Sei sulla pagina 1di 120

ROTARY INTERNATIONAL

Distretto 2110 Sicilia E Malta

1987 1988 2010 2011 1986 1989 2009 1990 2008 1991 2007 1993 1992 2006 2005 1994 2004 1995 2003 1996 1999 2002 1997 1998 2000 2001
25 anniversario di fondazione del club rotary Palermo Cefal / Palermo Agor 1986 - 2011 25 anni di storia, di attivit, di servizio, di avvenimenti, di immagini...

ROTARY CLUB PALERMO CEFALU

ora

ROTARY CLUB PALERMO AGORA

25 anni di storia, di attivit di servizio, di avvenimenti, di immagini...

Commissione interna del club per le celebrazioni del 25: Sergio Salomone (Presidente), Giuseppe Cusumano (Segretario), Giuseppe Dragotta e Salvatore Longo

CATALOGO

Autori: Giuseppe Dragotta e Salvatore Longo Testi: Natale Bellia, Santo Caracappa, Grazia Cassar DAntonio, Giuseppe Cusumano, Giuseppe Dragotta, Giorgio Faraci, Giuseppe Gioia, Filippo Levantino, Salvatore Longo, Roberta Macaione, Carlo Melloni, Giuseppe Miceli, Sergio Salomone. Riproduzione: 500 copie Progetto grafico e impaginazione: Giuseppe Dragotta Immagini: foto dagli archivi di Giuseppe Dragotta, Salvatore Longo, Maurizio Maniscalco, Giuseppe Miceli, Sergio Salomone. Stampa: Grafiche Salerno, Palermo

ANNIVERSARIO

Data: 26 giugno 2011 Luogo: Palace Hotel Celebrazione del 25 anniversario - Passaggio della Campana

sito web: www.rotarypalermoagora.it e-mail: giuseppedragotta@virgilio.it e-mail: salvatorelongo49@alice.it


pubblicazione gratuita fuori commercio riservata ai soci del Rotary International, Distretto 2110

IMPEGNAMOCI NELLE COMUNIT UNIAMO I CONTINENTI

(motto del Rotary International per lanno 2010 - 2011) RAY KLINGINSMITH (Kirksville, MO, USA) Presidente Internazionale EDWIN H. FUTA (east Honolulu) Segretario Generale SALVATORE LO CURTO (Castelvetrano - Valle del Belice) Governatore del Distretto 2110 VITO LONGO (Castelvetrano - Valle del Belice) Segretario Distrettuale VINCENZO RUSSO (Marsala Lilibeo - Isole Egadi) Tesoriere Distrettuale GOFFREDO VACCARO (Salemi) Prefetto Distrettuale CONCETTO LOMBARDO (Augusta) Governatore eletto per lanno 2011 - 2012 GAETANO LO CICERO (Palermo Nord) Governatore eletto per lanno 2012 - 2013 GIUSEPPE CHIANELLO (Termini Imerese) Rappresentante del Governatore per il club Palermo Agor
Sede centrale del Rotary International One Rotary Center, 1560 Sherman Ave, Evanston, Illinois 60201 - 3698 USA siti: www.rotary.org - www.rotary2110.it - www.rotarypalermoagora.it

INDICE GENERALE
Editoriale pag. 7

La nostra storia
I soci fondatori I soci attuali I Presidenti del club I Segretari del club I Consigli Direttivi Le principali attivit sociali svolte Le gite ed escursioni effettuate Le Conviviali di Natale Le Conviviali di Pasqua Le Visite dei Governatori I Passaggi delle Campane Le nostre Paul Harris Fellow Un commosso ricordo Perch ricordare Arcangelo Lettera ad Andrea pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. 8 9 10 11 12 18 43 45 46 48 47 49 50 51 52

Le nostre impressioni
Natale Bellia Un anno di presidenza, una esperienza esaltante Santo Caracappa La sanit veterinaria al servizio della comunit Giuseppe Cusumano Servire al di sopra di ogni interesse personale Giuseppe Dragotta Il club dalle sue origini ai giorni nostri Giuseppe Gioia Un impegno, una scommessa Filippo Levantino Immigrazione clandestina e integrazione tra le culture Salvatore Longo 25 anni di storia: 1986-2011 Giuseppe Miceli Il mio anno da presidente Sergio Salomone La mia esperienza nel Rotary pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. 54 57 59 60 67 68 70 74 78

Il nostro album
raccolta di fotografie e riconoscimenti al club pag. 82

Il nostro Rotaract
I soci effettivi alla data del venticinquennale Rotary e Rotaract: esperienza a confronto a distanza di 40 anni di Giuseppe Dragotta Ubi societas ibi Rotaract di Giorgio Faraci Un anno allinsegna della amicizia e dello spirito di servizio rotariano di Roberta Macaione 21 anni e non sentirli di Carlo Melloni Raccolta di fotografie pag. pag . pag. pag. pag. pag. 106 107 111 112 113 114

Preghiera del rotariano

pag.

118

la presente pubblicazione stata curata da Giuseppe Dragotta e Salvatore Longo i quali ringraziano gli amici che hanno contribuito alla sua realizzazione e si scusano per eventuali errori od omissioni. un sentito ringraziamento alla Assemblea Regionale Siciliana e al suo Presidente On. Francesco Cascio

LO SCOPO DEL ROTARY Lo scopo del Rotary quello di incoraggiare e sviluppare lidea del servire, inteso come motore e propulsore di ogni attivit. In particolare esso si propone di: - promuovere e sviluppare relazioni amichevoli fra i propri soci per renderli meglio atti a servire linteresse generale; - informare ai principi della pi alta rettitudine la pratica degli affari e delle professioni; riconoscere la dignit di ogni occupazione utile a far s che essa venga esercitata nella maniera pi degna, quale mezzo per servire la societ; - orientare lattivit privata, professionale e pubblica di ogni socio al concetto di servizio; - propagare la comprensione reciproca, la buona volont e la pace fra nazione e nazione mediante il diffondersi nel mondo di relazioni amichevoli fra gli esponenti delle varie attivit economiche e professionali, uniti nel comune proposito e nella volont di servire. LA MISSIONE DEL ROTARY - promuovere lunione tra soci di un club; - rinforzare ed espandere il Rotary nel mondo; - comunicare al mondo intero lattivit del Rotary; - fornire un livello di amministrazione a livello internazionale; - scegliere conquistare e conservare veri amici; - diventare cittadini migliori ed essere un positivo esempio per i giovani delle future generazioni. La prova delle 4 domande Prova delle 4 domande Ci che noi pensiamo, diciamo o facciamo: 1. Risponde a verit? 2. E giusto per tutti gli interessati? 3. Dar vita a buona volont e a migliori rapporti di amicizia? 4. Sar vantaggioso per tutti gli interessati?

Editoriale Siamo consapevoli che la storia e la crescita di un Club necessitano pure di uno strumento di comunicazione che, oltre a fornire informazioni e notizie di cronaca vissuta, sia in grado di raccontare che cosa stato veramente il Club e cosa ha rappresentato per i suoi iscritti. Questo comunque non vuole essere un veicolo pubblicitario o di referenziazione, ma un diario o giornale, ricco di contenuti, articolato per argomenti, carico di ricordi affascinanti e talvolta nostalgici .......con notizie e fotografie riguardanti anche il Rotaract, da noi patrocinato; anche limmagine di copertina scelta dagli stessi autori, testimonia la dedizione e cura che si voluta attribuire alla stampa del volume celebrativo dei 25 anni del Rotary Club Palermo Cefal, adesso Rotary Club Palermo Agor ! Si raccontano cose reali, progetti realizzati, attivit svolte, pareri ed opinioni di illustri amici e, al contempo, si offre ai lettori, anche non rotariani, la chiara percezione delle linee strategiche seguite dal Club, nato sotto gli auspici e i connotati agricoloimprenditoriali e via via trasformatosi in interessi medico-sanitari, per linfluenza delle attivit professionali degli iscritti, pur nella variet delle classifiche professionali. Nelle pagine di questo numero si percepisce un Rotary immerso nellattualit delle cose, sempre desideroso di contribuire con risposte adeguate, capace di fare rete, pronto a collaborare con gli altri clubs, forte delle sinergie, sicuro della propria immagine, capace di gestirla e veicolarla per una migliore comunicazione. Si narra con linguaggio semplice lo spirito che ha animato ed anima il valore della amicizia, della solidariet, della tolleranza e dello sviluppo sociale ed umano degli iscritti, persone che non conoscendosi prima, una volta diventati soci del nostro Rotary hanno saputo bene interpretare le connotazioni del servizio rotariano. Un cammino che nel corso degli anni si andato sviluppando e, in sintonia coi tempi, si evoluto in termini di qualit ed interesse, investendo tutti i campi della scienza e della cultura, senza mai trascurare il volontariato sociale, il service e laffiatamento. Questo numero unico, pensato e voluto per il venticinquennale del Club, nato con il nome di Palermo-Cefal e poi mutato, per esigenze distrettuali, in Rotary Club Palermo-Agor, celebra il passato con laffetto e lattaccamento di chi ha contribuito alla nascita del Club, ma guarda al futuro con una benefica scorta di energie, offerta da nuovi ed impegnati soci, che contribuiranno a compiere ulteriori balzi in avanti. Lo richiede con il suo continuo crescere il Club, ma lo vogliono, innanzi tutto, i suoi associati, che ne rappresentano la linfa vitale: un Rotary sempre emozionante, coinvolgente, energico, come un abbraccio. Grazie a tutti voi che ci leggerete e un ideale abbraccio, per lappunto, a tutta la grande famiglia internazionale rotariana che ci ha dato lopportunit di fare parte di essa e quindi poter dire: ci siamo anche noi!

la nostra storia
I SOCI FONDATORI ELENCO DEI SOCI FONDATORI - GIUGNO 1986 (in neretto i soci ancora in carica) AIELLO CARLO (dimessosi in ottobre 1996 poi deceduto) BARONE GIUSEPPE (dimessosi in ottobre 1996) BELLIA NATALE oggi socio phf BUTTITTA ANTONINO (dimessosi in luglio 1998) CAPITUMMINO ANGELO (dimessosi nel 1991) CARAPEZZA EMILIO (dimessosi nel gennaio 1992 poi deceduto) CARAPEZZA MARCELLO (deceduto) CARUSO PIETRO oggi socio phf CORRAO NICOLA (dimessosi nel marzo 1992) DANTONIO ARCANGELO socio phf (deceduto) DI BENEDETTO GIOVANNI (dimessosi nel marzo 1994) DI MARTINO ANDREA socio phf (deceduto) DRAGOTTA GIUSEPPE oggi socio phf GAROFALO SALVATORE oggi socio phf GIGANTE NICASIO oggi socio attivo GIOIA GIUSEPPE (rientrato al Palermo Est nel novembre del 1993) GIUNTA FRANCESCO (dimessosi nel 1991 poi deceduto) ITALIANO LUIGI oggi socio phf LA BARBERA GIUSEPPE (trasferito al Bagheria nel 2003) LONGO SALVATORE oggi socio phf MASCALI ANTONIO (dimessosi nel 1990) MICELI GIUSEPPE oggi socio phf MIGLIACCIO ALESSANDRO (dimessosi nel febbraio 1994) PILATO GIOVANNI (dimessosi nel 1990 poi deceduto) RAIMONDO FRANCESCO MARIA (dimessosi nel luglio 1992) SACCO FRANCESCO (dimessosi nel giugno 2001) SANFILIPPO EMILIO (dimessosi nel dicembre 1993) SIMONETTI GIUSEPPE oggi socio attivo SPRINI GIOVANNI (dimessosi nel gennaio 1992 poi deceduto) VAJANA PASQUALE (dimessosi nel dicembre 1993) VENTURELLA PIETRO (dimessosi nel 2007) VESCO IGNAZIO (dimessosi nel 2003)
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

9
I SOCI attuali ELENCO DEI SOCI ALLA DATA DEL VENTICINQUENNALE - GIUGNO 2011

BACCHI LUCIO BATTAGLIA SALVATORE BELLIA NATALE BROCCO BARTOLO CALAIO DORIANA CALANDRA SALVATORE CAPUTO GIUSEPPE CARACAPPA SANTO CARUSO CALOGERO CARUSO PIETRO CASSARA MARIA GRAZIA CIRINCIONE LUCIANO COMPARATO CALOGERO CUCCIA DOMENICO CUMELLA ANTONIO CUSUMANO GIUSEPPE DI NATALE GIUSEPPE DRAGOTTA GIUSEPPE GALIOTO PIETRO GAROFALO SALVATORE GEBIA MICHELANGELO GIGANTE NICASIO ITALIANO LUIGI

LA DUCA ANTONINO LEVANTINO FILIPPO LONGO SALVATORE MANISCALCO MAURIZIO MICELI GIUSEPPE MILICI GRAZIA NICOSIA MAURIZIO PANZECA ANTONINO SALOMONE SERGIO SCIMECA BEATRICE SCIORTINO ALFONSO SIMONETTI GIUSEPPE

SOCI ONORARI ALLA STESSA DATA CARLISI NICOLA DI NATALE MARICETTA

GIOIA GIUSEPPE

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

10 I presidenti del CLUB


1986-1987 1987-1988 1988-1989 1989-1990 1990-1991 1991-1992 1992-1993 1993-1994 1994-1995 1995-1996 1996-1997 1997-1998 1998-1999 1999-2000 2000-2001 2001-2002 2002-2003 2003-2004 2004-2005 2005-2006 2006-2007 2007-2008 2008-2009 2009-2010 2010-2011 GIUSEPPE GIOIA GIUSEPPE GIOIA GIUSEPPE GIOIA GIUSEPPE GIOIA ANDREA DI MARTINO PIETRO CARUSO GIUSEPPE BARONE ARCANGELO DANTONIO DOMENICO BADAGLIACCA ENRICO AIELLO SALVATORE LONGO SALVATORE GAROFALO LUIGI ITALIANO GIUSEPPE DRAGOTTA SALVATORE MINAFRA GIUSEPPE CICERO SANTO CARACAPPA GIUSEPPE MICELI NATALE BELLIA MAURIZIO MANISCALCO FILIPPO LEVANTINO ALFONSO SCIORTINO ANTONINO PANZECA GIUSEPPE CAPUTO SERGIO SALOMONE

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

11 I SEGRETARI del club


1986-1987 1987-1988 1988-1989 1989-1990 1990-1991 1991-1992 1992-1993 1993-1994 1994-1995 1995-1996 1996-1997 1997-1998 1998-1999 1999-2000 2000-2001 2001-2002 2002-2003 2003-2004 2004-2005 2005-2006 2006-2007 2007-2008 2008-2009 2009-2010 2010-2011 Salvatore Longo Salvatore Longo Salvatore Longo Giuseppe Dragotta Giuseppe Dragotta Giuseppe Dragotta Giuseppe Dragotta Giuseppe Dragotta Giuseppe Dragotta Giuseppe Dragotta Giuseppe Dragotta Giuseppe Dragotta Giuseppe Cicero Giuseppe Cicero Filippo Levantino Filippo Levantino Maurizio Maniscalco Maurizio Maniscalco Maurizio Maniscalco Lucio Bacchi Fabio La Torre Salvatore Centineo Fabio La Torre Fabio La Torre Giuseppe Cusumano

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

12
I CONSIGLI DIRETTIVI 2110 DISTRETTO: Sicilia e Malta ROTARY INTERNATIONAL club Palermo-Cefal anni sociali 1986-1987/1987-1988/1988-1989 CONSIGLIO DIRETTIVO DEL CLUB Presidente: Giuseppe Gioia Vicepresidente: Andrea Di Martino Segretario: Salvatore Longo Tesoriere: Emilio Carapezza Consigliere: Giuseppe Barone Consigliere: Antonino Buttitta Consigliere: Alessandro Migliaccio Prefetto: Giuseppe Dragotta Past-president: Giuseppe Gioia Presidente incoming: Giuseppe Gioia ROTARY INTERNATIONAL club Palermo-Cefal anno sociale 1990-1991 CONSIGLIO DIRETTIVO DEL CLUB Presidente: Andrea Di Martino Vicepresidente: Pietro Caruso Segretario: Giuseppe Dragotta Tesoriere: Ignazio Vesco Consigliere: Luigi Italiano Consigliere: Giuseppe Miceli Consigliere: Pietro Venturella Prefetto: Giuseppe La Barbera Past-president: Giuseppe Gioia Presidente incoming: Pietro Caruso

ROTARY INTERNATIONAL club Palermo-Cefal anno sociale 1989-1990 CONSIGLIO DIRETTIVO DEL CLUB Presidente: Giuseppe Gioia Vicepresidente: Andrea Di Martino Segretario: Giuseppe Dragotta Tesoriere: Ignazio Vesco Consigliere: Pietro Caruso Consigliere: Arcangelo DAntonio Consigliere: Salvatore Garofalo Prefetto: Giuseppe La Barbera Past-president: Giuseppe Gioia Presidente incoming: Andrea Di Martino

ROTARY INTERNATIONAL club Palermo-Cefal anno sociale 1991-1992 CONSIGLIO DIRETTIVO DEL CLUB Presidente: Pietro Caruso Vicepresidente: Pasquale Vajana Segretario: Giuseppe Dragotta Tesoriere: Ignazio Vesco Consigliere: Natale Bellia Consigliere: Nicola Corrao Consigliere: Giuseppe Simonetti Prefetto: Giuseppe La Barbera Past-president: Andrea Di Martino Presidente incoming: Giuseppe Barone

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

13

ROTARY INTERNATIONAL club Palermo-Cefal anno sociale 1992-1993 CONSIGLIO DIRETTIVO DEL CLUB Presidente: Giuseppe Barone Vicepresidente: Salvatore Longo Segretario: Giuseppe Dragotta Tesoriere: Ignazio Vesco Consigliere: Giovanni Di Benedetto Consigliere: Nicasio Gigante Consigliere: Francesco Sacco Prefetto: Giuseppe Cicero Past-president: Pietro Caruso Presidente incoming: Arcangelo DAntonio

ROTARY INTERNATIONAL club Palermo-Cefal anno sociale 1994-1995 CONSIGLIO DIRETTIVO DEL CLUB Presidente: Domenico Badagliacca Vicepresidente: Salvatore Camillo Segretario: Giuseppe Dragotta Tesoriere: Giuseppe Cicero Consigliere: Sergio Leo Consigliere: Francesco Paolo Polizzano Consigliere: Francesco Sacco Prefetto: Giuseppe La Barbera Past-president: Arcangelo D Antonio Presidente incoming: Enrico Aiello

ROTARY INTERNATIONAL club Palermo-Cefal anno sociale 1993-1994 CONSIGLIO DIRETTIVO DEL CLUB Presidente: Arcangelo DAntonio Vicepresidente: Domenico Badagliacca Segretario: Giuseppe Dragotta Tesoriere: Giuseppe Cicero Consigliere: Enrico Aiello Consigliere: Giovanni Campolmi Consigliere: Ignazio Vesco Prefetto: Francesco Sacco Past-president: Giuseppe Barone Presidente incoming: Domenico Badagliacca

ROTARY INTERNATIONAL club Palermo-Cefal anno sociale 1995-1996 CONSIGLIO DIRETTIVO DEL CLUB Presidente: Enrico Aiello Vicepresidente: Pietro Venturella Segretario: Giuseppe Dragotta Tesoriere: Salvatore Camillo Consigliere: Giovanni Campolmi Consigliere: Giuseppe Di Pasquale Consigliere: Ignazio Margiotta Prefetto: Giuseppe La Barbera Past-president: Domenico Badagliacca Presidente incoming: Salvatore Longo

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

14

ROTARY INTERNATIONAL club Palermo-Cefal anno sociale 1996-1997 CONSIGLIO DIRETTIVO DEL CLUB Presidente: Salvatore Longo Vicepresidente: Luigi Italiano Segretario: Giuseppe Dragotta Tesoriere: Salvatore Camillo Consigliere: Santo Caracappa Consigliere: Salvatore Minafra Consigliere: Alfonso Sciortino Prefetto: Giuseppe La Barbera Past-president: Enrico Aiello Presidente incoming: Salvatore Garofalo

ROTARY INTERNATIONAL club Palermo-Cefal anno sociale 1998-1999 CONSIGLIO DIRETTIVO DEL CLUB Presidente: Luigi Italiano Vicepresidente: Giuseppe Dragotta Segretario: Giuseppe Cicero Tesoriere: Santo Caracappa Consigliere: Filippo Aiello Consigliere: Salvatore Minafra Consigliere: Antonino Panzeca Prefetto: Giuseppe La Barbera Past-president: Salvatore Garofalo Presidente incoming: Giuseppe Dragotta

ROTARY INTERNATIONAL club Palermo-Cefal anno sociale 1997-1998 CONSIGLIO DIRETTIVO DEL CLUB Presidente: Salvatore Garofalo Vicepresidente: Giuseppe Simonetti Segretario: Giuseppe Dragotta Tesoriere: Santo Caracappa Consigliere: Mariano Cartabellotta Consigliere: Giuseppe Miceli Consigliere: Giuseppe Cicero Prefetto: Giuseppe La Barbera Past-president: Salvatore Longo Presidente incoming: Luigi Italiano

ROTARY INTERNATIONAL club Palermo-Cefal anno sociale 1999-2000 CONSIGLIO DIRETTIVO DEL CLUB Presidente: Giuseppe Dragotta Vicepresidente: Francesco Sacco Segretario: Giuseppe Cicero Tesoriere: Santo Caracappa Consigliere: Giuseppe Di Stefano Consigliere: Sergio Imburgia Consigliere: Antonino Panzeca Prefetto: Giuseppe La Barbera Past-president: Luigi Italiano Presidente incoming: Salvatore Minafra

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

15

ROTARY INTERNATIONAL club Palermo-Cefal anno sociale 2000-2001 CONSIGLIO DIRETTIVO DEL CLUB Presidente: Salvatore Minafra Vicepresidente: Santo Caracappa Segretario: Filippo Levantino Tesoriere: Francesco Massa Consigliere: Antonio Badagliacca Consigliere: Rosario Barreca Consigliere: Giuseppe Cicero Prefetto: Giuseppe La Barbera Past-president: Giuseppe Dragotta Presidente incoming: Giuseppe Cicero

ROTARY INTERNATIONAL club Palermo-Cefal anno sociale 2002-2003 CONSIGLIO DIRETTIVO DEL CLUB Presidente: Santo Caracappa Vicepresidente: Giuseppe La Barbera Segretario: Maurizio Maniscalco Tesoriere: Ignazio Candioto Consigliere: Enrico Biuso Consigliere: Benedetto Giubilato Consigliere: Giuseppe Miceli Prefetto: Giuseppe Di Stefano Past-president: Giuseppe Cicero Presidente incoming: Giuseppe Miceli

ROTARY INTERNATIONAL club Palermo-Cefal anno sociale 2001-2002 CONSIGLIO DIRETTIVO DEL CLUB Presidente: Giuseppe Cicero Vicepresidente: Santo Caracappa Segretario: Filippo Levantino Tesoriere: Ignazio Candioto Consigliere: Michelangelo Gebia Consigliere: Francesco Massa Consigliere: Ignazio Raimondi Prefetto: Maurizio Maniscalco Past-president: Salvatore Minafra Presidente incoming: Santo Caracappa

ROTARY INTERNATIONAL club Palermo-Cefal anno sociale 2003-2004 CONSIGLIO DIRETTIVO DEL CLUB Presidente: Giuseppe Miceli Vicepresidente: Natale Bellia Segretario: Maurizio Maniscalco Tesoriere: Fabio La Torre Consigliere: Enrico Biuso Consigliere: Antonino Panzeca Consigliere: Pietro Venturella Prefetto: Filippo Levantino Past-president: Santo Caracappa Presidente incoming: Natale Bellia

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

16

ROTARY INTERNATIONAL club Palermo-Cefal anno sociale 2004-2005 CONSIGLIO DIRETTIVO DEL CLUB Presidente: Natale Bellia Vicepresidente: Alfredo Li Vecchi Segretario: Maurizio Maniscalco Tesoriere: Fabio la Torre Consigliere: Lucio Bacchi Consigliere: Alfonso Sciortino Consigliere: Pietro Venturella Prefetto: Giuseppe Di Natale Past-president: Giuseppe Miceli Presidente incoming: Maurizio Maniscalco

ROTARY INTERNATIONAL club Palermo-Cefal anno sociale 2006-2007 CONSIGLIO DIRETTIVO DEL CLUB Presidente: Filippo Levantino Vicepresidente: Antonino Panzeca Segretario: Fabio La Torre Tesoriere: Salvatore Calandra Consigliere: Salvatore Centineo Consigliere: Ignazio Raimondi Consigliere: Alfonso Sciortino Prefetto: Maurizio Nicosia Past-president: Maurizio Maniscalco Presidente incoming: Alfonso Sciortino

ROTARY INTERNATIONAL club Palermo-Cefal anno sociale 2005-2006 CONSIGLIO DIRETTIVO DEL CLUB Presidente: Maurizio Maniscalco Vicepresidente: Filippo Levantino Segretario: Lucio Bacchi Tesoriere: Fabio La Torre Consigliere: Michelangelo Gebia Consigliere: Armando Porrovecchio Prefetto: Giuseppe Di Natale Past-president: Natale Bellia Presidente incoming: Filippo Levantino

ROTARY INTERNATIONAL club Palermo-Cefal anno sociale 2007-2008 CONSIGLIO DIRETTIVO DEL CLUB Presidente: Alfonso Sciortino Vicepresidente: Sergio Salomone Segretario: Salvatore Centineo Tesoriere: Maurizio Nicosia Consigliere: Lucio Bacchi Consigliere: Doriana Calaj Consigliere: Giuseppe Di Natale Prefetto: Fabio La Torre Past-president: Filippo Levantino Presidente incoming: Antonino Panzeca

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

17

ROTARY INTERNATIONAL club Palermo-Cefal anno sociale 2008-2009 CONSIGLIO DIRETTIVO DEL CLUB Presidente: Antonino Panzeca Vicepresidente: Giuseppe Caputo Segretario: Fabio La Torre Tesoriere: Domenico Cuccia Consigliere: Giuseppe Cusumano Consigliere: Giuseppe Di Natale Prefetto: Salvatore Calandra Past-president: Alfonso Sciortino Presidente incoming: Giuseppe Caputo

ROTARY INTERNATIONAL club Palermo-Agor anno sociale 2010-2011 CONSIGLIO DIRETTIVO DEL CLUB Presidente: Sergio Salomone Vicepresidente: Lucio Bacchi Segretario: Giuseppe Cusumano Tesoriere: Maurizio Nicosia Consigliere: Bartolomeo Brocco Consigliere: Calogero Comparato Consigliere: Antonino La Duca Prefetto: Beatrice Scimeca Past-president: Giuseppe Caputo Presidente incoming: Lucio Bacchi

ROTARY INTERNATIONAL club Palermo-Agor Ri-fondazione 12/05/2009 anno sociale 2009-2010 CONSIGLIO DIRETTIVO DEL CLUB Presidente: Giuseppe Caputo Vicepresidente: Luciano Cirincione Segretario: Fabio La Torre Tesoriere: Salvatore Calandra Consigliere: Giuseppe Di Natale Consigliere: Giuseppe Di Pasquale Consigliere: Salvatore Garofalo Prefetto: Giuseppe Cusumano Past-president: Antonino Panzeca Presidente incoming: Sergio Salomone

ROTARY INTERNATIONAL club Palermo-Agor anno sociale 2011-2012 CONSIGLIO DIRETTIVO DEL CLUB Presidente: Lucio Bacchi Vicepresidente: Luciano Cirincione Segretario: Giuseppe Cusumano Tesoriere: Maurizio Nicosia Consigliere: Calogero Comparato Consigliere: Giuseppe Di Natale Consigliere: Antonino La Duca Prefetto: Salvatore Battaglia Past-president: Sergio Salomone Presidente incoming: Luciano Cirincione

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

18
Le PRINCIPALi ATTIVITA sociali SVOLTe dalla data di fondazione del giugno 1986 al giugno 2011 Data ufficiale della Carta Costitutiva: Palermo/ Cefal, 26 giugno 1986 Incontri informali per la organizzazione e le procedure istitutive Sedi diverse luglio/dicembre 1986 presidenza Gioia Primo incontro ufficiale dei soci fondatori Orto Botanico 21 febbraio 1987 presidenza Gioia Conviviale di presentazione e conoscenza tra i soci fondatori Hotel Costa Verde di Cefal 16 marzo 1987 presidenza Gioia Relazione del socio Antonino Buttitta sul tema: Luomo, questo essere animale Hotel Costa Verde di Cefal 28 marzo 1987 presidenza Gioia Relazione sul tema: Il Giudice Istruttore nellattuale processo penale Grande Albergo delle Palme 27 aprile 1987 presidenza Gioia Serata di affiatamento e informazione rotariana Hotel Costa Verde di Cefal 18 maggio 1987 presidenza Gioia Relazione del presidente e serata di affiatamento Hotel Costa Verde di Cefal 1 giugno 1987 presidenza Gioia Incontro dibattito con i Proff. Albiero, Bazan, Cortesini, Marino, Polizzi, Rapisarda e Zagami sul tema: Trapianti dorgano Grande Hotel di Villa Igiea 27 giugno 1987 presidenza Gioia Relazione del socio Francesco Maria Raimondo sul tema: Il Parco delle Madonie come strumento di conservazione e sviluppo Hotel Costa Verde di Cefal 06 luglio 1987 presidenza Gioia Serata di affiatamento tra i soci Hotel Torre Normanna 03 agosto 1987 presidenza Gioia Relazione del socio Giovanni Sprini sul tema: Sviluppo e cambiamento, incidenza dei comportamenti competitivi e cooperativi su una strategia di crescita Hotel Jolly 5 ottobre 1987 presidenza Gioia Relazione del socio Pietro Caruso sul tema: Aspetti dellortofloricultura nel palermitano Hotel Jolly 26 ottobre 1987 presidenza Gioia
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

19
Relazione dellOn. Stefano De Luca e del Dott. Giovanni Messina sul tema: Inserimento dei giovani nellattivit professionale al servizio della societ Grande Albergo delle Palme 23 novembre 1987 presidenza Gioia Relazione del Prof. Stefano Greco sul tema: La natura ai raggi X Grande Albergo delle Palme 11 gennaio 1988 presidenza Gioia Proiezione di diapositive e racconti di viaggio dei coniugi Sergio e Licia Albeggiani sul tema: Lisca Bianca in giro per il mondo Hotel Jolly 29 febbraio 1988 presidenza Gioia Relazione dellOn. Calogero Mannino sul tema: Effetti della deregulation dei trasporti aerei nei Paesi Europei Hotel Palace 18 marzo 1988 presidenza Gioia Relazione del Dott. Mario Oliviero Drigani sul tema: Il difensore civico, esperienza nella Regione Friuli Venezi Gulia Grande Albergo delle Palme 11 aprile 1988 presidenza Gioia Relazione del Dott. Renzo Barbera sul tema: Palermo e i mondiali di calcio 1990 Hotel Jolly 02 maggio 1988 presidenza Gioia Proiezione di un filmato dal titolo: Itinerario Normanno Grande Albergo di Villa Igiea 20 giugno 1988 presidenza Gioia Spettacolo di cabaret con I Cavernicoli - Quelli della caverna Hotel Costa Verde di Cefal 8 agosto 1988 presidenza Gioia Relazione del Prof. Hans Peter Isler sul tema: Monte Iato, 2000 anni di vita in una citt della Sicilia antica Hotel Jolly 5 settembre 1988 presidenza Gioia Serata rotariana di affiatamento ed informazione rotariana Hotel Costa Verde di Cefal 19 settembre 1988 presidenza Gioia Relazione del Prof. Giuseppe Sunseri sul tema: La scuola, problema sociale prospettive per gli allievi e per i docenti nella societ in evoluzione Hotel Costa Verde di Cefal 14 novembre 1988 presidenza Gioia Relazione del socio Salvatore Longo sul tema: Come sta cambiando lUnione Sovietica Hotel Jolly 28 novembre 1988 presidenza Gioia Relazione del socio Carlo Aiello sul tema: Il Giudice popolare nella Corte di Assise Hotel Jolly 6 dicembre 1988 presidenza Gioia
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

20
Relazione del socio Giuseppe Miceli sul tema: La certificazione delle sementi Hotel Jolly 06 marzo 1989 presidenza Gioia Relazione di S. Ecc. Vescovo della CEI Attilio Nicotra sul tema: La presenza della Chiesa nella societ, significato di un servizio e risposta della collettivit Hotel Astoria Palace 30 marzo 1989 presidenza Gioia Relazione del socio Salvatore Garofalo sul tema: Il vincolo idrogeologico tra bisogni moderni ed incomprensioni antiche Hotel Costa Verde di Cefal 17 aprile 1989 presidenza Gioia Relazione del socio Andrea Di Martino sul tema: Il ruolo del verde cittadino Grande Albergo delle Palme 8 maggio 1989 presidenza Gioia Proiezione di un video prodotto dal socio Andrea Di Martino sull Orto Botanico di Palermo Hotel Jolly 29 maggio 1989 presidenza Gioia Serata di affiatamento sul tema: La parola ai soci Grande Albergo delle Palme 5 giugno 1989 presidenza Gioia Relazione del socio Arcangelo DAntonio sul tema: Impressioni a caldo dopo le elezioni europee del 18 giugno Hotel Jolly 19 giugno 1989 presidenza Gioia Relazione del Dott. Domenico Simonetti sul tema: Rotaract oggi Hotel Zagarella 18 settembre 1989 presidenza Gioia Relazione del Prof. Vito Lombardo sul tema: Il cotone pianta tessile e proteaginosa Albergo Excelsior 2 ottobre 1989 presidenza Gioia Relazione del socio Salvatore Garofalo sul tema: Gli incendi boschivi, problema irrisolto Sede Regionale della Confagricoltura 6 novembre 1989 presidenza Gioia Relazione del Prof. Arch. Giuliano Leone sul tema: Centri Storici in attesa Hotel Jolly 29 gennaio 1990 presidenza Gioia Relazione del socio Andrea Di Martino sul tema: Il ruolo del verde cittadino Hotel Cristal Palace 26 marzo 1990 presidenza Gioia Relazione del socio Giuseppe Barone sul tema: Il dolore toracico Hotel Cristal Palace 30 aprile 1990 presidenza Gioia
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

21
Forum con i soci Andrea Di Martino e Pietro Caruso, i Proff. Giuseppe Barbera, Giovanni Liotta, Giulio Crescimanno, sul tema: I fitofarmaci tutela dellambiente e sviluppo dellagricoltura Hotel Jolly 14 maggio 1990 presidenza Gioia Relazione del socio Francesco Sacco sul tema: Emergenza idrica, importanza delle dighe Hotel Cristal Palace 21 maggio 1990 presidenza Gioia Relazione del Dott. Gaetano Speziale sul tema: Prospettive energetiche in Sicilia negli anni 90 Hotel Palace 4 giugno 1990 presidenza Gioia Relazione del Prof. Ernesto Failla sul tema: I problemi della terza et al traguardo del III millennio Grande Albergo delle Terme di Termini Imerese 22 giugno 1990 presidenza Gioia Relazione del Prof. Giovanni Fierotti sul tema: Quando il suolo muore Albergo Excelsior 17 settembre 1990 presidenza Di Martino Relazione del socio Arcangelo DAntonio sul tema: La cooperazione quale strumento di rafforzamento del rapporto di amicizia tra Italia e Argentina Hotel Jolly 27 ottobre 1990 presidenza Di Martino Relazione del socio Giuseppe Cicero sul tema: LENEL al servizio del cittadino Orto Botanico di Palermo 5 novembre 1990 presidenza Di Martino Relazione della Prof.ssa Rosetta Scaglione Guccione sul tema: Cultura come coscienza del turismo Albergo Excelsior 19 novembre 1990 presidenza Di Martino Relazione del Prof. Franco Pedrotti sul tema: La distruzione dellambiente naturale nel mondo Albergo Excelsior 3 dicembre 1990 presidenza Di Martino Relazione del socio Andrea Di Martino sul tema: Filippo Parlatore, naturalista palermitano Orto Botanico di Palermo 4 febbraio 1991 presidenza Di Martino Relazione del socio Francesco Paolo Polizzano sul tema: Notariato nella societ postindustriale Albergo Excelsior 18 febbraio 1991 presidenza Di Martino Relazione dei soci Arcangelo DAntonio e Domenico Badagliacca sul tema: Perch della guerra nel Golfo e quali ripercussioni economiche Albergo Excelsior 4 marzo 1991 presidenza Di Martino
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

22
Relazione del Vescovo di Piana degli Albanesi Sua Ecc. Sotir Ferrara sul tema: La presenza degli Albanesi in Sicilia, etnia e religione Albergo Excelsior 18 marzo 1991 presidenza Di Martino Relazione del Maestro Maurizio Arena sul tema: Giuseppe Mul, musicista ed operista Grande Albergo delle Terme di Termini Imerese 8 aprile 1991 presidenza Di Martino Presentazione del libro di Giacinta Giacopello Pumilia: De optimo habitus Albergo Excelsior 29 aprile 1991 presidenza Di Martino Relazione del socio Alessandro Migliaccio sul tema: Il nuovo ordinamento degli Enti Locali in Sicilia Albergo Excelsior 6 maggio 1991 presidenza Di Martino Relazione del socio Arcangelo DAntonio sul tema: La Rerum Novarum nel suo I centenario Albergo Excelsior 20 maggio 1991 presidenza Di Martino Relazione del Dott. Gaetano Esposito sul tema: IV censimento dellAgricoltura in Sicilia Albergo Excelsior 26 ottobre 1991 presidenza Caruso Relazione del socio Andrea Di Martino sul tema: Piante post colombiane con particolare riferimento a quelle di uso alimentare Albergo Excelsior 2 dicembre 1991 - presidenza Caruso Relazione congiunta del socio Giuseppe Gioia e del Prof. Antonino Tusa sul tema: LAgricoltura siciliana e la Comunit Europea Grande Albergo di Villa Igiea 13 gennaio 1992 presidenza Caruso Relazione del socio Domenico Badagliacca sul tema: Genesi e prospettive dellunit monetaria europea Albergo Excelsior 17 febbraio 1992 presidenza Caruso Relazione del socio Vincenzo Fazio sul tema: Mezzogiorno ad una svolta Albergo Excelsior 16 marzo 1992 presidenza Caruso Relazione del socio Giuseppe Barone sul tema: Approccio terapeutico moderno allinfarto miocardio acuto Albergo Excelsior 30 marzo 1992 presidenza Caruso Relazione del socio Giuseppe Di Pasquale sul tema: Il ruolo dellanestesista rianimatore Albergo Excelsior 27 aprile 1992 presidenza Caruso Relazione del Dott. Carmelo Ferlito sul tema: Due passi sui vulcani Albergo Excelsior 18 maggio 1992 presidenza Caruso
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

23
Relazione del socio Alfonso Sciortino sul tema: Effetti del verde pubblico sullambiente Albergo Excelsior 1 giugno 1992 presidenza Caruso Relazione del Prof. Giovanni Pirrone sul tema: Il Teatro Massimo dalla inagibilit alla riapertura San Paolo Palace 6 ottobre 1992 presidenza Barone Relazione del socio Sergio Leo sul tema: Le telecomunicazioni negli anni 90, la ISDN Albergo Excelsior 30 novembre 1992 presidenza Barone Relazione del Prof. Renato Albiero sul tema: Stato dellarte e frontiere nella rivascolarizzazione miocardia Grande Albergo di Villa Igiea 26 gennaio 1993 presidenza Barone Relazione dellArch. Vittorio Noto sul tema: Palermo crocevia di civilt nel XII secolo, tra architettura arte e politica Albergo Excelsior - 1 febbraio 1993 - presidenza Barone Relazione del Dott. Enrico Ferri sul tema: Nuovi fermenti nella societ moderna Albergo Palace 28 aprile 1993 presidenza Barone Relazione del socio Arcangelo DAntonio sul tema: La crisi del sistema politico Albergo Excelsior 3 maggio 1993 presidenza Barone Presentazione del libro di Laura Frezza Agnello: Ritratto di ignoto in un interno di famiglia Albergo Excelsior 17 maggio 1993 presidenza Barone Relazione del Prof. Goffredo Garraffa sul tema: Il caso Ustica Albergo Excelsior 20 settembre 1993 presidenza DAntonio Relazione del Prof. Giovanni Pitruzzella sul tema: Lelezione diretta del Sindaco Albergo Excelsior - 3 novembre1993 presidenza DAntonio Relazione della Prof.ssa Annamaria Amitrano Savarese sul tema: Palermo il naso allins Albergo Excelsior 15 novembre 1993 presidenza DAntonio Relazione del Prof. Giorgio Chinnici sul tema: Incidenze culturali nel pentitismo mafioso Albergo Excelsior 24 gennaio 1994 presidenza DAntonio Relazione del Dott. Antonio Osnato sul tema: Superstizione e Magia Albergo Excelsior 21 febbraio 1994 presidenza DAntonio
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

24
Relazione del Prof. Guido Corso sul tema: Riforma elettorale e modifiche del sistema politico Albergo Excelsior 7 marzo 1994 presidenza DAntonio Relazione del socio Vincenzo Fazio sul tema: Funzionalit della pubblica Amministrazione e Governo delle economie locali Albergo Excelsior 5 aprile 1994 Presidenza DAntonio Relazione del Dott. Antonio Carollo sul tema: La scatola magica, come nasce uno spettacolo dopera Hotel Palace 19 aprile 1994 presidenza DAntonio Relazione del Dott. Salvino Leone sul tema: Qualit della vita come problema etico Albergo Excelsior 19 maggio 1994 presidenza DAntonio Relazione della Prof.ssa Teresa Dispenza Longo sul tema: La produzione ed il commercio della seta in Sicilia alla fine del 1700 Albergo Excelsior 6 giugno 1994 presidenza DAntonio Relazione del Prof. Domenico Portera sul tema: Cefal nella storia e nellarte, il Cristo Pantocratore della Basilica Cattedrale Albergo Excelsior 7 novembre 1994 presidenza Badagliacca Presentazione dei nuovi soci Filippo Aiello, Francesco Massa, Nino Panzeca e Ignazio Raimondi e ragguagli sui settori professionali di loro competenze Albergo Excelsior 21 novembre 1994 presidenza Badagliacca Relazione del socio Vincenzo Fazio sul tema: La legge finanziaria e le sue ripercussioni sul Mezzogiorno e sulla Sicilia in particolare Grande Albergo delle Palme 6 dicembre 1994 presidenza Badagliacca Relazione della Prof.ssa Maricetta Di Natale sul tema: Il presepe di Vito DAnna nella collezione Mazzarino Albergo Excelsior 9 gennaio 1995 presidenza Badagliacca Relazione del Dott. Ciro Colomo sul tema: Il risarcimento del danno e il danno biologico Grande Albergo di Villa Igiea 24 gennaio 1994 presidenza Badagliacca Relazione della Prof.ssa Simonetta La Barbera Bellia sul tema: Il portico della Cattedrale e la cultura artistica nella Palermo del 400 Albergo Excelsior 6 marzo 1995 presidenza Badagliacca Relazione delle Dott.sse Francesca Pardo e Luciana Iapichino e del Sig. Valentino Dardanoni sul tema: Fibrosi cistica oggi, realt e prospettive Albergo Excelsior 20 marzo 1995 presidenza Badagliacca
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

25
Relazione di Don Gino Sacchetti e dellOn. Giuseppe Lumia sul tema: Il volontariato tra pericoli e potenzialit, i nuovi cammini della solidariet Albergo Excelsior 10 aprile 1995 presidenza Badagliacca Relazione della Prof.ssa Ida Pucci Minafra sul tema: Problematiche della fecondazione assistita Hotel Palace 2 maggio 1995 presidenza Badagliacca Relazione di Padre Paolo Rizzo sul tema: Minori senza famiglia San Paolo Palace 29 maggio 1995 presidenza Badagliacca Relazione del socio Arcangelo DAntonio sul tema: La Sicilia nel contesto politico attuale, iniziative e prospettive Albergo Excelsior 5 giugno 1995 presidenza Badagliacca Relazione del Prof. S. J. Carmelo Capizzi sul tema: La vita e lopera di Padre Filippo Arena, botanico siciliano del 1700 Orto Botanico di Palermo 29 ottobre 1995 presidenza Aiello Presentazione del libro di Sveva Casati Modignani dal titolo: Il corsaro e la rosa Hotel Palace 10 novembre 1995 presidenza Aiello Relazione del Dott. Filippo Vitale sul tema: Nuovi strumenti di risparmio per le famiglie Hotel La Torre 27 novembre 1995 presidenza Aiello Relazione del Prof. Filippo Sorbello sul tema: Internet, potenzialit e limiti Albergo Excelsior 6 dicembre 1995 presidenza Aiello Relazione del Prof. Gaetano Basile sul tema: Come nasceva un amore tra i nostri nonni San Paolo Palace 15 gennaio 1996 presidenza Aiello Presentazione dei nuovi soci Rosario Barreca, Filippo Levantino e Paolo Invidiata e ragguagli sulle loro attivit professionali Albergo Excelsior 5 febbraio 1996 presidenza Aiello Forum con gli On. Giuseppe Alessi, Mario Fasino ed Emanuele Macaluso sul tema: LAutonomia siciliana, come sorta e come si potuta attuare San Paolo Palace 9 marzo 1996 presidenza Aiello Relazione del socio Giuseppe Gioia sul tema: Attivit del Director of Board nellambito del Rotary international Grande Albergo delle Terme di Termini Imerese 25 marzo 1996 presidenza Aiello
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

26
Relazione del Dott. Pietro Todaro sul tema: Alla scoperta della Palermo sotterranea, dalla preistoria ai bunker tedeschi Albergo Excelsior 3 aprile 1996 presidenza Aiello Relazione del Prof. Bartolo Biolatti sul tema: Lencefalite spongiforme bovina Istituto Zooprofilattico di Palermo 23 aprile 1996 presidenza Aiello Relazione del Prof. Giovanni Fierotti sul tema: LUniverso tra scienza e fede Hotel La Torre 6 maggio 1996 - presidenza Aiello Celebrazioni del X Anniversario della Fondazione del Club Palazzo Butera 22 giugno 1996 presidenza Aiello Relazione del socio Giuseppe Gioia sul tema: Ascoltare i giovani Hotel Tonnara di Trabia 30 settembre 1996 presidenza Longo Incontro con il Presidente Internazionale del Rotary Luis Vincent Giay Grande Albergo di Villa Igiea 8 ottobre 1996 presidenza Longo Forum con i presidi Proff. Antonino Riccobono e Antonino Maras sul tema: Problemi connessi con il diritto allo studio e con la formazione dei giovani Albergo Excelsior 4 novembre 1996 - presidenza Longo Relazione del Prof. Filippo Laudicina sul tema: Giuseppe Tommasi di Lampedusa nel primo centenario della nascita (1896-1996) Hotel Palace 18 novembre 1996 presidenza Longo Relazione del socio Andrea Di Martino sul tema: Dissesto ecologico e strategie per la salvaguardia dellambiente Albergo Excelsior 2 dicembre 1996 presidenza Longo Relazione del Vescovo Sua Ecc. Salvatore Gristina sul tema: Educare alla legalit San Paolo Palace 24 gennaio 1997 presidenza Longo Relazione del Prof. Giovanni Ballerini sul tema: Rischi e virt degli alimenti Albergo Excelsior 12 febbraio 1997 - presidenza Longo Relazione delle Prof.sse Giovanna Gioia e Teresa Dispenza Longo sul tema: La donna oggi, ruoli e condizioni nella societ di et moderna Albergo Excelsior 7 marzo 1997 presidenza Longo Relazione del Prof. Brunetto Chiarelli sul tema: Uomo tra passato e futuro Albergo Excelsior 17 marzo 1997 presidenza Longo
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

27
Relazione del Prof. Romualdo Giuffrida sul tema: Origini storiche del sottosviluppo economico della Sicilia Albergo Excelsior 7 aprile 1997 presidenza Longo Proiezione di un filmato subacqueo prodotto dai Dott. Alberto Romeo e Lucia Scordato dal titolo: Sottacqua con noi, fantasia e realt Albergo Excelsior 19 maggio 1997 presidenza Longo Consegna della Carta Costitutiva del nuovo club patrocinato, Rotary Bagheria Hotel Zagarella maggio 1997 presidenza Longo Relazione del Prof. Vito Riggio sul tema: Etica e crisi della politica San Paolo Palace 5 giugno 1997 presidenza Longo Relazione congiunta dei soci Giuseppe Miceli e Luigi Italiano sul tema: La produzione sementiera in Sicilia con particolare riferimento ai cereali, aspetti tecnici ed economici Albergo Excelsior 29 settembre 1997 presidenza Garofalo Forum con i Proff. Ida Pucci Minafra, Ina Siviglia Sammartino e Francesco Carollo su: Bioetica e manipolazioni genetiche Grande Albergo di Villa Igiea 18 novembre 1997 presidenza Garofalo Cerimonia di premiazione nellambito del Progetto Artigianato Francesca Morvillo Palazzo Steri 16 gennaio 1998 presidenza Garofalo Spettacolo di cabaret con gli artisti Toti e Totino Trattoria Al Convento 2 febbraio 1998 presidenza Garofalo Relazione dei Proff. Giovanni Caldarone e Marcello Ticca e del Dott. Romano Marabelli sul tema: Lapporto proteico in una alimentazione equilibrata Albergo Excelsior 6 marzo 1998 presidenza Garofalo Relazione del Dott. Salvatore Scaduti e della Dott.ssa Marianna Bartoccelli sul tema: Giustizia ed Informazioni Albergo Excelsior 20 aprile 1998 presidenza Garofalo Relazione del Colonnello Antonio Purificati sul tema: Alpini oggi e domani Albergo Excelsior 8 giugno 1998 presidenza Garofalo Forum con i Proff. Salvatore Ardizzone, Antonio Castello e Vincenzo Tavormina, e i Dott. Franco Piraino, Giuseppe Di Sclafani sul tema: Il Rotary parliamone tra noi San Paolo Palace 7 ottobre 1998 presidenza Italiano
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

28
Relazione del Dott. Maurizio Maniscalco sul tema: Inquinamento, rischio e risorse Albergo Excelsior 26 ottobre 1998 presidenza Italiano Relazione del socio Giuseppe Caputo sul tema: La malattia ustione, aspetti clinici e psicologici Albergo Excelsior 3 novembre 1998 presidenza Italiano Relazione di Don Cataldo Naro sul tema: Lettura dellultima enciclica del Santo Padre Giovanni Paolo II, Fede e Ragione San Paolo Palace 11 dicembre 1999 presidenza Italiano Incontro conferenza col regista Giuseppe Tornatore sul tema: Come nasce un film Hotel Zagarella 8 gennaio 1999 presidenza Italiano Forum con Don Baldassare Meli, la Dott.ssa Gecchi Lima e il Dott. Piergiorgio Ferreri sul tema: Minori tra famiglia, adozione e affidamento Albergo Excelsior 25 gennaio 1999 presidenza Italiano Concerto di chitarra del Maestro Sergio Ortega Circolo Ufficiali 12 febbraio 1999 presidenza Italiano Presentazione dei nuovi soci Enrico Biuso, Cosimo Chianchiano e Maurizio Maniscalco e ragguagli sulle loro competenze professionali Albergo Excelsior 15 febbraio 1999 presidenza Italiano Relazione di Padre Bartolomeo Sorge sul tema: Dove va la societ italiana nel 2000 Auditorium SS. Salvatore 13 marzo 1999 presidenza Italiano Relazione del socio Giuseppe Cicero sul tema: Refluenze delleuro e della globalizzazione dei mercati sugli investimenti del 2000 Albergo Excelsior 19 aprile 1999 presidenza Italiano Relazione del Prof. Giorgio Chinnici e dellAvv. Pietro Milio sul tema: Pentitismo incidenza dei fattori culturali urbani ed aspetti giuridici San Paolo Palace 17 maggio 1999 presidenza Italiano Relazione del Prof. Franco Marletta sul tema: Il progresso scientifico e tecnologico al servizio della navigazione e delle previsioni del tempo in mare Albergo Excelsior 7 giugno 1999 presidenza Italiano Presentazione del progetto umanitario A favore dellinfanzia Ristorante Lo Scoglio di Trabia 30 agosto 1999 presidenza Dragotta
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

29
Relazione di Padre Carmelo Torcivia e del socio Arcangelo DAntonio sul tema: Legalit, morale etica e politica Albergo Excelsior 27 settembre 1999 presidenza Dragotta Convegno di studio su San Benedetto il Moro con relazioni del socio Giuseppe Gioia, di Padre Ludovico Mariani, della Prof.ssa Giovanna Fiume e dellassessore Dott. Emilio Arcuri Presentazione del restauro promosso dal club di una tela del 1700 raffigurante San Benedetto Convento di Santa Maria di Ges 18 ottobre 1999 presidenza Dragotta Presentazione del libro di Giorgio Fernandez dal titolo: La parola agli alberi Albergo Excelsior 29 novembre 1999 presidenza Dragotta Corso di rianimazione cardiopolmonare con i Proff. Antonino Castello e Giuseppe Di Sclafani Ospedale Buccheri La Ferla 27 novembre 1999 presidenza Dragotta Forum con i Dott. Ettore Artioli, Giuseppe Puglisi e F.Paolo Busalacchi sul tema: Agenda 2000 Conoscere per crescere San Paolo Palace 3 dicembre 1999 presidenza Dragotta Raccolta di generi alimentari da donare ai centri di accoglienza cittadini di Madre Teresa di Calcutta e delle suore di clausura delle Cappuccinelle Ditta SIXT 11 dicembre 1999 presidenza Dragotta Corsi di informazione e confronto sullaffidamento eterofamiliare Istituto Don Bosco Ranchibile 17 febbraio e 02, 16, 30 marzo 2000 presidenza Dragotta Relazione dellIng. Renato Cannarozzo sul tema: Emergenza, sicurezza fabbricati Albergo Excelsior 31 gennaio 2000 presidenza Dragotta Seminario di formazione rotariana condotto dal Dott. Raffaele Pallotta DAcquapendente sul tema: Rotary ed Universit per una societ nel 2000 pi giusta ed equilibrata Palazzo Chiaramonte Steri 5 febbraio 2000 presidenza Dragotta Premiazione dei giovani meritevoli partecipanti al Progetto artigianato Francesca Morvillo Palazzo Chiaramonte Steri 3 marzo 2000 presidenza Dragotta Relazione del socio Domenico Badagliacca sul tema: Riflessioni sul procedimento penale agli amministratori del Banco di Sicilia Albergo Excelsior 6 marzo 2000 presidenza Dragotta

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

30
Concerto di primavera dellOrchestra Sinfonica diretta dal Maestro G. Martorelli Teatro Massimo 8 marzo 2000 presidenza Dragotta Presentazione del libro del Past Governor Antonio Mauri: Il mare intorno Hotel Palace 18 marzo 2000 presidenza Dragotta Gemellaggio con il Rotary club Sao Paulo Tatuap del Brasile Roma 11 marzo 2000 presidenza Dragotta Relazione del Prof. Danilo Mainardi sul tema: Laddomesticamento degli animali Grande Albergo delle Palme 20 marzo 2000 presidenza Dragotta Inaugurazione della mostra antologica della pittrice Francesca di Carpinello Palazzo Chiaramonte Steri 7 aprile 2000 presidenza Dragotta Commemorazione e Santa Messa in ricordo di Filippo Aiello Chiesa di Piazza Croci 27 aprile 2000 presidenza Dragotta Relazione del Generale Bruno Nieddu sul tema: Il contributo dei cittadini alla lotta alla criminalit contrabbandiera Hotel Palace 2 maggio 2000 presidenza Dragotta Relazione del socio Arcangelo DAntonio sul tema: Referendum elettorale e sue incidenze sulla riforma del sistema elettorale Albergo Excelsior 8 maggio 2000 presidenza Dragotta Forum con i Dott. Andrea Riela e Gianni Silvestrini sul tema: Il bilancio delle chiusure al traffico domenicale dei centri cittadini Villa Niscemi 13 maggio 2000 presidenza Dragotta Relazione del Dott. Giuseppe Grado sul tema: Beni Culturali tra pubblico e privato Presentazione del restauro della seconda tela del 1700 raffigurante San Benedetto Chiostro conventuale di Santa Maria di Ges 12 giugno 2000 presidenza Dragotta Tavola rotonda con i soci Santo Caracappa, Ignazio Raimondi, la Dott.ssa Cettina Xibilia e lOn. Nicol Nicolosi, sul tema: Luci ed ombre di un nuovo fenomeno sociale, animali in casa e randagismo Albergo Excelsior 19 giugno 2000 presidenza Dragotta Relazione della Prof.ssa Alessandra Maniaci sul tema: La dimora patrizia nel quattrocento a Palermo Albergo Excesior 18 settembre 2000 presidenza Minafra

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

31
Relazione del socio Maurizio Maniscalco sul tema: Gestione di struttura plurifunzionale per piccoli animali domestici Albergo Excelsior 16 ottobre 2000 presidenza Minafra Relazione del Prof. Salvatore Feo sul tema: Genomica e societ Hotel Palace 1 dicembre 2000 presidenza Minafra Relazione dei Dott. Gianfranco Ferreri, Angela Ruvolo e Jecchi Lima su: Laffido eterofamiliare, possibilit di intervento San Paolo Palace 15 gennaio 2001 presidenza Minafra Relazione del Prof. Roberto DallAglio su: La salute nel terzo millennio, nuovo approccio terapeutico con lozono San Paolo Palace 19 gennaio 2001 presidenza Minafra Relazione dei Proff. Salvatore Bordonali e Rita Cedrini su: I Bonanno, Principi di Roccafiorita e di Cattolica e la pinacoteca di Renato Guttuso Villa Cattolica di Bagheria 26 gennaio 2001 presidenza Minafra Relazione del socio Sergio Salomone su: I disabili a Palermo Albergo Excelsior 19 febbraio 2001 presidenza Minafra Relazione delle Proff. Teresa Dispenza Longo e Simonetta La Barbera Bellia sul tema: La Palermo det barocca, storia e arte Albergo Excelsior 12 marzo 2001 presidenza Minafra Relazione del socio Santo Caracappa sul tema: Infezione B.S.E. Hotel Palace 27 marzo 2001 presidenza Minafra Relazione della Prof.ssa Ida Pucci Minafra sul tema: La ricerca sul cancro oggi, cosa cambiato nellultimo decennio Albergo Excelsior 7 maggio 2001 presidenza Minafra Forum con i Proff. Amedeo Tullio, Vincenzo Fazio, Giuseppe Bavetta, Domenico Portera dal titolo: Il turismo a Cefal e sulle Madonie Fondazione Mandralisca di Cefal - 19 maggio 2001 - presidenza Minafra Relazione del Dott. Oliviero Toscani sul tema: I media ci nutrono o si nutrono di noi? Albergo Excelsior 18 ottobre 2001 presidenza Cicero Relazione del Dott. Marcello Olivetti sul tema: La famiglia, contesto educativo Albergo Excesior 19 novembre 2001- presidenza Cicero

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

32
Relazione del Dott. Lucio Bacchi sul tema: Mobbing Albergo Excelsior 14 gennaio 2002 - presidenza Cicero Relazione del Dott. Massimo Costa sul tema: Devolution Albergo Excelsior 28 gennaio 2002 - presidenza Cicero Relazione del socio Ignazio Vesco sul tema: Il mercato del vino siciliano, situazioni e prospettive Albergo Excelsior 11 febbraio 2002 presidenza Cicero Relazione del Dott. Paolo Liguori sul tema: Informazione e guerra Grande Albergo di Villa Igiea 25 febbraio 2002 presidenza Cicero Relazione del socio Salvatore Garofalo, del Prof. Panzarella e del Dott. Galioto sul tema: Il recupero ambientale delle aree costiere da Bagheria a Cefal Palazzo Villarosa di Bagheria 8 aprile 2002 presidenza Cicero Relazione del Dott. Michele Calascibetta sul tema: Le riforme nella scuola, ottimali o sostenibili? San Paolo Palace 22 aprile 2002 presidenza Cicero Relazione del Prof. Joseph Sparagano Ferraye sul tema: Medio Oriente alle radici di un conflitto San Paolo Palace 7 maggio 2002 presidenza Cicero Relazione del Dott. Fabio Rao sul tema: Shiatsu, unarte per la salute Albergo Excelsior 10 giugno 2002 presidenza Cicero Relazione del Dott. Giancarlo Drago e del Gen. Carlo Gualdi sul tema: Testimonianze, considerazioni e speranze nellanniversario di una tragedia che ha cambiato il mondo Hotel La Torre 10 settembre 2002 presidenza Caracappa Relazione del Prof. Giacomo Tachis sul tema: Il vino siciliano Hotel Palace 16 settembre 2002 presidenza Caracappa Relazione dellIng. Alfredo Cardelli sul tema: Qualit, un bene che fa male o un male che fa bene? Albergo Excelsior 14 ottobre 2002 presidenza Caracappa Relazione del Dott. Stefano Marangon sul tema: Lepidemiologia, chiave risolutiva nella prevenzione di problematiche sanitarie Albergo Excelsior 4 novembre 2002 presidenza Caracappa

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

33
Relazione del socio Sergio Salomone, della Prof.ssa Giulia Letizia, del Dott. Fabio Di Salvo sul tema: Osteoporosi, malattia sociale del III millennio San Paolo Palace 15 novembre 2002 presidenza Caracappa Relazione del Prof. Orazio Cancila sul tema: 100 anni fa, let delloro della economia palermitana Hotel Palace 13 gennaio 2003 presidenza Caracappa Relazione del Prof. Mario Di Liberto sul tema: Storia e curiosit della toponomastica cittadina con immagini di edifici scomparsi della bella epoque San Paolo Palace 17 gennaio 2003 presidenza Caracappa Relazione del Prof. Sergio Troisi sul tema: Il liberty in Europa e a Palermo Hotel Palace 10 febbraio 2003 presidenza Caracappa Relazione del Dott. Enzo Tartamella sul tema: Rapito da improvvisa libidine Hotel La Torre 13 febbraio 2003 presidenza Caracappa Relazione dellIng. Orazio Colimberti sul tema: Il ruolo dellAMIA nel contesto sociale Albergo Excelsior 10 marzo 2003 presidenza Caracappa Relazione della Dott.ssa Giovanna Bongiorno sul tema: Palermo Punica San Paolo Palace 28 marzo 2003 presidenza Caracappa Relazione del Prof. Giovanni Tranchina sul tema: Giustizia e politica Palazzo Villarosa di Bagheria 11 aprile 2003 presidenza Caracappa Relazione del Prof. Vito Console sul tema: Cosa vuol dire essere ammalati di spina bifida Istituto Zooprofilattico 5 maggio 2003 presidenza Caracappa Relazione del socio Arcangelo DAntonio sul tema: Riflessioni a caldo sui risultati elettorali Albergo Excelsior 26 maggio 2003 presidenza Caracappa Relazione dellArcivescovo di Monreale Monsignor Cataldo Naro sul tema: La Chiesa per una pi intransigente moralit nella vita pubblica Hotel La Torre 9 giugno 2003 presidenza Caracappa Relazione dellIng. Antonio Bevilacqua sul tema: Palermo citt ospitale Convento dei Crociferi 19 giugno 2003 presidenza Caracappa Relazione del socio Arcangelo DAntonio sul tema: Il Teatro Biondo nel suo centenario Hotel Baglio Conca dOro 6 ottobre 2003 presidenza Miceli
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

34
Relazione del Dott. Massimo Russo sul tema: Progetto legalit Hotel Astoria Palace 21 ottobre 2003 presidenza Miceli Relazione della Dott.ssa Marina Barba sul tema: Biotecnologie, vantaggi e svantaggi Albergo Excelsior 27 ottobre 2003 presidenza Miceli Forum con i proff. Maurizio Averna, Salvatore Novo e Antonino Castello sulla Prevenzione dellinfarto Ospedale Buccheri La Ferla 23 gennaio 2004 presidenza Miceli Relazione del Prof. Francesco Schittulli sul tema: La prevenzione dei tumori per una migliore qualit della vita San Paolo Palace 12 marzo 2004 presidenza Miceli Relazione della Dott.ssa Doretta Di Quattro sul tema: I legumi della nostra terra Albergo Excelsior 22 marzo 2004 presidenza Miceli Relazione del socio Arcangelo DAntonio sul tema: La Resurrezione di Cristo, fatto storico Albergo Excelsior 05 aprile 2004 presidenza Miceli Relazione del Prof. Antonio La Spina sul tema: La famiglia Albergo Excelsior 19 aprile 2004 presidenza Miceli Relazione del Prof. Aurelio Pappalardo sul tema: La cittadinanza europea Palazzo Villarosa di Bagheria 7 maggio 2004 presidenza Miceli Relazione del Prof. Vincenzo Lo Iacono sul tema: Le misure dellinflazione nellera delleuro Hotel Kafara 27 maggio 2004 presidenza Miceli Relazione della Dott.ssa Luciana Mirto Schiaccianoci sul tema: Il ruolo svolto dalla C.R.I. in Iraq Albergo Excelsior 27 settembre 2004 presidenza Bellia Relazione del Prof. Giovanni Ruffino sul tema: Aree linguistiche e aree culturali nella tradizione alimentare siciliana Hotel Palace 11 ottobre 2004 presidenza Bellia Relazione del Prof. Roberto Rovelli sul tema: Disagio giovanile nel territorio Albergo Excelsior 18 ottobre 2004 presidenza Bellia Forum con i Proff. Antonio Scaglione e Enrico La Loggia e con lAvv. Pietro Milio sul tema: Il giusto processo Hotel Palace 8 novembre 2004 presidenza Bellia
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

35
Relazione del Prof. Bruno Gridelli sul tema:Nuove frontiere nel campo dei trapianti dorgano San Paolo Palace 26 novembre 2004 presidenza Bellia Relazione della Prof.ssa Rosanna Cioffi sul tema: Casa di Re, un secolo di storia della Reggia di Caserta (1752-1860) Albergo Excelsior 13 dicembre 2004 presidenza Bellia Relazione del Ten. Col. Schifano e del Cap. Giuseppe Marseglia sul tema: Limpegno civile umanitario delle Forze Armate Italiane in Iraq Grande Albergo delle Palme 18 gennaio 2005 presidenza Bellia Celebrazione del centenario del Rotary International Grande Albergo delle Palme 22 febbraio 2005 presidenza Bellia Relazione del Prof. Pietro Busetta sul tema: Sviluppo del Mezzogiorno nella prospettiva dellarea di libero scambio Centro Biotos 28 febbraio 2005 presidenza Bellia Relazione del socio Calogero Caruso sul tema: Si pu invecchiare in buona salute sino alla III et Centro Biotos 7 marzo 2005 presidenza Bellia Relazione del Dott. Piergiorgio Ferreri sul tema: Adozione e affidamento familiare, istituti per il sostegno del minore Grande Albergo delle Palme 4 aprile 2005 presidenza Bellia Relazione del Prof. Adelfio Basile sul tema: La Sicilia nella nuova Europa Grande Albergo delle Palme -11 aprile 2005 presidenza Bellia Relazione congiunta dei Dott. Franco Nicastro, Leone Zingales sul tema: Linformazione e la Sicilia tra stereotipi e verit Hotel Palace 9 maggio 2005 presidenza Bellia Presentazione del restauro della statua lignea di San Nicol di Mira Palazzo Arcivescovile 23 maggio 2005 presidenza Bellia Tavola rotonda con i soci Rosario Barreca, Vincenzo Bonadonna, Bartolo Brocco, Michele Carruba, Luciano Cirincione e Fabio La Torre, moderatore Giuseppe Dragotta, sul tema: Ingegneri a confronto Albergo Excelsior 10 ottobre 2005 presidenza Maniscalco Relazione dei soci Calogero Comparato e Lucio Bacchi sul tema: Lassistenza sanitaria tra passato e futuro Albergo Excelsior 24 ottobre 2005 presidenza Maniscalco
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

36
Relazione dellArch. Eliana Mauro sul tema: La Palazzina cinese della Real Favorita di Palermo San Paolo Palace 10 novembre 2005 presidenza Maniscalco Relazione del Past Governor Ferdinando Testoni Blasco sul tema: Fare Rotary oggi Albergo Excelsior 23 gennaio 2006 presidenza Maniscalco Relazione del Prof. Vito Console sul tema: Nuovi orizzonti nutrizionali per i nostri piccoli Hotel Palace 2 febbraio 2006 presidenza Maniscalco Relazione del socio Maurizio Nicosia sul tema: La tutela del risparmio ovvero il disorientamento del risparmiatore tra consumo e risparmio Albergo Excelsior 20 febbraio 2006 presidenza Maniscalco Relazione del Prof. Sebastiano Calvo sul tema: Larea protetta di Capo Gallo ed Isola delle Femmine Hotel Palace 24 marzo 2006 presidenza Maniscalco Atto di patrocinio e Consegna della Carta Costitutiva al nuovo club Rotary Cefal Hotel Santa Lucia 14 maggio 2006 presidenza Maniscalco Relazione del Dott. Rosario Daidone sul tema: Aromataria, maioliche da farmacia e di uso privato Hotel Palace 23 maggio 2006 presidenza Maniscalco Mostra di gioielli e preziosi orologi della collezione Maison Chanel Gioielleria Palumbo e Gigante 26 maggio 2006 presidenza Maniscalco Presentazione ufficiale del sito web del club Albergo Excelsior 29 maggio 2006 - presidenza Maniscalco Relazione della Dott.ssa Loredana Prosperi e dei signori Nicasio Gigante e Adele Palumbo Gigante sul tema: Il diamante dallestrazione alle mani di una donna Hotel La Torre 8 giugno 2006 presidenza Maniscalco Relazione del socio Giuseppe Miceli sul tema: Come fare Rotary Albergo Excelsior 18 settembre 2006 presidenza Levantino Relazione del socio Calogero Comparato, dei Proff. Franco Scarlata e Antonio La Spina sul tema: Aspetti socio-sanitari della seconda ondata immigratoria Hotel Palace 13 novembre 2006 presidenza Levantino Relazione del socio Salvo Centineo sul tema : La famiglia nelle sue diverse accezioni Albergo Excelsior 23 novembre 2006 presidenza Levantino
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

37
Relazione del socio Giuseppe Caputo, del Prof. Michele Masellis, del Dott. Giuseppe Rizzo sul tema: Medici rotariani e medicina umanitaria, esperienze a confronto Hotel Palace 12 gennaio 2007 presidenza Levantino Relazione dei Dott. Vito Candia, Giuseppe Di Sclafani e Luigi Nobile sul tema: Rotary, forme e sostanza Hotel Palace 26 gennaio 2007 presidenza Levantino Relazione del socio Santo Caracappa sul tema: Prevenzione ed igiene ambientale per la salvaguardia della biodiversit, sviluppo della comunit Albergo Excelsior 19 febbraio 2007 presidenza Levantino Relazione del socio Alfonso Sciortino e del Dott. Alessandro Miceli sul tema: Sistemi innovativi di coltivazione e qualit dei prodotti Albergo Excelsior 20 marzo 2007 presidenza Levantino Relazione del socio Sergio Salomone e del Dott. Marco Pozzolini sul tema: Il trattamento conservativo e chirurgico delle malformazioni del piede San Paolo Palace 27 aprile 2007 presidenza Levantino Relazione del socio Calogero Caruso e della Prof.ssa Giuseppina Candore sul tema: Verso un mondo che invecchia, problemi e prospettive Albergo Excelsior 3 maggio 2007 presidenza Levantino Relazione dei Proff. Pietro Di Marco e Serafino Mansueto sul tema: Ippocrate e il nuovo umanesimo Hotel Astoria Palace 11 maggio 2007 presidenza Levantino Sponsorizzazione degli eventi culturali e religiosi collegati al Bicentenario della canonizzazione di San Benedetto il Moro Convento di Santa Maria di Ges 12 maggio 2007 presidenza Levantino Relazione del Prof. Francesco Sottile sul tema: Preservazione delle specie arboree minori e del patrimonio varietale a rischio di scomparsa Albergo Excelsior 21 maggio 2007 presidenza Levantino Presentazione del libro di Ivana Mancino dal titolo: Antonello Gagini fra Sicilia e Malta, il restauro delle statue della Cattedrale di Palermo Sala Gialla di Palazzo dei Normanni 8 ottobre 2007 presidenza Sciortino Relazione del Prof. Carmelo Dazi sul tema: Processi antropologici dei cambiamenti Albergo Excelsior 16 ottobre 2007 presidenza Sciortino
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

38
Relazione del Prof. Livio Pauletto su tema: Le crisi dei mercati finanziari perch e come affrontarle Villa Malfitano 6 novembre 2007 presidenza Sciortino Relazione del socio Domenico Badagliacca sul tema: Progetto Artigianato Francesca Morbillo Albergo Excelsior 3 dicembre 2007 presidenza Sciortino Relazione del Dott. Vito Sparacino sul tema: Donazioni dorgani, esperienze a confronto Hotel Palace 14 gennaio 2008 presidenza Sciortino Relazione del Prof. Claudio Leto sul tema: Le biomasse, fonti inesauribili di energia Albergo Excelsior 4 febbraio 2008 presidenza Sciortino Relazione dellArcivescovo Metropolita S. Ecc. Paolo Romeo sul tema: La Famiglia, tesoro prezioso della societ e della Chiesa che tutti siamo chiamati a custodire gelosamente Auditorium SS. Salvatore 15 febbraio 2008 presidenza Sciortino Forum con i Proff. Giuseppe Barbera, Giovanni Liotta, Francesco Maria Raimondo e i Dott. Stefano Colazza e Domenico Musacchia e Dario Cartabellotta sul tema: Il punteruolo rosso, disastro ecologico o emergenza botanica? Circolo Ufficiali 5 marzo 2008 presidenza Sciortino Relazione dei soci Maurizio Maniscalco, Francesco Barranco e Bartolomeo Brocco sul tema: Rifiuti, problema o opportunit? Albergo Excelsior 7 aprile 2008 presidenza Sciortino Relazione del socio Giuseppe Cusumano sul tema: Inquinamento atmosferico e tutela dellAmbiente Albergo Excelsior 26 maggio 2008 presidenza Sciortino Benedizione e presentazione del restauro promosso dal club della Vara di SantAnna Chiesa di SantAnna 8 giugno 2008 presidenza Sciortino Incontri di poesia dialettale: Parole al tramonto Circolo Canottieri Trinacria 28 luglio 2008 presidenza Panzeca Recital musicale e intrattenimento Circolo Canottieri Trinacria 31 agosto 2008 presidenza Panzeca Relazione del Dott. Francesco Giambrone sul tema: Musica, Teatro e Giovani, quale rapporto? Villa Esperia 15 settembre 2008 presidenza Panzeca
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

39
Presentazione dei nuovi soci Beatrice Scimeca e Antonino Cumella e ragguagli sulle loro competenze professionali Centro Biotos 11 dicembre 2008 presidenza Panzeca Commemorazione e Santa Messa in ricordo di Arcangelo DAntonio Chiesa di viale del Fante 13 gennaio 2009 presidenza Panzeca Relazione del Prof. Salvatore Lo Nigro sul tema: Quando la fisica nucleare diventa utile per la salute umana Albergo Excelsior 15 gennaio 2009 presidenza Panzeca Forum con i Proff. Giuseppe Verde, Salvatore La Francesca e Salvatore Sammartino sul tema: Il Federalismo fiscale, luci ed ombre per la Sicilia, Regione a Statuto Speciale Circolo Ufficiali 12 gennaio 2009 presidenza Panzeca Serata carnevalesca rotariana Circolo Ufficiali 24 febbraio 2009 presidenza Panzeca Assemblea straordinaria per il Cambio del nome del club da Palermo Cefal a Palermo Agor Albergo Excelsior 31 marzo 2009 presidenza Panzeca Tavola rotonda con i soci Santo Caracappa, Calogero Caruso e Sergio Salomone sul tema: Alimentare la salute lo sport pi sano Circolo Ufficiali 4 aprile 2009 presidenza Panzeca Relazione dei soci Giuseppe Caputo e Sergio Salomone sul tema: Lortopedia nellarte e la mano nellarte Albergo Excelsior 27 aprile 2009 presidenza Panzeca Relazione del Past Governor Nicola Carlisi sul tema: Rotary Club Palermo Agor Albergo Excelsior 7 maggio 2009 presidenza Panzeca Presentazione del libro: Il fiore e la polvere di Dario Lo Bianco e interventi del Prof. Gaetano De Bernardis e della Dott.ssa Egle Palazzolo Centro Biotos 21 maggio 2009 presidenza Panzeca Convegno dei Pediatri Rotariani e intervento del presidente Panzeca Circolo Ufficiali 30 e 31 maggio 2009 presidenza Panzeca Relazione dellArch. Salvatore Amata sul tema: Circondiamoci di sogni, progetto di clownterapia Hotel Villa Esperia 11 giugno 2009 presidenza Panzeca
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

40
Convegno sul Piano casa, le opportunit per la propriet edilizia con interventi del Prof. Giuseppe Verde, dei Dott. Antonio Nucera, Giovanni Tulumello, Giovanna Nozzetti, Salvatore Burrafato e degli Archh. Matteo Scognamiglio e Attilio Milan, moderatore il socio Giuseppe Cusumano Sala Gialla di Palazzo Reale 7 luglio 2009 presidenza Caputo Relazione critica sullopera artistica di Alberto Sughi della Prof.ssa Simonetta La Barbera Bellia e visita alla mostra antologica curata dal socio Giuseppe Dragotta Palazzo SantElia 25 luglio 2009 presidenza Caputo Relazione della Dott.ssa Barbara Cucinella sul tema: L11 settembre 2001 attacco alle torri gemelle, per non dimenticare otto anni dopo Hotel Palace 10 settembre 2009 presidenza Caputo Relazione dei Dott. Paolo Grassi e Francesco Paolo Giordano sul tema: Le nefandezze delle banche oggi Hotel Excelsior 24 settembre 2009 presidenza Caputo Forum sul tema: Diritti umani e legalit con i relatori Dott. Ingoia, Crocetta, Lumia, Calabrese e De Lucia Circolo Ufficiali 16 ottobre 2009 presidenza Caputo Commemorazione e Santa Messa in ricordo di Andrea Di Martino Chiesa di Piazza Croci 13 novembre 2009 presidenza Caputo Relazione del Prof. Michele Masellis sul tema Diritto alla bellezza Hotel Excelsior 16 novembre 2009 presidenza Caputo Relazione del Prof. Ferdinando Boero sul tema: Da un inizio cos semplice innumerevoli forme bellissime e meravigliose Hotel Palace 27 novembre 2009 presidenza Caputo Relazione del Dott. Stefano Dominella sul tema: Alta moda oggi! Hotel Villa Esperia 11 dicembre 2009 presidenza Caputo Relazione del Prof. Giuseppe Giaimo, del Dott. Gaspare Trizzino e Avv. Campisi sul tema: Etica di fine vita e testamento biologico Hotel Jolly 25 gennaio 2010 presidenza Caputo Serata carnevalesca rotariana Pizzeria Kab 08 febbraio 2010 presidenza Caputo Relazione della Dott.ssa Angela Di Pasquale sul tema: La scoperta dellIpnosi, leredit di Freud Hotel Excelsior - 18 febbraio 2010 presidenza Caputo
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

41
Relazione del Dott. Antonio Ghini sul tema: Ferrari, il mito mondiale Hotel Jolly 26 febbraio 2010 presidenza Caputo Relazione del Prof. Vincenzo Abbate sul tema: Tesori del Palazzo e loro conservazione Palazzo Villarosa di Bagheria 05 marzo 2010 presidenza Caputo Relazione del socio Salvino Calandra sul tema: Baratto, moneta e Banca, .spiccioli di storia! Hotel Excelsior 15 marzo 2010 presidenza Caputo Relazione del Dott. Mario Moncada di Monforte e del Dott. Gabriello Montemagno sul tema Israele in pericolo? Grande Hotel Piazza Borsa 08 aprile 2010 presidenza Caputo Forum con i Proff. Renato Albiero, Adelfio Cardinale, Mario Palazzo Adriano, Silvio Garattini, sul tema: Vivere non sopravvivere, la medicina e il dolore Castello Utveggio, CERISDI 20 aprile 2010 presidenza Caputo Presentazione del libro del Prof. Vittorio Sgarbi: LItalia delle Meraviglie Castello Utveggio, CERISDI 30 aprile 2010 presidenza Caputo Rappresentazione teatrale: I Civitoti in Pretura, con la partecipazione del socio e presidente Giuseppe Caputo, sotto la regia di Nuccio Valenza Teatro Politeama 6 maggio 2010 presidenza Caputo Conoscenza dei soci del Rotaract Palermo Agor ed esposizione del programma annuale Genoardo Park Hotel 30 agosto 2010 presidenza Salomone Presentazione del libro sulla Leishmania del socio Santo Caracappa Club Telimar 21 settembre 2010 presidenza Salomone Relazione del Dott. Maurizio Gentile sul tema: Il disagio giovanile, fra giustizia, territorio e scuola San Paolo Palace 29 settembre 2010 presidenza Salomone Relazione del Maestro Ennio Nicotra sul tema: Direzione dorchestra, segreti, retroscena, aneddoti Circolo Ufficiali 5 novembre 2010 presidenza Salomone Incontro di affiatamento a fini benefici, organizzato da Grazia Cassar DAntonio sul tema: Cioccolata per bont Hotel Excelsior 28 novembre 2010 presidenza Salomone
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

42
Forum con il Dott. Damiano Mazzarese e lAvv. Giuseppe Giaimo sul tema: Donazione organi, esperienze a confronto Palazzo Fatta 30 novembre 2010 presidenza Salomone Presentazione del Progetto Sociale: Ambulatorio Chiesa dei Cappuccini 11 dicembre 2010 presidenza Salomone Relazione dellIng. Filippo Grammauta sul tema: La Storia dei Cavalieri Templari San Paolo Palace 17 dicembre 2010 presidenza Salomone Incontro dibattito con il socio Calogero Caruso e il Prof. Giuseppe De Leo sul tema: Formazione Universitaria Medica di domani Circolo Ufficiali 18 gennaio 2011 presidenza Salomone Relazione della Dott.ssa Maria Teresa Triscari e degli esperti di volo Lucas Van Gerden e Peter Iorna sul tema: Salute e sicurezza nei voli. Paura di volare? Non problem Palazzo Chiaramonte Steri 24 gennaio 2011 presidenza Salomone Torneo di Burraco a fini benefici per il progetto di service del club Circolo degli Artisti 27 gennaio 2011 presidenza Salomone Concerto di beneficenza di musica lirica e sinfonica diretto dai Maestri Giuseppe Sottile e Fabrizio Fenech, con il soprano Pamela Cusenza Teatro Politeama 27 febbraio 2011 presidenza Salomone Forum con la On.le Alessandra Siragusa e la Prof.ssa Licia Russo sul tema: Donne e diritti le donne nel mondo, le sfide del futuro Hotel Ai Cavalieri - 14 marzo 2011 - presidenza Salomone Forum con il socio Beatrice Scimeca, il Prof. Giuseppe Giaimo e la Dott.ssa Chiara Gambino sul tema: Fillus de anima riflessioni sul significato di adozione Palazzo Fatta 31 marzo 2011 - presidenza Salomone Tavola rotonda su: LOsteoporosi e qualit di vita Palazzo Chiaramonte Steri 08 aprile 2011 presidenza Salomone Incontro con le suore del CEI per la consegna del ricavato del concerto per una scuola di Sangmelina nel Camerun Istituto Ignaziano - 29 aprile 2011 - presidenza Salomone Relazione delle Proff. sse Teresa Dispenza Longo, Simonetta La Barbera Bellia, Anna Tedesco sul tema: lUnit dItalia - riflessioni su storia, musica e arte Hotel Excelsior - 16 maggio 2011 - presidenza Salomone Relazione del socio Calogero Comparato e dei Proff. F. Di Blasi e Salvatore Di Rosa sul tema: Etica e buon Governo Hotel Excelsior - 6 giugno 2011 - presidenza Salomone
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

43
le GITE Ed escursioni EFFETTUATE A Segesta per le rappresentazioni classiche - 03 agosto 1987 (presidenza Gioia) A Piano Zucchi - 05 e 06 settembre 1987 (presidenza Gioia) A Sciacca - 19 e 20 settembre 1987 (presidenza Gioia) Nelle Madonie - 28 e 29 maggio 1988 (presidenza Gioia) A Castelbuono - 08 aprile 1990 (presidenza Gioia) A Pergusa e alla valle del Dittaino - 30 settembre 1990 (presidenza Di Martino) Allo stabilimento della birra Forst - 14 ottobre 1991(presidenza Caruso) Alla sede regionale della RAI - 13 aprile 1992 (presidenza Caruso) Al Parco Archeologico di Solunto - 18 ottobre 1992 (presidenza Barone) Al Castello della Zisa - 08 novembre 1992 (presidenza Barone) A Vendicari e Noto - 13 e 14 marzo 1993 (presidenza Barone) Per il quartiere dellAlbergheria - 28 marzo 1993 (presidenza Barone) A Geraci Siculo - 17 ottobre 1993 (presidenza DAntonio) A San Mauro Castelverde - 19 giugno 1994 (presidenza DAntonio) A Piano Zucchi - 29 e 30 ottobre 1994 (presidenza Badagliacca) A Caccamo - 08 settembre 1995 (presidenza Aiello) Al Museo Pepoli di Trapani - 14 aprile 1996 (presidenza Aiello) Al Museo Mandralisca di Cefal - 06 ottobre 1996 (presidenza Longo) Al Parco dellEtna - 11 e 12 ottobre 1997 (presidenza Garofalo) Al Bosco Ficuzza - 09 novembre 1997 (presidenza Garofalo) Per le Chiese e gli Oratori di Palermo - 15 marzo 1998 (presidenza Garofalo) A Ragusa Ibla - 30 e 31 maggio 1998 (presidenza Garofalo) Al Museo Abatellis - 18 ottobre 1998 (presidenza Italiano) Alle Cave di Cusa e Mazzara - 15 novembre 1998 (presidenza Italiano) Allo stabilimento dei Vini Corvo - 19 luglio 1999 (presidenza Dragotta) Al centro commerciale Gebia a Partinico - 02 agosto 1999 (presidenza Dragotta) A Caccamo presso lazienda Panzeca - 12 settembre 1999 (presidenza Dragotta) Al Parco minerario di Floristella - 13 e 14 novembre 1999 (presidenza Dragotta) Al pastificio Tomasello - 10 gennaio 2000 (presidenza Dragotta) A Roma per lAnno Santo in udienza dal Santo Padre nella giornata mondiale del Giubileo del Rotariano - 10 e11 marzo 2000 (presidenza Dragotta) Alla Fiat di Termini Imerese - 15 maggio 2000 (presidenza Dragotta) A Marsala - 22 ottobre 2000 (presidenza Minafra) Al Parco Archeologico dello Iato - 12 novembre 2000 (presidenza Minafra) A Piazza Armerina e Caltagirone - 20 e 21 gennaio 2001 (presidenza Minafra) A Mothia e Marsala - 17 giugno 2001 (presidenza Minafra) A Piano Battaglia - 29 e 30 settembre 2001 (presidenza Cicero) A Marsala e Favignana - 18 e 19 maggio 2002 (presidenza Cicero)
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

44
Alla cantina Calatrasi di San Cipirrello - 5 ottobre 2002 (presidenza Caracappa) Al Museo Pepoli di Trapani - 04 maggio 2003 (presidenza Caracappa) Al Parco delle Madonie - 27 e 28 settembre 2003 (presidenza Miceli) Al Castello di Mussomeli - 12 ottobre 2003 (presidenza Miceli) Per il centro storico di Salemi -19 marzo 2004 (presidenza Miceli) A Patti e al Santuario di Tindari - 05 e 06 giugno 2004 (presidenza Miceli) Al Museo di Villa Cattolica di Bagheria - 13 febbraio 2005 (presidenza Bellia) AllAntiquarium di Himera - 17 luglio 2005 (presidenza Maniscalco) Alle grotte della Gulfa e Valledolmo - 25 settembre 2005 (presidenza Maniscalco) A Erice - 5 agosto 2005 (presidenza Maniscalco) A Trapani per la Louis Vuitton Cup - 2 ottobre 2005 (presidenza Maniscalco) A Petralia Sottana e Gangi - 26 e 27 novembre 2005 (presidenza Maniscalco) Al Teatro Antico di Segesta - 16 luglio 2006 (presidenza Levantino) A Burgio e Caltabellotta - 08 ottobre 2006 (presidenza Levantino) A Ragusa Ibla - 21 e 22 aprile 2007 (presidenza Levantino) Per il centro storico di Termini Imerese - 10 settembre 2007 (presidenza Sciortino) Alla Galleria di Arte Moderna - 18 novembre 2007 (presidenza Sciortino) Al Museo Pepoli di Trapani - 24 febbraio 2008 (presidenza Sciortino) Allisola di Pantelleria - 25, 26 e 27 aprile 2008 (presidenza Sciortino) A Mothia - 6 settembre 2008 (presidenza Panzeca) Al Museo di Palazzo Mirto - 28 settembre 2008 (presidenza Panzeca) AllArchivio Storico comunale - 09 novembre 2008 (presidenza Panzeca) Alla cantina Pianetto di S. Cristina Gela - 30 novembre 2008 (presidenza Panzeca) Alla Galleria dArte Moderna - 22 marzo 2009 (presidenza Panzeca) Per il centro storico di Caccamo - 05 aprile 2009 (presidenza Panzeca) Al Palazzo Reale di Palermo - 30 maggio 2009 (presidenza Panzeca) A Siracusa per le tragedie greche - 12, 13 e 14 giugno 2009 (presidenza Panzeca) AllOsservatorio Astronomico e alla Specola - 17 luglio 2009 (presidenza Caputo) Per il centro storico di Palermo - 05 settembre 2009 (presidenza Caputo) Al Parco archeologico di Solunto - 27 settembre 2009 (presidenza Caputo) Nelle Petralie per le miniere di salgemma - 24 ottobre 2009 (presidenza Caputo) Al giardino di Kolympetra e Maccalube - 18 aprile 2010 (presidenza Caputo) Per i mercati della Loggia - 02 maggio 2010 (presidenza Caputo) Al Museo Abatellis - 12 giugno 2010 (presidenza Caputo) Nella darsena del porto di Palermo - 14 luglio 2010 (presidenza Salomone) Allisola di Marettimo - 24 luglio 2010 (presidenza Salomone) A Palazzolo Acreide e Siracusa - dal 30 ottobre al 1 novembre 2010 (presidenza Salomone) Al Frantoio Marausa di Marsala - 14 novembre 2010 (presidenza Salomone) Al Museo Mandralisca di Cefal - 22 maggio 2011 (presidenza Salomone)

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

45
le CONVIVIALI DI NATALE 14 dicembre 1987 Hotel Jolly presidenza Gioia 19 dicembre 1988 Hotel Astoria Palace presidenza Gioia 16 dicembre 1989 Villa Flora presidenza Gioia 17 dicembre 1990 Palace Hotel presidenza Di Martino 16 dicembre 1991 Ristorante Charleston presidenza Caruso 21 dicembre 1992 Palace Hotel presidenza Barone 18 dicembre 1993 Albergo Solunto mare presidenza D Antonio 16 dicembre 1994 Palazzo Torremuzza presidenza Badagliacca 21 dicembre 1995 Hotel Kalura di Cefal presidenza Aiello 16 dicembre 1996 Villa Amar presidenza Longo 15 dicembre 1997 Albergo Excelsior presidenza Garofalo 14 dicembre 1998 Albergo Excelsior presidenza Italiano 20 dicembre 1999 Villa Alba Ricevimenti presidenza Dragotta 18 dicembre 2000 Albergo Excelsior presidenza Minafra 17 dicembre 2001 Albergo Excelsior presidenza Cicero 16 dicembre 2002 Circolo Unione presidenza Caracappa 15 dicembre 2003 Albergo Excelsior presidenza Miceli 17 dicembre 2004 Oratorio di Santa Cita presidenza Bellia 16 dicembre 2005 Ristorante Ai Mandarini presidenza Maniscalco 18 dicembre 2006 Grande Hotel Federico II presidenza Levantino 19 dicembre 2007 Villa Esperia presidenza Sciortino 19 dicembre 2008 Ristorante Charleston presidenza Panzeca 18 dicembre 2009 Hotel Guglielmo II presidenza Caputo 20 dicembre 2010 Grande Hotel Piazza Borsa presidenza Salomone

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

46
le CONVIVIALI DI PASQUA 28 marzo 1988 - Hotel Zagarella presidenza Gioia 20 marzo 1989 - Hotel Jolly presidenza Gioia 08 aprile 1990 - Chiesa Madre di Castelbuono e pranzo in loco presidenza Gioia 18 marzo 1991 - Albergo Excelsior presidenza Di Martino 16 marzo 1992 - Albergo Excelsior presidenza Caruso 05 aprile 1993 - Palace Hotel presidenza Barone 30 marzo 1994 - Ristorante Charleston presidenza DAntonio 10 aprile 1995 - Albergo Excelsior presidenza Badagliacca 03 aprile 1996 - Albergo Excelsior presidenza Aiello 22 marzo 1997 - Cattedrale di Cefal e cena alla Kentya presidenza Longo 04 aprile 1998 - Cattedrale di Cefal e cena Al Porticciolo presidenza Garofalo 27 marzo 1999 - Cattedrale di Cefal e cena al Portico Antico presidenza Italiano 16 aprile 2000 - Cattedrale di Cefal e pranzo al Baglio del Falco presidenza Dragotta 08 aprile 2001 - Cattedrale di Cefal e pranzo in loco presidenza Minafra 24 marzo 2002 - Cattedrale di Cefal e pranzo a Gibilmanna da Mogavero presidenza Cicero 13 aprile 2003 - Cattedrale di Cefal e pranzo Al porticciolo presidenza Caracappa 05 aprile 2004 - Albergo Excelsior presidenza Miceli 20 marzo 2005 - Agriturismo Capra Licca di Baucina presidenza Bellia 02 aprile 2006 - Chiesa Madre di Termini e pranzo al Hotel delle Terme presidenza Maniscalco 01 aprile 2007 - Santuario M. della Milicia e pranzo alla Tonnara presidenza Levantino 16 marzo 2008 - Agriturismo Casale dello Iato presidenza Sciortino 5 aprile 2009 - Matrice di Caccamo e pranzo alla Spiga doro presidenza Panzeca 28 marzo 2010 - Cattedrale di Monreale e pranzo al Riccardo III presidenza Caputo 17 aprile 2011 Chiesa Madre di P. degli Albanesi e pranzo in agriturismo presidenza Salomone

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

47
I PASSAGGI DELLE CAMPANE 29 giugno 1987 Palace Hotel 18 luglio 1988 Albergo Costa Verde di Cefal 17 luglio 1989 Hotel Jolly riconferma del presidente in carica Giuseppe Gioia 16 luglio 1990 Orto Botanico di Palermo passaggio della campana tra Giuseppe Gioia e Andrea Di Martino 28 giugno 1991 Albergo Costa Verde di Cefal passaggio della campana tra Andrea Di Martino e Pietro Caruso 22 giugno 1992 Albergo Excelsior passaggio della campana tra Pietro Caruso e Giuseppe Barone 21 giugno 1993 Hotel Solunto Mare passaggio della campana tra Giuseppe Barone e Arcangelo DAntonio 23 luglio 1994 Hotel Kafara di Santa Flavia passaggio della campana tra Arcangelo DAntonio e Domenico Badagliacca 18 luglio 1995 Hotel Kafara di Santa Flavia passaggio della campana tra Domenico Badagliacca e Enrico Aiello 22 giugno 1996 Palazzo Butera passaggio della campana tra Enrico Aiello e Salvatore Longo 16 giugno 1997 Hotel San Paolo Palace passaggio della campana tra Salvatore Longo e Salvatore Garofalo 25 giugno 1998 Villa Re Giovanni passaggio della campana tra Salvatore Garofalo e Luigi Italiano 21 giugno 1999 Villa Alba Ricevimenti passaggio della campana tra Luigi Italiano e Giuseppe Dragotta 10 luglio 2000 Ristorante Marlene passaggio della campana tra Giuseppe Dragotta e Rino Minafra 17 luglio 2001 Palazzo Villarosa di Bagheria passaggio della campana tra Rino Minafra e Giuseppe Cicero 21 giugno 2002 Villa Airoldi passaggio della campana tra Giuseppe Cicero e Santo Caracappa 23 giugno 2003 Ristorante Charleston passaggio della campana tra Santo Caracappa e Giuseppe Miceli 21 giugno 2004 Villa Albanese Rubicon passaggio della campana tra Giuseppe Miceli e Natale Bellia 20 giugno 2005 Villa De Cordova passaggio della campana tra Natale Bellia e Maurizio Maniscalco 23 giugno 2006 Tonnara Florio passaggio della campana tra Maurizio Maniscalco e Filippo Levantino 25 giugno 2007 Palace Hotel passaggio della campana tra Filippo Levantino e Alfonso Sciortino 23 giugno 2008 Hotel Sole passaggio della campana tra Alfonso Sciortino e Antonino Panzeca 26 giugno 2009 Circolo Ufficiali passaggio della campana tra Antonino Panzeca e Giuseppe Caputo 21 giugno 2010 Club Telimar passaggio della campana tra Giuseppe Caputo e Sergio Salomone 26 giugno 2011 - Palace Hotel passaggio della campana tra Sergio Salomone e Lucio Bacchi
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

48
Le VISITE DEI GOVERNATORI 04 maggio 1987 Hotel Costa Verde di Cefal Presidenza Giuseppe Gioia Governatore: Salvatore Cocuzza Silvestri 22 febbraio 1988 Palace Hotel Presidenza Giuseppe Gioia Governatore: Francesco Vesco 13 febbraio 1989 Grande Albergo delle Palme Presidenza Giuseppe Gioia Governatore: E. Christopher Calascione 04 dicembre 1989 Grande Albergo delle Terme Presidenza Giuseppe Gioia Governatore: Antonello Dato 15 ottobre 1990 Albergo Excelsior Presidenza Andrea Di Martino Governatore: Corrado Ricevuto 11 novembre 1991 Grande Albergo delle Palme Presidenza Pietro Caruso Governatore: Francesco Mangione 21 settembre 1992 Albergo Politeama Presidenza Giuseppe Barone Governatore: Giuseppe Barbagallo Sangiorgi 04 ottobre 1993 Albergo Excelsior Presidenza Arcangelo DAntonio Governatore: Alessandro Scelfo 17 ottobre 1994 Albergo Excelsior Presidenza Domenico Badagliacca Governatore: Guglielmo Serio 27 gennaio 1996 Hotel San Paolo Palace Presidenza Enrico Aiello Governatore: Antonio Mauri 21 ottobre 1996 Albergo Excelsior Presidenza Salvatore Longo Governatore: Ferruccio Vignola 06 dicembre 1997 Hotel Zagarella Sea Palace Presidenza Salvatore Garofalo Governatore: Anthony Coleiro 12 gennaio 1999 Albergo Excelsior Presidenza Luigi Italiano Governatore: Giuseppe Conigliaro Macca 04 ottobre 1999 Albergo Excelsior Presidenza Giuseppe Dragotta Governatore: Giuseppe Bruno 30 luglio 2000 Albergo Excelsior Presidenza Salvatore Minafra Governatore: Attilio Bruno 08 novembre 2001 Albergo Excelsior Presidenza Giuseppe Cicero Governatore: Aldo Timineri 21 ottobre 2002 Albergo Excelsior Presidenza Santo Caracappa Governatore: Carlo Marullo di Condojanni 10 novembre 2003 Albergo Excelsior Presidenza Giuseppe Miceli Governatore: Paolo De Gregorio 19 luglio 2004 Hotel La Torre Presidenza Natale Bellia Governatore: Ferdinando Testoni Blasco 07 novembre 2005 Hotel Villa Esperia Presidenza Maurizio Maniscalco Governatore: Arcangelo Lacagnina 27 ottobre 2006 Palace Hotel Presidenza Filippo Levantino Governatore: Alfred Mangion 25 settembre 2007 Palace Hotel Presidenza Alfonso Sciortino Governatore: Salvatore Sarpietro 13 ottobre 2008 Palace Hotel Presidenza Antonino Panzeca Governatore: Nicola Carlisi 06 novembre 2009 Grande Albergo delle Palme Presidenza Giuseppe Caputo Governatore: Francesco Arezzo di Trifiletti 14 ottobre 2010 Grande Hotel Piazza Borsa Presidenza Sergio Salomone Governatore: Salvatore Lo Curto
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

49
LE NOSTRE PAUL HARRIS FELLOW

Hanno ricevuto lambito riconoscimento rotariano: (tra parentesi lanno in cui stato ottenuto)

Elvira Sellerio (1990) Rino Nicolosi (1990) Santo Caracappa (2003) Andrea Di Martino (2004) Pietro Caruso (2004) Arcangelo DAntonio (2004) Maurizio Maniscalco (2004) Giuseppe Miceli (2005) Fabio La Torre (2005) Salvatore Longo (2005) Salvatore Garofalo (2005) Luigi Italiano (2006) Giuseppe Dragotta (2006) Natale Bellia (2006) Filippo Levantino (2008) Alfonso Sciortino (2010) Antonino Panzeca (2010)

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

50
un commosso ricordo

La vita del Club scorre come la vita degli uomini e delle donne che vi fanno parte ed costellata di eventi piacevoli o spiacevoli che formano l esperienza di ciascuno di noi. Nel corso di venticinque anni alcuni soci sono venuti a mancare, ma ognuno di loro ha portato il suo bagaglio di esperienze che, per il fatto stesso di appartenere al sodalizio, ha messo a disposizione di tutti e dal quale ciascuno, tramite la conoscenza e il dialogo, ha potuto ricevere arricchimento. Anche questo significa essere rotariani: acquisire nuove conoscenze, nuove amicizie che contribuiscono alla formazione reciproca e che permettono di progredire e crescere nello spirito del Rotary. Per questo motivo sentiamo il dovere di rivolgere il nostro ricordo affettuoso agli amici Soci che nel corso di questi venticinque anni ci hanno lasciato e che hanno dato, con la loro partecipazione ed attivit, un grande contributo alla vita del Club, rimanendo nella memoria di ognuno per le loro doti e connotazioni umane e caratteriali. Ci riferiamo a Marcello Carapezza, deceduto proprio sul nascere del club e poi nellordine a Emilio Carapezza, Francesco Giunta, Filippo Aiello, Francesco Massa, Arcangelo D Antonio, Giovanni Pilato, Giovanni Sprini, Andrea Di Martino e Carlo Aiello e non vorremmo dimenticare qualche altro amico. Vogliamo ricordare in particolare due illustri soci fondatori e presidenti e lo facciamo ospitando un pensiero di Grazia Cassar rivolto al marito Arcangelo DAntonio e la lettera scritta da Beppe Dragotta per Andrea Di Martino e letta in occasione del suo trigesimo. Assieme a tutti loro abbiamo condiviso impegno, amicizia, interessi e passione per il servizio rotariano: ci siamo ritrovati e compresi subito perch abbiamo creduto negli stessi valori fondamentali del Rotary. Salvatore Longo

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

51
Perch ricordare Arcangelo Perch stato un maestro di vita ed un esempio da seguire. Nato a San Mauro Castelverde il 15.05.1935 dove ha frequentato le scuole elementari, allet di undici anni i genitori lo iscrissero allistituto Don Bosco Sampolo di Palermo, dove rimarr per tutto il periodo delle scuole medie e superiori. Nei suoi ricordi rester impressa la tristezza del distacco dalla famiglia e dagli amici di infanzia, anche se a poco a poco questo malessere sar affievolito dalla collaborazione degli insegnanti che curano non solo laspetto culturale, ma anche quello sociale e religioso. Gli insegnamenti di Don Bosco, lamore per il prossimo, la difesa dei deboli, degli orfani e delle vedove, lo guideranno in tutto larco della sua vita e del lavoro. Si laurea in Giurisprudenza dedicandosi alla ricerca, prima, come assistente del professore Vincenzo Sinagra, docente di Diritto del Lavoro e, poi, come professore incaricato, alla facolt di Scienze Politiche, di Storia dei Movimenti sindacali e dei partiti politici. La Politica stata sempre la sua vera passione, la considerava un dovere sociale e, rifacendosi ai suoi grandi maestri Don Sturzo e Vincenzo Mangano, cos sosteneva: La partecipazione alla Politica un dovere morale di ciascun cittadino, in quanto sussiste un rapporto tra politica e coscienza; essa riguarda la gestione dello Stato, che quale noi lo vogliamo e da cui dipendono la libert, il benessere e la pace. E dovere di ogni cittadino interessarsene pienamente, con spirito di servizio ed onest. Nella sua carriera politica ha ricoperto diversi incarichi, i pi importanti sono stati: A) Commissario Governativo dellIstituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia per 12 anni; B) Sindaco del Comune di San Mauro Castelverde per 5 anni; C) Assessore ai Beni Culturali del Comune di Palermo, nella giunta Orlando per 2 anni con importanti provvedimenti che tuttoggi si ricordano quali, il restauro dei manoscritti del 200, conservati a San Martino delle Scale e l acquisto della Villa Niscemi, attuale sede di rappresentanza del sindaco di Palermo; D) Candidato in diverse occasioni a competizioni elettorali al Comune e alla Regione; E) Presidente del Teatro Biondo di Palermo, per 6 anni, fino alla morte avvenuta il 07.12.2008. Grande il cordoglio della citt per questuomo esemplare, prematuramente scomparso, distintosi sempre per la sua cristallina onest e grande preparazione giuridicoamministrativa; ma grande sgomento anche tra i soci Rotariani e non solo quelli del suo amato club Palermo Cefal che lo aveva voluto Presidente nellanno sociale 1993-1994, ma anche degli altri clubs con cui aveva condiviso progetti umanitari e di service. In un suo articolo pubblicato sul tema Parliamo di Politica e dal titolo Un dovere morale, Arcangelo cos concludeva: La negazione dellesistenza della morale e della sua efficacia nel campo politico ed economico ha arrecato danni immensi alluomo, basti pensare alla violenza, alla violazione dei diritti delluomo, alle appropriazioni indebite, agli imbrogli, alle sofisticazioni alimentari, al pauroso fenomeno dellinquinamento dellambiente, etc.; la storia lontana e vicina ci ha insegnato che a nulla valgono le leggi se non animate dallamore del prossimo, perch esse sono fatte per gli uomini e non gli uomini per le leggi. Grazia Cassar DAntonio
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

52
LETTERA AD ANDREA A te caro Andrea, che abbiamo avuto la fortuna di conoscerti un giorno di giugno del 1986, nellaula conferenze dellOrto Botanico di Palermo, in occasione della fondazione del nostro amato club Rotary Palermo Cefal! A te caro Andrea, che sapientemente hai governato il nostro club, dapprima come vicepresidente e nellanno 1990-1991 da presidente! A te caro Andrea, che ricordiamo per le iniziative intraprese nel tuo anno di presidenza, con illuminati relatori, quali Giovanni Fierotti, Rosetta Guccione Scaglione, Monsignor Sotir Ferrara, Giacinta Giacopello Pumilia, Franco Pedrotti, e le altre sul naturalista Filippo Parlatore e sul musicista Giuseppe Mul, sempre portate avanti con signorilit, maestria, sapienza e semplicit! A te caro Andrea, che abbiamo seguito e condiviso con affetto, stima, simpatia, partecipazione, nelle tue iniziative culturali, in cui credevi e che ci contagiavi per il loro fascino ed interesse! A te caro Andrea, che non ti sei mai rifiutato, allorquando richiesto, di intrattenerci con tue relazioni e conversazioni dotte ed entusiasmanti sulle tematiche a te congeniali, quali quelle delle piante colombiane, dei parchi e delle zone protette, degli alberi monumentali etc! A te caro Andrea, che conciliavi i tuoi numerosi impegni, anche fuori Palermo, con la presenza assidua alle nostre riunioni del canonico luned, in ogni dove! A te caro Andrea, che sei stato Direttore dellOrto Botanico di Palermo, cattedratico, studioso, illuminato ricercatore, ma anche amico di tutti noi, socio rotariano, maestro di scuola e di vita! A te caro Andrea, che ricordiamo nelle serate ufficiali e alle conviviali, al fianco della tua Francesca, cui siamo tutti legati da vincoli di amicizia, affetto e simpatia! A te caro Andrea, che apprezziamo, oggi pi di prima, per gli interventi di saggezza e cautela, per risolvere problematiche interne del club, laddove ce ne fosse stato bisogno! A te caro Andrea, che non hai mai fatto mancare il tuo apporto e la tua consulenza di past president e proprio per questo sei stato definito saggio e decano!

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

53

A te caro Andrea, che hai creduto nei valori rotariani e ne sei stato assertore e idealista fino a restarci male allorquando lo scorso anno, per motivi superiori alle nostre volont, abbiamo dovuto cambiare nome! A te caro Andrea, che con orgoglio e soddisfazione hai sempre accettato di farci da guida ed accompagnarci sulle Madonie, nelle riserve di Vendicari, nei rilievi del trapanese, a Pergusa e la primavera del 2008 nellisola di Pantelleria! A te caro Andrea, che proprio in occasione di questultima gita ci hai condotto in quegli stessi posti che, da giovane ricercatore, in bicicletta, avevi scoperto e dei quali eri profondamente affascinato! A te caro Andrea, che amavi tutte le nostre isole per le loro piante e del modo in cui ne parlavi, si comprendeva il tuo trasporto per esse, ora anche le piante ti ricordano e forse hanno percepito dalla tua assenza, che venuto a mancare il loro maestro! A te caro Andrea, che sei stato insignito meritevolmente con la Paul Harris Fellow e del quale riconoscimento andavi oltremodo fiero! A te caro Andrea, che solo qualche mese fa hai avuto riconosciuta lonorificenza di socio onorario del club e per la quale tu stesso ci hai scherzato sopra, quasi a presagire la tristezza che da l a poco sarebbe crollata addosso ai tuoi familiari e a noi tutti, amici sinceri! A te caro Andrea, che abbiamo apprezzato in talune circostanze per il tuo impegno politico, in una ottica, in cui fare politica rappresentava per te una missione, ma per questo non facilmente compatibile con la tua correttezza ed integrit etica! A te caro Andrea, che vogliamo questa sera ricordare insieme agli altri nostri amici che ci hanno lasciati, nellordine Emilio Carapezza, Michelangelo Aiello, Francesco Massa, Arcangelo DAntonio, cui va il nostro pi caro ricordo ed abbraccio simbolico! A te caro Andrea, che tenevi tanto al tuo onomastico, proprio nella imminenza del 30 novembre, festivit di SantAndrea, tutti noi stasera qui presenti, vogliamo farti gli auguri, come personalmente ho fatto per tante volte, tante sere, riscuotendo la tua simpatia, allegria e gratitudine! A te caro Andrea, un bacio affettuoso e riconoscente per quello che ci hai trasmesso! Giuseppe Dragotta
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

54

LE nostre impressioni
Un anno di presidenza, una esperienza esaltante

Lattivit che stata svolta durante lanno rotariano 2004- 2005 risulta molteplice e differenziata ed iniziata subito dopo la Visita del Governatore del luglio 2004, con lillustrazione del programma presentato nella riunione svolta al circolo del Telimar. Proprio in quella occasione si avuto il piacere di mostrare ai soci il duplicato della carta del club, che si era smarrita, ma ottenuta grazie allintraprendenza di Roberta Macaione, contemporaneo presidente del nostro Rotaract Palermo Cafal. Ripercorrendo con voi lattivit dell anno, ricordo la conviviale interclub con il Palermo Monreale e il Soroptimist, tenuta dal Prof. Giovanni Ruffino, Preside della Facolt di Lettere dellUniversit di Palermo, che ci ha intrattenuto con una relazione sul tema Aree linguistiche e aree culturali nella tradizione alimentare siciliana. Ricordo ancora la conviviale interclub con il Soroptimist, con la presenza della Prof. ssa Rosanna Cioffi, della Seconda Universit di Napoli, che ci ha illustrato la mostra da lei curata Casa di Re- Un secolo di storia della Reggia di Caserta (1752-1860). Vi rammento poi limportante relazione tenuta dal carissimo amico Prof. Pietro Busetta, dellUniversit di Palermo, che ha illustrato un tema di grande interesse, quale quello dello Sviluppo del Mezzogiorno nella prospettiva dellarea di libero scambio, che ha molto stimolato linteresse dei soci. Ed ancora lincontro interclub con il Senatore Prof. Adelfio Basile, sul tema La Sicilia nella nuova Europa; chiaramente allora non si prevedevano i recenti e spinosi sviluppi della problematica europea, poi accaduti. Il nostro club si anche attivato, insieme agli altri dellarea Panormus, ad organizzare il Forum sulloccupazione, cui hanno preso parte il Governatore del Distretto e prestigiosi relatori. Lincontro ha determinato loccasione per tutti i presidenti dellarea Palermitana di sottoscrivere lintesa che ha ribadito lesigenza di proseguire le consolidate forme di collaborazione e di servizio, nella ravvisata opportunit di sviluppare per lavvenire comuni progetti. Sono state organizzate diverse riunioni per affrontare varie problematiche di attualit, fra le altre si ricorda linterclub sullIraq, in cui abbiamo ascoltato linteressante relazione del Capitano Giuseppe Marseglia, sul ruolo del corpo dei carabinieri, a tutela dellimmenso patrimonio artistico e archeologico presente in quella martoriata regione. In un altro interclub abbiamo ascoltato il Colonnello Luciano Garofano, Comandante del R. I. S. di Parma, che ci ha intrattenuto sul tema Indagine scientifica e delitti imperfetti. Proprio sul tema della comunicazione e dellinformazione, abbiamo preso parte alla tavola rotonda organizzata in collaborazione con lIstituto Zooprofilattico e lOrdine dei medici veterinari della provincia di Palermo, sul tema Comunicare per vivere anche in agricoltura. Da ricordare inoltre linteressante incontro, in cui abbiamo ascoltato il Presidente dellOrdine dei Giornalisti di Sicilia, Dott. Franco Nicastro
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

55
e il Presidente regionale dellUnione nazionale dei giornalisti italiani Dott. Leone Zingales, su un argomento di grande attualit quale Linformazione e la Sicilia tra stereotipi e verit. Per il tema Il giusto processo il nostro club, insieme agli amici di Monreale e Palermo Nord, ha organizzato un incontro, ottenendo i prestigiosi interventi di tre carissimi amici che hanno trattato questo difficile problema dal punto di vista scientifico, ovvero il Prof. Antonio Scaglione, dal punto di vista delloperatore di diritto, lAvv. Pietro Milio, da poco prematuramente scomparso, insigne giurista ed infine da quello del politico e legislatore, il Ministro Enrico La Loggia. Sul tema della salute il nostro club stato particolarmente presente: con il consocio Santo Caracappa ha infatti organizzato il Forum Distrettuale, cui sono intervenuti il Governatore ed illustri relatori, sul tema Sicurezza alimentare - La dieta alimentare nei secoli. Per lencomiabile organizzazione del Forum, Santo ha ottenuto lattestato di lode, rilasciato dal Governatore del Distretto. Ancora con un interclub, organizzato dagli amici di Palermo Monreale, abbiamo ascoltato il Prof. Bruno Giovanni Gridelli, Direttore Medico del Dipartimento dellISMETT di Palermo, sul tema Nuove frontiere nel campo dei trapianti di organo. Abbiamo invitato il Prof. Calogero Caruso dellUniversit di Palermo, che da l a poco diventer nostro socio, per parlarci di un tema di sicuro interesse collettivo, dal titolo: Si pu invecchiare in buona salute sino alla terza et. Strettamente collegato al tema della salute stato anche lincontro organizzato dal club di Bagheria sul tema del trattamento delle acque reflue. Sui temi della famiglia e dei giovani, abbiamo ascoltato il Prof. Roberto Rovelli, dellUniversit di Palermo, che ha parlato di Disagio giovanile nel territorio, e poi in interclub, il Dott. Piergiorgio Ferreri, Consigliere della Corte di Appello di Palermo, sul tema Adozione e affidamento familiare - istituti per il sostegno del minore. Il programma svolto afferente allobiettivo del Presidente internazionale La Famiglia, ha consentito al nostro club di ottenere specifico attestato rilasciato dal Governatore del Distretto. Sul tema dellistruzione e formazione rotariana, il club, oltre a prendere parte al seminario distrettuale sulla Rotary Foundation e al Forum distrettuale sullespansione delleffettivo, ha partecipato a Bolognetta, allincontro di formazione, organizzato dagli amici del club di Corleone, e che ha visto lintervento degli assistenti del Governatore, dei delegati darea, del Delegato della Rotary Foundation. Per il migliore affiatamento dei soci si sono organizzati numerosi incontri fra i quali ritengo importante ricordare la visita guidata al Museo Diocesano e al Tesoro della nostra Cattedrale, condotti da una guida di eccezione, la nostra Maricetta Di Natale, nellanno di mia presidenza divenuta socia onoraria del club. Siamo anche stati a Bagheria, presso Villa Cattolica, ad ammirare le opere della Galleria dArte Moderna, il Museo Guttuso e villa Palagonia. Lo scambio degli auguri di Pasqua si svolta in una cornice campagnola, presso lagriturismo di Capralicca. Altra occasione di incontro ci stata offerta da Santo Caracappa, che ci ha voluto ospiti a Terrasini, in occasione del Convegno internazionale da lui organizzato. Durante tutto lanno ho cercato sempre di mantenere i rapporti con i giovani del Rola nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

56
taract, partecipando alla conferenza distrettuale da loro organizzata sul tema Educazione alla pace, invitandoli pi volte alle nostre manifestazioni, cui hanno partecipato con il migliore entusiasmo. Il club ha sponsorizzato la presenza al R.Y.L.A. della socia Sara Candioto e ha fornito le necessarie referenze affinch Roberta Macaione partecipasse allo scambio giovani in Argentina. Ma questo anno credo che possa essere ricordato per tre manifestazioni che sono state organizzate dal club. La prima la conviviale di Natale che si svolta nella splendida cornice della chiesa di San Mamiliano, meglio conosciuta come Oratorio di Santa Cita, di cui abbiamo ammirato, grazie anche alle spiegazioni di Maricetta, la cripta ricca di particolari decorazioni. Momenti che ci hanno visto particolarmente vicini sono stati quelli della Santa Messa officiata da Monsignor Giuseppe Pecoraro e quelli della seguente conviviale, svoltasi nel salone seicentesco di Santa Rosalia, arricchita dalle riflessioni sul significato del Natale, espresse da Monsignor Domenico Mogavero. E stato lanno del centenario del Rotary, che il nostro club ha ricordato nei saloni dellHotel delle Palme, in cui abbiamo ascoltato le parole del Governatore e abbiamo spento la fatidica candelina, a ricordo di questi primi cento anni di vita del Rotary. La terza delle tre manifestazioni cui si fatto cenno, si svolta quasi a conclusione dell anno di servizio, allorquando stato portato a termine il restauro della statua lignea di San Nicol di Mira, progetto del club, promosso e finanziato dal club per il centenario del Rotary. La cerimonia di presentazione dellopera si svolta presso il salone Filangeri del Palazzo Arcivescovile alla presenza di Monsignore Salvatore Di Gristina, Vicario Generale, di Monsignore Giuseppe Randazzo, Direttore del Museo Diocesano, del Past Governor, Prof. Paolo Di Gregorio e del Presidente della Commissione Distrettuale per le celebrazioni del centenario, Prof. Carlo Marullo di Condojanni, di vari assistenti del Governatore, di istruttori darea e di numerosi presidenti dellarea Panormus. In questa occasione stata anche presentata una pubblicazione, a carattere scientifico, sullintervento di restauro e tale evento stato ripreso dalla stampa locale e nazionale. I Presidenti dellarea Panormus, con lamico Paolo Invidiata della Commissione Distrettuale Volontari Rotariani e Nicola Carlisi, sono stati ricevuti dal Cardinale De Giorgi, per le iniziative di sostegno che i club dello stesso gruppo, su indicazione della Commissione distrettuale, hanno posto in essere nellambito del progetto umanitario e sanitario, per la realizzazione di un centro di salute del Distretto di Mufindi in Tanzania. Concludo il mio articolo comunicando che limpegno del Club Rotary Palermo Cefal, ha avuto un riconoscimento nellassemblea distrettuale da parte del Governatore che ha rilasciato un attestato di lode. Desidero infine sottolineare che i risultati conseguiti in questo anno rotariano sono stati resi possibili per limpegno continuo del Consiglio Direttivo, dell Istruttore del club Santo Caracappa, e di mia moglie Simonetta. Natale Bellia socio fondatore Presidente anno 2004-2005
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

57
La sanit veterinaria al servizio della comunit

Nellambito delle attivit ed iniziative portate avanti, non solo dal Rotary International allinterno dellArea Panormus, ma anche a livello Distrettuale, su problematiche di Sanit Pubblica, sono stati tenuti negli ultimi anni, caminetti, conviviali e forum sulla sicurezza alimentare, sulla dieta mediterranea, sulla mucca pazza (BSE), sullinfluenza aviaria, sulle zoonosi (malattie comuni alluomo e agli animali), sulla biodiversit e su alcuni aspetti peculiari del latte e dei suoi derivati. Considerata la particolare attenzione che di questi tempi lopinione pubblica mostra nei confronti di tali problemi, il nostro club ha voluto dare un contributo fattivo, in stretta sinergia con le Commissioni Distrettuali - Distretto 2110 Sicilia-Malta, in particolare con la Commissione Distrettuale di Sanit Veterinaria, alla realizzazione di eventi formativi, di grande attualit e interesse culturale, che vedono coinvolti operatori tecnici e sanitari oltre che professionisti del settore ed Enti, di differente natura, per essere presenti nelle scuole, nelle carceri ed in diversi contesti di aggregazione sociale. Tra queste dobbligo sottolineare il progetto realizzato con lAssessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Palermo, nonch con il Provveditorato agli Studi di Palermo e lAssessorato Agricoltura e Foreste Ara Sicilia, finalizzato alla divulgazione nelle scuole delle norme di una corretta e sana alimentazione. In particolare, tale progetto ha permesso di coniugare le competenze dei medici veterinari con quelle di innumerevoli altre professionalit, quali medici chirurghi, alimentaristi, storici, sociologi ed antropologi. La commissione distrettuale veterinaria, inoltre, stata promotrice di un Corso teorico-pratico di caseificazione presso la Casa Circondariale Pagliarelli di Palermo, la Casa Circondariale di Sciacca, la Casa Circondariale di Ragusa e la Casa Circondariale di Castelvetrano, destinato a soggetti limitati nella libert, in collaborazione con lIZS Sicilia, lARA Sicilia e le ASP territoriali, con lobiettivo di offrire loro, non solo una possibilit di crescita culturale, ma anche un mezzo di integrazione sociale. Gli ultimi eventi formativi organizzati hanno visto, sempre pi, il coinvolgimento della societ: dal convegno tenuto nel Dicembre 2010 a Sciacca, dal titolo Attualit e prospettive delle industrie ittico - conserviere siciliane durante il quale si discusso ampiamente del settore ittico, alla manifestazione di grande successo Bastardo mon amour, tenuta al Kafara Hotel sempre nel Dicembre 2010, che ha visto come protagonisti tanti cani bastardi con i loro grandi e piccoli padroni. I cani sono stati al centro di un altro progetto di notevole interesse che stato il fulcro di un incontro, avvenuto nel Febbraio 2011, dal titolo Il randagismo: misure a tutela dellincolumit umana ed animale, durante il quale diverse autorit intorno ad una tavola rotonda si sono confrontate sul grave problema. La Sanit Pubblica Veterinaria ha come obiettivo principale, la tutela della salute delluomo e degli animali, la garanzia della qualit dei prodotti di origine animale e la promozione di un corretto rapporto uomo-animale-ambiente. La tempestiva individuazione e segnalazione di allarmi sanitari, la loro conseguente
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

58
sorveglianza e il successivo controllo, rappresentano gli elementi pi importanti per circoscrivere e bloccare la diffusione di patologie in ambito sia umano che animale. Allo scopo di aumentare le conoscenze sulla presenza e sulla distribuzione nel territorio di batteri, parassiti e artropodi (potenziali vettori di malattie) si ricorre, sempre pi, allausilio delle pi potenti e moderne risorse messe a disposizione dai Sistemi Informativi Geografici (GIS), ovvero un insieme di strumenti in grado di acquisire, immagazzinare, recuperare, trasformare, analizzare e riprodurre dati spaziali, riferiti al territorio. Per soddisfare le necessit dei produttori e dei consumatori si interviene a livello territoriale, affrontando diversi temi: interventi su focolai di malattie zoonotiche infettive e diffusive, vigilanza negli allevamenti per monitorare limportazione e lesportazione di animali, educazione sanitaria rivolta agli operatori del settore ed alla popolazione, nonch ispezione e controllo della filiera di prodotti derivanti da animali da reddito, controllo e vigilanza sulla distribuzione e sullimpiego del farmaco veterinario ai fini di rilevare trattamenti illeciti o impropri, analisi relativa ai rischi ambientali di natura biologica, chimica e fisica derivanti dallattivit zootecnica e dallindustria di trasformazione dei prodotti perch le caratteristiche organolettiche dei formaggi, che sono intimamente legate sia ai territori in cui gli animali vengono allevati e condotti al pascolo, sia agli ambienti in cui le forme vengono stagionate. I formaggi prodotti in maniera artigianale, nonostante vantino caratteristiche aromatiche e nutrizionali uniche, possono tuttavia presentare difetti che potrebbero non esaltare le qualit, ed ecco che il ruolo di una corretta e costante informazione sempre utile. Limpegno e la volont di tutti i soci del club Palermo Agor e della Commissione Distrettuale Sanit Veterinaria Rotary International - Distretto 2110 Sicilia e Malta, quello di fornire un supporto attivo alla comunit, per far si che si possa, in un prossimo futuro, lasciare alle nuove generazioni un sistema produttivo di alta qualit a garanzia del consumatore. Santo Caracappa Presidente anno 2002-2003

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

59
Servire al di sopra di ogni interesse personale!

Questo il motto del Rotary! Questo il motivo ispiratore che spinge i rotariani nel mondo a mettere le proprie capacit, professionalit, esperienze umane e professionali al servizio degli altri per la realizzazione di iniziative che possano dare, a livello locale, come a livello internazionale, sostegno e aiuto, morale prima ancora che materiale, a chi si trova in stato di bisogno, siano essi bambini, malati, indigenti: persone che attraverso lazione del Rotary trovano sollievo alle loro sofferenze o rimedio alle situazioni difficili che la vita ha loro riservato. Azione che ha come unico compenso il sorriso di chi ha ricevuto! Sorriso che pi di ogni altra cosa capace di emozionare e generare quella immensa forza che solo il dare capace di donare! Nonostante la mia giovane et rotariana ho avuto modo pi volte di sperimentare queste gioie e soddisfazioni, tanto pi forti quanto pi frutto di importanti sacrifici per organizzare, concordare, programmare. Voglio dunque manifestare il mio orgoglio di appartenenza alla grande famiglia dei rotariani perch grazie a questa meravigliosa famiglia che si stringe intorno alla ruota, simbolo del lavoro, possibile la realizzazione dei programmi, delle iniziative e dei progetti che ogni anno il Rotary porta a compimento. Ma il Rotary stato per me anche molto altro! Una straordinaria e meravigliosa esperienza umana: la nascita di sincere amicizie, laffiatamento con i soci del club e con i soci degli altri club che in questi anni ho incontrato e conosciuto. Ma anche una palestra di vita che tanto contribuisce giornalmente alla mia crescita umana e professionale, sia per lesperienza di leadership vissuta per lassunzione dei compiti istituzionali affidatimi, sia per il confronto con moltissime realt diverse, ognuna delle quali riserva spunti di riflessione e stimoli positivi. Questo il Rotary che il mio Club mi ha insegnato e mi ha dato lopportunit di conoscere e vivere! Voglio dunque rivolgere, in questa speciale ricorrenza del 25 anno di fondazione del Rotary Club Palermo Cefal, oggi Palermo Agor, il mio pi sentito ringraziamento a tutti i soci che ho avuto modo di conoscere e quelli che non ho avuto la fortuna e lonore di conoscere perch ciascuno, in questi 25 anni, ha scritto la storia del club, contribuendo a renderlo capace di diffondere alti ideali di amicizia e solidariet umana, contribuendo a rendermi una persona migliore. Grazie ed Auguri!!! Giuseppe Cusumano Segretario anno 2010- 2011

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

60
Il club dalle sue origini ai giorni nostri

Colgo loccasione offertami dalla pubblicazione del volume celebrativo dei 25 anni di storia di vita del club, per trasformarmi in scrittore di fatti rotariani e poter narrare brevemente, le origini del nostro amato club, nato con il nome di Palermo Cefal e solo da tre anni, permutato in Palermo Agor; assumo tale onorevole compito da socio fondatore, ma anche da memoria storica del club, essendo stato, per volont di tanti amici ancora presenti, per il primo triennio prefetto, per nove anni segretario, poi vicepresidente ed infine presidente nellanno 1999-2000. Il club ufficialmente risulta fondato il 26 giugno del 1986, tuttavia va precisato che dopo la consegna della Carta Costitutiva trascorsero alcuni mesi, prima della sua presentazione formale; durante tale fase preparatoria, un ristretto gruppo di amici, capitanato dallamico Cavaliere Pino Gioia, si adoper per allestire, programmare la manifestazione ed organizzare la struttura operativa del club. Desidero narrare le origini del sodalizio, sottolineando il significato propulsivo di quellevento ed inquadrarlo nel contesto storico-sociale in cui esso si verificato; al contempo voglio dare molta rilevanza a siffatta importantissima cerimonia, del venticinquesimo anniversario, che il presidente in carica Sergio Salomone ha fortemente voluto, inserendola tra gli obiettivi programmatici del suo anno sociale 2010-2011. Non nascondo di essermi molto prodigato, negli ultimi mesi, cio da quando sono stato ufficialmente incaricato insieme allamico Salvatore Longo, quali autori della pubblicazione, in una ricerca laboriosa quanto certosina, al fine di rendere piacevole tale rimembranze, per coloro che hanno vissuto questi stessi anni, ma anche per soddisfare piccole curiosit od aneddoti per i soci di appartenenza pi recente. Venticinque anni sono la vita di un giovane che diventa uomo, rappresentano una intera carriera lavorativa, per il loro scorrere temporale, contengono ben due passaggi generazionali e nel campo della tecnologia moderna, comportano progressi e sviluppi imprevedibili! La ricerca ha inizio dalla lettura delle prime circolari, a firma del primo segretario del club, Salvatore Longo e soprattutto della prima, datata febbraio 1987, allorquando annunciava ad altri trentuno amici che il cavaliere del lavoro Giuseppe Gioia, primo presidente del club, poi rieletto e riconfermato per i successivi tre anni, aveva fissato per il giorno 21 di quel mese di febbraio, lincontro del costituendo Rotary club Palermo Cefal, presso una sala dellOrto Botanico di Palermo, messa a disposizione dal professore Andrea Di Martino, allora Direttore dello stesso; questultimo gli succeder, divenendo Presidente nellanno 1988-89. La presentazione ufficiale al Governatore del Distretto, (allora era il 210^) professore Salvatore Cocuzza Silvestri, genitore dellattuale famoso ed apprezzato presentatore televisivo, Michele, avvenne a Cefal il 4 maggio, presso lalbergo Costa Verde, nostra sede sociale, alla presenza dei dirigenti degli altri club palermitani e di autorit civili, militari e religiose. Rileggendo quei fogli dattiloscritti di venticinque anni fa, ingialliti, liscissimi, come erano allora le fotocopie, fragili e crepitanti come solo il tempo sa conservare, si rila nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

61
vivono le prime riunioni rotariane, gli argomenti discussi e ci si accorge di quanto straordinaria sia la loro attualit, temi ancora oggi dibattuti e talvolta irrisolti su cui si discuteva allora, forse con maggiore interesse, impeto e determinazione! E una percezione curiosa perch, se da un lato sembra lontano il periodo in cui lonorevole Bettino Craxi era Presidente del Consiglio o ci sembra ancora pi lontana la sciagura dellaereo della compagnia ITAVIA, precipitato nel mare davanti Ustica, o la guerra di mafia negli anni 80, proprio qui a Palermo le problematiche e le tematiche rotariane di ieri sono identiche a quelle di oggi. La spiegazione a mio parere nella qualit delle persone, ma soprattutto nella modalit dello scambio, nel rapporto tra i soci, sicuramente preparati ed attenti a ricevere quanto luno pu dare o sa dare allaltro. Si pu correttamente affermare che il nostro Club coetaneo al progetto internazionale del Rotary denominato PolioPlus; di fatto proprio nellanno 1985 che inizia siffatto programma umanitario, inteso come dono di compleanno per limmunizzazione di tutti i bambini del mondo, per raggiungere lobiettivo di eradicare la poliomielite, che dal 1987 annoverato tra gli scopi della Rotary Foundation. Esso ha coinvolto nelliniziativa, lOrganizzazione Mondiale della Sanit, lUNICEF, ed altri organismi, raggiungendo in questi anni il risultato di oltre due miliardi di bambini vaccinati, con molte aree del pianeta ormai dichiarate libere dal virus (permangono ed preoccupante residue zone in Africa, in India ed in Pakistan, travagliate da guerra e conflitti interni che provocano ondate di profughi, con il conseguente rischio di nuove diffusioni del virus in zone immuni). Il forte proliferare di Clubs alla fine degli anni 80, per cui nella nostra citt di Palermo in soli cinque anni, ne nacquero ben sette, va visto in primo luogo in sintonia alla storia economica del Paese, in corrispondenza con la crescita della societ civile, linflazione galoppante e laumento dellattivit imprenditoriale privata. E significativo il fatto della nascita di nuovi Clubs, che fioriscono come il nostro, in aree ben precise, volute dal board di Evanston, che dallaltro capo del mondo, non conosce bene le realt ed i luoghi, gli appare comunque inverosimile che una localit come Cefal, tanto famosa gi allora turisticamente, al pari di Taormina, non abbia un Rotary; cosi nacque il club ed il connubio tra le citt di Palermo e Cefal. Nel 1986, ancora non esisteva il gruppo Panormus e il nostro club Palermo Cefal era nellordine il settimo dopo i pi antichi Palermo (fondato nel 1925), Palermo Est (1958), Palermo Ovest (1972), Palermo Nord (1979), Palermo Monreale (1980), Palermo Sud (1985). Dopo il nostro, fu consegnata, a distanza di qualche mese, la carta al club di Lercara Freddi (1986) e poi a seguire Palermo Teatro del Sole (1991), Corleone (1993), Parco delle Madonie (1995), Bagheria (1998) etc. fino al recente Club di Cefal (2006) ed altri. L albergo prescelto per le riunioni fu il Costa Verde di Cefal, preferito allalbergo Santa Lucia e allaltro Sabbie doro, perch appena inaugurato e di particolare bellezza architettonica e panoramica; rimarr per sempre nella mia memoria, la prima riunione ufficiale del Club, presenti rigorosamente solo i soci, elegantemente vestiti in abiti scuri, in cui ci ritrovammo ordinati e composti, in una sala a noi riservata, attorno
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

62
ad un grande tavolo quadrato, a presentarci vicendevolmente per scambievolmente conoscerci. Non mi pare di eccedere se in questa sede menziono i nomi dei soci fondatori, alcuni dei quali nel corso degli anni si sono dimessi o ci hanno lasciato per sempre: AIELLO CARLO (dimessosi in ottobre 1996, deceduto nel 2010), BARONE GIUSEPPE (dimessosi in ottobre 1996), BELLIA NATALE socio phf, BUTTITTA ANTONINO (dimessosi in luglio 1998), CAPITUMMINO ANGELO (dimessosi nel 1991), CARAPEZZA EMILIO (dimessosi nel gennaio 1992, deceduto nel 1993), CARAPEZZA MARCELLO (deceduto nel 1988), CARUSO PIETRO socio phf, CORRAO NICOLA (dimessosi nel marzo 1992), DANTONIO ARCANGELO socio phf (deceduto nel 2008), DI BENEDETTO GIOVANNI (dimessosi nel marzo 1994), DI MARTINO ANDREA socio phf, (deceduto nel 2009), DRAGOTTA GIUSEPPE socio phf, GAROFALO SALVATORE socio phf, GIGANTE NICASIO socio attivo, GIOIA GIUSEPPE (rientrato al club Palermo Est nel novembre del 1993), GIUNTA FRANCESCO (dimessosi nel 1991, deceduto nel 1994), ITALIANO LUIGI socio phf, LA BARBERA GIUSEPPE (trasferito al club Bagheria nel 2003), LONGO SALVATORE socio phf, MASCALI ANTONIO (dimessosi nel 1990), MICELI GIUSEPPE socio phf, MIGLIACCIO ALESSANDRO (dimessosi nel febbraio 1994), PILATO GIOVANNI (dimessosi nel 1990, deceduto nel 2008), RAIMONDO FRANCESCO MARIA (dimessosi nel luglio 1992), SACCO FRANCESCO (dimessosi nel giugno 2001), SANFILIPPO EMILIO (dimessosi nel dicembre 1993), SIMONETTI GIUSEPPE socio attivo, SPRINI GIOVANNI (dimessosi nel gennaio 1992, deceduto nel 2010), VAJANA PASQUALE (dimessosi nel dicembre 1993), VENTURELLA PIETRO (dimessosi nel 2006), VESCO IGNAZIO (dimessosi nel 2003). In verit stato il settimo club cittadino, perch unaltissima percentuale di soci era di origine e residenza palermitana, ma per le necessit logistiche spiegate prima, si dovuto affiancare a Palermo anche il nome della cittadina normanna; tale abbinamento ha sempre suscitato curiosit negli altri rotariani, ma ha accresciuto simpatia e attaccamento nei soci, che poco alla volta iniziarono ad abituarsi a dover percorrere un centinaio di chilometri di strada, per partecipare ad una riunione conviviale, ovvero a programmare passaggi in auto per arrivare in albergo. E per lo stesso motivo di affezione che, allorquando qualche illuminato dirigente distrettuale ha tentato, negli anni passati di cambiare il nome al Club o peggio, gli balenata in mente lidea di fondere il nostro club ad altri viciniori, con la conseguenza del cambio di sede e denominazione, molti dei soci, me compreso, si sono ribellati aspramente; tale resistenza dovuta cadere in seguito alle pressioni distrettuali, motivate per gli equivoci e le confusioni sorte tra il nostro club e il neo-formato club Rotary Cefal! Labbinamento delle localit Palermo e Cefal, occorre ammetterlo, stato un retaggio che ormai fa parte della storia del nostro club, in cui si cercato sempre di porre rimedio con riunioni dapprima fisse, poi stagionali nella cittadina normanna, cercando ripetutamente di attingere nuovi soci ed adepti in quel territorio, ma con scarsa fortuna, (per la presenza di altre associazioni di servizio concorrenti) se solo si pensa che gli unici cefaludesi sono stati il Vescovo Monsignor Rosario Mazzola e
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

63
lamico Enrico Biuso, il primo da qualche anno non pi alto prelato e il secondo, transitato allaltro club di Cefal, ma in controtendenza, visto che risulta si sia trasferito a Palermo, per necessit imprenditoriali e familiari. Il centenario del Rotary, festeggiato nel febbraio 2005, ha offerto un dialogo con lopinione pubblica ed ha dato lopportunit di promuovere il Rotary tanto e come non era mai accaduto prima, se solo si pensa alle difficolt e resistenze per aver pubblicata una qualsiasi notizia di attivit sociale, sul quotidiano locale, del Giornale di Sicilia. Anche in questo campo notevoli passi avanti sono stati fatti, dando molto risalto alle attivit dei club cittadini e di periferia, anche se continuano a prediligersi rapporti personali, che si traducono in spazi e foto maggiori o in pagine pi lette e pi appetibili di altre. Oggi sotto gli occhi di tutti la scultura che inneggia al Rotary, posta nella sala di grande traffico, di arrivi e partenze dellaeroporto Falcone Borsellino o la piazza nei pressi del liceo Einstein di Palermo, concessa dalla Amministrazione Comunale e raffigurante la ruota dentata rotariana e tante altre manifestazioni pubbliche o restauri di beni culturali e monumentali, che giustamente sono stati portati allattenzione di tutti, perch meritevoli di far conoscere cosa il Rotary, perch e per chi opera e si adopera. Nellonda di tale successo, occorre valorizzare limmagine pubblica del Rotary ed acquisire massima reputazione, che ci che ciascun rotariano merita. Pertanto la continuit dellazione rotariana, che sempre stata fondamentale per raggiungere gli obiettivi internazionali, non devono necessariamente essere numerici, lauspicato milione e mezzo di persone, quanto di valorizzazione dellazione sociale che si attualizza con la qualit dei suoi affiliati: una inversione di rotta che da qualche tempo inizia a dare i propri frutti. E nellanno 1989 che il consiglio di legislazione del Rotary Internazionale, deliber che ogni club Rotary del mondo, potesse ammettere anche le donne, e ci in seguito ad una decina di anni di contrasti, davanti al tribunale supremo degli USA, intentato da un club della California che, nel lontano 1978 aveva cercato di cooptare due donne. Nel 2007, ultimo dato in mio possesso, le rotariane nel mondo sono circa 150.000 con una incidenza del 12% circa, ma sono ancora tantissimi, circa 30.000, i clubs ancora solo maschili, nonostante nellultimo quinquennio si sia verificata una accelerazione al femminile. Per quanto riguarda il nostro club, la prima donna ammessa nel 1995 stata presentata dallamico Arcangelo DAntonio, ricopriva il ruolo di responsabile dellUfficio Entrate ed era la dottoressa Laura Capra, la quale per a causa di un trasferimento a Caltanissetta, dopo un paio di anni ha chiesto, uno speciale permesso di socio fuori sede ed a oggi, non ha fatto pi rientro: in atto si pu contare sulla presenza delle amiche, socia onoraria la professoressa Maricetta Di Natale, e socie le dottoresse Doriana Calai e Maria Grazia Milici, da un paio di anni anche sulle altre della professoressa Maria Grazia Cassar DAntonio e dellavvocato Beatrice Scimeca, la quale ha bruciato tutte le tappe, essendo stata gi per questanno nominata prefetto e superato brillantemente gli impegni anche di cerimoniere. E ormai un dato accertato che la donna si va affermando nel mondo, grazie alla sua
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

64
progressiva evoluzione culturale, professionale, sociale e questo merito vale anche nellambito rotariano; altre nobili e gentili signore hanno presieduto club prestigiosi ed altre si accingono a farlo, verr il giorno in cui anche nel nostro distretto 2110^ dovr darsi spazio ad un governatorato rosa e nel nostro club, analogo onore ad una presidenza femminile! Confesso che personalmente ho condiviso la esclusivit di sesso del rotary, per vocazione da sempre associazione maschile, allo stesso modo per cui ero e resto favorevole a quelle associazioni, solo rivolte al femminile, che denotano una chiusura verso laltro sesso; desidero comunque precisare che, come avvenuto per il cambio del nome del club, simili trasformazioni necessitano di tempi, per metabolizzare e radicare la parit di diritti e doveri. Almeno per mi sia concesso ribadire che come per lammissione degli uomini, anche per quella delle donne, la scelta deve essere regolata da criteri di oculata selezione: debbono essere individuate donne di spiccata seriet, moralit e vocate al servizio, senza altre finalit od interessi privatistici e personali. In questo breve cenno di storia sulla costituzione del nostro club, non posso sottacere, anche se molto fugacemente, una considerazione personale, sulle precedenti condizioni socio-politiche del Rotary a cavallo della guerra mondiale e ai tempi del fascismo, essendo i due movimenti, nati in Italia quasi contemporaneamente, orientati in direzioni diametralmente opposte: libert, tolleranza, dialogo, solidariet cardini dellideologia rotariana erano inconciliabili con il totalitarismo del fascismo, tanto fu che l associazione volontaria negli anni del regime venne sciolta. E mi aggrada anche ricordare i conflitti che il Rotary dovette superare perch accusato di stretta parentela con la massoneria, nemica giurata del fascismo, ma anche della chiesa cattolica; e fu proprio questultima, fino alla fine degli anni 60 circa, ad esprimere ostilit perch preoccupata che il Rotary si facesse banditore nel mondo di morale nuova, laica ed indipendente, contrastando lessenza stessa della morale cristiana, depositaria del messaggio di Cristo. Cosicch dopo un periodo di silenzio senza ulteriori polemiche o accuse al Rotary, si arriv ad un clima di distensione e riappacificazione, merito di un approfondito riesame del problema, voluto dal Papa Giovanni XXIII, per concludersi definitivamente con linfluenza dello spirito innovatore del Concilio Vaticano II, sulla posizione della Santa Sede nei confronti del Rotary. Nel lungo pontificato di Karol Wojtyla, Giovanni Paolo II, le udienze e gli incontri con il Rotary sono state molteplici e tutte volte verso un clima di massima collaborazione; in occasione della Convention di Roma, il compianto Papa, rivolgendosi ai Rotariani convenuti da tutto il mondo esort, dicendo: Possa il vostro generoso servizio rendere onore ai vostri rispettivi paesi e tradursi nella gioia della vostra vita quotidiana ed ancora voglia il Signore sostenere il Rotary, nella nobile causa di servire lUmanit . Verrebbe da dire: come sono cambiati i tempi! N va dimenticata ludienza concessa dal Santo Padre ai Rotariani dItalia, nel mese di marzo dellanno 2000, in occasione del Giubileo; per me che lho vissuta da protagonista, presidente in carica, turista e organizzatore, oltremodo piacevole in questa
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

65
circostanza rivivere e trasmettere a tutti lintensa gioia, sperimentata quel giorno 11, in piazza San Pietro, gremita da oltre 30.000 rotariani, fra cui una numerosa rappresentanza del nostro Club, con in testa Peppino e Mariantonietta Miceli, Rino e Ida Minafra. In quella occasione stato il Presidente Internazionale del Rotary, l ingegnere Carlo Ravizza di Milano che volle realizzare una cosi importante assise con il Pontefice, Giovanni Paolo II, finalmente questo anno proclamato Santo. Il non expedit che vietava al clero la partecipazione al Rotary ormai completamente superato e dimenticato: moltissimi oggi sono i prelati soci onorari, ma molti anche soci effettivi e tanti i Sacerdoti, invitati come relatori negli incontri e nei congressi di vario livello. Mi piace ricordare che anche il club Palermo Cefal oltre ad annoverare fra i soci di prima nomina Padre Giuseppe Scelsi, da molti conosciuto per essere il parroco di Piano Zucchi, volitivo e temerario sacerdote, pieno di iniziative, ha voluto conferire la qualifica di socio onorario, a Monsignor Rosario Mazzola, Vescovo di Cefal, finch ha ricoperto la missione pastorale nella cittadina Normanna. Non possono sottacersi altri contrasti, in tempi molto recenti, che il Rotary ha dovuto superare; a tal proposito corretto ricordare lesempio di coesione e coerenza che taluni soci hanno mantenuto in occasione di scandali legati a vicende politiche, amministrative ed economiche. Fanno parte dei nostri tempi le sollecitazioni da parte degli organi superiori della Magistratura a diffidare i propri iscritti ad essere soci o a partecipare alle attivit rotariane od ancora la richiesta degli annuari dei soci, da parte della Magistratura di Pescara, in occasione di indagini in quella citt volte a fare luce su scandali affaristici ed imprenditoriali. E interessante ricordare la valutazione che Antonio Gramsci, filosofo comunista ha dato al pensiero ed allazione rotariana nella societ, secondo il quale, il programma del Rotary era la diffusione di un nuovo spirito capitalistico con laffermazione di un nuovo costume pi propizio allo sviluppo delle forze economiche, adeguato ai tempi moderni. Il Rotary avr senza dubbio perduto letichetta di club elitario ed esclusivo, ha aperto le proprie frontiere a masse di persone ed uomini, le cui candidature di ingresso, trenta o quaranta anni addietro, non sarebbero state neppure prese in esame, ha dovuto rispettare le volont di Evanston, che ha preferito la quantit alla qualit, ma comunque resta la pi grande associazione di volontariato sociale al mondo e bisogna esserne fieri ed orgogliosi di appartenervi. I connotati di un club derivano dalla maggioranza delle categorie dei suoi affiliati, cosicch il nostro club, che nel primo decennio poteva contare sulla presenza e frequenza di imprenditori agricoli o comunque di uomini che avevano interessi con quel settore primario, mosse i suoi primi passi spaziando tra convegni sui fitofarmaci, interessi agro-pastorali, botanici e naturalistici. Poco a poco, a causa della fuoriuscita del fondatore e primo presidente, lamico Pino Gioia, rientrato nel suo club di origine, il Palermo Est, alcuni consoci, cooptati dallo stesso cavaliere, ritennero di dare le dimissioni, ed il club si trov a dover superare un momento di crisi che, con la loro caparbiet e lungimiranza, gli amici Arcangelo DAntonio e Mimmo Badagliacca, rispettivamente presidenti negli anni 1993-94 e 1994-95, seppero risolvere brillanla nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

66
temente. Come arguti giocatori di poker entrambi rilanciarono il club, esternando la loro azione, prediligendo gli scambi con gli altri clubs cittadini e periferici, che frattanto erano proliferati, divenendone il nostro club addirittura di esempio! Talvolta si dovettero affrontare problemi finanziari che portarono ad assemblee straordinarie, in cui si deliberava, pacificatamente, la riscossione di una quota straordinaria o si ripianavano i debiti e si risanavano le casse, messe a dura prova per le dimissioni di qualche amico plurimoroso, o peggio per le scelte obbligate di considerare dimissionari altri amici assenteisti, che non avevano voglia pi di frequentare il club, ma erano allo stesso modo sordi a presentare una lettera che ne sancisse la loro fuoriuscita. Da segretario del club, per nove ininterrotti anni, ho avuto il pregio di affiancare e lavorare con esimi amici, tutti conosciuti dentro lassociazione, illuminate persone, qualificati uomini nelle proprie arti e professioni, diversi per caratteri, modi di confrontarsi, estrazioni culturali, con i quali ho trascorso meravigliosi ed indimenticabili anni di servizio rotariano: il primo Giuseppe Gioia e poi a seguire, Andrea Di Martino, Pietro Caruso, Giuseppe Barone, Arcangelo DAntonio, Domenico Badagliacca, Enrico Aiello, Salvatore Longo, Salvatore Garofalo, Luigi Italiano. In questa sede ho il piacere di ricordarli tutti in ordine assolutamente cronologico, in segno di amicizia, esprimendo loro, anche e soprattutto a coloro che non sono pi tra noi, il senso della mia fratellanza e amicizia sincera e disinteressata. Con il cambio del nome al club, mi sia permesso dire, come se si fosse chiuso un capitolo, la fine di un periodo e l inizio di uno nuovo, ma lidentit del club non pu essere annullata! A tutti i soci, conosciuti negli anni e annoverati tra i miei amici, specie ai pi giovani di et anagrafica ed ammissione al club, porgo i miei sentimenti di amicizia e li invito a documentarsi per meglio conoscere la storia del club in cui si ritrovano. Romanticamente ho raccontato ed espresso mie personali opinioni, con identica emozione vivo il ricordo dei primi anni e degli inizi rotariani, con uguale trepidazione li commento con i pochi amici fondatori, ancora presenti, che il Buon Dio ci tiene in vita; ad essi ed alle loro gentili consorti rivolgo il mio affettuoso ringraziamento per la tanta affettuosit e cordialit sempre manifestata e profusa. Bene al Rotary, forza Rotary! Giuseppe Dragotta socio fondatore Presidente anno 1999-2000

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

67
Un impegno, una scommessa

Cari amici desidero in primo luogo ringraziare tutti per avermi dato lopportunit di lasciare un ricordo al club che questanno festeggia il venticinquesimo compleanno della fondazione, avvenuta nel giugno del 1986. Innanzitutto permettetemi di ricordare la figura del compianto Salvatore Sciascia, Governatore nellanno 1985/1986. Un destino veramente crudele spezz il suo cuore a Bari il 19 aprile 1986 a pochi giorni dalla celebrazione del Congresso del nostro Distretto. Per disposizione del Presidente del Rotary International Evanston USA, tocc a me il triste compito di assumere la gestione del Distretto fino alla conclusione dellanno rotariano. Appena entrato in carica e proprio allinizio del suo mandato di servizio, Sciascia raccomand a noi Rotariani: Siate la chiave per lo sviluppo economico, sociale, culturale e per la pace. Ecco che da quel momento mi accinsi a svolgere lincarico affidatomi e di espletare il pensiero di ci che Salvatore avrebbe detto e fatto. Il 2 maggio 1986 aprii i lavori del Congresso del nostro Distretto 211 nel suo nome e nel suo ricordo. Ecco che proprio in quellanno Salvatore aveva ideato e pensato alla fondazione di alcuni club per la crescita e lo sviluppo del Distretto. Ecco che si realizz nel 1986 la fondazione del Rotary Club Palermo Cefal oggi Palermo Agor. Fui chiamato alla carica di Presidente per il primo anno sociale lasciando il mio club di appartenenza Palermo Est, con la promessa a me stesso di rientrarvi al pi presto. Al mio fianco chiamai giovani rotaractiani preparati quali Salvatore Longo, Beppe Dragotta. Da quel momento lavorai con tutti i soci che nel tempo si susseguirono impegnandoci attivamente per la crescita e lo sviluppo del club, facendone conoscere i valori rotariani come impegno culturale e sociale. Il club ha sempre posto molta attenzione verso i giovani, considerandoli la prima risorsa per la costruzione di un futuro migliore. Proprio in quegli anni ricoprivo lincarico conferitomi nel tempo dai vari Governatori quale Presidente della Commissione Azione in favore della Giovent, Interact, Rotaract e Scambi Giovani. Ecco che durante i miei anni di Presidenza lavorammo per la fondazione del Rotaract Palermo Cefal. Oggi dopo venticinque anni dalla fondazione, manifesto la speranza di portare sempre pi alto il sogno rotariano quale quello del servire al di spora di ogni interesse personale, attraverso principi ispirati al senso civico e a un interesse tutto rotariano di valori condivisi. Valori della pi alta rettitudine, sia negli affari che nelle professioni, per propagare e diffondere la buona volont, la pace e le relazioni amichevoli tra tutte le nazioni. Giuseppe Gioia socio fondatore Presidente anni 1986-1987-1988-1989

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

68
Immigrazione clandestina e integrazione tra le culture

Non sempre il tempo cancella il ricordo di fatti passati, specie se intensamente vissuti; lanno di servizio 2006-2007 in cui ho avuto lonore di presiedere il Club Rotary Palermo Cefal stato per me entusiasmante e speranzoso, anche se la consapevolezza di tanta responsabilit, a volte mi procurava molte titubanze. Come prima cosa ricordo di avere contattato i nuovi soci, che nellanno 2005-2006 si erano iscritti al club, per verificare la loro consapevolezza dellimpegno che avevano appena assunto, ma purtroppo ho dovuto constatare che la maggior parte di essi, non erano preparati a condividere gli ideali del Rotary, pertanto da l a poco hanno chiesto le dimissioni dal Club. Personalmente, aiutare il Rotary a crescere, non significa iscrivere pi soci al Club, bens mettere pi Rotary nel Club, permeandolo con spirito di servizio e amicizia che migliora senzaltro la qualit della vita. Quellanno ho scelto di dare un contributo per lo sviluppo del tema distrettuale: Immigrazione Clandestina che bisognava affrontare nei suoi molteplici aspetti. Ho scelto, pertanto, di trattare gli aspetti socio-sanitari della seconda ondata immigratoria sviluppando tra laltro, il tema relativo alla prevenzione e alligiene ambientale nelle varie comunit; sono stati affrontati problemi quali la patologia da povert, da sradicamento e da difficile inserimento, anche in funzione della diversit della lingua, della concezione della salute e della malattia e quindi del percorso diagnostico terapeutico. Da qui la necessit di favorire laccesso alle strutture sanitarie e di agevolare lintegrazione anche mediante lalfabetizzazione per consentire linserimento nelle realt lavorative locali con eguali diritti della Comunit ospitante e quindi condivisione del benessere e della salute. Condivisione da parte degli immigrati di unarea di cultura pubblica comune incentrata sui valori fondanti della societ ospitante, ma che lasci significative aree di autonomia alle culture degli immigrati. Autonomia che non deve ledere la coesione e la funzionalit della societ ospitante, ma ne deve rispettare il quadro legislativo, le istituzioni pubbliche, le norme che regolano la vita collettiva e i rapporti fra i cittadini. Infine limpegno personale continuo e costante alla comprensione e alla tolleranza, ma non alla acquiescenza, che ci sono propri, ma che ci devono ancora pi appartenere come Rotariani. Questo tema ha consentito al nostro Club di raccogliere importanti consensi, che hanno permesso di proporre a tutti i Club dellarea Panormus, di incentrare il tema del forum su questo argomento. La nostra proposta stata ampiamente discussa e alla fine stato deciso allunanimit il seguente titolo: Flussi migratori e integrazione nellarea mediterranea di libero scambio: problematiche e prospettive. Il 14 Aprile 2007 in occasione del Forum distrettuale: Immigrazione clandestina e integrazione fra culture svoltosi a Ragusa, abbiamo dato un importante contributo,
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

69
presentando il poster accluso, che stato giudicato il pi significativo tra i tanti realizzati dai singoli club. Al termine dellanno di servizio il nostro Club ha consegnato tre Paul Harris Fellow a past president e ha avuto i seguenti riconoscimenti: - ATTESTATO PRESIDENZIALE dal Presidente Rotary International, Bill Boyd - ATTESTATO DI LODE dal Governatore Alfred M. Mangion - PREMIO DISTRETTUALE per il servizio svolto a favore della Rotary Fondation - MENZIONE SPECIALE per lattivit svolta dal Club su Salute e Immigrazione dal Presidente Task Force Biagio Nativo Filippo Levantino Presidente anno 2006 - 2007

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

70
25 anni di storia: 1986 - 2011

Nella qualit di socio fondatore e su invito del Presidente Dottore Sergio Salomone e del Consiglio direttivo dellanno rotariano 2010 2011 ho lonore, ma anche il grande piacere, di ricordare, insieme con lamico Architetto Giuseppe Dragotta, i momenti pi salienti e rappresentativi della vita del nostro Club per una pubblicazione celebrativa del 25 anniversario della fondazione del Rotary Club Palermo- Cefal, ora Rotary Club Palermo Agor, esprimendo, al contempo, non senza emozione, alcune mie personali considerazioni. Sono trascorsi ben 25 anni da quando si tennero le riunioni iniziali presso la sede regionale della Confagricoltura dal luglio a dicembre del 1986, e dal primo incontro ufficiale tra i soci che ebbe luogo nel febbraio del 1987 nei saloni dellOrto Botanico di Palermo, messi a disposizione dal socio fondatore e compianto Professore Andrea Di Martino, allora Direttore dell Istituto universitario. Il motore, lideatore, il volano del Rotary Club Palermo - Cefal era lillustre Cavaliere Dottore Giuseppe Gioia, Past Governor, Past Board Director e Past President del Club che egli inizialmente ha presieduto per quattro anni. Ho avuto il piacere e lonore di lavorare al suo fianco come primo Segretario del Club per lo stesso periodo e di averlo come maestro di Rotary e di vita fin dal periodo della mia giovinezza, quando nel 1976-1977 ho assunto la carica di Presidente del Rotaract Club Palermo Est ed egli era delegato distrettuale per i giovani. Il Rotary Club PalermoCefal nacque con lintento di coprire la fascia territoriale che andava da Via Lincoln fino, appunto, a Cefal (allora vi era una sorta di competenza territoriale tra i Rotary Club di Palermo) ed il nostro Club era il settimo tra quelli palermitani. Le prime riunioni si tennero presso lHotel Costa Verde di Cefal dove ci si incontrava tre volte al mese. Ricordo il primo incontro ufficiale a marzo del 1987 in quellalbergo deserto perch aperto da pochissimo tempo e perch fuori stagione dove quei pochi soci fondatori ci riunimmo animati da spirito di servizio e di amicizia e desiderosi di approfondire la conoscenza reciproca. Il mio pensiero e ringraziamento, a tal proposito, va al Cavaliere Pino Gioia che con le sue doti umane e la sua tenacia ha saputo coagulare attorno a s un gruppo di persone animate dallo stesso spirito tra le quali sorta una vera, duratura amicizia. Ma non voglio dilungarmi pi di tanto nel ricordare i primi anni di vita del nostro Club perch c chi lo fa molto meglio di me e con maggiore dovizia di particolari. Mi riferisco al carissimo amico Beppe Dragotta che non esito a definire la memoria storica del Club, il quale, prodigandosi sempre con grande entusiasmo e senza risparmio di energie per il servizio rotariano, ha ricoperto per ben nove anni, in maniera eccellente, la carica di Segretario del Club negli anni rotariani dal 1989-1990 al 1997-1998 ed ha presieduto, altrettanto egregiamente il Club nellanno rotariano 1999-2000. A lui rivolgo, con sinceri sentimenti di stima ed amicizia il mio vivo ringraziamento per tutta la sua attivit profusa negli anni a favore del Rotary con autentico spirito di servizio rotariano con lintento di far crescere sempre di pi il nostro sodalizio. Vorrei adesso esprimere qualche considerazione personale sul Rotary, sul
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

71
suo scopo e su cosa per me il Rotary. Inizio da un evento che ricordo con una certa emozione; un momento carico di contenuti e di significato. Lanno in cui ho avuto lonore di presiedere il Club, il 19961997, coinciso con il 10 anniversario della fondazione (1986) ed in occasione del passaggio della campana tra il Presidente uscente, Professore Enrico Aiello, e me, subentrante, si celebrato il decennale alla presenza dellallora Governatore del Distretto, il compianto Dottore Ferruccio Vignola e delle altre autorit rotariane, il Segretario distrettuale Professore Vito Longo (attuale Segretario distrettuale) e il tesoriere distrettuale, Dottore Salvatore Lo Curto (attuale Governatore del distretto). E stato per me un momento particolarmente emozionante perch, per una fortuita coincidenza, ricorrevano esattamente venti anni da quando ero stato Presidente dellallora Rotaract Club Palermo Est del 190 Distretto. A distanza di ventanni, mi ritrovavo a presiedere il Rotary Club Palermo - Cefal. Evidentemente, nella mia vita il Rotary ha rappresentato e rappresenta un punto di riferimento fin dalla mia giovinezza. Tra le autorit rotariane avrebbe dovuto essere presente il Cavaliere Pino Gioia, ma, ricordo, egli si trovava a Calgary negli USA e mi invi da l un affettuoso saluto di augurio per il nuovo anno rotariano. In quella occasione era pure presente una nutrita rappresentanza di giovani del Rotaract Club che, nel frattempo, era diventato Rotaract Palermo Cefal; con essi si instaur un rapporto di grande stima reciproca e di collaborazione, tanto che in quellanno rotariano furono molte le attivit organizzate insieme. Il Presidente di quellanno era Nicola Faldetta. Alcuni di quei giovani, poi, nel corso degli anni sono transitati in vari Rotary Club. Ritengo sia molto importante intrattenere costantemente rapporti con i giovani del Rotaract perch essi rappresentano la nostra continuit e la speranza della vita e dipende anche dalla attenzione e dallimpegno che noi adulti mostriamo nei loro confronti la loro formazione e il loro futuro. In quellanno rotariano il tema del Presidente internazionale era Costruisci il futuro con azione e lungimiranza ed il tema scelto dal nostro Club su questa scia era Servire per i giovani. Il contatto continuo con i giovani ritengo sia una delle linee di azione che il Rotary deve perseguire, perch, come dicevo, essi rappresentano il futuro e noi rotariani abbiamo il dovere di trasmettere loro il nostro ideale di servizio. Dobbiamo immaginare che possano essere i nostri figli e, quindi, avere con loro un rapporto continuo di collaborazione e tenerli sempre presenti nelle nostre attivit perch noi abbiamo bisogno di loro e loro di noi. Mi viene in mente, a tale riguardo, una metafora di un poeta e viaggiatore arabo - andaluso vissuto intorno al 1180, Ibn Jubayr, che descrisse la Sicilia allepoca della dominazione normanna, il quale paragon il rapporto che vi tra genitori e figli al modo di agire di un arciere. Larciere costruisce larco e le frecce con le sue mani, fin dalla scelta dei rami di albero da utilizzare. Lavora i rami togliendo la corteccia, levigandoli, fino a quando non realizza il prodotto finito. Fino a quel momento tutto nelle sue mani, ma quando scocca la freccia dallarco essa libera, prende la traiettoria da lui voluta e, volando nellaria, raggiunge il suo obiettivo. Allo stesso modo noi diamo la vita ai nostri figli, li plasmiamo, anche con il nostro
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

72
esempio, ma poi, ad un certo momento della vita, essi, scoccati da noi, prendono la loro strada e realizzano i loro obiettivi. Sono convinto, poi, che lo spirito che deve stare alla base delle nostre azioni, del nostro comportamento quotidiano e che a fondamento dei principi rotariani quello del recupero dei valori in questo periodo del nostro tempo che, ahim, caratterizzato dalla crisi generalizzata dei valori. Da molto tempo i Clubs, i Distretti di tutto il mondo e i Presidenti internazionali ritornano sulla necessit di ritrovare la giusta scala dei valori. Nella odierna societ probabilmente i beni materiali, transitori ed effimeri, il consumismo, il possesso, il potere, la prevaricazione, sembrano avere preso il sopravvento, mentre si sono dimenticati o persi di vista i grandi valori radicati nelluomo e che danno senso alla vita quotidiana come i gesti di solidariet, la collaborazione, la tolleranza e persino i sacrifici e le rinunce. Oggi la nostra societ afflitta da una crisi morale per cui la nostra vita pubblica e privata versa in uno stato confusionale. Ebbene, sono convinto che lessenza del Rotary sta nella costante riaffermazione delletica e cio della volont dei suoi soci di darle concreta, quotidiana attuazione. Noi siamo sempre alla ricerca di una meta che possa concretizzare la speranza di una umanit migliore ed con questo anelito che luomo compie le sue azioni. E tutto ci che vogliamo conseguire che ci esalta e ci sprona. Ogni giorno la nostra vita unavventura che ci porta gli uni verso gli altri. A ciascuno di noi, nellavventura quotidiana, non vengono richiesti fatti eroici o imprese memorabili: ma un impegno coerente, onesto, un impegno da portare avanti con tenacia e con convinzione. Ognuno di noi trasmette agli altri i suoi valori, di bene, di male che passano da padre in figlio, da una persona allaltra, da una generazione allaltra. Il Rotary ci insegna a vivere questi valori ed altrettanto a trasmetterli, con il nostro esempio, agli altri; un impegno lungo e difficile che esige volont, dedizione, apertura agli altri, capacit di crescere attraverso il dialogo, il reciproco confronto e laiuto disinteressato che possiamo dare ai pi deboli e bisognosi nellaffermazione del valore della solidariet. Credo, poi, che uno dei principi cardine del Rotary sia lazione di interesse pubblico, o il servizio sociale; cio indagare sulle necessit della comunit in cui situato il Rotary Club e, quindi, cercare di andarvi incontro attuando opportuni progetti di servizio. Servire con sentimenti di amicizia, iniziando con lo sviluppare questi sentimenti allinterno dei Club tra i soci e allesterno promuovendo attivit di rilevanza esterna che incidano nel sociale e possano apportare una utilit nella societ civile nella quale noi tutti operiamo e sviluppiamo le nostre attivit professionali, i nostri rapporti con gli altri, il nostro modo di essere che ritengo debba sempre essere improntato al senso della correttezza, della lealt e della onest intellettuale e morale . Per concludere, dopo queste mie personali riflessioni, non posso esimermi, quale componente della Commissione per la modifica del nome del Club, dal tracciare le vicende che hanno portato al cambiamento del nome da Rotary Club PalermoCefal a Rotary Club Palermo Agor, evoluzione che fa parte della storia del nostro Club che qui stiamo ricordando. Quando nel 2005 2006 nacque da una costola del Rotary Club Palermo-Cefal il Rotary Club Cefal, del quale stato primo Presidente il nostro socio Professore Salvatore Minafra, il Governatore del tempo, Ferdinando
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

73
Testoni Blasco, sollecit la modifica del nome del nostro Club per evidenti motivi di differenziazione. La gestazione e il travaglio sono stati lunghi e difficili. Molti soci, soprattutto i fondatori, erano comprensibilmente affezionati al vecchio nome, ma motivazioni contingenti e i tempi ormai maturi, hanno portato alla necessit del cambiamento del nome. Nel corso di quasi tre anni sono occorse alcune riunioni di Assemblea dei Soci e tre riunioni di una Commissione, appositamente costituita, (formata dal Presidente pro-tempore Antonino Panzeca, dai Past President Giuseppe Dragotta e Salvatore Longo e dalla Socia Maria Grazia Milici) con il contributo di proposte formulate da numerosi Soci, per dare vita al nuovo nome del Club. Tra i nomi proposti, quello che ha incontrato il favore della Commissione e che poi stato scelto dallAssemblea dei Soci, dopo ampia e approfondita discussione e con apposita votazione, stato Rotary Club Palermo Agor. Perch Agor?? Il termine stato scelto soprattutto per il suo significato simbolico e morale. Infatti, in greco deriva dal verbo ago cio conduco, governo; e nella Grecia antica, dal III/IV secolo A.C. in poi, indicava la piazza principale della Polis (citt). LAgor era il centro della polis dal punto di vista economico e commerciale (sede del mercato), religioso (vi si trovavano i luoghi di culto del fondatore della citt o della divinit protettrice) e politico in quanto era il luogo della democrazia per antonomasia. Era la sede delle assemblee dei cittadini che vi si riunivano per discutere i problemi della comunit, per decidere collegialmente sulle leggi e per eleggere i rappresentanti che dovevano applicarle. Era il luogo dove si creavano o mantenevano numerose relazioni interpersonali e vi si prendevano numerose decisioni. Era, in sintesi, il cuore pulsante di ogni attivit della citt e la sua funzione era eminentemente politica ed economica essendo il centro in cui si svolgeva il libero mercato e il libero scambio di idee e argomenti. Allora, quale migliore, simbolica connotazione terminologica dare al Club se non quella di Agor intesa come luogo e momento in cui si attua il libero scambio di idee e argomenti, dove si discute collegialmente, dove si assumono le decisioni riguardanti lattivit del Club, dove si esercita, in una parola, la forma pi alta di democrazia modernamente intesa? Si ritenuto che queste motivazioni si coniugassero egregiamente con lo spirito rotariano di democrazia, di libero scambio di opinioni, di creazione e mantenimento di relazioni interpersonali che si traducono in amicizia e di assunzione di decisioni che si trasformano in Service. Nello stesso spirito con cui nel 1986 nato il Rotary Club Palermo Cefal, continua e proseguir, senza soluzione, lattivit del Rotary Club Palermo Agor. Per finire, desidero ricordare quanto detto dal fondatore del Rotary International, Paul Harris, in risposta alla domanda Che cosa il Rotary ? A migliaia hanno cercato di rispondere, ognuno a proprio modo. E pi semplice enumerare tutto ci che il Rotary fa, piuttosto che dire cos . Salvatore Longo socio fondatore Presidente anno 1996 - 1997

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

74
Il mio anno da presidente

Sono trascorsi diversi anni da quando, grazie alla fiducia che i soci mi hanno accordato, ho assunto la presidenza del Club nellanno rotariano 2003-2004. Ho iniziato il periodo di servizio tenendo ben presente il motto del Presidente Internazionale che cinvitava a tendere la mano ed essere con le mani tese, pronti ad aiutare i nostri fratelli e le nostre sorelle in difficolt ed inoltre sosteneva che, se lavoriamo insieme non c limite a quanto possono fare le mani tese del Rotary. L anno di servizio ha confermato la mia convinzione che il presidente ed il consiglio devono mirare a rendere il club visibile nel territorio, per il modo come si comporta ed opera, si rende utile alla comunit, cerca di portare un valido contributo alle problematiche territoriali e sociali, senza cercare la propria affermazione personale, che si dovrebbe auspicare e raggiungere soltanto nellambito professionale. Alla fine del mandato ho avuto la sensazione che lanno di presidenza sia trascorso velocemente, lasciando il rammarico per qualche iniziativa non portata a termine, ma con la piena consapevolezza, di avere vissuto unesperienza esaltante, gratificante che mi ha arricchito tanto: ho approfondito la conoscenza del Rotary e, soprattutto, della Rotary Foundation, ho conosciuto ed apprezzato nuovi amici, ho rafforzato vecchie amicizie, sono diventato pi tollerante!!! Per questi motivi sono grato ai soci per avermi affidato, la guida del Club ed in merito mi sovviene una frase di Paul Harris, il quale ha affermato che lamicizia la pietra angolare su cui si fonda il Rotary e la tolleranza la pietra di coesione. Spero che lanno rotariano da me presieduto sia servito anche a tutti i soci per rafforzare lamicizia e la conoscenza reciproca, perch come ha ancora affermato il fondatore Paul Harris, nel lontano 1911, se questo nostro Rotary destinato a durare nel tempo, ci dovuto al fatto che voi ed io abbiamo imparato a sopportare le nostre debolezze reciproche, scoprendo, cos, il valore della tolleranza. Un club service non pu isolarsi, ma deve operare, svilupparsi e progredire nella realt nella quale svolgono la loro attivit altri club, nel nostro caso dellarea Panormus e del Distretto 2110^, confrontarsi con essi ed addirittura con clubs di altre regioni italiane o di altre nazioni. Questa consapevolezza mi ha spinto a praticare frequenti incontri sia con i clubs della nostra citt, che di altre province, di altre regioni italiane e, tramite intermediari, con club di altre nazioni convinto come sono, che negli interclub che i Rotary trovano il miglior riscontro del loro modo di essere e di realizzarsi, purch si riesca a mantenere la propria identit e quella degli altri clubs. Il confronto e la cooperazione stato sicuramente positivo anche perch un club come il nostro non pu isolarsi e vivere soltanto nel suo guscio, ma deve essere pronto a tendere la mano in tutti i sensi ed in tutte le direzioni. La collaborazione con gli altri club rotariani ci ha consentito di potere operare validamente nel sociale, collaborando a progetti umanitari in Polonia, in Ghana, nel Distretto Indiano 3160 ed altri progetti di analogo fine, ai quali con le sole nostre forze non avremmo potuto partecipare, considerate le dimensioni e la struttura del nostro piccolo club, con potenzialit economiche limitate.
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

75
Per aumentare la visibilit della presenza nel territorio, il Club ha partecipato, con il nostro Rotaract, alla II Edizione del Premio Franco Franchi, che ci ha consentito di caldeggiare lassegnazione del premio a Biagio Conte, perch la sua azione nel sociale, in perfetta sintonia con gli ideali del Rotary ed in particolare con quello di Servire il prossimo al di sopra di ogni interesse personale, in sintonia con il motto del Rotary Internazionale, per il 2003 2004, che recitava: Tendi la Mano verso lemarginato, il drogato, il disperato, il fratello di ogni colore. E stato inoltre organizzato un concorso aperto a tutte le scuole del territorio, per la presentazione di elaborati, sul tema della Famiglia, mentre per raccogliere fondi per la Rotary Foundation, stato organizzato uno spettacolo al Teatro Biondo di Palermo. Naturalmente ho potuto contare sulla collaborazione dei consiglieri, di alcuni soci e dei presidenti delle Commissioni, che mi sono stati fraternamente e quindi rotarianamente vicini. Il Club, per la prima volta, ha insignito dellonorificenza Paul Harris Fellow tre soci meritevoli: i past-president Professori Andrea Di Martino, Pietro Caruso ed Arcangelo DAntonio. Sul programma svolto nel corso dellanno non mi soffermo perch viene riportato in altre pagine del presente volume, ma mi piace terminare questo mio scritto, con laugurio che il nostro Club possa raggiungere le mete pi ambite, con la speranza che arrivismo, affermazioni personali, critiche gratuite, siano bandite e ogni socio sia pronto a tendere la mano, con sincera amicizia a tutti gli altri. E il minimo che possiamo fare se desideriamo che il nostro club abbia un roseo avvenire. PROGRAMMA REALIZZATO DAL CLUB NELLANNO ROTARIANO 2003 - 2004 1)Fondazione Rotary ed iniziative di solidariet a) Partecipazione al progetto in favore della Casa della Speranza a Cracovia, in Polonia. b) Partecipazione al progetto POLIOPLUS. c) Partecipazione al Seminario sulla Rotary Foundation. d) Sponsorizzazione con i Rotary club. di Bagheria, Corleone, Palermo Monreale dellarea Panormus e quelli di Sant Agata di Militello e Patti Terra del Tindari dellarea Peloritana del progetto umanitario Together for a better future with a good sight che ha consentito ad un gruppo di medici oculisti di prestare la loro opera in Ghana. e) Donazione alla Comunit Oasi della Speranza di Biagio Conte f) Donazione di giocattoli, in occasione del Natale, ai bambini assistiti dalla Casa Lavoro e Preghiera di Padre Messina, in collaborazione con lInteract Palermo. g) Sponsorizzazione del giovane architetto Carlo Amedeo, segnalato dal nostro Club e scelto dal Distretto il quale ha fatto parte del gruppo di studio partito per lAustralia, dove ha distribuito ai vari club Rotary il nostro gagliardetto ed una carpetta con materiale illustrativo di Cefal e della nostra citt. Al suo ritorno ha relazionato al Club sulle esperienze del viaggio. h) Ideazione e realizzazione, con ladesione dei club dellarea Panormus, di un concerto di musiche medioevali al Teatro Biondo, il cui ricavo stato devoluto alla Rotary
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

76
Foundation. 2) Attivit culturali e sociali (sono quelle riportate in ordine cronologico in altra parte del volume) 3) Conoscenza, tutela e salvaguardia del territorio con le analisi delle problematiche ambientali e visite nei luoghi prescelti (sono quelle riportate in ordine cronologico in altra parte del volume) 4) Famiglia del Rotary in particolare sono state sviluppate le seguenti azioni: a)Istituzione in seno al Club della Commissione per la Famiglia. b)Organizzazione di un Concorso aperto a tutte le scuole del territorio per la presentazione di elaborati sul tema della Famiglia, cui hanno partecipato: LIstituto Paolo Balsamo di Termini Imerese, elaborando un disegno su cartoncino sul tema :La Famiglia LIstituto Tecnico Commerciale Francesco Crispi di Palermo, redigendo un articolo di giornale sul tema: Il ruolo della famiglia visto dalla parte dei figli: esigenze ed aspettative. c)Incontro con il Prof. Antonio La Spina, docente di sociologia e Presidente del Corso di Laurea in Scienze della Formazione, il quale ha svolto una relazione sul tema La Famiglia, nel corso della quale sono stati premiati i sottoelencati alunni vincitori del concorso: dellIstituto Paolo Balsamo di Termini Imerese: Russo Loredana II D Caratozzolo Sofia III C Giunta Eugenio I D dellIstituto Tecnico Commerciale Francesco Crispi di Palermo: Rossi Maria 2 I Siino Orazio 2 I Lo Presti Teresa 2 I 5) Incremento, assiduit ed amicizia rotariana a) Incremento dellorganico con l ammissione di quattro nuovi soci b) Riunioni conviviali in interclub con gli amici di Palermo Monreale, Palermo Nord, Palermo Teatro del sole, Corleone e Parco delle Madonie per assistere ai fuochi dartificio in onore della Patrona di Palermo. c) Serata organizzata dai coniugi Miceli nella loro residenza estiva di Altavilla Milicia con i soci ed i loro familiari per rafforzare laffiatamento e lamicizia. d) Visita del Governatore in carica Paolo De Gregorio. e) Incontri con i club dellarea Panormus, di S. Agata Militello, di Patti Terra del Tindari, di Trapani e Trapani Erice, di Agrigento, di Mussomeli Valle del Platani, di Civitavecchia, etc.
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

77
f) Gita a Salemi in occasione della festa di S. Giuseppe con visita al castello. g) Settimana di Pasqua in Grecia con il Club di Trapani Erice. 6) Collaborazione con il Rotaract Palermo Cefal Con i giovani del Rotaract, nella convinzione che essi rappresentano la linfa vitale, si curata una fattiva collaborazione, molto positiva tanto che che il club ha partecipato alle nostre iniziative e il nostro club adulto ha condiviso le loro, dando il massimo sostegno ai loro progetti e la possibilit di partecipare alle assemblee, per spiegarne i contenuti o i risultati raggiunti. Sono stati instaurati rapporti aperti e di stima reciproca e sincera cordialit tra i due Club, grazie soprattutto alla Presidentessa dellanno, Roberta Macaione ed a tutti i suoi soci. 7) Collaborazione con lInteract Palermo Anche con i giovanissimi dellInteract Palermo, che raggruppa tutti i club dellarea palermitana si sono instaurati rapporti di collaborazione, sponsorizzando alcune loro iniziative: a) Assistenza ai bambini della Casa di Lavoro e Preghiera di Padre Messina b) Distribuzione di giocattoli e viveri ai bambini bisognosi. Giuseppe Miceli socio fondatore Presidente anno 2003-2004

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

78
La mia esperienza nel Rotary

Ho voluto scrivere di questo mio percorso Rotariano innanzitutto per ringraziare il Club della simpatica accoglienza prima e della attiva collaborazione dopo. Ricorder sempre il 2010-2011 come lanno che conclude un decennio di formazione, ma anche come linizio di nuovi percorsi sopratutto rivolti al sociale. Fu Nino Panzeca, mio grande amico e collega di vecchia data, che, 12 anni fa, mi parl del Rotary, illustrandomi le attivit, gli scopi, i compiti dei Soci ed i relativi impegni sociali. Tutto questo mi affascin, anche perch per il mio lavoro ero gi proiettato nel sociale, ed oltretutto perch svolgevo gi, anche se marginalmente, delle attivit a favore dei pi deboli e bisognosi. Naturalmente, quando dopo alcuni mesi lamico Nino mi invit a partecipare, insieme con mia moglie Francesca, alla riunione conviviale Natalizia del Club (anno rotariano 2000-2001), che allora si chiamava ancora Palermo - Cefal, ne fui molto felice, ma anche abbastanza emozionato. Fu una serata speciale per latmosfera festosa natalizia, ma principalmente perch tutti i Soci del club, in primis il Presidente pro-tempore Prof. Rino Minafra e la moglie, mi accolsero con tanto affetto e gentilezza. Da allora sono trascorsi tanti anni di impegno nel club e progressivamente, con laiuto dei Past-President e dei Presidenti succedutisi negli anni, ho fatto la scalata nella dirigenza del club. Dopo i primi anni di formazione, dove mi fu fra laltro chiesto di effettuare, come relatore, alcuni caminetti con tematiche a mia scelta, sono stato inserito nei primi livelli delle cariche del club, per studiare da Presidente. Non posso per nascondere che questo lungo percorso decennale ha avuto anche dei periodi un p bui e di sconforto, derivati da varie motivazioni interne ed esterne al Club. Ed eccoci a questanno Rotariano 2010-2011 che insieme ad un Consiglio Direttivo attento e lavorando sin da 6 mesi prima dellinsediamento, ci ha permesso di realizzare quanto programmato con ottimi risultati sia come partecipazione sia come qualit di tematiche scelte. Ma sicuramente il fiore allocchiello dellanno stata la realizzazione dei progetti: quello locale, che ha visto la riapertura di un Ambulatorio Medico Polispecialistico, presso la Missione della Pace dei frati Cappuccini: visite gratuite periodiche effettuate da Medici Specialisti di varie branche, per i poveri ed i bisognosi del quartiere; e poi il progetto internazionale Impegniamoci nelle Comunit, Uniamo i Continenti che ha visto la realizzazione di un Concerto di Beneficenza al Teatro Politeama, il 27/02/11, per lampliamento di unala di una scuola di Sangmelima, nel Sud del Cala nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

79
merun. Aiuteremo cos i bambini di questa piccola cittadina ad avere un luogo sicuro dove studiare e giocare, strappandoli ad un destino pieno di sofferenze e privazioni. Una serata magica per il Nostro piccolo Club che, con limpegno di pochi, ma ottimi Soci in collaborazione con i ragazzi del Rotaract , riuscito a far confluire in Teatro oltre 800 persone per realizzare un progetto Umanitario di grande spessore. Tanta bella musica con Artisti validissimi: un Coro di voci bianche meraviglioso, diretto dal M Sottile; un direttore artistico, il M Fenech che ha accompagnato superbamente la Soprano (rotaractiana)Pamela Cosenza; ed infine un quartetto di archi, Elite String Quartet, che ha strappato tanti applausi. Un grande Concerto che ho voluto intensamente, ma che stato anche realizzato grazie alla professionalita e competenza del Prefetto Beatrice e agli altri componenti della squadra: Giuseppe, Maurizio, Giorgio, Giovanni, Carlo, Conny. Dopo due riunioni Interclub nel mese di Marzo, una sulla Donna e Lavoro ed unaltra sulle Adozioni, l8 ed il 9 Aprile si svolto il Convegno sullOsteoporosi, a Palazzo Steri, sede prestigiosa, ricca di Storia e Cultura, con un primo giorno dedicato ad una Tavola Rotonda, aperta allutenza, per linformazione base sullOsteoporosi ed un secondo giorno, prettamente scientifico, rivolto ai Medici Specialisti di varie branche. A questo evento di alti contenuti scientifici hanno aderito, oltre ad alcuni Club Rotariani anche il Soroptimist e lInner Wheel. Un rapido passaggio a fine aprile, nella Domenica delle Palme, in una simpatica conviviale di Pasqua a Piana degli Albanesi, in una cornice piena di colori e tradizioni, un giorno dedicato alla fede ed al tradizionale pranzo pasquale. Dopo gli interclub di maggio, LEtica del Buongoverno ed I 150 Anni dUnit dItalia, abbiamo concluso questo meraviglioso anno rotariano con una grande festa per il 25 anniversario della fondazione del Club, datato 26/06/1986, che, costituitosi con la denominazione di Palermo Cefal, arrivato successivamente, dopo tante discussioni e votazioni, allattuale denominazione di Palermo Agora. Quindi, questultimo incontro stato la giusta conclusione di un brillante anno rotariano che ha visto il nostro piccolo club rilanciato nellambito del Rotary a dimostrazione di quanto si pu fare, anche con piccoli numeri, per realizzare progetti umanitari mirati ad aiutare i deboli, i poveri, gli ultimi della terra. Ecco, dopo 12 mesi intensi, faticosi ed impegnativi si potrebbe pensare che finalmente tutto finito ed ora si pu tornare alla normale routine di tutti i giorni, magari godendosi un meritato riposo. Personalmente, invece, ritengo che sia solo la base da cui continuare, collaborando con il nuovo consiglio direttivo per un nuovo anno rotariano 2011/2012 migliore di quello appena finito. Il 26/06/2011, in una splendida cornice estiva, alla presenza di tante autorit rotariane, dal Governatore in carica, ai Past-Governor, al Governatore incoming, ai Presila nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

80
denti dei Club uscenti ed in carica, agli Assistenti del Governatore ed ai tanti soci ed ospiti, si svolger la cerimonia del venticinquennale. Sar consegnato ai Soci ed agli Ospiti questo libro a ricordo dellanniversario, un CD con le foto ricordo dellanno in corso, medaglie ricordo ai Soci fondatori ed alla memoria dei Soci scomparsi, in ultimo saranno consegnate le onorificence Paul Harris ai Soci pi meritevoli di questultimo anno. A seguire, nella seconda parte della serata, il Passaggio della Campana, il momento finale del mio anno da Presidente e linizio dellanno di Presidenza dellamico Lucio Bacchi, con cui ho condiviso questanno, avendolo avuto come Presidente incoming. Ritengo che il Club sia cresciuto notevolmente proprio perch tutta lattivit e la progettualit stata programmata e condivisa da tutti e sar la base da cui ripartire nel prossimo anno Rotariano. Cos lattivit del Club continua, nuovi Soci sono chiamati a portare avanti i programmi del Club, e nuovi progetti saranno realizzati con limpegno di tutti. Il mio impegno di Presidente finito, almeno come mandato, ma il grosso bagaglio di esperienze maturate rimane dentro di me e sono a disposizione del Club e, da subito, sono pronto a riprendere il cammino, nel pieno spirito rotariano . Mi posso ritenere pi che soddisfatto per quanto realizzato e per le grandi esperienze maturate e per il bagaglio di umanit e solidariet data e ricevuta dentro e fuori il club. Tutto questo stato possibile grazie alla preziosa collaborazione del mio ottimo Consiglio Direttivo: Lucio Bacchi (vice Presidente), Calogero Comparato, Nino La Duca, Bartolomeo Brocco (consiglieri), Maurizio Nicosia (tesoriere), che mi hanno sostenuto e appoggiato in tutte le decisioni e valutazioni. Ma, sicuramente, il vero successo del mio anno di Presidenza, lo devo condividere con altri due Soci, componenti del Consiglio Direttivo: due grandi rotariani che sicuramente saranno in un prossimo futuro due gran belle figure del Club: Beatrice Scimeca, Prefetto instancabile e Giuseppe Cusumano, Segretario giudizioso, entrambi pieni di entusiasmo, molto attenti, disponibili, consiglieri insostituibili, una vera fortuna ad averli avuti accanto in questo percorso rotariano, due amici preziosi. In ultimo voglio rivolgere un particolare ringraziamento a mia moglie Francesca, spesso sacrificata per gli impegni rotariani, che mi ha sostenuto in questo lungo anno rotariano. Un pensiero, infine, anche ai miei figli Gregorio, Andrea e Manfredi che mi hanno collaborato nella gestione informatica del Club nellambito familiare. Un affettuoso saluto Rotariano. Sergio Salomone Presidente anno 2010 - 2011

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

81

alcune pubblicazioni nei 25 anni di attivit

i gagliardetti del club Rotary e Rotaract nella loro evoluzione

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

82

IL NOSTRO ALBUM
da sinistra Pietro Venturella, Giuseppe Miceli, Giuseppe Dragotta, Luigi Italiano, Giuseppe Gioia e Andrea Di Martino con il Governatore Francesco Vesco e le signore Dragotta e Gioia

Salvatore Garofalo con Margherita

Giuseppe Dragotta con Rosellina e Teresa Longo

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

83
Filippo Aiello, Giuseppe Dragotta, Alfonso Sciortino, Santo Caracappa, Pietro Caruso, Giuseppe La Barbera con Margherita Garofalo e Maria Caruso

Giuseppe La Barbera, Giuseppe Gioia, Andrea Di Martino e Giuseppe Dragotta

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

84

foto di gruppo dei soci

foto di gruppo delle consorti


la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

85

Salvatore Longo, Salvatore Garofalo, Giuseppe Gioia con le loro consorti

Filippo Aiello, Salvatore Longo, Salvatore Camillo, Ignazio Candioto, Mariano Cartabellotta, Giuseppe Simonetti, Alfonso Sciortino con le loro consorti
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

86
Ignazio Raimondi, Rosario Barreca, Arcangelo DAntonio, Filippo Levantino, Maurizio Maniscalco con le loro consorti

Enrico Aiello, Giuseppe Dragotta con Danilo Mainardi e Francesco La Rosa

Giuseppe Dragotta con Giuseppe Grado, Leoluca Orlando e P. Amedeo Cordua


la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

87
foto di gruppo attorno al tavolo rotariano

Ignazio Candioto, Ignazio Raimondi, Sergio Imburgia, Salvatore Garofalo, Maurizio Maniscalco, Rino Minafra, Giuseppe Cicero con Luigi Nobile e Gaetano De Bernardis
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

88
Vincenzo Bonadonna, Nicasio Gigante, Salvatore Garofalo con le loro consorti

Pietro Caruso, Luigi Italiano, Enrico Aiello con le loro consorti

Giuseppe Gioia, Giuseppe Dragotta con P. Ludovico Mariani, Emilio Arcuri e Giovanna Fiume
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

89

Giuseppe Miceli, Rino Minafra con Ida e Rosellina Dragotta

lettera di ringraziamento dal Vaticano

lettera di ringraziamento dal Presidente Internazionale

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

90

Domenico Badagliacca, Francesco Massa, Benedetto Giubilato con le loro consorti

Foto di gruppo dei soci con le loro consorti


la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

91

Alfonso Sciortino, Salvatore Garofalo, Giuseppe Dragotta, Ignazio Raimondi con Angela Di Pasquale, Mariantonietta Miceli e Pietro Tinaglia

Filippo Levantino, Luigi Italiano, Maurizio Maniscalco, Nino La Duca con il Governatore Paolo De Gregorio e Nunzio Scibilia
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

92
Andrea Di Martino, Maria Grazia Milici con il Governatore Paolo De Gregorio

premio distrettuale al club sotto la Presidenza Miceli

riconoscimento al club sotto la Presidenza Maniscalco

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

93

poster raffigurativo delle attivit sociali svolte sotto la Presidenza Miceli

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

94

Filippo Levantino, Andrea Di Martino, Armando Porrovecchio, Alfonso Sciortino con le loro consorti

Rosario Barreca, Pietro Caruso, Alfredo Li Vecchi, Salvatore Longo, Salvino Calandra, Maria Grazia Milici con i loro consorti
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

95

Andrea Di Martino, Santo Caracappa, Giuseppe Miceli, Natale Bellia con Mariantonietta Miceli e Daniela Caracappa

Santo Caracappa e Giuseppe Miceli con Grazia Italiano

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

96
attestato di merito al club sotto la Presidenza Miceli

omaggio per il ventennale del club sotto la Presidenza Maniscalco

poster raffigurativo delle attivit sociali svolte sotto la Presidenza Levantino

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

97

Santo Caracappa, Giuseppe Miceli, Giuseppe Simonetti con Mariantonietta Miceli

Alfonso Sciortino, Maurizio Nicosia con il Governatore Salvatore Sarpietro

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

98
Alfonso Sciortino con il Governatore Salvatore Sarpietro, Maurizio Russo e il D.G. incoming Gaetano Lo Cicero

restauro della vara di SantAnna sotto la Presidenza Sciortino

Salvatore Garofalo, Alfonso Sciortino, Pietro Venturella, Andrea Di Martino, Salvatore Longo, Filippo Levantino, Maurizio Maniscalco con le loro consorti
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

99
Luigi Italiano, Andrea Di Martino, Calogero Comparato, Salvatore Garofalo, Maurizio Maniscalco con le loro consorti

Salvatore Garofalo, Maurizio Maniscalco, Filippo Levantino, Andrea Di Martino, Calogero Comparato, Fabio La Torre con le loro consorti

foto di gruppo a Pantelleria


la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

100
Giuseppe Caputo, Salvatore Garofalo, Luciano Cirincione

mattonella in onore a San Benedetto sotto la Presidenza Panzeca

Calogero Caruso con Marzia Snaiderbaur, Vito Martorana e Gaetano Savona


la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

101
Giuseppe Caputo, Giuseppe Cusumano con Nino Catalano, Mariantonietta Miceli e Anna Caputo

foto di gruppo a Maccalube

Sergio Salomone, Salvatore Battaglia con Vito Martorana


la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

102
Sergio Salomone, Giuseppe Caputo con il Governatore Nicola Carlisi e il D.G. incoming Gaetano Lo Cicero

Grazia Cassar DAntonio, Maurizio Maniscalco con Maria

Sergio Salomone con il Governatore Salvatore Lo Curto e i rappresentanti Giuseppe Chianello e Rosario Tornabene
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

103
Santo Caracappa, Sergio Salomone a Palazzolo Acreide

Beatrice Scimeca

Sergio Salomone con il rappresentante Giuseppe Chianello, Vito Maertorana e P. Domenico Spatola

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

104
foto di gruppo a Marettimo

Sergio Salomone, Beatrice Scimeca

Giuseppe Cusumano, Sergio Salomone con il rappresentante Giuseppe Chianello e Giorgio Faraci

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

105
Sergio Salomone con il Governatore Salvatore Lo Curto

poster del convegno sullOsteoporosi sotto la Presidenza Salomone

Sergio Salomone a Piana Degli Albanesi

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

106

IL NOSTRO ROTARACT

ROTARACT PALERMO AGORA Consiglio Direttivo Anno Sociale 2010-2011 Presidente: Giorgio Faraci Vice Presidenti: Giuseppe Chiaracane e Francesco Sommatino Segretari: Giovanni Farinella e Carlo Melloni Tesoriere: Ruggero Siciliano Prefetti: Francesco Farinella e Nausicaa Fogazza Consiglieri: Alfredo Geraci, Angelo Lauria e Maria Lannino Past President: Guglielmo Melloni Soci effettivi: Conny Catalano, Loredana Citro, Clementina De Lisi, Giovanni Dragotta, Enrico Galatioto, Lavinia La Menza, Nadia La Torre Soci onorari Arch. Dragotta Giuseppe, Dott. Gioia Gianluca, Cav. Lav. Gioia Giuseppe, Ing. La Torre Fabio, Dott.ssa Macaione Roberta Soci amici Calacione Sergio, Galatioto Alessandra

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

107
Rotary e Rotaract: esperienze a confronto a distanza di 40 anni (1970-2010) Il tema che desidero affrontare nasce dalla consapevolezza dei mutati rapporti non solo tra club Rotary e club Rotaract e/o Interact, ma in generale per le contrapposizioni generazionali, tra padri e figli, tra insegnanti e studenti, tra maestri ed apprendisti etc. Inizio questa mia personale riflessione in base alla duplice esperienza acquisita, di past president del rotaract e del rotary, a distanza luno dallaltro di trenta anni circa, coincidenza davvero singolare, che appartiene a pochi rotaractiani e rotariani. Chi scrive appunto un ex rotaractiano, tesoriere e presidente agli inizi degli anni 70, precisamente nel periodo tra il 1971 e il 1974, dellallora club Palermo, poi divenuto socio fondatore nel 1986, del club Rotary Palermo Cefal, di cui stato subito prefetto, per nove anni segretario e dulcis in fundo presidente, nellanno mitico del cambio di secolo. Non posso non pensare ai miei anni trascorsi nel rotaract, appena cinque, ma intensissimi e stracolmi di attivit, che mi hanno dotato di un bagaglio di esperienze utilissime, per il prosieguo della mia personale formazione culturale e professionale. Il club rotaract, allora pi di adesso, rappresentava una associazione libera di servizio, ritenuta elitaria, che doveva operare nel proprio territorio e proiettarsi allesterno, diffondendo con concretezza, ideali e valori fondamentali della amicizia, della solidariet e della pace. A distanza di 35 anni simili concetti non devono intendersi superati ed anzi inducono a riflettere maggiormente, visto quello che ogni giorno accade nel mondo e si legge sui giornali o si vede in televisione. Ho iniziato a frequentare il rotaract di Palermo, allindomani degli anni della contestazione giovanile del 69, appena iscritto alluniversit di Palermo, in facolt di architettura, assai politicizzata e molto schierata politicamente a sinistra. Appunto per questo appariva contradditorio appartenere ad un club di categoria, come allora era considerata laffiliazione giovanile, del ben pi noto Rotary, e partecipare ad assemblee e occupazioni studentesche, che in quei periodi erano molto frequenti; personalmente ero vocato e attratto dagli ideali del primo, ritenendo fastidiose e nocive le seconde, che rallentavano il percorso di studio e vanificavano il processo di merito. Per un casuale quanto normale e ricorrente cambio generazionale di altri amici che frattanto avevano raggiunto i 28 anni di et, io ed altri pi giovani soci, in quegli anni ci trovammo a succedere loro nella gestione e governo del club. Nella citt di Palermo allora operavano soltanto due club rotaract, come due erano i rotary padrini, Palermo e Palermo Est e non nascondo che esisteva una certa rivalit e competizione, perch rivalit e competizione esisteva nei rotary, ma ancor pi diversamente da oggi, lappartenenza ad un club elitario, come quello rotariano, aveva un significato diverso, era certamente pi qualificante di ora. Le motivazioni positive sono da attribuire alle opportunit di incontro, di scambio e di dialettica culturale, ma anche di conoscenza e di svago che erano meno frequenti
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

108
di adesso, e riservate ad una cerchia pi ristretta: gli iscritti erano quasi tutti studenti universitari ed anche le uscite serali per gli stessi giovani erano pi dilazionate, basti pensare che non esistevano i pub e/o i circoli, mentre le pizzerie iniziavano in quegli anni a fiorire, con la loro escalation sociale e consumistica. Si prediligeva organizzare tavole rotonde e dibattiti, cineforum e attivit sportive e ricreative e ricordo che una caccia al tesoro, promossa nel periodo natalizio, rimase indelebile nella mente dei partecipanti per anni, mentre le beneficenze erano rivolte allunica organizzazione umanitaria e sociale operante nella nostra citt: la Missione Palermo di Padre La Rosa, gesuita di Casa Professa. Le riunioni preminentemente si svolgevano al Circolo della Stampa, allocato al piano terra, allinterno del Teatro Massimo, allora nel pieno dei suoi fasti, o nella sede del Rotary Palermo, in piazzetta Bagnasco, al quinto piano di un palazzo di civile abitazione; i relatori erano proprio i rotariani che svolgevano il ruolo di conferenzieri, intrattenendoci con relazioni molto spesso odiose e noiose, ma nessuno osava mostrare il bench minimo disappunto, anche perch, fuori dal sodalizio, non di rado erano loro stessi i baroni universitari con cui si doveva affrontare un esame o discutere la tesi di laurea. Io, per i motivi prima riferiti, non potevo godere di simili privilegi, per il semplice motivo che i miei docenti cattedratici non appartenevano al Rotary! Mi sia concesso affermare che i giovani di allora erano pi rispettosi e sottomessi nei confronti degli adulti, forse anche pi timorosi, perch essenzialmente diverso era il rapporto con i genitori, che inculcavano pi autorit ed erano pi patriarcali di come siamo noi genitori di oggi, pi tolleranti nei confronti dei figli ed in generale della giovent. Pochi dei rotariani di allora erano sinceramente vicini e disponibili con i ragazzi-rotaractiani, facevano pesare in ogni occasione la loro sapienza e scienza, come se trattassero con i propri figli o discenti; posso assicurare che rapporti, con minore ipocrisia e maggiore confidenza, intrattenevano con i giovanissimi dellinteract, perch maggiormente malleabili e gestibili e individuati generazionalmente come loro nipoti. Oggi ritengo che tale rapporto fra rotariano e rotaractiano molto mutato, per condizioni sociali, minori conflitti, oltre ad una maggiore intraprendenza giovanile che consente loro di instaurare, con i soci pi anziani, rapporti personali e soggettivi. Certamente un atteggiamento non cambiato, allora come adesso: tutti i rotariani riconoscono il ruolo ed il valore insostituibile che i giovani hanno, mobilitano le loro animosit ed intelligenze per rendere il mondo migliore, tentano di agire con efficace penetrazione nel mondo giovanile, cos travagliato e sconvolto da mille problemi, cos tanto inselvaggito ed avvilito dai problemi sociali. Di frequente nelle riunioni rotariane si sente ribadire che le generazioni pi giovani sono la speranza ed il futuro, perch a ragione ritenute un potenziale rotariano e inoltre perch, quale legge di natura, ci deve essere un ricambio e la ruota dentata,
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

109
simbolo rotariano per eccellenza, ne lespressione autentica! Il Rotary attinge soci dal serbatoio umano che rappresentato dal Rotaract; in molti club, compreso il nostro, Palermo-Agor gi Palermo-Cefal, si sono promosse negli anni passati, iniziative a loro favore, con labolizione della quota di iscrizione o favorendo la categoria se occupata in precedenza, ma non si pensi per questo che il passaggio, fra il club giovanile e laltro adulto, sia automatico ed indolore. In tal senso lesperienza finora ha dimostrato che, tutti i soci rotaractiani della prima ora non abbiano fallito, altri di affiliazione pi recente invece, non hanno trovato quellequilibrio auspicato e dopo un breve periodo di frequentazione, sono fuoriusciti, senza una plausibile motivazione! Forse a queste difficolt potrebbe fare soccorso la modifica della norma attuale che sancisce il termine massimo dei 28 anni di et, superati i quali non si pu pi far parte del rotaract, per fuori dubbio che, sotto i trenta anni, prematuro entrare al Rotary, in quanto quasi sempre si generano incomprensioni, illusioni o equivoche aspettative da entrambe le parti. Negli anni 70 oltre ai rotaract club ed ai leo club, emanazione giovanile dei Lions, esisteva un club lo Junior Chamber, che veniva incontro a risolvere tale vacatio e serviva a colmare questo arco di tempo transitorio. Ritengo che debba essere determinante inculcare i valori rotariani alle giovani generazioni, motivare l appartenenza alla associazione, stimolare, credere, operare a favore del servizio rotariano, oltre ad essere ottimisti e carichi di entusiasmo: con tali ricette penso che il Rotaract possa essere una scuola di vita, nella quale latto del servire e dellagire diventi la filosofia rotariana, che deve tradursi in attivit concrete. In questa ottica di scuola di formazione, che anche palestra di vita, ogni rotariano deve essere di esempio ai giovani che tante aspettative e speranze ripongono in loro. La mia esperienza di presidente rotariano nellanno 1999-2000, nei confronti del rotaract, a detta degli altri, stata esemplare; con Gianluca Gioia, con Fabio La Torre, con Monica Vinti, con Aurelio Caronia e mi limito solo a ricordare gli amici pi impegnati, perch altrimenti li dovrei citare tutti, abbiamo trascorso un anno splendido, ricco di attivit di servizio, durante il quale lamicizia, la stima, la cordialit intrattenuta con tutti loro e tutti loro con me, con mia moglie e con mio figlio, sono stati esemplari. Abbiamo collaborato ed operato con grande sinergia e condivisione di intenti e di ideali, consapevoli dei ruoli differenti, ma per questo insostituibili, abbiamo portato avanti progetti sociali e culturali, attivit benefiche ancora vive nella mente di tanti. Un augurio che mi sento di formulare a tutti, adulti e giovani di ieri e di oggi, che ci possa essere sempre questa armonia e questo clima sereno, ricco di entusiasmo, interesse ed impegno proficuo. Affermavo prima quanto sia riconoscibile un rotariano, post-rotaractiano, non soltanto per la sua predisposizione al servizio, ma soprattutto nei confronti dei giovani, perch resta sempre uno di loro, non dimentica mai di esserlo stato, non li tratta
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

110
come il docente cattedratico, o come il burocrate, o come il magnate tratta i giovani in genere, possano essere anche i propri figli, nipoti etc. Desidero ancora sottolineare la diversit delle generazioni: i giovani rotaractiani doggi sono certamente pi brillanti, pi adulti, gi molti inseriti felicemente nel mondo del lavoro, pieni di vitalit, forse pi intraprendenti e volitivi, ma proprio perch di maggiore et, difficilmente accettano il ruolo di discente e sono meno pazienti; ai giovani doggi nulla si deve insegnare perch gi tutto sanno o ritengono di sapere, per questo penso che una maggiore e consapevole umilt non farebbe loro male. Desidero concludere lanciando una proposta che pu essere una sfida ai giovani, sprizzanti di energie e volont, entusiasti della vita e dei suoi valori, altruisti verso il prossimo: la societ oggi vive angosce di ogni genere, perch non pensare di mettere insieme tutte le loro forze, a fianco del volontariato sociale, di cui ci si accorti finalmente che non si pu fare a meno, per combattere una delle tante pene che avviliscono i giovani, per esempio la droga o lalcool o la solitudine o il divertimento sfrenato, malanni del nuovo secolo! Provateci sono certo che vi riuscirete. A volte si pensa a torto che il volontariato e lassociazionismo stiano dentro una sala parrocchiale di una chiesa o dentro le mura di un circolo culturale, sportivo, politico, ricreativo, ma ci si sbaglia; si pu fare tanta opera di bene e proselitismo, anche per strada con gli amici dellangolo o del cosiddetto muretto, ed una occasione importante e salutare pu essere offerta dal branco, oggi tanto vituperato, per le cronache nere riportate sui giornali, a cui pu bastare un consiglio al momento opportuno o una parola giusta magari alluscita dalla discoteca, per evitare una disgrazia o una ricaduta in un vizio che condurr al peggio. In quel caso limportanza di tale gesto ha un valore inestimabile di cui non ci si rende conto. Da qualche tempo sono allesame varie proposte e disegni di legge per riconoscere al volontariato appunto soggettivit del no-profit, con introduzione di benefici fiscali in contraccambio della operativit sollecitata. La mia memoria corre al recente evento sismico dellAquila dello scorso anno e poi alla frana nel messinese, disastri naturali in cui Protezione Civile, Vigili del Fuoco, Croce Rossa, tecnici ed esperti, erano presenti insieme ai volontari, suddivisi in squadre, con compiti assegnati, svolti con grande responsabilit e soprattutto utili quanto apprezzati. Ecco, in conclusione limpegno del Rotaract nellimmediato futuro penso possa rivolgersi a svolgere un ruolo di affiancamento presso le strutture istituzionali preposte a tale scopo con caratteri di urgenza, temporaneit, capacit e volontariet sociale e professionale. Giuseppe Dragotta Presidente Rotaract Palermo 1973-1974 Presidente Rotary Palermo Cefal 1999-2000

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

111
UBI SOCIETAS IBI ROTARACT

Carissimi Amici, con orgoglio e responsabilit questanno mi trovo a guidare un Rotaract Club giovane ed attivo come il Palermo Agor, sempre pronto ad accettare nuove ed ambiziose sfide per aiutare chi ha pi bisogno ed illuminare i coni dombra che la societ trascura. Onorato di essere stato scelto dallAssemblea dei Soci per questanno sociale, come primus inter pares, sono convinto dellimportanza della condivisione delle scelte e delle decisioni. LAnno Sociale non del Presidente, n del Consiglio Direttivo, ma dellAssemblea dei Soci. Il nostro un Club eterogeneo e questo costituisce una risorsa, ciascuno deve mettere le proprie capacit, i desideri e le aspirazioni in condivisione con gli altri. Essere Rotaractiani significa anche impegnarsi per realizzare i sogni. Il Club non un organismo isolato, esso si trova in relazione con altri Clubs vicini e lontani. Oggi, nellera di internet e della globalizzazione, le frontiere si annullano, la mobilit pi semplice e rapida, tutti siamo abituati a spostarci, allora ancora pi importante mettersi in relazione con gli altri, fare rete, perch vero che lunione fa la forza. Penso alla Zona Panormus, al Distretto 2110, altri Distretti italiani e stranieri con cui vanno stimolate ed intraprese iniziative comuni, quali Interclubs, Gemellaggi e progetti di Service. Questanno il Rotaract e il Rotary si sono trovati a lavorare a stretto contatto e hanno portato avanti iniziative ambiziose proprio perch insieme. Nellaprirsi e confrontarsi con gli altri bisogna, per, difendere sempre le nostre radici e la nostra identit, per questo motivo, da architetto, siciliano cosmopolita, dedico questanno alla Cultura, allArte e allIdentit Siciliana. Mi avvio alla conclusione dellanno sociale soddisfatto dei tanti obiettivi raggiunti, tra i quali lelezione di uno dei nostri soci a RRD per lanno sociale 2012/2013, e con la sicurezza della crescita e della continuit del Palermo Agor nei prossimi anni, per la presenza dei tanti ragazzi molto giovani che affiancano altri meno giovani, accomunati tutti da una grande voglia di fare, di mettersi in gioco, di spendersi per migliorare la societ in cui vivono. Forza Palermo Agor! Giorgio Faraci Presidente Rotaract Palermo Agor anno 2010-2011

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

112
Un anno all insegna della amicizia e dello spirito di servizio rotariano Fra i numerosi e molteplici motivi per cui ricordare con orgoglio lanno sociale 20032004, in pole position da annoverare il meraviglioso rapporto di collaborazione ed affiatamento con cui, per merito del Presidente dott. Giuseppe Miceli egregiamente sostenuto dal Consiglio direttivo, dal Delegato giovani ing. Fabio La Torre e dal nostro socio onorario arch. Giuseppe Dragotta (mio amatissimo zio e mentore nel mondo rotariano), hanno operato il Rotary Club Palermo Cefal ed il suo Rotaract Club che in quello stesso anno ho presieduto. Incarnando pienamente il proprio ruolo di Padrino, il Rotary Club ha infatti promosso e sostenuto sia finanziariamente che fattivamente diverse attivit di service e progetti tra i quali possiamo ricordare: la partecipazione finanziaria dei due club al Premio Franco Franchi-Ciccio Ingrassia, organizzato dal Comune di Palermo, dalla Provincia regionale di Palermo e dalla Regione Siciliana e svoltosi presso il Teatro Politeama Garibaldi di Palermo con ampio successo di pubblico; il Progetto Il Rotary al servizio delle Professioni. Dal sapere al saper fare promosso dal nostro Rotaract e adottato da tutti i Rotary e i Rotaract clubs del Gruppo Panormus per offrire ai giovani, laureandi e neolaureati rotaractiani e non, unimportante occasione di orientamento e di crescita professionale attraverso esperienze di stage guidate da mentori rotariani; il sostegno al progetto della Rotary Foundation attraverso il quale loculista dott. Davide Donzelli e la sua equipe medica hanno effettuato centinaia di visite ambulatoriali e di interventi chirurgici presso il Comboni Centre di Sokakope (Ghana). Numerose sono state poi le occasioni di incontro e di scambio di amicizia rotariana: una rappresentanza del nostro Rotaract ha sempre partecipato alle assemblee dei soci del Rotary club padrino, alle conviviali di Natale e Pasqua, alla Visita del Governatore prof. Paolo De Gregorio ed ai Passaggi di Campana. Per tutti i motivi su esposti e per molti altri ancora lanno 2003-2004 senzaltro da ricordare come forte momento di crescita per tutti i soci del Rotaract, molti dei quali sono gi entrati al Rotary riversandovi lo spirito di servizio, di ottimismo e di entusiasmo acquisito anche grazie al sostegno del Rotary club padrino. Roberta Macaione Presidente Rotaract Palermo Cefal anno 2003-2004

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

113
21 anni e non sentirli Quando mi hanno chiesto di scrivere qualcosa sul nostro Club Rotaract in termini di impressioni ed esperienze, vi dico la verit, ho passato unoretta buona davanti a un foglio bianco. Non tanto perch non ci fosse nulla o troppo poco da scrivere, quanto perch la quantit di ricordi talmente tanta che difficile sintetizzarli in poche righe. Sono entrato a far parte del Club e nemmeno ne ricordo il perch. Ricordo solo che alla prima riunione in cui fui coinvolto trovai un clima cos rilassato ed amichevole che nulla aveva a che fare con quanto mi aspettavo. Una serie di volti stranamente affabili e sorridenti che mi accoglievano e mi facevano un sacco di domande sullo studio, i miei interessi, il mio essere Rotaractiano. Va bene per le prime due domande, ma dellessere Rotaractiano nemmeno una minima idea (e qualcuno dice che sia ancora cos!). Li guardavo a met tra lo stupito ed il curioso e risposi: sono qui perch non ho idea di cosa sia il Rotarc e mi incuriosisce!. Una tipa abbronzatissima e con due occhioni verdi mi guard con un fare a met tra il disperato e il divertito: Si dice RotaracT, non Rotarc e laccento sulla O e non sulla A! Tieni! Leggiti il manuale! E comunque sei dei nostri!. Straordinario! pensai, faccio parte del Rotaract e nemmeno so che cosa ! Certo che se mi hanno preso subito mi sa che hanno qualche problema... chiss dov la fregatura. Il resto fu una serie incredibile di esperienze, chilometri e chilometri di strada a qualunque ora del giorno e della notte, salsicciate, scampagnate, concerti benefici, vendite di torte, progetti, programmi, collette alimentari, raccolta di fondi, convegni, caminetti, conferenze, amicizie, litigi, abbracci, successi, sconfitte, saluti, addii, emozioni, emozioni, emozioni. In una sola parola ROTARACT. In 21 anni di storia di acqua sotto i ponti ne passata e raccontare singoli episodi sarebbe francamente molto riduttivo. I nostri 21 anni sono un po come quelli di un ragazzo: sei al meglio della vita, o almeno cos dicono. A 21 anni hai tutto ancora da vivere, un pizzico di esperienza, le sfide non ti sembrano poi cos impossibili da superare sostanzialmente sei un poco esperiente e un poco incosciente, hai appreso dallesperienza degli altri, ma senza dubbio hai ancora quella leggerezza che ti ha portato ad avere ambizioni cos grandi perch in fondo, il Rotaract anche questo, e non neanche troppo cambiato nel tempo. Il bello del nostro sodalizio sta anche nellimmutabilit di alcune cose: espressioni, tradizioni, sorrisi, pianti, comunione di intenti, speranze per il futuro, difficolt da affrontare, passione per la vita, voglia di riuscire a fare qualcosa di buono, voglia di dare un segnale, di dare la svolta, di contribuire al cambiamento, alla storia. Chi siamo noi giovani dai 18 ai 30 anni se non ragazzi come tutti gli altri? Da quando il nostro sodalizio esiste moltissimi accadimenti si sono susseguiti nel mondo, vicende che, lontane o vicine, hanno lasciato nei nostri cuori e nelle nostre menti una traccia. Eventi pi grandi di noi che ogni giorno ci ricordano quanto siamo piccoli e fragili come esseri umani, ma, ed questa la grandezza dellumanit, che ci danno loccasione e lopportunit di metterci al servizio dellaltro, di confrontarci con laltro da noi, di conoscere meglio noi stessi. Il Rotaract tutto questo e molto altro ancora. E luogo in cui crescere, in cui affrontare sfide con se stessi, opportunit di vita. Carlo Melloni Presidente Rotaract Palermo Cefal anno 2008-2009
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

114

foto di gruppo sotto la Presidenza Longo

Roberta Macaione e Daniela Cappello con Giuseppe e Rosellina Dragotta


la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

115

consegna di un premio all Interact sotto la Presidenza Miceli riconoscimento di un premio al club

foto di gruppo dei soci


la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

116

festeggiamento per la elezione di Carlo Melloni a Rappresentante Distrettuale

foto di gruppo dei soci

la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

117

Giorgio Faraci con alcuni consoci

incontro di alcuni soci con il Governatore Salvatore Lo Curto sotto la Presidenza Salomone
la nostra storia, le nostre impressioni, il nostro album, il nostro rotaract

118
PREGHIERA DEL ROTARIANO DIO DI TUTTI I POPOLI DELLA TERRA, DIO CHE CI HAI VOLUTI FRATELLI, SENZA DISTINZIONE DI SORTA, SOTTO LALA DELLA TUA MISERICORDIA, DIO CHE CI HAI DONATO LA CAPACITA DEL PENSIERO E DELLAZIONE PER FARNE USO, SECONDO LE NOSTRE ATTITUDINI PERSONALI, A FAVORE DELLUMANITA, DIO CHE ILLUMINI LA NOSTRA NOTTE TERRENA CON IL RAGGIO DELLA SPERANZA. RENDICI STRUMENTO DI SALVEZZA E Dl CONFORTO PER TUTTI COLORO CHE HANNO SETE DEL TUO AMORE E DELLA TUA GIUSTIZIA. COLMACI DELLA TUA LUCE E DELLA TUA FORZA AFFINCHE CIASCUNO DI NOI, IMPEGNATO NEL ROTARY AL SERVIZIO DELLUOMO, POSSA TROVARE IN OGNI MOMENTO DELLA SUA GIORNATA LOCCASIONE DI SOCCORRERE CHI INVOCA AMORE, CARITA E COMPRENSIONE. FA CHE OGNI SERA CALI SU DI NOI, CON LA TUA BENEDIZIONE, QUELLA Dl COLORO CUI ABBIAMO OFFERTO UN SORRISO, SUSCITATO UNA FEDE, ARRECATO UN AIUTO. ALLONTANA DA NOI LE TRISTI OMBRE DELLINDIFFERENZA, DEL CINISMO, DELLEGOISMO, DELLA RIPULSA. DELLA FALSITA. DONA PACE AI NOSTRI CUORI, CORAGGIO ALLE NOSTRE ANIME, PAZIENZA ALLE NOSTRE AZIONI, TOLLERANZA ALLA NOSTRA FORZA. RENDICI PARTECIPI DELLA TUA GRAZIA UNITAMENTE A TUTTE LE PERSONE A NOI CARE, AI POVERI, AI TRIBOLATI, AGLI SBANDATI, AGLI OPPRESSI. COSI SIA

Pubblicazione fuori commercio ad uso esclusivo dei rotariani dei club del Distretto 2110 Sicilia e Malta. I dati in essa riportati non possono essere utilizzati per scopi estranei all ambito rotariano. Finito di stampare in maggio 2011 dalle

Interessi correlati