Sei sulla pagina 1di 2

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.

III, 4
ottobre 2006 (C.c. 15/06/2006), Sentenza n. 33039

2. La normativa della Regione Siciliana

In linea di principio, e con notazioni necessariamente schematiche, deve premettersi che alla
Regione autonoma Siciliana l'art. 14, lett. f), dello Statuto, (approvato con R.D.L. 15.5,1946,
n. 455) riconosce competenza legislativa esclusiva in materia urbanistica: tale potestà,
dunque, può svolgersi in maniera piena, purché nel rispetto del limiti generali di legittimità
(territoriale, costituzionale, degli obblighi internazionali, etc.).

L'art. 9 delta legge della Regione autonoma Siciliana n. 37 del 10.8.1985 (Nuove norme in
materia di controllo dell'attività urbanistico, edilizia, riordino urbanistico e sanatoria delle opere
abusive) disciplina le "opere interne" e dispone testualmente, ai primi due commi, che:

"1. Non sono soggette a concessioni né ad autorizzazioni le opere interne alle costruzioni che
non comportino modifiche della sagoma della costruzione, dei fronti prospicienti pubbliche
strade o piazze, né aumento delle superfici utili e del numero delle unità immobiliari, non
modifichino la destinazione d'uso delle costruzioni e delle singole unità immobiliari, non rechino
pregiudizio alla statica dell'immobile e, per quanto riguarda gli immobili compresi nelle zone
indicate alla lett. a) dell'art. 2 del decreto ministeriale 2 aprile 1968, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana n. 97 del 16 aprile 1968, rispettino le originarie caratteristiche
costruttive. Ai fini dell'applicazione del presente articolo non è considerato aumento delle
superfici utili l'eliminazione o lo spostamento di pareti interne o di parte di esse. Non è altresì
considerato aumento di superficie utile o di volume né modificazione della sagoma della
costruzione la chiusura di verande o balconi con strutture precarie".

2. Nei casi di cui al comma precedente, contestualmente all'inizio dei lavori, il proprietario
dell'uniti immobiliare deve presentare al sindaco una relazione a firma di un professionista
abilitato alla progettazione, che asseveri le opere da compiersi e il rispetto delle norme di
sicurezza e delle norme igienico-sanitarie vigenti".

L'art. 20 della legge della Regione autonoma Siciliana n. 4 del 16.4.2003 (Disposizioni
programmatiche e finanziarie per l'anno 2003) introduce una norma edilizia riguardante
anch'essa le "opere interne" e dispone testualmente, nei primi quattro commi, che:

"1. In deroga ad ogni altra disposizione di Legge, non sono soggette a concessioni e/o
autorizzazioni né sono considerate aumento di superficie utile o di volume né modifica della
sagoma della costruzione la chiusura di terrazze di collegamento e/o la copertura di spazi
interni con strutture precarie, ferma restando l'acquisizione preventiva del nulla osta da parte
della Soprintendenza dei beni culturali ed ambientali nel caso di immobili soggetti a vincolo.

2. Nei casi di cui al comma 1, contestualmente all'inizio dei lavori, il proprietario dell'unità
immobiliare deve presentare al sindaco del Comune nel quale ricade l'immobile una relazione a
firma di un professionista abilitato alla progettazione, che asseveri le opere da compiersi ed il
rispetto delle norme di sicurezza e delle norme urbanistiche, nonché di quelle igienico-sanitarie
vigenti, unitamente al versamento a favore del Comune dell'importo di cinquanta euro per ogni
metro quadro di superficie sottoposta a chiusura con struttura precaria.

3. Le disposizioni di cui ai commi 1 e 2 si applicano anche alla chiusura di verande o balconi


con strutture precarie come previsto dall'articolo 9 della legge regionale 10 agosto 1985, n. 37;
per tali casi è dovuto l'importo di venticinque euro per ogni metro quadro di superficie chiusa.

4. Ai fini dell'applicazione dei commi 1, 2 e 3 sono da considerare strutture precarie tutte quelle
realizzate in modo tale da essere suscettibili di facile rimozione, si definiscono verande tutte le
chiusure o strutture precarie come sopra realizzate, relative a qualunque superficie esistente
su balconi, terrazze a anche tra fabbricati. Sono assimilate alle verande le altre strutture,
aperte almeno da un lato, quali tettoie, pensiline, gazebo ed altre ancora, comunque
denominate, la cui chiusura sia realizzata can strutture precarie, sempreché ricadenti su aree
private".

La Circolare 5.3.2004, n. 2 dell'Assessorato del territorio e dell'ambiente della Regione


Siciliana (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana n. 11 del 12.3.2004) é
stata espressamente emanata "a chiarimento dell'art. 20 della Legge regionale n. 4/2003".

In essa l'organo amministrativo - dopo avere premesso che "con l'espressione opere interne si
intendono definire gli interventi edilizi minori non incidenti sul prospetto, sulla sagoma, sulla
superficie e non comportanti un aumento di unità immobiliari (ex art. 26, legge n. 47/1985)" - ha
evidenziato che "il legislatore siciliano, già con l'art. 9 della legge regionale n. 37/1985, aveva
ampliato, rispetto alla normativa nazionale, le tipologie di tali interventi minori includendo la
chiusura di verande e balconi con strutture precarie; successivamente con l'art. 20 della legge
n. 4/2003, in sintonia con l'evoluzione legislativa (vedi testa unico D.P.R. 6 giugno 2001, 380)
tendente a ridurre a 2 i titoli abilitativi, la concessione edilizia e la denuncia di inizio di attività
(riservando il primo agli interventi rilevanti che importano un contralto preventivo e il secondo
agli interventi minori per i quali tale controllo non è necessario), sono state ulteriormente
ampliate le tipologie assoggettate a semplice denuncia di attività.

Tra le nuove tipologie sono compresi tutti gli interventi su superfici sia interne che esterne che
presentino come comune denominatore la precarietà delle strutture consistente nella facile
rimozione.

Recita inoltre l'ultima parte del comma 4 che, ai fini dell'applicazione del regime semplificato,
sono considerate verande sia le chiusure che le strutture precarie suscettibili di facile rimozione
e che sono assimilabili alle verande numerose altre strutture, purché aperte almeno da un solo
lato su aree private che si devono intendere di natura pertinenziale.

D'altra parte, se così non fosse, non si comprenderebbe per quale ragione logica la semplice
costruzione di una tettoia, o di una copertura con struttura precaria e aperta da uno a più lati,
debba scontare un regime più rigoroso comportante il titolo abilitativo della concessione,
rispetto alla chiusura di spazi già coperti che danno luogo ad un intervento di maggiore rilievo e
consistenza".