Sei sulla pagina 1di 23

Monitoraggio Terapeutico dei Farmaci

Lo scopo di aiutare il clinico nel dosare un farmaco quando la Soglia Terapeutica vicina a quella di
Tossicit al fine di ridurre i rischi di effetti collaterali/tossici e aumentare i benefici della terapia.

Tale metodica che si effettua su Sangue Venoso si basa sullo studio delle caratteristiche dei farmaci:

1)FARMACODINAMICA, che studia la relazione tra [ ] ed effetti.

2)FARMACOCINETICA, che studia la relazione temporale tra dose e concentrazione del farmaco(e dei
suoi metaboliti) nei fluidi biologici
,dipende da Assorbimento, Distribuzione, Metabolismo e Eliminazione del
farmaco, Fattori Ambientali, Caratteristiche Geniche di Popolazione.
,non dipende dal Meccanismo dAzione del Farmaco.

N.B. Il legame Proteina-Farmaco:

- Aumenta (quindi vi pi concentrazione di farmaco disponibile) con Ipoalbuminemia ,Ustioni ,ecc.
- Diminuisce (quindi vi meno concentrazione di farmaco disponibile) con IMA, Neoplasie ,ecc.

LEmivita di un farmaco T/2,ovvero il tempo impiegato perch la concentrazione del Farmaco
diminuisca del 50%; dalla conoscenza di essa ricaviamo il tempo necessario per raggiungere lequilibrio
tra quantit di farmaco somministrata e quella eliminata ,ovvero lo STEADY STATE (unico intervallo in
cui ha senso effettuare il dosaggio di un farmaco e corrisponde a 5 emivite)

La somministrazione di un farmaco ideale , la [farmaco] plasmatica aumenta fino alla [ ]sierica di picco
per poi cominciare ad essere eliminata dal rene e giungere a 0.

La Curva Concentrazione/Tempo, propria per ogni farmaco ci da informazioni sullintervallo tra la
somministrazione di una dose e laltra per raggiungere una [ ] terapeutica.

utile eseguire il TDM se:
a) lIntervallo Terapeutico ( determinato [ ] cui si associa un alto grado di efficacia e basso rischio di
tossicit) Ristretto
b) Variabilit Cinetica tra gli individui
c) Per verificare la COMPLIANCE del paziente al trattamento
d) Risposta Terapeutica non pu essere verificata
e) I Pazienti sono in condizioni Fisiologiche o Patologiche tali da poter modificare la cinetica del farmaco
in modo non prevedibile
f) Si modifica il dosaggio dopo aver raggiunto lo STEADY STATE
g) Poli-farmaco Terapia

I Farmaci dosati sono: Amino-glicosidi, Ciclosporina, Litio, Metotrexato , B-bloccanti, Cloramfenicolo e
Morfina.

I Problemi associati alla terapia farmacologica sono:
1) Dosaggio Insufficiente
2) Idiosincrasia Individuale
3) Interazioni Farmacologiche influenzate da Spiazzamento dei siti dazione e Competizione del
metabolismo Epatico e Renale

Le Reazioni Metaboliche dei farmaci si suddividono in:
- Ossidative ( Idrossilazione, Idrolisi e De-aminazione)
- Coniugative (Metilazione e Acetilazione)

Le Metodiche Analitiche Adottate sono le Tecniche Cromatografiche, Spettroscopiche e
Immunochimiche( EIA, FIA, NIA, RIA)

Il Prelievo dei Campioni si effettua su Plasma, Siero, Urine e Saliva


Funzioni del Rene
1) Regolazione dellH20, degli elettroliti e bilancio osmolale
2) Regolazione dellequilibrio Acido-Base
3) Eliminazione dellorganismo dei prodotti finali del catabolismo e sostanze tossiche
4) Trasformazione della Vit.D nella sua forma metabolicamente attiva (25-idrossicolecalciferolo)
5) Produzione di sostanze di natura endocrina (Renina) da parte dellapparato iuxtaglomerulare e
produzione di EPO(eritropoietina)

FILTRAZIONE GLOMERULARE:
Si verifica a livello dei corpuscoli renali attraverso la membrana semi-permeabile( che separa lo spazio
circolante dalla capsula di Bowman)
dovuta a differenza pressoria tra Pressione Ematica Idrostatica (90mmHg), Pressione Intra-capsulare
(15mmHg) e Pressione Oncotica delle proteine plasmatiche (25mmHg)
Le proteine Plasmatiche non attraversano facilmente la membrana a causa del loro diametro superiore ai
pori di questultima , alla loro carica negativa respinta dai GAG (negativi) dello Spazio di Bowman e dai
processi Pedicellari (negativi) della membrana semi-permeabile.
Il rene filtra 190 L di Pre-urina ogni giorno riducendola ad 1-1,5 L di urina grazie a meccanismi di
Filtrazione Glomerulare, Secrezione e Ri-Assorbimento (attraverso il Trasporto Passivo e Attivo)
allinterno dei Tubuli (lunghi e corti).
La diversa attivit dei rami dellansa di Henle determina un progressivo aumento della Pressione
Osmotica del Liquido Interstiziale dalla Base allApice delle piramidi del Malpighi, mentre i Vasi Retti
paralleli allansa hanno la funzione di conservare il Gradiente osmotico creato dallansa stessa.( I dotti si
trovano quindi circondati da un liquido interstiziale Ipertonico rispetto al plasma) MECCANISMO
CONTRO-CORRENTE
Presso la membrana basale dei tubuli vi sono molecole di Eparinoidi Solfati carichi negativamente che
fungono da scambiatori ionici.

N.B.) Per alcune sostanze (Glucosio, Fosfati, AA, Acido Ascorbico) vi una quantit fissa che pu essere
riassorbita Soglia Renale, il restante invece eliminato con le urine.

N.B.) Secrezione tubulare + Filtrazione Glomerulare consentono di eliminare rapidamente sostanze come
quelle Tossiche.

CLEARANCE RENALE:
Volume di Plasma depurato di quella sostanza nellunita di tempo attraverso lattivita renale.
il risultato finale dei meccanismi di Filtrazione, Ri-Assorbimento e Secrezione.

Clearence = [(UxV)/ P ] x (1,73)/A (ml/min)


Con U= [ ] urinaria della sostanza (mg/ml)
V= velocit flusso urinario (ml/min)
P= [ ] plasmatica della sostanza (mg/dl)
1,73 (m) = superficie corporea standard
A= superficie corporea del paziente (m)

Ex.1) CREATININA CLEARANCE:
Importante e Comodo Parametro di Funzionalit Renale.
La sua escrezione giornaliera una costante dellindividuo.
Essa contenuta nel muscolo ed lunica forma mediante la quale pu essere eliminata la Creatina.
Dosiamo la clearance conoscendo i valori a livello ematico e urinario( la sola determinazione plasmatica
riduttiva)
I valori della Creatinemia possono rimanere invariati nella prima fase di una Insufficienza Renale,
tuttavia negli stadi avanzati non pi affidabile come indice a causa della secrezione aumentata di
creatinina da parte delle cellule tubulari che normalmente sarebbe del 10%.

Ex.2) PROVA FUNZIONALITA RENALE:
Lunica sostanza Filtrata e immediatamente Eliminata lInulina.
Essa non presente nel Sangue e per questo deve essere iniettata per via Endovenosa.

Ex.3) URA:
Costituita normalmente per il 50% da N, per il 70-80% in condizioni patologiche.
Formata dal Fegato attraverso lNH3 del Catabolismo proteico.
La sua Clearance inferiore a quella della creatinina.
NellInsufficienza Renale si ha un Aumento del Riassorbimento dellUrea perci diminuisce il Filtrato
Glomerulare e Aumenta la [ ] ematica di Urea.
Le Cause di Aumento dellUremia sono:
- Ritenzione delle Urine
- Scompenso Cardiaco
- Dieta Iper-Proteica
- Emoconcentrazione
- Disidratazione

CLERANCE OSMOLALE E CLEARANCE DELLACQUA LIBERA
OsmU con OsmU = Osmolarit Urina
C(osm) = ---------- x V OsmP = Osmolarit Plasma
OsmP V = Volume Diuresi Urine/ min

>0 ( quando indica la presenza di urine di acqua in eccesso rispetto
allisotonicit del plasma Urine Diluite)
7
C(H2O-libera) = V C(osm)
N
>0 ( quando indica la presenza nelle urine di acqua
in difetto rispetto alla
isonicit del plasma Urine Concentrate
Acqua Legata = Volume idrico richiesto per eliminare con le urine un carico osmotico sotto forma
isoosmolare (rispetto al plasma)
Acqua Libera = Volume idrico che dovrebbe venire aggiunto a urine iperosmotiche, oppure sottratto ad
urine ipoosmotiche per raggiungere la isosmolarit

N.B. FLUSSO PLASMATICO RENALE:
- Corrisponde allincirca a 650 ml/min ( pari ad un flusso ematico renale di 1000ml/min
- Calcolabile grazie al PAI (acido para amino ippurico) la cui Clearance uguale alla portata renale

FRAZIONE DI FILTRAZIONE: rapporto tra filtrato glomerulare(GFR) e flusso plasmatico renale(RPF)
GFR
FF% = -------- x 100
RPF
Esami delle Urine
Essi ci danno informazioni circa:
- condizioni anatomiche e/o funzionali del rene
- alterazione delle vie urinarie
- eliminazione anomala di sost. isogene
Da effettuare sul campione raccolto max entro 1-2 h.
Lanalisi di routine comprende:

1) ESAME FISICO, con il quale andiamo a valutare:
-;
-Peso Specifico: 1,01-1,03 (<insufficienza renale) (<<Diabete insipido)
-Odore: Aromatico (odore di NH3 puo indicare la presenza di germi)
-Aspetto: Trasparente e Limpido (Torbido in caso di processi infettivi,Schiumoso in caso di
proteinuria)
-Colore Normale: Giallo Paglierino
Patologico: Giallo-Arancio Intenso (Urobilinogeno in eccesso)
Giallo-Oro (possibile presenza di Riboflavina, tetraciclina ,ecc.)
Marrone o Marsala (Bilirubina, farmaci, rifampicina, ecc.)
Marrone Verdastro (Bilirubina)
Rosso Limpido (Hb, Mb)
Bruno Nerastro che aumenta nel tempo (Alcaptonuria e residui Tyr)
Blu-Verde (Riboflavina e Infezione da Pseudomonas)
Incolore e Molto Diluita (Glomerulonefrite e/o Diabete Insipido)

2) ESAME CHIMICO, in C. N. non ritroviamo:
- pH (in genere Acido tuttavia puo diventare Basico dopo un pasto proteico o per la
presenza di batteri che trasformano lUrea in NH3)
- Glucosio (iper/ipo-glicemia) ( normale la glicosuria fino a 150 mg/dl)
- Chetoni (Diabete non compensato o Digiuno prolungato o sforzi fisici intensi o febbre)
- Proteine ( Patologie associate a danno glomerulare) ( valori normali 50mg/die)
- Bilirubina Coniugata (Ittero)/ Non Coniugata (poich idrosolubile)
- Urobilina (aumentata escrezione di Bilirubina come nelle intense Emolisi)
- Nitriti (presenza di batteri che metabolizzano lN) (qualora vi fossero si consiglia di
controllare la presenza di Leucociti allesame Microscopico)
- Emoglobina (presenza di Eritrociti)
- Pigmenti Biliari

3) ESAME MICROSCOPICO, in C. N. non ritroviamo:
- Ematuria, che dipende dalleccessivo passaggio di Emazie(Acantociti) attraverso la
membrana glomerulare o da sanguinamento delle Vie Urinarie
- Emoglobinuria, dovuta ad Emolisi Intravascolare quando lHb libera eccede la
quantit di saturazione dellAptoglobina
- Leucocituria, solitamente Polimorfonucleati a causa della loro capacit migratoria in
caso di infezione
- Cellule Epiteliali, dovute allo sfaldamento della mucosa delle Basse Vie Urinarie
- Cilindri, (Ialini, Epiteliali, Granulosi, Leucocitari ed Ematici derivano dalle proteine che
Gelificano allinterno del lume dei tubuli (grandi) assumendone la forma.


Equilibrio Acido-Base
Si intende lequilibrio tra HCO3 e H.
Per Valutare lentit della dellequilibrio Acido-Base si tengono da conto alcuni parametri:

pCO2= 35-45
pH= 7,38-7,42
pO2= 83-108 mmHg
HCO3 Attuali ( calcolati tramite pH e pCO2)
HCO3 Standard = 21-27 mEq/L
Attuali Eccesso di Basi e CO2 totali ( per adeguata correzione Acido-Base)
Gap Anionico, differenza tra gli Anioni e i Cationi Sierici [(Na+ + K+)-(HCO3 + Cl)] ed esprime
gli anioni non dosabili(proteine , fosfati, acidi organici e non)
, 8-12 mol/L
, costituisce una valutazione approssimativa degli ioni non misurati, tra cui Ca++,
Mg++,proteinati,fosfati e acidi organici


Le Alterazioni dellequilibrio Acido-Base possono accompagnare differenti malattie:


-ACIDEMIA, condizione patologica che produce un abbassamento del pH nel sangue(<7,38)
,effetti: - riduce la contrattilit miocardica
- induce Ipertono Vagale
, con pH<7,1 comporta il rischio di arresto cardiaco
, possiamo trovarne di due tipi:

1. Acidosi Metabolica, vi un q della produzione di [H+] (quindi si + pH ) e + [HCO3] (per
tamponare gli H+ in eccesso) oltre che va ad aumentare la ventilazione
polmonare
, a) se il GAP ANIONICO ELEVATO: insufficienza renale cronica avanzata,
acidosi lattica , cheto-acidosi e ingestione di metanolo
, b) se il GAP ANIONICO NORMALE : acidosi tubulare renale, diarrea ,deficit di
aldosterone e cheto-acidosi diabetica trattata
, si attuano meccanismi di: ) Compenso : Aumenta la ventilazione polmonare e
quindi + [pCO2]
) Correzione: i reni eliminano NH4+( eliminando gli
H+ in eccesso)

2. Acidosi Respiratoria, la ventilazione polmonare insufficiente ad eliminare la CO2 (che quindi q e
va rilevarsi a in un eccesso di acido carbonico che subito si converte in q
HCO3)
, si ha risposta con compenso renale: escrezione renale di H+ con NH4+ e
secrezione di nuovo HCO3
, lipoventilazione pu essere Acuta(Edema, Pneumotorace e Arresto Cardiaco)
o Cronica (BPCO, Ustioni e Poliomelite)

-ALCALEMIA, condizione patologica che produce un innalzamento del pH nel sangue(>7,42)
, riduce il Flusso Ematico Cerebrale causando Ipossia
, possiamo trovarne due tipi:

Alcalosi Metabolica, con q [HCO3] q [pCO2] + [H+] qpH
, legata a disturbi del metabolismo del K+
, la compensazione vede una eliminazione dellHCO3 in eccesso ed una
diminuzione della Ventilazione Alveolare

Alcalosi Respiratoria, +della pCO2 dovuta a Iperventilazione polmonare, Sepsi, Embolia Polmona e
Febbre( corrette con Ipofosfatemia, Sedazione e Re-Breathing)

a. Acidosi Metabolica : q [H+] +pH + [HCO3] +pCO2
b. Acidosi Respiratoria : q [H+] +pH q [HCO3] qpCO2
c. Alcalosi Metabolica : + [H+] qpH q [HCO3] qpCO2
d. Alcalosi Respiratoria : + [H+] qpH + [HCO3] +pCO2



Sistemi Tampone
Sono : -INTRACELLULARI: proteine , fosfati, Hb degli eritrociti
-EXTRACELLULARI: proteine e proteinati, fosfati mono-/bi-sodico e Acido Carbonico

Il plasma contiene 4 sistemi tampone:
Acido Carbonico(H2CO3)-Bicarbonato di Sodio(NaHCO3):

a. HCO3 + H+ <--> H2CO3<-->CO2+ H2O (lequazione tende a Dx)
b. Meccanismo molto Veloce negli Eritrociti(per la presenza di Anidrasi Carbonica) e Lenta
nel Plasma
c. LEq. Di Henderson-Hasselbach indica che il potere tampone del sangue dipende dalla
[HCO3] e dalla pCO2 Alveolare

[H+] x [HCO3]
K = ----------------------
pCO2

Fosfato Monosodico (NaH2PO4)-Fosfato Bisodico (Na2HPO4)
Proteina(H-prot. Per neutralizzazione Base Forte)-Proteinato di Sodio (Na-prot. per
Neutralizzare Acido Forte)
Acidi Organici-Sale di Sodio degli Acidi Organici

I Sistemi Tampone controllano molto peculiarmente la pH nel sangue grazie alla produzione e
ritenzione di acidi e basi. (Es. H2CO3-HCO3, in N. di molecole di HCO3 20 volte Maggiore del N. di
quelle di H2CO3 e mantiene un pH a 7,4)
Anche i Reni e i Polmoni contribuiscono al mantenimento di questo equilibrio.

EQUILIBRIO IDROSALINO, mantenuto tale dal fatto che assumiamo ogni giorno quantit di H2O pari a
quelle che perdiamo
, la [ Elettroliti ] nel Sangue = Equilibrio Cationi-Anioni = 148
, il Na+ come ione ha un ruolo fondamentale per determinare losmolarit del
plasma e di altri liquidi biologici
, il Rene come Organo ha un ruolo fondamentale mediante meccanismi di
Escrezione e Riassorbimento al fine di Eliminare gli Idrogenioni e
Ritenere/Eliminare i cationi regolando anche il
Riassorbimento/Eliminazione di H2O (sotto controllo di ADH).
, per Valutare i suoi valori si tiene da conto della [Na],[K] e [Cl] nel plasma che
sfocia in unosmolarit di 285-310 nel Siero e 300-900 nel Urine.
(Es. se Na> 150-160 mmol/L nel plasma = Disidratazione)
, situazioni Patologiche:
1. Ipo-/Iper-Sodiemie ( Perdite/Insufficiente apparato Idrico)
2. Ipo-/Iper-Potassiemie (Apparato Inadeguato/ Disidratazione)

Diabete
Il diabete un disordine metabolico caratterizzato da un Deficit di Insulina a livello tissutale.
Si classifica in:

-PRIMITIVO, pu essere causato da:

1. Incapacit del Pancreas a produrre quantit sufficienti di Insulina
2. Produzione Pancreatica di un Insulina Anomala
3. Alterazione dei Recettori specifici per linsulina
4. Presenza di fattori antagonisti che accelerano linibizione dellinsulina
5. Presenza di anticorpi Anti-cellule Insulinogene

, in base alla gravit e al decorso si pu ulteriormente dividere in:

Insulino-Dipendente 1 Tipo dovuto a pregresse
malattie pancreatiche virali con conseguente
Chetoacidosi.(soprattutto per soggetti con spiccata
reattivit immunitaria capaci di produrre anticorpi
contro il Virus, anticorpi Anti-Insula ICA e
anticorpi Anti-Insulina) (150 mg/dl)
Insulino-Indipendente 2 Tipo in cui si rileva un
alta quantit di Insulina ma con scarso numero di
Recettori che ne riducono leffetto (colpisce
soprattutto i soggetti Obesi) (Scarsa Chetoacidosi)

-SECONDARIO, viene secreta minor quantit di Insulina come conseguenza ad altre patologie sia
Pancreatiche(infiammazioni, pancreatiti e malattie autoimmuni) che
Endocrine(Acromegalie ,Cushing , Iperaldosteroidismo)
, si nota un qdella resistenza dei Recettori Periferici Insulinici
, fattori Favorenti sono Obesit , Mancanza di Attivit Fisica e et >40 anni
, si nota Iperglicemia.

DIAGNOSI DI DIABETE MELLITO, si basa su:

- Valore Elevato di Glicemia a Digiuno ( da effettuare nelladulto su sangue Venoso)
( se >130-140 mg/dl a Digiuno Diabete)
( se Non diminuisce a 120 mg/dl 2h dopo un pasto necesssario controllare la Tolleranza al
Glucosio attraverso lOGGT Oral Glucose Tollerance Test)

N.B. OGGT, prova molto semplice che si attua con la somministrazione , ad un paziente adagiato sul
fianco Dx ,di 50-75g di Glucosio a Digiuno da almeno 4-5h, previa assunzione di almeno
150-250g di carboidrati al giorno nei 3 giorni precedenti
, si eseguono prelievi al tempo 0-30-60-90-120-150
, risulta Normale se la Glicemia Non supera 160 mg/dl (8-9 mmol/L) e Non compare
glicosuria
,dopo la somministrazione di Glucosio il valore glicemico dipende da :
Velocit di Assorbimento Intestinale di Glucosio
Volume di Distribuzione del Glucosio
Velocit di Scomparsa di Glucosio nel Sangue

- Alterazione della Tolleranza Agli Idrati di Carbonio
- Glucosio nelle Urine( il cui valore soglia 10mmol/L) [su campione di urine frazionate o su campione
raccolto da <1h]
- Chetoacidosi dovuta a deficit di Insulina accompagnata da mancata metabolizzazione dei Corpi
Chetonici (alito Acetonico, respiro di Kussmaul)

Nei Bambini si basa su : - Sintomatologia Classica (Poliuria, Polifagia , Polidipsia e Glicosuria)
- Glicemia >200mg/dl
- da effettuare su sangue capillare
Nei Soggetti in Gravidanza si basa su : - Glicemia a Digiuno >105mg/dl
- Glicemia dopo 1h 190 mg/dl
- Glicemia dopo 2h 165 mg/dl
- Glicemia dopo 3h 145 mg/dl
(Non si effettua OGGT ma solamente dei normali prelievi)

PARAMETRI GLICEMIA: (mg/dl)
Plasma Venoso Sangue Venoso Sangue Capillare

A Digiuno: <115 <110 <110

Dopo Carico Orale di Glucosio: <200 <180 <200

Dopo 2h dal Pasto: <140 <120 <140

N.B. Sotto tali Valori si Parla di Ridotta Tolleranza al Glucosio & Sopra di questi di Diabete


N.B. METABOLISMO DEL GLUCOSIO:

Il glucosio di siero e plasma sono il 10% piu alti di quelli ematici a causa del minore
contenuto idrico eritrocitario
Le reazioni enzimatiche usate per i metodi di misura:
1. -D-Glucosio + H2O + O2--glucosio ossidasi--> Acido gluconico+H2O
2. Accettore di ossigeno+H2O2---perossidasi--->Cromogeno rosso + H2O2
(come accettore non si usano piu le Amine ma molecole come il reattivo di trinder)
3. Metodo di Esochinasi glucosio-6-fosfato deidrogenasi
(Glucosio + ATP---esochinasi---> glucosio 6 fosfato+ ADP)
(glucosio 6 fosfato+NAD(P)--- G6PDH---> 6 fosfoglicerolo + NAD(P)H)

TEST DI MONITORAGGIO DEL DIABETE:

1. Di Routine (Test Glicemico in stick)
2. Dubbi diagnostici e Soggetti a Rischio (OGGT, Profilo Glicemico nel tempo, Glicemia 2h
pasto)
3. Approfondimenti Diagnostici (Curva Insulinemica , Curva Peptide C, Misurazione ICA e
Misurazione Anti-Insulina)
4. Monitoraggio in 6-12 settimane, si misura la % di Hb Glicosilata:
I. <6,3% Ottimo Controllo
II. >9 % Cattivo Controllo
III. <6,1 % Esclusione Diabete

CURVA INSULINEMICA:

Soggetto Normale, dopo 1h Picco
, dopo 2h Torna Normale

Soggetto Patologico, con Diabete 1 Tipo dopo 1 o 2h Insulina Invariata
, con Diabete 2 Tipo dopo 1h Picco Insulinemia (>90mg/dl)
dopo 2h Insulina Diminuisce tuttavia a
livelli superiori alla norma
TECNICHE DEL DOSAGGIO DI GLUCOSIO:
- Metodo Enzimatico, a) -D-Glucosio + Glucosio Ossidasi Acido Gluconico + H2O
, b) con Esochinasi che quantifica il Glucosio con formazione di NADH
- Metodo Chimico , con Ortotoluidina che lega Glucosio, Lattosio, Saccarosio, Maltosio e Galattosio
(impreciso) scatenando un colore verde , la cui intensit viene rilevata allo
Spettrofotometro (poco costoso)

TTG INTRAVENOSO, per diabetici con disfunzioni intestinali
, si somministrano 0,5 g per Kg di peso corporeo
, si preleva il sangue a 1 3 5 10 20 30 40 60 120

IPOGLICEMIA, si rileva se la Glicemia <40mg/dl
, riproduce il quadro clinico dellAnossia Cerebrale
, ve ne sono di 2 tipi:
a) A Digiuno, causata da Iper-Surrenalismo, Insufficienza Surrenalica e Ipofisaria
b) Reattiva Alimentare, in cui vi un rapido assorbimento di glucosio che scatena una
rapida produzione di insulina che abbassa subito e di molto la
Glicemia (soprattuto nei pazienti operati al Sist. GastroEnter.)
c) Reattiva Funzionale, con sintomi di Mal di Testa e Stanchezza.
Marcatori di Danno Cardiaco
Cardiopatia ischemica: meccanismo fisiopatologico che solitamente, da una rottura di una placca
aterosclerotica pu dare vita a Trombosi occlusiva o spasmo coronarico, attuando una diminuzione del
flusso sanguigno che a sua volta andr a far diminuire la [O2] nella suddetta area.

A rischio sono : -Dislipidemici
-Ipertensivi
-Diabetici
-Stressati
-Uomini
-Obesi
-Sottoposti a sforzi fisici intensi

IMA , Infarto Miocardico Acuto una cardiopatia ischemica diagnosticabile con Aumenti x2volte del
solo marker CK-MB in circolo.

Un marcatore ideale non esiste ,per cui devono essere associati diversi di loro, infatti nella Diagnosi
precoce viene usato un Protocollo che consiste nel dosaggio ,in ordine, di :

-Mioglobina , al fine di notare se ci sono stati Re-Infarti nei 4 gg precedenti.
-Troponina, gold standard molto sensibile per lIMA e specifico.
-CK-MB, al fine di valutare lestensione della necrosi
I vecchi marcatori sono:
AST o GOT, Aspartato-Trasferasi
, in condizioni normali 5-30 U/ml
, si dosa tramite analisi Spettrofotografica
, q 8-12h qq 24-48h ++4-7 gg
LDH: LDH1, Lattato-Deidrogenasi
, in condizioni normali 10-16 U/ml
, q 12-24h qq 24-48h ++ 7-10 gg
, LDH-1 nellIMA 2 e 3 nelle Patologie Polmonari 4 e 5 nelle Patologie Epatiche
CK, Creatin-Fosfochinasi
, Creatina + ATP <--> Fosfocreatina + ADP
, dimero costituito da 2 monomeri (M e B)
, presente nel muscolo cardiaco e in piccole quantit nel muscolo scheletrico e muscolo liscio
di stomaco, vescica e utero.
, indica lestensione del danno necrotico
, q 4-6h qq 16-24h ++ 3-4 gg

Gli enzimi AST e LDH sono marcatori ormai obsoleti perche non sono ne precoci, ne specifici( si trovano
anche in altri tessuti oltre al miocardio)

Il rilascio dei marker nel siero dipende da :
1. Concentrazione
2. Dimensione
3. Peso molecolare
4. Cinetica di rilascio
5. Sensibilit e specificit

Vengono eliminati per captazione da parte di organi parenchimatosi e filtrazione glomerulare.

Attuali marcatori di lesione ischemica sono:

MIOGLOBINA, 0-116 ng/ml
, trovandosi in molti tessuti, il dosaggio della Mb nel tessuto muscolare viene
effettuato tramite il dosaggio dellAnidrasi Carbonica III
, il MARKER PIU PRECOCE
, q 1-2h qq 6-12h ++ 24-36h
, pu aumentare anche in Attivit fisica intensa o Danno Muscolare

TROPONINA, complesso proteico di 3 sub-unit (C,T,I)
, si trova nel muscolo Scheletrico, Liscio e Cardiaco
, 6% libera nel citosol Rilascio Precoce dopo un Danno Minimo
, 94% legata a miofilamenti Rilascio Tardivo
, La troponina T q1-6h qq 10-24h ++14 gg
, La troponina I q 2-6h qq 28-36h ++ 5-7 gg


MARCATORI EMERGENTI DI LESIONE ISCHEMICA DEL MIOCARDIO:

1. MARKERS DI NATURA LIPIDICA: - lipoproteina A (Lpa+Fibrinogeno= meccanismo di progressione
della Placca) se >30 mg/dl
- Colesterolo
-Proteine Remnant

2. MARCATORI SISTEMICI (PCR in condizioni normali il fattore di rischio maggiore di IMA futuro)

3. MARCATORI DI NATURA PEPTIDICA: - Miosina ( in circolo solo dopo lisi cellulare completa)
Catene leggere MLC sono markers precoci
pesanti MHC sono markers per diagnosi a
posteriori
- Glicogeno-Fosforilasi(markers precoce di IMA, dopo 2-3 h
dolore toracico)
- Proteine leganti acidi grassi ( marcatore rapido con cinetica
simile a Mb ma non specifico,
ma utilizzabile come marker
di estensione del danno)
- Peptidi Natriuretici.( atriali, cerebrali e endoteliali)






Lipoproteine Plasmatiche
Le classifichiamo in: Chilomicroni, VLDL , IDL ,LDL, HDL, e Lp(a). Ciascuna classe non rappresenta un
gruppo di molecole di composizione omogenea, ma uno stato di transizione continuo da una classe
allaltra di molecole.

CHILOMICRONI, <10mg/dl
, i cofattori sono APO-B 48 / APO-B 100 / APO-E
, composizione: a) Trigliceridi 90%
b) Colesterolo 4%
c) Fosfolipidi 6%
, galleggiamento anche senza centrifuga

i Chilomicroni giungono in circolo e qui la LPL li scinde in FFA & Chilomicroni Remnant. Questi ultimi
sono condotti nel fegato e qui sono prodotte le

VLDL, 50-200mg/dl
, i cofattori sono APO-C3 / APO-B 100 / APO-E
, di origine Epatica
, composizione: a) Trigliceridi 60%
b) Colesterolo 18%
c) Fosfolipidi 22%
, si dividono in : - Grandi, ricchi di Trigliceridi endogeni (APO-C come cofattore)
- Piccoli, privi di Trigliceridi IDL, ovvero le Lipoproteine a densit
intermedia (5-15 mg/dl) (APO-E come cofattore)

IDL sono modificati subito dalla Lipasi Triglicerica Epatica HTGL in LDL

LDL, 200-300 mg/dl
, i cofattori sono APO-B 100 / APO-E
, originano dalle IDL
, composizione: a) Trigliceridi 5%
b) Colesterolo 50%
c) Fosfolipidi 30%
d) Proteine 15%
, endocitate (dopo aver legato con un recettore in grado di interagire con
APO-B 100 e APO-E entrano nel citoplasma e vanno ad arrichire il patrimonio di
colesterolo intracellulare)

il Colesterolo derivato dalla lisi intracellulare delle LDL, grazie allazione dellenzima LCAT
Colesterolo Acil Trasferasi viene esterificato a HDL

HDL, U= 35-55 mg/dl & D=45-65 mg/dl
, i suoi cofattori sono la famiglia APO-A , APO-C3 ,APO-D e APO-E
, di origine Epatica e Intestinale
, composizione: a) Trigliceridi 7%
b) Colesterolo 15%
c) Fosfolipidi 28%
d) Proteine 50%
, distinte in sottoclassi a seconda delle dimensioni e densit(HDL-2 e HDL-3)
, hanno un effetto Anti-Aterogeno


Lp(A), molecole simili LDL con APO-A
, se > 30 mg/dl indica un alto rischio di Malattia Coronarica
, origine Epatica

I lipidi presenti come lipoproteine sono quindi: a) Colesterolo, se >240 mg/dl ---> Dislipidemia
b) Trigliceridi <200 mg/dl
c) Fosfolipidi

TRIGLICERIDI
LDL-COLESTEROLO= COLESTEROLO TOTALE (HDL-COLESTEROLO+)
5

APOLIPOPROTEINA, la componente Proteica Specifica delle Lipoproteine
, ha 3 funzioni:
a) Mantengono la Stabilit e Rendono Solubile la Micella
b) Attivano/Inibiscono gli Enzimi del Metabolismo Lipidico
c) Legano le Lipoproteine ai loro Recettori
, suddivise secondo Alaupovic in:

-APO-A1, cofattore di HDL
, origine Epatica e Intestinale
, propriet anti-Aterogene
, attiva lenzima LCAT
, partecipa attivamente al trasporto inverso del Colesterolo promuovendone lafflusso
dalle cellule periferiche

-APO-A2, cofattore di HDL
, origine Epatica
, coinvolta nella regolazione della Lipasi Epatica e nei processi di interconversione
plasmatica delle HDL

-APO-A4, cofattore HDL
, si trova in Forma Libera( in quanto tende ad auto-associarsi in ambiente acquoso)
, impedisce lassociazione alla superficie delle Lipoproteine
, aumenta dopo un pasto ricco di Trigliceridi
, potrebbe essere coinvolta nella Modulazione del senso di Saziet

-APO-B100, cofattore di LDL e VLDL
, origine Epatica

-APO-B48, cofattore dei Chilomicroni
, origine Intestinale
, porzione di APO-B100

-APO-C1, attivatore dellenzima LCAT
-APO-C2, ativatore dellenzima LPL
-APO-C3, cofattore di VLDL e HDL
, inibisce lattivit dellAPO-C2 sullenzima LPL

-APO-D, cofattore di HDL

-APO-E, interviene nella rimozione dal circolo dei Chilomicroni e IDL


ENZIMI DEL METABOLISMO LIPOPROTEICO:

a) LPL , Lipoprotein-Lipasi
, deriva dai Tessuti Adiposi
, idrolizza i Trigliceridi in Chilomicroni e VLDL
, localizzato presso i capillari del Tessuto Adiposo, Muscolare e Scheletrico
, cofattori: Fosfolipidi e APO-C2

b) HTGL, Lipasi Triglicerica Epatica
, origine Epatica
, partecipa al Metabolismo HDL

c) LCAT, Colesterolo-Acil-Trasferasi
, presente nel Plasma associata ad HDL
, catalizza lesterificazione del Colesterolo e rimuove il materiale superficiale dei
Chilomicroni e VLDL
, attivato da APO-C2 & APO-A1
, origine Epatica


Dislipidemie (classificazione Secondo Fredrickson)
Quando il [Colesterolo]>240 mg/dl
Si distinguono in:

1) IPERLIPIDEMIE PRIMITIVE, si manifestano come entit a se stanti e sono trasmesse
Geneticamente
, si caratterizzano per:

-Mutazione di un Singolo Gene:

Fenotipo 1, Autosomica Recessiva
, Deficienza familiare di LPL ( che non permette la giusta modifica dei chilomicroni)
, Aumento di Chilomicroni (cio Trigliceridi esogeni) che raggiungono i 1500-
2000mg/dl
, si mostra con Dolori addominali Acuti( per pancreatite)

Fenotipo 2, Autosomica Dominante (mutazione 19)
, due casi: -Aumento LDL & VLDL invariato Colesterolo (ipercolesterolemia)
-Aumento LDL & VLDL Colesterolo e Trigliceridi
,la deficienza cellulare nella sintesi del recettore per APO-B100 non permette la ,
modificazione e linternalizzazione di LDL e VLDL; inoltre non viene metabolizzata
la APO-B100 che quindi predispone il soggetto ad Cardiopatia Ischemica



Fenotipo 3, Malattia della Larga Banda
, deficienza familiare nella sintesi di APO-E (alterata strutturalmente)
(si mostra una persistenza allelettroforesi con banda allungata) non permette
una giusta affinit con il recettore cosi da ridurre notevolmente il catabolismo di
IDL
, Aumento di Colesterolo e di Trigliceridi totali (non accompagnato dallaumento
di Lipoproteine come VLDL)
, associato ad alterazioni Atero-Sclerotiche Precoci Coronariche e Periferiche
Femorali

Fenotipo 4, Aumento VLDL ( quindi di Trigliceridi endogeni)

Fenotipo 5, Aumento VLDL e Chilomicroni (quindi di Trigliceridi totali)
, dovuto ad un deficit di sintesi di LPL

-Ad Eziologia Incerta:

Ipercolesterolemia Poligenica, dovuta allinterazione tra Fattori Ambientali e Genetici
che controllano il Metabolismo del Colesterolo.
Ipertrigliceridemia Sporadica, non riconducibile a cause genetiche



2) IPERLIPIDEMIA SECONDARIE, che possono insorgere con alre malattie:
a) Malattie Autoimmuni
b) Endocrinopatie
c) Epatopatie
d) Ipotiroidismo
e) Sindrome Nefrosica


COMMENTO ALLA CLASSIFICAZIONE:
Essa mira ad un inquadramento eziologico.

d) Iperlipidemie Primitive, corrispondo a 5 entit ben definite bench si possa osservare in uno stesso
soggetto, per effetto di variazioni della dieta, un passaggio da un tipo di
Iperlipidemia ad un altro.
, hanno stretti rapporti con lAterosclerosi e le sue complicanze
, si mostrano con Crisi Dolorose Addominali

b) Iperlipidemie Secondarie ,ha valore Semeiologico non essendovi rapporto costante tra Malattia e
Tipo di Iperlipidemia

ESAMI DI LABORATORIO UTILI COME FATTORE DI RISCHIO:

1. esami primari: a) si dosa Apo-A1 che trasporta la HDL
b) si dosa Apo-B che trasportano al 90% la LDL
c) si dosa il colesterolo totale ( dosando uno dei lipidi trasportati in circolo ex. il
colesterolo HDL)
d) si usa il rapporto LDL/HDL


N.B. in seguito ad elettroforesi le lipoproteine si dividono in :
- -lipoproteine: HDL (migrano con le 1 globuline)
- pre -lipoproteine: VLDL (migrano con le 2-globuline)
- -lipoproteine: LDL(migrano con le -globuline)
- i chilomicroni( se presenti) non migrano ma restano sul punto di deposizione
N.B. nel caso delle Apo vengono usati metodi:
Immuno-diffusione radiale (largamente impiegato ma con risultati che possono arrivare
anche dopo giorni)
Nefelometria e Turbidimetria (molto pi veloci)
Immuno-enzimatici & immuno-radiologici ( sono i migliori)

2. Altri esami sono:

Lipidogramma Elettroforetico ( inutile nella diagnosi di routine ma al contrario
importante nella diagnosi di lipidemie secondo Friedrickson) ( solo per pochi pazienti)
Lipidemia Totale ( esame del tutto inutile dato che il colesterolo varia i suoi effetti in base
alla molecola con cui legato nel sangue)
Fosfolipidemia ( di scarso ausilio nella diagnosi delle dislipidemie)
NEFA( acidi grassi non esterificati che vengono dosati solo per valutare la gravit di una
forma diabetica quando la bassa insulina causa un grave aumento della lipolisi)

Campione Biologico
Essi sono i Liquidi o i Tessuti prelevati dal paziente.
NellAllestimento del preparato biologico sono previste 3 fasi:

a) FASE PRE-ANALITICA, procedura necessaria per ottenere dal paziente un campione di materiale
rappresentativo
, dipende da:
-Fattori Biologici Endogeni: et,sesso e massa
Esogeni: a) Ritmo Cronobiologico (variazione Ultra-diana<24h =alternanza luce-
oscurit/sonno-veglia)
(variazione Infra-diana>24h = Ciclo
Mestruale/Ovarico/Cicli Stagionali)
b) Stress
c) Postura, in posizione Ortostatica il Volume Plasmatico diminuisce
del 10% rispetto alla posizione Supina per Aumento del
Liquido Interstiziale e della Concentrazione delle Sostanze
Presenti nel Plasma
, Immobilizzazione determina un Aumento dei Processi di
Demineralizzazione del tessuto scheletrico con conseguente
maggiore escrezione di Ca, P e HyPro
d) Alimentazione, Aumento Glicemia in fase Post-Prandiale
, Aumento Lipemia in fase Post-Prandiale e
Interferenze Cliniche
e) Farmaci, possono Modificare i Valori Analitici alterando il Normale
Metabolismo (interazione tra Farmaco e uno dei Reagenti
per le analisi)



-Fattori Tecnici: a) Identificazione del Paziente
b) Preparazione del Paziente
c) Raccolta del Campione, i cui maggiori errori sono: Casuali, Grossolani e
Sistemici
d) Etichettatura
e) Trasporto (intramurale o extramurale)
f) centrifugazione e sieratura ( se campione di sangue)
g) Conservazione, non devono esserci Variazioni della composizione del
Campione
, Cause:

Natura Fisica (cambiamenti di Stato come evaporazione , solubilit ,diffusione)
Natura Chimico-Fisica : Effetto Fotochimico, Denaturazione, Polimerizzazione
Natura Biochimica-Biometabolica: Congelamento(rallenta il metabolismo del Prelievo) ed
, la causa pi frequente di inadeguatezza del campione
lEmolisi (la pi frequente)

2. FASE ANALITICA, Esecuzione della Misura e Verifica dellattendibilit dei metodi usati
, Attendibilit del risultato analitico:

a) Precisione (concordanza tra le misurazioni effettuate e il valore vero)
b) Accuratezza (concordanza tra Valore Medio delle Misure sullo stesso campione)( i valori
ottenuti devono avere una distribuzione Gaussiana)
c) Specificit (propriet del metodo che permette di analizzare solo la sostanza analizzata
senza subire interferenze da altre sostanze)
d) Sensibilit (propriet del metodo che individua lattitudine del metodo stesso ad analizzare
piccole quantit della sostanza considerata)


3.FASE DI VERIFICA, si esegue mediante controlli di qualit e serve a rilevare gli errori di una misura
analitica che si collocano al di fuori dei limiti accettabili con lo scopo di ricavare
dei dati analitici affidabili
, se i valori sono compresi tra il valore medio 2 DS il metodo da considerarsi
sotto controllo (metodo di shewhart)

Variabilit Analitica, I traguardi analitici hanno 3 scopi:
a) Stabilire una Diagnosi
b) Seguire lo sviluppo di una malattia
c) Fini Epidemiologici
, responsabile delle differenze che si osservano tra i valori
analitici ripetuti e dipende dal metodo utilizzato
, formata da: -Imprecisione, dovuta allErrore Casuale
-Inaccuratezza, dovuta allErrore Sistematico
, il suo controllo avviene attraverso il Controllo di Qualit basato
sull analisi ripetuta sui campioni di controllo effettuati in piu
laboratori

Variabilit Biologica, uno dei problemi centrali nellutilizzo dei dati di laboratorio
da parte del Clinico
, ce ne sono vari tipi: Controllabili (derivanti da Fattori Biologici),
Influenze Fisiologiche , Assunzione di farmaci e Risposte
Fisiopatologiche
, i cui valori misurabili derivano da un equilibrio dinamico che
tende a tenerli aggiustati in un valore detto Punto
Omeostatico
, pu essere Inter-Individuale ( le cui fonti sono: Sesso, Massa
Corporea, Et, Fumo, Alcool, Razza e Uso di Farmaci) o
Intra-Individuale ( le cui fonti sono: Variazioni Stagionali, Dieta,
Periodo Mestruale e Gravidanza)



Proteine
La maggior parte sintetizzata dal fegato(influenzata da fattori ormonali), le Ig dalle Plasmacellule e le
Lipoproteine dalle cellule intestinali.
Possiamo trovarle negli Spazi Extra-vascolari : Liquido Interstiziale ,Sinoviale, LCR, Cavit sierose.

Funzioni: - Nutritiva (ascrivibile alla frazione dellalbumina)
- Tampone (leggero e rappresentato quasi in toto da Hb)
- Coagulazione-Fibrinolisi
- Fattori di difesa (Ig-C3 sistema Properdinico)
- Trasporto (anche di sostanze insolubili come Bilirubina, Farmaci, Ormoni, ecc.)
- Mantenimento della Pressione Colloido-Osmotica


Soggette a variazioni della [ ]:

AUMENTA in caso di: -Disidratazione o Emoconcentrazione, con aumento proporzionale delle proteine
-Presenza di Proteine Anormali, in patologie MonoClonali e Neoplasie
-Aumento di Frazioni Specifiche, in Gamma-Globulinemie, cirrosi Epatica,
Sarcoidosi e Malattie Autoimmuni
DIMINUISCE in caso di: - Iper-idratazione, come in Gravidanza
- Diminuzione per Sintesi, per Insufficienza dellapporto Proteico,
Malassorbimento ed Epatiti
- Eccessivo Catabolismo Proteico Endogeno
- Perdita proteica attraverso il rene( sindrome nefrosica)

Struttura: -Primaria(sequenza Aminoacidica)
-Secondaria( configurazione)
-Terziaria (forma tridimensionale)
-Quaternaria (piu sub-unit polipeptidiche)

Le proteine assorbite vengono digerite nello stomaco e nellIntestino Tenue tramite Idrolisi, mediata da
Enzimi( Endopeptidasi scindono i legami interni & Esopeptidasi i legami esterni), con liberazione di Aa.

La [proteica] di un versamento indice un di Natura Infiammatoria o Trasudativa di Esso(negli essudati
la [ ]> 25-30 g/l)

ELETTROFORESI DELLE SIEROPROTEINE:
(analisi Qualitativa soltanto approssimativa in quanto non puo sostituire i Dosaggi di C3 e Transferrina)

Presenta 5 picche che corrispondono a 5 Frazioni:
-Frazione A =Albumina,60-70%
-Frazione 1 =1-Antitripsina, 2-5%
-Frazione 2 (5-10%) =2-Macroglobulina
-Frazione (8-12%) =Transferrina(parte anodica), Aptoglobina 5-10% e C3 del Complemento(parte
catodica)
-Frazione = -Ig, 10-15%

Le Proteine piu piccole si muovono pi velocemente e per vederle effettuo una divisione Elettroforetica,
in seguito lo fisso, poi rendo il supporto trasparente infine applico un colorante(Densitometria laser)

N.B. Si possono trovare delle Anomalie nel Tracciato a causa di :
-Emolisi ( interessa la banda 2 e la zona 2-1)
-Invecchiamento ( quando lanalisi avviene molto dopo il prelievo) ( interessa la -Globina)

Variazioni del Tracciato Elettroforetico sono segno di:
- Flogosi Acuta (<2)
- Epatite Virale (poco> & <Albumina)
- Neoplasia Maligna (>1 e 2)
- -Patia Monoclonale (> )
- -Patia Policlonale e Cirrosi Epatica (zona -< Albumina)
- -Globulinemia (Assenza )
- Sindrome Nefrosica (>2 & <Albumina e )

Esse sono:

a) Prealbumina, 10-40 mg/dl
,trasporta della Tiroxina presente in circolo
,T di 2 giorni
,prodotta nel fegato
, si Riduce nelle Epatopatie, Infiammazione e Denutrizione

b) Albumina, 35-50 g/l (60-70%)
, prodotta nel fegato (pu diminuire in caso di Epatopatie, Neoplasie, Malassorbimento )
, T di 20 gg
, responsabile della Pressione Colloido Osmotica
, trasporta molte sostanze in circolo (metalli, Bilirubina, Ormoni ,Vitamine e Farmaci)
,Condizioni Anormali : - Iperalbuminemia (>48 g/l), di solito dovuta a Disidratazione.
- Analbuminemia (<<0,5 g/l), dovuto a Malattia Ereditaria con Sintesi
Ridotta
- Ipoalbuminemia (<32 g/l) , si riscontra nei seguenti casi:
Perdita: Urinaria, Ustioni e al Tubo Digerente
Apporto Inadeguato
Diminuita Sintesi
Aumento Catabolismo
Situazioni Fisiologiche
Cause Specifiche
- Alloalbuminemia , dovuta a malattia Autosomica Dominante
, nelleterozigote si osservano 2 picchi.
c) 1-AntiTripsina, 80-220 mg/dl
, uno dei piu importanti inibitori delle Proteasi Seriniche (collagenasi o elastasi)
liberate nei processi Infiammatori
, Condizioni Anormali : - Aumenta in caso di Infezione,Necrosi Tissutale e gravidanza
- Diminuisce nellEnfisema Polmonare e Cirrosi Epatica
d) 1-AFP, Alfa Feto Proteina
, nascita 1-9 mg/dl adulti<20 ng/ml gravidanza 400 ng/ml
, nei tessuti e nel plasma del feto
, Aumenta Notevolmente in caso di Epatocarcinoma e Teratoma
, Condizioni Anormali: - Aumenta nel sangue materno in caso di Anencefalia e Spinabifida
- Diminuisce nel sangue materno se il feto Trisomico

d) 2-Aptoglobina , 50-300 mg/dl
, origine Epatica
, permette allHb di recuperare il Fe in caso di Emolisi
, forma un complesso Stabile con lHb ossigenata impedendole la perdita con le urine
, Condizioni Anormali : - Aumenta nellinfiammazioni, Nefrosi e Neoplasie
- Diminuisce in caso di Emolisi Intravascolare

e) 2-Macroglobulina, 150-400 mg/dl ( con Aumento fisiologico in et Senile o in Gravidanza)
, sintetizzata nel Fegato e nei Macrofagi
, importante punto di riferimento per molte attivit enzimatiche che interessano i
sistemi di Coagulazione e Fibrinolisi
, Condizioni Anormali : -Aumenta in Diabete, nella Cirrosi e Sindrome Nefrosica
-Diminuisce allattivazione Plasminogeno

f) 1-Trasferrina, 200-320 mg/dl
, origine Epatica
, lega 2 atomi di ferro molto stabilmente
, Condizioni Anormali : -Aumenta nelle Anemie Sideropenica, nelle Emorragie Croniche
- Diminuisce nelle Malattie Epatiche e nelle Neoplasie

g) 2-Ceruloplasmina, 20-40 mg/dl
, glicoproteine deputate al trasporto Cu
, Condizioni Anormali : - Aumenta in Gravidanza, in seguito ad Assunzione di
Anticoncezionali e nelle Infezioni Acute
- Diminuisce nel Morbo di Wilson ( alterazione del
Metabolismo del Cu)

h) CEA , 10 ng/ml
, proteine in genere presenti nelle Cellule Intestinali e viene usato nel Monitoraggio
dellevoluzione della Neoplasia gastro-intestinale

i) -Ig, sintetizzata dalle Plasmacellule in risposta a stimoli Antigenici ed hanno funzione Anticorpale
, sono caratterizzate da 4 catene polipeptidiche (2 catene pesanti e 2 leggere)
, sono composte da 2 frammenti : F(ab) che lega lantigene & Fc che lega il complemento
, esse sono :
IgG, 600-1800 mg/dl
, attraversano la Placenta e fissano il Complemento
IgA, 90-400 mg/dl
, sono presenti nelle Secrezioni (saliva, latte, ecc.)
IgM, 80-190 mg/dl
, responsabili della Risposta Immunitaria Primaria
IgD, 3mg/dl
, rappresenta il segnale che fa convertire il Clone B in Plasmacellule
IgE, 30 g/dl
, responsabili dellIpersensibilit Immediata

, Condizioni Patologiche: -IpogammaGlobulinemie, [ ] della determinata classe di Ig diminuisce
quando si acquisisce la resistenza alle infezioni
-Gammapatie Policlonali, [ ] Aumenta in caso di Epatopatie, Malattie del
Collagene e Infezioni
, Diminuisce lAlbumina e Aumenta la Banda
-Gammapatie Monoclonali, dovute ad Iperproliferazione di unico clone di
cellule di Linfociti B in assenza di stimolo
antigenico





Proteine della Fase Acuta
Si rilevano in caso di Risposta Infiammatoria Acuta e ci permettono di dividerla in Fase Sub-Acuta( o
Cronica) & in Fase Acuta.
In caso di Intervento Chirurgico: (colecistectomia)

Albumina e Prealbumina, ci indicano solamente lo stato nutritizio
1-Glicoproteina Acida
1-Antitripsina , 1-Antichimotripsina , Ceruloplasmina e Aptoglobina si modificano nel
gruppo Prostetico
Emopessina
Trasferrina
C3
Fibrinogeno
PCR, sostituisce la VES che tardiva
, in caso di infiammazione ha il valore predittivo piu elevato ( in associazione all1-
Glicoproteina Acida)
2-Macroglobulina, non mostra variazioni significative
, indica idratazione e volume ematico
Orosomucoide

Si nota nel decorso di una Infiammazione un:
- Aumento di: PCR1-AntichimotripsinaAptoglobina1-Glicoproteina Acida 1Antitripsina
C4 & Fibrinogeno C3 & Ceruloplasmina
- Diminuzione di: PrealbuminaAlbuminaTrasferrinaProteina legante Retinolo

Gli Inibitori delle Proteasi sono in grado di reagire formando dei complessi(es. Elastasi-1Antitrpisina &
Proteasi-2Macroglobulina) in grado di vedere levoluzione del processo infiammatorio.

PCR, 08-5 mg/l
, proteina Ca-dipendente di origine Epatica
, migra con le -Globine
, Marker per controllo e decorso di una malattia o per valutarne la Terapia
, Utile per le varie infezioni Batteriche, Virali, Morbo di Krohn,ecc.
, Aumenta Rapidamente come risposta Aspecifica alla fase acuta :
- 4-5 mg/l in infezioni Virali Lievi, Influenza, ecc.
- 10-50 mg/l in Infezioni Batteriche
- >50 mg/l in infezioni Batteriche Gravi ( Setticemia)

Enzimi
Sono proteine dotate di attivit catalitica che intervengono modificando la velocit elle reazioni chimiche,
giocando un ruolo essenziale nella regolazione delle varie vie metaboliche cellulari.
Esse sono:

-Lattato Deidrogenasi (LDH), un tetramero formato da due tipi di monomeri( tipo H nel miocardio e M
nel fegato)
, NAD ossidoreduttasi un enzima che catalizza la riduzione dellacido
piruvico ad acido lattico (Enzima della Glicolisi)
, piruvato+NADH+ H+ <--> lattato + (NAD+)
, possiamo trovarla in 5 isoforme Isoenzimi che si distinguono in base alla
diversa velocit di migrazione (dal veloce al lento): LDH-1/LDH-2/LDH-
3/LDH-4/LDH-5

, diffuso allincirca in tutti i tessuti ma nel plasma e nei globuli rossi in
maggiore concentrazione
, essa AUMENTA in caso di :
Infarto del Miocardio (compare nel siero dopo 12h Picco
Massimo dopo 72h
mantiene livelli superiori alla norma fino a 7-10gg dopo)
(in genere Aumenta LDH-1)
Patologie Polmonari (Aumento di LDH-2 e LDH-3)
Patologie Epatiche (Aumento di LDH-5 e poco LDH-4)
Anemie ( Aumento di LDH totale)
Tumori ( Aumento di LDH totale Sierica)
Se avviene una lisi dei globuli rossi



,Analizzabili attraverso Metodi Colorimetrici ( in cui lattivit enzimatica
inversamente proporzionale allentit del colore a causa della
trasformazione del piruvato in lattato mediata da LDH) &
Spettrofotometrici

- -Idrossibutirrato Deidrogenasi, -Chetobutirrato + NADH + H+ <--> Idrossibutirrato + NAD+
, lisoenzima 1 dellLDH e Aumenta con la liberazione nel plasma di
LDH-1 e LDH-2
, lindicazione clinica principale lInfarto al Miocardio
, dal punto di vista diagnostico si da importanza al HBD/LDH

-AspartatoAmino Transferasi, (AST o GOT)
, come le transaminasi catalizza il trasporto di un gruppo aminico da un
aminoacido a un chetoacido
, L-Aspartato + -ChetoGlutarato <--> L-Glutammato + Ossalacetato
, Aumenta nel Siero per le affezioni al Miocardio (x10-20 volte 8h prima
della sintomatologia picco massimo dopo 48h torna normale in 4-7
gg) e al Fegato( Aumento 1-4 settimane prima dell ittero)
, il suo dosaggio serve a : - Distinguere linfarto del Miocardio da una Crisi
di Angina Pectoris
- Diagnosticare lInfarto Miocardico in caso di
ECG dubbio
- Stabilire lestensione dellinfarto e seguirne il
decorso (nellinfarto)

, determinato tramite metodo Colorimetrici e UV( specifico per la GOT)

-Alanina Amino Transferasi, (ALT o GPT)
, GOT> GPT GOT/GPT=1
, L-Alanina + -ChetoGlutarato <--> Piruvato + L-Glutammato
, soprattutto nel Fegato ( citoplasma,ecc.) infatti si utilizza per determinare
malattie epatiche

-Colinesterasi, enzima Plasma-Specifico
, prodotto dal Fegato
, Idrolizza gli esteri della Colina
, se ne distinguono in Acetil-Colinesterasi ( tipo 1) & Colinesterasi (tipo 2, siero)
,Diminuisce in danni Epatici

-Creatin-fosfochinasi, CK o CPK
, Creatina + ATP <--> Fosfocreatina + ADP
, si trova enormemente nei Muscoli Scheletrici, Miocardio e Cervello
, poco stabile e si trova nel citoplasma
, NellInfarto Miocardico ha un Rapido Incremento ( compare 4-6 h dallinizio della
sintomatologia picco massimo 18-24h torna a valori normali in 3-4 gg)

-Fosfatasi Alcalina, soprattutto nel Fegato e nelle Ossa
, si Innalza in 2 condizioni Fisiologiche: nei Bambini ( accrescimento) e in Gravidanza
, si Innalza in Condizioni Patologiche ( Epatopatie e Malattie Ossee)

-Fosfatasi Acida, si trovano negli Eritrociti ,Piastrine , Prostata( qui differenzia adenomi benigni e
maligni), Osso, Fegato, Milza e Rene.