Sei sulla pagina 1di 53

Giovanni Della Casa

Rime
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Edizioni di riferimento
elettroniche
Liz, Letteratura Italiana Zanichelli
a stampa
Giovanni Della Casa, Rime, a cura di R. Fedi, Roma, Salerno Ed., 1978
Testo preparato da Vincenzo Rovito
Design
Graphiti, Firenze
Impaginazione
Thsis, Firenze-Milano
3
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
Sommario
I Poi chogni esperta, ogni spedita mano......... 5
II S cocente penser nel cor mi siede............... 5
III Affligger chi per voi la vita piagne ............. 6
IV Amor, per lo tuo calle a morte vassi ........... 6
V Gli occhi sereni e l dolce sguardo onesto.... 7
VI Nel duro assalto, ove feroce e franco ......... 7
VII Io mi vivea damara gioia e bene .............. 8
VIII Cura, che di timor ti nutri e cresci ......... 8
IX Danno (n di tentarlo ho gi baldanza) ..... 9
X Dolci son le quadrella ondAmor punge...... 9
XI Sagge, soavi, angeliche parole .................. 10
XII Il tuo candido fil tosto le amare ............. 10
XIII Fuor di man di tiranno a giusto regno .. 11
XIV Cangiai con gran mio duol contrada
e parte .................................................. 11
XV Quella, che del mio mal cura
non prende ............................................ 12
XVI Tempo ben fra omai, stolto mio core .. 12
XVII Io, che let solea viver nel fango ......... 13
XVIII Sio vissi cieco, e grave fallo indegno.. 13
XIX Sperando, Amor, da te salute invano ..... 14
XX Ben foste voi per larmi e l foco elette.... 14
XXI Gi nel mio duol non pote Amor
quetarmi ............................................... 15
XXII N quale ingegno n voi colto
e ferace ................................................ 15
XXIII Sotto l gran fascio de miei primi
danni .................................................. 16
XXIV Nessun lieto giamai, n n sua ventura ... 16
XXV Solea per boschi il d fontana o speco .. 17
XXVI Mentre fra valli paludose e ime .......... 17
XXVII Gioia e mercede, e non ira
e tormento ....................................... 18
XXVIII Certo ben son quei due begli occhi
degni ............................................... 18
XXIX Soccorri, Amor, al mio novo periglio.. 19
XXX Le chiome dor, chAmor solea
mostrarmi ........................................... 19
XXXI Le bionde chiome, ovanco intrica
e prende ............................................. 20
XXXII Arsi; e non pur la verde stagion
fresca................................................. 20
XXXIII Ben veggo io, Tiziano, in forme nove .. 22
XXXIV Son queste, Amor, le vaghe trecce
bionde ............................................. 23
XXXV Laltero nido, ovio s lieto albergo..... 23
XXXVI La bella Greca, onde l pastor Ideo .. 24
XXXVII Or piagni in negra vesta, orba
e dolente ........................................ 24
XXXVIII Vago augelletto da le verdi piume ... 25
XXXIX Quel vago prigionero peregrino ....... 25
XL Come vago augelletto fuggir sle ............ 26
XLI Ben mi scorgea quel d crudele stella ..... 26
XLII Gi non potrete voi per fuggir lunge.... 27
XLIII Vivo mio scoglio e selce alpestra e dura .. 27
XLIV Quella, che lieta del mortal mio duolo... 28
XLV Amor, i piango, e ben fu rio destino.... 28
XLVI Come fuggir per selva ombrosa e folta ... 31
XLVII Errai gran tempo, e del camino incerto ... 34
XLVIII Come splende valor, perchuom
no l fasci ......................................... 37
XLIX Poco il mondo giamai tinfuse o tinse ... 37
L Curi le paci sue chi vede Marte ................. 38
LI S lieta avessio lalma, e dogni parte ....... 38
LII Feroce spirto un tempo ebbi e guerrero .. 39
LIII Varchi, Ippocrene il nobil cigno alberga .. 39
LIV O sonno, o de la queta, umida, ombrosa .. 40
LV Mendico e nudo piango, e de miei danni .. 40
LVI Or pompa e ostro, e or fontana ed elce ... 41
LVII Doglia, che vaga donna al cor napporte .. 41
LVIII Signor mio caro, il mondo avaro e stolto .. 42
LIX Correggio, che per pro mai n per danno ... 42
LX Segli averr, che quel chio scrivo o detto .. 43
LXI Di l, dove per ostro e pompa e oro ...... 43
LXII Gi lessi, e or conosco in me, s come .. 44
LXIII O dolce selva solitaria, amica.............. 45
LXIV Questa vita mortal, che n una o n due ... 45
LXV N lalba mai, poi che l suo strazio rio .. 46
LXVI Struggi la terra tua gentile e pia .......... 46
LXVII Forse per che respirar ne lice ........... 47
LXVIII Deh avessio cos spedito stile .......... 47
LXIX Se ben pungendo ognior vipere ardenti .. 48
LXX Dopo s lungo error, dopo le tante ....... 48
LXXI Posso ripor ladunca falce omai ........... 49
3
4
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
LXXII Stolto mio core, ove s lieto vai? ........ 49
LXXIII Grave daspre e rie cure, in voce
mesta ............................................... 50
LXXIV Novo fattor di cose eterne e magne .. 50
LXXV Le braccia di piet, chio veggio
ancora................................................ 51
LXXVI Disciogli e spezza omai lamato e caro ... 51
LXXVII Ombra nemica, che qualor mi scorgi ... 52
LXXVIII Dolce umiltade e fatti egregi
e magni ........................................ 52
LXXIX Tosto che dal suo albergo il d
vien fore .......................................... 53
5
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
Rime
I
Poi chogni esperta, ogni spedita mano,
qualunque mosse mai pi pronto stile,
pigra in seguir voi fra, alma gentile,
pregio del mondo e mio sommo e sovrano;
5 n poria lingua, od intelletto umano
formar sua loda a voi par, n simile,
troppo ampio spazio il mio dir tardo umile
dietro al vostro valor verr lontano:
e pi mi fra onor volgerlo altrove;
10 se non che l desir mio tutto sfavilla,
angel novo del ciel qua gi mirando:
o se cura di voi, figlie di Giove,
pur suol destarmi al primo suon di squilla,
date al mio stil costei seguir volando.
II
S cocente penser nel cor mi siede,
o de dolci miei falli amara pena,
chio temo non gli spirti in ogni vena
mi sugga, e la mia vita arda e deprede.
5 Come per dubbio calle uom move il piede
con falso duce, e quegli a morte il mena,
tal io lora chAmor libera e piena
sovra i miei spirti signoria vi diede,
il mio di voi penser fido e soave
10 sperando, cieco, ovei mi scorse andai:
or mi ritrovo da riposo lunge.
Cha me per voi disleal fatto e grave
lanima traviata opprime e punge,
s chio ne pro, e no l sostengo omai.
6
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
III
Affligger chi per voi la vita piagne
che vien mancando e l fine ha da vicino,
natural fierezza, o mio destino,
che s da voi piet parta e scompagne?
5 Certo, perchio mi strugga, e di duol bagne
gli occhi dogliosi e l viso tristo e chino,
e quasi infermo e stanco peregrino
manchi per dura via daspre montagne,
nulla da voi fin qui mi vne aita;
10 n pur per entro il vostro acerbo orgoglio
men faticoso calle ha l penser mio.
Aspro costume in bella donna e rio
di sdegno armarsi, e romper laltrui vita
a mezzo il corso, come duro scoglio.
IV
Amor, per lo tuo calle a morte vassi,
e n breve tempo uccide il tuo tormento,
s comio provo; e non per consento,
n so per altra via mover i passi.
5 Anzi, perch l desio vole e trapassi
pi veloce al suo mal che strale o vento,
spesso del suo tardar mi lagno e pento,
sospignendo pur oltre i pensier lassi:
tal che, si non minganno, un picciol varco
10 lunge il fin de la mia vita amara;
e nel tuo regno il pi posi pur dianzi.
Poco da viver pi credo mavanzi,
n di donarlo a te tutto son parco:
tal costume, signor, teco simpara.
7
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
V
Gli occhi sereni e l dolce sguardo onesto,
ovAmor le sue gioie inseme aduna,
ver me conversi in vista amara e bruna,
fanno l mio stato tenebroso e mesto.
5 Ch qualor torno al mio conforto, e presto
son, lasso, di nutrir lalma digiuna,
trovo chi mi contrasta, e l varco impruna
con troppo acerbe spine; ondio marresto.
Cos deluso il cor pi volte, e punto
10 da laspro orgoglio, piagne: e gi non have
schermo miglior che lacrime e sospiri.
Sostegno a la mia vita afflitta e grave,
scampo al mio duolo, e segno a i miei desiri,
chi tha s tosto da merc disgiunto?
VI
Nel duro assalto, ove feroce e franco
guerrer, cos comio, perduto avrebbe,
a voi mi rendei vinto; e non mincrebbe
privo di libert pur viver anco.
5 Or tal nato giel sovra l mio fianco,
che men fredda di lui morte sarebbe
e men aspra; chun d pace non ebbe
lalma con esso, n riposo unquanco.
Ove il sonno talor tregua madduce
10 le notti, e pur a suoi martir minvola,
questi del petto lasso ultimo parte:
poi come in sul mattin lalba riluce,
io non so con quai piume o di che parte,
ma sempre nel mio cor primo sen vola.
8
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
VII
Io mi vivea damara gioia e bene
dannoso assai, ma desiato e caro,
n sapea gi che l mio signor avaro
a buon seguaci suoi fede non tene.
5 Or langeliche note e le serene
luci, che col bel lume ardente e chiaro
lieto pi chaltri in festa mi menaro
s lungo spazio, fra tormenti e pene;
e l dolce riso, overa il mio refugio
10 quando lalma sentia pi grave doglia,
repente ad altri Amor dona e dispensa,
lasso: e fuggir devria di questa spoglia
lo spirto oppresso da la pena intensa;
ma per maggior mio mal, procura indugio.
VIII
Cura, che di timor ti nutri e cresci,
e pi temendo maggior forza acquisti,
e mentre con la fiamma il gielo mesci,
tutto l regno dAmor turbi e contristi;
5 poi che n brevora entral mio dolce hai misti
tutti gli amari tuoi, del mio cor esci:
torna a Cocito, a i lagrimosi e tristi
campi dinferno: ivi a te stessa incresci,
ivi senza riposo i giorni mena,
10 senza sonno le notti, ivi ti duoli
non men di dubbia che di certa pena.
Vattene: a che pi fera che non suoli,
se l tuo venen m corso in ogni vena,
con nove larve a me ritorni e voli?
9
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
IX
Danno (n di tentarlo ho gi baldanza)
fuggir mi fra il vostro ardente raggio,
benchio navampi, o donna; e non vantaggio,
s cara e di tal pregio mia speranza.
5 E se talor contra lantica usanza
mi fermo, e seguir voi forza non aggio,
fo come chi posando in suo viaggio
vigor racquista, e n ritardar savanza:
per poter poi, quando s rio tal volta
10 con tai due sproni il mio signor mi punge,
correr veloce, e con ben salda lena.
Quanto la vostra luce alma m tolta,
tanto l diletto mio m posto lunge:
perchio precorro Amor, cha voi mi mena.
X
Dolci son le quadrella ondAmor punge,
dolce braccio le aventa, e dolce e pieno
di piacer, di salute l suo veneno,
e dolce il giogo ondei lega e congiunge.
5 Quantio, donna, da lui vissi non lunge,
quanto portai suo dolce foco in seno,
tanto fu l viver mio lieto e sereno;
e fia, finch la vita al suo fin giunge.
Come doglia fin qui fu meco e pianto,
10 se non quando diletto Amor mi porse,
e sol fu dolce amando il viver mio,
cos fia sempre: e loda aronne e vanto,
che scriverassi al mio sepolcro forse:
Questi servo dAmor visse e moro.
10
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
XI
Sagge, soavi, angeliche parole;
dolce rigor, cortese orgoglio e pio;
chiara fronte e begli occhi ardenti, ondio
ne le tenebre mie specchio ebbi e sole;
5 e tu, crespo oro fin, l dove sle
spesso al laccio cader clto il cor mio;
e voi, candide man, che l colpo rio
mi deste, cui sanar lalma non vle;
voi dAmor gloria ste unica, e nseme
10 cibo e sostegno mio, col qual ho corso
securo assai tutta let pi fresca.
N fia giamai, quando l cor lasso freme
nel suo digiun, chi mi procuri altresca,
n stanco altro che voi cerchi soccorso.
XII
Il tuo candido fil tosto le amare
per me, Soranzo mio, Parche troncaro,
e troncandolo, in lutto mi lassaro,
che noia quantio miro e duol mappare.
5 Ben sai chal viver mio, cui brevi e rare
prescrisse ore serene il ciel avaro,
non ebbi altro che te lume o riparo:
or non chi l sostenga, o chi l rischiare.
Bella fera e gentil mi punse il seno,
10 e poi fuggo da me ratta lontano,
vago lassando il cor del suo veneno;
e mentre ella per me sattende invano,
lasso, ti parti tu, non ancor pieno
i primi spaz pur del corso umano.
11
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
XIII
Fuor di man di tiranno a giusto regno,
Soranzo mio, fuggito, in pace or sei:
deh come volentier teco verrei
fuggendo anchio signor crudele e ndegno!
5 Duro mi fia, fin qui col tuo sostegno
usato di portar gli affanni miei,
or viver orbo i gravi giorni e rei,
ch sol mavanza omai pianto e disdegno.
Tolsemi antico bene invidia nova:
10 e sio ne piansi e morte ebbi da presso
tu l sai, cui lo mio cor chiuso non fue;
e or mhai tu di doppio affanno oppresso
partendo, che lun duol laltro rinova;
n basto i solo a soffrirli ambidue.
XIV
Cangiai con gran mio duol contrada e parte,
comegro suol, che n sua magion non sana:
ma gi perchio mi parta, erma e lontana
riva cercando, Amor da me non parte.
5 Ma come sia del mio corpo ombra o parte,
da me n mica un varco sallontana;
n perchio fugga e mi dilunghi, sana
la doglia mia, n pur men grave in parte.
Signor fuggito pi turbato aggiunge:
10 e chi dal giogo suo servo securo
prima parto, di ferro ebbe l cor cinto
veracemente; e quegli anco fu duro
che visse un d da la sua donna lunge,
e di s grave duol non cadde vinto.
12
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
XV
Quella, che del mio mal cura non prende,
come colpa non sia de suoi begli occhi
quantio languisco, o come altronde scocchi
lacuto stral che la mia vita offende,
5 non gradisce l mio cor, e no l mi rende,
perchei sempre di lacrime trabocchi;
n vl chi pra, e perch gi mi tocchi
Morte col braccio, ancor non mi difende.
E io son preso, ed l carcer aperto;
10 e giungo a mia salute, e fuggo indietro;
e gioia n forse bramo, e duol ho certo.
Da spada di diamante un fragil vetro
schermo mi face: e di mio stato incerto
n morte Amor da te, n vita impetro.
XVI
Tempo ben fra omai, stolto mio core,
da mitigar questi sospiri ardenti,
e ncontra tal nemico, e s pungenti
arme, da procurar schermo migliore.
5 Gi vago non son io del mio dolore:
ma non commosser mai contrari venti
onda di mar, come le nostre menti
con le tempeste sue conturba Amore.
Dunque dovevi tu spirto s fero,
10 ver cui nulla ti val vela o governo,
ricever nel mio pria tranquillo stato?
Allor ne let fresca, uman pensero
senzamor fia, che senza nubi il verno
securo andr contra Orione armato.
13
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
XVII
Io, che let solea viver nel fango,
oggi, mutato il cor da quel chi soglio,
dogni immondo penser mi purgo e spoglio,
e l mio lungo fallir correggo e piango.
5 Di seguir falso duce mi rimango,
a te mi dono, ad ogni altro mi toglio;
n rotta nave mai part da scoglio
s pentita del mar, comio rimango.
E poi cha mortal rischio gita invano,
10 e senza frutto i cari giorni ha spesi
questa mia vita, in porto omai laccolgo.
Reggami per piet tua santa mano,
Padre del ciel, ch poi cha te mi volgo,
tanto tadorer quantio toffesi.
XVIII
Sio vissi cieco, e grave fallo indegno
fin qui commisi, or chio mi specchio e sento
che tanto ho di ragion varcato il segno
in procurando pur danno e tormento,
5 piangone tristo; e gli occhi a fermo segno
rivolgo, e apro il seno a miglior vento:
di me mi doglio e ncontro Amor mi sdegno,
per cui l mio lume in tutto quasi spento.
O fera voglia, che ne rodi e pasci
10 e suggi il cor, quasi affamato verme,
chamara cresci e pur dolce cominci;
di che falso piacer circondi e fasci
le tue menzogne, e l nostro vero inerme
come sovente, lasso, inganni e vinci!
14
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
XIX
Sperando, Amor, da te salute invano,
molti anni tristi e poche ore serene
vissi di falsa gioia e nuda spene,
contrario nudrimento al cor non sano.
5 Per ricovrarmi, e fuor de la tua mano
viver lieto il mio tempo e fuor di pene,
or che tanta dal ciel luce mi vne,
quantio posso da te fuggo lontano:
e fo come augellin, campato il visco,
10 che fugge ratto a i pi nascosti rami
e sbigottisce del passato risco.
Ben sento i te che ndietro mi richiami:
ma quel Signor, chi lodo e reverisco,
omai vuol che lui solo e me stesso ami.
XX
Ben foste voi per larmi e l foco elette,
luci leggiadre, ondanzi tempo i mora:
s tosto il cor piagaste, e n s brevora
fur le virtuti mie darder constrette.
5 Terrene stelle al ciel care e dilette,
che de lo splendor suo vorna e onora,
breve spazio per voi viver mi fra
in pianto e n servit settanni e sette;
sol per vaghezza del bel nome chiaro
10 chi vo cantando, lasso, in dolce suono,
ed ei pur nel mio cor rimbomba amaro.
Ma cheunque lo stato dovio sono,
doglia o servaggio o morte, assai m caro
da s begli occhi e prezioso dono.
15
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
XXI
Gi nel mio duol non pote Amor quetarmi,
perch dolcezza altronde in me destille
che da begli occhi, ondescon le faville
che sole hanno vigor cenere farmi.
5 Da lor fui pria trafitto; e con queste armi
chiuda le piaghe mie colei chaprille,
o linaspri e muccida, e pia tranquille
mio corso o l turbi, e pur dorgoglio sarmi.
Per che da lei sola ogni mio fato,
10 quasi da chiaro del ciel lume, pende:
per altra have ei quadrella ottuse e tarde.
Anzi, quanto m l raggio suo negato,
tanto l mio stame lei che l torce e stende
prego raccorci, o fermi il fuso e tarde.
XXII
N quale ingegno n voi colto e ferace,
Cosmo, n scorto in nobil arte il vero,
n retto con virt tranquillo impero,
n loda, n valor sommo e verace;
5 n altro mai, cheunque pi ne piace,
empieo s di dolcezza uman pensero,
comal regno dAmor turbato e fero
di bella donna amata or pieta or pace.
Ci con tutto l mio cor vo cercandio
10 da lei, ch sovrogni altra amata e bella,
ma fin qui, lasso me, guerrera e cruda.
Nullaltro di chio pensi: ella mapro
con dolci piaghe acerbe il fianco, ed ella
vien che muccida, o pur le sani e chiuda.
16
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
XXIII
Sotto l gran fascio de miei primi danni,
Amor, di cui piangendo ancor son roco,
per s l cor oppresso, e non vhan loco
lacrime e sospir novi, o freschi affanni.
5 E tu pur mi richiami, e ricondanni
a laspre lutte del tuo crudo gioco,
l vio ricaggia, e par cha poco a poco
di mio stesso voler mi sforzi e nganni.
Ma sio sommetto a novo incarco lalma
10 debile e vinta, e poi laffligga il pondo,
che fia mia scusa? o chi navr pietade?
Pur cos stanco, e sotto doppia salma,
di seguir te per le tue dure strade
minvoglia il desir mio, ned io lascondo.
XXIV
Nessun lieto giamai, n n sua ventura
pago, n pien, comio, di speme visse
i pochi d cha la mia vita oscura
puri e sereni il ciel parco prescrisse.
5 Ma tosto in chiara fronte oltra misura
lungo e acerbo strazio Amore scrisse,
e poscia, in questa selce bella e dura
le leggi del tuo corso avrai, mi disse.
E questa man davorio tersa e bianca,
10 e queste braccia, e queste bionde chiome,
fian per inanzi a te ferza e tormento.
Ondio parte di duol strugger mi sento,
e parte leggo in due begli occhi come
non dee mai riposar questalma stanca.
17
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
XXV
Solea per boschi il d fontana o speco
cercar cantando, e le mie dolci pene
tessendo in rime, e le notti serene
vegghiar, quanderan Febo e Amor meco.
5 N temea di poggiar, Bernardo, teco
nel sacro monte ovoggi uom rado vne:
ma quasi onda di mar, cui nulla affrene,
luso del vulgo trasse anco me seco,
e n pianto mi ripose e n vita acerba,
10 ove non fonti, ove non lauro od ombra,
ma falso donor segno in pregio posto.
Or con la mente non dinvidia sgombra
te giunto miro a giogo erto e riposto,
ove non segn pria vestigio lerba.
XXVI
Mentre fra valli paludose e ime
ritengon me larve turbate e mostri,
che tra le gemme, lasso, e lauro e gli ostri
copron venen che l cor mi roda e lime;
5 ovorma di virt raro simprime,
per sentier novi, a nullo ancor dimostri,
qual chi seco donor contenda e giostri
ten vai tu sciolto a le spedite cime.
Onde massal vergogna e duol, qualora
10 membrando vo coma non degna rete
col vulgo caddi, e converr chio mora.
Felice te, che spento hai la tua sete!
Meco non Febo, ma dolor dimora,
cui sola p lavar londa di Lete.
18
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
XXVII
Gioia e mercede, e non ira e tormento,
principio son de le mie risse nove,
e con pietate Amor guerra mi move:
che com pi tranquillo, i pi l pavento.
5 Ma s speranza in me ragione ha spento
e s tolte mi son larmi ondio prove
difesa far, chio bramo in me rinove
lacerbo imperio suo, non pur consento.
Mansueto odio spero e pregion pia
10 da signor crudo e fero, a cui pur dianzi
con tal desio cercai ribello farmi.
O penser folle! e te, Venezia mia,
ne ncolpo, cha nemico aspro dinanzi
e dardire e di schermo mi disarmi.
XXVIII
Certo ben son quei due begli occhi degni
onde non schifi il cor piaga profonda,
e quella treccia inanellata e bionda,
ove al laccio cader lalma non sdegni.
5 Altri due lustri e pi nel mio cor regni
e mi conduca a la prigion seconda
Amor, che i passi miei sempre circonda
co i pi pericolosi suoi ritegni;
poi che s dolce l colpo ondi languisco,
10 s leggiadra la rete ondi son preso,
s l novo carcer mio diporto e festa.
Benedetta colei che mhave offeso,
e l mare, e londa, in cui nacque il mio risco
securo, e la tranquilla mia tempesta.
19
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
XXIX
Soccorri, Amor, al mio novo periglio,
ch n riposo e n piacer, travaglio e guai,
e n somma cortesia morte trovai,
n vagliono al mio scampo armi o consiglio.
5 Dun lieto sguardo e dun sereno ciglio,
cui par nel regno tuo luce non hai,
a te mi doglio, chivi entro ti stai,
e dun bel viso candido e vermiglio.
E de leggiadri membri anco mi lagno,
10 eguali a quei che contrastar ignudi
vider le selve fortunate dIda.
Da questi con pietate acerbi e crudi
nemici (poi chancor non mi scompagno
da le tue schiere) tu, che pi, maffida.
XXX
Le chiome dor, chAmor solea mostrarmi
per meraviglia fiammeggiar sovente
dintorno al foco mio puro, cocente
(e ben avr vigor cenere farmi),
5 son tronche, ahi lasso: o fera mano e armi
crude, e o levi mie catene e lente!
Deh come il signor mio soffra e consente
del suo lacciuol pi forte altri il disarmi?
Qual chiuso in orto suol purpureo fiore,
10 cui laura dolce, e l sol tepido, e l rio
corrente nutre, aprir tra lerba fresca;
tale, e pi vago ancora, il crin vidio,
che solo esser devea laccio al mio core:
non gi chio, rotto lui, del carcer esca.
20
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
XXXI
Le bionde chiome, ovanco intrica e prende
Amor questalma, a lui fidata ancella,
ferro recide, e sempre ver me fella
e scarsa man quel s dolce oro offende.
5 N di tanto splendor priva, mincende
con men cocente o men chiara facella
lalma mia luce; e fa s come stella
che con lardente crin fiammeggia e splende,
n, quello estinto, men riluce poi,
10 n men co i propri rai nuda le notti
per lo sereno ciel arde e sfavilla.
Non franco il mio cor, lasso, interrotti
i saldi e infiammati lacci suoi:
n de lincendio mio spenta favilla.
XXXII
Arsi; e non pur la verde stagion fresca
di questanno mio breve, Amor, ti diedi,
ma del maturo tempo anco gran parte:
libert cheggio, e tu massali e fiedi,
5 comuom chanzi l suo d del carcer esca;
n prego valmi, o fuga, o forza, od arte.
Deh qual sar per me secura parte?
qual folta selva in alpe, o scoglio in onda
chiuso fia, che masconda?
10 e da quelle armi, chio pavento e tremo,
de la mia vita affidi almen lestremo?
Ben debbio paventar quelle crude armi
che mille volte il cor mhanno reciso,
n contra lor fin qui trovato ho schermo
15 altro che tosto pallido e conquiso
con roca voce umil vinto chiamarmi.
Or che la chioma ho varia, e l fianco infermo,
21
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
cercando vo selvaggio loco ed ermo,
ovio ricovri, fuor de la tua mano:
20 ch l pi seguirti vano,
n fra la turba tua pronta e leggera
zoppo cursore omai vittoria spera.
Ma, lasso me, per le deserte arene,
per questo paludoso instabil campo,
25 hanno i ministri tuoi trovato il calle;
chi riconosco di tua face il lampo
e l suon de larco, cha piagar mi vne:
n londa valmi, o l giel di questa valle,
n l segno duro, n larcier mai falle.
30 Ma perchet cangiando, ogni valore
cos smarrito ha l core
comerba sua virt per tempo perde,
secca la speme, e l desio solo verde.
Rigido gi di bella donna aspetto
35 pregar tremando e lacrimando volli,
e talor ritrovai ruvida benda
voglie e pensier coprir s dolci e molli,
che la tema e l dolor volsi in diletto.
Or chi sar che mia ragion difenda?
40 o i miei sospiri intempestivi intenda?
Roca la voce, e quellardire spento;
e agghiacciarsi sento
e pigro farsi ogni mio senso interno,
comangue suole in fredda piaggia il verno.
45 Rendimi il vigor mio, che gli anni avari
tosto mhan tolto, e quella antica forza
che mi fea pronto, e questi capei tingi
nel color primo, che di fuor la scorza
come vinto quel dentro non dichiari;
50 e atto a guerra far mi forma e fingi,
e poi tra le tue schiere mi sospingi,
chio no l recuso, e l non poter m duolo.
22
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
Or nel tuo forte stuolo
che face pi guerrer debile e veglio?
55 Libero farmi il tuo fra e l mio meglio.
Le nubi e l gielo e queste nevi sole
de la mia vita, Amor, da me non hai,
e questa al foco tuo contraria bruma:
n grave esser ti dee, che frale omai
60 lungi da te con lali sciolte i vole.
Per che augello ancor dinferma piuma
a quella tua, che in un pasce e consuma,
esca fui preso: e ben dee viver franco
antico servo stanco
65 suo tempo estremo almen l dove sia
cortese e mansueta signoria.
Ma perch Amor consiglio non apprezza,
segui pur mia vaghezza,
breve canzone, e a madonna avante
70 porta i sospiri di canuto amante.
XXXIII
Ben veggo io, Tiziano, in forme nove
lidolo mio, che i begli occhi apre e gira
in vostre vive carte, e parla e spira
veracemente, e i dolci membri move;
5 e piacemi che l cor doppio ritrove
il suo conforto, ove talor sospira,
e mentre che lun volto e laltro mira,
brama il vero trovar, n sa ben dove.
Ma io come potr linterna parte
10 formar giamai di questa altera imago,
oscuro fabro a s chiara opra eletto?
Tu Febo (poi chAmor men rende vago),
reggi il mio stil, che tanto alto subietto
fia somma gloria a la tua nobil arte.
23
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
XXXIV
Son queste, Amor, le vaghe trecce bionde,
tra fresche rose e puro latte sparte,
chi prender bramo, e far vendetta in parte
de le piaghe chi porto aspre e profonde?
5 questo quel bel ciglio, in cui sasconde
chi le mie voglie, comei vuol, comparte?
Son questi gli occhi, onde l tuo stral si parte?
n con tal forza uscir potrebbe altronde.
Deh chi l bel volto in breve carta ha chiuso?
10 cui lo mio stil ritrarre indarno prova:
n in ci me sol, ma larte inseme accuso.
Stiamo a veder la meraviglia nova,
che n Adria il mar produce, e lantico uso
di partorir celesti Dee rinova.
XXXV
Laltero nido, ovio s lieto albergo
fuor dira e di discordia acerba e ria,
che la mia dolce terra alma natia
e Roma dal penser parto e dispergo;
5 mentrio colore a le mie carte aspergo
caduco, e temo estinto in breve fia,
e con lo stil cha i buon tempi fioria
poco da terra mi sollevo ed ergo,
meco di voi si gloria: ed ben degno,
10 poi che s chiare e onorate palme
la voce vostra a le sue lodi accrebbe.
Sola per cui tanto dApollo calme,
sacro cigno sublime, che sarebbe
oggi altramente dogni pregio indegno.
24
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
XXXVI
La bella Greca, onde l pastor Ideo
in chiaro foco e memorabil arse,
per cui lEuropa armossi, e guerra feo,
e alto imperio antico a terra sparse;
5 e le bellezze incenerite e arse
di quella, che sua morte in don chiedeo;
e i begli occhi e le chiome a laura sparse
di lei, che stanca in riva di Peneo
novo arboscello a i verdi boschi accrebbe;
10 e qual altra, fra quante il mondo onora,
in maggior pregio di bellezza crebbe,
da voi, giudice lui, vinta sarebbe,
che le tre dive (o s beato allora!)
tra suoi be colli ignude a mirar ebbe.
XXXVII
Or piagni in negra vesta, orba e dolente
Venezia, poi che tolto ha Morte avara
dal bel tesoro, onde ricca eri e chiara,
s preziosa gemma e s lucente.
5 Ne la tua magna, illustre, inclita gente,
che sola Italia tutta orna e rischiara,
era alma a Dio diletta, a Febo cara,
donor amica e n bene oprar ardente.
Questa, angel novo fatta, al ciel sen vola,
10 suo proprio albergo, e mpoverita e scema
del suo pregio sovran la terra lassa.
Bene ha, Quirino, ondella plori e gema
la patria vostra, or tenebrosa e sola,
e del nobil suo Bembo ignuda e cassa.
25
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
XXXVIII
Vago augelletto da le verdi piume,
che peregrino il parlar nostro apprendi,
le note attentamente ascolta e ntendi,
che madonna dettarti ha per costume.
5 E parte dal soave e caldo lume
de suoi begli occhi lali tue difendi;
ch l foco lor, se, comio fei, taccendi,
non ombra o pioggia, e non fontana o fiume,
n verno allentar p dalpestri monti:
10 ed ella, ghiaccio avendo i pensier suoi,
pur de lincendio altrui par che si goda.
Ma tu da lei leggiadri accenti e pronti,
discepol novo, impara, e dirai poi:
Quirina, in gentil cor pietate loda.
XXXIX
Quel vago prigionero peregrino,
chudendo vostra angelica parola
sua lontananza e suo carcer consola
(e n ci men del mio fero have destino),
5 Permesso tutto e l bel monte vicino
vincer potr non pur Calliope sola:
da s dolce maestra e n tale scola
parlar ode e impara alto e divino.
Ben lo prego io chattentamente apprenda
10 con quai note piet si svegli, e come
vera eloquenza un cor gelato accenda.
Si dir poi, ch tra s bionde chiome
e n s begli occhi Amor giamai non scenda:
questo notte e veneno al vostro nome.
26
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
XL
Come vago augelletto fuggir sle
poi che scorto ha l lacciuol tra i verdi rami,
cos te fugge il cor, n prender vle
esca s dolce fra s pungenti ami.
5 Come augellin, cha suo cibo sen vole,
cos par chegli a me ritornar brami,
s l colpo ondio l fer diletta e dole:
e fol, perch l mio mal gioia si chiami.
Ma la nemica mia perch non piaga
10 lo stral tuo dolce? e ben fra costei
di s forte arco e di chi l tende onore.
Pensier selvaggi, adamantino core
non adesca piacer, n punge piaga,
n visco intrica o rete occhi s rei.
XLI
Ben mi scorgea quel d crudele stella
e di dolor ministra e di martri,
quando fur prima vlti i miei sospiri
a pregar alma s selvaggia e fella.
5 O tempestosa, o torbida procella,
che n mar s crudo la mia vita giri!
donna amo io chAmor odia e suoi desiri,
che sdegno e feritate onore appella.
Qual dura quercia in selva antica, od elce
10 frondosa in alto monte, ad amar fra,
o londa che Caribdi assorbe e mesce,
tal provo io lei, che pi simpetra ogniora
quanto io pi piango, come alpestra selce
che per vento e per pioggia asprezza cresce.
27
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
XLII
Gi non potrete voi per fuggir lunge,
n per celarvi in monte aspro e selvaggio,
trmi de bei vostri occhi il dolce raggio,
ch da me lontananza no l disgiunge.
5 Nel mio cor, donna, luce altra non giunge
che l vostro sguardo, e sole altro non aggio;
e segli pur lontan, lungo viaggio
breve corso, ove Amor sferza e punge.
Portato da destrier che fren non have,
10 pur ciascun giorno ancor, s comio soglio,
se veder mi sapeste, a voi ne vegno:
e con la vista lacrimosa e grave
fo mesti i boschi e pii del mio cordoglio.
Sola in voi di piet non scorgo io segno.
XLIII
Vivo mio scoglio e selce alpestra e dura,
le cui chiare faville il cor mhanno arso;
freddo marmo damor, di piet scarso,
vago quanto pi p formar natura;
5 aspra Colonna, il cui bel sasso indura
londa del pianto da questi occhi sparso:
ove repente ora fuggito e sparso
tuo lume altero? e chi me l toglie e fura?
O verdi poggi, o selve ombrose e folte,
10 le vaghe luci de begli occhi rei,
che l duol soave fanno e l pianger lieto,
a voi concesse, lasso, a me son tolte;
e puro fele or pasce i pensier miei,
e l cor doglioso in nulla parte ho queto.
28
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
XLIV
Quella, che lieta del mortal mio duolo,
ne i monti e per le selve oscure e sole
fuggendo gir come nemico sle
me, che lei come donna onoro e colo;
5 al penser mio, che questo obietto ha solo
e chindi vive e cibo altro non vle,
celar non p de suoi begli occhi il sole,
n per fuggir, n per levarsi a volo.
Ben pote ella sparire a me dinanzi,
10 come augellin che l duro arciero ha scorto
ratto ver gli alti boschi a volar prende:
ma lali del penser chi fia chavanzi?
cui lungo calle e aspro piano e corto,
cos caldo desio laffretta e stende.
XLV
Amor, i piango, e ben fu rio destino
che cruda tigre ad amar diemmi, e scoglio
sordo, cui n sospir n pianto move,
e come afflitto e stanco peregrino,
5 che chiuso a sera il dolce albergo trove,
pur costei prego, e pur con lei mi doglio;
n perch sempre indarno il mio cordoglio
al vento si disperga
s come nebbia suol che n alto serga,
10 men dolermi con lei, n pianger voglio.
E cos tinge e verga
ben mille carte omai laspro mio duolo:
per che l cor questun conforto ha solo,
n trova incontra gli aspri suoi martri
15 schermo miglior che lacrime e sospiri.
Qual chiuso albergo in solitario bosco
pien di sospetto suol pregar talora
29
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
corrier di notte traviato e lasso,
tal io per entro il tuo dubbioso e fosco
20 e duro calle, Amor, corro e trapasso
fin l ve l dolce mio riposo fra:
ivi pregando fo lunga dimora.
N perchio pianga e gridi,
le selve empiendo damorosi stridi,
25 lasso, le porte men rinchiuse ancora
del mio ricetto vidi;
n per lacrime antiche o dolor novo
posa, o soccorso, o refrigerio trovo.
Cos fe l mio destin, la stella mia,
30 sorda pietate in lei chudir devria.
O fortunato chi sen go sotterra,
e col suo pianto fea benigna Morte,
s temprar seppe i lacrimosi versi:
se non che gran desio trascorre ed erra.
35 A me non val chi pianga e l mio duol versi,
quanto m dato, in dolci note e scorte;
n del martiro che mi duol s forte
in quei begli occhi rei
ancor venne pietade. E ben torrei
40 senza mirar la cruda mia consorte
girmen per via con lei,
fin chio scorgesse il ciel sereno e l die.
Poi che non ponno altrui parole, o mie,
impetrar dal bel ciglio atti men feri,
45 fa tu, signor, almen s chio no l speri.
Chio pur minganno, e n quelle acerbe luci,
per cui del mio dolor giamai non taccio,
dico le rime mie piet desta hanno;
e forse (o desir cieco ove madduci?)
50 lacriman or sovra l mio lungo affanno,
e noia lor quantio mi struggo e sfaccio.
Cos corro a madonna, e neve e ghiaccio
le trovo il cor, e nvano
30
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
di quel nudrirmi, ondio son s lontano,
55 col penser cerco; anzi pi doglia abbraccio,
qual poverel non sano
cui laspra sete uccide e ber gli tolto,
or chiaro fonte in vivo sasso accolto,
e ora in fredda valle ombroso rio
60 membrando, arroge al suo mortal desio.
Lasso, e ben femmi e assetato e nfermo
febre amorosa, e un penser nudrilla,
che gioia imaginando ebbe martiro.
Cos moffende lo mio stesso schermo,
65 non pur mi val; ch sio piango e sospiro
incominciando al primo suon di squilla,
gi non iscema in tanto ardor favilla:
anzi il mio duol mortale
cresce piangendo e pi sinfiamma, quale
70 facella che commossa arde e sfavilla.
Fero destin fatale,
quando fia mai che la mia fonte viva,
perchio pur lei nel cor formi e descriva
e per lei mi consumi e pianga e prieghi,
75 le sue dolci acque un giorno a me non nieghi?
Forse (e ben romper suol fortuna rea
buono studio talor) ne la dolce onda
chi bramo tanto, almen per breve spazio
dato mi fia chun d mattuffi, e bea
80 fin chio ne senta il cor, non dico sazio,
per che nulla riva s profonda
qualora il verno pi di piogge abonda,
ma sol bagnato un poco.
O fortunato il d, beato il loco,
85 ben potrei dire, adversit seconda
mi diede Amore, e foco
maccese il cor di refrigerio pieno,
sun giorno sol, non avampando io meno,
la grave arsura mia, la sete immensa,
90 larga piet consperge e ricompensa.
31
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
Che parlo? o chi minganna? a tanta sete
le dolci onde salubri indarno spera
il cor, che morta ha presso e merc lunge.
Ma tu, signor, ch non pi salda rete
95 omai distendi? e qual pi adentro punge
quadrello, aventi a questa alpestra fera?
s chella caggia sanguinosa e pra,
e quel selvaggio core
ne le sue piaghe senta il mio dolore;
0 e biasmando laltrui cruda e guerrera
voglia, il suo proprio errore
e la sua crudelt colpi e condanni:
e fia vendetta de miei gravi affanni
veder ne lacci di salute in forse
lacerba fera, che mi punse e morse.
Gi non mi cal sin tanta preda parte,
canzon, non ar poi;
e so che raro i dolci premi suoi
con giusta lance Amor libra e comparte:
0 pur chella, che di noi
s lungo strazio feo, con le sue piaghe
la vista un giorno di questi occhi appaghe.
Ma, lasso, a la percossa ondio vaneggio
vendetta indarno e medicina cheggio.
XLVI
Come fuggir per selva ombrosa e folta
nova cervetta sle,
se mover laura tra le frondi sente,
o mormorar fra lerbe onda corrente,
5 cos la fera mia me non ascolta;
ma fugge immantenente
al primo suon talor de le parole
chio damor movo: e ben mi pesa e dole,
ma non ho poi vigor, lasso dolente,
10 da seguir lei, che leve
32
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
prende suo corso per selvaggia via,
e dico meco: or breve
certo lo spazio di mia vita fia.
Ella sen fugge, e ne begli occhi suoi
15 gli spirti miei ne porta
nel suo da me partir, lasciando a venti
quantio lho a dir de miei pensier dolenti:
n gi viver potrei, se non che poi
ritorna, e ne tormenti,
20 onde questa alma in tanta pena torta,
quasi giudice pio mi riconforta.
Non che per l mio grave duol sallenti;
ma spero, e ragion fra,
piet trovar in quei begli occhi rei;
25 ondio le narro allora
tutte le insidie e i dolci furti miei.
N taccio ove talor questi occhi vaghi
sen van sotto un bel velo,
savien che laura lo sollevi e mova,
30 e come il dolce sen mirar mi giova
(non che lingorda vista ivi sappaghi),
e qual gioia il cor prova
dove l bel pi si scopra, anco non celo:
cos gli inganni miei conto e rivelo,
35 n questo in tanta lite anco mi giova.
Deh chi fia mai che scioglia
ver la giudice mia s dolci prieghi,
chalmen non mi si toglia
dritta ragion, se pur piet si nieghi?
40 Donne, voi che lamaro e l dolce tempo
di lei gi per lungo uso
saper devete, e i benigni atti e i feri,
chiedete posa a i lassi miei pensieri,
i quai cangiando vo di tempo in tempo;
45 n so sio tema o speri,
gi mille volte in mia ragion deluso:
33
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
s mha l suo duro variar confuso,
e l dolce riso, e quei begli occhi alteri
vti talor dorgoglio,
50 chaltrui prometton pace e guerra fanno.
N gi di lei mi doglio,
che n vita tiemmi con benigno inganno.
Pietosa tigre il cielo ad amar diemmi,
donne, e serena e piana
55 procella il corso mio dubbioso face:
onde talora il cor riposa e tace,
talor ne gli occhi e ne la fronte viemmi
pien di duol s verace,
chogni mia prova in acquetarlo vana.
60 Allor madiro, e con la mente insana
membrando vo che men di lei fugace
donna sento fermarsi
a mezzo il corso, e se l buon tempo antico
non mente, arbore farsi,
65 misera, o sasso; e lacrimando dico:
Or vedessio cangiato in dura selce,
come dalcuna scritto,
quel freddo petto; e l viso e i capei doro,
non vago fior tra lerbe o verde alloro,
70 ma quercia fatti in gelida alpe, od elce
frondosa, e l mio di loro
penser, dolce novella al core afflitto,
contra quel che nel ciel forse prescritto,
recar potesse. Ahi mio nobil tesoro,
75 troppo inanzi trascorre
la lingua e quel chi non detto ragiona:
colpa dAmor, che porre
le devria freno, ed ei la scioglie e sprona.
Canzon, tra speme e doglia
80 Amor mia vita inforsa, e ben mavveggio
che laltrui mobil voglia
colpando, io stesso poi vario e vaneggio.
34
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
XLVII
Errai gran tempo, e del camino incerto
misero peregrin molti anni andai
con dubbio pi, sentier cangiando spesso,
n posa seppi ritrovar giamai
5 per piano calle o per alpestro ed erto,
terra cercando e mar lungi e da presso:
tal che n ira e n dispregio ebbi me stesso,
e tutti i miei pensier mi spiacquer poi
chi non potea trovar scorta o consiglio.
10 Ahi cieco mondo, or veggio i frutti tuoi
come in tutto dal fior nascon diversi!
Pietosa istoria a dir quel chio soffersi,
in cos lungo esiglio
peregrinando, fra:
15 non gi chio scorga il dolce albergo ancora,
ma l mio santo Signor con novo raggio
la via mi mostra, e mia colpa sio caggio.
Nova mi nacque in prima al cor vaghezza,
s dolce al gusto in su let fiorita,
20 che tosto ogni mio senso ebro ne fue;
e non si cerca o libertate o vita,
o saltro pi di queste uom saggio prezza,
con s fatto desio comi le tue
dolcezze, Amor, cercava; e or di due
25 begli occhi un guardo, or duna bianca mano
segua le nevi, e se due trecce doro
sotto un bel velo fiammeggiar lontano,
o se talor di giovenetta donna
candido pi scopro leggiadra gonna
30 (or ne sospiro e ploro),
corsi, comaugel sle
che dalto scenda e a suo cibo vole.
Tal fur, lasso, le vie de pensier miei
ne primi tempi, e camin torto fei.
35 E per far anco il mio pentir pi amaro,
spesso piangendo altrui termine chiesi
35
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
de le mie care e volontarie pene,
e n dolci modi lacrimare appresi,
e n cor piegando di pietate avaro
40 vegghiai le notti gelide e serene,
e talor fu chio l torsi; e ben convene
or penitenzia e duol lanima lave
de color atri e del terrestre limo,
ondella per mia colpa infusa e grave:
45 ch se l ciel me la di candida e leve,
terrena e fosca a lui salir non deve.
N p, sio dritto estimo,
ne le sue prime forme
tornar giamai, che pria non segni lorme
50 piet superni nel camin verace,
e la tragga di guerra e ponga in pace.
Quel vero Amor dunque mi guidi e scorga
che di nulla degn s nobil farmi;
poi per s l cor pure a sinistra volge,
55 n laltrui p n l mio consiglio aitarmi,
s tutto quel che luce a lalma porga
il desir cieco in tenebre rivolge.
Come scotendo pure alfin si svolge
stanca talor fera da i lacci e fugge,
60 tal io da lui, chal suo venen mi colse
con la dolce esca ondei pascendo strugge,
tardo partimmi e lasso, a lento volo;
indi cantando il mio passato duolo,
in s lalma saccolse,
65 e di desir novo arse
credendo assai da terra alto levarse:
ondio vidi Elicona, e i sacri poggi
salii, dove rado orma segnata oggi.
Qual peregrin, se rimembranza il punge
70 di sua dolce magion, talor se nvia
ratto per selve e per alpestri monti,
tal men givio per la non piana via
seguendo pur alcun chio scorsi lunge,
e fur tra noi cantando illustri e conti.
36
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
75 Erano i pi men del desir mio pronti,
ondio del sonno e del riposo lore
dolci scemando, parte aggiunsi al die
de le mie notti anco in questaltro errore,
per appressar quella onorata schiera.
80 Ma poco alto salir concesso mera.
Sublimi elette vie,
onde l mio buon vicino
lungo Permesso feo novo camino,
deh come seguir voi miei pi fur vaghi!
85 N par chaltrove ancor lalma sappaghi.
Ma volse il penser mio folle credenza
a seguir poi falsa donore insegna,
e bramai farmi a i buon di fuor simile:
come non sia valor, saltri no l segna
90 di gemme e dostro, o come virt senza
alcun fregio per s sia manca e vile.
Quanto piansi io, dolce mio stato umile,
i tuoi riposi e i tuoi sereni giorni
vlti in notti atre e rie, poi chi maccorsi
95 che gloria promettendo angoscia e scorni
d il mondo, e vidi quai pensieri e opre
di letizia talor veste e ricopre.
Ecco le vie, chio corsi,
distorte: or vinto e stanco,
0 poi che varia ho la chioma, infermo il fianco,
volgo, quantunque pigro, indietro i passi,
ch per quei sentier primi a morte vassi.
Picciola fiamma assai lunge riluce,
canzon mia mesta, e anco alcuna volta
angusto calle a nobil terra adduce.
Che sai, se quel pensero infermo e lento
chio mover dentro a lalma afflitta sento,
ancor potr la folta
nebbia cacciare, ondio
0 in tenebre finito ho il corso mio,
e per secura via, se l ciel laffida,
s comio spero, esser mia luce e guida?
37
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
XLVIII
Come splende valor, perchuom no l fasci
di gemme o dostro, e come ignuda piace
e negletta virt pura e verace,
Trifon, morendo esempio al mondo lasci.
5 E col ciel ti rallegri, e n lui rinasci
come a parte miglior translato face
lieto arboscel talora, e n vera pace
ti godi e di saper certo ti pasci.
N di me, credo, o del tuo fido e saggio
10 Quirino unqua per ti prese oblio,
chambo i vestigi tuoi cerchiam piangendo:
ei dritto e scarco e pronto in suo viaggio,
io pigro ancor, pur col tuo specchio amendo
gli error che torto han fatto il viver mio.
XLIX
Poco il mondo giamai tinfuse o tinse,
Trifon, ne latro suo limo terreno,
e poco inver gli abissi onde egli pieno
i puri e santi tuoi pensier sospinse.
5 E or di lui si scosse in tutto e scinse
tua candida alma, e leve fatta a pieno
salo, son certo, ov pi il ciel sereno,
e quanto lice pi ver Dio si strinse.
Ma io rassembro pur sublime augello
10 in ima valle preso, e queste piume
caduche omai pur ancor visco invoglia,
lasso; n ragion p contra il costume:
ma tu del cielo abitator novello
prega il Signor che per piet le scioglia.
38
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
L
Curi le paci sue chi vede Marte
gli altrui campi inondar torbido insano,
e chi sdruscita navicella invano
vede talor mover governo e sarte,
5 ami, Marmitta, il porto. Iniqua parte
elegge ben chi il ciel chiaro e sovrano
lassa, e gli abissi prende: ahi cieco umano
desir, che mal da terra si diparte!
Quando in questo caduco manto e frale,
10 cui tosto Atropo squarcia e no l ricuce
giamai, altro che notte ebbe uom mortale?
Procuriam dunque omai celeste luce,
ch poco a chiari farne Apollo vale,
lo qual s puro in voi splende e riluce.
LI
S lieta avessio lalma, e dogni parte
il cor, Marmitta mio, tranquillo e piano,
come laspra sua doglia al corpo insano,
poi chAdria mebbe, men noiosa in parte.
5 Lasso, questa di noi terrena parte
fia dal tempo distrutta a mano a mano,
e i cari nomi poco indi lontano
(il mio col vulgo, e l tuo scelto e n disparte),
pur come foglia che col vento sale
10 cader vedransi. O fosca, o senza luce
vista mortal, cui s del mondo cale,
come non tergi al ciel, che sol produce
eterni frutti? Ahi vile augel su lale
pronto, cha terra pur si riconduce!
39
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
LII
Feroce spirto un tempo ebbi e guerrero,
e per ornar la scorza anchio di fore,
molto contesi; or langue il corpo, e l core
paventa, ondio riposo e pace chero.
5 Coprami omai vermiglia vesta, o nero
manto, poco mi fia gioia o dolore:
cha sera l mio d corso, e ben lerrore
scorgo or del vulgo che mal scerne il vero.
La spoglia il mondo mira. Or non sarresta
10 spesso nel fango augel di bianche piume?
Gloria non di virt figlia, che vale?
Per lei, Francesco, ebbio guerra molesta;
e or placido, inerme, entro un bel fiume
sacro ho mio nido, e nulla altro mi cale.
LIII
Varchi, Ippocrene il nobil cigno alberga
che n Adria mise le sue eterne piume,
a la cui fama, al cui chiaro volume
non fia che l tempo mai tenebre asperga.
5 Ma io palustre augel, che poco serga
su lale, sembro, o luce inferma e lume
cha leve aura vacille, e si consume:
n p lauro innestar, caduca verga
dignobil selva. Dunque i versi, ondio
10 dolci di me ma false udnovelle,
amor dettovvi e non giudicio: e poi
la mia casetta umil chiusa doblio.
Quanto dianzi perdeo Venezia e noi
Apollo in voi restauri e rinovelle.
40
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
LIV
O sonno, o de la queta, umida, ombrosa
notte placido figlio; o de mortali
egri conforto, oblio dolce de mali
s gravi ond la vita aspra e noiosa;
5 soccorri al core omai che langue e posa
non have, e queste membra stanche e frali
solleva: a me ten vola o sonno, e lali
tue brune sovra me distendi e posa.
Ov l silenzio che l d fugge e l lume?
10 e i lievi sogni, che con non secure
vestigia di seguirti han per costume?
Lasso, che nvan te chiamo, e queste oscure
e gelide ombre invan lusingo. O piume
dasprezza colme! o notti acerbe e dure!
LV
Mendico e nudo piango, e de miei danni
men vo la somma tardi omai contando
tra queste ombrose querce, e obliando
quel che gi Roma minsegn molti anni.
5 N di gloria, onde par tanto saffanni
umano studio, a me pi cale; e quando
fallace il mondo veggio, a terra spando
ciascun suo dono, acci pi non minganni.
Quella leggiadra Colonnese e saggia
10 e bella e chiara, che co i raggi suoi
la luce de i Latin spenta raccende,
nobil poeta canti e n guardia laggia:
ch lumil cetra mia roca, che voi
udir chiedete, gi dimessa pende.
41
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
LVI
Or pompa e ostro, e or fontana ed elce
cercando, a vespro addutta ho la mia luce
senza alcun pro, pur come loglio o felce
sventurata, che frutto non produce.
5 E bene il cor, del vaneggiar mio duce,
vie pi sfavilla che percossa selce,
s torbido lo spirto riconduce
a chi s puro in guardia e chiaro dielce,
misero; e degno ben chei frema e arda,
10 poi che n sua preziosa e nobil merce
non ben guidata, danno e duol raccoglie.
N per Borea giamai di queste querce,
come tremo io, tremar lorride foglie:
s temo chogni amenda omai sia tarda.
LVII
Doglia, che vaga donna al cor napporte
piagandol co begli occhi, amare strida
e lungo pianto, e non di Creta e dIda
dittamo, signor mio, vien che conforte.
5 Fuggite Amor: quegli ver lui pi forte
che men sarrischia ovegli a guerra sfida;
col ve dolce parli, o dolce rida
bella donna, ivi presso pianto e morte.
Per che gli occhi alletta e l cor recide
10 donna gentil che dolce sguardo mova:
ahi venen novo, che piacendo ancide!
Nulla in sue carte uom saggio antica o nova
medicina have, che dAmor naffide:
ver cui sol lontananza e oblio giova.
42
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
LVIII
Signor mio caro, il mondo avaro e stolto
in procurar pur nobiltade e oro
fatto mendico e vile, e l bel tesoro
di gentilezza unito ha sparso e sciolto.
5 Gi fu valore e chiaro sangue accolto
inseme, e cortesia; or tra loro
discordia tal, chio ne sospiro e ploro,
secol mirando in tanto errore avolto.
E perch in te dal sangue non discorda
10 virtute, a te, Cristoforo, mi vlgo,
che mi soccorra al maggior uopo mio;
e s porterai tu Cristo oltra il rio
di caritate, col dove il volgo
cieco portarlo pi non si ricorda.
LIX
Correggio, che per pro mai n per danno
discordar da te stesso non consenti,
contra il costume de le inique genti,
che le fortune adverse amar non sanno;
5 mentre quel chi segua fuggir maffanno,
e fuggol, ma con passi corti e lenti,
le due latine luci chiare ardenti,
Alessandro e Ranuccio tuoi, che fanno?
vero che l cielo orni e privilegi
10 tuo dolce marmo s, che Smirna e Samo
perde e Corinto, e i lor maestri egregi?
Per questa e per quei due, di quel chio bramo
obliar mi sovien; per tai suo pregi
Roma, che s mi nocque, onoro e amo.
43
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
LX
Segli averr, che quel chio scrivo o detto
con tanto studio, e gi scritto il distorno
assai sovente, e come io so ladorno
pensoso in mio selvaggio ermo ricetto,
5 da le genti talor cantato o letto,
dopo la morte mia viva alcun giorno,
bene udir del nostro mar lun corno
e laltro, Rota, il gentil vostro affetto,
che l suo proprio tesoro in altri apprezza,
10 e quel che tutto a voi solo conviene
per onorarne me, divide e spezza.
Mio dever gi gran tempo a le tirrene
onde mi chiama; e or di voi vaghezza
mi sprona: ahi, posi omai chi mi ritiene!
LXI
Di l, dove per ostro e pompa e oro
fra genti inermi ha perigliosa guerra,
fuggo io mendico e solo, e di quella esca
chi bramai tanto, sazio, a queste querce
5 ricorro, vago omai di miglior cibo,
per aver posa almen questi ultimi anni.
Ricca gente e beata ne primi anni
del mondo, or ferro fatto, che senzoro
men di noi macra in suo selvaggio cibo
10 si visse, e senza Marte armato in guerra;
quando tra lelci e le frondose querce
ancor non si prendea lamo entro a lesca.
Io, come vile augel scende a poca esca
dal cielo in ima valle, i miei dolci anni
15 vissi in palustre limo; or fonti e querce
mi son quel che ostro fummi e vasel doro:
cos lanima purgo, e cangio guerra
con pace, e con digiun soverchio cibo.
44
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
Fallace mondo, che damaro cibo
20 s dolce mensa ingombri! Or di quella esca
fossio digiun, chancor mi grava, e n guerra
tenne lalma co i sensi ha gi tanti anni!
ch pi pregiate che le gemme e loro
renderei lombre ancor de le mie querce.
25 O rivi, o fonti, o fiumi, o faggi, o querce,
onde il mondo novello ebbe suo cibo,
in quei tranquilli secoli de loro!
Deh come ha il folle poi cangiando lesca
cangiato il gusto, e come son questi anni
30 da quei diversi in povertate e n guerra!
Gi vincitor di gloriosa guerra
prendea suo pregio da lombrose querce:
ma dora in or pi duri volgon gli anni,
ondio ritorno a quello antico cibo
35 che pur di fere fatto e daugelli esca,
per arricchire ancor di quel primo oro.
Gi in prezioso cibo o n gonna doro
non crebbe, anzi tra querce e n povera esca,
virt, che con questi anni ha sdegno e guerra.
LXII
Gi lessi, e or conosco in me, s come
Glauco nel mar si pose uom puro e chiaro,
e come sue sembianze si mischiaro
di spume e conche, e fersi alga sue chiome;
5 per che n questo Egeo che vita ha nome
puro anchio scesi, e n queste de lamaro
mondo tempeste, ed elle mi gravaro
i sensi e lalma ahi di che indegne some!
Lasso: e soviemmi dEsaco, che lali
10 damoroso pallor segnate ancora
digiuno per lo cielo apre e distende,
e poi satollo indarno a volar prende:
s l core anchio, che per s leve fra,
gravato ho di terrene esche mortali.
45
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
LXIII
O dolce selva solitaria, amica
de miei pensieri sbigottiti e stanchi,
mentre Borea ne d torbidi e manchi
dorrido giel laere e la terra implica,
5 e la tua verde chioma ombrosa, antica
come la mia, par dognintorno imbianchi,
or, che nvece di fior vermigli e bianchi
ha neve e ghiaccio ogni tua piaggia aprica,
a questa breve e nubilosa luce
10 vo ripensando, che mavanza, e ghiaccio
gli spirti anchio sento e le membra farsi;
ma pi di te dentro e dintorno agghiaccio,
ch pi crudo Euro a me mio verno adduce,
pi lunga notte, e d pi freddi e scarsi.
LXIV
Questa vita mortal, che n una o n due
brevi e notturne ore trapassa, oscura
e fredda, involto avea fin qui la pura
parte di me ne latre nubi sue.
5 Or a mirar le grazie tante tue
prendo, ch frutti e fior, gielo e arsura,
e s dolce del ciel legge e misura,
eterno Dio, tuo magisterio fue.
Anzi l dolce aer puro e questa luce
10 chiara, che l mondo a gli occhi nostri scopre,
traesti tu dabissi oscuri e misti:
e tutto quel che n terra o n ciel riluce
di tenebre era chiuso, e tu lapristi;
e l giorno e l sol de le tue man sono opre.
46
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
LXV
N lalba mai, poi che l suo strazio rio
vien Progne, ombrose valli, a pianger vosco,
quando l ciel fosse in sul mattin men fosco,
di braccia al vecchio suo s bionda usco;
5 n n riva di corrente e largo rio
chiome spieg dapril tenero bosco
s vaghe, come il sol chio sol conosco
sparger tra voi le sue talor vidio.
E or le tronca empio destino acerbo,
10 e mpoverisce Amor del suo tesoro:
a noi s cara vista invidia e toglie.
Deh chi l mio nodo rompe e me non scioglie?
Avessio parte almen di quel dolce oro,
per mitigar il duol che nel cor serbo.
LXVI
Struggi la terra tua gentile e pia,
o di vero valor spogliata schiera,
e n soggiogar te stessa onore spera,
s come servitute in pregio sia;
5 e di s mansueta cheri pria
barbara fatta sovrogni altra e fera,
cura che l latin nome abbassi e pra,
e n tesoro cercar virtute oblia.
Tu incontro a chi taffida armata fendi
10 col tuo nemico il mar, quando la turba
de gli animosi figli Eolo disserra;
tu quei che pi ragion torce e conturba
segni, e l tuo sangue a prezzo e laltrui vendi,
crudele: ahi non questo a Dio far guerra?
47
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
LXVII
Forse per che respirar ne lice
dopo tanti anni, or questo e or quellangue
cos ne punge, o pur del nostro sangue
non vermiglia ancora ogni pendice?
5 Terra pi chaltra pria lieta e felice
fatt per dura mano ignuda, esangue:
deh perchin noi virtute e valor langue,
e rinverde avarizia ogni radice?
Chancor potrebbe, asciutto il sangue sparso
10 e sereni i begli occhi or di duol colmi,
frenar le genti Italia a lantico uso;
ned io lIbero o pi Cesare accuso
che l loro aspro vicin, ma piango, e duolmi
rotto vedere il mio bel nido e arso.
LXVIII
Deh avessio cos spedito stile
come ho pronto, madonna, ogni desio,
ch il vostro dolce affetto onesto e pio
conto fra per me com gentile:
5 e s devria, poi che damaro e vile
dolce rendete e caro il viver mio
voi sola; ma che pi, lasso, possio
se a gir tantalto il mio dir pigro umile?
Per me pregaste voi langel mio santo
10 che, se grave peccato ho in me concetto,
raggio di sua piet mi vegli e lustre:
ed ella il feo, n pi benigno effetto
vide uom giamai, n stato have in s tanto
alcun quantio vi debbo, anima illustre.
48
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
LXIX
Se ben pungendo ognior vipere ardenti
e venenose serpi al cor mi stanno,
e scopro de bei lumi il chiaro inganno
con questi miei, a la sua luce intenti,
5 non fia per giamai chio mi sgomenti
di soffrir questo incarco e questo affanno,
ch soave il martir, utile il danno,
gli occhi fian sempre di languir contenti.
Lasso, ch di tal laccio Amor mi strinse
10 cha snodarlo convien che si discioglia
lo stame, con cui l ciel questalma avvinse:
e bench un timor rio sempre mindoglia,
un timor che la speme un tempo vinse,
conven chio segua lostinata voglia.
LXX
Dopo s lungo error, dopo le tante
s gravi offese, ondognor hai sofferto
lantico fallo e lempio mio demerto,
con la piet de le tue luci sante
5 mira, Padre celeste, omai con quante
lacrime a te devoto mi converto,
e spira al viver mio breve e incerto
grazia, chal buon camin volga le piante.
Mostra gli affanni, il sangue e i sudor sparsi
10 (or volgon gli anni) e laspro tuo dolore
a miei pensieri, ad altro oggetto avvezzi;
raffredda, Signor mio, quel foco ondarsi
col mondo e consumai la vita e lore,
tu che contrito cor giamai non sprezzi.
49
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
LXXI
Posso ripor ladunca falce omai,
la negra insegna, e de le spoglie altera
trionfar di pi eterna e di pi vera
gloria che sacquistassi in terra mai.
5 Cagion unqua non fu di tanti guai
Cesare in region barbara e fera,
comio son stata al mondo inanzi sera,
oscurando del suo bel sole i rai.
Non mancava a mutar la gioia e l riso
10 di quello in maggior lacrime e dolore
altro che trgli il fior di castitade;
n si poteva ornare il Paradiso
di pi ricco tesor n di maggiore
vittoria in questa e n la futura etade.
LXXII
Stolto mio core, ove s lieto vai?
Al mio cibo soave.
Ma tosto a me, piangendo, tornerai.
Gi non m il pianger grave.
5 Dunque di duol ti pasci?
Altresca Amor non have.
Che fia dunque il digiun, se l cibo guai?
O falso empio signore,
che laspro tuo dolore
10 di gioia e di piacer circondi e fasci,
e lacrimoso cresci, e lieto nasci.
50
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
LXXIII
Grave daspre e rie cure, in voce mesta
scoprasi lalma e di dolore accesa,
or che lamata vista a me contesa
mingombra di temenza atra e funesta.
5 Perch a scampar nessun rimedio resta
fuor che madonna, mia miseria intesa,
prenda consiglio a mia giusta difesa,
tornando, onde a partir troppo fu presta:
chio di f vera esempio, a strana vita
10 meno i miei giorni dispettosi e lassi,
pien damor, fuor di speme, in pianto e ira.
E sanar lalta mia mortal ferita
ella de, che la fece, e lunge stassi,
e larco Amor pur a mio strazio tira.
LXXIV
Novo fattor di cose eterne e magne,
le prove ascolta or de la donna mia:
ovell non pu star fortuna ria,
n l dove ragiona unqua si piagne.
5 E purchun poco a mirar lei rimagne,
coi dolci lampi al sommo ben tinvia,
n dopo hai tema di trovar tra via
cosa, che mai da quel ti discompagne.
Lerba onde Glauco divent beato,
10 e l cibo de la Greca alma e famosa,
produce e dona il suo riso giocondo;
s ch ben degna, o mio corriero alato,
che la tua sacra man larga e pietosa
di quella bella imago adorni il mondo.
51
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
LXXV
Le braccia di piet, chio veggio ancora
aperte sovra il tronco, ove salisti
a darmi eterna vita, e l ciel mapristi
per vie spinose ed erte, anzi chio mora
5 porgimi, Signor mio, chio sento lora
de lultima partita, e i pensier tristi
avvicinarsi, e tua merc racquisti
questalma il nido vero, onde usc fora.
Squarciato l vel, che tolse a gli occhi interni
10 e a questi il camin del porto vero
e li copr di tenebre e di doglia.
Ne lalma e ricca casa, u sono eterni
gli alti tesori, or ch nudo e sincero,
la tua bontade il mio miglior accoglia.
LXXVI
Disciogli e spezza omai lamato e caro
nodo di questa afflitta e miseralma,
acerba Morte, e la terrena salma
del mortal vel ti serba, ch pi amaro
5 di te m qui il tardar: chio scorgo or chiaro
del mondo i lacci e di mia f la palma,
e la corona pi felice e alma
spero da lui, da cui morire imparo.
A i prieghi ognor di mia salute accesi
10 e a le soavissime parole
conosco, Re del ciel, che tu mi chiami.
Eccoti lalma e l core, e sio toffesi
il tuo sangue mi lave, or me ne duole:
fa chio sia teco, e sempre goda e ami.
52
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
LXXVII
Ombra nemica, che qualor mi scorgi
ne i pi profondi miei sonni sepolto,
mi voli intorno, e con mentito volto
vane lusinghe indarno a lalma porgi;
5 io son merc del ciel, n te naccorgi,
cos da i lacci di chi sembri sciolto,
chio non ho da temer poco n molto
qualor pi bella avanti mi risorgi.
Lalta cagion, cha sempiterno sdegno
10 minvita, al cor la libert difende,
per ogni tempo, da tuoi inganni pronti.
Sparisci dunque; ch l tuo van disegno
men grata la memoria ognor mi rende
di quella, i cui vestigi or mi fai conti.
LXXVIII
Dolce umiltade e fatti egregi e magni
vere ricchezze son dantico sangue;
n per altro, credio, mendica, esangue,
Italia de suoi figli oggi si lagni.
5 Se non che, in coltivar falsi guadagni,
superbia in lor fiorisce e valor langue:
onde, signor, sovra le rane langue,
e i lupi son pastor fatti de gli agni.
Ponete mente a questa antica madre:
10 deh come ha in vece di trionfi e palme
pur bruna vesta e bende oscure e adre!
Oh delle veramente nobili alme
spronate il cor, chalberga alte e leggiadre
voglie, a sgombrarla di s gravi salme!
53
3
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Giovanni Della Casa Rime
LXXIX
Tosto che dal suo albergo il d vien fore,
solinga ove l bel rio saccoglie e stagna
quella vostra e dAmor dolce compagna
torna a sfogar il suo acerbo dolore;
5 e come insegna a suoi seguaci Amore,
con s caldi sospir di voi si lagna,
e del ciel, che da lei vi discompagna,
che di nova piet mingombra il core.
Misera, dice, il fil de tuoi pensieri
10 soavi tronco, e nel tranquillo seno
de le tue paci ria tempesta e guerra;
chin un momento i miei ben non interi,
partendo, il mio signore ha sparti a terra,
e l ciel m fosco, quanto mai sereno.