Sei sulla pagina 1di 3

`A nannulidda (Ciuri ciuri)

Pochi sanno che il suo vero titolo non è ‘Ciuri ciuri‘ ma ‘A nannulidda‘ cioè ‘la piccoletta‘.

‘A NANNULIDDA (CIURI CIURI)

Amuri, amuri chi m’hai fattu fari/


Fari m’hai fattu ‘na granni pazzia/
Lu Patri Nostru m’hai fattu scurdari/
La megghiu parti di l’Ave Maria.

CIURI CIURI, CIURI DI TUTTU L’ANNU


L’AMURI CHI MI RASTI TI LU TORNU

Mi vogghiu sciarriari cu me matri/


Picchi mi fici accussi curtulidda/
‘Mezzu li longhi nun ci pozzu stari/
Ca tutti mi ‘ngiuriano ‘a nannulidda/
Li longhi su sciarreri e miciddari/
Hanno la ‘ucca quantu ‘na maidda/
Li curtuliddi su pasta riali/
‘Mpastati su cu zuccaru e lu meli.

CIURI CIURI, CIURI DI TUTTU L’ANNU


L’AMURI CHI MI RASTI TI LU TORNU

Haiu ‘na zita ch’è na nannulidda/


Bedda di facci e si chiama Pudda/
iu la tinia comu na ciuridda/
ma un jornu la pirdii ‘mezzu la fudda.

CIURI CIURI, CIURI DI TUTTU L’ANNU


L’AMURI CHI MI RASTI TI LU TORNU

Idda si runculia ch’è curtulidda/


Picchì ‘mezzu a li longhi/
Nun ci po’ stari/
È megghiu ca mittemu ‘na maidda/
E cu lu sagnaturi l’e m’allunghari.

CIURI CIURI, CIURI DI TUTTU L’ANNU


L’AMURI CHI MI RASTI TI LU TORNU

Saridda è tantu duci, cara e pazza/


Ammatula s’ammola sta vuccazza/
‘Nun po’ cangiari mancu si s’ammazza/
Conzala comu voi sempri è cucuzza.

CIURI CIURI, CIURI DI TUTTU L’ANNU


L’AMURI CHI MI RASTI TI LU TORNU

Haiu ‘na zita ‘ca si chiama Nedda/


Bedda di facci ma senza mirudda/
Ci addumannai un vasuni ma ‘sta bedda/
Mi rissi “no” picchì…mangiai cipudda.

CIURI CIURI, CIURI DI TUTTU L’ANNU


L’AMURI CHI MI RASTI TI LU TORNU

Chiù ti taliu e chiù addiventu siccu/


Mi sentu cu la testa rintra nu saccu/
‘pi ghiri appressu a tia persi lu sceccu/
e ora cu soccu riavulu cavarcu.
CIURI CIURI, CIURI DI TUTTU L’ANNU
L’AMURI CHI MI RASTI TI LU TORNU

La fimmina è ‘na bestia vilinusa/


Ca la so’ parola un cantaru pisa/
Quannu si mostra d’esseri affittusa/
Tannu ti leva puru la cammisa.

CIURI CIURI, CIURI DI TUTTU L’ANNU


L’AMURI CHI MI RASTI TI LU TORNU

Ammatula t’allisci e fai cannola/


Lu santu ch’è di marmu nun sura/
Ammutalu ti pettini e t’allisci/
Lu cuntu chi t’hai fattu nun t’arrinesci.

CIURI CIURI, CIURI DI TUTTU L’ANNU


L’AMURI CHI MI RASTI TI LU TORNU

Lu sabatu si chiama allegra cori/


Beatu cu havi bedda la muggheri/
Cu l’havi laria ci si chiuri lu cori/
Cu l’havi bedda fa sogni d’amuri.

CIURI CIURI, CIURI DI TUTTU L’ANNU


L’AMURI CHI MI RASTI TI LU TORNU.

Gian Campione Ciuri Ciuri

Traduzione
La piccoletta (Fiori, fiori)
Amore, amore cosa mi hai fatto fare/ Mi hai fatto fare una gran pazzia/
Mi hai fatto dimenticare il Padre Nostro e/ La parte più importante dell’Ave Maria.
Fiori fiori, fiori di tutto l’anno/ L’amore che mi hai dato te lo ritorno.
Voglio litigare con mia madre/Perché mi ha fatto così bassa/
Non posso stare tra le persone alte/ Perché tutti mi soprannominano “la piccoletta”/ Gli alti sono litigiosi e
malelingue/
Hanno la bocca grande quanto una maidda*/
I piccoletti sono come la pasta reale/ Impastati con zucchero e miele
Fiori fiori, fiori di tutto l’anno/L’amore che mi hai dato te lo ritorno.
Ho una fidanzata che è una piccoletta/ Ha un bel viso e si chiama Pudda/ Io la tenevo come un fiorellino/ Ma un
giorno l’ho persa nella folla.
Fiori fiori, fiori di tutto l’anno/ L’amore che mi hai dato te lo ritorno.
Lei si lamenta perche è bassa/ Perché non può stare con gli alti/
Sarà meglio metterla in una maidda*/ Cosicchè la allunghiamo con il matterello.
Fiori fiori, fiori di tutto l’anno/ L’amore che mi hai dato te lo ritorno.
Saridda è così dolce, cara e pazza/ Inutilmente allena la sua bocca grande/ Non può cambiare neanche se si
uccide/
Condiscila come vuoi sarà sempre cocuzza.
Fiori fiori, fiori di tutto l’anno/ L’amore che mi hai dato te lo ritorno.
La mia fidanzata si chiama Nedda/ Ha un bel viso ma è senza cervello/
Le ho chiesto un bacione ma lei/ Mi ha detto “no” perché…ho mangiato cipolla.
Fiori fiori, fiori di tutto l’anno/ L’amore che mi hai dato te lo ritorno.
Più ti guardo e più divento magro/ Mi sento con la testa dentro un sacco/ Per venire dietro a te ho perso il mio
asino/
E adesso con cosa diavolo cavalco?
Fiori fiori, fiori di tutto l’anno/ L’amore che mi hai dato te lo ritorno.
La donna è un animale velenoso/ La sua parola pesa come un cantaro**/
Quando si mostra affettuosa/ Allora ti toglie anche la camicia.
Fiori fiori, fiori di tutto l’anno/ L’amore che mi hai dato te lo ritorno.
È inutile che ti sistemi e ti rifai la pettinatura/ Il santo è di marmo e non suda/ È inutile che ti pettini e ti
sistemi/
Il progetto che hai preparato non riuscirà.
Fiori fiori, fiori di tutto l’anno/ L’amore che mi hai dato te lo ritorno.
Il sabato arriva a rallegrare i cuori/ Beato chi ha una bella moglie/
Chi l’ha brutta si rattrista/ Chi l’ha bella fa sogni d’amore.
Fiori fiori, fiori di tutto l’anno/ L’amore che mi hai dato te lo ritorno.

*maidda = antico contenitore, tipicamente in legno, di forma rettangolare usato per impastare o per essiccare
alimenti al sole.

**cantaro = recipiente. (L’antenato del nostro wc).

Pagina stampata dal sito Sicilia nel Mondo

www.sicilianelmondo.com
info@sicilianelmondo.com