Sei sulla pagina 1di 3

Chimica farmaceutica

ziamento della sintesi industriale robotizzata, sfruttando


librerie computerizzate e simulazioni.
In questi secoli sono state percorse diverse vie per giungere alla sintesi di nuovi farmaci, necessari per far fronte
alle tante malattie.
Le pi importanti vie sono:
isolamento di sostanze naturali con attivit biologica, e successiva semi-sintesi e sintesi;
studi dei meccanismi che portano all'insorgenza
delle malattie;
sintesi di profarmaci;
studio dei vari metaboliti di un farmaco;
ricerca di sostanze antagoniste e antimetaboliti.
I farmaci comprendono tutte le molecole usate per curare
o diagnosticare malattie negli esseri umani e si dividono
a seconda della loro azione.
Medicina (interno di una farmacia), formella del Campanile di
Giotto, Nino Pisano, 1334-1336, Firenze

Farmaci attivi sul sistema nervoso centrale (SNC),


distinti a loro volta in:

La chimica farmaceutica una branca della chimica


che studia la sintesi delle sostanze ad uso terapeutico,
studiando in relazione alla struttura chimica:

1. analgesici narcotici e analgesici non narcotici;


2. preanestetici e anestetici generali;
3. sedativo-ipnotici;

il meccanismo d'azione

4. antipsicotici e ansiolitici;

le relazioni struttura-attivit.

5. antidepressivi;
6. antiepilettici;

gli aspetti di farmacocinetica

7. antiparkinsoniani e spasmolitici.

Le sostanze che hanno un utilizzo in terapia sono chiamate farmaci, mentre nel caso in cui l'utilizzo terapeutico
non sia conosciuto, oppure sia noto solo in parte, si parla
di sostanza biologicamente attiva. Materia fondamentale
per lo studente della Facolt di Farmacia.

Farmaci del sistema cardiocircolatorio, che si


dividono in:
1. glicosidi cardioattivi;
2. antiaritmici;

Questa scienza nasce dalla medicina popolare, dall'uso


di preparati di cui era ignoto il contenuto ma che avevano eettivamente valore terapeutico. Inizi per ad
aermarsi nell'Ottocento, in concomitanza dello sviluppo della chimica organica; il boom economico e industriale di questo secolo segn la nascita delle prime industrie farmaceutiche,come quelle fondate dai farmacisti Francesco Angelini, Archimede Menarini, Carlo Erba, Franco Domp e Giacomo Chiesi. Lo sviluppo della chimica combinatoria permette oggigiorno un poten-

3. beta-bloccanti;
4. farmaci antiipertensivi;
5. diuretici;
6. farmaci vasodilatatori;
7. farmaci anti-iperlipemici;
8. antitrombotici e antiaggreganti piastrinici.
Farmaci del tratto gastrointestinale, comprendenti:
1

4
1. emetici e antiemetici;

COLLEGAMENTI ESTERNI

antileprotici.

2. antiacidi;
3. lassativi;
4. antidiarroici.
Farmaci del tratto respiratorio,divisi in:
1. antitussivi;

Tutte queste categorie di farmaci con gli anni si accrescono di nuove scoperte, che a volte hanno portato a smentire i risultati precedenti. Infatti, la chimica farmaceutica, come ogni scienza, in continua evoluzione. Questa
disciplina viene studiata nelle facolt di Farmacia e CTF,
dove rappresenta uno dei perni fondamentali del bagaglio
scientico-professionale.

2. espettoranti e mucolitici;
3. antiasmatici;
4. analettici respiratori.
Farmaci attivi a livello del sistema nervoso autonomo comprendono:
1. rilassanti muscolari;
2. spasmolitici;
3. anestetici locali;

1 Voci correlate
Farmacia
Farmacista
Farmacologia
Chimica organica

4. antiemicrania;
5. antiglaucoma.
Esistono, per, anche altri farmaci che non hanno un
bersaglio specico:
Ormoni

2 Stampa specializzata
Molecular Pharmaceutics

3 Altri progetti

1. ormoni peptidici e steroidei;


2. prostaglandine e trombossani.
Immunosoppressori;
antiallergici;
farmaci diagnostici;
vitamine;
antinammatori steroidei e non steroidei;
Chemioterapici, che comprendono:
1. antibiotici, che agiscono sui batteri;
2. antiprotozoari, contro infezioni causate da
amebe e protozoi;
3. antimicotici, contro i funghi;
4. antielmintici, per le infezioni causate dagli
elminti.
5. antivirali, che agiscono sui virus;
6. antitumorali;
Inoltre, occorre ricordare anche farmaci usati per curare
malattie diuse solo in alcune aree del mondo:
antimalarici;
antitubercolari;

Wikimedia Commons contiene immagini o


altri le su chimica farmaceutica

4 Collegamenti esterni
Chimica farmaceutica, in Tesauro del Nuovo
soggettario, BNCF, marzo 2013.

Fonti per testo e immagini; autori; licenze

5.1

Testo

Chimica farmaceutica Fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Chimica_farmaceutica?oldid=76138486 Contributori: Gac, Ary29, Pil56, The


Doc, Gvf, SunBot, Bultro, ZioNicco, Alchimico, Purpi, Fafabiofo, Sesekem, Delehaye, .anacondabot, JAnDbot, Cisco79, Mizardellorsa, Vinlan25, Laura8510, VolkovBot, Avesan, SieBot, Phantomas, OKBot, Kazu89, Buggia, ToePeu.bot, DragonBot, IagaBot, Luckasbot, FrescoBot, ArthurBot, DSisyphBot, Xqbot, AushulzBot, Rubinbot, PuerApuliae, RCantoroBot, GrouchoBot, EmausBot, ZroBot,
WikitanvirBot, MerlIwBot, Samuele Madini, Botcrux, AlessioBot, ValterVBot, Bernardottantotto e Anonimo: 8

5.2

Immagini

File:Commons-logo.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/4/4a/Commons-logo.svg Licenza: Public domain Contributori: This version created by Pumbaa, using a proper partial circle and SVG geometry features. (Former versions used to be slightly
warped.) Artista originale: SVG version was created by User:Grunt and cleaned up by 3247, based on the earlier PNG version, created by
Reidab.
File:Formella_10,_medicina,_nino_pisano,_1334-1336.JPG
Fonte:
https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/d/d5/
Formella_10%2C_medicina%2C_nino_pisano%2C_1334-1336.JPG Licenza: CC BY 2.5 Contributori: Opera propria (my camera)
Artista originale: sailko
File:Gnome-applications-science.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/2/2e/Gnome-applications-science.svg
Licenza: CC BY-SA 3.0 Contributori: HTTP / FTP Artista originale: GNOME icon artists

5.3

Licenza dell'opera

Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0