Sei sulla pagina 1di 1002

m m m

/' ' 1.' X• / 1


LUDOVICO barone yon PASTOR

STORIA DEI PAPI


DALLA FINE DEL MEDIO EVO
C om pilata col B u s s id io d oli’ A rch ivio segi-oto pontificio
e di m olti a ltri A rch ivi

V O L U M E I.
Storia «lei Papi nel periodo ilei Hi nascimento
tino all'elezione di l'io II.
(M a r tin o V, Eogenio IV, Niccolò V. Tallsto I I I ) .

NUOVA VERSIONE ITALIANA


DI

M odb. P ro f. A N O K L O M KRCATI
n i r m o M n 'i K i i r i o

M u o r it r t l i x i o n r h i t r r a m r i i t r r l f n M t i
M ìi/ I 'u lt im a etU stU n te t r t lr n m .

ROM A
DESCLÉE \ CV EDITORI PONTIFICI
I iasza Grastoll, 4 (!*>!*«*<• Doti«)

1931
OESCLÉE & C: EDITORI PONTIFICI — R O MA

O. MARUCCHI

» r

ELEMENTS D’ARCHEOLOGIE CHRETIENNE


1.... Notions générales. Un volum e in -8 °.................................. L. 20 —
11... Les Catacombes romaines. (Epuisé).
111.. Basiliques et Kglises de Rome. Un volume in-." . . . L. 30 —

LE FORUM ROMAIN ET LE PALATIN


D ’A P R È S LE S D E R N IÈ R E S DÉCOUVERTES

D euxièm e édition avec deux plans et plusieurs illustrations dans le


texte, revue par l’Auteur. Un volume in -8 ° . . . . L. 22,50

M A X U A L E
Dl

A R C H E O L O G I A C R I S T I A N A
Terza edizione migliorata o corretta secondo i più recenti studi. Un
volume in-8°, riccamente i l l u s t r a t o ............................. L. 22,50

Abate VITO FORXARI

D E L L A V I T A D I

GESÙ CRI STO


L I B R I T R E

Cinque ma^nifìci volumi in -8 ° di pagine complessive 1700. L. 75 —


barone L u d o v ic o von P astor

« Itile al Papa che Vultimo palpito del mio cuore


è per la Chiesa e per il Papato*.

<Parole pronunciate »ul letto di morie).

Fot. Àlphon* Kmisn, Inn*bnick, 10*2?.


STORIA DEI PAPI
D A L L A F I N E D E L M E D I O E V O
LUDOVICO BARONE VON PASTOR

STORIA DEI PAPI


DALLA FINE DEL MEDIO EVO
C om pilata c o l sussidio d e ll’ A rc h iv io segreto pontificio
e d i m o lti a ltri A rc h iv i

VOLUME I.
»Storia dei Papi nel periodo ilei Rinascimento
lino all'elezione di Pio II.
(M a rtin o V, Eugenio IV, Niccolò V, Calisto III).

N U O V A V E R S IO N E IT A L IA N A
DI

Mons. P ro f. A N G E L O M KRCATI
PREFETTO DELL* ARCHIVIO VATICANO

N u o r a e d iz io n e in te ra m e n te rifa tta
s u l l 'u l t i m a e d iz io n e tedenea.

ROMA
DE8CLÉE \ C.' EDITORI PONTIFICI
Piazza Grazioli, i (Palazzo Doria)

1931
La m igliore difesa dei l'a p i è lo scoprimento
del lo ro essere.
Pkrtz nel Ì 8J3.

PROPRIETÀ LETTERARIA

Roma, 1931 — Tipografia del Scoato del dott. G. Bardi.


C E N N I B IO G R A F IC I
SUL

BARONE L U D O V IC O VON PASTOR

L u d o v ic o von P a s to r ora n ato in A qu isgran a il .'il gen n aio 1881


<la una fa m ig lia p a trizia d i quella città .
Suo padre era p rotestan te, sua m adre cattolica. Fanciullo, fu ed u ­
ca to n ella confessione d i suo padre, uom o ili fed e sincera, (tome «lei
resto se ne tro v a n o m o lti anche in m ezzo al protestantesim o.
T u tto fa c e v a sem brare qu in di che eg li dovesse crescere p rote­
stan te, e che, d i più, dovesse dedicarsi alla v ita com m erciale al pari di
suo p adre, il quale sp erava con l ’aiu to del suo L u d o vico di potere un
g io rn o d a re più la rgo svilu p p o a ll'in d u stria dei colori che eg li com i li­
ceva . E d ap p u n to p er ragion i com m erciali e g li t rasferiva la fam iglia d a
A q u is g ra n a a F ra n c o fo rte sul M eno; m a quando il bam bino raggiu n geva
il secondo lustro, suo padre v e n iv a a m orte.
L a g io v a n e m adre, che era ferven te ca ttolica , v o lle che L u d o ­
v ic o e la sua sorellin a fossero educati nella sua religione, nel che
fu v iv a m e n te c o a d iu v a ta dal parroco della città, Thisscn, sacerdote
c o lto e pio.
M en tre L u d o v ic o assecondava prontam ente il desiderio di sua madre
seguendo con a ffe tto ed entusiasm o l ’insegnam ento cattolico, m ostrava
ben poca d isposizion e a v o le r d iven ta re un granile industriale com e suo
padre. E g li si d iv e r tiv a a ra ccogliere m onete rom ane, e i pochi denari
che ris p a rm ia va fin iva n o gen eralm en te dal libraio. A v e n d o eg li nel
18B8 assiem e al suo precettore, E m ilio S iering, fa tto un v ia g g io di
d ip o rto nel R en o in feriore e n e ll’O landa, si intese m aggiorm en te in ­
c lin a to a g li studi storici, che eran o allora fiorentissim i in F ranooforte.
L a m adre era tu tto ra a vversa a fare di questo suo figlio, cosi in cap riccia­
tosi, un « a n tiq u a ti!) o un d o tto . Ma il viv a c e g io v a n e tto era a n im ato
d a ben a lt r i sen tim en ti che qu elli di sua madre. Le grandiose tra d izio n i
«Iella vecch ia c ittà im p eriale, Aquisgrana, a veva n o lasciato nel suo an im o
un’im pressione in delebile. Il vetu sto D u om o C a rolin gio con i m e ra v i­
glio si m osaici d ella sua cupola e delle sue p areti, i rico rd i d e ll'im p e ro
d ’O c cid en te i v i risorto per v o lo n tà dei papi, a v e v a n o p rep a ra to in
q u e ll’an im o, cosi sensibile alle gran diosità del passato, un terren o o v e
v ili II barone Ludovico von Pastor.

la storia e l ’a rte avreb b ero d o v u to in con trarsi in un a ccord o m e ra v i­


glioso. E d egli, p ro p rio in F ra n c o fo rte , fin ì p er tro v a re chi a vreb b e
acceso in lu i la s c in tilla d i qu est’ard en te passione.
G io v a n n i Janssen, professore d i storia al gin n asio superiore d i
qu ella c ittà , sta v a a llo ra preparan do la sua S toria del p opolo tedesco.
N e l c o n ta tto d ella scuola e g li in tu ì in qu esto g io v a n e la p redispo­
sizion e del d o tto , e d o p o che eb b e o tten u to p er lui il consenso m atern o
a lla v ita d e g li studi, ne d iven n e il m aestro, la g u id a e l ’am ico che, sia
com e sacerdote, sia com e d o tto , avreb b e in d ir iz z a to qu ella v iv a c e natura
n egli ardui c o m p iti del sapere.
Il fu tu ro storico d e i papi, però, ben ta rd i com in ciò a studiare. A v e v a
g ià Iti an n i co m p iu ti quando n ella P a sq u a del 1870 prese a frequ en tare
il gin n asio di F ra n coforte. M a in soli cin qu e an n i eg li e s p leta va il corso
gin n asiale (g in n a s io -lic e o ). D ir e tto r e e m aestro d i lin gu e classiche in
qu el gin n asio era a llo ra T y c lio M om m sen, un fra te llo del gran de sto­
rico, ed in segn ava la sua m a teria con un rig o re ped an te: m a ta le esage­
rata severità s ervì a L u d o v ic o per rendersi padron e d i qu elle lin gu e così
in d ispen sabili ai cu lto ri d i storia. L o stesso Janssen che in segn ava nel
gin n asio superiore (lic e o ) era d i m o lta esigen za con i suoi d iscepoli e
più che la sem plice n arrazione, soleva curare la b ib lio g ra fia , lo studio
delle fo n ti e la discussione critica , dan do così al suo in segn am en to più
l ’ap paren za di le zio n i u n iversita rie che qu ella d i un arid o svo lg im en to
d i un sem plice program m a gin n asiale. Q u esto m eto d o p re p a ra v a fin
d ’ a llo ra il g io v a n e P a s to r a q u ella conoscenza d ella le tte ra tu ra e delle
fo n ti storich e, che un gio rn o a vreb b ero d o v u to ta n to distin gu erlo.
In q u egli anni di prim o c o n ta tto che il m on d o scien tifico e storico,
P a sto r eb b e occasione di leggere le st orie d i M om m sen , d i R a n k e nonché
d i a ltri im p o rta n ti sto rici che fio riv a n o in quel tem p o. In un fascicolo
di m iscellanee ra cco lto dal P a s to r nel 1873 tro v a s i registra ta questa
lettera tu ra storica con n ote critich e in to rn o al v a lo re d i ciascuna opera.
Da queste poche n ote rileva si com e fin d ’a llora il g io v a n e L u d o v ic o
dirigesse la sua a tten zion e, s o tto l'in flu en za d el suo m aestro Janssen,
alla grande rin n o va zio n e d ella Chiesa ca tto lic a a v v e n u ta nei secoli x v i
e x v ii, e com e d a ll’occuparsi sem pre più in ten sam en te d i questo p eriodo
storico, venisse e v o lv e n d o s i n ella sua m en te ch iaro il p rogram m a della
sua gran d e opera, la Storia dei P a p i.
P rezioso è il g iu d iz io che e g li d a v a fin d ’a llo ra d ella celebre opera
di R an ke, / P a p i d i R om a negli u ltim i quattro secoli. P a s to r rico ­
nosce che K a n k e era stato il p rim o che scien tificam en te a v e v a d a to
un quadro com plesso della gran d e restau razion e c a tto lica a v ven u ta al
principio d e ll’e v o m oderno, e il prim o che l ’a v e v a a p p rezza ta nel suo
giusto valore, cosicché p o te v a dirsi essere questa la m iglio re sua opera.
Ma allo stesso tem p o ne r ile v a v a i d ife t t i, d ei q u a li il principale
sta nel fa tto che i p rotesta n ti non possono raggiu n gere una p rofon d a
conoscenza della in tim a operosità d ella Chiesa ca tto lica . T e r loro la
C ontroriform a non fu che una reazion e esterna, m en tre in rea ltà essa
Il barone Ludovico von Pastor. ix

n o n fu a ltr o che una più am pia m anifestazione d i qu ella v ita in tern a


che si nasconde nel suo spirilo. E cosi, prosegue a notare il g io v a n e
P a s to r a v v ie n e che fili storici protestan ti nelle loro storie dell età
m odern a trascurano in tieram en te questa gran de m an ifestazion e di
v it a d e lla Chiesa cattolica, o, se ne parlano, lo fanno solo p er ad d itare
g li a v v e n im e n ti d ella C ontroriform a iti Koem ia, non com prendendo
ch e essa non fu un fenom eno storico a sè, m a una piccola parte del
gra n d e rin n o va m en to spirituale d i tu tto il cattolicism o, in izia lo e
prom osso da R om a.
E , a questa « t e r r a in c o g n ita » del m ondo p rotestan te, lam en tata
fin d ’a llo ra d al g io v a n e Pastor, rispondeva una d im en tican za assoluta
anche n el cam p o ca tto lico , i cui storici non si eran cu rati, nè si cu ra­
v a n o , d i co m p leta re questa deficienza della letteratu ra storica p ro te ­
sta n te; n è a v e v a n o cercato in alcun m odo di porla nella sua giusta luce,
o n d e fin da quel tem p o P a sto r id eava di dedicarsi a questo nobile
stu d io, «g ia c c h é io tr o v o che la Chiesa appunto iv i si rivela grande
e p oten te, d o v e c o m b a tte contro il m ale e con tro la corruzione che si
è in filtr a ta n e ll’in tim o d ei suoi propri a ttrib u ti ■.
In questa frase è com preso tu tto il preciso program m a cui P astor
a v re b b e in a v v e n ire d ed icato le sue grandi e arden ti qu alità. Non a v e v a
a n cor fin ito il ginnasio, che già Janssen tro v a v a in questo suo discepolo
un a iu to e un consigliere che g li a gevolava l ’elaborazione d ella sua
S to ria del p opolo tedenco.
N e l 1875 P a s to r lasciava Fran coforte per recarsi a L o v a n io onde
in izia re il corso u n iversitario. A n ch e qui fu il suo paterno am ico Janssen
che lo diresse: e g li g li a v e v a con sigliato L o v a n io onde m eglio apprendere
il fran cese, cd anche perchè là a v e v a un o ttim o am ico capace di a p p ro ­
fo n d ire il solco che e g li a v e v a tracciato su quel fertile terreno. Fu questi
hi storico A lb erd in g k T h ijm , un discepolo d iO frò re r, un v e r o c a lto lic o
ed un v e ro studioso, che d o v e v a poi legarsi a Pastor con una sincera
a m ic izia e restare con lui un relazion e epistolare per lunghi anni.
P a s to r in quel period o a v e v a già a sua disposizione dei buoni
q u a ttrin i, m a e g li non ne usava, com e di consueto fa la g io v e n tù stu ­
diosa, in d iv e rtim e n ti e spassi, ma n e l l 'acquisto di libri per la sua
d ile tta b ib lioteca.
N e ll’autunno 1875 P a sto r si trasferiva a lIT n iv e r s ità di B onn,
o v e passò « i l tem p o più tra n q u illo e allo stesso tem po più felice della
sua v it a ». I v i fece parte d e ll’associazione u n iversitaria A rm in ia
c o l n om e di T illy , e i suoi com pagni god eva n o scherzare con lui jw r
q u elle « o r r ib ili zam p e d i g a llin a » cui assom igliava la sua scrittu ra, che
Janssen a v e v a già d efin ito « zam pe di g a tto ». M a il v iv a c e g io v a n e non
se ne d a v a per in teso per cose cosi piccole, e in v e c e qu ando nel 187<>
l ’associazione celebrò in una solenne adunanza il *to 1anno ili p on tifica to
d i P io I X , fu in v ita to p roprio P a sto r a tenere il discorso sul papa- E g li
disse in q u e ll’occasione che, in quel m om ento, il p ap a più che p er
l ’opera sua era gran de per i suoi dolori, che « il triregn o era d iv e n ta to p er
X II barone Ludovico von Pastor.

lui la coron a d i spine, che però il tem p o d ella p ro v a e d ella croce era
a llo stesso tem p o qu ello del m a g g io r trio n fo m orale. T u t t i g li attacch i,
tu tte le oppression i hanno accresciuto la sua p o ten za su t u tti i cuori
anziché d im in u irla. O g g i il p a p a to p r iv o d i m ezzi u m ani p iù che in ogn i
a ltro secolo ha gu ad agn ato senza lin e n ella fo rz a m o r a le ».
In q u egli an n i g io v a n ili P a s to r attese con uguale passione al r i­
sveglio d e g li stu di storici, com e pu re al trio n fo d el p rogra m m a c a tto ­
lico. Di fro n te al K u ltu rk a m p f, che im p e rv e rs a v a a llora fu ren te, eg li
non restò m ai in d ie tro con il suo credo in tre p id o e sereno, cosicché il
celebre v e s c o v o v o n K e t t e le r disse un g io rn o a lla zia d i P a s to r: « V e n ti
di qu esti g io v a n i eam bierebbero u n ’in tie ra n azion e e la salverebbero
d a ll’in cred u lità ».
N é in ta n to e g li trascu rava la sua p rep a ra zion e scien tifica; a n zi un
la v o ro d a lu i presen tato sul co n veg n o d i B a y o n n e p er il Sem in a rio
storico, fu g iu d ic a to d al suo professore B it t e r m od ello p er la ric­
chezza d elle ricerche a rch ivistich e e p er la gran d e conoscenza della
lettera tu ra .
N e lla P asqu a del 1876, in com p a gn ia del suo a n tico p recetto re
P a s to r in traprese il suo prim o v ia g g io a B o m a .
G ià v i si era p rep a ra to con la le ttu ra d ella D escrizione di Noma di
l ’ iatner: m a nessuna d escrizion e p o te v a esser così eloquent e per lui com e
la realtà. Q u an do fin alm en te si intese in questa c ittà che « e r a sta ta la
m éta d e lle sue asp irazion i fino d a lla prim issim a g io v e n t ù », quando
p o tè gu sta re g li insegnam ent i d i questa « U n iv e rs ità d i tu tto il m ondo »
eg li p ro v ò l ’im pressione più p rofon d a e ne rip o rtò una m em oria in d e­
lebile. E g li eb b e udienza presso P io I X ed a lui u m iliò un in d irizzo
a nom e d ella società u n iversitaria « A rm in ia ».
I gra n d i m on u m en ti deH’ E tern a C ittà v is ita ti an cora una v o lta
rich iam aron o su i suoi occhi le lacrim e.
Fu qu in d i a N a p o li e poi n e ll’A lta Ita lia , rip o rta n d o ovu n qu e
una im pressione ohe d o v e v a esercitare la più b en efica in flu en za sul
p rogram m a «Iella sua v ita .
N el sem estre d 'in v e rn o 1876-77 P a sto r fu a B erlin o . In qucH’ U ni-
versità e g li fu discep olo di celebri d o tti: E rm a n n o G rau ert, G u glielm o
Nitzsch. prese p a rte al celebre S em in ario storico d i G io rg io W a itz , e
frequ entò le lezio n i d i L e p o ld o v o n Iìa n k e.
II g io v a n e stu d en te pen sava p erò già a lla sua S toria dei P a p i e
con una prem u ra d ilig e n te com in ciò lo sp oglio dei ricchi m an oscritti
della R egia B ib lio teca . N e lle feste d i N a ta le fu a Fu ld a per s tu d ia rvi
bene il cod ice così im p o rta n te p er la storia d ella C on troriform a , in cui
sono le n ote scritte d ai G esu iti dal 1570 al 1650.
M en tre R om a con la gran diosa m e ra v ig lia dei suoi m onu m enti e
con 1 im ponente gran dezza d elle sue m em orie lo a v e v a com m osso sino
alle lacrim e, B erlin o, la m etro p o li d ell'in te llig e n za , non in con trò a ffa tto
il suo gusto. Q uelle lunghe v ie u n iform i e m oderne, qu ei luoghi aridi
di m em orie, eran p er lui tediosi e m on oton i; soleva d ire: « T u non pu oi
Il barone Ludovico von Pastor. xi

cercare qua alcun m onum ento; nulla parla «lei passato, né v i è cosa
che in c o rp o ri in sé o un’epoca o un period o d e ll’arte. M onaco, F ra n c o ­
fo r t e , D resd a e m agari una piccola c ittà ita lia n a sono “ c a p it a li,, cento
v o lt e m e g lio di B e rlin o r. M a il suo sp irito tro v ò là pure gran di con forti.
F re q u e n tò iv i l'associazione u n iversitaria « Ascania ", d o v e tro v ò dei
co m p a g n i dello stesso pensiero, e p o tè conoscere W in d th orst ed a ltre
illu s tri person alità del Centro.
E p ro p rio il c o n ta tto con ta n te illustri personalità della v ita r e li­
giosa, in te lle ttu a le e p o litica della G erm ania cattolica, fu uno dei
fa v o r i speciali che P a sto r riconosceva dalla P ro vvid en za . F u ron o questi
u om in i che in d irizza ron o il gio va n e e appassionato studente su la retta
v ita , fu ron o essi che basarono su di un fon dam en to sicuro la vast a cult tira
d ella m en te e d e l‘ cuore di questo gio va n e storico e che im pressero al
suo ca ra tte re profon da e seria ferm ezza. 1 nom i d i questi grandi maestri
d el P a s to r sono p er sé ognuno una storia.
O ltre al m en zion ato Janssen, che restò sem pre l'a m ico paterno
d i L u d o v ic o , v a rico rd a to il grande vesco vo di M agonza von K e tte le r,
H e r tlin g , E rm an n o H iiffe r, A lfre d o von R eu m on t, P a olo Leopoldo HolT-
ner, p iù ta rd i vesco vo d i M agonza, il decano «Iella catted rale di questa
c it t à e professore d i dom m atica G iova n n i B attista H ein rich , il quale
d e tte nel 1874 il prim o im pulso alla fon dazion e della celebre (¡A rre*
G esellsch aft (società destinata a prom uovere nella G erm ania la scienza
c a tto lic a ). « F u questi, dice il Pastor, che dopo Janssen esercitò su me
il m a ggiore influsso ».
A questa cla-sse d i uom ini che form ò il suo sp irito nelle profonde
c o n v in zio n i della fed e e n egli a lti ideali della lotta per lei, va aggiunta
una seconda classe: quella degli storici e particolarm en te degli storici
d e ll’a rte, d elle più diverse tendenze. Fu in F ran coforte «lessa che egli
im p a rò ad ap p rezzare l ’arte ita lia n a per opera di S teinle, non ostante
che M iin zen berger, e più ancora A ugusto Reiehen*|>crger, « uno d egli
uom ini più versatili caratteristici ed interessanti » con il quale a v e v a
più v o lte v is ita to i musei berlinesi, lo portassero ad apprezzare « l'a r t e
g o tic a » com e l ’apice d e ll’a rte cristiana, e la straniera arte «Iella R in a ­
scenza » com e un rifiorire d e ll’a rte pagana. Ma |w*r fortuna del Pastor,
a ltri storici, illu stri e più equ anim i, com e Francesco S a verio Kraus,
che e g li conobbe a F ra n coforte, e F ed erico Kchneidcr, conosciuto a
M agon za, esercitaron o sul suo an im o un giusto contrappeso, inducen­
dolo ad un più equ o apprezzam en to d e ll’arte «Iella Rinascenza. E cosi
con ob b e pure a m ezzo del suo suocero, L ep o ld o K a tlfm a n n , un line
in terp rete d e ll’a rte «li D iirer, lo storico d e ll’a rte J u sti. I n R asilea fu a
c o n ta tto con G ia com o B u rckh ardt, uno «lei più illustri con oscitori della
R inascenza, il cu i ricord o eg li ram m enta con gi«iia nelle sue m em orie.
C ircon d ato da uom ini eoe) d istin ti sia nel cam po scien tifico che a r ti­
stico e religioso, P a sto r si senti sempre più c«»n forlato nel suo p rop osito
d i scrivere la storia dei papi non nella form a a p o lo getica , m a secondo
lo s tile d i R an k e, nella pura form a o g g e ttiv a , su la base d e i d ocu m en ti.
MI Il barone Ludovico von Pastor.

« L o storico c a tto lico , ha lasciato s c ritto P a s to r in un suo diario,


non «levi* v o le r essere un apologeta: è questo un p erieolo in cui è fa cile
i ricorrere nei n ostri te m p i così a g ita ti. N a tu ra lm e n te uno storico che
m ira ad una rigorosa o g g e ttiv ità non v errà a p p rezza to m en tre e g li v iv e
com e l ’a p o lo g e ta storico, l ’ uomo d el m om en to. M a più ta rili le con ­
d izio n i saranno in v e rtite . Q uello non m uore con la sua v ita , m entre
questo, che è ancora com preso d ai fr a te lli d ’idea, p er le gen erazion i
fu tu re al co n tra rio non è più a ltro che uno scritto re d i lib ercoli. L o sto­
rico «leve assolutam ente tenersi lu n gi da o g n i passione p o litica . U n ’opera
storica c a tto lic a d e v e assom igliare a qu elle solen n i c a tte d ra li rom aniche,
che resp in gon o tu tte le a ffe tta z io n i e tu tte le lezio sa ggin i, e che nella
lo ro g ra n d ezza e p erfezio n e non abbisogn an o d i alcun v e lo ».
E le p rim e lance spezzate d al fu tu ro storico dei p a p i ebbero un
c a ra tte re b a tta g lie ro , non però n ella fo rm a a p o lo getica , da lui sopra
rip ro v a ta , m a in qu ella rigorosam en te scien tifica d ella critica.
V a prem esso che il K u ltu rk a m p j, n el cam po in te lle ttu a le , com e già
in q u ello p o litic o , a v e v a p er m òta d i in v o lg e re n e ll’o b lio tu tto quello
che la scienza c a tto lic a potesse produ rre d i p regevo le. N o i in Ita lia
ab b iam ve d u to fa re a ltre tta n to p er insinu azione d ella scim m iottan te
m assoneria. In segu ito a ciò, com e fra noi, così là, g li scien zia ti c a tto lic i
eran c o s tre tti o a restare n ell’oscu rità o aprirsi il v a rc o sacrificando le
p rop rie idee. U n o di questi, G io rg io W a it z , seguì per un tem p o questa
via, e in una n u ova e d izio n e d a lui cu rata d elle QuéUenlcunde der deu-
tschen Q w h ic h te di D ahlm ann, cercò escludere d a lla prop ria consor­
teria g li sto rici c a tto lic i. C on tro ta le p a rtig ia n e ria insorse fiero il Past or
con un suo a rtico lo p u b b lica to nel D er K a th o lik , dal tito lo G iorgio,
W aitz m onopolista prussiano della storia. Il g io v a n e , ancora v e n tu ­
nenne d im ostrò con una va sta cu ltu ra le tte ra ria com e il W a itz , non
ten en do c o n to d eg li erro ri scien tifici, nella te rza e qu arta ed izion e
•li d e tta opera sotto l ’influsso del K u ttu rlca m p f a b b ia ta ciu to o rim ­
piccolito opere m a gistra li c a tto lic h e e s c ritti d i a u to ri ca tto lic i, e
com e q u est’opera ta n to con su ltata sia stata p en etra ta d ello sp irito
«lei c rea to ri d ella storia p ro testa n te prussiana, cosicché le opere di
K Io p p , di W eiss, d i H e fe le , di G fròrer, «li Janssen, d i H ergen ro th er,
«li P h ilip p » e d i ta n ti a ltri, non v i avessero tr o v a to posto o fossero state
indicate a p iccoli c a ra tteri com e p oco u tili p er la consultazione. « È
p roprio vero, scrive il P a sto r, che la celebre frase d i D e M aistre, che
«la 300 an n i la storia non è a ltro che una gran d e con giu ra con tro la v e ­
rità, tro v a il suo pieno a v v e ra m e n to nel n u o vo an d a zzo d i s c r iv e r la
storia in G erm ania, d o p o che anche iv i ha p reced u to un periodo, nel
quale anche i p ro testa n ti giu d ican o con la più gran d e sfa ccia ta ggin e la
<'hiesa, la sua azion e e i suoi m in istri ».
E così P a sto r proseguì nel m en zion a to p e rio d ic o a m ettere in luce,
con som m a franchezza e con ca p a cità non com une, l ’o p era s to r ic o -le tte ­
raria «Iella G erm ania p rotestan te. A llo stesso te m p o scrisse recensioni
ili opere d i d o tti c a tto lic i qu ali Janssen, C arlo de S m ed t, A lb erd in g k
Il barone Ludovico von Pastor. xui

T h ijm e d i C astelar (D e r K a th o lik an. 1876-77), dell«* q u ali foco rileva re


il v a lo re, non m ancando d i correggere, com p letare, o v e occorresse, il
loro pensiero. Così, quando Io spaglinolo C astelar esa ltò l ’opera «li
Iia n k e su i papi, com e un la v o ro che sarebbe le tto anche dai c a tto lic i
più ze la n ti, P a s to r non mancò di osservar«* che non a n d a v a dim en ticata
la p a rzia lità e ten d en ziosità d e ll’autore, m entre « una revision e d ell'o p era
d i R a n k e da p a rte d e i c a tto lic i era senza du bbio uno «lei più pressanti
b isogn i d ella storiografia ca tto lica ».
A com p iere i suoi stilili u n iversitari P a s to r si recava nel 1877 a
V ien n a . I v i si tr o v ò assai m eglio che a B erlin o, ma i gra n d i professori
d i q u e ll’ u n iv e rs ità (fra questi il celebre T e o d o ro von Nickel) non «'li­
bero accoglien za am ich evole per questo g io v a n e storico D el resto non
g li m ancarono o ttim i am ici, fra i «piali il gran ile storico O nno K lop p ,
che Janssen g li a v e v a raccom andato, coinè « uom o di nobilissim i sen
tim en ti, di p rofon d a p ietà, veram ente pio, di gran d i pregi, an cora di
una v iv a c ità un p o ’ g io v a n ile ».
In quel tem po P a sto r prese a scrivere per la Revue dm (¿uestion*
historiquen d i P a r ig i la recensione delle p u bblicazion i storiche della
G erm an ia, cò m p ito che eg li ha proseguito per ben 2 0 an n i (1877-1807)
dan d o a quella recensione bibliografica il carattere di una specie di uni
versalism o. B ellissim a recensione, d istrib u ita in una serie «li articoli
e d iti n egli IIis to r itc h -P o litite h e n Ulutter (1877-1880), eg li d ed icò a l ­
l ’op era «li K lo p p , F a ll tir* llawteg Stuart. D alle sue M em orie risulta clic
in quel tem p o a v v a ideato d i scrivere un volu m e «tal titillo //« ntorico
m odertio nel qu ale a vreb b e d o vu to precedere com e p refazion e tuia
c ritic a con tro « g l i o ltra g g i lan ciati alla casa im p eriale d 'A u stria «lai
costruttori d i storia prussiana i qu ali d en igravan o gli A sbu rgo |H>rclic
non ne conoscevan la storia, ma anche più perchè c a tto lic i.
I n V ien n a il P a s to r trascorse i tri! sem estri 1877-78; u tilizza n d o il
suo tem p o non solo per lo studio ma, com e g ià a B erlin o, nel fare 1«»
sp oglio della B ib lio te c a im p eriale e d e ll’A re h iv io «li S tato. P rep arò pure
la sua tesi, a lui su ggerita dal prof. K lo p p , «lai tito lo T e n ta tiv i di
u nione religiosa durante il regno di Carlo I , lavoro la cui sola prim a
p arte abbraccia 400 fo g li in quarto, densam ente scritti.
F in it o il te rzo semestre, per in v ito di G iova n n i W eiss, P a s to r lasciò
V ie n n a e si r e c ò a G ra tz d o ve consegui la la u r i« in filosofia il 18luglio 1878.
In poco più d i o tto anni eg li a v e v a espletato nella m aniera più brillan te
il corso d ei suoi studi, dalla prim a ginnasiale a lla laurea u n iversitaria.

• * *

P a s to r a v e v a allora solo 24 anni e m ezzo: e g li e n tra v a nel m on d o


non com e uno sconosciuto, ma coni«* un uomo che si era già a ffe rm a to
per la profon d a ferm ezza «lei suoi prin cipi «a ttillic i, p er la su astraordi-
n aria cu ltu ra e con un program m a che in ten d eva svolgere a d o g n i
con to: scrivere la Storia dei P a p i.
xiv II barone, Ludovico von Pastor.

S in ’ora eg li a v e v a raccolto m o lto m a te ria le , m a sporadico e in co m ­


pleto; a lui occo rreva p erò per ta le scopo p o te r giu n gere a ll’u nica fo n te
d i qu esta storia, a cui nè R a n k e nè a ltr i a v e v a n p o tu to a ttin g e re , al-
l ’A rc h iv io segreto V a tica n o . P e r riu scire a ta le in te n to P a sto r fece
p erven ire per m ezzo d i O n n o K lo p p al n u n zio d i V ie n n a M ons. Jaco-
bini, più ta rd i S eg reta rio d i S ta to , un p ro m e m o ria nel qu ale e g li illu ­
s tra va l ’ im p o rta n za per la Chiesa d i una sto ria d e i p a p i s c ritta su la
base d e ll'A r c h iv io V a tica n o .
A lla m età d i dicem bre 1878, m u n ito di una le tte ra co m m en d a tizia
«lei nunzio, e d i le tte re di a ltri am ici, P a s to r lasciava F ra n c o fo rte
e si poneva in v ia g g io per l ’ Ita lia . Il p ro f. C a rlo F ed erico S tu m p f-
B rentann nel salu tarlo lo accom p agn ò con le parole «S e n vad a con
D io, cliè un cora ggio g io v a n ile certo a lei non m a n c h e rà ». In R o m a
fu ospiti- del C am po S a n to tedesco a llo ra d ir e tto d al d o tto p rela to
A n to n io de W a a l. Un m em oriale presen tato al c a rd in a le N in a , S egre­
ta rio d i S ta to , nel qu ale si d im o s tra v a che con lo stu dio d e i docu m en ti
v a tic a n i si p otreb b e solo fa r d el bene, non eb b e alcun risu ltato. N e l
fare ta le pressione P a sto r era c o a d iu v a to d a i p re la ti D e W a a l e D e
M on tel nonché dal card in ale F ra n ze lin . De W a a l pensò d i d om an dare
l'accesso aU’A r c h iv io non solo p er P a s to r m a anche p er g li a ltr i te o lo g i
e storici del suo co llegio, e a ta l u opo si rivo lse al papa stesso, p re­
sentando una d om an d a d i P a s to r, n ella q u ale eg li fa c e v a rile v a re
com e fosse interessante d i m e tte re a fian co «Iella sto ria ile i p api di
R an ke una seconda storia s c ritta d a m ano c a tto lic a e basata su i
d ocu m en ti deU’A rc h iv io V a tic a n o . Leon e X I I I concesse p er a llo ra il
permesso che venissero p o rta ti per P a s to r i m a teria li d i A rc h iv io
nella B ib lio te c a V a tica n a . E n tra to fin alm en te in quel san tu ario della
storia, P a s to r p o tè consultare pure g li in d ici e così fa re le sue ricerch e
m etodicam en te. A lla v is ta d i ta n to tesoro e g li con cepì il gran d e p ro ­
gram m a d i p u b b licare accan to a lla sua S to ria un C orpus Catholicorum
su la base d e i d o cu m en ti d e ll’A r c h iv io V a tica n o , la v o ro che a v reb b e
d o v u to abbracciare la p u b b lica zion e d i le tte re d i pap i, istru zion i,
relazion i e corrispondenze d i nu n zi, a p p elli a i p a p i e d e s tra tti dei
fo gli vo la n ti, b ib lio g ra fie d i opere a p o lo getich e d el secolo X V I.
L e g ra n d i pressioni esercitate p er p a rte d e i d o t t i e in d u b b iam en te
l’oliera sp iegata dal P a s to r o tten n ero un secondo risu lta to assai gran d e
per la storia: Leone X I I I , che seppe ben a p p rezza re il c o n trib u to che
a lla in d agin e storica p o te v a ap p ortare lo stu dio d e ll’A r c h iv io V a tica n o ,
si decise pronunciare la grande parola per cui l ’A r c h iv io v e n iv a a p erto
a tu tti i d o tti. P a sto r restò in R o m a sino a l giu gn o 1879. In qu ei
mesi egli non con obbe riposo: la v o ra v a da 10 sino a 12 ore a l giorn o,
sfoglian do solo nella B ib lio te c a V a tica n a , com e e g li scrisse all'Janssen
300 m anoscritti, lim itan d o per ora le sue ricerch e d al 1450 al 1549.
N ello stesso tem po v is itò g li a rc h iv i e b ib lio te c h e d i N a p o li, F irenzi- e
M ilano, .facendo ovu n qu e largo b o ttin o d i docu m en ti, finché n e ll’au-
tunno, con du e v a lig ie d i app u n ti, se ne torn ò n ella sua p atria.
Il barone Ludovico voli Pastor. xv

In ta n to e g li pu b b licava la sua te.si che a v e v a raggiu n to le 500


pagine: D ie K irc h lic h e n Keunionshestrebungen wàhrend d tr Itegierung
K a rls V , op era che assieme a lla Corrispondenza del cardinale ConUt r i ni
durante la sua legazione in O rrm a n ia nel 1541, da lui tr o v a ta in R om a
e p u b b licata n e ll’# istorischen Jalirbuch d ella (ìtìrresgesellschaft, g li
procurò subito fam a d i vero d otto.
E g li asp irava ad una catted ra u n iversitaria, m a «ve n tu ra !a n ie n te
la lo tta del K u ltu rk a m p l rendeva im possibile a lui, c a tto lico , il r a g ­
giu n gere ta le m òta. T eod oro Monunsen, in te rro g a to dai d ep u ta ti del
C en tro al P a rla m en to prussiano su questa m ancanza di purità fa tta
ai c a tto lic i nelle U n iversità, rispose che « era il sim bolo dell'u ltran tolila
nism o che fa ceva si che a ll’om bra ili qu esto albero velenoso fossero
cosi rari i ta le n t i». Com e fosse falsa quest'accusa p artigian a, risulta
dal f a llo che Pastor, quantunque tanto a tta c c a to alla sua patria, d o v e tte
cercare una ca tted ra in Austria. Il prof. W eiss propose a lui le due
u n iversità di (ìr a tz e ili Innsbruck: il prof. S tu m p f-B ren ta n o (¿li spianò
la v ia a qu est’ ultim a, d o ve il 19 febbraio 18K0 eg li tenne l ’esame (collo-
q u iu m ) di a b ilita zio n e e, sei giorn i dopo, alla presenza di 10 professori e
di 15 stu denti, la lezione di p rova sul tem a: L'opera storica contempo-
ranca a l i im peratore Carlo V. Il prof. Busson d a va su ll'esito ili questa
p ro v a il seguente lusinghiero giu dizio: ■■ Il can d id ato ha ad em p iu to il
suo in carico in o ttim a maniera. La sua lezione, la cui form a può solo
v e n ire elo gia ta , dim ostra che egli è pienam ente padrone dcU’argotnento,
che ne conosce la lettera tu ra sino alle recentissim e pu bblicazioni, e che
e g li sa esporre con chiarezza ed in m aniera a ttra en te un argom ento.
A n c h e la calm a o g g e ttiv ità che il candidato ha d im o stra lo in questa
occasione d e v e esser fa tta rileva re in m aniera particolare. La voce del
ca n d id a to è assolutam ente sufficiente ».
T u tto faceva credere che una libera docenza non si facesse a tte n ­
dere, eppu re non fu cosi. Il M inistero d ella pubblica istruzione in
V ien n a, pervaso dal sen tim en to liberale-m assonico, g li fece bene
a tten d ere il permesso (venia legendi) di tenere le sue lezioni.
I l p rof. K lo p p v o le v a che P astor avesse a ccetta to il posto di
professore d i storia in casa dell'arcid u ca Carlo Lu d ovico per il suo tiglio
O tto n e, ma e g li v i rinunziò, sebliene a malincuore, |»ercbò ta le sistem a­
zion e lo a vreb b e a llon ta n a to tro p p o dal suo program m a scientifico.
N e ll’attesa del perm esso del M inistero, Pastor a ccettò sul m om en to
il posto ili consigliere scien tifico nella libreria editrici* di H erder, in i­
zian d o la redazione d e g li * Historischen Bildnisse e la revision e d egli
a rtic o li storici nel K irch e n le rik o n di W e tze r e W c lte . F in a lm e n te ,
d o p o 11 m esi d i a ttesa giunse d ietro pressione d egli am ici l'a tte s a
venia legendi dal M in istero della pubblica istruzione, e P astor p o tè
com in ciare com e lib ero docente le sue lezion i di storia m oderna in
Innsbruck, che d o v e v a diven tare la seconda sua p atria.
D u ra n te l ’attesa di questa con ferm a m inisteriale il suo a m ico
G io rg io H e rtlin g g li a v e v a scritto: < N on d o v e te m e ra v ig lia rv i; chi,
xvi II barone Ludovico von Pastor.

com e v o i, sente d i a v e r la m issione d i porre la sna azion e scien tifica


espressam ente a s e rv izio d ella causa ca tto lic a , eg li, o vu n q u e e in ogn i
tem po, d o v rà u rtare n e ll’opp osizion e o ccu lta o m an ifesta d ella scienza
ufficiale, che n ella sua gra n d e m a g g io ra n za persegue ben a ltre m ire ».
N el sem estre e s tiv o del 1881 P a s to r ten n e in In n sb ru ck le sue
prim e le zio n i su Le fo n ti della storia moderna. Il 22 a p rile d el 1882
si a m m o g lia v a con la sig.n a C ostan za M a ria K a u fm a n n , l ’u n ica figlia
di L eo p o ld o K a u fm a n n , già b o rgo m a stro d i B on n , anch’e g li in trep id o
c a tto lic o , che p er la fe d e era stato d u ram en te p ro v a to ed a v e v a d o v u to
rin u n ziare al suo a lto ufficio. L a d on n a scelta d al P a s to r era qu ella
che o cco rreva p er lui: fe rv e n te ca tto lic a , piissim a, colta, fu p er lu i non
solo fed elissim a sposa e com p agn a affettu osa , m a pure co o p era trice
in te llig e n te nei d iffic ili la v o ri, cosicché d ella stessa S to ria dei P a p i
e lla trascrisse in p u lito i p rim i vo lu m i, e d ei segu en ti a scoltò la lettu ra
dan don e q u in d i un g iu d izio critico. « È e lla , s c riv e v a il P a sto r, che m i
ha ten u to lon tan o d a ll’o rg o g lio del d o tto e che ha ten u to sem pre sol­
le v a to il m io sguardo verso il S ign ore, d a to re d i o g n i ben e ». E lla pure
fu fe lic e con lui e sc riv e v a che «n essu n a cop p ia d i sposi era a d a tta ta
l ’ un l ’a ltro più d i loro d u e ». P a sto r in seguo d i g ra titu d in e v o lle che
fosse d ed ica to a lei il s e ttim o vo lu m e d e ll’opera. In In n sbru ck P a s to r
si tr o v ò in una citta d in a assai più p ic c o la di F ra n c o fo rte , m a in ca n te­
v o le p er le m eravigliose b ellezze d elle A lp i circostan ti: in iziò pure
d elle escursioni alpine assiem e al d o tto co llega G iu lio v o n Ficker,
qu an tu n qu e poco a ttre zza to p er q u elle d iffic ili ascensioni.
N e l 1882 fu in vista un posto d i professore a ll’U n iv e rs ità d i P ra ga .
P a s to r v i concorse: e g li a v reb b e d o v u to ven ir n om in ato; m a la sua
fe d e c a tto lic a g li fu d ’ostacolo: non si perm ise che venisse p re fe rito
un « u lt r a m o n t a n o » ed a ltri eb b e q u ella ca tted ra . P u re com e c o m ­
penso P a sto r ric e v e tte il tito lo d i professore straord in ario, «r is u lta to
assai lu sin gh iero, com e giu d icò F ic k e r, dop o un p erio d o assai b reve
d i in segn am en to ».
Q uando nel 1880 pubblicò il suo p rim o vo lu m e d ella S toria dei
P a p i, i suoi c o lle g lli n e ll’in segn am en to storico, c o m p re s o , F ick er, non
lo giu d ica ron o b astan te p er proporre P a s to r com e v e ro professore
straordinario. Il prof. Busson, uom o b o llen te e al som m o liberale,
g li s c riv e v a allora: « E lla può scrivern e anche u na d ozzin a d i questi
volu m i, m a non verrà m ai proposto per professore, sinché non cam b ia
le sue d ir e ttiv e ».
P u re non fu così. G li a m ic i d i V ien n a, p a rticola rm en te il p ro f, von
G agern, in sistettero per qu esta nom ina, e Pa-stor fu n om in ato il 30 o t t o ­
bre 1886 professore straord in ario, e il 5 settem b re d e ll’anno seguente
professore ord in ario d i sto ria gen erale.
Le sue lezio n i fu ron o frequ en tatissim e, perchè o ltre a lla continua
e forte preparazion e, eg li possedeva, p er il m etod o e per la form a,
a ttr a ttiv e straordinarie. E g li percorse tu tto il cam po storico che v a
dal m ed ioevo sino ai n ostri giorn i. L a sua m an iera d i esporre a v e v a
Il b a ron i- L u d o v i c o v o n l ’ a s io r . XVII

nn im pronta com plessa cil universale; e g li sap eva far conoscere i sin ­
goli even ti, com e pure la loro ripercussione su la storia europea, v a lu ­
tan doli col sicuro g iu d izio del grande storico. I n m aniera particolare
incontrarono l ’a p p ro va zio n e generale le le zio n i che eg li tenne sul
secolo x ix , a rgo m en to che in pochissim e u n iversità v e n iv a tra tta to .
In queste lezion i, che furono freq u en ta te d ai discepoli d i tu tte le
facoltà, P a s to r pose in luce la u n ila tera lità della produ zione storica
tedesco-pru ssiana allora in voga, la sua d eficien za nel v o le r fa r credere
che la gra n d ezza d ella storia tedesca consista tu tta ueU’ap p arire «lei
p rotestan tesim o, ed in opposizione a questo co n cetto errato, pose in
Ilice la gra n d ezza d ella storia d ell'im p ero austriaco, che ebbi* |M-r
base la c iv iltà occid en tale cristiana.
N e l 1889 e g li ric e v e v a la distinta on orificen za di b o c to r ad hono­
rem d e ll’ U n iversità d i L o v a n io ; in quegli an n i trascorsi nella piccola
e g e n tile c ittà di Innsbruck egli potè godere ili un v a n ta g g io non c o ­
m une per la sua Storia dei P a p i: g li arch ivi ita lia n i erano a lui vicin i,
ed e g li nelle vacanze, non escluse quelle n atalizie, si reca va a studiare
in q u elli d i M a n to va , V en ezia, M ilano, raccoglien do cosi larga mèssi-
d i d ocu m en ti. Rubacchiando così il tem po alle vacan ze, p o tè e g li esa­
m in are in qu egli anni ben 35 arch ivi ita lia n i, 38 tedeschi e 5 francesi.
M a una fe lic e circostanza d o veva a g evo la rg li a n cor m eglio l’opera
ili in d a gin e p er la sua Storia dei P a p i. N el 1901 P a s to r v e n iv a ch ia­
m a to a R o m a quale successore d i T eo d o ro v o n Sickel nel posto di
d ire tto re d e ll’is titu to storico austriaco. L o stesso im peratore, nel
n om in a rlo, disse che qu esti era « l ’ uomo a d atto per questo posto com e
il p o sto era a d a tta to p er lui ». P a stor in R om a si tr o v ò nel pu n to cen­
tr a le d ei suoi studi. O ltre che form are d o tti scrittori d i storia per la
sua p atria, e g li p o teva con la più grande com odità trur p r o litto d egli
im m en si tesori a rch ivisti d e ll'E te m a C ittà . E cori il suo la v o ro fu d iviso
fra la fo rm a zio n e culturale d e i suoi discepoli e la ricerca di m ateriale
p e r la sua gran de opera.
Com e tem a per i la v o ri ufficiali d e ll’is titu to , eg li scelse le cosi
d e tte «N u n z ia tu re di pace » deH’A rc h iv io V a tica n o , fon do che abbrac­
c ia le istru zioni, relazioni, e corrispondenze dei N u n zi straord in ari
in v ia t i d a lla Santa Sede ai v a ri congressi jn-r la pace, ten u ti in Europa
n e i secoli x v u e x v n i, fon do che illu stra m irab ilm en te l ’opera p a ci­
fica trice s v o lta dalla Santa Sede in m ezzo ai p op oli in tu tti i secoli.
A l tem ilo stesso, com e d iretto re d e ll'is titu to , v o lle unire a llo studio
d e i docu m en ti anche qu ello dcH’arte, occupandosi del B arocco in R o m a
e dan d o così un fo rte con tribu to a lla storia artistica ili quel periodo.
P a s to r non si distaccò del tu tto da Innsbru ck; iv i to rn a v a con
la sua fa m ig lia per elab orarvi i volu m i, per poi recarsi in a ltre c ittà
in cerca d i m ateriale per il suo ca p ola voro. E ad Innsbruck a v e v a
e g li o ttim i am ici nei celebri professori Jungm ann, H u rter, M ichael,
e G risar, il quale ultim o alla sua vo lta d o v e v a d iv e n ta re lo storico
d e i p a p i p er il p eriodo del m edio e v o . F u in quella c ittà che e g li si

P a s to r, Storia dei P a p i, I* h
X VIII Il baróni» Ludovico von Pastor.

r itir ò du rante i du ri an n i d ella guerra, rip ren d en d o le lezio n i a llT 'n i-


versità, ed ela b ora n d o con il m a teria le ra c c o lto n u o vi v o lu m i per
la sua storia. In quel m o m en to sem b rava che d iffic o ltà non lie v i d o v e s ­
sero rita rd a re la sua o p era scientifica, m a la m u nificenza d i S. s. ■
B en ed etto X V e l ’in teressam ento prem uroso d e ll’em in en tissim o C a r ­
d in a l C erretti che g li p rocu rò largh i aiu ti, fecero superare d e fin itiv a ­
m ente l ’ostacolo. T o rn a ta la pace, un felic e ed in a tteso p ro v v e d im e n to
»1**1 G o vern o austriaco lo ricon d u ceva in R o m a con un tito lo lx*n
¡ »il d istin to. A tte s a la sua conoscenza della Curia, e g li v e n iv a n om in ati»
in c a ric a to d i a ffa ri presso la S an ta Sede, nom ina che n e ll’an n o seguente
v e n iv a e le v a ta a qu ella di A m b asciatore. In ta le occasione, nel p re­
sentare a B e n e d e tto X V le cred en ziali, e g li disse che ta n te v o lte gli
era to c c a to d i d escrivere le p resen tazion i delle cred en ziali fa tta da
a m b a scia to ri di ogn i p arte del m ondo, che però m ai g li era ven u to
il pensiero che la P ro v v id e n za , al tra m on to d ella sua v ita , avreb b e
acco rd a to a lui un sim ile onore. « D opoch é, s in ’ora ho d ed ica to la
m ia v ita a ll'in d a g in e d ella storia d e i papi, sono ora felice, non solo
con la penna, m a anche con l ’op era p o term i rendere u tile a lla Santa
Sede e con ciò pure a lla m ia p a t r ia ».
K certo ben d iffic ilm e n te può a v v e n ire che un am basciatore
possieda p ari conoscenza del c o m p ito che g li in com be e della corti-
presso cui è accred itato, q u a n to il Pastor.
B ella ì* la lettera con la qu ale com u n icava ai suoi tigli le sue im ­
pressioni, allorché eb b e la fortu n a, com e d ip lo m a tico , d i assistere a l
con cla ve ila cui uscì e le tto l'a ttu a le pontefice, P io X I , esim io d o tto
e g li pure, a cui il P a s to r era u n ito ila a m ich evole «d a z io n e da più
ili v e n i'a n n i. « O t t o g io rn i fa io ho v is to t u tti i ca rd in a li an d are
nella cap p ella Paolin a: a llora eran o ancora tu tti uguali, m a in visib ile,
po rta ta d a lle m ani di un an gelo, si lib ra v a giù la tiara sul capo d i uno
d i essi, cui la P ro v v id e n za l ’a v e v a assegnata per condurre la Chiesa.
O g g i in S. P ie tr o la tiara si è posata sul capo di P io X I . C iò è a v v e ­
nuto nel c o n cla ve per m ezzo um ano, m a con l ’assistenza d ello S p irito
Santo. Così si in treccia nella v ita della Chiesa il d iv in o e l'um ano.
Solo lassù un g io rn o c i verrà tu tto svelato. N el con statare questa
m eravigliosa azion e concorde anche il più preciso c o n cetto u m ano
d ello storico può s ta b ilire solo il fa tto esteriore; l'in tern a connessione
e g li scopi d i D io da p a rte nostra qui su la terra, p o tra n n o solo e ss e ri-
im m a g in a ti ».
G li im pegn i del suo n u o v o incarico g li lasciavan o bastan te tem p o
per atten d ere alla sua S toria: nè l ’età, nè i d o v e ri d ip lo m a tic i p o te v a n o
d istogliere il suo s p irito d al gra n d e cò m p ito cui a v e v a consacrato la
sua vita . P e r lui non v i eran o ferie, nè mesi d i d ip o rto : ognuno d ei
suoi gio rn i, d irò m eglio, ogn i ora della sua giorn a ta , sino alla tarda v e c ­
chiaia, sino ai d o lo ri im p la ca b ili della m orte fu sacra a questo unico
pensiero: p erfezion are e condurre a term in e la sua S toria. Forse un p re­
sentim ento della sua fine v ic in a eg li l ’ha a vu to . A me stesso a v e v a
Il barone Ludovico voti l’astor. XIX

d e tto nel 1 ili v o lere atten d ere ai vo lu m i su l ’ io V l e su ( 'tem ente X I V,


perchè a ltr i non a vreb b e saputo rip rod u rre bene il suo pensiero.
A m m a la to s i, la sua p reoccu pazione unica, d op o g li interessi d e l­
l'an im a, è sta ta solo la sua S toria ilei P a p i; e se con soddisfazione
dal 188t> a q u el g io rn o e g li ne a v e v a v e d u ti stam p ati ben 13 volu m i,
il suo pensiero allora si raccolse a tto rn o a g li a ltri tre che lasciava
m an oscritti, e per essi d e tte su ggerim en ti e consigliò aggiu n te, com e
un padre cu rereb b e sul le tto d i m orte la sorte d e i suoi tigli m inorenni.
U n g io rn o lo storico si era presentato a P io X e lo a v e v a suppli­
cato a v o le r b en ed ire i suoi occhi, perch è m in acciavan o ili non vo le rlo
più servire; il santo p on tefice g li a v e v a d e tto benedicendolo: ( ’aro
am ico, tra n q u illiz z a ti, tu con serverai la tua v ista sino al com p im en to
della tu a g ra n d e opera ».
L a p ro fe zia del p on tefice si è a v v e ra ta : P a s to r ch iu d eva g li occh i
alla luce qu an d o l'o p e ra sua, in sedici vo lu m i, era com p leta.


• *

in o rig in e la Storia dei P a p i, com e Pa-stor l ’a v e v a concepita du­


rante il suo p rim o tem p o, avreb b e d o v u to abbracciare solo sei volu m i.
E g li s te tte in certo anche sul tem p o da cui d o v e v a com inciare. 11 suo
grande a m ico Janssen g li consigliò d i com in ciarla dalla line ilei m edio
e v o , com e la sua Storia del p op olo tedi »co , col tito lo : Storia dei p a p i
dalla firn d ii medioevo, aggiu n gen d o poi ad ogn i volu m e un tito lo più
particolare. 11 d ecan o della ca tteilra le d i M agouza. H ein rich , v o le v a
che v i fosse com preso anche il m edio e v o , cosicché P a s to r si propose
d i p rem ettere un volu m e d i in trod u zion e con uno « sguardo alla S to ria
dei P a p i sino a lla fin e d el m edio e v o » ed a n zi con il tito lo : / p a p i
del medio ero. L 'o p e ra in tiera poi a vreb b e a v u to per tito lo : S torio ilei,
pa p i, xpecialm ente nel tempo moderno. Fu discusso pure se scegliere
il tito lo S toria del P a p a to o Storia dei P a p i. Ma in seguito al consi­
g lio d el celebre storico d ei C on cili, inons. H e fe le , vesco vo d i lio t -
tem bu rg, con cui ebbe un ab b occam en to il 1® ap rile 18X1, *• che g li
fece com pren dere che com in cian d o tro p p o lu n gi d ifficilm en te sarebbe
g iu n to al term in e, si d e c i« ! d efin itiv a m e n te per il tito lo e tem p o con ­
sigliato da Janssen. A lla storia dei p api n ell'età m oderna d o v e v a
precedere uno sguardo re tro s p e ttiv o «Iella storia dei papi dal p rin ­
cip io d e ll'e s ilio avign on ese sino alla fine d ello scisma d i occid en te
(1305-1417). Q u in d i la vera storia d o v e v a com in ciare con M a rtin o V .
Il la v o ro fu in iz ia to n e ll’o tto b re 1881, sia per le ricerche d i A r c h iv io
di i|uel tem p o sia per la vera elaborazion e del volu m e. A lla line d ell'a n n o
successivo e g li scriv e v a al suo am ico d i L o v a n io prof. A lb erd in gk
T h ijm che il vo lu m e nella sua form a grezza era pronto. M o lto g li g io v ò
I*er la p reparazion e d i qu esto volu m e il con siglio d i H ein rich , p a rti­
c o l a r m e n t e p er ciò che rigu arda l ’otten eb rarsi d ella d o ttrin a del p ri­
m ato che si v erificò in quel period o storie»». Il 2 novem bri* .1883 P astor
XX Il barone Ludovico von Past* r.

scriv e v a ancora a<l A lb e rd in g k T h ijm : « S en za esagerazion e, io cred o


che il m io volu m e p o rterà m o lto d i n u o v o ».
N'el m arzo 1886 il p rim o v o lu m e d e lla S to ria dei p a p i dalla fine
del medio ero a p p a rv e p e r le stam pe. E sso era d e d ic a to a L e o n e X I I I ,
in segno d i g ra titu d in e p er a v e re a p erto l ’A r e h iv io V a tica n o.
Il m on d o accolse con d iv e rs i sen tim en ti qu esto la v o ro d i un c a tto ­
lico che p re te n d e v a stare a fian co e forse ecclissare l ’op era m agistrale
d i R a n k e. L ’ in v id ia e la stizza pose su la pen n a d i m o lti a cri e calu n ­
niose parole: « c o m p ila zio n e, fa lsità , p la g io , leggerezza, p om p a d i a t t i
in e d iti d e i p a p i » ed esse a vreb b ero d o v u to u ccidere l ’opera fin «lai
suo n asiere. P e rò i d o t t i seri e im p a rzia li, sia del m on do c a tto lic o
che di qu ello p ro testa n te, seppero v a lu ta re degn am en te il p re g io
scien tifico d i qu esto vo lu m e che, per l ’ u n iversa lità delle ved u te, per
l ’o g g e t t iv it à d ella form a , p er la ricch ezza b ib lio gra fica e p e r la n o v ità
d elle fo n t i ad d o tte, fin d ’allora assicurava a ll’in tiera op era i m ig lio ri
risu lta ti. T u t t i co n v e n iv a n o che il progresso d i fro n te al la v o ro d i
R a n k e era grande. In q u ello stesso anno le recensioni giu nsero a 76
e il n om e d e ll’au tore fu su b ito n o to in tu tto il m on do scien tifico. P a s to r
ne fu o ltr e m odo sod d isfa tto e si accinse to s to alla prep arazion e del
secondo volu m e. Q u esto u sciva g ià nel N a ta le .1889: il m a teria le a rch i­
v is tic o p er esso ra cco lto era cosi ricco e cosi im p o rta n te p er ben co m ­
p ren d ere il secolo x v i , che e g li non p otò rin u n zia re a valersene, sebbene
com prendesse tosto che l ’opera non p o te v a p iò essere com presa in
soli sei volu m i. 11 suo d o tto am ico G ia com o B u rckh ardt lo co n fo rtò
assicurandolo che non d o v e v a preoccuparsi se l ’opcra prendesse una
a m p iezza m aggiore, poiché essa « sarebbe una storia speciale e v iv a
d el p a p a to per una cerchia m o lto larga, e sicuram ente p resto anche
p er i p o p o li stran ieri, e così non solo un lib ro d i le ttu ra cui in v ita v a
la p a rte n a rra tiva , m a anche un lib ro d i con su ltazion e per m o lti.
A n c h e il secondo volu m e eb b e la «tessa en tu siastica accoglien za dei
d ott i com e il prim o, e l ’au tore con c o ra ggio si accinse a preparare il terzo.
G r a v i d iffico ltà «T ali per lu i la m ancanza d i lib ri, che e g li era
co stretto farsi p restare da a ltr e b ib liotech e: così pure era per lui
fa tic o s o il non p o te r la vo ra re che b re v e m e n te in R o m a . N e l 1888
L e o n e X I I I pose a d isposizion e sua anche i docu m en ti segreti rigu a r­
d a n ti A lessan d ro V I , m en tre era sicuro che « la Chiesa nulla avreb b e
da tem ere dalla v e r ità ». Così P a s to r p rep arò la prim a p a rte del terzo
volu m e, v o lu m e d iffic ile perchè rigu arda il p eriod o più oscuro d ella storia
dei papi. E g li però seppe serbare anche allora qu ella rigorosa o g g e t­
t iv it à ohe già a v e v a g u a d a g n a to alla sua sto ria la sim p atia d i tu tti.
Fu du ran te qu esto m om en to, dicem bre 1891, che ven n e a m o rte
il gran d e a m ico d i l ’ astor, G io v a n n i Janssen. Q u esti nel suo te s ta ­
m ento ch iam ava suo ered e in te lle ttu a le il suo discep olo p red iletto
Pa stor; e qu esti d o v e tte assumersi il c o m p ito g ra to , m a laborioso, d i
proseguire» l'o p era del d ile tto m aestro ed am ico. E d eccolo q u in d i
d is to lto dalla sua S toria dei P a p i ed in te n to a scrivere una biografia
Il barone Ludovico von l’ sstor. x\i

del Janssen (1892, seconda e d izio n e 1894); qu in di nel 189.'{ e 1894


a p u b b licare la con tin u a zion e della Storia del p op olo tedesco (v o lu m i
s e ttim o ed o t t a v o ) e cosi a curare le n u o ve ed izio n i d e ll’in tie ra opera,
com e pure d i a ltr i v o lu m i del m aestro, d i cui nel 1920 pubblicò in
due v o lu m i la ra c c o lta delle le tte re .
Ma con tu tto c iò e g li non sospese già la prosecu zione della Storia
dei P a p i, solo andò più a rile n to : d a p p rim a cercò a ffre tta re anche
questa, m a l ’eccessivo la v o ro fece sì che nel 1893 e g li cadesse g r a v e ­
m en te m a la to. S u b ito con testam en to dispose per la con tin u azion e
della sua d ile tta S to ria , rile v a n d o che « « ‘g li credeva d i a v e r d im o ­
stra to com e sia possibile d i unire la più rigorosa verità storica con
il m assim o am ore p er la Chiesa ».
T o rn a to in salute, prosegu i con n o v e lla en ergia l'o p era m onu­
m entale. M a le n o v e lle in d a gin i proseguite con tanta d iligen za accreb­
b ero così il m a teria le storico che il volu m e qu arto d o v e tte uscire in
due p a rti. In ta n to «*gli n o ta v a che man in an o che le in d a gin i archi­
vistich e p ro g re d iv a n o , a p p a riva sem pre più chiara la gran d e e g ig a n ­
tesca rin n o v a zio n e che nel secolo XV! era ven u ta com p ien d osi in seno
alla Chiesa, per cui, parallela alla riform a p rotestan te, che a v e v a
s tra p p a to a lei ta n ti p opoli, v e n iv a com piendosi la gra n d e riform a
c a tto lica che a v reb b e d apprim a arrestato l'o p e ra d ello scisma, indi
r in n o v a to s p iritu a lm en te la p a rte restata fed ele, per poi qu in d i passar«*
al c o n tra tta cco e a lla riconquista. l ’ ast<ir a v e v a in izia to i suoi studi,
com e ab b iam visto, da qu«*sto tem a, e su qu esto tem a v o lle eg li ferm arsi
p a rtico la rm en te nella sua S toria. N e ven n e cosi, che d ei grandi papi
della rifo rm a e rin n o va zio n e ca tto lica che van n o «lai 1540 al 1650
richiese ciascuno un p ro p rio volu tile: P a o lo I I I . P io IV , l ’ io V . G re ­
g o rio X I I I , S isto V , C lem en te V i l i , P a o lo V , l 'r b a n o V I I I , ciascuno
fu tr a tta to in un vo lu m e separato, volu m i densissimi di storia e di
d ocu m en ti, v o lu m i che riv e la n o com e in quel secolo d i santi, non
ostante i d ife t t i com uni, tu tta l'a zio n e dei gran di papi ••he fiorirono,
gran d i nel senso rigorosam en te ecclesiastico, avesse a vu to p er cen tro
e p er m èta la rin n o v a zio n e «Iella Chiesa. «• la ricon qu ista del terreno
|»erduto. E in qu esto suo intenso studio di fa r conoscere ap p ien o al
inondo la gran diosa opera «li rin n o va zio n e e di restaurazione d ella
Chiesa ca tto lic a , calu n n iata e disprezzata dal m ondo p rotestan te, sta
tu tto il p re g io «•aratteristico della sua «jpera m onum entale. E g li v o lle
presentare nella sua inti«*rezza m eravigliosa questo gran dioso fenom eno
spiritu ale, uno d e i più b e lli nella storia «Iella Chiesa, m ostram i«» c<»m«<
*1 P a p a t o f o s s e s t a t o l a g r a n « l e f o r z a « - h e a v e v a
deciso e «1 o p e r a t o il c a m b i a m e n t o .

• •

Q uesti volu m i, da lui s c ritti nel fo rte v ig o re d e ll’età m atu ra, sono
1 più o rig in a li e i più b elli «li tu tta l ’opera. E in questa caratteristica
data dal l ‘ ast«»r alla sua Storia dei P a p i, che essa si differen zia «la
XXII Il barone Ludovico von Pastor.

quell*» scritte da K an ke e C reigh ton , perch è qu esti due seguono,


n ello scrivere la lo ro storia, il m o tiv o p o litic o : il p rim o , in flu en za to
da un m a teria le d i secondo ord in e, l ’unico che era a sua disposizion e,
segui p rin cip a lm en te lo svolgersi d ella p o te n za p o litic a «lei p a p a to
e la sua sorte in m e zzo al sistem arsi d e g li S ta ti eu ropei; il secondo
seguì an cor più l ’asp ira zion e che i p a p i a v e v a n o a v u to nel p e rio d o
della R in ascen za p er un p otere terren o, m en tre il P a s to r pose a base
della sua sto ria la m issione che il p a p a to, non ostan te il m utarsi d elle
vicen d e p o litic h e , ha con serva to im m u ta b ile a ttra verso i secoli, «» su la
base dei d o cu m en ti ha in d a g a to com e i sin g o li papi in siem e alle persone
che li c o a d iu v a v a n o abb ian o a d em p iu to a questa m issione d iv in a .
N e è ven u to d i conseguenza che spesse v o lte la storia d i un
p ap a ha preso una luce tu tta d iversa , e che q u e lli stim a ti gra n d i per
il passato, com e L eon e X , sono scesi n e ll’om bra, m en tre i d im e n tic a ti
d ’allora sono sa liti ai p rim i posti.
Così m en tre per P a o lo 111 (1534-1 fi49) (il più lu n go p o n tifica to
del secolo x v i ) noi ab b ia m o 30 p a gin e in R eu m on t e 60 in R a n k e,
in P a s to r ab b iam o un poderoso vo lu m e d i 765 p a gin e esclusi g li in d ici
e i docu m en ti: ed in G re g o rio X I I I (1572-1585), figu ra quasi d im e n ­
tic a ta d a g li sforici, d i fro n te a lle poche p a g in e d i R eu m on t e alle 24 p a ­
g in e d i R a n k e, sta un volu m e d i 856 pagine, dense d i n otizie e m e ra v i­
gliose p e r l ’op era restau ratrice d i papa B o n eo m p a gn i. In segu ito a
ciò l'o p era del P a sto r è g en era lm en te stim ata un ca p o la v o ro di storia
m oderna e il P a s to r stesso uno d e i p rim i s to ric i d e ll’e tà nostra.
( ì l i a v v e rs a ri stessi, purché le a li e sinceri, in tesero il bisogno d i
esprim ere questa lo d e d i sin cerità al P astor. L o storico protestan te
d o tt. K alkolT, in una sua recensione sul vo lu m e I V ilei P a s to r, n otan d o
la sin cerità con cui lo storico a v e v a rip r o v a to g li abusi v ig e n ti ai te m p i
d i L eo n e X , nonché il c rite rio con cui pur restan do fed ele al suo
pu n to d i v is ta c a t t o lic o » a v e v a giu d ica to l ’opera d i L u tero , scriveva :
« L a ten d en za di P a s to r è sem plicem en te quella... d i narrare il corso
d e g li even t i secondo qu ello che dicon le fo n ti. N o i ci siam o decisam ente
a v v ic in a ti alla m èta, d i fa r sorgere un terren o in v io la b ile della tr a d i­
zione, d i fo rm a re una zona neutra, che d e v ’essere riconosciuta da a m b o
le p a r t i» .
S areb b e prezioso p o te r conoscere ap p ien o il m etod o con cui eg li
riu sciva a d om in are l ’im m ensa falan ge d i docu m en ti da lui ra c c o lti
in m inutissim e schede d i o g n i fo rm a to e genere; com e e g li sia riu scito
a porli d i fro n te alla va s ta le tte ra tu ra , da qu ella antichissim a sino
a quella d e i n o stri gio rn i, e così plasm ar tu tto insiem e, ca va n d on e co lo ri
e tin te p er la sua storia e c ritic h e e g iu d iz i per g li a v v e n im e n ti che
narra.
Q uest'uso d e i docu m en ti e della lettera tu ra , com e fosse anche
p er lui laboriosissim o, risulta da q u a n to scrive e g li stesso in p refazion e
al settim o volu m e. S p iegan d o com e e g li sia d o v u to ricorrere da allora
con più am piezza a gli a tti in ed iti, scrive: ... s o tto più d i un asp etto
Il barone Ludovico voti Pastor. W in

il terren o che d o v e v o tra tta re so m ig lia va a un cam p o in c o lto da sm uo­


versi p er la p rim a v o lta d al vom ere, prim a clic se ne potesse com in ciare
la c o ltiv a z io n e . M i son qu in d i assiduam ente ad op erato a c a v a r fuori,
v a g lia re ed elaborare t u tti i tesori a rch ivistici ra ggiu n gib ili. Insiem e
però d o v e v a s i tra r p a rtito nella m a g g io r possibile in terezza della
le tte ra tu ra stam p ata straord in ariam en te dispersa ».
L ’o p era che ne è uscita fu ori è attraen tissim a e bella. D app rim a
eg li p re fe rì lo s tile a mosaico d i Janssen: p o i cam biò man mano che
più si im p a d ro n ì del cam po e (p iin d i con un m etod o sem plice e chiaro,
a lle v o lt e n ello stile del diarista e del cronista, a ltre v o lte nei colori
sm a glia n ti d i T u c id id e e di Sallustio, eg li narra e d escrive la v ita e
l o|>era di ciascun papa: elezion e, -suoi preceden ti, sua v ita , azione
religiosa, re la zio n i p o litic h e con le nazioni del m ondo, g o vern o d ello
S ta to P o n tific io , m ecenatism o nel cam po della scienza e d e ll’arte,
tu tto è tra tte g g ia to con m ano m aestra, con p rofon d ità , con am piezza
esauriente. M entre nel testo la narrazione scorre lilx-ra ed agile, nelle
copiosissim e note, pu n to ]H*r p u n to vien e riferita , va glia ta , discussa
la d ocu m en tazion e, corred ata della re la tiv a bibliografìa sino alle u ltim e
pu bblicazion i, che soli co rrette, m agari in una sem plice data o circa
il nom e d i un artista , com e alle v o lte co n fu ta te circa le asserzioni
d e g li a v v e rs a ri. Ciò che risalta è la gran de o g g e ttiv ità ilei m etodo,
l'im m en sa calm a, che a certu n i ha p otu to sem brare freddezza. F re d ­
d e zza sì, non però del cuore, che d i (pian do in quando sfoga i suoi
sen tim en ti, m a d ella m en te che frena g li entusiasm i onde ne a v v a n ­
ta g g i la ve rità . È una serie m eravigliosa d i qu adri, d o v e , m eglio che
n una g a lle ria , ogn i papa, anche d i soli H g io rn i di regn o, tro v a il suo
posto, e d o v e om bre e Ilici sono messe in r ilie v o senza tim ore. In te r ­
ro g a lo un g io rn o il P a s to r so ancora v i fosse da tem ere che qualche
n em ico potesse rin fa ccia rg li a ltre bru ttu re, rispose: Xon c ’è nulla
da tem ere: ho d e tto tu tto . j»erò l'h o d e tto com e un figlio costretto
a svelare i fa lli d i una dilettissim a m adre . E in qu esto I l o d e tto
tu tto sta un a ltro gran d e p regio d e ll’opera del P astor.
P o trà pur essere che n ell'in d a gin e fu tu ra a ltri docu m en ti ven ga n o
in luce: ne verra n n o accresciute o d im in u ite le tin te, riusciranno più
fo rti le o m b re o più ard en ti i colori, ma le gratuli linee, la fisonom ia
ca ra tteristica di ciascun papa, con l ’opera ilei P astor è in du bbiam en te
I i " a t a i»er sem pre.
P e r l ’Ita lia poi e specialm en te per R om a la Storia dei /’a p i da lui
scritta ha u n 'a ttin en za t u t t a speciale, com e c R om a e l'It a lia l'h an n o
a vu ta di necessità col papato. R om a specialm ente r iv iv e in qu elle
d o tte p agin e tu tta la sua v ita dissipata o austera, m ondana o s p iri­
tuale. la sua v ita d i m agnificenza e d i fasto, com e la sua arden te p ietà;
i ca p ito li su l'a rte ra cco lti insiem e darebbero un m agn ifico volum e,
prezioso per la storia artistica della Rinascenza e d ell'età m oderna.
Non sono m ancate neppure fo r ti critich e. Cosi d a parte a v v e r ­
saria la gra n d e ricchezza dei fa tti, l ’abliondanza del m ateriale e l'o g g c t-
XXIV Il barone Ludovico voli Pwitnr.

t iv it à e w m p lid t à è »ta ta giu d icata p o v e rtà «li idee <> e c c e p iv a v e n e ­


razioni» ilei papato. Ma in realtà lo storico lascia aU Vloquenza d e i
f a t t i piò che alla *ua penna il d escrivere la v it a d ei papi, volen d o che
il letto re «tosso si a b itu i a pensan» e giu d icare da s<». D el n»sto non
manca inai la granile idea fondam entale: che se qualche v o lta fa d ife tto
la sintesi, coinè giustam ente n o ta va una recemdone ita lia n a , il lib ro
v i (torta da »è Stesso il ri unii io con la bontà e la larghezza d e ll’ in d agin e
(A r c à ir io tirila U. Sncirià iti Storia l ’alria d i Itom a. X V , 537).
A ltri, com e la llr r u r IIin to riq u i ( X C V I I I , p. 120), lam enta che
troppo ni occupa del |mi|h>Io tedesco, lasciando quasi trascurata la
Kruncia. 4'hi avrà le tto i volu m i d i G re g o rio X I I I , di Sisto V e d i
C lem ente V i l i avrà d o v u to Iteti ricredenti anche in questo perche lo
•to rta ) largam ente si occupa della questione francese, alla (piale dedica
ben due lunghi ca p ito li in C lem ente V i l i , P a o lo V ed C r b a n o Y I I L
N on nono m ancate critich e t r o p i « severe anche da parte ca ttolica .
Fra queste, ricon to un aspm a tta cco apparso nella D r u itr k r h itrra -
tur-.iètuiiij (n u ova serie, anno V , 1928) cui Pastor non ha p otu to
ri»|Mmden< perchè sorpreso dalla m orte. Q uesti attacch i non d im in u i­
scono lo splendore d ell'op era: ne son prova due fa ti i d i gran ile eloquenza.
P rim o: la traduzione che l'op era ha a v u to nelle p rin cipali lingue di
Kunipa (inglese, francese, spanninola, ita lia n a e ceca) tradu zion i,
eccettu ata l'ita lia n a , che sono sta te un tciii|M> sos|m»sc, ma ora u u o v a -
m ente n p re»c; secondo: le m -en sìon i che in tu tti i periodici ilei tumido
cbhen> i volu m i, e fa tte sem pre da storici d i gran valore.
Non m ancano d ife tti. P a sto r stesso sapeva lionissìm o che noli
tu tto è giu n to a perfeziono, ma ciò non dim inuisco la gran dezza d e l­
l'op era, in qu anto tu tto ciò che è um ano i> im p erfetto: del resto eg li
era g ra to a ehi faceva « lui d elle osservazion i o g g e ttiv e , e traeva da
esse com e dal consiglio (li d o tti am ici argom en to (ter aggiunger, o
m odificare. Cosi, jht valu tare degnam ente l'op en * d i B ram ante. di
M ichelangelo e dì ItafTaele, che rappresentano l'a p o geo d e ll'a rte ilr ll»
tiiiiascenza. egli si era valso m o lto del prezioso con siglio d ì F ed erico
Sohneider e ili G iacom o Itun-khardt. E coinè in a rte si era s e n ito
•Il lon>. rtwl nel cam po pift d e lic a to e più d ifficile della teologia ••gli
chiese frequ entem ente consiglio e I w r r iv o le r e i «n o i s c ritti a teo lo gi
- anche non («e s ilili - il che non fa a ltn » che a tte s ta r* m eglio in fa vo re
della sua ponderatezza d i scien ziato e d ì cattolico.
Sì «» p arlato qualche vo lta d i coop eratori d el Pastor. In d u b b ia ­
m ente anche Pastor ha a v u to bisogno d d l'o p e r a d e g li a ltri, «•»«tue
anche a ltr i grandi d o tti si son v » ls i d i m ani sussidiarie, ma queste
non han to lto ni» possono to g liere a ll'in tie ra opera com e a lle singole
parti d i i w » la propria orig in a lità ohe risale tu tta al Pastor. m entre
in realtà tu tto usciva dalla sua m ente e dalla sua penna.
B questo grande d o tto , conte abbiam o già visto, m entre a tte n d e v a
alla sua storia contem poraneam ente scriveva anche a ltr i la v o ri non
leggeri.
Il barone Ludovico von Pastor. xxv

Io n o lo fra qu esti lo E rU iutrrungrn unii Krg>inzungrn zu Jansscns


G rsrkirh tr de» drutsrhrn Voi Ieri d elle qu ali «lai 1900 nono apparsi n ove
volu m i, e fra qu esti p rop rio suo H risr dm K nrd in a ls L u ig i d ’A ragona
durrh [h utxrhland, d ir X ird rrla n d c, F ro n k rrirh und O b rrita lirn 1617-18
brschribrn ron A n to n io dr U n itis. Coni ha pu bb licato irli A llg rm rin r
' Itrk rrtrn d rr H'~'onist'hrn In q u is itio n 1566-1597; l'n g rd ru rk tr A ktrn
t u r G rsrk irh tr d rr P ttp xtr; A età illustrantia h intornim P on t. Uom anorum
prarsrrtim sarr. x v , v v i, x v i i illustranti!i, /, 1379-1464 (F rib u rg o 1901),
ehe <-ostiti! incorni la pu bblicazione docum entaria promessa nel prim o
volum e.
Inoltri* le b iogra fie d i A ugusto Itrirh rn s p rrg rr in due volu m i (1H99)
di M a jr roi» G o g rm (1912), del p rop osto F rn n rrs m h'nu/mann ( 1921 ),
del decano del du om o d i F ran coforte Giambattista H rin rirh (1925),
•*<l a ltri b re v i s c rìtti du rante la guerra. E g li a v e v a poi nt4-colto c o p io «»
m ateriale |H*r una Storia drl protrstantrsim o dalla tua o rig in r sino a i
nostri trm p i, nonché un volu m e in ed ito di m em orie su la »uà dim ora
in Kom a, che riuscirà certo di un valore prezioso se verni pubblicato.
A llo stesso tem po ha cu rato le liu o ve ed izion i dei volu m i della Storia
d ri ¡ 'a p i dei q u a li i prim i tre son riu sciti in tieram en te r ifa tti e in ­
granditi.
P astor q u in d i oltre che un gran d o tto è stato un «ra n d e lavoratore.
Nessuno storico, d o p o R an ke. ha in d agato ta n ti arch ivi com e lui.
Ila 230 c ittà e luoghi d 'E u ro p a (H erm anla. A u s tri», Ita lia , l ’ nghcrìa.
Cecoslovacchia, Ju goslavia. P olon ia. Francia, In gh ilterra, Spagna.
S vizzera . B elgio , O landa. G recia, S vezia. D anim arca. M ussi»), egli
ha tr a tto le p ie tre per iiw tru ire la «n a opera m onum entale, tom i*
in d agatore di a rch ivio era n oto in tu tto il m ondo. Qual m eraviglia
quindi che e g li fosse anche ovu n qu e Minimamente on orato ?
L eo n e X I I I ebbe p er questo d o tto la più alta stim a: P io X lo
am ò com e un figlio, e P a sto r ai d iceva o b b lig a to a lui. com e ho nar­
rato, se a v e v a con servato la vista. B en ed etto X V ne era am m iratori*:
l'a ttu a le pon tefice l»io X I . e g li stesso cu ltore della s to ri», espresse
al l*astor la sua am m irazion e e ben evolen ta nel Hrove che g li in vfh
n ell* solenne fo rn a ta fe s tiv a tenuta nella sala ilell'O sp izio T eu to n ico
•li N. M aria d e ll'A n im a , in occasione del settantesim o gen etliaco ilei
grande storico. I v i, alla presenza d ei due S egretari d i S ta to itegli u ltim i
•re papi. E m .i cantinati K. Mernr del V a l e P. tia s p a m . nonché del
Bore del clero e la ica to rom ano, v o lle Sua S a n tità che g li fosse conse*
gnata dal suo S eg reta rio d i S ta to una m edaglia d 'o ro fa tta coniar**
per qn ella circostanza, n n ita ad un B reve che fu le tto d a ll» ste»*o
Em inentissim o.
In riconoscenza d elle sue benem erenze scientifiche anche l'im p e ­
ratore d i A u stria, Francesco Giuseppe. vo lle »»te rn a re a lui la sua
gra titu d in e e nel 1*99 lo n om in ava C onsigliere A u lico (llo fr a t ), nel
19**1 affilia va a lui la d irezion e d e ll'is titu to austrìaco per g li slu di
••orici in R om a, più fa n ti lo a scriveva alla n obiltà austriaca e nel 190*
xxvi Il barone Ludovico von Pastor.

<‘J dicem b re), in occasione <1«*1 «n o ijiu b ileo im periale, j»li co n fe riv a
ii tito lo ered ita rlo d i Barone.
P a sto r era d o tto re in lilosotìt» c teo lo g ia , professore d i storia m o ­
d e m » a ll’ U niversità d i Innsbruck. d ire tto re d e ll’is t it u t o storico au-
siriaco, m em bro del C om ita to d ir e ttiv o d elle due celebri società seien-
tifictie cattolich e tedesche l ì ‘>m*g<k*rtl*chnft e Leogrxfllxrh a fl; m em bro
delle A ccadem ie scientifiche d i V ien n a, M onaco. K om a. F irenze. V en ezia,
Parigi, M adrid, Stoccolm a. Bruxelles. B udapest, P re g a , Z a ga b ria , C r a ­
covia e Colum bia (in A m erica): d o tto re ad honorem delle U n iversità di
B re s la v i» e L o va u io . C avaliere |M >ntitlcio d e ll’O rd in e dello Sperone d 'O ro
nonché m unito d i numerosissime d ecorazion i d i ogn i p arte del m ondo.
Non ostante ta n ti onori era um ile ed allattile, ma sop ra ttu tto
era vero credente. Q uesta b ile profonda é il to n o fon dam en tale che
colorisi-e tu tta la sua v ita ili c itta d in o e d i studioso.
K questa fede, che lo a v e v a sorretto nella v ita , e che a v e v a gu id a to
la sua penna nel lavori», fu il suo c o n fo rto nella m orte. Il suo cogn ato.
Brasili, d o tt. P a o lo K au fu ian u , dice di avere a m m ira to Var* m o rirn d i
che pmnto il suo le tto si riv e la v a in m an iere m isteriosa e indim eli*
I (cabile.
K g li si era am m alato im p rovvisa m en te alla line d i agnato dcH 'aiiuo
I d i rito rn o da una passeggiata. K g li v o lle su bito il co n fo rto di
un um ile padre Cappuccino, l'O rd in c da lui ta n to e lo g ia to nella sua
opera. do|x> quello ilei G esuiti. P ro p rio in quel m om en to doloroso il
S ignore ris e rb a v » al d o tto e p io uom o un co n fo rto inatteso.
Sua Hmineiixa il C ardinale M erry del V a l. di passaggio per ln n -
«bru ck. a v e v a preso dim ora in un a lb ergo di fron te a casa Pastor.
L 'illu stre |Hirponito cercò di visitare lo storico d ei papi, e con suo
rincrescim ento apprese che in quel m om en to eg li era rin carato » » » a lit o
da un attacco del m ale, che |m>ì d o v e v a condurlo alla tom ba. Il g io rn o
appresso però In Pastor s te .«o che chicae ad eb b e la visita d el porpo-
r»tn . »ciiibratidogli quasi che il ven erabile P io X . che ta n to lo a v e v a
am ato, g li avesse m andato d suo S egreta rio d i S ta to a ¡»o rla rg li la
sua b en e d illo ne. K g li stesso con la sua fa m iglia ri|»eteva: • l i l'u ltim o
porporato che m i ha b en ed etto ». Nel decorso ilella sua mutai t u .
durala circa tre settim an e, ben tre v o lte v o lle ricevere la Santa C om u­
nione. I suoi u ltim i giorn i oltrech é d a ll'a n io n v e prem ure dei suoi.
Jim»no c o n fo rta li dairintcres.»ainctito di tu tto il m onili» ca ttolico, e
•la una h en ctlitioiie speciale che il Santo Padre P io X I g li in v iò a ccom ­
p a g n a i» da tenere parole d i a ffetto . P a sto r l'accolse commo*-*o. ( i l i
ultim i due giorn i non potè parlari-, ma la sua in telligen za restò lucida
s in « w pochi istan ti prim a d ella m orie.
C om e O V u n n ol. l'eroe d e irirla n d a . m orendo a v e v a lasciato il suo
cuore a Bontà in segno del suo a ffe tto per il c en tro »lei ca tlo tici»in o .
v,,n I V l o r . lo storico dei papi. in caricava il prof. IV n g H d i seri-
vere al S an to Padre clu- - g li idi im i |»alpiti del suo cuore eran o |»-r
la Chieda e | w il P »| M
Il bnrono Ludovico von Pastor. xxvit

li 30 settembre 1929 «gli ispirava nel Signore.


Pastor non fu sepolto nel cimitero civico, ma nel piccolo « Friedhof •
«lell'Abbaxia premons tratense «li Wilten, all«* pendici di Bergisel,
l ’eroica collina del cattolico Tirolo.
I m on aci espressero al m oribondo il desiderio d i tum ulare il suo
ca d a vere n e ll’in tern o della chiesa: P a sto r ritinto: • V o g lio che un giorn o
mia m oglie sia sepolta al m io tiaiico. ciò che non è ]>ossihilc n d l'in tc rn o
della c h ie s a »; v o lle perù che la sua tom b a fosse contigua alla parete
del tem p io, con il capo a questo vicin o , per esprim ere che anche m orto
eg li v o le v a essere con la C h ie s a ! P ic c o li pensieri a m e ric o rd a li dal
tiglio del d efu n to, che rivela n o però il p rofon d o sentim ento d i fede
«li q n e »to cam pion e della scienza ca ttolica !
La tu m u lazion e obi** lu ogo il 2 o tu d ire nel |mim eriggio. M entre
I»er le v a lli «Iella catt«ilica Innsbruck si r ip e m ite v a l ’eco «lei mesti
rin ton tii delle gran d i cam pane d i tu tte le chiese della c ittà , il c«»rt«*o,
in una lunga teo ria «li p opolo, d i clero, d i religiosi, d i d o tti, d i am ici
«• con giu n ti, m u oven do dalla m odesta «lim ora del gran ile stori«'«», si
■ volgeva |m t le am pie v ie. P rim «» d ie tro il fon -in » pnx-edeva S u « E ccel­
lenza K e v .m a Mona. S ib ilia, nunzio a V ienna. Er » g i u s t o c h e
il r a p p r e s e n t a n t e «lolla S a n t » S e <1 e a nomo
«1 •* 1 S a n t o P a dre te s tim on ia s se la g r a t i t u d i n e
e il r im p ia n t o del successore ili P ie tr o per
q u e s t ' u o m o , c h e in v i t a e in m o r t e a v e v a » T a t o
un unico p a lp ito : d ife n d e r e e far conoscere
•I P a p a to .
P o s ta v a che d ell'illu stre S to rico dei («api. si avesse una iin|»erit tir»
m em oria nella Bil»liote«-a A p o s t o l i » .
A n ch e qu esto sarà fra b reve un fa tto com piu to. N ella B ib liote«’«
m onum entalo poco lu n gi dal gran de arm adio che accoglie, g li s c rin i,
le Onorificenze, i cim eli e l'im m a gin e «lei com m . <*ian M a ttis i« Ilo l t n « i .
il C olom b o dello C atacom be liom a n o. per in iz ia tiv a «iella ved o va
B a r o n e »«« von P a sto r. si sta preparando un pari arm a«ÌÌo che d o vrà
accogliere l'o|»era m onum entale «Iella S ton a «fri p a p i, nel suo mano-
scritto o rigin a le, nella sua ed izion e tedesca, in tu tte le varie versioni,
nonché le m o ltep lici recen*i«»ni d ella stam pa, com e pure i cim eli od
altri .« r it t i «lei grande Dotto. N el cen tro un espressivo «em ibu sto in
bronzo <lol b a r o n e L u d o vico v«»n P » * t o r ricorderà ai posteri la fiso*
Bornia «li C olu i che fu il C olom bo »Iella S to n a dei p a p i.

P . C k x c ì.
NOTA D E L L ’E D IT O R E

ALLA PRESENTE E D IZ IO N E ITALIANA

(¿ucsta nuo a i 1 edizione del I rotarne dell* Storia ilei P ap i del com­
pianto barone ton Ptuior i itala condotta tuli'ultima edizione ledeteti,
metta come 5*-7» a Freiburg nel 19ÌS.* L'illustre Autore introdussi
in usa tante e tali variazioni, correzioni ed aggiunte da rendere necci-
»aria una nuora edizione della traduzione italiana.
Per soddisfare alle richieste dei molli eie possederano la recchia rdi ■
zurne li penitò, prima, a un Supplem ento eie seguine pagina per pagina,
linea per linea H nuoro tetto tedesco, risultalo di ulteriori ricerche, per
•Atre due decenni, di una mirabile attiriti scientifica.
-1 questa cera mente “ improba fatica " si sottopose il benemerito
traduttore dell'opera mons. Angelo Mercati.
Ora, a meno di un anno da che era stato pubblicalo, il Supplem ento
è stato incorporalo nella vecchia edizione. X el corso dei non facile lator»
i stato tenuto costantemente presente tl testo tedesco: si i supplito cosi
a qualche lieve, inevitabile i » latori dei genere, omissione dei Supplem ento.
V o» si i perdonalo a fatica perchè dalla fusione del nuovo col vecchio
• rnisse fuori un volume organico, fedele, per ogni rispetto, al tuo originai*.
In questo modo la Casa editrice confida di essere renula incontro
al desiderio di quanti sono in Italia, specialmente tra il clcro, studiosi
e ammiratori di questa monumentale opera storica.

Rama, mfotia IUZI.

1 La prima edixione il « l i i M curala da Cario Um etti «a ri a Trento nel


l*w>. la iroornU • Boom nel MIO.
* Ristampata nel IM S come t f - V adicraoe.
PREFAZIONE ALLA PRIMA EDIZIONE

T A pubblicazione di una nuora Storia dei papi d a lla fine dei


medio evo, compilata aulir fonti, non potrà dichiaranti super­
flua. Prenci udendo affatto dal grande ini erette, che ai dì non tri
appunto inpira la storia della dinastia più antica e pur tempre coti
rigorosa, una nuora trattazione, la quale comprenda i risultati dei
guati innumerevoli larori speciali degli ultimi drcennii e con ulte­
riori indagini delle fonti li completi e corregga, mostrasi urgente­
mente richiesta anche dal mero punto di ritta scientifico.
L ’opera assai letta del Ranke, 1 papi romani nel «ecolo decimo-
iHsto e dwcimoaettimo, che pone le basi alla celebrità di qurtto
principalissimo fra tutti gli storici protestanti di Germania, anche
nella edizione più recente tegna in sostanza il punto di ritta attutilo
dalla scienza ttoriea al tempo della prima sua pubblicazione negli
»•m i 1831-1836. I cambiamenti introdottici dal molto reechio au­
tore, te ne togli l’aggiunta sul tempo dal 1H29 al 1870, ti riducono
a pochi punti. Dell’epoca del rinascimento, per la cui conotcenza
rosi in Italia come in Germania e Francia (i v i segnatamente dal-
i'mttancabUe Eugenio M u n tz) negli ultimi decennii renne accu­
mulato un materiale immenso, egli non dà che km prospetto gom­
mano. E pure senza una esatta c o n o s c e * za precisamente di quetto
periodo non è possibile intendere appieno il secolo X V I .
Ìjb necessità di ten rifacimento della storia dei papi del te -
eidt X V come pure dei tre seguenti risultò finalmente dalla generosa
riapertura del!"Archirio segreto pontificio doruta a S. S. il papa
I rone X I I I . X i il Ranke. nè in seguito il Burckhardt, il Voigt. il
C i T f lw t r f w e il Cteighton poterono ralersi di detto Archivio per
!• ture, e pere dedicate all'epoca del rinascimento. Lo stetto Reumont,
d »! quale la Storia della città di Roma» non meno ricura che grare
XXVII I*n *fu sion i* a lla |»rimn «•dizioni*.

di contenuto, mi prestò i più essenziali servigi nel lavoro presente,


i.d.ioffre che notizie isolate (la quella ricca miniera.
M io primo còmpito pertanto, al quale mi studiai di adempiere
duranti: due lunghe fermate nella città eterna, fu d ’impaàronirmi
innanzi tutto degli importanti materiali del detto Archivio.
I h questi studii, essenzialmente agevolatimi dall'appoggio cor­
tine delle persone addette all’Archivio, riconobbi ben presto, come
valga anche per il tempo moderno la sentenza di P e r tz : « L e chiari
di Pietro sono pur tuttodì le chiavi del medio evo ».
Oitre ¡’A rchivio segreto pontificio, trovai in Roma preziosi ma­
teriali, parte io stesso, parte avendoli per mezzo di amici di colà,
tratti da una strìe di altri archivii, finora presso che interamente
chiusi alle ricerche storiche. Sono del numero l’Archivio concisto­
riale, gl» A rch ivi Latrranense ( pur troppo non ancora ordinato),
delia Inquisizione, della Propaganda, della Cappella Sistina, della
Segreteria dei brevi e la Biblioteca di S. Pietro. Insiem e colle col­
le zumi citate dovevano tanto meno trascurarsi i ricchi tenori della
Biblioteca Vaticana, in quanto che il Ranke e il Gregorovius ivi
non poterono prender visione che d’un piccolissimo numero di ma­
noscritti.
Colla esplorazione della collezione pontificia, la quale non sarà
forse ma esaurita, andò di causen'a lo spoglio da me fatto delle
biblioteche « degli fìrchirii privati di Roma. Oltre alle biblioteche
pubbliche o re mipubbliche, celebri in tutto il mondo letterario (A n ­
gelica. Barberini, Casanatense, Chigi, Corsini, Vallicelliana), in­
dagai anche raccolte meno note, come le Biblioteche Altieri, B or­
ghese e Boncompt:gni. gii A rch irii d ell Anima, del Campo Santo al
Vaticano e di S. Spirito, non che gli archirii privati, in parte di
Ojtaai difficili accesso, dei principi rom ani: alcuni di quest'ultimi.
ad esempio quelli degli Odesenlchi e degli Orsini, non diedero che
piccola meste; altri invece, come gli .4reh¡rii Colonna, Gattoni e
Ricci, ne offrirono una abbondante e del tutto inattesa.
La copia sta n inola della materia d’arehirio mi determino a
indago et ristematicamrnte gli archirii romani a cominciare sol­
tanto dalla metà del secolo X V , che segna un punto di passaggio
fra dui grandi epoche e la fine propriamente detta dell'ero medio.
Malgrado la dorizia dei materiali custoditi in Roma, io non
mi dorcro restringere a queste fonti, se pur non rolero espormi
ol pencolo di riuscire parziale.
Cominciando di fatto a trarre nella sfera delle mie indagini
i rimanenti archirii d’Italia, mi a/fruiti per primo a quelli delle
maggiori e minori potenze italiane, le quali si trovarono in reta-
Prcfmiont* a lb i p r im a e d iz io n e . x x x iii

zione continua col papato ed operano ansai prima e più sovente


di quanto comunemente si creda proprii ambasciatori in Roma.
Più a lungo m i occupò la esterissima corrispondenza diplomatica
def/li Sforza nell’Archivio di Stato in Milano, le cui lacune riempii
itila Biblioteca Ambrosiana ed in seguito alla Biblioteca Nazio­
nale in Parigi. M a altresì in Firenze, Siena, Bologna, Venezia
e Mantova scopersi una quantità a fa tto inaspettata di atti rela­
tivi ed in massima parte ancora sconosciuti. Meno offrì Lucca;
in Modena e Napoli mi procurai materia preziosa per i volumi
che verranno in appresso.
S ’intende da sè, che nei miei viaggi scientifici non t rasa tuia i
le numerose e ricche biblioteche ed i più importanti archivii mu­
nicipali d'Italia. Anche nelle collezioni di manoscritti di Francia
e Germania, Austria e Svizzera feci ricerche diligenti a fine di com­
pletare il mio lavoto; in qualche luogo, p. e. ad A ix nella Provenza
e a Treviri, ebbi il piacere di fa r belle e preziose scoperte.
Tutte le comunicazioni cavate da manoscritti, per quanto io
mi sappia tuttora inedite, sono contrassegnate da un asterisco (• ).
A'« II’Appendice di documenti in fine di quest'opera non potei per
ragioni di spazio accogliere che una parte del materiale da me rac­
colto. * H o in animo di pubblicare in seguito una più grande colle­
zione di documenti per la storia dei papi; quei documenti, che v i
devono trovar luogo, sono contraddistinti con due asterischi (• * ).
D i grande riconoscenza sono in debito innanzi tutto a S. S.
papa Leon*. XI11, il quale si prese benignissimamente a cuore U
mio lavoro ed ebbe la degnazione somma di promuoverlo; di poi
egli Eminentissimi signori cardinali Jacobini. Hergenrtìther e
Mertel, a S. E . l'ambasciatore austriaco presso la Santa Sede,
fonte Paar, a monsignor D e Montel, a monsignor Meszczynski,
•tl signor Guglielmo Hùffcr in Roma, finalmente al P. Ehrie e al
signor dottor Gottlob. Alla cortesia di quest'ultimo vo debitore
di parecchi documenti sulla guerra turca.
Assai obbligato mi sento altresì verso t'eccelso i. r. Ministero
Per il culto e la istruzione in Vienna, il quale si i benevolmente
interposto per la spedizione di manoscritti. N i meno amorevole
* premuroso appoggio ai miei studii trovai presso i direttori e u fi-
riali degli archivii e delle biblioteche da me risii ali. A tutti esprimo
•ini ancora una tolta la mia riconoscenza più sincera.

* la r t fU «trita n m u la w «tri p m w e lr r a lu a * aU «VCrrtntu»! a rim rttrre


** « m *d » tnluaw la D a rra ita a r del ( » o t iln la 4J P ia li.
xxxtv Prefazione alla prima edizioni».

Il » ecoti do e terzo volume di quest’opera condurranno a termine


/'epoca del rinascimento. L ’ulteriore partizione del mio lavoro ri­
sulta da imo sguardo ai tre grandi avvenimenti, che insieme col
Rinascimento dominano l’epoca moderna. Sono essi: la grande
scissura ecclesiastica in Occidente, la restaurazione cattolica e la
rivoluzione moderna.

l i agotlo I 8À5.

L u d o v ic o P astor.
PREFAZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE

M'ENA avuto dalla Casa Editrice l'avvino, che »'era fatta nc-
V cessarla una nuora edirione del primo volume di quest’opera,
m'occupai ininterrottamente del miglioramento e arricchimento del
presente volume lasciando da parte tutti gli altri lavori. Avanti
tutto mi sforzai di valutare tutta la letteratura nazionale e stra­
niati apparsa dal 1S86 in poi e di tributare la conveniente consi­
derazione alle dichiarazioni della critica. Insieme furono tratte a
profitto tare opere vecchie, che non ebbi accensibili per la prima,
t dizione. utilizzando anche un certo numero di nuove comunica­
zioni dupli archivii e biblioteche di città tedesche, svizzere, francesi
r specialmente italiane, come Roma, Firenze, Milano, Mttdena,
Siena, Venezia. A proposito pensato non ampliai l'appendice di
documenti inediti, allo scopo di non acci fscere di troppo la mole
dell'opera: una sola eccezione eredetti di poter fare a questo ri­
guardo comunicando da un codice vaticano l’importante lettera, che
eoini, il quale più tardi fu l’antipapa Clemente V II , scrisse da
Roma il U aprile IS78 all'imperatore Carlo I V per comunicargli
la canonica elezione di Urbano V I. £ rimasta immutata la con­
cezione generale delle correnti spirituali del tempo illustrata in
•(testo volume, la quale ha incontrato l’approvazione di eminenti
competenti come Burckhardt. Muntz e de Rossi.
PREFAZIONE ALLA TERZA E QUARTA EDIZIONE

T A presente edizione t ’i tranformata in larga extensione in un


L i nuoto rifacimento. L e tornò molto utile il fatto, che l'inda-
ffhu dell'ultimo decennio iti i rirolta con particolare amore oi ne-
coli X I V e X V . La copia e importanza del nuovo materiale delle
forti da utilizzarti e della letteratura nazionale e straniera furono
per più d’un capitolo #1 grandi, che fu necessario procedere a un
rifacimento completo. Ed anche ore questa non t'avverò, fu ap­
plicata ovunque la matto miglioratrice, t i apprezzarono con co-
tcienza le giunte critiche e quanto al tetto ri tenne conto di un
detiderio ttpresto da varie parti, eliminando quoti tutte le cita­
zioni letterali da te n ito ri recenti. Particolari grazie debbo ad
alcuni dotti, come i proiettori Sehleeht e dottor Paulut, che cor-
t'sisnimamente minerò a mia disposizione note e aggiunte loro.
Sono obbligato a r arii eruditi italiani, specialmente per la tra-
• mistione delle coti dette pubblicazioni per nozze, #1 difficilmente
accessibili e tpe**o ttampate in pochi esemplari. Dando uno
•guardo Fui lavoro intiero, posto ben dire, che quasi nessuna pa­
gina del presente volume è rimasta tenza aggiunte o migliora­
menti.
P er parecchi capitoli poti trarsi profitto anche di nuore fonti
Hanoecritte. Essendosi poi il testo accresciuto di più che 100 pa­
tine a conftonto deW edizione precedente, rappendice di documenti
renne ttampaia in caratteri p ii piccoli e aumentata di soli tre nu­
meri. I documenti intercalativi (balla d'Eugenio I V tulla morte
del Cardinal Vitelleschi dall'Archivia Segreto pontificia e due let­
tere tulla congiura di Stefano Porcaro trarate atta biblioteca uni-
versitana di Bologna e alla Regia d e ll'A ia ), mi parvero degni di
pubblicazione integrale.
xxx vili Prefazione alla terza e quarta edizione.

M ’è di sommo onore che S. S. il Papa attualmente regnante-


ubbia avuta l'alta degnazione di accettare In dedica di questa nuova
redazione. Aprendo VArchivio Vaticano Papa Leone X III ha
acquistato un merito imperituro per la scienza storica ed ha obbli­
gato me a particolare riconoscenza perchè con quella magnanima
disposizione Egli rese possibile la realizzazione dell’opera pre­
sente.

Innubrurk, 29 giugno 1901.

L. P .
PREFAZIONE ALLA NUOVA EDIZIONE

In misura ancor più grande che nelle precedenti la presente


edizione ( 'è trasformata in un rifacimento: dovevansi infatti uti­
lizzare le indagini di più che due decenni. Io debbo designare sic­
come una speciale grazia di Dio Vessermi stato concesso di met-
tfre la mano al miglioramento dell'opera della mia vita nell'Eterna
Città, perchè solo così negli anni scorsi fu possibile di arrivare
ai libri e riviste straniere coi molti loro nuovi risultati e sco­
perte. Io posi grande cura a completare la bibliografia e con ciò
>pcro di rendere un servizio a molti eruditi perchè anche oggi
fono grandi le difficoltà di avere a disposizione le pubblicazioni
straniere.
P er la cortesia con la quale mi hanno aiutato nel mio lavoro
io sono in debito di riconoscenza specialmente verso U signor
Prof. Dott. Lauchert bibliotecario ad Aquisgrana, i signori Pro­
fessori E . Góller e G. Sauer a Fribu rgo di Brisgovia. il Dott. Z i-
bermavr archivista a Linz, il direttore della Hertziana signor
Prof. Stein mauri cd il viceprefetto dell"Archivio segreto pontificio.
Mons. Angelo Mercati.

Roma. 2» giugno I Si f .

L. r. P astok.
I ......................................................................................................... ............. HlÉMÉM
SOM M A I U O

INTRODUZIONE

I t RI > ASCIMEJiTO I.FTTKRARIO IN ITAI.IA E LA CHIESA,

I l rinascimento, uno «lei più p olw iti fa tto ri ¿1«*! ] «orinilo <li transtxionc
■lui timi io evo aUV|MM*n moderna. Doppio carattere dH rinancitiMmlo let­
terario in Ita lia . Suoi p rin rip ii fai P etra rea e R o c n e d o . Come questi ni
•«importassero verno la Chieda: loro relaxioni eoi papi .‘1*7.
I<o mitiche tradizioni ecc!e*ia*ti«-lie circa lo studio dei classici 7-LI.
In d irizzo n n tirrixtin n » drl rinnvrim rmlo tr llm ir ù i. L o r e n x o V a l l a
>■ il mio scritto Sul p ia rrrr. programma dell'irtMrixxo radicalmente miti
'■hegpiante — il V a lla avverso j««t principio agli O rdini religiosi ■— ano
«¡•dento assalto e m ir o il «Inniiuio temporale ilei papi — mia niannnxa
di carattere 15-25. A . U c c e » « I r l i i predica la « em an cipaton e della
' • m ie .. — op|M>sizione dii parie della Chi«i«a (E ugenio I V ) '£>.27. In-
tlnenie rovinose d ell'iod iriszo anticristiano sul eani|Mi morale e religioso.
Sentimenti non cristiani di «•erti umanisti — lo m indifferentismo verno la
t ’hiesa — loro sogni di un m o rii» ideale rla m iro 27-31. P o g g i o rap­
presentante d ell'in d irizco anticristiano — suo indifferentism o — le sue
oscenità — i suoi vitu p eri! contro i monaci restano senxa effetto di fronte
al grandi p redicatori d i penitenza S W I. Im jxirtanxa di costoro. H, Ber.
nardino «la Siena e le sue prediche 3540.
t/r r o n rfi:i»s i rrliginmr dril'rpnm drl ri*tl*rim * min. HI rÌcon<s*e ne-
o w a r ia una riform a. N e ll'Ita lia tfc>l rina*ri«neiit«» continua il sentimento
religioso — prove della cosa — C o n tra iti dei l e poca. Sensualità e smania
dei piaceri nelle c in s i su|>eriori. I Santi e I I M ' «M l'epoca «lei prim o
rinascimento H I*«, t ’o w si spieghi il favore «lato aH'im lirixxo an ticri­
stiano da m olti d ig n ita ri! e*vle*ia*tici 15 Iti.
/u d iri::n cristiano drl ri*a*rim rmln Irltrm rin . Program m a degli tio
mini d i questo indirixxo 46-17. Manetti. T ra Terna ri, li. t'o rra ro , F. B ar
ta ro. M. Vegio, V itto rin o da F e ltre come umanisti criatiani 47.53.
I l problema Vici giusto ap pretta menu« dell antichità elam ica. Van­
taggi « danni del rinascim ento per la Chkan .'»1-55 f a i avversa rii degli
umanisti n egli O rdini religioni vanno q n H e volta trop|M> avanti — il
loro concetto p a rzia le non è diviso dai papi. Clemente V I « G regorio X I.
xi.il Sommario.

In giu stizia delle accuse generali contro la San<a Swle |>erchè promoKs:-
« l i stnrtii «•lassici. N iccolò V a lla testa «lei rina^sc'nnento 50-00. 13 rin a ­
scimento. Pensiero fondam entale di Niccoli» V tIl-02.

L IB R O I.

SGUARDO SULLA STORIA D E I PA PI


DAL
PRINCIPIO DELL’ ESILIO AVIGNONESE A L L A FINE DEL «R A N D E SCISMA.
1806*1417.

1. I papi in Avignone. 1305-1376.

In tim o nesso «Iella Santa Scile <*011 Rotini — sciolto per «»peni «li <'!«--
mente V e Giovnnni X X II. Pregiu dizi d eriva ti alla condizione mondiale
ilei Papato. L a «li|>eiMÌen(a «lei |»a|>i avignonesi e sue «•«ìiua^guenze. Il
sisteiiMi cu riale «Ielle imposte e D'opposizione contro il me«U»*hno <¡5-7**.
Esagera* ione «lei la ti brutti rtel p e ritilo «vignon«*se. A ttiv ità j>er le mis­
sioni e nu*rit.i «lei papi a vigni mesi quanto a lla scienxa «* « l l ’arte 70-74.
Inconvenienti nati «bilia «limora dei papi in A vign on e — la ti d'ombra e
«li luce d el ihvhmIo avignirncse V in i brama «libili Ita lia n i p e r ria vere il
P a p a to : D n n te — P etra rca e i «n o i giudizi i p a rzia li 74-78. Roma senza
papa 7!>-M.
L'au torità pontificia viene w u m «la Ali «'m igrazione art A vign on e 82.
( l i « » v a n i t i X X I I e la »¡uà lotta con Ld fen ico il Itavaro le
iil«-«> radicali «li M arsiglio 82-88. Conseguenze del contlitto X9.
Hen«dettlO X I I la rm ra papale in A vignone riform e .li
Itenertetto '.Hl'.tl. C l e m e n t . « * V I . C arlo IV . Firn* « M I » contesa « i l e
M a s tic a — Rivoluzione «li f i d a «li ICienzo; sua importanza. t a t i «M udi
di Clem ente V I. <>p|io*izione a n t n i il sÌMt«>mn curiate «Ielle im|>ost'-
'.>2-97. I n n o c e n z o V I . riform atore, ma non uomo politico
U r b a n o V torna p«*r breve teinp«» a ltoma — suoi ten tativi di
rifo n n a 100.101.
G r e g o r i o X I — (ìu errn dei F io ren tin i contro il papa. Riv«du-
zione nello Stato |iontirtcio — santa Caterina «la Siena e il ril«»rno «Iella
S. Nedo 101 I I I . <5regori«» X I. la guerra con F iren ze e la rivolta nello
Stato |Hintifirio. T r a tta tiv e «li par«. M iwte «lei papa 114-117.

2. Lo sci «ma • le grandi agitazioni degli «rotici. 1378-1406 (1409).


Klrzinnr «li U r li a n o V I sua liliertà e valid ità I1S.13Ì. « ' « rnt ti-r-'
«li l'rlia n o V I. I/' misure Mrnza riga unii e imprudenti «li riform a em a­
nate «la Urltami producono una rivoluzione «l«*i cardinali. l'Irn ien te V I I
antipapa L li-IIU . Colpa «lei rorrtinali rib elli. Ginrtizio «Il .«anta Caterina
«la Siena. L o scisma, conseguenza rtel periodo avìgnonese 12249K. t a
|»otenze di fronte a llo «riama. G l rio V ali Francia per fie n i ente V I I .
L'antipapa strumento «Iella p o litim francese. L 'In g h ilterra e C a rlo IV
im peratore pel legittim o papa 130.1H. O li sbagli di Urbano V I. Modo
Hi governo diJTantipapa 144-145.
Sommario. x i.m

Confusione iniiversaSe, conNeRuetuKt d e llo »ritmiti — dansieggbiinciitl


a ll'au torità pon tifiria — tunicati «li santa ('a te rin a «la Siena e ili uJtri
contemporanei 115-154. <». (ìn s it 154-157. Le p m fe iic intorno « I l o hcì-
«imi — T «•lesioni e Lan fpw tlein 158-161. Crini «Iella Chiemi — abitazioni
«h'gli e re tic i — W icleffo — 161-168.
l i o i t t f a q i o I X 168-172. I n n o c e n z o V I I — Mie n ifi- j>er
l'università roanana 172-I7:i. La penetrazione «loirtnnaniflim imlln t'n ria,
effetto «Ielle conilizinni «lei tempi — P oggio — B rillìi «1 nitri umanisti ai
servijri |*qiali 17.1-178.
I! p on tifica lo d i G r e g o r i o X I I , «*imk-.i «Iella crisi U i quo.
si ione <-ourti ¡-are. — O p p ia m o n e in l-Yaneia a <'leinente V I I . Pr<»|Mi»«tc
«l«*II università d i P a rig i |mt elim inare lo scisma 172IS2

3. I sinodi di Pisa • di Oostanta. 1409 1417 (1418).

G r e g o r i o X I I e B e n e d e t t o X I I I — lo ro contegno nella
•liioMtione dell'unione — defezione «lei loro cardinali e « concilio » «li co­
ston i 1S;U1S7. L a «lo!trina «m (<olirà «n i prim ato si anneliliia 1X7 1Sii. l/np.
|>ello n un con cilio gein*rnle — nuove teorie con ciliari — I.aiig«>nxtcin —-
(tersone — Z ìi Ita rei la loro intluenzii in Pisa U9-11M A I e . s a n
«I r p V , il papa con ciliare — CI i o v a n n i X X I I I l!*S2i*l.
Ib sH lerio «lcH’ uuione a«l ojrni costo — Tw slorico «li Nicheliti — Ue Ki-
giuntomi«» e«l il sinodo «li ( ’«»stanza 201-30&. Folta «li G iovanni XX I I I —
i discreti intorno aliti sujnìriorità del n m eiiio — de|»>sizi<iiir «li ttio-
' anni X X I l i e rinunzia, «li fin ito ri«» X I I 2U52KI. Pratiche d iv a la ri­
forma — perche fa llite — elczi«»ne «li Mari ino V 210-216.

L IB R O II.

IL BIST AHit. IMENTO PKLL’ACTOBlTÀ PAPALE


E LA LOTTA COLI/OPPOSlZH^E fO M il.lA R E . I PRlNClPlI
DELLA U S A M S 5 Z A A ROMA. 1417-1447.

1. Martin« V. 1417-1431.

Sguanl«» rvtn w |irtlira sulla r r W « H lo «ci*m a — C arattere «Il M ar­


tino V — nane si conten«*»«e «li fronte alla «pu n ton e «Iella rif«*rma — ano
*i«X)rìo a IC<una — M«»rte «U G iovanni X X I I I 2TI-22&. Htato di ilm u lr n u
di Ibana — M artin o V m stauratore d i lUsna — sua p n iiit ia w a ll’a rte —
•no mite fcm rrno — felicita «Ini ltnmani 223 S iL B U tabiliniento « M I j
monarchia papale «lem.luta a ran«a «lello scisma — Ingrandim ento del
‘ «donna — met«Mla di vita di M artino V 2X1237.
A ttiv ità per la rrwtanrazinne erc1e*ia*tic» reliquie H «anta Mo­
nica — il giubileo d ell’anno 1425 Berna rtli no da Hiena in Boma ‘¿17 243.
“ perosita d i «an ta Krance»«-a Bomana. iH ilate di Tor 'le' Hpecrhi 243 245.
M artino V in favore «Iella liberta ercleaiaaliea «noi rapporti ver*»» la
•inewiione con ciliare e la riform a « t 4 « » i s * t h i 215 249.
C arattere intem azionale dulia t'n ria Romana — preponderanza d «l
T«desthi In Boma — loro corporazioni 219-254. Grande numero dei Boraci
XMV Sommario.

tedéschi — fondazioni n azion ali por essi — Cam po Santo — A n im a —


Istitu to tedesco |x-r donne — O spizio nazionale boemo 254-261. Spedali e
chiese «M ie n itro nazioni 260-263.
M artin o V e l ’ umanismo — P o g g io e la .sua « fabbrica d i b u g ie » —
indispensabilità d egli um anisti. G li im p iega ti di Curia 264-26S.
11 Sacro C ollegio dopo lo scisma — nomine di card in ali fa tte da M a r­
tino V — riform a del Sacro CoKlegio 268-271. Capranica — ( ’esarin i —
A lb e rg a ti — A . C o rrer — B ra n d « — P. Colonna — G. O rsin i — Prom o­
tori d ell'im m i¡sin o fra i cardinali. 1 ■cardinali Branda e G. O rsin i per
l'a rte e la scienza 271-280.
A bolizion e delle ultime tra m * d ello «cisina — A lfon so d'A ragon a e
l'antipapa Clemente V i l i L ’antipapa Benedetto X I I I 2SO-2S5.
L o hussit isino — s’ insist • |M-r la convoca zinne d i un c o n c ilo — Ce-
¡•nrinl mandato n Basilea. M orte di M artin o V — importanza del suo
governo 285-289.

2. Eugnnio IV . 1431-1447.

Capitolazione elettora le — carattere di Kugenio I V 290-293 — sua


lotta coi Colonna — col concìlio ili Basilea — pretese «lei membri del
sinodo — arrendevolezza di Kugenio IV , ("Ointeguenza «IciMa penosa situ a­
zione politica del papa 21K5-29S. — R ivolu zion e in Itoami — fuga del ]»on-
tefico — Koma torna aU'obliedionza 2i*!* ¡101. G iov. Vit<01enrhi — sue v it.
torie ri|K>rtate sul ColonnoH e i loro p a rtig ia n i — Palazzo del V ite lle * hi
a Corneto Tnrt|UÌtiia 302-303 sue guerre vittoriose e sua raduta — Sea-
ranipo — P. Barin» 303-307.
Ini]M>rtanza d e lla fuga di Kugenio IV n Firenze, i-entn» del moto del
rinascimento FI. B io tti« n i a ltr i umanisti il Sacro C ollegio n i il
rinascim ento le tte ra rio 907-311.
Contegno dei fam itìcì con ciliari verso il papa crisi in seguito all •
pratiche per Puniouo (m u to eoi Greci 311-316. Tnuda zinne del ron rilio
a F erra ra — l ’unione stretta a Firenze è un trion fo del pontefr'e 316^(19.
Im portanza lettera ria e storica «Ielle tra tta tiv e per l ’unione — avanza­
mento degli umanisti nella Curia 31H-32L Btwsarione e Plotone .’521-325.
Avvicin am en to d egli O rien tali a Roma — Eugenio I V si «d o p e rà per
scongiurare il jiericolo turco Cesa ri ni e la b a tta glia presso Varn.i
325-32».
I Bnsileej«! dc|>oi>goiK» Kugenio Felice V antipapa rupidn d i
m'osa dell'au torità Mei sinodo :CÌ!LXEt. Kugenio IV ai riconcilia con A L
fonevo d i N a p o li — ritorn o dei potiteffoe in lUana deraduta 333336.
Contegno «KBii.v lx n n tiro della Franchi e della Germ ania — lotta
diplom ai ira di Untila coi « U m i l i c i Itasilensi 33>> 339. P e r o|>era d«-l Car-
v a ja l e di F.nea S ilv io P ircolom in i le cose si mutano in favore di Eu­
genio IV 33:i>*tl2 — V ita anlrrodente del Pircolom ini 312-317 Intesa
rolla G erm ania: i r m ilile lt i concordati «lei prìncipi 317.319. M orte di
Kugenio IV 380-3S1.
Sguardo retrospettivo sul governo d i Kugenio I V 351-352. I l papa,
padre «lei poveri — come si comportò verso la riform a — »w o zelo n«d
promuovere Parte. La porta del FU arete per 8. P ie tro — I l F iesole al
servigio d i Eugeuio I V 352-362.
Sommario.

L IB R O III.

NICCOLO V, IL FONDATORE DEL MECENATISMO PONTIFICIO. 1447-1466.

1. Elezione e carattere di Niooolò V.

S talo minaccioso «Ielle cose avan ti il conclave ( Viene era ctwn-


|««sto il Siterò C o llegio — O arvajnl — Tonquemada — lvstoutevillo 307-
37L T . l ’ areaitucelli ele tto con sorpresa di tu tti 37L Crini nella storia
del P a p a to : con N iccolo V sale sul trono pontificio l’indirizzo cristiano
del rinascim ento 372-373.
■N’ita d i N iccolò V prim a d èlia elesioms ;t7:u;ì77 — ano carattere —
suo eutusiawmo jk t la scienza e Parte — suol scuti menti pii e ideali —
fa p a rte «lejfìi umanisti cristian i 377-383. Hcojk» supremo del suo (lontifl.
cato 383-384.

2. I primi anni di governo di Niooolò V. Ordinamento dalla attuazione


eooleaaatica e politica.

P erico li del papato — sagge e moderate idee di N iccolò V — sua inco.


ronaaione — presa «li |raaM«ao «lei tollerano — le ¡unliascorie d 'o b b e
lienza .'¡N.V2KI.
Accordo con A lfon so «li Na|M»li 391. Federico I I I e I Itasileesi — il
concordato viennese — promnljfaxione «lei ninliwirno nei territo ri! t«I«*
»«■Ili 393-395. Scioglim ento del «xmcilio «li Baattea — ««Ibi- azione di Fe.
lice V, ultim o antipapa — flue «lei (ieriodo ctJhcUiare 393~4O0. G larvano
di Jtiterbog-k o«lerente al p a rla li«*) tariamo «v le s la s tic o OH-OKI. (Seiler
di Ka>>ersberK contro la | K *»ibilità d i una riform a per ojieru del i-on-
« ilio — Cangiam ento delle àlee a favore «lei Pa|«ito 103-101.
Torqueanada — Collerico Saiw io de A re va lo — O . C apisi rano
I*. Capranicn — P ie ro d«4 Monte e loro a tti vii.i per rlila w m im a formi
all'au torità papale 405-411. R invigorim ento interiore «Iella |KWÌzione del
Papati». l*uni»ione di eretW . Svolgim ento datile condizioni «Iella Chiesa
in Germania nella secomia metà «lei «e r o i« x> 112-11fi.
R istabilim ento (Iella tranquiEità in Itmna e dello S tato |ionliflcio —
N i l i ™ parìfica del papa Fr. Sforza. duca di M ilano 416-421.
Rologna al sotuanette — Operosità «lei Ite-»arion e in Rolofmn 4111-
423. Su« rem i «li N icrolò V I2T» I IX

3. 11 giubileo dell’anno 1450 e l'attivitA nCoraativ» del cardinale dì Onaa


ioJGermaaia » n*!^Pa«a B u e. 1451 1452.
a. Scopo del g iu b ilili m igrazione di |h^k»Ii a Koma 427-432.
( ’a u on iu azion e di Item ird ilw i da Siena I t i - i l i . Andamento del giu ­
bileo — (teste in Roma — paura che ha 11 papa di m orire ISS-UU.
M oltitudine inaudita «lei peJle|rrini a Koma — Ruggero van «ler Wey-
dea «1 a ltr i insigni personaggi in Hocna ( . I M I .
la» letteratu ra del giubileo W3-4H. iH w r itio n i «Iella Roma d'allora
441-4411 La catastrofe sul ponte Sant'Angelo. Si vuole il concilio l ó l M i i
X I . VI Sommario.

V antaggi m ateriali e m orali «lei pii»l»ileo pel papato 454-450.


h. Kstensionc del giu bileo I5.S— m ission« d e ll’ R stou teville in F ra n cia
L ievi risu ltati della stessa. latteria <l«fl papa a C a rlo V I I 4S8461.
Il Cusano legato in Germ ania «u n missione — Buoi priiu-ipii in­
torno alla rifon iu i — «n o m odo d i contenersi
t'ouïe N iccolò «li Cima inaugurò la mia a ttiv ità rifo rm a tiva ili (¡er-
■minia — riform a dei conventi in A u stria 101-107. Sinodo diocesano in
Bamberga 40N. Il Cusano a. Wiirciìliurg — a K ifu r t — a Magdebung — a
llildeslieiiu — a Minden 409-476.
Operosità di G iovan ili da <’ a p i «tram » nella (te rn i» nia centrale ed
orientale — M etodo e fru tti d«1!e sue prqkidke 477*480.
11 Cnrtliual Cusano nei I ’aesi Bassi — a T t v v ir i — Fondazione delio
spedale in Oues 4S1-4SI. Chiusa «Iella sua a ttiv ità riform a tiva coi con-
c ilil p ro v in c ia li d i Magonzn e C olonia — mia missione in In gh ilterra e
Borpo);mi 4SI-4NO. Sguardo retros|«»ttivo sulla sua operosità in tìer.
mania 4.S6-4K7.

4. L'ultima inooron&zione imperiale a Roma. 1452.

Disegno di Federico I I I circa la «u a incoronazione a ini|»eratorc ed


ai suoi >|minsidi — ini|M‘(linienti 188-190. F ederico I I I nel Veneto — n
F errara — a Bologna a F iren ze — a Siena 490-45)1. Tim ori kiel pon­
tefice — Federico I I I sotto ltoma — suo ingresso solenne 194-49S.
L'incoronazione colla corona ferrea — lienndizi«»nc «lei m atrim onio
con donna I/eonora 499-501.
It<* solennità della incoronazione lm|»erialc 501-0(12. V ia g g io «Iella
coppia im periale a Xa|M»li .10.5. K ito n io «li F ederico I I I in A u s tr ia 564-505.
G iu dizio «lei coutct))|»oranei suFl'alibito «li Federico a limila 5u5~~>Od.

5. Protezione del rinMoimento nel campo artistico e letterario; reetanri e nuove


fabbriche in Roma e nello Stato pontificio. Alberti. Il Fieeole. - La corte poetica
di Niooolò V. Fondazione della Biblioteca Vaticana.

» . N iccolò V si mette a capo del ri ita s«*intento a rtistico e lettera rio —


)m|xirta!)xa «li qui - lo fa llo nella storia «lei momln 507-51K. — ^ u a li punti
«li vista guidarono il papa 509-010.
L a vo ri di tvstaur«» in Botila 511-514. Il pn»getto giganteweo per la
ricusi tuzioiic «Iella C ittà I/coniiia. «1«*1 Vaticano e della c h ie «« «li S. Pietro
514-510. Iniln« n*a «M V 'A lb erti 510-517. S. P ietro «lapprim a restaurato —
il «IÌM>gno «li una nuova fahbruu m otivato «la llo »tati» roiniw o «Iella basi-
ii«*a 517 520. Distruzione «li antb’hi ««litici e an tirh ità 520-521. eontni-
ziinii del V a li.a n o 522-52:1.
A rtis ti e arch itetti «Fogni paese occupai i — organizzazione «lei la
v'ori - tutte le a rti subordinate alF aivliitcttu rn 823-525.
Il Fies«de sua vita, sua iin|M>rtanza e suo prnce*io evolu tivo a r t i­
stico iii& M l, Fiesole al servizio «li N in ilò V. La ca p p elli «li S. I>v-
m ir o 52&531. Influsso «bvSa eterna città sul Fiewole 53L53S. L'antico
negli affreschi vaticani del Fiesole 53&&17.
A lt r i pittori al servizio «lì X Icroiò V 537. Cura «Ielle a rti m iixiri
&Ü8-539. I^e n u l razioni n ello Stato |>ontifloio 540
Sommario. xt.vn

b. Z elo <1p1 papa per la o d tu rn delle sci«*n*e .VH-512. <'urte «lolle muse
d i N¡«S'oliò V — A llie rti — M anctti VeiqraN’ ano «la Bisticci T or­
tello 512.543. Eccessiva mdiilfienza «!i N iin il» \' con i rappnfu'iitnnti
d ell’in dirizzo paga-no — o o n p ttio n e «l«*l V alla 511.>15. Traduzioni «lai
greto — lo r o importanza 545^V49.
Ombre della posizione dominante d egli milanisti in Curia — con tene
degli umanisti 549-551. T. Mutici ctn itr» i nemici del l'umanismo 552-553.
Opera apologetica «li tWosotìa religiosa «li Itaffiude <le Pornnxio, in «mi
si riconosce l'im portanza «l«»gli stu dii umanistici 55X551. Zelo «lei pupa
per la letteratu ra w clesiastica — Manetti — G regorio «i.i C ittà di C a­
stello — A n ton io «lell’A g li 554-555.
N iccolò V raccoglitore «li lib ri — I «n oi infinti lib ra rii si spingono
fin«» in P ru ssia e nell’ O riente — Fondazione «lidia Vaticana 55C ¡WS,
Fnegi «lei iinanosiritti — T o rte llo hi ldiotera rio 55M-S60. Numero «lei vo­
lumi della Biblioteca W tic a Ila suo più aliti«-»» inventario iinpor.
tanza «li «pirata gram i iosa raccolta 5WW54M.

6. La oongiura di Stefano Porcaro (14&3).

F r u tti deU 'indirizzo anticristiano del rinascimento gli umanisti


e il tiran n icid io 5ti5-5t>8.
Il l ’orcnro — sua fam iglia — sua «lim oni in F ln *n w 36856D. I l l ’ or,
caro [N x h w t à a Hologiui — suoi rapporti o d a papa Eugenio IV «ito
cangiamento d i idee 5t»9-570 — suoi tentativi rivoliizion arli e suo bando
a Bologna 570-571.
I l Pon^aro ordisce |da lUUogna una «-«Higiura in Honin sua fuga
I capi d ella con giù ra — m im erò «lei rtmiplicl 572-573.
Disegno dei «-ongiurnti — la «-«»giu ra è «coperta e soffocata .'»7U17.Y
Confessione «lei lV rc a ro — viene giu stiziato 575-57K
Il F o rra ro voleva »cacciare il papato «la Itimi;« — «usi M»migiinnz.i
'■ori G a lilin a 579-580.
A ll»erti e lnf«*ssuni in to n i» a questa coapirasfone nnitegno di-fili
umanisti — scritto di F iero ile’ Godi — |<oema elegiaco «lei Itrippi SM-SM.
Estensione della congiura — In d i«»» aia lat ro deUsi medesima «ni
papa 684-580

7. L ’avanzanti dai Torciti • la caduta di Oontantinopoli.

L'unione fiorentina resa vana in Hi»anxk> — in Kum ia 5 8 7 -*«.


L’Cneheria « a n s io contro i Tnrrhi » — ««ncrorsi «lati da Niccolò V
a «piest» paese 5nv59L Cure «lei pontefice |ier la Bosnia per lo Kkan-
derl»eg — per K n li — jier C ipro 591-540.
N ircolò V fa «lipem lere l ’ a la to a l Bizantini « b i l ’ attuazione «lei.
l ’ unioue — sua lettera all" im iw ratore «'•«ta n tin o 593-590.
L ’a va rizia «lei B izantini determina il «a ita n o M»hain)n<*| a Intra,
pren-lere la conquista di ÌW la n iin o p tìii — apparecchi per In lotta de.
eiaiva
L ’ im peratore Coslantino e l'anione — v a rie opinioni in lt<ima ri-
n a r d o al d overvi prestare a io lo a i G r rd N iccolò V Invia 11
e“ rd ina le Iskton» «sin trnpfie au siliari — I » festa deU’unione «lei 12 d i.
cenibrf 1452. Fanatism o «lei nemici delFanione 601^02.
X I.V IÌI .Sommario.

A iu to da parte »lei Genovesi — dei V en ezian i — «lei papa 602-605.


Assedio e presa d i C ostantinopoli — v iltà e a v a rizia dei G reci 600-608.
M ollam m o! passa d a lla parte dei nem ici deU’u n ion e— sorte d ella Chiesa
greca 009.
Impressione d ella caduta di C ostantinopoli in O riente — crisi nuova
nella storia del mondo. In izio d ell'età moderna 610-611.
Impressione della treni ernia notizia a V en ezia — a Itoma — opero­
sità del pontefice — la sua IMilla crociata non trova alcuna eco 612-618.
La dieta di Buda — fiacco contegno dei V en ezian i — lo ro pace col
sultano 618-620. Scoraggiam ento ilei Genovesi — contegno avverso d i N a ­
poli, .Milano e F iren ze — in erzia d egli a lt r i S ta ti d’Occidente 621-623.

8. Trattative di paoe in Italia e discussioni in Germania per la crociata.


Malattia e morte del papa.

Ili pericolo tureo 62t»-627. N egozia ti d i pace in Itoma — ¡>erché f a l­


lirono 62S-(l"!l. L a pace di L o d i — è accolta — im portanza della stessa.
Lejra italian a. Indolenza «legfli S ta ti ita lia n i d i fron te a l pericolo turco
632-6.11.
D iete im periali in R a ti sbolla, Fratnooforte e W ien er — N eustailt
tutte senza risu lta to 63&4E1S.
l.o stato di salute di N iccolò V peggiora — sofferenze m orali del
pontefice — agitazione nello S tato pontificio 638-611.
Come il papa si apparecchiò alla sua fine 611-6(2. Suo discorso
a i cardin ali raccolti intorno al suo letto — m orte di N iccolò V il m iglior
pontefice del rinascim ento — suo monumento «><l'epitaffio 61.'t-t»45.

L IB R O IV .

CALISTO H I. II. PROPUGNATORI-: DKI.LA CRISTIANITÀ


CONTRO L ’ ISLAM. 14&Ó-14S8.

1- Elezione di Oalisto I I I . Sao contegno di fronte al rinascimento


Incoronazione • ambasciate per l’obbediennu

A gitazion e in Roma m isiire di cautela — p rin cip io «lei conclave


OC.Màòo t'<uu|M>sizione del sacri» C ollegio — candidati al papato 651-G52.
L'elezione del lt«>ssa rione im pedita dalI'Aflain tiàlì-KM.
Elezione di A lon so de B o rja carili i b i le di Valencia — predetta da
Vincenzo F erreri 6&KES. V ita antecedente «lei nuovo papa — giudizi
intorno a la i — l'opinione «li sant'Antonino G5G-659.
C aratteristica di C alisto I I I . Iitttfferen za d i Ini verso il rinasci­
mento 6MMÌ61. I j i fluita d ella d ilapidazion e «Iella B iblioteca Vaticana
per o|iera d i lui 662-664.
Incoronazione del papa — torb id i in Roma durante la stessa 664-666.
l<e ambascerie d'obbedienza di A lfo n so di N ap oli — dei F ioren tin i
— deU'im peratore Federico I I OtiG-OO'.*.
Sommario X l.tK

2. La ginta Sade e la questione orientale. - Costruzione a Roma di una flotta per


la orooiata. - Prim i successi della medesima. - Contegno delle potenze occiden­
tali di fronte al pericolo europeo del Turco.

Il pericolo dei T u rch i cresce — indifferenza delTO oddento — il pa­


pato comprende la g ra v ità del momento 070-071.
Ui crociata contro l ’ im am è il fondam ento kM tutta l'opera di C a­
listo I I I — suo r o to — influenza d ella n azion alità spaglinola 671-073.
Zelo guerresco del p on tefice— sua bolla crociata — spedizione di Ie­
llati. p redicatori della crociata e n u v o li ¡to ri delie decime — E. Knl-
teisen 074-077. P rovvedim en ti contro abusi 678-679.
I wicritici pecuniarii del papa |h t la guerra turca impediscono Cene*
euzione d i fa b b rich e monumentali — m em orabile scoperta rii cadaveri in
S. Pietro 079-iWl.
Speranze ilei papa sull'aiuto da parto di F ilip p o di lto'igitgna e iti
A lfonso d i Napelli 681-682.
(t. Piccinino, suscitando torbidi guerreschi nella Italia medili, ini-
|¥>discf la crociata — è fa v o rito «la A lfon so di Xnp«di — A cn xU ii IKI486.
Il Iredim ento di P. U rre a e A . O leina 686-687.
Costruzione d ’una flotta in Roma 688. Nomina dello S tu ram i«» ad
am m iraglio della flotta contro i Turchi — s«-opo della spedisione 688-691.
Partenza dello S fa ram po — suoi suc«?essi nelle a eque «li G recia G924S9I.
Poco zelo per la crociata in Germ ania e in Francia (Vario V I I e
il capii naie A la in — ©{»posizione «lolla università di P aridi 695-699.
II <iu«-a di B orgogna e il re d i P o rto g a llo con trarii a una crociata
parimente M ilano. V enezia e F iren ze (RH*-7(Hl. C oraggio e sacrifici
del papa 702-703.

3. La vittoria dell'esercito crociato presso Belgrado. - L'indolenza delle potenze


impedirne di trarre partito da questo successo. Opposizione antipapale in Ger­
mania. - Relazioni di Calisto I I I con Napoli.

P rep a ra tivi d i M/diammed contro l'U ngheria — sua *|x<dizionc verso


l»>-l2Ta<lo isct-oru. S fo rzi del II un vaili, -lei C arvajn l e «lei Capi strano
l**r «lifentlere q u ieta fort«*zza 701-707.
Ix- battaglie lilie ra tric i presso I?elgTa«lo «IH 11 e 21 lu glio 1456 —
parie ilei papa in «pieste v itto rie 7US712.
Ridia di C a listo I I I che iodici* preghiere — gioia della cristianità
prr la v itto ria — granili speranze «lei papa 713-718.
Morte di H nnvadi e del C apistrano — Inerzia «Ielle potenze di fronte
*1 pericolo «lei Turchi 718-731. Zelo «lei basso pop«do |>er la crociata —
torbidi in U ngheria 721-722.
li princip«* elettore di Magonza alla Insta «lell'opjHisizione anli|ia.
I*"le • il »«-assioli i a F ran coforte sul Meno * a N'orimlierga 721-72.
'•agni di M. M a vr — non pensati sul serio — difesa di C alisto I I I
* * l *ività d ei Cardinal P b ro lo m in i — l'opposizione germanica si sfo*«-ia
^S-72:».
Relazioni t«*se fra A lfon so d i N apoli e C alisto I I I — scambio acerbo
di lettere fra loro. Disegni «lei papa circa N apoli 729 731.

r *-*TOS. ( M i tri p *p /' I . rf


Sommario.

4. Skanderbeg, « l’atleta di Cristo ■. - Cure del papa per i cristiani d’Oriente. -


Naufragio degli sforzi del papa per la crociata. • Ascensione e caduta dei
Boija. - Ultimi giorni di Calisto IH . - Morte del Cardinal Capranica.

S k an d erb eg— mie lotte contro i Tu rchi — è soccorso da C a listo I I I


io.
C ure «lei ponUifiee jw-r i possedimenti dei Genovesi nel Ponto e per
i crfatkuii oricntulli — ]>er rin fo rza re hi (lotta d ello Scaranipo — v itto ria
prt«.s«o M etelino — L e potenze O ciulentnli non prendono parte alcuna
alla cosa 740-715.
ite Laditdao in contesa con Federico I I I — sua morte. G io rg io di
Podicbrad, re <li Boemia — suo contegno di fron te a lla Chiesa cattolica
ed a C a listo I I I 745-748.
Opposizione del fliero alla decim a con tro i Turchi — dolore del papa
— congresso d i am basciatori in Roma senza risultato. F allim en to dt*jdi
»fo r z i pont itici i>er la crociata 748-749.
Nepotism o d i C alisto I I I - i B orja - R odrigo B orja — suo esa lta ­
mento al cardin alato — sua vita scostumata — lettera am m onitrice di
F io I I 740-755. Il cardiunl portoghese Giacomo, suo contrapposto 750.
La creazione di cardin ali del 17 dicem bre 1456. 757-758.
Ascensione d ei B orja opposizione «lei Capranica — «»dio «legli It a ­
lian i contro i ««C a ta la n i» p re fe riti «la Callisto I H 758-762. Potenza dei
B orja — scom piglio in Itiana 7(*l-704.
M orte d i Ailfonso «li X a ix d i — C a listo I I I contro F erran te — Bolla
del 12 lu glio 145S e provvedim enti in contri!rio jiresi da Ferran te 7H4-70S.
M alattia m ortale del papa — ultim i a tti «lei suo governo — agitazione
in Roma e nello S la to pon tificio 7(!S-77l.
Fuga «li don IV»Irò B oria condotta coraggiosa del cardinale Ro-
drigo 771 772. M orte <11 C a listo 111 — ineriti di lui 772-774.
I Borja e i « C a t a l a n i » a mal p artito — Il P k v in in o marcia contro
Roma 774-775.
N egoziazioni circa l'elezione «lei pontefice a ce« r«lo generale circa
l ’elezione «li Capranica 775-77(5. F n o «gu ard o a lla vita «li questo por­
porato 777-782.
Capranica m odello «li can i imi le suo am ore per la scienza — sua
a ttiv ità le tte ra ria — hi Mia morte i l i agosto) è per la t'hiesa una |>er-
«lita gravissim a 78R-786.
APPENDICE

D O C U M E N T I I N E D I T I E C O M U N IC A Z IO N I D ’A R O H IV II

Avvertenza p r e lim in a r e ............................................................................ 789

1. Papa Gregorio X I a Giovanni Fiaschi, venoovo di Vercelli, U ago­


sto 1347, N ove«, ilioccai d’A v i g n o n e .......................................... 789
2. Papa Gregorio X I a Bernardo Cariti, canonico a Parigi, 11 ago-
sto 1374, Noves, diocesi d 'A v ig n o n e .......................................... 790
3. Papa Gregorio X I a Lusca. Villeneuve presso Avignone 10 ago.
sto 1375 .......................................................................................... 79«
4. I j» repubblica di Firenze ai Romani. Firenze 4 gennaio 137« . . 791
8. Papa Gregorio X I a Ottimo. Roma, 12 febbraio 1377 ................... 792
8. Papa Gregorio X I a Firenze. Anagni, 15 luglio 1377 ................... 793
7. Pupa Gregorio X I a Bertrando, abbate di S. Xiccolò al Lido presso
Venezia. Anagni, 7 ottobre [ 1 3 7 7 J ............................................. 796
*■ Papa Gregorio X I al nunzio Pietro Rallini. Roma, 26 dicembre
[1377] ................................................................................................. 797
9. Papa Gregorio X I al Cardinal de Lagrange e adl'arcivemcovo di X ar­
ilo ila. Roma, 2 marzo [1378] . .................................. ... 798
•®. Cristoforo da Piacenza a Lodovico II de Gonzaga, signore di Man­
tova. Roma. 9 aprile [ 1 3 7 8 ] ..................................................... ... 799
• L < rwtoforo di Piacenza a Ludovico l ì de Gonzaga, signore di Man­
tova. Roma, 12 aprile [ 1 3 7 8 ] ..................................................... 800
1"• * ristoforo di Piacenza a Lodovico I I de Gonzaga, signore di Man­
tova. Roma. 24 giugno [ 1 3 7 8 ] ................................................. ... 801
13. '.incoino de S ir e su papa Urbano V I .............................................. 802
** Atti romani sullo scisma papale del 1 3 7 8 .......................................... 803
I-* « In vettiva di Langenstein « » t r a mouslrum Habvloni* ». 8 giù*
gno [1393] ........................................................................................ 807
**• Gli * Acta co natatoria! la • dell'Archivio •.'onc istoriale e dell'Archivio
« g r e t o p o n t i f i c i o ................... •• . . ............................................ 807
1*5. B giubileo del 1425 ...................................... ... .................................. 811
•*. Papa Martino V a Carlo di Borbone, conte di Clerinont. Roma [1427] 813
1.11 Appendice.

19. Il cardinale Antonio Correr a Firenze. Koma, 20 febbraio [1431] 814


20. Antonio de Itido a Firenze. Koma, 19 marzo 1440 ....................... 815
21. Papa Eugenio IV a Corneto. Firenze, 3 aprile 1440 ....................... 816
22. Papa Eugenio IV a Antonio de Rido. Firenze, 1* marzo 1441 . 817
23. Papa Eugenio IV a Bologna. Roma, 9 dicembre 1444 ............... 819
24. L'abbate di S. Galgano (conte de Cacciaconti) a Siena. Roma, 19 gen­
naio 1447 ............................................................................................ 820
25. L'abbate di S. Galgano (conte de Cacciaconti) a Siena. Roma, 23 gen­
naio 1447 ........................................................................................ 821
26. L ’abbate di S. Galgano (conte de Cacciaconti) a Siena. Roma. 11 feb­
braio 1447 ........................................................................................ 821
27. L ’abbate di S. Galgano (conte de Cacciaconti) a Siena. Roma, 14 feb ­
braio [1447] .................................................................................... 822
28. L ’abbate di S. Galgano (conte de Cacciacouti) a Siena. Roma, 16 feb­
braio 1447 ..................................................................... ... 822
29. L'abbate di S. Galgano (coute de Cacciacouti) a Siena. Roma, 18 feb­
braio 1447 ........................................................................................ 823
30. L'abbate di S. Galgano (coute de Cacciacouti) a Siena. Roma, 20 feb­
braio 1447 ........................................................................................ 823
31. L ’abbate di S. Galgauo (conte de Cacciacouti) a Siena. Roma. 23 feb­
braio 1447 ........................................................................................ 823
32. I ’apa Xiccolò V al Cardinal Bessarione. Roma, 27 febbraio 1450 . 824
33. Papa Niccolò V ai Giovanniti in Rodi. Roma, 6 novembre 1450 . 825
34. Tre Bolle di papa Xiccolò V a favore dei Giovanniti di Rodi. Roma,
6 novembre 1450 ............................................................................. 825
35. Vincenzo Allùdano a Francesco Sforza, duca di Milano. Roma, 21 d i­
cembre 1450 .................................................................................... 826
36. Giovanni Inghirami a Giovanni de’ Medici. !■i renne, 27 dicembre 1450 827
37. Papa Xiccolò V al Cardinal Cusano. Roma, 29 dicem bre 1450 . . 828
38. Papa Xiccolò V e Cipro [ 1 4 5 1 ] ......................................................... 823
39. Papa Xiccolò V al Cardinal Cusano. 13 [15] agosto 1451 830
40. Papa Xiccolò V al cardinal Estouteville. 27 agosto 1451 830
41. Papa Xiccolò V al Cardinal Cusano. 20 ottob re 1452 . . 831
42. Papa Xiccolò V al cardinal l'usano. 23 ottobre 1452 831
43. Discorsi di Stefano P o r c a r o ............................................................. 832
44. Gabriele de Rapallo a Pietro de l'ampofregoso. Roma. 5 [6] gen­
naio 1453 .......................................................................................... 833
45. Confessioni di Stefano Porcaro. Roma. 7 gennaio 1453 ................... 833
46. Relazione d'un cortigiano sulla congiura di Stefano Porraro. Roma,
13 gennaio [1453] .........................................................................838
47. Relazione d ’ un anonimo sulla congiura di Stefano Porraro. Roma,
13 gennaio 1453 ............................................................................ 840
48. Bartolomeo de Lagazara a Siena. Kotua, 14 gennaio 1453..................... 841
4U. Il rardinal Calandrini a Lucca. Roma. 4 febbraio 1453 ................... 841
50. Papa Xiccolò V a Tommaso di Lesina, nunzio in Bosnia. 11 mag­
gio 1453 ........................................................................................... 842
51. Xiccolò Soderini a Firenze. Genova, 8 luglio 1453 ...............................»43
52. Leonardo de Benvoglienti a Siena. Venezia. !• settembre 1453 . 843
53. Antonio da Pistoia a Francesco Sforza, duca di Milano. Roma, 10 set­
tembre 1453 .................................................................................... 844
Documenti inediti e comunicazioni d'archivi. tur

54. Il cardinal Estouteville a Francesco Sforra, duca di Milano. Roma,


17 settembre 1453 ........................................................................ 844
55. Disposizione di Xiccolò V a favore dei Minoriti a Costantinopoli.
Roma, 8 ottobre 1453 ................................................................. 845
56. Ambrosios de Aliprandis a Francesco Sforza, duca di Milano. Borgo
S. Donnino, 5 settembre 1454 ..................................................... 840
57. Francesco Contarmi a Venezia. Siena, 17 ottobre 1454 ................... 847
58. Enea Silvio Piccolomini, vescovo di Siena, a papa Xiccolò V. W iener-
Xeustadt, 21 febbraio 1455 ......................................................... 848
59. Xicodemo da Pontremoli a Francesco Sforza, duca di Milano. Roma,
1(1 marzo 1455 ................................................................................ ....8411
•io. Francesco Contarini a Venezia. Siena, 17 marzo 1455 ....850
HI. Francesco Contarini a Venezia. Siena, 27 marzo 1455 ....851
02. Bartolomeo Visconti, vescovo di Xovara e Xicodemo da Ponlreinoli
a Francesco Sforza, duca di Milano. Roma, I* aprile 1455 . . 851
03. Xicodemo da Pontremoli a Francesco Sforza, duca di Milano. Roma,
4 aprile 1455 .................................................................................... 852
'►4 Bartolomeo Visconti, vescovo di Xovara e Xicodemo da Pontremoli
a Francesco Sforza, duca di Milano. Roma. 8 aprile 1455 . . . 853
05. Papa Calisto I I I a Bologna. Roma, 18 giugno 1455 ....................... 854
’>0. Iacopo Calcaterra a Francesco Sforza, duca di Milano. Roma, 22 lu­
glio 1455 ....................................................................................... 855
07. Papa Calisto I I I a Colonia. Roma, 4 agosto 1455 ........................... 855
08. ( ¡invaimi conte di Castiglione, vescovo di Pavia, a Francesco Sforza,
duca di Milano. Roma, 9 settembre 1455 ...................................... 856
09 II cardinal Scarampo a Lodovico de Gonzaga. Roma. 17 dicembre 1455 857
70. Papa Calisto I I I nomina Rodrigo Borja cardinale. Roma, 20 feb­
braio 1456 ....................................................................................... 857
“ I. Bolla di papa Calisto I I I contro l'arcivescovo di Tarragona. Roma,
15 aprile 1456 ................................................................ ... 859
Papa Calisto I I I al generale, ai provinciali, ecc. dell'Ordine agosti­
niano. Roma. 4 maggio 1456 ..................................................... 860
<3- Papa Calisto I I I a Giacomo Perpinva. ( Roma, ai primi di agosto 1456] 860
*4. Francesco Foscari, doge di Venezia, a Frane osco Sforza, duca di M i­
lano. Venezia, 7 agosto 1456 ..................................................... 861
*5. Xiccolò Severino a Siena. Roma. 13 agosto 1456 . . . . . . . . 861
>•. Iacopo Calcaterra a Francesco Sforza, duca di Milano. Castro Giu­
bileo, 24 agosto 1456 .................................................................... 862
77. Papa Calisto I I I al cardinale Alain. Roma, 17 dicembre 1456 . 863
•*- Il ranlinal Scarampo a Onorato Gartani. Rodi. I# maggio 1457 . 804
Hlasiu* Ghilinus. abbate di S. Ambrogio a Milano, a Francesco Sforza,
duca di Milano, 23 giugno [ 1 4 5 7 ] ............................................. 864
'“ *• Il cardinal Rodrigo Borja a Lodovico de Gonzaga. Fabriano, 5 o tto ­
bre 1467 ....................................................................................... U S
Papa Calisto I I I a Berna. (Roma, dicembre 1 4 5 7 ] ...........................866
'* Prove di favore di Calisto I I I per i cardinali Rodrigo e Luis Juan de
B o r j a ........................................................................................................ 866
**- Giacomo Antonio della Torre, vescovo di Modena, a Francesco Sforza,
duca di Milano. Roma, l ì giugno 1 4 5 * ...................................... 867
i.iv Appendice.

84. A n ton io da P istoia a Francesco Sforza, duca di M ilano. Rom a,


24 g iu gn o 1458 868
85. A n ton io da P istoia a Francesco Sforza. duca di M ilano. R om a,
4 luglio 1458 860
86. O ttone de C arretto a Francesco Sforza. duca di M ilano. R om a,
5 agosto 1458 870
87. A n ton io da P istoia a Francesco Sforza. duca di M ilano. R om a,
6 agosto 1458 872
88. O ttono de C arretto a Francesco Sforza, duca di M ilan o. R om a,
873
8». O ttono d e C arretto a Francese*) Sforza, duca di M ilano. Rom a,
14 agosto 1458 873

I n iu c k dell* persone 875


ì n d i c i :
D E G L I A R C H I V I I E D E L L E C O L L E Z IO N I D I CODICI

D I C U I M I SON'O S E R V IT O

A ia, Regia B iblioteca. 560, 568, 572, B o n n , B iblioteca universitaria, 380,


575, 578, 579, 584, 586, 608. 616, 428, 656, 677, 781.
627. 840, 844. B rf.k i.avia, B iblioteca universitaria,
A ix (P ro ven ga ), B iblioteca M i'jane«, 148, 807.
113, 115, 116, 117, 798, 799. B r c x k i .le .*, B iblioteca di Borgogna,
A xcon A, A rc h iv io , 115, 333, 670, 94. 483.
702.
A rra s , B iblioteca c iv ica , 16. C ir U T U H O , B iblioteca del convento
A s o ia k fk is b c r o , B ib lio teca ilei c a ­ dei M in o riti, 158.
stello. 231. G o b ls x x a , B iblioreca del (¡innaffio,
ADCH, B iblioteca. 238. 407, 677.
O o lo x ia , A rc h iv io c ivico , 248. 432,
B a n re ro a , B iblioteca, 468. 484. 457, 489, 675, 856.
A rch ivio circondariale. 688, 763. B iblioteca c iv ica , 191, 401.
B a Kc e l l o x a , A rc h iv io , 94. C o lm a r, B iblioteca civica , 566, 568,
R m ilk a , B iblioteca u n iv ersitaria. 16, 571, 574. 577. 578.
159, 677. CoRXirro, A rc h iv io , 306. 816, 817.
B a t k p x , B iblioteca del C apitolo, 373. CCES, B ib lioteca d ell'o*pedale, 376,
B k l l v x o , B ib lio teca Ijollinian a, 552. 463. 644. 654, 656.
B e r l in o . Monco nazionale. 158.
B iblioteca nazionale, 56.
D aX IK LeS aX , Biblioteca, 158,358,552.
B e r n a . B iblioteca c iv ic a , 510. 512,
D a r¥ -s ta !»t, B iblioteca, 160.
5*3. 834.
D>F.>tiA, R egia biblioteca, 16, 219.
Bo l o o n a , A rc h iv io d i Stato. 377. 382.
3H5. 423. 424. «4 2 . 683. 749. 751.
752. 756. 809, 819. 854. E letti* TATT, B iblioteca, 94, 129, 160,
Biblioteca universitaria. 158. 234. 195, 802. 803.
374, 422. 551, 566. 573. 580. «1 2 . E ix s ie d e lx , B iblioteca del m onastero
M I . 667, 715, 751. 756. 758. 785. 332.
M I. 868. E ro e a l . B iblioteca 191.
t.vi Indico degli archivii e delle collezioni di codici.

E r f u r t , B ib lio te ca, 148, 160, 191, G n esk n , B ib lio teca d el C apitolo c a t­


430, 807. ted ra le, 94.
E s c o r ia i.» , B ib lio teca , iti, 282. G o t t i n g a , U n iversitaria , 475, 486.
G r e n o b le , B ib lio teca , 401.
F e r r a r a , A rc h iv io , 678.
B iblioteca, 124, 424, 617. H a l l (T iro lo ), A rc h iv io provin ciale
F i r e n z e , Laurenziana, 16, 28, 31, 37, d e i F rancescani, 479.
56, 549, 552. 63«, «37, 638, 667, H e i l i o e n k r e u z , B iblioteca 191,

669. 785, 832, 849.


B iblioteca Marucelliana, 832. INNSBRUCK, B iblioteca del Feitlinan-
B iblioteca N azion ale, 16, 158, deo, 463.
381, 407, 572. 574, 612, 799. 832. A r c h iv io della Luogotenenza, 465,
B iblioteca R iccardiana, 16, 37, 466, 485.
228, 655, 680, 832. B ib lio te ca un iversitaria, 17, 94,
A rc h iv io d i S tato, 111, 113, 115, 152, 159, 191.
223, 234, 283. 286, 299, 302, 305,
349, 356, 357, 365, 366, 375, 425, K R E M S M t'N S T E R , B iblioteca, 94, 294.
451, 453, 490, 494, 495, 503, 611.
565, 578, 594, 612, 621, 628, 629,
L io n e , B iblioteca c iv ica . 158.
630, 631, 639, 650, 655, 658, 660,
L i p s i a , B iblioteca , 94.
702, 752, 762, 792, 796. 816, 828,
L ondra, B ritish Musenm, 16. 158,
832, K43.
377, 380, 389, 426. 483, 555.
F lo r ia x St ., B iblioteca del m ona­
L u c c a , B iblioteca d el C apitolo, 26,
stero, 94.
410.
F o r l ì , B iblioteca, 388, 572.
B iblioteca pubblica. 832.
F r a s c o r o KTK s u l M e n o , A rc h iv io c i­
A rc h iv io d i Stato, 106. 419, 422,
vico, 368.
433. 565, 583, 685. « 86, 791, 842.
Biblioteca c iv ica , 10, 94, 160,
L u c e r n a , A rc h iv io d i Stato, 238.
444, 559.
F H I li l’ IttìO hi B r ., B iblioteca c ivica ,
M ai>K U >, B iblioteca N’ azionale. 437,
383.
555.
U niversitari», 401.
M a g o n za , B iblioteca c iv ica . 158. 191,
428. 443. 4«3. 484.
(¡A I.IX I Sa n , B iblioteca d el Monastero, M a IH IN G X N , B ib lio te ca , 131, 428,
94. 428, 432, 451, 456, 522 . 574. 616. 804.
655. Ma L IN E S , A rc h iv io c iv ic o , 457.
G e n o v a . B iblioteca c iv ica , 740. M a n t o v a . B ib lio teca , 720.
408. 412. A rc h iv io G o n za g a ,1 37 , 50 , 112,
B iblioteca del M issionari urbani, 114. 116. 117, 126. 127, 130. 183,
408. 412. 237, 286, 294. 389. 430. 432, 437,
A rc h iv io d i S tato. 358. 374, 375. 439. 457. 629. 630. 655. «5 9 . «89.
557. 651. 658. «90. «91. 702, 703. 712. 755. 758,
U n iversitaria, 418, 832. i 761, 766. 768, 769. 770, 771, 775,

1 H o d ato un’ indicazione più precisa del luogo o v e si trovan o i docum enti
in qu e«to archivio egregiam ente ordinato solo quando feci uso d i una serie
speciale. T u tti i dispacci d egli in v ia ti da R om a hanno la segnatura E . x x v ,
n. 3, le lettere dei papi e cardinali quella E. XXV, n. 2; m i p arve quindi inutile
ripetere sempre queste indicazioni.
Indice degli archivii e delle collezioni di codici. i.vit

786. 800, 801, 802. 857, 866. | X o r i m i s e k o a , A rc h iv io circondariale,


871. 468, 480.
M e s s i n a , B ib lio teca 549. B ib lio teca c iv ica . 491, 553.
M e t z , B iblioteca , 94.
M ic h a E L B E U E R N , A r c h iv io d el con ­
O lvC tz, B iblioteca , 94.
vento, 441.
O r le a n s , B iblioteca , 680.
Mii.an'O, B ib lio teca Am brosiana, 16,
O r v ie t o , A rc h iv io c ivico , 570.
27, 380. 491. 4 9 4 , 496, 5 40, 615,
Osino, A rc h iv io , 106, 793.
630, 636, 63», 6 81, 699, 732, 734.
743, 751, 756, 758, 760, 764. 760,
767, 769, 770, 771, 772. 773. 775, P a d o v a , Biblioteca del Capitolo, 407.
776, 785, 786, 844. 865, 867 fino B iblioteca del Seminario, 158.
a 872, 874. U n iversitaria . 478.
P a l e r m o , A rc h iv io di Stato, 457, 774,
B iblioteca d i Brera, 21, 37, 832.
781.
B iblioteca T riv u lz io , 7, 16, 158.
P arm a, B iblioteca. 542.
A rc h iv io d i Stato,« 367, 372. 379,
P a r id i, B iblioteca M azarina, 428.
391. 439, 443, 451, 505, 573. 577,
N azionale, 40, 94, 158, 182, 191,
585, 580, 613, 014, 023. 628. 030,
367. 417, 418. 428, 443, 460, 477,
631, «33, 634, 039, 040, 642. 043,
483. 492. 493. 494. 495, 497, 498,
649, 050. 652. 053, 654, 050, 058,
499. 503, 504, 505. 554, 012, 023,
000, 074. 675, 083, 684, 085. 087,
028. 039. 052, 685, 701, 732, 737,
090, 093, 090, 701, 708, 712. 710,
744 , 756, 703, 705, 708, 776, 780,
720, 729. 730. 731, 733. 737. 749,
809. 841. 869, 873.
755. 750, 757, 759. 760, 701, 764,
P e u c u ia , A rc h iv io d el C apitolo del
705. 706. 708, 701», 770, 771. 772.
Duomo, 680, 714.
775, 776, 782, 784. 827, 833. 845.
B iblioteca comunale. 553, 774,
847. 849, 850, 852. 853. 854. 855,
777.
856, 801, 803. 805. 871, 872. 973.
P is to ia . B iblioteca. 809.
M o d K N A , B ib lioteca Cainpori. 16, 433,
PoMMEK*rELDKN, B iblioteca Scbiin*
444.
boni, 158.
' I o x a o o , B ib lioteca ili Stato, 94. 158, P r a o a , U n iversitaria, 195.
160. 38«, 428, 463, 407, 491, «OS, P rk ssb u k c, A rc h iv io civ ico . 431, 480.
617. 619, 637. 056, 714.
A rch ivio im periale. 6H8, 7*13.
Q U A R A o r t ti, B iblioteca dei France­
M o x t e c a s s i n o , B ib lio teca . 016.
M o x t e f i a s c o n e , A r c h iv io , 306.
scani. 40 .
' I o x t k p r a x k o n ' E , B ib lio teca , 16, 40.
X a p o m . Brancacciana. 232. K avkxna. B iblioteca Classense. 4 S I,
N azionale, 16. 781.

1 P er le cita zio n i ila questo a rch ivio va n otalo che, «»ve non si da indi*
'a zio n e più precisa, » ’ intende sempre la serie P rt. Md., Itamn. I m i e c ita '
• '«n i datano dal 1882. A llo ra non era ancora finito il nu ovo ordinam ento
deJTarchivio, j ^ r il quale alcuni docum enti hanno fra ttan to av u to un altra
ubica*ione, com e poiwono anche essere venuti fuori alcuni pezzi m ancanti.
**reb b e in giustizia se qui non rico rd a«»! che la difficolta offerta al ricerca­
tore dalla disposizione d ell'a rch ivio venne rtsa meno sensibile dalla cortesia
ternamente am abile degli im p ie g a li, fra i quali sono m olto ob b ligato « p e ­
nalm ente al «ign u r G h i n i o s i .
lv iii Indico degli archivii e dello collezioni di codici.

RsOOIO-EmiLIA B iblioteca m unici­ A rc h iv io di S. Spirito, 256, 353,


pale, (144. 659, 679.
KeiMS, B iblioteca arcivescovile. 94. A rc h iv io di Stato, 222, 346, 568,
Rimisi, B iblioteca Gam balunga, 134, 575, 676, 690, 750, 762, 810.
653. b) B ibliotech e:
Roma, a) Archivii: B iblioteca An gelica, 104,144, 219,
A rc h iv io d ell'an im a, 258. 222, 240, 242, 284. 289, 310, 372,
A rc h iv io d el Cam po Santo, 227, 378, 3 9 «. 41«. 663, 873.
254. 267, 335, 438. B iblioteca B arberini, 55, 327, 585,
A rc h iv io della C onfraternita del (112, «3 4 , 716. 809. 8 «« .
Campo Santo, 438. B iblioteca B orgh ese,1 232, 24«,
A rc h iv io del Milioniro d elle c e ri­ 283. 356, 425, 805, 810, 813.
m onie pon tificie, 810. B iblioteca Boncom pagni, 1«, 388,
A rc h iv io Colonna, 2 1 «. 232, 236, 450, 572. 78«.
696, 74», 757, 758. 858. 864. B iblioteca del C am po Santo, 550.
A rc h iv io Itoria Pan fili, 568. B iblioteca Capranica, 784.
A rch ivio Gaetani, 43«. 4»5, 502, B iblioteca Cnsanatense, 353, 408,
(¡12, «14. 743, 864. 474, 598, 602, 804.
A rc h iv io d ella) 'appella Sistina, 545. B iblioteca C h ig i.' 16. 37.158,161,
A rc h iv io concistoriale (al V a ti­ 267, 287, 291, 349, 365, 366, 419,
cano), * 55, 800, 222. 224, 237, 270, 420. 433, 450, 574, 654. 815, 821,
280, 283. 285, 807. 822, 823. 824. 832.
A rc h iv io del Lateran o, 236, 356 B ib lio (eca Corsini, 124. 232, 242,
513, 676. 307, 334. 451, 810.
A rc h iv io O m ini, 237, 299. B iblioteca d ei Francescani. 719.
A rc h iv io segreto pon tificio, 60, B iblioteca di. S. P ie tro , 153, 182,
8 ». 123, 124, 125, 152. 250. 283. 804. 834.
305. 334. 335, 3 5 «, 372. 380. 385, Biblioteca V allicelliana. 330, 422.
294 , 399. 412. 423. 438, 443. 458, 425, 752. 773.
4(10, 462. 464, 480, 4S4, 486, 494. B iblioteca V atican a. 10, 12. 16.
557. 570, 590. 591. 582, 593. 594, 8 ». 114. 117. 123. 125. 128, 129.
601, «16. «23, «2 6 . 650, 651, 654, 130, 132, 14«. 151. 153. 157, 158,
655, « « I . « f i« . 674, 775, 676. 677. 169, 171, 192. 198. 231. 232. 240.
678, 679, 680. 681, 682. 683. «8 6 . 262. 272. 274. 294. 301, 304, 324,
687. 688. 690. 691. 692. «9 3 , 694. 353, 370. 377. 379. 380, 406. 408,
695. «»«. 697. 698, «9 9 . 700, 702. 410, 411. 412. 417. 426. 431. 438,
703, 714, 716. 718. 719. 720. 721. 439, 451, 452, 463. 470. 473. 484.
727. 728. 731. 737, 739, 740. 743. 511, 542. 548. 549. 552. 556. 557,
747. 748. 749. 750, 752, 764. 755, 559, 562, 563, 582. 613. 617. 634.
756, 757, 758, 759, 760, 762. 763, 654, 663. 679, 681, 707. 708, 710,
772. 774, 778, 790. 803. 810. 811, 711, 712, 721. 777. 778. 78», 790,
819. 824 . 825. 826. 829, 830. 831. 791, 792, 793. 794. 795, 796. 804,
843. 846. 85», 860. »61, 8«6, 867. 805, 812, 832. 873.
873. B iblioteca V itto rio Kmanucle, 243
A rch ivio della Segreteria d ei B re­ 654, 708. 784. 810.
v i. 513. U o tK N . B iblioteca. 191.

1 Ora incorporato nell'Archivio segreto pontificio.


* Ora incorporata nella Biblioteca Vaticana.
Indice degli archivi! e dello collezioni di codici. ux

S a l i s b u r g o , B ib lio te ca d i S . P ietro , 158. 163, 324. 400. 407 , 552, 619,


389. 632, 633, 641, 642, 644. 658, «66,
B iblioteca d e gli stu d ii, 464, 553. 730. 762, 832, 848, 851.
Sk m u r , B iblioteca , 552. A rc h iv io d i Stato, 29. 230, 603,
S i e n a , B iblioteca, 37, 428, 435, 693, 604, 612, 620, 628, 658. 668, «69,
71«. 733, 737, 761, 832, 865. 672, 682, 687. 689, 702, 715, 720,
A rc h iv io d i S tato, 348, 367, 372, 744.
374, 381, 387, 412. 428, 433, 434, V e r o n a . B ib lio teca com unale, 552.
435, 436, 438, 498, 499. 500, 5(14. B iblioteca Capitolare, 552, 756.
540, 565, 573, 578, 580, 583, 584, V i c h i e a , B iblioteca, 199, 457.
585, 586, 626, 627, 631. 633. 636. V i e n n a , B iblioteca dei Dom enicani,
640, 642, 649, «6 6 , 682, 686. 692, 463.
«96. 71«, 759, 764. »20, X21, 824, B iblioteca K ossian a,1 552, 785,
*41. 844, 850. 857, 861. 832.
'TA M » (T iro io ), A rc h iv io , 479. B ib lio te ca del convento degli
S tr a s s b u r o o , A rc h iv io c iv ic o , 206, S c o iie s i, 160, 191, 656.
220, 492. 639. B iblioteca di Stato. 16, 94. 106,
-;t u t t < ì a r t , B iblioteca pubblica, 444. 148, 152. 154, 158, 176, 234. 353.
377, 401, 464. 483, 491, 551, 574,
T o le d o , B ib lio teca Capitolare, 809. 656, 783. 786, 792. »07. 819.
T o rin o , A rc h iv io d i Stato, 178, 183, A rc h iv io d i Stato, 796.
V o l t e r r a , B iblioteca Ouarnacci, »32.
228, 284, 331, 333, 480.
U n iversitaria, 16, 158, 548, 552.
T r e n t o , B ib lio teca d ei Francescani,
W i u i e k i n o , B iblioteca del Convento,
463.
616.
T r e VIR I, B iblioteca del cap itolo d e l
W o l f e s BtÌTTEL, Biblioteca Ducale,
Duomo, 461.
158. 191. 401, 443, 469. »07.
B iblioteca d el Sem inario. 94.
W t'R Znritfl. U niversitaria. 148. »07.
B iblioteca c iv ica , 239. 401, 42*.
442, 443. 565, 572. 574. 577. 833.
'A rn i, B iblioteca Capitolare, 16. 491.
V e x d ó m e , B iblioteca . 16. Z w i k f a l t e n , Biblioteca d ell'A b b azia,

V en ezia, B iblioteca M arciana, 28, »4, 443, 444.

* Ora nella B ib lio teca vaticana.


T IT O L O C O M P L E T O

»KLI.K

OPERE R I P E T U T A M E N T E CITATE

Abbe-Apponti, Ibotae Nogaboi.ac Vtato5 » \ki* Oiwro qune HU|*‘rMint omnia.


2 vi»l i. Vindobonae e t Budapest ini 1 hS*V
Ansar F . Pii., Pap«t Eugen IV . Kln Lebe«*Mld au» d er KirchengMChicbtc «Un
ffinfzeluiten Jabrhu nd ert*. 1* dlapenaa. Main* 1KM.
A c u n r (n’ ), Spicilatri um slve eollnctl© veterum aliquot MTÌpt<>runi qui lo Galllac
I>1hi lot beds delituerant. 3 voli. Parlali* 1723.
Adisolpi P., L a Portica d i 8. P ietro orala Borgo neH’etA di m em i. Nuovo *ag
' gio topografico dato «opra pubblici e privati «loruinenli. H<«na 1800.
Am.xou-i P., I l Canale di Poole. Narul I860.
Am.voi.ri P., Huma n e jl'e li <ti mezzo. 2 voli. itouia ISSI.
irta Pontifirum, cioè 1’.utToa I». A cta inedita bi*t< riatti Poatllk-um ttaoHIIHV
rum praesePtim aaec. XV. iv i. xvii illtiKtranlia. l'ngntrMrkte Aktrn tur
' ¡ ' »chichtc der Pàpstc rornchmUch mi 15^ 16. nwl 11. Jahrk. Voi. I, 1370-
1KV4. Freiburg 1001.
At5E t* Sri-vnrs ( P ic c o u i J i l . X E r * . P ru a II. pai**), opera. Ila*llcae IRSI.
P ii becuxd i poutiflcis ma rim i ^ann ientarli rrrum meni ora bi Hum a r. d.
Io w s e G o m x lix o ia m d in compoaitl e li. Qui bua hac « d i i lune w w lu n t
I acoai P iocolomixei. canilunli» *’apien«l*. rerum gcalarum «ul lemiioria e»
ad Pii continuatlonem eomnientarll elusdeuwjuo cpiMolae. Franeofurti 10U.
P n I I . P. M . olim A ex Kai: Kt i -vii P iocol. Si-ncn. Oration«-* polilicae et
eeclwdanticae ed. Ma.x*i. T . I. I I . I.ucae 1755.
A e x e a e S ii. v ii etc. lilatoria F rid e rld I t i. Imperatori«, in K o ij.a b , Ana­
lecta monnmentorum onmi» aevl Vlndobonenaia, T . II. p. Ina. Vindobo-
nae 17*12 (trad otto da ltr.E S . 2 voli. I d jw ig 1SS8-1K90),
Axaeae Svi.vu etc. I>e rebu* Iia«ileae gnatU atante voi dissoluto con­
cilio Commenta ri u«. in C. h a . Più* l ì P. M. a calum ali* vindica lui« etc.
llama e 1823.
A e x b a e 8 ri. v ii «fiera Inedita. V. C rc x o x i.
* ( P i c o o i j o m i x i . i * . P i »-« I I. papa*. I»e r e b u s ilaalleac v H alante
A i.x r a * S t i. v h
ve! dissoluto Concilio genti» commentarli»*, premo W oi.k a .x. I»er Brief-
weeaol d e * Eneas Sllviua I’lcrolomlnl. I I parte. Wien 11*12. I04-22S.
A ü o tn s i Giov. WX.U. N odale l«toric«-criti<-foo intorno la v ii* e le opere degli
» c r i» o r i Vinlxianl. T . I, I I . Venesia 1752.
A iìu * t I*.. M atthia* Dorio*. eln ileul «-ber T h « l« < und C.lironUt dea xv. Jah r-
bunderta. Disserta clone mooacene ISSO (2 ed. 8 t u t l¿ a n 1H92).
IA H Titolo completo delle opere ripetutamento citato.

Al b o r i L. B ., Opera Intslita et panca separa ti in impressa H. Mancini curante.


Fiorentine 1890.
A i.iie r t i.n i Fr., Opuaculum <ie mirabilUms novae urbis Romae. Heransgegeben
von A ro. S c iim a k so w . Ileiibronn 1880.
Alessio F., Storia <11 S. Bernardino da Siena e del suo tempo. Mondovl 1888.
A ixbühktto ALXJEORBm, D iarJ delle cose Sanesl dei suo tem i». M u r a t o r i ,
Script. X X I I I , 707-800. Medloianl 1733.
A m t s M. H., Tlirtee cathoiic Reform ers of thè flfteenth Century. I.ondon 1878.
A i. v a r i P k i.a g ii Ordin. Minor. De planctu ecclesia«' libri I I. l'inrne 1474.
Aijsoo J oh., Handbuch der allgemeinen Kifcix-ngüN bichte. 10 edlz., Neu bear­
b eitet von F. X . K r a u s . Vol. I I. M ain* IHM».
A m a t i, Notizia dl alcuni m anoscritti dell’Archivio segreto Vaticano. Arch. sto­
rico Itili. Seri« I I I . T . I l i , P. 1, 100-23«.
A miikos A. W., Gewehiehte der Musik. Mit zahlreichen Notenbeiepielen und
Musikbellasen. 2 eil. m igliorata, vol. I I e I I I . I/cipzlK 1880-1881.
A m b r o s iu s C a m a i .d u i .e .n b i s , r . T k a v k k s a h iu s .

Amk.ti.i.ik t Vinyab, A lfon*o V en Italia (/ la crini» reUffiota ilei tifilo xv. 1-2.
Gerann 1903. 1904.
AiwiNa. A. (n‘), Orlffinl rlt-l teatro italiano. Con due »pp. s. rappresentazione
dranunatlea del contatto toscano e s. teatro Mantovano nel sec. xvi. 2 voli.,
2* edizione. Torino 1881.
A n iik ì : J. F., Il ist id re poM tique d e la m on arch ie p on tifica le all x iv * s ie d e ou la-
pnpanté il A vign o n , l ’a r i» 1845.
A n d r e n U „ C a t a lo g o d e i c o d ic i u u iiio s c r it ti d e lla fu m i g l i » C a p ilu p i <11 M a n to v a .
Mantova 1787.
Anecdota lltte ra ria ex Mas. codicilli»» eruta. 4 voli. Rom ae 1772-1783.
Aumile» Bononlensws fra tris H ikrony mi de B u rh elu b . Muratori. Script XX1I1,
867-810. Me,Hi,Inni 1733.
Annales Fornii vlo n sos. Mi r a t o r i . Scrl|>t. X X II, 135-240. Mtsliolani 1733.
Aanale» L a v ie k iu B oni.ncontrii. M uratori, Script. X X I. 8-102. Mtsliolnni
1732.
Annales Piacentini ab anno 1401 unpie ad 1483 ah Antonio i»: K ii -alta pa-
trlcio l’la<-entlno consrrlptl. M tra tori. Script. X X . MMtss M««lh>lanl 1731.
Anm iles Forull vlcnses, a cura «Il <5. Mazzatinti, presso M uratori. Script., nuova
«■dixlone. vol. X X I I 2. <Httù di C astello 1903.
Annali Veneti dal 1457 al 1800 «li Dom. M a u i -d .ro. ordinati e abbreviali dal
senatore F rancesco I xknoo. A rdi. st. Hai. T . V II. Firenze. 1MS.
A n t o n i N u s . archlcptacopux Florentinus, Chrotiicou. 1*. I I I . I.ugduni 138*.
Archiv der Geeetlachaft fdr altere deutsch«' Geaeliichtakumle « i r Beförderung
einer (kwnnitausgahc «h-r <Juclk>ii«chrlftcn «Ionischer GeseMchten «Ics Mit­
telalter*. II. raus« v.Hi J . !.. Bt'cu uca. C. O. Dt'uor. und G. H. l’ijrr/..
12 voll. Fran kfu rt ». XI. e Hannover 1820-1874. Neues Atvhlv .ter Gcsell-
fllr ältere deutsche OenchIch tsk ululo. Vol. I ss. Hannover 1 8 7 0 « .
A rch iv fü r K unde «'ìstvrrvlchlscber Gescttlchtsiiuclleu. Ile ra n -g von d e r Z u r
Bleue vaterländischer I »«--M-hli'lit«* anfgi**t«*llt«»n Kom m ission ite r kalserl.
Akadem ie der WiWMoiischnfton voll. I II. W ien 1848 »*.
Arehlv ftlr I.ltteratu r und Klrchcngoachlchte «Uv« M iitelali.r*. Heraus«, vou
P. II. D cN in j: und P. F. EuBLK. Vol. I s s . Berlin e pol Freiburg 1883 m .
Archivio storico a r t is tW a r r M i v i i i i e letterario della c ittà e pnoineia <11
Riunii fondato e d iretto da F a b io C o r i . Rom a-Spoleto 1375-1883. 4 voll.
Archivio della Società Romana <11 storia imtria. Ruma 1878*». V o lt I n .
Archivio storico Italiano <«wla raccolta di opere e documenti inediti o divenuti
rarissim i rid ila a lan ti la storia d’ Italia. 5 serie. Firenze 1842 m.
AiVhlvh> storico tornii«ni», giornale <k*lla Società xtnrk-n Lumlmrda. e bollet­
Titolo completo delle opere ripetutamente citate. M i Ut

tino della consulta archeologica del museo storico-artistico <11 Milano. Vo­
lume I ss. M ilano 1874 ss.
Archivio storico per le provinole Napoletane pubblicalo a cura della Società
di sto ria patria. Voi. I ss. Napoli 1870 ss.
Ar e t im -h. L eo.nardus (B a u s u s ) , Iterum suo temi>orc in Italia gcNlnrum oom-
mcutarius ab anno 1.178 usque ad annttm 1440, in M r i a t o r i, Script. X IX ,
900-&42. Medlolanl 1731.
At u II., Ilritr iiy i' r i ir Urm 'hiehte <!<* K ardinalkolU nium * in <U-r Z e li rom K<m-
tta m e r Mn rum T rU len tin cr K nnzil (Miss.) 1‘ m età. Bonn. 11*14.
Akm w h A.. L e * m ééotlkw r* itu lien * </< « A l ' <•! .V I'/' M e le * . it voO., l ’ ariH
1870-1887.
Akm *:u .ix i M., V ita <11 S. Francesca Rom ana scritta neH'ldiimm volitare <11 Roma
del secolo xv, con all'en d ice dl tre laudi nello stesso Idioma, da un codice
Inedito dogli arch lv j della S Sede. Roma 1882.
A»\iki.i .i m Mariano. Le chiesi» di Bouia dalle loro ori i l ni sino a l «ecolo xvi.
Roma 1887.
A s c h iu c h J .. Gescliichte K aiser Sigmund*. 4 voli, llnmbtirg 1K38-1S45.
Asoli b a c ii J „ Allgvmeines Kircheniexikou <*Ier alphabetlach gvonlnote I >ar-
stellung <!<•« Wissenswtlrdlgsten aus <lcr m -w n trn Tlieologle und Ihrer
IlIlfswlHsenselmftoii. F ran k fu rt a. M. 1840-1850. 4 voli.
Atti e memorie delle K it. deputazioni <11 storia patria per le provinolo Modenesi
e Parmensi. 8 voli. Modena 1803-1870.
Atti e memorie delle KB. deputazioni ili storia lattila |>er le provinole deU'Kiuilia.
T. I ss. Mi «Iona 1S77 ss.
Atti e memorie della It. deputazione <11 Moria |ia(ria |ier le provliK'ie <11 Ito-
magna. Holin.ua lS 0 2 s s . Serie I I. voi. a*. 1875 aa.
B a c iim a x ji A.. George* von Podlebrad Wahl. Krònung tusi Anerk<iiiiung, in
Arehlv fttr o<terrel<-hiwhe Cesclilchte. U V , 87-175. Wlen 1870.
Hwiiwasm A., Die ersten Verruche zu elner rìitniseben Konlgswahl nnter F rie ­
drich I I I . in Forsehungen zur deutsohon (Seachlchte X V II, 2T>VXCI. Gfit-
llngen 1877.
Kachmaxx A.. Irte d-iitsi-ben Konige und die kiirflirM lichc Notitrallliil I VtH
1447. (a Aretiiv ftir 5*terrelohl*ctie Gnwhlohte e stampa a («arte eolio II
medesimo titolo. Wien 1*ah«.
H *on m xx A.. (ìrteh ieh le Ituhmen». Voi. 2*. (« Al l i S tailw ie^d tliH iti- 1 . voi. .’Il)
Gotha 1U15.
1 « « ^ * I«.. sto ria il'lta lla . T. IV e V. M<«lena IHTi.
H u . a x P .. I Ielle rt la zi o lii fra la *1ib-«i e a t t o lim e gli S la v i «Iella Bulgaria.
Ibisnia. Serbia. Kr»egr»vtna. Ibim i 1HSO.
I ì i U k u s k i A vr . ì j i lliMa d'Oro ohe *1 I«enedi«v india quarta domenica <11
quaresima «lai Sommo Poutefloe. Venezia 17*W.
U ttM a n » , G.. Memorie l-t- ri.-h.- della città dl ie r i. Je s i 17*15
B * t .r z ir s iIltL i n i S t o t i .. V ltae Paparnm Avonilonensiutn. h<«e e«i Motoria
pontlBcutn Rotnanorum qni In Galli» sederant ah anno <'tirisi! SIl’l ’CV
n*|tie ad annum M OrXTETV. 2 voli. Parisll« 1**0.
B u . r * i r s S n u 'ii.. l'ila « paparum Armitmmmimm. Nonv. M , ren io d’aprfa*
le* maniMrrits et oim pietée <le notes crHJqoee p ar G. M oij-at. Voli. !• e 3".
P ari* Iftin. 1921.
* '* , r n I - . Istruzioni a<l amhaw-latari Senesi e relazioni dl m i alla repoi»,
hlloa trascritte da alcnnl cadici del B. Archivio dl S tato In Siena. Siena
1***B <i*-r le a fta » G . Bleol e S t - f Pianigiani-Sa nfranceschi).
B 'V cn i L , Il Piccinino nello S la to di Siena e la Lega Italica 1455-1150. la
Arrh. stor. l u i . seri.- IV . T . IV. + 4 5 * 225 2V» Firenze 187».
t,xiv Titolo completo delle opere ripetutamente citate.

ISa m iu I,., Ultime relazioni <leì Senesi con P apa Culisto I I I , in Art-h. stor.
Ita l. S erie IV . T . V, 427-477. Firenze 1880.
B andinids , Ctatalogus codietun lat. biblioteca« Medieeae Lanrentianae. T . I-V.
Fiorentine 1774-1777.
Handinu-h, Blbllotheca Leopoldina Laurentiana. T. I-1 II. Fiorentine 1791-
171«.
Haxgen J . II.. Irte rttmlàdie Kurie, ihre gegenvllrtige Zusammensetzung und
Ihr Geschäftsgang. Münster 1854.
Hariiaro N„ Giornale d ell’assedio dl Costantinopoli 1453, ed. K. C obnkt
Vienna 1850.
11Almi Kit ut: Moxtai'I.t X., Oeuvres complète». 3 vols. P oitiers et P a ris 1889
1890.
Harozzi I,. e 8 abradimi It.. Studi sul Pnnortnlta e sul Valla ( S abradim lt., Cro­
n o lo g ia della vita «le i Panorm lta e «lei V alla. B arozzi L , Lorenzo V alla)
Firenze 1H91.
H nrtom A noim , Storia delia L etteratu ra Italian a. V I I : Francesco P etrarca.
Firenze 1HK4.
B asier Ohroulken, herausgegeltcn von der H istorischen und antiquari selten
G esellschaft in B asel. Vol. IV curato da Hkrn ouu .i , Leipzig 1880.
IlttlRH H., lH*r Türkenschreek in Kuropa. Breslau 1877.
BAl'MOAHTNKR A., G esch ich te d e r W e lt lit e r a t u r . V ol. IV . F re ib u rg i. B r. 1900
lUtTMttAKTFj« P. M „ V o r d e r Ajtostollschen K a n z le i. ( « G örres-G esellsch a ft,
S ek tion fü r R ech te- und S o zia l Wissenschaft », 4” fase.). K ö ln 1908.
B ayer V ik to r , l>ie I Ustoria Frlderiei I I I . Im peratori» d«-s F.nca Silvio de’ Pie
colomini. F.ine kritische Slm ile zur Geschichte K aiser Fried richs I I I . Prag
1872.
B k a v c o v k t nt; II Ist « i r e d e C lu irles V I I . T . 1-VI. P a rts 1881-1891.
H eck F r a n z , Studien zu l.itm ardo B runi. (« Abltnhillungen zur inittleren und
neueren G eschichte», fitsc. 30*). B erlin und Leipzig 1912.
Hi:tssr.i. S t ., Fra Giovanni Angelico «la Flesole. Sein Leben und «eine W erke
Freiburg 1. B r. 1805.
B euirano L.. l>ella vita privata del Genovesi. 2* edtz. Genova 1875.
Bku.é«: 11.. 1‘uh'ti und die römische Kurie in den Jahren / >/ (.?}. (* Ostea
ropliisohe Forschungen ». fnsc. 2*). B erlin und Leipzig 1914.
H EU.torneili At.ruoxB . G esch ich te di r kath olisch en K irc h e ln Schottland von
d e r K lnfU h ru n g des C h risten tu m s bis a u f d ie G egen w art. V o l. I : d a l 400
al 1580. M ain z 1SS3.
ItaU.K8iiF.lM A., G esch ich te d e r k ath olisch en K irc h e in Irla n d von d e r E in ­
füh run g des (Christentum s bis a u f die G e gen w a rt. Vol. I : d a l 432 a l 1509.
M ain z 1890.
Ht:t.t.i. D e lle Case a b ita te In R om a d a p arecch i uom ini Illu stri. Kom a 1850.
B e x u in i C ., D ie (J e tre id e p o litik d e r P äp ste, nach den Q uellen b ea rbeitet.
Deutsch von D r. IU rn e r . m it V o r- und S ch lu ssw o rt von D r. G. R rn i-A x o .
B e rlin 1898.
H e i o i ì r »; C.. L e » o rig in e s «le la C o n grèga tio n d e B u rsfe ld , in B evu e Béné^
«lie ti im». S e lz iin ie AnuiV. M arinism i» 1S99.
B e r iiìr e C .. I,e* t'hapilre* O étlérau j de VOrdre de Saint Heit oft dann In
(wm -incr dr Colnpne — T ré ve*. 1 e l i . B ru x e lle s 1900, 1901. (D a l * Bui
letiu «le la C om m ission Ito y a le «ritin to!re d e B elglq u e » , X e X I ).
B k sx y ru ix i A q tii« v N i. lt.. Chronica F ra lru m ni in »ru m ohterranliae. E s co-
«Uce au tograph o prim um e d id it LroXARDt'S I.em m ens. R o m a e 1902.
H e r n in o D o m .. 1lis i o rla d i tu tte l ’ H e resle d escritta da D. B. T o m o qu arto,
sino a l l ’anno 1700. V en ta la 1724.
Titolo completo dolle opere ripetutamente citate. t.xv

B krtoumti A., A rtisti Loanbarill a Roma nei secoli xv, xvi e xvit. Stinti e
ricerche negli archivi Rom ani. 2 voli. Milano 1881.
Ik'schreitmng der Stad t Rom von Kunst P i .atner. K ari. K in k k n . E ihtahd G er -
iiakii und W u.ii elm R ö st k ix . 3 voll. Stu ttgart und Tübingen 1829-1842.
I<E88auo !(k. Pubblicazione periodica di studi o rientali. Vol. 1 ss. Roma 1896 su.
Hkzoiji F. v.. König Sigismund und die Reichskriegc gegen die Musiteli. T re
parti. München 1872-1877.
I’. kzulb F. v.. Zur G eschichte «ics 11nsltent Ullis. K ulturhistorische Studien.
MilTH-hen 1874.
Itllillotheca H ispana vetu« eie. aneto re i>. N icoi. ao A ntonio Uispalensl. 2 voli.
M atriti 1788.
Itihliotheca pontificia «luobtis lihris dist incta auctore lt. I*. F. L udovico J acob
a S. C arolo. Lugdunl 1643.
Blbliotluspie «le l’Éeole de C hartes. Rcvuc d’érndltloii consacrile spéclnlement
à l'étiKle du nioyen-ilge. P aris 1889 ss.
R ickkll G.. Synodi B rlxtn en scs «aeculi xv. Ocnipontc isso .
H i n t e r i m A. .1.. Prti ginn t in c h e Genehiclite der deutschen National-, Provinzial-
nn<l vorztigiU-hsten IHöaesankonssllien vom 4. Jahrhun dert bl» a u f das Kon­
zilium von T rie n t Vol. V I 1: Geschichte d er Konzilien des 15. Jah rh u n ­
dert». Mainz 1848. •
Kirck M.. IV-r kölner Erzbtaobof Dietrich G ra f von Mors im S treite mit dem
pii|rHtüchen Stuhle, in Jahreslierteht <ler Realschule zu Mülheim am Rhein.
1878.
Itum ccr. c. V esp asian o.
B is c h o ff C.. S tu d ie » zu P. P. Vcryerio tU-m A lte n n, (« Abhandlungen zur
mittleren un<i neueren G esch ichte», fase. 10"). B erlin und lycipzlg 1909.
B u e m et / rikdeb Fh.. /)«* O cncralkonzil im m ahenilländiitrhcn Schifim i.
l’adertHirn 1004.
Iti.iKvi ktzuedkk F r.. Abt J.udolf * io n Sa i/o n Traktat SolUoi/uium ncUm nti».
Brtinn 1905. (D il c Stu dien unti M itteilu n gen nun dem lle n c d lk tl.
Bt.ii: viktzriKitKR F r.. L itc ra rU c h c Polem ik zu Beginn d e» tjr<i**cn alicndkindl-
*ch in Schisma*, l'n gcd ru ck tc Te xte und Vntcruuchunffcn. («P ublikationen
des fisterrelctiisclM-n H istorischen Institut» in Rom ». vol. 1“). W ien unii
Leipzig 1909.
B i-o sd i -» F ijvv.. Opera varia. 2 voll. B asileae 1559.
B o e h m e * J . F r.. Fontes rvrnm G cm m nicaniin. I-1V (vol. edito dal prof. I»r. A.
H fBEal. S tu ttg art 1843-UKW.
Bonvnni P h i l , Numi-sniata Pontltlcum Roman< nun «pme n tempore Martini V.
ad anntnn 1680 •vvi authoritnte puhlica vel privato genio In lui’ Hi prodiere.
T . I conti ne ns numismala a M artino V. usque ad Clemente ni V i l i. Romae
1099.
B o rg ia A.. isto ria della ehUisu e città «il Velletrl d escritta ln ipiattro libri e
devileata a lle m . e rev. principe 11 81*. cantinate 1». B e r n a r i s i C orti . No-
cera 1723.
B o rg ia S te p ., Memorie Isteriche «iella pontificia r i t t i di Rem-vento. P arte terza,
volume I. che contiene la storia delle sue vlcemle e d«4le g«*sta ih-' suol
»'•vernatoli 'ini l'anno MI.I all'anno MOL. Roma 1769.
Boi- »g in G„ f a » co n tim iu r frn n ea it et te diaire ram erai de /(.W /J/tti, in « Mé­
lange* d'archéot. e t « lh isto ire » X X IV (1904). 277-318.
Ba»or Mazikre W„ The Kptscotmi .Sncrawlan in Kngtaml. Scotland ami Irelam l.
A. 1>. u n o to ,1875. 3 voL». Rome 187«.
I 'u s n t a K.), Die klassischen Studien in ihrem Verhältnisse zur christlichen
Blldnn* wahrv-nd «kr ersten Periode de« Humanismus, in J a h n n jic rieht
Aber «He Erzh-hungsa listai t «le* Itemeli kt inersti ft cs Maria-Kinsksleln Im
StiMlienJahr 1858/1859. Eimriedein 185».

« o r u U i Papi, L e
t.X Vl Titolo completo delle opere ripetutamente citate.

B r e s h i.e r H e r m a n n , Die Stellung der deutschen U niversitäten zum B aseler


Konzil und ihr Anteil an d er Reformbewegnng in Deutschland während
des 15. Jahrhunderts. Leipzig 1885.
IIriefe, römische, von einem Florentiner (A. v. R kumoht ). Prim a e seconda
parte. Neue römische B rie fe von ecc. 2 p arti. Leipzig 1840-1844.
B rocichaub Ci „, Gregor von Heimburg. E in B eltrn g zur deutschen Geschichte
des 15. Jahrhunderts. Leipzig 1801.
IlKmvN E ., 1'. Fasciculus.
B r u n e P., Illsto tre de l ’ordre hospitaller du Saint-K sprit. P a ris 1892.
B udinszky A., Die U niversität P ari« und die Freunden an derselben im M itte­
lalter. Ein Hel trat; zur G eschichte dieser hohen iSehultv. B erlin ls7t«.
B u L a k u s O. E., I U s t o r ia unlversdtatis Parlsdensls. T. IV (13 00 -140 0). T. V (1400-
1500). P a risiis, 1008 ss,
Bullnrlum Oasinense «1. M a r g a r in i. I. V enetiis 1050.
üiilliirlum ordlnls Praedlentorum opera T iio m a k R i p o i x generalis ed. et ad
autogr. rccngultum. appendlclbus, notls lllu str. ab A n t . B r é u o .n u . Vol. I I I .
Romne 1731.
Rullarlum Vatlcan., r . Collectlo.
llullarum dlplomntum e t privilegiorntn sanctorum Romanorum pontlflcum Ttui-
rlneftsis edltlo locuj)letior facta . . . cura e t studio A tx>v sii T omabetti. T . IV .
V. Augustac Taurinorum 1850-1800. (Con Hullartum va sempre intesa d ta tn
quest’edislone).
B u o xin seo m , lils to ria Fiorentina, Fiorenza 1580.
B urckhardt I., 1Ht Cicerone. E in e Anleitung zum Genuss der Kunstwerke
Italiens. 4* edtz., unter M itwirkung des V erfassers und anderer Faelige-
nossen Ibenrbeltet voti I»r. W u.ii. B ode. II parte. Leipzig 1870.
B u r c k h a r d t I„ G eschichte der Renaissance in Italien . Mit Illustration, n. S tu tt­
g art 1868. 3* ediz. 1891.
B u r c k h a r d t I ., Die K u ltu r der R enaissance in Italien. Ein Versuch. 7* ediz.,
besorgt von L. G eiueb . 2 voll. Leipzig 185».
B u r c k h a r d t J., la 12* ed . 1010 d e l l 'o p e r a : Die K uliur der Jtr»oi*»ance in
IlaUen,
Iti RsiAN E., Geschichte der klassischen Philologie in Deutschland. Prim a metà.
Milneben und Ix'iprlg 1883.
B usch , De reform atlone, r. Geschichtsquellen der Provinz Sachsen.
B uskr B., D ie Beziehungen der M ediceer zu Frankreich während der Ja h re.
1434 bis 14M in Ihrem Zusammenhänge mit den allgemeinen W erhältnissen.
L ejfn lg 187».
B ussi F e u c ia x o . Istoria della clttü dl Viterbo. Roma 1742.
B ozvius Almut., Annallum ecclesiastlcoruin |Hist lllustr. e t reverend dominum
Caos«rem Baronlum continuano. T . X IV (1300-1378). XV (1378-1431«. X V I
(1431-1447). X V II (1447-1471). Coloniae Agrlpphiae 1018-1625.
C am b i G io v ., Istorie pubbL da F r. I u i e t o n s o d i Sam L u i g i , in Delizie degli
eruditi Toscani. T. X X . Firenze 1785.
Cam mkrueister Iiartu ng. Chronik, hernusceg. von der historischen Kommission
der Provinz Sachsen, bearbeitet von R. R eiche . H alle 1890.
Caxcei.u e r i F r.. De secretarli* Imsillcne Vaticnnae veteris ac novae libri II.
Romne 1786.
C a n c i x l i i r i F r .. Storia de" solenni Possessi de' sommi pontefici d etti antica­
mente processi o processioni d o t» la loro coronazione «lolla basilica V ati­
cana alta Lateranense. Rotivi 1802.
C a m c o x i e r i Fa.. Notizie ntoriebo delle sta g iin i e <K>' s it i diversi in cui sono
sta ti tenuti t conciavi nella città di Roma. Koma 1S23.
0*KirrtA C., La pace di Lodi 0 ap rile 1454, in Rivista storica Italian a diretta
dal Prof. C. IUnaudo. Anno II, fase. 3. p. 510-565 T orino 18S5.
l'itolo compieta dolle opero ripetutamente citate. t.xvit

C a s t ù C., G li eretici d’Ita lia . Vol. I. Torino 1SU5.


Gapecixatbo A l f ., G cschlchte d er hl. K atharina von Siena und des Papsttum s
ihrer. Zeit. Nach d er dritten Auflage de* italienischen Originals fre i über­
setzt von F . Conrad. Würzliurg 1873.
Cardeixa I/ORKNZO, Memorie storiche de' CaiMlnall dela salita Romana chiesa.
Tomo terzo. Roma 1793.
Cartfxi. ieri O., G eschichte der Herzftge von Burgund 1Ó63-1477. Voi. 1" Philipp
der Kühne, Herzog von Utirgund. I ^ w t ig 1910.
Carixci G. It., Documenti scelti delKArehivlo «Iella «*■«•«'« fiunlglia Gaetnnl «li
Roma, Rom a 1846.
Oarisci G. B ., L ettere «li O. Gaetani. Roma 1870.
Cabo I., Geschichte Polens. Q uarta p a rte : 1430-1455. (Gesch. der europ. S ta a ­
ten, lierausgeg. von H eeren , C kert und. W . v. G iesehrecht ). G otha 1875.
Ca m I., Das Bündnis von Canterbury. Eine Epls«xle aus d*»r Geschichte des
K onstanzer Konzils. Gotha 1880.
Cartari C., Da Rosa d'oro pontificia. Roma 1681.
Casimir » F., Memorie istork-lie «Iella chiesa e convento «li S. M aria in Araceli
dl Roma. Roma 1736.
Catauarus I o seiiittb , I>e magiwtro sacri p nlattii ajiontolicl libri duo. Romae
1751.
Catalani:« Michael , De vita et scriptis Dominici Cupranicne Cardinali« Antl-
stitis Firm anl com m entarius. Acce«lit Appen«Ux monumentorum e t CoroK-
lArinm de Cardinalibus « re atis nee promulgati*. Ferm o 171«.
1’a ta tagus cotUcum blhl. regine Monacensi». 10 voll. Monachll 1858 sq.
Cauciue A., Mission aux Archive« V a tica n a . Bruxelles 1892.
Cave G u rix ., Scrlptorum ecclesianticorum historio lltte ra rla ctc. Colonia«' Allob.
1720. 1 vol. <'on 2 App.
Ctfccoxt G., Storia del Concilio di Firenze. Tom. I. Firenze 1869.
Cnocojn G., C arte diplomatiche Osimene raccolte «si ordinate a «-ura «li G. C.,
Ancona 1878.
Cekosis F r., l.a politica orientale di Alfonso di Aragona, in «A rchivio storico
per le provinole napoletane» X X V II (1902), 3-08, 880-456, 555+B 4, 774 8 52;
X X V III (1903), 154-212.
<'fcMATi M., Tilxiril Alidia r ani «le basilica«- Vaticana»' anthpilwdmn et nova
»In jet ura über, p. p. M. C. (< Stm ll e T esti », voi. 20). Roma«; 1914.
•total R., La congiura «11 Stefan o Porenrl. Bor«leaux 1912. (E str. da « An­
n a t a de la F acn lté des L ettiv s «le H onknux », IV« w'-rle, 34" amiAe (1912),
«B u lletin Ita lie n » X I I e X I I I ) .
C iu an u L àcr G eori.cs, Oeuvres pubbliies p ar d i. le liar<»n K ekvvx de I. etten -
movk. 5 vote. B ru xelles 1863-1864.
Chevaueb U., Répertolre -dea sourves historlijues du moyen-itge. Rio-hlblio-
graphle. P a ris 1877-1886.
•‘•itjaioWKKi C. v. Rom. I : Die Menschen der Reanissane«-. Autori«ierte i'ber-
»rtning au s tieni Polnischen von R o s a Schapijce. 2* e«l. München 1912.
C t o n o w m , C. v., Siena. 2 voli. 3* ed. B erlin, 1918.
•’h jim . I.. M aterialiten zur «"istcrrelcliiiirheii Ite«chlchte. Aus Archiven nnd B i­
bliotheken. 2 voll. Wien 1837-183S.
'■HMH. J. Geschichte K aiser F r W r lc h s IV . und seines Sohne* M axim ilian 1.
2 voll. Ham burg 1840-1843.
( HM«a. J.. B eiträge M ir Beleuchtung der kirchlich«« Zuntämlc Oi^sterrelch* im
15. Jaiirtiun«tert. (I>al I I vol. «lei Denknchriften «ter phll<*mpMitch-lil*to-
rischen K lasse der k. Aka<temte «1er W issenschaften). Wien 1851.
fJHMEt. J., Regesten «tes römischen K aiser Frledrteh I I I . 1452-14113. 2 parti.
W ien 1859.
Ch»j»tophe J . B ., Geschichte des Papsttums nähren«! des 14. Jahrbundrts. Aus
tAvnt Titolo completo delle opere ripetutamente citate.

dein Franzitaisehen ttbersetzt timi berausgeg. von l>r. I. lux. R ittkk. 3 voli.
Paderliorn 1883-1854.
C uhintopiik J . B., H istoire ile la Pnjm uté ìiendant le x v sifs ie «vec deci pièce»
justilk-ativcs. 2 vols. Lyon-Paris 18(13.
(Tlironiken <U*r deutmihen Stillilo vom 14. bis imi 1(!. Jalirhundert. Herausgejr.
von der Idstor. Kominlsslon lx-1 der Kouiirl. Aknd ernie iter W issenschaften.
Voi. I-X IX . U 4 i« i« 1862-1882.
Ciacoxius Al p h ., V ltae et res gestne Ponti floum Komnnorum et S. 11. K. Car-
(llnallum . . . al) Au o u st . O i .doixo Soc. lenii reeognitae. T . II. Itomae
1H77.
l'i avari.v i C., Collezione <11 documenti storie! antichi Inediti «-<1 editi rari delle
(itti! e terre M archigiane. T. I. Ancona 1S70.
Cinaoi.i Angelo, I * ' monete ilei P ap i itescritte In tavole sin ottich e « I illustrate.
Ferm o 1843.
C ipolla ( ’.. Storia deile si «norie Ita lia n e dal KMMl «il 1530. Milano 1881.
Cl.ftMKNT. I.cs Borirla. llis to lre du ]>a|X' Alexandre VI. do C esar et de L u cri«*
Borirla. P aris 1882.
Codev epistolari* sacculi dis imi quinti. P ars posterlor ali anno 1444 ad annuin
1492 cura I oskpiii S z u jb k .i (Montini. medi! nevi hi storica res ifestas P o ­
lenta« illustrantla. T . 11). Cracovine 1870.
Oot.A.Mifxo F a . V ita ili Antonio Beceadellf soprannominato il Panorm ita. Na-
jxill 1820.
Colici < io bulla rum, brevium alloruinque dlplomiitum sacrosanctae basillcae Va-
Ucanae. T. I. ab l ’rlmno V. ad Piiuium I I I . produetns. Itom ae 1730.
(’o u m b a n u s nr PosTKMtiLO, D e corona tione Fraterie! Imi>eratoris. D en is .
Codice« nuinus. thealog. blbl. Vlndob. 1, 1. 521-534. Vlndobonae 1703.
Couba K., Storia della riform a in Italia narrata col sil*d d lo ili nuovi docu­
menti. Voi. I. Introduzione. Firenze 1881.
Commlwdonl <11 Hivu.no deoli Ai.mzzi i>er 11 comune ili Firenze dal 1390 al
1433. Pulibl. da Osa». G ua sti (Documenti di storia Italiana. T . I -I I I ) . 3 voli.
Flreuze 1867-1873.
C o v iP A iiN o x i P., I j i Regirin Picena, ovvero del presidi della Marca bistorta
universale. M acerata 1861.
Cn.vrixoKiuH F., MaTtlni V. vita ex leirltimls docum enti* ooHeota. Itomae 1641.
C o p p i A., Memorie Colonnesl com pilate. Roma 1855.
l'osmoiiromius G om i.i.ixi I’ kksox , e come appendire dello ste«so au to re: Pro-
c*-ssus t musini-ioni.* <t reform aclonls m onasteri! Budocensis, hcraustn-g.
von M. J ankkn. M llnster i. W. 1000.
C hphìutox. A lilstory o f thè Papacy durine thè ]>eriod o f thè Beforniatlon.
Voi. I : Tlie (in-nt Schisiti ; Tho Colinoli o f Constance. Val. I I : Tho Cottiteli
oi B a s ic : T I h> Pa|ml H cstoratlon. Idindon issa.
(*hibkj.i .U8 L.. I.ibrl duo d e «xp ed lth n e P ii P «l«ie secundi in T u rn i*. M ura ­
tori. Script. X X I I I . 2ft--so.
C ris Topaxi A xt ., Delle storie d’Assisl libri sei. Assisi 1866.
C r o n a c a i n e d i t a »11 F k a F r a n c e s c o n i i m w u i»a Vinaino «lei Minori, pubbl.
dal conte F. t " r i s t u p o r i. Foligno 18S8.
l*rt>uaoa Riinitnve (Contlnuatio aiiiuilliiin Arlmluensliim lx-r alterum auctorem
nnonynittm). M u r a t o r i , Script XV. -968. Me<liohmi 1728
Cronache It olmi ih- inedite ilei medio evo, pubblicate da A c h i l l e nr. A x t o x i » .
I. Memoriale iH P a o l o d i U K X ia o .rr o d i C o l a d e l l o M a s t r o d e l l o JUone <|-
Ponte. Homa 1875 (Kdixionc di ISO esemplari num erati). Nuova ed. c r i­
tica <11 M. P M - a e ì, Il Memoriale di P a o l o d i B k x e d k t t o in <'oi_* d k L lo
M a s t r o . *u Arcb. d. Soc. Itomana di storia p atria X V I. 41-131. Roma ISSI.
Cronica di Bologna. M u r a t o r i . Si-ript. XV111, 241-792.
Titolo completo delle opere ripetutamente citato. t.xtx

t*ronk-hette antiche di v arj scritto ri del buon secolo «Iella lingua Toscana. F i­
renze 1733.
Ciuiwk J . A. un<l C avaloa s e ij .e G. 15., G eschichte der italienischen M alerei.
Deutsche Originahiusgabe, besorgt von Dr. M. J oruan. Voli. II, I I I b IV.
Leipzig 1869 a 1871.
C l'oiloxi I., Aeneae Sylvll Plcooloniinl Sencnsis «pii postea fuit (Plus II. Pont.
Mar. oliera inedita descripslt ex codicibus Ohisinnis vnlgavit notis«|iie illu­
stra» vit I. C. Itom ae 1883.
Dai. il am Fi,., Concilia Salisburgensia provinciali« <>t dioecenana. Aujiiistce aptid
Vindelicoa 1788.
Dalix , (¡e*tcbichte Sctiwedens, (il>er»“t7.t von DX iix ijit . Voi. II. Ix-ipzit; .1757.
I > a .m k i. « ' i i . , Dea études cla*ri<HK‘s dan-s la société chrétienne. P a ris 18155.
ItATitt H A tigi'ST., Opera novissime recoRulta ouinil'uwpie ineudis expurnata.
Venerili» 1510.
Deh io ( i „ Die B au p ro jek te N ikolaiis' V. limi I,. B . Aftlierti, in He|iertiirlum ftir
Kunstwisscaiwhaft <11 Ja k its c h e k H I. 241-257. Stuttw irt 1880.
I ' c.m i i . k H., Die I iiivers-ltaten dea M ittelalters bis 1400. Voi. 1 : DI«1 KntBtelmiiK
<ler l'n i versiti! ten <les M ittelalters bis 1400. Ib-rlin 1885.
I»i:xirus II.. (Tiartularlum U niversitari» ParisieiiKls sub auspici In Omslldl mne-
rali.H Facilitatim i Parisiensiuni ex diversi* bthliotheci* ijilm ln r iim - «til-
legit et cnm authenticls ch artis contulit H. D. jauxlllante A em ilio C ha-
telaiw . Voi. I l i , IV . Pii risi is 1891. 1K97.
I>k x ifi .e H. et AK.Mn.li s Chatklaix , Aucturium C liartularii Universi tati« I’a-
risiensls. 1*. I. L lber Procuratortun Natlonls Anglicaniie ( Aicmiiniae) oli
anno 1908 ad 1406. P arisiU 1894.
1»kxiki.e H„ I,a I lèsala timi <les EgHses, Monnstèrew, H opitaux en Franco v«t s
le m ilieu du x v * dècle, 2 voli. Mflcon IW I-U B B .
I»i \i s . < ’«dices m anuscrìpti Iheol'Bflcl blbliodiocae PaUitinae Vlndoboo. 2 voli.
Vindobonite 1793-1802.
bnuAUniH A n o , Néffoclatkais diplomai bitter de la Franco aver bi Toscane.
Ilocumentx recaeillfo p ar G ir a c p r t C v x est bix i . T. I. P aris 1859.
I*iarl<> Ferrarese dall'anno 1409 sino a l 1502 <11 autori irovrtl. M uratori. Script.
X X IV . 173-408. Mediola ni 1738.
I Min a m i A.. I*as O eranonlell <U-r Kaiserkronungen von O tto I. bis Friedrich II.
(H istor, Abhaudl. lieraiis>ti-i{. von I I e k e l u. G r a ik k t ). Mflnchen 1884.
IMo.x ysh s . t ’ryptae Vaticanae. Itomae 1773.
iM rn u c n F„ Ik -itrS w zu r Gewrhichte d e r katlioUschen lle f orm ai ion, in H isto r
Jalirbueli <!er GOrTeaKesidlscliaft. V. 319 ss. Mflnchen 1884.
I*>ìlluiok* J „ Lehrbuch der KlrclHiici-scliiclite. V. I I . I". 1, 2* «1. HoKcnsburu
1*43.
D l l is g e r J„ K lrc h e und K irclie n. Papsttum und Kin-henstaat. Ilixto ricli-p ò­
li tls«-he Betrachtungen. M flnchen 1801.
OòLlm gek J . J . J ., D ie P ai« *-F a b e ln «les M ittelalters. B lu Bei trac zur K ir-
ebenicenchiclite. 2* «il. im m utata. Mflnchen 1803.
I ‘"|.u x <ìi ; r J . j . j . , B e itrtg e zur politlsehen. kin-liISHicn und Kultur-ÌSewhichtc
<ler «w h* letxten Jalirhiiiid erle. V. Il e I I I . Itcgcnsbiiric unii Wlen 1S03-
18*2.
■•OU-IXCEa J. v„ llc r W ei?«aBiins**Claulie und «las Propilei en tura In d er e hristli-
'••»•li Zelt, in H isto r. Tasehenbtieh d i I h r v i x heraii*8PS?. vmi W . H . It im i.
V w h », anno I, p. 259-370. L e ip zig 1871.
^ i u n a n J . v.. B ell rii Ke zur SektewseselHchte <k*s M H teialler*. 2 voli. Mlln-
< 4 n i 1.890.
•'■“ Tstx J. G „ Gtmhk-hte der preussisebeo P oliti k. 2* parte : Die territoriale
M i . Prim a sezione. Berlin 1857.
I.X X Titolo completo doll« opere ripetutamente citate.

Du<OuiSM!vr, Illsto lre «le tou* le« cardInaux frali«;«»!» <Ie nalssance. P ari» 1000.
IHrciiES.xr L., 1** [Liber pontificai la. T . II. P n rls 1892.
Dirotte H., Iter fluttui imm. Im A ufträge d«‘8 holien mfthrischen Ijin«ii*saus-
M'btiwM« In den Jahn -n lsr.2 limi 1S.VI unternommen. P a rie I.: H istorische
fo n c b im p ii. l ’a rte II : I>n.s pilpstli<-l>c H escstenwegen. W ien 1835.
Dir*M oSt, Corp» unlvernel diplonmtli|iie du droits des Kens. T . I I I , P . 1. Am ster­
dam 1720.
IH'x, Jo n . Mabt., K i t deutsche K an lin al N ikolaus von Cusa und die K irche
seiner Xelt. 2 (voli. Kegiiisburg 1847.
KaettDourtat P ii. O hron k* regum Bomanortun. Heraosgeg. von A. F . Pb ib k am
nel I II voi mtppknn. «Ielle Mitteilungen «Ieri In stitu ts fü r österreichische
OecM’hW’Ittfom-hunif. Innsbruok 1890.
Kimum K'k.1•jik i « il. Die Strasslm rger a u f K aiser Frksh-hh» I I I , llom fahrt 1451-
1452 Nm-lt B rieten timi Akten d i * Straashurger Stinltnrchivs. Strassi«!rK
18711. (Stamim a ¡»arte d alla Gemeinde-Zeitung f llr Kisasa- Lothringen).
Kciiaiui I. et I. Q firrrr, Scriptorea onliiils praislicatorum recensiti notlsque
bistorte!» et «rltW » Illustrati e te. T . I L utetiae ParW orum 1719.
Kim* G. I., Pun>ura <l«vta, a. vitae, l«-gntloixw. r»w gestae, olii tu» 8. R. E . O r -
dlimllum, «|ill ingrati a, «loetrina. eruditimi«-, si-riptls etc. ah anno I>X1.
lux[iip ad a» tat. no» Ir. Itx-laniere. Llb. I l i e t IV . IVI. Fram-of. et M inarli.
1710-1714. Aco. Supph-mcntum noviun purpnrae doctae. Aug. V. 172!*.
Faupi P „ Srrrologi e libri ffllni di lla i>roeinria romana, a cura di 1’. E. 2 voli.
(« Fonti per la Storia d 'Italia »). Koma 1908, 1914.
Kttaiuan A., lHe orlentaHsctie Kirctu-nfrage. Wien and S tu ttg art 1899.
Uhrengabr deutneher \Yit»im*ehaft Dein Prinzen Johann tìeorg Herzog roti
Saehnen zum 50. Oeburtitng gewidmet. IVrlliurg 1920.
Enal.« Fa.. Il intona bibliothecae Uomanorum Ponliflcum. vol. 1*. R«>manae 1W9.
Kitatr, I X , Martin de A l|«rtlls Chronlea aelitalorum temporibus Uom ini Be­
nedirti X I I I . /.um erstenm al veröffentlU-ht von Fa.»*/ K n a u l Vol. 1* E in ­
leitung. Text «l»>r Chronik. Anliang ungislrurkter Aktensttlcke. («Q uellen
nml For<a.’huugen aus «km (»«»bioU» «Irr (¡««'liielite », hrsg. von d er Gilrrcs-
Ijiw IlM 'lm ft, vol. 12*). Pailerborn 1900.
R i t m a . Gxnrva.. Vomelrhim«« Kim »l«-h l»ey Kay.*er FrVtrk-twn Itayna nach
lln tt sugetrncen. in v. II«>iii:*h-k. SIHmU- «!>'•* Krt»li»-nuigtiiuni» «tm icrreirh
«>t> «Irr F.mws. I I I . 134-141. Pa ««an 1747.
Kau »an II. A.. Ge^chUHUe «I«-» WUsicranfbltlhons wimenarhaftlk-ber Bl Mutig,
vornehmlich tn TVut**hlan«l hl» am i Anfänge der IW iirm athai I Vol.
M agiM mrs 1S27.
K u x » G., Zur Gesrhb'htp dr» PUaninrhi-n K«nsil». F r »stramm «ks« Nfc'nlai-
Gymnasitims tn I^ lp tlg . U l| « l» 1884.
H < tj» G . l i r t l i r h von Niem. Sein l<flwi und sein«' Srhrifteo. Ijcttudg 18SÄ.
EatsnuCTl P., Die klrrtiik'tx' F ra se a u f den deutschen Keichatagen voo 1378-
1380. i«l ««erta alone. lVrSin IS-VJ.
E s c o r c m Mvnt. (o‘). Ohtonlntie. Nouv «Vlltlon t « r G. D r F a r s s r oc B u e -
c o r a r . 3 v«da. P a ris PWS-I»*14.
Ki n n C .. Ille rarrh la n l M i n metili aevl r i i * summorum p n t l l n t a . 8 .K E.
rantlnallnm . ««eh «ta n im a nt Ut Itarn « e rW ab anno UV» ari a no um 1431
pfnlnrta. Voll. 1-3 (II 3* rtanlnctato da W. v is O n j i t , term inato «kt
K ra n .). M onasteri! W *> 1901. 1910
K lara. (*.. «U nitarian i Franc!««-» mim ». Vol. <7*. t'rhanl V I. B o a lfa tti I X l a ­
m e n t ìi V II. Gr**gnril X I I. O em eatls V II. Reoedk-ti X I I I . Alexandri V.
ioannks X X I I I . Martini V documenta Komae 1904.
K im K.. O r s k lr litr «ter nl>efdeut>rhen iH tn u ah u riw i M lnartlcaprartni.
2 voll. WOratMirg i m »
E r a n . K.. U ltra retila ratb o tk a madil a e ri alw »ummorum ponUOroia. 8 K L .
Titolo completo delle opere ripetutamente citate. t.x x l

ntnlin&llum. ectaidanuii antiatitum «e ri ex ab anno 1198 usipie h<I muinm


1431 perd aci*. Monstoril ISO«. (P or la cortesia dell'A. potei servirmi del
primi foKlI di stimi]«) delta 2* parte).
K r n n K.. Die aTignonctdache Obediena der Meiwlikantonordcn «ovvie der Orde»
der Metvo»lark*r und T rin ltarier tu r Zeit de» groaM-n Srlilwna», beleuehtet
durch die von O em oni V II, und Renedlkt X I I I . an dleseli*’» goricbtuten
Srhreiben. Pudoriiorn 1900.
B vm .T I v l , lUM'lnliindor linai West falon in Ilmn, Mouatsw-lirlft fllr rbclnlsota-
wcvttffiHacho GeM-liicht»for»ctiuns uml Altertumskiinde. Anno I I I . p. -tl.V
437. T rle r 1877.
K v «.t J t TU, IMe A n f l lw der Barafefcler llonodlktiner-KoiiirrcKatlon «nit Iiomoo-
derer ItlU'kaiclit nuf W eatfalen. Z<Ht«-hrlfl ftlr vaUTUimllarbe <ì«wliU-hte
und Allortunwklindo. IlerauHKoeelien von G i m u imd Granatali. I l i Serio.
Voi. V. 121 a 181. Mllnster ISSI.
K u n u n i’a J. A.. Uihllothoea latina niodtae et Inflmao ao talU n i. Mambi. 0 toni.
Klopontiae 1858-1888.
PtHaoMva. Ma sul Ontani Medicei »ita. 2 voli. Pini» 1788-1789.
I' w i m H artiioi.., Ita rebua gratta ab Alphnnao primo XmpoHtanorum r»*o
cammeo(ariorum libri decoro. Io. M irn. H at'n afa-ra «U t. I.usdutii 1500.
l'iin iM C * Memorie latini ohe della ehta*a llnlog»r«e e nuol |a«torl. AH'Kmi-
nent. e Keverond. Signor. Cfcrd. Nlorolò IxKlorlalii arrlvo^c-ovo di 1*< I**-
ena ecc. l(Mt>.
Pu.Litcajkvra J . P i i .. I ni» albanoalacbe Ktament In Orkc-benland. Tem a ardono
fa AbhaniHungen d er btator. Klaaae der k bayerluriien Akademta «ter Wla-
aenarbaften. Voi. IX . no*. 1. pp. 1-111. M(incli«n 1W12.
P a s t t o t G io v a ssi . Notizie degli acrittori lM o e iv -l. 1781-1794, 9 voli.
Kaaelenhia rem m expetendarum et fug<onda rum o(iera et «ludi« Ita tv «ani
Hmwx I,ondlnl 1«»>0
Pvarr P.. I j i farultó de théolo*!e de Pari» et « * dorteur» lo» (do» WHMin»
T.aae IV . P ari» 1897.
^ » « i « J . A.. Geachlcbte voo In c a r ti 2* ed. anm etitata e migliorata Iktir-
bette« vira I ta r ix r K ir.iv Mlt einena Torwort von Mioiaici I1i « vatii. II. e
I II v»L I/ctpslg 1*09.
t'otpmkr. cmthaltrnA m n rh m U c h i arrtfonmutiam *frfréir*tUrhr / '« r a r t n f r » .
H <imrirh f l u i r .-»m 7. A ltgm l 190f p rv ié m r i. Mfln«t or 1904
zmm 7. ¡tr-ptrmher 1910, Itrrmamm Oromrrt imr \ 'M r m d «* g 4r» 90
f.rbrnMjakrr» grtridmrt. Frolbnrg 1910
Ffcva» J .. llN tidro apnlogiHIuoe do la l’a l a n t i dopai* JM P lori» jawiu'A Pio IX.
T a n e id xièiw : Jta p tn rta do» Pape» a re e te IVannr. Pari» IMB.
»'uu-i F.. l»r. F rtlx tkim n erlln ala Pn*»*< «tea 81. t'n » o **lfto » cn tM otburn.
Ria Ileitrag *u r urbuvlaorUrben K i iv l ir ia f w l i lr t l f . I * l'rkundln. I lr l t r l i »
«nr raterUm ltaoben Oe»chtaht«Ì«>r»rbnn* «orw bm llrb an» der oordwertll-
che« Hobwete. Voi. I . pp. 2 8 1 -7 » . 8o!o«hun» 1857.
P*«*vnajt Cm . U Cardinal Je a n Jomffroy ri asm t r a i » (H 12-I473). fittale
bUierlqoe. C oatanrm 1874.
l’i u a r t i F easc .. r. P m u i r i n «.
Pnjs. tieirh lch te «tea Silfio-. MW-tiaHbwn» V o i II Kal«tnir|C 1*33,
i l , Forwtraagen and «joeiloo n r G e v h b iite «tea k an rtam rr Kcaidl»
l*a«leHx>rn UMT.
F w « * I I . E in«- Pa|«tofaim lk «tea 15. Jahrtraad ert*. to Itóaiterhe Q uartatertirin
W f A nrhioliK ir n » l K lirfaraai arh k h tr V « l IV . p. .IK iS K tt«an 1**0.
H.. A ria rom rilU C te n la tr ir w b . 1. V«*. Akte» n r Vor*«-«chlrhte «te»
kottrtaiuer Ktautt» 1410-1414 M ttiuter 1*«K
H_ Dm» an«febende M lllrlaltv r E rfrtm l*«* «ad LOciten der Vorrefar-
i.xvit Titolo completo «Ielle opere ripetutamente citate.

mntiimvfom'hmtK. AntritUut'de. Mflnchen 1000 (E stra tto <lnll'< Allgemeine


/✓citimi;. Ite li.» , n.l 32 e 83).
Kimkk II., Bkkler vi>m Koiwtimzer Kmi7.il (« N eojahresblBttei* <h-r Hoiliwlien
IlUrt. Konaulwion », >\ F. V I). Heidelberg 1903.
Kinkk li., Aria Aragonm tia. Voli’. 1“ e 2". Merlin und Ix'lp /Jc 1908.
PioaexTi.'io Fu., Il lUaorKimento lilosolieo nei Quattrocento, Opera postuma.
NniM.il IMS.
Kimi’io .m K.. Ocw-hlehte « k r neueren Phlioavpbi«. Voi. I. 3* «d. Heiihdberir 1889.
Fi. ATM: I*. Qi-wlitelile «W-r Vortiiufer der Reform ntlon. Seconda parte. Lelpals
1898.
K iw tn j.» V.. Isc rizio n i delle chiese e d ’a ltri e d itili ih Kom ii dal ¡¡•nido x i tino
al gio rn i nostri Itouui 1WMM88ÌÌ. 14 voli.
Korsclitiiitfcn »nr dcnt«cln*n <!«*«ehh4ite. Voi. Imm. Cott in v e ii 1880 un.
P u r t m iim liti'D U 'i'K . XoH xie storielle della rlttft «il Ferm o c o n U li'iip p r o d lii1
delle imtl/.ir sta tisi IchetO fot.'rulk'iic «Iella città e m io t e r r it o r io . F em io
1841.
F im k só i V.. tVsuriui Juliftn liHiortlok M ajtjarors/Jijti l*iiimi Kiivet ftlete. B u ­
ll» |»»t 1SUO.
Fiiakxi'u \V„ I *i«* unir» rt*-lie ii I^ga tioiie n «le* K a n lln a l» Job. <'a rvaja l, in Pn-
gartat-he R erue inno, pp. 1-18. 124-143. 390-425.
KavXTy. K riiii, Hixtus IV. und d ie Uepuldik Fhireins. BegetisburK 1*80.
l ’iuMZ A.. B e r Magl «ter Nikolau» Militili de .Tnwor, E ln IV-itnur *ur litte ra tu r-
tuid OeM irtengcaehlelite de* 14 und 15. .lalirlmwH-rts. Freiburg 1 B r. 1898.
Faw m xiK J. lt.. T lii'sw ih- eociestla ( 'liristi. Opua i««*>l Illumini. Itouuie 1887.
F iu ti. r. V w w u ì i o n.\ B ia n c c i.
F rÌ i»: bic «ì i'«VL, K « u l sur le rftle polltkjue et aoeial A » «lue* «le Bourgogne
dall!* h-s P ii y*-Ita«. Caini. ls;,'i.
I Kk u h ìm ), M i i ..| ò V. Sommo Pontefice. Memorie UtorW-he di |4ft uomini illu-
«tri pi«nni. T IV . m*. 200 289. Pisa 1792.
FaiMtk A . IH r K iri'lh -n cf-clitcliie lU 'iliiiK'iis Voi. IV : 1>le A«)m ini*tratoiviiu-lf.
Prni; 1878
Fm ioui p„ C a lli» vu ri M irata. 'in a e m n «um niorum p o n t lik u m In n i o m n iu m C a i
line ctirdintvlliim. <|ui b a c te m is v lx e re . r w |inni-lare aiuta«- «itn tin en ttir.
pari* iosa
Fare/i A.. Mem orie | «T la storia d i Kerm ra, Heeanda eiMxione. T . IV. F e r­
rara 1848.
FHoiaAAKr Jiiiam . Se» <-hronii|inn>. l’nbl. « w li«. vnrtnnt«-s I « r K M I 11 nr I.kt-
T»„Miovr. Av«'«- p li'w JuatiAcal., (Inw iila>. tablea «le» n-mw hlat. et e n fr .
3S tona«* en 27 r o k B ru xe lle s W I71S77.
FaoiitUX T ll.. K rltl*eb e IteltrRge aur «Jeivh khle der Fhirentlner Klrrbeneinlg-
nna Halle a. d. S . 1872.
F a o u v s li. Irte «paniseli*- N ati«« und «In« kon«tanarr K -« i*iì F.tn lt*-itrag XIIr
ti« w h lrtili' «Ir* gn>«««ii alM-n<IUiidis«'lM-ti SH i Iw iim . Mfln»t«-r 1898.
P i ‘ k.vte V. (ni: u l . I li« * o rla « w W W iis t ìo i d e RsfKina. S *vu m la is lic ìA n r o n » -
S iila y atunentada. T . IV. Madrid 1873.
Fi u i L , IV«lio> «llp lu n iail«» «M ia città il't t n k lix Ih ru iu «n ti •• n t r a ll «lai Ar­
calo s i al » R 1 iNx-una-ntl di «t o r i« italiana w . Voi. V U l i . F lm u r l* M
F i mi I... Nn««-*» rivela tUaii m ila rtmglura «U Stefano lv*vm ri. in « Arrhlvh»
storili» «M ia SaxiHà rt mia ita «li «torta p a tr ia » X X X I I I f 19101. 4*1-492
ll«atrrrti Fi « o . h>n<ntii Valla e 1 K|4rurelMiio nel t jiia llm n ilii. 81 utile «P arte
pritual Milano-Torimi ISO .
t! urnrni K , li.v til e wnrletle. Contributo alla idorla -teila dlwtdeoaB rrtl-
Klona In l*ieoionle prima «M ia riform a. H u rn ila IM K
( k u m A.. Il d iritto di plaeltaaione e r«'cwo«>tmito dei benefici vacanti la I>>ni-
barila. Milano 1894.
Titolo completo delle opere ripetutamente citate. utxtil

G jU.UEt t i (5. C.. F h u f p i V o u x i Itber <U- oivltatl» Fiorentine fu uxwIk »-Ivi-


bua eto. Fiorentine 1847.
iìamh B.. Serie* eplM-ojx nun «vl«-dao enthoiirae <|ii< t<|ti(K innotueruut a beato
IV-tri) ll]HNtolo. Kilt ÌnIHM.IH' 1873.
C m .«ui'I. Sa n ti <11 o w r t lt io n l ani valore delle antk-lie monete i»>ntIflde eon
appendice d i docum enti. 8 J. et a. (K niiat- 170U).
<;>iu>MK E. G„ Saint (tntlMTiiui tA Siena. A rtndy In thè lU-lU-lim. lettera ture
and Uintorj' o f tbe fourteeuth (Vntury In Italjr. l/milnn 1007.
A d o lf, Gcschk-hle ik*r Italieniw-hen U ttera lu r. Voli. I e II. (GcMrtilrhte
<kv M tterntur <ler e u r a p l M m V«"tlk«-r. Voi. iV a.). Berlin 18H.V188K.
G *m « 'i‘a J . B . A d a c a rn in m la lia 8. Itimi I M i i i w ex nuw. codk*ll>. 1.
Itouiac 17-Vi.
G»*r. <}.. Ourlevitlu inedito d'artt»li del » 111H xv. \vi «• x rn . 8 voli. Flrenae
1S4U.
G ivkt I... 1 # grand «chiame tfO ctM eot d'a|«ri* k-* «io -tuuenta i-Miil<-iii|~.niliitf
députfa mix arclllvea m -n -t n «hi Vatk-an. 2 voi«. Florence-Berlin U M .
tintU H iT B„ I »{<> G ravajnlna ik-r deutadieii Natimi c t > i i «k-n riknlM-heu lin i.
Binala u 18M.
'luitiAiuiT B., A d ria n voti Com eta. K in BeltraK anr Gem -hMite d<-r K u rie und
•Vr lti-iiaÌN»aiHv. B n -xlail is s a
'¡ iu h a b t K-. M oine* et Pai»-«. l*arl» 1 W
«¡trraoT A.. T/hlatoire m onum entale de Home H la pretu. ItenaUoanor. I*arta
1S7S.
G an n ì L . P etrarca. U4|>xlc 1*74.
(¡4k.kb U . Urna Imo noe uml lliim an tw iii» In lla llra und 1N iiIm IiU ik I (A liti-
M w C cw h ii-b tr In K.lii*»-liliir«l«'llim crn. ll<-m u«*<K»-l"ti von W ii.ii ttm inoi,
2* «palone, |«rtc SM B e rlin 1W 1
Uutaotua I»o jiix„ V ita Nk-olal g u ln ll Pont. M a *, ad <*k-m veteruiu monmnen*
toeuni. Aecedit i-iii«k-tu IMnpitfdtto de Nk-olal V. « **a interna et litlpratoa
viro * patrocinio. Itom ae 1742.
tira* kk A.. Tbeodoro* t ìa m . F e *l» rlirlfl der l'n lv c rw itii Grelf>w ald IWH.
•^•hlelit«. der pft|wt lichen Nuntk- tn l<cut-rtitainl id i M oacai V o i I I F ra n k ­
furt uml lA-t\irJz I 7HH
'•''■-hicbt.quW Icn der P ro v in i Sa.-hw o Voi. X IX : I«ea A u tu *ln e rp rn ~ te «
Jmt. H i'm h d in n iliim f f l i n W r m - ii * uad IJb er H r prfonnallnm - n>«a>
*«»rlon»ni. B cnrU -itrt von I»*. K. G ara«. Ita lie IW 1
bi<-htw|uHk-n. T*1tiri tari»-he VoB. I l : tT irm ln a m - M a a lm m N im u i a».
K ltra x O. S. B. U e m u a*r*rb en von F. X W a n j s Jeoa 1W6.
'¡ n m u j , H. /v. IHr- urH|«U ntile ben Katwttrfe fOr Ht. IV tr r la Krxu nebal
Mhlreli-hcn Endlnxuncen und nenem T r t t ' m a cct-Meninal tu-r* ti
"'le o -P a rU 1S75-1S80. I Voi T V X o and 1 Voi. Tavole.
'* atamani A t m . U #n>rm« «IH KVirrnHni e ra Papa «tvwarlo X I. detta la
« w m degli O tto Santi, ta Areti ai. lta l.. 111 Serie. Val. V, VI. V II e V i l i
lanette a parte). Flrenn- I W .
Ou x m s ik Pi era», latorta elvlle .IH rrtn n di Napoli K d li a rm -H u ta <U note
rrilirb e «re T . I I I . V d M t a I70B
'■•**ar tim n | ntrr w h uiMten zur d en ta rti« 8iaal»-aad tWhUxe-w-hW-hlc VI :
Johann Althualir» und <He F.nlaV kluns «ler aalarreehlllelw ti Staat«tbeorlen
H twla« 1*9«.
F. K t , |«-farta«eh der Klrehen*»— fciHite V d II. aea. 3 M lUain
U B tIW i
'•tafaale •i«rirr. della l*4lp raln ra Italiana d iretto e redatto da A. titu r. F. No-
**r». R R e n a . t . I >» lUnna Ttarlao-Flr»«w iv v t a .
« “« a a ll N apolitani (tall anoo 13*3 éù o al 147». M t utvau. «c rip ». X X I. ltl*»I-
n » * M cdlotani 1782.
LXX1V Titolo compiuto delle opure ripetutamente citate.

OruMAiu O iauiiattihta C arlo, Della L etteratu ra Veronese al cadere del se­


colo XV. Bologna 1X7(1.
(•i.ahhui:rgkb N., Chronic«, in Anacleta Franoisoana. T . I I. Quaracchi 1887.
(ìo>:U.r.R E.. Kiinlif Sigismunds Kirchen]M>litik 1404-1410. Dissertazione. Frei­
burg 1. Hr. 1901.
( ì ì ì m j .8 E ., Die ipäpaitllche Pttnitenttarle von Ihrem Vrsprung his zu seiner Um­
gestaltung unter P iù * V. Vol. I 1 e 2 ; vol. I I 1 e 2 («B ib lioth ek de*
Kgl. preuss. hist. In stitu t* ln R om », voll. 3*-4\ 7*-8*). Som 1907, » 1 1 .
(¡ oirz , Itcgoston «ter Erzhischöfe zu T rie r 1861.
(•ohi. r. Ari-bivio «Idrico, artistico eoe.
OoTiirn*. Die Knlturentwk-klunir Sildltallens in Einzeldarstellungen. Breslau
l v-«:
(»OTTI.OB Aoolj*. K arls IV. privato und iiolitische Beziehungen zu Frankoroich.
Innsbruck 1KX3. ■
Oottloh A imu.k, Aus «ter Camera A|iosMk-n de« 15. lahrubunderts. Ein Beitrag
wir (leselilohte des jiBpstlichcn Finanzwesens unii des endenik-u M ittelal­
ters. Innsbruck ISSO.
O o w - P t u r t - F m c , Le Vatk-an. le» Pa|>es ot la Civillsatiau. l*nri» ls<r>.
(iKADoxictrs IO. IIlKRoxvM., P ontificai* Brixlntiorutu serie* commentario liisto-
rico Illustrata, accessit codlcum Ma. elenchus in archivio B rixiam ie cathe­
dra li.h asservntom m . R rix iae 1755.
Grakv e v iti, O. v., D ruttrhc in Rom . Studien und Sklau-n aus e lf Jahrhu n d er­
ten. I<eli*z!g, 1002.
(¡HAssr. I. <5. T u . I4»brbucli einer allgemeinen L ltterat Urgeschichte aller W ölker
der Welt. I I vol., 3 so*., 2 metà. Dresden und I>oii>xig 1843.
G r a z ia s i. Cronaca «Iella città d i Perugia dal 1300 ai 1401 secondo un codici»
niipartoncnte al conti B a g l i . m l pu bbl |w-r cura dl ARn«i\xtr. K a « r » t t i con
annotazioni «lei medesimo, d l F . Box Aist e F . P h u d o u . Arvii. st or. ital.
T. X V I. P. 1. p. 7 1 * Firenze 1850. ;
(¡w iioanvira F.. laa-rezla B orei» Nach Crkundon und K*»m-si»m<k-uzcn Ihrer
eigenen 'M t . Voi. I. 2* statuita. Stuttgart 1*74.
GR»:ooaovtt‘s F.. (Jw hii-hU > «k-r Stadt Rom lui M ittel«Iter. V«*n 5. b k zum 10.
Jahrhundert. 3 « I m igliorata. vol. VI e V II. 187IMS80 .(V en d in e italiana,
vol. I II o IV. Roma. Società editrice nazhmale, 1901).
(<Rl»o«ovit*a F . D ie G rabdenkm äler d er Pfiiwto, M arkstein iter Geschichte
dos l ’aiMttums 2* ed. r ifa tta . l-cipzlg IS S I.
«¡RIHAI II., Anatecta Ilimiana. I «oM-rbtlonl. TVsti, Monumenti deN’A rte riguar-
danti principalm ente la Storia dl lt«mn e ttel I*api nei M ollo Evo. I.
Ruma IMI©.
i ì r i s \ r H , Geschichte lt<»ni« und «ter PBpste Ini A littelaltpr. Mit tw-sooden-r
IW tV ksichtigung von K ultur utal K nntt nach «Jen Quellen <l*re<-stellt.
Vol. 1. F re lb u r* i. B r. 1900
lia o m c x ii il.. Quollen aur F ran k fu rter («ssrhlohte Vol. I : Fran k fu rter Chro­
niken und annalistfache Aufzeichnungen dos Mittelalter«- IW arbritet von
Dr. R. Fanxtxo. F ran k fu rt a. M. 1884.
G ri-kk K «ru Dte tf.e*»tk»n»rels*> «k-s K anlinals Nikolaus vmi C «w iiun-h N«ni-
iknitsrhland. im H istor. Ja h rb . 1. 303-412. Münster ISSO.
( i i r w K a » , lohannes ituseb. .\ujtu*tlnerpm(wt zu IllSiW-»li»-in> Ein katbo
llseher Reform ator de« 15. Iahrhiin»lerts. tSanunhing historischer RIM-
nl.ow». Freiburg 1. B l s * l
l i i u i c K I t i . O rb a rti Groni und seine Stiftungen. |Z« t ì I«- Verelnwirbrift der
GörnmHScselUi-bafl ftlr Issa». Köln is s a
t i r A»n C.. |iw I /reazioni al Stanato Ponteärv j e r il Comune di Firenze |»e>*
»«Iute da Sant'Antonino a rei vescovo. Firenze ISÖ7. is c r itto d « x azione in
•«il 3S0 esem plari).
Titolo compioto doli*- opere ripetutameli to citate. t.jtxv

OumiCKK H. E . F., Handbuch der Kirehenseschiohte. 5* ed. numentuta e cor-


retta. Vol. I . (Einleitung, filtere uud m ittlere Kiivheneesrlili-htrl. Halle
UMS.
G t'o u n .v o m Ai .b „ Sterin ik-llji Marina PontlAcia ne! m ol io e ro dnl 7‘2H at
141». Vol. I I . Firenze 1871.
O rc u n ,iio T T l Ai j j .. Storia «Wie fortiffc-ailonl nella «plaggia lt<«muui risarcite
ed aoeresdute d al 1580 al 1570. Roma 1SSO.
G um . K„ Klliiwtlerbriefe. 2* ed. dl A. RostsvHEBO. 2 jm rti. Iterlln lHHil.
OirtcHESO!» S am i ’ e i ., Hbstolre «i'-ii>%lo«i<|iie de la royal* maison de Sarole.
I.yon 1080.
O rin ic ix t Ott;H.. Miscellanea storleo-patria Rolognese. lUdogna 1872.
O r i i t i 'o J „ I/C ta t pontifleai ii|>n-s le rrand «rhismc. fttude <k* |ffc«ra plilc poll-
tlque. P a ris 1808.
lii UAi » J „ 1/EgU se et les orialneH de la R n u im an w . (« MbHothAque de l’en-
«•ijawment de riiiatoire ert-lo*.»). P a ri* II»>2.
O t'sn iE a O., Zur Vorgeschichte <h« Konzil« Ton Pisa. 1'nhekaiMite Sehrift
(ittteke au« einer H aniicer H andschrift. in « Nene» Archiv iler G esellschaft
fflr a l t « * deutsche Gesehiohtskunde * X M (1010). 85CMJ76.
Habich <5., I>le Medaillen der Italienischen Ilenai«*anr-e Berlin 192t
llu a t n H u s a in i. IW irtnich der Geschichte der Medlein und der eplihtnixrlien
Krankheiten. it* rifacim ento. Vol. I e I I I . leua 1875-1882.
ll.trrx m P ., I>le Renaissance de* Heldentum*. im K atholik. I.V. Prima metA.
Malnx 1875.
lU rrx r» P.. Grundlinien der Geschichte der Philosophie. (Grundlinien der Phi­
losophie als Ausgabe, Geschichte und I.efare xur K lnleltun* In die philo««
phiwhen Studien. V o t I I). Main* 18*1.
Hackst K.. und iE. I>X 1». Deutsche Geschichte. Neue Illustrierte Au*iml«v
Vol. I I I . Hanun 1862.
Ha is L . Repertorium bftillngraphicum. 4 Toll, fttuttaart 183U18K8.
l U u m J .. Ooarlllum Raalllen**. «Studien und Q nrllm xur Geschichte de«
Konzils ron ,R*«ol. 1 4 . lU sel i»w. i:«*t
IU m w J .. Pafisttum und Kin-benreform Vier Kapitel mir Gew hicM * de«
ausgehenden M ittelst fers. vol. 1». Berlin lOf».
l lt N K n (I. r.. Geschichte dm «m an ischen HeH>«-s. «rnmntilcO* au * hbdier
unhenutxtea H andwhriften und Arrtafrm . Vol. I e II. IV»( is 2 7 t* 3 8 .
Iltw M raicn F.. Sankt B irg itt*. die n .jsllsrtie Prophetin uml t»rdetwntlflcrln
KJ» U-bons-urol Zeitbild au s dem 14 Jahrhundert Drtitsehe autn rM ert*
Ausgabe n « A u u J n m M iotw «»». Gotha 1872,
l!« * » r x I.. W estfalen und Rheinland Im l.V Ishrhundert. 2 fall. (Publikationen
•*** den pretwsiseben SUwfjmfrhltet». Vol. X X X IV e X I.II» IS *
• W«>
R « M H J .. Zauberwewn. Inquisition und H e*enpro*e*» Im Mlttclalt<-r und die
K-nstchuwr der grossen H 'im t e r f o lc u « t MBwhen 1000.
H jubt II. r . d.. Macniun oecumenleum O M M aM m w Conellinm. Francofurtl e<
fJp d a e 1897-1700. 6 roll.
H ta ra io *). und g d i r l f M H einrich* to b Zwei InU-rsu
i'hunaen Mt.rf.nr« 1887-183*
H .a n re n v . Vita Nicolai de f i m C *rd ln *ll* e» eptsmpl |«rt*i»en*ls Hie Trv
't t 1 7 » .
H w t n n i i I , CooelHa Germ anlae T . V. i'<J<e U e I R R
***«« K . «Vitertna Ton Slewi Bh» lWU#enibUd. 1 *H
» M c u t*n t. W e TOrkeonot Im 15. lahrtm ndert. W ie« M H
Bftrcrn A., Ktrrlumgtmchicbte IW Iw W a K h . 5* { « r ir I n » «taiterr M ittelalter
** » > *• M l 1*1 pxi*. 1911. 1931
H atrrr H t u u * , Die raM(UiMii S e k te s la F ta a k ca tot der Reform ation, te
I.X XV l T i l o l o c o m p le t o d o lle op cr.s r ip e t u t n r n o n t e c ita te .

Fm tgabo zur d ritten Kiikul«rfr!i>r der Juliu.x-Mnxiin'ilians-T'uivendtiit zu


W n r tb n n , d a n ^ b t t d it von B. Gramich, II. H au pt urnl. K . K. MOi .ler .
Wflrabunr 1882.
llXt'aatai I... Gewhlehte der rltilnlxi-lirn I’fa Ir. nach ihren poiltJuchen. kirchli-
cbm uml lltterariaeheti Vorhin tu laaeu. 2* «xliz. Vol. I. Jlcidcllx-rg 1856.
tlX l’HHXKK J ., Ido «lciit« tK- Knlxerxago. B n u h sn l 1882.
lli:»:Hrx A. H. I... Ge«-luchte dm Studium» der klassi neben I.itteratu r seit iU-m
Whxleruiifrotien d ir Wlxxenxehnften. 2 Voll. Göttinnen 1797-1801.
Ilir r x r , IHe tempor&re Wiedprvorelniicuni! der grtochlacbra mit <lvr latein lachen
Kln-he. Artlrolo 3*.: Wloderauflöxiing der Union und Krolwnin« Oonntantl-
noiiel* durch dt<- Ttirchen, in Till». Theoloß. Q u a r t a M r if t . Ann. X X X .
1». 17»-229. Ttlldngen 1848.
IlKrcit: K. I.. Kiin*lllen|{W*chl<hto nach «Um Quellen liearbeitet. Vol. VI e V II.
Frellmrß I. fllr. 1WT-1N74. (Vol. VI. 2* ed. del l*rof. A. K s o r m a , 1*90).
ilin n .r K.. IH-r hl. Bernhardtn von Siena und d ie franaM can lache Wandw-
liriilliit In Italien «Uhrend <U-s 15. .lalirh., Freiburg 1!>12.
I I i i u i i i i i i i k M., Ille OrtU-ii und Kungn-giitiimin d er kntollxrhen Kin-he. 2 vo-
luml. Vaik-rlmm I W I a , 2* cdixlooe in 3 vulumi. Paderborn 1907 r.
ilitm'MAXS I»r. vom, Acm-n» Sylvitm a i* Prediger eine* allgemeinen KrcuauiKe»
gegen die Türken 1’roKrnmm dcx lierxivlleheu Karlxjrymnaaiiuns ln Bern-
Imrs. Bcm liiirg 18BR.
Iln x rm v x x 0 . vos. D i« Ilnndxrhrifton der hor/.nßl leiten Bltdiothek SU Wolfi-n-
Wittel. Kr*to Abteilung. IHe Hclmatedter H aixlncbrifteu. 1. Wolfenldlttel
1884.
II k ix k u ii 1. lt.. Dogma Hache T M i < | p . Vol. II. Malnx 18715.
IbtxMu It., l»le KhvhrapoHtik i Ut ülteren H iJir a io U m ln <k»r Mark B ran ­
denburg und die pil|>*tllchcn Privilegien «le« Jah rex 1447. ( « Verfiffentll-
chiuwen dm Verein» ftlr oxelilohte der M»rk Brandenburg »). Ijeipxig lim«.
Ilm iL M iilH ni I., Antl-Jauux Klm- hlstnrixrh thcologlxehe K ritik der iv-hrifl :
« I v r l*n|Mt und d u KihixII von Ja n u a » . FreMmrff I. B r. 1* 70.
lli:ai>K.Tai>Titia I.. Knlhollaehc K lrehe uml ehri»tlleher Staat In Ihrer goxrhlchtli­
ehen Knlnk-klunü uml In IW lehu iix au f «Ile Fragen d er (¡i* 'n w « r t. Hlato-
rixeh thcolngl«rhe K**a.v» uml mislctcli ein A ntl-Janu» rindloutu». Zwei
Ableitungen. Frelburu 1*72.
l l u i i D K i n i l l 1.. HnmUiurli der nügiHmlnen Kirehrncexehlehte. Vol. II e II
Frei Imrs 1877-1S80.
lli3 K .isu irn irji-lli.ii3 J, Konzilicngc*chichfe. Nach den (Quellen dargw tetl.
Vol. V l l l . i l delln continunaionc del ( ard. I l n m t i m i a i . Fndhurg 1 * 7 .
I l n w ^ n i n i n i J.. la .V n llito n e del tlantihurh der ollprtmrimrm K in -km ft*-
rkirklr, eurala «la 1*. K i k.« >t. 191S. 1015.
Ilra q iirr K . Ju an Fernamtex de Heredla. Grn**iue&«ter de» Johannilerordpo»
(1.177 Wa IMW» Mtlhlhanxcn I. T h. IST*.
H w m r.au G. K.. Gr»ehichlo GrlertienlamU M l d m A W ^rlim de» antiken
W * l w bla nur Gegenwart. Zweiter Teil. Vom latelnl.«rhcn K a u u n g bl*
*ur VollemItihg der ••Miutnlxchen Krobcrong 13*1-1170. Gotha 1*77.
Ilia r/ m *>. G. >\, IM-vrhb-hte der B jxan llu o r uml de* <wuiantM-h«m Itelchcw Id»
««■»len Kmle ilrw IR. lahrhumh-rt». ( Allgeni. t^»*-hl«-hte lu H n a -M a n lrllu ii'
Ben. heran «; v«n W tu i. Berlin 1*.*3.
H r.rnxi.ra K.. K-hrlHM-h der FuntiauieutnlthtHdogie Kn-ilMirg i. Br. 1*71».
HKrn.xi.Ka F.. I »b> (e<ttw-t>e Kmnr«ille <h-* Ihinle Allehleri naeh ihrem wrwpnlli-
ehen Inhalt und (tin ra k liT Kteibnrv I. B r. 1*.*»».
I l r m i » H , Italienixrite Studien. Zur Gearhlehte iler Renahwanrv. Brann«rli-
w el* 1*7»
H ktu W., C«arblcht« de* I^vantehandel* Im M ittelalter Vol. 11. Stu ttgart 1879
Titolo completo delle opere ripetutamente citate. I.XXV1I

Hix s i ’iiiitb i'., System «lw¡ knthoHsih<-n Kirelu-nivclits mit b«»*onderer Rttckalcht
au f DoutNchland, 3 Voti. Berlin 1X00-18S3.
lliri.KH Dr. uml P ro f.. I»le clirlstllehi- (iewhleht'iauffawunK. VerelnsHclirlft der
G«irre*-G»sell8cbatt zur Filose <ler W issenscbaft hii kutliolìsi'licii IH-utsch-
land. Kiiln 1SS4.
Illxtotre lltté ra lre de la Frunce. T. X X IV . I ’a ris 1882.
ItlHtorlacli-polltigche Bliittvr /(Ir dar kath«dl*che Hi-utsehlaml Voi. I. ss. Mlin-
«•ln-n 1838 !«.
I I iknch K., IHe Ausldldtimr der konslllaren Tlieorle lui 14 .tnlirli. (« Tllool.
Studien iler I<eo-4ieachicbtlieti » V i l i) . W ien 1903.
Hiukmasn J .. 1M«* Verehnniff luid Anbetung de» allerliell le se ti Snkramente«
des AMarn. «M-hicbtlich ilu rp —ti-tlt. Kein|iten 1M>7
IIh w m a .x .x l\. .Studicii zu Jxm.ii B a ttista A llerti« zchn IMlo berti «d e re aedlfl-
i-atoria ». P rankenben; I. S . lss3.
Iln r v u ix . W. v.. Forchungen zur CJewctalchte der kurlalen Ite barden. 2 volumi
(« Hitdlotbek de» Kul. preti»*«. IiM. In stim i* in Riuu >. V ii. 12" e 13*).
Boni 11*11
llü n .n Ruprecht vini der Pfalz, itcnannt <'lem.. rTmdwIior K«">ul«. 1400-1-110.
Frellrarx •- Hr. 3801.
I l" * i i r ( K aisertnm und Papsttum. Kln Iteli n i « zur Pbllosopblc d er <}«••
■ clik *te . l'r a « 1*02.
H«>n.ER Au* Avlmion. F ra « 1808.
Hon.ES P„ Anua vihi I.uxemlmn!. K aiser K arl» IV. Toohter. K <•111c Kl«-har«l* l i .
Oemablln. Koniicln von Knftand, 1382-13W. in Iienkiu-hriftcn der kalm-r-
lieheu Akadeude der Wl"nen»chaften. pllllo|ihlscb-hlKt«>r. Klaiwe. XX. 89-MO,
Wlen ISTI.
Ili r u s C. v„ Die avIgni*ne¿dM'lieti P8|i*te, Ilire MactitOlile uml Ibr l'ntiTican*.
i» Almanaeh der kalsorll«-li«-ii Akaib-mii- der Wiiwoiawbsften. Ann. X X I,
1«. 211 a 3SR. Wlen ISTI.
Il"* u n ('. v.. IHe rnnianlw-he WHt uml Ihr Ver h i Itala zu «leu IM a m ld m o ih»
M lttelalti-r* Wlen 1KJ8.
H iir t n (\ v.. Ihni Rodrigo de B o rja ( Paput A lesandrr V I.) und orino Sfiline,
I*«m IVilrti I. ii Ik. eruter. und IHm Jiia o . i «HI« t Hi t » « vi# dom ila «un
«to-tu llau«e Horja fa Helikachrlfton der W iener Akaitemle X X X V II. d frlT l.
Wlon 1KNJI.
•Im i m in ili J.. Ili«- ¡rn-ttorianlsclM- F srte l. Siici «m im i and «la» K o n U lW if Kon-
*11. (1*1**.). Frollili re Itilo. (Anche In « Rr>m Qua Ha Uà-tiri« » X X III flt«>»l.
tiem-h 120-105: X X IV Í 11*101. Orarti. M V , 121140».
Ilau.w nrK I.. I ht A|**toti*«hc Stnbl and Rom. Fine Fnt«-r«ichun* (Hx-r «Ile
n«-litllHn‘ NnUir «ler WrtdmHinif «le» P rim ati« mit «W-r K n W Romana
Maina lHflCi
HdUUPno. H.. llan«II>u<-b «ler ile-w-blelit«- de» Franzlskam-roribii««. Freiburg
IW».
H orr 01, (iiiectii-olam l im M ittelalter uml In «ler X m a -lt, ( AII**tn. Kncyklo-
I*«lle. tu rali«* von F a m a ami Os c h o m 1* •»•*li>m- Voi. I.X X X V I. I*l|>*ijc
uas.
Il« '« ** A™ ftew iiirbte **e-4i-rn-lclM. Voi. I l e 111. lintha IV & W ffl,
•Il xi-ia H . IHe konutanirr K«-formatli*> uml «Me Kunkunlal«- v i* 14Ih. I«eip-
*1« 1VH
Hrnarra ,fc.. Mixte-Quint. T . 1. Parto« 1W0.
Hi n w n f». Kaapnr Kcbllk al» K aoxler Ftiedrlrb« 111., la « AliUeiluiweii
de» lavtitat.« ffir Anterrek-hlsrlH- <w-««-tal«~btj«f<in«r-bun< ». S* rol. *ot>|»l«-m.
*1911». XtS~M0.
J w '»> K.. Mtadira «ber I*n|«4 Ileaedikt X I 1. (3*. Iie*.«*nUT 1334 M« 25. Aprii
1342). Berlin. 1910.
l.Xxvin Tilolo cotnplcto doli«- opere ripetutamentc citnM.

Jo m lt.. l>lc Wahl Crbaus VI. 1378 ( « Ilallini-be BcitrUge zur Gtwchichts-
fo rch tU fen ». editi da I jx iin k b , fase. 2*). H alle 1SJJ2.
J acohis r m i i i et m R iiu ,<>\ias , Supplementum Chronica mm. Venetil» 1513.
(Non es*• ihSimuI « x n u llllle «ju«**ta edlzlone, cito seeundo la verslone itailaiui
useila tatrlmenli a Veneria nel iri20).
JXoK* Auurar, IX-r S treit des K ardinals Nikolaus von Cusa m it dem Herzoge
Siegmand von O M terrd d i als G rafen von T irol. E in Bruchstück aus den
Kümpfen der weltlichen and kirchlichen Gewalt nach dem Konzilium von
Basel. 2 voll. Innsbruck 1801.
Jahrbuch. historisches, d er fiü rn n fie«>lt»cliaft, redigiert von IlCrrKa. Guamk-ii.
G u i 'I B , I'm ti« . Heilxl'Mut, ece. 1 m. Münster e München 1S80 an.
Jahrbuch <U-r königlich preusslaclH-n Kunstsammlungen. Vol. I ss. B erlin 1880 m .
J* x m H lir x H.. Ule (^ w llw h a ft der lb-nulssance in Hallen und die Kunst
Vinr VnrtriUce. Stuftenrt 1870.
J ami A. <», IHe katolisclicn Mlaalonen ln Indien, China und Japan. Ihn* O r­
ganisation und das portugiesische I’atronat voiu 15. bla lnri 18. Jahrh.
Padcrttorn 1915.
J U U » M.. I*aj»t Itontftitlus IX. (1389-1404) und aelno B»-Ziehungen zur deut-
srheii Krtvlx-. (« Studien und 1 >nStellungen aus dem (W iW e «k r Ge-
mli lebte», I I I . 3-4>. Krethurg 1004.
JAX*>a K.. Geschichte der Bischöfe von R«>genshurg. Vol. I I I . Hegenalrurg 1888.
J aKM»'* J uii . Fran k fu rt* J(clchskorrix||Ktndena nebst ändern verwandten
AktenstQcken von 137« bla 1510. 1‘riinn sezlone del aecoodo vol. (1440-1488)
Fm ttmrg I. Br. 1888.
J im i«i:i Ja n .. Ilolinn-rs I elien. B riefe und kleinere Schriften. 3 voll. lYi-lbung
t Hr. 188«.
J a s s s k * Jan.. Gcn-hU-hte des dänischen Volkes sein <V-m Ausgang de* Mittel-
alter». Vol. I. 17 «i IS c<l. a cura iM I». Pauto«. Krelburg L B r. 1897.
J a b v » (Döujoiogft. I I m i » *• a llr il, Der Papst und «las Konzil. Kine w eiter aua-
gefUhrte und mit «hin Quellennachweis versehene Neubearbeitung «ler ln
der Augsburger Allg. /eitu n g ' erschienenen A rtik el: ' Ihis Konzil und die
« n v iltr ta p r ig l-*4t5i.
J u x 1‘a.. Hie Bedeutung des Papsttum s und I « m X I I I . fü r die Kunst. Vor­
trag. stani|*to nel .Vaterland’ «II Vienna 1887. n.r» 344.
JlMtu'KK 0 , 4er Kerbe*. 2* vol.. 1* metik (« Allgemeine M anien
geschieht»». I* aecione, cipcra 38*). Gotha 1918.
I ln tv , r. A o r . « S vi.v ii . Hist. Frfcl. I I I .
U K i n PC u TV *n P„ t r i oriffim’t dt la r * form t. Volume I « : /.« tYunce
moderne. V A ? : U R f U m calholiqur. I m eriar rt I« RenaUtanre. Paria
IMS* lux*
h n j u m Strjr.. IHarlo ilelia r it t * dt Homa. M r u m n . Script. I I I 1 1111-122.
Medlolanl 1734. Nuov. ed. «li ThMMAsm. H i m 1*W.
I m u n n i Giosia. Slorla letterarla d’H alia. II Risorgimento P arte I. II sc-
rolo i t . Milano 187K
J n « i i m * n n P.. Gregur lieimburg. I iils to r AMwndlungrn au s dem Müi»nb«wr
hlstnr. S. sn Ina r. berausg. von H a n n , und G u r m . lie ft I). Hamberg
1901.
Jc u s x ta G. C m .. SrrSptncM iw um MogxjntU-anini 3 roll. Pranrof. 1723-1727.
J « » > N N«*m «Pt e v traits pnur »errtr & f h i g d t t dos rr o is K ia l au I V r iM f .
S « ,* » le •*r iv P arts isao.
J » » N O v b l d i l e des oim anisrben Belebe*. Narb den Q o r lln dargrstellt-
Vol 1* (Uno al 1451); vol. 2* (flno a l 1538). (< Allgemeine Htaatenge
s rh k b te >. I* seziooe; 37*). Gotha 1908. 1WO
J r » ..m v v » t u Zur Gesrbtrhtv der englisrbrn KirrbenpwllUk v .« 13MM413
IMuKIK rwUbar# 1915.
Titolo completo delle opere ripetutamente citate. i.x x ix

l»i..rla Bresciana ( Memorie iK*l 1«- guerre contra la Signoria «li Venesla dal­
la imo 14.'17 sino a l 1-K18 di C ristoforo da S oumi B r esc ian o ). M vratoui
Script X X I. 780-014.
littoria «U la . d i t i «li Chiu*l in Toscana di Mi-ss. Jaoomo C o ri d a Skpìaxonoa.
T a rtistv ii. Script. I, 870-1124. Fiorentine 1 7 -1 8 .
K am p i n X. C. v a x , tJew-hlchto «ler Xie<lorlande. Vol. ;I : Von den illtosten Zeiten
W * m m Jalire 1000. H um bu rg 1831.
K o n im F., P ie «kutsche Kal*>erldee ln Prophetie und Sage. 2 ed. München
1MW1.
K * mi-*i u n / n : F. W ., Zur C<>!««-hk-hte d«w M ittelalters. I>rvl Vortrilge. Bonn 1804.
K «M T » F. W.. M arkgraf Alhrecht Achilles von Brandenburg. B u rg graf von
Nürnberg. E in Z elt — und Ix-tiensWUl. Vol. 1* («Q uellen und rnterm i-
«-limurou zur Ce«chk-hte «Ick Haus*-* HolicnzolU-rn>. vol. 10). Berlin 1011.
K.unuvu St.. I I 11 neu rin «llplonuittca temporibus Matthine «le Hunyad. I'a n « II.
VlmlolKaiae 1771.
K >»i « K , I ins «|i<ite M ittelalter. ( Weltgeschichte in gt-tm-lnverMÜliHlllchcr
Darstellung, hrsg. von I ,lfDO M oritz II vrtu amx , vol. 5*). Cot Im 1021.
Katholik. «ler, Zeitschrift fü r kath. W lssenscim ft und k irchlich«* I d w n .
Ann. I « . Ktrasaburg e Malnr. 1820 «s
K i r n » S t k t o , Hist orla r r lllm r w n n Hungnria«* stirili« mlxtm*. Tum. V I. Or-
<Hne X I I I . F a r » II (1448-145«). I W I n i 1780.
K A IriiA X ü O., IMe C«wchk-hte «ler dentachen I 'lir e lM t lt a o . 2 voll. StilMenrt
1888 e 1800.
K u s f r F r., Fa|wt Nikolaus V. (1M7-14.Y>i und das Vordringen der Türken. 1«
lllstor. Jahrbm-h d er (*örr«s*-<Jeael isrha/t V I, 3H8ZI1. Mflnebea 188.V
K o i r v * * * K., Frankreichs Innen* Kirclienpolttik von <Ut W a h l C lo m n u ' V I I .
und ditn Beginn «hu griswcln Schismas bis mm l'lsnner Kmixll uml di r
W ah l A lexanders V. 1378-1409 Jena 1890.
Krim 1 M1.1 » F. A.. iin r h liiii«! «k«s Benisllktlncretlft* Melk In Nkslerft*l«*rn,l«’h.
seiner I M li n n g F n uml l'm gebungen. Vol. I. W ien 18*17.
K i.u ittk * A . M.. Flav io Blando V erM lU il* m Pnjwt Eugen IV ., I» J a brin­
ilerieht des «L ittaat»gj-mna*lum « Im ft lleulrk von Wien. Wien I W .
K o n « F., I Fnrträlsanvnbm g «len ErzherxoK» IV nlln an d von Ttnd. I » Jahr
h w h «b*r kunsthlst. Sammlungen « I n a lk rh . Kal*»-rhmi*c* X V II, 101a«.
WJrn 180*1.
Kraw iiHAi utJi A., OeachW-bte des deutarhen Xathwalhowplae» .Anima' In Itimi
N(u-h aut hentiar-ben. bisher uiibenutRlen Q uell™ . W ie n 1888.
Kk v h s ix . I l n u i i j s . IH f puliUarlie Strllnn der Ili-lHunstildti-, m it b«»M>o<kTer
Berflcksk-htlgung Ihrer K«-k-h»»tand*chaft unter König Frk-drlch I I I . 14-Mt
IC.7 l i i w T t n i i 'W Inaugurai«- B erline««. B«mn 18*5.
K l » * n . O., Kunst und K fln»lh-r am idpstlk-hen Ilfl<c In «ler Zelt «k*r Frtlh lt«-
iu»|««aii.',-. in lt4-ilang>-n della A u g «b u rg er Allgem . Z«-llnng‘ 1870. Oft ’juo,
»*2 . 203. SM . 305, 2n», 210
Kin-benlexlkao i*le r Earjrklnp*die der katbol Tln-ob«i«- uml Ihrer llilfsw lw st)
*rh*ft«-n. h r n o a M e t a i von II J W o n a und B. W n .m 12 Voll. Frei-
bur* IÄ47-18M. 2* ed.. Iwawineo van K u » . F. l l a s m i i i n i r i . fort«e»eu«
»00 F . K a u m . 12 van. I W I w j I. B r 18K2-10U1.
K irsch J F., Irte Rückkehr der l l p s t e C l i M .V und Gregor XI. von Avignon
narb Rom. Anaufip au» deo K am eralregM ern de* Vatlkanlarhen Archiv»
(Quellen und F o c a rb u w n aoa «lem IW iM e «ler CeacMclitc. berauaa. von
«ler Q i r m 4 i < « l l « r t i f t ) . Paiiertwcn I S » .
ÜUM V , (¡earbk-hte Rosmleiw von «len ilt m t r a Zeiten b l« Rom V erfalle «le»
Königreiche*. Nach d o s Kroattarteo von Or. Iva » vcct Bo* »M it . J*ip
dg Iv o .
U lI Titolo compiuto delle opero ripetutamente citate.

K i.t'erfu , Kmgixb., Vetun bibliotheca « 'd e sia stic a . Vol. I. pars i»ri»r. Frilm ivi
Rrlaifovlae 1780.
K » x > A . IHe KnWU-hiinK «1er kintalllaren Thi-orle. Zar G esehlcbte des Schis­
m a* unii »1er klrvhen|K>lltl*chen H chriftateller Ki>nrn<l v«m M n l u u M
( f 1 .W ) unii Heinrich von l.niip'iw tein ( t 1381). Rom 1893.
Koctt. Sanctlo prnicmHtlca (iermiinoniin. Artrentoratl 17MI.
T h.. 1He «leutuche A uitnilIncrkoogreiatbm unti Johann v«m Staupitz
Kln Iteltrai: «tir Onlen*- limi Refom iu t li>ii»ise*teliichte. tìotlm 1H79.
K oixab f . MoniuiH-ntnruin omnls nevi tinnlecta. Vienmie 1761.
Kò.xtn K-, Kar«llnal (Slortlnno Orsini ( f 1Visi. Kln I-elx-tisblhl uhm (1er Steli
«1er e r o w n KottyJIlcn unti (les IIumanismi)*. («Stiv iteli uml IHimteltunKvn
ana lU'iii (M itote (U»r 0« M liirh te > , vol. 1*). Frellm rg 1806.
Koartxu G.. <i«*sichlehte «k>r U t ter» tu r Italien» im Z cltalter ik*r Kciuiitwancc.
Vol. I : IV Irareo* I-elicli unii W erk e; Vol. I I : B ocracclo* Ix*t>eu unii
W erke: Voi. I l i : Ole Annidile «1er Rena lanance-I.it teratu r In Italien.
I* liait«*: Klnleltung. Ole Vorlftufer i Ut ItennlsxHi.i'o — «Ile Iteirrdmler
■Ut Rana In an e*. U>I|«1k 187*-1HR1.
Kor/«i-HKr, Rupmrbt vnn iler P falz unii «la* Konr.il xu iIMsa. Jen a lxlHI.
K u i a K. X . I/chrhuch «UT KlrcheiiKcschlchte fiir Studleremle. 2* ed. T rier
1882.
K m * K. X., Framw«-o P etrarca In sclnetn B riefu w lw el, • » Dentadle Rumi-
M'hau. Vol. K* e « i B erlín l«KWU»e.
K m » F. X.. Oante. }M n l/ol>en uml «cine W erke. Hein V«*rbBltnU *u r Kunst
il ml « i r Polltlk. IW>rliii 1X117.
K w t i Fa. X., <¡«*whk-htc, ik*r chrlstllchen Kunst. Vol. I I : Ole Knnst «k"* NHt-
leinlu-r*, «1er Rena hua nce uml d K N c w l t 1* se*. : M lttelalter. Krelburg I.
Br. Isî»7 2* K l : ltenalssanix1 uml Ncuxclt. 1* metà Ivi 190(1.
K a r t » t'.. Acta t'rbanl VI et B o nlfacll IX Puntlticum Ronianorum. l’a rte I :
ISTft-UBM; P arte 11: 13W7J-404. (< Monumenta Vaticana ì w K»*ta* Bohe­
mien* illustrant la ». tomo V, part«' I* e 2*). P rasae 11*«. lU(k',
Ka( uta G., Haniltmch «1er K1 rcher gow-hlchte filr Studi reo«k\ p a rte : Om
M lttelalter. hrarheltet vun O. F i c c a unti G. I I u v d j m i Tlllttiua-n 1012.
F. v„ I laudimeli «1er Ucm-hlchtc O pstcnvlch*. Vol. 1!. lleriln 1877.
Kat u m ilila K.. (»oachlohte «1er b.vwtntlniachen I Jtte r a tu r 2* « I .. l» a rt*'IM
untcr Mitwlrkunx von A. Kiiniiabo und II. ( i n ^ i * . MQncben Issi7.
Ki r n m » » I». Ole KAni|>fe In s a n i» mi! den Onmanrn bl* *u r Sehlacht bel
MObAc* i s s i Wlen uml I>-l|iBlg 1HII6.
I.viuu P h.. Sacri isum-ta Concilia. 21 v«»Il. Vend, 1728-17X1.
I.w .ia O a. IHe Alltel G o n e In Ixithrinicen. Urtimi 1SKI,
I jt u t r » Ion., catalo su s cihI ìi'Uiii manoacrlptonun. «iul In Wbllothpca lU«-cnr-
«llana n a m it l M adservantur. litu i roi 17**1.
U u m u I I . Anaclrstn Romana K liVhenR»>i«chScht lk~he Furerhungen In rft-
mlm-brn HtMiothck.-n und Archlvrn. Ulne l*rnk»ctarlft. ScbaflTIiauwn WH.
U n a n 11.. Zur K trcbetarw liich te «le» 1«. uml 17. Jab rb u m krta. Freiburg I.
Rr. m
I .» s c u s i R.. Tbe ruin* and excavation* of ancien! lUane Ix*wh«i 1*®7.
l i s e u s i R . Storta «V ili « i v i di Roma. Vot. 1* (lOOttlMO). lUana 1WÜ
I o » » A . H rltrige tu r Kln-tiengvschlchtr iter Slelprm arlt und Ibrrr Nachliar-
U w V m a i » rr«ui*rhni Archiven. O ra» l " W
U v e c i f H i s ( I I kbm . m Huu»t»). Ine«liliun r a m n antiquata prò pace In «lu«si
|untlAm* Avintone el llmnae *imul «eden!«**, islll. a b l i n a . ». » il u w .
171S,
IJU II. ( k Hist »ketch irf «a.-rnl c e lllw .j 3* « l it JBa*t«a> 1S»M.
I j u 11. t 'a . A hUlorly o f thè Im|uUitli« of Ibe mkKüe a * « . 3 volL New York
I1SST1.
Titolo completo delle opere ripetutamente citate. LXXXt

Ijka ii. A U n ta r; i>f iiurlctiLur « m M o n . 3 voli. Pliila<lel|iliiii 1MNK


I j i i i i j » (Jottiiabu. .1olin 11ii vini W ielif and «Ile Vorgracliiciite der I{«'fumili-
Iloti. 2 voli. Ix4|>7Jk 1S73.
Lmviy m: i-A Maki hk A.. Le roi R «n f. Su vie, non udmiiiM ruttimi. ¡**<k truvaux
arlÌKti<|iieH <■( lllté ra lre * «l'apri»» l<-s doeiimeiits inédit» «le» aivlilves de
K raani e t «i'itulle. 2 voli. P ari» 187A-
I.IJ 11 mn S t., Dei" H|Miiiiai-lie Kardinal Johann voti Tonine nimbi. selli U-lien unii
•••In«- tV hrlften. Uekriint«* ¡l’reixxehrlfl. iPndlmrg I. Kr. ISTI».
I j i i m k k t M„ H okatii Koma.m lV m irln «eli ile eonlnratlom- Nt«i>liiinl P-avaril
ruriiKH. nu li a llis eliKaUiii <|iiae Invenirl |iolix>ruut eannlnlliiw. A«ivdit
F r u ì ih: ( ìodik Vf«w tini IV «»miurutlnne P om trin iliiiloiru» e «»alice va­
ticano eriKilx. I.I|tslae 1907.
I 4 m u , Serliiti re« irru in Kriitniviceiisiiiin. I lati noverai* 1707.
Ij vw i « k lk. Nieiler-cielislselie Kranxl>*kituerkl<Wter Ini M ltlelnJter lVItriiK ¡tur
Kireheii- inni Knllurs«'M-lii«IUe. Illlde-iieiiu IK9H.
I j « ì M., Houli; Sltfism uml timi lle ln r le li der Kflufte von tCngiaud. Kln lleitrai:
m r (¡iwcliiclite «ler Z eli ti«-« Koit»lanzer Koudl*. Iterllii 1K74.
!.»>/. M.. I>n-i T rak tate au» «lem SelirlfteiieyklUK <l«w Konatanxer Kntixll» M ar­
ini iy IS7II.
!•“ ' II., (kneliielit«- von I(alien. I'a rle 3* e 4*. Ilanilmrg I»¡SI-1830.
l-»-o II.. l ’n lv rn n lp 'K 'b lrM r. Voi. II. die (I chtIi VIi Ic il«** Mlttelnlter» eli!lialletnl.
-1* «il. r ifa tta . Ila IV ls.1l.
A., l*n |>a AI«*MHaii<lro V I wm nilii <l<«ninenti e «■art circi ilei I •'n1 1 ■
V.*. I. Ito lo X M ISSI».
I f r iX o i» II i .mci ( iik). I-e miuvw DfUwm «1»*« |»il«-» et 4en revolution* dnu» V*
H at» iU* r e s il i » d'aprì-v !«•» doellliielll« autlM*ntl<|n<*M ev irali» «le» Archivi*»
■ t t M i » «III Valiean «•( a ili re» wmn-ea Italienne«. l ’ari» I siiti.
I*"tlera «VI Venera Mie Maestro I.i loi Mabmii-i contro i vlxj <Vlla corte del
l'a|«i. Tento ili Unirmi ora ridotto alla «ua vero legione, (¡«-nova 1sóli,
l ^ ie r i- «Il S«MT'A.XTti.'iijio art*lvew»v» di Kln*nw\ Kirenw 1850.
Ijta-r •-oufmlcriillati« It. Marine «V Anima Teutonioiriim «V i rla*, «pieni remili
germanica rum m lliflliu » offertiti! naivriM in »««II» T rainatene It -Marine
•V Anima I rU » In anni « r r l evenni 1« memoriali!. Itianae 1K75.
l.N H*nwMKY K. M.. (¡CM-tilctite d i» ilaiiw-» llnlwliurs. l’arte «1*: Voti 11«-riunì
Kri<«lrleli« Wahl nim n’itulwiteti Kónlg liU mi Kòuitf IjidWIuu*' Tilde.
WVn ls | 2.
I.n JJt W . H„ R c iu i» a n n > Tjf|m . I/hmIoh 1901.
l-iadmrser t'bronikei»: IVubarhe t'm olk eo ilixl antU-re lin r h k ’tiM ilIrliiT «V«
Mltielaller». H**niumc»*«clieii von der 4V»cl lactuift filr Hltere defltachr 0**-
« tld u a k u m if. Prima w ilm r «lei IV volume. Itannover 1 W .
I.IXMKIK J „ l’a n u M » forh<4d III 1 •anmarck un*ler kmutertn- Kr 1*1 leni I |<
Man». ( '<j|*-nhn£en 19117.
••»»nrm T u , i t r a blrtilr «le» ileatM-bea K rlrlm vom Knde de» 14. Jahrlm niV rl ■
M» « i r Iteformnllon Krale Atrfrtlunc Voi. I-II. Hraun»rlnrei|t IK7.V1KS0.
U»n»Ka T h „ Paiwt l'rtian VI . in Z rit-rliriri filr KlrrtH niW ^illellte di Itali
« * * I I I . KX»4^>. S B 4 W . (M b a UCS.
•■*»*.»«■ J«>n>. A III»tory o f lin ci» nd frooi Ila* dr»t Inra»lon l»jr thè lloinan».
VoL •»*. 1-.in.lon IS3S.
•■(«»nm » J .. t l ir iteform alion der we*tfaliwh<-n Iiene«likllnerklò»tpr im 1S.
JalirfaumVrt d a n ti d ir K a n frM r r K<antre«all<ia. Im Htndlen limi Mlllel-
lu n v o i l » dea» IteoedlktlMT- und ( M m V » » t n n l n i . Ann. an. 21 e 22
HrOan N u itati.
, J r »» P - Pani lei V ir lr b ii Italiane. IH«|* 1 1 * 0 Milano e Torino IS IU S H I.
*J “ eralurW al|. T M m l a k n . la V(|M d(ÌU | mil iV r kaM U rli IbeiitaKlacbro

I n U t r*pi, L f
l.X X X II Titolo completo delle opero ripetutamente citate.

Knknltat inni iinter Mllivlrkunic vleler Celelirten liernuag. von Prof. Dr.
P. II. Ito m e li. Ann. I-X II. Homi ÌSIWVISTÌ.
I/OI'KX. Ih- rebus gcstla S. It. 1'.. oardlnalU 4'jirvaJall» com mcntarlil*. Itomne
1745.
l.otti:sv ti.. I’u|attwalil limi Kalserttim . Klne hliitorlwho Slm ile «n s <U>m Staat.»
iinil Klretienreelit. Berlin 1S7-4.
l.oKt.s/. U , Itftitw tilaitd* iìesolilolitwilielleii im M iltelalU-r «elt iler S litte «I«“-
13 JalirliuiHlertN. Va». II. 2* rifatta. Merlili 1*77.
I.OMI.HTH K„ B ell rii gè xur O o n 'liM I« d«r hmdt lachcn BewvKiinic. I l i : Der Trae
talli» <U< longevo -«-titxmatc <Ioh Alile* I.iulolf von S a la li. In Arehiv. filr
ftMerr. (ietw-h. I.X . M8-M11. Wieti ISSO.
I.o-o htii P.. Hlmli«-n xur Klrcheiipolltlk Kimliiixls im 14. Jnlirliu m leil. Prima
imrte : Iti» min AoabriM'h il««* gnwwn Schisma.» (I37S). Wlen 1S97.
1«itimi p. p„ Sunti Hnir<<|<i.»toliirlo e le trmliizloiil <11 I j i ) m> ila Oi«tli:lioiielilo
Junior«-, in « StiuH Itiillnnl «Il filologia e lam ica» V II (IS1H*). 306-20».
I .l 'l .v b J.. PH|>«tllelie W iihlknpltiilatloncii. Kin Iteli rat; xur Kntwieklniixs
« rw liH itr il«« Kantiiialnt». In < Qoellen iiimì KorweltuuKeo bus Ital. Ar
diiven uml H ltillothfken> M I (100»>. 212-2SR.
I.t’ sii. f i la i ut., l'odev Italia«- dlplomat Icum . 4 voli. Kraneofnrt i 172ò-I7'.<2.
I.tlfsuw K v„ |ile Kiin»t.*chntw- Italb-ii» In ic<-«icTa'|itil»*-li-lil><tt»rÌ!«elt«-r l'elter
«U-lit is«-*-hll«lcrt. Stiittinirt 1SS7.
'I n » « i F i , Uh m Kapltel tlber frele Klit-he nini 0«*wl»*<-n«frolhHt. 4!raz
1S7H
U ir t l'U T filler ilie rflmlarh-katlioUacbe Klrche. IW»rU-ltet von T h. CailinOMril.
2* «»I. Frankfurt a. M. 1S70.
U m m « 4*.. I Visconti e eli Sforza m-i fr a te llo «It fa « la e loro aitinoli»- «-»ni
la 4Vrt«na e la Storia cltta«limi. 2 voli. iss a .
M utSix, lllstolrv <ri rt>alu V et «le -»ni d M r «l'upn-» Un naintiarrit* «hi Vatl-
can. 2* ed. l’ari« 1S4J3.
iMvl A.l. spletleifiiiiii Itoiiinmilil T. I-X. lio|im«> ls3M-lv#4.
.VIiKt'srKY V„ lll«tori«clie rntcrsuchunm -n tibrr «tic Sla««n In Alitatigli wiUiren I
ti«-» M¡Itela Iter*. U*ari«-linu 1S71 (In russo).
'I m i w n V.. Monumenta hl»tori«-a S lavorimi merliHonalium vlclnoninn|iie |h>
pniorìini e tabularli* et tillilloth«s4* Italia«- «W-|irom|t4a r t f . T . I. Voi. I :
Ancona. Mommia. Pion-ntla. Voi. II. Varw irtae Is74-1»'CI
M ti o.oi « I ' i i i a lt. ll« vita e «Mie opere di Antonio Pressi «M in <N*lro Stilili
e riderelle. Itoiociia 1S7S.
M u w oM lU aut. I.'A rcliivio di Stato in Bologna dalla ana Istituzione a tutto
U 1SS2. .Violi na 1S83.
Mu t i .u n 4».. Istoria «lei fa tti e guerre de' Sanrsi. P . I I I . «lai 141».' a l MBS.
Venezia 1Me.»
U i l i n i t n !>.. Annali Veneti dall'anno 14."»? al l.'aai orvilnall o l sMin-viati «lai
«enatore Fa.»scsjwst I i i k a in « Arvhlvln «torio) italian o » V II 1 e 2
Firenze 1M3.
M e scisi li., la 2* edilità»-, im i della Vita «Il tjetm B a llista Alberti.
\l a m i s i tj„ Vita «li I zh.ii BatU .tn A lberti. Firenze ISJC.
V U scisi l i . v ita «li Utrenz» Valla. Firenze 1»M1
i l u z i u u M.. Pietro Vitali e«l un tltsmiMenl» Inedito rlcu ird an tc la « to rli di
KtMna l« n x ln SVI film ilo Konia t » 7 .
M v srrri 4 - Vita X lro lal V »unitili |»>ntitW-it ex n n i v r r i l t i i cndlcs» Fiorentino,
•a vii u i t w . i«crt|it I I I t n m n Meridiani ITA«
D i s t a i v i 4'.. Storia «Iella mar'.na Italiana «bilia riHlala «Il «VNtantliHi|«4i alla
tsillactla «U 1«-|anl<> llonia I t i i .
M vssi |i. ) | . |*|urta «tetti anni nauti «lai torvi priartpta im i al |>rrsenle Marta.
Titolo completo delle opere ripetutamente citate. LXXXltt

(■ratta in «rati parte da i|tn-lin del I ’. !.. F. T oumaro Maria A i .kam del
l'ordine de' il'red len tori). Firenze 1750.
Mm i i . tSocroriim ('nuclliorum uova et amplissima col In i lo. T . X X IX . Velie-
t il* 17xx.
\Ia.v /i ( ì . . T e n t i d i lim o n i I n e d it i ( r a t t i d a ' r o d ic i d e lla b ib lio t e c a V a tic a n a .
limila l x l t t i
M a n n a : V., S critti varll. Seconda ed Ir.. voli. Firenze l.XdO.
U tw u iM 1’ . V in c e n zo , Memorie del p io Insigni 1littori. Scultori c A rchitetti
Domenicani. Quarta «Wzlom- aiirrexriula e miglloriitii. J voli. Mobiglia
1x7x 1* 71».
M«ro x k K., A ntcll der Minoreten am Kami fé zvvlsrlien Kiinlg l.ttdwig IV,
vou Hayeru timi Paint Johann X X II. hi« ziini Ja lire l.'RJK. Kmmcrlch 1x74.
'U w. rvk J „ K lrche nnd .Sklaverei «eli Kntdocktiiig Anierlka«. Tllblngen 1X05.
VI ««ini (¡a kt.. Itegli arch iatri Pontifici. Voi. I. II. Konia 17H4.
MuMciu>' II., l'e b e r ila« Verhilltni« des K¡¡nli:« (Icori; voli Itohnicn zìi Pillisi
Piti« 11. 1 1.Vs 1402, in Jahivaberk-ht de« kiiutgcl. Frled rlcbiMìy mtiaalum zìi
ltr»-«lan l««7.
'l'it r t jiK ( Kiiu i m iii, The.«anni« dov. n n e c d o to ru u i c o m p lw te n ti re g im i ite p r i n ­
c ip im i a llo r tin u in e v lr o r u m etc. f> v o li. I . n le lla e 1717.
IU ( t £ nk (K liut Nili) et 4 M ranii I ( ’MINI). Veleruui wrlptornm et monumeii
toriini lil»lnrlcornm. dogmathuruni. inora li uni min pii ««Ima eolleetlo. Il voli.
I* a r i«li« 1734-1733.
M ivtkxh J „ I ile lei r ie K a l*e rk ro iiitn g in H<«u. I/-i|>tl( limo.
'■»ancN* \V„ Irte Ilezlehtingen <h-r l'elu-rordnuiiK Xela-iiordiiiing timi l'titc r
■•rilming z»i«ctien KIrclM- limi Slnnl. lll«lori*cli krltlsche Interniti-liungcn
mlt Ite/.ne j,n f <ll«* klnlien|Militl«<’lM-n Fragen der (¡egcnwnrt Stuttgart
1*77.
U u n S o ii K.. Annali della Xceca ili Itoinn. t*rimilo V lilovnnnl X X III. Koiiin
1*17. Martlnn \‘ -Kugi-ulo IV, Ibid. ltlM , NlerolA V-Plo II, Ihfd. UHM
U»*u * \ t Kla vii Hi ondo, »-in lii-ben unii »-Ine Werke, l>clpzlg IxTIt.
^>•1 1 « A.. I e l« r die StellunK de* Kauialdiiiciiw r» Ambrogio T rnver*arl znni
P ai»! F.ugen IV. timi rum lta«b-r Konzll. IKiheln Ixxk
'•*» l.tm iK. i r . T tw n r de c b ro n u to g le d h l«lo rle «*t de gf«Nrraphlc. Paria IMMI
'* " w « l (!►«.. Sa m io «torieo-nnillni M ille |ie «llh-lize di Perugia e «ili governo
» a n d a rlo d i e««e d a l am ilo XIV «no ai giorni mwtri. Penuria l*CW.
'• " t * » . I'aou» ci H in iìh tto ih ( V*.a t a t l n , Il Memoriale ili -, a i-ura di
Fr. I«olili, i i m » Muratori. Ser1|it.. nuova edizione. X X IV 2. « I li * di ('»•
••elio 1111(1. HI-100.
^»»».ait. l 'n e rébalillitallon irAIcvandn- VI. ih B r t n r ile« i|Oe«t liUl T . IX.
R « a ; « , l'a ri* 1x70.
'• » m t it r Mmh ij£ ( ‘u n i » u . U |mnv«lr letnpurel <>•*« |«i|«-* Jn«tin/- par
lltiitiiln - rtm ie «iir l'origine. l'exenrlne et l'Inllueni-e «le ta nouveralnet/*
t«ailn rale. P a ri* IMR.
'**i i « t . K . I*-« Ju lf« dan* Ir* (;tal> francai« <lu Kalnl-Hlfcge. Ituriimi-nt* |*iur
• rv Ir | I hlMoire de* l« r» *lltr* et de 1» l ’a | a a l f l'aria IR««.
U A i a m i , , « * , Stndien unii Kklm ni « i r (iew blrble der KcformallonMielt
l*-i|aUg 1X74.
'•ino |»^ |t| Kainaidn I tr in r a n in (O rdinale e <11 o n o r a t o I. (ìa e ta n l. c« n te di
P«*dl. Hi una IM S
' * * » ' < M U JJ fi. M . (ili « T i l t o r i d itali» 2 voli. Hre -e ia 175» *.
' * ' * ' * 4*. Vita Ambrn*il T ra ver«« ri: (davanti a A nnu i* T a *v « *» « tt e|d-
Molae a 1*. t 't v v r m in Uhm* XX V Iriliotaei Fiorentine 175#.
K la-t*-n«l»'«rbrribangm herdbmler Mfintter au« ilrn Z rllm <ler Wlr-
deflM-r«iel|unc der W la a m v te rim . Voli. II. SUIrlcb 171«.
'*‘ * * » 1 » d'arrM olo«te et ilU ilu r lr (C ralr franral««- de lt o m e i. fa r i» l * l i aa.
I. XXXIV Titolo cúmplelo dell« operi* ripetutamente citate.

Mk ix M„ E h m Silvio l ’Iecolninliil. B rlefe. l.'eberaetit und eingelcltet von M. M


( Daii Zeitalter der Iti-nu Intuii ce, hr*K. von Makik I I hkzhu.ii, 1* serie, vu
lume 3*). Jena 1011.
Mksckkx ]. II., flcri|rton*a rerum (¡ermunleiiniin praeelpue Susonlcarnm . l.i
■■»li» 1730.
M m /i l K A.. Die (iew hlchte iler Deutschen. Voli. V. VI e V II. Brealan lNlii
Il ISO.
M m in , K.. Kurfllrst Friedrich der Sie«rciche von der l ’falx. Xacli «etnea
Bexlchuniccn xum Uriche unii xur Itelclm reform in deu Juliren H W -llW
ilar*i-«irllt. Dissertazione Inaugurale. Mllneheu 18(11.
U ri ngHM I. (¡»su., ( '■lereiumi la Ila elcct Ionia et coronatloula |MinlltleU Romani
et caeremonlnle cpiacoportini liixtn prima. genuina ac rarissim a uxeniplnrlti
Itomami. Veneta ae Tnurliieiisln rum llgurls necessarlla ima cuiu cu rio »’
drvreMit,! ile creatlone impae l'Il l i . etc. Krancofurtl 1732.
\l ili v o t i P. M.. littoria della ». p atriarcale B asilica Vaticana. 2 voli, itouui Isirr.
M n.sr, Dli-t lumia Ire ile« lìird lu aux. l ’aris 1S57.
M isiim B u s in tU v iU A >Sh ikìii ili ('odili* diplomatico form ato sulle antichi
*« riti lire ilcll'Archivio ili S tato ili Xapoll. Voi. II. iu rte prima che prlwlpi»
dal i l febbraio del l a unii l'JHtt e termina sul 1* lutclio l i;u . Napoli lJ>»7!*
Mi.sol a M . lai vita di iMnlTcn Veiflo, umanista lodlgiano. I amII 1H7IL
U i » t l<-, lai pollil<|tie |Hintliliale et k> retour du Saint•Sléjfe A Untile en 1370
P ari» I nWI.
Mlusdlauca Francescana di storia, di lettere, di a rti diretta dal S. 1*. M ieliti •
l’iU m l’ rUUSAXI. I ss. Foligno lVili.
Mlttellungen de» Inslituts fllr oslcrreirlilsrhe (iesrlilrht.sfnrrliuiig. fedlglert
von K. VII uuiAcium. Voi. ,1 » . Innsliruck lN 4i s s .
M ollica Jo n . Adam, Klrctr.-ugcschli-lilr. l|eruusKcgeW>u von l ’n a Boxi»-. ( ìam *
l i S. II. Voi. I l «• I I I Itiifl'tislmri; W U - 11MK
M o nna 1« Kar.linai Besaarinn ala Tlieoloice. Iliiniaulst uml Staalsinann
I* iu rte I Krt'lhurger Dlss.i. Pnderbon U d ì.
Mo i i s »t l i . ni-, Distorta sunimuruiu |»>nlItl.iini a M artino V. ad Itinoceii
lim a X I. flef ••orimi numliunala. I.titet. B!7V.
MoiJ. f f « Die «orreform alorlsehe Klrrhciiitvsehlrhte der Nlederlande. lH*nt«ch
hrarta-ilet Voli 1*. Z ffl-K E . scalone 2. I<ei|atig Ina«.'».
MoU . it ti.. I ì s l'a|a-« dA iIgnon i i;hir> I37.M. (a lllMlotbé<|ue de l'enaalgiieMcal
* > l'hU tolrr w rlf». a). 3* edlxlone. l ’a ris lid i.
M o s s i » M . IJltrralu n cew h lch te der Keual.saanrr v u o l>anle lila I.h I Im t
l«rut*eb.- An**ala* Nórdllngen li« » .
M o ssi»* |*tt.. la* (Juallrocrtilo. Rasai sur l'hlutolre l l l l i n l r r dn i r * »Urie. 2 voi*
l’a ria I 1WI.
M- s m » D. ti.. Die erste Konlrnverae llla*r ileo l'rsp rn n * «le* A|«*«tol!arheti
(¡Unl>m «i»-kruntnisv*. Ijm ren tln s Valla uml ila« Koaall mi Florrm . An*
♦lein IM tlw b re vrai A. M n n r la r a . Hot ha I W1.
t l .u r n i i o w B-. » . Dlarlum llallriim . P aria I7 lf-
M mumeala c o i» Mortimi p-neraliuni sarrnll deelatl Ijaln ll rillilrnint *'»rsarrar
Ara lim itar w-Imi la rum «nell delegali. I'«•«Hlltim lki«)lm i«> Srrliaurnm
l I H l i Vlndo*»«nae l .« 7 I.H73.
Monumenta Mancarla«* h M o rh a . Acta e ste ra . Voi. I I I . M aeyar Dtplmnandai
ItelH w k aa Aajoti KuriiAI Bnda|>e*t ISTft
Mnnnmenta hi <4or ira Sor. Je s « S . F ran risn t* Bontia P . I. M alritl WM
Moaaaraai (V, Miotolre ile r t 'n lr e n f l« de I ra ro rlr. M l l . l’aria l l u H W l
M o « v v m »sa A I*., I tr U m u M «od Knrfwrun* Koa«tantlaota*la darrh dW* Tflrken
la» Ja b r r llU t X arh den <irtatiiakjorllro ilarg***«rllt Stuttgart uml Aojr»
t « | 180«.
Titolo completo delle opere ripetutamente citate. i.xxxv

Giovani«! e 1. 10.v arim i O o n lch e pnl>l>l. ila F r. 1i.iikfu.nho ih S. L u m i


la I»elisie degli eruditi Toscani. T . X IX . Firenze 17hT>.
M o k ii’iu n i C a r i o L in c i. H e g il I s t it u t i d i c a r lt il p e r la KUKsistcii7.il e l'e d u c a -
z lo n e d e i |in v e r i e d e l p r ig io n ie r i in lio iu a . E d le. n o v is s im a . Ilo u m 1S70.
Mimmi ( ! . , I » h. A n t o n in o in r e la z io n e a lla r ifo r m a e a t t o lie a n e l t e e . x v d a n u o v i
d o c u m e n ti. F ir e n z e IMI!*.
M okuni <¡ a i t a n o . D iz io n a r io d i e r u d iz io n e s t o r lc o -e c c le s la s tlc a da Dan P ie tr o
sin o a i n o s tr i a d orili.111!» v id i. V e n e z ia 1MO-1K7I*.
Mostra «Iella città di lioina «Ila Esposizione di Torino ncU'iitino Is s i.
M oi i.ki. T». A.. 1le t iy s l e C h iir tr e u x l-K C -1471. M o n t r o u lls u r - M e r ISiHi.
't i r r n . V . Iteseli rcitium: iler S tailt Honi. bcrnusg. voti W. V out. Tiildnccn IK7<!.
Mi i i >** \V. J . M„ Ille lricli van Nlehelni. zljn c opvaltlui; vati hot <Vinci ile cn
zljne K roniek. Aiiistcrdniu 1!MI7.
MI i j i r iH-r K am pr l.u ilu lir s ile« Itnycru niIt ilcr rtttniachen Kurle. Ein
Iteitrac zur O csclilchte di-s 14. Julirnn<lertK. Voi. 1 : Ludwig der Bayer
unii .Intuititi X X I I . : Voi. I I : U i M i ! der Ita.rer, Itcncilikt X I I. unii <le-
mena VI. Tllliinip n IKTO-lMHft.
Mi m . » k t i . 1 Hx-unieiill nulle relazioni delle d ttit toscane eoU’O rlcnle crlatlano
e col Turchi tino all'anno u tixx xl. Firenzi- 1K71I.
V I 1.U * J . J , l i . s hciligcn Itàiinischen llclclie s Tw tlsclier Xation Itelchstajf*-
TlMiiIrtiiii nuter K eyw r Fried rich V. Ersi e r T eli. Jen a 1713.
Mi >T7. K.. L 'hcritnce de N icolas V, in tìnzette de*» Ih :iux arts. XV, 4 1 7 1 -1
Tarla 1X77
Vi »1» K., Is-s am-lcnne» laisili<|uc* et «'•iì IIkck de Itoine all xv* slóclc. 1’Brli* 1*77.
Mi «Ti K., U t A ris A la cour dea |>a|«-s laudimi le XV* el xvi* aitale. Recucli
de i|<M'iiiiicnl s Inedita tiri'** lira arehlves et «Ito bliillol tiaspics rollitiIiics
P remière pnrtlc. M arlin V P ie II. I417-1HVI. l'aria 187». («upplcm cntj nella
deii\ii>tnc imrlie. |s7». t'ita lo Ali Nr/ I e III.
Mi nt* K„ Ijcs PrAeursetira ile la Kenalaaancc. l'ari» et Uwdre» IHR2.
Vi » n i:.. I.ti KenaIssa ims- cn Halle et en Frane*- A Opoquc ih* <Ila rie» V ili
l’»rls MKS.
' I ' n t * K .. Ilislo irc de l'art |»-ndant la Kena fornace. T. I. f a r l a l* fc *
'•1 NT* E.. ì m tlan- poolideale alti vii* au X 'I* »leclc. fa r la 1W»7
'l i n t * H et F a h u : f .. I * ltildiolfc|nc dii Valicali au XV* «IW e d'aprea de»
dnninienla InAdi! s. ifa rla M I?.
Vi KtTnaira L io o v ir i» . Iterimi llallcam in arr1|itnrv» praecipul al* anno acm e
■hrU ilanac n ad un iinoriim |><tiwdtna |«ir» niinc prlniiini In Imeni prodi!
ex nalli-lltu« r lr . Mi K vnaura colleffit. ordinavi! eie. X X V III od i. In follo.
Mediolant 1731-1751.
Vi it t i* H.. Iln r h ir è le 4rr Ualrrri. Voi. 1* Itmiicm hU K »4 t é rr H< iw ìjM ik c.
ir iio ie in o .
F. imd U tM A m ia. Mi Ite II unirti au» «lem Arehlv ile» dcnl«eben S a
tW>naih<~|i4u-« S Maria dcirAnim a lo Itola 1 Kótnl«ehc g u * r u l ~ lirift 12* fa-
•eleni» «up|i4enientart-i. Rum K i t
'■ o « . » t a g l i T l-c r t* . I"Tonar* di Viteria», frm ia rh c e •latini della HllA ili
Viterbo. paliMicati n i Illustrati ila l u t t i « l ì i n n . Firenze 1K72.
' I' « . T huh». Dr. Ile M-bUmale palpi «tiro . . . libri I l i . Norimbcrcae ISTI. Nuova
editi, ne di Ki l i z . lampade l<W .
N «uuv f . k . la» bildloibrfs|i»e de Fulvio Ondai. l'a ri* 1*K7.
'" « la w p K la 2* edizione la 2 v o i, f a t i c i IW»7. di IVtnaniue el lhum anl*nic,
'• *».»* \V\. Ih»» f a|»«lum ami l l > a n . IHe Trennun* der belden M M li- und
da» fr<d>lem ihrer W lederreretnlcunc bia nini In te rz a n e * » byzanllnlarben
U el.b e . i l «.Vii Iteri in 1»C.
IV, Alice melile U tteratu rceach lcb le Voi. I • l i . MOnatrr 1SM-ISK2.
lxxxv i Titolo c o m p le to riell» oper» ripotutamenle cítate.

> ' i ! I ikx K. H .. liesrhichte hIIi t JllbelJuhrv uml auaxcrordeiitllehen Jultlliicu


rier knthulisclicn Klrclie. Iteitenslniri; 1875.
Novjikx <; nr. Klcmcnll dellu »torin (le’ aommt pontcflcl. Terna erilzlonc. T. V
liorna l i d ,
Nov* k* O. nt'. Introriiixlone tille vite tic’ smiuiii pontellcl o si»no riixsertnxioiil
■tdrloMnrltlclic ( i r . 2 voll. Konm 1N¿!2.
X ovati K., Kplstolarlo (II <\>luccln Siilntall. 3 voll. Homo 1MM-181M1.
M i m u m « EL, I |«iml tumi di Kerrilna itrio irArngorin c l’lnvaslone <11 <S. ri'AnijIé.
I I.\H1 H.l Slurilo «torteo su riia-miu-ntl Incriltl. Nnltoli 18118.
«Hilo I*. Iiocumcntl rilplmnatlcl tra ttl diiffll arch lv j m lia nos I. Vol. I-1II. M ilano
lwH-1877.
O m T r jix t. K. vojr. I *!<• Hullenrvelster Miirlins V. uml K u k c ii» IV. Innabrtlck I hwí
Orb ixt'H (U *.. iVuniuciitarliis rio serlptorlbus ccetad ar anlI«|ii Ik etc. Tow. III
Mpnlae 1722.
I 'v i i n I*om„ lilcc relie Utorlche sttlln |irovinrla <11 (•arfaitiiann es|»»»tr In varíe
ill'oM'rtaxIonl. M>><lenn 17sT>.
P m M F m x c .. Krrvlarliint lilstorIco-chroiioloKico-crIticiini. illu»trl«rn l’oiitltlcuiii
Houianorum í r s l j . coiicllloriiiii ¡fettvrallum a rla ele. contpleetens. T . IV.
«ludio el lals.ro ANTOKII P aui. Antverplne 1727.
l’MHWOClil P . I <'n «t<-l Iti n I riel ('«Hiel X. Atutelo (11 Itoiiin. Vol. I. liarte P
1 «Vistcllanl m llliarl (1.107-1404). Homa 11**1.
P í U t l t t K . lieselilelile voii Mi di liten, crosstenlells naeh Irkiinrion iniri llatul
sehrlftvn Vol. III e IV. PraK. 184.V18IÜI,
I‘«U<KT F „ rrkunilllelie Itcltriigv xur lloschlohte Hollinen« mol sotuer Naeh
harlamle Im Xcltnltcr licorit l ’orilclirnris. i Konle* rerum Auslrlaearum
2 AMIjf. XX» Wlon IJWHI.
P aU T II a lienta P<mtlll<'tini Hoiiianoruiu Vetu-llls H9>7,
I M . i o u r > MvnrHlAa. I > | H I S <|e teni|*orllun silla. In T t i r t s n « . Serl|K. I. O T - ' . ’ ! * .
H orontlae 174*.
PxmrlHtt*« O sitrtt.. Itoiiianl Puntillee» el eanlinale» í*. H. E . a l.eonp IX ari
Patllimi I". IV rreall. Venetlis 1.V>7.
P u l a ntau t Mahtbo. r. ( Voniel»' romane.
P ir ittK x iu i |i„ IV»nato» chrook-o-hlatortco» a<l universa ni srrlem liomanorum
P»nll!b-unt omn praovlo a<l eumlrm iip|>aratn Pr<n>}laeiini ari Acta Haoct'>
runi Mal! A ntw rplae 1712.
P m « ii« V T I V ilx . Ik la <11 Klcnxo mol «cine JM l. U-^onrier» naeh un*»slruektrn
g o rllcii darxvstollt llnniliurtt uml ISotha IM I.
Pte>s<<>iu>r l Y i t s . Qcnchtrbte <ler Slarit K o n in M lllrlalter llcran»6vgch)-n
nml mil Annierkuneen. trkm irien. Vorwort mol Kln lelilí ni: torsrhcn von
Pri>fr««>r llo rt.a i. Paderl»»» 1M7.
P i » t i * 1«. r. Arla PoutlHeuui
I V l « » Kmcmx. flenrhh’htp <W~> íelehrten l'u trrrtrh l» a u f tic* <leut*ehrn
Srhulrn nuil l'n h er»itü tcn voni .Vti*«r»nK «Ir» M ltlelaltef» M» xnr l}e*rnw «rt
MU Im o M ln rr KDrksk-ht au f <len k la » l« rtm i l'n le rrtrh t. I f l l i l x IW *
PA I-li a M k , tScwhlrhte <k-» Aldas»«-* *clt de ni Au«sans»- (les M lltrlaltrr*
S vulonl. Pa<lerl»»ro ID22-IKS!.
p rn l liio i A m s lo . A iirla M \o»ruvarii» itella c llU «H ! * l « a añila alia «u le
rroo.il <»íl<a «le- «o»l vmwnvl « I « ir ln s m ifl. I d m 1748.
I V t a i A r Al.» »ai ».
P la tin e n U.. I"n w m : «lóela Vleenllnl P . n l 'V n *■ e»mlurat i«u«r Porra ría
A«» etnrr K<*oljr«t»'rírr t« ra<i-c> ic»'ls-n l}rrlf» « a W l 'T í .
I t a o i u l ! . la- ran lln al U.uls Alemán. 1'r f ‘iiV o tf *tu rnncilr «le lU lc rl la
t a da ( n m l i r U n t r . ParU IIIH
Titolo compirlo dello opere ripetutamente citate. I.XXXV II

P muiknk F. T .. H istoire de Florence deputa la dominatimi ile« Medici* jtiiuju'A


la chule de la K-iniblique. T . I. Parta 1888.
r*rruiM Ti khantomo , Memorie l ’renestlne, disposte iu forma di annali, ltoma
171K.
l 'i r w M ’. Paoi.o iti, Lkij-o ut. Iji Mesticanza di . . . a cura di Fa. laoUH, presso
Mt-RATtmi. Script., nuova odi «Ione X X IV 2, i'ItlA di Castello 1111».
I‘m i ' < m u d k i u G a ttin a F. Iltalolre dlploniatiiiue des Omi-luve*. Prem ier
volume. P aris Ini ¡4.
l'illi.n.i-HUK F rano.. Kplstolarum fam iliarum libri X X V II ex elus exemplnrl
transM im ptl: ex quibus ultimi X X I novissime reperti fuere et imprvssorle
traditi «Ricino. Vendita 1502.
l 'U U i r a G kowì. K iirbeu rech t. 7 voli. Voi. V i l i , se*. 1 l>cr F. II. VERINO. He-
m-nsbur* IH45-18KS».
P iazza C u i «, Opere pie di Itmiia. ltoma 1»>71*.
Plenum A.. Gesclilchte der klrchllchen TreniiuiiR nwlitchen dem Orlent und
Occldent von den ersten AnfUngen bis /.ur JMnirslcn GeRenwart. 2 v oli
Ullncben 1884-UffiG.
l’ ittrm (1. U„ l<e lettere di l^slovlco Foocarlni. Commi l<-a*lone. Vcneiria liXK».
(1*11'« Ateneo Veneto» X X X II ( 1 « » | , fa *-. 1*).
lleaUNo P„ I j i Russie et le Kalnt48lta*. Études ill|ilonmtlipies. I. P aris lsim
" is /.l Storia ih-lla c iti* di Viterbo. Volumi 3" e 4". Viterbo IMiii 1111.1.
■ilt» F„ Mytlinliijrli' der christllchen Kunst von der Alleatoli Zeli bla ins 111.
Jahrliundert. 2 voll. Gotha 1*47-1851.
P ie*» F.. Kinleltum; in die monumentale Theotogle Colini 1HI17.
Pi»Ko J . KkamierlieK. lltatorlsche Studle. Wlen ISM.
P ii * II. P ont. Max., r. Akseah Svl-Vica.
P U T U a II., i ipus ih- v iti- a c se sti* summorum ponti Adira ini S it i uni IV. |*mt
max. ilediirtum. HVKi. («H o k t o w Io questa stam i« olandese. perchè <•
<i>|>la esatta dell‘ed. prlnceji* |Venet. 147» I*.
Pi-»TN»*-IU'NHrx. r. Beacbrcllm ng der J*ladt Itami.
IV noira Imi. F rani-.. Kpistolae. Kdlta* colle*!! et emendavi! picrampa* e * codd.
m«*\ ernit. ordine chrunoiogico dlspoanll noti»*pie Illustravi! K|n. T homa»
M T oN M JJ s . Voi. 1-111- Florenllae 1*32-1*81.
IV«i. J . t'.. Fn-dcrik van lid io en *ljn schrlflen. Amrtcrdaili iwm.
I"a»v ti.. Annali-« reruni llu n earlae Par«. I I I . Vlndobonae 17<Kl
l'an.iR \V. l>er klrrhcnpollltartw Kampf unler l/udwl* eleni Itajrer und *eln
F.ladnM au f die òffentllcbe Mclnung in lieut «chiami. la Abhamllunjp-n der
hlatori*«'ben Kla««*- der konlel HajA-rl-.li.-u Akademlc der Wltwenachaflen.
X IV . 1 71. Mtlncbrn 1*7».
l'a iA r itit u V.. GII anni santi. Apiaintl »»orici con molle note Inedite tratte
•lasll archivi di Rom a. Roma l < » .
T’ «u n tr W , Iite kurfHr»llt*-be NetUralliai w tkrrfld >le» lla»ler Konxil». Kln
H e itn jt *ur dcul«rhm f*«-«*-hirhlc n w U W -IH *. Ie l| '« li I*.*».
Voartal-*-hrift. Ttlblnser Tbe*.|«el*rhr. ann. I «a. TtiHn«en IW1 a*.
'J o r l l e n u n ii F o r»e h n n c e n au* lt»H c n l«r b e n A r r h 11 r i i u n .l ItiliiIn lh r k m . i *•-
M o n i I H « * «a .
<J*rllm unii FOrwhnnjero n r Ia Irrià w lI- b»-n G<*s*'hl*'bic. U lle ra tu r und Kun*t.
'V iro IMO.
•Ji n i r l i r . r. K *n u s
' J t l r c r | tr.. Ite a tv b e Z * - l l « * h r i ( t f B r 1 ^ - p r b i r h l * « ! « « * n « . i i a t ! Freiburg I. H r
fNUk.
*/i ir im A. M . i«-anlt. IHatriba |imrl Ialina ri» ad l'ran.-l»*i K art« ri cpt*lota».
B r i ll a * 1* 41
LXXXV1II Titolo compirlo delle opere ripetutamente citate.

t J t 'iM R t A. M. (c a r d io . ). F u iic ik i Hakhaki et a lk ir u tu ad Ipj-m n e p ls to la c


llrlx la r I T I ’.
ItAimav lk>M. J. (O. S. H i, Ix-licti der hi. Krauclaca Humana. IWarlieUe voti
P. i ^ itm ih t . U n u m <o. s. H.). Malur. isfss.
Haciiuo . ( M t m n n l Via i n u - t i n » . t'ouimentarlurum urlatuurum llhrl X X X V III
P arlili» BEH.
lUnci O * I m un ici'ira ili Strinilo l’urearo. Moderni 1*Im .
K a s k k I » . lie ti turbe « im h iclitc Im Zeltnlter der Ile forma tlon. Voi. VI. Berlin
1M47.
Ih a n m i'« <’ »>•, I»«' limilli-n et imtrinrrhln U tfn iK 'im l liliri quattu»r ad Alexan
ilriiin V II. rulli. Max. llnniue 1flBtl.
Ha ìti N lr a u , Storia di Genatnu con note e documenti. Hnma 17117.
I L i i ' i i i i t"» voi*. IH e Klreln-nn-rinmiuliiticrii von 1*1»a. Kimtnltx timi Bam?l, In
lllator. Tnsrhrnlnirli di lU u in a . Nuova »«He. X. I lllt. 1j*ì|>xIc 1H41I.
IU i u n K aki, vii», (le n c h lc b t e iler PBdacoglk vom WleiIrrniifliMllirii k l« K .il» r h c r
Mtndien Ma au f lin ie r e /.rii l'rim a |>urte. 2* ed.. S tu ttp irt l s t l l
I t i T l M i <!.. Animil i i*ti'leuiautle i. nrcediint notile rhrunnluKirae, crltlra c e t c .
aurtore |. |>. M a r n i . T. V II-X . Locae 1730-17.13.
Keal K m rk lo jflillf fllr proietta ut luche Theolocle unii K Irrite, f i l l e r Mlt w lrkutr:
vb*ler |im(r«iantli> lirr Theolinten und (lelehrten in »welter. iliirrbciinci;:
vrrh>M»erter unii vermehrter Aoflajp* hcrauscrcelieii vuu I>r. J . J . i l m u .
und tir. ri. 1. 1*1.it t . Vi.l ! X IV . U-lpxic 1>77 1>*»1.
H itua ll.vi.Ttl.. I V I ii Hrminerlln vun /.Urlili 1S44V
Kctrlntiiciakti-n. iIm i « ben. Illller Kiiuic WVniel. K n te A bteilun* 1X70-13K7.
lieraiiicecebeii voti J . W iJM A i-Km Mllnrhen Isirj. Voi. V I. Untila l w
K rtrh itac*akten . Ilenitiche. u n lrr K «nlc W rn a‘1 1* » riu n r, 137<H3K7. liric
vou J . " Kt/M vrKi'jL MtliH'brii. 1.SIÌ7. Voliimr VI. liutha I s v * : voi. X. 1* e
2* M t) I D I I A . u n lrr Kah*er Slinnninl. 4* «••»Ione: 1431 14321. Itrag. von
II. liu ta i. Hmn UNNI; voi. XI I 11 H A. imter K ain-r Sictiiniid. .V xexinue :
1 13.1 li'UVi. h rsf von »1. llN K iitM i. I W : voi. X II (l» U A . uuler K niw r
sicninnd. l»1 arsion e: lk'Vl l437l. hnqt. v«n 43. lln v H t li» . Ball. voi. X I II .
I* e 2* metà i l i HA. utiler Kuntc A lbrw bt 11. 1* arcion e: I43M), lime. von
ti BnMMAUX. U n , liu ti; viri. X IV . 1* e 2* metà U t HA. Untvr Kalacr
Krierirlrh I II .. 1* Mitlune: 11 t o l t i l i , lime. Von II. 11ijuu : voi. XV. I* metà
II» Il A. nnler Kalner Friedrich 111.. 2* anioni*. I* metà : 1441-14421. lire*
in a II. Iln a r . 11*21.
Um u ii F M . Storia dell'unlvendtà itegli itm lj ili Hnma. «Iella la Kapienxa.
ron un «accio «torlco il. letteratu ra Humana dal «w. XIII »Ino al «er. xvtil
2 v..|| Runta I m o IHIH
ttrprrtortum fllr Kun*t wii'X'ii'whaft. ln'ntippTtft1« von S * ii ij «t *o. J . J t j t t
m in « . Tnnac und II. vox T w i i i p i . Voi. | a* S tu ttcart und Berlin l*»7»l *■«.
Hel«-rturlimi crrmanleuru H ccnten au« drn |4|wttlrhrn Arvhlreo sor tìrjH ilrh lr
ile i ileni « l in i Ite ìrtiri und «rlne Terrltnrìen Iro 1 4 nini 1&. Jahrhnnder
l'unlinkat Ktin-ni IV. Voi. I (lieorbeltet v « t R. AavatM. Berlin IMI?
IU i « m A la x . Ilcit rS ce xur ItalIcnUrhen tie-chk-hte, A voli. Berlin IS S I 1»S7
K r i n m T A t w . lirarh leb lr der Staili Bum. Voli. I l * I I I . Berlin l**H7 l'*7ti
l l n a i r t t A. tiw . Ilrlefe belllcer nnd c u tle ifn re b ll*rr Itallenrr. rre tb o rc I B r
is ti.
Ititi Uixvr A v»«. Klelne hl«tort*ehe Sch rlftv a tiutha W C
Hat’ Mncrv A. «usa. l/>rraaii de' MedM il M a n l lr » 3 fri mollo cam biata. 2 voli,
lu p a ie I V *
B t r t o i I I . Iter l a d r j der verbo» enen Bftrbev 3 voli. Bonn l ’WCMVvù.
Ucvo* <k-» q n n tk n u hUturUjur» l aa. P ari* l.ia s « -
Titolo completo delle opere ripetutamente citate.

Richkstai, l 'i u n i v i« , fliro n ik de« Konxtanxer Knnzlls, hrniusgcgcltcn voti


M. It. B itok. (Ritti, de* littern r. Verrina in Stuttgart ItW). TUblngen 1N82.
IH►-*< ii II., Irte lil. Kntlinrinn von 'Siena. f e 5* edizione. Freiburg l!»'_'l
Rirait:» SiniMURD, l*ie littcrarischen W lderaacher <ler Pilpste xur Zeli Lud­
wig* ile* Bayer». Ein R elirai: ¡tur Ge»ehlchte «1er Kii ni|>f<* xwlwlien Stimi
und Klrebe. Ijcipr.ig 1R74.
R i e u r * S iH ;u r.*n . Geachichte Baycrnx. Voi. I II . Col li» IW i.
R isco n titi F il ip p o d i 'O so , Ricordi storici dal 1382 al IKK), i*d. A iaz/ .i. Fi-
nu» 1S40.
Iti» A. F.. IV l'arl chrétien. Nouvelle édition entièrement refondue et ronnldé
rablenicnt augmentée. T. II. l*arlH IM I.
Itoociu A.. Taf Radia di iS. M aria di G rolla Carra ta. Riunii 1KK4
lt'HVi mn P.. Ij i cour de Rome et IVx|>rit de rifo rm e avant I¿utber. I*. I I I . U 1
grand schisme. I m «|i|iroche* «le la riform e. l’arl* INI»7.
UoUM'tKACift la» IX» lut-Siège et le« Ju lf*. b > Riletto A Rome, l’uri» 1801.
ItosocAMAOHl. K.. T<e ( '» I il Iole Romain antique et moderne, l ’arl« UHM.
Uow» as acuì K„ I x> cliAtcau i S t l n l A n v . l’a rl* liant.
IIoIkh' as Acmi K.. H istoire «le Rome «le 1304 A 1171. Parla KI22.
R "H act.t me F i .r t a r . 1 « Tzitran au moyen-Asc. Monographie réisini|ieii*ée ih1
la 1 " uMslallh* A l'exiiosltloti de* bea tu -a ri*. l ’arl* 1N77. Pii volume di le d o
e un volume 111 f o lio m fw ole.
■tonanti m a-, ^'nlvcrsalftem ’hictitc der kalb<di*elien K lrebe. Vol. X X I II . In
dcntxcber BearlN'ituutf v»n I>r A ln i* K v iì it u x . M(ln*ler 1HRS ( d i. Koiir
h u h ik K s o iv t j:* ).
Roma e la Ijititltarilla. Ml«as»llaiiea <11 *lndi e diN-ttmefill offerta al <>tngre**«i
clorico internaxlonale ilalla S««-lelA Slorica l/omltarihi. <'listello Sforw w u
I Milan») lîatî.
ItoVASlìt. s to r ia ib su mentala di Veneri* T. IV. Vcurala I K.V».
il* si m ,v . KartUnal Johannes Itom lnicl il. J ’r liViT ItlA . Kln Reforma lorrn-
hild au* der ü rll ile* gr««s«en Schisili» Freiburg 1. Br. I*lil
*1' m i » A.. Knrdlnal Johann«-« Uomini«-!« Kndchung*lelire und die (Ibrigcn (>M
i h s i i l » lH'n U I<lD ii(rn Italien * Ini 15. Jahrhntnlerf Freiburg I Itr. IKM
II- s m x i l'u p n (n r'l, lib-a deP'otllm o precettore nella vlla e ,11~-l|<tIuà di VII-
lorln» ila B -llr r e de’ suol discepoli. IJb r l «tuallro. Ra»*an«> istfl.
Ib -sv ist «'tio o fu*’», V lla di F im r n « ii F ilclf» da Tolenlln». T. I III
Milano IM **
K*»*l G. R I t t i , fili .Sfattiti ilei n^nnnr di Antlcoll In rtom|iagnn o m u n a lt»
Inedito di W Pitrearl. im Sfinii e l*«irumcntl. A* I I . fa*c. II. p. 7110«.
Roma I M ,
U*»wi | R ipc). Inarrlptlnfw-s chrlsflanae nrf.l* Rumar Vol. 11. P. 1 Roma I
«■”*«1 V.. I.'Indole e gli «Indi .11 Giovanni di CaaiMO de' Medici. Im AHI dell’Ac-
endemia «lei M ore! t i . di aclm ar morali ere.. 5* urric. II. W>. 1.1» » .
Roma l><n.
t “ »»! V_ S to ria letteraria d 'Italia. Il fjoattrocento. Mllan» i w t
M- « H i s x W ii.h . Bet raeht u ngen fiber da* Z rlfa ltrr lier Reform a Ibtn Mlt archi
vallsefcrr IM Iig rn Jen a K #
Ri » . t a I». t.'arehlconfraternlfa del Gonfalone Memorie. Roma K M
Ki 'A rali * tV s a r. T*-*Hmo*ila de hratn M o tlan Albentalo can i. N. f'rn el* et
e|t|arap» Ileana R am ar 1744.
* < » w f x i R . f'enfotrenta lettere Inedite di France*«! B arb aro Salerno |M*I
* u a iM « t R . Biografia i W in m U la 41 G iovanni Anriapa. N o i» 1>*I1
* « w » l« l i l lui storia e g li «(odi d i G u a rin o G u arin l Vemaeae. f'a tan ia IM a:
" « ■ « i r » A. r . <Ipera. R a si Im e l.VW
" t a * r u a J . B . M e Paprtwafclee nnd d ie ¡Staalm rau 1 II71.VV. (M kalatta V.
SC Tttolo com pitió (falle Ofw-rr ripotntanirntr ciUI«.

N» l"aul IV.». N av liIrrlriim 'litlIrh'liUliirlK'tH * ratrrao rh aiiK Ma-r «Irti Ati


fang «Ir» »laalll«-brn llii h l n ilrr Kxkltivlvr In «l«-r I‘>[ hI » a h í TUI>íiik«-ii |V*i
HtlTM Uii x It Mi-iim-Ih'D uml Kunot ilrr llalii-nlw-lMii lU-nalmaiuv. Ilrrlln lian
Vol »ti|«|>l«-lii. ItMM.
s*tiru n irá I . . I # graml achlame «I'Hi t Ii It b I. 1‘arl» lia«».
S» I I u n * U jh * ( H l 'a t 'i P ín u la . KpUtnlap p j m i. ni«« mu»- |iiiiuuni I d
Itm ni «-«litar a I«». K m u r t a I*. I, II. K1om itía«- 1711 171-’
Xu 11 II.. l(.-o>la «W-l e»t«-rtio «II cu ra fa m ltclla rr <-»m|itlata «lal h. (¡ti* . Ititu ln h i
H»r«'Ut!iK> «IrH 'tinllm - «I«-' ( r a il |>rr«ll«-atori. T ro to «II lln n ia . Kln-nat- l^ ii
H m w i, M trfano 1‘o rra ro i- Ja *ua i-onslura. l'U to la lw « i
K w » l A.. Hl«*rta «l«-l «Huillín«- «II ft)H>l«-l» iln l n m iln .\u a l m i. 2 v« ll. F n llf li"
1*7» 1*M.
ttis r ia r .« V t « « « * tw.i. tjin ilm <-l«-in«'nlar «la* HrtaiVw« |H>llt|«-a* «• ill|>li«n*
lira» «It- I ti r t u n l con a * illvrrxa» |»>trncla« «1« muml» ■«nlrnail» r mi»|»»t.'
|irlo V. M <K.. «-»ntluuatln r «llrltciilo |»hl U l i A l'ut'irru I t i m in u* Mit.r»
T. X. 1J»M » IHSH
f w i a i 'I\ at*«. V IIr «Ir- «luchl «11 Vnitmla. M t u i > « i . Kcrl|* X X II. IK i-lS B
M nllulanl 17X3.
* * * ! •»«. M„ I IXarll Yod. 115. Vi-tirala 1*75 a*,
i l l a f f U J t . IHr rr»trn Jalirv ilrr MHnatrriarbra Stlft»frb«l«-. 1 i V t I U S , an<l
«llr sirlttin s <l«-» Kartlliual» M kolail» Ton l'tir« m <b r><-lta-n «¡Mirrml «rtnrr
(trtrtiarItl*rn l> c»t¡.ui nniti iN-nto hlaml. Im K rllarbrlft fttr vatrrlBwll»«-h*-
llr v h lr h tr uo<! .M trrtuni'kiinilr. lnTan-e>c> l»ii mu ilrtu V rrrln ftlr *lr-
w lilrh tr V m lA iln i«. 4* *rr»r. Vol. I. 1. 1«. H H I7. Mtlii»trr
K it M I4 S » II V. lia » lirlrd «1«-« IMrtrlrh viki X lrbrlui l»-i>«t rln rr CMmratHM
Hwr !<rlirlf»i*n tKMtlnxrn 1*75.
i**i KM.«** II V , K anllnal Jnliannm Ii»xt>li*l<-l uml v í a V rrh allm ni •Irti ktrrto
llcbrn rnk>a«lw lrrhtitiam w Bhm xl ilrf J a lir r lü a v lll.V <•••!ti* 1>»»7 t »**-
miM KT l1* ! ! * * K tai *ne*. O ttalilrM * ilr« K-mlarbra itrebt» Im M lttrlaltrr
S* v«l. 7 V..II IM .Irlg rr 1NM-MBI
Si t i u n r f . |v r K anllnal uml lll»rbof \lkolau» »■>» <u«a 1'rtma | « r t r : lia»
klrvhltcbr Wlrkrn. Mn Itcttra« tu r •¡•"•hlfhtr .trr l(rfi-rmatl<w Innrrhall-
«Irr katbtili~ihi'lt K ln b r Im 15 iahrhunih-r 1 Malas l * H
¡ « H i i n i I* A_ K anltnal uml l t l< r M M k-tau « u n f t w i al* ltrfi< i*a l< *
la K trrbr. Ilrlrb uml l*bll<M«|4ilr «Ir* U Jahrbuiwkrrt« T I H a m 1*71
m w i m i u V i . IW-ttrft«r tur « ^ w b lrb lr «Ir* p u * * a ü. hl>ma» »“Trttxir*
I llr IMP
« ■ a lm a K M a d « trr J» h M *lrr a»« «In* •»r-W-o «Irr l*»r«ll*rrt»r1Mrr H »
llr tt ia f tu r K irrh rn í» — hl< h tr « In 15 JakrhuixVrTt« M a la * ImC.
| ln ili(jM M U \\a n r-v «Yonara d i M antm a «lal I t i l al I I M lra « rrtlla n i aaa»
lata «la lU au o a'.Vara tta m lta «It n w lt l l * «W am ra tl atnrtri la>aahanlf
iartlltt, Vol. It . p J21 IIH M ila n o K . 7
;** N W taw « A . liu M lrll« . t3 a r fM m tlr « b rr «Im llM * lr k l« a t « ia ( «Ir» Ktt»*t
Ir r * o».l «IW- Itr ib rn M d r « ria rr W V .kr Itrr-U a l**r.
iM a v ia H n A . Mrhucau da M I »3» lW -tlra* tu r K m M n d K a lta n lw rk lrk lr
H alM a» la* 10. Jab rb n ad rrl. Th-HIa u td M n lt« a tt l s *
ttrx « ta i» < A . M»«*>ork>«Umita-» l ú K a w t i s ^ t w
S*-« m i ta ra J_ t k w U rh t r iV r d ro t-rb ra \a tb > M lk lrrb r ta I b * * M arta iW
I .Valaaa P i* n « r ( I » «
« m a m i t n . K a n lla a l \W -4 a o* i v a * * « . a H Ia * I M « i * r t l l «»*• M m l í j « * »
«lo«« nt K « M r« i» H*»7
J«*«M rrt J . IH r fftt*aunt*rtM> l ’o llltk and «Uf I * t »a « i» r t « * < N a » * <tn K*-*Mlt.
na* K > « t a u IH « » rta tio *» b w araw ¡w a n r a lf. I« ír * a 1*7».
T i t o l o c o m p le t o H ello o p e n 1r ip c ln U n ie n t e cita ti-. xci

'im iM ir , fifw K Ichlo dor bildenden Kfliixte. 2* cd. Voli. V II «• V ili. IXU m-I-
d.<rf 1K7R-1n7».
».n.ajr, Iti«- lUIckkehr X I. v«n A f i n e n iiua-h Itami. Illr«alil«-rs 1*M.
l 'a * .« / I t . l>lc l*uhllzUtlk m r Zeli Philipp» di*« St-lioncii mui Itonlfns' V ili.
I « Klrrbenrcchtlli-I«- Abhandlungen » M ) . ¿«tu li gii ri UNO,
>* in *jt It.t'n h ck an n te Kln-heii|«dltl«<'lie Mtreltm-hrlflcn mi« il**r X rll laiidnlgx
ab-a Ila yorti ( I.TJTUTU i Analywtt iiimI T exte. 1* «• 2* parie <« ItlMIothck
'N K kI pm i«». Iil «t. Iu«tltiit« lo Hom ». voll. IX e Xl. Moni 11*11. UHI
*« ua»-rrra lì.. I*r. M artin M alr E ia bl«*rni|ihtwÌH'r Ita-limi; wir llew hlehte i | i t
paalliIw-ba-n und kirchlichen Urform frage <l<-« 1.1 Jahrliunda-rt« München loia;
'a n i KI..IH A., Heinrich I I I . n w Prandi». Abt tu JBtoxiedela und lllachof tu
K»n«tanx. und wlna* Zelt. Kndburg I. Hr. lsTll.
Ita n r I T * Jott l’u n « , ron. IHe Oeorh lch tf der Quellen und l.ltteratu r de«
kanonlM-lta-n Macht» von Pni*»t Uregur IX . hl« tum Konxll von Trl«iil
i fiew-hlrbtc «1er Quellen n r . von (¡rallan III* au f die (iesvnwart Vail III.
Xiultgart 1H77.
"an « »« Jam. IU i t ., Johanne« lirrw n . Profcaaar iler Tlo-olaaglc unal K atitler «1er
1'u lten.llät |*arl«. W M h | IXW
l*» « » » *» W.. luirent» Valla. Kin I la-1tra e mir ISewtila-lite alea Huma lilain ita.
IVrlln IHM.
*• « « » # *. I * »giia-o g*-««-h Ich I «* «1er m ittleren Zelt- 7*7 1.117. Krelburg I. Hr l**«J
<'a « M M « t r . K u u N n u : K a rn » v.. IH e Klrcb«'ii|»*llll«a he T S llg k c ll tier liL
Katerina Vuo Mlena unter P»|«»t tir«-g«.r X I. 11.171-137*1. K in Ver««ieb tu r
H állenm e Ih re r H riefc (• Ahham llungeo M ir m ittleren unal neueren «îe
•ehlehle ». faar, IM "i Iterilo und I r l c i l t 11*17
'••■«* A.. I r o l l d i «»vola e I« arUoia d < M ilr iile A|<t>iitill e daaa-tinientl
• 137* a III ? ) . tia*tc1l « A lt i « M ia It»-« le A i»-aatetilla alelle (Helen «e al) T o ­
rin o » XI,11 I liaaVilTi. Cï7.1«Ki
* » * r n II Itaaialelhn lx-l«-o uoal W erke li.tnd.nirk IW.7
■***1»iiiii. Zell«, hrtfl ftlr n iM M b r k « lw ii« lu fl. llao«l*«-hrlftcuhundc nod R1
1ère IJ lie m tn r Im Vereine mH l»M»ll«rthekaren unal M ite ra i iirfre.indco be
m o o t r l m too l*r K - w t r N i r m » . Ann I X X X I M | « l| l*»ai l*7 n
•»•*/« ll« | ttli« L Kieer.be .a \l.ea4ò V. I » I«liria, la fam iglia e la gta.tlneCM
«•I Mee..lA V. Intern I w l
* are « rao V ilo d l l*»ggV> H n rH *d la l. tradotta d. T u o « u n T M U U .«.*
Onte n i a e rin o le 8 Voll Kl ret. fe |*(J5
- i l o r * IX«, I I liH lrilae n r « e « r b b - b le der íT ’ — n . K I reO en «filloa* l*m sram m
der Aooeo Heol»rbale n l i f w a l f * l*m « le e 1*01,
*»M «ia «*o n Me* i V m o « f r t « t a Le «t«*tie «Je‘ «o*.i iet»|4 dal 1175 al 1-11«
T I Unan i v a
"k o ill » ! > ■ ! O jie n m . A o - m n Medlolool I 7 U
* t » * « * m 1«». lll.ln r i* de O t a » K ra O e l«i |. * f„ r tla e VkreromllU * le
din’ aoeoaiom Ihart» la X X X l i b o - d i * lib ala ha«e e.1 .h aool I C I a«|W
oal a n a t a I |W e t r . lo Mcaatnau. SV-ript X X I. 171 ?*5t M edM aal I75t!
' ■ « m « n i » I I . A aa lek lea n r P a l«* o od K «m cJI)ea*r«rbl>*l' MSoeb-o 1*01
' ( * » » . -ota r A . ItelirS »- ca r lie v k lr k le van « I r a nad H fiveo Vol. VI
Hr1%e« | «d .
« « • « M B * I». t ^ e b k b l e der liollr»i«etoT> K tv rx o a teo Im M ltlelaller A a . deaa
K ta a * i~ i«b e o B e l o fo r t e Z erirb IM » 1 * 3 »
> « * » V f o a . l a l e » llaMra I C .« I fcV. illla lm I lt r .il
’ • i c a n » M . I d r r »tM * «a M e a n a IV-oifa» V i l i . M » I r t a a V I. «o d die K » l «te
banc * « Hnklaaa« 137« H ia a o r k o r l« I «eau ilV r d i««latrarti« d a ll'-| »tt
a m ate * «ita la «a*o n i a aar aèriraalofei
M e a n t M . t*ie l'a p ria a b ln i la der Zeit 4rm gro aon Ndd««ao*. K oloó-kluoc
it t i Titolo completo delle opere ripetntamente citate.

timi VrrfaiMUtiKAkrtnipfr tiri* Kit rii imi In I h vini I.T7K-1417. 2 voli. Ilraiimu-li
«vii* l«t*i e Ittltl
H|«-yi-r1«rli«- <lir.m lk Ton m «V U ÌH In Musi:. Quel lenita uimlunK il**r bailtiM'Iieti
l.amle»o-M liliitltv Voi. |. 3«7-.’iC!t. Kit riuniti«- IRtH.
! * I Ì U » I*. K , lim rlilrlitr WIIrtteinU-rK*. l'rlnio volume, «econdu mt-lA. tin i
al l «ai Cotha IKK7.
S tu riv i VIl a n i i i r t i r d i l>ii-n«, lui orla fioren tin a palili I. ila Kr. Iiim 'om m t>i
Hxy 1,1-ML T . V i l i . flH-llxle «lettiI en n lltl Tow n ni T . NIVV KIron*e 17*1
S rv .isiira/ H„ Ita» (SrliUma vini l.‘t7N nml die IInittintr K arl* IV.. In Mlt(elliinK>'n
dea rnti'rrelrhliM-tien Tiixlltntu X X I. rw ttsill lnn«tinirk 1?inn
X m s M v s* IV , Hom In der lti-nnl«Mani‘e. M-Ipsli: l N t . 3* edlalom- 11MK
• in n a iM i l i . I Vnkmfiti-r iler INlpxte In ile» Vatlkani«<-liini Orotten. nella
« Deutoche t t e r u r ». wv* anno. voi. I l i (luKllo-*rttpmt>re llHOi. :ittWM;i
S i r i s n * » * K.. I>li- JSerat Brune ilcr G ralidetikinllcr «ler Pllpatv in Avi ruoti h
« Moiiatabefle ftlr Kiin»twl*<a>ii«<'liaft * X I flOORl, 1t." *».
sriM 'M tiiu i l . t 'u n ì , vii.» i l ih m h i.iiim tiS t.. l'rknmU-n timi lu-iIttirvu sur
•-hleht«- llirxoK» Allirei-ht IV. voti llayrrn unii nelner Zeli. Voi. I. m . I.
i n i !« A Ml|nd|t Isir,
StmU •• A M n n t t di Morta e diritto. I*nl>hlli-o»limi- perindW-a ilell artadenil»
■Il ronferenxe nlorl<-<> eltirldk-lie A* I mi. Kotna IMO «a.
••»ri ila t’ . I>le ••n.-nnl-Mitloii unti i:«-«ii*ifl»orilmiiiB de» PU aner timi Kon«lanier
K k i i II» rilm rrtaxlone Iteri Ine««*- Srliwerln IMH.
S i i.r s n r iu 8 . iM'»>iili-lit<’ der Kiitnlelinns timi Atixtoldiinic de« Klrt-lieti»taalr«
M ira le 1MM.
HV vi mosto llim . A vrò* in. lll«lorln della rltlA e m n w di Na|xMI Tom« l«-rx*’
Napoli Irti.*
StMostM J . A.. Il ItlnaM-lniento In Italia l.'K ra «tri T iranni Vendo** Ital. del
•-onte l ii d i n m i m i U F u « . Torino IUOD.
SiM »»m J . A . Untai» •ami- In Jta ly . T i r Ite* Irai n( M arnine M-m|on 1W*'
X rvl.n 1 . n i» , OeacMetite I ncanì« Voi. H I. S«TL | |tiu~ h n w II \V.«,r*m
IV»! IHTa
Ta lattar •i«llnim m anaxr1|4om in proeli-r «raer»» et «wteMtalea In liIM M bem
P alatina Vlnd<«U>urn«l a*.«ertalorum. etlidlt neaitrmla «Tanna rea Vlml-t»i
nen.l* V«l I V II. VIihMhnm» Iw w 1*73
T v a n s n » 1. \l . Kerum Italica rum ib-rlplorr» a b a non aerar .tw Uiian«,- Mille
• In » ad MillmimaM «r*rmte»1ninm 2 ra ll I V m i t U c IT 4* I77n
T k liM t Hvmib». iV ik irM * «le rtim a e i jr de tndm II» m a r lH « de la l«lerfa
ile t:-.|«fta r de Am irtea f a r l e - i u m U T I t i Madrid 1W1
T ncisu n A i « , V rtrm Monumenta hl*tn«Va IlanxnrtoM « m a 1lln*tninlla
T . II. M K I 3 » Romae D M )
T o ri» ™ Ah . Velerà Monumenta IVdiailae H lilb o a n la e «m llnnniae «nlll
M arn a ki<4nrtaM lll<i«tranila m aìim am parteai MMwtaM edita, e * l a t a
tarila Valk-nni». T . I l 11»10 1372» lloowe IM I.
T M ris tn A l ' « . I W v HI|4omalW-n« >t>« a l a l i le M im ra lU 1« I W l » t t r r w l l «te «lo
r a n n i « pm ir « » r v l r è lt t U t i'lr r «In « w n r r n u l l r « | * « H .W-« M a l» da
| t ( l n l « i U « r c i t r a l i « «le« i t r l t l n * dn V a lt r a n T . I l I I J ò C « W » t ; T . I l i
1 I» *» 17SRI tinaie t « C
T a u vn A r «. M m o n n it a K l a n r a n m» i W I i m I I m k W « « i » n llh M r n a
Ito. T t I I M R - I I « iUwone I * «
r a n n i A r a . V n n t M im a rn e «!» H I M i m i w « t ^ o r ih f«< -w iM b ii.- r ia m II
IM m a lt o . 1 2 1 *4 5 «. Ik a M r W W
TmIkmb X . A lla rm e te e * M v lk o n der M M k w fe * K « * r t t o r VaU. P * -* w «li
I el|Mi* t m «a.
Titolo completo dello opere ripetutamente citate. XCI1I

I n "» t t J ., l/e concordat de 15ltt. eie» «riBine». »011 tiixtoiro nu X V I* ulivi-,*.


Premiere p a rile : 1a-* ut-lelne» Uu cuueordat »le 1510. Puri» 11110.
T «1 n i i i ' Ih .m i.k ì !*., Maini Iteruardiu ile «Mietute. 1.1*0-1444. l'a ria 1MW.
T a l w tuii il-, T h e lioly Year o f Jutiiiee Ali Aecuunt « f thè lll«tury nini Cere-
umiliai « f ila* II*.ma 11 Juhilee. London 1000.
Tiara e t Turpura Veneta ali ann« i l < t l ’4 X \ I X mi unntiiu M IK K I JX acren.
rel|iiil>licat> Venetne a eivitnle ItrU iae illeata. I tri v lue J7 « l.
T « » » » t l l l UlM UlUo, S l« rla «Iella letteratura italiana. T . V. VI. It«uia 17Kt.
T *« i» V-, I •l'rnti<-vlll. In • Arvbivlu d o rico llallano », 5* M e r le , X X X V , VI
reni« ÌIKC. :« 1 uà.
| ' « « i m T-, (t'erliuuniali e ft-*te in ormatone «li avvenimenti e |Ni»«aHtl muli
Stati «Iella n>publ>lira Veneta «Il «lueiil, arciduchi iti liii|*-ral<irl dcU'an*.
i-aaa d'Auatrla ilallan n « 1.101 al I7W7. Velicela IViT.
l'tiM»M*rm <»., U eami-umia romana antlea. «m lln ctale e lutMlerna. Voli. 1*
e «eicuenll. It«uia IMO a*.
T»MM*a<«i X„ I r lettere ali K. «aterina ila (Siena, ridotte a miglior toltone e
lu «rtliue nimvu ill«|««te n « pruentlo e nule. 4 voli Klreuae IMM.
T u m u l i li (i.. Documenti relativi a Stefano l'orearu. ih Areb. «I. (tue. Itimi
I I I , 01-135 B o n a l**n.
Tuatsi L , Itlminl nella Mltfnorla ile' M alate»!). l ’arte «•conila ebe oom|ircui|c
Il «niilii xv mula volume quinto tirila »Iurta civile e »aera ltluilm-w le. i|>
tieml. il docnaM). Itlminl Iv C ,
r>«at>.io K. M . I * M ire «¡rotte Valicane. ltonia lieti»
Timi I \l . Motiumnitl •»•!•,li rali di Itolna llotiia K 'a IsV i
l u i u n u n a A wnasoni in . U t li u i ' ept»ti4ae a J'rra u t'» » « m i in llbru» XXV
Irthutae eie. r. J t U I I II.
la tro *! U J l |n|ntn. Voi l-X V I. It-m a l»7ó IsM
laoMi.i l l n n r r r u . Storia erti Ir»» cm»«d«*lca tli|4onu«llea ilei |alrU in a I*. Itru
»«ne e ilei »0« ordine i'artu»laoo. T . V II. Napoli 1777.
T»*m»i Kt*T l’„ IV Ier v i« A lili 1T rin i» de Alllaeui. Zar lln r h lr lilr «le» g riw r»
alk-mliaitill« b ili s« lii*m«» «ad der Itefonakunallle« von l*l«a orni Km*
•lanx «ioltui I h " .
Ti MMt l i u j » A. idei. Notala! Ito I m p u r a » a eura di ro a r * » » l* o <'oati»irju
ttnuia iw n. il» ! liuto »1or tra l u i . V W 1 per la «torta d lla lla I.
• « t a n . K a rd la a lln ta l X I M m n » « 'a m la Iw -iii-tiU iw i I U I i l t t , la lllal.
Jab rti. V i l i «I3»i»r. MHarhea l*e>7.
1 <««*1J 4 V . Ita lia «Mera. «Ive de e|4»rapa» Italia«- ri In u la ruta ».|i»r»ntmtu
it|»i«|t)r. ab Ita ^ > t b ojaK. K d lll» II. ed. ,S. « k » n ». lo vull. V in e lli»
IT 1T -I7SL
l 'i m m »11 -. W orta M « u h i * darfct d i rida« Voi. I e II. Klw-aar IfcSIl
■ L U ta x a n , M efnrau lom a < «* der H rfocaiall«a. »urarlualirfc la I «eal«rbland
aa lira X M rrto w lr» 2 voli llaartaw« I M I W*4B
Ttfcuadenborb. U r » ! «ad KarlAadl»»!»». ar«*d K e « M e a . befaa«^ip«»ra
i» a I«r. V. U. i< » Ili-m « «ad l l n i r n v lin a » » « » » » Voli V-IX. Iti#»
l<M7 a I W
T u i a J , J « r e » J » Valla, la Alaaaaar* der k a l« rtlk b ra Afcadewie der Wl»
araarfaaflea. X IV . p I M A W ir» IMM,
V i a i o 4 . 11 , |.* 1 u v r n V i u m aafara-ato Irta, te S II*aa *»l»rW h tr d rr
a e r Akadrmh». |dril««a>tdL U rta r. Kto*wr K \l. 7 « 7 3Ó7 4M : I.X II. « 1 »
W in , l«Oi
V u n i i i i u i a - M H M b n au 8*<r»l|aa ad * M airi Veneltonna < V d lm
M i lattai « v a li Ym etite Tn9» l«7a
xnv Titolo rom pici» delle oliere ri|M'tuUiiirnte citate.

V a Io I* X., 1/M rrtlon d i 'r i m i l i V I e t le « o r ig in e « ilu gran ii w lilx iu e d'O rrident.


I» Itc tu c de* i|oi-*tlou* lii*torii|iie«. X I . V i l i . 353-120. l'n r U IKK».
V »U U h X ., I j i fr in iti- e t le gran ii «eh i «un- d 'O ecldcnt. 2 v oi*. l'u r i* 1 « * ;
V iit ii* X., I ji protiinKntitui dii grum i «ch iam e d'O ecldcnt mi X V «le c le dun-
Ir M idi de In Frittiti' t « A n iiu n lre liitlle tln il«- In «Hoclf-K1 d e rt> i»t»ln - ile
Kratm*. X X X V I, IMI un . l'u r i « IM I».
V i i »IH N „ lai »‘ ru tili' et !<• g ra n i) «r h l«n ic d ’O cclilciit. 4 voli. 4 'n r li 1MM1, lim i
1WJU. t ,
V t U l l * V . l l i « t » l r e il«- la i'rnKHiatli|iie «an ctlo n ile B ou ree* «o u « U n ir le * V II
l'u r i* UHM.
V i l u l » X.. l-tt c rl*e rrllg le u «e dii xv* « ite le . 1 « J'n|ir r t le C o n tile (Ulft-l-tOO).
Voli. I* e t f . l'u r i* U ««i.
V M K in a iM U iii: K „ la- <11 rdim iI x iiiiln * di- l'it i- « |liM 1-l«V 4 l. J*url* I t a .
V i» m i tj.. la- vite ile' ptfi e cce! Irati pitturi, «cultori ed architetti. Firenze.
I ■*' M iitinler. i v t i l «*, (n u o v a iillx . ili li . Mii-amui. l l r r n t i ' 1i7h »,(.
V * « r II.. la* i-n n i litui Ite » «tirim i 1i t i t i 147-1. felini«' «o r la elm-t lenti1 et In re-
lialuaiHV ver» le m ilieu dtl XV* «iech*. l'u ri* 1*7*.
Y n o t v t».. H l»cn illa diteli «c r ittu ri |uttl»vnnl. 2 voli, l'ailuvn l*Cli* InHiì
V w t i »1 A., stiirlu «le ll'n rte Itnllauu. V I : lai '» a lt u r a ilei ton ali incettili. V I I 1:
I j i p ittu ra ilei Q u attnicrn tu . M llu tt» IU M . I t i l i.
V r . ll t t l l i a i t u i i i x t a , i.\ unii «im i Iti | {»iiiu ti»riim |*nillnruui p ra i*»la titl»rn a
M a rtin » V. ad lien iilii-tiin i X I V . Itmiinc 1744.
V o f m i m i i ni llm n iv l. Vite di imminl lliii»tri ilei * e r » l» xv. 4« Mtt. N|4cll.
It»ui I III « in 1MS8. iV Ite ere. ri vellute mi) n i« , ila I. F a iT i il voli. It»
Interni N L ' W O . in (V U cilm ic ili »|*'ro Inedite » ru m .
V ||.« 1 A . l'o d ln * tl!| 4 oin alle» d elle colon ie T u u r » llK lirl ilurunte la s ig n o r ia
d ell ami lo d i J*. lilo r g lo . 14XV147.V T I. la A H I d ella ¡W lc t à 1.1*11re di
•to rta p atria Voi. V I. tie u m u I>#»v |ji7t». I
V lU iilm J. I . . V la * e l l le r u r l» A la * l* le * la * tir K »|«ifia. T - X X I I . M ad ri I
H O IV ÌÌ
V iw «al l'vmji » ir . N leeol» M arblavelll unii «rim* Zrtl I*nn-b arar Itu k iiiw n V
bd Wtr t W . M ll ile* Verfa*M**r* Krlanlml* ala-rw tit voti II m v h i u U t s u ii*
limi M. I ti t-MJOL 3 V oli Itettili* IMM -IW A ( ? etti*. Hat. Milano H H w » .
a » »ti.* .
V lo M « t , Storta di T iv o li dalla « u origine tu a al « T I * | J 1I I. T 11 r I II .
Itotna K IU
V r i u r l ‘ A.. H lo rla dl|d»inatlra «tri M-nat»rl d i Homa. Itntna 17»l.
\ l i n w l l A i w . Itl*t»rla ile' *lut>(lel | »* llitr i rekt-rall « r ‘ trai|4 di ltu »l
Darlo V i l i . per. **-r Itnoia W 6
\ , > t i !•>* A v i . I V r r r I H l « Ite* anatro*! rt la itM a n a *arnnM|«r rp4*r*n*l*.
iVdntnrnlarln* k M n r lm i 3 v»u Merlarti l* S »
V n t n * m v I I i n i n i n n a IV, I* r * r lilr b tr ilrr Jadra la Iti « 2 Vidi It e r ila
IX & IM
Voi».» t i . C d m S ilv i» de ]*lnr«t<aaial al* l*»|~t H u » ifc-r X a v llr aad «ria M
taltrr a volt. U rtila IV a V I* * »
V «M t ti.. I%| «V « t r r t » » r t w n * «V* kla*nt*rhra AH» m a i a l rt ita« rrMr Jahr
baadrrt dna llna>«nl«au*~ S* *41* t » r M l / m i » T 3 r d l Hrrtla i m i
V o w t tt.. I l r t « n r (ia w « l» drtl'aatlrhlt* rtawdra. ttlaatr r n * m M |rt rara
di l ì K ir r c i. F l m t r |««i7
Volar* t i . M ia i aara i w H«aa » 1 » * dra | 4 r«lll> W a l l » f la i IS i a k t k » * * l t . >•
liu to *. T a «r tw a lw b di K it a » . A aa IT . p 44 IM M | * i i l*aa
Ynttnt,, I. m. Ita cu«* r n m p rro a ia a a * l i s a » n 4 « a r I K t l W «la « b »
Hrtorad 1*®w (ri*»» l* 9 »t
t i t i 4 t M u i » i t, » , I t t m i U .
Titolo completo delle opere ripetutamente citate. xrv

# ' u l A. or. D a* IWÌhniliwlie Ttloerhau» in Jt<un Feat unite xuni ttnniiilirli.'vn


J ii Ijì IHiiin der Grfltidtina <k** lllututn» i'rnjj. T raa ls ~ l.
* kit. A. uk, lite Nntiniiiil«ttftuuaen de» deut »elicti Vnlken in Itimi rn in k fu r:
a. M. ISSO.
M’ ial A tir. Da» l’rle*ter-Knlleaium ani dcutu-licn <'ani|»i «tanto xtt llom. Ul
«tanii« ilairAnxelyvr fllr die kalbul. tiel»illcbkcll IV ii I w IiìhiiiU IwCI.
Waai. A. or Ibluffili pii di Itmn» Itmnn JttHtt.
" ||I. A. UK. Ile r O lili)*! (Saliti! iler IN-utm-Ik-ii XII Itimi, «iewhlelite der nati»-
naleu Htirtung. Freiburg I. llr. IWtti.
" n i A. m . Un» heillge J a h r in Itimi. tic« bicblilcbc N aclirlehlcn lllier die Jn
WIUfB mlt latannderer KArkalHM an f deut.« he Krinni-mnin-n. l'n te r Ite
iiutxaiiK ungvdrinktcr g w llm . Mtln-ter I. \V. lutai.
IV im im U . Anini le« niinoritni «mi triutn ordinim i a S. Francliicu in«t M ilio n i ut
Kdlt. necuuda. »|»-ra et adulto lt«»‘ I*. lo » m ti M tan». Ko*»m '» ah K w * i
T X X III. Itm uae 1734-17X1.
W»001* 1. 1 » I 4, Itllilluteea »rii|>t. <>nl MI noni m Itmnae tifiti
W m » m U . D ie cnoilachc Kirrbru|»ditlk nuter Hleltanl II. ( l.177!.'B**i. I Krel
Imravr IH*».). Itami I1*M.
IV a M n m t u . <1. F.. Monumenta tordi I a e ri. Val. I-IV . (lotiInane I7.*i7 I70n
* • > » « F . I'ii(|ttu< Klorvntlnu». Ix-Un und Werke. <« lu-li rU f’ xar Kitllttr
0>-«-hlcblc de» A lillclaller» unti der ItruaimaUi-e a. I l i | j4 | a l( und Iteriin
»14
f f i m n « « « W ., U n 4ilchtv ilr» K im l«beli l*a patta ai». VurtrAor. Iteriin 1HTA.
'V H.OJI l’. X-. Daute Aliali Ir ri« I H n und Werke Ini /.u»aniiuciihan*- d ir
»■.trllct S» «Ma. Jen a 1*7».
" ’• » ttt. r . 4ir»chtcbt«|nrllrn. Madrina*«4w.
* » w A., Aenea« M ItIn» l ’irrolonilnl al» l*a|M IMOa II Mede UH IMI Mattar
niMtr»iru>-kteti ttrlrfeu an» ite « autogr ( « 1 « Nr. X M l iler Wiener lla t
Mltllotbrk tira * l.*©7.
>H'm m a . J I . i . V o r «ler Hefuraiatloe Tee i r t M I la IIM o r |mlll. It lit lr r
I.X X IX . 17 41. Ot-UO. MOiwbru W77.
" u m A. M.. A|»locie ile» «tirlM rntnn» »oca Mamli nnH» der M lttrolrbre
Val. I l i : X atn r und letw rnatu r. F r e tta r * I. Itr. tw»4.
J . I I . le b rla i. b der W rltfrarhirfctr. 3* ed»*. m lttll-K ta ed a rr iv a ta la .
V a l I I I : Die rt»ri«!lirtkr Xà-lt ; 1 1 ,0 * »etA : Ini» Jlltfe U lle r In >elaem Var­
ani»* W im 1*7».
*« • < « C , t ir a r « * V. und U rlarteli V II. D ie Anfanar de» franai'**!« tw*>
l*a|N«tam> K ln tiri tra * a r ( M i l r W r «Ir* 14 J»brhnl».trTl« H alle Ih J
W iU t M illa r r A.. X a t M w lk lrr M k lie H ertlrtm aor« In deatn*4ir«i M ltlrla llrr
la K lrrb rn re rb tltrbc tl.tu n .iluno»"» •. fa«-. «1*1. Ktuttaarl 1BIU
* < M i K a i » r A - Verfa — at f ^ 'arb lclitr der d m t« tirti K ln b e lai Mlltetolter.
«« lirm M trtw der I h ■ a k k l« a l— nrtiaft ». Hr*e r a s A lata Url«T«BL rat. T .
« w liia» «*i. r « d itlM v . Irl| « ta «ad Ite rila 1*11
W »*»*a Kart. tJemrWrfcte d rr a |»il>aar«l«rte-n und polnni« brn IJftefw tar der
«■t*rt«t IWI«m T M y t r Val. I II . *>*a*1ian«»-a IM H .
w*a< a **T K . Ito lU a to rW r«4ltik l u x « « V I aad K « la K a rl» IV . la
4 rr Jakren IA V I l.f.f « V e U 7 H
» o « o « » » i A _ Il l*a ra d i» 4»a!i A lh rrtl K ltr« » l • r»a 1<a«ameall del 1 » »
HUxnana» di U k » m i a * l 'u t » d al « d ii» aalufrw fn ed l a a l a » dH la
R k n m a u a ra ra 41 A W Val. I. P I* e T . V a l II e I I I ««retta di « •
rtanMA lette»arte o rate **r. IH*)« « ft*» i | M < u l« f ii
* n » n X . lie K t lr W r «le» | tra » '« k tl*rr*in e » A4a»tH n a der Zeli de» A M «
Ka«r«t>-»1 M a tmm Tade * » A M e» Aadm a» tea W H lb e ta '•»»*
* * » K . M IH M m i » d i tla rla l— »«■ M ra a d w r« W » *
XCYI Titolo completo delle opere ripHnUmente citate.

W o ik i* II., I v r ltrlrfw«<rhiiel «Un Knra a Btlviu* I'kt-oloiulul. I A M .: B rl.t


a i» drr Ijili-nw lt (14B1I44A). Voi. I : l ’rtvjttt«ri.-r.- ; voi. I I : Aintllrhe Brìi .
Wlru t«JO. I l Ahi. : B rlrfe ni» frle a te r litui ala Blachof voli Tricttl <1417
1 Wlt-n Bill*. I l i A lti.: Urtate uU Blta-Iiuf voti Sii-mi. Voi. I (U,'<
I t i l i . Wleo 1UIH. |i Kiiii Im rrriiiii un»l rim a rum », ■-** m i Ioo<>, volt. Iti*, *£.'
«17*. •**).
VttlTNUiX, lIn r iilrM » drr Molerei. K n rlp ^ rlU viiu WoouiAXir. Voi. Il
l i l i a l e IMUL
Wi Mti»t;.x ( ì l i , lta«alrr-<li r milk. Doriti nllrx, « a * »teli In otterrà Teularh«
Ijimb-n. olt-lit unr In K tatl timi BUI titillili' Bnwl . . . xo#rtru*rii. Bit m-I 1SM»
Val tlTK I ' i i u l u , f u «ninhiltlrrr mi XV* nttrlr. Itliulnl. f.ltulr« -tir Kn tri It­
t i li-« «ri« A la m ur il«*» Mula! ruta il'aimSt implrr* «IP-Ial* tk-x archi»!
«tllalkv f a r i * Uve.
/ . i m i 11 IhtH , Il |hilili*llti* M iittlù V eil II rimarginimi» «t*-lt«- lettere, tlrllr art;
i- tlrllr M irrar In Italia. Itmiui I mSS,
Zrll*« h l f l ft lr i l l r liln to rlM 'lH ' T I trotti# k*. In V r r t ilm ln n s m ll i k T h U to r.-tb e o lo *
«¡•'«rlteftrllafl XU 1^'lfOÜK n u r ll tUtUKN O lili .S lM iM J I llrraU*KI'Kt'li<'n T«»l.
K v iim « Ann. K ü i« . «¡m lm I t ío «
/ i i i - h r l f l . K mII» ili M'Ite, fttr W laarM ctaft unti Kun»t. m lle lrr l vini liit a iM it
Ann. f-3 *. Ki'iln b B - I S t t t : Nrur-K«ilge: Katb«illmhr \ irrlrlJa lir'M b rli'
ftlr \VI*MtiMbiifl unii Kiintil. Ann. 1* r 2*. Kt".ln. 1M71MM.
XrttM-hrlfl kalhiiltM'br Tltroluitlr, n i l li l r r t 'u n |»r. J . W i e t a und Dr. V
S n a t w r , liuti «la |ir. «¡alt« ah r Dr. M utivi». Vul. I n». Iiin*liruck IV77 **
A-tiM-hrlfl ftlr Kira hcii#«-»rlilclite. In Yertilmlung mil W. «¡mu. II. M u r r a un :
A H inum . tu ran»#, von T u . Ilain ira V«»L »». «¡mlin IK77 »».
A r ili hrlfl fQr fItiliiMi|iblr limi kathollMhc T h titli< lr, brrail*#. von A iU tut
i u n . B u i v ». Ua«u«T>:, p*«tuujt uml V n iK U tM . -V K. bcrau»# « in I mi
m u r a , Ann. 1 a X I II KNu IH33-I.H.TO.
/•ellM-hrifl. hl»tnrlM'lir. bermi*#. von lliaaali'H vnB . i m i . Voi. I t». Mttnrbru
uml l«>t|«ic I t a * «».
/ . n n A |tt»-« rtaalmil Vuwlanc. Vrnrxla 1733.
/ i l t»li ai vi J . |Hr f iil«xa»«rrhauttluii#rn SwlM-hrn «trr orlmtallM-brn uml rv»
miM-toti Klrvhr «rii «trn» Anfan#r «Ir» I-V Jah rh iiiu h rt* tata xum Kun*B
trun fe rra ra W trn K À
Z i v u r a a io » A in u x , IHr klrrhlti'tiro Vrrfi»«*iMHt»kAHMifr Im UL Jalirliiim b'rt
Kinr Sintllr. llrm tau l » C
/.i» « .r i« n J . \V„ «h-M-tiIrblr tir» »»malli*« ben llrirb r* In R am p i. 2 pntll
«totha t m H H V
/.ia » n » r a J . W . IH r n rim tall*ch r fra#»- in Ihrrr Ktmlhrll Klnr »-«ebk-htllrbr
MImi Ir anr vrr#tei« h m rb m fo lttik . I» IIM u». T nvhm laarli di B a ta n a
I I I *er»r. VI. 4A14UI. N l| « ls K J à
/ . i m i . I l , M r e * l NlmaB. T rm lu l*4at
fcw r» « . r n m « Xalmietla « I .W I 4 I 7 I . fa.k .v a 1 *11
Zi ai» a II.. Anale» tir la r a t e w itr A ra *» * Voli. I l i IV. X a n tfx n I d a
INTRODUZIONE
IL R IN A S C IM E N T O L E T T E R A R IO IN IT A L IA

E LA C H IE S A

I
Il rinascimento letterario in Italia e la Chiesa.

oiu l'epoca, in cui « i compì la trasformazione in cristiano del


n mondo pagano antico, non v’ha forse nella storia dell’uma­
nità un perìodo più memorando di quello del trapasso dal m ed io
evo all’età moderna. Uno dei più potenti fattori di quanto tempo
co») pieno di acuti contraiti, fu quel grandioso approfondimento
« I intensione dello studio rivolto all’antichità, che suole venir de-
-* iroato col nome di rinascimento deirantichità classica. N atu ral­
mente questo applicarsi all’antico fé* capolino primieramente in
Italia, dove non aveva mai potuto sparire dalla memoria il ricordo
deH’antichità classica. Questo movimento nazionale italiano è in
realtà tuttavia allacciato da molti Ali alla cultura del medio evo,
ma introduce un’età affatto nuova.
Non è ufficio della esposizione, che facciamo seguire, di porre
«otfocchio l’origine e la diffusone di quel movimento, che. unito
•d altre forze, produsse una profonda rivoluzione nella scienza,
nella poesia, nell’arte e nella vita. Compito dello storico d** papi
non può essere che quello di segnare la relazione del rinascimento
•folla Chiesa e col Papato.
Per comprendere rettamente e sotto tutti gli aspetti questa
relszione è necessario prim a di tutto tener presente che ftn dal-
'mizio entro il movimento della rìnaacenza. la quale ti affermò
Primieramente nella letteratura, lottarono fra di loro due opposte
correnti. Queste due tendenze sono più o meno chiaramente
ric*»oo*ciWli di già in quegli uomini gemali, che vanno considerati
«»crome i veri fondatori della letteratura del rinascimento, vo-
fliam c dire il Petrarca e Boccaccio.
A l pari del creatore della • Divina Comedia • anche FlUN*
r * * r o P k tk a b c a stette sul terreno della Chiesa e colla sua enUi-
*ia*tira inclinazione all'antichità d a a s k a seppe « » g i u n g e r e la
riverenza d ’un fedele al cristianesimo. Il suo caldo entusiasmo
Per l'antichità non andò tanto oltre da fargli dimenticare la sobli-
i Introduxioniv

miti» dei misteri cristiani, anzi il poeta con somma risolutezza


ripetutamente afferma che per lui il Vangelo è superiore a tutta
la sapienza degli antichi. A ll’amico Giovanni Colonna scrive:
« Allor soltanto è lecito amare le scuole dei filosofi ed aderire a
costoro, quando non s’allontanino dalla verità e non ci allontanino
dal nostro fine ultimo. Che se alcuno lo tentasse, fosse pure anche
Platone od Aristotele, Varrone o Cicerone, con m agnanim a co­
stanza si dovrebbe spregiarlo o calpestarlo. N è sottigliezza di
argomentazione, nè eleganza di lingua, nè celebrità di nomi deve
traivi in inganno: infatti casi tutti non sono che uomini, dotti
quanto può ottenersi con lo studio umano, illustri anche per elo­
quenza, favoriti di doni naturali, ma miserabili per la mancanza
del sommo, ineffabile bene. E poiché fidavano soltanto sulle loro
proprie forze e non miravano alla vera luce, così caddero spesso
a guisa dei ciechi. Am m irerem o i doni del loro spirito, in modo
peri» che venereremo il creatore di questi doni. Sentiremo compas­
sione degli errori di quegli uomini, ma ci feliciteremo con noi
stessi e riconosceremo che per grazia, senza merito nostro, fummo
preferiti ai nostri a ri da Colui, che nasconde ai sapienti i suoi
misteri e li rivela ai pargoli. L a vera sapienza poi di Dio è Cristo
e se vogliamo veramente filosofare noi dobbiamo prim a di tutto
amare e venerare Lui. Anzitutto dobbiamo essere cristiani — e
poi saremo quel che vorremo. Abbiam o a leggere opere filosofiche,
poetiche, storiche in maniera che risuoni sempre in noi l'Evangelo
di Cristo. Solo mediante questo noi possiamo diventare dotti e
cristiani : senza il Vangelo quanto più avremo appreso, tanto più
diverremo ignoranti ed infelici. Soltanto sul Vangelo siccome sul­
l'unico inconcusso fondamento di ogni vera sapienza può edificare
lo studio dell'uomo ».*
Più volte per giustificare il suo amore ai filosofi e poeti clas­
sici il Petrarca si appella a sant'Agostino, le cui «confessioni ba­
gnate di lag rim e * furono uno de’ suoi libri prediletti. « U n cosi
grande dottore della Chiesa », dice Petrarca, « non arrossiva di
lasciarsi guidare da Cicerone sebbene questi mirasse ad un altro
fine. E perchè avrebbe dovuto arrossire? Nessuna guida v a di­
spreizata. la quale indichi la via della salute. Con ciò non voglio
negare che p r o s o i classici si trovino molte cose, che bisogna
evitare. ma anche presso gli scrittori cristiani parecchie ve n’ha,
che possono traviare l'incauto lettore. E non ha lo stesso Agostino
con un'opera faticosa estirpato di propria mano la zizzania dal
ricco campo di frumento de' suoi scritti? In una parola, sono
rari i libri che potrebbero leggersi senza pericolo se la luce della
divina verità non ci illuminasse e non ci insegnasse che cosa sia

* « > rrr, fmmU VI. a <«» u n e m . r i m l r »SM. I I . 112-11»!


Il rinascimento Itinerario in Italia o la Chiesa.

da leggersi e che cosa da evitare. M a se seguiamo quella luce,


andremo sicuri o vu n qu e».
11 Petrarca ha coraggiosam ente dato espressione a questo sen­
timento di fede quando più d'una volta sorse quale apologista del
cristianesimo e quando, dopo la sua solenne coronazione a poeta
sul Campidoglio, di qui trasse alla basilica di S. Pietro per deporre
sull'altare del principe degli apostoli la sua corona d’alloro .1
Ma neanche il P etrarca rimase immune dal ferm ento del suo
secolo e dai pericolosi elementi dell’antichità. Nella lotta colla pas­
sione sensuale da lui sì al vivo descritta nel de contemptu mundi
egli soccombette più d ’una volta ed un altro punto oscuro della
sua vita molto agitata è la caccia senza m isura ai benefizi. Anche
in altre cose troviamo nel nostro poeta dei tratti, i quali contra­
stano colle sue idee fondamentali di fedele cristiano. Tali, per es.,
in ispecie il suo altezzoso dispregio per la scolastica, a vero dire
degenerata sotto varii rispetti, e pel medio evo,’ come pure la
sua morbosa bram a di gloria. Su quest’ultimo punto si darà un
giudizio più mite ove si rifletta che persino il cuore d ’un Dante,
il cui immortale poema propugna l'idea cristiana della nullità
it ila gloria, non potè tuttavia liberarsi dal desiderio di essa. Tut­
tavia rimane sempre un triste spettacolo vedere come un uomo
sì intellettualmente elevato quale il Petrarca sogni corone d ’al­
loro. favori principeschi, ovazioni popolari e corra in traccia del
fantasma della gloria alle corti di principi moralmente molto
*c«*i in basso. * Non può soggiacere a dubbio che vnda considerata
siccome un'infezione del paganesimo questa ardente aspirazione
all’immortalità del nome, contro la quale la coscienza cristiana
del poeta combattè con successo molto limitato. Dagli antichi clas­
sici, specialmente da Cicerone, l’ideale della fam a « presentò pos-

» *'fr, KflBRSO I. 174. I7R. a i . . «<7 4 0 3 * .: I I I . 4 * 4 3 1 l l t r r * £ * . tir-


•<M«WV 227». l’ i n a . M>m. TkrtAngir A B 4B 4. Vnwrr. t r W r r W t i « * » I». TU
'*»*•- Iti.t.x in Kiw ch-4tarara. 3 m . X IX . S M R (teiera, /V frw rr*
•l-eisttlg 1S74 i s e « ’, ( l u r u n I. fcV7. IWaroi > « I * * . M »x»ini *1 . Iltt « a ta r-
’ *• 47\ 16 c rip ta l'a»«<Tii..w . r ir r iu ti anche i h K<«anvi I . 75.
V«*wr |». » 4. K n t i r j KnM<éMimr I IWrMu 1*7«» X, l l n w * 2» e
Pm u » 2B. chi* I V t n m . il qn alr <W r «oltant» (11 ordini B d w v t «4» «tal«»
>«w». Il ( a n o >tal /*• olio rrUvHm. in <>??. ( I M I . 13S4I SKBL ««kkaio
«•*» i b i Kùrtìnc. nulla prttrn. p n rfci 4iriam* t*m4c* mtqmr ogirimm
'•4iommm r r tr h n r r |ri non vuoi «Uiv < r M n t m M . aaa 4 r i f u i « » al b if ­
ila r i» H a l » r t l d n forai«. (Y r anr|w> K u n t JVfrwm* 1> 3 * 4
* « IV tra n jw • M + on dr» VTtTOhT* poni p it a n a n r le a r i . k « rrrM IIrr
•a l a i * ih » T W t K » da B n jr ti t< » » . ith » l 'u n t i* a a a lla a a r l» rotav a di
r ar. Naca UT arO a K rr. 4 qmnt. Mal. 1MB. U | l . M I.
» K < *n r» |. » a * . 13? s . M I ; II I 43* Yom r. » W i r t i- J . . , 1«. 71 a.
,® * - U S » Ilir r t r » . ( r M b w w v 22*». Burrm -i I®«. K a t ia . Prlrwtrm >41
» ^ S tw o sm . ftcrirol S a i f»n»arlo d i t*M lr «*dla I t a a r fr tira n e -
**■ » • KvUmr |s, t a t a fb K X u a * V II» . 3 6 «a. « l l i n i v j * / m i o
( M ia IW S) l i
« Introduzione.

»ente al Petrarca e talvolta lo trascinò con tanta forza che ne fu


cacciato completamente l’ideale cristiano.1
fc indiscutibile un pregio del P etrarca: mai nel suono argen­
tino de’ suoi sonetti si mischia un pensiero frivolo o voluttuoso.
Sotto >fuetto riguardo rappresenta il contrasto più forte im m agi­
nabile il suo contemporaneo ed amico B o c c a c c io , le cui opere
trasportano il lettore in mezzo alla crassa atm osfera della sensua­
lità pagana, fi cosa addirittura spaventevole vedere come questo
geniale maestro della forma e della pittura dei caratteri si beffi della
modestia e pudore cristiano. Il suo idillio « Ameto » saturo di senti­
mentalità all’antica, predica abbastanza apertamente 1’« «vangelo
del libero am o re», mentre la satira «C o rb a c c io » o «L a b irin to
d ’umore » contiene cose incredibili in fatto di cinismo senza ri­
guardi. Un giudice punto severo opina che persino i moderni veristi
sarebbero difficilmente in caso di superare la « dipintura sudicia »
di questo libello. * Anche nella più celebrata fra le opere del Boc­
caccio, nel « Decamerone » si fa largo una dottrina del piacere
sfrenata ed affatto pagana. Con evidente diletto si celebra in
questo novelle il trionfo della seduzione sulla innocenza e sem­
plicità siccome vittoria di sana sapienza della vita sopra ritrosia
insensata e contegnoso orgoglio fondato sul sentimento della virtù :
con arguzia spiritosamente superiore vengono derise e tratte nel
ridicolo la moralità e il pudore. Tutto lo splendore dell’esposi-
xioni' diffuso dal Boccaccio sui suoi libri non fa che accrescere
i pericoli che porta con sè la lettura di queste novelle.’
Con particolare predilezione il Boccaccio nelle sue novelle
copre di ridicolo e di scherno ecclesiastici, monaci e monache:
con fine sarcasmo senz’eguale egli li rappresenta addirittura sic­
come tipo d’ogni ipocrisia ed immoralità.*

» Vtusrr. It iriIrr M r tiiM I*. 123» (T r. I*. w N h ijim . C M rlry ir r i n » w -


mUmr D'ari» IMGi 5 S « li il» Min umili, w i r n i m i i b ' la rrllgt<Kllft 'W IVtrmrvtt
Il W l'.rri:[j<iiUM r> urli' IrrJkér f, A 'a lla rfr « '*. X I I ( I B I I IB|. IK l«.. rh r In
»*•»«• ••«ttlwWc In n rp ialm r f a lla MA. X I ( 1014). 27«1 «la WtiMra tll «jual
«l»ia Ih Iim » unitili •« IV ira n a I t r . anrfar IhWl. X I I I 3 > !. la elo«*a
•««■riHMW di W K " « l >■ r a a lt» I l l l u r l l . IV. l 'r l m m » 1fhr UrhfUtm 4rr
K l*'*ik rr. T..I ai. Hrrlln m i A
: ( R u m i m i nHI' lK yra Xrllmmf I M I n. 3M. Jtrtlapr. Soli"« .Viario*
r f f R h i ' r u m orila Itimi X riltrb r. «Irli» Svari. Doma » t W 11, SS* IN
U l i v i m i » pnrla . Xoaatxwr»- I. All»; i i » r > n I. t**1«• II. 2B».
1 l l m m Kla^ira IT I1 l<fr K i >*T1m . II. UT ».. «17 IV iiitU .**6 O w
f * II. 1’ »,, M J t x i m n u » r*< m w toc. rii. 242». I* or g t w m Si«**<*
4rll» Ir li. limi. I \a|Wl I. K k lliatura. f nm cnfm +r, 331 «a. U L t m r .
0 . Itmrrmrrtm. «ria Ir lr m mm4 t r * »r Mr r t r i S ( u t l » r t I^TTl rrrva «Il «ram nr al
Iu m U It | k m rrli\ n a am m rltr lU U l r i a m « lo »1 |«ft « la T al* «W 1*11»»
Molla «rturnowalr Klwllra II ttunrarrto l ì ar. I ji t t . R m W op m t II frim n
H IlM iriaralii « «It i p n f fl, n a r r im i I PmIvTO 1*7*1 IO. ak|Oaatu nm rnrm*
rl>|.. . tilm i-m .. Il l'u r a ts . * «tara, af. 4. Irli, ilml X V I. 4"7
• Il II« » (H ia la ila t n ^ in »A h n M » Im it a t o r i a a rb r I n « * ' «ta r ili. I
•inali i m r t t a t l n a » aimarh r -lallr n w |4* rib o lla a ll IT r Hi r « * u w . Kml
Il rinascimento letterario in Italia o la Chiesa. 7

Eppure neanche il Boccaccio fu un incredulo, un nemico della


Chicca. I suoi empii detti sopra persone ecclesiastiche non sono
afT&tto lo sfogo d ’un sentimento per principio ostile alla Chiesa:
nessuno de’ suoi contemporanei li ha presi in questo senso. Il
predicatore di penitenza, che andò a trovare il Boccaccio nel 1361,
gli fece bensì am ari rim proveri per l’immoralità, ma non per
l'ostilità contro la Chiesa contenuta ne* suoi scritti. Nemmeno
nel periodo più sconsiderato della sua vita l’autore del « Decame-
rone» è stato un in c re d u lo :' più tardi, dopo la conversione, la
fede ingenuamente pia del suo popolo penetrò nuovamente con
forza in lui, che andò poi cogliendo ogni occasione per dichiarare
il suo sentimento di credente e per mettere espressamente in
c a r d ia dalla lettura delle impure produzioni della sua penna.
Ora non c’è più traccia in lui del precedente am oreggiare cogli dèi
•iell’antichità classica. È di questo tempo anche l’affermazione
ia che egli non considerava le scienze siccome un impedimento
il*?Ila fede, ma che piuttosto rinunzierebbe a quelle che a questa.’
Finalmente fanno fede del sentimento di credente del più cele­
brato prosatore d’Italia anche le sue belle laudi mariane ‘ e il suo
u-.<tamento. In esso il Boccaccio lasciava quanto aveva di più pre­
zioso, la sua biblioteca, a M artino da Signa monaco agostiniano
<• professore di teologia, colla condizione che costui pregasse per
la salute dell’anima sua: dopo la morte di M artino la biblioteca
doveva passare al convento di S. Spirito ed essere ognora acces­
sibile ai monaci perchè ne usassero. Il poeta bram ava trovare
l'ultimo suo riposo nella chiesa agostiniana di S. Spirito oppure,

I w |p. 1H2».: K. B i n t . fi-rtrk 4rr llal. Partir ( Isriial* ls «7 l 7, .*>8*. « 1 » . ;


•l«*.**. Ncmmiumnr* HI. 3C .«. «• M. L L tU I*. H ritrifr :mr tir tri. 4rr (lai. Vo-
'r ifr i Wi*-n 1X731 22 a . 27 wa. » . U n i i ’ (13) Bufa quanto al » » H I U i M a­
c a r io f ì u M i l » «la |t«lrnH>: «fa n n o <»llar»l quanto <4 Tonte I firrtl. ma M-
' “W i im a H lritr rtor U m al«, m m i II n a l w t t r t o a u r lo . *• * !• » « <wml
>11 riM-m> ilm ir iM . O M | « « t t i m a u t r nrfl ai ar«ta mi anaart e
ta x i. rW- f rta | «m liti> Il p a i« : talvolta anal 4 i * n » « r la d n W a r 41 i »
r M M Ir lir uni Va m a a lm i pi# b k » « i » CTr. « I n n m » 12» a r filar* »1.
4l Irti Hat. X I. *»<7. Anrmr i n d o r i f n n » « a » In morrUr «il ftloraanl Hm"
'^m W . 1« m i poM»ltrail<mr ix n u t r m » p r r i i w n V ' al pad*«»- ( » . I.anw i- ! »
• efr C u r t a r II. 73. MS». rata! « i t i r o m p e r art • C «4 IM «W »a T r i T a l
*• a a a a M i l a n o
* <Yr A. R m a M . /»ri i r a N a n f * r r 41 fi. <t«o » r <o la f ) * » »
*a r *r 4 tri*. Hat IJC V Itt <1»l«>, « a .
* r KMmin II. ( « a . 3K7 * . a « « , f f i » « l i u r u i II. a* M anata» 71»
<1 O t -n m n . n primta Rlma*rimrml* ( V i n i l«7>. « M I A. Iloarta. Hla4i
•atu mprrr taf 4rl Horrmrño i T l M r l«7*l «73«. (V ra iT . Barrar» (T arla
(«•ni M w h H>U]1.I. / armltmrmll erUftoai 4rt tlmrram» R ita , isaw
* A n t i< a r rfrbkaatA nm ralrm nal» « o a » ratlraatnor W u a n r t r t r t i »
am4 .ta llir «a 4rr Aafaaamm* 4tr ffraaiaaaarr. arila J frll«r*r f, hallar-
X I 11*141. u n V. anrfw R q r tm « taf. H »_ 81 a
H

se la morte lo sorprendesse a Certaldo, in quella chiesa di


S. Jacopo «»s a pure degli Agostiniani.1
L a posizione, che di fronte alla Chiesa assunsero i due fonda­
tori ed iniziatori del rinascimento, non fu quindi per nulla ostile,
ed in accordo con ciò furono del tutto amichevoli anche le rela­
zioni dei papi con questi uomini. T re volte il Boccaccio si recò
alla Corte pontifìcia come legato dei Fiorentini e vi fu sempre
accolto molto bene.* Somma benevolenza addimostrarono ai Pe­
trarca tutti i papi da Benedetto X II a G regorio X I : fu un papa.
Clemente V I, quegli che tolse il grande poeta alle sollecitudini per
questa vita e gli assicurò la indipendenza della produzione intel­
lettuale. ’ Non è quindi giusto considerare il movimento noto sotto
il nome di rinascenza, la cui form a letteraria è l’um anesim o,4 sic­
come diretto fin dal suo principio ed in tutta la sua estensione
contro la Chiesa. Al contrario, lo studio dell'antichità nello spirito,
della concezione cristiana del mondo, fu un movimento spirituale
giustificato in uè e fecondo di nuovi risultati per la scienza vuoi
profana vuoi ecclesiastica.'
Anche dai punto di vista rigorosamente ecclesiastico non potea
che venire raccomandato lo studio metodico e complesso della pro­
duzione dello spirito antico colla tendenza di liberare le menti
dal formalismo della scolastica degenerata e di renderle atte a
coltivar* con m aggior vigore e immediatamente tutte le scienze,
specialmente la filosofìa e la teologia. Il trasandamento della lin­
gua e deU'espoAizione nel tardo medio evo, il modo con cui sotto
questo rapporto la gente m accontentava del. meccanismo deci­
samente perifrastico della form a scolastica, continuando doveva
tornare di danno all’evoluzione scientifica. Se non voleva perdere
affatto il suo influsso sulle menti form ate umanisticamente, la
scienza ecclesiastica doveva prendere per modello l’immortale e
perennemente classica bellezza della form a nelle opere prodotte
dallo spirito antico ed indossare un abito nuovo, più gradito e più
sciolto.* Per la Chiesa tutto ciò che premeva era il metodo e lo
•copo degli studi umanistici, poiché il movimento potea diventarle

I Trtlmmeni» di lìtmr. flooreorie nrxmda te | H iy «a r M arlpteatr A r t T jn


cèirte Ilirfkt-Hnrykr»* « gtrmm (M ftta 1«3S)
• M U w t C , (a n w r t e K < « n m II. i n « . » M » , K A. Ilntrti».
Blof UmorMvto. M ta irM Ia rr te I r i f n w iTrtm lr IK73».
• I, a » . 440-44! Olir. Tmpmm la UH. tare*. IV . 3 4 « . » O -
rw u r Prtntrr* ntmomtn di A m mrl | | g , lo 4111 d, A m d rm m di y *-
rten M .I . S a
• I M U I 3 , >h d. f r M r l n i f a lm iH tlJ &.
• O t I ' i j W . thè» rt*4 ra rl«M *<r«ri 322. Móntxa. ftràriftrm k n m u fft .
» « tK L u m m i H v w b v r s IMO» II. 17. 3X 35. X o m a m a I I . 8. IO * I I * »
« • » » a n n i I I I. 112.
• Ct* B u n w . IHr t i w ) i « 4 n i fltmdtrm 3.
Il rinascimento letterario iti Italia e la Chiesa. Il

nemico solo quando si fosse abbandonato il metodo che aveva la


prova dell’antichità, quando, invece di rim anere mezzi di cultura,
g li studi classici fossero diventati fine a se stessi, quando i me­
desim i anziché ad approfondire la scienza specificamente cristiana
avessero servito ad oscurarla e d istru g g erla .1
Ma finché l’antichità pagana fu compresa dal punto di vista
del ¡'assoluta verità del cristianesimo, il rinascimento della lette­
ratura classica non potè che tornare di utile alla Chiesa, poiché
come il mondo antico in tutte le sue relazioni viene rivelato all’oc-
rh io della mente soltanto se visto dalle altezze del cristianesimo,
crisi anche le bellezze delle istituzioni cristiane e delle verità dogma-
li he cristiane possono comprendersi ed apprezzarsi in tutto il loro
vaioiv solamente confrontandole coi lati rispettivi della vita e pen­
ero antico. E perciò il favore che i papi e molti altri dignitarii
•si lesi astici concessero al rinato studio dell’antichità, fino a che
questo venne coltivato nel retto spirito, non potè se non riuscire
^aiutare agli interessi della Chiesa. Questo favore del resto rispon­
deva adatto alle antiche tradizioni ecclesiastiche.1
Partendo dal principio, che la scienza è un gran tiene in sè,
che nessun abuso della scienza ne giustifichi il soffocamento, qui
r«me in tutte le cose tenendo il giusto mezzo, la Chiesa fin dal-
l'n zio combattè solamente la superstizione pagana, l’immoralità
pagana, ma non la cultura intellettuale greco-romana. Seguendo
i’> empio del grande Apostolo dei gentili, al quale non rimasero
ignoti i poeti e filosofi greci, la grande m aggioranza di coloro,
eh* ne continuarono l’opera, altamente apprezzò e raccomandò gli
*tudii classici. Eziandio i cristiani antichi noti pel loro rigore
non ebbero scrupolo alcuno di vestire le idee della loro religione
nei versi di poeti pagani, ad e*., di V irgilio.* Allorquando l'im­
peratore Giuliano fece il tentativo di sottrarre ai cristiani l'im ­
portante mezzo di istruzione dato dagli studi classici, i più avve­
duti rappresentanti della Chiesa videro in ciò una delle misure più
ostili e più pericolose pel cristianesimo. Stringendo il bisogno, fu
d'uopo allora servirsi nell'istruzione scientifica di libri affrettata­
ti* nte scritti a tal fine da scrittori cristiani, ma quanto inadeguato
fMte questo mezzo di difesa si appalesò col fatto, che subito dopo
b morte di Giuliano si ritornò ai classici antichi. '

* R im a r tal V m u «. W a t t '« « r r M w t t m X II. 3 W «6


’ ri» , la «lotta d ln a t m l f «olla rrlarto or d rK a a tlrW ti ria —ir * col
r'14iaaaataao a r d i HUtpotU. MUtter X X X . 106 a*.
* tfenapt la ac H om i. tm*rr. < *rw . arW t /rum » r 11 I i K-cn U H *) A lla
« h a d a O 'a rt* | a ( u a gU aotlrtii r r M ia o i tram **tar««w « M ia p H 6» ll*
«Tari» Ir B u a « m a rin a i «tararatlt* tadtffrff-atl IS W . JmhrSvr*
XI. 514).
* I > « W , ter HI. » » 7 T : H i * poiit H U IU t X X X IV . «31 * I l K f l l j r n ,
"•OrafeaMM mmj rkrutrmtmm <K«la !«<•», *U T la » « *» M affri. prlorr
^ rr^ntmn di F V * 4 r a l am ira 41 Cnataw «ir' I M i r l . llaaiM H d i
Introduiionr.

Veramente da parte dei cristiani non furono mai disconosciuti


i pericoli che racchiude in aè l’occuparsi del paganesimo in modo
unilaterale, esagerato e senza tener conto de’ suoi lati oscuri.
■ Per molti », cosi fin dal suo tempo Origene, « è un male aver
dimestichezza cogli Egiziani, c'oè colla scienza pagana, dopo che
hanno abbracciato la legge di D i o » . 1 Quei padri eziandio, che giu­
dicano nel modo più benevolo i classici antichi, non trascurano di
mettere di quando in quando in guardia la gioventù dalle strade
false, sulle quali studiando l'antichità essa può andare a finire e di
additare gli scogli, contro i uuali può naufragare. Attenendosi
rigorosamente ai principii provati del metodo educativo cristiano
e diligentemente scegliendo gli insegnanti si cercò di ovviare ai
pericoli latenti nell’antica ¡«tteratura. Per tal guisa, come insegn»
la storia, la Chiesa riuscì ad evitare il danno che dalla lettura dei
clamici potea derivare alla vita religiosa e morale. Abbastanza fre ­
quentemente si ebbero, gli è vero, dei zelanti i quali proclam a­
vano: • in Cristo noi abbiamo la verità, non abbisogniamo più d ’al-
cun’altra scienza », come mai mancarono cristiani aborrenti la
scienza classica quasi pericolila e alterante l i dottrina della Chiesa,
ma il « vero biasimo diretto da san G regorio Nazianzeno contro
questi cristiani mostra che essi non form avano nè il più illuminato,
nè il più disinteressato partite in questa questione. Propugnando
la tausa dell'ignoranza, costoro m iravano insieme a difendere se
stessi senza darsi ulteriore pensiero dei grandi interessi della
scienza c della cultura intellettuale nella società cristiana, che
avrebbero sacrificata appena avessero ottenuto il sopravvento.
In ogni tempo gli uomini, che con sguardo sicuro abbracciarono
l destini della Chiesa, presero anche col m aggior calore la difesa
appunto di questi interessi.* Cosi in ¡specie la grande m aggio­
ranza dei padri occidentali ed orientali della Chiesa.
• La filosofia pagana >, scrive Clemente Alessandrino, «n o n
nuoci* alla vita cristiana e la calunniano coloro, i quali la rappre­
sentano quale un’officina dell’errore e dei cattivi costumi, essen­
doci* essa è la luce, l’immagine della verità e un dono dato da
Dio ai G reci: ben lungi dal pregiudicare alla verità mediante
vuota illusione, egtsa non ci offre che un baluardo di più della

i q n l l n r t A lit i •vul»*tlr4 »ll'a rrrn a a la m i»U n tll lìlnlU ltu Irtt U


•Uanrrtadnar iW ilk '»!» a NlratA V : » l a tamrlmm rwlicilmtrm IIfirn »* Impo-
mrnmlrm art f W l'a lir 3*7». f. S : I I I h i V a l I r a a a ) : m i |WI> I U f f » r V
•Ir INtrnatio noli» «r r iB » • Ihr i a u m w M M la r r ri &r»rir : a»« I V tir ili
MMIu*rra * H I >«.«».< ,<r» arila r i v i r a 41 K r i t r o f u r l r a. M « Yr
VIlcMKI !*rr l ( * r r 4r n u a M a r « « M la r r ri fr a r lr 4rm K a f t a r l raa
warta. MUaUrr IMA. ? ».
' Date«*»*, f u «4 llrr» S D in e . M f . Or. X I. Wi A ltri |a«it p t r « »
1« l i n i u i i i h . » H ir i* r f a r l|««r* érr R iM a a f (a 4rm 4 rrl rrtlr-m Jakrhmm-
érrtrm 4rt Vkr,,Umlmm» ( I t q n M U M ili M e*fm K M 1 W .I SI «
» I m i t i SI.
Il rinascimento letterario in Italia 0 la Chiesa. 11
verità e come una scienza sorella aiuta a stabilire la fede. L a filo­
sofia educò i Greci, come la legge i Giudei, per condurre gli uni
e gl a ltri a Cristo » . ' In un altro passo Clemente giudica che per­
tanto chi trascura la filosofia pagana è simile a quei pazzi che vo­
glion o raccogliere grappoli senza coltivare la vigna, ma che però,
mef» olando i pagani vero con falso, occorre prendere dai loro filo-
• »fi la sapienza, come dalle spine le rose.5
In modo simile parlano san Basilio, san G regorio Nazianzeno,
«ant’Agostino, san Girolam o ed altri eroi della Chiesa antica. Tutti
m ostrarono di vedere chiaramente e di sentire caldamente la bel­
lezza della letteratura classica ; « senza che chiudessero l’occhio a!
lato oscuro, alle ombre nere del paganesimo, essi videro tuttavia
¿nche lo splendore solare, il raggio della luce eterna, che circon­
dava queste magnifiche opere dello spirito um ano; essi ascoltarono
tu ttavia anche le voci profetiche che qui parlavano forte e cerca­
rono di conciliarle colla lingua del cristianesim o». Chiaramente
*-«1 distinsero l’elemento genericamente umano contenuto nella
tig ra tu ra classica dal pagano, che essa racchiude in sè: questo
va eliminato, quello invece accolto nel ciclo delle idee cristiane. *
P erciò essi rilevano continuamente che tutto sta nel modo con cui
*> leggono e si usano nell’istruzione i classici pagani. Le loro espres-
- »n i di disgusto non riguardano la cosa, ma lo spirito cattivo, il
metodo errato d ’u sarne: in questo essi convengono con sant’Am-
ftkx-hio, U quale diede il seguente consiglio intorno alla lettura
■iei classici antichi : Sii cauto nel trattare con essi ; raccogli quanto
hanno di bene; fuggi avvedutamente quanto in essi è dannoso;
¡mila la saggia ape. che scende su tutti i fiori, ma dai medesimi
occhia sempre soltanto i dolci umori ».* In questo senso Basilio il
Grande scrisse il suo celebre « discorso alla gioventù cristiana sul
r*:to uso degli scrittori pagani », discorso che si distingue per ele­
ganza veramente attica.* Contro gli ingiusti assalti, che dichiara-

1 K ir n A a r r A y t i a i r i» , " E X J jjw r i* in 4 » V ?
!'-5ìhÌWjì XpùmSw ( SInumala. |. J|.
* Htntmmlm I. 17: 11. I. Sul (t a H iin chr (V t t r n li- A l r a U f l r t w «14 drl
•)-"»*l catti r f r | | *rr*n . HrmmdUmtei1 2W7 ». r K s r r m . t u li* rad
>• •JtuurtaWliiirt di TOMoarn. *nu .V. )»..
* II. Jmtmt. fhr tlaaminrkr lìiUmmp « a d dir mltr Kirrhr i H l ’. llly n » T.’ •
l“ » ' * » » . IM I V.4 p ssa. I t r C la jm I I» . .Id rica ras Cornilo « I » ,
« *Yr l i m a asm. s s «.: m i p*d Attuar x x x iv . « s s » . r
h 'r trW a M k i ktoiHtrr da <TVW IMMi m * J StvJ.M»V«.
* <rrén,rmirr n d M a u i ;itmmt (114. F.rg H rft d ir »ia iM • » M »«»
’ « d i rvriiaont laia
* «**< ***. • » l i • » O itym ir. « « ‘ ‘ rt'
, f *. ttntlllmf d. O r Umhmmrtr mm d ir d a *ra d * W r érm màiil O rtrw ar* dar
*,<d » Ulrtmlmr Klmr QmrllrmmmlTtmràmm* llHnt 1 Mltorfera I W : d f »«<
W n M M In Wiafnr. J m M . X X X 1 1 1 »*. Q w l « « « • * » di S Ila
«U à ari I*of. o lin e fn I s h M I » la latlao da I J m x I a B r w i r * « » “
<Mla a i r n d h a r i M M i l r l a r o d U T a 4 n r «H nmnlm n t * » Ir
12 Introduzione.

vano i libri pagani in genere e in specie sciocco inganno diabo­


lico, questo g ra n d « dottore della Chiesa, la cui fam a oggi pure
persevera nell’ordine dei Basiliani, con visibile amore fa risaltare
quali mezzi acconci e belli di educazione offrano gli studi classici
allo spirito della gioventù che non possiede ancora la necessaria
maturità per le diacipline più severe e difficili della filosofia e della
teologia : occorre soltanto che si tenga lontano tutto ciò che possa
influire sinistramente sulla spirito e sul cuore. Ancora m aggior
stima, amore ed entusiasmo per la letteratura degli antichi si ri­
vela negli scritti di san G regorio di Nazianzo, che in una delle sue
orazioni cosi si espresse : « H o ceduto a buon mercato tutto il
resto: ricchezza, nobiltà, influenza, in poche parole ogni splendore
terreno, tutte le false gioie del mondo. Ad una sola cosa tengo
fermo, all’eloquenza, nè mi pento d’aver sostenuto tante fatiche
per mare e per terra allo scopo di acquistarla ».*
D’allora in poi l’intreccio della cultura classica coll’educazione
cristiana fu nella Chiesa tradizionalmente considerato siccome una
certa necessità, ulta stessa guisa che in genere lo sviluppo scien­
tifico del periodo, al quale appartengono nel m aggior numero
i padri ricordati qui addietro, ha acquistato importanza durevole
per tutti i tempi della Chiesa.*
1 ministri della Chiesa hanno salvato tra le procelle dei secoli
le stupende efflorescenze dello spirito antico cercando insieme di
trarne profitto per gli interessi del cristianesim o: in ¡specie i mo­
nasteri fondati e protetti dai papi, finché visse in essi il vero spi­
rito ecclesiastico, hanno compiuto grandi cose per la conservazion«
dei tesori intellettuali dell’antichità, t genuini rappresentanti della

rtn» »tatui«- iMHlrt tpp'-’raphiri |Xnrimtvrsua- 1707*1 V. 78:


X. I l i » » sii aw tir idi) nnmr>r<«4 maoaarTtttl. I*» noia h t h H o l r n V a l l ­
e a u n w> f«-»t»b> 11 .•«•>>*<•: v. f'oJd. r « i i c p » . f. is»* 134*: jp>|. t. 11»* 123*:
/ { K f t«o» 173» ; n»i. t. aa»-*s»: i«rr. f. ao>oi»; rrte t . ìn^-ioe» ;
r. im m m » s s * 1. 1 i » - m jio t . r a i»* »»»: s m i. t. u «.
f '7* ov »un*. i m i . r w»-u&>; l « 7 . t. I4»-U 8>; un. t. i*m.
f. 3»><3Sk «nrta. U S I. t 3 »-3 s »; m i . t. m m * : I Wl. f. *»-t«k : is s i. t. 129»-
w i* : m * . t r . > 7 > : n * i . r. *7» u«o» rnwa. n e t. t. i» - w » ; m s . t. i » i > :
USJ. t '« • IH!» SulW- tentoni Unitane «tri iH anrw fatte w l a n i » x t r. «m r.
1 4. U H timi. XV. :««> *.
1 (V r t 'u n a 31»..: l U t - t u t a i m i 3 f> » ; (t R t t r t . It r » JU. rw
Va.'i«».- I rtH I ékrt l l r tlM fia rk m aarf mimr R m r M i n a # 4*tn
•l<r<«Tamaw .► ! «tana»!» «li U n a IV4»t <• Schm ixuu. IHr ft<**ai»r k n K U o
titrr ttmf rhriitl. f ; irmmt« r a tF ra n k fa rl V. «nrhr W im ti iwett A ll! «tal
*3- r«M IKM itrt ni>4<>ft Intw rtil. |v 3»»
* 1 « (arata iW t'w n tradiatoaaW* dal ir « m l i i la p«t * «tata dal t u t i n .
arila iwlta *oa m « » tnwbuta jm v la in W r o ut» I SI (itiaava. Fnrt-
•“" » * isafil IV » l 'r t i « u t n t S ttm » '**« ;’ in K » * r » * . R r a i n t y t M ^
«drUJI. (tlrrféaM T •t'rW t.jrc 1SK1| |. 3 Q « i l i . aartac 1. A u m . rmmmm-mlmtlm
4r l.tllmtrwm t f n n w n a « IfM ( « M a r n a HméUm rmm Thr alarla H h rM é n t
nM iM frw ifa (Otfa. U rto « ISSTk. m r t l ' l 'n a i t la 'V i m a m. « n n * C «v
r*ra tr# O a a 111*. I t t i r M r w . - f J t k r W I 4rr « ra rO ar**/« II. l a k
Il rinascimento letterario in Italia e la Chiesa. 13

Chiesa furono ognora ben alieni dal rinchiudersi, con puritanu


angustia di mente, di fronte al realmente bello e classico nelle
opere degli antichi, ma con tutta la loro ammirazione per la lette­
ratura classica hanno sempre ritenuto fermamente che, eziandio
quanto l’antichità ha di più grande e magnifico, è ben lontano dal
raggiungere lo splendore, l’altezza e la purezza del cristianesimo.
Non stima senza m isura o apoteosi degli scrittori pagani, ma
»aggio uso dei medesimi nello spirito cristiano: non unilaterale
m alto del lato form ale, m a utilizzazione del contenuto per l’in-
teresw religioso-morale, fusione dell’erudizione colla condotta cri­
stiana, coll’educazione cristiana, ecco ciò a cui mirò la Chiesa.
L ’uso degli antichi secondo il retto spirito apportò bellissimi
frutti. Dagli scrìtti dei grandi filosofi pagani i padri della Chiesa
hanno preso una quantità di profondi pensieri e di verità naturali
per difendere la rivelazione contro gli assalti dei fiolosofì e degli
eretici, per darle una base conforme alla ragione, per svolgerla
«pensativam ente: dall’ incomparabile bellezza form ale dell’ anti­
chità esi hanno appreso l’arte di quell’esposizione maschia e piena
dr slancio, che si am m ira in tanti di lo ro .1
I/O orazioni e trattati dei padri formati classicamente danno
la prova che la semplicità della fede non può che guadagnare dal­
l'ornamento della bellezza rettorie» : le loro poesie rendono i con­
cetti della teologia patristica con altrettanto acume quanto l’im­
mortale poema dantesco quelli della scolastica. Qual forza abbia
dato al cristianesimo in quel tempo l’educazione classica, risulta
iti modo chiarissimo dai ricordati sforzi di Giuliano l'apostata di
"cindere il connubio della fede cristiana colla cultura intellettuale
«reco-romana. *
Ir sostanza era quindi chiaramente indicato ai rappresentanti
«Iella Chiesa quale posizione dovessero prendere di fronte alla rea-
zìoat in favore dell'antichità, che quasi per necessità di natura
avrebbe seguito ad un’ età di decadenza degli studii classici. Il fa ­
vore veniente da essi ai risorti studi classici a vero dire segnava
in certo senso una rottura col tardo medio evo. che pàti del giusto
aveva eliminato l’antico mondo e conseguentemente era pervenuto
ad un deplorevole assoluto disprezzo della form a, ma non era una
rottura con tutto il medio evo ed ancor meno con tutta l’antichità
cristiana. •

• * t» J J%amu.,v IVMrfcA Is-OfaH firmf » Stallini i r n U w t I*J | S S


• « tro ta . Ufa ttrmmiMmmrr 116-11?
• 1*it ic i I M * . O ff. n e t ta i H U lI r r XXXIV. O C » , t « w n w a. * o -
n • t v r f e t lr / U M III*. i'JSm, V. «arfen Srnacsa. 4 r W « lr f r i tm * r r
iQ rk ailtl IVTSi. 1/ u n i.i al d h p m ila < H k forma ari tanto anrdW, « o a u l u
14 In tro d u z io n i*

>1« dalle circostanze dei tempi la reazione a favore dell'anti­


chità classica, il rinascimento, ricevette una tinta e figura caratte­
ristica. Kssa cadde in quel triste periodo di quasi universale fe r ­
mento e snervamento della vita ecclesiastica, che a partire dal
principio del secolo xiv si manifestò neH’indebolimento dell’auto­
rità pontificia, nello spirito mondano del clero, nella decadenza
della filosofia e teologia scolastica e nell’orribile scompiglio della
vita politica e civile.* Ad una generazione affatto sovraeccitata di
npirlto e di sensi ed ammalata sotto parecchi rispetti, furono esi­
biti i pericolosi elementi, che fuori di discussione contiene la let­
teratura antica. Oltracciò la reazione contro la trascuratezza della
forma propria del tardo medio evo procedette ben presto tanto
avanti che, rigettando questa forma, andò soggetto al disprezzo
anche il contenuto, in particolare la scolastica peripatetica, che
era entrata in intima unione col dogma. Nessuna m eraviglia che
un.-» parte dei rappresentanti della nuova tendenza si mettesse su
peritolo*«* e fa i*« vie. Gli inizi di questo fenomeno s’erano già mo­
strati t resso i fondatori della letteratura del rinascimento, presso
P«•trans e Boccaccio, quantunque costoro non avessero abbando­
nato il terreno della Chiesa.
1 contrasti che si rivelarono in questi uomini col tempo risal­
tano sempre più acuti.3

la H K H m II n - a lm u la « i » « > m i f H » U h n ln r ln . il miaW- w n t a #»«<■


t r i* (a a»*"»Ir« l'rtngnntr aMttsHam ruln. IT r a m-ix- Itavxiuji 3 » . A*, r <**»•
l*M1 II. ISO
» l l u n u ( i W I t i i i a «ET. IH * m . 11«»«.. 3DTn. 2 S li» . «otte Hhro I,
I. 9 r
* S rlla < n *ll V.Unk*H- <|ri « Parad iso «Irell Attwfld » A.
• *•**»» < **n iU a n « n iln l'ia M m a <H d w in airn ae In n n ln u t n m ir o l ama
nr~ta>» a»-t w »t.. ut» S««al i|ur*ta ria 11 J im a e iiK K e aalto «fenili punti «il
• M a «wdtaA la »»a M irr a rla d ri «m d o %t. <-tw- {■m n th in n rn tr In de n tite la
l'fir «mfe- l i m i t i I* » « Ila liw » ti> • n * ,>'a i l i « r [in — i n m a r iln rl « d a ll
■W rt « *» t« i*» 'o «inali J R r a n i a n r >->•«*■ |mn»n nnm iT w l a ltri
•rritliw l, la « I a««» |*»«trrrt4>r tn lim s.v U dWIna»« «*• d on r iM J r l
l»uO>ao r 4 m » r r l d l i M I5 n » o n » l> l< « r •'Palm etitr II C i « I fìMrm
*l« r 4 fc-tt »1*1. X X IX X X X V I. 3 1 3 w t r m T B lr n n ilr a n V R w i t i
|l«r «>»1 X X X V II. t l ' . I » « I K la Q r ir t M Ir 4rr rhrU n K aa»t d rl K m «. A »
«t p o w » >rfr In «w rtindarr 112. V Mi r STÌB» Il mr«1r*to<> « S t­
orti.» <•*» aet* a lln a lia r h.» I~a m inato Ir m r é « l fe ltra i. «M r r * o In forata
M I« » «roiiw- <ta ua tanta In m ateria : n V n n r r n * kn iw w tl» .
aJlrv Ir h» «nnfU.» «|4«<nlr. Ma «tanni» alla ««d am a «Wdm tra rr fona.» alla ada
■iM laiW ar. tanto | M H » l a d iffrrm n t fra II n i» « ritiro r m r «lotrrM w « * i *
14« d i rk r 41 (a ll« « r II l 'i o alla lata anta <111*. Intr.»l * n m r« t ani-
nu«qr«M « iM U rvlfacbw v w ro to ra tr «apra r I* l«4i> m «a : « p rtn -i
rb r a n a u » la H l O w p m a M m l» ai. ma ance* n - W r n lr a ira rto
«M rU « *M a » > , M I ta lr da f o r n i r «m ar Il w aKralo di q u rlir c w rirta r. V <tanB
» « • » IrM a n r «lai ritarilM arIr. r H » «a»Ir q orU r « -b m a a sitr r q ari .trapfncvU
ar-nit pam nl. nalaralW tV i. Irrttrrm ll od . « m i rea no in cran | «rtr tata
tarlim i d i aaw tlrfnntl • aarfdrt»4 «*vu*r« «M ia am ia, fem ori d rllr n o d i*. di-
Il rinascimento letterario in Italia e la Chiosa. 16
Ita una p a rte si in a lb e r ò con e n tu s ia s m o e s a g e ra to , m o rb o so
'«•r l'id eale c la ssico il v e s s illo d ella c u ltu ra p a g a n a : i s e g u a c i d i
<i,k 'ta ten den za p r o p u g n a r o n o in m o lti d e i lo r o s c r it t i una con -
< ni de! m on d o p r e v a le n te m e n te pagana. D a ll’a lt r a p a r te si
»fintino p e r u n ire a rm o n ic a m e n te l ’e le m e n to a n tic o c o l c r is tia n o
«• :*>r ren d ere fe c o n d i i t e n t a t iv i in te lle ttu a li d e ll’a n tic h ità n ella lo r o
•juslità di p r e g e v o le a u m e n to d i n u o vi p e n s ie ri e d i e c c ita m e n ti
«li'u lte rio re e v o lu z io n e ed a p p r o fo n d im e n to d e lla c u ltu ra e s is t e n t e :1
iti fatuo in d ir iz z o p a g a n o s t a v a d i fr o n t e il v e ro , i l c r is t ia n o . !
W r o p ro g re s s o in te lle ttu a le non e r a da a s p e tta r s i ch e d a ll’ uU
• tuo tendenza, la qu ale, ali«;n a d a o g n i fa n a tis m o fu o r d i m isu ra ,
con servava su fficien te sa n o g iu d iz io p e r c a p ir e co m e to r n e r e b b e
» benedizione d e ll’ u m a n ità non una r o ttu r a c o i p r o v a ti p r in c ip ii

* -41 a - « l . il. n rv 1 | a ta liirì Intinti «IH |iul4ilia-o. H it non «-irrito <11 va-ra- ramvla-
i ni li* rati «• ra-lljcliaa-. <|nant» a n r m w « « T i i a<l an o «Ta to tirila* n a n ir n ir ,
twU'alm», «'amlavano fatalni<*ntr intalllla-anal« <la un n w « r r i » i I InaltfTVrati
•'««««. 'lill a lln i n-m > Il lll*-r<> iw n u r» — hi i « i t r 1« m a rn i« » . Mal jr iA «I
-4r* «tdillinr r i a i r r t r n a <pmnt<» vH im o •puniti* lia lw i> al <Tt»lianmlMo
•' - « t u ari In m In tim o •cn tim cn tn eli m oaiiM I. « T A <-hr in manl<tuc<> <■ In • » -
- . !«a at-aipUii-ma-nt«- iiumtiv che la t<-n«l«tua <11 molti lim anteI arila- <(wn>,
>' r tM w W « ii la lutti <■ « v i l i i w <h*l mollalo, mai #• rti«U aM . ma in san a.
JtM n u h ik MI. Crini « M IT . l»/ri«M rim fo ra r tu 75.
* lai •k'tMrtnltvtxlonr ■<rita nrllr p re m im i I «-allattali <11 « rlna-* Ina lilo )<■-
Ma» r r r ia tlig n i. ha tlaio i i m i i i n r a |»irm ini n<« ra U a a lr te fr A l ’ t n j .
Il nm rril'i tli'trmman4 KÌmii d ii Paalnr. Ita a IfflCVi mi a Tari frinii * : ¡r r tift
» ?* «allibila-. w ipkìkIii II niiwKUo <11 ita «-tniwillr •torti'» <b<Ua
" • (11. I’. K ih h m tx*lla «aia i w « < i< « f <Mta V r-lliioan- tirila filtir*« M
la M i r r i ; , Kaa4arAaa. ZW.l l'h » aWain-tatuila |a* |*rtar»- i a t i
* * <lar inu trM r. ilUtlnslonr I m i ramatoci ha fa llo anr-hr r n o m n a r a lr
" o n - I. P r u M i i t t i * . J tk r b X X X IX . 72i t'u n ila lrra l.* ta-l <M lir a -
'* » « • » 'Irl l a n t l m - l a n n u <M l ll u i r i n n il i > n1* <llna<«trafa a w i r r H t in a»
•trolt.il*-: itali J . S i r i a iia-lta l.ilrr. Hmm4actmm I MI . II v aiala* a»ln t»
* O b Aa lia r drr t r a a l ia a nrc. <IH n * t u l'h a, aara» r ltr M r . al4aaial<*iata :
« r U r ttta i Infatti il 12 a a a n t» 1**® : a Klla »»pilota nn araarh- » - r i t » ram.-
Wr^wlai 11 lOTdaalltio aarialratr arila < u ( t r in a , alaw ao la («a-naaala. n a l r »
® lUaaaa iawala* la iw a iv M'ha rallrlM ato <|taiart*» ar»ll • siio lk i haaao «lato
■ tmn- «Il «lanata avalliti r k *a haaao *l<4<» e b r antro II B l a t a i a r a l o artbakai
» -<lr«art« l'Ita lia la «raa<V* •* fu rlr ™ rn irtr * ««ala 41 T a n ta « !« al rial»»lo
la M l i W r alla d a r illn u k a r iM Ir n » a <M tr. n a n t r a t l * " * fa r » I altra
' * * w * a «ua pania MI rlocanVi < a r a n n a i l a v a t r q a a lr la ga w t 'a i r ail tnm
* *«■!•» nrl miri aliali qanMo I n a a M a r M i ho r * r 4a * 1 * « r » ali mai
m'*T r i m a «ulta» la n a a ram maio ri nr arto: aaai tr«-ataael fa 4 «a» la «|<n<r
n 4 o « i| 4 r ta a m tr aaVl r la a»4tItortlar alrtb* la ^ n airimai iH r i i <*•> l» r
»»a aaorn m a at craa-V- rk r ari fu l ^ o a i W r a t o a n aaa triaca (•‘l » » -
art a r t i » E unaatn paro r i a la tta rla r i * l i ' l a a ^ r r » r n a a a r t * la
* ■ • * * * » m ila laai— »ai«* raaaaalna» r i a qanKI alarii haaao n c d n l a 41 | 4
* K tarliain arair |a r l r t * d r il^ .a - a aaa ». M«4l» arwtaaamtr R l i v a » «/#**
* a » « r 4rr « r a a i m a m •IV ri in 19141. aiUtlBror fra I a tignali m nm Oo la
v« a - a aicwalawaria» ari I «am ari rirtTaaJJrfclU n tv a tl al 41 M <M tara* a
* r i laalr v I t a aartw O f f * * * . kèrrkrn fr * r * * + l l DraW. 4ra « r a a u t I r t M -
***» tYrttarr« 1804 51.
liitri>iliizioiie.

del cristianesimo e con un’evoluzione più che millenaria, ma sol­


tanto un accordo ed una conciliazione coi fattori già esistenti. Ai
rappresentanti di questa tendenza il mondo deve se il rinascimento
non annientò totalmente se stesso.
Non pochi umanisti oscillarono tra le due tendenze, alcuni cer­
carono di farla da pacieri, Hltri ancora furono trascinati da una
corrente in gioventù, dall’altra nella maturità.
Il p ro g ra m m a d ella tendenza ra d ic a lm e n te p a g a n e g g ia n te da
nessuno fu espresso più apertamente e chiaramente che da L o ­
renzo V a l l a • la vera proc«llaria della rivoluzione letteraria » '
nella sua o|**ra «s u l piacere» pubblicata verso il 1431.*
Questo trattato, sommamente degno di nota sotto più d’un ri­
spetto, si divide in due dialoghi, nei quali Lionardo Bruni ra p ­
presenta la dottrina degli Stoici, Antonio Beccadelli quella degii
Kpicurei. mentre Niccolò Niccoli difende « il vero b e n e ». L a scelta
di queste tre portone non è casuale. In un libro che ebbe diffu­
sione straordinariamente larga il Bruni aveva rilevato i punti di
contatto delle tre principali scuole filosofiche della G recia.* An-

• tur rtl. ili


• 1. V tU M 4r rW aplalr t f rem Aon» libri I t i (D a*lim e 1519); V t u < t
"W «*trra un m n w li. rifuriiwiiUi «otto II titolo IH rero botto w*t!
t ! ««t * In (harm. •« 4. Irli. <(•(. X IX . -«OHa*, ti e rra ta l'opt
altaw M V mu r * | la tta r opaar M) rhe quitti» rifar!m ento non aia alle a la n i"'
O lii» a llr.llti.a tr l..vank-w .W4 14M .it a la «lai Y«lgt lo n'ho vlata u o aitra
»U >»i*la a «Vintila nel IfifXI « I r domo tjurnt.U ». « V . M uterai In (ita * a. *»
4 Ir»» ifa l X X I. 37. U quale iw a r t t r tre rn la itm i tirU* m irra.
• fMtfMwtroat munii* pAUntapAiar n a n e « Il a ltri «rrlttl ilei ltru n l (cfr. Ma».
Hpir I. ao. hr ijunM» trattai» In »»* «traonHnarla difftatiuor. lo bo per»
lt<4a «lei -» tu ra li « st iri : A l t a » RIM Iotera rirk-a . Co4. 973 («laila hiM Iotora
•Iella r*ltr»ir»le» R a t U r a : RlM W *cra. Co4. F. Il, 13. D r i * < l i : Regia M-
K lu e it . » W » r> L ( 3 V M itatrMiqiiH»). R l b t t o i c e a « t e l i ' E s t o r t a l e .
« » Il l l w a o , r * h II « I r i t m i * Ijm renaiana. Co4. (’• I r li. H . f. A l « * ;
<'•* l*AAar»Aa.a III, f 14». I I M K (cfr V . ^ t Z trrrJ 831; R lh l Naatflaalr
<w l Mairi hiArrA,. ri. r i i . fW . i m n «. ri XXIII, C o i. IJ.1 B 2. Cai. I. I. J f
•>k» S \|»rv«.i IT* Ulnkii ft XXIII. Co4. fi» n 2 : R IM » .*« » lU ra n H a a a
,a 4 M I XVI e > 11X11 A h rl n aB rt tWwraflni w a o notati «tal Torco oet
I IrrA ic fa r #ir«-A 4. FhU. IM ll V I. 13» l . o n - i r a : Prillato Maa.. U f+ rU *
Ut J » il V 11 « a e A a t t m la M M edi U u n r it - n « . H iM 1. jtw»; T r lr a M u a .
* W Itti « a U « d t i a M A . «'atB|«ri. r w 17 n W U u i l r p r i i d v i i :
IllU i.. » » Cm4 j| iiU U a N M 41 S Utaeano -M ia Marc«). N a p o t i : X a alo— te.
c u Vi l i , li u R u m i a RW . ^ n r t a q a n l (». n l a k i » ilei K i M C Q 130) :
IliW U n i ''« t J IV. U S ; Va tira lui. ( W Valle. J 7 i (o > * paxlaato. n t w la
Sa» «la 17«w a»«™ . «»»*» litu i» ). SJB9. t ITT S k ; SII«, t tSH B : Kr**m. 177.
f # l ‘ « ; 1M. t M H » ; t i i i ; «Mi«A. l i » , t 1 1 3 : f riMa. //«}. f. IM a a ; 1ITJ.
f 1 9 « . IX » . t I » : IM S . t I t a T o t i n o : l'a lt « * « tari». Co4. fi. r li.
t I 3 - . V e a 4 A m * . IMM. t U I l i f. n . V i e t a i : IMM. * O n te. « 4 . 9C*
• J | f* fa«si « • > «W ta llo trarrm i* le n a t a lr a it a il ¿a qttr*«» etalV» la J»*TT
•rtum ini. a. IS» « e l l a R I M n n n u k Cm4. I XXVIII in u m e ra i*« *» 41
I* Iterili, f IT 91 J v v rrw n t» i t o t i » Vntct (II» . V»“ * n in n a n o la rd ilo !*/»•-
*■#* rmm, ma w t i rw»t In ìonrer | n m a«MHaf» iln r «tam i« 4el ault 1*
Il rinascimento letterario in Italia e la Chiesa. 17

Tt-iiio Beecadelli, da Palerm o sua patria appellato Panorm ita, è


autore dell’« Erm afrodito », una raccolta di epigram m i, che in sudi­
amo ed oscenità supera di gran lunga le peggiori produzioni dei-
antico mondo. Niccolò Niccoli « i l risuscitatore della letteratura
/ • « a e latina in Firenze » invece è per un certo senso il tipo degli
umanisti cristiani : era stia massima che l’indagine scientifica do­
ve te andare strettamente unita col sentimento religioso. P e r gli
- udi classici egli non trascurò per niente le « scienze sacre ». Non
poteva udire neanche da amici, come Poggio, parole di sprezzo
*ntro la religione: aveva poi una decisa avversione a tutti i ma-
t ‘rialisti ed increduli. Con una morte grandemente pia il Niccoli
«-'»piò gli errori della sua vita. 1
Quasi al medesimo tempo che V a lla pubblicava il suo dialogo,
un altro umanista, Cosma Raimondi, componeva una dissertazione,
nella quale propugnava con calore la dottrina di E p icu ro.s 11 Valla
non procedette sì aperto. Cautamente scelse la form a del dialogo
v-'curandosi così una grande libertà per le molto rischiose affer­
mazioni che fa dire al Beccadelli : per tal guisa egli poteva sempre
coprirsi contro assalti, cosa che allora per ragione dell’inquisi&ione

' «Mia. Trovai la prima — Milza titolo — D. I votan». m M l a n n i «MI' U n i-


< r i u n « b r a c k (SI*. //. « F. ~ ) ovr r.<»Tn orvupa 40 i i i n i jr
'»xtw In <|t>art» n.«i pactnatr. o ffre In |«rti> un l u t o mixtión* un'altra «lami»*,
r i» trovajd Hi pu trir «l'un privato e. etwnr l'nvnt|ilarr it'lm it-n irlt. ilo fH ilw
'« • w Mata «tan n ata In Italia tUoroaT) nell'ultimo t r r io «IH w m l« XV. Q tr-
*«a Mani)« .14 anche il titolo : < II)K ac«ea i M u n t l Aretini * lA ibat^ilila
■ » td l ad n « le «tivù ln>4plt fo d lrtte r ; ». I » i * n l » Anali «ornano: « Fini-
'u t Intrmturtlo ptilln»*iiik‘ morali» || Leonardi Aretini art Oateotoia >1111011| ».
p u ln r ta-4*. <V«il « rrlv rro lo tM>l IW 5 T uttavia H D ' W im tr. rba
« I 1« ut tiro.. «V> «rampato ■ fom lo «Il !.. H runl. In I I varo-S< ar-vm , n 'w < r
»••Ite» ilvM H p. M S, {tu la ilr ll7 « m t n M nane d o n lavora in o lilo V. la
"« tm rlo anrlic IIU V . K rp trl on. 1MB. 1570. 511” : «Uè n llt ln ri «W « » l o I f
**' b a ir i uñar- anrtic tina M I W : ft r . tJv»r**v II. ® # e T'aero kir eli. *
1Urx, l.irmmrdo Hrmmt ,V. a. W «. Ho V a d a r a t » Aloant» la *» u e » *lr Ir.li
I- F u i M a rn ili, a ri Xrmr J *h rb f. 4. t b o iltrrlmm flrmrh. a èrmi«+!• tjt.,
» ano X X I I I lim a i. 724»
* A l l m W q tm tn craw l.' ilo t i» arati arvVinarai la » « a I w . f « * rrisrrv-
M ia m a «t a r a i da am m alato na a l t a » , al quale 0 w > amico Am br«fa> Tra
« n » r l «Invera d ir m m a ta lli I d o ra i. Il ameróte «« o d ilo r fc r w tt» W i r a a
'radia » eoa tanta 'tevoiloa e r h r tatti 1 i w w t tl o r h r m » tra rrla t o o a ll« la
«r ia » . V. la n a n n m i i r u m i k n r di V n u r u n v o m l i i » t * n la M u I ® I « . ;
* r Z t r n i . X. XirroH I P ln ra »- I W l 4».*V4
* • 'in a u R tiM o va t r m o v n i« ! « * 4 la t r a t m r i# » « « « « . v«od r w t * <
'» * » » 1 •mmmmm kommm im r o romrtUmrrU » « I r i r a ' 4* rm r r 4 «*a
ir m l f i . M o i r i | V H f ( f r l i 6 f « r M M trM p o M J k a t o «te K u r t l S I t e * f 4 i rto r ir i
' I t i Itttcnii l*« O i l » l « 7 Scvtanjdatearatr* luitarawM * mtfto « " » 1-m t* <11
»V ia <M Itecradelll * n » V j u j j Ir f r 1«V M S ), ta lla rte ««11 de«* t a * « * aaa
" * < a t W m . p rrfe r «i trattava «M Ti«nada*t**re aa « a » « I» « « > alteata-
a a io ta ilp bter ^ t n u w Raim ondi m ori « a M te a ri I t » (v *iw4i « 4mr. 1M»4.
► M i a i C#r. a a ri» JU a m n . L r. 113a.

f'unua. .»arè» M /'»*» I *


Itt Inlnxhtxionc.

non era superflua. Per mettersi del tutto al sicuro egli aggiunse
anche una conclusione pia, nella quale dalle persone del dfalogo
viene aggiudicata la vittoria al Niccoli, rappresentante delle vedute
cristiane.
Ora quale mai era il pensiero reale del Valla? Fino al presente
1« opinioni in proposito sono molto differenti. Gli uni identificano
Vnlla col pagano Beccadelli, gli altri col cristiano Niccoli. A ll’o­
dierno stato degli studi non può decidersi con piena sicurezza quale
idea allora professasse Valla nel suo interno.* 6 anche possibile
che l’umanista tuttor giovane non avesse ancora fatta sua propria
una fissa concezione del mondo.’ M a in ogni caso il modo con cui
trattò il suo tema è tanto caratteristico che si form ò in molti
l’idea »he egli abbia dichiarate il piacere siccome il bene sommo.
Persino dei contemporanei hanno espresso il pensiero, che la vitto­
ria da lui riconosciuta al rappresentante della morale cristiana sia
destinata unicamente a salvare l’apparenza e che invece il Becca-
deli esprima il sentimento proprio dell’autore. A d ogni modo la
vita per niente irreprensibile del V a lla 1 diede in certa qual maniera
occasione a simile giudizio. A lla fine poi la questione in fondo era
secondaria quanto al giudizio da darsi del libro : la sola circostanza
che esso esponeva le velenose dottrine di Epicuro come idee di con­
temporanei e dipingeva a smaglianti colori un naturalismo illim i­
tato. doveva contribuire in sommo grado a ingarbugliare i prin-
cipii morali ed a distruggere la morale cristiana.* E ciò tanto

* IttalM r mi «turato U F i i u n i In Otor. »#. d, M I, i|«t X X . 433.


* W o ij - 13«, 15.
* V | » mia »tram» r i a M i w . o p e ra X tJ : cfr. M o s s im i I. 1H7,
* H i iw llr p r r m lr o t f «M ilio n i lo l i t r o « .lo t ta t o qu rato ¿ Im itilo «IH V o le r
H l n t r r k l r h n y I». f i o (ctfr in i«-u(>u*j|o M o x im M ■ruttai','* 44 45 «r O *-
■ W lo M i A lln n i 1« ii r i t » : < l ' w l r o l'ufilntanr m w ira a rn ta ta *|>rcla tia ra Ir
da J i x n w n n O l i r V o io t 1 1=, « V i i t r 11 | *m «lrro i>nn>rio «W V a lla S a
rim ira tilo n«4 n u n m a m ra ll «Irl Iin t o n o Ita. » > |eocm n iiato ir r r a ir a > r a t r U
t l u r u k i i l i . tCMi a o m u ia m to rtw «a n i " u n a tro v a ap p oggio o r i lib ro , iW- o n d i
a ltri * t « l l «tei V a lla . In m i r d l k! a n a l m a r t n fw «r lid ln n o n in lr a lt
H h rg n w rlto iR im lp t a t v «Iella Irt tm tu ra Italiana Ò D t n U * prrft r w ic r la
trrtHv « i «itimi» punto U tatto r i» o ri m a la ra ro rita to a p 10. n. 6. il
Valla r a n la llr a «4»*ta tratta noa dottrina <Ir Ila l It im i fo n ia la «ulla Sa rra
N crlllnra m rtlr U ano irla tla m H n n d i rm lrn t r In lur<> ro«dta «InMda II ( > i* r u t
> « • " ' ( II. I S i «llrr qttal rooto M i a far»! « M lr «loltrtnr r«ltaraaU ta lto iia
«M|mlr «la rrrtl «unanM i A b D » O o M u a t. .U riaa nrn fo rarle (70). M«w
sic a I I C * r U u n rt n M i m antracnoo II m onptlo qui « p rtlo m im t» n ^ m »
«M io « ritto «M V alla». M u r i » Valla 4 3 a M nwn |»«<r p rra d rrv la n a r i-
<i»»»*l«a* <|awtr nettari n a c m II t ia ^ o r r p t r l » la m a flprra » r i w a l i a
m a m w n l r alla m ia rdlataar U M ctor » » t ira r U periato rrmMto. audio
Im u a u rlto tlrell m odi <alllatri. b u i ir a if » im n m iit« a fc t w * «Srl aa> r p *
(la r ii» » (iiM ia n rn tr Mt N u ia t. la Htr. eriI. 1*4*1. I. C T i o lln ia iw II O a
* ^ T . I » * * * « d i m h d a 11 V alla a«« nolo non atdda « « U lto W rr if ir a n * .
II rinascimento letterario in Italia e la Chiesa. 19

rwu che Valla ha dato un’impronta cristiana a ll’etica stoica, che


p rim a è oggetto dell’attacco, 1 mentre con prudenza bensì, ma
pure con sufficiente chiarezza espone in maniera abilmente sedu­
cènte le dottrine degli Epicurei siccome un diritto naturale. Il
midollo di queste dottrine è riassunto dal Beccadelli in queste
sentenze: «C iò che la natura produsse e form ò, non può che
« r e lodevole e sa n to », — « l a natura è la stessa cosa o quasi
d i« D io ». Non è necessario illustrare alla minuta quanto siano
«r ic o lo s i simili insegnamenti. U n critico punto severo nota* come
¡‘.iltim a sentenza, la quale afferm a l’uguaglianza della creatura
col Creatore, m ina le fondamenta del cristianesimo, mentre la
pr'ma distrugge le basi della solida morale, ponendo in luogo della
Virtù, «d ella volontà o dell’amore al bene, dell’avversione al male »,
il piacere, « il bene preso donde che sia e consistente nella soddi-
'¡\tzione dello Hpirito e del corpo ». Conseguentemente il Beccadelli
ir >*gna poi che missione dell’uomo è di godere i beni della natura
c d goderli in tutta la loro estensione. L ’« evangelo del piacere »
t 'ige l’accontentamento di tutti i sensi. Non si danno limiti di
n >rak e pudore per questo culto dei sensi, che, «e ve ne siano, deb­
u tto togliersi perchè ingiusti. 1 Nessun senso deve essere escluso
dal piacere. A d ognuno, dice apertamente il Valla, è permessa la
lilasra soddisfazione delle sue voluttà. L ’adulterio è cosa perfet-
t imente ordinata. In genere tutte le donne dovrebbero esser co­
muni essendoché la comunione della donna voluta da Platone è
<«>nforme a natura. Adulterio e fornicazione debbono evitarsi solo

iTupncnat» in [»rima U n n i la m orale cristian a (52. 15. SOaa.). Cbe tato


!» •rvrvtaxioo» «da affatto Inam m ioribilt- lo ha (1 * m ortrat» A ra v i a * (19 M .
Ha», » m in ia n d o li ro lla m ia n a v n iiw . n— »rr a : « lo u r t ilo ** * ola pi «IH
'» H a è n * |4Ù. oA B i n o H » un u n t i l i alia «lotuta* » U n i d o a liia s tf «M ia
1 ':-nm cattolica» Prim a (M io H rh a a h n «"m» i t irr— n la ritm u a m il» teatro
'•* M del M ancini II IX K x n D T la quanto rb * art r t f M a r d o «M V o to r (I*.
laarlA Inalterato il K ltxtiiio prim itivo. O r * tro M a art ni T . an riw (',»■
« r n ( ■ m o to crmtrikato alla »(aria 4rVmmmmraimo M fa rr (<J*'ao*a W O l
’>7. J. ('u n (V o rtn ljw pad /.**«*«. Gotha 100«. «Sa.) ritrra da» ani D ia -
‘-«a tx p trn rro ra n a m a tta U rra t* «rnlim ctid. drt V ali» r loda «parati nattr
di ta lr (irt t iraa» d i fn a t » a l n rd io « o rrtatlaao
' j u t n n i M : 11. V. aiw hc <; m orto 40 • S m a » « * l i
* (¡tu ra . R n w iM « «M r U S ; rtr. dim ori" 25.
1 F in o a q uali ttu rm a t r ■ ■ u iiln d a m p ia U B *m K M U r i n m dal ( u t »
"W ia t » (tlb I. cap 32) : « i o r i n m o tti» (VtltM afllraaarr. ai«* t o r iw aùaul
*t n M i t a r a n lk « !» w ria a w s iit a r « ria l tarlo ajoaiar IB | » b M h < * n « l.
« M a qoae num ero ri a ra ni f ir m n a i T ri am ia« «ri awataoda»* per urbrtn
«U v*» la l u t ate ta m a o rw . <|qo4 alina ta a i pro tw d k m i. h r a «Irta IW t
• T ialitrtiiiflf r i pia» M ia « «laaaa ih fu n w . n a r na q u a M t r im lM
'» t b a n a Vam «t hi» fw vriaia. q oa* palrtiraaa «wpSIaa». ptririiraaa ferire».
■>i) Introduzioni*.

quando s 'a cco m p a g n in o con p e ric o li, a ltr im e n ti o g n i piacere sen­


suale è b u o n o .1
Piacere, piacere, nient’altro che piacere, ecco ciò che vuole
Keccadelli. Per lui il piacere del senso è il bene sommo e quindi
proclama felici quei 'popoli dell’ antichità p a g a n a che elevarono
la lussuria a culto divino.’ Così presso Beccadelli il vizio diventa
virtù e con perfetta conseguenza la virtù vizio. L a verginità libe­
ramente professata, che il cristianesimo ha sempre avuta in alta
«•stimazione, è rigettata con somma indignazione. L a continenza
è un delitto contro la « buona ■> natura. « Chi », dice egli alla let­
tera. « ha inventato le vergini consacrate a Dio ha introdotto nella
società un abominevole costume da bandirsi agli ultimi confini
della t e r r a ». «Q uesta istituzione è un prodotto della supersti­
zione », non della religione. « F ra le cose umane non ve n’ha alcuna
più intollerabile della verginità, perchè arresta la legge di natura
Se volete donne che dedichino tutta la loro vita al servizio della
religione sceglietele maritate e quelle precisamente i cui mariti
sono sacerdoti. Osservate poi che tutti gli dèi, eccettuata Minerva,
furono coniugati, che Giove, per quanto stesse in lui, non tollerò
vergini. Coloro che stanno per le vergini consacrate a Dio, sono
o pazzi, poveri od avari ». *
Questo nuovo vangelo d’una vita di piacere in contrapposto al
biblico » mangerai il tuo pane nel sudore della tua fro n t e » è bensì
propoitto soltanto come pura disputa, ma acquista tanto m aggior
attrattiva in conseguenza della tìacca confutazione che ne fa il
rappresentante della concezione cristiana. Che il midollo di tutta
l’opera vada cercato nelle dottrine dell’epicureo non può sotto­
star« ad alcun dubbio e lo indica fra l’altro il fatto notevole, che
U pagano Marsuppini. apostata dalla Chiesa, espresse la sua piena
adesione a queste idee.

* U h. I. f»t» «I<p f o r a ln U iw 1 * adulitela non ln»iiriiiom l>>».


« Omntnu DitiII Interra* titruro n m m arito n « t m ultar a» rum a iu ia r v ».
I1»l» « lju » t form ala l l a l io l r i tk> roramunUax- f an ilin a rum rat mvnwdum
naturaro ». (> | i 41 : « tilt » fon- <4 forai Ina«- non i m n t «tiuniiunira ». Cfcp. 43:
« Vitanda In te rlu n i rt a<lu i tetta p n ^ r r metnm et t*>rW*ol<im ». Cai*- 4 3 :
< tjtaid allt|ul n a rrk l iih e b u ls r. nati | in | 4 rm i m«erlv«» n w «lamaamlc» ».
« a i q n h la adulteri« «ejirrtira«!». m orte »ut a lla i»*«m» j4«vtatur l». m iw t r
lu lim t in . ini|>rva>tentine ■>« Inm ttw i |avna* lult ». < Om nhi to lo fSa * h w a
«4»
* Il i« « « tv lati«« nel ra t ' « <M IH> 1 «ucma : « I X k m iU a* f m a lM r
Khnrra«n> Iijuar m t in A ttira r i titani. q w r »etere instim i». al reta no« kate-
haat. m i la Ve«tae ira tilu ad |«<n<i>liet>daia rratlo ra fla m retrw W -t«olar.
la fan« Vruert» «M eta »114 n a i| « n l« iil ».
* I {« M i rM rrilt »1 in n a t o Bel m*. I. ra j\ I l < N « * i w »•(»< * r tlr-
«ialhtt« •anrtlai«olalH>a» la n lm t t » e a ri «-a|i M i J b r m l l o t t t d a lla ih >
Nella prtaoa «««..ne «4 trota anrtar la «-curate fra«» rt»r f tra e a ra tra-
d art» « M W t». m ereatur » w ta et de «raeer tnm aao. qn«m «aartl-
amaialna ar rra lia ra tm ».
Il rinascimento loltt-rario in Italia e la Chiesa. 2!

Un trattato posteriore del Valla, nel quale intorno alla vergi­


nità v en go n o pronunciate idee affini, che non p o sso n o accordarsi
olle dottrine del cristianesimo cattolico, getta nuova luce sul­
l'opera « de voluptate » : 1 è il dialogo, reso noto da poco, sui voti
religiosi.* Questo scritto, probabilmente diretto contro san B ern ar­
dino da Siena, offre un interesse particolare anche per la ragione
che in esso il V a lla sorpassa di gran lunga gli assalti fino allora
fatti dagli umanisti c o n tr o il m on ach iS m o. I suoi predecessori su
■lesto arringo avevano c o m b a ttu to soltanto il lato esterno della
vita monacale: mediante aneddoti avevano esposto al dileggio le
i tevaricazioni di individui. N e ll’opera accennata il V alla conce-
li ce la cosa in modo affatto diverso. Il suo assalto ha il carat­
tere di opposizione per principio: egli combatte il monachiSmo in
-? »tesso, rigettando la massima ognora sostenuta dalla Chiesa che,
a ari condotta morale, risponda m aggior merito e m aggior mer-
- ie a chi è legato da voti monastici che non a chi vive fuori
All’ordine. ’ Le varie pungenti osservazioni di questo lavoro con­
tro il clero ed il monacato hanno poca importanza di fronte a
quella affermazione assiomatica, che colpisce tutta la vita mona­
stica nella radice.
Colla stessa arditezza e acrimonia con cui uscì in campo contro
fh ordini, il V a lla assalì il potere temporale dei papi nel suo libello
della falsamente creduta ed inventata donazione di Costantino » . *
Nella sua «concordanza cattolica* il dotto Niccolò di Cusa aveva
ria espresso dei dubbi sulla genuinità di questo documento, poi,
indiperdentemente dal V alla e dal Cusa, Reginaldo Pecock, ve-
•covo di Chichester, circa la metà del secolo xv con assennato
••me delle testimonianze storiche dimostri» (’insostenibilità di quel

i <.lu«rfaiua-n!>- M I Ht o w jim * »»: « A m m a lo <]W»«o « rrlllo («ni m i n »


|h»ò ru a sk lrfa n il n o r otta d i <|arlil r W prim a d rlla HI forata dlflTu
««*> M a - rifu rm M * ».
' tir prof, fia n r rriipiarornm. | « M 4 ira ln *1» TjUttJCV l'«ll»< mpmar I XII.
» n
* Il J r t . lr n i n w h it iir in d a l V alla r n *4 lo I n la oaa (im iIra
«ar«*» ¡a n illa <11 S». N erbantino <la U ln a : * firrm o prmtru fí'm m ritm i ét
**mim 4r m rr » r r Hptmmc r i fw W mietimi rat kmmmaa fm rrrt r r raía rr
nJmmlmlr «TW . IO . XIII. f I a. 7. R l b l l a l a c * d i B t » r i • M I -
l« a o | . rtr. U v K in . l'U ia I »
• ffcr fmUn nrrétlm r i rmrmttim C o a a fa a lW i mmmtimmr drrimmrmtia, pnr la
W a « volta fa lla a t a a p n r a ri 1317 da Ilo ti« « , eh» i u r t a a m ia M a n v t a
^al C orlro I« ir. O tto. rw -AW aa (Brotan m i l . p i3k. «ara aaa l«W ««it» r
I*-® » d i v h m l «• la m i II .B rrfia a t^roar X Ir f r I* I ' N t a » '* * . Ilmltrm
I- » 0 2 « e JasiMas» Putrna. O ra r*. *rm dralarfcra r « B n ll> :1 *. Ü K ) , p"*
'» » 'a (44 tolte «al » a rtlr Opp. 7M 796 r ia d al IS IS mr a v i a V a t< « ra aaa
’• " W trdrama «ardi T i u i a . Krprrt. U SA *
■_>2 In troil tizi Olir.

documento per tanto tempo ritenuto genuino. 1 M a il V a lla andò


molto al di là di quei due. Sotto le mani dell’acre critico la dimo­
strazione che il documento fosse un’invenzione di età più tarda si
trasformò in un violento attacco alla signoria temporale dei pon­
tefici. Se, cosi conclude il Valla, la donazione di Costantino è una
falsificazione di età posteriore, cade con ciò il principato civile dei
papi e niente di più santo ha il papa da fa re che spogliarsi de!
potere usurpato.* Il papa vi è tanto più obbligato in quanto che
a giudizio del Valla, la corruzione ecclesiastica, tutte le guerre e
calamità d’Italia sono conseguenze di questa usurpazione.
L ’ardore con cui Valla si scaglia contro la « violenta, barbara,
tirannica dominazione pretesca » forse non fu mai superata neanche
in tempi posteriori. « I p a p i», così egli, «in sid ian o sempre la li­
bertà del popoli. Per questo costoro si ribellano appena se ne pre­
nditi l'occasione. Che se talvolta accettano spontaneamente il reg ­
gimento papale — ciò che può capitare se minaccia un pericolo da
altro lato — la cosa non va intesa nel senso che essi abbiano accon­
sentito di rimanere schiavi, che mai possano levarsi il giogo dal
colle, nè i discendenti abbiano alcun diritto di disporre di se mede­
simi. Ciò sarebbe sommamente ingiusto. Spontaneamente siamo
veristi da te. papa, perchè ci governassi: spontaneamente ora ci
allontaniamo da te perchè non ci regga più a lungo. Se ti siamo
■iebitori, presenta il conto del credito e del debito, del dato e del
ricevuto. Ma tu vuoi governarci contro nostro volere quasi fossimo
fanciulli orfani, quantunque forse saremmo capaci di governare te
con m a g g io r sapienza. Aggiu n gi i torti che tanto spesso furono fatti
a questo Stato o da te o dai tuoi magistrati. Chiamiamo Id d i»
in te>timonk> che è la tua ingiustizia la quale ci costringe a insor­
gere contro te. come già Israele contro Oeroboamo. E la ingiusta
sorte di allora di pagare gravi contributi quanto era lieve in con­
fronti» colla nostra calam ità! Forsechè hai estenuato Io Stato no­
stro? Lo hai estenuato. — Forsechè hai saccheggiato le nostre chie­
se? Le hai saccheggiate. — Forsechè hai vituperato le vergini o
madri di fam iglia? Le hai vituperate. — Forsechè hai versato sangue

» U n u M iO , /MpW /atria |j* n i curata alai Fatutatcn. W i l i t i a


V w air 2 1 » lln u n a f m t i. M m I mm4 K irrite 3TO N rl It x v 1*.■» OD
«■rio I . T W t k la |rh> a l p rio ra to «M pontificati! nrcum tv n a u a t r fta ctl
» A H a tl «M ia l ^ i w l M a apnatuttrat «firm a- a» a n n flrta lr a t*apa K u c ra ia IV
a un w n a d u a l r« « rlH a 41 Ba»Mra. la ra t n a it a t lr la alenarla im p a ra tr «W
W a la «ventim i* «IrIla «lattaalca*. oaaaatlB laaa : « « Il V n o i» . U crime rr-
lt*h%mr, I l V! *» M U f i n r V a l 1*43 E a ra « Ir lo iV v *> tn itti «ottartt*
f n l n ln i I I I |anvW In na n a r f llo B d l r a r In «H*mat4<ata la q w M M v «Vii*
dtataabi*» nm tantlnlaaa M r a la t o t i a la Ulllrilmmmcm II. 113a. fa ta h t r ni— »
jaft la rd i aarba la caarvlW rla lm prrlak> per mi r a i ' n a ilt lo a r tW ritm llalo «M ia
rwifcra ■ > *t r t n p m a a «Il t)«4 t h r n a r U o
* Vinti-«, rafia aucana ctr. Iunvnni issa« Fuoit« *k Ti i n " « * .
Kt i t a f I« » l't t r t a . f l n r l 4cr memerem U M m'imfr mphtr 1 13*
Il rinascimento letterario in Italia e la Chiedi.

cittadino nella città? Lo h a i versato. E noi lo tollereremo? O forse,


-;tu vu oi rappresentare la parte di patire, noi dovremo dimenticarci
che anche noi siamo figli? Noi ti abbiamo chiamato come padre,
0 papa, o se questo nome più ti piace, come signore e non come
nemico o carnefice. Sebbene i mali sofferti ce ne diano un diritto,
noi tu tta v ia non vogliamo imitare la tua crudeltà, la tua empietà,
¡-erchè siamo cristiani. Non vogliamo sguainare la spada ultrice
contro il tuo capo, ma dopo averti deposto ed eliminato vogliamo
nom inare un altro padre e signore. È lecito ai figli fuggire da mal­
va^ genitori, che li hanno generati, e non sarà lecito a noi fuggire
da te, che non sei nostro vero padre, ma un patrigno che ci trattò
• n modo pessimo? Attendi al tuo ufficio sacerdotale e non collocare
il tuo trono a settentrione per tuonare di là e scagliare i tuoi sibi­
lanti fulmini contro questo e gli altri popoli. L ’invenzione della
•lunazione di Costantino è stata una causa della desolazione di tutta
l'Ita lia . È ora tempo di otturare le fonti dei mali. Quindi dico e
irrido — perchè fidando in Dio non temerò degli uomini — che du­
rante il tempo della mia vita nessun governatore fedele e intelli-
ifeiite ha seduto sulla sede papale. Il papa è tanto lontano dal dare
cibo c* pane alla famiglia di Dio, che piuttosto trascina in guerre
{Kipolazioni pacifiche e semina discordia fra Stati e principi. Il
papi, agogna i beni altrui e succhia il proprio: egli, come Achille
appella Agamennone, è un re divoratore di popoli
Non Machiavelli, ma Valla, come ai vede, è il vero autore di
queU’aflermazione infinite volte ripetuta, che i papi siano respon­
sabili di ogni male d'Italia. Come il prefato storico fiorentino,
anche 11 Valla non sa o dimentica che la Chiesa ed i suoi capi
•«premi hanno «salvato all’umanità i buoni elementi della cultura
»ntica. ingentilita la barbarie e creato il diritto popolare del medio
«vo; che con storica necessità il primato, come punto centrale del-
1una Chiesa fondata da Cristo, non potè prendere la sua sede che
nella capitale della potenza, grandezza e cultura antica • e che il
Papa, volendo soddisfare appieno alla sua alta missione, doveva
***s«re monarca e non suddito.*
Sull'importante questione come stiano le cose quanto alle dona­
zioni di terre fatte più tardi alla Santa Sede, il Valla scivola molto

* V« u m O f f TW iW M o n » ) l i n m i m SS-%4
’ Il i n ra. Q r> H iM (< ..la | f« w m ( 13. h n u m V. 706 A n d f » ciinLro
V w t lt M II r <|U'wll aartir oantro V a lla il f f i s a r ( H n K S i ■— r n a t i » è
->HWH«4bOr T fu d rrr « d o I papi « M ia dtaonloor «I tu tta «Osrt/»
^ la quanto M in ia n o ad una pw hd oer p olK V a » te n ito ri« Ir. non poteva
o ri la ro iM it r r t i » plani ru n iti I m r t n l l M U ) «rtlalla M a Motto «a
W « r| f» M t o a n aia M i a m » « tra a W b : ma no« * — o o r t o f W la iia r rir
W » » Ir * I • n iH a n t l * Ir t n r i n » < M I M m U Ita lia n i tmramo | rt lunatiI»
tnapu | loro altrati r quindi portano a n rh r naa | « ftr a rila ™ t| a "trita
•tl’U lo n r d 'Ita lia »
» Inlrtxltuionr.

semplicemente : egli pensa, che, essendo una nuova edizione del­


l'attica donazione costantiniana, non siano state capaci di fondare
un nuovo diritto! All'eccezione che, andato all’aria il documento
di Costantino, il possesso civile dei papi si fonda sul diritto di pre­
scrizione, egli risponde dichiarando, che non si dà diritto di prescri­
zione |*t illegittimo dominio su uomini e che, qualora si desse, la
tirannia dei papi l’avrebbe da lunga pezza perduto. Questa tiran­
nia poi è tanto più grande, quanto meno l'esercizio del potere
civile si confà ai doveri d’un capo supremo religioso.1
Xell’indicato libello, che traccia una caricatura della signoria
imitale «1 apertamente dice «tiranni, ladri e predoni» i vicari di
Cristo.1 l’autore del dialogo «d e voluptate» assume più d'una
volta l'aria di pio cristiano: poi si industria a parlare proprio in
modo edificante della « grandezza e sublimità » dell'ufficio spiri­
tuale dei papi e cita una quantità di passi scritturali. In strano
contrasto con taii passi sta il passionato appello che ripetutamente
fa ai Romani perchè insorgano contro la podestà temporale della
Sarta Sede. Valla si rivolge pure ai principi loro dipingendo coi
più neri colori l’orribile avidità di Roma e dichiarandoli autorizzati
a spogliare il papa dello Stato della Chiesa. * Alla fine del suo mi­
nacciano libello Valla indice formalmente guerra al papato. « S e il
papa si rifiuta », vi si legge, • di ritrarsi dalla casa altrui nella
propria e dai sollevati (lutti di fuggire nel porto della sua propria
missione, io m’accingerò ad un secondo discorso, che sarà molto
più fiero di questo •. •
Per rettamente valutare il libello antipapale del Valla bisogna
tener presente in quali circostanze sorse. Come egli stesalo afferma.
Valla lo scrisse sei anni dopo la ribellione dei Romani contro Eu­
genio IV. Questo pontefice, che come signore feudale di Napoli fa­
voriva le pretese degli Angiè. trovavasi allora in lotta aperta col
re Alfonso, che dal suo canto sosteneva i scismatici di Basilea. Que­
sta circostanza spiega come l’umanista, che viveva sotto la prote­
ttone del re predetto, potesse ardire di dichiarare in tal guisa la
guerra al capo delta Chiesa ed al clero. * Quanto profondamente
il Vaila fosse convinto nel suo interno della illegittimità del potere
temporale pontificio, si die’ a vedere ben presto. Avvenuta la ricon-
ciliaiione del re napoletano con Eugenio IV. egli mise in attività

l Vwu» l« H a 9 «
• v uj.it n i.
• v tu .u upp
• I jot rii. TKk A l V t l u p*n> Iv V M l» M r t » Il Ut«*« «ti € ik a r t » 41 I V
In i» «xpp T7«i m fo li» a t r o » w « A n a u M la n o w m n (M n t M t f.
». Munì*»»« » IO. r t j Ije m X
» C lt V tw t. V M n r f a M n t I*. M » . I I m u * 1»9C
C u i w s. I. U l t i K j i h a k t i * I M I ) « S r a » un« Sìa .
Il rinaaciinento l.-u.-rano in Italia o la Chinw.

tutte 1« leve per poter tornare a Roma ed ottenere un posto al ser­


vìzio del papa. Anzitutto si rivolse per lettera ai cardinali Scarampo
e I-a m i riani, poi al papa in persona.1 In una lettera ossequiosa ad
Eugenio IV, diffamato come tiranno, egli riprovò i suoi scritti e
promise che in futuro intendeva dedicarsi da fedele e valoroso sol­
dato al servizio della Sede Apostolica ! 1 Questa supplica non riuscì
•D'ambita chiamata a Roma, ma protesse l'autore del libello, delia
cui distruzione non abbiamo notizia alcuna;' soltanto al tempo
dell* restaurazione cattolica, dopoché il libello mediante la stampa
• rasi diffuso in più larga cerchia, esso fu messo nell'indice dei
libri proibiti, cosa che non deve sorprendere se in un passo il
Valla accenna ensere lecito uccidere il papa. '
Uno scrittore che relativamente alla signoria temporale dei papi
è all'incirca sullo stesso punto di vista del Valla, dice: «questa
scrittura fu il più audace degli assalti che mai riformatore avesse
osato di muovere contro la podestà temporale del papa: non era
far*« naturale che subito dopo doverne sorgere un nuovo tribuno
del popolo, uno Stefano Porcari ? « • Che le idee ivi espresse con
temerità senz'esempio siano cadute su terreno fecondo, insieme al
tentativo di assassinio del predetto congiuratore contro Niccolò V
lo n>o*tra il fatto che più tardi, dopo la morte di P io II.il segretario
pontifìcio Antonio Cortese si produsse con un vero ■ Anti-Valla «.
In un codice della Capitolare di Lucca si conserva solo un fram ­
mento di quest'opera ancora inedita e contenente grossolani errori
• svarioni : * ivi trovasi pure un'altra dissertazione diretta contro

* B u n m s w u * i« i. Mlrn4i # 1 « , Itti a*. iT r M u r u t . Valla W i n , •


« « *• . 4, Ir«». M al. X X I. 1 3 *
* »!• »a«j».J|i« n u a » £• m i l l i t n n ( ITT) a rmtUmr *Ur» cfcr || Valla fu
« M W » i l » m S w al ctnm l M S •>***w n p s a t o w a t » « w n n tp
Vtu,«ai I». I® . I l i ; «Vmr , « * f U n i » < <4» I ia (U ri| < n ll a lt* I4 w
*■* V alla * non a < a ln * a w akstaa inetta 41 <*4*fciai «wrt«ta> « « « « Im i
« M l n t «Votar. f W t r M t a * II* . 4TSi S» « I U M » « H n a la h i »'•
« I * IV 11 V a lla a rri« » : « I l al «f*W W iu r t la » ««Si. •* v m * «M o
« • * . «a IIM mtf a lta n a < * n > i P r ^ r M io |M a n « M a l*»*4- I l i f d
**"« h mm i t t a a * h M w iw n a i k r » r i . R a m a i pa«» » PlaUaa
* * * «» « a ri « fa r* la H * a : « T I« |n<Wr»aa Mtrnrn * a
•’ «MM « p U . immi n o n a M m a l « ! « * ! * i t n <«. ! « • M ««ari»
a a» oaarw * sm arritati la o r M a M k a l w n i » V *<»*»i ì m w h » t
i n « , * » rtr a w4. I l * I» « « II. S 41 « m t 'a p r*»
» V u i i « . ra n a S IS
* »»se n a x . « t t n « « « i. xrr u <*•*** * » « a
*» *■■— « la |a»SI41i ai 4M Uh»-
* -, V i l i « V
* * r w u t, r nn « « la 4a rum-
*S e » M *W V I. S i * « T M u n a m V I x %47. B i M t t S S t r *1
Inlrmltuione.

il Valla, in cui iti propugna la legittimità della Santa Sede alla


signoria civile.* Soltanto le recenti indagini hanno fatto vedere
quale indosso abbia esercitato anche più tardi, al tempo d i A les­
sandro VI, di Giulio II e di Leone X, lo scritto d el V a lla .* P u r­
troppo non conosciamo che di titolo un trattato d e l C a rd in a l B er­
nardino de C arvajal. che si rivolgeva contro il libello del Valla. '
L ’arditezza, con cui nel suo dialogo « de voluptate • il Valla
asnal) la morale cristiana, fu superata di molto da A n to n io Becca-
DELLl Panorm ita ( f 1471).* I^a sua raccolta epigram m atica « E r ­
mafrodito », per quanto ne sia ripugnante l’oggetto, merita sia
illustrata, perchè qui ai rivela in tutta la sua mostruosità lo spi­
rito dei falso rinascimento. Quest'opera faceva penetrare lo sguardo
entro un «abisso di dissolutezza », ma l'adornava «c o i più bei fiori
della po esia».* I più sordidi vizi dell’antichità pagana, vizi, i cui
nomi il cristiano pronunzia a malincuore, vi erano apertamente
glorificati. (ìli agili versi del poeta scherzavano colle peggiori dis­
solutezze di sensualità ributtante, come se si fosse trattato d e lle
cose più innocenti. E Beccadelli fu superilo della sua vituperevole
produzione, la d ife s e appellandosi agli antichi poeti e con di­
sprezzo di commiserazione si espresse sui custodi d e lla morale,
che non voleano riconoscere nell’ • Erm afrodito » una produzione
di lieto estro [«»etico e di scherzo geniale.* Cosimo de’ Medici
accettò la dedica di questo ripugnante scrìtto, che. come provano
i numerosi codici esistenti n elle biblioteche italiane, trovò troppo
larga diffusione.:

> * t iju u l |«|b (« a ra li ir n p u n N Ix n f u t r a I. V a lU iu la n


•|uam («H I «Ir n w M IU «faaallcaw t 'u M t a lia i i (è illrrlta al l» | « ■ «ti*ra>ta
n a tU v V alla : I < U r w u portili yaaa» I altra»« apprUaa Va • r*ll. f ] ì l > X I A 4
C o * M i arila l l l b l l o t r r a r a p l t o i a r r 4 1 I . o r c a
» f f r I Im puttanir iH w w n e a tiw « M C Ia *. l a frallalitla atri a Primrip* »
al fratta 4t X. U ir a k r r O i M arta ftateaMhl |TU1«« im i» . 1S «.
• Vr.ll H im u w a. Ita » f j r t n a. 4tr ptlUimré tmràliràr II i r l M a l r t l 4r»
Karltmal» H 4» Cmrrajml i H nrlìn I " K • |x 1 1 «
• Su l ttrrvattriti r f r m a Votar. * • W o rW b ta M I*. V«* ma, ||>. iT ìl F. IU
« a n sa , fmttrièmll atta *tarM tl« )T « r r t lr t 4i A. Il, tP a lrn a o im S i. t l»
rn n < i n » . H um tatst la f ilm . *1 4. fc li Uml V. ISB a. a M. t W , « n g i r
rarfrlft i|> l|«U 1 S M ) A. *Y»«J|-|3M r K V » lc * n * l. I V * liti, tenl, 4t 4 . 0 »
Anaia ISUT ; S u a iN » . I.rll tmr4. 4rl |>a«raatla a l l I r t i »#«* r r 1« S M * M
a rtm la lr V I. I. m r a a ra r m a— a tra «In»! — u ’/> aia M *l» : a l a |aarv. I V
taala t*|n.
» V d K it i*. in .
• Vm m lar rtt. Cfr I «tvrffaì <» I b i I M I . Mrar* U t I. 330. i a J B i
H o n n i ^PT. l ì a i u t . / «llrr»»ar*r«rta II. t*r. I V c i * « a a I ra » * a 3 » * .
Í « ; Xeno |. S ta«. I « n t t « » I « # ; W ,a » r far. (IL T 4 * . * 4 » ; S ta i« « **. *<r-
«*• 1 IM r M .n > » a |. * C » K V d m . P a n n a i K »
• J t ^ r m a r « la i. tìaarUa» «fa Vrrcaa* mi A a ln a w t M f W h r i t r a a fa l i
M l M H I » t lS »a *> t i s i a « a traroaa la a a ¡mrb á rü r*A «a aia­
t a * » ! X X I I I ) * n »«f - a || «faaUr*ta «M f a v a i * ' * Atra IU «. a c u ì | > Ub IV
Il riwucimento leli<r*rio in Italia »■ la Chiraa. 27

Purtroppo il libro pornografico del Beccadelli non è solo, chè


specialmente Poggio, Filelfo «1 Enea Silvio Piccolomini col rac­
conto di storielle e avventure lubriche si sono resi rei di scandalo.
S^nza timore l’oscenità fu dagli umanisti trattata siccome un ramo
«pedale della letteratura. 1 Però nessun libro del genere potrebl>e
raggiungere in oscenità la collezione epigram m atica del Beccadelli.
In questa stomachevole «em ancipazione della c a rn e * a rriv a a l­
l'apogeo quel falso rinascimento pagano, che egregiamente da uno
ateneo moderno è designato siccome il precursore delle grandi ri­
voluzioni. le quali agitarono l’Europa ne: secoli venuti dopo. 1
Reca consolazione vedere che i rappresentanti della Chiesa, i
•¡cali di fronte ai molteplici eccessi degli umanisti, specialmente
nell'età posteriore, spesso non furono che troppo indulgenti, questa
volta fecero il loro dovere ed energicamente insorsero contro questo
«spaventevole frutto della fede nell’ infallibilità degli antichi*.
Come narra Vespasiano da Bisticci, Eugenio IV proibì sotto pena
«li scomunica la lettura del libro. Il Cardinal C eM rin i, che del resto
favoriva con ardore l'umanesimo, distruggeva U libro dovunque
pote*«e averlo in mano. I più celebri oratori sacri del tempo. B er­
nardino da Siena e Roberto da Lecce, con forti parole misero in
gu*rdia da questa sconcia letteratura e sulle pubbliche piazze di
Milano e Bologna abbruciarono l’effigie del Beccadelli. Da parte
del clero furono inoltre diffuse delle confutazioni. Nel 1432 il fra n ­
cescano Antonio da Rho compose contro il Beccadelli una lunga
invettiva, il cui manoscritto è conservato nella biblioteca Am bro-
•ana di Milano.* Il certosino M ariano da Volterra in un grande
carme mise in guardia la gioventù dall’abietto libro del Beccadelli
e u k ì fuori con una trattazione poetica delle sette parole di Cristo
«ulta croce. Il dotto minorità Alberto da Sarteano « c r i i » una let­
tera d'avvertimento ai giovani di F errara ed oltracciò meditò di
impedir* l’influenza dell’osceno poeta componendo un’opera mag-

« li« *» . / > tl. X t Cam* «ttr* Y o m M I. /"•»» r W n ir » M b n » «


* * * iltrrti» i s a i . p 7 * qonM i ta lli n a l I M l a » ! * Ir rnym M * l l d i « r i
trnmy**
i IV » Tot»« u». « * « . ». a a rW C a J . fm d i » j » *r <**«•»
rimmè (C atasta I W i
» U r t a pa«* 1» i m W u paaaaa » la f » « M a . U G m u iw m k a
I V II» W i « U t » 4 | J m t o n a i M r 4 r ik «rtrsaa (« U f r t a * *rmm*r ( « M *
« f M T Ia n a M M M n M It r l f i a h i » ! « » o n k ra t r it a r * » a i*r*» > la tta ti»
• I a lm i 4 «Cd. « 4 1 m a» «ri..— al 4 M * » — »«S m » » » » » tt» « * * » « «n—
rito: U IU — ■ ta»int» Ita— »■■ I» R lfa ra a M n n . la H » W M > rt»am <r ». *■ }
n i l m a M i « * U M » r»Q — ■■■■«■! U K rtla » rf» a « '« '* < « < » r« v « # M
Ik a
* ‘ O ri ft MI f. i u t e » Ct* P u m n lld M ») # *ri< Ì » > . » *
2» Introduxlon«.

Ifiore. 1 Anche Lionardo Bruni, Gasparino da Barzizza ed altri


non rimasero addietro nel toro biasimo contro Beccadelli.
L ’eccitazione prodotta dal libro pornografico fu sì grande, che
perfin oilPoggio.il quale in queste cose certamente non la guardava
tante* pel sottile, consigliò Beccadelli a scegliere in avvenire og­
getti più seril perchè « ai poeti cristiani non è lecito ciò che ai
pagani ». Beccadelli ebbe la sfrontatezza di difendersi contro questo
blando rimprovero, che veramente non era proprio sul serio, ap­
pellando alla, autorità degli antichi. Ben molti « dotti, degni e santi
Greci «• Romani », così egli, hanno cantato queste cose: Catullo, T i­
bullo, Properzio, Giovenale. Marziale, Virgilio, Ovidio sono pure
anche oggidì nelle mani di tutti: anche Platone, il principe dei
filosofi, ha composto versi molto licenziosi. Indi Beccadelli enumera
una strie di filosofi e uomini di Stato greci, che s’erano permesso
altrettanto, eppure furono virtuosi. In simil guisa egli già ne’ suoi
epigntmmi aveva appellato al fatto che. se scandalose le sue poesie.
;mmacolata era la sua v ita .’ Se veramente così ha creduto il Bec­
cadelli. l'esperienza quotidiana doveva però fa rg li conoscere ben
altro. Gli orribili vizii che un tempo erano stati la maledizione
»lei mondo e che Beccadelli ora cantava in versi eleganti, regnavano
al suo tempo come una peste morale nelle m aggiori città d'Italia,
specialmente nelle classi superiori. I grandi predicatori di quella
età, primo di taitti san Bernardino da Siena, tenevano prediche ap­
posite contro il viaio, che aveva già attirato su Sodoma e Gom orra
il castigo divino. * Come sedi principali della dissoluta vita sensuale
sono specialmente designate, con Napoli. Firenze e Siena,* nella
quale ultima città, come già nell'antica Roma, fin dal principio
del secolo XV fu necessario che lo Stato reagisse ai dilagante ce­

> t 'f r V I H B l ; X e w I. S I3 » ; Voler. lo»*. rie ITO».. M r m


H n l 4r r« rf. I. 3B& Rtrcsctl. l»4r c t. X\. Il qua Ir- <M rowlo nua r it i U I n
Inform ato Vm tw tiana (la B u tirri, dubita, «rata ra*t>*m ak-una. « M ia pr«4td-
« b a r t M f t l'.rn>afr**llt<*> tolta da K a m i« IV , U j*«-«Sa d i M arta ao «la Voi-
In fra « a lt » I1« Kno«!>nlll«> > tr»<a«l Badia L m r » m l i l a . Co4 0*44. #|?
rfr. V o w r Z ir m . SS) : I ia*«d * 4* rrrW i « r l r t . l . (a rm rr pratafà*
*w a rila II I b 11 « I a M a t rla t a di V «arala I b i . ri. ìli
tv d CXX, W».
* A VT r a t a o l t » l l ir » « | d rW llw . od V t* r < w w l* C l »
Ila . Iv i ta -IS! * »ta a irata a w t r te M ir r a a l h < « t » W u a c a . M a
* Vm ll lU rct. / V n liH k w l|«H d i # H*r»mr4tma I II . S S » T U n u i l 'i »
Mt x » n i. t t t S R o »> «M ti O fw * 1. 1* 1. 11. M -l® . Ili. I » lim a i, «ter
M B rrmA*r4t» 41 A . W k
» A srr I'u m m iit m H m m pkn d ii** »1 iT r Vm bt II* . W S * : ( i f w i m i .
tirar*, dr* O .H r è a a tM W M and dar K a lia r 4rr Jmdrm ia /la tir a « é lw a <
«*■•» W 4 |WW* IW 4) 31T « « Iti a M i w t . kmlimr tir . || y a i * «tei
W o «M ilo ftariuuarat* inau ria : « qnaM o pia tara Mar*>r jtarr i a t U t » te
» I h n a u ii a l an f i n t o .-a«*»-« M i a p i* « m # « * «aanter»! d iirw w tlM t» t»-
n>t»!tci<«uilHiBrate a «tei ( r a m l t H i l ^ K
Il ri nascimento l<*lt«-rario in Italia « la ChioMt £•

libato maschile. 1 Anche per Lucca e Venezia si hanno tristi testi-


moiianze del (’estendersi di quel vizio, che ha avuto non lieve parte
nella decadenza della nazione ellenica.*
Ben presto come sul campo etico, così anche sul religioso si
m a n ifestò in modo addirittura spaventevole l'efficacia dissolutrice
degli umanisti libertini, di cui il Beccadelli è rappresentante. Esa­
gerando nella maniera più m alaugurata l’entusiasmo per tutto ciò
che era in relazione col mondo antico, a poco a poco si arrivò a
rite n e re belle soltanto le form e dell'antichità, veri solamente i
pensieri della medesima. Parecchi infine vennero a credere che
la letteratura antica potesse soddisfare tutti i bisogni spirituali
e che essa sola conducesse alla vera umanità, e perciò vollero
risuscitare nella sua interezza l'antichità, ma precisamente quella
declinante, che sola essi conoscevano. Con tali idee doveva ben
presto capitare un grave deviamento dalle massime e dalla vita
1 ristiana. *
In un trattato composto sui primi del secolo xv, Cino da R i­
nite* ini solleva una serie di gravi accuse contro i seguaci del falso
rinascimento. Essi, così Cino, celebrano il « de officila • di Cicerone,
ma nulla sanno della repressione delle passioni e delle cupidigie
della vita secondo la vera disciplina cristiana. Mancano di ogni
sentimento di fam iglia; spregiano il sacro istituto del matrimonio
e vivono senza regola alcuna: fuggono qualsiasi fatica per lo Stato
— si., che si tratti di consigli, sia che di opere — dicendo che chi
s e n e al generale serve a nessuno. Quanto alla teologia oasi esaltano
fuori di misura gli scritti di Vairone, preferendoli segretamente ai

» I. g l * MI. ftm u fo 4 i p rv n M rr m o f t ir la (S t n » 1 * 7 '»


» «Juaat» ■ I 4 R I rtt. K D o n i. Im m igri* Irr» .. « 4 , n « l * te /,»««
• IVTJi I. S IS « . Il S mmaU> I * » M « W H II» <W *H«r» 41 V r » » k p w te
« « M t r ■ Ir r M w * « < un. ila r t e la r ta M Itta lo t < | M M M !■ h»r
' l ' ita I r ahteaataaMte H .W r ^ a n ln a alrtoaa . « « — H it m r fr a4
b a ie | r« rin ii a m i» *4 a r i t w i n a v « *|» f »*» I r a » « a W • » * * I H ««*
tutte «ìpIIm m H tw a lt e p o n hVn«b»a» ' *1 H I « « f» > 4 H t D -W w a l t«T
n a tila baio» c o a rtili .tao k W W mm*ri mmtnt* H alte p r » "« » » a fa .
•»al ta t e c te rt» «ta l p rr B a a l» aaania # *r » Ite— «a» I M i 4 m » * M t l | « f
• la m a q a a it M * I U rtirrim m . m H i r r t i I 1 » » l l a w a » » -te « a it a li* * » U r u t e
I * f a n t t e a : t. IT M i è r i iN r r t . a X V . t w f f A r r l I r l a 41 * 1 * 1 «
41 V t a r i l a ( f r a a rte r « . « « » o n . tm s ta rto « I ! « . * » • m tU «ita
prrrmlm * iT M a a l< M i. K : ( IM U IH !m m U * IW rtt e *» ** t* te fxJtrr
4 r* a n a n « l 'a a t e t ite ite tt l< W i M 'K B r f t e « l '« t M M »a «a J te a a lo
In t r o d u s io iiP .

padri della C h i « « cattolica, anzi mano sostenere che quegli dèi


pagani abbiano m aggior realtà di esistenza che il Dio della fede cri­
stiana, ed insieme non vogliono aiTatto ricordare i miracoli dei san ti-
Siano pure esagerate queste accuse,’ non può negarsi che ne.
rappresentanti della rinascenza libertina l’entusiasmo per gli antichi
ha esercitato un vero influsso sulla coscienza e sulla vita cristiana.
Fin dal suo tempo il Petrarca lamentava che fosse denigrato come
•ciocco ed ignorante chiunque professasse la sua fede di cristiano
e la ponesse al di sopra della filosofìa pagana, e che si fosse arrivati
tanto avanti da ritenere inconciliabili cultura letteraria e fede.*
Dei fiorentino Rinaldo degli Albizzi, celebre uomo di Stato, ai
narra che ebbe una disputa con un medico versato in filosofia
sulla questione, se la scienza stia in contraddizione colla fede cri-
stim a. Albizzi, come un secolo più tardi Pietro Pomponazzo, stette
per l’affermativa e credette di poter provare la sua opinione col­
l’autorità di Aristotele. 4
P u r tuttavia soltanto alcuni individui andarono così avanti.*
All'ax vicinarsi dell’ora solenne della morte, la m aggior parte ab-
band(>nò le vuote speculazioni e la confusione delle idee fece posto
a un contrito ritorno al dogm a della fede. Persino uomini come
Urreo Codro, Sigismondo M ala test a. Pomponio Leto e Machiavelli,
prima della loro morte cercarono conforto e soccorso da quella
Chiew», alla quale colla vita e colle idee erano stati tanto estranei,
le cui grazie e benefici nei loro scritti avevano così recisamente
negati: morirono dopo essersi pentiti e confessati, muniti dei
conforti religiosi.*

< l.7 a ir*fira lU-t H is t - r a s t > «tatMpDta t r i N r « « M èt+U ad.


A. 12 . » 10,111 . Ofr. J u m a c m io
* S r i Oliti tiri. 4 M . ISSO p 8W «astro Jsfsjtartw k il iir w t t it it i» ctw
l a « « u l t ! i » r far aptwftr«' M k h tr te m> a r r w . i r m » ri ili afe
nna .»rtnMura tM la rrw a rt* <• rii« «tonto ai a««*'*'» al Kiaorrlul
arata r t w n *
Votur, ll'W c r t r ir l» » » II». « 4 . a t*«a»vla U m w
•M IlltnwvSnl
* V tt KScnm I. ts& tsn
* r «m itó a il 41 | N a «J 4 o a try ll illi.* .n Iti, #141^. Hi i v ia t (a n a n
4t‘ ttrèkf fa, HSH
* A tatfo ar r t lm a > ut»«* «» V K . « « t Q w*It r e m i m «Si. Fa. r u i M x a
Carila H 'i l griltrtirtfl ( "X X II. i3> » I# fa 4 tra :wr W fftaaarH«»aa>
4rr « n ta ù M M V . Ila «ri 1 K *\ K l L 'm M c « mrmtrttnì» da Votar r. ad ira talo a
luì, a n rb r ria n e a rllr |W na»«all « t t ih a l rfar il n M t t N w > M U lU twW It a
'Vw vnUna l ’arto Ma rw m H si aM àa autrltu > n iU a n t i latcanl » r w f n r t alle
M » . » rim a rti : i n ll (1 Fw urrtT. l/ « a l*m « S im i w lIflM » A n u « ù t «
la *• » « *?*« Xee*w w le *n,V| tiswT» a se *»
* r m m S iila .* IV is t M t m £ • M * , ; l > u v n » > SO»
a M i m a <4 Iv i M a rtlla rrU i «Or. In p r t M m V i u o i u n . M i t a IV * t 'm a
' « t i# v. H r a « « u a r I I * 33»a. a> te a « « n t a dt f t (M to H M
» Wrllr ap*rr 41 la»«— *. I mfm M ia , lM « a IB I : |»r a H ata
n a ia r f r T u i w V. 3 M IV » I* Leto ». I ir r it i> « » *» » */ V Kmttmr 4 * r Ih -
“<*»♦»««••». aa ora IV . S T .
Il rinasciinimto letterario in Italia e la Chiesa. SI

In verità i seguaci del falso rinascimento, quasi senza ecce­


zione, stettero durante la loro vita indifferenti di fronte al cristia­
nesimo: essi consideravano i loro studi classici, la loro filosofia
ani.ca e la fede della Chiesa siccome due mondi affatto separati,
che non aveano di comune alcun punto di contatto. P e r riguardi
di prudenza o di comodità mondana essi appartenevano tuttavia
«ila Chiesa cristiana, ma internamente ne erano più o meno alieni :
anzi non di rado colla vittoria di questo falso umanesimo furono
d istru tti nelle anime e nei cuori i fondamenti della morale e della
fe d e .' I letterati ed artisti di questa tendenza non vivevano che
nel loro sognato mondo ideale del classicismo. D all’alto del!'or­
gogliosa loro cultura umanistica essi guardavano con aristocratico
disprezzo sul mondo piccino delle cose comuni, le cui miserie,
lotte e cure essi nel loro egoismo rifuggente dai sacrifici cercavano
di evitare al possibile.: Caratteristico in tutta questa gente è un
amor proprio sm isurato: si sentivano uomini eletti e perfetti:
•stremamente vani e bisognosi di fama, essi non si trovano mai
abbastanza riconosciuti. Alcuni, per «sem pio il Filelfo, perchè p a r­
lavano greco e scrivevano in elegante latino, arrivarono ben pre­
tto a ll’idea fissa di essere il genio del loro tempo e che la terra
dovesse muoversi attorno a lo ro .' Piena la bocca e ia penna di
frasi storiche, questi umanisti erano sommamente avidi di d e n a ro
e di vita agiata, di onori e d ’ammirazione, mendicatoli del favore
dei grandi e dei ricchi, ed irsopportabili l’uno aH'altro, pronti
ad ogni intrigo, a qualsiasi calunnia, a qualunque malvagità qua­
lora ai trattasse di rovinare un odiato competitore.*
Un rappresentante genuino di questi falsi umanisti è P oggio
B r accioli Kl, scrittore favorito di grandi qualità, « l o »copritore

1 U n ta II. 300-01*1 K i« n n . 1. IO T I SM : 111. B i n a t i m i «72.


«7 «. N tm m 2 » ir r é U. /tal, 5* XI. * « Hemm. Qmm»*+t*mtm
IO. Ili » k k . o t Kmllmr 11». » . « n : i h M a c W (« ri« i n u a * W x W -
a n t f iif c a rial i fra litu o f a «lr r u * t n a a n l l < M M t r f k M w • ■ ■ r t llo
H rtharasi.«r. m b t M M I f • It r o m .W ava t M » <t» t * t ■ » . alte
H ilraa ». M olto a m a r l M M l« ammtr a H r m n 57 : t M * M i M tw tb r»
taaafe» d i Uwobarrand il «w raU o ro tar rwwm : « «W *»a « n « *» « alte * o ra m a i
* m I» 4 Srtftta h n « l» « U • *t« *rn a a p u la »
» V t m (Apotami* u t . M S I. rfcr ra a M a M fM l U M n I I»
d i «panda In r ir u a waH a r lr «Tr I» p r« | « tto C i» t f I. IN *
* Off. r « n . V l ( * r W i 4 H « |». *55. S IS : II» . » KmUmr |*.
Il» a 7 V o u tn / V I r tw la i *rr f n i - «.W n n »n > ( M a > «»*. H
Rmm. Qmmllrmnmtm IO, R u n a & K ra» » » «a i r r n w » *

■ « V M h a l f la e n a in a A » « r « l p " M 0 l '« v . <B ra t


ra tatara»- » I I I M a • iu rrrltrn lo gtr. fr a »tfmm d ira « < t»
tta od k a a r d in a (««alm i, a* raaai fa d o ra fc u d i l w . « a l raraat M r a » .
m m ie « t Mi a h n i I f o t - I U r » *u Co* rt. t « . PkM. X I. V ll M a
(.••(•aliata a r it f a i»
• Kimrt-K. I I I . 1ST Vaw t. IT K « r W lf ln # I*. W kvUmr 1*.
vili», sm.
;ia IntrwiiMiom*.

più fortunato che conosca i! mondo nel campo letterario », i! quale


come uomo è una (Ielle più ributtanti figure di tutta quella età. In
lui sono riuniti quasi tutti i vizi che allora regnavano : in lui sono
pari profonda immoralità e volgare maldicenza.
Veramente neanche Poggio è stato un incredulo, un pagano, * ma
profondamente immorale, professava una pericolsa indifferenza re-
ligio««. Chiesa e cristianesimo stavano proprio affatto fuori della
sua «fe ra . • Egli fu tale adoratore dell’antichità pagana, che cer­
tamente avrebbe dato tutti i tesori della dogmatica per una nuova
orazion« di C icerone».* Importante testimonianza di questo modo
di pensare indifferentista è la sua nota lettera intorno all’abbru-
c¡amento di Girolamo da P ra g a nel concilio di Costanza. In essa il
Poggio parla con somma ammirazione di Girolamo, dalla qual cosa
peri) non va concluso che abbia approvato le idee del giustiziato.
Tutt’altro: il concetto d’un eroe della fede era a l Poggio altret­
tanto estraneo che quello d’un eretico*.

I IV * Ito t lliw a a r a l» W t u a w il» « a p t a g e v o IM m a m n t» « r a fla « '!)« Baett*-


• etaurlbualune talteratneule Il m ateriale «la « Ilio eh»' iuan«<a*iitto: \rnò ««11
*» ««•*<«•• «vanti i-<» la * * » f»rtrin<nile Kall a p ic i
(la ttT>i Hi** la M n ltliio p «11 «>|4«nir»w « r m itr n n . Binu> cìw mal a l*«i«Ori*a. P iw t-
■utitomi«- ita «kwrtiUaw ttw | m tt d m i I*«nx> la In te ra mil h u n l f w della
tnurtr «W 4l«-*ipi>i<i <H III» «»1 tu r a r plft le »»e lettere I m M ra«»tmno «inaat»
p n * w t l fn w fn I « n t l n m l l (T tm iw l e n 4 litw i tW B r tH o lfs l. «painto art»'*
ntranaa'nta- In Ini e latrila «a* <f»«ra »1 u n l« r eah> ( n l t i m t a «Mia a Ita n *
..rt. 1l.tM.l3 «-«trirlora- e IM x tn re ». Ctr. ais'-tw VVtMO. p, <W e p. 323 n»* atkw*
eh«' la reticttat|l& «Il IV ««!« a r H J » «tata ancora plft ai<prtafa«a«ltt» «lai ■«***
atiatt »al «watt IV Ir t «turante II la laah tllrrra lp 7 * * 1 .
UH»»' f rterttata <b It lilt n »1 « ri /.il Htmd>tf4*er 1010. •*.
«‘« «irò la m tn t| i« i> «H W aiw r. «-tur 1‘qcct» «la «(alo n rap prraratM rtr « « M ia
M W t t x lli rrtutlam» «Tua » e H * e *ll »«•!» 1 * ■nato una tm w V r f W l e
Iteti«a In In ch ttlrrta »(a aarhe P a rila B U I, V iff 1 fl)» t r t « r *r
X IX ll* l» t . lu i «a. «- nella #/!*» XHImrkr l ’X X I O trjn . 3 3D « * lo «tue»*« a lila » *
In««« tp 3311 J » « H t v H i ilW « IV o e to * «tal« aa neaair« «letta (H k l< i« r mi
• M i » tw ntnaieo « M ia tHal«r«a »1 i » * " «rotar la «nafiJCV-r partr «W tl naia alm i, d i
enl cl«V fu M I » fatti M a ha a ra i« « M M o «otta f%lnaa ratne latitato «il «atl
u n a «fitta («4tatUate n a r n a v > w ll» «li p trrrM i a (ttH H I. aut la irl)« t ia r ••»
è «tata («4 l*«wet«» m a « M itm iM U ri* il ramati«-«• e la *tla *, C <a«ral» Ut < 0
Itaajabt la-ila TkrvJ |.M <«•(! |S8» IW r n ^ t l a » u rlio M k4w « h b * p a r ta *)*
«lei W alter VI |jm aaB>t ta l>««l<»*» tM X«H I W » 9*
* V o i» », timrn fiilrim et. 1 *1 ; *t, anelar V ita a » I» . 1 1 3 « H a i m > »t. /.»“
rrmxn I». 3*1 l . t u T i ; A m a r a i n SS*«aa. M m v l p « * h n * i » « a aaa
n a c a « aolltlaaae *hlh> W M v d i !*««**• * ta r a t a m '»« 4 1 « a l i «U ■ » » • o l i l i , ti
d i ta l ta re p n m l r A « f i n n » * * . A lla all «jarM eraaU t.* rtie fr a t t a a * «
* M i n < lrM a «a- | a M « r i v i r a i «le* f » 9* N i . « M h « t t t t a » « M ie
I W i t fu ra tala alai T w »* a * t. efce « « a » «»«»entaaaarnle « a r i « p v r d a » l U n M T
|/« r » »_-«> 1», » t | a « a « « a « a i * Il a* * » l l l'u t t r m m a I r t f f «#*» U n a f a a t a
l»a»#r «a «Ir« la /(ir Ì i M W t r l t r « « » X X X 11*13*.
4 « » I t a » I » l i a M a r «# « I r t M » M i r a r e «H aa.r.i « H h « B U r « M l r
i w i a r t aartaa t . l U a m a M . C ìm l a a n a r t Amlkmimf t r I n * H a w la r t n / t
f ? * * d ee t n - i r r a M l a U U l a k l Jiàarltea. U r t ila IMM, 1 3 »
U fiuMcimeulo Irttrrario in l u lia e U Ohir*a- 33

Ciò che ammira in Girolam o è qualche a ltra cosa. Il c o r a g g io


n n cui quest’uomo andò alla morte gli ricorda Catone e Muzio
S vola ed egli trova che l’eloquenza dell’infelice al cospetto del
ci>n .lio s'avvicina all’antica. Poggio prescinde affatto dalla de-
«ne dell'autorità ecclesiastica; solo di passaggio lamenta che
udo spirito così nobile si sia rivolto all'eresia, «se . aggiunge, è
vero ciò che gli si imputa •. M a questo dubbio è subito dissipato
colia freddissima fra s e : «n o n è a ffa r mio darne giudizii: io mi
quM-to nel giudizio di coloro che sono ritenuti più sapienti !
Varamente ripugnanti sono le oscenità e volgarità, nelle quali
evie Poggio in quasi tutti i suoi scrìtti. Le più fam igerate sotto
<1 *to aspetto sono colle € Facezie ■ la sua lettera sulla vita dis-
• ¡ta ai bagni presso Zurigo. * scrìtta con fredda, aristocratica
- moralità ed i libelli contro Filelfo e il Valla. Lo storico dell'urna-
o trito' scrìve: • Qui il Poggio, come un monello di piazza, si sca­
f i;» sui suoi avversarii colle più roventi ingiurie e 1« più plateali
cu jnnie ». Non si dà turpitudine che egli non rinfacci ai due unta­
s e l i predetti: la m aggior parte non è traducibile.*
Produce strana impressione vedere simile scrittore, la cui vita
fu parimente tutt'altro che onesta, ' erigersi a giudice sui cornitii

■ La rta u retar« <dr Ir t im ta pift « d ia « a m p lia , la Tu » a n |. 1130. atra


- r f r Votar. E h m ì ì W o ter. d L ; V n u n I*. 114 » I t i - m a lì»
C i u 8 ii.n o p im iio H n i *> —<*li»w i l i i u a r W t e e ire **e *rt« ie rw ie 41
' “'" i « * da P r u a : Hit!. Un*. «. X X X U . A r t » Im m i4 o Kraal, al qoal»
•»- M rvtu la M ir r a di P o n to a rila «na rfefw ta <#>. i r . » : l a m t M B a r a i
A » i m tpi,ioUr»m ( IV I V i t i . NT. U v a M u r i , («ir» I. f f a m u * I Ti l
,a ** i^ r t a » aa k a r r » M a rin o alta | la d ln il> a a d i O in l a a i Calla dal
N b i : «Ttt UH id i» trib w rr rtdrrt*. >l«ata «e» «<rttea»_ K *» fao U a» da
n *a » «yftw-ndwn poto».
1 b ia d i p a y i f t a n m a Mita drarrl^M a ( O f f S C J S Ii Kit. fra a
* latina p rr A M lu t . L n N * w * ita *» (Parta l*T *> C tr t*. I l «»a.
n+4r»tmkn 1Z a rirb l*|S| a 4>W Ur t i r óitrrr Q o r é X X I. IA . I * IV »
w « r a m i» » (Jjrrn farltitm *r f V W »rad. «a / ra d a la « n r te U ri» teMa.
U o v i IS7*. S a o n w d a a * d i l'n a a c ara Ila *» **» Parte 1 *® l’ir
d. k i t . M a l X X X V t t . « e * | t. Vo*«si. r f a d n ld r t M # I K I I * . «13*.
• /lai. X v tt tr ite a.
9 Votar. r M i r l i f e t a a * I* 3 »
• O M (la d ira K .t « ra 1«. *n 1« «da a p w * <tet N p . «ad Wi ara a u aiT
'* ■ 3 * ii n a r n a m M » a r im i« ' pattnaM- p n as < • « * 'd i a
k « V i a . V n j u l Ili. I» i . dupn a ra r partalo «M ia Ut«a«l»a l i W k M dal
T*a a a «tal d ira : « aM«a<Snataaao <fw*ao tana— « u * a . t «tV taad-
**• X a ia a . l*m f M W n n d i la nKpa * H«a» d*a t r llm aia. 2 i d i «Parte
,Vm* a P to a c sm « »«2 IV r | I 1M U dal PoMCW» «asln» H te « a * atetaa f u ,
*“* lT*na. i n b i 9 d d ta a . « a » « w a a lre te te alm a» u n a ttii«
• * te d i» , or». Udd 374 aL. f~r te la « *U l» a « N # a madia. » V a«a
* A SS a a M . H w d a » la « a t a . « d ia «aate a m a «V*«.lo • » »
introduzione.

costumi dei monaci e del clero. Pel Poggio non c’è frase a suffi­
cienza pungente ed offensiva per bollare l'ipocrisia, l’avarìzia, la
ignoranza, l’arroganza e immoralità del clero: in modo affatto pri-
vihKiato »ono poi i religiosi contro i quali è diretto in passi senz..
num« ro il suo scherno e derisione.* O ltraggi violenti in guisa spe­
ciale contengono, sotto questo rispetto, i dialoghi sull’ avarìzia,
nulla miseria umana e l'opera contro g l’ ipocriti, ove si legjfw:
« una sorta di monaci si dice mendicanti quantunque paia che ri-
dumno altri al bastone del povero, essi poi essendo poltroni e vi­
vendo del sudore altrui. Alcuni dei medesimi si attribuiscono il
nome di Osservanti. Io non so qual fortuna possa attribuirsi a tutti
costoro: una sola cosa conosco ed è che la m aggior parte di quelli
che si dànno il nome di Minoriti e si attribuiscono questo titolo
di Ooservanti, consta di rozzi contadini e mercenari! poltroni, i
quali pensano non alla santità della vita, ma solamente alla fu ga
del la v o r o ».’ Stando al Poggio i monaci, eziandio nelle loro pre­
diche, non mirano alla salute delle anime, ma cercano unicamente
il plauso e 11 favore del popolo sciocco, che fanno ridere o diver­
tono: essi poi predicando si abbandonano alla loro ignorante g a r-
rulità e spesso più somigliano a scimmie che a predicatori.*
Se vogliamo farci un concetto della turpe caricatura dei clau­
strali qui disegnata dal Poggio, col generalizzare ingiustamente
i difetti dei singoli, bisogna che ci rammentiamo come furono ap­
punto gli Ordini i quali nel secolo XV produssero in Italia una serie
di predicatori di penitenza, la cui vocazione religiosa e grande
celo, anche dopo secoli, hanno strappata l'alta ammirazione ezian­
dio di persone d'altro pensare. Esorbiterebbe dai limiti della «sp o ­
sizione. che dobbiam fare, l’enumerazione completa della lette-

W I U h t * un orrorp >M B r a r a * >u>r. A mllmr li*, tw , «Sor» U |\.*rV i è fa ll«


• n 'ir'd a a llra. « W w » V w w l M a a * U lt im i (M ai. Hpirtt. 1. »17» din» «ipr> »
« u w o tr. « *n(W> » « m in » a far»! p ra to * S»U » 12* «11*. tl G n o t ( II.
U S ) ha •-ambiato la M a
• ( in u a . (t n a iM ia o r l» l. b n u n n Ala. f l u r u i II. 128».
» on io»
* Vwm. trw w w b tw # li*, sia q«ti »4 la fin w i n tn u u H vr io ta »
m m nt orniti iw (k> alt»! fa m i d i q « n la «tari», I M (rato a n | W . riaar I *
| m « ‘ «mini Vdtgt 11 K o u n m t I MI Haadarvianr « M l l l 'i n t a r l'^ 9
M ) v a rila «uà l,IHrr»l«r» rjcfcirài» 11. 10. ha fatt» U t t U n s r i» M
d»M«a annrttrr»! « ira rrid a la *» rta a a a alla «atilUà <kcU uataaKtl n « ln > I M a *
d lra a ti t> e li a ltri P » * « i E tafani, m l’ateW. <irw»drra d i *« rtn t an^p»(Uto
Molta rtilm a <W p¥atK«*raal. la a l 't w d i R m w . a laarta r i » I «w | d a r
toc» «I dodlrfela» a llo ita lo m M M I n ( ■ (« l a i y t llo «I t m itaaaaahaao
Il (ladra- r i ri "« « » a anttaalo ( a n W O i M h r (ritt rotm ltarl a ra ta la asti M m B
« M D M Ir l. w aoa r * r i n a n b a r a lia « a lo la a*l. aoa poò d tr .1 r t a la fia ria
all» l i w i N « a l » I « n i rt «*a t w T a t la r a ia a a r i» v i b a a a s ra t t a
w d w * nV-aal « a V n l c t t aarfa» V o m ì 1«. Ila * r n c m i a S II. W *u
ara 113 ».
II riiuucitneuto letterario in Italia e la Chiesa. 3b

tu oratoria, che è d ’una eccellenza pari a ll’estensione, e dei


;to 'plendidi rappresentanti dell'eloquenza prettamente popo­
n e nell'epoca del rinascimento e noi qui nominiamo soltanto i
•> ù c<lebrati predicatori popolari dell’ordine francescano: Bernar-
r: da Siena (t 1444), Alberto da Sarteano ( t 1450), Giacomo
ia Marca ( t 1476), Giovanni Capistrano (♦ 1456), Antonio da
ì: ir ni (intorno al 1450), Silvestro da Siena (intorno al 1450),
(• acni da Prato (intorno al 1455), Antonio da Bitonto ( t 1459),
i - rto da Lecce ( t 1483). Bernardino da Feltre (t 1494), Mi-
■ k da Milano (verso il 1470), Antonio da Vercelli ( f 1483).'
Questi uomini percorrono instancabili città e villaggi d'Italia
■-t predicare ovunque, e spesso con m irabile successo, a innume­
r e oH uditori conversione e penitenza, mitezza e pace. Ben presto
W - h i« e non bastano più alla folla degli uditori, che quindi si
Tu olirono sulle pubbliche piazze, dove migliaia di persone atten-
rf o per ore l'arrivo del predicatore. A orecchi tesi ai ascoltano
Ir . aro!« apostoliche e soltanto alti singhiozzi o il grido « miaeri-
fi -iiia* interrompe la lunm predica. La genuina popolarità dei
r « atori, le loro impressionanti immagini e paragoni, la loro
' * »anta, tutto coopera a produrre risultati straordinarii. Nè
* !r> tl popolo basso, ma anche persane altolocate, perfino prìncipi,
^nuo trascinati dal fascino di queste prediche.
Il vero fondatore di questa atthrità affatto apostolica è Ber-
» dino da Siena, che. il sommo tra i discepoli di san Francesco.
*‘a nel numero di quegli uomini i quali, al pari del serafico can­
tori del cantico del sole, operano sulle maase col fuoco della ca-
liti, che accendono al fervore del loro proprio cuore.» fi pres-

ctoni rM « n > la V a M H . a m p i « r i H*m (B m m t IC 0 i


* « - » U « . » '«sp i mrift. rmmrtu- H W l : rtT aarito < V t« u i*a . tU pm . a i
* * » i rib a ttiti. V. la n lli* C. V t U K ^ Ia l*« *» da » « « M *. T r» » ì l » ( ck4-
«a b ffn « l:u*r»k> IV I. l'a m o . r* a * * fV »
*- tttmmtm, Traal IMS: *• « « a . falm po ia ti: Jtrm t « * « W I * 4 IW f*
*• « 'In » « . O M iw r U l» « 2 . L . S* R i m . lU rm m rttm é t T M r r . 3 n d P a rta
" 5 S a Hntw fl«» d a l « w <«41 I I * » t B a t t i ^ M U ' l r l r w n . «4 U « « « « ,
« a i ; V. a* ru au m . Frm ffoirrf. r « r » iHM a, le Iti* «Mr M ia I t o »
• !*« ■ ) IV fW BTi. Suite m praU rtw r*t TVaaw «. *>•** 4t « M < M I « a *
•|j,«*ao tMMl « Hlr» i Menami taaMaM aririM H»* M a « * « * « •* dM laaro
"»■e fxmtkmumi i^artolmeale l ì l n n i «a Va*~li I» !••>* Itn W M
" »«*«. ». E n u a I. «OD « M i II. C afri*« e daatowM» « f c * * a » N « , «aa
’* * '* * «al «aaao pm«l la rrawa^ rar i o e —« a a i » I pria ini»! >VI rtaaariM rf«
*"•* f « M * a q » S o predirsi»^- ■ «a M ttra i * n M a h a
•* >11 « « l a » . < Sa «ila«»««« <M)a Marra tv«Mr ta Vtfa « V M . t n . »>
*■»*** M M I n t t da T. h w a i la i n * . /V»«rt«r I w . ras*
» Rti-WKvr III*. «B Alto M leralara aatte» « * t * u m Ìtoa*MJs* (SM»
* »ar aan i u ai di M i r i I larari, r ia t u a » b t t * « a « «■«*-**»»# wdM ».
* ca.»| 4*f r u i i » H i u > m M S i n « I M I « Jb iM M <*M rM U
* * * ) M m 1 M D . f a n par» U M l a r a n d i t W M r 4 > » a w (P aria
*» Introduzione.

wvht* senz’ «tempio l’ attività piena di abnegazione spiegata da


Bernardino come predicatore. In più di cento lu ogh i1 delle più
divento provincie d ’Italia egli ha annunziato la parola di Dio, « i l
dolce nome di Gesù *, qua fermandosi solo alcuni giorni, là molte
settimane. Tutta la sua vita, tutta la sua attività consistette nel
predicare. Con pieno diritto 8ull’affre«co a S. M aria in Aracoeli,
nei quale con profondità e sentimento rappresentò la glorificazione
del santo, il Pinturicchio potè mettere la sentenza: «P a d re , ho
manifestato il tuo nome a tutto il mondo ». Di solito 8. Bernar­
dino parlava al mattino dopo aver celebrato messa, ma per lo più
Kli uditori »i trovavano sul luogo fin dall’alba. Qualora le chiese
non bastassero, il pulpito veniva eretto su d’una piazza aperta. 1
Secondo il contarne dell’ epoca, le prediche duravano spesso da
tre a quattro ore: le serali talvolta si prolungavano fino a notte.
I contemporanei elogiano specialmente la pronuncia pura di Ber­
nardino e la vivacità della sua recitazione, nonché il suo gesto.
A tutto questo si aggiungeva l’ impressione della sua apparenza
«M'elica, che alle «enti faceva ricordare san Francesco.* I suc-
C'wii ottenuti da lui ispirarono a Pio II il detto che Bernardino
• con** un secondo Paolo » aveva fatto risuonare la sua voce per
tutta Italia.

l i W »*r*. Ital. «11 T. H » « u m . Slrna ISV7). Hx> tratta In latm-iv UrU'attlrtià


di lirroartUn» t m » tm d k t ln n ' C f». atx-br M a v * ii» I I , )St m ; K P rn n r-
r « l . WatMt MariMm* t f l i v w IV I la MbltocraRa m IW n a rd lt»'
«ta SMta al » aoror rat>In» a m ietala : «tt. !.. D o t a i , fi. fimutriUrna 4o fiin *
' *1 » » # »><•*#*>. l.w v * IM O ; K llr r n T , Iter h i llrrmh»rdim roa Mena « f . .
t f. il. irB 1012: A O. »‘«auuraa l l i m t u . * ». Brrmmr4tmo <tf Hirmo. l . w l n IB IS:
M I k n t t u n u i . tt. Rrrmanthu» da SUmm. O ro ora. 1®14; ('n i m o l l i l i . Mima I I.
W » ; A. tlrj utw>\ /.Vloynran 41 fi. A m u rW tao 4* Htm* * la m l M l i n , la
studi rrtfy««Mi iF tr r o * * ) IV (l» W » . W 3 *». : H Cesai. » . Hm utr 4ino a r a ­
tto*«. Prr4irorUm* «. rulla, noi Itoli. 4, Sor. 41 filarlo l'Urut a. Amltmort
•«Vi* t l n t S iTem m ot. ? » r . X X V m » {m k a u iw n tato 11 m ateriata «tolto
t!» U : 1* l ’» a o i*«.>* M a u e | l> rin a u t ) » A l t r u i (O. F. M,l. V i* 4« gl. Ber-
mordtm 4r t o n r . T+*i» h it» taM i l 4a j f K M r . R .< w et W o la m to a
Bram ito* is n «. r * * » ttoraor ( » J l, r ia im/4iie d* Si. a mordtm 4* « i n m
par aa f t w r ìlimror mm nmlempoeotm, la 4 m 1 JtoJtoaA X X V I I M ) . S M ia .
I a m t« tw danti» m » lM | v n iH a a ii« lr 1« M n a n M a dal a n ln t o a M b *
l-artitso. rtr V Unti, «wtr trrh JV N e toe »tot. 11 | l» » l » S a . ) : A. O. U rru s.
Vaia IV. Promette* Ar t a im N i Q H Commi. 4» rrtoftoa* ». tUrmmr4tmi t o
■ ■ < > »•* #><•»**» ( M M m m m !a . In t . rrmmeiT. t u l i (!» » > . ;
* O u w n i. r i I» tme4Um 41 #. H o a w illa * 4m D M * »ertilo «. I| M . I» l o
tem o I M I
* V , | rlr m r a ta A lt M t » 1 9 « .
' «tolto tatuar« t a n n w t t a M l abalU p t r ik t o d i IVrraanJlao a S to M
*. T » m » » - . | i , i a » 96; t(| . K n n a IS|, *1 » A m n a a to
tamltrto» 1 . la toattaw taaaa m a '• «■!« **Bea ut Hueett. prome n é. V. a a U
tdHara d i H a*« tü IV in > « l'rrd tra di » ttora ard la a * p m e » V n n aa V I I
1. « C f lit D r a t it m leomooroto d i H «Irrmordtmm. la Rota. fo rte U T.
» TtH atwt- n**«4s C « . «5.
II rina«riiiieuto letterario in Italia r la Chiesa. 37

Se si vuol conoscere la maniera particolare delle prediche di


Bernardino non bisogna appigliarsi ai sermoni latini da lui stesso
r i t t i : * le sue conferenze orali erano affatto diverse da queste
dotte, ma aride trattazioni teologiche, come risulta in modo chia­
rissime da un confronto con quelle prediche di missione, che in
viirii luoghi furono trascritte da uditori. A Siena lo stenografo
fu un cimatore a nome Benedetto. Questa raccolta, la quale com­
an de quarantacinque prediche, che il Santo tenne nel 1427 sulla
«Tar de piazza del Consiglio (il Campo), è di importanza straordi­
nari.» perchè colla più scrupolosa precisione Benedetto ha notato
itto, perfino le più piccole digressioni e minimi incidenti.* Sono
queste prediche volgari quelle che svelano il segreto dell’eloquenza
; B e rn a rd in o :' qui zampilla con tutta freschezza e genuinità la

t (¿orati Strm onm tatampatl la Oprrm oaaaai* di a. Bernardin». n i I)K l i


Hat«, l'ari« in » ;, min anno Hk> « ch in i r> tra c m : ». T m u j r l i n . . n I M a * .
I<a «a. ore «1 fa ux> <11 T im i. Hmprr rtinmImilalr nprrum H. Brmmr4lm4 il lu n i.
|k*7l, lav»ra> che non è in coantnrrvlo, Io txw pown rtar ap|a[»*xiarv t l i a w i i l -
*‘ »to «l ima nuova n lld o w « rilira d cllr mn-tr dH Sant«, clic rmlaa- Un dal
>‘" 3 II 1’. J n u t In f f t n n ». W s i i l KirràrmUrltnm II* . 443. Per eaaa
ir*»«. il« t u lllm n * un m anna-ritto conterrai«» alta < ' h i e l a n a I n R o m a
*r *4. C. VI. I t t i In un pendono cofano ooprrto d i »rthito, d w roollcnc
*- t>na|ÌPÌK> •criiIr 41 m m èri n a lo : «*■<• «ano. d i è reto, già atamfaHc. ma
*» to rn d W ro a tlra r una <|uantlU d i ra rla a ll. rW an«u» rata locata* In un
»«filo ib o m w (dal K ta riira i Num croar varianti n « U m [airo II Co4. .(**•
k* "a * M . l'n j ìr k r 41 fi. H. 4 rllr ia i*#4or» n rlla l . i t r r m l a a a a F i -
'* * » * . I Inarca- la n tlla Va predica d i « B ern ard in o citata a p 30 a> ehm lo
,iw » l a rila II i b i loi a» c a d i B r e r a a M i l a n e l-e ilrr» I a rd ii* d ri Sani»
rid i a rila H i h l l o t r e » d i S i e n a : It i cfr. •prcialaam i^ Vm4. T III. I.
a ain v j rrftlrfo fHmsmwm I M antova W TTi 14. m rnxine* tu a M ir r a ortfiaafc
•¡I « Itrrnaratinai tarli"A r c h I »1 o G o a i a i a . ma <1 tratta d 'u » «ra t» arata-
et»* la M ir r a la <taa*tloar * d 'u n rrrto fra B ernardin» r fu “ "ritta a ri
1"«SI \ m m illa n to d al m r a t i è il ran» opuaroto patbMicato ia uaraud«** d i
M iw a : IMI anodo 44 r t r U t r r 4*9mmmmmtr r « | M a 4irtmm. I^rllrrm Imm-
44•* 41 «t H. 4 # „ pubblicata p rr L. M u s i ( l i n i .
' Il aaaaa>arritio « risin a Ir è paritnln. Iiar ra p ir taoaaaa a rila 0 1 b 11 o t r c a
* 1 » I n a . una airi 1443 a l’ a l t r a « , « f l i l t a r caaa«M a prr I. H u k tii.
i * »rrd irA r 'mipmri 41 *. Hrrmmr4lmm 4tilt arila pémrtm 41 Cmmpm tm u n
,IM^ » IWtD-lWWi. rati, a » ; cfr. B arri la Cmmtrrrmm 4. CmmmUt mrmtrn 4ì
* tmlrtm 1 m im a l«*r.i « Irrita fdlt p a rtlra ia r- raaaar U napU M I * p rr-
irn u lr ala «. B e rn ard in o la B. T ra rr a ri 1 4 *. Idmr »natalaritti o rila
B Ir e a r d I a a a a r I r r a a ri. d H Ic quali a«« | « M M I. Marcata. He#
fané* mmpUr <Siena IW Ii. IV r I» predlrtae r a t m r a lr la Balta»» ». ora llr
* « : i n aarfcr ««O r ra p ir M a pa»«lWlar qa a w alaaall tran tr a B w »
w I O i * 145* OTr. A. O u u m . I mm prr4*m ta rlila 4* f Hrrmmt4émm »•
mi ra h ra «aarale r prmltrm 4*llm It a lia O l i i <B r « * l l a 1*14 iptafaMI.
•aata«ar per a a w t i L m B ri M«M. « ra ra . X X M M tl. 3 ; 4/»* frmmrlmm. k-«,
*1 1 a|M »l: X V I I « »
* V«aU T t a r n . i -iH a a tv 391 aaa. ab o d a < a la taacaJ&na
V tanti tv A i a « » I l i * « H w w r i. J.vfe *a m sm 4» «. 0 m « Il a «•« araoM
Matta | «M
ilM Inlroduiiou«'.

« uh vena, qui è vita, spontaneità, naturalezza e ricchissimo alter­


nami di conversazione amichevole, di calma istruzione, di dote*
esortazione e di ardente foga prettamente italiana, una serie d.
scene drammatiche, d: tratti palpabili, affettuosi e di una ingenuità
naturale. Sebbene l’oratore non perda mai d ’occhio lo scopo e Ih
distribuzione della sua conferenza, pure segue le ispirazioni del
momento, ripete le cose diffìcili, dà vita a tutto mediante declama
zioni e apostrofi, domande e ri.-poste. In maniera molto riconosci­
bile si rivela ovunque un intimo contatto dell'oratore coi suoi udì
tori. Si nota quanto vivamente Bernardino tenesse presente il pub­
blico. Egli adattava le sue parole a seconda che esso era persuas*
0 riluttante, distratto o agitato. Per venire ben compreso e pene­
trare il più possibile fino al cuore. Bernardino si serve a bella posta
del dialetto senese, preferisce modi di dire e proverbii popolari,
toglie le sue immagini dalla vita quotidiana, fram m ette racconti,
novelle e favole morali.* Eppure mentre scende tanto verso il po­
polo. mai il suo realismo tante volte ingenuo diventa propria­
mente offensivo, burlesco o triviale. Con arte m irabile egli sa man­
tenere ognora la dignità del suo santo m inistero: l suoi sermoni
spirituali sono un modello di predicazione profondamente religiosa
e popolare. Le sue istruzioni sono sempre adattate per quanto è
possibile ai bisogni del luogo. Hanno decisamente la preponde­
ranza le cose pratiche e cosi egli di preferenza tratta dell’impor-
tsn.-a della predicazione, di questa «fo n te della v i t a » , poi della
selvaggia smania delle fazioni, della maldicenza, del lusso e del-
l’imiroralità. le grandi piaghe del Quattrocento. Vengono combat­
tute inoltre la forte esteriorità della vita culturale e pratiche su­
perstiziose. Con sincerità senza riguardi ai mettono a nudo anche
1 mali più ributtanti, sempre però in maniera che traspare ognora
lo xelo apostolico per la salute delle anime. In modo oltre ogni dire
commovente Bernardino sa dipingere i castighi di Dio e dall’altra
parte le gioie del paradiso. I)a molte delle sue prediche risuona
I etano della Sacra Scrittura, alla cui lettura egli continuamente
esorta: tutto il nostro edificio, dice egli nell'introduzione alle pre­
diche quaresimali fiorentine del 1424. si fonda sul santo Evangelo
di Gesù C r is to ».*
Con fermezza ed energia Bernardino ricordò i suol doveri per­
fino n un tiranno s) crudele qual fu Filippo M aria Visconti. Mai

* Ctt t t v u i n JT an ltrilr. (T w a fl » u n t i » Apate^M 4i ». Jl 44 j* ( B »


Im m I W ) • l u m i . V o m n . > Ir ’lm m « <n m u » l«T»> S o m l l i n u .
144 Mk
• V *.» n t B « r 3 1 3 « *. 331 h i. a i » , 341 » A U m » 333«»,. 33? m
Hiarvic I W 1 4 4 * . U t « , 3 1 3 * . 9 » « Nette 4 r» T er. f r a t »
hmm4» X X II 1 1913» 113 a*. S 3 t * . T » Z u m a i r S M i t e M i n i l i m Ma*
«•! «4 WfMHUlMt n w ta iis i arila punOrW 1« RanMrltka
Il rinsscimento loitorario in Italia e 1« C h i«««. 39

•vii en trò nel terreno della politica ed, a differenza del Savona­
rola, eg li ai tenne sempre sopra i partiti. Dal celebre domenicano
«gli differisce anche in questo che mai inveì intemperantemente
o n t r o gli errori delle autorità stabilite da Dio, secolari od ec-
c italiche che fossero; parlando di abusi ecclesiastici egli sempre
< •'trvò form a conveniente e dignitosa e il rispetto dovuto ai supe­
riori spirituali. 1 Avea caro sopratutto di parlare della B. V .; i
suoi biografi fann o sapere che allora il suo macilente viso irra ­
diava come trasfigurato da luce celeste.
Le prediche di san Bernardino sono uniche nel lo r o genere e
¡tanto le lettere di santa Caterina, dell’altro genio religioso che
S m a diede alla Chiesa, ponno starvi al pari. Qui arde lo stesso
fuoco dell’entusiasmo, qui risuona la stessa musica dell’antico
•haktto senese. Come nessuna riproduzione è capace di ridare
l'-ncanto celestiale delle teste del beato Angelico, cosi nessuna
tradu zion e è in caso di rendere la grazia e freschezza, la nobiltà
• limpidità del parlare bernardiniano: queste parole come quelle
ligure vengono da un altro mondo.
Nessuna m eraviglia che in grande numero i predicatori del
Quattrocento venerassero in Bernardino il loro modello e tipo.
Questi rappresentanti d’una riform a prettamente ecclesiastica
^«nno scosso profondamente migliaia e m igliaia d ’uomini ricon-
•• ùendoli a Cristo. Dai pulpiti di questi uomini un fiume di be-
«iizione si riversò sull’Italia turbata da selvagge faxioni di par­
titi: sanguinose contese e vendette, durate per anni, vennero
rimosse. ' espiati grandi delitti, convertiti peccatori ostinati. Non
*ok> capitò spesso che dopo le prediche di Bernardino si abbru­
nassero « v a n it à * , giuochi e ornamenti muliebri, ma in conse-
Jfrenza delle medesime vennero anche emanate disposizioni di
legge per limitare il lusso, contro l*usura ed altri mali. Più d ’una
città si cambiò totalmente. Noi credevamo di essere tutti santi,
tanto eravam o ripieni di pietà, dice l’ingenuo cronista di Viterbo.*
Nè il superbo disprezzo degli umanisti, nò l’ avversione larga­
mente diffusa contro i Mendicanti e provocata da membri indegni

'• « ti. I l r r o i . S . la S t k n t a ñ í O fw r* I. Itti «I tra ** — »fr a -


IS p M lM I» M ila prati«« fd — llMtrn r W liTH K ta f M t a
• ■ • I* V i I ^ 11— m a r la «H i — » » <Jrt ataJI M rtw » m i tra ta a H M ,
•M pnniivl g u »ratta la ri
* I M I » W»« ap*n lip iro r*mtr |«f la mm| ll m ta i< 4 * M S S '* •
S t a * M sM U ts la |am la s a s ritta «Or. t» lslrw » a sa tl n o i » <H r u « i Pt-
eelTaalasr 41 a P la n a s. «M ia M a rra la s H IM S < U t*rr*.
*'*sr« «« . IV . M a i ) IH . lu t t o <tair A r r fc I r | • r * a s a t l > 41 r » t l « s « .
8 tmtm M i a » a ü u M t «laa i» s lW t i m a rti s fflr saH h* F i n i , f tir*s s e
«a S IM M «a O n M . « ls r« r*a » ( « n a MM»>
* X a n u a * u u T r o t a Sa
4*) In titx ltiz io tie .

furono in grado di sminuire la profonda impressione che susci­


tavano ovunque la severità del costume, il caldo entusiasmo e
abrogazione, la potente virtù delle convincenti parole dei predi
catori di penitenza. 1 Non pochi di essi, dato lo spiccato gusto del
popolo italiano per la forma, trovarono tanto m a g g i o r favore
perchè univano lo splendore rettorico allo slancio religioso. Sotto
questo riguardo è sommamente significativo il fatto che Bernar
dino non disdegnò in età avanzata di studiare sui modelli degl
antichi l'arte del dire presso l’umanista Guarino, cosa che esegu:
ancor più profondamente il più illustre suo discepolo e succes­
sore. il già nominato AÌberto da Sarteano. ’
L ’attività di questi predicatori di penitenza, altamente stimati
e cercati dal popolo ed anche da principi affatto mondani.* e ca­
lorosamente favoriti dai papi, specialmente da Eugenio IV e da
Niccolò V, è stata troppo poco studiata sinora. Chi s’accingerà a
scrivere la storia della predicazion« nell’Italia del rinascimento,
farà vedere che lo zelante ministero della predicazione esercitato
con somma franchezza è uno del fatti più consolanti di quell’età,
che nel reato presenta tanti Iati oscuri. Qui appunto si manifestò
che nella vita ecclesiastica cominciava a muoversi un nuovo e
fresco spirito. P e r l’Italia e per gli altri paesi della cristianità si
hanno abbondanti prove che non risuonarono senza effetto i tanti
gridi di minaccia e di ammonizione. Forse nessun tempo offre
esempi si irnienti della conversione di tutte le classi del popolo,
di intiere città e provincie. come il secolo di cui scoprirono senza
riguardo i terribili mali Vincenzo Ferreri, Bernardino da Siena.

< I:» Mutua iliM a n n ilf l'a ltm h a r ni i|W»lo fatto U Iti mn.ittai>T Cat­
tar II'. IM*» a qnnto *rndlto II mwrtlo di a tvre pel primo la*! «Ilio
ma iwhr. aia 4(alfraiill |ar<4r atri pnMW-atud di p raliraa iWII'nl dri Hi
uarlniMlu. l 'fr M r h r Si moxv* .Vela, r M ut M ia II. lM»a. IVr n»<>-
w i r an>ko> I pmllratart iM gM llm m ito aarWdw A a ltlr w Wlr la pohidl
i-ailonc «Irllr l«m prwllrhr lltlMar. Hhr n4lr lattar, la (arto >laatalr. a'at
»ora HA rbr fr r qarllr di a. R m t H la » |t. T ai arii l'in .i> 380». U
hltitMavha llatlaar n a lra tflw amilo BMtrrlale la t***"ait<* di rat h n p x *
fu «tamialiv ra a t ad aa. ilayar f m l M r a a m a d r la Uaya« r olfmrr di da«*
irlrtrt /raarraraai è ri i m h IV prr \lia t i4 it « a* l'itim i tfra lo ISSI | M
manuarrilfl drllr i**«ttrl«r di a. O laraaan dalla M arra a i l o a l r p r a a d a i «
a i j u a r i r r h l » «Huaaln d W a n » la 11«. U b o I. « |vn> * f » il prtart#*»
lutati tutti «Il arrhltl M ia r llll Italiaar <dWB» rVx*l ma Ir ria II ppr latu-
< Uà irlttl«a «• aaarlalr dri pa allr»i»t l di ( M j l r a a dal m al» * * . « U a la lo 4d
■inai! al |»>lrv*#»r arr t w r MTaprta a * * » la lr m n a lr
> V r.ll S ta a ia iM . I M eneo** d i O a a n a a u 'a ta a la I W i |t l # > «
* «*fr la M t m al U ^ a r a a » < M d ara d i M ilan o T Sfoca« la UtttrU,
/rmmrrtr i1 M i r * M t r r » d ri a id w la » aneti it a m a a ll d i I W a M la data
3» aprii«- I i-V. iaa A a lu a lo da IM I mairi, n a r paia la W in » dai d arà a Ha-
ta ti« da l*<vr. a «Unaattf» l« M U rw ~ tl a ri rad. t é li <M f W . M a i fe ria
Na a i a a a la d i P a r i g i . A ltra W ttat* d i F S fa ra i a l p < f a i i . la K u r r * .
ftaarwar. 1. 13*. I**3«a.
II rinascimento letterario in Italia e la Chiesa. 41

t \anni Capistrano e Savon arola.' Se nella vita dell'individuo e


.'••ila società la preparazione necessaria ed insieme il prim o passo
»t-ry» il miglioramento è il conoscerei, allora non può negarsi al­
t a del rinascimento l’attentato che essa abbia coltivato con atn-
n rabile sincerità e rettitudine questo conoscimento di se stessa. -'
I)a questo punto di vista avrebbe poi da venire modificato
anzialmente il giudizio ritenuto in generale sulle condizioni
irreligiose, immorali dell’epoca del rinascimento. Come anche da
l> vo hanno rilevato i migliori conoscitori della storia italiana è
•*<1 «‘jfni modo un errore attribuire un valore di generalizzazione
«ite testimonianze che gli umanisti italiani presentano numerose
intorno al paganeggiare d’allora. ’ Anche nel pericoloso periodo di
* n.Mzione del Quattrocento ai conservò in larga cerchia, dal bor-
«-he esercitava mestieri al patriziato urbano, il sentimento
1 'fondamente religioso, che era stato la base del popolo italiano
n- medio evo.* L a rg a porzione del popolo era tuttora intatta dal
prr fondo guasto delle caste superiori. Ce lo conferm a anche solo
uni' -guardo sulla vita di fam iglia, per conservare la quale davasi
fr a n peso ad una educazione rigidamente cristiana. Quanto prò-
f blamente fosse radicato l’amore alla Chiesa, quanto gli interessi
religiosi fossero tuttavia il centro dei pensieri, lo attestano note
di arattere affatto privato, lo attcstano principalmente anche i
’“ 'amenti. Le molte confraternite laicali, che abbracciavano tutte
indizioni sociali e le rappresentazioni dei misteri, alla cui
e Stazione davano il loro contributo i migliori poeti, accendevano
«• nutrivano sempre a nuove riprese lo spirito religioso.
Un'importante manifestazione della vita religiosa di quel tempo
*• ■°*tituita dall'arte, che in sostanza ha un carattere puramente
ristiano. Non mancano in verità dei tralignam m ti isolati, che
W resto solo in parte furono dovuti all'adozione dell’antico, ma
* tuttavia innegabile che ¡’immensa dovizia di opere deU’archi*
Ottura, scultura e pittura, creata nel Quattrocento dal popolo piò
ricco di doti e più gentile d’Europa, rispecchia in maggioranza

• 1t r H r a n a iv T l« \ rii. : K a m u n t » K i> > T lM N » ! «M ar* «*«r.


* UH ««• ! «Sci; U r * n . /.« « • « » • » 3D V. t e a ! » * ? *«*. Hirl 4*
* l i m i Frrrirr. «Jrtfrr 4r FKmrmpt 13 n41 l'a ri» l« W i «• f i r n ts Itisi
X V II. Z I «. KrriUm 4, Arw+irm. W M w r a t i W V h w tSMZ. I * . ) » «
**• n t a u M M » <M fV r t r r arila m tttbm U d i VaWarla 4 rl ii a n Arila m-
aaao IISS
• lt» > n u r Hf » K f '* r i «a h r S I . ; rfr. 379
• lU t n o n R r ir A r i t i I f r h w l t » . S i « « » * /I 3 i t : C u r i » I I. l i » ;
** N w t r i . Jtmtrrtm * » i / n » t r r à » f « r Xafmiu A ' V II. u * r I : M r * n . I *
14. a i « a
• « * r |*> p n « * Sa U t*. |»tf«-l I la prtart**« te
'»* i » » M I tar*> l l . w m ratto S I. « r m Itw,
» » T i » mwtabWF»«» IL W » . il w n a w «S a a S o ad
**' » » I 41 n l l ( M t t la iS t » a d t a alt». V. «ra aa< *» l i m i » . 23 «
42 Introduzione.

uno spirito credente e religioso. N e sono testimonianza le innu­


merevoli soavi Madonne e le commoventi figure del Salvatore, eh
potè produrre solamente una fede profondamente sentita. 1 l'r
buon numero delle più poderose creazioni artistiche del rinasci­
mento fu talmente ispirato in linea diretta dal pensiero religioso,
che prodominano in larga scala le rappresentazioni tolte dal eie!
delle cose ecclesiastiche. Naturalm ente furono la Chiesa ed i suo.
organi, con alla testa i papi, coloro i quali con disinteressata
passione favorirono l’arte siccome la più nobile espressione e la
più bella glorificazione della fede.*
Come l’arte, cosi anche altri fatti depongono chiaramente a
favore della profondità e saldezza della persuasione religiosa. La
fe«le viva, la quale in quel tempo tutto fermento e sommosso d»
recisi contrasti, era il vincolo più potente dell’unità ecclesiastica
riuscì ripetutamente a prorom pere in maniera palpabile e g ra n ­
diosa.' lanciato dall’ultimo papa avignonese, G regorio XI, su F i­
renze l’interdetto, i cittadini si riunivano la sera dinanzi alle num e­
rose immagini della M adonna ai canti delle vie cercandovi nella
preghiera e nel canto un compenso al cessato culto divino. Nella
vita di Eugenio IV , Vespasiano da Bisticci racconta, che quand<
questo papa, durante la sua dim ora a Firenze, imparti la benedi­
zione dal balcone eretto avanti S. M aria Novella, tutta la vasta
piazza e le vie vicine risuonarono di alti sospiri e preghiere: p a n »
come »e non il vicario di Cristo, ma parlasse Dio in persona. A l ­
lorché. nel 1450, Niccolò V festeggiò con un giubileo generale i
ristabilimento della pace ecclesiastica, una migrazione di popol
cominciò verso l’eterna città. De» testimoni oculari parago n an o
le schiere accorrenti dei romei a quelle degli storni od al b r o c ­
came delle formiche migranti. Gli abitanti di intere città, come
per esempio i Senesi nel 1483. si consacrarono alla beatissima
Vergine. E Incontrò assenso entusiastico II Savonarola quando la
domenica delle palme 149*5. col Crocifisso in mano, ai volse al po­
polo colla dom anda: • Firenze, ecco il re del mondo; Egli vuol
essere il tuo re. lo vuoi t u ? ».*

» V. te ta I I I » . ta**»«» t « » r * la ftar.
• lïr K u r i l l i I : S i c 3 î. 3 & * Il n a n U n . M l art«- «tel
«ter» ta M w w a t a t r r m k i'lt ta • » ! » • « n a quantu r«; »1
m4 « 'I n B r I I I
* U n *>«**. ttnrfr m i l : l.ar*»j» fi, »27. « 3 Si**«« j r 25. II*
3SÎ 9 \ Ï H <V» l'4 rw «u m > 4 V n M ISA i. O «HITV
4*1 mr4'0 e n ta flatte IR n a a IM S t U A v M i . Hmm
». s i t x » t S ri i n r r o » l O i t t K l l n i m r i m , ttm4 M al t Parte l«aS»l:
A. t.t'M isi. ¡4P «a r r r f » y p r n > » l IM ( 4 n • * » xt*. i » * * * i ( P i V n a » IsTTl m
> u . n n II. 180*. I »
« l l i r m a 1*1 M t u m n I I I . «t*. V it i uu s « ra «»r a l i I» 43T ( t r »' T u »
u > v Jmrvpm f a a a a t a i« lN a|atl t* T »i 1 9 * X C m . ¡M ( r a a lu a a n l# 11-11
an Util (tauira «tel I I » ». #«ll» al rM(4i«te 3 «tel U N * lit.
Il rius»ciineiito letterario in lutli* e 1« Chiesa.

Finalmente per la perseveranza di «fe rv id issim a pietà e di


. ,uione piena di fede » nell’Italia del secolo XV danno testi-
.iiiza eziandio la grandiosa generosità per la magnificenza e
nità del culto religioso palesantesi ovunque ed i molti monu-
tt nti egregiamente organizzati della carità.*
A lato di queste testimonianze per la vitalità permanente del
' • ecclesiastico nel po|K)lo italiano l'età del rinascimento pre-
« ¡U a vero dire anche dei segni spaventevoli di decadenza mo-
r<i'e. Si fa largo un'evoluzione senza limiti dell'individuo, da
tui si sprigiona molteplicemente una bram a di gloria che arriva
imo al satanico. Specialmente nelle sfere più elevate si diffondono
I' digalità e lusso, passione del giuoco, selvaggia bram a di piaceri
»-■! una sensualità sfrenata favorita dalla lurida letteratura di non
p • hi umanisti. Del resto il materiale statistico intorno a queste
o - è tanto incompleto che non è possibile concluderne in modo
• irò lo stato della morale d'allora o confrontare le condizioni di
a : >ra con quelle d ’età posteriori. '
Ma sia pur anche stata ricca di errori e di peccati d’ogni fatta
<J « l'epoca, alla Chiesa di quel tempo non mancarono splendidi
f' •meni, nei quali si appalesò la fonte della sua vita superiore.
( r’.raddizioni acute, profonde ombre da una parte, molti punti
1- .noni grandemente consolanti dall'altra, ecco quanto è, a dif-
f< .-ma di altre, la caratteristica per quest'epoca. A Ufo di molti
pr»la|| e vescovi indegni la storia della Chiesa nel secolo X V ne
¡r »ntra in tutti i paesi della cristianità anche ben molti vera-
Halite degni, distinti per virtù, pietà e dottrina.1a non pochi dei
v>aU la Chiesa con solenne giudizio ha riconosciuto l'onore degli
• tari Limitandoci ai personaggi più importanti ed ai periodo,
eh« anzi tutto dobbiamo illustrare, nomineremo soltanto quei
^uiti e beati, che l’Italia donò allora alla Chiesa.
Come primo di questa magnifica serie1 va nominato fra i Mi-
«*>ritJ mui Bernardino da Siena, celebrato per la sua eloquenza
conte la tromba del cielo e la fonte del sapere, messo nel nu-
■ » n dei santi da Niccolò V precisamente alla metà del secolo.
Attorno a lui si raggruppano i suoi santi confratelli. Giovanni da

■in U t*, la tr a i I «kn*> la w l l « 4 atta Dar


• CTr. III*. It im i yclan 41 L
• t ir a * » « ! pr«4M I M < «n a n di m o tti x m ! tmmr»r! t ta lia a l « < »IW *
■ fl» ««r a la t t o 4 r ib 1*11« * * ( l mmmiml iO u t n « V m r u w t»* a »
• *u . np*rU I. 3 « ani. n trartwfcW t r a n » te h w r — «W Ma-
• e « w a r l c r r K » t n te H iH p U t t u t lr r «1.VI « l a . K l *
• l a t i a M aa ««a rt tatti I —aaaaalaaM « h » C w iiu t k » « » n f « # » ;
M i a M aam «< * ■ : »Ttacra lliiu I V tAm
* » i t ISSN a iwafi; A. « n w Tar 4*r M rf mnm tiUM 3»aa » H a n s « « ! »
MSia.: M i t r U nn r at. t*r, I « I m ^ l‘*ru i n i r M ta r«, w Am-
tefct, m rrénétfm » 4* f l a w w , l’ari« (ItOB*
InlrtMluxiont*.

Capistrano, Giacomo della M arca e, fr a le suore dell’Ordine, san' i


Caterina da Bologna ( f 1463).' T ra i beati dell’ordine di san Fran­
cesco rifulgono Tommaso Bellaci ( f 1447), Matteo da G irgeir.
(t 1451), Gabriele Ferretti (t 1456), Arcangelo di Calatafimi ( f 146»',.
Antonio da Stroncone (t 1471), Pacifico da Ceredano ( f 1482).
Pietro da Molino (t 1490), Angelo da Chivasso in Piemonte (t 149'» .
Angelina da M a rc ia n o (t 1435), Angela Caterina ( t 1448), Ari
gela Felice ( f 1457), Seraftna da Pesaro ( f 1478), Eustochia Ca
lafata ( t 1491), ecc.
Ancor più fecondo di .tanti e beati fu allora l’Ordine domen
cane. Svolse la sua attività in Toscana il beato Lorenzo da Ripa-
fratta (t 1457), «otto la cui direzione l'apostolico sant'Antonin
( t 1459) divenne modello di generosa carità del prossimo e rifo r­
matore del clero fiorentino, 4 e 11 magnifico talento di fra Angelico
da Fintole (t 1456) spiegò il volo al cielo « p e r dirigere con dolo
violenza, mediante il linguaggio dell’arte, i cuori all'Eterno, conv
avavano fatto i mistici colle loro o p e r e ».* Discepoli di Antonino,
che esplicò la sua incomparabile azione proprio nel centro del rina
•cimento, in Firenze, sono nominati i beati Antonio Xeyrot di B i­
poli (t 1460) e Costanzo da Fabriano ( f 1481). Salirono a grand*-
fam a come predicatori e riform atori il beato Giovanni Dominici
<t 1419) e Pietro Geremia da Palerm o (t 1452). Seguono i beat
Antonio ab Ecclesia (t 1458). Bartolomeo de C erverii« ( t 1466).
Matteo Carrier! (♦ 1471), Andrea da Peschiera ( f 1480), l*apostoi<'
della Valtellina. Cristoforo da Milano ( f 1484) da poco proclamato
beato, Bernardo Scammaca (t 1486), Sebastiano M aggi da Brescia
(t 1494) e Giovanni U cci morto nel 1511 nella rara età di anni 115.
l a domenicana Chiara Gambacorti ( t 1419) era stata in relazione
colla più grande santa del tardo medio evo, con santa Caterina da
Siena; essa e ta principessa M argherita di Savoia ( t 1467). questa
pure entrata fra le Domenicane, furono più tardi proclamate beate.'
Dell'Ordine agostiniano sono da notarsi il beato Andrea morto a
Monterade nel 1479, il beato AntonioT urriani ( t 1494). santa Rita
da Cascia <t 14MX Cristina Visconti ( t 1458). Elena Valentinis di
Udine (♦ 1458) e Caterina di Pallanza ( t 1478). Appartiene al-
l'Ordine carmelitano il beato Angelo Mazzinghi de Augustini*
( t 1438). a quello dei Gesuiti Giovanni Tavelli da Tossi gnano
( t 1446). a quello dei Celestini Giovanni Bassand ( t 1455). ai Cano-

I V*«0 I. Il \ l < »». u >»•!* ét RnStmtl •*!$* Htrtrn. mrU*


M frtrr » |M «« m l « l t
» v tr IH ». Jtmtamim» 3 » *» . 47.
* IVivr», «ulti /r ta (.«ramili Rlpitnna ». M « . nw#« II.
M n
• O ih n i lU M h K M t l ». N r Hrirtr T ÌM » ctor Al M U lv n a r la
teartmu (¡a n ta ra n l n>«tl m h V mi « I n h m ls I V I » t l IH S i Ctr. I r e
« « « in . 1.« Im i« rhmrm R m lw w t i. P W I M I
Il rirnscimento letterario in Italia e la Chiesa. 45

r ! regolari san Lorenzo Giustiniani patriarca di Venezia ( t 1456),


i; ( amaldolesi il beato Angelo Masaccio (| 1458), finalmente ai
;ni il grande cardinale arcivescovo di Bologna, Albergati
143). A Roma svolse la sua azione santa Francesca Romana
( 1440) fondatrice delle Oblate. Appartiene in parte a ll’epoca, che
eoccupa, l’attività di un altro fondatore monastico, san F ran -
<« o di Paola (n. 1416, t 1507). Questi nomi che potrebbero fa -
r -nente crescere di numero sono la prova più eloquente di quanto
forte e vitale spirito religioso ci fosse tuttavia rimanenza nel­
l'Italia del rinascimento: «sim ili frutti non sogliono m aturare su
alteri che siano fracidi e putridi fino al midollo ».*
Che se quindi è falso l’estendere il paganeggiam ento a tutte
Ir classi della società italiana del secolo XV, d ’altra parte non può
n^h'arai che le pericolose tendenze del nuovo indirizzo degli spiriti,
ialmente nelle sfere più alte, s ’estesero in modo fatale. E come
p- ’eva essere altrimenti? La seducente dottrina d ’Epicuro e la leg-
r •» vita della Roma d ’Augusto comparvero in abito molto più
*"r.u>flte che non la morale cristiana. I,a frivola mitologia del pa-
fa.'vesimo attrasse bentosto la generazione d ’allora avida di piaceri
e ■ insta più che non il Vangalo del Salvatore paziente e la reli-
r ne della continenza e della mortificazione. Purtroppo anche
» Iti ecclesiastici hanno concesso agli umanisti di sentimento pa­
n n o più di quanto fosse giusto, fenomeno questo, che, per quanto
strano a prima vista, si spiega però molto facilmente.
Anzitutto qui va preso in considerazione lo spirito mondano
‘ 'trámente diffuso nel clero italiano, che era un frutto del periodo
a irnonese e degli scompigli conseguitine dello scisma.’ Poi molto
T'nto l’umanesimo era diventato tale una forza, che nelle circo-
**~anze d’allora sarebbe stata un’impresa molto arrischiata com-
taitep» col medesimo. Finalmente — e dovrebbe essere la ragione
P ncipale per cui non ai venne a conflitto aperto — quasi senza
•sezione gli umanisti di sentimenti anticristiani ebbero diligente
‘■ara d’evitare ogni urto colle podestà ecclesiastiche e di mettersi
hi un accordo amichevole, per quanto solo esteriore, colle mede-
• me. La nutaa dei begli spiriti e dei liberi pensatori considerava
>1campo del dogma eccleaiastko siccome un campo ad essa affatto
' ‘traneo. Che se nelle sue produzioni invocava gli antichi dèi pa-
f w l e ripeteva i principii dei filosofi vecchi, tuttavia quasi sempre
«Tirava mediante artifici dialettici di accordare le sae idee col-
! >n.«rjrnamento «Mia Chiesa, la cui verità ed autorità, ove sembrò

* R n n u (»»K *<W tu * WV Vrt n i Iti», talm i 1. « » w 4s t o . «U«4I


«* «w takeo «M •a n d « h « u 41 IM I» U t-rV -*o
• h » . ia Ut«, la ir » i 2 aita Ca*. Otr. p n * I 4a«J la JU s w m o « I» ; M as-
« l uà * Mantua I. K.
In lro d tu c io n r.

necessario, i ra p p re s e n ta n ti di questa tendenza fecero valere. * E ra


tanto più facile d elu d ere la vigilanza degli organi della C h ie i
perchè per lo più e r a m o lto d iffic ile stabilire dove diventasse p-
ricolo«« lo scherzare c o l p a ga n esim o.
Ognuno sa quale strana m escola n za di parole, immagini e pei
sieri pagani e cristiani sia s ta ta usuale nell’epoca del rinascimenti
Da parte della Chiesa si a p p lic ò a lle ridicole esagerazioni di quest
genere una m isura m olto tollerante e, fin ch é si tien conto de!
campo della letteratura, in complesso questo libero punto di vista
n »n può che approvarsi. Q uando, per timore di fioccare contro la
latinità di Cicerone, gli umanisti si studiavano di esprimere con
celti cristiani con frasi antiche, quando usavano form ole di giu­
ramento romano, in v o c a v a n o il favore delle M use o d'Apollo, si
servivano del plurale • Dèi » ,* si aveva indubbiamente una mod.rt
più ridicola che pericolosa. I contemporanei non presero scanda!<
neanche perchè un Ciriaco d'Ancona si scelse M ercurio come santo
protettore e partendo da Deio gli rivolse in iscritto una preghiera
essi accuntentaronsi di ridere sullo strano fanatico e di cantarle
quale nuovo Mercurio e • immortale col suo M e rc u rio ».* Però l'in­
dulgenza dei dignitari) ecclesiastici di fronte agli umanisti anti­
cristiani si comprende intieramente solo quando si consideri che k
tendenze pericolose, da noi a sufficienza indicate, non erano le sole
dominanti.
Accanto all’lndirizxo anticristiano ve ne fu da principio uno
e rù lia m o .
Nei seguaci di questa tendenza non era meno grande l'entu­
siasmo pei tesori del mondo antico: essi pure riconoscevano nei
«b a sici uno dei migliori mezzi di cultura, solo che avevano molto
barn* coscienza dei pericoli che portava con aè il rinascimento della
letteratura antica, specialmente nelle circostanze del tempo d ’al-
lora. Ben lontani dal sacrificare più o meno al paganesimo il eri-

» D n rm iM n » IMM . a. S I. p ano C fr. l i 4. (NM ; S c u s u m V i l i *


838. >4 ffrwtiMMMw I M O ; l i u r i n 11. IBS.
f Voi«-» H in M r M r lm f 11*. 473; rfr ViVtMKX 7. 83 * S lf T t l. ¡J» RewM»
M a rr I t n « « i4 <ll q«ra*n p w i r ir o it M l p r t * tu a noto iM U r 1*. W »
a rie W v Cui. S32>. m p r ia * It r . r P irra . ìlwtM t + ir d rr r lr t r t t
KmmH. 3 v<41 lr| *t U I M l * riia n d i» I m e n iin n r 41 «panata m ote «•«••
!« « • * X. 41 n ti te r torneo p io a rsa ti (1 I. M a ) : r f r »orhr (U s t e I. 1 «
CImp mtm i W * » » | M h « i4 tro p i» rtio rw in m l r I pacanti r h * t a U t lo u f« **
«ni««, lo rito»» la r i» Il D i K M t W T . t a l l i r 1’. R i SuHVrrw aUaa M l t l u h a *
41 w * U » t a » « u m M In i arlW p m llrk r. n w t a is w lr tacila m t w U ow c* * 1
» « « * > X *. I l c r a c . l* * r à i S m J U riw TS.
* V in c i ter. rii. |*. aio. 1« ( M k i M 41 ( I r l m n a iir t a ■ Art imm m I m
N w * l ftmméiarymr p *f« r « W H n n r t , r**r»m K H ir i m » « mplim» 4mt rt»
Ij i poW 4k« a M i 0 o li 4*trt»* 44 eorr mrrk. IM I. p 1S3. S i» rtcue«»a»»
qal rfcr || h M l b a p « M G M k rtti p n ir t i" » l w « I p a tto 41
« Il *B » i m da « a » C ria « * a » *««««4« le otUaptadl lib o 1. 313»
Il rinascimento letterario in Itali« «> la Chiosa. 47

• 'imo, che da lungo tempo s’era trasform ato in carne e sangue


ì. , • (xJo, essi, ricollegandosi a Dante ed alle migliori tendenze
df! Petrarca, vedevano la salute in una conciliazione degli ele­
menti di c iv iltà nuovamente rifluenti colle eterne verità del cristia-
r<-:no. A ragione essi rifu ggivano inorriditi dall'incondizionato
d -tacco da tutte le forze e relazioni esistenti, al quale doveva con-
durrv il corso della tendenza radicale. Con raccapriccio essi vede-
minacciate tutte le tradizioni nazionali e religiose e con ciò
e • o a risch io in generale, il felice esito del movimento. Quindi
programma di questi uomini, dei quali facevano parte appunto i
p u h .-rinati e maturi umanisti, era : conservazione delie tradizioni
rwi^iose e nazionali, studio dell'antichità nello spirito cristiano e
na. '.naie, conciliazione del rinascimento col cristianesimo. 1
Vanno considerati siccome rappresentanti degli umanisti cri-
Giannozzo Manetti, Am brogio T rav e rsa li, G regorio Cor-
r»r>\ Francesco Barbaro, Maffeo Vegio, Vittorino da Feltre e
T<> -naso Parentucelli, il futuro Nicolò V.
G annozzo M a n e tti (1396-1459). amico dei papi Eugenio IV
• Nuolò V , era profondamente persuaso della verità del cristia-
«*- ?no. L a fede cristiana, cosi soleva dire questo nobile uomo,
che ,«)gn a considerare siccome uno dei più grandi dotti del suo
teripo,1 non è una fede, ma una certezza, la dottrina della Chiesa
* tanto vera quanto un assioma di matematica. P er quanto fosse
rrande la sua smania di sapere, il Manetti mai si metteva al lavoro
« n 'a v e r prim a ascoltato la santa Messa. Tutta la sua dottrina egli
1* '« s e al servizio della Chiesa. Sebbene laico, era molto versato
ta teologia e di questa materia lasciò scritti : cosi tradusse il Nuovo
T -'am en to ed i Salmi. Con tale instancabile ardore egli aveva
«a lia t o tre libri, che potè dirsi li sapesse a memoria, cioè le J X -
f*r* di san Paolo, la Città di D io di sant*Agostino e VEtica di A r i­
c e l e . Manetti fu inoltre il primo, e, per l'Italia almeno, fu per
tempo l’unico umanista, che si occupasse anche dello studio
d'ile lingue orientali. Allo scopo di difendere le verità cristiane
»¡■prese l'ebraico e cominciò a comporre una grande opera contro
gii Ebrei che voleva combattere colle loro stesse armi. L a condotta
4 questo grande dotto, i cui nobili tratti farono immortalati da
C a t e l l o nella statua del profeta Daniele, era esemplare: U suo
•mico e biografo Vespasiano da Bisticci assicura che in 40 anni di
»ituiooe con lui mai aveva udito una bugia, nè un giuramento
° mprecazione. *

* «“ir. J ir t r w n K 14-lS: ». s a r t o B n m u r r . t« *w 11-, 321 * ; !(< •


« 'M tt. U : r t u u t t. I S i t V ii v t t . L » « > m ìm * w v M . l i . S I.
* R lX M U V t. S a lta r I * . 337.
* ftr r tw osa pattinata morta la W ««r»*a te ttsa <M M aarfll S t t s » S ix m
•» M r u m t . S rri fM X X . U M W . C U . O i u m t S Ì » ; V i m u b iw Sa Ri
4*

Maestro del Manetti fu il pio Am brogio T ravk rsar i. dal 141


generai«* dei Camaldolesi, egregia persona, che come uomo e cóm­
prete fu un modello di purezza e santità, come generale un es«*n
piare inimitabile di saggia mitezza e rigore, come dotto uno dei pi
utili lavoratori e scrittori, come ambasciatore uno degli uomini <:
Stato più attivi, prudenti e coraggiosi del suo tempo. Traversar
fu veramente il primo a trapiantare entro le sfere ecclesiastich
l'operosità umanistica. Nel suo convento di S. M aria degli Ange!
a Firenze raccoglievasi il ñor fiore del mondo dotto fiorentino, ec
clesiastici e laici in varia mescolanza, per ascoltare le sue lettur.
sulla lingua e letteratura greca e latina e le sue dissertazioni *
questioni filosofie he e teologiche. Con calde parole il biografo di
Lorenzo de' Medici dipinge quel tempo « in cui da questo conventi
partivano splendidi raggi di spirito che illuminavano le case de
patrizi fiorentini e per essi il m ondo*. Tutti i membri di quest-
circolo facevano a gara per appropriarsi verace e profonda scienza
e per cavarne utilmente profitto nella vita privata e dello Stato.
Forse non »*è mai vista una simile raccolta. Perfino Tom m a-
ParentuceNi. che conobbe di scienza personale l’attività letterari»
del pio generale camaldolese, non potè mettervene al paro un»
simile, salito che fu sul trono di S. P ietro.'
La continua operosità del T raversari per la riform a del sur
Ordine, le innumerevoli fatiche e strapazzi, cui dovette sottomet­
tersi come legato pontificio, non furono in caso di diminuire il
suo vivo interesse per la letteratura, tanto la greca che la latina
A dispetto dcU’enorme peso degli affari che gli fioccavano, egi;
trovava sempre tempo per ricercare nelle biblioteche rari mawv
«•ritti, per fa m e copie, per andare in traccia di grandezze letterarie
per indagare antichità vuoi ecclesiastiche, vuoi pagane e per Inco­
raggiare mediante lettere alloatudio della scienza. P er lo più i suoi
lavori si riferivano agli scrittori ecclesiastici greci e su questo campo
nessuno dei suoi contemporanei gli stette del pari per ricchezza di
libri e per conoscenza della m ateria.' Nella sua delicata coscien-
tiosità egli non trovava conveniente alla sua posizione la v e rs io n e
di autori profani, quando però cedette alle preghiere del suo m agna­

si**!. r tm m n la r t» *Ma rUm éi n M «d. r **r»*v Tbrtao l « 3 («1 r **n II.


* l » | ; Xmt» I. ITO«*. * M t im » II. 3 i l » ; A k u . i Timar. « I v i * 4rtt\oru4
rtalMttv 4k r m w , r u s u » ims. W p a lM k t » «Mia «tatua «tri Ib u lH I"
la S tvn a la.
* K r i u m t . R r w f r k rU tjrr Itmitrmrr I t a l i a r t m w 4r* V r I M 1« * S
• I M i i » «W>l r a s i II* . 3t*| d » M M a s a rixria m t M M l r 4rU a
|«| T n n m a ri: et* h m Um anM i Tt raillan ata. a 3. Sai
Tra»*>f*art atrln|>'«> ». aarW )l c * n . 'rmnrmn l U t . ; «alla a a Uni«*"
laajia >«a*ai.> al dlMll» ( « n o n VI. m a ; s d l f w Mfcrrv l.t u n t w a * * -
mrmlm ét A. T, I Flrraa» IN(K |«W|; ralla n a n *ri«p w >ban
« O 's t u M » o a s la a t U s a M a U M I t lt a l. f. O io ilM n «.
Il rinascimento letterario in Italia e la Chiesa. 4‘J

»¡ma amico Cosimo de’ Medici e tradusse le V'ite dei filosofi di Dio-
P ’ìh- Laerzio, egli non trovò consolazione se non nel pensiero che
anche quest’opera poteva tornare utfle alla religione cristiana
« ¡»erchè quanto più fossero conosciute le dottrine dei filosofi pa­
gani. tanto più si comprenderebbero i pregi del cristianesim o».
Erano di fam iglie patrizie veneziane G regorio CoRlURO, con-
jr.unto finemente colto di papa G regorio X II e il diplomatico F ran -
. <0 B MtBaro. : Per tradizione di fam iglia e per suo proprio sen-
t:mento questo umanista, amico di quasi tutti i dotti d ’Italia, era
cordialmente devoto della Chiesta. A ll’esaltamento della podestà pa­
pale n:*Ue trattative col Concilio di Basilea e di Firenze egli dedicò
lo stesso interesse che ai bisogni religiosi dei auoi protetti : egli è
un magnifico esempio dell’unione della tendenza umanistica ed ec­
cita« astica in un tempo, in cui l’ultima comincia già a ritrarsi molto
Ir. addietro. *
Nè può venir qui trascurato Maffeo V k g io (1407-1458) alta­
mente benemerito dell'investigazione degli antichi monumenti cri-
«tiani di Roma. Come sul Petrarca, cosi su di lui fece profondissima
ir-pressione « l'eloquente e dolce libro delle Confessioni di sant'Ago-
* t > n o c h e produsse un completo cambiamento d'idee in lui fino
allora entusiasta soltanto degli studii pagani e lo mosse a dedicarsi
^'•-ramente alla letteratura ecclesiastica. Non è qui il luogo di enu­
merar» la rispettabile serie delle opere di questo dotto, ma aia ri­
cordato soltanto il suo libro, un tempo molto letto, sull'educazione,
che assicura in ogni tempo al suo autore un posto distinto nella
«o r la della pedagogia. Come mezzo di istruzione vi è calilamente
raccomandata la lettura dei classici, ma insieme, come contravve-
alla penetrazione della concezione pagana dell* vita, si vuole
»»che lo studio della Sacra Scrittura: espressamente si mette in
ria rd i* dagli elegiaci a causa del loro contenuto lubrico, ed anche
1 « «mici debbono riservarsi per l'età matura. * Vegio venne a Roma

tutv un». S0M. Som-teatrali alla ntrrolu 41 « t e r - *rl Tr»»*r«a»1


* » < \ n w « «la L H iin tu o r la Kúm, Q— rtmUràr XXIX <!SI5| »1* «a ffa
«1 tt» M trt* al ranMaak» (M r M p Owhüawc la s * » n W **dl Homi B i » ¡
* l1 > iT t u iiw a l. A mtrmtio Trmtrr*mr\ e l n s Irmpi (». la r e v * * 1® C M
t lt O » la » Ir. Sur. Ilrmrérltlt* VII U S I » ; f l r m r » */•»•»«•>» IM aa
*^**ara aaa Magra Sa iVI Tran-nari frodata aa m w » rhw r i » . K- * m » .
' laísmo a il. rorrann rhf S trai! <M peerán 41
***»1 V rm n |. n a » ; tM . li. aSaa. M i Barinna. r t r V «* * . »
‘'■ '‘• a * I*. «19* * I ò n ia . I *m alalrU C n M a a f i M n I S k ISO* Vasai»
•*» M»r»w m B «lite dal H u a iim r. la dacia n ri a aliat 41 « f t u a » » » * «H
<W Àmt. I*N . |> M»-1»C X O m sxt* r «n t | a il I U r * « M ttrttttm r IV.
M n a a N «aSXl« CVr sartie n « m U n ir s L u i sfrmré * IMHa
"*1 II. II*«. K « u ia P m M tI i s a ToarrX im i ♦ »; Omasi*» l i s a ;
A. klcrm a. Carree. I*ta<4a ! « « •
* O Iw IU b « Ine. *« . <*•
• VnaUT. H M r f V ir t a a « II* . 3 S » . 4 S I « K > « » 1 «e*
tonrèmm?*. wm4 r a M r r lr lia e n e a 4 M U fc a m » IIM k a l « B i IX . C i* » , *

l ItM i *m IV»- L 4
ÙO JnuoduiioiM’.

»otto Eugenio IV , diventò datario nel 1442 e canonico di S. Pietro


nel 144:i. Mori nella estate del 1458. Nell'ultim o tempo della vit*
sua aveva appartenuto all’Ordine dei canonici agostiniani.
La sua integra vita , la sua castità, umiltà e pietà furono cele­
brate anche fuor) dell'Ordin«, cui appartenne negli ultimi anni di
sua vita: il libraio fiorentino Vespasiano da Bisticci gli ha dedicato
un caldo elogio. 1
Il personaggio più attraente ed am abile tra gli umanisti cri­
stiani è VlTToElNo da F k ltrk , il più grande pedagogo italiano
dell'epoca della rinascenza. Egli è di quegli uomini « i quali dedi
cano tutto il loro essere all'unico ncopo, pel quale essi sono fatt
in sommo grado per vigoria e saggezza » . 1 Spetta al marchese Gian-
f rancesco Gonzaga il merito di avere assegnato a quest'« uomo egrv-

K nrr. U I r*to i Liu rru IS87). ««ai»- pur» la vt>r»l«in»j e llliiotrm lour «lei nawlr-
rim» a»t*«rv alla dottrina p n la s c c k a Ori Vmrt» nel voi. I l tirila R iU W t> t
4 talk. P M t m f it ( Krvllmrg IwìHi. l 'f t . Inoltre A. F u n n i i l . I.'uptra pr4a-
f « * * « 4l Ua/fr» ìrfto , |j«ll 1WW.
• V iiiiiT/.irvi» U n , ; II. A. lalura» olla rita 41 ìlaffro l 'r f v ■
4a l.mll. W i: lr lardilr. In .I»tA tlor. Hai . .V w rir, XI .11 IIKiM . »77 rm ; Il
■ » * • 1 » ^ l a amamlala « ylofra fo : Magro Vrpio <la t.o4i (1 ^ 7 1 (1 « ). I U m
na I» ® ; (le t tu ra 1 4 9 « .; Il Ntaatu. / « rfiri di Uaffro V tvlo a ri!» Yaticmma
In Rama c la l*mkar4ta. IlTO. 41 » . ; U R k r r u u , II. I rjHo. B a la a m I W
Ititi Vr«Jo «talari., «rfr ». l l o r u t » * . l'vrarhaaom li. W*. P arlam i» d i X k r « * * »
« t i r . it*.. « M l'q v n / M V««to mi S Itrtm . rtH * «ritta liu ti!» ikrUa leltcratara
arrhm lutfira rrU lia n a ( P ir a . Itram eni. Meoloyi, 6711. So V r*lo «pio-
». Ukm *b in f ittirlfaknehrifl fa r K aliar aaé U llt r a la r 4rr Krmataaaarr
iiw '. i i. in»«., i d i .
B i a t n U M r . A'aliar tl, asa. rln- « a l p«chl irm tll lui aiartcralo fl
aUctiur ritra ilo «trltW rv«!» m w C fr l '. a u t Krmattaamta I H ; Vow r.
drrh'h+am* I», v a m ; lU t M ra I». 33».; K A u t m . nrll K acvllopàl* 4ra Brr*
kama* aaé t a l *mrtklturarma IX . 722»». ; Kt tiMI». Orarti 4rr firririh m # I I S.
3«; A **a *» 1 3 *. V .« 1 9 a.; la p ir t m » M M m t n la tU H oaaost. I4ra 4rtTai-
Urna parrtHart « r ; Ir Vati?«r alar. Imi. a. »Ia4ia fra AM r4 al mar.Ir, 4 r l « y*
a » il rA r ln a r m traola la Ummlara. InHit 4airart-hlt h> Har. Utmrapa prr
IH lU r w i (M a a tom l*7 « > : R t a r a r . r . 4. F. S »»41. (P a ria l« a » r l a Cam
Vi«™ * iP a rla 1*77» OIV a n rh r f lio n al 4. Irti. IlaK X V I. 113*.; «■»•>
« M l f n n a l . 3 » « ; «1 A ìt o m w , I ppaali r mrmarit lim o la l*M » t> 9 w ) ;
A. Il» a trr. r w 4t r. rt la Uaiamm J aprati ma aa Iprrr mtajtlr am I I 4 l t M <
« Ha»* 11« lla r r r IM O ); U -« txa. Iramtmtn* Erstthaapairkrt If t H ; O o n u .
OH mrrillart pntap Mal, 4rt » *» |Turino l<W lt r W. I l II- « * » u » . Ì'UI. 4)
tr llr . t < \ m l4 V » I««7i K H i’t i m Framrtart Carnuta* mata rUa U r t a r e
FrUrrmai* l|w.«r « Ita I t t m IS M Ì; P V m i l l I ttlw ta * da f tllrr. M m
im a ; s> tt« rn n « 233». ; «al. »apf4, |> <<«*; lin a » , tn grtlmritr. /. ( i M « y r « A
XV IID O l. 333. rtr K i k i m h Ut Mrm4. 4. latti. I.aattar4a 4i trinata l. V II
( IK it i I s V illn rt*» > M ra Ma» r a m r t t i l r i» ona »uta M i r t i . ». M in »
ar»t( l« C i: II l u t a rtanrl a » « « r » rtaqar a ltrr » r ii« « » n lIr t M Ir W W » i *
* »»•*► H * m # > a rfl A r r fc 1 » I o l i o n a t a a W t a t H M n rflM rrA
P ra rta l v . \ X V 1II. 3 3 9 « I na o l t l a a M H T a . I w n l«n llla . p M I M I . I U »
T «a l»r . ITI« tamamtal, Amiàadmptr » * .
Il rinasciineuto letterario in Italia e la Chiesa. 51

il «uo vero campo d’azione chiamandolo a Mantova nel 1423


per l’educazione de’ suoi figliuoli ed affidandogli la direzione di
• Ila scuola superiore. Vittorino cominciò la sua attività con una
rad: ale ripulitura della Casa Giocosa, come fu detto il nuovo, gra-
m> ititu tc educativo situato in vicinanza del lago di M an tova.'
D.etro suo comando scomparvero le sontuose stoviglie d ’oro e d 'a r-
r to. i servi e compagni di giuoco spensierati : ovunque in luogo
del fa*to fino allora regnato successe rigoroso ordine e nobile sem-
pl.cità. Ogni mattina gli scolari dovevano ascoltare una santa Me^sa
nel bell’oratorio della casa, poi cominciava l’istruzione, la quale più
volte veniva interrotta da esercizi corporali e ricreazione all’aria
fresca. Vittorino facea esercitare i suoi neolari al freddo e al caldo,
al te n to ed alla pioggia opinando che molte malattie dovessero la
rt> o r ig in e esclusivamente alla vita delicata ed oziosa. Però nel
*■.<» metodo d'educare non c'era severità spartana: «con libertà lo
•turilo giovanile doveva im parare ad adattarsi all'ordine, cosi che
«*-«0 non già oppresso, ma venga molteplicemente eccitato e sve-
» it o ».’ Nell'estate gli scolari intraprendevano grandi gite, a Ve*
f na. al lago di G arda e sulle Alpi. Con ferreo rigore Vittorino te-
n-va al decoro ed al buon costume: specialmente le bugie, l'im pre-
razioM e la bestemmia erano punite senza indulgenza e senza fa re
à ^unzione alcuna se il reo f o u e uno dei prìncipi. Soltanto nei casi
r - ' i gravi gli scolari venivano battuti: in generale non avevano
luogo che pene svergognanti. Con somma diligenza Vittorino vigi­
lava la condotta morale e religiosa dei suoi scolari, chè. secondo
il uo pensare, soltanto da intima untone del sapere colla religione
«v ilt à poteva derivare la vera cultura. E ra solito dire che un uomo
fa ttiv o non può essere un dotto perfetto e ancor meno un buon
' ratore,
U metodo didattico di Vittorino era semplice e parvo: rìgida­
mente egli si guardò dalie sofisticherie allora in uso. « Voglio inse­
gnare a pensare, non a delirare» diceva. Naturalmente la base
‘*Yli studi superiori era formata dai classici antichi, ma con arcu­
a ta selezione degli appropriati alla gioventù. * Parlava quell'uomo
'Anto con tale indignazione dei poeti lubrici che. come dice uno
suoi scolari, pareva uscissero dalla bocca sua non parole, ma
fulmini e tuoni. L a spiegazione dei classici era tenuta nello spirito
dti padri della Chiesa : con amore venivano rilev ate le verità morali
e religiose che ai trovano premo gli scrittori pagani, accennando
¡»«teme come non fossero che tracce sbiadite d'una rivelazione

* SwUa C im i C li C T i rft R m m t i lor. rtt. 13; l> n u u l » » * i* * 1 l


*«*• <M r « u t tal i n * t « r JUmtk. I w t XI.
* X t O M » IX K i m i a lw . rtt. 7X>: rtr I w a i n M Im.: 1*4«.
* 't e i pmi*. Votar 1». U l . m t*»& M t t r t i si ( M ld
« Vittoria«» n i alte w firlk» s t a b M .
i»2 liilr n ilu x io iie .

divina primitiva. Non ai tacevano i grandi difetti morali nean>


dei massimi fra gli antichi, contrapponendovisi eupressamente la
purezza immacolata dei santi. la vera imitazione di Cristo, il somn
e inarrivabile ideale dell'umanità. 1 N è trascuravansi, a lato dey
«tudi classici, le scienze matematiche, la logica e la metafwi i.
Dedicatasi speciale attenzione alle composizioni scritte e si faceva
tutto per eccitare l'attività individuale. Sempre pronto era Vitt»
rin o a d aiutare i meno capaci: di buon mattino egli m o strav a » fra
i suoi scolari e quando tutti attorno a lui si erano abbandonati a:
sonno, egli lavorava con qualcuno. Vittorino fu anzitutto un ma*
stro: sebbene straordinariamente erudito e dotto non scrisse qua
nulla, consumandosi tutto nella sua azione pedagogica, che per lu.
costituiva la vocazione fissatagli da Dio, per la quale dispose <!i
tutta intera la vigoria dell'anima sua pura e disinteressata. In
questa vocazione egli cercò e riconobbe la sua m igliore ricom
pensa.* Allorché fu predato da un monaco di potere recarsi nel-
i'istituto di Vittorino, Eugenio IV rispose: «V a n n e , figlio mio:
noi ti affidiamo volentieri al più pio e santo fr a gli oggigiortv
viventi •».'
liun presto la fama di Vittorino si sparse in lungo e in largo
da vicino e da lontano, persino dalla Francia, Germ ania e Pae-
Bussi accorsero a lui giovani desiosi di sapere, fr a i quali non
pochi sforniti di mezzi.* Questi ultimi erano accolti da Vittorin<>
con spretale affetto, nè soltanto ottenevano l’istruzione gratuita­
mente. ma a spese del maestro ricevevano nutrimento, abiti e libri
e spesso il soccorso riguardava anche le loro fam iglie. P er quarti
accolti • per amore di Dio >• Vittorino eresse un istituto speciale,
che però era in stretti rapporti colla scuola de' principi. Di quest«
scuole egli davasi cura colla bontà di un padre, per esse egli, uomo
senza alcuna pretesa per sè. sacrificava tutto. * Nesuna m eraviglia
quindi che i discepoli suoi guardassero a lui con affetto e venera­
zione. Uno dei più nobili fr a essi. Federico da Montefeltro. duca
d'L'rbino. egualmente chiaro per valore, cultura e nobiltà d'animo,
aveva apposto nel suo palazzo un ritratto di Vittorino coll'iscri­
zione : « Al suo santo maestro Vittorino da F dtre, che coll'insegna­
mento e l'esempio gli apprese la dignità umana. Federico pone
1.« forza potentemente eccitativa dal grande pedagogo risie­
dette principalmente nel suo alto sentimento religioso, nelle sue

t nu«n>* u
» K l u v t i |n- d i. T35
• t i n t i m i ano II.»r u ta l i . St.
• So « a i v f l m l i a w t t U i ilm i iter « « d i ■ M i t l n i | »t « n m » n <*•
V itto rio » ta d a l«» In v ia la m ira tr. T. AwMmft. 0 « r t * rr Umtit II». «Mi
i Vm »t |l, S M
• lim it ili a d
Il riiiasciinvnlo letterario in Italia e la Chi<**a. 53

qualità morali, nel suo illimitato spirito di disinteresse, nella sua


*n .ni rabile umiltà e semplicità, nell'incanto del suo spirito vergi­
nalmente puro.' Con riverenza tutti i contemporanei parlano in
particolare della pietà di Vittorino. Vespasiano da Bisticci riferisce
quanto segue: «ogni giorno erli recitava come un prete 1'uftkio,
r u ‘ radamente osservava i digiuni e incitava a ciò anche i suoi
ri.v .<poli. A guisa dei preti pregava prim a e dopo il pasto, spesso
r t-veva i santi sacramenti ed ai suoi scolari imponeva che si con-
i f tarserò ogni mese dagli Osservanti. La sua casa era un santua­
rio di buoni costu m i».* E così quest'uomo provò col suo esempio
che quando non si manchi di fondo morale ai può sprofondarsi nel
Biondo antico, senza perciò patire n aufragio nella fede. Mostrando
ir. tutto che la legge morale cristiana era per lui regola incondi-
« nata su tutti campi ed incitando i suoi discepoli all’uso rego­
lare e frequente dei mezzi di salute e di grazia offerti dalla Chiesa,
»irli '••pj* allontanare ai suoi allievi tutti quei pericoli che poteva
p 'tare con aè il quotidiano commercio intellettuale cogli scrittori
pi/ani. Alla pietà di Vittorino faceva riscontro la sua carità: nessun
ir inaco, nessun povero che a lui si rivolgesse, parti vasi da lui senza
riceverà. Nonostante la sua ntensa attività come precettore ed edu­
catore, egli trovava sempre tempo di visitare vedove ed orfani,
poveri ed ammalati, persino le miserabili celle di prigioni, dispen­
sando ovunque consolazione, istruzione ed aiuto. Di Vittorino si
d « a che da lui non riceveva se non colui, del quale gli fosse
ii -•to il bisogno. Tanta carità sarebbe stata impossibile qualora
O ttorino non fosse stato liberalissimamente aiutato dai marchesi
à Mantova e da discepoli ben forniti, m a per quanto grandi somme
gii pervenissero anche per questa via, egli dava via tutto per alle­
g a re le miserie de’ suoi simili. Quando Vittorino mori (2 feb­
braio 1446) in età di 69 anni, i suoi averi erano talmente aggradati
é debiti, che gli eredi ai rifiutarono di prenderne pon n a o e la sua
«Ima dovette venir seppellita a spese del principe. L'um iltà di
«est'uamo aveva pregato che non gli si erigesse un monumento.*
Il punto di vista degli umanisti cristiani di fronte al mondo
»ntko era l'unico giusto. Essi più o meno hanno sciolto il pro-
-m a della retta estimazione dell'antichità. L a loro ammirazione
pei tesori dello spirito antico non fu tanto eccessiva da venirne

» « K n 41 h<l <*»ia ld w . o l i i » a lla « « l l s r t t n rtor « * t a M ts o » 4 H M rt*


* » « * ««•t-fta* » r t w n u v ) tu . i appo H u I. SU : *•» n u n . I I TU
* V n r iM u n m B w t k x i Io p rtl.
* 1W m . S S a Molta m x U a lla <M ItsasHIIo <• M M l t 41 V il-
!**%a» cM ia a rrllta : » M w ìw m M i « » M u r a « * <1 a u l ì > « » « ■
•Matti f*trr t. r u m i n a f r t m m s M la 7 « A r» « r* t r r KwmM-
—mml 1. R IM I. M IM S fa m t t o a V ttioru w s s a » a — nat i a M i . '«4-
è r t i l i : «A I « » Vittori«». prlK lt» <WU atof >.
Introduxiom-

mowo a pericolo l'amore intimo verso il cristianesimo. In contrad


dizione coi deificanti l’antichità, eesi si tennero ferm i alla m a­
sima, che nella lettura degli scrittori pagani se ne dovesse giudi
care e valutare il contenuto sulle massime del cristianesimo. E
riconobbero il grande pericolo residente neli’ideaiizzare i principi:
morali e religiosi del paganesimo cosi, che quasi non ci sia più
bisogno d’un’istruzione, d ’un’elevazione morale, d’un perdono delV
colpe e d'una grazia dall’alto, cosi, che per quei principi! si po*-a
raggiungere l’ultimo scopo della vita. 1
11 mondo antico può essere apprezzato rettamente e pienamente
soltanto alla luce del cristianesimo, poiché « l’ideale deU’umanit.*
concepito dal paganesimo classico e da lui rappresentato ne’ suoi
eroi e divinità, non è il pieno, nè il perfetto ideale dell'umanità.
Non è che un disegno ad ombre, il quale attende il suo colon? e ta
sua vita da un'immagine superiore ed un frammento le cui lacune
cercano il loro completamento in un tutto superiore. Quest'imma­
gine superiore della perfezione umana è il Figlio di Dio incarnato,
l'immagine prima di ogni creatura, che non è una creazione della
fantasìa, nè una costruzione dell'intelletto umano, m a è verità e
v ita *. Dinanzi a quest'immagine irradiante vita, conforto e sa­
lute. impallidiscono gli ideali clamici, e soltanto una sciocca pazzia
può fa r rivolgere gli occhi da quella a questi. Questa pazzia com­
misero gli umanisti di sentimenti pagani, i quali, invece di salire
dai poeti e filosofi dell'antichità a Cristo, volsero le spalle agli
splendori del cristianesimo per togliere i loro ideali dal genio del­
l’antichità. *
L'attività biforcantesi in due tendenze, una cristiana e l’altra
anticristiana, dei rappresentanti del rinascimento letterario in
Itaiia rende straordinariam ente difficile la giusta valutazione del­
l'utile e del danno del nuovo moto intellettuale per la Chiesa e la
religione. 4 In generale è cosa molto azzardata dare un giudizio
complessivo su tali materie, anche prescindendo dalla casualità
delle notizie tramandateci sui singoli personaggi: qui. come al*
trove, l'intelletto umano è troppo debole per trarre La somma as­
soluta del tutto. *
Molto acconciamente fu notato, che ogni progresso veramente
scientifico può emere giovevole anche per la religione e che. la
Chieaa perchè verità, scienza ed arte sono figlie del cielo e della
sterna origine. Da questo punto di vista va considerato il favore,
che da (»arte della Chiesa fu concesso al rifiorimento del claswi-

> m . A««*»*** i«c&. u n * « r t » xt. m a i . aaaac»


* llir n ««. KnMiHtan >«*; <rft R u s a n a.
» l ^ w i n u m i f ha ritmali» ■(**••«» p m te c u II n raf««tu »> r I I I ’ , ISI>
•tuaal» atti rmnltcMMKi Monili 41 qwrtrrlwc«
« II.-umm. R i» K v n t i a SS»
Il rioascimento letterario in Italia e la Chiesa. i«5

tifino. Come è perspicuo di per sè, qui bisogna distinguere fra


l'indirizzo cristiano e il pagano e giudicare in conseguenza. Quei
nxsnbri della Chiesa, i quali diedero aiuto al falso indirizzo pagano,
adivano malamente e indubbiamente, dal punto di vista eccle-
■ .i ': o, meritano biasimo. Però l’indagine imparziale dando questo
biasimo terrà conto di tutte le circostanze del tempo ed insieme
(matterà nella bilancia quanto fosse difficile ovviare ad un abuso,
che può verificarsi colla letteratura come con tutti i beni spirituali.
Affatto errata è del resto la concezione largamente diffusa che
da parte della Chiesa non sia stato riconosciuto il pericolo che il
nnavimento aveva in sè, chè invece fin dal principio non man­
carono persone, le quali alzarono la loro voce contro l’indirizzo
de! falso umanismo soffocante lo spirito ed il cuore. Uno dei primi
thè in Italia mise in guardia contro il pericolo minacciante per
q >"*to lato l'educazione dei giovani, fu il domenicano Giovanni
Dominici. 1 Nella sua famosa dissertazione sulla regola e governo
<M!a vita di fam iglia questo predicatore sommamente beneme­
rita iIella riform a del suo Ordine, che godette il favore di Inno-
cen«> V II e fu fatto cardinale d a G regorio X II, con tutta l’energia
deila «uà natura non libera da una certa passionalità insorse contro
una tendenza, la quale fa diventare la gioventù, anzi l'infanzia,
piuttosto pagana che cristiana, più insegna a conoscere Giove e
Saturno, Venere e Cibele che Dio Padre. Figlio e Spirito Santo,
thè avvelena con sacrificio alle false divinità gli animi delicati e
tuttora senza vigoria, che alleva nel seno della miscredenza la
aatura apostata dalla v e rità.'
Ancor più fortemente che in questa dissertazione composta nei
Primi anni del secolo xv. Giovanni Dominici in un'opera da poco
* verta s ’è espresso contro coloro, che con cieco zelo ed in ma­
c e ra errata «i danno agii studi pagani e con ciò ai traviano lino
*1 disprezzo della religione cristiana. L ’opera è dedicata con cor-
t**i parole al famoso cancelliere fiorentino Orinario Salutato, pel
quale doveva ewsere un’esortaaione a non lasciarsi sedurre dagli

» iM a ra n alla vita 41 n i - T o n n ea» n rk « e m i ■— i » é t ( « w r M r * ■


<*•> B o ri II 18 cluci»> M I» i m i 113» emme dm atolli «I a C m a a Ifw r «a
• * 'W 4al l l u r t n II. I M I : c fr r a o lr t llr a iw t l n a U « « 4H I» * 4«««
^ I T J k r r l i i i i « e o a e l a t o r l a l * <M Valb -aa»: *. A h » a. I* t 4s © I aaai
w " f é * la un t i t o l o 41 Iwca rin— rfr. .I< f* M ar« Jmmiw II. H « ; ! < • • » I.
•«*».: r < w n i » M U i t II. » « : III. 3 U ; H u n w . » «r*H< I*. M a :
* > « t t i t n : H t m w o hi « M . A t r l w t V. !•> U mmtmttmtm * *m « « . » » « .
• w prrt ^ iw n I t a d n i n i - T i r—aialr II l a a lalri. * aul ii lalin la «arti
• < N « U U M an ta* 4H i r i H t a n I W l . M t'm$ 1/41 «Mia Mar*
f c » r l a l a a a «M I « U r n a « . « « 4* mmHU rt é r Hmpmn 41 O. iM risk t I t r
*ar*r A. t i i i u r n . I H i w n i U « p r r é t r é r r a t f a r l ton ili M n e l . « ( •
••m i f t aa a la W . I» V ia »« U a rn a t. Iln r n a » lsanr * «a m i aorrn* a ri IV .
XXVII «|9I».
* «u n m -ia a «t » ii >i »«»»* ai M a»
U> Introducono.

allettamenti dell’antichità classica. Essa però m ira anzitutto allo


scopo generale di mettere in guardia dai (pericolosi elementi conte­
nuti senza dubbio nell’antichità e dall’abuso degli studi umanistu i
nell’educazione della gioventù. E ciò è fatto con parole eloquenti, in­
fuocate « con buone ragioni. Il Dominici non va si avanti da riget­
tare allatto ogni commercio colla letteratura antica, egli piuttosto
combatte veramente quella lettura dei classici, nella quale potes­
sero patir danno la fede e l’educazione cristiana. Il suo è un trattato
polemico contro l’abuso, che molti allora commettevano occupan­
dosi di studi umanistici. Questo spiega come egli, partendo dal suo
punto di vista pedagogico-ascetico, talora abbassi troppo l’impor­
tanza della letteratura classica. Il suo zelo contro il nuovo paga
nesimo, di cui con profetico spirito prevedeva i pericoli,1 lo conduce
talvolta ad asserzioni affatto paradossali, per es., che è più utile al
cristiano arare la terra, che studiare gli scrittori p a g a n i!* A spiega
rione e scusa di questa sentenza con ragione fu osservato, eh«'
qui il Dominici ha in mira solamente l’abuso dello studio.' Altre
poi delle sue proposizioni suonano più forti che non il pensiero
dell'autore. Ma, prescindendo dall’involucro non necessariamente
aspro, anche il critico più mite non può disconoscere che Dominici
colla migliore delle intenzioni andò sotto molti rispetti troppo
avanti nella sua opera polemica. • L ’elevatezza di fatti della verità
rivelata sopra ogni scienza puramente umana egli l’ha accentuata
fuor di dubbio in maniera esagerata. £ cosa partigiana e non
giusta il permettere, come fa Dominici, lo studio dei classici sol­
tanto allo scopo negativo di confutarli.* L ’utile che apporta questo
studio coll’appropriazione dell'immortale bellezza delia form a pro­
pria aH'antichità non può spregiarsi in questa guisa. Parzialità

• * /.arala muriti 4.1 / « />mmimiet rmriémal. *. HitH ara Orli« I. a a r r a -


«lana a F l r t i t t <n>Ua « t u t i u n : I7| top. la porla rame. topp. H »
(8. Marta .Varrlla AHI. f. IT I * * IVr Ione» tn a f» qorrfa u|a>ra fu cn-lala
pmluia : ». S u * i u t «• V a a a w w i I 3. II. l a l'Aailaal t a a * * r * 1
Il JxstrwMCK ( 1061 | x i r l a « U II-«u à . f*mmtmèei ( i l ». tw •ll**lr aa dtiaa»
«atmtto »1 un radiato {«n W U rv c a u to : rfr »a ria Riìhui, />■•>»•
km m -jtlrhrr 7 a Va altrv r e d k » «trita ¿«cala, arila Il 11> 11 ot «> c a Balla-
b a Ir d i B a r i l a « Cod. lai fa r r i. JM ; an In a i <141 fonia ma latitali
ratorai«?» fu <ralm » ari — Mia IMfi p t ISO Ilrv ad Aadtva Klrai dall'aatt-
quart» t m ia ili» F ra a rb i (rrd ia r 11 ralalogu a 1?, p !R| ora n IH a da R O so *
U n . Ilt t n Im i. t t e a U K l C ard ». *<rf< ta r a la mariti, l’atta IW S «Yr la
(m ia i» n w a a ln a dt II. C o n » la O t * » »far. 4. IH». H a t I J t l . M a a , a
lia t - a a n . l'ru rflio a r i t M o t e r a l « timi I. tkataena IK Q . I t i aa
a « ti wli»U> di V. Hmmu. QmmUrmrwmtm «V
* « I rtlla» rat c k ttilla a U tr rt a n arare q a a a «fetiU aai t a t r a lr n libri» »
ft atraau n a a a dtfewa d i q a m a « a t r a « l a a lu f» addara fra a ltra raatuatt*
di u b H o * l>tu*V» r ia Ctw m a t fai d ril'a srtm d la ra : f. i t d r l rad L i a
rratla a «
• H fauai ( M a i r i tota,
* IM d. M »
Il rinascimento letterario in Italia e la Chiesa. 57

«d esagerazioni di tale natura ottenevano poi da altra parte ri-


esagerate, e casi si rendeva diffìcile, se non addirittura
mpoMibile, l’intendersi sul retto uso dei classici. •
Tra i zelanti contro i « p o e t i» , come solcano venir chiamati
gii umanisti, e contro gli scritti degli antichi, spesso pericolosi
»otto il lato morale e raccomandati da quelli, si distinsero in
mudo speciale, accanto ai Domenicani, i Francescani. 1 Non può
m^ar*] che la m aggior parte di questi uomini era piena d ’uno
ark> Neramente santo p e r la causa del cristianesimo e che col
*U‘> coraggioso fa rsi avanti, mentre tanti altri dignitari! ecclesia-
*tx i nel loro spirito mondano non avevano occhio per i pericoli
dell’uman esimo a tendenza pagana, abbia conquistato dei meriti
m l i per la Chiesa, ma rimane da deplorarsi, che la m aggioranzn
abbia sorpassato la giusta misura nel combattere i « poeti ». Certo
che per giudicare rettamente questo fatto bisogna rammentarsi
feroci attacchi contro gli Ordini e la scolastica, da questi col­
tivata, diretti precisamente dagli umanisti che scrivevano più ele­
gantemente e perciò più erano letti, come Poggio. Filelfo ed altri.
Dota la potenza, alla quale rapidamente era giunto il nuovo mo-
' TH'nto, i monaci si trovarono pressoché inermi di fronte al di*
«pregio del loro stato promosso da questi uomini. A ciò si aggiun-
* r o 1« raccapriccianti aberrazioni ed eccessi del partito radicai-
mente paganeggiante. I quali facevano temere ogni peggior male
l’avvenire. In conseguenza, la maggioranza degli impugnatori
di quel paganesimo non osservò che queste aberrazioni avevano la
toro radice non g ià nel rinnovato studio dell’antichità in ai, ma
M l ’abuso di questo studio e nelle brutte condizioni sociali, poli­
ti» he ed ecclesiastiche di quel tempo. Sotto lo stendardo della rina-
Kenza s ’erano schierati degli elementi impuri. 1 quali miravano
■d una generale sfrenatezza degli spiriti ed alla completa eman-
f ¡ azione da ogni m orale: essi fecero al che il grande movimento
' ¡rituale umanista si avviasse sotto più d ’un rapporto su strade
' agliate. Cosi avvenne che nel suo zelo la granile m aggioranza
del religiosi non distinse più fr a le due tendenze e fece respon­
sabile degli eccessi de! partito radicalmente paganeggiante l'in ­
tero umanismo. A buon diritto contro tali avversarsi gli umanisti

• O a » | I k M W a l Ummrtv «aafWr I «tcilaall n M l M pM fU "'W


**<Hlo ««rtw li il lf » a»rtv riatro W trtwfasn» B o r i a » M T a r k M rtaaart-
l'ha ladirai» l l r r r r a i l * » ) mIIi « a <HMrrtaa>«v Ce»*r 4k* * . « . »
**r rtmmtmHiarr «ai 1*. aad li. i'tr « w t » |4* mUm M l a a a
<•1 rWwalr: ri rea I «M Sarabanda a ta M r f i unir ’ «M U * « t r »
' * Iti», latrai. X La VnM rir « c . M r M t a w » ti l i a S ’— m <v«*aUtli
41 atOSr la t m a u t l. M msxU> « n a n w w » aad «Ir ( M a M « M r K «u t
<B u* pmht m in «r XCttl. W7 a* ; XCIV. X m l) «aa» M i ì t a l l «arti oan>W
’rruaul di IW tiw f V. ora «cartata*»«* K u r t II a. 1, M f> ! • * o c k r * I U
hitrnduziono.

poterono richiamare alla memoria che le opere dei padri eccle­


siastici Girolamo, Agostino, Am brogio, Cipriano sono piene di
sentenze poetiche e di classiche reminiscenze. N ella loro lotta
contro gli umanisti i religiosi non di rado procedettero anche
molto inabilmente, così, per es., quando rappresentarono siccome
eresia gli assalti del Valla contro Prisciano ed i grammatici, o
quando Alberto da Sarteano nella denominazione di nèttare di
Giove, data dal Poggio aU’eccellente vino di Ganghereto, volle
vedere un’ofTesa a Dio e la confessione che Giove fosse il dio di
queU’umanist« . 1
La concezione unilaterale e angusta che tutto il movimento
della rinascenza fosse cattivo perchè un pericolo per la fede ed i
costumi, non può considerarsi siccome la concezione avutane dalla
Chiesa. Neanche tutti i religiosi pensarono così: parecchi di essi
ansi cercarono di porre la letteratura classica al servizio della re­
ligione. * Come in tutto il medio evo, così anche ora la Chiesa si
addimostrò promotrice di ogni saiutare progresso intellettuale, p ro ­
tettrice di ogni verace cultura e civiltà. A g li umanisti lasciò la mas­
sima libertà di parola: un'età, che ha perduto l’unità della fede,
diffìcilmente può farsi un’idea di questa libertà. 3 U n a volta sol­
tanto nel periodo, che ora per primo dobbiamo esporre, il capo
supremo della Chiesa ha proceduto direttamente contro un rap ­
presentante dell'indirizzo pagano del rinascimento ed in questo caso
si trattò di una spudorata glorificazione di vizi pagan i, di fronte
alla quale il pontefice, siccome supremo custode della morale, non
potea tacere. 4

* I t r VàHUK. 3 1 3 « e Vanir, W trérrbrk+am t l i. 4 T 3 *.: II*. 233


IVt 1« n m ln A r tiii ili r> « r i» r«n .\lt»-rtn ila Harteano nullo atixHo «leirantl
H llti f | »u.ii | » r W I , r f t W u m i 1 Ih *». Xr r m lr r e a Salutai»«, al
Irmi», ri m rrhW ni »(alt tatu i. I •inali <!liq>rv<1av«no |«>r*tao l*
« • 'liti 41 |i(o» «Il . ,\(<h I d<x i r t r W «i m>o« «-tinti V intili» « I altri t*wll
< U riti a | t u Trmr 3 » ) , lian a» lo tta rla mollo Moatfnn «Il ininula tlloatraalow
le M|p >W il nmanUii Italiani «'»«lì nntlnl rvllcl»»! : <*u quwtto punto U
Hi arn atav r « I II V o lti i i w a l a a » retali»atM Utr porbe rw », altrettan to S %»■
tuntst. filw it «M r k v n n à t a ìm v tT ntlno IVv'I. W m l; U a m u i. l«U a V > t .
p M m iim |, 1 3 9 » ltii«'<iitan»-ntr an rlir il V olar rileva «tw molto sii
«intani«»! «-«*1 t i r a i la |»MÌai««r «»tlV a-*unta «tal l**'4»*1 : rtr .
l\ ai*.
* i f t K * > t » ||% I : A S a i M a «e | « p o llo l l b r » I I I . .V S u l rlm ar.-tw -.n tr
»Shfn * 1 M x i U t t i l f» r ar»«r ^ o r l i l a . » . S M W t m la * , r i* 04* %.
* CI». K->«m*>. I l, SUI MD la hmmid lo««n n-en*<a ta n ta lil«rrt* n a n r
nella r i t t i «lenta : * Kl «jw .| ma \ Imi «anainm larirm lum ritiri u r mi hi. «arre-
« m r« t a t ir « fc r tw n i *. w t iir r a «la R u m nel 11*3 II rtM fe . Il-v
•M I*!, I «la (Il fitrlft» «M ilano |mip>> ||. S » S o l M aM m o ebe I |a|i. prr «
Mi*»» IV . • ^ • « Iit n w nella la i» | < ^ » la ra n e lla x. n i a t t it u T . Kmllmr I * .
3tt> II* . ISn
* i*fr « ir a |> 31«. im i | « < e n lla ra l* d i l*n<4a I I orni»» r Arva-lem la r«*-
amna » il to i 11«. ||b«» u . 4
Il rinascimento letterario in Italia e In Chiesa. 69

Ma nel resto la Chiesa, attenendosi alle belle parole di Clemente


Ai* ~«andrino, che la scienza dei pagani in quanto contiene del
' -no vada considerata non siccome qualcosa di pagano, ma come
in dono di Dio, * ha concesso agli studi umanistici il più grande
t: ito. E di fatto non risiedette nell’antica letteratura la colpa che
la rinascenza ben presto in Italia degenerasse, sibbene nell’uso e
nel malo uso che a lato del buono se ne fece. 3 Quanto poco siano
da considerarsi siccome rappresentanti della Chiesa quegli assoluti
avversar» del rinascimento, molto numerosi specialmente nelle
tongregazioni religiose, risulta ottimamente dal fatto, che la m ag­
gioranza dei papi prese una posizione tutta diversa di fronte al
nuovo movimento.*
La relazione amichevole, nella quale - i papi stettero col P e­
trarca e il Boccaccio, i due fondatori della letteratura del rina-
mento, m algrado le passionate espressioni dei medesimi sul male
penetrato nelle cose della Chiesa durante il periodo avignonese,
f i già da noi rilevata. Nientemeno che cinque volte il Petrarca fu
invitato ad assumere l’officio di segretario apostolico, ma il poeta
non seppe decidersi all’assunzione dell’officio perchè temeva di
dm e r e poi rinunciare alla sua attività letteraria, cioè a quella
eh* era la sua più partico'are vocazione. * Con gioia invece il Pe­
trarca assunse l’incarico datogli dal dotto Clemente V I di racco­
ir “re per la biblioteca Vaticana buoni codici antichi delle opere
d¡ Cicerone.* Di somma importanza è inoltre il fatto che alla no­
tizia della morte di Petrarca, da lui con lettera di suo pugno in­
stato ad Avignone. G regorio XI incaricò il cardinale Guglielmo
de Noellet. vicario della Chim a in Italia, di istituire diligente ri-
o rea degli scritti del defunto e di farne scrivere buone copie per

' t l l U M » A l.. Mroaaafa I 4 : -ri.Tw» yéf a ln o « Tir» a U n i M ;


* IJtN*»to ore»a SS* natal» K. t. Ik l lM m . Ilr r ir (2* cil. W in . |!»M|
Il IX
' « f r . Civia.it b, r i le* arlglmet iir 1« K r M l u n n 2 « * lU iatxllo
» irandr Antonimi i r H n m a o <U F irm a r ai tran«- lontano dalie- ••«acera d < «t
a rti» I porti « I«all'atta «jwcota «V II» faoto ». ctaal Votar. W V ^ í r W r * * « * I»,
S *l> . « « « l i guanta «Ift n * d r k r a * I c ro i il: al «inali m rra a m n « w a n « .
'» « • Cll * affatto toaota la M l m t a n rta a rin . nè rs ll riftaecr -tolla «aa natura
:<*aaa. anal all'orraduBP Intwcrla Orila aaa Irllr ra on IW 41 IK W Io r t r
f » a |>n>t«»lloi. U n a «n n w lria o r alto trodraar («s a n e 4rirm nanntfaa fa
•* in a p n a ta . r i » <U t a lli all n a n M I w w w w ha iw rtoto di lai «r « » « n a
(tr U o » # .
« K i«n »u I. am.
» M im a. I «a m a r. 31« Kmmi* I. I » . Xom m c. » ir a f f w t>. 31» l*a
'V w o i r V I II IV I n i rra « M » ua rant«tiralo a |1<a a ri O U K f r l ì m u a r*H
Àtn 4. %rm4 rf « f a r la * I U | I» R V U « !. I i 5 « k l aa a lti» a Parm a
a*4 la w llìm t J A . IM d. X f . ll (Itn o -ia o T I. I3 » l a.i. i f r D i n •*“ - 4. Irt i
«a i x i.v ii. s a « s
Inlrinluxiuni'.

lui, specialmente dell’« A frica », delle ecloghe, lettere, invettive e


della bell’opera «S u lla vita solitaria» . 1
Gregorio XI, il migliore dei papi avignonesi, ’ addimostrò in
genere un interesse notevole per la biblioteca della Santa Sede*
come particolarmente per l'eredità del mondo antico allora caduta
mezzo in dimenticanza. Quando gli pervenne la notizia che a Ver­
celli era «tato ritrovato un esemplare di Pompeo Trogo, immedi;i
lamento mandò a quel vescovo una lettera colla quale lo invitava
a farne sollecita ricerca ed a farlo portare per un nunzio sicuro
alla Corte papale. Pochi giorni dopo il medesimo papa incaricava
un canonico di Parigi a fare ricerche nella biblioteca della Sor-
bona di varie opere di Cicerone, di procurarne copie al più presto
a mezzo di copisti intelligenti e di spedirne poscia le copie ad A v i­
gnone. * Le procelle che scatenaronsi sul papato dopo la mort*1
di Gregorio — così almeno pare a prim a vista — non potevano
che distrarre i papi dal favoreggiam ento della rinascenza, la quale
si faceva notare anzitutto sul campo della letteratura: in realt-
pcrò appunto in questo periodo fu aperto a più grande numero
di umanisti l'ingresso nella C u ria romana. *
Una più minuta osservazione di questo tempo, nella quale a
vero dire occorre tener d ’occhio anche l ’epoca avignonese eh»'
l’ha preceduto, metterà in chiaro le cause di questa progressiva
penetrazione dell'umanesimo nella Corte pontifìcia, la quale aveva
anche il suo lato pericoloso. M a uno sguardo retrospettivo sulla
storia dei papi dall'inizio dell'esiglio avignonese alla fine del
grande scisma sembra voluto ancor più perchè senza vicina co­
gnizione di questo periodo tanto pericoloso pel papato rimane in­
telligibile la |x*sterk>rc evoluzione.
Nel corso dell’esposizione che farem o sarà poi mostrato come
sotto Martino V ed Kugenio I V la rinascenza letteraria mise a

» Il n*rn»«rabtl» tu»«» »U «ìrv*»ri.- X I. I l a s t-io 1X74. è in ) l»


SM W CLU. Of-rrr (P adtna l«Cl|) V I. IOK; THKtXC*. ('ni. I I. SSOflOU r*l K M *
I. I U *> da S ttt*l.\x t> a ri Jakrb 4rr firx ib r k /. ktkr. OmcA m. M l rrtmm
«farad. X V I I I a l i ITT M a n i . II. 21. ». i.
* IIA r U l n rl .M I A.- s-lrm U d i Vlrnaa. k U lp h tt M ***
IJCV. sia
* f i » , C m u *. H U I M i K nm fo r n iif I. 4M ml
* Il lrt>ur» «Irti» do*« * Irttrw . rb r Intel d a ll'A r c h I r I a » r g r c t o p » a-
t1 f I v I a, *, la A iv n i r Z
* I hiraatr II p artnlo M lo n a w r iru ria n w «otam m t« b a ia ti d r*ll
Imranl al «rrrfcfia papa Ir O na» prta>o di nM rn o ta r v Xawdri da Strada, a a fc »
di IVlrarva. rfcr «Ila B ar drt ISSA ed al prtlHlpto .VI 1V4» fa da l* p n t » 1 »
ricxtn VI M a lia !» ( M o M a r l a * « p fir ttfln al b r r tl. I n i i « V ( M i a i ad A d -
<**“ al I M i un a lt» a a k n «tri IV im rra . h » n « n i Bruni d r . Votar.
IT in ir> M > 4 tw II*. A ah Intona» a Z u d i l da Stratta r . F u r u w r m . Ijttiirr
iti r I V n u r i m m n * l « l i . I I I . t a t a * , r V r a u o n n . d o n * » » *
tW . IVtrrdkar« t W I<M| I I . irnSta.
Il rìnaM'iinutilo letterario in Italia e la Chiesa.

¡oco a poco radice anche nell’eterna città, come gli uomini più
t.nti, che portarono la porpora nel secolo xv. Albergati, Cesa-
rin; e Capranica, favorirono l’umanismo nelle sue m igliori ten-
ii.-nz«. quale influenza decisiva esercitarono la dim ora di E uge­
nio IV a Firenze e quel concilio tenutovi per l’unione, fmtanto
■-he con Niccolò V salì sul trono di S. Pietro quell’uomo, che pieno
di confidenza nella forza della scienza cristia n a1 ardì mettersi
alla testa del grande movimento intellettuale. Questa condizione
di cose introdusse una nuova èra nella storia del papato, nonché
in quella della letteratura e dell'arte, un’ èra, che raggiunse il
ulmine durante i governi di Giulio II e di Leone X. Ancor più
che la letteratura, sotto questi papi, fiorì l’arte del rinascimento.
Il loro mecenatismo diede l’occasione ai più geniali maestri del
'**rolo, a Bramante, a Michelangelo e Raffaello, di sviluppare in
'ramo grado i doni loro naturali e di utilizzarli a servizio della
Chiesa. Nell’intiera storia della civiltà si dànno pochi fatti, i quali
’■ostano compararsi alla gloriosa attività allora svolta dalla Santa
Sede nel campo estetico.
Fu spesso ripetuto che con Niccolò V, il fondatore di questo
mecenatismo, la stessa rinascenza salì il trono papale. Chi vuole
adottare tale frase, bisogna non dimentichi che questo veramente
. nmde pontefice fu un seguace del genuino, cristiano indirizzo del
rinascimento. Come il Fiesole, al quale affidò le dipinture della sua
'anta da lavoro tuttora esistente in Vaticano, il fondatore della
biblioteca vaticana seppe congiungere armonicamente l’am m ira-
rione pei tesori dello spirito antico colle esigenze della fede cri­
stiana, abbracciare con venerazione Cicerone ed Agostino, apprez­
zar* la grandezza e la bellezza dell’antichità pagana senza perciò
d. menticare il cristianesimo. 1
11 pensiero fondamentale di Niccolò V fu di elevare per sempre
(’«ma, la capitale della cristianità, a capitale altresì della lettera-
,Jr* classica, • centro delle scienze e delle arti, ma l'attuazione
di questo pensiero altrettanto nobile che grande andò congiunta
* 'a r ie difficoltà, a molti e gravi pericoli. L ’unica cosa che può
rimproverarsi a Niccolò V è che non conobbe a sufficienza a chiuse
eli occhi sui pericoli che da parte degli umanisti pagani e rivo-
-Kfonaril minacciavano gli interessi della Chiesa. In sé la sua
ftira fu nobile, grande e degna del papato. L ’intrepidezza con cui
quest'uomo dal cuore largo si oppose ai pericoli di quell'sndirizzo,
inspirano necessariamente spontanea ammirazione* ed appare poi

' Il i n u (|. f i i ha eloM am ratp ri Ir ra to io p a r t M it r <jap*n (a n i».


* M r VII, / W n r i r i r i |«1 ; r f r 115 l l r m r a k r r ii. V. u r i » S artiam i**
ffc TSK.
* Ot «-KN uarr. A mllmr |:, S II. .Urtala ra Im pnom «* r i u i * | M H n «VI !«{<a
<■* »«ti«.»*»; « M r r a t A V era tram utili« .« U r w t l tirila «T»V ». j « . # m i
***«ta *1 «naatal >1*411 Ir ««arsa» al iaartal alato »,
Iiilrod union«.

in altra luci- «e vi pensa qual forza e potenza avesse allora raj?-


giunto in Italia il movimento della rinascenza. Il tentativo di ot­
tenerne la dirazione, fu una grande azione, un’azione degna < k l
successore dei Gregorii e degli Innocenzi.
Dtsmennatezza soltanto può essere quella che faccia rim proveri
alla Santa Sede del favore dato al rinascimento senza fa re ult* -
riore distinzione. Poiché, per quanto profondamente abbia agi’ >
il movimento degli »piriti prodotto dal ravvivam ento dell'ant •
chità, «esao tuttavia non portò alcun serio pericolo alla cultuit
cristiana, ma anzi occasione a nuovo eccitamento ed animo fino i
»•he si mantenne forte l'unità e purezza della fede cristiana sott >
l’autorità della Chiesa e del p rim ato » . 1 Se più tardi, in segur
alla preponderanza ottenuta dall’indirizzo pagano del rinascimenti
le cose presero uno «volgimento affatto diverso, se le dovizie in
tellettuali guadagnate col rinnovato studio dell’antichità furor,
anche applicate in maniera cattiva, non ne può ad ogni m odi
venir reso responsabile Niccolò V , che fu guidato dai motivi pi
titillili. Al contrario torna di gloria al papato che anche di fron*
al grande movimento spirituale della rinascenza esso abbia mar
fiatata la concezione più vasta e più larga, che fu un’eredità dell*
sua posinone mondiale.’ Finché rimase intatto il dogma, Niccolò V
ed I suoi successori, animati dalle stesse sue idee, lasciarono liberi'-
almo il campo al movimento: 11 fondatore della biblioteca vaticana
difficilmente presenti il danno recato dal dileggio degli umanist
e, comi’ attesta tutta la sua vita intemerata, egli parlò certamente
con cuore sincero quando esortò pressantemente i cardinali riunit
al suo letto di morte a continuare nella via da lui solcata a ben-
della Chiesa, della navicella di Pietro, che per am m irabile dire
rione divina era stata pur sempre salvata da tutte le procelle

♦ H w n n , Ur*B<àltmirm «01 StmUmmi« d kv il H M K B & n u a 11. ITS:


« In *+ la in*»« a (xtHtnuw imo «f» i r f M « * o * alla leoUigta. t * alla C b k **
tao Irfnttml» » I t r tontir* H u m d orile ttlimmm U tr ta l***
X V Ilt, -ITI*, r ttim u u « n m K s o rrc a SSSt
i U « t * » f a l l o « I n p p i f i » l w o i i o i v i : r . U n u o v r , V. CoUmmn ( F i * ’
tene MWj ir .
> ITr «ito. Uhm Ut. ».
LIBRO I

SGUARDO SULLA S T O R IA DEI PAPI


DAL P R IN C IP IO D E L L ’E S I L I O A V I G N O N E S E
A L L A F I N E D E L G R A N D E S C IS M A
1305-1417
I papi in Avignone (1305-1376).

v a perniciosa lotta fr a i supremi poteri della cristianità, che


A j era cominciata nell’undicesimo secolo e giunse al colmo nel
tmlicesimo, colla tragica fine della casa di Hohenstaufen fu decisa
apparentemente in favore del papato. M a la caduta dell'im pero
> altresì la posizione mondiale dei papi, i quali allora furono
s tretti ad unirei sempre più alla Francia. G ià nella lotta gigan -
*• <a cogl'imperatori il papato aveva cercato protezione nel regno
francane e vi aveva trovato un rifu gio in momenti deciaivi, tut­
tavia la dimora dei papi in Francia non era stata mai altro che
[**'• virerà. Per le più sante tradizioni e per una storia più che
millenaria la suprema dignità spirituale pareva cosi strettamente
c- ngjunta coll’Italia e con Roma, che nei secoli undecimo, duo­
decimo e tredicesimo non si sarebbe potuto nemmeno concepire
>J pensiero che un pontefice non si fosse affrettato a recarsi quanto
P»ù presto possibile a Roma o che fissasse fuori d ’Italia la propria
residenza per tutto il tempo del suo governo. 1
Soltanto col guascone C l e m e n t e V (1305-1314) avvenne un
cambiamento in questo rapporto. Temendo per l’indipendenza del
foverno ecclesiastico nell’Italia terribilmente dilaniata dalle lotte
¡artigiane e cedendo alle pressioni del re francese, del violento
oppressore di Bonifacio V I I I , egli rimase in Francia senza metter
P‘«de nella città eterna.* Il suo successore Giovanni X X II, ‘
oriundo di Cahors, «letto nel 1316 dopo due anni di vacanza della

1 It r . E. lie t i* . U pmpmmit fter* de ritmile nella Utrme d d e m i mtamdmmt


X X X V III. IO»
* < **- M o ix a t 27 aa. « n i aepok-ro d i G ira v a t» V a N o liv O a a * d i l'anatv
*“Ua <!Iro n ia d u tra llo dal C a iri al*«l a ri 1577. m ll J. «a I.it u t n a M r r r r
*• dem 4 M *y » a 4 n * de Promne X I . V I I I <1»W>
1 f t r . F i n n 4 M dna Ta#m HomifmS V ili. (IT C ). Qm*Um. p. u r t i n ;
W » Armi. I. ano aa. : 213 aa. ; 1. A it i. tue Wmkl Joìmmmm X I I I „ ft»t-
'*1 0 <cfr la p rop od ui « t r e * o rila r.n lx k r f. Klrtémm^eotk. X X X I [ 1* 10).
* * "■>: o H w j t . t. rt+rtiom de Jemm X X II. a rila Urto* f k u t de t t j l l i de
I (1910). M a». 117 aa. ; Unta »r. Um rmpe* fArifmom» *>aa.
Libro 1. Capitolo J. I papi in Avignone 1305-137«.

Svile Apostolica e dopo trattative tempestosissime, ferm ò stabil­


mente la sua residenza in Avignone dove e ra stato vescovo.
.Mentre Clemente V abitò in Avignone come ospite nel convento
dei Domenicani, Giovanni XXII prese a stabilirsi sontuosamente
nel palazzo vescovile accanto alla cattedrale. 1 L ’elemento essen­
ziale della nuova epoca nella storia del papato, che comincia con
Clemente V e Giovanni XXII, consiste sopratutto in questa du­
revole separazione dell’antica residenza della Santa Sede dal ter­
ritorio italiano, la quale ridusse i papi ad una dannosa dipen­
denza dai re francesi e seriamente compromise la loro posizione
mondiale.

.........O liiuni principio


A eh«* rii flm* coovU-u elio tu eaarhl !>

Queste parole del grande poeta italiano non contengono esage­


razione alcuna, perchè senza eccezione i papi avignonesi furono più
o meno dipendenti dalla Francia. Francesi di origine e circondati
«la un Collegio di cardinali in gran parte francese, diedero in certo
quai modo al governo della Chiesa un'im pronta francese: i papi
si videro sempre più esposti al pericolo di favorire interessi na­
zionali, laddove il loro ufficio avrebbe richiesto piena imparzia­
lità. I.» Santa Sede possedeva bensì il contado venesino e più
tardi acquistò anche Avignone, ma con ciò non conseguì una po­
sizione pienamente libera ed indipendente, poiché il piccolo terri­
torio era del tutto circondato dalla Francia e dalla Provenza an­
gioina. Dalle finestre della loro residenza i papi avignonesi da un
Iato non vedevano che territorio francese, da cui solo il Rodano
li separava. I j » torre del ponte sulla riva destra guardava verso
di loro come simbolo minaccioso di una potenza straniera.*
I-a dipendenza dei papi e il carattere francese, che il governo
della Chiesa andò vie più acquistando, contenevano il germe di
uno scisma e contrastavano al principio della cattolicità e della
libertà immanente sia alla Chiesa che al papato. Di fronte alle sin­
gole nazionalità precisamente la Chiesa aveva sempre rappresen­
tato l'indirizzo Mnirertalf e l’alta missione dei papi, quali supremi
rappresentanti della Chiesa universale fu di essere il rifu gio co­
mune per tutte le nazioni. In questa universalità stette riposto in

l « rr r . i ro j. <farr*/<Wo*<«- r i f h it l. II. 43m . «*l R r u i I. 69i.


w n
* i*«.m r » x x v » . 3» 4»
* V itata, tu 0 » » r r I n . « t e la n o alla prvlrw a franerà* n i A tìc iw w . e h *
«tei j r a i i n «m alo csattlnl un p on i» d i c«otr»t»rria Ira la Francia • la
0*11» t * l {muto <1*1 Untano, r h * ru o titxia va« F ilip p o II IM W k
SI F m jir . | n W i «la IM m r i Ir» m l r O r l m i n r la p ropriétt i . l r i -
hUi ri émcmmtnl» n r J H y m . tute. T (l*a rt» A » i-
| M il. im a » .
Il aiatemn cariale delle imposte.

. .4!! parte il segreto della potenza e della quasi illimitata influenza


• : grandi papi del medio evo.
La traslazione della sede papale ad Avignone, la nomina di
dinali per lo più francesi e la conseguente elezione di sette suc-
-1 vi papi francesi dovevano scuotere profondamente la posizione
..1 versale del papato sopra le nazioni. L'opinione tosto form atasi
/re■»so i popoli sospettosi, che la suprem - dignità ecclesiastica fosse
.«•nuta mero strumento in servizio della politica francese, scemò
’•volmente il prestigio del papato. La quale idea, benché non
•ipre fondata sulla realtà, tuttavia indebolì la universale fiducia
capo comune della Chiesa e destò negli altri popoli il senti-
- -nto di una opposizione nazionale al governo ecclesiastico dive-
n ito francese. Il rallentamento derivatone nel legame delle singole
vince ecclesiastiche colla Sede Apostolica ed inoltre la condotta
• a Corte avjgnonese. spesso a rb itra ria ed in molte guise ligia
ad interessi personali e di fam iglia, produsse un accelera­
ta nto nella decadenza della vita ecclesiastica, che faceva temere
i i-gjriori guai per l’avvenire. 1
Alla diffidenza politica verso il governo ecclesiastico divenuto
francese si aggiunse l’avversione dei popoli al sistema curiale delle
poste. Veramente non esiste un proprio sistema finanziario avi-
r !M«ae nello stretto senso della parola. Tutto l’ordinamento fìnan-
li srio del tardo medio evo da Innocenzo III in poi si è svolto in
ffKHk» continuo e conseguente.* I suoi due elementi principali, le
">W (delle crociate) di tutte le rendite ecclesiastiche e i user-

ScNWAa. fìm o m 7. Sul riempi monto dpi »noti nel collegio o r d in a litio
Unt*. m o n o ! c f r . H i u t h o x U t * a«.; S a o u C i j x * O S *.; W m r r a » . W n . T f «
K -j’+tm U rU im IX *. 114 a. e M n n r ♦ ; M a u t r M I Urli» dera«k-nai d riU Vttt
«irUurn un <ina«lro terribile A lv i» . P rjjiT o nella mia «n»ra < ! >r
** ‘ rrtrtime > term inata nel 1.TS2 (cfr. G ram r M I; ». «prc-uiaiealr llb. II.
* ” - > . iti rt m . C fr, In profaadto anche H cm w , S lr r i f r k r i /lm I. 1OT.
**•» ; II. S II. J l n u j t (B e r . f h h l . etri**. r (19041. 5 * ) aaaerra ohe A lv.ro
,v * f * arti*» « t la manWtv «l'un prM Ieatenr qui. ( n a r k hwmln de «a rana».
•«*<*»» |«« m aut de mn »Mele »fin <U> premunir «oo aodltotr* p a l i » et1* *.
n ' * te Uuarntete mille comllxlool e o -k « i» .tlcb r di qoel t r a n » * . Im IU *
L Mi**. I.m irti ran Hick.tr» ( f 1377| * k r r 4 U U rrkl. tm M m è e itm I 1.
la ffW . Jmkrk. X X IX (ttOft). Ort a».
1 • » ■ v r » generalr. purtroppo. ma ara ItrM n rtn *ra tla rr II I f d a rru m
."*■» »levar a a i r iailcm l rrla tlv r a qoeMo an raaen lo IH la»«rl apertali
• "TTl tm. fu , p ip ili A in 13. Jmkrkmm4rrtt M irili
m * * » * I.«Kt r H u i. Jmkrh X X . « B a . Da» r*# « r e *ra 4rr
* 'mm 13. Ma tmr U d i r 4 r» IS. Jmkrkmminrh la » « I r t i 4r* M r r r .
X III. 1 « : Svt . w v . » la W r»l4r»lm rkr Krtlmrkr 1*»7. M a .; K oala.
f*~ Kmmmrr mmlrr rtrm em . r. w»4 Jokmmm X X I I . «Wlea l> * 4 l: K l*m « .
'**» *4|Mft KrJUltnnrm n k r r m 4 4rm #(. Jtkrkmm4rr1, IP a .W tn ra l«*4< e mi
O orrum la IM I. Rmm4mrk*m I W i eoi 347 «, A! K i t » * «k*WaaK>
<* ' v W » « 1— **(<mr «Mia *>•» K » r 4t m » t M + 9*mm* Ma 13.
* ( Jmkrkmm4rn I f a H I n r » I W il t / u t o t » iffifM m (p TO| la r e f ill»
«**>4 la « u n papa Ir per la tmrtertpaatoae del rard laali alle S a i * rea-
68 Libro I. Capitolo I. I papi in Avignone. i;i0f>-1376.

tritio» dei vescovadi e delle abbazie sono già pienamente formati


nel secolo decimoterzo. A partire da Clemente V e metodicamente
da Giovanni XXII in poi mediante le annate anche le prebem; •
inferiori sono poi tirate entro il sistema dell’aggravio finanziar
di tutta la Chiesa e favore della sede centrale. E poiché insien.-
il conferimento mede»imo delle prebende stesse — in particolare
eolie crescenti provviffioni e aspettative papali, in generale col
triste ma delle riserve aumentato straordinariam ente fin dai temi

d ite ; l'tinlco m r a > di risarcirla furono Imposte sulle prebende ecclesla*tl<'!>-


HI col toga al Kirsch (Im portante volume diplomatico dl P. M. Bacm oabtv
V n tm u c h a. l'rhmtden uber dèe « Camera coltegli carillnalium » /tir die 7.-
con lìOS U i U S I ( l ^ l p t l l IMI«), con supplemento nella Köm . QuartaUchr
X X II <10l*S), (»•«eli. 47 ss, A ltre opere basate sulle fonti «nun: J. P. K ia*«<
Irte papati. Annalen in Ite ultch land iràhetnd dei I }. Jahr., vol. ln : Vom J<>
kann X .X II. Mt Innnzrnz VI.. Paderborn 1908; l a d t . Q w lli'n ;u r Geech. d-r
päpalL llnf u Plnanrrervaltung 1316-1378, t r i ; , von der Giirrea-Gctellechaft.
voll. 1-4. Paderborn Itilo 1WI) (vol. 1«: R. OttMJta. M e Hinnahmen der Apo*!
Kammer unter Johann X X II., 191 0 ; pol. T : K . H. S c u Ä r « . P ie Auegabr■*
Apoat. Kammer unter Johann X X I I .. 1911; vol. 3 *: K. II. Sc-uÄrca. IMe .!•»
der Apoat. Kammer unter lu n e d iti X II.. Kiemen• V I. M. Innotrns V I. |U K ’
19113). 1914; vol. 4“ ; E. O liU O . b ie Pinnahmi'n der Apoat. Kam m er unter /.’
nedikl X I I. w r. 1931) : II. V. 8 t C n U ! n . V a li*. Urkunden a. Rcgeaten sme
Gearh. I.olhrinvma, Meta 1006; K. H irnis, ilonum. Valle. hieloriam epUt'1
patua Cimila Hl iena le fa Germania l U s i ln s l l« . R 6m. Quellen tu r Konatmmsrr
tllatumeoeaeh. fü r Keil der Papotr in A ritmon, 1303-1378. Inusliruck lpfW (<W
resto secondo le «uè fonti R iraea stabilisce rb c per Costana « rinttuenxa <1* -
laipolo nel provvedere alla »nie vescovile non puA affatto definir»! come dar.
noso al vescovado » ( p. s i .v i s .) ; |’. ItraUfimr. In em la lre analptiqur dea ¡.ite
ohligaltimum et aolulionum de* .4rcA(rC» Vaticane! au polnt de r a r dea aneie» ■
dioct'aea de Cambra!. I.itge. Th^eouanne et T o u n o i, Rome IHM. — B IM :-
«rafia recente: J . P. K ibm h. L'adminlelrmliom dea financea pnntif. aa X IV * #»•
rie. In R er. ifhiat reeUe. I (IWO), 374 sa .: R O A u ta. l u e tir »eh der pipati,
Pinan sim ealtun g unter Johann X X I I^ In RiSa», Quartalachr. XV. (ISO !) 3M aa
Kiws ii. IHe .4 nnatrubulle Klemene' V. tue l.'noland. Schottland und Irland.
Ibid. X X V II (1913). 3 0 3 as. ; K iaac«. IH e Verwaltung der Annalen unter h »
mena V I.. Ihld. X V I <1003). 1 3 5 aa.: Cu. ütUMWi «< O. M o lu t . Im ßaenlU
ponti f. en France au xrr* riepie. pari« 1005: M o u jt a f f i « . ; J . H a a s , fc**
ßnancea dm Saiml-ftUgr au iempa € A r i 0mom. In Ktudea 44* ano. C X I |imT>
4*17»*.. (ElOas. ;K. I l U m in a . Iter Hemahmtt der pépell. Kurie (ss /J. Jahrk
nella l f iaaenarhaftl. Reità ge «Iella Germania. 1007. n.* 43. p. 337 m .; ! U r a
u m . I rkttnden M. Revratcn (rr d l sotto). Introduzioni a i d ive rsi volum i :
H a i.« » I. a*SSL.. 44 ah. 101 aa.. 1 3 5 «k. 1 0 « ; Iln u s ia js K I I . 173« a ; O O U A
/*e l.iher taearum der pipati Kammer, la Quellen a. Poeach. ama U d ir» . Ae-
i M m a. « IN no tHMftV, 1 1 3 » . 305 as.; O O uua. pànilemliarie II 1. 9EL
133aa.; O f i u o , IHe pipati. Rraenalionen u. Otre Arde alane für èie tirchi
Recht»ent ¡dettane dea uuagehendcm MiltelaUer». M ila Internai iTaeàen
achei li 1910. U e 1 3 ; <l«<txca. Reperite-imm Germanicaa* I. B e rits 191A
43* SSL : K. H t s m W » pépetl. lehnten a a s beat adHand im geilalter dea
* rtfnon. Papali marne and tei hremd dee pranaem Settiemtea. tulle 1809. iaMC.i
Rmaifatiua IX , I M m l ; h x n . Papatlmm a. CmlCTpnne dee Tcmptmedema I.
ina SSL ; Juvm. Studien éher R n e d itl x II . « a s . ; K II. 9cn A r a . «T»rf tchafi
Il sistema carialo dell« imposte. 69

' .nocenzo IV e dal tempo di Clemente IV e Bonifacio V i l i re-


• ' in regole generali e giunto all’apogeo sotto i prim i papi avi-
> uh-sì — fu man mano devoluto all’amministrazione centrale
ila Chiesa, è facile a comprendersi come crescesse in egual mi-
.. anche lo sdegno dei popoli e specialmente degli ecclesiastici
ntro il procedere curiale.
K tuttavia non vi fu alcuna sosta su questo cammino. Il grande
a mento del personale, della burocrazia curiale, il mantenimento
rrr.ai sontuoso della Corte, bentosto anche le dispendiosissime m i-
• mercenarie, che dovevano conservare il dominio neH’It a lia ,1
tutto ciò richiedeva una stretta sempre più forte del pressoio eccle-
i«tico. Che accanto a ciò crescessero anche lusso e sensualità,
«rruttibilità ed ogni sorta di abusi, chi non lo comprende o vor-
r< ■()€ negarlo? Solo con profondo dolore si leggono pertanto da
» parte descrizioni come quelle in cui A lv aro Pelayo fa sapere,
eh-, quante volte egli si era recato negli uffici del clero della Corte
t* ntificia, vi aveva trovato sempre sensali ed ecclesiastici tutti
latenti a contare e pesare le somme di danaro ivi accumulate,
dall'altra i lamenti dello stesso scrittore sulle tasse elevate, sulle
zittirne pretese m aggiori e sulla venalità degl’ impiegati della
Camera papale.* L a testimonianza sopra le ’ piaghe della C h ie sa ’
«W Pelayo, il più zelante e talvolta esagerato difensore dell'auto­
rità pontificia nel secolo decimoquarto, è tanto più di peso in quanto

TOM 4 rr pop‘ ll A’ « rie fm #|. Jakrk,. nella W u m u f * « /» . U ri-


*• della Urrm ttua. Itti2. un. 2 e 3 ; W iauigCHurr. 300 aa.;
H .tc « V 2. SM5aa. ; A. T. WacrarHKo. Z u r ir-r 4r-t erwbUctlóft.
Smlcbmnt fm V tttrt»ltrr. la M U tH I. 4*r O rrH U rh f. M M w y flr !* + ■
X1.VI1 <1907i. 1 * 0 m .: llran K iao m ia-R iaacn III» . V ia « .; V .a * .;
* I.fhrbmrk dr» kathoi. K t r r i n r n - t f i . F r rll« ir* IBM. 372 aa.
I* |19r»|. s i j a t ) . «wrr»n.» B M trriak per la Iian lm arra : L. M o m a c i, O r aW-
***mtkr /•« rrr» forh oU Ut /»«am ar*. Kopenhacra 1W8 * A r i » Ptmllflemm /M-
I (1318-13?*). Ibtd. 1904. OTr. U x m u ck . /*ac«r*r» ta r la li M M S L
• ittr, H t r n u jt n In Jth rb. 4rr OrrrOm-k. /. (offerta* flrtr* IMM. 1 B ;
* H. K c a i m , f V t l i H k R lltrr a. F4rltmrrkte to Ilmlirm x4hrcn4 4 f» f|.
l’»der*«orn l » t l : W. C o n In U U I r l i 4r* In »M I. /. órlrrr. O rrck lrh lt-
^ X X X I V (1913). « Si aa
* A. P a u e i r a I I . a rt. 7. 18. P eraltro II r i * « « (W r HrcktmprJU a tirchi
» Km4r 4 r» M U lr U U r r t. Kom I W . p 62) « t w i l» che M o »
” » # • *» In p p o l'U r a lr della p o te rti ai In o ri lira ad U T o « l {H U ir U . i r *
A h M M i X I I I . 41) afferm a ebn per T a p p a to O toranal X X I I «ppurta
* k w » ordinatam i» nel m olo «Ielle ta n e e m i ne tollera la traafwaalotil.
f ù H t u n la « M . Jnkrk. XVIII. SS. i l do«to" « I t l a t M l r »««In a lo
et» la d n O r t « del gladlrt «tao ad aggi ramoal a «ir«K v «d «« » ’ ilappo
4*4 «ntetaa delle rtnerre, prnrrlftoal e annate per Opera di <il«nuul XXII
MabUirM wltanto dietro un n w i» raap M o dal r e M L <3* ♦ ’* « ■
**»te elinto. ma bbqtM nondimeno annetter» ctaan A ttiro rW U t » w w
* * detto papa tappar—'» ta «otto q w d o rana w ll» altro a*p»«t» fl p"nto
70 Libro I. Capitolo 1. I papi in Avignone. 1305-1376.

che, essendo impiegato di Curia per lunghi anni, egli conosceva


di propria vista come stessero le cose ad Avignone.
L ’opposizione contro questo rovinoso sistema d’imposte e con­
tro gli abusi che di necessità ne provenivano si fece tosto sentire
dappertutto. Dante, ’ divorato da zelo per la casa di Dio’ ha
espresso con parole roventi il suo sdegno profondo contro i papi
avari e nepotisti, ben distinguendo però fr a il papa e il papato, fra
le persone e l'ufficio.1 M a non tardò molto a sorgere una opposi­
zione, che non mantenne più questa distinzione e si dichiarò av­
versa non solo agli abusi che si erano introdotti, ma anche alla
stessa autorità spirituale. Il sistema finanziario della Curia, che
più di quanto comunemente si stima ha contribuito a m inare l’au­
torità pontificia, facilitò largamente gli assalti di quel partito con­
tro il papato stesso.
Senza dubbio nondimeno i lati deboli del periodo avignonesc
sono stati anche molto ingranditi. L ’asserzione che i papi resi­
denti in Avignone • governavano secondo il cenno ed il permesso
dei re di Francia » * presa così in generale è inesatta. Non tutti

«Il iII» t «ì vvr»o o N rilito il Mccoailo || txii)..x 2Til ». il governo di


(Slovannl X X II fu nrfa»to ntx-lie ppl dilatar**! «Mia p T rm u iliio r rontr» (I
•(■venni. In nuralti agita nlo preliminari* non al |iuA (minga ri- fin «love qwato
gtndUUi «la *1it«tin« alo. Ad ogni modo II roncolto «-gulto dal llan w n nriU
«piraltont rlw qui vengono In rampo, 6 mollo unilaterale. O fr J.«x»»>r*-Pjumia
O r t r l «fra iraltrlkra V o lir* V i l l i c i * , f: tuttavia Innegabile. chr I |*|<l «fai
l*m , CWnr molli «kl loro WKTwwri ( r , ||ix«r.\ 412».). «la veri (teli «lei loro
trnv|« furono trninxi rrrdull e arnia «Tifica nrirnniml«MÌ«aie <N II loflo**ì
■IlalnIM «mi mcndo » I r r to n 1 81 deve deplorare, n w rileva 11 O r n a <K lrflaa*
iter J r ta ilm Im é m ir m lT h r » Ifrjra p m .T a a n i. KiUn 1W«. p. l« a .t, «-hr aoJ-
tantn nel w m lo <trrÌM «rllim » Iti mia le «»«*«• la mia «ore «li am m xw lnm l1'
e «M dlvhrto «piani» a l prwv*«l «-«nitro le «t regia»
* l l i n r o . f i i /»«•«»«• 123 r W i . O fr ; an<-li<- f i r n m * . ( ’am. apn»t. I s»
lin a i ra I I I . S i l i «- R rtM itT r II. SIA. Il <|uale »«•«■enna Inoltre d ir l’aotorr
di «|U«-I «latrina Ananxiarto Al p t l'ai^m nto un nonio «vrlo. «rtnpllor e I r »
1ir rato finn» al miri et tal Ixl «ni «latrala flnanilario «trlla Curta. rb r a lalnn»
parranno furar ir> n i» « r r n i. rim n io Ir arri .•«ii«t-(mJ<*iI a «turato propo»lto di
J ». O- aara In BM or.-pm Ul ni X X V III. 7<na. ; rfr. X V I. S 2 » a . r n rllin tro
dnsluor alta vita r asti «-ritti di Knr. S»n«ooe retiti «lai D u no nM C K (2* « I « -
Hr«rn«iiunt I W l m i . Il forte malumore «««citato In «ìerniania «laU'toretta
di «lanaro Alita «tal ta p i avtgnonrid tra«jiare In parecchie rm n arh r di città
(rfr rhrvm it'm 4cr Urmltrén, < f i i i r I T . »W V II. IB S : IX . 5S3) r «alla «or
di «piratVpom trrmliWV rotar In Inghilterra. In at**rta nrwUtrora lYr. ( * *
avanti p S S * V. Inolile I U i u i I . 11 2 ««.. asswk. 4 1 1 » *.: I l . r r * V 2. « » • * . :
Klam u la Rum. Qualialtekr X X I (1WT1. Orarti. «T a. Sugli a fo n i j r r la
riform a al court Ilo di Virati» rfr. G ó u x a . H it Ormramtm* m »f * » Komtil
rum I V » « r ami Ihrv HIrr. l'r tr r lé r f m m f . orila f'rMtfabr t i r fi. n » i r I K i a :
O. V n r n t . I,rt M A n r r i da rlrrpr i r la prvHarv i r firn* « a rrmcilr 4r
r i m a r { I S I I H I lì. In R rr. # t M . e rrici V I ( I » » * . 31#««*
* J lt m a » ian X iM ila n lr I I w . A M n o n T t M U o I I » 1 « H i 1WT» S fi­
li «inaIr rtilan » w M 'allro « n an w l a ilM fr»tw'e*l * Cletnente V r I p tu rta i
»«tal «wivr-wjrl Nrll'altr»! « t ir in o rado Iti-ri in. rtte la iw iiu la mrmrrr la
Il sistema curiale delle imposte. 71

. papi di questo tempo furono sì deboli come Clemente V, il quale


presentò al re di Francia, perchè l’approvasse, la minuta della
M ia , colla quale incitava i principi d ’Europa alla cattura dei
Tem plari.1 Del resto anch’egli, il meno indipendente di tutti i papi
del secolo decimoquarto, ha opposto per parecchi anni resistenza
passiva alle voglie del re francese, ed un profondo conoscitore di
quest’epoca ha dichiarato apertamente, che il concetto da tempo
collegato alla « schiavitù babilonese » dei papi, non corrisponde pie­
namente alla realtà se non per pochi anni del pontificato di Cle­
mente V ; - perciò l'im piegare tale denominazione per l’intero pe­
riodo avignonese contiene senza dubbio un'ingiusta esagerazione.
In generale i censori unilaterali della dipendenza in cui caddero
i papi avignonesi mettono tanto in risalto l'azione politica della
Santa Sede durante questo periodo, che resta appena un po’ di
spazio per la loro attività nelle cose ecclesiastiche. M a in questo
modo non può che form arsi un ritratto parziale, che sotto la debole
luce crepuscolare dello sfondo anzitutto lascia scorgere a stento
le grandiose creazioni, che per la conversione dei popoli ancora
pagani emanarono da questi pontefici così di sovente biasimati.
I meriti dei papi francesi per la propagazione del cristianesimo
nell'india, Cina. Egitto, Nubia, Abissinia, Barberia e Marocco
sono stati assai poco apprezzati. * Furono appunto i fondatori della

arfataritO francese ( A tlgnonrt. Pà p ilr 24fl). U t « (X rtltrk r. f, Kirrtu nyrtrh.


XXV |1(KM|, .12».) dice M «»rf «alm eno un ritratto »torto p a rla i* «Iella arti la-
*lt# babilonica della C%k«a durante quel periodo». Contro M ou jtr </.r* papn
<\4i i-raoa) II vi i >* M i t i . Zriltckr. c'X l (1013). «24t non ammette cbr colle
■ di lui « I papi franoc*l alano purgati dal biasimo di »»gsviliine
alla Francia ». Ofr. anctie H t i.u a 1. 23 il . j n s « .
* IU li-zk . I'H m I I. H I. (Y r. lIo t'T O lr. rramct i m i fkllippr Ir B el
<>*arta 1*61) 1 2 4 *. W c ic k 7 4 : cfr. 80. V. a orbe g i o i f U A «8. Sulla dlpen-
deaia di ( leuM-ntc V «la Filippo II Hello nella «ineatlane del Templari cfr. ora
•¡•a-talmente F i* k c . l'a p itl «m a. Vmltrpmnp 4rt Tcm pim r4<-ns I. MQnater
IBW7. 07 a».. i M a i , 172 « l : M o lla * 22» «a. «o lle re ta tim i In generale di «Te­
n e s te V eoo rie Filippo. Tedi G. I j t r i t » . CISmrui F rt l'h iU p t* le BW,
Fkrta 1010 ( t . In prupoalto P. F o r a t i l a nel Jomrmml 4rt S e re n i* IX 1IHU1«
faae «•). c ir c a U giudizio di Haute anll'opprimente e dannoaa preponderanza
di Filippo 11 Bello e della Francia a l principio dei arroto xnr. cfr. Fi*ICE
la IIU i. M l t e k r . C tV <#loi. aot.
* f f B c * ». O fr. B o r r * a ir la S e r a * «Ira qmr»1 hi*!. X X I . 21. I.laerand
l e. 403 «a.
* Cfr. la proposito I pregiati a ttira li di F. K v m t h » « in HW fo lil. ttldt-
•nr X X X V I. 8 8 5 * 7 2 : X X X V II. 3.V3S». 135-153. 2K-2T.2: XXX VI II. 307 33T.
T0171». 7S B 813; X X X IX . 4*».VJ7 : X L I I I . « 7 *« < 1 : X I.V , «1-111. 177 310
Ofr. Zrtltckr fmr hUtor. 1 fcrol. 1*0 # . X M a a : T i * . QmarimUrknfl 1877. 3 30:
K t i * . OeaeA, t e r U U tU m .rr« *r* a a r* 4rr V oaeolri. roL I I I <Regenaburg 1VJO» :
II«»». UwmmBrkmméri I I. 1 « » . . 14®. 1T4. 197. TK>\ Rr+ntw m CÌ*m*mlU F. •
F.fMCL. Itmtt. m m c U e . L V I Itamar I.««8| patata* : VtmcMZU A *h *»4 l. ra r YfA-
**r*mrn4t (18771 I M a t ; » R i ««. O rerà 41» ItU m O rrt 4 *r * « U o r * » « * r » (B e r­
lin ItR l) 71 a», e B ra n o ** » , H < I i f r M t 44e Lém4rr- mmd i r t ì h r t « « * 4ru
72 Libro I. Capitolo 1. I papi in Avignone. 1305-1376.

serie avignonese dei papi, Clemente V e Giovanni X X II, quelli che


rivolsero la massima attenzione agli affari d’O riente; essi sono i
promotori di una serie di opere grandiose, alle quali si connette­
vano le più belle speranze. I papi seguenti non ebbero altro che
da conservare e custodire quanto con tanta sapienza era stato
fatto dai due nominati : a questo soltanto però non si ridusse Cle­
mente V I (1342-1352), come è provato ad es. dal fatto che nominò
un vescovo per le isole C a n a rie ,1 per l’estremo Oriente dell’Asia,
pel Giappone.’ I papi avignonesi furono instancabili nel valersi di
ogni occasione per estendere e solidificare l’organizzazione eccle­
siastica neH’Oriente, «d a lla Crim ea sino alla C in a » e per dare ai
singoli distretti delle missioni un centro sicuro mediante la fon­
dazione di vesco%’ati. Questo zelo ardente per la dilatazione della
fede cristiana tanto più merita ammirazione, in quanto che ap­
punto allora il papato aveva da lottare contro le m aggiori dif­
ficoltà. *
Veramente una estimazione piena della grandiosa attività dei
papi francesi per la propagazione del cristianesimo, come pure un
giudizio completo su questo periodo in generale, non sarà possibile
se non quando saranno resi accessibili agli studiosi i loro regesti

•IH i’IiiIIit). U ittiu m irm f (F ran k fu rt ISSO). ll(‘Mx;*-'i«. IHr U i— ionierantl


\ u n i»tr ita i im 14. Jakrk. In fHaf.-poL M A I ter C X L t l (1008), 81 a». Sali«
ni!**l«nl ilei Pramvacanl c iHunenlranl uelle Indi« a l tempo ilei papi avlgno-
nr«l «inll Jxrnt 18» a. IV U 'attlrtt* » ta llo n a rla del due Ordini trattan o la
riam im i»: L. LftMMfcsa. IHe Hei4cnm itilon dei SpAtmilleUtlleri. MUnirtrr 1919;
U n * » « , I H » llri4mm iitW m 6f f lttn u im Kpdtmlttrlalter, In E h ren fa lc
dritteker H ittenteka/t 1 8 1 « . ; Zriltekr. / . il if U m t triti. I l i (1913). 108
11»; (ioi.rnovicn. RIM. M crM U iom /. 4. Terra Santa e «M fO rtm l« framt»-
tean» I I I ( I3&OISSS), Quaraertil 1910 Orile missioni francescane tra tta U
l‘ 'I «actt&flIO u C n m x Storia 4rlU U in u m i francete. (Roma v P rato 183®
•in» 1883). 7 voti, che giungano al weolo dertmoaewto. C tr. anche KómitcAt
Qttarlaltekr I W I p, 21». 2TT ». ; E r g « . |„ Fetftckr. a. J u M . 4(1 Campo Santo
(Freiburg IW il 170 a V a tx b r V. ReaxjuuilX, Hitt. 4e» V i t t i m i francitc (P a ­
rla !*•«>. A. U a a r m tt t . Za r m itu ia llrrU ck n U ittion tfetck . dcr Frwntitkmntr,
tu griitekr. f. UUticm ttriti I (1911), 3 3 » ; OaorTTKO. Bine mitlrìallrrlickr
VtMtunsvrtelhckafl. IMd II (1812). l a . ; H n u u r n x 241 a * .; IjljiM ista . M e
FramHUammnUtitm im O r im i trdhrrnd 4et 11. Jakrh.. In P ra n ziti Sta4ten I
llU H ), 337 «a. litu i, /He ìlimonlnmittitmcm « a ter 4rn Tatare*. In i r r t
F **n t*te kht . i b i a . M a n n . Vammm. ratte, rei. 4ioe. Colmmirnttrm r n p i c .
Romae I t o \ u m r t w batto del pipi artgnonest relative alla «torta «Mie
BtMdMtl t>m»o E r m , Itali. Fran ate V (ISW ). V I (lM ttì. S a i prw r«dlnK*itl
dei gap* artgmwMS per gli s ta rt della Serbia e della B orala ▼. B t u » . Hekt-
tkm i 198 m Rivale poiv a l periodo artgnaneae fervatene del x n w i t l di
Wllna. Halle* *■ l'am ialet-i. di grande Im portai»« per la propagartene del
«nffutietama nel > o r d l > t d’Karnp* : r. F .vtm . I. 165. 2S I. 381.
» E rm a io K»m. QmmrlaUckr. V I 1W L 237 «a.
* Vedi KvmrtMAXS toc rtt. X X X V I. STO.
* OC». R n a r n In Atlpem. ZeUnng 1S7». XT&.
Il sistema curiale delle imposte. 7.1

t, n ati nell’archivio segreto pontificio.1 A llora soltanto si potrà


• .¡.listare le piena cognizione di quell’immensa attività interiore,
c*n» chiara e sicura nonostante le più violente burrasche esterne,
• quale sull’orlo apparente del precipizio non dimentica i cri-
-• ani sparsi e vaganti nelle lande marocchine e negli accampa­
menti dei Tartari e pensa all’eterna salute dei non ancora conver-
• • rolla .stessa fedeltà che alla salvezza della propria Chiesa mi-
•ta.£ Ma anche il materiale che finora abbiamo, permette
confortanti sguardi sull’attività dei papi avignonesi sia a favore
.K !le missioni sia per la riunione dei Greci colla Chiesa e per la
• f«*«a contro i tu rch i.’ Recenti indagini hanno inoltre fatto cono-

‘ I-a pubblicazione del rette«I del p*pl avlgnoneai appartiene al (tran.ll


ii* u»1. al ijoali .Itede l'impulso II pontefice leeone X I I I . I.a compìlozione di
■ i parte di end è stata affidata al Benedettini di Moravia e di Munte Camino.
Il Kinrtpio di .|ue»ta importante pubblica zione è ora uscito per le atam pe:
■> ln i Clementi* papac V*. M vaticani* arrketppi* fi. O. X . I.coni* X I I I /*. .1/.
'l muui/tcrulia editum. 8 voli, e Apprnd. (Rom ae 1SM aqq.). Cfr. anche
* *' ' » n . i . i ere ¡¡la ( x ret/l*lri* Clementi* V I r i In fo r m ili V I (Innabruclc
¡ " •t; Riixi.kb. Valik. Aktcn f. drut*ch. Oetrk. fa d. F.rit Ludw ig* d. l ì . (Im i«
! •k IMUt; K fB M , Bull. FrancUc. V (L l|» 1 « « » e PzCMCT, fìrnoit X I I .
Lettre» rU n n . Itntm t ì rurialc* i r rapporto»! è Ui Franot I (P a ri« ,1SU0),
1*°S: C o ti« !i, Jean X X I I . L e i t r i » ir r r H e * ri curiale* mia lire* à la Franca
I v l*#rls 1¡WtfMDI3 : D e r u z . OMmmI V I. L rttrc* ctotr*. patente* et cuciale*
► ™pporf«ii» 4 la Franee I, Parla 1901 ; L f c t c u t u l , r r W » V. L e ttre * *c-
rrtt., rt cariale* * r rnppnrtant li la Franee I e I I , P arla 1902-1900; M om jit.
J'aa X X I I . Lettre* eommunc* analptéc* d 'a f r i* le« regU tre» dU* d'A cignon
rt dm Valica* I-V I1I. Pari». 1904-1930: V inai, « r a o ll X I I . le tt r e * ctm m u tv*
»•»)« re* ¡caprrt le* reyittrct dii* d" A rt fnon et da P a tirà « 1*111. Paria 1903-
! » !! : i naieria Vaticano Itrlvira. I : P . B n u i f zr. fiuppliqurt de ClCm m t V I.
R « ~ IH «!: U d i i : A. P a t i» . Lettre » de Jean X X II. Rome. 1909-1912; I V :
* i'n asjta, le tt r e * dr Brnatt X I I . Rome 1910: V : 1!. Hoo i t e . fiuppUr/am
< ì . . - « » < V I. Rome 1911; V I I : A. F ira r *» . fiupplUtue. d -I r hain V , Rome
1*11; P . H r n it a r . F.pare* d'arrkii'r* ptmtif. da Tir* *Uete. f a m*. TIS de
* in Ker. BCnCd X X IV (19071. 4 M m . : X X V (190S|. 1 *1 » .; O. Baou. Bul-
*•»<«• Trairrtc « i r Romanornm Fon II ¿rum diplomata fuotquot olim utque ad
! T*anam Fa pam V I ian. ITÌH ) Im retcrrm F.pi*mpatuni Tra ferì rntem denti-
rrperinntur I e I I . H acae ro m iti« 1SS2. 1 * « * ; A. t-A*«. A d a fiaUbucgn-
'♦»‘iefrnaia 1 ,1 e 2 : /Me Prkunden aber die B er irkumarn drr pdp*tl. A'«He « r
». IHAsete ttalthmrp In dee arifu , l e i ! U t « i n * , t ir a i 1903*190«;
H .i n u j a . Analerta A ro m tin m M a . Vattk. Aklen t . KrpctU-n sur flntrk.
• Hutum * tttra**burg .... /} .taìrh . M « . X X I I > 1 M I (ftt
*» t r o p p o s . i nu asd nello Jakrh der OrtelUeh. f. totkr. O rar*, u. Alter-
'»rande X I I I (19011. 41« aa.) ; H. V. SAi rai ASO. trknnden uud R e ta tU n
C r r,,a r * ^ Kkriainnde au* dem ValKau. A rrk ir I-V I1, Bonn 1902-1013
'* v »«1 periodo a rix n o n e w I roll. M . pel tempo dello ariarnal
• Parole del Prarrz in jirHMr drr fìetetUekalt f * r M e r e demlteh* O rt-
'btektétnnde V. » C ft inoltre R i r n s c r a in »«•#. Jahrt.net, XV. S2a.
* VTt. Arrh. PramcUe. Afa». V I (1913). 705a». S a lir « r ie trattative per
lB* * w (eoa Rinanzio tori 132BI «otto O (oran n i X X II. vvdi N o » « « «*>«• •
**V p 7«1 a ; aatto Benedetto X I I : Jaran 88 a> C lm la p o titi™ d i (Temente V I
’’■•'•o In r r w la u e i'nnione. J. G a t . Le pape CUuaenM VI et tra affate** ff/rieml.
•■»rt* 1»M |B propadto r. K o i n i t a in v it i eit de* Instu. f. &*terr. (im-
•**eht»laeneh. X IX (19n*(. ifc s « *). Su lle r * lazi o si d i Ir t a n o V voi «Sreel «
74 Libro I. Capitolo 1. I papi in Avignone. 1305-1376.

»cere la gran parte che con generosità il secondo di quei ponte!! .


Giovanni XXII, prese a prò del regno cristiano d’Arm enia dura­
mente provato.1
Tuttavia, per quanto si riconosca quest’attività ecclesiastica
dei papi francesi, che abbracciò tutto il mondo, e l’incremento
che da essi ricevettero le scienze e le a r t i,1 non si può negare che

imi |m"iiiiKlo itila OliU-iu cattolica (l.'MUt) <lciriin|M-rntorv bizantino OloTanuI V.


efr, Xoaiiex 7<CI a*„ 704 ». ; Mugli «forzi contro 1 Turchi »otto Innocenzo VI r
Urbano V : Joai.A I. 218 «a. V. anche le lettere «lei papi nvlgnoneal nel D<>
matarium l < »< Io-Lei antlnum II. Venetll» 1*99. Sul progetti <11 ero d ala «otto
Gregorio X I e II vlgorono a p p o c o «latori da S. Caterina «la Siena, cfr.
r. KiTK>:MMHirr 1)0 a«.
» Ofr. O t l u n In U r i n i Citrini., 15104. 184 a». * TouaxraitZK, H M . de VA'
nuttii. l’aria IVI 1.
> Sulla grnndloaa blbl|ot«<ca nxvtan Inaiente «lai papi avlgnoneai t . le fon­
damentali ricerche «lell'Eaiux. /Uhi. I. f f r . nuche Thomas. L e » lettret t (a
m a r d n ¡miprt l'JtU .U 2l t Itomi- 1884): K » t'n is , l.a librairie dea pape» f . l
tfmm (3 »«II. l'a ri* 188»1); Iter. de l'arl chri-t. 1891, 2 0 0 ; 1802. 2 8 3 * .; S tim m a
aa» Uaria-I.aarh IVOO, I .V lll, 3 8 8 » .; K iihle, Un rutti lupo fin vai i n » » * ’' il"
d. biblioteca ¡tupaie rf'.l ritm o»e (1407), nel Fatciculu» Inaimi IVilli» Clan
dicala*. Cambritlffe II»«». 9 7 aa.; C, i m u n . Ronai»»ance n i» » .; K. II. 8 < n a h a .
Papa! trb a n t r. Pùrdm tng drr irUtcn*ehafll. Ntudien, tom ckm lick aarA
lu i**. Qnellrn. nella F rtltrk rifl fur O . roti IIrritino -ahi 70 (Irbnrltla-.-
Kcinptcn 11*13. 'Jial»a. Sulle henemerense ipmnto alle unlT«raltA, ve«li I>i v i n i .
( «Ir. I ; ckartulatinm Xtudii Himim. 11. itologna 1013. gu anto allo »lutilo dell«
lincile ebraica, caldaica ed araba promoaao ad opera «Il Clemente V e Gl<-
»annl X X I I cfr. l*»M rt.r. Ckarlul. I n l r . ra ri ». II. I.Vtaa, Sulle beueme
rena«» .pianto alle università r. D w n r u , C nirertitólcn I. Pel mecenati deli
arti, oltre le opere nominate »olio a p. 72».. 81. 84, 00 tornano tupralutt
al |>r«i|iodto 1 nuninro»! lavori «lei Mt’ s n t, fra cnl Mia» «la «ritarai: l x » f r i n i r "
d’Atipnan pendant Ir rignr de Cltnirnl V I (Tour» 1885 F.rtr. da fin ii man ur-
ISfi t>l U palai» Pontificai de Sontar» 1319 •> I.V>> (P arla 1885. f.rtr. d. U + ~
de la Soc. de» A nlitf.) ; P m t ,n r . in.\dil» da X I V »itele (ParW 1SS8. Krtr. *•
la Oat. IrrA ) ; L r t-m b r v n de C i t a m i V d V te tte (P arla 1888. F .jtr 4. i l ' "
4e la Soc. 4e» AnlUf.)-. Oioranni di fiarfolo In .Ire *. *». 1888; l.'k itl. de» ari»
dan» la ritir ttAriamtn (P arla 1888. t:,tr. da fiali. arrktW. da Corniti 4e»
triti. kt»t.)x l.r» arrkilertr» 4‘Artpnon an .T/V* »itele (P a rla 1*91. K rtr. da
fla ti de la fine, de» Aniltf. 1 *9 0 ); K rr. de Vari, ekrtt. 1891, 1-85». (Grego-
rlo Xl > ; 1892. I V . 277». (Innocenao V I). I.e» rntr* d'or pontif.. in K c
de rari. 5* »eri*. X I I (1901). Ina. C fr anche GCIBAVO. fin a ù M m r *
2 3 » » ,: M. ItvnaAtC nello Jakrb. drr Kan»l*am m l, de» ftitrrrrick. Kaimt’karn
ar* X X I I 2 ( Itmtl. « 8 » ., 70a. Sulle atrette relaalonl artistiche e acientlflct*
ilei Canonici asnatinlanl e «ledi Frem iti aci>«tlnanl di IW m ia con A v I f M '
(»Italie e la loro Importania per la c irllt» spirituale di Boetnla r. la cutuunl
catione di K R r a a m t . B rriekl after Foncknnacn eam Irtprm np drr nenhark
drmlnckm Srkrifltprackr nnd de» drnltrkrn IInm anitm nt. In P k ilo» a. ki»t.
Akkamdl drr tifi, prrum. A M . drr IfiM 1003, 39 »„ 43 aa. L 'attiv ità edUlrW
«lei popi al *»te»* a gran parte «Iella Francia m eridionale: apwetalmeote t'r-
bano V ha la »ciato apleadlde tmtlmonlanae «lei « io baca guato a rtW I*»
O r . O t 't u r t L f.e» fonda i*m » da pape Vrbain V è Uamlprilier (M <*tpelU*r
1NMI. 1M*>| ; Ml’ v n , ! * • c a n tin e lla »* da pape l'rim in V d ilotUpellirr (P ari*
isain « Ree. de* fu rti, hia». LXV1. S T S m Quanto a Clemente VI nrf-
M F a c t o * . X o lk r tu r la i« M tra rN w de rrylitr de la ChaU r-D trn {B a u le -
Ixnrrt ctc, { I W I&Sih m r . «<d_ P aria l i » l
Il sistema curíale delle imposte. 76

». i traslazione della cattedra apostolica da Roma, sede naturale


. -<-la storicamente legittima del papato, subentrò un fatale can-
amento. Strappato dalla sua propria residenza, il papato non
i. !• mantenersi all’antica altezza, per quanto taluno dei papi avi-
¿rnonetù compisse grandi opere; la libertà e l’indipendenza del tri­
bunale supremo della cristianità, che, secondo il detto d ’ Inno-
o-tuo 111, era obbligato a tutelare i diritti di ognuno, si trovò
< nnpromessa fin da quando nell’alta direzione della Chiesa si fece
* ‘ntire in misura così forte l’influsso di una nazionalità, la quale
in sè nasconde ben poco dell* universale ed assai dell’esclusivo. Fu
affatto contrario alla natura ed alla missione del papato come della
Chieda, che questa nazione si arrogasse il possesso esclusivo della
»uprema podestà ecclesiastica. Il pieno esercizio della somma auto­
rità spirituale riuscì difficile e spesso impossibile, perchè i papi
non potevano agire liberamente ed indipendentemente. II pre­
stigio deHa Santa Sede decadde, perchè questa per lo più venne
ritenuta ancor meno libera di quel che realmente fosse. Il papa
era considerato in certo qual modo come rappresentante del re
di Francia e la sua libertà d ’azione difficilmente pareva accordarsi
colla condizione di tutela, nella quale lo poneva in buona parte la
posizione geografica della sua nuova residenza. Ogni volta che il
regno di F rancia veniva a contrasto con una potenza straniera,
>i papato trovavasi in posizione falsa, poiché si sospettava di un
favoreggiamento per la Francia anche dove non c’era affatto,'
Nell’opinione pubblica ogni papa residente in Avignone era rite­
nuto più o meno un vassallo della coroha di F ran cia: dietro ogni
#uo passo si supponeva la politica francese.
I-a dipendenza dal potere di un principe, che per l’addietro
avea dovuto sentire abbastanza frequenti le ammonizioni di Roma,
f'>rmò uno stridente contrasto colla pienezza di autorità reclamata
dal pontefici. Per questo motivo ed inoltre pel contegno fortemente
mondano della m aggior parte dei papi avignonesi, si avegliò una
opposizione *■la quale lì per lì potè venire domata, quand’essa
»'appoggiò al vacillante e mal sicuro potere dello Stato, ma che
commosse troppo profondamente gli animi per non produrre un’agi­
tazione, di cui il contraccolpo è dato di rintracciare in tutti i se­
coli susseguenti ». Persino persone del tutto favorevoli alla Chiesa
e fautori entusiasti della Santa Sede — basta pensare a Caterina
da Siena — furono trascinate da questo movimento. ■ Ora ad una
tale duplice corrente, tanto politica che ecclesiastica, non poteva
opporre alcuna resistenza l’edificio, per sua natura troppo debole
e fondato soltanto sul principio di autorità, di un sistema di stato
pontificio, che s'era form ato indipendentemente dall’impero e se­

1 LoMCBra. K<rrhrn p o l l i n 4 t I. 19
76 Libro I. Capitolo 1. I pupi in Avignone. 1305-1376.

guendone con pari passo la decadenza ». L a tremenda rovina del


grande scisma fu l’immediata conseguenza della falsa posizione,
in cui « ’era messo il papato.*
I tristi effetti della dimora dei papi in Avignone si fecero so­
pratutto sentire in Italia, dove era subentrata una piena anarchia
appena che il paese, per l’infelice risoluzione di Clemente V di
portare la sua residenza in Francia, era rimasto privo del suo prin­
cipio di unità. Dilaniata da fazioni implacabili, le penisola italiana,
che non a torto fu chiamata il giardino d’Europa, era diventata
luogo di desolazione. Si spiega quindi facilmente come tutti gli
Italiani fossero presi da un vivo desiderio del perduto principio
d ’unione, desiderio che si manifestò nelle più energiche proteste
contro il papato divenuto francese. Con acerbe parole il poeta
della « Divina Commedia » sferzò nel prim o « pastore di vèr po­
n e n t e »1 il connubio fra il papato e il regno francese e quando,
morto Clemente V , i cardinali si radunarono in conclave a Car-
pentras. Dante si levò ad interprete della pubblica opinione offesa,
che reclamava il ritorno della Sede pontificia a Roma : in una let­
tera diretta ai cardinali italiani li scongiurava ad eleggere un
italiano.'
I più severi giudizi sui papi francesi li ha pronunziati il Pe­
trarca. Egli condanna per teoria ogni papa residente in Avignone,
degno o indegno che fosse. A l poeta nessun termine sem bra al>ba-
stanza forte, quando parla d ’Avignone. P aragon a questa città alla
Babilonia dell’Apocalisse; in una delle sue poesie la ch iam a:

Fontana ili dolore. albergo «Vira.


Scola d 'w n irl «« tempio d > n » la :
Olà R o m a , o r T la b llo n t a fa in a e r i a . .
O fucina <r Incanni. o prigion «i'ira . .
W TlTl Inferno

In un'intera serie di epistole, che però tenne gelosamente segrete,


vuotò il calice del suo sdegno contro la città, che aveva tolto
alla sacra Roma la residenza dei papi. L a stessa form a pacata
del sonetto, in cui era solito esprim ere quasi esclusivamente le sue
gioie e le sue pene amorose, fu da lui usata per fulm inare nel

* Il fftodixio ntirrlfrrilo f qiwllo <1*1 H rrv o jrr. Throtng U ltm tm rM It


V I. «W3
* tn s-r*. Ittfrrmtt X IX . sa.
* L 'n iM r M i di qt»mi'<>pistola * attentata da O io r A jm V ii i n i : r a t n
dnhhio, m> ala Id r a ti«« a quella aroperta «lai T a rn » ori 1*3$ I riprodotta la
OM». atta, di U n i r n i I* F M n r n u Fintin e IS82. I I I . 4 « - i * i ) : T . K u r * .
/ »«# # . Vi. 280 a o s «. J. Ilfw i. (Hmmim fírtrf sa die «tel. Kmnitmtu. nella
W fwr O rm u rrt 70 m ) * a fa » o r * d e U a u le o tk -IU d e lla I H t w t IV I
et u d irlo en a céra lo 41 Ita a te la questa le tte ra nulla cnm nfcaar d e i p i a d r *
d ella i "hiena c fr. F w k loc. c i t . 481.
Mali causati dalla residenza in Avignone. 77

tono di un profeta dell’antico Testamento contro gli eccessi di


q i v . l a città p ro fa n a .1 A ndrebbe tuttavia assai errato chi rig u ar-
lìa' tì t ome appieno sicure e fedeli queste descrizioni della per­
versità di Avignone e, in genere, della corruttela degli ecclesia-
-t i, abbozzate con ardore prettamente italiano. Qui il P etrarca
parla come poeta e come patriota ardentissimo, tutto pieno d ’en-
M'iasino per R om a: i suoi giudizi sono per molti rispetti esage­
rai;, parziali ed inguisti. N è la sua condotta era tale da permet­
tergli d’impancarsi in tal guisa a rigido predicatore di moralità.
Per tacere degli altri suoi traviamenti, basti qui ricordare la sua
-regolata «caccia alle p re b e n d e ». Con questa sta in qualche nesso
il suo fiele contro Avignone e la Curia, onde si può argu ire che
qualche sua domanda gli sia andata fa llita .1 N u lla egli ha fatto
pel miglioramento del mondo corrotto e anche abbastanza tardi
cominciò la riform a di se stesso; da sognatore idealista s ’accon-
tentava di belle parole senza tentare di mettere in pratica le sue
idee di riform a. *
La condanna perentoria dei papi avignonesi deve essere deri­
vata in non minima parte dalle ingiuste descrizioni del Petrarca,
ai!e quali, senz’alcun esame, si attribuì nei tempi posteriori un
valore storico che non hanno. Spesso si volle persino riconoscere
in lui un avversario sistematico del papato. M a nulla di più ine­
t t o che questa opinione. L a divina istituzione del papato non è
mai stata da lui nemmeno da lontano messa in dubbio o con­
traddetta. • Come g ià fu accennato, egli si trovò esteriormente in
ottimi rapporti con quasi tutti i papi del suo tempo e ricevette
non poche prove del loro favore.* L e sue ripetute ed insistenti
«ortazio n i di lasciare Avignone e di tornare alla vedova ed o r­
fana Roma, dai papi avignonesi erano accolte come pii sentimenti
di poeta ed a ragione, perchè null’altro erano in realtà. Infatti lo

1 < T r . 0 rxr.Uk Prtram a 1R& -It»; O u r A H I. n : t lu n u 8 5 m.. « i n .;


K u r » . f’rtnrcm SU, p 2W Die Rrtm r 4r» F r . P rtr m m . | b n , «. rrf. Tua
R K n i 'U und. L. r. R n x a n n , Stuttgart MBM. I, Z i» ; II. IN I a.
» Vm irr. WinlrrbrlrbuHg 1>. 1<M : «-fr. « «. M> «. e K u r « . l'rtram t MJ.
P 390. Ofr. anche K o ì t i i i ì I. 2T. m . 300, (] qual« a ratti«**" fa raawrraro
•I. )W ) rh«> colai ale— a. U quale tarato a flod k-r « n w i delta m m U
•le’-la t’u rla it lp w a t w . nna t m rt pai alcuna partila d i bla «Im o per 1» ero-
‘W l* «W Vlam ntl. cui a n i! adulò la modo Indngno. « d » aneto- la »trullo,
v in a io a t n W » potuto flirto a rn ia temerti*- n a a r r v » ' dt aorta, dall« sua
4>*ra <U »alilo caal rlo q tm ll non 4 taartA rfo a tlr parala di dl»appra*utlaoa.
v ancfce Smorxi». RrHtml 3*; I.R j.r 15; O. K. Bm m t, ftmr W fm rv w . #«•
"M rt ia / t a M n«*»rr A cifnam, o rila rlrtata L'mrt p r v r m fl, U U m a n o a
tluroo. • urta rat au ra te . A r lp n « 1013.
• K i t m » I. ST. B w to u »7*. M o n n a W » Cfr. anpra p S.
• K f ìa m c I. 407. *41 : I I. ani
• d ir. O r n u r * . R / m ìm * « « . a » * ; C troL U . F r Frirmrrm r Ir tmr r r U .
*iomi cnOa corte « rlfiM a o r. In M*mk è. i n i 4. « d o u r 41 Tartmo. 2* «T ic,
l-ix (190P): p. K t*r i»l ncHMrrfc ,iar U«L. S* «Mie XI.V <1910).
7* Lil»r» I. Capitolo 1 I papi in Avignone. I80&-1378.

stesso Petrarca anzi che nel patrio suolo italiano preferì dimorare
per molti anni nella cattività di Babilonia da lui sì spietatamente
condannata, dove era trattenuto dalla comodità e da motivi d’in­
teresse per la ricerca di prebende, laddove i papi erano legati alla
loro residenza in Francia da tanti vincoli difficili a sciogliersi.
Se pertanto si deve assolutamente contestare al Petrarca 11 di­
ritto di mostrare la sua morale indignazione contro la C u ria avi-
gnonese, ed attenuare senza dubbio in molti punti le dipinture
che egli fa della corruzione di quel luogo, la critica amante del
vero non può tuttavia negare che nella Corte pontifìcia trasferita
sulle sponde del Rodano s’infiltrasse in una maniera deplorevole
lo spirito di mondanità e di tempo in tempo si sviluppasse un lusso
eccessivo. In conferma del qual fatto doloroso si possono addurre
testimonianze ben più degne di fede che non le descrizioni ret-
toriche del poeta italiano.’ Si dovrebbe solo essere tanto giusti
da tener conto, oltre il resto, anche della circostanza che con l’a f­
fluire di m igliaia e migliaia di persone in quella piccola città di
provincia, elevata d ’un tratto a capitale del mondo, dovevano
troppo bruscamente risaltare tutti i lati deboli, che sono proprii
dei luoghi assai popolati.* Per quanto sia profonda l'impressione
prodotta dalle violente querele degli esacerbati contemporanei
sulla corruttela d’A v ig n o n e.* d’ altra parte quest’ epoca mastra
anche consolanti manifestazioni della vita ecclesiastica, le quali,
com’è naturale, fanno poco risalto nella tradizione storica, perchè
di preferenza il loro campo fu la solitudine e la quiete. Anche in
quel periodo agitato non mancarono alla Chiesa santi, nei quali
rifulse lo spirito del cristianesimo e del suo divin fondatore. Persino

> (ilu iltlio <k>t Vomit 1*. S3 II. JtrortV. Die tt'rllan*ckam*mo Pttrmrrat
(P m u u . Jahrft ISS2. X L I X 570) ilW M -ni'altro: « I n poittira II P rtra rra r f»
tm h m lM tlrn t. StmiU- sithtUlo (ironutwiano Htt.no. I 'E r t s « « <2H|-3*2k. l i v
n « t 11. 421*. 450) «• H ttrfoll (Milk.
* (tr «iw w lalm rn te Ir ttrw rttb m l «11 A t.vta o P r u w . a « a t brat* ln f« r -
mat.» 'ti llv !■.««• tl'ArlxnoiM". In tin lii«e>> ( I I . 4 *) qtievto « t l l l o n ' a a u l d r tn to at
l»lM «14«-»* r « Lupl sum •lam lttanti'« In r o r li-»ta : p a w u n tn r « a iu n it t * ; anlm a
unln<nttit*tti<> « » r u m In «anitthw- w t *. C fr. I ' » m h /’ o r a 4 X X V I I . H rl
In «... «V ila t 'n i l r a v i i w r n w n r r tilr a w n t«» trattft col la «tm p atla d rib * « t o d lo w
ib 'll'artp U M t’ x t * In K r r 4. qursl. k it I. L X V I . 5 m , 37** «a. 1*1 «1 a r m tn a
im rv a lia U 'W l l r r n i « d rl popl. I V II l a w « t l t n p p i t « »o tto t a r t I rapportl
f i « w • Ir a o n lln a r la m r a lr r m i x l r l'a m iw ttn aarbt* II M (’ : eft. «npratu ttn
3 S 4 ««. C fr. attrttr M « u t W * » » .
* K iW im 1. 130
* In-I rrwto b«W * h a d ob h lo rh r Intrano *1 w r r f c r n W * UK ir t ln £ ir »li* io
•ttllV|H>ra a t i l B o t r a r ■M'lla |alt1 f a i t * <k>l « T o o l» tl H allan l V, B u i Hit. 10. 14.
i s . 9 ». 21 ; c fr . (In m u tr . U m a n r l f a p r » 79 S u l!r fn rtl w m w w U n t l r <ta
| « r v a t «Mat «locutw nti «- w w t l laltl daD’A t r U d *
Vat trait« ( I I I I . n > * l t w e iw . ) . m l JwrtMln rfr. S*m * rva arlta
H -m Q « « r t « M r X X (I B » * » , G w rh 133 m.. d o * » rrM nato tH o ttr alia
m Su ra W r a a m t iia t i r nan d m U t n it f i m m lt m ilc a l tWBo h n n t a t d .
Lati oscuri e belli del )h<riodo aviguonest*. 7!*

i . i ¿-veri come A lv a ro Pelayo, di prelati altolocati, come ad es.


iti Cardinal legato M artin o inviato in Danim arca, sanno ripor-
tan? tra tti che attestano del loro disinteresse ed abnegazione.*
Oltremodo grave fu il colpo che colla traslazione della Santa
- . in Avignone toccò a ll’eterna città. Come residenza del papato
fi -na era stata il cuore della cristianità e la celebrata regina
<]•■!!<■ città, la mèta dei fervidi voti per m igliaia di pellegrini, che
anno visitavano il sepolcro dei principi degli Apostoli per
ffr.re nello stesso tempo al loro supremo pastore spirituale, al
v .»rio di Cristo in terra, gli om aggi del loro fedele amore e vene­
ra; >nc. La città aveva ricavato grandi guadagni da questo nu­
meroso concorso di forestieri e dalla Corte pontifìcia; parecchie
.»riche importanti e lucrose naturalmente furono attribuite ai
Romani, che stavano più vicini al sole del favore papale. Tutti
•: ¡<~*ti vantaggi erano tutt’a un tratto cessati e Roma, dall’altezza
di dominatrice del mondo, era discesa al grado di una città ita-
i ana di provincia, priva delle rendite più importanti, lasciata in
>Via dei partiti e, sopratutto, delle fam iglie nobili potenti.’ Pa-
iv chi pontefici ai presero bensì cura da Avignone delle chiese della
ò -iolata Roma, specialmente della basilica lateranense gravemente
danneggiata da incendii nel 1308 e 1361 e da un grande terremoto
f.«*l 1 U9 ; ma quanto più si prolungava l'assenza dei pontefici,
Unto maggiore diveniva lo sfacelo.4 l a popolazione, notevolmente

• ilórua. Kmnti n . U r l i 131-133. Cfr. Kau-a. /*•»/ 4SI. 487«.; Seni-m ora
2®*. »74: Wrrxra u. W e i.tk'* Klrrkrttir r i ton IX *. 115*.; Ilt « u n n m ( « II,
149». 115» «> SllzungtbrrirkIr 4rr H 'fra rr t In4. hutor. hi. 97. p. *78». Su l
*•*?«linai im t o M a rtin o cfr. M o L ia m , f u A rlfn o n tir Poteri forhoM in Itam-
i K n fv a h a g ra 1*WI> U S X.
* D t 'w r i m i i 240 m . P t m r a m , N le n to 3 7 « . ; A. «w B«<'*in>. I.a m e «-
m ìn rt* 4■ p n p r t u r R om e a u r x tlt* r i j j r t l r r l r i In R ee. k ltla r. C X V l
«l*»l4». e ia « .; M o ii.tr HWaa.. 171«.
* O fr. L a r o , l * t n n SIO. SBSaK, » * > « . . S t i l l i n i* !« » H I » riera« n i*l«K >
lei U i i t i i k » r. an rttr K r r n . D r r h ir r h r n t l n n l n n te r K l m n i f . . IterU a 1007,
11 * Sol rm ta iiro i M te tt o d i H P W r o ad o p n n «li IW n w lft t « X l t « a l l 1‘*a -
l * " la U H . 4 < t r r k r » l r i ¿ - It iti X X X V (1918). *1 a. * A r r » Rum . X M . 3S3 m . ;
r « t l iln a i d i R n m l i i t n X I I ani ano restau ro d el M i o d i * Pietre». cooapr*ala
* >lk‘ O M I r vatican e. h rip ro d o tta r ceaan M i ' « « . R a m o 41 t in n ir . M ilan o U R I.
«alla bolla d i «¡loTmanl X X I I per I u w l d d i H I*a<4o w l i W m ij n .
* - - * Uoomikrn mm4 llnlcrtlen «27 a Itella aotterlt odine d i Cteowntc V I p w
*1 U i n a i o * Ira tr tuttora la aoa a n o» o ri rhloatm delta W i l d O. •'»ICO
n r ir a c r * 4. Sor Rom X X X It (1900«. 411 « l. un calai«® " delte
m -m jtttrrt « •«pedali d i B o n i del p rincipio del « c o lo X* <proba bU-
*"» » * |«to dopo II 13131.
* I t r . r o d i . .(ip r iti 41 Ram i uri T r r m i o «p ila H r b U Rontn I I I « ® ) .
1I* ** N e ir> rw to 1373 l'a i« l1 iiU » i I.a ld M a o is t i » rT l'rta a tìu ld o del
l'a la « *: « t u r a n t i cM »note te ctotea» d i R o o a . M i <ttr» m ***> coperii
**> altari, r i» «tella polvere nono piA «o«-venni ! e h * d i a ltro rteoprtinm to da
**■»11- Cte I titoli letnrnno 41 rnm; n o * dteo » *mk» o * r la le o cani onci«!
^ H » hanno tetti. tM rl o »arra ad ». U ll« r » M rra. !.. i l urtigli J -*t
»0 Libro I. Capitolo 1. I papi in Avignone. 1305-1376.

diminuita e im barbarita, abitava in piccole case sul Cam po Marz.o


fra il Campidoglio e il Tevere ed inoltre in Trastevere. Tutto il
restante ampio territorio entro le m ura aureliane era quasi d*
tutto deserto. 43 chiese giacevano abbandonate, 11 erano affatto
distrutte, molte altre senza tetto e stavano per crollare. Persino
le basiliche principali minacciavano di andare in rovin a: a S. Pie­
tro e al Laterano i greggi talora pascolavano fino all'altare. Scia­
gura ancor m aggiore che ai monumenti della Roma cristiana era
toccata a quelli dell’antichità pagana, che venivano distrutti senza
alcun riguardo. Un legato mise in vendita i m armi del Colo*
per farne calce. Il materiale degli antichi edilizi veniva trafugato
persino in paesi stranieri. L ’archivio dell’opera del duomo di Or­
vieto conserva una serie di documenti, dai quali appare, che i pre ­
posti alla fabbrica ritrassero una buona parte dei m arm i da Rom.i.
che essi mandavano quasi più spesso quivi che non a C a rra ra pro­
curatori ed agenti e che in ispecie dagli Orsini e dai Savelli ebbero
ripetutamente in regalo grandi massi di m arm o.1 Quasi totalmente
era cessata l'attività edilizia. Il solo importante lavoro pubblico
dell’architettura romana durante tutto il tempo dell’assenza dei
papi fu la costruzione della scala marm orea che mena alla chiev.
di S. M aria in A ra Coeli, la quale, come dice l’iscrizione, fu eretta
nell'anno 1348, in ringraziam ento della liberazione dalla peste.
Nel secolo XIII l’arte romana aveva preso uno sviluppo as**ai pro­
mettente ed aveva dato considerevoli produzioni specialmente ni
lavori in marmo ed a mosaico. V i fu in prim o luogo la scuola
prettamente nazionale dei Cosmati, che in Roma e nella medi..
Italia svolse un'attività altrettanto diffusa che notevole. A ncor
alla fine del secolo Xtll era sorto il grandioso affresco del giudizi-
universale di Pietro Cavallini a S. Cecilia in Trastevere. • Sott"
Bonifacio V i l i , Giotto, il gen io che apri la via all’arte italiana,
aveva eseguito dipinti in S. Pietro e nel Laterano. L a traslazior.'
della sede pontificia in Francia pose rapidamente fine in Rom->
a questa ripromettente attività artistica. * Anche sotto questo rap­
porto Avignone sorse come pericolosa rivale della città eterna

> P im c o u n , KUmeo. 43: cfr. (praj-A V t u t ì Stari* ir I émomo 44 O rrW »


(Rom a 17»!> 1C8. I0B. 3WV « S » . 3S«. S « ^ 2 » . L F a v i, i l 4mmmo 4i O tri*
Ruma I M I . SS •«. RrarXM AM rr. f l r * * . 4rr ffra a i**. S , .irrk. 11. 4tiT\rtr I I
S O M B all, 4. mmm »rrtk 1S87. 291 a» BaUTCKC. flruch. 4r* Katon r » m (K ”
n W v K l '«»*>> S I * it r . aoclM* U x n t n . Kmimt 34S. 3 7 3 a. * A a r i 1. W »
S v ilo «raro della rata dclHr Voatall «»ito la rh lm <11 a. M arta U M i l r k «
*1 Ir o r i m o rt w a lm n it« ' q oaU ro fornaci da calne, rh» narrano fai llW »
Istoria dei (oaatl tri (»rjxrtrali
* r.mwtai- av
» Ofi. ItraM a*«». OH agn racM 41 /*. r« r*U (» i « i . r«rlN * te TV»aterrrr,
Roma ll»*3 : V t m i t lo r ctt.. 10. «2 »
« C iaw oam tra V I* K t . C fr. II. IO »»« c S c *J / u M VIP. €77:
Octaar» T9 »
Lati oscuri e belli del periodo avignonese. il

t hè i papi pur nell’esilio non trascurarono le arti belle. DaJ tempo


di Benedetto X II molti Italiani furono occupati in Avignone per ab-
. ¡¡re di pitture la cattedrale ed il palazzo. Solo la morte impedì
n Giotto di rispondere all’onorifica chiamata di Benedetto X II.
In Avignone il maestro direttore fu Matteo Giovanni da Viterbo,
che si addestrò alla scuola del senese Simone M artini e costui
pure dimorò in Avignone dal 1339 al 1344, ma degli affreschi
che egli fece nel portico della cattedrale purtroppo non rimangono
he piccoli resti.1 N ella desolata Roma quanto alle lettere le con­
dizioni non erano punto m igliori di quelle deH’arte. Vero è che le
conseguane di tale stato di cose si fecero sensibili solo più tardi,
ma insieme tanto più fortemente palpabili. E invero il trionfo del
nn^cim ento in Roma non avrebbe potuto seguire sì presto nè
r ere sì completo senza quella barbarie proprio orribile che si
era stesa sulla città priva del pontefice spegnendovi intelligenza
e -?nso della cultura medioevale.
È diffìcile farsi un’idea sufficiente del grado di selvatichezza
* del totale squallore, in cui Roma era allora piombata. L a regione,
che il Petrarca contemplava dalle terme di Diocleziano, offriva
iV'petto di un vasto campo di macerie, sul quale alla rinfusa
«nino sparsi i ruderi degli edifìzi antichi e m edievali; soltanto
1** mura di Aureliano, che recingevano questi avanzi del passato
•pltndore, conservavano alla città mondiale caduta ai in basso
il carattere di una certa unità, di un tutto omogeneo.*
Non fu rettorica esagerazione quando il cardinale Napoleone
Orsini dopo !a morte di Clemente V ( 1314) assicurò il re di Francia,
che. causa il trasferim ento fatto dai papi della residenza pontifìcia
Avignone, Roma si trovava suil’orio della rovina, o quando più
Urdi (1347) Cola di Rienzo diceva che l’eterna città rassomigliava
piuttosto a un covo di ladroni che ad una sede di uomini civili.*
Roma comprese, e amarissimamente, di avere un’importanza
' -ndiale solo come sede del papato, ma anche I pontefici ebbero
molto a soffrire per la lontananza dalla loro naturale residenza,

‘ M u ll'a ltlrtU a rtistica fa A riso n n e papal« cfr. S c n u M V II» . 3M . » 2;


'l * » K V U x » « 0 Jit II. 3B1 38»; M c s r o la M+m. 4e Ut «or. *•». 4ni .4a
<a fV va rr |*S4 e A. O w c n . Himomr ìla ri imi (I/ftpaU I « » l *« • • **> «~
>11«. Kmm.trhrmUL X. K X I <1900». I» (Sim o o r M artin i ad A v iffM M ) : <}t t-
O f l 4 1 **.; CNMW Qwaai. K ir M I». 245 m. ; H k d d . In H a i. *>• Bmm* Ari»
•»w axmtn. netta Blu. 4e TP.coir 4 n ete rica I.X X 1 V (1913* e Ia* /nr»7 *r»
ptlmU 4 r. Ihtpr*, l*arts 199». <3lot anal X X I I del rutto la to ri la e *« al
«•aleta arte ed a rtisti: rfr r » r n n la I léUmgrt 4'orrkrr.H^ir r i 4'kit!,.
K « r*r rCmtr frwmf 4- «m a# I l II* « » . 4S-KI: IT . » WO
* (iam um tt-s V I*.» 9 Irir. ITT*.. 310«, 41*>«ei te K u l «. fVfnrrr« p TS*
• U lettera <M ranttnalr X. n n U * la B u t e*. I'M»*- lì. 2HH92; .|oHI*
•*1 O ja 41 Rleai» la aatirs r*r*<m r Itali*aa la R**non*o. O h i Urtim i M i »
• rtfxadatta la Ri ««l ISC-RM Hai «wfK**» di C W w W » V rtae attrara t* nm -
«T t » ad I an««- ». M*4* * de la Sor. ami. 4*t Ani««, de Pr+mcr 1/07, 2T4a*.

a e w 4M N K I. *
Libro I. Capitolo 1. I papi in Avignon*. 1306-137t>.

consacrata dalla storia d’oltre mille anni. Coll’Italia, collo Stato


della Chiesa e con Roma, ad essi, era come venuto meno di »otto
i piedi il terreno. Nella Francia meridionale il papato non poteva
trovare prospero svolgimento; esule dalla città dei principi degli
Apostoli esso era come strappato dalla sua m adre terra.
Da quanto si è detto appare m anifesto quale piega fatale
segni nella storia della Santa Sede e della Chiesa la stabile emi­
grazione dei papi ad Avignone, causata dai torbidi italian i.1 Fu
cosi interrotto quasi all’im p ro w iso uno sviluppo di più secoli, su­
bentrandovi una condizione di cose affatto nuova. Chiunque abbia
anche per poco un’idea della natura e della necessità di una con­
tinuata evoluzione storica, non può disconoscere gli immensi pe­
ricoli provocati dal trasporto del centro dell’unità cristiana nella
Francia meridionale.1 U n a violenta scossa dell’autorità pontificia
e di tutto l’organism o della Chiesa, che appunto in quel tempo
richiedevano un tranquillo svolgimento e in molte parti una radi­
cale riform a, era a lungo andare inevitabile.
A rendere colma la sciagura scoppiò poi un’altra volta con
inattesa violenza il dissidio fra l’im pero e la Chiesa. I principali
campioni dell’opposizione tanto ecclesiastica che politica contro il
papato si schierarono tosto intorno al re tedesco Lodovico il Ba-
varo, offrendogli il loro aiuto contro Giovanni X X II. A capo della
opposizione ecclesiastica si mostrarono i tanto popolari ed influenti
Minoriti, che appunto allora si trovavano implicati in un violentis­
simo litigio con Giovanni X X II.* Il vero oggetto di questa contro­
versia fu il disaccordo fr a essi ed il papa circa l’interpretazione del
concetto della povertà evangelica. La grande popolarità dell’or­
dine accrebbe di molto la terrìbile potenza di questo avversario. '
Ai Minoriti furibondi contro il papa riuscì di guadagnare una
grande influenza presso Lodovico-il Bavaro. Questo influsso appare
manifesto nell’appellazione emanata da Lodovico nel 1324 a Sach-
senhausen presso Francoforte. F ra le altre violente accuse in questo
memorabile documento si solleva contro Giovanni X X II. «c h e ai
nomina p a p a », anche quella di eresia. Giovanni, vi ai dice, insorge
persino contro Cristo, contro la Santissima Vergine, contro la
schiera degli Apostoli e contro la dottrina evangelica della per­

» ttr, R a t » In 4 *» mtm4*t ( I S » ( XXXVIII. I l i


* T N m t i F tM M t. IH* tw rt »Jlfrmeimrm A r M /.va» mmé A» -
* l«»i a M r 41* ttrU h ch r ltrrr* c k »> t 4 * » H d l l f r a K l a W n iK r r O «u r * IM E ) H L
Ofr. U t. 331 SM,
* Cfr. » l i » ; M v ttr a t. S S « .; I llv u it 1 3 « ; H < c u m i . W m :
T ta W /.* mr 4-ikt P ‘t rrfé u ri « M «IV. tm m d o mmari 4acmm.. Napelt
1 *1 0 ; A. C o U itl. fW VtrkeHmn I H k M r da O w o a l t la km rm im . li. .*.««»
IVI3 la prapnmlto 1 . I H w » iw ll'.lrr* /> » » W*r. kitl VI i 19131. TOT a*..) ;
1UVCK V a , w » . 517 * * . 33? m .; MoIAat 4 S a.
* tt&rua. l'm ptic
Le dottrine rivoluzionarie di Marsiglio da Padova. 8Í

fetta povertà conferm ata dalla loro vita, povertà che è fiaccola
della nostra fede.1 Dopo una diffusa e appassionata spiegazione dog­
matica intorno alla povertà e dopo una quantità di rim brotti segue
il formale appello ad un concilio generale, ad un fu tu ro papa le­
gittimo, alla Santa M ad re Chiesa, alla Sede Apostolica e in gene­
rale a chiunque si possa app ellare.1
Questo atto, che mescolava la questione politica colla teologica,
venne a bello studio divulgato in G erm ania ed in Italia e dovunque
affoso in luoghi pubblici. Ciò doveva avvelenare insanabilmente
tutto il conflitto. Colla lotta politica si univa ora l’ecclesiastica,
d«-ila quale Lodovico, semplice uomo di guerra, non fu capace di
misurare la portata nè di fren are lo sviluppo. D ’ora in avanti
questo funesto conflitto si fa sempre più violento ed appassionato.
In seguito i M inoriti non rimasero soltanto nel campo teologico,
sul quale originariam ente si era agitata la questione fr a essi e
Giovanili X X II, ma invasero anche quello politico. Certo indot­
tivi dalle controversie teologiche, essi vennero a creare un sistema
politico, il quale propugnava teorie, che con audacia fino allora
inaudita minacciavano di sconvolgere dalle fondam enta le idee
giuridiche fino allora vigenti e in particolare la posizione del pa­
pato. l a vera importanza della entrata in scena dei Minoriti sta
appunto nell’avere emesso e propugnato questi principii.*
Uno dei più appassionati e insieme dei più abili difensori di
Lodovico il Bavaro fu il minorità Guglielmo Oocam ( f nel 1349
o 1350 a Monaco), che ha contribuito essenzialmente alla crisi
spirituale del secolo xiv, la quale distrusse l’arm onia della fede
* della scienza, della teologia e della filosofia, della Chiesa e dello
Stato * preparò la rivoluzione luterana.4

1 n i t r i * , r i i « * II. 4SH. 4M. M 2 (MrWJJT I I I . SNS. 3BS. « M i: ed 41


In 'Mom. flcrm. kitl. L e * . IV 5. 731. 732 A . 73*
« Lur. ett. S I I . ( l l M i t T I I I . 410. 4 24; «C M V A lJ t 744. 733» Hall* puri*»
••«la <ta| Minoriti nett'appell» • D rU 'attrcstaiBeafo di W e d n i rid irti., a
VI»«® v. M u t u i « '¿am.. 71-73: M C v u * I. 73 «a. W n «• I U i * i « l <ìftrk.
* * r ~ n m I I . 3 3 2 *. CtT. attrite X filu k r . /. 1KM. X IX . 3 ! » m. •
H ir n jf K * o r r u a V I. S W w . V. Inoltri- W c u la II Ut. X I II . S I I » . ;
f u r a * « In T.rit*ckr f. Ktrrlumgrsek. X V II. 7 * * . : d n v i M I I» A rr+tr /. 411.
Otmr*. IDOO. XXV. 5JS».; r v .n x . > m w !. lm4«ig»
* * . «Xeoai 19011. Ito rca IH U I. J » * r * X X X V III (19171. 4 M m | «'•mtm.l U^e
•*>» tw tliia. rtw Tira fonrt *U p m t« , r t » l 41 ttertw ealun«'«
*4a a m w la tHjukw> rnU'attlr|U del Mlaotlll alla « t i * del r» e Vrd*
« pnHoMtari« lir ic o WIWl l'uomo. n»> — la rondo «Som . ¡1 voler*. 41
««dorico — coUnorwIiw >MU m*niÌr»Ja*looe volle iw W * » )a«»n»MVr la
eoi p a i«
* L o fa Dolan* aperlalm eale. ed a tMCùmr. M u m n 39.
» ( t r , » u n a . !> •' n n t U t k r i r * < • £§. J ik rk r iv flw t t I. d IW J
t tm lr a iir ir tM tlL I r t g o K iM fW v X lM f'T i, l'rei-
•“W» L B f. 1984. 13 ad.
S4 Libro L Capitolo 1. I papi in Avignone. 1305-1376.

Ma accanto ai Minoriti comparvero subito in prim a linea due


altri personaggi, che si possono qualificare come gli oratori del­
l'opposizione specificatamente politica al papato: i professori pa­
rigini M arsiglio da Padova e Giovanni da Jandun, ‘ gli oppositori
letterari! più importanti dei papi del tempo, ambedue com pañero,
probabilmente nell’estate del 1326, alla corte reale a Norim berga.
La famosa opera Defensor pacis* da essi composta in società,
è cosi singolare, che qui non può ora mancare una più partico*
lareggiata esposizione delle idee rivoluzionarie ivi esposte.
Sotto l’aspetto politico questo scritto riboccante di acri invet­
tive contro Giovanni X X II, a il gran drago, l’antico serpente •,
difende l’assoluta sovranità del popolo. A questo spetta tanto la
legislazione che esercita per mezzo dei rappresentanti da lui eletti,
quanto la costituzione della potestà governante, che deve farsi
pure per elezione. II reggente non è che lo strumento esecutivo
dell’autorità legislativa. Egli è soggetto alla legge, d a cui in ma>-
sima nessuno può venire eccettuato. Che se il reggitore oltrepassa
le sue attribuzioni, allora il popolo è in diritto di togliergli l’auto­
rità, di deporlo. I diritti del potere politico si estendono tanto,
che da esso va determinato quanti debbano dedicarsi a ciascuna
professione! Per conseguenza nello stato di M arsiglio può parlarsi
di libertà individuale tanto poco quanto in quello degli Spartan
Ancor più radicali, se così può dirsi, sono le idee ivi esposte
circa la dottrina e la costituzione ecclesiastica. L ’unica base della
fede e della Chiesa è la sacra Scrittura, la quale non deriva già
la sua autorità dalla Chiesa, ma viceversa la comunica a questa.
L ’unica vera interpretazione non è quella della Chiesa, ma è bensì
quella di gente perspicace, tanto che l’università di Parigi può
benissimo superare in ciò la C u ria romana. Dubbii in materia
di fede s ’hanno a sciogliere non per sentenza del papa, ma me­
diante un concilio ecumenico.

» Cfr. lU o iJJ L ( .i t l m w w t r H id rr**c h rr S u , il qua Ir ra o tio il


llnsvr n i a l il i d t n m l n rh r iW- (ito ra a a l da Jandun. ah Marmici!» a i i « n r
itm in o airn rillw drl Minorili 134«.. SA). Hai trmpn drU'arrlTo del d ar d*4tl
a Xnrtrahrrsa ». M t t u i 1. 102 «Vr. V Vmihh, Jr*m de Jmmdmm et ifa r * * '"
de fidarne, PurU t«M V. a o r t e I arflr«<o Vanitim i o f l'adm* di L K a r u H n
In The C *lh otic Kmryt*. IX ( 1910). 719». * B u M m t la The Kmfl B trt. K>
X X X V II i l ! * »
« Sullo vdlolnal * ani B M a«v rttt! n*>n dà m«>(<te<a i f k a u i l a a r R i r / u i -
I M t e n r . Il i denmeher IR ] a. ( T r ora J X r L U t U . The Vmmmtrrtpl» *md I W '
» / U t n W b o/ r »* tm * * O r / r u i r f u r i», la The Hnfl. H i* I. ffrr. XX l l X * 1.
’J Sa »• t'aV d td an r abbreviata «tei pmti» a ampt peattrt rari) K t r u u
l l r i p i t IB I4) e una r t w p M t «tei 1* libra A. r U s n u m i ( 1 9 1 3 >.
L > n a w « « d a 11 M r u n i l . » 1 fa irn a lo a la pr'-'ohilnarotr t r i *1«*»*■’
1 9 4 . I n 'allra oplaioar aoa a H w t a n n «all « rt*tw ApU a p r n fa
«arteattta d al R r m » la ThetM t i i i m i i r U i i l 11*74. 3 « i
L e dottrine rivoluzionarii- di Marsiglio da Padova. «6

Questo concilio ecumenico sta a capo di tutta la Chiesa. Spetta


allo Stato di convocarlo e debbono prendervi parte non solo eccle­
siastici, ma anche laici da scegliersi dalle comunità. Tutti i preti
hanno eguale autorità, nè per diritto divino uno è superiore al­
l’altro. Tutta la questione della costituzione della Chiesa in genere
n >n è che una questione di opportunità, non già di fede necessaria
alla salute. Il prim ato del papa non è fondato nè sul diritto divino,
ne «ulta sacra Scrittura. L ’autorità del papa quindi, conclude M ar-
> ¡dio, non può derivarsi che dal concilio ecumenico e dalla legi-
-iazione civile; come parim enti colui che dal concilio deve eleggersi
papa abbisogna della conferm a da parte dello Stato. È ufficio del
j>aj>a, in una col collegio a lui aggiunto dal potere civile o dal
concilio, di annunziare all’autorità politica la necessità di convo­
care un concilio, di avere in esso la presidenza, di redigerne le
decisioni, di comunicarle alle singole chiese, e d ’invigilare perchè
.«iano poste in esecuzione. Il papa, per cosi dire, rappresenta il
l>otere esecutivo, laddove il potere legislativo spetta nella più ampia
- ¡a »-stensione al concilio. Nella chiesa di M arsiglio, l’imperatore
occupa un posto assai più alto ed influente; a lui tocca di convocare
e dirigere il concilio, egli può punire preti e vescovi ed anche il
papa. P e r le trasgressioni della legge gli ecclesiastici in genere sono
oggetti al tribunale secolare. Neppure al papa è lecito sottrarsi
*1 potere punitivo dello Stato; tanto meno gli è concesso di giu­
dicare i suoi ecclesiastici poiché tale diritto appartiene allo Stato.
1 beni ecclesiastici non godono alcuna esenzione da gravezze. Il nu­
mero del clero m un paese è da limitarsi secondo il beneplacito dello
Stato. Il conferimento di tutte le prebende di un paese è di spet­
tanza dello Stato, che in tale faccenda agisce o per mezzo del prin­
cipe o per la m aggioranza dei membri della comunità cui il aa.er-
dote deve presiedere. Come la scelta e l’investitura, cosi pure è di
Iattanza della comunità il sindacare sull’esercizio del ministero
fogli ecclesiastici ed eventualmente deporli. L ’esclusione dalla co­
munità cristiana, essendo accompagnata da perdite temporali e
materiali, non può avvenire se non col consenso della comunità.
Precisamente come più tardi C a lv in o .1 M arsiglio considera ogni
potere giudiziario e legislativo della Chiesa come risiedente nel
popolo e da questo poi demandato al clero. L a comunità, lo Stato
è tutto, la Chiesa tiene l’ultimo posto. Essa non ha alcuna potestà
nè legislativa nè giudiziaria, nè Analmente ha diritto alcuno di
possedere.

* <fr K **rr*> m in . J o è t ' a l r i m < IW i I. ass* V -a n o «Inrll


Mnciri m u l i , « o r i l a II t M u m n ( Ì / 4H « - » || 1. 3Sf*t ba rlcM aatalo rat-
•nn'afltait* <lrt * t n u 41 M an tello m a parilo 41 O alrlao A me aoa
« » a i ta a t a n - r a r f n i t e a a 'i a f t o r a a a diretta M « H r fr a n r ( a r h • «al « rifonda­
t a * * * c la rrria o . Ito M ar*tx!to c U t r t n r . tlox xarcn l 34
M, Libro I. Capitolo 1. I papi in Avignone. l:i05-I37ti.

I beni della Chiesa appartengono alle singole persone, che li


hanno dedicati a scopi ecclesiastici e altrimenti allo Stato, al quale
pertanto &|>etta decidere anche sulla compera e vendita e osservare
se quei beni soddisfano o no ai bisogni del clero e dei poveri. Final­
mente lo Stato ha pure la facoltà, qualora lo richiedano gli scopi
comuni, di togliere alla Chiesa tutto il superfluo e di ridurla al
puro necessario. Fisso può di pieno suo diritto compire tale secola­
rizzazione m algrado l’opposizione del clero. M a giam m ai — segue
ad insegnare M arsiglio — deve concedersi al vescovo di Roma l’au­
torità sui beni temporali, perchè l’esperienza insegna, come egli
ne usi ai danni della pubblica pace.1 M arsiglio si presenta specifi­
catamente come italiano quando, alla stessa guisa che più tardi
il Valla ed 11 Machiavelli, Addita i pontefici quale causa delle
turbolenze d’Italia. Qui si palesa chiarissimamente la sofìstica di
tutto lo scritto, perchè quel rim provero non conveniva affatto al
tempo di Marsiglio, poiché il papato proteggeva a tutto potere Ro­
berto d'Angiò, re di Napoli, allora il più potente dei principi ita­
liani. mentre avversava in tutti i modi la venuta in Roma di Lo­
dovico il B a va ro .a
Di fronte a questi assalti inauditi, a questa totale negazione
della divina istituzione del prim ato e della gerarchia ecclesiastica,
non mancarono senza dubbio coraggiosi apologisti della dottrina

• r t U M W . In DoVE-Kamilinw. Zrlltrkr. fiir K ir r k c n w k t V i l i . 121-137.


l ’tr Inoltri' I n u m i* .. Ulll.laltrriick r l.rkrrn I I, 32-48. Iti):ju.uu I» i.lrrn rh rr
18» *•, S 9 M 9 B : Mvuwttrjt 217-230. G r a n 83J54. 125. 128. 228. M a k t« « 307-
rjjn. Se »ine leni. UmrtUim* ron l'adun I «tra «diti ri? 1S77). B. L ib asi-*. MartittUn
<M P (Padova 1*S2). Ofr. flfill Ori. Ih.-. 1883. n 2«. H r*A»T. il. 4r P. (P a ri*
l>t*2i J i i i b u j . U. 4r P. i Monta ulta n 1HBSI. Jou'iituiuiitM 2U5. W taw in llitl
Jakrb. XIV. K u n , Ihtntr 750«. XtMIM. W. oh* P . » rrpmblOtanisckr
Slaaltirkrr |Mannbrltu IMI«). H ia iJT U In IwrriV. Ili*l. ffi r. I I. 3. 4. Arrkì.
f. ali. il ruitrhr H rtrkirkir X X V . 749 «•„ | id r « v iN la « tltta n o politico «Il Mar-
»'Sii» il!*r«m> bnw 11 T M U t r m r 2. .V 45. H .u j.m ( I . 77> «là «invaio «in­
d illo : « <iu>'«to non ora |i|ft un programma «Il riform a, e re — a orbe noi aot-
lint-rl via ino II «lo d is i» — un a p i»'llo alla rivolti xlatii-. atl una di i|urll»» ri vo­
ltili olii. iinall tari a m ili nolo di rado avvincon o o olir aMilanenao» di «rcflU
l * f la loro p rv|«m ilom » ». t 'f r Inoltri- W n titm iio iT . Ortck. 4rr Kirrkrm-
r i T f M i » » ! Ocaltrklam4* im U H Irla ltrr I. Ilatinovor timi I«'l| ols 1005. 1 4 7 » .;
IIibm’M a » « ; Il\t i*k V 1. SnOs«.; S M iiC M n nrlla Tkrol. tJiiarlalM-kr di
Tntilnga H* im > M w . »ta n a .; K E w a n u t. The I H f n u o r Pari* o f U a n ig lio
Pa<ima. fatatitid £r 102D; M. C t'co m iR lM . ila rt. ron padita umd t i r Slami,
trkrr «Ir* \H»lolrira. m-lla H iil VIrrfetfrh ru r+r. V II (1«M I. 3 4 3 » . : L. S m
M4W. til* Klaaltlrkrr é r » U a rt io « P«Hma tadpxig 1014; R. S o b o i x . Uarw.
" a * Pa 4»a »ail 4 b H t r drr P r m o t n M r . o rila Zriltckr. f. Polirti I <10ftS»,
m * » : «J l*torun» tirila firmai» V a lla i Iflffl. 161«».: B u u m » In T k r r.mfi
Itisi. K rr. i n a : M o a c * . Pia f ir is In t r U r 4*m l i * . Jakrk. 11*15). I l a . ;
!*a firrt4 » *rw v Uanriffto o f Padaa. in Tkr K m fl Iti*!, ( i n . 192S r Kt r r t ' t
In « ir «l«r. 1034 H 3 a Hai rapporti «M Ma r o l li o «-olir tn .rtr dri p otiM kl«!
di n iiiH « Il Brlln, m l i S e n i* * . P a k U H tlit 452 »a.
* B 'im * , K a itn r lm m 133.
Lo dottriue rivoluzionario di Marsiglio da Padova. 87

lidia Chiesa e della Sede A postolica; se non che il troppo zelo


lra«cinò la m aggior parte di questi a scipite e false affermazioni.
A questo rigu ardo si sono acquistata una triste rinomanza special-
ni nte l’italiano Agostino T rion fo e lo spagnuolo A lv a ro Pelayo.
In opposizione allo sconfinato cesaropapismo di M arsiglio — sic­
come gli estremi si toccano — essi allargarono tanto l’autorità pon­
tificia da fa re app arire il pap a come semidio e padrone assoluto
in tutto il mondo. È chiaro che repliche di tal fatta non erano atte
a rendere inefficaci quegli assalti della scepsi politica contro l’au­
torità del potere p a p ale .1
La teoria esposta nel « D efensor pacis » dell’onnipotenza dello
Stato, che distrugge ogni libertà dell’ individuo e della Chiesa,
supera in arditezza, novità e fierezza tutti gli assalti, che avevano
•ino allora sostenuti la posizione mondiale della Chiesa nel medio
evo e la sua essenziale costituzione. L ’attuazione di tali dottrine
foggiate su modelli antichi equivaleva alla totale distruzione di
quanto esisteva, equivaleva allo sfacelo della Chiesa e dell’im­
pero. M olte proposizioni dello scritto sono ancora più avanzate
delle dottrine che più tardi propugnarono WiclefTo e Hus. Se
mai alcuno vi fu, M arsiglio è un precursore di Lutero e Calvino.
In alcuni punti anzi si spinge più avanti di loro. Infatti una parte
eie’ suoi postulati non fu posta ad effetto che dalla grande rivo­
luzione francese, mentre che l’adempimento dell’altra è ancor oggi
fra le aspirazioni di potenti p a rtiti.’ Si è chiamato H us « i l genio

* t ir . I l n i i r a i f ì n i n . A't r r h m g r i c h ickte I I . 1 8 ; Htaa4 umd K l r c h r 415«.«.:


m i : IXiLM itoti. l ’u p it-F a t» In 130; A u no II>*, 14; K u c i . Hanir IMI.
7.VJ*. Sulla (mila di Otovanni X X I I contro 11 /if’/ m i i r parti r. W n o r a I I I ,
■•IT», B a lu b i I. * 2 * * . : Htr.mii :« k . H ciiou {S tr e U tH u iflm I. I t i « . ) . In ron-
•iderazlone <11 quattro «pere (Inora 1rancura te dni « rapprearntantl prlm-timll
del eurialino*» al principio del woolo u t ». Adontino Trionfo, Alvaro IVIajro e
U ndolfo Colonna, ri conia che anch'eaal « non paaaavano affatto oltre u r n a
wlere | grumi d ifetti <11 quarto *l*leiua « che abbiamo di laro eapreaabml
'’ « (» ik iiII un’acerba critica iW V condizioni i r r M u t l c b r IV r quanto a i i* » -
'■»»ero « dlfendeftwro 1 principi!. »ppH» eaal non approvavano rappll<mJ<itie
•U 'iue«ll principi! nella politica papale ». Ibld. 221 a. perA Krt<c*jt fa notar»
1be anche dal contegno dntU oppooltori ni riconosce « quanto profondamene*
nella coacieniu del tempo II concetto deUa p l n t t i i o pairitali* «lei
t«pa ». Xril voi. 2*. I n . e d l puMdica « tr e i n W curlalU tlci Mille dottrine
‘W th fi unir pflcii. iU'l carm elitano Slberto <11 itenk. del p w n l f deal! A*«»,
•tlnlanl Coelielm i. de Antidati!« da O etnuo». e d d prnnnt»tratcn«c Pietro <le
U l n (di R aiacro lau tem i» t ’fr. le relative anallml In voi. I*. l a . (e 2 2 0 a.).
C ile* un anoolmn tra tta to IH p ninta te trektimr contro II U r f m m r puri»
rtr. S o m « I. ? 4 )M . Sulla b<illa di Giovanni X X II contro II /H fa um r /tari*
»»di W ra *ca I I I . .’»*7a. e Stcwout I . l a
* R i i z i a ÌVIdrrtarhrr 227. O fr. Fam mene. .VUtrtalIrrt t.<hrrn ( M i .
Kenarui S0-3]. O. V. U a u i x . I H * h irrk n u ta a l amd Mr (ìppo*itUm g r-jm 4 m
N H I M n ibtolmlirmai Im Amfamo d n / f Jahrkmndi r ti (Lelfwtc 1*70» 20».
C n u a 6 «a. K A u js (D i l H taahtrhrr drr Y arre 1or m tl ort In Jakrbérhrr fa r
d m i u + r Tkcolopir 187-1. X IX . 30« aa
Libro I Capitolo 1. I papi in Avignone. 1305-137S.

risvegliatore della moderna r iv o lu z io n e »;' con più ragione può


pretendere a questo titolo l’autore del «D e fe n s o r p a c i s » .;
La dedica del libro che bandiva al mondo queste dottrine e che
anche «otto l’aspetto politico enunciava ¡principii tanto pericolo*
fu accettata da Lodovico il Bavaro. M arsiglio di Padova doveva
anzi riportare un trionfo ancor più grande. D ’accordo coi Mino­
riti avversi al papa e coi Ghibellini italiani egli riuscì ad indurr?
Lodovico al nefasto viaggio di Rom a e alle gesta rivoluzionari-*
dell'anno 1328. * Il conferimento della corona im periale per mez/
del popolo romano, la deposizione del papa e la nomina di un
antipatia nella persona del minorità Pietro da C orvara, • fatta pure
dal popolo, tradussero in realtà le dottrine del « D efensor paci.' -.
Così Lodovico sorpassò quanto mai avessero fatto gli Hohen-
ataufen, Irhe pure in aè erano stati più forti e solidi. Nella sua
lotta colla Santa Sede egli si fondò sopra teorie, di cui doveva
rendersi palese la natura essenzialmente rivoluzionaria non solo p»*r
la Chiesa, ma di conseguenza anche per lo Stato.* Egli apporto
alla Chiesa la sciagura di uno scisma, dal quale era rim asta libera
da 150 anni e scosse le fondamenta dell’im pero: sottoponendo
l'impero al capriccio del degenerato popolo romano egli spogliò
la più alta autorità civile del suo carattere mondiale e la getti'
nella polvere dal più profondo avvilimento e profanazione, pochi

• L* k u x r . MUloirr 4r la Rérol. /ranetti» <1H47) I. 1».


» t «Mal rUu«r«hcri>k. Il m al» e la maniera con cui 1 posteriori d ritti» !
<w-l Mxulo x r si annodarvi»» alla letteratura nuli imilui le «lei tem i«
di l«tlo>ln> Il Ila rana. A*l r». l'audacissimo scritto Incendiari» che poeta II ti­
tolo romfMtrntio prim ati» (mp tr (c<au|H*to nel 1443 «lai Minorità etm v.ntuak
M lh>ln*» |»r la m assior parte non * d ie un e stra tto dal lh rfr»*or f r i * .
». Aiaxar la Ili»t Jmkrb. X I. 4ó8a» e nella monografia sul IKirins ( l W i
fj» « n Intorno »11 Influ-ma di Marsiglio su Teoabtrlco «li Nleni ». K ixke in
Rum QaartalsrAr. V II. 234 a
» Il fami lafunaalo Marnato nomina M an tello e Ib e r tln » da Casa Ir nane
•inetti, 1 m i >’»n «lf!l ma •»imamente «nati I . .» l» v ir o nella sua spediiluoe la
Italia, frinisca. Pumi*» I. I l i t 'i r U n u u 43 s.. 40-00. M t'ixca 1. I « S » l 'i r «
la ja r t e i>«n>sti d al Minoriti ». M taonra 4.1 s». ; H m - c k V 1. GOOssl: II. Or««
Z » r Hai P * IU U J a ft ts a * U H , In Vmellrn » . t 'o n c k . X IV <1911». l« 3 » *.;
E ,H> M t n o IHt idre 4rr ln tt» o a rm i» 4 M « im n llIr U U r r H c k r » Kmm.
I e l j« l t im ». V is a .; M w n r S * « s . t1i«|ue scrittu re n a t r n la c«r>tf»a*J‘**"
Imperiale di di autori dal «entimemi imitali pubblloA S o W / .
W lrrilartM /lis ||. M i n le r«wU I. 232*».).
• t * r K. Kt saa la Hi*t Jmkrk X II (ls«1). 2 7 7 » .. n e ll.trrftir« /. X t U * h r .
N r IV «issa». ISSss e in Rum <J*«rt,,l,ekr X V I I 11903). 1*1 »».: J »-
P n . f 6 S l l u r » i ■««> la X m * r k r f. Kbrkrmtrark. X X I I ( 1901). 3 0 8 » » .: F » ***-
¿«■I* SfM . I. 4 S 7 * . M. B im in Ir» *. fr v n ri*e kttl. I l | W * i . 182»- :
l*rt i # la X H m k * « a . U * r ì* l * » e k L X X X II (1912). » 5 a ; M o n a» 2 1 3 » »
• I le « » « . raarfK a JV«*ea»ia tl*rag. 1**CJ), p. xxi.
Lotta tra Chiesa e Stato. 89

*nni dacché Dante aveva delineato il più splendido ideale della


mat-otà imperiale del medio e v o .1
Inquesto sguardo retrospettivo dobbiamo rinunziare ad una de-
H-rinone delle vicende del conflitto egualmente pernicioso alla
Ch esa e allo Stato. L a lotta, cui la dipendenza del papa dalla
Francia inveleniva ancor più, fu condotta da ambo le parti con
«tremo accanimento e col più grave scandalo possibile: «c o n scan­
dalo da parte del potere ecclesiastico, che in fu riava spietatamente
*enza misura, senza dignità, senza ca rità : con scandalo da parte
del potere civile, il quale combatteva contro di quello con inso­
lente viltà e, non ostante la sua timidezza, tutto si faceva lecito,
per*;no non disdegnava l’appoggio della più abietta dem agogia e
colla sua impotente instabilità turbava ogni crisi salutare che si
prenotasse». L a lunga durata della lotta violenta dovette neces-
«riamente sconvolgere in modo gravissim o l’ordine nella Chiesa
e nello Stato e dim inuire in egual m isura il prestigio dei due
■*upremi poteri.8 Il 4 dicembre 1334 morì assai attempato G io­
vanni XXII instancabilmente operoso sino alla sua fine. * E ra stato
'*!tr»-modo generoso verso poveri, pellegrini e prigionieri ed aveva
pt' mosso con zelo intenti scientifici.* Tuttavia lasciò un cospicuo
te* >ro.* Il suo magnifico mausoleo gotico nella cattedrale d’A v i-
*none, spogliato dagli iconoclasti della grande rivoluzione delle
*ue -velte torrette e grazioso tabernacolo e rovinato colla distru­
zione della statua sepolcrale, anche nell’attuale stato di mutila­
tone è un’opera assai imponente.*

1 « lu tM ia ritn VI*. 153»«. Il pmwo qui addotto (j>. 3uh. n. ®l) «In un ina-
f t - r itto della R||> 11 o t e r n V a t i c a n a (C o d . Val. V m : Stentai il inor.
m'! '’’Mirrilo geitornm tempore Johnnni* X X I I »uprr quartilonr dr pauitrrtalr
fol. 27-non 25) è M ito del iv*to pubblicato per Intero »u <11 una cosila
*1 f'irx ra «In I I i h i h nel voi. IV del Fontet «lei B o liv ia (p. 500). Il principio
® 'l 'M o notevole |wsm> era iciA »tato |tubili irato neU'anno 1IOT1 dal ltw.rzt'.
0 . Tuli m o n d o un codice parigino.
‘ Coal giudicano G iin u i (nella prefaalooe a lla vita e agli « -ritti <11
*"-»r SiMuue editi da M. PliataniBnCK. Ilrgrnthmrii 1H2». SXIX-XXX) <• Iti «im i«
I#*•*.!*tirn l.ndtrig• d r» Haprrn. Fran kfu rt IT O . m , n o ta : cfr.
B:\mrrn U h m I. 2S4i.
1 lN>U'attlrhA di Giovanni X X II. ebe abtirarrift tutto 11 mondo, f a n n o
l * ' " ! I M ot volumi di recenti conservati n ell'A r c b 1 r I o » e « r e t o im o -
• • f l e l o . contenenti c irc a 80.000 (aecoodo a ltri computi, r. d r . Vali. ISH4
•**<*. P- 38. c ifra S0000). lito ti» . I l r r rum. I I . 4.
• Numrruw prove autentichi- all'uopo dà la jcran<lr oliera di * n i r a mille
della Camera Apostolica Ir . «opra], C fr. a orbe M o i x a t M i » . * K r r .
* * i* t. rrcUa. V (1904). 5 2 2 « .: V I (19051. 33 » . : In o lt r e GfiU-ra In Ròm. tjuar-
^ •r k r . 1902. IMI ».
1 rno.mo fiorini d’oro e non lft milioni, come afferma 11 V t i jji x i ; T. V.nmjr.
«* A erhit / . U tt.-H . K irrk m fe trk . V. 150 a. e B X an U xxm in II Ut. Jahrb
* ' 'W . » 7 » .
• » d i J ir y n t in < !• :. d. ttra u x -A rU 1*W7. X X X V I. 9 ® « . ; « to !< » i» » » ,
^ U m k m t i U r 155 *
<«) Libro I. Capitola 1. I papi in Avignonu. 1305-137«.

Il successore di Giovanni, B e n e d e t t o X II (1334-1342) un ci­


sterciense di grande austerità di costumi e di scrupolosa rettitu­
dine, non riuscì, malgrado la sua mitezza ed il suo grande amore
per la pace, a comporre il litigio con Lodovico il B av aro e co»di
« entrici Fraticelli. Filippo V I re di Francia ed i cardinali di
parte francese agivano in senso contrario alla pace con Lodovico,
nè Benedetto aveva sufficiente energia per eseguire i suoi disegni
di fronte alla loro opposizione.1 Parim enti non potè questo p a i*
soffocare in germe la lotta che stava per scoppiare f r a la Francia
e l'Inghilterra, la quale doveva riuscire così fatale alla sua patria.
Tuttavia tom a a lode di Benedetto di aver adoprata tutta la sua
influenza pel mantenimento della pace.
Il ritorno a Roma al quale avrebbe g ià pensato negli ultimi
suoi anni Giovanni XXII, fu seriamente progettato da papa Bene­
detto XII. M a a quei giorni l’eterna città e ra il teatro delle più
selvagge turbolenze e di continue stragi, ed un papa non avrebbe
potuto dimorarvi, neanche se la preponderanza dell’influenza fran­
cese e la protezione gravemente sentita della casa d ’A n g iò avessero
aperta a Benedetto la via verso l’Italia .1 Riuscì quindi agevole al
re Filippo V I ed ai cardinali francesi, che nel Sacro Collegio costi­
tuivano la grande maggioranza, di trattenere il papa sulle rivi­
de! Rodano. Il sempre crescente disordine d ’Italia spense gradata-
mente nell’animo nobile di Benedetto il pensiero di fa re ritorno alle
tombe degli Apostoli. Egli cominciò a costruirsi in Avignone un;i
adatta abitazione, palazzo insieme e fortezza. Am pliato di molto
dai papi seguenti sorse così il celebre castello p o n t i f ì c i o d ’Avignone.
Troneggiante su una roccia calcarea alta 60 metri, esso — resi­
denza grandiosa — domina tutte le vicinanze. Come costruzioni*
d i proporzioni gigantesche, * con sei massicce torri quadrate, colle
«uè mura colossali di quattro metri di spessore, elevantisi nude,
grigiastre al cielo, la cui linea è forata irregolarm ente da poch»
finestre a sesto acuto, con sale, che ricordano atrii di chiese, questo
palazzo papale, • la casa più solida e più bella del mondo » , com<
t appella Froissart, è una delle più maestose creazioni del ta r d o
Medioevo. La cura principale del costruttore fu rivolta alla soli­
dità e alla sicurezza. Strana « miscela di fortezza e di c h io s t r o ,
di carcere e di palazzo », questo poderoso edifìzio riflette la con­
dizione della Santa Sede di quel tempo. Piccola e di poco r i l i e v i

i t f r ' • r u n II. I * . « a ijM C in P im , Uarktrarl r. KanHrrt (Aujt*i*ur-


I ‘ *• 18 v • w »» l-«n«TW. Kirrhmpalìtik F.»glan4* I. 3> e J * * o * 1«“-
104«.. 114 133«.
1 K u r t 48?
* l*» j» farti /w f<***»«« h r m . Latterà da Av lenone ilei T ginen" l 3* '
prr*»*> Ir*« imprTil teleria. Innabrack 1S70. 740.
V 1— mtvmào VioUJTU-Urc. liirliomn. *r rurrhìlertmrr <P»
ri« |*«14. VII. 3J. m a *o|«>-r«rle di rvnm mi «. «ino >1 lswa a rr rl di
II •«*> teeret«- nrMauru rrm no dovere d'OB«re «tolla natione frane**«.
Benedetto X II. 91

appare in confronto la vicina cattedrale. Questo contrasto offre


un'immagine fedele dell’epoca avignonese, che è contrassegnata
«lai regresso dell’elemento ecclesiastico e dal prevalere dell’ele-
n>nto mondano, bellicoso e principesco.1
Anzitutto è da menzionarsi con lode l’attività riform atrice nel
vero senso della parola spiegata da Benedetto X II. Sotto questo ri­
spetto egli è agli antipodi col suo antecessore. Si tenne scrupolosa­
mentelontano da ogni nepotismo. « U n papa », avrebbe detto, « deve
e--tre un altro Melchisedec, che e ra senza padre, senza madre e
*t:sza g e n e a lo g ia ».2 In tutto il tempo del suo governo mostrò la
retta volontà di togliere gli abusi introdottisi sotto il suo anteces­
sori Con estremo rigore si oppose in tutti i ram i dell’am m inistra-
zione ecclesiastica alla mala pianta della venalità e della cupi­
digia. Rimandò nelle loro diocesi i prelati, che stavano presso la
Curia e revocò tutte le commende e aspettative, eccettuate quelle
a favore dei cardinali e patriarchi. Benedetto X II fu specialmente
te ante per la riform a degli ordini monastici, sotto varii aspetti
»-•ai decaduti.5 Come si esprime uno de’ suoi biografi, la Chiesa
eh« era divenuta un’A g a r, egli la ritornò una S a ra e la trasse dalla
Khiavitù alla lib e rtà .4 Come dotto ha lasciato buon ricordo.*
V. I ìo i m o ì i: S tin te » r t 1862 I. <WÌ2 e C arooM cnc*. n ’anderjahre II*.
■•»■•■-11. Cfir. A. S tu u i. Spanischc», 8* ediz. (P re lb u t* 1885). 4 4 ; L. de U u t c n ,
A •■■>»>,* P ari* 1872. 329 a .; Il ibi. de M c o le d. O ta rie » 188«. p. <U14 xx. «■ h o
rat ut to E iib le I , 587 Mi, <W>2m ., 071 xs. V. intine M l 'm . I m l'alai* de» l'a p e»
* ( riunita P a ris 1 siiti ; A. il m.i.avk. .4 rin non, P aris 1909. 25 s s .; F . Dmomkkt.
I - palali de» pape» <fA ritjnon. P a ris 1907; t Yh.ì)Mbh. .4« palai» de* Papi'»
f ii non. Ilerkerrhc» crii, ri arvhéat, Pari« 1910-12: P. M. B ai:v «ìa«tek. Ole
hipMlrritt ( ri//non. orila F etltck rifl fa r Meritino 272 «ut. ; CaLOUMC In
II-m de TAcad. de Vauclu»e X IV (19141, 2 5 **., 1 5 1 *« .; Xliciira. negli .(mm-
d*Arlffnon V (1917). l a * . : C o lou iK , l*e» grand» arrhileete» du palai* de»
Pipe* 4 A rian o». P ari« 1922; Oolombc, liti grande tri'torerie au palai* apotl.
* A • w a n . In il inerii, F.krle I L 504 ss.
; Cosi racconta 11 cardinale Kxidio da Viterbo, che l «-m itro rlsae molto
Wù tard i; v. Puoi. Itrerlarinm IV . 117.
<fr. Seti » ah 12«. e Mt ' u n a I I . », «love al trovano in detta silo lo p ro re;
Inoltre J I o l u t H7m».; Ja to h 4 2 * » .: B n u jt a c . Ck apilre» g en era m I. 1 3 a ;
■‘« u n . U m id i X I I . 1.1-1Ire* elette». P ari* 192f>. iMmd. V. «mi x- HruuiraKK.
r fleaeh. drr harekfitkruno der « Rm rdieUna » In l>enl*ekland in Slndirn
* " * 4rm Benediklinrr-orden IV . 4 e 5 : W m aai ttnH V a n f i KirekenlrrUnu
*1». Tiri; I I P . 379 r H U Io r .p o m . HI. C H I, 412«.
1 Quinta rila lìennlicti X I I . premo B a U TTV« I. ZJ2 (M oij_»t I. 229). Hul
*1«lero di Bcm *letto conservatori aolo come talalflcaxlone vedi DfClIR»!«e
4'7 : Iter, de ra ri rk n ‘l. 1 W , 149 as. ; D t - m a a , L e tombaau de II in oli X I f
* •« utr Propoie d’A ittfnon. nel llttllelin monttm. I .I V (1888). 9*1 * . ! S tw ji-
« i r * . nrabdenkm élrr 157 s». XelU «tatua sepolcrale di Benedetto, che però
' ’«•«riamo « 4 o «la llgnrc. appare rhlarnm ente per la prima ro lla la tripltre
" ■ '> « papale. Il triregno, india forma d ie al è mantenuta sino al secolo JT t.
Im ita rlo V i l i verso la line del *tio governo a re ra a turiunto alla tia ra un
■ » a r i« cerchio. I/agglu nta «Iella i m a corona avvenne, come prora II MCjrm,
Ì * Tiare 48. per opera di Giovanni X X I I.
* Ve»|! J M V iiiai, .Volior o t r le » «rarrra dm pape ¡tentili X I I , In Iter,
t k l » ! rrrlé». VI (1905». 557 a a.; 785 a*.
9-2 Libro I. Capitolo 1. I papi in Avignone. 1305-1376.

A Benedetto XII successe di bel nuovo un francese del mez­


zodì, Pietro Roger de Beaufort, nato nel castello di Maumont in
diocesi di Limoges. Egli si chiamò C l e m e n t e V I1 (1342-1352),
carattere energico, all’opposto del pacifico suo predecessore, riprese
risolutamente e con successo la tradizione di Giovanni XXII con­
tro Lodovico il Bavaro,2a danno del quale egli seppe rivolgere
con grande abilità l’ostilità delle case di Lutzelburg e di Wittel-
sbach. Già era alle viste la guerra mortale fra le nominate case,
quando repentinamente Lodovico morì. Ora, esteriormente, la vit­
toria del papato era decisa. Carlo IV si obbligò di adempiere tutte
le pretese della Curia, anche le più esagerate,3 e a poco a poco
rientrò nella vecchia via anche quella parte del popolo tedesco, che
aveva seguito l’imperatore nell’opposizione contro il papa.
Se »non che tutto il modo, con cui nella lotta si erano condotte
le due autorità poste da Dio, e le nuove idee sorte in questo frat­
tempo avevano prodotto un considerevole cambiamento nelle di­
sposizioni degli spiriti. Con Marsiglio di Padova l’antica idea pa­
gana dello Stato, dinanzi alla quale si spegne ogni altro diritto
umano e divino, era di nuovo risorta e mediante una sofistica ab­
bagliante aveva attirato nella sua cerchia l’animo di molti. Per
quel malaugurato dissidio l’autorità del papato fu scossa profon­
damente agli occhi di migliaia di persone, parecchi vincoli spiri­
tuali, che fin qui tenevano legato alla Chiesa, furono sciolti; in
generale, in conseguenza della lotta, la pubblica opinione si era
essenzialmente mutata.4E per giunta durante quegli anni di con­
flitto la corruzione morale aveva fatto grandi progressi.
In Roma sotto il pontificato di Clemente VI seguì la rivoluzione
di Cola di Rienzo.“ Ancora una volta si rivelò il magico potere,
che andava congiunto col nome della città eterna. Ma le fantasti­
che stravaganze del tribuno, la volubilità del popolo romano e in­
fine le contromine del papa annichilirono ben tosto la nuova repub­
blica e il suo novello capo, che Petrarca aveva celebrato come il

1 Sulla sua v ita an tecedente e s u lle sue re la zio n i eop C a r lo V c fr . W e -


ritnsky, (leseli. K aiser K a rl * IV . (In n sb ru ck 1880) 19ss., 257s. e G o ttlo b
39 s., 44 s.
3 O tr. H ìm i.k r, lìi c Aklen tler Gena ittll sehaflen Luti ir iti a tl. /{.. In n sb ru ck
1010, 142 ss., 152; H a u c k V 1, 570 ss.
3 H v r e b , Regext ew K a rl* IV . (In n sb ru ck 1877) x v -x v i, 21, n. 228.
* Prkc.kr 01. C fr. M t’ LLKR II, 200 e L o r e x z , l'a pu h rah l 194.
s t 'fr . S c h o e n ia x , /ileo iter Volkusonreraniliìt 104 ss. ; M o l l a t 171 ss. ;
A rrli. tl. S oc. Rimi. X X X I (1908), 423. D e ll’op era B r ir ftc tc h s ii tlex Cola tli
Rienzo, limi/- r o » K . BrR n.vcii « . P . P u r ( = K . B u r d a c ii , Vom U ilte la U tT
sur Re/ormatUm voi. 2“). sono u scite fin o ra le p a rti I 1, I I I e I V (B e r lin
1912 e 1913); la p a rte I I I c on tien e le le tte r e ili R ien zo , la I V le a lt r e fo n ti
d ocu m en tarle contem poranee, fr a c u i le le tte re d ei papi C lem en te V I e In n o ­
cenzo V I e del P etra rc a . In c is iv a c a ra tte ris tic a d i R ie n z o p e r H . S c i i a f e r
nella Fcut Delirif t / (ir de W a ol (1913), 236 ss.
Clemente V I (1342-1352). 93

restauratore d’un’età ideale.1 Tutto quel rivolgimento parve come


una meteora, che per breve tempo s’incendia per precipitare subito
nella notte. Essa fu tuttavia per più rispetti un segno notevole
del tempo. Il programma dell’unità d’Italia sotto un imperatore
nazionale italiano propugnato dall’« attore che fa la parte di eroe,
avvolto in brandelli di porpora dell’antichità»,2 mostrò chiara­
mente quali progressi avesse già fatto l’idea delle moderne nazio­
nalità. Alla rovina della grande unità politica del medio evo seguì
il particolarismo egoistico dell’età moderna, l’esclusiva accentua­
zione e la morbosa esaltazione dell’idea di nazionalità. Da prima in
Francia si formò quello spirito nazionale non cristiano, nella cui
dipendenza cadde il capo supremo della Chiesa. Ora l’idea prese
anche l’Italia ed ivi, affatto naturalmente, si collegò con idee pa­
gane, poiché il nazionalismo esclusivo originariamente altro non è
che una rinascente rimembranza del mondo antico. Ma presto o
tardi questo degenerato spirito di nazionalità doveva venire a serio
conflitto colla Chiesa, poiché non può essere nazionale la Chiesa,
che abbraccia tutti i popoli e tutto il mondo. « È volontà del suo
fondatore, che essa risponda ad ogni nazionalità : un solo pastore
e un sol gregge. Come la più salda e nello stesso tempo la più pie­
ghevole ed arrendevole di tutte le istituzioni, può la Chiesa farsi
tutta a tutti ed educare ogni nazione senza far violenza alla sua
natura». Essa non perseguita alcuna lingua o nazione, ma non
ne preferisce alcuna; essa è puramente cattolica, cioè universale.
Quando si riuscisse a ridurre la Chiesa a strumento di un esclusivo
nazionalismo, essa perderebbe il suo alto carattere d’imparzialità
e cesserebbe di essere la Chiesa che abbraccia tutti i popoli.8
Clemente VI fu un personaggio ragguardevole.4 Si lodavano
le sue vaste cognizioni teologiche la sua memoria portentosa e so­
pratutto la non comune eloquenza. Alcune delle prediche, che
prima della sua esaltazione tenne nella cappella papale, sono con­
servate in diversi manoscritti di biblioteche tedesche. Anche come
papa Clemente fu solito d’accompagnare con pubbliche prediche
le grandi cose compiute dalla Chiesa, come, ad es., la nomina
di Lodovico di Spagna a principe e signore delle isole Cana­

1 C fr. B r i z z o l a r a in S tu d i S lor. V i l i 11899], 239ss., 4 2 3 s s . ; X I V [1905],


a m p k r s in H i st. Jnhrb. X X X V I [19151, 269s.
« » s s . . 243 ss. ; K
- Cosi g iu s t a m e n t e l o c h ia m a i l G r e g o r o v u t s ( V I 3, 358). C fr. a n c h e K raus,
l>antr. 762s.
s Cola di R ienzo und die moderiteli y ation a lita te ti in H istor.-polit. B l. X X ,
470 ss. e D oixinger, K irch e and K ir e h m 20-21.
* Horr.KR, Arignt/nesische Papute 271 l o c h ia m a la persona piti em in en te
fra i papi d i queU’epoea ; c fr . Aus A vipn on 19. V a an co ra p iit a v a n t i i l C h ris -
i l q u a le pensa (II, 167) che p och i p a p i a b b ia n o g o v e rn a to la C h iesa
più talen to.
Libro I. Capitolo 1. I papi in Avignone (1305-1376).

rie (1344).1Nel 1345 Clemente ordinò anche lavori preparatorii,


per la riforma del calendario.2Più ancora che per la sua dottrina
ed eloquenza, Clemente VI ei distinse per una veramente rara
bontà e mitezza di cuore.3Fu sempre pronto soccorritore dei po­
veri e bisognosi e coraggioso difensore dei perseguitati e degli
oppressi. Quando scoppiarono le sanguinose persecuzioni contro
i Giudei odiati come rappresentanti del capitalismo e migliaia di
essi furono trucidati in Francia e in Germania dal popolo irritato,
fu solo il papa a darsi cura degli infelici. Clemente VI comprese
che l’alto suo ufficio gli imponeva il dovere di procedere contro
il selvaggio fanatismo delle turbe eccitate. Nel luglio e settem­
bre 1348 emanò bolle in difesa degli Ebrei così spietatamente
perseguitati e aggrediti. Che se per la straordinaria eccitazione
tali disposiziioni rimasero quasi senza effetto, Clemente VI fece
tuttavia quanto stava in suo potere, aprendo nel suo piccolo

1 * C o llo d io farla piT dominum Clcm entem papam quando con stituit Ludo-
rictim tir I l ¡»pania. prin d pcm insulari!m fortu na ta rum . Cod. X I . S ’/S. f. 185*-
ìsiih «M ia B i b l i o t e c a del M o n a stero «li S a n e t - F I o r i a n,
lin c i»' nel Coil. 1195, f. 105-154 d ella B i b l i o t e c a <li C o r t e i n V i e n n a
(c fr. I l o 11 Kit, Roman. W elt 123-124). I/O p red ic h e d i C lem en te y I fe c e r o gra n d e
Im pressione sul con tem poran ei ed elrf>ero una assai la r g a d iffu sio n e. S e ne
trovan o copie a B a r c e l l o n a : A r c h iv io d e lla C oron a d ’A r a g o n a (su que­
sto m anoscritto p ro ven ien te d a l c o n v en to d i It ip o ll v. Scrapeum V i l i . 87).
B r u x e l l e s : B lbl. d i [Borgogna ; Cod. 3Jf80. E i c h s t ä t t : B ib lio te c a (v .
H ü w .er, Im« Avignon 10, 18, 201. S a n c t - F l o r i a n : B ib i. Cod. X I, IM .
f. liKlbs, e -X1-343. F r a i i i o f o r t c sul M e n o : B ilio te c a c iv ic a (Cod. 71
d ella g ià B ib lio teca d e l Duomo, id e n tic o al m a n o s critto con tem poran eo, che
ScH uifK [ B eiträge zu r M ainzer Qeseh. F r a n k fu r t 1788] pose a fon d am en to
della, sua stam pa). S. Gallo: B ib l. d el M on a stero, Cod. 1023 O n e s e n :
B ib lioteca cap ito lare, Cod. 53 (saec. x iv ). I n n s b r u c k : B ib lio te ca u n iv e r­
sitaria, Cod.. 25, f. 1 19 ss.; 23.}, f. 204>-ss.; 769, f. S2ss. K r e m e m U n s B e r :
Bib lioteca, Cod. .} (v . Schm id, Cat. Cod. C rcm if. f. 76). L i p s i a : B ib llo t.
Paul. (M o n t fa u c o n . Il ibi. 595). M e t z : B ib lio te ca , Cod. 97. M o n a c o : B i­
b lioteca d i C orte. Cod. ¡taf. 8826 (v . M ü l l e r I , 1 4 4 ); in o ltre Cod. lat. 903.
18205, 1SUGO, 212'i7; e fr . anche i l c a ta lo g o d e i m a n o scritti. O l m U t a : B ib lio ­
teca (v . Architi’ X , 076). O x f o r d e C a m b r i d g e (v . IO ijd in I I I . 931). P a ­
r i g i : B ib llo t. (v . M ü l l e r I, 166; I I , 361, 363). R e i m a : B ib lio te c a a r c iv e ­
scovile. secondo Z i i x ì e l b a f e r , [Ilis t. r e i litt. <rrd. 8. lìened. I l i , 181 (s i tr o v a
a n co ra?) T r e v e r d : B ib lio te ca d el S em in a rio , Cod. I I I . 10 (o liin montisi.
8. I la tth ia e). V e n e z i a : B ib lio t. M arcian a, cl. V I. cod. 9. V i e n n a : B ib lio t.
di C o rte (v e d i sopra e Talvulac I. 32S; I I , 487). P e r le p red ic h e d i C le m e n te V I
cfr. anche Rev. d h ist. c c d t's. V i l i (1907). 714 s. e P . E d o u a r d d ’ A l e n ç o k . Pa-
nr m ir il/in: inédit de S t. François cPAssise pa r le pape Clément Y I , in Etude*
Francise. X X V I (1911), 337 ss.
2 C fr. K ai.tf.nhrt vner. P ic Vorpcsch. d er Greg. K a lenderreform , n ei 8 it-
sungsher. d e ll'A c c a d e m ia d e lle S cien ze d i V ien n a , Philos.-hi.it. K l. L X X X 1 I
(1876), 315 ss.: r . B e r l i ère in Rev. B énfd. X X V (1908), 240 s.
s < Chinent is ti m il» illc Clemens, clcm cn lia c spéculum >. T v rtia l ila d é ­
mentis r i in B alttze I , 300; c fr . 263.
Lati oscuri di Clemente V I. Opposizione in tema tributario curiale 95

Stato un asilo alle torme di quei perseguitati errabondi e senza


patria.1
Questi lati luminosi nel carattere di Clemente VI sono però
oscurati da grandi ombre. Mediante la compera di Avignone e la
nomina a cardinali di numerosi francesi rafforzò la stretta unione
(Itila Chiesa romana colla Francia.1 CoH’arricchire e favorire
i suoi congiunti e col lusso principesco della sua Corte egli arrecò
danni sensibilissimi all’autorità della Chiesa. Sotto di lui penetrò
nella corte pontificia il lusso generalmente dominante al tempo dei
Valois;* Avignone divenne una residenza di fasto esagerato e di
vita di piacere della specie più lussuosa. La munificenza del pon­
tefice, che diceva di essere papa soltanto per formare la felicità
dei suoi sudditi,4 ha veramente qualche cosa di grandioso. Ma
ben tosto fu esaurito il tesoro accumulato dai due antecessori di
Clemente VI. Per continuare le abitudini di una vita splendida
e spendereccia Clemente VI abbisognò di nuove fonti di denaro,
e seppe trovarne, ma a scapito degli interessi della Chiesa, poiché
accrebbe i perniciosi artifizi finanziari di Clemente V e di Gio­
vanni XXII. Come già per l’addietro in molti paesi aveva con­
dotto ad una gagliarda opposizione la troppo frequente ed esa­
gerata applicazione del diritto d’imporre tasse ecclesiastiche, che
senza dubbio deve necessariamente concedersi al papa,5così anche
1 ( i r . L . B a rm n k t, Condition (Ics jtiifs du corntat VenaUsin pendant le *(■-
imir des papes il A vigm m in R e vu e hlst. X I I , 18-22; H a k s e r I I I , 1 55; Zcitxch r.
/tir Kirchengexch. V I I ,114. V o g e ls t e in - R ie g e r I , 313. Sul l'a tte irsi am en to umano
'It i papi avign o n esi v e rs o i G iu d e i v . anche Rev. ju iv e V I I , 227 ss. ; X I I , 47 s.
•’ fr. M a t i l d e 5, 19ss.. 24 e A nnoi, d. S. L o nix I I I , 121-174; Rotnische Quar­
titltchr. 1899, 30., con su p plem en ti p el te m p o d e llo scism a, ibid. X V I I (1903),
1*3 SS.
2 C fr. C h r i s t o p h e I I , 107 s., 352 s. e ne B k a u m e f o r t , Cessimi de la ville
r < de l’étal d’Avignon a-u pape CI/’meni V I pa r Jeanne I ” , reine de Xàples
i -Vpt 1874). P e r l ’in fra n cio s a m e n to d e lla c o r te p a p ale ogn o ra crescen te d al
ti nipo d i G io va n n i X X I I (c fr . i l la v o r o c ita t o sop ra a p. 62 d e l F a u con 82) è
ii\ra tt»ristico c h e iper a b b e llire i l c a s te llo p a p ale d i A v ig n o n e C lem en te V I
non s i s e rv i |giù, com e a v e v a f a t t o di su o antecessore, d i u n a r tis ta ita lia n o ,
niu d i un fran cese. In un c o n tra tto d i com p era d e ll’a r c h iv io c iv ic o d ’A v ig n o n e
dell’anno 1349 c os tu i v ie n d en o m in a to Sim onettus Luudunenxi# pietor euri/im
K'imanam pequen*. I l m on ogram m a d ì q u es to p itto r e ( M L ) si tr o v a anche
nella cap p ella d ’In n o ce n zo V I a V ille n e u v e ; c fr. C a n r o n , L e Pala in dea l'a p e »
'1 1n im on (2* é d it., A v ig n o n 1875) 21. T u tt a v ia , secondo i l M u n t z , B u ll. mon.
1884. f r a g li a r tis ti a d o p e ra ti d a C lem en te V I l ’e lem en to ita lia n o e ra rai>pi'e-
s,,ntato in p r e v a le n z a ; q u iv i p u re s i t r a tt a d i S im o n etto d a L io n e ; v. Ja-
MTscirF.K, R ep erì. V i l i , 390. G li a r c h ite tti a d o p e ra ti d a U rb a n o V fu ro n o
esclusivam ente fra n c e s i e p e r la p i fi p a rte an ch e i p it t o r i; a l c o n tra rio g li
"retici fu ro n o qu asi tu tti ita lia n i. M u n t z in .-Imi. d inscript, et belle # let­
tre» 1893 e C ri,a in V (P a r is 1889).
3 C fr. I\. H. IS c h a fe r , T a tik . Quellen : u r Qesch. denr papati. Jlof.-und.
Finanzverwaltuny I I , P a d e rb o rn 1911, 1 6 *s „ 18*ss. ; W e.v ck n ella Z e its clir. f.
Kirchcngeseh. X X X I I I (1912), 123.
* B at .u z f . I, 282.
s V e d i i P u n x i r s I I , 585 s. ; V , 540 ss.
9G Libro I. Capitolo 1. I papi in Avignone 1305-1376.

ora. Specialmente nei paesi germanici giunse sempre più ad un


grado pericoloso il malumore contro le crescenti incette di danaro
della Corte papale.1L’Inghilterra cercò di francarsene con severe
disposizioni di legge, che rallentarono l’unione della Chiesa inglese
con Roma. - Quivi da parte della Stato furono sostenuti dei prin-
cipii, che affermavano, è vero, la piena libertà della Chiesa inglese,
ma che in realtà rasentavano una totale dipendenza di questa
dal re. Il parlamento che si convocò in Londra alla fine d’aprile
del 1376, formulò in termini vivacissimi le sue lagnanze nel cosi­
detto lungo Bill. Ciò che di tasse si paga alla Curia per le cariche
ecclesiastiche vacanti, vi si dice, ammonta a cinque volte le entrate
del re; i sensali di Avignone favoriscono per danaro uomini igno­
ranti ed inetti. Stranieri, e persino nemici della patria, che non
hanno mai visto i loro parrocchiani, occupano prebende in Inghil­
terra; il collettore papale manda annualmente al pontefice circa
20,000 marche. Nessun principe della cristianità è tanto ricco
da possedere anche solo la quarta parte dei tesori, che in modo
illecito qui vengono spillati dal paese. Il papa riscuote imposte
e sussidii dal clero inglese per liberare Francesi che furono fatti
prigioni dagli Inglesi, o per condurre la sua guerra nella Lom­
bardia. D’ogni sciagura dell’Inghilterra, persino della peste e della
carestia, il parlamento fa responsabile il papa. Con minacce do­
manda rimedio. *
Non meno vivaci lamentele si levarono in Germania, dove se,
in causa delle scissure politiche non si venne ad un’azione con­
corde, furono tuttavia abbastanza forti le misure che si presero in
particolare. Così nell’ottobre 1372 i capitoli e le abbazie di Colonia
si strinsero in lega per opporsi alla decima sulle loro rendite ideata
da papa Gregorio XI. Il tenore del relativo documento dimostra la
profonda indignazione regnante in Germania verso la Corte avi-
gnonese. Per effetto delle molteplici gravezze, colle quali la Curia
opprime gli ecclesiastici, vi si dichiara, la Santa Sede è caduta
in tale discredito, che la fede cattolica in queste regioni appare

1 Aneli«' n ei arnesi rom an ici si fe c e r o s e n tire la m en ti su gli en o rm i bisogni


<11 d en aro d ella ('u r ia uvignonese. I/ a g o stin ia n o L u i g i M a r c i g l i ( c f r . F i .o k i w 1
nra. Sk.cot.0, Un teologo dcW ultim o Trecento, T r a ili 1898) cosi s c riv e v a ila P a­
r ig i <iil un suo a m ico il a i ag osto 137'»: « A l l e d iso rd in a te spese d i A vign o n e
non basta le ofToiVflwle d i San P ie t r o e Pau lo, e noin basterebbe q u ello che
<'reso hi L id ia ranuÒ, e lle C esa re d on ò in Koinn. o c iò che in q u ella d istrU " 1
N eron e » ,<Lettera del b. I,. M o r Ho ti p. x i). T o c c o , F ra ti c e lli 341). Sul M a r c ii’,
c fr. F i.. DEI. S e c o i -o , Un teuloiio ih II'ultim a Trecento. T r a ili 1898 e C. O a s vki■
\atipie intorno a L. M o rs ili, L o v e r e 1900.
» C fr. L in c ia s i* IV , 1 7 8 ss. S c h w a b 330. P a u l i IV , 481 s. M C l l e b I L
S r i ’ min. C Olisi. /itti, o f Englaiul (O x fo r d 1878) I I I . 314 s. L o s e k t i i , K ìrc h e »-
politik Eniibiiiih I. 18 s „ 24 s.
» I.obkbth I. 48. ( ifr . H a ij .kr I. 375 ss. : iM o ix a t 282 sis.
4 L oskrtiC 1, 72 ss. C fr. H at.Tir« I, 431 ss.
Innocenzo V I (1352-1362) e le sue riforme. 97

in varie guise danneggiata. I laici parlano con disprezzo della


Chiesa, perchè questa, contrariamente all’antica consuetudine, non
m anda quasi mai predicatori o riformatori della vita, ma piut­
tosto fattori e scaltri incettatori di danaro, non curanti che il
iroprio interesse; le cose già sarebbero giunte a tal punto che i
più sarebbero cristiani quasi solo di nome.1L’esempio del clero di
Cclonia trovò subito imitatori; in quell’istesso mese lo seguirono
i capitoli di Bonn, Xanten e Soest con atti conformi. Nel novembre
vì i unì anche il clero di Magonza.2Alla fine del periodo avigno-
nese l’umore degli animi nella Germania meridionale era affatto
simile a quello esistente in qreste contrade occidentali. In una let­
tera del duca di Baviera Stefano il vecchio e dei suoi figli, del­
l'anno 1367, diretta al clero del suo paese, si dice «essere stato
loro notificato che il papa ha messo una grave imposta sulle ren­
dite del clero, la quale apporterebbe danno ai monasteri, e che
perciò s’intimava loro seriamente di non pagare gabella o censo
di s o r ta , poiché il loro è un paese libero ed i principi non inten­
dono di permettere a chiunque di introdurre nel paese tale usanza
sotto l’ammenda della vita e dei beni, giacche il papa non ha nulla
da comandare nel loro paese».8
Purtroppo Clemente VI non conobbe il danno, che le esagerate
richieste di danaro causavano agli interessi della Chiesa. Anzi
quando gli venivano fatte rimostranze per gli abusi che ne deri­
vavano e si accennava che i suoi antecessori non si sarebbero per-
nu <se tali cose, rispondeva : « I miei antecessori non seppero essere
papi».4 Questo solo detto basta a caratterizzare questo papa, nel
quale l’esilio di Avignone tocca il culmine.5

1 I I docum ento è (rip ro d o tto in L iaco m b let, Urkundenbuch f ü r Gesch. de»


W " l'Trhcins (D ü s s e ld o rf 1853) I I I , 627, 629.
- GrDENxrs, Cod. dipi. ilo g . (F r a n c o i. 1751) I I I , 507-514. A n ch e il c lero
• ! W ü rttem b erg sì oppose n el 1372 a lle d ecim e p a p a li ( S tX t.in . Gesch. W iirtt.
1 704). C fr. in o ltre K ir s c h , D ie päpstlichen K ollek to rien in Deutschland x x n .
Muuit in U f i. cTarchéol. 1897, X V I I , 113.
1 K d ito in F rei-b erg, Gesch. der bayrischen Landstände (S u lzbacU 1828)
I. 355. V . anche R i e z l e r I I I . 815. C fr. in p ro p o s ito lo s c r it to d el duca! Fede-
ri" 1 di A u s trla -T iro lo , a p p arten en te p e rò a l tem p o d e llo scism a (1407), d ire tto
allo Società ecclesiastich e d e l suo p aese p resso B ra x m s , T iro l unter F ried rich
' O csterreich (W ie n 1821) 291-292.
* B a i /c z e I, 311. C fr. S c h w a b 14 s., 37, 39.
5 H e p b l e V I . 579, 588 (2* ed iz. 6 6 3 s .); H ö fle r . A u s A vig n on 1 9 : H a m -
'-ii’K 163 ; i M ö l i - e r I I , 165. I I V i i j . a n i ed a lt r i accusano C lem en te V I anche
: im m oralità. I n q u a li s tre tti ra p p o rti stesse C lem en te V I co lla F ra n c ia ap-
ì'arip assai c h ia ro d a l re g is tr o d e lle som m e d i den aro, ch e e g li e suo fr a t e llo
1'» t ’Helmo R o g e r p res ta ro n o d u ra n te la gu erra d e i 100 anni a F ilip p o V I . a
'■¡»vanni I I ed a b aron i fra n c es i. F ilip p o V I d a l 1345 a l 1350 otten n e 592.000
" r 'tii d 'o r o e 5000 scudi. G io v a n n i I I l ’en orm e som m a d i 3,517.000 fio rin i
'>Vo. V. R ibi. de l’École d. Charles X L , 570-578.

P a s t o r , Storia dei Papi, I.


Hi Libro I. Capitolo 1. I papi iri Avignone. 1305-1376.

Nella chiesa benedettina a La Chaise-Dieu (dipart. Haute-


Loire), ove un tempo aveva cominciato la sua carriera, Clemente
si ereise un sepolcro eccessivamente fastoso. Le pareti di que­
st’opera meravigliosa, che fu distrutta nel 1562 dai Calvinisti,
erano ornate da 44 statue di marmo, fra cui non solo i suoi nepoti
ecclesiastici, ma anche i suoi congiunti secolari colle loro mogli,
figli e nepoti!1
Fu una fortuna per la Chiesa, che il successore di Clemente VI,
Innocenzo VI2(1352-1362) fosse animato da sentimenti affatto di­
versi. Quest’uomo «severo e giusto » parve si fosse preso a modello
Benedetto XII. Appena incoronato revocò la costituzione di Cle­
mente VI, che ai dignitari ecclesiastici e ai cardinali accordava be­
nefizi presso certe chiese cattedrali e collegiate, sospese una grande
quantità di riserve e commende, si dichiarò contrario alla plura­
lità dei benefizi e, sotto pena di scomunica, ordinò ad ogni bene­
ficiato la residenza personale. In tal modo egli purgò la Corte
papale da una moltitudine d’inutili favoriti, la cui unica attività
consisteva nell’ordire intrighi e nel soddisfare la propria cupidigia.
Assai economo per natura delle proprie sostanze e convinto che a
maggior ragione doveva esserlo coi beni della Chiesa, bandì dalla
sua Corte ogni lusso, soppresse ogni spesa inutile e licenziò i ser­
vitori superflui. Costrinse ad imitare il suo esempio i cardinali,
molti dei quali, tutti immersi nel lusso e nei piaceri, avevano ac­
cumulato immense ricchezze;3 censurò apertamente le passioni e
i falli di alcuni membri del Collegio cardinalizio. Voleva che i be­
nefici venissero conferiti soltanto al merito. «Le dignità ecclesia­
stiche», diceva egli, «devono essere il premio della virtù e non
della nascita».4 Innocenzo VI, che aveva divisato un’efficace ri­
forma di tutta l’amministrazione ecclesiastica, cercò con tutte le
forze di reprimere anche al di là della sua Corte la corruzione
che era penetrata nella vita ecclesiastica. Così, ad esempio, nel­
l’anno 1357 mandò in Germania il vescovo Filippo de Labassole,
perchè si adoprasse ad una riforma del clero.5Quasi tutti gli sto­
rici encomiano Innocenzo VI come un principe integerrimo, serio

1 Sul sepolcro ili C lem en te V I v e d i F.xxcox nel Hull, n rrh rol. du C otnil■
ile* travaux hint. 1SS4, 410 ss. e FattCON, X o tic c (v . qu i sopra p. 23) eoe. 41
(¡7. Pfr. Mt'NTZ. \I.a Tia re 48 s.
2 Inn ocen zo V I non *-ra n a tiv o (li M aum ont, com e si d ice da m o lti eil
anche d a l G rb o o ro v to b V I * 322, m a d el v illa g g io d i M ont presso B eys^i
vicin o a l c a stello d i l ’om^iodonr ; v. Christophk, I I . 170 e Werunsky. *>1.
nota 5. Sul suo »»epolcro a W iJlen eu ve lè a-A vlgn o n , che fu d is tru tto n ella grand •
rivolu zion e, ved i Duuuxtuic 4Ì13. <'fr. M I'n t z , loc. cit. : II. M i c h e l n ella Ber.
Vari rhn'l. XL1 (1S>11), 2(KVss. ; IStteinmant«. Grabdenkmäler 102 s.
* O fr. A n d ré , 'Mtmarch. pon lif. 243 s „ 310.
* C h r is to p h e I I , 173: iv i i d a ti p a rtic o la r i. C fr. anche S e n w a b 17 e " y
Rt’ NBKY (53.
s C fr. Scnumor.R 162 s. e Stimmen nun ila ria -L a a ch M IX , 341.
Innocenzo V I (1352-1362) e le sue riforme. 99

ed esperto nel diritto, che — quantunque non immune da nepo­


tismo — fu instancabilmente sollécito pel bene della Chiesa e dei
m i popoli. Alcuni lo chiamano persino il migliore e più eccellente
dei papi avignonesi.1
Questo egregio pontefice fu anche quegli che pose mano alla
definitiva restaurazione dell’impero. Senonchè troppo debole era
questo nuovo impero perchè avesse potuto bastare anche in tempi
ordinarti. Con tutte le sue altre eccellenti .qualità Innocenzo VI
non era uomo politico. Per premunire il papato da nuove usurpa­
rmi di capricci imperiali di potere, si commise il fatale errore di
rendere per quanto fu possibile senza importanza la suprema auto­
rità terrena.2
La pagina più splendida del pontificato di Innocenzo VI è la
nstaurazione della signoria papale quasi totalmente decaduta in
Italia, compita per opera del geniale cardinale Egidio Albornoz.3
O ra il ritorno della Santa Sede alla primitiva e propria residenza
era possibile ed un bisogno tanto più urgente in quanto che il
miggiorao nella rocca papale sul Rodano era diventato assai mal-
' C-uro a cagione della saliente potenza delle bande mercenarie che
dovunque saccheggiavano ed incendiavano e del crescente pertur­
bamento nelle cose di Francia. Innocenzo VI ebbe infatti il pen­

1 <'»•>! S u geftu eim 257 : P a p e n c o rd t, .P ic iu o 277 e O u e o i o m r a V I » , 390.


<'fr. Ham m em cu 163-164 e Z o f f e i . in H e b z o o ’ * Realencgklopadie V I I 2, 338.
Sull im piego in C u ria d a to <la In n o cen zo V I a l p rim o a r c h iv is ta v. sopra p. 58.
« '<»iitro l'op in ione « h e In n o cen zo V I s ia s ta to un n em ico «Ie lla scie n za v. H ixt.
UH. 21-22.
Hoki.kr, Itoman. W elt 127: e fr . Arignonetinche Piipste 2S2-2K3. V . in o ltre
" S c h e ff le r , K a rl IV . utul Innosenz V I. 1355-1360, B e rlin 1910 e in propo-
■ M o u a t n ella R cv. d'hist. ecelés. X V 1 (1914), 125 ss. S u lla p rim a an d ata
•1 It<>mn di C a rlo I V e la sua in co ro n a zio n e a M ila n o di 6 g e n n a io 1355 e fr.
A K rokner, W ahl u ìul K rónung der deutsclien K a iser und K itnige in Ita lien ,
1 rviliurg 1901, 85 s. ; K . H aa se, D ie Konigskr&Mtngen in Oberi!alien und die
' " Kronc, S tra ssb u rg 1901, 56 ss.
Ofr. R e u m o n t I I , 900 s. ; G k e c o r o v t p s V I 3, 323 s. ; W k r u n s k y 65 s s . ;
" < u m . Kard. A lb orn oz (P a d e r b o r n 1892); F.r m i n i . O li ordinam enti p o litici ed
•■¡"iinistr. nelle * Constitutiones A egid ia n ae» (T o r in o 1 894); F i l i p p i n i , La ri-
■luista il. Stato d. Chiesa p. opera di E. A lbon uK in Studi S to ric i 189S>,
' H I . 295ss., 4 0 5 s s .; M o i .l a t 1 4 8 s s .; G . I/ c t zza tt o , La pace del 5 novembre
■■ rintclusn in Fabriano per volontà deW Albornoz, in M isceli, di storia e
fil'd. 1909: K . H . S c h a fe r , D eutsche H it te r 11 . E d elk m ch ten in Ita lie n ir a h r end
' 1 1- I uh rii., P a d erb o rn 1911; Costituzioni Egidianc dell'anno 1357, a cu m
* I’. S fjj.a , R om a 1912; F . F i l i p p i n i , L a seconda legazione del card. A l-
'■•'¿z in Ita lia {1358-1367). nejrli Studi s to rici X I I (1903). X I I I (1904), X I V
l M. A n t o n e i x i , Vicende della dominazione pontificia nel patrim onio di
' Pietro in Tuscia d. traslazione d. Sede alla restaurazione d e ll Albornoz,
{r,'h. d. Soc. Rom . X X V (1902), X X V I (1903). X X V I I (1 9 0 4 ); La donu-
na:ionc ponti/, nel pa trim on io n eg li u ltim i venti anni del periodo avignoncse,
X X X (1907), X X X I (1908).
100 Libro I. Capitolo 1. I papi in Avignone. 180b-1376.

siero di recarsi a Roma,1ma la grave età e la malferma salute


frustrarono il suo disegno. Fu più fortunato il suo successore, il
dotto e pio U r b a n o V (1362-1370).'-' Due grandi avvenimenti ren­
dono il suo pontificato uno dei più memorandi di quel secolo: il suo
ritorno a Roma e l’andata a Roma di Carlo IV.
11 ritorno a Roma, caldeggiato vivamente dall’imperatore
Carlo JV e che solo poteva risollevare la cadente autorità del
papato, sottrarlo ai tumulti della guerra anglo-francese e ap­
portare la tanto necessaria riforma della disciplina ecclesiastica,
divenne un fatto compiuto nell’anno 1367. Malgrado l’opposi­
zione del re di Francia e dei cardinali francesi,3il 30 aprile 1367
Urbano V lasciò Avignone, dove per riguardo alle relazioni colla
Francia rimase una parte del personale della cancelleria e della
Camera apostolica. Il 19 maggio egli montò sulla galera che
doveva condurlo verso la spiaggia d’Italia. Il 4 giugno approdò
a Tarquinia donde si recò a Viterbo a passarvi la calda estate.
Ai 13 di ottobre Urbano V s’avviò verso Roma, dove giunse il 16
e prese dimora nel palazzo del Vaticano appena sufficientemente
restaurato.4 Al ritorno in Roma seguì nell’anno appresso il se­
condo avvenimento importante del governo di Urbano V ; la venuta
a Roma dell’imperatore Carlo IV, la pacifica unione fra l’impero
e la Chiesa.4
Il ritorno di Urbano V alle tombe degli Apostoli fu celebrato
con immenso giubilo da tutte le persone serie e credenti d’Italia.

i Ofr. la sua lettera a Carlo IV ilei 28 aprile 13(11 presso M artèxk . The-
uà tir. 11. 940-M7. Sulla poca sicurezza del p a i« in Avignone v. H kkquet 49 s .:
Aniirì: 4 0 2 s .; Q otti.ob S 7 s.. 88 e specialm ente D k m t le , l)t*o la tirm I I.
aso ss., 49S.
» .1. II. A i.iia n k s . A rlttt tuie ien* et riorum cuts concerna n I le bienh. U rbain J*
pape, pubi. iiar l T. C iik v a i.ik r . P a ris 1907 : O. S c h m ib t , D e r h i*tor. W ert 4 rr
eicrcch n atte» lllot/raphic n den /’apule* Urban V ( K irchenge*ch. Abhandlungen
h r nil. von M. S b ra I-k k III). Breslau 1905. 135 as. : E . H o c t o e z , La rifui primo
U rbani V ti net ore anonim o. In lim i. Holland. X X V I (1907), 305 »s. Lft pi ft
recente biografia : M. C i i a i l u s , /.e bienh. U rbain I', P aris 1911. S u l ritra tto
<1’C rbano V vedi II. K . M anx, The p o rtra it* o f the Pope*, in P a p rr* o f
llr iti* h School at Home IX (1920), 190 ss., 202 s., ove anche sulle statu e di
altri papi avlgnonesl.
a P u o i-, R cla t. polit. dn pape. U rbain I ' aree le* r t 'it tie France Jean J/ et
CharU'* V ( P a r is 1888) 0 4 ss.
* Cfr. l’eccellente <M»era del K u s c h . />i* Itiikkehr der Piip*t 11 s. Vedi
inoltre MatXAT 113 s » .: Kakiinkr 01 s s . : A. Sai'TIKK. Pap*t Urban V. u n ti die
SSUnerkompagnicn in Italien in tlen Jahren 1362-1367. Zürich 1911. C ir c a la
dimora del lMpu « Viterbo cfr. P. Kgiiu. I.e croniche di Viterbo »critte da
Frate Frane. tCAndrea. in .4rrA. d. Soc. /foni. X X I V (1901), 38Sss. V. nnclH'
l ì . C o c h in . I.ti grande controrcm e de R o m r et d'Arignon au x iv * *ièele { f i t t i ­
tit « Hai.), P a ris 1921.
» ll<)Fl.KR. Roman. Welt 129. « Quando sì scriveva l’anno 1307. le due spade
del mondo erano concordi » . Cronaca iti L im b u n jo 55. C fr. X o v a t i I. S7. (Jakj*-
NKK 00 8.
Urbano V ritorna per breve tempo a Hoina. 101

Giovanni Colombini, il fondatore dei Gesuati, cantando laudi andò


o suoi incontro al pontefice fino a Tarquinia; con rami d’olivo in
m ano accompagnarono esultanti il corteo del santo Padre, il quale
approvò tosto i loro (statuti.1II Petrarca salutò il pontefice reduce
in Roma colle parole del salmista : « Allorché dall’Egitto uscì
Israele e la casa di Giacobbe da un popolo barbaro, (allora) fu
gioia e letizia per ogni dove».
Da oltre 60 anni Roma non aveva più veduto un pontefice
<ntro le sue mura. La città presentava l’imagine di profondo de­
cadimento; le chiese primarie, la basilica lateranense, S. Pietro e
S. Paolo, come i palazzi, erano mezzo rovinati. L’esperienza di due
generazioni insegnava che in una necessità i papi potevano fare
a meno di Roma e non Roma dei papi. Il pontefice ordinò tosto
il restauro degli edifizi e delle chiese rovinate.2 Il più importante
lavoro fatto eseguire da Urbano V fu la ricostruzione della ba­
silica del Laterano distrutta da un incendio il 26 agosto 1361. L’al­
tare maggiore di questa chiesa fu adornato da un alto taberna­
colo gotico a colonne, il quale racchiudeva due delle più preziose
reliquie, il capo degli apostoli Pietro e Paolo, pei quali l’orefice
enese Giovanni di Bartolo fece busti di molto pregio, distrutti
poi al tempo della rivoluzione francese, mentre invece il taber­
nacolo è scampato a tutte le burrasche. Urbano V chiamò al
suo servizio anche pittori famosi, come Giottino, Giovanni e An-
t-'eio Caddi e Giovanni da Milano.* La città, che ben presto vide
fra le sue mura illustri ospiti principeschi,4 a poco a poco co­
minciò a riaversi. I Romani corrispondevano col loro capo su­
premo colla dovuta riverenza e devozione;* tranquillità e pace
parevano finalmente ritornate. Tuttavia per dare un soddisfacente
assetto agli intricati affari d’Italia si sarebbe richiesto un carat­
tere più energico. Urbano V non fu in grado di superare vittorio­

1 Ofr. M. de B i h b u i u d . L e bienheurcus Colombini (Paris 1*9.1).


* Vedi Mì'ntz nell’.4reA. Star, dell'Arte IV. 1891. 12*1ss.
* Sul ravvivamento dell'arte e In «onerale sulla protezione concessale da
'ri-ano V vedi V a i . k s t i x i . Hat il. Lai. I. 14.". AnciOLn I. 130. fi a v e . Carteggio
I. 74«. ChronUfue dea A rti et 'tir la Curionité 1880, innr.'io 22. Arrh. il. Hoc.
R‘ »n, VI, 13 s. Mì1ntk, Gior. il. Hartolo In Arrh. it. Unì. r>* serie II, 1 ss. So-
' 'TI 1. SI. Mi'-jrn'-FitoTTTNuHAM, Tetoro d. batti, di K. Pietro (Roma 1HK3)
18»*. MI'stz, ift k ir e * de* Art* (Paris 1S90) I, 1 ss. e Arrh. ut. deir A rte IV,
127 ». K i r s c h . /Me Rùekkehr 108». SciirimiNc. In Jahrb. d. prrui*. Kunttmmmi.
1900. p. HS4 dove jierf» sono scambiati l'rbano V e V I: I.AI'Kit. Latrati 2<'4 s. ;
Hcoocaxaihi. Rome 48 su. ; Mauri m o r i . /.reca 13.
* Oltre Tarlo IV. l'rbano V ricevette in Roma negli anni 1.K5S e l'WVi> la
r"sina Giovanna di Napoli, 11 re di Cipro e l'imperatore greco Giovanni I"sì-
V-ilog0. Anche Stefano di Bosnia era allora atteso nella città eterna. ( I r .
Tmkixw, .1/0». Ilung. II. 01-92.
* Ofr. la testimonianza stessa del papa nella mia lettera al popolo ro-
®ann presso Ravsau» 1370. n. 19. Cfr. anche F«oissabt IX, 49. 51.
102 Libro I. Capitolo 1. I papi in Avignone. 1305-1376.

samente le difficoltà, che dovunque incontrava; il suo zelo presto


s’intiepidì e, come la più parte dei cardinali francesi, suoi com-
patriotti, bramò di ritornare alla città del Rodano e al bel paese
natio.1 Invano il francescano Pedro di Aragona accennò ad uno
scisma, che sarebbe potuto sorgere, quando il papa abbandonasse
le tombe degli Apostoli. Nè le suppliche dei Romani, nè l’esorta­
zione del Petrarca, nè la minaccia di santa Brigida, che egli sa­
rebbe morto appena avesse abbandonata l’Italia, valsero a ri­
muovere Urbano V dalla sua risoluzione; col massimo dolore di
tutti i veri amici del papato e della Chiesa ritornò in Avignone
(27 settembre 1370), per morirvi poco dopo il suo arrivo (19 di­
cembre 1370). Appresa la nuova della sua morte, il Petrarca scrisse :
«Urbano sarebbe stato annoverato fra gli uomini più gloriosi, se
morendo avesse fatto portare il suo -letto dinanzi all’altare di
S. Pietro ed ivi fosse spirato con tranquilla coscienza chiamando
Dio e il mondo a testimonio, che, se una volta il papa aveva abban­
donato questo luogo, la colpa non fu sua, ma degli autori di una
fuga così vergognosa».’ Prescindendo da questa debolezza, Ur­
bano V fu uno dei più nobili e dei migliori papi. Specialmente
devono menzionarsi con onore i suoi sforzi diretti a correggere il
mal costume, sebbene non riuscissero a cancellare le tracce dei
disordini inveterati. *
Oltremodo triste, sotto più rispetti, erano le condizioni di allora.
A cominciare dal secolo X non c’era mai stato da lamentare tanta
corruzione di costumi, quale ora generalmente era diffusa. Se si
ricercano le cause di questo triste mutamento, si trova che quei
malanni in gran parte erano stati provocati dal cambiamento delle
condizioni della civiltà cominciato verso la fine del secolo xm. Da
quest’epoca in Italia, nei Paesi Bassi, in Francia e Germania, pei
cresciuti scambii e commerci si era straordinariamente rialzata
l’agiatezza e il modo di vivere di ogni ceto. Dovunque si vide un
rapido cambiamento della moda e una sregolata tendenza al lusso
e agli stravizi. Il clero, sì l’alto che il basso, fatte poche onorevoli

i Kkum ont. llricfe 19; c fr. G iteli. Roma II. 950s.. 9 5 6 ss., '.*12ss. S n ll’ope-
rositil nlont'afTatto infruttuosa <li U rbana durante 11 suo soggiorno in Italia
v. 1/ K i‘ lx o i s 327-&TT.
s Gem er, /V ira m i 179: cfr. Xov.vrt I, 140 s. SuU'afTctto di Urbano V per
la Francia c sulla sua arrelHlevolezizH verso la corona, v. P ro u , Relat. polii,
dii pupe I rhain V a rre le» r o i a He F ra n o ' Jean H r i C harlc* V (P a r is 1SS8).
» (¡IKSfXER II 3, 114. SouC H O N 72. A favore <11 I 1ri van o V s'esprim e F r o is -
s a r t (V r. 5 0 4 ; cfr. V i l i . 55). Anche cronisti tedeschi tributano a questo pnpa

la p ift alta lo d e . « Fuit lux munti! », si d ice in una cronaca <11 Magonza
(l)e u l* r h c H tiHit celi rollilo n X VI I I . 172). « e t via veritatis. ainator iustitiae.
recedens a nuilo et tim eus Deum ». C fr. Cronaca di l.imhur/io 51 e 59. Sul se­
p o lc r o di Urbano v. DcrcHBBinc 4!M Sui monumenti di Urbano V. d istrutti
nella grande rivoluzione, a S. V ittore in Marsiglia (dove fu seppellito) e a
S. M a r z ia le d'Avlgnone. vedi S T E M M A in r, Orabdcnkmàlcr 165 ss.
Decadenza morale. Sforzi di Urbano V per le riforme. 103

veiezioni, 3eguì l’andazzo del tempo.1 Sotto Giovanni XXII le


>pese aumentate dai nuovi bisogni erano tuttavia relativamente
non alte in confronto colla spesa totale per gli scopi ecclesiastici
generali, ma sotto Clemente VI esse crebbero in modo così sor­
prendente, che bisogna tenerne conto nel giudicare le già accen­
nate operazioni finanziarie dei papi. La rovinosa potenza dell’oro
si fece subito sentire nel modo più tremendo. Alvaro Pelayo, da
testimonio oculare, racconta come gli impiegati della Curia non si
lasciassero fuggire alcuna via d’arricchire, come nessuna udienza
e spedizione si potesse ottenere senza denaro, come si dovesse cer­
care di conseguire con ogni sorta di doni persino l’ammissione alle
'acre ordinazioni.2 Questo sistema di corruzione, che in minori
proporzioni fu seguito anche nella maggior parte delle Curie dioce­
sane, ebbe per effetto, che ottennero dignità ecclesiastiche nume­
rose persone inette ed indegne. La vita ecclesiastica fu trascurata ;
nè da molti si curò, nonostante le severe disposizioni sinodali, l’ob­
bligo della residenza, poiché in ciò il basso clero imitava il cattivo
esempio dei prelati superiori; la disciplina e la moralità, special-
mente il celibato, decaddero spaventevolmente; in luogo della sem­
plicità e castità sacerdotale subentrarono il fasto e la sensualità.1 1
Su questo punto intervenne con abilità ed energia Urbano V,
uomo di santa vita. Egli conobbe chiaramente che anzitutto dove-
vasi intraprendere una riforma del clero. Con rigore procedette
non solo contro le dottrine erronee,4ma anche contro gli ecclesia­
stici immorali e simoniaci e contro i monaci indegni. Da lui furono
rinnovati i decreti, da lungo tempo trascurati a danno della Chiesa,
sulla tenuta dei concilii provinciali. Furono tolti i vergognosi
abusi dei procuratori ed avvocati della Curia, i benefìzi vennero
conferiti solo a persone degne, fu vietato il cumulo delle pre­
bende. 5 Urbano V volle trasformare la Corte papale in modello
di vita cristiana e perciò sorvegliava la condotta morale del suo
seguito e di quanti lo avvicinavano. Segno caratteristico della
buona impressione fatta da Urbano V è il fatto, che il popolo
subito dopo la sua morte cominciò a venerarlo come santo." Era
schietto e semplice per natura e oltremodo regolato; odiava la

* S chw ab 38-39. O fr. M a ü n a n 139 ss. e C ip o lla 157.


s e l a o . liti. I I . a rt. 15.
A i .va b . P
* S c h w a b 39-40, S3. O fr. anche H a u u r a n i 12 9 8., 1 3 3 «.. 164 e H . 8 . 1>e -
M fle, Tautcrg Rrkrhruny I St nLsstiu r„r 1879) 131-133.
* (*fr. R avxal» 1868, n. 2 7 : 1866, n. 1 7 : 1368. n. 16-18: 1369. n. 12. 1 3 ;
1*70, ». 16.
* C n n n o m I I . 266-269. Magxax 1 4 7 *. I-o sa m i. KIrchrnpolUtir Kng-
*»"'«4 I, 3 0 .: H au-kr 1. 1 5 6 ss.
* Vedi I t o m i : in ¿Ire Air. / . h ill.- u. Kirchenyatch. IV . 3 4 9 » .; Mkiuu.»:,
fo n d i. Trid. I. FrUnirsi B risg . 1901. 225. n. 1.
104 Libro I. Capitolo 1. I papi in Avignone. 1305-1376.

vita agiata del clero e il fasto della Corte sensuale di Avignone


ha contribuito non poco ad indurlo a trasferirsi in Roma. Pene­
trato della profonda coscienza de’ suoi sublimi doveri, non ostante
la sua affabilità e mitezza, si mostrò energico e (inflessibile nelle
cose che riguardavano Dio e la Chiesa. Lo animava un rigido
sentimento di giustizia; nessuno de’ suoi parenti ebbe da lui pre­
ferenze; anzi indusse suo padre a ricusare una pensione del re di
Francia. Nella Curia represse a tutto potere gli abusi, che vi s.
erano introdotti, sollecitò il puntuale disbrigo degli affari, in
ispecie anche cogli sforniti di mezzi e diede egli stesso un esempio
di diligenza e di ordine tenendo regolarmente i concistori.1Anche
durante il suo soggiorno in Italia Urbano si occupò di riforme ec­
clesiastiche: in questo tempo, fra le altre cose, fu dal papa rifor­
mata la celebre abbazia di Monte Cassino.*
A Gkkgorio XI (1370-1378), segnalato per dottrina, illibatezza
di costumi, pietà, modestia e avvedutezza,’ toccò di scontare la
debolezza del suo antecessore, che così presto aveva abbandonato
Roma. Sotto il suo pontificato lo spirito nazionale degli Italiani
insorse contro il papato divenuto francese. Il grande errore di
affidare quasi esclusivamente il governo dello Stato della Chiesa
a Provenzali, stranieri che non conoscevano nè il paese nè la gente,
fu ora vendicato in modo terribile. Ne seguì un'agitazione nazio­
nale, quale l’Italia non aveva mai vista: l’antagonismo fra Ita­
liani e Francesi scoppiò nel modo più acuto.
A capo dell’opposizione «contro i cattivi pastori della Chiesa»
stava Firenze, la repubblica un tempo la più fida alleata della
Santa Sede, dal luglio 1375 confederata con Bernabò Visconti,
antico avversario della Sede Apostolica. * Spiegando una bandiera
rossa, sulla quale spiccava a lettere d’oro la parola « libertà », i
Fiorentini chiamarono alla riscossa tutti quelli che erano malcon­
tenti del governo dei legati pontifìci. Senza dubbio fu in parte
colpa dei luogotenenti dello Stato ecclesiastico, per lo più francesi,
se tale appello cadde su animi molto suscettibili. Persino la più
» Son WAll 1S.
* BALUH 1. asiKH». !.. T o * n . storia delia badia di » o n t e Cottimo (N a­
poli 1S43) IH . 54-411. IV r rispetto al iwpi. «-orno llrim lrtlo X I I e I rt wi i o V.
» w>vero Kgidlo da Viterbo poi«' più tardi serlrere : • « SI urtili et Ronianarom
cecUvtlaniin m ina» tnaptelaa, bor r l l l l l tm | n » n o ci™ illirrt« , ai more-« .-aneti
tntem«pie iMKtllfVnim dletu appallandola existinurtil» ». flirt. rij/imli »mromlor.
Cod. C. 8. I » , t. 201 della 11101 t o t . A n g e l i c a di Kotua.
» tJfr. Novali I. 143 t- M k o t Baa. Mtaor d i notiate piò p w l« » sulle
tre granili U n che dotninaraoo fìn tto rlo X I : riforma della Chlena. rM abtli-
m eu lo della paoe in Ocx-lilente per rum batfere gli Iti fi-lei! « lilialmente ripri-
»! Inni Ioni" della Kanta Se»le In II orna Rulla brnrtVenaa ilei papa redi C r i H -
u *. ri dormmmlt imddilt de l'orpkmmotn>pl)t*m dm pmpr O r*-
UOirr X I à Avifnom, A l* 1804.
* SuU'lngerenia di Deraabft Visconti nelle rom» ecrtealastiebe r . (•»-
U s t i : S4 *.
( rtierradei Fiorentini contro Gregorio XI. KivolU nello Stato pontificio. 106

rìda seguace di G regorio XI, santa Caterina da Siena, non si


fect- scrupolo di bollare colle più forti espressioni la condotta dei
cattivi pastori della Chiesa» e di eccitare il pana a procedere
»•nergicamente contro gli indegni «c h e attossicano e im putridi­
scono il giardino della C h ie s a ».* Sarebbe tuttavia ingiusto il get­
tare, come fa la m aggior parte dei cronisti e degli storici italiani,
tutta la colpa solo sui legati pontifici. I principii, coi quali si go­
vernava negli Stati pontifici, erano di gran lunga più miti di
quelli, cui s’inform avano gli altri governanti d’Italia. Potevansi
rinfacciare a questi con più ragione che non ai legati pa|>ali
lVgoismo e la slealtà. Parecchi di questi prelati furono uomini ec­
cellenti. ma come stranieri, come Francesi, erano odiati a priori.
Poco esperti del paese e degli uomini, spesso, non ostante tutta
la loro buona volontà, offesero gli Italiani facili ad irritarsi e che
poi non mancarono di attribuire ai legati le magagne della loro
politica. *
Inoltre tutto il procedere de’ Fiorentini contro G regorio XI sta
in rapporto cogli affari interni della repubblica. A d un potente
partito di Firenze, che odiava la cresciuta autorità della domi­
nante fazione dei guelfi nobili, tornava oltremodo importuno che
!» potenza territoriale pontificia si consolidasse. Tem eva che si in­
debolisse nell’Italia media l’influenza fiorentina e quindi si valse
abilmente degli errori commessi dagli amministratori papali per
•ollevare lo Stato della Chiesa.* Il che accadde oltre ogni aspet­
tazione. G ià nell’ottobre 1375 insorsero Orte e N arn i, nel novembre
e dicembre Montefìascone, Viterbo, Città di Castello e Perugia.
•Seguirono tosto il loro esempio Assisi, Spoleto, Civitavecchia,
Porli e Ravenna e non erano trascorsi ancora tre mesi, che si tro­
vavano in aperta ribellione la M arca d’Ancona, la Romagna, il
ducato di Spoleto, in breve, tutto lo Stato pontifìcio. Segno carat­
teristico della potenza di questa corrente rivoluzionaria è il fatto,
che persino i baroni che prim a si annoveravano fra i più devoti

* Cfr. Towwuuo IH , a 1 4 . 1 5 9 ». Con renai* «T criti (twllrt pi A u n ii


S A s ie *!*# , « r t i w n r o «Il Firenze, nel «no Chrnmlcam. t. X X II, e. I. | 1.
• *r. M i«ut 3 9 ««.
* Coni (In d ir à I U : r u o .x t l ì . 9B7: r f r . I l i 1. 3R. 4*2 c < 'n *j*i«> rii! II. aia.
W *aU del {tapi arigliooeul In Ita lia cfr. so rb e T. HurKcxiM iarr 20 •».
1 R n 'w M T , ItrU-fe 2T-3S. L 'o p in io n e d rl Renm ont. cwne * «-»per**« nel
"■ 'T iffrll# (indizio. t miffrajcata dal numero»! d w n m rn li d rirA rrb lrto di F I-
frn* ’. rbe A. O houkdi lui pubblicati In appeodlrv a l «no la ro r» : /-*» gmnrnt
* * ' Fto m »timi rom /'. (Irrg o rio X I delta la tjurrra drilli O lio W nfl (A r r i . Dior.
«<rtr I I I , voi. V. V I. V I I e V III) . C fr. anche « n in u t Sa., e
Mtanr in UH. fa rrk M a v U ’ (1 *W ) X V I. 181 a*. V. in o ltrr Miw rr. /*'.!«
7 4 « . M. Banactt nella H U t. Vicrtclìmkr**ckr. IX <19061 3 2 4 * -.: X « ,
u r 1 3 8 * . ; Q. B n u ts a , .VIcnM fifiltrili del Oiarimazz». dipiuma! In, drl
s i t . Napoli 1902: Db>m A tn V t m u n r m n H l ' J ^ * * ,l« '.
K T r i m ir i* x (19l>4), 121 aa.
io»; Libro I. Capitolo 1. I papi in Avignone. 1305-1376.

partigiani dei papi, come Bertrando di Alidosio, il vicario aposto­


lico d’Imola, e Rodolfo da Varano, si unirono agli insorti.1 Frat­
tanto i Fiorentini, non contenti di questo, si adopravano inces­
santemente per indurre alla defezione le poche città, che ancora
erano avverse alla rivolta. Dove non conseguivano l’intento con
lettere ed emissari, non si peritavano di ricorrere anche a mezzi
violenti.3
Grande fu in Avignone lo sbigottimento. Gregorio XI, uomo
per natura pauroso, fu scosso profondamente dalle tristi notizie,
che giungevano dall’Italia.3Fu per lui una nuova scossa terribile,
quando i Fiorentini riuscirono a mettere in rivolta anche la po­
tente Bologna, la «perla della Romagna».4
Gregorio XI, di fronte all’impronto procedere dei suoi nemici,
credette arrivato il tempo, in cui anche un papa amante della
pace dovesse pensare seriamente alla violenza e alla guerra. Quindi
intervenne la sentenza, che, come portavano con sè i tempi, fu
dura e terribile e, sotto varii rispetti, senza dubbio troppo severa.
I cittadini di Firenze furono scomunicati, la città fu posta sotto
l’interdetto, Firenze, i suoi averi e i suoi abitanti dichiarati pro­
scritti.5E per opporre forza a forza, nel maggio 1376, Gregorio XI
i SudENiiEiM 302-303. C fr. A . S a s s i, S to ria del comune d i S poleto ( F o l:-
gmr 1879) I , 154: Cronaca ili F r. ili Am ìrea 5 7 s s .; S p id l. Vatic. (R o m a 1890)
I. 4.1, 45. M i hot 8 3 ; A x t o n k li.i n e ll’.i rcft. il. Soc. /{uni. X X X I , 1 44sS .; SroX'>-
k k ix i, Viterbo nella ut orla della Chiesa I , V ite rb o 1907-08, 424 ss. N e ll’agosto
1375 G re g o rio X I a v e v a tr in a to che anche L u cca ad erisse ai n em ici della
C h ie s a ; c fr . la sua ‘ le tte ra a Lu cca neU’A pp. n. 3, secondo l'o r ig in a le del-
l’A r c h l v i o di Lucca.
G h k k a r iii loe. eit. V , 2. 58, C fr. A,pp. n. 5 : ‘ G re g o rio X I a d Osm i".
1377. 12 feb br. ¡ A r c h i v i o d i O s i in o.
a C fr. la re la z io n e di C r is to fo r o da P ia cen za da A v ig n o n e 21 dicem bri'
1375. in A rd i, utor. Hai. 5* s e rie X L I I I , 82 s.
■i A lla d e fe z io n e d i B o lo gn a si rip o rta la * In vectiva contra Bcmonicnse».
qui- rcheltarunt se eeclesiae. Coit. S U I. t. 187«-188b d e lla B i b l i o t e c a di
Corte di V i e n n a . « R e c o r d a r e B o n o n ia » , v i si legge, « q u i d acciderit
tib l, in tu ere e t resp lee o pp rob riu m tuum m agnim i. O quantum fa c in u s coni
inibisti e t in qu an to tu am g lo ria li! su p er om nes to tiu s seeuli n ation es m agn i­
fica in v itu p e r io p osili irti » ; e in a lt r o lu o g o : « T u nosti, si bene considera-,
quam sn a ve eit iugiiiu e ec le s ia e e t Ievisslm u m onus e iu s » . D e i Fiorentini
in ve c e l'a u to re d i q u esta in v e ttiv a , d i r ig id i sen tim en ti papali, d ic e : « Ip>i
v e ro s e rv itn tis a rb o rem p la n ta ve ru n t, <le qu a liugiiut a ilo e fru c tu s d eb ere col-
lig e r e lib e r t a t is » . N e llo stesso m a n o s critto vien n ese ( f . 151») si tro v a pur­
tro p p o solo fra m m e n ta rio im o * s c ritto d i R ic a r d u s de S a lic e t o . Leuum doctor
de Boni,'ahi, d. il. Bonouiae v i i J u n ii 137fi, a G re g o rio X I , in cu i s i cerca
d i m u overe il papa a m itezza e ili scu sare i B o lo gn es i : « N u nquam a sancta
e cclesia n ec s a n c tita te v e s tra re ce s se n m t, reced ere e tla n i non in ten du nt. s*il
a d ia b o lic i» m in is tris e t a d v e rs a r iis » . C fr. O. V a k c in t, La riv olta dei Bolo-
¡mesi al noverilo del vicario della Chiesa (1370-77). B o lo gn a 1906.
» R.vykald 1376. n. 1-6. Capecfxatbo 108; v. Seckesiiokfk 91 ss. ; \V. Pi-'T-
z h c f f , D ie T h c o ric ron d cr M ordbefugnis iter Obripkcit ini Ili. Jahrh.. Ber-“
lin 1906, 10; L t'N io , ('od . dipi. I. 1087-1093. C a rlo I V p u re g ià a i 5 ap rile
a v e v a p ro s c ritti i F io re n tin i ; v. Deutsche Rcichstaffsakten I. 92. nota.
S . Caterina da Siena. 107

prese l’infelice risoluzione di spedire in Italia, sotto il supremo


comando del crudele Cardinal legato Roberto di Ginevra, la sel­
va gg ia compagnia di mercenarii bretoni, che allora si trovava
presso Avignone, capitanata da Giovanni di Malestroit.1 La lotta
sanguinosa fra l’ultimo papa francese e la repubblica d i Firenze
era cominciata.
Nessuno ne provò più amaro dolore di una giovane ed umile
monaca, che come angelo dei poveri di corpo e di spirito, come
eroica infermiera al tempo della peste e come efficace predicatrice
di penitenza esercitò un’immensa influenza sui cuori de’ suoi con­
temporanei: Caterina da Siena. Questa semplice verginella, che si
può designare come una delle più meravigliose apparizioni nella
storia del mondo, riconobbe con chiara vista la colpa d’ambe le
parti e con una franchezza senza pari in « una favella che scoteva
e guadagnava i cuori » espresse a tutti, anche ai più potenti, il suo
convincimento. Come vera spasa di Colui che era venuto a por­
tare al mondo la pace, non cessò dal predicare ai contendenti pace
e riconciliazione. «Ècci più dolce cosa che la pace?», scriveva a
Niccolò Soderini, uno dei più influenti cittadini di Firenze; «que­
sto fu quel dolce testamento e lezione che Gesù Cristo lassò ai
discepoli suoi. Così disse egli: "Voi non sarete cognosciuti che
siate miei discepoli per fare miracoli, nè per sapere le cose future,
nè per mostrare grande santità in atti di fuore; ma se averete
carità e pace e amore insieme". Tanta è la pena e il duolo che
io ne (per questa guerra) porto per lo danno dell’anime e dei
corpi nostri, che, acciò che questo non fosse, io sosterrei con grande
desiderio di dare mille volte la vita, se tanto potessi».*
Documenti forse unici nel loro genere sono le lettere che Cate­
rina indirizzò a papa Gregorio XI. In esse ella considera sempre
le cose dal più alto punto di vista, nè si fa scrupolo di dire al papa
le più amare verità, senza tuttavia venir meno alla venerazione
dovuta al vicario di Cristo. « Poniamo », essa dice in una di queste

1 f'fr . K ic o rn . Storia detU Vompap. di rentura II. 180 ; l T . n M i i 351 «•


Mikot in lìihl. de Vf.roU- de* O ta rie * I.V III. a K » « .
* Tini mas»:« I I I . 13-14. B. VnUTTI w * ll Opuatnli rrtiq. trit. e murali
<«TU' II. t. V i l i . 185-204. Modena 1S«6) richiamò l'attenzione « i di un man»
scritto deli«, le tte re di «anta Caterina, anm rtrnen te alla Confraternita ra<*l-
nese della S S . Annunciata. Il <|tiale contiene parecchie lezioni ml*t!->rl che
non I m anoscritti di etti si <• se rrilo II Tommaseo. Cfr. anche li-*ai. M hl. 41
Xu-na V. lftft ss. : Fkbkfbo. Iti un eitdier deile lettere di K. C. In A H I d. A rad.
di Torino 1S7ÌMS.N0 e P u m u . Sul D M 0 0 9 di S. ( '. r tal «••»«■••Titti tati-ri.
»•ani Atkburnhamiani (Firenze 1SWJ); M icm ix i. /V r repUUAari., di H. fa te ,
fina da Siena in Boa». MbUopr. d. Irtt. Hai. X. * - # : Moro». U l U r r di H. C a -
ferina da Siena in parti ¡ned.. In fluii. Sene.e X VI I I . 2-3. Per la data .Ielle
lettere cfr. ora v. H n c K E t n o a i r . V. ani-he FawriK*. Cutkrrlmiama, nei U H .
fAreh éaf. X X X IV (1014). 1 ss. c la mnooeratla di E. C ia n ic a . * » . Chaterìne
° f Siena, London 11)07.
108 Libro I. Capitolo 1. I papi in Avignone 1305-1376.

lettere, «che siate tenuto di conquistare e conservare il tesoro e


la signoria delle città, la quale la Chiesa ha perduto: molto mag­
giormente séte tenuto di riacquistare tante pecorelle, che sono vero
tesoro nella Chiesa; e troppo ne impoverisce quand’ella le perde.
Non che impoverisca in sè, poiché il sangue di Cristo non può
diminuire; ma perde il suo adornamento di gloria, il quale riceve
dalli virtuosi e obedienti e sudditi a lei. Meglio c’è dunque lassar
andar l’oro delle cose temporali, che l’oro delle spirituali. Fate
dunque quello che si può; e, fatto il potere, scusato séte dinanzi
a Dio e agli uomini del mondo. Voi gli batterete più col bastone
della benignità, dell’amore e della pace, che col bastone della guerra;
e verravvi riavuto il vostro spiritualmente e temporalmente. Re­
stringendosi l’anima mia fra sè e Dio, con grande fame della
salute nostra e della riformazione della santa Chiesa e del bene
di tutto quanto il mondo, non pare che Dio manifesti altro rimedio,
nè io veggo altro in lui, che quello della pace. Pace, pace dunque,
per l’amore di Cristo crocifisso!».1 «Siatemi uomo virile, e non
timoroso», così esortava dopo la sollevazione di Bologna, «rispon­
dete ¡a Dio, che vi chiama che veniate a tenere e possedere il
luogo del glorioso pastore santo Pietro, di coli vicario séte rimasto.
E drizzate il gonfalone della croce santa; chè come per la croce
fummo liberati (così disse Paolo), così levando questo gonfalone,
il quale mi pare refrigerio de’ Cristiani, saremo liberati, noi della
guerra e divisione e molte iniquità, il popolo infedele dalla sua
infìdelità. E con questi modi voi verrete, e averete la riforma­
zione delli buoni pastori della santa Chiesa. Riponetele il cuore,
che ha perduto, dell’ardentissima carità ; chè tanto sangue li è stato
succhiato per gl’iniqui devoratori, che tutta è impallidita.2 Ma
confortatevi, e venite, padre, e non fate più aspettare li servi di
Dio, che s’affliggono per lo desiderio. Ed io misera miserabile non
posso più aspettare: vivendo, mi pare morire stentando, vedendo
tanto vituperio di Dio. Non vi dilongate però dalla pace, per
questo caso che è addivenuto di Bologna; ma venite; ché io vi dico
che li lupi feroci vi metteranno il capo in grembo come agnelli man­
sueti, e dimanderanno misericordia a voi, padre»*3
Con pari franchezza Caterina rinfacciò ai governatori di Fi­
renze, che essi dovevano obbedienza alla Chiesa, sebbene i pastori