Sei sulla pagina 1di 7

Modulo 5 IMP.

208/241 28-09-2004 13:52 Pagina 222

222

3 Il cristianesimo
1 Nel Pantheon romano in Asia, in Spagna, a Roma stessa, nei luo-
il dio più importante è l’imperatore ghi dove gli dèi più disparati dispensavano
Negli ultimi anni del I secolo a.C., Ottavia- oracoli o guarigioni.
no Augusto aveva chiesto a uno dei suoi ami- I Romani non chiedevano nulla ai seguaci
ci e parenti, Vipsanio Agrippa, di erigere a delle decine di religioni dell’Impero, se
proprie spese il Pantheon, un grande tem- non di rispettare la natura divina del-
pio “di tutti gli dèi” che giganteggia ancora l’imperatore e di compiere regolarmente
oggi nell’omonima piazza di Roma. sacrifici in suo onore. Da Augusto in poi,
La sua cupola dal diametro di 45 metri, infatti, era lui il centro che unificava tutte
con in cima un’apertura rotonda che lascia le divinità dell’immenso pantheon romano.
filtrare la luce del sole, unifica simbolica- Non sacrificare significava compiere un
mente le centinaia di esseri divini che i reato di alto tradimento contro lo Stato e
Romani avevano accolto nel corso dei meritare la pena di morte.
secoli in seno alla propria religione, accet-
tando divinità greche, egiziane, galliche, 2 Gli ebrei attendono il Messìa
GLI IMPERATORI fenicie o siriane. Anche gli ebrei della Palestina, pur creden-
DIVINIZZATI.
Commodo, un imperatore Essi erano convinti in questo modo di do in un unico Dio, Jahvé, erano tra coloro
che si riteneva un dio essersi assicurati una protezione totale; che compivano sacrifici alle statue dell’im-
e che, in questo busto,
si fece ritrarre abbigliato folle sterminate si recavano in pellegrinag- peratore. Essi vivevano nell’attesa di un
da Ercole. gio indifferentemente in Egitto, in Grecia, grande momento preannunciato nella Bib-

Gli dèi e la scansione del tempo

La potenza del sacro nella vita romana era così forte, che alcuni nomi dei nostri mesi e dei giorni della nostra settimana riflet-
tono ancora quelli dei loro dèi.

I mesi La settimana

GIANO dio bifronte della porta di casa, GENNAIO LUNA il secondo nome LUNEDÌ
della pace e della guerra della dea Diana
FEBRUUS antica divinità etrusca degli FEBBRAIO MARTE dio della guerra MARTEDÌ
inferi, alla quale erano connessi MERCURIO dio dei mercanti MERCOLEDÌ
riti di purificazione ed espiazione e dei ladri
MARTE dio della guerra MARZO GIOVE re degli dèi GIOVEDÌ
(che nella Roma arcaica
cominciava ogni anno a marzo) VENERE dea della bellezza VENERDÌ
e dell’amore
MAIA antica divinità italica MAGGIO SATURNO antichissimo dio SATURDAY
padre di Giove (in inglese)
GIULIO divinizzato LUGLIO
il SABATO italiano
CESARE dopo la morte (DA IULIUS)
deriva dalla festa
AUGUSTO divinizzato dopo la morte AGOSTO ebraica

DOMINUS il Signore cristiano DOMENICA


Modulo 5 IMP. 208/241 28-09-2004 13:52 Pagina 223

3 - Il cristianesimo 223

bia dai profeti: quello in cui Dio avrebbe ri- storia delle mentalità
scattato il popolo eletto liberandolo dagli
oppressori e avrebbe dato luogo a una Se- Gesù e il calendario
conda Creazione: allora il Regno d’Israele Oggi tutto il mondo occidentale numera gli anni a partire dalla na-
si sarebbe affermato sulla Terra e i giusti sa- scita di Gesù Cristo, così come era stata calcolata dal monaco Dio-
rebbero stati separati dai dannati nei Cieli. nigi il Piccolo, astronomo e studioso della Bibbia vissuto nel V se-
Colui che avrebbe compiuto questo prodi- colo d.C. Studi più recenti hanno però dimostrato che i suoi calcoli
gio era il Messìa. Questa parola ebraica che erano inesatti e che Gesù era nato... prima di Cristo: nell’anno 4, o
significa “unto (cioè benedetto) dal Signo- forse nel 7 a.C.!
re” fu poi tradotta dai Greci con il termine
Cristo.
Grandi folle si riunivano per ascoltarlo,
3 Molti ebrei riconoscono attratte dal suo vangelo, cioè, let-
in Gesù il Messìa, ma i sacerdoti teralmente, dalla “buona novella”
lo fanno condannare a morte fondata sull’amore e sulla sua
Nell’atmosfera di attesa per la venuta del promessa di un Regno dei
Messìa nacque Gesù. Cieli per tutti coloro che
La sua vita e il suo insegnamento ci sono no- avevano fede. Gesù parlava
ti attraverso la lettura dei Vangeli, cioè del alla gente con grande sem-
Nuovo Testamento, redatti da quattro dei suoi plicità e spesso, per farsi
discepoli: Matteo, Marco, Luca e Giovanni. capire dai più umili, usava
Sappiamo che nacque a Betlemme e che le parabole, cioè episodi e
aveva circa trent’anni quando lasciò Naza- aneddoti significativi che
reth, dove risiedeva la sua famiglia, fu bat- esprimevano per similitudi-
tezzato da Giovanni il Battista e cominciò ne concetti difficili. Dopo
a predicare al popolo viaggiando attraverso averlo ascoltato, uomini e
la Palestina. donne si convincevano che
proprio lui fosse il Messìa.
La Palestina al tempo di Gesù. I sacerdoti ebrei, invece,
rifiutarono di accettare il
SIRIA
Province suo messaggio.
romane
Stati controllati
Tiro Essi aspettavano un Messìa grande e glo- I MIRACOLI.
dai Romani
rioso, non il figlio di un falegname che Gesù guarisce un cieco
Residenza FENICIA dalla nascita.
del governatore prediligeva i poveri e gli infelici. Timorosi (Ravenna, chiesa
romano
Lago di di disordini, convinsero il governatore di Sant’Apollinare.)
GALILEA Tiberiade romano Ponzio Pilato che Gesù era un
MARE Nazareth
MEDITERRANEO rivoluzionario, un pericolo per la pace
sociale, e lo fecero arrestare, giudicare e
Cesarea DECAPOLI condannare alla crocifissione per tradi-
SAMARIA mento.
Samaria
Giordano

il documento
PEREA Gesù diffonde il Vangelo e opera miracoli
Gerico
Emmaus
Gerusalemme Percorrendo tutta la Galilea, Gesù proclamò la buona novella del-
l’avvento del Regno dei Cieli e guarì ogni malattia e ogni infermità.
Betlemme
TO

La sua fama si estese dalla Palestina alla Siria e la gente gli portò
MOR

GIUDEA
tutti coloro che soffrivano di qualche male. Ed Egli li guarì. E grandi
folle lo seguirono, venute dalla Galilea e dalla Dodecapoli, da Geru-
MAR

ARABIA salemme e dalla Giudea e dalle regioni al di là del fiume Giordano.


MATTEO, IV, 23-25
Modulo 5 IMP. 208/241 28-09-2004 13:52 Pagina 224

224 MODULO 5 - Roma nell’età imperiale

Il Nuovo Testamento 4 Gli apòstoli diffondono


il messaggio evangelico
La vita e l’insegnamento di Gesù sono conosciuti quasi unicamente grazie Dopo la morte di Gesù, seguita dalla sua
ai Vangeli, redatti alla fine del I secolo da quattro dei suoi discepoli. resurrezione, i suoi undici discepoli (il
Insieme ad altri testi, essi costituiscono il Nuovo Testamento che contie-
ne le basi della fede cristiana e che si aggiunge alla Bibbia degli ebrei, cioè dodicesimo era Giuda) divennero apòstoli,
al Vecchio Testamento. una parola che in greco significa “inviati”,
cioè diffusori del messaggio evangelico.
Principali testi Data Contenuto Il massimo autore della conversione dei
“gentili” (cioè delle gentes non-ebree) fu
Le Narrazioni però l’apòstolo Paolo, un uomo d’affari
Vangelo secondo Matteo 85 Raccontano, ognuno secondo diver-
Vangelo secondo Marco 70 se prospettive, la vita e l’insegnamento
ebreo che non aveva conosciuto Gesù, ma
Vangelo secondo Luca 85 di Gesù che un giorno, sulla via di Damasco, ebbe la
Vangelo secondo Giovanni 90 visione del Cristo e si convertì. Da allora in
Atti degli apòstoli 85-90 La vita delle prime comunità cristiane poi egli consacrò la sua intera vita alla pre-
Le Lettere (Epistole) 51-90 Lettere indirizzate dagli apòstoli alle dicazione della nuova fede e all’organizza-
Epistole di Paolo, Giacomo, prime comunità per spiegare il Van- zione dei gruppi cristiani nelle prime chie-
Pietro, Giovanni e Giuda gelo e organizzare le Chiese se, una parola che viene dal greco ecclesìa e
Taddeo che non alludeva all’inizio a un edificio di
Le Profezie 95 Visione della fine del mondo e del Giu- culto, ma significava “comunità”.
Apocalisse di Giovanni dizio universale Quasi tutti gli apòstoli operarono soprattut-
to nelle province orientali. Paolo e Pietro,
invece, si spinsero fino a Roma e vi fonda-
NEL SEGNO DELLA CROCE
LE FONDAMENTALI VERITÀ rono una comunità cristiana.
DELLA FEDE.
Facendo il “segno della 5 I cristiani, non riconoscendo
croce” il cristiano rievoca
le due fondamentali verità, la natura divina degli imperatori,
e insieme i due grandi commettono un reato punito
misteri della fede
cristiana: quello di Dio con la morte
che si fa uomo (ovvero Sin dal loro nascere le comunità cristiane
l’incarnazione, passione furono perseguitate dalle autorità romane. Il
e morte di Gesù Cristo)
e quello delle diverse primo attacco fu del tutto casuale e venne
persone – Padre, Figlio da Nerone che condannò i cristiani a mori-
e Spirito santo – presenti
nell’unico Dio, ovvero
re nel circo con l’accusa di avere incendiato
l’unità e trinità di Dio. Roma nel 64 d.C. Poi, invece, le persecu-

I PRIMI RITI CRISTIANI


L’Ultima Cena è l’ul- Il battesimo. Chi diventava cri-
timo pasto che Gesù stiano veniva immerso nell’acqua
prese con i suoi di- per lavarsi simbolicamente dei suoi
scepoli alla vigilia del- precedenti peccati.
la sua morte. I pesci
qui raffigurati sono
uno dei simboli più
frequentemente im- Fonte battesimale, Creta, I secolo d.C.
piegati dai cristiani
per indicare il Cristo.

Mosaico della chiesa


di Sant’Apollinare,
Ravenna, IV secolo d.C.
Modulo 5 IMP. 208/241 28-09-2004 13:52 Pagina 225

3 - Il cristianesimo 225

zioni proseguirono sistematicamente con promessa di Gesù: il Paradiso per


una precisa motivazione di natura politi- coloro che fossero vissuti se-
ca. I cristiani infatti si rifiutavano di guendo i suoi insegnamenti.
compiere sacrifici di fronte alle Ma anche molti ricchi aderi-
statue dell’imperatore perché rono lentamente alla nuova
non ne riconoscevano la natura fede; essi ammiravano i cristia-
divina; quindi per la legge roma- ni per la semplicità, la pietà, l’a-
na diventavano automaticamente more che ispirava la loro vita e sentiva-
colpevoli di alto tradimento, un no, come i poveri, il bisogno di una fede
reato che comportava la pena di intima che promettesse salvezza e vita eter-
morte. Tra periodi più intensi e momenti di IL PESCE. na di fronte al declino dei valori tradiziona-
requie, le persecuzioni si protrassero per Nei primi monumenti li romani: la frugalità, l’onestà, il valore
250 anni, causando un numero di vittime cristiani e nelle militare.
catacombe si trovano
che, secondo gli storici, oscilla tra le 5000 e spesso disegni, anche
le 10 000 persone. La più violenta fu scate- stilizzati, raffiguranti 7 L’organizzazione ecclesiastica
un pesce. Ciò perché le
nata nel III secolo d.C. dall’imperatore Dio- lettere greche che
Quando il cristianesimo si diffuse in tutto
cleziano. formano la parola “pesce” l’Impero, ogni chiesa ebbe il suo prete
Molti cristiani furono crocifissi, bruciati o costituiscono le iniziali (una parola che viene dal greco presbìtero,
dell’espressione “Gesù
gettati in pasto alle belve in Africa, in Gal- Cristo, figlio di Dio “più anziano”) e tutte le grandi città ebbe-
lia, in Spagna, nelle province orientali. Ai e Salvatore”. ro il loro vescovo (da epìscopo che signifi-
sacerdoti che volevano evitare il supplizio ca “ispettore”).
fu ordinato di “consegnare” i libri sacri alle CHI-RO. Si dice che il primo vescovo di Roma fu
autorità e di diventare quindi “traditori” Due lettere dell’alfabeto san Pietro, ucciso insieme a san Paolo du-
greco χ (chi) e ρ (ro)
(dal verbo tradere, “consegnare”). Quelli iniziali della parola rante la persecuzione di Nerone.
che invece accettarono il sacrificio furono “Cristo” costituiscono uno Dopo di lui, i vescovi di Roma ebbero
dei primi simboli utilizzati
chiamati martiri (dal greco, “testimoni”). per indicarne il nome.
un’autorità particolare, che li poneva in
una posizione di superiorità rispetto a tutti
6 Le persecuzioni non fermano gli altri. Essi presero il nome di papa, dal-
le conversioni la medesima parola greca che vuol dire
Le persecuzioni non riuscirono a frenare il “padre”.
messaggio evangelico; anzi, più l’Impero Inoltre, furono tenuti regolari concìli tra i
si indeboliva, più la Chiesa si rafforzava e vescovi per discutere la dottrina (cioè gli
cresceva. insegnamenti della Chiesa) e le forme in
La sua base più forte venne dai poveri, che cui le varie comunità cristiane dovevano
avevano una nuova speranza grazie alla organizzarsi.

Le principali festività cristiane

Festività Periodo Celebrazione

Natale 25 dicembre Nascita di Cristo


Settimana santa: Primavera
– Giovedì santo L’Ultima Cena
– Venerdì santo La crocifissione di Gesù
Pasqua Domenica della La resurrezione di Cristo
Settimana santa

Ascensione 40 giorni dopo L’ascesa di Cristo in cielo


Pasqua LE CATACOMBE.
I primi cristiani di Roma si riunivano per seppellire
Pentecoste 50 giorni dopo Discesa dello Spirito Santo su- e ricordare i martiri nelle catacombe. Esse erano gallerie
Pasqua gli apòstoli, che decidono di chilometriche e labirintiche ricavate nel sottosuolo della
andare a predicare il Vangelo città; da secoli venivano usate dai poveri e dagli ebrei
come cimiteri. (Catacomba di Priscilla, Roma, III secolo.)
Modulo 5 IMP. 208/241 28-09-2004 13:52 Pagina 226

226 MODULO 5 - Roma nell’età imperiale

L’espansione del cristianesimo nell’Impero romano.

OCEANO BRITANNIA

Re
ATLANTICO

no
M
AR
CA
SP
GALLIA IO
Milano
Lione
o
ubi MAR NERO
Dan

Costantinopoli
SPAGNA Tessalonica
Edessa Tig
Roma ASIA ri
Nicea
MINORE
GRECIA
Efeso
Corinto
Antiochia Eu
fra
te
Cartagine Damasco
AFRICA MARE
Cesarea PALESTINA
MEDITERRANEO Gerusalemme
Alessandria
EGITTO

Ni
lo
Regioni fortemente cristianizzate prima del 325 d.C. Principali chiese cristiane nel I secolo d.C.
Regioni sotto influenza cristiana prima del 325 d.C. Confini dell’Impero romano nel IV secolo d.C.

8 L’organizzazione economica chiese rappresentava una protezione contro


Il cristianesimo si affermò definitivamente le tasse ingiuste, le prepotenze dei tribunali
nel III secolo, quando ormai l’Impero era civili, le carestie che colpivano periodica-
travolto da una crisi senza rimedio e i citta- mente le regioni dell’Impero.
dini erano smarriti da un disagio e da un
disordine che rendeva incerto il loro futuro 9 La fine delle persecuzioni
e piena di problemi la loro vita. Le persecuzioni ebbero termine all’inizio
I cristiani pensarono anche alle loro necessità del IV secolo d.C. quando salì al trono
materiali, fondando una vasta rete organiz- Costantino, il successore di Diocleziano.
zativa che si sostituì a quella, ormai ineffi- Costantino era pagano, ma il contatto con
ciente, dello Stato. Ogni chiesa, infatti, non il cristianesimo lo turbò profondamente e
era soltanto al centro di un’intensa attività lo indusse (dopo un sogno profetico) ad
spirituale, ma anche di un’attività economi- apporre la croce come simbolo sulle sue
ca e finanziaria, che gli storici moderni chia- insegne quando, a Roma, nei pressi di
mano economia di elemosine. Ponte Milvio, affrontò nella battaglia deci-
Questa espressione deriva dal fatto che, co- siva l’ultimo dei suoi rivali. Riconoscente
me gli apòstoli avevano incoraggiato a fare, per la vittoria, egli compì un gesto rivolu-
i fedeli più ricchi usavano spogliarsi dei lo- zionario: nel 313, con un decreto chiamato
ro averi per donarli alla propria chiesa. De- Editto di tolleranza, riconobbe il cristiane-
nari e terreni provenienti da queste donazio- simo come “religione lecita” dell’Impero.
ni o “elemosine” diventavano beni comuni Il trionfo del cristianesimo fu poi sanziona-
che venivano fatti fruttare. Le rendite di que- to dall’imperatore Teodosio che nel 380,
sti investimenti servivano a nutrire i fratelli influenzato dalla fortissima personalità di
più bisognosi, ma anche a creare vere e pro- sant’Ambrogio, vescovo di Milano, proibì
prie banche, che prestavano denaro senza i culti pagani, chiuse i templi, vietò i sacri-
interessi ai cristiani, ma con interessi nor- fici e proclamò il cristianesimo “religione
mali ai pagani. L’attività finanziaria delle ufficiale” dell’Impero.
Modulo 5 IMP. 208/241 28-09-2004 13:52 Pagina 227

3 - Il cristianesimo 227

In sintesi
1-2 I Romani richiedono ai seguaci di altre religioni solo di vedono nel cristianesimo la speranza del Paradiso dopo
rispettare la natura divina dell’imperatore e di compie- una vita di sofferenza e i ricchi la promessa di una vita eter-
re regolarmente sacrifici in suo onore. Rifiutarsi è consi- na di salvezza di fronte al declino dei valori morali.
derato alto tradimento. Tra i credenti in altre religioni vi so-
no gli ebrei che vivono nell’attesa del Messìa preannuncia- 7-8 Il Cristianesimo si diffonde in tutto l’Impero dove ogni
to nella Bibbia dai Profeti. chiesa ha il suo prete e ogni grande città il suo vescovo.
Primo vescovo di Roma è san Pietro. Ai vescovi che gli
3-4 In questa atmosfera di attesa nasce Gesù, che diffon- succedono viene dato il nome di papa, “padre”.
de il suo vangelo (la “buona novella” fondata sull’amore e I vescovi tengono regolari concìli per discutere la dottrina
sulla promessa di un Regno dei Cieli) parlando per para- (gli insegnamenti) della Chiesa e le forme di organizzazio-
bole per essere compreso dalla gente semplice. I sacerdo- ne delle comunità cristiane. Il cristianesimo si afferma defi-
ti ebrei rifiutano di accettare il messaggio di Gesù e lo fan- nitivamente nel III secolo. Ogni chiesa diventa allora non
no arrestare e condannare alla crocifissione per tradimen- solo un centro spirituale ma anche il centro dell’economia
to. Dopo la morte e la resurrezione di Gesù i suoi discepoli, delle elemosine; intanto si creano banche di prestito
gli apòstoli, ne diffondono il messaggio evangelico. Paolo senza interessi per i cristiani e con interessi normali per i
organizza le prime chiese e assieme a Pietro fonda a Ro- pagani.
ma una comunità cristiana.
9 Le persecuzioni terminano nel IV secolo con Costan-
5-6 Dopo la persecuzione di Nerone nel 64 d.C., le auto- tino. Dopo un sogno profetico, questi fa apporre la croce
rità romane colpiscono le comunità cristiane con persecu- sulle sue insegne quando a Ponte Milvio deve affrontare il
zioni sistematiche perché il rifiuto di riconoscere la natura suo ultimo rivale. Riconoscente per l’ottenuta vittoria, nel
divina dell’imperatore li fa considerare colpevoli di alto 313 emana l’Editto di tolleranza con il quale il cristianesi-
tradimento. Le persecuzioni si protraggono per 250 anni; mo viene riconosciuto “religione lecita” dell’Impero. Nel
la più violenta è quella scatenata nel III secolo d.C. da Dio- 380 l’imperatore Teodosio, influenzato da sant’Ambrogio,
cleziano. Le persecuzioni in tutto l’Impero non frenano le sanziona il trionfo del cristianesimo proclamandolo “reli-
conversioni che si fanno sempre più numerose. I poveri gione ufficiale” dell’Impero.

Pagine operative
1 Indica con una crocetta se le seguenti af- 2 Rispondi alle seguenti domande.
fermazioni sono vere (V) o false (F). Perché la legge romana considerava i cristiani
colpevoli di alto tradimento?
Il Nuovo Testamento fu scritto da Gesù
per raccontare la propria vita e i propri ............................................................................
insegnamenti. V F ............................................................................
Gesù predicava il suo vangelo parlando
in modo complicato per farsi capire Quale imperatore scatenò la più violenta perse-
solo da pochi eletti. cuzione contro i cristiani?
V F
Le parabole erano episodi e aneddoti ............................................................................
significativi che esprimevano per
similitudine concetti difficili. V F Completa la tabella spiegando perché
3

I sacerdoti ebrei riconobbero in Gesù moltissimi poveri, ma anche molti ricchi aderi-
il Messìa tanto atteso. V F rono al cristianesimo.
Gesù fu condannato a morte dal
governatore romano Ponzio Pilato. V F ................................................
Poveri
Gli apòstoli erano “inviati”, cioè ................................................
diffusori del messaggio evangelico
di Gesù. V F
................................................
Ricchi
Gli apòstoli Pietro e Paolo fondarono ................................................
una comunità cristiana a Roma. V F
Modulo 5 IMP. 208/241 28-09-2004 13:52 Pagina 228

228 MODULO 5 - Roma nell’età imperiale

4 Metti in ordine di importanza le seguenti 6 Completa la tabella indicando le iniziative


figure dell’organizzazione ecclesiastica. prese dagli imperatori Costantino e Teodosio
nei riguardi del cristianesimo.
Vescovi. Preti. Papa.

Costantino
5 Completa il brano inserendo correttamen-
te i termini indicati sotto.
................................................................................
Ogni chiesa non era soltanto al centro di un’in- ................................................................................
tensa attività ......................, ma anche di un’at- ................................................................................
tività ......................... e .........................., che gli ................................................................................
storici moderni chiamano ................................ . ................................................................................
................................................................................
Questa espressione deriva dal fatto che, come
................................................................................
gli apòstoli avevano incoraggiato a fare, i fedeli
................................................................................
più ........... usavano spogliarsi dei loro averi per
donarli alla propria .................. . Denari e terreni
provenienti da queste ................. o ................... Teodosio
diventavano ................................. che venivano
fatti fruttare. Le rendite di questi investimenti ................................................................................
servivano a nutrire i fratelli più bisognosi, ma ................................................................................
anche a creare vere e proprie ..................., che ................................................................................
prestavano denaro senza interessi ai ................, ................................................................................
ma con interessi normali ai ...................... . ................................................................................
................................................................................
economia di elemosine – chiesa – spirituale –
pagani – ricchi – “elemosine” – cristiani – eco- ................................................................................
nomica – banche – finanziaria – donazioni – be- ................................................................................
ni comuni

1 2 2
7 Risolvi il cruciverba.
DEFINIZIONI
Orizzontali: 1. Traduzione greca
della parola “Messìa” – 2. Vuol 1
dire “buona novella” – 3. Vi
nacque Gesù.
Verticali: 1. Episodi e aneddoti
significativi che esprimono per 3 3
similitudine concetti difficili – 2.
I discepoli di Gesù – 3. Parola
ebraica che significa “unto dal
Signore”.