Sei sulla pagina 1di 40

Le cGMP

Indice

01 Farmaco e Fiducia 05 Pharmaceutical Legislation – Volume 4

02 Fondamenti GMP 06 La documentazione in GMP

03 Qualità

04 Documenti principali

2
LA NATURA SPECIALE DEL FARMACO

 I farmaci sono dei prodotti del tutto


speciali: quasi sempre il consumatore (cioè il
paziente) è del tutto inconsapevole di ciò che
consuma, pur confidando sull’efficacia del
farmaco assunto.
 Il paziente si trova all’estremità finale di una
catena di fiducia, che si estende dal produttore
del principio attivo, all’officina farmaceutica che
effettua la preparazione della forma farmaceutica
finale, al sistema di distribuzione, al medico che
provvede alla prescrizione del farmaco ed all’ente
che lo somministra.

3
LA NATURA SPECIALE DEL FARMACO

 La responsabilità sociale e morale che


consegue da questa “catena della fiducia” è,
senza nessuna esclusione, una delle principali
ragioni che impongono, a tutti gli anelli della
catena stessa, l’applicazione di tutti i sistemi
che possano contribuire ad assicurare la
qualità del prodotto.

LIFECYCLE DEL FARMACO

4
Qualità

 Una misura della conformità di un prodotto o di


un materiale con un predeterminata specifica
(definizione classica, propria dell’approccio tipico
del Controllo di Qualità).
 L’insieme degli aspetti e delle caratteristiche di
un prodotto o di un servizio che contribuiscono a
determinare la sua capacità di soddisfare una
determinata necessità (definizione espressa dal
“Institute of Quality Assurance”).

5
GMP - NORME DI BUONA FABBRICAZIONE
Good Manufacturing Practices

 Le Norme di Buona Fabbricazione (GMP),


corrispondono a quella parte dell’assicurazione
di qualità che ha lo scopo di assicurare che i
prodotti vengono fabbricati in modo da risultare
consistentemente di qualità adeguata per l’uso
che se ne intende fare.
 Esse, pertanto, hanno per oggetto sia la
produzione che il controllo di qualità. (EU GMP
1.3)
LE GMP SONO OBBLIGATORIE PER TUTTI I
PRODUTTORI DI FARMACI!

6
I FONDAMENTI DELLE GMP
Good Manufacturing Practices

 Il controllo finale dei prodotti farmaceutici è


Valutazione
necessariamente statistico (e, quasi sempre di dei rischi
tipo distruttivo), di conseguenza non può essere
sufficiente.
 La qualità di un prodotto deve essere costruita
durante il processo di produzione, tenendo sotto SISTEMA
controllo non solo il risultato finale, ma anche le ASSICURAZIONE
varie fasi di produzione, valutandone il rischio QUALITA’
associato a ciascuna Processo Controllo
sotto statistico
Controllo finale

7
Le GMP
Le GMP NON SONO istruzioni prescrittive su come
produrre un farmaco.
Sono una serie di principi generali che devono essere
osservati durante la produzione di un farmaco. Ci
possono essere differenti modalità per adempiere
ai requisiti GMP, ed è responsabilità dell’azienda
determinare come implementare il sistema di qualità più
efficiente ed efficace.
Le GMP
L’applicazione delle GMP ha avuto inizio nel 1960, e ad
oggi vengono applicate in oltre 100 paesi che vanno
dall’ Afghanistan allo Zimbabwe. Sebbene molti paesi
abbiano sviluppato sistemi locali, l'Organizzazione
Mondiale della Sanità (World Healt Organization,
WHO) ha spinto per avere un sistema Standard di
riferimento, le GMP.
Oggetto delle GMP
MEDICINALE

DEFINIZIONE:

“ogni sostanza o composizione, di origine animale,


vegetale o sintetica, avente proprietà curative o
profilattiche delle malattie umane o animali, nonché
ogni sostanza o composizione da somministrare
all’uomo o all'animale allo scopo di stabilire una
diagnosi medica o di ripristinarne, correggerne o
modificarne funzioni organiche”.
Oggetto delle GMP
QUALITA’ DI UN MEDICINALE

La QUALITA’ di un medicinale è definita dal


livello di appropriatezza rispetto allo scopo
per cui è stato studiato e prodotto.

La sua SICUREZZA ed EFFICACIA non


sono prescindibili dal suo livello di qualità, ma
sono parte integrante di esso.
OTTO PRINCIPI DELLA QUALITA’

 Orientamento al cliente
 Leadership
 Coinvolgimento del personale
 Gestione dei processi
 Orientamento ai sistemi di gestione
 Miglioramento continuo
 Decisioni basate su dati di fatto
 Rapporto di reciproco beneficio con i fornitori

12
Oggetto delle GMP
DOGMA DELLE GMP

La qualità non può essere


affidata all’esame finale del
lotto, ma deve essere costruita
in ciascun lotto di prodotto
durante tutte le fasi del
processo produttivo.
LE GMP e le relazioni fra Dipartimenti
E’ l’insieme delle funzioni che
hanno l’obiettivo di assicurare che
QC
QA il prodotto rispetterà i requisiti di
qualità richiesti.

GMP
GMP
E’ la parte del QA preposta a
garantire che i medicinali siano
prodotti in modo consistente e
QA
con la qualità appropriata per
l’uso stabilito

E’ la parte delle GMP che riguarda


il campionamento, il testing, la
QC documentazione e le procedure di
rilascio a garanzia della corretta
esecuzione dei processi analitici.
10 Principi delle GMP
 Progettare e costruire correttamente le strutture e le
attrezzature
 Seguire procedure e istruzioni scritte
 Attività documentale
 Convalidare il lavoro
 Monitorare strutture e attrezzature
 Scrivere procedure operative passo passo e lavorare con
istruzioni dettagliate
 Progettare, sviluppare e dimostrare competenza professionale
 Proteggere dalla contaminazione
 Componenti di controllo e processi relativi ai prodotti
 Effettuare audit pianificati
I principali documenti

 Policies
 SOP
 Specifications
 MFR (Master Formula Record), MBR (Master Batch Record)
 Manuals
 Master plans/ files
 Validation protocols
 Forms and Formats (test sheet)
 Records (Log Book, manutenzione…)
Caratteristiche di un buon documento

 Accurato  Leggibile
 Chiaro  Contestuale
 Completo  Diretto
 Coerente  Autentico
 Indelebile  Autorizzato
I motivi per applicare le GMP

QUINDI, PERCHE’ APPLICARE LE GMP?


 Obblighi legislativi

 Obblighi morali

 Riduzione dei costi


STRUTTURA GMP
Pharmaceutical Legislation – Volume 4, Good manufacturing practice

Pharmaceutical Legislation – Volume 4, Good manufacturing practice

Contents:
- Directives (Directive 2003/94/EC, Directive 91/412/EEC)
- Guide to good manufacturing practice for medicinal products
a) Part 1 - ”Basic requirements”
b) Part 2 - “Basic requirements for Active Substances used as
Starting Materials” (ex Annex 18)
c) Part 3 – “ GMP related documents” (2011)
d) Annexes
STRUTTURA GMP
Pharmaceutical Legislation – Volume 4, Good manufacturing practice

https://ec.europa.eu/health/documents/eudralex/vol-4_en
STRUTTURA GMP
Annex
1) Manufacture of sterile medicinal products
2) Manufacture of biological medicinal products for human use
3) Manufacture of radiopharmaceuticals
4) Manufacture of veterinary medicinal products other than immunologicals
5) Manufacture of immunological veterinary medicinal products
6) Manufacture of medicinal gases
7) Manufacture of herbal medicinal products
8) Sampling of starting and packaging materials
9) Manufacture of liquids, creams and ointments
10) Manufacture of pressurised metered dose aerosol preparations for inhalation
11) Computerised systems
12) Use of ionising radiation in the manufacture of medicinal products ANNEX
13) Manufacture of investigational medicinal products
14) Manufacture of products derived from human blood or human plasma
15) Qualification and validation
16) Certification by a Qualified person and Batch Release
17) Parametric Release
19) Reference Samples and Retention Samples
CAPITOLO 1: PHARMACEUTICAL QUALITY SYSTEM
Il Capitolo 1 indica i requisiti minimi, in termini di filosofia lavorativa da
seguire, di corretto comportamento da tenere durante la produzione di
un medicinale da parte di un titolare autorizzato.
Concetti descritti:

 Pharmaceutical Quality System


 GMP
 Quality Control
 Product Quality Review
 Risk Management
CAPITOLO 2: PERSONNEL
Il Capitolo 2 indica che il concetto di qualità ed il suo rispetto si basa
sulle persone e sul grado di qualifica ed esperienza che si riesce a dar
loro.
Concetti descritti:

 Personale
 Responsabilità delle figure “chiave”
 Training
 Igiene Del Personale
 Consulenti
CAPITOLO 3: PREMISES AND EQUIPMENT
Il Capitolo 3 contiene informazioni sul grado qualitativo che devono
possedere i locali e le apparecchiature nella produzione farmaceutica.

Concetti descritti:

 Locali: Magazzini, Produzione, Laboratori


 Equipment
CAPITOLO 4: DOCUMENTATION
Il Capitolo 4 indica che una buona documentazione costituisce una parte
fondamentale di un sistema di gestione della qualità (SGQ)

Concetti descritti:

 Documentazione GMP
 Generazione e Controllo della Documentazione
 Good Documentation Practice (GDP)
 Conservazione di Documenti
 Specifiche
 Formule di Fabbricazione e Istruzione di Lavorazione
 Sop e Registri
CAPITOLO 5: PRODUCTION
Il Capitolo 5 contiene indicazioni riguardanti tutte le fasi di produzione
farmaceutica
Concetti descritti:
 Aspetti Generali
 Prevenzione Cross-contamination in Produzione
 Convalide
 Materie Prime
 Fasi del Processo: Intermedi e Bulk
 Materiali di Confezionamento
 Operazioni di Confezionamento
 Prodotto Finito
 Materiali Respinti, Recuperati e Restituiti
CAPITOLO 6: QUALITY CONTROL
Il Capitolo 6 indica tutte le attività che il reparto di controllo qualità deve
svolgere all’interno di un’azienda farmaceutica

Concetti descritti:

 Aspetti Generali
 Good Laboratory Practice (GLP)
 Documentazione
 Campionamenti
 Programmi di Stabilità On-going
CAPITOLO 7: CONTRACT MANUFACTURE AND ANALYSIS
Il Capitolo 7 indica i requisiti minimi, in termini di filosofia lavorativa da
seguire, di corretto comportamento da tenere da parte di un datore ed
un accettore di attività critiche per la qualità nella produzione di farmaci.

Concetti descritti:

 Aspetti Generali
 Il datore di attività
 L’accettore di attività
 Il Contratto
CAPITOLO 8: COMPLAINTS AND PRODUCT RECALL
Il Capitolo 8 indica i requisiti minimi, in termini di filosofia lavorativa da
seguire, di corretto comportamento da tenere in casi di Reclami o
Richiami di Prodotto quando il Prodotto in questione è già sul mercato.

Concetti descritti:

 Reclami
 Richiami di prodotti
CAPITOLO 9: SELF INSPECTION
Il Capitolo 9 indica i requisiti minimi, in termini di filosofia lavorativa da
seguire, per effettuare le Auto-Ispezioni presso i vari dipartimenti della
propria Azienda. Le auto-ispezioni sono anche chiamate “Audit Interni”
PRINCIPIO BASE
Le auto ispezioni devono essere condotte per garantire l’attuazione ed il
rispetto dei principi delle GMP e per proporre eventuali azione correttive
necessarie
Concetti descritti:

 Auto-ispezioni
AUDIT

Un audit è un esame sistematico ed indipendente Interno, auto-


per accertarsi se: •Esterno, a
fornitori/terzisti
ispezione
(auditors interni
o consulenti)
 Se un sistema qualità è presente
 Se è conforme alle aspettative
 Se è correttamente messo in pratica Regolatorio
(AIFA, FDA,
Certificazione
(ISO o altro)
Ministeri etc.)
 Se consente di ottenere i risultati desiderati

31
LA DOCUMENTAZIONE GMP
LA MENTALITA’ GMP

GMP = “Great Mountain of Paper”

Scrivi tutto ciò che fai,


Fai tutto ciò che è scritto

Ciò che non è scritto, non è stato fatto!

Le GMP sono incompatibili con la Ricerca,


necessarie ed obbligatorie per la Produzione (ed il controllo)

32
LA DOCUMENTAZIONE GMP
LA GESTIONE E LA ROUTINE DELLA DOCUMENTAZIONE

Documentazione scritta in maniera chiara e leggibile, approvata e


gestita da regole precise, documentate ed approvate:

 Impedisce il verificarsi di errori dovuti alla comunicazione verbale.


 Consente di tracciare la storia dei lotti di prodotto.
 Consente di operare con la consapevolezza di essere in un sistema
controllato e gestito secondo regole GMP.

33
LA DOCUMENTAZIONE GMP
LA GESTIONE E LA ROUTINE DELLA DOCUMENTAZIONE

Il controllo della documentazione deve essere effettuato attraverso l’applicazione di procedure


(SOP gestione della documentazione GMP), formalmente approvate, che ne regolano:
 La redazione e l’emissione,
 Il formato,
 L’approvazione, l’applicazione e la scadenza,
 La distribuzione,
 Le modalità di revisione,
 Le responsabilità di archiviazione e di conservazione,
 L’accesso per il personale autorizzato e/o la duplicazione per gli usi autorizzati.

34
LA DOCUMENTAZIONE GMP
LA GESTIONE E LA ROUTINE DELLA DOCUMENTAZIONE

Il sistema di controllo della documentazione deve assicurare la tracciabilità di tutte le


attività relative alla produzione e documentare lo “stato di controllo” di ogni fase del
processo.
Si applica a tutta la documentazione che, direttamente o indirettamente, concerne la
produzione:
 Documentazione tecnica ed ingegneristica
 Registrazione del prodotto
 Documenti di Produzione e Controllo
 Documenti di Convalida
 Documenti relativi ai sistemi di supporto

35
LA DOCUMENTAZIONE GMP
CONTROLLO DELLA DOCUMENTAZIONE GMP

 Documentazione tecnica ed ingegneristica (documenti di progetto, documenti dei


fornitori, documenti di “commissioning, documenti “As-built”, ecc.)
 Registrazione del prodotto (Drug Master File, CTD, ecc.)
 Documenti di Produzione e Controllo (SOP, Batch Record, Protocolli, Report, Logbook,
Certificati, ecc.)
 Documenti di Convalida (Validation Master Plan, Protocolli di Qualifica e di Convalida,
Report, Sommari, ecc.)
 Documenti relativi ai sistemi di supporto (piano di taratura, piano di manutenzione,
ecc.)

36
LA DOCUMENTAZIONE GMP
EU GMP Capitolo 4 “Documentation”

 EU GMP:
 Le specifiche descrivono in dettaglio i requisiti ai quali i prodotti o i materiali usati o ottenuti nel
corso del processo di produzione devono essere conformi. Essi servono come base per la
valutazione della qualità.
 Le formule di fabbricazione e le istruzioni di processo e di confezionamento stabiliscono tutti i
materiali di partenza usati e tutte le operazioni di processo e di confezionamento.
 Le procedure forniscono le istruzioni per eseguire certe operazioni, per es., pulizie, vestizione,
controlli ambientali, campionamenti, prove di verifica, conduzione di apparecchiature.
 I protocolli forniscono istruzioni per effettuare e registrare le attività di qualifica/convalida
 I Technical Agreements definiscono gli accordi tra i “contract givers and acceptors” per le attività
in outsourcing.
 I records forniscono la storia di ogni lotto di prodotto, compresa la sua distribuzione, e tutte le
altre circostanze pertinenti con la qualità del prodotto finale.

37
LA DOCUMENTAZIONE GMP
BUONE PRATICHE DI DOCUMENTAZIONE (GDP)
Norme generali di compilazione:
 registrare in tempo reale,
 utilizzare penne con inchiostro indelebile di
colore blu,
 in modo chiaro e leggibile e completo,
 non lasciare spazi bianchi/campi vuoti:
barrare gli spazi, datare e siglare (anche i
campi note); nelle tabelle barrare con riga
a forma di “z” in fondo alla quale apporre
data e sigla,
 non utilizzare frecce o virgolette.

38
LA DOCUMENTAZIONE GMP
Correzioni ai documenti GMP

 Le correzioni possono essere fatte solo sulle registrazioni


manuali. L’UTILIZZO DI NOTE GIUSTIFICATIVE DEVE
ESSERE LIMITATO AI CASI STRETTAMENTE NECESSARI.
 L’informazione da correggere deve essere solo barrata
con una linea orizzontale semplice, in modo da
consentirne comunque la lettura. Sono vietate
cancellature o uso di bianchetto.
 L’informazione corretta deve essere inserita il più vicino
possibile alla correzione e seguita dalla firma di chi ha
effettuato la correzione e dalla relativa data

39
GRAZIE