Sei sulla pagina 1di 41

INDICE

INDICE ........................................................................................................................................................................ 1
PARTE GENERALE .................................................................................................................................................. 3
PREMESSA ............................................................................................................................................................. 3
AVVERTENZE PER IL CONDUCENTE ............................................................................................................... 4
ROTTAMAZIONE .................................................................................................................................................. 4
MANIPOLAZIONE DEL CARRELLO ................................................................................................................... 4
DATI PER LIDENTIFICAZIONE ......................................................................................................................... 5
DESCRIZIONE PARTI PRINCIPALI ..................................................................................................................... 6
DIMENSIONI ED INGOMBRI ............................................................................................................................... 7
PORTATE ................................................................................................................................................................ 8
NORME DI SICUREZZA PER LUSO DEI CARRELLI ELEVATORI ............................................................. 9
TRASLAZIONE ...................................................................................................................................................... 9
Generali ............................................................................................................................................................... 9
Avanzamento ..................................................................................................................................................... 10
Parcheggio ........................................................................................................................................................ 10
MANIPOLAZIONE DEL CARICO ....................................................................................................................... 11
Presa di un carico stivato su una catasta .......................................................................................................... 11
Stivaggio di un carico su una catasta................................................................................................................ 11
USO DEL CARRELLO ............................................................................................................................................ 12
DISPOSIZIONE COMANDI ................................................................................................................................. 12
Leva comando freno a mano ............................................................................................................................. 12
Commutatore daccensione ............................................................................................................................... 13
Leva regolazione volante ................................................................................................................................... 13
Sedile ................................................................................................................................................................. 13
Leve distributore idraulico ................................................................................................................................ 14
Funzionamento del distributore idraulico ......................................................................................................... 14
Leva inversione di marcia ................................................................................................................................. 15
Avvisatore acustico ............................................................................................................................................ 15
Doppio pedale (versione opzionale ) ................................................................................................................. 15
Pulsante demergenza ....................................................................................................................................... 15
Cruscotto ........................................................................................................................................................... 16
AVVIAMENTO ED ARRESTO ............................................................................................................................ 17
Avvertenze ......................................................................................................................................................... 17
Avviamento ........................................................................................................................................................ 17
Guida ................................................................................................................................................................. 17
Inversione di marcia .......................................................................................................................................... 18
Salita.................................................................................................................................................................. 18
Discesa .............................................................................................................................................................. 18
Arresto ............................................................................................................................................................... 18
MANUTENZIONE E RIFORNIMENTO............................................................................................................... 19
Note ................................................................................................................................................................... 19
Attenzione .......................................................................................................................................................... 19
MOTORI ELETTRICI DI TRAZIONE E SOLLEVAMENTO ............................................................................. 20
Collettori ........................................................................................................................................................... 20
Spazzole ............................................................................................................................................................. 20
Cuscinetti ........................................................................................................................................................... 20
BATTERIA ............................................................................................................................................................ 21
Norme di sicurezza ............................................................................................................................................ 21
Scelta della batteria ........................................................................................................................................... 21
Controlli ............................................................................................................................................................ 21
Rabbocco ........................................................................................................................................................... 22

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

Pagina 1

Carica della batteria .......................................................................................................................................... 22


Smontaggio della batteria .................................................................................................................................. 23
Rimontaggio della batteria ................................................................................................................................ 23
IMPIANTO ELETTRICO ...................................................................................................................................... 24
Chopper.............................................................................................................................................................. 24
Avvertenze .......................................................................................................................................................... 24
Consigli generali per la manutenzione .............................................................................................................. 24
Collaudo dopo una revisione ............................................................................................................................. 24
Diagnosi guasti .................................................................................................................................................. 25
Le protezioni software ........................................................................................................................................ 25
FUSIBILI ................................................................................................................................................................ 25
TELERUTTORI ..................................................................................................................................................... 26
SPINA PRESA ........................................................................................................................................................ 26
GRUPPO DI SOLLEVAMENTO E IMPIANTO IDRAULICO ............................................................................. 26
Sollevatore ......................................................................................................................................................... 26
Prescrizioni per il rabbocco dellolio nel circuito idraulico ............................................................................. 27
FORCHE ................................................................................................................................................................. 28
Differenza in altezza delle punte delle forche .................................................................................................... 28
Sicurezza forche ................................................................................................................................................. 28
Usura forche ...................................................................................................................................................... 28
Riparazione ........................................................................................................................................................ 28
Sicurezza carrello porta forca............................................................................................................................ 28
CATENE SOLLEVAMENTO ................................................................................................................................ 29
Controllo e manutenzione catene ....................................................................................................................... 29
Importante .......................................................................................................................................................... 29
Lubrificazione delle catene ................................................................................................................................ 29
FRENI ..................................................................................................................................................................... 30
Freno di servizio ................................................................................................................................................ 30
Registrazione ...................................................................................................................................................... 30
Spurgo aria dalle tubazioni freni ....................................................................................................................... 31
Freno di parcheggio........................................................................................................................................... 31
Registrazione ...................................................................................................................................................... 31
RIDUTTORE .......................................................................................................................................................... 32
REGISTRAZIONE DELLE CATENE RINVIO STERZO ..................................................................................... 32
Catena rinvio, ................................................................................................................................................. 32
Catena rinvio ................................................................................................................................................. 33
CERCHI E RUOTE ................................................................................................................................................ 34
Smontaggio ruote ............................................................................................................................................... 34
MANUTENZIONE PROGRAMMATA .................................................................................................................. 35
TABELLA RIFORNIMENTI................................................................................................................................... 36
OPTIONALS .............................................................................................................................................................. 37
SCHEMA IMPIANTO IDRAULICO ...................................................................................................................... 38
SCHEMA IMPIANTO ELETTRICO DI POTENZA ............................................................................................ 39
SCHEMA IMPIANTO ELETTRICO AUSILIARIO............................................................................................. 40
Colorazione cavi ................................................................................................................................................ 40
LEGENDA SIMBOLI ............................................................................................................................................... 41

Pagina 2

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

PARTE GENERALE
PREMESSA
Il presente libretto USO E MANUTENZIONE costituisce parte integrante del carrello e
deve essere facilmente reperibile dal personale addetto alla guida ed alla
manutenzione.
Insieme al manuale duso fornita la dichiarazione di conformit, essa dovr sempre
seguire il carrello.
E vietato apportare qualunque modifica senza preventiva autorizzazione scritta della
V.MARIOTTI, modificare, alterare o sostituire dispositivi o segnalatori di sicurezza.
Qualsiasi elemento non pi chiaramente individuabile deve essere richiesto alla
V.MARIOTTI.
Le descrizioni e le illustrazioni fornite nella presente pubblicazione si intendono non
impegnative.
E fatto obbligo a chiunque utilizzi il carrello prima di qualsiasi operazione leggere e
capire il presente manuale.
La V.MARIOTTI sempre a disposizione per ogni eventuale chiarimento.
Per movimentare carichi frazionati la cui altezza complessiva sia superiore allaltezza
della spalla-forca, utilizzare la griglia reggicarico richiedibile al servizio commerciale
V.MARIOTTI.
Il tettuccio del carrello pu essere dotato di un telaietto supplementare, fornibile a
richiesta, per una maggiore protezione del conducente dalla caduta di oggetti minuti,
come previsto dalla normativa 86/663/CEE.
opportuno effettuare una adeguata manutenzione per evitare avarie e rapide usure
degli organi pi sollecitati, e per mantenere il carrello al massimo della sua efficienza.
La configurazione originale del carrello non deve essere assolutamente modificata.
Il modulo di comando del variatore pu venire danneggiato se si collegano circuiti
induttivi (elettrovalvole, relais, trombe, ecc.) allapparecchiatura elettrica del carrello,
senza opportune protezioni.
Questa pubblicazione ne parte di essa, potr essere riprodotta senza autorizzazione
scritta da parte della V.MARIOTTI.

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

Pagina 3

AVVERTENZE PER IL CONDUCENTE


Un conducente accorto ed efficiente deve attenersi a semplici e fondamentali regole di
sicurezza.
Deve perci prendere le precauzioni necessarie per assicurare la sicurezza degli altri
tanto quanto la propria.
Anche se non compito del conducente eseguire lavori di manutenzioni complessi,
comunque corresponsabile della cura del carrello, perci necessario consultare
sempre il presente MANUALE DUSO E MANUTENZIONE.
ROTTAMAZIONE
Attenersi alle leggi del paese nel quale avviene la rottamazione.
MANIPOLAZIONE DEL CARRELLO
Nel caso il carrello debba essere sollevato per i trasporto, accertarsi che venga
agganciato nei punti indicati dagli appositi adesivi applicati sul carrello e sollevato da un
adeguato mezzo di sollevamento con una portata minima di:

Portata minima del


mezzo di sollevamento

Pagina 4

MYCROS 8

MYCROS 10C

MYCROS 13C

1900 Kg.

2200 Kg.

2400 Kg.

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

DATI PER LIDENTIFICAZIONE

Figura 1

Targhetta riassuntiva dei dati di

Figura 2

Numero di matricola

Identificazione e capacit di carico

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

Pagina 5

DESCRIZIONE PARTI PRINCIPALI

Figura 3

Pagina 6

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

DIMENSIONI ED INGOMBRI

2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
47
48
49

Sigla di identificazione
Q Portata nominale
C Distanza baricentro
Elettrico (Batteria)-Diesel-GPL
Conducente in piedi - seduto - a terra
V=Cushion - SE=Superel. Ant. / post.
Quantit (*=motrice)
Ant. / post.
h3 Sollevamento
h2 Alzata libera (vedi tabella montanti)
Forche
L Lunghezza x F Larghezza x S Sp.
Brandeggio
Del montante: avanti (
) / indietro (
)
L2 Lunghezza incluso dorso forche
B Larghezza
Dimensioni
h1 Ingombro con montante abbassato
massime
h4 Ingombro con montante sfilato
h5 Ingombro tettuccio di protezione
h6 Altezza sedile da terra
Raggio di curv. Wa Esterno
Dist. del carico X Dall asse anteriore
Corridoio
O Curva 90(bxb)1200x800-1200x1000
Ast 3 pallet (bxb)1200x800-1200x1000
Secondo CEE 86-663
Stabilit
Traslazione
con/senza carico
Sollevamento
con/senza carico
Velocit
Discesa
con/senza carico
con/senza carico
Forza trazione Al gancio max
Superabile
con/senza carico
Pendenza
Max superabile
con/senza carico
Carrello compreso batteria
Peso a vuoto
Senza carico
ant. / post.
Reazione
Con carico
ant. / post.
sugli assi
Quantit
ant. / post.
Dimensioni anteriori
Gomme
Dimensioni posteriori
Interasse
Y minimo / massimo (variabile)
Mezzeria ruote Anteriore
Carreggiata
Altezza dal
M con carico al punto pi basso
suolo
M1 con carico a met interasse
Di servizio a pedale
Freni
Di stazionamento a mano
Tipo
Tensione/capacit (con scarica 5 ore)
Batteria
Peso
A controllo elettronico
Idroguida
Motori elettrici Motore trazione - Potenza
Motore sollevamento - Potenza
Contr. trazione Elettronico a Microprocessore
Contr. pompa Elettronico a Microprocessore
Per attrezzature supplementari
Press. di lav.
Modello
Portata
Baricentro
Tipo di traz.
Posto di guida
Gommatura
Ruote
Sollevamento

# con montante in posizione verticale

MYCROS 8
800
500
elettrico
seduto
V/V

MYCROS 10C
1000
500
elettrico
seduto
V/V

MYCROS 13C
1300
500
elettrico
seduto
V/V

2 / 1*
3200
a richiesta

2 / 1*
3200
a richiesta

2 / 1*
3200
a richiesta

100x35X1000
230' / 6

100x35X1000
230' / 6

100x35X1000
230' / 6

mm

1415
850
2090
3675
1915
880

1415
850
2090
3675
1915
880

1490
895
2090
3675
1915
880

mm

1160 #

1160 #

1235 #

mm
mm

235
1780 - 1835

235
1780 - 1835

235
1850 - 1910

mm

2840 - 2870

2840 - 2870

2915 - 2945

si/no

si
7,8 / 9,5
0,25 / 0,36
regolabile
3200 / 3300
10 / 15
20 / 25

si
7,2 / 9,2
0,24 / 0,36
regolabile
3100 / 3250
8 / 14
20 / 25

si
7,1 / 9
0,21 / 0,36
regolabile
3100 / 3200
8 / 14
18 / 22

1780
620 / 1160
2205 / 375

2080
710 / 1370
2670 / 410

2185
800 / 1380
3030 / 450

2/1
330x127x203
330x127x203
930 / 1013
725
85
90
idraulico
meccanico

2/1
330x127x203
330x127x203
930 / 1013
725
85
90
idraulico
meccanico

2/1
330x152x203
330x152x203
1005 / 1088
725
85
90
idraulico
meccanico

trazione
36 / 240 - 36 / 375

trazione
36 / 240 - 36 / 375

trazione
36 / 300 - 36 / 500

360 - 430
a richiesta
4,4
4,5
si
no
115

360 - 430
a richiesta
4,4
4,5
si
no
140

400 - 550
a richiesta
4,4
4,5
si
no
185

Kg
mm

mm

mm
<
mm
mm
mm
mm
mm

Km/h
m/sec
m/sec
N
%
%
Kg
Kg
Kg
n
mm
mm
mm
mm
mm
mm

V/Ah
Kg
si/no
Kw
Kw
si/no
si/no
Bar

compreso spostamento laterale Ast = Wa + (x+b1)2 + (1200/2)2 + a

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

Pagina 7

PORTATE
Tipo

Elevazione

h3
mm.

3300
S
T
D
A
U
N
P
D EL
A
E
R
X
D

3800

4200

4305

T
R
I
P
L
E
X

G
A
L

4500

4800

5700

6300

Pagina 8

Baricentro

MYCROS 8

MYCROS 10C

MYCROS 13C

Portate Kg.
Max.
3300

Portate Kg.
Max.
3300

Portate Kg.
Max.
3300

mm.
500
600
700
800
1000
500
600
700
800
1000
500
600
700
800
1000
500
600
700
800
1000
500
600
700
800
1000
500
600
700
800
1000
500
600
700
800
1000
500
600
700
800
1000

elevazione

mm

elevazione

mm

elevazione

mm

800
670
560
490
400
750
635
540
460
370
650
550
460
390
310
620
530
450
380
310

780
650
540
480
390
780
650
540
480
390
720
590
480
410
340

1000
870
730
610
520
900
760
650
530
410
820
690
590
500
400
730
620
520
440
360

980
830
710
590
490
980
830
710
590
490
960
810
670
570
480

1300
1050
900
770
650
1180
1000
840
700
580
1050
900
770
650
520
1000
900
750
640
520

1280
1080
910
770
640
1280
1080
910
770
640
1250
1060
890
750
610

550
470
400
340
210
490
420
360
300
170

720
590
480
410
340
720
590
480
410
340

680
570
490
410
330
570
490
410
340
270

960
810
670
570
480
950
800
660
560
470

960
800
680
580
480
820
700
580
490
400

1250
1060
890
750
610
1230
1040
880
730
600

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

NORME DI SICUREZZA PER LUSO DEI CARRELLI ELEVATORI


TRASLAZIONE
Generali
Controllare che il carrello funzioni correttamente :
Non usate il carrello se non siete stati addestrati ed autorizzati alluso ;
Il carrello elevatore uno strumento atto a sollevare o prendere materiali da
trasportare accertatevi quindi di impiegare il carrello giusto per il lavoro da fare ;
Rispettate la capacit di carico del carrello indicata sulla targhetta delle portate ;
Prima di iniziare il lavoro ispezionare con attenzione i freni, lo sterzo, le gomme,
lavvisatore acustico, la batteria, il gruppo di sollevamento, segnalando subito
eventuali anomalie ai propri superiori ;
Non guidate il carrello con mani o scarpe bagnate o unte ;
Assicuratevi che le protezioni del posto guida siano installate e integre. Non montate
attrezzi senza specifica autorizzazione ;
Non azionate leve di comando se non sapete a cosa servono. I comandi vanno
azionati solo stando correttamente seduti al posto guida ;
Non passate su cavi elettrici o tubi flessibili ;
Evitate passaggi su pavimenti, pedane, ponteggi non sufficientemente sicuri
tenendo presente il peso totale del carrello ;
Non sporgete le gambe fuori dalla sagoma del carrello e non mettete mai mani e
piedi fra le parti mobili del dispositivo di sollevamento, mantenete sempre una
corretta posizione di guida ;
Il carrello non deve essere usato per spingere o trainare materiali, n per spalancare
porte, n si deve far cozzare lo stesso contro cose allo scopo di spostarle ;
Non usate pallet danneggiati
Evitate brusche partenze, frenate, inversioni di marcia e sterzate, il carrello pu
ribaltarsi sia frontalmente che lateralmente ;
In caso di ribaltamento restate seduti al posto di guida tenendo ben stretto il volante,
puntando i piedi e inclinandovi dalla parte opposta a quella della caduta. Avrete pi
probabilit di cavarvela ;
Mantenete la batteria carica verificando che la densit dellelettrolito sia quella
stabilit dal costruttore delle batterie ;
Mantenete il carrello pulito e lubrificato ;
Controllate i vari livelli (impianto idraulico, batteria, ecc.) ;
Evitate di sterzare da fermo con il carrello scarico per non sottoporre gli organi di
sterzo a sforzi eccessivi.

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

Pagina 9

Avanzamento
Durante il trasporto tenete il carico il pi basso possibile e inclinate il montante
allindietro per aumentare la stabilit del carico e del mezzo ;
Rallentate in discesa, in curva e su pavimenti irregolari ;
Assicuratevi che il carico da trasportare o sollevare non superi la portata massima
del carrello, e ricordate che la portata del carrello a forca varia a seconda della
posizione del centro del carico. Informatevi sulle portate nelle diverse posizioni del
centro di carico ;
Trasportate solo carichi sicuri stabilmente appoggiati e disposti non oltre la massima
distanza ammessa dal tallone forche ;
Non trasportate o sollevate in nessun caso persone, il carrello serve solo ed
esclusivamente per i materiali ;
Nelle discese o se portate un carico voluminoso che ostacola la visibilit in avanti,
procedete a marcia indietro, viaggiando a velocit ridotta. In passaggi stretti e bassi,
accertatevi che il carrello passi;
Non sostare per nessun motivo sotto le forche anche a carrello scarico.
Parcheggio
Abbandonando il carrello controllate che le forche siano abbassate, che il freno di
stazionamento sia inserito e la chiave di commutazione sia disinserita ;
Evitate sempre di parcheggiare su rampe ;
Evitate nel parcheggio di ostruire uscite, accessi a scale, dispositivi antincendio.

Figura 4

Pagina 10

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

MANIPOLAZIONE DEL CARICO


Presa di un carico stivato su una catasta
Fermarsi davanti alla catasta e portare il sollevatore in verticale.
Sollevare le forche alla giusta altezza dei vani di inserimento forche.
Inserire le forche, avanzare lentamente, fermarsi al completo inserimento delle stesse.
Tenendo il carrello frenato, staccare il carico dalla catasta ed inclinare leggermente il
sollevatore verso lindietro.
Arretrare lentamente facendo attenzione a non urtare i carichi adiacenti.
Quando il carico fuori dalla catasta, abbassarlo lentamente sino alla corretta
posizione di marcia, inclinando ulteriormente il sollevatore allindietro prima di ripartire.
Stivaggio di un carico su una catasta
Avvicinarsi alla catasta con il carico basso ed il sollevatore inclinato indietro.
Rallentare e fermarsi davanti alla catasta, ridurre linclinazione fino a riportare il
sollevatore quasi in verticale.
Tenendo il carrello frenato, sollevare il carico poco oltre lestremit della catasta
Avvicinarsi lentamente alla catasta portando il carico sopra la stessa, fermarsi, azionare
il freno e depositare il carico, correggendo, se necessario, linclinazione del sollevatore.
Quando il carico sicuramente appoggiato, abbassare le forche per staccarle dal
carico. Dopo aver controllato che la via libera, fare marcia indietro, in questa fase
potrebbe essere necessario inclinare leggermente il sollevatore in avanti.
Dopo che le forche si sono disimpegnate dal carico, inclinare allindietro il sollevatore
ed abbassare le stesse quasi a terra prima di ripartire.

Figura 5

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

Pagina 11

USO DEL CARRELLO


DISPOSIZIONE COMANDI

Figura 6

1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.

Leva comando freno a mano


Volante di guida
Portafusibile
Commutatore daccensione
Cruscotto
Leva regolazione volante
Pedale freno di servizio

8.
9.
10.
11.
12.
13.

Pedale acceleratore
Sedile
Leve distributore
Leva inversione di marcia
Interruttore clacson
Pulsante demergenza

Leva comando freno a mano

1.
2.

Freno a mano inserito


Freno a mano disinserito

Figura 7

Pagina 12

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

Commutatore daccensione

1. Nessun circuito sotto tensione


(chiave estraibile)
2. Circuito sotto tensione

Figura 8

Leva regolazione volante


Per far assumere al volante linclinazione
desiderata, ruotare la leva A in senso
antiorario, posizionare il volante nella
posizione desiderata e quindi bloccare a
fondo.
Non effettuare la regolazione durante la
marcia.
Figura 9

Sedile
I sedili montati sulla serie Mycros dispongono di pi regolazioni per consentire una
migliore posizione di guida. Per poter effettuare le regolazioni basta agire sugli appositi
comandi qui di seguito descritti :
1. Leva regolazione longitudinale
Tirare la leva e spostare il sedile lungo le
guide longitudinali, una volta trovata la
posizione ideale lasciare la leva che si
bloccher nellapposito fermo.
2. Leva regolazione inclinazione schienale
Tirare la leva e regolare lo schienale nella
posizione desiderata.
3. Leva regolazione molleggio in base al
peso del conducente (da 50 a 130Kg)
Figura 10

Sono inoltre disponibili a richiesta i braccioli.


Attenzione : dopo la regolazione longitudinale verificare che il sedile si sia bloccato.
Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

Pagina 13

Leve distributore idraulico


Di serie montato un distributore idraulico monocorpo a tre leve. Mentre a richiesta
possibile applicare un distributore a 4 leve per il comando di un eventuale nuovo
dispositivo(4).
1.

Leva sollevamento
a) Discesa forche
b) Posizione di riposo
c) Sollevamento forche

2.

Leva brandeggio
a) Inclinazione in avanti
b) Posizione di riposo
c) Inclinazione in indietro

3.

Leva traslatore
a) Spostamento
forche
a
sinistra
b) Posizione di riposo
c) Spostamento forche a destra

Figura 11

Funzionamento del distributore idraulico


In ogni distributore presente una valvola di massima pressione che serve a
proteggere limpianto idraulico e a limitare il carico massimo sollevabile.
Agendo sulle leve del distributore si controlla la portata dolio verso le varie funzioni
idrauliche del carrello.
I movimenti dei dispositivi controllati dal distributore, variano di velocit in modo
proporzionale, secondo lapertura delle leve.

Pagina 14

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

Leva inversione di marcia


Linversione
di
marcia
si ottiene
preselezionando la direzione avanti o
indietro mediante la leva 1

Avvisatore acustico
Si aziona premendo la leva 1 come
indicato in figura.

Figura 12

Doppio pedale (versione opzionale )


La versione a doppio pedale (a richiesta)
non prevede la leva dinversione ma due
pedali di marcia distinti, per la selezione
della direzione avanti o indietro, che
fungono anche da acceleratore. In caso
di pressione accidentale contemporanea
dei due pedali A e B si attiva un
dispositivo di sicurezza che rende nullo il
comando.
Figura 13
Pulsante demergenza
Il pulsante di emergenza, situato in una posizione comodamente raggiungibile,
permette in caso di pericolo di aprire immediatamente il teleruttore generale
interrompendo cos tutti i circuiti elettrici del carrello.

Dopo lazionamento e leliminazione


della
causa
che
ha
provocato
lemergenza, il pulsante va riarmato
ruotando in senso orario il fungo rosso
come mostrato in figura.

Figura 14

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

Pagina 15

Cruscotto
Il cruscotto consente una costante verifica del funzionamento del carrello attraverso
una serie di spie e strumenti. Durante il normale funzionamento del carrello tutte le spie
devono essere spente ad esclusione della spia 1.
Le indicazioni disponibili sono le seguenti :

1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.

Spia Chiave inserita


Indicatore livello batteria
Contaore elettronico
Spia diagnosi trazione
a
Spia diagnosi pompa
Spia freno a mano
Spia Micro sedile
Disponibili

Figura 15

Solo nei modelli che dispongono dimpianto controllo pompa

Pagina 16

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

AVVIAMENTO ED ARRESTO
Avvertenze
Prima di usare il carrello controllare :
Di essere correttamente seduti sul sedile
Che linversore di marcia sia in posizione neutra
Che i carter laterali siano ai loro posti per evitare eventuali urti o danneggiamenti
allapparecchiatura
Che il pulsante di emergenza sia armato
Che la leva di regolazione del volante sia bloccata.
Avviamento
Inserire la chiave nel commutatore e ruotarla (si illuminer la spia chiave inserita ON
e si chiuder il teleruttore generale);
Sollevare le forche da terra di circa 10-15 cm ;
Sbloccare il freno a mano (si spegner la relativa spia rossa) ;
Azionare la leva dinversione di marcia nel senso desiderato (avanti/indietro) ;
Premere il pedale acceleratore gradualmente sino al raggiungimento della velocit
desiderata, solo nella versione opzionale con doppio pedale azionare direttamente il
pedale della direzione desiderata.
Attenzione se il carrello presentasse delle difficolt a partire, non insistere, ma ricercare
la causa.
Importante : Se durante una qualsiasi manovra si dovesse perdere il controllo del
carrello, premere immediatamente il pulsante di emergenza situato sul lato destro
del sedile in prossimit della leva dinversione di marcia.
Guida
La velocit varia progressivamente da 0 fino ad un valore prestabilito, con una
accelerazione proporzionale alla velocit con cui si preme il pedale di marcia ed in
ogni caso limitata ad un valore massimo pretarato.
Il sistema comprende numerose sicurezze che prevedono tra laltro il controllo dei
microinterruttori di marcia, il controllo del corretto funzionamento dei potenziometri
b
acceleratore e sollevamento , il rilevamento di eventuali malfunzionamenti del comando
elettronico, oltre che il riconoscimento della rottura della molla di richiamo del pedale
acceleratore effettuando un controllo ad ogni accensione (con il doppio pedale ad ogni
inversione di marcia).

Solo nei modelli che dispongono dimpianto controllo pompa

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

Pagina 17

Inversione di marcia
Se durante la marcia si presentasse la necessit dinvertire la medesima, possibile
effettuare loperazione rapidamente, senza lausilio della frenatura di servizio.
Per effettuarla agire sulla leva dinversione portandola nella direzione opposta senza
fermarsi nella posizione di folle, si otterr un rallentamento energico e graduale del
carrello, regolabile nellintensit, fino allarresto del carrello, quindi si otterr linversione
della direzione di marcia (lo stesso si otterr nei carrelli con doppio pedale).
Salita
Nei carrelli elettrici la potenza proporzionale allassorbimento, la salita va quindi
affrontata in velocit con il pedale premuto a fondo. Inoltre nelle partenze in salita il
carrello si predispone automaticamente in funzionamento elettronico per avere sempre
il controllo della corrente di motore.
Discesa
Rilasciare il pedale acceleratore nellaffrontare una discesa, in modo da fare agire la
frenatura in controcorrente, se la frenatura elettrica non risultasse sufficiente premere il
pedale del freno di sevizio. possibile avere una frenatura efficace premendo anche il
pedale acceleratore dopo aver posizionato linversore di marcia nella direzione opposta
a quella tenuta.
Arresto
Rilasciare il pedale acceleratore ;
Agire sul freno a pedale fino al completo arresto del carrello ;
Abbassare completamente le forche ;
Bloccare il carrello mediante freno di parcheggio ;
Disinserire la chiave del commutatore di avviamento.
Attenzione : Non abbandonare mai il carrello senza aver azionato il freno di
parcheggio

Pagina 18

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

MANUTENZIONE E RIFORNIMENTO
Note
Prima di iniziare qualsiasi intervento di manutenzione, di riparazione e di controllo
azionare il freno di stazionamento, far scendere le forche a terra e togliere la chiave
davviamento dal commutatore.
Prima di qualsiasi intervento sullimpianto elettrico staccare la presa della batteria dalla
relativa spina.
In questo libretto alcune fotografie e disegni illustrano pannelli oppure coperchi rimossi
per motivi di sicurezza.
Non utilizzare mai il carrello senza i pannelli o le protezioni smontate.
Per la pulizia generale del carrello utilizzare aria secca e stracci umidi ; evitare getti
dacqua, sostanze solventi e benzine per non danneggiare le attrezzature del carrello.
I tempi di manutenzione sono scanditi in ore, considerando un impiego medio
giornaliero di 8 ore di funzionamento effettivo (vedi Manutenzione programmata a
pagina 35).
In situazioni di particolare impiego del carrello (ambiente, clima) si dovranno effettuare
singole variazioni del programma di manutenzione.
Attenzione
La manutenzione, la regolazione, la riparazione e il controllo dei carrelli devono essere
eseguiti esclusivamente da personale specializzato e autorizzato ;
Collegare la batteria solo quando ci sia necessario per la prova ;
Lavorare con particolare cautela e con la ruota motrice sollevata dal suolo.

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

Pagina 19

MOTORI ELETTRICI DI TRAZIONE E SOLLEVAMENTO


Collettori
Ogni 100 ore Senza smontare lindotto, soffiare aria compressa secca e pulita sul
collettore e nel traferro fra lindotto e i campi, per togliere la polvere e leventuale
polvere di carbone e di metallo (per ambienti polverosi diminuire il tempo in relazione
allambiente).
Ogni 500 ore Ispezionare e controllare che non siano sporchi di grasso, che non siano
ruvidi e che non vi siano sporgenze fra lamella e lamella.
Nota Il collettore deve essere sempre levigato. Quando si manifestano segni di
ossidazione dovuti a difetto di manutenzione o altre cause, pulire con tela a grana fine
lindotto in rotazione. Se il collettore notevolmente consumato in seguito a lungo
servizio ripassare al tornio.
La mica tra le lamelle non deve affiorare alla superficie e dovr essere raschiata per
tutta la larghezza del vano fra lamella e lamella.
La ribassatura della mica deve essere eseguita da personale esperto e con apposito
utensile.
Sbavare gli spigoli delle lamelle e lisciare il collettore.
Spazzole
Ogni 500 ore Ispezionare e controllare che lusura delle spazzole sia regolare, senza
segni di abrasione o rigature e che siano libere allinterno della loro sede.
In caso di sostituzione delle spazzole, riferirsi alle indicazioni del Catalogo parti di
ricambio Dopo la sostituzione adattare le spazzole affinch le stesse aderiscano
completamente al collettore.
Dopo ladattamento di spazzole nuove togliere la polvere di carbone fra le lamelle del
collettore soffiando aria compressa secca.
Per le operazioni sopra descritte consigliabile rivolgersi al servizio di assistenza
tecnica V.Mariotti.
Cuscinetti
Ogni 4000 ore controllare le condizioni dei cuscinetti ed eventualmente sostituire.

Pagina 20

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

BATTERIA
Norme di sicurezza
Occorre ricordare sempre che le batterie generano gas che possono provocare
esplosioni se vengono in contatto con fiamme e scintille.
Non fumare ;
Mai eseguire riparazioni su una batteria durante la carica ;
Non appoggiare utensili o parti metalliche sopra la batteria ;
Mantenere pulite ed asciutte le batterie ;
I collegamenti, dovranno essere spalmati con grasso antiacido o vaselina neutra ;
Avere cura che i cassoni metallici di contenimento siano mantenuti puliti. In caso di
corrosioni, pulire queste parti e verniciare con vernice antiacido ;
Non effettuare prelievi di corrente dalla batteria con prese, pinze e contatti
provvisori ;
Seguire attentamente le norme per limpiego e la manutenzione fornite dal
costruttore ;
Verificare che le protezioni in plastica delle connessioni e dei morsetti siano
correttamente posizionate ;
Scelta della batteria
MYCROS 8
MYCROS 10C
MYCROS 13C
BATTERIE
Trazione
Trazione
Trazione
Tipo
Capacit
V/Ah 36/240 - 36/375 36/240 - 36/375 36/300 - 36/500
360 - 430
360 - 430
400 - 550
Massa batteria Kg.
Linstallazione sul carrello della massima capacit consentita pu dare questi vantaggi :
Minor numero di ricariche a parit dimpiego ;
Turni di lavoro pi lunghi
Minor probabilit di raggiungere in un turno di lavoro quei limiti inferiori di scarica che
determinano una precoce distruzione della batteria.
Controlli
Il pi importante controllo, da eseguire sulla batteria la misura della densit
dellelettrolito il cui valore da unindicazione sullo stato di carica.
La misura la si effettua tramite il densimetro che viene inserito nellelemento da
misurare al fine di prelevare una quantit di elettrolito sufficiente a portare a galla il
galleggiante.
La lettura deve essere effettuata facendo bene attenzione che il galleggiante non tocchi
n la pera di gomma daspirazione, n linvolucro di vetro.
La densit dellelettrolito di un elemento completamente carico di circa 12701280 g/l
alla temperatura di 2025C.
La densit diminuisce col procedere della scarica.
La scarica deve essere interrotta quando la densit raggiunge il valore di 1120 g/l
corrispondente al 15% circa della capacit nominale.
Se la temperatura dellelettrolito diversa da 25C allatto del controllo, il valore
diminuisce di circa 7 g/l per un aumento di 10C.
Non lasciare le batterie scariche, con densit inferiore ai 1150 g/l per pi di 48 ore.
Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

Pagina 21

Rabbocco
Lelettrolito impiegato nelle batterie al piombo costituito da una soluzione di acido
solforico in acqua distillata o demineralizzata.
Com noto, un certo consumo di acqua negli elementi normale, esso dovuto in
parte allevaporazione e in parte allelettrolisi che si ha nella fase finale di carica.
Una delle pi importanti operazioni di manutenzione da dedicare alla batteria quindi
quella di rimpiazzare lacqua consumata, (per mantenere il livello dellelettrolito negli
elementi), facendo attenzione :
Usare sempre acqua distillata o demineralizzata ;
Il livello deve essere mantenuto appena sopra lelemento ;
meglio non abbondare nel rabboccare la batteria per evitare fuoriuscite di acido
che provocherebbero:
Riduzione di capacit dellelemento
Disuguaglianze di densit dellelettrolito nei vari elementi
Corrosione del cassone di contenimento del vano batteria ;
Utilizzare sempre la batteria con i tappi regolarmente chiusi.
Carica della batteria
1. Aprire i tappi di ogni elemento ;
2. Verificare il livello dellelettrolito ed eventualmente rabboccare (impiegare imbuti o
recipienti solo di plastica o di vetro)
3. Inserire la presa di corrente della batteria nella spina del carica batteria ;
4. Avviare il carica batteria ;
5. Tenere sotto controllo la temperatura di un elemento centrale immergendo un
termometro nellelettrolito e interrompere la carica se la batteria sale sopra i 50C .
Riprendere solo quando la temperatura discesa sotto i 40C ;
6. Dopo la carica richiudere i tappi facendo bene attenzione che non entrino corpi
estranei negli elementi
Ogni 10 ore Verificare il livello elettrolito.
Ogni 250 ore Controllare il serraggio dei morsetti e proteggere con grasso antiacido o
vaselina neutra, proteggere anche i poli.

Pagina 22

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

Smontaggio della batteria


Per lo smontaggio della batteria
procedere come segue:
1. Disinnestare la presa della batteria
dalla relativa spina;
2. Sbloccare la chiusura di serraggio del
cofano batteria e sollevare lo stesso
sino in posizione verticale;
3. Sfilare i due carter laterali A;
4. Proteggere gli elementi della batteria
con un pannello di materiale isolante
(gomma, PVC);
5. Riporre la presa sulla batteria;
6. Svitare il fermo di sicurezza B
Figura 16
antiribaltamento della batteria;
7. Posizionare lapposito attrezzo di
sollevamento in corrispondenza del centro della batteria ed agganciare la batteria nei
punti daggancio d come in Figura 16 facendo attenzione che le sicurezze dei ganci
siano bene inserite;
8. Sollevare lentamente la batteria sino a superare il bordo della fiancata sinistra, circa
10 centimetri, e sfilare lateralmente la batteria evitando accuratamente oscillazioni
del carico sospeso.
Rimontaggio della batteria
Per il rimontaggio ripetere le stesse operazioni in modo inverso facendo particolare
attenzione al serraggio della vite di sicurezza antiribaltamento B.

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

Pagina 23

IMPIANTO ELETTRICO
Chopper
costituto da un unico blocco che controlla tutte le funzioni in maniera statica e con
logica a microprocessore
Realizzato con tecnologia Mos ad alta frequenza dispone inoltre di:
Spegniarco delle bobine dei teleruttori interni alla logica, garantendo assenza di archi
sui contatti dei teleruttori.
Una memoria EEPROM di supporto al microprocessore che permette di poter variare,
in un campo prefissato, alcuni parametri di regolazione, attraverso una console esterna.
Frenatura a recupero di energia, in inversione e al rilascio.
Diagnosi con indicazione del tipo di anomalia tramite i Led 4 e 5 (Figura 15 a pag.16).
Memorizzazione degli ultimi 5 allarmi avvenuti con relativo valore del contaore e
temperatura visualizzabili da console, questa funzione permette di eseguire una
diagnosi pi approfondita conoscendo lo storico degli allarmi avvenuti.
Programmazione della corsa potenziometri trazione e pompa per una migliore
sensibilit alle basse velocit
montato inoltre in un contenitore quasi stagno (IP54), per garantire unottima
protezione sia contro gli spruzzi (acqua, acido,...) che contro polvere, trucioli o
minuteria.
Avvertenze
La riparazione delle avarie e l'eliminazione delle irregolarit di funzionamento di
massima possono essere realizzate mediante la sostituzione di singoli componenti, a
meno che le avarie o le irregolarit stesse non siano determinate da interruzioni di cavi,
da difettose o errate inserzioni di connettori, o da insufficiente serraggio dei terminali
nei relativi morsetti.
Consigli generali per la manutenzione
Il chopper, come tutti gli apparati elettrici, ha delle perdite per effetto joule. Le giunzioni
dei semiconduttori hanno limiti precisi di temperatura, superando i quali detti dispositivi
possono subire danni. Per queste ragioni, mediante la manutenzione ordinaria ci si
deve assicurare di non esporre i componenti ad eccessi di calore, osservando
strettamente le prescrizioni seguenti:
Il controllo non va lavato a vapore;
In zone polverose, usare un getto d'aria a bassa pressione per la pulizia del
controllo.
Collaudo dopo una revisione
Assicurarsi dell'esatto bloccaggio dei morsetti di potenza.
Verificare il corretto innesto tra i connettori del circuito di comando.
Verificare che i fusibili di potenza siano uguali a quelli indicati a Pag. 25.
Controllare che non vi siano parti del pannello sotto tensione a contatto con il telaio.
Il carrello deve funzionare solo con chiave inserita.

Pagina 24

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

Diagnosi guasti
Nello studio del sistema stata dedicata particolare attenzione alle protezioni sia del
c
chopper che dei motori di trazioni e di pompa . Con la chiave inserita il microprocessore
attiva un controllo globale sullimpianto, che rimane presente fino al disinserimento
della chiave stessa. Viene inoltre effettuato un controllo permanente sulla temperatura
del comando e sulla tensione di batteria.
Durante il controllo il microprocessore comunica eventuali messaggi o errori, sotto
forma di impulsi luminosi, mediante le spie 4 e 5 sul cruscotto (pag. 16). Il segnale
luminoso pu essere composto da 1,2,3,... fino a 9 impulsi successivi, ripetuti ad
intervalli regolari.
Essi rimangono memorizzati anche dopo la disinserzione della chiave, permettendo
una diagnostica dei guasti e unanalisi della loro frequenza.
Le protezioni software
Qui di seguito sono elencati alcuni dei messaggi di errore segnalati dallimpianto:
Partenza errata (2 Lampeggi Spia 4);
Se il pedale della marcia viene premuto prima della chiusura del teleruttore generale,
questultima viene impedita. Togliere il piede dal pedale dellacceleratore e ripetere il
comando.
d
Richiesta funzione allaccensione (2 Lampeggi Spia 5)
presente una richiesta di velocit allaccensione chiave, disinserire la chiave e
ripetere laccensione.
Protezione termica (7 Lampeggi);
Qualora la temperatura del chopper superi il valore prestabilito (80C), la corrente
massima viene gradualmente ridotta fino ad un valore nullo in corrispondenza della
temperatura di 85C.Sospendere momentaneamente il lavoro.
Batteria scarica (Lampeggio continuato, 32 lampeggi);
Quando lo stato di carica della batteria scende sotto il 10%, la corrente massima della
trazione limitata al 50%. Provvedere immediatamente a ricaricare la batteria.
Tutti gli altri messaggi di allarme evidenziano una anomalia dellimpianto, rilevare il tipo
di segnale emesso e comunicarlo al Servizio Assistenza V.Mariotti per un eventuale
intervento.
FUSIBILI
I fusibili di potenza sono collocati
sullimpianto elettronico, mentre il
fusibile di protezione comando situato
sul cruscotto Pos. 3 Figura 6 a Pag. 12
Attenzione Accertarsi che siano state
rimosse le cause prima di sostituire un
fusibile, inoltre prestare particolare
attenzione nel serrare i dadi dei fusibili di
potenza.
Fusibile motore trazione A da 350 Ah
Fusibile motore pompa B da 250 Ah
Figura 17
c

Solo nei modelli che dispongono dimpianto controllo pompa

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

Pagina 25

TELERUTTORI
Ogni 500 ore controllare i teleruttori dopo aver scollegato la spina presa batteria, pulire
con aria compressa dopo aver rimosso la polvere mediante aspiratore. Quando i
contatti dei teleruttori sono anneriti, pulire con tela abrasiva fine e aria compressa,
sostituirli quando le loro pastiglie sono molto consumate.
SPINA PRESA
In ogni caso di sostituzione, sostituire entrambi i connettori utilizzandone altri della
stessa marca e tipo.
In caso di sostituzione della spina presa rimontare i cavi facendo ben attenzione a non
invertire i cavi.
GRUPPO DI SOLLEVAMENTO E IMPIANTO IDRAULICO
Sollevatore
Il gruppo di sollevamento costituito da un montante fisso e da uno mobile per i tipi
STANDARD G.V. e DUPLEX GAL e da un montante fisso e due mobili per i tipi
TRIPLEX GAL, scorrevoli fra loro con interposizione di cuscinetti a rulli combinati con
rulli di riscontro.
I montanti sono costituiti da due profilati in acciaio speciale uniti da traverse di
collegamento saldate formanti una struttura di elevata rigidit.
I cuscinetti combinati servono a guidare longitudinalmente e trasversalmente montanti
mobili e piastra portaforche.
Una robusta piastra portaforche, rispondente alle norme internazionali FEM scorre sul
montante mobile tramite gli stessi cuscinetti sopra menzionati.
Il tipo STANDARD G.V. allestito con due cilindri di sollevamento posti all'esterno del
montante fisso, mentre i tipi DUPLEX GAL e TRIPLEX GAL sono equipaggiati anche
con un terzo cilindro centrale.
Le forche in acciaio forgiato ad alta resistenza e le catene di tipo Fleyer BL ad elevato
carico di rottura, consentono il rispetto dei coefficienti di sicurezza prescritti dalle norme
CEE.
L'impianto idraulico comprende (vedi pag. 38):
1. Una pompa ad ingranaggi azionata da un motore elettrico;
2. Un distributore a tre vie (vedi pag. 14)
3. Cilindri di sollevamento
a) per il tipo STANDARD G.V. due cilindri a tenuta;
b) per il tipo DUPLEX GAL tre cilindri tuffanti;
c) per il tipo TRIPLEX GAL due cilindri a tenuta e uno tuffante comprensivo di
valvola di sicurezza che interviene in caso di rottura del tubo di alimentazione del
cilindro, rallentandone la discesa;
4. Una valvola strozzatrice per regolare la velocit di discesa;
5. Un cilindro di brandeggio a doppio effetto, con valvola di sicurezza che interviene in
caso di rottura dei tubi di alimentazione;
6. Una succhierola con filtro a cartuccia ricambiabile sulla condotta di aspirazione del
serbatoio.
Ogni 250 ore controllare ed eliminare eventuali perdite dellimpianto idraulico.

Pagina 26

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

Prescrizioni per il rabbocco dellolio nel circuito idraulico


Ogni 250 ore Controllare il livello dellolio nel serbatoio mediante lapposita astina, a
carrello fermo in piano, montanti inclinati indietro e forche abbassate.
Le operazioni indicate devono essere eseguite con la massima scrupolosit per
ottenere un funzionamento corretto del gruppo sollevatore.
1. Disporre il carrello in piano;
2. Portare le forche alla minima
elevazione (fine corsa inferiore);
3. Svitare le due viti di fissaggio della
pedana;
4. Sfilare la pedana medesima;
5. Svitare il tappo A di carico del
serbatoio dell'olio, posto sopra il
serbatoio dell'olio, e con un imbuto
ben pulito possibilmente munito di
rete filtrante, versare olio della qualit
indicata nella tabella "Rifornimenti";
6. Controllare il livello dell'olio mediante
Figura 18
lapposita astina B;
7. Riavvitare il tappo di carico e la
pedana.
Ogni 1000 ore Controllare le condizioni del filtro di scarico del serbatoio e pulire.
Ogni 4000 ore Sostituire lolio nellimpianto idraulico (Vedi tab. Rifornimenti a pag.36).

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

Pagina 27

FORCHE
Le forche in uso devono essere controllate ad intervalli di non pi di 1000 ore, e ogni
qualvolta si riscontri un difetto od una deformazione permanente.
Il controllo delle forche dovr essere attentamente seguito da personale qualificato.
Ogni forca che presenti qualunque difetto dovr essere ritirata dal servizio, e non
essere impiegata, finch non sar stata riparata.
Differenza in altezza delle punte delle forche
Occorre controllare, per ogni coppia di forche, la differenza in altezza tra le punte,
quando le forche sono montate sulla piastra porta forche. Se tale differenza superiore
al 3% della lunghezza del braccio forca la coppia di forche dovr essere ritirata dal
servizio.
Sicurezza forche
Per impedire laccidentale spostamento laterale delle forche le stesse sono corredate di
appositi perni di sicurezza per il loro posizionamento corretto sulla piastra porta forche.
Vanno quindi sollevate le levette di sicurezza per posizionare le forche dopodich
vanno riportate in posizione di sicurezza.
Usura forche
La parte orizzontale e quella verticale del braccio forca devono essere accuratamente
controllate nei confronti dellusura, prestando particolare attenzione alla zona in
prossimit del tallone.
Se lo spessore risulta ridotto al 90% dello spessore originale, la forca stessa deve
essere ritirata dal servizio.
Riparazione
Solo il costruttore della forca o un esperto di egual competenza potr decidere se la
forca pu essere riparata per continuare a lavorare. Le riparazioni dovranno essere
portate a termine solo in base alle specifiche del costruttore.
Sicurezza carrello porta forca
Per impedire laccidentale sfilamento del
carrello porta forche dal montante il
gruppo di sollevamento dotato di un
dispositivo che funge da fine corsa
meccanico.
Il fine corsa costituito da una vite A
con relativo controdado.
Per smontare il carrello porta forche va
quindi preventivamente svitato larresto.
Bisogna fare molta attenzione a non
dimenticarsi alla fine di ogni intervento di
manutenzione
di
riposizionare
la
sicurezza.
Figura 19

Pagina 28

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

CATENE SOLLEVAMENTO
Controllo e manutenzione catene
Poich non si possono stabilire regole fisse per la periodicit e la verifica delle catene
opportuno, allo scopo di realizzare un valido controllo sistematico attenersi a quanto
indicato.
Importante
Ogni 1000 ore di funzionamento dopo aver lavato le catene e prima di procedere alla
rilubrificazione, controllare ogni maglia di catena verificandone lo stato, in particolare
controllare che non ci siano inizi di rotture sulle piastre.
Misurare anche l'allungamento su pi sezioni da 10 passi presi sui tratti pi sollecitati.
Se lallungamento supera il 2 % la catena va comunque sostituita.
importante per osservare che l'allungamento non indice di cedimento per fatica
per cui pu verificarsi che la catena debba essere sostituita, perch vicina al cedimento
per fatica, senza che si possa misurare un'apprezzabile allungamento per usura.
Questo avviene soprattutto per i carrelli che percorrono frequentemente tratti
accidentati.

Figura 20

Ogni 10.000 ore in ogni caso sostituire


le catene controllando accuratamente
anche i tiranti di aggancio catene A, Sia
il pettine di accoppiamento con la
catena, che il gambo filettato. Sostituirli,
unitamente ai rispettivi dadi in occasione
della sostituzione delle catene.
Lubrificazione delle catene
Ogni 1000 ore di funzionamento
Figura 21
opportuno procedere a rilubrificare le
catene pennellandole con olio con
viscosit 10-15 E a 60 C.
Ogni 2500 ore di funzionamento e comunque ogni qualvolta le catene risultino
contaminate da elementi esterni (polvere, sabbia, ecc..) opportuno che esse vengano
smontate ed immerse in un bagno di petrolio o altro solvente per sgrassarle e pulirle.
Dopo un accurato controllo della catena come precedentemente specificato, procedere
alla rilubrificazione immergendole per circa 30 min. in un bagno d'olio con viscosit 1015 E a 60 C.
Qualora si preveda che il carrello debba funzionare in ambiente esterno o in ambiente
con atmosfera particolarmente aggressiva opportuno che, oltre alla lubrificazione con
olio venga fatta anche una protezione con grasso adesivo.
Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

Pagina 29

FRENI
Freno di servizio
azionato a pedale e la potenza frenante trasmessa idraulicamente ai freni a
tamburo nei mozzi ruota.
Le masse frenanti utilizzate, sono del tipo autoregistranti, non necessitano quindi di
registrazione.
La regolazione dei freni dovr essere eseguita con la massima cura e da personale
specializzato.
Una regolazione si richiede nei seguenti casi:
Rimontaggio dei freni;
Rinnovo delle guarnizioni d'attrito;
Eccessiva corsa a vuoto del pedale;
Differenza di frenatura di una ruota rispetto all'altra.
Registrazione
Le registrazioni sotto descritte possono essere eseguite facilmente con l'ausilio della
buca o alzando il carrello.
Per alzare il carrello operare come segue: disporre il carrello in piano, calzare la ruota
posteriore con un cuneo di legno e con un martinetto idraulico applicato sotto la
traversa inferiore del telaio di sollevamento, sollevare le ruote anteriori del carrello in
modo da permettere le operazioni di registrazione.
Nel caso vi sia troppa corsa a vuoto del pedale (superiore ai 2 cm) occorre effettuare
la registrazione del pedale operando nel seguente modo:
1. Svitare le due viti di fissaggio della
pedana;
2. Sfilare la pedana medesima;
3. Sbloccare il controdado A con
l'apposita chiave;
4. Ruotare il registro B fino a ridurre la
corsa del pedale;
5. Bloccare il controdado A;
6. Riposizionare la pedana.

Figura 22

Pagina 30

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

Spurgo aria dalle tubazioni freni


Effettuare con la massima cura le operazioni di spurgo dellaria dalle tubazioni del
circuito ogni qualvolta sia staccata, o anche solo allentata, una tubazione o un
raccordo.
Per effettuare lo spurgo dellaria occorre :
1. Togliere il tappo di gomma della vite di spurgo D (Figura 23);
2. Applicare al suo posto un tubetto di gomma per lo scarico del liquido;
3. Verificare il livello del liquido nel serbatoio, eventualmente effettuare il
rabboccamento fino ad un centimetro dallorlo inferiore del tappo (vedi Tab.
Rifornimenti);
1. Immergere lestremit del tubetto in un
recipiente di vetro trasparente che sia
gi riempito in parte di liquido;
2. Allentare la vite di spurgo E;
3. Azionare lentamente il pedale del freno
in modo che il liquido fuoriesca;
4. Tenere abbassato il pedale e riavvitare
la vite di spurgo;
5. Effettuare parecchie volte loperazione
sino a che dal tubetto fuoriesca solo
liquido senza bollicine;
6. Ripetere loperazione per laltro freno;
7. Durante ogni singola operazione
effettuare le aggiunte necessarie di
Figura 23
liquido onde mantenere il livello nel
serbatoio.
Freno di parcheggio
azionato a mano con la leva e lo sforzo frenante trasmesso meccanicamente a
mezzo cavi d'acciaio, agisce direttamente sulle ganasce del freno di servizio.
Registrazione
Se con la leva in posizione 1 (vedi
Figura 7 a pag.12) il freno a mano non
blocca portare la leva in posizione di
riposo 2 ed effettuare la registrazione
ruotando in senso orario il registro 3.

Figura 24

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

Pagina 31

RIDUTTORE
Con carter in ghisa contenente il
gruppo di riduzione. collegato al
telaio del carrello tramite un canotto
con cuscinetti a rulli contrapposti, e
funge anche da assale posteriore
sterzante.
Ogni 500 ore controllare il livello
dellolio verificando che lolio arrivi al
tappo di livello A e se necessario
aggiungerne fino a che lolio tracimi dal
tappo di livello A (Figura 25).
Ogni 1000 ore sostituire lolio,
Figura 25
facendolo fuoriuscire dal tappo di
scarico B.
La sterzata ottenuta tramite rinvio di catene azionate dal volante
REGISTRAZIONE DELLE CATENE RINVIO STERZO
Come per le catene del gruppo sollevatore anche per quelle del rinvio sterzo
opportuno effettuare gli stessi controlli.
In caso di lieve allungamento e quindi di gioco nello sterzo possibile effettuare una
regolazione del tiraggio delle catene seguendo il seguente ordine:
Catena rinvio,
Dalla scatola guida situata anteriormente sotto il piantone sterzo e il rinvio posteriore.
1. Posizionare il carrello sopra una buca;
2. Togliere la presa di corrente;
3. Tirare il freno a mano;
4. Sbloccare il tendicatena allentando la
vite di arresto A;
5. Allentare il controdado B di sicurezza;
6. Tirare la catena ruotando la vite C e
aiutando il tendicatena D a slittare con
colpetti di martello nel caso sia
bloccato;
7. Raggiunto il tiraggio ottimale serrare le
vite A e il controdado B;
8. Ingrassare la catena.
Figura 26
Nota La registrazione sopra descritta pu
essere eseguita facilmente con l'ausilio della buca o alzando il carrello.
Per alzare il carrello operare come segue:
Disporre il carrello in piano;
Calzare la ruota posteriore con cuneo di legno;
Con un martinetto idraulico applicato sotto la traversa inferiore del telaio di
sollevamento, sollevare la parte anteriore del carrello di circa 20-25 cm;
Mantenere sollevato il carrello mediante blocchi di legno, uno per lato;
Procedere poi alla registrazione della catena I rinvio.
Pagina 32

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

Catena rinvio
Dal pignone superiore alla flangia sul riduttore.
1. Posizionare il carrello in piano;
2. Togliere la presa di corrente ;
3. Tirare la leva del freno a mano;
4. Agganciare la zavorra posteriore nel punto A;
5. Allentare e togliere le viti di fissaggio B;
6. Sollevare di circa 5 cm e sfilare posteriormente;
1. Una volta allontanata la zavorra allentare il controdado C;
2. Tirare quindi la catena utilizzando la vite D dopodich riserrare il controdado C;
1. Ripetere poi le operazioni dal punto 1 al punto 6 in modo inverso facendo particolare
attenzione al serraggio della zavorra.

Figura 27

Figura 28

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

Pagina 33

CERCHI E RUOTE
Cerchi e ruote, organi importanti ai fini della sicurezza del mezzo, richiedono da parte
dellutente un corretto impiego, periodiche verifiche e una costante manutenzione.
Ruote danneggiate o deformate non devono essere riparate n utilizzate, gli elementi
utilizzati vanno sempre sostituiti con altri dello stesso tipo e dimensioni dei precedenti.
Smontaggio ruote
Per effettuare la sostituzione delle ruote, eseguire le seguenti operazioni.
Anteriori
Bloccare la ruota posteriore con tasselli adatti per evitare spostamenti del carrello;
Inserire un sollevatore idraulico sotto la traversa del montante e sollevare.
Posteriore
Bloccare il carrello col freno a mano di stazionamento;
Bloccare le ruote anteriori per evitare spostamenti della macchina;
Inserire un sollevatore idraulico sotto il contrappeso e sollevare.
Attenzione!! Per lavorare in sicurezza inserire tra la parte inferiore del carrello (telaio,
montanti fissi o zavorra) ed il suolo, solidi e stabili sostegni.
Ogni 1000 ore controllare il serraggio dei dadi che fissano le ruote al carrello (210 Nm 21 kgm)

Pagina 34

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

MANUTENZIONE PROGRAMMATA
Rif.

ORE
DESCRIZIONE

10

MOTORI
Pulizia motori
Verifica collettori motori
Controllo spazzole
Sostituzione cuscinetti

100

250

500

1000

2500

4000

10000

20
20
20
20
20






BATTERIA
Verif. livello e densit elettrolito
Controllo serraggio morsetti

22
22

TELERUTTORI
Verifica e manutenzione

IMPIANTO IDRAULICO
Verifica livello olio serbatoio
Pulizia del filtro di scarico
Sostituzione olio

26

27
27
27




MONTANTE
Controllo catene
Rilubrificazione catene
Sostituzione catene
Controllo usura forche






FRENI
Registrazione freni di servizio
Spurgo aria dalle tubazioni freni
Registrazione freno a mano
RIDUTTORE
Verifica livello olio
Sostituzione olio

29
29
29
28

30
31
31




CATENA STERZO
Registrazione catene rinvio
RUOTE
Controllo serraggio dadi ruote
Sostituzione ruote

Pag.

32
32

32

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

34
34

Pagina 35

TABELLA RIFORNIMENTI

ORGANO DA LUBRIFICARE

QUANTIT

TIPO DI LUBRIFICANTE

Impianto idraulico

25 Lt.

IP HYDRUS OIL H.I.46

Riduttore

0,9 Lt.

IP MELLANA OIL 68

Impianto freno idraulico

0,4 Lt.

IP AUTOFLUID FR

Attenzione necessario attenersi alle prescrizioni del produttore per lo smaltimento


degli oli esausti.

Pagina 36

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

OPTIONALS
In aggiunta agli allestimenti descritti nel presente manuale, per quanto concerne i tipi di
batteria e sollevatori, i carrelli possono essere equipaggiati anche con :
Impianto di fanaleria
Impianto completo comprendente i dispositivi di illuminazione e i rispettivi comandi
Distributore a 4 vie
In luogo del distributore di serie a 3 vie
Forche allungate
Adozione di forche aventi lunghezza di 1100, 1200 mm.
Prolunghe forche
Adozione di prolunghe forche aventi lunghezza di 1500, 2000 mm.
Faro rotante
Comprendente faro rotante di segnalazione e dispositivi di comando.
Cicalino di retromarcia
Comprendente segnalatore di marcia indietro (cicalino).
Telaio reggicarico
Struttura fissabile alla piastra porta forche per sostenere il carico sulle forche.
Telaio di protezione supplementare
Telaio supplementare da applicare sul tettuccio per una maggiore protezione del
conducente dalla caduta di oggetti minuti, come previsto dalla normativa 86/663/CEE.

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

Pagina 37

SCHEMA IMPIANTO IDRAULICO

Figura 29

1.
2.
3.
4.
5.

Elettropompa;
Distributore idraulico;
Valvola di massima pressione
Cilindro di brandeggio;
Valvola di sicurezza;

Pagina 38

6. Filtro di aspirazione;
7. Valvola rallentatrice di discesa;
8. Cilindri di sollevamento laterali;
9. Cilindro di sollevamento centrale;
10.Valvola di sicurezza.

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

SCHEMA IMPIANTO ELETTRICO DI POTENZA

Figura 30

AMT
Armatura Motore Traz.
CMT
Campo Motore Trazione
MS
Motore Sollevamento
FP
Fusibile Pompa

FT
Fusibile Trazione
RI
Resistenza indebolim.
TA
Telerutt. Marcia Avanti
TFR
Teleruttore frenatura

TG
Teleruttore Generale
TI
Telerutt. Marcia Indietro
TIND
Telerutt. indebolimento

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

Pagina 39

SCHEMA IMPIANTO ELETTRICO AUSILIARIO

Figura 31

Colorazione cavi
A
Arancio
B
Bianco
BB Blu
C
Celeste

Pagina 40

G
GG
M
N

Giallo
Grigio
Marrone
Nero

R
RR
V
VV

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

Rosa
Rosso
Verde
Viola

LEGENDA SIMBOLI
+B

Positivo Batteria

nc

Normalmente Chiuso

-B

Negativo Batteria

no

Normalmente Aperto

AMT

Armatura Motore Trazione

NTA

Negativo Teleruttore Marcia Avanti

BATT

Batteria

NTFR

Negativo Teleruttore Frenata

BTA

Bobina Teleruttore Marcia Avanti

NTI

Negativo Teleruttore Indietro

BTFR

Bobina Teleruttore Frenata Elettrici

NTIND

Negativo Teleruttore Indebolimento

BTG

Bobina Teleruttore Generale

NTP
Sollev.

Negativo

BTI

Bobina Teleruttore Marcia Indietro


PCK

Pulsante Clacson

BTIND

Bobina Teleruttore Indebolimento


PE

Pulsante dEmergenza

CH

Chiave
POT. ACC.

Potenziometro Acceleratore

CK

Clacson
PT

Positivo Teleruttori

CMT

Campo Motore Trazione


PTFR

Positivo Teleruttore Frenata

D1

Diodo di Protezione
RI

Resistenza Indebolimento

D2

Diodo di Protezione
SCK

Soppressore Clacson

D3

Diodo di Protezione
SFM

Spia Freno a Mano

F1

Fusibile Circuito Ausiliario


SH

Uscita Sensore Corrente

FP

Fusibile Pompa
SS

Spia Sedile

FT

Fusibile Trazione
TA

Teleruttore Marcia Avanti

INV

Invertitore di Marcia
TFR

Teleruttore frenatura

Motore
TG

Teleruttore Generale

MF

Micro Freno a Mano


TI

Teleruttore Marcia Indietro

MP

Micro Pompa Sollevamento


TIND

Teleruttore Indebolimento

MPA

Micro Pedale Acceleratore


TP

Teleruttore Pompa Sollevamento

MS

Motore Sollevamento
VMN

Driver Campo

MS

Micro Sedile

Ed. 1.5 del 08/10/99 MYCROS 8-10C-13C

Teleruttore

Pompa

Pagina 41