You are on page 1of 8

Algebra Lineare e Geometria Analitica

Politecnico di Milano Ingegneria

Applicazioni Lineari
1. Sia f : R3 R3 lapplicazione lineare definita da
f (x, y, z) = (x + ky + z, x y + 2z, x + y z)
per ogni (x, y, z) R3 , e sia X il sottospazio di R3 generato dai vettori x1 = (1, 2, 3)
e x2 = (3, 2, 1) . Determinare il parametro reale k in modo che limmagine del vettore
v = (1, 1, 1) appartenga al sottospazio X .
2. Data lapplicazione lineare f : R3 R3 definita da
f (x, y, z) = (x + 2y z, x + y z, x + 2y)
per ogni (x, y, z) R3 ,
(a) mostrare che `e invertibile,
(b) determinare lapplicazione lineare inversa.
3. Data lapplicazione lineare F : R2 [x] R3 definita da
F (f (x)) = (f (0), f (1), f (2))
per ogni f (x) R2 [x] ,
(a) scrivere la matrice rappresentativa rispetto alle basi canoniche,
(b) scrivere la matrice rappresentativa rispetto alle basi
B = {x + 1, x2 x, x2 + x + 1}
C = {(1, 1, 1), (1, 1, 0), (1, 0, 0)} ,
(c) stabilire se f `e un isomorfismo,
(d) trovare la controimmagine del vettore v = (1, 2, 1) .
4. Sia f : R3 R3 lapplicazione lineare definita da
f (x) = x + a x
per ogni x R3 , dove a = (1, 1, 1) .
(a) Determinare linsieme F dei punti fissi di f .
(b) Scrivere la matrice rappresentativa di f rispetto alla base canonica.
(c) Scrivere la matrice rappresentativa di f rispetto alla base B = {b1 , b2 , b3 } fissata nel
dominio e alla base canonica fissata nel codominio, dove b1 = (1, 1, 2) , b2 = (3, 1, 1) ,
b3 = (2, 1, 3) .
5. Data lapplicazione lineare f : R4 R3 rappresentata dalla matrice

1 1
3 1
A = 1 3 1 1
1 1 1 1
rispetto alla base B = {b1 , b2 , b3 , b4 } di R4 e alla base C = {c1 , c2 , c3 } di R4 , dove
b1 = (1, 1, 0, 3)

c1 = (1, 1, 3)

b2 = (1, 0, 0, 1)
b3 = (1, 1, 0, 2)

c2 = (2, 0, 1)
c3 = (1, 2, 2) ,

b4 = (0, 1, 2, 1)
1

(a) determinare il nucleo di f ,


(b) determinare limmagine di f .
6. Sia f : R4 R3 lapplicazione lineare definita da
f (x, y, z, t) = (x + y 2z + t, x + 2y + 2z t, x y z + t)
per ogni (x, y, z, t) R4 , e sia g : R3 R4 lapplicazione lineare definita sui vettori della
base canonica da
g(e1 ) = e1 + e2 e3
g(e2 ) = e1 + 2e2 + e3 e4
g(e3 ) = e1 e2 + 2e3 + 2e4 .
Scrivere la matrice che rappresenta le applicazioni composte g f e f g rispetto alle basi
canoniche.
7. Sia f : R3 R3 lapplicazione lineare definita da
f (x, y, z) = (x 3y z, 2x + 2y 2z, x + 4y z)
per ogni (x, y, z) R3 . Scrivere la matrice che rappresenta f rispetto alla base B =
{b1 , b2 , b3 } fissata nel dominio e alla base C = {c1 , c2 , c3 } fissata nel codominio, dove
b1 = (1, 1, 2) , b2 = (1, 1, 1) , b3 = (2, 1, 1)
c1 = (1, 0, 1) , c2 = (1, 1, 1) , c3 = (0, 1, 1) .
8. Sia f : R3 R3 lapplicazione lineare rappresentata dalla matrice

1 1
0
1
A = 2 1
1 1 1
rispetto alla base B = {b1 , b2 , b3 } fissata nel dominio e alla base C = {c1 , c2 , c3 } fissata
nel codominio, dove
b1 = (1, 0, 1) , b2 = (1, 1, 1) , b3 = (0, 1, 1)
c1 = (1, 1, 1) , c2 = (1, 1, 0) , c3 = (1, 1, 1) .
(a) Stabilire se f `e un automorfismo.
(b) Determinare il nucleo e limmagine di f .
(c) Scrivere la matrice che rappresenta f rispetto alla base canonica (fissata sia nel dominio
sia nel codominio).
(d) Scrivere le equazioni di f .
9. Scrivere le equazioni dellapplicazione lineare f : R3 R3 data dalla simmetria (ortogonale)
rispetto al piano : 2x y + 3y = 0 .
10. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione 2n + 1 sul campo reale R . Stabilire se esiste
unapplicazione lineare f : V V tale che f 2 = 1V , ossia tale che f (f (v)) = v per
ogni v V .
11. Sia f : U V unapplicazione lineare iniettiva e sia g : V W unapplicazione
lineare suriettiva tali che Imf + Kerg = V . Se dim U > dim W , `e possibile che la somma
Imf + Kerg sia diretta?

Soluzioni
1. Si ha f (v) = f (1, 1, 1) = (k, 2, 3) . Poiche f (v) X
linearmente da x1 e da x2 , si deve avere

1 2 3

3 2 1 = 0

k 2 3

se s solo se f (v) dipende

e questo accade per k = 7 .


2. La matrice rappresentativa di f rispetto alla base canonica `e

1 2 1
A = 1 1 1 .
1 2 0
(a) Poiche |A| = 1 6= 0 , lapplicazione f `e invertibile.
(b) Poiche
A1
si ha

2
= 1
1

2 1
1 0 ,
0 1

f 1 (x, y, z) = (2x + 2y + z, x y, x + z) .

3. (a) Poiche le immagini dei vettori della base canonica sono


F (1) = (1, 1, 1)
F (x) = (0, 1, 2)
F (x2 ) = (0, 2, 4) ,
la matrice rappresentativa rispetto alle basi

1
A = 1
1

canoniche `e

0 0
1 1 .
2 4

(b) Poiche
F (x + 1) = (1, 2, 3) = 3(1, 1, 1) (1, 1, 0) (1, 0, 0)
F (x2 x) = (0, 0, 2) = 2(1, 1, 1) 2(1, 1, 0)
F (x2 + x + 1) = (1, 3, 7) = 7(1, 1, 1) 4(1, 1, 0) 2(1, 0, 0) ,
la matrice rappresentativa rispetto alle basi B e C `e

3
2
7
B = 1 2 4 .
1 0 2
(c) Poiche |A| = 2 6= 0 , lapplicazione lineare f `e invertibile, ossia `e un isomorfismo.
(d) Dato un polinomio f (x) = a + bx + cx2 si ha
F (f (x)) = (a, a + b + c, a + 2b + 4c) .
Quindi F (f (x))) = v se e solo se (a, a + b + c, a + 2b + 4c) = (1, 2, 1) , ossia se e solo se

a = 1
a = 1
a+b+c=2
b=2

a + 2b + 4c = 1
c = 1 .
Quindi la controimmagine di v `e f (x) = 1 + 2x x2 .
3

4. (a) Linsieme F dei punti fissi di f `e linsieme dei vettori x R3 tali che f (x) = x , ossia
tali che a x = 0 . ossia tali che x sia parallelo ad a . Pertanto F = hai = h(1, 1, 1)i .
(b) Si ha
f (e1 ) = e1 + a e1 = (1, 1, 1)
f (e2 ) = e2 + a e2 = (1, 1, 1)
f (e3 ) = e3 + a e3 = (1, 1, 1) .
Pertanto, la matrice rappresentativa di f rispetto alla base canonica `e

1 1 1
1 1 .
A= 1
1 1
1
(c) Si ha
f (b1 ) = b1 + a b1 = (2, 0, 2)
f (b2 ) = b2 + a b2 = (1, 5, 3)
f (b3 ) = b3 + a b3 = (6, 2, 0) .
Pertanto, la matrice rappresentativa di f rispetto alle basi B ed E `e

2 1
6
B = 0 5 2 .
2 3 0
5. (a) Iniziamo col determinare il nucleo di A . Tale nucleo ha equazione Ax = 0 , ossia `e
determinato dal sistema

x + y + 3z + t = 0
x 3y z + t = 0

xy+z+t=0
dal quale si ricava z = y e t = x + 2y . Pertanto, si ha
KerA = {(x, y, y, x + 2y) : x, y R} = h(1, 0, 0, 1), (0, 1, 1, 2)i .
Quindi, il nucleo di f `e generato dai due vettori
x1 = b1 b4 = (1, 0, 2, 4)
x2 = b2 b3 + 2b4 = (0, 3, 3, 4) ,
ossia Kerf = h(2, 1, 4, 4)i .
(b) Poiche dim Kerf = 2 , per il teorema delle dimensioni si ha dim Imf = 4 Kerf =
4 2 = 2 . Poiche le prime due colonne di A sono linearmente indipendenti, si ha
ImA = h(1, 1, 1), (1, 3, 1)i .
Di conseguenza, limmagine di f `e generata dai due vettori
y1 = c1 + c2 + c3 = (4, 3, 6)
y2 = c1 3c2 c3 = (6, 1, 2) ,
ossia Imf = h(4, 3, 6), (6, 1, 2)i .
6. Le matrici che rappresentano f e g , rispetto alle basi canoniche, sono

1
1 1 2 1
2
2 1
A = M (f ) = 1 2
e
B = M (g) =
1
1 1 1 1
0
4

1
2
1
1

1
1
.
2
2

Pertanto, le matrici che rappresentano le applicazioni composte sono

1
1
1
3 2 1 1
1
1
2
1
2
3 7
2 1
1 1
1 2

2 1 =
M (g f ) = M (g)M (f ) = BA =
1 1

2
2 1 2
0
1 1 1 1
0 1 2
1 4 4 3
e

1
1
1 1 2 1
5 0 2

2
2 1
2 1
1 .
M (f g) = M (f )M (g) = AB = 1 2
= 3 8
1 1
2
1 1 1 1
0 3 2
0 1 2
7. Primo modo. Utilizzando la definizione di f , si ha
f (b1 ) = f (1, 1, 2) = (4, 0, 3) = 5c1 + c2 c3
f (b2 ) = f (1, 1, 1) = (3, 2, 4) = 3c2 c3
f (b3 ) = f (2, 1, 1) = (4, 0, 3) = 5c1 c2 + c3 .
Pertanto, i vettori delle coordinate delle immagini f (b1 ) , f (b2 ) e f (b3 ) rispetto alla base
C fissata nel codominio sono



5
0
5
f (b1 )C = 1 ,
f (b1 )C = 3 ,
f (b1 )C = 1 .
1
1
1
Pertanto , la matrice che rappresenta f rispetto alle due basi B e C `e

5 0
5
1
3 1 .
1 1 1
Secondo modo. Sia H la matrice che rappresenta lapplicazione identit`a rispetto alle basi
B ed E . Sia K la matrice che rappresenta lapplicazione identit`a rispetto alle basi C ed
E . Allora si ha

1 1
2
H = [ b1 E b2 E b3 E ] = 1 1 1
2 1
1

1
1
0
K = [ c1 E c2 E c3 E ] = 0 1 1 .
1 1 1
Se E `e la matrice che rappresenta f rispetto alla base canonica, allora

1 3 1
E = 2 2 2
1 4 1
e A = K 1 EH . Quindi, si ha

1
A = 0
1

2
= 1
1

5
= 4
2

5
= 1
1

ossia
1

0
1 3 1
1 1
2
1 2 2 2 1 1 1
1
1 4 1
2 1
1

1
1
1 3 1
1 1
2
1 1 2 2 2 1 1 1
0
1
1 4 1
2 1
1

0 5 1 1
2
3 4 1 1 1
1 2
2 1
1

0
5
3 1 .
1 1

1
1
1

8. (a) Poiche |A| 6= 0 , f `e un automorfismo.


(b) Poiche f `e un automorfismo, f `e biunivoca e quindi `e iniettiva e suriettiva. Di
conseguenza, si ha Kerf = {0} e Imf = R3 .
(c) Primo modo. Poiche la colonna j-esima della matrice rappresentativa A d`a le
coordinate dellimmagine del vettore bj , si ha
f (b1 ) = c1 + 2c2 + c3 = (2, 0, 0) = 2e1
f (b2 ) = c1 + c2 c3 = (3, 1, 2) = 3e1 e2 2e3
f (b3 ) = c2 c3 = (2, 2, 1) = 2e1 2e2 e3 .
Poiche
b1 = e1 + e3
b2 = e1 e2 + e3
b3 = e2 e3 ,
per la linearit`a di f , si ottiene il seguente sistema
f (e1 ) + f (e3 ) = 2e1
f (e1 ) f (e2 ) + f (e3 ) = 3e1 e2 2e3
f (e2 ) f (e3 ) = 2e1 2e2 e3
dal quale si ottiene
f (e1 ) = 5e1 3e2 3e3
f (e2 ) = e1 + e2 + 2e3
f (e3 ) = 3e1 + 3e2 + 3e3 .
Pertanto, la matrice che rappresenta f rispetto

5 1
E = 3 1
3 2

alla base canonica `e

3
3 .
3

Secondo modo. Sia H la matrice che rappresenta lapplicazione identit`a rispetto alle
basi B ed E . Sia K la matrice che rappresenta lapplicazione identit`a rispetto alle
basi C ed E . Allora si ha

1 1
0
H = [ b1 E b2 E b3 E ] = 0 1 1
1 1 1

1
1 1
K = [ c1 E c2 E c3 E ] = 1 1 1 .
1 0
1
Se E `e la matrice che rappresenta f rispetto alla base canonica, allora A = K 1 EH
e quindi E = KAH 1 . Pertanto, si ha

1
1
1 1 1 1
0
1 1
0
1 0 1 1
E = 1 1 1 2 1
1 0
1
1 1 1 1 1 1

1
1 1 1 1
0
0 1
1
1 1 1 1
= 1 1 1 2 1
1 0
1
1 1 1 1 0 1

2 3
2
0 1
1
= 0 1 2 1 1 1
0 2 1 1 0 1

5 1 3
3 .
= 3 1
3 2
3
6

(d) Poiche

5
Ex = 3
3

1
1
2

3 x
5x y 3y
3 y = 3x + y + 3z ,
3
z
3x + 2y + 3z

lapplicazione f `e definita da
f (x, y, z) = (5x y 3y, 3x + y + 3z, 3x + 2y + 3z)
per ogni (x, y, z) R3 .
9. Per determinare la matrice rappresentativa della simmetria f , basta scegliere una base
opportuna. Una tale base pu`o essere scelta come linsieme formato dai vettori di una base
del sottospazio V associato al piano e da un vettore a ortogonale al piano stesso.
Poiche il generico vettore di V ha la forma v = (x, 2x + 3z, z) , si ha V = hv1 , v2 i , dove
v1 = (1, 2, 0) e v2 = (0, 3, 1) . Inoltre, un vettore ortogonale a `e dato, ad esempio, dal
vettore a = (2, 1, 3) . Scegliamo, quindi, come base di R3 , linsieme B = {v1 , v2 , a} .
Lazione dellapplicazione f sui vettori di questa base si determina facilmente. Infatti, si ha
f (v1 ) = v1
f (v2 ) = v2
f (a) = a .
Di conseguenza, rispetto a questa base (fissata sia nel domino che nel codominio), la matrice
rappresentativa di f `e

1 0 0
A = 0 1 0 .
0 0 1
La matrice che rappresenta lapplicazione identit`a rispetto alle basi B ed E `e

1 0 2
H = [ v1 E v2 E aE ] = 2 3 1 .
0 1 3
Pertanto, la matrice che rappresenta f rispetto alla base canonica `e E = HAH 1 , ossia

1
1 0 2
1 0 0
1 0 2
E = 2 3 1 0 1 0 2 3 1
0 1 3
0 0 1 0 1 3

10
2 6
1 0 2
1 0 0
1
6 3
5
= 2 3 1 0 1 0
14
0 1 3
0 0 1
2 1 3

1 0 2
10
2 6
1
2 3 1 6 3
5
=
14
0 1 3
2 1 3

3 2 6
1
2 6 3 .
=
7
6 3 2
In conclusione, si ha
f (x, y, z) =

1
(3x + 2y 6, 2x + 6y + 3, 6x + 3y 2z) .
7

10. Sia A una matrice che rappresenta f rispetto a una data base di V . Se f 2 = 1V ,
allora si dovrebbe avere A2 = I e quindi |A2 | = | I| , ossia |A|2 = (1)2n+1 |I| , ossia
|A|2 = 1 . Poiche questultima condizione `e impossibile sul campo reale, non `e possibile che
esista unapplicazione lineare f che soddisfi la propriet`a richiesta.
7

11. Poiche f `e iniettiva, si ha dim Kerf = 0 . Poiche g `e suriettiva, si ha dim Img = dim W .
Quindi, per il teorema delle dimensioni, si ha
dim U = dim Kerf + dim Imf = dim Imf
dim V = dim Kerg + dim Img = dim Kerg + dim W
ossia
dim Imf = dim U
dim Kerg = dim V dim W .
Pertanto, essendo Imf + Kerg = V , per la formula di Grassmann, si ha
dim(Imf Kerg)

= dim Imf + dim Kerg dim(dim Imf + dim Kerg)


= dim U + dim V dim W dim V
= dim U dim W .

Poiche per ipotesi si ha dim U > dim W , si ha dim(Imf Kerg) 1 e la somma Imf +Kerg
non pu`o essere diretta.