Sei sulla pagina 1di 11

TARANTELLA DEL GARGANO TRADUZIONE

Comma dei fari pì amà sta donni? Come devo fare per amare questa donna?
Di rose dee fare nu bellu ciardini Di rose devo fare un bel giardino.
Tutto intorno per innamorare lei
nu bellu ciardini di pietre preziose e oro fino
ntorni p'intorni lei annammurari in mezzo ci metto una bella fontana
dove scorre l'acqua sorgente
di prete preziosi e ori fini sopra ci metto un uccello a cantare.
mezzo ce la cava na brava funtani Cantava e riposava: bella diceva
per voi sono diventato un uccello
na brava funtani per farmi un sogno accanto a voi bella madonna
e ja ja ca corri l'acqua surgentivi Mi ha fatto innamorare
la sua andatura e il suo parlare
l'acqua surgentivi Se bella tu non ci andavi
ncoppa ce lu mette n'auciello a ccantari Innamorare non mi facevi
Ah pi nciuè
n'auciello a ccantari questa arrabbiata che vuole da me?
cantava e repusava: bella diceva Tua madre lo sa e lo voglio dire pure a te.

pì voi vò addivintare un aucello


pe farimi nu sonno accanto a voi bella madonna.

Me l'ha fatto annammurà


La cammenatura e lu pparlà

Si bella tu nun ci ivi


Annammurà nun me facivi.

Ah pi nciuè
sta ncagnata che vuò da me?
Mammeta lu ssape e tu vò dice pure a tte.

U Rusciu te lu mare Il Rumore del Mare

Nu giurnu scei ‘ncaccia a li patuli Un giorno andai a caccia per le paludi


e ‘ntisi na cranonchiula cantare. e udii una ranocchia gracidare.

A una a una le sentia cantare A una a una le sentivo cantare


ca me pariane lu rusciu te lu mare. mi sembravano il frastuono del mare.

Lu rusciu te lu mare è troppu forte Il rumore del mare è troppo forte


la fija te lu re si ta la morte. la figlia del re si dà la morte.

Iddha si ta la morte e jeu la vita Ella si dà la morte, ed io la vita


la fija te lu re sta se marita. la figlia del re ora si marita.

Iddha sta se marita e jeu me ‘nzuru Ella si marita e io mi sposo


la fija te li re porta nu fiuru. la figlia del re porta un fiore.

Iddha porta nu fiuru e jeu na parma Ella porta un fiore ed io una palma
la fija te lu re sta va ‘lla Spagna. la filgia del re parte in Spagna.
Iddha sta va la Spagna e jeu ‘n Turchia Ella parte in Spagna ed io un Turchia
la fija te lu re è a zita mia. la figlia del re è la fidanzata mia.

E vola vola vola vola vola E vola vola vola vola vola
e vola vola vola palomba mia e vola vola vola palomba mia
ca jeu lu core meu te l’aggiu ddare che io il cuore mio te le devo dare
ca jeu lu core meu te l’aggiu ddare. che io il cuore mio te le devo dare

Kali nifta
http://pizzica.altervista.org/

La-
Ti en glìcea tu si nìfta, ti en 'oria
Do Mi Com'è dolce questa notte, com'è bella
C' evo è piònno pensèonta ss'esèna, e io non dormo pensando a te
e qui sotto la tua finestra, amore mio
Mi7
del mio cuore ti apro la pena
C'ettu mpì sti' ffenèstra-su, agàpimu,
Re- La- Mi7 La-
Sti kardia-mu su nìfto ti ppèna.

La- Do Mi
Lalalalalallallero lalalalalalala
Mi7 La-
lalalalalallallero lalalalalalala Larilò larilò lallerò, larilò larilò llà llà......
La- Do Mi
Lalalalalallallero lalalalalalala
Mi7 La-
lalalalalallallero lalalalalalala

Evo panta se sèna pensèo Io sempre a te penso,


Jatì sèna, fsixì-mu 'ngapò perchè te, anima mia, amo,
Ce pu pào, pu sìrno, pu stèo, dove io vada, o fugga, o stia
'sti kardia-mu pànta sèna vastò. te sempre porto nel mio cuore

Lalalalalallallero lalalalalalala Larilò larilò lallerò, larilò larilò llà llà......


lalalalalallallero lalalalalalala

Citta 'steràcia, pu pànu, me viègone E tu mai mi hai amato, mia bella,


Ce 'so fèngo krivinni ss'emèna, non hai mai avuto sofferenza da me
Ma èxi cini respundèone: non hai mai aperto queste tue belle labbra
"Ta travùdia-su in òla xamèna". per dirmi parole benedette d'amore

Larilò larilò lallerò, larilò larilò llà llà......


Lalalalalallallero lalalalalalala
lalalalalallallero lalalalalalala

Ma isu mai m'agapise oriamu


Essu ponise mai àzemena Le stelline dall'alto mi guardano
e di nascosto parlano con la luna
Mal citt'orio alixi su enonize
sorridono e mi dicono: "al vento
Ma mu taloja agapi vlòimena le canzoni fatte sono perdute"

Lalalalalallallero lalalalalalala
lalalalalallallero lalalalalalala Larilò larilò lallerò, larilò larilò llà llà......

Kalì nìfta se finno ce pào,


Plaja 'su ti vò pirta prikò,
Ce pu pào, pu sìrno, pu stèo,
Sti kkardia-mu panta sena vastò.

Lalalalalallallero lalalalalalala
lalalalalallallero lalalalalalala

Lu rusciu de lu mare Il Rumore del Mare


http://pizzica.altervista.org/

Intro: Re- Do Re- Do Re-

Do Re-
Na sera ieu passai pe le padule Un giorno andai a caccia per le paludi
Do Re-
e udii una ranocchia gracidare.
‘ntisi le ranocchiule cantare
Do Re-
‘ntisi le ranocchiule cantare

Do Re-
A una a una ieu le sentia cantare
Do Re- A una a una le sentivo cantare
ca me pariane lu rusciu de lu mare mi sembravano il frastuono del mare.
Do Re-
ca me pariane lu rusciu de lu mare

Do Re-
Lu rusciu de lu mare è tantu forte Il rumore del mare è troppo forte
Do Re- la figlia del re si dà la morte.
La fija de lu re se dae alla morte
Do Re-
La fija de lu re se dae alla morte
Ella si dà la morte, ed io la vita
Iddha se dae la morte e ieu la vita la figlia del re ora si marita.
La fija de lu re sta se marita
La fija de lu re sta se marita

Iddha sta se marita e ieu me nzuru


La figlia de lu re me dae nu fiuru Ella si marita e io mi sposo
La figlia de lu re me dae nu fiuru la figlia del re porta un fiore.

Iddha me dae nu fiuru e jeu na palma Ella porta un fiore ed io una palma
La fija de lu re se ndae alla Spagna la filgia del re parte in Spagna.
La fija de lu re se ndae alla Spagna

Iddha se ndae a la Spagna e ieu in Turchia


La fija de lu re la zita mia
Ella parte in Spagna ed io un Turchia
La fija de lu re la zita mia
la figlia del re è la fidanzata mia.

E vola, vola, vola palomma vola


E vola, vola, vola palomma mia E vola vola vola vola vola
Ca ieu lu core meu, ca ieu lu core meu e vola vola vola palomba mia
ca ieu lu core meu te l'aggiu dare che io il cuore mio te le devo dare
che io il cuore mio te le devo dare
Lu rusciu de lu mare è tantu forte
La fija de lu re se dae alla morte
La fija de lu re se dae alla morte

Pizzicarella
http://pizzica.altervista.org/

Intro: Re La La Re
Re La La Re

Re La Re
Pizzicarella mia pizzicarella
Re La Re
Pizzicarella mia pizzicarella
Re La Re
lu caminatu tou pare ca balla
Re La Re
lu caminatu tou pare ca balla.

A du te pizzicau ca nu se scerne
sutta lu giru giru te la suttana.

Quantu t'amau t'amau lu core meu


mò nu te ama cchiui se nde scerrau.

Te l'ura ca te vitti te mmirai


nu segnu figgi a mienzu a mienzu all'occhi toi.

Ca quiddhu poi è nu segnu particulare


Ca nu te sceri te l'amore toi.

Amore amore ce m'hai fattu fare


e quindici anni m'hai fatta mpaccire.

Te quindici anni m'hai fatta mpaccire


de matre e patre m'hai fatta scerrare.

Oh rondine ci rondini lu mare


Vieni chiù quai te ticu doi parole.

Cu te la tiru na pinna te l'ale


Na letera ni fazzu alla mia amore.

Portala bella bella ssutta all'ale


Cu nu te scappa ddhu scrittu d'amore.

E quandu rivi addhai nu ni la dare


Se nu te duna la sincera amore.

Tarantella del Gargano


http://pizzica.altervista.org/

|---------|-----------|
|---------|-----------|
|---------|-----------|
|---------|-----------|
|-3-5---0-|-2-0-------|
|-----3---|-----3-2-0-|

Intro: Do Re Sol
Si7 Mi-
Do Re Sol
Si7 Mi-
Do Re Sol
Si7 Mi-
Do Re Sol

Si7 Mi- Come devo fare per amare questa donna?


'sta donni
Do Re Sol Si7 Mi-
ma 'ccomi j'eja fai pi' 'mà sta' donnë
Do Re Sol Di rose devo fare un bel giardino.
ah! di rosi l'eja fa'
Si7 Mi-
di rosi l'eja fa'
Do Re Sol Si7 Mi-
di rosi l'eja fa' nu bellu giardini

nu bel giardini Tutto intorno per innamorare lei


di rosi l'eja fa' nu bel giardini
'ntorni p'intorni l'ei
'ntorni p'intorni l'e'
'ntorni p'intorni l'ejë annammurajë

l'ejë annammurai
'ntorni p'intorni l'ejë annammurajë di pietre preziose e oro fino
ah! di preta prizijosë e ori fine
'mmezzi cë l'eja cavà 'na in mezzo ci metto una bella fontana
'mmezzi cë l'eja cavà 'na
'mmezzi cë l'eja cavà 'na brava funtanë

và 'na brava funtani


'mmezzi cë l'eja cavà 'na brava funtanë
ah! j'eja fa' corri l'acqua dove scorre l'acqua sorgente
j'eja fa' corri l'acqua
j'eja fa' corri l'acqua sorgentini

l'acqua sorgentini
j'eja fa' corri l'acqua sorgentini sopra ci metto un uccello a cantare.
sopi cë l'eja metti 'na
sopi cë l'eja metti 'na
sopi cë l'eja metti 'na vucell'a cantà

'na vucell'a cantajë


sopi cë l'eja metti 'na vucell'a cantajë
cantavë e ripusavi Cantava e riposava: bella diceva
cantavë e ripusavi
cantavë e ripusavi bella dicevi

'pusava, bella dicevi


cantavë e ripusavi bella dicevi per voi sono diventato un uccello
pi' voi è diventatë
pi' voi è diventatë
pi' voi è diventata una .....

di fare dinte nu sonno ..... madonna per farmi un sogno accanto a voi bella madonna
me n'ha fatto 'nnamura' la camnatura e lu parla' Mi ha fatto innamorare
si bella tu nascive 'nammura' nun me facive la sua andatura e il suo parlare
me n'ha fatto 'nnamura' la camnatura e lu parla'
me n'ha fatto 'nnamura' la camnatura e lu parla'

Pure la camnatura e lu parla', Se bella tu non ci andavi


m'ha fatto 'nnamura' la camnatura e lu parla' Innamorare non mi facevi
si bella tu nascive 'nammura' nun me faciva
ojella' ojelli' ojella'

E' 'sta ncagnata che vuo' da me


e mammeta lu ssape to vo' dicere pure a te
e mammeta lu ssape to vo' dicere pure a te Ah pi nciuè
questa arrabbiata che vuole da me?
Ah! Pinciue' 'sta ncagnata che vuo' da me Tua madre lo sa e lo voglio dire pure a te.
e mammeta lu ssape to vo' dicere pure a te
e mammeta lu ssape to vo' dicere pure a te

Canuscu 'Na Carusa


http://pizzica.altervista.org/

Intro: La Mi7 Mi7 La


La Mi7 Mi7 La

La Mi7 La
Canuscu ‘na carusa tunna e beddha
Mi7
vicinu casa mia
La
vicinu casa mia
Mi7 La
vicinu casa mia staie te casa
Mi7 La
vicinu casa mia staie te casa.

Iddha se chiama Nina e tene l’occhi


ca ci li guardi tie
ca ci li guardi tie
ca ci li guardi tie, te ne ‘nnamura
ca ci li guardi tie, te ne ‘nnamura.

E’ propriu cusi beddha comu na stiddha


e ci uliti la vititi
e ci uliti la vititi
e ci uliti la vititi eccula quai
e ci uliti la vititi eccula quai.

Oh Nina, ci me piaci quannu balli,


ca comu balli tie
ca comu balli tie
ca comu balli tie, jeu essu pacciu
ca comu balli tie, jeu essu pacciu.

Oh Nina, li capiddhi rizzi e niuri


la notte me li sonnu
la notte me li sonnu
la notte me li sonnu su lu cuscinu
la notte me li sonnu su lu cuscinu.

Oh Nina, quannu tocchi lu strumentu,


felice sinti tie
felice sinti tie
felice sinti tie e jeu cuntentu
felice sinti tie e jeu cuntentu.
Però amici mei c’è dispettusa
jeu ne la mannu dire
jeu ne la mannu dire
jeu ne la mannu dire e iddha nu ‘mbole
jeu ne la mannu dire e iddha nu ‘mbole.

Oh Nina, chiui te guardu e chiui me piaci,


ca cu ddhe mosse toi
ca cu ddhe mosse toi
ca cu ddhe mosse toi, tie me scuncassi
ca cu ddhe mosse toi, tie me scuncassi.

Oh Nina, te lu ticu a ‘nanzi tutti


ca jeu te oju bene
ca jeu te oju bene
ca jeu te oju bene cu te sposu
ca jeu te oju bene cu te sposu.

Oh Nina, ci me sentu quannu te visciu,


lu sangu s’a massatu
lu sangu s’a massatu
lu sangu s’a massatu pe la bile
lu sangu s’a massatu pe la bile.

Oh Nina, ci me sentu cu ballu cu tie,


lu sangu se scumpija
lu sangu se scumpija
lu sangu se scumpija pe l’amore
lu sangu se scumpija pe l’amore.

Malarazza
http://pizzica.altervista.org/

Fa- Do Fa-
Nu servu tempu fa d'intra na piazza
Sib- Fa7 Sib-
Prigava a Cristu in cruci e ci dicia
Do7 Fa-
Cristu lu mi padroni mi strapazza
Do7 Do-
Mi tratta comu un cani pi la via

Si pigghia tuttu cu la sua manazza


Mancu la vita mia dici che è mia
Distruggila Gesù sta malarazza
Distruggila Gesù fallu pi mmia
Do7 Fa-
si, fallu pi mia.

Fa- Do7 Fa-


Tu ti lamenti ma che ti lamenti, pigghia nu bastoni e tira
fora li renti
Fa- Do7 Fa- Do7
Fa-
Tu ti lamenti ma che ti lamenti, pigghia nu bastoni e tira
fora li renti

E Cristu m'arrispunni dalla cruci


Forsi si so spizzati li to vrazza
Cu voli la giustizia si la fazza
Nisciuni ormai chiù la farà pi ttia

Si tu si un uomo e nun si testa pazza


Ascolta beni sta sentenzia mia
Ca iu 'nchiodatu in cruci nun saria
S'avissi fattu ciò ca dicu a ttia
Ca iù 'inchiadatu in cruci nun saria

Tu ti lamenti ma che ti lamenti, pigghia nu bastoni e tira


fora li renti
Tu ti lamenti ma che ti lamenti, pigghia nu bastoni e tira
fora li renti
Tu ti lamenti ma che ti lamenti, pigghia nu bastoni e tira
fora li renti
Tu ti lamenti ma che ti lamenti, pigghia nu bastoni e tira fora li renti

Nun te l'aje detto na parola male


Non te l'aje detto na parola male
io e l''aje ditto si vuoi fa' l'amore
ma pigliate la palella e vatinne pi foco
e ma va a la casa di lu 'nnammurato
e ma pìgliate doi ore di spasso e giochi
e si màmmete si n'addona di chisti giochi
dice che songo state faielle de foco e là
e ma bella ive tu e me n'ha fatto 'nnammura'
e me n'ha fatto 'nnammura' la cammenatura e lu parla'
a se bella tu non ive 'nnammura' non me facive
e lu surcio sotto la tina e sotto la tina sta
a la gatta malandrina 'ncappa lu surcio sotto la tina
lu surcio sotto lu letto e sotto lu letto sta
a la gatta malidetta 'ncappa lu surcio sotto lu letto
lu surcio dinto la cascia e dinti la cascia sta
a la gatta vascia vascia 'ncappa lu surcio dinto la
cascia
a le cummare zìchete nosse quanno ha chiòveto addò
si' miso
sotto na pianta de zìchete e nosse ave chiòveto e non
si 'nfosso
Vulellà quidde che vo' la femmena fa
e si vo' li maccarune de farina nun ce ne sta
e si vo' li maccarune se li magna a uno a uno
e se vo' li strascinète se li magna appapanète
Li femmene di Monte tene li scarpe a doi ponte
una annanze a n'ata a dreto ponno i' a cava' li prete
Li femmene di Vico sapeno coglie' li ciammadiche
li metteno a lu sole fanno asci' li corna fora
Comme bell'ha fatto essa pe me nun vo' cummatte
quanno màmmeta va a a la messa ce arrecreja e
'nchiana suso
te si' fatta la carriola vai vennenno la capriciola
Lassateli balla' sti doie zitelle
ca tèneno la taranta sott'a lu pede
Donna ca vai e vieni da Caserta
non sai la bella sua si è viva o morta
ma ieri sera l'aje lasciata a letti
ma pe na freva d'amore ca sbariava
a na mano ce teneva li cumbitte
la mamma si ni vai 'ntani da lu letti
povera figlia mia ca d'amore e morta
vile belle va ti visti munachella
e si monica ti fai issi eremiti si farà
e tu diciarrai la messa e issi la servirà
Di primo amore ti vengo a salutare
di novi amanti belli statemi a sentire
si voli lu puacere te voglio servire
dagli lu vento e po' davi nivigaje
questa barchetta al porto ci n'aveva ascire
quanno pi 'nnanti a vuje veni a passaje
fammu nu segno d'amore e mettiti a ride

Tammurriata nera
http://pizzica.altervista.org/

Intro: La-

Fa7 La-
Io nun capisco 'e vvote che succede
Fa7 Mi7 La-
e chello ca se vede nun se crede nun se crede
Fa7 La-
è nato nu criaturo è nato niro,
Fa7 Mi7
La-
e 'a mamma 'o chiamma Ciro, sissignore, 'o chiamma Ciro.

La Mi La
Seh vota e gira seh
Si- Fa# Si-
seh gira e vota seh
Re Mi La
ca tu 'o chiamme Ciccio o 'Ntuono
Fa# Si-
ca tu 'o chiamme Peppe o Ciro
Re La Mi7 La-
chillo 'o fatto è niro niro, niro niro comm'a cche.

S''o contano 'e cummare chist'affare


sti cose nun so' rare se ne vedono a migliare,
'e vvote basta sulo 'na guardata,
e 'a femmena è rimasta sott''a botta 'mpressiunata.

Seh 'na guardata seh


seh 'na 'mprissione seh
va truvanno mò chi è stato
c'ha cugliuto buono 'o tiro
chillo 'o fatto è niro niro, niro niro comm'a cche.

E dice 'o parularo, embè parlammo,


pecché si raggiunammo chistu fatto ce 'o spiegammo.
Addò pastin' 'o grano, 'o grano cresce
riesce o nun riesce, semp'è grano chello ch'esce.

Meh dillo a mamma meh


meh dillo pure a me
conta 'o fatto comm'è ghiuto
Ciccio, 'Ntuono, Peppe, Ciro
chillo 'o fatto è niro niro, niro niro comm'a che.

Seh 'na guardata seh


seh 'na 'mprissione seh
và truvanno mò chi è stato
c'ha cugliuto buono 'o tiro
Re La Mi7 La
chillo 'o fatto è niro niro, niro niro comm'a cche.

Mi7
'E signurine 'e Capodichino fanno ammore cu 'e
marrucchine,

La
'e marrucchine se vottano 'e lanze, e 'e signurine cu 'e
panze annanze.

American espresso, damme 'o dollaro ca vaco 'e pressa


sinò vene 'a pulisse, mette 'e mmane addò vò isse.

Aieressera a piazza Dante 'o stommaco mio era vacante,


si nun era p''o contrabbando, ì' mò già stevo 'o
campusanto.

E levate 'a pistuldà uè e levate 'a pistuldà,


e pisti pakin mama e levate 'a pistuldà.

'E signurine napulitane fanno 'e figlie cu 'e 'mericane,


nce vedimme ogge o dimane mmiezo Porta Capuana.

Sigarette papà caramelle mammà,


biscuit bambino dduie dollare 'e signurine.

E Ciurcillo 'o viecchio pazzo s''è arrubbato 'e matarazze


e ll'America pe' dispietto ce ha sceppato 'e pile 'a pietto.

Aieressera magnai pellecchie 'e capille 'ncopp''e recchie


e capille e capille e 'o decotto 'e camumilla.

'O decotto,'o decotto e 'a fresella cu 'a carna cotta,


'a fresella 'a fresella e zì moneco ten''a zella.

Brigante se more
Versione interpretata da Eugenio Bennato

http://pizzicapizzica.it/

Intro: La- Mi- La- Mi- La-

Mi- La-
Ammo pusato chitarre e tamburo
Sol Fa La-
pecché sta musica s'adda cagnà
Do Sol La-
simmo briganti e facimmo paura
Mi- La-
e cu a scuppetta vulimmo cantà
Mi- La-
e cu a scuppetta vulimmo cantà

E mo cantammo sta nova canzone


tutta la gente se l'adda 'mparà
nun ce ne fotte d'o re Burbone
ma 'a terra è 'a nosta e nun s'adda tuccà

Tutte e paise d'a Basilicata


se so' scetati e vonno luttà
pure 'a Calabria mo s'è arrevotata
e stu nemico 'o facimmo tremmà

Chi ha visto o lupo e s'e miso paura


`nun sape buono qual' è a verità
o vero lupo ca magna 'e creature
è o piemontese c'avimma caccià

Femmene belle ca date lu core


si lu brigante vulite salvà
nun 'o cercate, scurdateve 'o nome,
chi ce fà guerra nun tene pietà

Ommo se nasce, brigante se more,


ma fino all'ultimo avimma sparà
e si murimmo, menate nu fiore
e na bestemmia pe' sta' libertà.