Sei sulla pagina 1di 12

Studi Piemontesi

dicembre 2004, vol. XXXIII, fasc. 2

Saggi e studi

Giuliano Gasca Queirazza 293 Le canzoni giacobine di Edoardo Ignazio Calvo


Narciso Nada 311 Il “Marchese Ciceruacchio”. Roberto d’Azeglio negli anni 1847-1848-
1849
Rossana Melis 325 Elaborazione di Un salotto fiorentino del secolo scorso di Edmondo
De Amicis
Giovanni Tesio 351 L’Orologio di Carlo Levi tra Giona e Narciso
Guido Mones 359 Il Cantiere del castello del Valentino ai tempi di Cristiana di Francia:
1621-1663

Note

Gian Savino Pene Vidari 381 Un bicentenario: il Code civil (1804) in Piemonte
Tomaso Vialardi di Sandigliano 395 Carlo Antonielli da Torino a Saint-Domingue con il generale Leclerc
Walter Canavesio 405 L’intervento alfieriano alla chiesa dell’eremo di Pecetto. Una rilettura dagli
Annali di Apollinare Chiomba
Mario Goffi 417 Un disegno a “trompe l’oeil” di Carlo Antonio Porporati
Luigi Griva 421 Capitani delle barche e barcaroli del Po nel Piemonte ducale
Ernesto Bellone 427 Laureati in diritto nell’Università di Torino del Seicento
Stefano Caselli 437 Giudici e guerra. Sentenze del Tribunale militare di Torino (1915-19)

Ritratti e ricordi

Michelangelo Navire 447 Giuseppe Ossorio: una vita al servizio della diplomazia sabauda
Alberto Friedemann 461 Note su Ernesto Maria Pasquali, giornalista, regista, produttore
cinematografico
Paola Salvadeo 471 I Preludi per pianoforte di Carlo Mosso: ritratto di un maestro
piemontese del Novecento

Documenti e inediti

Cinzia Viscomi 485 Bersezio, Sardou, Bianchi, Emanuel, la loro prima tournée in Spagna nel
1882 e il monopolio del teatro francese in Italia
Marco Cerruti 509 Una lettera inedita di Ferruccio Parri al germanista Leonello Vincenti

Notiziario bibliografico:
recensioni e segnalazioni

Via O. Revel 15 - 10121 Torino


Tel. 011 537486 Fax 011 534777 Mail info@studipiemontesi.it
Notizie e asterischi

Libri e periodici ricevuti

Via O. Revel 15 - 10121 Torino


Tel. 011 537486 Fax 011 534777 Mail info@studipiemontesi.it
Carlo Antonielli da Torino a Saint-Domingue
con il generale Leclerc
Tomaso Vialardi di Sandigliano

Cristoforo Colombo scoprì Ayiti 1 nel 1492 e la chiamò Sigle e abbreviazioni


Española che i cartografi trascrissero Hispaniola. Nel 1496 AANT Archivio Antonielli d’Oulx

Bartolomeo Colombo, suo fratello, vi fondò Nueva Isabela, ADF Archives départementales de
France
poi Santo Domingo, che per tutto il secolo XVI fu la capi-
ANF Archives Nationales de France,
tale delle colonie spagnole nel Nuovo Mondo. Lo sfrutta- Paris
mento delle miniere d’oro dell’isola, in meno di 25 anni, ANH Archives Nationales d’Haïti, Port-
decimò la popolazione e gli Spagnoli incominciarono ad au-Prince
importare i primi schiavi. La scoperta di giacimenti auriferi AOM Archives d’Outre-Mer, Aix-en-
in Messico e Perù fece declinare l’interesse per l’isola che nel Provence
1545 contava meno di 1.100 abitanti, per lo più nella parte APL Archives du Port de Lorient,
Lorient
orientale.
APR Archives du Port de Rochefort.
I bucanieri francesi 2 che vivevano con i filibustieri 3 ingle- Rochefort sur Mer
si ed olandesi nell’isola della Tortue si spostarono su Hispaniola. APT Archives du Port de Toulon,
Nonostante l’opposizione cruenta spagnola 4, ne occuparono Toulon Naval
la parte occidentale, fondarono Port Margot e dal 1664 avvia- ASHAT Archives du Service Histori-

rono le prime piantagioni. Sotto l’impulso del ministro Colbert, que de l’Armée de Terre, Vincenne
AVS FM Archivio Vialardi di Sandiglia-
la colonia si espanse e nel 1670 fu fondata la prima capitale no Foundation, Massoneria
francese, Le Cap 5. Con il trattato di Ryswick 6, la Spagna rico- AVS Mil Archivio Vialardi di Sandi-
nobbe alla Francia il possesso della parte occidentale, che gliano Foundation, Militaria
divenne Saint-Domingue 7, riservandosi la parte orientale che BCHS Berkeley County Historical
continuò a chiamarsi Hispaniola 8. Con il trattato di San Society, Martinsburg, West Virginia
Ildefonso 9 la Spagna cedette ai Francesi tutta l’isola e la CARAN Centre Historique des Archi-
ves Nationales, Paris
Louisiana 10.
CGCB Carl and Glen R. Conrad Bras-
Per lavorare le piantagioni i Francesi importarono su lar- seaux, The Road to Louisiana: The
ga scala schiavi dall’Africa e Saint-Domingue divenne la più Saint-Domingue Refugees, 1792-
ricca colonia delle Antille. Volupté e Jouissance impregnava- 1809, The Center for Louisiana
Studies
no una vita coloniale intensa e ricca, sessualmente libera, dove
EEMGG Elisabeth Escalle, Mariel
impudiche mulâtresses 11 e possenti mulâtres si aggiravano sen- Gouyon-Guillaume, Francs-Maçons
za scandali razziali tra i letti della comunità bianca, maschi- des Loges Françaises aux Amériques
le e femminile. 1770-1850: contribution à l’etude
de la société créole, manoscritto,
Alla vigilia della Rivoluzione francese l’isola contava 793 1993, AVS FM
piantagioni di zucchero, 3.117 di caffè, 789 di cotone, 182 G d M Marie-Gilbert Guillermin de
distillerie di rhum, 40.000 Bianchi 12, 452.000 schiavi, 28.000 Montpinay, Journal historique de la
revolution de la partie de l’est de
mulatti, 23 Logge massoniche regolari e 4 irregolari. Il valo- Saint-Domingue, commencée le 10
re delle sue esportazioni superava i 140.000.000 di dollari e août 1808, avec des notes statisti-
le sue piantagioni fornivano il 75% della domanda mondia- ques sur cette partie, Philadelphie
1810
le di caffè ed il 60% di quella di zucchero 13. Bordeaux, pur
GLP Grand Lodge of Pennsylvania
non essendo port d’armement, ne fu la capitale commerciale
GOF Grand Orient de France, Paris
in Europa.
JBLD Jean-Baptiste Lemonnier-Dela-
La rivolta negra scoppiò improvvisa a fine agosto 1791 14, fosse, Seconde Campagne de Saint-
guidata da Boukman, Dessalines, Pétion, Christophe e Domingue du Ier décembre 1803 au

395
Toussaint detto Bréda l’Ouverture che ne fu la mente 15. I 15 juillet 1809 précédée de souve-
nirs historiques et succints de la pre-
Negri trucidarono più di 1.000 Bianchi, saccheggiarono le mière campagne, Le Havre, 1846
piantagioni e bruciarono Cap Français. Temendo « de voir JDG John D Garrigus, Tropical Temp-
passer dans des mains ennemies la propriété de Saint- tress to Republican Wife: Gender,
Domingue», i commissari della Convenzione 16 sull’isola pro- Virtue, and Haitian Independence,
1763-1803, Guadalajara, 1997
mulgarono nel 1793 l’abolizione della schiavitù, ratificata da
JOM Antoine-Henri de Jomini, Histoi-
Parigi il 2 febbraio 1794. Toussaint fu nominato generale di re critique et militaire des campa-
Brigata, «lieutenant au gouvernement général de la colonie», gnes de la révolution, comparées au
generale di Divisione ed infine, nel maggio 1797, « Comman- système de l’Empereur Napoléon:
faisant suite au Traité des Grandes
dant en chef de la colonie de Saint-Domingue». Operations militaries, I/XV, Paris,
Con il pretesto di ripristinare l’ordine, Toussaint mise a 1820-1824
ferro e fuoco l’isola con un bagno di sangue che contò oltre JPRW Jan Pachonski e Reuel Wilson,
Poland’s Caribbean Tragedy, A study
10.000 morti. Cacciò gli Inglesi, poi gli Spagnoli ed uccise i of Polish Legions in the Haitian War
capi rivoluzionari negri di cui si fidava poco. Nel 1800 Saint- of Independence, 1802-1803, New
Domingue era completamente nelle sue mani. Senza sotto- York, 1986
porla preventivamente a Parigi, l’anno successivo Toussaint LÉONORE Centre Historique des Ar-
chives Nationales, Paris
promulgò la Costituzione che lo dichiarava governatore a
LSU Louisiana State University Archi-
vita, aboliva definitivamente la schiavitù, ristabiliva il calen- ves, Hill Memorial Library, Baton
dario gregoriano abolito dalla Rivoluzione francese e rein- Rouge, Louisiana
troduceva il cattolicesimo. Rompendo il monopolio di Parigi, NARA National Archives, US Federal
la nuova Costituzione istituiva anche la libertà commerciale Census Records, Washington, D.C.
PdK François-Marie Perichou de Ker-
e Saint-Domingue potè esportare liberamente i propri pro- verseau, Toussaint Louverture d’a-
dotti. Questo fatto fu di vitale importanza, perché l’aboli- près le général de Kerverseau
zione della schiavitù aveva costretto i proprietari delle pian- PL4 Perseverance Lodge N° 4 Archi-
tagioni a pagare i lavoratori negri, con un rialzo dei costi del ves, New Orleans, Louisiana
50%, che fu largamente compensato dai maggiori prezzi paga- THNOC The Historic New Orleans
Collection, The Williams Research
ti dagli importatori americani. Center, New Orleans, Louisiana
L’indipendenza di Saint-Domingue giocò un ruolo poli- TJ Trevor James, Prisoners of War in
tico di grande peso non solo nella regione caraibica, ma anche Dartmoor Towns, French and Ame-
in Europa, coinvolgendo tutte le potenze impegnate dell’a- rican Officers on Parole, 1803-1815,
Orchard Publications 2000
rea. Francia, Inghilterra, Spagna e Stati Uniti erano nazioni
TVS-SP Tomaso Vialardi di Sandiglia-
proprietarie di schiavi, molte ricchezze erano derivate dal no, I conti Rebuffo e il Palazzo
loro commercio e l’apparizione di uno Stato libero fondato Rebuffo di San Michele a Villafranca
da schiavi costituiva una minaccia. Piemonte, « Studi Piemontesi »,
XXXII, fasc. 2, 2003, p. 431 n. 40.
I Francesi rimpiangevano la perdita di una colonia enor- UFG University of Florida, George A.
memente ricca. Gli Inglesi temevano che l’impatto della rivo- Smathers Library, Gainesville
luzione si spostasse sulle loro colonie nell’area, come la Jamaica. USAMHI US Army Military History
Gli Stati Uniti, che inizialmente avevano appoggiato Toussaint, Institute, Carlisle, Pennsylvania
1
si preoccuparono per gli effetti di una rivoluzione servile sul In amerindio Terra dalle alte
Montagne.
loro confine sud. La Spagna aveva perso l’isola e temeva di 2
Dal francese boucan, capanna in
perdere la propria influenza su Puerto Rico e Cuba. Inoltre, cui si faceva cuocere ed affumicare la
per Spagna, Inghilterra e Stati Uniti era vitale mantenere carne. I bucanieri erano coloni alle-
Saint-Domingue nella propria sfera d’influenza per rompere vatori.
3
il monopolio commerciale francese nella zona. Dall’olandese vrÿbuiter che desi-
gnava chi si arricchiva con il saccheg-
Nel marzo 1800 un Fratello della Loggia La Candeur gio.
all’O... di Parigi avvertì il Fratello Pickering, Segretario di 4
Il ricordo persiste in toponimi
Stato americano, della preparazione di una spedizione a Saint- come rivière du Massacre, plaine du
Domingue, con base in Louisiana per aggirare il blocco ingle- Massacre o montagne du Massacre.
5
Cap François, poi Le Cap de la
se 17. Impaurito da una possibile presenza militare francese a République, poi Cap Français, ora
sud, il Presidente degli Stati Uniti firmò il 3 settembre un Cap-Haïtien.
trattato di pace che metteva fine ad un biennio di guerra non 6
1697.
dichiarata con la Francia 18. L’Inghilterra, economicamente 7
L’odierna Haïti.

396
stremata, firmò il 3 dicembre 1801 i preliminari di Amiens 8
L’odierna Dominicana.
9
che, di fatto, fermarono le ostilità con la Francia. 1796.
10
Napoleone aveva le mani libere. Era l’occasione per far Già francese, alienata agli Spa-
gnoli nel 1762 con il trattato segreto
rimpiangere a Toussaint la lettera con la copia della nuova di Fontainebleau.
Costituzione, che incominciava «Du Premier des Noirs au 11
Nel 1774 furono censite 7.000
Premier des Blancs» allontanando dalla truppa elementi che mulâtresses, 5.000 delle quali concu-
profumavano ancora troppo di rivoluzione ed ufficiali che bine che, nel censimento del 1790,
risultarono proprietarie di quasi 1/3
avevano preso male il colpo di Stato del 18 Brumaire. Certo delle piantagioni dell’isola. Una con-
del risultato dei colloqui con l’Inghilterra, il 7 ottobre 1801 cubina mulâtresse era indispensabile
Napoleone ordinò la costituzione di un Corpo di spedizione tanto al piantatore bianco sposato
quanto a quello scapolo, perché era il
per la riconquista di Saint-Domingue, conseguenza di fatto- legame tra la casa del piantatore ed il
ri politici messi in atto già dal Governo rivoluzionario e con- quartiere degli schiavi. Con 2 o 3 uomi-
tinuati dal Direttorio. ni bianchi che vivevano in una pian-
tagione isolata e, un rapporto di un
Il 23 ottobre fu nominato Comandante in Capo il capi- bianco su cento e più schiavi, questo
tano generale Victor Emmanuel Leclerc 19, marito di Paoletta legame fu vitale. L’incolumità del pian-
Bonaparte 20, poco castigata sorella del Primo Console cui tatore e della sua famiglia dipese soven-
te dalla lealtà della mulâtresse concu-
aveva dato non pochi problemi. Allontanarla da Parigi era bina. JDG.
un buon rimedio. Il 19 novembre arrivarono a Brest un recal- 12
Divisi tra Grands Blancs, i gran-
citrante Leclerc 21 ed una furiosa Paoletta 22, accolti sull’Océan 23 di proprietari terrieri, e Petits Blancs,
i piccoli commercianti e proprietari
dal Comandante la flotta della spedizione, vice-ammiraglio minori. Molti Mulatti e Negri liberi
Villaret-Joyeuse 24. erano a loro volta proprietari terrieri
Per un’intesa poco felice tra Marina ed Esercito, la squa- con schiavi.
13
dra navale lasciò il porto solo il 14 dicembre alla volta delle Da beni esclusivi per aristocra-
tici e ricchi, con il profondo muta-
Canarie, dove aspettò 12 giorni la squadra di Rochefort, già mento della società nel primo quarto
in navigazione invece verso i Caraibi. Con la flotta francese del ’700, zucchero e caffè erano entra-
partirono la squadra spagnola del vice-ammiraglio Gravina 25 ti nella vita alimentare giornaliera di
tutta la borghesia europea.
e la squadra di Lorient. La spedizione progettata a tavolino 14
La rivolta fu giurata il 14 agosto
da Bonaparte, stratega poco geniale quando si richiedevano in una cruenta cerimonia petwo voo-
interventi congiunti di Marina-Esercito, finì nel disastro e si doo officiata a Bois Caïman, vicino le
perse nelle nebbie grigie della gloria napoleonica. Cap, dallo houngan jamaicano Bouk-
man e dalla mambo Cécile Fatiman (o
La flotta di Villaret-Joyeuse arrivò a Saint-Domingue, Faterman), figlia bellissima di un’afri-
Cap Samaná 26, il 29 gennaio dove si unì alla squadra di cana e di un nobile corso.
Rochefort del contrammiraglio Latouche-Tréville 27. Senza 15
Il dirigeait tous les fils de l’intri-
aspettare le altre squadre, il 30 gennaio Leclerc diede gli gue, organisait la révolte et préparait
l’explosion (rapporto di Kerverseau al
obiettivi ai generali Kerverseau 28, Ferrand 29, Boudet 30, Ro- ministro della Marina del 1797). Nel
chambeau 31 e Hardy 32, riservandosi lo sbarco a Cap Français. 1725 Pantaléon de Bréda, ufficiale alle
Ad operazioni incominciate arrivarono la squadra di Tolone Colonie di Luigi XIV, acquistò una
piantagione a Haut-du-Cap che prese
del contrammiraglio Ganteaume 33, quella di Cadix del con- il suo nome. Nel 1743 vi nacque
trammiraglio Linois 34, la seconda squadra di Brest e, nei gior- François Dominique Toussaint detto
ni successivi, quella di Le Havre e la Olandese. Il contingente Bréda, affrancato nel 1775. L’anno
dopo, anche Toussaint comprò una
fu completato solo il 20 settembre. piantagione ed ebbe schiavi. La storia
A Tolone era stata imbarcata la 5a Mezza Brigata legge- haitiana racconta che il soprannome
ra, formata anche da Reggimenti di stanza in Piemonte 35, tra l’Ouverture derivò dalla capacità di
aprirsi delle brèches nei ranghi nemi-
cui il 5° Reggimento Fanteria leggera di linea dove era arruo- ci, di volta in volta francesi, spagnoli,
lato un tenente anziano con poche probabilità di carriera, inglesi, mulatti e compagni di rivolta.
Più prosaicamente la vedova del com-
Carlo Antonielli 36. Torinese, di famiglia originaria di Rivoli, missario Santhonax raccontava che il
amante di belle donne e giocatore non fortunato, in lite con soprannome veniva dal fatto che gli
il fratello Francesco per questioni di denaro e di predicato 37, mancavano denti anteriori. PdK.
16
Carlo non era stato abbacinato dai fermenti napoleonici, ma Etienne de Polvérel e Léger
Félicité Santhonax.
dalla speranza di fare fortuna. Saint-Domingue era ancora la 17
Il Primo Console aveva voluto
Reine des Antilles, le notizie della rivolta degli schiavi e dei che il messaggio arrivasse a Pickering?
massacri di bianchi erano state prudentemente attutite. Aveva Strana coincidenza, l’8 marzo 1800

397
33 anni, era celibe e Torino non gli dava molte speranze. aveva nominato primo prefetto della
Polizia di Parigi il fedelissimo Louis-
Optò per la Francia e Napoleone. Nicolas Dubois, il quale 3 giorni dopo
Il 4 febbraio Leclerc era davanti a Cap François. Il gene- aveva nominato suo Secretaire Général
rale negro Christophe, inviato da Toussaint, gli fece sapere Pierre-Antoine-Augustin de Piis.
Entrambi erano Frères de l’ancienne
che se fosse sbarcato la città sarebbe stata incendiata. Leclerc Loge de la Candeur e, prima della
fu costretto ad approdare a Port Margot e raggiunse Cap Rivoluzione, il chevalier de Piis era sta-
François solo la sera del 6, tra le fiamme e le lacrime di rab- to Ecuyer e Secretaire-Interprète de
Monseigneur le Comte d’Artois, il futu-
bia della moglie. In tre giorni d’incendio erano rimaste in ro Carlo X, i cui interessi in Louisiana
piedi 59 case su 800, mentre Christophe ed i suoi ribelli si erano noti. AVS FM.
erano rifugiati nella macchia, verso le montagne. 18
Il trattato fu fortemente osteg-
Le forze francesi riconquistarono le città costiere bruciate giato da Timothy Pickering, che ven-
ne cacciato dal presidente John Adams
dalla guerriglia. Salendo verso Vérrèttes che apriva la strada il 10 Maggio. THNOC, Sainte-Gême
al piccolo forte inglese di Crête-à-Pierrot, strategico ed impor- Family Papers.
tante, il generale Hardy fece sgozzare 600 negri che avevano 19
« Vous ferez connaître, Citoyen
Ministre, au général Leclerc qu’il est
resistito. Solo un Reggimento polacco 38 si rifiutò di prende- nommé général en chef de l’armée
re parte al massacro. Era l’11 marzo e Leclerc prese perso- expéditionnaire qui s’embarque à
nalmente il comando dell’azione: il forte fu conquistato il 24 Brest, ainsi que de celle qui est à
Rochefort ». (lettera di Bonaparte a
ma a terra rimasero 2.000 Francesi 39. Berthier del 23 ottobre 1801).
Dopo Crête-à-Pierrot, Toussaint evitò gli attacchi fron- 20
Paoletta divenne Paolina solo con
tali, attirando i francesi lontano dai loro capisaldi e nella pri- il matrimonio con il principe Borghese.
mavera il corso della guerra fu a vantaggio dei ribelli. A 21
Je crains l’embarquement, rassu-
Dondon, dopo 10 giorni di combattimento, Christophe scon- re-moi à cet égard, car je suis décidé à
ne pas m’embarquer. (lettera di Leclerc
fisse Hardy ricacciandolo a Cap François, mentre i contrat- a Luciano Bonaparte del 24 ottobre
tacchi dei rivoltosi ripresero le città di Saint-Michel, 1801).
Marmelade, Saint-Raphael e Limbé. 22
Je suis accoutumé à voir les fem-
mes désirer d’être avec leurs maris (let-
Leclerc decise un inasprimento militare ed i risultati ven- tera di Bonaparte alla sorella dell’8
nero in fretta. In aprile si arrese Christophe ed a maggio lo ottobre 1801).
seguirono Toussaint e Dessalines. Per tagliare la testa alla 23
Vascello di 1° rango a 3 ponti
rivolta Toussaint fu imbarcato a tradimento con la famiglia con 118 cannoni armato a Brest nel
1790. APT 1L-216 e 1L-443 e ANF,
per la Francia; incarcerato nel freddo Fort de Joux, vi morì Marine.
l’anno dopo 40. L’isola era in mano francese. Si disarmarono 24
Louis Thomas Villaret conte di
le brigate negre e si ricostruirono le città in un clima irreale Joyeuse, comandante in Capo della
di pace tra esecuzioni e massacri. squadra dell’Oceano.
25
Carlo Antonielli, per risveglio forse di eroismo o per sem- Federico Carlos, duca di Gravina.
26
plice anzianità, fu promosso capitano. Capì che la sua car- Momentaneo Port Napoléon ed
attuale Santa Bárbara de Samaná.
riera non aveva un gran futuro e decise di mettere in atto il 27
Louis-René Le Vassor, conte di
suo progetto: comprare una piantagione ed arricchirsi. Ne Latouche-Tréville.
trovò una con 56 negri miei esclavi e 18 donne filie mie e 28
François-Marie Perichou de
schiave 41 forse vicino a Caracol 42, a poche miglia da Cap Kerverseau.
29
Français, dove molti Francesi della spedizione compravano Louis Marie Ferrand, poi conte
dell’Impero, Commandant de la Legion
proprietà. Suggeritore degli acquisti sembra essere stato d’Honneur, dal 1804 capitano gene-
Antoine Blondel 43, ricco proprietario dell’omonima pianta- rale e governatore militare di Santo
gione, che risulta confinante in molti atti 44. Domingo.
30
Carlo Antonielli spese 200.000 franchi, 150.000 in con- Conte Jean Boudet.
31
tanti, 50.000 da pagarsi entro un anno 45. Poiché un négrillon Jean-Baptiste-Donatien de Vimeur,
visconte di Rochambeau.
pièce d’Inde 46 costava mediamente 1.800 Livres 47, 75.000 Livres 32
Jean Hardy.
de France coprirono il valore degli schiavi e 75.000 un accon- 33
L’amiral Honoré Ganteaume, rotu-
to sulla terra. L’habitation 48 doveva essere più o meno di 150 rier qui prend du galon grâce à la
carreaux 49 ed établie en cafés perché le meno care e più fa- Révolution, et qui ensuite se comporte
si brillamment sur les mers que Napo-
cili da gestire. O magari comprò una piantagione più gran- léon le nomme comte d’Empire.
de ed affittò gli schiavi, come fecero molti investitori. Magari 34
Charles-Alexandre-Léon Durand,
non comprò nulla e lo scrisse solo pour épater il fratello; gli conte di Linois.

398
archivi notarili di Haiti tacciono come quelli francesi 50. Carlo 35
Nella trasformazione dell’Armée
Cisalpine dell’8 settembre 1799, i
non lasciò l’esercito 51; dovendo ancora pagare 50.000 fran- Reggimenti di Fanteria leggera con-
chi il suo pied de guerre 52 gli faceva comodo. fluirono in 2 Mezze Brigate leggere (1a
Il 2 maggio Napoleone reintrodusse la schiavitù in Gua- e 2a) di stanza in Piemonte che, con il
decreto dell’ottobre 1800, furono rag-
dalupa, ma Lecrec lo seppe solo a giugno, con la conseguenza gruppate prima nella Divisione Pie-
che il 13 ottobre i generali negri Petion e Clairveaux si ricon- monte e nell’ottobre successivo nelle
giunsero ai ribelli. Seguirono Christophe e Dessalines. In nuove Mezze Brigate leggere destina-
te a Saint-Domingue, mantenendo la
pochi giorni solo Cap François, Port-au-Prince e Le Cayes denominazione dei Reggimenti di for-
erano ancora in mano francese. Contemporaneamente la feb- mazione. ASHAT, serie C4 e ANF, AF*
bre gialla arrivata dall’Africa con gli schiavi, latente da anni, IV 1356, Livret des Armées.
36
si abbatté sulle truppe con pochi medici, senza medicinali e Figlio di Paola Teresa Niger
d’Oulx e di Giovanni Battista Anto-
munizioni, i viveri razionati. La febbre scoppiò su tutta l’i- nielli.
sola e fu un’ecatombe. In poche settimane morirono 1.500 37
Nel 1793 il fratello Francesco
ufficiali, 20.651 tra soldati e marinai e 2.000 civili 53. Le paro- Gaetano aveva comprato il feudo baro-
nile di Costigliole di Saluzzo, sbor-
le sibilline di Toussaint, «moi compter sur La Providence », sando all’erario lire 5.000. Carlo, pur
ora erano davanti a tutti, scolpite su ogni tomba: La Providence non avendo diritto al predicato di
era il nome del cimitero di Cap. Costigliole, lo usò francesizzato in de
Costiole, ripicca del fatto che France-
Leclerc scrisse ripetutamente a Bonaparte senza succes- sco, alla morte del loro padre nel 1790,
so, perché gli interessi geopolitici del cognato Primo Console aveva defalcato dall’asse ereditario i
erano cambiati. Resosi conto di non potere fare di Saint- suoi debiti. Liti che ripresero nel 1816
per il testamento dello zio materno
Domingue il centro della Francia coloniale, Bonaparte ave- Gaspar Niger d’Oulx, interdit pour
va iniziato colloqui segreti con gli Stati Uniti per la vendita cause d’imbécilité, di cui Francesco era
della Lousiana. Saint-Domingue non serviva più ed abban- stato tutore. TVS-SP.
38
donare un intero Corpo di spedizione non toccava la sua 2° Gruppo della 3a Mezza Brigata
Polacca. I Reggimenti polacchi non
coscienza, l’aveva già fatto in Egitto. ricevettero mai il soldo. Tornarono in
La notte tra il 1° ed il 2 novembre morì anche le Bonaparte Europa solo 15 ufficiali e 150 soldati.
blond, Leclerc. Lo stesso giorno i generali negri elessero Des- I sopravvissuti che non ebbero i sol-
di per il passaggio di rientro si stabi-
salines loro Comandante in Capo. La battaglia finale era inco- lirono a Canton de Plateau (oggi
minciata. Casales). JPRW.
Il Comando francese passò al generale Rochambeau 54 39
Dallo sbarco erano già morti
che, con le poche truppe rimaste vive, riportò agli inizi del 2.000 soldati e feriti 2.500. Con la bat-
taglia di Crête-à-Pierrot, i morti sali-
1803 qualche vittoria, ma la guerra divenne massacro razziale rono a 4.000 ed i feriti a 4.500, tra cui
da ambo le parti 55. Per venire a capo della rivolta, Rochambeau 3 generali.
fece arrivare da Cuba cani specializzati nella caccia all’uomo 40
Napoleone a Sant’Elena si rim-
proverò di essersi lasciato trascinare
e chiese a Bonaparte 35.000 uomini. Il Primo Console ne dalle criailleries des colons e di non
mandò 2.000 per alzare il prezzo della trattativa con gli Stati avere governato l’isola par l’intermé-
Uniti, senza comunicargli che il 18 maggio gli Inglesi aveva- diaire de Toussaint che n’était pas un
homme sans mérite.
no denunciato gli accordi di Amiens e dichiarato guerra alla 41
Lettera al fratello Francesco Gae-
Francia. Rochambeau lo seppe a proprie spese. tano del 4 ottobre 1809 dal campo di
La flotta inglese pose il blocco a Saint-Domingue, for- prigionia di Okehampton, Devonshire.
AANT.
nendo armi e mezzi ai ribelli. Il 18 novembre Rochambeau
42
fu sconfitto definitivamente a Vertières 56 e con gli ultimi uomi- La fama sinistra della baia di
Caracol in cui il 24 dicembre 1492 era
ni si rifugiò a Cap François, dove chiese 10 giorni di tregua affondata la Santa Maria di Cristoforo
per evacuare la città. Si arrese a Dessalines il 28 e si conse- Colombo non si smentì e la zona che
gnò agli Inglesi che lo imbarcarono sulla fregata francese da comprendeva Trou du Nord e Caracol
fu tra le più insanguinate dalla rivolta.
40 cannoni Clorinde, dove il tricolore era stato sostituito dal- 43
Blondel fuggì a Filadelfia nel 1805
la Union Jack 57. e morì in miseria a Martinsburg, West
Il 1° gennaio 1804 l’isola fu dichiarata indipendente, Saint- Virginia, nel 1834. BCHS.
Domingue divenne Haiti e Dessalines si proclamò impera- 44
ANH e AOM , Notariat de Saint-
Domingue.
tore con il nome di Jacques I. Era sorta la prima repubblica 45
Lettera al fratello Francesco
imperiale negra del mondo. Per festeggiarla e tenere fede al Gaetano, cit. Nonostante la difficoltà
proprio motto 58, il 9 marzo Dessalines massacrò a Jérémie di parametri monetari ponderati, l’im-

399
1.400 Bianchi, uomini, donne e bambini. Il 16, a Port-au- porto di 200.000 franchi può equiva-
lere ad € 600.000 del 2001. Poiché 1
Prince, massacrò altri 800 Bianchi. Seguirono le stragi di Livre de France valeva il 50% in più
Archaie, Saint Marc e Gonaïves e gli ultimi 2.000 Bianchi della Livre coloniale (o Piastre Goupde),
furono trucidati a Cap François al suono di marce militari, il valore di acquisto fu pari ad €
900.000. Se non specificato, i prezzi
Marsigliese compresa. vanno sempre intesi in Livres colonia-
Carlo Antonielli, con postumi violenti di febbre gialla, les.
non seguì nella parte ex spagnola dell’isola i sopravvissuti del 46
Schiavo di prima qualità.
suo Reggimento agli ordini dei generali Ferrand e Kerverseau. 47
Per paragone, una casa cossue
« Abbandonato dai medici li quali mi dissero che non sarei costava a Bordeaux 30.000 Livres colo-
niales. Nonostante il decreto della
stato in istato di fare un terzo del viaggio» 59, riuscì ad imbar- Convenzione del 18 Germinal anno
carsi per la Louisiana 60 con i sopravvissuti della Concorde III (7 aprile 1795) avesse abolito la
Saint-Marc. A dicembre era a New Orleans 61. I Fratelli del- monetizzazione dell’Ancien Régime
con l’introduzione ufficiale del fran-
la Grand Lodge of Pennsylvania lo introdussero al 437 di co, rimase a lungo il vecchio termine
Royal Street dove lavorava una Loggia in attesa di patenti 62, Livre con il significato di franco.
punto d’incontro dei rifugiati di Saint-Domingue. Il posto 48
Termine che ha tradito molti tra-
divenne celebre non per la profondità dei lavori massonici, duttori. A Saint-Domingue definiva
ma perché il proprietario della drogheria che ospitava la Loggia l’insieme della piantagione, ovvero l’a-
bitazione del padrone (grand case), le
offriva ai Fratelli degli after-meeting drinks in piccoli por- capanne degli schiavi, i laboratori e
tauovo, in francese coquetier, americanizzato in cocktail. tutto il terreno, esclusa la vaisselle
Per una ragione sconosciuta e non perché il suo conge- importée d’Angleterre ou de Chine, sta-
tus symbol della ricchezza del pro-
do militare per malattia stesse per scadere, era per un anno, prietario. Carlo Antonielli, persa la
Carlo Antonielli decise di tornare in Francia. Alla Bank of piantagione, portò con sé nella fuga
the United States, che aveva sede pochi metri prima della due casse di vassella in platina.
49
drogheria-Loggia, cambiò il denaro che era riuscito a salva- 1 carreau equivaleva a 1 ha, 13 a,
7 ca.
re, 85.000 franchi, metà in lettere di cambio su Bordeaux e 50
AOM, Notariat de Saint-Domin-
metà in oro 63 e si trasferì in Pennsylvania dove si fermò fino gue.
agli inizi di maggio. I Fratelli della Grand Lodge of Pennsyl- 51
Su probabile consiglio del suo
vania gli ottennero un lasciapassare dall’ambasciatore di Chef de Brigade Lux o di Blondel, tut-
Francia a Philadelphia ed un imbarco, ma la scelta precipi- ti e due Fratelli . della Loggia La
Concorde all’O. . di Saint-Marc, instal-
tosa lo fece salire su un bâtiment francese. Il viaggio finì male. lata con patenti della GLP del 4 mag-
Lo scrisse al fratello in un italiano francesizzante ed un gio 1801. ASHAT, serie C4. Ne fu
po’ analfabeta 64: «dopo un longo viagio di mare senza veder Fratello anche Carlo, poiché la sua
fuga da Saint-Domingue ed il rientro
tera di due mesi e tre giorni, essendo a due giorni in distan- in Francia furono possibili grazie ai
za per entrare nel porto do Bordò una fregata inglese attacò Fratelli della Grand Lodge of Pen-
il nostro bastimento mercantile che non poteva difendersi.. nsylvania. ASHAT.
52
Fui fatto prigioniere e condotto in Inghilterra ove son pri- Stipendio in zona di guerra.
53
gioniere di guera sur parola 65 a Oakampton 66. Gli Inglesi non Le fléau planait sur nos têtes com-
me l’ange de la mort, et ses coups frappés
toccarono nulla «de fondi che avevo presso di me in danna- par une main invisible, fauchaient
ri, ma si appropriarono di due casse di vassella in platina et ensemble, au milieu de nous, la jeu-
un baule di lingeria di matras del vallore in tutto diciassette nesse, la force, la beauté, le talent (let-
tera di Moreau de Jonné ad un amico
mile franchi». Carlo Antonielli era un tipo ottimista perché del 7 ottobre 1802).
« in questo momento pagate le mie spese per vivere abbi- 54
Arrêté qui nomme le général
liarmi in Inghilterra durante 4 anni, tutto pagato mi resterà Rochambeau Général en chef de l’armée
a portare in Francia 14.000 franchi dopo avuer perduto in et Capitaine général à Saint-Domingue.
Du 13 Nivôse an XI. Bulletin des Lois
un circa mezo milione 67, ma non importa, ò la sanità recu- de la République française, 3e série,
perata». Carlo ha già progetti per il futuro: «coi miei dan- tome VII, Contenant les lois et arrêtés
nari avrò un buon impiego di Console in qualche posto di rendus pendant le 1er semestre de l’an
XI, Impr. de la République, Paris,
mare et in due o tre anni spero di riaquistare il perduto», tra floréal an XI.
cui un eventuale matrimonio ed un figlio, perché chiede al 55
Rochambeau rivalisa de barbarie
fratello «se mi avete dato qualche nipote perché vorrei affi- avec les généraux noirs. Ces derniers
liare il cadetto, altrimenti mi marito, malgrado avanzato in faisaient scier, entre deux planches, les
blancs qui tombaient entre leurs mains
ettà posso ancora avuer prole volio conservare un cavaliere […] Les blanc, eux, noyaient impi-
al empirio francese in mio nome». Qualche signora inglese toyablement les noirs sans distinction

400
gli stava alleviando la prigionia, perché la lettera terminava d’age et de sexe (lettera di Hardy alla
moglie del marzo 1803).
« le inglesi sono ammabili il sesso è bello, bellissimo ». Le 56
Comandante di uno dei batta-
donne erano state una delle cause «de li miei debiti ». glioni negri era Jean Louis Pierrot,
In questa lettera, la seconda 68 scritta dopo 4 anni di pri- marito della mambo Cécile Fatiman.
gionia, Carlo pensava ad una liberazione, anche se non immi- Pierrot fu presidente di Haïti dal 1845
. al 1846. Cécile morì a Cap-Haïtien nel
nente. La voce circolava nelle Logge all’O. . dei Reggimenti 1883 all’età di 112 anni, perfettamen-
francesi in Inghilterra ed aveva fonti autorevoli come i gene- te lucida.
rali Boyer, Pajeau e Rochambeau, prigionieri on parole ad 57
ANF, AP 135, 1-4-6 e UFG, Papiers
Ashbourne, Derbyshire 69. Carlo però non era ottimista, giu- Rochambeau.
58
dicava la sua liberazione «non prossima a motivo della guer- Koupe Têt, boule Kay (tagliate le
teste, bruciate tutto).
ra intestina entre la Francia e l’Inghilterra». Ebbe ragione, 59
Lettera al fratello Francesco
perché dovette aspettare fino al 1814. Non scrisse più, pro- Gaetano, cit., dove continua con ama-
blemi di comunicazione per il terribile momento europeo, rezza: mi volevano persuadere di resta-
re per veddermi a perire ed apropriar-
freddezza nelle risposte del fratello, una liberazione che si si le mie possessioni li miei schiavi e
allontanava ogni giorno. Ancora una volta Napoleone aveva miei denari.
dimenticato gli uomini che si era lasciato alle spalle. 60
Molti esiliati della Rivoluzione si
L’astro dell’imperatore era allo zenit, ma nel dicembre stabilirono negli Stati Uniti fin dal
1790, e ad essi si affiancarono i rifu-
1812 cambiò qualcosa, una luce di tramonto illuminò i ghiac- giati di Saint-Domingue. Sorsero nuo-
ci russi che si richiusero sulla Grande Armée. Il 1813 vide gli vi centri come Gallipolis, Greene,
alti e bassi della decadenza, vittorie e sconfitte si susseguiro- Fontaine Laval ed il famoso Azilum,
in Pennsylvania, costruito come casa
no indebolendo la macchina da guerra francese. Il 31 marzo d’esilio per Luigi XVI e Maria Anto-
1814 le truppe della Coalizione entrarono in Parigi ed il 2 nietta. Alla caduta di Napoleone mol-
aprile il Senato votò la fine di Napoleone, che abdicò il 6. Il ti suoi ufficiali si rifugiarono in Ala-
bama, dove fondarono Demopolis, il
20 salì sulla fregata inglese Undaunted per sbarcare all’Elba cui territorio divenne nel 1818 l’o-
il 4 maggio. dierna Marengo County in memoria
Nelle settimane successive, senza aspettare la firma del della vittoria sull’Austria.
61
Trattato di Parigi, furono scambiati i primi 17.000 prigionieri M. [Monsieur] Costiole prove-
niente dal Quartier de [illeggibile],
francesi con altrettanti inglesi di pari grado. Carlo Antonielli Island of Ste. Domingue, now by rea-
fu fra questi. Il 23 maggio era a Parigi ed il 14 luglio aveva son of the misfortunes of the colony,
già casa in rue du Foin S. Jaques 19. Lo comunicò al fratel- refugee in the town of New Orleans,
Louisiana. Lista di rifugiati non data-
lo in una corta lettera del 14 luglio, dove il mittente «Monsieur ta, ma rubricata Dec. 1803. PL4.
Antonielli Cap.ne au 5.em Regiment d’Enfanteries - legeres » 62
La Réunion. Désirée N° 3013, già
aveva lasciato il posto ad uno più roboante ed adatto in tem- installata all’O. . di Port-au-Prince con
patenti del GOF del 16 aprile 1783.
po di restaurazione borbonica: « Charles Antonielli de LSU, Pamphlets list members of Maso-
Costigliole, lieutenant colonel des armeés du Roi três catto- nic lodges in Santo Domingo and New
lique, chevalier de la liglio, d’honeur 70 et du Lys» 71. Orleans 1790-1813, Masonic Order
imprints, Mss. 3242. Parte degli archi-
Non fu mai tenente colonnello 72 e probabilmente nem- vi della Réunion Désirée confluì nella.
meno « chevalier de la Légion d’Honneur » 73. Forse ebbe Loggia Perseverance N° 4 all’O. . di
l’« Ordre du Lys», dato che la proposta poteva essere fatta New Orleans,
. già Perseverance N° 113
all’O. . di Jeremy, Saint-Domingue, con
anche dai Comandanti dei singoli Reggimenti 74. Non fu coin- patenti della GLP del 1806. PL4, CGCB
volto nei fatti dei 100 Giorni, lo suggerisce quel « lieutenant ed EEMGG.
colonel des armeés du Roi três» cattolique, che cancellava 63
Lettera al fratello Francesco
anche il «posso ancora avuer prole volio conservare un cava- Gaetano, cit. L’importo ha senso solo
nel caso in cui Carlo non abbia mai
liere al empirio francese in mio nome». L’«empirio france- comprato una piantagione.
se » era morto e sepolto. 64
Lettera al fratello Francesco
Il progetto di acquistare un «buon impiego di Console Gaetano, cit.
in qualche posto di mare» sfumò con i soldi in lunghi anni 65
Gli ufficiali prigionieri potevano
risiedere in una città in cui era stato
di prigionia e l’aiuto di qualche piacente signora inglese. Carlo loro concesso di vivere on parole, sul-
rimase nell’Esercito e le sue rare lettere non fecero più men- la parola. Poiché molti ufficiali appar-
zione né del suo stato di servizio, né della sua vita persona- tenevano a famiglie benestanti del
Continente od avevano con sé dena-
le, solo accenni al passato. Nel 1815 era ancora residente a ro, potevano comprare qualsiasi cosa
Parigi e questo almeno fino al 1816 75, alla morte dello zio even for the enjoyment of life. Nella

401
interdit, quando si riaccesero nuove liti con il fratello per il sola Okehampton e nelle zone intor-
no, gli ufficiali francesi spesero non
testamento. meno di 30.000 sterline l’anno per il
Nel 1819 fu collocato a riposo. Lo scrisse, questa volta loro bien-être. I prigionieri on parole
in un francese italianizzato, sempre un po’ analfabeta: « il est avevano una considerevole libertà ma,
senza permesso speciale, non poteva-
permis de jonir de ma pensione où bon ma semble dans le no muoversi oltre un miglio dal cen-
territoir français», concludendo tristemente «je suis un peu tro della città di residenza. Tutte le
révénu des vanité de se monde, à mon age je prefere ce qui, sere, alle 21 in estate ed alle 20 in inver-
no, suonava una campana. Se un uffi-
est commode à ce qui n’est que glorieux». Fissò la sua resi- ciale non si presentava entro un quar-
denza a Lione «pour ètre plus à porté du Piemount ». to d’ora, era multato di una ghinea.
Lettere sempre più saltuarie lo accompagnarono verso TJ.
una morte anonima e sola 76 il 28 maggio 1822. Una comu- 66
Okehampton, Devonshire.
nicazione burocratica del «juge de paix du 1° Arrondissement 67
L’importo è poco reale.
de Lyon » ne informò i parenti, assicurando che « les hon- 68
La prima è del 6 agosto, ma solo
per fare sapere al fratello che malgra-
neurs militaires dus à son rang de chef de battaillon au ser- do li grandi disastri sofferti per la pre-
vice de France lui ont été rendus par les M. M. les officiers sente guerra esisto ancora in vita di
Piémontais». Il fratello non si mosse da Torino, troppo occu- ritorno di America.
pato a cercare di appropriarsi, come aveva già aveva tentato 69
TJ.
il padre, del feudo d’Oulx dello zio interdit Gaspar Niger 77. 70
Légion d’Honneur, creata con il
decreto del Primo Console il 29 floréal
Il 30 aprile 1826 una «Commission chargée de répartir anno X (29 maggio 1802).
l’Indemnité attribuée aux anciens Colons de Saint-Domingue, 71
Ordre du Lys, créée par ordon-
en exécution de la Loi» voluta dal Governo francese, pub- nance de Monsieur, Comte d’Artois,
blicò «l’État Détaillé des liquidations opérées à l’époque du Lieutenant Général du Royaume, le 26
avril 1814, pour récompenser la Garde
1er Janvier 1828-1832 et les six premiers mois de 1833 » 78. Nationale de Paris des services qu’elle
Gli eredi di Gaetano Francesco 79 non lo seppero e non pote- a rendus […]. CARAN F1d III 9 e ADF,
rono avvalersene. Carlo, cancellato dalla famiglia, ebbe la sua serie M non repertoriata.
72
ultima vendetta. Nei documenti in CARAN, BB/11
/150/1 e BB/11/152/1, è registrato
Torinese in fuga dalla monotonia borghese e da un fra- come Chef de Bataillon, che equivale
tello noioso « fedele alla tradizione e devoto alla Casa di al grado odierno di maggiore ricreato
Savoia» 80, amante di donne ed ottimista incosciente un po’ da Bonaparte nel 1803. Il maggiore
napoleonico, però, aveva mansioni
mitomane, Carlo Antonielli passò indenne tra le pieghe di superiori allo Chef de Bataillon per-
fatti terribili 81 e finì senza traccia la sua storia in una tomba ché poteva comandare battaglioni non
anonima di Francia che il tempo ha cancellato. irreggimentati od essere Aiutante di
Campo di un colonnello.
73
Nelle sue lettere dalla prigionia
non ne fa cenno. Nei dossiers della
Légion in CARAN, Léonore LH
1–2793 ed in quelli confluiti in altri
archivi, Carlo Antonielli non è reper-
APPENDICE toriato. Molti dossiers del Primo
Impero furono distrutti alla Restaura-
zione, ma non quelli di chi prestò giu-
ramento a Luigi XVIII. Altre distru-
STATO GENERALE DELLE FORZE DI TERRA E DI MARE
zioni avvennero nel 1871 durante la
nella spedizione di Saint-Domingue (1802) Comune.
74
Les Généraux, Commandants
capitano generale Victor Emmanuel Leclerc Départementaux ou de Division furent
Comandante generale della spedizione autorisés à distribuer des décorations
du Lys et à signer des brevets d’attri-
bution aux militaires qui s’étaient fait
ammiraglio Louis Thomas Villaret-Joyeuse remarquer par leurs attitudes royalistes.
Comandante della flotta della spedizione Nei dossiers dell’Ordine in ANF, serie
F1d III 9 e in ADF, serie M, Carlo
Antonielli non è repertoriato.
75
CARAN BB /11/150/1 e BB /
PRIMO CONTINGENTE
11/152/1.
76
Dietro di sé, forse una nipote
3 febbraio 1802 nata in Pennsylvania nel 1836, Leah
Flotta di Brest franco-spagnola (ammiraglio Villaret-Joyeuse) Costiole, figlia di un Costiole a sua
15 vascelli di linea - 9 fregate o corvette - 3 navi leggere e da trasporto volta figlio di un refugee from Saint-

402
5a, 11a e 30a Mezze Brigate leggere Domingue. NARA, 1870 Census. Nei
22a, 31a e 79a Mezze Brigate di linea documenti militari fino alla domanda
Artiglieria di naturalizzazione del 29 agosto 1816,
6.600 uomini Carlo è registrato come Charles Co-
stiole. Leah Costiole, sepolta nel 1894
Squadra di Lorient nell’Oak Hill Cemetery di Mount
1 vascello di linea - 1 fregata - 2 corvette Carroll, Illinois, difficilmente è una
71a Mezza Brigata di linea semplice coincidenza. La nonna di
Leah fu la ragione della fuga improv-
900 uomini visa di Carlo dagli Stati Uniti?
Squadra di Rochefort (contrammiraglio Latouche-Tréville) 77
Alla morte dello zio nel 1816,
6 vascelli di linea - 6 fregate - 2 corvette - 2 avisos Francesco si autonominò conte d’Oulx,
15a Mezza Brigata leggera titolo che la Consulta Araldica rico-
56a, 68a e 90a Mezza Brigata di linea nobbe solo nel 1884 al nipote Carlo.
78
Legione della Loire L’Imprimerie Royale, 1828-1834,
19° Reggimento Dragoni Paris. AOM.
Artiglieria 79
Morto nel 1824.
3.000 uomini 80
AANT.
81
14 febbraio Nel 1815 i sopravvissuti
dell’Armée de Saint-Domingue rien-
Squadra di Tolone (contrammiraglio Ganteaume) trati in Francia erano 17. GdM.
4 vascelli - 1 fregata - 1 corvetta -1 flûte-transport 82 82
Vascello in genere non armato
28a Mezza Brigata leggera da trasporto viveri, approvvigiona-
74a Mezza Brigata di linea menti e truppa. Da non confondere
Legione di Saint-Domingue con l’espressione Armé en flûte che
Artiglieria per tutti i vascelli indicava artiglieria
4.200 uomini ed equipaggio ridotti per aumentare
la capacità di carico.
17 febbraio
Squadra di Cadix (contrammiraglio Linois)
3 vascelli di linea - 3 fregate
19a Mezza Brigata leggera
Battaglione Tedesco
10° Reggimento Dragoni
2.400 uomini

SECONDO CONTINGENTE

dal 23 al 31 marzo
2a Squadra di Brest e Squadra di Havre
3 vascelli di linea - 4 fregate
98a Mezza Brigata di linea
2.900 uomini
7 aprile
Squadra Olandese (contrammiraglio Hartzing)
3 vascelli di linea - 3 fregate
7a Mezza Brigata di linea
Compagnia di Artiglieria
1.600 uomini
maggio
Vascelli Le Pelaggio e Le Conquérant
77a Mezza Brigata di linea
Legione polacca: 1° Gruppo della 3a Mezza Brigata (generale Jablonowski)
1.600 uomini
CONTINGENTI SUCCESSIVI

1 agosto
Vascelli Le Formidable e L’Annibal
7a Mezza Brigata leggera
Qualche distaccamento diverso
1.400 uomini

403
12 agosto 83
JOM, JBLD, ANF Marine, B5 3, B5
4, G6ter, G11, G11bis, G13bis, G16,
Vascello L’Intrépide G19, G24, G25, G26, G32 e G34, APT
83a Mezza Brigata di linea 1L-216 e 1L-443, APL 1P-209, 219,
700 uomini 220 e 222 ed APR 2G1. Gli elenchi
Vaisseaux de ligne français de 1768 à
Convoglio della lougre Le Vautoure 1815, Vaisseaux de ligne français de
3a Mezza Brigata leggera 1682 à 1767 e Frégates du Roy de 1682
2.000 uomini à 1767 sono lacunosi e non di facile
interpretazione.
11 settembre
Convoglio del brick Le Lodi
Legione Polacca: 2° Gruppo della 3a Mezza Brigata
2.570 uomini
20 settembre
trasporto L’Egyptienne
4 battaglioni Guardacoste
512 uomini
trasporto Le Prudent
Battaglione Straniero
227 uomini
trasporti Le Jeune Edouard e L’Aristide
83a Mezza Brigata di linea (2° Gruppo)
522 uomini
Le forze francesi, sotto Leclerc, furono di 35.131 uomini, compresi 4.000
uomini dell’Artiglieria di Marina sbarcati con le truppe di terra. Gli arri-
vi successivi sono mal documentati, ma si possono valutare in non oltre
12.139 uomini. I caduti e prigionieri al 7 novembre 1808 furono:83
Generale Comandante 1
Generali di Divisione 5
Generali di Brigata 14
Ufficiali 1.500
Ufficiali del Corpo Sanità 750
Soldati 35.000
Marinai 8.000
Impiegati civili distaccati al Corpo di Spedizione 2.000
Civili arrivati con il Corpo di Spedizione 3.000
Morti totali 50.270
Prigionieri a Cap Français 7.275
Prigionieri della Guarnigione di Monte Cristy e
Santo Domingo 1.000
Prigionieri totali 8.275

404