Sei sulla pagina 1di 3

D'UGNA SERA Z'ACCIAPPEMMU A LI GIARDHINETI L'IPPIRANZIA DI PAGGIORU E' SEMPRI CARA, TUTTI CANTI A PANTARONI FARA FARA IN GIDEA

DI FAZZI FA LI GIUGHITTI MA UNA VOLTHA CHI CHISTHI COSI SO' GIA' FATTI ZINN'ANDEMMU TUTTI CANTI A PLATAMONA A ISCHUDI' QUATTRU GIASTHEMMI A LI BAGNANTI E A LI FEMMINI DILLI CANTU SEI BONA. EU LA NOTTI LA PIGLIU SI MI INCAZZU L'ATRIGNIU E CU' LA MANU MI LA MATTUGGIEGGIU FINZA A CANDU NO TENGU TUTTU CANTU M'IFFOZZU I LU LETTU MI LA GHINDUREGGIU A DABBOI MI SI PIGGIA CORTHA CORTHA S'INTRETTA M'AGGIU FATTU APPENA UNA COSETTA CHI TI VEGGHIA TIRADDU CHI TI FOZZIANI A PEZZI E LA GUASTHA CHI TI N'HA CAZZADDU LU MANZANU ZI NI PESA UNA TRIDDRIA CUN UN COSU TUTTU CANTU A PINDURONI LA BRAGHETTA CHI ZI STRIGNI LI BUTTONI E V'AGGIU IN CABBU SEMPRI CHISSU PENSAMENTU ZINN'ANDEMMU TUTTI GANTI A MAGNACCIA' LI BISTHECCHI E LU ZIMINU SO GIA' CALDHI MA LA GANA E' SEMPRI CHISSA DI GIUGGA' SI PURU EDDA NO NO TI NI DAZZI EU LA NOTTI LA PIGLIU SI MI INCAZZU L'ATRIGNIU E CU' LA MANU MI LA MATTUGGIEGGIU FINZA A CANDU NO TENGU TUTTU GANTU MI IFFOZZU I LU LETTU MI LA GHINDUREGGIU A DABBOI MI SI PIGGIA CORTHA CORTHA S'INTRETTA M'AGGIU FATTU APPENA UNA COSETTA CHI TI VEGGHIA TIRADDU CHI TI FOZZIANI A PEZZI E LA GUASTHA CHI TI N'HA CAZZADDU CHIDDA SERA IN LI CAMPAGNI DI CICCITTU AGGIU VISTHU UNA BEDDA MORETTINA ISCHUMINZABA CU' LA FACCIA BIRICHINA E LI PERI A LA MANERA DI ZUFFIA' LU PAGGIORU GIA' LU SOGGU NO E' SIGGURU V'E' LU RISCHIU SEMPRI N'ESCIA UNA SORPRESA MA PA CHISSU TU VIAGGIA IN ALTHRA MANERA SI PURU EDDA NO NO TI NI DAZZI EU LA NOTTI LA PIGLIU SI MI INCAZZU L' ATRIGNIU E CU' LA MANU MI LA MATTUGGIEGGIU FINZA A CANDU NO TENGU TUTTU CANTU M'IFFOZZU I LU LETTU MI LA GHINDUREGGIU A DABBOI MI SI PIGGIA

CORTHA CORTHA S'INTRETTA M'AGGIU FATTU APPENA UNA COSETTA CHI TI VEGGHIA TIRADDU CHI TI FOZZIANI A PEZZI E LA GUASTHA CHI TI N'HA CAZZADDU -TRADUZIONE- (non molto chiara ed piena di errori) LA NOTTE Ogni sera ci troviamo ai giardinetti La speranza del paiolo* sempre viva Tutti quanti con i pantaloni abbassati Nellidea di farci fare i giochetti Ma una volta che queste cose sono gi fatte Ce ne andiamo tutti quanti a Platamona A lanciare qualche bestemmia ai bagnanti E alle femmine dirgli quanto siete bone Io la notte la prendo Se mincazzo la stringo E con la mano me la smanetto Fino a quando resisto Me la faccio tutta quanta e nel letto me la rovescio Dopo mi si piega E corta corta ritorna Mi sono appena fatto una cosetta Che ti veda sparato Che ti facciano a pezzi E la guasta che ti ci ha mandato (a quel paese) La mattina ci sveglia una triddria* * Con una cosa tutta quanta a penzoloni La braghetta che ci stringe i coglioni E cho in testa sempre quel pensiero Ce ne andiamo tutti insieme a banchettare Le bistecche e lo zimino sono gi caldi Ma la voglia sempre quella di giocare Se pure lei no, non te la da Io la notte la prendo Se mincazzo la stringo E con la mano me la smanetto Fino a quando resisto Me la faccio tutta quanta e nel letto me la rovescio Dopo mi si piega E corta corta ritorna Mi sono appena fatto una cosetta Che ti veda sparato Che ti facciano a pezzi E la guasta che ti ci ha mandato (a quel paese) Quella sera nelle campagne di Ciccittu*** Ho visto una bella morettina Iniziava a fare una faccia birichina E aveva i capelli spettinati (dal vento) Il paiolo lo so che non sicuro

C sempre il rischio che arrivi una sorpresa Ma per questo tu viaggia in unaltra modo Se pure lei no, non te la da Io la notte la prendo Se mincazzo la stringo E con la mano me la smanetto Fino a quando resisto Me la faccio tutta quanta e nel letto me la rovescio Dopo mi si piega E corta corta ritorna Mi sono appena fatto una cosetta Che ti veda sparato Che ti facciano a pezzi E la guasta che ti ci ha mandato (a quel paese)

* Paiolo contenitore da cucina largo e profondo (in sassarese si dice Paggioru c he nel nostro dialetto significa anche caldaia) utilizzato in senso metaforico p er indicare unaltra cosa che leggendo il testo della canzone facilmente intuibil ea voi linterpretazione ** Nel dialetto sassarese ci sono molte parole onomatopeiche come ad esempio tri ddria (ciottolo, cogolo, ghiarotto), la quale anche il selciato delle strade, fa tto di pietre arrotondate di fiume che, quando ci passavano sopra i carri faceva no quel tipico rumore: tri-trid-tr.

Potrebbero piacerti anche