Sei sulla pagina 1di 15

TARARE IL MOSIN NAGANT 1891/30 CON

OTTICA PU
Scheda di Alberto De Carli - foto dell'autore. E' vietata la riproduzione
di questo articolo o di parti di esso, nonch delle immaini presenti,
senza il permesso dell'autore o di chi cura questo sito !eb.
"el mondo delle armi e# ordinanza le cosiddette versioni $sniper$, quelle
equipaiate con ottiche di puntamento, suscitano quasi sempre
l'interesse sia del collezionista che del semplice appassionato o tiratore.
%ra queste armi sicuramente quella in cui pi& facile imbattersi il
fucile 'osin "aant ()*(+,- con ottica ./.
Pagina 1 di 15 Taratura Ottica PU
16/06/2014 http://www.exordinanza.net/schede/TaraturaPU.ht!
0ltre ad alcuni esemplari oriinali, sul mercato sono presenti un elevato
numero di versioni fasulle. 1'enorme disponibilit2 di fucili *(+,- che
venono venduti a prezzi accessibili a chiunque ha incrementato questa
moda e oramai i cosiddetti $tarocchi$ non sono pi& di sola importazione
ma venono creati nei retrobottea delle varie armerie semplicemente
su richiesta del cliente o anche da privati possessori e tiratori che
maari possiedono un minimo di manualit2 e attrezzatura meccanica.
0ttiche e attacchi di produzione corrente sono di facile reperibilit2 e
con l'arrivo al cinema di un noto film la $produzione$- o melio
l'assemblaio - di queste armi aumentato considerevolmente.
3n qualsiasi armeria o poliono di tiro se ne possono visionare diversi
esemplari, pi& o meno fedeli ali oriinali, per non parlare di alcune
varianti fantasiose.
'olto spesso chi prova al poliono una di queste armi per la prima volta
scopre che il fucile in questione non perfettamente tarato, o perch4 la
cartuccia usata 5ricaricata o commerciale che sia6 differente da quella
per cui l'arma era oriinariamente reolata 5come nel caso di esemplari
oriinali che provenono da arsenali dell'e# blocco sovietico6 o perch4
l'attacco e l'ottica non sono stati montati correttamente.
E' bene ricordare che l'ottica ./ ha ,,7 inrandimenti e un campo visivo
di 89 e ,-'. 3l reticolo tipico dei cannocchiali di quell'epoca ed
costituito da un post verticale a punta e due post orizzontali.
"elle ottiche moderne il reticolo sempre perfettamente centrato
rispetto all'immaine visibile attraverso il cannocchiale e un movimento
delle torrette comporta lo spostamento del reticolo assieme all'intero
campo visivo. Ci: non avviene nell'ottica ./ dove il movimento delle
torrette 5alzo o deriva6 comportano un movimento del solo reticolo,
mentre il campo visivo rimane fisso.
Con la taratura ideale per una distanza scelta il reticolo deve essere
perfettamente centrato rispetto al campo visivo e i colpi sparati
dovrebbero andare a seno nel punto mirato, esattamente nel punto
indicato dalla punta del post verticale.
Pagina 2 di 15 Taratura Ottica PU
16/06/2014 http://www.exordinanza.net/schede/TaraturaPU.ht!
"el caso dell'uso al poliono di tiro su bersalio cartaceo un altro tipo di
taratura pu: essere usata. 'irando alle ore ; di un bersalio 5come per
esempio il bersalio da pistola standard /3%S per i 7- m o il bersalio
standard per armi e#-ordinanza per i ,-- m6 i colpi dovrebbero andare a
seno a una certa distanza superiore al punto mirato, corrispondente al
centro del bersalio.
Se l'arma spara molto in alto o molto in basso rispetto al punto di mira
l'attacco dell'ottica deve essere reolato operando sulle due viti
presenti sulla base fissata alla culatta. Se il colpo sparato colpisce un
punto inferiore a quello mirato bisona svitare la vite inferiore e
avvitare quella superiore, in modo da alzare la linea di mira dell'ottica
spostando l'intero attacco. <iceversa, se il colpo va a seno in un punto
superiore a quello mirato necessario svitare la vite superiore e
avvitare quella inferiore in modo di abbassare la linea di mira dell'ottica
spostando il relativo attacco. E' superfluo dire che una volta reolate,
queste due viti devono sempre essere fisse e strette con l'attacco, pena
una scarsa precisione e dispersione 5principalmente verticale6 dei colpi.
E' bene tener presente che un quarto di iro di queste viti comportano
uno spostamento di circa (7- mm su un bersalio posto a (-- m.
Pagina " di 15 Taratura Ottica PU
16/06/2014 http://www.exordinanza.net/schede/TaraturaPU.ht!
La foto mostra le vt !r"#!al !er re$olare l%atta##o &ell%ott#a PU'
Al !("to 1 e ) rs!ettvame"te la vte s(!erore e "ferore'
Il !("to 3 mostra la vte "e#essara !er *lo##are l%atta##o all%arma'
Al !("to + le vt &elle torrette, al !("to - e . le vt #/e fssa"o l%ott#a
all%atta##o'
.er reolare la deriva bisona intervenire sull'attacco, che presenta due
battute in rilievo nella parte posteriore dello stesso. Se i rilievi
presentano uno spessore eccessivo l'attacco e la relativa ottica
punteranno a destra rispetto a l'asse della canna, e l'arma sparer2 a
sinistra del punto mirato. 3n questo caso bisona asportare del materiale
dai rilievi posteriori all'attacco per portarlo perfettamente in asse.
=uesto un lavoro delicato perch4 se si asporta una quantit2 eccessiva
di materiale l'attacco sar2 rovinato e l'ottica punter2 a sinistra rispetto
all'asse della canna. E' bene procedere con piccole asportazioni in modo
da non andare sotto spessore. 3n questa operazione non si pu:
Pagina 4 di 15 Taratura Ottica PU
16/06/2014 http://www.exordinanza.net/schede/TaraturaPU.ht!
improvvisare e se non si certi di saper operare nel modo corretto
bene lasciar fare questo lavoro ad un armaiolo capace o ad una persona
competente.
Se l'attacco e la relativa ottica puntano a sinistra rispetto all'asse della
canna sinifica che i rilievi presenti sul retro dell'attacco hanno uno
Pagina 5 di 15 Taratura Ottica PU
16/06/2014 http://www.exordinanza.net/schede/TaraturaPU.ht!
spessore inferiore a quello corretto e se questo avviene i colpi sparati
vanno a seno in un punto a destra di quello mirato. =uesto avviene se si
asporta troppo materiale nel reolare un attacco 5come descritto poco
fa6 o talvolta nel caso si utilizzi un'attacco i2 reolato per un'altra
arma. Se si presenta questo inconveniente l'unica soluzione utilizzare
deli spessori molto sottili 5come ad esempio spessori di carta di spana
da pochi centesimi o decimi di millimetro6 per portare l'ottica il pi&
possibile in asse.
Se l'arma i2 tarata in linea di massima e diversi tipi di munizioni o
ricariche comportano diversi punti d'impatto sul bersalio non sar2
necessario eseuire le operazioni sopra descritte, ma baster2 reolare
le torrette dell'ottica. /n minimo spostamento, in particolare della
torretta dell'alzo, non comporta rossi problemi nel campo visivo del
cannocchiale e non disturba la mira.
1a torretta della deriva calibrata in milliradianti. 0ni tacca
corrisponde a un milliradiante, equivalente a circa (-- mm a cento metri.
La s#ala $ra&(ata &ella torretta &ella &erva 0 es!ressa " mllra&a"t
Pagina 6 di 15 Taratura Ottica PU
16/06/2014 http://www.exordinanza.net/schede/TaraturaPU.ht!
Se il colpo, o i colpi sparati sono in un punto diverso da quello mirato
bisona reolare le torrette in modo da portare il centro del reticolo nel
punto dove la pallottola andata a seno. .ersonalmente preferisco
eseuire una rosata di tre-cinque colpi e poi aire sulle torrette, maari
posizionando il reticolo nel centro della rosata. =uesta tecnica di
taratura viene usata con tutte le armi munite di ottica di puntamento,
siano esse destinate all'attivit2 venatoria o alla sola attivit2 di tiro al
poliono. Durante la reolazione l'arma deve rimanere perfettamente
fissa ed il movimento delle torrette comporta lo spostamento del
reticolo nel punto desiderato.
/na morsa per fucile pu: essere utile, ma questa operazione pu: essere
eseuita senza rossi problemi mantenendo l'arma fissa sui sacchetti o
sui rest posizionati sul banco di tiro.
1'ottica ./ non presenta una reolazione del reticolo molto fine ed
difficile tarare in maniera precisa l'arma con pochissimi colpi, al
contrario delle moderne ottiche di puntamento. >isona spesso
posizionare le torrette in punti $intermedi$ tra le tacche raduate e non
avendo punti di riferimento precisi l'unico metodo veramente efficace
quello di verificare il punto d'impatto sparando una serie di colpi.
Se la torretta dell'alzo viene ruotata in senso orario si ha un
abbassamento del reticolo ed un relativo innalzamento del punto di
impatto del proiettile. <iceversa un movimento anti-orario della torretta
comporta l'innalzamento del reticolo e l'abbassamento del colpo.
/n movimento in senso orario della torretta della deriva provoca uno
spostamento a destra del reticolo, mentre il movimento anti-orario
sposta il reticolo a sinistra. Se il cannocchiale non allineato
correttamente lo spostamento delle torrette provocher2 uno
spostamento in diaonale dei colpi.
/na taratura sommaria pu: essere eseuita trauardando attraverso la
canna e centrando il bersalio con essa. =uesta tecnica viene chiamata $
bore-sihtin$ 5letteralmente $taratura attraverso la canna$6. 1'arma
deve essere bloccata e il reticolo viene reolato finch non risulta
anch'esso allineato con il centro del bersalio. =uesta operazione pu:
anche essere eseuita aendo sulle viti presenti sulla base montata alla
Pagina # di 15 Taratura Ottica PU
16/06/2014 http://www.exordinanza.net/schede/TaraturaPU.ht!
culatta, come descritto prima. Come i2 detto questa una taratura
rossolana ma permette di colpire il bersalio in maniera sicura evitando
maari uno spreco di munizioni e poter cos@ eseuire in seuito una
reolazione pi& precisa. /n metodo analoo prevede l'uso di un puntatore
laser 5una falsa cartuccia o un puntatore da infilare nella canna a livello
della volata6. E' un metodo molto valido ma recenti disposizioni di lee
hanno bandito tali dispositivi che in passato sono stati usati in modo
improprio.
A mio parere la prima taratura non dovrebbe essere eseuita a distanze
superiori a cento metri e talvolta necessario eseuirla a distanze
ancora inferiori. /na volta tarata a questa distanza sar2 pi& facile
reolare la carbina per una distanza maiore, A---,-- metri o pi&. E'
bene ricordare che qualora si volia sparare a luna distanza con
quest'arma tarata maari a (-- m, non sar2 sufficiente operare sul solo
alzo dell'ottica ma sar2 anche necessario compensare in deriva li errori
causati da un ottica non centrata con l'asse della canna. =uesti errori si
amplificano al crescere della distanza. 3noltre bene ricordare che al
crescere della distanza il passo di riatura destroso della canna porter2
la palla a colpire un punto a destra rispetto al punto mirato.
Svitando o semplicemente allentando le due piccole viti presenti su oni
torretta possibile spostare e reolare la relativa scala raduata rispetto
alla tacca marcata sulla base della torretta. =uesto consente di raduare
correttamente l'ottica per una distanza scelta.
=uesta operazione va eseuita utilizzando un cacciavite di dimensioni
idonee, per evitare di rovinare il talio delle viti. .articolarmente indicati
sono alcuni cacciaviti per oroloeria ma altrettanto idonei sono quelli
presenti in commercio, di pi& facile reperibilit2. A seconda delle necessit2
tali cacciaviti possono essere opportunamente affilati cos@ da adattarsi
perfettamente al talio della vite.
1a stessa cosa valida e consiliata per le altre viti presenti sull'arma e
per tutte le armi in enerale, siano esse e# ordinanza oppure no.
1a tecnica descritta poco fa permette di reolare la scala raduata
dell'ottica, correzione che per: limitata per una distanza scelta. 1a
radazione numerica difficilmente coincider2 con le traiettorie delle varie
munizioni, a meno che non venano utilizzate cartuccie oriinali per cui
Pagina $ di 15 Taratura Ottica PU
16/06/2014 http://www.exordinanza.net/schede/TaraturaPU.ht!
l'ottica era oriinariamente calibrata 5il cui uso comunque sconsiliato
per diversi motivi6 o versioni di contemporanea produzione che ne
riproducano fedelmente le caratteristiche. 1a discrepanza tra il valore
espresso sulla scala raduata e il punto di impatto del proiettile aumenter2
al crescere della distanza tra tiratore e il bersalio.
3 fucili *(+,- sono in rado di dare randi soddisfazioni e ottime rosate.
Spesso si sente dire o si lee che possibile ottenere una precisione di
circa un '0A 5corrispondente a ( pollice- A7,8mm - a (-- Bard6
utilizzando ottime cartucce commerciali o una ricarica corretta, e tale
affermazione corrisponde al vero. 3n media una di queste armi con la
riatura in ottime condizioni dovrebbe essere in rado di effettuare
rosate tra i A7 e i ,7 mm a (-- metri.
Anche se non sempre una costante 5a causa di svariati motivi6,
possibile posizionare i colpi sparati molto vicini tra loro, in modo da
formare un unico foro sul bersalio.
0vviamente oni arma differente e chi ha un po' di esperienza sapr2
che vi sono esemplari pi& precisi rispetto ad altri.
Pagina % di 15 Taratura Ottica PU
16/06/2014 http://www.exordinanza.net/schede/TaraturaPU.ht!
U"a rosata me&a & 8 #ol! s!arat a 100 metr #o" (" 91/30 m("to & ott#a
PU'
La &sta"1a tra *or& ester" &ella rosata 0 & 3- mm me"tre #orrs!o"&e a 30
mm tra #e"tr'
U"a rosata & #"2(e #ol! a 100 m'
.er ottenere le massime prestazioni bene sparare da un banco di tiro,
con l'uso di rest o sacchetti riempiti di sabbia. 1e viti dell'arma,
dell'attacco e della base fissata alla culatta devono essere ben strette,
pena un movimento delle parti dell'arma che si riflette neativamente
sulla precisione.
3l fucile deve essere tenuto dal tiratore con una presa salda. 1a tecnica
usata dai tiratori di >ench Cest di lasciare l'arma libera durante il
rinculo non adatta alle armi e# ordinanza o alle carabine da caccia.
Pagina 10 di 15 Taratura Ottica PU
16/06/2014 http://www.exordinanza.net/schede/TaraturaPU.ht!
1'occhio deve essere posizionato a una distanza tale dall'ottica 5circa D-
- D7 mm6 da poter vedere interamente e in maniera nitida l'immaine
presente all'interno del cannocchiale.
L%mma$"e "t&a #ome &eve a!!arre attraverso l%ott#a PU'
1'occhio deve anche essere centrato cos@ da evitare errori di parallasse,
molto evidenti in questo particolare cannochiale.
Se l'occhio troppo lontano o troppo vicino,
Pagina 11 di 15 Taratura Ottica PU
16/06/2014 http://www.exordinanza.net/schede/TaraturaPU.ht!
nonch4 troppo a destra o a sinistra,
Pagina 12 di 15 Taratura Ottica PU
16/06/2014 http://www.exordinanza.net/schede/TaraturaPU.ht!
o in alto e in basso,
Pagina 1" di 15 Taratura Ottica PU
16/06/2014 http://www.exordinanza.net/schede/TaraturaPU.ht!
il tiratore vedr2 deli aloni scuri sul bordo delle lenti. Se questo avviene
il colpo sparato andr2 a seno in direzione opposta all'alone scuro che si
vede all'interno dell'ottica. 3noltre il reticolo non deve apparire
$curvato$, fenomeno tipico del parallasse. A causa della posizione
dell'ottica questa non cosa facile da fare se si spara dal banco. >isona
Pagina 14 di 15 Taratura Ottica PU
16/06/2014 http://www.exordinanza.net/schede/TaraturaPU.ht!
assumere una posizione abbastanza scomoda, ma assolutamente
necessaria.
3l reticolo deve essere usato anche per controllare l'inclinazione
dell'arma, fenomeno che influisce notevolmente sul punto di impatto dei
colpi, sempre a patto che l'ottica sia stata montata in maniera corretta.
E' bene sparare con calma, senza fretta. 1asciare raffreddare la canna
del fucile spesso importante per evitare una dispersione dei colpi. 3n
enere nel periodo estivo la canna si scalder2 velocemente e dopo un paio
di colpi sar2 maari necessaria una pausa. "el periodo invernale
possibile anche eseuire una rosata completa di cinque-dieci colpi in un
tempo piuttosto limitato prima che la canna si scaldi.
E' inoltre consiliabile il controllo delle viti dell'arma, dell'attacco e
della base fissata alla culatta dopo aver sparato alcuni colpi. 1e viti
possono allentarsi con le vibrazioni causate dallo sparo.
E' inoltre possibile che il rinculo dell'arma aisca sulle viti delle torrette
dell'ottica o sulle torrette stesse causando uno spostamento del
reticolo. =uest'ultimo un problema difficile da risolvere se avviene
anche quando le viti presenti sulle torrette sono ben strette, in quanto
un problema leato al cannocchiale.
Pagina 15 di 15 Taratura Ottica PU
16/06/2014 http://www.exordinanza.net/schede/TaraturaPU.ht!