Sei sulla pagina 1di 11

Funzione logica

Definizione: cosa indica

Domanda a cui
risponde

Esempi di frasi

SOGGETTO

Il soggetto lelemento protagonista


della frase la cui azione espressa dal
predicato. Pu essere costituito da
qualsiasi parte del discorso.

Chi compie lazione


espressa dal verbo?

Sarete
(sottinteso
voi) sorvegliati
dalla persona
che ha ricevuto
lincarico di
occuparsi di voi.

Pu essere espresso o sottinteso. (Luca


dorme) (Siamo usciti di casa in anticipo)
Pu mancare nel caso in cui il verbo della
frase impersonale (piove)

Paolo dorme
Quando un nome comune spesso pu
essere introdotto da un articolo;
introdotto da una preposizione articolata
(di + articolo) solo nel caso in cui un
soggetto partitivo (degli amici ci hanno
invitato ad una festa)
PREDICATO
VERBALE

PREDICATO
NOMINALE

Non
necessario
portare
lombrello

Il predicato verbale costituito da un


verbo di senso compiuto che predica,
cio dice qualcosa intorno al soggetto
indicando unazione che pu essere
compiuta dal soggetto se il verbo attivo
(Luca dorme) o subita dal soggetto se il
verbo passivo (Luca stato allontanato
dalla classe) . Quando il verbo riflessivo
lazione sia compiuta che subita (Luca
si lava).

Cosa succede?

Il predicato nominale costituito


normalmente da una voce del verbo
essere seguita da un aggettivo o da un
nome (o da entrambi anche arricchiti da
avverbi) che si riferiscono al soggetto e
che ne indicano:

Come ?

Mi hanno detto
del tuo terribile
incidente

Il tuono devast
il silenzio

La nonna
raffreddata

Che caratteristiche ha?

La cantina
troppo stretta

una qualit: Lucia molto simpatica


uno stato: Lucia era pensierosa

Cucina e bagno
dovranno essere
splendenti

una caratteristica: I palazzi saranno tutti


uguali
La voce del verbo essere (coniugata in
qualunque modo e qualunque tempo) si
chiama COPULA
Il nome, laggettivo, entrambi e
leventuale avverbio si chiamano
PARTE NOMINALE o NOME DEL
PREDICATO
Copula pi nome del predicato
costituiscono insieme il predicato
nominale
ATTRIBUTO

Lattributo un aggettivo che


accompagna un nome per precisarlo
attribuendogli una qualit o una
caratteristica senza la presenza del verbo
che la sottolinei.

Che aggettivo troviamo


aggiunto direttamente
al soggetto o al
complemento?

Luigi, un nostro
caro amico,
partito

latin
o

Lattributo si pu riferire al soggetto, ad


un qualunque complemento, ad
unapposizione. (Il vecchio albero era
malato) (Il maestro sgrid lallievo
indisciplinato) (Il bravo dottore visit il
bambino)

Luca gioca a
pallone con i
suoi amici

APPOSIZIONE

Lapposizione un nome, solo o


accompagnato da un attributo o da
complementi, che si unisce ad un altro
nome per meglio determinarlo.
Lapposizione pu riferirsi al soggetto, o
ad un qualunque complemento (Il
maestro Paolo sgrid lallievo Matteo)

Che nome troviamo


aggiunto al soggetto/al
complemento?

Il fiume Adige
bagna Verona

Funzione logica

Definizione: cosa indica

Domanda a cui
risponde

Esempi di frasi

COMPLEMENTO

Il complemento oggetto lelemento


della frase (nome o qualsiasi parola in
funzione di nome) che completa il
predicato verbale precisando loggetto
dellazione espressa dal verbo e
compiuta dal soggetto.

Su chi o su cosa ricade


direttamente lazione
espressa dal verbo?

La fortuna aiuta
gli audaci

OGGETTO

Ridammi il libro
di storia, quello
che io ti ho
prestato

In pratica sul complemento oggetto


ricade lazione del verbo (che per questo
pu essere solo transitivo) ma in modo
DIRETTO, cio senza che in mezzo vi
siano preposizioni (che darebbero luogo
ad un complemento indiretto).

Ti sto
aspettando

Fa eccezione solo la preposizione


articolata (di + articolo) nel caso di
complemento oggetto partitivo ( passami
del pane) .
Con un verbo intransitivo non possiamo
avere complemento oggetto ma solo
complementi indiretti
COMPLEMENTO
PREDICATIVO
DEL SOGGETTO

Il complemento predicativo del soggetto


un aggettivo o un sostantivo che,
riferito al soggetto, completa il significato
del verbo.

Cosa sembra, come


diventa o come appare
il soggetto?

Si trova con:
- A) VERBI INTRANSITIVI che indicano un
modo di essere del soggetto e per questo
sono detti copulativi perch svolgono la
stessa funzione della copula, cio del
verbo essere. Alcuni di essi sono:
APPARIRE, SEMBRARE, DIVENIRE,
DIVENTARE, RESTARE, RIUSCIRE,
RISULTARE, NASCERE, VIVERE, MORIRE
- B) VERBI TRANSITIVI PASSIVI cos
raggruppabili:
1) appellativi come ESSERE DETTO,
ESSERE CHIAMATO, ESSERE NOMINATO,
ESSERE SOPRANNOMINATO
2) estimativi come ESSERE STIMATO,
ESSERE RITENUTO, ESSERE GIUDICATO

Come viene chiamato,


giudicato, eletto o reso
il soggetto?

In che modo il soggetto


compie o subisce
unazione? (NB: DA
NON CONFONDERE
CON IL COMPLEMENTO
DI MODO perch il
predicativo solo un
aggettivo o un nome
legato direttamente al
verbo e al soggetto)

La zia sembrava
affaticata

Il senatore fu
giudicato
innocente

Il professore
stato scelto
come
collaboratore del
preside

Lallievo pi
carismatico fu
eletto
rappresentante
di classe dai
suoi compagni

latin
o

3) elettivi come ESSERE ELETTO, ESSERE


SCELTO, ESSERE PRESCELTO, ESSERE
CREATO
4) effettivi come ESSERE FATTO, ESSERE
RESO, ESSERE RIDOTTO
- C) INNUMEREVOLI ALTRI VERBI, transitivi
e intransitivi, a cui possono
accompagnarsi un sostantivo o un
aggettivo riferiti al soggetto con funzione
di precisare il significato del verbo.
Esempi: Luomo fugg terrorizzato.
Ho letto preoccupato la tua ultima lettera
La sua ragazza fu trovata sana e salva
Curione fu inviato ambasciatore presso i
Galli

Funzione logica

Definizione: cosa indica

Domanda a cui
risponde

Esempi di frasi

COMPLEMENTO

Il complemento predicaativo delloggetto


un aggettivo che, riferito al
complemento oggetto, completa il
significato del verbo; pu essere reso
soltanto da verbi transitivi usati in forma
attiva

Come il soggetto
definisce, ritiene,
giudica, chiama,
nomina, rende il
complemento oggetto?

Cesare invi
Curione
ambasciatore
presso i Galli

PREDICATIVO
DELLOGGETTO

Il popolo giudic
il senatore
innocente

In pratica si trova con gli stessi verbi


transitivi che, usati al passivo, formano il
complemento predicativo del soggetto:

Il preside ha
scelto il
professor
Bianchi come
suo
collaboratore

- VERBI TRANSITIVI ATTIVI cos


raggruppabili:
1) appellativi come DIRE, CHIAMARE,
NOMINARE, SOPRANNOMINARE
2) estimativi come STIMARE, RITENERE,
GIUDICARE

Gli allievi hanno


eletto
rappresentante
di classe il loro
compagno pi
carismatico

3) elettivi come ELEGGERE, SCEGLIERE,


PRESCEGLIERE, CREARE
4) effettivi come FARE, RENDERE,
RIDURRE
COMPLEMENTO DI
VOCAZIONE

Il complemento di vocazione, o vocativo,


indica la persona, lanimale o la cosa
personificata cui ci si rivolge in forma
diretta per chiamare, invocare, dare un
ordine o per attirarne lattenzione. Pu
essere un nome o un pronome ed
isolato dal resto della frase mediante
luso delle virgole (prima o dopo, secondo

A chi rivolto
direttamente un
richiamo o un
messaggio della frase?

Che cosa fai,


Carlo?

La tua, ragazzo,
una giusta
osservazione.

latin
o

i casi)
Paolo, vieni qui!
COMPLEMENTO DI
SPECIFICAZIONE

Il complemento di specificazione serve a


determinare meglio il significato generico
del nome da cui dipende per:

Di chi? Di che cosa?

Il discorso di
Luigi sorprese
tutti

- esprimere un possesso o
unappartenenza (lauto del nonno)
Se sei il
proprietario
della casa te ne
devi occupare tu

- per esprimere un rapporto di amicizia o


parentela (lamico di mio zio)
- per sostituire un aggettivo in funzione di
attributo (le vacanze di Pasqua =
Pasquali)
Si trova solitamente introdotto dalla
preposizione di semplice o articolata ma
pu anche essere costituito (NB) dalla
particella pronominale ne quando essa
significa appunto di qualcosa gi
specificato in precedenza
COMPLEMENTO DI
TERMINE

Il complemento di termine indica la


persona, lanimale o la cosa a cui
rivolta (cio su cui va a terminare)
lazione o la circostanza espressa dal
verbo

A chi? A che cosa?

Ti avevo detto di
non insistere
con quella storia

Si trova solitamente introdotto dalla


preposizione a semplice o articolata ma
pu anche essere costituito (NB) dalle
particelle pronominali atone mi ti si ci vi
loro quando esse sostituiscono le forme
toniche a me a te a s a noi a voi a loro
(questa musica ti piacer)

COMPLEMENTO DI
CAUSA

Il complemento di causa indica il motivo


per cui si compie unazione o si verifica
una circostanza.

Ho restituito il
libro allallievo

Il mulo resiste
molto bene alla
fatica

A causa di chi? A causa


di che cosa?

Fuggimmo per la
paura

Uninterruzione
del servizio a
causa dello
sciopero
provoc forti
ritardi

introdotto dalle preposizione semplici


per di a da oppure dalle locuzioni a causa
di, per motivo di, per colpa di, per merito
di,

Ha passato
lesame per
merito del suo
studio
COMPLEMENTO DI
MEZZO

Il complemento di mezzo indica la


persona, lanimale o la cosa (con la cosa
si pu anche usare la dicitura
COMPLEMENTO DI STRUMENTO ma non
cambia nulla) mediante cui viene
compiuta unazione.

Per mezzo di chi?


Mediante che cosa?

Scrivete solo a
matita

Marco ferisce
Vinicio con la

spada
introdotto dalle preposizioni per con a
di o dalle locuzioni

Ha passato
lesame grazie
al suo studio
intenso

per mezzo di, per opera di, grazie a


COMPLEMENTO DI
MODO

Il complemento di modo indica il modo in


cui si svolge unazione.

Come? In che modo?

introdotto dalle preposizione semplici


per di a con in oppure reso con avverbi
che sostituiscono la dicitura esplicita
(bene, male, lungamente, piano, forte,
debolmente ecc.)

COMPLEMENTO DI
STATO IN LUOGO

Il complemento di stato in luogo indica il


luogo (reale o figurato) nel quale il
soggetto si trova o in cui compie lazione
oppure il luogo in cui avviene un fatto o si
verifica una situazione.

La terraferma si
scorgeva a
stento
Ha lavorato
duramente per
ottenere
successo
Dove?

La mosca
rimase rinchiusa
allinterno del
barattolo

1) dalle preposizioni semplici o articolate


in , a , tra (raramente da )
2) da preposizioni improprie o lucuzioni
prepositive come , sopra , sotto , fuori ,
dentro , allinterno di , accanto a , nei
pressi di,

Nella mia mente


ho nitido il
ricordo di quel
giorno

3) da avverbi (o particelle) di luogo come


qui , qua, l , l , su, dove, sopra, sotto,
lass , laggi , ci, vi
Il complemento di moto a luogo indica il
luogo verso il quale si muove qualcuno o
qualcosa o verso il quale diretta
lazione.

Ci alleniamo al
campo sportivo

Dove sarai
domani sera?

retto da verbi che indicano la


permanenza e introdotto:

COMPLEMENTO DI
MOTO A LUOGO

Studiamo con
impegno

Dove? Verso dove?

Andiamo al
campo sportivo

Dove andrai
domani sera?
retto da verbi che indicano movimento
e introdotto:
La mosca fin da
sola nel
barattolo

1) dalle preposizioni semplici o articolate


in, a, da, per
2) da preposizioni improprie come
verso , sopra, sotto , dentro 3) da
avverbi (o particelle) di luogo come qui ,
qua, l , l , dove, ci, vi

COMPLEMENTO DI

Il complemento di moto da luogo indica il

Da dove? Da quale

Arriviamo

MOTO DA LUOGO

luogo da cui arriva il soggetto o da cui


prende inizio lazione.

luogo?

adesso dal
campo sportivo.
Da dove arrivi
cos trafelato?

retto da verbi che indicano movimento


e introdotto:

La mosca usc
dal barattolo
grazie ad un
foro del tappo

1) dalle preposizioni semplici o articolate


da, di
2) da avverbi (o particelle) e locuzioni
avverbiali di luogo come da qui , da qua,
da l , da l , da dove, da laggi, da lass,
ne
COMPLEMENTO DI
MOTO PER LUOGO

Il complemento di moto per luogo indica


il luogo attraverso il quale si passa o
attraverso il quale viene compiuta
unazione di movimento.

Per dove? Attraverso


quale luogo?

Sono entrato
dalla porta

retto da verbi che indicano


movimento e introdotto:

La mosca usc
attraverso un
foro del tappo

1) dalle preposizioni semplici o articolate,


improprie e locuzioni prepositive come
da, in, per, attraverso, in mezzo a

Il passaggio era
largo e il gatto
vi passato

2) da locuzioni avverbiali di luogo come


da qui , da qua, da l , da l , da dove, ci,
vi
COMPLEMENTO DI
COMPAGNIA/UNION
E

Il complemento di compagnia indica la


persona o lanimale con cui si compie
unazione o ci si trova in una certa
situazione.

Siamo passati
per il campo
sportivo.

In compagnia di chi?
Insieme a che cosa?

Vado alla partita


con mio fratello

Con chi? Con che cosa?


Entrai con il
regalo nella
casa del
festeggiato

Il complemento di unione indica lessere


inanimato con cui si compie unazione o
ci si trova in una certa situazione.
introdotto dalla preposizione con o
dalle locuzioni insieme con, insieme a, in
compagnia di, ecc.
COMPLEMENTO DI
TEMPO
DETERMINATO

Indica il tempo in cui avvenuta,


avviene, o avverr unazione

Quando?

Dante visse nel


XIII e nel XIV
secolo

COMPLEMENTO DI
TEMPO
CONTINUATO

Indica la durata, cio la continuit nel


tempo, di unazione

Per quanto tempo?

Attesi per
cinque minuti,
poi me ne andai

COMPLEMENTO DI
DENOMINAZIONE

Il complemento di denominazione
costituito da un nome proprio retto, per
mezzo della preposizione di da un nome
comune di significato generico che pu
indicare, tra gli altri, citt, provincia,
regione, nazione, stato, penisola, isola,
monte, lago fiume, nome, cognome,
soprannome, mese, stagione

Di quale nome proprio


si parla?

Il mese di
gennaio.

NB Non confondere questo


complemento con il complemento di
specificazione, anchesso introdotto dalla
preposizione di. Il complemento di
denominazione ha la funzione di

Lo stato
dellIllinois

Lisola di Sicilia

unapposizione e, per scoprire quando


tale basta togliere mentalmente la
preposizione di; se il senso non cambia
complemento di denominazione (es: La
citt di Firenze = La citt Firenze), se,
togliendo le preposizione, manca il senso
vuol dire che si tratta di complemento di
specificazione (es. La cattedrale di
Firenze).

COMPLEMENTO DI
FINE O SCOPO

Il complemento di fine o scopo indica il


fine, o lo scopo, cio la mta verso cui
rivolta una qualunque azione, una
condizione, un moto dellanima, una
persona, una cosa.

La penisola
dellItalia

La regione del
Veneto

Per quale fine


compiuta lazione? Per
quale scopo
presente, o costituito,
un qualunque oggetto?

introdotto:

Studio per la
verifica.

Lapplauso
scattato in
onore del
protagonista del
film.

1) dalle preposizioni da, in, per, a, di


2) da locuzioni come a scopo di ,a fine di
Indosso le mi
scarpe da
ginnastica.

NB Non confondere questo


complemento con il complemento di
causa; il fine costituisce il punto di arrivo
dellazione, mentre la causa, anche nello
stesso concetto, costituisce il punto di
partenza (es. Ero stanco per la grande
corsa. Mi preparo per la grande corsa)

COMPLEMENTO DI
ARGOMENTO

Il complemento di argomento indica la


persona, lanimale o la cosa di cui si
parla, di cui si scrive, di cui si tratta in
generale..

Ho comprato un
trapano per il
legno.
A proposito di chi? A
proposito di che cosa?
Su quale argomento?

introdotto:

La lezione
sugli elementi di
analisi di un
racconto.

Nel tema ho
scritto del mio
migliore amico.

1) dalle preposizioni di, su, circa, sopra


2) da locuzioni come a proposito di,
riguardo a, in merito a, intorno a

Ho letto un libro
sullamicizia.

NB Sono complemento di argomento


anche i titoli di alcune opere letterarie
(es. Ho letto il poema su La natura delle
cose di Lucrezio)
COMPLEMENTI DI
VANTAGGIO E DI
SVANTAGGIO

I complementi di vantaggio e di
svantaggio indicano la persona, lanimale
o la cosa a vantaggio o a danno della
quale si compie unazione o si verifica
una circostanza.

A vantaggio/ a
svantagio di chi/ di che
cosa? A favore/ in
difesa di chi/ di che
cosa? Per chi/ che
cosa? Contro chi/ che
cosa?

Il nonno vive
solo per i suoi
nipoti.

Cicerone

Sono introdotti:

pronuncia la sua
orazione contro
Catilina.

1) dalle preposizioni per, a, in, contro ,


verso,
2) da espressioni come a vantaggio/ a
svantaggio di, a favore di, a danno di, in
difesa di.

La grandine
stata un grave
danno per i
raccolti

NB In qualche caso il comlemento di


vantaggio pu essere confuso con il
complemento di fine; bisogna fare molta
attenzione al senso logico che assume il
contenuto della frase e cogliere
sfumature di comunicazione talvolta
molto sottili: (es. Studio per il mio futuro
nella vita = VANTAGGIO. Studio per il
mio successo nella vita= FINE O SCOPO)
COMPLEMENTO DI
MATERIA

Il complemento di materia indica il


materiale o la sostanza di cui costituito
un oggetto.

Fatto di che cosa?

Il soffitto
decorato in
gesso.

introdotto:
1) dalle preposizioni semplici o articolate
di, in

La colonna di
marmo lunica
ad essere
rimasta in piedi.

NB Il complemento di materia si pu
trasformare in attributo quando dal
sostantivo indicante la materia
possibile ricavare laggettivo
corrispondente (es. Un altare di legno =
ligneo)

COMPLEMENTO DI
QUALIT

Il complemento di qualit indica le qualit


fisiche o morali, le propriet, le
caratteristiche di una persona, di un
animale eo di una cosa.

Di quale precisa
caratteristica
attribuibile a qualcuno
o a qualcosa presete
nella frase si parla?

Le aule al terzo
piano sono
considerate di
grande
luminosit.

introdotto:
1) dalle preposizioni semplici o articolate
di, da, con,

Ho comprato
una moto di
grossa
cilindrata.

e dipende da un sostantivo o da un verbo


come sembrare, essere e ritenere, quindi
segue spesso predicati nominali o
predicativi con verbo copulativo (es. Era
una signora di grande inventiva) ,
oppure completa le informazioni su un
complemento aggiungendo
caratteristiche allo stesso (Ho scoperto in
lui un uomo di eccezionale coraggio)

COMPLEMENTI DI
ABBONDANZA E DI
PRIVAZIONE

I complementi di abbondanza e di
privazione indicano rispettivamente ci di
cui una persona, un animale o una cosa
abbonda o priva.

Chieder
informazioni a
quel signore con
i baffi grigi.

Pieno di che cosa?


Privo di che cosa?

La lezione
manca
dinteresse.
Nel tema ho
scritto del mio

Sono introdotti sempre dalla


preposiziona di, e dipendono da verbi o
da aggettivi indicanti abbondanza oppure
mancanza.
COMPLEMENTO DI
LIMITAZIONE

Il complemento di limitazione indica entro


quali limiti, o sotto quali precisi aspetti, si
debba considerare, ritenere, prendere in
esame il concetto espresso da un verbo,
da un aggettivo o da un sostantivo.

migliore amico
che ricco di
fantasia.

In che cosa?
Limitatamente a che
cosa? In quanto a che
cosa?

Luigi
imbattibile nella
corsa.

Come stai a
soldi?.

introdotto:
1) dalle preposizioni da, in, per, a, di per,
a, in, contro , verso,

Quelluomo
bravo a parole.

2) da locuzioni come quanto a, in fatto di,


rispetto a, limitatamente a.
COMPLEMENTI DI
STIMA E PREZZO

Il complemento di stima indica la stima,


cio lapprezzamento, che si fa di una
persona, di un animale o di una cosa.
Dipende da verbi predefiniti, come
stimare, valutare, apprezzare,
considerare, rietenere ecc.

Quanto? A che prezzo?

Pu essere una stima morale, espressa


tramite avverbi o locuzioni avverbiali
(stimo molto mio cugino) o una stima
commerciale, espressa tramite
espressioni numeriche (Lauto fu stimata
cinquemila euro)

Il nostro
appartamento
stato stimato
trecentomila
euro.

Ho venduto
lappartamento
a duecentomila
euro.

Il complemento di prezzo indica il reale


valore commerciale fissato per lacquisto,
per la vendita, per laffitto o per il riscatto
di qualcosa. Dipende da verbi come
costare e pagare.
Pu essere indeterminato, espresso
tramite avverbi o locuzioni avverbiali (Ho
acquistato il computer a buon prezzo) o
determinato, espresso tramite cifre
precise (Lauto fu acquistata a
cinquemila euro)
COMPLEMENTI DI
COLPA E PENA

Il complemento di colpa indica la colpa


per cui una persona accusata.
introdotto:
1) dalle preposizioni semplici o articolate
di, da, per
2) da espressioni come per laccusa di,
per il delitto di, del reato di
e dipende da verbi come accusare,
incolpare.

Il complemento di pena indica la pena


alla quale una persona condannata o
dalla quale viene assolta.

Di quale / per quale


colpa?

Qulluomo
stato accusato
di corruzione.

A quale pena? A che


cosa?
Giulio sar
processato per
furto.

I giudici
condannarono
Cicerone
allesilio.

introdotto:

Sono stato
punito con una
multa

1) dalle preposizioni semplici o articolate


a, con,
2) da espressioni come alla pena di
e dipende da verbi come condannare,
multare, punire.
COMPLEMENTI DI
AGENTE E DI
CAUSA EFFICIENTE

Il complemento di agente indica


lessere animato da cui compiuta
unazione espressa da un verbo di forma
passiva nei confronti del soggetto della
frase.
Il complemento di causa efficiente
indica la cosa da cui compiuta
unazione espressa da un verbo di forma
passiva nei confronti del soggetto della
frase.

Da chi?
Da che cosa?

Lallieva fu
lodata
dallinsegnante.

Luigi rimasto
colpito dalla tua
idea.

COMPLEMENTO
ESCLAMATIVO

Ah, me infelice!

COMPLEMENTO
CONCESSIVO

Malgrado la
pioggia siamo
usciti a
passeggio.

COMPLEMENTO
DISTRIBUTIVO

Hai indovinato
due tra le
cinque domande

COMPLEMENTO DI
PESO O MISURA

La scatola
pesava due chili.

COMPLEMENTO DI
ESTENSIONE

Il monte Cervino
si innalza oltre
4000 metri sul
livello del mare

COMPLEMENTO DI
DISTANZA

La nostra scuola
situata a due
chilometri dal
centro cittadino

COMPLEMENTO DI
ALLONTANAMENTO
O SEPARAZIONE

Luca stato
allontanato dalla
classe

COMPLEMENTO DI
ORIGINE O
PROVENIENZA

La lingua
italiana deriva
dal latino

COMPLEMENTO DI
ET

Maria si
sposata a
trentanni

COMPLEMENTO DI
PARAGONE

La mia auto
pi vecchia della
tua

COMPLEMENTO DI
ESCLUSIONE

Siamo partiti
tutti ad
eccezione di
Luigi

COMPLEMENTO DI
SOSTITUZIONE O
SCAMBIO

Per chi mi avete


preso?

Ho chiesto a lui
invece che a te
COMPLEMENTO DI
RAPPORTO

Ho fatto amicizia
con Rita