Sei sulla pagina 1di 3

CARUSO

(pronunciación)

cui dove il mare luchíca


e tira forte il vento
sula vequia terratsa
davanti al golfo di Surriento
un uomo abracha una ragatza
dopo que aveva pianto
poi si squiarishe la voche
ricominchia il canto.

te voglio* bene asai


ma tanto tanto bene sai
e una catena ormai
shiolie il sangüe dinte vene sai

vide le luchi metzo al mare


pensó alle noti la in América
ma erano solo le lampare
e la bianca shia di unelica
senti il dolore nela musica
e si altsó dal pianoforte
ma cuando vide ushire la luna da una nuvola
li sembró piú dolche anque le morte
guardó neli oqui la ragatsa
cueli oqui verdi come il mare
poi al improviso uschi una lacrima
e lui credete di afogare

Te voglio bene assai...

potentsa dela lirica


dove oñi drama e un falso
que con un po di truco e con la mimica
puoi diventare un altro
ma due oqui que ti guardano
cosí vichini e veri
ti fan scordare le parole
confondono i pensieri
cosí diventa tuto picolo
anque le noti la in America
ti volti e vedi la tua vita
dietro la schia di unelica
ma si, e la vita que finishe
e non chi penso poi tanto
antsi, si sentiva dia feliche
e ricominchó el suo canto

Te voglio bene assai...


FUNICULI FUNICULA

Aissera, Nanninè Jammo, jammo


Me ne sagliette 'Ncoppa jammo ja'
Tu saje addo'? Jammo, jammo
(Tu saje addo'?) 'Ncoppa jammo ja'
Addo' 'stu Funiculí, funiculá
Core 'ngrato Funiculí, funiculá
Cchiu' dispietto 'Ncoppa jammo ja'
Farme nun po' Funiculí, funiculá
(Farme nun po')
Addo' lo fuoco coce Se n' 'e' sagliuta
Ma si fuie oi' ne'
Te lassa sta Se n' 'e' sagliuta
(Te lassa sta) La capa già
E nun (La capa già)
Te corre appriesso E' gghiuta
Nun te struie Po' e' turnata
Sulo a guarda' Po' e' venuta
(Sulo a guarda') Sta sempe cca'
(Sta sempe cca')
Jammo, jammo La capa vota, vota
'Ncoppa jammo ja' Attuorno, attuorno
Jammo, jammo Attuorno a te
'Ncoppa jammo ja' (Attuorno a te)
Funiculí, funiculá Sto core canta
Funiculí, funiculá Sempe nu taluorno
'Ncoppa jammo ja' Sposammo, oi' ne'
Funiculí, funiculá (Sposammo,oi' ne'!)

Nèh jammo Jammo, jammo


Da la terra 'Ncoppa jammo ja'
A la montagna Jammo, jammo
No passo nc'è 'Ncoppa jammo ja'
No passo nc'è Funiculí, funiculá
funiculí, funiculá
Se vede Francia 'Ncoppa jammo ja'
Pròceta, la Spagna Funiculí, funiculá
e io veco a te
E io veco a te

Tiráte co li ffune
Ditto 'nfatto
'Ncielo se va
'Ncielo se va

Se va comm'a
Lo viento
E a ll'intrasatto
gué saglie sá'
Gué saglie sá'
LA DONA E MOBILE

La donna è mobile
qual piuma al vento
muta d'accento
E di pensiero.

Sempre un a mabile
leggiadro viso,
in pianto o in riso,
è mensognero.

La donna è mobile
qual piuma al vento,
muta d'accento
e di pensier,
e di pensier,
E di pensier!

E' sempre misero


chi a lei s'affida,
chi a le confida,
mal cauto il core!

Pur mai non sentesi


felice appieno
chi su quel seno,
non liba amore!

La donna è mobile
qual piuma al vento,
muta d'accento
e di pensier,
e di pensier,
e di pensier.