Sei sulla pagina 1di 414

Torquato Tasso

Rime doccasione o dencomio


Parte 2 (libro 3)
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Edizioni di riferimento
elettroniche
Liz, Letteratura Italiana Zanichelli
a stampa
Torquato Tasso, Rime, a cura di B. Maier, I-II, in T.T., Opere, Milano, Rizzoli,
1963
Design
Graphiti, Firenze
Impaginazione
Thsis, Firenze-Milano
3
3
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio
Sommario
Libro terzo: Dall11 marzo 1579 al 12 luglio
1586 Parte Prima 11 Marzo 1579-1582... 11
664 ................................................................. 11
665 ................................................................. 11
666 ................................................................. 12
667 ................................................................. 12
668 ................................................................. 15
669 ................................................................. 17
670 ................................................................. 17
671 ................................................................. 18
672 ................................................................. 18
673 ................................................................. 19
674 ................................................................. 22
675 ................................................................. 23
676 ................................................................. 23
677 ................................................................. 24
678 ................................................................. 24
679 ................................................................. 25
680 ................................................................. 26
681 ................................................................. 26
682 ................................................................. 27
683 ................................................................. 27
684 ................................................................. 28
685 ................................................................. 28
686 ................................................................. 29
687 ................................................................. 30
688 ................................................................. 30
689 ................................................................. 31
690 ................................................................. 31
691 ................................................................. 32
692 ................................................................. 32
693 ................................................................. 33
694 ................................................................. 34
695 ................................................................. 34
696 ................................................................. 35
697 ................................................................. 35
698 ................................................................. 36
699 ................................................................. 36
700 ................................................................. 37
701 ................................................................. 37
702 ................................................................. 38
703 ................................................................. 38
704 ................................................................. 39
705 ................................................................. 40
706 ................................................................. 40
707 ................................................................. 41
708 ................................................................. 41
709 ................................................................. 42
710 ................................................................. 42
711 ................................................................. 43
712 ................................................................. 44
713 ................................................................. 44
714 ................................................................. 45
715 ................................................................. 45
716 ................................................................. 46
717 ................................................................. 46
718 ................................................................. 47
719 ................................................................. 47
720 ................................................................. 47
721 ................................................................. 48
722 ................................................................. 48
723 ................................................................. 49
724 ................................................................. 52
725 ................................................................. 53
726 ................................................................. 54
727 ................................................................. 54
728 ................................................................. 55
729 ................................................................. 55
730 ................................................................. 56
731 ................................................................. 56
732 ................................................................. 57
733 ................................................................. 57
734 ................................................................. 58
735 ................................................................. 58
736 ................................................................. 58
737 ................................................................. 59
738 ................................................................. 59
739 ................................................................. 60
740 ................................................................. 60
741 ................................................................. 61
742 ................................................................. 61
743 ................................................................. 62
744 ................................................................. 62
745 ................................................................. 63
3
4
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio
746 ................................................................. 63
747 ................................................................. 64
748 ................................................................. 65
749 ................................................................. 65
750 ................................................................. 66
751 ................................................................. 66
752 ................................................................. 67
753 ................................................................. 67
754 ................................................................. 68
755 ................................................................. 68
756 ................................................................. 69
757 ................................................................. 71
758 ................................................................. 72
759 ................................................................. 72
760 ................................................................. 73
761 ................................................................. 73
762 ................................................................. 74
763 ................................................................. 74
764 ................................................................. 75
765 ................................................................. 75
766 ................................................................. 76
767 ................................................................. 76
768 ................................................................. 77
769 ................................................................. 77
770 ................................................................. 78
771 ................................................................. 78
772 ................................................................. 79
773 ................................................................. 80
774 ................................................................. 80
775 ................................................................. 81
776 ................................................................. 81
777 ................................................................. 82
778 ................................................................. 82
779 ................................................................. 83
780 ................................................................. 83
781 ................................................................. 84
782 ................................................................. 84
783 ................................................................. 85
784 ................................................................. 85
785 ................................................................. 86
786 ................................................................. 86
787 ................................................................. 87
788 ................................................................. 87
789 ................................................................. 88
790 ................................................................. 89
791 ................................................................. 89
792 ................................................................. 90
793 ................................................................. 90
794 ................................................................. 91
795 ................................................................. 91
796 ................................................................. 92
797 ................................................................. 93
798 ................................................................. 93
799 ................................................................. 94
800 ................................................................. 94
801 ................................................................. 95
802 ................................................................. 95
803 ................................................................. 96
804 ................................................................. 96
805 ................................................................. 97
806 ................................................................. 97
807 ................................................................. 98
808 ................................................................. 98
809 ................................................................. 99
810 ............................................................... 100
811 ............................................................... 100
812 ............................................................... 101
813 ............................................................... 101
814 ............................................................... 102
815 ............................................................... 102
816 ............................................................... 103
817 ............................................................... 104
818 ............................................................... 104
819 ............................................................... 105
820 ............................................................... 105
821 ............................................................... 106
822 ............................................................... 107
823 ............................................................... 107
824 ............................................................... 108
825 ............................................................... 108
826 ............................................................... 109
827 ............................................................... 109
828 ............................................................... 110
829 ............................................................... 110
830 ............................................................... 111
831 ............................................................... 111
3
5
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio
832 ............................................................... 112
833 ............................................................... 113
834 ............................................................... 113
835 ............................................................... 114
836 ............................................................... 114
837 ............................................................... 115
838 ............................................................... 116
839 ............................................................... 116
840 ............................................................... 117
Parte seconda Rime di data incerta provenienti
dalla stampa 22.................. 118
841 ............................................................... 118
842 ............................................................... 118
843 ............................................................... 119
844 ............................................................... 119
845 ............................................................... 120
846 ............................................................... 120
847 ............................................................... 121
848 ............................................................... 121
849 ............................................................... 122
850 ............................................................... 122
851 ............................................................... 123
852 ............................................................... 123
853 ............................................................... 124
854 ............................................................... 125
855 ............................................................... 125
856 ............................................................... 126
857 ............................................................... 126
858 ............................................................... 127
859 ............................................................... 127
860 ............................................................... 128
861 ............................................................... 128
862 ............................................................... 129
863 ............................................................... 129
864 ............................................................... 130
865 ............................................................... 130
866 ............................................................... 131
Parte terza Rime composte negli anni
1583-1584............................... 132
867 ............................................................... 132
868 ............................................................... 132
869 ............................................................... 133
870 ............................................................... 133
871 ............................................................... 134
872 ............................................................... 134
873 ............................................................... 135
874 ............................................................... 136
875 ............................................................... 136
876 ............................................................... 137
877 ............................................................... 137
878 ............................................................... 138
879 ............................................................... 138
880 ............................................................... 139
881 ............................................................... 140
882 ............................................................... 140
883 ............................................................... 140
884 ............................................................... 141
885 ............................................................... 142
886 ............................................................... 142
887 ............................................................... 143
888 ............................................................... 145
889 ............................................................... 145
890 ............................................................... 146
891 ............................................................... 146
892 ............................................................... 147
893 ............................................................... 147
894 ............................................................... 148
895 ............................................................... 148
896 ............................................................... 149
897 ............................................................... 149
898 ............................................................... 150
899 ............................................................... 151
900 ............................................................... 151
901 ............................................................... 152
902 ............................................................... 152
903 ............................................................... 152
904 ............................................................... 153
905 ............................................................... 153
906 ............................................................... 154
907 ............................................................... 154
908 ............................................................... 155
909 ............................................................... 155
910 ............................................................... 156
911 ............................................................... 157
3
6
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio
912 ............................................................... 157
913 ............................................................... 158
914 ............................................................... 158
915 ............................................................... 159
916 ............................................................... 159
917 ............................................................... 160
918 ............................................................... 160
919 ............................................................... 161
920 ............................................................... 162
921 ............................................................... 162
922 ............................................................... 163
923 ............................................................... 163
924 ............................................................... 164
925 ............................................................... 164
926 ............................................................... 165
927 ............................................................... 166
928 ............................................................... 166
929 ............................................................... 167
930 ............................................................... 167
931 ............................................................... 167
932 ............................................................... 168
933 ............................................................... 168
934 ............................................................... 169
935 ............................................................... 169
936 ............................................................... 170
937 ............................................................... 170
938 ............................................................... 171
939 ............................................................... 171
940 ............................................................... 172
941 ............................................................... 173
942 ............................................................... 173
943 ............................................................... 174
944 ............................................................... 174
945 ............................................................... 175
946 ............................................................... 177
947 ............................................................... 178
948 ............................................................... 178
949 ............................................................... 179
950 ............................................................... 180
951 ............................................................... 180
952 ............................................................... 183
953 ............................................................... 184
954 ............................................................... 184
955 ............................................................... 187
956 ............................................................... 188
957 ............................................................... 188
958 ............................................................... 189
959 ............................................................... 190
960 ............................................................... 190
961 ............................................................... 194
962 ............................................................... 194
963 ............................................................... 195
964 ............................................................... 195
965 ............................................................... 196
Parte quarta Rime di data incerta provenienti
dalla stampa 23 ................... 197
966 ............................................................... 197
967 ............................................................... 197
968 ............................................................... 198
969 ............................................................... 198
970 ............................................................... 199
971 ............................................................... 199
972 ............................................................... 200
973 ............................................................... 201
974 ............................................................... 201
975 ............................................................... 202
976 ............................................................... 202
977 ............................................................... 203
978 ............................................................... 203
979 ............................................................... 204
980 ............................................................... 204
981 ............................................................... 205
Parte quinta Rime di data incerta provenienti
dalle stampe 27 e 28............. 206
982 ............................................................... 206
983 ............................................................... 206
984 ............................................................... 207
985 ............................................................... 207
986 ............................................................... 208
987 ............................................................... 208
988 ............................................................... 209
989 ............................................................... 210
3
7
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio
990 ............................................................... 210
991 ............................................................... 211
992 ............................................................... 211
993 ............................................................... 212
994 ............................................................... 213
995 ............................................................... 213
996 ............................................................... 213
997 ............................................................... 214
998 ............................................................... 214
999 ............................................................... 215
1000 ............................................................. 215
1001 ............................................................. 216
1002 ............................................................. 216
1003 ............................................................. 217
1004 ............................................................. 217
1005 ............................................................. 218
1006 ............................................................. 218
1007 ............................................................. 219
1008 ............................................................. 219
1009 ............................................................. 220
1010 ............................................................. 220
1011 ............................................................. 221
1012 ............................................................. 221
1013 ............................................................. 225
1014 ............................................................. 228
1015 ............................................................. 228
1016 ............................................................. 229
1017 ............................................................. 231
1018 ............................................................. 232
1019 ............................................................. 232
1020 ............................................................. 232
1021 ............................................................. 233
1022 ............................................................. 233
1023 ............................................................. 234
1024 ............................................................. 234
1025 ............................................................. 234
1026 ............................................................. 235
1027 ............................................................. 235
1028 ............................................................. 235
1029 ............................................................. 236
1030 ............................................................. 236
1031 ............................................................. 236
1032 ............................................................. 237
1033 ............................................................. 237
1034 ............................................................. 237
1035 ............................................................. 238
1036 ............................................................. 238
1037 ............................................................. 238
1038 ............................................................. 239
1039 ............................................................. 239
1040 ............................................................. 240
1041 ............................................................. 241
1042 ............................................................. 241
1043 ............................................................. 242
1044 ............................................................. 242
1045 ............................................................. 243
1046 ............................................................. 243
1047 ............................................................. 244
1048 ............................................................. 244
1049 ............................................................. 244
1050 ............................................................. 245
1051 ............................................................. 245
1052 ............................................................. 246
1053 ............................................................. 247
1054 ............................................................. 247
1055 ............................................................. 248
1056 ............................................................. 248
1057 ............................................................. 249
1058 ............................................................. 249
1059 ............................................................. 250
1060 ............................................................. 251
1061 ............................................................. 251
1062 ............................................................. 252
1063 ............................................................. 252
1064 ............................................................. 253
1065 ............................................................. 253
1066 ............................................................. 254
1067 ............................................................. 254
1068 ............................................................. 255
1069 ............................................................. 255
1070 ............................................................. 256
1071 ............................................................. 256
1072 ............................................................. 257
1073 ............................................................. 257
1074 ............................................................. 257
1075 ............................................................. 258
3
8
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio
1076 ............................................................. 258
1077 ............................................................. 258
1078 ............................................................. 259
1079 ............................................................. 259
1080 ............................................................. 260
1081 ............................................................. 260
1082 ............................................................. 261
1083 ............................................................. 261
1084 ............................................................. 262
1085 ............................................................. 262
1086 ............................................................. 263
1087 ............................................................. 263
1088 ............................................................. 264
1089 ............................................................. 264
1090 ............................................................. 265
1091 ............................................................. 266
1092 ............................................................. 266
1093 ............................................................. 267
1094 ............................................................. 267
1095 ............................................................. 268
1096 ............................................................. 268
1097 ............................................................. 269
1098 ............................................................. 270
1099 ............................................................. 270
1100 ............................................................. 271
1101 ............................................................. 271
1102 ............................................................. 272
1103 ............................................................. 272
1104 ............................................................. 273
1105 ............................................................. 274
1106 ............................................................. 274
1107 ............................................................. 275
1108 ............................................................. 275
1109 ............................................................. 276
1110 ............................................................. 276
1111 ............................................................. 277
1112 ............................................................. 278
1113 ............................................................. 278
1114 ............................................................. 279
1115 ............................................................. 279
1116 ............................................................. 280
1117 ............................................................. 281
1118 ............................................................. 281
1119 ............................................................. 282
1120 ............................................................. 282
1121 ............................................................. 283
1122 ............................................................. 283
1123 ............................................................. 284
1124 ............................................................. 285
1125 ............................................................. 285
1126 ............................................................. 286
1127 ............................................................. 286
1128 ............................................................. 287
1129 ............................................................. 287
1130 ............................................................. 288
1131 ............................................................. 289
1132 ............................................................. 289
1133 ............................................................. 290
1134 ............................................................. 290
1135 ............................................................. 291
1136 ............................................................. 291
1137 ............................................................. 292
1138 ............................................................. 293
1139 ............................................................. 293
1140 ............................................................. 294
1141 ............................................................. 294
1142 ............................................................. 295
1143 ............................................................. 295
1144 ............................................................. 296
1145 ............................................................. 297
1146 ............................................................. 297
1147 ............................................................. 298
1148 ............................................................. 298
1149 ............................................................. 299
1150 ............................................................. 299
1151 ............................................................. 300
1152 ............................................................. 301
1153 ............................................................. 301
1154 ............................................................. 302
1155 ............................................................. 302
1156 ............................................................. 303
1157 ............................................................. 303
1158 ............................................................. 304
1159 ............................................................. 305
1160 ............................................................. 305
1161 ............................................................. 306
3
9
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio
1162 ............................................................. 306
1163 ............................................................. 307
1164 ............................................................. 307
1165 ............................................................. 308
1166 ............................................................. 309
1167 ............................................................. 309
1168 ............................................................. 310
1169 ............................................................. 310
1170 ............................................................. 311
1171 ............................................................. 311
1172 ............................................................. 312
1173 ............................................................. 312
1174 ............................................................. 313
1175 ............................................................. 314
1176 ............................................................. 314
1177 ............................................................. 314
1178 ............................................................. 315
1179 ............................................................. 315
1180 ............................................................. 316
1181 ............................................................. 316
1182 ............................................................. 316
1183 ............................................................. 317
1184 ............................................................. 318
1185 ............................................................. 318
1186 ............................................................. 319
1187 ............................................................. 319
1188 ............................................................. 320
1189 ............................................................. 320
1190 ............................................................. 321
1191 ............................................................. 322
1192 ............................................................. 322
1193 ............................................................. 323
1194 ............................................................. 323
1195 ............................................................. 324
1196 ............................................................. 324
1197 ............................................................. 325
1198 ............................................................. 325
1199 ............................................................. 325
1200 ............................................................. 326
1201 ............................................................. 326
1202 ............................................................. 326
1203 ............................................................. 327
1204 ............................................................. 327
1205 ............................................................. 327
1206 ............................................................. 328
1207 ............................................................. 328
1208 ............................................................. 329
1209 ............................................................. 329
1210 ............................................................. 330
1211 ............................................................. 330
1212 ............................................................. 331
1213 ............................................................. 331
1214 ............................................................. 332
1215 ............................................................. 332
1216 ............................................................. 333
1217 ............................................................. 333
1218 ............................................................. 334
1219 ............................................................. 334
Parte sesta Rime di composte negli anni
1585-1586 (12 luglio) .............. 335
1220 ............................................................. 335
1221 ............................................................. 338
1222 ............................................................. 344
1223 ............................................................. 346
1224 ............................................................. 347
1225 ............................................................. 347
1226 ............................................................. 349
1227 ............................................................. 350
1228 ............................................................. 351
1229 ............................................................. 351
1230 ............................................................. 352
1231 ............................................................. 352
1232 ............................................................. 353
1233 ............................................................. 353
1234 ............................................................. 354
1235 ............................................................. 355
1236 ............................................................. 355
1237 ............................................................. 357
1238 ............................................................. 357
1239 ............................................................. 358
1240 ............................................................. 361
1241 ............................................................. 363
1242 ............................................................. 364
1243 ............................................................. 367
1244 ............................................................. 368
3
10
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio
1245 ............................................................. 370
1246 ............................................................. 371
1247 ............................................................. 371
1248 ............................................................. 372
1249 ............................................................. 372
1250 ............................................................. 373
1251 ............................................................. 373
1252 ............................................................. 375
1253 ............................................................. 376
1254 ............................................................. 380
1255 ............................................................. 380
1256 ............................................................. 381
1257 ............................................................. 382
1258 ............................................................. 382
1259 ............................................................. 383
1260 ............................................................. 383
1261 ............................................................. 384
1262 ............................................................. 384
1263 ............................................................. 385
1264 ............................................................. 387
1265 ............................................................. 388
1266 ............................................................. 388
1267 ............................................................. 389
1268 ............................................................. 389
1269 ............................................................. 390
1270 ............................................................. 390
1271 ............................................................. 394
1272 ............................................................. 395
1273 ............................................................. 395
1274 ............................................................. 396
1275 ............................................................. 396
1276 ............................................................. 396
1277 ............................................................. 397
1278 ............................................................. 397
1279 ............................................................. 398
1280 ............................................................. 398
1281 ............................................................. 398
1282 ............................................................. 399
1283 ............................................................. 399
1284 ............................................................. 399
1285 ............................................................. 400
1286 ............................................................. 400
1287 ............................................................. 400
1288 ............................................................. 401
1289 ............................................................. 401
1290 ............................................................. 402
1291 ............................................................. 402
1292 ............................................................. 403
1293 ............................................................. 403
1294 ............................................................. 404
1295 ............................................................. 405
1296 ............................................................. 405
1297 ............................................................. 406
1298 ............................................................. 406
1299 ............................................................. 407
1300 ............................................................. 407
1301 ............................................................. 408
1302 ............................................................. 409
1303 ............................................................. 409
1304 ............................................................. 410
1305 ............................................................. 410
1306 ............................................................. 411
1307 ............................................................. 411
1308 ............................................................. 412
1309 ............................................................. 412
1310 ............................................................. 413
1311 ............................................................. 414
1312 ............................................................. 414
11
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
Libro terzo: Dall11 marzo 1579 al 12 luglio 1586
Parte Prima 11 Marzo 1579-1582
664
Vinca Fortuna omai se sotto il peso
di tante cure alfin cader conviene;
vinca, e del mio riposo e del mio bene
lempio trofeo sia nel suo tempio appeso.
5 Colei, che mille eccelsi imperi ha reso
vili ed eguali a le pi basse arene,
del mio male or si vanta e le mie pene
conta, e me chiama da suoi strali offeso.
Dunque natura e stil cangia perchio
10 cangio il mio riso in pianto? Or qual pi chiaro
presagio attende del mio danno eterno?
Piangi, alma trista, piangi; e del tuo amaro
pianto si formi un tenebroso rio
chil Cocito sia poi del nostro inferno.
665
A le signore principesse di Ferrara.
Suore del grandAlfonso, il terzo giro
ha gi compiuto il gran pianeta eterno
chio da lo strazio afflitto e da lo scherno
di Fortuna crudele egro sospiro.
5 Lasso! vile ed indegno ci che miro
a me dintorno o chin altri discerno:
bello ben, sio vi guardo, il petto interno;
ma che? premi ha sol donta e di martiro.
Bello s che, veduto al mondo, esempio
10 fora donor: vi siete ambo scolpite
e vive e spira luna e laltra imago.
Pur didoli s belli a pien non pago,
il ver desio; ma voi, lasso!, schernite
la fede e l cor ch vostro altare e tempio.
12
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
666
O due figlie dAlcide, onde soscura
de le figlie di Leda ogni memoria,
che dier soggetto a vergognosa istoria
ed ebber pregio di bellezza impura;
5 voi, di belt, di spirto e di natura
angeliche e divine, alta vittoria
avete contra i sensi, e vostra gloria
pi che l sol chiara e pi che l cielo pura.
Io, fra cotanti turbini e procelle,
10 fra scogli e flutti a voi mi volgo e grido
ed attendo da voi soccorso e luce.
Voi la barchetta mia scorgete al lido,
e discoprite a me, cortesi stelle,
Castore vostro e l vostro alto Polluce.
667
O figlie di Renata,
io non parlo a la pira
de fratei che n pur la morte unio,
che di regnar malnata
5 voglia e disdegno ed ira
lombre, il cener, le fiamme anco partio;
ma parlo a voi che pio
produsse e real seme
in uno istesso seno,
10 quasi in fertil terreno
nate e nodrite pargolette insieme,
quasi due belle piante
di cui serva la terra e il cielo amante.
A voi parlo, che suore
15 del grandAlfonso invitto,
avete onde sprezzar Giuno e Diana,
13
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
ed ogni regio onore
di quella che n Egitto
pi ristrinse co suoi legge profana:
20 ch se moglie e germana
offr chioma votiva
chorn il ciel di faville,
voti vostri ben mille,
passando ove sua luce a pena arriva,
25 ardon nel primo cielo
anzi il gran sol dinestinguibil zelo.
A voi parlo, in cui fanno
s concorde armonia
onest, senno, onor, bellezza e gloria;
30 a voi spiego il mio affanno,
e de la pena mia
narro, e n parte piangendo, acerba istoria;
ed in voi la memoria
di voi, di me rinnovo;
35 vostri effetti cortesi,
gli anni miei tra voi spesi,
qual son, qual fui, che chiedo, ove mi trovo,
chi mi guid, chi chiuse,
lasso! chi maffid, chi mi deluse.
40 Queste cose, piangendo,
a voi rammento, o prole
deroi, di regi, gloriosa e grande;
e se nel mio lamento
scarse son le parole,
45 lagrime larghe il mio dolor vi spande.
Cetre, trombe, ghirlande,
misero, piango e piagno
studi, diporti ed agi,
mense, logge e palagi,
50 ovor fui nobil servo ed or compagno;
libertade e salute
e leggi, oim!, dumanit perdute.
14
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
Da nipoti dAdamo,
oim!, chi mi divide?
55 O qual Circe mi spinge infra le gregge?
Oim! ch in tronco o in ramo
augel vien che sannide
e fera in tana ancor con miglior legge:
lor la natura regge,
60 e pure e dolci e fresche
lor porge lacque il fonte,
e l prato e l colle e l monte
non infette, salubri e facili esche,
e l ciel libero e laura
65 lor luce e spira e lor scalda e ristaura.
Merto le pene, errai:
errai, confesso; e pure
rea fu la lingua, il cor si scusa e nega:
chiedo pietade omai;
70 e sa le mie sventure
non vi piegate voi, chi lor si piega?
Lasso! chi per me prega
ne le fortune avverse
se voi mi sete sorde?
75 Deh! se voler discorde
in s granduopo mio vi fa diverse,
in me fra voi lesempio
di Mezio si rinnova e l duro scempio.
Quellarmonia s nova
80 di virt che vi face
s belle, or bei per me faccia concenti,
s cha piet commova
quel signor per cui spiace
pi la mia colpa a me che i miei tormenti,
85 lasso!, bench cocenti:
onda tanti e s egregi
titoli di sue glorie,
15
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
a tante sue vittorie,
a tanti suoi trofei, tanti suoi fregi,
90 questo saggiunga ancora:
perdono a chi loffese ed or ladora.
Canzon, virtute l dovi tinvio:
meco non fortuna;
se f non hai, non hai tu scorta alcuna.
668
Al serenissimo duca di Ferrara.
O magnanimo figlio
dAlcide glorioso,
che l paterno valor ti lasci a tergo,
a te, che da lesiglio
5 prima in nobil riposo
mi raccogliesti nel reale albergo,
a te rivolgo ed ergo
dal mio carcer profondo
il cor, la mente e gli occhi:
10 a te chino i ginocchi,
a te le guance sol di pianto inondo,
a te la lingua scioglio:
teco ed a te, ma non di te mi doglio.
Volgi gli occhi clementi
15 e vedrai, dove langue
vil volgo ed egro per piet raccolto,
sotto tutti i dolenti
il tuo gi servo, esangue
gemer pieno di morte orrida il volto,
20 fra mille pene avvolto,
con occhi foschi e cavi,
con membra immonde e brutte
e cadenti ed asciutte
de lumor de la vita e stanche e gravi,
16
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
25 e nvidiar la vil sorte
de gli altri cui piet vien che conforte.
Per me pietade spenta
e cortesia smarrita,
se n te, signor, non nasce e non si trova:
30 lasso! qual me tormenta
nova schiera infinita
di mali! o che pi mi diletta o giova?
Ah! congiurate a prova
in ciel le stelle e n terra
35 contra me son coloro
che sornan dostro e doro,
e contra il mio Parnaso ognun fa guerra;
ed io piet pur chiesi
a mille, e te via pi dognaltro offesi.
40 Ma che? Giove soffende,
ed offeso co voti
si placa, onde depon poi larme e lire;
ed io, perch lorrende
saette tue, che scoti
45 sovra me mentre fiamma e sdegno spire,
far non potr che gire
in pi odiosa parte,
rendendo i numi amici
con voti e sacrifici,
50 e n te onorando or Giove, or Febo, or Marte,
ch tutte lor virtudi
nel tuo petto reale ed altre chiudi?
Ma non oso, signore,
stender la lingua audace
55 ne le tue lodi e dir gli scettri e larme,
ch forse indegno onore
a tuoi pregi di pace
e di guerra sarebbe il nostro carme;
ed io pavento e parme
17
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
60 che l mio cantar tannoi:
onde, se ben del canto
forse mappago e vanto,
temo, cigno infelice, i fulmin tuoi;
e sol pronte le penne
65 col saran dove il tuo ciglio accenne.
Trova, canzon, il grande invitto duce
fra le due suore assiso,
ch l vedrai forse pi clemente in viso.
669
A la serenissima signora Margherita Gonzaga, duchessa di Ferrara.
O regia sposa, al tuo bel nome altero
rischiarar ben vorrei la voce e l canto,
e n suon qual ud gi lantica Manto
far rimbombar de tuoi gran pregi il vero;
5 ma la lingua, che scorta dal pensiero,
sebbe alcun tempo di dolcezza il vanto,
or rende amara ogni sua nota in pianto,
n forma detto di letizia intero.
Pur, se Progne tra boschi e Filomena
10 suonan dolci lamenti e dolce sode
la sua morte cantar canoro cigno,
qual fortuna o qual caso aspro e maligno
mi vieta pur che raddolcir mia pena
non possa a larmonia de la tua lode?
670
Alma real, che per leggiadro velo
splendi qual per cristallo il sol traluce,
e gli occhi e l volto adorni hai de la luce
ond s luminoso il quarto cielo,
18
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
5 tu, cui lega amoroso e casto zelo,
qual perla in auro, al glorioso duce,
pregalo che mi traggia ove il sol luce
da lozio oscuro in cui sol torpo e gelo:
che il cor, di doglia ingombro e di sospetto,
10 sange penoso e si distempra in pianto
e teme il morir no, ma l lungo scempio.
La prigion apri e le mie labbra al canto,
i nodi sciogli, e n dolce nodo astretto
io sciorr di Goffredo i voti al tempio.
671
Se piet viva indarno che si preghi,
sorda come aspe a quel chin pianto io dico,
se luno e laltro mio signore antico
vien che, contra suo stil, grazia pur neghi,
5 pieghisi Alcide: a me seco si pieghi
il grandemulo in terra, in cielo amico,
e dal fecondo tuo grembo pudico
il figliuol non concetto oda i miei preghi.
Che parlo, o che vaneggio? oim! deliro
10 per furor, per desio: Ma che? non lece
speranze fabbricar dombre e di sogni!
Sa me larve si dan di vero in vece,
vero almen fia chio prima in carte agogni
formar poi vivo un Alessandro, un Ciro.
672
A le dame de la signora Margherita Gonzaga, duchessa di Ferrara.
Vaghe, leggiadre, amorosette e pronte
serve di lei che quasi bella Aurora
di ligustri e di rose il viso infiora
e l crine ha dauro e porta il giorno in fronte,
19
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
5 sella m invece dalba e lorizzonte
or minalba, or di porpora colora,
lOre voi sete, e sol per voi vien chora
le notte e i giorni miei distingua e conte.
O de la vita mia, chella serena
10 e torbida pu far, dolce misura,
fossio presente a vostre alte carole,
chAmor con vago suon guida e misura;
e non invidierei quelle che mena
in ciel con laltre erranti stelle il sole!
673
Per madama Lucrezia dEste, duchessa dUrbino. A la Piet.
Santa Piet, chin cielo
fra gli angelici cori
siedi beata e lalme eterne e sante,
ed accesa di zelo
5 scaldi gli alati Amori
di novo e dolce foco e l primo amante;
sallo il ciel che cotante
opre tue elette e sole
vede, sallo la terra,
10 chusc per te di guerra
e n grembo ricev divina prole,
fatta al ciel graziosa
s come ancella chal signor si sposa.
Tu ti parti di rado
15 da la magion eterna
ch del sol luminosa e de le stelle,
e prendi lieta a grado
per piagge, ove non verna,
non turbate da nembi o da procelle,
20 sempre egualmente belle,
20
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
ir rimirando intorno
or questo ed or quel giro,
e l cristallo e l zaffiro,
lun puro e laltro dalme luci adorno,
25 e l bel foco e l bel latte,
e l campo che trionfa e non combatte.
E se affetto cortese
pur a scender tinduce
ne regni che la morte ange e contrista,
30 sprezzi lumil paese,
sprezzi lincerta luce
di tenebre, di nubi e dombre mista,
n puoi fermar la vista
in cosa che tappaghi;
35 ma ci chondeggia e gira,
ci chesala o che spira
sdegni egualmente e i fissi seggi e i vaghi:
sol ne gli umani aspetti
un non so che divin par che talletti.
40 Ah! discender ti piaccia
ovio ti invito; ah! vieni,
e vedrai, forma a le celesti eguale,
donna, chin chiara faccia
vince i vostri sereni,
45 changiol la stimi e chiedi ove son lale;
che nel volto reale
la maest riserba
di chi lalta sua imago
vimpresse, e n s vago
50 come di specchio bel giovin superba;
cha il sol ne gli occhi e n tempre
dolci onduom ne gioisca e non si stempre;
che del latte la strada
ha nel candido seno,
55 e loro de le stelle ha nel bel crine;
21
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
ne i lumi ha la rugiada
che dal volto sereno
spargon qua gi notturne e mattutine;
che larmonie divine
60 ha ne le dolci note,
o facciano i concenti
gli alti angelici accenti
o l corso di veloci e pigre rote:
s che vistala in viso
65 dirai: Venendo a te mimparadiso!
Ma de la nobil alma
chi narrerebbe i pregi,
senno, virtute, alti costumi onesti?
Tu, che corona e palma
70 e di stelle aurei fregi
spesso gli eletti meritar vedesti,
fra santi e fra celesti,
fra gli angelici spirti
ripor puoi la ben nata
75 reale alma onorata,
cui fan ghirlanda qui gli allori e mirti,
e n ciel via pi felice
fregio avr che Arianna o Berenice.
Ma tu sol manchi forse
80 nel bel seno, o Pietate,
e l coro fai di sue virt imperfetto.
E ben gi se naccorse
fin da sua prima etate
stuol damanti che narse e fu negletto,
85 perch inasprissi il petto
di rigor cos saldo,
che diamante o diaspro
non fu mai cos aspro,
s che dAmor non penetrasse il caldo;
90 n tu, Piet, ventrasti,
se non dietro a pensier pudichi e casti.
22
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
Or prendi per iscorte
Onest, Cortesia,
bella Pietade, e nel bel sen penetra;
95 e la mia dura sorte
in voce umile e pia
narra, e del petto il bel diamante spetra;
e grazia omai mimpetra
cha miei duri tormenti
100 non rivolga s tardi
i dolci onesti sguardi,
e chinchini lorecchie a miei lamenti,
e che l caro saluto
non discompagni da cortese aiuto.
105 E, perch a pien consoli
il mio angoscioso stato
ch di nova miseria estranio esempio,
rivolga i duo bei soli
nel gran fratello amato,
110 e preghi fine al mio gravoso scempio,
promettendo chal tempio
de la sua eccelsa gloria
consacrer devoto
la mia fede per voto
115 con segni eterni dimmortal memoria,
e fiano i falli miei
di sua real clemenza alti trofei.
Chi ti guida, canzone, o chi timpiuma?
Sol certo Amore e Fede:
vola adunque, e Merc, grida mercede!
674
A madama Lucrezia dEste, duchessa dUrbino,
Giaceva esposto il peregrino Ulisse
mesto ed ignudo sovra i lidi asciutti,
chagitato pocanzi era da flutti
in cui lungo digiun sostenne e visse,
23
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
5 quando, comalta sorte a lui prescrisse,
donna real fin pose a suoi gran lutti:
Vattene a gli orti ove perpetui frutti
ha il mio buon padre: ivi godrai gli disse.
Misero! a me, dopo naufragi indegni
10 famelico gittato in fredda riva,
chi fia che mostri i regi tetti e gli orti,
se tu non sei, cui tanti preghi ho porti?
Ma qual chiamar ti debbo, o donna o diva?
Dea, dea sei certo, i ti conosco a segni.
675
Diva eloquenza, cho raccolta in carmi
od in ampio sermon sciolta e vagante
freni e molci a tua voglia il volgo errante,
quando il furor fiamma ministra ed armi;
5 tu, che dira i leon, tu, che disarmi
di tosco i serpi e plachi il mar sonante,
tu, che dai senso a linsensate piante
e traggi coma Tebe i sassi e i marmi;
tu, che nel canto ancor de le sirene
10 dolce risuoni, a me perch non pieghi
un cor rigido pi daspra colonna?
Tempra in mele i tuoi strai, sian strali i preghi,
e prendi larme de la dotta Atene
contra costei ch scinta in treccia e n gonna.
676
O degna a cui mandi lArabia odori
e lIndia gemme e da le ricche sponde
conche di perle gravide e feconde
il mar vermiglio e porpori colori;
24
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
5 degna a cui nutra pi leggiadri fiori
Ibla, e Parnaso pi odorate fronde,
ed apra pi bei fonti e pi chiaronde
ove un tuo bel vestigio in lui sonori;
quei che col piede apriro e con la verga
10 lEbreo famoso e l corridor volante
fian di men pregio e men illustri e conti;
ma, perch damaror io non li asperga,
chiudi i duo del mio duolo e fia chio cante
chaprire e serrar puoi mirabil fonti.
677
La man, chavvolta entro odorate spoglie
pi lor porge dodor che non riceve,
e chignuda arrossir fa poi la neve
mentre a lei di bianchezza il pregio toglie,
5 mi star sempre ascosa? e le mie voglie
lunghe non fia chappaghi un guardo breve?
Savara esser di s sempre mi deve,
il mio nodo vital perch non scioglie?
Bella e rigida man, se cos parca
10 sei di piet che l titolo disdegni
di mia liberatrice a s gran torto,
prendi lufficio almen de la mia Parca;
ma cotal carme il mio sepolcro segni:
Vive la f qui dove il corpo morto.
678
[Teme che si vogliano bruciare i suoi scritti. Ad Alfonso II, duca di Ferrara.]
Ahi! le fiamme dEuropa accese in questi
fogli or son dunque daltre fiamme spente?
E di tante fatiche e s fervente
studio non fia chaltro che duol ne resti?
25
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
5 Gi perduto n l frutto; e tu potesti
esser nel proprio mal lingua s ardente
ministra del dolor, non de la mente,
che gli effetti seguir subito festi?
Tremar le mani al duro officio e n pianto
10 volgesti gli occhi ed a s degni scritti
riverente Vulcan cesse ampio loco;
indi incitato (ahi troppo fretta!) il foco
gli arse, e al suo danno mille spirti invitti
sin dal ciel sospirar udirsi intanto.
679
[Nel medesimo argomento.]
Chi con le fiamme qui di Flegetonte
i fochi desti e l gran rogo ha construtto?
Questa doblio vorago alta e di lutto
si deriva da Lete o da qual fonte?
5 Lopre mie, che sperai chillustri e conte
fossero in ogni etate al secol tutto,
chi laccende e sommerge? questo il frutto
chio colgo, o Febo, nel tuo fertil monte?
Secca tu gli atri stagni, e da Parnaso
10 corra a smorzar glincendi eterno fiume
e napra un novo umor anco Pegaso;
e Fede impenni a lale mie le piume,
s che lunge lassando il mesto occaso
volino in oriente in contra il lume.
26
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
680
Spera che il signor duca di Ferrara prenda la protezione de lopere sue.
Tolse a le fiamme il glorioso Augusto
la piet che dAchille agguaglia lira,
onde ancor vive e cresce e luce e spira
fama lincendio dIlion vetusto.
5 Il mio signor, che l Mauro e lIndo adusto
sovra chi vinse o resse il mondo ammira,
vorr chaccenda una medesma pira
fido parto innocente e padre ingiusto?
Err il padre: il figliuol la f scolpita
10 in fronte porta, e se ne gloria e vanta
come servo fedel di note impresso.
Lun piange anco il suo fallo e laltro canta
il suo signor: se luna a laltra vita
sinnesta, ah! vivano ambe al ben promesso!
681
[Nel medesimo argomento.]
De le barbare spoglie e de le tante
ricchezze dAsia onorar volle in parte
Alessandro le Muse e laltre carte
ov sdegnoso Achille, Ulisse errante;
5 n Babilonia giusto che si vante,
n Caria o Menfi o la citt di Marte
daver riposte in pi onorata parte
ceneri, ossa, reliquie illustri e sante.
Giudic lalto cor loco sol degno
10 de gli aurei carmi lor; ma che? ne fece
via pi nobile e bella in s conserva.
27
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
Che tu raccolga i miei nel chiaro ingegno
fra gran pensier a me chieder non lece:
basta ben lor se tua piet li serva.
682
Scrive al signor duca che non in terra niuna pi vera immagine de
leternit che la gloria acquistata per mezzo de gli scrittori.
Quando nel ciel tra mille aurate sedi,
che piene son de tuoi grandi avi illustri,
tinnalzer dopo girar di lustri
chi comparte le pene e le mercedi,
5 sorger vedrai sotto glinvitti piedi
glimperi e poi cader quasi ligustri
frali, e capanne ti parran palustri
gli eccelsi tetti de tuoi regi eredi;
di Menfi e di Babel cadute e sparte
10 le meraviglie barbare e sepolta
Roma fra le ruine onde sammira:
solo in terra vedrai farsi le carte
del cielo imago, e n lor tua gloria accolta
qual vivo sol se tua piet maspira.
683
[Nel medesimo argomento.]
Cos perpetuo il re de fiumi altero
quinci lalta tua reggia e quindi inonde,
e le nove campagne il ciel feconde
s che linvidie ogni cultor straniero:
5 cos canti di te la fama il vero
sin l ve sorge il sole, ove sasconde;
e di te nascan figli a cui seconde
sian laltrui lodi ad eternar limpero.
28
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
Non voler che Pirgotele o Lisippo
10 sol de la gloria tua colossi eterni
vincitor contra il tempo adorni ed erga;
ma sostien che umil fabbro indotto e lippo
ti sacri il cor ne simulacri eterni
de la tua fede e li polisca e terga.
684
A la Speranza e a la Fede che vadano al suo signore.
O dun sol grembo in un sol parto nate
in terra s, ma di celeste seme,
sicurissima Fede, ardita Speme,
che dietro Amor, vostro fratel, volate:
5 egli entra in cielo e l fra le beate
alme sovra lerranti e le supreme
stelle sasside; a voi dentrare insieme
non lece, e l volo in sul confin fermate.
Deh! cos, sesser pu, mai non vi serri
10 sua porta il ciel, su lali alte che stese
quinci giungono a laustro e quindi a lorse;
portate il prego mio, che l pi s torse,
s che giungendo al mio signor cortese
de le sue grazie a me la man disserri.
685
[Nel medesimo argomento.]
Sotto l giogo dAmor Speranza e Fede
solcaro i miei desir campo fecondo,
e di quei frutti che pi stima il mondo
larator fortunato ebbe mercede.
29
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
5 Or che la Speme fulminata verde,
cede al giogo il sostegno suo secondo:
resta laratro grave immobil pondo,
n pi dietro il cultor gli move il piede.
Spento il seme miglior, la nculta terra,
10 dacqua inondati di due larghi fiumi,
produce un mostro venenoso e crudo;
e se con larco di celesti numi
il mio sol non d fine a tanta guerra,
che potr pi il desir soletto e nudo?
686
Ne lequinozio assomiglia la giustizia del signor duca a la celeste.
Gi il Can micidiale e la nemea
belva superba in ciel, trofeo dAlcide,
lassando a tergo, il sol col sasside
ovil raccoglie vergognosa Astrea;
5 e mentre del gran corso ella il ricrea
onde seco anelar Piroo si vide,
con giusta lance lombre e l d divide
che del ciel dianzi usurpator parea.
Vergine bella, il mio signor in terra
10 ha bilance a le tue ben simiglianti:
tu gliele desti, e non le torse affetto;
ma, se vedesse ci che l mio cor serra,
diria: Chi non perdona a i fidi amanti,
in cui per f sadempie ogni difetto?
30
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
687
Prega il tempo che consoli il suo dolore che da altri non pu esser consolato.
Vecchio ed alato dio, nato col sole
ad un parto medesmo e con le stelle,
che distruggi le cose e rinnovelle
mentre per torte vie vole e rivole,
5 il mio cor, che languendo egro si duole
e de le cure sue spinose e felle
dopo mille argomenti una non svelle,
non ha, se non sei tu, chi pi l console.
Tu ne sterpa i pensieri e di giocondo
10 oblio spargi le piaghe, e tu disgombra
la frode onde son pieni i regi chiostri;
e tu la verit traggi dal fondo
dov sommersa e, senza velo od ombra,
ignuda e bella a gli occhi altrui si mostri.
688
Dice che la sua fede pu superar la Fortuna.
Chi repugna a le stelle in cui la Sorte
tien fiso il capo e sovra noi le piante?
Io: non a guisa gi dempio gigante
cha glimmortali osi, mortal, dar morte.
5 Ma, come il ciel lontano avvien che porte
rapido seco ogni pianeta errante,
pur contra lui cha forze in s cotante
fan gli altri corsi lor per vie distorte.
Cos per torte no, ma per diritte
10 strade, comunque mi deprima o giri
Fortuna o l cielo, andr dove conviensi;
31
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
bench il sol non mi splenda o laura spiri,
e languiscan gli spirti e i membri e i sensi,
le forze son de la mia fede invitte.
689
Al signor duca di Ferrara.
Io pure al nome tuo dolce rischiaro
la lingua, e n dir come sei saggio e forte
par che sopra le nubi aura mi porte;
ma tosto caggio in suon basso ed amaro;
5 e salta tua piet mio fato avaro
non vince, Alfonso invitto, e lempia sorte,
gela mia lingua anzi il rigor di morte,
chomai mi verna e sol pianger m caro.
Piango il morir, n piango il morir solo,
10 ma il modo e la mia f che mal rimbomba,
che col nome veder sepolta parmi;
n piramidi o mete o di Mausolo
mi saria di conforto aver la tomba,
chaltre moli innalzar credea co i carmi.
690
A lanima del duca Ercole II di Ferrara.
Alma grande dAlcide, io so che miri
laspro rigor de la regal tua prole,
che, con insolite arti, atti e parole
trar da me cerca, onde ver me sadiri.
5 Dal gran cerchio di latte, ove ti giri
sovra lerranti stelle e sovra il sole,
un messaggier di tua piet se n vole
e spirto in lui dumanitade inspiri,
32
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
e suoni sovra il cor: Perch traligni
10 da me, mio sangue? e perch ti discordi
da quel valor onde te n vai s altero?
Tu clemente, tu giusto, al dritto, al vero,
a messaggi del cielo aver vuoi sordi
orecchi sempre ed al cantar de cigni?
691
A la medesima.
O di valor non gi ma sol secondo
di nome, Alcide glorioso e forte,
che mentre al mortal corpo eri consorte
facei bella la terra e lieto il mondo,
5 manda dal cielo un messaggier giocondo
che dAstrea la bilancia in terra porte,
ch laltre popolari or son s torte
che in lor virt non si conosce al pondo.
Quivi lantica colpa e l gi sofferto
10 castigo in un si libri, e da lun lato
sian gli error miei, da laltro ogni mio merto.
Poscia il tuo figlio e mio signor laudato
pesi col bene il mal, col dubbio il certo,
qual Giove in ciel pesa il volere e l fato.
692
[A la medesima.]
Lombra superba del crudel Pelide
chiese vergine illustre al campo argivo,
e ngorda del real sangue cattivo
su lalta tomba in sul mattin si vide.
33
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
5 Scenda in suo scorno del pietoso Alcide
lalma cortese, e prigionier, che privo
quasi di vita, in libertade e vivo
per grazia torni. Ecco, a miei preghi arride!
Ecco: sapre la terra, o pure il cielo
10 che si disserra e che dal manco lato
lampeggia? o tuona il cielo, o l suol rimbomba?
Pur per nube veggio, quasi per velo,
col padre il figlio in deit traslato
sovra aureo nembo ed odo un suon di tromba.
693
[Adopera per intercessore presso il duca di Ferrara il nome di Carlo V.]
Di sostener qual nuovo Atlante il mondo
il magnanimo Carlo era omai stanco:
Vinte ho dicea genti non viste unquanco,
corsa la terra e corso il mar profondo;
5 fatto il gran re de Traci a me secondo,
preso e domato lAfricano e l Franco,
sopposto al ciel lomero destro e l manco,
portando il peso a cui debbo esser pondo.
Quindi al fratel rivolto, al figlio quindi,
10 Tuo lalto imperio, disse e tua la prisca
podest sia sovra Germania e Roma.
E tu sostien lereditaria soma
di tanti regni, e sii monarca a glIndi;
e quel che fra voi parto Amore unisca.
34
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
694
[Nel medesimo argomento.]
Fra mille lumi, che la Fama accende
di Carlo invitto a limmortal memoria,
questa picciola ancor face di gloria
la mia devota mano orna e sospende.
5 Qui con brevi faville illustri splende
luna e laltra magnanima vittoria
contra gli uni e gli altri empi, ondanco istoria
nova in antico stile Europa attende.
Quinci i trofei di Libia e lucon quindi
10 quei di Germania, e vedi in lei rinchiuso
Istro non men che sia Bagrada adusto;
vedi scintillar vinti i Franchi e glIndi;
ma quel ch qui raccolto in lume angusto
fia tosto un sole in mille rai diffuso.
695
Chiama zoppe le preghiere e, dicendo che non hanno ardire dappresentarsi
al cospetto del suo signore, desidera che altri chieda giustizia per lui.
Quel greco che cant gli errori e larmi
zoppi e rugosi i Prieghi a noi dipinge,
e s limago al ver sembiante finge
che nullaltra al suo ver pi simil parmi.
5 Lasso! che l mio pregar, mentre ne carmi
saffina e terge e si misura e stringe,
vien crespo e vecchio, e sal cammin saccinge
par che i passi e l sudore egro risparmi.
Poi chal corso no l move intenso affetto
10 e che tra riverenza e tra vergogna
teme lalto cospetto e se narretra,
35
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
se piet regia incontra a quel che agogna
non fassi e non adempie il mio difetto,
chi per me grazia chiede e chi limpetra?
696
Al signor duca di Ferrara.
Me novello Ission rapida aggira
la rota di fortuna, e sin sublime
parte minnalza o pur se mi deprime,
sempre per maffligge e mi martira.
5 Piansi l suso oventra il sole e spira
laura pi lieta tra frondose cime;
arsi, gelai, languii, pregando in rime,
n scemai le mie pene o la vostra ira.
Ora, in carcer profondo, o son cresciuti
10 i miei tormenti, od pi acuto e forte
vecchio dolor cui giro aspro sia cote.
O magnanimo Alfonso, a me si muti
non sol prigion, ma stato; e se mia sorte
rotar pur vuole, intorno a voi mi rote.
697
[Al medesimo.]
Di mia favola lunga il filo incerto
con nodi inestricabili s involto,
che per arte di Febo esser disciolto
non pu, se dei non manda il cielo aperto.
5 Or chi sciorrallo? io, chistrione esperto
feci spesso cangiar al popol folto
nel gran teatro di Fortuna il volto,
dirollo: Grazia, che fa merto il merto.
36
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
Grazia dalto signor chempie difetto
10 di cor pentito. Or rida altri e mi scherna,
ed a me fischi or pur, ma poi mapplauda;
macchina qui n meraviglia esterna
non chiedo, e laure popolari aspetto
e i regi premi allor che l fin si lauda.
698
Al serenissimo principe di Mantova.
Chiaro Vincenzo, io pur languisco a morte
in carcer tetro e sotto aspro governo,
fatto dingorda plebe e preda e scherno,
favola e gioco vil dacerba sorte.
5 Lasso! e fur chiuse le dolenti porte,
chuscio a me son di tormentoso inferno,
ne le nozze di lei che del materno
ventre e del regio seme a te consorte.
E mi vedesti tu pocanzi, e i lumi
10 a me volgesti dolcemente: ahi lasso!
In che debbo sperar sin ci non spero?
Ferro in cava profonda o n alpe sasso
rigido sei, samico e pio pensiero
non ti commove. Oh secoli! oh costumi!
699
Al medesimo.
O nipote dAugusto,
se pietate nel cielo o fra gli eroi,
scaldi e commova omai gli spirti tuoi,
s che la voce del tuo cor si spieghi
5 in s soavi preghi,
37
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
che possano addolcire
del mio irato signor gli sdegni e lire,
e, fornito il mio scempio,
egli idol mio si faccia, io gli sia tempio.
700
Al signor Scipione Gonzaga.
Scipio, o pietade morta od bandita
da regi petti, e nel celeste regno
tra divi alberga e prende il mondo a sdegno,
o fia la voce del mio pianto udita.
5 Dunque la nobil f sar schernita
ch di mia libert s nobil pegno,
n fine avr mai questo strazio indegno
che minforsa cos tra morte e vita?
Questa tomba de vivi ovio son chiuso
10 cadavero spirante, e si disserra
solo il carcer de morti: oh divi, oh cielo!
Sopre darte e dingegno, amore e zelo
donore han premio o ver perdono in terra,
deh! non sia, prego, il mio pregar deluso.
701
Al marchese Iacopo Boncompagno.
Signor, che per esempio il mondo addita
felice di fortuna infausta e rea,
che, temendo, talz l ve potea
salire il tuo valor senzaltra aita:
5 cos sempre ella a tua virtute unita
non osi nomar s signora o dea,
ma serva e nchini a lei che sol ti bea
e tavvalora a gloriosa vita.
38
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
Tanto di quel favor, cha te noioso
10 forse soverchia, al mio gran caso indegno
comparti, chio risorga e chio respire.
Quinci pondo mopprime aspro e gravoso,
quinci lanimo serge e pien di sdegno
vuoi chio con morte ad alta lode aspire.
702
A la signora marchesa Boncompagna.
Altri le meraviglie antiche miri,
donna, di Roma: a te, miracol novo,
io rivolgo il pensiero e n te ritrovo
cose ondancor lontano ami e sospiri.
5 Ma qual cigno potria dolci i martiri
cos cantar comio nel cor li provo,
se non forse quel sol che f gi lovo
onde usc la belt che in carte ammiri?
E degna se ben tu che per te Giove
10 si volga in cigno e di te canti, e degna
che per te scenda in ricca pioggia doro.
Io, poi che Febo a le mie rime nove
nega lusata aita e le disdegna,
umil col vagheggiarti almen tonoro.
703
A la signora Laura Peperara [che acconciava le chiome a la duchessa
Margherita.]
N or pi fino o pi pregiato asconde
la terra ne linterne occulte vene
del crin di Margherita, o fra larene
Ermo o Pattolo, o fra le nobili onde;
39
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
5 n tesse di pi vaghe chiome o bionde
pi forti o dolci Amor le sue catene
onde lanime umane avvinca e frene,
n reti onde lavvolga e le circonde.
N con pi cari o pi leggiadri modi,
10 Laura, altra man lincrespa o le dispiega
o pi dotta nel gentil lavoro.
Mirabil mastra damorosi nodi,
quel che s invitto duce stringe e lega
ordir gi non si dee men bel che doro.
704
A la signora Vittoria Scandiana Tassona.
Alma leggiadra, il cui splendor traluce
qual sol per nubi dal suo vago velo
quando se n veste in oriente il cielo
e le fa dor la mattutina luce:
5 cos i ligustri e i fior, chalma produce
natura in te, brina non secchi o gelo,
e non simbianchi al variar del pelo
lor de bei crin che s lampeggia e luce;
cos ti faccia il ciel madre feconda
10 di bella prole, e vagheggiar ne figli
possa del tuo fedel lamata imago:
di me tincresca: a me, di morte vago,
povero dargomento e di consigli,
spira di tua pietate aura seconda.
40
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
705
Prega lanime de principi dEste che gradiscano le cose scritte da lui in
lode loro.
Alme, che gi peregrinaste in terra
sotto membra deroi vincendo i mostri
e gli estrani purgando e i liti nostri
e soggiogando aspri tiranni in guerra;
5 or che raccolte in ciel, che mai non erra,
le fere ancor tra gli stellanti chiostri
calcate, deh! che sembra a gli occhi vostri
questimo globo e locean che l serra?
Picciola cosa e vil, chin s comprenda
10 nulla di bel se non lopre e i vestigi
che lingegno immortal vi forma e stampa.
Gradite dunque che devota lampa
al vostro nome la mia fede accenda,
n turbo tema, o Lete o laghi Stigi.
706
[Nel medesimo argomento.]
Il gran d de temuti alti giudici
oggi non che la celeste tromba
dester lalme e sorgeran di tomba
rifatti i corpi, o miseri o felici;
5 ma pur tra carmi e tra pietosi uffici
la mia, qualunque ella , chiaro rimbomba
e tragge dal sepolcro; e, qual colomba
od aquila, al ciel manda i nomi amici.
Vola la fama loro inverso il sole
10 e l capo oltra le nubi innalza, e lali
quinci a loccaso stende e quindi a lorto.
41
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
O dAlfonsi, o dAlcidi alme reali,
mentrio su carmi i nomi a volo porto,
date a me voi chanchio minnalzi e vole!
707
Loda linsegna de la casa dEste, la quale laquila, e i principi che la
portano.
Tra Giove in cielo e l mio signor in terra
serva indivisa e messaggiera accorta
laquila vola, e luna e laltra porta
de lalte reggie ognor le si disserra.
5 Prende, se l grido vero, ella sotterra
larme sonanti e col su le porta,
e, fornitone il ciel, gi le riporta:
tuona in ciel Giove e tuona Alfonso in guerra.
E ton lavo in non lontani campi
10 quando al signor, che riportava estinto
pregio sol di cipresso, il di di palma;
la vittoria successe in vece dalma
e ravvivollo, e vincitor f l vinto:
or ha il ciel maggior tuoni o pi bei lampi?
708
[San Martino del 1579]
Oggi quel d che nel rigor del verno
suol quasi rinnovar tepida state;
che, sacro a Giove ed a la Libertate,
da vasi antichi trae novo Falerno.
5 Oggi il mio genitor, chor gusta eterno
nettare in ciel fra lanime beate,
celebrava il natale, e le mal nate
cure obliava ed ogni affanno interno;
42
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
oggi lalta mia patria in mostra spiega
10 de le bellarti sue vaghi lavori
onde arricchir suol lonorate mense.
Deh! fia cha me, se desser mia non niega,
di preziosi cibi alcuno indori
de laquila sovrana e de lEstense.
709
A le serenissime principesse di Ferrara.
Figlie del grandAlcide, il freddo verno
de lonor de le chiome i rami scote,
e de gli augelli le soavi note
pone in silenzio e l bel concento alterno:
5 io sol non taccio, e l variar superno
de gli alti giri e de leccelse rote,
che al mondo cangia faccia, un sol non puote
mutar de miei pensier nel petto interno.
Quivi in se stesso il mio desir raccolto,
10 o si turbi la fronte o si scolori,
chiaro scrive e dipinge il vostro volto;
e gli ministra Amore, onde vinostri
le guance e gli occhi illustri e i crini indori,
colori eterni ed immortali inchiostri.
710
[A Margherita Gonzaga, duchessa di Ferrara, nel capo danno del 1580.]
A la reale sposa apra le porte
de la celeste reggia il Dio bifronte,
e lieta lAlba le si specchi in fronte,
e l novo anno felice il sol le porte.
43
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
5 Questo a te volgo, e tu le vie distorte
di pi bei segni morna e lorizzonte
mindora, e dove io sorga, ovio tramonte,
tu mi prescrivi con le luci accorte.
E siano i giri lor sovrane spere
10 al mio gran corso ondei sue leggi prenda.
Cos, pieno damore, il sol le dica;
e mentre a lei gira ogni stella amica,
anco a me giri; e pria che pi sassere
il mio torbido d chiaro me l renda.
711
A la signora duchessa di Ferrara.
Sposa regal, gi la stagion ne viene
che gli accorti amatori a balli invita,
e chessi a rai di luce alma e gradita
vegghian le notti gelide e serene.
5 Del suo fedel gi le secrete pene
ne casti orecchi di raccorre ardita
la verginella, e lui tra morte e vita
soave inforsa e n dolce guerra il tiene.
Suonano i gran palagi e i tetti adorni
10 di canto: io sol di pianto il carcer tetro
fo risonar. Questa la data fede?
son questi i miei bramati alti ritorni?
Lasso dunque prigion, dunque feretro
chiamate voi piet, donna, e mercede?
44
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
712
Descrive la stagione del carnevale e le sue immaginazioni con le quali
vedeva sempre presente la sua donna.
Riede la stagion lieta, e n varie forme
sotto non veri aspetti i veri amanti
celan se stessi e sotto il riso i pianti,
seguendo di chi fugge i passi lorme.
5 Io, come vuole Amor che mi trasforme,
mi vesto ad or ad or novi sembianti,
e mille larve a me dintorno erranti
veggio con dubbio cor che mai non dorme.
Con queste avvien chio pianga e canti e scriva,
10 or di speranza pieno ed or dorrore,
ed or prenda la spada, or la faretra.
Ma tu dentro e di fuor, presente e viva
mi sei crudel; ma pur ti placa Amore,
che forse grazia de miei falli impetra.
713
Lasso chi queste al mio pensier figura
ora torbide e meste or liete e chiare
larve, con cui s spesso (o che mi pare),
inerme, ho pugna perigliosa e dura?
5 Opra questa dincanto, o mia paura
la mia maga, e n contro a quel chappare,
pur quasi canna o giunco in riva al mare,
rende lalma tremante e mal sicura?
O magnanimo Alfonso, omai disperga
10 raggio di tua piet lombre e gli errori,
e sia per me sovra le nebbie un sole;
e l mi guidi ove Amor teco alberga
tra larve usate in amorosi cori,
s che la vista e gli occhi egri console.
45
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
714
Questo daria compressa oscuro velo
stringe lardor ne gli amorosi petti,
e lalme invita a lozio ed a diletti,
e questa inferma ancor, lasso, e no l celo!
5 E perch il verno gi mi sparga il pelo
di brine, tesso in rime i dolci detti
qual giovinetto amante, e i vaghi affetti
spiego soavemente e mi querelo.
Oh, fossio pur dove teatri e scene
10 orna il mio duce glorioso, e vero
in finte guerre il suo valor dimostra:
chivi nandrei de le mie piaghe altero,
se di due luci angeliche e serene
fossi in favola scherzo e segno in giostra!
715
Al signor Giulio Cesare Brancaccio.
Qual dura sorte ti sottrasse e tolse
a la tua patria cha s illustri figli,
e tra s lunghi errori e tra perigli
gir di l da lalpe e darme avvolse?
5 E qual fortuna amica or qui taccolse
dove, possente darme e di consigli,
spiega laquila Alfonso e gli aurei gigli
che teco s gloriosi in guerra sciolse?
Me caso non egual, ma pur sembiante,
10 trasse del dolce loco e mi sospinge
di lido in lido peregrino inerme;
e se mai carit di lui mi stringe
a far ritorno, torce il passo errante
da lui fortuna e queste membra inferme.
46
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
716
Sopra la voce del Brancaccio.
Mentre in voci canore
i vaghi spirti scioglie
Giulio, tempra in ciel laure, in noi le voglie.
Si placa laura e l vento
5 placido mormorando
risuona e van tuoni e procelle in bando:
un interno contento
naccorda anco ne petti
e i membri acqueta da soverchi affetti;
10 e se pur desta amore,
gli d misura e norma
col suon veloce e tardo e quasi forma.
717
[A Giulio cesare Brancaccio, per il concerto de le dame a la corte di
Ferrara.]
Mentre in concento alterno,
canta Anna teco e teco Laura a prova,
sue liti Febo con Amor rinnova:
ch Febo le tue note,
5 spira lor voce Amore,
e rende questo e quel del suo furore
palesi in voi le meraviglie ignote.
Tu, perch Febo il vanto
ne la tenzon seconda
10 riporti, i sensi vaghi, il cor circonda
de la dolcezza del tuo proprio canto:
cha la dolcezza esterna
ti far quasi sordo al suo diletto,
novo Narciso al suon, non a laspetto.
47
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
718
Mentre tu dolce canti
e dolce a te risponde
la vaga coppia, Amore il suon confonde,
e la doppia dolcezza
5 trae s dolce armonia
che di languir desia
qual alma inferma di languire avvezza.
Ma perch nel tuo core
il venen non discenda,
10 chi fia che ti difenda?
Altro diletto forse ed altro amore,
e de tuoi propri vanti
gioia e vaghezza e sdegno
di piacer folli e di femineo ingegno?
719
Mentre in s dolci accenti
canti in dolce tenzon, impiaga il core
altrui co detti e te co guardi Amore.
Se vinto son nel canto
5 dice chio formo o spiro,
contra il tuo Febo e contra me madiro;
ma pur de larco mio mi glorio e vanto
e Febo si rimembri
del mio piombo e de loro:
10 ch sio potei gi in duro e freddo alloro
rivolger quei s molli e dolci membri,
ben le tue voglie ardenti
posso e gelido far laltrui desio,
e col piombo e con lor, temuto Iddio.
720
Signore, Amor tha colto
tra novelle sirene,
quai non so sudir mai le nostre arene.
48
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
Gli orecchi al suon, deh, chiudi
5 ed apri gli occhi al sonno,
ch lusingar te l ponno
detti e vezzi soavi insieme e crudi.
Ma in qual securo obietto
fermar potrai la vista,
10 se ci che lalma attrista
men noce assai che questo o quel diletto?
Ahi, lusinghiero volto,
ahi, voci insidiose,
ove dolcezze Amor mortali ascose!
721
Chiudi, deh, chiudi al canto
gli orecchi e indura il core
che non ricetti i messaggier dAmore!
Ch se di fuor saggira
5 quel chi sensi lusinga,
pur che lalma non stringa,
sol per breve vaghezza ella sospira.
Ma chi il varco precide?
Luno a laltro desio,
10 bench fuga ed oblio
son pi sicuri ovAmor canta o ride.
Fuggi; o tinaspri tanto
sdegno e n s dure tempre,
che per dolcezza il cor non si distempre.
722
Miracoli dAmore,
che con Apollo darmonia contende,
e vinto il vince e vincitore il rende!
Perch mentre il bel canto
5 quindi alternato e quinci
suona e risuona, tu le donne vinci
49
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
e riman vinto da begli occhi intanto;
ma cos dolce senti
al cor le tue catene
10 e lamorose tue soavi pene,
che lor rischiari anco pi dolci accenti.
Pago del novo onore
Febo intesse i suoi lauri e i mirti altrui,
e se stesso ed Amor corona e vui.
723
A le signore principesse di Ferrara.
Gi il lieto anno novello
da la man de lamante
nel celeste Monton Venere prende,
e nel felice ostello
5 con s lieto sembiante
gli occhi in lui volge che damor laccende;
ed ei benigno splende
ver lei converso, e mille
dal lampeggiar del riso
10 de luno e laltro viso
piovon dalta virt calde faville;
e non par, come suole,
de gli amor loro invidioso il sole.
Al lor riso amoroso
15 Giove arride, e sallegra
ogni altro dio del ciel stabile e vago;
n tesse il vecchio sposo
ne la fucina negra
reti ondavvinca lamatrice l vago;
20 ma par chanchei sia pago
de suoi nobili scorni,
e nsieme arme e monili
tempra e fregi gentili
50
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
ondabbellisca sue vergogne ed orni:
25 fra tanto acceso in zelo
damor laria, la terra e lacqua e l cielo.
La lor doppia virtute
infonde ardire e forza
ne gli augei, ne le fere e ne gli armenti;
30 lispide coste irsute
indura a dura scorza
laspro cinghiale e lira aguzza e i denti;
fiede col corno i venti
il tauro anzi lassalto,
35 e poi col suo rivale
viene a pugna mortale
tingendo i paschi di sanguigno smalto,
fin che lamata e l regno
lun cede e parte pien donta e di sdegno.
40 La generosa belva
erra, obliando i figli,
dietro il suo maschio: Amor le segna lorme;
ed han ne lalta selva
via pi fieri gli artigli
45 le tigri infuriate e lorso informe;
n freddo e pigro dorme
spirto damor guerriero
nel cervo, e l suo natio
timor posto in oblio,
50 se n va con fronte minacciosa altero,
n, come suol, sospetta
sode veltro latrar, fischiar saetta.
Che dir de le linci?
che de pardi dipinti?
55 che di tanti altri, Amor, timidi e forti?
Se non che, mentre vinci,
tu rendi invitti i vinti
e, mentre inganni, glingannati accorti.
51
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
Oh dolci vezzi e scorti,
60 oh bellarme celesti,
ove maggiori effetti
che ne gli umani petti
oprate, od in qual pi che negli onesti?
O quale miglior esca
65 ovonorato ardor sapprenda e cresca?
Di mezza notte, il verno,
a nembi a le procelle
crede la vita il giovinetto audace
e prende i flutti a scherno,
70 cha lui per molte stelle
vagliono i rai dunamorosa face;
e di questa a s face
Orse insieme e Polluce,
e dal turbato vento
75 a difendere intento
con lale Amor la tremolante luce;
e nel suo cielo ei pensa
che sia poi stella a gli amatori accensa.
Altri, ova pugna invita
80 il metallo canoro,
fa di s ne teatri altera mostra;
n ghirlanda fiorita
di fior dargento e doro
il move o ricco pregio altro di giostra,
85 ma quella chor si mostra
vergine bella, ed ora
con un bel vel sasconde
qual augellin tra fronde
o n mar delfino o n vaga nube aurora,
90 e chal pensier propone
altri premi, altro arringo ed altro agone.
Ne gli amori del mondo
sento chin me sindonna
52
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
virt chin tutte lalme or signoreggia,
95 e col desio mascondo
spesso in leggiadra gonna
qual nuovo Achille entro feminea greggia;
e s l pensier vaneggia
che poi di veder parmi
100 chi militari spoglie
mi mostre e me ninvoglie,
ed odo un suon di tromba e corro a larmi.
Alfin, del vero avvista,
lalma il suo dolce error piange e sattrista.
105 Misero! chi mi tragge
dal loco in cui Fortuna
via pi spesso chAmor vien che saette?
Oim! chi mi sottragge
a gli strali de luna,
110 e de laltro al ferir segno mi mette?
Belle ed al ciel dilette
suore, cha me sarete
donne non gi, ma dive
vere e presenti e vive,
115 udite i preghi miei benigne e liete,
e guidate in arringo
me, che scherzando incontro voi maccingo.
Canzone, in vago monte ire a diporto
ambe vedrai; d: Brama,
campo qui no, ma sepoltura e fama.
724
Prega Bergamo e Napoli, da le quali ebbe il padre e la madre, che
dimandino grazia al signor duca di Ferrara per lui.
Mor Virgilio in grembo a le sirene,
nacque tra cigni: in me lordin si volga,
e me tra questi in tomba il Po raccolga
che pianser quello, nato in su larene.
53
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
5 Nacqui a numero egual damare pene,
misero; e l viver mio deh! non si sciolga
pria che de dolci studi i frutti colga,
e l gusto appaghi alcun sapor di bene.
Alta patria, ovio nacqui, almo paese
10 onde lorigin trassi, e quinci e quindi
porgete al mio signor voi preghi, io loda.
Egli doppi le grazie, oblii loffese;
ma se n rammenti il mondo, e sonar soda
sua pietate e mia f fra Sciti ed Indi.
725
Ne listesso soggetto. A Napoli, patria de la signora Porzia Rossi sua madre.
Real citt, chappoggi il nobil tergo
a lerto monte e ngombri i lieti campi,
e co pi vaghi poi larene stampi
e n mar fondi alte moli e forte albergo,
5 poco ne le tue lodi io spazio e mergo
ch temo il ciel turbato e i tuoni e i lampi;
e mi ricovro ove umilt mi scampi
e rado londe qual palustre mergo;
ma sosassi spiegar libero volo,
10 Menfi, Babel, Corinto, Atene e Sparta
tavriano invidia e chi domolle in guerra.
Tu gradisci il mio affetto, e quel chin terra
nel tempio de la Fede adoro e colo,
fa che le grazie sue meco comparta.
54
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
726
[Nel medesimo argomento.]
Real citt, cui par non vede il sole
di belt, di valor; chin sen rinchiudi
le ceneri onorate e gli ossi ignudi
di lei che mi produsse e fu tua prole;
5 se di Marte non pur ne lalte scole
avvien che sotto larmi aneli e sudi
lillustre popol tuo, ma i dolci studi
ammira, e Palla e Febo in te si cole,
me, che bevvi in Permesso e chor ne lalta
10 Accademia massisi, or ne loscuro
Liceo osai spaziar, pregando, aita,
s che l signor, chogni mio carme esalta,
torni a raccormi in servit gradita,
danni e di stil ma pi di f maturo.
727
Scrive a Napoli rinnovando la memoria del duca Ercole I e dEleonora
dAragona sua moglie.
Real citt, che l glorioso Alcide
pria raccogliesti nel suo crudo esiglio
e, vincitor de tuoi, con chiaro ciglio
mirasti lui, coma virt sarride;
5 tu bella oltra le belle, oltra le fide
fedel sposa le desti e madre al figlio;
e con nova ragion laurato giglio
de gli avi antichi rinnovar si vide.
Leccelsa stirpe tua, chancor sospiri
10 quasi in te spenta, or con sua regia prole
sorger vedi nel tronco a cui sinnesta;
55
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
e laquile di Giove in lei rimiri
far nido, e bianche quella e nere questa,
spiegar le penne e fissar gli occhi al sole.
728
Al serenissimo signor duca di Ferrara.
Generoso signor, se mai trascorse
mia lingua s che ti noiasse in parte,
non fu mossa dal cor, cha venerarte
devoto intende e s per duol rimorse;
5 n temerari detti in lance opporse
debbono a quei che pensamento ed arte
matura ed orna od a vergate carte
che da te sdegno o fame dor non torse.
Dunque lunghi castighi a brevi offese
10 dansi? e per lungo onor breve conforto
dar man reale in guiderdon non debbe?
Ma pur mia ragion somma sommo torto,
chin dir di te non giunse a te, ma prese
onor mio stile e pregio a s naccrebbe.
729
[Al medesimo.]
Poi che l mio grave error qui mi condanna
a patir giuste e meritate pene,
e omai comprendo comuom saggio affrene
lempio furor chogni veder mappanna,
5 sol sento Amor che di lontan maffanna;
poi nel digiuno a tormentar mi viene
e di povero cibo il cor sostiene
che col folle sperar pi non singanna.
56
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
N perch forza a questo stil mi porga
10 ondal cantar de le mie fiamme ardisca
come fei gi quando i tuoi cigni udia,
navvien per che l secco umor risorga;
anzi, signor, son quasi augel chinvisca
lale, e poi chiuso il dolce canto oblia.
730
[Al signor Guido Coccapani per una donna di nome Angelica amata dal
duca di Ferrara.]
Se al signor vostro e mio fiamma damore,
Guido, riscalda il generoso petto,
esser non pu chalcun mio dolce detto
non desti in lui piet del mio dolore.
5 Pur, come l sol col mattutino albore
esce del salso suo profondo letto,
lun con laltro cos gentil affetto
sempre si sveglia e nsieme nasce e more.
E se le rime mie roche il mio pianto
10 rende, deh! non sar chunAngioletta
le raddolcisca con leggiadri accenti?
Oh fortunati miei sparsi lamenti,
se, raddolciti da soave canto,
farete in regio cor nobil vendetta!
731
Nessun nome in sospiri od in lamenti
risuona cos dolce o n altre note,
come il bel vostro angelico percuote i sensi e lalma con soavi accenti.
E si vostri amorosi lumi ardenti
5 e laureo crine e le vermiglie gote
57
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
dangelo son che da leterne rote
porti novelle a le terrene genti,
dangelo il canto e le parole oneste
e l caro portamento e i passi e l riso,
10 non vi si convenia men degno nome.
Pur i non so, se mentre in voi maffiso,
o messaggiera de lamor celeste,
Angelica o pur angela vi nome.
732
Vaga Angioletta, sal soave lume
de tuoi begli occhi mi concede Amore
rasserenar le tenebre e lorrore
ondavvien che mia vita si consume,
spero vestir ancor novelle piume
5 e la traccia seguir del tuo splendore
da lunge, come augel che l novo albore
loda cantando e vien che se nallume.
Deh, non ti spiaccia, o cara e vaga e bella
di Dio figlia e fattura, di tua luce
10 compartir tanto al mio torbido e fosco,
chuscendo desta angusta e fosca cella
il tuo vivo splendor segua per duce
in qualche umil casetta o in qualche bosco.
733
Vaga Angioletta, nel tuo vago volto
si vede lo splendor del Paradiso,
s che qualora il mio pensier vaffiso
parmi vedervi il ben tutto raccolto;
e, se non chora un fosco nuvol folto
5 vi sinterpone e mi contende il viso,
58
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
spererei, rimirando in te ben fiso,
rasserenar il cor di doglia involto.
Deh! non ti spiaccia, Angiola bella e vaga,
portar le mie preghiere in parte dove
vi sia chi le raccoglia e le gradisca:
10 chogni anima del cielo di te vaga
e par che ti vagheggi e favorisca,
n senza te sa benigno esser Giove.
734
Angioletta cortese, odi dal terzo cielo
le mie calde parole e l vivo zelo,
e porta innanzi a Giove
le mie preghiere nove
5 s che da lui sien con pietade intese.
735
Bella Angioletta da le vaghe piume,
prestane al grave pondo
tante, chio esca fuor di questo fondo,
o possa in qualche ramo
5 di te cantando dire: Io amo, io amo.
736
Questa bella Angioletta
di qual cielo discese,
e di qual fiamma il dolce foco accese?
No l so; ma sella in terra
prese nulla dumano e di mortale,
5 sappia che l nostro amore vostro male,
e porti pace a la mia lunga guerra.
59
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
737
QuellAngelica voce che si frange
tra bianche perle e bei rubini ardenti,
s che arrestar le stelle a suoi concenti
puote e l sol quando ratto esce di Gange,
chieda piet per un che canta e piange
5 gli error suoi folli e i tuoi bei rai lucenti,
ondil rigor de le celesti menti
si tempri, e la sentenza aspra si cange.
E quella bianca man, che la faretra
e di Febo e dAmor spende e dispensa
10 come vuole e disarma e Marte e Giove,
esca per me del guanto e qui sue prove
dimostri: intanto io tromba apprendo e cetra,
qual odono i gran divi assisi a mensa.
738
Al signor cardinale Luigi dEste.
Aspirava, signor, novo Fetonte
a gir sul carro de la luce adorno
de la mia gloria ed a portare il giorno
per lalte vie del cielo a me non conte,
5 quando ecco vidi fulminar la fronte
di Giove irato e l ciel turbarsi intorno,
e fulminato caddi e nel mio scorno,
lasso!, non mi cel fiume n fonte,
non mi pianse sorella: aspro e maligno
10 caso! Ma pur ho voce anco e parole,
onde mi lagni in loco imo e palustre;
e forse fia che, tua mercede, in cigno
alfin mi volga e l tuo gran volo illustre
segua cos da lunge inverso il sole.
60
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
739
A le signore principesse di Ferrara.
Figlie dAlcide, ad immatura morte,
chimportuna massal, chi fa divieto?
Chi rompe o vince questo, o sia decreto
de regi o sia del ciel, s duro e forte?
5 Di cigno io nacqui e pur non ebbi in sorte
fratel che l dolce lume e l viver lieto
meco comparta, e ndarno esser Admeto
felice spererei dalta consorte.
Ma chogni ira si tempri a vostri sguardi
10 spero, e chi loro influssi in me possenti
sian pi del ciel, se in me piet li gira:
ch Lucifero a voi sorger si mira
pi tosto, Espero a voi cader pi tardi,
correr Boote e i corsi il sol far lenti.
740
A le medesime.
Figlie del grande Alcide, ed pur vero,
o l creder nostro pronto a quel che piace,
chAmor pietose del mio duol vi face?
Duol fortunato! altro piacer non chero.
5 Duol fortunato! sio languisco e pero,
la cagion che maccora e che mi sface
rende immortal la morte e me vivace
ne le mie morti e ne le morti altero.
Tizio sarei che l rinascente core
10 porge a laugello, o quel cha gli alti giri
fur le fiamme con la destra ardita.
61
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
Ma rinasco al gioir: chi fia chammiri
che gli dei cangi e gli elementi Amore,
se piacer fa il tormento e l morir vita?
741
A la signora Lucrezia dEste, duchessa dUrbino.
Cantai gi lieto e ricercai nel canto
gloria pi cara a me che loro a Mida,
or piango mesto e n dolorose strida
chiedo piet via pi chonore e vanto.
5 Donna, che se mai piangi entro l tuo pianto
dolce ed amaro Amor dolce par rida
e tra gli umidi fior scherzi e sassida
lombra dun bel vel tra l seno e l manto,
de begli occhi una stilla a le mie rime
10 sarebbe caro pregio, alta ventura,
ondelle ancor nandriano altere e prime:
che n pianta dAlcide ambra s pura
forma, n monte in su lalpestri cime
s bel cristallo e prezioso indura.
742
A la medesima.
Se l mio Marte non ha Ciprigna alcuna
che gli scinga la spada e lira acqueti
e, i torbidi pensier volgendo in lieti,
gli sereni la faccia oscura e bruna,
5 e se l mio Giove, allor che strali aduna
contra chi viol gli alti decreti,
fanciul che con gli scettri e co divieti
scherzi non ha, n gioia altra importuna;
62
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
tu, suora sua, chin maestade e in senno
10 sei Giunon nova e Palla, almen de larmi
e de fulmini lui, pregando, spoglia;
e, mentre regge i popoli col cenno,
fra lor tributi i nostri anco raccoglia,
chomaggio son di cor divoto i carmi.
743
A la medesima.
Saggia Minerva mia, che l fiero Marte,
che forsennato pur vaneggia ed erra,
freni a tua voglia e soggiogato in guerra
spesso il rinchiudi in fosca e chiusa parte,
5 se, come suol, senza ragion, senzarte
ver me la spada furioso afferra,
tu lasta opponi e lui respinto a terra
reprimi e calca; io vergher le carte.
O pur qual gi sotto leccelse mura
10 di Troia, contra lui, contra lamante,
Tidide tuo vittorioso festi,
tal me, non di vil ferro o di diamante,
ma di belle immortali arme celesti
orna, affida, rinforza e rassicura.
744
A Guglielmo Gonzaga, duca di Mantova.
Chiaro Guglielmo, io prigioniero ed egro
languisco a pi del nobile Elicona
e n cima la bramata alta corona
veggio, ma non per, lasso! mallegro:
63
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
5 ch un stupor, un torpore, un timor pegro
magghiaccia e ndarno al corso altri mi sprona,
ch, se per mio conforto alcun ragiona,
non segue effetto poi scemo od integro.
Deh! se ti cal de larti o de glingegni,
10 fa che a larte onde Febo i nomi eterna
laltra che avviva i corpi or me avvalore.
N l mio sperar, n l mio pregar si scherna,
ed a tuoi preghi il mio signor non sdegni
che la mia f con la sua gloria onore.
745
Glorioso Guglielmo, a cui di prole
s bella amico il ciel fu s cortese
che tien la notte a vagheggiar intese
lauree sue luci e vi si specchia il sole:
5 cos qual vite ad olmo avvinta suole
poggiar feconda o dimostrar sospese
le colorite gemme al caldo mese
in cui dAugusto il nome anco si cole,
cresca luna tua figlia e laltra a regio
10 sposo la sua virginit maturi,
e mieta gloria anzi il suo maggio il figlio.
Mira il mio precipizio e i casi duri;
e su la f, che invitta nel periglio,
sia fondator di mia fortuna egregio.
746
Glorioso Guglielmo, in cui lantica
de grandi avi virt si rinnovella,
e se ne fa la nostra et pi bella
e ne divien del valor prisco amica,
64
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
5 vedi chor fatta nha piet nemica
folle mio fato, empia fortuna e fella,
e tra gli orror dinestricabil cella
me quasi in novo laberinto intrica.
I ciechi avvolgimenti il tuo favore
10 spieghi ed illustri; il successor dAlcide
a me vita, a te doni i falli nostri.
Deh! non voler che meschi il mio dolore,
or cha laltra tua figlia Imeneo ride,
tragico pianto e sangue infra glinchiostri.
747
Signor, nel precipizio ove mi spinse
Fortuna, ognor pi caggio in ver gli abissi,
n quinci ancora alcun mio prego udissi,
n volto di piet per me si pinse.
5 Ben veggio il sol, ma qual talora il cinse
oscuro velo in tenebroso eclissi;
e veggio in cielo i lumi erranti e fissi:
ma chi datro pallor cos li tinse?
Or dal profondo oscuro a te mi volgo
10 e grido: A me, nel mio gran caso indegno,
dammi, che puoi, la destra e mi solleva;
ed a quel peso vil che s laggreva
sottraggi lale del veloce ingegno,
e volar mi vedrai lunge dal volgo.
65
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
748
Ringrazia il signor duca di Mantova di duecento scudi mandatigli a
donare e di due albere con un ottimo rimedio a la sua sanit.
La tua grazia, signor, che si comparte
in me s larga, tal chio me n riempio
e i difetti e i desiri insieme adempio,
e perch torni a te da me non parte,
5 ma de lanimo tien la miglior parte;
e n lui tamo ed onoro e ti contempio,
mentre rimembro ogni cortese esempio
chabbian le greche e le romane carte.
Deriva ella da te pur come scende
10 raggio da sol, la cui diurna luce
nulla giammai chimpoverisca o sceme;
e quasi raggio ancora a te la rende
lanimo grato, o grazioso duce,
e quasi frutto a chi vi sparge il seme.
749
[Invoca la memoria de la duchessa Barbara dAustria.]
Alma real, chal mio signor diletta
fusti cos, che l nodo onde ti volse
seco accoppiar Amor non si disciolse
con laltro onderi al tuo mortal soggetta,
5 se tu nel cielo, in quella gloria eletta
in cui per merto il tuo gran Re taccolse,
miri l bel loco onde partir ti dolse
e quel signor che gli occhi anco talletta;
ei per te desioso ancor sospira,
10 e nel bel letto i tuoi vestigi impressi
bagna di pianto ancor, sposo novello;
66
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
e del tuo amor idol leggiadro e bello
questo, onde gioisce e luce e spira
con tuoi gran raggi e con tuoi spirti stessi.
750
Quellonorato nodo, alma immortale,
che te col forte Alfonso in terra strinse,
sciolse colei che l tuo mortale scinse
ondal ciel dispiegasti ambe due lale;
5 e sa celeste spirito pur cale
damor terreno, or ti sovvien chei tinse
di morte il volto il d chella testinse
e chebbe affanno a la tua doglia eguale.
E giusto fu che, se lamore adegua
10 ogni disuguaglianza, in voi facesse
del tuo partir estremo il dolor pari.
Ma, perch tardi il presto volo ei segua,
chi pria lavvinse un altro nodo or tesse
de preziosi stami a te s cari.
751
Questurna il velo prezioso asconde
chin terra ricoperse alma celeste,
chora di raggi di quel Sol si veste
chal sol d luce e non ha luce altronde.
5 Spargete arabi odor, leggiadre fronde,
narciso e croco, o ninfe ardite e preste,
su bianchi marmi, mentrio verso queste
lagrime in loro e rigo il suol con londe.
Per s germoglier la terra i fiori,
10 e per s nasceranvi i lauri e i mirti,
e i cigni al canto addolciranvi i venti;
67
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
e l gran barbaro nome, in dolci accenti
diffuso al mondo, avr perpetui onori
da peregrini ingegni e chiari spirti.
752
[Nel medesimo argomento.] Al signor Giulio Cesare Gualengo.
Mentre chalberga ne la reggia antica,
l dove suole i duci estrani e i regi,
il signor vostro peregrini egregi
con lieta fronte ed accoglienza amica;
5 deh! chi sar che sospirando dica:
Qui gi Barbara visse, e fu tra pregi
de gli avi umil cos come chi pregi
pi maritale amore e f pudica?
E qui con dolor lungo egra contese,
10 quasi in campo di morte; e quindi poi
da la guerra al trionfo ascese in cielo.
Or qui, dove depose il suo bel velo,
fra gli augusti si nomi e fra gli eroi,
e l, tra voi, dovella in prima il prese.
753
A la signora Margherita Turchi Bentivoglio.
Se tra le fiere braccia il vecchio padre,
donna bella e pudica, unqua taccoglie
e liba i baci tuoi con quelle voglie
onde Giove baci dEnea la madre,
5 prega l che a lopre sue grandi e leggiadre
(onde viene chAmor sovente invoglie
un cor gentil de lonorate spoglie
chei riport da le nemiche squadre)
68
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
non pensi i miei tormenti e lungo strazio
10 giunger, quasi gran fregio; e non impruni
mai sempre a preghi miei questo e quel varco.
Pensi partir, davere e danni carco,
da conviti, dal mondo e da digiuni,
qual da la mensa uom temperato e sazio.
754
Cos nel letto, ove de larme stanco
nel casto sen raccogli il fido sposo
(ei non ricopra mai furto amoroso,
n lorma il segni mai destranio fianco),
5 di presta aita o di pietade almanco
sii cortese al mio orror: chegro non oso
premer le piume e cerco invan riposo
ora sul lato destro, ora sul manco.
E sira di l su forse mafflige,
10 gli occhi pietosi lagrimando al cielo
volgi, e con dolci spirti i dolci preghi:
cha detti ed al bel pianto entro al bel velo
accolto spero che si plachi e pieghi,
non solo il ciel, ma Flegetonte e Stige.
755
Al signor don Pietro de Medici.
Magnanimo signor, che gi ne larte
di battaglia e di pace e gli avi e l padre
agguagli, e ne limprese alte e leggiadre
Palla per duce e per compagno hai Marte,
5 mentrio solingo in fosca e chiusa parte
ombre sol miro e larve oscure ed adre,
69
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
veggio il grandidol tuo chaprir le squadre
mi sembra, e movo per vergar le carte.
Ma mi rattengo poi che l ver si scopre
10 per non ornar un simulacro indarno
di vana pompa e di mentiti fregi.
Oh! piaccia al ciel che le tue nobil opre
veggia al sol chiare, e n su la riva dArno
lusinghi i figli al suon de tuoi gran pregi.
756
Prega lAure che portino le sue preghiere al serenissimo principe di Tosca-
na Filippo de Medici.
O figlie de la terra,
compagne de laurora,
Aure, de laria albergatrici erranti,
che qui, dove mi serra
5 duro destin, talora
date audienza a miei noiosi pianti;
o de gli afflitti amanti
secretarie cortesi;
de lAmor messaggere
10 fide, caute e leggere,
che l portate i lor sospiri accesi
e i lamenti e le doglie
ov chi li ode e con piet li accoglie;
io, che tanto pi sono
15 dogni amante infelice
quanto odio pi damor pronto a far danno,
Aure, in voi spargo il suono
che del mio petto elice
or giusto sdegno ed or non giusto affanno.
20 Non dun soave inganno
di voce lusinghiera,
70
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
non dun guardo furtivo,
non dun sembiante schivo,
non duna fronte rigida e severa,
25 non dun guanto, o dun velo
che gigli copra e rose, i mi querelo;
misero! ma mi doglio
de pi novi tormenti
chabbia il regno de lodio o de la sorte,
30 e veggio farsi scoglio
pietade a miei lamenti,
tinta nel volto di pallor di morte;
n posso aprir le porte
di questo vivo inferno,
35 ove son de gli errori
gli angioli i punitori,
perchio sfoghi cantando il duolo interno,
novo Orfeo, con la cetra,
tanto la mia Proserpina simpetra!
40 Aure, a cui parte alcuna
non si serra, e che lale
dispiegate da luno a laltro polo,
l ve gi fuor di cuna
segna fanciul reale
45 con non sicure ancor vestigia il suolo,
drizzate il pronto volo,
e mormorar mie note
col suon de vostri spirti
tra fiori e lauri e mirti
50 del magnanimo Cosmo oda il nipote,
e pietosi i miei duoli
dArno alternino i cigni e gli usignoli.
Quivi il mio nome intenda
da la nutrice, o sella
55 figlia del sonno o s di sue compagne;
ed a formar lapprenda
71
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
con lingua a la mammella
usa che ancor da lei non si scompagne;
n per piet si lagne,
60 n versi alcuna stilla
sovra la mia sciagura,
ch la sua gioia pura
non desio che per me sia men tranquilla;
ma per segno di pianto
65 sol mostri gli occhi rugiadosi alquanto.
E riguardando il padre
sembri almen che gli dica:
Signor, perch sinvidia a gli anni miei
chi lopre tue leggiadre
70 tolga a morte nemica,
e n fra gli eroi le sacri e i semidei?
Chi de gli avi i trofei,
le palme e le corone
orni di stelle eterne?
75 Chi le chiome materne
raffiguri nel ciel, novo Conone?
Chi minviti con carmi
dietro a chi per et precorre a larmi?
Canzon, non lunge a la citt de fiori
80 sorge un bel Poggio ameno:
ivi il fanciullo de le Grazie in seno.
757
[A una gentildonna che lo visit in S. Anna.]
Donna bella e gentil, che di tua vista
dolce e leggiadra i miei martir consoli,
e cos del mio duol meco ti duoli
che si fa nel tuo duol lalma men trista,
5 ben parmi che piet con amor mista
giri ver me soavemente i soli
72
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
de tuoi begli occhi, e, mentre il core involi
a suoi pensier, fede il tuo dire acquista;
ma tosto poscia di fallace errore
10 teme e sadombra e di prigion sospetta,
quanto fallace pi tanto pi lunga.
N credo pi che novo stral mi punga,
se, discendendo pria da gli occhi al core,
con laltrui piaghe Amor non mi saetta.
758
Quel giorno che piet, donna, vi spinse
a consolar di sguardi e di parole
pensoso prigionier chegro si duole,
stato fossio l vella non sinfinse:
5 ch visto avrei che di pallor vi tinse
le guancie s che vergini viole
in verde prato o n fresca riva il sole
di pi vaghi color unqua non pinse,
e nsieme udito il suon che l dolor molce:
10 fortunato dolor, savvien che l tempre
di s soavi accenti il puro affetto.
Lasso! io ben mi torrei di viver sempre
in angusta prigion con voi ristretto,
ch voi la mia fareste e cara e dolce.
759
Quando miro le stelle,
saman, dico, l suso;
aprasi la prigione ove son chiuso,
quella in cui da natura
5 lanima pargoletta
fu con gentili e cari nodi astretta.
73
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
Ma, quando via pi belle,
vostre luci rimiro
volgersi a me con amoroso giro,
10 sapra laltra pi dura
in cui sorte mi tiene
lunge, dico, da voi, luci serene.
760
Quantio sono infelice
tanto voi bella sete,
e con gli occhi il mio duol temprar potete.
N miracol n mostro
5 altro di noi maggiore;
io di fortuna mostro e voi dAmore.
Ma, se ad un guardo vostro
in me pur tanto lice,
debbo sperar giammai desser felice?
761
[Risposta ad Ercole Cavalletto.]
Se dalma vaga e da stupor confusa
maravigliar si puote, io non vi celo
ch tal la mia, chin Elicona e in Delo
sua chiara fama un tempo vha diffusa.
5 Misera or langue e la sua nobil musa
or da Parnaso chiama ed or dal cielo
che non risponde, e tra l rigore e l gelo
non l, come solea, sua grazia infusa.
E se vergo e rivolgo or queste carte
10 or quelle, proprio sforzo; e pur canora
tromba rischiaro indarno al fiero Marte.
Voi, se pu prego alcun di nobil core,
per me pregate e Febo e Pan e Flora
e, sovra tutti, il signor nostro Amore.
74
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
762
[A... DAvalos.]
Se col, donde questa spoglia inferma
trassi, suona il mio nome e de miei detti
si fa conserva tra glingegni eletti,
Davalo, come a me la fama afferma,
5 ben io me n vanto, ed in solinga ed erma
parte, ove gli occhi o fonte o selva alletti,
bramo con voi partir lore e gli affetti
de lalma mia che ne suoi moti ferma.
Ma quellalto voler che s tenace
10 in lei si volve a voi fora molesto
e troveria contesa anzi chamore.
Pur sia che pu: ch guerra stimo e pace
quasi egualmente, e in quello stato e in questo
felice chi ben vive e chi ben more.
763
Bench oscura prigion da te s lunge,
privo di libert, mi cinga intorno
dinvisibil catena, e infausto giorno
lunghe a le notti mie tenebre aggiunge,
5 pur fin di qua la nobil gloria giunge
di tua fama reale il chiaro corno,
tal che hanno di tuoi lodi invido scorno
quei che da noi la Tana anco disgiunge.
Or sicuro il tuo nome i dubbi varchi
10 del tempo velocissimo non pave,
che dar suole a virt noiosi incarchi:
meta di dolce invidia il cor non have,
se l torbido ocean sicura varchi
de lumane speranze altera nave.
75
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
764
[Al signor Raffaello Gualterotti. Risposta.]
Scrissi di vera impresa e deroi veri,
ma li accrebbi ed ornai, quasi pittore
che finga altrui di quel che gli maggiore,
di pi vaghi sembianti e di pi alteri;
5 poscia con occhi rimirai severi
lopra, e la forma a me spiacque e l colore,
e saltra ne formai, mastro migliore,
non so se colorirla in carte io speri:
chegro e stanco da gli anni, ove pi rare
10 tenti le rime far, men piaccion elle,
e n minor pregio io son che gi non era;
pur non langue la mente e prigioniera
esce dal carcer suo; n quel che pare,
ma lorme scorge e vere e pure e belle.
765
Loda il signor Luigi e Carlo Gonzaga.
Luigi e Carlo, incontra l ciel le fronti
ben potevate alzar, qual Capaneo
che lalte mura scosse, onde cadeo
quando i fulmini Giove ebbe s pronti;
5 e potevate monti imporre a monti
dEncelado non meno e di Tifeo;
ma in voi piet pi che furor poteo,
che vi fece egualmente illustri e conti.
Nati dun sangue, il sangue incontra a gli empi
10 spendeste, e lOglio quasi al Mincio eguale
ne la gloria rendeste e ne gli onori:
76
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
mille insegne la fama a vostri tempi
sospese e mille palme e mille allori,
mille trombe per voi stanc e mille ale.
766
Ne la venuta del signor principe di Mantova Vincenzo Gonzaga.
Or che da le native a queste sponde
se n viene il bel Vincenzo, il Mincio vago
pi volentieri dal suo quieto lago
porta tributo al Po darene e donde;
5 e lune rende s purgate e monde
che lOglio e lAmbro men lucente e vago,
laltre affina cos che lErmo e il Tago
non lha pi ricche, n tantoro asconde:
miracoli, onde il ciel par che lonori
10 e la natura a prova, ed a i suoi regni
sembra che mormorando il mar linviti,
e dica: Placo a te lira e gli sdegni
e raddolcisco lacque e infioro i liti,
e toffro il gran tridente e i miei tesori.
767
Loda lAccademia de gli Innominati di Parma e il signor principe Ranuccio
Farnese che n protettore.
Innominata ma famosa schiera
di scelti ingegni, che i gran nomi illustri
con gloria tal che per girar de lustri
non diverr men bella o meno altera;
s come col passar di primavera
5 caggiono a terra i candidi ligustri,
cos col grido van de molti illustri
ogni pregio volgare avvien che pera;
77
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
e quelli solo non caduchi onori
sono che in dotte carte altrui conserva,
10 ove Ranuccio avr perpetua vita
per opra tua, che i suoi celesti fiori
vi sacri insieme, e par chella s serva
che ciascunaltra men a lui gradita.
768
Ne la solennit di S. Antonio di Padova prega quel glorioso santo che sia
propizio a i signori Accademici di Parma che si raccogliono quel giorno per
celebrare la sua festa.
Divo, chavesti gi la nobil cuna
de lOcean ne larenosa sponda,
ed hai la tomba ove con placidonda
corre la Brenta al mar tacita e bruna,
5 questa schiera immortal, che si raduna
per celebrarti il d che verde fronda
le marmoree porte orna e circonda,
difendi sempre da crudel fortuna,
e disgombra, che puoi, lire e gli sdegni
10 dempio destin: ch, sa divoti altari
ti sono accese cento faci e cento,
altrettanti famosi ed alti ingegni
risplendon qui con raggi assai pi chiari
e fan del nome tuo novo concento.
769
[Ne le nozze di Vincenzo Gonzaga, principe di Mantova, con Margheri-
ta Farnese, principessa di Parma.]
Or che si compra avventuroso il Taro
con la pi bella e vaga margherita
che sia di conca preziosa uscita
genero eletto e desiato e caro,
78
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
io qui le rime al nome suo rischiaro
5 comegli londe, e l ve Amor minvita
bramo veder la real coppia unita
sotto aspetto del ciel felice e chiaro:
veder regi ed eroi, teatri ed armi,
e l ciel le nozze ad onorar intento
10 come quelle di Teti e di Peleo;
e, mentre al bel Vincenzo in lieti carmi
chiama le caste vergini Imeneo,
rispondere alternando al bel concento.
770
N di feconda conca in ricco mare
perla usc mai s luminosa e bella,
n s vago monil giammai fece ella
a laltre unita preziose e care,
5 come costei chaver simil non pare
di regio albergo esce in et novella,
n gemma pur fra laltre par, ma stella
che risplenda nel ciel fra le men chiare.
Quella chinnanzi lalba in oriente
10 lalme amorose a sospirar invita
e riede poi con Imeneo la sera,
somiglia appunto in giovenile schiera
preziosa e mirabil Margherita,
la fronte e gli occhi candida e lucente.
771
Al signor cardinale Albano.
O de purpurei padri e de limpero
sacro di Cristo onore alto e sostegno,
che di seder in Vatican sei degno
di tre corone e del gran manto altero,
79
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
5 cos al tuo merto il cielo arrida e Piero
ti dia le chiavi del beato regno:
lozio mio vile e l mio squallore indegno
mira e navrai pietade, o chio la spero.
E se non giunge a te dal carcer cieco
10 la voce mia, dal suo sepolcro almeno
odi il paterno mio cenere e lombra:
Chi tinvidia a la luce ed al sereno?
chi ne la tua la nostra gloria adombra?
Io pur, figlio, in te vivo e spiro teco!
772
Si duole col signor cardinale Albano di non aver possuto far la sepoltura
al signor Bernardo Tasso suo padre.
Alban, lossa paterne anco non serra
tomba di peregrini e bianchi marmi
di prosa adorna o di leggiadri carmi,
ma in alto sen linvolve oscura terra:
5 lasso! e piet, chin onorar non erra
i nomi amati, potea pur dettarmi:
Il Tasso questi, che tra regi ed armi
cant amor favoloso e finta guerra.
Ed opr molto e seppe, e n nobil tempio
10 potea ornarne il sepolcro, ove passando
il dimostrasse il peregrino a dito;
ma lo viet dura fortuna: or quando
fia pieno il mio desir che tardi adempio?
Sia per te pago in terra e n ciel gradito.
80
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
773
Loda monsignor illustrissinso e reverendissimo cardinal Albano.
Lalta citt dAdria reina altera
onor tuo valore, ondor si duole
dessere scema e pi stimar non suole
la virt cittadina e la straniera.
5 E per canuta mente in lei non era
e per vigor dingegno e di parole
fra que gentili chella ammira e cole
alcun pi chiaro per bont sincera.
N per trofei n per nemiche spoglie
10 cotanto savanz guerriero estrano,
quanto tu per la lingua e per lo senno.
Pur al fin Roma, chi pi degni accoglie,
tuoi pregi accrebbe e sacro in Vaticano
tofferse a lui che regge il cielo a cenno.
774
Al serenissimo don Giovanni dAustria.
Quel che dEuropa col mirabil ponte
a lAsia giunse e su le strade ondose
guid cavalli ed armi e le sassose
f piane a legni, aperto al mare un monte,
5 ingiurioso con percosse ed onte,
coma lui parve, i ceppi a Nettun pose,
tal dianzi il Trace vincitor propose
far servo il mar con minaccevol fronte.
Gi minacciava il giogo e le catene
10 a lidi non cha lacque, allor che volto
in fuga rinnov lantico esempio.
81
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
Ma tu, che lui fugasti, in quali arene
o n qual libera terra or sei sepolto?
qual trofeo serge in tua memoria o tempio?
775
In morte de la signora Margherita Bentivoglio Turchi.
Non questo un morire,
immortal Margherita,
ma un passar anzi tempo a laltra vita;
n de lignota via
5 duol ti scolori o tema,
ma sol piet per la partenza estrema.
Di noi pensosa e pia,
di te lieta e sicura,
taccomiati dal mondo, anima pura.
776
Al signor cavaliere Ercole Cato. Risposta.
Quella che nome aver di dea non merta,
ne linstabil suo regno il bene e l male
che dal celeste scende ordin fatale
sovente varia e mesce e nulla accerta:
5 onde perchaspramente io gi sofferta
abbia pi duna piaga di suo strale,
la spero amica, e, sanco io non lho tale,
lanima ho contra lei darme coperta.
E se fia mai che di turbarmi cessi
10 Fortuna, o chuso renda almen leggieri
i novi arnesi onde s lalma armata,
voler forsancora ovio mappressi
a quel chalz dimmortai piume alata
giustira al ciel sovra non giusti imperi.
82
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
777
[Al medesimo. Risposta seconda.]
Cato, vostra virt chiusa o scoverta
di s gode in se stessa, e premio eguale
fuor di s non ritrova: or in me quale
ella si sia non lho ne lopre aperta.
5 Ben par chuso e ragione in me converta
gli affetti in meglio, e se talor massale
dalto Fortuna, por bramo in non cale
la vita incontra lei poggiando a lerta.
Allor chi modia pi fia che confessi
10 che non langue fortezza a colpi feri,
n cade e nvitta resta anco atterrata.
Pur anzi chiedo pace; e saltri fessi
pi glorioso per virt provata,
gloria minor ma lieta avvien chio speri.
778
[In lode de la signora Pandolfina...]
Donna gentile ne le verdi sponde
dAdige alberga, ed or pensosa siede
su lerba fresca, or lava il bianco piede,
or un leggiadro vel ne le bellonde;
5 or vaga pianta dispogliar di fronde,
or a prati di fior care far prede,
or di questi e di quelle ordir si vede
lieta ghirlanda a le sue trecce bionde;
or par ninfa di selva ed or di fiume,
10 se non quanto pi schiva e pi severa
si mostra al suon di canna o di siringa.
83
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
Fia chella muti mai laspro costume?
Oh chio la tragga al suon, come lusinga
od Arion o Pan, delfin o fera!
779
Ne la venuta dellimperatrice in Italia loda li signor duca di Ferrara ed il
signor Sperone cherano in listesso tempo in Padova.
A la figlia di Carlo, augusta madre
di fortunati e gloriosi regi,
mostrer marmi de suoi mastri egregi
lItalia o di colori opre leggiadre?
5 O navi armate ed ordinate squadre,
o tempi o scuole, od altro onde si fregi?
Duo mostri a lei de suoi maggiori pregi,
dAlcide il figlio e de gli studi il padre.
E le dir: Per questi anco dimpero
10 degna mi stimo; e se pur serva, in modo
serva son io che comandare insegno.
Lun del sapere, e del valor primiero
esempio laltro; e me ne glorio e lodo,
ma dinchinarli a te non mi disdegno.
780
[A donna Marfisa dEste Cybo per il suo parto prossimo.]
Visiti il tempio a passi tardi e lenti,
velata il biondo crine e scinta il seno,
la bella donna, or che lha grave e pieno,
e preghi ed offra voti in bassi accenti.
5 Preghin vergini caste ed innocenti
fanciulli, e n ciel siano esauditi a pieno,
chesca il bel parto al bel lume sereno
s chella non se n dolga e se n lamenti.
84
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
Preghin chamiche stelle il d che nasce
10 si rimirin da lochi alti ed eletti
ed abbia lieto albergo in ciel fortuna.
Fra tanto altri gli odori, altri le fasce
ricche prepari, altri la nobil cuna
ove al bambino i dolci sonni alletti.
781
Donna, al pudico tuo grembo fecondo,
in cui de le mortali umane vesti
pargoletto bambin pria non chiudesti,
sia quel chor pasci dolce e leggier pondo.
5 Esca omai novo peregrin del mondo
del nobil chiostro, ove a lui fur contesti
i nodi de la vita, a mirar questi
campi de laria e l lume almo e giocondo;
e gli errori del sole e i certi giri
10 di questo che si volge a noi dintorno
tempio eterno immortal, fanciullo ammiri;
e di mostrarsi realmente adorno
entro e di fuor singegni; e quinci aspiri
a far per altre strade al ciel ritorno.
782
[A donna Marfisa dEste Cybo per la nascita dun figlio.]
Gi bella e lieta sposa, or lieta e bella
madre, ecco nato il desiato figlio,
qual sapre in verde suol candido giglio
o del mar esce rugiadosa stella.
5 E mentre or miri questa parte or quella
del picciol corpo con sereno ciglio,
85
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
del mal per lui sofferto e del periglio
il Re del ciel ringrazi, umile ancella.
Pregalo ancor che le leggiadre e care
10 e dolci membra, di cui mai non finse
Zeusi in carte pi vaghe o Fidia in marmi,
indurin laure e l gelo e l sole e larmi,
e da chi pi lodato unqua se n cinse
faticoso il fanciul larte nimpare.
783
Cresci qual pianta di fecondo seme,
vago fanciul, del valoroso padre
gioia e diletto de la casta madre,
in cui sol vive luno e laltra insieme;
5 cresci a lonor dItalia ed a la speme,
a regger gran cittadi e invitte squadre,
a scettri ed arme, ad opre alte e leggiadre,
a palme, a gloria che l morir non teme.
Cresci al tuo popol caro ed a gli amici,
10 e porgi chiaro esempio a let nova,
ed abbia illustre paragon la prisca.
E l cielo a tanto ben gli anni felici
del grandavo riservi, e, suom rinnova
ne la sua stirpe, ella per te fiorisca.
784
A messer Bastiano dipintore eccellente, nel medesimo soggetto.
Tu che le vere cose altrui colori
e le famose per antiche carte,
pittor, fingesti mai con s bellarte
s belli ignudi i pargoletti Amori,
86
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
5 o s bel tra le lagrime e gli odori
di dura scorza in solitaria parte
nascer chi f geloso il fiero Marte
e la terra adorn di novi fiori,
comora questo bel chal nobil fianco
10 di costei, che celeste in terra sembra,
fu dianzi dolce peso e caro duolo?
A lui tu mesci i tuoi color non solo,
ma prenda forma di s vaghe membra
de suoi be monti il pi bel marmo e bianco.
785
A la signora donna Marfisa dEste.
Portano laltre il velo;
voi le chiome dorate
forse per alterezza al sol mostrate.
Ma sa sdegno prendete
5 ogni esempio terreno,
con alti esempi il ciel vi mova almeno:
col vel lAlba vedete
e lei che nacque in Delo,
e lIri il suo colora anco nel cielo.
786
Al signor Domenico Veniero.
Siede, Veniero, il Perso o move in guerra?
Arma legni o raccoglie il fiero Trace
e linospite mar di verno audace
tenta, o trascorre a depredar la terra?
5 Lungo lalgente Ren vaneggia ed erra,
pur come suol perturbator di pace
empio stuolo? I no l so, cha me si tace
qui, dove sol piet forse mi serra.
87
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
E ne sospiro ben, perch con penna,
10 qual verg forse le tebane carte,
seguirei per lo cielo aquila a volo.
Pur lozio ignobil mio talor consolo
come piace ad Amore, e sei maccenna
scherzo, e gli scherzi sol canto di Marte.
787
Al signor Curzio Ardizio pregandolo a ritrar il signor principe di Mantova
in quante guise se lo immagina.
Sa favolosi dei forma terrena
figuri, Ardizio, e giovinetto Amore
fingi, a cui sparga il mento il primo fiore
incerto s che sia veduto a pena;
5 o Febo, chor Piroo nel cielo affrena,
or cacciato del ciel vago pastore;
o gli altri, a cui la guancia il lieto onore
di giovinezza fa sempre serena;
il tuo signor risguarda e dal bel viso
10 che cingon cos bionde e molli piume
togli, onde piaccia, ogni tua bella imago.
V, cha Febo conviensi, un chiaro lume;
v, chin Amor si loda, un dolce riso;
v quel che pu ne gli altri esser pi vago.
788
Nel medesimo argomento.
Sovente, Ardizio, larca e la faretra
figuro al bel Vincenzo e l fingo Amore,
che questi strali impiombi e quelli indore
e li terga ed aguzzi a dura pietra;
88
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
5 e contra Niobe, che per duol simpetra
or Febo arciero il formo ed or rettore
del carro de la luce ed or pastore,
or col plettro in Parnaso e con la cetra;
e co coturni alati e con la verga
10 talor per laria il messaggier volante,
e col tirso talor Bacco fiorito;
ma in quante guise io nello stile ardito
lorno e descrivo, il tuo ladorni in tante,
e di pi bei color le cere asperga.
789
Sopra il ritratto de la serenissima signora principessa Margherita di
Mantova, del 1581, del signor Curzio Ardizio.
Ardizio, ardita man certo movesti
quando belt, che di sua luce altera
far luminosa puote ogni ampia spera,
in breve spazio col tuo stil chiudesti.
5 Tu di sembianti angelici e celesti
osasti di formar tenera cera;
tu fai dubbiar se vera chioma e vera
sia questa fronte e veri occhi sien questi.
Felice ardir, per cui lo stile e larte
10 del pittor fortunato, il marmo e loro
pu invidiar, non che la cetra e l legno!
Felice stil, che ne lesterna parte
pu discoprir quel che ne laltra onoro,
alti e regi costumi e chiaro ingegno!
89
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
790
Ad istanza di Curzio Ardizio, suo amico, venuto ad abitare in Mantova
a i servigi del serenissimo signor duca Guglielmo Gonzaga.
Ecco, io somiglio pur translata pianta,
che n asciutto terren dianzi fioriva,
or che verdeggio del bel Mincio in riva
che de gli antichi pregi ancor si vanta.
5 Almo sol, che cillustri, eterna e santa
legge del cielo, onde ogni ben deriva,
tempratemi la bruma e laura estiva
e sgombrate ogni vel che laria ammanta.
E voi chal nascer mio, felici stelle,
10 seco eravate in lochi alti ed eletti
splendete a me con lieto raggio e puro,
tal che insieme fior, fronde, ombre novelle
il signor nostro non indarno aspetti
e dolci frutti di saper maturo.
791
Al signor Curzio Ardizio sovra unimpresa fatta da lui, la qual era laquila
che portava il dragone ne laria, col motto Hoc virtutis opus.
Ardizio, come spesso aquila altera
orribil drago a volo innalza e porta,
e seco fa con mille nodi attorta
pugna nel ciel la velenosa fera,
5 cos giunge per fama a lalta spera
del sole, oltre la via lunga e distorta,
lun con laltro nemico, e si conforta
savvien che da le stelle ei caggia e pera:
perch gran lode nel gran caso attende
10 dal vincitore il vinto, ovei discopra
linfelice valor ne lore estreme;
90
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
e ben di virt mirabil opra
e degna de la tua che tanto ascende
dar morte e gloria a lavversario insieme.
792
Loda il signor Vespasiano Gonzaga, duca di Sabbioneta.
Vespasian, che alteri accorti ingegni
di vincitrici genti oltra Pirene
co premi governasti e con le pene,
comuom chamare e riverire insegni;
5 il mio nome, che tu dudir non sdegni,
novellamente noto a te se n viene,
o prima a monti Iberi ed a larene
giunse e vag ne fortunati regni?
Per merto mio non gi, forse per sorte
10 fin l si stese e fin a laltro polo,
e i domatori e i domi anco ludiro.
Fermalo or tu, se spiego or troppo il volo;
ma se lo stringi e chiudi in minor giro,
non tema ivi morir con la mia morte.
793
Loda il padre del gi detto signore.
Gonzaga, dato forse spazio angusto
a mortali di vita, e in lui ristretta
nostra virt sopra non fa perfetta
ve nha colpa natura o fato ingiusto?
5 Debbe chi dom il Perso e lIndo adusto
di lor lagnarsi, e chi si f soggetta
Roma e lasci limpero e la vendetta
de la sua morte al successore Augusto?
91
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
O pur vero valor se stesso appaga
10 nel fatto di brevora e con lui stende
fama immortal ch quasi eterna vita?
Quella del padre tuo, che luce e vaga
col sole a prova ovunque ei gira e splende,
esser pu circonscritta unqua o fornita?
794
Al signor Giulio Mosti.
Se dIcaro leggesti e di Fetonte,
ben sai come lun cadde in questo fiume
quando portar da loriente il lume
volle e de i rai del sol cinger la fronte,
5 e laltro in mar, ch troppo ardite e pronte
a volo alz le sue cerate piume;
e cos va chi di tentar presume
strade nel ciel per fama appena conte.
Ma chi dee paventare in alta impresa,
10 savvien chAmor laffide? e che non puote
Amor, che con catena il cielo unisce?
Egli gi trae da le celesti rote
di terrena belt Diana accesa,
e dIda il bel fanciullo al ciel rapisce.
795
Al medesimo.
Chi pu sgombrar de vani affetti un core
che, vago del piacer dun bel sembiante,
pur a lui tragge? Di due luci sante
solo il sereno angelico splendore.
92
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
5 E chi dar legge a desioso amante,
lo qual vaneggia duno in altro errore?
Man bianca e bella: allor non erra Amore,
o nel suo petto con ragione errante.
Ma qual ragion altrui derrare insegna?
10 Simile forse a quella onde i lor cieli
girano eternamente Apollo e Giove.
Giulio, dunque di lei non si quereli
alma gentil sotto amorosa insegna,
mentre il perpetuo suo desio la move.
796
Al signor Giorgio Corno. Risposta.
Per vaghezza donor laltera fronde
non cercai, Giorgio, mai nel sacro monte:
sasselo Amor, n bevvi in altro fonte
che in quel del pianto mio chamare ha londe;
5 e se le rime mie giammai seconde
laltre lasciaro e furo illustri e conte,
ei le spir chaltrui care f lonte
e i dolci detti co sospir confonde.
Or donor vago, oliva almen in vece
10 coglier vorrei di lauro e gire al tempio
la ve piangessi il pianto indarno sparso;
ma non so se sperarlo unqua mi lece
ne lopre sue: fra tanto io pur contempio
quel che non de le sue grazie scarso.
93
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
797
Al medesimo. Risposta.
Fertil pianta che svelta da radici,
perch laura le spiri e splenda il sole,
i tronchi rami rinnovar non suole,
n produr frutti in sua stagion felici.
5 Tal di mia terra io tratto e linfelici
fronde perdute, e non le fronde sole,
quando e dove risorgo? Inutil mole
sembro, sterpata con sinistri auspici.
Daura eterna e di sol gli spirti e i rai
10 almi e lucenti e di santacque e pure
aspettar debbo i benedetti umori?
Verdegger translato e dar mai
frutti a digiuni? o pur ombre e ristori
a chi sia stanco per gravosa cure?
798
Prega felice viaggio a la nave che porta in Ispagna il signor Ferrante
Gonzaga.
Nave, cha lidi avventurosi iberi
devi Ferrante, un de pi cari pegni
dItalia, onde fiorir darti e dingegni
e darmi e di valor avvien che speri;
5 cos cessino i venti avversi e fieri,
e solo quel cha fortunati regni
conduce in occidente i curvi legni
spiri secondo e placido a nocchieri.
Portalo salvo a le bramate arene,
10 e de la madre sua pietosa il core
in lui conserva e del grandavo il nome;
94
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
e l pregio di sua stirpe e quella speme
dItalia, in cui la mia par si ristore,
cho dornarmi di lauro un d le chiome.
799
Scrive al signor Ferrante Gonzaga mostrando insieme il desiderio di se-
guirlo e di riposo.
Teco varcar non temerei, Ferrante,
fino a glispani regni i nostri mari
quando placido il vento a d pi chiari
e quando spira torbido e sonante;
5 e teco ancor verrei l dove Atlante
lava gli orridi pi ne flutti amari,
e dove a furti suoi notturni e cari
spesso a nuoto pass lardito amante;
e se larene mai di Libia o i lidi
10 dAsia premessi, a mille armi nemiche
teco non schiverei desporre il fianco;
ma pur, canuto e da gli affanni stanco,
tra selve e fonti de le Muse amiche,
alberghi bramo solitari e fidi.
800
Scrive al signor don Ferrante Gonzaga lodandolo.
La tua nova virt, ch de la mente
quasi un bel raggio o ver de lalma un fiore,
di chiara luce e di gradito odore
sparge lavventuroso almo occidente;
5 e n vincitrice altera e strana gente
maraviglia non pur ma desta amore,
e dolci premi ha di novello onore
e la fortuna al crescer tuo consente.
95
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
Oh, pur savanzi s chegual divegna
10 a quella del grandavo e ricchi premi
da magnanimi Ispani omai riporte!
E poi, cresciuta ne let pi forte,
porga terror di Libia a lidi estremi
o dove spieghi il tuo signore insegna!
801
[Per nozze.]
Tessano aurea catena Amore e Lite,
che quella fabbricaro onde conteste
son le cose mortai, per cui sian queste
alme belle e leggiadre insieme unite.
5 Le dolci guerre dolcemente ardite
e le repulse dolcemente oneste,
da vezzi e paci dolci a seguir preste
sian spesso dolcemente anco seguite.
Lite i divisi cor spesso rintegri
10 con soave unione; e stabil Fede
tra mille sdegni se medesma avanze.
E di brevi timori e di doglianze
non lunghe sian poi certa ampia mercede
candide e liete notti e giorni allegri.
802
[A Isabella Pallavicini Lupi, marchesa di Soragna, per la dedicazione de
la Bucolica tradotta da Girolamo Pallantieri.]
Calisa, chiome doro a laure estive
ninfa non spiega de le tue pi belle,
n preme lerbe con piante pi snelle,
n lava man pi bianche in fonti vive;
96
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
5 n pi bel nome in tronchi oggi si scrive,
n canta in rime antiche od in novelle,
e mi perdonin le selvagge e quelle
chalbergano ne monti altere e schive.
N altra merta pi che per te suone
10 la sampogna onde Titiro solea
lumil pensar ma pur mirabil canto.
Fortunato il pastor che os poi tanto
che la prese di l donde pendea,
e degno che di lauro si corone!
803
Loda il signor Gian Tommaso Costanzo di gloriosa memoria.
Da la real citt che sul Tirreno
siede lorigin tua chiara traesti,
e dove stagna il mar dAdria nascesti
de la sua donna ne lantico seno.
5 Or tra Piccardi, non ancor ripieno
lo spazio di tua vita, afflitti e mesti
lasci i compagni; e non vedrai pi questi
dolci paesi e l nostro ciel sereno.
Ma chi mai cadde in pi lodata impresa,
10 o buon Costanzo? o mostr cor pi forte?
o lasci nome pi famoso in terra?
Non pianga alcun ma lodi la tua morte,
ch felice colui che per difesa
di nostra fede sarma e more in guerra.
804
Te linstabil fortuna e l falso mondo
dal vero ben, Costanzo, unque non torse,
ed a meta donore altri non corse
pi veloce di te, ma fu secondo;
97
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
5 e te fra le catene e l grave pondo
di servitute ancor libero scorse
il fiero Trace, n timor ti porse
vento o folgore o nembo o mar profondo.
N Fiandra ti mir mostrare il tergo
10 vinto, ma il petto ne la morte invitto
chavanz le pi degne e le pi belle.
E teco da la terra al chiaro albergo
la Gloria ascese, il qual ti fu prescritto,
e la vittoria in ciel sovra le stelle.
805
Quel che sotto Inarime oppresso giacque,
se dal suo grave peso afflitto e stanco
move talora il tormentoso fianco,
perturba il cielo ove il furor gli spiacque;
5 ma questo, che per fama illustre nacque
e mor per la fede invitto e franco,
ha pi bel mausoleo dun marmo bianco
o dun altero monte appresso lacque;
e se ben par che fiamme intorno ei versi,
10 son fiamme dalta gloria e si raccende
ogni spirto gentile al nuovo esempio.
Tutti son chiari lumi i dotti versi:
cos virt sonora e cos rende
la gloria al pio che di gran pena a lempio.
806
Pi bello che doliva o pur di palma,
di trionfali spoglie un fregio adorno
il Costanzo ritratto avvolge intorno,
e furo al suo valor leggera salma.
98
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
5 Queste con luna trasse e laltra palma;
queste atterr l dove cade il giorno
e dove sorge; e fece a Dio ritorno,
mentre queste il coprian, la nobil alma.
Queste son arme de maggiori invitti
10 che gloriosa mano in alto appende,
perch non sia chi le distrugga e rompa;
ma de la sua virt ne chiari scritti
maggior simulacro, e pi risplende
e spiega poesia pi ricca pompa.
807
Questopra eccelsa di s vari accenti
e di pi voci insieme e pi favelle,
perch sinnalzi e porti or queste or quelle
ove mai voce non portaro i venti,
5 non carca derrore e dempie genti
superba torre e dalme al ciel ribelle,
non di gigante che ferir le stelle
con fronte minacciosa ardisca e tenti;
ma santo amore, a ci che oblio no l copra,
10 drizza questa gran tomba al buon Costanzo
e lalte lodi sue parte e distingue.
Ercole larchitetto e mille adopra
fabri immortali; ed io fra lor mavanzo,
mentre li ascolto intorno in varie lingue.
808
Dove laquila invitta alberga e regna
non alza mausoleo ricchezza od arte
come questo onde sceglie in dotte carte
le colte rime e laltre abborre e sdegna;
99
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
5 n lossa ignude involve opra s degna,
n l suo cenere freddo in fosca parte;
ma darme e di colonne intorno ha sparte
faville e raggi e par che il ciel sostegna.
E se l buon re di Caria in bianchi marmi
10 si giacque morto, qui di ferro adorno
il Costanzo immortal, che morte vinse;
e la sua fama ha sparto il nome intorno
con varie lingue, onde linvidia estinse;
e lali che spieg son quanti i carmi.
809
Sopra un vaso moresco da tener profumi che fu poi fatto un calamaro. Al
signor Camillo Gualengo.
Questo arca fu di preziosi odori
chor vaso dinchiostro, e fra le prede,
chegli acquist ne lafricana sede,
ancor il tolse il mio buon padre a Mori;
5 e n questo uso adoprollo, e i vaghi Amori
per lui f conti e la sua stabil fede,
n del gran Carlo o del felice erede
senza lui celebr larme e gli allori.
Ed oltra lAlpe e la famosa Ardenna
10 ne lesilio portollo e ne la morte
lasciollo a me, cara memoria acerba.
Gualengo, a me fortuna ancora il serba:
deh! quando io lodo il saggio Alfonso e forte,
mai non sia scarso a la mia stanca penna.
100
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
810
Al signor don Ferrante Gonzaga. Nel medesimo argomento.
O nobil vaso di purgati inchiostri
charca fusti dodori, il primo nome
lasciasti in Libia con le genti dome,
caro fra le vittorie a duci nostri;
5 e vago di vittoria ancor ti mostri
e dornar quei che circondar le chiome
di lauro, e i regni a le non giuste some
sottrassero e domar tiranni e mostri.
Ma quai debbiam lodare? i peregrini
10 egregi, o l saggio Alfonso e l gran Ferrante
e l buon Francesco che li segue e prezza?
Perch l sen vago e gli odorati crini
di barbara reina o ver damante
non hai tu, credo, donorar vaghezza.
811
[A listesso signore ne largomento medesimo.]
Fra laltre spoglie il generoso Achille
ebbe ne lAsia gi sonora cetra,
che da famoso stil sua grazia impetra
tra le fiamme di Troia e le faville;
5 ma questo vaso, il qual di mille e mille
penne era quasi e pur sar faretra,
quasi fonte in cui per viva pietra
il suo dolce liquor Parnaso instille.
Preso in Africa fu tra pompe ed arme,
10 che, quale Alcide o Scipione, il vostro
avo ella vide gi co duci invitti.
101
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
Ma quella muta, e sol da chiari scritti
la gloria prende; e questo il puro inchiostro
per novo eroe conserva al novo carme.
812
Loda il signor Ranuccio Farnese.
Mentre il tuo forte padre in fiera guerra
sotto l gelido ciel nel suolo algente
saccampa, o lunge trae dimore e lente
contra l nemico che vaneggia ed erra,
5 e lavo giusto regge amica terra
in lieta pace e fortunata gente,
cerchi, Ranuccio, con la nobil mente
ci che napre natura o n grembo serra.
Parli talor con voci elette e carmi
10 celesti talor canti, e l vago aprile
cos de gli anni tuoi passar taggrada.
Felice reggia, ove l diadema e larmi
onorer la lingua, ove lo stile
dar gloria a lo scettro ed a la spada!
813
Loda il signor Ranuccio Farnese e obliquamente il persuade a superare
lappetito del senso.
Nel campo de la vita aspra contesa
farai, signor, con forte empio guerriero,
ma s pietoso in vista e lusinghiero
che n dolce per lui mortale offesa:
5 or chi larme ti d perch limpresa
tu vinca, ardito giovinetto altero?
Indarno per s nobil magistero
in fucina duom vivo fiamma accesa.
102
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
Vengan dunque dal ciel come gi quelle,
10 se Roma non ment, che fabro eterno
fece al buon Numa, e l cor ne cingi e lalma:
chal fin, domo il nemico, a le rubelle
voglie torrai di te lalto governo
ed avrai lauro trionfale e palma.
814
Al signor principe di Parma Alessandro Farnese.
Sacr ne loriente il re di Pella
famosi altari; e tu gli altari e i tempi
difendi ne loccaso, e domi or gli empi
che di Marte movean turbo e procella;
5 e incendio estingui e da crudel facella
gran fiamme sparse in pi turbati tempi
ovunque reggi, e dai lodati esempi
fra vincitrice gente e fra rubella.
E l Ren, che disdegn lantico ponte,
10 sostiene il giogo imposto a tanti regni,
e suo fren loceano in giusta guerra.
Co tuoi scettri, signor, lingiurie e lonte,
e co trofei le morti e i feri sdegni,
e con le tue vittorie ha fin la terra.
815
Al serenissimo signor Ottavio Farnese, duca di Parma.
Dentro larte e l valore han fatto adorno
lanimo vostro, e con serena luce
lillustra la sua mente, e fuor riluce
la nobiltate e la fortuna intorno;
103
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
5 e partendo talor, fa poi ritorno
con auree spoglie e la Vittoria adduce
seco lonor pi bello, invitto duce,
che rado trova in terra altro soggiorno.
V la Gloria, e con lei de chiari spirti,
10 chi nomi eterni fanno, il dotto coro,
e v la Poesia che li alza e stende;
scettri e corone e non sol lauri e mirti,
e, qual segno lucente, il vello doro,
che manca fra le stelle, in voi risplende,
816
Loda monsignor Gasparo Salingardo, gi vicario di Milano ed ora fatto
vescovo di Ripatransone.
Del vecchio Ambrosio il successor novello
gi ti di in guardia la sua nobil greggia,
che per lui ben simpingua e non vaneggia
e si veste di lungo e puro vello;
5 e pascesti il digiuno, e legro agnello
tu risanasti; e quando il ciel lampeggia,
perch tempesta e nembi altri preveggia,
riducesti lerrante al sacro ostello.
Or chi di Piero n vece a gli alti monti
10 dal colto pian tinvita ed al governo
di Ripa, e te ne d la santa verga:
tu, perch non travii n si disperga
la tua schiera fedel, la state e l verno
la scorgi a paschi, a lombre, a rivi, a fonti.
104
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
817
Al medesimo. Nel medesimo soggetto.
Or tu nel monte, Salingardo, ascendi
a novo onore, e dal Pastor romano,
del popol di Ges pastor sovrano,
la verga pastoral devoto prendi,
5 onde i fedeli suoi reggi e difendi;
e non somigli quellantico in vano
che l sasso aperse, per chil core umano,
se peccando impetr, tu molle il rendi,
e nesce il pianto dampio fiume in vece.
10 Oh felice quel petto e quellovile
ove tu vegghi a la sua guardia intento,
ove a lagnel dormir securo lece
dal fero lupo e da linganno ostile,
mentre il cielo turbato e freme il vento!
818
Loda il signor cardinale Albano.
Signor di temperato animo e giusto
e vago dogni bella e nobil arte,
che per antiche o per moderne carte
arricch di saper novo e vetusto,
5 lalma tua patria e mia di spazio angusto
al tuo valore e ciascunaltra parte,
se non Vinegia e la citt che Marte
lasci, partendo, al suo pietoso Augusto:
quivi fioristi e luna a prova e laltra
10 torn di chiari fregi; al fin da luna
ti spinse invidia e laltra in sen taccolse.
105
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
Allor non si mostr men forte e scaltra
la tua virt n latterr fortuna,
ma linnalz quel che per s la volse.
819
A lillustrissimo signor cardinale Albano.
Mente canuta assai prima del pelo,
pieno di maest sereno aspetto,
cui non perturba mai soverchio affetto,
n ti nasconde il ver sottalcun velo;
5 santo amor de la fede e santo zelo,
di morte sprezzator costante petto,
lingua che ben comparte alto concetto,
Alban, son doni a te dati dal cielo;
e suom savanza per umana cura,
10 tu li accresci cos che Roma puote
sola capirti, o fortunato vecchio;
e Roma in te sesalta, e n lei pi note
son tue virtudi, a cui far bella e pura
io questalma vorrei coma mio specchio.
820
Scrive al signor Ferrante Gonzaga, lodando Mantova e dolendosi di non
aver potuti fornire suoi [studi] sotto la protezione del signor Cesare suo [padre],
principe di quella accademia.
Mantova illustre, chora i duci e larmi
fan s famosa e l loro scettro altero,
come f gi la penna al grande impero
del buon Augusto amica e gli alti carmi,
5 allor maccolse chio pensava alzarmi
sovra Parnaso e gir cercando il vero;
106
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
e porse ardire al giovenil pensiero
fra bei palagi e peregrini marmi.
E se n lei coltivar potea lingegno,
10 sarei di que che pregia il secol novo
per antico saper pi che non ama.
Or sio le sembro pur di pregio indegno,
mami per te, per cui lardir rinnovo,
vago de lamor tuo pi che di fama.
821
Scrivendo al signor don Ferrante Gonzaga si mostra desideroso di ritor-
narsene a Napoli e di finire il suo poema, il quale si legge imperfetto.
Ferrante, savverr chio mai ritorni
inerme peregrin, cinto doliva,
del mar Tirreno a lonorata riva
ed a gli antichi miei dolci soggiorni,
5 teco spero daver pi lieti giorni
e pi serena ancor laria nativa:
oh! piaccia al ciel che di te canti o scriva
tra verdi rami e le mie carte adorni.
E se l nome real poco rimbomba
10 nel mio stil frale, credo almen chudrassi
in quelle piagge al mormorar de lacque.
Forse avverr che nel mirar la tomba
di quel famoso che sul Mincio nacque,
alzi e rischiari i versi oscuri e bassi.
107
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
822
Scrive al signor Curzio Ardizio dolendosi di non poter esprimere laffe-
zione chegli porta al signor don Ferrante Gonzaga, al quale molto obbligato.
Se quel che n mezzo a lalma amor mimprime
del buon Ferrante e del suo nobil dono,
Curzio, ridir potessi, udrebbe il suono
il Tebro ancor de le mie nove rime;
5 ma n lingua n stile il vero esprime;
pur sappia almen che quanto vaglio e sono
suo: chaltrui minvolo, a lui mi dono:
giudice giusto, egli mi sprezzi o stime.
E negletto per lui, caro a me stesso
10 pi me nandr che per altrui pregiato,
n pregio senza lui dolce mi fora;
e lamo anzi per lui dun bel cipresso
che per altrui di palma: oh me beato
sio sar seco ove virt sonora!
823
Sopra la Vita del gran duca Cosimo de Medici, a messer Aldo Manucci.
Aldo, il gran duce, a cui minor guerriero
padre non fu, ne la gran tomba or giace
che dotta man gli fece e gela e tace,
ma vive in questo nobil magistero.
5 E nel sembiante suo pi bello e vero
spira e ragiona, ed or fa guerra or pace,
e frena il Gallo e l suo rubello audace
col suo fedele e con lamico Ibero.
E celebra le nozze, e col mio forte
10 signor si giunge che lui padre appella,
n gi questo di que che l tempo atterra.
108
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
E tu, che l mastro sei, laspra sua morte
descrivi; ma qui scritta or vive anchella
e la memoria sua conserva in terra.
824
Quel che Toscana soggiog con larmi
e col senno fiorir larti pi belle
fece, e l suo nome alz sovra le stelle,
par vivo ancor ne gli scolpiti marmi
5 e ne le colte prose e ne bei carmi
e ne la propria e ne laltrui favelle;
ma con antico stil carte novelle
or tu gli verghi, ove pi vivo ei parmi.
Comegli fosse saggio e largo e giusto,
10 e fortezza e piet mostrasse unita
e vincendo e regnando, in lor si legge,
come assembrasse Cesare ed Augusto;
e solamente egli ha pi nobil vita
nel cielo appresso a Lui che l mondo regge.
825
Questa vita di Cosmo, anzi del mondo,
perchun mondo fu Cosmo; e Giove e Marte
e lauree stelle in puro ciel cosparte
fur le virtudi ondei non fu secondo:
5 la mente un sole, il senno un mar profondo,
la terra il regno, e con mirabil arte
tante cose raccogli in vive carte,
e, quasi Atlante, ne sostieni il pondo.
E quel che pi lonora e vi rimbomba
10 e d spirito e vita a dotti inchiostri,
mentregli vola s famoso intorno,
109
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
l suo nome immortal, choscura tomba
empie di chiara gloria e gli alti chiostri,
non sol questopra cha gi tanto adorno.
826
Al cader lalta mole onde ne giacque
lEtruria, e seco scosse Italia e Roma,
quasi torre del ciel percossa e doma
che con secoli prischi alzossi e nacque,
5 vidi nel mezzo de le turbatacque
che da i Tirreni il mondo onora e noma,
dalgente schiuma involta tra la chioma
quel Dio che a londe salse ubbidir piacque.
E, tre volte crollando il capo augusto,
10 sudio dir: Quest il gran pubblico danno
che non pu ristorar secolo eterno.
Morto linvitto, il forte, il saggio, il giusto,
che fu gi esempio al regio alto governo:
fia con rovina eterna eterno danno.
827
Cadde il gran Cosmo, e seco cadde insieme
dEtruria bella il fido alto sostegno,
e de lItalia tutta, oh fato indegno!,
il chiaro onor, la gloriosa speme.
5 Gli scettri, i regni e le corone estreme,
doti di sorte e di fortuna pegno,
fur ombra invero al merto altero e degno
de le dovute a lui palme supreme:
ch deroica virtute il petto pieno
10 e forte e saggio e temperato e giusto
per questa et bear nel mondo venne.
110
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
Gli eccelsi gesti eterno esempio sino
a i regi, e taccian pur lantiche penne
di Numa e Ciro e dErcole e dAugusto.
828
Al signor Orazio Urbano, ambasciatore di Toscana.
Perch a le piaggie ove l Sebeto inonda
vicin son nato, ove il pianeta eterno
non distempera mai la state e l verno,
n gli odorati rami il gelo sfronda,
5 pregio il tosco sermon che tanto abbonda
di colti detti; co l parlar materno
laltre favelle ho parimenti a scherno
dudir fra lalpe e l mar che ne circonda.
Ma da fonte latino in lui derivo
10 per alcun nome, o ver ladorno e fingo;
e forse udir non di laude indegno.
Oh pur non spiaccia al tuo purgato ingegno
il peregrino stile onde solingo
di magnanimi duci i pregi io scrivo.
829
In morte di una fanciulla de la signora Vittoria Cybo Bentivoglio.
Alma gentil, quel leggiadretto velo
che la madre ti di lasciasti in fretta,
e lei, ch ne let la qual nalletta
co bei sembianti anzi l cangiar del pelo
5 E mentre qui provasti caldo e gelo,
a pena taccorgesti, o pargoletta,
desser in terra perch unangioletta
ti raccogliea, come le vedi in cielo;
111
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
e ti baciava con un dolce riso,
10 che poi si volse in pianto (ah dura sorte!)
nel giorno de lamara tua partita.
E quasi un trapassar di paradiso
in paradiso ti sembr la morte,
che fu principio de leterna vita.
830
Per le signore Vittoria Bentivoglio e Vittoria Tassoni.
Fra due Vittorie era donor contesa,
ch donna per belt via pi sonora,
e nel pi vago fior de gli anni ancora
luna era e laltra, e damor casto accesa.
5 Luna sembrava Citerea chascesa
sia nel lieto oriente anzi laurora,
laltra luce parea che sorga allora
che lombra oscura dogni intorno stesa.
E chiudea questa e quella alma pi bella
10 del suo bel corpo entro l pudico petto.
Giudice Amor disse: Vittorie, pace.
Ondelle si baciaro e con verace
strinsersi insieme ed amoroso affetto,
s come stella si congiunge a stella.
831
Al signor Lelio Tolomei. Risposta.
Ergo talora a chi me l di lingegno
oltre le sfere, oltre le stelle eccelse,
dove gli occhi non vanno e dove ei scelse
a suoi felici eletti albergo degno;
112
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
5 ma poi linchino e l volgo ad altro segno
intorno al lauro che la morte svelse
in riva a Sorga e l Tosco obietto felse,
e le men chiare lodi ho quasi a sdegno;
e se limagin sua pur formo in carte,
10 pago ei non ne riman perch si specchia
l ve il nostro sapere vinto e larte.
Ma tu l su richiama uom che sinvecchia
ne vaghi studi, e nsieme a parte a parte
cerchiamo il cielo e ci chei napparecchia.
832
Al signor Giovan Martino Casario. Risposta.
Colui chAchille al cieco oblio sottrasse,
e quei chEnea ne carmi suoi dipinse,
e i duo Toschi io seguii chAmore avvinse
per varie strade ondin Parnaso vasse.
5 Talor per me vi salsi, e dove io lasse
impresse lorme, chi le lor distinse
additi e dica: Sa salir saccinse,
ben corse questi; or fia choltre mai passe?
Lasso! io non so se speri essere a tempo
10 di ricorrer quei calli: il pregar vostro
maiti; o pregar deggio altri che voi?
Sappiasi almen che mentre io s mattempo,
saltri pur che savanzi oggi fra noi,
nulla linvidio, e dove errai gli mostro.
113
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
833
Risposta a...
Larme e l duce cantai che per pietate
la terra sacra a genti empie ritolse,
in cui gi Cristo di morir si dolse
e immortal f la nostra umanitate;
5 e s fu chiaro il suon che questa etate
ad ammirar lantico onor rivolse,
ma n pedoni n destrieri accolse
che gissero oltre il Tauro, oltre lEufrate.
Non so si vaghi spirti al ciel rapiva,
10 ma ben sovente di pietoso affetto
si color chi le mie note udiva.
Me talor rap certo, ed alcun detto
dal ciel spirommi o musa od altra diva:
deh! spiri or sempre e di s mempia il petto.
834
Al signor Giovanni Antonio Vandali. Risposta.
Ardite s, ma pur felici carte
vergai de vaghi pastorali amori,
e fui coltor de greci antichi allori
ne le rive del Po con novellarte;
5 e n quelle osai che fur segnate e sparte
daltrui lusinghe e de miei propri errori;
ma pur chi de gli amanti i volti e i cori
colora meglio e men dal ver si parte?
Poi, con ardir cresciuto, il suon di tromba
10 volli imitar cantando e quel de larmi
che fur ne lAsia per Ges vittrici.
114
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
Or temo: danno forse i cieli amici
lardire insieme e la fortuna a carmi?
o pur sonoro stil per s rimbomba?
835
Loda il signor Vincenzo Gonzaga, principe di Mantova, che seguiti lesem-
pio dei suoi antecessori.
Se l pregio de lo scettro e de la spada,
signor, quel che rende altrui pi chiaro,
de gli eccelsi avi tuoi che se nornaro
non fia mai che l gran nome in terra cada;
5 ma con gloria che vola oltre la strada
del sole ha vinto morte e l tempo avaro;
ed ora tu, de pi famosi a paro,
per lorme loro avvien chal ciel te n vada:
ch del buon Federico il chiaro esempio
10 e di Francesco invitto e de gli antiqui,
chai sempre innanti, ir dritto ed alto insegna.
Deh! non torca alcun uso indegno ed empio
il giovinetto piede a calli obbliqui,
ma le novelle vie disprezza e sdegna.
836
Loda i capelli del signor principe di Mantova e lartificio del cavalcare e
lanimo di trovarsi in grandi imprese.
La gi vinta Germania, or vincitrice,
non mand chioma di pi lucidoro
di questo crine, o mai di verde alloro
lebbe pi degna imperador felice;
5 n l sol la bagna in grembo a la nutrice
de la marina appresso al lito Moro,
115
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
onde tanto non pregio o tanto onoro
per la sua piuma oriental fenice;
ma pur quando la bianca e dotta mano
10 un gran destriero in giro affrena e volve
di quei che pasce la tua nobil terra,
lieto lo sparge donorata polve,
e brami campo aver, come l Troiano,
ovil ricopra un lucido elmo in guerra.
837
Loda la bellezza e la nobilt del signor principe di Mantova ed il valore
de suoi maggiori.
Lucidoro talvolta e lucidostro
di gemme doriente anco risplende,
ma lume altero da loccaso or prende
(non sol nebbe da lorto) il sangue vostro;
5 e quinci gran valor del secol nostro,
e quindi antico onor pi degno il rende;
e breve stilla a quel chin voi discende
mille fonti sarian di puro inchiostro.
Ma s chiaro splendor daugusti invitti
10 e di famosi eroi, che spoglie e palme
lasciaro al Mincio ed immortal memoria,
e tanti pregi de le nobili alme
quasi natura ha di sua man descritti
ne la vostra belt, ch nova gloria.
116
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
838
Al signor Giulio Ottonelli. Risposta.
Giulio, troppo tu lodi il verde alloro
chin Elicona colsi, e sopra il vero
me che me n cingo allor che al turbo fero
teme lale spiegar cigno canoro;
5 e troppo stimi il mio fragil lavoro,
per cui non vo de la mia gloria altero
comand il gran Virgilio e l grande Omero,
n pregio io nho, n vanto eguale al loro:
n scendono le Muse a le mie note,
10 n fermansi, Ottonello, i fiumi e i venti,
n Febo i suoi destrier frena e ritarda.
Ma il fingi tu, che con affetti ardenti
monori ed orni e mandi a le remote
genti la gloria mia ch per s tarda.
839
Loda lillustrissimo e reverendissimo monsignore cardinale Luigi dEste e
il cardinale Ippolito suo zio di gloriosa memoria.
Pi non perd giammai lantica Roma
ne la morte dAugusto o dAfricano
o dalcun, poi che lasci Marte o Giano
seguendo Cristo e chi da lui si noma,
5 che n Ippolito estinto; a cui la chioma
credea di coronare in Vaticano
e mirare a suoi piedi il pio Germano
e l Greco scosso de lingiusta soma;
ma tutto in te racquista, e par che speri
10 veder da te non pur ne let nostra
prender corone imperadori e regi.
117
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte prima
Cos quel che fu scemo a gli anni interi
di lui, chascese a la stellante chiostra,
a tuoi saggiunga co suoi stessi pregi.
840
[Al medesimo signore.]
Quando lantica Roma, onde traesti
lorigin prima, le fattezze conte
nel Tarpeo raffigura o n altro monte:
Ben da me dice il tuo principio avesti.
5 E combatter cos per me potresti
come colui che sol difese il ponte,
e gli altri che di lauro ornar la fronte
e fur ne miei perigli arditi e presti.
Ma desiderio pi sublime ed alto
10 che di mondan trionfo o ver dalloro
ti spogli darme e n sacro manto involse.
Pur, sa lingiuste guerre ei ti ritolse,
ti diede a me che s la pace onoro,
e s per lei mavanzo e s mesalto.
118
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte seconda
Parte seconda Rime di data incerta prove-
nienti dalla stampa 22
841
Per il serenissimo signor duca di Ferrara.
Se dun fabro sovente altro si vede
nascer pi dotto e colorir le carte
me del nipote lavo, e cresce ogni arte
e savanza nel figlio e n chi succede,
5 quella real chimpera e che prevede,
e che le pene e i premi altrui comparte,
chi me pu far dAlfonso? o chi di Marte
laltra che da lei pende ed a lei cede?
E chi nacque giammai davi o di padre
10 chopre pi belle o pi famose e conte
facesser con la spada o con lo scettro?
over di tromba pi degne e di plettro?
E chi numero egual fia che racconte
di cos antiche imagini e leggiadre?
842
[Al cavaliere Camillo Gualengo. Loda il duca Alfonso II.]
Qual di tela gentil ricco testore,
che ne vuol pompa ornar di real corte,
la tesse daurei stami e di ritorte
fila dargento e forma or tronco, or fiore;
5 tal danimi e dingegni il tuo signore
lordisca e l temperato intessa al forte,
e l tuo cor giunga al mio s dolce e forte
che lun per laltro avanzi e savvalore.
E se preporsi magistero antico
10 vuoi per esempio, non convien che volga
gli occhi de lalma in Alessandro o n Ciro;
119
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte seconda
dal padre Alcide e da grandavi il tolga,
che ne le tele, che famose ordiro,
unir lestrano al cittadino amico.
843
[Al medesimo.]
Signor, che accogli umanamente i preghi
di questo popol fido, e i suoi lamenti
libri con giusta lance e li appresenti
al grandAlfonso perch a lor si pieghi,
5 brami tu mai che la tua fama spieghi
candide lale a le straniere genti,
o di te stesso in te pur ti contenti
quando premio di lode a te si neghi?
Te laura de la plebe o l lusinghiero
10 suono, che n regio albergo alto rimbomba,
non move, e dispregiando onore acquisti.
Ma gentil alma di famosa tromba
suole esser vaga, se non ode il vero
concento in cielo: tu giammai ludisti?
844
Al conte Cesare Sacrati.
Or che di reti il tuo signor circonda
gli ampi spazi del mare e le palustri
selve, e si sta co peregrini illustri
armato al varco o li conduce a londa,
5 sei tu con lor ne larenosa sponda?
O pur tra lelci, che gi molti lustri
il vento crolla, e tra selvaggi lustri
cerchi ove orrida fera altrui sasconda?
120
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte seconda
Sacrato, or ben desio che la fortuna
10 vi dia onor fra le gloriose genti,
n queste prede lor n quelle invidi:
s che, tornando ove lErcinia imbruna
la fredda terra o ne le rive algenti,
lodin la bella Italia e i nostri lidi.
845
Al medesimo.
Sacrato, o tender faccia umide reti
a muti pesci o pur cinghiari affronti
il mio signor, da suoi gelati monti
cos lontano e da lor alti abeti,
5 questi lasciar correndo i pi secreti
alberghi vedi con superbe fronti
a ricever il colpo e l ferro pronti,
e quei di nuova prigionia pi, lieti;
quasi il cader sotto linvitta mano
10 del magnanimo Alfonso e ne suoi nodi
onore a gli uni e pregio a gli altri apporte.
Dal qual, se vinto regno o rege strano
fosse, dal vincitor terria le lodi
di servit vantandosi e di morte.
846
[Per il compimento duna chiesa.]
Taccia omai Roma e taccia il grandEgitto
e vinto esser ne lopre omai saccorga,
n pi Menfi e Neron stupor ne porga
che giunto di lor gloria il fin prescritto.
121
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte seconda
5 Tu sorgi, o sacra mole, e l nome invitto
del tuo gran fondator insieme sorga,
ed ogni gente ed ogni et lo scorga
e n ogni pietra e n ogni cuor sia scritto.
Ogni cigno lo canti e n ogni bosco
10 risonar soda, e sia la fama eguale
a quel valor che senza eguale il rende.
Ecco il ciel cha sinistra or tuona e splende;
Giove narride: i segni io ben conosco
de limmutabil suo voler fatale.
847
Al signor Agostino Mosti, priore di S. Anna.
Let, che quasi oscura e fredda sera
di nostra vita, al trapassar s presta,
divien per tema forse altrui molesta
di morte, ove saspetta, ivi pi fiera?
5 N suna volta spenta, ella mai spera
che l suo d si raccenda, e mirar questa
luce glincresce scolorita e mesta
e l duol savanza per membrar qual era.
O di ben corsa vita altrui serena
10 la sera arriva, e l tepido occidente
si colora del sole a raggi estremi?
Tale , Mosto, la tua, che nulla temi
il morir, ch di stanco uomo innocente
soave riposo e non pena.
848
Or che quella chi passi e i membri acqueta
de miseri mortali hai tu dappresso,
il premio speri al ben oprar concesso,
quasi cursor chomai giunge a la meta:
122
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte seconda
5 quinci chognor fronte serena e lieta
a noi dimostri e scopri il volto impresso
de le forme del core e da te stesso
pendi, non da fortuna o da pianeta.
Ma io, che dopo te discesi in questo
10 spazio di vita incerta, al fin del corso
non so sio sia vicino anco o lontano;
e lasso e fral per la caduta e mesto
ti seguo; e se dal ciel non ho soccorso,
a premi corro de pentiti in vano.
849
Agostin, fra lodati quel primiero
che l suo meglio per s conosce e ntende,
poi quel che da consigli altrui lapprende,
che fa gran senno ovegli meno altero.
5 Tal esser io vorrei, ch al mio pensiero
nessun raggio del ciel puro risplende,
ma passion ladombra e mi contende
quel che l s conduce alto sentiero.
Ma tu lo mostra a me: tu, chai la mente
10 serena e luminosa, ondio ti segua
lontano e scevro da la via de gli empi.
Devoto e pio coltor de sacri tempi,
chi precorre i tuoi passi e chi li adegua,
chaffretta e scalda caritade ardente?
850
Questa, ove prima semplice e sincero
fanciul scherzasti con incerto piede,
citt, dinvitti duci antica sede
degna di scettro e donorato impero,
123
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte seconda
5 nudr tuo padre e lavo e chi primiero
port il cognome onde rimani erede,
e i cari nutrimenti al corpo diede
ed a la mente e linvagh del vero;
questa nudre per te, per te risana
10 gli egri, e di fido amore a te congiunge
quei che preser da lei terrena salma;
ma, se del cielo cittadina lalma,
unisca teco i buoni o sian pi lunge
nati sul Nilo o su la fredda Tana.
851
Signor Mosto, il vostrorto cos grande
che deve aver raponzoli e lattuca,
radicchi, indivia; e queste erbe manduca
Roma e condisce ne le sue vivande;
5 e non occorre che per voi si mande
in piazza Pietro n Matteo n Luca
a cercar per me tinca o tartaruca,
chio vivo come al tempo de le ghiande.
Dico chio vivo come al secol doro
10 che sol de frutti luomo era satollo,
e correan latte i fiumi a trar la sete.
Pur qualchuovo mangiar voi mi farete
a questa Pasqua, e unaletta di pollo
o un pezzetto dagnel fia l mio ristoro.
852
Cos anni il ciel vi dia, saggio Agostino,
pi cha Matusalemme, e pi ducati
che non san casi di coscienza i frati,
o i pedanti vocaboli in latino;
124
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte seconda
5 ditemi l ver, cotesto vostro vino
forse quel che date a gli ammalati
perch da fumi non sian aggravati
e si stia don Bernardo a capo chino?
Non buon con meloni, a dirvi il vero,
10 n potrebbe il venen trar da le pesche,
le quai nascon s belle nel vostrorto.
)Pur me la vo passando, e l mosto spero
dolce e pien di vigore e di conforto,
buono col ghiaccio e buon con lacque fresche.
853
Al signor conte Ercole Mosti.
Ercole, quel sublime e vago ingegno
chin te fioriva ne let novella,
poteva il sole e ciascunaltra stella
andar cercando del superno regno,
5 e subietto pi suso ancor pi degno
e luce contemplar di lor pi bella;
ma l volse altrove Amor, che ne rappella
dalta meta sovente ad umil segno:
ch men bel de celesti l novo obietto;
10 ma, se con gli altri il paragoni altero,
n la terra ha di lui pi caro aspetto;
pur al ciel sassomiglia: onde al primiero
volo talor tinnalza e dal bel petto
spiega lale sovente l tuo pensiero.
125
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte seconda
854
A monsignor Paolo Leoni, vescovo di Ferrara.
Paolo, qual virt che non sinsegni
ne le romane venerate carte,
onde il popol di Cristo, e pria di Marte,
prese le leggi e dielle a gli altri regni?
5 Quella che frena in noi voglie o disdegni?
o quella per cui dordine non parte
guerriero in campo? o quella che comparte
a nocenti le pene e i premi a degni?
O qual altra pur di cui si fregi
10 un animo gentil chin lor non splenda,
o chi meglio di te giammai lapprese?
O chi placido pi, se mal sintese,
tempra il lor aspro e con pi dolce emenda
corregge i falli e d risposta a regi?
855
Que semi che gi sparse in me natura
o che seco dal ciel port la mente,
di virt, di saver, or che l consente
meno acerba stagion, chi li matura?
5 Ragion cultrice faticosa e dura
suda ne lopre e ne pensier sovente,
ma se tepidi raggi anco non sente
e spirti almi del ciel, che val coltura?
Come feconda pianta in densa e grave
10 aria nodrir men belli i frutti suole,
i miei, Paulo, vedrai se li rimiri.
Deh! fia mai che mi scaldi il vero sole
e splenda in fronte, e placida e soave
laura del suo divino amor mi spiri?
126
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte seconda
856
[A un consigliere del duca Alfonso II.]
Se a chi penetrar valse il fosco e nero
vel cha gli arcani suoi Natura pose,
s che vi scorse apertamente il vero
e le cagioni a nostri sensi ascose,
5 e sa chi ben oprar seco propose
e f seguir gli effetti al suo pensiero,
dar non si pu tra le mondane cose
premio che l merto loro agguagli intero;
qual il mio rozzo stil daratti onore
10 chal tuo sommo valor non sembri poco?
Ch l vero e l buon non sol conosci ed opri,
ma drizzi e inviti a questo il tuo signore,
e quel tratto di tenebre gli scopri
ondin ciel fra le stelle acquisti ei loco.
857
Al signor Giulio Cesare Gualengo.
Pi di saper che di contender vago,
Gualengo, io volgo or queste or quelle carte
ove sapprende il vero e nsieme larte
che dal falso il distingue, e me nappago;
5 ma tu che fai? Miri un cortese e vago
ciglio, o la man chi cori incide e parte?
o pur due trecce doro a laura sparte?
Deh, non tinganni Amor sofista e mago.
Ma da questi s dotti antichi inchiostri
10 dordire impara e tu s forti nodi,
che sei te prender vuol, tu lui navvolga;
127
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte seconda
n rallentalo poi ben chei si volga
duna in altra sembianza in vari modi,
sin che nel proprio aspetto a te si mostri.
858
[Ad Ambrogio... Risposta.]
Ambrosio, a i colpi di fortuna stato
segno immobile ognor questo mio core,
e nha cotanti in lui cha quei dAmore
non vi pi luogo alcuno omai restato.
5 Qual fui penso e qual sono, e col passato
il presente misuro a tutte lore;
indi guardo il futuro, e pien dorrore
scorgo qual vita a me prescriva il fato.
E bench or quel pensiero or questo i tronchi,
10 non per posso sveller la radice
onde germoglian poi cure maggiori:
tal se n fertil terreno arbor felice
ha fermate le piante, i rami tronchi
via pi grandi che pria rimanda fuori.
859
Al signor Gaspare Micinelli. Risposta.
Quando fioriva io gi di fama e danni,
scriver bramai con s purgati inchiostri
ne lalta patria tua, fra pompe ed ostri
che ristorasser daspro esilio i danni:
5 or, perchuom cinto di purpurei panni
lodi miei versi e li rilegga e mostri,
non me nappago e bramo ombrosi chiostri
ovio faccia a la morte illustri inganni.
128
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte seconda
Gasparro, or fossio pur ne vostri monti
10 tra novi alberghi e le memorie antiche
di color che gran pregio ebber ne larmi,
ch forse canterei s gravi carmi
a me medesmo ed a le Muse amiche
che farei scorno a molti illustri e conti!
860
Fanciul da la tua patria, ove regnaro
gli avi tuoi s possenti, avesti esiglio
e di Giovanni il glorioso figlio
ne lAppennin taccolse ed ebbe caro;
5 e sotto lui crescesti, e grande e chiaro
divenisti per opra e per consiglio
tra Franchi, e donor vago e di periglio,
nulla de loro n del sangue avaro.
N di varcare il tempestoso Egeo
10 temesti, o darme peregrino ardito
de lOttomano a la temuta corte.
Contra al fin gli pugnasti; e quel Tifeo
chornano larme tue dimostra a dito
e tonora il German ne la tua morte.
861
In morte de la signora Anna Bendidio de Putti.
Donna, che fra laccorte e fra le belle
forse eri la pi bella e la pi accorta,
la tua vita qua gi fu breve e corta
per violenza di crudeli stelle.
5 E qual pianta gentil che turbo svelle
mostra la sterpe sua squallida e morta,
tal giaci scolorita: or chi conforta
il padre sconsolato e le sorelle?
129
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte seconda
Elle piangon, dogliose, ei, pi dolente,
10 la tua morte non sol, ma la sua vita
chal partir de la tua grave gli sembra.
E piet seco a lagrimare invita
chi lagrimando lamentare il sente
sovra le tue gelate e bianche membra.
862
[Loda la signora Vittoria Castellini.]
La bella e vaga man che le sonore
corde, or leggiera e presta, or tarda e grave
percuote, e suon ne trae vario e soave,
e l dolce canto tuo, che forma Amore,
5 son larmi dolci onde piagato il core
in guisa tal che di morir non pave;
ma vago fatto di languir, sol have
di risanar, quasi di mal, timore.
Onde per languir sempre, or questa piaga
10 ed or quellaltra col pensier rinnova,
vera Vittoria e vera vincitrice,
che rende lalma di penar s vaga,
che quel chaltrui pi nuoce a lei pi giova,
ne sospir lieta e ne martir felice.
863
Loda la medesima signora.
N pi bel crine annoda o spiega a venti,
n pi begli occhi alcuna affisa o gira,
n pi dolce aura mai si move e spira,
n cantar sode in pi soavi accenti,
5 n con pi dotta man ne legre menti
cantando mitigar lo sdegno e lira,
130
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte seconda
n con pi bianca dimostrar si mira
larte e seguire i detti or presti or lenti;
n fan pi bel concento in altro core
10 Vittoria, il senno e i bei costumi onesti,
e ben felice il coro e chi lascolta.
E chi degno donor, che non lonore?
chi damor, che non lami? oh, de celesti
premi sol degna e solo al ciel rivolta!
864
A la signora Ippolita B.
Deh! chi dal vostro casto petto scioglie
il caro cinto e cerca farvi offesa,
bella guerriera, e chi da lalta impresa
torna mai lieto de le dolci spoglie?
5 Misero, io no, che perch pur sinvoglie
lanima mia da be vostri occhi accesa,
trema se sdegno sarma a la difesa
e l vostro onesto sguardo in s raccoglie;
n con la manca sola intera mamma
10 laltra Ippolita gi sul Termodonte
s fiera apparve e con lo scudo al braccio,
chio voi non veggia con pi altera fronte,
tal che quando pi forte Amor minfiamma
io sento in mezzo de le fiamme un ghiaccio.
865
Persuade una gentildonna a non amare altro che di vicendevole amore.
Deh! perch amar chi voi con pari affetto
non ami e sospirar chi non sospiri,
e distillar in lacrime i martiri
per tal che mai per voi non bagni il petto?
131
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte seconda
5 E mpallidir per chi non cangi aspetto,
e volger gli occhi in cos dolci giri
ad un crudel chin voi non li raggiri
coma suo caro e desiato oggetto?
Samor a voglia altrui sestingue e infiamma,
10 spengete il vostro mal gradito e rio
e de begli occhi rasciugate il duolo;
e geli il cor gentil per lungo oblio,
e, se pur dee sentir novella fiamma,
saccenda s, ma non saccenda ei solo.
866
Per le nozze del signor Gio. Battista Azzolino e de la signora Isabella Assalti.
Coppia gentil, cui scelse a prova Amore
fra le vergini caste e i fidi amanti
onde tessa un bel nodo e n cui si vanti
doneste fiamme, di pudico ardore,
5 congiunga e ncenda s questo e quel core,
che per cangiar di pelo e di sembianti,
o per cagion di gioie o ver di pianti,
si stringa e nfiammi insino a lultime ore.
E confermi tra voi la fede in cielo
10 i sacri patti e regga un solo affetto
ed un consiglio sol questalma e quella.
Un pensiero, un desire, un puro zelo
rischiari o mbruni luno e laltro aspetto,
e viva Giambattista in Isabella.
132
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
Parte terza Rime composte negli anni 1583-1584
867
Al conte Ercole Bevilacqua, dedicando la terza parte delle Rime e prose.
Quella virt che nel tuo april fioria
dolci frutti damore omai matura,
ed alcuno altro mai con maggior cura
non coltiv la sua bont natia,
5 Ercole; e se valor, se cortesia
che se medesma e i merti altrui misura,
se bellezza, se dono di natura
che in alma desti amor che non soblia,
tu mi sproni ad amar, e ne la mente
10 io ti ripongo ove il piacer si serba,
ed ivi ti figuro in vari modi,
qual io ti vidi ne letate acerba
volgere in giro un bel destrier sovente,
o ne larme, ove acquisti eterne lodi.
868
A Bradamante dEste Bevilacqua [dedicando la terza parte delle Rime
e prose].
Quella belt, chin favoloso nome
famosa gi moltanni e non fu vera,
ben verace in voi, nobil guerriera,
che mille alme gentili avete dome;
5 n bramano esse libert, pur come
ciascuna sia di servitude altera;
n con quanto Amor vola e quanto impera
pi bianche mani n pi vaghe chiome,
n pi candido petto o pi begli occhi;
10 e non bisogna chelmo varme o scudo,
n che lancia fatal da voi si prenda:
133
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
chove lampeggi il guardo o l crin risplenda,
o si dimostri il dolce avorio ignudo,
forza chogni core arda e trabocchi.
869
Nel nascimento del signor... Albano, figliuolo del conte Gian Domenico,
loda la schiatta e particolarmente il cardinale Albano suo avo.
Prima che l grande Albano al ciel ritorni,
a cui ci scorge co lodati esempi,
di l scende il nipote e de suoi tempi
estremi gli fa cari e dolci i giorni;
5 ne quali son di nobil pompa adorni
gli altari de la patria e i sacri tempi,
e rese grazie a te, che l cor nadempi
de tuoi devoti servi, e n lui soggiorni.
Ed ella con pi lieto e pi giocondo
10 volto par che laccolga, ed ogni sdegno,
ognira nova, ogni odio antico lasce,
perch ne la stagion che venne al mondo
la santa pace dal celeste regno
in lei se n viene, or che l fanciul vi nasce.
870
Nel medesimo argomento.
Almo terren che l Brembo e l Serio inonda,
questo spirto immortal che l corpo umano
ha preso e nasce del buon sangue Albano,
ben di stirpe che di grazia abbonda:
5 stirpe innocente s come feconda,
e pura e casta e di valor sovrano,
chillustra Italia e splende in Vaticano,
dove l grandavo il crin dostro circonda,
134
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
e si prepara via sublime al cielo,
10 e merita il gran manto e l gran diadema,
e le gran chiavi ondegli sapre e serra.
Deh! ponga indugio a la partita estrema
la piet de la patria e i preghi e l zelo,
perch ladori il suo nipote in terra.
871
Parla co suoi libri.
O testimoni del valore illustri,
per cui spiando il vero io vo sovente,
per cui spira e ragiona e m presente
tal che mor gi tanti e tanti lustri,
5 mentre pur cerco come luom sillustri,
e n me rinnovo un desiderio ardente
che maccendea la giovinetta mente,
continuando lopre mie trilustri,
fra voi dimoro, e sospirando i dico:
10 Deh, fosse in loro il dolce stile e larte
cha morte fa s glorioso inganno!
Perchagguagliasser que che poi verranno,
leggendo spesso le mie dotte carte,
il novo Alfonso ad ogni vostro antico.
872
Al signor Alberto Parma per le sue rime in lode di Barbara Sanseverina
Sanvitale, contessa di Sala.
Parma, il Barbaro nome in greci accenti
chi loda e canta o pur ne lidioma
che ne la gloriosa e nobil Roma
usar le fortunate antiche genti?
135
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
5 E chi ne sparge il chiaro suono a i venti?
Degna n quella che da lui si noma
e stringer pu fra luna e laltra chioma
i cor gentili e farli ivi contenti.
Tu con le tosche rime in ogni parte
10 dItalia il porti, non sol qui dintorno
addolcisci cantando il cielo e laura:
ch men soave spira a quel di Laura,
n pi sammira in altro stile adorno
peregrina bellezza, ingegno ed arte.
873
Al signor Antonio Vinci, il Rintuzzato. Risposta.
Io non contesi, Vinco, or vinca il vero,
con Virgilio o con lui che a mano a mano
seco il conduce, a cui soppose invano
qual altro fu pi dolce e lusinghiero,
5 ne co due vaghi toschi o col primiero
cha le stelle sal nel corpo umano;
ma per servirli spiacqui al volgo insano,
al qual sottrarmi forse indarno io spero.
Pur, come il caro mele ape ingegnosa
10 sugge or da luno ora da laltro fiore
e poi lo stilla ne suoi nidi ascosa,
cos trassi da lor celeste umore
deloquenza divina e gloriosa,
degna che tu la gusti e che lodore.
136
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
874
Al signore Ippolito Bentivoglio che dovea essere mantenitore duna giostra
insieme col serenissimo signor principe di Mantova.
Ippolito, fallace esser talvolta
pu la tua lancia e non ferire il segno,
perchincerto fra larme e nstabil regno
ha la Fortuna, ed ella cieca e stolta;
5 ma la vera virt che in te raccolta
non erra o per amore o per disdegno
o per contraria sorte, ed al suo degno
ed alto obietto ognora pi rivolta.
E sotto le belle arme il d prescritto
10 rassembrer fulmine ardente e lampo
di guerra e sparger chiare faville,
dicendo: Ben questo un picciol campo
al mio signore ed al compagno invitto,
che somiglian Patrclo e l forte Achille.
875
Nel medesimo argomento.
Signor, sa te la tua Vittoria arride
e teco sarma il bel Vincenzo ancora,
tua fia la palma; e se belt sonora,
la ti concedon gi que che tu sfide;
5 e quella che fra mille il ciel divide
in ambedue sunisce e n voi dimora,
e n poco spazio appare ed in breve ora
quanta fra Tile e Battro il sol ne vide.
E l valor che non crebbe in piume o n ombra
10 ancor vi si dimostra, e Maratona
gli saria campo degno ovver Tessaglia,
137
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
o pur qual altro dossa or pi singombra;
ma se questo non ha premio o corona
che ti convenga, Amore il pregio vaglia.
876
Loda il serenissimo Vincenzo Gonzaga, principe di Mantova, chentr in
torneamento.
Principe invitto un largo campo elesse
di belle imprese, ove il destrier sospinto,
pur come in ampio circo o n laberinto,
gi lodi acquista al novo ardir concesse;
5 e son le fughe sue chin giro ei tesse
tutte vittorie, onde chi segue vinto;
n gi di filo il dubbio calle cinto
che drizzi lorme dalta gloria impresse,
ma lalme involge sol damore inferme
10 mentre loblique vie corre e circonda
tra finti sdegni e tra concordi oltraggi.
Cos vince scherzando armato e inerme
laltrui fortuna al suo valor seconda
e somiglia del sole il corso e i raggi.
877
Loda il signor Alessandro Pocaterra, servitore antico de principi dEste.
Come il coltor de le feconde piante
dopo molta fatica i frutti coglie
che pi cari gli sono, e n porto accoglie
via pi gradite merci il navigante;
5 e dopo lungo sospirar lamante
pi lieto acquista de lardenti voglie
i dolci premi, e le nemiche spoglie
il cavalier di sangue anco stillante,
138
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
cos, Alessandro, dopo tanti lustri
10 servendo spesi, pi felice godi
in questo spazio incerto a te rimaso,
gli onori e i pregi e le bramate lodi;
e la tua vita anzi il suo fine illustri
qual d ch pi sereno in su loccaso.
878
Nel medesimo argomento.
Vinse Alessandro e soggiog la terra
nel fior de gli anni, e pur non fu contento:
ch l mar tentava e l liquido elemento
sperava ancor di superare in guerra;
5 nel breve spazio tu, che l corpo serra,
le voglie acqueti, e, se di vita spento
luom solo ha posa, al cielo sempre intento
il tuo pensier che non vaneggia ed erra,
novo Alessandro; e misurare ardisci
10 altre acque col suso ed altri mondi
che non intese o imagin lantico;
altri soggiorni cerchi e pi giocondi
ov colei che lodi e riverisci,
allegra avendo vinto il gran nemico.
879
Loda la signora duchessa di Sora scherzando intorno al cognome di Sforza.
In questa bianca fronte Amore scrisse
le sante leggi come in dura pietra,
col pi lucido stral de la faretra,
che non laccese il petto o gliel trafisse:
139
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
5 E quinci al viver suo le prenda ei disse
ogni spirto gentile; e chi sarretra,
l dove grazia per servir simpetra,
mal fugge quel che l cielo a lui prescrisse;
n schiva le catene e i cari nodi,
10 n la saetta, n lardente face
ondio costringo ad ubbidire a forza.
Cos larme a le leggi in dolci modi
Amor ha poste insieme e giunge e sforza
qualunque pi guerriero o pi fugace.
880
Nel medesimo argomento.
Mentre scherzava saettando intorno
con aurei strali lincostante Amore,
e da luno passava a laltro core
mutando albergo pur di giorno in giorno,
5 vide Costanza, e nel bel seno adorno
il suo volo ferm tra l dolce odore:
E qui disse fornisco il lungo errore,
e qui sempre desio di far soggiorno;
e qui pongo la sede e qui dispiego
10 tutte le insegne mie, tutte le palme,
tutti i tesori qui scopro e rivelo.
E qui tra santi fiori io prendo e lego
millalti ingegni e mille nobili alme,
e qui costante son come nel cielo.
140
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
881
[Nel medesimo argomento.]
Col bel diamante suo legato in oro
che volle dir costei
cha spiati ambedue gli affetti miei?
Luno tanto sindura
5 che non vuole altra imago
e par di sua belt contento e pago;
laltro dalato Amor prende figura:
cos quel fido Amor chogni altro avanza
adorna la costanza, e nel tenero petto
10 forma non cangia lamoroso affetto.
882
[Nel medesimo argomento.]
Quandio da prima vidi
con bruna oscura gonna
di non vista citt non vista donna,
quanto allora dantico o di novello
5 o di colto o dadorno,
di sereno, dillustre o di lucente,
o di lieto e ridente
scorsi mirando intorno,
di quel leggiadro lutto era men bello:
10 talch io maccesi, e dissi: Il nero manto
mi predice costanza eterna, o pianto.
883
Scrive al signor [Filippo Boncompagni] cardinale S. Sisto, pregandolo a
voler prendere la sua protezione.
Teco, signor, comparte il grave pondo
de suoi pensier da la sovrana sede
il buon Gregorio, ed al tuo senno ei crede
gli alti secreti del suo cor profondo;
141
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
5 e mentre intento a tranquillar del mondo
i nembi e le tempeste, e per la fede
di Cristo vegghia, e l bene e l mal prevede
chal suo popol sovrasta, e a te secondo
fa ciascun altro, dogni amico regno
10 tu le torbide parti e le serene
miri e dogni aura ascolti il suono incerto.
Ma perch lesser duom cui manchi il merto
tanto conoscitor non ben sostiene,
la provvidenza tua non maggia a sdegno.
884
Nel medesimo argomento.
Quinci il gran Reno fu, quindi lEufrate
termine de lImperio alto romano,
e timor nebbe il Parto e l fier Germano
oltra le calde rive e le gelate;
5 ma fond pi sublime potestate
di santo fondatore eterna mano,
quandei non disdegn lincarco umano
e degna f la nostra indignitate;
la qual sotterra e fin al ciel si stende,
10 signore, e l tuo gran Zio lapre e disserra,
che nha le chiavi: oh! destro a me le volga,
e sua mercede i nodi miei disciolga:
perch lanima sol chei solve in terra
leggiera in ver le stelle il volo prende.
142
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
885
Loda il signor cardinale Filippo Guastavillani.
Mentre per le tue lodi illustri e conte
pi la sua fama il picciol Reno accresce
che l grande, perch londe innalza e mesce
con loceano e per lantico ponte,
5 e desia di scovrirte in ogni monte
Roma, a cui senza te la vita incresce;
e dove il chiaro sole alberga ed esce
sonora lostro che torn la fronte,
tu gli onori del mondo e i duri marmi
10 che suol rodere il tempo hai quasi a scherno
ed a la gloria sol del cielo intendi.
Come dunque oser con rozzi carmi
turbar la mente, o pur dal regno eterno
volgere i passi tuoi se in alto ascendi?
886
Nel medesimo argomento.
Signor, nascesti ove s nobil sede
del saper uman chinvidia e scorno
nhan molte antiche e nove, e fai soggiorno
dove la tien maggior la santa Fede.
5 Luna dono di Dio, cha te la diede,
de laltro sei per lungo studio adorno,
e luno e laltro a te dentro e dintorno
nel cor dimora e ne loprar si vede.
Con questo intendi ci che dotto ingegno
10 suol conoscer da s, con quello ancora
ci che per s non pu la nostra mente.
143
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
N te Bologna solo o Roma onora,
ma fra gli Angeli spesso al sommo regno
tinnalzi e scorgi il Re del ciel presente.
887
Celebra le nozze del signor duca don Alfonso dAvalos, marchese del Vasto
e di Pescara, e della signora Lavinia Feltria della Rovere, principessa dUrbino.
O principe, pi bello
del sol quando riluce
del celeste Monton ne laureo vello,
e miglior cavaliero
5 de limmortal Polluce
e del pietoso Enea maggior guerriero,
e de la gloria altero
che gli avi ebber ne larmi,
non ho degni di te rime n carmi.
10 Per te la casta moglie
del re del Lazio antico
cangiate avrebbe lostinate voglie,
messo Turno in oblio
ed ogni primo amico
15 che le fea caro il suo terren natio:
cos novo desio
in quella dubbia impresa
di genero s bel lavrebbe accesa.
Se ti vedea Camilla,
20 sol per lo stral cadea
che da begli occhi tuoi parte e sfavilla;
e sol fornir la guerra
la tua belt potea
pria non veduta fra mortali in terra;
25 e l cor, chindura e serra
il furor cieco e folle,
aperto avresti e fatto assai pi molle.
144
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
Guerrier certo felice,
ma pi felice amante,
30 ch quel che fare armato a te non lice
inerme far lo puoi
col tuo vago sembiante
e col dolce splendor de lumi tuoi.
Quai regi o quali eroi
35 ebber pi degne palme
o pi chiare vittorie di tantalme?
Larme a nemici tolte,
le spoglie sanguinose,
linsegne al vento alteramente sciolte
40 fur trofei de maggiori,
pompe a molti odiose
ed assai spesso invidiati onori;
ma l trionfar de cori
sola vera vittoria
45 e tua certa immortale e rara gloria.
In carro trionfale
parmi chAmor ti guidi,
simil di forma e di bellezza eguale;
cento vergini elette
50 ne pi famosi lidi,
cento ne monti e cento in isolette,
punte da le saette,
di guarir non son vaghe,
ma chabbi parte di s care piaghe!
55 Fra tante e cos eccelse,
cos belle ed illustri,
una, chavanza laltre, egli si scelse
nova Lavinia, e nata
gi quattro o cinque lustri
60 di chi pi degna di nomarsi Amata,
ch veramente nata
pur nel medesmo sangue
la memoria del quale anco non langue.
145
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
Canzon, va su lIsauro,
65 dov la nobil coppia
chAmore ed Imeneo s bene accoppia.
888
Nel medesimo argomento.
Nova Lavinia, che spietata dote
non ha del sangue di famose genti
e nata di pi chiari alti parenti
e di pi veri divi anco nepote,
5 prende novello eroe, che far note
in degne imprese le virtuti ardenti
dovunque gira il sol, spirano i venti
e i salsi lidi il vasto mar percote.
N giunse Italia mai coppia s bella,
n pi nobile stirpe unqua nattese,
10 n con tanto favor de cieli amici.
Cede Alba e cede Roma; e questa e quella
sinchina al mio diletto almo paese:
o secol fortunato, oh d felici!
889
Al cavaliere Ercole Bottrigari.
Signor, che nato sei fra nobili arti
e chiari ingegni appresso il nostro Reno,
deh! chi ti scaccia dal materno seno
da cui diviso il tuo pensier non parti?
5 Ma pur s come in queste e n quelle parti
splende egualmente il sol puro e sereno,
cos virt fuor del natio terreno
si pregia, e pu temuto e caro farti.
146
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
N fabbricar giammai s lucide armi
10 Sterope suol co suoi fratelli ignudi
come quelle onde lalma orni e circonde;
e di lor cinto ne tuoi dolci studi
tacqueti, ed ora leggi i dotti carmi,
or misuri la terra, il cielo e londe.
890
Ercole, tu che puoi gli oltraggi e i torti
sostener di fortuna e l grave esiglio,
se non con lieto, con sicuro ciglio,
ed agguagliar tutti i pi saggi e forti,
5 fra le imagini antiche e i tuoi consorti
e fidi libri schivi ogni periglio,
e non ha loceano o l mar vermiglio
s queti seni o s tranquilli porti;
n gemme cos elette alcun mai tragge
10 o da cerulei o da sanguigni campi,
tal charricchisci omai dun bel tesoro.
Ma io pur erro in tempestose piagge,
n veggio ancora ove ricovri e scampi,
e co miei voti il ciel placo ed adoro.
891
A monsigonr Giovan Angelo Papio.
Luce a loscure leggi e leggi al mondo
puoi dar tu, Papio, a cui s larga parte
di felice eloquenza il ciel comparte
e s alto sapere e s profondo;
5 e l secol nostro far lieto e giocondo
e via pi bella ogni sua nobil arte;
147
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
deh! perch tardi a illuminar le carte
in cui si cela il ver chio non ascondo?
Ben io lo scopro; ma ne temo oltraggio
10 e vergogna talor, perch ladombra
o mia colpa, o mio fato, o mia fortuna.
Tu questa fosca nebbia ed importuna
s come chiaro sole intorno sgombra,
e secondi gran lume il picciol raggio
892
Papio, ne lalta sede ove traesti
con eloquenza da gli estrani regni
gli animi illustri e i peregrini ingegni,
gi pregio eguale al tuo gran merto avesti;
5 poi crebbe s che par cha dietro resti
qual pi chiaro, n per si sdegni;
e Roma sola i premi ha di te degni,
ch de terreni abbonda e de celesti.
E Roma a te non sar, credo, avara,
10 cha luniverso di le antiche leggi
con larmi e con la pace or le conserva,
stimando pi lesser di Cristo serva
che reina del mondo; ed altri seggi,
altra maggior mercede a te prepara.
893
Loda il signor duca Anna di Joyense, signor dArca, il quale fu alloggiato
dal serenissimo signor duca di Ferrara ne le stanze de gli specchi.
Ben pu ritrar le tue fattezze conte
lucido specchio o ver tranquillo umore,
ma non quella belt n quel valore
che suol fare a la morte oltraggi ed onte,
148
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
5 perch degno non cristallo o fonte
dimmortal forma o di celeste onore,
ma specchio sol dangelico splendore
dove il primo amator mir la fronte.
L s la tua virtute e la tua luce
10 si vedr fiammeggiare, e n s bel viso
appena un raggio ora sadombra e scerne;
e mentre a gli occhi altrui vago traluce,
non divieni, signor, novo Narciso,
anzi ti volgi a le bellezze eterne.
894
Francia, tu mandi nel paese estrano
una gemma s chiara e s lucente
qual non fiammeggia mai ne loriente,
n l terren la produce o loceano,
5 anzi pur molte: ch il valor sovrano
in nobil sangue, e l cor di gloria ardente,
e i costumi reali e lalta mente
gioie son quasi e larca l corpo umano.
Arca maravigliosa, eletta e cara
al Mastro eterno, onde lesempio or toglie
10 fabro mortal chonore e pregio attende.
Deh! non linvoli regno o gente avara,
ch questa cos larga in s laccoglie
e la stima e lapprezza, e pur la rende.
895
Italia mia, tutti i tuoi duci egregi
e que che gi nandar cinti dalloro
cedono al sangue del signor chonoro
per tanti novi e tanti antichi pregi:
149
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
5 per chi tuoi cercar purpurei fregi,
e verdi frondi o ver terra e tesoro;
ma lun de suoi sprezz corona doro
dove lebbe di spine il Re de regi.
Pur non linvidi, ch l valor de larmi
10 mosse per odio fa dinvidia acquisto,
e damor la piet cha Dio ne sprona:
con questa li vinse, e non lasci ne marmi
ma ne cori i trofei con que di Cristo,
col qual trionfa in cielo e sincorona.
896
Per la signora Tarquinia Molza,
Forse cagion laurora
di questo bel concento
che fan le fronde e i rami e lacque e l vento?
O con s dolce modo
5 il ciel Tarquinia onora,
e per lei de la terra sinnamora?
I odo, o parmi, i odo
la voce: ella pur dessa;
ecco Tarquinia viene, Amor sappressa!
897
Sopra un ritratto di donna Marfisa dEste Cybo, marchesa di Massa.
Risposta a messer Giulio Nuti sopra il detto ritratto.
Gran luce in breve tela il buon pittore
tent chiudere indarno e da sovrana
bellezza vinto che trafigge e sana,
sol form laria dolce e l bel colore.
5 Onde, come del sole il puro ardore,
qual sorge o cade oltre la terra ispana,
150
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
chi vuol ritrar prende fatica vana
perch lopra de larte assai maggiore,
cos appena adombrata ora si vede
10 limagin bella, e struggerebbe il gelo
se fosse insieme espresso il lume vago.
Nuti, ma tu, cui tanto il ciel concede,
scopri i suoi raggi a me senza alcun velo,
a me che gli occhi e l mio pensier nappago.
898
Al pittore Filippo Paladini, il quale aveva ritratto donna Marfisa dEste
Cybo. [Proposta prima.]
Saggio pittore, hai colorita in parte
la belt che non ha forma o misura,
miracolo del cielo e di natura
chaduna in lei ci che fra mille ei parte;
5 e perde la tua mano ardita e larte
da cos vaga angelica figura;
ma quel chella nadombra e quasi oscura
avanza il bel de le pi dotte carte.
E maggior pregio il tuo felice stile
10 ha qui perdendo che vincendo altrove,
perch il seren de le stellanti ciglia
e del bel volto sol laria gentile
tutte lopere pu, tutte le prove
e superar ogni altra meraviglia.
151
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
899
Nel medesimo argomento. [Proposta seconda.]
Dipinto avevi lor de biondi crini
e de le guance le vermiglie rose,
e quella bocca in cui natura pose
quasi caro tesor perle e rubini;
5 e l bianco petto e i suoi dolci confini,
e mille vaghe altere e nove cose
in prima non vedute, or non ascose,
e volevi ritrar gli occhi divini,
ma dicesti fra te: La terra e l mare
10 non ha color chesprima il puro lume,
n l tempreria, se rinascesse, Apelle.
Pur, chi formar li vuol, poggi a le stelle,
ch santo Amor gli prester le piume,
e furi al ciel le fiamme sue pi chiare.
900
Loda la bellezza e il valore de la signora donna Marfisa dEste, accen-
nando che difficilmente pu essere ritratta.
Questa leggiadra e gloriosa donna
di nome altero e di pensier non crudo,
non ha per arme gi lancia n scudo,
ma trionfa e combatte in treccia e n gonna;
5 e imperiosa dogni cor sindonna
con la man bella e col bel capo ignudo
del caro velo, onde tra me conchiudo
chella sia di valor salda colonna.
Pur inerme non , ma l casto petto,
10 lo qual si prende il vano amore a scherno,
copre dun lucidissimo diamante.
152
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
Or chi ritrar lo puote a locchio interno?
Qual fabro umano a divinopra eletto
dassomigliar il ver fia che si vante?
901
[A don Cesare dEste, per una lepre.]
O timida lepretta,
che mentre fuggi per salvar la vita,
giungi dove la morte pi gradita;
sinnanzi a s begli occhi,
5 l dove io prego che l morir mi tocchi,
il morir ti dispiace,
non sai come riposo apporta e pace.
902
O fortunata fuga,
o felice dimora,
ed indugio al morir, perch ben mora!
Tu vieni ove la morte
5 solo aspettando par che mi conforte;
ove morria beato
quale in amore ha pi doglioso stato;
e mentre la desio, mentre linarro,
prendo la lepre, come vuole, in carro.
903
O fuggitiva e timidetta fera,
che sei cacciata dove in carro adorno
madonna fa soggiorno,
deh! non tincresca, chin s caro loco
5 avrei la morte a gioco:
perch dovella caccia, oh! pur me l creda,
esser io bramo o predatore o preda.
153
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
904
A la signora Margherita Sarrocchi. Risposta.
Luce donor chabbaglia e par choffenda
mentre invaghisce e parte e fa ritorno,
pi non desio che n questo uman soggiorno
me con falso splendore illustre renda;
5 ma, temendo che l d saffretti e scenda
precipitando, il mio pensier distorno,
e temo laltra morte e laltro scorno
e bramo far dogni mio fallo emenda.
Cos talora al mondo anchio minvolo,
10 e spargo per dolore un caldo fiume,
e coscienza il cor mi pugne ed unge.
Oh! pur l, dove splende eterno lume
richiamar possa quel volgare stuolo
da cui te, donna, il tuo valor disgiunge.
905
A la medesima. Risposta.
Quasi per laberinto o per deserto
lalma qua gi savvolge e simprigiona,
e sol ci scorge ad immortal corona
la grazia che previene al nostro merto:
5 questa mi drizzi per cammin pi certo
ad altro monte omai chad Elicona,
quando lultimo d nel cor mi suona
con mille trombe e veggio il cielo aperto.
E se per colpa mia sar chio caggio,
10 potr levarmi solo e darmi aita
chi la pietate ha pari a la possanza.
154
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
Ma tu, che pria segnasti alto viaggio,
quantio stanchezza hai lena, e tu minvita,
ch lun per laltro in erta via savanza.
906
Loda il signor Vespasiano Gonzaga, duca di Sabbioneta.
Vespasiano, io gi sapea che larmi
signor pi valoroso oggi non veste
di te, chin lor fatiche e piaghe oneste
soffristi, e sul tuo fiume or ti disarmi;
5 ma non ancora i tuoi leggiadri carmi,
n rime avea vedute: or vedo queste
tue chiare e liete, e le mie fosche e meste
disprezzo, e l paragone indegno parmi.
E fra me dico: O gloriosa mano,
10 non sai stare oziosa e tosto prendi
la dotta penna ove depon la spada.
Con luna i regni e l tuo signor difendi,
con laltra i nomi oltre lobliqua strada
del sol fai conti e porti al ciel sovrano.
907
Loda il medesimo signore e gli antecessori suoi.
Tutte di bello onor chiare facelle
e fiamme son deterna gloria ardenti
i tuoi grandavi a le future genti,
perchogni et ne scriva e ne favelle;
5 ma s come nel ciel di varie stelle
segno riluce e queta il mare e i venti,
tu spargi di virt raggi lucenti
e viva imago sei de le pi belle.
155
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
Tu de gli antichi pregi e tu risplendi
10 del gran valor del padre, e degno albergo
sei tu del vero sole; e tu mi desta,
e tu millustra e i miei desiri accendi
or che mi volgo al tuo splendore e tergo,
e queta nel mio cor fera tempesta.
908
Loda lillustrissimo e reverendissimo signor Scipion Gonzaga e i suoi avi.
Scipio, fur gli avi tuoi famosi e chiari
nel pregio de lo scettro e de la spada,
con magnanimi pochi, a quali aggrada
sottrarsi, ben oprando, a gli anni avari;
5 e tu con passi certi a gloria pari
potevi andar per la sublime strada,
in guisa duom che non si stanchi o cada
e l dubbio corso per se stesso impari.
N gi folle desio ti volse o torse,
10 ma per via sacra faticosa ed erta
drizz celeste amore i tuoi vestigi.
E segui il tuo Signor, che ti precorse
per questa; e serra in quella anima incerta
la richiami da laghi averni e stigi.
909
Loda il medesimo signore e suo padre.
Scipio, o sieda sul Tebro o verso il Reno
e l Danubio tu corra, o sul tuo Loglio
fra cari amici tuoi voti dorgoglio
spazi con volto placido e sereno,
156
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
5 sei meco sempre: chio ti porto in seno
e non mi scingo, anzi pur sempre io soglio
amarti e riverirti, e sol mi doglio
che quel chonoro assai non lodo a pieno.
N rime eguali a quelle tue leggiadre
10 nascon da me tra queste cure inferme,
ondor lingegno quasi oppresso e larte:
deh! sar mai chin pi felici carte
scriva di te pacifico ed inerme,
non sol del tuo guerriero armato padre?
910
Loda il medesimo signore.
A ragione il gran nome, onde paventa
lAfrica ancora, a te si diede e scelse,
nato per opre gloriose eccelse
chimpedir la fortuna indarno tenta:
5 perch lalma reale in s contenta,
lira e laccese voglie insieme svelse
nel ribellante core, e servo felse,
ed ora il fren vi stringe e vi rallenta.
Quinci celeste carro e sommo duce
10 ti scorge a grande onor, perch non prezzi
il lauro o lostro nel pensiero interno;
ma, fra gli spirti al divin lume avvezzi,
brami corona aver di chiara luce
e l trionfo onorar del Padre eterno.
157
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
911
Ne la malattia del signor cardinale Luigi dEste.
Signor, ben pu lardore e l gelo interno
strugger le membra e la terrena salma,
ma, qual da peso ingiusto oppressa palma,
salza l tuo spirto ed ha la morte a scherno;
5 e, come nave in tempestoso verno
corre per aspro mare e tutta spalma,
pensa al suo porto ricondursi lalma
e da battaglia al suo trionfo eterno.
Ma rimarremo in guerra ed in tempesta,
10 miseri noi? Deh! se laffetto ardente,
se giova prego umil cha Dio si porga,
e se per fede il sole in ciel sarresta,
fermi il tuo corso e l duol chItalia sente
teco disgombri e teco omai risorga.
912
Al signor Ercole Rondinelli.
Ercole, quando prima Amor tassalse
e prese lalma vaga e giovinetta,
cantasti in chiaro stil s che vendetta
di lei facesti charse insieme ed alse;
5 ma poich vane conoscesti e false
limagini di quel che pi diletta,
fra canuti pensier lalma ristretta
donor saccese ed altro a lei non calse.
Quinci le greche e le romane carte
10 volgesti spesso, e de le notti algenti
a freddi e brevi d parte giungesti.
158
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
Ma saltri per sapere o per novarte
il canto raddolc co novi accenti,
quetar legro mio core anco potresti.
913
Al medesimo.
Ercole, quanto avvien chio pi mattempi
tanto pi vago di saper divegno,
e l fallir giovenile e lozio indegno
canuto or piango e i miei passati tempi,
5 ne quai potea seguir pi rari esempi
e pi sovente col veloce ingegno
alzarmi a volo del celeste regno,
cercando gli alti e luminosi tempi;
e spesso a terra il volsi, o lauro o mirto
10 o verde speco vagheggiando o fonte,
onde convien chindarno or geli e sudi.
Ma tu che fai, sublime e chiaro spirto,
che le posse e le voglie hai cos pronte?
e quale l frutto de tuoi degni studi?
914
A la duchessa di Brunnswick.
Donna, anzi duce, il bel disdegno e l zelo
che l freddo core indura e vi circonda
non simil a quel che rapidonda
ritarda a lIstro ov pi freddo il cielo,
5 perch il dolce splendor che senza velo,
in cui docchi sereni il raggio asconda,
tanta dolcezza instilla e gioia inonda
che farebbe di foco il mar di gelo;
159
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
ma lonestate intorno al cor lo strinse
10 in bel cristallo e la sua chiara face,
mentre volle scaldarvi, Amor estinse.
Duce gentil, dalte virt seguace,
pi gloria superar chi tutti vinse
che l soggiogar Franchi e Germani e Traci.
915
Loda la signora Clitennestra..., dama de la signora duchessa di
Brunnswick.
Clitennestra, a quel nome onde sovente
gi risonar sudia lantica Atena,
or basta Italia per teatro appena,
ma non fra lagrimosa e mesta gente:
5 perch nel tuo venir fugge repente
ognira giusta ed ogni ingiusta pena,
e l mar sacqueta e l ciel si rasserena,
e l sol divien pi chiaro e pi lucente.
Che miracoli novi oggi son questi,
10 che vago e peregrino abito adorno,
che bella fama di costumi onesti!
Laltra a Grecia apport vergogna e scorno,
tu gloria ne la Francia ove nascesti,
e gioia qui mentre vi fai soggiorno.
916
[Nel medesimo argomento.]
Bella madre dAmore,
chi tra le selve, le campagne e i monti
e tra i ruscelli e i fonti
giudice fu, qual gi lideo pastore,
160
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
5 Elena a te non chiede
in premio del giudicio e de la fede,
ma costei, che sappella
col nome chebbe gi lempia sorella:
tu la concedi; e la fortuna sia
10 prospera s, comella casta e pia.
917
Al signor Raffaele Roncioni. Risposta.
Caddi nel volo, come augel da strale
percosso, onde lasciai le rime usate,
Roncione, or conte al Nilo ed a lEufrate,
non solo al Po, dov l cader fatale.
5 E dopo la caduta e infermo e frale
pi che eccelsi teatri o logge ornate
ho le fredde spelonche e lombre amate,
e quando tuona gran timor massale.
Ed aspettar vorrei tra verdi fronde
10 il d sereno e dove un fonte chiaro
spenga con lacque dolci il mio desire:
dove al garrir di Progne Eco risponde
ed a nostri lamenti, e suol ridire
quel nome a cui la voce anco rischiaro.
918
Loda il padre Agostino Righini, confessore del signor duca di Ferrara,
chabbia inferme le luci del corpo, ma sane quelle de lintelletto.
Perch s lunga etate i lumi esterni,
Righino, appanna e la mortal tua vista,
onde i colori o luce impura e mista
de le tenebre umane a pena scerni,
161
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
5 aperti hai gli occhi de la mente interni
nel d che mai non perde e non acquista,
dove non vela nube o verno attrista
il lieto lume de gli obietti eterni,
e l Sol, che dalta luce fonte immenso
10 ed infinito; ed indi uscir tu sguardi
tanti rivi dangelici splendori,
e de lacque e de rai tirrighi, ed ardi
in modo tal che no l conosce il senso,
alzando il cor fra i benedetti cori.
919
Al medesimo.
Come destrier che ritorn sovente
da strana terra altier de vinti fregi
e sostenne su l dorso i duci e i regi
di ricche spoglie carco e dor lucente,
5 poi che la lunga et pi no l consente,
suol riposar, e s tra gli alti egregi
chan le nove vittorie e i novi pregi,
lantica gloria sua gli torna a mente;
cos, Righin, ne la stagion pi verde
10 de la tua vita con la dotta lingua
chiara laude acquistasti in fra i pi degni;
ed ora in questa che l vigor non perde
cosa non che l tuo gran nome estingua,
che ferve ancor tra mille caldi ingegni.
162
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
920
In morte del medesimo.
O chiunque tu sia chal sacro tempio
or vieni di colui che gi simpresse
del vero amore e de le piaghe istesse
che diede al pio Signore il popol empio,
5 giace il Righino qui, che l santo esempio
in umil vita di seguire elesse
con vivo ardor, se contempl, se lesse,
se narr laspra morte e l crudo scempio;
e n mille cori e n mille accese menti
10 gi la form, qual simulacro interno,
questa, che gela ne la fredda tomba,
or muta lingua, anzi pur muta tromba,
che fia sonora ancor nel regno eterno
piena di foco e di faville ardenti.
921
Scrive al signor Pirro Ligorio che nessuno pi degno desser ritratto dal
serenissimo signor duca di Ferrara.
Tu, chopre di materia e di lavoro
cos pregiate scegli, e i duci egregi
e i grandi augusti e i gloriosi regi
che man latina o greca impresse in loro,
5 chi degno pi di trionfale alloro
che l grande Alfonso o di corona e fregi?
o degno pur chaltri lonori e pregi
e lo scolpisca in bianchi marmi e n oro?
Or chi nudo la testa a noi lincide,
10 che miri il ciel darme lucenti adorno,
quasi ei torni di giostra o ver di guerra,
163
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
e quasi dica: Per le vie dAlcide
me n vengo a te perch non ha soggiorno,
n premio eguale al mio valor la terra?
922
In morte del medesimo.
E' morto Pirro: o sacre alte ruine,
chi vi strugge di novo e tutti adombra
gli onori primi e datro orror vingombra
perch arrivate unaltra volta al fine?
5 Or piangi, Roma, e tronca il lungo crine;
piangete, logge, ove sedeva a lombra,
dappoi che quella rea che l mondo sgombra
fa di s cari pregi empie rapine;
stillanti marmi e voi dumori aspersi;
10 e Niobe sembri in dura selce volta
ognimagin dAugusto o dAfricano;
e voi piangete ancor, dolenti versi,
la gloria antica qui con lui sepolta
e larti estinte con la fredda mano.
923
Nel medesimo argomento.
Pirro, mentre gi vivo in terra fusti
tra quei che l mondo volentieri elegge,
scegliesti i marmi di chi freno e legge
gli diede e vi pun gli empi e glingiusti;
5 or che sei giunto dove i premi giusti
comparte il Re che l sole informa e regge,
con lieta fronte dove il ver si legge
miri di gloria coronati augusti;
164
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
e guardando il celeste adorno tempio
10 e gli aurei seggi e gli stellanti chiostri
chin giro appese e per albergo scelse,
archi, terme, teatri, opere eccelse,
ma pur mortali, e i magisteri nostri
tutti disprezzi, onde si prende esempio.
924
Al signor Cesare Ligorio.
Innocente fanciul, chi ti difese
quando cadesti ne lardente foco
il volto e l petto, s che solo e poco
la pargoletta mano in lui saccese?
5 pura innocenza? or qual miglior arnese
si trova o pi sicuro in ciascun loco?
o pur da lei, chio ne miei preghi invoco,
fur le preghiere di tua madre intese?
Ma, se tua puritade e sua pietate
10 sono a te quasi fido elmo ed usbergo,
cessi ella di dolersi e non paventi,
ch sei sicuro nel tuo caro albergo,
n fra le tigri daspro artiglio armato
potresti ancor morire o fra i serpenti.
925
Al signor Francesco Melchiorri. Risposta.
Francesco, del mio volo io non mi vanto,
e quella che l turb guerra mindice
perchio del mar non cerchi ogni pendice
e l Calvario e l Giordano ed Ida e Xanto;
165
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
5 e saltri poggia pi spedito intanto
con pi sublime stile e pi felice,
io non linvidio, n per melice
da gli occhi il mio dolore amaro pianto;
ma piango le mie colpe e temo e spero,
10 e mi duol che non ardo e non sfavillo
come gi fece Maddalena e Piero.
Oh! piaccia a Lui, che rende il mar tranquillo,
darmi fede maggior saffondo e pero,
il qual gi prima a padri antichi aprillo.
926
Loda il signor Giulio Canano, gi segretario di papa Giulio III, poi fatto
vescovo dAdria ed ultimamente cardinale.
Giulio, tra santi allori e sacri monti
gi producesti ne letade acerba
matura gloria e non fu tronca in erba
fra quelli antichi marmi e i novi fonti;
5 ma l pregio de lillustri e degne fronti
morte pur tolse a te, fera e superba;
e la gran Roma, che moltanni il serba,
or te l d prima che il tuo d tramonti.
Anzi segno piuttosto il premio e lopra
10 che luce a lostro giunge e pregio accresce,
e ti dimostra forte e giusto e saggio;
e perchalta ruina involva e copra
pietre e metalli e faccia a nomi oltraggio,
il tuo se n poggia in Vaticano e cresce.
166
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
927
Ne la morte del signor Massinissa Grizio, cavalier di Malta.
Te la morte non preme e non atterra,
ma leva al cielo da cerulei campi
che tingi in rosso: or chi sar che stampi,
Grizio, lorme donor pi ferme in terra?
5 Quante stille di sangue hai sparse in guerra,
tanti qua gi di gloria accesi lampi,
tante fiamme l s dove ora avvampi
di quellamor che non vaneggia ed erra.
E locchio, che lo strale empio trafisse,
10 orbo non gi ma daquila volante
parve e nel Sol, chillustra il sole, aperto.
N splendi fra le stelle erranti o fisse,
ma tra luci pi s beate e sante,
dove tinnalza la tua grazia e l merto.
928
Per la morte del signor Vincenzo Vitelli.
Fu crudel chi tancise, e non glincrebbe
daver estinto s lucente raggio
del gran nome latino e fatto oltraggio
a tutta Italia che turbar se n debbe;
5 e scorno a la tua morte egual non ebbe
cha vero onor fu grande alto passaggio;
or tu navesti danno, anzi vantaggio,
ch scem questa e miglior vita accrebbe.
N violenza par chalme leggiadre
10 facciano al proprio albergo in ciel ritorno,
perch saccusi la fortuna avversa:
167
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
in tal guisa corregge il sommo Padre
quanto fra noi si pecca e rende adorno
la nostra colpa in gloria sua conversa.
929
In lode de la Mesola.
Mesola, il Po da lati e l mar a fronte,
e dintorno le mura e dentro i boschi
e seggi ombrosi e foschi
fanno le tue bellezze altere e conte;
5 e sono opre dAlfonso, e pi non fece
mai la natura e larte e far non lece;
ma che la valle sembri un paradiso
la donna il fa che nha sembianti e viso.
930
Ha ninfe adorne e belle
la casta Margherita, ed essa dea,
se virt fa gli dei come solea;
per boschi, palagi e prati e valli,
5 secchi ed ondosi calli
le fece il grande Alfonso e cinse intorno
navi, e derranti fere ampio soggiorno,
e giunse i porti e i lustri in cui le serra
perch sia la prigion campo di guerra,
10 e i diletti sian glorie
e tutte le sue prede alte vittorie.
931
Mentre sul lido estremo
a te con lacque dolci e con lamare
vien quinci il Po, quindi risuona il mare,
lun riceve i tributi
168
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
5 laltro li porta, e luno e laltro a prova
e te li offre e rinnova
perch le valli e i boschi or non rifiuti.
E quei sempre discende e mai non riede,
rivolgendosi a tergo
10 appresso il novo albergo;
questi parte ritorna, e ncontra e cede,
e d la terra e londa or doni or prede.
932
Chi la terra chiamar vuole una stella
s come gli altri lumi
onde sadorna il ciel lucente e bella,
channo monti e campagne e mari e fiumi
5 e prati e valli e selve,
e timidi animali e fere belve,
e ninfe cacciatrici: ecco or somiglia
parte del ciel sereno
con tante luci di bellezza in seno
10 questa, vaga e felice a meraviglia;
ed or che lalta donna in lei risplende
par loriente e l sol ci mostra e rende.
933
[Loda la signora Barbara Sanseverino, contessa di Sala, gentildonna di
bellezza e di valore inestimabile.]
Ne le scole dAmor Barbara siede
quasi maestra de laccorte menti
e tutte leggi sono i dolci accenti,
leggi di puro onor, di vera fede:
5 tutte sicure scorte a chi se n riede
per vie sovra le spere alte e lucenti,
tutti messaggi quei sospiri ardenti,
ed altri a pena del partir savvede.
169
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
E quel che le rischiara e fa pi belle
10 il raggio di quegli occhi, e l dolce riso
laria gentil non turba e non oscura.
E quanto io miro in due serene stelle
e quanto scopre il mansueto viso
caro pregio del cielo e di natura.
934
Barbara maraviglia, a tempi nostri
apparsa in questa sponda e n questa arena,
non di mortal mano opra terrena
drizzata a regi o consecrata a mostri;
ma quel che fece gli stellanti chiostri
e volge il sole in giro e l mare affrena
5 a due zaffiri di luce serena
e la porta vapr di perle e dostri,
e di pi bianchi marmi un vivo tempio
cinse dintorno, e l suo desio vaccende
alma devota che damor sinfiamma.
10 E quel cha noi cos traluce e splende
dardente virt lucido esempio
e di gloria immortal divina fiamma.
935
Donna, cha duci invitti, a re possenti
tor potete di man gli scettri e larmi,
e co begli occhi far che si disarmi
lirato ciel de le saette ardenti;
5 e n arenosa piaggia i rei serpenti
privar del tosco, e ntenerire i marmi,
deh! raddolcite il suon di questi carmi
e rischiarate questi oscuri accenti;
170
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
e se ben opra assai minor farete,
10 sar sorte pi cara: il mondo e l cielo
segua ancor suo costume o sua natura,
purch de lalme il duro e freddo gelo
si tempri al suon di rime dolci e liete;
ma forse esser vi piace e fredda e dura.
936
Questa, dItalia bella e nobil figlia,
vivo esempio del valor primiero
e de la gloria antica il novo impero
pur infiammar potrebbe (oh meraviglia!);
5 e col seren de le tranquille ciglia
quetar lardito Franco e l forte Ibero,
e saltro s possente o s guerriero
fece del sangue altrui londa vermiglia.
E tu, che lAfrican da noi dividi,
10 tu non circondi, o mar, n prima nacque
barbara pi gentile in altri lidi;
ma vincer non cur la terra e lacque
perchi vinti consoli e parte affidi,
preso il bel nome che lodossi e piacque.
937
Al padre don Angelo Grillo. Risposta.
Io sparsi ed altri miete; io pur inondo
pianta gentil, cultor non forse indegno,
ed altri i frutti coglie, e me n disdegno,
ma per timore il duol nel petto ascondo.
5 Io porto il peso, io solco il mar profondo,
altri nha la merc: chi giusto regno
171
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
cos governa? o chi sar sostegno
sin terra caggio o tra gli scogli affondo?
E mentre pur mattempo e danno in anno
10 sento le forze in me pi stanche e dome,
non sono eguali al dolor mio le glorie,
n verdeggia in Parnaso a queste chiome
sacrato lauro; e, perch arroge al danno,
son tromba muta a mille altrui vittorie.
938
Al medesimo. Risposta.
La mente in questo grave incarco e frale
non ha spedito volo o certo onore,
e nel suo regno ch s pien derrore
serve la mia fortuna omai fatale.
5 Tu mi sciogli dal fato, a cui non vale
lalma a sottrarsi, e tu mi d valore
mentre, come ape va di fiore in fiore,
la tua di luce in luce ascende e sale.
E dove ombra di ben l s non sama,
10 tu dimostra il sentiero, Angelo eletto,
da volar sovra il sole e gli altri giri;
e quando avvien cha falsa gloria aspiri
tu dalto pur mi scorgi e mi richiama,
chomai di vero lume un raggio aspetto.
939
Al medesimo. Risposta.
Le amare notti in chio maffliggo e doglio
del ciel che s crudeli a me sortille,
infiammo il cor di lucide faville
e de lantica mente io non mi spoglio;
172
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
5 n in porto ancora le mie vele accoglio,
n laura incerta che pur dianzi aprille
vien che laria sereni e l mar tranquille,
e son quasi nocchier che rompe a scoglio.
Ma se non l suso a me prescritta
10 sorte s dura o se piet sovente
volge le stelle e l sole, in te non dorma.
Chiara mia luce, omai da loriente
tu movi, tu mi scampa, e tu mi ditta
i preghi e i voti, e tu mimprimi e forma.
940
Al medesimo. Risposta.
Scrissi e dettai fra sospirosi amanti,
e, se dietro le voci allor cosparte
mai li rivolsi a perigliosa parte,
me n pento e gi ritraggo i passi erranti;
5 n meraviglia scorgo ondio mi vanti,
n sua dolcezza me dal ver diparte;
ma te, cui tanta grazia il ciel comparte,
seguir vorrei dove minviti e canti.
Tu vedi i miei desiri e i miei difetti
10 che non appago ancora e non adempio,
ed io nel tuo pensier quasi minterno;
e la piet, che ne sonori detti
sfavilla, dentro al core omai contempio
che devoto sacrasti al Padre eterno.
173
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
941
Al medesimo. Proposta.
Qual cristallo talor di macchie asperso
non riceve le forme e i vari aspetti,
cos torbido ingegno i veri oggetti
non apprende sal cielo mai converso;
5 e l cor, nel sonno e n alto oblio sommerso,
fervido e vago pur daltri diletti,
n par chindi sillustri o i raggi aspetti
se no l mi rendi tu lucido e terso.
Tu questi errori e questi inganni ed ombre,
10 Angelo mio terren, disperdi e caccia
per cui tanto vaneggio e parte agogno;
n da linferno a me volando ingombre
la stanca mente ovio riposi e giaccia,
ma da la porta doriente il sogno.
942
Al medesimo. Risposta.
Qui, dove lalma in te saffida ed osa
e sol di te pensando io mi consolo,
or drizza, Angelo mio, pi ratto il volo
Angelo santo, a la prigion penosa;
e teco in parte solitaria, ombrosa,
lontan mi scorgi dal volgare stuolo
5 tra selve e fonti, ove pensoso e solo
la sottragga al dolor in cui non posa:
ch saltri si vest di bianche piume,
io, ne laffanno ond la mente oppressa,
non volo quasi cigno o qual colomba;
174
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
10 ma tu dispiega sul corrente fiume
candide penne e grazia a me concessa,
per cui non tema la tartarea tromba.
943
Loda i padri di San Benedetto che si ragunavano a capitolo e li prega che
gli mandino il padre don Angelo Grillo.
Servi di Cristo, nel suo nome accolti,
onde treman le forze empie e nemiche
e le tartaree porte, alme pudiche,
spirti dogni vil cura in terra sciolti,
5 sublimi ingegni a lonor suo rivolti,
sonore lingue a la sua gloria amiche,
deh! quando fia che de le colpe antiche
altri mi purghi e con piet lascolti?
Tu millustra non pur con lume eterno,
10 ma fa perfetto; e chi dissolve e sgombra
dal cor la tema e fuor lorride larve?
Angelo vero questo, e mai ne lombra
doscura notte pi lucente apparve,
o pur lho dentro al mio pensiero interno.
944
Loda la comunit e la religione di san Benedetto.
Nobil porto del mondo e di fortuna,
di sacri e dolci studi alta quiete,
silenzi amici e vaghe chiostre e liete
l dove lora e lombra occulta e bruna;
5 templi, ove a suon di squilla altri saduna,
degni via pi darchi e teatri e mete,
in cui talor si sparge e n cui si miete
quel che ne pu nudrir lalma digiuna,
175
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
usc di voi chi fra gli acuti scogli
10 de la nave di Pietro antica e carca
tenne lalto governo in gran tempesta:
a voi, deposte larme e i feri orgogli,
venner gli augusti; e n voi sha pace onesta
non pur sicura, e quindi al ciel si varca.
945
Ne le nozze di Vincenzo Gonzaga, principe di Mantova, con Leonora de
Medici, principessa di Toscana.
Italia mia, che lApennin disgiunge
e da mille suoi fonti
mille fiumi in duo mari infonde e versa,
quel che part Natura Amor congiunge,
5 tal che non ponno i monti
e i gran torrenti ond la terra aspersa
far luna a laltra avversa:
Amor le tue divise e sparse voglie
or unisce e raccoglie,
10 e spiana lalte vie nel giogo alpestro
dal tuo sinistro lato al lato destro.
Ei la testa canuta e l petto e i fianchi
dorror dispoglia e sgombra
i duri passi e le pi rozze piante,
15 e mille sedi a peregrini e stanchi
prepara, e poi singombra
di lieta pompa in pi gentil sembiante,
tal che linvidia Atlante.
Altro che ninfe or miri e dei selvaggi
20 tra pini, abeti e faggi;
altro che pi di capro o fronte adorna
di verde fronda o pur dacute corna!
Or di belt celeste e di costumi
scorgi donne e donzelle
176
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
25 quai fresche rose al dolce estivo gelo,
e quando notte accende i tanti lumi
come notturne stelle,
e quando lalba scioglie il fosco velo;
e se duo soli in cielo
30 fur visti gi del ciel turbati segni
e sue minacce e sdegni,
or duo soli congiunti, e non sattrista,
mira la nostra et, mirabil vista.
Duo soli di valor e di bellezza
35 ambo ne loriente
rotano i raggi incontra o stanno a paro:
lun per laltro fiammeggia e per vaghezza
de laltrui foco ardente,
e lun per laltro pi sereno e chiaro;
40 n mai destino avaro
ce li asconde o sommerge, e n giro alterno
non fanno state e verno,
e sempre sono eguali i raggi e i passi
perch un mai laltro non oscuri o lassi
45 Tu gi colosso altero al sol drizzasti,
Rodi, al buon tempo antico:
chi due ninnalza a questi e chi lindora?
Qual simulacro fia che avanzi o basti
al secol nostro amico
50 di nove meraviglie ondei sonora?
Altra cittade ancora
mira del sol che in fronte a lei risplende,
altre bellopre attende,
e sovra i monti e i nembi in aria sparsi
55 del suo gran fondatore il nome alzarsi.
Ma questa doppia luce altrove gira
il suo bel corso intanto
e l suo vivo splendor dispiega altrove:
onde Flora ne piange e ne sospira
177
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
60 fra mille gioie e Manto
accresce le sue laudi antiche e nove;
e quasi incontra or move
dal suo puro, tranquillo e dolce lago,
dal seggio fresco e vago,
65 da le fiorite sponde e da le valli,
da suoi lucenti e liquidi cristalli.
Omai tra palma trionfale e lauro
e fra le care spoglie
e gli alteri trofei dalme famose
70 che furo tolte al Gallo, al Trace, al Mauro,
il mio signor accoglie
e la sua nobil donna, alme pietose.
Chi gigli sparge e rose
dove la bella coppia or posi e giaccia,
75 chAmor di nuovo allaccia
e di rossore e di pallor dipinge,
e Castitate i nodi ordisce e stringe?
Canzon, di raggio in raggio
segui la nova e gloriosa luce
80 chal pensier mio riluce;
ma perch non taccenda e non avvampi,
per sua piet candida man ti scampi.
946
Nel medesimo soggetto.
Tessano aurea catena Amore e Lite,
che fecer quella onde gi fu contesta
luna ne laltra spera, e stringa or questa
coppia bella e gentil dalme gradite.
5 Le dolci guerre e le contese ardite
e le repulse di bellezza onesta
segua la pace, e nel seguir sia presta,
n lenti il nodo de le reti ordite.
178
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
Lira i divisi cori anco rintegri
10 e l santo amor, mentre la stabil fede
tra brevi sdegni se medesma avanza;
e di timor non lungo e di speranza
che l senso ne lusinga e i pensier egri
siano i felici lustri alta mercede.
947
A lIsola del signor don Alfonso dEste, ne la venuta del signor principe
e de la signora principessa di Mantova.
Or tutti i ponti al mio signore inchina
che fa ritorno di s cara parte;
tutti linnalza allor chegli si parte
e laspetta del mar lalta regina;
5 e tutti i laghi tuoi londa vicina
empia e rischiari poscia a parte a parte;
tutta la forza accoppia e tutta larte,
vaga Isoletta, a s gentil rapina.
O lusingando in sen purpureo e bianco
10 inviti lombra dolce i sonni estivi,
e cresca lerba verde al molle fianco;
e fra le piante e i freschi umori e vivi,
se di mirar tante bellezze stanco,
miri la sua che fa pi belli i rivi.
948
Nel medesimo argomento.
Famoso re de fiumi, incontra il Gange
che laltro sol ci rende o lui ci serba,
tu porti il mio, chaccresce i fiori e lerba
e fa dargento ovei percuote e frange.
179
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
5 E bench terra e mar trascorra e cange
deh! non disdegni a la stagione acerba
lIsoletta gentil, che, men superba,
lamaro suo partir sospira e piange,
e par che dica: Omai tra lacque e i rami,
10 lassa! perch non fo contrario effetto
a lei che ferma ne lEgeo divenne?
E se gi Febo lerrar suo ritenne,
me questi mova da lerboso letto
perch nel Po lui segua e ndietro il chiami.
949
Nel ritorno da Venezia del signor principe e de la signora principessa di
Mantova.
O Po, che sino a lidi e sino al fonte
cos lieto risuoni e lieto avvampi,
son questi pi bei tuoni e pi bei lampi
di quei famosi onde cadeo Fetonte.
5 Or non sadira il cielo: oltraggi ed onte
pi non sostien la terra ove si stampi
dombre e di fiori, e non son arsi i campi,
n Febo asconde per dolor la fronte.
N chi port da loriente il giorno
10 in te si piange, ma cagion pi bella
veste di piume assai pi bianche i cigni,
chi nipoti dAugusto or fan ritorno:
coppia real cui giunse amica stella
con gli aspetti s chiari e s benigni.
180
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
950
Nel medesimo soggetto.
Or ch s tardo il tuo bel corso e porta
il tributo senzira e senza orgogli,
lonor di Mincio e dArno in grembo accogli,
altero fiume, e chi gli duce e scorta.
5 N fu legata mai da fune attorta
nave s bella in mar tra monti e scogli,
n se lorrido gel distempri e sciogli
cos nobil tesoro altrui riporta.
N mai s care gemme o s lucenti,
10 o s degni trofei sostenne in seno
che n su le rive dAdria orni e sospenda;
n limagine tua nel ciel sereno
sovra tutte le nubi e tutti i venti
par che n s vive luci a noi risplenda.
951
Al serenissimo don Vincenzo Gonzaga, principe di Mantova.
Chi descriver desia le vaghe stelle
e l sol che gira intorno,
ma teme s gran volo e spera e tenta,
da te cominci, il cui sembiante adorno,
5 come questo e quelle,
alma reale, a vera gloria intenta.
Penna timida e lenta
veloce per desio talora i vidi;
e come locean trascorre e varca
10 nave gravosa e carca
chand radendo gli arenosi lidi,
o pur da cari nidi
dispiega augel le piume
181
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
e cerca o prato erboso o verde bosco
15 o dolce fonte o fiume,
trapassa alfin le nubi e l denso e l fosco;
tal da laltezza ove laltrui fortuna
ti pose anzi l valore,
lardite vele ad Euro e lali spando,
20 e cantando me n vo lantico onore
che giammai non imbruna
e i gloriosi nomi intorno i mando,
e sopra il ciel volando,
ove figura ogni stellante segno;
25 e risguardando va di sfera in sfera
lardita mente altera
le tue sembianze nel celeste regno,
se pur tu prendi a sdegno
che n bei colori o n marmi
30 io te contempli o pur tadombri o finga,
e ne sonori carmi
di pure forme i simulacri io pinga.
Ivi le scorge ove la pura luce
nulla turba ed adombra,
35 n larte vela del gran Mastro eterno
che qui le spiega quasi in nube o n ombra,
e de lidea traluce
limago a pena al mio pensiero interno.
Dunque l su ti scerno
40 veracemente, e come raggio a raggio
si congiunge nel sole, a te munisco:
per cotanto ardisco
ch non pavento di fortuna oltraggio;
purch lalto viaggio
45 non precida la sorte,
io non invidio a Febo i suoi cavalli,
mentre per vie distorte
porta la face de celesti balli.
182
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
E non invidio limmortal Pegaso,
50 a cui la fama antica
favoleggiando affisse eterne penne,
perch la mia potr al tuo nome amica
cercar lorto o loccaso
e l polo occulto e laltro, onde gi venne
55 colei che pria sostenne
nel suo grembo reale il caro pondo
de le tue membra e la tua nobil salma,
in cui discese lalma
in riva al Mincio a far pi bello il mondo
60 e l mio esiglio giocondo,
quando la gentil pianta
cantai che non annida augei maligni,
bella, feconda e santa,
ma sol per sua natura aquile e cigni.
65 Felice stirpe, a cui s largo il cielo
laquile sue comparte
che son native omai, non peregrine,
perchuna voli ondAquilon si parte
ed ingombri di gelo
70 le rive del tuo fiume e le vicine;
laltra ad altro confine
ondAustro move la ventosa pioggia,
e laltre due se n vanno a Tile, a Battro;
e cos tutte quattro
75 le divide col mondo e nsieme alloggia;
n tanto cresce o poggia
pianta fra Siri ed Indi,
e la vittoria in terra albergo felse:
fra tanto quinci e quindi
80 pendono scettri doro e spoglie eccelse.
Ma questi e i duci fortunati egregi
che se nornaro in guerra,
e quei che dostro circondar le chiome,
183
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
e la gemina laude e i veri pregi
85 chillustrar gi la terra
spero cantar col tuo lodato nome;
e lire vinte e dome,
e le voglie recise e tronche in erba
che tutte son trofei nel forte petto,
90 torre dalto intelletto,
e tutte glorie de letate acerba,
Oh! se piet mi serba
a quel che volgi e pensi,
e ntanto pur col mio pensiero ascendo
95 dove non vanno i sensi,
e quel chil mondo onora in cielo apprendo.
Canzon, per tutti i cerchi
ne le parti del ciel pure e tranquille
intorno il sommo Re ne lalto seggio
100 tutte le cose io veggio
ne gli ordini sembrar comei partille,
luci, fiamme e faville.
Tu ne le prime guarda
che fan corona al primo e quasi tempio:
105 questa millustri ed arda
ch principio de gli altri e vero esempio.
952
Al signor don Giorgio Manrique.
La vincitrice e gloriosa Ispagna
che le temute insegne innalza e stende
oltra le mete che divide e fende
locean che linonda e n parte bagna,
5 a s de le vittorie alta compagna
lItalia giunse e seco ancor risplende;
e se quella con questa oggi contende,
per contesa di fede altri si lagna.
184
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
N tanto le disgiunge il mare o l monte
10 quanto lonore, il rege, il fine istesso
le stringe, e i pegni Amor d quindi e quinci.
E questo l laccio e l nodo e l guado e l ponte;
e tu, che sei per grazia a noi concesso,
tutti gli altri, Manrique, adegui o vinci.
953
In morte del reverendissimo padre Paolo Costabili, generale dei Predicatori.
Mentre qui visse, a nessun loco avvinta
la mente e lalma il peso anco sostenne
de le forme del cielo onde gi venne,
e de laltre qua gi lavea dipinta;
5 ed or non la sua pittura estinta,
ma con gli stili e con pi colte penne
perde lopra che l mondo in pregio tenne
e qui rimansi vergognosa e vinta:
perch innanzi a leterno alto consiglio
10 disgombra il puro velo onde coprissi
a lo splendor chogni splendor avanza;
e con le stelle, il sole, il mar, gli abissi
e s dentro vi mira, il Padre e l Figlio,
e la divina e la mortal sembianza.
954
Nel viaggio de la illustrissima signora duchessa di Ferrara per lo Stato.
Tu, che segui la pace e fai dintorno
la terra pi felice e pi feconda,
e porti i dolci frutti e i vaghi fiori;
e tu, che l ciel sereni e laura e londa,
5 uscite insieme il desiato giorno
185
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
che Margherita e le compagne onori.
Pene, affanni e dolori,
pioggia di lacrimar, nebbia di sdegno,
strazio o tormento indegno
10 non turbino o sospiri a mille a mille
parti cos tranquille;
n fortuna il viaggio o tardi o rompa,
ma vi spieghi reale altera pompa.
Da luno a laltro mare a lei si mostri
15 quanto dErcole invitto il figlio regge
e quanto almo paese accoglie e serba,
e i popoli cui frena antica legge,
e serici trapunti e gemme ed ostri,
che far non ponno alma gentil superba;
20 e con letate acerba
a prova la natura in ogni cenno
scopra valore e senno
in teatro, in consiglio, in giostra, in danza,
non sol varia sembianza
25 e varie insegne e penne sparse a venti
e co destrier feroci arme lucenti.
Sol, che lopre mortali e le fatiche
illustri da s grande ed aureo cinto
che la fortuna e l fato annoda e serra,
30 ed albergando con le stelle amiche
di varie forme vedi il ciel dipinto
e teco ogni altro che si volge ed erra,
mira la nobil terra
quasi gran fascia che lItalia fenda
35 e fra due mar si stenda:
ha questa il suo bel sole e chiari lumi
sono i santi costumi;
e l carro, a cui son lore intorno ancelle,
virt non soggetta a fere stelle.
186
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
40 E' qui laltero Po, di cui limago
nel ciel risplende, e fortunata nave
che gloriosi eroi conduce e porta,
e con bellezza placida e soave
giusta Vergine ancor; n fero Drago,
45 n Scorpio incontra la sua bella scorta,
n capo o chioma attorta
dorribili serpenti a suoi viaggi
sparge infelici raggi;
ma gregge mansueto e senza tosco
50 fere in campagna e n bosco;
n vi rugge leon, che lire accoglia,
ma dAlcide trofeo pi ricca spoglia.
Altre spoglie, altre palme, altra corona,
altre fatiche guarda e n altre imprese
55 pi libero valor e n altro campo,
n men saldo di quel che poi difese
mortali strette o vinse a Maratona
cha Persi non giov riparo o scampo,
splender con chiaro lampo;
60 n dun regno due regi or degni estima
come f Sparta in prima
una sola citt, ma n tre succede
al padre il figlio erede,
e n tre luoghi fermando un seggio altero
65 tre volte possente e tre guerriero.
In cos bella parte e s felice
sparga le grazie Margherita e versi
qual nova luce i raggi e la rugiada;
e mieta chiara gloria in dolci versi
70 via pi di Cleopatra o Berenice
o di lei chadopr lamata spada:
lieta e vaga contrada,
fortunato paese, almo terreno,
aer puro e sereno,
187
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
75 valor senza onest fra noi non serpe
come troncata serpe,
ma in lei veggio, saltri il divide e spezza,
com perfetto onor, casta bellezza.
Ella non mostra mai barbaro orgoglio,
80 come solea regina in Menfi adorna
o laltre che son gi nude ombre e polve;
ma cortesia con umilt soggiorna
dovella siede e fugge ira ed orgoglio,
e l timor si dilegua e si dissolve.
85 E sella a te si volve,
atti non vede o portamenti estrani,
non sembianti inumani,
non ode feri accenti, aspra favella
di gente a Dio rubella,
90 non diverso parlare o suon discorde
qual armonia di mal temprate corde.
Canzon mia, donorarla
vedrai pi che l poter la voglia pari
fra i monti alpestri e i mari;
95 tu d, se trovi intoppo al tuo desio:
Son de la turba anchio,
e fra cavalli ed armi e chiara tromba
Margherita e l suo pregio in me rimbomba.
955
Al signor Annibale Pocaterra nel suo dottorato.
Annibal, de tuoi studi il nobil corso
fornito hai tu con giovinetto piede,
quasi ardito destrier cha pena fiede
lacuto sprone e pi bisogna il morso;
5 e da la meta, ove non fu precorso,
al suon di chiara tromba adorno ei riede
188
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
con vaga pompa e l pregio innanzi vede
e mesto lascia chi pi lento ha corso.
Oh te felice, a cui letate acerba
10 e la bellezza in giovenil sembiante
par che n vece dinvidia or grazia acquisti!
Qual gloria la natura ancor ti serba,
onde il buon padre si rallegri e vante
dei frutti de la stirpe in cui fioristi!
956
Al signor Alessandro Pocaterra.
Altri vada, Alessandro, a lIndo, al Moro,
dove il sol nasce e dove poi sasconde,
e linospito mare ei cerchi e londe
de locean, vago di gloria e doro,
5 ch tu, per acquistar fama e tesoro
non lasci il tuo signor, n queste sponde
felici, ovegli al tuo desio risponde,
come la terra grata al suo lavoro.
Ella i frutti produce e i vaghi armenti
10 pasce, e con laure dolci i sonni estivi
lusinga sotto lombra occulta e bruna;
e ne suoi porti accoglie e ne suoi rivi
estrane merci e peregrine genti,
e gli arride lonore e la fortuna.
957
Onora la vecchiezza del signor Alessandro Pocaterra de la quale chiama
nutrice la speranza e loda la tranquillit de lanimo e de lo stato.
Vecchio ben visso, onor del figlio e vanto,
or de la vita ne le parti estreme
tua nutrice la tua dolce speme
e lieve rende il faticoso manto;
189
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
5 e l cor ti regge e ti vien sempre accanto
in guisa tal che non paventa o teme
Flegetonte n Stige ovaltri geme,
n i regni oscuri de leterno pianto.
Tu sei del corpo incerto omai sicuro
10 dovio mavvolgo, e gi le sarte accogli
ed io pur sono in torbida tempesta;
ed Orione armato e l pigro Arturo
mi fanno guerra ancor tra sirti e scogli:
tu giungi al porto e l mare addietro resta.
958
Ad Alessandro Pocaterra.
Emulo fu del glorioso Alcide
Alessandro magnanimo, e non meno
al ciel recando il suo principio illustre
il gran Giove vantossi aver per padre.
5 Distese luno a loccidente e laltro
vittorioso a loriente il corso,
e ne gli estremi de la terra a prova
luno drizz colonne e laltro pose
termini eccelsi; un Gerione e i mostri
10 e laltro in guerra i re superbi vinse;
e luno alfin da la gelosa moglie
e da lamico disleale estinto
laltro, salir con egual gloria al cielo.
Ma vita il ciel pi lunga a voi prescriva
15 e fin pi lieta a cari amici in grembo.
190
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
959
Al serenissimo signor Vincenzo Gonzaga, principe di Mantova.
S come fiore in fior germoglia e nasce
o pur com facella accesa in fiamma,
al valor di tuo padre il tuo sinfiamma
tal che antica virtute a noi rinasce.
5 N s ne paschi in cui si ciba e pasce
corse il cavallo o al fonte cervo o damma,
n chi vest di ferro accesa mamma
e diede al vincitor s care fasce,
come tu ne la gloria; e fu con larco
10 men bello Ascanio o fra destrier correnti
oppur ne larme il successor dAchille.
La neve nel candor, nel corso i venti
avanzi e quel che porta il degno incarco;
e sembri nato daure e di faville.
960
Loda la signora Camilla... ad istanza dun gentiluomo suo amico.
Bella guerriera mia, ben io vorrei
farvi cotanto onore
quantio vi porto amore
vostre lodi agguagliando a le mie pene;
5 vorrei lodare il crin che lega il core,
gli occhi, lume de miei,
senza il qual non avrei
giammai del viver mio ore serene,
chio di vedere ho spene
10 alfin dolci, tremanti;
e le ciglia stellanti,
e la fronte chor placida or severa,
or umile or altera,
191
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
assicura e spaventa i vaghi amanti;
15 e le guance ove avete e rose e gigli,
e le labbra ove soli i fior vermigli;
e la candida gola e il bianco petto,
e quel ch dentro ascoso
assai pi prezioso,
20 caro tesor del cielo e di natura,
che sal pensier si scopre il fa gioioso,
s che mai daltro obbietto
non ebbe egual diletto,
n mai piacer di luce cos pura
25 chil destin non loscura,
n la nemica sorte,
n l tempo, n la morte:
serena luce di virt celesti,
dalti costumi onesti,
30 che son di gir l s fidate scorte.
Ma chi li turba o chi si pon fra loro
e fa men bello il glorioso coro?
Parmi veder fra lor di loro indegna
la fera crudeltate,
35 la qual di castitate
talora il nome e la sembianza prende;
e si dimostra ne le luci amate
e mi disprezza e sdegna;
n sola v, ma regna
40 lingratitudin seco, e mi contende
ogni premio che attende,
ogni don che richiede
la mia costante fede:
onde indarno da gli occhi amare stille
45 io verso a mille a mille
per impetrar da voi qualche mercede;
e se giammai la mi darete, io temo
che sia la merc prima il male estremo.
192
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
Oh! che pu dar nemica aspra di pace
50 se non la morte in dono?
N gi schivo io ne sono,
s bella la cagion del mio morire.
Ahi! chi minganna? e perch pur ragiono
di cosa che vi spiace?
55 e perch non si tace
quel che puote inasprirvi al mio martire?
Pensier, chascolti e mire
ci che dentro si cela
dove un bel petto gela,
60 forse virt che non alletta il volgo
quel chio biasmo e divolgo;
e mai fa chi la scopre e la rivela
senza sua gloria a le vulgari genti
e mischia le sue lodi e i miei lamenti.
65 Deh! non mi trasportar fuor del cammino
de lonor suo, chio segno;
schiviamo odio e disdegno
e l miriamo ove l piacer cinvita;
e contempliam quel chiaro ed alto ingegno
70 e vago e pellegrino,
e lo splendor divino
de linterna belt quasi infinita,
vita de la mia vita.
Se mai terreno asciutto
75 rende a chi l bagna il frutto,
o ver pianta feconda
al coltor che linonda,
esser detto non deve ingrato in tutto;
n voi, se ben di pianto io spargo un rivo,
80 che quel produce di che ancora i vivo.
E vivr forse un tempo, e se mai fia
che l mio tepido fiume
e l vostro dolce lume
maturi quello ondio nutrirmi soglio
193
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
85 e raddolcisco ancora uso e costume,
allor la vista mia
di quel che n voi desia
tanto godr quanto da lei mi doglio.
Fra tanto io pur minvoglio
90 nel desio di lodare
quel lume che mi pare
splendor celeste e l bel sereno viso,
e langelico riso,
e le sembianze s leggiadre e care,
95 e la bella virt de la bellalma
a cui si deve in terra alloro e palma.
E fra me dico: A voi gi non sagguaglia
quella vergine antica
forte quanto pudica,
100 che de lo stuol chand settanni errante
per questi mari fu crudel nemica;
n saltra v che saglia
per arte di battaglia
in maggior pregio pi di voi si vante,
105 charmi celesti e sante
avete e schermi accorti
contro i guerrier pi forti,
E chi pi forte fu dAmore unquanco?
Pur lavete s stanco
110 che vendicate in lui ben mille torti,
e ben mille trofei drizzar potete
darme e di spoglie cha lui tolte avete.
Canzon, se tua fortuna
ti guida ove sfavilla
115 la mia nova Camilla,
prima cha lei ti mostri umil risguarda
se di sdegno par charda
o sabbia fronte placida e tranquilla;
n tappressar, se di baciar non credi
la bianca mano, e a lei per grazia il chiedi.
194
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
961
[A Carlo di Lorena, principe di Joinville.]
Mentre dantichi Franchi il nobil regno
la virt di tuo padre accoglie e serba
e lalta gloria sua morte superba
non teme o di fortuna il novo sdegno,
5 te, damor prezioso e caro pegno,
ne tuoi begli anni e ne letate acerba,
s come giglio suol tra fiori e lerba,
nutre lItalia e l tuo ben colto ingegno.
E bench sian quelle memorie illustri,
10 pi gradita fra noi la viva imago
che spira in te de la real sembianza;
e via pi de narcisi e de ligustri
fai questo almo paese adorno e vago,
fior di valore e darme e di speranza.
962
La bella anima vostra il suo terreno
peso mortale, a cui primier savvinse,
e ci che la circonda intorno vinse,
ondha gloria di fuori e pace in seno.
5 N vincitor, posto a nemici il freno,
mai di pi care spoglie indi si cinse,
n di pi lucido ostro alcun le tinse
od illustrolle di splendor sereno.
N cos bel trofeo spiegossi ancora
10 come questa beltade o finse in marmi,
e col valore insieme or va crescendo;
e vedremvi portar gli scettri e larmi
col padre invitto, e n s felice aurora
le palme trionfali andar cogliendo.
195
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
963
Quale il corrier, che rapido torrente
tenta passando in tempestoso verno,
e non ha quel periglio e l fine a scherno
perch no l copra arena ed onda algente,
5 tal io cercai del vostro onor sovente
il dubbio guado; e vorrei fare eterno
quanto in voi ne riluce e n voi discerno,
quasi raggio di sole in oriente.
Ma se puro splendore il mostra a lalme,
10 non solo Italia e Francia udranno i versi,
ma due parti del mondo altera tromba:
luna, chi vostri orn di nuove palme,
laltra, in cui vinse prima Assiri e Persi,
quegli che liber la sacra tomba.
964
Perchaltri cerchi peregrino errante
la bella Europa e varchi i suoi confini,
meraviglia maggior de vostri crini
non vide ancora e di s bel sembiante;
5 n l dove indurossi il vecchio Atlante
o lAsia innalza i monti al ciel vicini,
n fra que lumi ancor, bench sinchini
il gran pianeta e poggi al suo levante.
Ma, se pur veggio fiammeggiar tra loro
10 due volte il giorno lamorosa stella,
perchuna voi s tardi in terra onoro?
E ben vincete e questa luce e quella;
e, se mostraste al sole i capei doro,
se n potria vergognar lalba novella.
196
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte terza
965
Sopra il ritratto del principe Carlo di Guisa, ritratto dal signor Curzio
Ardizio.
Carlo, questi sei tu, ch del bel volto
io riconosco ben laria gentile
e lor terso de crini, a cui simile
altro non fu mai sparso o in treccie avvolto.
5 Lasso! sei tu, ma finto; e non ascolto
la dolce voce mansueta umile,
n mi dimostra insieme il dotto stile
la bella man, cha laltre il pregio ha tolto,
s chio la baci. Dunque il vero aspetto
10 fia chio sempre lontano ami e sospiri,
e le care accoglienze e i detti accorti?
Ben par che tu mascolti e par che spiri
unaura dolce di pietoso affetto
dal freddo smalto cha sperar mesorti!
197
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quarta
Parte quarta Rime di data incerta provenien-
ti dalla stampa 23
966
A lanime de serenissimi principi dEste, il d de morti.
Alme, al cui nome rischiarai quel canto
a cui pregio dar forse la terra,
or verso in questa che le membra serra
lagrime di piet chan maggior vanto;
5 e questi lumi accendo ancor nel pianto,
e prego quel Signor che mai non erra
che, se vi f gi vincitrici in guerra,
nel trionfo or vi chiami al regno santo.
Ma gi parte di voi che le mercedi
10 eterne gode e de gli eterni onori
di fede scopre il cor sotto alcun velo;
laltra, che purga ancor gli umani errori,
spero che tosto salga a lalte sedi,
Che sono a merti preparata in cielo.
967
[Nel medesimo argomento.]
N quella stirpe da cui nacque Aiace
e l vincitor del forte Ettorre, e quella
che di Filippo ed Alessandro a Pella,
e l Macedone pi stimava o l Trace:
5 n Roma quella che dann Siface
ed Anniballe, e la citt ribella
che daltra donna divenendo ancella
due volte cadde ed a la terza giace;
che questa voi, cha noi da lavo scende
10 del grande Augusto per gli scettri e lostro
e larmi e larti e lopre ed i gran fregi;
198
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quarta
n sol in lei, s come il sol risplende
Ercole, chebbe prima il nome vostro,
ma tanti lumi sono i duci egregi,
968
Loda il signor duca di Ferrara e i suoi gentiluomini di camera.
Signor, n lode al tuo gran merto aggiunge,
n tu la brami da vulgare ingegno;
e, qualunque io mi sia, da lalto segno,
se mai di te ragiono, erro assai lunge;
5 e sardente desio mi sferza e punge
perchio ne canti, me ne stimo indegno,
onde temendo un tuo gentile sdegno
esalto que che teco Amor congiunge.
Pur da le lodi tue non mi diparto,
10 per ci che quanto lor virt produce
par che nasca da te come tuo parto;
e splende con serena e chiara luce
chi ti seconda o ver chi terzo o quarto
la tua gloria immortal segue per duce.
969
Nel medesimo argomento.
Alto signor, sio questo lodo o quello
de tuoi fedeli, di lodar mi sembra
pur te medesmo, perch te rassembra
ed tuo caro magistero e bello.
5 Ed opra di colori e di pennello
aver veduto ancor non mi rimembra,
n n bianchi marmi vaghe e dolci membra
o dantico maestro o di novello,
199
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quarta
lo qual s le facesse al ver sembianti,
10 com del tuo valor la viva imago
in animo gentil che tu formasti.
Ma, perch larte qui par che non basti,
o di tacer per umilt mappago
od in altrui vien chio tonori e canti.
970
Ne listesso soggetto.
Invitto Alfonso, se le rime adorno
volgendo ogni mio studio ad onorarti
ed a cantar larme famose e larti
onde a gli antichi fai vergogna e scorno,
5 par chesalti color cha bel soggiorno
dimoran teco a cui lonor comparti;
ma se lodo in lor queste o quelle parti
tutte le lodi fanno a te ritorno:
perch vengon da te come da fonti
10 de loceano il nostro e gli altri mari:
dolce giro damor, care vicende,
in cui gli animi eccelsi a morir pronti
e lopre ammiro e i bei costumi rari
e lalta gloria chor si dona or rende.
971
Al signor Cesare Caracciolo.
Cesare, quella onde sostiene e face
le forti cose parimente uom forte,
dalta vittoria e donorata morte
egualmente sappaga e si compiace?
200
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quarta
5 o pur de luna sol? ma qualor giace
il fragil corpo per contraria sorte,
perchin se stessa pur si riconforte
non ha parte per di quel che piace?
Forse di chiaro suon vaga e di lume
10 che non soscura in lunga et n langue,
pur ne gode sperando e men si duole;
n quel che preme le noiose piume,
e quel che cade tra nemici esangue
vien chugualmente il suo morir console.
972
Al signor Bernardino Baldi per la Nautica, poema suo.
Baldi, non chi di te meglio insegni
come debban le navi esser conteste,
e come laure e i venti acqueti e deste
il nascer e l cader de chiari segni;
5 e come guidi in porto i nostri legni,
n cada o nasca mai lOrsa celeste,
e schivandosi i nembi e le tempeste
si volga il corso a desiati regni:
onde, se l buon Ferrante a laureo vello
10 navigasse giammai, nocchiero scaltro,
concederebbe a te solo il governo,
maravigliando al tuo cantar novello.
Felice te, chai giunto un pregio e laltro,
che fia diviso altrui, con grido eterno!
201
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quarta
973
Sotto la metafora duna torre contenuta la lode de la signora Barbara
Torricella, gentildonna parmigiana.
Del pi bel marmo che nascesse in monte,
candido s chogni bianchezza eccede,
sorge una vaga Torricella e siede imperiosa con altera fronte.
Onore alzato ha contrAmor il ponte
5 chaccampar dognintorno a lei si vede;
spiega in cima linsegne invitta Fede,
loneste voglie a la difesa ha pronte.
Barbara Castit dentro si guarda
come donna e reina; e, bench fuori
mille arti adopri il suo crudel nemico,
10 mille arme seco i pargoletti Amori,
pur non avvien che mai la scuota ed arda,
o che prenda la mente e l cor pudico.
974
In lode de la signora Ippolita Torricelli da Correggio.
Quel lato, dove la mammella intera
altra Ippolita aveva, in altro loco
arder tentava Amor, e non da gioco,
di questa bella mia nova guerriera;
5 ma di s forte scudo in vista altera
armata la vedea, chil dolce foco
e l suo valor gli parea frale e poco
contra il diaspro onde s lucidera.
Per cercava ricoprir glinganni
10 con le care lusinghe e la sua face
scherzando appresso lei nel fior de gli anni;
202
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quarta
e, mentre a lei sotto mentita pace
vuol portar vera guerra e veri affanni,
vint da regio core e non gli spiace.
975
Fa comparazione fra la signora Ippolita Turca e Ippolita regina de
lAmazzone.
O degna per cui sarmi un novo Alcide
ed un Teseo novello e schiere accoglia
e cento vele e cento navi scioglia
da que liti che l mar da noi divide,
5 chi guerriero di voi pi nobil vide?
chi daverne vittoria or non sinvoglia?
Fortunate le spoglie e chi le spoglia,
se cos amico il cielo ad uomo arride.
Bench vinta voi no, ma vincitrice
10 anzi parete, n feroce e cruda
armate il petto e luna e laltra mano;
ma n treccia e n gonna con la destra ignuda
chesce dal guanto, se mai guerra indice,
prendete lalme e col sembiante umano.
976
Loda la signora Ippolita Turca che, dopo la morte del primo marito, non
sia stata accesa daltro amore.
Quel cha s pria vi giunse, il vostro amore
quegli, Ippolita, primo ancor sha tolto,
ed or lha seco ed ivi il tien sepolto
ov l cenere suo col vostro ardore;
5 ma vive in cielo, e dentro al vostro core
serba la sua memoria e l caro volto;
e il nobil petto al suo bel spirto sciolto
tempio di castit, tempio donore,
203
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quarta
in cui dalto rimbomba; e voi rappella
10 pur col s, talch da voi diviso
se n vola il vostro fuor di voi sovente;
e trapassando duna in altra stella,
duna in altra belt di paradiso,
a lui saggiunge e l vede a Dio presente.
977
In lode de la signora Polissena Gonzaga.
Se Pirro, allor che diede morte acerba
su la gran tomba del famoso Achille
a la vergine altera e l petto aprille,
vedea costei che l suo bel nome serba,
5 cadeva il ferro da la man superba
con fin pi lieto di mille e di mille,
n Troia andava in cenere e in faville,
n dove fu, sariano or fiori ed erba,
ma lavria detto: Il ciel, non che linferno,
10 placar puon gli occhi, e ne i superni regni
mandar puoi lalme senza oprar la lingua.
Tu dunque vinci, e sia lonore eterno;
e questa guerra e questi feri sdegni
chElena accese, Polissena estingua.
978
Sopra limpresa del signor Giovan Battista Cavallara medico illustre.
Quellalato destrier che fingi in carte
sottalcun velo te forse figura
che voli oltre i confin de la natura
e le stelle di Venere e di Marte;
5 ma quella face che con chiome sparte
par che fiammeggi ne la notte oscura
204
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quarta
ove saccende cos bella e pura,
gi non par foco che da terra parte.
Dal ciel, credo, discese e col riede,
10 e dal suo lume scorto al cielo aspiri,
Cavallara immortale, e l mondo sdegni;
e per le vie che tu mindori e segni
fia chio minnalzi sovra gli alti giri,
ovabbia teco eterna e stabil sede.
979
[Ad un buffone del duca Alfonso II.]
Signor, storta di Palla e tremebondo
cannon di Marte e turbine e tempesta,
di cui temendo di tremar non resta
Tifeo l sotto, onde ne squassa il pondo,
5 cos armatura senza pari al mondo
il zoppo fabro di sua man ti vesta,
e la sua moglie un par di corna in testa
gli ponga, accesa del tuo amor giocondo:
opra col tuo signor, che si disserri
10 la mia prigione, o tu con un fendente
manda in pezzi le porte e i catenacci:
cos nandremo in fra la marzia gente,
tu tutto armato, io sol con gli spallacci,
fra noi le penne accomunando e i ferri.
980
[A le gatte de lo spedle di S. Anna.]
Come ne locean, soscura e nfesta
procella il rende torbido e sonante,
a le stelle onde il polo fiammeggiante
stanco nocchier di notte alza la testa,
205
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quarta
5 cos io mi volgo, o bella gatta, in questa
fortuna avversa a le tue luci sante,
e mi sembra due stelle aver davante
che tramontana sian ne la tempesta.
Veggio unaltra gattina, e veder parmi
10 lOrsa maggior con la minore: o gatte,
lucerne del mio studio, o gatte amate,
se Dio vi guardi da le bastonate,
se l ciel voi pasca di carne e di latte,
fatemi luce a scriver questi carmi.
981
Tanto le gatte son moltiplicate,
cha doppio son pi che lOrse nel cielo:
gatte ci son chan tutto bianco il pelo,
gatte nere ci son, gatte pezzate;
5 gatte con coda, gatte discodate;
una gatta con gobba di cammelo
vorrei vedere e vestita di velo
come bertuccia: or che non la trovate?
Guardinsi i monti pur di partorire,
10 ch sun topo nascesse, il poverello
da tante gatte non potria fuggire.
Massara, io tammonisco, abbi l cervello
e locchio al lavezzuol ch sul bollire:
corri, ve, chuna se n porta il vitello.
15 Vo farci il ritornello
perch l sonetto a pieno non si loda,
se non somiglia a i gatti da la coda.
206
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
Parte quinta Rime di data incerta provenienti
dalle stampe 27 e 28
982
Sopra il ritratto del signor duca di Ferrara.
Ecco il secondo Alfonso, e, se fra queste
cose mortali appare a gli occhi nostri
valor disceso da stellanti chiostri,
non chi pi lo scopra o pi lo deste.
5 Quanto aspetto real, quanto celeste
splendor, quanta virt par che dimostri!
N Bacco o Teseo o l domator de mostri,
n l fiero Achille o quel chancise Oreste,
n chi gi corse e soggiog la terra
10 meglio ritratto fu; n n carte n marmi
si veggon pi magnanimi sembianti;
n Marte ancor ne la spietata guerra
mosse con altra fronte il carro e larmi,
n Giove fulmin sovra i giganti.
983
Scrive al signor duca di Ferrara lodando parimente lui e la sua citt.
Signor, questa feconda e nobil terra
non del nome tuo confine angusto,
n tra duo mari o dentro spazio angusto
lonore e l pregio mai si stringe e serra:
5 perch dovunque gira l sole ed erra,
non pur dove regn Numa ed Augusto,
risuona co pi chiari, e forte e giusto
il mondo ti conosce in pace e n guerra.
N regge alcun citt pi forte o bella,
10 n pi lornar giammai larti leggiadre,
larme, i pregi, i trofei e lopre eccelse.
207
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
Ella de tuoi maggiori figlia e madre
per suo volere, e per natura ancella,
e li bram per duci e se gli scelse.
984
Scrivendo al signor duca di Ferrara loda la citt e i suoi antecessori.
La verde terra che l gran Nilo inonda
per la cui negra arena ella saccrebbe,
a questa cede; e pregio egual non ebbe,
quando fortuna le gir seconda,
5 a questa che diviso il Po feconda,
cha felici avi tuoi gi tanto debbe,
cui n fatica n periglio increbbe
per lei chornar di mura e dalta sponda;
questa non segue legge empia e fallace,
10 non sacra i templi a mostri, e non raccoglie,
insidiando, i peregrini egregi;
non vede in servitute i propri regi
o nel trionfo le sue care spoglie,
ma gloriosa n guerra e giusta in pace.
985
Scrive al signor duca di Ferrara lodandolo.
Signor, se, mentre pi desio lodarte
ne le mie tosche rime al secol nostro,
nulla maggior del vero a lui ti mostro,
tuo valor, non gi difetto darte:
5 perch tal veggio in te ciascuna parte
che pi non puote ornarla il puro inchiostro,
e sei dogni eccellenza altero mostro,
da cui perdon metalli e marmi e carte.
208
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
N daltro magistero io pi mappago
10 che di formar il tuo real sembiante
e l tuo valor e l tuo saver profondo;
n pi mirabil parve alcuna imago
o di colui che volse in sasso Atlante
o pur di quel che resse insieme il mondo.
986
Loda il signor duca di Ferrara.
Loro e le gemme peregrine e larmi,
le cittadi e i palagi e questa forte
reggia non tacquist linstabil sorte,
che i doni, ove men debbe, us negarmi,
5 ma la virt de gli avi, in prose e n carmi
cantata e scritta, in cui lavara morte
e l tempo non ha forza ovegli apporte
tenebre oscure e strugga i duri marmi;
e la conserva il tuo valor, cha freno
10 tenne i nemici e f s nobili opre
che non laggiunge altrui parlare o canto;
n ti distingue la corona o l manto,
ma l sembiante real che lalma scopre
e l volto ne gran rischi ancor sereno.
987
Nel medesimo argomento.
O nepote dAlfonso, Alfonso invitto
comil grandavo o chi da lui si noma,
e i buon Romani i quai sornar la chioma
di lauro e ristorar limperio afflitto,
209
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
5 alcun dir di te, veggendo scritto
che frenato il desio, che lira hai doma:
Questi avanz colui che serva Roma
si fece e soggiog Francia ed Egitto,
perch vinse se stesso; e, se la sorte
10 il pot mai privar daltra vittoria,
gi non gli tolse il gran valor de lalma,
ma l trov sempre incontra s pi forte,
tal che non diede altrui pi chiara gloria
dovegli fosse o pi famosa palma.
988
Al signor Pellegrino Riccardo invitandolo a scrivere del serenissimo signor
duca di Ferrara.
Luna de larti tue qual pu subietto
prender fra noi che non sia quasi indegno
a lato a le virt che l chiaro ingegno
ha de linvitto Alfonso e l forte petto?
5 Numero cento, e senza alcun difetto;
n chi le stelle del celeste regno
volesse numerar lavria pi degno,
n perche sia men ampio men perfetto.
Ma laltra, che segn s belle note,
10 Riccardo, in quai verr che mai si mostri
meglio che n quelle onde di lui si scriva?
Dunque la dotta man sdegnosa e schiva
sia di tuttaltro, e i suoi felici inchiostri
solo a lui tempri che onorar li puote.
210
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
989
Loda la serenissima signora Margherita dEste, duchessa di Ferrara.
Donna gentil, mentrio vi miro e canto
mi passa un dolce ardore
di vena in vena e mi distrugge il core.
E lodando il bel viso e l vago petto
5 e le due nere ciglia,
dico: Deh! qual diletto
e qual dolcezza questa e meraviglia?
Al fin pieno di gioia e di stupore
non so sio veggia o pur sio prenda errore.
10 Lasso! io mabbaglio; e si conforta alcuno
ne begli occhi soavi
tra l color bianco e l bruno,
s come vuol chi tien del cor le chiavi;
e dimostrando a me luce maggiore
15 per veder troppo mi fa cieco Amore.
990
[Per la medesima. Eco.]
Diceva un mesto coro: O dolci fonti
e voi rive frondose,
alti colli, ime valli, e piagge ombrose;
Eco, e tu che rispondi al mio lamento,
chi pu dar fine a s crudel fortuna?
Una Dunque sol una la cagion del mio mesto concento?
Cento Non son gi cento, e sono molte in bella festa accolte.
Colte Non sol son colte, ma son rose di primavera in verdi spine ascose.
Cose Non sono cose in selva usate, n in pi chiaro sereno o n pi bel velo
stanno le stelle in cielo.
Celo Non celi gi tanta beltate, n la coprir giammai selve o foreste.
211
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
Este Non son gi queste degne di tanto onor, n vi nascose
ninfe s belle Amor n graziose.
Ose Chi fia chardisca il rozzo canto tanto innalzar che degnamente onori
tra le verdi erbe e i fiori
pur il candido velo o l bianco manto?
Manto Manto indovina: ad altra intendi, crudel, chin gioco prendi
tanti lamenti. Menti. Io no, rispose ma tu chun bel fanciullo a morte pose.
991
Per la serenissima signora duchessa di Ferrara, in una festa.
Era la notte, e sotto il manto adorno
si nascondeano i pargoletti Amori,
n giammai ne linsidie i nostri cori
ebber pi dolce offesa e dolce scorno;
5 e mille vaghi furti insino al giorno
si ricoprian fra tenebrosi orrori,
e con tremanti e lucidi splendori
mille imagini false errando intorno;
n l seren puro de la bianca luna
10 nube celava od altro oscuro velo,
quando alta donna in lieto coro apparve
ed illustr con mille raggi il cielo;
ma quelle non sparir con laura bruna:
chi vide al sol pi fortunate larve?
992
[Nel medesimo argomento.]
Nudo era il viso, a cui sagguaglia in vano
opra di Fidia o gi per fama intesa
quella a cui vita fu la fiamma accesa,
e nuda ancor la bella e bianca mano;
212
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
5 ed ella dir parea: Dal ciel sovrano
per meraviglia sono a voi discesa
e limagine porto al vel sospesa,
perch n vece di larva aspetto umano.
E per temprare i raggi e l vago ardore
10 chiudea gli occhi ed apriva, ed era intanto
cortese il sonno e pi cortese Amore.
Cortese il suo bel velo e l caro guanto;
n sol cortese, ma pietoso il core
ne laltrui riso: or che sar nel pianto?
993
Ne la infermit de la signora duchessa di Ferrara.
Deh! qual pietade umana o qual celeste
angelo porta graziosa aita
a lalta donna, che di sol vestita
sembra, s chiara ha la terrena veste,
5 mentre quasi tra nubi oscure e meste
tanta luce sadombra e s gradita;
e, qual rosa che langue, scolorita
ne le sembianze e ne le membra oneste?
Alma celeste, il presto corso affrena
10 nel carcer tuo che rende il mondo adorno,
ch, se ben dentro guardi e dogni intorno,
in terra non vedrai pi bel soggiorno;
e, quanto in lui pi lunga la tua pena,
pi di grazia sarai nel ciel ripiena.
213
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
994
[Nel medesimo argomento.]
La Castit volare al ciel volea,
se morte entrava in cos nobil petto;
or che non arde pi comei solea,
si ferma in terra ne lalbergo eletto;
5 n per cercar le stelle e i lor viaggi,
ogni lor giro ed ogni loro aspetto,
stanza pi lieta avria tra vivi raggi,
n pi sicura damorosi oltraggi.
995
Nel medesioso argomento.
Non s bello il rinverdir dun faggio,
o l ravvivar di lucida facella,
o l serenar di tenebroso cielo,
come ne gli occhi vostri il dolce raggio
5 par di nuovo racceso e come bella
la rosa che sinfiora al mezzo gelo;
e, se gi piacque la belt smarrita,
or che far questa belt fiorita?
996
Nel medesimo argomento.
Languidetta belt vinceva Amore,
benchegli s possente e forte sia,
e, se tanto potea mentre languia,
quanto or potr chacquista il suo vigore?
5 Oh pudica belt, chinvitta sei
e vincitrice ancor duomini e dei!
Un tuo breve languir natura appaga
perch dopo il languir ti fa pi vaga.
214
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
997
Nel medesimo argomento.
Dianzi al vostro languir parea sospesa
la terra per desire e tema e zelo
di s leggiadro corpo, e nsieme il cielo
che lanima aspett da lui discesa;
5 n lun mostrava in fera stella accesa
chioma sanguigna o n tempestoso gelo,
n fiamma ardente in tenebroso velo,
n trem laltra o fece a tempi offesa:
perch santa piet da vostri lumi
10 seren luniverso, e mai non vide
il mal s bello n l dolor s vago.
Ora al vostro gioir gioisce e ride,
ch sete di bellezze e di costumi
al mondo esempio, al paradiso imago.
998
Loda Belvedere e la signora duchessa di Ferrara che vi abitava.
Vaga isoletta, che s bella sede
a Margherita dai nel verde seno,
ceda a te quella che nel mar Tirreno
a la famosa Circe albergo diede.
5 In te non orso o fier leon si vede
o serpente di tosco e dira pieno,
ma donne e dee che fanno il ciel sereno
e de la gloria tua pi certa fede.
Perchella co maligni e fieri incanti
10 gli uomini in fiere trasformar non suole,
ma pi tosto li rende a Dio sembianti,
215
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
tanta ne le dolcissime parole
virt raccoglie e ne begli occhi santi
la figlia de leterno e sommo Sole.
999
Nel medesimo argomento.
Voi, che passate e su la destra sponda
del re de fiumi udite i chiari accenti
che frenar ponno il Po, quetare i venti,
e fare al corso altrui laura seconda,
5 non sirena usa a celar ne londa
quel cha di pesce a male accorte genti,
ma unangioletta, che i suoi raggi ardenti
par chin bel velo a gli occhi nostri asconda.
La real Margherita in ciel le stelle
10 arrestar pu con larmonia celeste:
fermate il volo omai de pronti remi,
ch maraviglia assai minor vedreste
solcando il mar vermiglio o l varco dElle,
cercando glIndi o gli Etiopi estremi.
1000
Corona de le laudi de la serenissima Margherita Gonzaga dEste, du-
chessa di Ferrara.
Era piena lItalia e pieno il mondo
de lonor de vostri avi, e presi i regni,
vinta linvidia e vinti i feri sdegni,
e gi serva la terra e l ciel secondo;
5 e per s largo mare e s profondo
oltra tutte le mete e tutti i segni
stanche le vele de gli umani ingegni
via pi che l vecchio Atlante al grave pondo;
216
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
quando fra noi discesa, alma celeste,
10 qual peregrin che preziosi odori
e care merci in oriente accoglia,
scopriste i pregi e le bellezze oneste
che sono eterni in ciel fregi e tesori,
e tesoro mortal la bella spoglia.
1001
E' tesoro mortal la bella spoglia
e se n gloria natura ovunque il mostri
per maraviglia a voi, stellanti chiostri,
pur chun bel velo si rimova e toglia.
5 E quel dolce splendor che lalme invoglia,
e i bei lumi e le grazie e i doni vostri
rinchiude qui fra gemme e perle ed ostri
a ci che perda Amore e non si doglia;
e n questa bianca neve e n queste brine
10 estingua le sue fiamme, e le raccenda
poi di questi occhi nel soave foco;
e tessa i nodi suoi di questo crine,
da questa fronte le sue leggi ei prenda,
faccia la sua prigione in questo loco.
1002
Faccia la sua prigione in questo loco
lanima peregrina, anzi la reggia,
dovella sforza Amore e signoreggia
e prende il fato e la fortuna in gioco.
5 E n queste luci, chio temendo invoco,
quando turbato il ciel tuona e lampeggia,
si mostri la pietate, e qui si veggia
che sdegno contra lei val nulla o poco.
217
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
Qui sieda maestate e qui sfaville
10 seco la gloria, e qui lonore avvampi,
cha lui, che solo il d, si volge e riede:
perch fra s lucenti alme faville,
fra s maravigliosi e chiari lampi
ha fatta ogni virt felice sede.
1003
Ha fatta ogni virt felice sede
in questo petto, e in questa nobil alma
ha stabil regno Astrea lucida ed alma,
e quella chalto intende e lunge vede.
5 E trionfali spoglie e care prede,
fortezza e castitate, alloro e palma,
e sovra la terrena e nobil salma
la speme vola e lanimosa fede.
E, trascorrendo il ciel di cerchio in cerchio,
10 mira tutte le stelle e tutti i lumi,
dove nel bel sereno ognor saggiorna.
N vano affetto o desiar soverchio
le adombra il vero sol con ombre e fumi,
mentre a lo specchio se medesma adorna.
1004
Mentre a lo specchio se medesma adorna,
in cui sempre riluce in pi sembianti,
arde e fiammeggia tra felici amanti
lanima bella e lieta in ciel soggiorna.
5 Cos nel suo principio ella ritorna
sovra le torte vie de sette erranti,
n stima che la gloria in terra il canti,
n gli alti suoi pensieri il suon distorna:
218
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
changelica armonia, divina tromba
10 par che laccesa mente e l cor lingombri,
tal che le nostre lodi ha quasi a scherno.
Pur intanto colei poggia e ribomba,
e quasi avvien che sotto lali adombri
ambo glimperi e quantio miro e scerno.
1005
Ambo glimperi e quantio miro e scerno
empie la gloria e quantocculto giacque
dove di Menfi e di Babel si tacque
lantica fama e quasi il grido eterno.
5 E pare il sol pi ratto a mezzo il verno
dove la belt vostra alberga e nacque,
e sode in tutti i venti e n tutte lacque
quel chio poi scrivo nel pensiero interno.
O voi, che sete sovra londe caspe
10 o su le rosse, o dove il mar si varca
presso a le Sirti, o Mori ed Indi adusti,
udite or come i ricchi stami inaspe
e preziosi la benigna Parca
a la nepote de famosi augusti.
1006
A la nepote de famosi augusti
e dalti duci, incoronata dauro,
Parnaso inchini ogni suo colto lauro,
onde il doppio valore ha premi giusti.
5 E voi, dumano ardir confini angusti,
Abila e Calpe, e tu, sublime Tauro,
e tu, padre Appennin, tu, vecchio Mauro,
e voi, sepolcri de fratelli Ingiusti;
219
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
e voi, che fuste gi superbe strade
10 dandare al cielo, Pelia e Olimpo ed Ossa,
strade fallaci e mal secure a gli empi,
chassai pi belle, ove non erra o cade,
altissima umilt, secura possa,
fece le vie tra i nuovi altari e i tempi.
1007
Fece le vie tra i nuovi altari e i tempi
dEleonora la pudica figlia,
altrui refugio e scampo e maraviglia,
e grazia tua, Signor, che lei nadempi.
5 Ed or non porge men lodati esempi
e nel volto e ne gli occhi e ne le ciglia:
vera angeletta e vera dea somiglia:
oh per lei sola avventurosi tempi!
Oh! fortunati alberghi, ove comparte
10 lore, i pensieri, le parole e l riso,
ove spazia, ove scherza, ove sasside,
ove legge s dotte e pure carte
ed apre co begli occhi il paradiso
la casta nuora de linvitto Alcide.
1008
La casta nuora de linvitto Alcide
con onestate e cortesia dimora,
dove altra Elisa gi daltra Eleonora
come raggio del sol partir si vide.
5 E qui col grande Alfonso orna e divide
lopre, congiunge lalme, Italia onora,
che vappoggiava e che vappoggia ancora
laltezza e l nome; e l ciel benigno arride.
220
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
E de le nove e de lantiche donne
10 del real sangue e de lor pregi illustri
tante memorie e tante lodi ascolta;
ma queste, e i simolacri e le colonne
e l gran corso de secoli e de lustri
par che men curi, in guisa al cielo volta.
1009
Par che men curi, in guisa al cielo volta,
non solo gemme ed or, metalli e marmi,
ma i soavi concenti e i vaghi carmi,
per cui sfavilla ancor lingua sepolta.
5 Cos canta la gloria, ovunque colta
la terra e i vostri eroi passar con larmi
e con gli armati legni; e nvano alzarmi
io tenterei dove gi sete accolta.
Sete deternit ne lampio grembo
10 fatta immortal mentre il mortal vinvolve,
vinta la morte ne suoi regni stessi,
ove non turba il ciel procella o nembo,
n vento porta la minuta polve,
ove non par che cigno ancor sappressi.
1010
Ove non par che cigno ancor sappressi
vanno laquile vostre e l vostro nome,
chempieria mille Atene e mille Rome,
mille Pegsi del gran peso oppressi.
5 E saltri in fior dipinti o n selce impressi
le stelle son dorati segni, e come
lettre di Margherita, e lauree chiome
pi belle assai de crini al ciel promessi.
221
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
E gi mi par cha la serena fronte
10 novi lumi ei produca e novi raggi,
e ne faccia Boote aurea corona
perch non caggia mai da lorizzonte;
ma quei lucenti e rapidi viaggi
miri lEuropa e l mar chin lei risuona.
1011
Miri lEuropa e l mar chin lei risuona
laltere maraviglie, o chiare stelle,
o pur sian fregi e lucide facelle
de lardente virt chinfiamma e sprona,
5 o nube che circonda ed incorona
dascosa luce alme leggiadre e belle,
o santo messaggier fra queste e quelle
che vien da lui che le cosparge e dona.
Cos gli anni felici a vostri merti
10 siano eguali fra noi, spirto sublime;
ma qui manca lo stile e non lascondo
e numeri di voi pi degni e certi
ha solo il cielo, e de lantiche rime
gi piena lItalia e pieno il mondo.
1012
Catena de le laudi de la serenissima Margherita Gonzaga dEste, duches-
sa di Ferrara.
Illustre donna e pi del ciel serena,
da chiari occulti lumi
mille versate ognor gioie e dolcezze,
e fanno preziosa aurea catena
5 gli angelici costumi
e le vostre celesti alme bellezze;
222
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
e n s leggiadri modi
per far pi sempre un bel desio contento
non si congiunse mai loro e largento.
10 Loro e largento in s leggiadri modi
mai non savvolse o prese
come voi ne sembrate adorna e vaga;
e tutte fiamme son le umane lodi,
e vive stelle accese
15 son le divine onde l pensier sappaga;
n fra ventosi campi,
se di candide nubi il ciel carco,
tanto suol variar col suo bellarco.
Col suo bellarco fra ventosi campi
20 tanti color non mostra
lIri che l mezzo cerchio a noi descrive,
fra quanti il vostro, intero, avvien chavvampi
che voi di chiostra in chiostra
fra le donne circonda e fra le dive;
25 e vanno questi a quelli
e quelli a questi raggi e fan ritorno
sempre girando e fiammeggiando intorno.
E fiammeggiando intorno a questi, a quelli
scende e poggia la mente,
30 n per gli estremi alcun vi tira a basso;
ma chi si piglia a pi sublimi anelli
rapito dolcemente
e contemplando va di passo in passo,
perch linnalza e scorge
35 con lieto aspetto e con sembianza amica
bella Accoglienza e Cortesia pudica.
E Cortesia pudica innalza e scorge
lardire onde savanzi,
ed incontra Ornamento e Leggiadria,
40 e bel Disprezzo ed Arte insieme scorge,
223
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
chanzi natura ed anzi
sembra dono del ciel cha lui cinvia,
e poscia avvien che trovi
sdegno chindegnit non prende a grado;
45 lAccorgimento ne listesso grado.
E ne listesso grado avvien che trovi
altro obbietto che piace,
ed Onor e Vergogna insieme guarda
con atti cos dolci e cos novi,
50 in cos bella pace,
che per mirarla il volo affrena e tarda,
e par chonori e spieghi
lalta Umilt, s come in sacro tempio,
e daltera Onestate un vero esempio.
55 Un vero esempio par chonori e spieghi
poi la vaga Beltade
e la bella Vaghezza a paro a paro,
e meraviglia e riverenza il pieghi
per leccelse contrade
60 per cui dalzarmi al ciel tal volta imparo;
e poscia a lor vicine
Dignit con Maestade assisa,
tal che venendo a voi simparadisa.
Simparadisa, e poscia a lor vicine
65 (dove mai non sappiglia
mago che le perturbi o tragga al fondo)
scorge virt sopra il pensier divine,
e le produce e figlia
lalma real quando si volge al mondo;
70 ed in bel giro accolte
qui con lieta Modestia e Temperanza,
fide compagne omai con lunga usanza.
Per lunga usanza in un bel giro accolte,
chi lietamente i doni
224
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
75 raccoglie e sparge, e la real sorella;
e v Fortezza, a cui s spesse volte
pon lIra acuti sproni,
e seco chi lacqueta e rende ancella;
e n pi soavi tempre
80 si vede Amor di rara nube in grembo,
e con lui Castit ne laureo nembo.
Ne laureo nembo in pi soavi tempre
non stringe e non infiamma
e non ha foco Amore e non ha ghiaccio;
85 e par chaltrove ei si dilegui e stempre
tra luna e laltra fiamma;
e qui dolce misura e dolce laccio:
onde talor saffida
vera Clemenza ne gli aurati seggi,
90 e quella che form lantiche leggi.
Lantiche leggi, onde talor saffida
Astrea, che dentro lalme
dal ciel venendo elegge il primo albergo;
poi la virt chin alto cor sannida
95 e spesso allori e palme
par che si lasce disdegnando a tergo,
in voi sempre dimora,
e visse gi fra cesari e gli augusti;
e la Costanza ha seco i premi giusti.
100 Co premi giusti in voi sempre dimora
quella ch luce e specchio
e duce e scorta a pi lodati ingegni;
e sotto i biondi crini omai sonora,
quasi canuto e vecchio,
105 il buon Consiglio che mantiene i regni;
poi cara e nobil coppia,
che de le cose frali e de le eterne
le secrete cagioni ancor discerne.
225
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
Ancor discerne cara e nobil coppia,
110 cha dove ascenda e voli
lultimo grado, ove discende il primo,
e, mentre chei lun vero e laltro accoppia,
rinnova spesso i voli
da limo al sommo o pur dal sommo a limo.
115 O Piet santa, o santa
Religione, e pi di luci dOrse
segni lucenti a chi nel ciel trascorse!
Nel ciel trascorse, o santa
Religione; e tu, chavvolgi e stendi
catena di splendori, in lei ci prendi.
1013
Monile de le laudi de la signora Margherita Gonzaga dEste, duchessa di
Ferrara.
Nel mar de vostri onori,
come sian margherite,
queste lodi ho raccolte e nsieme unite.
Lega il lor filo i cori;
brevi, ma belle sono;
5 picciolo s, ma prezioso dono.
Dunque, donna reale,
di gradirlo vi piaccia
perchio mai non mi stanchi e mai non taccia.
Dunque, donna immortale,
10 se di farne mingegno
nuovo monile, or non laggiate a sdegno:
perch di pregio eguale
non lucida gemma
a quella che vi pende e s lingemma;
15 n tra le brine e l gelo
ha raggi pi lucenti
stella che desti gli odorati venti.
226
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
N tra le brine in cielo
cos lalba fiammeggia;
20 e lei Titone, ella voi sol vagheggia;
e sovra il caro velo
vi sparge a mille a mille
minute perle e rugiadose stille;
e pare un lieto maggio
25 fiorir di vaghi gigli
a vostri piedi e di bei fior vermigli.
E pare un lieto raggio
arder ne bei vostri occhi,
onde pace e dolcezza e gioia fiocchi.
30 Occhi, quando erro e caggio,
la vostra chiara luce
m scorta graziosa e nobil duce:
luci, pi bel zaffiro
non vide sol n luna;
35 deh, non vi turbi il tempo o la fortuna!
Luci, pi bel desiro
non vide acceso mai
ad altri cos puri onesti rai;
n s mirabil giro
40 f la vergine Astrea
volgendo intorno o Cinzia o Citerea.
Occhi e luci serene,
occhi e luci beate,
pi bella via di quella via mostrate.
45 Occhi e luci, ripiene
di quel piacere ondio
talor me stesso e pi la terra oblio.
E voi, che le sirene
vincete, o casti, o chiari,
50 soavi accenti, e tranquillate i mari;
e voi, pietosi detti,
io per voi cerco a volo
lun mare e laltro e luno e laltro polo.
227
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
E voi, pietosi affetti,
55 in cui lalma gentile
fuor si discopre alteramente umile;
e voi, rubini eletti,
dAmor gioia e tesoro,
aprite un picciol varco a messi loro.
60 Tu, bella mano e bianca,
fra tuoi serici stami
o fra le gemme serba i miei legami.
Tu, bella mano, e stanca
di tesser gemme ed ostri,
65 prendi cortesemente i detti nostri;
e tu lo stil rinfranca
se dal soggetto ei perde,
che la palma e lalloro a te rinverde;
e non degno fonte
70 di lavar quellavorio,
chio di lodare e di mirar mi glorio.
E non degno monte,
l dove in treccia e n gonna
facciate dun bel tronco a voi colonna.
75 Pur a la bianca fronte
ed a dorati crini
fannombra spesso e lauri e faggi e pini;
e Febo a voi sospende
il giorno in su loccaso,
80 e par la Montagnola un bel Parnaso.
E Febo a voi discende,
sprezzando il mare, e n quello
di vostra gloria ei fa nido pi bello.
228
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1014
Loda i capelli de la signora duchessa di Ferrara.
N chioma dor cos pregiata e bella
da lodorato capo allor recise
la Greca, che l gran foco in Asia mise,
quando uccisa piangea lempia sorella;
5 n cos vaga limmortal facella
chalta regina in voto al ciel promise,
la quale in lui, che lieto a voti arrise,
divenne o fu creduta ardente stella;
come ora questa, che tra fosche bende
10 star non dee ricoperta, o pur non orni
funebre pompa o ver notturno cielo;
n mai brami con lui, chinvitto rende
il grande Alfonso in tutti i suoi ritorni,
cangiar la real testa e l caro velo.
1015
Loda la signora duchessa dumilt e l signor duca di magnanimit, di-
cendo che luno ha dato il nome al monte da lui chiamato monte Alfonso, e
laltra ode chiamar le stelle col suo nome.
Linvitto Alfonso ove l suo merto degno
alz lillustre nome e l diede al Monte,
e dalte mura incoron la fronte
per frenar de nemici orrido sdegno;
5 ma la vostra umilt nestima indegno
sasso che pi sinduri e pi sormonte,
e stia co nembi e con le nubi a fronte;
e potea darlo al gran celeste regno.
Perch la parte sua ch pi serena
10 pi rassomiglia in voi le pure luci
e l suo candor col vostro in van contende:
229
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
anzi, segli sinfiamma o rasserena,
ogni stella benigna a sommi duci
per nomarsi da voi pi chiara splende.
1016
Sovra la nana [Isabella] de la serenissima signora [Margherita dEste]
duchessa di Ferrara, bellissima di corpo e di mirabile ingegno.
O dalta donna pargoletta ancella,
o leggiadretto mostro
in cui si volle compiacer Natura,
questa s viva e giovenil figura
5 meraviglia pi gentil di quella
chanco per fama dura
e ne le carte e nel purgato inchiostro
che descrive i giganti al secol nostro,
per, che linvaghir del far paura
10 pi gradito effetto:
quelli odiosi fur, tu cara sei;
e il tuo cortese aspetto
vagheggiano i superni erranti dei.
E bench luno in cima a laltro monte
15 portar non osi o possa,
per altra nova strada al cielo aspiri,
mentre gli occhi ove infiamma i suoi desiri
alma reale e la serena fronte
de la tua donna miri,
20 scala pi degna assai dOlimpo e dOssa.
Avventuroso ardir, felice possa!
Fermare il guardo ne celesti giri
di s lucente sole,
e veder come intorno a s bei raggi
25 Amor saetti e vole,
e dire al ciel discopra altri viaggi!
230
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
Pur non discese in te fulmine ancora,
n turb state o verno
il bel seren, che par di paradiso;
30 ma con tranquille ciglia e dolce riso
ella tascolta e guarda, e suol talora,
se ti rimira in viso,
mostrarti segno nel piacer interno
quando tu prendi gli altrui detti a scherno,
35 s dolcemente chei riman conquiso;
o quando i vaghi passi
tu movi con s onesti e bei sembianti
chammollir ponno i sassi;
o pur, come angioletta, or suoni or canti;
40 o quando, ove son donne in bella schiera
e vagliono assai poco
le difese e gli schermi incerti e frali,
fai dolce piaghe a le maggiori eguali.
Tal ferir suole altrui picciola fera,
45 e pronto augel su lali
cader a picciol ferro, e picciol foco
arder gran torre; e, bench sol per gioco
Amor da te sparga faville e strali,
per gioco ancor saccende
50 spesso gran fiamma e fassi ampia ferita;
e spesso toglie e rende
per gioco il mio signore altrui la vita.
Fra s mirabil gioco il tuo bel nome
ognor cresce e savanza
55 e pari a pi famosi omai diviene:
perch de le tue luci alme e serene,
de le rosate guance e de le chiome
che fan quasi catene,
di quella piana angelica sembianza
60 onde cinviti alcuna volta a danza,
de larmonia chin pregio egual si tene,
parlar sovente sode
231
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
fra donne e cavalieri, ove si dia
onor verace e lode
65 a valor, a bellezza, a leggiadria.
Ma qual lode maggior che lesser degna
di servir lei, che tanto
di grazia e di favore a te comparte?
E, se Natura in te scherz, se larte
70 daccrescer sempre tua belt singegna
e lorna a parte a parte,
caro t sol perch le vivi accanto,
perch le piaci e sprezzi ogni altro vanto.
O fortunata, in fortunata parte
75 cos vien che tesalti
grazioso difetto, e chiaro albergo
in versi dolci ed alti
a te prepari chio polisco e tergo.
Picciola mia canzone,
80 vattene omai, che sei vaga ed adorna,
dove Amor con Ragione
e Cortesia con Onest soggiorna.
1017
Pargoletta Isabella,
picciola o grande nominar deggio
la tua belt chinfiamma il desir mio?
Ch picciola la fronte, il crin, le ciglia,
5 piccioletta hai la man, la bocca, il piede,
i passi, le fattezze, i bei sembianti,
gli abiti, il velo, i guanti,
la cameretta, il letticciuol, la sede;
ma pur gran meraviglia
10 fra tante cose picciole si vede,
e quel che rimirando io sento al core
non picciolo ardore.
232
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1018
Se talvolta io vi miro
cos picciola e bella
e nodo la dolcissima favella,
ben dir io non saprei
5 sa la perfetta giovenil beltate
la natura vi manchi o pur letate:
cos fra dubbi miei
mavvolgo e pendo, e dico ad ora ad ora:
Averne pi certezza il peggio fora!
1019
Quanta bellezza un picciol corpo aduna
in leggiadretta gonna e vaghi panni,
quanta ne copre un velo,
quanta ne scopre il cielo!
5 O bellissimi dubbi, oh cari inganni!
Oh scherzo di Natura e di Fortuna,
che di tutti i suoi doni e tutti i pregi
par che tadorni e fregi!
O trastullo dAmore,
10 o dilettoso gioco e dolce errore!
1020
Amor che non crescea,
crebbe, nato il fratello:
voi crescerete per amor novello,
voi che sete lamore o chi l somiglia,
5 amorosetta e vaga a meraviglia.
Ma gi navete il cambio, e gi vi tiene
fra diletti pi cari
donna reale, e cresce in voi di pari
il suo col vostro amore e ben conviene:
10 voi no, ma lieta e paga
siete di quella forma ond s vaga.
233
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1021
L dove sono i pargoletti Amori,
ed altri ha teso larco,
altri saetta al varco,
altri polisce le quadrella doro,
5 voi parete un di loro
scherzando in verde colle o n riva ombrosa
fra la turba vezzosa;
e se voi non avete auree saette,
le dolci parolette
10 e i dolci sguardi son facelle e strali,
e i bei pensieri in voi son piume ed ali.
1022
Voi sete bella, ma fugace e presta
come cervetta suole
che fugge per le selve oscure e sole
e cerca fiume o rio,
5 talch vi seguo indarno e vi desio.
Voi sete bella, ma s dura e fredda
come gelata fonte
in orridalpe o bel cristallo in monte;
n vi riscalda il foco
10 de miei sospiri, e sono acceso e roco.
Voi sete bella, ma fallace e ria
come scoglio tra londe
o lento visco fra le verdi fronde,
o n mezzo lerba il laccio,
15 soave mio ritegno e caro impaccio.
Voi sete bella, ma sdegnosa e schiva
come Dafne e Siringa
o saltra ninfa in bosco pi solinga,
o come lei chOrfeo
20 fugg sotterra o sotto al mare Alfeo.
234
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1023
O peregrina gru,
che porti guerra a miseri pigmei,
non mi furar costei;
ma se pur vuole il cielo in qualche stella
5 lei ch sempre fanciulla e sempre bella,
mandi unaquila almeno
che se la porti su nel bel sereno.
1024
Isabellina, non fuggir Grechino
che non can rabbioso,
ma cagnino amoroso;
e, bench spesse volte ei morda e stringa,
5 non genera furore,
ma suol destare amore,
e l suo morso dolcissima lusinga;
e quei che tu disprezzi
son dolcissimi vezzi.
1025
[A Grechino, cagnoletto de la duchessa Margherita dEste Gonzaga.]
Fedele animaletto,
se guardian tu sei
di s gentile gregge
damorosette ancelle
5 che tutte sono graziose e belle,
latra a notturni dei
chancor, come si legge,
scendono a furti; e fia maggior mercede
lavere albergo o sede
10 de lalta donna nel pudico seno,
che su nel ciel che pi di stelle pieno.
235
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1026
SAmore andasse a caccia,
Grechino a lato avria per suo diletto
e de le damme seguiria la traccia,
ch vago e pargoletto
5 questo come quello,
e leggiadretto e bello.
Vezzosetto Grechino,
se vuole il tuo destino
chAmor sia cacciatore,
10 caccia costei mentrella fugge Amore.
1027
Grechin, che su la seggia
stai de la mia reina
la quale bella pi di Proserpina,
non vengo per furarti,
5 n la catena io tegno
per condurti legato in altre parti:
dunque non latrar pi; frena lo sdegno
e lasciami passar sicuramente
che non toda la gente.
10 Taci, Grechin, deh! taci,
e prendi questa offella e questi baci.
1028
Amor, per chi tu fai
questa catena vaga?
Per Grechin, la cui fede
avanza il suo candor, come tu sai.
5 Ma segli di fuggir non pensa mai,
ch bisogna legarlo a questa sede?
Ei di portar sappaga
segno s bel di servit gradita
da lalta Margherita.
236
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
10 Amor, ma chi tinvita
ad esser fabbro dopre s leggiadre?
Fo larte di mio padre.
1029
Grechino, in molte parti
caro ti potria far la tua bellezza,
per chin molte parti ella sapprezza;
ma la f ti ritiene in un sol loco
5 dove sovente prende
donna real di te diletto e gioco:
fede e belt contende,
luna al piacer, laltra al servir intende;
e del servir onor la mercede,
10 per vince la fede.
1030
Grechin bello e fedele,
di mille furti la bellezza degna,
ma contro a ladri la tua f si sdegna;
e se luna linvita a le rapine,
5 laltra poi li sgomenta.
E dove il tuo latrar sascolti e senta
la man si arretra cha furar sinchine:
talch ti lascia, e trova in bel soggiorno
tante fedeli e tante belle intorno.
1031
Tra il Furbo e la Furbina
Grechino si pascea
sotto la mensa di terrena dea,
n bastava la fame a la rapina:
5 onde non ragion chegli si turbi
se gli avanza la preda in mezzo a furbi.
237
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1032
Tu nascesti di furto,
piccioletto Grechino,
ma fu certo felice il tuo destino.
Ch di furto non vivi,
5 n di rapina ancora;
e, se nutrito pur ne sei talora,
il cibo tuo, ma la fatica mia.
E tu la fuggi e schivi
nel dolce albergo ove gioir solia.
10 Lasso! bench di furto io non sia nato,
ho men benigno fato.
1033
Fugge una lepre in cielo e segue un cane
che non la giunge mai, n si rimane;
Grechin, tu non la segui e pur ne godi:
con s diversi modi
5 ora ti privilegia
la tua donna real che tama e pregia.
1034
O felice Grechino
or tanto pi di me quanto pi grati
sono de le mie rime i tuoi latrati:
abbaia, mentrio canto,
5 e desta col latrar pietoso affetto,
se pur ei dorme in quel cortese petto.
Scherza, chio scherzo intanto,
teco no, ma per te che far le puoi
cari i miei scherzi quando brama i tuoi.
238
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1035
Piange la morte de la Violina, cagnolina de la serenissima signora du-
chessa di Ferrara.
Fior, che sovente nasci
a bei sepolcri intorno
in cui la morte alberga e fa soggiorno,
oh! come tu somigli
5 il desiderio mio che l pi trasporta
dove la bella Violina morta;
dove riposa e giace
fra dolci violette in santa pace!
1036
Nel medesimo argomento.
Pianto soave, pianto
di luci pi soavi e pi tranquille
di chiare stelle, vaghe e pure stille,
quai lamenti o quai lodi
5 fecer s lieto mai lestremo fine?
Quai lagrimette dolci e cristalline,
o mesti e cari modi
ondebbe Violina ampia mercede,
onorata la morte e la sua fede?
1037
[Per una cagnoletta di nome Donnina.]
Cara la mia Donnina,
se tu fossi una donna,
piaceresti a messer pi cha madonna.
E mentregli pur teco si trastulla,
5 mentre ti porta in villa o tiene in letto,
mentre tiri gli stracci al poveretto,
239
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
o su la mensa o pur tappressa al petto,
brama che tu divenga una fanciulla,
s come ne la favola dEsopo
10 si f la gatta e corse dietro al topo.
1038
Celebra la signora Lucrezia dEste, duchessa dUrbino, non da le pompe
o da le bellezze del corpo, ma da quelle de lanimo.
Scettro, monil, corona ed aureo manto
ed aurei fregi e care gemme ed ostri,
vostre pompe non sono o pregi vostri,
n pur terrena gloria o picciol vanto;
5 n dolce sguardo o dolce riso o canto,
che laffetto del core a noi dimostri;
n fur materia a s purgati inchiostri
cristalli e perle damoroso pianto;
ma l vago spirto che dal ciel discende
10 e vola al ciel da la terrena salma,
e i novi e mansueti alti costumi;
e de la mente un vivo sol chaccende
tante belle virtuti in mezzo a lalma
in guisa di celesti e chiari lumi.
1039
Scrive a la signora Lucrezia dEste, duchessa dUrbino, mostrando che la
cagione che ritorniamo al cielo per tre strade: quella de lamore, de la musica
e de la filosofia.
Per tre sublimi vie sovra le stelle,
donna reale, ad immortal soggiorno
lalme sovente inviti al suo ritorno,
quanto veloci pi, tanto pi belle.
240
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
5 Luna con gli occhi illustri a par di quelle
chin ciel rischiara il portator del giorno;
laltra il tuo canto raddolcisce intorno
e rasserena i nembi e le procelle.
Ma per la terza poggia a Dio solinga
10 la peregrina mente e lalto ingegno,
che non si ferma al lusingar de sensi.
Cos tre care grazie altrui dispensi
alzata a volo nel celeste regno,
perchin tre modi un core a voi si stringa.
1040
Loda la mano e il ricamo de la serenissima signora Lucrezia dEste, du-
chessa dUrbino.
O bella man, che nel felice giorno
fra preziose gemme e dolci odori
il serico trapunto e i nostri cori
passavi insieme e saettavi intorno,
5 quando pria rimirai nel seno adorno
le variate forme e i bei colori:
E' prato dissi dodorati fiori
questo, cha gli altri fa vergogna e scorno.
Pur mi riscossi; e nel leggiadro velo
10 io riconobbi la mirabil arte
e dangelica man lopra ingegnosa,
simile a quella che figura in cielo
tante imagini vaghe e ben comparte
le chiare stelle ne la notte ombrosa.
241
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1041
Sopra il mal de gli occhi de la signora Lucrezia dEste, duchessa dUrbino.
I chiari lumi, onde l divino Amore
in due zaffiri se medesmo accende,
simili a quel che n cielo adorno ei rende,
or nube copre di sanguigno umore.
5 Nube vaga e crudel, crudele ardore,
s come laltro onde purpureo splende
alcun pianeta e in oriente ascende
che sparso di rosato aureo colore.
Ma pur chi tinge il rugiadoso velo
10 de le terrene stelle, e l novo aspetto
che ci annuncia di mesto e dinfelice?
Deh! se le gira Amor come suo cielo,
ei le sereni e queti il nostro petto
la bella luce angelica e beatrice.
1042
Ne listesso soggetto.
Questa nebbia s bella e s vermiglia
e pur s lagrimosa ed importuna,
Amor, come si stringe e si raguna
sotto le due serene e liete ciglia?
5 opera di Natura o meraviglia
che tu ci mostri? e se giammai digiuna
vista saffisa in lei, tosto simbruna
ed un vago balen vola e sappiglia.
E non perturba solo i nostri sguardi,
10 ma passa al core il dilettoso male
e gli spirti vitali accende e strugge.
242
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
Pur s dolce l languir chaltrui non cale
de la salute, e sospirando e tardi
ogni spirto gentil ne scampa e fugge.
1043
Ne la malattia de la signora Lucrezia dEste, duchessa dUrbino.
Giace lalta Lucrezia, e nsieme Amore
e nsieme Castit langue e Bellezza:
tal che onest Pietate accende e spezza
il ghiaccio dogni duro e freddo core.
5 E l mio sinfiamma e sente aspro dolore,
e la man desiosa or meno apprezza
i suoi leggiadri versi, ondera avvezza
dacquistarsi scrivendo eterno onore:
per che dar non ponno a lei salute
10 le gloriose rime e l dolce canto,
e bramo larti senza gloria o mute.
Ma chi fia degno di sederle a canto,
se fra mortali una immortal virtute
dal ciel non porta, e in gioia torna il pianto?
1044
Ne listesso soggetto.
Se l nobil corpo, ove n soavi tempre
lalta possanza sua mostr natura
e s dolce del ciel legge e misura,
or tutto fiamma e nulla par chil tempre,
5 maraviglia sar che non si stempre
ogni lucida stella e faccia oscura:
ah! s nova belt, luce s pura
non fia che spiri e splenda e piaccia sempre?
243
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
Ma segli pu languir, pu farci accorti
10 del patir di l su questa sua pena,
n l sol de la sua gloria ancor si vante;
ma lanima immortal fra mille morti
nel suo proprio dolore pi serena
perch la sua virt la fa costante.
1045
Ne la convalescenza.
I ministri di Morte erano intenti
a depredar perle, rubini ed oro
del chiaro viso e laltro bel tesoro,
e vaghi dingombrar gli occhi lucenti;
5 e con membra or gelate or con ardenti
lalta donna giacea chio tanto onoro,
quando santa Virt del sommo coro
sgombr gli ardori e l gelo e lombre algenti;
ed a lalma gi stanca aita porse,
10 vinti i nemici interni, e questa e quella
strinse i lacci che l duolo allenta e scioglie;
e leggiadria con maest risorse,
n pi Natura vinse o mai pi bella
spieg luce, colori e care spoglie.
1046
Per linfermit de la signora Lucrezia dEste, duchessa dUrbino.
Roche son gi le cetre e muti i cigni
al languir vostro e secco l lauro e l mirto,
e con languidi rai pallide stelle,
e lalba in manti oscuri od in sanguigni;
5 e pi si dole ogni gentile spirto,
244
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
e son discordi i venti e le procelle,
e par chaspetti di s breve guerra,
il cielo un novo sole, un fior la terra.
1047
Per la sanit ricuperata de la signora Lucrezia dEste, duchessa dUrbino,
con la quale si f buon tempo.
Ride la terra e ride il ciel sereno,
e rota il sol via pi lucenti raggi
e limmagine bella appar ne londe;
e rallentando i fiumi al corso il freno
5 cessan lire de venti e i fieri oltraggi
perchalloro non perda o ramo o fronde;
e con la vostra pace ha pace intanto
il mare e laria, e tregua il duolo e l pianto.
1048
Ne la dedicazione duna scelta di madrigali in musica a la signora don-
na Marfisa dEste, a istanza dun gentiluomo suo amico.
Queste note io vi dono,
Marfisa, e queste carte e questo inchiostro
e questa penna e questo spirto vostro,
e lalto nome, e l nume
5 a cui sacro lo stile, il cor, gli accenti:
degno cha quattro venti
il portin pi felici e bianche piume.
1049
[Ne listesso soggeto.]
Queste note son nove, e queste Amore
comincia in novi modi;
queste note son nodi
245
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
che mi fa la mia donna intorno al core,
5 anzi ella insieme ed io
facciam soavi lacci a l desir mio;
e li stringe il piacere e la speranza,
tal che di libert nulla mavanza.
1050
Loda la signora donna Marfisa dEste Cybo, marchesa di Carrara.
Ha gigli e rose ed ha rubini ed oro
e due serene stelle e mille raggi
il bel vostro purpureo e bianco viso:
onde sua primavera l suo tesoro,
5 e gemme i vaghi fiori, e lieti maggi
lucide fiamme son di paradiso;
ma l pi bel pregio la virt de lalma,
ch di se stessa a voi corona e palma.
La natura varm, bella guerriera,
10 e strali sono i guardi e nodi i crini,
e le due chiare luci ambe facelle;
e n vostro campo ne la prima schiera
lonor, la gloria, e stanno a lor vicini
gli alti costumi e le virtuti anchelle;
15 ed un diaspro intorno il cor vha cinto,
e voi sete la duce, Amore il vinto.
1051
In lode de la signora Marfisa dEste.
Guerra il bel nome indice; abbaglia il lampo
de begli occhi sereni; il guardo accende:
varma la castit; lonore in campo
contra Amor vi conduce; Amor si rende
5 e dice: Io qui non ho difesa o scampo,
se con quellarme, ondio feria, mi prende
246
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
e mi stringe a legami ondaltri vinsi;
e da lei perdo, ove per lei gi vinsi.
Vostri sono i trofei, le faci spente
10 dAmor, larco spezzato e rotte larmi;
e segli prese mai folgore ardente,
voi glie l toglieste: or si figuri in marmi,
e con lali vermiglie e dor lucente
il cinto de la madre, e scriva in carmi:
15 Spoglie dAmore, o dea chai lelmo e lasta,
sacra Marfisa a Palla, e casta a casta.
Per voi saccresce de le Muse il coro
e de le Grazie ancora e de le stelle,
e l sol non pi sol come solea,
20 ma corona vi fa di raggi e doro,
santa belt fra le pi caste e belle;
e n terra sete omai terrena dea,
e l valor vostro vi pu far celeste
fra mille eterne luci a voi conteste.
1052
Loda Belvedere e Belriguardo.
O due gioie dAmor, due fiamme vive,
due faci ardenti, anzi due lucidi occhi,
onde un soave nembo avvien che fiocchi
fra lacque fresche e le bellombre estive;
5 da questi rami in queste ombrose rive
fece gli strali a ci nel cor mi tocchi,
che di nova dolcezza ognor trabocchi
e qui del suo piacer si ciba e vive.
Ma su laurora i desiosi invita
10 a Belvedere il primo, e non predice
tanti perigli chio ricerco e temo;
247
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
e laltro alletta con belt fiorita,
ma quasi guerra il suo bel nome indice
a chi dAmor si guardi in su lestremo.
1053
A Belriguardo.
Reale albergo, il lungo tempo oscura
le imagini diverse e lopre antiche
onde col vago suo dipinta Psiche
talor non si discerne e raffigura.
5 Ma questo vero amor, dalma natura
bel magistero e de le stelle amiche,
e le fiamme s caste e s pudiche
ben riconosci e lor dolce misura.
Per che lostro, ond l bel viso adorno,
10 lagrima ancor non bagna o discolora,
n tempra il fiammeggiar del bel sembiante.
Ma chi lali limpenna a ci ritorno
faccia dove altra Psiche oggi dimora?
Ah come instabil fugge Amore amante!
1054
Al signor Alessandro dEste.
O fanciul dalto ingegno, in mezzo a londe
nacque la dea che Pafo onora e Gnido,
com di chiara fama antico grido,
ed ama ancora il mare e le sue sponde.
5 N sol fra rozzi tronchi e verdi fronde
di vaga selva ella fa dolce nido,
ma n cavernoso scoglio e n salso lido
col pargoletto suo talor sasconde.
248
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
Quinci il Ciclope Galatea fugace
10 chiama da unalta rupe, e dentro a lacque
damore ardon le foche e le balene.
E se gi celebrai col canto audace
i boschi ombrosi, e l canto audace piacque,
piaccia sesalter lapriche arene.
1055
Scrive al signor don Alessandro dEste che, se desidera chegli canti de
lamore dalcun pescatore o pastore, il ponga ne le selve o ne le valli di Comacchio.
O nato di gran duci, o figlio santo,
pargoletto Alessandro, indarno brami
chio canti uom rozzo che vaneggi ed ami,
e che sia fra tuoi scherzi il nostro canto.
5 Altri lungo un bel fiume o pure a canto
a vivi fonti e sotto a verdi rami,
o pur fra scogli ed onde e reti ed ami
dAmor si dolse e sospir nel pianto.
Io de gli altrui (perch molti anni prima
10 fur gi favola i miei) non par che possa
cos lunge da boschi e da le rive.
Pommi, ch tempo, ove la verde cinta
di folta selva mormorando mossa
ed il placido mar da laure estive.
1056
Mostra al signor don Alessandro dEste come gli debba esser lecito din-
nalzare lo stile pastorale.
La vecchia fama ne le selve ascose
gli antichi dei sotto terrestre velo,
quasi mortali a soffrir caldo e gelo,
e Febo de gli armenti a guardia pose;
249
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
5 e chi form le stelle e le dispose
e raccoglie le nubi e scote il cielo
fece mugghiar con molle e bianco pelo
ne gli antri oscuri fra le piante ombrose;
n fu senza ragion, perch talvolta
10 chi divo assembra, dove Amor lo stringa
vien che ne boschi fugga e si ripari;
e sa le selve io torno, a chi mascolta
de la sampogna mia chaltrui lusinga
convien che lumil suono alzi e rischiari.
1057
[Loda il signor don Alessandro dEste.]
Pargoletto Alessandro,
tu spiri dognintorno un dolce ardore,
s che vi perde Adone ed Amaranto,
e quello che di lagrime gi nacque
5 o chi mor su lacque;
e nato non sei gi damaro pianto
o di sanguigno umore,
ma del pi nobil seme
chabbiano lalte selve e gli alti monti
10 o questi lidi s famosi e conti:
o fior novello, o speme
di queste nostre rive,
cresci felicemente a laure estive.
1058
Loda il signor don Alessandro dEste det assai tenera per laspettazione
chei d di lui.
Come nel fiore il frutto, e nel mattino
quando esce chiaro doriente il sole
giorno seren lodar cantando sole
il navigante lieto o l peregrino,
250
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
5 cos lodo Alessandro, omai vicino
a quellet che per amor si dole
ne la speranza, mentre onora e cole
gli avi famosi e segue il lor cammino,
in cui molto savanza; e gi previene
10 con gli anni il senno, e con la dolce vista
d felice presagio al forte padre;
e degno del gran nome, e lalta spene
pregio gli aggiunge e quel favor gli acquista
che porge ardir ne lopere leggiadre.
1059
Loda il calore e lindustria del signor don Alfonso dEste con loccasione
duna sua andata a lIsola dove vide i suoi conigli.
Timidi animaletti, a cui linterne
strade son ciechi alberghi in ampia terra
che dentro a lalto sen vasconde e serra
l dove occhio mortal non mira e scerne,
5 la naturale industria e le caverne
pu superar linvitto Alfonso in guerra
con larte che le mura eccelse atterra
e le torri pi forti e pi superne;
ma lanimoso core a sdegno prende
10 locculte insidie, e sotto il ciel aperto
il suo valor sovente ancor dimostra.
Me dunque, che l timor gelido rende,
darme non gi, ma dumilt coperto,
or fra voi celi questa ombrosa chiostra.
251
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1060
Scrive a la signora marchesa di Pescara, la quale egli vide con la faccia
coperta dun velo nero.
Donna real, quel d che l negro velo
i bei vostri sembianti a me coperse,
al mio pensier con maest sofferse
da la divina sede il Re del cielo,
5 e parve dire: Io, che la feci, or celo
questa viva figura, e chi la scerse
da le cose terrene a me converse
la mente accesa del mio santo zelo.
E cotanto le cede ogni altra imago
10 la qual si veli in sacro tempio e scopra,
quanto a fabro immortal mortal pittore.
Pur voi passaste, e s mirabil opra
non vidi, e daltra in terra io non mappago,
ma in ciel mi guida a contemplarvi Amore.
1061
Loda la giustizia del signor duca di Mantova.
Astrea discesa fra mortali in terra
sublime albergo in te ritrova e prende,
n s alto giammai la frode ascende
che giunga al muro il qual la cinge o serra;
5 e chi noia le fa vaneggia ed erra,
n tanto lei, quanto se stesso offende;
e sta cos lontan mentre contende
come dal ciel chi fece ingiusta guerra
Pelio mettendo sopra Olimpo ed Ossa;
10 n la turbano i venti e le procelle
de nostri affetti o ver de nostri affanni.
252
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
Pur quando il mio pensier salza a le stelle,
a lei perviene; ed ragion che possa
poggiar la fede ove non sono inganni.
1062
Loda il signor duca di Mantova e tutta la sua casa.
Quale in diversi rami nobil pianta
e fonte in pi dun rio diviso e sparso,
o lume in ciel con mille raggi apparso
cui nebbia non ricopre o nube ammanta,
5 tal l tuo sangue, e non se n gloria e vanta,
n fu mai di se stesso avaro e scarso:
chi dunque pi di quel chacceso ed arso
lasci limperio dAsia il loda e canta?
E tu sei quasi tronco e salda sterpe
10 e gran fiume e splendor fra tanti illustri
per cui lItalia e Francia oggi savanza;
e quanto l corso de passati lustri
e la memoria lor che non si sterpe,
tanto si stende ancor lalta speranza.
1063
Al signor don Ferrante Gonzaga.
Quanto il forte avo tuo di luce prese
da linvitto suo padre e di splendore,
tanto gli aggiunse, onde lantico onore
col novo crebbe e sino al cielo ascese;
5 e se di gloria son dolci contese
tra l padre e l figlio in cui per sommo amore
il gran figlio si vanti esser minore,
furon tra loro e sol virt laccese.
253
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
Ben stirpe gentil deroi felici
10 onda voi tutti, che di lei nasceste,
passa il valore e la memoria e l nome;
e sembra pianta cherga al ciel le chiome
sprezzando i venti, i nembi e le tempeste
non men che stenda in gi le sue radici.
1064
Loda il signor don Ferrante Gonzaga.
Ben felice e fortunato erede
di magnanimo padre e davi egregi
il buon Ferrante, che dantichi pregi
s gloriosa eredit possiede;
5 e se nadorna s chomai non cede
a duci invitti ed a possenti regi,
e tanto fa pi belli i ricchi fregi
quanto pi spesso invidiar li vede.
E mentre accresce pi le glorie prime
10 con le seconde lodi, e laurea spada
ereditaria a lalta penna aggiunge,
per correr doppia via tardo non giunge;
n chi tiene sol questa e quella strada
orme pi certe o pi veloci imprime.
1065
Scrivendo al signor don Ferrante loda lui e la sua illustrissima casa ne la
quale sono fioriti eccellenti scrittori.
Larme e gli scettri imperiosi e gli ostri,
e le vittoriose e sacre palme,
e mille ricche prede e mille salme
tolte a gli empi di Dio nemici e nostri,
254
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
5 lopre maggiori assai che vinti i mostri
e gli alti fregi de le nobili alme,
son glorie di tua stirpe antiche ed alme;
ma pi nove la penna e i colti inchiostri.
Stirpe reale gloriosa e bella,
10 che dare a nomi altrui pu chiara luce
e del proprio valore ornar le carte!
Altri raccoglie i chiari ingegni, ed ella
li nutrisce nel grembo e li produce,
e quel congiunge chin altrui comparte.
1066
Loda alcuni madrigali del signor don Ferrante Gonzaga.
Onde vien larmonia
de glinsoliti accenti,
e de bei mandriali il dolce suono?
Forse, come solia,
5 pasce Febo gli armenti
e suo frondoso albergo i boschi sono?
Ch rime paion queste
di mandrian celeste.
1067
Nel medestmo argomento.
Se pi gentili spirti
sono mandra dAmore
che li pasce damaro e dolce pianto,
tra vaghi lauri e mirti
5 merita novo onore
de mandriali tuoi laltero canto:
per che sono degni
del mandrian de pellegrini ingegni.
255
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1068
Loda la Enone del signor don Ferrante Gonzaga.
Questo di Troia simulacro e questa
bella imagine dIda,
stanza di mille amanti occulta e fida,
in cui visse Alessandro,
5 fra le gregge e gli armenti;
coprono i boschi a voi Xanto e Scamandro,
ma ben potete udirne i chiari accenti,
e me vedete Enone. Io non rimango,
e mi lamento e piango
10 sol de lantico, e seguo un altro duce
che seco mi conduce
e di sua mano adorna; e n s verdi anni
discopre nova fede i vecchi inganni.
1069
Ne listesso soggetto.
Ida, e voi fronde e rami,
chignude membra contrastar vedeste
di bellezza celeste,
verdi seggi fioriti ombrosi e foschi,
5 altro pastor, ma nato
deroi pi gloriosi, onora i boschi,
non come l primo, ingrato;
e perch lasci a tergo
le care selve e l lor frondoso albergo
10 e cerchi novi monti e nove arene,
dEnone egli pur vago e n sen la tiene.
256
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1070
Ne listesso soggetto.
Io piansi ne le selve
e con lamara pioggia accrebbi il Xanto;
or sul Mincio raddoppio il dolce pianto,
ninfa dolente e bella;
5 e mi calzo il coturno
in un seren notturno
al lume di facella,
anzi di mille lumi e mille faci.
Gente che ascolti e taci,
10 io gi cedeva a peregrina amante;
or il mio buon Ferrante
vuol chio contenda seco e venga a prova
con le figlie di Priamo e con le nuore;
e n guise mi rinnova
15 chio vinco darte come gi damore.
1071
Ne listesso soggetto.
Fu gi favola antica
Troia ed Argo e Micene,
e l Ciclope e Caribdi e le sirene;
ma gi quel foco spento
5 che limperio troian distrusse ed arse,
e le ceneri sparse
furo al soffiar del vento.
Or quella vecchia fama
ringiovenisce quasi in dolci rime
10 con un suo stil sublime
il mio signor, chamante io dir non oso
se ben monora ed ama,
e l mio foco amoroso
con lincendio di Troia anco raccende,
15 e con le fiamme sue la mia risplende.
257
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1072
Ne listesso soggetto.
Liete selve e spelonche,
Pari questi non , che non ha pari
o canti in verde chiostro o solchi i mari;
e mentre in s pareggia
5 il valore e la fede,
fuor di s tutto vince e tutto eccede
larte e lo stile adorno
quanto si mira intorno;
n spoglia di tesori antica reggia
10 e torna senza furti e senza prede,
ma non senza vittoria al bel soggiorno.
1073
Gi in sogno non fu mostra
una fiamma nascente allor che nacque
questa face di gloria in riva a lacque,
forse perchella non distrugge i regni,
5 n porta crudel guerra,
n rapita belt da strana terra;
ma di fervido amor chi scopre i segni?
chi mille versi e mille
desta fochi e faville?
10 dove sono i presagi
de lamoroso incendio, o stelle, o magi?
1074
[In lode di donna Vittoria Doria Gonzaga.]
Tutte paion trofei
queste frondose piante,
sacre a la gloria del minor Ferrante.
Tutte le verdi foglie
258
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
5 pendono in vece pur deccelse spoglie.
Ei qui vinse la morte e non imbruna
lombra la sua vittoria o la fortuna, ma fia illustre il lor nome
sin che dispieghi il bosco ombrose chiome:
qui la rende immortale
10 e tutte le sue penne a lei son ale.
1075
Di tutti i nostri affetti
ebbe costei vittoria; e mentre vinse non si macchi n tinse.
Per di bianche spoglie tutta adorna,
anzi tutta candor, le voglie e lopre
5 e quanto cela o copre;
e pi belle fa lombre in cui soggiorna,
pi belli i fiori e lerbe,
e le piante pi fresche e pi superbe.
1076
Fama, se tu sei stanca
del tuo suono e del grido,
mentre volando vai di lido in lido
e Vittoria e Ferrante in mille modi
5 canti, descrivi e lodi;
a questi tronchi lale omai sospendi,
e ti spazia o riposa
in questa parte ombrosa;
e se l famoso volo unqua riprendi,
10 d: Costui mi sostenne
e minsegna a volar con le sue penne
1077
[Per la stessa, alla pesca.]
Non fu colpa il mio colpo
de la mano o del core,
ma fallo di Fortuna, anzi dAmore:
259
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
luna sospinse il pesce
5 e laltro il prese; e lamo
e lesca fu colei chonoro ed amo.
E parea dir: Men di morir mincresce,
ma desser muto a gran ragion mi duole:
avessi almen sospiri.
10 tanti quanti ho desiri,
e, quante onde vedea, baci e parole!
1078
[Nel medesimo soggetto.]
Il pesce che vi colse
n di morir, ma di cader si dolse,
pens, come potea:
E' questa ninfa o dea?
5 dea, dea certo mi pare
e bellissima ancor fra le pi belle,
o sia nata fra londe o fra le stelle.
Io ritorno in un mare
di bellezza infinita
10 a fornir la mia vita,
o pur me n volo al cielo
e questa luce del signor di Delo!
1079
[Per la stessa, alla caccia.]
Dove corri, o superbo?
Nemico non son io,
n di ferir, ma di baciar desio.
Le tue lusinghe sono in vece dire,
5 per si d gastigo al troppo ardire,
Non ricuso la pena,
o sia di servitute o di catena;
260
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
e se fosse la morte,
loderei la mia sorte
10 pi del leon chun altro sole accoglie.
Non mostri di morir, chai dure spoglie.
1080
[Nel medesimo soggetto.]
Dove corri? a la morte? Anzi a la vita,
perch dov beltate
spero trovar pietate.
Forse non pensi esser da lei ferita?
5 Ma non saran mortali
le sue dolci percosse e i dolci strali.
Non sai comempia larco e come scocchi,
n solo co begli occhi,
ma con la mano ancida
10 questa, che voi di morte e noi gi sfida?
Almen corro a la gloria,
ch fia bello il morir per sua vittoria.
1081
[Nel medesimo soggetto.]
E' vostra ninfa, o boschi,
questa leggiadra, o pur di questo lago
chiaro, lucente e vago?
o de fiumi o de fonti?
5 o del mare o de monti?
o dea scesa dal cielo in verdi rive?
Ma se vince le ninfe, anzi le dive,
e inerme vince Amore,
sola Vittoria: a lei facciamo onore.
261
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1082
[Nel medesimo soggetto.]
Deh ferma, ferma il tuo ribello, Amore,
che fugge dal tuo regno
ed ha seco il mio core:
fa che mi renda il mio fidato pegno,
5 ma non tardar, chio moro! Ei sallontana;
vola veloce, affretta
prima chei giunga in parte pi lontana:
ch se non fai di me, signor, vendetta,
ecco di te si gloria
con la sua crudeltade aver vittoria.
1083
Loda il padre Gonzaga, figliuolo del signor Carlo da Gazzuolo, il quale
lasciando la corte di Spagna si fece frate zoccolante.
Signor, che fra le palme e fra le spoglie
nascesti e fra trofei de gli avi egregi
che agguagliar ponno de Romani i pregi,
se invidia a lopre nostre onor non toglie,
5 col chiostro umil, chi tuoi seguaci accoglie,
superbi tetti de possenti regi,
e con povere vesti aurati fregi
cangiasti e vane con oneste voglie.
Felice te, cha le bellezze eterne
10 s tosto alzasti gli occhi, e i tuoi vestigi
volgesti al cielo e buon sentier ne mostri!
E se lume divin per noi si scerne
fra le tenebre umane, in panni bigi
risplendi pi che alcun fra larme e gli ostri.
262
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1084
Sopra il padre Gonzaga, generale de frati minori.
Gi tu fuggisti a lunghi passi il mondo
e fuggendo il vincesti, o nobil alma,
e fu la fuga tua vittoria e palma
che salza pi quanto pi grave il pondo.
5 Ma, qual cerchio da cerchio in mar profondo
formar veggiamo e salma aggiunta a salma
nave immerge talor ch tutta spalma,
cos dal primo nasce il mal secondo.
Cos rischio da rischio annoda e tesse
10 quellantico avversario: or chi ne scampa,
se non , come tu, possente e scaltro?
Dunque lui vinci e le tue voglie istesse,
e ncontra lor mille virtuti accampa:
non dee pi bel trionfo aver un altro.
1085
Loda il signor Ranuccio Farnese, figliuolo del signor principe di Parma.
I tuoi grandavi e gli altri, onde Farnese
con gloriosa fama oggi si noma,
i quali dostro e doro ornar la chioma
ed ebber lalme al ben oprar intese,
5 fra tante grandi ed onorate imprese
per cui felice fu lItalia e Roma,
pregiaro ogni bellarte ed idioma,
e l nostro se naccrebbe e n pregio ascese.
E se maggior per laltre, almen pi chiari
10 furon per questa laude; e chi senzella
non resta alfine entro loblio profondo?
263
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
Ma tu, chin quelle sei vicino o pari,
in questa, ch s antica e pur s bella,
vincer li tenti ed illustrare il mondo.
1086
Loda listesso signore.
De gli avi tuoi, chama lEuropa ancora
e treman glIndi e gli Etiopi estremi,
per volger danni non sar che scemi
la fama che taccende e tavvalora,
5 Ranuccio; e ripensando in lor talora,
da ciascun lato scorgi alti diademi,
ed aurei scettri e tai illustri premi
onde umana virtute il cielo onora.
Ma nulla antico onor doneste voglie
10 il tuo cor giovenile or tanto avvampa
quanto del padre tuo la nova gloria,
che dianzi riport s ricche spoglie
da loriente, or presso il Reno accampa
e cerca ne loccaso altra vittoria.
1087
Loda la signora duchessa di Parma.
Gemma de loccidente, anzi del mondo,
tesoro e gloria de linvitto padre,
luce che scacci lombre oscure ed adre,
mar di gran senno e di valor profondo;
5 nata del quinto Carlo, a cui secondo
rimase il primo in opre alte e leggiadre,
figlia pia, casta moglie e santa madre,
col ciel partisti il glorioso pondo:
264
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
perch se lun quaggi splende e riluce,
10 laltro le stelle illustri, e non si vanti
due soli in un sol tempo aver la terra;
pur ambo gli hai nel core e nei sembianti,
e come vive col fratel Polluce
luno ne laltro, e luno e laltro in guerra.
1088
In morte de la signora principessa di Parma.
Le vittorie de gli avi e le corone
ti facean lieta e la tua propria altezza,
valor, senno, onest, fama e bellezza,
quando Morte il viet, chaltrui soppone,
5 qual torbido Austro o gelido Aquilone
a perturbar sereno stato avvezza,
o tempesta chimmerge il legno e spezza
mossa dal pigro Arturo o da Orione;
e veder non potesti, ahi dura sorte!,
10 del tuo sposo fedel le chiare palme,
e lalta gloria duna e daltra guerra.
Ma non ti vinse nel morir la Morte,
spirto immortale, e con le nobili alme
trionfi in cielo or chei trionfa in terra.
1089
Paragona la signora Isabella Farnese ad Elisa, preponendola ne la bellez-
za, ne la virt e ne la felicit.
Quanto gi laltra Elisa al duro amante
bram che fosse il vento e il mar nemico,
quando nel regno di Latino antico
cercava sede il peregrino errante;
265
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
5 tanto costei col suo real sembiante
e col pensier s casto e s pudico
rende a giusti nepoti il cielo amico,
per cui lAfrica trema e l vecchio Atlante.
Nova e pi bella e pi felice Elisa,
10 che non accusa il su amator crudele
o inganno avaro del fratello infido;
al cui pregar si placherebbe in guisa
chindietro ancor riporteria le vele
Zefiro ed Austro da contrario lido.
1090
Descrive la devozione e la bellezza de la signora Clelia Farnese.
Rivolse Clelia sospirando al cielo
gli occhi sereni, e nel mutar sembiante
simigliar fiamme le bellezze sante
sovra il nostro indurato e freddo gelo;
5 e parve dir con amoroso zelo:
Perch pi tardo, peregrina errante,
di far a te ritorno, o primo Amante,
lasciando il mio caduco e fragil velo?
E co sospiri e co soavi detti
10 quasi rapito fu lo spirto vago
da quel terrestre nel celeste tempio.
Chi vide mai qua gi pi bella imago,
dangelica belt? pi chiaro esempio
davere a scherno il mondo e i suoi diletti?
266
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1091
Al signor Marco de Pii.
Marco, la stirpe tua, perch sillustri
del glorioso nome e de linsegna
di tal chantica e vincitrice regna,
quasi savanzi per girar di lustri,
5 il suo conserva, e n lochi imi e palustri
e n vaghi monti lo scolpisce e segna,
e per se stessa tal che non la sdegna
la reina del mar fra le pi illustri.
Tu, perch lun risuoni e laltro nome
10 a te s chiaro, e con s ricchi fregi
questarme e quella sorni e si colori;
stima che dure siano e gravi some
a nipoti de gli avi i chiari pregi
quando propria virt non se nonori.
1092
Al medesimo.
Nel gran teatro ove lumana vita
la tragedia, e con gli dei celesti
lopre rimira il sol, Marco, sedesti
ne la parte pi degna e pi gradita;
5 e nobilt di stirpe in te saddita,
e pompa ed oro onde ti fasci e vesti,
e leggiadria che da primi anni avesti,
quasi un bel pregio de let fiorita;
e sparge il tuo valor lume sereno
10 come sparsa di pure e lucidonde
ne loriente lamorosa stella:
267
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
s che tanto di gioia ingombro e pieno
quanto mirato miri, e nulla asconde
la virt, ch pi grata or ch pi bella.
1093
Al medesimo.
Esservi delmo in vece e darme elette
pu la vostra bellezza e far difesa,
che non dubbia al vincitor limpresa,
se per lui spende Amor lauree saette,
5 Ma vi cal daltra fama e vi promette
pi bei pregi, signor, daltra contesa,
lalma di gloria e di virtute accesa,
che lali per volare impenna e mette.
E mentre cortesia quinci si spiega
10 e quindi nobiltade in voi traluce,
la fresca etade i vostri onori adombra,
come fior, che fil doro avvolge e lega,
son pria nel ramo, o come nova luce
che lascia in parte la rugiada e lombra.
1094
Al medesimo.
Marco, che davi gloriosi al mondo
scendesti e nodi anco la chiara fama,
cha la strada sublime altrui richiama
da laghi averni e da loblio profondo,
5 il pregio di piet non secondo,
n risuona men lunge e pi si brama:
sallo quel che Creusa indarno chiama
e porta fra nemici il caro pondo.
268
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
Tu di pia stirpe e nota, ove sinchine
e salzi il sole hai di sua gloria ancora
10 vive carte e sepolcri impressi e scritti.
E dopo lalte fiamme e le ruine
e di Troia e di Roma, in te sonora
nome dantichi eroi, dAugusti invitti.
1095
Al medesimo.
Marco, il vostro destrier quando pi corre
frenar potete e rivoltarlo in giro;
ma chi ritiene il rapido desiro
o pu di sdegno ardente il fren raccorre?
5 Il mio pur mi trasporta, e se trascorre
per breve spazio, a gran ragion madiro;
ma gi di penitenza, onde sospiro,
gli ho fatto un morso e si pu altrui ben porre.
E l volgo al Sol che da leterne menti
10 illustra lalme, ed, oim lasso!, imbruna
nel mezzo giorno mio turbato raggio.
Voi, che avete pi destra alta fortuna,
a rai purpurei e n pi bel d lucenti
laltro volgete: oh bello, oh forte, oh saggio!
1096
Commenda la signora Camilla Pia, la qual fuggendo il mondo e chiu-
dendosi in un monistero ha consecrato a Dio la sua verginit.
Vergine Pia, che l glorioso nome
de tuoi maggiori e larme e l dotto inchiostro
non f superba, o pompa ed oro ed ostro,
ma le spargesti quasi indegne some;
269
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
e troncasti le belle e chiare chiome
5 e ti chiudesti in solitario chiostro,
e l mondo iniquo e lavversario nostro
e le sue frodi e le sue forze hai dome;
qual vaghezza di lauro o qual di mirto
stanco minvoglia ancor? perch non vegno
10 dove tu brami aver celeste palma?
Deh! tu mi sprona, e con lardente spirto
infiamma il cor gelato e l pigro ingegno,
e pera il corpo ove trionfi lalma.
1097
A la medesima.
Vergine bella, che le voglie oneste
offristi al tuo Signor e lopre sante
e l cor pudico e l tuo pensier costante
sacro velo prendendo e sacra veste,
5 terreno sposo di belt celeste
e di pregio immortal mortale amante
non parea degno, tal che l mondo errante
fuggisti e latre sue fere tempeste;
e riparasti, come in queto porto,
10 dove non move lanima tranquilla
daffetto umano aura turbata o gelo,
ma di spirto divin dolce conforto;
e violenza fai, mentre sfavilla
non a la terra sol, ma nsieme al Cielo.
270
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1098
la signora Vittoria Pia.
Mentre natura ed arte in voi contende,
anzi sagguaglia in voi, n vince alcuna,
voi sotto l cerchio de la bianca Luna
tutto vincete quanto a noi risplende
5 Anzi voi sete la vittoria, e prende
il freno Amor, n lonestate imbruna;
n macchie egli vi sparge o rea fortuna
chognor vi segue e sol da voi dipende.
Tinge laltre vittorie e i cari pregi
il sangue ostile, e, qual leon il vello,
10 orna la crudelt temuti regi.
Voi sete pia, voi questo nome e quello
portate al ciel: le vostre palme e i pregi
senza onta sono e l vostro onor pi bello.
1099
In lode de la signora Barbara Pia.
Natura mille pregi al Franco tolse,
mille palme a lIbero ed al Germano,
e ne lultima Tile a loceano,
Barbara, quando voi far bella volse;
e spogli Grecia e Roma, e l fior ne colse,
5 sparsi i lor doni in voi con larga mano;
e per ornarne un pio sembiante umano
si mir nuda Europa e non se n dolse;
ma si meravigli chi primi onori
scorse e lantica gloria, e fussi accorta
10 che virt non estingue i suoi splendori;
271
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
e lei chin sen lo sposo asconde e porta
vide, e con Porzia e co suoi casti ardori
Lucrezia senza ferro in voi risorta.
1100
Al signor Alderano Cybo Malaspina, marchese di Carrara.
Alderano, or che giungi ove lincerto
sentier di nostra vita n duo si fende,
per lo sinistro chal piacer discende
deh! non ti torca il pi non anco esperto;
5 ma prendi laltro solitario ed erto
ch dritto al poggio in cui virt ci attende,
e se molto sudor per lei si spende
d nobil premio al faticoso merto.
Questo de gli onorati alti vestigi
10 de tuoi maggiori sparso, e quel non segna
orma di gloriose altere piante;
e, sorma in lui dalcun famoso amante,
gran senno fa chi di seguirlo sdegna,
perchindi vassi a laghi averni e stigi.
1101
Al medesimo.
Perchaltri popol freni aspro e guerriero
col timore e con larme e i suoi confini
lunge distenda, e dor circondi i crini
e di scettro real se n vada altero,
5 men possede di te che lamor vero
de fidi tuoi possedi, e da vicini
li difendi col senno, e sol linchini
al successor di Cesare e di Piero;
272
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
e conti ancor fra tuoi maggiori egregi
10 che Roma crebbe al secolo vetusto
un chadoraro i grandi augusti e Roma.
Ma chi di ci ti loda, onora i pregi
de gli avi; onora i tuoi, chi forte e giusto
e saggio e pio, come tu sei, ti noma.
1102
A don Giovanni de Medici.
Fra quellopre chal tempo illustre oltraggio
fanno e faranno ancor perpetua guerra,
nessuno f di voi pi bello in terra
Cosmo, che fu s forte e giusto e saggio.
5 E voi foste lestremo e l pi bel raggio
de la sua chiara luce, e poi sotterra
fu posto il corpo, e quel che nulla atterra
prese verso le stelle altro viaggio;
e quinci or mira la sua tomba e il tempio,
10 ora impressi metalli e sculti marmi
ond limperio di Toscana adorno;
or le palme, i trofei, linsegne e larmi;
ma de la gloria sua non vede intorno
s nobil simulacro e vivo esempio.
1103
Al medesimo.
Non si poteva ornar di novi pregi
vostra progenie e l fior dinvitta gente,
perch di tutti adorna, anzi lucente,
quanti nornaro i peregrini egregi:
273
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
5 quanti i famosi augusti e i primi regi
che spiegaro a loccaso, a loriente,
a la fervida terra ed a lalgente
le gloriose pompe e gli aurei fregi.
Gli scettri e le corone e il verde lauro
10 che s felici e verdi i rami spande,
fatto han pi verdeggiar da lIndo al Mauro.
Per, nulla giungendo al sangue vostro,
opra in voi f Natura eccelsa e grande
dantica maraviglia un novo mostro.
1104
Al cristianissimo re di Francia.
Questo nuovo teatro, e qui son larti
i vari gradi onde si poggia e scende;
e qui lingegno col saper contende,
e piene son le somme e lime parti.
5 Greci, Latini, Persi, Arabi e Parti
fanno silenzio e luniverso attende;
e gi canta la Gloria e gi sintende:
Tu, grande Enrico, i premi altrui comparti.
Tu, magnanimo re, non prendi a sdegno
10 i giuochi celebrar, la pace e larmi,
mentrei del nome tuo cos rimbomba.
N mai romano augusto il f pi degno;
n furo uditi pi leggiadri carmi
al suon di cetra o di famosa tromba.
274
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1105
Loda il signor cardinale dAragona.
La spada, che la terra e l mar gi tinse
di barbarico sangue, e l Mauro e l Franco,
n di pugnar n di cader mai stanco,
s spesso e n tante parti oppresse e vinse,
5 signor, temenza non copr n scinse
dal tuo reale e faticoso fianco:
ch non usc dantica stirpe unquanco
uom pi guerriero, n girolla o strinse.
Ma inerme sei, perchabbia luce ardente
10 via pi di quella che gi tanti lustri
fra larme e le corone Italia adorna;
o novo indico sol, che loccidente
fai bello e strada non obbliqua illustri,
per cui dal mondo luomo a Dio ritorna!
1106
A lillustrissimo e reverendissimo monsignor cardinale di Trento.
Madruccio, la Germania alma ed invitta,
n solo invitta gi ma vincitrice
col suo gran Carlo, al cui valor felice
non si prepon virt cantata o scritta,
5 scorgere al ciel per via sublime e dritta
tu cerchi, e n lei sterpare empia radice
di pestifera pianta, onde infelice
gi tantanni e per mal seme afflitta.
E se nessuno antico o ver sovrano
10 onor le manca acci che pi si pregi,
da te lattende, e forse i son presago.
275
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
E ben sei degno, cui gli augusti e i regi
bacino il sacro piede in Vaticano
che pu calcare il basilisco e l drago.
1107
Loda il signor cardinale di Como.
Roma, ove mai non dimostraro invano
vero valor i peregrini egregi,
or quel ne suoi be colli ha degni pregi
che nato a le freddalpi non lontano;
5 e dostro sacro adorno in Vaticano
siede il buon Gallo e d risposta a regi,
e con gli antichi il paragoni e l pregi
pi dogni invitto Augusto od Africano.
Perchuccise i nemici il ferro loro
10 per limperio del mondo; e l dotto stile
per la Chiesa di Dio verga le carte.
Oh potessio mostrar quanto lonoro
in te dovor di Cristo greggia umile,
quel che fu gi popolo altier di Marte!
1108
Al signor Vincenzo Fantini.
Dove in placida pace antiche genti
regge il nobil Ferrerio, or tu dimori,
e le virt del saggio petto onori
de lostro men che de suoi rai lucenti.
5 Il sole a lui mova i benigni venti
da lauree corna e tempri i novi ardori;
e la candida luna i dolci umori
gli versi, e l ciel gli arrida e gli elementi.
276
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
A lui fere la selva e l mar vicino
10 mandi i pesci di l dove li pasce
di miglior cibo, e dia ristoro a legro.
E chi pi degno di fornire integro
lo spazio ch prescritto a luom che nasce?
Tu, Vincenzo, gli d cha lui minchino.
1109
Al medesimo.
De le fila, onde ord tela s bella
il gran padre africano, e norna il cielo
lanima sciolta del mortal suo velo
che luce sovra il sole ed ogni stella,
5 or questa parte vo sciogliendo or quella
cha lui pure avanzar, n la rivelo;
e qual nobil tesoro altrui la celo,
per ordirne, Vincenzo, opra s bella.
E savverr che nel mio bel lavoro
10 accoppi insieme il ver, di stile antico
e di sermon moderno udrassi il suono;
e tu con pochi, ondio fra me ragiono,
tessuto in lui sarai, cortese amico,
come si tesse fior serico e doro.
1110
Al medesimo. Risposta.
Vincenzo, ne lavverse altrui fortune
il puro amor dalma gentil si scopre:
il tuo, che n detti suona, anco ne lopre
a me si mostri, n timor limbrune.
277
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
5 Perchaltri a miei desiri il varco imprune,
non sbigottir mentre per me tadopre:
cos al tempo chi nomi involve e copre
il tuo sinvole ed a loblio comune.
Io non so gi se tra glillustri e conti
10 sia chiaro il mio; ma di costanza armato
sprezzo fortuna, e tu sprezzarla impara.
Forse ancor fia chinsieme uniti e pronti
ne lopre damicizia al mondo ingrato
ci sottrarremo ed a la morte avara.
1111
Al padre fra Marco, cappuccino, lodandolo de lamore che gli mostra
portare e pregandolo che faccia opera chegli possa vivere in compagnia de gli
amici.
Marco, se mama la citt gentile
che l Monton quinci e quindi il Viti inonda,
opra tua sola, e n te lamore abbonda
s che forse in pocaltri ei fu simile.
5 Oh potessio, come nel lieto aprile
sovente avvien che duna in altra fronda
a lun canoro augel laltro risponda,
cantare a prova in lei con alto stile!
Ma secca or pare de lusato ingegno
10 la chiara vena; e, se i pensier distillo,
son le lagrime preste e tardi i versi.
Deh! fa, se puoi, che senza affanno o sdegno
fra dotti amici questo cor tranquillo
linterne gioie in chiari accenti or versi.
278
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1112
Scrivendo al padre fra Marco, cappuccino, loda una operetta intitolata
Il prato ameno.
Tu, che mi scorgi in questo Prato ameno,
ove sento armonia di mille odori,
onde sono translati i vaghi fiori
a cui s lieta laura e l ciel sereno?
dal Paradiso forse? o dal terreno?
5 o pur da laltro de celesti amori
tinse i vermigli co sanguinei umori
Ges tingendo de la terra il seno?
Que cos bianchi distillar da gli occhi
de la pietosa madre, e furo asperse
10 del suo pallor le pallide viole.
Laltre tante s belle e s diverse
color, Marco, il Sol chillustra il sole:
deh! mai senza umilt nessun le tocchi.
1113
Loda il signor Giovanni Rossolano, maestro del serenissimo signor duca
di Ferrara ne la lingua tedesca, il quale possiede molte lingue, dicendo che l
signor duca merita desser lodato in tutte.
Fido amico del ver, tante favelle,
tanti idiomi tuoi tutti son degni
che l gran nome dAlfonso in lor sinsegni
e si celebri e canti e rinnovelle,
5 perch non giunga in queste sol, ma in quelle
gelate parti fra pi caldi ingegni;
e la sua fama oltra gli estremi regni
si stenda e salzi a le supreme stelle.
279
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
Dunque, Giovanni, in peregrini accenti
10 per te risuoni il buon figliuol dAlcide,
che rimbomba co nostri intorno intorno;
e lopre sue, che Senna ed Istro vide,
odan pi lunge pi remote genti,
dove savanza pi la notte e giorno.
1114
Loda il signor Giovanni Rossolano, maestro del serenissimo signor duca
di Ferrara ne la lingua tedesca.
Ben tagguaglio a colei che mille spande
ali veloci e mille avvien che snodi
sonore lingue, e conta in vari modi
quantella intende e l fa pi chiaro e grande:
5 perch, mentre le palme e le ghirlande
e i ricchi premi e lonorate lodi
de forti vincitori ascolti, ed odi
le prime voci chella intorno mande,
diverse penne usar, molti idiomi
10 potresti a prova e non pur una tromba,
e risonarla da loccaso a lorto.
Ma questa sola mia poco rimbomba,
ed oltra lAlpe i gloriosi nomi
de nepoti dAlcide a pena io porto.
1115
Loda il signor Antonio Barisano, bibliotecario del serenissimo signor duca
di Ferrara.
Antonio, perch creda a laltrui fede
linvitto Alfonso i suoi tesori e larmi,
ondei fulmina in terra e simil parmi
a lui che gli alti monti accende e fiede,
280
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
5 e glimpressi metalli in cui si vede
quanto pu larte antica, e i bianchi marmi,
via pi commise a te, cui tanti carmi
di tante illustri lingue in guardia diede
e tante dotte prose in tante forme
10 e vecchie e nove; e ncontro a rea fortuna
qual arme sono o qual tesor pi caro,
o pi bei simulacri, onduom sinforme?
Felice chi li serba e chi li aduna
largo de loro e sol di gloria avaro.
1116
Al conte Cesare Sacrati, ne landar del duca e duchessa di Ferrara a
Comacchio.
Sacrato, peso non port s degno
sovra lacque del Nilo antica nave,
n di s caro incarco and mai grave
de Colchi al lido o de Latini al regno,
5 come or va questa, cha tuttaltre a sdegno,
a cui sereno l ciel, laura soave.
Oh fortunato il fabro, e quel che nhave
lalto governo, e l bianco lino e l legno!
N lasciva reina o simil duce
10 ella sostiene, o disleale amante,
ma casta e fida coppia e forte e bella:
onde non ameria prender sembiante
di ninfa in mare, n con chiara luce
splender vorrebbe in ciel dalcuna stella.
281
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1117
In lode di monsignor Ercole Sacrati, vescovo di Comacchio.
Dove di pesci il mar tributo rende
al mio signor ne d brevi ed algenti,
quando spirano in aria i fieri venti
e lun con laltro in ciel giostra e contende,
5 sei tu di Cristo pescator; n prende
la sacra rete i salsi umidi armenti,
ma gli uomini e le umane altere menti,
fra cui santa piet la spiega e stende.
Felici nodi, ove la state e l verno
10 lalma fuggir pu servitute e morte,
e n cui si vince ancor, non sol si scampa!
Deh! perch non mi leggi il core interno,
mentre crudel fortuna ha in su le porte
e tutto ferve dentro e tutto avvampa?
1118
Al signor conte Scipione Sacrato.
Scipio, mentre sud ne larme ed alse
del buon Alcide il valoroso figlio,
facesti seco in Francia il suol vermiglio
del sangue ostile e sol donor ti calse;
5 e quando Soliman gli Ungari assalse
da sezzo andasti seco a quel periglio,
dove a lardir fu pari il tuo consiglio,
n meno il senno che la man gli valse.
Seco Europa corresti, e lalta sede
10 seco vedesti de glinvitti augusti
sovente, e quella di famosi regi;
282
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
e n prezzo fra gli estrani e caro fusti,
n merita fra tuoi lardita fede
men certo amore o pur men degni pregi.
1119
Al medesimo.
Scipio, s come il sol con la sua luce
laltre minori stelle adorne rende,
cos, se la sua grazia a voi si stende,
vi illustra tutti il vostro invitto duce.
5 Ma nel ciel ogni lume allor riluce
che lasciato da Febo ei si nasconde
ne loriente; e fra voi pi risplende
di vero onor colui che seco adduce.
Chi se n guerra egli move o in pace siede
10 gli di te pi vicino, ed ha pi larga
de luna e laltra gloria... parte?
N, perch si rischiari a la tua fede,
toglie chi propri raggi intorno sparga,
ed al valor ch per natura ed arte.
1120
Loda il signor conte Giulio Sacrati e il persuade a seguir lesempio de
maggiori e gli desidera felicit.
Giulio, chin questo campo incerto e breve
de la vita mortal dianzi ponesti
il pargoletto piede, e con s presti
passi tavanzi che onorarti uom deve,
5 qual nel corso ne va pi ratto e leve
destrier s chi precorra o ndietro resti,
tu, cha prova col sol tinnalzi e desti,
corri dove il valor premio riceve.
283
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
Fanciul dalta speranza, a te del padre
10 lonor sia sferza e de maggiori egregi
chebber dogni virtute onore eterno:
che grande spazio e quante alme leggiadre,
quante armi e quante palme e quanti pregi
e quante mete innanzi a te discerno!
1121
Loda la schiatta de Sacrati, ne la quale dal conte Scipione e da la signor
Trotti nuovamente nato un figliuolo detto Alessandro.
N pi gentile stirpe in te mai nacque,
n fu traslata da straniera terra
fra quante il tuo bel giro in grembo serra,
Ferrara, e bagnan le tue nobili acque,
5 di quella del mio Scipio, a cui s piacque
lonor che ricercollo in pace e in guerra;
e l suo buon padre, il quale hai tu sotterra,
gi nel suo caro Giulio a noi rinacque.
Ora Alessandro, quasi novo ramo,
10 da lei se nesce; e laria e lalba e laura
gli ride intorno e questa e quella sponda,
e del gran Po larena a lui sinaura:
cos cresca e verdeggi; e quantio lamo,
tanto il cielo e la terra abbia seconda.
1122
A la signora contessa Sacrata.
Cortesia, nobiltate e chiara fama,
leggiadro portamento, abito adorno,
belt, che pi riluce in bel soggiorno
e pi sonora in voi dove pi sama;
284
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
5 e donore e di gloria onesta brama,
e bel timor dinfamia e daltro scorno,
son vostre parti, o donna: a voi dintorno
celeste raggio i passi al ciel richiama.
Ma la virt maggior chadorni e fregi
10 s candidalma quella onde soggiacque
al vostro sposo e nebbe i veri pregi.
N reina dimperio in terra o n acque
tanto vantossi o dir vincendo i regi,
quanto la casta servit vi piacque.
1123
Al signor Antonio Maria Parolaro, medico eccellente, ne linfirmit del
signor conte Annibale Sacrati.
Or che rea febbre, come pallidombra
o nebbia stretta da rabbioso vento,
aduggia il buon Sacrati, e l bel concento
discorda dentro mentre fuor ladombra,
5 tu movi, Parolaro, e tu lo sgombra,
tu pio, tu dotto, a lalta cura intento,
perch tanto splendor non resti spento
in questalma citt che l duolo ingombra.
N potresti ritorre a lempia morte
10 pi nobil preda o pi gradite spoglie,
n meglio trionfar de la superba.
E se la sacra quercia premio al forte
chaltrui conservi, al saggio or chi la coglie?
Benchaltro onore avrai che fronde ed erba.
285
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1124
Persuade il signor Ercole Varano che lasci lamore.
Mentre non anco l porto a te sparito
di questo Egeo, chAmor turba e raggira,
e piana londa e l vento amico spira,
Varan, le vele accogli e torna al lito:
5 ch se desio di nova preda ardito
o dolce canto oltre talletta e tira,
vedrai di questo mar lorgoglio e lira
fra mille morti timido e smarrito.
Oh quante, chor nel sen placido asconde,
10 fremer Cariddi allora e Scille udrai;
n gi merc cantando ivi simpetra!
Qual misero Arione anchio la cetra
ebbi ne la tempesta, e, se cantai,
non vidi al canto mio delfin tra londe.
1125
Al signor conte Marcantonio Martinengo.
Linvitta man che trionfale alloro
coglie e le greche e le romane carte
or volge or verga, e l valor mostra e larte
che voi con lopre ed io co detti onoro,
5 pi di lucida gemma e di tesoro
belle arme e preziose a voi comparte;
se le serve ricchezze il fiero Marte
sprezza, e per lui comanda il ferro a loro.
Cos rinnova alta memoria antica
10 de le stirpi congiunte e l vostro merto
onora, a cui gloria immortal si debbe.
286
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
Felice don di destra a destra amica,
il diede duce a cavaliero esperto
che senza piaga onor di sangue accrebbe!
1126
Al signor conte Palla Strozzi.
Gentilezza di sangue e gloria antica
ne gli uni e gli altri tuoi maggiori egregi,
titoli illustri, ricche pompe e fregi,
senza cui par virt nuda e mendica,
5 Palla, non sono (che che stimi e dica
il volgo errante) i tuoi sovrani pregi,
ma la fede e l valor chonori e pregi
o con prospera sorte o con nemica.
E l tuo signor ne lonorato core,
10 dove cura non cha lui sasconda,
il conobbe da prima in vari modi;
e forse somma lode e sommo onore
lesser caro a colui che tanto abbonda
di veri onori e de le vere lodi.
1127
Al signor Luigi Mozzarello.
Luigi, mentre al tuo felice braccio
colei sappoggia che fa bello il mondo,
chi sostenne del cielo il grave pondo
invidia nha, benchei sia pietra o ghiaccio.
5 Ma portando il bel nome io cado e giaccio
sotto il suo nobil peso, e n seno ascondo
di sue lodi gran parte, e mi confondo
ne le poche chio narro, e stanco taccio.
287
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
Quanto diversa luna e laltra salma!
10 Te non schifa la tua; ma il chiaro incarco
me prende a sdegno e nel mio dir soscura.
Pur lho nel core; ed anzi essere scarco
vorrei di quel che pose intorno a lalma
con le sue mani al nascer mio natura.
1128
Al signor Pier Francesco Nobili, romano, ambasciator di Sua Santit al
serenissimo signor duca di Ferrara.
Mentre fiori in Parnaso e versi io colgo,
onde corone eterne ordisca e tessa
a chi la meta dalta gloria appressa
nel corso de la vita in cui mavvolgo,
5 nobile spirto, a te minchino e volgo:
te non insegna a tuoi maggior concessa,
n porpora al fratel, ma lopra istessa
e l tuo proprio valor part dal volgo,
e pose fra gli eroi, fra duci invitti
10 fra cui dimori, e ne lantica reggia
del magnanimo Alfonso onor taccrebbe.
E, saccoppiate larme e i chiari scritti,
or giungi i cori eccelsi, onde si veggia
che maggior pregio alma gentil non ebbe.
1129
In morte del signor Giacomo Soranzo.
Archi e mete, Soranzo, e lauri e palme
e trofei su la terra e sovra londa
tavresti alzato, e luna e laltra sponda
ingombra di famose e care salme,
288
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
5 ma l ciel, che le pi belle e nobili alme
tosto richiama e di splendor circonda,
prevenne la tua prima e la seconda
gloria mortale, onde s poco or calme.
Ma pur trionfi nel superno regno,
10 e sotto a piedi tuoi si volge ed erra
il sole e gli altri giri alti e celesti.
E perch solo eterno onore degno
de limmortal virt, nel cielo avesti
quel che dar non potea lacqua o la terra.
1130
In una infermit del signor Giovan Mario Crispo.
Dove a lalme beate i premi eterni
Il Giudice sovran dispensa e parte,
saspettava il buon Crispo e n quella parte
volgeva il core a seggi alti e superni;
5 per gelava il corpo, e i sensi interni
egli sentia languire a parte a parte,
e n guisa duom che da lalbergo parte
abbandonava il mondo e i suoi governi,
quando santa Piet fermollo in terra,
10 non di lui che salia, ma de le genti
per cui salute vuol che pi sinvecchi.
Ma gli prepara onor fra quelli specchi,
dove risplende a le celesti menti
il giudizio divin che mai non erra.
289
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1131
Al signor Alessandro Lombardino.
Signor, al nome tuo picciol viaggio
quel chappare in ciel torto e lucente,
tal choltra ei passa e vien da loriente
o ver risplende con pi vivo raggio.
5 N Dario o quel che fece al mare oltraggio
di novi ponti e l ricopr sovente
darmati legni, ebbe donor la mente
cos bramosa e fu s giusto e saggio;
n quel che scosse la tua nobil terra
10 de laspro giogo e vinse estrani regni
diede pi chiara gloria al nome Perso.
Ch non di vedova orba i feri sdegni,
ma l feroce Ottoman disprezzi in guerra,
e vinci col tuo senno il fato avverso.
1132
Loda il signor Agostino Dena, il qual sostent conclusioni legali in Ferrara.
Par nato il Dena a le question profonde
ovapra i chiusi passi e i duri nodi
de le romane leggi avvien che snodi,
s prontamente al dimandar risponde.
5 E se, qual fera in lustra, il ver sasconde,
egli lillustra in begli e novi modi:
onde ben degno di perpetue lodi,
non sol del pregio de le verdi fronde.
E come vincitor destranio regno
10 altero e lieto riport de vinti
nel caro albergo le bramate spoglie,
290
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
trofeo non sanguinoso, il chiaro ingegno
cos dispieghi e mille lacci avvinti
lungo il Panaro, ovaltra gloria ei coglie.
1133
Ne limmagine del Boccaccio.
Questi il Boccaccio fu chal crine avvolse
la fronde, onor de le famose fronti,
e chi l descrisse a pi lodati e conti
col suo pregiato stile il pregio tolse.
5 Ma ci chil Viti in breve carta accolse,
mostrino impresso ancor le selve e i fonti:
voi date i bianchi marmi, orridi monti,
che di nevi e di nubi il cielo involse:
perch, dove mand la dotta penna
10 il vostro nome, or prenda il duro sasso
del sacro aspetto le pi vere forme;
non chun tenero core, a cui par basso
talvolta Olimpo e la frondosa Ardenna,
purch dalti pensieri indi sinforme.
1134
Si scusa col signor conte Annibale Scolo di non poter lodare la signora
duchessa di Parma quanto si converrebbe a meriti di quella signora serenissima.
Scoto, la nave mia che l degno incarco
gitt ne lacque infra Cariddi e Scilla,
per onda inviti non ancor tranquilla
quando non bene il ciel di nubi scarco,
5 in mar deterna gloria? or come il varco
ove altra gente risonare udilla,
mentre a questa alta donna in cui sfavilla
son di sovrana lode avaro e parco?
291
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
Chi riempie le vele e chi le scioglie
10 l dove cade o dove nasce il giorno
or chio radendo vo larene e i lidi?
E veggio i gran trofei, laltere spoglie
del padre e del fratel di lauro adorno
e laquile ir volando a primi nidi.
1135
Celebra la signora Lucrezia Scota.
Scota, su loceano, o dove nacque
Venere prima ed ebbe Amor la cuna,
o nuda in fonte o n selva oscura e bruna
altra bellezza mai tanto non piacque.
5 Per te non sol quetossi laura e giacque
ne lalto letto il Po senzira alcuna,
ma dove maggior campo ha la fortuna
tranquillar tu potresti i venti e lacque.
E del tuo peregrino e chiaro nome
10 par che l gran padre pi si glorii e vanti
che daltra cosa chei produca intorno;
e piuttosto specchiar s bei sembianti
e lavare ei vorria s vaghe chiome,
che laureo crin del sole innanzi al giorno.
1136
A la medesima.
Quel vago raggio che lampeggia e splende
ne bei vostri occhi e nel sereno aspetto
desta amore e timore, e luno affetto
con laltro pi temprato e dolce rende.
292
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
5 N gi superba mano in voi si stende
n di macchiare ardisce il casto letto,
ma il ferro volgeria nel proprio petto
quando gentile sdegno il cor vaccende.
Ch per voi sarma uom che sospiri e pregi
10 la vera gloria, e chi per s la sprezza,
per voi la brama e l punge ardente sprone.
Oh di nova Lucrezia alma bellezza,
che non estingue, ma fa degni i regi
del cielo e di celesti alte corone!
1137
Al signor Flaminio Delfini, romano.
Cortese peregrin, mentre rimiri
gli abiti e i fregi vaghi e i dolci modi
de le belle lombarde, e fra te lodi
or questa or quella e forse anco sospiri,
5 salcuna volta gli occhi in lei raggiri
che l cor mi strinse con s forti nodi
o se l canto soave unqua tantodi,
chiamerai fortunati i miei desiri.
Per che voglie giovenili e vane
10 non ebber mai pi bello e caro obietto,
n piet pi gradille o cortesia.
E quel che gi ne scrissi in pregio fia
forse per te, dove in vestire schietto
piacciono tanto altrui le tue romane.
293
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1138
Al medesimo.
Delfin, le rime che dett dAmore
gentile spirto, e quellaffetto vostro
chavete ne sembianti a me dimostro,
son tai chio ne conforto il mio dolore.
5 S potessio con voi placide lore
spendere in qualche verde ombroso chiostro,
ch non malletteria di nobil ostro
o daura popolar suono o splendore.
Voi, savete piet quantio confido
10 e qual desio, magevolate il passo
al bel vostro paese almo onorato,
ovio passi con nome oscuro e basso
o chiaro ed alto qual dal ciel fie dato,
e talor vaghi tra bei poggi e l lido.
1139
Loda il signor Flaminio Delfni, romano, il qual era ne la guerra di
Fiandra, chaccompagni larme con le lettere.
Delfin, tra lombre e le fontane e i marmi
non chiami Febo al Celio o n altro monte,
ma dove morte con terribil fronte
s spesso vedi fra le schiere e larmi,
5 e scrivi al suon daltera tromba i carmi,
talch il tacito Lete e dAcheronte,
che non ha guado onde si passi o ponte,
sprezzi il timor che suol temenza darmi:
perch tal gloria acquisti ardita mano,
10 or la penna adoprando ed or la spada,
che nessunaltra pi sicura e certa.
294
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
Felice te, che questa e quella strada
trovi da gire al cielo! Io s lontano
non ho pur una a miei desiri aperta.
1140
Ne la partita da Padova del signor Iacopo Prainer.
Alto cor, nobil alma e chiaro ingegno
portasti, e di valore e di costumi
celesti semi, anzi faville e lumi
onde sadorni e splenda antico regno.
5 Io fui cultrice, e lira e l duro sdegno
svelsi come pungenti ispidi dumi,
tal che lAdria e l Sebeto e l re de fiumi
altrui non giudic donor pi degno.
Or da tuoi cari studi e dal mio seno,
10 Iacopo, adorno parti, e mai cotanto
per nobil peregrino io non mi dolsi.
Ch se fior odorai, frutto non colsi.
Padova cos pianse; e del suo pianto
spera farsi pi bello e lIstro e l Reno.
1141
Ai signori baroni Filippo e Federico Sigismondo e Iacomo Prainer.
Non invidi Germania e lalto impero
gli Orazi a Roma od a lavversa parte
quelli onde giudic Fortuna e Marte,
benchil pi fortunato l pi severo;
5 n di simil battaglia esempio fero,
scritta per altra penna in altre carte:
voi n caso n rischio unqua diparte
e cede al vostro onor lantico Ibero.
295
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
Perch sembrate voi (n dirlo io temo)
10 Gerione, che giunge Amore istesso,
nobil mostro a cui pari altri non vide;
e per rapire il primo o ver lestremo
preda troppo gentil farebbe Alcide,
e vorneria de le sue spoglie appresso.
1142
A gli stessi.
O tre lumi di grazia e di valore,
che fate illustri di Aquilone i regni
pi che lOrse del ciel, lucenti segni
a naviganti in tempestoso orrore,
5 damicizia fedel, di casto amore
voi siete preziosi e cari pegni
a lItalia, e soggetto a gli alti ingegni
di gloria degno e dimmortale onore.
Che pi creder poteane il padre vostro,
10 o in qual altro mostrar s vivo esempio
valore e cortesia luom saggio e forte?
Io tre volte con penne e con inchiostro
bramo deternit sacrarvi al tempio
e tre volte per voi vincer la morte.
1143
Loda il clarissimo signor Piero Barbarigo.
Mentre sadorna in voi lanima vostra
di valore e dantichi alti costumi
e dentro par che tutta indi sallumi,
le pure forme non rivela o mostra;
296
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
5 n tante luci ha la stellante chiostra,
o tante gemme il mar, la terra e i fiumi,
quanti ella ha bei tesori e vaghi lumi;
e la sua pompa senza invidia nostra.
Ma se cela virt, belt risplende;
10 e quinci in noi si desta il pensier vago
a mirar cose cha gran pena intende;
n fu mai prima s contento o pago
in ricercar quel che si merca o vende
o duna in altra ogni celeste imago.
1144
Al signor conte Annibale Pepoli.
Roma serr gi con gli armati figli
il passo ad Annibal, cha te saperse,
e lodio antico in novo amor converse
e n pompe e n lieti giuochi ire e perigli.
5 Ma, se que campi e i monti ancor vermigli
fusser di latin sangue onde li sperse
barbara spada, a le fortune avverse
chiameria te, che l suo miglior somigli.
Tu danimo roman, tu dalto ingegno,
10 tu di stirpe gentil felice germe
fioriti in lei sin da letate acerba;
e maggior premio a chi donore degno
e sarma di valor di ferro inerme,
del Campidoglio il Vatican riserba.
297
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1145
Al signor Giambattista Ghilino.
Non per sorti o per sogni o per incanti
tu prevedi il futuro e ne l predici,
n perch manchi sian corvi o cornici
o destri ne lor voli e ne lor canti;
5 ma sai de lumi in ciel fissi ed erranti
quai siano avversi aspetti e quali amici,
e loro effetti prosperi o nfelici
veder da lunge a gran ragion ti vanti.
Alto e raro saver! ma se la nostra
10 mente libera fece il Padre eterno,
n segue i moti di celesti spere,
percha me sempre pi contrarie e fere
portino lun peggior de laltro verno,
comio ne schivi oltraggio or ne dimostra.
1146
Al signor Ercole Cortile, ambasciatore del serenissimo signor duca di
Ferrara appresso il serenissimo granduca di Toscana, lodando luno e laltro.
Ercole, quanto gira il sole intorno
pi magnanimi duci unqua non vide
che l figlio del gran Cosmo e quel dAlcide,
ond lItalia e l secol nostro adorno.
5 N l sinistro del mare o l destro corno,
n l monte che la cinge o la divide
par che pi lassicuri o pi laffide,
n pi lillustri il portator del giorno.
N muro novo n tesoro antico
10 l difesa maggior che questo o quello
petto reale e sprezzator di morte.
298
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
Felice te, che luno e laltro amico
rendi, e puoi nodo a lalme ordir s bello
comelle sono e cos degno e forte!
1147
Al signor Giovan Carlo Sforzosi [nelle sue nozze].
Giancarlo, amasti, or ami e godi insieme
ch la tua fede ha seco il premio e l merto;
e di quel che servendo hai gi sofferto
raccogli i frutti ove spargesti il seme.
5 Corso un gran campo damorosa speme,
poggiato un colle faticoso ed erto,
solcato un mar di mille affanni incerto,
tocchi le mete de lamore estreme.
De gli umani piaceri al sommo ascendi,
10 giungi in porto di pace in cui si posa,
non solo si gioisce, e lieto il prendi.
Cos te n vivi; e di belt nascosa
un perpetuo desio damare accendi,
e la tua vita la tua bella sposa.
1148
Al signor conte Ercole Tassoni.
Se al valor che mostrasti in pi verdi anni,
a la gloria de gli avi, i quai spiegaro
laquila bianca e nsieme al ciel volaro
ch ne presta virt le piume e i vanni,
5 a lo splendor del padre, i nostri affanni
tenebre asperger ponno e l pianto amaro,
non ti mostrar del tuo soccorso avaro,
n di piet fra le mie pene e i danni.
299
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
Se ti nomasti da linvitto Alcide,
10 lopre simiglia: ecco gigante ed angue
sorto in Cocito, e non in Flegra n Lerna;
e mentre lun minaccia e laltro ancide,
se n me de colpi la memoria or langue
tu i nostri scritti e l tuo bel nome eterna.
1149
Al signor B[attista] G[uarini], che colui il quale vuol metter pace fra gli
altri, dee prima pacificar se stesso.
Chi giunge illustri eroi con viva pace
pacifichi se stesso, e nel suo petto
faccia lo sdegno a la ragion soggetto
e tutto ci che ne lusinga e piace;
5 e, qual placido lago o mar che giace
senza alcunonda nel profondo letto,
nel cor tranquilli questo e quello affetto,
o come il cielo allor chogni aura tace.
Ma non saccheta la tempesta interna
10 per senno umano, e la serena e sgombra
sol chi ce l diede, ovei risplenda e spiri:
egli ci queti e scorga a pace eterna
con la sua vista, perch n terra il miri
o ne lo specchio o in nube imago od ombra.
1150
In morte del signor Orazio Zanchini.
Orazio morto, e di bellezza il fiore,
darte e dingegno e di gentil costume;
n quel che si vestio di bianche piume,
n Fetonte ha dal Po s mesto onore:
300
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
5 perchin voce di pianto e di dolore
conversa larmonia sul tosco fiume,
e n tenebre rivolto il chiaro lume,
e di quadrella disarmato Amore.
E sovra la sua bianca e fredda pietra
10 gigli, narcisi ed amaranti e rose
non cessa di versar daurea faretra.
Ahi! tramontare i soli e tornar ponno,
ma suna breve luce a noi sascose
dormiam di notte oscura eterno sonno.
1151
In morte del signor Antonio Gaddino, gentiluomo veronese, il quale fu
ucciso da un ministro della giustizia.
Giusta non gi, ma ingiuriosa mano,
come fosti crudele a s gran torto
al buon Gaddin, che su l fiorire morto,
ricco di quel che piace al senso umano.
5 Pur, mentre visse, risuon lontano
il chiaro nome da loccaso a lorto;
e l primo volo a lato a questo corto,
ch non sol passa Gade e loceano,
ma le stelle sorvola e varca tutti
10 i confini del mondo, e poi sasside,
dove divina ed infallibil legge;
dove daltri tesori e daltri frutti
si gode, e del suo velo ancor sorride
e sospira lerror di chi ci regge.
301
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1152
Chiede ai signori accademici Svegliati da Piacenza, se li abbi desti amo-
re o desio donore, o luno e laltro insieme.
Svegliati, e chi vi sveglia? Amor, che desta
ad altro suono altrui cha quel di squille,
quando escono i sospiri a mille a mille
e dentro freme torbida tempesta?
5 o pur cura donore? o quello o questa
giunge nel vostro cor le sue faville,
ondarse in duro campo il fero Achille,
e l suo fedel ne lalta impresa onesta?
N se naccende sol guerriero spirto,
10 ma luom di pace e di riposo amico
che non pensa di palme o di corone
se non di lauro, o daltro premio antico
di dotta fronte; e un fiume, un faggio, un mirto
dal volgo il parte e quasi in cielo il pone.
1153
A la signora duchessa di Ferrara, ne la dedicazione de le Vite de le
donne illustri: fatto ad istanza di un amico.
Mai pi belle virt non furo accolte
per fama eterna dimmortal vittoria
di queste antiche, onda la nova istoria
le dotte prose or sono adorne e colte.
5 Tutte morte parean, tutte sepolte
pur dianzi, ed adombrarsi ogni memoria:
or son tratte di tomba in viva gloria
e dombra oscura in cui giaceano involte.
Qui sarma contra Amore, e qui saccampa
10 in contra Morte, e n contra gli anni e i lustri:
questi sono trofei, queste son palme.
302
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
E Margherita con le nobili alme
trionfa lieta, e fra le donne illustri,
quasi fenice, al sommo sole avvampa.
1154
Loda il signor Bernardino Pino scrittor di commedie.
Pino, il vostro leggiadro e vago stile
ha fatta in guisa la commedia adorna,
che fra duci ed eroi talor soggiorna
lunge dal riso de la plebe umile.
5 Arde e fiammeggia in lei sdegno gentile,
e pur bella vergogna in lei sadorna;
e casto amor saccende, e n lei si scorna
avaro cor talvolta e scherne il vile.
E veggendosi tal chella somiglia
10 lalta sorella, ha certo il socco a sdegno
e l coturno da voi prender vorrebbe.
E dice: Io gi non feci il Pino indegno,
ma gloria nei teatri ei gi maccrebbe
ed or move pietate or maraviglia.
1155
[Al padre Iacopo Bordoni].
Quel primo vero il qual riluce in parte
ove non va ragione ove no l vede
occhio mortal, ma lanimosa fede,
cerco hai, Bordon, ne le veraci carte;
5 e poscia tutto quello a parte a parte,
che di l donde viene ascende e riede,
e la pena de lalme e la mercede
che Dio con giusta lance a te comparte.
303
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
Or di saper gi ricco in fra pi degni
10 hai doppio onor da nobil mano amica
e gli alti tuoi desiri insieme adempi;
e i cor devoti illustri e i sacri ingegni,
giovine ancor ne la cittade antica
fra quelle dotte scuole e i sacri tempi.
1156
Al signor dottor Certaldo, che ha scritto de lIndulgenze.
Quel cha le chiavi ondapre il cielo e serra
de suoi tesori altrui fa larga parte,
e dove pura fede ivi comparte
spesso le grazie co suoi doni in terra.
5 Ma la tua penna, a chi per lui satterra,
rende lalte cagioni a parte a parte,
e mentre le raccoglie in nuove carte
unaltra volta quasi il ciel disserra.
Dal Padre eterno de celesti lumi
10 prende il gran dono il donator secondo,
e tu col puro stil cos ladorni.
Sparga qui de suoi fonti i sacri fiumi,
mentre egli regge in Vaticano il mondo,
la felice eloquenza a lieti giorni.
1157
Loda il signor Luigi Camoens, il quale ha scritto un poena in lingua
spagnuola de viaggi del Vasco.
Vasco, le cui felici, ardite antenne
incontra al sol che ne riporta il giorno
spiegar le vele e fer col ritorno
ovegli par che di cadere accenne,
304
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
5 non pi di te per aspro mar sostenne
quel che fece al Ciclope oltraggio e scorno
n chi turb dArpie nel suo soggiorno,
n di pi bel subietto a colte penne.
Ed or quella del colto e buon Luigi
10 tantoltre stende il glorioso volo,
chi tuoi spalmati legni andar men lunge:
onda quelli a cui salza il nostro polo
ed a chi ferma in contra i suoi vestigi
per lui del corso tuo la fama aggiunge.
1158
Al signor Giustiniano Masdoni. Risposta.
Amor col raggio di belt saccende
che si sparge in colori e n voce spiega,
e sor promette bella donna or nega,
vigor da speme e da timor ei prende.
5 Siede nel cor quasi in sua reggia e splende
ne gli occhi, e l ci spinge ove ci piega
natura; e suomo a lui fa voti e l prega
come suo dio, soverchio onor gli rende.
Tu, se pur cerchi al viver tuo sostegno,
10 prendilo da Ragion, che contra Amore,
quasi contra nemico, armata viene.
Ella corregga ogni tuo vano errore;
e sarmi seco un suo guerriero Sdegno
che l penoso tuo cor tragga di pene.
305
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1159
Al signor Giustiniano Masdoni, mentre attendeva a lo studio di leggi in
Ferrara.
Quando si desta e su le dure incudi
batte notturno fabro elmo o lorica
e torna al subbio povera e pudica
madre chi cari figli ha mezzo ignudi,
5 Giustinian, tu riedi a chiari studi
pronto e vago donore e di fatica;
e su le leggi che di Roma antica
geli, ed a caldi giorni anco vi sudi.
E la giusta ragion chi torti emenda
10 ed a ciascun rende il suo dritto impare
da severi de saggi e colti detti.
N perchaltri misuri il cielo e l mare
e de lor moti le cagioni intenda,
par che pi se navanzi o se n diletti.
1160
Al signor Filippo Massini. Risposta.
Filippo, non sol te linvidia tinge
e la piet dovio sospiri e cante,
ch la nostra virt ritrova amante
sempre e nemico ovunque il ciel ne cinge;
5 ma laffetto miglior che l core stringe,
sodi le pene mie s gravi e tante
e lievi sol quando da te son piante,
perch laltro men buono indi non spinge,
forse degno di laude, e luna tromba
10 laltra invita sovente; e tu, che tolto
hai pio regno damici a signor empio,
306
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
cantar potresti; e quando tu sepolto
te n giaccia ed io, ma forse in altra tomba,
saremo al mondo non vulgare esempio.
1161
Replica ad una replica del signor Filippo Massini.
Nobile invidia, chorna allor che tinge,
io non incolpo in uom che pianga e cante
valore oppresso e se ne mostri amante
con piet vera, ovaltri il preme e cinge;
5 e se tale la tua, Massin, chi stringe
in dir breve tua lode? io fra le tante
mie pene acerbe e sospirate e piante,
non posso allor che l mio desio mi spinge.
Lasso! e quella che chiami altera tromba,
10 muta non chumile, e le ha gi tolto
il primiero suo pregio il destino empio,
se c destino; e l nome altrui sepolto
in van cercherei trar doscura tomba;
ma l tuo per s donor fia chiaro esempio.
1162
Al signor Filippo Massini. Risposta.
Io gi piansi e cantai le fiamme ardenti
e la mia sorte, ed or la piango e canto,
e rado vidi al mio languir cotanto
pietosi diventar gli occhi piangenti.
5 E pi che strali rapidi e correnti
gli anni del viver mio fuggono intanto,
e si dissolve questo fragil manto
perchio gloria cercare omai paventi.
307
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
N meco averla puoi, sa te ne cale,
10 ma fra le dotte scole in cui vittoria
sha contra la Fortuna e contra Amore.
E sio pur caggio quando il cor massale,
Massin, tu ne conserva alta memoria,
chalcuno ebbe cadendo eterno onore.
1163
Al signor Filippo Alberti. Risposta.
Fu giovenil ma glorioso ardire
quel di colui che fulminato giacque
nel re de fiumi, e, sin te simil nacque,
biasimo non merta il tuo novel desire.
5 Ma savverr che teco il ciel sadire
s che tu caggia estinto in mezzo a lacque,
dirassi almen chalta belt ti piacque
per cui sperasti sovra lui salire.
Forse chi dagguagliarsi al sol presume,
10 che si fa de be rai corona e manto,
non sdegner che tu canti il suo lume.
Io gi non posso per virt dincanto
far chella il vago cor non ti consume,
ma ben placarla ambo possiam col pianto.
1164
Al signor Flaminio Cattabeni.
Come da tronco pino o tronco faggio
ombra non pu cadere in selva o n monte,
n fosco rivo uscir di asciutto fonte
n da spenta facella ardente raggio,
308
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
5 cos gloria da me: chalto viaggio
segnar tentando simigliai Fetonte;
n i versi, n le rime ho cos pronte
chio sgombri di fortuna il grave oltraggio.
Non ricercarla dunque onde non esce,
10 ma ricercala in te, che viva fiamma
sei del valor che arm Tessaglia ed Argo;
o da quel sol, che sol di lui cinfiamma,
dal tuo signore e mio, ch mar s largo
cui biasmo nulla scema o laude accresce.
1165
Risposta al signor Enea Baldesco.
Valor terreno da celeste forza
vinto, Baldesco, ovei dopporsi tente:
onde pi sempre indebolir si sente
lo mio, cui forse il ciel affligge e sforza.
5 Pur non spento ancora e pur si sforza
di separarmi da la ignobil gente;
e, suom mi pone in schiera, ei si risente,
e fero sdegno lui cresce e rinforza.
E quella luce, che gran tempo ascosa
10 mi fu, par che laffetto anco mi copra,
pur grazia di lei sei spera ed osa.
Ma se far giammai laudabil opra,
sascriva a chi me l diede, in cui sol posa
pu lalma aver chindarno ora sadopra.
309
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1166
Risposta a messer Ciro Spontone.
Fabbricator notturno
di speranze e di sogni,
non so quel chio mi cerchi o pure agogni.
Ma, sa raggi talor di luce vera
5 si dilegua Parnaso,
e con Perseo Pegaso
chaperse altrui col piede il chiaro fonte,
e Sfinge e la Chimera,
e con Edippo ancor Bellorofonte,
10 veggio in altra montagna un vivo Lauro
splender in guisa di piropo e dauro.
1167
Risposta al signor Anton Maria Bardi.
Che lece a me, cui son le vie precise
di Parnaso e dOlimpo, ove salite?
E veggio il varco, che per fama udite,
dir ne linferno col figliuol dAnchise,
5 ove Teseo infelice ancor sassise
e sempre seder: cos punite
son lopre audaci. E voi di farmi ardite
duce di quei cui tanto il ciel commise
per disegnar sovra il signor di Delo
10 tra laltre fere un Tasso, allor che assonno
nel gran Centauro ovha l suo albergo Omero,
o come Egitto un cane, e farlo donno
e divo? Ma, sio giaccio, e non ve l celo,
siate lesempio voi chi non lo spero.
310
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1168
Al signor [Paolo] Contugo. Risposta.
Contugo, Morte a Marte ora non toglie
il suo splendor; ma come eterno fregio
egli il trasporta pur di pregio in pregio
nel quinto giro ove i pi forti accoglie,
5 e dove son le trionfali spoglie
che tolse in guerra il cavaliero egregio;
quellaltre chavvolgean lanimo regio,
Natura, che le fa, divide e scioglie;
e tra linsegne al vento sparse e larmi
10 la Fama vola, e nel suo canto espresse
limprese illustri ascolta Ibero e Gange.
Dunque il mio pianto intempestivo or parmi
quando son tante lodi a lui concesse
dovunque a vasti lidi il mar si frange.
1169
Risposta al signor Camillo Camilli.
Cortese donna che lamante accoglie
non ha maggior desio n maggior cura
che di piacergli, e, segli a lei si fura,
spesso il core e la vita ancor le toglie.
5 Per quando la tua lamare doglie
ti narra dolcemente e tassicura,
non ricordar se fu gelata e dura
mentre celasti lamorose voglie;
ma da suoi merti il tuo parlar cominci
10 in umil voce, in chio la lingua snodo
e spererei dintenerire i marmi,
311
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
se vergogna o timore or quindi or quinci
non le avvolgesse intorno un forte nodo,
per cui di riverenza avvien chio marmi.
1170
Loda la signora Livia contessa DArco, assomigliandola a larco celeste.
Umida nube se dispiega e stende
larco celeste a novi raggi adorno,
gi vinto il sol che riconduce il giorno,
nel cielo oscuro un bel trofeo sospende;
5 ma l tuo leggiadro manto or pi risplende,
vergine casta, e ti circonda intorno,
e vittoria pi bella al suo ritorno
tu nhai sovente e quando al mar discende.
N s turbato e di color fallaci
10 orna le spoglie tue che poi vagheggia,
n con mentite forme inganni e piaci;
ma vera la bellezza; e chi pareggia
dolce sereno e s tranquille paci,
o nube agguaglia ad amorosa reggia?
1171
[A la medesima.]
Ha larco onde le nubi orna e colora
il biondo Apollo, e larco ha la sorella
per cui loscura notte appar pi bella,
e larco ha l figlio di Ciprigna ancora;
5 e larco ha Margherita, onde innamora
ogni alma fera e di piet rubella;
e i dolci sguardi son le sue quadrella
e le parole onde virt sonora.
312
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
Qual Dedalo, divin mirabil arco,
ti fece tal che sol da te saetti
in guisa chaltri ne gioisca e pera?
10 Ma chi non brama di cadere al varco,
colto da la tua vista e da tuoi detti,
mentre tu sei di cos bella arciera?
1172
Loda la signora Livia DArco, dama de la serenissima signora duchessa di
Ferrara, e la prega che gli sia messaggiera di pace.
Come pittor non ben colora in carte
i colori che l sol confonde in cielo
di vaga nube nel leggiadro velo
quando ei pi salza o quando viene o parte,
5 cos que che natura in te comparte,
o nobile Arco, a cui non copro o celo
linfermo fianco mentre avvampo e gelo,
ritrar non pu lardito stile e larte.
O nova Iride mia, cha me ti mostri
fra le mie nubi lagrimose, e vieni
10 qual messaggiera di pi bella diva,
reca pace e non guerra e i d sereni,
acci che ne frondosi e vaghi chiostri,
se non felice, riposato io viva.
1173
Loda gli occhi e i denti de la signora Livia DArco, dama de la serenissi-
ma signora duchessa di Ferrara.
E' bello tutto ci che s vi rende
cara a la nostra vista e vi colora
per opra di natura e l volto infiora,
s che larte vi perde e n van contende.
313
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
5 Tutto ci chinvaghisce e n voi risplende,
tutto chabbaglia e quasi in voi sadora,
come Venere in cielo o vaga Aurora,
o come sol cha mezzo giorno ascende.
Ma gli occhi e i denti le pi care e belle
10 sono de laltre parti, e ben conviensi,
perchindi Amor traluce e fa ritorno,
indi trionfa de gli umani sensi;
e fra guardi e sospiri a lauree stelle
lanimo segue il suo trionfo adorno.
1174
Loda la dolcezza de gli sguardi e de le parole de la signora Livia DArco,
dama de la serenissima signora duchessa di Ferrara.
Quando scioglie la lingua e nsieme gira
la bella donna mia gli occhi lucenti
con dolci sguardi e con soavi accenti,
quinci lampeggia Amore e quindi spira.
5 N s come talvolta egli sadira
dando a fidi seguaci aspri tormenti,
ma con sembianze placide e ridenti
fanciullo il veggio senza sdegno ed ira.
N mai tra gli Amoretti e l Riso e l Gioco
10 nel grembo di sua madre alcun il vide
s lieto e bello, come in questo loco.
Amor dovegli incende e dove ancide
Amor vero non , ma fiamma e foco:
Amore qui dove egli scherza e ride.
314
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1175
[A la medesima.]
Livia legando i fiori
allor che son pi nudi e freddi i rami,
mi fece parte de suoi verdi stami,
quasi volesse dir: Questo chavanza
5 prendi per la speranza.
Ma che debbo sperar, sho pi diletto
quanto il nodo pi stretto?
Non gi chaltri mi sciolga,
ma che lei mio parimente involga.
1176
[A la medesima.]
Quando Livia mi parla, anzi ragiona
Amor con la sua lingua,
non chi ben distingua
i dolci detti e i vaghi scherzi e cari
5 ne le sue parolette accorte e liete;
e dentro a lei vuol che legato impari,
che quella channod la madre ignuda
fu men bella e pi cruda.
1177
[A la medesima?]
Che soave rapina
fu quella del mio core
a larmonia divina,
mentre sciogliea s vaghi spirti Amore!
5 Onde fra me dicea da me diviso:
Se questo il paradiso,
pi dolci che ne lacque e fra larene
in ciel son le sirene!
315
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1178
A la signora Tarquinia Molza.
Donna ben degna che per voi si cinga
la gloriosa spada e corra in giostra
il grande Alfonso, e saltri a prova giostra
e de vostri color le piume ei tinga,
5 non fia cha pi begli occhi adorni e pinga
larme, dove i pensieri accenna e mostra;
n da pi bella man che da la vostra
prenda bel dono e n ballo indi la stringa.
N ricevere altronde egli potrebbe
10 gloria maggior, perch ghirlande e fregi
sapete ordir non sol dargento e doro,
ma celebrar con dotto stile i pregi:
s che per altro mai tanto non crebbe
fama immortal di trionfale alloro.
1179
Loda la signora Tarquinia Molza che con la divinit del suo intelletto
conosca quello che non simpara da maestri.
Lalto vostro sapere in dotte carte
non apprendesti duom lodato e saggio,
in cui del vero appena un picciol raggio
luce talvolta e ne ladombra in parte;
5 ma s nel ciel, sovra Ciprigna e Marte
e gli altri che fan torto il suo viaggio,
dritto volando; e, se vi seguo, io caggio
con lale de lingegno a terra sparte.
E quel che di l s portate scritto
10 ne gli occhi e ne la fronte, alma pudica
in lettre di piet rimira e legge,
316
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
e se n fa dolce ed amorosa legge;
ed ogni forma o maraviglia antica
men pregia chonor Grecia ed Egitto.
1180
[A la medesima.]
Mostra la verde terra
le candide viole
e i suoi raggi purpurei l vago sole;
voi mostrate per segno
5 de la vostra belt, del chiaro ingegno
e del pensier sublime
le vostre colte rime;
e mentre fate verdeggiar gli allori
tutti i versi son lumi e tutti fiori.
1181
Madrigale in lode de la signora Isabella Guarini Sozza.
Quando Sozza divenne
questa gentile e candida Isabella,
non divent men bella,
ma fece bello il Sozzo; il qual per lei
5 sagguaglia con gli dei,
e non invidia al suo canuto sposo
la vaga Aurora che l fa s geloso.
Chi vide mai miracolo maggiore
che belt Sozza far beato un core?
1182
Loda la signora [Isabella Guarini] Sozza.
La bellezza chin ciel fra lauree stelle
alberga e nacque fra leterne menti
sparse i vostri occhi ancor di raggi ardenti
e nel foco accendea questalme e quelle.
317
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
5 Or mentre luci s leggiadre e belle
facean lalme gioir ne suoi tormenti,
e del virgineo suono i vaghi accenti
tutte addolcir le voci e le favelle,
o sia sdegnoso Amor chaltri vi nome
10 col suo contrario, o pur celarlo ei voglia
come scorza tra scorza a gli occhi nostri,
per gelosia vaggiunse il Sozzo nome,
che quasi a dolce frutto rozza spoglia
o vel dimago che talor si mostri.
1183
A la signora Elena Miroglia.
Non fu s chiara per le fiamme ardenti,
ondarse Troia e incenerissi al fine,
la bella Greca, che l dorato crine
tronc da poi con dolci alti lamenti,
5 come voi per le vostre; e i vostri accenti
fecer pietose in ciel lalme divine
quando lasci lerranti e peregrine
quella chor gode fra leterne menti.
N per fuggir dal vostro sposo eletto
10 varcaste lidi o tempestosi mari,
n sete voi cagion di fera guerra,
ma dalma pace; e quanto intenso affetto
vinnalzer fra tempi e fra gli altari
tanto ei sol resta abbandonato in terra.
318
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1184
A la medesima.
Il nome chillustr la fama antica
di quella onde sarm Troia e Micene,
che tanto Europa e Roma in pregio tiene
per laltra donest di Cristo amica,
5 a voi, donna s bella e s pudica,
chonorate Germania, or si conviene;
e che si stenda oltra le negre arene
e londe rosse ne la terra aprica.
N gi, come la prima, o sguardo o riso
10 seguir vi piace di leggiadri amanti,
ma la Croce adorar con la seconda
Ella in terra trovolla e in Paradiso
seco or trionfa; e voi s spesso innanti
e lavete nel sen che il pianto inonda.
1185
A la signora Sabina Benlei.
Sabina, in cui sonora il nome prisco,
chi fu pi degna desser mai rapita
per la belt cha sospirar cinvita
e presa prende come augello al visco?
5 Ma quello che in voi lodo e riverisco
e fuor traluce dalma al ciel gradita
pon freno a lingua non cha mano ardita,
tal chio di ragionarne a pena ardisco.
N vaga sete voi di raro carme,
10 n rapina dItalia, onde si degni
la gran Germania e l popol suo guerriero,
319
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
ma suo pregiato dono, e n mezzo a larme
placar potria per voi gli strani regni
la nova donna de lantico impero.
1186
A la signora contessa [Beatrice] di Lodrone.
Donna gentil, che l tuo principio avesti
dov quel di Germania e giunge insieme
la bella Italia le sue parti estreme,
e quinci e quindi alto valor traesti
5 e gran belt, per cui sinfiammi e desti
amore e gioia inusitata e speme,
che l nostro sangue e l peregrino seme
que luoghi esalti avventurosi e questi;
mentre addivien chivi per te contenda
10 luna con laltra, ad un tuo dolce sguardo
la nova forniria le antiche liti.
Qual meraviglia sio navvampo ed ardo?
se dubbio sono, ove i begli occhi accenda,
se nati in terra o sian dal cielo usciti?
1187
Loda la signora contessa di Lodrone, gi dama de la serenissima Barba-
ra, duchessa di Ferrara.
Torna Beatrice a la beata corte;
e sera pur beata anzi il ritorno,
or che sar che mira il viso adorno
e nsieme ascolta le parole accorte?
5 I regni oscuri de la fredda Morte
bear non potria solo il bel soggiorno,
ch dentro ha luno Amore, e laltro intorno
vola e non passa lonorate porte.
320
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
E se mai passa e trova il tempo e l loco,
10 da quel pi degno il riconosci appena,
tanto allor del celeste ha ne sembianti.
Oh felice gioir di foco in foco,
duna vita ne laltra alma e serena,
e felici gli sposi e i casti amanti!
1188
A la signora Renea Pica.
Spirto gentil, chin dolci membri involto
tinnalzi a lalte menti e tavvicini,
e rado a noi ti mostri e rado inchini
e sembri quasi dal tuo vel disciolto,
5 saltri quanto di bello in te raccolto
vedesse dentro a gli occhi e sotto a crini,
o tra perle nascose o tra rubini,
arderia certo, e non del chiaro volto;
e lanima egli avrebbe accesa e piena
10 di mille fiamme e mille gioie e mille
meraviglie, chil mondo or crede a pena;
ma i raggi di due luci alme e tranquille
e duna faccia come il ciel serena
sono deterno ardor poche faville.
1189
Ne le nozze de la signora Malpiglia.
Mal non prendea co placidi sembianti
casta bellezza, e n giovenil figura
contra larme dAmor se n gia secura
e contra larte di leggiadri amanti;
321
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
ma quinci Nobilt pensier costanti
5 nudre in candido petto e l cor lindura,
quindi lha in guardia Castit s pura
che nulla indignit pu starle innanti.
N fra due tai guerriere Amor la punse,
n saetta passolle oltre la gonna,
10 Lucca, e sol per tua gloria in terra nacque.
E quando ei pure ad Imeneo saggiunse,
duo gran divi legar giovine donna,
ma solo un giogo, una belt le piacque.
1190
Loda la signora Bella dAsia.
Quando vordiva il prezioso velo
lalma Natura e le mortali spoglie,
il bel cogliea, s come il fior si coglie,
togliendo gemme in terra e lumi in cielo;
5 e spargea fresche rose in vivo gelo
che laura e l sol mai non disperde o scioglie;
e quanti odori loriente accoglie;
e, perch non vasconda invidia o zelo,
ella, che fece il bel sembiante in prima,
10 poscia il nome form, che i vostri onori
porti e rimbombi e sol bellezza esprima.
Felici lalme e fortunati i cori,
ove con lettre doro Amor simprima
ne limagine vostra e n cui sadori!
322
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1191
A la signora Lucia Albana.
O chiara luce di celeste raggio
chunalma pura e duo begli occhi illustri,
e tra rose vermiglie e bei ligustri
scopri nel volto quasi un lieto maggio;
luce gentil che non ricevi oltraggio
dal tempo avaro o dal girar de lustri,
5 ma fra titoli e pompe e fregi illustri
ne segni al ciel sublime alto viaggio;
Serio o Brembo per te non sol riluce,
ma, se gli antichi tempi ancora i guardo,
mi par che Roma ne lampeggi ed Alba.
10 E ben mi dolgo che s grave e tarda
ti lodo e canto, o mia serena luce,
che sei del vero sole aurora ed alba.
1192
Fra questi di belt quasi ligustri
e queste rose de let novella,
divina luce di virt pi bella
ognor savanza col girar di lustri;
5 e come sol che loriente illustri
e con Venere insieme e la sorella
faccia sparire ogni minuta stella,
rende men chiari i peregrini illustri.
E dove fece gi londa s rossa
10 il valor di tuo padre, il nome intorno
barbarico rimbomba e lali spande.
N mai pi nobil alma accesa o mossa
da pi sonora tromba innanzi al giorno,
n desto il sonno da trofeo pi grande.
323
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1193
Gentilezza di sangue e fama antica
giunge vago splendore e cari fregi,
anzi antica virt di tanti egregi
a cui fu duce e la fortuna amica;
5 ma vostra luce di vilt nemica
assai rende pi chiari i nomi e i pregi,
e gli avi illustra, quasi invitti regi,
il raggio de begli occhi, alma pudica.
Dunque altro lume e s amoroso e piano
10 non ricerchi giammai stirpe gentile,
n brami altra s bella e bianca mano,
od altro cos puro e dolce stile;
non altro canto, o n bel sembiante umano
tanta dolcezza ad armonia simile.
1194
Se cost viene il nobil peregrino
de la cui stirpe il fondator primiero
gi se n port ben sane leggi e l vero
ne freddi campi al buon seme latino,
5 il bel regno de gli avi e l bel vicino
lido rimiri e i lochi ove limpero
rifecero sovente, e sanco intero
vestigio ne vedr, sospiri Alcino.
Ed intenda per ci la gloria antica
10 de gi s illustri or quasi oscuri tomi
e di quei forti eroi larte e lusanze,
e nacquisti savere onde savanze;
e sa popoli riede unqua non domi
de larme de Romani anco l ridica.
324
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1195
Tu spiri dogni intorno un dolce ardore
s che vi perde Adone ed Amaranto
e quello che di lagrime gi nacque
o che mor su lacque;
5 e nato non sei gi damaro pianto
o di sanguigno umore,
ma del pi nobil seme
chabbiano lalte selve e gli alti monti
e questi lidi s famosi e conti.
10 O fior novello, o speme
di queste nostre rive,
cresci felicemente a laure estive.
1196
Fiori, voi che de regi
portate impresso il nome,
non dispiegate s odorate chiome
come le sparge questa
5 bella, saggia ed onesta
e nobil verginella;
che se preme col pi lerba novella,
par che la terra mande
novi gigli e viole in novi modi
10 e pi degne di far care ghirlande.
Pur se tra lerbe e i fiori
spesso legati son gli umani cori,
n pu fuggire un animo gentile
che fra questi legami e questi nodi
15 non brami esser avvinto,
e viver con Adone e con Giacinto,
quasi converso in fiore, un lieto aprile.
325
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1197
[Ne maggi.]
Fummo in vita selvaggie e villanelle,
tronche da rozza mano
ove irriga un gran fiume un largo piano;
or siam per buona sorte
5 piante gentili e cittadine in morte.
Cos non solo un bel principio onora,
ma spesso il fine ancora.
1198
Non siamo pellegrine
del lucido oriente, ove distilla
Mirra il suo pianto e nasce il nardo e l croco,
o daltro estranio loco;
5 ma nate in qualche villa
de la bella contrada, e morte poi,
qui facciamo ombra, o donna, a giorni tuoi.
Al nascer dun bel mese
siam verdi, bench ancise; e non accese,
10 ma destinate al rezzo e non al foco.
Ne gi portiamo invidia a dolci odori
de lArabia Felice,
ch con Amor qui vola altra fenice.
1199
Mentre a questa mia diva
fanno il mare e la terra insieme onore,
i veloci co tardi aggiunge Amore,
perch stian per servirla in somma pace;
5 e l silenzio sua lode e certo segno
che non giunge al gran merto il nostro ingegno:
per son muti, e l vento e londa or tace.
326
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1200
Non ha fiori il terreno,
come questo mi pare
maraviglioso fior del vostro mare;
a cui non fu mai pare
5 in ramo o n prato ameno,
o pur di conca nel purpureo seno,
tra vaghi scogli e lacque,
fra cui Venere bella in prima nacque.
1201
O pianta trionfale,
onor dimperadori,
or de nomi de regi anco tonori:
cos di pregio in pregio,
5 di vittoria in vittoria
vai trapassando e duna in altra gloria.
Arbor gentile e regio,
perch nulla ti manchi, orna le chiome
a chi dAmor trionfa e lalme ha dome.
1202
Quando intesi il bel nome io ben credea
veder belt mortale,
ma parve Amor senza facelle ed ale
e con occhi soavi
5 che fan lieti i pensier canuti e gravi.
Amore o Citerea,
o luna e laltro insieme allor parea,
n so chi menta pi la vesta o gli anni:
oh dolcissimi dubbi! oh cari inganni!
327
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1203
Loda la zanzara.
Qual cavaliero ardito
a le famose prove
il sonoro metallo accende e move,
tal zanzaretta fiera
5 zufola intorno e vola,
e vi percuote poi la bianca gola.
Oh mirabil guerriera!
in cui natura giunge
la tromba a larme, ondella suona e punge.
1204
Questa lieve zanzara
quanto ha sorte migliore
de la farfalla che sinfiamma e more!
Luna di chiaro foco,
5 di gentil sangue vaga
laltra, che vive di s bella piaga.
Oh fortunato loco
tra l mento e l casto petto!
Altrove non fu mai maggior diletto.
1205
Invidia la morte di una zanzara.
Tu moristi in quel seno,
piccioletta zanzara,
dov s gran fortuna il venir meno.
Quando fin pi beato
5 o ver tomba pi cara
fu mai concessa da benigno fato?
Felice te, felice
pi che nel rogo oriental fenice!
328
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1206
In morte de la signora Eritrea...
Fermo, bello e gentile
pi de la vaga Delo,
chancor tu giungi novi lumi al cielo;
ferma, deh! ferma i lagrimosi rivi,
5 non sfrondar le tue chiome,
chiamando dEritrea lamato nome:
perch, mentre s lungi a te risponde
la verde selva e laura e l fiume e londe,
sta nel cielo Eritrea con gli altri divi;
10 ma dove il freddo corpo alberga e posa
i gigli spargi con la man pietosa.
1207
Nel medesimo argomento.
Che dolente armonia
di parole angosciose e di sospiri
par che intorno si giri?
E che mesto concento
5 fanno le fronde e i rami e lacque e l vento?
E l vento e lacque e i rami
e tutto ci che spira e che verdeggia
solo per lei si discolora e piagne;
e i boschi e le campagne,
10 ogni armento, ogni greggia
par chEritrea sol brami;
n preda ho senza lei con reti ed ami.
329
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1208
Nel medesimo argomento.
Come Venere bella
fu la bella Eritrea,
e partorire anchella Amor potea;
e se no l fece, almen fu cara madre
5 di s vaga fanciulla,
chavrebbe Amor innamorato in culla.
Ed or che seco more,
oh miseria! oh dolore!
oh martre infinito!
10 E' spento Amore o nsieme al ciel salito.
1209
Nel parto de la signora Costanza Affaitata.
Nel parto di Costanza il ciel costante
e la natura fu costante a prova,
che sua bellezza e castit rinnova
in dolci e care membra e n bel sembiante.
5 Non se n dolga ella dunque, anzi se n vante
comaltri suol di cosa altera e nova;
n pi diletta a gli altri e parte giova
figlio, nel suo sperar bramato avante.
Se quanto err natura, in casta donna
10 tanto virt corregge e rende adorno,
e tutti i suoi difetti adempie Amore:
cha lei diede il sovrano e l primo onore,
e mentre gira i duo begli occhi intorno
spesso vince gli armati in treccia e n gonna.
330
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
1210
Dimostra, secondo lopinione de platonici, come lanima nuovamente
scesa nel corpo e dimenticatasi de le cose celesti e desta dal raggio de la bellezza
sale e comincia a ricordarsi de lintelligente.
Alma gentil, che da superni cori
dianzi scendesti in questo uman soggiorno
e n questo vel che ti circonda intorno
obliando i celesti eterni amori,
5 mentre in s casto sen fra dolci ardori
tassidi e miri un bel sembiante adorno,
e quei lumi che fanno invidia e scorno
a tanti falsi e torbidi splendori;
gi si comincia a rammentar del cielo
10 onde trasse costei la santa vita
e col suo raggio par che laltra informe;
gi fra le brine e fra le nevi e l gelo
desta la fiamma che parea sopita
e nel tuo petto Amore omai non dorme.
1211
Quasi ne loriente e ne laprile
de tuoi begli anni e del tuo d sereno,
per questo Egeo, che s di scogli pieno,
giungesti al queto porto, alma gentile;
5 e teco quella, chebbe il mondo a vile,
pass qual picciol legno in largo seno
dietro a la nave sua del mar Tirreno
o nel grande ocean lultima Tile.
O pur come lucente e chiara stella
10 tramonta quando il sol cade nel mare,
ne le fasce mor poi che moristi.
331
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
Ahi tenebrose notti, ahi pene amare!
Deh, torna in sogno almen pietosa e bella
a consolarne, quanto or tu nattristi.
1212
Santo amor damicizia ed innocente
chunisci i faticosi egri mortali
e de la vita i gravi e duri mali
se dalleggiare e dammollir possente,
5 alberghi tu ne cori, e pi sovente
fra civili pensier che fra reali,
per te mantiensi ne le stirpe eguali,
per te buona savanza ed umil gente.
Or, se lo sdegno mio per te sacqueta,
10 placami ancor del mio fratello il petto,
che fero infiamma e fervido desire:
perch non turbin larme nostre e lire
de lonorata patria il caro aspetto,
n la sua pace bella, onesta e lieta.
1213
Se nacqui fra soavi e dolci odori
dun bel monte fiorito in verde piano,
tronchi il mio filo omai candida mano
perch sepolto io giaccia in mezzo a fiori;
5 e dintorno a la tomba i vaghi Amori
scherzino con le Grazie a mano a mano,
e la bellAlba dal balcon sovrano
lillustri e scopra glimmortali onori.
E, se contrario a lopre il nome or suona,
10 maggior discordia damorosa mente,
e, non intesi, il s col no risuona.
332
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
Pur s discorde al mio morir consente,
e gi lultimo d nel cor mi tuona,
ma l ritarda piet vera e presente.
1214
Pallido scopro il volto e nnanzi il verno
sparso il mento di neve; e n seno io celo
giovine ancor via pi freddo che gelo
e pigro fassi ogni mio senso interno.
5 Ma forse ardi tu dentro, al cui governo
Amor sasside; ed hai s destro il cielo
che non ti cangia aspetto o mbianca il pelo,
s che par che tu prenda il tempo a scherno.
Ed in dolce tenzon forte guerriero,
10 ove che l tuo desio talor ti spinga
ti mostra la tua fresca e verde scorza;
o pur canuta mente, alma guardinga
pon duro freno al rapido pensiero,
n dove pu ragione Amor ha forza.
1215
Dice dimmaginarsi la bellezza duna gentildonna non veduta, non udi-
ta, non conosciuta per nome, quantunque fosse famosa per leccellenza de la
musica e per altre belle parti del corpo e de lanima.
Mentre ancor non mabbaglia il dolce lume,
n mi toglie a me stesso il dolce canto,
una imagine formo in mezzo al pianto
in riva al Serchio, vago e nobil fiume.
5 E bench porti con veloci piume
fama il suo nome, io pur non lodo intanto:
o mute meraviglie, onde no l canto,
qual nova usanza questa o qual costume?
333
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
Ma sdegna forse che belt divina
10 da me non si descriva in colti versi,
n larmonia che fa gentil rapina.
Pur fia chi dica: Il cor leggendo offersi,
ma in guisa duom che nel silenzio inchina:
lei no, ma l suo bel velo a pena i scersi.
1216
A la signora Onoria de lOro, gentildonna bolognese.
De lonor simulacro il nome vostro,
aureo tutto, e ben a voi conviene:
canto di cigni a lui, non di sirene,
e lettre dor, non sol di puro inchiostro.
5 E per cercar l s di chiostro in chiostro
le parti pi lucenti e pi serene,
ode la terra le secrete vene,
quantivi si contempla in voi s mostro.
Onde chi vi nom, formar sembianti
10 i nomi volle; e chi vi f, seguio
col suo pensiero al ciel non che sotterra.
Ma voi sua viva imago ed idol mio
ne lalma il somigliate e ne sembianti,
n colpa di belt suom lama ed erra.
1217
[A Vittoria...]
Gi del valor la palma
fu come il lauro ed al valor fioria,
a cui fiorir glingegni e gli alti carmi;
or senza schiere ed armi
5 la si prende bellezza e leggiadria;
334
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte quinta
e voi tra le pi caste e le pi belle
queste vincete e quelle,
o bellissima ancora
vergine, che la terra e l cielo onora.
1218
Incontra Amor gi crebbe
questa nobil Vittoria in umil cella;
lieta e pensosa vinse
pensier vani ed affetti,
5 e desiri e diletti:
cos le faci estinse,
cos gli ruppe larco e le quadrella;
ora esce, ove dimostri
la sua invitta onest, da verdi chiostri:
10 perch pi bello onore,
se ne laperto campo vinto Amore.
1219
Vincea sciolta e solinga,
ed or Vittoria vince in altro modo,
di casto avvinta ed amoroso nodo;
ed altro Amore questo,
5 o pur vinto da lei si mostra onesto,
mansueto ed umile:
cos cangiato ha stile.
Ella a santa Onest non di Peneo
rami consacra o foglie,
10 ma la sua palma e le sue care spoglie
e fa del proprio nodo un bel trofeo.
335
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
Parte sesta Rime di composte negli anni
1585-1586 (12 luglio)
1220
Loda la serenissima Barbara dAustria, di gloriosa memoria, duchessa di
Ferrara, ed il serenissimo signor duca suo marito.
Cantar non posso, e doperar pavento
contrario effetto con la lingua al core
che vorria fare onore
a quella donna chora diva in Cielo;
5 ma come scoprir del suo valore
quel che spesso fra me ragiono e sento,
e quel chiaro concento
de le sue lodi chio nascondo o celo,
sella, che vede comio tremo e gelo,
10 sin da le stelle or non mi detta i versi?
Lanima bella ancor non era avvinta
del nodo onde fu cinta,
quando primiero in lei questi occhi apersi;
ma di sua propria mano il Mastro eterno
15 il tessea per sua gloria in mezzo il verno.
Era non di rubini o di diamanti
quel che legar dovea lalma reale,
ma di fede immortale
e di celeste amor con dolci tempre;
20 n di pregio o valor si trova eguale,
n strinser mai s bei legami e santi
s gloriosi amanti,
in cui lardor con lonest si tempre;
n dove si gioisce e vive sempre
25 luno e laltro beato insieme unito
con affetto pi caro in altro modo:
nobilissimo nodo,
per alto esempio de mortali ordito,
di cui limago fu tra le pi belle
30 creata innanzi al sole ed a le stelle.
336
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
A le fila lucenti e preziose,
al mirabil contesto, al bel lavoro
che vince ogni tesoro
lo qual sasconda de la terra in seno
35 e de fiumi e del mar le gemme e loro,
giunta la vidi, e superar le spose
pi belle e pi famose
che sian fra lacque dAdria e l mar Tirreno;
e dalta maraviglia oppresso e pieno
40 uomo io parea che non usata luce
repente miri, allor s nobil donna
veggendo in treccia e n gonna,
e cader larme dogninvitto duce
e lalte palme e le temute insegne;
45 n fur mani di scettro ancor pi degne.
Non si fermava il mio pensiero in terra,
che linvitta sua stirpe onora e cole,
ma trapassa il sole,
dove son lalme de gli antichi augusti,
50 quando una donna, che teatri e scole
empie del nome chiaro in pace e n guerra
e i suoi nemici atterra,
ma leva al cielo i valorosi e giusti:
Tu, disse che gi meco un tempo fusti
55 e mi seguisti poi s pigro e tardo,
odi il vero da me, che pria sintese
dovella il volo prese,
e parte solo in lei rivolgi il guardo
che de la gloria eterna specchio ardente,
60 quasi dangelo sia divina mente.
Quando lanima santa al mondo venne,
lorn mirabilmente il sommo Padre
de le doti leggiadre
e de bei doni e de superni lumi
65 che fan pi belle le celesti squadre;
337
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
n chi vicino a lui spieg le penne
parte maggior ne tenne;
e serenando il cielo e l mare e i fiumi,
fiorir facendo le campagne e i dumi,
70 verdeggiare ogni monte ed ogni bosco,
sicure errar le mansuete greggie
col pastor che le regge,
e lasciare i serpenti il fiero tosco;
ma le ragioni a morte allor non tolse,
75 perch il suo merto far pi chiaro ei volse.
Come ella fu ne la terrena vita
che per lei quasi divent celeste,
le pi belle ed oneste
subito empi di nobil maraviglia;
80 e fra le spoglie dostro e dor conteste,
fra le pompe reali era nutrita;
ma pur in s romita
spesso innalzava le divote ciglia
in guisa di chi pensa e si consiglia;
85 e fra i chiari trofei del padre invitto,
e i novi scettri e le corone eccelse,
fra cui vittoria scelse
lalbergo e sollev limperio afflitto,
lorme seguia, che santo piede imprime,
90 con la piana umilt via pi sublime.
Ma poi chaccrebbe lei natura ed arte
con gli anni il senno e l suo valore insieme,
fede ed amore e speme
di terra linnalzar quasi colomba
95 o comaquila poggia a le supreme
nubi e rimira di lontana parte.
Ma non bastan le carte
a scriver quel che nel tuo cor rimbomba
quasi angelico suon deterna tromba;
100 e ben felice quel, con cui saccoppia,
338
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
novello Alfonso, che lantico agguaglia
ne larti di battaglia,
n fu congiunta mai pi nobil coppia;
ma se le giunse Amor, Morte partille,
105 chinvidia al novo eroe pi forte Achille.
Ci detto avendo, la costante destra
par che volgesse a le stellanti rote
insieme con la fronte, e cos disse:
Le sue stelle son fisse;
110 ma quel cha lei mi di mutar le puote,
mesta canzone. E poi da me disparve
qual vera dea, non comerranti larve.
1221
Ne la morte di Barbara dAustria, duchessa di Ferrara.
Gi spiegava linsegne oscure ed adre
Morte nel freddo e tenebroso volto
dalta regina e non parea superba,
bench lo spirto abbia nel fin disciolto
5 e renda il corpo a la sua antica madre
e tronchi il fiore e mieta il frutto in erba:
perch quel viso estinto in s riserba
il primo onore, e maest non fugge
da quel candor chimpallidito agghiaccia,
10 n la disperde o caccia
lombra crudel che lui dintorno adugge;
ma, come fra le spoglie e fra le palme
sovente il vincitor di nobil terra
i costumi de vinti ancor non sdegna,
15 par che s mansueta in lei divegna
chi vinse il suo mortal con lunga guerra
e scosse lei di belle e care salme;
e mentre fra le caste e nobili alme
la pi nobile e casta al ciel ritorna,
20 Morte spietata di piet sadorna.
339
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
Morte ogni duro core accende e spetra
e sembra un dolce sonno in que begli occhi,
un bel silenzio in quella fredda lingua,
materia da coturni e non da socchi.
25 N fu scolpita mai gelida pietra
datto s vivo che l dolor distingua
e desti mille affetti e mille estingua,
come l volto real mentre ella giace
e si riposa tra l dolente coro
30 su la porpora e loro
in placida quiete e n santa pace;
e le meste Virt, cha pi le stanno,
le fur compagne in terra; e chi pi sange,
la pi lagrimosa e la pi bella;
35 e fra l pianto de gli altri e la procella
par soave armonia quantor si piange;
pur tempra la sua lode il loro affanno,
e, se repente dopo lei non vanno,
solo quella che l velo onora e guarda
40 lincominciato volo affrena e tarda
E ne linvitto Alfonso arde e sfavilla
con vari modi e l duol savanza e lempie,
e cresce amore e nsieme il suo tormento.
N l fato accusa o laspra sorte o lempie
45 Parche; n freme tra Cariddi e Scilla,
n n duro scoglio mormorando il vento,
come il dolor che trova al suo lamento
ogni varco rinchiuso e dentro ferve,
ove non chi loda o chi risponda;
50 n la ragion vaffonda
perchogni voglia al fin sacqueta e serve;
ma pur membrando i tempi lieti e i mesti,
gli atti benigni e gravi e le sembianze,
e quel lume del cielo in terra apparso
55 e poi del mondo dileguato e sparso,
e l desio de figliuoli e le speranze
340
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
che la gloria immortal glinfiammi e desti
de luno e laltro Alcide, alme celesti,
e l suo vedovo albergo e lalta reggia,
60 in gran tempesta di pensieri ondeggia.
Ma lItalia di stridi il cielo empiendo
e sparsi i crini e gli occhi in lei conversi
squallida pianse e miserabil vecchia:
Barbara morta, oim! quai casi avversi
65 o qual percossa pi mortale attendo?
Che minaccia Fortuna ed apparecchia?
Ma se affanno e martir di rado invecchia,
questo muccida e sia lestremo colpo
che mi trafigga lalma e passi il core
70 col pungente dolore,
ch se mi trae di vita io non lincolpo.
Oim! lalma real di puro velo
vedendo cinta e di leggiadri nodi
sperai gi troppo: or se ne scinge e spoglia
75 perch rimanga in me perpetua voglia,
ch di veri miei pregi e dalte lodi
serbo amara memoria e non la celo,
bench sia fatta s odiosa al cielo;
e sotto al sol turbato, a laura fosca
80 a gran pena me stessa e lui conosca.
Io veggio frali in me, se non inferme,
le membra afflitte e son domata e vinta,
ed amo il peso che pi volte ho scosso.
Archi e teatri e simulacri e terme
85 mirai distrutti e quella gloria estinta
chadombrava limperio allor commosso.
Metalli e marmi io pi drizzar non posso
a gloriosi; anzi tra l mare e lAlpe
respingo a pena e n su gli alpestri gioghi
90 i barbarici gioghi,
e gi facea tremare Abila e Calpe,
341
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
Atlante, Olimpo, e tolsi e diedi i regni,
vidi insegne e trofei giacer, deposto
a la statua dAugusto il gran diadema:
95 la Spagna minchinava e lIndia estrema,
le parti dAustro e dAquilone opposto,
e tranquillai quellire e quelli sdegni;
onorai dalti premi i chiari ingegni;
cinsi la terra e quasi il mar profondo
100 di schiere e darme, e fei le mura al mondo.
Ma, qual incendio che sinfiammi e sparga,
da gli aspri monti ne miei dolci campi
pi volte si vers spietato orgoglio
perchuna volta appresso laltra avvampi
105 e sempre sia di sangue altrui pi larga;
e vidi presa Roma e l Campidoglio,
n rupe in Apennino o n mare scoglio
da barbari sicuro, e intorno ntorno
piene tutte le piagge e tutti i lidi
110 dorrida morte i vidi,
e vergognoso oltraggio e grave scorno.
Ma n questa mia gentile e vaga parte
dove lAdria sallaga e l re de fiumi,
la stirpe dAzzo ebbe s il cielo amico
115 che difese lonore e l nome antico,
la sua f, le sue leggi e i suoi costumi;
e son di lei tante vestigia sparte,
tante illustri memorie in vive carte,
onde vecchia sperai, che pi sapprezza,
120 caduco onor di giovenil fortezza.
Tu daugusti e di re sorella e figlia,
dalta progenie che limperio accrebbe
e duo mondi dom, ma vinse a Cristo,
n per Cristo donarli ancor glincrebbe,
125 speranza maggiungesti e meraviglia,
tal chobliava ogni mio vano acquisto,
e col tuo sangue al mio confuso e misto
342
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
credeva alzarmi al cielo: or teco insieme,
Barbara, i caggio, e teco giaccio e teco
130 ogni mio lume cieco:
oh credenza fallace, oh falsa speme!
Per te barbaro nome amai pur dianzi
chera odioso, or me n rimembro e torpo;
per te stimai vil danno ogni ruina.
135 Or faccian sacra tomba, alta regina,
ogni sparso edificio al nobil corpo,
ogni mole caduta, e i monti avanzi
quanti ne fian, quanti ne furo innanzi;
e se l mio grembo stretto e picciol sembra
140 sia lEuropa sepolcro a queste membra.
Cos disse lItalia; e del suo pianto
corse torbido il Po su lalta riva,
e lagrime spargea con dogliose urne,
e gran rimbombo e sospiroso usciva
145 da la Parma e dal Taro e Mincio e Manto;
e Barbara sonar laure diurne,
Barbara risonar laure notturne,
e Barbara fremean le selve e i colli,
Barbara mormorava il mar vicino,
150 Barbara lApennino
pur come turbo i tronchi offenda e crolli
e naspri il verno e cresca il nembo, o come
si veggia senza il sole il ciel rimaso;
e mugghiava il Tirren che londe imbianca
155 or su la destra sponda or su la manca,
e piangean le sorelle il mesto occaso;
donne e donzelle con incolte chiome
su lArno sospirar lamato nome;
e n suon, qual non ud Cefiso ed Ebro,
160 Barbara ancor chiam gemendo il Tebro.
E le voci dItalia e i mesti accenti
oltra lAlpe nevose ancor sudiro,
e la funebre pompa e le facelle
343
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
sol quelle somigliar che n lungo giro
165 il gran re de la Persia a varie genti
gi dispose fra lIndia e l varco dElle;
col grande annunzio pur dalte novelle
cos tosto affrett la Fama il passo,
anzi l volo spieg con lali impigre,
170 appo cui lenta tigre
e l volar dogni augello tardo e basso;
mille sonanti lingue ancor disciolse
Cesare invitto, e i gloriosi regi
ne loccidente empi damaro lutto;
175 n Germania ritenne il viso asciutto,
ma senza lor, senza ornamenti e fregi
vestissi a bruno e duol con duolo accolse;
e come rimbomb mentre si dolse
lIstro e lErcinia e via pi lunge Ardenna,
180 scriver non pu questa mia stanca penna.
Ma tu, salita da gli oscuri abissi
di questo umano oblio, da lorridombre
fra cui soscura ogni celeste raggio,
di maraviglia e di piacer tingombre
185 mirando i lumi erranti e i lumi fissi
sotto a be piedi, e l sole e l suo viaggio
che ne ritoglie e torna aprile e maggio,
che ti par strada obliqua e strada angusta,
mentre vola il tuo spirto e ti conduce
190 al ciel ch pura luce,
ed incontri per via lanima augusta
e laltre cos belle e cos degne
che gi portaro in terra il grave incarco
di corone e di scettri, e nsieme ascendi;
195 ed ambo gli emisperi a scherno prendi,
e stimi loceano un picciol varco
dove spiegar le gloriose insegne;
e nfiammi in Dio ci che raffredda e spegne
la morte al mondo; e gi del Re superno
200 vedi la gloria in quel trionfo eterno.
344
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
Canzon, se fama antica oggi non mente,
bebbe Artemisia, con lodato esempio,
il cener freddo; il mio signor la fiamma
mand nel casto petto e se ninfiamma,
205 e non arse pi bella in sacro tempio:
non dirlo a lei, che damor vero ardente
fra que divini cori il vede e sente;
ma il narra a la sorella: essa ti prenda,
e i miei lamenti e laltrui lodi intenda.
1222
Loda la serenissima Giovanna dAustria Medici, granduchessa di Toscana.
Deggio forse lodar laurato albergo,
in cui dimori o quello in cui nascesti?
questi o que pregi, o queste glorie o quelle?
o l tuo valore a cui mi sveglio ed ergo
5 qual uom gi lasso, cha gran d si desti
serr col raggio di minute stelle,
vede cose pi belle
a lo splendor che le colora ed orna?
Ma chi porta lontan s care salme
10 e coglie allori e palme?
chi poggia incontral sole e chi soggiorna?
e chi giunge a le mete e chi ritorna?
Pur io dir che ne la reggia antica
di sacri augusti avea con auree penne
15 gran simulacro e con favor secondo;
ma spesso trapass fortuna amica
duna stirpe ne laltra, e quasi tenne
la terra sotto lale e l mar profondo.
Or pi felice l mondo:
20 non sorte, ma virt trionfa e regna,
non idolo scolpito in oro o n marmi,
n di corone e darmi
345
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
falso splendor, ma vera gloria e degna
del cielo omai, che di salirvi insegna.
25 Vera gloria del ciel deriva e nasce
dove nacque il fratello e l padre augusto
e gli avi tuoi che trionfar la terra;
e son fede e piet le prime fasce,
ed amor donestate, amor del giusto,
30 son larme sue fortezza e senno in guerra;
n gi vaneggia ed erra
dun tetto in altro come a primi tempi,
n trascorre da luno a laltro sangue;
n per vecchiezza or langue,
35 ma ferma con pi belli ed alti esempi
la sede in occidente incontra gli empi.
Indi per arricchir dun bel tesoro,
ch gemme sono i figli, onde risplenda
la gran Toscana, a lei volgesti i passi
40 con odorato crin di lucidoro,
come angeletta che fiammeggi e scenda
e quei cerulei campi a dietro lassi.
Tutti i versi son bassi
e tutti sono rochi i nostri accenti
45 in lodar te che lumiltade inchina,
donna, duce e regina;
ma tutti sono ad onorare intenti
i seggi in cui tu regni alti e lucenti.
Te quellalbergo trionfante accoglie
50 a cui dintorno ud s dolce canto
il nobil Arno e chi da fior si noma;
altri rec le gloriose spoglie,
altri nusc che la corona e l manto
port di Pietro e sacra antica soma:
55 tal che lItalia e Roma
quinci limperio a lonor suo converso,
quinci vede colei che gli alti imperi
346
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
e dona i regni interi,
n luno a laltro per disdegno avverso,
60 n monte scorge o mar di sangue asperso.
E n te rimira s leggiadre forme
di felice virt, che meno apprezza
le peregrine e le romane illustri,
e tutti inverso al cielo i passi e lorme
65 e i figli vaghi dimmortal bellezza
cui non disfiora il trapassar de lustri;
e mentre pi glillustri,
n crudel guerra i nostri lidi infiamma,
n rischiara il tuo nome acerbo esiglio,
70 non morte n periglio,
non piaga o serpe e non accensa mamma,
n ferro che saffini a viva fiamma.
Canzon, vince se stessa
lalma reale e luna e laltra sorte,
75 essendo la pi casta e la pi forte.
1223
[Nel cardinalato di Alessandro Damasceni di Montalto.]
Fra suoi vittoriosi e sacri augusti
Alessandro cont la nobil Roma
quando ella cinse dor lantica chioma,
donna di Sciti e dEtiopi adusti.
5 Or chal sommo poter confini angusti
dar pu la terra e l mar chuom varca e doma,
altri Alessandri in s produce e norma,
altri nadorna e via pi santi e giusti.
E questo, dopo gli altri, al ciel pi care
10 fa le rive del Tebro, e i bei costumi
son quasi stelle e sole il chiaro ingegno.
347
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
Montalto loriente ondegli appare,
come riluce in pi sereni lumi
al cader duno altro celeste segno!
1224
[Al medesimo.]
Felice onor chin voi prevenne il merto
o pur quasi gemello a un parto nacque,
onde la vaga fama allor non tacque
e qual sia prima o poi, non anco certo.
5 Ma come il d col sole in cielo aperto
i monti indora e i mari illustra e lacque,
mostrossi a paro; a prova crebbe, e piacque
il crin di lucidostro in voi coperto.
Felice merto, ove in cercar gli onori
10 la virt non si stanca; e bench ignuda
bella soglia parer, si fascia e splende,
n per vil pregio mai contrasta e suda,
ma lha maggior che palme e verdi allori,
e l gradisce non cerco, e dato il prende.
1225
[Scrivendo al signor don Ferrante Gonzaga di Guastalla, loda la sua casa].
Qual di pianta gentil felice verga
diviene arbor novella, e verdi fronde
dispiega a prova e fior purpurei e bianchi,
tal la tua stirpe avvien chinnalzi ed erga
5 al cielo i rami, ove con lucidonde
bel fiume invita i peregrini e stanchi.
E, perch nulla manchi,
di vero onore omai lantica agguaglia;
e sacra palma e trionfale alloro
348
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
10 in lei sinnesta, e loro
vi riluce con lostro e gli occhi abbaglia:
cantano a lombra i cigni, ed ode il canto
il Tebro e Roma e non pur Mincio e Manto.
Par che mille eccellenze in uno accolga
15 per dar materia al pi lodato carme
di quante il sol nillustra errando in giro,
e l leon de Boemi annidi e tolga
laquile de Romani e i nomi e larme,
e quellarti ondi Greci ancor fioriro.
20 Qual Tessaglia ed Epiro
duo Pirri esalta, e con linvitta Roma
Vespasian, ch forte e largo e giusto,
non sol di nome Augusto;
e Giulio dal suo antico in lei si noma,
25 e teco a prova Scipio oggi risplende
mentre del tuo splendor suo lume accende.
E l valor di Castiglia ancor risuona,
e dAragon fra merti, onde Ferrante
si mostra e pi mostrossi Alfonso adorno.
30 E se nvece di scettro e di corona
la real virt dalma costante,
chi pi nha dentro o pi ne scopre intorno?
Ma indietro a voi ritorno,
Luigi e Carlo, gloriosa coppia,
35 ed a Franchi, a Germani opporvi ardisco,
qual uom che fugge risco
e poi se n pente e i suoi perigli addoppia,
perch se n questo arringo a terra io caggio
lode la caduta e non oltraggio.
40 Ma la vostra virt, chin parte aggiunse
dove fortuna suol poggiar di rado,
grandonor impetr daugusti e regi.
N quel che Abila e Calpe in mar disgiunse
o di Stige tent loscuro guado,
349
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
45 ebbe di fama s onorati fregi;
n Teseo i vostri pregi
oscurar pu, ma la sua luce appanna,
bench Ippolita splenda; e care spoglie
abbia de laltra moglie,
50 e dElena si canti e dArianna:
e da quegli a linferno l calle aperto,
al ciel da voi, ma pi solingo ed erto.
E se nascean ne lafricana terra
mille giganti ove lun cadde esangue,
55 tutti cadeano e si partia la gloria;
ancor domi i Centauri in breve guerra
avreste insieme, e lidra e l toro e langue,
di Sciron, di Procuste alta vittoria.
Ma di pi vera istoria
60 fur soggetto il valore e i merti vostri,
ch sotto un giusto re nasceste a tempo
e n pi felice tempo,
che non fu di giganti e dempi mostri,
n di s gravi colpe ancor fecondo,
65 n maggior meraviglia apparve al mondo.
Canzon, comete e fiamme,
ed altri il ciel mostr turbati segni
e darchi e di corone ei si dipinse,
e poi tosto lestinse;
70 ma questa luce apparsa a tanti regni,
questo splendor di cavalieri e dopre
ancor per gloria sua rivela e scopre.
1226
[A Bianca Cappello de Medici granduchessa di Toscana.]
A nobilt di sangue, in cui bellezza
fiorisce a prova e che il sol risplende;
a valor, a saper, che pi sintende
dovegli pi si loda e pi sapprezza;
350
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
5 a chiaro ingegno, a pura mente avvezza
in contemplar il cielo, onde ella scende;
a spirto ardente, che se stesso accende,
or nulla gloria manca e nulla altezza.
E nvidia a voi non fanno avari tempi
10 per diadema chusasse il verde Egitto
o per fallace onor di vaghe stelle,
ch pi degne virt, luci pi belle
vi fan vera corona; e n duce invitto
ha vinti nova fede antichi esempi.
1227
Nel nascimento dun figlio del signor marchese di Pescara.
Tranquillo mar, cha la feconda terra
tavvolgi mormorando e la comparti,
e n molti seni a noi ti versi e parti,
duno in altro passando anco sotterra;
5 dantica stirpe e s temuta in guerra,
ondebbe Italia gloriosi parti,
un se nattende a le sinistre parti
l ve di mura sincorona e serra.
Corra dunque al Tirreno, ove saggiunge
10 lAdria co suoi vicini, e voli intorno
fama con bianche vele or donda in onda.
N suon fallace nobil cuna asconda,
ma vera laude illustri appresso e lunge
come sia nato un altro sole al giorno.
351
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
1228
Nel nascimento duna figliuola del marchese di Pescara.
Per adornare un alma il Re del Cielo,
quasi chiare faville, in lei cosperse
mille virt s belle e s diverse
chebbe de lopra sua diletto e zelo;
5 e poi dun bianco e leggiadretto velo
la circond natura e la coperse,
e due serene e chiare luci aperse,
sendella uscita a sentir caldo e gelo.
E mirabil parrebbe in cuna e n fasce;
10 ma, dove risplendeano a gli occhi nostri
tanti lumi di gloria e di bellezza,
Napoli, a lo splendor gran tempo avvezza,
maraviglia di lei non dici o mostri,
come di stella o sol chappare e nasce?
1229
A Curzio Gonzaga.
Curzio, dett le rime vostre Amore:
form le dolci note onde ninvesca,
e dispose le reti e gli ami e lesca
per cui si prende o pur si lega il core.
5 Co sospiri ei spir soave ardore,
pianto vers che lalte fiamme accresca,
tempr gli strali onde martir rinfresca
con pioggia sol di lagrimoso umore.
Quinci, come onda ad onda in mar succede,
10 allegrezza a dolor, pietate a sdegno,
quinci costanza appare e quindi fede.
352
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
Quinci larte risplende e l chiaro ingegno,
e nove palme acquista e nove prede
Amor nel suo trionfo e nel suo regno.
1230
In morte del Mureto.
Italia del suo puro alto idioma
perdeva il pregio e del sermon pi colto,
e navea Francia teco il fior gi colto,
Mureto, e non cangiavi abito e chioma.
5 Pria Roma a Franchi, e poscia il cielo a Roma
canuto stile e suon canoro ha tolto;
e l loda chi tavvinse e chi tha sciolto,
spirto immortal, de la terrena soma.
E nha gloria il Signor, chivi sfavilla,
10 e la stirpe real chorno e celbro
con altre lodi e daltra man conteste.
E sol potea fornir tra Senna e Tebro
la gran contesa il cielo; ed ei fornilla,
ch non romano il dir, ma fu celeste.
1231
Al signor Giulio Caria napoletano. Risposta.
Cos m grave il manto onde si veste
lalma, chella non lascia i suoi ritegni,
n suol volar sovra famosi ingegni
a le forme di stelle e dor conteste.
5 N lali spiega s veloci e preste
che sotto vegga il nostro e gli altri regni:
quinci nascon gli oltraggi e i novi sdegni
di lingue accorte al bel desio moleste.
353
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
Ma sia che pu: volgendo gli anni io spero
10 chalmen dir quel che verr da poi:
In animo gentil perch tantira?
E saltri con Virgilio e con Omero
chiara gloria acquist, cantando a voi
la mia con questa lingua or vive e spira.
1232
Al signor marcello Donati.
Io volo pur, quasi palustre mergo,
intorno a lidi ed a le torbidonde
di questo mar chi suoi principi asconde,
ma non malzo a le stelle e non mimmergo;
5 ma tu, lasciando i pi spediti a tergo,
ricerchi il cielo e quanto a noi diffonde,
e le prime cagioni e le seconde
nel viaggio del sole e laureo albergo.
E se contempli fra pi chiari ingegni
10 ci che l mare e la terra a noi dispensa,
tapre natura luno e laltro grembo.
Dunque o sotto i terrestri e salsi regni
questa mente conduci, o teco accensa
voli rapita da celeste nembo.
1233
Al signor Marcello Donati, gi lettore ed or segretario del serenissimo
signor principe di Mantova, lodando luno e laltro.
N pi bellalma da leterne stelle
in pi bel corpo ad abitar discese
di quella che n Vincenzo albergo prese,
n pensa di tornar per vie pi belle.
354
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
5 E mentre mira le man conte e quelle
onde, chi resse il tuo gentil paese,
o luno e laltro imperio, al cielo ascese,
ed or loda lantiche or le novelle,
teco se ne consiglia; e tu gli mostri
10 de suoi grandavi le pi nobili orme
e l miglior calle, e pi lodato e degno;
e deterna belt, di pure forme
lo splendor che sasconde a gli occhi nostri
tu sol discopri al peregrino ingegno.
1234
Loda il signor Cornelio Bentivoglio e il serenissimo signor duca di Ferrara
suo signore.
Signor, che n mille arringhi e n mille imprese
mostri ardente virt, chi pi ne mostra,
quando per chiaro grido a let nostra
e per antica fama ancor sintese?
5 Da te primiero il grande Alfonso apprese
di ferir torneamento o correr giostra,
e segli teco mai combatte o giostra
vince il pi forte no, ma il pi cortese.
Da te, come difenda o come assaglia
10 campo o citt meglio chinteso o scritto
non trovo in greche od in romane carte;
ma quel valor chi pi lodati agguaglia
non impar da te, che l core invitto
sacquista per natura e non per arte.
355
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
1235
Loda il medesimo signore.
Cornelio, lunge da lantica sede
che tenner gli avi tuoi volgendo gli anni,
gran valor discopristi in duri affanni,
deterna gloria e dalti pregi erede;
5 e savanza ei pi sempre e con la fede
cresce e ristora di fortuna i danni,
e chi ben mira ove non sono inganni
di pi cari ornamenti adorno il vede.
Perch colei chor leva ed or ripone
10 laureo diadema e laureo manto a regi,
quel che di fuor appar veste e circonda;
ma pi belli di manto e di corone
ha la vera virt glinterni fregi,
e pi felice dove men gli asconda.
1236
Loda la signora Vittoria Cybo Bentivoglio.
Di pregar lasso e di cantar gi stanco,
il vostro nome altero e trionfale
portar non posso comaugel su lale,
or negro e roco e gi canoro e bianco,
5 e sotto il fascio de miei danni io manco.
Ma pur, chiara Vittoria,
per la dolce memoria
di vostra cortesia lalma rinfranco
e di lodarvi i massicuro ed oso,
10 Admirativo mas que temeroso.
Pi di stupor che di timor mingombra
langelica sembianza e l bel costume,
356
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
e de gli occhi soavi il puro lume
chogni mesto pensier discaccia e sgombra;
e siede in voi, ma vinto, Amore a lombra
15 con mille sue rapine
ne gli occhi e sotto il crine,
che la tranquilla e chiara fronte adombra;
e mille altri trionfi ancor sapete
Voi, chintendendo il terzo ciel movete.
Amor di strali armato e di facelle
20 vinceste inerme e giovinetta donna,
con bianca destra ignuda in treccia e n gonna,
e laltre voglie a la ragion rubelle,
e le vittorie son quante le stelle;
e tanti i vostri onori
25 quanti di maggio i fiori
e quante son dapril lerbe novelle;
e la bellezza pari a lonestate
Nel dolce tempo de la prima etate.
Felice albergo, che voi lieta accoglie
fra magnanimi eroi, fra cavalieri
30 di lor virtute e di lor gloria alteri,
e fra vittoriose e care spoglie;
felice sposo, e di concordi voglie,
cui non vi di Fortuna,
o cielo o sole o luna,
35 ovaltri lega il fato e lalma scioglie,
ma chi la fece; e qui se mai vesalto,
Temo, donna gentil, dalzarmi in alto.
Or non tagguagli a lui Grecia fallace
quel da Corinto, a cui linstabil diva
lampie citt prendea mentre dormiva,
40 chin lungo sonno ei non sacqueta o giace,
ma l paterno valor, qual tromba o face,
ne gli occhi gli sfavilla,
e pi chiaro di squilla
357
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
rimbomba in aspra guerra o n lieta pace
45 voi gli fate altra rete, altra catena,
Illustre donna e pi del ciel serena.
1237
[Al cardinale Albano.]
Da che la spada al fianco onor vi cinse
e pose lungo studio in man lo stile,
fin che ne lostro alta virt senile
trionf di fortuna e l mondo vinse,
5 d giammai non saccese o non sestinse,
correndo il sol verso Austro o verso Tile,
che non cercaste onor dopra simile
a quelle che scolp Roma e dipinse.
Dunque son tanti i pi felici giorni
10 quanti i meriti vostri, e cresce a paro
let perfetta in voi con somma gloria.
Che fia dove pi tarda al ciel ritorni
lalma? o chi mai loccaso ebbe s chiaro,
o di carme degnissimo e distoria?
1238
A lillustrissimo e reverendissimo cardinale Albano in una sua convalescenza.
Vago di pace e di partir bramoso,
par che deporre il vostro spirto accenne
le membra sue, che volentier sostenne
peso gradito s ma pur gravoso.
5 E questo ricader nel suo riposo
quasi un batter de leterne penne,
perchegli se n rivoli onda noi venne
un fiammeggiar di lampo in nube ascoso.
358
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
Ma se del mondo sazia nobil alma,
10 non ricusi per noi soffrire almeno
questi assalti di morte e questi colpi,
ch di guerra maggior pi degna palma
avr nel chiaro e lucido sereno,
ove non fia chi sua tardanza incolpi.
1239
A lillustrissimo e reverendissimo monsignor cardinale Albano.
Alma, chaspetta il Cielo e l mondo onora
e pregando ritarda, acci che spieghi
lale da pi sublime e degna parte,
mentre a le membra ancor tavvolgi e leghi,
5 mille divine luci ad ora ad ora
mostri, a guisa di stelle in te cosparte;
e, come il Padre eterno al ciel comparte
duo maggior lumi, e luno al d sereno,
laltro a la notte ombrosa
10 la pura luce sua non tiene ascosa,
cos luna virt che stringe il freno
a la prosperit chardisce ed osa,
laltra ti diede pur quasi ne lombre
celeste e luminosa,
15 chogni temenza dal tuo cor disgombre.
E quella in Roma apparve in Vaticano
quasi n sul mezzo giorno e vi refulse,
e ne laltra citt che l mare inonda.
E, finch fero turbo indi tavvolse,
20 ricco vi fusti del sapere umano
e dogni bene onduom s rado abbonda;
e perch ti portasse aura seconda
al primo grado in cui sonora e stima
il valor de soggetti,
25 moderasti ne lalma i primi affetti
359
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
e lasciasti ragion seder in cima;
e fur lodati i modi gravi e i detti,
un tenore, un colore, un volto istesso
fra mille vari aspetti
30 e lalto cor dinterne leggi impresso.
Questa di luce al tempestoso Egeo
de la vita mortal cha noi perturba
dispietata tempesta e fero vento;
n mai fra minacciosa e mobil turba
35 dal suo stato pi bello altri cadeo,
indegno pi desiglio o di tormento,
cui la colpa dia tema od ispavento,
n de la sua caduta chi risorga
pi glorioso al fine,
40 bench si vanti pur dalte ruine
e l suo gran precipizio onor gli porga,
e fra lontane genti e fra vicine,
non quel Greco, che vinse in mare i Persi;
n par che ben saccorga
45 che linnocenza illustra i casi avversi.
Egli ador de lAsia il re superbo,
tu Pio, cui lumiltade in cielo esalta
e n terra alzollo a la pi nobil sede.
Ei pi non viol la Grecia o lalta
50 citt, ma giacque in quellesilio acerbo;
tu vivi, e sol per te savanza e riede
nel suo nativo albergo, e laltro erede
de la paterna gloria in Roma antica
or teco si raccoglie
55 e Roma torna di purpuree spoglie:
Roma chal tuo valor fu sempre amica
e i tardi e giusti premi altrui non toglie;
ed ogni rischio omai passato e scorso,
non turba aura nemica
60 de vostri onori il grande e lieto corso.
360
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
O Roma, a te gi diede un re Corinto;
poi Spagna augusti; e sempre in te saperse
il valor peregrino unampia strada.
N Ciro, n Cambise, o Dario o Serse
65 pose giogo s dolce a rege avvinto;
n f tanto col senno o con la spada
quanto gi tu, che ove sormonti e cada
il sole, avevi steso il grande impero;
ed or, mutata legge,
70 ond i popoli erranti in te corregge
con santa verga il successor di Piero
e guida al ciel le mansuete gregge,
quel buon costume antico ancor tu servi;
e l tedesco e libero
75 assidi in alto e regni insieme e servi.
N fiume o colle o monte a noi distingue,
ma l valore i Romani; e pi non spegna
impresa nota mai guerrieri armenti;
ed alma illustre, che di te sia degna,
80 perchella parli altrui con molte lingue
e lodi il tuo signor con vari accenti,
pur tua la chiami, o sia fra londe algenti
nato dIstro o di Reno o n altra riva
dove il Rodano rode,
85 tuo s valoroso e tu nhai lode
ed ogni sua bellopra a te sascriva.
Tu, madre senza inganno e senza frode,
e tu de santi figli il ciel riempi,
non come falsa diva,
90 e gli consacri in terra altari e tempi.
Ma pur fra quanti dostro ammanti e fasci,
nessun con maggior lume in te risplende
del grande Albano, or ch sereno il cielo,
or che nebbia no l turba e no l contende
95 alma chin terra nabbandoni e lasci
361
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
lanima gloriosa il sacro velo;
e come il sol dopo le nubi e l gelo
avvien che via pi bello i rai cosparga,
la virt vincitrice,
100 poi chella combattuta, pi felice
e versa gloria pi lucente e larga.
N morte guerra, come sembra, indice,
n vecchiezza il modesta o rompe il sonno,
ma giusti spazi allarga
105 quegli che l di, chaltri allungar non ponno.
Canzone, i bei vestigi altri ricerca
dAlba vetusta; e tu fra sette colli
rimira un sacro veglio,
che del valor Alban vivo speglio,
110 e per signor e per mia luce il volli:
a questalba serena anchio mi sveglio;
darmi la dotta mano or non ti spiaccia;
ma sancor pi testolli,
un bel silenzio al fin tonori e taccia.
1240
Celebra lantichit e la nobilt de la famiglia Grillo.
Come da laureo sole sparsa intorno
serena luce e seminati i raggi,
cos la gloria da virt deriva,
e tutto illustra e tutto appare adorno
5 quantella appressa, e sgombra i duri oltraggi
e l fosco oblio dove il suo lume arriva.
N di splendor la priva
lantichit, si nomi oscuri involve;
n la pallida invidia ancor ladombra
10 crescente in guisa dombra:
maggior, se doriente il vel dissolve,
minore a mezzo il corso, ove risplenda
il perfetto valor chal sommo ascenda.
362
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
E ben fu quasi un sol del nome vostro
15 fra suoi consorti e suoi guerrieri egregi,
Grillo, quel primo ed onorato amico.
N vest Roma di pi nobil ostro,
poi chebbe spinto in aspro esiglio i regi,
i suoi purpurei duci al tempo antico:
20 vero di gloria amico,
che ricercolla in perigliosa guerra
fra londe tempestose e i feri venti,
e fra nemiche genti
e fra le navi che fuggiro a terra,
25 dove le bagna il mar lumido lembo,
e per salvarle i fiumi apriro il grembo.
Voi, di Provenza avventurosi lidi,
e voi de fuggitivi alte latebre,
Rodano ed Arli, e voi, sicuri porti,
30 udiste risonar con rochi stridi
il mar tinto di sangue in suon funebre;
e miraste glincendi e laspre morti.
Tu, che gli abeti porti
or nel turbato campo or nel tranquillo,
35 sei testimonio ancor del suo valore,
chi suoi con grande onore
ridusse, come Catulo e Duilio,
e torn vincitor da londe salse:
tal che la chiara stirpe in pregio salse.
40 Nobile stirpe, in cui se luno tronco,
laltro amico poi nasce e vi frondeggia
qual ramo dor che di lontan riluce.
Quanti ne sono intorno al verde tronco
chogni arbor di Liguria ancor pareggia,
45 e quanti frutti e flori ella produce!
Alcuno fatto duce
di cavalieri, ed orna alcuno e spalma
le torreggianti navi e i negri legni
363
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
arma ne salsi regni,
50 e spesso ha gloriosa e chiara palma;
altri col fren de la temuta legge
la possente citt governa e regge.
Ma chi lodar potrebbe il buon Lamberto,
o chi seguillo? o quel cha lelmo impose
55 laquila vincitrice, altero dono?
o di quel vostro agguaglia il chiaro merto
che f londe vermiglie e sanguinose
presso Durazzo e lui tremante al suono?
Poche cose ragiono,
60 e molte nel mio cor descritte io serbo:
ch per esempio sol darti leggiadre
vi basta il saggio padre,
chand ne loriente al re superbo;
n fia che lalte lodi il tempo estingua
65 del cor, del senno e de laccorta lingua.
Canzon, se tromba o squilla
rompe ad Angelo nostro il leve sonno
s chegli salzi col pensier sublime;
no l seguir con le rime,
70 se pur elle volar s alto ponno,
ma i fratelli ricerca e lor ti mostra,
e d: Son bella de la gloria vostra.
1241
Per la signora Porzia Mari.
In questo mar che sparge un puro argento
senzonda amara e senzamara stilla,
dove n monte acceso arde e sfavilla,
n gigante vaffligge aspro tormento;
5 dove falso pastor feroce armento
non pasce, ove non latra orrida Scilla;
364
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
non absorbe Cariddi e non tranquilla
e non perturba lacque instabil vento;
e dove non fallaci empie sirene,
10 ma cantano angelette in dolci versi
sullombrosa fiorita e verde sponda,
Porzia il porto, in cui da spirti avversi
le sue notti il buon Paolo avr serene,
e quivi casto amor di gioia abbonda.
1242
Canzone in lode de la signora Porzia Mari Grillo.
O felice, onorato, almo terreno,
che quinci lAdria inonda,
quindi il Tirren circonda,
non ti bastava intorno aver duo Mari,
e s difesa luna e laltra sponda?
5 Ma in mezzo lampio seno,
sotto il ciel pi sereno,
ne vagheggi un ch dolce e senza pari.
Tutti i lumi pi chiari
e le fiamme pi belle
10 de le notturne stelle
si fanno specchio in questo puro argento,
che non perturba il vento,
n confondon le pioggie e le procelle;
e n altra parte il sol non s vago
15 di vagheggiar la sua lucente imago.
Qual purpureo color donde sanguigne
fu s vago giammai,
di tremolanti rai
o di negre viole in su laurora?
20 Quando Progne rinnova i dolci lai
e laria si dipigne,
365
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
e voi, stelle benigne,
vi dimostrate rugiadose ancora,
qual ceruleo colora,
25 qual zaffiro o qual ostro
il mar vermiglio o l nostro,
cha questo bianco Mare oggi non ceda,
o parta il sole o rieda?
a questo Mar, che non ha scoglio o mostro
e con la via chimbianca il ciel contende,
di tante luci ognor fiammeggia e splende!
30 Segno il candore e la bellezza segno
di questo Mar, cha pace
non incerta o fallace,
e lunge mostra il porto a naviganti
in cui risplende quasi chiara face;
n fortuna o disdegno
pu nel suo stabil regno,
35 n sono di sirena i dolci canti,
n perde i legni erranti
mezzo tra londe ascosa
con voce insidiosa;
ma de le Grazie il dilettoso coro,
40 e quel concento loro
chumiliar potrebbe alma feroce;
ma nel musico Mar non daure o dacque,
ma di virt lalta armonia ci piacque.
Or non si vanti allor che pi risuona
con tante isole Egeo,
45 non quello in cui perdeo
Dedalo il figlio, che troppo alto ascese
e per laltero volo in mar cadeo,
cha lui palma o corona
gloria non cresce o dona,
50 non vittoria immortal daspre contese;
ma luno e laltro prese
366
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
dal sepolcro la fama,
per cui piange e richiama
Arianna Teseo con alte voci
55 da suoi legni veloci
e sovra il lido ancor sospira ed ama,
per cui dIcaro il volo e l duro caso
si rinnova da lorto infin loccaso.
Ma dura tomba e sconsolata morte,
60 o ventura nemica,
o mesta fama antica,
pregio non giunge a questo Mar s puro
chun vago seno mormorando implica:
anzi con miglior sorte
e con note pi scorte
65 sappella e mai non vede il cielo oscuro;
ma tranquillo e securo
l suo porto soave a fortunata nave,
n teme di tempesta o datro nembo
il casto e nobil grembo,
70 o pur di verno tempestoso e grave,
ma vi fan cari ed amorosi balli
ninfe adorne di perle e di coralli.
Canzon, le vele negre
non spiego per oblio,
75 onde il buon re morio;
n tanto innalzo lincerate penne
che di cader accenne,
n gloria di sepolcro aver desio;
ma baster se questo sole e laura
80 le forze al mio valor cresce e ristaura.
367
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
1243
A la signora Porzia Mari Grillo.
Un bel dolce tranquillo e cheto mare,
con alghe di smeraldo e rena doro,
ha grembo pien di gemme e pien di perle;
e laura tremolar di riva in riva
5 fa ne vaghi zaffiri i novi raggi
che vibra il sol, mentregli illustra il porto.
Son quasi scogli o quasi torri al porto,
signoreggianti lodorato mare,
Castit che sadorna a vivi raggi,
10 e Nobilt che splende in guisa doro:
dentro ha di ninfe alberghi e n su la riva
bei seggi di coralli e bianche perle.
Voi, che scegliete ognor diamanti e perle,
e voi, che gite pur di piaggia in porto
15 mercando onor da luna a laltra riva,
non solcaste giammai s nobil mare;
n cos fine pietre e lucidoro
vedeste in s bel porto a lieti raggi.
Perch si sciolga pur co primi raggi
20 nave fatta davorio o pur di perle
e grave di giacinti e carca doro,
non raccolta in quel soave porto,
ma risospinta in pi ventoso mare
percossa a gli scogli e n alta riva.
25 Piena di legni larenosa riva
chappar fra mille faci e mille raggi,
e vi perde il ceruleo e il rosso mare,
tanti insieme vi son rubini e perle!
Ma solo entrare un pu nel chiuso porto,
30 che splende come il ciel di fiamme e doro.
368
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
Comei luce talor di fregi e doro
cos lucente lonorata riva,
cos fiammeggia intorno il ricco porto.
E saltri mira co notturni raggi
35 la nave e l fiume ancora, or queste perle
chi far stelle, e segni il pino e l mare?
Questo mare celeste; e lucidoro
e perle ha questa riva, e i santi raggi
son le belle virt dun fido porto.
1244
A la signora Gieronima Spinola Grillo.
Donna, la vostra fama e l mio pensiero
in monti vi dipinge e n fresche rive,
e mentre luna parla e laltro scrive
io stimo questo e quella unombra al vero
5 che non esprime il vostro merto intero;
ma come vive fiamme e vaghi lumi
vidi in torbidi fiumi,
o come voce si disperde in aura
che nulla poi ristaura,
10 cos vostra belt, ch senza vanto,
ne la mia mente perde e pi nel canto.
Ma pur io canter perch le rime
serbino almeno in parte i vostri onori,
s come in vasel dor le rose o i fiori
15 serbate colti da frondose cime
o pur le bianche violette e prime.
Io dico dunque che Virt dal cielo
scese fra caldo e gelo,
e la terra cerc, n visse ascosa
20 fra la gente orgogliosa:
ch in magnanimo cor parea sovente
raggio di stella o ver di sole ardente.
369
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
E sotto lelmo di guerrier famosi
spesso terribil fu, spesso fuggita,
25 e dove Marte a fera pugna invita,
e rompe chiara tromba i suoi riposi
ne gli aspri colli o pur ne campi ondosi;
e con le sacre leggi in alta sede
temenza e pena diede,
30 e talor dimostr severo ciglio,
danno o mortal periglio:
tal chera la Virt tra gli alti ingegni
nome odioso allor con mille sdegni.
E vedendo qua gi le genti umane
35 da lei ritrarsi e i miseri mortali,
rivolse tosto al cielo i passi e lali
e volea ricercar parti soprane
e stanze pi lucenti e pi lontane,
quando fermolla un lampeggiar di riso
40 che rimir nel viso
a contemplar fronte serena e lieta
chogni dolor acqueta,
e ne vostri occhi ancor vaghe bellezze
piene di soavissime dolcezze.
45 E fra perle e rubini uscir parole
udiva in cos novo e dolce suono
chaltera libert se stessa in dono
gli avrebbe data e l proprio carro il sole:
onde vi disse: Non convien chio vole,
50 ma qui fermar mi voglio, alma pudica,
con gentilezza antica,
perchaltri sempre in voi monori ed ami
fra reti e nodi ed ami:
qui sar cara al mondo, e n questa parte
55 non vi alberga fortuna, anzi bellarte.
Qui la Bellezza ed io faremo a prova
queste genti felici e questa etade;
370
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
e s vera virt vera beltade,
io sar quel che piace e quel che giova.
60 Tacque ci detto; ed ora in voi si trova
dun bel diamante quadro e mai non scemo
fatto un seggio supremo,
e risplende in pi forme e n vari modi
e con diverse lodi,
65 e perch muti ad or ad or sembianza
non discorde a s che tutto avanza.
Ma con pi bel concento
tempra soavemente i suoi desiri,
le parole e i sospiri,
70 e i raggi e l foco donorate voglie
avvolta in s leggiadre e care spoglie.
1245
Al signor Paolo Grillo.
Passa la nave tua che porta il core
sotto un sereno ciel di stelle adorno
per queto mare, e sta la notte e l giorno,
spiando i venti, al suo governo Amore.
5 A ciascun remo un bel desio donore
non teme di fortuna oltraggio e scorno,
empie la vela e rasserena intorno
aura di gioia e tempra il dolce ardore.
Nebbia non lenta mai di feri sdegni
10 le sarte, che di fede e di speranza
ha di sua mano il tuo signore attorto;
e scopri i duo lucenti amici segni,
e vive la ragione e larte avanza
tal che gi prendi il desiato porto.
371
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
1246
Al medesimo.
Paolo, gli avi tuoi grandi in pace e n guerra
ebber con somma lode eterni pregi,
e conti son fra peregrini egregi
quanto il ciel gira e l sol risplende ed erra.
5 Ma la tua gran virt che n aspra guerra
non si circonda di purpurei fregi,
pu la fama agguagliar dinvitti regi
col tormi a lei che mi deprime e serra.
Fortuna ad onta de le nobili alme
10 fa trofeo dun bel lauro, e di Parnaso
ancor trionfa a torto e n me saccampa.
Tu le ritogli le non giuste palme
e le sparse corone anzi loccaso
di questo d che s turbato avvampa.
1247
Al medesimo.
Mentre si gode libertade e pace
Genova invitta, e pi che doro abbonda
di gloria antica e nova, e n pi seconda
fortuna che non teme il fero Trace,
5 tu, di chiaro valor fiamma vivace,
tutti i mari nillustri ed ogni sponda,
ed io fra le tempeste in mezzo a londa
altro porto non trovo ed altra face.
Cos quel nobil nido in cui nascesti
10 maccolga o quel che gi nutrimmi in seno
dopo molti anni, ed a merc mi vaglia.
372
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
O mia luce, o mio sole, o di celesti
lumi cosparso e di pi bel sereno,
nullaltro raggio il tuo splendore agguaglia.
1248
Ne la morte de la signora Minetta Spinola Grillo.
Minetta, in guisa di sacrato altare
la canuta e rigida vecchiezza
dove ogni mal rifugge; e pur ci avvezza,
quasi nocchiero al porto o nave al mare.
5 Quivi giungendo tu per londe amare
di questo Egeo, la tua senil fortezza
esempio diede a chi l morir disprezza,
e quanto piace in terra e quanto appare.
E turbando la morte il tuo rifugio,
10 l stese lempia mano ove sovente
fa de le vite altrui s fero scempio.
Cos moristi; e non fur lungo indugio
anni settanta a lo tuo spirto ardente,
che ricovra in celeste eterno tempio.
1249
Nel medesimo soggetto.
Minetta, non fu questo uscir di vita,
ma un trapassar da morte al Re superno,
e dal tempo fallace al regno eterno,
perch sia lalma al suo principio unita.
5 Per, via pi leggiera e pi spedita
che nave scarca in tempestoso verno,
lasci largento e loro e lebbe a scherno,
e part nuda e di splendor vestita.
373
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
Fu ne celesti giri, e nulla copre
10 la sua pura virt che vibra i raggi
come gemma in diadema o n segno stella.
Ma nel fin del tuo corso e de viaggi
or candida corona hai di quellopre
per cui ti piange il mondo e l ciel tappella.
1250
Nel medesimo argomento.
Un breve cenno a pena, un batter docchi,
un lampo chanzi il tuon trascorre e fugge
questa vita, e si consuma e strugge
qual gelo o neve che discenda e fiocchi.
5 N stral che buon arciero avventi e scocchi
vola come la morte, o leon rugge,
n s lombra maligna i fiori adugge
dove raggio di sol giammai non tocchi,
come laltrui speranze ella disperde:
10 dunque poco qui visse e parve molto
la tua Minetta, e poi nusc di vista.
Ora il suo spirto dal suo vel disciolto
vince il tempo e la morte e nulla perde
per cheterna vita in cielo acquista.
1251
Ne le nozze del signor Ercole Tasso e de la signora Lelia Agosta.
Terra gentil, chinonda
il chiaro Serio e l Brembo,
e voi, colli frondosi e verdi monti,
colorite ogni sponda
5 nel fresco ombroso grembo
e coronate le serene fronti,
374
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
e rischiarate i fonti;
n vaghezze selvagge
solo dimostri intorno
10 lalmo paese adorno,
chinvidia move a larenose piagge;
ma la citt sia lieta
via pi di Tebe o de la nobil Creta.
Perchun Ercol novello
15 or di concordi voglie
prende una bella e valorosa Augusta;
n cos nobil vello
ebbe o s care spoglie
laltro, mal grado di matrigna ingiusta.
20 Questa merc pi giusta
del valor nostro umano
e del fedele amore,
e via pi bello onore
chirsuta pelle ad uom per doglia insano,
25 o donna, che l richiami
ad opra indegna de suoi vaghi stami.
Tu, vaga Fama, or taci
quellamor s disciolto:
or sotto le leggi e morde il freno.
30 Bergomo vide i baci
nel bel vergineo volto,
per cui Bologna oblia col picciol Reno;
e n quel s casto seno
tu puoi, bramato sposo,
35 deporre i tuoi desiri.
Perch dunque sospiri?
qual altro piacer brami o qual riposo
di s dolce fatica,
ne lombre oscure de la notte amica?
40 E' tua, sposo felice;
duro custode il passo,
375
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
legge o vergogna luscio a te non serra;
ire e tornar ti lice.
N trovi al pi gi lasso
45 pi caro albergo o pi securo in terra,
sia pace o crudel guerra,
il ciel sereno o fosco,
e crollin feri spirti
in mar le navi, e i mirti
50 e i pini e i faggi ne lombroso bosco;
godila dunque intanto,
e loda tu la notte, il giorno io canto.
Io canto il d, chaggiunge
bellezza e cortesia,
55 onestade e valor co dolci modi;
e fo sonar pi lunge
lalma tua stirpe e mia,
a cui tu cresci belle e chiare lodi.
E mentre leggi ed odi
60 il merto di tuo padre,
e le virtudi e i pregi
de cavalieri egregi
e lopre lor s conte e s leggiadre,
ne rinnovi lesempio,
65 e rende grazie il tuo fratello al tempio.
Nascan figli e nipoti al nostro Alcide,
e fra le schiere e larmi
cantino i nostri carmi.
1252
[Al padre Faustino Tasso de Minori osservanti.]
Quel gi promesso da stellanti chiostri
pur venuto: ecco la nuova stella;
ecco i Regi inchinarsi innanzi a quella,
che la grazia port de falli nostri.
376
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
5 Ecco il Sol vero nato, e tu ce l mostri
per lombre antiche; ecco in et novella
luce apparir, de laltro sol pi bella,
chillumin le carte e i puri inchiostri.
Son gemme i sacri detti in cui risplende
10 quel raggio, e n cui lo spirto a noi rimbomba:
tu, Faustin, laccogli e spargi intorno.
Qual fia laltra venuta, e l gran ritorno
de lalto Re di gloria, e chi lattende
sovra candida nube a suon di tromba!
1253
In lode di Mantova e della successione de suoi principi e particolarmente
de la serenissima casa Gonzaga.
Qual de tuoi duci o de tuo fatti illustri,
citt felice de lantica Manto,
gloria maggiore o vanto
taccrebbe o pur ti fece il grembo adorno?
5 O quel chin ampio sen donde palustri
tu raccogliesti nel materno esiglio,
figlio di Manto e figlio
del tosco fiume, quando a te dintorno,
facendo con Apollo Astrea soggiorno,
10 sorger le nuove mura in mezzo a lacque
vedesti, e tutte a la superba mole
meravigliar le ninfe e dei selvaggi,
e partir lombre oscure e i caldi raggi
con giusta lance pi sereno il sole;
15 o pur quel d fu a te pi caro e piacque
quando Virgilio nacque,
chebbe, dovodi ancor la chiara tromba,
famosa cuna appo famosa tomba?
O pur quando a Tebaldo il sacro Augusto
20 del paterno valore il premio diede,
377
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
e tu di tanta fede
la merc fosti, anzi lonor pi degno?
O quando al giusto padre ancor pi giusto
successe il figlio, e, come lucidonda
25 dal fonte in fiume inonda,
deriv in lui virt dalma e dingegno?
O ver pi lieta di femmineo regno
eri talor quando la nobil donna
e vincitrice fu dempio contrasto,
30 e diede altrui s gloriosi esempi,
sacrando in varie parti altari e tempi,
e l cor, pi dogni tempio e puro e casto,
quasi fosse del Cielo alta colonna?
Ch n ogni cor sindonna
35 amor del giusto, e n onorata impresa
sobblia, per nova grazia, antica offesa.
O quando tassal dintorno e cinse
Ezzelino, il feroce empio tiranno?
Nel glorioso affanno,
40 fosti pi lieta del sonoro grido?
Perchinvitto guerrier, che tutto vinse
con quella man chera assai pronta a carmi
ma via pi forte a larmi,
lo scacci dal tuo verde ombroso lido
45 pur come di virt nemico infido,
e spesso ruppe le sue schiere e sparse.
Ovver di fama pi onorata i fregi
avesti allor chin periglioso campo,
via pi veloce che fulmineo lampo,
50 (taccio laltre sue spoglie e i cari pregi)
vincitore in un d tre volte apparse?
O per lagrime sparse
a Pinamonte, a lumil plebe amico,
rimembri con diletto il duolo antico?
55 O quando, vinto pria Manfredi in guerra,
contaminato del paterno oltraggio,
378
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
col re possente e saggio
Guido fece donor pi raro acquisto
l ve di sangue linfelice terra
60 ondeggiava e tra spoglie ed armi sparte
orribil Morte e Marte
correan con volto lagrimoso e tristo?
O quando il vecchio figlio, a tempo avvisto,
macchia non volse onde lonor sasperga;
65 ma n s dolente e ncontra Amor severo
dingiusto scorno in quellingiusto sangue
lavar si volle e f l tiranno esangue?
Ei, come degno sol di giusto impero,
insegn altrui come lonor si terga,
70 come sinnalzi ed erga,
come pi bel dopo lingiurie ei splenda,
ed oppressa virt pi forte ascenda.
Tu ricca davi, alma citt famosa,
fosti non pur, ma fortunata al mondo;
75 di nipoti ei fecondo:
anzi accrebber sua gloria e quelli e questi;
ma chi nel sen de lalta notte ombrosa
ardisce numerar le vaghe stelle,
opre antiche e novelle
80 racconti e i nomi onde tu gloria avesti,
perch sopita grazia omai si desti
dantico fatto e l fosco obblio no l copra
de glingrati mortali, onde sovente
del passato soscura alta memoria;
85 e parte aspira a la moderna gloria
de novi eroi, ch quasi un sol lucente,
lo qual, rotte le nubi, i raggi scopra.
Ben fu mirabil opra,
perch le sue non vanti Asia od Egitto,
90 fare invitta magione a duce invitto.
Di barbariche genti alta possanza,
il varco in te non tenta e non aperse;
379
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
e, qual Porsenna o Serse,
che fece oltraggio al mar di novo ponte,
95 Attila parte, e quel chogni empio avanza,
e Federigo al re del ciel rubello;
ma lieto onore e bello,
e nobil pompa e senza oltraggi ed onte
duo grandi augusti in coronata fronte
100 pria Sigismondo e poscia Carlo accolse;
quegli a Francesco onore accrebbe e grado,
e laquile e la croce, altero e grande
dono, cui la sua stirpe innalza e spande;
questi al figliuol di lui, che l fosco guado
105 fece sanguigno allor chal ciel le sciolse,
onde Francia si dolse.
Cos trionfi di fortuna incerta,
chiusa a la guerra e solo in pace aperta.
Cos la gloria de linvitto padre
110 accresce il figlio e palme aggiunge a palme,
le citt prende e lalme;
laltro figliuol la terra e londe varca
e segue Carlo e tra lardite squadre
primo chiede i perigli, i premi estremo;
115 alfin, duce supremo
era secondo a chi sedea monarca,
quando il filo tronc linvida Parca.
Cos Guglielmo al ciel lerede ha scorto,
daltre citt signor chaffrena e regge
120 e la gloria de gli avi in lor rinnova;
e luno i greci augusti, e laltro a prova
orna i romani, i quai diero arme e legge;
e mentre soggiogar loccaso e lorto,
qui virtute ebbe il porto,
125 la fede Olimpo, e Febo altro Parnaso
ed altro sol che non conosce occaso.
Qui lauro e l lauro il mio signor corona,
n daltrui fosti mai pi altera o lieta,
380
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
n man pi giusta il freno allenta o stringe
130 o pi cortese a chi sinchina umile,
n pi dotta a la spada e n dolce stile,
e te di vero amor circonda e cinge
muro sublime pi di Pindo e dEta;
n la tua f sacqueta,
135 bench sii forte e di sicura possa,
e sovra Olimpo minor Pelio ed Ossa
1254
Al signor cavalier Guarnello.
Per te, Guarnello, la pietate e larmi
del gran figlio dAnchise il Tebro ascolta,
per te risorge Elisa arsa e sepolta
e la fiamma troiana in alti carmi;
5 e n queste rime or pi che n bianchi marmi
lodiam la fera a membra umane avvolta;
e sotto i duci suoi lItalia accolta
par che minacci i peregrini e sarmi.
E Roma con la Grecia altre contese
10 rinnova, e daltri lauri e daltre palme
lorna Alessandro, a la sua gloria amico.
Ma dAugusto in vece l gran Farnese,
delisi campi il ciel, cha nobili alme
accresce novo onor di sangue antico.
1255
Ne le nozze del signor Camillo Rondinelli.
Come passa talor destranio lido
Progne a schiera volando a lidi nostri,
cos passaro al Po gli antichi vostri
e si fermar, cos fu bello il nido.
381
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
5 E quinci sparso intorno il chiaro grido
dopre onorate e poi di puri inchiostri;
e salbergo ha virt tra pompe ed ostri,
non lebbe altrove pi sicuro e fido.
Daquila il volo ancor, di cigno il canto
10 voi, Rondinelli, aveste; e perch lunge
passi a nipoti illustre il nome eterno,
cos nobile donna a lun saggiunge,
che tutti onora; ed ei ne gode in tanto,
e nsieme accresce il suo splendor materno.
1256
In morte del signor Sanvitale.
Il Sanvitale morto; e pur la morte
estinguer mai non pu la santa vita;
e, se gi visse al suo mortale unita,
sciolta non more limmortal consorte,
5 ma fuor di strade perigliose e torte
di laberinto e di prigione uscita;
senza fin, quandella par finita,
e n fermo stato ha vinta instabil sorte.
E giunta in ciel al suo principio eterno,
10 al fonte de la vita in mezzo a vivi,
chei fecondo riempie e sempre uguale;
e quasi fra lucenti e larghi rivi,
che non cresce n scema o state o verno,
or pi santa diviene e pi vitale.
382
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
1257
[A Tommaso Garzoni per il suo libro La piazza universale.]
Superbo foro, ove le scienze e larti
fan che l suo autor per mille gradi ascende,
dove la gloria col saper contende
alzando i vanni a le pi eteree parti,
5 a te che premi eterni altrui comparti
di vero onor, qual da virt sattende,
sacra colui che sol fra gli altri intende,
pi che Greci, Latini, Arabi e Parti.
Tu, invitto sir e fra grandezze nato,
10 di s ricco tesor stimato degno,
in questi tempi assai gloriar ti dei;
ma forse pi che da supremi dei,
per illustrar fra noi lestense regno,
a un tal signore un tal Garzon sia dato.
1258
A messer Giovan Donato Cucchetti per La pazzia, sua favola pastorale.
Risposta.
Queste, che fur gi voci a laura sparte,
e note incise in faggi e n verdi allori,
mentre cantasti pastorali amori,
qui raccogliesti poi con s bellarte.
5 E ne vergasti s lodate carte
che non pur tra bifolci e tra pastori,
ma tra reali alberghi eterni onori
avranno e tra le schiere alte di Marte.
Ci chammir gi Manto e Siracusa
10 ne duo famosi, e ci chal mio vicino
dett gi spirto di celeste musa,
383
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
puro in te trapass, qual mattutino
raggio in cristallo o n fonte onda tranfusa,
od aura per fiorito alto cammino.
1259
Scrive al signor cardinal da Este lodandolo.
Mentre nel Quirinale e n altri monti
portan, Luigi, la tua fama intorno
poeti illustri, a lapparir del giorno
pronti a cantar ed a risponder pronti,
5 e ne risuona il Tebro e i boschi e i fonti
di chiari spirti ancor dolce soggiorno,
non torna lauro, ch sei dostro adorno
che pi conviene a le pi degne fronti.
E n queste carte col tuo nome impressa
10 or vedrai la tua lode e novi pregi
deterna gloria ordir col nostro carme.
N laltre han maggior pregio, ove si tessa
quel di famosi duci o dalti regi;
n rimbomba pi chiaro il suon de larme.
1260
Loda il medesimo signore.
Roma gi vide intorno a duci egregi
rilucer lostro qual piropo ardente,
quandavean ne loccaso e n oriente
domi i tiranni e i peregrini regi.
5 Or tu ne splendi con diversi fregi
pur di quel sangue e de listessa gente,
n son lantiche lodi oscure e spente,
bench di novo ella sadorni e fregi.
384
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
E se l purpureo manto in gran vittoria,
10 con breve donor segno altrui coperse,
per cagion via pi degna or qui sinostra:
perch somiglia il sangue onde cosperse
Cristo il trionfo, e limmortal sua gloria
e la tua tanta carit dimostra.
1261
Loda il medesimo signore.
Prima che l grande e fortunato impero
Roma avesse del mare e de la terra,
sacquistar ne la pace o ne la guerra
gli avi degli avi tuoi quel pregio intero;
5 e poi chebbe la sede alta di Piero
e le gran chiavi ondil ciel sapre e serra,
due Ippoliti orn, di cui sotterra
l corpo e l nome ingombra ogni emispero.
Or tu lonori non men chiaro e degno,
10 e, se ben lopre paragono e i tempi,
nel merto e ne la gloria estimo eguale.
Ma tanto son pi belli i novi esempi
quant gloria immortal de la mortale,
o pur celeste di terrestre regno.
1262
A la signora Livia Spinola Risposta.
Se l mio nome riluce, e forse appressa
dove l ciel tante grazie a voi comparte,
pur gli rimiro intorno ombre cosparte,
e la tempesta e l verno ancor non cessa.
385
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
5 Ma l vostro un raggio, anzi la luce stessa
che nulla turba, e se da voi si parte
nel volo pi sillustra, e Giove e Marte
hanno gloria minore a lor concessa.
Voi dunque disgombrate il cieco orrore,
10 s come sole in tenebroso tempio,
fuor de le nubi uscendo o n verde riva;
e voi mi ritogliete al fero scempio,
acci che riposato almeno io viva,
se non felice, ove virt sonore.
1263
Ne le nozze de lillustrissimo signor don Cesare dEste e de la signora
donna Virginia de Medici.
Ci che Morte rallenta, Amor, ristringi,
amico tu di pace, ella di guerra,
e del suo trionfar trionfi e regni;
e mentre due bellalme annodi e cingi,
5 cos rendi sembiante al ciel la terra
che dabitarla tu non fuggi o sdegni.
Non sono ire l s: gli umani ingegni
tu placidi ne rendi e lodio interno
sgombri, signor, da mansueti cori;
10 sgombri mille furori,
e quasi fai col tuo valor superno
de le cose mortali un giro eterno.
E n questa parte, ov s bello il mondo
e s conforme al ciel, perch riluce
15 tutto de suoi celesti e chiari lumi,
del suo primo splendor splendor secondo,
e di sua luce accendi unaltra luce
da lArno ritornando al re de fiumi,
tornano i graziosi alti costumi
386
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
20 che morte estinse e quel valor rinverde;
fiorisce la belt di riva in riva,
la gloria si ravviva,
la grazia si rinnova e nulla perde,
ch salcun ramo secco, il tronco verde.
25 Anzi i duo tronchi e le due stirpi eccelse,
Medici ed Este ondha lEsperia antica
gran vanto, e quasi tocca in ciel le stelle.
E ne le fronde la virt si scelse
felice nido, e sotto lombra amica
30 coperse queste sponde insieme e quelle;
e quinci incontra a nembi, a le procelle
dAdria luna sinnalza e i venti sprezza;
e quindi laltra sovra il mar Tirreno,
e ngombra il largo seno
35 dodor, dombre, di fiori e di vaghezza;
n vidi in altra ancor maggiore altezza.
Qual vergine viola o bel giacinto
lega un sol filo ed una mano istessa
due piante inocchia in pi mirabil modo,
40 tal Cesare a Virginia or sembri avvinto,
cha Cesare Virginia gi promessa.
E larte e la coltura insieme io lodo:
gemma par luno e laltra ed occhio e nodo:
nodo di pura f saldo e tenace,
45 occhio dAmore e preziosa gemma
donor chItalia ingemma:
ondella splende e mira e stringe in pace
due germi illustri e pi sonora e piace.
Per questi spera ancor di novo ornarsi
50 dIppoliti e dAlfonsi, e n lido o n monte
alzar novo trofeo di spoglie e darmi;
e pi lieta che prima e bella farsi,
e daltre torri incoronar la fronte
segnata di fin oro i bianchi marmi.
387
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
55 Dolci rime fra tanto e vaghi carmi
lorrido verno ascolti, e si rallegri
a i vari balli e rassereni il cielo
e intepidisca il gelo,
e nulla turbi in terra i giorni allegri,
60 n de le feste notti i corsi integri.
Canzon, vedrai pompe notturne e giochi,
lampi in teatri e fochi,
e citt finte in vere e n false larve,
belt verace in cui s rado apparve.
1264
[A Fiorenza, ne le medesime nozze.]
Alma citt, dove inalzar sovente
suole i bei rami al cielo il verde lauro,
che gloriosa dal mar Indo al Mauro
fosti e temuta da nemica gente,
5 care gemme che togli a loriente
non ti fanno pi lieta o forza dauro,
n gemino valor, doppio tesauro,
n spoglia, n corona ha pi lucente
de la coppia gentil channodi e stringi;
10 n pi stimar vittoria antica o nova
devresti, o vincitrici e chiare palme,
che la pace e lamor chin te rinnova:
gli alti alberghi di quelle orni e dipingi,
questi ne cuori imprimi, anzi ne lalme.
388
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
1265
Ne la venuta a Ferrara de la signora donna Virginia de Medici.
Per la figlia di Cosmo accogli ed orna
nobili donne e cavalieri egregi,
e gemme ed ostro ed oro e vari fregi
trova, Ferrara mia, per farla adorna.
5 Perch gi seco al suo venir se n torna
schiera da fare invidia a duci, a regi,
s rari ha sempre e s diversi pregi
ove passa, ove giace, ove soggiorna:
le virt, dico, assai pi belle e chiare
10 in alta parte ov rifugio e scampo
quasi gran faci in periglioso mare.
N tanta or vedi in bel teatro o n campo
o bellezza o valor quanto nappare
subito in lei, s che nabbaglia il lampo.
1266
Al signor Camillo Albizzi, ambasciatore del serenissisno granduca di Toscana.
Voi di merti e di grazie; io solo abbondo
di sventure e derror, n cambio sorte:
anzi il viver mi sembra amara morte
e dombre oscure antro e spelonca il mondo.
5 Ma la vostra virt splendor secondo
scorge dappresso e par che l d mapporte,
come alba suol che fa lucenti scorte
al sol che salza omai dal mar profondo.
E se in albor s bello io non millustro,
10 chi le tenebre scaccia? ah, troppo lunga
questorridombra! e voi, Signor de tempi,
389
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
non sostegniate che n pregar mattempi,
n schifi noia, e che merc non giunga
pur aspettata dopo il primo lustro.
1267
Al medesimo, sovra la sua arma.
Arme e rote veggio dalto valore
e damica fortuna altera insegna,
e ben luna per laltro via pi degna
e dambeduo saccresce in voi splendore.
5 E con fede piet dinvitto core
scorgo ne le due croci e n chi le segna;
n delmo ancor n di corona ndegna,
o di nobile stirpe antico onore.
In cos belle forme altrui risplende
10 la virt de vostravi, e l campo istesso
due giri ha in s de la benigna sorte.
Ma fra leterne rote, ov promesso
il premio al saggio, al valoroso, al forte,
signor, il nome vostro e l merto ascende.
1268
[Al medesimo.]
O del grande e possente, o del sublime
duce de Toschi messaggiero eletto,
quai fra buoni il migliore, anzi il perfetto,
in cui vera virt sonori e stime;
5 te, quasi asceso a le pi altere cime
dOlimpo ovabbia il ciel sereno aspetto,
aura non crolla di contrario affetto
che perturba le parti oscure ed ime.
390
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
E ben che sia tua gloria e tuo valore
10 far gli altissimi ingegni insieme amici,
qual de lumi del ciel nodo lucente,
puoi congiunger di grazia o pur di onore
e gli alti e i bassi, e i miseri e i felici:
tanto al senno, a la fede il ciel concesse.
1269
[Al medesimo.]
Tu cha l gran figlio del famoso Alcide
quel di Cosmo invi nunzio verace
del segreto voler fabbro di pace
che cinge i cori lor, chaltrui divide,
5 conosci quel che plachi e quel chaffide,
e i tempi in cui si parla, in cui si tace,
ci che detto o taciuto o giova o piace,
i dolci modi a cui fortuna arride.
Deh, cos luna e laltra alma reale
10 stringer tu possa con s fermi nodi
che non li spezzi invidia mai, n scioglia;
prendi ancor, per ordir alcun non frale
stame, de le mie vere illustri lodi;
e quale che pi molle altro savvolga?
1270
Celebra la granduchessa di Toscana Bianca Cappello.
Talvolta sovra Pelio, Olimpo ed Ossa
port leggere salme augel volante,
e sovra il mauro Atlante,
e su le nubi ove mai stral da larco
5 non giunse e non sal turbo spirante;
391
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
ma col volo manc lardita possa
perch innalzar non possa
peso maggiore e pi gravoso incarco.
Tal io, se mai cantando al ciel me n varco,
10 con picciol nome in su lalzate penne,
veggio sotto le valli e i monti e i poggi,
n cerco ove riposi, ove mappoggi;
ma dove stilo il vostro onor sostenne,
par di cadere accenne;
15 e se n alto mi spazio e non vacillo,
mi glorio in ciel tranquillo:
ch spargendo gran fama onor simpetra
e pregio acquista ogni sonora cetra.
Ma cantando per voi, sublime donna,
20 la nobilt sia fonte in cui si versi
alta materia a versi:
indi l principio sapra, indi sordisca
ogni alta laude e vinca i casi avversi
la nobilt, ch del valor colonna,
25 in cui si ferma e ndonna,
perchaltri pur lonori e riverisca
come origine suol famosa e prisca,
n per contraria sorte oppressa giacque.
A voi di cuna il mare, il mare in grembo
30 vaccolse e nel ceruleo e vago lembo
dove alato leon la terra e lacque
tiene, comal ciel piacque;
e fra palme cresceste e pompe ed ostri
de gli avi egregi vostri;
35 e l vostro merto un mare, e, sora il solco,
ritorner come Giason da Colco.
Altre pi vere maraviglie e belle,
ondha letate antica invidia e scorno,
dentro son e dintorno;
40 n gi bugiarda fama altrui le finse,
392
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
n favolosi onori in rime adorno:
non Teti in mezzo a londe, o le sorelle,
ninfe leggiadre e snelle,
non conca o bianche spume in cui dipinse
45 greco pittor la dea che l pregio vinse;
ma son vera bellezza e vera gloria,
vero candore, anzi splendor sereno
chabbaglia occhio terreno,
degni di gran poema o pur distoria
50 chillustri alta memoria;
e l bel nome, che piace a vaghi sensi,
ove se n parli o pensi,
e vero e casto amor di nobil alma
sotto giudice grande ha certa palma.
55 Ch dove il padre augusto alz Giovanna
e grandezza di scettri e di corone,
nudo Amor voi ripone,
Amor grande, Amor saggio, Amor pudico,
che prima non segu selvaggia Enone:
60 Amor che non si turba e non singanna,
n l biasma e no l condanna
mente sublime. Or ceda esempio antico,
ceda amante e pastor di furti amico
a lui che la Toscana adorna e regge,
65 giudice di belt pi dotto e scaltro
che non fu gi quellaltro;
e sella pur lo sprona, ha fren di legge,
non tra ruvide gregge,
non tra gli armenti usato e tra bifolci,
70 ma tra studi pi dolci:
ch lalto imperio gi non perde in guerra,
ma cresce novo onor dantica terra.
E direi, non facendo al vero oltraggio,
cedali il domator del reo Procuste,
75 ch dimprese pi giuste
393
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
gloria maggior invitto core attende;
e son or quasi oscure e quasi anguste
lodi antiche e lontane al vivo raggio
di lui, ch forte e saggio.
80 E se pur lun da laltro a noi discende,
n pi fama canuta omai contende,
chalz quasi del tempo un bel trofeo,
o se qual pianta cha gran rami ed ombra
lantichitade adombra,
85 siasi eguale al gran duce il gran Teseo;
n si vanti dEgeo,
pari Atene a Fiorenza, e i nomi e lopre,
che lunga et non copre;
ma questo amor, quanto nudiro innanzi,
90 e questa fede ogni memoria avanzi.
Oh! quanto pi felice il nuovo esempio,
quanti diversi effetti e n quanti modi
hanno pi chiare lodi,
di quel lungo rimbombo indi raccolto!
95 Indi miriam due rapti e mille frodi,
altari violati ed arso tempio,
e luno e laltro scempio
di Polidoro tronco, e guasto il volto
dEttore sanguinoso e non sepolto,
100 di tanti figli orbo e dolente il padre;
schiere in fuga rivolte, accesi legni,
estinti fochi e non estinti sdegni,
e morti e roghi e faci oscure ed adre,
mesta e piangente madre,
105 Troia in fiamme conversa; a faccia a faccia
Europa Asia minaccia;
son fulminanti duci; e sponde a sponde,
venti a venti contrari, ed onde ad onde.
De laltra parte il passar vostro a lArno
110 bellezza accrebbe e grandonor gli aggiunge,
394
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
e due citt congiunge,
due famose citt fra l mare e i monti:
talch non le perturba o le disgiunge
quella discordia, ondio mi struggo e scarno;
115 ma pur chil tenti indarno,
ed al cielo alzeranno amiche fronti
e desiri concordi avranno e pronti,
presti i cavalli, e n mar le navi e larme,
mentre il fiero Ottoman ripone e serba
120 ne lalta mente sua lingiuria acerba;
e dove tromba suoni il fero carme,
perchuom sinfiammi ed arme,
non fia chi pi si mova e pi saccenda,
e pi sadorni e splenda:
125 cos fermi legami annoda e tesse
casta belt, chalto giudicio elesse.
Canzon, tu non vedrai tra fera turba
donna amata, odiosa o vana imago,
l ve adorare il volgo i mostri volse,
130 ma dove a Marte idolo antico ei tolse;
n falso re vonora o vero mago,
latrante cane o drago,
fra mille suoi divoti e fidi servi.
Or ti raccolga e servi
135 pudica moglie in lieta pace e santa,
che di candore e donest sammanta.
1271
Loda il Poggio e i luoghi vicini e la granduchessa che vabitava ne mag-
giori caldi de la state.
Selva lieta e superba,
dispiega le odorate e verdi fronde
mentre fra lor sasconde
la nobil donna e siede in grembo a lerba.
395
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
5 Giungete i rami insieme, abeti e faggi,
e voi li congiungete, o querce, o pini,
e tu, bel mirto, e tu, sacrato lauro;
e guardando costei da caldi raggi
perch ella non simbruni, a biondi crini
10 mischiate il verde come a lucidauro:
ombre soavi e quete,
qui vittoria del sol pi bella avrete
di quella cha la notte Astrea riserba.
1272
O fiumi, o rivi, o fonti,
mentrarde il sole i monti e i colli e l piano,
lavate voi la bella e bianca mano
e difendete da lardente giorno;
5 e quante stille sparge a d pi caldi
tanti siano i giacinti e i bei smeraldi;
n giammai scolorita
sia lerba verde in questo Poggio adorno,
dolce e fresco soggiorno;
10 corra Febo a lAtlante, a loceano,
chavr men bello albergo e pi lontano.
1273
Nubi lucide e lievi,
che tante avete in ciel vaghe figure,
e contra l sol tanti colori e tanti:
di questa ch s bella e lui somiglia
5 e par gran meraviglia,
prendete, o nubi, ancora i bei sembianti.
Nubi, nubi volanti,
acque piovete a lei pi dolci e pure.
396
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
1274
Venti, benigni venti,
e voi del sol temprate i raggi ardenti;
e voi spargete un odorato nembo
di rugiada pi fresca,
5 mentre chaspetta ne lerboso grembo
che lombra e laura cresca
lillustre donna che in su lAdria nacque
e qui poi venne e piacque
a chi frena su lArno inclite genti.
1275
Accese fiamme, e voi, baleni e lampi,
e tu, cadente stella,
vista turbata e fella
non la minacci da celesti campi,
5 ma sia la notte come l d felice,
n men bianca di lei,
e laria e l mar senzira e senza orgoglio;
n strani augelli e rei
sodano in valle, in poggio od in pendice,
10 n lamentar alcun s comio soglio;
ma sfoghi il suo cordoglio
Progne soavemente e la sorella.
1276
Tu, bianca e vaga Luna,
chai tanti specchi quanti sono i mari,
mira questo candor ch senza pari.
A lei mena i tuoi balli, a lei distilla
le tue dolci rugiade;
5 spcchiati in lei con amoroso affetto.
397
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
E tu, Venere, allor con lei scintilla
che l sole inchina e cade;
tu, Giove e Marte, con benigno aspetto,
lumi sereni e chiari,
10 non siate a lei de vostri doni avari.
1277
Voi, montagne frondose,
cinte di verdi boschi
le fronti alzate fra le nubi ascose.
Se le parti vi son cos remote
5 che nebbia non oscuri il bel sereno,
di Bianca il chiaro nome in lor si scriva;
e non disperda mai le pure note
fero vento che turbi il mar Tirreno
o che spiri da luna a laltra riva,
10 mentre i bei colli toschi
avranno armenti o pur le valli ombrose.
1278
[Madrigali in lode di Bianca Cappello, granduchessa di Toscana.]
Perchio talor mirassi
neve che senza vento
fiocchi soavemente in un bel colle,
o terso avorio e molle,
5 o peregrini marmi o fino argento,
o di candido augel tenere piume,
o bianco fior lungo corrente fiume,
giammai non vidi paragon s degno
che non labbiate a sdegno;
10 n bianchezza terrena,
come il vostro candore, e la serena
e vaga e chiara luce,
ch bianca pi del sole e pi riluce.
398
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
1279
Vaghi amorosi spirti
errano in voi dispersi a mille a mille
fra i raggi e le faville
e fra le vive nevi e lostro e loro;
5 e salcun mai di loro
pur si raccoglie e torna,
quegli felice pi, ch pi smarrito:
non sa dond partito,
ma dolce in voi si perde e n voi soggiorna.
1280
Non hanno, Amor, qui loco
occulte insidie e frodi,
n vien che strale impiaghi o rete annodi,
perch in s bel candore ella discopre
5 voglie, pensieri ed opre;
e bianchezza s pura
fa dolcemente lalma in lei sicura.
1281
Voi la bocca rosata
e rosate le guance avete ancora
come vermiglia Aurora,
e dorate le chiome,
5 e bianca sete, com l vostro nome.
Dunque aver gloria eguale in voi dovria
il purpureo e laurato
chegualmente lodato
dove grazia e bellezza in pregio sia,
ma pure ogni altro cede
10 al candor de la fede.
399
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
1282
Candido fior germoglia
di non bianca radice, e fuor intanto frondeggia verde foglia;
ma quello in voi che non ricopre il manto
bel candor ne lalma e ne costumi,
5 e men candidi son colori e lumi.
1283
O candidi ligustri,
la caduca bellezza
al trapassar dun giorno in voi si sprezza;
ma questa pi si cole
5 da luno a laltro sole,
e da lunombra a laltra e pi si stima;
e su la verde cima
del pi bel Poggio che sinnalzi al cielo
viva fiamma e pare un vivo gelo.
1284
Pendea lite amorosa
tra la vermiglia e tra la bianca rosa.
Ora perde il vermiglio,
perde laureo colore
5 perde il color celeste,
e perde quello onde di terren si veste,
e sol vince il candore;
e la candida rosa e l bianco giglio
per voi par che si pregi,
10 pi che i fiori che l nome orn de regi.
400
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
1285
Loda Pratolino e la signora granduchessa di Toscana.
Qui la bassezza altrui divien sublime,
qui lumilt sesalta, e qui risuona
un vago Pratolino in mille rime;
e qui le grazie sue comparte e dona
5 donna pi bella de la donna dArgo,
e l cielo acqueta se lampeggia e tuona;
e mentre laspro monte e l mar s largo
dan tributi a la mensa, i miei li spargo.
1286
Nel medesimo argomento.
Dianzi a lombra di fama occulta e bruna
quasi giacesti, Pratolino, ascoso
or lalta donna tanto onor taggiunge,
che piega a la seconda alta fortuna
5 lantica fronte lApennin nevoso
ed Olimpo ed Atlante ancor s lunge;
n confin la tua gloria asconde e serra,
ma del tuo picciol nome empi la terra.
1287
A Pratolino, per le figliuole del serenissimo granduca di Toscana.
Pratolin, re de prati e re de cori
perch li prendi tra le frasche e lerba,
se corona non vuoi tanto superba
com quella de regi, ed ami i fiori,
5 faccian vaga corona in questo piano
le nipoti di Cosmo a mano a mano:
ch ne prati del ciel forse men belle
la fanno i fiori de laurate stelle.
401
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
1288
A la serenissima granduchessa di Toscana.
La regina del mar, che n Adria alberga
e n terra signoreggia e n mezzo a londe,
e l capo estolle e l pi ne lacque asconde
e l nome al cielo avvien chinnalzi ed erga,
5 pi che per aura ondatro orror disperga
e per sol che lillustri e la circonde,
per voi si rasserena, e non altronde
par che luce e candor s chiaro asperga.
E bench Atene, Sparta, Argo e Corinto
10 e Roma dian gli esempi onde sadorni,
ella co vostri merti a laltre il porge:
perch nel premio usato in voi si scorge
non usata virt, cha nostri giorni
quel che seguia gi pareggiando ha vinto.
1289
In morte di monsignor Michele de la Torre.
Era debito pur, ma tardo in terra,
a gli anni, al nome, al sangue, al merto vostro
sacro purpureo manto e pregio dostro
che vincitor orn dorribil guerra.
5 Or gli altri in pace adorna: ahi, chi vatterra
presso a la meta? e l fine a voi dimostro
o promesso, chi prende? ahi, sperar nostro
come sovente pur vaneggia ed erra!
Ahi duro caso, e di gran torre antica
crollo e ruina! al ciel superba oltraggio
10 ella non minacci, di pace amica.
402
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
Ma che? voi fedel guardia il grave pondo
seco a forza non trasse, e forte e saggio
tornate a Dio, vinta la morte e l mondo.
1290
Ne landata a Roma del signor don Cesare dEste.
S come lalma che l suo peso atterra
spogliando il suo caduco e fragil velo
lieta ritorna e gloriosa al cielo
ove non giunge mai tempesta o guerra;
5 e mira in lui ci che fiammeggia ed erra
sovra le nostre fiamme e l nostro gelo;
ma sente ivi talor pietade e zelo
di quella in cui gi visse amica terra;
tal riedi a Roma, onde cento avi illustri
10 in prima avesti e quel valor sovrano
alla cui gloria quasi l mondo angusto;
e dopo lungo variar de lustri,
di cor, di nome, di virt romano
te chiama ella non pur, ma nuovo Augusto.
1291
A la santit di Sisto V, pontefice massimo, [per landata a Roma di don
Cesare dEste.]
Or chi re da loccaso o ver da lorto
mandan per adorarti, e chi disgiunge
tempestoso ocean, la fede aggiunge
al santo ovile e lo raccoglie in porto,
5 e regni ove fu Piero affisso e morto
e l grande Augusto inchina a te s lunge,
Cesare accogli, cha tuoi piedi ei giunge,
onor dItalia tua, non sol conforto.
403
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
Nato di stirpe, il cui favor ladombra
10 ma il merto illustra, ov maggiore il risco,
tra le pi fide nel tuo santo regno;
e mentre Roma il sangue e l valor prisco
conosce e l nome chanco il mondo ingombra,
non lo stimar de la tua grazia indegno.
1292
Loda leloquenza del signor Nicol Spinola, oratore famoso.
Fonte di ricca e preziosa vena,
onde non esce un rapido torrente,
ma un aureo fiume daddolcir possente
lalme parlando ed alleggiar la pena,
5 tonare e fulminar la saggia Atena
Pericle un tempo ud: tu lira ardente
orando puoi temprare, e legra mente
tu fai tranquilla e pi del ciel serena.
E quanto il chiaro sole i rai che fenno
10 di notte incerto lume in mar turbato,
tanto la tua vince ogni greca lingua;
tanto il novo saper lantico senno:
chi fia pi dunque a gran ragion lodato?
chi raccenda le fiamme o chi lestingua?
1293
Nel nascimento del principe di Savoia.
Oggi dal cielo un desiato pegno
dato a la bella Italia, anzi a la terra,
per cui sestingua ogni spietata guerra
fra suoi fedeli e fero antico sdegno.
404
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
5 Figlio di Carlo nato a scettro, a regno,
ad illustrar quanto il sol volge ed erra,
e quanto locean circonda e serra
di gloria immortal presagio e segno.
L s imagini eterne e fiamme e stelle
10 prometton grandi onori e sol lucente,
qua gi corone, imprese ed opre illustri;
e l padre e lavo in queste insieme e n quelle
e n s bel parto ebber le voglie intente
tre notti no, ma pi continui lustri.
1294
Al signor Giovan Paolo Oliva antiquario.
Divi augusti ed eroi, paesi e regni,
sacri a Giove, a Minerva, a Febo, a Marte,
opre raccolte o pur vestigia sparte,
e dantico valor memorie e segni,
5 ricerchi, Olivo, e desti i chiari ingegni
co marmi, co metalli e con le carte;
e meraviglie di possanza e darte
dimostri, e l meglio eleggi e l vero insegni.
E per te pi sapprezza e pi si stima
10 questa etate e quellaltre in cui non furo
i regi avari e le famose donne.
E i nomi guardi; e da loblio sicuro
e dal tempo te n vai, se rode e lima
le statue ignude e gli archi e le colonne.
405
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
1295
Risposta al signor Giulio Guastavini.
Il nome antico a gran ragion famoso
in me voi solo, ed io ne gli altri onoro;
e pi nel cor che nel mio stil sonoro
dentro rimbomba e mi fa star pensoso.
5 Ma gli aspri imperi dagguagliar non oso
pensando in parte onde mi struggo e ploro;
e pi che dalta gloria e di tesoro,
omai vago son dombra e di riposo.
N di monil madorno; e ben mi cale
10 che spoglie di fortuna e dempie stelle
or sian fatti, o virtute, i doni tuoi:
quando fia chabbia pregio al merto eguale?
Pur mi consola il nobil Grillo, e voi
lalma fermate se da me si svelle.
1296
Ne la morte del signor Pietro Spino.
Spino, leggiadre rime in te fioriro
come rose novelle: Amor le colse,
e si punse cogliendo e se gli dolse;
poi disse: Ogni tua punta mio desiro.
5 E col tuo dolce sospirar sospiro,
e canto col tuo canto; e dove sciolse
la dotta lingua il chiaro suono avvolse
lalme, che ne fur liete e ninvaghiro.
Or che ti svelle morte, a vaghi fiumi
10 mancano insieme i lauri e secca il verde,
n pi Febo ha corona, ombra Parnaso;
406
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
ma quanto in te lItalia e l mondo perde
tanto acquistano il cielo e gli altri lumi,
chorto fanno l s col nostro occaso.
1297
[Nel medesimo argomento. Risposta al signor Antonio Beffa-Negrini.]
La dotta bocca non fredda e chiusa
onduscian, Beffa, deloquenza i fiumi,
anzi sparge faville e chiari lumi
aperta in cielo e dalta grazia infusa.
5 Ma la mia stanca di cantar ricusa
e di lodare o secoli o costumi:
chi la rinchiude e par che mi consumi?
o pur chi mi difende e chi mi scusa?
E' mio giudice Amore, altri di lui;
10 e porto gli occhi per fuggir intenti
i suoi ministri, e non so di qual parte
vengono a me del mio dolor ridenti;
e sio ne perdo il senno, il core e larte,
mia vergogna sar, ma colpa altrui.
1298
Loda il signor Bartolomeo Brugnoli, avvocato del signor Pareggia, ad
istanza di messer Raffaele Montorfani.
Feroce destra, che dorror di morte
ingombri monte sanguinoso o piano,
di spesso gloria al vincitore ispano,
chebbe al sommo valore amica sorte.
5 Ma per te leloquente agguaglia il forte,
come nel greco e nel parlar romano:
la dotta lingua tua, lardita mano,
la penna al ferro ne lonor consorte.
407
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
E l buon Pareggia tuo cos pareggi;
10 n s lucenti in ciel mostra Orione
larme torte giammai, come il suo dritto
risplende armato di cesaree leggi:
ondhai le proprie palme, hai le corone,
de linnocenza difensore invitto.
1299
Al medesimo.
Lodar gli scettri imperiosi e larme
de magnanimi duci e dalti regi,
difender cavalieri in guerra egregi,
ove lingrata pace altrui disarme,
5 non d s bel soggetto a nobil carme
di rare lodi e di famosi pregi,
come umilt difesa, e i suoi dispregi
d la tua lingua, ondapri il vero e larme,
Bartolomeo: ch, mentre emendi il torto
10 de pi superbi, a la ragion de glimi
spesso lagguagli ne listessa lance;
e securo fra bassi e fra sublimi
sei pi col senno e col parlare accorto,
chaltri fra spade e fra pungenti lance.
1300
Al signor Francesco Pareggia.
Pareggia, pareggiar le pene amare
de lalma stanca e i miei sospiri ardenti
posson le colte rime e i dolci accenti
che tu con vaghi modi alzi e rischiare;
408
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
5 e portarle da luno a laltro mare
a le fervide arene, a londe algenti
con lieto suon dalte vittorie i venti,
e dove cade il sole e dove appare.
N giunse greca penna a novi regni,
10 ove limprese vostre e le fatiche
non avverr che tempo o morte estingua;
e sotto laltre stelle e gli altri segni,
meravigliando a le memorie antiche,
il vinto us vittoriosa lingua.
1301
A lo stesso.
Spagna, qual vincitrice altera donna,
presi gli scettri e le corone doro
e de regni gi vinti ogni tesoro,
si tessea di trofei la ricca gonna;
5 n sorgea meta in monte o n mar colonna,
che non ornasse il trionfal lavoro;
quando ella in forma pur dun vago alloro
vide colei chin alto cor sindonna.
E l tuo gran nome ud fra verdi rami:
10 al suon di lira e fra le sacre foglie
sapprende qui come sonori ed ami.
Questa ancor prese, e lonorate spoglie
f pi care il tuo plettro e quei legami
cha servi ed a nemici snoda e scioglie.
409
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
1302
Risposta al padre don Angelo Grillo.
Non pugna larte e la natura a prova,
n contende col vero in guerra il finto,
ma concorde rimane e non vinto,
come Tifeo, quel che sadorna e trova.
5 E chi dopra contempla antica o nova,
come segno di lumi in ciel distinto,
bel magistero e di color dipinto,
miri quel dentro ovegli insegna e giova.
Ma che? linvidia a miei desiri opposta
10 la face infiamma ondio sia men pregiato
e n cener volto, e l nome oscuro e vano.
Deh! sal suo vento la gran meta esposta,
breve fama non sembri unaura, un fiato,
ma l suo spirto immortal non spiri in vano.
1303
Al medesimo. Risposta.
Chi di me canta or che di gloria e darmi
son privo e spargo le parole a venti?
Cedano a larti mute i chiari accenti,
se l mal non se ne va per alti carmi.
5 Se vital succo derba anco sanarmi
pu lalma vaga e i membri gravi e lenti,
cessin le rime ingrate, o sian lamenti
e note da segnarne i bianchi marmi.
E sio non ebbi dono o cara lode
10 vivendo, almen ne faccia in morte acquisto,
ahi lasso!, in morte charmonia non ode.
410
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
Fra tanto un stile adopri e laltro misto
let novella, e chi trionfa e gode,
vinti i rubelli e vinti i regni a Cristo.
1304
Risposta ad un sonetto di Curzio Ardizio.
Tu lasci, Ardizio, i pi veloci a tergo
per vie sublimi: io vo di male in peggio;
e con la Morte e con Amor patteggio,
mentre polisco le mie rime e tergo.
5 E dove solo io giaccio e dove albergo,
e dove penso e scrivo e parlo e seggio,
fra miei desiri e fra le cure ondeggio
e mavvolgo e maffondo e mi sommergo.
Ma risorgo sovente, ed oso e spero
10 e tento di raccorre il senno e larte,
e quel saper chin porto altrui conduce;
e veggendo le merci in mare sparte
ondarricchir poteva, al mio pensiero
lalta virt che lodi ancor traluce.
1305
Al medesimo. Risposta.
Quel che la Musa a te spir talora
ove il suo fascio il cor lasso depone,
e l sole in oriente e la stagione
tinvita, e Manto ti lusinga e Flora,
5 a metri dotti; e l novo stile ancora
parmi dudire ove lampeggi e tuone;
ma pur dOrfeo concento e dArione,
di tal soggetto, Ardizio, indegno fora.
411
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
E sovunque la fama intorno vole,
10 non sol tre lingue stanche e le pi belle
avria lodando il parto e quattro e sei,
ma cento e mille in quai famose scuole
fian culte larti illustri e le favelle,
chornino il padre e l sol de pensier miei.
1306
A la signora Peregrina Bonaventura Bentivoglio.
Peregrina, giungesti, e fu ventura,
o pur veloce providenza ed arte,
in alto albergo e n gloriosa parte,
lucida ancor dopo tempesta oscura;
e del ciel maraviglie e di natura,
5 e doni e doti e grazie infuse e sparte
mostrasti al mondo, o le celasti in parte
come luce si vela o pur pittura.
N giammai, per cercar di lito in lito
lorto e loccaso e passar monti e fiumi,
10 pi gentil troveresti e cara stanza,
se non salissi in fra celesti lumi:
per ti fermi, e fia l s gradito
tardo il ritorno, e n ritardar savanza.
1307
In morte de la signora contessa [Maddalena] Caleppio.
Alma gentil, per calle pio ritorni
e per candida via ch pi lucente,
ove il puro candor dalma e di mente
e giustizia ti scorge, e n ciel soggiorni;
e n aurei alberghi e di piropo adorni,
5 ov chi tuona e spavent sovente
412
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
gli empi qua gi col fulminare ardente,
di nova gloria al vero sol tadorni.
Ma l tuo splendor sereno al mondo sparve
al padre ed a la figlia, in cui riluce
10 sol qualche raggio, e drizza al cielo ognorma;
e sariano ombre oscure e mute larve
or fra noi le Virt, ma chiara luce
de tuoi lumi celesti il cor le informa.
1308
[A labate Giovan Battista Albano, patriarca dAlessandria.]
Di grado in grado il merto vostro ascende,
e lonor segue appresso, e l sacro e santo
padre, chin alta sede ha grave manto
e di corone e dor riluce e splende,
5 quanto pi lunge vede e in alto intende
tanto pi valza e pi vonora, e tanto
sovra ogni loda altrui, sovra ogni vanto
l suo giudicio, ondaltri or legge prende.
E mentre ei vorna di sublime parte,
10 che possio dima? or gradirete insieme
voi, signor, quinci e quindi onori e lodi.
Voi de le prime degno e de lestreme,
non sprezzaste lingegno e i versi e i modi,
perch pronto l voler, se stanca larte.
1309
Nel nascimento del signor principe di Mantova.
Quale stirpe gi mai famosa in terra,
lumi del ciel, vi somigli cotanto
quanto questa che l Mincio onora e Manto,
amata in pace o ver temuta in guerra?
413
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
5 Tra voi se nasce luno, andar sotterra
laltro ne pare, o pur vi sorge a canto;
e ben che l ciel si turbi e tuoni in tanto,
lordine vostro certo e mai non erra.
Cos tra questi duci al padre il figlio
10 succede, e spesso insieme egli risplende;
n fortuna tal corso unqua distorna.
Ed or lavo ha nepote; e pi nattende
pio, giusto e saggio e pien dalto consiglio;
e parte il novo Carlo Italia adorna.
1310
Nel medesimo argomento.
Alma real, che mentre a Dio rivolta
quasi lume sospeso al sol discendi,
i rai comparti senza invidia e prendi
terrena vesta in cui rimani involta,
5 e n alto seggio di Fortuna accolta
fra pompa ed ostro, onde tadorni e splendi,
lieto il bel Mincio e lieta Italia rendi
ove del nascer tuo la fama ascolta.
Ch progenie pi bella o pi gentile
10 non ebbe e non fu mai dargento o doro,
o di sangue o di gloria altra men parca:
or savanzi per te, chin fasce onoro,
e volga pur cantando in dolce stile
bianco stame fatal lucida Parca.
414
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Torquato Tasso Rime d'occasione o d'encomio Libro terzo - Parte sesta
1311
Nel medesimo argomento.
Mentre quasi cursor la chiara lampa
desta vita prendevi, il sol ti disse,
mirando fra le stelle erranti e fisse:
Prendi la mia che s lucente avvampa,
5 alma reale in cui virt saccampa,
come al tuo merto il tuo destin prescrisse:
alma a cui rado uguale al mondo visse
e da lincendio lui ristora e scampa.
Corri tu per gli obliqui erti viaggi,
10 ove mal seppe carreggiar Fetonte,
preso del carro e de corsier governo;
e sarmi pur la terra: io gi discerno
altro sol di Gonzaga e daltri raggi
te coronato la serena fronte.
1312
[Nel medesimo argomento.]
Aure, spirate, e voi con lucidonde
acque e susurri or mormorate, o rivi,
fuggendo i raggi estivi,
perch dorma il fanciul tra fiori e fronde.
5 Voi gli cogliete, e voi spargete a prova,
leggiadrissime ninfe, e gigli e rose
e narcisi e giacinti a lui dintorno,
ed altri fior gi colti in valli ombrose,
o n pianta che rinverde e l crin rinnova,
10 o lungo il fresco ed umido soggiorno.
O Grazie, e voi, che s lavete adorno,
e gli Amoretti, che gli sono eguali,
faccian vento con lali,
e gli augelletti risonar le sponde.