Sei sulla pagina 1di 42

P U B B L I C A Z I O N I D E L L ' « I S T I T U T O

P E R L ' E U R O P A O R I E N T A L E » R O M A
SECONDA S E R I E

POLITICA - STORIA - ECONOMIA

XXVII

N I L O B O R G I A
jeromonaco d i G r o t t a f e r r a t a

I MONACI BASILIANI D'ITALIA

IN ALBANIA

APPUNTI DI STORIA MISSIONARIA

Secoli XVI-XVIII

ROMA - ISTITUTO PER L'EUROPA ORIENTALE - ROMA


MCMXXXV - XIII.
Proprietà letteraria riservata.

T i p . Conioraio N u i o n a l e , V i a E . Q. V i c i n i t i , 1 • Roma
AVVERTENZA

Sono brevi N o t e , queste che presentiamo al pub-


blico, e non la Storia delle Missioni che i Monaci Italo-
Albanesi di rito greco hanno sostenuto, per più, di un
secolo, con le loro fatiche e con i loro sacrifici in Al-
bania.
Ricavate da documenti coevi ai fatti che esponia-
mo, ne abbiamo fatto largo uso, a discapito - se si vuo-
iti - della spigliatezza della narrazione, ma a tutto van-
taggio della verità (1) .
Le presentiamo per due motivi: perchè è doveroso
far conoscere i Nomi e le azioni degli Uomini aposto-
lici, che per la Chiesa e per la Patria vi presero parte
immediata, e perchè si avrà da esse una luminosa con-
ferma dei sapienti criteri con i quali S. S. Papa Pio X I
(Enciclica del febbraio 1926) affidava l'apostolato an-
che agl'indigeni: « giacché il Sacerdote indigeno... per
a nascita, per indole, per sentimenti, propensioni si
li accorda con i suoi ». / nostri Missionari erano Alba-
nesi.
La missione della Chimara fiorì finche ai Monaci
Italo-Albanesi fu concesso di coltivarla.

(1) M i è caro di ricordare qui i l prezioso aiuto che nella ricerea


dei documenti mi ha prestato i l R.mo D . Cirillo K o r o l e s k i j , al quale
presento tutta l'espressione della mia gratitudine.
C A P I T O L O 1.

I PRECEDENTI STOEIOI D E L L A MISSIONE.

INTRODUZIONE.

Sono generalmente conosciute le r e l a z i o n i che, a t -


traverso i secoli, h a n n o legato l ' I t a l i a con l ' A l b a n i a , e
basterebbe r i c o r d a r e soltanto l'attività c o m m e r c i a l e e
m i l i t a r e d e l l a R e p u b b l i c a Veneta a t t o r n o e q u e l l e coste,
per f o r m a r s i u n ' i d e a approssimativa d i t u t t o l ' i n f l u s s o
d i nostra gente nelle contrade a l b a n e s i , presso c u i si r i -
scontrano anche o r a , sparsi qua e là, i r i c o r d i t a n g i b i l i
d i u n a v i t a intensa d i p e n e t r a z i o n e e d i civiltà.
N o n così p u r t r o p p o sono note l e f a s i d e l l a attività
missionaria d i apostolato e d i r i g e n e r a z i o n e c r i s t i a n a e
sociale, che, a più r i p r e s e e i n c e n t r i d i v e r s i , si è i r r a -
diata d a l l ' I t a l i a sulle sponde opposte, e più precisa-
mente n e l l ' A l b a n i a m e r i d i o n a l e . O r a a m e sembra che i l
r i c h i a m a r n e brevemente la m e m o r i a , i n q u e s t i m o m e n t i
d i cordiale intesa t r a le due N a z i o n i , e d i assestamento
c i v i l e e religioso del n u o v o R e g n o , potrà s a l u t a r m e n t e
i n f l u i r e s u l l ' i n c r e m e n t o della stima scambievole e d e l l a
f i d u c i a , nella comprensione completa d e l l ' a z i o n e c i v i -
l i z z a t r i c e d e l G o v e r n o I t a l i a n o , vigorosamente v o l u t a e
r i a f f e r m a t a n e l l a c o n t i n u a z i o n e dell'attività d i a l t r i t e m -
p i , da s c o n v o l g i m e n t i p o l i t i c i i n t e r r o t t a o sospesa, m a
non mai ritirata o respinta.
O r a t r a le benefiche i n i z i a t i v e uscite d a l l ' I t a l i a ,
una ve ne ebbe degna d i a t t e n z i o n e e d i s t u d i o : l a Mis-
sione dei Monaci Basiliani nella Chimara.
A i l e t t o r i n o s t r i e a q u a n t i con amore si occupano
2 D. NILO BORGIA

d e l l a r i n a s c i t a del generoso p o p o l o albanese tornerà cer-


t a m e n t e g r a d i t o i l r i c o r d o d i questa pagina d i storia m i s -
s i o n a r i a , poiché i n realtà essa f u c o m p i u t a con g r a n d i
e u d o r i e con sacrifici i n d i c i b i l i e scritta d a I t a l i a n i p e r
adozione, da A l b a n e s i per o r i g i n e e da M o n a c i p e r p r o -
fessione. Nè i n m a n i più benefiche poteva r i c a d e r e la
m i s s i o n e , p o i c h é sarebbe stato d i f f i c i l e , e lo sarà sem-
p r e , avere u n elemento più omogeneo d i q u e l l o , costi-
t u i t o da u o m i n i d o t t i , a v e n t i c o m u n e l ' o r i g i n e , le t r a -
d i z i o n i , l ' i d i o m a e i r i t i religiosi. L o diciamo s u b i t o :
i M o n a c i , che per più d i u n secolo c u r a r o n o l a missione
apostolica n e l l a C h i m a r a , f u r o n o t u t t i i t a l i a n i delle Co-
lonie Albanesi d i Sicilia.
T e a t r o delle f a t i c h e l o r o e d e l l ' a p o s t o l a t o f u la r e -
gione montuosa che, a p a r t i r e d a l l a catena l i t t o r a n e a
d e g l i A c r o o e r a u n i , si d i l u n g a fino a l l ' i m b o c c a t u r a d e l
canale d i Co r f ù e che a l l ' e p o c a d i c u i p a r l i a m o era d i -
scretamente popolata con u n a serie d i v i l l a g g i , dei q u a l i
i d o c u m e n t i ci conservano i n o m i , come v e d r e m o , sparsi
t r a i m o n t i e n e l r e t r o t e r r a , da K u d e s i a D e l v i n a .
M a « C i m a r r a , da c u i h a preso n o m e t u t t a l a r e -
« gione, è situata i n capo d i u n a m o n t a g n a che r i g u a r d a
« a l c o n f r o n t o l ' i s o l a d i C o rfù n e l m a r e E o l i c o , capo
« della p r o v i n c i a , e si r e n d e f o r t e perchè v i e n e m u n i t a
« d a l l a sommità del m o n t e ; c i r c o n d a t a da g r e b a n i e
(( f a l d e scoscese, essendovi i m t o r r e n t e p r o f o n d o , q u a l e
« serve per difesa della città » .
N e l l o stendere questi b r e v i a p p u n t i c i saranno d i
guida i p o c h i d o c u m e n t i che son g i u n t i fino a n o i , e,
come base speciale, u n a l u n g a Relazione d i u n antico
Missionario, M r . A R C A D I O S T A N I L A , testimonio e parte
d e l l e imprese apostoliche da l u i n a r r a t e , e più t a r d i V e -
scovo d i Musacchia e V i c a r i o A p o s t o l i c o per la missione
d i C h i r a a r a , Relazione particolareggiata, importantissi-
I MONACI BASILIANI D'ITALU IN A L B A N U 3

m a , da l u i presentata a l l a S. C . d i P r o p a g a n d a n e l l ' a n n o '


1685 (1).
Q u e l gliorioso Cantone A l b a n e s e godeva i n q u e l l ' e -
poca u n p e r i o d o d i t r e g u a , se n o n d i pace assoluta; e,
se n o n a n d i a m o e r r a t i , la C h i m a r a come g l i a l t r i C a n t o n i
piìi bellicosi d i A l b a n i a , v i v e v a q u e l l a specie d i v i t a i n -
d i p e n d e n t e , d i c u i p a r l a anche i l P o u q u e v i l l e , q u a n d o
« ciascun Cantone e f r e q u e n t e m e n t e ogni città f o r m a v a
« u n a specie d i r e p u b b l i c a a u t o n o m a d i v i s a in fare o
(c p a r t i ; e i g r a n d i f e u d a t a r i servivano i n queste associa-
« z i o n i d i contropeso all'autorità d e i Pascià, m a n d a t i
« d a l G o v e r n o Centrale » ( 2 ) .

§ 1. — CONDIZIONI P O L I T I C H E E MORALI

D E L L A C H I M A R A

« C i m a r r a d u n q u e è capo d i q u e l l a p r o v i n c i a » —-
cosi leggiamo n e l l a relazione d i u n a l t r o missionario che
q u i v i dimorò per p a r e c c h i a n n i — « . . . a n t i c a m e n t e era
(C fortezza e comandava le, a l t r e città della p r o v i n c i a ;
ce ma a l presente n o n g l i è r i m a s t o a l t r o che i l n o m e ,
ce poiché essendo n a t i o n e d i genio estremamente ama-
ee tore della libertà, s ' h a n n o scosso d'adosso ogni giogo
ce d i c o m a n d o , come per i l più sono le a l t r e t e r r e d e l l a

(1) L a Relazione, insieme c o n altri documenti affini, venne stampata


sotto i l titolo generala: La Missione Greco-cattolica della Cinuirra nel-
l'Epiro nei secoli XVIXVIII da D . C I R I L L O K O R O L E V S K I J , in Bessarìone
rivista di studi orientali, Serie I I I , fase. 117, 118, 120, 123. Ne fu fatta
poi tiratura a parte con i l titolo: Documenti inediti per servire alla
Storia delle Chiese Italo-Greche ecc., R o m a 1911, 1912: ci riferiamo ad
essa nelle citazioni che occorrerarmo i n questo studio. L a Relazione oc-
cupa gran parte del fascicolo I I .
(2) P o U Q i E v i L L E , Storia della Rigenerazione della Grecia, tradotta t d
illustrata da S I E F A N O T i c o z z i : Italia (sic) M D C C C X X V , tomo I , pag. 7.
Vedi ancora: F . T A I A N I , Le Storie Albanesi, Salerno 1886, Epoca terza,
pag. 12.
4 D. NILO BORGIA

« p r o v i n c i a per esser t u t t o q u e l paese r i p i e n o d i a l t e


« bensì, m a sassose e s t e r i l i m o n t a g n e ; d a l che a v v i e n e
« che q u e g l i h a b i t a t o r i godano u n ' a r i a p u r g a t i s s i m a ,
« per la quale si m a n t e n g o n o così s a n i e r o b u s t i , che
« con t u t t o che i l v i t t o sia austerissimo et i l vestire scar-
« gissimo, n o n però f a n n o m a i conto nè d i caldo, nè d i
« f r e d d o , nè d i a l c u n ' a l t r a f o r t e f a t i c a per grave che
« essa s i a ; e p u r e n o n così f a c i l m e n t e s'amalano, e
(c q u a n d o qualche v o l t a succede, f a c i l m e n t e con poca
« d i e t a guariscono senza a l t r i m e d i c i e m e d i c i n e che i n
« q u e l l e p a r t i n o n ve ne s o n o ; e così v i v o n o per o r d i -
« n a r i o u n a b e n canuta età; o g n i v o l t a che f e r r o ostile
« o a l t r a m o r t e v i o l e n t a ( c o m e suole spesso i n q u e l l e
c( p a r t i a v v e n i r e per le m o l t e i n i m i c i z i e che h a n n o f r a
« d i se) n o n t r o n c a l o r o a v a n t i t e m p o l a v i t a .
« M a p o i c h é i l Signore I d d i o v u o l e che i n qi^esto
« m o n d o i m a l i vadano a b i l a n c i o d e i b e n i , avviene che
<f havendo l a sua i n f i n i t a p r o v v i d e n z a da u n a p a r t e do-
« nato a q u e l l a gente u n ' a r i a così sana e p e r f e t t a , t o -
« gliesse l o r o d a l l ' a l t r a t u t t e quelle d e l i z i e , delle q u a l i
« suol abbondare i n v a r i e p a r t i n a t u r a . I m p e r o c c h é è
« q u e l paese d i sterilità così grande che l a v e t o v a g l i a che
« p r o d u c e n o n basta l o r o neanche per l a metà d e l l ' a n n o ,
et nè abbonda i n a l c u n ' a l t r a cosa con l a quale possino
« t u t t i per mezzo della m e r c a n z i a r i m e d i a r e comoda-
« m e n t e , t u t t i si cibano d i poco pane d i m i g l i o e d i acqua,
« e m o l t i s s i m i d i l o r o per n o n haver questo si m a n t e n -
c( gono m o l t i g i o r n i con sole h e r b e salvatiche senza a l c u n a
« sorte d i c o n d i m e n t o .
« Q u e l l ' e s t r e m a p e n u r i a delle cose necessarie p e r i l
« sostentamento della l o r o v i t a n a t u r a l e , è i l m a g g i o r i m -
« p e d i m e n t o che i n q u e l l e p a r t i v i sia, per esercitare l a
« missione con q u e l f r u t t o maggiore che si desidererebbe,
« i m p e r o c c h é ciascmio d i l o r o che sia i n sufficiente età p e r
I MONACI BASILIANI D'ITALIA IN ALBANIA 5

ce procacciarsi più o m e n o i l necessario a l i m e n t o suo o


te della sua f a m i g l i a , si dà c h i a l l a c u l t u r a d i q u e l sassoso
ce t e r r e n o , c h i a pascolare le greggi, e c h i a l traffico d e l l e
te m e r c a n z i e , et accettuatone a m a l a pena le feste, poco
ce o n i e n t e d i t e m p o resta l o r o p e r attendere alle l e t t e r e ,
ce et al p r o f i l o d e l l ' a n i m a . E t j u e l che più è d ' i n t o l l e r a n z a
et e f a s t i d i o ad u n p o v e r o m i s s i o n a r i o , massime f o r e -
ec s t i e r o , i l q u a l e è stretto con quell'istesso che bisogna
te a l u i , r i m e d i a r e alle necessità d i m o l t i e r i d u r s i a v i -
ce vere come i m o d i l o r o .
ce Q u a n t o p o i a l m o d o che q u e i p o p o l i tengono n e l
et g o v e r n a r s i , n o n d u b i t o p u n t o che parerà stranissimo,
ce poiché é del t u t t o c o n t r a r i o a l comune d e l l e n a t i o n i d e l
ce m o n d o , e massime della n a t i o n e G r e c a , la quale con
te t u t t o che m o l t o a m m e t t a la libertà, n o n si t r o v a p e r ò
ce che g i a m m a i rimanesse d e l t u t t o p r i v a d i u n o o più c a p i ;
ce che con le leggi scritte governassero le l o r o città e t e r r e ,
ce e b o r a impugnassero la spada della g i u s t i z i a c o n t r o d b
ce m a l f a t t o r i , b o r a votassero i l C o r n u c o p i a delle grazie
ce n e l seno de v i r t u o s i ; a n z i conoscendo benissimo che l a
ce v e r a libertà f r a u n a m o l t i t u d i n e d i p o p o l i n o n può m a i
ce r i t r o v a r s i che con la giusta b i l a n c i a d e l b u o n g o v e r n o ,
ce si dietero (sic) m o l t i d i l o r o a scrivere leggi et a p r o -
cc m u l g a r l e al m o n d o , come cosa l a più preziosa che
ce n e l l a p o l i t i c a h u m a n a si ritrovasse.
ce M a questa p o v i n c i a siccome è situata su la coda
ce della Grecia così n o n si rassomigliano p m i t o a l suo c a p o ,
ce conciosiacosache eccettuatone u n poco d i t r i b u t o che
ce q u e l l i p o p o l i pagano a l T u r c o per n o n essere m o l e s t a t i ,
ce n o n riconoscono sopra d i se a l t r i s u p e r i o r i che q u e l l i
ce che qualche v o l t a essi stessi a l o r o a r b i t r i o si elegono,
te acciò i n a l c u n i t e m p i più i m p o r t a n t i d e l l ' a n n o h a b -
ec b i a n o qualche c u r a della comunità. G i u d i c i , t r i b u n a l i ,
te c a p i t a n i , ufficiali et a l t r i s i m i l i t i t o l a t i che p e r b e n
6 D. NILO BORGIA

« g o v e r n a r s i u n p o p o l o n u m e r o s o sono necessari, da
« q u e l l e p a r t i son d e l t u t t o s b a n d i t i , m a o g n ' u n o p a -
ce d r o n e d i se stesso e della sua casa, v i v e come g l i piace
ce senza haver a l t r o f r e n o che i l t i m o r d i D i o , o l a m a g -
ec g i o r f o r z a d e l l a compagnia.
ce D a questo pessimo j i r i n c i p i o si p u ò a r g u i r e q u a n t o
ce g r a n m a l i p e r conseguenza d e r i v i n o , q u a n t i h o m i c i d i j ,
ce q u a n t i f u r t i , q u a n t e i n g i u s t i z i e r e s t i n o i m p u n i t e , e
CI q u a n t e a l i r e p e r r i m p u n i t à ogni dì si c o m m e t t a n o , e
c( conunesse, t j u a n t o d'fficilmente si r i m e d i j n o .
ce T u t t i stanno c o n t i n u a m e n t e con le a r m i i n m a n o ,
ce c h i p e r offendere a l t r u i e c h i p e r d i f e n d e r e se stessi et
ec i l l o r o ; e p o i c h é q u a s i t u t t e le t e r r e , u n a con l ' a l t r a
ce come n e m i c h e si p e r s e g u i t a n o , n o n escono m a i f u o r i d i
ce casa senza essere bene a r m a t i , et a p p a r e c c h i a t i p e r com-
ce b a t t e r e . M ' i n c o n t r a i i o stesso più v o l t e n e l l e zuffe e
ce c o m b a t t i m e n t i che l i C i m a r i o t t i fecero con l i D a n i e l -
ce l i ( ? ) che n o n più d i t r e m i g l i a sono discosti da l o r o ,
ce dove per lo g r a n spargimento d i sangue che v i d i , corn-
ee passionando a q u e l l e povere a n i m e che così m i s e r a -
ee m e n t e si p e r d e v a n o , t e n t a i più v o l t e con v a r i j m o d i d i
ce f a r l i pacificare, m a l ' i n i m i c i z i e havevano i n t r e n t ' a n n i
ec d i t e m p o gettate n e i l o r o c u o r i r a d i c i così p r o f o n d e ,
ce che eccettuatone le tregue che facevano f a r e l o r o , n o n
ce m i f u possibile svellerne t o t a l m e n t e .
ce M a f r a t u t t i i l o r o m a l i i l peggiore si è che u n o f a
ec la colpa e l ' a l t r o ne r i p o r t a i l più delle v o l t e l a pena.
ce E per m e g l i o i n t e n d e r e questo, è da sapere che p e r
ce n o n essere i n q u e l l e p a r t i giudice o a l t r o s u p e r i o r e che
ce castighi i d e l i t t i che si c o m m e l t o n o , o g n i o m o per n o n
ec esser m a l t r a t t a t o d a l l ' a l t r o , cerca d i f a r s i f o r t e col m a g -
cc gior n u m e r o d i p a r e n t i , l i q u a l i c o l l o c a t i insieme f o r -
ce m a n o v a r i e f a t t i o n i secondo le varietà d i casate o
ce schiatte che d i r si v o g l i o n o , et i n t u t t a l ' o c c o r r e n z a g l i
ce u n i g l i a l t r i si a i u t a n o e si d i f e n d o n o .
I MONACI BASILIANI D'ITALIA IN ALBANIA 7

« E questa u n i o n e passa t a n t o stretta f r a l o r o , che


« con t u t t o che siano i n q u i n t o , d e c i m o , ventesimo grado
ce d i consanguineità h a n n o p e r peccato l ' a p p a r e n t a r s i . E
« q u a n d o succede che a l c u n o d i l o r o a m m a z z i u n a l t r o
« dell'altra fattione, t u t t i incorrono nella pena, maggiore
« o m i n o r e secondo che sono più o m e n o v i c i n i a l l ' o m i -
« c i d a , con t u t t o che n o n fossero neanche consapevoli d e l
(( m i s f a t t o : poiché t u t t i l i p a r e n t i d e l m o r t o s ' a r m a n o
« c o n t r o l ' o m i c i d a e l i suoi p a r e n t i , et a f o r z a l o discac-
« ciano f u o r i d a l l e l o r o case e t e r r a , senza p e r d o n a r e n è
« a sesso, nè c o n d i t i o n e d i età; e d o p p o spianano le case,
a t r o n c a n o g l i a l b e r i , spiantano le v i g n e , d a n n o f u o c o a i
« s e m i n a t i , e così p o v e r i e m e s c h i n i l i lasciano a n d a r
(C r a m i n g h i d i qua e d i là, q u a n t o t e m p o l o r o p i a c e , e
« p o i alla fine se n o n s'aggiustano a f o r z a d i d e n a r o , a m -
(( mazzano l ' o m i c i d a , e, n o n p o t e n d o q u e l l o , u n ' a l t r o d e i
(( suoi m i g l i o r i p a r e n t i , et i n questa m a n i e r a si p a -
ce cificano.
« T a l e usanza al certo- parerà la più b a r b a r a ed i n -
« giusta che possa m a i r i t r o v a r s i , m a a [ p ] p o q u e l l a gen-
te t e è f a t t a così f a m i g l i a r e che n o n p a r h a b b i a neanche
(t o m b r a d ' i n g i u s t i z i a , et m o l t e v o l t e che i o l i r i p r e n d e v a
et p e r t a l b a r b a r i e , e dicevo che n o n bastava l a p a r e n t e l a
tf a f a r l a persona colpevole, o g n i v o l t a che n o n concorre
te l a p r o p r i a volontà, essendo che filius non portabit
et inìqidtatem patris, neque pater filli, m i r i s p o n d e -
tt v a n o che questo era i l l o r o t r i b u n a l e , questa l a l o r o
tf g i u s t i z i a , e che se n o n fosse così rigorosa che p e r l a
et colpa d i u n o t u t t i q u a n t i patissero, più sarebbero
te q u e l l i che o g n i dì m i e t e r e b b e con c r u d o f e r r o l a m o r t e ,
tt f l i q u e l l i che al m o n d o p r o d u r r e b b e l a n a t u r a . E t i n
tt v e r o per esser q u e l l a gente d i genio assai bellicosa e
te t a n t o alle a r m i i n c l i n a t a che i n t i u e l l e m o l l o si glo-
et r i a n o , et i n q u e l l e spendono i l l o r o b a v e r e , n o n si sa-
8 D. NILO BORGU

« r e b b e p o t u t o t r o v a r e f r e n o più gagliardo d i questo a l


« l o r o f u r o r e ; perchè q u e l l o che i n essi n o n t r o v e r e b b e
« f a t t o i l solo t i m o r e d i se stessi, l o f a l ' a m o r e dei p r o p r i ]
« figli e p a r e n t i .
« M a con t u t t o che questa gente sia d i genio sì i n -
« c l i n a t o alle a r m i , n o n è però che per questo sia i n t r a t -
« l a b i l e , a n z i p e r esser p i u t t o s t o u n a generosità d i c u o r e
« che i m p e t o d i fierezza, sono assai d o c i l i e f a m i g l i a r i , e
« sono d i t a l capacità d o t a t i d a l l a n a t u r a , che se f r a l o r o
« fosse governo p o l i t i c o et esercizio d i a r t i l i b e r a l i , n o n
« sarebbero p u n t o i n f e r i o r i a m o l t e n a t i o n i d e l m o n d o .
« M a siccome giacciono m o l t e gioie d i g r a n p r e g i o
« f r a i l n u m e r o d i a l t r e c o m u n a l i e n t r o le caverne d e i
C( m o n t i , le q u a l i se cadessero n e l l e m a n i d i p r a t t i c o gio-
« i e l i e r e che le r i p u l i s s e et aggiustasse, p o t r e b b e r o ador-
(c n a r e m o l t e m i t r i e e c o r o n e , così su q u e l l e aspre m o n -
te lagne si p e r d o n o m o l t i s p i r i t i generosi, l i q u a l i se h a -
« vesserò l a comodità e l a f o r t u n a d i m o l t i r i l u c e r e b b e r o
« anch'essi f r a le stelle d i questo mistico firmamento.
tf E ne potrà esser d i ciò efficace argomento l ' i n n o -
tt cenza che è f r a l o r o n e l v i v e r e , l a quale è t a l e che f r a
tf cento d i l o r o che io i n capo a l l ' a i m o confessavo, n o n
tf ne t r o v a v o v e n t i che havessero colpa m o r t a l e n e l l ' a -
tt n i m a ; cosa v e r a m e n t e degna d i g r a n m e r a v i g l i a , che
ft i n u n paese dove n o n c ' è f r e n o a l l a libertà, dove n o n
tt v i sono leggi che i n s e g n i n o , p r i n c i p i che c o m a n d i n o ,
tt g i u d i c i che m i n a c c i n o , m a e s t r i e p r e d i c a t o r i che i s t r u i -
tt scano, si t r o v i t a n t a innocenza » ( 3 ) .

i3) D a una lunghissima relazione inedita, scritta dal missionario G i o .


vanni De Camilis e mandata « agli Eccellentissimi ed E . m i Cardinali d i
Propaganda. Come vedremo, i l De Camillis visse per diversi anni i n
Albania e v i opere gran bene. L a relazione è stata presentata ai Signori
Cardinali i l 18 aprile 1673. A r c h . di Propag. S. O. R . voi. 439, fog. 318.
I MONACI BASILIANI D'ITALIA IN ALBANIA 9

L a citazione è u n p o ' p r o l i s s a , m a c i è sembrata n e -


cessaria per f a r b e n conoscere i n quale a m b i e n t e e t r a
q u a l i difficoltà, p r i v a z i o n i e sacrifici si svolgerà l'attività
dei Missionari.
C o n tale descrizione del resto si c o n c i l i a f a c i l m e n t e
q u e l che ci f a sapere i l nostro i n f o r m a t o r e p r i n c i p a l e ,
M r . S T A N I L A , sulle c o n d i z i o n i d i tranquillità e d i i n d i -
pendenza della C h i m a r a n e i t e m p i a i q u a l i egli si r i f e -
risce, e r i g u a r d o a l l a volontà costante d e i C h i m a r i o t i ,
sempre p r o n t i a l l e a r m i , onde l i b e r a r s i u n a v o l t a p e r
sempre d a l l ' o p p r e s s i o n e d e i T u r c h i , cosa n a t u r a l i s s i m a
a comprendersi, e confermata dai nostri documenti.
Scrive egli i n f a t t i c h e : « g l i h a b i t a n t i t a n t o d i C i -
cc m a r r a , q u a n t o d i t u t t o i l costretto d e l l ' A l b a n i a verso
oc p o n e n t e , n o n v o g l i o n o essere sottoposti adi a l c u n go-
cc v e r n o , ma v i v o n con g r a n libertà » ( 4 ) . Si governavano
con le l o r o leggi t r a d i z i o n a l i , p u r t r o p p o ancora i n f o r -
mate a f e r o c i a e a b a r b a r i e , m a n e l l ' i n s i e m e c'era sempre
dell'ordine e della disciplina t r a l o r o , e sopratutto unione
strettissima q u a n d o fosse necessario combattere i l nemico.
I l n o s t r o M i s s i o n a r i o l o r i l e v a con q u a l c h e r a m m a r i c o :
ce è b e n vero che se c o m m e t t o n o a l c u n o m i c i d i o o d a l t r o
ce d e l i t t o , v i e n e p u n i t o secondo le regole d e l l e l o r o a n -
ce t i c h e c o n s u e t u d i n i , t u t t o che s i i n o b a r b a r e e c o n t r o l e
ce leggi d i v i n e et h u m a n e , et i l p o p o l o attende a d osser-
ee vare senza scrupolo d i coscienza » ( 5 ) .

§ 2. — I C H I M A R I O T I E R O M A .

Sembrerà i n c r e d i b i l e , d o p o ciò che fin q u i si è


d e t t o , che u n p o p o l o d a g l ' i s t i n t i ancora selvaggi fosse
contemporaneamente accessibile alla verità e che ne a n -

(4) zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbaZYXWVUTSRQPONMLKJIHGFEDCBA
Ko EOLEVs . , loc cit., pa g . 54.
(5) Ivi.
IO D. NILO BORGIA

dasse q u a s i i n cerca e l'accettasse, p u r n o n desistendo


d a g l ' i m p e t i v i o l e n t i e i r r a g i o n e v o l i della sua n a t u r a .
A n c h e d i ciò c i r e n d e t e s t i m o n i a n z a i l Vescovo che
p e r più d i 2 0 a n n i visse con l o r o e che d o v e t t e , p u r -
t r o p p o m o l t e v o l t e , s u b i r n e le v i o l e n z e .
« Questi p o p o l i , scrive E g l i , h a n n o p o i i m ' i n n a t a
« proclività e divozione verso l a S. Chiesa R o m a n a ,
« onde al t e m p o della beata m e m o r i a d i G r e g o r i o X I I I ,
« quando erse i l S e m i n a r i o Greco d i S. A t a n a s i o , i l p r i -
« m o a l u n n o che f u messo i n detto collegio f u c i m a -
(( riotto » ( 6 ) .

D i tale p r o p e n s i o n e e fiducia verso la S. Sede d i


R o m a n o i abbiamo a l t r e j i r o v e anche più segnalate e più
c o n v i n c e n t i , e le v e d r e m o i n seguito; n o n per questo r e -
sterà m e n o m a t o i l g i u d i z i o d e l n o s t r o M i s s i o n a r i o , a l
q u a l e , come è facile c o m p r e n d e r e , n o n potevano sfuggire
a l c u n e delle p r i n c i p a U r a g i o n i che a v r a n n o p r o b a b i l -
m e n t e i n f l u i t o n e l l ' a n i m o d e i C h i m a r i o t i , e i n generale
d i t u t t i g l i A l b a n e s i , per piegarsi f a c i l m e n t e verso R o m a ,
E la p r i n c i p a l e sarà stata senza d u b b i o i l l o r o con-
tatto f r e q u e n t e con i C a t t o l i c i d ' O c c i d e n t e , con i q u a l i
avevano c o m u n e i l nemico da c o m b a t t e r e , e i n u n m o d o
più stretto con i V e n e z i a n i , d e ' q u a l i i n m o l t e occasioni

(6j Ivi, pag. Si, 55. — Si chiamava Andrea Vranas, di distinta fa-
miglia, di ottima indole, prediletto « dalli Superiori per l i sui costumi
c< di dottrina e di pietà che non v o l i vano slaccarselo da presso, onde l i
« fece 33 anni continui, e lo tenevano come Padre de' novelli alunni ».
Ivi.
Una monografia illustrante un K 0 P T H 2 I 0 2 B P A N A 2 HnEI-
PfìTHS è stata ultimamente scritta da X . A . S I D E R I i n H H E I F f ì T I K A
XPONIKA, tomo I I I , pag. 249-271: lanina, 1928. Lamentiamo col R .
KOROLEVSKIJ {loc. cit.) l'assoluta scomparsa di qualsiasi notizia del
rostro Andrea dalle carte d'Archivio del Collegio Greco.
I MONACI BASILIANI D'ITALIA IN ALBANIA 11

e b b e r o a godere d e l l a p r o t e z i o n e e d e l l ' a m i c i z i a ( 7 ) . A g -
g i u n g i i n o l t r e le m o l t e distanze che l i separavano d a l -
l ' e l e m e n t o greco, specialmente d a l c l e r o , d i c u i erano
scarsamente p r o v v i s t i , e d a i V e s c o v i che forse conosce-
v a n o solo attraverso l ' i n c a r i c a t o a raccogliere le d e c i m e ,
essendo b e n r a r i i casi i n c u i q u e i P r e l a t i si recassero a
visitarli.
Nè d ' a l t r a p a r t e , stante l ' a n t i p a t i a d i razza n e l p o -
p o l o Albanese m e r i d i o n a l e , u n ' i n t e s a con i G r e c i f u m a i
c o r d i a l e , nè l ' i n f l u s s o religioso d i q u e s t i u l t i m i pervase
m a i p r o f o n d a m e n t e le a n i m e d e i p r i m i .
V e d r e m o i n seguito che questo stato d i a n i m o av-
verso, s o p r a t u t t o n e i V e s c o v i , esplodeva p e r i o d i c a m e n t e
c o n t r o i M i s s i o n a r i e per contracolpo c o n t r o q u e i p o p o l i
m e d e s i m i , dei q u a l i n o n u n a v o l t a sola t e n t a r o n o d i t u r -
bare la q u i e t e e d i disgregare l a compagine. È l o stato
d i a n i m o che p e r d u r a anche a i n o s t r i g i o r n i , inaccessibile
alla v a l u t a z i o n e del bene oggettivo delle a n i m e , pervaso
c o m ' è d i f a m e d i p r e d o m i n i o e d i volgare settarismo.
* * * '
Q u a n t o agli A l b a n e s i d e i q u a l i c i o c c u p i a m o si p u ò
affermare che l ' a t t e g g i a m e n t o l o r o verso l a verità della
R e l i g i o n e c r i s t i a n a , a n z i che da p r o f o n d i c o n v i n c i m e n t i
p e r s o n a l i o c o l l e t t i v i , è spesso dipeso d a l l ' a z i o n e più o
m e n o intensa dei M i s s i o n a r i che l i h a n n o assistiti. N e
a v r e m o le p r o v e .
G l i A l b a n e s i sono stati t r o p p o l o n t a n i d a i c e n t r i
c u l t u r a l i , e t r o p p o o c c u p a t i con i l o r o f u c i l i n e l l e l o t t e

(7) Resta ancora a scriversi una storia dettagliata delle relazioni corse
tra la Repubblica Veneta, l ' A l b a n i a e i l Cantone di Chiraara i n modo
particolare. D a un documento ancora inedito desumo che fino al 1732,
essa non ju poco a mantenersi bene affetti quegli abitanti con far godere
a molti de loro primari stipendi vitalizi a titolo di remunerazione per i
servizi militari resj alla medesima in occasione delle passate guerre.
12 D. NILO BORGIA

f r a tribù e tribù, o c o n t r o i l o r o o p p r e s s o r i , p e r n o n
interessarsi d i q u e s t i o n i religiose. I l b i z a n t i n i s m o n e l
campo delicato e difficile d e i d o g m i n o n f u m a i p r e r o g a -
t i v a d e g l i a b i t a t o r i dei m o n t i : m o l t o m e n o dei C h i m a -
r i o t i , u s i a r i s o l v e r le q u e s t i o n i a c o l p i d i f u c i l e .
M a checché v o g l i a pensarsi i n t o r n o a c i ò , è f u o r i
d u b b i o che le d i s p o s i z i o n i d ' a n i m o d e i n o s t r i m o n t a n a r i
verso R o m a erano sinceramente f a v o r e v o l i a d u n ' i n t e s a
n e l campo religioso-dogmatico : ne abbiamo p r o v e n e l l a
c o r r i s p o n d e n z a corsa t r a essi e i l Papa G r e g o r i o X I I I .
I n u n a p r i m a l e t t e r a , che si d i r e b b e d i scandaglio e
d i esplorazione, i C h i m a r i o t i scrivevano :
J E S U S + CRISTUS
Al Santissimo Pontefice Sommo dell'Antica Roma ( 8 )
Padre degli orfani e consolatore di coloro che ri-
corrono a Lui.
ce O Papa S u p r e m o d e l l ' A n t i c a R o m a , a D i o Santis-
cc simo sommamente accetto, o P a d r e degli o r f a n i e con-
ce solatore d e g l i s t r a n i e r i ( 9 ) , N o i della C h i m a r a d i E p i -
ec r o . Sacerdoti, c h i e r i c i e l a i c i e t u t t o lo Stato, genuflessi
ce v o l e n t i e r i facciamo omaggio a l l a Santità T u a .
ce T i sia n o t o . P a d r e Santissimo, che d a l l ' e p o c a d!el-
ce lo strenuo S k a n d e r b e c h , nostro! serenissimo R e , so-
ce p r a n n o m i n a t o C a s t r i o t a , nessuno m a i , n e p p u r e i l ne-
ee m i c o stesso d e l l a fede c r i s t i a n a , i l feroce ed e m p i o
ce T u r c o con t u t t a la sua esecrabile p o t e n z a , é r i u s c i t o
ce a d assoggettarci a l suo i m p e r o , n o n ostante che o g n i
(8) È la forma usuale per indicare le Sede del Papa in opposizione
con la Nuova Roma—Costantinopoli.
(9) I l testo latino edito dal K O H O L E V S. ha advenae — forastieri; la
parola greca del testo originale, che si credeva perduto e che si conserva
ancora nell'Archivio Vaticano A A . N . 1746, ha i l senso da noi indicato.
A quanto «i conosce è questa la prima lettera spedita a Gregorio X I I I
dai Chimarioti; per renderne piiì facile l'intelligenza l'abbiamo tradotta
in Italiano.
I MONACI BASILIANI D'ITALIA IN ALBANIA 13

« g i o r n o e o g ni m o m e n t o n o n lasci d i vessarci con c o n -


ce t i n u e g u e r r i g l i e , i n guisa da f a r c i subire g r a v i d a n n i
ce e p e r d i t e d i u o m i n i o uccisi i n b a t t a g l i a , o c o n d o t t i i n
c< schiavitù. H a n n o p e r f i n o manomessa per t r e v o l t e l a
ce casa del Vescovo e p o i i n c e n d i a t a , cosichè o r a n o i c i
ce t r o v i a m o n e l l a m i s e r i a più s q u a l l i d a , nè a b b i a m o più
ce mezzo a l c u n o per f a r resistenza c o n t r o i l nemico; e
ce per r i m e t t e r e i n p i e d i l a residenza episcopale, d a l m o -
ce m e n t o che anche le a l t r e città e r e g i o n i v i c i n e , soggio-
cf gate p u r esse, sono nell'impossibilità d i a i u t a r c i .
ce A tale scopo i n t a n t o G j i k a N i c o l a e G i o r g i o Catas,
ce n o s t r i c o n c i t t a d i n i , si recano presso la Santità T u a
ce come n o s t r i r a p j j r e s e n t a n t i , e ad essi, n o i te ne scon-
ee g i u r i a m o . T u d a r a i p r o v e della t u a bontà e m u n i f i -
ce cenza, d i guisa che, o t t e n u t o u n soccorso d a l l a t u a d e -
ce m e n z a , ci sia possibile restaurare l a residenza del no-
ce stro Vescovo, e f a r acquisto d i a r m i per p o t e r resistere
ec a g l ' I n f e d e l i .
ce N o n v o l e r e . Beatissimo P a d r e , v e n i r m e n o alle
ce nostre s u p p l i c h e , p o i c h é n o i i n nessun a l t r o s p e r i a m o
ec se n o n n e l l ' U n i g e n i t o F i g l i o d e l l a Santa e I n d i v i s i b i l e
ce Trinità e n e l l a Santità T u a , q u a l e V i c a r i o d e l l o stesso
ce C r i s t o , del quale a b b i a m o preposto i l N o m e , e T e n o i
ec u n i t a m e n t e p r e g h i a m o d i accogliere l a supplica dei
ce n o s t r i i n v i a t i .
ce I I Signore D i o nostro conservi sempre felice la
ec Santità T u a e L e conceda t u t t o ciò che desidera.
ce D a l l a C h i m a r a , cioè d a l l ' E p i r o degli A l b a n e s i ,
ce 1 2 L u g l i o 1 5 7 7 , S er vi e S u d d i t i della Santità T u a ; d a l -
ee l ' E p i r o g l i A l b a n e s i Sacerdoti c h i e r i c i e L a i c i e t u t t o
« l o Stato nostro » .
Al Santissimo e mandato da Dio, Papa Supremo
dell'antica Roma, Padre degli orfani e consolatore di
coloro che ricorrono a lui.
14 D. NILO BORGU

* * *

U n d o c u m e n t o d i così grave i m p o r t a n z a n o n si spiega


senza v e d e r v i la p r e p a r a z i o n e s p i r i t u a l e d i q u e i m o n t a -
n a r i , avvenuta certamente per opera degli I n c a r i c a t i V e -
n e t i : g l ' i n t e r e s s i m a t e r i a l i vengono p r o s p e t t a t i i n s i e m e
con q u e l l i m o r a l i , m a t u t t o ciò i n p i e n a corrispondenza
con le dispoeizioni d ' a n i m o dei C h i m a r i o t i .
L ' i n s i s t e n z a p o i della l e t t e r a , e per conseguenza a n -
che d e g l i o r a t o r i i n v i a t i , n e l chiedere sussidi p e r l a
restaurazione d e l l ' E p i s c o p i o , n o n aveva a l t r o fine che
d i g a r a n t i r e sempre piìi la resistenza a r m a t a c o n t r o i
T u r c h i , poiché è r i s a p u t o che i n q u e i t e m p i d i l o t t a e
d i sangue, i c r i s t i a n i si r a g g r u p p a v a n o a t t o r n o a i l o r o
V e s c o v i , per organizzarsi a difesa, e d a i V e s c o v i p r e n -
devano a vessillo la Croce, e l a b e n e d i z i o n e e l ' i n c o r a g -
giamento alle t e r r i b i l i battaglie a c u i erano c o n t i n u a -
m e n t e c o s t r e t t i . Basterebbe i n p r o p o s i t o r i c o r d a r e q u i
le gesta gloriose d e i Vescovi G r e g o r i o , G e r m a n o s , P r o -
c o p i o ecc. ecc., i q u a l i t u t t i sostennero i c r i s t i a n i n e g l i
asprissirai c o m b a t t i m e n t i c o n t r o g l i I n f e d e l i , d u r a n t e
l ' E p o p e a gloriosa d e l l a Rigenerazione della Grecia (10).
I n t a n t o n e l l a l e t t e r a r i f e r i t a n o n comparisce la firma
d e l V e s c o v o ; era m o r t o ? era assente? L a p r e g h i e r a dei
C h i m a r i o t i per i l restauro della d i m o r a d e l Vescovo f a -
rebbe sospettare ad u n a assenza v i o l e n t a .
Nessun d o c u m e n t o si conosce finora con u n a r i -
sposta qualsiasi d e l Papa alla l e t t e r a d e l 1 5 7 7 , a L u i f a t t a
p e r v e n i r e d a i C h i m a r i o t i ; sembra certo n o n d i m e n o che
la l o r o missione sia riuscita n e l l ' i n t e n t o , dovendosi senza
d u b b i o mettere i n relazione con le p r a t i c h e occorse t r a i l
Papa e g l i I n v i a t i della C h i m a r a l ' i n v i o t r a l o r o d i u n

(10) POUQUEVILLE, toc. cit., passim.


I MONACI BASILIANI D'ITALIA IN ALBANIA 15

V i s i t a t o r e A p o s t o l i c o . Che a n z i dalle p a r o l e con c u i l o


STANILA c i r i c o r d a l ' a v v e n i m e n t o , ci sembra d i p o t e r r a c -
cogliere che i l Papa abbia p i e n a m e n t e a d e r i t o alle r i -
chieste r i v o l t e g l i , m a n d a n d o i sussidi i m p l o r a t i , p o i c h é
nella Relazione leggiamo che « per c o r r o b o r a z i o n e d e l -
« l ' a f f a r e s p i r i t u a l e Sua Santità spedì i l P . L o r e n z o S n a n -
<f. giò G a l l a t i n o d e l l ' O r d i n e d e i M i n o r i per v i s i t a t o r e ge-
« nerale d i quella Provincia » (11).
D i questo p i o e dotto personaggio si h a n n o p o c h i s -
sime n o t i z i e ; l ' i l l u s t r e storico d e l l ' O r d i n e , P . P R I M A L D O
C O C O , c i f a solamente sapere che i l P . L o r e n z o f u eletto
p r o v i n c i a l e n e l 1581 e che n e l l ' a n n o seguente f u m a n -
dato da Gregorio X I I I V i s i t a t o r e A p o s t o l i c o n e l l ' i s o l a d i
Creta ( 1 2 ) . L o S T A N I L A , come si è v e d u t o , c i dà i n p i t i
i l cognome, senza accennare affatto alla missione d i l u i
i n q u e l l ' i s o l a . F u r o n o due i n c a r i c h i d i s t i n t i successiva-
mente eseguiti?
L e accoglienze dei C h i m a r i o t i a l l ' I n v i a t o d e l P a p a
f u r o n o quanto m a i c o r d i a l i ed oneste; e l ' e s i t o felice
della Visita ci fa comprendere la sincerità delle b u o n e
disposizioni del l o r o a n i m o , per aver r i c e v u t o i l R a p -
presentante del Papa « con o g n i d e b i t a osservanza » , e
l'abilità d i p l o m a t i c a d e l l ' i n v i a t o .
T r e mesi si t r a t t e n n e i l b u o n P a d r e t r a q u e i m o n -
t a n a r i , e f u r o n o t r e mesi d i l a v o r o f e c o n d o ed efficacis-
simo, p o i c h é , r i l e v a l o S T A N I L A n e l l a c i t a t a Relazione,
« si concluse che q u e l l i p o p o l i havessero a d essere u b -
« b i d i e n t i a l l a Santa Chiesa R o m a n a , h a v e n d o i l o r o
« Capi f a t t a profesione della f e d e , sottoscrivendo anche

(11)zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbaZYXWVUTSRQPONMLKJIHGFEDCBA
Ko ROLEVs , , fase, n , pag. 55.
(12) Cfr. / Francescani nel Salento. V o i . I I , 1517-1927. Taranto 1928,
pa g . 77. Secondo i l P . Coco, i l P . Lorenzo f u eletto Vescovo di Miner-
vino e di Pozzuoli; Arcivescovo di Lanciano, qualche anno dopo l a s ua
Missione; vedi pag. 83: ivi.
16 D. NILO BORGIA

« a l C o n c i l i o ottavo ( 1 3 ) d i F i o r e n z a , siccome appare


« n e l l a copia da me r i t i r a t a d a l l ' o r i g i n a l e attestato d e l
« prefato P. Visitatore » (14).

§ 3. — P R O G E T T O DI UNIONE C O L PAPA.

T o r n a t o a R o m a « con queste felicissime n u o v e » ,


n o n è a d i r e q u a l i festose accoglienze i l P . L o r e n z o r i c e -
vesse d a l P a p a , i l q u a l e , ci assicura l a Relazione, « con-
« cepì allegrezza grande e voUe d a r e t e s t i m o n i a n z e spe-
« c i a l i d i f i d u c i a e d i stima a l l ' a u t o r e d e l l ' a v v e n i m e n t o
« faustissimo, elevandolo all'Arcivescovado d i L a n -
ce ciano e (a m e m b r o ) d e l Consiglio d i Sua Maestà C a l -
ce l o l i c a » ( 1 5 ) .
M a giustizia v u o l e che n o i q u i segnaliamo i n m o d o
p a r t i c o l a r e i l n o m e d i u n a l t r o Personaggio, d e i b u o n i
uffici d e l quale si sarà p r o b a b i l m e n t e servito i l P . L o -
r e n z o n e l l ' o p e r a d i intesa e d i u n i o n e d e i C h i m a r i o t i con
R o m a , poiché i n u n a seconda lettera a l P a p a , più che
a l P . L o r e n z o a t t r i b u i s c o n o ad a l t r i i l m e r i t o p r i n c i p a l e
della ridestata f i d u c i a l o r o verso i l P a p a .
I n mancanza d i a l t r e n o t i z i e sul personaggio che
t a n t o si adoperò a l l a felice r i u s c i t a delle t r a t t a t i v e , c i
c o n v i e n e p e r o r a restar p a g h i dì ciò che i C h i m a r i o t i
scrissero eh l u i a l Papa i n p e r s o n a , e che p e r sè stesso
costituisce u n l u s i n g h i e r o elogio delle virtù m o r a l i e c i -
A T J Ì d e l degno personaggio.
A n c h e questa l e t t e r a , come l a precedente, ripro-
duciamo per intiero dal latino.

(13) Presso i Greci cattolici dì quell'epoca, i l Concilio di Firenze


veniva spesso chiamato VOttavo Ecumenico, benché i n realtà sia i l X V I
( n . deU'edit.).
(11) L;7c. C i t . , pag. 5Ó. Questa relazione ancora non si ritrova.
(15) A l l a Sede di Lanciano i l Gallatino sarebbe stato promosso n e l
1609 (Goms).
I MOxNACI B A S I L I V N ! D ' I T A L I A I:< ALBANIA 17

Eccola, n e l l a versione fedele :

« Santissimo e Beatissimo Padre, Pontefice della


Grande Cattolica Chiesa Universale.

ce N o i t u t t i Ca^n d e l l a C h i m a r a , col consenso d i


ce t u t t o i l p o p o l o d i detta Regione e d i q u e l l i che a b i -
ee tano le t e r r e q u i appresso n o m i n a t e , r i v e r i a m o u m i l -
ec m e n t e e rispettosamente la Santità V o s t r a e b a c i a m o
ce i p i e d i , a n o i a p p o r t a t o r i d i pace, d i T e P r i m a t e e
ce Capo della Chiesa, r a c c o m a n d a n d o c i n e l medesimo
ce t e m p o a g l i I l l u s t r i s s i m i C a r d i n a l i , che si p r e n d o n o
ce cura della nostra N a z i o n e ; e p r e g h i a m o D i o affinchè
ce t i conservi sano, a l u n g o . P a d r e Beatissimo e Degnis-
ee simo.
ce Sappia d u n q u e l a B e a t i t u d i n e T u a che q u i t r a
ce n o i è stato i l d i s t i n t o Signor D e m e t r i o F e r i g o c i t t a d i n o
ce Coroneo ( 1 6 ) , i l quale h a con n o i t r a t t a t o d e l l a sal-
cc vezza delle a n i m e e d e i c o r p i n o s t r i , d e l l a m a n i e r a cioè
ce d i l i b e r a r c i dalle m a n i dei T u r c h i .
ce O r a avendo n o i conosciuto i n antecedenza e l u i
<e e i suoi p a r e n t i , persone v e r a m e n t e d a b b e n e , n o b i l i
ce e degne d i r i s p e t t o e d i fiducia, e sapendo i n o l t r e che
ce essi sono stati a i servigi d e l l ' I m p e r a t o r e C a r l o V e che
ec per la fede cattolica h a n n o sparso anche i l sangue, d o p o
ce essere stati p r i v a t i e della p a t r i a e d e i l o r o a v e r i , essi
ce i più r i c c h i e i più i l l u s t r i della città d i C o r o n e ( 1 7 ) ,
<e come si r i l e v a dai l o r o i n c a r t a m e n t i , n o i i n t i e r a m e n t e
ee ci siamo a p p o g g i a t i a l detto D e m e t r i o , r i p o n e n d o i n

(16) D i famiglia originaria da Venezia, ma nato e cresciuto a


Corone.
(17) Cittadina, presentemente di un tre mila abitanti e piccolo
Stato marittimo della Grecia nel distretto di jVIessenia. D a l secolo X I I I
Corone era possesso veneto, collegato con la vicina Modone — Metone
— in miico sistema militare e ararainiòtrativo.
18 D. NILO BORGIA

ft l u i t u t t a l a nostra fiducia, d a l m o m e n t o che D i o stesso


ft b e n e d e t t o l o h a reso i l l u s t r e .
« E g l i ci h a a l u n g o p a r l a t o d i V o s t r a B e a t i t u d i n e
« e c i h a manifestato che V o i siete u n Santo Pontefice
ce e t a n t o amante d e l l a N a z i o n e G r e c a , che p e r essa avete
ce f o n d a t o u n Collegio e u n a Chiesa ( 1 8 ) ; e che a i G r e c i
ce t u t t i avete dato m o l t i a l t r i attestati d i benevolenza e
ec che p i r i ancora l o r o darete i n seguito.
ec E poiché l a f a m a d i t a n t i benefici si è sparsa p e r
ce t u t t a la G r e c i a , n o i t u t t i con le m a n i alzate verso i l
ce cielo ne r e n d i a m o grazie al Sommo D i o , e con g l i stessi
ce s e n t i m e n t i e con le stesse d i s p o s i z i o n i p r o s t r a t i a i V o -
ce s t r i P i e d i s c o n g i u r i a m o l a B e a t i t u d i n e V o s t r a , n e l
ce N o m e del Signor N o s t r o Gesìi C r i s t o , che per n o i h a
ce sofferto, d i p r e n d e r e a cuore la nostra causa e d i v o -
ce l e r c i a i u t a r e i n guisa che per opera e intercessione v o -
ce stra v e n i a m o soccorsi anche da a l t r i P r i n c i p i , cosichè
ee esortato da V o s t r a B e a t i t u d i n e i l Serenissimo Re d i
ce Spagna F i l i p p o ( 1 9 ) , per l a v i a del Regno d i N a p o l i ,
ec spedisca alla N a z i o n e Greca e Albanese ( 2 0 ) u n r i n -
ec f o r z o d i t r e m i l a u o m i n i e a r m i per d i e c i m i l a , con suf-
ec ficienti vettovaglie per i l l o r o sostentamento.
ec N o i p o i i n n a l z e r e m o i l vessillo i n n o m e della San-
ce tità V o s t r a e del detto Re F i l i p p o e così assoderemo
ce alla nostra causa t u t t a l ' A l b a n i a e t u t t a la M o r e a , es-

(18) Si allude evidenlcraente a l Collegio Greco — S. Atanasio — fon-


dato precisamente i n quell'anno 1581 come leggeri tuttora i n ima lapide
murata nel detto Collegio.
(19) Filippo V , detto i l cattolico.
(20) Dall'insieme del documento non risulta che la Grecia propria-
mente detta fosse entrata a far parte della progettala lega contro i
T u r c h i : i l richiamarne qui i l nome non serviva che a meglio classifi-
care le popolazioni che indifferentemente parlavano lo due lingue e
che perciò stesso si distinguevano dai Bulgari, dai Serbi, ecc.
I MONACI BASILIANI D'ITALIA IN ALBANIA 19

« sendo t r a n o i G r e c i e A l b a n e s i i n g r a n n u m e r o , p o t e n -
« dosi dalla sola M o r e a m e t t e r i n p i e d i u n esercito d i
« duecento m i l a g u e r r i e r i , m e n t r e i n e m i c i n o n sono più
ce d i seimila.
(c N e l l a C h i m a r a i n o l t r e i n u n sol g i o r n o d a i V i l -
« laggi q u i appresso i n d i c a t i e d a l l e zone v i c i n e si pos-
te sono reclutare d i e c i m i l a u o m i n i e i n u n a settimana
(( c i n q u a n t a m i l a , e da t u t t a la M a c e d o n i a se n e possono
(( avere u n c i n q u a n t a m i l a .
(( Che se la B e a t i t u d i n e V o s t r a si impegnerà a che
t( n o i acquistiamo l a nostra libertà, n o i fin da ora c i
« assoggettino a l l ' o b e d i e n z a ( 2 1 ) d e l l a Santa e C a t t o l i c a
« Chiesa d e l l ' a n t i c a R o m a , e riconosceremo V o i q u a l e
(c Sommo e vero Pontefice e Pastore u n i v e r s a l e e p o t e n -
(f tissimo; ma n e l medesimo t e m p o saremo s u d d i t i d e l
(C soiiranominato Re F i l i p p o d i Spagna e t a n t o a V o s t r a
« Santità, q u a n t o al sopradetto Re F i l i p p o p a g h e r e m o i l
« t r i b u t o detto charagià, p u r c h é la Santità V o s t r a c i
« conceda che i n o s t r i Sacerdoti, V e s c o v i , P r e l a t i , P a -
ce t r i a r c h i e q u a n t i a p p a r t e n g o n o a l c l e r o , a m m i n i s t r i n o
ce i Sacramenti e celebrino seccmdo le nostre t r a d i z i o n i
ce e i l nostro R i t o , essendo per l o più l a maggioranza
ee Greci e i g n a r i d e l l a l i n g u a l a t i n a ; dove p o i sono l a t i n i
ce celebrino p u r e col R i t o l a t i n o , a conchzione sempre
ce che Vostra B e a t i t u d i n e sia Signore e P a t r o n o d i t u t t i
ce i n spiritualibus e i l serenissimo R e F i l i p p o e i suoi
ce successori i n temporalibiis.
ce N o i C h i m a r i o t i i n t a n t o i n s i e m e con g l i i n f r a s c r i t t i
ce V i l l a g g i , i n virtù della presente l e t t e r a c o s t i t u i a m o n o -
ce stri p l e n i p o t e n z i a r i i l sulìodato Sig. D e m e t r i o F e r i g o

(21) Tale promessa, più che i Chimarioti, riguarda gli altri popoli
della Macedonia che avrebbero preso parte alle lega, essendo già cat-
tolici i Chimarioti, come si è visto più sopra.
20 D. NILO BORGIA

« e con esso i n o b i l i S i g n o r i G i o v a n n i L e c h s i , Z a c h n a e
(( N i c o l a suo figlio, personaggi t r a i p r i n c i p a l i d e l l a n o -
ce stra t e r r a d i C h i r a a r a , p r o b i e f e d e l i , e i n c o n t i n u a
ce l o t t a contro i T u r c h i , come si p u ò desumere dalle l o r o
ec l e t t e r e p a t e n t i . E p e r t a n t o q u a l u n q u e cosa sarà p e r
ec c o n c h i u d e r e i l Signor D e m e t r i o i n s i e m e con essi, o
ce q u a l u n q u e d i essi per t u t t i , d ' a c c o r d o con la Santità
ce V o s t r a e del Re F i l i p p o e l ' I m p e r a t o r e d i G e r m a n i a
ce e g l i a l t r i Re e P o t e n t a t i , sarà da n o i r a t i f i c a t o , p u r -
ee che condotta a t e r m i n e d a i n o s t r i b u o n i e f e d e l i a m -
ec b a s c i a t o r i secondo l ' i n c a r i c o a d essi affidato d i t r a t -
cc t a r e , accettare, chieder f a v o r i , d e n a r i , a i u t i e a r m i e
ce q u a n t o possa o c c o r r e r e , sia alla Santità V o s t r a , sia
ce a l l ' I m p e r a t o r e come a l Re d i Spagna e agli a l t r i P r i n -
fc c i p i , p e r l ' i m p r e s a d e l l a nostra e m a n c i p a z i o n e d a l l e
ce m a n i d e i T u r c h i .
ee I n o s t r i I n v i a l i h a n n o i n o l t r e , d o v u n q u e si t r o -
ce v i n o , facoltà d i d e p u t a r e o sostituire qualche a l t r o
ee p r o c u r a t o r e che ci r a p p r e s e n t i : d i c h i a r i a m o d e c a d u t i
ee e senza autorità i p r o c u r a t o r i passati.
ec Sarà certamente u n grande a v v e n i m e n t o e m i ' i m -
ec presa n o b i l i s s i m a e a nostro Signor Gesù Cristo m o l t o
ce g r a d i t a , se per o p e r a V o s t r a , Beatissimo P a d r e , n o i
ce e t u t t i i figli della G r e c i a d i c o n t i n u o b a r b a r a m e n t e
ee vessati d a i T u r c h i e c o s t r e t t i a f a r c i T u r c h i p o t r e m o
ce r e d i m e r c i a libertà. M a eh ciò b a s t i .
ce I d d i o Signore nostro conservi sano per l u n g h i
ce a n n i la Santità V o s t r a : a m e n .

A t e s t i m o n i a n z a d e l l a verità, l a p r e s e n t e l e t -
t e r a è s t a t a s c r i t t a e s o t t o s c r i t t a di m a n o d e l n o s t r o
Magistrato della stessa t e r r a di C h i m a r a , c h i a m a t o
M i c h e l e Argirò, e s i g i l l a t a , c o m e si v e d e , n e l m o d o
I MONACI BASILIANI D'ITALIA IN ALBANIA 21

a noi consueto, c o n l ' a p p r o v a z i o n e e i l consenso,


come abbiamo detto di s o p r a , d i tutti i V i l l a g g i
q u i sotto n u m e r a t i . - N e l m e s e di febbraio 1581.

Regione ed Episcopato di Chimara.

DUCHATES, BROCOTÓ, CALOJERATES, TRUMBAZEI,


SOTIRIANE, SALASSA, PANGALADES, DRIMADES, H E L I A T E S ,
BUNAE, CIIAPERAS, CUDISSEI, PILURE, CUZE!, PROGONA-
TES, LUPESEI, CASTELLI, NIVIZA, P I C E R N A T E S , BUNEZZE,
TURNECHEI, BUBAREI, CRESTA, BAFADES, TERNA, ZARO-
CORIZA, CAMINIZZA, FENECAE, DAMISEI, LECHELTI, DRA-
GOTES, CARIANAE. CHUNEHiZA, PESTANAE, BERNACHUS,
CEPEIOTA, AIOSBASILES, ZULATES.

Io M i c h e l e À r g ir ò d e l l ' I s o l a d i Corfù h o s c r i t t o
e sottoscritto di propria mano, per volontà dei
S e n i o r i d e l l a R e g i o n e di C h i m a r a e d e i s o p r a s c r i t t i
Villaggi.

Al Santissimo e Beatissimo Patriarca della Grande,


Cattolica e Universale Chiesa di Dio, Signore,
Signore Gregorio XIH, Papa della vecchia
Roma con onore (22).

N o i v e d r e m o i n seguito come i C h i m a r i o t i , forse


senza saperlo, v e n i v a n o con questa l e t t e r a a f o m e n t a r e
n e l l ' a n i m o d e l Papa u n ardente e a n t i c o suo d e s i d e r i o ,
del quale p e r a l t r o , sebbene i n t e r m i n i g e n e r i c i , aveva
fatta allusione n e l l a p r i m a sua risposta.

(22) K O R O L E V S . , loc. cit., pag. 1 4 4 . Abbiamo fedelmente riprodotto i


nomi dei Villaggi nella lozione latina perchè potrà riuscirne più facile
ridentificazione: parecchi sono scomparsi.
22 D. NILO BORGIA

* * *

I n t a n t o le proteste d i devozione e d i fedelià, espres-


se con tanta sincerità i n questa seconda l e t t e r a d a i C h i -
m a r i o t i , n o n potevano n o n c o m m u o v e r e ancora piìi l ' a -
n i m o d i G r e g o r i o X I I I , p o n i a m o p u r e che attraverso d i
essa, g l i o r a t o r i mirassero anche alla l o r o e m a n c i p a z i o n e
d a l giogo m u s u l m a n o e a U-n assetto stabile della t r i s t e
l o r o sorte d o p o u n a l u n g a serie d i l o t t e e d i agonie. M a
n o n a v r e b b e r o finalmente o t t e n u t o u n sollievo d u r a t u r o
p e r t u t t i g l i S t a t i C r i s t i a n i v i v e n t i sempre sotto l ' i n c u b o
della scimitarra d i Maometto e continuamente minac-
c i a t i da i n v a s i o n i , da stragi e da r o v i n e ?
L ' a v e r p o i chiaramente posti i t e r m i n i d e l l ' u n i o n e
c o n R o m a , c i i n d u c e a r i t e n e r e che l'esposizione d e i
c o m u n i desiderata d i q u e l l e p o p o l a z i o n i era stata com.-
p i l a t a con p i e n a i n t e l l i g e n z a « d e i Sacerdoti, d e i Va<5covi
e d e i P a t r i a r c h i » ( 2 3 ) per i q u a l i si r e n d e garante la
stessa l e t t e r a . Ciò n o n solamente ci è d i sicuro a r g o m e n t o
d e l l a serietà dei c o m u n i i n t e n t i , m a altresì d e l l a m a t u -
rità d i consiglio da c u i essa emanava, consiglio e p o n d e -
r a z i o n e i r r e f u t a b i l e che t r o v a ancor oggi l a c o n f e r m a piìi
c o n v i n c e n t e n e l l a r i s e r v a che i C h i m a r i o t i sottoponevano
a l l a considerazione d e l P a p a , r e l a t i v a m e n t e a l l ' o s s e r v a n -
za d e l l o r o r i t o e delle l o r o t r a d i z i o n i l i t u r g i c h e . Soltanto
i Sacerdoti e i Vescovi p o t e v a n o a u t o r e v o l m e n t e i n t e r -
l o q u i r e su siffatto genere d i q u e s t i o n i e suggerire c o n
t e r m i n i così p r e c i s i le n o r m e r i g u a r d a n t i l'esercizio d e i
d u e r i t i , n e l l a eventuale realizzazione d e l l ' a u s p i c a t a
imione.

(23) Quello di Ocrida e quello d i Ipek, della vecchia Serbia.


I MONACI BASILIANI D'ITALIA IN ALBANIA 23

* * *

L a risposta del Papa n o n si fece aspettare a l u n g o ;


ma essa f u m o l t o parca e, diversamente da ciò che i
C h i m a r i o t i avrebbero desiderato, n o n recava u n a p a -
r o l a , n o n u n cenno qualsiasi a l l e l o r o p r o p o s t e . L a r i p o r -
t i a m o i n t u t t a la sua integrità perchè ci s e m b r a i m p o r -
tantissima, sopratutto dal lato religioso, rilevandosi i n
essa u n a c o r r e n t e d i v e r a intimità t r a i l Papa e q u e l l e
p o p o l a z i o n i , fino a i e r i r i t e n u t e c o m p l e t a m e n t e aliene e
distaccate d a l grembo della Chiesa.
N i c o l a Zachne, u n o d e i fiduciari dei C h i m a r i o t i ,
ebbe l ' o n o r i f i c o i n c a r i c o d i presentarla a i suoi conna-
zionali.

Ai diletti figli Alessio Protonotario, ai Seniori,


al Popolo e al Consiglio di Chimara
GREGORIO XIII

« D i l e t t i F i g l i , salute e apostolica benedizione.


« A b b i a m o ricevuto la lettera d i t u t t i v o i , e abbia-
« m o appreso ancora q u a n t o i l d i l e t t o figlio N i c o l a Z a -
« chne m i n u t a m e n t e c i h a esposto; a b b i a m o altresì a m -
c( m i r a t a la f e d e , l a fermezza e la devozione vostra verso
« questa Sede A p o s t o l i c a , e v e r a m e n t e è i n c r e d i b i l e
« q u a n t o N o i c i siamo r a l l e g r a t i .
« N e a b b i a m o rese i n f i n i t e grazie a D i o e col cuore
« v i abbiamo a b b r a c c i a t i come figli i n C r i s t o c a r i s s i m i ,
« c o n g r a t u l a n d o c i con v o i , p o i c h é è giusto che c i si r a l -
((. l e g r i e si dia lode a coloro che con sincerità e ossequio
« onorano D i o , con l'accettare e col m a n t e n e r e i n c o r -
te rotta la Fede che d a g l i A p o s t o l i S a n t i s s i m i è stata t r a -
24 D. NILO BORGIA

« m a n d a t a alla Santa e C a t t o l i c a Chiesa d i R o m a , cosa


« questa che p r a t i c a r o n o i n o g n i t e m p o i V e s c o v i e i
« f e d e l i t u t t i d i o g n i N a z i o n e , a c u i f u m o l t o a cuore l a
« p r o p r i a salvezza.
« A b b i a m o d u n q u e rese grazie a D i o e l o r i n g r a -
« ziamo sempre, e v o i t e r r e m o n e l cuore come i m i g l i o r i
« d e i figli.
« A N i c o l a a b b i a m o dato m o l t e cose che a n o s t r o
« avviso p o t r a n n o u t i l m e n t e s e r v i r v i , ed egli ve le p o r -
cc terà.
ce V o i i n t a n t o m a n t e n e t e v i n e l l e b u o n e d i s p o s i z i o n i
ce che D i o v i h a date, e perseverate n e l l a sincerità della
ce fede e n e l l a santità della v i t a e d e i c o s t u m i ; m a questa
ce stessa costanza, che è g r a n dono d i D i o , chiedete a l
ce Signore, p o i c h é E g l i che v i h a data l a volontà v i darà
ce altresì l ' a i u t o d i c o m p i e r l a , e o g n i g i o r n o più v i r i c o l -
cc m e r a delle sue grazie e dei suoi f a v o r i .
ce N o i p u r e c i r i c o r d e r e m o d i v o i n e l l e nostre p r e -
ce g h i e r e , e come per v o i desideriamo o g n i b e n e , così
ce n o n cesseremo d a l l ' i m p l o r a r v e l o d a l Signore D i o n o -
ce stro.
ce D a t o a R o m a presso S. P i e t r o , sotto l ' a n e l l o d e l
ce Pescatore, i l 2 2 d i c e m b r e 1 5 8 2 , d e l P o n t i f i c a t o n o s t r o
ce X I ( 2 4 ) .

* * *
P e r c h i conosce ejuanto Gregorio X I I I , i n d i p e n d e n -
temente d a l l e proposte d e i C h i m a r i o t i , vagheggiasse l ' u -
n i o n e d i t u t t i i C r i s t i a n i per u n f r o n t e u n i c o c o n t r o i
T u r c h i , potrebbe r i u s c i r e quasi i n e s p l i c a b i l e i l t e n o r e
d e l l a s u r r i f e r i t a l e t t e r a , i n risposta a q u e l l a che i n t e r -
m i n i assai p r e c i s i e l u s i n g h i e r i prospettava u n a v v e n i r e

( 2 4 ) Ko ROLEv s . , loc. cit., pa g . 153.


I MOi\ACI BASILIANI D'ITALIA IN ALBANIA 25

l i e t o d i u n i o n e e d i pace della Chiesa O r i e n t a l e con R o -


m a , l u n g a m e n t e desiderata d a l Papa e da t u t t i i b u o n i ,
e l a d e f i n i t i v a repressione d e g l ' I n f e d e l i sempre m i n a c -
ciosi e p e r i c o l o s i .
Si p u ò pensare che a voce l ' i n c a r i c a t o d e l r i c a p i t o
della lettera abbia a v u t o i n f o r m a z i o n i che a n o i n o n son
g i u n t e , m a che siano state t a l i da c o n f o r t a r e i C h i m a -
r i o t i e da n u t r i r e i n essi l i e t e speranze : l a l e t t e r a si p r e -
sta anche a questa i n t e r p r e t a z i o n e . I n t u t t i i casi n o n d i -
m e n o , la gravità e l ' i m p o r t a n z a eccezionale d e l negozio
suggeriva grande r i s e r b o e circospezione, e i l P a p a , a c u i
era grandemente a cuore la p r o g e t t a t a i m p r e s a , n u l l a
fece t r a p e l a r e n e l l a r i s p o s t a , dei suoi p e n s i e r i e d e i suoi
passi i n p r o p o s i t o .
E i n v e r o è n o t o che G r e g o r i o fin d a g l i i n i z i d e l suo
p o n t i f i c a t o accarezzò l ' i d e a generosa d i u n a mossa i n
grande stile c o n t r o i T u r c h i , idea che v i e n f u o r i d i n u c ^ o
n e l 1 5 8 1 , n o n ostante le s f a v o r e v o l i d i s p o s i z i o n i d e i P r i n -
c i p i C r i s t i a n i , allorché a l l ' i n v i a t o d i V e n e z i a faceva co-
noscere d i esser p r o n t o a i m p i e g a r e p e r u n a lega c o n t r o
i T u r c h i t u t t e le r e n d i t e d e l l a Chiesa e a i C h i m a r i o t i ,
quasi c o n t e m p o r a n e a m e n t e , che « b e n v o l e n t i e r i avrebbe
« dato anche i l suo sangue p u r d i veder t u t t a la G r e c i a
« u n i t a con R o m a , n o n solo n e l l a f o r z a d e g l i e s e r c i t i , m a
« i n u n a i d e n t i c a professione della fede » ( 2 5 ) .
C o n v e n i v a , n o n ostante t u t t o questo, c o m p o r t a r s i
con grande p r u d e n z a e segretezza, e perciò i l Papa si
riservava d i t r a t t a r n e p e r s o n a l m e n t e con i r a p p r e s e n -
t a n t i dei v a r i Stati C r i s t i a n i , d a i q u a l i i n u n p r i m o t e m -
po ebbe p a r o l e d i a i u t i e d i promesse.
L a progettata lega p u r t r o p p o n o n si ebbe, n o n per
colpa del Papa o per i n c u r i a , f u a n z i E g l i v i l m e n t e t r a -

(25) Id. ibid., pag. 145.


26 D. N I L O BORGIA

d i t o d a i governo d i Spagna ( 2 6 ) ; poiché p r o p r i o esso che


p e r mezzo d e l suo r a p p r e s e n t a n t e a R o m a sembrò accet-
t a r e l a proposta d i G r e g o r i o p e r u n ' a l l e a n z a c o n t r o i
T u r c h i , a C o s t a n t i n o p o l i conchiudeva u n a n u o v a p r o -
roga d e l l ' a r m i s t i z i o con i T u r c h i .
N o n è del n o s t r o assunto tener d i e t r o a t u t t e le fasi
d e l l e p r a t i c h e occorse n e l l u n g o maneggio d i u n affare
così delicato e d i tanta i m p o r t a n z a , e che se fosise v e n u t o
a luce avrebbe r i s o l u t o i n u n a v o l t a d u e p r o b l e m i d a l l e
conseguenze g r a n d i o s e ; ne a b b i a m o toccato q u e l t a n t o
che più da v i c i n o r i g u a r d a l ' e p o c a e la questione d i c u i
c i o c c u p i a m o , e che p e r se stesso t a n t a l u c e p r o i e t t a s u l -
l ' a z i o n e d i G r e g o r i o X I I I i n f a v o r e d e l l a Chiesa e d e i
popoli orientali.

§ 4. — RELAZIONI FILIALI COL PAPA.

N o i n o n s a p p i a m o se e quandio i C h i m a r i o t i e g l i
a l t r i C a p i A l b a n e s i , p r o m o t o r i d e l l a lega desiderata, ve-
nissero a conoscenza d e i f a t t i q u i b r e v e m e n t e t r a t t e g g i a t i ,
e d e i maneggi che n e f r u s t r a r o n o p e r sempre l ' e s i t o a u s p i -
c a t o ; ciò che è f u o r i d u b b i o e che o n o r a assai l a lealtà
e l a sincerità d i essi, è l a costanza c o n c u i t u t t i m a n t e n -
n e r o fede a l l a p a r o l a d a t a , i l che f a c i l m e n t e si desume
d a i r a r i d o c u m e n t i g i u n t i fino a n o i . C i f a n n o assistere
a u n discreto m o v i m e n t o d i corrispondenza epistolare
t r a R o m a e l a Macedionia t u t t a , che i n v a n o r i c e r c h e r e s t i
n e i t e m p i che precedettero e susseguirono l a proposta
coalizione armata con i C r i s t i a n i d i Occidente e l ' u n i o n e
con l a Chiesa R o m a n a .

(26) Vedere per tutte queste trattative L . PASTOR, Storia dei Papi ecc,
Roma, 1925. V o i . I X , pag. 265-269.
I MONACI BASILIANI D'ITAI.IA IN ALBANIA 27

P e r lo scopo nostro sarà sufficiente dare u n a som-


m a r i a r e l a z i o n e d i t a l e reciprocità d i intesa c o r d i a l e ,
capace p e r se stessa d i m e t t e r e sotto g l i o c c h i d e i l e t t o r i
le p r o v e s o l e n n i e d u r a t u r e d e l l a fedeltà e d e l l a costante
volontà con c u i C l e r o e P o p o l o erasi consacrato a l l ' u n i o -
ne c o l Papa e d e l l a bontà p a t e r n a d i esso, sempre p r o n t o
ad a i u t a r e e a d assistere q u e i figli così d u r a m e n t e p r o -
vati.
M a a n z i t u t t o n e l f a t t o i m p o r t a n t i s s i m o che c a r a t -
terizza l a serietà i n c o n t e s t a b i l e d i detta u n i o n e , r i l e -
v i a m o l ' a z i o n e d i apostolato e d i v i g i l a n z a amorosa da
q u e i Vescovi esercitata verso i p r o f u g h i albanesi d ' I t a l i a ,
a i q u a l i seguitavano a spedire sacerdoti n a z i o n a l i , e d i
tempo i n tempo portavano personalmente la parola del
c o n f o r t o e g l i a i u t i dtei S a c r a m e n t i , ecc. E t u t t o ciò sotto
g l i o c c h i d e l P a p a e certamente col suo consenso, p o i c h é
l ' a z i o n e benefica si svolgeva t r a g l i A l b a n e s i r i f u g i a t i s i
i n Sicilia, i n Calabria e i n A p u l i a , dal loro arrivo i n p o i .
D ' a l t r a p a r t e come d u b i t a r e della sana ortodossia d i u n
p o p o l o che lascia t u t t o , abbandona a v e r i e p a t r i a p e r
salvare l a sua fede? Q u e i p r o f u g h i avevano a d e r i t o a l l a
lega, e ciò basterebbe a giustificare l a condotta d e l C l e r o
albanese da u n a p a r t e e d e l Papa d a l l ' a l t r a : m a a p r e -
scindere anche da c i ò , n o i a b b i a m o i n o l t r e d e l l e t e s t i -
m o n i a n z e piìi decisive che vengono a c o n f e r m a r e m i r a -
b i l m e n t e la p i e n a a r m o n i a che seguitava a r e g n a r e t r a
gU A l b a n e s i e l a Sede A p o s t o l i c a e n o n solamente t r a i
p r o f u g h i m a t r a t u t t i g l i a l t r i , che, come si è v i s t o , d i -
pendevano d a i r A r c i v e s c o v o d i O c r i d a .

T u t t o ciò d e s u m i a m o d a u n a l e t t e r a che i l R e d i
P o l o n i a S T E F A N O B A T H O R I spediva più t a r d i a S I S T O V,
e che p e r la sua s t r a o r d i n a r i a i m p o r t a n z a c i sembra de-
gna d i esser conosciuta :
28 D. N I L O BORGIA

Santissimo e Beatissimo Padre in Cristo

e Signore clementissimo

« Premesso i l bacio dei piedi venerati da parte


« m i a , del R ^ n o e dei m i e i d o m i n i , presento u n ' u m i l e
rf istanza :
ce G A B R I E L E Patriarca Acridense ( 2 7 ) , che si reca
c presso i P r i n c i p i Cristiani per a v e r n e elemosine con
« c u i a l l e v i a r e l a sua C h i e s a , i n q u e s t i u l t i m i t e m p i g r a -
« vata da pesanti b a l z e l l i dal T u r c o , venuto a salutare
« anche m e , u m i l m e n t e m i supplicò d i raccomandare a
« VOSTRA S A N T I T À i Vescovi e i Sacerdoti Greci ( 2 8 ) da
« l u i mandati i n Sicilia, i n A p u l i a e i n Calabria per as-
te sistere l e Chiese G r e c h e d i q u e l l e province.

(27) Si tratta senza dubbio del Pntriarca Gabriel, di cui dà partico-


lari notizie KoROLEvs., loc. cit., pag. 147.
(28) D i due tra quei Vescovi c i è giunto col nome u n ricordo perso-
nale. Sono in nostra mano due preziosissimi Avriurivoia, consacrati r i -
spettivamente l'uno dal Vescovo di Metone chiamato Neofito ; l'altro da
un Gabriel Metropolita di Lesbo, come si desume dalla rituale iscrizione
che corre attorno ai lembi d i ciascuno.
Riserbando ad altro luogo l'illustrazione d e l primo, riportiamo q u i
la riproduzione (v. tav. 1) e l'iscrizione del secondo : O Y S T A ^ T H P I O N
0EIOX KAI lEPON T O Y T E A E I 2 0 A I AI' AYTOY TAS 0 E I A 2
M Y S T A F Q r i A S E N H A N T I TOHQ T H 2 A E 3 : n O T E I A S K Y P I O Y ,
K A 0 I E P Q 0 E N Y n O THS X A P I T O S TOY HANAPIOY HNEYMATOS,
RAPA T O Y HANIEPIQTATOY MHTPOnOAITOY MH0YMNH2
Y n E P T B I O Y KAI EHAPXOY HASHS A E 2 B 0 Y KYPIOY FABPIHA.
Disgraziatamente i l testo è senza data: ma s i sa che Gabriel visse
e si rese noto nella prima metà del eccolo X V I I : nel 1613 era già Esarca
del Patriarca di Costantinopoli. L a pittura deìVAntimension di c u i q u i
si tratta, lo colloca circa questo tempo; poco più tardi i l disegno co-
minciò ad essere meno arcaico.
I due AvTi(tTivaia sono stati i n uso lungamente presso l e Chiese delle
Colonie Albano-sicule, e n o i l i abbiamo avuti dalla cortesìa d e l com-
pianto Papas Giovanni Alessi Protopapa delia colonia di Palazzo Adriano.
I MONACI BASILIANI D ' I T A L I A I N ALBANIA 29

(c M i assicurava i n o l t r e che da l u n g a d a t a , fin d a l


K t e m p o i n c u i C o s t a n t i n o p o l i cadde n e l l e m a n i d e i T u r -
« c h i , d a i S o m m i P o n t e f i c i d i felice m e m o r i a , predeces-
c( s o r i d e l l a Santità V o s t r a , era stata lasciata a i suoi p r e -
ce decessori piena g i u r i s d i z i o n e ecclesiastica su i G r e c i
ce d i dette contrade. O r a i n v e c e , d a i V e s c o v i c a t t o l i c i ( 2 9 )
ce d i quelle p a r t i v i e n e essa m e n o m a t a a i V e s c o v i G r e c i
ce che colà si r e c a n o , e i m p e d i t o d i esercitarla, cosichè
ce c o l o r o i q u a l i desiderano d i a v v i a r s i a l Sacerdozio deb-
ce b o n o con grande p e r i c o l o da p a r t e d e i T u r c h i , r e c a r s i
ce a d O c r i d a p e r r i c e v e r v i i Sacri O r d i n i .
ce O r i o h o r i t e n u t o t u t t o ciò degno d i compassione
ce e d i scrivere la presente per n o n p r i v a r e u n u o m o così
et t r i b o l a t o , d i u n a c o m m e n d a t i z i a i n p r o p o s i t o per la
ce Santità V o s t r a .
ce D e l resto n i e n t ' a l t r o i n t e n d o chiedere a V o s t r a
ce Santità, se n o n che faccia sul r i g u a r d o ciò che secondo
ce p r u d e n z a stimerà giusto e o p p o r t u n o e vantaggioso per
ce l a Chiesa d i D i o .

ce D e l l a stessa Santità V o s t r a ossequientissimo F i g l i o .


S T E F A N O R E DI P O L O N I A

(di propria mano)

GRODN, 2 4 Giugno 1 5 8 6 .

Al Santissimo e Beatissimo Padre in Cristo e Si-


gnore Sisto V per provvidenza di Dio, Papa
della Chiesa Romana e Universale Pontefice
Massimo Signore clementissimo (30).

(2y) Intendi latini o meglio di Rito I a l i n o ; cattolici erano anche gli


Orientali di cui si parla.
(30) K o i i O L E v s . , loc. cit., pag. 148 e seg.
30 D. N I L O BORGIA

* **
Che se m a l a u g u r a t a m e n t e i S o m m i P o n t e f i c i , a l l o r a
e p o i , n e l l e autorità ecclesiastiche l o c a l i n o n t r o v a r o n o
sempre f e d e l i i n t e r p r e t i dei l o r o desideri e della l o r o
s o l l e c i t u d i n e p a t e r n a per q u e i C r i s t i a n i , su c u i pesava
a v a n t i ad essi l a colpa d i aver t u t t o sacrificato p u r d i
salvare l a f e d e , e la colpa d i avere u n r i t o diverso e d i
; p a r l a r e u n ' a l t r a l i n g u a , n o n per questo v e n n e m a i m e n o
nei S o m m i P o n t e f i c i i l desiderio d i tener t u t t i s t r e t t i a
l o r o q u e i p o p o l i i n f e l i c i , a l l o r a più che m a i bisognosi
della m a n o benefica del Papa che, u n i c o i n v e s t i t o d e l -
l ' a l t a missione d i pascere e d i custodire le pecorelle d i
Gesù C r i s t o , f u e sarà sempre l ' U n i c o a n u t r i r e n e l suo
cuore i sensi d e l l a carità u n i v e r s a l e .
Sarebbe t r o p p o s t r i d e n t e i l contrasto se n o i mettes-
simo q u i a c o n f r o n t o l ' a z i o n e p r o v v i d a e v e r a m e n t e p a -
t e m a d e i S o m m i P o n t e f i c i verso q u e i m e s c h i n i e i t r a t -
t a m e n t i che n o n r a r e v o l t e questi ebbero a subire d a l l e
autorità ecclesiastiche d e i l i i o g h i presso i q u a l i g l i A l b a -
nesi avevano alzate le l o r o tende ( 3 1 ) . Se n e l l o s p i r i t o
d e l l a vera carità c r i s t i a n a e della t o l l e r a n z a f r a t e r n a t u t t i
fossero stati c o n c o r d i col P a p a , forse n o i oggi n o n a v r e m -
mo m o t i v o d i d e p l o r a r e come separate d a l centro d e l -
l'unità cattolica t a n t e p o p o l a z i o n i che con entusiasmo d i

(31) E ' del tempo di cui scriviamo una lettera di u n tal Vescovo di
Larino (cfr. K O R O L E V S . , loc. cit., pag. 1 4 9 ) . dalla quale sarebbe facile racco-
gliere le prove delle poco benevoli disposizioni d i l u i verso quei disgra-
ziati profughi, non che della mentalità che già fin da quel tempo andava
preparando la graduale scomparsa del Rito Greco in Italia.
Sull'argomento si possono consultare:
I . G A Y , L'Italie Meridionale et l'Empir Byzanlin, Paris, 1904;
G . B . F A M I L I A R I , Le Colonie della Magna Grecia, Grottaferrala, 1915;
P. Coco, Casali Albanesi nel Tarentino, Grottaferrala, 1921.
Tra gli antichi: P . P . RODOTÀ, Dell'Origine Progresso e Stato pre-
sente del Rito Greco in Italia ecc., Roma, 1758.
I MONACI BASILIANI D'ITALIA IN ALBANIA 31

fede e d i devozione si erano sinceramente schierate sotto


le pacifiche b a n d i e r e d e l R o m a n o Pontefice.
C o m u n q u e , v o l e n d o n o i presentare u n q u a d r o pos-
sibilmente esatto delle c o n d i z i o n i d i u n i o n e e d i c o r d i a l e
intesa che erasi p i a n p i a n o d e l i n e a t a t r a i p o p o l i d i M a -
cedonia e d i A l b a n i a , ecc., r i c o r d e r e m o ancora a l t r e
lettere che spedirono a n o n l u n g h i i n t e r v a l l i , i P a p i a i
C h i m a r i o t i , documentazione n o n d u b b i a delle scambie-
voli relazioni t r a Roma e l ' A l b a n i a .
C L E M E N T E V i l i , n e l 1 5 9 4 , l i esortava c o n p a r o l e
di conforto a m a n t e n e r s i sempre saldi n e l l a fede catto-
lica, n o n senza r a l l e g r a r s i c o n l o r o n e l s a p e r l i d i s p o s t i
a i n c o n t r a r e qualsiasi sacrificio prò Dei gloria et fidei
defensione ( 3 2 ) .
Più t a r d i U R B A N O V i l i r i s p o n d e n d o Venerabilibus
Fratribus Porphyrio Palaeologo, Patriarchae Primae lus-
tinianae Ochridae, caeterisque e t subiectis Archiepisco-
pis et Episcopis Bidgariae, Serviae et Ulterioris Mace-
doniae, dopo aver c o n g r a v i s s i m i accenti d e p l o r a t o i l
contegno della G r e c i a sempre r i o t t o s a e sempre assente,
formula v o t i che t u t t i i f e d e l i r a p p r e s e n t a t i d a l P a t r i a r -
ca e da t a n t i P r e l a t i saranno i n o g n i t e m p o s t r e t t a m e n t e
congiunti col centro dell'unità, e che i n vista d i ciò i l
Signore avrebbe finalmente scosso da essi i l giogo esoso
della loro schiavitù ( 3 3 ) .
Questa l e t t e r a , come s e m b r a , f u consegnata d a l P a -
pa allo stesso P a t r i a r c a P o r f i r i o che i n s i e m e c o l m e t r o -
polita G e r e m i a erasi recato a R o m a a i p i e d i d e l P o n t e -
fice; al loro ritorno, scriveva ancora i l P a p a , daranno
prove dell'accoglienza affettuosa fatta loro da Noi che

(32) Anche questa lettera è indiriziata Dilectis Filus Senioribus Chi-


moTrae: cfr. K O R O L E V S . , loc. cit., pag. 1 5 3 .
(33) Id. ibUl., pag. 154 e segg.
32 D . N I L O BORGIA

li abbiamo volentieri ascoltati e vi diranno che non sono


rimasti privi dei frutti della carità del Papa ( 3 4 ) .
I l d o c u m e n t o è del 1624, p r i m o anno del P o n t i f i c a t o
di Urbano V i l i .
V a d a sè i n t a n t o che se i P a p i seguitavano a t e -
n e r s i i n comunicazione con q u e i P r e l a t i , questi alla l o r o
v o l t a n o n mancavano d i prestar l o r o q u e l l e doverose
testimonianze d i religioso omaggio d o v u t o a l l ' a l t i s -
sima dignità e d i v e n e r a r l o quale Pastore s u p r e m o
della Chiesa universale. E anche d i c i ò , sebbene i d o c u -
m e n t i siano m o l t o scarsi, a b b i a m o p r o v e n o n d u b b i e e
n e l l e lettere più sopra r i c h i a m a t e , e n e l l e visite d i q u e i
P r e l a t i a R o m a , e n e l l a benevola concessione ottenuta
a l o r o istanza d a i S o m m i P o n t e f i c i r i g u a r d o l'assistenza
s p i r i t u a l e d e g l i e m i g r a t i , che d u r a v a ancora fino a l
1666 ( 3 5 ) .
Per i l 1632 ci resta sempre u n a m e m o r i a d e l l e s u p -
p l i c h e d i r e t t e allo stesso U r b a n o V i l i da u n a l t r o P a -
t r i a r c a d i O c r i d a , affinchè interponesse la sua m e d i a z i o n e
a u t o r e v o l e onde ottenere a i u t o e assistenza da L u i g i X I I I
d i Francia (36).

(34) Ibid.
(35) Si desume l a notizia da una leltiJra della S. Congr. di Propa-
ganda ( A r c h . della medesima, L E T T E R E della S . Congr., \oì. direna
a Mr. Papadopoli arcivcsiovo di Durazzo, 24 luglio 1666, al quale, ricor.
date le prescrizioni della bolla di Clemente V i l i , a nella quale si deter-
B mina che quelli che vorranno esser promossi agli ordini sacri, vengano,
R con le necessarie attestazioni e diniissorie, n riceverli a Roma dal V e -
» scovo Greco » ecc. si prescrive che « si astenga da far simili ordina-
« zioni » ecc.
(36) K o K O L E v s . , loc. cit., pag. 157.
CAPITOLO I I

L A M I S S I O N E

I n quest'atmosfera d i c o n c o r d i a e d i pace t r a i l v i -
cino Oriente e R o m a , n e l l a sottomissione filiale d i q u e i
popoli alla Suprema Autorità d e l P a p a , e n o n o s t a n t i
le condizioni esterne d i oppressione e d i sangue a c u i
erano costantemente esposte le p o p o l a z i o n i d i A l b a n i a ,
ebbe i n i z i o e v i t a l a Missione propriamente detta, per
iniziativa della Sacra Congregazione d i P r o p a g a n d a F i -
de, e per la buona volontà d i u o m i n i v e r a m e n t e apo-
stolici, dei q u a l i sarà sempre i n b e n e d i z i o n e i l n o m e e
la m e m o r i a .
Come più a d d i e t r o a b b i a m o v i s t o , i l t e r r e n o era
pronto a ricevere i l b u o n seme d e l l a p a r o l a d i v i t a e d i
salute, e se difficoltà si p r e s e n t e r a n n o queste n o n supe-
reranno quelle che o r d i n a r i a m e n t e s ' i n c o n t r a n o presso
qualsiasi popolo c a t t o l i c o , s o p r a t u t t o se esso è costretto
a vivere lontano d a i g r a n d i c e n t r i , e i n q u e l l a specie
d i abbandono i n c u i fino a n o n m o l t i a n n i a d d i e t r o n e l l a
stessa Italia si r i t r o v a v a n o anche diverse r e g i o n i d e l l a
Calabria, della S i c i l i a e d e l l a Sardegna.
I n t u t t i i casi i l M i s s i o n a r i o sapeva bene che l a sua
attività si sarebbe svolta t r a c a t t o l i c i ; che bene o m a l e
avrebbe trovato u n a casa ospitale p e r q u a n t o s q u a l l i d a
e povera; e finalmente che le sue f a t i c h e e i suoi s u d o r i
sarebbero stati r a c c o l t i da a n i m e generose che a v r e b -
bero corrisposto ai suoi s f o r z i e a i s u o i d e s i d e r i d i r i -
generazione morale e c i v i l e , che sono sempre i l f r u t t o
dell'apostolato cattolico.
3
34 D . N I L O BORGIA

P a r l a r e d i M i s s i o n i t r a scismatici, dopo t u t t o ciò


che a b b i a m o v e d u t o n e l C a p i t o l o precedente, sarebbe
a d d i r i t t u r a svisare, o m e g l i o , r i n n e g a r e l a s t o r i a ; q u e l l e
Cristianità erano cattoliche e cattoliche r i m a r r a n n o fin-
ché durerà l ' a z i o n e v i v i f i c a t r i c e d e i n o s t r i M i s s i o n a r i ; e
se d o p o c a d r a n n o n e l l o scisma, n o n sarà c e r t a m e n t e , a l -
meno i n u n p r i m o tempo, a motivo d i convinzioni for-
m a l i d e l l ' e r r o r e professato, q u a n t o per effetto d e l l ' a b -
b a n d o n o assoluto i n c u i circostanze d i a m b i e n t e , d i r i -
v o l u z i o n i p o l i t i c h e e d i i n f i n i t e a l t r e cause le a v r a n n o
inesorabilmente ridotte.
L ' a z i o n e del Missionario q u i n d i è ben determinata :
essa si svolgerà t r a c a t t o l i c i : o g n i suo s t u d i o ed o g n i
suo passo n o n avrà a l t r o scopo che d i t e n e r desti t r a
q u e i p o p o l i g l i i n s e g n a m e n t i d e l l a v e r a fede e d e l l a d o t -
t r i n a cattolica, e i p r i n c i p i della morale cristiana nella
costante osservanza d e i p r e c e t t i d e l l a Chiesa, n e l l a f r e -
quenza d e i S a c r a m e n t i ecc. ecc.
Si tratterà q u i n d i d i u n a specie d i Missione volan-
te, come usa c h i a m a r l e , e come t u t t o r a si p r a t i c a i n
m o l t e p a r t i , specie n e l l ' A l b a n i a S e t t e n t r i o n a l e , dove
p e r le difficoltà d i accesso e per l a scarsezza d e i Sacer-
d o t i , n o n è possibile un'assistenza p e r m a n e n t e , dovendo
i p o c h i o p e r a i e v a n g e l i c i p o r t a r e l ' o p e r a l o r o ad a l t r e
comunità egualmente bisognose d e l l o r o m i n i s t e r o .
I n f i n e i l carattere stesso d e l l a discontinuità d i q u e -
ste Missioni, e l'assoluta mancanza d i u n a qualsiasi f o r -
m o l a d i a b i u r a m a i presentata a q u e i p o p o l i , i n d i p e n -
dentemente da a l t r e c o n s i d e r a z i o n i , v i e n e a c o n f e r m a r e
q u a n t o p i i i sopra a b b i a m o d e t t o . L ' i n c a r i c o i n f a t t i era
t r i e n n a l e e c i ò , se n o n a n d i a m o e r r a t i , poteva aver luogo
solo t r a c a t t o l i c i sufficientemente o r g a n i z z a t i , sotto l a
g u i d a d i u n clero i n d i g e n o piìi o m e n o n u m e r o s o , cosa
I MONACI BASILIANI D'ITALIA IN ALBANIA 35

che per n o i n o n h a g r a n v a l o r e , m a avente l a responsa-


bilità d i quelle a n i m e .
Da p a r t i c o l a r i n o t i z i e a n z i v e n i a m o a sapere che i
3 5 villaggi erano discretamente f o r n i t i d i clero e che
Parochi omnes erano coenobitae, Basiliani Instituti,
poiché Ccenobia plura extructa sunt per ea loca; quin-
decim omnino in singulis coenobitae degunt, iique Ci-
mariotae; ex hiis duo, tresve Presbyteri, tutti gli altri
occupati nelle faccende m a t e r i a l i ( 1 ) .
I l M i s s i o n a r i o ne aveva p e r i o d i c a m e n t e la cura
straordinaria.
Era p o i n e l l ' i n t e r e s s e d e l l a M i s s i o n e c o l t i v a r e i n
maniera p a r t i c o l a r e le n u o v e g e n e r a z i o n i ; e d i f a t t i
quando f u l o r o p o s s i b i l e , a i b a m b i n i a p r i r o n o i l o r o
miseri t u g u r i p e r l ' i s t r u z i o n e e l e m e n t a r e d e i p r i m i r u -
d i m e n t i d i g r a m m a t i c a e d e l C a t e c h i s m o , c o n v i n t i co-
m'erano che solamente n e l l a f o r m a z i o n e d e l l e m e n t i
ancor tenere si sarebbero b e n r a d i c a t i i p r i n c i p i d e l l a
fede e d e l l a pietà c r i s t i a n a , onde assicurare l ' a v v e n i r e
morale d i q u e l l e p o p o l a z i o n i .
Nè t r a s c u r a r o n o l ' e l e m e n t o più prezioso e più n e -
cessario per l a v i t a e l a continuità d e l l a M i s s i o n e , l e
vocazioni sacerdotali : le f o m e n t a v a n o con l a p r e g h i e r a ,
col b u o n esempio e con o g n i genere d i s a c r i f i c i , e n o i
vedremo che anche su questo p u n t o i l c a m p o delle l o r o
fatiche diede a suo t e m p o f r u t t i c o p i o s i , q u a l i si p o t e -
vano ottenere, b e n i n t e s o , i n mezzo ad u n p o p o l o gene-
roso ma b a r b a r o , c r i s t i a n o , m a d a g l ' i s t i n t i selvaggi ed
estremamente i m p u l s i v o .
E si deve a q u e s t ' i n d o l e f a t t a d i scatti e d ' i m p a -
zienze l ' o s c i l l a r e c o n t i n u o d e i l o r o p r o p o s i t i e d e l l e i n -

(1) Cfr. P A R L A T I , H. lllyricum Sacrum, tom. V I I , pag. 4 3 5 .


36 D , N I L O BORGIA

c i p i e n t i e sempre r i n n o v a n t e s i c o n v i n z i o n i r e l i g i o s e , d i
guisa che ora si d i c h i a r a v a n o c a t t o l i c i fino a l l ' e n t u s i a -
smo e u n istante p i ù t a r d i si schieravano c o n t r o l o stesso
M i s s i o n a r i o . Peggio p o i q u a n d o si trovassero d i f r o n t e
a l Vescovo Ortodosso che, conoscendo i l l a t o debole d e l
l o r o c a r a t t e r e , f a c i l m e n t e l i d o m i n a v a , con la m i n a c -
cia delle scomuniche, l i scoraggiava, l i a b b a t t e v a , così
che n o n era r a r o i l caso d i p a r z i a l i e t e m p o r a n e e defe -
zioni.
Questo n e l suo complesso l ' a m b i e n t e m o r a l e d e l l e
i m p r e s e apostoliche d e i n o s t r i M i s s i o n a r i , t e r r e n o diflS-
c i l e e scabroso p e r se stesso, m a che d i v e n i v a i n f i d o p e r
l ' a z i o n e d e i V e s c o v i , Sacerdoti e M o n a c i G r e c i , d e i q u a l i
l ' a z i o n e f u q u a s i sempre d e l e t e r i a n e i p e r i o d i i n c u i l a
M i s s i o n e v e n i v a t e m p o r a n e a m e n t e sospesa, scaduto i l
triennio regolamentare.

* **
D i queste d i s p o s i z i o n i d i a n i m o e d i a m b i e n t e n o i
a v r e m o c o n t i n u e p r o v e d a i d o c u m e n t i che f o r n i r a n n o
la base dell'esposizione storica d e l l a M i s s i o n e d i C h i -
m a r a ; contuttociò, d e l bene se ne è f a t t o assai, e se og-
gidì i v i l l a g g i s u p e r s t i t i d e l l a c o n t r a d a sono ancora c r i -
s t i a n i si deve a l l o zelo d e i M i s s i o n a r i c a t t o l i c i , m e n t r e
a l c o n t r a r i o t u t t e le t e r r e e borgate dov'essi n o n posero
p i e d e , m a che p u r erano p r o v v i s t i d i sacerdoti ortodos-
s i , sono state c o m p l e t a m e n t e t r a v o l t e o i n g h i o t t i t e d a l -
l'Islamismo.
E ' u n a considerazione che p r i m a d i n o i aveva f a t t o
u n personaggio, d i c u i i g n o r i a m o i l n o m e , i n c a r i c a t o
d a l l a S. Congregazione d i Propaganda a r i f e r i r e i n t o r -
no l a M i s s i o n e stessa. « N o n è poco f r u t t o , scriveva e g l i ,
« l ' i n t r o d u z i o n e d e l l a Missione t r a gente così fiera, che
I MONACI BASILIANI D'ITALIA I N ALBANIA 37

(c efficacemente l a v u o l e e la s t i m a , ad o n t a d e g l i a l t r i
(( Greci che professano t a n t a avversione a i L a t i n i . E ' v e -
ce r o che i greci d i C i m a r r a v o g l i o n o e s t i m a n o i M i s s i o -
« n a r i per interesse d i avere M a e s t r i che i n s e g n i n o g r a -
te tis a i l o r o figlioli; m a questo fine n o n s ' o p p o n e a
ce q u e l l o dei M i s s i o n a r i , a n z i è mezzo p r o p r i o p e r o t t e -
ee nere i l suo fine p r i m a r i o .
ee N o n è poco p r o f i t t o l'esser l a Missione i n D i o -
ee cesi aliena ( 2 ) n o n ostante l ' o p p o s i z i o n e d e i V e s c o v i
ee e P a t r i a r c h i S c i s m a t i c i . P r e d i c a n o i M i s s i o n a r i e d a n n o
ee ( h a n n o - custodiscono) i b e n i d e l l a C h i e s a : r i c h i e d o -
ee no q u e g l i h a b i t a n t i d a i M i s s i o n a r i i S a g r a m e n t i , g l i
ec chiamano a b e n e d i r e g l i i n f e r m i e g l i a n i m a l i , e sino
ee r i c o r r e v a n o a i V i c a r i A p o s t o l i c i , q u a n d o erano V e -
ce scovi, acciocché decidessero le l o r o cause c i v i l i e c r i -
ee m i n a l i , e p e r ottenere d i s p e n s e ; distaccandosi sempre
ce più d a i l o r o p r e l a t i s c i s m a t i c i , e facendo applauso a l
ee R o m a n o Pontefice.
ee Si aggiunge che t u t t e le città e t e r r e due v o l t e
ee cristiane ( 3 ) , che si stendono da B u d u a p e r t u t t o
ee i l g r a n t r a t t o d e l l a spiaggia d i A l b a n i a fino a l l ' E p i r o ,
et sono d i v e n u t e i n f e d e l i a poco a p o c o , e t o t a l m e n t e
ee avverse a i C h r i s t i a n i . N e l mezzo d i q u e l g r a n t r a t t o
tt d i paese d ' o g n i n t o r n o c i r c o n d a t o da I n f e d e l i , si t r o -
te vano 15 t e r r e che f o r m a n o ( n e l 1732) l a P r o v i n c i a
ce e Missione d i C i m a r r a , le q u a l i si sono sempre c o n -
ce servate e si mantengono C h r i s t i a n e u n i c a m e n t e p e r
a beneficio della M i s s i o n e , onde se questa si levasse, i n

(2) n rilievo come vedremo a suo tempo era stato fatto dal Missio-
nario D . Giuseppe Schirò; poiché realmente nessuno dei nostri Mis-
sionari ebbe mai i l titolo della diocesi di C h i m a r a .
(3) Una prima volta quando abbracciarono i l Cristianesimo; nna
seconda quando si erano riuniti con Roma.
38 D. N I L O BORGIA

« b r e v e queste t e r r e seguirebbero l ' e s e m p i o d e i c i r c o n -


« v i c i n i , ecc. ( 4 ) .
F u q u i n d i g r a n m e r i t o d e l l e a n i m e generose che
e r a n s i consacrate a t a l i M i s s i o n i , l ' a v e r posto u n argine
alla valanga travolgente d e l l ' I s l a m i s m o , e l ' a v e r e , con
l'efficacia d e l l ' e s e m p i o e delle verità insegnate, f a t t o r i -
v i v e r e i n q u e i M o n t a n a r i i l vigore d e l l a costanza c r i s t i a -
na. M a t u t t o ciò — sarà bene r i l e v a r l o — i M i s s i o n a r i
o p e r a r o n o per piìi d i u n secolo, n e l l a strana e i n c o n -
c e p i b i l e c o n d i z i o n e d i ostilità e d i l o t t a , f a t t a ad essi
d a i V e s c o v i G r e c i , a i q u a l i p u r e , come le p o p o l a z i o n i
passate a l l ' I s l a m i s m o , a p p a r t e n e v a n o i p o p o l i d e l l a p r o -
v i n c i a d i C h i m a r a , su c u i i n c o m b e v a sempre l ' i d e n t i c o
pericolo !

(4) D a un Memoriale inedito che si conserva nell'Archivio V a -


ticano e precisamente nel C o d . Vat. L a t . 6080, pag. 8 8 e segg..