Sei sulla pagina 1di 2

Gadda e il barocco Carlo Emilio Gadda nacque nel 1893 a Milano, mor nel 1973 a Roma.

Le opere: Il castello di Udine Giornale di guerra e di prigionia La cognizione del dolore La meccanica Meditazione milanese

Gli elementi del barocco di Gadda: grovigli tendenza per unestravagante mescolanza delle parole deformazione del linguaggio pervertimenti tensione al grottesco strutture labirintiche e nei frammenti autoriflessivit citazioni di un altro modello stilistico (Manzoni) uso delle glosse (p.es. a onor del vero, perch cos voleva la legge) tono parodico

Per lui barocco considerato come sinonimo di maccheronico (Riferito al linguaggio artificiale, di uso poetico, costituito da parole perlopi volgari o dialettali adattate alla morfologia, alla sintassi e alla metrica latina, che nacque nell'area padana alla fine del sec. XV e venne usato largamente in opere burlesche, satire e parodie della letteratura dei secc. XV e XVI) qualit significante alla realt esterna: esiste nelle cose non si pu mettere in ordine il mondo

Gadda difende il barocco considerato come qualcosa di artificiale, le bugie; mantiene che barocco e grottesco sono legati alla natura e alla storia. La sua comprensione del barocco diversa da considerarlo come una constante storica. Qual il suo scopo? distanziarsi dalla cultura nazionale o popolare del suo tempo

I fonti del neobarocco: critica poststrutturalista Leibniz ha influenzato molto a Gadda, che si vede nella Meditazione milanese (trattava di una gnoseologia, e nel quale si manifestava il suo interesse non solo per Leibniz, ma anche per Kant e per Spinoza) ma lui prende Leibniz attraverso Giles Deleuze => lui ritiene che la filosofia di Leibniz pu essere concepita come unallegoria del mondo; Leibniz considerato come lautore della narrazione barocca descritta: il barocco introduce un nuovo tipo di racconto dove la descrizione occupa il posto delloggetto, il concetto diventa narrativo, e il soggetto, punto di vista, soggetto di enunciazione

vale a dire che il termine neobarocco stato considerato da alcuni come alternativa del postmoderno nellopera di Gadda questi aspetti divengono formali; la descrizione del mondo sostituisce unaltra storia che stata interrotta; molti inflessioni della narrazione definiti da Deleuze come pieghe descrittive; nelle opere di Gadda ci sono tante opposizioni da riconciliare linterno e lesterno, lalto e il basso e per questo la descrizione cos complicata e svariata incapacit di comunicazione diretta la narrazione non potr mai terminare la descrizione prende il posto dellogetto autobiografico (terza persona), il narratore generalmente nella stessa posizione che lautore la trasformazione del personaggio in un labirinto o nodo la rappresentazione del monfo esterno nello stesso momento in cui appare lautoreflessione il barocco rappresenta per Gadda lunico strumento in grado di raccontare una realt pi instabile e imprevedibile Dombroski vuole inserire larte gaddiana allinterno di una prospettiva pi ampia