Sei sulla pagina 1di 8

Spedizione in abbonamento postale Roma, conto corrente postale n.

649004 Copia € 1,00 Copia arretrata € 2,00

L’OSSERVATORE ROMANO GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO


Unicuique suum Non praevalebunt
Anno CLX n. 153 (48.477) Città del Vaticano mercoledì 8 luglio 2020
.

Rilanciato in Vaticano l’appello del Papa per il cessate-il-fuoco e la sospensione della produzione e del commercio di armi A sette anni dalla visita di Francesco a Lampedusa

Senza pace e sicurezza globale Dov’è


tuo fratello?
non si sconfigge la pandemia “Fratelli” è proprio la prima parola
di ALESSANDRO GISOTTI
che ha rivolto al mondo da Papa,
Occorre sostenere i processi di pace, dello sviluppo umano integrale, du- il porporato sono intervenuti anche radicati anche nella realtà della ov’è tuo fratello?, la la sera del 13 marzo del 2013. La
perché senza la sicurezza globale le
risposte alla pandemia risultano in-
sufficienti. Lo ha detto il cardinale
rante l’incontro con i giornalisti sul
tema «Preparare il futuro, costruire
la pace al tempo del covid-19» svol-
suor Alessandra Smerilli e Alessio
Pecorario, che coordinano rispettiva-
mente la task force per l’economia e
Chiesa locale, che lavorano in modo
specifico per la risoluzione dei con-
flitti. Grazie anche a questa opera, si
«D voce del suo sangue
grida fino a me, dice
Dio. Questa non è una domanda
dimensione della fratellanza è, se
così si può dire, nel Dna di questo
Pontefice che ha scelto il nome del
Peter Kodwo Appiah Turkson, pre- tosi martedì mattina, 7 luglio, nella la task force per la sicurezza della sta cercando di promuovere la soli- rivolta ad altri, è una domanda ri- Poverello d’Assisi, un uomo che
fetto del Dicastero per il servizio Sala stampa della Santa Sede. Con Commissione vaticana covid-19, del- darietà in tutti gli ambienti e di rico- volta a me, a te, a ciascuno di per sé ha voluto come unico titolo
la quale è stato presentato il secondo struire la fiducia, specialmente nelle noi». Sono passati sette anni dalla quello di “frate”, frater, fratello ap-
gruppo di lavoro «Guardare al futu- zone più martoriate da guerre e vio- visita di Papa Francesco a Lampe- punto. Fraterno è anche il modo in
ro con creatività, preparare il futu- lenza. La fiducia reciproca, infatti, è dusa e da quella domanda rivolta cui definisce il suo rapporto con il
ro». alla base di ogni progetto e va in- all’umanità nella Messa celebrata al Papa emerito Benedetto XVI. Dopo
Durante il colloquio con i rappre- staurata non solo tra uomo e Dio campo sportivo dell’isola nel cuore la firma del Documento sulla Fra-
Un documento firmato da 114 vescovi di tutto il mondo sentanti dei media il porporato ha ma tra uomo e uomo. In questo mo- del Mediterraneo. Un viaggio du- tellanza umana, tale cifra del Pon-
ribadito che l’appello di Papa Fran- do si promuovono la solidarietà e il tificato appare certamente più mar-
rato poche ore e che però è stato
cesco e la richiesta del Consiglio di
Contro sicurezza dell’Organizzazione delle
Nazioni Unite (Onu) di un cessa-
multilateralismo, due forme concrete
attraverso cui si realizza la pace.
La questione più attuale al centro
in qualche modo “programmatico”
per il Pontificato. Lì, nella punta
Sud dell’Europa, Francesco ha mo-
cata ed evidente a tutti. Eppure, ri-
percorrendo all’indietro i primi set-
te anni di Pontificato di Francesco,
te-il-fuoco a livello globale in questo
gli abusi delle imprese tempo di pandemia servono soprat-
tutto per portare soccorsi umanitari
degli interventi è stata quella legata
alla corsa agli armamenti e alle spese
militari, che sottraggono risorse alla
strato cosa intenda quando parla di
“Chiesa in uscita”. Ha reso visibile
l’affermazione che la realtà si vede
si ritrovano diverse pietre miliari
sul cammino che ha condotto alla
firma, assieme al Grande Imam di
nelle zone interessate dai conflitti. Al Azhar, dello storico documento
Da parte sua il Dicastero, ha spiega- sicurezza alimentare e sanitaria pro- meglio dalle periferie che dal cen-
prio in questo periodo di emergen- tro. In mezzo ai migranti fuggiti ad Abu Dhabi, il 4 febbraio del
to, sta operando in vari territori at-
za. Ne hanno trattato Pecorario e dalla guerra e dalla miseria, ha fat- 2019. Un percorso che ora prose-
traverso la Commissione giustizia e
suor Smerilli, la quale ha rilanciato to toccare con mano il suo sogno gue, perché quell’avvenimento in
pace e la Caritas Internationalis, due
la necessità di una riconversione di una “Chiesa povera e per i po- terra araba è stato un punto di ar-
organismi impegnati a promuovere
dell’industria bellica a usi civili, co- veri”. A Lampedusa, d’altro canto, rivo, certo, ma anche di un nuovo
la pace e a favorire la sospensione
delle ostilità per avviare un processo me dimostrato proprio in questo parlando di Caino e Abele, ha an- inizio.
di riconciliazione e di dialogo con tempo di crisi dalle aziende che, nel che posto in primo piano l’interro- Ritornando alla “domanda di
operazione di peacekeeping e peacema- giro di poco tempo, hanno avviato gativo sulla fratellanza. Domanda Lampedusa”, è particolarmente si-
king. Riferendosi alla situazione del la produzione di pezzi di ricambio fondamentale per il nostro tempo. gnificativo che il Papa riprenda le
continente di cui è originario, il car- per i ventilatori polmonari. O forse, di ogni tempo. stesse parole in un’altra visita forte-
dinale Turkson ha ricordato che in Sull’asse della fratellanza ruota mente simbolica, quella che compie
Africa esistono già dei gruppi, ben PAGINA 8 tutto il Pontificato di Francesco. al Sacrario militare di Redipuglia
nel centenario dell’inizio della Pri-
ma guerra mondiale. Anche qui,
nel settembre del 2014, torna a ri-
suonare con tutta la sua drammati-
cità il dialogo tra Dio e Caino, do-
Superata la soglia delle 65.000 vittime po l’uccisione del fratello Abele.
BRUXELLES, 7. Una due diligence nità si trova ad affrontare una crisi «A me che importa? Sono forse io
obbligatoria della catena di fornitu- globale senza precedenti. Oltre alla
ra per fermare gli abusi da parte
delle imprese e garantire la solida-
minaccia alla salute pubblica, lo
sconvolgimento economico e socia-
Nell’ultima settimana il Brasile il custode di mio fratello?» (Gen 4,
9). Per Francesco, in quel rifiuto di
sentirsi custode del fratello, di ogni
rietà globale: la chiedono — in una le minaccia le condizioni di vita e
dichiarazione diffusa dal sito in re-
te della Cidse, rete cattolica di coo-
il benessere» di tante persone nel
lungo periodo. Particolarmente col-
è stato il Paese più colpito dal covid-19 fratello, sta la radice di tutti i mali
che scuotono l’umanità. Questo at-
teggiamento, sottolinea il Papa, «è
perazione internazionale per lo svi- piti sono coloro che si trovano più esattamente l’opposto di quello che
luppo e la solidarietà, con sede a in basso nella catena di fornitura ci chiede Gesù nel Vangelo», «Chi
Bruxelles — 114 vescovi di tutto il globale, tra cui molte donne. I pre- BRASÍLIA, 7. Secondo i dati dell’O r-
si prende cura del fratello, entra
mondo. Con lo scoppio del covid- suli denunciano che «milioni di la- ganizzazione mondiale della sanità
nella gioia del Signore; chi invece
19, esordisce il documento, «l’uma- voratori sono stati mandati a casa (Oms), il Brasile, negli ultimi sette non lo fa, chi con le sue omissioni
senza retribuzione, previdenza so- giorni, ha fatto registrare, a livello dice: “A me che importa?”, rimane
ciale o compensazioni». globale, il maggior numero di de- fuori». Con lo scorrere del Pontifi-
Il testo è firmato, tra gli altri, cessi per cause riconducibili al coro- cato, vediamo che la comune ap-
ALL’INTERNO dai cardinali Jean-Claude Holleri-
ch, arcivescovo di Luxembourg e
navirus. Sono stati 7.195 le morti
conteggiate nel Paese, rispetto alle
partenenza alla fratellanza umana
viene declinata in tutta la sua mul-
presidente della Commissione degli 4.090 negli Stati Uniti e ai 3.985 de- tiforme dinamicità, spaziando dal
episcopati dell’Unione europea, cessi in Messico. Inoltre, le autorità terreno ecumenico a quello interre-
I salmi nei «Commenti» sanitarie brasiliane stanno indagan-
di Cassiodoro Charles Maung Bo, arcivescovo di ligioso, dalla dimensione sociale a
Yangon e presidente della Federa- do su altri 4.146 decessi che potreb- quella politica. Ancora una volta è
zione delle conferenze episcopali bero essere stati causati dal virus. Il
Un maestro gigante sudamericano si conferma
il poliedro la figura che meglio
asiatiche, e António Augusto dos rappresenta il pensiero e l’azione di
da riscoprire Santos Marto, vescovo di Leiria- l’epicentro latinoamericano della Francesco. La fratellanza, infatti,
Fátima. Troppo spesso, vi si affer- pandemia e uno dei focolai attivi a ha tante sfaccettature. Tante quanti
FRANCESCO MILITO A PAGINA 5 ma, «prevale l’interesse privato del- livello mondiale; per di più ha un sono gli uomini e le relazioni tra
le multinazionali, che non riescono tasso di mortalità molto alto, di 31,2 loro.
a fare dei passi in avanti in termini morti per 100.000 abitanti. I numeri Francesco parla di fratelli nell’in-
A colloquio con l’amministratore di solidarietà. Imprese irresponsa- mostrano anche che fino a ieri sera 65.487. Il numero di infezioni, nel ancora in crescita, seppure più lieve. contro di preghiera e di pace nei
apostolico del Patriarcato bili sono state a lungo coinvolte in sono stati 927.292 i pazienti guariti frattempo, si attesta a 1.623.284, do- Di ieri la notizia che il presidente Giardini Vaticani con Shimon Pe-
di Gerusalemme dei Latini svariati abusi, evadendo le tasse dal nuovo coronavirus, cifra che po aver registrato 20.229 nuovi casi Jair Bolsonaro si è sottoposto nuo- res e Abu Mazen. «La vostra pre-
che potrebbero servire a costruire e rappresenta il 57,1 per cento del to- nelle ultime 24 ore confermati sem- vamente al test presso l’ospedale mi- senza», sottolinea rivolgendosi al
Desiderio di rinascita mantenere servizi pubblici come tale degli infetti. pre dal bollettino ministeriale. litare di Brasília. Il risultato sarà no- leader israeliano e a quello palesti-
ospedali o scuole, inquinando i no- Secondo i dati riportati dal mini- Tuttavia, diversi stati e città del to oggi a mezzogiorno (ora locale). nese, «è un grande segno di frater-
FEDERICO PIANA A PAGINA 6 stri terreni, l’acqua e l’aria o ren- stero della Salute brasiliano sono paese, tra cui San Paolo e Rio de I media brasiliani hanno riferito che nità, che compite quali figli di
dendosi complici di gravi violazio- stati 620 i decessi riportati nelle ul- Janeiro, hanno avviato nei giorni il capo di stato ha la febbre a 38 Abramo, ed espressione concreta di
ni dei diritti umani in tutto il mon- time 24 ore, portando il dato com- scorsi il processo di riapertura delle gradi e il suo ufficio ha annullato le fiducia in Dio, Signore della storia,
La Settimana sociale in Argentina do, come nel caso del lavoro forza- plessivo delle vittime oltre la soglia loro economie, nonostante il fatto attività programmate per questa set- che oggi ci guarda come fratelli
to e del lavoro minorile». Questo delle 65.000 unità, precisamente che la curva epidemiologica fosse timana.
Nessuno sistema «basato sul profitto e sulla CONTINUA A PAGINA 8
cultura del consumo e dello scar-
si salva da solo to» deve essere messo in discussio-
ne, «ora più che mai», ribadiscono
GIOVANNI ZAVATTA A PAGINA 7 i vescovi. Per intaccarlo occorre un
cambiamento culturale, sociale ma
la buona notizia

anche legislativo: «Crediamo che le


leggi possano riuscire a portare un Il Vangelo della XV Domenica del Tempo ordinario (Matteo 13, 1-23)
cambiamento tangibile per le co-
munità se includono anche un mi-
gliore accesso ai rimedi giudiziari
Desiderare anche senza poter vedere
per le vittime, al fine di rispettare
Il jihadismo saheliano il dovere di protezione da parte
di FABIO ROSINI messa ma non vi entrò, perché spettava a Giosuè — che in Ebraico
e magrebino delle imprese, contro fenomeni co- è lo stesso nome di Gesù.
me l’accaparramento delle terre, le eati i vostri occhi perché vedono... In verità io vi dico: È nota essenziale della paternità il preparare il meglio per i pro-
GIULIO ALBANESE A PAGINA 2
violazioni dei diritti umani, l’ucci-
sione dei difensori dei diritti uma-
ni, il lavoro forzato e infantile, la
violenza di genere, il degrado am-
«B molti profeti e molti giusti hanno desiderato vedere ciò
che voi guardate, ma non lo videro!».
Istintivamente si pensa che tale frase significhi: “A voi è andata
pri figli e non esaurire tutto nella propria vita.
Non si può vivere sbranando all’osso l’esistenza, perché c’è una
vita che è più importante della propria: quella dei figli, quella della
meglio che a loro!” — ma a che serve dirlo? generazione a venire. Se lavoro per il presente, senza mettere da
bientale e la deforestazione». Di
LABORATORIO qui la richiesta concreta a tutti i
governi di introdurre nella legisla-
Eppure l’espressione: «In verità io vi dico» segnala una rivelazio-
ne importante.
parte per quel che verrà, sono uno stolto che non ha capito la
grandezza delle cose.
D OPO
y(7HA3J1*QSSKKM( +"!"!_!z!:!

LA PANDEMIA zione una due diligence (dovuta dili- Profeti e giusti hanno desiderato vedere quel che voi vedete: voi È bello fare qualcosa di grande ma è ancor più bello vedere i pro-
genza) per «migliorare le possibili- vedete quel che loro hanno desiderato. pri figli, nella carne o nella fede, diventare grandi e fare quello a cui
Il filosofo Edgar Morin tà delle persone colpite di chiedere Se non lo avessero desiderato, voi non lo vedreste. noi non possiamo e non dobbiamo arrivare.
un risarcimento nei tribunali civili Ogni generazione deve desiderare qualcosa che non deve vedere, Si può vivere solo per sé stessi, ma è una vita stolida, da superficiali.
Il nuovo mondo nazionali». La crisi del coronavirus, perché spetta alla generazione successiva. Molti profeti e giusti Siamo così estemporanei!... Prima di arrivare al Padre, vale la pe-
dovrà nascere conclude la dichiarazione, «dovreb- hanno desiderato vedere la Chiesa del Vaticano II, e noi la stiamo na di desiderare fino al dolore a favore della prossima generazione.
be essere considerata come un’op- vedendo perché loro lo hanno desiderato. Il nostro possesso è frut- Ci sono anziani che vivono come se tutto finisse con loro.
dalla cultura europea portunità per costruire un nuovo to della loro aspirazione. E ci sono quelli che pongono le basi, fanno da fondamento, spe-
sistema economico che abbia al È la storia dei Padri che videro i beni promessi e li salutarono rano contro ogni speranza e desiderano cose grandi. I loro figli ve-
PAGINA 3 centro le persone e il pianeta». solo da lontano (cfr. Eb 11, 13), come Mosé che vide la terra pro- dranno il Messia.
pagina 2 L’OSSERVATORE ROMANO mercoledì 8 luglio 2020

Il jihadismo saheliano e magrebino

Le dimensioni di una radicalizzazione


dell’estremismo islamista
uccisione di Abdelmalek le sue due principali diramazioni:

L’ D roukdel, considerato il lea-


der di Al Qaeda nel Ma-
ghreb (Al-Qaida au Maghreb islami-
quella dello Islamic State in the
Greater Sahara (Isbs) e dell’Islamic
State West African Province
que) e di alcuni suoi luogotenenti, (Iswap). Non v’è dubbio, dunque,
avvenuta il mese scorso, ha portato che lo scenario è molto complesso e
nuovamente alla ribalta una delle comunque riconducibile ad esempio
macroregioni africane segnate pesan- alla recente escalation jihadista in
Burkina Faso, Congo orientale e
Mozambico Settentrionale.
La morte dunque di Droukdel,
che per lunghi anni ha eluso la cat-
tura — nonostante già nel 2012 fosse
stato condannato da un tribunale in
di GIULIO ALBANESE Algeria per omicidio, appartenenza
a un’organizzazione terroristica e at-
tentati letali — è la conclusione di Pil in calo mentre si continua a discutere sul Recovery fund
temente dalla piaga del jihadismo: un triste capitolo della storia del
quella saheliana. Il primo a dare la
notizia, lo scorso 5 giugno, è stato il
jihadismo africano, ma non certa-
mente quello conclusivo. La pro-
gressiva e costante migrazione del
Il virus affonda
ministero della difesa francese, pre-
cisando che il leader islamista ha
perso la vita nel corso di un’opera-
terrorismo islamista sempre più a
meridione, all’interno dell’Africa
Subsahariana, esige infatti una mag-
l’economia europea
zione nel Nord del Mali, vicino alla
frontiera con l’Algeria, condotta con giore attenzione da parte del conses- BRUXELLES, 7. Mai così male l’eco- mese dell’accordo europeo» sulla
so delle nazioni, non solo in Africa, nomia europea. Il pil (prodotto in- proposta della Commissione (500
il supporto di non meglio precisati
ma anche nelle istituzioni interna- terno lordo) della zona euro scen- miliardi di trasferimenti e 250 di
elementi delle forze armate locali.
zionali. Naturalmente il ruolo della derà a meno 8,7% nel 2020, per ri- prestiti) che entrambi hanno defini-
La notizia è stata poco dopo confer-
Francia è cruciale; ma la Comunità salire al 6,1% nel 2021: sono le nuo- to «equilibrata, intelligente ed
mata da Africom (United States
internazionale e soprattutto l’Unio- ve stime sulla crescita secondo le equa».
Africa Command) che, riconoscendo
ne europea (Ue) non devono dare previsioni d’estate della Commissio- La Spagna è stato uno dei paesi
l’importanza dell’avvenuta operazio-
l’impressione di delegare la soluzio- ne Ue. europei più duramente colpiti dal
ne a guida francese nella città malia- ne del problema, nemmeno dal pun- I dati peggiori per il 2020 sono nuovo coronavirus, con oltre 28 mi-
na di Talhandak, vicino a Tessalit, to di vista militare a Parigi. Se da quelli di Italia (-11,2%), Spagna la vittime e 250 mila casi. Anche il
ha sottolineato che è stato inferto un una parte è necessario garantire l’in- (-10,9%), Francia (-10,6%). Per Bru-
duro colpo ad Aqmi. Portogallo ha dovuto ripristinare al-
columità delle popolazioni sottopo- xelles si tratta di «una recessione cune restrizioni nell’area di Lisbona
Da rilevare che l’uccisione di ste ad ogni genere di vessazioni nel- ancora più profonda» delle attese e
Droukdel era stata preceduta, lo namiche operative, organizzative ed dualmente spostato l’epicentro delle nelle ultime settimane. Da segnala-
la fascia saheliana, dall’altra è quan- con «divergenze più ampie». re, intanto, che ieri è stato riaperto
scorso 19 maggio, dalla cattura di ideologiche del jihadismo regionale. attività jihadiste dal deserto saharia- to mai urgente rilanciare dei nego- Intanto, prosegue il confronto sul il museo del Louvre a Parigi, a lun-
Mohamed el Mrabat, esponente di Infatti è avvenuta una graduale no all’interno della fascia saheliana, ziati, con decisiva, reale e più auto- Recovery Fund, cioè il piano di so- go chiuso a causa della pandemia.
spicco di un movimento, l’Islamic parcellizzazione dei gruppi e una facendo dell’islamismo radicale l’in- revole mediazione internazionale, stegno all’economia per gestire la
State in the Greater Sahara (Isbs) di conseguente decentralizzazione dei terprete di alcune minoranze etniche Ovviamente, con molte restrizioni:
che coinvolgano le minoranze autoc- crisi post-pandemia. Spagna e Por-
cui parleremo più avanti, da parte poteri con il risultato che sono nate discriminate, come i tuareg e i fula- basti pensare che i visitatori (tutti
tone, in particolare tuareg e fulani togallo fanno fronte comune in vi-
delle forze militari francesi. Indub- col tempo nuove organizzazioni ter- ni, con l’effetto immediato di far su prenotazione) sono stati in tutto
con i governi centrali del Sahel. sta del Consiglio europeo del 17 e
biamente, l’uccisione di Droukdel roristiche fondate dai leader locali, perdere centralità all’elemento arabo 7.000 per un museo che ne conta
Inoltre, la palese strumentalizzazio- 18 luglio prossimi, esortando a non
rappresenta un significativo successo come il Mouvement pour l’Unicité e algerino, un tempo dominante con ne ideologica religiosa delle forma- normalmente 30.000 al giorno.
perdere tempo ed a concludere un
militare e politico per la Francia, et le Jihad en Afrique de l’O uest il modus operandi e la visione di zioni islamiste esige oggi, più che accordo sul Recovery fund entro il
impegnata dal 2013 nella tormentata (Mujao) o il gruppo al-Murabitoun. D roukdel. mai, una radicale riforma della go- mese.
regione maliana dell’Azawad, prima Un jihadismo il loro imperniato sul Una cosa è certa, oggi l’epicentro vernance delle risorse — energetiche «È assolutamente essenziale — ha
con l’operazione Serval e poi succes- controllo dei traffici illeciti, sulla del jihadismo più efferato è colloca- in primis — in senso più equo ed in- detto il premier portoghese Antonio
sivamente, fino ad oggi, con l’opera- tassazione delle attività economiche to nel ventre della vasta regione clusivo. È indubbio che gli interessi Costa, che oggi riceve il presidente
zione anti-terrorismo Barkhane fina- nei territori sotto il loro controllo e saheliana, dove da una parte impera stranieri, spesso contrapposti e pre- del Consiglio italiano Giuseppe Presentato
lizzata a mettere in sicurezza tutti i sul saccheggio indiscriminato. Nel il Groupe de soutien à l’islam et aux
Paesi del G5 Sahel, vale a dire Mali, frattempo si è manifestata palese- musulmans (Gsim), un cartello di
datori, nello sfruttamento delle com-
modity africane, acuiscono la desta-
Conte, atteso domani a Madrid —
che l’Europa non perda più tempo il nuovo governo
mente, a partire dal 2014, la conta-
Niger, Burkina Faso e Ciad (Force
Conjointe du G5 Sahel). A questa minazione dell’ideologia propagan-
organizzazioni su base etnica forte-
mente indipendenti tra loro e ai cui
bilizzazione, fornendo il pretesto al-
la galassia jihadista di affermare un
e sia capace di dare una risposta
sufficientemente robusta». francese
iniziativa si affianca l’imminente di- data dallo Stato islamico (Is) del de- vertici spicca un tuareg del calibro disordine destinato ad accrescere e Luglio — ha fatto eco il presiden-
spiegamento della task force Takuba funto Abu Bakr al-Baghdadi che ha, di Iyadh ag Ghaly, mentre dall’altra minacciare la stabilità della regione te del governo spagnolo Pedro Sán-
(dal nome della tipica scimitarra per così dire, acceso i riflettori sulla vengono sempre più allo scoperto le saheliana, dell’Africa in generale e chez, dopo essere stato ricevuto da PARIGI, 7. Il premier francese
tuareg) fortemente voluta dal presi- presenza dei suoi seguaci nel Sahel. componenti dello Stato islamico nel- della stessa Europa. Costa a Lisbona — «deve essere il Jean Castex scopre le carte sul
dente francese Emmanuel Macron Incitando i combattenti jihadisti in terzo governo dell’era di Emma-
con il coinvolgimento di numerosi Burkina Faso e Mali ad intensificare nuel Macron. Il rimpasto, an-
paesi europei. gli attacchi contro i militari francesi nunciato dopo due giorni di
e i loro alleati, al-Baghdadi confer- trattative con l'Eliseo, conferma
In un contesto di progressivo de-
mò esplicitamente, lo scorso anno, lo spostamento del baricentro
terioramento della situazione di si-
pochi mesi prima della sua morte, il Sanzioni colpiscono 49 persone per punire violazioni dei diritti umani dell’esecutivo verso il centro-de-
curezza e di profonda destabilizza-
giuramento di fedeltà allo Stato isla- stra.
zione regionale, alimentata dall’atti-
vismo di gruppi armati di ispirazio-
ne jihadista, e segnato da crescenti
mico da parte di Adnan Abu al-Wa-
lid al-Sahrawi, militante islamista
sahrawi, ex membro del Mujao ed
Londra contro Mosca e Riad Alla giustizia, uno dei dicaste-
ri più delicati, è andato Eric Du-
pond-Moretti, avvocato italo-
tensioni interetniche e dal radica- francese molto conosciuto al
mento di network criminali di traffi- ex sodale di Mokhtar Belmokhtar,
leader del gruppo al-Murabitoun — grande pubblico soprattutto per
co illecito, lo sforzo militare francese LONDRA, 7. Il Regno Unito vara Queste sanzioni sono le prime in- investigativo, un organo direttamen- le sue posizioni molto controver-
meglio conosciuto negli ambienti sanzioni contro 49 persone e orga- trodotte da Londra dopo la Brexit. te dipendente dal Cremlino respon-
è ben esemplificato dai cospicui nu- se, anche sulla magistratura.
eversivi come Mr. Marlboro in ra- nizzazioni nell’ambito di un nuovo Si tratta di un meccanismo analogo sabile delle principali indagini. Nel-
meri delle forze dispiegate, ad oggi Gérald Darmanin è stato no-
gione dei radicati interessi nelle reti meccanismo adottato per punire le a quello utilizzato dagli Stati Uniti la lista britannica ci sono anche 20
stimabili in oltre 5 mila uomini e minato al ministero dell'interno
dei traffici illeciti trans-saheliani. violazioni dei diritti umani. Nella li- con la cosiddetta legge “Magnit- sauditi che si ritiene abbiano avuto
circa 950 tra mezzi terrestri e aerei. al posto di Cristophe Castaner.
Questo indirizzo ha però determi- sta nera di persone ed entità, i cui sky”, che dal 2012 ha vietato l’in- un ruolo nell’assassinio del giornali-
È importante ricordare che Drouk- Barbara Pompili, ex portavoce
nato due effetti. Anzitutto ha causa- beni nel Regno Unito saranno con- gresso e congelato le attività di indi- sta del «Washington Post» Jamal
del era uno degli ultimi esponenti parlamentare dei verdi prima di
to una frattura nella galassia jihadi- gelati, ci sono in particolare 25 russi vidui ed entità accusati di violazione Khashoggi a Istanbul nel 2018. Il
della vecchia guarda jihadista in entrare in La République en
sta, in quanto, ad esempio, già nel accusati di essere coinvolti nella dei diritti umani. Come detto, i rus- suo omicidio aveva fatto precipitare
Nord Africa e Sahel, principale pro- marche, è la nuova ministra del-
2015, Belmokhtar riaffermò l’affilia- morte dell’avvocato Sergei Magnit- si colpiti dalle sanzioni sono anche l’Arabia Saudita in una delle sue
motore dell’internazionalizzazione l'ecologia e della solidarietà e nu-
zione ad Al Qaeda, diventando il sky, detenuto nel 2009, e 20 sauditi accusati di essere coinvolti nella peggiori crisi diplomatiche ed aveva
della militanza terroristica algerina e mero due del governo. Roselyne
leader di al-Qaeda en Afrique de sospettati di aver avuto un ruolo morte durante la detenzione nel in parte offuscato l’immagine del
del cosiddetto “franchising del terro- Bachelot, molto vicina a Castex
l’Ouest e ricusando così il franchise nell’assassinio del giornalista Jamal 2009 dell’avvocato Magnitsky, che principe ereditario Mohammed bin ed ex ministro all'epoca della
re” ovvero l’ingresso dei suoi movi-
strategico con Is in Africa occiden- Khashoggi nel 2018 a Istanbul. Lo aveva denunciato una rete di corru- Salman, che era stato indicato da al- presidenza Chirac e Sarkozy, an-
menti nel network globale di Al tale. Al contempo però la sporula- ha annunciato ieri il ministero degli zione. Tra questi c’è Alexandre Ba- cuni funzionari turchi e americani drà invece alla cultura. Bruno Le
Qaeda. Infatti, è stato con la sua zione di gruppi estremisti ha gra- Esteri britannico. strykine, capo del potente comitato come mandante dell’omicidio.
leadership che le cellule jihadiste del Maire mantiene invece la regia
Nord Africa si sono “federate” sotto della politica economica naziona-
la matrice qaedista, dando origine le. Le nomine sono state esami-
ad Aqmi. Il comando di Droukdel è nate dall'autorità per il controllo
stato molto influente sul radicalismo della trasparenza per evitare con-
flitti di interesse mentre come
jihadista algerino e nordafricano, at-
traverso la diffusione della dottrina
Egitto: studente statunitense rilasciato Sbarcati in 123 dalla Ocean Viking previsto dalla legge francese nel-
la compagine c'è parità di peso
del famigerato movimento al-Takfir
wa l-Hijra, formatosi in Egitto negli dopo circa un anno di detenzione mentre il cargo Talia resta in acque maltesi tra uomini e donne. Il primo
consiglio dei ministri si terrà già
anni Settanta, poi assunta tout court
questo pomeriggio. «Dovrà esse-
da Al Qaeda. La pratica degli atten-
IL CAIRO, 7. È stato rilasciato lo nunciando alla cittadinanza egizia- ROMA, 7. Sono 123 i migranti che (Asp) di Ragusa. A coordinare le re un governo di combattimen-
tati suicidi in Algeria è riconducibile studente di medicina statunitense, na come condizione per la sua li- hanno lasciato l’Ocean Viking a operazioni è la Guardia costiera di to» ha detto il presidente Ma-
a questa matrice. Rimane il fatto che di 24 anni, dopo aver trascorso più berazione. Era stato arrestato nel Porto Empedocle, in Sicilia, dopo Porto Empedocle. cron nei giorni scorsi che ha scel-
da una decina d’anni a questa parte di un anno recluso in una prigione marzo 2019 durante le proteste al l’esito, per tutti negativo al covid-19, Ancora in acque maltesi invece to come premier un tecnocrate
la leadership di Droukdel all’interno in Egitto. Lo ha reso noto il Di- Cairo in piazza Tahrir — epicentro dei tamponi rino-faringei ai quali ie- Talia, cargo battente bandiera liba- fino a pochi mesi fa quasi scono-
di Aqmi è stata sempre più confina- partimento di Stato americano. delle primavera araba del 2011 — ri erano stati sottoposti domenica nese bloccato di fronte a Malta, con sciuto come Castex. Questo —
ta nella clandestinità, quella della re- Mohamed Amashah, con doppia mentre esibiva un cartello con la scorsa. Sono stati fatti salire a bordo 50 migranti a bordo. «Ho fatto tut- dicono gli analisti — per stringe-
gione montuosa della Kabilia algeri- cittadinanza Usa ed egiziana, è scritta “libertà per tutti i prigionie- di un autobus, dalla stiva della nave to quello che potevo adesso tocca re le redini sul governo e per riu-
na; un vero e proprio isolamento dal stato liberato domenica scorsa ri”. L’accusa: aver abusato dei so- della Ong Sos Mediterranee, e tra- alle autorità», riferisce il capitano scire a guidarne in prima perso-
resto della militanza. Tutto questo è «dopo 486 giorni di detenzione ar- cial media e aiutato un gruppo ter- sferiti sulla nave-quarantena Moby Mohammad Shaaban. «Sto valutan- na la politica nei 21 mesi da oggi
stato possibile grazie alla strategia bitraria», ha specificato l’organiz- roristico. Il suo ritorno segue quel- Zazà. Rimangono invece in attesa do di dichiarare lo stato di emergen- alle elezioni presidenziali del
anti-terroristica algerina, supportata zazione per i diritti umani Free- lo del collega americano egiziano sulla Ocean Viking gli altri 57 mi- za — aggiunge — e fare ingresso in 2022. «Il rientro dopo l’estate sa-
dall’aiuto francese e statunitense che dom Initiative, che si è battuta per Reem Desouky, rilasciato a maggio granti, per i quali si attende l’esito porto. La situazione peggiora rapi- rà durissimo per l’economia» ha
comunque poi ha dovuto misurarsi la sua liberazione. Il giovane è tor- dopo 10 mesi di detenzione in una dei tamponi, non ancora arrivato damente». I migranti, spiega, sono ammesso nei giorni scorsi il pre-
con il cambiamento in atto nelle di- nato lunedì a casa a Jersey City, ri- prigione egiziana. dall’Azienda sanitaria provinciale in condizioni difficili. sidente della Repubblica.

L’OSSERVATORE ROMANO ANDREA MONDA Servizio vaticano: redazione.vaticano.or@spc.va Tariffe di abbonamento Concessionaria di pubblicità Aziende promotrici
direttore responsabile Segreteria di redazione Vaticano e Italia: semestrale € 99; annuale € 198 della diffusione
Servizio internazionale: redazione.internazionale.or@spc.va telefono 06 698 83461, 06 698 84442 Europa: € 410; $ 605 Il Sole 24 Ore S.p.A.
GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO Giuseppe Fiorentino fax 06 698 83675 Africa, Asia, America Latina: € 450; $ 665 System Comunicazione Pubblicitaria
Unicuique suum Non praevalebunt vicedirettore
Servizio culturale: redazione.cultura.or@spc.va America Nord, Oceania: € 500; $ 740
segreteria.or@spc.va Sede legale
Piero Di Domenicantonio Servizio religioso: redazione.religione.or@spc.va Abbonamenti e diffusione (dalle 8 alle 15.30): Via Monte Rosa 91, 20149 Milano Intesa San Paolo
Città del Vaticano caporedattore Tipografia Vaticana telefono 06 698 99480, 06 698 99483 telefono 02 30221/3003
Editrice L’Osservatore Romano fax 06 69885164, 06 698 82818, fax 02 30223214 Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
ornet@ossrom.va Gaetano Vallini Servizio fotografico: telefono 06 698 84797, fax 06 698 84998 info@ossrom.va diffusione.or@spc.va
www.osservatoreromano.va segretario di redazione photo@ossrom.va www.photo.va Necrologie: telefono 06 698 83461, fax 06 698 83675 segreteriadirezionesystem@ilsole24ore.com Società Cattolica di Assicurazione
mercoledì 8 luglio 2020 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 3

Appello di Fauci ai giovani


LABORATORIO «Per chi è responsabile la domanda ultima non è: come me la cavo eroicamente in quest’affare, ma: quale potrà

Usa: oltre 130.000 morti D OPO LA PANDEMIA essere la vita della generazione che viene» (D. Bonhoeffer)

e circa tre milioni di contagi Il filosofo Edgar Morin in un incontro con David Sassoli e Roberto Saviano

WASHINGTON, 7. I decessi per cau-


se riconducibili al covid-19 negli
corso negli Stati Uniti «è una si-
tuazione grave che dobbiamo af-
Il nuovo mondo dovrà nascere
dalla cultura europea
Stati Uniti hanno oltrepassato ieri frontare immediatamente».
il tetto delle 130.000 unità. Nono- Fauci ha sottolineato che il Paese
stante il numero totale delle vittime sta ancora affrontando la prima on-
sia spaventosamente alto, il primo data dell’epidemia e si è rivolto in
al mondo, la media giornaliera del- particolare ai giovani, dopo che i
le morti è scesa vistosamente nelle dati più recenti mostrano come il
ultime settimane; ieri sera il con- contagio si stia particolarmente dif- Nella costruzione di un mondo nuovo, l’Europa deve non si libera dei condizionamenti del passato la spin- crisi. L’idea che sta passando è che la democrazia sia
teggio quotidiano si è “fermato” a fondendo fra le persone sotto i 40 affermare la sua leadership. Lo deve fare a partire ta all’indietro sarà molto forte. Noi usciamo da que- un po’ un’idea da privilegiati, mentre quello che conta
357 vittime. Mentre preoccupa e anni. «I giovani non devono sentir- dal suo patrimonio di umanesimo, dalla sua tradizio- sta crisi grazie al modello sociale europeo. Nessuno in davvero è la sicurezza. L’Europa in questo può fare
ne politica e culturale, dalla sua vocazione originaria. Europa è rimasto escluso dalle cure. Altrove non è co- la differenza, per cultura, tradizione, identità... L’Eu-
continua a far registrare numeri si invulnerabili alle conseguenze
È in fondo la stessa Europa che nasce senza confini, sì. A parte lo sbandamento iniziale, l’Europa ha for- ropa sin dall’inizio non nasce confinata. Ma non può
consistenti il dato relativo ai conta- più gravi, possono ammalarsi mol-
che guarda naturalmente al Mediterraneo, che ha cu- nito una risposta unitaria. Certo, bisogna riconciliare esistere democrazia se non si parla di diritti. E par-
gi quotidiani. Secondo il conteggio to gravemente», ha avvertito lo
ra dell’ambiente in quanto azione imprescindibile di le parole con la vita. A partire dalla definizione di lare di diritti significa anche parlare di come una
della Johns Hopkins University, scienziato. un’ecologia integrale radicata nel suo cristianesimo. È crescita e di solidarietà. Dopo la guerra la ricostru-
nelle 24 ore comprese tra la sera di Intanto ieri il servizio di immi- azienda produce e di come paga i suoi lavoratori. La
l’Europa che molti vorrebbero tornare a sognare. Sul zione europea l’abbiamo fatta con i soldi degli altri
domenica e quella di ieri, i nuovi grazione e controllo doganale (Ice) politica europea va rifondata in nome dei suoi princi-
tema del futuro all’indomani del virus il Parlamento ma la classe dirigente allora era preoccupata di arri-
casi sono tornati sopra quota degli Stati Uniti ha riferito che europeo ha avviato una serie di incontri pubblici via vare alla piena occupazione. Ora noi ci presentiamo pi e non secondo il principio del denaro e la logica
50.000 — trascinati dalla forte dif- non consentirà più agli studenti internet. Al primo, che si è tenuto ieri, hanno preso con una grande massa di precari. Abbiamo bisogno di degli offshore. L’Europa è diversa: era diversa nel
fusione del virus negli stati meri- stranieri di rimanere nel paese se le parte il filosofo Edgar Morin, lo scrittore Roberto una regia, in questa fase, e questa regia è la dimen- pensiero dei suoi padri fondatori, poneva una via al-
dionali e occidentali come Florida, loro lezioni saranno tenute online Saviano e lo stesso presidente del Parlamento europeo, sione pubblica, l’idea che interesse privato e collettivo ternativa tanto al capitalismo quanto al socialismo
Texas, California, Arizona e Geor- nel prossimo semestre a causa della David Sassoli. «Ho la sensazione — ha detto que- possano stare insieme. È questa la nostra vocazione. reale. È una strada è ancora possibile». Nel corso
gia —, dopo un fine settimana in pandemia di coronavirus. La misu- st’ultimo — che l’emergenza ci abbia fatto intravedere L’abbiamo un po’ persa». Secondo Saviano «le im- dell’incontro Morin ha tenuto due lunghi interventi,
cui erano state segnalate meno in- ra riguarda coloro che hanno visti gli elementi di un mondo nuovo. Ma se la politica prese dei paesi totalitari stanno vincendo in questa che riassumiamo qui di seguito. (ma.be.)
fezioni. Precisamente sono stati di tipo “F-1” e “M-1”. Dovranno la-
54.999 i nuovi casi di coronavirus sciare il Paese o trasferirsi in istituti
che hanno portato il numero totale che prevedono corsi in presenza
di infezioni vicino ai tre milioni,
2.931.142 per l’esattezza. Negli ulti-
per mantenere il loro status giuridi-
co.
La crisi di un’umanità che non riesce a essere umana
mi giorni, sono 14 gli Stati ameri- Molte università, a settembre,
cani che hanno raggiunto record di col nuovo anno scolastico, non ri-
ffettivamente abbiamo rica latina si parla di “buen vivir”... mondo in crisi, crisi del pianeta, del- considerato che accanto all'homo sa-
contagi, mentre sono 250mila le
persone rimaste contagiate nei soli
primi giorni di luglio, secondo un
conteggio del «New York Times».
prenderanno le lezioni “classiche”.
Alcuni atenei sembrerebbero orien-
tati su un modello misto di lezioni
frontali e a distanza, mentre altri,
«E vissuto una crisi totale e
pluridimensionale. Que-
sto ci ha mostrato che c’è un destino
si tratta di questo. Era un fermento
già esistente prima della crisi. È
chiaro che si sta cercando una nuova
la biodiversità. Noi siamo oramai di-
pendenti dai pericoli che noi stessi
abbiamo creato. Ma penso che possa
piens esiste anche l'homo demens...
Ovviamente in tutto questo
l’istruzione, l’educazione, giocano
comune e che la globalizzazione e via. Quello che c’era prima non an- nascere una nuova politica in grado un ruolo fondamentale. Nella crisi
Ieri il dottor Anthony Fauci, di- come Harvard, hanno già annun- dava, per colpa di molti, anche delle
l’interdipendenza non portavano con di unire ecologia ed economia, una abbiamo visto che non possiamo vi-
rettore del National Institute of Al- ciato che tutte le loro lezioni saran- sé anche la solidarietà. Ci siamo resi istituzioni europee. Anche grazie alle vere senza le cassiere dei supermer-
lergy and Infectious Disease e figu- no online. Harvard ha comunque politica verso la quale già i nostri
conto che ciò ha effetto anche sulla direttive europee si sono ridotti i po- giovano provano grande entusiasmo. cati, i camionisti che trasportano i
ra di spicco della task force nazio- precisato che consentirà al 40% dei nostra salute e sul nostro sistema sa- sti letto, si sono commercializzati gli prodotti, gli infermieri, mentre si è
nale contro il coronavirus, ha suoi studenti universitari di tornare Fino ad ora la globalizzazione è sta-
nitario: i nostri paesi europei si sono ospedali. Prima della pandemia c’era sentito che si può vivere benissimo
espresso ancora una volta tutta la al campus, anche se le lezioni non ta spinta da scienza, tecnologia ed
trovati ad essere completamente di- una recessione generale; il pensiero senza gli azionisti delle grandi socie-
sua preoccupazione per la situazio- saranno “faccia a faccia”. Si stima politico si era degradato e c’era cor- economia, forze che ci hanno spinto
pendenti per esempio da paesi come verso il baratro. Ora c’è lo slancio tà...
ne sanitaria attuale. Nel corso di che ci siano stati più di un milione Cina e India per la fornitura delle ruzione diffusa, soprattutto nei siste- Bisogna aprirsi alle diversità; sia-
una conversazione in livestream di studenti stranieri negli Usa mi che noi chiamiamo un po’ stupi- per un nuovo pensiero, perché quel-
mascherine, dei camici. Questo si- lo nato nel Novecento ha mostrato mo tutti popoli multiculturali, in
con Francis Collins, capo dell’Isti- nell’anno scolastico 2018-2019, se- gnifica che dobbiamo alimentare la damente populisti ma che andrebbe- Francia, in Germania, in Italia. Cio-
tuto nazionale americano per la sa- condo l’Institute of International ro chiamati totalitari. Gli stati totali- tutte le sue lacune, dal capitalismo
cooperazione all'interno della globa- nonostante abbiamo la nostra unità
lute, ha affermato che quella in Education. tari hanno utilizzato le nuove tecno- al marxismo. Marx non ha visto le
lizzazione. Ci troviamo in un’epoca repubblicana. Abbiamo un compito
logie per il controllo. È accaduto an- contraddizioni dell’umano, le sue
estremamente pericolosa. La coscien- gigantesco: evitiamo che la fecondità
che in Europa. Eravamo già in un emozioni, le sue aspirazioni, non ha
za del destino comune è, direi, la ribollente di questo periodo vada
missione europea, lo è sempre stata, perduta. Serve un pensiero che con-
a partire da Montaigne, il quale di- temperi ecologia, economia e una
Dopo l’uccisione di cinque persone, tra cui una bambina ceva che ogni uomo era suo concit- democrazia partecipativa che si sosti-
tadino e difendeva gli indigeni per tuisca a quella parlamentare rappre-
come venivano trattati. Questo uma- sentativa. Naturalmente le cose sono
Stato d’emergenza nesimo deve essere recuperato, deve
rigenerarsi, per così dire, nella sua
complesse. E la complessità nasce
dalla necessità di una contestualizza-
“terra patria”. zione storica. Oggi siamo di fronte a
in Georgia Abbiamo parlato di crescita. Ov-
viamente oggi si finge di essere in
una crisi della modernità. Non vo-
glio parlare di post modernità. Si
una crescita infinita: per crederci bi- tratta di come uscire da questa crisi,
sogna essere o matti o economisti... che è la crisi di una umanità che
WASHINGTON, 7. Il governatore re- sabato notte mentre era in macchi- Naturalmente deve decrescere tutto non riesce a farsi umana. Poi ci sono
pubblicano della Georgia, Brian na con sua madre e un’altra perso- ciò che è illusorio, come l’agricoltura anche gli antagonismi interni. Negli
Kemp, ha dichiarato lo stato di na. Nella nota diffusa ieri dal go- industrializzata, l’economia di guer- Stati Uniti ci sono polarità agli
emergenza e ha chiamato la Guar- vernatore si attesta che la Guardia
ra... quello che deve crescere invece estremi. Ma ci sono anche in Fran-
dia nazionale dopo quelle che ha nazionale «fornirà supporto» pres-
è l’economia sociale, che elimina cia, in Italia. Noi dobbiamo abbrac-
definito «settimane di crimini vio- so gli edifici statali come il Campi-
l’uguaglianza e la disparità. È certo ciare la polarità dell’apertura,
lenti e distruzioni di proprietà au- doglio e il Palazzo del governatore,
mentati drammaticamente nella cit- che, come sempre nella storia, biso- dell’eros contro tanatos. Si è parlato
in modo che la polizia statale pos-
tà di Atlanta». Kemp ha riferito gna passare alla resistenza, alla lotta di solidarietà: l’abbiamo vista degra-
sa aumentare i servizi di pattuglia.
che oltre 30 persone sono rimaste fra il potere e quelle forze che in data nel piccolo, nelle divisioni fami-
«Abbiamo avuto oltre 75 spara-
ferite da spari durante il fine setti- passato hanno saputo creare il welfa- gliari, sino al grande, all’indifferenza
torie in città nelle ultime settima-
mana lungo del 4 luglio e cinque re. Oggi l’equilibrio fra queste due per la gente che moriva per strada.
ne», ha detto il sindaco di Atlanta,
persone sono morte, tra cui una forze è frantumato. È importante Bisogna mettere insieme responsabi-
Keisha Lance Bottoms — risultata
bambina di 8 anni rimasta uccisa che si levi un nuova voce politica, a lità e solidarietà, le quali non sono
proprio ieri positiva al covid-19 —
partire dalla questione ecologica. solo la fonte dell’etica personale ma
parlando della morte della bambi-
Qui c’è lo spazio per giganteschi in- anche della comunità sociale. In ca-
na e aggiungendo che «non si può
vestimenti. Ciò darà da mangiare so contrario la coesione può solo
dare la colpa al dipartimento di
polizia di Atlanta». agli uomini e potrà far bene alla lo- fondarsi sulla forza e sull’autoritari-
L’uccisione dell’afroamericano ro salute, perché non dimentichiamo smo. In questo il patriottismo è di-
Prime vittime George Floyd alla fine di maggio a che molte persone muoiono a causa
di un ambiente intossicato. In Ame-
verso dal nazionalismo. Un fonda-
mento che noi abbiamo perso».
Minneapolis durante un fermo di
dei monsoni polizia, ha dato vita a un fortissi-
mo movimento di protesta contro
in Pakistan ogni forma di discriminazione raz-
ziale in tutte le maggiori città degli
Stati Uniti. Nel centro di Atlanta Compie novantanove anni l’intellettuale francese
ISLAMABAD, 7. Almeno sei perso- queste mobilitazioni sono però in
ne sono morte e altre due sono molti casi degenerate in saccheggi
rimaste ferite durante le inonda-
zioni provocate nel primo perio-
e atti di vandalismo. «Proteste pa-
cifiche sono state dirottate dai cri-
La fraternità perché?
do di pioggia monsonica nella minali con un'agenda pericolosa e
città meridionale di Karachi, in distruttiva. Ora, innocenti georgia-
Pakistan. Secondo le previsioni ni vengono presi di mira, fucilati e di GIANNI DI SANTO porti, nuovi link o di consolidare quelli esistenti. parte per spiegarci che nella grande “rete” della
del dipartimento meteorologico lasciati morti», ha affermato il go- Approdo sicuro per la fraternità, ancora di salvez- vita l’armonia deriva dal concorso di forze diverse
le piogge continueranno fino a vernatore Kemp nella dichiarazione raternità perché? E quale fraternità? Queste za, antidoto e rimedio alla corsa verso il baratro — la biodiversità, appunto — ma è un equilibrio
domani mattina. Lo scorso anno
19 persone erano rimaste fulmi-
nate durante le piogge toccando
diffusa ieri, precisando che «questa
illegalità deve essere fermata e lor-
dine ripristinato nella nostra capi-
F le domande che Edgar Morin, intellettuale
francese tra i maggiori del nostro tempo —
99 anni l’8 luglio —, pone in un appassionato
dove ci stanno conducendo una scienza, una tec-
nica e una economia sfuggite al controllo della
politica e non più al bene comune.
precario, instabile, in continua e necessaria evolu-
zione. La vita è tale perché capace di rinnovarsi e
rigenerarsi, trasformando anche i conflitti in fe-
i pali elettrici o ricevendo scosse tale». pamphlet, tradotto per la prima volta in italiano Condensando così in poche pagine decenni di conde tensioni verso un’armonia superiore. Un’ar-
elettriche all’interno delle loro Intanto a Phoenix, in Arizona, è dall’Editrice Ave (Roma, 2020, pagine 76, euro 11) ampi studi transdisciplinari, Morin evidenzia co- monia che combatte la selezione darwiniana del
case, invase dall’acqua. Nel cor- stata registrata una nuova azione con il titolo La fraternità perché? Resistere alla cru- me nella triade democratica libertà-uguaglianza- più forte e diventa bene comune.
deltà del mondo. Domande rese urgenti dalla fraternità sia l’ultimo termine a dover oggi preva- Nei diversi capitoli del libro si respira il grande
so del 2019 sono morte oltre 200 controversa della polizia, che saba-
drammatica crisi di civiltà, insieme ecologica, so- lere, pena l’aggravarsi ulteriore della crisi in atto. abbraccio di Morin verso un’Alterità che rimane
persone e circa 150 sono rimaste to scorso ha ucciso con almeno ot-
ciale, politica e spirituale nella quale siamo im- La «comunità di destino terrestre» che coinvolge in dialogo con noi, con il mondo e che rappresen-
ferite durante i monsoni. to colpi a bruciapelo un uomo che
mersi su scala locale e planetaria. ormai tutti gli esseri umani necessita più che mai ta l’univa via utopica, e persino ragionevole, per
Nel frattempo in Cina, la cit- si trovava nella sua auto. Il diparti- di quel «sentimento profondo di una maternità
tà di Qianjiang, nella provincia mento di polizia di Phoenix ha Studioso dai molteplici interessi, sociologo, et- un futuro del mondo dove l’umanità torni a esse-
comune» che nutre le fraternità. E che ci chiede
centrale dell’Hubei, ieri ha in- identificato l’uomo come James nologo, filosofo, Morin è uno degli intellettuali re centro di diritti e doveri di cittadinanza.
di saper dare vita a concrete «oasi di fraternità».
nalzato al livello massimo l’aller- Garcia, 28enne di origini ispaniche. “totali” che hanno segnato il XX secolo e adesso il Nella postfazione di Sergio Manghi, sociologo
Il tema della fraternità, che può essere trattato
ta per il controllo delle inonda- La polizia sostiene di aver ricevuto XXI. Coscienza critica di un’Europa in crisi di
superficialmente ma anche strumentalizzato, viene all’università di Parma, si fa riferimento ancora
zioni, passando dal III al I gra- la richiesta d’aiuto di un cittadino identità e in via di trasformazione, ha prodotto approcciato da Morin con uno sguardo non solo una volta a questa parola forse un po’ dimentica-
do, il più elevato del sistema che segnalava il ritorno di una per- incursioni felici, con un’incredibile longevità intel- etico-sociale ma anche biologico, antropologico, ta, fraternità, che per essere efficace «è quella
d’emergenza. Secondo il locale sona armata che lo aveva aggredito lettuale e la vastità dei suoi interessi, sull’incarna- filosofico. «E di conseguenza politico — come concretamente intrecciata lungo la via oscura e in-
quartier generale per il controllo giorni prima. Gli agenti hanno in- zione del modello occidentale. E i suoi limiti. suggerisce la bella prefazione di don Luigi Ciotti certa che ci accade di percorrere giorno per gior-
delle inondazioni e il monito- dividuato il sospetto, gli hanno Dalla società di massa all’industria dello spettaco- —, perché è il vuoto di fraternità a determinare no con altri, umani e non: lungo «il cammino, il
raggio della siccità, Qianjiang è chiesto di uscire dall’auto ma lui lo, dallo star system ai meccanismi delle “voci che l’individualismo sfrenato che tanti danni ha pro- nostro cammino», scrive evocando una parola a
la prima città della provincia ad avrebbe messo mano alla pistola. A corrono”, quelle che chiamiamo oggi fake news, dotto e continua a produrre a livello sociale, am- lui molto cara — cammino — nella quale risuona,
aver lanciato quest’anno l’allerta quel punto i poliziotti hanno spa- per finire nella seconda parte della sua vita alla ri- bientale, economico. Causa di disuguaglianze mai qui non espressamente citato ma nei pensieri di
massima per le alluvioni. Piogge rato. L’episodio, documentato dal cerca dell’unità dei saperi. Un metodo unificante viste, migrazioni di massa per fuggire da carestie Morin sempre vivo, tanto di essi coglie lo spirito
torrenziali hanno inondato negli video di un passante, sta alimen- che è sbocciato in un’altra parola chiave, reliance, e guerre — “deportazioni indotte”, sarebbe più più vero, il celebre verso di Antonio Machado:
ultimi giorni la città cinese, tando un nuovo round di proteste neologismo che ha la radice in “religione”, qui giusto chiamarle —, sfruttamenti ambientali che Caminante no hay camino, se hace camino al andar
comportando gravi allagamenti contro le tattiche violente della po- però vista in una chiave tutta laica. Reliance come avvelenano gli ecosistemi e uccidono la biodiver- — «Viandante, non c’è via, la via si fa camminan-
e danni alle colture. lizia. capacità di creare nuove connessioni, nuovi rap- sità». Da questo concetto di ecosistema Morin do».
pagina 4 L’OSSERVATORE ROMANO mercoledì 8 luglio 2020

Pieter Brueghel
«Le tentazioni di Sant’Antonio» (XVII secolo)

Una nuova veste editoriale per «Viaggio in Oriente» di Gérard de Nerval

Alla ricerca
dell’equilibrio perduto
di GABRIELE NICOLÒ do moderno, gradualmente e inesorabil- versa. Io credo — scrive Conte — che
mente sfigurato dallo squallore e dal de- nessun viaggiatore dovrebbe dimenticar-
n cammino, al contempo, grado. sene. Senza una conoscenza della sua

U entusiasmante e disartico-
lato, alla ricerca di sé stes-
so. Un itinerario che co-
niuga, in felice sintesi, la
dimensione fisica e la dimensione spiri-
tuale. Viaggio in Oriente (1851) di Gérard
de Nerval, figura di spicco del Romanti-
«Sono uscito dalla lettura del Viaggio
in Oriente con la stessa sensazione di
quando rimetto piede sulla terraferma
dopo una nuotata in un mare agitato»,
scrive Giuseppe Conte nella nota critica,
rilevando che «per le pagine di tutto il
libro corre una energia ondosa, si alza la
idea di sacro, dei suoi riti, dei suoi miti,
un paese si conosce solo in superficie».
Nel 1841, quindi poco prima della par-
tenza di de Nerval, anche Baudelaire
aveva fatto rotta verso l’Oriente. Si tratta
di un viaggio di punizione, comminato-
gli dalla madre e dal patrigno per disto-
cismo francese, si pone anzitutto come schiuma di una turbolenza vitale e glierlo dai suoi eccessi parigini. Ma Bau-
una sfida: la posta in palio è la riconqui- dall’immaginazione che trascina e non delaire, dal suo veliero che doveva por-
sta di un equilibrio interiore che già da dà tregua». Nell’immergersi in questa ru- tarlo a Calcutta, scende a Mauritius, e
lungo tempo è stato spezzato. Al viaggio tilante avventura il pensiero non può da lì pretende, dopo due mesi, di tornare
l’autore affida la missione di recupero di non andare al «Viaggio sentimentale» di a casa, carico di immagini esotiche che «La Tentazione di Sant’Antonio» di Gustave Flaubert
quell’equilibro, riconoscendo ad esso, Laurence Sterne (che l’autore stesso ri- non dimenticherà più. Tuttavia Baudelai-
forse con disarmante ingenuità, un pote- corda) e al Viaggio in Italia di Goethe re rimane convinto che soltanto Parigi, il
re catartico.
Quale è stata la causa primaria che ha
inciso drammaticamente sulla psiche del-
(punto di riferimento per de Nerval, tra
l’altro traduttore del Faust).
Il “peccato originale” degli occidentali
cristianesimo, l’Occidente sono l’orizzon-
te in cui vuole dissipare la propria vita.
Baudelaire tenterà soltanto il suicidio:
Sacro
e diabolico
lo scrittore e poeta? Come recita la sua è che non vivono la vita, la studiano; Nerval, «impossibilitato a governare il
biografia ufficiale, la morte, per meningi- non vivono l’amore, lo analizzano. Il proprio tormentoso subbuglio interiore»
te della madre, rappresentò un trauma viaggio in Oriente si configura dunque si suiciderà impiccandosi in un vicolo
mai più superato. Cercò di colmare come il tentativo di lasciarsi alle spalle della città da cui erano invano fuggito.
quell’immenso vuoto con uno studio studio e analisi, di sbarazzarsi di una so- Una peculiarità del romanzo di de
“matto e disperatissimo” anzitutto dei vrastruttura intellettuale, per dare libero Nerval, che sarebbe più appropriato defi-
nire diario, è data dall’as-
senza di descrizioni ne- di MARCO TESTI ba per lui, lasci a Dio quel che è di Dio e
gative. Così non c’è trac- pensi a sfruttare le cronache di donne sole, o
el marzo del 1845 Gustave Flau- sposate ma in balia dei sogni romantici (che

N
cia di povertà e mai l’au-
bert, assieme ai genitori e a una Flaubert odiava, anche perché erano i suoi
tore indugia sulle condi-
coppia di amici in viaggio di sogni, che lui tentava di rimuovere), in evi-
zioni miserevoli delle fol-
nozze, visita Genova: a palazzo denza sui giornali di allora. Consigli non del
le orientali, sulle loro ca-
Balbi viene attirato da un qua- tutto sprovveduti, perché porteranno l’ipo-
se fatiscenti. Al contrario
dro attribuito a Pieter Brueghel, Le tentazioni condriaco, misantropo scrittore alla composi-
del comune viaggiatore zione di Madame Bovary. E però Brueghel, le
di Sant’Antonio. «Darei l’intera collezione del
europeo, lo scrittore è leggende medioevali, l’attrazione dell’Oltre, le
“Moniteur”, e ancora 100.000 franchi, per po-
portato a vedere lo splen- ter avere quel quadro» scriverà qualche tem- figure di coloro che avevano abbandonato le
dore dei quartieri di le- po dopo. Eppure per un giovane di 24 anni, ricchezze per andare a vivere nei deserti più
gno, degli abiti a tinte vi- colto, avido di letture anche “scandalose” e remoti rimanevano conficcati nella sua fertile
vaci, dei tetti, e delle ter- tormentato da malattie nervose, diavoli, don- e non sempre controllata — come avrebbe vo-
razze che si perdono tra ne in atteggiamenti seduttivi, deformità e de- luto — fantasia. E così, negli anni a venire ri-
mare e deserto. Come moni non dovevano poi sembrare così ecce- prenderà in mano il manoscritto e lo rima-
pure in ogni donna, vec- zionali: c’era qualcosa d’altro dietro quello
chio o mendicante de stupore.
Nerval scopre caratteri di E quell’altro era l’attrazione del mistero,
grandezza, ingegnosità, del sacro, di tutto ciò che a casa di un rispet- Catturato dal quadro
gentilezza. tato chirurgo di provincia, quale era il padre
Come viene fatto acu-
attribuito a Pieter Brueghel
di Gustave, poteva sembrare fuori luogo e
tamente notare nel capi- antiquato. La Francia di quegli anni era pas- per il quale avrebbe venduto
tolo introduttivo al libro sata attraverso gli sviluppi della rivoluzione, l’intera collezione del «Moniteur»
intitolato Viaggio e Mito dell’ambigua avventura di Napoleone, gli an-
nell’Oriente di Nerval e ni della repubblica che poi, di là a poco, cul- lo scrittore compone un’opera
scritto da Bruno Nacci, mineranno nel colpo di mano di Napoleone in cui denuncia
l’Oriente dello scrittore è III e nel nuovo impero. E alla fine il massacro
meraviglioso perché in della Comune, che sconvolgerà la già provata i limiti dell’umano sapere
esso «si rompe la succes- psiche dello scrittore. e si arrende all’Oltre
sione del tempo, permet- Ma gli ideali razionali dell’illuminismo era-
tendo l’ingresso a una no rimasti, e la buona borghesia d’oltralpe ne
molteplicità di tempi, aveva comprese le potenzialità propulsive per
sciolti dal laccio della ir- l’economia e il benessere: se si esclude Rous- neggerà anche alla luce dei nuovi libri che in-
reversibilità». Lo spazio è seau, la gran parte dei filosofi non vedeva di tanto stava letteralmente divorando, andando-
Cesare Biseo, «La cittadella del Cairo» (1883) tutto un giardino dai buon occhio il popolo minuto nei pressi del seli a cercare perfino alla Biblioteca Imperiale
frutti dorati: chioschi, potere. Perciò il “disturbato”, secondo Sartre, di Parigi.
moschee, fiumi, monta- giovanotto era attirato da quello che l’odiata Alla fine, nel 1874, molti anni dopo il pol-
classici. Ma la cultura accumulata e ocu- sfogo alla visione, al sogno, al mito. gne, ogni elemento del paesaggio, con la borghesia benestante non poteva — almeno a verone del processo per oscenità di Madame
latamente rielaborata, si rivelò una medi- «Ho amato — sottolinea Conte — la pre- sua immobile evidenza, è come stagliato livello cosciente — approvare: la trasgressione, Bovary (accusa dalla quale verrà assolto, al
cina sì efficace per curare quella “ferita” cisione, i dettagli coloriti e pregnanti che «contro il pallore rosa di un cielo di car- l’occulto, il mostruoso e il demoniaco. E so- contrario del Baudelaire dei Fiori del male,
così grave, ma non sufficiente. Ci voleva non devono mai mancare in un libro di prattutto il sacro. stessa corte, stesso anno, il 1857) finalmente
ta». L’iconografia nervaliana esce intatta
altro. Ecco allora l’idea, folgorante, del viaggio: la descrizione dei mezzi di tra- Prova ne è il fatto che già nel 1839 aveva esce la sua tanto tribolata Tentation de Saint
da un album di illustrazioni per ragazzi. completato la stesura di Smarh, una sorta di
viaggio. sporto, carrozze, treni, navi di diverso ti- Antoine, che avrà molte critiche, poche lodi
Su questa strategia per ritrovare un po, sempre alle prese con le quarantene Eppure Il Cairo, Beirut, Costantinopoli racconto-mistero medioevale che rappresenta
sono città reali, dove de Nerval ha vera- (ma rilevanti: Hugo, ad esempio) e conoscerà
equilibrio seriamente compromesso non nei porti». Nella “commedia umana” un primo assaggio di un suo nuovo “roman-
anche un buon successo commerciale.
sarebbe stato d’accordo il poeta latino messa in scena da de Nerval spiccano fi- mente vissuto. «Egli — afferma Nacci — zo”, La tentazione di Sant’Antonio, appunto. E
Ironia del destino, un libro influenzato
Quinto Orazio Flacco che, nelle Epistole, gure di donne: Whahaby, la boema, che rispetta la realtà, ma non ci crede, ha bi- infatti, proprio nei giorni della cacciata di
Luigi Filippo e della “nuova” fine della mo- dall’arte influenzerà a sua volta l’arte a veni-
così ammoniva: Caelum, non animum mu- tenta invano di sedurre: Zeynab, la sogno di sfregarla, come la lampada ma- re: alcune incisioni di Odilon Redon, ad
tant qui trans mare currunt. Insomma, schiava giavanese narchia, il giovane scrittore inizia a mettere la
penna su un’opera che, come L’educazione esempio, sono state una sorprendente “tradu-
nessuno può sfuggire a sé stesso. La se- comperata al mercato, zione” in immagine della Tentazione, forse la
renità vera è un tesoro interiore da valo- che sarà fonte di tanti sentimentale, lo impegnerà per molti anni, con
Gli occidentali non vivono la vita, la studiano infinite revisioni e riscritture, come d’altronde più riuscita. Redon ha colto il senso abissale
rizzare attraverso una mirata e severa di- guai; Salima, la ragaz-
era solito fare nella sua “clausura” di Crois- di una storia in cui si voleva fare piazza puli-
sciplina personale. Se l’individuo pensa za drusa di cui sem- Non vivono l’amore, lo analizzano set. ta di tutte le pretese intellettualistiche di una
che viaggiando risolve il problema, ri- bra davvero innamo-
Il viaggio in Oriente si configura dunque Flaubert è convinto di avere scritto un ca- borghesia che lui accusava di imbecillità asso-
marrà deluso: a cambiare, da una desti- rarsi.
polavoro, ma quando lo sottopone al giudizio luta: il fanatismo sciocco di quelli che preten-
nazione all’altra, sarà il cielo, non l’ani- Gli sfavillanti colo- come il tentativo di liberarsi una volta per tutte di due amici, da lui ritenuti gli unici in grado devano di spiegare tutto, che avevano una ri-
mo. ri, che impreziosisco-
Gérald de Nerval, a dispetto della im- no un itinerario dalle
della sovrastruttura intellettuale di capirlo, ha un duro colpo: poco manca che sposta per ogni domanda, narrati qui nelle
marcescibile saggezza degli antichi, si gli dicano di buttare il manoscritto, non è ro- interminabili e capziose affermazioni dei mae-
tante sfaccettature, si per dare sfogo alla visione, al sogno e al mito stri eretici della Tentazione, ma soprattutto
mette in viaggio. E l’avventura ha inizio. legano al ritmo di ri-
Tale avventura ha ora una nuova veste l’angoscia del nulla, il dubbio dell’onnipoten-
flessioni di carattere za della materia che forse aveva un peso nei
editoriale: in questi giorni, infatti, è usci- storico e antropologi-
to nelle librerie Viaggio in Oriente per i ti- suoi attacchi epilettici. E il bisogno, nono-
co. «De Nerval — osserva Conte — è un gica di ladino, per farne scaturire impre- stante tutto, di una Ragione superiore. Re-
pi delle Edizioni Ares (Milano, 2020, pa- viaggiatore che ha mantenuto ben salda vedibili analogie».
gine 704, euro 24) con la traduzione e a don è riuscito a cogliere mirabilmente l’in-
la sua identità, con il suo frequente rife- Nel rilevare che la dimensione teatrale quietante apparizione «delle piccole masse
cura di Bruno Nacci, e con una nota cri- rirsi alla epopea napoleonica, col suo fre- informa di è il racconto del viaggio,
tica del poeta Giuseppe Conte. Nel gen- globulose, grosse come teste di spilli e tutt’in-
quente manifestare risentimento contro Nacci mette l’accento sul fatto che per torno ornate di ciglia».
naio 1843 lo scrittore si recò in Oriente:
gli inglesi vittoriosi che l’hanno spenta, de Nerval il teatro rappresenta una for- L’ossessione della materia, le seduzioni di
prima ad Alessandria, poi Il Cairo, quin-
ma nello stesso tempo, proprio in con- ma privilegiata dello sguardo poiché ad una sensualità fine a se stessa che lascia soli-
di Rodi, la Siria, fino a Costantinopoli.
trasto con i “pettinati, imbrigliati, in- esso è sottesa una intrinseca ambiguità. tudine e noia, e, al contrario, la fissazione ro-
Stava fuggendo da un anno: aveva tra-
scorso il 1841 in una casa di cura, a causa guantati” viaggiatori inglesi, ha preferito Per lo scrittore al teatro appartengono, mantica su un’idea di amore più che su una
di continui deliri che lo avrebbero con- diventare arabo tra gli arabi, turco tra i in egual misura, la concretezza e l’illusio- persona in carne ed ossa, sono catturate im-
dotto, dopo anni segnati da una crescen- turchi, affittare una casa al Cairo piutto- placabilmente dalla scrittura di Flaubert. Che
ne. «Più ancora — scrive Nacci — e qui si
te fragilità, al suicidio. sto che abitare negli alberghi occidenta- attacca le pretese culturali e il vuoto di una
tocca forse uno dei punti nevralgici della
Viaggio in Oriente è una specie di Mille li». classe senza più valori, preda, secondo lo
e una Notte, in bilico tra realtà e fantasia, Fondamentale poi è l’interesse per le concezione nervaliana, il teatro permette scrittore, di una stupidità inguaribile. E il fat-
tra dimensione onirica e scenario prag- religioni. Verso la fine della sua esperien- una forma di conoscenza che lascia intat- to che dopo chiacchiere, apparizioni diaboli-
matico, nel segno di una narrativa bruli- za di viaggiatore, de Nerval dichiara di to l’oggetto conosciuto, salvandone le che e sofismi, la conclusione sia una ierofania,
cante di personaggi di ogni sorta: dagli essere stato pagano trai Greci, musulma- inesauste possibilità». Dunque la realtà un disco solare in cui «sfavilla il volto di Ge-
emiri agli incantatori, da gente della ple- no tra gli arabi, panteista tra i Drusi. «Il vissuta e pensata come teatro ci rende li- sù Cristo» accolta dal segno della croce di
be a maestose regine. Ne emerge un rispetto e l’attenzione per le religioni de- beri, ci comunica al grado più alto il suo Sant’Antonio, la dice lunga sull’onestà di uno
quadro smagliante di colori che contrap- gli altri — evidenzia Conte — non lo por- semplice e terribile segreto: «tutto non è scrittore alla ricerca, è vero, della forma per-
pone il mondo antico (saldamente anco- ta a rinnegare il cattolicesimo, ma a capi- che gioco, rincorrersi spontaneo di for- fetta, ma che qui è costretto a denunciare i li-
rato alla religione e alla natura) e il mon- re più in profondità la civiltà che attra- me». miti dell’umano sapere e arrendersi all’Oltre.
mercoledì 8 luglio 2020 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 5

Pubblichiamo stralci tratti dalla prefazione Cassiodoro raffigurato in un codice miniato dell’VIII secolo
a «È il Signore! — Commento ai salmi — (Bambergensis Patr. 61)
VI» , volume che completa la traduzione in
italiano del «Commento ai Salmi» di Fla-
vio Magno Aurelio Cassiodoro, con introdu-
zione, traduzione e note di monsignor Anto-
nio Cantisani (Milano, Jaca Book, 2020, l’Expositio ci muoviamo nella vicenda pa-
pagine 875, euro 40). tristica e, in questa, all’interno il fatto
che «la Scuola latina dipende prevalente-
mente dalla metodologia alessandrina, al-
di FRANCESCO MILITO meno nei suoi più celebri rappresentanti
introduzione a questo vo- (…) Ambrogio e Agostino», ai quali può

L’ lume di monsignor Anto- aggiungersi Cassiodoro, aiuterebbe ancor


nio Cantisani che, per il più a comprendere la «tendenza allego-
Commento ai Salmi di Cas- rizzante» e, quindi il richiamo ad altri te-
siodoro, con diligente co- sti. Anche in questo caso c’è da notare
stante scadenza ha curato i cinque prece- quali conferme o quali originalità, egli ha
denti con traduzione e note, inquadra il rielaborato nel suo mondo spirituale e in-
motivo della scelta dei Salmi rispetto ai tellettuale, aspetto prezioso per la com-
precisi motivi finora seguiti. Premessa prensione del personaggio.
utile per accingersi alla lettura con liber- Altrettanto rivelativo sarebbe riflettere
tà maggiore rispetto a un motivo domi- su come Cassiodoro usa le stesse citazio-
nante, ma per altri aspetti più vincolante, ni per contesti diversi. I confronti con gli
perché ad entrare nel vivo della mens di Indici delle citazioni bibliche riportati
Cassiodoro occorre avere sempre ben nei singoli volumi permettono infatti di
presenti tutte le questioni che lo interes- rilevare come vi compaiono quasi tutti i
sano, dalla lingua al confronto con Ago- libri biblici. Che non si tratti di un puro
stino, dallo stile alla quadripartita divi- esercizio comparativo, ma di un tassello
sione interna dell’Expositio, dal vasto sci- da aggiungere alla storia dell’esegesi, vie-
bile scientifico al possesso della retorica, ne sorretto da altro motivo e di più pre-
e così essere aiutati a comprenderne ori- ciso significato: la ruminatio del testo bi-
ginalità e limiti. blico, esercizio interiore del monaco nella
Ancor più determinanti sono le coordi- sua quotidiana esperienza di preghiera
nate del costrutto teologico entro cui co-
stantemente si muove Cassiodoro: la cri-
stologia e l’ecclesiologia con la grazia,
preveniente e attuale-attualizzante che
Un maestro da riscoprire contemplativa. L’uomo di Dio non può
che vivere di ogni parola uscita dalla sua
bocca, e farla diventare traditio anche per
coloro ai quali l’opus magnum dell’Exposi-
l’accompagna, in maturazione orante nel tio è rivolto e pensato. In conclusione, un
pellegrinaggio verso la Patria, di cui i
I salmi come tappe del viaggio dell’anima verso casa nei «Commenti» di Cassiodoro richiamo su come l’eco e l’interesse dei
Salmi sono gli inni di marcia e di soste- posteri, resta e prova di quanto essa sia
gno nelle esperienze del percorso umano, stata apprezzata e valorizzata. Sulle vi-
che a tappe incede lento, faticoso, spesso cende dei manoscritti dell’Expositio si è
Salmi, hanno richiesto oltre un lustro di cordare i benefici straordinari, narrati dai menti, nei nostri volumi pur sempre se- già indagato. Di quelle a livello biblio-
incerto con le opacità intermittenti tempo, non è difficile supporre ed imma- padri, guardare fiduciosi in alto al Dio gnalate.
dell’esistere. grafico disponiamo di ricerche, ma anco-
ginare quanto abbia significato per lui della salvezza, potente, roccia, rupe. Da Un altro versante di ricerca ad opera ra forse non molto conosciute, per cui si
A chi, dunque, con questo ultimo te- portare a termine un’opera, ai suoi tempi qui il canto di gratitudine, la ripresa del- completa e da perseguire come chiave il-
sto si avvicina per la prima volta a Cas- la speranza, la gioia del ritorno dall’esilio luminante di lettura per comprendere
mai prima compiuta. All’interno di que-
siodoro, come insigne maestro della lectio delle terre di deportazione e da quello meglio la familiarità di Cassiodoro con le Il latino del fondatore di Vivarium è facile
ste coordinate numeriche e temporali che
divina, è oltremodo vantaggioso rifarsi e indotto da sé stessi. (…)
aiutano, in qualche modo, ad accostarci Sacre Scritture riguarda una puntuale come quello di tanti scrittori ecclesiastici coevi
disporre delle Prefazioni, di autori e sen- Il completamento della traduzione
al fervore del Nostro, molto lontano nel classificazione delle citazioni dirette e
sibilità diverse e a tutte le Introduzioni dell’Expositio (e dei Salmi) permette ora nei primi secoli della Tarda-antichità
tempo — ma che sentiamo palpitare nel delle allusioni che egli fa nel corso
del curatore nei volumi precedenti, come di sottolineare alcune peculiarità, che
pure di avere ben presenti l’Indice delle commento che ci coinvolge —, con atten- dell’opera. Il loro raggruppamento per Perché non tradurre l’«Expositio»
zione ad alcuni passaggi si può dire che rappresentano indubbiamente motivi di ogni singolo libro dei due Testamenti e,
figure retoriche. L’operazione, editorial- merito unici per l’impegnativo lavoro all’interno di ognuno di essi, dei singoli anche in altre lingue
mente non contemplata per il motivo che tra il presente volume e i precedenti c’è
una certa discontinuità? A confronto dei portato avanti da monsignor Cantisani versetti richiamati, aiuterà a scoprire co- oltre che in italiano e in inglese?
ogni volume vive “da sé”, si rende però con puntuale scadenza. Anzitutto, aver
necessaria per cogliere, nella fondamenta- prericordati principi selettivi di partenza, me egli ha commentato la Scrittura con
permesso al lettore di lingua italiana — la stessa Scrittura, e come ha usato gli
le intelaiatura dell’insieme, peculiarità sembrerebbe di sì. Ma con liaison interne
quale che sia il suo rapporto con i libri stessi testi e le stesse citazioni in rappor- ritiene utile di seguito riportarle. Si trat-
non omologabili. In che cosa allora que- al testo sacro, un legame organico lo si
(accademico, di ricerca, di alimento cul- to ad altri contesti, aprendo così la possi- ta, in pratica, di rendersi conto di quale
sto sesto volume sul Commento ai Salmi può trovare, avendo sempre presente la
turale o spirituale) — di potersi accostare bilità di scoprire l’uso versatile di un te- recezione abbia avuto la tradizione ma-
finalmente all’opera cassiodorea per la sto in rapporto alla sua applicazione di noscritta all’indomani dell’invenzione
prima volta in modo completo, fatti salvi volta in volta. Il fatto che, sotto il profilo della stampa, passando in rassegna anzi-
i gusti e le preferenze per la scelta di uno del microcosmo bibliografico, con tutto gli incunaboli. La British Library,
In ogni preghiera emerge il limite dell’uomo o più titoli o testi. Considerato che il la-
mali fisici e sofferenze mortali, minacce e paure interne ed esterne tino di Cassiodoro, infatti, è facile, come
altri di scrittori ecclesiastici dei primi se-
coscienza del peccato e dei mali che ci si procurano da soli coli e/o della Tarda-antichità, la tradu-
Ma il limite fa volgere lo sguardo indietro zione dell’Expositio in italiano va così ad
per ripercorrere la fedeltà all’Alleanza affiancarsi all’unica finora disponibile so-
lo in inglese edita. È ipotesi, pertanto,
fa ricordare i benefici straordinari narrati dai padri peregrina pensare che, come altre volte
fa guardare fiduciosi in alto al Dio della salvezza avvenuto in casi simili, ad interessati edi-
tori, fidandosi delle traduzioni italiana o
inglese, baleni l’idea di diffonderne
l’opera in altre lingue più diffuse? L’ope-
può indicare, se non vere e proprie novi- lettura teologica di fondo che muove ra di Cassiodoro sarebbe così immessa a
tà, alcune note su cui soffermarsi? La Cassiodoro. In ogni salmo emerge il li- disposizione in un circuito più vasto e
prima riguarda il completamento del mite dell’uomo, quale che siano le forme con indubbia più vasta conoscenza
Commento: esaminando i Salmi prima in cui compare: mali fisici e sofferenze dell’autore. Una traduzione plurilingue
studiati — quasi due terzi dell’intero sal- mortali, minacce e paure interne ed ester- colma sempre la distanza fra cultori e ad-
terio — ne mancava ancora poco più ne, coscienza del peccato e dei mali auto- detti al mondo della cultura, e nel nostro
dell’ultimo terzo: oggetto ora del presen- procuratisi, come singoli e come comuni- caso, non ultimo, per la storia dell’esege-
te volume. Un gran lavoro, finora, un tà. Contestualmente, proprio tale limite si. Al lettore, che voglia entrare in tutta
traguardo ambizioso. — assunto come lineare confine entro cui la complessità dell’Expositio, per il corre-
I numeri, in questi casi, non sono aridi non sentirsi segregati come in un campo do culturale che sottende resta, tuttavia,
elenchi di confronti, ma indicatori di una di concentramento, o dietro le sbarre di la necessità di essere accompagnato da
impresa culturale ed editoriale, degni in una prigione, quasi impotente e sfiducia- analisi specialistiche che ne rendano più
analogia speciale — si direbbe — dell’ala- to fino a temere della propria sopravvi- “fondata” ma anche più chiarificatrici let-
cre e deciso modo di lavorare di Cassio- venza — fa volgere lo sguardo indietro tura e studio. È il mondo delle figure re- Particolare tratto da «Cassiodorus the Great. Writer, Politician Man of Faith»
doro. Se, cioè, la traduzione e le note ai per ripercorrere la fedeltà all’Alleanza, ri- toriche, oggetto di precisi approfondi- traduzione inglese del libro a fumetti «Cassiodoro il Grande» (Edizioni San Paolo, 2008)

che censisce tutte le edizioni e, per cia-


scuna edizione degli esemplari conosciuti
nel mondo, ne offre i risultati attraverso
la banca dati Incunabula Short Title Ca-
Video, premi internazionali e racconti di «fanta-filologia» per ricordare il fondatore dello scriptorium calabrese talogue. Dopo la descrizione dell’edizio-
ne, dato che accomuna tutti gli esemplari
Quanta vita (dopo quattordici secoli) a Vivarium (indicati con Holdings), l’Incunabula
Short Title Catalogue localizza appunto
gli esemplari conosciuti attualmente nei
vari paesi del mondo. Lo scorrimento
permette di fare un vero giro del mondo
di SILVIA GUIDI fia, concorsi riservati alle scuole, pensa- matico — spiega don Tarzia nel sito piccolo gioiello di fanta-filologia, L’er- dove gli incunaboli dell’Expositio sono
ti per far tradurre ai ragazzi in linguag- della sua associazione — è stato deciso rore di Alessandro Zaccuri (Papero Edi- oggi disponibili. Il raffronto tra Paesi,
e noi continueremo a com- gio video (o comunque nell’ambiente per continuare la politica di valorizza- tore, 2016), in cui il paleografo Rudolf

«S
dove ne è segnalata l’esistenza in più bi-
mettere ingiustizie, Dio ci la- digitale) gli insegnamenti di un uomo zione dei luoghi interessati dall’opera Beer si convince che la biblioteca del blioteche, è una prova di come l’opera
scerà senza la musica»; una vissuto in un’epoca tanto lontana dalla spirituale e culturale di Cassiodoro in monastero di Vivarium non è persa per cassiodorea ha travalicato i confini entro
frase che a quattordici secoli di distan- nostra, ma anche tanto vicina per la Calabria allo scopo di progettare dei cui è stata composta e l’esame dei pas-
za da quando è stata scritta per la pri- complessità dei problemi da affrontare. veri e propri “percorsi e cammini cas- saggi tendenti a ricostruirne le tappe
ma volta non ha perso la sua verità e la Nel sesto secolo, Cassiodoro fa na- siodorei”. Il collegamento più impor- aprirebbe un’altra ricerca sui percorsi
sua freschezza. Più difficile è ricordarsi scere una sorta di università cristiana tante con questi temi, può essere tratto, Tra i destinatari dei progetti didattici della sua diffusione. Sono, come si com-
del suo autore, Flavio Magno Aurelio ante litteram sui suoi terreni in Calabria dalla sua vasta produzione culturale, ci sono anche gli istituti agrari prende, piste aperte di ricerche faticose,
Cassiodoro, senatore a Roma durante il e la chiama Vivarium, il Vivaio. Nel dai frequenti brani delle Variae in cui, ma di indubbio valore.
regno ostrogoto, ministro a Ravenna e primo libro del regolamento inserisce nella sua qualità di prefetto della Cala- In molti brani delle «Variae» Interessante, infine, la presenza del-
ambasciatore a Costantinopoli, biblista, anche la frase sulla musica che abbia- bria e della Lucania, si dilunga amabil- parla della bellezza della campagna l’Expositio Psalterii, Basilea (Johann
storico, fondatore di monasteri e scrip- mo riportato all’inizio; una metafora mente (e con dovizia di particolari) Amerbach, 1491) nella Biblioteca del mo-
toria (in particolare il cenobio di Viva- della società umana e del suo difficile sulle straordinarie qualità dei prodotti e dell’abilità dei contadini numento nazionale dell’Abbazia di Grot-
rium, che sorgeva vicino all’attuale rapporto con Dio, attuale in qualsiasi di questi luoghi. La sua posizione pri- taferrata, il cenobio italogreco, fondato
Squillace, in Calabria). Luoghi che, in contesto. L’uomo di ogni epoca speri- vilegiata di primo sottoposto al re Teo- da san Nilo di Rossano nel 1004, al ter-
un’epoca segnata dallo smarrimento, menta che la disarmonia, la “stonatura” dorico, gli consente di scrivere intere sempre, ma in parte migrata a Bobbio, mine del suo pellegrinaggio terreno alle
dalla violenza e dal caos, hanno tra- del male non permette di sintonizzare pagine di elegie sui cibi, sui vini, sui in quella del monastero di San Colom- porte di Roma. L’amore alla scrittura di
ghettato verso il futuro capolavori di la propria vita sulle frequenze del Bene luoghi, sull’abilità dei contadini e degli bano. Fatto dimostrabile grazie a un due grandi del monachesimo, a partire
valore inestimabile. con la b maiuscola. E l’accesso alla sca- allevatori». complesso sistema di scatole cinesi co- anche dalla dimestichezza con gli scripto-
Le iniziative nate per cercare di ri- la del Cielo sulla quale salgono e scen- Cassiodoro muore intorno al 580 do- ria, riporta alla fedeltà dei loro discepoli
dicologiche, in un gioco di specchi che
mediare a questa amnesia sono tante: dono angeli, come narra Giacobbe nel- po Cristo; già nel 598 si parla di Viva- nel corso dei secoli. Ad opera completata
ricorda le atmosfere allucinate dei rac-
premi internazionali, promossi dall’As- la sua visione (sinonimo della musica rium come di un monastero in gravi un auspicio finale guarda all’opportunità
sociazione guidata da don Antonio anche secondo tanta esegesi ebraica) ri- difficoltà in due lettere di papa Grego- conto di Kafka. Dopo quattordici seco-
di procedere alla raccolta di tutti i sei vo-
Tarzia, cicli di conferenze (come le schia di essere dimenticato. Negli ulti- rio. La biblioteca si disperde a partire li, quel che resta di Vivarium non cessa lumi del Commento in cofanetto unico
conversazioni Cassiodoro all’alba del ter- mi anni, i destinatari dei progetti di- già dal VII secolo; probabilmente una di generare traduzioni, racconti, crona- con un sussidio a parte riservato a l’Indi-
zo millennio, promosse e ospitate dal li- dattici dedicati alle opere del successo- parte dei libri confluisce al Laterano, che immaginarie e non, e a diffondere ce delle figure retoriche — sempre oppor-
ceo classico Tommaso Campanella di re di Boezio non sono solo i licei clas- per poi disperdersi. Fra le spy stories l’amore per i libri. Proprio come aveva tunamente ripreso in ognuno dei volumi
Reggio Calabria) libri a fumetti che sici, ma anche gli istituti alberghieri e erudite che si dipanano a partire da previsto Cassiodoro nel suo atto di — e a l’Indice dei nomi, da assemblare in
raccontano per immagini la sua biogra- agrari. «Questo approfondimento te- questa sparizione eccellente spicca un fondazione. unico testo.
pagina 6 L’OSSERVATORE ROMANO mercoledì 8 luglio 2020

Ad Aleppo numerose le iniziative promosse dall’associazione Pro Terra Sancta

Garantire l’istruzione
anche ai bambini poveri
di IGOR TRABONI di scuola secondaria). Però il 40 per quello dei bambini di Aleppo, ac-
cento dei bambini accolti arriva da colti nella scuola per sordi o in
d Aleppo, la seconda città famiglie povere che non hanno la quella delle suore. Ma anche dei

A della Siria martoriata dalla


guerra e oggi dalla fame e
dalla pandemia, esplode anche
possibilità di pagare la retta, costo
che va ad aggiungersi a tutte le altre
spese “ordinarie”, dall’acquisto di ci-
bambini di strada, perché anche lo-
ro trovano sempre un motivo per
sorridere. E invece no: la tristezza di
l’emergenza educativa per decine di bo per i bambini alla gestione di Aleppo, dove trovare un po’ da
migliaia di bambini senza istruzio- spazi e ambienti. Ma ecco che, so- mangiare è un’impresa eroica così
ne. Ma tra le rovine, materiali e mo- prattutto dall’Italia, arriva la lunga come un lavoro o una medicina, ha
A colloquio con l’amministratore apostolico del Patriarcato di Gerusalemme dei Latini rali di quello che una volta era il mano della generosità, con questi e avvolto anche i più piccoli: «Si so-
ricco snodo commerciale tra il Me- altri progetti sostenuti dall’associa- no fatti seri e preoccupati anche i

Desiderio di rinascita diterraneo e l’Eufrate, ci sono anche


le storie liete di tanti bambini sordi,
oggi più di 100 (ma appena 3 nel
2005, anno di fondazione della Eco-
zione Pro Terra Sancta, un’organiz-
zazione no profit presente in Medio
oriente, che realizza progetti di con-
servazione dei luoghi santi, di soste-
volti dei bambini — riprende padre
Ibrahim — perché anche loro vivono
mille difficoltà e non trovano più un
motivo per sorridere».
le d’Habilitation et d’Initiation pour gno alle comunità locali e di aiuto Con i confratelli e i volontari del-
Anche la preghiera sarà un aiuto co- Le chiedo di gettare uno sguardo al le Sourds, Ehis) che ogni giorno nelle emergenze umanitarie, laddove la parrocchia, padre Ibrahim sta co-
di FEDERICO PIANA non solo vanno a scuola all’interno
stante? futuro: come si immagina la ripresa risiedono i frati francescani della munque ridando una speranza an-
ai come in questo periodo dei pellegrinaggi in Terra Santa e co- di un convento francescano, ma
Custodia di Terra Santa. E tra que- che a tanti altri bambini, riaprendo

M dominato dalla paura per


la pandemia, in Terra San-
ta la fede è messa davvero a dura
Certamente. Noi siamo in Orien-
te e in Oriente c’è una Chiesa tradi-
zionale — nel senso bello del termi-
ne — dove la partecipazione alla li-
me si aspetta il ricominciare della fede
partecipata, nei tempi prossimi?
Prima di tutto mi soffermo sui
possono anche seguire un adeguato
percorso riabilitativo di logopedia,
grazie al quale molti di loro impara-
no a parlare proprio durante i primi
sti frati, spunta il volto pacifico e
sorridente di padre Ibrahim Alsa-
loro le porte dell’oratorio estivo:
«In questa situazione è tutto diffici-

prova. Le celebrazioni liturgiche e le turgia è molto sentita. Uno dei pro- tempi. Abbiamo messo in conto che anni di formazione e riescono così
catechesi che si continuano a tra- blemi attuali delle famiglie è quello per circa un anno vivremo come
ad affrancarsi dal mutismo, aiutati
smettere online, il prolungarsi degli di non poter partecipare, o di parte- stiamo vivendo ora. Siamo coscienti,
da 38 tra insegnanti e operatori. Un
incontri virtuali tra sacerdoti e fedeli cipare in maniera limitata, alle litur- poi, che per i pellegrinaggi non ci
saranno più i numeri che avevamo lavoro meritorio, che due anni fa ha
e il blocco quasi totale dei pellegri- gie: per ovviare alle difficoltà, i no- indotto l’autorità pubblica siriana a
naggi stanno creando scoramento e prima: i viaggi saranno più compli-
stri parroci si sono attrezzati per restituire ai frati francescani della
preoccupazione in tutta la Chiesa cati, anche il post-covid richiederà
rendere concrete delle forme di pre- Custodia di Terra Santa (la confisca
locale. Anche se nel più profondo di mettere in atto attenzioni che nel
ghiera alternative, per fare visite passato non si prendevano. Il pelle- di tutte le scuole private, soprattutto
del cuore la speranza non è stata dov’è possibile, per formare i capi cristiane, risale agli anni ’70 del se-
sradicata. L’arcivescovo Pierbattista grinaggio, insomma, dovrà adattarsi
famiglia affinché possano portare la alle nuove situazioni con forme, colo scorso) un’area che era di loro
Pizzaballa, amministratore apostoli- comunione ai propri familiari quan- proprietà a fianco del convento,
modalità ed itinerari diversi. Allo
co del Patriarcato di Gerusalemme do il sacerdote è impossibilitato a stesso tempo, però, in Terra Santa il proprio per accogliere e ampliare le
dei Latini, è pienamente consapevo- recarsi sul posto. Senza alcun dub- pellegrinaggio avrà sempre la carat- attività della Ehis. Fatti i lavori di
le che in quei luoghi santi il deside- bio, la preghiera è un sostegno teristica fondamentale dell’incontro sistemazione, già l’an-
rio di rinascita, di riscatto dal dolo- umano e spirituale assolutamente con Gesù nei suoi luoghi. Ciò non no scorso sono stati
re causato dalla virulenza della ma- necessario. cambierà mai. accolti altri 40 bambini
lattia, non potrà venire meno, non sordi.
potrà essere soffocato: «Noi siamo E la preghiera si può trasformare an- Dunque, la Chiesa si attrezzerà per Da Aleppo arriva
nella terra dove Gesù è risorto e che in un segno di speranza… affrontare una tale situazione? anche la storia lieta dei
quindi dobbiamo custodire la visio- 250 bambini che vanno
Mettersi davanti al Signore per la Necessariamente. Ce lo chiede il
ne pasquale della vita che è una vi- buon senso, ce lo chiederanno le a scuola dalle suore
preghiera d’intercessione, in questo
sione certamente di croce ma anche leggi civili e ce lo chiederanno i pel- della Congregazione
momento, è il pane necessario del A fianco padre Ibrahim Alsabagh
di risurrezione». legrini che certamente vorranno ve- delle Sorelle del Rosa-
quale abbiamo estremamente biso- parroco della parrocchia latina
gno, oltre al pane quotidiano. Lo ri- nire per devozione, ma in tutta sicu- rio: materna, primaria di San Francesco d’Assisi ad Aleppo
Eppure l’assenza dei pellegrinaggi è rezza. e secondaria aperta nel
peto: noi siamo nella terra dove Ge-
uno di quei fatti che sicuramente pro- 2010 nell’area di Man-
sù è risorto e siamo noi che dobbia-
vocano smarrimento e dispiacere. Qual Secondo lei, perché e necessario che tutti soura, occupata tre an-
mo conservare la visione pasquale
è attualmente la situazione? i credenti aiutino la Terra Santa a non ni dopo dai miliziani del sedicente bagh, francescano della parrocchia le e sarà così anche per il campo
della vita, fatta di croce, ma anche
smarrire la fiducia nel proprio futuro? stato islamico (Is). Ma le suore non latina di San Francesco d’Assisi, ad estivo, però quando ho letto che an-
Qui i pellegrinaggi sono pratica- di risurrezione.
mente fermi. In primo luogo, per- La Terra Santa è il luogo che cu- si sono scoraggiate e nel 2014 hanno Aleppo: «Non potrei non sorridere, che Papa Francesco invitava a fare
ché i confini sono ancora chiusi. Un segno importante di speranza è stodisce ancora oggi l’umanità di preso in gestione uno spazio appar- pur in mezzo a tante difficoltà, per- qualcosa per l’estate dei bambini,
Gran parte dei Paesi con i quali ci stata anche l’ordinazione di nuovi sa- Gesù, la sua storicità. Gesù non è un tenente alla Chiesa caldea e hanno ché sento la gioia di essere amato ho pensato che noi non potevamo
cerdoti per la Terra Santa, in un pe- messaggio astratto, non è un’idea. È riaperto la scuola che oggi accoglie dal Signore», racconta il parroco in mica tirarci indietro». Ed ecco allo-
sono ancora relazioni richiedono la
riodo estremamente difficile. È così? una realtà che noi possiamo toccare. bambini di diversa etnia e religione, un collegamento via Skype dalla Si- ra che ben 660 bambini arrivano
quarantena e questo naturalmente
Custodire questo aspetto della Terra con l’obiettivo nei prossimi due anni ria, organizzato da Pro Terra Sancta ogni giorno nella parrocchia dei
scoraggia i pellegrini. A ciò va ag- Sì. Finora abbiamo ordinato un- Santa e sostenere la sua speranza si- — ha dichiarato la direttrice suor Ja- e anche per promuovere l’iniziativa francescani, per giocare, per tornare
giunto il fatto che nell’ultima setti- dici sacerdoti e diciotto diaconi. cina Hassayant che guida 25 inse- della fondazione Mediolanum che
gnifica mantenere vivo, per tutta la a studiare un po’ di catechismo, per
mana, in Israele e Palestina, si è ve- Nonostante tutte le fatiche e tutte le gnanti — di aprire altre classi nella ha deciso di raddoppiare ogni dona-
Chiesa, il nostro legame con quel consumare qualche pasto, per ritro-
rificata una seconda ondata di con- divisioni, anche politiche, il Signore Gesù che qui si è fatto carne e che scuola secondaria, in modo da offri- zione per questi progetti.
tagi molto forte che ha davvero spa- vare anche la gioia di contatti uma-
ci benedice con le vocazioni e per ancora oggi è la vera speranza per re l’accesso completo all’istruzione Oltre al sorriso del simpatico fra- ni e sociali interrotta pure in Siria
ventato. tutto questo lo ringraziamo. noi, ma anche per il mondo intero. base (6 anni di scuola primaria e 3 te francescano, si immagina subito
dal lockdown. E qui si tocca un al-
In questo frangente così drammatico, tro tasto dolente, con le cure sanita-
come può essere definito lo stato d’ani- rie precarie e un’emergenza covid-19
mo della Chiesa? difficile da affrontare. Un ulteriore
macigno su tante famiglie, già mes-
Passata la prima fase della pande- Assistenza sanitaria e lezioni a distanza in tempo di pandemia grazie all’impegno del Centro Santa Rachele se in ginocchio da una crisi econo-
mia alla quale eravamo preparati, mica senza precedenti. Come se non
ora, purtroppo, siamo entrati in una
situazione di emergenza prolungata:
c’è l’aspetto sanitario che, con la re-
In aiuto dei piccoli migranti bastasse, il 17 giugno scorso sono ar-
rivate le nuove sanzioni economiche
e adesso anche acquistare qualcosa
crudescenza del virus, sta preoccu- per il sostentamento minimo è diffi-
pando tutti. E poi ne esiste anche cile, praticamente impossibile: i
uno economico. Da diversi mesi mi- GERUSALEMME, 7. La pandemia di un gruppo di 15-40 minori che fre- «Queste popolazioni — ha di- ti pure da persone che tramite tele-
prezzi di carne, zucchero, riso sono
gliaia di famiglie sono senza lavoro coronavirus non molla la sua presa quentavano il doposcuola, fungen- chiarato Rafic Nahra, vicario pa- fono o via Skype li accompagnano
quadruplicati, la Lira siriana si sva-
e ciò provoca delle conseguenze a livello mondiale e alcuni paesi, do anche, nel fine settimana, da triarcale di Gerusalemme dei Latini nello studio. Tutto è stato organiz-
tra cui Israele, hanno dovuto fare i luta ogni giorno, il pane invece è
drammatiche, soprattutto nelle zone luogo di incontro dei giovani del per i fedeli cattolici di lingua ebrai- zato in modo da aiutare i bambini
conti con una nuova ondata di calmierato, ma solo per chi ha la
più povere del Paese: la Palestina e vicariato di San Giacomo. Nono- ca e responsabile della pastorale a vivere come se si trovassero in
contagi che hanno messo in preal- tessera governativa e molte famiglie
la Giordania non hanno gli ammor- stante sia stato costretto a chiudere per i migranti del vicariato di San una vera e propria famiglia. In pre-
larme ospedali, strutture sanitarie e lo portano in tavola solo una volta
tizzatori sociali che ci sono in Israe- i battenti a metà marzo nel rispetto Giacomo — spesso vivono insieme, cedenza, durante il periodo di qua-
il governo sull’opportunità di rein- al giorno, servendolo ai figli con
le o in Europa. delle misure adottate dalle autorità in più famiglie, dividendo un unico rantena sono stati distribuiti dalla
trodurre restrizioni e tracciare spo- delle povere erbe tritate.
civili per il contenimento del covid- alloggio, con la conseguenza di una struttura “kit antistress” ai genitori
stamenti per impedire una ulteriore «Nella nostra parrocchia — ri-
Sicuramente la Chiesa non fa mancare 19, ha dato comunque ospitalità a grande promiscuità e quindi con al- preparati da IsraAid, un’organizza-
diffusione del morbo. Un’emergen- prende a raccontare padre Ibrahim
la sua vicinanza spirituale e materiale nove bambini e alle loro madri per te probabilità di infezione». zione israeliana il cui obiettivo è
za senza fine davanti alla quale ri- — l’85 per cento della gente vive
ad ogni famiglia coinvolta. In che mo- venire incontro alle difficoltà di al- Il Centro ha garantito anche le- sostenere le persone colpite dalla
salta a Gerusalemme l’opera del sotto la soglia di povertà. Ma non è
do si concretizza la prossimità ecclesiale cune famiglie di rifugiati, soprattut- zioni a distanza per i bambini: il crisi pandemica. Il materiale offerto
Centro Santa Rachele, nel distretto to indiani e filippini, particolar- passaggio dalla scuola all’insegna- che gli altri stanno bene o sono ric-
nei confronti delle persone che stanno conteneva una lettera di spiegazio-
di Talbieh, gestito dal vicariato di mente vulnerabili per alloggio e mento online ha permesso di stabi- chi, diciamo che arrivano appena
soffrendo? ne in arabo e tigrino — lingua par-
San Giacomo per i cattolici di lin- povertà e quindi più esposte al ri- lire infatti un fruttuoso impiego del all’autosufficienza. E adesso c’è un
Attraverso il supporto di tante lata dai migranti etiopi di etnia fa- altro nemico da affrontare: la perdi-
gua ebraica in Israele e collocato schio contagio, assicurando comun- tempo, con delle giornate scandite lasha — una pianta di menta, un
istituzioni. Penso in modo particola- sulla proprietà del convento dei fra- ta della speranza. In strada incontri
que l’osservanza delle regole sanita- tra corsi al mattino e attività sporti- pallone, carte da gioco, colori e al-
re ai Cavalieri del Santo Sepolcro. ti cappuccini. Nato nel 2016 per ac- gente disperata, che oramai parla da
rie imposte dal governo. Per alle- ve e ricreative il pomeriggio. I re- tri oggetti pensati per alleggerire le
Con loro abbiamo aperto dei punti cogliere i bambini dei migranti cat- sola, che non sa più come fare. E
viare le loro difficoltà economiche è sponsabili del centro, ha precisato situazioni di tensione e angoscia.
d’emergenza soprattutto nella zona tolici e richiedenti asilo grazie an- sono sempre di più quelli che bussa-
stata lanciata anche una raccolta padre Nahra, sono in contatto con Spazio anche al momento religioso:
di Betlemme, nel nord della Palesti- che al sostegno di Ordine equestre no alla porta del nostro convento
fondi tra le comunità cattoliche di i professori e annotano tutti i com- nel parco giochi della struttura ven-
na e a Gerusalemme est, oltre che in del Santo Sepolcro, Pontificie ope- chiedendo cibo o lavoro». Da questi
espressione ebraica. piti da far svolgere ai piccoli, aiuta- gono infatti celebrate messe due
Giordania, naturalmente. I punti di re missionarie (Pom), l’organizza- frati arriva dunque anche un aiuto
emergenza servono per dare aiuto volte a settimana, sempre nel ri- nello stare vicino a queste persone,
zione cristiana statunitense World
alle famiglie che si sono ritrovate spetto delle regole sanitarie, e una pregando con loro e per loro (conti-
Vision e l’associazione umanitaria
senza più nulla da un momento svizzera Dear Foundation, è dotato di esse è stata recentemente cele- nuo e molto seguito il ricorso anche
all’altro e che sono state spinte sulla di due grandi sale che fungono brata dall’amministratore apostolico ai social durante il recente periodo
soglia della povertà. Abbiamo atti- contemporaneamente da stanze da di Gerusalemme dei Latini, arcive- del lockdown), cercando di ridare
vato un sostegno alimentare, un gioco e dormitorio per i più picco- scovo Pierbattista Pizzaballa. anche quella speranza il cui senso
supporto scolastico e sanitario. È il li, e di una terza riservata al dopo- Santa Rachele intende risponde- profondo è stato sottolineato dal
massimo che possiamo fare in que- scuola. Altri locali sono adibiti ad re a uno dei bisogni più urgenti cardinale Angelo Bagnasco, in qua-
sto momento storico. uffici, studio e riunioni, con un pic- delle persone immigrate in Israele, lità di presidente del Consiglio delle
colo alloggio per i volontari. Il no- quello della presa in carico quoti- Conferenze episcopali europee, che
me del complesso, è scritto sul por- diana dei bambini con meno di 3 ha aperto l’incontro via internet con
tale del vicariato di San Giacomo, anni per motivi di sicurezza, igiene padre Ibrahim, ricordando la visita
è in onore di Rachele, «una delle e per una sana crescita, consideran- compiuta ad Aleppo nel settembre
grandi donne e madri della Bibbia, do che molti migranti trascorrono del 2019: «Ho conosciuto un popo-
madre di Giuseppe e Beniamino, la per lavoro diverse ore lontano da lo di grande dignità, che pure in
quale ha lottato per avere figli ed è casa, costretti in alcuni casi ad affi- mezzo a profonde sofferenze, tra
morta dando alla luce il suo figlio dare i figli a “nidi pirata”, sempre macerie e paure, non si piange ad-
più giovane». più diffusi e detti “depositi di bam- dosso». Per aiutare i bambini di
Prima del dilagare del coronavi- bini”: qui i piccoli, gestiti da donne Aleppo e sostenere i progetti di Pro
rus, venticinque bambini di età in- migranti senza alcuna formazione, Terra Sancta è possibile consultare
feriore ai 3 anni venivano accolti vengono tenuti in ambienti perico- ogni informazione utile sul sito in-
ogni giorno nel Centro insieme a losi e sovraffollati. ternet dell’associazione.
mercoledì 8 luglio 2020 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 7

Su YouTube la Settimana sociale organizzata dalla Conferenza episcopale argentina

Nessuno si salva da solo


di GIOVANNI ZAVATTA re ora per il futuro»; «Guardiamo al
futuro con creatività»; «Costruiamo
ensare a un’economia dal vol- un mondo più equo»; «Cerchiamo il

P to umano, che ponga al centro


dell’attenzione le persone e la
dignità del lavoro, che consideri il
dialogo e la riflessione comune»; «Il
giorno dopo: pensare alla ripresa
economica».
dialogo come strumento principale Come ogni anno, ha dichiarato il
per affrontare le differenze politiche vescovo presidente, la Commissione
e sociali; insomma «un’economia di episcopale per la pastorale sociale
produzione e consumo piuttosto che «incoraggia questo incontro con i
di speculazione». In un’intervista rappresentanti dei diversi ambiti del- Campagna di solidarietà di Caritas italiana e Focsiv
all’agenzia Télam, il vescovo di Lo- la comunità per riflettere sulla realtà
mas de Zamora, Jorge Rubén Lugo-
nes, presidente della Commissione
per la pastorale sociale della Confe-
sociale del nostro paese, una realtà
che negli ultimi tempi ci sfida in
modo sempre più doloroso. Abbia-
Per arginare
renza episcopale argentina, parla del
futuro prossimo, quello del post
pandemia, periodo in cui il paese sa-
mo deciso di affrontare le situazioni
della pandemia e gli scenari successi-
vi, in linea con il magistero di Papa
la pandemia della fame
rà chiamato necessariamente a cam- Francesco, cercando di capire come
biare rotta, privilegiando solidarietà fare per forgiare un mondo più ROMA, 7. «Dacci oggi il nostro pane stessa barca». In occasione della vi-
e bene comune. La pandemia, spie- equo, come promuovere il dialogo e quotidiano» è il tema della campa- sita nell’isola siciliana, il Santo Pa-
ga, «ha fatto uscire allo scoperto la riflessione comune, come pensare gna di solidarietà che Caritas italia- dre, riferendosi alle tante vittime dei
l’enorme numero di esclusi o scartati il giorno dopo in termini di ripresa na e Focsiv lanciano in queste ore naufragi, sottolineò quanto fosse im-
dal sistema, come afferma Papa Raquel Forner, «Génesis del hombre nuevo» (1974) economica», ha spiegato monsignor per sostenere progetti concreti in portante tutelare e promuovere la di-
Francesco, che oggi richiedono cure Lugones. Se la pandemia ha dimo- questo particolare momento contras- gnità e la centralità di ogni essere
e attenzioni, nonché opportunità per strato che nessuno si salva da solo, segnato dall’emergenza sanitaria glo- umano. Un problema che riguarda
il futuro». Già perché la pandemia, svolge in Argentina dal 6 al 10 lu- causa del coronavirus, si svolge in la sfida collettiva adesso «può essere bale. Un’occasione di impegno e tutti: i poveri, gli esclusi, i dimenti-
oltre a una tragedia, «potrebbe esse- glio. Il tema scelto dalla Commissio- maniera virtuale, su YouTube. Il col- quella conversione umanista ed eco- mobilitazione per tutti, in primo cati, vittime di una globalizzazione
re un’opportunità», sottolinea mon- ne episcopale è «Nessuno si salva da legamento è ogni giorno alle ore 18, logica in cui possiamo consolidare i luogo per sensibilizzare le comunità dell’indifferenza. Sono loro i più
signor Lugones, apprezzando «con solo. Chiamati a remare insieme ver- con la partecipazione fra gli altri dei modi per costruire una società più cristiane e tutta l’opinione pubblica colpiti oggi dalle conseguenze della
piacere come i governi di distinte so una conversione umanista ed eco- ministri dell’Istruzione, Nicolás Trot- egualitaria». Ciò richiede «sensibilità per preparare insieme il domani di pandemia, che ha causato un au-
parti politiche compiano sforzi co- logica» e ricorda alcune frasi pro- ta, dell’Ambiente, Juan Cabandié, e sociale» e «senso di fratellanza e so- tutti, senza scartare nessuno, riflet- mento delle diseguaglianze e una di-
muni per mitigare», specialmente nunciate dal Pontefice nella benedi- della Sanità di Buenos Aires, Fernán lidarietà», e implica «non solo l’in- tendo e impegnandosi sui temi della minuzione delle risorse essenziali per
nell’area metropolitana di Buenos zione “Urbi et Orbi” durante il mo- Quiros, del responsabile dell’Ammi- clusione ma anche l’integrazione fame, della povertà, del lavoro, la sopravvivenza. Il 55 per cento del-
Aires, l’avanzata del covid-19. Esem- mento straordinario di preghiera te- nistrazione nazionale della sicurezza senza la quale l’umanesimo e la cura dell’educazione, delle disuguaglianze la popolazione mondiale oggi vive
pi che mostrano la necessità di un nutosi il 27 marzo sul sagrato della sociale, Fernanda Raverta, del sena- della casa comune non sarebbero anche basandosi sugli approfondi- senza alcuna tutela sociale. Ha per-
Stato «presente per garantire il bene basilica di San Pietro. La tradiziona- tore Martín Lousteau e del presiden- possibili». menti che verranno proposti mensil- duto i diritti umani fondamentali co-
comune». le settimana, che la pastorale sociale te dell’agenzia d’informazione Té- Nell’intervista a Télam, Lugones mente su www.insiemepergliultimi.it. me quelli dell’accesso al cibo, alla
Le riflessioni sono state fatte alla organizza ogni anno nella città di lam, Bernarda Llorente. I temi af- elenca i problemi acuitisi in Argen- Una campagna volta a sollecitare un salute, al lavoro dignitoso. Il corona-
vigilia della Settimana sociale che si Mar del Plata, quest’anno, proprio a frontano l’attualità: «È tempo di agi- tina durante la pandemia: «Eviden- gesto concreto per sostenere gli in- virus ha provocato una vera catastro-
ziamo innanzitutto la questione del- terventi nelle varie aree del mondo fe umanitaria su scala globale, una
la crescente povertà che innesca una delle Caritas e dei soci Focsiv — 62 pandemia della fame e della povertà,
serie di situazioni difficili: l’alimen- interventi in Africa, Medio oriente, secondo quanto indicato dal World
tazione, la mancanza di lavoro, il Asia, America Centrale, America La- Food Programme, che toglierà i di-
sovraffollamento nei quartieri popo- tina, Europa dell’Est e Balcani — af- ritti umani basilari a più di un mi-

Assistenza sanitaria diritto di tutti lari, il rischio del mancato rispetto


del distanziamento sociale e della
quarantena, le cure primarie, in par-
finché si possa concretizzare un’azio-
ne semplice: «Condividi il pane.
Moltiplica la speranza».
liardo di persone, riportando il mon-
do indietro di oltre 100 anni. Caritas
italiana e Focsiv in questa emergen-
Le iniziative del Consiglio nazionale delle Chiese cristiane in Brasile ticolare agli individui che vivono in La partenza ufficiale della campa- za hanno unito le forze in un’allean-
strada». Le principali preoccupazio- gna è prevista per mercoledì 8 lu- za “per amore degli ultimi”, per non
ni sono per le categorie più vulnera- glio, (7° anniversario della visita del dimenticare chi è rimasto indietro,
bili della popolazione, come i bam- Papa a Lampedusa), Giornata inter- perché senza una visione d’insieme
di RICCARD O BURIGANA te coinvolgimento delle religioni di denti del dialogo ecumenico in bini «che hanno visto il loro diritto nazionale del Mar Mediterraneo, che non ci sarà futuro per nessuno. Tra i
matrice africana e indigena. Brasile perché testimonia l’unità all’istruzione limitato a causa della ci ricorda — si legge in un comunica- media partner della campagna vi so-
on fa parte del piano Denunciando l’inadeguatezza nella diversità, guidata dall’amore

«N
mancanza di accesso alle risorse tec- to congiunto di Caritas italiana e no «L’Osservatore Romano», Radio
di Dio una società di- della risposta delle istituzioni pub- di Cristo «per coinvolgere comuni- nologiche». Focsiv — come, si sia «tutti sulla Vaticana e Vatican News.
visa dall’odio»: con bliche e moltiplicando le iniziative tà di fede e persone di buona vo-
queste parole il pastore luterano di assistenza sanitaria e di lotta al- lontà, per pensare, valutare, identi-
Inácio Lemke, presidente del Con- la povertà, il Conic ha indicato nel ficare cammini superando le pola-
selho Nacional de Igrejas Cristãs vivere le parole evangeliche di «ac- rizzazioni e le violenze che caratte-
(Conic) del Brasile, ha ricordato, cogliere con gentilezza» l’altro la rizzano il mondo attuale».
pochi giorni fa, l’esperienza della strada per combattere la pandemia, Per il 2021, proprio alla luce Ricordato in Papua Nuova Guinea il beato To Rot
Settimana di preghiera per l’unità sempre con lo sguardo rivolto al dell’esperienza della pandemia di
covid-19, che ha mostrato, per il
Conselho Nacional de Igrejas Cri-
stãs, quanto i cristiani devono fare
Secondo il Vangelo
nella società in difesa degli ultimi,
si è deciso di affrontare il tema PORT MORESBY, 7. A settantacinque anni dal martirio e a rono sull’isola di Matupit nel 1882). Peter To Rot era un
«Fraternità e dialogo, compromes- venticinque dalla beatificazione, l’assemblea plenaria an- “cristiano di seconda generazione” che seguiva le orme
so d’amore», indicando un passo nuale della Conferenza episcopale di Papua Nuova Gui- dei suoi genitori. Era «un padre di famiglia, catechista,
della lettera agli Efesini (2, 14) nea e Isole Salomone ha ricordato nei giorni scorsi la vi- insegnante», ed è morto «martire in difesa della sua fede
quale punto di riferimento per una ta, l’esempio, l’attualità di Peter To Rot, primo beato nel- cristiana, dopo aver lavorato duramente con disciplina e
cultura dell’accoglienza che sappia la storia della Papua Nuova Guinea. A celebrarlo presuli, obbedienza per diventare un buon insegnante e un cate-
vivere l’unità in grado di andare religiosi, religiose e laici, con una messa presieduta chista». Quando si sposò visse una vita coniugale e fami-
oltre le contrapposizioni della so- dall’arcivescovo di Madang, Anton Bal, neoeletto presi- liare secondo gli insegnamenti del Vangelo, difese i valori
cietà contemporanea. Con queste dente dell’episcopato, assieme all’arcivescovo di Port Mo- del matrimonio e resistette alla tradizionale cultura della
iniziative il Conic non solo prose- resby, cardinale John Ribat, all’arcivescovo di Rabaul, poligamia e alle leggi dell’esercito imperiale giapponese,
gue la sua testimonianza ecumeni- Rochus Josef Tatamai, e al vescovo di Bereina, Otto Se- e morì sostenendo la sua fede.
ca a favore degli ultimi, così come pary. Nell’omelia, pronunciata da monsignor Tatamai, To Rot, ha proseguito l’arcivescovo, ha lasciato dietro
è stato fin dalla sua fondazione, presidente uscente dell’episcopato e stretto discendente di sé molti grandi esempi di obbedienza, di vita familiare
nel 1982, ma, in questo tempo di della famiglia del beato, To Rot è stato indicato come esemplare. E ha vissuto e rappresentato la sua fede anche
pandemia, rafforza l’impegno dei esempio fulgido di santità nella vita quotidiana dei laici e quando alcuni membri della sua famiglia lo tradirono. «I
cristiani nella lotta a ogni forma di delle famiglie, uomo di coraggio e fortezza nella fede, ol- laici, in particolare, sono sfidati a portare avanti il suo
discriminazione, soprattutto quelle tre che di determinazione nel seguire Gesù Cristo con la esempio soprattutto nei tempi difficili e incerti di oggi», è
che impediscono o limitano l’ac- sua vita fino alla morte. stato sottolineato, «perseverando nel lavoro pastorale di
cesso all’assistenza sanitaria, per Tatamai — riferisce l’agenzia Fides — ha ricordato il insegnamento e catechesi». Di qui l’esortazione a essere
dei cristiani in Brasile (svoltasi dal domani quando i cristiani dovran- promuovere la costruzione di un beato dal momento in cui i suoi genitori divennero cri- resilienti e a continuare a crescere nella fede in questo pe-
24 al 31 maggio), quando è stato no collaborare al ripensamento mondo di giustizia e di pace. stiani di prima generazione (quando i missionari sbarca- riodo di blocco causato dal covid-19.
vissuto un tempo particolarmente della casa comune. L’attenzione
fecondo nella riflessione su cosa fa- per gli ultimi si è così concretizza-
re per coloro che erano stati colpiti ta in tante iniziative locali, mentre
dal covid-19. Nel ripensare radical- a livello nazionale, accanto al dare
mente, in tanti luoghi, la modalità voce alle terribili condizioni degli
con la quale celebrare l’evento a indios (investiti dalla pandemia in
__
__
causa della pandemia, i cristiani modo così violento da mettere a ri-
__ Online
hanno voluto testimoniare un pro- schio, in tanti casi, la loro stessa
fondo disaccordo nei confronti di sopravvivenza), il Conselho Nacio-
tutti coloro (compresi rappresen-
tanti delle istituzioni) che tendeva-
nal de Igrejas Cristãs ha promosso
una campagna per la regolarizza-
UN SITO ALLA SETTIMANA
no a minimizzare, o addirittura a zione dei migranti; con questa a cura di FABIO BOLZETTA
negare, le conseguenze della crisi campagna, che ha coinvolto anche
sanitaria. l’Argentina, la Bolivia, il Cile e il
Secondo Lemke, in quei giorni, Perú (con la partecipazione di
sono state progettate e rilanciate
tante iniziative per l’assistenza de-
Chiese, organismi ecumenici, asso-
ciazioni no-profit), si è voluto chie-
Santuario di Santa Maria Goretti a Nettuno
gli ultimi, i più esposti alla pande- dere l’applicazione della risoluzio-
mia, riaffermando quanto era stato ne della Commissione interameri- Un fiore di purezza, strappato con violenza alla vita terrena, e germogliato nella santità. Il
già detto dal Conic e da molte cana per i diritti umani, approvata 6 luglio 1902 Maria Goretti, originaria di Corinaldo in provincia di Ancona, muore all’età
Chiese fin dall’apparire del corona- nel dicembre 2019, in modo da di 12 anni, dopo aver perdonato il suo assassino. “Martire della purezza” viene beatificata
virus, anche in Brasile; si è venuto rendere possibile ai migranti l’ac- nel 1947 e, tre anni dopo, Papa Pio XII la proclama santa. Da allora le sue spoglie mortali
rafforzando l’impegno del Consi- cesso alla sanità pubblica.
sono custodite presso il Pontificio santuario basilica Madonna delle Grazie e Santa Maria
glio nazionale delle Chiese cristia- Con il sostegno a questa campa-
ne a «unire uomini e donne per gna il Conic ha voluto supportare Goretti di Nettuno, la città alle porte di Roma dove è stata uccisa, dopo il tentativo di vio-
condividere la voce della denuncia l’idea che la lotta alla pandemia ri- lenza, da un ragazzo diciottenne che se ne era infatuato e che, dopo aver scontato 27 anni
delle ingiustizie, la voce profetica chiede uno sforzo condiviso da di carcere per l’omicidio, ha chiesto perdono alla madre della ragazza, uccisa per aver dife-
per la speranza e la voce pastorale parte di tutta la società, superando so la sua castità, e si è convertito. Sul sito internet del santuario, affidato ai padri Passioni-
per un’assistenza materiale e spiri- divisioni e discriminazioni con uno sti, il calendario delle celebrazioni — a 130 anni dalla nascita e a 70 dalla canonizzazione —
tuale», con l’obiettivo di aiutare spirito che è profondamente radi- presiedute dall’arcivescovo dell’Aquila, il cardinale Giuseppe Petrocchi, e dal vescovo di Al-
tutti di fronte al diffondersi della cato nella democrazia. In tal senso bano, monsignor Marcello Semeraro, in onore della patrona secondaria della diocesi laziale
pandemia. Si tratta di un impegno si colloca il lancio della Campagna e compatrona della città di Nettuno. Un’altra reliquia di santa Maria Goretti è custodita
che, come si è venuto manifestan- di fraternità ecumenica per il 2021, nel santuario a lei dedicato a Corinaldo, sua città d’origine.
do in queste ultime settimane, ha promossa dal Conic e dalla Confe- www.santuarionettuno.it
assunto altresì una dimensione in- renza episcopale brasiliana; da an-
terreligiosa, con un sempre più for- ni l’evento è uno dei segni più evi-
pagina 8 L’OSSERVATORE ROMANO mercoledì 8 luglio 2020

Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale Abbracciare il Signore per abbracciare la speranza:
Commissione vaticana covid-19 ecco la forza della fede
che libera dalla paura e dà speranza
(Francesco,
Momento straordinario di preghiera 27 marzo 2020)

Congelare la produzione
e il commercio di armi
di PETER KODWO APPIAH TURKSON (compresi i più grandi programmi di politica e la concordia internazionale sa famiglia umana, condividano lo
modernizzazione nucleare), i malati, cessino sempre più di essere il bene stesso credo. Solidarietà. Fiducia.
ome tutti sappiamo, stiamo i poveri, gli emarginati e le vittime supremo che le nazioni desiderano e Incontro. Bene comune. Non-violen-

C affrontando una delle peggio-


ri crisi umanitarie dalla secon-
da guerra mondiale. Mentre il mon-
dei conflitti sono colpiti in modo
sproporzionato dalla crisi attuale. Fi-
nora, le crisi interconnesse (sanitaria,
per il quale sono pronte a impegnar-
si. Purtroppo, invece di essere uniti
per il bene comune contro una mi-
za. Noi crediamo che questi siano i
fondamenti della sicurezza umana.
La Chiesa sostiene con forza i
do adotta misure di emergenza per socio-economica ed ecologica) stan- naccia comune che non conosce con- progetti di costruzione della pace
affrontare una pandemia globale e no allargando il divario non solo tra fini, molti leader stanno approfon- che sono essenziali per le comunità
una recessione economica globale, ricchi e poveri, ma anche tra le zone dendo le divisioni internazionali e in conflitto e post-conflitto per ri-
entrambe sostenute da un’emergenza di pace, di prosperità e di giustizia interne. In questo senso, la pande- spondere al covid-19. Senza il con-
ambientale e le zone di mia, attraverso morti e complicazio- trollo delle armi, è impossibile ga-
conflitto, di privazione e di ni sanitarie, recessione economica e rantire la sicurezza. Senza sicurezza,
devastazione ecologica. conflitti, rappresenta la tempesta le risposte alla pandemia non sono
Non ci può essere guari- perfetta! Abbiamo bisogno di una complete.
gione senza pace. La ridu- leadership globale che possa rico- La pandemia dovuta al covid-19,
Nella Sala stampa zione dei conflitti è l’unica
possibilità di ridurre le in-
struire legami di unità, rifiutando al la recessione economica e il cambia-
contempo il capro espiatorio, la re- mento climatico rendono sempre più
della Santa Sede giustizie e le disuguaglian- criminazione reciproca, il nazionali- chiara la necessità di dare priorità al-
ze. La violenza armata, i smo sciovinista, l’isolazionismo e al- la pace positiva rispetto a concetti
conflitti e la povertà sono tre forme di egoismo. Come ha det- ristretti di sicurezza nazionale. San
A quarantott’ore dal nuovo appello di infatti collegati in un ciclo to Papa Francesco lo scorso novem- Giovanni XXIII segnalò già oltre cin-
Papa Francesco per un cessate-il-fuoco che impedisce la pace, favo- bre a Nagasaki, dobbiamo «rompere quant’anni fa la necessità di questa
globale, il cardinale prefetto del Dicastero risce le violazioni dei diritti il clima di sfiducia» e prevenire trasformazione ridefinendo la pace nazionale con mezzi militari alla si- va commisurata alla portata di que-
per il servizio dello sviluppo umano umani e ostacola lo svilup- «l’erosione del multilateralismo». in termini di riconoscimento, rispet- curezza umana come preoccupazio- sta crisi. Ora è il momento di co-
integrale e due membri della Commissione po. Nell’interesse della costruzione di to, salvaguardia e promozione dei ne primaria della politica e delle re- struire un mondo che rifletta meglio
vaticana covid-19 hanno incontrato i Personalmente, accolgo una pace sostenibile, dobbiamo pro- diritti della persona umana (Pacem lazioni internazionali. Ora è il mo- un approccio veramente integrale al-
giornalisti nella mattina di martedì 7 con favore la recente appro- muovere una «cultura dell’incontro» in terris, 139). Ora più che mai è mento che la comunità internaziona-
vazione da parte del Consi- in cui uomini e donne si scoprano giunto il momento che le nazioni le e la Chiesa sviluppino piani auda- la pace, allo sviluppo umano e
luglio, nella Sala stampa della Santa Sede.
glio di sicurezza dell’O nu l’un l’altro come membri di una stes- del mondo passino dalla sicurezza ci e fantasiosi per un’azione colletti- all’ecologia.
«Preparare il futuro, costruire la pace al
tempo del covid-19» è stato il tema degli di un cessate-il-fuoco glo-
interventi (che pubblichiamo integralmente bale. Non possiamo com-
in questa pagina) del porporato, della battere la pandemia se ci
combattiamo o ci stiamo
religiosa delle Figlie di Maria ausiliatrice,
preparando a combattere
che insegna Economia politica alla
Pontificia facoltà di Scienze
dell’educazione Auxilium e coordina la
l’uno contro l’altro. Accol-
go inoltre con favore l’ap-
provazione, da parte di 170
Più risorse per garantire cibo, salute e lavoro
task force per l’economia della
Paesi, dell’appello delle Na-
Commissione, e dell’officiale del Dicastero zioni Unite a mettere a ta-
che coordina la task force per la sicurezza. di ALESSANDRA SMERILLI che sistemi sanitari ben finanziati. La pandemia ha rivelato la vera fare massicci investimenti in armi se
cere le armi! Ma una cosa è Oltre a esercitare pressione sui siste- portata della nostra interconnessio- poi le vite umane non possono esse-
chiamare o approvare una a pandemia, che è un male mi sanitari, la pandemia ha anche ne. Sappiamo che la salute è un be- re salvate perché mancano le strut-
dichiarazione di cessate-il-
fuoco, un’altra cosa è met-
terla in pratica. Per farlo,
climatica globale, dobbiamo anche dobbiamo congelare la produzione e
L comune, ha fatto emergere in
modo esperienziale l’impor-
tanza del bene comune. Come ci ha
provocato un aumento drammatico
di forniture mediche essenziali. Ab-
biamo capito che i sistemi sanitari
ne comune globale e che anche i
servizi di prevenzione e cura devo-
no essere globali. In particolare, la
ture sanitarie e le cure adeguate? La
spesa militare nel mondo nel 2019
ha raggiunto il livello più elevato.
ricordato Papa Francesco, nessuno in tutto il mondo hanno bisogno di salute globale deve essere considera- Se ho una persona malata in fami-
considerare le implicazioni per la pa- il commercio di armi. ta un bene comune nel senso che glia e ho bisogno di spendere per le
ce di queste crisi interconnesse. La Le attuali crisi interconnesse di potrà farcela da solo. Un male co- maggiori investimenti di qualità.
tutti ne hanno diritto, ma anche pa- cure, non indirizzerò tutte le mie ri-
Commissione covid-19 del Vaticano, cui ho parlato (sanitaria, socio-eco- mune e globale si affronta solo se Abbiamo bisogno di protezione nei
ri responsabilità nel promuoverla. sorse per curare il mio familiare?
in particolare attraverso le task force nomica ed ecologica) dimostrano comprendiamo di essere tutti legati: confronti delle malattie trasmissibili,
La recessione economica che sta Non voglio banalizzare, ma sia-
per la sicurezza e per l’economia, ha l’urgente necessità di una globalizza- umanità dal destino comune. Se ne e di investire in prevenzione: il co- attraversando e attraverserà tutto il mo nel momento in cui dobbiamo
analizzato alcune di queste implica- zione della solidarietà che rifletta la esce solo con l’impegno di tutti. vid-19 ha rivelato l’insufficiente fi- mondo provocherà lo spiazzamento comprendere dove indirizzare le ri-
zioni. Permettetemi di evidenziare i nostra interdipendenza globale. Ne- La pandemia ha rivelato le nostre nanziamento delle cure per le ma- di milioni e milioni di posti di lavo- sorse in un momento di cambio
seguenti punti. gli ultimi due decenni, la stabilità e fragilità, a partire dai sistemi sanita- lattie trasmissibili nel cuore di molti ro. La crisi economica e sociale po- epocale. Oggi la prima sicurezza è
Mentre oggi si destinano somme la sicurezza internazionale si sono ri: le dimensioni e la gravità della sistemi sanitari. In questo momento trebbe avere dimensioni disastrose. quella della salute e del well-being.
senza precedenti alle spese militari deteriorate. Sembra che l’amicizia pandemia ha messo in difficoltà an- abbiamo bisogno di un vaccino. Inoltre, la pandemia ha accelerato A cosa servono arsenali per essere
la transizione tecnologica e digitale: più sicuri, se poi basta una mancia-
in 8 settimane abbiamo fatto passi ta di persone infette per far dilagare
in avanti di 5 anni, e questo velociz- l’epidemia e provocare tante vitti-
zerà la perdita di posti di lavoro. me? La pandemia non conosce con-
Le vie di uscita ci sono, ma ri- fini.
Dalla sicurezza nazionale alla sicurezza umana globale chiedono capacità di visione, corag-
gio e collaborazione internazionale.
Nessuno Stato potrà farcela da so-
Sappiamo bene che il tema è più
complicato di quello che sembra: la
corsa agli armamenti è un dilemma
lo. Investimenti in sanità e cura, che vede gli Stati, per paura degli
scono la pace e la prosperità in disuguaglianza economica visti l’ul- della nostra task force per la sicurez- transizione ecologica, riqualificazio- altri Stati, o per voler primeggiare,
di ALESSIO PECORARIO ne dei lavoratori e aiuto alle impre- continuare ad aumentare i propri
un’area di acuta vulnerabilità dei si- tima volta prima del 1914 e del 1939, za ricordiamo che le istituzioni in-
l peggiore impatto medico da stemi informatici integrati. Le ten- con l’emergente crollo economico ternazionali del secondo dopoguerra se che subiranno inizialmente danni arsenali militari. Ma questo genera

I covid-19 deve ancora venire, av-


verte l’Organizzazione mondiale
della sanità (Oms). L’impatto finora
sioni sono in aumento con il covid-
19, in alcuni casi diventato un moti-
vo di disputa, alimentando quello
visto l’ultima volta negli anni Tren-
ta, in combinazione con le armi nu-
cleari e la rapida comparsa del feno-
sono state create per portare e soste-
nere lo sviluppo e la pace. Alla luce
dell’emergenza, della complessità e
dalla transizione. Di tutto questo
abbiamo bisogno, e per farlo sono
indispensabili ingenti investimenti
un circolo vizioso che non finisce
mai, spingendo ad aumentare sem-
pre più le spese militari. È una
sta già innescando la più grave per- che la task force per la sicurezza meno del cambiamento climatico. pubblici. competizione posizionale che spin-
delle sfide interconnesse emerse dal-
turbazione economica e sociale dei della Commissione vaticana per il Attraverso l’enciclica Populorum Papa Francesco ci ha chiesto so- ge a spese irrazionali pur di mante-
la pandemia, potremmo concludere
tempi moderni. Il Fondo monetario covid-19 ha descritto come «trappo- progressio del 26 marzo 1967, che af- luzioni creative. E allora ci chiedia- nere le proprie posizioni. Tale tipo
che le risorse umane e finanziarie e mo: se invece di fare la corsa agli di corsa si arresta solo con una vo-
internazionale (Fmi) ha già previsto la del conflitto», «dilemma della si- ferma il concetto di sviluppo umano
la tecnologia dovrebbero essere usa- armamenti, facessimo la corsa verso lontà collettiva di autodelimitazio-
un calo globale del Prodotto interno curezza», ecc. integrale, il magistero della Chiesa
anticipa quello che diventerà un im- te per creare e stimolare strategie, la sicurezza alimentare, di salute e ne. Abbiamo bisogno di leader co-
lordo (Pil) di almeno il 3 per cento. Devono essere fatte delle scelte.
Le forniture mediche, la sicurezza portante cambiamento di paradigma alleanze e sistemi per proteggere le lavorativa? Cosa chiedono i cittadi- raggiosi che dimostrino di credere
A sua volta questo ha un impatto
diretto sulla sicurezza a tutti i livelli, alimentare e la ripresa economica in- dopo la seconda guerra mondiale, vite e il pianeta, non per uccidere le ni in questo momento? Hanno bi- al bene comune, che si impegnino
da quello interno a quello globale. centrata sulla giustizia sociale e cioè il passaggio dall’attenzione per persone e gli ecosistemi. Per noi, sogno di uno Stato militarmente per garantire quello di cui oggi c’è
Il sostegno al cessate-il-fuoco glo- sull’economia verde richiedono ri- la sicurezza nazionale alla sicurezza dunque, il multilateralismo e l’attua- forte, o di uno Stato che investa in maggior bisogno. Abbiamo bisogno
bale da parte del Consiglio di sicu- sorse che possono essere sottratte al umana e globale, dalla semplice pre- zione degli Obiettivi di sviluppo so- beni comuni? Come ogni cittadino di un patto collettivo per indirizza-
rezza dell’Onu e il supporto ricevu- settore militare nel contesto di un venzione dei conflitti alla costruzio- stenibile (SD GS) sono fondamentali vorrebbe che fossero spesi i propri re le risorse per la sicurezza nella
to dalla grande maggioranza degli rinnovato controllo degli armamen- ne della pace. Insieme ai membri in questo processo. soldi oggi? Ha senso continuare a salute e per il benessere.
Stati è un’importante misura di sta- ti. I risultati ottenuti nel controllo
bilizzazione che secondo la nostra degli armamenti e le strutture dei
opinione potrebbe essere completata trattati hanno permesso di ottenere
con il congelamento o la moratoria un dividendo di pace nell’ultima ge-
della produzione e del commercio nerazione, può esserci dunque una
di armi: come ha osservato il Papa,
questo non è il momento di fabbri-
care armi.
rinascita in quest’area?
La sicurezza alimentare è al primo
posto ed è fondamentale per la sicu-
Dov’è tuo fratello?
Tuttavia, l’Istituto internazionale rezza internazionale. L’O rganizza-
di ricerca sulla pace di Stoccolma zione delle Nazioni Unite per l’ali- CONTINUAZIONE DALLA PAGINA 1 Se dunque il Documento di Abu Dhabi è tempesta che colpisce tutti e ciascuno indistin-
(Sipri) osserva un continuo aumento mentazione e l’agricoltura (Fao), qui stato come la fioritura di semi piantati all’inizio tamente. «Con la tempesta — afferma il Papa
della spesa militare. La spesa milita- a Roma, è stata creata negli anni l’uno dell’altro e desidera condurci sulle sue e poi lungo il Pontificato, certamente il “cam- sotto la pioggia il 27 marzo nella piazza San
re globale nel 2019 è stata di 1,9 tri- Quaranta per evitare che la fame vie». Nel nome della fratellanza, vivificata dalla biamento d’epoca” che stiamo vivendo, accele- Pietro vuota — è caduto il trucco di quegli ste-
lioni di dollari Usa (che supera di alimenti un nuovo conflitto mondia- comune fede in Cristo, si realizza anche l’in- rato dalla pandemia, rende improrogabile l’as- reotipi con cui mascheravamo i nostri “ego”
gran lunga le spese militari globali le; oggi essa mette in evidenza au- contro, impensabile fino a pochi anni prima, sunzione di responsabilità rispetto alla questio- sempre preoccupati della propria immagine; ed
annuali durante la guerra fredda ed menti, derivanti dal covid-19, nella del Vescovo di Roma con il Patriarca di Mosca, ne della fratellanza umana. «Dov’è tuo fratel- è rimasta scoperta, ancora una volta, quella
è circa 300 volte il budget fame e nell’interruzione delle forni- evento benedetto dal Patriarca di Costantino- lo?». Quella domanda-appello, levata nella (benedetta) appartenenza comune alla quale
dell’Oms), e alcuni osservatori e ture alimentari mondiali. Il Pro- poli, il fratello Bartolomeo I. A Cuba, France- mattina assolata dell’8 luglio 2013 a Lampedu- non possiamo sottrarci: l’appartenenza come
funzionari sollecitano un aumento gramma alimentare mondiale (Pam) sa, è oggi “la” domanda. Il mondo, convinto di
sco e Kirill firmano un documento comune fratelli». Ecco cosa può risvegliare le nostre co-
della spesa militare in risposta alla stima già un raddoppio delle perso- poter fare da sé, di poter andare avanti nella
che, nel suo incipit, sottolinea: «Con gioia ci scienze un po’ anestetizzate dinnanzi alle tante
pandemia da covid-19. Tale spesa va ne che soffriranno la fame. Lo svi- logica egoista del “si è sempre fatto così”, si è
dai nuovi programmi di armi nu- luppo umano integrale richiede un siamo ritrovati come fratelli nella fede cristiana “pandemie”, come la guerra e la fame, che han-
invece ritrovato a terra, incredulo e impotente
cleari tra tutti coloro che già ne so- urgente ri-dispiegamento delle risor- che si incontrano per “parlare a viva voce”». no bussato alle nostre porte, ma di cui non ci
di fronte ad un nemico invisibile e inafferrabi-
no in possesso, passando per i prin- se globali per liberare le persone dal Fratellanza è pure la parola chiave che ci per- siamo curati perché non sono riuscite ad entra-
le. E ora fa fatica a rialzarsi perché non trova
cipali equipaggiamenti delle forze bisogno. mette di decodificare uno degli atti più forti e la base giusta per sorreggersi. Questa base, ci re in casa. «Ci sono tante altre pandemie che
armate convenzionali e le armi di Guardando oltre i bisogni imme- sorprendenti del Pontificato: il gesto di ingi- ripete Francesco, è la fratellanza. Lì sono le fanno morire la gente — ha ricordato Francesco
piccolo calibro con esportazioni nel- diati della fame, abbiamo la necessi- nocchiarsi a baciare i piedi dei leader del Sud uniche fondamenta su cui costruire una casa nella Messa a Santa Marta del 14 maggio — e
le regioni in conflitto. tà di un’analisi approfondita che Sudan convocati in Vaticano per un ritiro spiri- solida per l’umanità. noi non ce ne accorgiamo, guardiamo da un’al-
La cosiddetta cyberwar e la crimi- forse l’antica prospettiva di questa tuale e di pace. «A voi tre, che avete firmato Il coronavirus ha mostrato drammaticamente tra parte». Oggi come sette anni fa a Lampe-
nalità hanno fatto del covid-19 un città può fornire. Una triste innova- l’Accordo di pace — dice il Papa con parole ac- che, per quanto siano differenti i livelli di svi- dusa, il Papa ci dice che non dobbiamo guar-
nuovo teatro di operazioni. Anche zione dell’attuale crisi è che essa corate — vi chiedo come fratello, rimanete nella luppo tra le nazioni e di reddito all’interno del- dare dall’altra parte, perché se veramente ci
le organizzazioni criminali sono im- combina la pandemia da covid-19 pace. Ve lo chiedo con il cuore. Andiamo avan- le nazioni, siamo tutti vulnerabili. Siamo fratel- sentiamo fratelli, membra gli uni degli altri,
pegnate in attività che non favori- con l’avventurismo nazionalista e la ti». li sulla stessa barca, agitata dalle onde di una l’altra parte non esiste. L’altra parte siamo noi.