Sei sulla pagina 1di 2

Canzoni Damore per Sorrento

Chis chella 'nnammurata


'e "Torna a Surriento"
si po' turnata,
si po' turnata.
Chis?
Chi sa tu ca vaje luntana
si 'e me te scuorde,
si tuorne ancora,
si tuorne ancora.
Chis?
Nun lass Surriento
si vu' bene a me.
Nun spezz ll'incanto
d' 'e nnotte 'argiento
'ncantate 'a te.
Nun lass Surriento,
core mio, pecch
Pecch io moro ogne mumento
si pe' n'ora perdo a te.
No, nun darme stu turmiento,
resta sempe 'nziem'a me.
A Surriento te voglio ved
tutt'a vita abbracciato cu'mm.

Nun lass Surriento Versi di Fiore, musica di Rendine.

Buonasera e benvenuti, ho voluto cominciare col testo di questa canzone perch credo che
rappresenti perfettamente quellamore profondo, quellattaccamento unico che tutti i Sorrentini,
nutrono per la nostra bella terra. Questo concerto, prendendo spunto dallanniversario della
pubblicazione del libro Torna a Surriento- Centanni damore vuole essere un omaggio alla
nostra terra, ai nostri poeti, alla nostra musica. Parafrasando Manfredi Fasulo, La canzone
sorrentina vi stata, ispirata dalle belle donne di Sorrento, dal suo cielo e dal suo mare, vi , vi
sar fino a che esisteranno la gentile avvenenza delle picciotte sorrentine e glincanti naturali di
questa terra che, fu gi sede delle Sirene.

Nel lontano 1907, Aniello Califano, illustre poeta sorrentino, stuzzicato dallallora Sindaco
Guglielmo Tramontano, che gli aveva fatto notare che de Curtis, non sorrentino, aveva regalato a
Sorrento i versi di una canzone che stava gi facendo il giro per il mondo, preso sul vivo coinvolse il
musicista Gambardella nella composizione della celebre Serenata a Surriento.

SERENATA A SURRIENTO

fatto a penna e comme naturale, stu panorama do paese mio; paese bello, ricco e gginiale, p
cose belle che facette Dio! Schioppene a mille e rose inte e ciardine, fresche e rusats comm a
giuvent, o sole se ne va mieze e marine, e cu Surriento parla a tu e tu. Vi quanta gente veneno a
luntano, Surriento bello, pe te salut, e doppo, o nommo tujo mparm e man pe tutto o munno
portano a gir.
VERSI DI Saltovar

A SURRENTINA
NAPULE E SURRIENTO
E O MARE CHE CANTA

Loggia 'e Surriento...


tu, 'nnanz' specchio 'e stu mare,
na gran signora
ca se 'ntultta mme pare.

Aria 'e Surriento,


saglie da 'e vville addurose!
Ca vnno, 'e spose,
'e sciure 'arancio addur...

Surriento, Surriento, Surriento


d''e 'nnammurate...
Te saccio p''e bbracce abbracciate
cu 'a felicit...
Te sanno 'e nnuttate d'argiento
d''e sserenate,
Surriento d''e vvcche vasate,
d''e mmane astrignute,
pe' ll'eternit...

MANDOLINATA A SORRENTO
NOTTE A SORRENTO

Pi di Centanni fa i fratelli De Curtis scrivevano Torna a Surriento, a met del Novecento il


sorrentino Salve dEsposito componeva due meravigliose canzoni divenute dei classici: Anema e
Core e Me so mbriacato e sole. Entrambe, doppiando il successo di Torna a Surriento e
anticipando quello di Caruso del compianto Lucio Dalla, sono state per Sorrento una bandiera
damore e di sentimento.

ANEMA E CORE
ME SO MBRIACATO E SOLE
CARUSO

Interessi correlati