stampa
Torquato Tasso, Rime, a cura di B. Maier, I-II, in T.T., Opere, Milano, Rizzoli,
1963
Design
Graphiti, Firenze
Impaginazione
Thsis, Firenze-Milano
3
3
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio
Sommario
Libro quarto Parte prima: Dal 13 luglio 1586
al novembre 1587 ................... 7
1313 ................................................................. 7
1314 ................................................................. 7
1315 ................................................................. 8
1316 ............................................................... 10
1317 ............................................................... 14
1318 ............................................................... 14
1319 ............................................................... 15
1320 ............................................................... 16
1321 ............................................................... 16
1322 ............................................................... 17
1323 ............................................................... 17
1324 ............................................................... 18
1325 ............................................................... 18
1326 ............................................................... 19
1327 ............................................................... 19
1328 ............................................................... 20
1329 ............................................................... 20
1330 ............................................................... 21
1331 ............................................................... 22
1332 ............................................................... 22
1333 ............................................................... 22
1334 ............................................................... 23
1335 ............................................................... 24
1336 ............................................................... 24
1337 ............................................................... 25
1338 ............................................................... 25
1339 ............................................................... 26
1340 ............................................................... 26
1341 ............................................................... 27
1342 ............................................................... 27
1343 ............................................................... 28
1344 ............................................................... 29
1345 ............................................................... 29
1346 ............................................................... 29
1347 ............................................................... 30
1348 ............................................................... 31
1349 ............................................................... 33
1350 ............................................................... 33
1351 ............................................................... 35
1352 ............................................................... 36
1353 ............................................................... 37
1354 ............................................................... 37
1355 ............................................................... 38
1356 ............................................................... 38
1357 ............................................................... 38
1358 ............................................................... 39
1359 ............................................................... 39
1360 ............................................................... 40
1361 ............................................................... 40
1362 ............................................................... 41
1363 ............................................................... 41
1364 ............................................................... 44
1365 ............................................................... 44
1366 ............................................................... 45
1367 ............................................................... 47
1368 ............................................................... 51
1369 ............................................................... 53
1370 ............................................................... 54
1371 ............................................................... 54
1372 ............................................................... 55
1373 ............................................................... 55
1374 ............................................................... 56
1375 ............................................................... 56
1376 ............................................................... 57
1377 ............................................................... 57
1378 ............................................................... 58
1379 ............................................................... 58
1380 ............................................................... 59
1381 ............................................................... 61
1382 ............................................................... 62
Parte seconda Dal dicembre 1587 a tutto
il 1588 .................................. 63
1383 ............................................................... 63
1384 ............................................................... 65
1385 ............................................................... 66
1386 ............................................................... 66
1387 ............................................................... 67
1388 ............................................................... 68
1389 ............................................................... 79
1390 ............................................................... 84
1391 ............................................................... 84
1392 ............................................................... 85
1393 ............................................................... 87
3
4
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio
1394 ............................................................... 88
1395 ............................................................... 92
1396 ............................................................... 93
1397 ............................................................... 93
1398 ............................................................... 94
1399 ............................................................... 94
1400 ............................................................... 95
1401 ............................................................... 96
1402 ............................................................... 96
1403 ............................................................... 97
1404 ............................................................... 97
1405 ............................................................... 98
1406 ............................................................... 98
1407 ............................................................... 99
1408 ............................................................. 100
1409 ............................................................. 100
1410 ............................................................. 101
1411 ............................................................. 101
1412 ............................................................. 102
1413 ............................................................. 102
1414 ............................................................. 103
1415 ............................................................. 104
1416 ............................................................. 104
1417 ............................................................. 105
1418 ............................................................. 105
1419 ............................................................. 106
1420 ............................................................. 106
1421 ............................................................. 107
1422 ............................................................. 107
1423 ............................................................. 108
1424 ............................................................. 109
1425 ............................................................. 109
1426 ............................................................. 110
Parte terza Dal gennaio al dicembre 1589 .. 111
1427 ............................................................. 111
1428 ............................................................. 111
1429 ............................................................. 112
1430 ............................................................. 112
1431 ............................................................. 112
1432 ............................................................. 113
1433 ............................................................. 113
1434 ............................................................. 114
1435 ............................................................. 114
1436 ............................................................. 118
1437 ............................................................. 119
1438 ............................................................. 119
1439 ............................................................. 120
1440 ............................................................. 120
1441 ............................................................. 121
1442 ............................................................. 121
1443 ............................................................. 122
1444 ............................................................. 122
1445 ............................................................. 123
1446 ............................................................. 123
1447 ............................................................. 125
1448 ............................................................. 126
1449 ............................................................. 126
1450 ............................................................. 129
1451 ............................................................. 132
1452 ............................................................. 135
1453 ............................................................. 135
1454 ............................................................. 137
1455 ............................................................. 138
1456 ............................................................. 138
1457 ............................................................. 140
1458 ............................................................. 142
1459 ............................................................. 143
1460 ............................................................. 143
1461 ............................................................. 144
1462 ............................................................. 144
1463 ............................................................. 145
1464 ............................................................. 145
1465 ............................................................. 146
1466 ............................................................. 146
1467 ............................................................. 147
1468 ............................................................. 148
1469 ............................................................. 148
1470 ............................................................. 149
1471 ............................................................. 149
1472 ............................................................. 153
1473 ............................................................. 154
Parte quarta Dal gennaio al
dicembre 1590...................... 155
1474 ............................................................. 155
3
5
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio
1475 ............................................................. 155
1476 ............................................................. 156
1477 ............................................................. 156
1478 ............................................................. 157
1479 ............................................................. 157
1480 ............................................................. 158
1481 ............................................................. 158
1482 ............................................................. 162
1483 ............................................................. 162
1484 ............................................................. 163
1485 ............................................................. 163
1486 ............................................................. 163
1487 ............................................................. 167
1488 ............................................................. 168
1489 ............................................................. 168
1490 ............................................................. 169
1491 ............................................................. 169
1492 ............................................................. 170
1493 ............................................................. 170
1494 ............................................................. 171
1495 ............................................................. 172
1496 ............................................................. 172
1497 ............................................................. 173
1498 ............................................................. 173
1499 ............................................................. 173
1500 ............................................................. 174
1501 ............................................................. 174
1502 ............................................................. 175
Parte quinta Dal gennaio 1591 al dicembre
1592 ..................................... 176
1503 ............................................................. 176
1504 ............................................................. 179
1505 ............................................................. 179
1506 ............................................................. 184
1507 ............................................................. 185
1508 ............................................................. 185
1509 ............................................................. 186
1510 ............................................................. 186
1511 ............................................................. 187
1512 ............................................................. 187
1513 ............................................................. 188
1514 ............................................................. 191
1515 ............................................................. 192
1516 ............................................................. 192
1517 ............................................................. 193
1518 ............................................................. 194
1519 ............................................................. 194
1520 ............................................................. 198
1521 ............................................................. 201
1522 ............................................................. 202
1523 ............................................................. 202
1524 ............................................................. 203
1525 ............................................................. 203
1526 ............................................................. 204
1527 ............................................................. 204
1528 ............................................................. 205
1529 ............................................................. 205
1530 ............................................................. 206
1531 ............................................................. 206
1532 ............................................................. 206
1533 ............................................................. 207
1534 ............................................................. 207
1535 ............................................................. 207
1536 ............................................................. 208
1537 ............................................................. 208
1538 ............................................................. 209
1539 ............................................................. 213
1540 ............................................................. 214
1541 ............................................................. 214
1542 ............................................................. 215
1543 ............................................................. 215
1544 ............................................................. 216
1545 ............................................................. 217
1546 ............................................................. 217
1547 ............................................................. 218
1548 ............................................................. 223
1549 ............................................................. 223
1550 ............................................................. 224
1551 ............................................................. 224
1552 ............................................................. 225
1553 ............................................................. 226
1554 ............................................................. 226
1555 ............................................................. 227
3
6
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio
1556 ............................................................. 227
1557 ............................................................. 228
1558 ............................................................. 228
1559 ............................................................. 229
Parte sesta Dal gennaio 1593 alla morte .. 230
1560 ............................................................. 230
1561 ............................................................. 230
1562 ............................................................. 231
1563 ............................................................. 231
1564 ............................................................. 232
1565 ............................................................. 232
1566 ............................................................. 233
1567 ............................................................. 236
1568 ............................................................. 237
1569 ............................................................. 237
1570 ............................................................. 238
1571 ............................................................. 238
1572 ............................................................. 239
1573 ............................................................. 239
1574 ............................................................. 240
1575 ............................................................. 240
1576 ............................................................. 244
1577 ............................................................. 245
1578 ............................................................. 245
1579 ............................................................. 246
1580 ............................................................. 246
1581 ............................................................. 247
1582 ............................................................. 248
1583 ............................................................. 248
1584 ............................................................. 249
Parte settima Rime di data incerta del
periodo1586-1595 .............. 250
1585 ............................................................. 250
1586 ............................................................. 250
1587 ............................................................. 251
1588 ............................................................. 251
1589 ............................................................. 252
1590 ............................................................. 252
1591 ............................................................. 253
1592 ............................................................. 253
1593 ............................................................. 254
1594 ............................................................. 254
1595 ............................................................. 255
1596 ............................................................. 256
1597 ............................................................. 256
1598 ............................................................. 257
1599 ............................................................. 260
1600 ............................................................. 261
1601 ............................................................. 262
1602 ............................................................. 262
1603 ............................................................. 263
1604 ............................................................. 263
1605 ............................................................. 264
1606 ............................................................. 264
1607 ............................................................. 265
1608 ............................................................. 266
1609 ............................................................. 266
1610 ............................................................. 267
1611 ............................................................. 267
1612 ............................................................. 268
1613 ............................................................. 268
1614 ............................................................. 269
1615 ............................................................. 269
1616 ............................................................. 270
1617 ............................................................. 270
1618 ............................................................. 270
1619 ............................................................. 271
1620 ............................................................. 272
1621 ............................................................. 272
1622 ............................................................. 273
1623 ............................................................. 273
1624 ............................................................. 274
1625 ............................................................. 274
1626 ............................................................. 275
1627 ............................................................. 275
1628 ............................................................. 276
1629 ............................................................. 276
1630 ............................................................. 277
1631 ............................................................. 277
1632 ............................................................. 278
7
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
Libro quarto Parte prima: Dal 13 luglio 1586
al novembre 1587
1313
A Vincenzo Gonzaga, principe di Mantova.
Vostro dono sio spiro, e dolce raggio
di sol chiaro e lucente a me risplende,
se lale il nome ancor dispiega e stende,
se scampo rischio e non pavento oltraggio;
5 e se pi non vacillo e pi non caggio
ove si poggia poetando e scende,
e se gloria promette e gloria attende
la dotta Musa, amica al forte, al saggio.
Prendo or per voi la cetra ed or la tromba,
10 ed or mi calzo il socco, ora il coturno,
or canto su la cuna, or su la tomba;
or con Febo mi spazio, or con Saturno,
e questa vita sol per voi rimbomba,
che passeria come balen notturno.
1314
Questi ozii in riva al Mincio, ovio fiorisco
ne dolci studi e leggo e scrivo e canto,
mi fece il mio signor, che ascolta il canto,
e quasi Dio ladoro e reverisco.
5 E l parlar de moderni e lo stil prisco
spesso gli adorno, e larte ondi mi vanto,
e di Troia limagine e di Xanto,
mentre i miei versi e la sua gloria ordisco.
E per chaltri scolpisca i bianchi marmi
10 e colori le carte, e doriente
care gemme e cristalli e nformi e segni,
lieto di fiammeggiar ne gli alti carmi
pi di pirupo e pi di stella ardente,
quasi in terra sian questi eterni segni.
8
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
1315
A la Fama. In lode di Leonora Gonzaga Medici, principessa di Mantova.
Fama, chi nomi gloriosi intorno
porti e lopre divolghi e i fatti egregi
pi volentieri ov lonor pi bello,
qual pompa illustre di trionfo adorno
5 con vinti duci e catenati regi,
con spoglie di nemico o di rubello,
qual Cesare o Marcello,
qual divo, qual eroe con tante penne
s degno di volar per loccidente
10 o contra il sol nascente,
o dove stanco Atlante il ciel sostenne,
o su i monti Rifei, comora questa,
cui fa bella Onest, Bellezza onesta?
Fama, tu sei comaura; e sella suole
15 volar, tu voli; e se risuona e spira,
tu spiri e tu rimbombi in varie parti.
Ma lei move sovente il novo sole;
te disdegnoso dal suo ciel rimira
quanto pi tallontani e ti diparti,
20 empiendo Armeni e Parti
ed Assiri e Caldei dun chiaro nome;
ed ella di viole e daltri fiori
sparge pi dolci odori
quanto pi lunge dispieg le chiome;
25 tu di mille virt lodor lontano
porti minore e duna bianca mano.
Qual peregrino omai canuto e stanco
gi, declinando il sol, talvolta arriva
in un prato di fior vago e dipinto
30 verde, giallo, purpureo, azzurro e bianco,
o sovra una fiorita e fresca riva,
ma lodor del narciso o del giacinto
9
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
non da lui distinto,
o di candida rosa o di vermiglia;
35 tal io dalti costumi e dolci e gravi,
mille spirti soavi
in lei sento confusi, oh meraviglia!;
e non fanno armonia le vostre lodi
bella come sue tempre o n tanti modi.
40 O Fama, a lei presente, unombra al vero
tu pur somigli: or perderai da laura
se da lei perdi? oh rapida, oh volante,
raddoppia il volo a lIndo ed a lIbero
e le forze e le voci anco ristaura,
45 giungi piume a le spalle e ne le piante.
E sella tante e tante
lingue non cura e s discorde suono,
parla co suoi leggiadri e toschi accenti
chaddolcir ponno i venti
50 e far che si dilegui il nembo e l tuono,
e quinci lIstro e quindi il Nilo intenda
quanto lume del cielo in lei risplenda.
Questa la colta lingua, a cui saccrebbe
con limperio de suoi la gloria in guisa,
55 che far pu di moltaltri il nome oscuro;
e quel de gli avi eccelsi ornar dovrebbe
deterni onori; e non fu mai divisa
terra dal mare, ove non luce Arturo,
che lalto, dolce e puro
60 parlar non prezzi, e chi pi fugge il volgo,
e sembra aquila al volo e cigno al canto.
Ma lasso! io pur intanto
lale a miei vaghi versi omai raccolgo;
e se tu poggi al grandOlimpo, io giaccio
65 con la cetra a le falde, e penso e taccio.
Canzon, le selve e i monti
passa la vaga Fama e i fiumi e i mari,
10
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
e spesso il capo entro le nubi asconde;
e tu la terra e londe
70 cerca, sal tuo voler la forza pari:
ch lonorato nome in fronte impresso
lunga gloria pu darti e grazia appresso.
1316
A la serenissima Leonora Gonzaga de Medici, principessa di Mantova.
Come nel fare il cielo il Fabro eterno
le pure e somme parti e pi lucenti
prese da gli elementi,
e nel formar le stelle erranti e fisse;
5 cos lanima vostra a lalte menti
simile ei fece, e l magistero interno
al lavoro superno
dagguagliar simigliando allor prefisse,
e mille varie forme in s descrisse.
10 Quinci Dogni virtute il sommo io sceglio
disse per farla a meraviglia adorna.
Talch lalma gentil che n voi soggiorna
dardente splendor lucido speglio,
e del pi bello il meglio;
15 n raggi tanto chiari e lieti or vibra
Apollo in Tauro o n Libra,
quanti ne sparge il sol che n voi risplende,
onde ognaltro il suo lume accresce e prende.
In voi prudente la Giustizia, e giusta
20 la Prudenza, e Pudicizia forte
ne lamor del consorte,
e Fortezza pudica: oh bella schiera,
che l fato non temea, non lempia sorte,
non fuga, esiglio e non prigione angusta,
25 non morte o forza ingiusta,
non fiamma o spada o precipizio o fera
11
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
or non men costante e meno altera,
n temeria quel ferro onde saperse
Lucrezia il petto o l foco acceso o langue
30 che depreda gli spirti e nfetta il sangue,
sol per sottrarsi a le fortune avverse
di Pompeo e di Serse;
e del petto faria con novo esempio
tomba non pur, ma tempio;
35 n sarebbe di vita avara e parca
al vostro sposo, e sprezzeria la Parca.
Ma come varie schiere ha duce invitto
spesso raccolte in onorata impresa,
e pur senza contesa
40 vince talvolta e fa pi nobil opra;
cos vostra ragion, per far difesa,
squadra molte virt; ma l core afflitto
per doglia o per despitto,
o per ira o timor non vien che scopra,
45 n n contrasto noioso unqua sadopra,
n trova cosa al bel desio molesta,
ma lieta la fortuna e l ciel benigno,
laltare, il serpe, la corona e l cigno,
ed ogni stella, ch l s contesta,
50 a favorirvi presta;
non sol Giove e Saturno e gli altri erranti
con placidi sembianti
rimiran lalto albergo ove pria nacque,
e questo s lucente in riva a lacque.
55 E come nave pu charbori e sarte
abbia e vele e governo i venti e londe
solcar, bench profonde,
nel tempestoso Egeo di notte oscura;
ma pur sempre ella avendo aure seconde,
60 e l mar tranquillo intorno e n ogni parte,
senza nubi cosparte,
12
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
serenissimo il giorno e laria pura,
spiega le vele a lAquilon sicura
e vola per londoso instabil regno;
65 tal nei perigli in voi pronta sarebbe
la vostra alta virt, poi chella crebbe,
n sono pigre larti o l chiaro ingegno;
ma di fortuna sdegno,
o fero occaso od apparir di stella
70 non move atra procella,
e l ciel ride, il mar tace e splende il raggio,
e laura spira, e non vi turba oltraggio.
O fortunata, in qual lucente albergo
era Fortuna in ciel quando nasceste
75 con bellezza celeste,
con ogni aspetto ed ogni stella amica?
Or la corona pur del padre, o queste
deggio lodar mentre le carte i vergo
e col pensier pi mergo?
80 Ei dove il nostro mar la terra implica,
e fra gente pi strana e pi nemica
si fa temer col suo valor, con larmi;
e quanto gira il sol dispiega e spande
nome famoso ed onorato e grande:
85 ei saggio, ei largo, erge metalli e marmi,
lodato in mille carmi;
egli fonda citt, non pur corregge:
ed egli viva legge,
ove i premi e le pene altrui comparta,
90 pi che di Tebe re, dArgo e di Sparta.
Ma l signor vostro in sul fiorir de gli anni
ne loriente del suo d sereno,
non sol vi porta in seno,
ma nel cor vi tien viva e n mezzo a lalma.
95 E cresce il vostro amor senza veneno,
senzire, senza liti o senza affanni;
13
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
batte fra tanto i vanni
la vostra fama gloriosa ed alma;
voi donestade, ei di valor la palma
100 ha fra millaltri; ei legge o canta o scrive
leggiadri versi o, donorata polve
sparso, gli alti destrieri ei frena e volve
da mover guerra a lafricane rive;
e mentre in pace or vive,
105 darmi coperto il porterian sul dorso,
vincendo i venti al corso,
tal che nsieme pu far limprese illustri
ed istoria di s per mille lustri.
Cos ei diviene eterno; e voi nel figlio
110 perpetuo il fate; e la real sembianza
vi d gloria e speranza
che sia stirpe immortal de figli vostri;
e dovunque volgete intorno il ciglio,
vedete come giunto in un savanza
115 il senno e la possanza,
e si loda il valor con puri inchiostri;
vedete alti palazzi e pompe ed ostri,
scettri, corone, imprese, opre leggiadre,
vari pregi e trofei deccelse spoglie,
120 e quanti insieme adorna e quanti accoglie
il suocero, il fratel, lo sposo, il padre;
or, gemme ed arme e squadre,
e quanti innalzan templi e quanti altari,
terre soggette e mari,
125 citt, popoli, navi in sen profondo,
e tutto intento ad onorarvi il mondo.
Canzon, tante virt con tanti onori,
tante grazie del ciel, tanta fortuna
vedrai, dove tinvio, chal primo sguardo
130 dirai: Per questa altezza il volo tardo;
e ci chaltrove sparso, or qui saduna,
14
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
talch altra luce imbruna.
Pur osa dirle neghittosa e lenta,
salcun giammai ne tenta:
135 Questa deterno ardor poca favilla
e dinfiniti abissi, breve stilla.
1317
A Gonzaga.
Tu raccogliesti il peregrino duce
prima, Gonzaga, ed indi il nome prendi
e pi tillustri; e se tu l dai, risplendi
pur come fonte di serena luce.
5 E Mantova per te non sol riluce,
ma l suo splendore a loccidente stendi,
e verso quella parte il volgi e rendi
onde Borea il suo gelo e l verno adduce.
Qual ti debbo chiamar? non certo ancella,
10 non serva umil, ma di signore invitto
figlia e nutrice e gloriosa madre.
Tonori quella, in cui celato al padre
crebbe il gran figlio, e co suoi divi Egitto,
e co suoi regi ed Argo e Troia e Pella.
1318
Su la strada di Marmirolo.
Ampia e diritta via cha raggi ardenti
del chiaro sol concedi il passo a pena,
mentre ei per calle obliquo in giro mena
il carro doro e i suoi destrier correnti,
5 armate in te gi mosse occulte genti
quel signor la cui stirpe ancor affrena
15
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
lalta citt di Manto, e fa serena
in lieta pace, e i suoi tiranni ha spenti.
E se ti fanno ombrose piante oscura,
10 di pi animosi fatti onore eterno
fanno questombre e dalta gloria illustri.
Maraviglia maggior charte o natura
per fama sprezzar la state e l verno
verdeggiando centanni e cento lustri.
1319
Sopra luccelliera di Marmirolo.
La prigione s bella,
ove il nostro signor ninvolve e tiene,
che l perder libertate onor diviene.
Ei non ci tolse gi la dolce vista
5 de le stelle o del cielo,
n di sole o daurora
raggio o rugiada o l fiume o lombra o lora,
ma ci di caldi alberghi incontra l gelo:
tal che nulla ci attrista,
10 quasi nulla sia qui che l volo affrene
mentre il verde nadombra e ne sostiene.
Anzi tanto gentil la vaga rete
che non la sdegna il sole,
ma l sole e laure e i venti
15 di tai nodi sarian lieti e contenti;
e par chAmore qui sia preso e vole
in vie belle e secrete,
e tra stanze di ninfe e di sirene
guardi bellezze pi del ciel serene.
16
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
1320
Sopra la rocca di Goito nel dominio di Mantova.
Dorato albergo, a gli stellanti chiostri
chi pi somiglia od ha s puro il cielo,
o squarci lAlba in oriente il velo,
od Espero lucente a noi si mostri,
5 o frutti Autunno, o rose il Maggio inostri,
o savanzi lardore o cresca il gelo,
ov s tardo il variar del pelo
e vecchiezza che turba i pensier nostri?
Dentro la giovanezza, e ride intorno
10 la primavera, e sei dipinto e vago
ricetto del valor, del vizio esiglio:
opra del buon Guglielmo, esempio al figlio,
a cui di sue virt ti fece adorno,
chei nha lidea ne lalma, e tu limago.
1321
A la Pietola.
Tra queste piante ombrose
il gran Virgilio nacque
e in riva a queste chiare e lucidacque;
e se vi spira il vento
5 par che la terra e l ciel faccian concento,
e quasi da bei rami ancor rimbomba
la sampogna e la tromba,
e Vittoria il bel lago
e la selva risuona e l fiume vago.
17
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
1322
[Nel medesimo soggetto.]
Qual questa chio sento
dolcissima armonia di verdi fronde,
daure, daugelli e donde?
Qual suono o quale spirto
5 fa cos mormorar il lauro e l mirto?
Forse quel di Virgilio; e n questi rami
par chegli spiri e canti e viva ed ami:
ch i suoi pensieri han lalme
pur vaghe di cantar vittorie e palme.
1323
A la piramide in cima a la quale erano le ceneri di Cesare, trasportata col
segno de la Croce.
Vinte lestrane genti e le rubelle,
Roma, per onorar Cesare invitto
e lopre simigliar che fece Egitto,
il sepolcro innalz verso le stelle.
5 Tu fra le pi sublimi e le pi belle
memorie antiche de limperio afflitto
gran tempo il sostenesti, ed ben dritto
che cedan queste a nova gloria e quelle.
Perch, se l cener freddo e mesto or lassi,
10 prendi lieto la Croce in via pi degna
parte translato e con pi nobil pondo,
come l gran Padre vuol che n terra stassi,
ed apre il cielo; e questa sacra insegna,
che liber, laltra f servo il mondo.
18
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
1324
Al papa, ne la traslazione de lobelisco.
Questo vittorioso e santo Segno,
signor, tanto innalzarsi al ciel io scerno
contra la morte e l tenebroso inferno,
quanto non linnalz citt n regno.
5 Ma pur lira del tempo e l suo disdegno
colonna o meta s non ebbe a scherno,
come la tua virt donore eterno,
meta a Dio sacra e fermo, alto sostegno.
Anzi tu sei colonna a cui sappoggia
10 il mondo, ch suo tempio, e l cielo istesso,
lucida come il sol nel suo levante.
E tu sei monte in cui sascende e poggia
al sommo Re, quanto pi lece, appresso;
o, se dir lece, vero e vivo Atlante.
1325
A Stefano Grillo.
Stefano, voi per lerta via de vostri
non gi lonor, ma la virt seguite;
lonor voi segue pronto ove salite
lui non curando, od oro o gemme od ostri,
5 e vi circonda; e par cha voi dimostri
nove del vostro nome istorie ordite
e novi premi de limprese ardite,
ed aquile volanti e navi e rostri.
Felice voi, che da le parti eccelse
10 a cui valza il valore in s verdi anni
sotto spirar sentite illustre fama.
19
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
Di l, sun puro cor sonora ed ama,
degnate omai por fine a nostri affanni,
chaltri far pi bellopra unqua non scelse.
1326
Al signor Ascanio Mori. Consolatori.
Come fior sapre e langue, o come stella
che nel sereno ciel sinfiamma e cade
segnando di splendor lucenti strade,
cadde il tuo figlio e l cinse atra procella;
5 anzi lanima, a Dio fedele ancella,
vol ne le celesti alte contrade:
chei ratto a s ne la sua prima etade
la richiam, perch sia pura e bella.
Quinci il tuo pianto vede e i nostri onori
10 qual fumo od ombra, e luno e laltro polo,
e l sole errar, non sol gli umani errori.
Ma tempri la sua gloria acerbo duolo,
perchegli tutto amor fra mille Amori;
e se l caso piangesti, or canta il volo.
1327
Nel medesimo argomento.
Non seppe men di noi lantico Trace
perch al nascere altrui spargeva il pianto
e l morir onor con festa e canto,
come luno sia guerra e laltro pace.
5 E se lamato corpo in terra or giace,
lalma in ciel vola e lascia ignuda il manto:
non pianger dunque il suo gioir cotanto,
n spiaccia a te quel che a lei giova e piace.
20
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
Questo amor di se stesso, e non del figlio,
10 tenero padre a lacrimar costringe
i suoi dolori no, ma i suoi diletti.
Ah! prendi da te stesso alto consiglio:
vinca ragion, che l freno allenta e stringe,
e linvitto saper, glinterni affetti.
1328
Nel medesimo argomento.
Mirar due meste luci in dentro ascose,
una pallida fronte, un corpo esangue,
e, dileguando da le guance il sangue,
gelar le brine e impallidir le rose:
5 padre, ahi! padre, sentir voci pietose,
e questa e quella man fredda comangue;
e la madre languir se l figlio langue,
cha pena viva e di morir propose.
Di morte un volto pien, laltro di pianto,
10 de limagine sua dolente impresso,
e cader tuo sostegno e tua speranza:
quinci silenzio e quindi strida intanto,
per tutto orror e duol chogni altro avanza;
Ascanio, ma tu l vinci, anzi te stesso.
1329
Per la sanit del signor principe di Mantova.
Mentre dalma real la febre ardente
pasce le belle membra e l gentil sangue,
punto non cessa il suo valor, n langue
il core invitto e contro il duol possente;
21
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
5 ma l soffre e vince, e super sovente
lire e i diletti; e far gigante esangue
o gran centauro, o domar toro od angue
o leone, onde il cielo pi lucente,
non merto maggior se l fero assalto
10 noffende pi dove il nemico interno,
bench men chiara fama altrui nadorni.
Or quasi lieto vincitor se n torni
consacrando un trofeo sublime ed alto
a la salute e nabbia onore eterno.
1330
Ne linfermit del signor principe e de la signora principessa di Mantova.
Il mio signore e la sua nobil donna,
languendo insieme, lun ne laltro intento,
come sia nel dolor dolce concento
per un secreto amor che n due sindonna.
5 Ed egli armato ed ella n treccia e n gonna
gi parve un sol; n fia turbato e spento,
o pur men salda a la tempesta, al vento
questa e quella donore alta colonna:
per chinterna virt saccresce e sforza
10 Pi nel suo male; e nel periglio aita
or quinci or quindi, e da se stessa or prende.
E quando vita forniria con vita,
luna da laltra avr salute e forza,
qual luce in luce se medesma accende.
22
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
1331
Ne linfermit de la signora principessa di Mantova.
La febre era di gelo;
saccese poi, non pur col proprio ardore,
ma di fiamma dAmore,
mentre serpendo gia di vena in vena
5 verso una fronte come il ciel serena;
e scoloria le rose,
dovogni sua dolcezza egli ripose;
e languidette fea due chiare luci,
sue belle e sante duci;
10 e nel candido petto a poco a poco
tutta foco si f, ma casto foco.
1332
[Nel medesimo argomento.]
Gi dea tu fosti, o Febre,
se l mondo fa gli dei
tempi alzando ed altari, e diva or sei:
perchopra non fu mai di bianca pietra
5 o pur davorio netto,
bella come il bel petto
che tu riscaldi e per costume impetra.
E per s caro albergo
lasserian Giove e Febo il cielo a tergo
10 con le sfere pi belle
e tutti i segni eterni e lauree stelle.
1333
[Nel medesimo argomento.]
Febre maligna, in care membra accesa,
che di bellezza il fior consumi e struggi,
e ben mille dolcezze involi e suggi,
facendo ingiusta al mondo e fera offesa,
23
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
5 quai belle spoglie e di crudele impresa
qual gloria attendi? omai ti parti e fuggi
e n altre guance il fior caduco aduggi,
ove non faccia alta piet difesa.
Gi diva non sei tu, ma fero ed empio
10 foco, o ne lombra algente orrido gelo,
che di turbare il mio bel sol ti vanti.
Questo far guerra a la natura, al cielo,
e discacciare Amor da vivo tempio,
vincendo dempiet mostri e giganti.
1334
Ne linfermit del serenissimo signor principe di Mantova.
Per assalire il mio signor la Morte
prese avea larme, e, daltre spoglie altera,
mali e dolori accolti in lunga schiera
ed imagini avea dolenti e smorte,
5 e ci che dentro a le tartaree porte
spaventa lalma ove del ciel dispera;
ma ncontra turba s spietata e fiera
trov mille difese e mille scorte,
e Virt fiammeggiar tra lempie larve
10 come in Flegra solea sovra i giganti,
e Gloria accesa dun celeste lampo,
e Poesia, talch partissi e sparve
dicendo: Ahi! qui non ho di chio mi vanti,
bench vincessi: or viva; io cedo il campo.
24
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
1335
Loda la signora Barbara Rangone Guerriero.
Fosti Barbara in prima,
or Barbara non sol, ma sei guerriera
pi bella che feroce, e meno altera,
ma non per men forte;
e quante avventi e scocchi
5 saette da begli occhi,
tanti son colpi damorosa morte.
Pace, pace, non guerra e non contrasto;
e se pace non vuoi senza vittoria,
mostrando a vinti il cor pietoso e casto,
10 abbi pur doppia gloria.
1336
[Per la medesima?]
Larmi portate a cui somiglia il tuono
con la fiamma e col suono;
forse vostra impresa e vostra insegna?
dunque anima gentil tanto si sdegna?
5 E l dolce minacciare qual baleno,
quasi colpo lo sguardo
ondio minfiammo ed ardo.
Il folgore terreno
non dovete portar, donna gentile,
10 ma pi liquido foco e pi sottile,
e sembrereste Amore
col fulmine celeste e con lardore.
25
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
1337
[Per la medesima.]
Pose a la mia bellissima guerriera
il fallace pittore in mano il dardo,
onde il mio cor, se nel fuggire tardo,
incauto sarma e far difesa ei spera.
Ma dove giunge s soave e fera
5 ella col suo pungente e dolce sguardo,
non giova elmo n scudo, e non pur ardo,
ma quasi avvien che incenerisca e pera.
Per dico fra me: Saetta o strale
non fece il colpo, e non pass nel fianco
10 mai de la mano il fulminar fatale.
Dunque arme cangi o le raddoppi, ed anco
un folgore le dia con fiamme ed ale
larte che mal provvide al lato manco.
1338
In morte de la signora Isotta Brembata Grumella.
Ognor condotta nova pompa a Morte
cha tutti spiega la sua negra insegna
da lIndo al Mauro, e tien lo scettro e regna,
e lalto al basso e l frale agguaglia al forte.
5 E lorribil trionfo e lombre smorte
donna mai non segu donor pi degna
di lei, che posto ha sotto i piedi e sdegna
Averno e Stige e le tartaree porte.
E vinta solo inferma parte e stanca
10 che meritava rose e lauro e mirto,
tal che dee Serio e Brembo anco dolersi.
26
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
Laltra non gi; ma vola in ciel lo spirto;
n la sua fama in terra spenta o manca,
n trionfa la Morte il nome o i versi.
1339
[In morte dun monsignore.]
Guidasti a i fonti di scienza e darte
le gregge a te commesse; ombra e pastura
dolce lor desti, e fu tua nobil cura
sanar linferme e riunir le sparte;
5 e l reo lupo infernal, chinsidia e parte
de gli armenti di Cristo oggi ne fura,
lattese indarno entro la nebbia oscura
che usc di Stige a intorbidar le carte.
Ecco crescon gi gli agni, e l dolce loro
10 latte i semplici nutre, e di speranza
e di vivace fede impingua lalme.
O fortunato, onde s ben savanza
la milizia di Cristo; or quale alloro
serba egli a tuoi trionfi e quali palme!
1340
A Guglielmo Gonzaga, duca di Mantova.
Fra cavalli feroci ed armi e schiere
ha sovente Fortuna instabil regno,
e, come vento londe, il suo disdegno
ogni cosa mortal perturba e fere,
5 e fra le stelle di lucenti sfere
saccoglie. Ora chi sforza umano ingegno
perch Leon minacci od altro segno,
e l ciel contrasti lui con mille fere?
27
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
Bench descritta sia costante legge,
10 sal pi suso il vostro, ovaltro esempio
scorge la mente e f ritrarlo in terra;
e qui serva Fortuna e, se pur erra,
vostra virt suo vaneggiar corregge
dov il suo proprio albergo e quasi il tempio.
1341
Al medesimo.
Glorioso Guglielmo, oggi traslato
duna in altra prigion fra tema e spene
di piet nova e inusitate pene,
egro somiglio al variar di lato.
5 Pur, segli ver chinesorabil fato
con certe leggi mai non volga e frene,
s come il mar da lune a laltre arene
corre e ritorna, ondeggia luman stato;
ben mi lice sperar chun d marrida
10 Fortuna. Infermo gemo e ploro intanto;
e che posso altro che pregar piangendo?
Te priego, e questo non cantar, ma pianto
se l tuo favor la fede mia non guida,
che l Liceo mapra coma Febo ascendo.
1342
Al signor conte Camillo Castiglione.
De larme onde parlaste, il Grizio scrisse
prose colte, signor, con puro inchiostro,
per che usanza e legge il parlar vostro
a vera nobilt quasi prescrisse.
28
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
5 N mai pi gloriose alcun le affisse
di voi, ne la cui stirpe e loro e lostro
gi tantanni risplende al terren nostro,
ove antica, feconda, illustre visse.
Ma non taccia de laltre in cui sovente
10 voi fiammeggiaste fra guerrieri egregi,
come in turbato ciel fulmine ardente.
Queste son vostre lodi; e non si sdegna
ceder la vecchia fama a novi pregi,
tanto valore in voi si mostra e regna.
1343
Al signor Muzio Manfredi, per la Semiramide tragedia di lui.
Muzio, che di magnanima reina
scrivi in dolenti versi indegno amore,
mentre ningombri di pietoso orrore,
il signor nostro il suo bel foco affina;
5 e pensando a colei che lalma inchina
a non lecita fiamma, il folle ardore
fra s riprende e fa pi scaltro il core,
a cui s alto albergo il ciel destina.
E cos avvien che tempri umani affetti
10 smisurato desire e chegli informe
felice vita con s mesti esempi.
Ma, ben chascolti sospirosi detti,
gli dolce il suono a cui piet non dorme
e l sen di care lagrime gli adempi.
29
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
1344
Per i Cento madrigali di Muzio Manfredi, a donna Vittoria Gonzaga,
Principessa di Molfetta.
In queste nove rime,
rozze non gi ma belle,
ora trionfa Amor dalme rubelle,
or Castit di lui;
5 quinci a nobil Vittoria
Muzio le sacra, e con la fama altrui
eterna la sua gloria.
Vinti i pi chiari ingegni e prese lalme,
n Parnaso ha di lor pi chiare palme.
1345
Per Verticordia Manfredi, fanciulla di manco tre anni, che a lui don
una corona di Nostra Donna.
O Dea che volgi i cori,
volgi la lingua mia
a lodar questa pargoletta e pia,
che da te il nome prese,
5 fanciulla nobilissima e cortese.
Insegnami chio lodi il caro dono
de la mano innocente,
ondergo al ciel la mente
quandio teco e fra me penso e ragiono;
10 ed ascolta i miei prieghi
o Dea che volgi i cori, inchini e pieghi.
1346
A Orazio Lupo, in morte de figliuoli.
Ambo fiorir vedeste i figli vostri,
Orazio, di bellezza e di valore;
or li piangete estinti (aspro dolore!)
al suon che placheria tartarei mostri.
30
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
5 Ma son volati a que superni chiostri,
a i premi, a le corone, al vero onore:
perch dunque stillar, piangendo, il core
e lagrime versar, non solo inchiostri?
E sebber gi da voi vita mortale,
10 le vostre rime ora immortal la fanno,
e vendetta di morte altra non vale.
E perchagguagli ancor la fama il danno,
a pianger me chiamate il vostro male;
n parte io gi ricuso in tanto affanno.
1347
[Risposta al signor Orazio Lupo.]
Mentre io bramo spiegare in alto il volo,
ecco tuona a sinistra e si dilegua
ratto il baleno; or sar mai chio segua
segno ardente del ciel, gi stanco e solo?
5 Volate meco voi, temprate il duolo
col dolce canto, onde l cantar sadegua
de cigni, Orazio; e faccia pace o tregua
intanto de mie affanni il fero stuolo.
Perch del vostro onor tutto monoro,
10 e de lamore; e dal terren palustre
minnalzo al cielo e con pi chiare note.
Cos, vostra merc, divengo illustre,
e son le vostre lodi il mio tesoro,
mandato a me da le celesti rote.
31
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
1348
A donna Eleonora de Medici Gonzaga, principessa di Mantova.
Quando ritardo a miei pensieri il corso,
donna dimperio degna, i vostri pregi
tesser volendo e l nome vostro in rime,
veggio farmisi innanzi al primo occorso
5 invitto duce e cavalieri egregi,
perchio portar di Pindo a lalte cime
tema, in suon pi sublime,
spoglie, palme, trofei; linsegne e larmi
e l lucidostro e le corone io veggio,
10 e l sacro manto e l seggio;
e perch dogni ardire io mi disarme,
mute quasi le cetre e basso il carme.
Tal che dico fra me: Chi poggia or tanto
quanto la fama lor sinnalza e spande?
15 Qual mai virt me vinse in casi avversi?
Questa materia da stancar nel canto
Febo e Parnaso, ove in stil chiaro e grande
di gloriosa laude ordisca i versi.
Merti cos diversi
20 o pi raro valor, pi degni esempi,
Italia non mir, da poi cha terra
vide il suo imperio in guerra,
bench rammenti pur gli antichi tempi;
e quasi gli alzerebbe altari e tempi.
25 Cos pensando, i miei desiri intenti
stanchi gi sono anzi chio parli o scriva;
ma cortesia, deh! non mi prenda a scherno,
e gradisca il silenzio, i gravi accenti,
e l puro affetto ondil parlar deriva.
30 N gi men bel de lo splendore interno
quel chin voi discerno
di fuor, perle, rubini, avorio ed oro
32
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
e rose sparte in bianca e viva neve,
e n dolce spazio e breve
35 di natura e damor gloria e tesoro;
ma chi dipinge quel chio dentro onoro?
Quai saranno i colori e lombre e i lumi,
onde possa ritrar leggiadro stile
quelle virt di cui gi sete adorna?
40 o pietra in cui scolpire alti costumi
alcun possa talor dalma gentile?
o penna, che descrive e poi distorna
quel che man dotta adorna,
e n varie guise pur colora e parte?
45 Ben si potrian lodar (non forse a pieno)
gli occhi e l volto sereno,
ma in descriver di voi linterna parte
vinti sarian glingegni e vinta larte.
E come in ciel veggiam la bianca Luna,
50 o chi vicino a lei si volge errante,
o pi lontan Marte, Saturno e Giove,
ma contar non possiam, qualor imbruna,
de limagini sue, che son cotante,
ogni stella che tarda o presta move;
55 tal ne la mente, o dove
lalma del suo splendor sillustra e splende,
lucenti raggi il mio pensiero adombra,
quasi per nube od ombra;
ma de vostri alti doni appena intende
60 la minor parte, e se nabbaglia e accende.
Ed a quelli chei scorge, il dir non basta
di lingua che si sciolga in pigre voci:
per ne lalma il meglio ascondo e celo.
Portino il vostro nome, o bella, o casta,
65 mille cigni canori e pi veloci,
dal Mincio a lArno, anzi da lArno al cielo,
mentre con puro zelo,
33
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
vergo statua nel cor quasi o colonna.
Bella la chiara ed onorata fama
70 dove gloria pi sama;
ma pi bella virt deccelsa donna,
chin cima siede e del suo cor sindonna.
Canzon, perch alto sorga,
e sia de le sue lodi adorna e lieta,
75 ella tocca donor pi nobil meta.
1349
A don Germano de Vecchi sopra le Lagrime penitenziali di Carlo V.
Piange devoto il vincitor del mondo,
santa di s facendo e pia vendetta;
n farla altri potea, n l fine aspetta
per alleggiar dAdamo il grave pondo:
5 Alto Re, le mie colpe io non tascondo,
ma scopro ad una ad una: a te soggetta
solo questalma; oh! pur sia al regno eletta,
per cui damaro pianto il viso inondo.
Tale ei si pente, e non co gli occhi asciutti;
10 e pace chacquetar pu interna guerra,
di fuor vinti i nemici, entro i disdegni,
son di feconda penitenza i frutti;
e corone deposte, e dati regni
con limperio del mare e de la terra.
1350
Ne linfermit del signor don Alfonso dEste.
Chi vide il sol lucente e puro il giorno,
e laria senza nubi e chiare londe,
e spirar laure e i pi sereni venti,
34
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
e poi dorrido vel coprirsi intorno
5 il ciel oscuro e l mar, cha lalte sponde
si frange, e tra le nubi i lampi ardenti
e tempesta crudel, pensi e rammenti
limagine turbata e lassomigli
al gi s lieto albergo ed or s mesto,
10 che par quasi funesto,
l dove or langue il buon Alfonso e i figli:
cos, Fortuna, lor turbi e scompigli.
Quai cerchiam di natura infermi e frali
pi chiari esempi, e ncontro acerba morte
15 chi nassecura e ne difende in terra?
Tanti guerrieri suoi quantaspri mali,
tantarme son quanti dolori: il forte
e l saggio cavalier temuto in guerra,
cui n di grave lancia incontro atterra,
20 n spada mossa da possente braccio,
anchegli giace e langue: or che far ponno
vigor perduto e sonno?
egre donne e fanciulli? I servi io taccio,
che sono or quasi fiamma, or quasi ghiaccio.
25 Onduscir tanti mali, e di qual parte
se n volaro a turbar la festa e l gioco?
e senza dipartirsi, oim! vi stanno?
e per volger antiche e nuove carte
medicina o rimedio ancor val poco,
30 onde si tempri s gravoso affanno.
Ahi, Ferrara, ahi Ferrara! a questo danno,
perch mostri rea sorte ancor turbarse,
altro, se dritto estimo, egual non fora.
Leggesti di Pandora,
35 che gi di tutti i doni adorna apparse;
ma questa ha pi le stelle avare e scarse.
Scopria di vaga donna il ricco vaso
ardita mano, e parte a schiera a schiera
35
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
repente i mali uscian, pur come alati;
40 e da lorto giungendo in fin loccaso,
tutto quel onduom giaccia afflitto o pera,
fra miseri mortali, a morir nati,
spargeasi al sommo, a limo, a mezzo, a lati:
sol la Speranza ivi rimase al fondo,
45 ch volar non pot, rinchiusa lurna.
Or bella mano eburna
serra la nostra speme, e l grave pondo
sopra vimpone; e che naspetta il mondo?
O dea, tu che discacci i mali e lunge
50 gli mandi, tu in lor volgi il dolce sguardo,
rasserenando il verno e la tempesta;
se giusto prego insino al cielo aggiunge,
deh! movi omai, chogni altraiuto tardo;
e se teco or ne vien pietate e resta,
55 n giammai senza te si trova o desta,
non consentir chestingua morte avara
onestate e valor, bellezza e senno,
chalto lume gi fenno;
ma le tenebre nostre apri e rischiara,
60 ch cos dadorarti il mondo impara.
Deh! qual novo pittor tadorna, o diva,
un tempio in questa riva?
che limagin con note erge e sospende,
mentre dal cielo il tuo favor sattende?
1351
A don Giulio Segni per uno zaffiro donatogli.
La castit de la bellalma umile
chogni basso pensier disprezza e sdegna,
di cara gemma e preziosa degna,
che par celeste, e tutta al ciel simile.
36
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
5 Tal che ogni don vi fa negletto e vile
il Papio donator, che adorna e segna
la vostra alta umilt. Materia indegna
fia ciascunaltra a cos dotto stile,
se non il suo valor. Dunque volgete
10 a lui, casto poeta, i colti versi,
ondi campi di gloria eterna or miete:
ch i miei son quasi datro oblio cospersi,
e pur temono ancor lacque di Lete
e il cielo e i fati a miei desiri avversi.
1352
Al signor Antonio Costantini.
Costantin mio, n l vostro puro stile,
che vi fa a quel dArpino andar s presso,
n l canto, che pur dianzi udia Permesso,
vi pu far s famoso a Battro, a Tile,
5 come gran cortesia dalma gentile,
che degni effetti in voi mostr s spesso;
n se fossio, come soleva, oppresso,
esser per devrei negletto e vile.
Ch risorge destrier caduto in terra
10 ed ha pregi del corso o chiare palme
porta col vincitor dorribil guerra;
e nave in dubbio tra Cariddi e Scilla
in ampio mar gitt le ricche salme,
e solc lieta poi londa tranquilla.
37
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
1353
Al signor marchese di Casliglione.
Or che da laureo vello illustri il cielo,
Febo, e di fiori i monti e i campi adorni,
ed a noi rimenando i lieti giorni
sgombri da laria il tenebroso velo,
5 scaccia da s bei membri il pigro gelo,
e con la primavera in lor ritorni
quella virt che gli fa tanto adorni,
e degni del tuo amore e del tuo zelo.
E pregar ti potria come Fetonte
10 questi, e non chiede il carro e la corona
dardenti raggi e la serena fronte,
ma di tue verdi frondi in Elicona
coronarsi ne lombra appresso il fonte,
e dove maggior gloria infiamma e sprona.
1354
In lode de gli occhi de la principessa Eleonora Gonzaga de Medici.
Questo s puro e dolce e lieto raggio
non di stella o pur di bianca luna,
ma par di sole, e sole altro non aggio.
E mentre sete pi, luci, tranquille,
5 quasi un bel mare il bel profondo imbruna
con pi soavi e lucide faville;
o sian lumi damore ardenti e chiari,
o de lalma gentil, chin voi si mostra,
deh! non turbi fortuna, occhi s cari,
10 e l bel sereno e lalta pace vostra.
38
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
1355
In lode de gli occhi de la serenissima Margherita dEste Gonzaga, du-
chessa di Ferrara.
De vostri occhi sereni il dolce umore,
quasi un candido mar ha picciol fondo,
s che traluce al mio pensier profondo
5 con santissime voglie il nobil core;
anzi in quel lucidissimo candore
lalma si scopre, e no l perturba Amore,
e non vi sono insidie o scogli o sirti,
n fa tempesta damorosi spirti.
1356
Loda di nuovo gli occhi de la principessa Eleonora Gonzaga de Medici.
Sete specchi di gloria, in cui traluce
eterno raggio dimmortal bellezza,
occhi leggiadri e lucide finestre,
e chiari fonti ancor di pura luce,
5 da cui discende rio dalta dolcezza,
non come fiume da montagna alpestre,
e ruote e sfere, anzi celesti segni,
e soli da scacciar nebbie di sdegni.
1357
Nel medesimo argomento.
Silluminate voi loscura mente,
occhi, voi sete occhi non gi, ma lumi,
e l seren vostro l mio novo oriente,
e lorror si dilegua e lombra e i fumi
5 fuggon lungi da voi, luci serene,
chaccendete desio dalti costumi:
luci e lumi, il cui raggio al cor se n vene
e n lui, come farfalla, arde la spene.
39
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
1358
Ne la sanit ricuperata del signor Alessandro Spinola.
Nel pi bel fior de gli anni alta fortuna
e virtude e valor quasi celeste,
e l ciel benigno e chiaro il sole aveste,
chora pur nube in oriente imbruna:
5 perch linvida morte ed importuna
turbar volea mille dolcezze oneste;
ned altro che la nova e bella Alceste
vera pi schermo o scampo o fuga alcuna.
Ella potea sottrarvi a morte avara
10 e seguir glorioso antico esempio
dando la vita ch per voi s cara.
Ma pi che laltra estinta, or viva al tempio
mostra fede e piet che l ciel rischiara,
vinta la Parca e vinto l destino empio.
1359
Al signor Fabio Orsini.
Non era pigro il novo Fabio o lento
a quel sublime onor chItalia e Roma
serba a color chella produce e noma,
e parea l primo a primi pregi intento.
5 N dun sol lauro trionfal contento,
potea di cento allori ornar la chioma,
quando colei che ne trionfa e doma
lassalse e diede altrui tema e spavento.
A lui non gi, che lieto e saggio e forte
10 si volse al ciel, sdegnando i ciechi abissi,
comei cerchi l s corona e palma.
40
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
Vinta dal santo ardir liniqua morte;
Roma gridar ne sette colli udissi:
Abbia qui gloria e l ciel la tardi a lalma.
1360
A donna Flavia Orsini.
La sublime e lucente Orsa celeste
giammai vicino al mar non cadde o scese
come costei, cha mille fiamme accese
di virt vere e di bellezze oneste.
5 E fra i torbidi venti e le tempeste
si mostra in volto placida e cortese,
e n mar di gloria a lonorate imprese
scopre la via da quelle rive a queste.
E bench il vel, Nettuno, o l crin sasperga
10 lungo il tuo lido, e, con sublime esempio,
ne schivi di fortuna oltraggio ed onta,
pur vien chal sommo ella si levi ed erga
di questo, sacro a Dio, lucido tempio,
ove mai non sasconde e non tramonta.
1361
Flavia, quando nel lago un picciol vento
increspa lacque pure e mattutine,
son onde il tuo s crespo e biondo crine,
e queste onde son oro, e quelle argento.
5 E mentre sospirar tra fiori io sento,
i vaghi spirti e laure pellegrine
fan di soave odor mille rapine
fra le tue labbra con pi bel concento.
E par che la natura, Amore e l cielo
10 ti paragoni e tassomigli allora
con Primavera e con la bella Flora,
41
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
con lamorosa stella e con lAurora;
e tra laurate nubi e l dolce gelo,
lAlba tinvidia il leggiadretto velo.
1362
A donna Dorotea Geremia Albizzi, ambasciatrice di Toscana, in morte
del marito.
Fu di vera onestate illustre esempio,
nobile donna, il vostro ardente amore,
e l puro foco acceso in alto core
qual chiarissima fiamma in sacro tempio.
5 Or, morto il fedel vostro, in voi contempio,
ben con mille altri a prova, aspro dolore,
che legge par altrui di bello onore:
ahi! non faccia di voi pi fero scempio.
Cos amando e piangendo a laltre insegna
10 desser casta e pudica invitta fede,
ma sola dabitar fra voi si degna.
Se virt savanz chal ciel se n riede,
deh! non segua di morte or negra insegna
soverchio duol, che vange lalma e fiede.
1363
Ne le nozze del signor Alessandro Gonzaga e de la signora Francesca
Guerriera.
Spiega lombroso velo
e de pi vaghi fiori
orna e dipingi, o Terra, il crine e l seno;
aure, spargete il cielo
5 de pi soavi odori,
facendo il d pi chiaro e pi sereno.
Non ricusate il freno,
42
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
o minacciosi venti,
deposto il fiero orgoglio;
10 e chiusi in qualche scoglio
non dispergete in van gli altrui lamenti;
e regni un anno lieto
Zefiro mansueto.
Tu canta, o puro lago,
15 che quasi il mar simigli
e ne lacque dargento hai rena doro;
tu, Po, tu, Mincio vago,
tu, suo figliuol, voi figli
di monti alpestri, or fate un lieto coro;
20 voi di canne, io dalloro
coronati cantiamo:
voi, pini, abeti e faggi,
voi colti e voi selvaggi,
pi raddolcite il suon di ramo in ramo;
25 lalno a lacqua risponda,
ed al fiume la fronda.
Cantiamo, o cigni, il giorno
chAlessandro e Francesca
con s felice nodo aggiunge insieme;
30 e l sol di luce adorno
l si ritorni ondesca
pi lieto poi da le contrade estreme,
n pi la dolce speme
egli ritardi omai,
35 n foco aggiunga a foco,
chin gentil core ha loco;
ma spenga in mezzo londe i caldi rai:
ch fresca notte accoppia
meglio s bella coppia.
40 Ha la notte i suoi pregi,
il rischio e le contese,
le sue chiare vittorie e le sue palme;
43
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
n mai de vinti regi
pi bel trofeo sospese
45 alcuno o riport pi care salme,
presi i corpi e non lalme.
Qui non cinto o bipenne,
non elmo, non lorica
di spietata nemica,
50 non scudo, che man fera alto sostenne,
fan gloriose or queste
spoglie belle ed oneste;
ma bellezza e valore,
nobilt, cortesia,
55 caste voglie e pensier leggiadro ed alto.
Linespugnabil core
tu pria vincesti, e pria
rompesti quel suo duro e freddo smalto
nel caro e dolce assalto.
60 A te prima risplende
piet ne vaghi lumi,
ove ancor ti consumi,
e guerriera gentil vinta si rende dolcemente e sadira,
parte langue e sospira.
65 E mentre il tuo fratello
i pi lodati agguaglia
con lopre in guerra appresso il Reno algente,
pi del vinto rubello
in notturna battaglia
70 ella ti fa gioioso, ella possente.
De lestremo occidente
qual preda o qual tesauro
tanto sestima e prezza,
quanto viva bellezza
75 di perle, di rubin, davorio e dauro?
Questa vince e possiede
forza non gi, ma fede.
44
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
Canzon, pi non si vanti istoria o carme
dErcole e di Teseo,
mentre io chiamo Imeneo.
1364
Al signor Gherardo Borgogni. Risposta.
Questa, ch fredda selce a miei lamenti,
anzi lucido specchio al mio dolore,
tutta de la mia fiamma e de lardore
risplende e scalda le purgate menti.
5 N pur gli occhi io mi veggio or quasi spenti
per troppo lume in lei, ma insieme il core,
che par fonte di luce, ed io dumore:
sparge ella raggi, io lacrime correnti.
N pi canti nascolta il mio vicino,
10 ma l suon del pianto quel che lalme ha deste,
stillando in terra, ove non fia channoi.
N perchinduri in pietra, affiso a queste
rive io starommi; anzi verronne a voi,
fatto un ruscel per verde alto cammino.
1365
In lode del signor Ambrogio Figino per un rituale del padre Francesco
Panigarola.
Quest la bocca, anzi quel chiaro fonte
ondesce deloquenza un aureo fiume,
questo de gli occhi il puro e dolce lume
e questo il ciglio e la serena fronte.
5 Ben riconosco or le fattezze conte
e quel suo mansueto alto costume;
larte no, che natura ornar presume,
n per lodarla ho nuove rime e pronte.
45
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
Chi fia che pi lonori o pi distingua?
10 Io, mentre miro pur come ladombre,
fra me stesso cos penso e ragiono:
Meraviglia l silenzio, a prova l suono,
e l color muto a la sonora lingua
quasi agguaglia il Figino e l vero a lombre.
1366
Ne le nozze de glillustrissimi signori il signor Giulio Cesare Gonzaga de
principi di Bozzolo e la signora Flaminia di Sciarra Colonna.
Espero gi risplende, Espero in cielo
alfin sorge aspettato al novo lume:
giovani, omai sorgete; or viva fiamma
d bel principio co notturni raggi
5 a questa chiara e fortunata notte:
vieni, Imene Imeneo, ch spento il giorno.
Vieni, Imene Imeneo, ch spento il giorno.
Vergini, e voi mentre soscura il cielo,
a questi amici de la fredda notte
10 fatevi incontra, e sol di questo lume,
lo qual fiammeggia damorosi raggi,
ed a prova cantiam s bella fiamma.
La palma ne lincendio e ne la fiamma:
vieni, Imene Imeneo, ch spento il giorno;
15 elle son preparate, e i dolci raggi
di s begli occhi, onde sinfiamma il cielo,
sgombrano ogni pensier col dolce lume;
ma la vittoria ama il pensar di notte.
Come nemico suol lombrosa notte
20 portar la face e destar fuoco e fiamma,
vieni, o crudo Imeneo, scuotendo il lume:
vieni, Imene Imeneo, ch spento il giorno,
e le tue spoglie sono al fosco cielo,
e i notturni trofei con pochi raggi.
46
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
25 Come amico talor co primi raggi
de le stelle serene e de la notte,
vien desiato a limbrunir del cielo,
Imeneo, giungi e innalza ardente fiamma:
vieni, Imene Imeneo, ch spento il giorno,
30 e l sol medesmo ha men soave lume.
Espero, quale in ciel pi fero lume
o quali pi odiosi e infesti raggi
(vieni, Imene Imeneo, ch spento il giorno),
tu ninvoli qual ladro, e n questa notte
35 tu ne dividi, e lalma nostra fiamma
splender farai sotto pi algente cielo.
Espero, qual pi amica stella in cielo
e pi benigno e pi soave lume,
molte paion di ghiaccio, e dentro fiamma
40 sono a lo sfavillar de santi raggi,
ed aman lombre duna fredda notte:
vieni, Imene Imeneo, ch spento il giorno.
Vieni, Imene Imeneo, ch spento il giorno:
deh! non sparisca, o Tebro, al nostro cielo
45 tanto splendor, n cinga orrida notte
i sette colli e porti altrove il lume:
altrove sparga i suoi lucenti raggi
questa immortale e gloriosa fiamma.
Splende lantica gloria in nova fiamma,
50 vieni, Imene Imeneo, ch spento il giorno:
laccrescer spargendo i vivi raggi;
or laccresce del Mincio e illustra il cielo
non che la terra un chirro e nobil lume,
che non teme loblio deterna notte.
55 Gi lucida colonna in fosca notte
quasi gran foco appare o quasi fiamma:
dove or lunge ne guida il puro lume?
47
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
Vieni, Imene Imeneo, ch spento il giorno,
e splendi come Febo in questo cielo,
Febo, a cui fanno aurea corona i raggi.
60 Alta colonna le faville e i raggi, l dove lombra de loscura notte
giunger non pu, dispiega al quinto cielo,
e qui laquila intanto ha vita in fiamma.
Vieni, Imene Imeneo, ch spento il giorno,
mentre quasi fenice al chiaro lume.
65 Mentre quasi fenice al chiaro lume,
tu, sol, nascondi oltre lusato i raggi:
vieni, Imene Imeneo, ch spento il giorno,
chillustrissimi amanti illustre notte
accoppia, e fiamma Amor giungendo a fiamma,
70 dimmortal gloria eroi promette al cielo.
Unaquila gran lume ebbe nel cielo,
gran colonna or la notte orni de raggi:
vien con fiamma, Imeneo, ch spento il giorno.
1367
Per la nascita del secondogenito di don Vincenzo Gonzaga, principe di
Mantova.
Celeste Musa, or che dal ciel discende
nova progenie in terra,
e pace han di lor guerra
laria e londe tranquille e cheto il vento,
5 prendi la cetra; e dovinchina ed erra
il sol per via distorta e dove ascende,
lalto suon che sattende
spargi, e de le sue lodi alto concento,
qual di corso l s veloce o lento:
10 perch il vecchio Saturno e l padre e l figlio,
che l sospinse in esiglio,
e tanti lor nipoti, ond ripieno
48
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
mar, terra e ciel sereno,
men chiaro esempio danno, ove si vanti
15 lantica et di mostri e di giganti.
Qui non vedesti guerre interne o sdegni,
non discordie e furori,
non favolosi amori,
che quasi han fatto vergognar le carte;
20 ma verdeggiar le palme e i sacri allori
tra larme trionfali e i chiari ingegni
via pi che in mille regni,
come sol vide il buon popol di Marte;
ed ornar la natura a prova e larte
25 cittate antica, e mansueto impero
dinvitto cavaliero,
che delmo ricopria canuta chioma,
qual Cincinnato in Roma;
poi di tre guerre e saggio e forte e giusto
30 a prova trionf col grande Augusto.
Di questo nobil seme e di celeste
principio al mondo nacque
qui sovra lucidacque
il figlio ed altri eroi famosi in armi,
35 i cui pregi la fama allor non tacque,
anzi lali spieg veloci e preste:
ricordar ve n dovreste
voi che date gran pregio a gli alti carmi,
tal che lhanno minor metalli e marmi;
40 e pi de laltre tu, che cerchi intorno
il ciel di lumi adorno,
onde scendon fra noi da lauree stelle
lalme leggiadre e belle,
onde questa vol con auree piume
45 chor apre gli occhi vaghi al nuovo lume.
Mentrella gi venia di sfera in sfera
ne sereni viaggi
49
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
tra cerchi e lumi e raggi,
e tra forme lucenti e segni eterni
50 di fere che non fanno a lalme oltraggi,
perch la gente, oltra ragione altera,
qua gi languisca e pera
e veggia rinnovar gli orridi verni,
tutti lornaro a prova, e que superni
55 regni lasciando e gli alti seggi a tergo,
qual natio caro albergo;
ella parea portar diletto e pace
e ci che giova e piace,
e lieta le spargea di fiori l grembo
60 la terra sparsa dun celeste nembo.
E l Mincio f parer chiari cristalli
e puro argento londe,
e ne lantiche sponde
di smeraldo parean le foglie e lerbe,
65 e gemme in su le rive e n fra le fronde
i fiori somigliar vermigli e gialli,
e fiorir prati e valli
e le piante mostraro alte e superbe
fiorita vista di bellezze acerbe;
70 e le gregge, pascendo, assai pi bello
fecero e chiaro il vello;
e laure mormorar con dolci spirti
tra pini e faggi e mirti;
e rison di cigni il dolce canto,
75 e tre volte sud: Felice Manto.
E le voci sonora e lieta imago
replicava tre volte,
e perch ogni uom lascolte
tre volte le port la Fama a volo
80 per labitate parti e per lincolte;
ed io, quasi presago,
sovra il suo puro lago
50
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
lintesi, onde temprai linterno duolo.
Signor, che questo reggi e laltro polo,
85 tal chun tuo picciol cenno al ciel profondo
legge, e legge al mondo,
conferma le speranze e i detti nostri
da gli stellanti chiostri;
e se nube lontana il cielo adombra,
90 la scacci la virt che l mal disgombra.
Onde cresca il fanciullo, e n lui risplenda
pur come raggio o luce
del padre e dalto duce
e di tanti avi suoi la fama illustre;
95 e se vera virtute al ciel conduce,
n fortuna n fato in van contenda,
e glorioso ascenda
con le sue membra e segni il suol palustre
dalti vestigi il suo valor trilustre;
100 e tra larti di pace ancor savanzi,
anzi tra larme, ed anzi
tra gli aurei scettri; al fin dOlimpo in cima,
ov la fede, e prima
poggi a la Gloria e con serena fronte
105 fiammeggi armato in quel famoso monte.
Tu giacer il vedrai, canzone, in fasce,
e laquile, sostegno a laurea cuna,
segni dalta fortuna,
quasi voglian portarlo in grembo a Giove.
110 Pur, mentre ancor non move,
se lali il sonno od altro affrena o lega
tu veloce e leggiera al ciel le spiega.
51
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
1368
Nel battesimo del secondogenito del signor principe di Mantova.
Quai figure, quali ombre antiche o segni,
quali imagini vide ardenti e belle
il Gentile o lEbreo tra fiamme e lampi?
Quai promesse celesti a lieti regni
5 fatte son ne cerulei e larghi campi?
O voi, che rimirate in ciel le stelle
e predicete i nembi e le procelle,
come questi chio veggio
compartir tante grazie? e grazie io chieggio
10 dantico error: di vecchio mal novelle
sul Mincio ovora i seggio.
Ora che si rif di spirto e dacque
il fanciul, che soggetto a morte nacque
nel suo terreno stato; e, comio scerno,
15 gi rinasce immortale al regno eterno.
A lalta luce, che rischiara e splende,
infermo locchio umano e frale il guardo.
E per soverchio di splendor sadombra,
come daquila ei sia, che n alto intende,
20 ch di giustizia il sol disperde e sgombra
quanto ebbe di fallace e di bugiardo
secolo antico; il ver dubbioso e tardo
questa luce ne illustri,
ascosa gi tantanni e tanti lustri,
25 chogni altro lume oscuro, e, sio ben guardo,
non fa le menti illustri;
ma qual re de loccaso o qual guerriero
per lui promette nel celeste impero?
che soffia (or chegli volto a loccidente)
30 ben tre volte Satan ancor possente?
Chi l volge a loriente, in ciel mirando
quella serena parte, ondesce il giorno?
52
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
o qual sacrata man tre volte il segna,
tre volte lunge? onde il Signor lottando
35 rassembri, e nvitto lottator divegna,
talch il nemico in van gli giri intorno
ne le terrene lutte e nabbia scorno,
ove pi fero assale,
e vinta miri ogni sua possa e frale,
40 e coronato il vincitor adorno
di corona immortale.
E chi tre volte poi segnato in fronte,
il sommerge nel chiaro e sacro fonte
perchegli muoia e con Ges risorga,
45 e lalta gloria sua vicino ei scorga?
In cos periglioso e fero assalto,
in cui saccampa lavversario antico
con millarti, millarmi e mille inganni,
vesta ardito fanciul virt da lalto,
50 fede, speme ed amor, di pace amico
e di costanza in superar gli affanni,
e sprezzator del mondo e de suoi danni:
arme dal ciel discese
a la stirpe real, per alte imprese,
55 perch faccia spiegar gli alteri vanni
ne le giuste contese;
n pareggi con lor gigante ignudo,
de nipoti dEnea dipinto scudo;
n quel che Roma antica accolse in grembo,
60 quasi caduto da celeste nembo.
N saltri giammai furo onde si vanti
famoso duce, e n lor tutto sfaville
il magnanimo cor di santo zelo;
ceda chi porse aita al vecchio Atlante,
65 come fu detto, in sostener il cielo,
non che Teseo e l compagno o l fero Achille.
Frattanto al viver suo lore tranquille
53
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
siano e i giorni felici,
e benigne le stelle e i cieli amici,
70 e la grazia divina in lui si stille
qual pioggia in colli aprici,
e di sua chiara luce il dolce raggio
alto di gire al ciel calle o viaggio
segni e dimostri, e l desti e scorga il passo
75 per le sublimi vie non tardo o lasso.
Tra bella e sacra pompa
movi or, movi, canzon, lodando, al tempio
e d: Basta la fede al novo esempio,
mentre io prego e con voi pregando adoro,
80 benchio parte non sia del vostro coro.
1369
Al signor cavalier Gian Galeazzo Rossi.
So come faccia a voi ben larga parte
Fortuna de suoi doni, e come i versi
Apollo, e l ciel le grazie infonda e versi,
come benigno abbiate Amore e Marte,
5 come risplenda in voi lingegno e larte;
n pregi mai s novi e s diversi
o s rara fra noi virtute i scersi,
perchio ne verghi mille e mille carte.
Ma che? la mia Fortuna e la mia Parca
10 e scarso ancor m Febo; e secco il fonte
io ritrovo in Parnaso e l verde lauro.
N pi ricco di gloria omai che dauro,
mentre pur fuggo Stige ed Acheronte,
vicino ho Lete e il guado ovei si varca.
54
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
1370
Al cardinale Enrico Caetani per la cisterna eretta in Bologna.
Qui dove fan le piante
verdi e frondose e fosche e lerbe e i fiori
seggio e difesa da gli estivi ardori,
ritrova il grandEnrico
5 lombre e laure e gli odori,
e soggetta la terra e l cielo amico;
n gi negar dolci acque
i vaghi rivi e i fonti
e per secrete vie gli alpestri monti,
10 ma raccorle dal ciel via pi gli piacque.
Voi, che prima torreste?
tributo de la terra o don celeste?
1371
Al cardinale Enrico Caetani, legato di Bologna.
Quel chapre il ciel mirabilmente e serra
e i tesori celesti a noi comparte,
e dove sador Quirino e Marte
come statua di Dio risplende in terra,
5 te scelse in questa antica e nobil terra,
che l gran padre Apennin divide e parte,
acci che regga su questaltra parte,
estinti i semi de linterna guerra.
Tu lantica citt freni e correggi,
10 del buon Gregorio avventurosa madre,
e de gli studi e de le sacre leggi.
Per te veggio fiorir glillustri ingegni
ed avanzar per te larti leggiadre:
or chi cerca donor pi certi segni?
55
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
1372
A don Vespasiano Gonzaga, duca di Sabbioneta, per il toson doro conferitogli.
Mentre da lAquilone il vostro merto
di titol novo il grande Augusto onora,
ch da loccaso a la vermiglia aurora
non pi forte duce in arme esperto;
5 e l re de loccidente in dono offerto
vha bel monile ed aureo vello ancora,
il ciel non ha, quanto sillustra e dora,
segno di gloria pi lucente e certo.
Bench avesse altre spoglie, altre corone,
10 altre fere, altri eroi, n solo un mostro,
e v con tante luci amico e largo.
E con Alcide invitto e con Giasone
celebrer la Fama il nome vostro,
degno chOrfeo vi canti e vi porti Argo.
1373
Nel parto de la signora Livia Spinola.
Al bel parto di Livia eran seconde
le stelle fisse e ci che gira ed erra
ne le celesti sfere; il mar, la terra
dimostravan pi ben i campi e londe;
5 fioriano i monti e le famose sponde,
pi carche gi dostili spoglie in guerra;
e parean pi onorate ancor sotterra
lossa di tanti che l sepolcro asconde;
verdeggiavan le palme, i lauri e i mirti
10 intorno a sacri marmi e n tempio e n tomba,
dove eterna memoria a noi si lasce,
mentre la vaga Fama alto rimbomba:
Oggi Spinola nasce, anzi rinasce
la gloria antica de pi chiari spirti.
56
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
1374
A Bergamo.
Terra che l Serio bagna e l Brembo inonda,
che monti e valli mostri a luna mano
ed a laltra il tuo verde e largo piano,
or ampia ed or sublime ed or profonda;
5 perchio cercassi pur di sponda in sponda
Nilo, Istro, Gange o saltro pi lontano,
o mar da terren chiuso o loceano,
che dogni intorno lui cinge e circonda,
riveder non potrei parte pi cara
10 e gradita di te, da cui mi venne
in riva al gran Tirren famoso padre,
che fra larme cant rime leggiadre;
bench la fama tua pur si rischiara
e si dispiega al ciel con altre penne.
1375
Virt fra questi colli alberga e n prima
vi crebbe, e sovra al pi sublime ed erto
monte lonor poggiando ascese al merto,
che n faticoso premio ha laude e stima.
5 Coglie la gloria ancor ghirlande in cima
e mostra lauri e palme e l calle aperto,
perchaltri non travie con piede incerto
l dove lozio ogni valore opprima.
N qui spiegar le pompe sue disdegna
10 Fortuna amica, e l largo pian rimira
ove il carro domar lorrido Marte
potrebbe; n pi lieto in altra parte
splende il sol, ride il suolo e laura spira,
n pi secura Astrea vi scende e regna.
57
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
1376
Alta citt, pi del tuo verde monte,
cha di sue forti mura ampia corona,
tassicura la Fede e tincorona,
onde puoi lieta al cielo erger la fronte.
5 Te fra le genti al bene oprar s pronte
a degne imprese Caritate sprona;
per te Febo ritrova altro Elicona,
vhanno le Muse e lombre e l fiume e l fonte.
In te sacquista pregio altro che darmi;
10 ed ove splende pur dinvitto duce
lantica fama e l trae dantica tomba,
la gloria daltri figli anco riluce
in dolci e vaghe rime e n dotti carmi:
che pi dar ti potria mia lira o tromba?
1377
Te sovra gli erti colli alz Natura,
citt sublime e n pace ed in battaglia;
larte, perch l tuo nome in alto saglia,
gloriosa ti f, non pur sicura.
5 Ma lalbana virt, che non soscura
per avversa fortuna, al ciel tagguaglia,
e men lAfrica illustre o pur Farsaglia
fu per vittoriosa alta ventura.
Perch degne non fur di verde lauro
10 quelle vittorie in Campidoglio, e questa
sadorna in Vatican di lucidostro.
E maggior pregio che purpurea vesta,
merita omai corone in terra dauro,
di gloria in ciel, ch fine al merto nostro.
58
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
1378
Al signor Paolo Foglietta. Risposta.
O dotto fabro del parlar materno,
che linnalzate in s leggiadre rime
onde lunge risona, e pi sublime
i pensier vili e bassi ha tutti a scherno,
5 gir volando il mio nome in lui discerno
sovra Parnaso e le famose cime
del grande Olimpo, e nulla omai lopprime,
tal che quasi divien per fama eterno.
Non f con greche o con romane penne
10 volo maggior, n rimbomb pi chiaro
in carme dal buon Tosco adorno e colto;
ma se pur tanta lode a me convenne,
non siate voi de laltre grazie avaro,
acci che vostro i sia legato o sciolto.
1379
A gli illustrissimi signori Accademici Addormentati di Genova.
Qual sonno il vostro, o chiari e pronti ingegni,
da cui rimedio avea laltrui letargo?
e chi rinchiuder pu tanti occhi dArgo
pur volti al cielo e ne superni regni?
5 Vi desti il suon de gli amorosi sdegni,
mentre di bei colori i versi io spargo
seguendo chi cant di Troia e dArgo
e mostr al poetar le mete e i segni,
se pur sonno, e se terreno affetto
10 vadombra; ma se lalma in voi non dorme,
e se qui luna chiusa, e laltra vista
59
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
nel cielo aperta, a qual diletto
dimagine io vi chiamo oscura e mista
dal contemplar lucenti e pure forme?
1380
Ne la coronazione di don Vincenzo Gonzaga, duca di Mantova.
Musa, discendi omai dal verde monte
sul chiaro Mincio e cingi il crin di lauro,
mentre il corona dauro
quel che le fronde tue non ebbe a sdegno;
5 spargi sue lodi ancor da lIndo al Mauro,
quasi gran fiume dal tuo puro fonte,
e de laltera fronte
il novo onore illustra e l chiaro ingegno,
che di loco senile il fa pi degno.
10 Luna corona or prendi e laltra or canta,
cui non croll fortuna e non impose
con mani ingiuriose,
ma natura e virt, che s lammanta,
fatta matura in su letate acerba,
15 e lieta in tanta gloria e non superba.
Anzi molte virt lhan fatto adorno:
quella che lunge vede e n alto intende
e che tutti difende,
e pi riluce damorosa stella,
20 se vaghi raggi innanzi l sole accende
o da poi ch sparito al cielo il giorno;
e stanno a lei dintorno
Fortezza e ciascunaltra onde si svella
o tronchi voglia a la ragion rubella,
25 e non paion listesse e non diverse
nel loro abito eletto e ne sembianti,
pur come stelle erranti
luna ver laltra con amor converse.
60
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
Queste corona danno e chiara palma,
30 anzi corona son di gloria a lalma.
Di queste ella si cinge e vibra i raggi,
pi che lucide gemme in oriente,
del suo splendor lucente;
per queste antica fama ancor savanza
35 e vola incontra il sol da loccidente
ed oltre i suoi ritorni e i suoi viaggi;
con queste i forti e i saggi
agguaglia e per natura e per usanza
ogni stato, ogni sforzo, ogni possanza.
40 Taccia intanto Fortuna ostro e diadema
dAssiri e Medi, e de limperio afflitto,
e di Persia e dEgitto
estrania pompa, o daltra gente estrema,
arme ed insegne prese in breve guerra,
45 scettri e seggi calcati e sparsi a terra.
Perch la gloriosa e nobil sede
che Luigi innalz, fera tempesta
di fortuna molesta
non turba gi tantanni e non la move;
50 e ncoronando lonorata testa
questo suo novo successor possiede
ci cha lui si concede
come sia grave salma, ondei rinove
lantiche glorie e cresca ancor le nove.
55 Omai la dotta penna e l dolce carme
erano scarse lodi e scarsi onori,
n bastavan gli amori
e l frenare i cavalli e l mover larme:
tanto il senno vincea letate e lopre,
60 e tesoro ei parea, se terra il copre!
Or ha ben largo campo in cui si mostri
fra popoli e citt famose e liete,
e n cui le regga e quete
o pur le mova; e n cui si volga e stenda,
65 pi che n teatri e n cerchi o ntorno a mete,
61
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
e n cui seco talor contenda e giostri;
n per gli affetti nostri
si turbi, o men sereno altrui risplenda;
ma quasi Olimpo in verso il cielo ascenda
70 sovra le nubi lanimo tranquillo,
dove non sode mai procella o pioggia,
n Borea od Austro poggia,
e dove sua natura e l ciel sortillo,
e sotto fremer senta e sdegno ed ira,
75 qual tuono o nembo che trascorre e gira.
Il mio signor nel chiaro alto sereno,
che nulla passion maligna adombra,
con pura mente e sgombra
gode in se stesso di perpetua pace,
80 e fuori la conserva, e sotto lombra
di sacre penne lieto il bel terreno,
a cui fiorisce in seno
tutto quel che ne giova in terra o piace.
Con amicizia o con amor verace
85 virt crescente in questet feconda
a gli alti ingegni largo campo aperto,
ha favore ogni merto,
lindustria ha loda e de suoi doni abbonda.
Arti, sorgete, e Poesia risorga,
90 suoni il suo nome e Tebro e Mincio e Sorga.
Canzon, dove ne vai rozza ed inerme
fra gemme ed ostro ed oro, e dove accampi
quasi muta a le trombe e cieca a lampi?
1381
Al signor Giovanni Adamo. Risposta.
La mia instabil fortuna in queste sponde
pur serba il suo costume, e i nostri accenti
non mi ferman costei, che al volo i venti
ed al mio navigar turbate ha londe.
62
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte prima
5 N l canto a larte, od al desio risponde
leffetto, o piet vera a miei lamenti,
per chio sparga talor sospiri ardenti,
e segua chi mi fugge e mi sasconde.
Come temprar mai dunque il duol che vange
10 io cantando potr, cigno sublime,
od egro in voi sanar linterna piaga?
Ah! cessi chi lusinga e parte opprime,
o fuggite da lei, sia diva o maga,
a lIstro, a lEbro, al Nilo, a lIndo, al Gange.
1382
A Matteo di Capua conte di Paleno.
Cursore esperto gi, ma frale e stanco
vincendo appresso e pi cadendo afflitto,
quando son pi vicino al fin prescritto,
Matteo, per non mancar vacillo e manco.
5 E n fera lutta, ove securo e franco
esser credea non pur, ma quasi invitto,
mia fortuna matterra a mio despitto,
s chio ne stampo il tormentoso fianco.
E n glorioso campo il segno al colpo
10 veggio sottratto e, sparse in mar le salme,
cede a pi tardi il mio veloce legno.
Ma tu, signor, ovio la sorte incolpo,
larte e lei vinci ed ogni suo disdegno,
e tutti i pregi avrai, tutte le palme.
63
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
Parte seconda Dal dicembre 1587 a tutto il 1588
1383
Ne la promozione al cardinalato de leminentissimo Scipione Gonzaga.
Non novo lonor di lucidostro
ne la tua stirpe antica,
di cui tadorni e ne riluci e splendi;
ma novo il merto onde sublime ascendi,
5 alma di gloria amica,
e l saper e l valor che nhai dimostro
nova materia di purgato inchiostro
a le pi dotte carte
danno, sacro signor, lingegno e larte,
10 le parole, i pensier, lopre, i costumi,
quasi tanti di gloria accesi lumi
o stelle in cielo sparte,
e son chiaro soggetto i carmi a carmi,
non pur limprese de maggiori e larmi.
15 Quelle bastar per fare il crine adorno
di porpora sovente
a molti, la cui fama ancor non langue;
te non illustra solo il gentil sangue,
ma la pi nobil mente,
20 cha noi dal cielo scende e fa ritorno.
Lodi altri pur quel che nabbaglia intorno,
or, gemme e pompe e fregi,
chio pi belli contemplo e cari pregi,
e l dove a gran pena il volgo scerne
25 dimmortali virt bellezze eterne,
che tagguagliano a regi,
e ti fan caro al cielo e caro al mondo,
ma troppo a versi miei gravoso pondo.
Ben se navvide Pio che da primi anni
30 tal di presagio in vista
il tuo valor, che teco nacque e crebbe:
egli, che lunge vide, e n cor sempre ebbe
64
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
(come il ver fede acquista)
dOriente scacciar gli empi tiranni
35 da nostri lidi e ristorare i danni,
sottratte al giogo indegno
le fide genti, e stabilire il regno
de suoi divoti ed innalzar la Croce
con provvidenza e con pensier veloce
40 te ne stim gi degno,
ed era obietto dun volere istesso
lonor di Cristo e quello a te promesso.
E l d medesmo in gran pubblico lutto,
onorato ed acerbo,
45 recise la sua vita e la tua speme;
ma sei toccar potea le mete estreme,
il Barbaro superbo
e l suo regno crudel saria distrutto,
e lieta Italia e Roma e l mondo tutto;
50 ma pur di novo poggia
la speme tua, chal tuo valor sappoggia,
e ferma in s, pur come pianta suole
che ntorno tronca e poi verdeggia al sole
ed a la nova pioggia,
55 e tutto ci chin Pio sestinse e giacque
poi risorse in Gregorio e n lui rinacque.
La gloria, la virt, larti pi belle,
io dico, e la speranza
che Sisto adempie or cha di Pietro il manto.
60 Non per Eaco o per Mino o Radamanto
la tua gloria savanza
l gi fra lalme al vero Dio rubelle;
ma per questi chalzar sovra le stelle
ponno il valor romano,
65 l dove giunse Augusto od Africano
od altro pur magnanimo e gentile.
Qual fu giudizio in terra unqua simile?
65
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
Per questi in Vaticano
fra pi degni tassidi e fra migliori,
70 e te medesmo e lonor proprio onori.
Qual piacer questo agguaglia, onde oggi Roma
cos lieta si vede?
e da suoi colli e da le rapide onde
de le canore trombe al suon risponde,
75 ed un di quei ti crede
da cui lAfrica fu percossa e doma
e con quel caro nome ancor ti noma;
e gi dopre e daspetto
toppone a quanti ha gi ascoltato e letto
80 fra lantiche memorie e dice: Onoro
lostro, di cui ti copri, amai lalloro
pur con listesso affetto:
che fia savvien chio larme omai riprenda
e lalte insegne mie dispieghi e stenda?
85 Canzon, mentre risuona il Mincio e l Tebro
di novi accenti e chiari,
non ritengon la fama o lAlpe o i mari:
chella dispiega lale e sparge il grido
in ogni monte dAsia e n ogni lido;
90 e par chal suon rischiari
e sereni oltre il Tauro, oltre lOronte,
la figlia di Sion loscura fronte.
1384
Nel medesimo argomento.
De vostri onori a le mie stanche rime
troppo grave, Scipio, il nobil pondo,
ma se l lor volo esser non pu sublime,
cerchi da s la vostra fama il mondo.
5 Quellinvitta virt, cui nulla opprime,
non paventa di Lete oblio profondo,
66
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
e par che nulla il primo o poco estime,
tanto sicura dal morir secondo.
Non degno di voi lalto Parnaso,
10 n curate di lauro ornar le chiome
mentre sorvola il ciel lardente spirto.
Qual vaghezza di lauro o qual di mirto?
Pur voi l coglieste, e lali al vostro nome
spiegaste voi ne lorto e ne loccaso.
1385
Nel medesimo argomento.
Fu di pronto voler tarda mercede,
ma grande e di voi degna, il manto e lostro
debito a lo splendor del nome vostro,
e chi sol potea darlo, ei lieto il diede.
5 Senno ei conobbe in voi, costanza e fede,
saper con somma gloria altrui dimostro,
ch sin detti si scuopre o n puro inchiostro,
Roma dantico pregio in voi savvede.
O di tante eccellenze e tanti onori,
10 anzi di tante meraviglie adorno,
chi le accresce lodando o fa pi illustri?
Chi far opra non sol danni e di lustri,
ma vuol dar nevi al verno, al maggio i fiori,
stelle al ciel, raggi al sole e luce al giorno?
1386
A Sisto V. Nel medesimo argomento.
Rinnovar lopre antiche ondebbe il mondo
gran maraviglia di possanza e darte,
e lor che si giacean sepolte e sparte
drizzar al sommo ciel da limo fondo,
67
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
5 non il tuo primo onor, non il secondo,
o Sisto, degno di pi nove carte
e di stilo che tolga il pregio a Marte,
acceso dira e datro sangue immondo;
ma de fatti pi belli, onde contenda
10 con let de migliori il secol nostro,
cha te di pi corone orn la chioma,
l far che in Vaticano oggi risplenda,
pi che gi in Campidoglio il carro e lostro,
rinnovellando antico Scipio a Roma.
1387
Per Sisto V, a monsignor Statilio Paolini. Risposta.
Chiaro nome innalzar con roca tromba,
e celeste virt, caduto a terra,
e la pace lodar, sospinto in guerra,
non oso, e l canto mio poco rimbomba.
5 Ma tu che trar ne puoi doscura tomba,
canta di lui che napre il cielo e serra,
e il suo poter distende anco sotterra
e fa lalma volar quasi colomba.
Ed ogni mente a reverir sinchini
10 i merti e lopre, ed ogni gentil petto
gli consacri il suo cor da Battro a Tile,
perch dee farli onori omai divini
il cielo e l mondo, e ntende ad altro obietto,
pur come lingua basti o colto stile.
68
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
1388
Alla santit di papa Sisto V.
Te, Sisto, io canto, e te chiamo io cantando,
non Musa o Febo, a le mie nove rime;
come potrei senza tua aita o quando
dElicona salir leccelse cime
5 o del tuo monte, e teco al ciel poggiando
co detti alzarmi e col pensier sublime?
Questo deggio tentar, sogni altro or falle,
da sollevarmi erto e sicuro calle.
Dica altri il modo onde lamica guerra,
10 anzi il discorde Amor congiunga e tempre
con laria il foco e con lumor la terra
in s maravigliose e varie tempre;
e come il ciel, che li circonda e serra,
per tai contrari non si strugga e stempre
15 e con legge immortal si volga intorno,
di chiare stelle e di candore adorno.
E come laltre spere in giro porte
la grandissima spera e la superna,
e ncontra mova il sol per vie distorte
20 tra mostri e fere a la fatica eterna;
chora tenebre, or luce, or vita, or morte
nel suo partirsi e nel tornare alterna,
tal che manca una cosa e laltra avanza,
e muta il mondo al variar sembianza.
25 E che pi affretti il sol di segno in segno
a gir precipitando i giorni algenti,
o qual intoppo tardi, o qual ritegno
di fredda notte i lunghi corsi e lenti;
o quel che volga il mare e l suo disdegno
30 quasi ristringa, e mova e freni i venti,
e vapori le nubi e quasi appenda,
larco dipinga e le comete accenda.
69
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
Chio nel parlar di te voci e parole
tutte ineguali or trovo a quel chio penso,
35 tanto penna dingegno avvien che vole
sovra questo aer tenebroso e denso,
sovra lerrante luna e sovra il sole,
sovra ogni luce che risplende al senso
in angelico tempio, ov lucente
40 il sol che illustra ogni beata mente.
Quinci religion, che il mondo a lempio
culto sottrasse ed a fallaci inganni,
per farsi del tuo petto un vivo tempio,
scese volando a te sul fior de gli anni;
45 e ti fece seguir il santo esempio
di Francesco, vestendo i bigi panni,
e consacrando a Dio la mente e l core
taccese tutto di celeste amore.
E come duce suol che lalte mura
50 difende e schifa ingiuriosi oltraggi,
cos de lalma tua candida e pura
pose ella in guardia i pensier casti e saggi
tra sensi lusinghieri, onde sicura
di rea morte scacci mille messaggi,
55 e del superbo nostro empio nemico,
che lodio serba e l suo veneno antico.
E poi con trionfale e grande insegna
accampasti felice incontra il mondo
con povert, chei tanto abborre e sdegna,
60 sprezzando or, gemme, quasi inutil pondo,
e la sua gloria, ondabbagliar singegna
le nostri menti, e l suo piacer immondo;
sete e fame soffristi, ardore e gelo,
stanchezza e sonno, ed aspirasti al cielo.
65 Qual mai di Sparta antica o ver di Roma
faticoso guerrier cotanto valse,
che sotto il fascio e sotto iniqua soma
70
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
repente apparve ed improvviso assalse?
Quei, bench fusse soggiogata e doma
70 la barbarica terra e londe salse,
ebber premio terren, corona e palma.
Tu gloria eterna tacquistasti a lalma.
E di mille trofei memoria appena
riman senza vestigio in piaggia o n monte
75 o n qualche solitaria inculta arena,
tal che paventan Lete e Flegetonte;
ma in parte pi lucente e pi serena,
in cui non caggia il sole e non sormonte,
i tuoi saranno ove il tuo duce avvampa,
80 segnato ancor de la spietata stampa.
Perchogni voglia a la ragion rubella,
in guisa duom che miglior parte elegge,
tu la rendesti ubbidiente ancella
e la frenasti con severa legge:
85 tal che dira o di sdegno atra procella
non croll lalto imperio ovella regge,
n di pronti desiri avida turba
che l seren de la mente anco perturba.
Qual fondamenti di mirabil opra
90 loca architetto in parte ima e profonda,
poi dove serga al ciel, dove si copra
di peregrini marmi orna e circonda,
e tutto dor lucente quel di sopra,
n di ricchezze men che darte abbonda,
95 tale al tuo contemplare anco facesti
sostegni dopre e di costumi onesti.
E n contemplando il tuo divin pensiero
non cerc falso onor, n gloria volse,
non colorito di menzogne il vero,
100 ma nudo e bello, e non coprillo o nvolse;
e del parlar fallace e lusinghiero
71
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
tutte larti conobbe e i nodi sciolse
tutte loblique vie del laberinto,
bench altri od erri o cada al laccio avvinto.
105 N pur scegliesti e quinci e quindi il meglio,
come ape i fiori onde il suo nel si faccia,
ma, quel che rado avvenne al tempo veglio,
in quella luce onde ogni orror si scaccia
vedesti Iddio non come forma in speglio,
110 ma per sua rara grazia a faccia a faccia,
non ben contento di vederne il tergo,
poggiando in parte ovei si fece albergo.
Ove non giunse Enoch, e meno intese
forse di sua natura al ciel translato;
115 non Elia, che pur anco al cielo ascese,
come si stima, ad immortale stato;
non s alto Esaia mirando intese,
non colui che descrive il carro alato;
e pi sublime il seggio e stabil chiostra
120 pi eccelsa sovra a tutta voi si mostra.
Ed oltre lale, ondegli intorno ascoso
ed occulto si sta, mirare osasti
quasi per sacro velo e velo ombroso;
e col suo foco il tuo desir purgasti,
125 de la sua gloria e de lamor bramoso,
lalma pudica avendo e i pensier casti;
e salisti con Paolo ove sinfiamma
il nostro cor de la divina fiamma.
E qual sublime augel che spiega il volo
130 non temendo che rete il prenda o tardi,
la mente peregrina alzossi a volo,
e nel suo vero Sol fiss gli sguardi:
anzi di tre gran Soli un Sol non solo
scorgesti amando, onde tillustri ed ardi,
135 ed entrasti con Dio lalta tenebra,
quasi lucente al suo splendor latebra.
72
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
Ma lalma che sostenne eterna luce
non sabbaglia ne laltre e non sadombra,
e le cose che fuori Iddio produce
140 meglio comprende e nullo error lingombra;
come imago del sole in mar riluce,
e la veggiamo al dipartir de lombra,
cos mira ella i magisteri e i modi
de lopre sante, onde ladori e lodi.
145 E ntende, no l turbando invido affetto
come il bel si comparte e si diffonde,
e nel maraviglioso alto concetto,
in cui fece la terra e l cielo e londe,
e diede al mondo il suo lucente aspetto
150 chinvolto fu di oscurit profonde;
gli angeli pensi, e i suoi pensier sian opre
in cui la gloria sua rivela e scopre.
E come de secondi almi splendori
il pi bello oscur divin sembiante
155 e si copr di tenebrosi errori,
fatto superbo e di se stesso amante;
e contese nel ciel deterni onori
fra langelo rubello e l pi costante,
e quel cader, quasi balen chavvampi,
160 folgoreggiando da celesti campi.
E tutti quei, che l tergo a Dio rivolto,
il ben fuggendo, fabbricaro il male,
in caligine densa il chiaro volto
cangiati e n negre le gi candide ale;
165 sapesti poi che n luogo ombroso e colto
Dio pose luom, che divent mortale,
bench immortal fosse creato in prima,
perch la data legge ei poco stima.
Non potendo frenar lardito gusto,
170 de larbore vietato il pomo coglie:
per cacciato fu quelluom vetusto
73
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
di paradiso e la fallace moglie.
Giusto il divieto, e quel gastigo giusto,
in cui prima vestir le rozze spoglie:
175 la morte entr nel mondo, e sparse il sangue
lempio fratel del suo fratello esangue.
Contaminata de la colpa antica,
lumana stirpe empi cittadi e regni,
sent il tauro laratro e la fatica
180 ed impresse ne campi i lunghi segni;
e gente a gente, oltre il dover nemica,
fabbric larme e conserv gli sdegni,
anzi furo arme i cerri e lalte querce;
pass la nave il mar con ricca merce.
185 Nacquer giganti, e smisurata possa
gli fece a lira ed al furor s pronti,
e perch Etna non sia da lor commossa,
come par che la fama orni e racconti,
torre forse maggior di Pelio e dOssa
190 e dOlimpo innalzar, famosi monti,
torre superba, in cui di varie lingue
confuso il suon che nulla et distingue.
Gi la terra di vizi in guisa carca,
che l diluvio linonda e calle asciutto
195 non lascia, e salva sol mirabil arca
fra il ciel turbato e l minaccioso flutto,
come la nave or tua, che londe varca;
ma quella non conduce il popol tutto
e molti esclude, e tu ciascuno accogli,
200 e tra sirti gli scampi e duri scogli.
Or qual fra gli altri ne lantiche note
celebrati misteri io volgo appresso,
per cui scorgano lalme a Dio devote
come fusti dal cielo a noi promesso?
205 Dir di antico re, di sacerdote,
74
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
lo qual figura Cristo e poi te stesso,
che sacrifichi il pane, e giungi intanto
il sommo sacerdozio al regno santo.
O pur dir di lui che l figlio offerse
210 a Dio nel sacrifizio? e tu di quello
in vece offristi il core, ed ei lo scerse,
e lo grad co l benedetto Agnello;
te somigli colui che l monte aperse
con la sua verga al fonte, e l suo fratello
215 che di le scritte leggi, e tu ladempi
di grazia, e dambedue rinnovi esempi.
Ma dove lo mio stil veloce scorso
per giunger di tue lodi a lalma meta?
Ch per troppo spronare tardo il corso,
220 n vengo in parte ove il desio sacqueta;
ma torno indietro, e te veggio io precorso
ne sacri studi tuoi, ch nulla il vieta
quinci e quindi cercar doppio tesauro,
di saper vago e non di gemme e dauro.
225 Ed or ne lombra de lantica istoria,
dove leterno Padre il Figlio accenna,
or ne la viva luce e ne la gloria
dove risplende, e con ben dotta penna
lascia lunico figlio alta memoria,
230 e lali di volare al ciel nimpenna,
contempli il vero, or dove altrui rivela
suo spirto che soscura altrove e cela.
E pria che dalta parte al dolce suono
la dotta lingua a ragionar tu sciolga,
235 di saper tempi, anzi di santo dono,
dardente spirto onde si snodi e volga,
e desti lalme sorde al chiaro tuono
e da gli occhi appannati il velo tolga;
cominci poi come sonora tromba,
240 per cui lonor di Cristo alto rimbomba.
75
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
E segui altrui deterna e santa pace
spargendo il seme, il qual savanzi e cresca,
e richiamando dal sentier fallace
al dritto calle onda buon fin riesca;
245 e quel cha lalme giova e quel che piace
temprando insieme, e lor prendendo a lesca
o ne le reti, che per farne acquisto
cinser il mondo e fecer preda a Cristo.
Ed or come maestro, or come padre
250 emendi quegli errori onduom vaneggia,
e dopre giuste esempio e di leggiadre
fai chin altri sonori e n te si veggia;
duce diventi alfin di sante squadre
e diventi pastor di fida greggia,
255 e poggi, al ciel mostrando il calle aperto,
di grado in grado, e pi di merto in merto.
E sicura si sta la mandra umile,
mentre cade la pioggia e l vento spira,
da fieri morsi e da linganno ostile
260 del gran nemico suo, chacceso dira,
come lupo rapace al chiuso ovile
ne laer tenebroso intorno gira.
E la profonda fame il suo tormento
perch tu vegli a la sua guardia intento.
265 E tu risani ancor lagnello infermo
perchaltri non ammorbi, e tu l diparti;
e se travia per loco incolto ed ermo,
tu l riconduci a pi sicure parti;
tu dai salute e tu difesa e schermo;
270 sai tutti di pastore i modi e larti,
tu l guidi al pasco e tu lo scorgi al rivo,
tu l meni a lombre ancor nel caldo estivo.
Tal chad opre maggiori eletto alfine
ove sia meglio il tuo valor dimostro
275 e l tuo saper insieme, intorno il crine
76
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
cingesti in Vatican di lucidostro;
e mentre pavent morti e ruine
o pur giogo e catene il popol nostro,
seco al governo de lantica nave
280 tassise Pio, di senno e danni grave.
E ne secondi casi e ne gli avversi
teco partia il timor, teco la speme;
teco i consigli, e furo in te conversi
gli occhi dItalia e de le genti estreme,
285 tanti pregi veggendo e s diversi
e s rare virt congiunte insieme,
e n te speraro, e non speraro indarno,
la Senna e l Reno, e non pur Tebro ed Arno.
Quinci sublime al sommo grado ascendi,
290 a laltissimo seggio, e pi non lece,
se non se al cielo, onde le chiavi or prendi
che ponno aprirlo, e sei di Pietro in vece;
e reggi il mondo e pi felice il rendi,
simigliando colui che in prima il fece,
295 di tre corone adorno in manto sacro,
de la sua gloria lume e simulacro.
Tu sei monte in cui larca e n cui la prisca
legge si di tra fulmini spiranti,
perch il profan sia lunge e non ardisca
300 tra i folgori e le nubi andar avanti;
e monte in cui si veggia e riverisca
divinit nel tramutar sembianti,
come al trasfigurar lucente apparse
e i raggi di sua gloria intorno sparse.
305 E se a lopre discendi, al ciel vicino
serge il sacro metallo in sculti marmi,
di barbarica mole in suol latino
alzan le maraviglie or prose, or carmi,
sadornan templi e drizza ampio cammino,
77
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
310 sono i tesori accolti in mezzo larmi,
perch doppia difesa , sio non erro,
contra il doppio nemico e loro e l ferro.
E mentre doriente ancor minaccia
il barbaro tiranno ai lidi nostri,
315 che fugg dianzi, quasi belva in caccia,
daquile o di leoni artigli o rostri;
e l donde Aquilone il mondo agghiaccia
spargono in noi venen tartarei mostri,
tu al nostro scampo intendi a nessun parco,
320 sprezzando del crudel gli strali larco.
Tal valor tu conosci e tanta fede
nel tuo buon duce e ne guerrieri eletti,
a la cui guardia lauro ancor si crede,
da spender poscia in s lodati effetti,
325 perchadorin la santa e stabil sede
novi popoli e regi, altri soggetti;
e pria vedrem crollare Abila e Calpe
chella si scuota, ovver Pirene ed Alpe.
E come agguaglia dal balcon sovrano
330 il d chiaro a la notte il sole in Libra,
cos le colpe del volere umano
la tua giusta bilancia e i merti libra;
e tai la tua severa e santa mano
folgori di giustizia accenna e vibra,
335 che l reo disgombra e l vizio si dilegua,
n fra se stesso ancor ha posa o tregua.
Non tenebrosa notte od aer fosco
pu coprir le rapine, od ampia torre
od orrida spelonca o folto bosco,
340 ove il ladron solea le prede accorre;
spalma la nave e dal mar dAdria al Tosco
muta sicuro altri le merci o corre,
seccasi la palude, e fonti ed urne
son fatte a lacque e vie quasi notturne.
78
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
345 Roma abbonda e risplende e n lei favilla
non di guerra o ne lItalia accesa,
ma in lieta libert pace tranquilla
acqueta ogni discordia, ogni contesa,
simile a quella che nel ciel tranquilla
350 le menti: or chi pi loda ardita impresa?
chi prepone al canuto alto consiglio
la sanguigna vittoria e l suo periglio?
Qual provvedere in terra pi sicuro
del tuo, che miri da sublime parte?
355 Come Tifi tra londe o Palinuro
od altro illustre per famose carte,
Orion doro armato e l pigro Arturo
veggendo e laltre stelle in ciel cosparte,
e i venti udendo mormorare in grembo
360 al mar, predici la tempesta o l nembo.
O voi, che lAppenino e lAlpe alberga
ed inonda il mar dAdria e l mar Tirreno,
greggia ben sete de la santa verga;
e voi, che lava Senna ed Istro e Reno,
365 e quellonde ove par che l d sommerga
la chiara luce, e lor sacqueti in seno;
e voi, che l sol mirate uscir di Gange
appresso il lido chei percuote e frange;
e voi gelidi Sciti e Mauri adusti,
370 e voi che date il Nilo al verde Egitto,
e voi che sete oltre i confini angusti
che pose a naviganti Alcide invitto,
a voi sante vestigia e passi giusti
segna e di andarne al ciel il cammin dritto
375 il vicario di Cristo; a voi s lunge
la sua infinita provvidenza or giunge.
Voi che volgete il ciel, menti superne,
s chun passo non erra in suo viaggio
o luna, o sole, o laltre stelle eterne,
79
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
380 n spunta a caso in oriente un raggio,
or lui mirate, e chi ben dritto scerne
non meno giusto in governando o saggio,
e ne gli ordini suoi non vede alcuna
colpa darte o di caso o di fortuna.
385 Ma tu, padre e signor, che freni e reggi
quei che lor fallo non indura e mpetra
con le divine e con lumane leggi,
con podest fondata in salda pietra,
tu che gli erranti indrizzi e lor correggi,
390 tu grazia mi concedi e grazia impetra,
chio son per merto indegno e gelo e tremo:
cos manca il vigor nel corso estremo.
N gi chiedo io merc dopere illustri,
n, se fosse merc, grazia sarebbe,
395 ma dopo il vaneggiar danni e di lustri
perdono a quelle colpe onde mincrebbe;
e le tenebre mie la gloria illustri
che santa lingua e santa penna accrebbe,
perchio te miri al sol con gli occhi affissi
premer vestigia dinfiniti abissi.
1389
Al sommo pontefice Sito V.
Come posso io spiegar del basso ingegno
le vele in alto? e col mio tardo carme
cos pronto mostrarme
chi solchi di tua lode il mar profondo?
5 Questo corso maggior che intorno al mondo
girar de locean londoso regno,
io di vittoria indegno,
cara merce il tuo nome e grave pondo;
per dico fra me: Sio passo, affondo
10 o rompo ne le sirti o n duro scoglio;
80
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
cos temendo mi rivolgo indietro,
dardir privo e dorgoglio.
E rimiro larene e i salsi lidi,
e l mio torto sentier; ma tu maffidi,
15 nocchiero esperto e successor di Pietro;
o se per grazia di varcare impetro,
teco verr dove risplende il vello
(bench in un mar pi largo)
del puro e sacro e mansueto agnello:
20 ch tu sei Tifi e la tua nave Argo.
Ma quasi monti, al cominciar trapasso
cento opre tue, cento tue lodi e cento,
dove mi porta il vento
del tuo santo favor ne lampio gorgo,
25 che non ha riva o fondo; e quanto io scorgo
de gli anni gi trascorsi indietro il lasso,
bench il mio stil pi basso
sia del men alto grado, ove pi sorgo;
e tutte a lAustro pur le vele io porgo,
30 o sovra i regi o sovra i grandi augusti
da merti alzato in pi sublime sede,
o de saggi, o de giusti
verace esempio, o Padre, o santo veglio,
de le sacre virt lucente speglio,
35 anzi del Sol che illustra antica fede,
la qual laltro ferm, che parte e riede.
Tu dispensi non sol terreni onori
e le corone in terra,
ma le grazie del cielo e i suoi tesori
40 con quella stessa man che lapre e serra.
Qual regno, qual poter, qual forza dauro
agguaglia lalta podest concessa
da la Parola stessa
vestita pur di nostra umanitate?
45 De lImperio Roman Reno, Istro, Eufrate,
81
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
termini furo, Abila, Calpe, Tauro.
N sovra lIndo o l Mauro
l ve saccende una perpetua state,
posero il giogo le sue schiere armate:
50 non sono al tuo confini i fiumi o i mari
o le paludi pur che ndura il verno,
non colonne od altari,
non monti alpestri ed ermi e nculte arene
oltre Menfi superba, oltre Siene,
55 non Acheronte o Stige o lago Averno,
non la stellante sfera o l cieco inferno,
non di due monti luna e laltra reggia,
ma quello in ciel disciolto
che sciogli n terra (oh piaccia a Dio chi l veggia!),
60 e quel chavvolgi qui lassuso avvolto.
Taccia Roma i trionfi e i regi avvinti,
condotti in Campidoglio appresso il carro,
chaltre cose qui narro,
altre vittorie io lodo ed altre palme.
65 E daltre imprese e daltri lauri or calme:
te duce, ella fa guerra e, i vizi estinti
o con lidra gi vinti
e con lArpie, trionfer con lalme,
deposte in terra le pi gravi salme,
70 perch degno or non loco terreno
di s vittoriose e care spoglie;
ma in quel tempio sereno
fia quel trionfo e n quel lucente chiostro,
fiammeggiando il piropo e loro e lostro;
75 fra tanto marmi antichi orna e raccoglie
ed a gli dei fallaci ancor ritoglie,
come a te piace, o Sisto; e tu drizzando
gli obelischi a la Croce,
e lei sublime al ciel tre volte alzando,
80 fai tremar Babilonia e l re feroce.
82
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
E sette vie, dove piet non falle,
drizzi a templi maggiori, e vi consacri
altari e simulacri;
e sentier pi sicuro altri non segna
85 a leterno trionfo, e non linsegna
gi in via Sacra o n via Lata o n altro calle,
monte adeguando a valle;
non si spieg s gloriosa insegna
come questa ondil Re trionfa e regna.
90 E se tale qua gi, qual fia nel cielo
sovra il cerchio del sole e gli altri giri,
e senza nube o velo?
Ma per cercar la terra intorno intorno,
non pur l dove nasce e more il giorno,
95 non fia chopre s eccelse alcun rimiri
e s pietose, e lagrime e sospiri.
E tu fai quelle e queste, o sommo padre,
tu divino architetto,
usando dentro e fuori arti leggiadre,
100 de pi santi edifici adorni il petto.
Tal chItalia ed Europa a te divota,
come solea, si mostra appresso e lunge;
e donde appena giunge
la vaga fama con veloci penne,
105 gente che desiosa a noi se n venne
per infinito mar con vesta ignota
da gran parte remota,
il tuo gran seggio, e lui, challora il tenne,
riverente inchin dove convenne;
110 n laquile spiegaro o quinci o quindi,
quanto la Croce estendi, altero volo
fra gli Etiopi glIndi
o n altre solitarie estreme sponde,
a cui sian quasi chiostro il cielo e londe;
115 ma da lardente o dal gelato suolo
venendo e sotto dianzi ascoso polo,
83
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
altri non vede cosa eguale a Roma,
o Roma a te sembiante,
choggi con altro nome onora e noma
120 gi pari a s per opre assai pi sante.
Anzi maggior, s che ristora al danno
di tutto ci chalta ruina involve
e l tempo cangia e volve,
co sacri magisteri, onde savanza
125 e rinnova sua gloria e sua speranza
via pi di lustro in lustro o danno in anno.
E color che verranno
spirar veggendo tua viva sembianza
da marmi e i segni ancor dalta possanza,
130 diran: Beato vecchio, onde saccrebbe
lantica maestate e lonor prisco,
a chi tanto mai debbe
Roma, di sue ruine omai felice,
che rinasce da lor, come fenice?
135 Ma tu, signor, chio lodo e riverisco,
se por le mete a le mie lodi ardisco,
non a la gloria tua, ch senza fine,
non sia di grazia parco
pria che stanchi la voce e l canto inchine,
140 perchil silenzio porto appresso il varco.
Canzon, vedi a le stelle alzarsi un tempio,
di peregrini marmi opra e lavoro,
in cui sudar molti anni i mastri egregi;
vedi metallo ed oro
145 appresso gran palagio e sacro monte,
logge, teatro, selva e chiara fonte,
e statue antiche e nove, e navi pregi,
e di fama e donor lucenti fregi:
qui dal peso talor grave respira,
150 ove di zelo avvampi
altro Mos nel monte, e Dio glispira
sua viva legge, e senza tuoni e lampi.
84
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
1390
Al papa, pregandolo che abbia protezione di lui.
Come Dio, fatto il cielo e sparso intorno
la vaga luna e le serene stelle,
che de la notte son chiare facelle,
e l gran lume del sole acceso al giorno,
5 non sol conserva il suo paese adorno
e giri e forme pi lucenti e belle,
ma le cose qua gi, lunge da quelle,
rimira dal sublime alto soggiorno;
cos tu curi queste e laltre parti
10 altra la Tana e l Nilo e l volgo e i regi,
del Re del cielo in vece ed in sembianza.
E, se de lopre sue nulla dispregi,
tanto pi di tua grazia a me comparti
quanto ho men di valore e di possanza.
1391
Per lobelisco innalzato ne la piazza di San Giovanni in Laterano.
Lobelisco, di note impresso intorno,
che de lEgitto i regi al ciel drizzaro,
e l tolse Augusto al Nilo e l tolse al Faro
per farne Roma e l suo bel Circo adorno,
5 giacea rotto e sepolto, e lungo scorno
sostenea dal furor del tempo avaro:
or per te si rintegra, e sorge al paro
dogni terrena altezza al bel soggiorno.
Cos millanni inalzi e mille lustri
10 la Croce doro, onde la morte vinta,
perch nulla qua gi lasconda e copra;
85
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
come dar vita a meraviglia estinta
del miracolo primo maggior opra,
e nova gloria onde lantica illustri.
1392
Per le Acque Felici condotte in Roma da Sua Santit Sisto V.
Acque che per cammin chiuso e profondo
e per vie prima ascose il pi movete,
poi ne laperte da loscuro fondo,
quasi a mirare il sol, vaghe sorgete;
5 appresso la citt che vinse il mondo,
ove il cipresso adegua omai le mete,
qual maraviglia uscir di loco angusto
e veder lei come la vide Augusto?
Pi bella in pace che fra schiere ed armi,
10 e daltre imprese adorna e daltre spoglie,
e daltre colte prose e daltri carmi,
dedre e di mirti e daltre verdi foglie,
fuori sotto un grandarco e n vari marmi
dimagini diverse entro vaccoglie,
15 che simiglian bifolchi e fere belve
usciti di spelonca e dalte selve.
Ruggir leoni al mormorar dun fonte,
spargendo in larga copia i freschi umori,
diresti, e sovra lacque a pi dun monte
20 far soave armonia vivi pastori;
pronte a cantare ed a risponder pronte
siedon le Muse ivi tra lerbe e i fiori,
e paiono al tenor donde tranquille
tanti far versi quante son le stille.
25 Quante le stelle in ciel, in mar larene,
tanti son del gran Sisto i merti e i pregi,
onde pure e felici; e ben conviene
86
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
chaltri solo da lui vappelli e pregi,
e che vi ceda il Tebro e lAniene,
30 bench quello un nom de primi regi;
ma cangiar nome a le famose rive
sepolcro e morte, a voi chi regna e vive.
Voi sete quasi grazie, acque correnti,
chegli comparte a questa nobil terra;
35 Sisto, che nsegna al ciel le vie lucenti
sovra lacque, che l cielo in grembo serra,
fece per refrigerio a giorni ardenti
le vostre pi secrete ancor sotterra,
al popol suo, popol amato e caro,
40 di sue grazie non pi che dacque avaro.
Anzi i popoli suoi, dilette gregge,
non lascia traviar con altra guida,
non lascia vaneggiar con altra legge,
non consente che l lupo alcuno ancida
45 o l ladro involi, ed ogni error corregge;
gli erranti a paschi, a fonti ei drizza e guida,
tal che in felice mandra ha santa pace
semplice agnello, e vi riposa e giace.
Quasi cristallo sete e quasi argento,
50 acque, e tesoro pur dalma natura,
e vi copre la terra a laria, al vento,
al chiaro giorno ed a la notte oscura,
e porta mormorando a passo lento
ne lurne, che man dotta orna e figura,
55 e n lor vi spande a laltrui voglia accensa
chi ricchezze celesti ancor dispensa.
Cos la terra quinci e quindi il cielo
apre per arricchir gli egri mortali;
e, mentre il caldo tempra al vostro gelo,
60 damor gli spirti infiamma e scaccia i mali
e lempia morte; e con pietoso zelo
87
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
lanime estinte omai rende immortali
de pastori il Pastor, chalberga e pasce
e lava con quellacque onduom rinasce.
65 Gi saspetta pi bello il secol doro
di quel che pria si finse, ed or sadombra,
non perch larga e senzaltrui lavoro
stia la terra, e lagnello e l lupo a lombra,
n langue abbia veneno o rabbia il toro,
70 ma perch la giustizia il mal disgombra;
e quai rose vedrem dispidi dumi
da severi fiorir dolci costumi.
E le bellarti in pregio e i chiari ingegni,
e lopre di famosa e nobil mano,
75 catenato il furor, quieti gli sdegni,
come allor che si chiuse il tempio a Giano:
tal che ritornan di Saturno i regni
mentre siede il gran Sisto in Vaticano;
ma se l nome di Sisto anco rimbomba,
80 la mia sampogna agguaglier la tromba.
1393
A Sisto V.
Quegli che rende il ciel del sole adorno
che move per obliqui alti viaggi,
fa chegli sovra i rei dispieghi i raggi
e sovra i buoni e lor conduca il giorno;
5 e le nubi accogliendo, ei piove intorno
a giusti ed a gli ingiusti, a folli, a saggi,
cos, tutti obliando i nostri oltraggi,
vuol chabbiam noi di noi dolore e scorno.
Con le grazie rossor del fallo induce
10 e penitenza; or non paventi il mondo
la destra chor sommerge, ora sfavilla.
88
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
Tu che lassembri in questo orror profondo,
splendi a me, Sisto, e la mia speme instilla,
ch sei fonte di grazie ampio e di luce.
1394
A la Clemenza. Per la Santit di Sisto V.
Santa virt, che da lorror profondo,
che le cose ascondea nel rozzo seno,
pria con volto sereno
i secoli spiegasti in chiara luce
5 e, le tenebre scosse, apristi al mondo
le varie forme, e di colori adorno
da loriente il giorno,
e l sol che nel suo grembo il d conduce,
e lei che bianca e fredda indi riluce;
10 tu tra le fiamme e lindurato gelo
posta hai la sede, e tu l conserva e guarda
perch fra suoi contrari ei non si stempre;
e con soavi tempre
tu disponi la terra e nsieme il cielo:
15 ah fia che tutto incenerisca ed arda,
se muti albergo; e chi l partir pi tarda?
Ove deggio cercarti? ove saccende
la negra turba al raggio estivo e tinge?
o dove i fiumi stringe
20 e le paludi e i mari il ghiaccio indura?
N de miei detti il suono ivi sintende,
n ci che vergar pu la tosca penna,
ma fere e non accenna
barbaro Marte con sembianza oscura.
25 Deh qual legge di fatto o di natura
s mutata? o qual crudele stella
s mi persegue, o dea, se dir conviensi,
e solo offende me, saltrui minaccia,
89
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
con spaventosa faccia?
30 Alma io non sono al mio Signor rubella,
perch le colpe spesso io pianga e pensi
or con gelidi spirti, or con accensi.
Sei dove sparve lOrsa? io pur mi volgo
al bel paese, in cui maffida appena
35 laccoglienza serena,
bench la terra ivi toccassi in prima
che poi nutrimmi, e non comuom del volgo.
Deh qual altra pi degna e nobil sede
il sol girando vede
40 con pi tepidi raggi in altro clima?
dov laura pi dolce in verde cima?
dove i guerrieri armenti alberga e pasce
pi fortunata piaggia o pi feconda?
dov pi bello il monte o l piano o l lido?
45 dovil suo proprio nido,
sotto ciel s benigno in altre fasce?
qual terra pi de suoi gran doni abbonda?
o dove pi ne porta il vento e londa?
Tu pur solei gi ritrovar sovente
50 quivi daltre Virt felice schiera,
quasi in celeste spera,
ch non parte a lei tanto simile;
e vera Astrea, com nel ciel lucente,
discesa a Carlo; e se l s laccolse,
55 Scorpio allor si raccolse.
Or non so dove sia, fra Battro e Tile,
o fra gente selvaggia o fra gentile;
ma spesso il mio pensier non lunge a lArno
mi suol guidar, quasi di riva in porto,
60 mentre misura pur larena e l mare
con le mie pene amare,
perchio non pensi di cercarla indarno
l ve un gran duce, a cui loccaso e lorto
non vede eguale, emendi il nostro torto.
90
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
65 Ma vela non spieg s presto volo
nave spingendo gi leggiera e scarca,
come il pensier se n varca
l dove alberga libertate e pace,
presso lun mare e laltro, in nobil suolo;
70 o dove innalza la frondosa fronte
imperioso monte,
che di riposo a chi linvitto Trace
vincer potea (la Fama il ver non tace)
l dove la gran Quercia i colli adombra,
75 ferma ad ogni procella, ad ogni nembo:
deh non mi scacci da gli ombrosi rami,
perchio pur mi richiami
dove il buon padre mio cantava a lombra,
e talor penso a voi, Po, Mincio e Brembo:
80 aprimi almeno, alta mia patria, il grembo.
Poi quasi da un mio grave e lungo sogno
io mi riscuoto e dico: Ahi! gran letargo,
a cui le rime spargo,
nutrito di speranze incerte e false?
85 che pur attendo omai, che pur agogno
gi stanco, e sotto grave e doppia salma,
palma giungendo a palma,
in guisa duom cui sol di gloria calse,
e per tempo gir Parnaso e l salse?
90 Ma ne l tuo monte, o Sisto, in cui tadoro,
o padre, o solo in terra e vivo esempio
de la Chiesa di Dio, ch in cielo eterna,
ove fia chio la scerna?
Pi bella che n avorio o n marmi o n oro
95 opra di Fidia, in te, se l ver contempio,
ha la Clemenza e nel tuo core il tempio.
Seco la Fede in un medesmo petto,
che non ha forse al mondo altro rifugio;
deh pi non faccia indugio
91
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
100 a le promesse, ondaltrui a me fu parco:
la mia salute e la tua grazia aspetto
da la tua santa man, che lega e solve,
pria che converso in polve
sia questo grave mio tenace incarco.
105 Vedi cho gi vicin lultimo varco;
a chi non sa, di perdonare insegna,
per grido: Perdona a chi moffese,
ch la fraude coprir di falso amore
troppo grave errore;
110 quasi guerrier sotto mentita insegna,
perdona mille scorni e mille offese,
mille gelide invidie ed ire accese.
N sol io da la grazia, io che mi pento,
io, che loffeso fui, rimanga escluso:
115 tante volte deluso
quante pregai, quante sperai perdono;
e mentre il mondo a la tua gloria intento,
l ve in sua vece il Re del ciel ti scelse
mira lopre tue eccelse,
120 rimbombi, come suol lucido tuono,
la tua Clemenza e corra intorno il suono;
e non pur loda il bel Sebeto e l Tebro
e lArno e l gran Tirreno e l mar che frange
il Po turbato, e lAppenino e lAlpe;
125 ma lunge Abila e Calpe,
Parnaso ed Ato ed Acheloo ed Ebro,
Istro, Tamigi, Senna e Nilo e Gange,
e l mondo tutto aspra sentenza or cange.
Voi, cui dItalia il freno in mano ha posto
130 Fortuna, o regi, e voi chavete in guerra
Soggiogata la terra,
di gloria alteri e dalta stirpe e darmi,
vizio lira crudele e lodio ascosto
in magnanimo core; e duomo esangue
92
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
135 quasi pascer il sangue,
vivendo daltrui pena, indegno parmi:
non aspetti il perdono i preghi o i carmi
non ritardi aspettato, e tosto incontra
si faccia a mitigar laltrui cordoglio,
140 se medicina ha il male o pur restauro;
anco il leone e l tauro
atterra ci chopponsi e ci che ncontra,
non offende chi giace, e n alto scoglio
fulmina il cielo e n pi superbo orgoglio.
145 Vola, canzone, ove in sublime seggio
fanno i purpurei Padri alta corona
al vicario di Cristo: a lui davante
tinchina e l pi gli bacia, e parla e prega;
quinci poi lali spiega,
150 e grida: Ove Clemenza altrui perdona,
stringendo amici cori, pi costante
che catena di lucido diamante.
1395
Al cardinale Alessandro Montalto.
Signor, la cui virt lunge risplende
a divisi Etiopi, estreme genti,
s che non vibra mai cos lucenti
lastro i suoi raggi, o luce egual vi stende,
5 la mia salute e la tua gloria attende
non pur chi loda il suon de toschi accenti,
ma chi bee lacque de la Tana algenti
o n negra arena al lungo d saccende;
e chi vicino il Sole, o quinci o quindi,
10 rimira presso Gade o lungo il Gange
cader ne londe o fiammeggiar da glIndi;
93
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
te lodar bramo, a cui fu il ciel s largo
dogni suo dono; e nel timor che mange
lodi apparecchio e solo i preghi io spargo.
1396
Al medesimo.
Non a caso virtute, anzi bellarte,
per di lei sadorna umano ingegno
troncando quasi rami amore e sdegno
darbor frondosa e culta in nobil parte.
5 O grazia pur chil cielo altrui comparte;
quinci del nome il tuo gran merto degno,
Alessandro, e nascesti a lostro, al regno,
a dar soggetto a le famose carte.
E se non fa per te Fortuna oltraggio
10 a regi, e non ingombra estrania terra
con ruina dimperio al suolo sparso,
signor, d pace a la mia ingiusta guerra,
e vinci il mio destino avaro e scarso,
con lanimo tuo grande e giusto e saggio.
1397
Al medesimo.
Far contra il corso eterno un lungo corso
dalte vittorie e far cittadi illustri,
perch pi loriente indi sillustri,
drizzando altari al mondo, e vinto e scorso;
5 passar de mari il sen, de monti il dorso,
arene tempestose, onde palustri,
glorie accresciute son danni e di lustri
senza temer del tempo il duro morso.
94
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
Ma voi fate pi bello in Roma il mondo,
10 volto a loccaso: a lorto alta speranza
danno i trofei contro Babel superba.
E tanto il novo onor gli antichi avanza
quanto men ampio il mar del ciel profondo,
ch vostro fine e l premio a voi riserba.
1398
Al medesimo.
O sacro monte, che ti fai sostegno
a lalato caval, qual spiega a noi
s ratto, s veloce, altero e degno
corso divin, che da celesti eroi
5 o dal Parnaso in glorioso segno
fosti donato a fautori tuoi,
non ti sdegnar di s picciola tromba,
se ben tua fama con gran suon rimbomba.
Spero sappoggiar ovor sappoggia
10 il superbo leon con s gran fama,
quello animale che sottaltra foggia
di salire l s mostra gran brama;
deh dunque venga omai celeste pioggia
poich il ciel s ti vuol, e l mondo chiama;
15 e tu del pegaseo sacro signore
piega ver me sempre cortese il core.
1399
[A Matteo di Capua.]
Io parto, e questa grave e nferma parte
porto dolente ove pi vuol Fortuna,
or che l mio giorno a loccidente imbruna
e per non ritornar se n fugge e parte.
95
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
5 Ma tu, che ne la mente ove comparte
sua luce il cielo e le sue grazie aduna,
siedi tal che non ha ragione alcuna
in lei che nallontana e ne diparte,
in ogni stato mio felice o mesto
10 mi sarai scritto ove simprime e serba
la memoria immortal deterni onori.
Pria neve e ghiaccio a la stagion de fiori
verranno o ne la bruma i gigli e lerba,
che muti voglia il colpo agro e funesto.
1400
[Al conte Matteo di Paleno che raccoglieva le sue rime.]
Ci che scrissi e dettai pensoso e lento,
di rea Fortuna poi fu sparso a laura,
pur come foglie di Sibilla al vento,
o polve in campo, o n lido arena maura:
5 talch cinta doblio la nobil Laura
nandrebbe, e laltra mia gioia e tormento,
per cui servii molti anni, ed or men pento,
poich mia libert tardi restaura.
E deroi lalte laudi invano sparte,
10 Matteo, vedriansi, o n qualche pregio altrove;
ma tu laccogli: oh piet vera ed arte!
O virt, che d vita e gloria a carmi!
Omai non trova il fulminar di Giove
pi salda lopra di metalli o marmi.
96
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
1401
[Al conte di Paleno.]
Di pensier grave e danni e nfermo il fianco,
e gi vario la chioma e tardo il piede,
n daltro pi che daltrui danno erede
e per morte bramar vivo pur anco;
5 ma di pregare e di lodar gi stanco
pur con mio scorno, e daspettar mercede,
temo chempia fortuna avare prede
di me non faccia, e mpallidisco e mbianco,
siccome in alpe suol gelida pietra;
10 ma lalta vostra cortesia maffida,
e per suo raro don risorgo e scampo.
O se grazia maggiore alfin mimpetra,
benchio sia men possente in duro campo,
non temer lei che minaccia e sfida.
1402
[A Giovanni Battista Manso Risposta.]
Dove i frondosi colli il mare inonda
oso innalzar la stanca voce appena,
e se la porta a voi aura serena,
n la disperde pur tra fronda e fronda,
5 gran ventura a ci, che a voi risponda
legato lalma di maggior catena,
e grazia, che pareggia ogni altra pena,
pur che pi non mi celi e non masconda.
Porti, se piace a voi, onore e lodo
10 a i nostri nomi da loccaso a lorto
la fama, e dove sempre ardore e ghiaccio.
97
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
Ch non restrinse altri in pi dolce modo
che un vero amico, e pi tranquillo porto
non mostra quel Signor chadoro e taccio.
1403
[Al cardinale Carrafa.]
Laspetto sacro de la terra vostra,
che non sol colli e monti appresso londe,
e gran palagi e templi in verdi sponde
e porti e terre e fonti a noi dimostra;
5 e que tesori, onde singemma e inostra
la primavera il crin, fiori, erbe e fronde,
ma duci e nvitti eroi, da far seconde
a s tuttaltre, ove combatte o giostra,
mi fa maravigliar, veggendo intento
10 per adornarla il cielo a prova e l mare;
e portar navi ed arme alta fortuna.
Ma voi, quanto ella sparge e quanto aduna,
sua maggior gloria siete, e quinci appare
come raccenda un sol, se laltro spento.
1404
[Al medesimo.]
O gran lume di gloria, ondha s ardenti
raggi donore in riva al mar Tirreno
real citt, che pone a londe il freno
con lalta mole ed a gli avversi venti;
5 e questa madre de lestranie genti,
che le raccoglie come figli in seno;
tu come sole in mezzo l ciel sereno
rendi ambedue pi chiare e pi lucenti.
98
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
E nova luce accresci a lopre illustri
10 de lantica virtute in questa e n quella,
chadorar Paolo assiso in Vaticano.
Io ne luna e ne laltra or cerco invano
ne le tenebre mie pianeta o stella,
senza te, che mi sgorga o che millustri.
1405
[Al medesimo.]
La gloriosa tua stirpe feconda,
chorn di bei colori e bianchi marmi
questa del nostro mar sublime sponda,
e i duci antichi di corone e darmi;
5 e deroi vincitori in torbida onda
dar vide gran soggetto a novi carmi;
la tua virtute a nulla altra seconda
maggiore gloria avvien chalzi e disarmi:
perocch tu seguendo il santo esempio
10 del vicario di Cristo, alto sostegno
de la sua Chiesa, il cuore a Dio sacrasti;
e son quasi i suoi merti in sacro tempio
statue spiranti, e sei donor pi degno,
se di Napoli in vece il mondo ornasti.
1406
[Al medesimo.]
Napoli vincitrice e Roma antica,
due citt senza pari e belle ed alme,
fanno ancora per te contesa amica,
qual non si fece mai per lauri o palme;
99
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
5 o per cittate o in monte o n piaggia aprica
difesa, o per famose e care salme,
perchal vizio pi grave aspra nemica
non fra tante illustri e nobili alme;
od altra, che virtute orni e difenda
10 con maggior lode; o con pi larga mano
larti e gli studi onori e i chiari ingegni.
Ma pur ti astringe Roma; e n Vaticano
dice il tuo senno e l valor tuo risplenda
al tuo bel nido, e lunge a mille regni.
1407
A Michele Bonelli cardinale Alessandrino.
A lalta sede, onde reggeva il mondo
Pio, di Pietro portando il grave incarco,
la sua gloria immortale aprirti il varco,
signor, potrebbe, e l suo favor secondo:
5 perch in terra sia vinto e n mar profondo
lempio che ne spaventa al suon de larco;
e scosso alfine il Greco Imperio, e scarco
del giogo ingiusto e del gravoso pondo.
Ma quellalta virt che in te si scopre,
10 somigliando la sua che in ciel risplende
e qual raggio di sol riluce in terra,
te n fa pi degno; e l nome e i merti e lopre
dun santissimo Pio lEuropa attende,
e pi vittoria di s giusta guerra.
100
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
1408
Alla casa Caracciolo.
Figli dAlcide invitto e di Teseo,
i quai domaro a prova i feri mostri;
ma luno il re de gli stellanti chiostri
conobbe padre, laltro il grandEgeo;
5 e quei chebbero in mar compagno Orfeo,
rompendo lacque con gli acuti rostri,
non dier pi bel soggetto a puri inchiostri
per vello, per corona e per trofeo,
di voi, s cara al mondo antica prole,
10 onde Napoli bella tanto adorna;
ma di chiamarvi suoi non par chardisca.
A me dice dal ciel famosa e prisca
progenie venne, e pur al ciel ritorna;
e lalto suo principio sovra il sole.
1409
Al principe di Stigliano.
Fur quasi lumi in bei stellanti chiostri
a gli avi tuoi, chan fama illustre ed alma,
tante ricchezze, e quando allor che spalma
in ampio mar fra le sirene e i mostri
5 la nave de la vita, or, gemme ed ostri
non sembraro al gran corso iniqua salma:
chal governo sedea la nobil alma,
dove Austro ed Aquilon contenda e giostri.
Cos a venti spiegar dalta fortuna
10 lardite vele, e li raccolse al porto
l ve pace non sol, ma gloria eterna.
101
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
Or lumi non di notte opaca e bruna
sono, ed al sol di tua virt risorto
tu corri lieto, a cui non tuona o verna.
1410
Alla principessa di Stigliano.
Ci che vers per meraviglia il cielo
in cento eroi famosi in cento lustri,
che fanno adorna Italia, e prima illustri
fer le parti soggette al duro gelo,
5 accolse in voi dentro un leggiadro velo
sotto un color di rose e di ligustri
ne lanima gentile, onde sillustri
Napoli pi di Creta e Delfo e Delo.
Lantica gloria in voi di scettri e darmi
10 con tanti donestade onori e pregi,
son pur semi e faville, e non gi spente;
e voi qui le spargete e veggio, o parmi,
dal vostro sen fiamma di gloria ardente
uscita, coronare i duci e i regi.
1411
Al signor duca di Nocera.
Quando mai dimostrarsi a gli occhi vostri
ardir incolta rima e basso carme,
perch descriva pur cavalli ed arme
ed alte navi in mar con vela e rostri,
5 se pi di gemme preziose e dostri
in lor voi risplendete, o vi disarme
la pace lieta, o vi circondi ed arme
e con artigli e con pungenti rostri
102
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
spieghi vittoriosa e grande insegna
10 Marte e Bellona, e varmi il crin di lauro
e faccia verdeggiar le antiche palme
la nova gloria? Or se cotanto degna
fama immortal dinvitte e nobili alme,
risuoni anco per voi da lIndo al Mauro.
1412
A don Vincenzo Caracciolo.
Se mai divino amor laurate penne
fra noi spieg, lasciato il terzo giro,
come allor che la donna alta di Tiro
sotto mentite forme in grembo il tenne,
5 ratto, s come io stimo, a voi se n venne,
ch pi bel nido io non ricerco o miro;
ma n voi le penne dimmortal desiro
ripose, onde il suo volo in ciel sostenne.
Ma perch in alto ei vi richiami e mova,
10 risona al core in s soavi tempre,
come farian l s li spirti ardenti.
Quai rime adunque fian chio vorni e tempre,
col cielo e con Amor cantando a prova
di voi stesso e di lor sonori accenti?
1413
[Ad Ascanio Pignatelli.]
Or cha me freddo ed aspro il verno imbianca
il raro crin de le sue nevi sparte,
e le forze e lardir scema in gran parte,
tal mi percuote orrido turbo e stanca;
103
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
5 veggio Saturno in ciel rotar da manca
sdegnoso e grave, e Giove irato e Marte;
n Febo massicura, or chei si parte,
ma virt prisca e f canuta e bianca.
E se di questi abissi uscir mi cale,
10 lumil consorte mia, che l ciel perdeo,
rimiro a tergo e l lamentar non vale.
Ascanio, tu nel canto a Febo eguale,
ne larmi a quel che trasse indi Teseo,
placa il mio Pluto e l mio dolor mortale.
1414
Al marchese di Lauro.
Signor, non solo a voi ghirlanda e verga
verde e fiorita porge il vostro lauro,
ma placida corona e scettro dauro,
onde vero valor sillustri ed erga.
5 E perch tuoni il cielo, e l mar sommerga
gli armati legni, e l guerrier dAsia e l Mauro
spogli darmi e dabeti Atlante e Tauro,
Febo e le Muse a la dolce ombra alberga.
E Marte seco e con Amor Ciprigna
10 odono al suon di cos nobil lira
i vostri onori e l nome onde rimbomba:
chivi lasciar per voi lo sdegno e lira
feroce, e n fronte placida e benigna
non bramar pi famosa e chiara tromba.
104
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
1415
Celebra la signora Maria dAvalos.
Era sparsa la gloria e l chiaro grido
dAvalo e dAragona, e l suon de larmi
dal vostro dalti eroi famoso nido
dovunque cavaliero accampi e sarmi.
5 N bastare a lor merto i bianchi marmi
poteano, o bel trofeo su l nostro lido,
o n quelli in cui fu vinto il Mauro infido,
n pur le dolci rime o i dolci carmi,
n corona di lauro o daltra fronda,
10 ma di stelle nel ciel dove riluce
fra quei che trionfaro in terra e n onda.
Poi la vostra belt con maggior luce
fece il valore e la virt feconda,
e cede a bella donna invitto duce.
1416
Loda la signora Maria dAvalos.
Questa del puro ciel felice imago
nobilissima terra, e l mar Tirreno,
specchio lucente di splendor sereno,
l dove il sol di rimirarsi vago,
5 han voi per laltro, e non errante o vago,
n per occaso mai vattende in seno;
ma sedendo illustrate il bel terreno,
e lui chora somiglia un queto lago.
E fate illustri ancor sublimi ingegni,
10 n valberga Leone o Tauro o mostro,
ma dal suo cerchio Astrea per voi discende.
105
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
E rilucete qui per tanti segni,
quante belle virt lanimo vostro,
che n varie forme a noi riluce e splende.
1417
Del pi bel regno che l mar nostro inonde
o daltro pi lontan che l sole illustri,
veggio, lasciate valli ime e palustri,
lieti colli, alti monti e rapidonde.
5 Veggio i termini suoi marmorei; e donde
partii fanciullo, or dopo tanti lustri
torno per far a morte inganni illustri,
canuto ed egro, a le native sponde.
Ma di Filippo invitto in bianchi marmi
10 la gran corona impressa, il mio pensiero
quieta, se spavent lalme rubelle;
e le vittoriose e nobilarmi,
che terminar co lOcean lImpero
e la fama co l cielo e con le stelle.
1418
Queste reti, Attio, sacra a te sepolto
grande amor di Micone, arte non grande;
queste canne e di mirto i rami ha colto
Licon pastore, e qui te n fa ghirlande;
5 queste viole del color del volto
a te col pianto Mergellina spande;
e il crin svelle dal capo e in bianchi marmi
Napoli fa la tomba e sacra i carmi.
Che pi ritardo omai? Te lieta accoglie
10 di Virgilio immortal la nobil ombra,
dove con odorate e verdi foglie
106
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
quinci un bel mirto e quindi un lauro adombra.
E il loco che a tuttaltri invidia e toglie,
a te concede e teco ei sol lingombra;
15 e spira ancor la tromba, e il suon conosco
dei suoi accenti e il seggio ombroso e fosco.
1419
[A Francesco Polverino. Risposta.]
Questi son pur que colli ove sudio
cantar cigni del Mincio, e per questonde
scingendo a rai del sol le trecce bionde,
bella Sirena in dolce suon garrio.
5 Questi son pur que liti ove gi Clio
dett con alto stil voci gioconde
a chi ne le crateridi, profonde
acque di Mergellina il cor ferio.
Deh! perch poi come al girar Boote
10 lenta divenne al canto, e perch tacque
la Musa mia su queste sacre arene?
Francesco, io no l so dir; ma la riscote
or la tua cetra a cui tal suon non spiacque,
cetra, onor dElicona e di Pirene.
1420
Al medesimo.
Giovinetto io cantava Amore e Marte,
mia doppia fiamma: or il mio fallo intendo;
ed umil calle sdegno e n alto intendo,
e la miglior natura io seguo e larte.
5 Tu, se del foco mio taccendi in parte,
ivi tillustra ove lesempio io prendo;
107
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
e vedrai che que raggi onde risplendo,
fonte deterna luce a noi comparte.
E col veloce ingegno il lento duce
10 precorri al cielo; e lombre, in cui maspergo
trapassa, or che a te Febo amico arride.
E per la via cha loriente adduce,
l ti polisci ove maffino e tergo,
scevro da lui chi bassi nomi ancide.
1421
[A Napoli.]
Nel tuo lido arenoso il figlio giace
di Carlo in tomba forse o in mausoleo,
siccha lEusin tornando ed a lEgeo,
ladditi spesso il navigante audace
5 e dica: Ivi colui che vinse il Trace
e del gran giogo il mar libero feo;
o pur: Vi mostro a dito alto trofeo
di spoglie tolte al barbaro rapace.
Alza il trofeo, se pur non vhai la tomba,
10 e lantenna maggior darme ricinta
con marittima pompa orna ed onora.
Linsegna e i rotti remi e n sangue tinta
vergi la vela e la sdrucita prora,
e la sua per vergogna or muta tromba.
1422
A Ferrante Afflitto, come di Loreto.
Del vostro amor sarebbe, Afflitto, indegna
la donna dArgo, e Pari impari al merto,
e quegli a cui fu il passo oscuro aperto
dove Plutone avaro alberga e regna.
108
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
5 Ma questa amare e riverire insegna,
n se qui fosse il lido e l mar cosperto
di navi e darme, avrebbe il cuore incerto,
ma quel che non voi disprezza e sdegna.
Alto giudicio, e sol conforme al vostro,
10 per cui spogliato avriansi il manto e l velo
Venere e laltre in solitario chiostro.
E costei la bellalma e l dolce zelo
e ne begli occhi il puro amor ci ha mostro,
s come stella onde fiammeggia il cielo.
1423
[A don Nicol degli Oddi. Risposta.]
Gi stanco e tardo in periglioso corso
tra venti di fortuna e le procelle,
veggio invece di fide e chiare stelle
sante virt; ma invano il tempo ho corso.
5 E mentre io pure il dubbio stato inforso,
e lantiche speranze e le novelle
voglie troncando a la ragion rubelle,
sento di penitenza amaro morso.
E fuor chi dolci e puri accenti vostri,
10 non ho gloria, n vanto; e nchina o cade
larte e lo stile, in cui saver si mostri;
e sembra augel che londe amiche rade;
ma voi lalzate pur tra pompe ed ostri,
Oddo, al ciel per sublimi, altere strade.
109
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
1424
A don Nicol degli Oddi. Risposta.
A lui che quasi Atlante il ciel sostene,
lun stil si converrebbe e laltro misto,
qual io gi stanco ed egro non acquisto
perch invidie talor Roma ed Atene
5 Io che le stelle in cielo e n mar larene
contar potea, tardi del vero avvisto,
sono di misurar doglioso e tristo,
Oddo, mie rime e mie non degne pene.
E muto passerei lAlpe ed Ardenna
10 per non turbar la sua benigna mente,
non sol dove un bel rio nasce in Gebenna.
Tu le sue lodi al lucido oriente
mandi l dove mai non giunse antenna,
e mie preghiere a lui segli il consente.
1425
Ad Antonio Costantino, in lode di Sisto V.
Come alzi Sisto al ciel metalli e marmi,
palagi, tempi e statue dor lucenti,
e cadute opre gi, non pur cadenti,
grandi obelischi, e spalmi legni ed armi,
5 e raccoglia tesori insieme ed armi,
ed ampie vie drizzi a devote genti,
altre ne faccia ancor dacque correnti,
e secchi le paludi, in vari carmi,
Costantin, tu ne mostri, e come giusto
10 ei sia pietoso e santo. Ite omai lunge,
lunge, o profani, omai dai sacri versi;
110
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte seconda
me n lingua n penna al vero aggiunge,
e per s rari pregi e s diversi:
son poche mille carte, e l tempo angusto.
1426
A Francesco India, medico e filosofo veronese, per il suo Dialogo
della Giustizia.
Diva immortal, che ne celesti campi
fiammeggiando te n vai a par del sole,
5 e in quelle elette e gloriose scole
i sacri spirti del tuo ardore accampi,
ammira questi, che con chiari lampi
di colto e dotto stil te illustra e cole;
e in dolce suon formando alte parole
10 fa che dal nome tuo laura si stampi.
Spirto gentil, a pi famose imprese
ti chiama il ciel; n mai per anni o lustri
potr il tempo oscurar tuo nome altero.
E facendo a loblio eterne offese,
15 dAstrea seguendo il dritto, erto sentiero,
vivrai, pregio maggior fra lalme illustri.
111
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
Parte terza Dal gennaio al dicembre 1589
1427
[Vorrebbe lodare Sisto V.]
Cos Morte di me lultime spoglie
non abbia, e di gran fama illustri fregi
Tempo non copra, anzi si stimi e pregi
virt, che i rei discaccia e i buoni accoglie;
5 come la lingua, che talor si scioglie
per cantar del gran Sisto il nome e i pregi,
a lui canora solo e muta a regi,
a se stessa cantando il pregio toglie.
Ma parlo invan da tergo; altro davante
10 sode nel suon, che fuor rimbomba e freme
di tuono in guisa che dal ciel minaccia.
E mentre il peso usato ancor mi preme,
chi porta il grido a quellorecchie sante,
se lalma trema e di timor sagghiaccia?
1428
Roma, onde sette colli e cento tempi,
mille opre eccelse, ora cadute e sparte,
gloria a gli antichi e doglia a nostri tempi,
verso il cielo innalzar natura ed arte;
5 rinnova di virt que primi esempi
gi celebrati in pi famose carte,
e l mio difetto di tua grazia adempi,
me raccogliendo in ben sicura parte.
Io non colonne, archi, teatri e terme
10 omai ricerco in te, ma il sangue e lossa
per Cristo sparte in questa or nobil terra
o pur dovunque altra linvolve e serra.
Lagrime e baci dar cotanti io possa,
quanti far passi con le membra inferme.
112
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
1429
Roma, superba pompa e fero scempio
de tuoi cesari antichi in te vedesti,
giuochi e trionfi, or sacri e gi funesti;
ma regna il santo, e non liniquo e lempio.
5 Gi da Babel ed or dal cielo esempio
preso, gli ordini hai tu quasi celesti,
gli angeli, i lumi e i cori, e n mezzo a questi
quel che simiglia Dio nel sacro tempio.
E da lui, che nillustra, il lume prende:
10 ei tre volte beato e tre possente,
luom fa perfetto e lega lalme e solve.
Chi l suo poter senza sua luce intende?
Ma che? nel suo splendor con Dio sinvolve,
e l sol de le tenebre men lucente.
1430
In morte del cardinale Alessandro Farnese.
Or versi urna di pianto il Tebro e i fonti,
quasi de gli occhi suoi lagrime e stille;
e sian quasi una tomba i sette monti
e sodan meste voci a mille a mille.
5 Caduta la tua gloria e l nostro onore,
Roma: chi fia che l duolo in noi tranquille?
Roma, qual lutto questo e qual orrore?
Farnese morto: ahi lagrime, ahi dolore!
1431
Non fu la morte dAlessandro acerba
de lAsia vinta a vincitori illustri,
come a Roma la tua, che tanto illustri
lei che dantico onore men superba.
113
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
5 Per te sua maestate ella riserba,
n spenta fia per corso danni o lustri,
allorchi nomi altrui quasi ligustri.
paion cadendo o fior troncato in erba
Per te piange, e si gloria ancor nel lutto,
10 mirando le bellopre e l santo esempio.
Da sette colli intanto a noi rimbomba
e dal Tebro alta voce: A te costrutto,
padre, qual rogo fia, qual degna tomba?
Se mausoleo non basta, alziamo il tempio.
1432
Questa morte non , ch non ancide
lalma del gran Farnese o il nome in terra,
bench tra bianchi marmi un corpo serra
e l suo spirto immortal quinci divide.
5 Ma vera eterna vita, e n ciel lasside
sovra ogni stella che si volge ed erra;
e vittoria di lunga incerta guerra,
qual non ebbe Alessandro, Achille, Alcide.
E' trionfo di morte e di se stesso,
10 porto di marine atre tempeste,
regno, ove al suo Re congiunta lalma.
Contese, e vinse; ora ha corona e palma;
ora il supremo onore a lui concesso
ha Roma sua, ma pur Roma celeste.
1433
Sapria sereno in oriente il giorno
de la tua vita; e in questo spazio incerto
de gli onori del mondo al premio certo
correvi tu, quasi a gran meta intorno,
114
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
5 dostro, Alessandro, e pi di gloria adorno,
vincendo altrui di grazia, anzi di merto;
indi a contrasti di Fortuna esperto,
tu fama e laude, ella ebbe infamia e scorno.
Cos pronto fanciul primier trapassi
10 i pi veloci, e poi col tempo scorso,
qual uom che tarda e in ritardar savanza,
i pi lenti col mondo, e sua speranza
e sue pompe e i suoi regni addietro lassi,
perocch l pregio n ciel, sin terra l corpo.
1434
Questa mia di cipressi e di ginebro
squallida chioma io tronco, e qui lappendo,
disse Roma nel lutto anzi laccendo
con mille faci, e l mio dolor celebro.
5 Qui dArgo e di Peneo, di Sorga e dEbro
lagrime accoglio, e poi le spargo e rendo;
qui mentre co l suo spirto al cielo ascendo,
verso mille urne del mio pianto in Tebro.
Qui tomba le ruine, e laure e i venti
10 son miei sospiri, onde risuona e giunge
la doglia mia sin da loccaso a lorto.
Morto il gran Pane, il gran Farnese morto:
piangete, Italia, Europa, e voi pi lunge,
odel nome di Cristo amiche genti.
1435
Per le nozze di Ferdinando I, granduca di Toscana, con Cristina di Lorena.
Onde sonar dItalia intorno i monti
de le pi colte e pi leggiadre rime,
e crollar lalte cime
115
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
gli olmi, i pini, gli abeti, i lauri, i faggi,
5 per cui facean concento i fiumi e i fonti,
infin da lAlpe a larenose sponde?
E l mar con tutte londe,
mormorando cess gli usati oltraggi?
E de la crespa fronte ardenti raggi
10 incontra l sol vibr purpurei e doro,
a cui sospende larco e la faretra,
onde i figli di Niobe irato estinse
Febo, e prende la cetra,
comallor chi giganti in Flegra ei vinse
15 coronato dalloro?
Ecco dal suo canoro
giogo lunge le Muse, e lunge avvampa
di nove faci una congiunta lampa.
Il giorno lieto e l suo splendor conosco,
20 e la pompa real chItalia accoglie;
e con mutate spoglie
te, Ferrando, veder lontano or parme,
te prima gloria del paese tosco:
te canta il coro, e Febo a suoi concenti
25 ti molce laria e i venti,
che gi cant de tuoi la gloria e larme;
e l Greco a te misura il nostro carme.
Ma non cessan le Grazie o cessa Amore
intanto di versar rose e giacinti
30 e quanti fiori il maggio a noi produce,
o laprile ha dipinti,
a questa chonestate e f conduce,
di se stessa maggiore,
per farle eterno onore;
35 bench non bastin fiori, ombre e ghirlande,
e ci chinstilla il ciel, la terra spande.
Ch non degno, onde si faccia il manto
od altro che le membra orna e circonda,
ci che si scuote e sfronda,
116
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
40 per serico trapunto, o tesse e pinge;
e di verdi sorelle indegno l pianto,
che saduna stillando al freddo cielo,
per cristallo che n gelo
di vecchia neve pi sindura e stringe;
45 e quello che di conca umor dipinge;
e quanto sceglie in pi lucenti arene
avara man de lErmo o pur del Tago,
non basta al culto, onde si mostra adorna,
quasi del cielo imago;
50 n sotterra, ove il d giammai non torna
di preziose vene,
pietra a lei pi conviene;
n splende a par di lei, dovella appare,
perla o gemma che mandi il ricco mare.
55 Ma co lanimo vince ogni ricchezza,
ogni tesoro, e giunge in nobil parte,
che pi ne serba e parte;
e mentre loro sparge, onor aduna
e gloria miete; e n pi sublime altezza
60 chi siede? E se non parve il seggio angusto
a la figlia dAugusto,
chi pi si pu vantar dampia fortuna?
o di chiaro valor, che non imbruna
per volger danni o per girar de lustri,
65 quandella terra e ciel mesce e perturba;
anzi lucente qui, non pur sereno,
sa lanimosa turba
rallent mai lingiuriosa il freno,
nemica a fatti illustri;
70 e quinci par che illustri
Toscana tutta e le rischiari il giorno,
e corona le fa di raggi intorno.
Quinci lava pass le gelide Alpe,
chad invitto dEuropa antico regno
75 giunse quasi sostegno,
e diede i successori ai grande Enrico;
117
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
oltre Pirene ancora, Abila e Calpe,
luna e laltra dAlcide alta colonna
inchinan lalta donna;
80 e la figlia, che fece al pare amico
lo sposo, chera dianzi aspro nemico.
Qui torna la nepote, e pi felice,
onde colei part, costei riporta
gioia e speranza pur di novi figli,
85 quasi unistessa porta,
chaperse il passo al ferro ed a perigli
de lItalia infelice;
or sia pi grata invice,
ed onde Marte i nostri campi infiamma
90 senza incendio Imeneo scuote la fiamma.
E qui pur lega Amor due nobilalme:
qui il sangue lotteringo in un si mesce
con quel cha Toschi accresce
lantica gloria, e novo onore aggiunge;
95 e qui due stirpi invitte in un congiunge,
e ciascuna di fama ha ricchi fregi
tra peregrini egregi,
e trionfi e corone e scettri e palme;
stringe la fede qui due fide palme;
100 e duna parte castit risplende
con belt pura, e nobilt pareggia
e ci chin donna pi sonora e piace;
daltra quasi fiammeggia
valor, senno, di guerra arte e di pace,
105 spirto chal ciel intende,
Astrea cha lui discende;
e mentre luna mano il ferro vibra,
laltra giuste bilance appende e libra.
Ma di pi grave carme e daltra penna
110 degna quella virt che s lesalta,
e di lode pi alta,
ch questa si disperde al lieto grido;
118
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
e parlo e scrivo in guisa duom chaccenna,
mentre Imeneo si canta al ciel notturno,
115 e pi bello cheburno
suona il teatro e l bel paterno nido,
e lAppenino e larenoso lido.
Vivan dunque felici; e l breve dono
usino de let, che vola e fugge
120 pi veloce che stral, n torna indietro,
chogni cosa si strugge;
ecco, chi saldo pare quasi un vetro,
e di color che sono
sol ci rimane il suono,
125 e la Fama che parla in guisa dombra;
laltre cose la Morte e l Tempo sgombra.
Vivan felici adunque,
e dian figli e nipoti al Tosco Impero,
e premio a la virtude e luce al vero.
1436
[Nel medesimo argomento.]
Prendi, Imeneo, la face, onde risplenda
lEuropa tutta, e tutta omai disgombra
le sue nubi e gli orrori in guisa dombra,
e teco Espero in cielo i raggi accenda.
5 Colori notte la sua oscura benda,
e lali indori, onde la terra adombra,
che di pompe notturne omai singombra
e Pace in lei da lalto ciel discenda.
Onor e Castit ristringa i nodi,
10 in cui giunga Cristina e l buon Ferrante,
e cantino le Parche in lieti carmi.
Scolpisca Eternit leterne lodi,
pi salde che n diaspro o bel diamante,
ove scolp de suoi la gloria e larmi.
119
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
1437
[In lode del granduca di Toscana.]
Signor, la cui fortuna alz cotanto
gi seco in gloriosa e nobil sede,
chogni altezza di s pi bassa or vede
e lorgoglio inchinar sue pompe e l vanto;
5 non la virt, chal tuo purpureo manto
dor la corona aggiunse, a lei succede,
chella savanza e poggia, e sola eccede
quanto fremendo il mar circonda, e quanto
lAlpe rinchiude e lApennin comparte;
10 e dal ciel vola al pi sereno tempio
e prepara l s corone e seggi.
Deh! splenda e spiri or da sublime parte
lume e spirto a loscure e mute leggi,
a me vita, a voi gloria, al mondo esempio.
1438
Al cardinal Del Monte.
Sacro, sublime e glorioso monte,
che Italia onori e la toscana terra,
via pi di quel che la parte o che serra
e schiva de nemici oltraggi ed onte,
a te risplende il sol purpureo in fronte,
5 e sAustro di fortuna altrui fa guerra,
n di tua gloria il mirto o il lauro atterra,
n turba de tuoi studi il puro fonte.
Deh! tu mi sia Parnaso, in cui distilla
s puro; e con Olimpo alzato a prova
10 il mio torbido stato omai tranquilla.
120
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
Ato a me sembra, e se l mio giorno scorso
quasi a loccaso, in te sperar mi giova,
e quasi Calpe abbia la meta al corso.
1439
Da questo altero e glorioso Tempio
per opra alzato di sublimi ingegni
al nome di colei che senza esempio
di terrene bellezze avanza i segni,
ogni basso pensier profano ed empio
5 sia lungi sempre, e sol valberghi e regni
con bellissimo amor somma onestate,
valore e cortesia, grazia e beltate.
1440
Voi, che cercate pur da lAustro a lOrse
e ne loccaso e dove appar laurora
le meraviglie onde risuona ancora
la fama che la terra e l mar trascorse;
5 in questo Tempio, di cui mai non scorse
occhio mortal pi bel, vedrete ognora,
quasi in sua propria stanza, far dimora
quanto di bel natura a Flavia porse.
Qui sonora virtute, onor si cole;
qui leggiadria, qui pure fiamme accende
10 casta bellezza, onde l pensier sillustri.
Qui fra marmi e colori in or risplende
il nome vincitor danni e di lustri,
e l vivo simulacro e l vivo sole.
121
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
1441
Fabbric il Tempio con purgati carmi
nobil schiera dingegni; e i fondamenti
fur le bellezze e le virt, possenti
del tempo a dispregiar gli oltraggi e larmi.
Sestolle in guisa che vi adorin parmi
5 e le propinque e le remote genti
la effigie impressa ne sonori accenti,
pi natural che non tra bronzi e marmi.
Per man di casto Amor nel sommo scritto
Tempio di Flavia in lettra doro eterna:
quinci amante profan rimanga lunge.
10 Roma non vide mai, non vide Egitto
tempio s bello, la cui gloria interna
sopra le stelle trionfante aggiunge.
1442
Vide Flavia inalzar sublime Tempio,
statue, colonne, altari in vive carte
al suo bel nome e con mirabil arte,
vinta la Parca avara e l destin empio.
E potean seguir dice antico esempio,
5 dandone al mio signor pi bella parte,
e linsegne e i trofei spiegar di Marte,
che de nemici f s giusto scempio.
Io senza lui s ne celesti regni
anco ricuserei corone e stelle
10 e fiammeggiar ne pi lucenti segni;
ma farli tempio il petto, imago il core
sol posso, e i miei desir caste facelle,
e la Fede architetto, e fabro Amore.
122
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
1443
In voi rare bellezze, alti costumi
conobbe Amore, e chiaro ingegno ed arte,
quasi in teatro adorno accesi lumi,
o quasi ardenti stelle in ciel consparte.
5 Ma come da sovrana e somma parte,
lontana da questombre e questi fumi,
son misti i raggi, onde il suo fosco allumi
la notte, e i suoi vi mesce e Giove e Marte,
cos quelle che n voi primier dipinse,
10 fanno insieme soave almo splendore;
poscia unille pi forte e pi le strinse.
E di virt f la catena Amore:
ondegli a voi pur se medesmo avinse,
e l signor che d vita al vostro core.
1444
Roma, mirando il crin, gli occhi e la fronte
di Flavia e le sembianze alte e i costumi,
Io dice vedea gi sol ombre e fumi
fra quelle che n me fur pi illustri e conte;
5 ma questa novo sole e viva fonte
di luce al Tebro, e tal che l re de fiumi
non vide s lucenti e puri lumi
quel giorno che gli cadde in sen Fetonte.
Se peregrina ell, dal ciel discende;
10 s celeste belt, valor umano
esser non puote in cos nobil alma.
E forse in Campidoglio e n Vaticano
sdegna colonne ed archi e lauro e palma,
e di l s gloria immortale attende.
123
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
1445
Se di lodarvi in rime oso talora,
bench splenda di gemme e doro e dostro
Il vicario di Cristo e l fratel vostro,
che la sua stirpe e tutta Italia onora,
5 a voi mi volgo e a quel cha noi di fuora
riluce e quasi abbaglia il veder nostro,
o di rara bellezza altero mostro,
lucida pi dogni serena aurora:
perch suggetto eguale a lalte imprese
10 e basta a mille penne un solo sguardo:
tacete, e son le mie parole intese.
Ma quanto io pi vonoro e pi vi guardo,
tanto il silenzio vostro pi cortese;
e se parlaste, io sarei muto e tardo.
1446
De le pi fresche rose omai la chioma
lieto, Imeneo, circonda
pria che tramonti il fortunato giorno,
e nincorona i sette colli; e Roma,
5 ancor deroi feconda,
rose produca a le sue torri intorno;
di rose il Tebro oltre lusato adorno
le sue rive dimostri,
n siano in maggior pregio il lauro e gli ostri,
10 bench, vinto il nemico,
di lor sornasse in quel buon tempo antico
o famoso Africano o grande Augusto,
ch nova gloria agguaglia onor vetusto.
Se la fronde, Imeneo, chio tanto onoro,
15 ti piacque al crine avvolta
perch fu di valore antica insegna,
124
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
or cangia ne la rosa il verde alloro,
chin queste piagge colta,
e pi nova virt dimostra e segna,
20 talchogni fior per lei si sprezza e sdegna
da la bella Ciprigna,
e di pi nobil sangue ancor sanguigna
la stima il fero Marte,
che dispiegolla in pi sublime parte:
25 talch degna la rosa daltri carmi
fra balli e feste e pi fra schiere ed armi.
Vieni dunque, Imeneo, cinto di rose,
co la novella Aurora,
che sadorna di rose il crine e l grembo;
30 e co laure pi lievi e rugiadose,
che, mentre ella sinfiora,
spargono intorno pur di rose un nembo.
Vedi fiorir sino al ceruleo lembo
de londoso Tirreno,
35 che perle e gemme pur ti porta in seno.
Ma nel viso di Flavia in mezzo l gelo
son pi belle che n cielo;
e perde lAlba se con lei contende:
vieni, vieni, Imeneo, che l sol discende.
40 Vieni, vieni, Imeneo, chomai scintilla
Espero e l ciel simbruna;
ma Flavia pi serena a noi riluce,
e con sembianza placida e tranquilla
vince la bianca luna,
45 e vincerebbe la purpurea luce.
Vien, che taspetta il valoroso duce,
che le luci divine
pur di Flavia sospira e l biondo crine,
ed a que dolci sguardi
50 gi par tutto di foco; e tu ritardi:
porta i diletti omai, le noie sgombra,
scuoti la face doro e scaccia lombra.
125
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
Vieni, che senza te perpetuo in terra
non scettro o corona,
55 n stabil regno o signoria costante.
Vien per antica stirpe, illustre in guerra,
la cui fama risuona
oltre lultimo Battro e l mauro Atlante.
Per te gi figli attende il casto amante:
60 tu de gli avi la gloria
stendi a nipoti e limmortal memoria.
Tu le cose mortali
fai quasi eterne, a le celesti eguali;
scuoti la face doro, e quasi stelle
65 siano intorno a la tua laltre facelle.
Ecco Imeneo, vedi la fiamma e l lampo,
Roma, e n fiorita vista
la notte e l ciel, cui nulla nube attrista;
e quasi mansueti in lui rimira
70 lOrse e l Leon, che pi lucente or gira.
1447
Alla principessa di Palliano.
Quasi statua davorio, in voi Natura
form le membra con mirabil arte;
poscia per adornarle a parte a parte
pose ogni studio ed ogni estrema cura.
5 E l bel lume del sole, a cui soscura
Venere in ciel, non pur Saturno e Marte,
ne gli occhi vaghi accese, e n nobil parte
disse risplender luce s pura.
Fortuna allor, ch del gentil lavoro
10 ogni altezza minor le parve indegna,
il ferm su lantica alta Colonna.
Io lieto e riverente in lei vonoro;
vinchina Italia e Roma, e non si sdegna
chiamarvi dea, non pur celeste donna.
126
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
1448
Alla medesima.
Felice terra in arenose sponde
che rimiri del mar lirato sdegno,
qual altra degna pi del salso regno,
se prendi il nome dal gran re de londe?
5 E n te lalta Colonna, a cui seconde
foran quelle dAtlante, al ciel sostegno,
sinnalza pur come lucente segno,
n l suo splendore in nube o n nembo asconde.
Nuovo Nettun del nobil freno altero,
10 che lonorata mano allenta e stringe,
a cui laltro darebbe il suo tridente,
e l carro usato a trionfar sovente,
ch debito a la stirpe l grande impero
de la terra e del mar, chintorno il cinge.
1449
Alla medesima.
Donna gentile, io veggio
al biancheggiar de lonorata mano
di pace il pegno; e di salute incerto,
poscia da voi lontano,
5 di voi pensando, a gran pena mavveggio
sa la mia f si debba o pena o merto;
ma comuom vinto e n gran contesa esperto,
ch non giova l ritrarsi o l far difesa
contra i colpi dAmor, s forte ei punge
10 e s turbato aggiunge,
gitto larmi di sdegno a lalta impresa;
e sol per me riserbo
lodi e preghiere, ondi nemici ei giunge:
127
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
di queste armato e contra altrui superbo,
15 non temo pi di morte il fine acerbo.
Ma penso: Egli pur vero
che diva siete, e le man vostre a quelle
somiglio onde lo spirto ignudo uscio,
che l sole e lauree stelle
20 crearo e l pi mirabil magistero,
di cui sovvienci ancor ne lalto oblio.
Cos dico fra me: Nel pensier mio
due man leggiadre a meraviglia e pronte
pon fare e nel mio core opre divine,
25 e saran pur alfine
(o chio nel duol vaneggio) illustri e conte,
ed al lor grave pondo
rendon lanime erranti e peregrine;
e da lor porta impresso il cor profondo
30 ciel, sole e stelle e nuova idea del mondo.
A pi bel mondo ancora
soglion mandar lanime stanche e gravi
da la prigione, ove gi furo avvinte;
cos dolci le chiavi
35 de lingegnoso cor volgon talora
per liberar le soggiogate e vinte,
e nsieme ravvivar le faci estinte
potriano ed ammorzar laccesa fiamma;
ma sino ad or mai de le menti accense
40 favilla non si spense,
anzi il lor gelo pi soave infiamma,
e n s divine tempre,
che di terreno in lor non pur dramma,
felice ingegno, ove il pensier contempre
45 quel che dovr nel cielo arder mai sempre.
Quante ricchezze unquanco
avara man di Crasso o pur di Mida,
quanto la terra o l mar nasconde o serra,
128
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
col segno onde si sfida
50 da lor ne lopre il cor timido e stanco,
non cangerei, n con lor dolce guerra;
n luna o laltra mai vacilla od erra,
ma doni e gioie e grazie e versa e spande,
quasi del cielo, anzi del sol ministra,
55 la mano ancor sinistra;
far la destra potria fregi e ghirlande,
ed a la men fallace
scettro devriasi imperioso e grande,
se pur larco di Cinzia a lei dispiace,
60 o quel dAmor disprezza e laurea face.
Ma perch veggio, o parmi,
chella non sol pu dar salute e scampo,
ma palma e fama gloriosa, eterna,
nel duro instabil campo
65 di nostra vita io chieggio e palma ed armi;
armi di luce e di virt superna,
o lauro almen, che quando notte e verna
non tema il ghiaccio o la procella o l tuono
o l fulmine, chaccende ardente foco,
70 giammai per tempo e loco;
ma verdeggi di Febo al chiaro suono.
Deh! quai fatiche illustri
mi faran degno di s nobil dono,
per volger danni o per girar di lustri?
75 sia almen pietosa a miei sospir trilustri!
Canzon, tu sei pur lenta, e non tavanzi;
la sorella maggior lunge precorse
e chier merc fra le Colonne e lOrse.
129
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
1450
Alla medesima.
Perch la vita breve
e pien dogni periglio il dubbio corso,
e stanco omai ne lopre il tardo ingegno,
e la Fortuna il dorso
5 ne rivolge, al fuggir veloce e leve,
e cangia il breve riso in lungo sdegno,
n pace mai nel suo turbato regno;
candide mani, onde sovente Amore
ebbe mille vittorie e mille palme
10 de le pi nobilalme,
a voi sacro le rime e sacro il core;
e si miei bassi accenti
non ergo ove sinnalza il vostro onore,
voi gli appressate a begli occhi lucenti,
15 e lalta via del sole alfin si tenti.
Non perchio non riguardi
quanto sublime il segno a cui saspira
di candor in candor, di raggio in raggio,
ch potria sdegno ed ira
20 mover da voi, non pur da cari sguardi,
come sia lumil loda indegno oltraggio.
Ma chi fu ne lamar s accorto e saggio,
che frenasse il desio chin alto intenda?
Bench minacci Amor con duri strali
25 di far colpi mortali,
e, da voi mosso, larco ei pieghi e tenda,
questo pensier marretra,
dove armato da voi lampeggi e spenda
in me la sua gravosa aurea faretra,
30 parte il timor mi volge in fredda pietra.
E se pur non si frange
pi a dentro a duri colpi il molle petto,
130
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
non virt dusbergo o darte maga,
ma l timoroso affetto
35 in selce par che mi trasmuti e cange.
Oh meraviglia! Amor la selce impiaga;
ma non avvien che di profonda piaga
versi del sangue mio tepida stilla:
o mia fortuna, o fato, o stelle, o cielo!
40 Son di marmo e di gelo;
e l marmo a le percosse arde e sfavilla.
Per la ferita intanto
(sasselo Amor, che saettando aprilla),
lagrime spargo, e n lagrimoso canto
45 di vostra lode fo canoro il pianto.
Dolor, perch mi spingi
a perturbar la sua fronte serena?
Sostien chio vada ove il pensier minvita.
Gi la mia dolce pena,
50 destra gentil che lo mio cor distringi,
non tua colpa, o la mortal ferita,
ch tu risani, anzi ritorni in vita,
pur di quel colpo onde il dolore ancide.
Mani, onde il regno Amor governa e volve
55 e lega lalme e solve,
qual bellezza s bella ancor si vide?
e se creder vi giova
a le due luci pi serene e fide,
voi contendete di bellezza a prova
60 con gli occhi, in cui suo pari il sol ritrova.
Neve, che geli e fiocchi
in poggio o n monte a la pi algente bruma,
non s molle o di candor simile,
n di cigno la piuma;
65 n per giudicio daltra mano o docchi
eletta perla in lucido monile;
n ritrar vi potria laudato stile
131
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
del buon Parrasio o pur dApelle istesso,
o daltri mai che n bei colori e n carte
70 mostr la nobil arte;
ed in mille bellezze il bello espresso
mostrar gi non potea;
altri marmi cerc lunge e da presso,
in formar vaga ninfa o vaga dea,
75 ma non scolp celeste e vera idea.
Ed or chi voi figura,
mani bianche e sottili, a vaghi sensi
con magistero oltre lusato adorno,
fra se medesmo pensi:
80 Qui vinta lopra darte e di natura,
e l marmo e l puro avorio han dolce scorno,
n gemma nasce, ove ci nasce il giorno,
degna di tantonor, n lucidoro.
Ma chi voi finge e vi colora e vede,
85 Ecco dica la Fede;
e bench manchi il pi del bel lavoro,
creda cha voi risponda
lidolo mio che ne la mente adoro,
n pi in terra ricerchi o n aria o n onda
90 grazia e belt, che l cielo a gli occhi asconda.
Io cotanto in voi sole
di bellezza talor contemplo e miro,
chappena ad altro oggetto i lumi affiso;
ma se quel dolce giro
95 di s begli occhi e quel sereno sole,
onde qua gi risplende il chiaro viso,
voi mi celate, e l lampeggiar del riso,
qual bianca nube opposta o bianca Luna,
purch di voi, mani cortesi e care,
100 non vi mostriate avare,
non incolpo mio fato o mia fortuna;
voi quattro volte e diece
132
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
pascete vista di piacer digiuna,
e, se vendetta far baciando ei lece,
105 i baci siano alfin di sguardo in vece.
Canzon, tropposi e nulla speri, e ndarno:
almen compagne solitaria aspetta,
o merc cerca pur senza vendetta.
1451
Perch lingegno perde
in voi lodando, e manca il proprio spirto,
come al poggiar del sole il vento e laura,
qual dodorato mirto
5 o dalloro vaghezza in te rinverde?
e chi le voci al mio cantar ristaura?
Amore, a cui parea Beatrice e Laura
umil soggetto, or chi le piume impenna
a le mie basse e faticose rime,
10 perchal merto sublime
giunga con lali tue la stanca penna?
Tu spiega a versi miei
il volo, o pur chio taccia almeno accenna,
ch tu medesmo dir potresti, e dei,
15 i gloriosi tuoi cari trofei.
Da poi che tu vedesti
pi di piet che di vendetta amiche
le man, che ponno armarti e fare inerme,
A voi belle e pudiche
20 il mio regno concedo, e me dicesti.
Ma voi pietose de le parti inferme,
armi sdegnate s pungenti e ferme;
dunque armi no, n sanguinose spoglie
serbo al vostro candor puro, innocente,
25 ma ci che loriente
di prezioso a vincitori accoglie;
133
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
e l fortunato occaso
di farvi adorne par che pi sinvoglie,
onde fiorisce in lui novo Parnaso
30 ed apre novi fonti altro Pegaso.
A pargoletti Amori
poscia dicea: Spiegate a lieto volo
i purpurei, o fratelli, e gli aurei vanni,
e n pi felice suolo
35 scegliete a prova pur le rose e i fiori,
dipinti ancor de sospirosi affanni;
e quei che lor pi saldi incontra gli anni
produce, e locean vi mostri il grembo,
e voffrano i suoi doni e quinci e quindi
40 i forti Iberi e glIndi,
cui cinge il mar col suo ceruleo lembo.
Disse, e i veloci e vaghi
se n giro a stuol come lucente nembo,
che da laure portato e voli e vaghi,
45 cosa cercando pur che gli occhi appaghi.
E qual bellezza ascosa,
di mille Amori a gli occhi alcun terrebbe?
o chi negar la pu, sAmor la brama?
In terra allor non ebbe
50 viola o giglio o pur giacinto o rosa
o gemma occulta a la superba fama,
negata a lei, chAmore onora ed ama.
Anzi la terra, il mar, loccaso e lorto
par che sadorni a prova e si dipinga
55 per lei chil ciel lusinga,
e l sol dal suo cammin lungo e distorto
mostra chi segni amati
passar bramando il corso oltre sospinga.
Comapi intanto i pargoletti alati
60 spoglian di fior le piante e i verdi prati.
134
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
Ne lOccidente estremo
una parte del mondo bella e lieta,
l dove Primavera eterna stanza,
la Gloria ha doppia meta,
65 e pi benigno splende il ciel supremo;
ride natura in giovenil sembianza,
Zefiro spira per continua usanza,
e sodon mormorar con laure estive
i vaghi fonti e i lucidi ruscelli,
70 e dei vezzosi augelli
al canto rimbombar lombrose rive;
e pi dolce concento
fan de bei fiori levi spirti e snelli,
e pare il cielo a larmonia pi intento,
75 suoni ed odori a lui portando il vento.
Qui, dopo lunghi giri,
gli Amoretti fermar lali volanti
nel felice, odorato, almo terreno.
Dumor vivo stillanti
80 altri i fior coglie, onde poi dolce spiri
la nostra Esperia; altri l profondo seno
de la faretra dor ne colma a pieno;
altri le spoglie, onde la destra ignuda
coprir si dee, prima polisce e terge,
85 poi de gli odori asperge,
i quai felice pianta instilla e suda;
altri par che sepolte
tra bianchissimi fior lasconda e chiuda;
e tutti al fin con le ricchezze accolte
90 fan mille voli in ciel, mille rivolte.
Canzon, fia tua ventura e grazia altrui,
se la man bella e nuda a te si scopre;
baciala, e grida: Questo l fin de lopre.
135
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
1452
[Al conte di Paleno.]
Signor, la tua virt chio tanto onoro
quanto fosse di Paolo o di Marcello
o daltro che, gi vinto empio rubello,
ornasse il crin di trionfale alloro,
5 splender fra noi dovria daltro lavoro
che di serica pompa o daureo vello,
come in sereno ciel, quando pi bello,
luce imago talor di stella e doro.
Ma se mai rime io per tua gloria ordisco
10 o del tuo merto o pur de gli avi egregi,
che son ampia materia al sermon prisco,
son povero testor del nome vostro,
e dico: Eterna fama ha solo i fregi,
da cui perdon le gemme e lauro e lostro.
1453
[Per la nascita del terzogenito di Vincenzo Gonzaga.]
Crescan le palme al Mincio, e i novi allori
or nel felice parto,
che gi precede il quarto,
per la speranza de suoi novi onori.
5 E le sue rive di smeraldo infiori
il fiume chascolt la nobil musa,
per cui di Siracusa
ha maggior pregio la tebana Manto,
e pi rimbomba il canto,
10 e non pur darmonia le selve ingombra,
ma gran teatri, ove discende a lombra,
non sol Pan dArimanto,
ma Febo stesso, e n suon pi grave e dolce,
arbori, sassi e fere affrena e molce.
136
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
15 Ben ragion, poichi soavi accenti
degna dudir il padre,
degna dudir la madre
con gli alti ingegni a vera gloria intenti;
ma qual de lauree fiamme in ciel lucenti
20 fu la sua pari stella?
pari ne lesser bella?
Fu Marte, che splendea pi lieto in vista,
e per usanza pur turbato attrista?
o l sol, che raggi pi lucenti or vibra,
25 mentre se n passa da Leone a Libra,
e pi la notte acquista
puro mostrando il bel seren notturno?
o quel che pare a noi pigro Saturno?
Pari ben sono a voi, celesti lumi
30 di chiara stirpe antica
chebbe fortuna amica,
gli onori, le virt, gli alti costumi,
che tra lombre del mondo oscure e i fumi
splendon con vivi raggi;
35 i forti, i giusti, i saggi,
i magnanimi duci e gli alti ingegni
produsse a scettri, a regni
questa stirpe deroi sempre feconda,
la cui gloria fra noi vola e circonda
40 oltra gli altari e i segni
dAlessandro e dAlcide, e gira intorno
e dove sorge e dove inchina il giorno.
Talch par quasi fato, e ben conviene
che questa invitta prole
45 risplenda come sole
chapra le nubi intorno e l ciel serene,
e che sagguagli omai la nuova spene
con lantica memoria,
e luna e laltra gloria,
137
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
50 io dico di nipoti e davi illustri,
e daltre imprese ancora e daltri pregi
sonori, e daltri pi lucenti fregi
per cento e cento lustri,
e rinnovarsi paia il tempo veglio,
55 che fu dogni valor lucido speglio.
Altri opprima gliniqui e sparga il sangue
de gli empi e de glingiusti,
o pur da grandi augusti
il seggio impetri, ov il tiranno esangue;
60 altri vinca il leone orrido e langue
e segua illustre esempio
dalzar famoso tempio
a la Vittoria, e cento spoglie doro
e del Trace e del Moro;
65 altri al fiume sanguigno il ratto corso
tardi co morti corpi e ponga il morso,
coronato dalloro;
altri di sostenere il ciel si vante,
e sembri nuovo Alcide a nuovo Atlante.
70 Canzone, io son gi stanco,
n ben raccoglier posso in breve carta
quella gloria ch in terra e n ciel cosparta.
1454
[Per il battesimo del terzogenito di Vincenzo Gonzaga.]
Sacra e mirabil onda,
in cui nato rinasce
nobilissimo figlio avvolto in fasce,
qual Acidalio fonte
5 o di ninfe o di muse ampio lavacro
sagguaglia a questo sacro?
o chi fia che racconte
pi daltre meraviglie antiche e conte?
138
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
Questa sol grazia e meraviglia
10 cui nullaltra somiglia,
tuffarsi nel sepolcro e schifar morte,
e di vita immortale entrar le porte.
1455
[Nel medesimo argomento.]
Oh di qual padre e di quanti avi illustri,
di quanti eroi discende al mondo e nacque
il fanciul, ch ne lacque;
chentra nel guado oscuro
5 di questo mar di vita, anzi di morte,
quasi guerrier sicuro,
con tai segni, tai detti e tali scorte,
e de laltrui promesse eterno scampo,
palme e vittorie eterne attende in campo.
1456
[La coppa, ad imitazione dAnacreonte, al serenissimo signor principe di
Parma, Ranuccio Farnese.]
Tu, chagguagliar ti vanti
dantichissimo fabro arte e lavoro,
dando vita a largento e spirto a loro,
bench nudi giganti
5 non faccian risonar dintorno il monte,
n saffatichi qui Sterope e Bronte;
non cheggio elmo, n scudo,
n lorica ondio copra il petto ignudo,
per andar poi lontano
10 da questa gloriosa antica sponda,
l ve ritarda il gelo il corso a londa,
e l vincitor Romano
di Cesare pareggia il nome e lopre,
139
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
e quasi la sua gloria oscura e copre;
15 pur non dimostra orgoglio,
chiedendo allori e carro in Campidoglio;
ma del pi fino argento
fammi lucente vaso, onde sestingua
la sete de laccesa e stanca lingua;
20 e non mi dia spavento
Leon di stelle sparso o fero Drago,
o gran Centauro od altra irata imago;
ma sol lAquila e l Cigno
splendan con vago aspetto e con benigno.
25 O vi dipingi Amore:
non comei spiega le dorate penne
dal lucidelmo, l dondei se n venne,
n con lacceso ardore
del folgore minacci o pur con larco,
30 onde ci fere, anzi nuccide al varco;
ma senza fiamme e strali,
e tutte doro sian le chiome e lali.
E l circondi la rosa,
la rosa, ch dAmor premio e corona,
35 corona ondegli gloria or toglie, or dona:
gloria, che vive ed osa
trar luom gi morto fuor doscura tomba,
e muta lingua inspira e muta tromba;
e con la rosa avvinto,
40 faccia aurei fregi insieme il bel giacinto.
E tu, Febo, linstilla:
sia quasi fonte il vaso,
e l verde colle il nostro alto Parnaso.
140
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
1457
[Per le nozze del conte di Paleno.]
Sera fermo Imeneo tra lerto monte
e l mare, in cui sovente Austro risuona,
l ve cigne e incorona
Napoli dalte mura antica fronte:
5 Napoli, che di gloria e dor corona
impone a tanti duci,
quante serene luci
non ha la Notte allorch l velo spiega;
qui con Amor, chavvolge i cori e lega
10 lanime peregrine,
facea ghirlande al crine,
ed allori giungendo insieme e palme
ei tessea i nodi preziosi a lalme.
Ne laureo albergo, in cui la stirpe antica
15 e di Capi e di Troia ancor si vanta,
e qual traslata pianta
adombra ove quel mar la terra implica,
or de le Muse a prova i versi canta,
or de le Parche il coro,
20 luno e laltro canoro;
e dove tace lun, laltro risponde,
ed alternan le note i monti e londe:
lun le passate cose
ancor pi gloriose,
25 e laltro rende le future illustri,
a cui fan quasi velo e gli anni e i lustri.
Dice il primier: Da que felici campi,
dove per merto sono in pace accolte
lalme dal vel disciolte,
30 la cui gloria qual fiamma avvien chavvampe,
siate voi, prego, al nostro suon rivolte:
voi che varcaste i mari
141
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
fuggendo i tetti avari;
voi che spargeste per la patria il sangue;
35 voi che feste il nimico in terra esangue;
voi che salvaste i regi
guerrier, voi duci egregi;
e voi con sacro manto e lunghe chiome,
choggi seterna il sangue vostro e l nome.
40 Nasca dice il secondo al novo erede
di gloria, di valor, dalto consiglio
lun dopo laltro figlio,
che prenda esempio da lantica fede,
ivi pi forte ov maggior periglio;
45 nasca a gli scettri, a larmi,
tra lostro e i bianchi marmi;
nasca a regger le schiere armate in guerra,
a possedere in pace amica terra;
e ne rami si scorga
50 come virt risorga:
larbore in vece pur di fiori e foglie,
dalti trofei sadorni e dauree spoglie.
Poscia dambo sudia quasi un concento
pi chaltro fosse mai sonoro e dolce,
55 chaltrui lusinga e molce,
e queta il mar sonoro e queta il vento;
arride il Re del ciel che l mondo folce,
ed ogni nube oscura
di nimica ventura
60 si sgombra al cenno, e l sol pi chiaro intorno
par che luce raddoppi al novo giorno;
la Notte in vel pi vago
spiega ogni eterna imago,
n davversa fortuna alcun si lagna,
65 mentre lieta e felice Italia e Spagna.
Anzi quel mare e questo e gemme ed oro
lor porta, e bianche perle e lucidi ostri,
142
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
perch sadorni e mostri
dinfinite ricchezze un bel lavoro;
70 e gli eroi doccidente e i duci nostri
par che splendano a prova
in vista altera e nova
per onorar la bella e nobil coppia,
chambe lEsperie in un sol nodo accoppia.
75 Pace ha intanto e riposo
la terra e l mar ondoso;
e l collo a sciolto bue si fa pi molle
e non impiaga aratro o campo o colle.
La Fama i detti sparge
80 sin l ve per Teseo pianse Arianna;
e nova fede antico error condanna.
1458
Gli archi son due, che piega Amore e tende:
lun de le Grazie, onde felice sorte
ha lunga et sino a lavara morte;
laltro la vita perturbata offende.
5 Ma questo che di novo ei dora e prende
s nobil arco e s leggiadro e forte,
rende alma ad alma in bene amar consorte,
e qual celeste si colora e splende.
E da lui vibra il sol gli ardenti raggi,
10 Febo gli strali e le saette Amore,
e pi stima Imeneo laccesa face.
Marte, obliando i suoi pi fieri oltraggi,
ama questarco in lieta pompa e n pace:
tanto gli fan la terra e l cielo onore!
143
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
1459
Gi discende Imeneo l dove alberga
la virt col valore,
e la gloria e lonore
a gloriosi eroi tesson corona.
5 E nulla par che pi sinnalzi ed erga
de la gran stirpe loro,
mentre con lali doro
vola dal monte al mar, chalto risuona.
Ma chi cercasse pur di zona in zona
10 fra le sue fiamme e l gelo
la terra e nsieme il cielo,
non li vedrebbe in s felice aspetto
come ivi il giorno a la gran pompa eletto.
1460
Eran gi le virt divise e sparte,
quando due nobili alme Amor distrinse;
e di lor f catena onde lavvinse,
e giunse in voi con s mirabil arte.
5 E partir non le pu chi tutto parte
e lalma eterna del mortal discinse,
perchil suo fabro qui se stesso or vinse,
e lei pur lega a la divina parte.
N sol le gemme e lor trov sotterra
10 e lItalia e la Spagna aggiunse insieme;
ma per tanta opra ei se n vol pi lunge,
e del mondo cerc le spere estreme;
e coi meriti vostri omai congiunge
lalto regno del cielo e lumil terra.
144
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
1461
[A fra Iacopo Claverio.]
Claverio, cui si chiude e si disserra
il ciel lucente e l tenebroso inferno,
ch nhai le chiavi e puoi del regno eterno
a la pace inalzar da questa guerra;
5 vedi chi cori umani indura e serra,
saldo pi che diamante, affetto interno,
perch qui sia lo mio pregare a scherno
ed io sol di miseria esempio in terra.
Placami i regi, i duci e lumil volgo
10 con dotta lingua e con pi ardenti preghi,
ora cho da vicin luscio di morte.
A la tua fede, al tuo saver mi volgo:
non fia chun saggio core aprir si neghi
a chi del ciel pu disserrar le porte.
1462
[A Fabio Gonzaga.]
Fabio, in Parnaso udirsi e n Delfo e n Delo
la tua fama immortal dovria sovente,
che savanz quando la bruma algente,
lale spiegando insino al freddo cielo.
5 Io dir vorrei che fra le nevi e l gelo
gi fiammeggi quasi piropo ardente
il tuo valore o come sol lucente
che sgombri intorno il nubiloso velo.
Ben ha la mia faretra ancor saette,
10 onde di somma gloria il segno aggiunge
con belle e chiare lodi a prova elette.
145
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
Cos lontano Amore avventa e vibra
lauree quadrella, e Febo ancor s lunge
sparge lucidi strali in Tauro e n Libra.
1463
[Al medesimo.]
Grande arringo di gloria il padre vostro,
Fabio, trascorse, e fu di lei ben degno,
n tocc meta pi sublime o segno
chi si propose onor di lauro e dostro.
5 Voi, scorto da lesempio a voi dimostro,
seguite lui fin al celeste regno
con fortissimo cor, pien dalto ingegno,
dando materia al pi lodato inchiostro.
Sallo il Mincio non sol dov s larga
10 la nobil destra a loro e pronta a larme,
ma sa pi lunge ancor la Mosa e l Reno.
A me doppio soggetto quasi freno,
se mi spinge il desio chorni e cosparga
quanto convensi a voi la prosa e l carme.
1464
[Al medesimo.]
Fabio, io lunge credea col basso ingegno
sovra me stesso in voi lodando alzarmi,
ed agguagliar co pi lodati carmi
quel valor che di fama eterna degno.
5 Ma pi dappresso or pi sublime segno
e la gloria veggio dimprese e darmi,
a cui alzarsi dovrian metalli e marmi,
non chumil lande; e tal savrebbe a sdegno.
146
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
Cos maggior si scopre antica torre
10 od alto monte a chi vicino il guarda;
e poggiar non vi puote uom lento e carco.
Per si ferma al periglioso varco
del vostro onor la penna e no l trascorre,
gi leggiera e veloce, or grave e tarda.
1465
[Al medesimo.]
Signor, chimmortal laude aveste in guerra
l ve i rapidi fiumi agghiaccia il verno,
in pace ancor sacquista onore eterno,
e mano inerme apre Elicona e serra.
5 Tu ne la tua famosa e nobil terra
deh! non aver due gran vittorie a scherno:
luna di te, che l tuo nemico interno
puoi raffrenar, quando ei vaneggia ed erra;
laltra di mia fortuna e dempie e felle
10 luci; e se l cielo e l fato ha ingiusta forza,
chi vide mai pi gloriosa palma?
Molti vinser la terra, e tu le stelle:
tu signoreggi il ciel, che tutto sforza,
rendendo vera libertate a lalma.
1466
[Nellinondazione di Roma.]
Mentre cade la pioggia e freme il vento,
passa il Tebro le sponde usate e i segni,
e par che di se stesso omai si sdegni
rapido ed ampio, overa angusto e lento.
147
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
5 Ma pi che l danno grave l suo spavento,
pur come a Roma il vincitore insegni
chaltri suole ingombrar vicini regni,
n del suo giusto imperio mai contento.
Qual meraviglia , se chi tuona e regge
10 pon confine a la terra, al fuoco, a londe,
pur ricusa a natura ordine e legge!
che a luom tolga il suo freno, e spesso avvampi
il barbarico incendio, e spesso inonde
il diluvio raccolto i dolci campi!
1467
[Ad Antonio Costantini.]
Son vostre lodi, Antonio, e degni pregi
puro stil, pura lingua e puro core,
che solo di virt tempio e donore,
qual non drizzaro i peregrini egregi.
5 E di fama immortal corone e fregi
far voi potete al vostro e mio signore,
degnissimo non pur chei s vonore,
ma desser caro a pi sublimi regi.
Dogliomi sol che la mia pena accresca
10 la vostra laude, e nel vergar le carte
la stanca penna alfin la scemi intanto.
Ma fate voi chal mondo omai nincresca;
e gloria avrete di s nobil arte,
pago de vostri merti e daltrui vanto.
148
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
1468
[Al conte di Paleno.]
Signor, perch dAverno al ciel risorga
lalta Babel con pi superbe mura,
e la gran torre ove in sembianza oscura
Nembrot esempio altrui dorgoglio porga;
5 od altra maraviglia in cui si scorga
altezza poco al fulmine sicura,
bramer i dolci colli, in cui natura
vuol che de larti sue lieto maccorga.
E la citt chin s mirabil faccia
10 vagheggia il mar Tirreno, il lido e l monte,
onde lAfrica vinta ancor minaccia,
e fra duci ed eroi, che n seno accoglie
te, cui Febo di lauro orn la fronte,
n bastar pu senza trionfi o spoglie.
1469
Al principe di Conca.
Signor, pensando a le memorie antiche
che l tempo rende oscure, in te discerno,
quasi raggio di sol che sgombri il verno,
splendor che scaccia lombre al ver nemiche.
5 N chi la fama avrebbe e le fatiche
del pio Troian che scese al cieco Averno,
pi debbe de nepoti al nome eterno
cha quel de gli avi tuoi le Muse amiche.
O ricco davi e di tua gloria e dauro,
10 onde pi daltri abbondi e pi tillustri,
or del numero il danno adegua un figlio
149
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
con la virt, con lo sperar de lustri;
ma chi loda il valor alto e l consiglio,
luce di prisca fama ampia e restauro?
1470
Oltre il Gange, oltre il Nilo e lIndo e l Reno
volar devrian con pi sonanti carmi
la vostra gloria e lalte imprese e larmi,
e i gran nomi a cui l tempo gran veneno;
5 n potrebbe una man vergarne appieno
le carte, n scolpirne i bianchi marmi,
n cantarne una lingua, e io temo alzarmi
sovra le nubi, e n grembo al mar Tirreno,
quasi Icaro, lasciar lardite piume.
10 Dunque altrui pi le sparga, e, come giusto,
passi la fama vostra Abila e Calpe:
da me ristretta infra due mari e lAlpe
parria tra monti ripercosso lume
o vento che rimbombi in loco angusto.
1471
[Al conte di Paleno.]
Spirto gentil, chi pi lodati esempi
segui dalto valor, che forte o giusto
Africano od Augusto
lasciasse al mondo od altro invitto duce;
5 quel tuo maggior, chadorni i sacri tempi
f di novi sepolcri, e n bianchi marmi
spieg linsegne e larmi,
e giunse a chiari nomi e fama e luce,
segn quel calle, ove piet conduce;
10 tu da lei scorto al tenebroso inferno
150
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
od a felici campi,
per favolose vie non movi il passo;
ma poggi al tempio de lonore eterno,
del cui ardente desio ne lalma avvampi,
15 perch gloria pi salda in lei si stampi
chin bel metallo o n sasso,
ed abbia gli anni in terra e l tempo a scherno,
come han lalme l s Stige ed Averno.
E mentre dAdemaro in ciel risplende
20 lardente spirto pi chin lucidostri,
e gli stellanti chiostri
tutti de la sua luce orna e rischiara,
qui la sua fama antica il volo stende
oltre l corso del sol, che l d riporta
25 per via lunga e distorta,
e innanzi a lui bella si scorge e chiara;
e gli altri chascondea la terra avara,
la ve perpetua e cieca notte adombra
il suo profondo seno,
30 sono, la tua merc, famosi e conti.
Ma de lantichit la nube e lombra
sparisce come a raggi in bel sereno
nebbia compressa datro umor terreno.
Chi fia che lor racconti,
35 se folta selva, quando il gel si sgombra,
di tante fonti non sadorna e ngombra?
Felice stirpe, onde il pi nobil regno
che l nostro mare inondi o l sole illustri,
in gran girar di lustri
40 si gloria (oh gran favor di stelle amiche!);
e perch quattro volte il fero sdegno
daspra Fortuna abbia gittato a terra,
con perigliosa guerra,
tante corone de suoi regi antiche,
45 movendo larme al sommo onor nemiche,
151
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
e svelti i tronchi da radice a forza;
questanco inalza e spande
la nobil chioma e cento rami e cento,
chempia tempesta non la crolla o sforza,
50 benchella sorga pi fiorita e grande
e si faccia donor sacre ghirlande,
senza tema e spavento,
e di sua lode adorna in verde scorza,
vie pi con gli anni acquista onore e forza.
55 E quando il regno aggiunse al grande impero
e quando il diede al successor di Carlo,
chi sol potea donarlo,
quasi un bel premio de limprese eccelse,
e poichalfine il glorioso Ibero
60 dAragon venne folgorando e spinti
i suoi nemici e vinti,
difese lei che l fece erede e scelse;
e quanto il tenne e proprio albergo ei felse,
finch successe il buon nipote al figlio,
65 ella si stese e crebbe;
n senza quella chiara, invitta fede
de tuoi maggiori in pace o n gran periglio
daspra contesa, alcuno a regnar ebbe;
e degno grado a quel valor si debbe,
70 sostegno a lalta Sede,
danimo ognor costante e di consiglio,
e per guerra e per morte e per esiglio.
Ma co regi, che fati avari e scarsi
ebber sovente in guerra e l regno istesso
75 or predato or oppresso,
e da giogo crudel talora afflitto,
non poteva ella insino al cielo alzarsi,
n fu s ampia la fortuna o l clima,
come il merto si stima.
80 Poichal gran Carlo ed a Filippo invitto
152
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
non ha meta o confine il ciel prescritto
in barbarica terra o n mar profondo;
ma la giusta possanza
trapassa le colonne, e i sacri altari
85 la gloria, ed a lei sembra angusto il mondo.
Poche ha la stirpe tua sembianti o pari
fra lorridAlpe e i duo famosi mari,
e n te se stessa avanza,
e l primo Re le aspira e l ciel secondo
90 a sostener di gloria antica il pondo.
E perch dostro altri sadorni e doro,
e scettro imperioso in guerra ei porti,
altri spesso riporti,
vinto il nemico in campo, altera palma,
95 e cinga il crin di trionfale alloro,
altri, il re difendendo, a morte il toglia,
porpora sacra e spoglia,
e prisca fede e gloria ardente ed alma
sono a te cara ed onorata salma
100 da gli avi imposta; e la sostiene e regge,
e n se stessa saduna,
la tua virt che non vacilla e manca;
ma di seguir tanto valore elegge
con pi destra e seconda alta fortuna,
105 sin da le fasce e da la nobil cuna;
n mai sallenta o stanca
e quasi a se medesma viva legge,
mentre i popoli tuoi frena e corregge.
Signor, deh mira come Italia e Spagna,
110 le pi belle del mondo e care parti,
hanno diffusi e sparti
gli onori e larme e le vittorie intorno,
dovunque lOcean circonda e bagna;
e come avvien chin pi tranquilla faccia
115 in lor suo albergo faccia
153
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
Fortuna e Marte dauree spoglie adorno,
n pi stimi del mondo altro soggiorno.
E qual ne lalto Egeo nocchiero accorto
spande ventosa vela,
120 quando placida laura e l mar sacqueta,
e l ciel risplende da loccaso a lorto,
ch nulla nube a mezzo giorno il vela,
spiega tu cortesia, chinvan si cela,
a gloriosa meta,
125 sin che nel mar gittando il ferro attorto,
lieto alfin prende il pi felice porto.
Canzon mia, non pu ingegno o stil pi colto
darti colori e lumi
s varii, che di lor tutta risplenda;
130 ma quel signor cha le tue Muse accolto
in degno albergo, al suo splendor tallumi.
E se parer pi bella altrui presumi,
fa chegli in grado il prenda,
e d: Quel chin me splende o poco o molto,
raggio suo solo e l vero in luce avvolto.
1472
Scrive al signor Orazio Feltro di aver nellanimo la forma di Napoli e del
re vittorioso.
De la citt, per cui natura e l cielo
raccolse quanto ha in s diviso il mondo
di bel e di gentil, nel core ascondo
la trionfale imago; e tolto il velo,
5 Orazio, al fin vedrai di quanto io celo
non dAdria il sen turbato o l sen profondo,
dovEncelado scote il grave pondo,
ma la fervida arena e l mar di gelo;
e lauri e palme pi di pini e dolmi,
10 ed aquile e colonne e spoglie dauro,
e simulacri ancor di regi vinti;
154
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte terza
e le piaggie e l bel monte e i lidi colmi
darme e di prede; e seguir lIndo e l Mauro
il nostro re co regi dAsia avvinti.
1473
[A Orazio Feltro.]
Valore e cortesia, tuo proprio merto,
son di nobil fatica ampia mercede,
perch virt non trova e non possiede
di se medesma il guiderdon pi certo.
5 In questo spazio de la vita incerto,
ove ciascun che nasce affretta il piede,
e giungendo a la meta, indi non riede,
n pur due volte in un sol corso esperto,
qual vana pompa o qual marmorea tomba
10 pi l fa superbo! qual onor, qual pianto
o qual fama dorgoglio avvien che spiri!
Ma se a gloria immortale, Orazio, aspiri,
dogliomi che sin or poco rimbomba
laltrui grazia, il tuo nome e l nostro vanto.
155
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quarta
Parte quarta Dal gennaio al dicembre 1590
1474
[In morte di Fabio Polverino.]
Quel che premer solea lorrido monte
con lorme volte a gli stellati giri,
l ve il gigante fiamme e fumo spiri
scotendo il fianco e la superba fronte,
5 calca or le strade ovaspir Fetonte,
che mal ritenne a freno alti desiri;
calca le stelle; e quinci avvien che miri
lalme tarde al salir, al cader pronte.
Quinci ne sgrida e quinci al cor rimbomba
10 linterna voce: O voi, che dianzi in terra
seguite i certi passi e l santo esempio,
a questa pace omai da quella guerra
volgete gli occhi e n questo eterno tempio,
dove lutto non ha morte n tomba.
1475
Fabio, dove drizzasti i santi passi?
anzi dove spiegasti il santo volo?
Al ciel, son certo, al pi sublime polo,
in parte onde poggiando a Dio sol vassi.
5 Quindi lucido ed alto oscuri e bassi
noi miri, e tutto lieto il nostro duolo,
e me, che del tuo onore egro or consolo
e de la gloria tua gli spirti lassi.
O felice pastor di questa greggia,
10 or sei vicino al mansueto agnello,
che mai non cade e fa perpetuo il giorno,
terrena mandra con celeste reggia
cangiando, e il fumo che ti adombra intorno,
co raggi eterni del lucente vello.
156
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quarta
1476
[A una signora rimasta vedova.]
Non han pi bel soggetto i colti inchiostri
di voi, saggia, pietosa e nobil donna,
che inculta in nero manto e in nera gonna
splendete pi che fra le gemme e gli ostri;
5 n han maggior gloria i lidi e i campi nostri
de la vostra virt che in voi sindonna;
o quelli in cui drizzar meta o colonna
gli antichi eroi, fere vincendo e mostri.
Voi mille interni affetti e l duro assalto
10 vinceste di Fortuna ancor superba,
senzarmi e squadre, voi guerriera e duce.
Quel chebbe il vostro amor pudico ed alto
col cener freddo pur sepolto il serba,
anzi linfiamma in ciel da luce in luce.
1477
In lode del granduca di Toscana.
Alto signor di gente illustre antica,
come quel che Mesenzio ancise e Turno,
tante stelle non ha seren notturno
quante virt lalma di gloria amica.
5 Ma lampio ciel, che al crin stellante implica
nel suo giro sovran Giove e Saturno,
poich sparito lo splendor diurno,
che in parte avversa or fa la terra aprica,
altri lumi talor nasconde e mostra,
10 altri ognor tien nascosi, altri lucenti
securi da loccaso ei volge intorno.
157
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quarta
Tal rara grazia, ond vostralma adorna,
socculta, e la virt, che pur n vostra,
risplende eterna a pi contrarie genti.
1478
A Ferdinando I de Medici, granduca di Toscana.
Al tosco impero, in cui salz Ferrante,
quinci giustizia fece alto sostegno,
quindi clemenza, onde per caso indegno
pria fora lAlpe e lAppenin tremante,
5 pria frale il marmo e l lucido diamante,
l ve mostri Fortuna il suo disdegno:
cos riposa anche il celeste regno
su le colonne onde il sostiene Atlante.
Cos, sparso di lumi, i raggi vibra;
10 cos di sue corone egli sadorna,
ma le dissolve poi qual nubi o lampi.
Sono men salde in voi, celesti campi,
che ne la sacra chioma, o sempre aggiorna
de la sua gloria il sol, lucente in Libra.
1479
Sovra il simulacro dErcole sovra il fonte de Pitti, in Firenze.
Io, che vinsi le fere, ancisi i mostri
posi le mete al mar, le mete al mondo,
con Atlante sostenni il grave pondo,
e congiunsi gli affanni e i pregi nostri,
5 nuda alma ascesi a gli stellanti chiostri;
ma l simulacro mio dorror profondo
voi qui malzaste a lo splendor giocondo;
acque a voi spargo, a me versate inchiostri
158
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quarta
ed a questo di Cosmo invitto figlio,
10 perch di sue vittorie e mie fatiche
egli abbia gloria eterna, ambo quiete.
Sian questi fonti a me Castalia e Lete
purch di funi invece or Muse amiche
e Febo io veggia in lieto e caro esiglio.
1480
Arno, come Acheloo dErcole invitto,
svelto non ti vedesti il duro corno;
n da lui ricevesti oltraggio e scorno,
misero amante in tenzon fera afflitto.
5 Prima per che renda al mar suo dritto
torci il tuo corso al simulacro adorno,
e i verdi colli e i bianchi marmi intorno
bagna e feconda pur qual Nilo Egitto.
Segli dono del ciel, del cielo imago
10 gi non se n vanti, o sua citt pareggi
con lei che fu dAugusto opra gentile.
Chaltre luci, altro sole al sol simile
ti fan pi lieto di sua gloria e vago:
felice te, chin s bel corso ondeggi!
1481
Al cader dun bel ramo che si svelse,
pur come quel che sterpa orrido nembo,
sparso a la terra il grembo
de suoi bei fiori e de le spoglie eccelse,
5 vedova pianta ondAppenin sadombra
parea dolersi, e Flora in negro manto
urne vers di pianto;
lArno e i monti addoppiar lorrore e lombra;
159
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quarta
n larve il fiero duol chil volto ingombra,
10 bench sopra le stelle,
translato il nobil ramo e quasi offerto,
sia tra lalme pi belle,
pi bel di quello ond lInferno aperto:
perchegli aperse il cielo, e fu suo merto.
15 Ma comesce di tomba
o da tronco talor voce rimbomba,
tal sudia nel lamento
de le preghiere sue mesto concento.
Padre del ciel, parea Toscana e tutto
20 pregare il glorioso almo terreno,
di mestizia ripieno,
tempra dItalia il grave affanno e l lutto;
mira di questi eroi la stirpe antica,
che producea, s come fronde e fiori,
25 le vittorie e gli allori,
mentrebbe il cielo e la fortuna amica,
senza il bel ramo suo. Sorte nemica
il gran ramo le toglie,
come sia tocco da tempesta o gelo,
30 o pur tua mano il coglie
e, sin terra ei fioriva, ei splende in cielo:
deh! se ti mosse mai pietoso zelo,
di quel ramo ch tronco,
germogli il glorioso e nobil tronco
35 da radici alte e ferme,
di virtuti e donore il novo germe.
Padre e cultor de le pi sagge genti,
que fiori di leggiadri alti costumi
or son celesti lumi,
40 e fiammeggian l s fra luci ardenti;
ma qui si duol, quasi dingiusto oltraggio,
larbor sempre fiorita e gloriosa,
sa la sua chioma ombrosa
160
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quarta
non splende di tua grazia il dolce raggio;
45 succeda ancor pi lieto il maggio al maggio,
e tutta ella sasperga
de la rugiada tua pura e celeste,
e si dispieghi ed erga
senza timor di tuoni o di tempeste.
50 Deh! se ti mosser mai preghiere oneste,
se lagrime non false,
se de lonor dItalia unqua ti calse,
nasca il figliuol chio bramo,
quasi in vetusta pianta il novo ramo.
55 Nasca a Fernando Cosmo, indi la chioma
con la corona del suo antico adorni,
ne suoi perfetti giorni,
e trionfante il veggia Italia e Roma;
veggia di novo il Vaticano e l Tebro
60 dor, dostro, darmi altera e sacra pompa;
n fortuna interrompa
la gloria che sperata omai celebro,
ma porti invidia a lArno Anfriso ed Ebro.
Cos Toscana disse;
65 e l Re del ciel ton con chiari lampi,
e stelle erranti e fisse
volse benigno in pi sublimi campi.
Or tutta dallegrezza avvien chavvampi
Fiorenza, e par imago
70 de lampio ciel, che pi di lumi vago;
e de lalta speranza
parte sadempie e parte ancor navanza.
Cos danimo agguagli il re di Pella,
danni pareggi e di fortuna Augusto,
75 e di giustizia il giusto
choltre a lIstro dom gente rubella;
e quanti mai cesari invitti e regi
leggi diero a la guerra, arme a la pace
161
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quarta
vincendo o Mauro o Trace,
80 e quanti fur mai peregrini egregi;
cos de gli avi suoi rinnovi i pregi;
e sovra orridi monti
spoglie innalzi e trofei; colonne ed archi
porti su lacque e ponti,
85 onde lamica terra e l mar si varchi;
cos da varie prede adorni e carchi,
da barbarici regni
vengan a lidi toschi i toschi legni;
e Fortuna seconda
90 spieghi le insegne sue di sponda in sponda.
Appena ella, fermando i passi erranti
sovra le sfere del celeste regno,
avria maggior sostegno,
n daltro in terra pi si glorii e vanti;
95 e, bench pur si cangi e varii e volga,
e ingiuriosa faccia alte contese
in magnanime imprese,
non fia chal mio signor la gloria tolga.
Virt par chil fanciullo in seno accolga
100 qual celeste nutrice,
e dambrosia divina ancor linstille,
acciocch men felice
fosse Romolo invitto o l fero Achille;
e se l s di raggi e di scintille
105 splende il Centauro e darmi,
e qui lantica Fera in bianchi marmi;
virt fra noi si cole,
ed imagine e tempio ha sopra il sole.
Cerca tra fonti e selve e statue e logge,
110 canzon, la real cuna,
e d: Senza favor daltra fortuna,
fra mille arti leggiadre,
virt maffida e cortesia del padre.
162
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quarta
1482
Nel nascimento del serenissimo principe di Toscana.
Oggi che nasce il figlio al tosco duce
pace e riposo e libertate ha l mondo,
sciolto pasce il destrier campo fecondo,
senzaratro la terra ancor produce.
5 Senza remi le navi a noi conduce
con preziose merci Austro secondo,
scema la notte e lorror suo profondo
il sole, e cresce la sua ardente luce.
Par che natura canti e l ciel descritto
10 quasi con auree stelle il vel dimostri;
nasce vincendo il sol dalto emispero,
nasce a vincer gli eroi, non solo i mostri,
non per servir, ma per sovrano impero,
nasce dinvitta stirpe il figlio invitto.
1483
Quando a sentir qua gi la state e l verno
scese dal puro ciel la nobil alma,
e non solo a portar corporea salma,
ma real peso ancor dalto governo,
5 ogni bella virt, chonore eterno
nacquisti in terra o gloria ardente ed alma;
o de nemici pur corona e palma
mand gi da le stelle il Re superno.
N per doni di Giove o di Saturno,
10 quanto per grazie di sua man consparte
fia chei risplenda, e per antico esempio.
Egli ch luce, e luce al sol comparte,
de rai coroni la sua imago al tempio:
chogni altra fama qual balen notturno.
163
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quarta
1484
[A Vincenzo Gonzaga che si bagna nel fiume.]
Fuggiste a lacque il foco,
e l trovaste fra lacque,
perch fra l pianto in voi la fiamma nacque;
ma sarde in ciascun loco
5 Amor, come si crede,
vi conduca al martir la vostra fede,
e procurate almeno
che dolce fiamma vi riscaldi il seno.
1485
Perch tra le freddacque il foco ardente,
signor, cos fuggite,
se lavete nel core?
Schivate ciascun altro, e solamente
5 di fede in voi nutrite
quel che nacque damore:
ch non ben si mantiene
sol di pianto e di pene.
1486
Allillustrissimo signor don Giovanni III, conte di Ventimiglia, marchese
di Ierace.
Gi non son io scultor di bianchi marmi
che in alta parte a gran colonna appoggia
statua, che mai non si rimova e parta;
ma qual di moto in disusata foggia
5 Dedalo ai simulacri, in breve carta
tento dar quasi vita a novi carmi.
Musa, che lodi le corone e larmi
dei magnanimi duci e lalte imprese,
e gli acquistati imperi e i vinti regni,
164
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quarta
10 e de gli antichi eroi trionfi e palme,
tu sai le strade in cui sublime ascese
Perseo e Bellerofonte, e scrivi i segni
onde scendon fra noi le nobilalme;
qual nave adunque fia che tutta spalme
15 e recusi dandar fra scogli e sirti,
le vele aprendo a pi turbati spirti,
con le sue care salme,
o dove pi fremendo il mar si sdegni
e fra monti apra il passo a curvi legni?
20 Tu che passasti l cielo e i giri ardenti
de le stelle e del sol, tu pronta or varca
il mare, o Musa, a mezza notte il verno;
e qual di te fia degna e grave barca
speri bella merc donore eterno,
25 malgrado pur di procellosi venti.
E se Argo coi suoi lumi alti e lucenti,
cui Borea od Austro non estingue o mbruna,
a i naviganti ancor luce e scintilla,
tua grazia e virt, Musa celeste.
30 Tu spesso con seconda ampia fortuna
corri londa turbata o pur tranquilla,
e lieta miri or quelle piaggie or queste,
senza temer sonore onde o tempeste;
o il gran Tifeo, che scote a monti l dorso
35 e non fa del veloce e leve corso
lalte fughe men preste,
perch versi col fumo atra favilla;
non ti ritenga alfin Cariddi e Scilla.
Etna vedrai, che ne lantica fronte
40 le nevi accoglie in ogni tempo e serba,
e presso a le faville indura il gelo:
Etna fra lor colonna alta e superba
e gran sostegno al suo stellante cielo;
che sparge fuor del cavernoso monte
45 dinestinguibil foco acceso fonte
165
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quarta
e vivi fiumi di suonante fiamma,
e negri spira e densi fumi il giorno,
onde laria vicina adombra e cinge;
arde la notte e l ciel sereno infiamma
50 dorribil luce rosseggiando intorno,
e i duri sassi alpestri accende e tinge
e inceneriti in mar gli rota e spinge;
quasi tonando in guisa il fier rimbomba
da linfiammata e spaventosa tomba.
55 Ma quanto ombreggia e finge
vetusta fama del suo grave scorno
fia poco a lato a quel che in rime adorno.
Altro men fero monte il petto e l grembo
l ve Imera il bel corso affretta e rompe,
60 a te di rose infiora e di ligustri;
altri vedrai sepolcri e sacre pompe
con varie insegne tolte a duci illustri,
che gi rap di guerra oscuro nembo.
E da le verdi falde al negro lembo
65 del gran mar african limprese eccelse,
onde Ierace e quella nobil terra
meno apprezza i giganti al sasso avvinti.
Vedrai quei tempi ove il suo regno scelse
dal ciel discese la Vittoria in guerra,
70 per cui fur Greci e Mauri e sparti e vinti,
e Franchi avversi n tanta gloria estinti;
n fan s glorioso o bel trofeo
spargendo i fochi Encelado e Tifeo
del lor sangue dipinti,
75 od altro cui gran peso aggrava e serra,
n vede il sol quando lavvolge ed erra.
Quivi ti raccorr leletto albergo
del buon nipote dalti eroi normandi,
che vince di Ieron lantica reggia;
80 e mentre, o Musa, lali ntorno spandi
girando il mar, che presso i lidi ondeggia,
166
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quarta
lascia le prime meraviglie a tergo;
e porta il mio pensier, che innalzo ed ergo,
dove l novo Giovanni agguaglia il padre
85 di gloria e gli avi e quel che tutti avanza,
e ne rinnova il nome e l pregio e larti,
e i fatti nsieme e le virt leggiadre
danimo, di valore e di sembianza.
Simile a lui che in quelle e in altre parti
90 Sardi, Traci, Africani ancisi e sparti
lasciando, al cielo ascese e forte e giusto,
de lauree spoglie dOriente onusto.
E sei vorr pregiarti,
digli chio vivo, e per continua usanza
95 dempia morte mi affida alta speranza.
E perch ben due volte invida sorte
mabbia sospinto appresso il dubbio varco,
ove Acheronte i vidi e i neri chiostri,
altre tante ho ritratto il grave incarco,
100 come gi Orfeo plac gli orridi mostri
cheran dintorno a le tartaree porte.
E vengo incontra a la seconda morte
di rime armato e incontra il tempo avaro,
chogni cosa mortal distrugge e rode
105 e premio e nobil fama in duro campo;
e con la poesia se n vola al paro
per me listoria, e di quel tuono or sode
lalto rimbombo presso al chiaro lampo,
n senza loro avrei rifugio o scampo.
110 E se avverr che al cieco oblio ritoglia
le care prede, abbia la grave spoglia
lempio, chio solo accampo
di far a gli anni ingordi usata frode,
sacrando a veri nomi eterna lode.
115 E dei grandi avi suoi limprese e i fregi
far pi adorni; e se al mio voto adempio,
coronato per lui di verde lauro
intaglier deternit nel tempio
167
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quarta
que choltre il giogo del nevoso Tauro
120 e fero oltre lEufrate i fatti egregi,
vincendo dAsia e dOriente i regi
e larti e larmi del superbo Egitto,
e scotendo a i fedeli il grave pondo
che oppressi gli tenea con giogo atroce.
125 N tacer del suo Rollone invitto,
o di Roberto, o del fratel secondo
che parve in rari assalti aspro e feroce,
il cui figlio esalt purpurea croce.
N di Serlon, che duna e daltra riva
130 cacci barbara gente e gente argiva,
fu men canora voce,
nel vessillo del ciel portato: ascondo
miracol novo e nova grazia al mondo.
Musa, il numero ancor destinta turba
135 racconta, onde fu preso il chiaro nome
di cui Sicilia pi si onora e vanta;
ma chi nel vanto annoverar potrebbe
arme, genti, citt difese e dome,
e, quasi rami de la nobil pianta,
140 gli scettri, ondella al ciel levossi e crebbe?
Quel Greco che le sfere a contar ebbe
qui fora vinto a s bellopra e stanco,
non chio, s fral che gi vacillo e manco
di quanto a lui si debbe;
145 e quel chora per noi si scrive e canta
raggio di un sol cui la sua luce ammanta.
1487
[Al medesimo.]
Prisco onor, novo merto e nobil alma,
alto cor, larga mano e chiaro ingegno,
sangue real che dalta gloria degno
e che per lui verdeggi alloro e palma,
168
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quarta
5 sono a la nave mia, che tutta spalma
nel mar di vostra lode, il porto e il segno;
ma giunger non vi pu s fragil legno,
se non gitto fra via la cara salma.
Se doblio non paventa il vostro merto
10 e quel nome immortal che non affonda,
il mio perir non pu, se a voi mappiglio.
Voi derror mi traete e di periglio:
siatemi polo, stella, aura feconda,
e fate certo il fine in corso incerto.
1488
A Firenze da monte Oliveto. [Al padre Nicol degli Oddi.]
Di quel monte, ove di poggiando esempio
di sublime umiltate il Re de regi,
che gli onori del mondo o i suoi dispregi
non cur nel trionfo o ne lo scempio,
5 vera imagine questa, ondio contempio
la terra e l cielo e i suoi notturni fregi,
e te, Fiorenza, e le tue pompe e i pregi
e i templi tuoi da questo adorno tempio.
Cos fra bianche e pallidette olive
10 crescon vittoriose e sacre palme
al gran duce de Toschi in verde chiostro;
come inalzan al ciel candide lalme
da verdi colli in su lombrose rive,
padre, a cui nulla cal di gemme e dostro.
1489
A don Virginio Orsini.
Per iscolpire il vostro nome e larmi
di tanti eroi, che Roma ornar sovente,
169
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quarta
Corinto e Paro non ha degni marmi,
n mandan glIndi avorio ed or lucente,
5 n fina gemma il lucido Oriente,
che teme e trema ancor dovella sarmi:
eguali a lopre antiche i nuovi carmi
solo han le Muse a celebrarle intente.
Ma sio rimiro il ciel, veggio la terra,
10 parmi cha prova omai de vostri onori
luna e laltro di lor sadorni e stampi.
Questa dipinge il sen de nuovi fiori,
quel lOrse infiamma di celesti lampi,
lOrse sublimi in ciel, sublimi in terra.
1490
Virginio, il tuo destrier il primo corse
fra nobil turba, onde Fiorenza lieta,
a quel pregio chi passi stanchi acqueta,
n lui ferm fortuna avversa o torse.
5 Tu sal fin corri ove primier precorse
lantico Orsino, pi dOlimpo e dEta
alta e sublime la famosa meta,
chin ciel sovrano, sovra l Carro e lOrse.
Pregio, ch primo al merto, al premio estremo
10 al fin vi giunga, ondabbia il mondo esempio
moltanni e lustri di valor supremo.
Questo mavanza di pi grave salma
conforto sol, n mio desire adempio,
ma dico: E' mio l periglio, altrui la palma.
1491
[A don Vincenzo Caracciolo.]
Onor di tomba e di dorati marmi,
e dinsegne e di spoglie al tempio appese,
170
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quarta
e chiara fama dimmortali imprese
con rotte lance, e simulacri ed armi
5 non son pi degni di lodati carmi,
chalta e bella virt dalma cortese:
onde, signor, potresti a tante offese
di sorte ingiuriosa omai sottrarmi.
Se di me togli di Fortuna a lira
10 lultime spoglie, or che per noi rimbomba
la sacra e nobil guerra e l valor prisco;
questi a trofei de lAsia opporre ardisco;
e quanto aggiungo a la toscana lira,
tanto sinvidia a la canora tromba.
1492
Qui dove lArno alma citt diparte,
de la tua cortesia pronto messaggio
consola di Fortuna il grave oltraggio,
signor mio caro, in s lontana parte.
5 E se, dove cadea dorrido Marte
laltero simulacro, anchio non caggio,
spero inalzar, non come in quercia o n faggio,
spoglie ostili e trofei, ma in vive carte.
E quel nome onorato, onde tu vinci
10 loblio di Lete e gli anni avari e i lustri,
con quel de gli avi conto a lIndo, al Mauro;
e quasi in terren colto il verde lauro
spiegher lalta stirpe, e quindi e quinci
titoli, nomi, imprese e fatti illustri.
1493
[Ad Alessandro Farnese.]
Insegna a te la tua gran patria Roma
doprar la man non pur al vincer presta,
171
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quarta
ma quella gente sollevar e questa,
perch di doppio lauro orni la chioma.
5 A Senna or togli tu lindegna soma,
or soggioghi la Mosa, e serva e mesta
liberi Gallia, allor chaddietro resta
Belgia rubella incatenata e doma.
Ferro non pi vibrar, che punge e svena;
10 basta sol dir per far novello acquisto:
Ecco Alessandro, chogni ardire affrena.
Gi l nemico al tuo re, nemico a Cristo,
udito l suon del tuo gran nome appena,
impallidir, tremar, sparir hai visto.
1494
A Vincenzo Gonzaga.
Quella che trasse gi doscura parte
lor chin moltanni avara mano aduna,
ben fu dalto signore alta fortuna,
non falsa amica di valore e darte.
5 E non ricerca solo a parte a parte
l ve perpetua e fosca notte imbruna,
ma sovra il variar dinstabil Luna
ha illustre albergo e sovra Giove e Marte,
E dice a te: Di tua virt, ch duce,
10 ministra sono, e de suoi rai mi spargo
infin dal cielo, onde splendore acquisti.
Tu a le cose divine i lumi apristi
dAmore in prima; e l cieco e senza luce
Pluto or vede per te con gli occhi dArgo.
172
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quarta
1495
Signor, la gloriosa e nobil terra
la qual di te par che si glori e vanti
pi che de figli suoi divi e giganti,
fra cui produsse dispietata guerra;
5 rozzi tesori e informi asconde e serra
a regi, a cavalieri, a fidi amanti;
e serra il suo splendor loro e i diamanti,
ma in care forme a te gli apre e disserra.
E scopre in verghe dor dal sen profonde,
10 e la fortuna le ricerca e trova,
quasi dimperio sian presagio e segno.
Cos co l cielo ella tonora a prova,
e tanti scettri a te prepara il mondo
quante stelle al tuo crin celeste regno.
1496
[Per la morte di Maria dAvalos.]
Alme leggiadre a meraviglia e belle,
che soffriste morendo aspro martiro,
se morte, amor, fortuna, il ciel vuniro,
nulla pi vi divide e pi vi svelle;
5 ma quai raggi congiunti o pur facelle
dimmortale splendor nel terzo giro
gi fiammeggiate; e del gentil desiro
son pi lucenti le serene stelle.
Anzi di vostra colpa il cielo adorno,
10 se pur colpa in duo cortesi amanti,
fatto pi bello a lamoroso scorno.
Chi biasma il vostro error ne tristi pianti
incolpi il sol che ne condusse il giorno,
chin tal guisa fallir le stelle erranti.
173
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quarta
1497
Ferro in ferir pietoso
dambi gli amanti il core,
ferro, chin ferir fosti emul dAmore:
concorso glorioso,
5 ch concordi ed unite
tu le morti tenesti, egli le vite;
anzi tue fur le palme,
chAmore i corpi un, tu unisti lalme.
1498
Piangete, o Grazie, e voi piangete, o Amori,
feri trofei di morte e fere spoglie
di bella coppia, cui ninvidia e toglie
e negre pompe e tenebrosi orrori.
5 Piangete, o Ninfe, e n lei versate i fiori,
pinti dantichi lai, lumide foglie;
e tutte voi, che le pietose doglie
stillate a prova e i lacrimosi odori.
Piangete, Erato e Clio, lorribil caso;
10 e sparga in flebil suono amaro pianto,
in vece dacque dolci, omai Parnaso.
Piangi, Napoli mesta, in bruno manto,
di belt, di virt loscuro caso;
e n lutto larmonia rivolga il canto.
1499
Poich dun cor due amiche amanti voglie
hai sciolto no, ma duro ferro estinse,
e quel che tua man dolce stretto avvinse
nodo, Amor, empia man rompe e discioglie;
5 or che breve urna e vil terreno accoglie
lumor onde tuo stral spesso sintinse,
ed indi a mille cor tua destra spinse
per trar dal mondo ampie onorate spoglie;
174
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quarta
torna a laratro, Amor, rompi la terra,
10 come gi festi un tempo; o almen vendetta
prendi di lei, chogni tua gloria atterra;
e scrivi al sasso che due amanti serra:
Rotto sia larco ed ogni mia saetta
con questi, e spenta ogni amorosa guerra.
1500
[Al conte di Paleno.]
Bello lauro, signore, onde risplende
scettro e corona de gli antichi vostri;
bella vergine a voi con gemme ed ostri
fu data, e bella prole omai sattende.
5 Bella fama un bel volo inalza e stende
l ve non giunse il domator de mostri;
bella legge si scrive in puri inchiostri;
belloffizio talor simpone o prende.
Ma fra mille bellezze illustri e conte
10 passando il pensier vostro al Bello arriva,
chocculto abbaglia a rai, chappena io scorgo.
E quei lucenti rivi al vasto gorgo
volger vedendo, ondanco il sol deriva,
tornar conosce i fiumi al proprio fonte.
1501
[A Bernardo Castello.]
Fiumi e mari e montagne e piagge apriche
e vele e navi e cavalieri ed armi
fingi, Bernardo, in carte; e i bianchi marmi
han minor pregio de le Muse amiche:
5 perocch Livia dArianna e Psiche
legger non brama, e pu beato farmi,
175
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quarta
se limagini tue co nostri carmi
impresse mira e le memorie antiche.
E mentre pasci le serene luci
10 di quel lume, desian farsi pi belle
e lOrse e le Corone e l Cigno e l Toro.
Ma le rivolgi a gloriosi duci
ed a miei versi tu, da lauree stelle,
muto poeta di pittor canoro.
1502
Ai cardinali che tardavano a creare il papa.
Dunque potr sotto sacrati manti,
nel sangue di Ges fatti vermigli,
cieca voglia ruotar i fieri artigli,
padri, e sbranar i petti vostri santi?
5 E la chiesa di Dio fra tali e tanti
suoi cos cari ed onorati figli,
vedova sconsolata, e fra i perigli,
non avr pur chi le rasciughi i pianti?
Ma savverr cha tempestoso fondo
10 la barchetta di Pier senza ritegno
per vostra colpa combattuta vada,
da quel fianco di Cristo, ondebbe il mondo
salute e pace, e voi corona e regno,
giusta uscir vendicatrice spada.
176
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
Parte quinta Dal gennaio 1591 al dicembre 1592
1503
[In lode del cardinale Sfrondato.]
Comil sole a scoprir leterna luce,
signor, mai non attende o canto o preghi,
ma tosto avvien che spieghi
da laurato oriente i dolci raggi,
5 e seguendo gli obliqui erti viaggi
fa con perpetue leggi a noi ritorno
per riportarne il giorno;
cos vostra virt pronta riluce,
cha la fortuna sua medesma duce;
10 e non pregata giova, anzi previene
le preghiere, che gi son vecchie e lente
di lungo spazio; e non lodata ancora,
s di se stessa onora,
tutta de raggi di sua gloria ardente,
15 e per le vie de lalto ciel serene
pigra colei che suol volar repente,
n l volo appressa di s nobil mente.
Tarda fu la fortuna al vostro merto,
non solo a quel di lui, che dalta sede
20 lostro a merti concede;
tarda la lode che voi segue, e bassa,
n giunge a lei, che tutto a dietro or lassa
loscuro mondo e solo al cielo aspira;
tarda si volve e gira
25 la fama, e l grido suo falso ed incerto,
che solo in voi lodando vero e certo:
voi tardo no, ma grave e dalto ingegno,
l sete giunto, ove si svela e scopre
luom che dostro si fascia e dor sammanta.
30 Come sia bella e quanta
la verace virt, dove sadopre,
gi Roma il mira ed ogni estranio regno,
intento a modi, a le parole, a lopre,
quasi in teatro, poich nulla il copre.
177
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
35 L in dipinto cristallo accesi lumi,
e statue mute infra colonne eburne,
e pompe altre notturne
fortuna variando altrui dimostra;
qui dove il sacro manto a voi sinostra,
40 in voi si veggon lumi eterni e santi,
virt vive e spiranti
tra reali e divini alti costumi,
e tutti avvien che di splendore allumi
quel sommo Sol, che non in Tauro o n Libra,
45 ma ne cuor nostri e ne le menti alberga.
Quindi con mille raggi altrui risplende
quella che n alto intende,
l dove laltre al fine indrizzi ed erga,
e Giustizia i suoi premi appende in libra;
50 e seco ogni altra, in cui sadorni e terga
lalma gentil, cui nullorrore asperga.
Ma tutte fa pi care, anzi pi illustri,
gentilezza di sangue antica e dalma
virtute infusa ed alma,
55 e fama omai canuta e gloria prisca,
a cui sinchini Europa e riverisca
la memoria de lavo al ciel translato
sovra il mortale stato,
e mille anni la serbi e mille lustri
60 o pur finch la terra e l ciel sillustri,
e lieta cortesia con dolci modi,
e n amici sembianti e n saggi detti,
sempre i migliori affida e parte accoglie.
Da le purpuree spoglie
65 il fasto fugge in pi superbi petti;
fugge il rigor, fuggono inganni e frodi,
e vhanno albergo sol pensieri eletti,
arti e virt sublimi e puri affetti.
Oh come bella Italia e Roma altera,
70 anzi lieta lEuropa e lieto il mondo,
mentre reggete il pondo
178
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
col vicario di Cristo e quellincarco,
che gloria accresce a chi n grave e carco!
E come il chiaro sol dal primo Sole
75 prender sua luce suole
e pi bella rotar celeste spera;
cos da voi lume immortal si spera,
mentre spargete altrui del sommo Padre
le grazie e i sacri doni in nobil parte
80 del mondo, ch di Dio lucido tempio;
e con divino esempio
egli per voi laccresce, e le comparte
a questa de le genti antica madre,
che tolse a Giove i templi e tolse a Marte,
85 sacrando a Cristo in terra altari e carte.
Squallidi sono e tenebrosi i regni,
di boschi in guisa e darenose piagge
deserte o pur selvagge
le provincie, orbi i regni, e i feri duci
90 privi del giorno e de lamate luci,
dove di santo ardor raggio non ferve,
tra genti o sciolte o serve;
ma vivon, come sian del sole indegni,
quei che mosser del cielo i tardi sdegni
95 pi de Cimmeri, a cui perpetua lombra
fa la vita mortale orrida e ncolta;
o saltra gente al pi gelato cielo,
ne laltissimo gelo
e n tenebroso orror vive sepolta.
100 Deh qual altro splendor la notte sgombra?
o fa di tanti error lombra men folta,
che lumil plebe al precipizio ha volta?
Il peso a cui sappoggia Italia e Roma,
meglio ei sostien, canzon mia stanca e frale,
105 che tu la gloria sua con debil carme:
per gli scettri e larme,
179
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
e la pompa superba e trionfale,
potria forse parer men grave soma;
ma bench non sia laude al merto eguale,
dovegli sparge i rai, tu spiega lale.
1504
[Al cardinale Sfrondato.]
La Fortuna che n terra or dona, or toglie
gli scettri e le corone e loro e gli ostri,
altezza non ha pari a merti vostri:
tante virt lalma gentile accoglie!
5 Sian le pompe del mondo altere spoglie
de la superba: ivi l poter dimostri,
ch pria turbar pu gli stellanti chiostri
che dalto cor le giuste e pure voglie.
Voi mirate, signor, deccelsa parte,
10 sempre eguale a voi stesso, imperi e regni;
e linstabil sua rota avete a scherno.
Qual pi degno, a cui metalli e carte
sacre sian da felici ed alti ingegni,
per far di gloria un simulacro eterno?
1505
[In lode di Gregorio XIV.]
Da gran lode immortal del Re superno
abbia quella del Re principio in terra;
anzi laudisi quel chi regi esalta,
Padre e Signor, che mapre il cielo e serra
5 e le tartaree porte al cieco inferno,
onde antico avversario ancor nassalta.
Lodate Dio dal cielo, e nsin da lalta
180
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
parte soda la santa e chiara tromba,
o angeli, o virt del sommo coro;
10 soda il canto sonoro,
dove nullaltra voce al cor rimbomba.
Lodal tu, eterno sol, che l giorno illustri;
o luna, e tu, che fai men folta lombra;
lodatel voi, sublimi ed auree stelle;
15 lodilo il lume onde son chiare e belle,
quando la nera notte il mondo adombra;
lodatel voi, di pura luce illustri,
cieli de cieli; e per girar di lustri
non cessin mai l s lode e concenti;
20 lodatel sovra il cielo, acque lucenti.
Perchei comanda e solo eterni e fissi
sono i suoi detti: ogni altro vola e passa;
que no, bench trapassi il cielo e l mondo.
Lodate lui da lima sede e bassa,
25 dragoni e serpi e tenebrosi abissi,
foco, ghiaccio, contesa in mar profondo
de venti, che l perturbi insin dal fondo;
il lodin tutti i colli e gli aspri monti,
i cedri, i lauri, i mirti, i pini e i faggi;
30 voi colti e voi selvaggi,
chincoronate le pi alpestre fronti;
voi fere belve, e voi, cha laspre some
porgete l dorso, e voi congiunte gregge,
voi pesci, e voi de laria augei volanti;
35 lodate lui, lasciando i propri vanti,
re de la terra; e voi chaffrena e regge,
co la lor verga, amici al santo nome,
vergini sacre, e con recise chiome
giovani casti, et canuta e stanca,
40 chogni altra lode cade alfine e manca.
Ma sovra gli altri or tu, famoso Tebro,
e tu, dantichi eroi madre e daugusti,
alza il suo nome al ciel con auree penne:
181
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
chegli a te di cesari invitti e giusti
45 pastori, e questi, chio tardi celebro,
dato da lui, sol per sua grazia or venne.
Egli, che volge il cielo ovunque accenne
e cangiar puote al sol il ratto corso,
e da la destra a noi Giove e Saturno,
50 contra l giro diurno,
mostrare; ei pronto move al tuo soccorso.
Ei volse a te pietose luci e sante,
a te dimperio grande antica donna,
che piangevi duo Padri, al nero occaso
55 giunti, pur come sia fortuna o caso,
o quasi manchi al ciel doppia colonna
e minacci ruina il vecchio Atlante;
ei gli altri accolse in te, grave e tremante,
e fra pi gravi e saggi or questo ei scelse,
60 nato per mitre e per corone eccelse.
Di stirpe degna e di pi degno padre,
quasi novo Gregorio, al mondo nacque
questi che dal primier sappella e noma,
perch la fama, che garriva e tacque,
65 e fra le nubi tenebrose ed adre
nascose il capo e la canuta chioma,
pi si vergogni, e taccia Atene e Roma,
e Tebe antica e la feroce Sparta,
del suo Alcide e di Marte o pur dEgeo,
70 n Romolo o Teseo,
de quai s chiara loda al mondo sparta,
di progenie gentil si glori a prova;
n dAlessandro, uom conosciuto al sangue,
del re suo padre non contento e pago,
75 si narri il parto o l favoloso drago,
o lignudo fanciul chusc de langue,
che le favole prische anco rinnova;
ma casta nobilt, chantica e nova
virtute e gloria insieme adorna or rende,
80 con lalte insegne sue fiorisce e splende.
182
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
Cos nascendo mansueto, umile,
seguisti, o sommo Padre, impresse lorme
del tuo, lunge derror prisco e novello.
Chi vide mai ne le cangiate forme
85 miracolo maggiore? Al santo ovile
prima giacesti semplicetto agnello,
poscia al fonte lavasti il bianco vello,
e chi travia reggesti e chi vaneggia,
fatto sacro pastor con sacra verga;
90 e l dovegli alberga,
parve la mandra tua sublime reggia,
e sudian risonar le selve e londe
de sacri accenti e de pi colti versi,
onde pi chiaro fu Scamandro ed Ida.
95 Pastore or de pastori e santa guida,
da duo lati del mondo assai diversi,
tutti gli accoglie in su lantiche sponde,
e di l ve l sol nasce o pur sasconde,
e tien de lalto Re vece e sembianza:
100 oh meraviglia che tuttaltre avanza!
Qual mastro suol, che n aureo e breve giro
limagin del gran mondo impressa mostri,
con tutto ci che n terra o n ciel contempio,
tal dimostrar solevi a gli occhi nostri
105 de la Chiesa di Dio, che lieta or miro,
la vera forma in men sublime tempio.
Ora in questo s grande il vero esempio
vedrem per te di quella idea celeste,
ove i suoi cori il Re del ciel distinse.
110 E chi pi ne dipinse
la mente mai, cui vela il corpo e veste?
Or quanto con duo mar circonda intorno,
del famoso terren la rigidAlpe
e lAppenin divide, a te sinchina,
115 ed a questa del mondo alta regina
Pirene istessa pi lontana e Calpe,
183
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
s che puote obliar lantico scorno.
Deh, qual si loda magistero adorna?
o qual regno o qual re, cui l Mauro o lIndo
120 raffreni, si disegna in Ato o n Pindo?
Dunque ogni loda il mondo a te converta,
a cui dogni suo dono illustra lalma,
il Padre eterno de celesti lumi,
o scelto a gloriosa e grave salma
125 e degno pria de la corona offerta,
santo dopre, di mente e di costumi.
Brama mutar il corso il re de fiumi,
perchaltri il suo cammin non turbi o rompa,
ed occulto passar di seno in seno;
130 brama nel mar Tirreno
Adda venirne a la romana pompa;
quasi dal sito par si mova e cange,
e Cremona e Milan, cha te verrebbe,
gi figlio, or padre alzato a tanta gloria,
135 che mai trionfo o sede alta o vittoria
dimperador non vi pervenne o crebbe,
per dispiegar linsegne a lIndo, al Gange,
o dove lIstro e l Ren percuote e frange;
e, se corona in ciel, la tua rassembra,
140 mentre ancor vesti le terrene membra.
Oh qual (sian tardi, prego, a volger gli anni),
l ve l Sol di giustizia i raggi spande,
corona di giustizia a te si serba!
Questa ancor s lucente e bella e grande,
145 in cui Roma, mutando i fieri affanni
in santa pace, mut frondi ed erba,
giusto premio del merto, a cui superba
forza cede e furor dempia fortuna:
parlo del proprio e taccio il merto antico,
150 chebbe Paolo s amico;
taccio il nome immortal che nulla imbruna,
184
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
perch tenebre oscure asperga il tempo;
taccio larti, gli studi, il culto e l senno,
e dantica eloquenza i rari pregi.
155 Questo giudizio approva il Re de regi,
che move il mondo e gira il cielo a cenno,
e lalte grazie sue comparte a tempo;
e quegli adoro, in cui pensar mattempo,
profondi abissi di consigli e dopre,
160 e la lucida nube, ovei si copre
A voi mi volgo ancor, delettro e dauro,
angeli in ciel lucenti, a voi, che sempre
siete de raggi di sua gloria accensi;
e tu, sol, che risplendi a vaghi sensi,
165 aspira al mio concento in dolci tempre
perch si sparga il suon da lIndo al Mauro,
verdeggi al nuovo canto il mirto e l lauro,
fra marmi e fonti e seggi ombrosi e foschi,
risonando Gregorio il fiume e i boschi.
1506
[In morte di donna Alvina Mendoza.]
Mille e pi forme in te care e diverse
dipinse di sua mano il Re del cielo;
poi, discendendo a soffrir caldo e gelo,
lalma tua, saggia Alvina, i vanni aperse;
5 e tante tue virt qua gi coperse
dun bel raro, gentil, candido velo,
e nulla mai del mondo amore o zelo
dombrato e impuro a suoi colori asperse,
perchella li nascose a sensi erranti;
10 pur come imago chal pensier traluce,
non fu dumana gloria altera e vaga.
185
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
Ora si svela in ciel tra lumi e canti;
e rassomiglia in quella eterna luce
al primo Esempio, e lieta in lui sappaga.
1507
[Per la morte di Alfonso dAvalos.]
Cadesti, Alfonso, e ruinoso il ponte
te con arme ed armati il mar sommerse,
e ndietro il corso per timor converse
Alfeo; n giunse al desiato fonte.
5 Tu che sembravi a lanimosa fronte
Orazio, e chiuso il varco avresti a Serse,
quando il giogo co ceppi il mar sofferse,
e vendicar potei gli oltraggi e lonte,
Davalo, tu cadesti, ad opre eccelse
10 nato di forte padre e davo invitto:
da qual altro avr l nome il lido e londe?
Orribil caso, egual (se l vero scritto)
a quel che da le nostre antiche sponde
part Sicilia per tempesta e svelse.
1508
[A Carlo Gonzaga.]
Carlo, che l sangue al tuo signor congiunge
e lonor e lamor dalma costante,
e la fede a cui basso il grande Atlante,
e sovra lalto Olimpo al cielo aggiunge,
5 tu s congiunto a lui, da lui s lunge,
di gloria a gli avi e di valor sembiante,
e ne detti e ne lopre e nel sembiante
scopri che nulla te dal ciel disgiunge.
186
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
N Roma fra tanti archi antichi e tempi,
10 ove solea raccorre augusti e regi,
o fra le nove pompe e i lucidostri,
rimirar pu de peregrini egregi
chi pi valor o cortesia dimostri,
o poggi al ciel con pi lodati esempi.
1509
[Al cardinale Cusano.]
Signor, mai non risplende innanzi al giorno
in Oriente la benigna stella,
che per usanza a contemplar nappella,
od Astrea ch del sole alto soggiorno,
5 come la tua virt, che dostro adorno
ti fece il crine, appar lucente e bella;
e lei, quasi ministra e quasi ancella,
segue Fortuna e le si gira intorno.
E dove pene o premi altrui comparta,
10 seco lOnore e vera Gloria insieme;
o se mai Roma e i suoi erranti reggi,
ben aver pu da te pi giuste leggi
la citt che dom le genti estreme,
tolto il senno ad Atene e larme a Sparta.
1510
[A don Virginio Orsini.]
La bella donna, che nel fido core
stile amoroso del pensier dipinse,
co dolci nodi pria cos lavvinse
che al laccio suo lo tien sospeso Amore.
187
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
5 Ma voi per consolar laspro dolore,
che per troppa dolcezza alfin lo strinse,
quale Apelle la diva in carte finse,
tal lavete per man daltro pittore.
E limagin mirate al collo appesa
10 daurea catena, e quando Amor vassale,
dolce vendetta agguaglia a fera offesa.
Ahi, non pari il gioco o pari il male,
n giusta legge in s gentile impresa
far sordo smalto a vivo cuore eguale.
1511
Nel nascimento e battesimo del primogenito del principe di Conca.
Di nobil sangue primo al mondo nasci
come sereno il sol dal lucido orto;
nel sacro fonte poi sommerso e sorto,
di pure acque e di spirto a Dio rinasci,
5 spirto immortal, che ti circondi e fasci
quasi dun velo, e l lacrimato e morto
avo rinnovi, e porgi a duol conforto:
ei la terra abbandona, e l ciel tu lasci.
Vesti or dalta virt quasi celeste
10 usbergo, e palma avrai, non solo scampo,
col nome onde trem barbara terra:
ch questa vita perigliosa guerra,
Pluton nemico, e i sensi armi funeste
contra noi stessi, e l mondo duro campo.
1512
Quel che maperse il ciel felice giorno
e col mio dolce amore insieme nacque,
nel suo gran letto il mar senzonda giacque,
e l sole apparve oltre lusato adorno.
188
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
5 Ed a lui, che la terra illustra intorno,
sereno d giammai tanto non piacque,
non quello in cui Ciprigna usc da lacque,
n quel che da lesiglio ei f ritorno.
Era verde la terra, erbosi e lieti
10 i prati e sparsi dodorati fiori,
n si vedea ne laria o nube o nembo.
Felicissimo d, sancora in grembo
a me ti porta, in te gli errori acqueti,
e la tua luce eterni e i nostri amori.
1513
Giuntera al segno in ciel formato e fisso
il gran pianeta, al cui splendor saggiorna,
scaldando il tergo a lanimal di Frisso,
l ve pari a la notte il d ritorna;
5 Dio nel profondo suo divino abisso
scelto lavea per far la terra adorna,
simile a quello in cui da mole informe
il mondo usc con pi leggiadre forme;
quando fuor venne a sentir caldo e gelo
10 lalma, gi cinta di terrena veste,
lalma discesa da lempireo cielo,
che serba ancor la sua belt celeste;
e qual pittura in prezioso velo
cela talor liete sembianze o meste,
15 tal ne le dolci sue membra terrene
forme ascondea vie pi del ciel serene.
E l divin Fabro, che di luce e doro
cre le vaghe stelle, e n ciel distinse
lOrse, il Cigno, il Leone, l Drago e l Toro,
20 e corone ed altari in lui dipinse,
f ne lalma gentile il bel lavoro
189
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
e di natura il magistero or vinse,
e quel chadorna il suo mirabil tempio,
in se stesso mirando il primo esempio.
25 Fatta simil lavea col vivo lume
a lalta idea de le superne menti,
e di quel suo divino alto costume
semi in lei sparsi, quai faville ardenti;
quinci spiegando le dorate piume,
30 lasci l bel lume e i seggi alti e lucenti
lalma, che peregrina Iddio rassembra,
e di tornar l s tardi rimembra.
Ma lei chaltronde venne il mondo accoglie,
quasi in ampia spelonca o n antro ombroso,
35 e poi lavvolge di sue care spoglie,
peso prima gradito, alfin gravoso;
e perch tutta del suo amor linvoglie,
n cerchi fuor di lui pace o riposo,
o piacer che dal ciel linviti ed erga,
40 fa che bea del suo Lete e i sensi asperga.
Ma ne gli occhi al fanciullo omai fiammeggia,
quasi dal puro ciel, celeste luce,
e la gloria de gli avi e lalta reggia
scorta sar nel suo ritorno e duce;
45 e purch lei qua gi rimiri e veggia
di sole in guisa che nel mar riluce,
rimembrer quel che nel cielo ei scerse,
quando tante sue grazie in don gli offerse.
Ch non cosa onde a celesti regni
50 uom pi somigli, anzi al suo Re superno,
de la virt, chinnalza i chiari ingegni
sovra le stelle, ov lonore eterno;
n pi sereni o pi lucenti segni
trascorre il sol portando o state o verno,
55 di que che son dal Padre impressi e mostri,
perchegli ascenda a gli stellanti chiostri.
190
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
Gi preso ha il vello dor lucida Parca,
per cui prima sarm lantica nave,
darmi e di greci eroi gravosa e carca,
60 che nulla in ciel tempesta o nembo or pave;
e per sua vita il fila, e non parca
di trar lo stame a lui chiaro e soave:
parte al petto ne fa monili e fregi,
quai poscia ornaro i duci invitti e i regi.
65 E forse al portator di Frisso e dElle
via men dispiace averne ignudo il tergo
e fiammeggiar con men lucenti stelle,
quando il sol parte e lui si lascia a tergo,
sei splender con le virt novelle,
70 a cui prepara il ciel sereno albergo;
e la terra sublime ancor lo scelse,
e gi spoglie vi scorge e nsegne eccelse.
Alto seggio, fanciullo, alta fortuna
tadorna e innalza, e grande onor ti serba;
75 e spira odori a te la nobil cuna,
germogliando a tuoi piedi i fiori e lerba;
ombra ti fanno i cedri opaca e bruna
con verdi rami a la stagione acerba;
e dolce mormorando i fonti e i rivi
80 ti lusingano il sonno a giorni estivi.
Senzopra di cultore o di bifolco
produrr i frutti poi lavara terra;
altrArgo in mar far pi lungo solco,
gli eletti eroi portando a nobil guerra;
85 e n altra parte, allor chin Lenno o n Colco,
l dove al giorno il velo o sapre o serra,
spoglie avranno e trofei di preda ostile,
e i gioghi sosterr lestrema Tile.
Ma di pi ferma et famose e conte
90 fian col tuo re laltere imprese e larmi;
Napoli ne suoi lidi e n piaggia e n monte
191
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
lieta glinalzer metalli e marmi,
e gran corona a lonorata fronte;
si canteran le rime e gli alti carmi
95 al nipote di Carlo a suon di tromba,
e gi col suo gran nome il tuo rimbomba.
Mira com turbato e vecchio il mondo
l dove pi sinfiamma e pi sagghiaccia,
e come stanco dal suo proprio pondo,
100 vacillando ruina alfin minaccia.
Mira la terra e mira il mar profondo
quasi allegrarsi in pi serena faccia;
e l ciel promette, variando i lustri,
nove a la nova et vittorie illustri.
105 Oh! se la vita che languisce e manca,
potr tanto schermir da gravi affanni
che sia degna di voi la penna stanca,
almeno per virt de gli ultimi anni
vi sacrer let canuta e bianca,
110 sperando fare a morte illustri inganni,
e con gli studi, in cui talor mattempo,
vincer il fato e trionfar del tempo.
1514
[A Cesare Rinaldi.]
O nobil sede, che di gloria ingombra
il buon Rinaldo, e tanti raggi ardenti,
sparge del vero; e voi dillustri genti
famose scuole, ovogni error disgombra,
5 e come un sol che nulla nube adombra,
purga ed alluma le pi degne menti,
quel dArpin non form pi chiari accenti,
n l vecchio Greco ragionando a lombra.
192
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
N l sacro speco, ove lantiche leggi
10 Numa gi prese, dalto onor pi degno,
n le spelonche fur dIda o di Creta.
Felice lingua e fortunato ingegno!
Or chi de la virt disturba i seggi
in chella regna, e l porto in cui sacqueta?
1515
[In lode di Celestino IV Castiglione.]
Celestin, fu celeste il tuo pensiero,
lopre, le voglie e le virt celesti,
ed angelica vita in terra avesti
sovra luso mortal santo e severo.
5 Tu, quel che travi nel sacro Impero,
di ribellante amico a Dio facesti;
a te de lAsia empi tiranni infesti
ceduto avriano, o successor di Piero.
Ahi, chi l santo voler conturba o vieta?
10 Ma parve angusto a la tua gloria il mondo
e non gradisti in lui corona o regni.
Salisti in ciel, lasciato l grave pondo,
ov di mortal corso eterna meta,
sovra il sol e i lucenti obliqui segni.
1516
[In lode del cardinale Branda Castiglione.]
Santa spada di Dio, che dogni parte
fosti acuta e pungente e grave e salda,
passando il cor, che si risana e salda
con quella punta ondei limpiaga e parte,
193
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
5 ferro non vibr mai torbido Marte,
quando per fiamma di furor si scalda,
dove fa lEbro pi gelata falda,
con tanta gloria e con s orribil arte.
Milano il seppe, ove apparir faville
10 del tuo divin ardore; e poi Costanza,
che di quel chiaro suono anco rimbomba.
O Brando, a cui la Verga unita avanza
se stessa i lieti tronchi a mille a mille,
apristi il cielo, anzi loscura tomba.
1517
[In lode di Baldassare Castiglione.]
Lagrime, voce e vita a bianchi marmi,
Castiglion, dar potesti, o vivo esempio
a duci nostri, onde in te sol contempio
comuom vinca la morte e la disarmi.
5 A te dier pregio egual la penna e larmi,
tal che Roma sottrarsi al fiero scempio
per te sperava, e da gli arringhi il tempio
sacrasti al fin a Dio la spada e i carmi.
Aureo monile o mitra a tanti pregi
10 eran poca mercede o lauro o gli ostri,
o lunga vita, che miseria lunga.
Ma fama che da Batro a Tile aggiunga
avesti, asceso a gli stellanti chiostri,
ove agguagli di gloria augusti e regi.
194
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
1518
[In lode di Erasmo da Valvasone per il suo poema La caccia.]
Qual novo suono questo e quale un tanto
latrar di cani, onde rimbomba il bosco?
Gi Febo scende al seggio ombroso e fosco
sin dElicona ed ha le Muse a canto.
5 Lascia Diana Delo ed Erimanto,
e cede il greco al bel paese tosco;
di chiara tromba in vece omai conosco
il nobil corno, e insieme il dolce canto.
Larti e la fuga de lerranti belve
10 ninsegna Erasmo, e de suoi cani il corso
dimostra e de gli augei lalta rapina.
Veggio di reti circondar le selve;
e l cacciator che di cinghiale o dorso
le spoglie appende e i sacri tempi inchina.
1519
[Nel ritorno in Italia dalla nunziatura di Polonia di monsignor Anni-
bale da Capua arcivescovo di Napoli.]
Italia mia, che le pi estranie genti
e pi lontane da le vie distorte,
onde il sol vita e morte
suol recare a le cose errando intorno,
5 venir vedesti al sacro seggio adorno,
anzi colui che Dio somiglia in terra;
qual di pace o di guerra
messaggiero aspettato unqua rammenti?
o pur qual risonare intorno senti
10 cos degno di gloria e vera e salda,
comil signor cha nostri dolci campi
da lestremo dEuropa amato or riede,
195
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
mentre i velli al Leone il sol riscalda?
Per lui datra tempesta i tuoni e i lampi
15 non turban pura pace e pura fede;
per lui Marte non fiede,
n face scuote, ondalta fiamma avvampi;
per lui schiere non movi o n guerra accampi.
Ma pria dove del mar regina afflitta
20 lira ardente del ciel grave sostenne,
luna e laltra ei mantenne,
e giustissimo fu tra pochi e giusti.
Oltre i confini poi dItalia angusti
la sua fama onoraro Augusto e i regi;
25 co peregrini egregi,
a cui segn la via che solo dritta,
ei magnanimo re di gente invitta
f pi divoto al successor di Piero;
e parve un chiaro sol, cos disperse
30 la folta nebbia e i tenebrosi orrori;
e de le carte illuminando il vero,
a guisa di fantasma il falso ei scerse
di tanti antichi ed ostinati errori;
n sol gli umani cuori,
35 cheran gi chiusi a le fortune avverse,
ma l ciel con altre chiavi ancora aperse.
La terra istessa, ove s lunga adombra
la fredda notte, e fra le nevi e l gelo
talor non vede il cielo,
40 lieta maravigliando al novo raggio,
la fronte alz senza temer oltraggio:
Qual luce questa s serena, ed onde
vien, che lei nulla asconde?
Ma l Carro illustra e l pigro Arturo, e sgombra
45 co l suo chiaro splendor lorrore e lombra.
Scesa certo dal ciel, cha nullo scarso
de suoi tesori e de le grazie eterne;
196
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
angelo certo e donator di pace,
a cui simil di rado in terra apparso.
50 Passi il suo raggio a le mie parti interne,
perchio nulla paventi il fero Trace.
O viva e santa face,
al tuo splendor, chi pu temenza averne,
se piovi in noi tante virt superne?
55 Cos dissella: or che l valor e l nome
non pur l sotto lOrse chiaro e grande,
ma lali intorno spande
pi che non f passando il duce mauro,
e torna, Italia, a te, n pompa o lauro
60 basta a meriti suoi s varii e tanti;
benchaltri pi si vanti
di schiere ancise o pur doppresse e dome
genti, ei non chiede a lonorate chiome
lostro, con mani ancor di sangue tinte,
65 n porta spoglie dor superbo a tempi;
ma paga la virt, senzaltra gloria.
Ei pacifico, inerme, ha lire estinte,
presi gli animi altrui, terrore a gli empi,
e de buoni refugio: oh gran vittoria!
70 Per qual nova memoria,
a questi gi turbati avari tempi
lodiam pi gloriosi e santi esempi?
Lonor, che lorme di virtute impresse
sempre ricerca e ntorno a lei sol usa,
75 che sovente il ricusa,
lusingando girarsi, e quasi a forza,
or perch non si move e non si sforza?
Facciasi incontro a quel sublime ingegno,
che fa lonor pi degno,
80 e giunge merto a le virtuti istesse;
l dove nobil vita un tempo elesse,
perch no l trae da foschi e verdi seggi
197
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
Roma a suoi colli ed a suoi dolci fonti,
e n quella luce che a lei sol risplende?
85 Gli altari e i tempi e le romane leggi,
il pregio omai de le pi degne fronti,
tutti chiedon per lui, chin alto intende;
prega Italia e lattende
e i passi accusa al suo voler men pronti:
90 a lamico Annibal chi spiana i monti?
Napoli ancor, mentre la gloria antica
per volger danni e per girar di lustri
fa gli avi suoi pi illustri,
laspetta a lonorata e sacra verga
95 la ve le gregge sue pasce ed alberga,
e l proprio ovile a cos nobil fama
fortunato si chiama;
e l fiume e l monte e quella piaggia aprica,
cui mormorando il mar Tirreno implica,
100 serbano al suo pastor mille corone,
chardore o ghiaccio non scolora e sfronda,
come fior dElicona o di Parnaso;
e del suo nome avvien chomai risuone
non pur Sebeto e larenosa sponda,
105 ma quanto gi da noi lunge rimaso
fra Borea e l nero occaso;
e dove pi sindura il gelo e londa
par chil gelido mare al suon risponda.
Taci, canzon mia roca, e frena i vanni;
110 odi quel chal mio core omai rimbomba,
o sia di sacra fama un novo canto,
o suon dacque lucenti abbiam dappresso,
o silenzio divin, cui chiara tromba
non pu agguagliarsi, e riverisci intanto
115 del vicario di Cristo il fido messo
quasi dal ciel promesso;
e mentre a lui sinostra il grave manto,
si volga in umil prego altero canto.
198
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
1520
A donna Leonora de Medici, duchessa di Mantova.
Caro a gli egri mortali il lucido auro
e dOriente son le gemme e gli ostri,
e i fonti e i verdi chiostri,
e lopre varie di colori e i marmi;
5 cara la gloria e del famoso lauro
lantico pregio e lonorato grido,
lo qual di lido in lido,
l ve non son intesi i nostri carmi,
sparge il canoro suon di trombe e darmi;
10 ma dono di salute al corpo esangue
tutti altri avanza, ove la mente e lalma
sgombran quasi compagne il duolo acerbo.
Fa la vittoria il vincitor superbo,
ed obliando la sua nobil palma
15 per diletto ei talor vaneggia e langue;
ma le spoglie di sangue
tinte a la nave altrui, che tutta spalma,
son de tesori assai men grave salma.
Ma la salute fa pi lieto il corso
20 dumana vita, che fra scogli e sirti
le vele a feri spirti
di fortuna dispiega e cerca il porto.
Questa portaste voi, chin mio soccorso
veniste a me quasi celeste diva,
25 quandio, sospinto a riva,
pi splender non vedea loccaso e lorto;
luce al cieco donaste e vita al morto:
doni celesti fur choblio non copre.
Voi dal ciel gli prendeste, alma divina;
30 voi sete luce in quel gran Sole accensa,
chi santi raggi suoi sparge e dispensa;
e vita sete voi, chindi dechina
199
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
a far viva qua gi la fede e lopre;
per voi chiaro si scopre
35 che grazia sforza il ciel, chaltrui destina,
e morte in sua giustizia o n sua rapina.
Voi la vinceste: oh che leggiadra schiera
venne con voi dalte virtuti elette,
quando nel cor ristrette
40 le mie gi vinte ebber rifugio e scampo!
Altre scendean da la superna sfera;
altre, in voi nate, a lo splendor chinforma
presa han sembianza e forma,
e tutte folgorar con chiaro lampo.
45 Morte crudele e fuggitiva in campo,
come fera cacciata al folto bosco,
faceva a regni oscuri indi ritorno,
cedendo la mia grave inferma spoglia.
Ed io tremante pi charida foglia,
50 apersi gli occhi stanchi e vidi il giorno
men che pria non solea turbato e fosco.
Or me stesso conosco,
e del mio vaneggiare ho doglia e scorno,
parte il trofeo del vostro nome adorno.
55 E di quella piet, chal primo sguardo
scacci la morte e l gran timor chadduce,
e mentre in voi riluce,
fa de lanima vostra un puro tempio.
Ma perch sono a celebrar s tardo
60 tantaltre? Anzi fra via lonoro e passo,
quasi impedito e lasso,
e l dover e l desir s male adempio.
Bellezza e castit di raro esempio,
congiunte in voi con s tenaci nodi
65 che scioglier non gli pu fortuna o morte,
qual penna porter, chal ciel pi serga?
e pronta cortesia che seco alberga,
200
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
e quella ondalta donna giusta e forte,
in quali carte avran pi chiare lodi?
70 o n quai pi degni modi
con laltre dir al ciel fidate scorte,
in voi sonorer valore e sorte?
Io cha lispano Ibero, a lindo Idaspe
or non posso mandarne il chiaro suono,
75 di voi nel cor ragiono
e ne la parte di me stesso eterna;
bench la Parca il breve filo innaspe,
e n mortal grazia di caduca vita
ivi da me scolpita,
80 ove scorger sol pu la vista interna;
e chi fia che lonori o che la scerna
in queste pigre mie membra terrene?
Ma pur dove il gravoso e fragil manto
nulla di vero a puri spirti asconde,
85 essi vedran comal mio dir risponde,
e sar noto in pi sonoro canto
daltre Muse l s, daltre Sirene.
O sol felice spene!
Or chi ricerca fra mortali intanto
90 da Borea a lAustro maggior fama o vanto?
E savverr che mia fortuna incerta
faccia giammai per me cavalli e navi,
e con aure soavi
o con turbate pur di regno in regno
95 porti la mia ne suoi perigli esperta,
gi non mi converr gittare al fondo,
come dannoso pondo,
la mia salute, e dimostrarmi indegno
del vostro dono; e l combattuto legno
100 la Fede condurr, n rupe o scoglio,
n procelloso nembo o fero vento;
n la sommerger Cariddi o Scilla,
201
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
quando pi si perturba onda tranquilla.
Care merci nel mar novo spavento
105 perde talvolta: io per turbato orgoglio
saggio pi che non soglio,
lamata soma salver contento,
perch si sparga pur loro e largento.
Riverente canzone, inchina e prega
110 quella che rozzo stile in te dipinse,
anzi adombr, come il suo onor risplenda,
gi dArno, ora del Mincio eterna gloria;
e dille pur che segua alta vittoria,
e salute a questalma e pace or renda:
115 vinca fortuna ancor, se morte vinse,
e fugata respinse;
e dove larco in me rivolga e tenda,
la sua piet mi copra e mi difenda.
1521
In morte del cardinale Giovan Vincenzo Gonzaga.
Fera morte, che Roma hai priva e scossa
donor sovrano e mpoverito il mondo
a questa etate, e la sua gloria al fondo
dalto gittata e chiusa in poca fossa;
5 qual vanto o laude hai di crudel percossa?
o qual trionfo nel dolor secondo?
Bench di nobil alma il grave pondo
sepolto giaccia, abbi la polve e lossa,
orride prede e pompe oscure ed adre:
10 ch l chiaro spirto usc dincerta guerra
a santa pace, ove tuo stral non giunse.
Or siede col fratello appresso il padre:
cos quei che l morir divise in terra,
vita immortale in cielo a Dio congiunse.
202
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
1522
Vincenzo, mentre vita in terra avesti
da pi laudati, al pi sublime segno
dalta gloria i pensieri e l chiaro ingegno
e lopre e le parole e l cor volgesti.
5 Te medesmo donore alfin vincesti,
ma gi salito a pi felice regno
lodi basse e terrene hai forse a sdegno,
e lascolti nel cielo alte e celesti.
Perchogni stella e nsieme il sol rimbomba
10 di tua contesa, onde la morte e l nostro
fiero avversario vinto, al Padre ascendi;
e di candida croce in lucido ostro,
presso i trofei di Cristo ivi risplendi,
lodato al suon di pi canora tromba.
1523
[A Gregorio Comanini.]
Gregorio, ad alto fin quasi celeste
richiami la pittura omai smarrita,
l dove il senso vaneggiando invita,
che le sopite fiamme ancora ha deste.
5 Qui non consacra il genitor dOreste
de la sua figlia a proprio onor la vita,
n pioggia dor si loda o pur saddita
o ninfa o dea, ch senza manto o veste.
Ma di forme divine i veri esempi
10 levano al ciel le menti, o n puro velo
miriamo occulti i gran misteri e larte;
e come lonorate e sacre carte
sian pi verace imago, e i sacri tempi
simiglian Dio, non pi le stelle e l cielo.
203
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
1524
A Cristobal de Mesa. Risposta.
Quei che con sommo studio il mondo ammira,
traesi gli alberi Orfeo, le pietre Anfione,
e i pesci fuor de le salsonde Arione
con la cetra, col canto e con la lira;
5 saggio Mesa, cos gli uomini tira
lalto vostro poema, e due corone
di valor luna, ha laltra di ragione,
ondil suo nome a gloria eterna aspira.
Da larmonia qual indi altrui rendete
10 nascon pi degni effetti, alti e divini,
pi grato suon, voci pi dolci e liete.
Quelli selve, animai, sassi e delfini
giungeano insieme, e voi con quel giungete
belli spiriti e ingegni pellegrini.
1525
A don Pietro Zunica.
Qual peregrina pianta in verdi sponde
lunge traslata da felice clima,
lieta fiorisce e con frondosa cima,
e ntorno empie dodor le rive e londe;
5 e n guisa ha i raggi e laure in ciel seconde,
che fra laltre si scorse altera e prima,
e men sonora e si vagheggia e stima
qual pi sinnalza con perpetue fronde;
tal voi, signor, ne la stagione acerba
10 al sole, a laura di favor celeste
sorgete qui fra pompe e duci illustri.
204
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
E gi di vostri flori a voi conteste
palme e corone il ciel prepara e serba,
che fiano eterne al variar de lustri.
1526
[In morte di Tecla Zunica.]
Alma gentil, che nulla aspersa al mondo
fosti del grave suo limo terreno,
e di quel suo mortal dolce veneno
poco gustasti o de loblio profondo,
5 anzi il gran rischio del morir secondo,
pura, bella, innocente al ciel sereno
te ne volasti al tuo Fattor in seno,
scosso di care membra il leggier pondo;
e qual pittura ond rimosso il velo,
10 le mostri lopre sue chiare e lucenti;
e se l padre mortale onor taccrebbe,
che mesto in terra di lasciar tincrebbe,
qual gloria avrai fra le divine menti,
che sua figlia ti chiami il Re del cielo!
1527
[Alla viceregina di Napoli.]
Donna di quel signor challenta e stringe
a magnanime genti il giusto freno,
dove ha pace il bel regno e l gran Tirreno,
e laltro mar che n parte il bagna e cinge,
5 non di tanto splendor sorna e dipinge
s bella Astrea l s nel ciel sereno,
come ne lonorato e nobil seno
ei portolla moltanni, e non si scinge.
205
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
E di giustizia omai corona eterna
10 pu meritar; ma tu di grazia adempi
nostri difetti o tua piet gli sgombra.
O bella, o saggia! anzi sei grazia interna,
chillustri lalme, e n variando i tempi
per te mai non sagguaglia il lume a lombra.
1528
Quando Spagna vofferse,
quasi gradito dono o caro pegno,
disse lItalia: Il dono agguaglia il regno;
ma dar tanta non puote
5 virt, grazia, belt, gloria ed onore
luno e laltro terreno.
Dunque del ciel sereno
dono e mirabil dote,
senno insieme e valore,
10 e bella pudicizia e casto amore.
1529
Mentre la terra e l mare
vonora quasi a prova,
ogni occulta ricchezza a voi ritrova;
non conca men bella,
5 in lieta parte amena,
lunge da londe e da lincolta arena:
luna a voi perle ed ostri,
laltra nobil tesoro
offre dargento e doro;
10 e se luna fia poco,
questa vi ceda e quella,
e la diva del mar vi sembri ancella.
206
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
1530
Gi sei figlia di Giove,
non dir di Latona,
chella mert del ciel lalta corona.
Gi dun bel sole pargoletta imago
5 il tuo fratel s vago,
ma per novella prole
suore e fratelli avran Diana e l Sole.
1531
Disse la dea damore:
Se la mia conca sdegni
perchella fra gli ondosi incerti regni,
prendi il mio carro e vola
5 con lale de miei cigni
tra lumi pi sereni e pi benigni,
o donna di virtude unica e sola:
ivi gira e correggi
gli eterni regni miei con sante leggi.
1532
Quel che dantichi dei,
racconta altrui la favolosa prole,
onde nacque Ciprigna e nacque il Sole,
un Amore e tre Grazie orna e dipinge,
5 quasi Amor senza grazia o nasca o viva;
n dun padre ei gli finge,
n duna istessa diva,
e par che l falso in ci narri e descriva.
Or ne la chiara luce
10 pur duna madre un genitor produce
due belle Grazie e duo leggiadri Amori,
degni del cielo e de celesti onori.
207
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
1533
[Per una figlia della principessa di Conca.]
Come odorato mirto
sorge con verdi fronde,
e benigne ha le stelle e laure e londe;
cos nel casto seno
5 cresci di nobil madre,
di care spoglie adorna e di leggiadre,
pargoletta fanciulla,
nutrita da Fortuna in fasce e n culla.
1534
Rosa che sapre e spunta
col sole o innanzi lalba,
stella amorosa che sindora e nalba,
luna al fratel simile,
5 tu mi rassembri omai;
e dodori e di rai,
fanciulletta gentile,
tadorni lieta in acerbetto aprile.
1535
Ti nutria la Fortuna,
fanciulletta felice,
quando esserti bram Virt nutrice:
Tu cibi il corpo, io lalma;
5 disse e lergo di te pi nobil sede.
Luna a laltra or non cede;
ma lusingando a prova
ti nutrisce e ti giova,
e tintrecciano insieme alloro e palma.
208
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
1536
A donna Giovanna di Capua nella morte della figliuola.
Donna real, da gli occhi asciuga il duolo,
onde teco Piet si lagna e piange,
e n conforto laffanno omai si cange,
che lagrime e sospir conduce a stuolo.
5 Tempri la figlia tua salita a volo
laspro martir che ti perturba ed ange,
mentre ella mira il sol chindora il Gange
sotto a suoi piedi, e luno e laltro polo.
Felice madre, che due regni onori,
10 e non sol porti a questa nobil terra
nuovi eroi dalto sangue e nuovi duci,
ma, se fede animosa in me non erra,
nuove angelette al cielo ancor produci,
e gioia accresci a que celesti cori.
1537
[Alla principesca di Conca.]
Vera figlia di Giove,
onde il nome prendeste,
terrena dea, ma con belt celeste,
son mortali le membra,
5 ma divini i costumi
e gli angelici lumi,
e lo spirto divino altrui rassembra,
e celeste la prole
in cui Cinzia si specchia e specchia il Sole.
209
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
1538
In lode del Santo Padre Clemente VIII.
Questa fatica estrema al tardo ingegno
concedi, o Roma, e tu che movi e reggi
lalto ciel, lumil terra e l mar profondo.
A lui che di tue sacre eterne leggi
5 vivo spirto, e del celeste regno
sostien le chiavi e porta il grave pondo,
e quasi folce in Vaticano il mondo,
sacro la mente, il cor, la penna e i carmi.
Questa la meta eccelsa, a cui dintorno
10 si volge notte e giorno
il mio pensier, n di vittorie e darmi
cantate fama eguale o pregio attende.
Ma fine o meta a quel valor non miro,
che fiammeggia fra noi con luce eterna.
15 Qual dunque in ampia via del ciel superna
savvolga omai nel glorioso giro
de le sante virt, cha lui risplende,
la stanca mente pur, che n alto intende,
n strada gi pi certa al sol prescrisse
20 il suo Fattor fra stelle erranti e fisse.
Ned ei, chil mondo illustra, pi lucente
simulacro di Dio che l giusto e saggio,
che n sua vece e n sembianza il ciel disserra;
ma se vola talor di raggio in raggio
25 infino al sommo Sol lardita mente,
che n lui pensando non vaneggia od erra,
non chini lale ruinose a terra,
s come avviene a chi si piega e volve
da lalta luce, chil pensier tranquilla,
30 ad oscura favilla,
ed a poca ombra algente o poca polve,
n di cosa mortal pi curi o pensi,
ma l sacqueti ove la gloria pace,
210
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
ove cede al silenzio il suono e l canto.
35 E sa parlar di te si scioglie intanto,
sommo Padre e Signor, la lingua audace,
tu rischiara le voci, e purga i sensi
al tuo gran nome e gli miei spirti accensi;
ma ignoto , come il fin, di te parlando,
40 lalto principio; e dove il cerco o quando?
Ovunque io miri, o sia loccaso o lorto
del tuo corso vital, divino assembra,
e paion dogni et segni celesti;
vestito appena di terrene membra,
45 da lesempio de gli avi al cielo scorto,
ad opre gloriose il cor volgesti
e donor gradi infra le stelle ergesti:
gradi donore in disusata foggia,
rivolti al cielo, onduom giammai non salse
50 con fame indegne e false,
ma sol vero valor vascende e poggia.
Quinci da la citt chArno diparte,
nel lungo raggirar danni e di lustri
saliro sovra il sol le nobilalme,
55 ivi cercando al fin corone e palme
di loro imprese e di lor fatti illustri;
e n questa, che fu sacra al fiero Marte,
volte lantiche e le moderne carte,
pur dostro adorno il tuo fratel si scorse,
60 che te per altra strada al ciel precorse.
Quinci ti rimir da lalto cielo
Astrea, mentre ivi l sole i raggi vibra
con ferme voglie a gravi studi intese;
e l ve notte e giorno appende in libra,
65 cinta la testa di ceruleo velo,
da le celesti porte a te discese:
cessaro al suo passar lingiuste offese,
e la discordia e l suo furor maligno,
chi miseri mortali affligge e sferza,
211
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
70 e con pungente sferza
fa spesso i monti, i campi e l mar sanguigno;
lonte cessaro ingiuriose e i danni;
ebber pace le gregge e i vaghi armenti
ne verdi prati, e ne lantiche selve
75 deposero la rabbia orride belve,
e fer tregua col mar glirati venti;
la terra sallegr nel fin de gli anni
poichella dispieg fuggendo i vanni
col secol doro, e de gli antichi tempi
80 al suo tornar conobbe i santi esempi.
E dove il Tebro le famose fronti
mira de colli e le lor parti eccelse,
per vie secrete occulta ella se n venne,
e n vece di stellante albergo scelse
85 quel tuo, che scorse in mezzo a sette monti,
choltre tutti i pi adorni a lei convenne.
Quivi quanto vergar lantiche penne,
mentre di libert lieta e superba
fu Roma, e quanto dogni estranio clima
90 poscia raccolse o prima,
quasi caro tesor saduna e serba
descritto in carte; e te conobbe involto
fra Muzi e Paoli e fra pi saggi e sacri,
chimposer leggi al glorioso impero;
95 ed a lei, chador Clemente e Piero,
chora di nova gloria orni e consacri,
simile a padri antichi in opre e n volto;
e l suo prisco sermone a te rivolto,
disse: Or che tu rispondi, e l vero insegni,
100 viver Bruto ameria ne vostri regni.
N Fabrizio la corte a sdegno avrebbe,
n Catone il servir; ma lieto or guarda,
chottuso ha la Clemenza il ferro e lira,
n discender con lei dal ciel ritarda
105 la pura Fede, a cui del mondo increbbe,
212
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
e l sacro stuol de le virt rimira;
or questo meco a te benigno aspira,
n premi usati al tuo valor promette,
ma gloria eterna e podest suprema,
110 ostro, manto, diadema,
mitre e corone al tuo voler soggette,
e sovra i regi e sovra il grande Augusto
alta sede e sublime a te prepara.
Ma quando reggerai lItalia e Roma,
115 de la Clemenza pur tonora e noma,
che non fia al mondo di tua grazia avara,
perch lasprezza sua contempri al giusto,
che per troppo rigor diviene ingiusto;
ma tutte sarem teco in sacro albergo,
120 n senza te daremo al mondo il tergo.
Cos dissella; e tu Licurgo e Numa
sembrasti a Roma, anzi fra tuoni e lampi
quel chebbe le sue leggi in viva pietra;
e di santo e divino ardore avvampi,
125 che la tua mente informa e tutta alluma;
onde sue grazie in contemplando impetra,
mentre il profano e lempio indi sarretra,
dove profondo orrore anco ricopre,
e sacra nube intorno asconde e vela
130 quegli a cui Dio rivela
il volto suo, non pur gli effetti e lopre;
e dove il monte folgoreggia e luce,
tu non temi quel suon chalto rimbomba,
ma sol lappressi e l tuo fratello teco.
135 Qual meraviglia pi dombroso speco
Roma ci mostra? o n qual pi nobil tomba
ricerca lossa e riverenza induce?
Ma tu sei vivo spirto e viva luce,
e ricercando or quelle genti or queste,
140 tornasti a lei qual messaggier celeste.
213
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
Te del mondo mirar le parti avverse,
ondAustro e Borea il ciel di nube ingombra,
e quei chAlpe e Pirene e l mar disgiunge;
e dove assai pi dura il gelo e lombra,
145 lestranio clima al tuo splendor converse,
chalto spargea purpurei raggi e lunge,
quei che sua vera fede a te congiunge,
regni e popoli amici, a trar non scarsi,
ned a versar per la tua grazia il sangue;
150 n la memoria or langue
de tesori del ciel donati e sparsi;
e invitti regi dauree spoglie adorni,
channo a Barbari posto un duro morso,
la tua santa eloquenza a lui ristrinse,
155 vincendo invitto cuor, che tutto vinse:
tal dal mondo placato e quasi scorso,
senzarmi e senzoffese a noi ritorni,
giunto a lonor de tuoi perfetti giorni;
tale l sacro tesor dispensi e spieghi
160 le grazie e i doni, e sciogli insieme e leghi.
Tale ascendi a la sacra antica sede,
n potenza terrena ivi tesalta,
n consiglio o favor damica stella,
ma Provvidenza, e chi da s tappella
165 (chogni fortuna men sublime ed alta);
e piet con giustizia e viva fede,
chogni altezza qua gi soggetta or vede,
n giunge laude al grido, e solo il merto
trapassa il ciel, ch di tua mano aperto.
1539
[A Cinzio Aldobrandini.]
S come l sol che ne riporta il giorno
ci che dalto in lui versa e Giove e Marte,
e l pi tardo Saturno altrui comparte,
co suoi doni spiegando i raggi intorno;
214
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
5 cos tu, nuovo sol, che rendi adorno
il secol nuovo, grazie infuse e sparte
del gran Padre dispensi; io pur in parte
terreno e grave al tuo splendor madorno.
Io, che lunga stagion turbato vissi,
10 qual uom chin fosca notte e n duro gelo
scorga appena talor pallida luce,
a te mi volgo, o Cinzio; in te riluce
lalta sua gloria e la virt del cielo,
chillustra de loblio gli oscuri abissi.
1540
Tra Fortuna e Virt gi lungo sdegno,
anzi contesa fu spietata e guerra,
per cui lEuropa e lafricana terra
turbossi, e dAsia ogni pi nobil regno.
5 Or lalto valor vostro e l chiaro ingegno,
o s caro al Signor che l ciel disserra,
placato ha lei, che pur vaneggia ed erra,
vaga dornar chi men donore degno.
E mentre luna a laltra fida amica
10 ed aspiran congiunte al vostro merto,
ergendo i gradi, ondegli al cielo ascenda;
a voi ceda le spoglie, a voi mi renda,
nel duro campo de la vita e ncerto,
quasi un trofeo, la mia avversaria antica.
1541
Fra l tuo splendore e la mia stanca mente
la mia avversa fortuna in guisa dombra
o di nebbia compressa, allorchadombra
lorto e loccaso a la stagione algente.
215
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
5 Ma tu di vero onor chiaro e lucente,
in me spiega i tuoi raggi, e lei disgombra,
e di nuove speranze il core ingombra,
che de lantiche omai si lagna e pente.
S dir poi, l ve metalli e marmi
10 son sacri in Vaticano o n riva al Tebro,
signor, come sei grave e largo e saggio;
come virt, schifando a buoni oltraggio,
non men degna che limprese e larmi
de magnanimi eroi, chorno e celebro.
1542
Cinzio, di Cinto in vece, in verde chiostro
il Vaticano a voi co sette monti
lieto sadorna, e tra famose fronti
vi dee sublime onor di lauro e dostro.
5 Vero Apollo di Roma al secol nostro,
vero sol chillustrando omai sormonti,
precorso avete i pi veloci e pronti
e doriente altro splendor dimostro.
Tardi vi segue omai lonore, e lunge
10 gi scorge la virt, che al sommo aspira.
A qual mai tanto il ciel per lei convenne?
Ma dove chiara fama appena giunge,
mentre con lali il mondo intorno gira,
la mia non vola o le pi colte penne.
1543
[A Pietro Aldobrandini.]
Pietro, che in forme s diverse e tante
di mirabil virtute altrui risplendi,
derto e gran monte omai sembianza prendi
nel peso tuo, quasi novello Atlante;
216
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
5 e come di piropo e dadamante
lucida alta colonna, al ciel testendi
in mezzo al tempio, e se virt difendi,
di fortissima torre hai pur sembiante;
e magion sembri in cui valore alberga,
10 e pietra inscritta ancor di viva legge:
ecco, pastor nappari, e di lontano
veggio, o credo veder, scolpite gregge,
e i paschi e i fonti e la tua sacra verga;
angelo alfin ti mostri in volto umano.
1544
A Cinzio e Pietro Aldobrandini.
LEgeo di questa vita in seno asconde
e scogli e sirti, ove il nocchiero accorto
gitta le merci; altri sommerso e morto
nel periglioso corso avvien chaffonde.
5 Qui speco e fonte ha ne lombrose sponde
Cinzio e le Muse, e la sua grazia l porto;
e lucente virt loccaso e lorto
scopre, n mai cadendo i raggi asconde.
Ma se respinge pur fera tempesta
10 la nave mia, perch di regno in regno
erri pur anco e cerchi Iberi ed Indi,
ncora voi le siate, e quinci e quindi
suna or non giova in gran fortuna e infesta
fra mille venti al combattuto legno.
217
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
1545
A Statilio Paolini, segretario di Sua Santit Clemente VIII.
Te non rota Fortuna or alto, or basso,
Statilio, che virt nulla deprime,
e per te stesso l tuo valor sublime,
di cui pensando il mondo addietro io lasso.
5 Ma sio caggio talvolta, e frale e lasso
sotto il gran peso de lamate rime,
tentando Olimpo o le pi altere cime
di Parnaso, te chiamo al dubbio passo.
Tu mi soccorri: a tua piet tinchina
10 quel che non pu fortuna o suo disegno;
e tu malleggia il faticoso pondo.
Oh grazia di virt quasi divina
sovra le stelle alzarsi e sovra il mondo,
indi piegarsi a laltrui caso indegno!
1546
Fermo in alto valor il chiaro stato
fondi, Statilio; e fera aspra percossa
di rea fortuna o pur contraria possa
perturbar no l potria dinvido fato.
5 Euro pi tosto od Aquilon turbato
la fronte crolleria di Pelio e dOssa;
io languisco e vacillo ad ogni scossa
col biasmo in fronte e con la morte allato.
Ma tu vigor mi porgi e tu mappoggia,
10 gi stanco, a questa santa e viva pietra,
gran colonna del ciel di stelle adorno;
e tu mi scorgi a quelle, ondaltri or poggia,
vie sublime stellanti, e tu mimpetra
far con celesti scale a Dio ritorno.
218
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
1547
Risposta a Camillo Pellegrino in nome del principe di Conca.
Gi preso avea lo stil senzarte e senza
maggiore studio, onde le carte io segno,
seguendo de miglior lalta sentenza,
per risponder a voi, donor s degno,
5 come si deve fra gli amici e suole;
ma fu la morte al mio voler ritegno.
Ch l mio buon padre a la gravosa mole
cedendo quasi stanco, or sepolto
sotterra, ahi lasso! onde mi dolse e duole;
10 ma lo spirito suo, quasi disciolto
augel, torn volando al suo Fattore
da legami onde l mondo il tenne avvolto.
Or, comio spero, in gloria assai maggiore
fra i principi de lalta empirea chiostra,
15 n pi si cura del passar de lore,
n di cosa mortal, ch bella in mostra
e dentro terra e fango: onde sorrise,
forse, mirando a la miseria nostra.
Intanto il suo valor, che n mille guise
20 impresso io veggio, seguo ancor lontano,
e rimembro talor Ciro e Cambise
e Dario e l figlio Serse a mano a mano;
ma quanto si racconta o si ridice
o di Perso o di Greco o di Romano,
25 quanto da lAccademia ancor selice
appo l vostro parlar poco sarebbe,
ch voi sareste altrui di Plato in vice;
219
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
e di quel saggio chAlessandro accrebbe
a tanta altezza, chavea lAsia a vile,
30 e n un sol mondo di regnar glincrebbe.
Ma se la vostra et grave e senile
freno a quel lodato e bel desio,
che di rado ha qua gi pari o simile,
la vostra penna almen, chavanti a Dio
35 spiega il suo volo, tal virt la move,
ambo ci guardi da leterno oblio:
me, dico, e l padre estinto, e ne rinove
la memoria, benchegli in cielo ascese,
n gli cal forse daltra gloria altrove.
40 Ma la piet chal suo morir maccese,
or mi conforta, pur chin lui mi specchie,
chebbe sempre le voglie al giusto intese;
e de le glorie adorno e nove e vecchie
del sangue nostro, fu clemente assai,
45 come sia l re de le minute pecchie.
Voi che vivo lamaste, ondio vamai,
fra laltre opere illustri e pellegrine,
formate lui, che non morr giammai.
Voi non pur in Parnaso ornaste il crine,
50 ma lOlimpo saliste, il qual sestolle
tanto che sembra quasi al ciel confine:
per l duol non vi turba o lira folle,
o l van desio donor chi petti scuote,
o vano amor chin noi sinfiamma e bolle.
55 Ma pi lontane a le stellanti rote
sono le nubi onde lampeggia e tuona
il folgor, che le torri arde e percote,
220
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
cha voi gli umani affetti; e vincorona
vostra virt, cha glimmortali e dive,
60 quasi celeste, pur vi paragona.
Quali allori s degni o quali olive
vincitor merit daspro nemico,
dovha l Tebro o lAlfeo lerbose rive?
Ma io gi preso (e con vergogna il dico)
65 damore, a cui let pi verde offersi,
nel laberinto suo me stesso intrico;
n colsi fiori ancor vermigli o persi,
quando Favonio il bel tempo rimena,
n in Aganippe pur le labbra aspersi,
70 se non spinto dAmor, che poi maffrena,
piovendo a me de le sue grazie un nembo,
e tien legato di maggior catena:
s che per un sentier fiorito e sghembo
non seguo lorme che l Petrarca impresse,
75 o di quei chonoraro e lAdria e l Brembo;
n lAttendolo, o quei che Febo elesse,
a cui di gir al ciel la strada insegni,
non sol le vie del poetar concesse.
Egli voi scorse tra celesti segni
80 l dove Arturo ed Orion risplende,
e minaccia tempeste e annega i legni;
poi vi men dove si poggia e scende
in Elicona, e in odorati boschi
ciascun di gloria e darmonia contende;
85 e tra seggi di lauro ombrosi e foschi,
quanto ha dingegno avvien chivi discopra
senza temer chi fonti Amor gli attoschi;
221
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
o che tra fiori e lerbe ei si ricopra,
come il serpente onde lo ciel perdeo
90 colei che in luce ritorn poi sopra.
E quivi con Omero e con Museo
e col cantor di Tracia i tronchi e i sassi
traete, dispensando il tempo reo.
Ma io per dolce suon giammai non trassi
95 colei chin s quanto di bello aduna,
come sdegnata sia chio pur lamassi.
E prima annoverar ad una ad una
potrei le stelle e le gi secche foglie,
che sparge il verno, poi che l cielo imbruna,
100 che leccellenze, chella in s raccoglie
e come raggi lha diffuse e sparte,
perchanimo gentil damor sinvoglie.
Ma voi chavete alto sapere ed arte,
potete lei cantando al cielo alzarvi
105 e lodar bellezze a parte a parte:
ch non potrebbe il mondo insieme darvi
pi bel soggetto o pi amoroso e caro,
n per altra cagion cotanto amarvi.
N lincendio troian saria s chiaro
110 come la fiamma a me soave e ria,
onde mille virt soffrendo imparo.
Il Tasso il suo pensier lunge disvia,
mentrei brama cantar le palme e i pregi
dorrido Marte, e quasi Amore oblia;
115 e pur che dalta fama adorni e fregi
quei chacquistar de lAsia il grande impero,
daltro non par che si diletti e pregi;
222
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
e per avvicinarsi al dotto Omero
dal ciel torrebbe volontario bando,
120 come il pastor dAdmeto, un anno intero.
Ma lasciam lui chi tempi antichi ornando
sostiene il grave e faticoso pondo,
e scema il grido al favoloso Orlando.
Voi curate quel duol che dentro ascondo
125 ne le parti dAmore arse e piagate,
le quali in vano del mio pianto inondo;
e voi la medicina al mal cercate
o fra gli Occidentali o fra gli Eoi,
ne le gelide terre od infiammate.
130 E salcun dimostr ne versi suoi
come risani uom ch damar costretto,
e l dolce amo dAmor con lesca ingoi,
voi che gi tanto avete e visto e letto,
fatel pi noto in dir facondo e grave,
135 o caro a Febo e sol da Febo eletto.
Ma sei medesmo anco sospira e pave
al suon de larco che l percote e fere,
pur come ogni rimedio Amor aggrave,
al vostro canto almen non siano altere
140 le luci chella in me talor rivolse,
quai dolci giri di celesti spere;
e l caro nodo, ondAmor gi minvolse,
come a lui piace, ei sciolga, over aggroppe
pur con quel laccio che mi prese e colse;
145 e le preghiere mie, gi lente e zoppe,
non abbian da begli occhi un fero esiglio,
n per suo sdegno il dolce stil sintoppe.
223
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
E se con voi mi lagno e mi consiglio,
segno damist quantio mi doglio:
150 voi, quasi vecchio padre al caro figlio,
fate in parte pi leve il mio cordoglio.
1548
[A Giovan Battista Manso.]
Signor, mentre sottrarmi a colpi ingiusti
di fortuna crudel pur tento invano,
cantando larme e l cavalier sovrano,
che f la santa impresa e i passi giusti;
5 tu, che danimo agguagli i grandi augusti,
hai steso a me cortese e larga mano;
io fatto quasi per dolore insano,
ho gi gli spazi de la vita angusti.
Almen vorrei, poich l destin mi vieta
10 la dilettosa piaggia e l caro lido,
stender la fama oltre i due mari e lAlpe.
Ma perch cerca pregio in terra o grido,
se in ciel pi lieta e gloriosa meta
ha lumana virt dAbila e Calpe?
1549
[Al medesimo.]
Signor, fra sette colli e loro e lostro
e gli archi e le colonne e vari marmi,
ove scolpite fur corone ed armi,
per cui Roma di gloria nobil mostro,
5 spargere a voi desio purgato inchiostro
tra mille al vero onor sacrati carmi,
224
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
ch a voi conviensi, e in voi lodando, alzarmi,
perchabbia eterni pregi il merto vostro.
Ma spaventa fortuna il tardo ingegno,
10 ch pur intento a la sua nobil opra,
che sol dimprese gloriose ordisco.
Ned altra di tentarne intanto ardisco,
perch la mia avversaria il prende a sdegno,
e temo chaltro oblio minvolva e copra.
1550
[Al medesimo.]
Manso, non fur le mie venture affisse
a questi sette alteri e sacri monti,
n tra lombre lor dolci e i chiari fonti
a me serena vita il ciel prescrisse;
5 e, saltri glorioso e lieto visse
l ve si poggi in Vaticano e smonti,
non lice a me, n i miei pensieri ho pronti
nel lungo corso, ove fu incerto Ulisse.
Pu le vele spiegar sublime antenna
10 forse pi oltre al fortunato volo,
ma fortuna poggiar non pu s lunge.
Chella da lun trapassa a laltro polo,
e suoi nemici ingiuriosa aggiunge:
or tarda la mia grave e stanca penna.
1551
[Al medesimo.]
Manso, al vostro valor fortuna impetra
fra duci e fra gli eroi pi cari a Marte
loco sublime in onorata parte,
onde per fama ogni vilt sarretra.
225
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
5 E l nome vostro o in bel metallo o in pietra
scriver si dee, non solo in mille carte,
e ne le rime altrui raccolte o sparte
udirsi al suon de la pi nobil cetra;
ma se ne versi miei poco rimbomba,
10 difetto darte o pur di tardo ingegno,
non di voler, ch pronto al vostro onore.
E sio prendo per voi pi chiara tromba,
per voi mindori le saette Amore;
e fortuna mi plachi alto disdegno.
1552
[Per le nozze del marchese Giovan Battista Manso e Costanza Belprato.]
In un bel prato, tra bei flori e lerba,
catena di topazio e di diamante
vi strinse a donna di valor costante,
chAmor la tese a la stagione acerba.
Or corona immortal vinfiora e serba
5 di fida sposa e di pudico amante,
a cui rado fra noi pari o sembiante
fece coppia gentil lieta o superba.
Son i fior le virt, che state o verno
non fa men belle per ardore, o gelo;
10 aura di vostra fama, il dolce odore.
Prima gli colse, e poi gli avvinse Amore,
e disse: Qui son fiori: alfine in cielo
fien chiare stelle di splendore eterno.
226
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
1553
In morte della signora Ginevra Teodola.
Gentilezza di sangue, animo adorno
dogni pi grazioso alto costume,
che spargeva per gli occhi un chiaro lume
di sua bellezza ed illustrava intorno,
5 fer dolce invidia un tempo e dolce scorno
a chi lun pregio e laltro aver presume,
sin che spiegasti al ciel leterne piume
da la prigione ove facei soggiorno.
Ed or Forl, che fece a lalma bella
10 il carcer vago, a le tue care membra
orna piangendo la dolente tomba,
Ginevra, e de tuoi merti ei si rimembra,
e lorba madre tua nel pianto appella
co l nome stesso, che per te rimbomba.
1554
[Al signor Alessandro Viustini, che sostenne una disputa in versi.]
Le sacre leggi udiva in alti carmi
la prima et, non in parlar disciolto:
per frenaro spesso il volgo stolto
col dolce suono o lo spronaro a larmi.
5 Or di novo per voi risorger parmi
lantica maestate, e l vizio involto,
Alessandro, si svelle, e n stil pi colto
risplende pi chin bei metalli o n marmi.
A voi Febo non sol le rime infonde,
10 ma quel che gi dettava al re di Sparta,
che pose freno ancor ad altri regni.
227
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
Quinci a ben mille dubbi altrui risponde
una sol lingua, ed a pi dotti ingegni
di gran teatro in vece breve carta.
1555
A Diana Gonzaga.
Ne linstabil sereno or scema or cresce
la fredda luna, e pallida o vermiglia
par che minacci co turbati segni.
Ma voi, perchella alberghi in Tauro o n Pesce,
5 placida e grave e con tranquille ciglia,
vi mostrate senzira e senza sdegni,
n mai pensier mutate o pur sembiante,
ma, come lalma, la belt costante.
Se nera gonna avete e nero velo,
10 donna, ancor noi veggiam la bianca luna
nel fosco manto de la notte in cielo;
ma n per macchia il candor vostro imbruna,
n daltro lume il vostro in voi saccende,
n vi cangiate, come vuol fortuna;
15 e sella il suo favor ci dona e rende,
vostra la virt che pi risplende.
1556
[Per bella donna, a cui fu data la corda dal giudice.]
Crudel, potesti a dura fune avvinte
mirar le braccia onde pi stringe Amore;
e daltre note ancor, daltro pallore
che damorosi baci, impresse e tinte;
5 n fur tue guance di piet dipinte,
n vestisti il pensier del suo colore;
n l marmo intener de laspro core
vaga belt, chavria millire estinte?
228
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
Ma come fera tigre, alma selvaggia
10 nel suo dolor mostrasti e ne sospiri;
o come serpe in arenosa piaggia.
Ora questi giudci e que martiri
giudichi Amor, che mente assai pi saggia,
come a lui piace, avvien che volga e giri.
1557
[Alla signora Violante...]
Violante, il vostro nome
parte segna di voi, non tutti i fiori
e i dolcissimi odori,
che spiran dal bel seno e da le chiome,
5 e da le guance, ove son bianchi gigli,
con le bianche viole,
e con bianchi ligustri e fior vermigli,
a cui laura odorata odore invole,
tal che quandio lascolto,
10 pi bello estimo del bel nome il volto.
1558
Veder credea, Violante,
un bel fior nel mirarvi, e rimirai
un sol con mille rai,
che mille bianchi fiori in bianca falda
5 di neve illustra e scalda;
ed a laura, che spira
cos soavemente,
dissi: Fra le viole Amor sospira,
e questo lOriente.
229
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte quinta
1559
Tese fra le viole Amor la rete,
l ve preso mavvinse,
e pur di violette un bel desio
i bei legami ordio,
5 e me di quel pallor anco dipinse.
E non solo il mio seno,
ma fiorir ne la mente e n mezzo al core
f le viole Amore:
cos morir possio
10 tra le viole almeno,
e viole germogli il cener mio!
230
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte sesta
Parte sesta Dal gennaio 1593 alla morte
1560
A Luigi Torres, arcivescovo di Monreale.
Vincer se stesso e le discordi voglie,
che fanno dentro al cor tempesta e guerra,
e dare a lei, che non vaneggia ed erra,
il freno ondil piacer si smorza e scioglie;
5 vincere il mondo poi, che tutti accoglie,
e lavversario che s forte afferra;
e trionfar di tre nemici in terra
sacrando a Dio vittoriose spoglie;
e vestito di bisso, ornar la chioma
10 di mitra e doro, e innanzi i lucidostri
dogni rara virt mostrarsi adorno;
sono gli onor, Luigi, e i merti vostri,
onde vi lodi a prova e Spagna e Roma,
sin chabbia stelle il cielo e luce il giorno.
1561
Sacra, al ciel cara ed onorata al mondo
torre, in alto valor fondata e salda,
cui par non sorge in alpe o n verde falda
di colle ombroso o n riva al mar profondo,
te la pietate innalza, e n s secondo
5 e chiaro aspetto il sol tillustra e scalda,
che mai ne la stagion gelata o calda
nube non turba il tuo splendor giocondo.
N di quel tuo real felice monte,
che a te le sue ricchezze accoglie e serba,
10 fulmine mai le cime infiamma e spezza.
Or ben veggio che mole alta e superba
fu ruinosa; e che n sublime altezza
piana umilt non teme oltraggi ed onte.
231
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte sesta
1562
Alla principessa di Palliano.
Roma al partir de la sua chiara stella
che pare Orsa a laltezza e sole a raggi,
mesta voce mand fra pini e faggi:
Ahi, mia fortuna, di piet rubella.
5 Gi regina del mondo, or cara ancella
esserle io bramo; o miei pensier non saggi,
deh rieda per gli usati ermi viaggi,
o me stessa da me divida e svella,
perch gli alteri monti in basse arene
10 e gli aurei alberghi in pi rozzi soggiorni
per appressarmi a lei sicura io cange.
Sol che faccia le notti a me serene,
dolce il mar e la terra, e i lidi adorni,
quella per cui cedeva al Tebro il Gange.
1563
Roma chal variar diniqua sorte
per incendio o per fera ampia ruina
non mut sede, e comalta reina
cadde e n se stessa ebbe sepolcro e morte,
5 or che lantiche glorie in s risorte
vede e l regno, che l cielo altrui destina,
ed ogni estrema gente a lei sinchina
oltre le vie del sol lunghe e distorte,
vorria, donna, seguirvi; e i sette monti
10 sdegnando, in umil riva e n mar tranquillo
prender brama da voi, fortuna e legge.
E sella i passi ha del voler men pronti,
natura incolpa e non il gran Camillo,
ma voi servir pria che regnare elegge.
232
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte sesta
1564
Al serenissimo signor duca Massimiliano, principe di Baviera.
Alto signor di cui pi saggio o degno
non quanto dintorno il mare inonda,
lonor che segue il merto e vi circonda,
gi dinchinarsi a voi non prende a sdegno.
5 E se fra noi scettro o corona o regno
pari a la stirpe a nullaltra seconda
Roma non ha, che de tesori abonda
celesti solo, minor pregio indegno.
Dunque convien cha gli stellanti chiostri
10 per agguagliarvi omai la gloria ascenda,
l ve inalzar voi p virtute ardente.
Ma quel che p lItalia e l ciel consente
coma suoi figli augusti a noi risplenda
e nel fratello esalti il bisso e gli ostri.
1565
Al signor Marco Stecchini in lode di Domenico Contarini podest di
Bassano.
Marco, n lode al tuo gran merto arriva,
n tu la brami da volgare ingegno;
pur io temendo un tuo leggiadro sdegno,
esalto quel che nacque a lAdria in riva.
5 Ahi! sa te Palla tua porge loliva,
mostra a me lasta, e di sua grazia indegno
fatto, non giungo di tal pregio al segno,
chal canto alletti ogni castalia diva.
Come sia largo il Contareno e giusto,
10 e fortezza e piet dimostri unita,
e comassembri un cesare, un augusto,
233
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte sesta
d, ch la rima tua sola e gradita
pochi secondar ponno ed ben giusto
che mecenate tal ti doni aita.
1566
[Al cardinale Cinzio Aldobrandini.]
Ecco gi doriente i raggi vibra
il novo sole, e l desiato giorno,
ch gi promesso, lieto alfin risplende;
e mentre ei notte e giorno agguaglia in Libra,
5 ecco gi lostro io veggio al crine intorno
del mio signor che n degno grado ascende;
ecco il suo premio al suo valor si rende;
ecco lonor sadegua e giunge al merto,
seguendo lui che gli assicura il varco
10 dalzarsi fin al ciel, chegli apre e serra,
parte regge la terra,
sostenendo di Pietro il grave incarco.
Ma ne lo stato s dubbioso e ncerto,
come buon padre esperto,
15 grave ha l giudicio, e non avaro o parco,
per giammai non erra,
sia in pace il mondo o n perigliosa guerra.
Roma cha del valor corone e palme,
non pur men cari e gloriosi pregi,
20 ben se navvide, ha gi molti anni e lustri;
e l mio signor fra le pi nobili alme
degno stim de pi onorati fregi,
che faccian lieti i suoi famosi illustri.
N Roma sol, bencha suoi rai sillustri
25 e le tenebre antiche apra e disperga;
ma qual esposta a lindurato gelo
dEuropa pi culta e nobil parte,
conobbe i modi e larte,
234
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte sesta
e lalto ingegno a lui dato dal cielo,
30 e come per tai gradi ascenda e serga;
ed or che in s lalberga,
lalta Roma, dico io, non Cinto o Delo,
mille virt cosparte
in lui rimira, e le consacra in carte.
35 Ben lantiche e le nove ei volge, e prima
con sollecito studio anco rivolse,
per arricchir dun bel tesoro eterno;
e da questo e da quello estranio clima,
ove lindustria de miglior savvolse,
40 peregrinando pur la state e l verno
ei sapere adun, ch bene interno,
lo qual fortuna non invola o toglie,
come suo dono; e non se n gloria o vanta.
Cos vide egli e seppe, e n suo profondo
45 ingegno accolse il mondo,
con la scorta del ciel sicura e santa.
Cos pria merit purpuree spoglie,
chaltri pur se ninvoglie,
di cui s glorioso alfin sammanta,
50 chiesto a lonor secondo;
ma degno di portar del primo il pondo.
E ne let pi grave e non acerba,
chonor veste e virtute, innanzi a lostro
ei la vest, come abito celeste;
55 e fortuna che fa lalma superba,
nulla ha dimperioso in lui dimostro,
brame destando a la ragione infeste;
e mover non potria nembo o tempeste
che perturbasse il suo pensier tranquillo
60 e del saggio intelletto il bel sereno,
lo qual in bene oprar se stesso avanza;
e n sua maggior possanza,
sotto un modesto e mansueto freno
235
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte sesta
tien la fortuna, a cui lo ciel sortillo,
65 come Scipio o Camillo
di saper, di bont fornito appieno,
grave in umil sembianza.
Oh dItalia e dEuropa alta speranza!
Quel che di tre corone il crin circonda,
70 laltre, come a Dio piace e com giusto,
pu torre e dar con infallibil legge;
e col potere onde mai sempre abbonda,
non da Cesare dato e non da Augusto,
ma da lui chab eterno in ciel lelegge,
75 e dalto il basso mondo e move e regge,
lunge rimira, ove dorrore ingombra
empia fortuna ancor le parti estreme,
e di vil giogo animi alteri indegni;
vede pi feri sdegni
80 del ciel turbato, che si cangia e freme,
e qual ivi sovrasta orribil ombra;
e quinci e quindi adombra
lorto e loccaso, che si crolla e teme,
e quai vapori o segni,
85 quasi disfatte le corone e i regni.
E sembra il buon nocchier, chi mesi e gli anni
ne lEgeo corse e pass Scille e sirti,
sode fremer da lunge o londe o l vento,
e del mar teme insidiosi inganni
90 e l variar de tempestosi spirti,
lontana nube in rimirare intento:
veloce al provveder, ma grave e lento
a scior le vele ed a levar il morso,
che tiene i legni, ove pi il cielo avvampi.
95 Intanto a gli altri insegna, e dalta sede
il governo lor crede;
e predice il sereno a tuoni, a lampi,
del periglio vicino o pur trascorso
236
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte sesta
nel lungo e dubbio corso;
100 o come sassicuri o pur si scampi,
con animosa fede,
dal mar chusurpa le pi ingiuste prede.
Canzon mia, tardi nata e tardi adorna,
e con alto rimbombo anco risuona
105 or vedi comappresso il ciel riluce;
e lieta Roma e i colli e i sacri tempi:
perchi turbati tempi
volge fortuna, ove lampeggia e tuona.
Tu ne la pura e pi vicina luce,
110 guida non cerchi o duce;
ma dove di sua gloria ei sincorona,
pur con gli antichi esempi
de la sua grazia i tuoi difetti adempi.
1567
A Fulvio Costanzo in morte della moglie.
Era Beatrice, era il Costanzo insieme
beata coppia ed onorato esempio
di saldo amore al secol vano ed empio,
che dinstabil miseria ha sparso il seme.
5 Quando a le sedi ascese alte e supreme
luna, in questo a Dio sacro adorno tempio
laltro a pianger rimase in pene esempio,
cos giusto dolor laffligge e preme;
n pi donor felice lieto il mondo,
10 se gloria ne lamar quanto conviensi,
ma gloria anco nel duol virt costante.
Alta e nvitta virt che frena i sensi;
e sotto il suo gravoso e duro pondo
aspira al ciel come divina amante.
237
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte sesta
1568
Tardi, Costanzo, a lagrimar risorgo
la donna tua, per cui si duole e lagna
Napoli mesta, e l duolo in me ristagna
intorno al cuore, ov l suo fonte e l gorgo.
5 Ma col pensier levato a volo, io scorgo
lei che morte da te scevra e scompagna,
de gli angelici spirti in ciel compagna,
e nel suo viso del tuo amor maccorgo.
Dice ella: Se gi fui Beatrice in terra,
10 or son beata in cielo, e questa sorte
felice tanto ancora men gradita,
non perch giaccia il caro vel sotterra,
ma sol perch qua s mi sia consorte
chi fu de la mortal, deterna vita.
1569
A Giacomo Bosio per la sua storia dei cavalieri gerosolimitani.
Bosio, che gi i trascorsi oscuri tempi
e le antiche memorie orni ed illustri,
perch dopo centanni e cento lustri
sian di candida f lodati esempi,
5 come son ben congiunte incontra gli empi
le forti imprese e le fatiche industri!
Come a la spada di cotanti illustri
la penna appressi e l grande ufficio adempi!
Per te fie noto che rifugio o scampo
10 non volser questi in perigliosa guerra,
quai veri Maccabei dopre e di merto;
ma contro re pi fiero, a fin pi certo
cercar morte e vittoria in mare e in terra
con bianca Croce, e fer vermiglio il campo.
238
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte sesta
1570
Al greco stil gi largo campo offerse
od al latin, che pi savanzi e saglia
il suol di Maratona e di Farsaglia,
o l campo onde fuggissi Antonio e Serse.
5 Ma pi lodato, Bosio, al tuo saperse
la buona spada, che pi fende e smaglia,
e langelica quasi in terra agguaglia,
sovra le genti al Re del cielo avverse.
E tu dangelo il volo ancor dimostri
10 ne lalta istoria (oh meraviglie eccelse!)
ir dispiegando al ciel le penne e larmi.
Io, se non posso al merto eguale alzarmi,
con quellaffetto umil, chonore scelse,
lodo lo sparso sangue e i colti inchiostri.
1571
A quel ch qui raccolto in brevi carte,
di tanti cavalier chardire e zelo
gi sospinse a sprezzar le nevi e l gelo
e i venti e i mari duna e daltra parte,
5 a rintuzzar di Tracia il fero Marte
(se dir conviensi) e l suo fulmineo telo,
degno foglio sarebbe appena il cielo,
e note lauree stelle in lui cosparte.
Ma qui col duro ferro, onde trafisse
10 il pio guerrier membra spietate ed armi
nemiche, e con lostile e proprio sangue,
assai pi saldo che n metalli e n marmi,
vera virt che non vacilla o langue,
la vera istoria al mondo ancor descrisse.
239
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte sesta
1572
O gran padre Tirreno, io pur ritorno,
pur di nuovo ritolto a fiera morte,
per rivederti appo lantiche porte
del tuo bel regno e fare in te soggiorno.
5 Questo ne voti il ricercato giorno,
di cui non fia che l sol pi lieto apporte;
or sia principio di pi lieta sorte
e del candor di mia innocenza adorno.
Quanto mi giova al tuo tranquillo aspetto
10 serenare i pensier chaltro non ponno
che mirar alto, non lignobil turba.
Ma se fortuna, chogni ben perturba,
niega altra pace, almen sul proprio letto
il mio prepara ad un perpetuo sonno.
1573
[A monsignor Stanislao Reszka.]
Napoli mia, che a peregrini egregi
cedesti la corona e l proprio regno,
e formasti a gran sede alto sostegno,
dal gelato Aquilon traslati i regi;
5 par non avesti con pi eccelsi fregi
deterna fama e donorato pegno
di vera pace o pur darte e dingegno,
di senno e di valor s rari pregi.
Mentre il buon Rescio teco e n te saccoglie,
10 ah! la gloria dEuropa in lui si serba,
se del pubblico onore hai cura e zelo.
Onda salubre e caldo forte od erba
sgombri al saggio signor lingiuste doglie,
chei ti placa la terra e placa il cielo.
240
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte sesta
1574
Rescio, sio passer lalpestre monte,
portato a volo da toscani carmi,
giunto, dir con vergognosa fronte
dove ha tanti il tuo re cavalli ed armi:
5 Altri di voi gi scrive, altri racconte
laltere imprese e le scolpisca in marmi;
n taccia a tanti pregi, onde rimbomba
non minor fama, la gi stanca tromba.
1575
[Nelle nozze di don Carlo Gesualdo, principe di Venosa, e di donna
Leonora dEste.]
Lascia, o figlio dUrania, il bel Parnaso,
e l doppio colle di quel verde monte
e i seggi ombrosi e foschi, e da Pegaso
aperto col pi duro il chiaro fonte;
5 e n riva al Po discendi anzi loccaso,
cinto di rose la serena fronte,
con quella face onde la notte illustri,
e col giogo chimponi a lalme illustri.
Ne la citt, cha pi onorate palme
10 che l sacrato Elicona ombrosi allori,
mille famose in guerra e care salme,
ondella il ferro del suo nome indori,
vedrai due pellegrine e nobilalme,
degne di gloria e dimmortali onori,
15 e per volar da glIperborei a glIndi
maggior virt non vedi o quinci o quindi.
Per questo giogo, a cui s lieta inchina
la nobil coppia de duo casti amanti,
nova prole a lItalia il ciel destina,
20 qual gi domar solea mostri e giganti,
241
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte sesta
per cui questa del mondo alta regina
di porre il duro giogo ancor si vanti
a lAsia doma, a lAfrica rubella,
onde i suoi vincitori ancor appella.
25 Non fallace speme o pur superba
questa, o buon figlio de la Musa amica,
ch luna e laltra stirpe ancor riserba
il valor primo e la sua gloria antica;
e costei ch nel fior detate acerba,
30 giovine adorna di belt pudica,
sparge dalto valor faville e spirti:
deh chi le intreccia al crine i lauri e i mirti?
Anzi, chi pur di gemme al crine adorna
corona in terra con mirabil arte,
35 e s nel ciel, dove il valor ritorna,
di chiarissime stelle ivi cosparte?
Questa, chin volto uman fra noi soggiorna,
scesa del seme del figliuol di Marte,
e mostra un non so che quasi divino,
40 in cui pi di Ciprigna appar Quirino.
Ma chi de gli avi suoi famosi in armi,
fra quali lavo ancor del grande Augusto,
potria raccorre i nomi in mille carmi
o i simulacri del valor vetusto?
45 Perdon le carte pi famose e i marmi;
ma se let misuri e l tempo angusto,
a cos gloriosa alta memoria
ben convene alta speme ed alta gloria.
La progenie di Carlo ancora grande,
50 deroi feconda e de lor fatti egregi,
che dove locean si gonfia e spande
ebber di chiara fama antichi fregi;
n Roma di giammai palme o ghirlande
altrui pi care o pi onorati pregi;
242
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte sesta
55 lItalia al fin, come translata pianta,
in s laccolse ed or se n gloria e vanta.
E risonan le vaghe ombrose rive
gi del valor di Carlo e de suoi merti
e de la gloria sua, cui non prescrive
60 termine il ciel ne londe o ne deserti;
cantano a prova lamorose dive
tessendo fiori in ghirlandette inserti;
e desser vinte nel cantar a prova
da lalto cavalier lor piace e giova.
65 Portano i nomi de gli sposi i venti,
e i chiari nomi han le procelle a scherno,
e par che Febo istesso in chiari accenti
limeneo canti; anzi con suono eterno
e di rai coronato or pi lucenti,
70 accresca gloria il suo splendor superno
a lumano splendore, e mentre avvampa,
face dImeneo leterna lampa.
Ed ogni giorno pur la vibra e rota
per onorarne il mio signor cortese,
75 quella per fama non oscura o ignota,
che gi l tiranno di Sicilia accese;
od altra, che giammai saccenda e scuota,
o per diletto o per audaci imprese,
a questa non sagguagli, onde riluce
80 celeste onor sovra terrena luce.
Chi pu tacer di Gesualdo il veglio
la costante piet, la fede invitta?
o del bel duce Elia, lucido speglio
del valor prisco a la sua Italia afflitta?
85 Ma qual prima, qual poi trapasso o sceglio
da la memoria dalte cose iscritta?
Bastan per mille antichi in cielo eterni
duo grandi Alfonsi e grandi eroi moderni.
243
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte sesta
E lun risplende ancor ne lucidostri,
90 primo fra padri, e solo a lui secondo
che napre il varco a gli stellanti chiostri,
e degno di portar listesso pondo;
in cui par chogni grazia il ciel dimostri,
ed ogni don celeste onori il mondo
95 in questo sacro a Dio lucido tempio,
primo donore e di virtute esempio.
Laltro, di scettro e di corona altero,
splende ne larmi ancor qual chiaro lampo,
degno del grado e de lonor primiero
100 o n gran consiglio o n periglioso campo;
anzi di sostener regno ed impero,
chabbia per lui trionfo, e non pur scampo;
e se novo Annibal rompesse il varco,
par saria daspra guerra al grave incarco.
105 Al nobil Carlo ed a la sposa eletta
d Ciprigna la zona ondei la scinga,
e n care forme la stagion diletta
par che di novi fior sorni e dipinga;
laura soave i dolci sonni alletta,
110 la natura medesma e l ciel lusinga,
e l fonte si rischiara, e l fiume e l lago
per esser degno di s bella imago.
Il mar sacqueta, e nel tranquillo seno
senzonda ed ira si riposa e giace,
115 e l confin le restringe e legge e freno,
chi di lei nacque, e Borea ed Austro or tace.
Brama quel dAdria e brama il gran Tirreno
portar la bella coppia in lieta pace;
singemma intanto il prezioso grembo
120 e ne cosparge il suo ceruleo lembo.
Almen portar da pi lontane sponde
lor brama prezioso ampio tesauro,
244
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte sesta
e de lacque vermiglie i lidi e londe
impoverirne, e il mar de glIndi e l Mauro.
125 Non appare il delfin, ma pur sasconde,
e con la fronte il Po dorrido tauro:
Questo il mar de gli eroi, risuona e grida
dove la bella coppia ancor sannida.
Ed io, fiume deroi, fiume celeste,
130 che dauree e chiare stelle in ciel maccendo,
qui di valor millustro, e veggio in queste
rive altre stelle, e daltro sol risplendo;
e mille forme di virt conteste
mappaion pur, dovunque il corso stendo.
135 Cos dicegli mormorando, e ntanto
fanno i cigni soave e dolce canto.
Conferma le fatali alte promesse
con la propria armonia lucida Parca,
fila lo stame dor, Fortuna il tesse,
140 de suoi gran doni e de favor non parca;
tutte ha l ciel le sue grazie or qui concesse,
e quel ch de le stelle alto Monarca,
che da sinistra or tuona e stral non vibra,
e pesa i merti altrui con giusta libra.
1576
[Nel ritorno a Roma della signora Clelia Farnese.]
Clelia alfin riede, oh fortunato giorno,
che lieto doccidente a noi riluce!
Oh bella compagnia, chOnore adduce
ed Amor seco folgorando intorno!
5 Quale al trionfo gi facea ritorno
nel Campidoglio invitto e nobil duce,
tal veggio lei ne la serena luce,
veggio la pompa e veggio il carro adorno.
245
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte sesta
Veggio, o parmi veder, con pure voglie
10 leggiadra schiera di pensieri eletti,
rinovar trionfando antico esempio.
E lei vittoriosa offrire al tempio,
quasi trofei, de lalma i propri affetti,
in vece de lostili ed auree spoglie.
1577
Clelia ritorna e varca il mare e l monte,
e quel chebbe s caro e nobil pegno
di libert, senza contesa o sdegno
lo rende: or, chi le fa la statua e l ponte?
5 Gi riverita a le fattezze conte
Roma laccoglie, e men gradito e degno
estimar pu limperio antico e l regno,
per cui sofferse il duro giogo e lonte.
E n mille parti la serena imago
10 colora ed orna, onde i maestri egregi
perdono a prova, e i lor metalli e i marmi.
E se non crede al sasso il dolce e vago
caro sembiante, e l real manto e i fregi,
deh non simpetri, e spiri in molli carmi.
1578
Quando appariste voi del Tebro in riva,
dogni grazia del ciel ricca ed adorna:
Ecco, disse Lucrezia a me ritorna,
amica donest, damore schiva.
5 Or Clelia a me bella se n riede e viva;
e l mio fiero avversario se ne scorna,
e nutre il foco, or chella in me soggiorna,
damor non gi, ma di pi casta diva.
246
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte sesta
Oh sella mia non , qual pi somiglia
10 le mie romane gloriose antiche,
ondebbe il mondo esempio e meraviglia?
Perch dunque rapir mille sabine,
movendo larmi a la ragion nemiche
e non far di costei dolci rapine?
1579
A fra Bastiano Castelletti per il suo poemetto a La trionfatrice Cecilia
vergine e martire romana.
Cigno gentil che tra le schiere ardenti
ergi s dolce il canto e spieghi il volo,
che de lalto Elicona il sacro stuolo
ammira il suon de tuoi purgati accenti,
5 non fian de la tua gloria i lumi spenti
se lAustro cessa o di girare il polo,
che si mesce al tuo canto altero e solo
fra larmonia de le superne menti.
Ella che cinse di splendor le chiome,
10 nobil soggetto a la tua sacra penna,
da la reggia del sol tascolta e ride.
Gi le grandali vera fama impenna
e ad eterna memoria altera incide
l ne i bronzi del cielo il sacro nome.
1580
A Fulvio Costanzo riprendendo moglie.
Del nodo onde pria lebbe amore avvinto
era gi sciolto Fulvio, e quasi a sdegno
de la vita prendea laltro ritegno,
veggendo in terra ogni suo bene estinto.
247
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte sesta
5 Gi laspettava il terzo cielo o l quinto,
o pi sublime del celeste regno,
a cui valor cinalza e chiaro ingegno,
quando pur lebbe Amor ripreso e vinto.
E legittimi nodi a quelli aggiunse
10 de la natura, e disse in suon canoro:
Spiri e splenda il Costanzo, ed ami e piaccia.
Napoli volse in lieta oscura faccia,
posa due nobilalme al giogo doro
e gentilezza e gran valor congiunse.
1581
[Al signor Angelo Ingegneri per il suo libro Del buon segretario dedica-
to al cardinale Cinzio Aldobrandini.]
Angelo, tu di Cinto e di Parnaso,
chalza le due famose altere fronti,
sai pur mille secreti, e chiari e conti
farli tu puoi ne lorto e ne loccaso,
5 perch l tuo ingegno, quasi alto Pegaso,
sorger f deloquenza i larghi fonti.
Or altro sacro Cinzio, in altri monti,
tapre con man cortese il varco e l vaso;
e tu nel Vatican la nobil forma
10 del Secretario a noi descrivi e mostri
in lei pur te, col tuo signore espresso.
Ei da te fama acquista, e da te stesso
virtute, o pur da gli stellanti chiostri
lume ondil nome illustra e l core informa.
248
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte sesta
1582
[A papa Clemente VIII.]
Mentre fulmina il Trace e i monti e i campi
di morte ingombra e datro sangue inonda,
mentre Francia, di guerre ancor feconda,
produce il seme onde se stessa avvampi,
5 tu di lontan prevedi i tuoni e i lampi,
e i venti incerti e l ciel turbato e londa,
e per fortuna avversa e per seconda
da gran periglio altrui difendi e scampi.
E bench sia pensier limperio e il regno
10 de lalta mente, in me pietoso inchina
gli occhi, quasi in negletto ed umil verme.
Tal Providenza di l s divina,
perch il ciel volga, gi non prende a sdegno
la bassa terra e le sue parti inferme.
1583
Ecco lalba, ecco il d che in s ritorna
per lalta via de le serene stelle,
e mentre in giro ei vien tra queste e quelle,
pur se medesmo coronato adorna.
5 Da questa amica luce, onde saggiorna,
lunge siate voi pur, nembi e procelle,
lunge voi, spirti e posse al ciel ribelle,
chebbe corona il gran Clemente adorna.
Cingon le gemme la sacrata chioma;
10 ma fan le virt sacre il sacro regno
a lalma saggia oltre misura ardenti.
Fanno il diadema ancor divine menti,
quasi in tre giri a lalto e chiaro ingegno,
o bella, o cara al cielo Italia e Roma.
249
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte sesta
1584
S come locean di seno in seno
tutto mai non si versa o si comparte,
perchei faccia di s continua parte
al mar de lAfricano, al mar Tirreno;
5 e come il sol del suo splendor sereno
le fisse stelle suol lasciar cosparte,
non pur Saturno e Giove e il fiero Marte,
ma non luce, in che risplende appieno;
cos tu dal tuo fonte e largo e chiaro
10 spargi tuoi doni, e sei clemente e giusto,
e dogni altra virt sublime esempio.
N fosti mai di eterne grazie avaro,
ovio del cor turbato il seno angusto
mai ne rischiaro e i suoi difetti adempio.
250
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte settima
Parte settima Rime di data incerta
del periodo1586-1595
1585
Al conte di Paleno.
Signor, se in lodar voi stanca sarebbe
Atene e Roma, e la canora tromba
chin suon troppalto ad Alessandro increbbe,
mosso da invidia a la famosa tomba;
5 e quella che dEnea la gloria accrebbe
e per questo bel cielo anco rimbomba,
tale il vostro valor chil suono e il canto
perde, e dantichi eroi la fama e il vanto.
1586
[Al principe di Conca. Risposta.]
Signor, del vostro onor la nave ardita
da questa gloriosa antica sponda
sicura move, e come l sol circonda
la terra, ch dal mar cinta e partita.
5 Felice porto a s la chiama e nvita,
mentre ella corre umida via profonda;
e saltra barca infra le sirti affonda,
la vostra gi dogni periglio uscita.
E rotta ancor, se Febo altrui non mente,
10 voi farebbe Arion, che l mar poteo
placare al suon che piacque allor cotanto;
ma quel che su l Tirreno io scrivo e canto,
belt qual non fu mai sul colle ideo,
far non potria pi illustre e pi lucente.
251
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte settima
1587
Al principe di Conca.
Se vuoi chinnalzi a la tua stirpe ed erga
alta colonna che risplenda intorno
di puri marmi, e faccia oltraggio e scorno
a gli anni avari, e chio lincida e terga,
5 s che mai non imbruni e non sasperga
di macchie il sasso, anzi la notte e l giorno
il bel candor pi si dimostri adorno,
l ve gloria e virt per te salberga,
dubbioso al gran lavoro io pur maccingo;
10 ma teme alzarlo al ciel la mano e larte,
cha gli animosi fatti tarda e stanca.
E quai note dEgitto o daltra parte,
a le imagini antiche, illustri io fingo,
se l vero a lopra avanza e l tempo or manca?
1588
[Al medesimo.]
O di principe saggio e davi illustri
nipote e figlio, alta progenie e scesa,
quasi raggio di sol, da Troia accesa,
che da lantiche fiamme ancor tillustri,
5 anzi dal ciel, tu vie basse e palustri
sdegni, lerte bramando in chiara impresa;
per te la gloria fa nova contesa
dopo lungo girar danni e di lustri.
E famosa citt, che pur si vanta
10 e dorigine e dopre, or questi onori
con quei Romani agguagli e i merti e l nome,
252
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte settima
mentre de nostri monti i verdi allori
tutti braman dornarti omai le chiome,
e l mar ne suona e la tua fama l canta.
1589
[Al medesimo.]
Mille doni del cielo e di natura,
mille rare eccellenze in voi cosparte
vide Fortuna, e nsieme Apollo e Marte,
e di se stessa la virt sicura,
5 che di farvi pi adorno ancor procura
con lucide arme o pur con dotte carte;
e la gloria, che luce al ver comparte
e spesso illustra ci che l tempo oscura.
E disse in se medesma: Invan contrasto
10 gli alti princpi, onde sar seguace
del voler cha le stelle e l fato amico.
Or sio son vostro servo e suo nemico,
o con voi faccia guerra o meco pace,
signor, chio solo incontra lei non basto.
1590
[A Matteo di Capua.]
Mentre il ciel misurate e le sue stelle,
e quei che tra suoi cerchi ei cinge e serra
liquidi campi, e la pi stabil terra
dopere antiche adorna e di novelle,
5 rinchiuso non riman in queste o quelle
lalto pensier, che non sinchina od erra;
ma l s vola pur da questa guerra,
che fan le voglie a la ragion rubelle;
253
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte settima
quindi in un nasce un moderato ardore,
10 Matteo, ne lalma, e quasi un bel concento
col disprezzar quanto si teme o brama;
molle, io dico, terreno, angusta fama,
e glidoli del mondo oro ed argento,
e seggi, che non dian celeste onore.
1591
Mentre mirate voi le stelle e i segni,
e quelle vie che mal tenne Fetonte,
e l mar con ogni fiume ed ogni monte,
che dEuropa distingua o dAsia i regni
5 o dAfrica arenosa, e gli alti ingegni,
e le Muse di fresca ombrosa fonte,
invitate a cantar dopre non conte,
quasi omai disprezzando amori e sdegni.
Lascian queste Permesso e l verde chiostro,
10 e quei le fiamme dEtna, e dAretusa
lacque, venendo a voi fra marmi ed ostro.
Ma non di sol fatica o derror legge
per soggetto, Matteo, poeta o Musa,
come le vostre e i vostri onori elegge.
1592
Matteo, non so se la citt di Marte,
che de lantica fama ancor rimbomba,
a questo corpo fral riposo e tomba
non nieghi dar fra le ruine sparte,
5 o se fia in pregio ancor lingegno e larte
altrove, e stanca lira e stanca tromba;
ma se lanima pur quasi colomba
lasciasse questa inferma e fragil parte,
254
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte settima
il tuo nome immortal, chio tanto onoro,
10 porter seco al cielo; e ben mi dolsi
che poco intorno ei se n vol sonoro;
e dun altro desio, che non adempio,
di riveder la terra, ovio gi volsi
farlo di vera gloria eterno esempio.
1593
[Al medesimo.]
La seconda Fortuna il vostro merto
non affrett nel corso e no l prevenne,
ma segu la virt con tarde penne
in questo spazio de la vita incerto.
5 N vi port da basso loco ad erto
mai su lale superbe o vi sostenne,
e n grado vi mir cha voi convenne,
prima dal padre e poi dal cielo offerto,
dov del vostro onor doppio sostegno,
10 alta gloria e valor di stirpe antica,
in cui la stanca speme appoggio ed ergo.
Or vi segue ella pur, costante amica,
e dice: perch in cielo io trovi albergo,
volar non posso ovei dalzarsi degno.
1594
[Al medesimo.]
De le mie lodi il seme invano sparsi
sovente, e dIppocrene il chiaro fonte,
quasi in arena inculta o n aspro monte,
onde piansi le rime e i passi sparsi:
255
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte settima
5 tanto mi furo i fati avari e scarsi,
e men le voci del voler mio pronte;
alfin andai con vergognosa fronte,
se degna ella non fu di lauro ornarsi.
Or cha lopra mi toglie altro lavoro,
10 il bel vostro terren, chio non inondo, le
largo per breve stilla a giuste voglie;
o dillustre virt campo fecondo,
in cui non pur si miete argento ed oro,
ma gloria vi si sparge e gloria accoglie.
1595
Sopra la statua del principe di Conca.
Questo che spira imperioso in fronte
da viva imago e placido e severo,
degno di scettro par, degno dimpero:
ben il conosco a le fattezze conte.
5 Cesare fu, n fece oltraggi ed onte
a lalta patria, ingiurioso, altero,
ma caro a suoi, caro al possente Ibero,
ebbe al sublime cuor pie voglie e pronte.
Nel viso maest, terror nel petto
10 mostra, e fortuna de lorribil armi,
segni di sua virt, linvolve e copre.
Manca la man, gi s pietosa a lopre:
splende or nel figlio, e n be metalli e n marmi
splende via men chin suo cortese aspetto.
256
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte settima
1596
Al principe di Venosa.
Carlo, il vostro leon, cha nero il vello,
non erra in selva, e n arenose sponde
non giace o n sue spelunche ime e profonde,
ove cadde il gigante al ciel rubello,
5 ove dAlcide il successor novello
tinse di sangue ostil larene e londe;
n men tra fiori e lerbe altrui sasconde,
pur come soglia empio serpente e fello.
Ma tra purpurei gigli ove gi scelse
10 felice albergo, al ciel sinnalza e scopre,
tal serge ancora il generoso core.
E de suoi propri duci i passi e lopre
antiche ei segue, al glorioso onore
sempre aspirando ed a limprese eccelse.
1597
[Al medesimo.]
Alta prole de regi, eletta in terra
quasi progenie, che dal ciel discende;
o come raggio che dal sol risplende
oltre le vie, dovei savvolge ed erra;
5 que prima giusti in pace e forti in guerra,
han preso il regno ovAppennin si stende,
e laltro chindi il mar divide e fende,
in cui lempio Tifeo sasconde e serra.
E lor porta virtute alloro e palma,
10 e dOriente le felici spoglie,
non fortuna il cui dono spesso incerto.
257
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte settima
Ella a voi nulla diede e nulla or toglie,
ch l regno nel valor di nobil alma,
e vi fa gran corona il proprio merto.
1598
[Al medesimo.]
Musa, tu che dal cielo il nome prendi
e corone hai l s di stelle e doro,
non sol di verde alloro
cingi in Parnaso la serena fronte,
5 da bei giri celesti a me discendi,
con alta lira che n mirabil tempre
orni, suoni e contempre.
Se non disdegni il seggio ombroso e l monte,
e l dolce mormorar del chiaro fonte,
10 qui siedi e spazia tra bei flori e lerba,
ne la stagione acerba;
qui da cipressi cinto ombroso chiostro,
e di palma il bel colle ancor verdeggia.
Lascia teatro o reggia,
15 se l ciel lasciasti, e dauro i premi e dostro,
chaltrui promette e serba,
Musa mia, non severa e non superba.
E meco qui tra la fontana e l verde
canta del novo Carlo il nome e i pregi,
20 e i suoi famosi regi,
e de glinvitti eroi la stirpe antica,
che lieta in lui sinnalza e n lui rinverde.
N sol Venosa or sotto lombra ammanta,
che pur si gloria e vanta
25 di nobil cetra, al grande Augusto amica;
ma quella terra fortunata, aprica,
chinonda e parte a pi felici genti,
con londe sue correnti,
258
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte settima
lAufido, che da lunge anco risuona,
30 sin dove il seggio a lui Fortuna scelse.
Tu ne le parti eccelse
quei chebber gi dItalia alta corona,
vedesti, e dire or tenti
larmi e l nome di raggi e dor lucenti.
35 Tu gli vedesti, ovio lo stil non ergo,
sovra il gran sole e gli stellanti giri,
tu che vedi e rimiri
lo spirto ignudo dal suo fragil vela:
e venendo qua gi, reale albergo
40 fra le virtute e l glorioso onore,
nel magnanimo core
di lui teleggi e lassomigli al cielo.
N s qua gi si tempra ardore o gelo
ne la stagion che non sinfiamma o verna,
45 n la sua vece eterna
per magistero mai dalma natura,
s come tu gli tempri il core e l petto;
e dogni vago affetto
dolce legge tu sei, dolce misura,
50 quasi armonia superna,
e n lui risuoni pur la voce interna.
N sol in mezzo al cor la chiara tromba
de lopre ascolta gloriose, illustri,
che gi cento e pi lustri
55 di fama a Gesualdo in pace e n guerra,
ma del grandavo il nome anco rimbomba,
cha nostri d fu quasi un chiaro sole,
de lonorata prole,
tal choscurar no l pu linvida terra,
60 che lui col padre insieme involve e serra.
Questa la nobil voce e l chiaro canto,
chentro pur sode e ntanto
lalma lusinga al suon di gloria e molce.
259
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte settima
Qual meraviglia se risuona a sensi,
65 perch di lei si pensi,
laltro di fuor cos sonoro e dolce?
e qual pi altero vanto
nha Tebe o Smirna o la citt di Manto?
Gi mentre al mondo di terrore e legge
70 con larme gravi il buon popol di Marte,
ed ogni estrania parte
soggetta fece al suo possente impero,
Gracco al soave suon, come si legge,
i fulmini tempr dardente lingua,
75 perch lardor sestingua,
che spesso accende un cor superbo e fero;
tu del tuo generoso alto pensiero,
che per desio donor saffretta e nfiamma,
qual veltro appresso damma,
80 non sospingi, signor, n fermi il corso.
Con sonora armonia destrania voce
la tua sola veloce
pu farlo e lento, e porgli un saldo morso;
e puote a dramma a dramma
85 scaldare il gelo e ntepidir la fiamma.
E quel che dAsia i regi oppresse e vinse,
a pi feroce suon de greci carmi
correa veloce a larmi;
ma poi, mutata legge, il tenne a freno,
90 e la sua fiamma impetuosa estinse.
Tu medesmo, Alessandro a lalte lodi,
Timoteo a novi modi,
sei darmonia celeste entro ripieno;
e tu plachi te stesso, e fai sereno
95 lanimo tuo sublime e l chiaro ingegno.
O dogni onor gi degno,
o dantica progenie a novi tempi
serenissima luce e vivo raggio;
o buono, o forte, o saggio,
260
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte settima
100 chillustri di virt lodati esempi,
o mia speme e sostegno,
gloria dItalia e del suo nobil regno!
E se questa deroi famosa madre,
che gi sostenne il grave e nobil pondo
105 de limperio del mondo,
diece a te di bontate avesse eguali,
a limprese di novo alte e leggiadre
valore insieme e cortesia risorta,
foran pi fida scorta;
110 e Giustizia, chal ciel rivolte ha lali,
si fermeria tra miseri mortali;
e seco il mondo pur farebbe adorno
in placido soggiorno,
dando a vizi pi gravi eterno esiglio;
115 intrepida Fortezza e prisca Fede,
che pi sicura sede
non trova e teme pur danno e periglio,
ma pi vergogna e scorno,
e sol tarda Pietate il suo ritorno.
120 Musa, dal ciel venuta, al ciel aspira
col nobil peso, ove dimostra e segna
al buon Carlo dOlimpo il dritto calle,
vera e certa virt, non pur sublime.
E sio le basse rime
125 inchino, come augel palustre in valle,
piana via non si sdegna,
chaltissima umilt sovente insegna.
1599
A Roma nella venuta del principe di Venosa.
Roma, se piangi ancor lestinta prole
de gli Africani o de tuoi grandi augusti,
che domar glIndi e gli Etiopi adusti
e quei che lunge scalda avverso il sole,
261
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte settima
5 raccogli or Carlo, in cui sonora e cole
la progenie de regi antichi e giusti;
a la cui gloria di confini angusti
Italia, Europa e la terrestre mole.
E sella non tua, qual altra in terra
10 tanto simiglia i tuoi? qual dalto impero,
daurea corona o fu del ciel pi degna?
E di cento avi suoi famosi in guerra
e del suo merto e de la gloria altero,
ne linvitto suo cuor trionfa e regna.
1600
A don Emanuele Gesualdo.
Lieto presagio di leggiadra vista,
fanciul, dai ne primi anni, e n te rimiro
pur come un sol, che dal men alto giro
lucido spunta e quinci altezza acquista.
5 N di sua propria luce ancora avvista
ha lalma pargoletta un bel desiro,
qual forse lebbe in Alessandro o n Ciro;
n canuto pensiero ancor lattrista.
Teco fortuna scherza, e gi tasside
10 in seggio adorno, e par cha te dimostri
virtute alto sentier solingo ed erto.
Or mentre luna a laltra amica arride,
mira linsegne e le corone e gli ostri,
doni onde onora il ciel la stirpe e l merto.
262
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte settima
1601
Sovra la corona di Sua Maest.
Questa maggior de le corone eccelse,
meglio in me scolta chin metalli e marmi,
con tante sue famose e lucide armi
ingombr questo regno e proprio felse.
5 Laltre di guerra turbo orrido svelse,
di che son piene gi listorie e i carmi;
ma contra questa in van tingegni ed armi,
Fortuna, ch ab eterno in ciel la scelse,
s come quella nel suo adorno tempio
10 di stelle e daltri lumi, onde circondi
a regi augusti Dio le nobilalme.
O gloria senza pari e senza esempio
qua giuso antichi regni e nudi mondi,
eterne aver l s corone e palme.
1602
[A Filippo II per il dono di un cavallo italiano.]
Re di regi e deroi, cui l nome scelse
alto voler del tuo gran padre invitto,
arte, natura e l ciel, che mai prescritto
non ha confine a le tue imprese eccelse;
5 ma tuo vero valor s proprio felse,
come a gli antichi il suo lAsia o lEgitto,
o Roma istessa, onde limperio afflitto
si croll prima a forza e poi si svelse.
E l tuo fia quasi eterno, e l ciel sostegno
10 non ha pi saldo; or mentre volvi e giri
laltrui fortune, al glorioso pondo
263
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte settima
qual destrier fia che da lItalia aspiri?
e del tuo freno e de lamor sia degno,
e di portar chi pu frenare il mondo?
1603
Al principe Doria.
Contende ancor per te co l mar la terra:
quel toffre umile in vista il gran tridente,
da tuoi maggiori, anzi da te sovente
domito e corso in gloriosa guerra.
5 Questa, chi tuoi maggiori asconde e serra,
e co sepolcri lor ti reca a mente
lalto principio de lantica gente,
ti d lo scettro onde i superbi atterra.
Son dubbi gli elementi, e l mondo incerto,
10 che stima fra le spoglie e lauree palme
lalbergo duom terreno e l nome indegno.
Ma questa lite in pi felice regno
tardi avr fine, ove le nobilalme
hanno il trionfo in cielo e l premio al merto.
1604
In morte della duchessa di Castel di Sanguine.
Nova angeletta da leterne piume
far la guardia pareva al suo terreno
paradiso, e gir lungo il mar Tirreno
talor fra i colli e fra le piagge e l fiume.
5 Poi da natura a volo e da costume
rapidamente alzata al ciel sereno,
sdegn la verde riva e l dolce seno,
e le stelle pass di lume in lume.
264
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte settima
E n paradiso pi sublime e vago,
10 la sua virt co meritati onori
daltre gemme corone ha pi lucenti.
Godono a lalta idea le pure menti,
qui intenerisce i marmi e mpetra i cori
per iscolpirne Amor la bella imago.
1605
In lode de la casa Acquaviva.
Qual dacque vive suon perpetuo e chiaro
odo io non lungi al mar Tirreno, o parmi?
o qual concento de sonori carmi
che sdegna Mida e l suo giudizio avaro?
E' Febo certo, ed ha le Muse a paro;
5 ma qual rimbombo ancor di trombe o darmi
corre da glIndi a gli ultimi Biarmi,
non pur tra lAlpe, e da Timavo a Varo?
Proprio de londe, e dal mirabil fonte
esce, e vi perde il Nil, chEgitto innonda,
10 o con la gloria il fa Marte e Bellona.
Par che sin da le stelle un suon risponda
dacque celesti, ed a la nobil fronte
di tanti eroi si tesse ampia corona.
1606
A Giovan Battista Marino. Risposta.
Queste, Marin, che piagni, esangui e smorte
forme, pur come vive il mondo ammira
e quasi accese in onorata pira
ardon nel petto del fedel consorte.
265
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte settima
5 Lalma al suo fin per vie spedite e corte
qual fiamma cui sua spera innalza e tira,
pura e leve, salita, e vive e spira
fra trionfanti de leterna corte.
Or lagnarsi che pro, se morte il vanto
10 di lei non ebbe? Ahi ben vaneggia ed erra
chi destinta belt duolsi cotanto.
Procuriam dunque noi dal cielo in tanto
raggio, chalto ne scorga omai da terra
al lume de begli occhi amato e pianto.
1607
A Margherita Biraghi.
Qui bellezza e valor di nobil alma,
anzi di nobil coppia ha l ciel pi largo,
che quel non ebbe di Tessaglia e dArgo,
tal chal suo lodatore doppia salma;
5 n potria fama gloriosa ed alma,
savesse ale via pi che gli occhi dArgo,
reggerne il peso; e i versi altrove io spargo,
ch non aspiro a s onorata palma.
Tu sola, o donna, con leggiadro carme
10 sostien lalta colonna al suon di cetra,
pur comAtlante il suo celeste pondo.
Chi daltri eroi cant gli amori e larme,
ha minor pregio, e minor grazia impetra,
n per tantopra giunge omai secondo.
266
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte settima
1608
Al duca di Bovina.
Alto signor, che larme onori e larte,
e l gemino valore e l culto lauro,
vago di prezioso ampio tesauro,
che pi savanza ove si scopre e parte,
5 e per solcare il mar di parte in parte
raccoglier non si pu fra lIndo e l Mauro,
n si ricerca oltre lEufrate e l Tauro,
ma rivolgendo antiche e nove carte,
sai che la morte non ancide unalma,
10 ma la divide dal mortale incarco
e la congiunge a vita in cielo eterna;
e chella ad alto onore quasi un varco:
per frena del cor la doglia interna
e di te stesso avrai corona e palma.
1609
Cos mai folgor non infiammi o fenda
sublime antica torre in cui si poggia
sol per gradi donore, e n cui sappoggia
virtute, onde secura al cielo ascenda;
ma con raggi sereni il sol vi splenda
5 e la sorella, e n disusata foggia
vi stilli preziosa ed aurea pioggia
lo ciel, mentre si squarcia ombrosa benda.
Lume, stile e color dun novo Apelle,
e di Fidia e Miron metalli e marmi,
10 men pregiarei del tuo cortese dono.
Dogliomi sol che fra le trombe e larmi
de tuoi merti non soda il chiaro suono:
e chi pi degno di passar le stelle?
267
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte settima
1610
Al signor Caroso.
Come ogni rio lonor col corso rende
al mar, cos del ballo ogni dotta arte
a costui fa, che col bel pi comparte
quanto il suo ingegno in carta ben distende.
5 Pi dogni spirto lui vede e comprende
se miri come dolce a parte a parte,
di toglier larmi e la fierezza a Marte
rinnova larte; e i cor ferisce e incende.
O fortunato, che s altera guida
10 Amor ti mostra, onde tu poi te ingegni
or col spron, or col fren, mover Natura.
E come larte a dar la vita ancida
mille anime in un punto oggi tu insegni,
o nato in miglior anni in tal ventura.
1611
A Vincenzo Pettigliano in lode del cardinale Gesualdo.
Care spoglie damore, e palme e pregi
ed insegne, e trofei dorrido Marte
altri descriva in pi lodate carte,
e tessa a lidol suo ghirlande e fregi;
5 tu, fra Romani e peregrini egregi
di cui son chiare lodi intorno sparte,
prendi il pi bel soggetto in nobil arte,
e fra gli antichi augusti e i novi regi:
prendi il gran Gesualdo, in cui risplende
10 valore e nobilt fra pompe ed ostri.
E chi pi atto al santo e sacro incarco
268
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte settima
di Pietro or vive? e da qual monte il varco
pi sicuro al cielo, ovegli ascende,
degno di stelle e di stellanti chiostri?
1612
Vincenzo, larmonia di tosca lira
al grave suon de pi severi accenti
sembra al soffiar de pi sonori venti
aura che tace oppressa, e pi non spira;
5 o somiglia un bel rio, che mentrei gira
per vie fiorite ombrose, onde correnti
mormorar sode, e far quasi lamenti,
ma resta muto ove il Tirren sadira.
Per le mitre ed ostri, i merti eccelsi
10 canta di Gesualdo, e palma e tromba
taccia Calliope e la romana Euterpe:
chin van tra vostri lauri edera serpe,
e mal la cetra, che lungo Arno io scelsi,
sudria su l Tebro, ove la tua rimbomba.
1613
Nellinfermit del cardinale Santa Severina.
Roma, a questo gran colle i lumi gira,
ove langue un signor severo e santo,
che di Pietro le chiavi e l grave manto
merita omai, mentre egli al cielo aspira;
5 e placa umil celeste sdegno ed ira,
se gradita l s preghiera o canto;
ogni sugo vital distilla intanto,
onde sgombrando il mal virt respira.
Ma se bastar non ponno i preghi e i carmi
10 per lui, che mostra il bel pietoso esempio
de laugel, che d vita a prole estinta,
269
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte settima
novo pittore in te di bianchi marmi
innalzi a la Salute un nobil tempio,
e sia vera piet, non pur dipinta.
1614
A Marco Pio.
Marco, gloria de Pii, terror de gli empi,
che sotto lOrsa e presso il regno algente
armar le lingue incontra al ciel sovente,
la destra a dispogliare altari e tempi;
5 mentre rinnovi i pi lodati esempi
del valor prisco a la moderna gente,
e Cesare e Marcel le torni a mente,
del secol novo ogni difetto adempi,
non con la spada pur, ch grave incarco,
10 ma con la penna, chor di cigno assembra
lungo il suo fiume, or daquila volante;
Roma si maraviglia, e si rimembra
del suo Pio nel tuo nome e del buon Marco,
chai gli augusti ne lalma e nel sembiante.
1615
Alla sinora A. Palloni, gentildonna romana.
Questa lucida spera
quella di fortuna,
o quella pur de lincostante luna?
o quante son le forme, e quanti errori
5 fa nel suo vago giro,
mentre io la seguo e miro,
fra la tempesta de miei dolci ardori?
Deh chi fermar la puote,
e quietar le mie voglie e le sue rote?
270
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte settima
1616
Questa lucente spera
tutta piena damorosi venti,
o siano spirti o sian sospiri ardenti;
pur mentre ella si volve intorno e gira,
5 spirti da lei non spira,
ma tutti i suoi sospiri in s raccoglie
con lamorose voglie.
E cos tutta indura
che da colpi damor sembra sicura.
1617
A Paolo Emilio Santorio.
Signore, a la cui dotta e nobil chioma
Apollo tesse il suo pi verde lauro,
omai porta Pegaso a lIndo, al Mauro
il vostro nome e sdegna antica soma.
5 Darvi intanto desia lItalia e Roma
scettro e corona pur di lucido auro,
come a chi lei di pompa e di tesauro
rende pi lieta, e vince i regni e doma.
Perch, vostra merc, nel seno accoglie
10 altre ricchezze che le gemme e gli ostri,
spogliata Grecia e sue lingue pi belle.
Ma voi curate men trionfi e spoglie,
degno che si coroni a merti vostri
il zio di gemme in terra, e n ciel di stelle.
1618
Fu sentier lungo e faticoso ed erto
quello onde l pio Santorio a voi precorse,
ch nulla mai deccelsa meta il torse
e l pose in alto grado il proprio merto.
271
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte settima
5 E quel valor, chin bene oprando certo,
perchi premi Fortuna avvien chinforse,
voi lo seguiste, e ben di voi saccorse
sin da primi anni il buon giudizio esperto.
Or seco in Vaticano a lostro aspira
10 vostra virtute, e segli al seggio antico
di Pietro ascende, e veste il grave incarco,
insino al sommo ciel vi sapre il varco,
e con mille corone il ciel si gira
a le vostre corone eterno amico.
1619
[Per il ritratto del signor Latino Orsini.]
Da limagine illustre in cui dipinse
dotto e felice stile il buon Latino,
quasi spirar veggio lonor latino
e quel valor che resse il mondo e vinse.
5 Delmo potea coprirlo, ondei si cinse
la fronte ed al suo duce and vicino;
ma celar non volea spirto divino,
chindi par che risplenda, e inerme il finse.
Nudo e senza splendor di ferro e dauro
10 porge spavento; e lAfricano e l Trace
men temerebbe al folgorar de larmi.
Mira ancor senza oliva e senza lauro
qual ei prometta altrui trionfo e pace,
e gloria pi che mille bronzi o marmi.
272
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte settima
1620
Al figliuolo dellambasciatore di Spagna.
Roma gi stanca e per vecchiezza esangue,
in te mancati i valorosi e giusti,
a cui lEuropa ebbe confini angusti,
choltre spiegar laquila invitta e langue,
5 da regni iberi, in cui virt non langue,
cercar solevi i tuoi pi degni augusti,
e que vinser di gloria i pi vetusti
che spargean per la gloria il nobil sangue.
Dalta progenie ispana in te pur nasce
10 or nuovo figlio e peregrin del mondo,
rara grazia e favor damica stella,
quasi a portar dambi glimperi il pondo:
tu, perch domi lAfrica ribella,
come gran duce omai lonora in fasce.
1621
[Al signor Papirio Piccoli.]
Cos dal ciel le vostre notti acquete
lei, che vi diede Amor, Morte vi tolse;
o chi novellamente il cor vavvolse
il suo vi doni, onde pi vago sete,
5 come n voi da be lumi, ondora ardete,
nasceran frutti, quali unqua non colse
chi pi degna la mano a scriver volse
laltrui bellezze o le sue pene liete.
Qui son, Papirio, e l vostro nome altrove
10 sento lodarsi; e se l principio tale,
qual si puote sperar il mezzo e l fine?
Ma se gite cantando al nodo eguale,
che legato vi tien, non fia chi trove
glorie degne di voi, se non divine.
273
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte settima
1622
Questi occhi, chinfiniti, eterni, ardenti
nel mio gran cerchio il sommo Padre pose,
a chiare far lalte sue glorie ascose
diemmi ed a sostener tutti i viventi.
5 N s alta cagion par mi contenti
quanto chio posso un volto, e due amorose
luci mirar fra le pi rare cose
con tanti lumi, cho in lor sempre intenti.
Di quanto cingo infra lAustro ed Arturo,
10 fra l Tago e l Gange tepido, sol elle
son la mia gloria e l mio soave scorno.
Taccian de lopre mie quante fur belle:
questa sola mi piacque, e questa curo.
Cos il ciel disse, e son Giulia intorno.
1623
In morte di don Alfonso Guevara.
Gloria di nobiltade antica e darmi,
Guevara, avesti e voglie al cielo intese;
e quasi in campo donorate imprese,
un alto cor dinvitta f disarmi.
5 E simulacri ed archi e mpressi marmi
vincendo meritasti, alma cortese,
poi che l tuo spirto al puro lume ascese,
chi segna in pietra i lagrimosi carmi?
Ma se non pu sottrar la frale spoglia
10 a la Parca, che prende i preghi a scherno,
il pianto, o lunga far la breve vita,
sia la memoria al mondo ognor gradita,
e n mortal laude a morte almen ritoglia,
e faccia fra mortali il nome eterno.
274
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte settima
1624
[Al Consalvo.]
Chi pu temprar, Consalvo, il gran disdegno,
che per alta cagion si move e desta,
e tranquillar il verno e la tempesta
de miei pensieri e de laffetto indegno,
5 se tu non sei? Teco a dolermi io vegno;
e se doglia per doglia pi molesta,
come s cara e dilettosa questa,
che dantico dolor porto e sostegno?
Chi maddolcisce del mio pianto amaro
10 le fonti, e laspro duol che lalma ingombra,
se non se i tuoi soavi e chiari accenti?
Cos piangendo e sospirando imparo
che la vita sparisce a guisa dombra,
e dolce la piet daltrui lamenti.
1625
Ad Ansaldo Ceb.
S come a vento rapido e sonante
aura vaga restar tacita suole,
riman tra i gigli oppressa e le viole
la roca voce mia per duol tremante.
5 Tremano a laspro suon le verdi piante,
savvien cha gli altri affanni il core invole,
comio solea fra selve ombrose e sole,
e taccio e mpetro quale il vecchio Atlante;
e forse il nome oscuro e le mie rime
10 vedr neglette, e rimaner ascoso
o dAracne sembrarvi il mio lavoro.
275
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte settima
Felice voi che mente e stil sublime
e voglie avete, e chio lontano onoro,
e vicino inchinar son pi bramoso.
1626
Nelle nozze di Ascanio della Cornia e di Francesca Sforza.
Era forza lamar (se forza al core
fan gli aspetti del ciel, lucenti stelle)
forme vie pi di lor serene e belle
e n gentil donna alto desio donore.
5 Ma che perdendo, anzi donando il core
faccia costei le proprie voglie ancelle,
libere dianzi, e i suoi pensier con elle,
merto e grazia e gran virt damore.
Cos due nobilalme al laccio ordito
10 e per elezione e per destino
fede e bellezza e castitade annoda;
e col mortale insieme e co l divino
l fido Ascanio a la sua Sforza unito,
e n lei vivendo in lei sonora e loda.
1627
[Al signor Bernardo...]
Gi danni grave e gi canuto il crine,
ma pi grave del senno entro raccolto,
a pi canuta meta, e pieno il volto
di quellonor, che lalma al giusto inchine,
5 hai, Bernardo, le mete omai vicine
di vita no, ch pur lo spazio molto
che a lo spirto riman di membra involto
(o chio ci bramo), ed ancor lunge il fine;
276
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte settima
ma di gloria immortal, ch premio al merto
10 dopre buone e pietose e quasi palma,
e tu vaspiri pur con saldi passi.
E i pi veloci e levi a tergo or lassi,
perch loro e largento iniqua salma
non sono a te, cursor del mondo esperto.
1628
[Risposta ad un sonetto dincerto.]
Se con lardente spirto Austro talora
o Borea pur con le sue nevi algenti
secca i rivi, e glindura o fa pi lenti,
sfronda le piante e gli arboscelli sfiora,
5 de lingegno immortal, che pi sinfiora
a vivi raggi de leterne menti,
non sono ancor le rose e i gigli spenti,
onde i suoi moti poesia colora.
Ha Parnaso i suoi lauri e lacque chiare
10 che saperse col pi destriero alato,
lo qual di stelle in ciel lucente appare.
L s poggiate; o ver tra noi lodato
somigliate Anfione in mezzo al mare.
Ci vi consoli e vi pu far beato.
1629
A due sorelle.
O di sembianze, o di costumi, o danni,
di gentil sangue e dalto amor sorelle,
in cui la minor gloria lesser belle,
s che Natura se medesma inganni,
5 o Grazie, chonest ne gli aurei panni
copre, a cui son le nude Grazie ancelle,
277
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte settima
mentre voglie domate al ciel ribelle
e gli affetti del core, empi tiranni;
come gi consacr lantica etate
10 di Virtute e dOnor congiunto il tempio,
e sol per quella a questo apriva il passo,
tal io nel cor, non in metallo o n sasso
lergo a la Pudicizia, a la Beltate,
di cui lidea voi siete e l vivo esempio.
1630
A un pittore per limmagine di Ges bambino ignudo.
Non da larte di Zeusi oppur dApelle,
o daltra che le carte orni e colori,
ha tratto questo amor deterni amori
il leggiadro fattor dopre novelle,
5 ma dal pittor che di serene stelle
pi varia il cielo, e puri almi splendori
e nude forme in que celesti cori
al pensier rivel pi ardenti e belle.
Dunque al ciel fu rapito, e l chiaro esempio
10 ivi a lui fu mostrato, o n lui discese
maravigliosamente il Mastro eterno;
e f ne lalma il simulacro interno,
e poi la dotta man seguendo il prese
dal proprio cor, quasi da vivo tempio.
1631
[A un Toscano.]
Ne la tua patria i peregrini marmi
chi forma s che lei nonori o larte?
chi tele adorna di color cosparte?
Tu, cui vero consorte il tempo parmi.
278
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro quarto - Parte settima
5 E chi sotto misure i dolci carmi
stringe, o distende vaghe prose in carte?
Per tali opre ella ha fama in ogni parte;
e pregio quasi egual a quel de larmi.
Gi del gran Cosmo il figlio, a cui lantica
10 gloria de gli avi e specchio a i chiari studi
non niega il premio s chella gli sdegni.
Ed or che non rinnova elmi n scudi,
e nel tranquillo cor la pace amica
nutre, che fanno i suoi felici ingegni?
1632
Al principe di Stigliano.
La gloria e l grado, a cui vinalza il merto
deroi famosi e le memorie antiche
dimprese illustri e mille altre fatiche,
di Parnaso e di Olimpo il colle aperto;
5 e del gran corso de la vita e incerto
non in gelide parti o in parti apriche,
ma in ciel le mete e fra le stelle amiche
locato il seggio e l chiaro nome inserto;
troppo sono a miei bassi angusti carmi
10 sublime ampio soggetto, e non sagguaglia
lopra a lingegno o la materia a larte.
E perchio taccia e giuste lance ed armi,
perde il mio stile, ove pi avanzi e saglia
da le virt che il cielo ha in voi cosparte.