Sei sulla pagina 1di 62

ASSOCIAZIONE CULTURALE

"NICOLO' CHETTA"
90030 CONTESSA E N T E L L I N A (PA) - VIA M O R E A , 5

T . LORENZO TARDO
E
LA MUSICA BIZANTINA"

Brano di musica bizantina

ATTI GIORNATA CULTURALE


C O N T E S S A E N T E L L I N A (PA) — 25 agosto 1985
Anno europeo della Musica
Un momento della solenne liturgia in rito Bizantino celebrata nella matrice Greca di Contessa Entellina in memoria
di P. Lorenzo Tardo.

SOMMARIO
— Presentazione (mons. Enrico Galbiati)
— Cronaca della manifestazione (Dott. C. Raviotta)
— Benvenuto dell'Amministrazione Comunale (Dott. N. Cuccia)
— Il patrimonio culturale locale di Contessa Entellina (Dott. C. Raviotta)
— Contributi culturali e religiosi di jeromonaci contessioti nella Badia Greca di Grottaferrata
(Archimandrita P. Paolo Giannini)
— La musica bizantina nella tradizione popolare delle Comunità Ìtalo-albanesi (Prof. P. Sotir Ferrara)
— P. Lorenzo Tardo e la musica bizantina (Prof. P. Nilo Somma)
— Vita e opere di P. Lorenzo Tardo (P. Marco Petta)
— Telegramma della Congregazione per le Chiese Orientali e notizie sulla stampa
— Notizie brevi sulla Badia greca dì Grottaferrata
— Notizie brevi su Contessa Entellina
— Iniziative realizzate ed elaborati diffusi dell'Associazione culturale "N. Ghetta"

COMITATO ORGANIZZATORE
Don. Calogero Raviotta - Papas N i c o l a C u c c i a - G e o m . Franco Greco - Sig. Gioacchino M o n t d e o n e - G e o m . N i c o l a T a r d o .

S T A M P A E DIFFUSIONE

A cura dell'Associazione culturale " N . Ghetta" di Coniessa Entellina.

FOTOGRAFIE

Le [otografie della Giornata culturale sono dello Studio fotografico G . Verardo di Contessa Entellina.

C
Il Ocoordinamento
O R D I N A M E NeT O
l'impostazione di tutto i l materiale pubbhcitario è stato curato da Calogero Raviotta.
PRESENTAZIONE

Mons. Enrico Galbiati, Dottore in scienze bi-


bliche, Prefetto della Biblioteca Ambrosia-
no, libero docente di filologia biblica
all'Università Cattolica di Milano, docente
nei seminari della Diocesi di Milano, assi-
stente ecclesiastico, col titolo di Archiman-
drita, degli italo-Albanesi di rito bizantino,
residenti in Lombardia.

''Conferenze ed interventi vari vengono messi a disposizione di


una cerchia più vasta di lettori e di intenditori nella presente op-
portunissima e decorosa pubbUcazione".
P R E S E N T A Z I O N E

L ' A s s o c i a z i o n e C u l t u r a l e "Nicolò G h e t t a " , n e l l a persona d e l suo


P r e s i d e n t e , i l d o t t . C a l o g e r o R a v i o t t a , mi v o l l e g e n t i l m e n t e i n
v i t a r e a l l e m a n i f e s t a z i o n i l i t u r g i c h e e c u l t u r a l i d e d i c a t e a Pa-
dre L o r e n z o Tardo, p e r onorarne l a memoria n e l suo paese n a t a l e
e p e r m e t t e r e i n e v i d e n z a i m e r i t i s c i e n t i f i c i d i questo grande
c u l t o r e d e l l a m u s i c a b i z a n t i n a . M i s e n t i i s u b i t o o n o r a t o d i qu£
s t o i n v i t o e sono l i e t o d i p o t e r r i p e t e r e q u i l ' e s p r e s s i o n e d e l .
l a mia g r a t i t u d i n e .
Pensavo dapprima d i e s s e r e s o l o un o s p i t e d'onore, se non p e r l a
mia p e r s o n a , p e r i l f a t t o d i r a p p r e s e n t a r e l a p r e s t i g i o s a B i b l i o
t e c a Ambrosiana, dove, f r a g l i a l t r i t e s o r i , sono c u s t o d i t i p r e -
z i o s i c o d i c i b i z a n t i n i ; o s p i t e v e n u t o da l o n t a n o , d a l c i e l o d i
Lombardia " c o s i b e l l o quando è b e l l o " , ad i m m e r g e r s i i n questo
s o l e d i S i c i l i a , ad e s t a s i a r s i n e l m a g n i f i c o tramonto, contem-
p l a n d o l a Rocca d i E n t e l l a , e v o c a t r i c e d i a n t i c h e s t o r i e d i ci.
viltà g r a n d i o s e , d i f a t t i m i l i t a r i , d i i n v a s i o n i e d i migrazi£
n i . Appunto s o t t o questo c i e l o venne a r i f u g i a r s i 500 a n n i f a
i l primo c o n t i n g e n t e d i f a m i g l i e a l b a n e s i , p e r s o t t r a r s i a l l a
dominazione d e i T u r c h i . Vennero con i l o r o s a c e r d o t i , l e l o r o t r a
d i z i o n i , i l i b r i , g l i a r r e d i , l e i c o n e , r e t a g g i o perenne d e l l a cui
t u r a b i z a n t i n a . N e l l ' a t m o s f e r a d i q u e s t a c u l t u r a , spiritualità e
p o e s i a , m i s t i c i s m o e a r t e m u s i c a l e , mi s e n t i i t o t a l m e n t e immerso i
d u r a n t e l e c e l e b r a z i o n i l i t u r g i c h e p r e s i e d u t e d a l vescovo d i P i a
na d e g l i A l b a n e s i , i n c o r o n a t o come g l i a n t i c h i i m p e r a t o r i d i B i -
s a n z i o . A l l o r a i n c o m i n c i a i a s e n t i r m i c o i n v o l t o , come uno d e l l a
f a m i g l i a : non più un o s p i t e d'onore venuto da l o n t a n o . M i s e n t i -
vo t r a s p o r t a t o i n q u e l l a realtà v i v e n t e che f i n d a g l i a n n i d e l l a
mia g i o v i n e z z a aveva c o s t i t u i t o 1'oggetto d i t a n t i s t u d i , e l o
confesso, d i t a n t i sogni. - r-=
P o i vennero l e d o t t e c o n f e r e n z e s u l l a personalità e l ' o p e r a s c i e n
t i f i c a d i Padre Lorenzo Tardo.
Da una p a r t e uno s q u a r c i o luminoso d i v i t a e d i s t o r i a d e l l a g l o -
r i o s a B a d i a d i G r o t t a f e r r a t a , t e s s u t a a t t o r n o a l l e benemerenze d i
Padre Tardo n e l l a sua attività n e l l a comunità m o n a s t i c a . .
D a l l ' a l t r a p a r t e l ' a p p o r t o d e c i s i v o d i Padre Tardo come m u s i c o l o -
go, d e c i f r a t o r e d e l l a n o t a z i o n e m u s i c a l e d e g l i a n t i c h i m a n o s c r i t t i
b i z a n t i n i , che e g l i seppe f a r r i v i v e r e n e l l a v i v a voce d e l coro da
l u i formato e d i r e t t o . A l l o r a i l mio p e n s i e r o ritornò s u i manoscrit^
t i d e l l a mia B i b l i o t e c a Ambrosiana e mi r i c o r d a i d e l l e benemerenze
d i Padre Tardo e d e i s u o i c o n f r a t e l l i d i G r o t t a f e r r a t a n e i r i g u a r d i
d e i t e s o r i b i z a n t i n i da n o i c o n s e r v a t i . M o l t i d i e s s i portano s c r i t _
t a l a d a t a d e l l o r o r e c e n t e r e s t a u r o ad o p e r a d e l l a b o r a t o r i o p e r
i l r e s t a u r o d e i c o d i c i , benemerito ed ormai famoso, operante n e l l a
Badia d i G r o t t a f e r r a t a .
Mi r i c o r d a i anche d i un m a n o s c r i t t o g r e c o , ed o r a posso s c r i v e r n e l a
segnatura p r e c i s a , B. 112 sup., che n e l f o g l i o 63 v , d e l s e c o l o XV,
c o n t i e n e una p e r i c o p e e v a n g e l i c a t r a d o t t a i n a l b a n e s e , s c r i t t o con
caratteri greci. ^
S i t r a t t a d e l dodicesimo v a n g e l o d e l l ' o r t h r o s d e l Venerdì Santo, l o
s t e s s o che s i legge dopo l a p r o c e s s i o n e con l ' E p i t a f i o s . Fu un a l t r o
benemerito monaco d i G r o t t a f e r r a t a , Padre N i l o B o r g i a , che l o scoprì
e l o fece conoscere. S i t r a t t a d e l più a n t i c o t e s t o s c r i t t o i n a l b a -
nese, t e s t i m o n i a n z a p r e z i o s a dell'attività anche c u l t u r a l e d e l l e co-
l o n i e a l b a n e s i i n I t a l i a . Quanto a Padre Tardo, n o i d e l l ' A m b r o s i a n a ,
g l i dobbiamo r i c o n o s c e n z a perenne per a v e r messo i n e v i d e n z a l e c a -
r a t t e r i s t i c h e e l'importanza d e i n o s t r i m a n o s c r i t t i d i musica l i t u r
gica bizantina. :
F r u t t o d e l l e sue r i c e r c h e è l ' a r t i c o l o : "1 mss. g r e c i d i m u s i c a b i -
z a n t i n a n e l l a B i b l i o t e c a Ambrosiana d i M i l a n o " . Per suo m e r i t o n o i
ora sappiamo che due d i q u e s t i m a n o s c r i t t i sono u n i c i i n t u t t o i l
mondo, sono i s o l i , t r a t u t t i q u e l l i c o n s e r v a t i n e l l e b i b l i o t e c h e d e l
1 Europa e d e l l ' O r i e n t e , che contengono l a n o t a z i o n e m u s i c a l e d e g l i
" i d i o m e l i a n a s t a s i m i " d e l l ' u f f i c i o domenicale (OKTOIKHOS).
Tutte queste c o n s i d e r a z i o n i mi vennero i n mente e mi r i s u o n a r o n o n e l
cuore mentre a s c o l t a v o l e d o t t e c o n f e r e n z e , s e g u i t e con ammirevole
a t t e n z i o n e d a l p u b b l i c o che a f f o l l a v a l a C h i e s a M a t r i c e d i C o n t e s s a
E n t e l l i n a , t r a s f o r m a t a per l ' o c c a s i o n e i n u n ' a u l a s c o l a s t i c a a l i v e l
lo u n i v e r s i t a r i o .
Conferenze e i n t e r v e n t i v a r i , t u t t o questo t e s o r o c u l t u r a l e ed anche
a f f e t t i v o - a n c o r a mi sento n e l cuore l e commosse p a r o l e d e l l ' a b a t e
d i G r o t t a f e r r a t a n e l r i e v o c a r e l e f i g u r e d e l monaci o r i u n d i , come Pa
dre Tardo, d i Contessa E n t e l l i n a , Padre Cosma B u c c o l a e Padre S o f r o -
n i o G a s s i s i - per m e r i t o d e l l ' A s s o c i a z i o n e "Nicolò G h e t t a " e d e l suo
i n s t a n c a b i l e P r e s i d e n t e vengono o r a m e s s i a d i s p o s i z i o n e d i una c e r -
c h i a più v a s t a d i l e t t o r i e d i i n t e n d i t o r i n e l l a p r e s e n t e o p p o r t u n i ^
sima e d e c o r o s a p u b b l i c a z i o n e .

Mons. E n r i c o G a l b i a t i

P r e f e t t o d e l l a B i b l i o t e c a Ambrosiana
GIORNATA C U L T U R A L E SU
"P. L O R E N Z O T A R D O E L A M U S I C A B I Z A N T I N A "
C R O N A C A , MOTIVAZIONI E SIGNIFICATO D E L L A MANIFESTAZIONE.

Un momento della liturgia in rito Bizantino celebrata in memoria di P. Lorenzo Tardo nella chiesa Matrice Greca
di Contessa Entellina.
GIORNATA CULTURALE DEDICATA A PADRE LORENZO TARDO:
CONTESSA ENTELLINA- 25 AGOSTO 1985 (C.Raviotta)

N e l l ' a n n o europeo d e l l a m u s i c a anche C o n t e s s a E n t e l l i n a ha v o l u t o c e l e -


b r a r e questo avvenimento con una i n i z i a t i v a o r i g i n a l e , m a r i s p o n d e n t e a l
l a sua p e c u l i a r e identità c u l t u r a l e d i o a s i e t n i c a , l i n g u i s t i c a e r e l i -
giosa.
M o l t i c o n t e s s i o t i i n f a t t i d i s c e n d o n o d a i p r o f u g h i a l b a n e s i che f o n d a r o -
no C o n t e s s a n e l 1450, c o n t i n u a n o a p a r l a r e l a l i n g u a a l b a n e s e d e g l i an-
t e n a t i e n e l l e f u n z i o n i r e l i g i o s e seguono i l r i t o g r e c o - b i z a n t i n o .
L,'Associazione "N.Ghetta", che o p e r a per l a v a l o r i z z a z i o n e d e l p a t r i m o n i o
c u l t u r a l e l o c a l e , o r g a n i z z a o g n i anno una g i o r n a t a d e d i c a t a ad un i l l u -
s t r e c o n t e s s i o t o o ad un avvenimento d i p a r t i c o l a r e i m p o r t a n z a l o c a l e .
L'anno europeo d e l l a m u s i c a ha i s p i r a t o l ' o r g a n i z z a z i o n e d e l l a " G i o r n a t a
c u l t u r a l e d e d i c a t a a P.Lorenzo Tardo", un i l l u s t r e c o n t e s s i o t o , jeromona
co d e l l a B a d i a Greca d i G r o t t a f e r r a t a , noto i n campo i n t e r n a z i o n a l e co-
me s t u d i o s o e cotiipositore d i m u s i c a b i z a n t i n a .
La g i o r n a t a c u l t u r a l e , s v o l t a s i a Contessa E n t e l l i n a i l 25.8.1985, è s t a
t a c a r a t t e r i z z a t a da q u a t t r o momenti p a r t i c o l a r m e n t e s i g n i f i c a t i v i :
1. A l l e 10.30 i l c o n s i g l i e r e comunale d o t t . Nicolò C u c c i a , a nome d e l s i n
daco e d e l l ' A m m i n i s t r a z i o n e comunale d i Contessa E n t e l l i n a , n e l l ' a u l a con
s i l i a r e d e l p a l a z z o m u n i c i p a l e , ha r i v o l t o i l benvenuto u f f i c i a l e a g l i i l
l u s t r i o s p i t i : S.E. Mons. E r c o l e L u p i n a c c i , Vescovo d i P i a n a d e g l i Albane
s i , l a Comunità d e l l a B a d i a Greca d i G r o t t a f e r r a t a r a p p r e s e n t a t a da o t t o
j e r o m o n a c i accompagnati d a l l ' A b a t e ( a r c h i m a n d r i t a P.Paolo G i a n n i n i ) , c l e -
r o e autorità l o c a l i e d e g l i a l t r i comuni s i c u l o - a l b a n e s i .
2. A l l e ore 11 è s t a t a a p e r t a a l p u b b l i c o , n e l l a c h i e s a d e l l e Anime Sante
una m o s t r a d e d i c a t a a l l a m u s i c a b i z a n t i n a , a l l a v i t a e a l l e opere d i P.Lo
r e n z o Tardo, a l l a B a d i a Greca d i G r o t t a f e r r a t a , come c e n t r o e c c l e s i a s t i c o
r e l i g i o s o e c u l t u r a l e , e ad a l c u n i a s p e t t i c u l t u r a l i d e l l e Comunità i t a l o -
albanesi.
3. A l l e ore 11.30, n e l l a c h i e s a p a r r o c c h i a l e d i r i t o g r e c o , è i n i z i a t a l a
c e l e b r a z i o n e d i un s o l e n n e p o n t i f i c a l e p r e s i e d u t o da S.E. Mons. E r c o l e Lu
p i n a c c i , a s s i s t i t o d a l l ' a r c h i m a n d r i t a P-Paolo G i a n n i n i e d a l l ' a r c h i m a n d r i
t a Mons. E n r i c o G a l b i a t i , P r e f e t t o d e l l a B i b l i o t e c a Ambrosiana, e con l a
p a r t e c i p a z i o n e d i numerosi a l t r i c o n c e l e b r a n t i :
- papas G i o r g i o G u z z e t t a , Rettore d e l Seminario greco-albanese d i Piana
- degli Albanesi; - . =^ i-s; -
- padre L u c i a n o L u c c h i n e t t i , jeromonaco b a s i l i a n o e d i r e t t o r e d e l Museo
d e l l a B a d i a Greca d i G r o t t a f e r r a t a ;
- papas F r a n c e s c o V e c c h i o , a r c i p r e t e d i r i t o g r e c o d i P a l a z z o A d r i a n o ;
- padre A n t o n i o C o s t a n z a , jeromonaco b a s i l i a n o e d i r e t t o r e d e l l a T i p o g r a
f i a d e l l a B a d i a Greca d i G r o t t a f e r r a t a ;
- t r e r e v e r e n d i p a d r i d e l S e m i n a r i o d i M a n f r e d o n i a ( don Sante Leone, don
Matteo De Padova, don V i n c e n z o D'Arenzo);
- d i a c o n o P a o l o G i o n f r i d o , s e g r e t a r i o d e l l a A.C.I.O.C. ( A s s o c i a z i o n e C u l -
t u r a l e I t a l i a n a per l ' O r i e n t e C r i s t i a n o - P a l e r m o ) .
- 2 -

Assistevano a l l a solenna l i t u r g i a i n o l t r e i reverendi:


- Padre N i l o Somma, jeromonaco b a s i l i a n o e d i r e t t o r e d e l l a S c h o l a M e l u r g i c a
d e l l a B a d i a Greca d i G r o t t a f e r r a t a ;
- Padre N i c o l a C u c c i a , jeromonaco b a s i l i a n o e r e t t o r e d e l S e m i n a r i o Greco-
a l b a n e s e "Benedetto XV" d i G r o t t a f e r r a t a ; •
- Padre S o f r o n i o P r e n c e , jeromonaco b a s i l i a n o e s u p e r i o r e d e l l ' I s t i t u t o
"A.Reres" d i Mezzojuso;
- Padre Samuele C u t t i t a , jeromonaco b a s i l i a n o e d i r e t t o r e d e l L a b o r a t o r i o
d i Restauro d e l L i b r o d e l l ' I s t i t u t o "A.Reres" d i M e z z o j u s o ;
- Papas C o l a B u f a l o , a r c i p r e t e d e l l a p a r r o c c h i a d i r i t o g r e c o d i C o n t e s s a
Entellina;
- Papas G i o v a n n i Borzì, p a r r o c o d e l Borgo P i a n o C a v a l i e r e d i C o n t e s s a E.;
- Padre P a o l o R a v i o t t a d e l Convento T.O.R. G i g l i o d i S c i a c c a .
I c a n t i l i t u r g i c i b i z a n t i n i sono s t a t i e s e g u i t i d a l c o r o d e l l a p a r r o c c h i a
greca d i Contessa E n t e l l i n a , d i r e t t o d a l d i a c o n o N i c o l a C u c c i a . x-?
I n r a p p r e s e n t a n z a d e l l ' A m m i n i s t r a z i o n e comunale d i C o n t e s s a erano p r e s e n t i
g l i a s s e s s o r i d o t t . G r a f f a g n i n i Matteo e Enzo L a B a r b e r a ed i c o n s i g l i e r i
d o t t . Nicolò C u c c i a e A n t o n i n o Manale.
A l c u n i c a n t i b i z a n t i n i e s e g u i t i erano s t a t i " t r a d o t t i " d a g l i a n t i c i c o d i c i
o composti da Padre Lorenzo Tardo.
A l l a solenne l i t u r g i a hanno a s s i s t i t o i n o l t r e i l d o t t . P e t r a l i a i n r a p p r e -
sentanza d e l Comune d i P a l a z z o A d r i a n o , a l c u n i f a m i l i a r i d i Padre L o r e n z o
Tardo, r e s i d e n t i a C o n t e s s a , r a p p r e s e n t a n t i d e l l e i s t i t u z i o n i c u l t u r a l i e
sociali locali e molti contessioti.
Dopo i l V a n g e l o , i l vescovo ha brevemente r i c o r d a t o Padre Lorenzo Tardo co
me r e l i g i o s o e s t u d i o s o .
4. A l l e o r e 18, sempre n e l l a c h i e s a p a r r o c c h i a l e d i r i t o g r e c o , sono s t a t e
i l l u s t r a t e l e r e l a z i o n i p r e v i s t e n e l programma:
- i l dott. Calogero R a v i o t t a , presidente d e l l ' A s s o c i a z i o n e C u l t u r a l e "Nico
lò Ghetta",ha p a r l a t o d e l " P a t r i m o n i o c u l t u r a l e l o c a l e d i C o n t e s s a E.";
- Padre P a o l o G i a n n i n i ha r i c o r d a t o i l " C o n t r i b u t o dato n e l campo r e l i g i o -
so e c u l t u r a l e d e g l i i t a l o - a l b a n e s i da t r e c o n t e s s i o t i , j e r o m o n a c i d e l l a
b a d i a g r e c a d i G r o t t a f e r r a t a (P.Lorenzo Tardo, P. S o f r o n i o G a s s i s i , P. '
, Cosma B u c c o l a ) " ; • . . . > ..
- Papas S o t i r F e r r a r a , d i r e t t o r e d e l c o r o e v i c a r i o d e l l ' E p a r c h i a d i P i a n a
d e g l i A l b a n e s i , ha s v o l t o l a r e l a z i o n e "La musica b i z a n t i n a n e l l a t r a d i -
z i o n e p o p o l a r e d e l l e comunità i t a l o - a l b a n e s i " ;
- Padre N i l o Somma ha c o n c l u s o g l i i n t e r v e n t i con l a r e l a z i o n e "P.Lorenzo
Tardo e l a musica b i z a n t i n a " , i n t e r c a l a n d o l ' e s p o s i z i o n e con l a p r o i e z i o ^
ne d i d i a p o s i t i v e e con l a d i f f u s i o n e d i b r a n i d i musica b i z a n t i n a , trat^
t i d a l l a r e g i s t r a z i o n e d e i c o n c e r t i d i r e t t i da Padre Lorenzo Tardo n e l l a
sua l u n g a c a r r i e r a d i d i r e t t o r e d e l l a S c h o l a M e l u r g i c a d e l l a B a d i a g r e c a
di Grottaferrata. .. : .• . . - v ^ . . ..^ ; : • - - - ' ^

Padre Lorenzo Tardo, nato a C o n t e s s a n e l 1883 e a c c o l t o come probando n e l l a


B a d i a g r e c a d i G r o t t a f e r r a t a n e l 1893, ebbe l a d u p l i c e v o c a z i o n e :
- a l l a v i t a m o n a s t i c a n e l l a R a d i a : 19.2.1903, prima p r o f e s s i o n e m o n a s t i c a ;
- 3 -

20.1.1907, O r d i n a z i o n e S a c e r d o t a l e ; n e l l ' a r c o d i 50 a n n i ricoprì v a r i i n


c a r i c h i (direzione seminario, missione i n Albania, direzione a r c h i v i o , ecc.);
- a l l a musica b i z a n t i n a : p i o n i e r e n e l l a scoperta, l e t t u r a , t r a s c r i z i o n e , i n
t e r p r e t a z i o n e , p u b b l i c a z i o n e , esecuzione d e l l e melodie antiche b i z a n t i n e
d e i c o d i c i ; f o n d a t o r e e d i r e t t o r e d e l l a S c h o l a M e l u r g i c a d e l l a B a d i a Greca
di Grottaferrata.
L * i n t e r e s s e con c u i sono s t a t e s e g u i t e l e m a n i f e s t a z i o n i d e l l a g i o r n a t a cu3.
t u r a l e , l a v a s t a p a r t e c i p a z i o n e d e l l a g e n t e , l a p r e s e n z a d e g l i i l l u s t r i ospl!
t i , d e l c l e r o r e l i g i o s o e d i o c e s a n o , l a p r e s e n z a p e r l a prima v o l t a a Contes^
sa d i una numerosa r a p p r e s e n t a n z a d i j e r o m o n a c i d e l l a B a d i a Greca d i G r o t t a
f e r r a t a , i l l i v e l l o s c i e n t i f i c o d e l l e r e l a z i o n i s v o l t e , c o s t i t u i s c o n o un v a
l i d o r i c o n o s c i m e n t o d e l l ' i m p e g n o c u l t u r a l e e r e l i g i o s o d i Padre Lorenzo Tar
d o , l a c u i o p e r a onora o l t r e che Contessa E n t e l l i n a dove è n a t o , anche l a
c h i e s a e l a B a d i a g r e c a d i G r o t t a f e r r a t a dove è v i s s u t o ed ha o p e r a t o .
11 n o t e v o l e impegno c u l t u r a l e e r e l i g i o s o d i Padre Lorenzo Tardo, documenta
t o d a l l e sue numerose o p e r e , d i c u i r i p o r t i a m o un e l e n c o ( p r i n c i p a l i concer
t i e p u b b l i c a z i o n i ) q u i d i s e g u i t o , m e r i t a d i e s s e r e c o n o s c i u t o anche da par
t e d i c o l o r o che non hanno avuto l a possibilità d i a s s i s t e r e a l l a . g i o r n a t a
culturale.
L ' A s s o c i a z i o n e c u l t u r a l e N.Ghetta p e r t a n t o curerà l a p u b b l i c a z i o n e e l a dif^
f u s i o n e d e g l i A t t i , che saranno i n t e g r a t i anche d a l l a stampa d i una selezi£
ne d i b r a n i d i m u s i c a b i z a n t i n a " t r a d o t t i ' ^ , c o m p o s t i o d i r e t t i d a l l ' i l l u s t r e
contessioto.
E' p r e v i s t a anche l a d i f f u s i o n e d i una c a s s e t t a r e g i s t r a t a con b r a n i d i mu-
s i c a b i z a n t i n a e s e g u i t i d a l coro d e l l a Schola M e l u r g i c a d i G r o t t a f e r r a t a .
La g i o r n a t a c u l t u r a l e è s t a t a o r g a n i z z a t a d a l l ' A s s o c i a z i o n e c u l t u r a l e "N.
Ghetta" c o l p a t r o c i n i o d e l l ' E p a r c h i a d i Piana d e g l i A l b a n e s i , d e l l a Badia
Greca d i G r o t t a f e r r a t a , d e l comune e d e l l a P a r r o c c h i a g r e c a d i Contessa
Entellina.
DISCORSO DI B E N V E N U T O RIVOLTO A G L I ILLUSTRI OSPITI
D A L L A AMMINISTRAZIONE C O M U N A L E
DI CONTESSA E N T E L L I N A .

Dott. Nicolò Cuccia, funzionario dell'Assessorato Agricoltura


e Foreste della Regione Siciliana, Sindaco e Consigliere comu-
nale di Contessa Entellina.

*'La Badia Greca di Grottaferrata - Istituzione ecclesiastica, re-


ligiosa e culturale - opera validamente per la conservazione del
patrimonio culturale e religioso delle colonie italo-albanesi e
quindi anche di Contessa Entellina.
BENVENUTO DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CONTESSA ENTELLINA
( d o t t . Nicolò C u c c i a )

L ' a m m i n i s t r a z i o n e comunale d i Contessa E n t e l l i n a , che ho l ' o n o r e d i r a p -


r e s e n t a r e per e s p r e s s a d e l e g a d e l s i n d a c o d o t t . Giuseppe Musacchia, a s -
sente per impegni p e r s o n a l i precedentemente a s s u n t i , ha i l p i a c e r e d i por^
gere i l benvenuto, a nome d i t u t t i i C o n t e s s i o t i , a g l i i l l u s t r i o s p i t i ,
q u i o g g i c o n v e n u t i , per p a r t e c i p a r e a l l a " G i o r n a t a c u l t u r a l e d e d i c a t a a
P.Lorenzo Tardo", un uomo che onora Contessa E n t e l l i n a , dove è n a t o , e
l a B a d i a g r e c a d i G r o t t a f e r r a t a , dove ha s e g u i t o lodevolmente l a sua v£
c a z i o n e d i jeromonaco e d i s t u d i o s o d i m u s i c a b i z a n t i n a . -
Un s a l u t o p a r t i c o l a r e r i v o l g i a m o a S.E.Mons.Lupinacci, vescovo d i P i a n a
d e g l i A l b a n e s i , che c i ha sempre o n o r a t o d e l l a sua presenza i n o c c a s i o -
ne d i analoghe m a n i f e s t a z i o n i c u l t u r a l i , o r g a n i z z a t e a Contessa E n t e l l i ,
na d a l l ' A s s o c i a z i o n e c u l t u r a l e "Nicolò G h e t t a " con i l p a t r o c i n i o o i n
c o l l a b o r a z i o n e con l ' A m m i n i s t r a z i o n e comunale.
Un s a l u t o c a l o r o s o r i v o l g i a m o a i r a p p r e s e n t a n t i d e l l a comunità b a s i l i a -
na d e l l a B a d i a Greca d i G r o t t a f e r r a t a , per l a prima v o l t a p r e s e n t e a
C o n t e s s a E n t e l l i n a , con una sua d e l e g a z i o n e u f f i c i a l e e numerosa, d i c u i
fanno p a r t e l ' a r c h i m a n d r i t a , i l rev.mo P.Paolo G i a n n i n i , e d a l c u n i r e v . d i
jeromonaci.
Siamo l i e t i i n o l t r e dì avere t r a n o i i l rev.mo Mons. E n r i c o G a l b i a t i ,
P r e f e t t o d e l l a B i b l i o t e c a Ambrosiana ed a s s i s t e n t e e c c l e s i a s t i c o d e g l i
i t a l o - a l b a n e s i r e s i d e n t i a Milano.
I l n o s t r o benvenuto v a anche a t u t t e l e autorità, a i r a p p r e s e n t a n t i d e l
l e i s t i t u z i o n i s o c i a l i e c u l t u r a l i ed a i c i t t a d i n i o g g i q u i p r e s e n t i .
I l programma d e l l ' o d i e r n a m a n i f e s t a z i o n e prevedeva l o s v o l g i m e n t o i n t e -
ramente i n c h i e s a , s i a per l a p a r t e r e l i g i o s a che per l a p a r t e c u l t u r a -
l e ; t u t t a v i a abbiamo v o l u t o ugualmente a c c o g l i e r e g l i i l l u s t r i o s p i t i
i n q u e s t ' a u l a c o n s i l i a r e , n e l p a l a z z o m u n i c i p a l e , per esprimere l a r i -
conoscenza d i Contessa E n t e l l i n a a l l a Comunità d e i Monaci B a s i l i a n i d e l
l a B a d i a Greca d i G r o t t a f e r r a t a , i s t i t u z i o n e e c c l e s i a s t i c a , r e l i g i o s a e
c u l t u r a l e che opera v a l i d a m e n t e per l a c o n s e r v a z i o n e d e l p a t r i m o n i o cui.
t u r a l e e r e l i g i o s o d e l l e c o l o n i e i t a l o - a l b a n e s i e q u i n d i anche d i Con-
tessa E n t e l l i n a .
Commemorando P.Lorenzo Tardo, Contessa E n t e l l i n a i n f a t t i o g g i onora ol-
t r e che un suo f i g l i o i l l u s t r e anche l a B a d i a Greca d i G r o t t a f e r r a t a ,
nel c u i contesto c u l t u r a l e e r e l i g i o s o i l nostro i l l u s t r e concittadino
ha maturato l a sua v o c a z i o n e a l l ' i m p e g n o m o n a s t i c o e c u l t u r a l e .
M o l t i a l t r i c o n t e s s i o t i hanno avuto i l p r i v i l e g i o d i f r e q u e n t a r e l e scuo
l e d i r e t t e d a i monaci b a s i l i a n i ed a l c u n i sono p r e s e n t i anche i n questa
a u l a c o n s i l i a r e ( C u c c i a , R a v i o t t a , Schirò, ecc.) e siamo c e r t i d i i n t e r -
p r e t a r e i l o r o s e n t i m e n t i d i r i c o n o s c e n z a n e l l ' e s p r i m e r e i più v i v i r i n -
g r a z i a m e n t i per l ' o p e r a s v o l t a d a l l a B a d i a Greca d i G r o t t a f e r r a t a n e l l a
formazione c u l t u r a l e e n e l l ' i s t r u z i o n e r e l i g i o s a d e g l i i t a l o - a l b a n e s i .
- 2 -

Tra g l i e x - a l u n n i c o n t e s s i o t i d e l l e s c u o l e d e i monaci b a s i l i a n i , r i c o r
diamo l ' i l i . m o p r o f . Giuseppe Schirò, recentemente scomparso, i l c u i
impegno c u l t u r a l e è p a r t i c o l a r m e n t e r i c o n o s c i u t o n e l campo d e g l i s t u -
di bizantini.
C i sembra i n f i n e doveroso e s p r i m e r e l a g r a t i t u d i n e d e l l ' A m m i n i s t r a z i o
ne comunale a l i ' A s s o c i a z i o n e c u l t u r a l e "N.Ghetta" ed i n p a r t i c o l a r e a l
suo P r e s i d e n t e , d o t t . C a l o g e r o R a v i o t t a , i l c u i impegno e dinamismo
hanno r e s o p o s s i b i l e l a r e a l i z z a z i o n e d i d i v e r s e i n i z i a t i v e c u l t u r a l i ,
t r a l e q u a l i l ' o d i e r n a , che abbiamo a p p r e z z a t o , i n c o r a g g i a t o ed anche
patrocinato. ^i- » / ^ ^
E' i n t e n d i m e n t o d e l l ' A m m i n i s t r a z i o n e comunale c o n t i n u a r e a s o s t e n e r e l e
i n i z i a t i v e c u l t u r a l i che mirano a l l a v a l o r i z z a z i o n e ed a l l a s a l v a g u a r d i a
d e l n o s t r o v a s t o e o r i g i n a l e p a t r i m o n i o c u l t u r a l e l o c a l e , p e r c u i auspi.
chiamo che t u t t i g l i o p e r a t o r i c u l t u r a l i o p e r a n t i a C o n t e s s a E n t e l l i n a
c o l l a b o r i n o con l ' A m m i n i s t r a z i o n e medesima p e r dare v a l i d i c o n t r i b u t i
a l riguardo. - •• • - • >.:.i=-.^-- , -
IL PATRIMONIO C U L T U R A L E L O C A L E
DI CONTESSA E N T E L L I N A .

Dott. Calogero Raviotta, funzionario del Consiglio Nazionale


delle Ricerche, Presidente dell'Associazione Culturale "Nicolò
Ghetta" di Contessa EnteUina e segretario della Comunità de-
gli Italo-Albanesi residenti in Lombardia.

"P. Lorenzo Tardo, per il suo impegno culturale e religioso,


é un uomo che onora la Chiesa e l'Italia".
I L PATRIMONIO CULTURALE LOCALE DI CONTESSA ENTELLINA " , - -. - -
(Dott. Calogero R a v i o t t a )

I l Parlamento Europeo ha p r o c l a m a t o i l 1985 "anno europeo d e l l a musica".


C e n t i n a i a d i m a n i f e s t a z i o n i sono s t a t e o r g a n i z z a t e i n t u t t a l'Europa-per
c e l e b r a r e questo avvenimento s i a con i n o t i e t r a d i z i o n a l i f e s t i v a l che
con nuove i n i z i a t i v e c u l t u r a l i .
C o n t e s s a E n t e l l i n a c e l e b r a 1'anno europeo d e l l a musica con 1 ' o r i g i n a l e
o d i e r n a g i o r n a t a c u l t u r a l e che ben s i a r m o n i z z a c o l c a r a t t e r e p e c u l i a -
re d e l l a sua c u l t u r a i t a l o - g r e c o - a l b a n e s e . - ' , " - : ;
L ' o d i e r n a m a n i f e s t a z i o n e c u l t u r a l e , d e d i c a t a a P.Lorenzo Tardo, m i r a i n
f a t t i o l t r e che a f a r conoscere un i l l u s t r e n o s t r o c o n c i t t a d i n o anche a
f a r c o n o s c e r e a l v a s t o p u b b l i c o una componente p a r t i c o l a r e d e l l e t r a d i -
z i o n i c u l t u r a l i d e l l e comunità i t a l o - a l b a n e s i : l a musica b i z a n t i n a .
L'anno europeo d e l l a m u s i c a c o s t i t u i s c e così anche p e r n o i l ' o c c a s i o n e
per s v i l u p p a r e l a r i c e r c a d e l l e t r a d i z i o n i m u s i c a l i e l ' a p p r o f o n d i m e n -
t o d e l r a p p o r t o t r a m u s i c a e società con r i f e r i m e n t o anche a l l e t r a d i -
zioni musicali liturgiche.
I h questo c o n t e s t o a c q u i s t a p e r t a n t o p a r t i c o l a r e r i l e v a n z a , e non s o l o
per n o i a r b e r e s h e , l ' a t t e n z i o n e d e d i c a t a a l l a musica b i z a n t i n a , i l c u i
s t u d i o può dare un v a l i d o c o n t r i b u t o n e l l ' i m p e g n o c o n o s c i t i v o d e i r a p -
p o r t i s t o r i c i e c u l t u r a l i t r a Oriente e Occidente.
Abbiamo o r g a n i z z a t o 1 ' o d i e r n a i n i z i a t i v a con questo i n t e n d i m e n t o , r i -
conoscendo n e l l a m u s i c a b i z a n t i n a , ed i n p a r t i c o l a r e n e l l e t r a d i z i o n i
m u s i c a l i l i t u r g i c h e d e l l a n o s t r a Comunità, una componente d e l p a t r i m o -
n i o c u l t u r a l e l o c a l e , p e r l a c u i v a l o r i z z a z i o n e 1 ' A s s o c i a z i o n e "Nicolò
C h e t t a " , che ho l ' o n o r e d i p r e s i e d e r e , o p e r a a Contessa E n t e l l i n a d a l
1981.
Ogni anno i n f a t t i l a n o s t r a A s s o c i a z i o n e , t r a l e a l t r e i n i z i a t i v e , o r -
g a n i z z a almeno una g i o r n a t a c u l t u r a l e , d e d i c a t a ad un i l l u s t r e c o n c i t -
t a d i n o o ad un avvenimento d i p a r t i c o l a r e i m p o r t a n z a l o c a l e , p e r f a r
comunque c o n o s c e r e i l p a t r i m o n i o c u l t u r a l e m o l t o v a s t o p e r l a p r e s e n z a ,
n e l t e r r i t o r i o d i Contessa E n t e l l i n a d i :
- testimonianze s t o r i c h e e archeologiche ( E n t e l l a , C a s t e l l o d i Calata-
mauro, C a s a l e S c i r o t t a e Casale S i n u r i o ) ;
- monumenti d i i n t e r e s s e n a z i o n a l e (Monastero d i S.Maria d e l Bosco);
- identità c u l t u r a l e i t a l o - g r e c o - a l b a n e s e , c o n s e r v a t a a n c o r a dopo c i n
que s e c o l i ( l i n g u a , t r a d i z i o n i , r i t o ) .
L ' o d i e r n a g i o r n a t a c u l t u r a l e è l a q u a r t a che v i e n e o r g a n i z z a t a dall'A£
s o c i a z i o n e "N.Chetta" a Contessa E n t e l l i n a . N e g l i anni precedenti infat^
t i abbiamo commemorato i l r e t t o r e d e l Seminario g r e c o - a l b a n e s e d i Paler^
mo, Nicolò C h e t t a , i l c u i nome è s t a t o dato a l l a nòstra A s s o c i a z i o n e ,
ed i l Canonico Nicolò Genovese. Abbiamo d e d i c a t o una g i o r n a t a c u l t u r a l e
anche a l r e s t a u r o d e l l a Vara d e l l a Madonna d e l l a F a v a r a , un f e r c o l o d e l
1838 d i p a r t i c o l a r e i n t e r e s s e a r t i s t i c o .
- 2-

Le d i m e n s i o n i o r g a n i z z a t i v e d e l l a n o s t r a A s s o c i a z i o n e sono modeste, men


t r e n o t e v o l e è i l n o s t r o impegno c u l t u r a l e , che ha t r o v a t o un r i c o n o s c i ,
mento p r e s s o v a r i e i s t i t u z i o n i p u b b l i c h e e p r i v a t e . R i l e v i a m o solamente
i l più r e c e n t e e a t t u a l e , o l t r e l ' o d i e r n a m a n i f e s t a z i o n e : l ' o r g a n i z z a -
z i o n e d e l Convegno-Proposta p e r i l r e c u p e r o d i S.Maria d e l Bosco che
avrà luogo n e l c h i o s t r o d e l Monastero i l 6 settembre 1985 con l a p a r t e
cipazione d i parlamentari n a z i o n a l i e r e g i o n a l i , d i amministratori d e l
l a P r o v i n c i a e d e i comuni p r o m o t o r i o l t r e che d i r a p p r e s e n t a n t i d i i s t i ,
tuzioni culturali, sociali e scientifiche.
Un n o s t r o c o n c i t t a d i n o , i l c a n o n i c o A t a n a s i o Schirò, p e r f a r r i l e v a r e
l ' i m p o r t a n z a d e l Monastero d i S.Maria d e l Bosco, l o definì "un e d i f i c i o
sacro che onora l a r e l i g i o n e e l ' I t a l i a " . . , ^_
Anche n o i o g g i q u i , commemorando un n o s t r o i l l u s t r e c o n c i t t a d i n o , pos-
siamo d i r e che P.Lorenzo Tardo, p e r i l suo impegno c u l t u r a l e e r e l i g i o
so, è un uomo che onora l a C h i e s a e l ' I t a l i a .

Clero, autorità e pubblico nella Chiesa Matrice Greca durante l'illustrazione delle relazioni.
CONTRIBUTI C U L T U R A L I E RELIGIOSI DI JEROMONACI
CONTESSIOTI N E L L A B A D I A G R E C A DI G R O T T A F E R R A T A .

archimandrita P. Paolo Giannini abate della comunità dei Mo-


naci Basiliani della Badia Greca di Grottaferrata (Roma).

"P. Lorenzo Tardo seppe trascrivere nel pentagramma le me-


lodie della Chiesa Orientale, da lui carpite con profonda e spic-
cata intuizione artistica dagli antichi manoscritti di musica anche
paleo-bizantina' '.
CONTRIBUTI CULTURALI E RELIGIOSI DI JEROMONACI CONTESSIOTI NELLA

BADIA GRECA DI GROTTAFERRATA (p.Paolo G i a n n i n i )

I Monaci B a s i l i a n i d ' I t a l i a sono veramente g r a t i a l l a i n t r a p r e n -


dente A s s o c i a z i o n e c u l t u r a l e "Nicolò G h e t t a " , promossa d a l Dot-
t o r C a l o g e r o R a v i o t t a , e t a n t o bene s o s t e n u t a d a l l e e s i m i e Auto-
rità d i q u e s t a v o s t r a g r a z i o s a c i t t a d i n a i t a l o - a l b a n e s e d i Con-
t e s s a E n t e l l i n a . V o i s i e t e o r g o g l i o s i d i c e l e b r a r e i v o s t r i con-
c i t t a d i n i più i n s i g n i e a v e t e v o l u t o d-edicare q u e s t a g i o r n a t a d i
s t u d i a l compianto n o s t r o c o n f r a t e l l o , Jeromonaco Lorenzo Tardo,
anch' e g l i v o s t r o grande c o n c i t t a d i n o .

Padre L o r e n z o Tardo, d u r a n t e l a sua l u n g a v i t a r e l i g i o s a e sacer^


d o t a l e , t r a s c o r s a n e l Monastero E s a r c h i c o d i Santa M a r i a d i Grot^
t a f e r r a t a , p r o f u s e t u t t o i l suo z e l o n e l m i n i s t e r o p a s t o r a l e i n
seno a l l a n o s t r a Comunità c r i p t e n s e , i n d i v e r s e a l t r e comunità
r e l i g i o s e e t r a i f e d e l i . Ma s p e c i a l m e n t e f u d i s u b l i m e p a s c o l o
s p i r i t u a l e per s t u d i o s i e d o t t i n e l l ' a r t e melurgica o r i e n t a l e ,
a p p l i c a n d o s i tenacemente s u a n t i c h i s s i m e c o m p o s i z i o n i d i musica
b i z a n t i n a greca, interpretando e p o i dirigendo c o r a l i n e l l e ce-
l e b r a z i o n i l i t u r g i c h e e i n pubbliche a u d i z i o n i sacre, estasiando
quasi a l i ' i n v e r e s o m l l e g l i a u d i t o r i ,

E g l i seppe t r a s c r i v e r e s u l pentagramma l e m e l o d i e d e l l e Chiese 0-


r i e n t a l i , da l u i c a r p i t e con p r o f o n d a e s p i c c a t a i n t u i z i o n e a r t i -
s t i c a , d a g l i a n t i c h i m a n o s c r i t t i d i m u s i c a anche p a l e o - b i z a n t i n a .
E g l i ha f a t t o dono a n o i d i p o t e r g u s t a r e q u e l l e s t e s s e m e l o d i e ,
per t a n t i s e c o l i a s s o p i t e , composte f o r s e d a i più g r a n d i S a n t i ..
d e l l a C h i e s a d ' O r i e n t e : S. G i o v a n n i Damasceno, S. Romano i l Melo-
de, S. Teodoro S t u d i t a , S. Giuseppe I n n o g r a f o e da numerosi a l -
tri.

D a l l e s a g a c i mani d e l Padre Tardo f u r o n o s f o g l i a t i e d a l l a sua


p e r s p i c a c e mente f u r o n o c o n s u l t a t i non s o l t a n t o i m a n o s c r i t t i me-
l u r g i c i c o n s e r v a t i n e l l a monumentale b i b l i o t e c a d e l l a n o s t r a Aba-
z i a d i G r o t t a f e r r a t a , ma e g l i studiò anche i c o d i c i d e l l a B i b l i o -
t e c a V a t i c a n a , d e l l e b i b l i o t e c h e n a z i o n a l i d i Roma, d i N a p o l i , d i
Palermo e d i M e s s i n a ; d e l l a b i b l i o t e c a Ambrosiana d i M i l a n o e d i
m o l t e a l t r e d ' I t a l i a e e s t e r e . Studiò i c o d i c i m e l u r g i c i d e l Mon-
t e A t h o s , d i Gerusalemme e d e l Monte S i n a i . P e r a p p r o f o n d i r e me-
g l i o i s u o i s t u d i , o t t e n n e d i p o t e r f o t o g r a f a r e un g r a n numero d i
m a n o s c r i t t i ed o g g i queste p r e z i o s e c o p i e d i c o d i c i sono c o n s e r v a
te n e l l a B i b l i o t e c a d e l l a B a d i a .
- 2 -

S u g l i s t u d i c o m p i u t i d a l Padre Tardo e s u l l e sue opere e d i t e ce


ne parlerà con competenza i l R e v . F . N i l o Somma. ^ ' '
Io però o r a v o r r e i s o f f e r m a r m i a l q u a n t o s u a l t r i due Jeromonaci
v o s t r i c o n c i t t a d i n i e n o s t r i c o n f r a t e l l i , che hanno l a s c i a t o d i -
s t i n t a fama d i saggezza e d i c u l t u r a : Padre Cosma B u c c o l a e Pa-
dre S o f r o n l o G a s s i s i .

S u l f i n i r e d e l s e c o l o XIX e a g l i i n i z i d i questo s e c o l o XX, di£


t r o l ' a u g u s t o i m p u l s o d e l grande Papa Leone X I I I , t u t t a l a Comu-
nità d e i Monaci B a s i l i a n i d i G r o t t e f e r r a t a s i animò d i f e r v o r e ,
r i p r i s t i n a n d o g l i a n t i c h i o r d i n a m e n t i r i t u a l i b i z a n t i n i ed ade-
guando q u e l l i d i s c i p l i n a r i , i l " T y p i k o n m o n a s t i c o " .

Padre Cosma B u c c o l a f u t r a i p r i m i monaci che professò i l r i t o b i


z a n t i n o greco n e l l a l i m p i d e z z a d e l l e t r a d i z i o n i o r i e n t a l i , come
era s t a t o a u s p i c a t o vivamente d a l Romano P o n t e f i c e .

E g l i e r a nato q u i a C o n t e s s a E n t e l l i n a l ' i l novembre 1869, f e c e


l a sua p r o f e s s i o n e m o n a s t i c a i l g i o r n o 8 dicembre 1889 e f u o r d i -
nato s a c e r d o t e l ' 8 a p r i l e 1893. Seppe compiere con grande r e s p o n -
sabilità v a r i u f f i c i i n f a v o r e d e l l a comunità: f u P r e f e t t o d e i
g i o v a n i . Maestro d e i n o v i z i . D i r e t t o r e d e l l a t i p o g r a f i a p o l i g l o t -
t a e Economo g e n e r a l e . Fu a s s i d u o c o a d i u t o r e dell'Egumeno A r s e n i o
P e l l e g r i n i e s i d i s t i n s e n e l promuovere l e f e s t e n o n o c e n t e n a r i e
d e l l a f o n d a z i o n e d e l l a A b b a z i a d i G r o t t a f e r r a t a . S i spense n e l S i
gnore 11 g i o r n o 1° novembre, suo onomastico, d e l l ' a n n o 1934.

I m p e r i t u r o r i c o r d o c i ha l a s c i a t o anche i l v o s t r o c o n c i t t a d i n o P.
S o f r o n l o G a s s i s i . E r a nato a C o n t e s s a E n t e l l i n a n e l l ' a p r i l e d e l
1873. Fece l a sua p r o f e s s i o n e m o n a s t i c a n e l 1891 e f u o r d i n a t o
s a c e r d o t e i l 29 giugno 1899.

Mentre f r e q u e n t a v a i c o r s i u m a n i s t i c i , s i manifestò s u b i t o l a sua


tendenza a l l o s t u d i o e, i n modo p a r t i c o l a r e , a l l e m a t e r i e e c c l e -
s i a s t i c h e o r i e n t a l i . Mentre e r a a n c o r a s t u d e n t e g l i venne a f f i d a -
t a l a c u r a d e l l a r i s t a m p a d e l l a c o l o s s a l e opera d e i "Minea" e de-
g l i a l t r i t e s t i l i t u r g i c i b i z a n t i n i g r e c i , promossa e s t i p e n d i a t a
a l l o r a d a l l a S a c r a Congregazione d i Propaganda F i d e , a t t o r n o a l l a
q u a l e avevano c o l l a b o r a t o i l P i t r a , l o Stevenson, i l C o z z a - L u z z i
e a l t r i d o t t i . 11 suo l a v o r o superò q u e l l o d e i s u o i p r e d e c e s s o r i ,
data l a sua grande p r e p a r a z i o n e e l a sua s p e c i a l e competenza n e l -
la materia.
- 3 -

E g l i f u , i n o l t r e , uno d e i C o n f o n d a t o r i e d e g l i s c r i t t o r i più a s -
s i d u i d e l l a famosa r i v i s t a "Roma e l ' O r i e n t e " . Lasciò d i v e r s i
s t u d i d i i n d o l e l i t u r g i c a e p a l e o g r a f i c a . N e l 1919 f u nominato
C o n s u l t o r e d e l l a S a c r a Congregazione p e r l e C h i e s e O r i e n t a l i e
n e l 1920 ebbe anche l ' i n c a r i c o d i P r o e s t o s d e l l a A b b a z i a , p u r
mantenendo sempre l ' u f f i c i o d i B i b l i o t e c a r i o e d i A r c h i v i s t a a
l u i a f f i d a t o dopo l a morte d e l Jeromonaco A n t o n i o R o c c h i .

11 G a s s i s i , uomo s e m p l i c e e s i n c e r a m e n t e u m i l e , mai f e c e s f o g g i o
d e l l a s u a e r u d i z i o n e , che v o l e n t i e r i metteva a s e r v i z i o d i t u t t i
c o l o r o , i t a l i a n i o s t r a n i e r i , che a l u i r i c o r r e v a n o p e r i n s e g n a -
m e n t i e p a r t i c o l a r i d o t t r i n e . Fu t r a i s u o i c o n f r a t e l l i z e l a n t e
e competente r e s t a u r a t o r e d e l r i t o , d e g l i s t u d i , d e l l e t r a d i z i o -
n i monastiche e d e l l a musica b i z a n t i n a , i l l u s t r a n d o e i n d i c a n d o
m a n o s c r i t t i d e l l e b i b l i o t e c h e i t a l i a n e ed e s t e r e .

La sua scomparsa prematura lasciò un v u o t o q u a s i i n c o l m a b i l e , l a


sua f o r m a z i o n e eminentemente m o n a s t i c a l o c o l l o c a n e l numero de-
g l i i n n o v a t o r i d e l l a A b b a z i a d i G r o t t a f e r r a t a , p e r l a quale l a v o -
rò f i n o a l s a c r i f i c i o , con l ' e s e m p i o , c o n l a p r e g h i e r a , con l o
s t u d i o c o s c i e n z i o s o e p r o f o n d o . . Morì i l 14 f e b b r a i o 1923. v

Anche s u l l a sua v e n e r a t a p e r s o n a , s u l suo o p e r a t o e s u l l e sue ope


re t r a m a n d a t e c i sarebbe bene promuovere un convegno d i s t u d i o e
di r i f l e s s i o n i

Debbo a g g i u n g e r e a n c o r a qualche c o s a . Q u a l i n o b i l i e v i r t u o s i Mo-


n a c i c i ha donato l a v o s t r a c a r a e i l l u s t r e c i t t a d i n a , ma da d e c i n e
d i a n n i non vengono nuove v o c a z i o n i d a l l e v o s t r e f a m i g l i e ! l o spi^
r i t o v o c a z i o n a l e r e l i g i o s o s i è f o r s e spento e i n a r i d i t o n e i v o -
stri figli?

I l buon D i o , p e r i n t e r c e s s i o n e d e l l a sua D i v i n a Madre, l a Theoto-


kos, s u s c i t i t r a l e v o s t r e c r i s t i a n e f a m i g l i e i t a l o - a l b a n e s i n£
v e l l i a s p i r a n t i a l l a v i t a d i c o n s a c r a z i o n e e s a c e r d o t a l e , perpe-
tuando così l a m i s s i o n e d i d o t t r i n a e d i spiritualità, che i n una
a u t e n t i c a vitalità e c c l e s i a l e ha s o s t e n u t o e i l l u s t r a t o l a I s t i t u
z i o n e o r i e n t a l e d e i Monaci B a s i l i a n i i t a l o - a l b a n e s i , q u a l e a n e l l o
d i congiunzione t r a l a Chiesa d'Oriente e l a Chiesa d'Occidente,
v i r g u l t o m o n a s t i c o perennemente v i v o a l l e p o r t e d i Roma, p r e s s o
l a Santa Sede d i P i e t r o , a t e s t i m o n i a n z a u n i v e r s a l e d i una u n i c a
f e d e , n e l l a più pura varietà d e i r i t i .
L A MUSICA BIZANTINA N E L L A TRADIZIONE POPOLARE
D E L L E COMUNITÀ ITALO-ALBANESI

Papas Sotir Ferrara Direttore del coro e vicario ge-


nerale dell'Eparchia di Piana degli Albanesi (FA).

"L'amore, che deve abbracciare ogni aspetto che ca-


ratterizza la nostra etnia, contribuisca a far mante-
nere gelosamente viva questa Tradizione Musicale,
patrimonio prezioso di un passato intramontabile".
LA MUSICA BIZANTINA NELLA TRADIZIONE POPOLARE DELLE COMUNITÀ'

ITALO-ALBANESI
(Prof.papas S o t i r F e r r a r a ) '

E c c e l l e n z a Rev.ma, Padre A r c h i m a n d r i t a , S i g n o r S i n d a c o , Confratelli


n e l sacerdozio. Signore e S i g n o r i ,

La doverosa c e l e b r a z i o n e r i e v o c a t i v a d e l l a f i g u r a d i Padre Lorenzo Tar


do non avrebbe p o t u t o t r o v a r e n e l tempo c o l l o c a z i o n e m i g l i o r e d e l l ' a n -
no s o l a r e 1985 e ben l o ha r e c e p i t o i l Comitato O r g a n i z z a t o r e : i n f a t t i
i l C o n s i g l i o d'Europa, i n seno a l q u a l e sono r a p p r e s e n t a t e t u t t e l e na
z i o n i d e l l ' E u r o p a o c c i d e n t a l e , ha proclamato l'anno 1985 "ANNO EUROPEO
DELLA MUSICA" per onorare i c e n t e n a r i d e l l a n a s c i t a d i Bach, Haendel e
Domenico S c a r l a t t i ,
Padre Lorenzo Tardo, per l'impegno p r o f u s o lungo t u t t o l ' a r c o d e l l a sua
v i t a i n f a v o r e d e l l a MUSICA i n t e s a come p r e g h i e r a e l e v a t a a l S i g n o r e e
q u i n d i e s p r e s s i o n e a r t i s t i c a a l sommo grado, per g l i s t u d i s u l l a musica
b i z a n t i n a a n t i c a , d e l l a q u a l e è s t a t o uno d e i p r i m i c u l t o r i , per l e nu
merose p u b b l i c a z i o n i su d i e s s a ( c i t o solamente " L ' a n t i c a m e l u r g i a b i -
z a n t i n a " , p i e t r a m i l i a r e per c h i v o l e s s e a d d e n t r a r s i t r a i neumi che
l a r a p p r e s e n t a n o ) , per l ' i n c r e m e n t o dato a i c a n t i t r a d i z i o n a l i l i t u r g i .
c i d e l l e Comunità i t a l o - a l b a n e s i e per l a l o r o v a l o r i z z a z i o n e , per i l
d e l i c a t o l i r i s m o che a v v o l g e v a l e e s e c u z i o n i d e i c o r i da l u i d i r e t t i ,
d a l l e q u a l i emergeva i m p e r i o s o i l suo t a l e n t o m u s i c a l e anche come com
p o s i t o r e e f a c e v a c a p o l i n o i l suo t r a s p o r t o per i l " b e l c a n t o " , può
ben m e r i t a r e d i e s s e r e accomunato a q u e i G r a n d i ed e s s e r e commemorato
q u i a Contessa E n t e l l i n a , suo luogo n a t a l e , p r o p r i o n e l l ' a n n o europeo
d e l l a musica.
N e l c o n t e s t o d i q u e s t a c e l e b r a z i o n e r i e v o c a t i v a d e l l a f i g u r a d i Padre
Lorenzo Tardo, mi è s t a t o a f f i d a t o i l compito d i s v i l u p p a r e i l tema
"La m u s i c a b i z a n t i n a n e l l a t r a d i z i o n e p o p o l a r e d e l l e comunità i t a l o -
albanesi".
I n un primo momento, c o n s c i o d e i m i e i l i m i t i i n r a p p o r t o a l l a v a s t i -
tà ed a l l ' i m p o r t a n z a d e l tema, ho avuto qualche e s i t a z i o n e a r i s p o n -
dere p o s i t i v a m e n t e . P o i l'amore v e r s o l e n o s t r e t r a d i z i o n i , l ' a v e r e
c o n o s c i u t o ed a p p r e z z a t o Padre L o r e n z o , 1'avere c a n t a t o s o t t o l a sua
i l l u m i n a t a d i r e z i o n e , l ' o n o r e d i p o t e r p a r t e c i p a r e a questa c e l e b r a -
z i o n e , hanno f a t t o cadere o g n i i n i z i a l e remora e mi hanno q u i n d i s p i n
t o a r a c c o g l i e r e con entusiasmo i l g e n t i l e i n v i t o r i v o l t o m i d a l comi-
t a t o o r g a n i z z a t o r e a t t r a v e r s o l a persona d e l l ' a v v . R a v i o t t a .
Ed è con questo s p i r i t o d i amore e d i entusiasmo che mi a c c i n g o ad i l
l u s t r a r e a l c u n i a s p e t t i c a r a t t e r i s t i c i d e l tema, l i m i t a n d o m i t u t t a v i a ,
per o v v i i m o t i v i , a t r a t t a r e solamente d e l l a t r a d i z i o n e m u s i c a l e litu£
gica siculo-albanese, ^ Ì : S . - - - Ì ^ J : > -o.^i--sr4^=!^ • : •^^
M i è sembrato opportuno i n n a n z i t u t t o i n t r o d u r r e due premesse: l a prima
d i n a t u r a m u s i c a l e r i g u a r d a n t e l o s v i l u p p o e l ' e v o l v e r s i d e l l a musica
b i z a n t i n a i n o r d i n e a l l a s e m i o g r a f i a u s a t a ; l a seconda d i n a t u r a s t o r i .
- 2 -

r i c a r i g u a r d a n t e l'esodo d e i n o s t r i P a d r i d a l l a t e r r a d ' o r i g i n e .
Cosa s i i n t e n d e p e r m u s i c a b i z a n t i n a ? E s s a è c e r t a m e n t e , mi s i r i s p o n
derà, l a musica i n uso n e l l a C h i e s a B i z a n t i n a Greca. N e i t e s t i t e o r e -
t i c i , t u t t i p o s t e r i o r i a l s e c o l o X I V , e s s a v i e n e chiamata "Psaltikì"
d a l verbo Psàllin = c a n t a r e (da c u i Psàltls = c a n t o r e , Protopsàltis
= primo c a n t o r e ) . ^^-'^'J^fH A^^.. v^;:, -.^TlìBriii'^^vs _ - :- - ••..^
S o l i t a m e n t e v i e n e denominata M u s i c a B i z a n t i n a l a musica l i t u r g i c a d e i
m a n o s c r i t t i a n t i c h i e q u e l l a moderna i n uso n e l l a C h i e s a B i z a n t i n a .
Ma sarebbe più opportuno, come p u n t u a l i z z a Padre Bartolomeo D i S a l v o
(jeromonaco d e l l a B a d i a Greca d i G r o t t a f e r r a t a , n o s t r o c o n t e r r a n e o e
s t u d i o s o d i q u e s t a m u s i c a ) , i n d i c a r e con i l t e r m i n e d i "Musica B i z a n
t i n a " i d i v e r s i t i p i d i m u s i c a i n uso n e l l a c h i e s a b i z a n t i n a con c a -
r a t t e r i l o r o p r o p r i e con una individualità, a l c u n e d e l l e q u a l i non
s t u d i a t e a fondo, come l a t r a d i z i o n e o r a l e .
Lo s v i l u p p o d e l l a s e m i o g r a f i a o n o t a z i o n e m u s i c a l e consente d i d i v i -
d e r e , secondo Padre Lorenzo Tardo, l a m u s i c a b i z a n t i n a i n :

• d a l l e o r i g i n i a l s e c o l o XV, non d e c i f r a t a ; usata


EKFONETICA ^
per i l canto d e l l e p e r i c o p i scritturali.

dalle o r i g i n i a l secolo X I I I ; rispecchia d i v e r s i


PALEOBIZANTINA
t i p i d i n o t a z i o n e con v a r i c e n t r i d i o r i g i n e .

NEOBIZANTINA '^'•-^ d a l l a seconda metà d e l X I I a l l a metà d e l secolo,


XIV. ""ìLa^-sii -xvSi's ou« i^-iilì-T^-^c^à A^it.'>-i.~-^'^ Inp

KUKUZELICA appare v e r s o l a metà d e l s e c o l o XIV e c e s s a n e l


' • : 1820, epoca d e l l a r i f o r m a . E' s t a t a d a t a l a deno
' ' m i n a z i o n e d i "Kukuzélica" d a l nome d e l Maestro
G i o v a n n i Kukuzélis, v i s s u t o a l l a c o r t e i m p e r i a l e
• d i Costantinopoli t r a l a fine d e l secolo XIII e
l ' i n i z i o d e l s e c o l o XIV i n v i s t a d e l l a p e r s o n a l i ,
tà d e l M a e s t r o .

CRISANTINA " i n i z i a n e l 1820 con l a r i f o r m a o p e r a t a da Curmu


z i o , G r e g o r i o e C r i s a n t o ed è d e t t a anche Moderna.

La seconda premessa è q u e l l a d i n a t u r a s t o r i c a . E s s a , anche se r i s a -


p u t a , è da m e t t e r e i n e v i d e n z a appunto perchè c i consente d i i n q u a d r a
re i l tema n e l c o n t e s t o s t o r i c o - m u s i c a l e - a m b i e n t a l e .
Già n e l s e c o l o XIV t r o v i a m o t r a c c e d e l l a p r e s e n z a d e g l i A l b a n e s i n e l
1 ' I t a l i a m e r i d i o n a l e : e s s i erano r i c h i e s t i e c h i a m a t i d a i Re e d a i Si-
g n o r o t t i d e l Regno d e l l e due S i c i l i e i n qualità d i m e r c e n a r i ed asso],
vevano valorosamente a l compito l o r o a f f i d a t o . K-^^ : .-ÌÌ^; .r.a .
- 3 -

D a l l a c a d u t a d i C o s t a n t i n o p o l i n e l l e mani d e i T u r c h i n e l 1453, i n i z i a
l ' e s o d o v e r o e p r o p r i o d e l l e p o p o l a z i o n i a l b a n e s i e greche d e l l ' A l b a -
n i a e d e l l a Morea, v e r s o l e c o s t e e l e t e r r e d e l l ' I t a l i a m e r i d i o n a l e
ed i n s u l a r e ; esodo che s i p r o t r a e i n ondate s u c c e s s i v e f i n q u a s i a g l i
i n i z i d e l 1700. G l i e s u l i s i s p a r s e r o i n M o l i s e , P u g l i a , Campania, Ba
s i l i c a t a , C a l a b r i a e i n S i c i l i a . E s s i portarono i l patrimonio c u l t u r a
l e , r e l i g i o s o e f o l k l o r i s t i c o i n l o r o p o s s e s s o ; p a t r i m o n i o che ancora
o g g i s i c o n s e r v a i n a l c u n i d e i p a e s i da e s s i f o n d a t i , dove è l e c i t o
altresì, mi s i a c o n s e n t i t a q u e s t a d i g r e s s i o n e , ammirare i p r e z i o s i co
stumi f e m m i n i l i i n d o s s a t i i n p a r t i c o l a r i c i r c o s t a n z e .
Essendo q u e s t i e s u l i t u t t i d i r i t o b i z a n t i n o g r e c o , c o n s e r v a r o n o , t r a
i n n u m e r e v o l i difficoltà, i l r i t o b i z a n t i n o e, d i conseguenza, anche
i l r e p e r t o r i o d e i c a n t i che l o accompagnano e che ne i l l u s t r a n o l a so
lennità d e l l e c e r i m o n i e l i t u r g i c h e e ne mettono i n l u c e l e c a r a t t e r i -
stiche.
I p r e d e t t i c a n t i r i s u l t a n o particolarmente conservati q u i t r a n o i ,
n e l l e c o l o n i e a l b a n e s i d i S i c i l i a per l'attaccamento d e i n o s t r i P a d r i
a l l e t r a d i z i o n i e mercé l ' o p e r a p r e z i o s a d i Padre G i o r g i o G u z z e t t a l
che, i s t i t u e n d o p e r l e n o s t r e comunità i l S e m i n a r i o d e l q u a l e s i s t a
commemorando i l 250** d i F o n d a z i o n e , contribuì notevolmente ed e f f i c a -
cemente a l l a s o p r a v v i v e n z a d e l l ' e t n i a i n g e n e r a l e e q u i n d i d e i c a n t i
l i t u r g i c i In particolare.
Non s i può non accennare a l l a f a t t i v a p r e s e n z a d e i monaci d e l Monaste
r o B a s i l i a n o d i Mezzojuso f o n d a t o n e l 1605, i q u a l i davano a s i l o a mo
n a c i ed e c c l e s i a s t i c i p r o v e n i e n t i d a l l ' o r i e n t e ; è v e r o s i m i l e che que-
s t i u l t i m i abbiano a r r i c c h i t o i l nostro patrimonio melurgico apportan
do nuova l i n f a m u s i c a l e , così come l ' e s u l e i c o n o g r a f o jeromonaco Ioan
nìkios ha d o t a t o l a n o s t r a comunità, n e l 1600, d i s p l e n d i d e e p r e z i o -
se i c o n i .
Questa t r a d i z i o n e m u s i c a l e s i c u l o - a l b a n e s e ereditò e f e c e suo anche
i l complesso d e l p a t r i m o n i o m e l u r g i c o d e l l a p a r r o c c h i a g r e c a d i S.Ni.
colò d e i G r e c i d i P a l e r m o , p a r r o c c h i a che e r a r i m a s t a l ' u n i c a t e s t i m o
n i a n z a d e l l a dominazione i m p e r i a l e b i z a n t i n a i n S i c i l i a .
Possiamo c o l l o c a r e ed i n s e r i r e l ' o r i g i n e d e l l a t r a d i z i o n e m u s i c a l e del-
l e n o s t r e comunità n e l p e r i o d o che v a d a l XV a t u t t o i l X V I I s e c o l o .
S i può q u i n d i a f f e r m a r e che i c a n t i t r a d i z i o n a l i l i t u r g i c i s i c u l o - a l b a
n e s i s i r i a l l a c c i a n o a l l a t r a d i z i o n e b i z a n t i n a d e l XV s e c o l o , t r a d i z i o
ne che ha s u b i t o l ' i n f l u s s o d e l maestro d i c a p p e l l a d e l i a c o r t e impe-
r i a l e d i C o s t a n t i n o p o l i G i o v a n n i Kukuzélis, i l q u a l e inventò d e i gru£
p i d i neumi che dovevano s e r v i r e ad e s p r i m e r e g l i u n i 11 v a l o r e r i t m i
co, g l i a l t r i l a modulazione d i voce p r o p r i a a c i a s c u n segno f o n e t i c o .
D a i m a n o s c r i t t i m u s i c a l i , c o n c l u d e dopo a n n i d i s t u d i o Padre B a r t o l o -
meo D i S a l v o , s i e v i n c e che l a t r a d i z i o n e Kukuzélica e r a f o r m a t a : p a r
t e da c a n t i a p p a r t e n e n t i a t r a d i z i o n i più a n t i c h e ; p a r t e da c a n t i p r e
- 4 -

e s i s t e n t i r i m a n e g g i a t i da monaci che badavano s o p r a t t u t t o a d e c o r a r l i


d i " f i o r i t u r e " ; p a r t e da c a n t i c o m p o s t i da " m a e s t r i " i n uno s t i l e o r -
nato.
F r a q u e s t i " M a e s t r i " o "Protopsàlti" s p i c c a n o i nomi d i G i o v a n n i G l i -
k y s , Manuele Chrisàphis, G i o v a n n i Lampadàrios e, appunto, G i o v a n n i Ku
kuzélis.
Caduta C o s t a n t i n o p o l i , s i e s t i n g u e i l c e n t r o p r o p u l s o r e d i q u e s t o t i .
po d i m u s i c a , e s i ha una p r o g r e s s i v a decadenza d e l l a m u s i c a b i z a n t i .
na. N e l l e r i c e r c h e s t o r i c h e d e l compianto Papàs Matteo Sciambra d i
Contessa E n t e l l i n a s u l l a comunità g r e c o - a l b a n e s e d i P a l e r m o , s i r i l e ^
va che i l c l e r o che servì l a p a r r o c c h i a d i San Nicolò d e i G r e c i , e d
i n p a r t e anche l e a l t r e comunità a l b a n e s i d i S i c i l i a , generalmente
p r o v e n i v a d a l P e l o p o n n e s o , d a l l e i s o l e d i C r e t a e C i p r o , d a l l a Cimar
ra i n Epiro.
V e r o s i m i l m e n t e questo c l e r o , t r a g l i a l t r i c o n t r i b u t i , a p p o r t a v a q u e l
10 m u s i c a l e l i t u r g i c o . Ed è un a l t r o a n e l l o che l e g a , i n p a r t e , l a t r a
dizione musicale l i t u r g i c a siculo-albanese a quello greco-costantinopo
l i t a n a anche dopo l ' i n s e d i a m e n t o i n S i c i l i a d e l l e n o s t r e Comunità.
Ecco così t r a t t e g g i a t o a g r a n d i l i n e e l ' a m b i e n t e s t o r i c o a m b i e n t a l e mu
s l e a l e d e i c a n t i i n uso n e l l e c h i e s e d e l l a n o s t r a comunità.
R i s u l t a q u i n d i s t o r i c a m e n t e p r o v a t o che q u e s t i c a n t i appartengano a l
grande ceppo d e l l a M u s i c a B i z a n t i n a , d e l l a q u a l e conservano l e cara_t
teristiche.
I n f a t t i d e t t i c a n t i accompagnano t u t t e l e c e r i m o n i e l i t u r g i c h e d e l r i .
to b i z a n t i n o i n uso n e l l a n o s t r a E p a r c h i a ; usano l e d e n o m i n a z i o n i d e l
l ' i n n o g r a f i a b i z a n t i n a ; l e m e l o d i e o b b e d i s c o n o a l l a d i v i s i o n e modale
d e l l a m u s i c a b i z a n t i n a che comprende o t t o modi o "ìchì" con c a r a t t e r i
s t i c h e p r o p r i e d i o g n i " i c h o s " , d i v i s i o n e che non è e s t e r n a e f o r m a l e
ma i n v e s t e l a s t r u t t u r a i n t i m a d e l c a n t o ; i n f i n e l a forma d i a l c u n i -
c a n t i a d e r i s c e p e r f e t t a m e n t e a l l ' a z i o n e l i t u r g i c a c o r r i s p o n d e n t e , sot^
t o l i n e a n d o n e i l s i g n i f i c a t o ed accompagnandone i l movimento, come ad
esempio, i l "heruvikòn" che con i l suo andamento r i t m i c o accompagna
solennemente i l t r a s p o r t o d e i Doni da c o n s a c r a r e n e l l a D i v i n a L i t u r -
g i a d a l l ' a l t a r e l a t e r a l e , "Pròtesi", a q u e l l o c e n t r a l e , t r a s p o r t o det
to "Grande ìsodhos". :, i?v-.gr
N e l "Monuments de l a n o t a t i o n ekphonétique e t h a g i o p o l i t e de l ' E g l i s e
greque", J.B. T h l b a u t i n i z i a l a d e s c r i z i o n e d e i m a n o s c r i t t i con l e de
f i n i z i o n i d e i t r e g e n e r i m e l o d i c i che sono r i f l e s s i n e l l a n o t a z i o n e
m u s i c a l e : i l genere m e l i s m a t i c o , i l genere i r m o l o g i c o , ed i l genere
sticherarico. -r.
-s
11 genere m e l i s m a t i c o , c o n o s c i u t o anche s o t t o i l nome d i "papàdico"
è c a r a t t e r i z z a t o d a l f a t t o d i s v i l u p p a r e t u t t a l a m e l o d i a i n poche
s i l l a b e ; i l genere i r m o l o g i c o i n v e c e f a c o r r i s p o n d e r e ad una o, a l
più, a due note m u s i c a l i una s o l a s i l l a b a ; i l genere s t i c h e r a r i c o f a
- 5 -

c o r r i s p o n d e r e ad una s e r i e d i note una s o l a s i l l a b a .


1 c a n t i l i t u r g i c i d e l l a t r a d i z i o n e s i c u l o - a l b a n e s e presentano l e c a -
ratteristiche e l e suddivisioni riscontrate n e i manoscritti dal Thi-
b a u t , anche se n e c e s s i t a n t i d i qualche u l t e r i o r e p r e c i s a z i o n e .
A n a l i z z i a m o i c a n t i i n q u e s t i o n e , a l l a l u c e d i queste s u d d i v i s i o n i , %e
nere p e r genere.

Genere m e l i s m a t i c o : q u e s t o genere è largamente r a p p r e s e n t a t o con me-


l o d i e d i grande i m p o r t a n z a a r t i s t i c a , come un lungo "Allilùia" da can
t a r s i durante l ' i n c e n s a z i o n e che ha l u o g o , n e l l a D i v i n a L i t u r g i a , t r a
i l canto d e l l ' E p i s t o l a e q u e l l o d e l V a n g e l o , e che permette a l D i a c o -
no, appunto n e l l ' a r c o d i tempo occupato d a l l a m e l o d i a , d i r a g g i u n g e r e
i l p u l p i t o d a l q u a l e canterà i l Santo Vangelo; come l " ' A g h i o s " d i San
B a s i l i o che c o p r e , con i s u o i e l a b o r a t i e l e g g e r i m e l i s m i , che r i c h i a
mano l e v o l u t e t r a p u n t e e t r a f o r a t e d i un c a p i t e l l o r a v e n n a t e , i l pe-
r i o d o d i tempo n e c e s s a r i o a l S a c e r d o t e p e r r e c i t a r e m i s t i c a m e n t e l a
l u n g a p r e g h i e r a d e l l a c o n s a c r a z i o n e d e i S a c r i Doni n e l l a L i t u r g i a det^
t a , appunto, d i San B a s i l i o ; come i l "Heruvikòn"; come i l " N i n e d h i
nàmis" che accompagna l a p r o c e s s i o n e c a r a t t e r i s t i c a d e l l a L i t u r g i a
" t o n Proighiasménon"; come a l c u n e melodie d i d e l i c a t o l i r i s m o i n ono
r e d e l l a "Theotòkos" c a n t a t e s u b i t o dopo l a c o n s a c r a z i o n e , denomina-
t e "Megalinària"; e come, i n f i n e , i "Kinonikà", c o n s i s t e n t i i n melo-
d i e che s i s v i l u p p a n o s o p r a un v e r s e t t o s a l m o d i c o : l ' a m p i e z z a e l a du
r a t a d i queste m e l o d i e permettono a i numerosi P r e s b i t e r i , c o n c e l e b r a n
t i c o l Vescovo l a D i v i n a L i t u r g i a , d i c o m u n i c a r s i . I l numero d i "Kino
nikà", q u a t t r o , d i c u i s i c o n s e r v a l a m e l o d i a può sembrare e s i g u o ;
t u t t a v i a , r a p p o r t a t o a l l a complessità d e l l e melodie s t e s s e ed a l f a t -
to che s i a n o s t a t e tramandate o r a l m e n t e , esso d i v i e n e un numero con-
siderevole .
Per quanto d e t t o d i s c e n d e che i l genere m e l i s m a t i c o v i e n e usato p a r -
ticolarmente nelle celebrazioni d i carattere eucaristico.

Genere i r m o l o g i c o : Padre Lorenzo Tardo, a p r o p o s i t o d i questo gene-


re , osservava :
" i c a n t i d e l genere i r m o l o g i c o hanno, d i s o l i t o , due o t r e note s o -
p r a una s i l l a b a , e qualche v o l t a , quando i l c a n t o r e v u o l e dare r i s a j .
to a qualche p a r o l a n e l c o n t e s t o molto s i g n i f i c a t i v a , s i compiace ac
compagnare l a voce con una s e r i e d i note o r n a m e n t a l i e d i g r a z i o s i
melismi".
Questo genere è r a p p r e s e n t a t o , n e l l a t r a d i z i o n e d i c u i t r a t t i a m o ,
d a i "tropàri" d e i " M a k a r i s m l " e da a l c u n i "apolitìkia" d e l l e p r i n c i .
p a l i f e s t e d e l l ' a n n o l i t u r g i c o ; da a l c u n e O d i d e l Canone d i N a t a l e
e d e l Canone d i Pasqua; d a g l i " I r m i " d e l Canone d e l l a "Paràklisis".
A g l i a l t r i c a n o n i d e l l e f e s t e "eortazòmene" s i a p p l i c a un gruppo d i
- 6 -

formule melodiche " s t a n d a r d " , u n i t e t r a l o r o da d e i p a s s a g g i r e c i t a -


t i v i . I n complesso questo genere è scarsamente r a p p r e s e n t a t o r i s p e t -
to a l l a g r a n d i s s i m a mole d i C a n o n i , apolitìkia ed a l t r e c o m p o s i z i o n i
poetiche appartenenti a q u e s t i t i p i d i i n n o g r a f i a ,
Papàs Matteo Sciambra o s s e r v a v a che " l e g r a v i l a c u n e che d i q u e s t a
forma s i r i s c o n t r a n o sono g i u s t i f i c a t e d a l l a r a r a c e l e b r a z i o n e d i
q u e l l e u f f i c i a t u r e che contengono questo genere d i c o m p o s i z i o n i , ap-
partenendo e s s e , d i p r e f e r e n z a , a l l ' o s s e r v a n z a m o n a s t i c a " . ,

Genere s t i c h e r a r i c o : r i t e n g o opportuno r i p o r t a r e l a comparazione, che


i n d e f i n i t i v a è una d e f i n i z i o n e f a t t a da Padre Lorenzo Tardo t r a i l
genere i r m o l o g i c o e q u e l l o s t i c h e r a r i c o : = ^ : ^. . -
" i c a n t i s t i c h e r a r i c i hanno maggior s v i l u p p o m e l o d i c o d e i c a n t i irmo
l o g i c i e più abbondanza d i note d i a b b e l l i m e n t o ; mentre l'andamento
è più s o s t e n u t o " .
A l genere s t i c h e r a r i c o appartengono g l i "Idhiòmela", g l i "Avtòmela"
ed i "Prosòmia". 7^-^ :< > ' _ r: ,
G l i "Idhiòmela" sono q u e l l e c o m p o s i z i o n i che hanno s t r u t t u r a m e t r i c a
ed andamento m u s i c a l e non p r e s i a m o d e l l o p e r a l t r i c a n t i .
G l i "Avtòmela" sono p a r t i c o l a r i "Idhiòmela" l a c u i s t r u t t u r a m e t r i c a
è s t a t a p r e s a come modello p e r a l t r e c o m p o s i z i o n i . -
I "Prosòmia" sono q u e i c a n t i l a c u i s t r u t t u r a m e t r i c a s i m o d e l l a s u -
g l i "Avtòmela", e q u i n d i assumono anche l a m e l o d i a d e l c o r r i s p o n d e n -
te "Avtòmelon".
N e l l a n o s t r a t r a d i z i o n e i l genere s t i c h e r a r i c o s i può d i v i d e r e , a se
conda d e l r i t m o d e l l a m e l o d i a , i n due, c h i a m i a m o l i , s o t t o g e n e r i : anda
mento a forma r i t m i c a e andamento a r i t m o l i b e r o .
I I genere s t i c h e r a r i c o con andamento a forma r i t m i c a è r a p p r e s e n t a t o
i n modo p a r t i c o l a r e d a l g i "Avtòmela", d e i q u a l i l a t r a d i z i o n e è r i u -
s c i t a a f a r c i pervenire s e d i c i .
Questo numero così e s i g u o non deve a f f a t t o m e r a v i g l i a r e : non è da d i
m e n t i c a r e , i n f a t t i , c h e , come e v i d e n z i a t o precedentemente, q u e s t i can
t i sono s t a t i t r a s m e s s i oralmente d i g e n e r a z i o n e i n g e n e r a z i o n e .
I l genere s t i c h e r a r i c o con andamento a r i t m o l i b e r o non è l e g a t o , co^
me i l precedente a forma r i t m i c a , a l l a d i v i s i o n e m e t r i c a d e l l ' i n n o
i n q u e s t i o n e . Esso c o n s i s t e , i n v e c e , n e l l e g a r e , con d e i p a s s a g g i r£
c i t a t i v i , alcune formule melodiche.
La s t r u t t u r a è l a seguente: v i è una prima f o r m u l a d i i n i z i o , segui,
t a da due o, a l più, t r e f o r m u l e intermedi*e; se l ' i n n o è c o n s i d e r e -
volmente l u n g o , s i r i p e t o n o più v o l t e l e f o r m u l e i n t e r m e d i e ; una f o r
mula f i n a l e completa l a m e l o d i a . ^ ^f-^ - '
Con questo s i s t e m a s e m p l i c e , ma n e l contempo u t i l i s s i m o d a t a l a t o t a
l e i g n o r a n z a d e l l a n o t a z i o n e m u s i c a l e da p a r t e d e l C l e r o , i s a c e r d o -
t i ed i l a i c i , che i n o g n i tempo hanno a f f i a n c a t o i "Papàdes" n e l l a
- 7 -

v i t a e c c l e s i a l e , r i u s c i v a n o a c a n t a r e qualunque "idhiòmelon" d i c u i
non c o n o s c e s s e r o l a m e l o d i a p r o p r i a , e r i u s c i v a n o a p o r t a r e a termine
con decoro l e b e l l i s s i m e " a k o l o u t h i e " che i l "Tipikòn" r e g o l a v a , c e r i
monie r i c c h e d i i n n i a s t r u t t u r e m e t r i c h e d i v e r s i s s i m e , e p e r t a n t o i n
n i d e i q u a l i e r a d i f f i c i l e , se non i m p o s s i b i l e , r i t e n e r e a memoria l e
melodie.
L ' i n s i e m e d e l l e f o r m u l e che s i i n c o n t r a n o n e l l a t r a d i z i o n e l i t u r g i c a
s i c u l o - a l b a n e s e o b b e d i s c e a l s i s t e m a modale d e g l i o t t o modi o " i c h i "
c u i ho f a t t o cenno p r i m a : 1 p r i m i q u a t t r o vengono c h i a m a t i a u t e n t i c i ,
mentre i r i m a n e n t i q u a t t r o prendono i l nome d i p i a g a l i .
Ad o g n i "ìchos",piagale o a u t e n t i c o che s i a , c o r r i s p o n d e un c e r t o gru£
po d i f o r m u l e m e l o d i c h e , i n m a n i e r a t a l e da s t a b i l i r s i , t r a " i c h o s " e
gruppo d i f o r m u l e m e l o d i c h e , una c o r r i s p o n d e n z a b i u n i v o c a . - p/v. ,
M i s i a c o n s e n t i t o , onde p r e c i s a r e compiutamente i l c o n c e t t o , a v v a l e r
mi d e l l a t e o r i a matematica d e g l i i n s i e m i .
D a t i i due i n s i e m i c o s i f o r m a t i :
o t t o gruppi d i formule melodiche
e .,
otto diversi " i c h i " musicali.
Ad o g n i gruppo d i f o r m u l e c o r r i s p o n d e un ben d e t e r m i n a t o " i c h o s " ; a
questo d e t e r m i n a t o "ìchos" c o r r i s p o n d e v i c e v e r s a solamente q u e l ben
d e t e r m i n a t o ed i n d i v i d u a t o gruppo d i f o r m u l e m e l o d i c h e . 'r;
D i q u e s t i o t t o g r u p p i d i f o r m u l e , c i n q u e hanno f a t t o p r o p r i e e q u i n -
d i provengono da g r u p p i d i f o r m u l e m e l o d i c h e , più s v i l u p p a t e e più
e l a b o r a t e , d i "idhiòmela" c a r a t t e r i z z a n t i p a r t i c o l a r i r i c o r r e n z e l i -
t u r g i c h e , mentre i r i m a n e n t i t r e g r u p p i sembrano e s s e r e o r i g i n a l i .
Q u e s t i u l t i m i sono q u e l l i c o r r i s p o n d e n t i all'ìchos primo a u t e n t i c o ,
all'ìchos t e r z o a u t e n t i c o ed all'ìchos q u a r t o a u t e n t i c o . G l i a l t r i
provengono r i s p e t t i v a m e n t e :
- 1'ìchos secondo a u t e n t i c o dall'idhxòmelon c a r a t t e r i s t i c o d e l Gran
de e Santo Giovedì ; _ ^- , ?
- 1'ìchos p i a g a l e primo d a l "Tropàrion" d e l Grande e Santo Sabato;
- l'ìchos p i a g a l e secondo d a l l ' inno c a r a t t e r i z z a n t e l a C r o c i f i s s i o -
ne d i C r i s t o ;
- 1'ìchos p i a g a l e t e r z o , d e t t o anche "varìs", d a l "Prokìmenon" d i Pen
tecoste; . .. , .
- l'ìchos p i a g a l e q u a r t o dall'"ìdhiomelon" c a r a t t e r i s t i c o d e l l ' E p i f a
nia.
O l t r e a l d e s c r i t t o s i s t e m a modale, l a T r a d i z i o n e ce ne ha f a t t o pe£
v e n i r e un secondo, d e t t o "hìma hìma", meno f a s t o s o e più s e m p l i c e
d e l p r e c e d e n t e ; s i s t e m a s t r u t t u r a t o , n e l l e sue l i n e e e s s e n z i a l i , co
me i l p r i n c i p a l e , ma avente i l p r e g i o , se così s i può d i r e , d i a c c o r
c i a r e n o t e v o l m e n t e i tempi d i e s e c u z i o n e .
Da quanto e s p o s t o ne v i e n e che l a T r a d i z i o n e M u s i c a l e L i t u r g i c a dejL
- 8 -

l e Comunità A l b a n e s i d i S i c i l i a a f f o n d a l e sue r a d i c i n e l grande cep-


po d e l l a musica b i z a n t i n a d e l p e r i o d o Kukuzélico e da questo ceppo
t r a e l e sue o r i g i n i . :^
Ma, a d i f f e r e n z a d i e s s o , è una T r a d i z i o n e ancora v i v a e v i t a l e .
S c r i v e v a i l monaco m u s i c o l o g o b e n e d e t t i n o Padre Ugo G a i s s e r n e l l a
"Rassegna G r e g o r i a n a " f a s c i c o l i 9 - 1 0 d e l S e t t e m b r e - O t t o b r e 1905 a
proposito d e l l a Tradizione musicale d e g l i I t a l o - A l b a n e s i :
"Ecco un v e r o ed i g n o t o t e s o r o che p o s s i e d e l ' I t a l i a n e l l e c h i e s e d i
r i t o greco d e l l a C a l a b r i a e d e l l a S i c i l i a . I g n o t o perchè a l l a maggio^
p a r t e ne è s c o n o s c i u t a l ' e s i s t e n z a ; t e s o r o p e r g l i i n t i m i p r e g i d i
q u e s t i c a n t i é p e r i l c o n t r i b u t o g r a n d i s s i m o che possono a r r e c a r e a l -
l a s t o r i a ed a l l e t e o r e t i c h e d e l l ' a r t e m u s i c a l e sì dell'antichità clas^
s i c a che d e l l a c h i e s a g r e c o - o r i e n t a l e . Incombe dunque, prosegue i l
G a i s s e r , a i c u l t o r i ed a i r i c e r c a t o r i d e l l a m u s i c a a n t i c a l ' o b b l i g o
d i p o r r e i n l u c e un s i m i l e t e s o r o , r a c c o g l i e n d o fedelmente c o d e s t i
c a n t i e cercando, i n o g n i modo, che ne venga mantenuta l a p r a t i c a ese
c u z i o n e , come se s i t r a t t a s s e d e l l a c u s t o d i a d i un s a c r o d e p o s i t o " .
S i d i c e comunemente che l a memoria d i un popolo è a f f i d a t a a i monumen
t i che ne t r a s m e t t o n o l a s t o r i a ; a l l a l i n g u a che è i l termometro d e l
l a sua vitalità; a i c o s t u m i ed a l l e t r a d i z i o n i che ne mettono i n e v i -
denza l'animo e l ' i n d o l e .
T r a l e t r a d i z i o n i non u l t i m a è l a t r a d i z i o n e m u s i c a l e s i a l i t u r g i c a
che p r o f a n a , q u e s t ' u l t i m a i n t e s a n e l l ' e c c e z i o n e m i g l i o r e d e l t e r m i n e .
E se q u e s t a T r a d i z i o n e M u s i c a l e è v i v a e v i t a l e , e q u i n d i q u e s t a po£
z i o n e d i "memoria" d e l n o s t r o p o p o l o , d e l l a n o s t r a e t n i a , è a n c o r a
d i n a m i c a , l o s i deve a i t a n t i u m i l i e s c o n o s c i u t i a i più n o s t r i ant£
n a t i , s a c e r d o t i e l a i c i , i q u a l i , n e l c o r s o d e i più d i c i n q u e s e c o l i
d i presenza d e l l e n o s t r e v a r i e comunità i n t e r r a d i S i c i l i a , seppero
ben e l e v a r e l a l o r o p r e g h i e r a a l S i g n o r e s e r v e n d o s i d i q u e s t a T r a d i -
z i o n e M u s i c a l e : ad e s s i vada i l n o s t r o r i n g r a z i a m e n t o .
Ma n e l contempo non posso non r i c o r d a r e a l c u n i i l l u s t r i c u l t o r i d e i
nostri canti: .^---^^^ ; or=
- i l già c i t a t o Padre Ugo G a i s s e r , che p e r primo ne t r a s c r i s s e i n mu
s i c a una p a r t e t r a l a f i n e d e l s e c o l o s c o r s o e g l i i n i z i d e l l ' a t -
tuale;
- Padre G r e g o r i o S t a s s i d i P i a n a d e g l i A l b a n e s i , jeromonaco d e l l a Ba
d i Greca d i G r o t t a f e r r a t a , i l q u a l e , a g l i i n i z i d i q u e s t o ' s e c o l o ,
ne t r a s c r i s s e i n m u s i c a l a q u a s i totalità;
- Padre Lorenzo Tardo, che dedicò un c a p i t o l o d e l l a sua p r i n c i p a l e
pubblicazione "L'antica Melurgia B i z a n t i n a " a i c a n t i i n questione;
- i l P r o f . Francesco F a l s o n e , una voce l a i c a , d i P i a n a d e g l i Albane^
s i , che n e g l i a n n i 30 t r a s c r i s s e i n musica e f e c e stampare a p r o -
p r i e spese buona p a r t e d e l l a t r a d i z i o n e p a r t i c o l a r e d i P i a n a ;
- i l P r o f . O t t a v i o T l b y , a l t r a voce l a i c a , non a p p a r t e n e n t e a l l a Co
- 9 -

m u n i t a a l b a n e s e , ma profondo ed a t t e n t o s t u d i o s o d e l l a musica b i z a n
t i n a e grande e s t i m a t o r e d e l l a n o s t r a m u s i c a t r a d i z i o n a l e l i t u r g i c a ,
che ne curò n e l 1949 una r e g i s t r a z i o n e su n a s t r o magnetico p u r t r o p -
po non d e l t u t t o c o m p l e t a ;
- i l più v o l t e c i t a t o Papàs Matteo Sciambra d i Contessa E n t e l l i n a , che
n e g l i a n n i 50 t r a s c r i s s e t u t t a l a t r a d i z i o n e con l e v a r i a n t i d i o g n i
n o s t r o paese;
- padre Bartolomeo D i S a l v o d i P i a n a d e g l i A l b a n e s i , jeromonaco d e l l a
B a d i a Greca d i G r o t t a f e r r a t a , i l q u a l e , dopo aver r e g i s t r a t o su n a -
s t r o l ' i n s i e m e d e l l a t r a d i z i o n e m u s i c a l e e dopo a v e r l a t r a s c r i t t a
i n m u s i c a , ha p o t u t o r a g g i u n g e r e a p p r e z z a b i l i ed i m p o r t a n t i r i s u l t a
t i comparando l e f o r m u l e melodiche d e l l a n o s t r a t r a d i z i o n e con q u e l
l e d e l canto t r a d i z i o n a l e r e l i g i o s o armeno e s i r o , facendone r i l e v a
r e e r i s a l t a r e l a comunanza d e l l e o r i g i n i , ed i n s e r e n d o queste no-
s t r e s t r u t t u r e melodiche i n un c o n t e s t o più ampio p e r l o s t u d i o e l a
interpretazione d e l l ' a n t i c a semiografia bizantina.
Sarebbe a u s p i c a b i l e che i m a n o s c r i t t i d e l l o Sciambra e d e l D i S a l v o ,
non p u b b l i c a t i p e r l ' i m p r o v v i s a morte d e l primo e p e r l a m a l a t t i a che
a f f l i g g e i l secondo, f o s s e r o p o s t i a d i s p o s i z i o n e d e g l i s t u d i o s i e
d e l l a Comunità.
Termino queste note con 1 ' a u s p i c i o che 1'amore, che deve a b b r a c c i a r e
o g n i a s p e t t o che c a r a t t e r i z z a l a n o s t r a e t n i a , c o n t r i b u i s c a a f a r man
t e n e r e gelosamente v i v a q u e s t a T r a d i z i o n e M u s i c a l e : e s s a , i n f a t t i ,
c o n t i e n e un p a t r i m o n i o p r e z i o s o d i un p a s s a t o i n t r a m o n t a b i l e che p e r
petua l ' e r o i s m o d e l l e n o s t r e Comunità, l e q u a l i seppero sempre, l u n
go i l c o r s o d e i s e c o l i , mantenere pressocché i n t a t t e l e l o r o m o l t e -
p l i c i T r a d i z i o n i , i n armonia con l'insegnamento d e l l ' A p o s t o l o P a o l o
" K r a t i t e t a s paradhòsis", c o n s e r v a t e l e t r a d i z i o n i !

V.
LORENZO TARDO E LA MUSICA BIZANTINA.

I
P. Nilo Somma, Jeromonaco basiliano, rettore del se-
minario pontificio Itaio-Greco-Albanese "Benedetto
XV" e Direttore del coro della Badia Greca di Grotta-
ferrata.

"P. Lorenzo Tardo in biblioteca ormai entra non solo


per curiosare, ma per ricercare, raccogliere, ordinare, ri-
leggere, cercare di capire; i neumi, i grovigli dei segni
diastematici, quel mosaico di zampette non lo atterrisco-
no, tutt'altro, gli aprono più il cuore che gli occhi: le
pergamene, sintonizzate con la sua anima di ricercato-
re, scopritore, musicista e poeta, non parleranno ma can-
teranno".
P. LORENZO TARDO E LA MUSICA BIZANTINA (PROF. F. NILO SOMMA)

"A meno d i 20 km. da Roma l ' A b b a z i a d i G r o t t a f e r r a t a c o s t i t u i s c e


t u t t o r a una c i t t a d e l l a s p i r i t u a l e d e l l a B i s a n z i o C r i s t i a n a , simi.
l e ad una s o r t a d i m i r a c o l o s a t e c a che a b b i a v i n t o i n s i e m e i l
tempo e l o s p a z i o n e l p r e s e r v a r e v i v e n t e i l p a s s a t o . Le sue o r i -
g i n i r i s a l g o n o a l l a f i n e d e l X s e c o l o quando i l monaco N i l o , do-
po d i v e r s e tappe d e l l e sue p e r e g r i n a z i o n i d a l l ' I t a l i a m e r i d i o n a -
l e , g i u n s e n e l l e t e r r e d e i C o n t i d i T u s c o l o ed ottenne d i p o t e r
e r i g e r e un suo monastero. E g l i morì n e i p r i m i a n n i d e l M i l l e .
A i monaci che dovevano c o n t i n u a r e l a sua opera aveva trasmesso
con l a p a r o l a e con l'esempio l ' i d e a l e d e l l a v i t a m o n a s t i c a da
trascorrere n e l l a preghiera informata a i r i t i o r i e n t a l i , n e l l a -
v o r o e n e l l e opere d i carità. . ." ; 1/ - •

I n c u r s i o n i e d e v a s t a z i o n i s i a c c a n i r o n o i n s e g u i t o c o n t r o i l Ceno
b i o , ma da q u e l l e v i c e n d e f o r t u n o s e l a p a r t e d e l p a t r i m o n i o d e l -
l ' A b b a z i a che riuscì ad e s s e r e m e g l i o p r e s e r v a t a f u l a B i b l i o t e -
ca.

L ' i m p u l s o d e l l a c u l t u r a impresso d a l Fondatore a l l a v i t a menasti


ca v i appare s p e c c h i a t o n e i C o d i c i , che t r a t t a n o q u a s i o g n i ramo
d e l l o s c i b i l e m e d i e v a l e . E a l l ' e s s e r e s t a t o S. N i l o un a p p a s s i o -
nato e s a p i e n t e c a n t o r e è anche da r i s a l i r e l a sua maggiore r i c -
c h e z z a : q u e l l a p e r l a quale i l C a r d i n a l Pitrà s c r i s s e n e l l a sua
"Hymnographie de l ' E g l i s e grèque" (1867), c h e , n e l l ' a t t o d i dar
v i t a a G r o t t a f e r r a t a , i l Santo Monaco "met sous l a sauvegarde
du P o n t i f i c a t Suprème l e s r i t e s e t l e s mélodies l e s p l u s a n c i e n -
nes p e u t - e t r e e t l e s p l u s pures de l ' E l i a d e chrétienne". (1)

Così l o speaker d e l l a R a d i o t e l e v i s i o n e I t a l i a n a p r e s e n t a v a DUE


DRAMMI LITURGICI t r a t t i da A c o l u t h i e b i z a n t i n e d e i s e c o l i V i l i
e IX i n t e r p r e t a t i d a l l a S c h o l a m e l u r g i c a d e l l a B a d i a Greca d i
G r o t t a f e r r a t a , d i r e t t a da P. l o r e n z o Tardo. _ _

Eravamo a Ravenna: e r a i l 12 settembre 1956: l ' e s e c u z i o n e e r a of^


f e r t a d a l l a RAI i n onore d e g l i O r g a n i s m i d i R a d i o d i f f u s i o n e ade-
renti a l Prix Italia.

Ma e r a p a s s a t a , n e l 1956, m o l t a acqua s o t t o i p o n t i da quando i l


P. l o r e n z o Tardo, e n t r a t o g l o v a n n e t t o n e l l a B a d i a p r o v e n i e n t e da
Contessa E n t e l l i n a , dove e r a nato i l 23 o t t o b r e 1883, aveva c o -
m i n c i a t o a r e s p i r a r e l ' a r i a c o n g e n i a l e a l l e sue i s p i r a z i o n i , a l -
l a sua sensibilità, a l l a sua d u p l i c e v o c a z i o n e : a l l a v i t a mona-
s t i c a ed a l l a mvisica b i z a n t i n a .
_ 2 -

L'ambiente monastico d i f i n e s e c o l o v a n t a n e l l a s t o r i a d e l ceno-


bio d i G r o t t a f e r r a t a pagine b e l l e che g l i fanno onore. C'è una
r i f i o r i t u r a i n t u t t i 1 campi:
; • • ' ' - -

a) prima d i t u t t o n e l RITO, c u i secondo i l n o s t r o s t o r i c o Don An


t o n i o R o c c h i v a l e g a t a l a sua e s i s t e n z a . Anche i l Sommo Ponte^
f i c e P i o I X se ne interessò e Leone X I I I i l 12 a p r i l e 1881 e-
manava un a p p o s i t o d e c r e t o perchè i l " r i t o f o s s e i n t e g r a l m e n -
te r i c o s t i t u i t o " ( 2 ) ; - ^ F I r.

b) n e l l e L e t t e r e s a c r e e p r o f a n e : b a s t i r i c o r d a r e i l Cozza-Luz-
z i , i l P e l l e g r i n i , P. A n t o n i o R o c c h i , P. S o f r o n i o G a s s i s i
c o n c i t t a d i n o d i P. l o r e n z o , P. N i l o B o r g i a , i q u a l i seppero
p r o d u r r e t a n t e s v a r i a t e e v a l i d i s s i m e opere s u l l a S. S c r i t t u -
r a , l a L i t u r g i a , l ' A s c e t i c a e c c . , da s t r a p p a r e u n ' a l t r a d e f i -
n i z i o n e d e l l a B a d i a a l Papa Leone X I I I , che prima l ' a v e v a ap-
p e l l a t a "gemma o r i e n t a l e " e adesso, i n un Breve d e l settembre
1902 l a d e f i n i s c e " i l d o m i c i l i o d e l l e L e t t e r e e d e l l a R e l i g i o
ne ( 3 ) ; ._ .

c) n e l l ' a r t e s p e c i a l m e n t e d e l l a C a l l i g r a f i a , promossa p r o p r i o i n
questo p e r i o d o i n S c u o l a d i P a l e o g r a f i a , e d e l l a M i n i a t u r a :
è d a l tempo d i S. N i l o , c a l l i g r a f o ed i n n o g r a f o eminente, che
n e l l a B a d i a s i s c r i v o n o a mano i l i b r i c o r a l i e s i d i p i n g o n o
m i n i a t u r e che, come q u e l l e d i P. G r e g o r i o S t a s s i e d i P. A t a -
nasio J a c o n i , o p e r a n t i a G r o t t a f e r r a t a durante l a g i o v i n e z z a
d i P. L o r e n z o , sono a n c o r a una g i o i a d e g l i o c c h i p e r c h i l e
ammira. ""'^^ -''*••• " • "^^-^-'^ -• - •

E l a Musica? Quale r u o l o aveva l a musica i n un monastero dove l e


Sacre u f f i c i a t u r e s i cantavano i n greco da c i r c a 980 a n n i ? E r a
ancora p e r poco tempo un t e s o r o n a s c o s t o e l a c h i a v e ce 1'aveva
un giovane monaco d i C o n t e s s a , che a l nono c e n t e n a r i o d e l beato
t r a n s i t o d i S. N i l o n e l 1904, c o n t a v a 21 anno.

Durante l a c e l e b r a z i o n e d e l C e n t e n a r i o d i S. N i l o e d e l l a B a d i a
Greca g l i e r a sembrato d i sognare ...» aveva r i v i s s u t o un'espe-
r i e n z a u n i c a : i l f e r v o r e d i v i t a s i a s p i r i t u r a l e che c u l t u r a l e ,
l ' e n t u s i a s m o d e i monaci, c a p i t a n a t i da un t r a s c i n a t o r e come l ' e -
gumeno A r s e n i o P e l l e g r i n i , i c o n v e g n i , i s i m p o s i , l e mostre d ' a r
t e , l e p u b b l i c a z i o n i s c i e n t i f i c h e . . . : t u t t o P. Lorenzo c o n s e r v a -
va n e l suo c u o r e , t u t t o g l i r i b o l l i v a n e l l a f a n t a s i a ...

Aveva s e n t i t o , durante l a C e l e b r a z i o n e u f f i c i a l e l i t u r g i c a d e l
Centenario presieduta d a l P a t r i a r c a C i r i l l o V i l i d e i M e l c h i t i
- 3 -

i l 26 s e t t m b r e 1904, c a n t a r e i l Coro d e l C o l l e g i o Greco d i Roma


i n musica b i z a n t i n a moderna s o t t o l a d i r e z i o n e d e l b e n e d e t t i n o
P. Ugo G a i s s e r , m u s i c o l o g o e m u s i c i s t a , E non g l i e r a s f u g g i t o
che P. A n t o n i o R o c c h i , l o s t o r i c o d e l l a B a d i a , e P. N i l o B o r g i a ,
da P i a n a d e g l i A l b a n e s i , i l l i t u r g i s t a , p a r l o t t a n d o s u l l ' e s e c u -
z i o n e d e i c o r i s t i d e l C o l l e g i o Greco, lamentavano che i l Monaste
r o non a v e s s e un c o r o p r o p r i o . E l e musiche c'erano, ed erano
q u e l l e t r a s c r i t t e n e i c o d i c i da N i l o , S o f r o n i o , Bartolomeo e L u -
ca d a l secondo X I i n p o i . Le musiche c'erano ' - .V: *

E i l g i o v a n e monaco cadde i n c r i s i . E g l i aveva s e n t i t o c a n t a r e


t a n t e v o l t e d a i Monaci i V e s p e r i e i M a t t u t i n i d e l l e solennità
m a g g i o r i d e l l ' a n n o l i t u r g i c o con formule m u s i c a l i p a r t i c o l a r i a
cadenza s e m p l i c e n e g l i o t t o t o n i s u un t e s s u t o m e l o d i c o q u a s i re^
c i t a t i v o . S i doveva r i c o r r e r e a c o r i e s t e r n i p e r c a n t a r e una L i -
t u r g i a n e l l a b a s i l i c a d e l monastero .... No! C o s i non p o t e v a an-
dare ! . . . .

E l a P r o v v i d e n z a aiutò P. L o r e n z o ad imboccare l a s t r a d a g i u s t a ,
l a s t r a d a sua: v i t a m o n a s t i c a e m u s i c a b i z a n t i n a n e l cenobio d i
S. N i l o a G r o t t a f e r r a t a : e s s a , che g l i aveva f o r n i t o u n ' i n d o l e ,
un'anima, una sensibilità m u s i c a l e non comune, g l i avrebbe manda
to s u l suo cammino l e persone a d a t t e p e r f a r g l i a t t u a r e i n p i e n o
e con s i c u r e z z a l a sua d u p l i c e v o c a z i o n e . :.

Ed ecco : a l c u n i l u n g i m i r a n t i s u p e r i o r i e c o n f r a t e l l i l o a i u t a n o
e 1'incoraggiano s u b i t o perchè è un g i o v a n e che p r o m e t t e , ha
buona s t o f f a e d i c e s u l s e r i o : studierà musica b i z a n t i n o - m o d e r n a
ed o c c i d e n t a l e con Mons.Lazzaro M l a d e n o f f , che l o ordinerà s a c e r
dote i l 20 gennaio 1907. Apprenderà canto c o r a l e . Contrappunto
ed Armonia d a l Maestro Corace C a t a l d i Tassone, d i s c e p o l o d i Ma-
scagni .

Già è d i c a s a i n b i b l i o t e c a , dove ormai non e n t r a s o l o p e r curi£


s a r e , ma p e r r i c e r c a r e , r a c c o g l i e r e , o r d i n a r e , r i l e g g e r e , c e r c a -
r e d i c a p i r e .,,: m e r a v i g l i o s o è i l m a t e r i a l e m e l u r g i c o d e i c o d i
c i : 1 neumi, i g r o v i g l i d e i s e g n i d i a s t e m a t i c i , q u e l mosaico d i
.... zampette, che fanno da s u p p o r t o ad un t e s t o p o e t i c o degno
d e l m i g l i o r Romano i l Melode o d i G i o v a n n i Damasceno, non l o a t -
t e r r i s c o n o , t u t t ' a l t r o , g l i aprono più i l cuore che g l i o c c h i :
l e pergamene, s i n t o n i z z a t e con l a sua anima d i r i c e r c a t o r e , s c o -
p r i t o r e , m u s i c i s t a e p o e t a , non p a r l e r a n n o ma c a n t e r a n n o .

E così l o s c r i g n o d e i t e s o r i più b e l l i e più n a s c o s t i d e l l a Ba-


_ 4 -

d i a v i e n e a p e r t o d a l giovane Jeormonaco Lorenzo Tardo, che è già


capace n e l 1915 (ha s u p e r a t o da poco l a t r e n t i n a ) -a c o s t i t u i r e .
un Coro.con e l e m e n t i d e l Monastero e f a r g u s t a r e a l suo v e c c h i o
maestro Mons. M l a d e n o f f , venuto a l l a B a d i a p e r c o n f e r i r e g l i o£
d i n i s a c r i ad a l c u n i monaci, l e m e l o d i e d e i c o d i c i a n t i c h i , r i -
maste p e r s e c o l i s e p o l t e e che d'un b a l z o hanno f a t t o r i v i v e r e
a t u t t i momenti d i i n t e n s a g i o i a come se s i f o s s e a i tempi d i
S. Bartolomeo. , , .,

E ce n'era v o l u t a d i p a z i e n z a , t e n a c i a , c o s t a n z a , e, d i c i a m o , an
che caparbietà: p e r c r e a r e i n poco tempo una nuova mentalità,
per r i f a r e i l p r o p r i o e l ' a l t r u i o r e c c h i o s u c a n t i s c o n o s c i u t i e
mai s e n t i t i , s o t t o p o r s i ad e s t e n u a n t i p r o v e , c o i n v o l g e r e i n una
a v v e n t u r a , p e r quanto e s a l t a n t e ma ancora p i e n a d e l l ' o r r o r e d e l -
l ' i g n o t o t u t t i , s i m p a t i z z a n t i ed o p p o s i t o r i , s o s t e n i t o r i ed i n -
d i f f e r e n t i , c'è v o l u t o un b e l c o r a g g i o , c'è v o l u t o , così amiamo
e s p r i m e r c i a l l a B a d i a , l a l a u r e n z i a n a a t a r a s s i a ...

E P. l o r e n z o , come t u t t i i p i o n i e r i , che c o s t r u i s c o n o l a l o r o e-
s i s t e n z a s u un i d e a l e , su una f e d e , s u un v a l o r e , aveva veraraen
t e l'anima t e t r a g o n a a i c o l p i d i v e n t u r a .

Q u e l l o che e g l i ha p r o d o t t o : d a l l a p u b b l i c a z i o n e d e i c a t a l o g h i
m u s i c a l i d e i c o d i c i a l l a d e s c r i z i o n e d e i mss, d a l l ' i n d a g i n e s u l -
l a s e m i o g r a f i a s p e c i a l m e n t e neo b i z a n t i n a a l l a c o m p i l a z i o n e d e l -
l a grammatica m u s i c a l e , d a l l e b i o g r a f i e d e i n o s t r i s a n t i a i res£
c o n t i d e i v i a g g i s c i e n t i f i c i , d a l l e musiche s a c r e p e r f i l m s a i
drammi l i t u r g i c i , d a g l i a r t i c o l i s u l l e più q u o t a t e r i v i s t e a l l e
due opere m a g g i o r i , a p a r t e i l v a l o r e c r i t i c o che pure è i n n e g a -
b i l e , t u t t a l a s u a r i c e r c a è e s p r e s s i o n e d i un animo n o b i l e e
grande, fondato s u l l a r o c c i a : e g l i t r a c c i a v a i n o g n i f o g l i o musi,
c a l e , a l d i s o p r a d e l l e note e d e i neumi, una c r o c e con l a s c r i t ^

ta: . E definiva i l suo c a r i s m a p r i v i l e g i o d i D i o ,


Ul KA
come s e n t i r e m o d a l l a sua v i v a voce.
A n z i r i f e r i v a questo c a r i s m a non a se s t e s s o ma a l l a B a d i a , ama-
t a come madre, c u i aveva cambiato, p e r d i r così 1 c o n n o t a t i d a l
momento che 1'aveva r i s c o p e r t a t e s o r i e r a d e l l e più b e l l e g l o r i e
p o e t i c h e d e l p a s s a t o : da P. Lorenzo Tardo i n p o i non s i può d i r e
B a d i a Greca d i G r o t t a f e r r a t a senza pensare a l l a M u s i c a b i z a n t i n a .
E l a Musica b i z a n t i n a ha r i l a n c i a t o l a B a d i a e l a M u s i c a b i z a n t i
na, cioè p r e s e n z a v i v a , c o r a l e , l i t u r g i c a , o r i e n t a l e d e l l a B a d i a
n e l l a C h i e s a d i C r i s t o salverà l a B a d i a ,
- 5 -

Gli studi s u l l a Musica bizantina, o più g e n e r i c a m e n t e sull'Inno-


grafia bizantina, già a g l i inizi d i questo s e c o l o avevano avuto
valenti cultori, che possono d e f i n i r s i i precursori d e i grandi
s t u d i o s i che opereranno d a g l i a n n i t r e n t a i n poi. . ,-
Thibaut, Fleischer, R e i m a n n , G a i s s e r , Gastoué h a n n o d i s s o d a t o
il terreno s i a per g l i studiosi dell'area d a n e s e , che c o n Hoeg,
Tylliard e W e l l e s z hanno p u b b l i c a t o opere f o n d a m e n t a l i , s i a d e l -
l'area cryptense c h e c o n P. T a r d o h a i s t i t u i t o una v e r a e p r o -
prima s c u o l a , che s i è impegnata a l recupero, interpretazione,
valorizzazione, diffusione d e l ricchissimo patrimonio melurgico
dei codici sulla scorta della tradizione popolare v i v a delle
C o l o n i e i t a l o - a l b a n e s i , che hanno sempre c a n t a t o i n g r e c o , e s i a
anche d e l l ' a r e a g r e c a c o n s t u d i o s i e m u s i c i s t i che vanno da C r i -
santo a Psachos, gelosi della loro interpretazione che è aggan-
ciata direttamenbte alla traidzione, per l o r o l ' u n i c a , mai i n -
terrotta.

E dire che non è c o r s o q u a s i m a i buon sangue f r a i t r e g r u p p i ,


anzi, qualche v o l t a s i è dovuto a s s i s t e r e pure a fatti....
d'arme.

P. T a r d o , p e r d i r l a c o l Manzoni, non è nato c o n un c u o r d i l e o -


ne, e i lcarbone e l a legna con c u i alimentava l a fucina melur-
gica d i Grottaferrata non s e r v i v a n o per f a b b r i c a r e .... a r m i c o n
tro g l i s t u d i o s i d i Copenaghen o c o n t r o g l i i r r i d u c i b i l i d iAte
ne: egli s'era p r e f i s s o uno s c o p o b e n p r e c i s o : finalizzare l ' i n
dagine scientifica alla pratica liturgica: leggere, studiare,
trascrivere, interpretare, viaggiare, insegnare, divulgarec o l
solo scopo d i rendere un s e r v i z i o a l l a l o d e d i D i o ed a l l a testi-
monianza d i fede, naturalmente rifacendosi all'humus culturale e
scientifico d e l l a B a d i a , che aveva a l l e s p a l l e più d i 900 a n n i
di storia.

Ma a q u a n t e a l t r e c o s e P. L o r e n z o ha d o v u t o a t t e n d e r e che non a-
vevano n i e n t e a che f a r e con l a musica! Egli però i n u n modo o
nell'altro cercava d i f a r c e l a entrare. I ls e r v i z i o m i l i t a r e , per
esempio, s v o l t o durante l a I^Guerra mondiale a Messina n e l Corpo
di Sanità, n o n g l i i m p e d i d i continuare i suoi studi s u i codici
della B i b l i o t e c a U n i v e r s i t a r i a , erede d e l r i c c o Fondo d e l grande
Cenobio b a s i l i a n o d e l SS. S a l v a t o r e . N e s s u n o l ' h a m a i e s o n e r a t o
dagli uffici, anche d i grave responsabilità, d e l M o n a s t e r o , c h e
assorbivano l a m a g g i o r p a r t e d e l s u o tempo p r e z i o s o : è già t a n t o
che egli ha i n c o m i n c i a t o a s t u d i a r e f i n da g i o v a n e . . . Però, s e
pure non ha avuto l a soddisfazione d i gestire tutto i l s u o tempo
- 6 -

con l a s u a d i l e t t a m u s i c a , h a a v u t o , p e r e s e m p i o , s u b i t o dopo l a
I^guerra, a l r i e n t r o i n monastero, una f o r t u n a veramente s t r a o r -
d i n a r i a p e r u n m a e s t r o : l a possibilità d i r i c o s t i t u i r e l a Schola
cantorum su una base d i v o c i veramente i n v i d i a b i l e : i ragazzi e
i g i o v a n i a l u n n i d e l nuovo s e m i n a r i o istituito n e l 1918 d a l Som-
mo P o n t . B e n e d e t t o XV ( 4 ) .

Incomincia c o s i l'attività d e l C o r o m e l u r g i c o : l a Divina Litur-


gia e l e Sacre F u n z i o n i f a n n o p u n t a r e g l i o c c h i d e l mondo reli-
gioso e c u l t u r a l e s u l l a Badia: e c c o l a gemma i n c o m i n c i a a bril-
l a r e e pòrta l a s u a l u c e a n c h e f u o r i c a s a : Roma 16 g e n n a i o 1 9 2 1 :
l'^Concerto tenuto n e l l ' a u l a magna dell'Università, p r e s e n t e l ' O n .
Rosati sottosegretario alle Belle Arti. Dopo a p p e n a 4 g i o r n i , i l
20 g e n n a i o s i r e p l i c a a l l ' " A r c a d i a " , s e m p r e a Roma.

N e i nove a n n i che seguono s i l a v o r a sodo p e r l a p r e p a r a z i o n e d e l


Centenario della Traslazione d e l l ' I c o n a d e l l a Madonna, celebrato
con g r a n d e solennità n e l 1 9 3 0 , n o n s o l o p e r l e o p e r e d i r e s t a u r a
zione della Basilica e d e g l i ambienti d e l m o n a s t e r o , ma special-
mente- p e r i l c a n t o l i t u r g i c o , eseguito da un Coro meravigliosa-
mente a f f i a t a t o , lodato e incoraggiato daicritici e musicisti
del tempo, n o n u l t i m o i l M** P i e t r o M a g r i , g r a n d e a m i c o d i P. L o -
renzo. I l clou delle manifestazioni artistiche d e l Centenario s i
ebbe q u a n d o l a S c h o l a c a n t o r u m i l 30 m a g g i o 1 9 3 0 d i e d e u n memora
bile concerto a l Palazzo d e l l a C a n c e l l e r i a d i Roma: s t a m p a e c r l ^
tici tutti entusiasti. . „

I C o n c e r t i , c h e v a n n o d a l 1921 a l 1 9 5 6 , c o n i n t e r r u z i o n e , a c a u -
s a d e l l ' u l t i m o c o n f l i t t o m o n d i a l e , t r a i l 1939 e d i l 1 9 4 7 , r i -
scossero t u t t i vasta eco p o s i t i v a d i c r i t i c a e d i pubblico, ed
a l c u n i rimasero memorabili, come q u e l l o d i V e n e z i a n e l 1 9 3 4 , d i
F a e n z a n e l 1 9 3 8 . d i Roma all'È.I.A.R. n e l 1 9 3 9 , d i B o l o g n a n e l
1948. d i P a r i g i n e l 1954, d i Ravenna n e l 1956. -^-^

Gli anni t r e n t a s e g n a n o l ' a p i c e dell'attività scientifica del


Tardo, s i a per i v i a g g i d i s t u d i o f a t t i i n Grecia (più v o l t e ) ,
in P a l e s t i n a ed a l S i n a i , s i a per l e pubblicazioni. .

E s c e n e l 1938 L ' A N T I C A MELURGIA B I Z A N T I N A , l ' o p e r a sua p r i n c i p a -


le. Egli, s c i e n t i f i c a m e n t e p a r l a n d o s i pone u n t r i p l i c e intento:
a) offrire un e x c u r s u s s t o r i c o s u l l ' o r i g i n e , l o sviluppo e l ed i
verse fasi della Melurgia, toccando t u t t i g l i argomenti d a l l e
forme m e l o d i c h e a l l e strutture semiografiche, i v i compreso un
saggio s u iCanti d e l l a tradizione d e l l e Colonie italo-albane-
si;
b) pubblicare i testi teoretici, p e r buona p a r t e inediti» c h e s o
- 7 -

no propedeuClci all'apprendimento o all'insegnamento della


stessa musica;
c) c o m p i l a r e , sempre i n v i s t a d e l l o scopo l i t u r g i c o p r a t i c o , una
Grammatica musicale c o n v a s t a gamma d i e s e m p i .

E' e s a t t a m e n t e q u e l che ha fatto: ed a n c h e c i è b e n riuscito se


si p e n s a che P. Lorenzo, e s s e n d o un p i o n i e r e ed uno scopritore,
non poteva esaurientemente risolvere, nè sotto l'aspetto storico
nè sotto l'aspetto tecnico-scientifico i l vasto ventaglio d i prò
blemi i n n u m e r e v o l i , che s o r g e v a n o ad ogni v o l t a r e d i pagina. E-
gli i problemi l i ha v i s t i quasi t u t t i , ha accennato a v a l i d e so
luzioni, ha b u t t a t o un b u o n seme: d i f a t t i P. Bartolomeo D i Salvo,
suo immediato successore n e l l a d i r e z i o n e d e l Coro, ha s v i l u p p a t o
le sue premesse seguendo l a t r a c c i a d e l l ' i n t e r p r e t a z i o n e crypten
se, sviluppando le ricerche sulla s e m i o g r a f i a , f a c e n d o un passo
avanti nelle traduzioni i n notazione o c c i d e n t a l e i n c u i , per l a
verità, n o n s i è l a s c i a t o prendere dall'estro ... estetico, come
qualche volta è c a p i t a t o a P. T a r d o . C e r t o è che g l i studiosi di
Copenhaghen hanno p u b b l i c a t o t e s t i e scritto libri estremamente
scientifici per le biblioteche, P. Lorenzo i n v e c e ha fatto rivi-
vere una tradizione che, attingendo a l sentimento poetico e re-
ligioso, non mai tramontato nell'uomo , t i f a i n n a l z a r e l a mente
e i l cuore alle s f e r e d e l l a pura gioia spirituale, a n c h e se non
si c a p i s c e l a l i n g u a i n c u i i l Coro s i esprime o l a L i t u r g i a in
cui l a c e l e b r a z i o n e s i s v o l g e . Ma, ahimé, i l M a e s t r o O t t a v i o T i -
by pubblica nello s t e s s o a n n o 1938 "La M u s i c a bizantina - Teoria
e storia" e s i accaparra, dato che lavora a l Ministero della
Stampa e P r o p a g a n d a f a s c i s t a , i lpremio dell'Accademia d'Italia,
come p r i m o s t u d i o s o n e l n o s t r o p a e s e che t r a t t a ampiamente un
argomento d e l t u t t o nuovo. Cosa s i manovra d i e t r o l e quinte dei
premi l e t t e r a r i ! E l e difficoltà n o n erano finite....

P. l o r e n z o e l a sua Scuola, purtroppo, f o r s e p e r un insieme di


"tempestates" s f o r t u n a t e , non u l t i m e l a mentalità, l'invidia,
la z a v o r r a d i c o l o r e che h a n n o come p r o g r a m m a d i v i t a i l "quie-•
ta non m o v e r e " c a p a c i d i m a n d a r e a fumo i più nobili ideali, e
forse, diciamolo pure, per l'impostazione d e l l o studio e l a pre-
parazione scientifica r e m o t a , P. Lorenzo e l a sua Scuola sembra-
vano rimanere a l margine d e l grande movimento d i s t u d i s u l l a Mu-
sica bizantina, che c o l p r o g e t t o d i C o p e n h a g e n d e l 1931, l a scu£
la danese aveva p o r t a t o d i c o l p o a l primo piano dell'interesse
s c i e n t i f i c o mondiale. : ' • . ..^
- 8 -

Non me l a s e n t o d i m a l i g n a r e s u l s o t t o t i t o l o dell'opera maggiore


che recita ... " s e c o n d o 1 ' i n t e p r e t a z i o n e d e l l a Scuola d i Grotta
f e r r a t a " , ma p u r t r o p p o l e r e c e n s i o n i l u s i n g h i e r e che stampa e
riviste s c i e n t i f i c h e ne h a n n o f a t t o n e l 1939 n o n h a n n o fugato
dalla t e s t a d i a l c u n i che q u e l l a p r e c i s a z i o n e avesse d e l t u t t o
il s a p o r e d i ... c h i u s u r a , limitazione o dichiarata non-collabo-
razione. D i f a t t i u n o d e g l i s t u d i o s i più q u o t a t i d i q u e g l i anni,
Egon W e l l e s z , pubblicando 11 a n n i dopo n e l 1 9 4 9 , a O x f o r d l a
" S t o r i a d e l l a M u s i c a e d e l l ' i n n o g r a f l a b i z a n t i n a " c o n c e d e a P.
Tardo appena un p o s t i c i n o n e l l a B i b l i o g r a f i a e l o relega quattro
o cinque v o l t e i n nota (5). ,

L ' i m p o r t a n z a d e l l a S c u o l a d i G r o t t a f e r r a t a emergerà senz'altro


quando sarà r i s o l t o i l più g r a v e p r o b l e m a a n c o r a s u l t a p p e t o :
rapporto f r a tradizione s c r i t t a e tradizione orale ( 6 ) : che l ' u n a
e l ' a l t r a bisogna tenere presenti quando s i p a r l a d i m u s i c a b i -
z a n t i n a , P. L o r e n z o l ' h a r i b a d i t o s e m p r e , a n c h e q u a n d o l a d i a t r 1^
ha h a p r e s o , d i c i a m o , u n a b r u t t a piega, come n e l l e v i c e n d e , tal-
v o l t a burrascose, d e g l i anni trenta, sulla collaborazione Grotta
f e r r a t a - C o p e n h a g e n . Ne f a c c i a m o u n c e n n o .

11 g r u p p o d a n e s e , c h e già n e l l u g l i o d e l 1931, c o lp r o p o s i t o d i
tradurre i n pratica i voti f o r m u l a t i d a l I I I Congresso d i Studi
bizantini, aveva concertato sotto g l i a u s p i c i d e l l a Fondazione
Rask-Oersted, l a pubblicazione d e i MONUMENTA MUSICAE BYZANTINAE,
chiese, tramite l ' U n i o n Académique I n t e r n a t i o n a l e , l a collabora-
zione di altri Istituti d i c u l t u r a p e r l a r e a l i z z a z i o n e d e l PRO-
GETTO. L ' U n i o n e a c c a d e m i c a i n t e r n a z i o n a l e , fatto proprio i l pro-
getto, ne inviò c o p i a anche a l l ' U n i o n e Accademica Nazionale ita-
liana, l a q u a l e consultò i l 2 d i c e m b r e 1932 P. L o r e n z o T a r d o p e r
d e c i d e r e i l da f a r s i . Nella risposta egli disse che 1 ' I t a l i a a-
vrebbe potuto o f f r i r e un v a l i d o contributo:

a) pubblicando i c a t a l o g h i d e i c o d i c i d i musica b i z a n t i n a esi-


stenti in Italia;
b) raccogliendo, trascrivendo e pubblicando i canti bizantini
delle Colonie Italo-albanesi;
c) c u r a n d o l ' e d i z i o n e i n f a c - s i m i l e d e l l ' H i r m o l o g i u m cryptense
E.g.II.

Questo p i a n o , d i c i a m o L a u r e n z i a n o , f u c o m u n i c a t o n e l maggio ••. ,


1933 all'Unione Accademica I n t e r n a z i o n a l e d a l rappresentante i -
taliano Prof. V. U s s a n i . 1 1 30 a p r i l e d e l 1935 P. T a r d o veniva
nominato delegato t e c n i c o a l l a XVI sessione annuale dell'Unione
Accademica I n t e r n a z i o n a l e , c h e lavorò a C o p e n h a g e n n e i g i o r n i
- 9 -

13-16 maggio 1936. ...

"I c o n t r a s t i emersi", come p r e c i s a n e l n a r r a r e questo avvenimen-


t o P. M a r c o P e t t a , " s i n d a i p r i m i i n c o n t r i s o p r a t t u t t o c i r c a i
rispettivi principi a d o t a t t i per l a t r a s c r i z i o n e d e l l a semiogra-
f i a musicale neobizantina, apparvero i n s o r m o n t a b i l i " (7).
N e s s u n a c c o r d o . P. L o r e n z o n e l l a r e l a z i o n e che d e l l ' i n c o n t r o p r e
s e n t a v a s u b i t o dopo a l l ' U n i o n e A c c a d e m i c a N a z i o n a l e comunicava
che con i P r o f f . T y l l i a r d , Hoeg e W e l l e s z riteneva impossibile
un'intesa ragionevole d i collaborazione i n quanto i l sistema d i
interpretazione per l e t r a s c r i z i o n i melurgiche presentate d a l
d a n e s e Hoeg e s c l u d e v a qualsiasi valore alla tradizione vivente
e s i basava solo s u i t e s t i teoretici, mentre i l sistema d i Grot-
taferrata s i basa direttamente s u i c o d i c i con l ' a u s i l i o dei te-
sti teoretici sulla scorta della tradizione, specie dell'Italia
meridionale.

Dopo q u e l b r u t t o 16 m a g g i o 1 9 3 6 , p a s s a r o n o 14 a n n i di fitta e,
diciamo, anche r i s p e t t o s a c o r r i s p o n d e n z a e p i s t o l a r e onde c o m p o r -
re l e d i v e r g e n z e : n i e n t e d i f a t t o .

Un a c c o r d o t r a l a S c u o l a danese e q u e l l a d i G r o t t a f e r r a t a s i eb-
be s o l o n e l 1950. A l l a riunione tenuta nella B i b l i o t e c a d e l l a Ba-
dia parteciparono i P r o f f . S.G. M e r c a t i , C. H o e g , E g o n Wellesz,
0. S t r u n k , l'Archimandrita I s i d o r o C r o c e , P. T e o d o r o M i n i s c i e P.
Bartolomeo D i Salvo. P. L o r e n z o , c h e s i t r o v a v a i n America per
un g i r o d i Conferenze e a u d i z i o n i d i d i s c h i a Washington, New
York e a W e l l e s l y , apprese con c e r t a d i f f i d e n z a l a n o t i z i a della
... " M o l t ' a n n i lagrimata concordia ... musicale".
E l ' E . g . I I venne p u b b l i c a t o i n fototipia, con i n t r o d u z i o n e d i P.
Tardo, s o t t o 1'egida dell'Unione Accademica I n t e r n a z i o n a l e , non
cosi l'Ottoeco, u l t i m a opera d e l l o Jeromonaco c r y p t e n s e , pubbli-
c a t a n e l 1955.

In merito d i quest'ultima opera, non s u f f i c i e n t e m e n t e valutata


dai c r i t i c i , è n e l tentativo d i esibire specimina d i formule mes
se a c o n f r o n t o , r i c a v a t e d a 20 c o d i c i n e o b i z a n t i n i e q u a t t r o p a -
leobizantini onde a v v i c i n a r s i a l t e s t o critico.
Ma t e s t o c r i t i c o n o n è, come a f f e r m a P. L o r e n z o s t e s s o n e l l a am-
pia prefazione. L ' a l t r o merito è costituito dalla traduzione d e l
la semiografia bizantina, riprodotta i n bella calligrafia, i n no
tazione occidentale s u l pentagramma. Anche q u i 1 ' i n t e n t o liturgia
co, pratico.
Quest'ultimo aspetto, c h e i n q u a l c h e modo c a r a t t e r i z z a l a S c u o l a
- i o -
di Grottaferrata, c a p i t a n a t a da P. Lorenzo Tardo, è s t a t a ben
messa a f u o c o , senza s a p e r l o , d a l ricordato Ottavio Tiby, i l
quale r i f e r i s c e n e l l a conclusione d e l l a sua o p e r a "La Musica
Bizantina".

" O c c o r r e r e b b e che nello studio d e l l a Musica Bizantina, di pari


passo a l l ' i n d a g i n e erudita, procedesse l a r i c e r c a fatta a scopo''
pratico, come i n O c c i d e n t e i PP. B e n e d e t t i n i d i Solesmes sotto-
posero a studio minuzioso tutti i codici g r e g o r i a n i d ' E u r o p a on '
de pervenire a l l e loro mirabili ricostruzioni che hanno ricon-
dotto l a musica cantata n e l l e nostre chiese l a t i n e quasi alle
p u r e f o n t i d i S. G r e g o r i o . N e s s u n o può dire a quali risultati si
giungerebbe n e l campo d e l l a m u s i c a b i z a n t i n a con un esame compa-
rativo di quella m a n i e r a ; ma c e r t a m e n t e e s s i non potrebbero es-
s e r e che grandissimi : molti problemi, d e l l a notazione, del rit-
mo, d e l l a modalità, s i i l l u m i n e r e b b e r o p r o b a b i l m e n t e d i l u c e nuo
va; l'evoluzione della teoria musicale bizantina verrebbe a dell
nearsi quasi sotto g l i occhi del ricercatore; sarebbe i n f i n e pos
sibile combattere a b i t u d i n i non g i u s t i f i c a t e ed arbitri dei sin-
goli, correggere l e a l t e r a z i o n i e le deviazioni che i l canto gre
co ebbe a s u b i r e n e l corso dei s e c o l i . La pratica e la teoria
m u o v e r e b b e r o così d i p a r i passo v e r s o l a completa restaurazione
e ricostruzione d i una forma d'arte n o b i l i s s i m a . E s i noti che
le fonti della ricerca d o v r e b b e r o e s s e r e non solo i codici e le
stampe m u s i c a l i d i o g n i e p o c a , ma anche i c a n t i che oggi ancora
i n molte r e g i o n i s i tramandano o r a l m e n t e d i g e n e r a z i o n e i n gene-
razione" ... (8).

E* e s a t t a m e n t e q u e l che ha inteso fare P. Lorenzo Tardo Jeromona


co d e l l a Badia d i Grottaferrata.
- Il -

NOTE

(1) C f r . J . B . Pitrà, H y m n o g r a p h i e de l ' E g l i s e grèque, Roma 1867


pag. 61

(2) C f r . A. R o c c h i , La Badia d i Grottaferrata, I I edizione -


Roma, 1 9 0 4 , p a g . 7 4 ;

(3) C f r . A. R o c c h i , o. c. p a g , 147;

(4) I l seminario che s i g l o r i a d e l nome d e l s u o F o n d a t o r e , i l


q u a l e ne ha s u b i t o a f f i d a t o l a d i r e z i o n e a i M o n a c i Basiliani
di Grottaferrata, è definito italo-greco-albanese, non s o l o
per indicarne i l r i t o ma l a " e t n i a " d e i g i o v a n i c h e v i v e n g o
no formati p e r i l c l e r o d e l l e due D i o c e s i b i z a n t i n e d i I t a -
lia: L u n g r o , f o n d a t a n e l 1919, e P i a n a degli Albanesi n e l
1937;

(5) C f r . E. W e l l e s z , A H i s t o r y o f B y z a n t i n e M u s i c a n d Hymnography
pubblicata i n 1° e d i z i o n e a O x f o r d n e l 1949,
pag. 20;

(6) C f r . G. M a r z i . "Musica b i z a n t i n a " , i n D i z i o n a r i o d e l l a Musica


e d e i Musicisti, v o i . I , I l Lessico - UTET,
Torino, 1983, pag. 355;

(7) C f r . P.M. P e t t a "P. L o r e n z o Tardo e i l r i f i o r i m e n t o d e l Can-


to bizantino n e l l a Badia" i nBollettino del-
la B a d i a G r e c a d i G r o t t a f e r r a t a N.S. v o i .
XX ( 1 9 6 7 ) , G e n n a i o - G i u n g o , p a g . 11 ;

(8) Cfr. Ottavio Tiby, La Musica Bizantina, Teoria e Storia,


Milano, 1938 - X V I , pag. 200.
MARCO PETTA

PADRE LORENZO TARDO


E IL RIFIORIMENTO DEL CANTO BIZANTINO NELLA BADIA

Estratto da:
Bollettino della Badia Greca di Groltaferrata
N. S. Voi. X X I (1967). Fase, gennaio - giugno.
PADRE LORENZO TARDO
E IL RIFIORIMENTO D E L CANTO BIZANTINO N E L L A BADIA

L a figura di P. Lorenzo Tardo è strettamente collegata con il ri-


fiorire della musica bizantina nel monastero di Grottaferrata. Molte
delle persone con cui ho avuto i l piacere di conversare, quando il di-
scorso cadeva su P. Lorenzo, immancabilmente chiedevano: e la
scuola di melurgia come va? Anzi, alcuni hanno conosciuto la Badia
solo attraverso l'opera di questo suo figlio.
Io stesso ho avuto il primo incontro con Patera, come familiar-
mente lo chiamavamo, precisamente sul campo musicale, anche se
con esito negativo.
Erano trascorse alcune settimane da ch'ero giunto a Grottaler-
rata insieme con altri tre giovani, e P. Lorenzo volle provare le doti
canore dei nuovi arrivati nell'eventualità di aggregarli al coro mo-
nastico. V - ,;>^ ..•
Per quel che mi riguardava non mi facevo illusioni di riuscita;
già il mio buon parroco, sentendomi cantare, aveva sentenziato:
raglia il somaro. In ogni modo all'invito del Maestro di solfeggiare,
cercai di offrire il meglio delle mie doti, ma ahimè, che disastrol
Non ebbi il tempo di finire, che le risate dei miei compagni coprirono
la mia voce. P. Lorenzo mi guardava con sorriso e, volendo attutire
la rumorosa disapprovazione dei compagni, mi disse in albanese per
creare intorno a me un ambiente intimo e familiare: figlio mio, vai,
ti ascolterò un'altra volta.
In quel momento il mio pensiero volò all'Aeropago ateniese;
anche là, sebbene meno benevolmente, i sapienti di quel consesso ri-
volsero simili parole a Paolo dì Tarso, con l'evidente intenzione di to-
glierselo dai piedi, quando lo sentirono parlare di risurrezione dei
morti. Così rimasi pienamente convinto ch'era più facile far rivivere i
morti che far di me un mediocre discepolo di Melpomene e, quindi,
non aprì mai più un hbro di musica.
Mi son permesso di riferire questo episodio strettamente perso-
nale per indicare quanto grande sia stato il mio disagio nel sentirmi
proporre di scrivere su P. Lorenzo e sulla sua attività di musicologo.
Non essendo riuscito a declinare l'invito, mi limiterò ad alcuni cenni
bio-bibliografici e a stendere una lista delle audizioni musicali da lui
dirette.
• • • "

Il P. Tardo è nato il 23 ottobre 1883 a Contessa Entelliua, colo-


nia albanese in provincia di Palermo, da buona famiglia attaccata alle
tradizioni avite. E forse anche il piccolo Luca, tale il nome di batte-
simo di P. Lorenzo, si sarà recato in pellegrinaggio sulle colline cir-
costanti il suo paese e, anima squisitamente musicale, avrà cantato
con passione e nostalgia l'inno alla cara terra d'origine, alla bella Mo-
rea: « O e bukura More si t è lè e me n g è t é pò... » (O bella mia Morea
da quando ti lasciai non ti ho mai più visto).
Compiute le scuole elementari, si sentì attratto a seguire l'esem-
pio del suo concittadino P. Sofronio Gassisi ed entrò nel monastero
di Grottaferrata, ove continuò con profitto gli studi superiori uma-
nistici e filosofico-teologici. A l termine dei corsi emise la professione
monastica l'S maggio 1906 e il 20 gennaio dell'anno successivo fu
consacrato sacerdote da S. Ecc. Mons. Lazzaro Mladenoff, vescovo
titolare di Salala e residente a Roma fin dal 1895.
Questo prelato, oltre ad essere un illustre campione dell'ortodos-
sìa, era un appassionato studioso di nmsica bizantina, discendente
da una famigha di musicisti e competente anche nella musica occi-
dentale appresa durante il suo soggiorno a Parigi.
L'incontro, pertanto, con Mons. Mladenoff fu decisivo per la
futura attività musicale di P. Lorenzo. V i influirono, però, anche al-
tri fattori.
Le feste dei I X Centenario della morte di S. Nilo e della fonda-
zione del Monastero di Grottaferrata avevano dato occasione a molte
ed interessanti manifestazioni culturali e religiose. Tra queste una
solenne celebrazione liturgica ofiiciata da S. Beatitudine Cirillo V i l i ,
patriarca dei Melchiti, con canti bizantini eseguiti dal Pont. Collegio
greco di Roma sotto la direzione del P. Ugo Gaisser. L a musica ese-
guita era naturalmente quella bizantina moderna, eppure il P. Gais-
ser da più anni studiava la musica bizantina antica. Il P. Lorenzo lo
sapeva, lo aveva letto in una nota che il P. A. Rocchi, bibliotecario del
monastero, aveva scritto nel foglio di guardia del codice criptense F.y-
L ; «studiato nella R. Biblioteca dì Bruxelles dal R.P. Ugo Gaisser
O.S.B. per lo studio della musica greca, febbraio-luglio 1897 ».
Il contrasto tra l'esistenza nella Biblioteca monastica di Grotta-
ferrata di codici con antica notazione musicale bizantina e l'esecuzione
di canti con musica bizantina moderna sprigionò la scintilla che do
veva suscitare in P. Tardo una continua ed inesauribile energia in-
dirizzata alla ricerca e alla trascrizione delle antiche melodie della
Chiesa greca.
Gli inzi non furono privi di difficoltà. Si trattava non solo di indi-
viduare il valore diastematico di ogni segno o gruppi di segni e di sta-
bilire le scale degli otto modi musicali in cui si dividono e si sviluppa-
no le melodie, ma sopratutto concertare l'esecuzione pratica del canto
con l'interpretazione dei segni di chironomia e di espressione.
lì P. Lorenzo alla scuola di Mons. Mladenoff apprese la musica
bizantina moderna ed approfondì quella occidentale, studiò contrap-
punto e armonia col Maestro Corace Cataldi Tassone, discepolo di
Mascagni, quindi sì diede a ricercare, a raccogliere ed ordinare il
copioso materiale melurgico conservato nella biblioteca di Grottafer-
rata, nella Vaticana ed in altre biblioteche. Seguì poi uno studio com-
parativo delle varie semiografia musicali, compilando tavole sinot-
tiche delle particolarità calligrafìche delle diverse scuole.
Lo studio teoretico era contemporaneamente accompagnato da
continue prove di canto con l'evidente scopo di controllare se il prin-
cipio teoretico acquisito trovava una conferma nell'applicazione pra-
tica.
Non mancarono le contrarietà e le opposizioni derivate sopratut-
to per le massacranti prove a cui erano sottoposti i cantori, impegnati
anche in altri lavori e, bisogna pur dirlo, non ancora assuefatti al
nuovo genere di musica. Tuttavia l'esempio, la costanza, la calma,
anzi direi, la completa atarasìa del P. Tardo, sorrette dal nobile fine
che perseguiva, riuscirono ad aver ragione delle opposizioni. Così
dopo anni dì intenso lavoro S. Ecc. Mons. Mladenoff, venuto nel 1915
nell'Abbazia dì Grottaferrata per conferire gli ordini sacri ad alcuni
monaci, potè aver la soddisfazione di ascoltare dalla nuova Schola
cantornm le commoventi melodie tramandate dai manoscritti della
biblioteca monastica. , . . : •
Sopravvenuta la prima guerra mondiale P. Lorenzo fu chiamato
a servire la Patria nel corpo di sanità. A Messina, ove prestò servì-
zio, ebbe la possibilità di continuare ì suoi studi di musica sui codici
della biblioteca universitaria, erede del ricco fondo del grande cenobio
basiliano del SS.mo Salvatore.
_ 8 _

Terminate le ostilità il P. Tardo ritornò in monastero a proseguire


neUa pace i suoi studi ed a riprendere la direzione, o meglio, a rico-
stituire la Schola cantorum, facilitato in ciò dal fatto che a Grotta-
ferrata era sorto per volontà del papa Benedetto X V il Seminario
italo-greco-albanese.
Da allora la liturgia domenicale divenne il convegno di maestri,
di cultori d'arte, di numerosi fedeli desiderosi di vivere momenti di
intensa vita spirituale trasportati sulle ali del mistico canto sacro della
Chiesa bizantina.
Intanto a P. Lorenzo pervenivano sempre più pressanti le richie-
ste degli amici perché fosse dato un pubblico saggio delle melodie bi-
zantine. Ciò si realizzò sotto gli auspici dell'Università di Koma nella
cui aula magna il 16 gennaio 1921 avvenne la prima audizione, con
l'intervento dell'on. Rosadi sottosegretario alle Belle Arti e molte
altre personalità. L'interessamento suscitato fu notevole, tanto che
il 20 successivo si diede una replica nella sede dell'Arcadia. Da questa
data fino al maggio del 1930 non furono date più pubbliche audizioni,
tuttavia lo studio non venne mai interrotto, anche se altre incomben-
ze assorbivano di tanto in tanto l'attività del P. Tardo.
Nell'ottobre del 1929 fu ospite del nostro monastero il Maestro
Mons. Pietro Magri. A luì P. Lorenzo sottopose i lavori di interpreta-
zione dei codici melurgici suscitando la sua ammirazione per la fre-
schezza deUe melodie. In quell'occasione il Magri formulò l'augurio
« che il vetusto e venerato canto della liturgia greca abbia a trovare
entusiasti ammiratori e molti seguaci ». ^
Un sì alto incoraggiamento rianimò le energie del P. Tardo e,
in vista del VII Centenario della traslazione della venerata icone della
SS.ma Vergine dal Tuscolo alla Badia, organizzò il 29 maggio 1930
un'audizione di musica bizantina nel Palazzo della Cancelleria a Ro-
ma. Il successo fu tra i più lusinghieri e l'eco della stampa favorevo-
lissimo. Da allora pervennero da diverse parti d'Italia e talvolta an-
che dall'estero molte richieste di audizioni.
Con l'intento di approfondire gli studi, P. Lorenzo compie alcuni
viaggi nell'Oriente greco. Nell'estate del 1933 si reca nei monasteri
dell'Athos ed in altri centri, consultando codici ed allacciando con-
tatti con studiosi locali, suscita anche polemiche, culminate il 28 ot-
tobre in occasione della conferenza e dell'audizione data ad Atene.
Nell'ottobre dell'anno successivo compie ricerche nella bibliote-
ca del monastero di S. Giovanni a Patmos, in Gerusalemme e al Si-
— 9 —

nai. Nel 1937 lo vediamo ancora in giro nel Prossimo Oriente con so-
sta di nuovo a Patmos.
Durante le visite alle biblioteche ha occasione di ordinare la ri-
produzione in fotocopia o in microfilm di numerosi ed importanti co-
dici, cosicché è merito del P. Tardo se la nostra biblioteca monastica
possiede una ricca collezione di fotografìe di codici melurgici bizan-
tini. A lui va anche il merito di aver provveduto al restauro degli stes-
si codici criptensi, facendo tesoro a questo scopo degli incarichi,
spesso abbinati nella sua persona, di bibliotecario e di direttore del
Gabinetto dì restauro bibliografico, sorto presso il monastero fin dal
1930. • V:: w ^ 1

Dopo una permanenza di due anni {settembre 1939 - sett. 1941)


in Albania per motivi estranei alla musica, ritorna a Grottaferrata e
riprende la sua attività di musicologo.
Alla fine del 1949 attraversa l'Atlantico e prende contatti con al-
cuni centri culturali degli Stati Uniti, tenendo conferenze ed audizioni
di dischi a Washington, a New York, a Wellesly. A l declinare del
1952 si porta nuovamente in Egitto, invitato a prendere parte alle fe-
ste millenarie della fondazione della Biblioteca patriarcale di Ales-
sandria. Ne approfitta per un controllo dei codici musicali e per sten-
derne una sommaria descrizione.
A l rientro in Italia le sue premure saranno dedicate all'edizione
dell'Ottocco, anche se nel frattempo è invitato due volte a recarsi a
Parigi per alcune audizioni. Ma già nella seconda metà del 1956 la
. salute di P. Lorenzo va rapidamente declinando ed egli dovrà sospen-
dere qualsiasi attività culturale.

P. Lorenzo e i Monumenta Musicae Byzantinae.

\l primo trentennio del nostro secolo la musica bizantina aveva


suscitato l'interesse, oltre che di P. Lorenzo, anche di alcuni altri
eminenti studiosi. E già nel III Congresso intemazionale di studi bi-
zantini del 1931 si formulava il voto che per costruire su basi più so-
lide lo studio della musica bizantina si dovesse provvedere alla pub-
blicazione di cataloghi dei relativi codici e all'edizione di testi del pe-
riodo medievale in notazione musicale occidentale.
Col proposito di tradurre in pratica questi progetti, nel luglio del
1931 fu convocata a Copenaghen una conferenza sotto gli auspici della
fondazione Rask-Oersted. V i parteciparono il prof. H.J.W. Tillyard
— 10 —

dell'Università di Cardiff, il prof. li. Wellesz dell'Università di Vien-


na e il prof. C. Hoeg dell'Università di Copenaghen. L'esito della con-
ferenza fu la programmazione della serie dì pubblicazioni che vanno
sotto il nome; Moniiinenta Musicae Byzantinae. Furono preventivate
alcune spese e con lettera del 9 nov. 1932 indirizzata all'Union acadé-
mique internationale la R. Accademia danese delle scienze e lettere
chiese la collaborazione di altri istituti di cultura per la realizzazione
del progetto.
Per quanto riguardava l'Italia l'Unione Accademica Nazionale
con lettera del 2 die. 1932 si rivolse al P. Tardo trasmettendogli co-
pia del progetto e chiedendogli in pari tempo il parere su quello che
avrebbe potuto essere la collaborazione italiana alla nuova impresa
dell'Union académique internationale. -
Nella risposta, comunicata pochi giorni dopo, il P. Tardo in-
dicava che l'Italia avrebbe potuto apportare un notevole contributo:
1" con la pubblicazione dei cataloghi dei codici di musica bizantina
esistenti nelle biblioteche italiane. 2° con la raccolta, la trascrizione
e la pubblicazione dei canti bizantini esistenti nelle colonie greco-al-
banesi d'Italia. 3° con l'edizione in fac-simile deli'Hinnologium cryp-
tense (= codice E . y. II).
Tale piano di collaborazione fu comimicato nel maggio 1933 dal
prof. V . Ussani, rappresentante italiano all'Union académique inter-
nationale, e dieci anni dopo il prof. S.G. Mercati lo ripresentò nel nu-
mero di marzo 1942 del « Bollettino di informazioni della R. Acade-
mia d'Italia;*, pp. 79-83: Proposte per il contributo dell'Italia allo stu-
dio della musica bizantina.
Intanto per concretizzare le proposte italiane di collaborazione
l'Unione accademica nazionale con lettera del 30 aprile 1935 nomina-
va il P. Tardo delegato tecnico alla X V I Sessione annuale dell'Union
académique internationale che sì tenne a Copenaghen nei giorni 13-16
maggio successivo.
I contrasti con i colleglli dell'Accademia danese sì manifestarono
fin dai primi contatti, sopratutto circa i rispettivi principi adottati
per la trascrizione della semiografia musicale neobizantina, senza ad-
divenire ad un accordo.
Nella relazione dell'incontro, presentata all'Unione accademica
nazionale, il P. Tardo comunicava di ritenere impossibile « una in-
tesa ragionevole di collaborazione, in quanto il sistema di interpreta-
zione per le trascrizioni melurgiche presentata dal prof. C. Hoeg
esclude qualsiasi valore alla tradizione vivente e si basa solo sui testi
teoretici medioevali, mentre i l sistema della Scuola d i Grottaferrata
si basa direttamente sui codici con l'ausilio dei testi teoretici e con la
scorta della tradizione, specie dì quella dell'Italia meridionale ».
I l P . Lorenzo era però convinto che i due sistemi « quantunque i n
alcuni p u n t i differenti... resi d i pubblico dominio avrebbero giovato
grandemente a l progresso dello studio sulla musica bizantina».
Successivi t e n t a t i v i d i accordo per una collaborazione, promossi
attraverso una intensa corrispondenza epistolare, in c u i da ambo le
parti venivano discussi con chiarezza e con reciproco rispetto i punti
d i contrasto, non approdarono, purtroppo, ad un esito positivo.
Soltanto i l 1 giugno 1950 si venne ad una collaborazione, concor-
d a t a durante u n a seduta nella biblioteca di questa Badia. V i presero
parte i professori S. G . Mercati, C. Iloeg, E . WeUesz, O. S t r u n k , l ' A r -
chimandrita I. Croce, P . Teodoro Minisci e P . Bartolomeo D i Salvo.
Padre Lorenzo si t r o v a v a negli Stati U n i t i d ' A m e r i c a ed apprese con
soddisfazione l'avvenimento, anche se con u n a certa diffidenza. I n -
fatti l'introduzione dell'IIirmologium cryptense E . y. I I è stata pub-
blicata sotto l'egida d e l l ' U n i o n académique Internationale, ma non
così rOttoeco.

Opere. -s,-^

Se diamo uno sguardo alla bibliografia d i P . Lorenzo ci accorgia-


mo che pochi sono i t i t o l i delle sue pubblicazioni, t u t t a v i a sappiamo
ch'egli ha scritto ed operato molto d i più. G r a n parte del suo tempo
l'ha dedicato alla trascrizione dei canti e successivamente all'esecu-
zione pratica d i essi attraverso l'insegnamento a i cantori della sua
scuola.
I l primo contributo sulla musica dato alle stampe è stato i l cata-
logo dei codici musicali della biblioteca d i questo monastero. Più
t a r d i sono stati pubblicati quelli dei codici della V a t i c a n a , d e l l ' A m b r o -
siana, d e l l ' U n i v e r s i t a r i a d i Messina e deUa biblioteca patriarcale d^
Alessandria. Sono descrizione molto brevi che si soffermano principal-
mente a rilevare le varie specie d i composizioni innografiche, i l tipo
di semiografìa musicale, i n o m i dei compositori ed altri interessanti
d a t i che invano s i cercano nella descrizione ordinaria dei codici.
Forse l a descrizione del P . T a r d o si discosta d a l piano formulato
dagli studiosi dell'Accademia danese ed è, certo, un pò lontana dalle
norme d i u n a esauriente catalogazione, t u t t a v i a m i sembra contenere
— 12 —

elementi abbastanza v a l i d i anche attualmente, l i ' significativo poi i l


fatto che i l P . T a r d o h a i n t u i t o l ' i m p o r t a n z a dei c a t a l o g h i dei c o d i c i
m u s i c a l i e ne h a p u b b l i c a t o q u a l c u n o p r i m a a n c o r a c h e i l s o p r a i n d i -
c a t o p i a n o fosse reso n o t o .
N e l 1938 esce L'antica mcliirgia bizantina, l'opera principale di
P. Lorenzo, frutto d i a n n i d i lavoro, d i ricerche e di viaggi culturali.
I l grosso e bel v o l u m e s i a r t i c o l a i n tre p a r t i . L a p r i m a contiene u n a
sintesi s t o r i c a delle o r i g i n i e dello s v i l u p p o d e l l a m u s i c a b i z a n t i n a
f m o a l l ' e p o c a d i C r i s a n t o (1814), u n a d e s c r i z i o n e d e l l e d i v e r s e forme
d i melodie e d e i v a r i t i p i d i semiografia, u n saggio dei c a n t i delle co-
lonie greco-albanesi d ' I t a l i a .
N e l l a seconda parte sono riportati a l c u n i testi teoretici della
m e l u r g i a b i z a n t i n a , specie d i g u i d e a l l a l e t t u r a d e l l e n o t e e a l l a r e t -
t a esecuzione del c a n t o . Infine, n e l l a t e r z a parte viene p r e s e n t a t a c o n
chiarezza la grammatica teorico-pratica dell'antica musica bizantina,
illustrata con numerosi esempi.
L a p u b b l i c a z i o n e è s t a t a g i u d i c a t a u n o t r a g l i s t u d i più a m p i e d
a p p r e z z a t i a p p a r s i f m o a l l o r a , a n c h e se v i s o n o d e f i c i e n z e metodolo-
g i c h e . M o l t e le l e t t e r e d e i m u s i c o l o g i che g l i e s p r i m o n o l a l o r o s o d d i -
sfazione ed i l loro apprezzamento.
P. Lorenzo, associando i l metodo analitico a l comparativo nel-
l'esame dei codici, h a c o n t r i b u i t o a d e t e r m i n a r e meglio i l significato
dei segni semplici o composti e d i o g n i espressione chironomica nei
vari gruppi melismatici.
E ' stato u n o dei p r i m i nello studio, nella ricerca dei codici e n e l -
l'interpretazione della m u s i c a b i z a n t i n a e i l p r i m o i n senso assoluto
nell'esecuzione pratica di essa. f' '
E ' stato preceduto nelle p u b b l i c a z i o n i d a a l t r i studiosi, q u a l i i l
K i c m a n n , i l Gaìsser, i l T h i b a i i t , i l G a s t o n e , i l F l c i s c h e r c i l t r i o T i l -
l y a r d , H o e g , W e l l e s z , ecc. E g l i riconosce i l contributo notevole dato
d a c o s t o r o , r i t i e n e , però, c o m e s'è d e t t o , c h e p e r o t t e n e r e u n a m i g l i o r e
interpretazione della melodia bizantina non basta attenersi soltanto
ai testi teoretici, è necessario tener conto anche delia t r a d i z i o n e .
O l t r e a ciò, p e n s o , c h e i l P . T a r d o , c o m e s a c e r d o t e di rito bi-
z a n t i n o e c o m e o r i u n d o d e l l e c o l o n i e a l b a n e s i d ' I t a l i a , s'è t r o v a t o i n
migliori condizioni, rispetto agli altri studiosi per comprendere più
a fondo l a musica della Chiesa b i z a n t i n a . E g l i , sapiente conoscitore
della l i t u r g i a , era i n grado d i interpretare meglio i l valore dell'espres-
sione musicale connesso con l ' a t t o l i t u r g i c o . Forse per questa s e n s i b i -
lità, h a a d o t t a t o c o m e urntà d i m i s u r a l a c r o m a n e l l a t r a s c r i z i o n e d e i
— 13 —

c a n t i s t i c h e r a r i c i , i r m o l o g i c ì , a l l e l u i a t i c i , ecc., mentre dovendo tra-


s c r i v e r e k i n o n i k a , c h e r u v i k a e d a l t r i c a n t i m e l i s m a t i c i che r i c h i e d o n o
u n a n d a m e n t o più s o l e n n e h a u s a t o l a s e m i m i n i m a .
N e g l i a n n i 1948-50 i l P . T a r d o s ' i m p e g n a n e l l ' e d i z i o n e i n f a c - s i -
m i l e d e l C o d . C r y p t . E . y. I I , c i o è d e l l ' H i r m o l o g i u m . I n i z i a così u n a
serie d i v i s i t e , d i d o m a n d e , d i c o l l o q u i c o n v a r i e s p o n e n t i d e l G o v e r n o
e della c u l t u r a per ottenere i l finanziamento dell'impresa. Finalmente
n e l 1949 l ' I s t i t u t o P o l i g r a f i c o d e l l o S t a t o s i a s s u m e l ' o n e r e d e l l a r i p r o -
duzione fototipica del codice, c u r a t a veramente i n modo splendido.
Più t a r d i v i e n e s t a m p a t a l a r e l a t i v a i n t r o d u z i o n e a l t e s t o .
L ' a l t r a pubblicazione d i maggior rilievo è L'Ottoeco nei mano-
scritti melurgici c o n testo semiografico b i z a n t i n o e t r a d u z i o n e s u l p e n -
tagramma, uscito nel 1955.
P . L o r e n z o , p u r riconoscendo che i l suo « n o n è u n l a v o r o c r i t i c o
d e f i n i t i v o m a u n m o d e s t o c o n t r i b u t o b a s a t o s o p r a b u o n i m a n o s c r i t t i »,
r i t i e n e t u t t a v i a c h e « l e m e l o d i e c o s ì c o m e s o n o espresse, p u r c h é b e n e
i n t e r p r e t a t e , d a n n o u n a v e r a e s e n t i t a musicalità c o n g i u n t a a d u n
m i s t i c o p a t h o s ».
P e r ciò c h e riguarda l a tecnica della trascrizione i l P . T a r d o dice
c h e « l o s t u d i o s o n e l c o n f r o n t a r e le p r e s e n t i t r a s c r i z i o n i c o n q u e l l e d e l
g e n e r e già p u b b l i c a t e a C o p e n a g h e n , t r o v e r à identità p e r q u a n t o s i
riferisce a l complesso delle forme d i a s t e m a t i c h e , noterà invece qual-
che leggera differenza n e l l a trascrizione delle espressioni r i t m i c h e e
n e l l a r a p p r e s e n t a z i o n e g r a f i c a d e i s e g n i i n d i c a n t i i l chronos ».
In m a r g i n e all'attività o r d i n a r i a suUa musica, P. Lorenzo s'è
dedicato alla stesura d i piccole biografie d i s a n t i orientali ed alla t r a -
d u z i o n e d i a l c u n e sacre ufiìciature d e l l a C h i e s a g r e c a c o n l ' i n t e n t o
di divulgarne l a conoscenza e l a p r a t i c a s i a presso i g i o v a n e t t i a f f i -
d a t i spesso a l l e sue c u r e , s i a presso i f e d e l i d i r i t o l a t i n o .
S i è a c c e n n a t o s o p r a c h e l ' o p e r a d i P . L o r e n z o s'è s v o l t a p r i n c i -
palmente neU'hisegnamento e nell'esecuzione pratica del canto sa-
c r o b i z a n t i n o . E d è d o v e r o s o r i c o n o s c e r e c h e e g l i h a c r e a t o u n a Scho-
la cantorum fiorente, c o s t i t u i t a d a v o c i s e l e z i o n a t e fin d a i p r i m i a n n i ,
b e n e a f f i a t a t a e, q u e l c h e più c o n t a , c o n t i n u a m e n t e c u r a t a e d a l l e n a -
t a . N e s s u n a m e r a v i g l i a , p e r t a n t o , che d a u n s i m i l e complesso s i ascol-
tavano con vero gaudio spirituale ì mistici canti sacri eseguiti con
perfetta rispondenza stilistica ed i m p a s t o del coro. E s s o c o n q u i s t a v a
l ' u d i t o r i o e accendeva n e l l ' a n i m o i l desiderio d i riascoltarlo. Per questo
i n u m e r o s i i n v i t i r i v o l t i a P . L o r e n z o d a v a r i e p a r t i d ' I t a l i a perchè s i
prestasse a d offrire u n saggio d e l l e sue i n t e r p r e t a z i o n i .
14 —

* * *

C o n l a jiubblicazione dell'Ottoèco possiamo ritenere conclusa l ' a t -


tività c u l t u r a l e d i P . L o r e n z o . V e r s o l a fine d e l 1956 l a s u a s a l u t e a n -
dò rapidamente declinando, l'artrosi alle gambe s i a c u i v a sempre d i
più. F u c o s t r e t t o p e r q u a l c h e a n n o a l l ' u s o d e l l e g r u c c e , p o i a l l a c a r -
rozzella ed infine all'immobilità assoluta n e l letto.
I n tale penosa situazione giace o r m a i d a q u a t t r o a n n i e n e i fre-
quenti o b n u b i l a m e n t i del suo spirito a d u n a cosa sola rimane ognora
sensibile: a l l a m u s i c a , che i n l u i è u n a seconda n a t u r a .
V e d i a m o così P . L o r e n z o , i l n o s t r o c a r o Patera, dolorante e pie-
gato nel corpo, mortificato nello spirito, trovare nella musica e nel
canto sacro un sollievo alla s u a sofferenza. E g l i , d i r e i , h a già ini-
z i a t o i l c a n t o c h e c o n t i n u e r à n e l l a g l o r i a celeste c h e D i o c o n c e d e r à
a l suo servo buono e fedele.
MARCO FETTA ^
Teromonaco

AUDIZIONI DI MUSICA BIZANTINA


DIRETTE D A P. LORENZO

1. 15- 1-1921 a Roma, n e l l ' a u l a m a g n a dell'Università per


i n v i t o d i q u e l l ' I s t i t u t o dì c u l t u r a .
2- 2 0 - 1-1921 a Roma, nell'Accademia dell'Arcadia.
3. 3 0 - 5-1930 a R o m a , nel palazzo della Cancelleria, i n aper-
, .... t u r a d e l l e feste d e l V I I C e n t e n a r i o d e l l a t r a s l a -
zione dell'icone di Maria SS.ma dal Tuscolo
nella Badia di Grottaferrata,
4. 7- 5-1931 a Roma, nella chiesa dei Santi A p o s t o l i , i n
occasione del Congresso m a r i a n o per celebrare
il X V Centenario del Concilio di Efeso.
5. 21-10-1931 a G r o t t a f e r r a t a , nel salone roveriano della B a -
d i a , i n o c c a s i o n e d e l 1* C o n g r e s s o dei Biblio-
tecari italiani.
6. 22-11-1931 a G r o t t a f e r r a t a , presso l a B a d i a : O r a t o r i o s a -
cro Il Concilio di Efeso. rei
15 -

^0^; 18- 2-1932 a R o m a , B i b l i o t e c a Casanatcìise, i n o c c a s i o n e


della connncmorazionc a n n u a l e d e l locato A n -
gelico, sotto gli auspici del Ministero della
Pubblica Istruzione.
8. 3 1 - 3-1932 a N a p o l i , n e l l a chiesa dei G o r o l a m i n i , per i n i -
ziativa dell'Associazione Donne Professioniste
ed A r t i s t e .
9.'^ 2 9 - 9-1932 a R a v e n n a , c h i e s a d i S. V i t a l e , p e r i l 111 C o n -
gresso i n t e r n a z i o n a l e d i A r c h e o l o g i a c r i s t i a n a ,
10. 27 e 28-4-33 a R a v e n n a , c h i e s a d i S. V i t a l e , p e r i n i z i a t i v a
d e l l ' I s t i t u t o I n t e n m i v c r s i t a r i o i t a l i a n o , i n oc-
casione del l i Corso di Arte Bizantina,
a Atene, nella sala « 0 Parnassòs » s o t t o i l j)a-
Li. 28-10-1933
t r o n a t o d e l l a Società d i s t u d i b i z a n t i n i . A u -
dizione preceduta da u n a conferenza. L a sala
era gremitissima e v i intervennero molte per-
sonalità d e l c l e r o e d e l l a c u l t u r a . A l t e r m i n e
a l c u n i s e g u a c i d e l j i r o f . P s a c h o s , già i n p o l e -
mica con P. Lorenzo, inscenarono una dimo-
s t r a z i o n e o s t i l e ( I e t t a t a più t l a l f a n a t i s m o che
d a serie r a g i o n i .
12. 4- 2-1934 a G r o t t a f e r r a t a , jjrosso l a B a d i a : O r a t o r i o s a -
cro S. Isidoro Pdnsiota, i n onore del jiriorc
P. Isidoro Croce.
13. 5- 9-1934 a V e n e z i a , nel salone del Conservatorio « B.
Marcello», i n occasione della H I S e t t i m a n a di
preghiere e s t u d i per l ' O r i e n t e c r i s t i a n o . A u -
dizione preceduta d a u n a conferenza su « L a
m u s i c a b i z a n t i n a ».
14. 9-12-1934 a R o m a , jiresso i l P o n t . I s t i t u t o p e r g l i S t u d i
orientali. Precedono conferenza e proiezioni,
15. 4- 2-1935 a G r o t t a f e r r a t a , presso l a B a d i a : O r a t o r i o s a -
cro sci:;neggiato S . Nilo, i n onore del priore
P . Isidoro Croce.
10. 22-10-1935 a Grottaferrata, nel salone roveriano della
B a d i a , i n occasione d e l I V Congresso nazionale
di Studi Romani.
17. 17- 5-193G a F e r r a r a , nella Cattedrale, i n occasione del
Congresso lùicaristico Interregionale.
— 16 ~

18. 2 2 - 9-1936 a G r o t t a f e r r a t a , presso l a B a d i a , i n occasione


del V Congresso internazionale di Studi bi-
\-'r-'ì-y -'. \ - : ; ; i i - - zantini.

19. 4- 2-1937 a G r o t t a f e r r a t a , presso l a 3 a d i a ; O r a t o r i o s a -


c r o s c e n e g g i a t o Gli ultimi episodi della vita di
S. Nilo, i n occasione dell'onomastico del p r i o -
re P . I s i d o r o Croce. ; -i-r r ,

20. 2 3 - 5-1937 a Grottaferrata, nel salone roveriano della B a -


dia, sotto gli auspici della R . Accademia Filar-
monica Romana.

21. 25-11-1937 a F r a s c a t i , presso l ' I s t i t u t o salesiano «Villa


S o r a ». Precede conferenza.

22. 8- 5-1938 a Faenza, nella Cattedrale, i n occasione del


II Congresso Eucaristico diocesano.
23. 2 2 - 1-1939 a R o m a , n e l l ' a u d i t o r i o cinefonico d i Cinecittà
v e n g o n o incìse l e c o l o n n e s o n o r e d e l d o c u m e n -
s .3- - tarlo sulla B a d i a girato dall'Oceano Film.
24. 4- 4-1939 a R o m a , presso l a sede d e l l ' E I A R { E n t e i t a l .
audizioni radiofoniche) si trasmettono canti
sacri per l a s e t t i m a n a santa,
25. 11-14-4-1940 a M i l a n o , n e l l ' a u l a m a g n a dell'Università cat-
t o l i c a e n e l l a c h i e s a d i S. A n g e l o , i n o c c a s i o n e
della VI Settimana per l'Oriente cristiano.

26. 16- 9-1946 a G r o t t a f e r r a t a , presso l a B a d i a , registrazione


d i canti d a incidere sulla colonna sonora del
, ; , , documentario « L a g e m m a orientale dei P a p i »
girato dalla « F i l m Universalia».

27. 3 0 - 5-1947 a d A n d r i a (Bari), nella chiesa cattedrale, per


i l I" Congresso M a r i a n o diocesano.

28. 13- 6-1948 a M i l a n o , n e l l a chiesa d i S. S i m p l i c i a n o , pei


l a S e t t i m a n a d i p r e g h i e r e e dì s t u d i o s u l l a P a -
lestina e sul problema d e l l ' u n i o n e delle Chiese
\ p r o m o s s a d a l l ' O r d i n e dei C a v a l i e r i d e l S. Se-
,{,.,. _ . polcro.

29. 16- 9-1948 a Bologna, n e l Teatro comunale e nella chiesa


di S. P e t r o n i o , i n occasione della Settimana
'L^., - l i Emiliana «Pro-Unione».
30. 9-12-1048 a R o m a , nel salone dei concerti del Pont. I s t i -
tuto di Musica sacra. Precede u n a conferenza.
31. 27-11-1952 ad Alessandria (Egitto), nella sede dell'Asso-
ciation « E g y p t c - E n r o p e )), sotto gli auspici del
. j.y,.. Comitato locale della « Dante Alighieri ». P r e -
cede conferenza e i canti sono eseguiti d a l
coro del Conservatorio d i musica.
32. 21- 3-1953 a R o m a , nella sala B o r r o m i n i . Rappresenta-
zione d i due d r a m m i sacri: La lavanda dei pie-
di degli Apostoli e La Deposizione dalla Croce.
33. 19 -G-1954 a Parigi, nella B a d i a d i R o y a u m o n t , dietro
invito del « Cercle culturel de R o y a u m o n t »
. • .-li-:: per rapprescntarc i due d r a m m i d i c u i sopra.
34. 19- 9-1954 a Rossano (Cosenza), nel salone dell'arcivesco-
vado. A u d i z i o n e d i dischi preceduta da confe-
renza. • -'^ •
35. 8- 4-1955 a R o m a , presso l a sede della R A I (Radio A u -
dizioni Italiane), trasmissioni d i canti a com-
mento del dranmia sacro ChristÒs pàscìton.
36- 7- 5-1955 a R o m a , nella sala B o r r o m i n i , replica dei due
d r a m m i sacri d i c u i a l n u m . 32.
37. 24- 6-1955 a Parigi, alla Sainte Chappelle, dietro i n v i t o
del « Cercle Culturel de R o y a u m o n t ».
38. 4- 6-1956 a R o m a , ]7resso le Religiose dell'Adorazione
^ perpetua, i n occasione d i u n a Esposizione d i
arredi sacri.
39- 12- 9-1956 a R a v e n n a , chiesa d i S. Vitale, dietro i n v i t o
della R A I i n onore del Convegno internaziona-
le d i Rìmini degli Organismi d i radiodiffusione
aderenti a l « Premio Italia ». Rappresentazione
. ' - A.....mì^;, dei suindicati d r a m m i sacri.

Boll. Grott. 1967 2


PUBBLICAZIONI D I P. LORENZO

1. Uffizio (Iciriniio Akàtistos i n onore della SS. Madre d i D i o . < Testo greco,
e tra<ìiizione ifaliaiia a cura d i P . Lorenzo T a r d o > . Grottaferrata 1930.
2. Ufìizio della ParàcHsis i n onore della SS. Vergine M a r i a Madre d i D i o .
< Testo greco e traduzione italiana a cura dì P . Lorenzo T a r d o > . G r o t -
taferrata 19.^0.
3. L a musica bizantina e i codici d i melurgia della l>ihIiotcca d i Grottaferrata,
in Accademie c Biblioteche d'Italia, I V (1930). 355-369.
4. I codici melurgici della V a t i c a n a ed i l contributo alla musica bizantina
del mcmacliismo greco delia M a g n a Grecia, in Archivio storico per la Ca-
labria e la Lìtcania, I (1931), 225-248.
5. S. Bartolomeo, TV Aliate d i Grottaferrata. Grottaferrata 1931 (Santi
Orientali, cenni biografici, I).
6. S. G i o v a n n i t'Iiniaco, abate d i Monte S i n a i . Grottaferrata 1932. (Santi
orientali, cenni biografici, II).
7. S. N i l o abate, fondatore e protettore d i Grottaferrata. Grottaferrata 1933.
(Santi orientali, cenni biografici. III), Questa biografia, come le due pre-
cedenti erano state già pubblicate i n brevissime puntate nella p r i m a se-
rie d i questo Bollettino nelle annate 1930-1933.

8. A p p u n t i sulla niusic^a bizantina, i n Bollettino della Badia greca di Grotta-


ferrata, 1. scr., I l i (1931-32). 61-62, 90-91, 118-120. 134-136, 154-155; I V
(1932-33). 5-6, 25-26, 55-58, 72-74. 96-98.
9. 'II [ìuJ^avTivJ) [louotx:^, yp5!(p^ xal i] èxTéXeaEi; Tr\c < Atene 1933 > .
10. U n a visita a l Monte Atlios, in Bolleit. della Badia gr. di Groit., 1. scr„
V (1933-34), 30-31, 59-60, 70-74, 89-91, 104-107, 119-122, 138-142, 151-X55.
170-172, 182-185.
li: U n viaggio a l Munte Sinai, in BollcH. della Badia gr. di Croll., 1, scr., V I
(1934-35), 74-75, 95-97, 1 12-114, 126-129. l'13-147, 16G-170; V I I (1935-36),
9-12, 36-3S, 46-'19.
12. In visita nelle cliiese d i Atene, in Bolleit. della Badia gr. di Grott., I. scr.,
V I I (1935-36), 50-57, 86-87, 119-120.
13. ' U n manoscritto xaX')9(ovixòv del secolo X I I I nella collezione melurgica
bizantina della Biblioteca Universitaria d i Messina, in VÀc, (ÌV^^JITJV LTuipl-
Swvo^ AàrxjTpo'j, Atene 1935. p p . 170-176.
14. Innueiize mclurgichc dell'Oriente neirOccidente romano, in Bolleti. della
Badia greca di Grott.. 1. scr., V I I (1935-36), 17-18.
15. U n a visita all'acropoli d i Atene, in Bollett. della Badia gr. di Grati., 1. ser.
Vili (1936-37), 66-68.
16. A proposito d e l V Congresso intemazionale d i Studi b i z a n t i n i . < Meglio:
A proposito della Musica b i z a n t i n a > , i n Bollett. della Badia gr. di Grott.,
1. ser.. V i l i (1936-37), 31-35. -,
— 19 —

17. I codici musicali italo-greci d i Messina. < Recensione dell'opera d i O .


T i l j y sotto i l medesimo t i t o l o > . in Bollett. della Badia gr. di Grott., 1. ser.,
Vni (1936-37), 126-12S.
18. U n viaggio nel Prossimo Oriente, in Bollett. della Badia gr. di Grott., 1. ser.,
IX (1937-38), 29-31, 51-56, -73-75, 87-90.
19. < N o t Ì z i e varie d a ] r A l b a n Ì a > , i n Bollett. della Badia gr. di Grott., 1. ser.,
XI (1939-10), 18-20, 35-36, 5 1-56, 74-75, 93-96; X I T I (19-f2), 52-54.
20. I codici melnrgici bizantini nelle biblioteche d'Italia, in Accademia e bi-
blioteche d'Italia. X T I (1938), 26-31; X I I I (1938-39), 74-79.
21. L ' a n t i c a melurgia bizantina nell'intcrpretazione della Scuola melurgica d i
Grottaferrata. Grottaferrata I93S.
22. Tute uratash, < Raccolta d i jireghiere i n albanese, a cura d i P . L . T a r d o >,
Grottaferrata 1942.
23. Sguardo generale sopra g l i studi dell'antica melurgia bizantina, i n Archi-
vio star, per la Calabria e la Lucania, X V (19-16), 116-132.
24. L'ottoeco nei manoscritti d i atitica melurgia bizantina, m Bollett. della
Badia gr. di Grott. nuova ser., I (1947), 26-38, 133-1-13; II (1948), 26-44.
25. Precisazioni sull'articolo 11 rito ita Io-bizantino, in Bollett. della Badia gr.
di Grott.. n u o v a scr., I (1947), 109-111.
26. A proposito d i una recensione d i E . J . Wellesz sull'antica melurgia bizan-
tina, i n Bollett. della Badia gr. di Grott., nuova ser., II (1948), 222-228.
27. U n a tesi d i laurea sopra u n nis. mehirgico, i n Bollett. della Badia gr. di
Grott., nuova ser., I l i (1949), 174-178.
28. I mss. greci d i musica bizantina nella biblioteca And^rosiana d i Mdano, i n
Archivio star, per la Calabria e la Lucania, X I X (1950), 15-27,
29. Manoscritti irmologicì delle epocbe più remote sino a l periodo d i Crisanto
(1814), in A (ti dell' VI fi Congresso infernaz. di Stadi bizantini. Roma
1953, II, 43-1-437. •
30. Hinnologium cry]ìtense, edendum curavit Laurentius Tardo... Codex
Cryptensis 10. y. II phototypice expressus. R o m a 1950-1951.
31. L'attività del Laboratorio dei restauri d i Grottaferrata, in Accademie e
Biblioteche d'Italia, X I X (1951), 155-159.
32. Tracce del d r a m m a sacro nelle se([uenze Inzantine, in Aiti del i. Congresso
Internazionale del dramma sacro cristiano, pubblicati nella rivista « I l
dramma snero n, 1951, p p . 15-18.
33. I mss. greci d i nmsica bizantina nella Biblioteca Universitaria d i Messina,
in Archivio stor. per la Calabria e la Lucania, X X I I I (1954), 187-201.
34. L'jìntica musica bizantina c l a sua semiografia. I manoscritti melurgici b i -
zantiiii nella Biblioteca d i Alessandria. Alessandria 1954. (Estratto d a
Publications de ITnstitut d ' E t u d c s orientales de l a Bibliothcque patriar-
cale d'Alexandric, n. 3).
35. L'Ottoeco nei mss, melurgici. Testo semiografico bizantino con traduzione
sul pentagramma. Grottaferrata 1955.
r\TELEGRAHMA
!^ «M-oX a | no^Ho, KlmcsH al ftUodoo alla oK.
KOIASIWIVDIOALFATTORZNOFERILSECàPnO yH>b« 197

D'URGENZA

Pd circuito N,
Qualifica N. DESTINAZICNB \O V E N I E H g A KUM. i'-yiOLE E A T A DELL,A PRESENTAZIONE Via 3 indicaiior.i
Gvectuiti d'ufficio
Gioiao e m<3(

f.SfiOl?!*;) Ponia, 1375 - I(t. Poligr. Slato-S. le. SO.OdO.OCO

^«^Vv^^^ a.i^yx^'ìì^X^ '^Vl^^;w'^^V^

'^>v^v^ ^ ^^'tCV^-^»^^^ ^^\?,>.^^


>)^^t,>^^^^^^^ ^^^^^ H t^"^^.
s.^ ^ ^ ^ ^ ^v^^N^*^^ \ «ix.^^"^'

xi^vna^;.

Testo del telegramma pervenuto dalla con


gregazione per le Chiese Orientah (Città de
Vaticano).

Contessa Entellina ricorda un suo cittadino


Articolo riportato dal giornale di Sicilia (2
Una giornata dedicata a padre Tardo Agosto 1985).
ricercatore dì melodie bizantine
Nella ricorrenza delPanno europeo della mu- eseguì antiche melodie da codici bizantini.
gica, a Contessa Entellina l'associazione «Nico- Fondò e diresse la -Schola Melurgica» della
iò Chietta>, presidente della quale è l'infaticabi- badia greca di Grottaferrata. Alle ore 11 di oggi
le Calogero Raviotta. ha organizzato per oggi la sarà concelebrata la divina liturgia in rito
•Giornata culturale» dedicata a padre Lorenzo bizantino-greco, da Ercole Lupinacci, vescovo
Tardo, con il patrocinio deii'eparciha dì Piana di Piana degli Albanesi, dal padre Paolo Gian-
degli Albanesi, delta badia greca di Grottafer- nini, archimandrita ordinario della badìa greca
rata, del comune e della parrocchia greca di di Grottaferrata e da Enrico Galbiati. dottore
Contessa Entellina. Padre Lorenzo Tardo nac- della Biblioteca ambrosiana di Milano, con la
que a Contessa il 23 ottobre del 1883 e morì a partecipazione di alcuni membri della Comuni-
Grottaferrata il 28 luglio del 1967. Il 20 tà basìliana di Grottaferrata. Alle ore 18 rela-
gennaio del 1907 fu ordinato sacerdote e nei zioni su padre Lorenzo Tardo e la musica
successivi SO anni ebbe affidati vari incarichi. bizantina nella tradizione popolare delle comu-
Fu direttore del seminario «Benedetto XV», nità italo-albanesi» e altri interventi.
della missione in Albania, dell'archivio ecc.
Scoprì, lesse, trascrisse, interpretò, pubblicò ed Angelo Pendola

Notizie sulla giornata culturale sono state riportate anche dai periodici *'Katundi Ynè" di Civita (n. 3/85 - pag.
21) e da "Rinascila Sud" di Farneta (n. 10/85 - pag. 2).
NOTIZIE BREVI
S U L L A BADIA " ^
GRECA DI
GROTTAFERRATA
V E D U T A P A N O R A M I C A D E L L A BADIA

L a Badia Greca di Grottaferrata (Roma) é un im- e cristiana (stele greca del V sec. A . e , sarcofaghi
portante centro religioso, ecclesiastico e culturale. romani, ecc.), gh affreschi ed i mosaici medievaU, la
Fondata da S. Nilo e S. Bartolomeo, monaci basi- venerata antica icona della Vergine, la Cappella
liani di rito greco provenienti dalla Calabria, nel- Farnesiana con gli affreschi del Domenichino, la
l'anno 1004 in un terreno messo a disposizione dal Loggia del Cinquecento, e c c . . costituiscono un vali-
conte di Tuscolo Gregorio, la Badia si sviluppò at- do richiamo turistico-culturale per molti visitatori.
torno ad un antico oratorio campestre, attiguo ad L a Badia di Grottaferrata é nota anche per altri
antichi ruderi di una villa romana. aspetti culturali ed in particolare per la B I B L I O T E -
Fin dai primi decenni di vita i l Monastero ebbe, per C A (numerosi manoscritti: codici bibUci, patristici,
merito di S. Bartolomeo, una completa organizza- liturgici, innografici, melurgici; numerosi volumi
zione monastica, discipUnare e liturgica per assicura- stampati riguardanti soprattutto la cultura bizanti-
re la continuazione della ricca Tradizione e lo na), la S C H O L A M E L U R G I C A (studio dell'antica
spirito del Monachesimo orientale, vivo nella Cala- melurgia bizantina e Coro), i l L A B O R A T O R I O DI
bria bizantina. R E S T A U R O D E L L I B R O (opera da anni per i l re-
L'opera voluta dai suoi fondatori é continuata nei cupero di manoscritti, incunaboli, altre opere di ine-
secoli nel campo culturale, religioso ed ecclesiastico stimabile valore), la T I P O G R A F I A (per la stampa
con l'impegno dedicato dai monaci basiliani di di opere in lingua italiana, greca, albanese e slava).
Grottaferrata al lavoro, alla preghiera, allo studio Molti altri aspetti dell'originale, prezioso e peculiare
ed alla attività pastorale: la Badia testimonia ancor
oggi, con la peculiarità del rito e della cultura, l ' i -
deale monastico orientale nel centro della latinità e
l'unità della
Chiesa nella di-
versità dei riti,
delle lingue e
delle culture.
Questo ruolo é
stato ricono-
sciuto alla Ba-
dia da due
Sommi Pontefi-
ci che l'hanno
definita " U n
anello d'oro
che unisce i f i -
gli lontani d'O-
CHIESA E C A M P A N I L E D E L L A BADIA.
riente alla Casa
del Padre comune" (Pio X I ) e " U n a gemma orien-
tale incastonata nella tiara pontificia" (Leone X I I ) .
Riconosciuta nel 1937 " A b b a t i a nuUius" o Mona-
stero Esarchico, la Badia ha giurisdizione ecclesiasti-
ca nel territorio abbaziale.
Per la formazione del clero italo-greco-albanese ope-
ra nell'ambito della Badia i l Ponteficio Seminario
"Benedetto X V " ed i l liceo classico.
L'ANTICA FONTE BATTESLMALE
Il complesso monumentale della Badìa (Castello Ro-
veriano, Chiesa e campanile, portico del Sangallo, patrimonio culturale, che viene gelosamente custodi-
Criptoportici di una villa Romana, ecc.), i l museo to da tanti secoli nella Badia, possono essere scoper-
con la vasta raccolta di oggetti d'arte romana, greca ti e conosciuti visitandola.

Nota — Le notizie sono tratte dalla monografia "S. Maria di Grouaferrata" di P, Teodoro Minisci - Edizione 1976.
NOTIZIE SU CONTESSA ENTELLINA

Se vi trovate in Sicilia e volete scoprire itinerari nuovi, lontani dai soliti e noti luoghi turi-
stici, lasciate la costa e andate verso l'interno, nella Valle del Belice, a Contessa Entellina,
e potrete scoprire paesaggi suggestivi, luoghi storici, condizioni ambientali particolari.
Il centro abitato vi si presenta come uno strano triangolo di case basse di pietra allineate
lungo le strade strette e tortuose, ai piedi di tre collinette (Brinjat).
Vi sorprende uno stupore improvviso se vi fermate: la gente parla una lingua incomprensi-
bile, le vie e le località hanno nomi strani e insoliti. A Contessa Entellina dopo cinque se-
coli si parla ancora la lingua dei profughi albanesi che nel X V secolo fondarono il paese
sulle rovine abbandonate di un antico casale; i contessoti professano inoltre la religione
cattolica ma seguono il rito greco-bizantino, pertanto usano la lìngua greca nelle cerimo-
nie reUgiose, i loro preti si chiamano papas e nelle loro chiese le icone creano un'atmosfera
tipicamente orientale.
Uscendo dal capoluogo potrete raggiungere i vari borghi agricoli costruiti di recente nei
vari feudi: Piano Cavaliere, Cozzo Finocchio, Roccella, Castagnola.
Andando o sostando lungo le strade serpeggianti che conducono nelle fertili contrade del
vasto territorio potrete ammirare e visitare:
— a sud-est solitaria, mistica e possente, inserita nella straordinaria bellezza e solennità
del paesaggio la Chiesa di S. Maria del Bosco con l'antico Monastero (monumento di
particolare interesse artistico);
— a sud il Monte Genuardo che si erge maestoso su un vastissimo territorio: dalla sua ci-
ma si può ammirare un panorama immenso {25 comuni) quando il cielo è sereno;
— a sud-ovest il Castello di Calatamauro, fortezza inespugnabile sulla collina triangolare
omonima, che domina tutta la zona circostante; rimangono ancora i resti di una antica
torre e di una cisterna; alle sue falde un mulino ad acqua;
— a nord-ovest il castello di Vaccarizzo, fiorente azienda agricola, e poco distante la pos-
sente, inaccessibile e storica Rocca Entella, su cui sorgeva l'antica città di Entella, di-
strutta da Federico II; Entella fu fiorente sotto i greci, i cartaginesi, i romani, i saraceni
(era equidistante dalle altre antiche città greche della Sicilia Occidentale: Selinunte, Se-
gesta, Erice); sotto la Rocca la profonda e misteriosa «grotta dei dinari» che, secondo
la tradizione e le credenze popolari, nasconde tesori e incantesimi.

Infine andando a passeggio per i sentieri solitari potrebbe capitarvi di vedere alcune specie
rare di flora e fauna (riccio, ìstrice, falco, volpe), ammirare ancora scene di vita agricolo-
pastorale ormai rare perché stanno scomparendo ovunque: mandrie dì bovini che pascola-
no nei prati, greggi di pecore che si abbeverano nei ruscelli, capre ferme accanto ad un
antico abbeveratoio, contadini che seminano il grano solcando la terra con un aratro tira-
to da una coppia di muh, un cavallo che trotta sulle spighe ammucchiate sull'aia per la
trebbiatura.

Qyvanisu Salve

Qyvarrisu Mora ime, Salve paese mio,


Gjith'e dritshme e bukuri, Tutto luminoso e bello,
Ku do vete me shértime Dovunque io vada con nostalgia
Mendja ime vien tek ty. La mia mente toma a te.
(6. Scftirò)
ASSOCIAZIONE CULTURALE
"NICOLO' GHETTA"
90030 CONTESSA ENTELLINA (PA) - VIA MQREA, 5

INIZIATIVE REALIZZATE ED ELABOEIATI DIFFUSI DALLA ASSOCIAZIONE CULTURALE


"NICOLO* GHETTA"

0. PREMESSA

L ' A s s o c i a z i o n e C u l t u r a l e "Nicolò G h e t t a " c o s t i t u i t a i l 29.11.1981 epe


r a per v a l o r i z z a r e i l patrimonio c u l t u r a l e l o c a l e r e a l i z z a n d o i n i z i a -
t i v e e diffondendo e l a b o r a t i s u l l a s t o r i a , o r i g i n i , tradizioni, ecc..
r i g u a r d a n t i Contessa E n t e l l i n a i n p a r t i c o l a r e e l a c u l t u r a d e g l i ita-
lo-albanesi i n generale.

1. INIZIATIVE REALIZZATE

- G i o r n a t a c u l t u r a l e d e d i c a t a a Nicolò G h e t t a (settembre 1982);


- giornata bizantina a Sclacca (agosto 1983);
- g i o r n a t a c u l t u r a l e d e d i c a t a a l r e s t a u r o d e l l a Vara d e l l a Madonna
d e l l a Favara e processione s t r a o r d i n a r i a (1* maggio 198A);
- g i o r n a t a c u l t u r a l e d e d i c a t a a Nicolò Genovese (settembre 198^);
- c o l l a b o r a z i o n e con i s t i t u z i o n i l o c a l i per f a r conoscere m e g l i o Con-
tessa E n t e l l i n a ;
- g i o r n a t a c u l t u r a l e d e d i c a t a a F. Lorenzo Tardo ed a l l a Musica B i z a n
tina (25 agosto 1985);
- convegno s u l Recupero d e l Monastero d i S. M a r i a d e l Bosco (6 s e t -
tembre 1985).

2. ELABORATI DIFFUSI

- Fusha K a v a l e r i t , 11 borgo Piano C a v a l i e r e (C. R a v i o t t a ) ;


- KUNDISA: c a r t o l i n a con t e s t o s t o r i c o - t u r i s t i c o e f o t o g r a f i e (C. Ra-
viotta);
- corso popolare d i l i n g u a e c u l t u r a arbereshe (G. R a v i o t t a ) ;
- vita e opere d i Nicolò G h e t t a ( P r o f . G. Schirò);
- a t t i d e l l a g i o r n a t a c u l t u r a l e d e d i c a t a a Nicolò G h e t t a (testo del
vari relatori);
- atti g i o r n a t a c u l t u r a l e p e r i l r e s t a u r o d e l l a Vara d e l l a Madonna d e l
l a Favara (testi del vari relatori);
- atti g i o r n a t a c u l t u r a l e d e d i c a t a a Nicolò Genovese ( t e s t i d e i v a r i
relatori);
- 8 Settembre a Contessa E n t e l l i n a : f e s t a d e l l a Madonna d e l l a Favara
(C. R a v i o t t a - L. Lala);
- clero e rito g r e c o - b i z a n t i n o a C o n t e s s a E. (G. R a v i o t t a ) ;
- K u n d i s a , b o r a e g i u b a Jone: C o n t e s s a E., i l n o s t r o paese e l a n o s t r a
lingua (G. R a v i o t t a e c o l l a b o r a t o r i ) ( 1 ) ;
- a r t i c o l i v a r i su a v v e n i m e n t i d i C o n t e s s a E. p u b b l i c a t i d a l 1977 ad
o g g i su a l c u n i p e r i o d i c i ( K a t u n d i yne, Shalom, R i n a s c i t a Sud, La Vo
ce d i Sambuca, N o t i z i a r i o d e l l a B a s i l i c a d i S. C a l o g e r o , Lidhja,
ecc.,.) ;
- calendari c u l t u r a l i (tre edizioni: 1980, 1981, 1985);
- atti d e l Convegno s u l r e c u p e r o d i S. M a r i a d e l Bosco;
- atti s u l l a G i o r n a t a C u l t u r a l e d e d i c a t a a P, Lorenzo Tardo ed alla
musica bizantina;
- i n e l a b o r a z i o n e : NARDUCI, un contadino s c r i t t o r e e poeta (L. L a l a ) ,

(1) - 25 p i e g h e v o l i con t e s t i e d i s e g n i che r i g u a r d a n o o r i g i n i , s t o


ria, territorio, c o s t u m i , attività, r i t o , monumenti e
t a n t i a l t r i argomenti d i i e r i e d i o g g i su Contessa Entellina.
Due momenti del ricevimento degli ospiti nell'aula consiliare dell'Amministrazione Comunale di Contessa Entellina.
Foto in alto; P. Paolo Giannini, Mons. Ercole Lupinacci, Mons. Enrico Galbiati.
Foto in basso: il pubblico presente nell'aula consigliare.