Sei sulla pagina 1di 232

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI

SABRINA SEPE

LEGISLAZIONE AMBIENTALE

Viterbo 2007

INDICE

LA NORMATIVA INTERNAZIONALE IN MATERIA DI AMBIENTE

Pag. 5

LA NORMATIVA DELLUNIONE EUROPEA SUL TEMA DELLAMBIENTE

33

AMBIENTE E ORDINAMENTO GIURIDICO ITALIANO

53

LA TUTELA RISARCITORIA NELLE NORME DEL TESTO UNICO IN MATERIA AMBIENTALE

109

AMBIENTE, BENI CULTURALI E PAESAGGIO NELLA LEGISLAZIONE VIGENTE

159

Appendice
LA LEG ISLAZIONE STATALE E REGIONALE NEL SE TTORE DELLENERGI A

201

LA NORMATIVA INTERNAZIONALE IN MATERIA DI AMBIENTE

SOMMARIO: Introduzione

La tutela dellambiente nel diritto consuetudinario Il diritto convenzionale in materia di ambiente Gli sviluppi in tema di tutela dellambiente Il regime della responsabilit Gli strumenti dazione del diritto internazionale dellambiente

Introduzione Per lungo tempo, la tutela dell'ambiente stata considerata materia di esclusivo interesse interno degli Stati. soltanto a partire dagli anni '60, che la Comunit internazionale ha preso coscienza che la salvaguardia dell'ambiente necessita di un'impostazione globale; poich tutti gli Stati contribuiscono, certamente in misura diversa, al deterioramento ambientale necessario che tutti agiscano per la tutela dell'ambiente inteso come patrimonio comune dell'umanit. solo in epoca recente, dunque, che la Comunit internazionale ha iniziato a cooperare per la tutela dell'ambiente perch consapevole che solo un'azione sinergica in grado di minimizzare i costi e di massimizzare i risultati.

La tutela dell'ambiente nel diritto consuetudinario Il divieto di inquinamento transfrontaliero In una prima fase, il problema dell'ambiente si pone nel quadro dei rapporti di vicinato, soprattutto con riguardo ai corsi d'acqua internazionali e ad emissioni di fumi e sostanze tossiche dovute ad attivit industriali, esercitate in prossimit dei confini. Oggi, invece, il diritto internazionale in materia di ambiente si sviluppa sulla base di principi ricavati soprattutto da attivit estremamente pericolose, come

quelle delle centrali nucleari in grado di provocare danni di notevole entit anche a grandi distanze. Dall'esame della prassi, possibile affermare l'esistenza di una regola di diritto internazionale generale, che impone un divieto di inquinamento transfrontaliero. Questa regola, prevede che nessuno Stato ha il diritto di usare il proprio territorio o di permetterne l'uso in modo da causare danno al territorio di un altro Stato. Questa norma fondamentale, dunque, impone un obbligo, in capo a ciascuno Stato, di non agire in modo da arrecare un pregiudizio ad altri Stati. vero che ciascuno Stato ha un diritto esclusivo all'esercizio della sovranit nell'ambito del suo territorio e, di conseguenza, il diritto di disporre liberamente delle risorse naturali presenti nel contesto territoriale sul quale si irradia la sua sovranit, ma anche vero che in una comunit internazionale costituita da soggetti ugualmente sovrani, la libert di ciascuno Stato non deve pregiudicare quella degli altri Stati.

L'origine storica del divieto di inquinamento transfrontaliero Il divieto di inquinamento transfrontaliero trova la sua prima applicazione nella sentenza resa l' 11 marzo 1941, da un Tribunale Arbitrale ad hoc, istituito per risolvere la controversia tra Stati Uniti e Canada in merito alla Fonderia di Trail. II Tribunale stabil che in conformit a principi di diritto internazionale... nessuno Stato ha il diritto di usare o permettere l'uso del proprio territorio in modo da causare danni derivanti dall'emissione di fumi sul territorio di un altro Stato..., quando ci determina significative conseguenze e quando dimostrato da prove chiare e convincenti (Lodo arbitrale. UN Reports Int. Arb. Awards III, 1965). Il divieto di inquinamento transfrontaliero successivamente ribadito e precisato sia nel Principio n. 2 della Dichiarazione di Stoccolma del 1972, sia nel Principio n. 2 della Dichiarazione adottata in occasione della Conferenza di Rio de Janeiro del 1992 e delle quali si tratter pi ampiamente in seguito. Il Principio n. 21 ormai considerato dalla dottrina dominante parte integrante del diritto consuetudinario in tema di ambiente e stabilisce che gli Stati hanno, in conformit con la Carta delle Nazioni Unite e con i

principi di diritto internazionale, il diritto sovrano di sfruttare le proprie risorse conformemente alle proprie politiche ambientali, o la responsabilit di assicurare che le attivit svolte all'interno della loro giurisdizione o sotto il loro controllo non causino danni all'ambiente di altri Stati o di spazi sottratti alla giurisdizione degli Stati. Nella dichiarazione di Rio la formulazione del principio quasi identica.

Accertata l'esistenza nel diritto consuetudinario del divieto di inquinamento transfrontaliero possibile indagare sulle conseguenze che da tale principio discendono per gli Stati. a) Il dovere della due diligence Un primo obbligo positivo derivante dal divieto di inquinamento transfrontaliero, secondo la prevalente dottrina, il dovere di ciascuno Stato, che intende svolgere attivit suscettibili di arrecare danni all'ambiente, di adottare tutte le misure opportune per eliminare o attenuare i rischi di danni transfrontalieri; se vero, infatti, che gli Stati sono liberi di intraprendere nel loro territorio tutte le attivit che ritengono opportune, hanno anche il dovere di non nuocere agli altri Stati. Al fine di verificare la legittimit di date utilizzazioni del territorio, il fattore rilevante diventa la diligenza usata dallo Stato di origine nell'adottare misure idonee a prevenire o attenuare i rischi di danni ecologici. b) L'obbligo di prevenzione Tra gli strumenti che contribuiscono ad attuare il dovere di diligenza, possiamo annoverare l'obbligo di prevenzione. La progressiva presa di coscienza dell'irreversibilit di molti danni ambientali, ha favorito la formazione di una prassi orientata a riconoscere l'esistenza di un obbligo di prevenzione cha va ad aggiungersi a quello di riparazione. Il contenuto di tale dovere consiste nell'adozione di tutte le misure preventive necessarie ad impedire che la realizzazione di date attivit rechi gravi pregiudizi transfrontalieri; esso adempiuto attraverso un

comportamento improntato sulla due diligence e, di conseguenza, la prova dell'adozione dei criteri di diligenza, richiesti dal caso concreto, elimina ogni eventuale forma di responsabilit in capo allo Stato. c) Il principio di precauzione Nel Principio n. 15 della Dichiarazione di Rio del 1992 si legge che al fine di proteggere l'ambiente, gli Stati applicheranno in modo ampio l'approccio precauzionale secondo le rispettive capacit. Qualora vi siano minacce di danni gravi o irreversibili, l'assenza di una piena certezza scientifica non sar usata come argomento per ritardare l'adozione di misure efficaci, in funzione al loro costo, per prevenire il degrado ambientale. Preso atto dell'irreversibilit di molti danni ambientali causati da attivit umane, questo principio stabilisce un obbligo, per gli Stati, di agire preventivamente, al fine di evitare il prodursi di un danno, anche a prescindere dalla certezza scientifica che possa giustificare una data azione e la cui acquisizione potrebbe risultare irrimediabilmente tardiva per prevenire un grave pregiudizio all'ambiente. Il documento elaborato a Rio afferma, inoltre, che le misure necessarie a prevenire il degrado ambientale devono risultare efficienti in relazione al loro costo; questo implica che il principio precauzionale pu essere applicato soltanto in seguito ad un'attenta e rigorosa ponderazione del rischio che il danno si verifichi e dei costi economici delle misure in grado di evitare un tale pregiudizio all'ambiente. Il costo delle misure preventive, quindi, deve risultare inferiore a quello che potenzialmente si sarebbe sostenuto nel caso in cui il danno si fosse realmente prodotto. d) Il principio chi inquina paga Il principio chi inquina paga, considerato vincolante nei Paesi europei e dell'OCSE e codificato come Principio n. 16 nella Dichiarazione di Rio, non solo richiede che l'autore di un danno all'ambiente sia considerato responsabile e tenuto a risarcire coloro che sono stati danneggiati, ma,

soprattutto, impone agli Stati di non legiferare in modo da garantire che l'autore del danno non sia tenuto al risarcimento.

L'obbligo di cooperazione tra Stati in materia di ambiente Questa regola, gi presente nella dichiarazione di Stoccolma, trova nel corso della conferenza di Rio piena codificazione; in questa sede si prevede, infatti, che gli Stati devono cooperare in uno spirito di partnership globale per conservare, proteggere e ristabilire la salute e l'integrit dell'ecosistema della Terra (Principio n. 7), devono cooperare... per lo sviluppo di nuove regole di diritto internazionale riguardanti la responsabilit e il risarcimento degli effetti negativi derivanti dai danni dell'ambiente causati, da attivit poste in essere all'interno della loro sfera di giurisdizione o al di fuori di essa (Principio n. 13) e devono cooperare nello sviluppo del diritto internazionale dell'ambiente nel campo dello sviluppo sostenibile (Principio n. 27). Un diffuso orientamento dottrinale, considera come corollario della regola relativa all'obbligo di cooperazione, tre obblighi di carattere procedurale: l'obbligo per lo Stato di informare, tempestivamente, gli altri Stati circa

la propria volont di intraprendere un'attivit suscettibile di arrecare danni all'ambiente; l'obbligo di avviare (in caso di opposizione di Stati terzi alla

realizzazione di un progetto) le consultazioni necessarie al fine di arrivare ad un componimento pacifico della vertenza; l'obbligo della notifica d'urgenza delle catastrofi naturali e di tutte

quelle situazioni atte a provocare danni all'ambiente. Questi tre obblighi procedurali trovano il loro fondamento nel principio di cooperazione in materia di ambiente e si sono affermati grazie al crescente numero di accordi e sentenze che ad essi fanno esplicito riferimento.

Il diritto convenzionale in materia di ambiente L'emergere delle nuove tematiche ambientali richiam subito un'attenzione globale proprio in ragione della natura internazionale dei problemi ad esse collegati e della convinzione che soltanto le soluzioni comuni e le strategie collettive potessero condurre a risultati apprezzabili. In realt, ancora nella prima met del XX secolo, la regolamentazione esistente in campo ambientale si rifaceva essenzialmente ad alcune norme di diritto internazionale generalmente riconosciute e aventi natura

consuetudinaria: si trattava per lo pi di orientamenti di massima che postulavano il divieto di inquinamento transfrontaliero, l'obbligo di ridurre i rischi di incidenti e di prevenire eventuali danni. Negli ultimi decenni del secolo scorso la sensibilit verso la ricerca di determinazioni congiunte si rafforz notevolmente, sia per l'intensificarsi dei fenomeni di inquinamento, che per il verificarsi di gravi incidenti come quello del 1967, quando la petroliera Torrey Canyon rivers il suo carico di petrolio a largo della Gran Bretagna. Furono essenzialmente questi i fattori che accelerarono il processo di trasformazione del diritto ambientale

determinandone l'evoluzione da consuetudinario a convenzionale.

La Conferenza di Stoccolma e le successive Convenzioni La nuova fase del diritto dell'ambiente si inaugur con la Conferenza delle Nazioni Unite sull'ambiente umano tenutasi a Stoccolma nel 1972 e conclusasi con l'adozione, oltre che di una Risoluzione relativa ad accordi istituzionali e finanziari, di un Documento di principi che espressamente ribad: la necessit di prevenire le principali cause di inquinamento e i maggiori rischi ecologici; la libert di sfruttare le risorse naturali conformemente alla Carta delle Nazioni Unite e in modo da garantire a tutti soddisfacenti condizioni di vita;

10

il richiamo ad una politica di cooperazione volta a limitare eventuali danni o aggressioni all'ambiente e che coinvolgesse tutti gli Stati in virt di un principio di eguaglianza. I risultati emergenti dalla Conferenza di Stoccolma apparvero subito molto

importanti, sia perch richiamarono l'attenzione internazionale sulla gravit del problema ecologico, sia perch i lavori si conclusero con l'istituzione dell'UNEP (Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente), organo ausiliario

dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite avente funzioni di studio, programmazione, promozione, razionalizzazione e assistenza tecnica agli Stati nell'ambito del diritto internazionale dell'ambiente, dotato di una propria struttura (Consiglio di alta amministrazione e Direttore esecutivo) e di autonomia. Fu nell'ambito di queste competenze che il Programma, avente anche il compito di adottare raccomandazioni e atti non vincolanti da sottoporre alla ratifica degli Stati, diede l'avvio ad una serie di negoziati che si conclusero poi con l'adozione di importanti convenzioni. Indubbiamente quello di Stoccolma fu l'appuntamento pi significativo dell'epoca ma anche successivamente furono stipulati altri importanti trattati che sarebbero divenuti il cardine della futura disciplina, seppur negli ambiti parziali e settoriali cui le loro disposizioni erano dirette. A questo proposito meritano menzione: la Convenzione di Ginevra del 1979 sull'inquinamento atmosferico a lunga distanza, redatta per fronteggiare il fenomeno delle piogge acide dovute ad emissioni di zolfo, idrocarburi e ossidi di azoto che, trasformandosi in acidi, ricadono sulla terra anche a notevoli distanze dai luoghi di origine provocando danni rilevanti. Ne deriva che il suo campo di applicazione si estende all'inquinamento atmosferico "la cui fonte sia compresa in tutto o in parte in una zona che rientra nella giurisdizione nazionale di uno stato e che abbia effetti dannosi in una zona che rientra nella giurisdizione di un altro Stato". Il Protocollo alla Convenzione del 1979 sull'inquinamento

11

atmosferico a lunga distanza ha trovato ratifica ed esecuzione con legge 6 marzo 2006, n. 125; la Convenzione di Montego Bay sul diritto del mare del 1982, tesa a conciliare due esigenze fondamentali: a) il diritto sovrano degli Stati a sfruttare le proprie risorse naturali (art. 193); b) l'obbligo degli stessi a proteggere e preservare l'ambiente marino, istituendo zone di salvaguardia degli ecosistemi e delle specie della fauna e della flora. La convenzione, che dedica particolare attenzione al tema della cooperazione mondiale e regionale, insiste sull'elaborazione congiunta delle norme e delle procedure, sottolineando la necessit di notificare prontamente i danni e di condurre attivit di studio e ricerca ambientale. Conformemente a quanto previsto dalla Convenzione e dall'accordo di New York del 1994 (ratificati dall'Italia con legge n. 689/1997), intervenuta la legge 8 febbraio 2006, n. 61, che ha autorizzato l'istituzione di zone di protezione ecologica a partire dal limite esterno del mare territoriale. In particolare i limiti esterni delle zone di protezione ecologica dovranno essere determinati sulla base di accordi tra gli Stati interessati, intendendo come tali quelli il cui territorio adiacente all'Italia o la fronteggia; - la Convenzione di Vienna per la protezione della fascia di ozono del 1985, avente l'obiettivo di contrastare gli effetti nocivi derivanti

dall'assottigliamento della fascia di ozono, fenomeno che determina un aumento dell'irradiazione ultravioletta di origine solare con conseguenze fortemente negative sulla salute umana e su tutti gli ecosistemi suscettibili di subire forti alterazioni. Con l'obiettivo di specificare e rafforzare gli obblighi previsti nella Convenzione, nel 1987 fu adottato il Protocollo addizionale di Montreal, recante un calendario progressivo di riduzioni di emissioni di clorofluorocarburi (CFC), ed altri gas ad effetto serra, del 50%

12

nell'arco di dieci anni, dal 1987 al 1998. Tale Protocollo prevede, inoltre, un regime di speciali concessioni per i Paesi in via di sviluppo; - la Convenzione di Vienna tenutasi nel 1986 sul tema dell'energia nucleare e della necessit di una tempestiva notificazione in caso di incidente, di allarme o di emergenza radioattiva e di immediata assistenza in caso di incidente; - la Convenzione sui cambiamenti climatici adottata a New York nel 1992, per rispondere ai rischi derivanti da fenomeni di inquinamento capaci di provocare alterazioni e squilibri climatici e di incidere inevitabilmente sugli ecosistemi. I punti chiave di questo accordo sono: a) l'art. 2, che fissa come obiettivo principale quello di raggiungere, alla fine del decennio, lo stesso livello di gas ad effetto serra registrato nel 1990; b) l'art. 3. 3, che richiama il principio di precauzione sottolineando la necessit delle parti di "adottare tutte le misure di precauzione necessarie per prevenire o attenuare le cause dei cambiamenti climatici e di limitarne gli effetti nefasti"; - la Convenzione sul diritto all'utilizzazione dei corsi d'acqua internazionali del 1997, basata su due principi cardine: la necessit di un'equa e ragionevole utilizzazione dei corsi d'acqua da parte degli Stati rivieraschi; l'obbligo per gli stessi di cooperare e scambiarsi informazioni per salvaguardare i fiumi dall'inquinamento.

La Conferenza di Rio de Janeiro L'elaborazione compiuta del concetto di sviluppo sostenibile fu il compito essenziale che, alla fine degli anni ottanta, l'Assemblea delle Nazioni Unite affid ad una commissione di esperti, la Commissione Bruntland, che alla fine dei suoi lavori forn un importante rapporto sul nuovo oggetto di studio, denominato Our Common Future.

13

Fu nel clima dei nuovi contenuti definitori che, dopo pi di due anni di lavori preparatori, nel giugno del 1992 venne convocata a Rio de Janeiro la Conferenza delle Nazioni Unite sull'ambiente e sullo sviluppo. L'attenzione della nuova Conferenza internazionale si incentr sulla necessit di rivalutare i principi espressi a Stoccolma e di considerare lo sviluppo sostenibile come un punto di riferimento essenziale ed irrinunciabile nel nuovo approccio alle tematiche ambientali, intese in un'ottica sempre meno settoriale. Maturata e svoltasi in un grande fermento, la Conferenza si concluse offrendo la redazione di tre importanti documenti: - la Dichiarazione di Rio sull'ambiente e sullo sviluppo; - l'Agenda XXI; - la Dichiarazione di principi per la conservazione e lo sviluppo sostenibile delle foreste. La Dichiarazione sull'ambiente e sullo sviluppo rappresenta un vero manifesto di principi e sancisce innanzitutto il diritto di ogni generazione a collocarsi come soggetto centrale intorno al quale organizzare lo sviluppo sostenibile e ad avere una vita sana e produttiva, da vivere in armonia con la natura. A questo obiettivo prioritario sono subordinate altre importanti iniziative, strettamente collegate a statuizioni di principio, ovvero: - quella di evitare e ridurre i rischi dell'inquinamento e di tutelare le esigenze ambientali; - di cooperare per combattere la povert al fine di conseguire uno sviluppo omogeneo o almeno equilibrato fra tutti Paesi, in modo da eliminare le disparit pi evidenti di tenore di vita fra le diverse popolazioni del mondo; - riconoscere l'importanza di una partnership globale allo scopo di tutelare l'integrit dell'ecosistema terrestre rispetto al quale i vari Paesi hanno responsabilit comuni ma differenziate in base al maggior apporto inquinante dei Paesi pi sviluppati.

14

Il tema della responsabilit si riflette anche in altre linee sistematiche tracciate durante la Conferenza e precisamente quando si afferma che i costi dell'inquinamento devono essere sostenuti dall'agente inquinante e quando, in base al principio precauzionale, si sottolinea che nei casi di rischio di danno grave o irreversibile, l'assenza di certezza scientifica assoluta non deve servire da pretesto per rinviare l'adozione di misure adeguate ed effettive dirette a prevenire il degrado ambientale. Altro principio emergente dai lavori di Rio quello della collaborazione scientifica, che sola pu suggerire soluzioni innovative di contenimento dell'inquinamento, per attuare le quali necessario investire tutti i livelli operativi e svolgere campagne di informazione e sensibilizzazione,

coinvolgendo Stati nazionali e popolazione. Si pongono altres nuove necessit, come quella di effettuare la valutazione di impatto ambientale, strumento nazionale da utilizzare quando sia necessario considerare la convenienza di un'attivit suscettibile di produrre effetti negativi; e di sensibilizzare gli Stati a diffondere immediatamente la notizia di eventuali catastrofi o di ogni altra situazione di emergenza suscettibile di produrre effetti nocivi sull'ambiente, cos da consentire a tutti di compiere ogni sforzo possibile per ridurre i danni. Sempre nel solco della tutela ambientale a Rio fu redatto anche un altro importante documento gi citato, l'Agenda XXI, un vasto programma di lavoro proposto alla Comunit internazionale per il futuro decennio, teso a trovare un equilibrio tra bisogni di carattere economico e sociale, la disponibilit delle risorse e il rispetto degli ecosistemi della terra. L'Agenda XXI document effettivamente la volont dei sottoscrittori di realizzare a forze congiunte tale equilibrio attraverso interventi che direttamente avessero ricadute nelle quattro sezioni in cui l'Agenda si divideva, e cio nell'ambito: sociale ed economico; della conservazione e gestione delle risorse;

15

del coinvolgimento di tutte le componenti nazionali nei processi decisionali; dell'attuazione pratica delle decisioni concertate. Le finalit perseguite nell'Agenda, inoltre, mirarono anche al controllo del

commercio internazionale, all'alleggerimento del debito estero dei Paesi meno sviluppati, all'armonizzazione di politiche economiche comuni, nella convinzione che le ragioni dell'economia dovessero essere necessariamente subordinate a quelle dell'ecologia. Ultimo risultato conseguito a Rio fu la Dichiarazione sulla gestione, la conservazione e lo sviluppo sostenibile di ogni tipo di foresta, basata sull'esigenza di contenere gli squilibri climatici derivanti da una

incontrollata deforestazione.

Le zone non soggette a sovranit La regola di diritto internazionale che impone a ciascuno Stato l'obbligo di astenersi da attivit inquinanti, si pone in modo particolare nelle zone non sottoposte ad alcuna giurisdizione, perch in queste zone la stessa utilizzazione degli spazi che non deve arrecare pregiudizio alla libert ed agli interessi degli altri Stati. In relazione allo spazio extra-atmosferico riveste un ruolo chiave il Trattato sui principi regolatori delle attivit degli Stati in materia di esplorazione ed utilizzazione dello spazio esterno. In tale accordo la libert di utilizzazione dello spazio, infatti, trova un limite nel divieto di causare pregiudizio all'ambiente. L'art. 9 stabilisce, infatti, che le parti effettueranno lo studio dello spazio extra-atmosferico, compresa la luna e gli altri corpi celesti, e procederanno alla loro esplorazione in modo da evitare gli effetti dannosi della loro contaminazione come pure le modificazioni nocive dell'ambiente terrestre risultanti dall'introduzione di sostanze extra -terrestri . L'alto mare un'altra zona al di fuori della giurisdizione degli Stati. Tuttavia, in quest'area, ai fini della tutela dell'ambiente, esiste una rilevante

16

eccezione al principio della libert dei mari dal momento che per uno Stato possibile esplicare la sua autorit anche nei confronti di navi battenti bandiera straniera, al fine di adottare tutte le misure necessarie per prevenire o eliminare un pericolo grave ed imminente di inquinamento che minaccia la costa, a seguito di un incidente marino.

Il caso di riferimento, gi accennato, quello della Torrey Canyon. Nel marzo del 1967, questa petroliera battente bandiera liberiana e carica di oltre 100.000 tonnellate di idrocarburi, si incaglia su alcune rocce al di fuori delle acque territoriali della Gran Bretagna. Il governo britannico, per evitare ulteriori danni all'ambiente marino, decide di intervenire bombardando il relitto per bruciare il petrolio rimasto a bordo. Nessuno Stato protesta per le misure adottate dalla Gran Bretagna, nonostante fosse intervenuta in una zona al di fuori della sua giurisdizione. Poco tempo dopo il caso della Torrey Canyon, l'Organizzazione Marittima Consultiva Internazionale promuove una conferenza che si conclude il 29 novembre 1969 con l'adozione di una Convenzione sull'intervento in alto mare in caso di incidente che comporta inquinamento da idrocarburi. Lart. 1 stabilisce che le parti possono prendere in alto mare le misure necessarie per prevenire, attenuare o eliminare i pericoli gravi ed imminenti che presentano per le loro coste un inquinamento o una minaccia di inquinamento delle acque del mare da idrocarburi a seguito di un incidente di mare... suscettibile di provocare conseguenze dannose molto importanti. Questa deroga al principio della libert degli Stati in alto mare trova piena codificazione nella citata convenzione di Montego Bay del 1982; dispone, infatti, l'art. 221 che la libert dei mari non pu pregiudicare il diritto che hanno gli Stati, alla stregua del diritto internazionale, sia consuetudinario che convenzionale, di fare applicare, al di l del mare territoriale, delle misure proporzionate ai danni che essi hanno effettivamente subito al fine di proteggere la loro costa... contro l'inquinamento o una minaccia di inquinamento derivante da un incidente di mare.

17

Gli sviluppi in tema di tutela dell'ambiente Il Protocollo di Kyoto del 1997 Il Protocollo di Kyoto, frutto di numerosi compromessi, si pone come principale obiettivo la riduzione delle emissioni di gas inquinanti attraverso una serie di impegni che hanno come periodo di riferimento il 2008/2012. Partendo dal presupposto che gli Stati hanno delle responsabilit diverse rispetto all'emissione di gas, a Kyoto sono state individuate tre diverse categorie di Paesi ad ognuna delle quali sono stati affidati compiti ed obiettivi diversi: Paesi in via di sviluppo, per i quali non sono previste riduzioni di gas a effetto serra ma esclusivamente obblighi di cooperazione e scambi di informazioni: Paesi in transizione verso un'economia di mercato, che in base al Protocollo sono tenuti ad obblighi ridotti in tema di emissione di gas ad effetto serra: Paesi economicamente avanzati, per i quali il protocollo fissa al 5% la percentuale di riduzione delle emissioni di gas nel periodo che intercorre tra il 2008 ed il 2012. tuttavia previsto un regime differenziato per cui, ad esempio, l'Unione europea deve ridurre le sue emissioni dell'8%, gli Stati Uniti del 7%, mentre alcuni Paesi si vedono riconoscere il diritto di aumentare le loro emissioni. L' Italia ha ratificato e dato esecuzione al Protocollo con legge 1 giugno 2002, n. 120. importante soffermarsi sul problema dell'entrata in vigore del Protocollo di Kyoto fissata al novantesimo giorno successivo al verificarsi di due condizioni: il deposito degli strumenti di ratifica, approvazione, adesione e accettazione da parte di almeno 55 Parti della Convenzione; l'inclusione nelle Parti di cui sopra di Parti incluse nell'Allegato I le cui emissioni totali di biossido di carbonio rappresentano almeno il 55% delle emissioni totali al 1990 dell'Allegato I. Con la ratifica della Russia, comunicata ufficialmente il 30 settembre 2004, tale condizione si verificata: in virt di ci il Protocollo divenuto pienamente

18

operativo il 16 febbraio 2005 e gli impegni che esso prevede dovranno essere mantenuti entro il 2012. L'obiettivo per l'Europa di ridurre le emissioni di anidride carbonica dell'8,2% e per l'Italia del 6,5% rispetto ai livelli del 1990 tra il 2008 e il 2012. Sul livello di riduzione non poche sono state le polemiche e le contestazioni sostenute dal Governo italiano durante la recente Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici tenutasi a Montreal: l'obiettivo stato ritenuto irrealizzabile e fortemente punitivo per l'Italia. In quest'ottica il disinquinamento diventer un beneficio economico e linquinamento un costo, a fronte delle sanzioni previste e decise da un apposito Comitato. Con una decisione del 4 maggio 2005 la Commissione europea ha indirizzato a tutti gli Stati dell'Unione un questionario relativo al livello di attuazione della direttiva 2003/87/CE che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni di gas a effetto serra all'interno dell'Unione, al fine di promuovere la riduzione di dette emissioni secondo i criteri di efficacia dei costi ed efficienza economica. Tale direttiva stata attuata in Italia attraverso le disposizioni urgenti contenute nel D.L. 12 novembre 2004, n. 273, convertito in L. 30 dicembre 2004, n. 316: del 16 febbraio 2006 il decreto ministeriale che ha effettuato la riorganizzazione anche delle autorizzazioni alle emissioni rilasciate ai sensi del D.L. n. 273/2004, convertito. In base al questionario i governi nazionali inviano entro giugno 2006 una seconda relazione, visto che la prima gi stata inviata a giugno 2005, contenente tutte le informazioni riguardanti le autorit competenti alla gestione del mercato, alle industrie coinvolte, la documentazione sulle quote di emissione. Ricordiamo che in base a tale direttiva tutti gli impianti che emettono gas ad effetto serra in elevata quantit devono essere, dal gennaio 2005, in possesso di un'apposita autorizzazione e che ogni impianto non pu rilasciare inquinanti oltre una certa soglia. Dal 1 gennaio 2005 al 31 dicembre 2007 le quote di

19

emissione

del

primo

periodo

sono

assegnate

gratuitamente

solo

successivamente saranno vendute dallo Stato che, al momento, ha a disposizione una quantit di titoli limitata (sul tema cfr. il decreto ministeriale 23 febbraio 2006 in materia di assegnazione e rilascio delle quote di CO, per il periodo 2005-2007, ai sensi della direttiva 2003/87/CE).

Gli accordi di Marrakech del 2001 Dopo l'adozione del Protocollo di Kyoto, hanno avuto luogo cinque sessioni della Conferenza degli Stati membri; in occasione della Conferenza di Marrakech, svoltasi tra il 29 ottobre ed il 10 novembre 2001, le parti hanno adottano un insieme di 22 decisioni che costituiscono gli accordi di Marrakech. Il pacchetto degli accordi comprende: decisioni in tema di aiuti e finanziamenti ai paesi in via di sviluppo in materia di clima; decisioni sui permessi di emissione di sostanze inquinanti; decisioni sui meccanismi di controllo degli obblighi previsti negli accordi; una dichiarazione sullo sviluppo durevole.

La vendita dei diritti di emissione L'elemento chiave di questi accordi costituito dalla specificazione di quel sistema di scambi dei permessi di emissione il cui primo approccio si rinviene nel Protocollo di Kyoto. Secondo gli accordi di Marrakech, ciascuno Stato vedr attribuirsi una quota percentuale di riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra denominata diritto di emissione. Tuttavia, se uno Stato produce una percentuale di gas ad effetto serra maggiore di quella autorizzata, godr della possibilit di acquistare, da un'altra parte che ne produce di meno, la sua eccedenza di diritti di emissione. Naturalmente, in caso di rarefazione dei diritti di emissione, il valore ed il prezzo di tali diritti messi in vendita sul mercato, aumenteranno; l'effetto di questo aumento sar di rendere gli investimenti per la riduzione delle emissioni pi redditizi.

20

Il documento della CDI sulla prevenzione dei danni transfrontalieri derivanti da attivit pericolose Sempre nel 2001, anno degli accordi di Marrakech, la CDI ha preparato un importante documento sulla prevenzione dei danni derivanti da attivit pericolose. Con lo scopo di prevenire tali danni, la CDI punta su tre elementi chiave: la prevenzione, in quanto si sottolinea la necessit per gli Stati di adottare tutte le misure appropriate al fine di prevenire o minimizzare i rischi (art. 3); la cooperazione, evidenziando il ruolo chiave che pu svolgere per minimizzare tali rischi (art. 4); la consultazione, sottolineando la necessit di consultazioni tra gli Stati per raggiungere soluzioni accettabili in merito all'adozione di misure preventive contro fenomeni di inquinamento transfrontaliero (art. 9). Rilevante anche l'art. 10, dove riaffermato il principio di precauzione gi presente nella dichiarazione di Stoccolma e nel Principio n. 15 della dichiarazione di Rio. questa un'ulteriore conferma di quanto questo principio sia diventato un'indispensabile chiave di lettura dei problemi legati all'ambiente.

Il vertice di Johannesburg sullo sviluppo sostenibile del 2002 Uno dei concetti che sempre pi spesso ritroviamo quando si affrontano i temi legati all'ambiente quello di sviluppo sostenibile, un concetto che ha rappresentato il fulcro degli impegni assunti a Johannesburg dagli Stati che hanno partecipato al vertice tenutosi tra il 2 ed il 4 settembre 2002. Dal summit di Rio del 1992, l'appuntamento di Johannesburg si presenta come l'occasione opportuna per fare un importante bilancio e sottolineare che, nonostante la presa di coscienza sulle priorit ambientali ed ecologiche e le dichiarazioni di intenti, gli obiettivi posti non sono stati raggiunti. Gli esiti finali del vertice confluiscono in una Dichiarazione politica con la quale gli Stati firmatari pongono nuovamente lo scopo di sradicare la povert, di cambiare i modelli di consumo e di proteggere le risorse naturali. In realt ci

21

che emerge a Johannesburg la consapevolezza che l'approccio all'intero settore ambientale deve essere di natura politica e volto ad individuare una governance mondiale. Nel corso della conferenza, i partecipanti adottano un Piano d'Azione che fissa principi, obiettivi e scadenze comuni per favorire la costruzione di uno sviluppo sostenibile. I principi fondamentali fissati nel piano d'azione sullo sviluppo sostenibile, documento di natura pi concreta allegato alla citata Dichiarazione, sono due: la conferma del Principio n. 15 della dichiarazione di Rio relativo all'approccio precauzionale; la conferma del Principio n. 7 della dichiarazione di Rio relativo ad una responsabilit comune ma differenziata tra i paesi industrializzati e i paesi in via di sviluppo. Tra gli obiettivi chiave fissati nel piano troviamo: una riduzione significativa della perdita di biodiversit entro il 2010; la protezione degli oceani e della pesca; la stabilizzazione a livelli non pericolosi per l'equilibrio del clima, della concentrazione di anidride carbonica e degli altri gas serra.

Il regime della responsabilit Il problema della responsabilit per danni all'ambiente piuttosto complesso. Pur esistendo un principio di diritto internazionale che prevede un divieto di inquinamento transfrontaliero, la cui violazione comporterebbe il sorgere di una responsabilit da atti leciti, i numerosi accordi internazionali posti in essere a tutela dell'ambiente hanno disposto regimi di responsabilit specifici che si sovrappongono a quello previsto dal diritto internazionale generale.

22

Il concetto di responsabilit comune ma differenziata Gran parte della dottrina concorda sull'esistenza di una speciale dei paesi industrializzati nel campo della protezione

responsabilit

dell'ambiente. , infatti, innegabile che questi Stati abbiano contribuito e contribuiscano in misura maggiore al degrado ambientale del pianeta e, soprattutto, abbiano mezzi e capacit notevolmente diversi per promuovere progetti di tutela e risarcimento ambientale. Questa considerazione spinge molti a sottolineare, con forza, la necessit di un regime differenziato di responsabilit rispetto agli obblighi di tutela dell'ambiente. Questo concetto trova piena affermazione nel Principio n. 7 della dichiarazione di Rio, laddove si sottolinea che i paesi sviluppati danno atto della responsabilit gravante su di loro nel raggiungimento, a livello internazionale, degli obiettivi di sviluppo sostenibile determinata sia dalla pressione che le societ di questi ultimi esercitano sull'ambiente globale, sia sulle tecnologie e le risorse finanziarie di cui essi dispongono. Limportanza di tale principio tanto pi evidente se prendiamo in considerazione il fatto che esso espressamente confermato nel Piano d'Azione adottato nel corso della conferenza di Johannesburg del settembre 2002. Nella prassi, il principio di una responsabilit comune ma differenziata, si traduce, all'interno delle varie convenzioni, nella previsione di regimi duali di responsabilit per il raggiungimento di obiettivi ambientali, applicabili ai paesi sviluppati e a quelli con un livello di sviluppo pi basso.

La disciplina internazionale della responsabilit civile per inquinamento Nel diritto internazionale pattizio troviamo, da tempo, regole specifiche volte ad introdurre meccanismi di responsabilit civile inquadrati all'interno di contesti internazionali, in particolare per i fenomeni di inquinamento derivanti da attivit pericolose. Si tratta di norme strutturate come convenzioni di diritto uniforme che contengono anche aspetti di diritto internazionale processuale. Quando si parla di attivit pericolose, si fa soprattutto riferimento alle centrali

23

nucleari; a tal proposito, la Convenzione di Parigi sulla responsabilit nei confronti dei terzi nel settore dell'energia nucleare del 1960 e la convenzione di Vienna sulla responsabilit civile per danno nucleare del 1963, oltre a prevedere un regime di responsabilit oggettiva in caso di incidente, obbligano i gestori delle centrali a stipulare polizze assicurative per coprire il rischio nucleare. Importanti regole di responsabilit civile per fenomeni di inquinamento transfrontaliero sono adottate anche nel quadro della normativa nazionale relativa alla circolazione dei rifiuti pericolosi. Il Protocollo del 1999, annesso alla convenzione di Basilea del 1989, ha come primo obiettivo proprio quello di introdurre un regime di responsabilit e risarcibilit del danno determinato dall'abbandono di rifiuti pericolosi: si tratta di una responsabilit di tipo oggettivo che grava sul detentore del rifiuto dal momento in cui ne entra in possesso fino al suo smaltimento.

Gli strumenti dazione del diritto internazionale dellambiente Nell'ambito degli strumenti d'azione propri del diritto internazionale si devono in primo luogo ritenere esistenti anche in campo ambientale alcune norme di diritto internazionale generalmente riconosciute, di formazione consuetudinaria, che nel nostro ordinamento, in virt dell'art. 10, comma 1, cost. entrano automaticamente, senza bisogno dell'ordine di esecuzione: tali sono la norma relativa al divieto di inquinamento transfrontaliero e quella concernente l'obbligo di cooperazione tra stati, ambedue confermate da numerosi atti e dichiarazioni internazionali. altres consolidata la

consuetudine internazionale in virt della quale gli stati sono obbligati a ridurre i rischi di incidenti nucleari e a prevenire eventuali danni agli altri stati nonch le emissioni radioattive inquinanti che compromettano l'ambiente globale. Un secondo livello rilevante nella comunit internazionale quello delle dichiarazioni di principio, adottate in sede ONU o in altra sede internazionale di grande rilievo, sfornite di per s di un carattere immediatamente vincolante, ma - in quanto frutto di processi negoziali condotti su scala mondiale - in grado

24

di orientare l'attivit degli stati e i rapporti tra di essi. Tra queste dichiarazioni sono di grande importanza quella sull'ambiente umano di Stoccolma nel 1972, la Carta mondiale della natura del 1982 e la Dichiarazione sull'ambiente e lo sviluppo approvata alla conferenza delle Nazioni Unite sull'ambiente e lo sviluppo, svoltasi a Rio de Janeiro dal 3 al 14 giugno 1992 (Quadro 1) insieme ad altri documenti di principio. Anche l'Agenzia internazionale per l'energia atomica (IAEA) ha fatto largo uso degli strumenti della soft law al fine di definire regole e standard (codici per la sicurezza nazionale) che costituiscono ormai un patrimonio di regole comuni e condivise per la regolazione ed il controllo in ambito internazionale delle attivit nucleari.
Quadro 1. La dichiarazione di Rio Principio1. Gli esseri umani sono al centro delle preoccupazioni relative allo sviluppo sostenibile. Essi hanno diritto a una vita sana e produttiva in armonia con la natura. Principio 2. Conformemente alla Carta delle Nazioni Unite e ai principi del diritto internazionale, gli stati hanno il diritto sovrano di sfruttare le proprie risorse secondo le loro politiche ambientali e di sviluppo, e hanno il dovere di assicurare che le attivit sottoposte alla loro giurisdizione o al loro controllo non causino danni all'ambiente di altri o di zone situate oltre i limiti della giurisdizione nazionale. Principio 3. Il diritto allo sviluppo deve essere realizzato in modo da soddisfare equamente le esigenze relative all'ambiente e allo sviluppo delle generazioni presenti e future. Principio 4. Al fine di pervenire a uno sviluppo sostenibile, la tutela dell'ambiente costituir parte integrante del processo di sviluppo e non potr essere considerata separatamente da questo. Principio 5. Tutti gli stati e tutti i popoli coopereranno al compito essenziale di eliminare la povert, come requisito indispensabile per lo sviluppo sostenibile, al fine di ridurre le disparit tra i tenori di vita e soddisfare meglio i bisogni della maggioranza delle popolazioni del mondo. Principio 6. Si accorder speciale priorit alla situazione e alle esigenze specifiche dei paesi in via di sviluppo, in particolare di quelli meno sviluppati e di quelli pi vulnerabili sotto il profilo ambientale. Le azioni internazionali in materia di ambiente e

25

di sviluppo dovranno anche prendere in considerazione gli interessi e le esigenze di tutti i paesi. Principio 7. Gli stati coopereranno in uno spirito di partnership globale per conservare, tutelare e ripristinare la salute e l'integrit dell'ecosistema terrestre. In considerazione del differente contributo al degrado ambientale globale, gli stati hanno responsabilit comuni ma differenziate. I paesi sviluppati riconoscono la responsabilit che incombe loro nel perseguimento internazionale dello sviluppo sostenibile date le pressioni che le loro societ esercitano sull'ambiente globale e le tecnologie e risorse finanziarie di cui dispongono. Principio 8. Al fine di pervenire a uno sviluppo sostenibile e a una qualit di vita migliore per tutti i popoli, gli stati dovranno ridurre ed eliminare i modi di produzione e consumo insostenibili e promuovere politiche demografiche adeguate. Principio 9. Gli stati dovranno cooperare onde rafforzare le capacit istituzionali endogene per lo sviluppo sostenibile, migliorando la comprensione scientifica mediante scambi di conoscenze scientifiche e tecnologiche e facilitando la preparazione, l'adattamento, la diffusione e il trasferimento di tecnologie, comprese le tecnologie nuove o innovative. Principio 10. Il modo migliore di trattare le questioni ambientali quello di assicurare la partecipazione di tutti i cittadini interessati, ai diversi livelli. Al livello nazionale, ciascun individuo avr adeguato accesso alle informazioni concernenti l'ambiente in possesso delle pubbliche autorit, comprese le informazioni relative alle sostanze e attivit pericolose nelle comunit, e avr la possibilit di partecipare ai processi decisionali. Gli stati faciliteranno e incoraggeranno la sensibilizzazione e la partecipazione del pubblico rendendo ampiamente disponibili le informazioni. Sar assicurato un accesso effettivo ai procedimenti giudiziari e amministrativi, compresi i mezzi di ricorso e di indennizzo. Principio 11. Gli stati adotteranno misure legislative efficaci in materia ambientale. Gli standard ecologici, gli obiettivi e le priorit di gestione dell'ambiente dovranno riflettere il contesto ambientale e di sviluppo nel quale si applicano. Gli standard applicati da alcuni paesi possono essere inadeguati per altri paesi, in particolare per i paesi in via di sviluppo, e imporre loro un costo economico e sociale ingiustificato. Principio 12. Gli stati dovranno cooperare per promuovere un sistema economico internazionale aperto e favorevole, idoneo a generare una crescita economica e uno

26

sviluppo sostenibile in tutti i paesi e a consentire una lotta pi efficace ai problemi del degrado ambientale. Le misure di politica commerciale a fini ecologici non dovranno costituire un mezzo di discriminazione arbitraria o ingiustificata o una restrizione dissimulata del commercio internazionale. Si dovr evitare ogni azione unilaterale diretta a risolvere i grandi problemi ambientali al di fuori della giurisdizione del paese importatore. Le misure di lotta ai problemi ecologici transfrontalieri o mondiali dovranno essere basate, per quanto possibile, su un consenso internazionale. Principio 13. Gli stati svilupperanno il diritto internazionale in materia di responsabilit per i danni causati dall'inquinamento e altri danni all'ambiente e per l'indennizzo delle vittime. Essi coopereranno, in modo rapido e pi determinato, allo sviluppo progressivo del diritto internazionale in materia di responsabilit e di indennizzo per gli effetti nocivi del danno ambientale causato da attivit svolte nell'ambito della loro giurisdizione o sotto il loro controllo in zone situate al di fuori della loro giurisdizione. Principio 14. Gli stati dovranno cooperare efficacemente per scoraggiare o prevenire il dislocamento o il trasferimento in altri stati di tutte le attivit e sostanze che provocano un grave degrado ambientale o siano giudicate nocive per la salute umana. Principio 15. Al fine di proteggere l'ambiente, gli stati applicheranno largamente, secondo le loro capacit, il metodo precauzionale. In casi di rischio di danno grave o irreversibile, l'assenza di certezza scientifica assoluta non deve servire da pretesto per rinviare l'adozione di misure adeguate ed effettive, anche in rapporto ai costi, dirette a prevenire il degrado ambientale. Principio 16. Le autorit nazionali dovranno adoperarsi a promuovere

l'internalizzazione dei costi per la tutela ambientale e l'uso di strumenti economici, considerando che di principio linquinatore a dover sostenere il costo dell'inquinamento, tenendo nel debito conto l'interesse pubblico e senza distorcere il commercio internazionale e gli investimenti. Principio 17. La valutazione d'impatto ambientale, come strumento nazionale, sar effettuata nel caso di attivit proposte che siano suscettibili di avere effetti negativi rilevanti sull'ambiente e dipendano dalla decisione di un'autorit nazionale competente. Principio 18. Gli stati notificheranno immediatamente agli altri stati ogni catastrofe naturale o ogni altra situazione d'emergenza che sia suscettibile di produrre effetti

27

nocivi improvvisi sull'ambiente di tali stati. La comunit internazionale compir ogni sforzo per aiutare gli stati cos colpiti. Principio 19. Gli stati invieranno notificazione previa e tempestiva agli stati potenzialmente coinvolti e comunicheranno loro tutte le informazioni pertinenti sulle attivit che possono avere effetti transfrontalieri seriamente negativi sull'ambiente e avvieranno fin dall'inizio con tali stati consultazioni in buona fede. Principio 20. Le donne hanno un ruolo vitale nella gestione dell'ambiente e nello sviluppo. La loro piena partecipazione quindi essenziale per la realizzazione di uno sviluppo sostenibile. Principio 21. La creativit, gli ideali e il coraggio dei giovani di tutto il mondo devono essere mobilitati per forgiare una partnership globale idonea a garantire uno sviluppo sostenibile e assicurare a ciascuno un futuro migliore. Principio 22. Le popolazioni e comunit indigene e le altre collettivit locali hanno un ruolo vitale nella gestione dell'ambiente e nello sviluppo grazie alle loro conoscenze e pratiche tradizionali. Gli stati dovranno riconoscere la loro identit, la loro cultura e i loro interessi e accordare a esse tutto il sostegno necessario a consentire la loro efficace partecipazione alla realizzazione di uno sviluppo sostenibile. Principio 23. L'ambiente e le risorse naturali dei popoli in stato di oppressione, dominazione e occupazione saranno protetti. Principio 24. La guerra esercita un'azione intrinsecamente distruttiva sullo sviluppo sostenibile. Gli stati rispetteranno il diritto internazionale relativo alla protezione dellambiente in tempi di conflitto armato e, se necessario, coopereranno al suo progressivo sviluppo. Principio 25. La pace, lo sviluppo e la protezione dell'ambiente sono interdipendenti e indivisibili. Principio 26. Gli stati risolveranno le loro controversie ambientali in modo pacifico con mezzi adeguati in conformit alla Carta delle Nazioni Unite. Principio 27. Gli stati e i popoli coopereranno in buona fede e in spirito di partnership all'applicazione dei principi consacrati nella presente Dichiarazione e alla progressiva elaborazione del diritto internazionale in materia di sviluppo sostenibile.

28

Nel corso della conferenza di Rio stata aperta alla firma la Convenzione quadro sul cambiamento climatico (New York 1992): l'art. 7 di tale convenzione ha istituzionalizzato lo strumento della conferenza delle parti, qualificandola come organo supremo della convenzione alla quale riservata la funzione di monitorare l'applicazione della convenzione quadro e di assumere tutte le decisioni necessarie per la promozione degli obiettivi in essa contenuti. Nel corso della terza conferenza (tenutasi a Kyoto nel dicembre 1997) stato adottato il protocollo di Kyoto in cui sono stati fissati i limiti e i tempi per la progressiva riduzione dell'emissione di sei gas (elencati nell'allegato A) considerati i responsabili del fenomeno del cambiamento climatico. L'entusiasmo per il raggiungimento di un accordo che coinvolgeva i paesi pi industrializzati stato in verit ben presto raffreddato dalle prevedibili difficolt legate al procedimento di ratifica da parte degli Stati Uniti. Gli accordi di Kyoto prevedono che gli Stati Uniti riducano le emissioni inquinanti del 7% rispetto ai livelli del 1990 entro il 2012; per lo stesso periodo l'Europa ha convenuto una riduzione pari all'8%, e il Giappone ha accettato una riduzione del 6%. Nell'ambito delle conclusioni adottate dal Consiglio dei ministri dell'Ambiente dell'Unione europea del 17 giugno 1998 stato pattuito che l'Italia dovr ridurre le emissioni del 6,5% rispetto ai livelli del 1990. La presentazione del disegno di legge di ratifica del protocollo di Kyoto da parte del governo russo (ottobre 2004) ha posto le basi per l'entrata in vigore del protocollo medesimo: infatti, con la ratifica da parte della Russia si raggiunge la percentuale del 62% (del totale delle emissioni) e si supera quindi la soglia delle adesioni da parte dei paesi responsabili per il 55% delle emissioni di biossido di carbonio, percentuale richiesta dallo stesso protocollo come condizione per la sua entrata in vigore (16 febbraio 2005). Come noto, le resistenze della Russia, come anche la persistente opposizione degli Usa, alla ratifica del protocollo sono legate ai criteri utilizzati per la distribuzione dei costi per il raggiungimento degli obiettivi di contenimento dei fenomeni di cambiamento climatico previsti per il primo periodo di attuazione del

29

protocollo (2008-2012). In questa prima fase i costi graveranno solo sui paesi industrializzati, cio sui paesi responsabili delle quantit di emissioni inquinanti gi presenti nell'atmosfera e quindi responsabili dei cambiamenti climatici in atto. La debolezza di questo criterio deriva dal fatto che probabilmente alla fine del primo periodo di applicazione (2012) altri paesi in via di sviluppo (Cina, India, Brasile) raggiungeranno e potranno persino superare, visto l'andamento della loro crescita economica, i livelli di emissioni imposti ai paesi industrializzati. In questo modo il contenimento imposto ai paesi pi sviluppati rischia di essere compensato dall'incontrollato aumento delle emissioni da parte di quei paesi del cd. terzo mondo che si stanno velocemente incamminando sulla strada dello sviluppo economico. In questo quadro internazionale la Comunit europea ha dato la sua approvazione al protocollo di Kyoto (decisione del Consiglio del 25 aprile 2002, n. 358) ed ha quindi accolto con grande entusiasmo la notizia dell'avvio del processo di ratifica da parte della Russia: in verit la scelta dell'Europa di sottomettersi al vincolo della riduzione fino all'8% delle emissioni consentite dal protocollo sembrerebbe prevalentemente animata dalla volont di collocarsi sulla scena della politica internazionale dell'ambiente come entit sovranazionale capace di assumere decisioni opposte rispetto a quelle degli Usa, fondate sui valori della cooperazione e della tutela degli stati meno privilegiati. Un terzo livello quello dei trattati internazionali a carattere mondiale. Tra questi si possono ricordare, sulla scorta anche di recenti raccolte, i principali nei diversi settori di interesse ambientale. Nel settore marino, oggetto della maggiore attivit pattizia a livello internazionale, sono degni di menzione la Convenzione sulla prevenzione dell'inquinamento da idrocarburi (Londra 1954), sostituita dalla Convenzione sulla prevenzione dell'inquinamento da navi (Londra 1973-78), i trattati sull'intervento in alto mare in caso di inquinamento da idrocarburi o da altre sostanze (Bruxelles 1969 e Londra 1973), la Convenzione sulla prevenzione dell'inquinamento da scarico dei rifiuti e altre sostanze (Londra 1972) e, pi in generale, la Convenzione delle Nazioni

30

Unite sul diritto del mare (Montego Bay 1982). Il trattato sull'Antartico stato completato da un protocollo sulla protezione ambientale (Madrid 1991). In materia di corsi d'acqua, stata approvata (Helsinki 1992) una Convenzione sulla protezione e l'uso dei corsi d'acqua transfrontalieri e sui laghi internazionali. Tale convenzione contiene un accordo quadro che detta i principi generali sulla lotta all'inquinamento idrico e sull'uso di fiumi e laghi transfrontalieri, materie tradizionalmente oggetto di trattati particolari stipulati tra gli stati rivieraschi di ogni singolo corso d'acqua internazionale. Nel settore dellatmosfera, rilevano in particolar modo la Convenzione sullinquinamento transfrontaliero a lunga distanza (Ginevra 1979, con i protocolli aggiuntivi di Ginevra 1984, Helsinki 1985, Sofia 1988, Ginevra 1991, Oslo 1994, Aarhus 1998 e Gteborg 1999) e la Convenzione di Vienna sulla protezione dello strato di ozono (1985) con i relativi protocolli di Montreal (16 settembre 1987), sulle sostanze che distruggono lo strato di ozono (l'accordo prevede un congelamento, ai livelli del 1986, della produzione di clorofluorocarburi (CFC) entro il 1989, una sua diminuzione del 20% entro il 1993, e di un ulteriore 30% entro il 1998), e di Londra (29 giugno 1990). Nel settore dei beni naturali fondamentale la Convenzione sulla protezione del patrimonio mondiale, culturale e naturale adottata a Parigi il 23 novembre 1972 dalla conferenza generale dell'UNESCO che considera unitariamente valori culturali e valori naturali quali parti inalienabili del patrimonio dell'umanit. Nel settore delle specie o aree particolarmente protette, possono essere ricordate la Convenzione di Washington del 1946 sulla caccia alla balena, la Convenzione di Ramsar del 1971 sulle zone umide di importanza internazionale, la Convenzione di Washington (1973) sul commercio internazionale delle specie della fauna e della flora selvagge in pericolo, la Convenzione di Bonn (1979) sulla conservazione delle specie migratrici; quale sviluppo e superamento della logica della protezione di specie o di aree protette da registrare adesso l'importante Convenzione approvata a Rio de Janeiro sulla diversit biologica.

31

Nel settore dell'energia nucleare vanno segnalate le Convenzioni di Vienna (1986), sulla notificazione tempestiva di un incidente nucleare e sull'assistenza in caso di incidente nucleare o di emergenza radioattiva; nel settore del disarmo, la Convenzione sulla proibizione dell'uso militare o di ogni altro uso ostile di tecniche di modificazione ambientale (Ginevra 1977). Vanno inoltre ricordati una serie di trattati relativi al regime delle attivit c.d. ultrapericolose (Convenzione sulla responsabilit civile di chi utilizza navi nucleari: Bruxelles 1962; Convenzione sulla responsabilit civile per i danni dovuti a inquinamento da idrocarburi: Bruxelles 1969, e relativi protocolli; Convenzione sull'istituzione di un fondo internazionale per il risarcimento dei danni da inquinamento di idrocarburi: Bruxelles 1971 e relativi protocolli; Convenzione sui danni causati da oggetti spaziali: Londra, Mosca, Washington 1972; Convenzione sul controllo dei movimenti transfrontalieri dei rifiuti pericolosi e sul loro smaltimento: Basilea 1989; Convenzione sugli effetti transfrontalieri di incidenti industriali: Helsinki 1992). Nel 1996 stata adottata a Londra, sotto gli auspici dell'International Maritim Organisation, la Convenzione sulla responsabilit civile e risarcimento dei danni da inquinamento subiti in conseguenza del trasporto via mare di sostanze nocive e potenzialmente pericolose. Il problema della desertificazione del pianeta al centro della Convenzione per la lotta alla desertificazione nei paesi che attraversano l'esperienza di grave siccit e/o desertificazione (Parigi 1994), ratificata dall'Italia e in vigore internazionale dal 26 dicembre 1996. L'altra grave emergenza mondiale della deforestazione tropicale ha condotto all'adozione dell'Accordo internazionale sul legno tropicale (Ginevra 1998): tale atto sostituisce un precedente accordo del 1983 la cui rinegoziazione era stata gi prevista dallAgenda 21 adottata alla conferenza di Rio de Janeiro del 1992. Un ultimo importante livello quello dei numerosissimi trattati a carattere regionale.

32

LA NORMATIVA DELLUNIONE EUROPEA SUL TEMA DELLAMBIENTE

SOMMARIO: Lambiente nei trattati istitutivi dellUnione Europea e i principi

della politica ambientale comunitaria I programmi dazione ed i principali ambiti dintervento LAgenzia europea per lambiente Il coinvolgimento delle imprese ed il sostegno finanziario alle azioni a tutela dellambiente La disciplina comunitaria

Lambiente nei trattati istitutivi dellUnione Europea e i principi della politica ambientale comunitaria Nei trattati istitutivi delle tre Comunit europee non esisteva alcun riferimento ad una politica ambientale comunitaria: ed in effetti per diversi anni l'attivit comunitaria in questo settore stata pressoch nulla. Soltanto nel corso degli anni `60 i Paesi comunitari cominciarono ad avvertire l'esigenza di promuovere una qualche forma di collaborazione in questo settore. Durante lo svolgimento della Conferenza delle Nazioni Unite di Stoccolma del 1972 tale volont riusc a concretizzarsi in un preciso indirizzo comunitario a tutela dell'ambiente, che sar successivamente ribadito in seno alla Conferenza dei capi di Stato della Comunit tenutasi a Parigi nello stesso anno. In quella sede, infatti, fu definitivamente sancita la necessit di instaurare una politica comune dell'ambiente e fu rivolto un invito alle istituzioni comunitarie affinch elaborassero un programma d'azione, che effettivamente fu presentato l'anno successivo: esso rappresenta una costante della politica comunitaria in materia ambientale. La base giuridica per l'adozione degli atti comunitari era inizialmente costituita dagli articoli 100 e 235 (ora 94 e 308) del trattato istitutivo. Nel primo caso l'articolo prevede un sommario potere delle istituzioni comunitarie di

33

emanare direttive volte al ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative, mentre nel secondo si tratta di un articolo che attribuisce una generica facolt al Consiglio di adottare tutte le disposizioni necessarie al funzionamento del mercato comune nellipotesi in cui il trattato nulla prevede al riguardo. evidente, quindi, che la base giuridica per l'azione comunitaria in questo settore era estremamente fragile: ci nonostante in oltre vent'anni essa ha prodotto notevoli risultati. In occasione della prima riforma globale dei trattati istitutivi, avvenuta nel 1987 con l'Atto unico europeo, fu inserito un nuovo titolo specificamente destinato alla tutela dell'ambiente e formato dagli articoli 130 R, S e T (ora 174 176) dove venivano per la prima volta definiti gli obiettivi, i principi e gli strumenti per la politica comunitaria in questo settore. Tali disposizioni sono state riconfermate dal successivo Trattato sullUnione europea che, per, ha apportato alcune modifiche. Con la firma del Trattato di Amsterdam la tutela dell'ambiente ha assunto una valenza trasversale nell'ambito delle politiche comunitarie. Secondo quanto previsto dallart. 6, infatti, tutte le politiche devono tener conto delle esigenze connesse alla salvaguardia dell'ambiente, soprattutto nella prospettiva di promuovere lo sviluppo sostenibile, vale a dire uno sviluppo economico che consenta di non alterare il delicato equilibrio ambientale. Il Trattato di Nizza, entrato in vigore il 1 febbraio 2003, non apporta nessuna modifica di rilievo alla politica della Comunit in materia ambientale, ad eccezione di una sola di carattere meramente tecnico. stata inserita un'elencazione appena pi dettagliata dei settori nel cui ambito hanno incidenza le misure adottate dal Consiglio; nella nuova versione del trattato si parla, infatti, di gestione quantitativa delle risorse idriche anzich di una generica gestione delle stesse. da ricordare anche la Dichiarazione n. 9 allegata al Trattato di Nizza che testualmente recita: Le Alte Parti Contraenti sono determinate a far s che

34

l'Unione europea svolga un ruolo motore nel promuovere la protezione dell'ambiente nell'Unione nonch, sul piano internazionale, nel perseguire lo stesso obiettivo a livello mondiale. Occorre avvalersi pienamente di tutte le possibilit offerte dal trattato per conseguire tale obiettivo, anche attraverso incentivi e strumenti orientati al mercato e volti a promuovere lo sviluppo sostenibile. Gli scopi cui mirano le azioni della Comunit nel settore dell'ambiente sono chiaramente definiti all'articolo 174 TCE che indica: la salvaguardia, la tutela e il miglioramento della qualit dell'ambiente; la protezione della salute umana; l'utilizzazione accorta e razionale delle risorse naturali; la promozione sul piano internazionale di misure destinate a risolvere i problemi dell'ambiente a livello regionale o mondiale. I criteri cui si ispira l'azione comunitaria in materia ambientale sono enunciati nel secondo paragrafo dell'articolo 174 TCE. Essi sono: il principio della prevenzione la cui finalit quella di evitare i danni ambientali azzerandone definitivamente il rischio. L'azione di prevenzione dei danni ambientali comporta un controllo di tutti i progetti e delle diverse iniziative che possono influenzare negativamente lo stato dell'ambiente, mediante una procedura di valutazione ex ante dell'impatto ambientale da essi prodotto. A questo scopo stata approvata la direttiva comunitaria 27 giugno 1985, n. 337 modificata in seguito dalla direttiva 3 marzo 1997, n. 11, nella quale si chiede agli Stati membri l'adozione della procedura di VIA (Valutazione di Impatto Ambientale) nelle legislazioni interne al fine di garantire un'omogenea sostenibilit dello sviluppo in tutta la Comunit. Lelenco dei settori interessati alla procedura di VIA ampio e dettagliato e vi sono indicati sia i progetti per i quali la valutazione obbligatoria quali autostrade, ferrovie, porti, aeroporti, sia i progetti per i quali la valutazione discrezionale come per il settore agricolo e per le attivit infrastrutturali.

35

Sebbene le procedure di VIA siano tuttora differenziate nei vari Paesi, la preventiva valutazione risulta per tutti condicio sine qua non per l'autorizzazione di determinati progetti pubblici e privati; il principio del chi inquina paga, fondato sulla logica dell'imputazione di responsabilit per i danni causati da interventi inquinanti. Nel programma d'azione per l'ambiente del 1981 la Comunit afferma, a proposito della responsabilit, che: l'addebito dei costi destinati alla protezione dell'ambiente a chi causa l'inquinamento incita quest'ultimo a ridurre l'inquinamento provocato dalle proprie attivit ed a ricercare prodotti e tecnologie meno inquinanti. In questo modo il costo che l'intera collettivit dovrebbe sopportare in termini di maggior grado di

inquinamento viene internalizzato, entra, cio, a far parte dei costi dell'impresa. Finalit ultima perseguita dalla Comunit nell'applicazione di questo principio quella di risolvere due problemi: ridurre l'ammontare dell'imposizione fiscale per l'ambiente che grava su tutti i cittadini e garantire la concorrenza delle imprese sul mercato tassando in eguale misura identiche produzioni inquinanti. Gli strumenti attraverso i quali il principio viene attuato sono di due tipi: regole di qualit che vengono rapportate al rispetto di standard di inquinamento e di livelli di massima accettabilit delle emissioni inquinanti; strumenti economico finanziari, come tasse o sussidi. Con le prime, si intende stabilire un prezzo per l'utilizzo delle risorse ambientali nei processi produttivi in modo da scoraggiarne l'abuso. Con i secondi, invece, si tende ad incentivare l'adozione di tecnologie antinquinanti nei processi produttivi; il principio precauzionale, introdotto in ambito comunitario dal Trattato sull'Unione europea, ma gi operante a livello internazionale. Il quindicesimo principio della Dichiarazione finale del Vertice di Rio de Janeiro afferma, infatti, che gli Stati, al fine di proteggere l'ambiente, devono largamente applicare il metodo precauzionale adottando una serie

36

di misure preventive ancor prima che abbia inizio un processo di degrado ambientale. Questo principio fortemente correlato a quello del chi inquina paga nel senso che onde evitare di incorrere in tale tipo di responsabilit necessario avere realizzato tutti gli interventi necessari per scongiurare l'evento dannoso; il principio di correzione, in virt del quale, verificatosi un danno ambientale, lo Stato inquinante deve provvedere a correggere alla fonte l'eventuale lesione; il principio dell'integrazione, introdotto dal Trattato di Amsterdam, oggi considerato prioritario ed indefettibile. Esso si basa sull'esigenza di affiancare alle politiche economiche e settoriali della Comunit la tutela dell'ambiente, nella prospettiva di promuovere uno sviluppo economico equilibrato che non rechi danno allambiente e non abusi delle risorse naturali limitatamente disponibili. Il Trattato di Amsterdam, novellando l'art. 6 del TCE, ha inserito cos tra i principi informatori della Comunit quello dell'integrazione delle esigenze ambientali nella definizione e nell'attuazione delle altre politiche comunitarie, consacrandolo cos a rango di principio fondamentale e generale, capace di produrre effetti anche in seno alle procedure decisionali. In questo ambito, infatti, e ai fini dell'avvicinamento delle legislazioni nazionali, viene salvaguardata l'esigenza di una maggiore partecipazione del Parlamento europeo e di un'ampia consultazione del Comitato delle Regioni. La codecisione delle soluzioni e degli interventi ambientali garanzia, infatti, di una possibile uniforme applicazione. Ne deriva che risulta fondamentale il ruolo della Comunit, sede di concertazione e mediazione tra la realt mondiale e quelle regionali. Il principio d'integrazione ha trovato piena legittimazione anche nella Carta dei diritti fondamentali all'Unione europea approvata al Consiglio europeo di Nizza il 7 dicembre 2000.

37

Essa stabilisce infatti che un elevato livello di tutela dell'ambiente e il miglioramento della sua qualit devono essere integrati nelle politiche dell'Unione e garantiti conformemente al principio dello sviluppo sostenibile.

I programmi dazione ed i principali ambiti dintervento I programmi di azione costituiscono dei documenti fondamentali per l'attuazione delle politiche comunitarie in materia ambientale. Allo scopo di tracciare una strategia comunitaria d'intervento generale per i Paesi dell'Unione, il Consiglio ha approvato infatti, dal 1973 ad oggi, 6 programmi d'azione che rappresentano ciascuno la continuazione dell'altro e lo sviluppo, sempre pi approfondito, della problematica della tutela ambientale. I Programma (1973-1977) Con il I Programma, realizzato l'anno successivo alla Conferenza internazionale di Stoccolma, la Comunit si assunta ufficialmente il compito di guidare i Paesi membri verso la realizzazione di una politica ambientale uniforme; si tratta, dunque di una sorta di autolegittimazione ad operare nel settore ambientale in qualit di soggetto sovranazionale. Lo scopo stato quello di evitare che le differenze legislative degli Stati ponessero dei limiti alla realizzazione del Mercato Unico: pertanto, ogni intervento nazionale pur mirando alla conservazione dell'equilibrio biologico, ha dovuto rispettare il vincolo della compatibilit con lo sviluppo economico e sociale della Comunit. Il I Programma definisce gli obiettivi della politica ambientale comunitaria identificandoli in: prevenzione, riduzione e, ove possibile, eliminazione dei danni ambientali; mantenimento degli equilibri ecologici; gestione equilibrata delle risorse naturali; sviluppo qualitativo delle condizioni di vita e di lavoro; maggiore attenzione ai problemi ambientali anche nei settori

dell'urbanistica e, in generale, della gestione del territorio;

38

cooperazione internazionale, anche con i Paesi extracomunitari, nella ricerca di soluzioni concordi ai problemi ambientali.

II Programma (1977-1981) Il II Programma, approvato nel 1977, si indirizzato in modo particolare verso una politica di prevenzione. I nuovi indirizzi comunitari sono stati finalizzati a controllare tutti i prodotti chimici prima della loro immissione sul mercato, ad elaborare rigidi dispositivi di sicurezza nelle produzioni pericolose, a valutare l'incidenza delle nuove attivit sull'ambiente ed a classificare sistematicamente tutte le caratteristiche del territorio comunitario. Tra le azioni previste, di particolare rilievo stata quella avente ad oggetto l'incentivazione alla cooperazione con gli Stati terzi rispetto alla Comunit europea e con le organizzazioni internazionali per tutte le problematiche di interesse comune. Oggetto del Programma era anche il rafforzamento dell'impegno comunitario nella riduzione dell'inquinamento e delle perturbazioni ambientali, l'attenzione e la protezione verso il contenimento acustico e atmosferico e la considerazione delle problematiche ecologiche come interdipendenti dell'economia mondiale. III Programma (1981-1985) Il III Programma, valido per il quadriennio 1981-1985, ha disciplinato la politica ambientale in rapporto ad altri elementi quali ai l'economia, cittadini e,

l'occupazione,

l'innovazione

tecnologica,

l'informazione

soprattutto, i rapporti e la collaborazione con i Paesi terzi. Ancora pi fermamente si pone il principio della cooperazione: le azioni congiunte a livello internazionale, infatti, si sono rese indispensabili dal momento che le cause e gli effetti dell'inquinamento non sono pi circoscrivibili esclusivamente ai Paesi comunitari. Ne derivata, quindi, la necessit di operare sinergicamente ed organicamente con tutte le altre Nazioni per raggiungere risultati ottimali. IV Programma (1987-1992) Nel IV Programma gli Stati membri sono stati sollecitati ad operare una ricognizione, attraverso appropriati indicatori, dello stato ambientale del

39

proprio territorio. Le informazioni desunte hanno poi permesso lo studio delle soluzioni pi adeguate ai diversi tipi e livelli di degrado. Queste le azioni previste dal IV Programma: prevenire l'inquinamento sia attraverso una riduzione alla fonte degli inquinanti sia attraverso il controllo delle sostanze e dei preparati chimici; migliorare la gestione delle risorse adottando misure tese a valorizzare il patrimonio naturale e ad evitare rischi e catastrofi provocate dall'uomo; potenziare la collaborazione internazionale; sviluppare strumenti adeguati ad una maggiore tutela come la procedura di valutazione dell'impatto ambientale o la diffusione di tecnologie pulite. Si tratta di obiettivi ambiziosi il cui raggiungimento imprescindibile dalla conduzione di un dialogo con le amministrazioni nazionali. V Programma (1993-2000) Con il V Programma sono state definitivamente gettate le basi per una politica comune dell'ambiente ed stato esteso a tutti gli aspetti dell'azione comunitaria l'obiettivo della prevenzione in campo ambientale. L'idea veramente innovativa del nuovo programma era costituita, per, dal principio ispiratore dell'azione comunitaria che non mira pi semplicemente a punire determinati comportamenti nocivi per l'ambiente, ma tenta una pi ampia responsabilizzazione degli operatori economici interessati e dei gruppi sociali organizzati, attraverso una maggiore informazione su problematiche ambientali, prevedendo altres azioni premianti per coloro che rispettano determinati standard ambientali. Accanto all'introduzione del principio di corresponsabilit, il V Programma conteneva anche quello di proporzionalit, in base al quale per ragioni di tutela ambientale era legittimo imporre limitazioni alle libert comunitarie, di commercio e di libera circolazione delle merci. Le misure limitative, in ogni caso non vessatorie e discriminatorie, dovevano essere compensate dal principio di sostituibilit che consentiva l' applicazione dello strumento meno penalizzante possibile.

40

Sempre allo scopo di realizzare la gi descritta politica comune, il V Programma non si limitava solo a prevedere strumenti legislativi ma anche misure di sostegno economico-finanziario, di mercato e di supporto. Il quinto programma si concluso il 31 dicembre 2000 dopo aver conseguito risultati importanti. VI Programma (2001-2010) Con la decisione n. 1600 del Parlamento europeo e del Consiglio del 22 luglio 2002 stato istituito il sesto programma d'azione in materia ambientale che individua gli obiettivi generali da perseguire e le azioni prioritarie delle future politiche ambientali dell'UE. Il programma Ambiente 2010: il nostro futuro, la nostra scelta con decorrenza 1 gennaio 2001 - 31 dicembre 2010 insiste sull'importanza determinante di una corretta ed uniforme applicazione della normativa comunitaria per il raggiungimento degli obiettivi comuni ed incarica la Commissione di denunciare pubblicamente gli Stati inadempienti. Nel nuovo programma si porr inoltre come obiettivo la questione ecologica dei modelli di produzione e consumo; si continuer ad insistere sul tema dell'integrazione degli aspetti ambientali con le politiche in materia di trasporti, energia, agricoltura nonch sulla pianificazione territoriale e sugli interventi regionali e locali per l'incentivazione dello sviluppo sostenibile. Le nuove aree individuate dal sesto programma sono: cambiamento climatico. Su questo punto la Comunit si fa portavoce e garante di quanto previsto nel protocollo di Kyoto; natura e biodiversit. Per tali ambiti si adotteranno strumenti finanziari e di sostegno per il mantenimento e il ripristino degli ecosistemi piani d'azione settoriali per la biodiversit. Iniziative di salvaguardia saranno prese per il paesaggio e le zone rurali, per l'ambiente marino, per la bonifica dei suoli; ambiente e salute. Date le molteplici interconnessioni tra inquinamento e salute si punter soprattutto alla salvaguardia delle fasce deboli e sensibili della popolazione. Un'attenzione particolare sar prestata sull'inquinamento da sostanze chimiche e da pesticidi;

41

uso sostenibile delle risorse naturali e rifiuti. In questo campo oltre al riciclaggio saranno promosse azioni per prevenire la generazione di rifiuti anche attraverso una politica integrata di prodotti. I principali ambiti d'intervento sono:

L'inquinamento delle acque La direttiva 76/464/CEE, concernente l'inquinamento provocato da talune

sostanze dannose scaricate nell'ambiente idrico, rappresenta una disciplina quadro tesa all'eliminazione dell'inquinamento delle acque prodotto da sostanze quali ad esempio il mercurio, il cadmio, prodotti chimici organici persistenti, oli non biodegradabili ecc., nonch alla riduzione di sostanze meno pericolose. Questa direttiva, pur conservando la sua specificit, stata integrata da direttive pi restrittive concernenti la protezione delle falde acquifere, gli scarichi e i criteri qualitativi in presenza di mercurio, tetracloruro di carbonio, ecc Sono state emanate numerose altre direttive che fissano i livelli di qualit di acqua potabile, delle acque per la balneazione, dell'acqua dolce con presenza di pesci e di quelle per l'acquacoltura. Il 23 ottobre 2000 stata adottata la direttiva n. 2000/60/CE, come modificata dalla dec. n. 2455/2001 del 20 novembre 2001, volta ad istituire un quadro comune per l'azione comunitaria in materia di acque. L'azione comunitaria in questo settore deve porsi come obiettivo la tutela e il miglioramento della qualit dell'ambiente nonch l'utilizzo razionale delle risorse naturali. Tale azione, per, per essere efficace, deve essere differenziata da regione a regione poich deve tener conto della diversit delle condizioni ambientali e della diversit dello sviluppo socioeconomico. A tal fine risulta indispensabile la collaborazione sia a livello locale che tra la Comunit e gli Stati membri, affinch vi sia una costante informazione e consultazione tra le autorit competenti e la partecipazione attiva dell'opinione pubblica.

42

Scopi della direttiva 2000/60 /CE Secondo quanto disposto dalla direttiva, gli scopi principali dell'istituzione di un quadro unico per la protezione delle acque superficiali interne, delle acque di transizione, delle acque costiere e sotterranee sono quelli di contribuire a: a) impedire un ulteriore deterioramento, proteggere e migliorare lo stato degli ecosistemi acquatici e degli ecosistemi terrestri e delle zone umide direttamente dipendenti dagli ecosistemi acquatici sotto il profilo del fabbisogno idrico; b) agevolare un utilizzo idrico sostenibile fondato sulla protezione a lungo termine delle risorse idriche disponibili; c) mirare alla protezione rafforzata e al miglioramento dell'ambiente acquatico, anche attraverso misure specifiche per la graduale riduzione degli scarichi, delle emissioni e delle perdite di sostanze prioritarie e l'arresto o la graduale eliminazione degli scarichi, delle emissioni e delle perdite di sostanze pericolose prioritarie; d) assicurare la graduale riduzione dell'inquinamento delle acque sotterranee e impedirne l'aumento; e) mitigare gli effetti delle inondazioni e della siccit contribuendo quindi a: garantire una fornitura sufficiente di acque superficiali e sotterranee di buona qualit per un utilizzo idrico sostenibile, equilibrato ed equo; ridurre in modo significativo l'inquinamento delle acque sotterranee; proteggere le acque territoriali e marine; realizzare gli obiettivi degli accordi internazionali in materia.

Per ogni obiettivo fissato, le istituzioni comunitarie hanno previsto numerose misure specifiche e tecniche, alcune nuove, altre riprese dai numerosi interventi normativi comunitari sino ad oggi emanati in materia. Questi ultimi (tra cui figura anche la direttiva 76/464/CEE) confluiranno, attraverso un percorso graduale di adeguamento lungo tredici anni, nel quadro normativo unico disciplinato dalla direttiva in esame. Linquinamento atmosferico Negli ultimi due decenni sono state emanate numerose direttive tese a salvaguardare la qualit dell'aria, limitando l'inquinamento provocato dal

43

biossido di zolfo e delle microparticelle sospese dal piombo, dell'ossido di azoto e dall'amianto, nonch dallemissioni dei gas prodotti dai veicoli a motore. Tali misure sono per risultate alquanto inadeguate rispetto all'imponente fenomeno dell'inquinamento dell'aria. D'altro canto i settori produttivi sono stati sollecitati con troppo ritardo a perseguire la strada della riconversione industriale (soprattutto mediante l'innovazione tecnologica). Per contro, l'allarmante riduzione dello strato di ozono con i suoi inevitabili effetti sulla salute umana ha indotto la Comunit ad adottare una serie di misure per limitare luso dei clorofluorocarburi (cfc) e degli allogeni presenti nell'atmosfera. Per quanto riguarda i cfc, utilizzati soprattutto dalle industrie degli espansi plastici, della refrigerazione e dei condizionatori, il regolamento n. 3952/1992 ne ha imposto la totale eliminazione a partire dal 1 gennaio 1995. Sono state, inoltre, introdotte misure tese a ridurre la concentrazione di piombo presente nell'atmosfera limitandone la presenza nelle benzine destinate al funzionamento dei motori e obbligando, a partire dal 1992, le case costruttrici di automobili di dotare gli autoveicoli di catalizzatori e adottate forme di controllo sul trasporto a grande distanza delle sostanze inquinanti per l'atmosfera, con il programma EMEP previsto dalla Convenzione

sull'inquinamento atmosferico a grande distanza (1979). La direttiva 84/360 del 28 giugno 1984, poi abrogata dalla direttiva 24 settembre 1996, n. 96/91, aveva, infine, introdotto la disciplina quadro per contenere l'inquinamento atmosferico provocato dalle emissioni degli impianti industriali prevedendo valori - limite ben precisi di emissione. Con la direttiva 2002/3/CE del 14 febbraio 2002, attuata con D.Lgs. n.183/2004, relativa alla determinazione dei parametri di ozono nell'aria, stato inaugurato un piano di azione integrato a livello europeo. Linquinamento da rumore In questo campo la Comunit ha adottato alcune direttive tendenti ad armonizzare i metodi di valutazione e il livello massimo di rumorosit

44

consentito per i veicoli a motore, i motoveicoli, gli aerei subsonici, i trattori, i tosaerba, i macchinari per l'edilizia e gli elettrodomestici. Da ultimo con direttiva 49 del 25-6-2002 sono state dettate misure determinative e gestionali del rumore ambientale. Lo smaltimento e il trattamento dei rifiuti La direttiva quadro in tema di rifiuti e loro smaltimento la n. 442/1975 modificata dalla n. 156/1991 che fissa i criteri di base relativi a tutti i rifiuti in riferimento alla raccolta, allo smaltimento, al riciclaggio e al trattamento. La disciplina in essa contenuta stata successivamente integrata dalla direttiva n. 319 del 1978 sui rifiuti tossici e pericolosi (poi abrogata dalla direttiva 99/689/CEE, come modificata dalla direttiva 99/31/CEE) e da altre direttive che stabiliscono misure specifiche per gli olii residui, per i rifiuti prodotti dalle lavorazioni industriali del biossido di titanio, per i rifiuti di policlorobifenili (pcb) e policlorotrifenili (pct). La protezione della fauna e della flora Nella direttiva n. 409/1979 relativa alla salvaguardia degli uccelli selvatici sono contenute le norme generali per la loro protezione: vengono difatti ridotte le specie per cui consentita la caccia, sono elencati i mezzi per praticare la caccia, vengono stabiliti limiti al commercio di alcune specie e sono fissati i criteri generali per la protezione degli habitat naturali. Nel 1986, invece, stata introdotta - con direttiva n. 609 - la disciplina concernente la protezione degli animali utilizzati a scopi sperimentali o scientifici in particolare per quelle in via di estinzione. Altre due direttive vietano l'uso di prodotti provenienti dalle balene e dai cuccioli di foca destinati a fini commerciali. La valutazione dell'impatto ambientale Con direttiva CEE 85/337, modificata dalla direttiva 97/11/CE e successivamente dalla direttiva 2003/35, stato previsto che i principali interventi di sviluppo pubblici o privati concernenti l'agricoltura, l'industria o le infrastrutture debbano essere soggetti ad una valutazione dell'impatto

45

ambientale che produrranno, da effettuare prima della realizzazione del progetto. Il responsabile tenuto a fornire ragguagli circa i potenziali effetti che l'opera da realizzare potrebbe avere sull'ambiente.

L'Agenzia europea per l'ambiente Al fine di coordinare meglio l'attivit delle istituzioni comunitarie nel settore dell'ambiente stata creata, verso la fine degli anni '80, l'Agenzia europea per l'ambiente (Reg. CEE 7 maggio 1990 n. 1210 cos come modif. dal Reg. CE 29 aprile 1999, n. 933), che per divenuta operativa solo a partire dal 1994 allorch stata individuata la sede atta ad ospitarla: Copenaghen. L'Agenzia ha istituito e coordina una rete europea di informazione e osservazione (EIONET) che ha il compito di raccogliere dati, identificare le problematiche pi rilevanti dal punto di vista ambientale e fornire informazioni aggiornate sullo stato dell'ambiente nei paesi aderenti allo scopo di farle pervenire poi ai responsabili decisionali e al pubblico. Le funzioni dell'Agenzia, che attualmente conta 31 Stati membri, sono: registrare, raccogliere, analizzare e diffondere i dati sullo stato

dell'ambiente; fornire alla Comunit e agli Stati membri le informazioni oggettive necessarie per formulare ed attuare politiche ambientali oculate ed efficaci; contribuire al controllo dei provvedimenti concernenti l'ambiente; contribuire ad assicurare la comparabilit dei dati a livello europeo; stimolare lo sviluppo e l'integrazione delle tecniche di previsione ambientale; assicurare un'ampia diffusione di informazioni ambientali attendibili.

46

Il coinvolgimento delle imprese ed il sostegno finanziario alle azioni a tutela dellambiente Il sistema EMAS La politica comunitaria a tutela dell'ambiente prevede anche interventi volti a promuovere il miglioramento dei risultati ambientali di tutte le organizzazioni europee, e non solo delle imprese del settore industriale come avveniva in passato. In tal senso va inquadrato il regolamento CE n. 761/2001 del Parlamento europeo e del Consiglio del 19 marzo 2001, riguardante l'adesione volontaria delle organizzazioni ad un sistema comunitario di ecogestione e audit (EMAS), cui si giunti migliorando strumenti e finalit di una precedente versione di Regolamento del 1993 n. 1836/93, di portata pi limitata, al quale sono state introdotte sostanziali modifiche. Tali cambiamenti hanno consentito di estendere il campo applicativo del sistema, di considerare anche gli aspetti ambientali indiretti che derivano dalle attivit svolte dalle organizzazioni interessate ad EMAS e di introdurre questioni inerenti la qualit ambientale del territorio. Il miglioramento delle prestazioni ambientali delle organizzazioni, obiettivo di EMAS, avviene attraverso: l'introduzione e l'attuazione da parte delle organizzazioni di sistemi di gestione ambientale; la valutazione sistematica, obiettiva e periodica dell'efficacia di tali sistemi; l'informazione sulle prestazioni ambientali e un dialogo aperto con il pubblico o altri soggetti interessati; la partecipazione attiva dei dipendenti allorganizzazione nonch una formazione professionale adeguata per lintroduzione e attuazione dei

sistemi di gestione ambientale. Le organizzazioni che intendono registrarsi a EMAS devono rivolgersi agli organismi competenti designati dagli Stati membri e incaricati di monitorare la conformit delle attivit delle organizzazioni con le disposizioni del

47

regolamento

relativamente

alle

c.d.

performance

ambientali

quali

il

contenimento delle emissioni controllate ed incontrollate in atmosfera, la limitazione degli scarichi nei corpi idrici, la riduzione della produzione dei rifiuti, il risparmio energetico ecc... Liscrizione a EMAS comporta per le organizzazioni la possibilit di fregiarsi di uno specifico logo sulle dichiarazioni ambientali convalidate, sulle intestazioni di lettere, nella pubblicit di servizi, prodotti e attivit. Non pu essere utilizzato, invece, sui prodotti o i loro imballaggi o in asserzioni comparative relative ai prodotti. L'adesione ad EMAS produce una serie di vantaggi importanti quali la crescita dell'efficienza collegata ad una pi funzionale organizzazione interna; la riduzione dei costi derivante dalla razionalizzazione nell'uso delle risorse e nell'adozione di tecnologie pi pulite; la crescita motivazionale dei dipendenti e la loro partecipazione, con conseguente riduzione delle conflittualit interne; la creazione di un rapporto di maggiore fiducia con gli organismi preposti al controllo ambientale e con quelli che rilasciano le autorizzazioni; la riduzione delle probabilit di eventi che possono arrecare danno all'ambiente; maggiori garanzie in termini di certezza del rispetto delle normative ambientali; il progresso delle conoscenze tecnico-scientifiche e il loro uso per il miglioramento continuo delle prestazioni ambientali; il riequilibrio sul territorio tra necessit di sviluppo e difesa dell'ambiente; le garanzie di successo nelle azioni che vengono intraprese in materia ambientale, a seguito di una pi attenta valutazione; la riduzione del carico burocratico alleggerito dalla previsione di corsie preferenziali per le organizzazioni aderenti ad EMAS; pi ampie garanzie di accesso ai finanziamenti per le piccole imprese, nonch l'incremento del valore patrimoniale per la garanzia di una corretta gestione ambientale che ne esalta la valutazione. Il sistema ISO Il sistema ISO, meno complesso del sistema EMAS, articolato in norme relative alla gestione ambientale dei processi produttivi o alla ecocompatibilit

48

dei diversi prodotti. Le norme relative ai processi produttivi sono: ISO 14001 sul sistema gestionale ambientale; ISO 14002 per le piccole e medie imprese; ISO 14004 che una guida generale sui sistemi gestionali ambientali. Le norme relative ai prodotti sono: ISO 14040 sulla valutazione del ciclo di vita del prodotto; ISO 14020 sull'etichetta ambientale. Le imprese che adottano l'ISO attuano una politica di tutela dell'ambiente attraverso un miglioramento ininterrotto (benchmarking verde) della loro gestione aziendale: monitorando periodicamente gli impatti ambientali della propria attivit produttiva, commerciale o di servizi; pianificando i propri obiettivi di tutela ambientale; promuovendo la formazione dei propri collaboratori in materia ambientale; attuando programmi per la riduzione del consumo di energia,

dell'inquinamento, delle materie prime scarse; introducendo tecnologie pulite; sviluppando sempre migliori tecniche di controllo del proprio sistema di gestione ambientale. L'ecolabel Un altro strumento messo a punto dalla Comunit per spingere le imprese ad una maggiore attenzione verso le problematiche ambientalistiche dato dalla possibilit di poter fruire del cd. ecolabel, il marchio ecologico previsto dal regolamento CEE n. 880/92, successivamente abrogato e sostituito dal regolamento CE n. 1980/2000. Si tratta di un'etichetta (un fiore stilizzato a dodici petali con all'interno la lettera E) volta a segnalare la rispondenza del prodotto alle esigenze di tutela dell'ambiente.

49

I cosiddetti prodotti puliti vengono quindi certificati in base ad una politica ambientale che mira a realizzare nel mercato un alto confronto concorrenziale in materia di qualit. Non possibile utilizzare il marchio per i prodotti alimentari, per le bevande, per i farmaci, per le sostanze e i preparati pericolosi. Con il regolamento del 21 maggio 1992 la Comunit si dotata di uno strumento finanziario di sostegno e promozione delle azioni a tutela dell'ambiente, denominato LIFE. Con il Reg. CE 1655/2000 del 17 luglio 2000 lo strumento finanziario LIFE viene promosso con l'obiettivo di contribuire all'applicazione, all'aggiornamento ed allo sviluppo della politica comunitaria nel settore e nella legislazione ambientale (art. l). I settori nei quali possibile usufruire del sostegno finanziario della Comunit sono quattro: - la promozione dello sviluppo sostenibile; - la tutela degli habitat e della natura; - le strutture amministrative e i servizi per l'ambiente; - l'educazione, la formazione e l'informazione. I tre settori tematici in cui si divide il LIFE sono contemplati negli artt. 3 e seguenti dello stesso Regolamento. Il LIFE - Natura ha l'obiettivo di contribuire all'attuazione delle direttive comunitarie in materia di uccelli selvatici, conservazione degli habitat naturali e della flora e della fauna selvatica. Con lo strumento LIFE - Natura possono essere finanziati: a) i progetti di conservazione della natura che rispondono all'obiettivo della rete Natura 2000; b) le misure di accompagnamento che agevolano il conseguimento della rete Natura 2000: la preparazione di progetti che coinvolgono partner di pi Stati membri (misure starter); lo scambio di esperienze tra progetti (misure coop);

50

il controllo e la valutazione di progetti, nonch la diffusione dei loro risultati (misure assist). Il LIFE -Ambiente promuove tecniche e metodi innovativi ed integrati per lo

sviluppo della politica comunitaria in materia di ambiente. Nel quadro di LIFE - Ambiente possono essere finanziati: a) i progetti di dimostrazione che mirano a stabilire sinergie tra azioni e principi guida della politica comunitaria per lo sviluppo sostenibile; b) i progetti preparatori allo sviluppo di nuovi strumenti ed azioni della UE in materia ambientale; c) le misure di accompagnamento necessarie alla diffusione delle informazioni per lo scambio di esperienze tra progetti ed alla valutazione, verifica e promozione delle azioni realizzate. Il LIFE - Paesi terzi rivolto agli Stati che non fanno parte dell'UE, rivieraschi del Mediterraneo o del Baltico, diversi dai Paesi dell'Europa centrale ed orientale che hanno concluso accordi di associazione con la Comunit. Questo strumento ha lo scopo di promuovere la cooperazione trasfrontaliera, transnazionale e regionale. I progetti che possono essere finanziati con questo strumento sono: a) i progetti di assistenza tecnica per lo sviluppo di politiche e programmi d'azione nel settore dell'ambiente; b) le misure di accompagnamento necessarie alla valutazione, verifica e promozione delle azioni realizzate.

La disciplina comunitaria Dir. 84/360/CEE del 28 giugno 1984 Direttiva del Consiglio concernente la lotta contro linquinamento atmosferico provocato dagli impianti industriali. Dir. 85/337/CEE del 27 giugno 1985 Direttiva del Consiglio concernente la valutazione dellimpatto ambientale di determinati progetti pubblici e privati.

51

Dir. 91/689/CEE del 12 dicembre 1991 Direttiva del Consiglio relativa ai rifiuti pericolosi. Dir. 94/62/CE del 20 dicembre 1994 Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio. Dir. 94/63/CE del 20 dicembre 1994 Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio sul controllo delle emissioni di composti organici volatili (COV) derivanti dal deposito della benzina e della sua distribuzione dai terminali alle stazioni di servizio. Dir. 96/61/CE del 24 settembre 1996 Direttiva del Consiglio sulla prevenzione dellinquinamento.

la

riduzione

integrate

Dir. 1999/13/CE dell'11 marzo 1999 Direttiva del Consiglio sulla limitazione delle emissioni di composti organici volatili dovute alluso di solventi organici in talune attivit e in taluni impianti. Dir. 1999/ 32/CE del 26 aprile 1999 Direttiva del Consiglio relativa alla riduzione del tenore di zolfo di alcuni combustibili liquidi e che modifica la direttiva 93/12/CEE. Dir. 2000/60/CE del 23 ottobre 2000 Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio che istituisce un quadro per lazione comunitaria in materia di acque. Dir. 2001/42/CE del 27 giugno 2001 Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio concernente la valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sullambiente. Dir. 2001/80/CE del 23 ottobre 2001 Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio concernente la limitazione delle emissioni nellatmosfera di taluni inquinanti originati dai grandi impianti di combustione. Dir. 2004/35/CE del 21 aprile 2004 Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio sulla responsabilit ambientale in materia di prevenzione e riparazione del danno ambientale.

52

AMBIENTE E ORDINAMENTO GIURIDICO ITALIANO

SOMMARIO: Ambiente e dettato costituzionale

Ambiente e valori costituzionali Il concetto di ambiente: definizione giuridica e nozione scientifica Il diritto allambiente e sviluppo sostenibile Introduzione alla legislazione ambientale La legge delega Il riparto delle competenze fra Stato e Regioni Il cosiddetto Codice dellambiente: - le disposizioni comuni - i contenuti del provvedimento - la mappa del provvedimento La valutazione di impatto ambientale

Ambiente e dettato costituzionale La nostra Carta costituzionale, precedentemente alla riforma recata dalla legge costituzionale n. 3/ 2001, non ha considerato l'ambiente quale oggetto di una specifica tutela. Dalla normativa costituzionale, pertanto, la dottrina ha ritenuto di poter ricavare solo un principio di salvaguardia indiretta e parziale attraverso un'operazione interpretativa che fa leva soprattutto sugli arti. 2, 9 e 32. L'art. 2 recita: La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo, sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalit (...). Questa norma afferma il principio personalista in base al quale al vertice dei valori riconosciuti dall'ordinamento giuridico si colloca la persona umana, sia nella sua dimensione individuale che in quella sociale, e dalla lettura combinata di essa con il disposto dell'art. 32 Cost. (tutela del diritto alla salute), la giurisprudenza ha ricavato un diritto alla salubrit dell'ambiente da intendersi come protezione e preservazione delle condizioni

53

indispensabili o anche solo propizie alla salute dell'uomo e, pi in generale, alla libera espressione della sua personalit. La Corte costituzionale, infatti, con la sentenza n. 641/1987 ha affermato che la salubrit dell'ambiente assurge a valore primario ed assoluto in quanto elemento determinativo della qualit della vita. L' art. 9 Cost. sancisce: La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico ed artistico della Nazione. Secondo la prevalente interpretazione l'espressione paesaggio utilizzata atecnicamente, nel senso che non riferibile esclusivamente a tutto quanto attiene alla forma esteriore del territorio, ma interpretabile in una accezione pi generale con il significato di ambiente. Un ulteriore orientamento emergente dalla nostra Costituzione relativamente alla tutela ambientale pu essere individuato anche negli articoli relativi alla propriet privata. In tal senso possono essere citati l'art. 41 che dispone: L'iniziativa economica privata libera. Non pu svolgersi in contrasto con l'utilit sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libert, alla dignit umana, e l'art. 44 nel quale previsto che Al fine di conseguire il razionale sfruttamento del suolo e di stabilire equi rapporti sociali, la legge impone obblighi e vincoli alla propriet terriera privata (...). L'interpretazione degli articoli citati comune: le risorse naturali sono limitate e, pertanto, il loro sfruttamento rischia facilmente di diventare irrazionale; per questo motivo sono indispensabili dei correttivi che ne permettano una gestione equilibrata. Nella sentenza della Corte di Cassazione III sez. penale del 20 gennaio 1983 si legge: (...) la Costituzione con l'art. 9 collega aspetti naturalistici (paesaggio) e culturali (promozione dello sviluppo della cultura e tutela del patrimonio storicoartistico) in una visione non statica ma dinamica, non meramente estetica od intrinseca, ma di protezione integrata e complessiva

54

dei valori naturali (...); allo stesso modo con l'art. 32 eleva la salute a diritto fondamentale dell'individuo ed interesse della collettivit; mentre sotto altri profili assicura al diritto dell'ambiente, in quanto espressione della personalit individuale e sociale, una adeguata protezione: ambiente come sede della partecipazione (artt. 2 e 3 Cost.); oggetto di difesa per tutti (art. 24 Cost); sostrato necessario per l'apprendimento, l'insegnamento, l'arte, la scienza (artt. 33 e 34 Cost.); limite alla propriet ed all'iniziativa economica (arti. 35, 41, 42, 43, 44 Cost); oggetto del coagularsi di forze politiche (art. 49 Cost.). Con la L. cost. n. 3/2001, che ha riformato il Titolo V della Parte II della Costituzione, la materia ambientale diventa oggetto di specifica disciplina, non nel senso di attribuire al valore ambientale il rango costituzionale di un diritto primario, quanto nel senso di definirne l'assetto organizzativo ed ordinamentale alla luce del processo federalista disegnato con la riforma in parola. Nel novellato art. 117 Cost. il legislatore costituzionale fa riferimento, al comma 2 lettera s), alla tutela dell'ambiente, dell'ecosistema e dei beni culturali come materia espressamente riservata alla legislazione esclusiva dello Stato; mentre al comma 3 riserva alla legislazione concorrente delle Regioni le materie della tutela della salute, del governo del territorio, della protezione civile, della produzione, trasporto e distribuzione dell'energia, della valorizzazione dei beni culturali ed ambientali, nell'ambito dei principi fissati dalle leggi cornice dello Stato. Secondo l'interpretazione dottrinale tradizionale la tutela dell'ambiente e dell'ecosistema di cui parla il legislatore costituzionale si scinde in due oggetti giuridici distinti. Il primo concetto si identifica con le politiche di disciplina delle attivit pregiudizievoli per gli esseri umani come ad esempio quelle che danno luogo alle varie forme di inquinamento; il secondo concetto va riferito ad una funzione prettamente conservativa e ripristinatoria delle risorse naturali e degli equilibri ecologici.

55

Sotteso alla riserva statale relativa alla tutela dell'ambiente e degli ecosistemi sarebbe il principio di sussidiariet che imputa la potest decisionale all'ente pi prossimo ai governati, salvo il caso in cui la problematica da trattare richieda una politica unitaria comportando una applicazione di tale principio in senso ascendente. La legislazione ordinaria dello Stato nelle materie di cui all'art. 117, comma 2, che comprende anche l'ambito della tutela dell'ambiente, dell'ecosistema e dei beni culturali, deve essere esercitata nel rispetto della Costituzione, nonch dei vincoli derivanti dall'ordinamento comunitario e dagli obblighi internazionali. evidente dunque come limiti fondamentali siano quelli derivanti dalle norme di diritto internazionale generalmente riconosciute, di cui all'art. 10 Cost., da accordi di reciproca limitazione della sovranit, di cui all'art. 11 Cost., ed infine dall'ordinamento comunitario e dai trattati internazionali. Quanto alle Regioni, nelle materie riservate alla loro legislazione regionale, sia in via concorrente che residuale, esse possono: - partecipare alle decisioni dirette alla formazione degli atti normativi comunitari (art. 117, Cost., comma 5; art. 5, L. 131/2003); - provvedere all'attuazione ed esecuzione degli accordi internazionali e degli atti dell'Unione europea (art. 117, Cost., comma 5; art. 6, L. 131/2003); - concludere accordi con Stati e intese con enti territoriali interni ad altro Stato, nei casi e con le forme disciplinati da leggi dello Stato (art. 117, comma 9 Cost., art. 6, L. 131/2003). La partecipazione delle Regioni alla formazione degli atti normativi comunitari, nonch la possibilit di concludere accordi e intese sono concepite, la prima, come garanzia che la normativa transnazionale non annichilisca le prerogative autonomistiche riconosciute, e come attestazione di una significativa potest regionale estera, la seconda. La revisione della Carta fondamentale, dunque, ha fornito una copertura costituzionale al ruolo delle Regioni e delle Province autonome che sono

56

direttamente partecipi della fase attuativa ed esecutiva degli atti dell'Unione europea, ma ha altres previsto l'intervento dello Stato nei casi di inerzia o inadempienza. In questo solco le leggi comunitarie approvate dal 2002 ad oggi hanno stabilito che la legislazione statale di recepimento delle direttive comunitarie nelle materie che ora sono di spettanza regionale entrano e rimangono in vigore fino che le Regioni e le Province non vi provvedano con propria normativa o fino al termine di scadenza eventualmente fissato affinch vi provvedano, se previsto dalla norma comunitaria. Ne deriva che nelle Regioni che abbiano recepito le direttive comunitarie prima della normativa statale, questa, ove approvata, non vi avr effetto. Per le modalit di attuazione da ultimo dispone la legge 4 febbraio, 2005, n. 11, recante norme generali sulla partecipazione dell'Italia al processo normativo dell'Unione europea e sulle procedure di esecuzione degli obblighi comunitari, di abrogazione della legge n. 86/1989, c.d. legge La Pergola. Il provvedimento chiarisce che lo Stato, le Regioni e le Province autonome possono dare immediata esecuzione alle direttive comunitarie nelle materie di propria competenza legislativa: pi in dettaglio nelle materie di competenza piena o residuale le Regioni potranno immediatamente attivarsi per il recepimento, mentre nelle materie di potest concorrente alla legge comunitaria spetter indicare i principi fondamentali e inderogabili dalla legge regionale e provinciale.

Ambiente e valori costituzionali Muovendo dalla teoria dei valori, cos come si andata precisando nella giurisprudenza della nostra e di altre corti costituzionali e supreme, l'ambiente pu essere considerato dunque un valore costituzionale. Per un ordinamento i valori hanno in qualche modo la stessa funzione che per gli individui: sono standard che possono orientare la condotta in diverse situazioni; attraverso di essi, possiamo prendere posizioni su diverse issues, partecipare attivamente alle scelte politiche, valutare azioni, attitudini,

57

comportamenti; e, ancora, i valori servono come strumento per risolvere conflitti, e possono avere una funzione sia sotto l'aspetto motivazionale, che sotto l'aspetto di unificazione di un gruppo sociale. Considerare l'ambiente come un valore significa che esso non solo pu fornire oggetto di un diritto (come previsto nella dichiarazione di Stoccolma e in alcune recenti costituzioni, ad esempio quelle dei paesi dell'Europa centro-orientale) o di un principio per dirigere l'interpretazione delle leggi o dei trattati, ma che esso costituisce, proprio in quanto valore, uno degli elementi fondamentali che caratterizzano una societ in un dato periodo della storia e sul quale una societ fonda la sua legittimazione. Nelle nostre societ moderne, l'ambiente un valore cos come la dignit umana - che tale solo se eguale, se cio esiste ed praticata per ogni persona umana, nessuna esclusa -, la democrazia, la cooperazione

internazionale o il lavoro come fondamento della societ: si tratta di valori che si sono affermati solo recentemente, e ancora non dappertutto nel mondo. Il loro contenuto pu essere facilmente identificato attraverso un meccanismo di opposizione: eguale dignit umana contro societ che negano tale presupposto per ragioni di razza, religione, sesso, ruolo sociale, ecc.; democrazia contro oligarchia o totalitarismo; cooperazione internazionale contro guerra come mezzo per risolvere i conflitti internazionali; lavoro contro nascita come modo per selezionare la collocazione sociale. I valori - una volta stabiliti - trovano in se stessi la loro giustificazione; anche se talvolta si tende a cercarne una giustificazione trascendente, in realt essi non hanno bisogno di fondamento: sono tali per s. Riconoscere un valore intrinseco all'ambiente o alla diversit biologica, che dalla Convenzione sulla diversit biologica approvata a Rio de Janeiro viene definita esplicitamente valore per s, non significa postularne l'inviolabilit o la proibizione di ogni e qualsiasi interferenza, bens comporta che colui che agisce su di esso debba fornire la giustificazione del suo intervento.

58

In tal molo, stata in realt capovolta la regola che disciplinava gli interventi sull'ambiente. La prima regola era: l'uomo titolare di un diritto assoluto e illimitato a intervenire. La seconda regola introduce un primo temperamento: l'uomo pur sempre titolare di un potere di interferire, ma questo diritto pu subire limitazioni se una possibile controparte dimostra che l'azione intrapresa danneggia o mette in pericolo l'ambiente. Il principio appena posto impone invece che l'attore debba fornire una giustificazione del suo intervento; e questa giustificazione deve essere sufficiente. In via generale, una giustificazione pu essere considerata sufficiente se l'attore prova che l'azione che in procinto di condurre necessaria in relazione a qualcosa: nel nostro contesto non sufficiente una giustificazione di tipo formale; necessaria una giustificazione di tipo sostanziale. Ci significa che un'interferenza con l'ambiente pu essere considerata giustificata se positivamente collegata all'attuazione di un altro valore costituzionale o con qualche attivit necessaria per dare un contenuto concreto ad un valore costituzionale. Nemmeno ragionare di giustificazione sufficiente tuttavia sufficiente per ritenere i nostri criteri soddisfatti. Le nostre societ complesse sono fondate su di una pluralit di valori (dignit umana; democrazia; cooperazione internazionale; lavoro; libert del commercio e dell'impresa; tutela

dell'ambiente; ecc.): questi valori possono talvolta, nella loro dimensione concreta, confliggere. Tuttavia questi valori non possono mai essere sacrificati totalmente e il conflitto deve essere risolto prima che uno dei due valori confliggenti sia, nel caso concreto, cancellato ed annullato. Le nostre societ non possono accettare che qualcuno dei valori fondamentali sui quali esse sono basate (e che costituiscono la base della loro legittimazione) sia azzerato o comunque svuotato. Lo scrutinio deve poi essere particolarmente stretto se i valori messi in pericolo sono la democrazia e le

59

procedure democratiche (e il loro contenuto: libert di espressione; libert di costituire organizzazioni politiche; diritto di voto; diritto ad essere eletti; diritto a competere per ottenere consenso politico; esistenza di fonti alternative di informazione; elezioni libere e corrette; procedure che permettono che le politiche governative dipendano dal voto o da altre espressioni popolari di scelta; principio di legalit), la dignit umana e il ruolo centrale della persona umana (e i conseguenti diritti civili, politici e sociali): in questi casi, quando il conflitto mette in discussione i valori della democrazia e della centralit della persona umana, vi una presunzione di supremazia di tali valori supremi sugli altri valori in conflitto, compreso quello della tutela dell'ambiente. Tenuti fermi, pertanto, i valori supremi dellordinamento costituzionale, il valore ambiente non implica in nessun modo lincondizionata subordinazione ad esso di ogni altro valore presente nella carta costituzionale. L'equivoco, in proposito, stato alimentato da alcune pronunce della Corte costituzionale, dove con riferimento all'ambiente si parlato di valore primario e assoluto, insuscettibile di essere subordinato ad ogni altro. Se cos fosse, coglierebbero nel segno le opinioni di coloro che hanno sostenuto che per effetto del riconoscimento della primariet del valore ambiente sono stati pure avallati numerosi interventi legislativi che tendevano a legittimare, sul versante dei livelli di governo territoriale, il ruolo dell'amministrazione statale a scapito delle autonomie regionali e, sul versante del sistema delle fonti del diritto, le frequenti deroghe che in situazioni di emergenza venivano portate al principio della gerarchia degli atti normativi. In realt, anche nella giurisprudenza costituzionale pacifico che la tutela dell'integrit del paesaggio e dell'ambiente non comunque assoluta ma suscettibile di estimazione comparativa nell'ordinamento giuridico, poich esistono altri valori costituzionali che ben possono legittimare il bilanciamento delle tutele. La primariet di un valore costituzionale in definitiva pu essere colta in due diverse dimensioni: essa indica non solamente la posizione che in s

60

determinati interessi occupano nella scala dei valori di un ordinamento giuridico dato (primariet in senso statico); ma pure la posizione che ciascun interesse occupa in relazione ad altri valori costituzionali (primariet in senso dinamico). Sotto il primo profilo, la primariet di un valore denota il carattere fondante o fondamentale degli interessi da quello implicati: in questo senso, di un valore costituzionale pu essere colta la dimensione assoluta. Sotto il secondo profilo, la primariet implica che i valori che norme costituzionali non provvedono ad ordinare gerarchicamente (come ad esempio nell'art. 21 Cost. che subordina la libert di manifestazione di pensiero al buon costume) sono posti in un rapporto di pariordinazione, sicch i possibili conflitti che in concreto possono aversi tra valori equiordinati devono essere risolti attraverso il principio di ragionevolezza, nella versione applicativa del ragionevole bilanciamento degli interessi costituzionali, cos come utilizzato dalla giurisprudenza costituzionale. Attraverso il

bilanciamento degli interessi costituzionali primari e pariordinati possibile risolvere i conflitti tra valori, individuando la soluzione che - tra tutte quelle possibili e dalle quali esclusa solamente l'opzione per la prevalenza integrale di questo o quel valore - meglio risponde in termini di adeguatezza al caso concreto.

Il concetto di ambiente: definizione giuridica e nozione scientifica Il concetto di ambiente viene spesso impiegato nel linguaggio comune secondo una accezione estremamente generica e metagiuridica. Infatti, attraverso l'uso di parametri meramente descrittivi viene indicata, con il sostantivo ambiente, una serie di fenomeni e di contesti, sia naturali sia frutto della continua azione umana di trasformazione del territorio, estremamente eterogenei e non suscettibili, dal punto di vista ontologico, di reductio ad unum. L'obiettivo di configurare una definizione unitaria di ambiente, oltre che importante ai fini dello studio sistematico della legislazione sull'ambiente - la

61

quale stata spesso frutto di interventi legati alla regolamentazione di urgenza della mera contingenza, con la conseguenza di aver prodotto frequentissime sovrapposizioni di norme e di competenze - dettato dalla oramai ineludibile esigenza di agevolare e di promuovere a tutti i livelli sociali il processo di presa di coscienza dei problemi ecologici e consentirne una pi agevole risoluzione mediante l'elaborazione di normative caratterizzate da una maggiore sistematicit Questa difficolt derivata essenzialmente dalla duplice natura concettuale della nozione di ambiente, polivalente da un lato ed unitaria dall'altro. Secondo la prima elaborazione l'ambiente si configura ricco di significati e di implicazioni perch la sua tutela si riconduce alla necessit di preservare le bellezze paesaggistiche in un'ottica culturale; di difendere la qualit della vita attraverso strategie di lotta all'inquinamento; di governare il territorio rendendo lo sviluppo urbanistico conforme alle esigenze ecologiche. Questa visione dell'ambiente, se pur reale, appare troppo frammentaria e produce l'effetto di riconoscere a diverse discipline ambiti parziali di regolamentazione. Il comune denominatore di queste aree distinte, che poi l'elemento fondante del concetto unitario di ambiente, rappresentato dalla qualit della vita, singola e collettiva, che ad esso collegato. Solo la qualit della vita, infatti, strettamente connessa a tutte le esigenze di salvaguardia ambientale, considerato come territorio, come habitat, come paesaggio, rende possibile la corrispondenza tra tutela della salute umana e tutela dell'ambiente.

Nell'ambito del processo di definizione del concetto giuridico di ambiente hanno avuto fondamentale importanza le innumerevoli pronunce della Corte costituzionale italiana. Il Giudice delle leggi, da tempo oramai risalente, ha definitivamente sancito il rango costituzionale primario della tutela dell'ambiente da ogni aggressione esterna, comprendendo nel concetto giuridico di ambiente tutte le risorse naturali e culturali, anche se queste siano oggetto di discipline distinte e perci assoggettate a

62

competenze istituzionali diverse. Pertanto, secondo la Consulta, la tutela dell'ambiente deve garantire la conservazione, la razionale gestione ed il miglioramento delle condizioni naturali (aria, acqua, suolo e territorio), l'esistenza e la preservazione dei patrimoni genetici terrestri o marini, di tutte le specie animali o vegetali che in esso vivono allo stato naturale ed in definitiva della persona umana in tutte le sue estrinsecazioni (sent. 28 maggio 1987, n. 210).

Una soluzione all'impasse, che consenta di giungere ad una definizione univoca di ambiente, pu venire anche dal mondo scientifico, che riferendosi all'etimo latino (ambire = andare intorno), individua con il termine ambiente l'insieme dei fattori viventi (biotici) e non viventi (abiotici) di un ecosistema. I fattori cd. biotici sono gli organismi viventi, diversi dall'uomo, con cui egli interagisce come, ad es. i virus, le piante, gli animali, i batteri, etc. Tali organismi sono organizzati in complessi o popolazioni della stessa specie (vegetale o animale). Tra i membri della stessa popolazione si instaura la competizione intraspecifica per le risorse, principalmente per lo spazio ed il cibo. Molte specie, per esempio, hanno una decisa caratterizzazione territoriale nel senso che sono pronte a difendere le proprie aree di esclusivit anche a costo della vita; ma questo carattere territoriale dipende fortemente dalle condizioni ambientali e si ritiene che in presenza di risorse vitali abbondanti (quali acqua, cibo, siti idonei alla riproduzione) la competizione per lo spazio possa addirittura finire. La competizione intraspecifica, quindi, contribuisce al controllo della densit delle singole popolazioni in relazione alla disponibilit complessiva delle risorse. Tra le popolazioni delle diverse specie coesistenti si instaura, poi, la competizione interspecifica per le risorse che tanto pi intensa quanto pi le specie coinvolte sono ecologicamente affini e utilizzano le stesse risorse per la sopravvivenza.

63

I fattori abiotici altro non sono che il mezzo fisico in cui gli organismi (i fattori biotici) vivono e cio l'aria, l'acqua, il suolo, con tutte le loro caratteristiche fisiche e chimiche. Il diritto dell'ambiente trae dalla nozione scientifica gli aspetti

giuridicamente rilevanti, prendendo in considerazione soprattutto i fattori abiotici che, fornendo all'uomo sostentamento e benessere, costituiscono risorse naturali per le quali opportuno approntare idonee misure di salvaguardia. Tali fattori abiotici sono: le fonti energetiche e le materie prime di origine minerale od organica, impiegate come fattori della produzione; l'habitat, ovvero l'ambiente in cui l'uomo vive ed opera; gli organismi viventi, che influiscono sulla qualit della vita; lo spazio, luogo adibito alla ricezione ed assimilazione degli scarti della produzione e dei consumi. Lo sfruttamento di queste risorse ha subito un incremento esponenziale soprattutto con i processi di industrializzazione dell'ultimo secolo ed ha spesso oltrepassato la capacit rigenerativa del nostro pianeta relativamente alla riproduzione dei fattori rinnovabili. Ma ancora pi grave il fatto che questo sfruttamento selvaggio abbia seriamente compromesso la dotazione mondiale di fonti non rinnovabili. Si fatta ben presto strada la cultura ambientalista, ovvero la convinzione che sulla salvaguardia dell'ambiente si gioca una decisiva partita per la sopravvivenza della vita sul nostro pianeta. In quest'ottica agevole capire che la costruzione di un diritto dell'ambiente e l'approntamento di strategie preventive, operative e repressive non pu appartenere soltanto all'ordinamento di un singolo Paese, ma deve interessare l'ambito mondiale ed utilizzare strumenti di carattere giuridico internazionale. La consapevolezza che fosse necessaria tanto la solidariet sociale quanto l'associazione operativa ha dato un forte incentivo al diritto internazionale

64

dell'ambiente e all'intensificazione di programmi di ricerca su base mondiale volti a: - migliorare i metodi qualitativi e quantitativi di valutazione delle modificazioni dell'ambiente; - consentire una migliore comprensione dei rapporti di causa ed effetto ed il loro ruolo in una gestione integrata dell'ambiente; - elaborare metodi che stimolino la creativit nella ricerca di alternative di sostituzione e di schemi di produzione e di consumo razionali da un punto di vista ecologico; - analizzare e sorvegliare una corretta attuazione da parte degli Stati delle decisioni prese a livello internazionale. L'impegno di ogni Nazione deve, quindi, orientarsi verso lo studio e la realizzazione di politiche di natura anticipatoria e preventiva che, in attuazione delle decisioni internazionali, favoriscano una ottimale

successione ecologica, dove ogni stadio dipende da quello precedente e condiziona quello futuro.

Il diritto allambiente e sviluppo sostenibile Concetto diverso dal diritto dell'ambiente inteso come ambito giuridico che si occupa della tutela dell'ambiente, il diritto all'ambiente considerato, ormai, come il diritto fondamentale dell'uomo alla preservazione delle condizioni necessarie alla sua sopravvivenza.
Lambiente inteso come bene immateriale unitario Inizialmente nel nostro ordinamento la protezione dell'ambiente rilevava in ragione dei beni che lo componevano e, pertanto, si riconosceva ai soggetti una tutela solo in relazione ai beni ambientali che essi, a qualunque titolo, utilizzavano. L'interesse al corretto utilizzo poteva essere fatto valere a mezzo di semplici denunce ed, eccezionalmente, con azioni popolari o degli enti esponenziali. Successivamente, il sistema giuridico ha ritenuto l'ambiente meritevole di essere apprezzato come bene immateriale unitario, ovvero come un bene giuridico

65

riconosciuto da norme costituzionali e la cui tutela acquista rilevanza pubblica, rientrando a pieno titolo tra gli ambiti di competenza della pubblica

amministrazione.

La Corte costituzionale, con sentenza n. 641 del 30-11-1987, ha riconosciuto che nel nostro ordinamento giuridico la protezione dell'ambiente imposta da precetti costituzionali, in particolare dagli artt. 2, 9, 32 e, pertanto, deve essere elevata a valore primario ed assoluto. La Corte pervenuta a questa conclusione attraverso un'interpretazione estensiva degli artt. 9 e 32 della Costituzione: - l'art. 9 diviene il fondamento normativo per la pi ampia ricostruzione possibile del concetto di paesaggio; - l'art. 32 inteso quale norma di lettura della legislazione

antinquinamento in funzione della tutela della salubrit dell'ambiente. L'ambiente diventa un elemento determinativo della qualit della vita e la sua tutela assurge a principio generale cui deve informarsi l'intero diritto positivo, ovvero tutte le regole che disciplinano il vivere civile. L'affermazione contenuta nella sentenza 641/1987 della Corte

costituzionale secondo cui lambiente un bene immateriale unitario che non pu essere oggetto di situazioni soggettive di tipo appropriativo evidenzia la natura giuridica dell'interesse alla tutela ambientale quale interesse diffuso. Si tratta, in altre parole, di un interesse di natura superindividuale che non affidato alla cura di un soggetto pubblico se non in via indiretta e strumentale, attraverso la tutela di altri interessi della collettivit in via generale, quindi, l'interesse diffuso trova tutela se riconducibile ad un interesse pubblico, quale la qualit della vita, che impegna tutta la collettivit. Costituiscono rara eccezione le fattispecie nelle quali l'interesse alla tutela ambientale viene assunto al rango di diritto soggettivo. Un caso che pu essere menzionato quello previsto dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 1463 del 1979. In quella sede, infatti, si af-

66

fermato che l'interesse alla tutela dei beni ambientali ha consistenza di diritto soggettivo quando inerisce al diritto alla salute costituzionalmente garantito e, quindi, diventa materia sindacabile dal giudice ordinario. In relazione al concetto di sviluppo sostenibile, si intende per sviluppo sostenibile o sostenibilit o, ancora, stile di vita sostenibile l'insieme delle relazioni tra le attivit umane, considerate nella loro dinamica, e la biosfera con le sue dinamiche. Queste relazioni devono essere tali da permettere alla vita umana di continuare, agli individui di soddisfare i loro bisogni ed alle diverse culture di svilupparsi, ma in modo tale che le variazioni apportate alla natura delle attivit umane siano rispettose di alcuni limiti, cos da non distruggere il contesto biofisico globale. La definizione di sviluppo sostenibile strettamente correlata a due concetti basilari: - la carring capacity, che individua la capacit portante del pianeta Terra caratterizzata da precisi ritmi naturali, da complesse dinamiche biofisiche e biogeochimiche e da limiti di diverso carattere (di territorio, di assorbimento, di tipo biologico etc.) tali da definire il sistema in cui viviamo come un sistema concluso; - la programmazione sostenibile, intesa come proiezione dello sviluppo economico, tecnologico e sociale verso mete ed obiettivi compatibili con la successione ecologica, cio tale da garantire il soddisfacimento dei bisogni di oggi, senza compromettere quello delle generazioni future. Una valida programmazione di sviluppo sostenibile deve risultare circoscritta all'interno della carring capacity e postulare il rispetto di due importanti principi: del principio del rendimento sostenibile, secondo il quale alla velocit con la quale l'uomo attinge alle risorse naturali rinnovabili deve corrispondere la velocit di rigenerazione di esse;

67

del principio degli interventi compensativi, per cui l'utilizzo e lo sfruttamento del capitale naturale non rinnovabile deve essere bilanciato in forma compensativa. La programmazione di sviluppo sostenibile deve svolgersi ad ogni livello internazionale, comunitario e nazionale. L'elaborazione del concetto di sviluppo sostenibile venuta delineandosi nel corso di diverse Conferenze internazionali: in particolare nella formulazione proposta nel 1989 dal Ministro norvegese Gro Harlem Bruntland, presidente della World Commission Development. Il c.d. rapporto Brundtland definisce lo sviluppo sostenibile quel principio che soddisfa i bisogni della generazione presente senza compromettere la possibilit per le generazioni future di soddisfare i propri bisogni. Da tale definizione emergono due concetti chiave: - quello dei bisogni, inteso come la totalit delle esigenze della generazione presente in contrasto con quelle delle generazioni future; - quello dei limiti, posti allo sfruttamento sfrenato delle risorse ambientali. In sostanza sono quattro gli elementi fondamentali che costituiscono lo sviluppo sostenibile: il principio dell'uso equo e sostenibile delle risorse naturali: rappresentato dall'uso razionale e prudente delle risorse naturali; il principio dell'equit intergenerazionale: inteso come norma on Enviroment and

programmatica che impone agli Stati di considerare, nell'applicazione delle proprie politiche, le esigenze ed i bisogni non solo della generazione presente ma anche di quella futura. Ci significa porre un limite ad un uso indiscriminato ed eccessivo delle risorse naturali in modo da evitare un depauperamento delle stesse ai fini del loro godimento per le generazioni future; il principio di equit intragenerazionale: ogni Stato nell'applicazione delle proprie politiche di sviluppo deve rispondere non solo alle esigenze del suo

68

popolo ma anche a quelle degli altri Paesi. In pratica emerge la necessit da parte di tutti gli Stati di cooperare per il raggiungimento di un medesimo obiettivo comune; il concetto di integrazioni tra le politiche dello sviluppo e quelle della tutela ambientale: si tratta di affrontare i problemi relativi all'ambiente attraverso l'adozione di un approccio globale ed equilibrato integrando le esigenze economiche di sviluppo a quelle ambientali. Lo sviluppo sostenibile, inteso come modello idoneo a coniugare aspetti ambientali, sociali ed economici, costituisce la base programmatica di numerose conferenze internazionali su temi ambientali. Il tema della sua definizione viene affrontato anche durante il Vertice sullo sviluppo sostenibile svoltosi a Johannesburg, in Sud Africa dal 26 agosto al 4 settembre 2002 che vede la partecipazione di ben 190 Nazioni. Il documento finale approvato nella fase conclusiva dei lavori del summit definisce un piano d'azione incentrato sulla volont e l'impegno di salvaguardare e proteggere l'ambiente, dimezzare la povert, fornire acqua potabile ai Paesi

sottosviluppati, aumentare le energie rinnovabili e, nello stesso tempo, avviare gli aiuti finanziari da parte dei Paesi industrializzati verso le nazioni in via di sviluppo. A livello comunitario il Trattato di Amsterdam del 2-10-1997, novellando l'art. 6 del Trattato istitutivo CE, inquadra in una nuova prospettiva il problema della tutela ambientale e dello sviluppo sostenibile, rendendolo capace di condizionare in maniera trasversale l'azione della Comunit in tutti i campi di sua competenza. Si tratta di una novit di grande rilievo, in quanto essa introduce la variabile ambiente tra i parametri di riferimento da verificare in merito alla realizzazione di tutte le azioni comunitarie. In questa maniera la tutela ambientale, oltre a costituire un obiettivo specifico dell'Unione, viene ad essere integrata nella definizione e nell'attuazione di tutte le politiche comunitarie.

69

A tal fine si rende necessario: - prevedere un ciclo produttivo completo che minimizzi la produzione di rifiuti, incoraggiando il loro riciclo, ed eviti il consumo eccessivo delle risorse naturali; - porre un freno allo sfruttamento irrazionale delle risorse naturali; - modificare il comportamento della collettivit dinanzi al consumo. A livello nazionale nel 1998 le misure per lo sviluppo sostenibile vengono inserite nel pacchetto deliberativo del CIPE al fine di ridurre i gas serra, razionalizzare il settore dei trasporti e rendere pi efficiente l'uso dell'energia. Per la prima volta nel 1998 le importanti scelte strategiche sull'ambiente coinvolgono attivamente il sistema industriale. Si , finalmente, arrivati alla consapevolezza che la sostenibilit ambientale e lo sviluppo sociale ed economico possono, anzi debbono, andare di pari passo e che l'efficienza nell'uso delle risorse pu essere raggiunta solo attraverso l'adozione di tecnologie innovative nell'indotto industriale. In attuazione dell'Agenda XXI di Rio de Janeiro l'ENEA, su mandato del Ministro dell'ambiente predispone, nel 1999, il nuovo Piano Nazionale per lo Sviluppo sostenibile (PNSS) che investe i settori dell'agricoltura sostenibile, energia sostenibile, industria sostenibile, trasporti sostenibili, turismo sostenibile. A questi cinque rapporti l'ENEA affianca nel PNSS dodici relazioni sui seguenti temi prioritari: qualit dell'aria; inquinamento indoor; rumore; inquinamento elettromagnetico; risorse idriche; territorio; diversit biologica, parchi, paesaggio e montagna; ambiente marino e costiero; ambiente urbano; biotecnologie; rifiuti; bonifica dei siti inquinati. Nella primavera dei 2000 l'ENEA, su indicazione del Servizio per lo sviluppo sostenibile (Direzione per la ricerca ambientale e lo sviluppo e D.P.R. n. 261/2003, di riorganizzazione delle strutture dirigenziali del Ministero dell'ambiente) sviluppa una nuova versione del Piano denominato Agenda XXI Italia. L'Agenda in concreto un documento di intenti che pone obiettivi programmatici nei settori ambientale,

70

sociale od economico, diviso in capitoli dedicati allo sviluppo, alla gestione, alla conservazione, alla promozione dei temi legati all'ambiente. L'Agenda locale, pi nel dettaglio, invece lo strumento che permette all'autorit locale di intervenire direttamente nella gestione dei risvolti ecologici legati al territorio, attraverso la consultazione delle imprese, l'acquisizione dei dati, la pianificazione degli obiettivi rispetto allo sviluppo sostenibile. In attuazione del programma Agenzia XXI Italia il CIPE, con la deliberazione 2 agosto 2002, n. 57, ha approvato il documento denominato Strategia d'azione ambientale per lo sviluppo sostenibile in Italia 2002-2010, i cui principali obiettivi perseguibili sono individuati e articolati secondo le seguenti aree tematiche: clima e atmosfera; natura e biodiversit; qualit dell'ambiente e qualit della vita negli ambienti urbani; uso sostenibile delle risorse naturali e gestione dei rifiuti.

Introduzione alla legislazione ambientale Per molti anni la produzione normativa italiana in materia ambientale rimasta pressoch nulla ed ai giudici stato demandato il compito di risolvere gravi emergenze utilizzando estensivamente le norme del Codice civile e penale. Con molto ritardo, il Parlamento italiano ha affrontato il problema degli inquinamenti e della tutela dell'ambiente. Infatti la prima legge organica della materia, la n. 615 risale al 1966, la cd. legge antismog che detta misure contenitive dell' inquinamento atmosferico. Lapprovazione della L. 615/1966 resta, tuttavia, un fatto episodico e contingente a fronte delle emergenze sanitarie denunciate da pi parti: si dovr attendere il 1976 per il varo della normativa sull'inquinamento idrico, la cd. legge Merli, che per quanto sottoposta negli anni a numerosi ritocchi, modifiche, integrazioni, abrogazioni parziali, ha avuto il merito di colmare una grave lacuna. Negli anni '80 la produzione legislativa ha un forte incremento.

71

Risalgono, infatti, a questo periodo il D.PR. 915/1982, che detta una prima disciplina in materia di rifiuti solidi urbani, poi abrogata dal D.Lgs. 22/1997; la L. 979/1982, che reca disposizioni in difesa del mare; la L. 431/1985, cd. legge Galasso in materia paesaggistica; la L. 349/1986, istitutiva del Ministero dell'Ambiente; il D.P.R. 175/ 1988, di recepimento della direttiva Seveso, riguardante i rischi di incidenti rilevanti connessi con determinate attivit industriali. Gli anni '90 risentono fortemente dei condizionamenti comunitari e della cultura dell'emergenza ambientale che si afferma a seguito del verificarsi di numerosi incidenti ecologici: vengono emanati i decreti legislativi nn. 130, 132, 133 del 1992 a tutela delle acque; la L. 549/1993 che detta norme a tutela dell'ozono stratosferico; la L. 447/ 1995, legge-quadro sull'inquinamento acustico; la L. 61/1994 istitutiva dell'ANPA; il D.Lgs. 22/1997, modificato dal D.P.R. 120/2003, recante una disciplina innovativa della gestione dei rifiuti, successivamente modificato dal D.Lgs. 389/1997 e dalla L. 426/1998; il D.P.R. 357/1997 relativo alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della fauna e della flora selvatiche; la L. 413/1997, che prevede misure urgenti per la prevenzione dell'inquinamento atmosferico. Gli indirizzi comunitari, per, non sono stati sufficienti a sopperire alla mancanza di organiche politiche nazionali ovvero ad incentivare nei singoli Paesi una tutela ambientale trasversale a tutti i settori della vita pubblica. nell'ottica del perseguimento di uno sviluppo sostenibile globale che negli ultimi anni lo sforzo internazionale e comunitario orientato verso il coordinamento e la razionalizzazione della normativa interna agli Stati. Nel nostro sistema esistono, tuttavia, ancora centinaia di leggi a tutela dell'ambiente spesso poco coordinate tra loro e dettate dall'urgenza e dalla contingenza del tema affrontato. Con legge 6 luglio 2002, n. 137 il Governo era stato delegato ad adottare uno o pi decreti legislativi per il riassetto e la codificazione delle disposizioni legislative in materia di beni culturali ed ambientali. La delega ha trovato

72

attuazione con l'emanazione del D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42, Codice dei beni culturali e del paesaggio, chiaramente ispirato a quei criteri e principi direttivi di cui l'art. 10 della legge delega imponeva il rispetto.

La legge delega Il cosiddetto Testo Unico sull'ambiente (D.Lgs. n.152/2006) viene emanato in attuazione della legge del 15 dicembre 2004 n. 308, di delega al Governo per il riordino, il coordinamento e l'integrazione della legislazione in materia ambientale e delle misure di diretta applicazione. La legge delega n. 308/2004 consta di un articolo unico suddiviso in 54 commi. Era da tempo auspicato il riordino della materia del diritto ambientale, peraltro gi previsto con la legge n. 50 del 1999, all'articolo 7. Travagliato e lungo stato l'iter parlamentare che ha condotto alla emanazione della legge delega; durato circa un triennio, ha necessitato di cinque passaggi parlamentari e tre voti di fiducia. Il 5 ottobre 2001 il Consiglio dei ministri aveva approvato una prima sobria proposta, che si dipanava in quattro articoli: il primo sull'attribuzione della delega, il secondo sui principi generali, il terzo sui principi specifici per ognuna delle materie oggetto della delega, il quarto sulla istituzione di una commissione incaricata della stesura dei decreti legislativi. L'ultima stesura, in prima approvazione il 24 novembre 2004, oltre alla normativa generale e di principio, contiene altres disposizioni di diretta e immediata applicazione, aventi ad oggetto i rifiuti, la disciplina urbanistica e la sanatoria dei reati paesaggistici (comma 21 e seguenti). Nella legge delega, per il combinato disposto dei commi 1 e 8, si enumerano i principi generali ai quali occorre che il Governo si conformi nell'adozione di uno o pi decreti legislativi sulle materie dei rifiuti, delle acque, del suolo, della gestione delle specie e delle aree protette, del risarcimento del danno

73

ambientale, delle procedure di valutazione di impatto ambientale e di valutazione ambientale strategica, dell'aria. I principi generali ed i criteri direttivi vengono dettati con elencazione alfabetica, dalla lettera a) alla lettera n) del comma 8. Per primi sono indicati la tutela dell'ambiente, della salute umana, delle risorse naturali e viene richiamato l'epocale articolo 174 del Trattato istitutivo della Comunit europea. Poi si pone l'obiettivo dell'efficacia dei controlli e dei monitoraggi ambientali e della effettivit delle sanzioni, penali ed amministrative. Senza oneri aggiuntivi per la finanza dello Stato, si auspica il miglioramento del livello delle tecnologie disponibili, il risparmio ed il pi razionale sfruttamento delle risorse energetiche, richiamando i dettami del principio dello sviluppo sostenibile. Vengono operati espressi rinvii ai principi di prevenzione, precauzione, correzione e riduzione degli inquinamenti. stato perorato, quale sistema risarcitorio, l'utilizzo del metodo chi inquina paga. Viene disposto lo snellimento delle procedure di dichiarazione,

comunicazione, denuncia e notificazione in materia ambientale. Sono previsti incentivi per le piccole e medie imprese per aderire ai sistemi di certificazione ambientale (secondo le norme EMAS) ed agevolazioni amministrative per le imprese gi certificate. Linquadramento e l'espresso rinvio ai principi generali in materia del diritto dell'ambiente, il principio dello sviluppo sostenibile, il principio di precauzione, il principio chi inquina paga, la tutela della biodiversit, gi consolidati nelle normative internazionali comunitarie e nazionali, rendono questa prima parte della legge delega un importante baluardo per l'interpretazione delle disposizioni di settore e delle disposizioni di immediata applicazione.

74

Al comma 9 si scende poi negli specifici settori delle materie trattate e si indicano i principi, gli obiettivi e gli attinenti criteri generali. Per il settore dei rifiuti si prevede: - l'ottimizzazione quantitativa e qualitativa della produzione dei rifiuti; - la razionalizzazione e semplificazione delle procedure di gestione dei rifiuti speciali; - la regolarizzazione delle procedure di smaltimento; - la promozione della conversione e del riciclo dei rifiuti; - l'utilizzo di tecniche per la differenziazione e la selezione dei rifiuti, anche agricoli, con il fine ulteriore di recuperare energia; - l'operativit ed efficienza dei sistemi di riciclaggio, di raccolta e smaltimento; - un'attenzione peculiare al riciclo del legno, ai siti contaminati da amianto, ai siti con attivit produttiva in esercizio ovvero dismessi; - la maggiore certezza della riscossione dei rifiuti solidi urbani; - l'autosufficienza a livello nazionale per le operazioni di recupero e di smaltimento dei rifiuti speciali. Si annuncia la predilezione di forme diverse dalle discariche e la trasparenza garantita dall'utilizzo di procedure ad evidenza pubblica per l'affidamento della gestione, con conferimento di poteri in capo al Presidente della Giunta Regionale di controllo sulle gare e di sostituzione nei confronti del soggetto che non abbia indetto le procedure di gare ad evidenza pubblica nel termine di sei mesi dal vigore dei decreti legislativi emanandi; si prevede un ulteriore conferimento di poteri sostitutivi e di controllo in capo al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio, che pu nominare commissari ad acta in caso di inerzia oltre quarantacinque giorni da parte del Presidente della Giunta Regionale. Inoltre, sono previsti l'imposizione di termini certi per la durata dei contratti di affidamento delle attivit di gestione dei rifiuti urbani ed il ricorso a procedure concorrenziali.

75

Il sostegno alle procedure ad evidenza pubblica discende da una copiosa e pregnante giurisprudenza comunitaria che cassava metodi di assegnazione della gestione dei rifiuti meno trasparenti. Si prevede l'utilizzo dello strumento degli accordi per la gestione degli interventi di bonifica e di messa in sicurezza. Per il ciclo idrico integrato si prevede: - l'accelerazione dell'attuazione della legge 5 gennaio 1994 n. 36, sulla gestione del ciclo idrico integrato; - la promozione del risparmio dell'acqua attraverso metodi di riutilizzo; la tutela ed il risanamento dei corpi idrici superficiali e sotterranei; - l'obbligo di utilizzare sistemi anticorrosivi per la protezione delle condotte di acque nel caso di sostituzione degli impianti o di impianti di nuova costruzione; - la previsione di meccanismi premiali in favore dei Comuni che si trovino in siti ad alta densit di impianti di energia idroelettrica. Per il suolo e sottosuolo si prevede: - il miglioramento della operativit degli organi amministrativi e tecnici preposti alla tutela ed al risanamento del suolo e del sottosuolo; - il coordinamento con i piani urbanistici; - l'adeguamento della disciplina degli interventi di risanamento idrogeologico e della messa in sicurezza di situazioni a rischio; - la previsione di meccanismi premiali, la lotta alla desertificazione; - la previsione della partecipazione dei soggetti istituzionali coinvolti; - la fissazione di termini per la certezza della conclusione dei procedimenti. Per la tutela della biodiversit si prevede: - l'estensione della percentuale di territorio soggetto a tutela ambientale; - la previsione del vigore dei piani di parco al decadere della previsione del regime vincolistico; - l'armonizzazione delle norme comunitarie ed internazionali per la conservazione della biodiversit;

76

- il favore per l'autofinanziamento, l'uso efficace ed efficiente delle risorse disponibili, gli accordi di programma con le organizzazioni rappresentative delle categorie di operatori interessati. Per le sanzioni si prevede: - l'adeguamento e l'effettivit delle sanzioni amministrative; - il miglioramento del meccanismo di ripristino e della quantificazione e risarcimento del danno; - la previsione di meccanismi premiali. Per la VIA e la VAS si prevede: - il recepimento delle direttive europee in materia; - la semplificazione delle procedure di valutazione di impatto ambientale, la velocizzazione, la effettivit dei controlli, la certezza della durata della procedura; - il coordinamento tra le procedure VIA e VAS; - per la valutazione ambientale strategica se ne promuove l'utilizzo nella stesura dei piani e dei programmi statali, regionali e sovracomunali; - l'adeguamento dei nuovi impianti alla procedura di IPPC; - il coordinamento tra VIA e IPPC; - l'individuazione dell'autorit competente per il rilascio dell'autorizzazione unica e definizione del contenuto dell'autorizzazione unica. Per l'aria si prevede: - il riordino e la parziale revisione della normativa: sulle emissioni da impianti di riscaldamento per uso civile, sulla produzione di energia da fonti rinnovabili o alternative, sul controllo delle emissioni da attivit agricole e zootecniche, sull'incentivo all'utilizzo di veicoli, combustibili e carburanti meno inquinanti, sulla informazione dei consumatori, sulle prescrizioni per gli impianti di combustione.

77

Il riparto delle competenze fra Stato e Regioni Al comma 2 della legge delega n. 308/2004, tra l'altro, si dispone di individuare, nel disciplinare i settori e le materie indicate, gli ambiti nei quali la potest regolamentare delegata alle Regioni, ai sensi del sesto comma dell'art. 117 della Costituzione. Al comma 8 della legge delega, dopo avere condizionato l'oggetto della delega alla conformit con le disposizioni normative comunitarie e le competenze statali, si proclama il rispetto anche delle attribuzioni delle Regioni e degli enti locali, come definite ai sensi dellarticolo 117 della Costituzione, della legge 15 marzo 1997, n. 59 e del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112. Ulteriore asserzione di principio in proposito si rinviene alla lettera m) del medesimo comma 8 della legge delega. Nella Costituzione repubblicana, titolo quinto, all'articolo 117, lettera s), previsto che spetta allo Stato, come materia di giurisdizione esclusiva la tutela dell'ambiente, dell'ecosistema e dei beni culturali. Spettano allo Stato ed alle Regioni, quali materie di legislazione concorrente, la valorizzazione dei beni culturali e ambientali, nonch il governo del territorio, in particolare l'urbanistica e l'edilizia, le grandi reti di trasporto e di navigazione, il trasporto e distribuzione dell'energia, come si dispone al comma secondo dell'articolo 117. Nelle materie di legislazione concorrente la potest legislativa viene conferita alle Regioni, residuando in capo allo Stato la sola determinazione dei principi cardine della disciplina, i principi fondamentali. Dunque le Regioni non provvedono solo alla normativa attuativa e di dettaglio, spettando loro il diretto potere di legiferare. Urbanistica ed edilizia, grandi reti di trasporto, la distribuzione dell'energia, non possono non incidere sull'ambiente. Si rischia che si creino interferenze tra le competenze rimaste avocate dallo Stato e quelle conferite alle Regioni.

78

Alle paventate ingerenze si oppone l'argomento che al primo comma dell'articolo 117 si subordina la potest legislativa tanto dello Stato quanto delle Regioni al rispetto dei vincoli derivanti dall'ordinamento comunitario e dagli obblighi internazionali. Orbene, il Testo Unico sull'ambiente recepisce una serie considerevole di normative europee e direttive comunitarie. Il problema, dunque, appare maggiormente complesso rispetto alle ingerenze potenziali tra leggi dello Stato e leggi delle Regioni in Italia. Occorrerebbe verificare di volta in volta quale norma del Testo unico sia di mero recepimento di una normativa sopranazionale e se questa sia o meno in contrasto con il dictat della nostra Costituzione. Il nuovo Testo unico sull'ambiente non opera chiarezza in tali eventuali quanto probabili conflitti di competenza. La legge delega n. 308/2004, al comma 8 dell'articolo unico n. 1, richiama espressamente la legge n. 59 del 1997 ed il decreto legislativo n. 112 del 31 marzo 1998. Ma il titolo quinto della Costituzione veniva modificato successivamente alle normative richiamate per rinvio, con la legge costituzionale 18 ottobre 2001, n.3. Tale discrasia induce a ritenere non risolti i casi di interferenza nella materia del governo del territorio che appartiene alla legislazione concorrente. Cos i piani ambientali statali e regionali, i piani territoriali di coordinamento delle province toccano la materia del governo del territorio, ciascuno con propria pregnanza ed incidenza e rischiano di doppiare le disposizioni o di porsi in contrasto. In conclusione la L. cost. 3/2001 nel riformulare l'art. 117 Cost. ha affermato che allo Stato riservata la potest esclusiva in materia di tutela dell'ambiente, dell'ecosistema e dei beni culturali e alle Regioni, nell'ambito delle materie di competenza legislativa concorrente, la valorizzazione dei beni ambientali e quella del governo del territorio.

79

In linea con il processo di riorganizzazione delle strutture di gestione ambientale, la L. 61/1994 di conv. del D.L. 496/1993, istitutiva dell'ANPA, ha previsto che per lo svolgimento delle funzioni pubbliche a livello locale, le Regioni siano tenute ad istituire le Agenzie regionali per la protezione dell'ambiente (ARPA) organizzate in settori tecnici ed articolate in dipartimenti provinciali o subprovinciali. Anche esse, alla stregua dell'APAT, sono dotate di autonomia tecnico-giuridica, amministrativa e contabile e sono strettamente dipendenti dalle Regioni che, oltre ad istituirle, provvedono all'organizzazione e alle dotazioni tecniche, umane e finanziarie e definiscono le linee guida programmatiche. Le Regioni, inoltre, si preoccupano anche delle articolazioni territoriali delle agenzie stabilendo le modalit di consulenza e supporto alle Province ed ai Comuni e fissando le modalit di integrazione e coordinamento con il sistema sanitario locale. Le principali attribuzioni delle ARPA sono: - fornire un supporto tecnico alla pianificazione e agli interventi regionali; - gestire le informazioni a livello locale; - provvedere ai controlli e alle azioni di prevenzione ambientale tramite le proprie strutture tecniche presenti sul territorio; - organizzare programmi di educazione e formazione ambientale a livello regionale. Lo Statuto dell'APAT approvato con D.P.R. 207/2002 ha previsto l'istituzione di un Consiglio federale rappresentativo delle Agenzie regionali per la protezione dell'ambiente con funzioni consultive nei confronti degli organi di vertice dell'Agenzia per la protezione dell'ambiente e per i servizi tecnici. La legge 349/1986 istitutiva del Ministero dellAmbiente ha costituito un importante tappa del riconoscimento di una tutela giuridica degli interessi superindividuali (c.d. interessi diffusi) appartenenti ad una collettivit ed insuscettibili di appropriazione singola.

80

In particolare l'art. 18 ha ammesso una autonoma legittimazione in capo alle associazioni in possesso dei requisiti di cui all'art. 13, e che cio: - abbiano carattere nazionale; - siano presenti almeno in cinque Regioni; - abbiano un ordinamento interno democratico; - diano garanzie di continuit della loro azione e che essa abbia rilevanza esterna. La legge, proprio attraverso l'art. 18, conferiva a queste associazioni importanti facolt, fra le quali una sola permane a seguito della riforma apportata dal cd. Codice in materia ambientale. Tale articolo, infatti, risulta ora abrogato dall'art. 318 del D.Lgs. 152/2006 che ha salvato dall'abrogazione il solo c. 5, che prevede il potere delle associazioni, individuate in base all'art. 13, di intervenire nei giudizi per danno ambientale e ricorrere in sede di giurisdizione amministrativa per l'annullamento di atti illegittimi. Il citato art. 318 al c. 2, lett. b), ha altres abrogato il c. 3 dell'art. 9 del D.Lgs. 267/2000, Testo unico enti locali, che prevedeva la facolt delle citate associazioni di proporre le azioni risarcitorie di competenza del giudice ordinario di spettanza del Comune e della Provincia, conseguenti a danno ambientale.

Il cosiddetto Codice dellambiente: Le disposizioni comuni Le disposizioni comuni del D. Lgs. n. 152 del 2006 vengono dettate in tre articoli, sussunti sotto il titolo Parte Prima. Il primo articolo definisce lambito di applicazione del decreto legislativo ed elenca le successive cinque parti di cui si compone: - la procedura per la Valutazione Ambientale Strategica (VAS), la procedura per la Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) e la procedura per lautorizzazione ambientale integrata (IPPC); - il suolo e le acque;

81

- i rifiuti; - l'aria; - il danno ambientale. L'articolo secondo delle disposizioni comuni porta il titolo finalit. A dire il vero talune gi sono enunciate al precedente articolo 1 e dunque la finalit generale e primaria alla quale si riferisce il titolo dell'articolo rimane una: la promozione dei livelli della qualit della vita umana. Tale espressione denota l'accoglimento della visione antropocentrica dell'ambiente. A seguire viene dettata una specifica di indole generale sulla modalit con la quale ambire all'innalzamento del livello di qualit della vita: lo strumento proposto costituito dalla salvaguardia ed il miglioramento delle condizioni dell'ambiente e d'utilizzazione accorta e razionale delle risorse naturali. Da notare che al posto del verbo sfruttare riferito ordinariamente alle risorse naturali, viene pi propriamente proposto il verbo utilizzare come per suggellare una sacralit del rispetto per la natura, in perfetta aderenza con il principio dello sviluppo sostenibile. Ulteriore finalit del presente, come di ogni testo unico, il riordino, il coordinamento e l'integrazione di tutte le normative aventi ad oggetto le materie elencate nell'articolo precedente. Si porge poi rispetto per la normativa comunitaria e per le competenze ed attribuzioni degli enti territoriali nazionali. Il terzo ed ultimo articolo delle disposizioni comuni presenta il titolo criteri per l'adozione dei provvedimenti successivi. La legge delega conferiva al Governo il potere di emanare uno o pi decreti legislativi in materia ambientale; dunque ci si premurati di stabilire a quali criteri occorra attenersi nella emanazione di provvedimenti successivi. Preliminarmente, al primo comma si dispone che le norme contenute nel presente decreto non sono tangibili se non per espressa deroga, modifica o abrogazione, gi principio generale dell'ordinamento.

82

Al comma secondo si conferisce al decreto legislativo in esame una valenza superiore alle successive disposizioni normative: il disposto generale e speciale del presente decreto, le finalit, i principi e le disposizioni devono essere rispettati dai successivi atti normativi di modifica ed integrazione dei regolamenti di attuazione. Tale disposizione appare contrastare con i principi generali dell'ordinamento in tema di gerarchia delle fonti che vedono di pari grado le successive disposizioni normative. La paritaria valenza comporta

labrogabilit della norma precedente ad opera della successiva. Si dispone che i provvedimenti di attuazione ed esecuzione debbano essere emanati entro due anni dalla data di pubblicazione del decreto legislativo in esame attraverso uno o pi regolamenti che il Governo adotter su proposta del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio. A seguire viene, al terzo comma, previsto l'ausilio per il Ministro dell'Ambiente e della Tutela del territorio del parere del CESPA, il Consiglio economico e sociale per le politiche ambientali, per la predisposizione dei provvedimenti successivi. Il quarto comma si occupa della tecniche. Il Ministro, nei medesimi due anni dalla data di pubblicazione, emana regolamenti per la modifica e l'integrazione delle norme tecniche. Si fa salvo espressamente il disposto dell'articolo 13 della legge n. 11 del 4 febbraio 2005, che regola le modifiche gi operate sulle norme tecniche da provvedimenti comunitari. Lultimo comma prevede che venga designato un gruppo di esperti, nominati con decreto del Ministro ed elenca le categorie tra le quali deve vertere l'opzione di scelta: professori universitari, dirigenti ai vertici di istituti pubblici di ricerca ed esperti di alta qualificazione nei settori e nelle materie oggetto del decreto in esame. emanazione successiva di norme

83

Tale gruppo di esperti, nominati per un biennio, senza compenso alcuno, coadiuver il Ministro dellambiente e della tutela del territorio nella emanazione di ogni provvedimento attuativo del decreto legislativo in esame. I contenuti del provvedimento Il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante Norme in materia ambientale (il c.d. "Codice dell'ambiente") stato emanato in attuazione della legge 15 dicembre 2004, n. 308, che all'articolo 1 ha delegato il Governo ad adottare uno o pi decreti legislativi di riordino nei principali settori che comprendono la materia ambientale. Il ricorso all'istituto della delega come strumento privilegiato per l'attuazione delle esigenze di razionalizzazione, semplificazione e riordino normativi che, divenute programma stabile del legislatore a partire dalla L. n. 59/1997, hanno di recente trovato nel ricorso all'adozione di uno o pi decreti legislativi il modello (c.d. di neocodificazione) ritenuto pi efficace alla razionalizzazione del sistema. Nella predisposizione del provvedimento in esame sono state adottate le seguenti strategie: - accorpamento delle disposizioni concernenti settori omogenei di disciplina, in modo da ridurre le ripetizioni e da concentrare in testi unici le norme che concorrono a regolamentare fattispecie riconducibili a genera comuni; - integrazione nei vari disposti normativi della pluralit di previsioni precedentemente disseminate in testi eterogenei, cos riducendo la stratificazione normativa generatasi per effetto delle innumerevoli novelle che si sono nel tempo sovrapposte e predisponendo una serie di articolati aggiornati e coordinati; - abrogazione espressa delle disposizioni non pi in vigore. A questo riguardo, bench sia noto come la semplificazione normativa non dipenda unicamente dalla quantit delle disposizioni formalmente in vigore, il risultato dell'opera di riordino ha condotto all'abrogazione di cinque leggi, dieci disposizioni di legge, due decreti legislativi, quattro decreti del

84

Presidente della Repubblica, tre decreti del Presidente del consiglio dei ministri ed otto decreti ministeriali, cui sono da aggiungere le disposizioni gi abrogate e di cui viene confermata l'abrogazione da parte dei decreti delegati. Il provvedimento, costituito da 318 articoli, suddiviso in sei Parti. La Parte prima individua rispettivamente l'ambito di applicazione del provvedimento, le finalit e i criteri per l'adozione dei provvedimenti successivi. La Parte seconda concerne le procedure per la valutazione ambientale strategica (VAS), per la valutazione d'impatto ambientale (VIA) e per l'autorizzazione ambientale integrata (IPPC). La Parte terza concerne la difesa del suolo e la lotta alla desertifcazione, tutela delle acque dall'inquinamento e gestione delle risorse idriche. La Parte quarta concerne la gestione dei rifiuti e la bonifica dei siti contaminati. La Parte quinta concerne la tutela dell'aria e la riduzione delle emissioni in atmosfera. La Parte sesta concerne la tutela risarcitoria contro i danni all'ambiente. La mappa del provvedimento VIA (Valutazione di impatto ambientale) - VAS (Valutazione ambientale strategica) - IPPC (Prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento) Integrale recepimento di quattro direttive. Scansione puntuale dei procedimenti VIA per garantire il completamento di tutte le procedure in tempi certi. Anche per la VIA ordinaria verr esaminato il progetto preliminare. Definizione dei meccanismi di coordinamento tra VIA e VAS e tra VIA e IPPC. Introduzione di un sistema di controlli successivi. Accoglimento del principio del silenzio-rifiuto e rafforzamento della disciplina di

informazione al pubblico.

85

Difesa suolo, lotta alla desertificazione, tutela delle acque e gestione delle risorse idriche Riordino e coordinamento delle disposizioni normative frammentate in una pluralit di testi e interconnesse come la difesa del suolo, la tutela delle acque, la gestione delle risorse idriche. Integrale recepimento della direttiva 2000/60/CE; in materia di acque che prevede l'istituzione di Autorit di bacino distrettuali e la definizione dei distretti idrografici, che sono stati definiti in sette (Distretto delle Alpi Orientali, che comprende i bacini dell'Adige e dell'Alto Adriatico; Distretto Padano, che segue la geografia dell'attuale Autorit di bacino del Po; Distretto dell'Appennino Settentrionale, che comprende il bacino dell'Arno, della Liguria, i bacini meridionali dell'Emilia e quelli settentrionali delle Marche; Distretto Appennino Centrale, che include il bacino del Tevere, quelli delle Marche meridionali, dell'Umbria e dell'Abruzzo; Distretto Appennino Meridionale, che include anche tutti i bacini dell'Italia meridionale; Distretto idrografico della Sicilia e Distretto idrografico della Sardegna). Individuazione del Piano di gestione come strumento di pianificazione. Riconferma del principio di pubblicit delle acque. Rafforzamento della clausola sociale per tutelare i lavoratori dei servizi idrici e di igiene urbana. Rifiuti e bonifiche Vengono riordinate e coordinate le disposizioni normative concernenti questi settori. Per le bonifiche vengono confermati sostanzialmente i parametri in vigore per la definizione di "sito inquinato" e per la successiva bonifica viene compiuta un'analisi di rischio. Viene confermato anche il meccanismo dell'accordo di programma e che prevede procedure pi snelle e tempi pi veloci nel pieno rispetto dell'ambiente.

86

Vengono ridefinite le priorit nella gestione dei rifiuti in conformit con la normativa UE. Viene istituita inoltre un'Authority per acque e rifiuti, creando due sezioni al posto del vecchio Comitato di vigilanza sull'uso delle risorse idriche e dell'Osservatorio nazionale dei rifiuti, con una diminuzione nel numero degli organi. Viene riconosciuto il ruolo delle Province in materia di rifiuti. Tutela dell'aria Riordino e coordinamento di tutte le misure concernenti la prevenzione dell'inquinamento dell'aria; promozione del ricorso alle migliori tecniche disponibili; introduzione di una durata fissa per l'autorizzazione pari a 15 anni. L'apparato sanzionatorio non stato variato rispetto al passato in quanto la delega non prevedeva modifiche di questo capitolo. Impegni maggiori sulle fonti rinnovabili con priorit nel dispacciamento e interventi finanziari per incentivare l'energia rinnovabile al Sud, soprattutto per raggiungere gli obiettivi di Kyoto. Danno ambientale Viene definita la nozione di danno ambientale e una nuova disciplina in materia per conseguire l'effettivit delle sanzioni amministrative e viene applicato il principio comunitario del "chi inquina paga". Per accorciare i tempi del risarcimento del danno prevista un'ordinanza-ingiunzione per il risarcimento del danno che dar la possibilit al Ministero di incassare in modo certo e veloce le somme. Viene recepita integralmente la direttiva europea.

La valutazione di impatto ambientale Per comprendere appieno la portata innovativa della parte seconda del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 necessario indicare preliminarmente le nozioni "di base" degli istituti giuridici oggetto degli articoli 4-52 del citato decreto, vale a dire le nozioni di valutazione di impatto ambientale (VIA),

87

di valutazione ambientale strategica (VAS) e di autorizzazione integrata ambientale (AIA, o IPPC, acronimo di Integrated Pollution Prevention and Control, titolo inglese della direttiva 96/61 /CE). Esse sono in parte ( il caso della definizione di AIA) ricavabili direttamente dalle rispettive norme di settore, in parte estrapolabili dalle diverse legislazioni che disciplinavano in precedenza gli istituti in questione ( il caso della VIA) pur senza dettarne una definizione "univoca" (definizione che invece oggi fornita dal D.Lgs.152/2006). E cos, l'espressione valutazione di impatto ambientale designa, in generale, un procedimento incidentale - ossia, destinato ad innestarsi su un procedimento principale in senso lato autorizzatorio - ed aperto alla partecipazione del pubblico che, a seguito di un'istruttoria a carattere tecnicoscientifico e interdisciplinare, sfocia in un giudizio preventivo in ordine alla compatibilit ambientale di un progetto (pubblico o privato) che appare suscettibile di provocare effetti rilevanti sull'ambiente globalmente

considerato; giudizio che, nel tener conto delle caratteristiche del progetto, del modo in cui dovr essere realizzato e delle peculiarit del contesto ambientale su cui esso destinato ad incidere, pu prevedere anche prescrizioni correttive. Sempre con qualche approssimazione, per impatto ambientale si pu intendere, nella sua accezione pi ampia, l'insieme di tutti gli effetti di una certa rilevanza - positivi e negativi, diretti ed indiretti, temporanei e permanenti, nonch cumulativi e sinergici - che la realizzazione di un determinato intervento o di una specifica opera provoca a carico dei vari fattori ambientali (naturalistici ed antropici) globalmente considerati. Di diretta matrice normativa sono, invece, le definizioni di valutazione ambientale strategica e di autorizzazione integrata ambientale: - a norma dell'art. 2 della direttiva 2001/42/CE (direttiva VAS), per valutazione ambientale si intende l'elaborazione di un rapporto di impatto ambientale, lo svolgimento di consultazioni, la valutazione del

88

rapporto ambientale e dei risultati delle consultazioni nell'iter decisionale e la messa a disposizione delle informazioni sulla decisione a norma degli articoli da 4 a 9 (tale definizione, al fine di poter comprendere la specifica funzione della VAS, deve essere integrata con ci che prevede l'art. 1 della medesima direttiva, secondo cui essa si sostanzia in una valutazione ambientale di determinati piani e programmi che possono avere effetti significativi sull'ambiente, differenziandosi cos, rispetto alla VIA, in base all'oggetto); - l'art. 2, comma 1, lett. l) del D.Lgs. 59/2005 definisce invece

l'autorizzazione integrata ambientale come il provvedimento che autorizza l'esercizio di un impianto o di parte di esso a determinate condizioni che devono garantire che l'impianto sia conforme ai requisiti del presente decreto (in tal caso, per cogliere l essenza di questo istituto occorre rifarsi al comma 14 dell'art. 5 del medesimo decreto, a norma del quale l'AIA sostituisce ad ogni effetto ogni altra autorizzazione, visto, nulla osta o parere in materia ambientale previsti dalle disposizioni di legge e dalle relative norme di attuazione). Pu essere utile evidenziare, infine, alcuni elementi comuni alle tre procedure (VAS, VIA e AIA), elementi che forse spiegano le ragioni che hanno indotto il legislatore delegato (e, ancor prima, quello delegante) a dettarne una disciplina congiunta (ossia - dopo l'avvenuto "accorpamento" fra le varie materie oggetto della delega legislativa nell'ambito di un unico decreto legislativo - la parte seconda del D.Lgs. 152/2006). Tutte e tre le procedure in esame, infatti: - hanno carattere preventivo, proponendosi (in applicazione del principio comunitario di prevenzione) di individuare, valutare e mitigare i possibili effetti perturbativi sull'ambiente di un determinato piano, programma o progetto prima che esso sia adottato o autorizzato (e dunque, nel caso di progetti di opere o interventi, prima che questi siano realizzati provocando i suddetti effetti);

89

- si fondano su un approccio "globale", associando cio in un'unica contestuale valutazione l'incidenza che la realizzazione di uno specifico piano, programma o progetto pu avere su tutti i molteplici fattori (naturalistici e antropici) di cui l'ambiente composto, considerati complessivamente ed anche nelle loro possibili interazioni. Questo peculiare approccio colloca le procedure in questione in posizione "trasversale" rispetto ai tradizionali strumenti di protezione dell'ambiente che, invece, intervengono settorialmente (e, quindi, separatamente) su ogni sua singola componente (aria, acque, suolo, ecc.); - danno ampio risalto alla partecipazione del pubblico e presentano, anzi, i tratti tipici dei c.d. "procedimenti di massa", essendo potenzialmente aperti alla partecipazione di un numero anche elevato di soggetti; - prevedono un'istruttoria dagli spiccati connotati tecnico-scientifici.

Istruttoria che, per questa ragione, affidata ad apposite commissioni tecniche istituite ad hoc. La direttiva 85/337/CEE, all'art. 12, concedeva tre anni di tempo agli Stati membri dell'Unione per attuare la disciplina sulla VIA, ma sino ad oggi in Italia non si giunti ad un recepimento definitivo della direttiva. L'art. 6 della L. 349/1986, istitutiva del Ministero dell'ambiente, impegnava il Governo a presentare entro sei mesi dall'entrata in vigore della legge un disegno di legge alle Camere relativo all'attuazione delle direttive comunitarie in materia d'impatto ambientale. In attesa dell'attuazione legislativa l'art. 6 rinviava per le norme tecniche e per le categorie di opere in grado di produrre rilevanti modificazioni dell'ambiente ad un decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri da adottarsi su proposta del Ministro dell'ambiente. Il D.P.C.M. 10 agosto 1988, n. 377, integrato dal successivo D.P.R. 11 febbraio 1998, delineava un regime transitorio nel quale si definivano a grandi linee le fasi della procedura della cd. regolamentazione della compatibilit ambientale limitatamente alle opere previste dall'Allegato I della direttiva.

90

L'articolo 6 della L. 349/1986, che ha a lungo dettato la disciplina in materia, stato di recente abrogato espressamente dall'articolo 48 del D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152, Norme in materia ambientale. Tale provvedimento risistema in maniera organica la procedura per la valutazione di impatto ambientale e dedica tutta la sua parte seconda a dare attuazione alle direttive 85/337/CE e 96/61/CE, sulla prevenzione e riduzione integrate

dell'inquinamento, recepita con D.Lgs. 59/2005, ma anche alla direttiva 2001/42/CE, concernente la valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sull'ambiente. La parte seconda del Codice ambiente, che diversamente dalle altre, in vigore il 12 agosto 2006, trascorsi 120 giorni dalla pubblicazione del decreto, ha inteso perseguire importanti obiettivi, che dovranno essere confermati con la regolamentazione attuativa. Tra questi obiettivi rientrano: - il rapporto costi - benefici, in base al quale occorre bilanciare le ragioni dell'ambiente con quelle dell'economia ed anticipare la procedura di VIA gi all'esame del progetto di intervento; - la riduzione dei tempi di conclusione della procedura; - il coordinamento tra valutazione di impatto ambientale e valutazione di impatto ambientale strategica; e tra valutazione di impatto ambientale e la procedura di autorizzazione integrata ambientale, nel caso di impianti sottoposti ad entrambe e al fine di evitare duplicazioni. In via preliminare bene ribadire, secondo la definizione risistemata in modo compiuto nell'art. 5 del cd. nuovo Codice ambientale, che per procedimento di valutazione di impatto ambientale si intende l'elaborazione di uno studio concernente l'impatto sull'ambiente che pu derivare dalla realizzazione e dall'esercizio di un'opera il cui progetto sottoposto ad approvazione o autorizzazione, lo svolgimento di consultazioni, la

valutazione dello studio ambientale e dei risultati delle consultazioni nell'iter decisionale di approvazione o autorizzazione del progetto dell'opera e la messa a disposizione delle informazioni sulla decisione. L'articolo 23, che

91

inaugura la serie di disposizioni comuni in materia di VIA, operando rinvii agli elenchi A e B dell'allegato III della parte seconda del decreto legislativo ed enumerando specifiche tipologie di progetti ed opere, individua quali sono gli interventi assoggettati alla valutazione di impatto ambientale e quali invece ne sono esenti. Scopi principali della valutazione sono quelli di assicurare la protezione delle risorse ed il loro uso plurimo e razionale, migliorare la qualit della vita garantendo la partecipazione e lo scambio informativo con la popolazione, semplificare tutti gli atti autorizzativi in materia (art. 24). La competenza specifica alla valutazione spetta al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio, di concerto con il Ministro per i beni e le attivit culturali nel caso di progetti di opere ed interventi sottoposti ad autorizzazione statale e per quelli aventi impatto ambientale interregionale e internazionale; negli altri casi spetta invece all'autorit individuata dalla Regione o dalla Provincia (art. 25). Tutto il procedimento di valutazione di impatto ambientale si articola nella fase: introduttiva del procedimento, in cui il committente o proponente deve inoltrare apposita domanda all'autorit competente allegandovi il progetto, lo studio di impatto ambientale e la sintesi non tecnica. Copia della domanda deve essere trasmessa anche alle Regioni, alle Province e ai Comuni interessati, nonch agli enti di gestione nel caso si tratti di interventi che incidono su aree naturali protette, chiamati ad esprimere il loro parere entro 60 giorni. Decorso vanamente il termine, l'autorit competente proceder anche in assenza dei loro pronunciamenti

esprimendosi sulla compatibilit ambientale del progetto. Tale autorit pu chiedere anche integrazioni documentali indicando un termine in cui adempiere (art. 26); dello studio di impatto ambientale, che deve essere predisposto a cura e spese del committente o proponente, secondo le indicazioni di cui all'Allegato V alla parte seconda.

92

Lo studio di impatto ambientale deve contenere almeno: a) una descrizione del progetto con le informazioni relative alle sue caratteristiche, alla sua localizzazione ed alle sue dimensioni; b) una descrizione delle misure previste per evitare, ridurre e possibilmente compensare gli effetti negativi rilevanti; c) i dati necessari per individuare e valutare i principali effetti sull'ambiente e sul patrimonio culturale che il progetto pu produrre, sia in fase di realizzazione che in fase di esercizio; d) una descrizione sommaria delle principali alternative prese in esame dal committente, ivi compresa la cosiddetta opzione zero, con indicazione delle principali ragioni della scelta, sotto il profilo dell'impatto ambientale; e) una valutazione del rapporto costi-benefici del progetto dal punto di vista ambientale, economico e sociale. Allo studio di impatto ambientale deve essere allegata una sintesi non tecnica delle caratteristiche dimensionali e funzionali dell'opera o intervento progettato e dei dati e delle informazioni contenuti nello studio stesso (art. 27); della pubblicit. Le amministrazioni, le Regioni e le Province autonome indicano gli uffici presso i quali sono reperibili e consultabili dal pubblico i documenti e gli atti inerenti il procedimento di valutazione. La pubblicit e la conoscibilit dei contenuti dell'opera da realizzare sono assicurati gi al momento della presentazione della domanda perch contestualmente il proponente o committente deve provvedere al deposito del progetto dell'opera, dello studio di impatto ambientale e di varie copie della sintesi non tecnica, nonch alla diffusione di un annuncio dell'avvenuto deposito a mezzo stampa secondo le modalit stabilite da un apposito regolamento dell'autorit competente, che provveder a disciplinare anche le modalit di pubblicazione del progetto su internet (art. 28); della partecipazione al procedimento. questa la fase in cui i soggetti interessati che intendano fornire elementi conoscitivi e valutativi

concernenti i possibili effetti dell'opera possono presentare all'autorit

93

competente le proprie osservazioni, entro 45 giorni dall'avvenuta pubblicazione dell'annuncio a mezzo stampa. In merito l'autorit pu dare corso ad un'inchiesta e pu anche disporre un sintetico contraddittorio con il proponente (art. 29); dell'istruttoria tecnica, che rappresenta il momento in cui si accerta la completezza della documentazione, si verifica la corrispondenza di ci che stato documentato rispetto ai luoghi e alle loro effettive caratteristiche, si controlla che i dati relativi a tutte le sorgenti potenziali ed eventuali di inquinamento siano conformi alle normative di settore, si riscontra la coerenza del progetto rispetto all'utilizzo delle materie prime. Durante l'istruttoria si accerta anche il corretto utilizzo degli strumenti di analisi e previsione degli effetti ambientali e si individua e descrive l'impatto complessivo che l'intervento produrr sull'ambiente e sul patrimonio culturale, mettendo a confronto la situazione esistente al momento della presentazione della domanda con quella che prevedibilmente si verificher successivamente alla realizzazione dell'opera. Questa fase attualmente svolta dalla Commissione di cui all'art. 19, comma 2 del D.Lgs. 190/2002, modificato dal D.L. 315/2003, conv. in L 5/2004: il decreto 190 ha ora subito l'abrogazione degli artt. 1 e 2, relativi proprio alla commissione, per effetto dell'art. 48 del D.Lgs. 152/2006. Ne risulta che allo svolgimento dell'istruttoria preposta la Commissione tecnico-consultiva per le valutazioni ambientali, istituita dall'art. 6 del Codice ambiente:

l'abrogazione per resta sospesa e la commissione di cui al D.Lgs. 190/2002 continuer ad operare sino all'emanazione di un decreto ministeriale che discipliner modalit, tariffe, controlli e compensi della nuova commissione (art. 30); del giudizio di compatibilit. L'intera procedura si conclude con il giudizio di compatibilit da rendersi entro 90 giorni dalla pubblicazione di cui all'articolo 28. Se tale termine decorre invano si attiva il potere sostitutivo del Consiglio dei Ministri che vi provvede entro 60 giorni, non prima per

94

di aver diffidato l'organo competente ad adempiere concedendogli un termine di 20 giorni. In difetto, trascorso infruttuosamente il citato termine, il giudizio emesso si intende negativo se riguarda progetti sottoposti a VIA statale. Per le opere sottoposte a VIA non statale, invece, la disciplina riportata si applica solo fino all'emanazione di apposite norme regionali e provinciali. L'amministrazione competente all'autorizzazione definitiva acquisisce il giudizio di compatibilit con tutte le relative prescrizioni. Nei casi di iniziative promosse da autorit pubbliche il progetto deve essere adeguato al provvedimento finale e questo deve a sua volta evidenziare la conformit delle scelte effettuate rispetto agli esiti della procedura d'impatto ambientale. Negli altri casi i progetti devono essere conformi alla compatibilit ambientale gi prima del rilascio dell'autorizzazione. I risultati della procedura devono essere inoltre pi pubblicizzati e comunicati ai soggetti del procedimento e delle amministrazioni. Il pubblico, infine, deve vedersi garantita la possibilit di conoscere la decisione e le condizioni che l'accompagnano, i motivi e i pareri su cui si basa e tutte le informazioni relative al processo di partecipazione (art. 31). Quanto all'entrata in vigore l'art. 52 del nuovo D.Lgs. 152/2006 dispone che, fatte salve norme di adeguamento e di attuazione, la nuova procedura sar applicabile trascorsi 120 giorni dalla pubblicazione del decreto. Nel quadro normativo vigente va, poi, citato quanto disposto dall'art. 1 L. 21-11-2001, n. 443 che, al comma 2, delegava il Governo ad emanare, nel rispetto delle attribuzioni costituzionali delle Regioni, uno o pi decreti legislativi volti a definire un impianto normativo che inquadrasse le infrastrutture pubbliche e private e gli insediamenti produttivi strategici e di preminente interesse nazionale da realizzare per la modernizzazione e lo sviluppo del Paese, a tal fine riformando le procedure per la valutazione di impatto ambientale (VIA) e l'autorizzazione integrata ambientale,

limitatamente alle suddette opere e comunque nel rispetto dell'art. 2 della

95

direttiva

85/337/CEE, come modificata dalla

direttiva

97/11/CE,

introducendo un regime speciale. In attuazione di siffatta delega stato emanato il D.Lgs. 20-8-2002, n. 190 che, come modificato dalla L. 18 aprile 2005, n. 62 (il cui art. 30 stato abrogato dall'art. 48, c. 1, lett. n) del D.Lgs. 152/2006) e dal D.Lgs. 17 agosto 2005, n. 189, ha disciplinato la procedura di VIA per le infrastrutture e per gli insediamenti produttivi in senso derogatorio rispetto al procedimento ordinario, trasformando radicalmente alcune fasi fondamentali del

procedimento. L' art. 17, comma 3, del D.Lgs. 190/2002 stabilisce che non si fa luogo a V.I.A. nel caso di interventi destinati alla difesa nazionale in vista di un pericolo imminente e nell'ipotesi di interventi conseguenti a calamit per le quali sia stato dichiarato lo stato di emergenza. Lavvio del procedimento affidato all'iniziativa del soggetto proponente, il quale deve predisporre uno studio di impatto ambientale; il soggetto aggiudicatore deve provvedere, invece, alla redazione di una relazione sui metodi di previsione utilizzati per la V.I.A. e per eventuali misure di riduzione dell'impatto e di un riassunto non tecnico delle informazioni trasmesse con un elenco indicativo delle difficolt riscontrate. Successiva a questa prima fase, secondo il disposto dell'art. 3, comma 4 del D.Lgs. 190/2002, la rimessione da parte dei soggetti aggiudicatori del progetto preliminare al Ministero e, ove competenti, al Ministero

dell'ambiente e della tutela del territorio, al Ministero delle attivit produttive ed al Ministero per i beni e le attivit culturali, nonch alle regioni o province autonome competenti per territorio. Le amministrazioni interessate rendono le loro valutazioni al Ministero entro 90 giorni dalla ricezione del progetto preliminare. Nei successivi 60 giorni il Ministero, acquisito nei casi previsti il parere del Consiglio superiore dei lavori pubblici o di altra commissione consultiva

96

competente, formula la propria proposta al CIPE, che si pronuncia nei 30 giorni seguenti. Nelle ipotesi in cui una o pi valutazioni o pareri non siano pervenuti nel termine prescritto, il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti invita i soggetti medesimi a provvedere entro ulteriori 30 giorni; in mancanza di riscontro il Ministro formula la propria proposta al CIPE, con eventuali prescrizioni, che, laddove non si verifichino i casi di dissenso disciplinato dal comma 6, decide a maggioranza sentiti i Comuni interessati e con il consenso dei Presidenti regionali e provinciali coinvolti. Lapprovazione determina, ove necessario ai sensi delle vigenti norme, l'accertamento della compatibilit ambientale dell'opera e perfeziona, ad ogni fine urbanistico ed edilizio, l'intesa Stato-Regione sulla sua localizzazione, comportando l'automatica variazione degli strumenti urbanistici vigenti ed adottati. La conoscibilit dell'approvazione del progetto preliminare resa mediante pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione (o nella Gazzetta Ufficiale) ed comunicata agli enti locali interessati a cura del soggetto aggiudicatore. Sul D.Lgs. 190/2002 da ultimo intervenuto il D.Lgs. 152/2006 che ha abrogato i commi 2 e 3 dell'articolo 19, relativi alla Commissione speciale di valutazione di impatto ambientale. In luogo di quella prevista dall'articolo 19, che rimane ancora operante, il Codice ne ha istituito una nuova di natura tecnico-consultiva: all'articolo 6, infatti, indica che essa si compone di settantotto membri, oltre al presidente ed a tre vicepresidenti, scelti tra professori universitari, tra professionisti ed esperti qualificati in sistemi di gestione, in misurazioni e in materie progettuali, geologiche, ambientali, giuridiche, economiche e sociali, nonch fra dirigenti della pubblica amministrazione.

97

La Commissione tecnico - consultiva per le valutazioni ambientali L'attivit della Commissione articolata in tre settori operativi facenti capo ai tre vicepresidenti e concernenti, rispettivamente, le seguenti procedure: a) valutazione ambientale strategica: b) valutazione di impatto ambientale: c) prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento. La Commissione opera, di norma, attraverso sottocommissioni. Le

sottocommissioni sono composte da un numero variabile di componenti in ragione delle professionalit necessarie per il completo ed adeguato esame della specifica pratica. L'individuazione delle professionalit necessarie spetta al vicepresidente competente. Una volta individuate le figure professionali dei componenti e del coordinatore della sottocommissione, i singoli commissari sono assegnati alle sottocommissioni sulla base di un predefinito ordine di turnazione. In base a quanto disposto dall'articolo 49 del Codice dellambiente occorre ricordare che in sede di prima attuazione i componenti delle commissioni tecnicoconsultive di cui all'articolo 19 (e di cui all'art. 18, comma 5, della legge 11 marzo 1988, n. 67, ed all'articolo 5, comma 9, del decreto legislativo 18 febbraio 2005, n. 59) restano in carica assumendo le funzioni di componenti della nuova commissione prevista dall'articolo 6 fino alla fine del quarto anno dall'entrata in vigore della parte seconda del nuovo Codice.

La procedura per il rilascio dell'autorizzazione all'esercizio di impianti di energia elettrica di potenza superiore a 300 MW termici stata inizialmente dettata dal D.L. 7 febbraio 2002, n. 7, conv. con modifiche in L 55/2002, rubricato misure urgenti per garantire la sicurezza del sistema elettrico nazionale. Tale decreto, al fine di evitare il pericolo di interruzione di fornitura di energia elettrica su tutto il territorio nazionale e di garantire la necessaria copertura del fabbisogno nazionale, comunque non oltre il 31 dicembre 2003, stabiliva che, previa intesa in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, la costruzione e l'esercizio degli impianti di energia elettrica di potenza

98

superiore a 300 MW termici, gli interventi di modifica o ripotenziamento, nonch le opere connesse e le infrastrutture indispensabili all'esercizio degli stessi, fossero dichiarati opere di pubblica utilit e soggetti ad una autorizzazione unica, rilasciata dal Ministero delle attivit produttive, sostitutiva di autorizzazioni, concessioni ed atti di assenso comunque denominati, e che tale autorizzazione costituisse titolo a costruire e ad esercitare l'impianto in conformit al progetto approvato. L'autorizzazione, rilasciata a seguito di un procedimento unico, al quale partecipavano le Amministrazioni statali e locali interessate e che si svolgeva nel rispetto dei principi di semplificazione e secondo le modalit di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 241, stata cos disciplinata fino al recepimento della direttiva 96/61/CE del Consiglio, sulla prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento, avvenuta ad opera del D.Lgs. 18 febbraio 2005, n. 59, che ha introdotto l'autorizzazione integrata ambientale e ne ha subordinalo il rilascio al rispetto della disciplina in esso contenuta. Ne deriva pertanto che le due discipline si intersecano come indicato dal comma 9 dell'articolo 18, che espressamente stabilisce che per gli impianti di produzione di energia elettrica di potenza superiore a 300 MW termici, di intesa tra i Ministri dell'ambiente e della tutela del territorio e delle attivit produttive, sono stabilite le modalit di coordinamento delle fasi procedurali connesse tra il procedimento unico di cui al D.L. 7/2002, convertito con modificazioni, sul procedimento per il rilascio dell'autorizzazione integrata ambientale di cui al medesimo decreto 59/2005. Il coordinamento tra i due provvedimenti ribadito anche dall'art. 34, comma 5 del Codice in materia di ambiente (rubricato relazioni tra VIA e IPPC) che in merito dispone che per gli impianti menzionati, nonch per le modifiche sostanziali agli stessi, la procedura di valutazione dell'impatto ambientale integrata nel procedimento per il rilascio dell'autorizzazione integrata ambientale. Larticolo 2 del D.Lgs. 59/2005 definisce l'autorizzazione integrata ambientale come provvedimento che autorizza l'esercizio di un impianto o di

99

parte di esso a determinare condizioni che devono garantire che l'impianto stesso sia conforme ai requisiti previsti. Un'autorizzazione integrata ambientale pu valere per uno o pi impianti o parti di essi, che siano localizzati sullo stesso sito e gestiti dal medesimo gestore.
Principi generali dellautorizzazione integrata ambientale Nel determinare le condizioni per l'autorizzazione integrata ambientale, fermo restando il rispetto delle norme di qualit ambientale, l'autorit competente tiene conto dei seguenti principi generali: a) devono essere prese le opportune misure di prevenzione dell'inquinamento, applicando in particolare le migliori tecniche disponibili; b) non si devono verificare fenomeni di inquinamento significativi; c) deve essere evitata la produzione di rifiuti; d) l'energia deve essere utilizzata in modo efficace; e) devono essere prese le misure necessarie per prevenire gli incidenti e limitarne le conseguenze; f) deve essere evitato qualsiasi rischio di inquinamento al momento della cessazione definitiva delle attivit e il sito stesso deve essere ripristinato ai sensi della normativa vigente in materia di bonifiche e ripristino ambientale.

Ai fini del rilascio dell'autorizzazione integrata ambientale la procedura prevede che, salvo quanto disposto dal c. 5 dell'art. 5 del D.Lgs. 59/2005 circa le informazioni sui rischi di incidenti connessi a determinate attivit e le informazioni richieste dalla normativa relativa ad aria, acqua, suolo e rumore, la domanda debba comunque descrivere: - l'impianto, il tipo e la portata delle sue attivit; - le materie prime e ausiliarie, le sostanze e l'energia usate o prodotte dall'impianto; - le fonti di emissione dell'impianto; - lo stato del sito di ubicazione dell'impianto;

100

- il tipo e l'entit delle emissioni dell'impianto in ogni settore ambientale, nonch un'identificazione degli effetti significativi delle emissioni

sull'ambiente; - la tecnologia utilizzata e le altre tecniche in uso per prevenire le emissioni dall'impianto oppure per ridurle; - le misure di prevenzione e di recupero dei rifiuti prodotti dall'impianto; le misure previste per controllare le emissioni nell'ambiente;

- le eventuali principali alternative prese in esame dal gestore, in forma sommaria; - le altre misure previste per ottemperare ai principi di cui all'articolo 3 e una sintesi non tecnica dei dati di cui alle voci precedenti. L'autorit competente, entro 30 giorni dal ricevimento della domanda, comunica al gestore la data di avvio del procedimento ai sensi della legge 241/1990 e la sede degli uffici presso i quali sono depositati atti e documenti. Entro 15 giorni dalla comunicazione il gestore provvede a sua cura e sue spese alla pubblicazione su un quotidiano a diffusione provinciale o regionale, ovvero a diffusione nazionale nel caso di progetti che ricadono nell'ambito della competenza dello Stato, di un annuncio contenente l'indicazione della localizzazione dell'impianto e del nominativo del gestore, nonch il luogo ove possibile prendere visione degli atti e trasmettere le osservazioni. Entro 30 giorni dalla data di pubblicazione dell'annuncio i soggetti interessati possono presentare in forma scritta, all'autorit competente, osservazioni sulla domanda. Ai fini dello svolgimento delle attivit istruttorie operer la commissione prevista dall'art. 6 del Codice ma solo alla fine dei quattro anni dalla sua entrata in vigore; fino ad allora continuer ad esercitare le sue funzioni la commissione di cui all'art. 5, comma 9 del decreto legislativo 59/2005, abrogato dall'art. 48 del Codice dellambiente, ma la cui abrogazione attualmente sospesa.

101

L'autorit competente convoca apposita conferenza dei servizi alla quale invita le amministrazioni competenti in materia ambientale e comunque, nel caso di impianti di competenza statale, i Ministeri dell'interno, della salute e delle attivit produttive. Acquisite le determinazioni e le osservazioni, l'autorit rilascia, entro 150 giorni dalla presentazione della domanda, un'autorizzazione contenente le condizioni che garantiscono la conformit dell'impianto ai requisiti previsti, oppure la nega (c. 12). L'autorizzazione integrata ambientale non pu essere comunque rilasciata prima della conclusione del procedimento di valutazione di impatto ambientale e sostituisce a tutti gli effetti ogni altra autorizzazione, visto, nulla osta o parere in materia ambientale previsti dalle disposizioni di legge e dalle relative norme di attuazione, fatte salve le disposizioni relative al verificarsi di incidenti pericolosi. Copia dell'autorizzazione integrata ambientale e di qualsiasi suo successivo aggiornamento, messa a disposizione del pubblico e sono rese altres disponibili le informazioni relative alla partecipazione del pubblico al procedimento. Ove l'autorit competente non provveda a concludere il procedimento relativo al rilascio dell'autorizzazione integrata ambientale entro i termini previsti dal comma 12, si applica il potere sostitutivo di cui all'articolo 5 del decreto legislativo 112/1998. L'autorizzazione concessa agli impianti esistenti, che deve includere le modalit previste per la protezione dell'ambiente nel suo complesso, prevede la data, comunque non successiva al 30 ottobre 2007, entro la quale tali prescrizioni debbono essere attuate. Tutti i procedimenti per impianti esistenti devono essere comunque conclusi in tempo utile per assicurare il rispetto di tale termine. Le autorit competenti definiscono o adeguano

conseguentemente i propri calendari delle scadenze per la presentazione delle domande di autorizzazione integrata ambientale.

102

In considerazione del particolare e rilevante impatto ambientale, della complessit e del preminente interesse nazionale dell'impianto, le autorit competenti e i gestori possono concludere specifici accordi, al fine di garantire, secondo gli interessi collettivi, l'armonizzazione tra lo sviluppo del sistema produttivo nazionale, le politiche del territorio e le strategie aziendali, assicurando il necessario coordinamento tra l'attuazione dell'accordo e la procedura di rilascio dell'autorizzazione integrata ambientale. In questi casi il termine di 150 giorni sostituito dal termine di 300 giorni. Con la direttiva 2001/42/CE del Consiglio europeo stata introdotta nel diritto comunitario la valutazione ambientale strategica (VAS). La VAS costituisce un istituto rivolto a dare effettiva consistenza giuridica al principio dello sviluppo sostenibile e la stessa direttiva afferma di perseguire l'obiettivo di garantire un elevato livello di protezione dell'ambiente e di contribuire all'integrazione di considerazioni ambientali all'atto dell'elaborazione e dell'adozione di piani e programmi, al fine di promuovere lo sviluppo sostenibile. La valutazione strategica si sostanzia, quindi, nell'analisi preventiva degli effetti che potranno essere indotti sull'ambiente dall'attuazione di determinati strumenti di pianificazione e programmazione. La direttiva comunitaria si limita a fissare a grandi linee i contenuti della VAS, lasciando agli Stati membri il compito di integrarla nella maniera pi opportuna nelle specifiche procedure di elaborazione e approvazione dei piani e dei programmi di ciascun Paese. L'articolo 5 del D.Lgs. 152/2006 definisce il procedimento di VAS come l'elaborazione di un rapporto concernente l'impatto sull'ambiente conseguente all'attuazione di un determinato piano o programma da adottarsi o approvarsi, lo svolgimento di consultazioni, la valutazione del rapporto ambientale e dei risultati delle consultazioni nell'iter decisionale di approvazione di un piano o programma e la messa a disposizione delle informazioni sulla decisione.

103

L'art. 7, di esordio delle disposizioni comuni in materia di VAS, stante poi la disciplina specifica per la VAS statale di cui all'art. 15, dispone che sono soggetti a valutazione ambientale strategica i piani e i programmi che possano avere effetti significativi sull'ambiente e sul patrimonio culturale, e che: - riguardino i settori agricolo, forestale, della pesca, energetico, industriale, dei trasporti, della gestione dei rifiuti e delle acque, delle

telecomunicazioni, turistico, della pianificazione territoriale o della destinazione dei suoli; - contengano la definizione del quadro di riferimento per l'approvazione, l'autorizzazione, l'area di localizzazione o comunque la realizzazione di opere ed interventi i cui progetti sono sottoposti a valutazione di impatto ambientale in base alla normativa vigente; - concernano i siti designati come zone di protezione speciale per la conservazione degli uccelli selvatici e quelli classificati come siti di importanza comunitaria per la protezione degli habitat naturali e della flora e della fauna selvatica. Sono altres sottoposti a valutazione ambientale strategica anche i piani e programmi comunque legati alla realizzazione di opere o interventi che possono tuttavia avere effetti significativi sull'ambiente e sul patrimonio culturale, a giudizio della Commissione tecnico-consultiva di cui all'art. 6 ed in particolare della sottocommissione competente per la valutazione ambientale strategica. Sono esclusi dal campo di applicazione delle norme di cui alla parte seconda del presente decreto: a) i piani e i programmi destinati esclusivamente a scopi di difesa nazionale caratterizzati da somma urgenza o coperti dal segreto di Stato; b) i piani e i programmi finanziari o di bilancio; c) i piani e i programmi relativi agli interventi di telefonia mobile soggetti alle disposizioni di cui all'articolo 87 del decreto legislativo 259/2003.

104

La valutazione ambientale strategica deve essere effettuata durante la fase preparatoria del piano o del programma e prima della sua approvazione direttamente dall'amministrazione responsabile dell'intervento ambientale, fermo restando l'inoltro del rapporto ai Ministri dell'ambiente, dei beni culturali e del paesaggio, agli altri Ministri coinvolti o interessati e alla Commissione tecnico-consultiva, nonch l'invio alle Regioni e il deposito delle copie presso gli uffici provinciali e regionali. Le procedure amministrative previste dal Codice ambiente al titolo II della parte II sono integrate nelle procedure ordinarie in vigore per l'adozione ed approvazione dei piani e dei programmi. Nel caso di piani e programmi gerarchicamente ordinati, le autorit competenti all'approvazione dei singoli piani o programmi tengono conto, al fine di evitare duplicazioni del giudizio, delle valutazioni gi effettuate. Documento fondamentale della procedura di VAS il rapporto ambientale che deve essere redatto prima ed ai fini dell'approvazione e che costituisce parte integrante della documentazione del piano o del programma. In esso debbono essere individuati, descritti e valutati gli effetti significativi che l'attuazione del piano o del programma proposto potrebbe avere sull'ambiente e sul patrimonio culturale, nonch le ragionevoli alternative ad esso che possono adottarsi in considerazione degli obiettivi e dell'ambito territoriale. Nell'Allegato I alla parte II del decreto indicata una serie di informazioni che possono essere ragionevolmente richieste ed usate anche per la redazione del rapporto. Il proponente ha la facolt di attivare una fase preliminare allo scopo di definire, in contraddittorio con l'autorit competente, le informazioni che devono essere fornite nel rapporto ambientale. Le altre autorit che, per le loro specifiche competenze ambientali, sono interessate agli effetti dovuti all'applicazione del piano o del programma oggetto d'esame devono essere consultate al momento della decisione sulla portata delle informazioni da includere nel rapporto ambientale e sul loro livello di dettaglio. Al rapporto ambientale deve essere allegata una sintesi

105

non tecnica dei contenuti del piano o programma proposto e di tutti gli altri dati (art. 9). Prima dell'approvazione, il piano o programma adottato, oppure le relative proposte insieme con il rapporto ambientale e la documentazione allegata, devono essere messi a disposizione o inviati alle altre autorit che, per le loro specifiche competenze ambientali o paesaggistiche, esercitano funzioni amministrative correlate agli effetti sull'ambiente dovuti all'applicazione del piano o del programma e al pubblico. Dell'avvenuto invio e deposito deve essere data notizia a mezzo stampa secondo le modalit stabilite con apposito regolamento, che assicura criteri uniformi di pubblicit e garantisce che il pubblico interessato venga in tutti i casi adeguatamente informato. Fino all'entrata in vigore del regolamento le pubblicazioni vanno eseguite a cura e spese dell'interessato in un quotidiano a diffusione nazionale e in un quotidiano a diffusione regionale per ciascuna Regione direttamente interessata. Entro il termine di 45 giorni dalla pubblicazione della notizia di avvenuto deposito e dell'eventuale pubblicazione in internet, chiunque ne abbia interesse pu prendere visione della proposta di piano o programma e del relativo rapporto ambientale depositati e pubblicizzati. Entro lo stesso termine chiunque pu presentare proprie osservazioni, anche fornendo nuovi o ulteriori elementi conoscitivi e valutativi (art. 10). In tema di consultazioni transfrontaliere dispone l'art. 11: qualora l'attuazione di un determinato piano o di un programma sottoposto a VAS possa avere effetti significativi anche sull'ambiente di un altro Stato membro dell'Unione europea, o qualora lo richieda lo Stato membro che potrebbe essere interessato in misura significativa, una copia integrale della proposta di piano o di programma e del rapporto ambientale deve essere trasmessa, prima della approvazione, anche a detto Stato membro interessato, invitandolo ad esprimere il proprio parere entro il termine di 60 giorni dal ricevimento della documentazione trasmessa.

106

Qualora lo Stato membro, entro il termine di 30 giorni dal ricevimento comunichi che, per esprimere il proprio parere, intende procedere a consultazioni, l'autorit competente deve concedere un congruo termine, comunque non superiore a 90 giorni, per consentire allo Stato membro di procedere alle consultazioni, al proprio interno, delle autorit e del pubblico interessato. Intanto ogni altro termine resta sospeso. Prima dell'approvazione del piano o del programma devono essere esaminati e valutati il rapporto ambientale, i pareri espressi ai sensi dell'articolo 10, nonch gli eventuali pareri di altri Stati membri resi ai sensi dell'articolo 11: in base agli esiti dell'esame e delle valutazioni raccolte, l'autorit preposta alla valutazione ambientale, entro 60 giorni dalla scadenza dell'ultimo termine utile per la presentazione dei pareri stessi, emette un giudizio articolato e motivato sulla compatibilit ambientale. Tale giudizio pu essere condizionato all'adozione di specifiche modifiche ed integrazioni della proposta del piano o programma valutato. In tali ipotesi il giudizio trasmesso al proponente con l'invito a provvedere alle necessarie varianti prima di ripresentare il piano o programma per l'approvazione. Se il termine decorre vanamente si attiva il potere sostituivo da parte del Consiglio dei Ministri, che provvede entro 60 giorni, previa diffida all'organo competente ad adempiere entro il termine di 20 giorni, anche su istanza delle parti interessate. In difetto, per i piani e i programmi sottoposti a VAS in sede statale, il silenzio si intende quale giudizio negativo sulla compatibilit ambientale del piano o programma presentato. Il provvedimento di approvazione deve essere accompagnato da una dichiarazione di sintesi in cui si illustra in che modo le considerazioni ambientali sono state integrate nel piano o programma e come si tenuto conto del rapporto ambientale, dei pareri espressi ai sensi dell'articolo 10 e dei risultati delle consultazioni avviate ai sensi dell'articolo 11, nonch le ragioni per le quali stato scelto il piano o il programma adottato, anche rispetto alle

107

alternative possibili che erano state individuate, ed, infine, le misure adottate in merito al monitoraggio. In base all'obbligo di informazione circa la decisione, i giudizi di compatibilit ambientale e i provvedimenti di approvazione devono essere posti a disposizione del pubblico, unitamente alla relativa documentazione, da parte del proponente, che tenuto a darne notizia a mezzo stampa e devono essere altres trasmessi in copia integrale dall'autorit competente alle altre autorit ed agli Stati membri che abbiano partecipato alle consultazioni (art. 13). Le autorit preposte all'approvazione dei piani o dei programmi esercitano, avvalendosi del sistema delle Agenzie ambientali, il controllo sugli effetti ambientali significativi derivanti dalla loro attuazione, al fine, tra l'altro, di individuare tempestivamente quelli negativi imprevisti e di intervenire per adottare le opportune misure correttive.
Differenze tra VIA e VAS La VAS pone rimedio a quello che il maggior limite della VIA: il riferimento, cio, a progetti di opere specifiche e non ad un quadro di scala vasta. La valutazione degli effetti ambientali non costituisce pi un limite rispetto all'attuazione di determinate opere (delle quali gi stata irrevocabilmente decisa la localizzazione) e diviene, invece, un passaggio ordinario nell'ambito delle decisioni di localizzazione che si collocano a monte nelle singole realizzazioni infrastrutturali. La VIA presuppone la terziet del valutatore rispetto al proponente. La VAS presuppone, invece, che la stessa Amministrazione che redige il piano sia responsabile della valutazione di sostenibilit ambientale del proprio strumento.

108

LA TUTELA RISARCITORIA NELLE NORME DEL TESTO UNICO IN MATERIA AMBIENTALE

SOMMARIO: Introduzione

La nozione di danno ambientale Il principio di precauzione Commento ai singoli articoli - Parte sesta - del Testo Unico n. 152 del 2006: - ambito di applicazione - prevenzione e ripristino ambientale - risarcimento del danno ambientale Allegati alla Parte sesta del T.U. n.152/2006

Introduzione La Parte sesta del Testo Unico 3 aprile 2006, n.152 reca le norme in materia di tutela risarcitoria contro i danni all'ambiente e risulta dedicata alla responsabilit ambientale in materia di precauzione, prevenzione e

risarcimento contro i danni causati all'ambiente. Costituisce norma nazionale di recepimento della Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio del 21 aprile 2004 sulla responsabilit ambientale in materia di prevenzione e riparazione del danno ambientale. Prima di passare alla disamina articolo per articolo della nuova normativa occorre soffermarsi brevemente sui concetti di ambiente e di danno all'ambiente come faticosamente configurati a seguito di copiosi studi dottrinari ed apporti giurisprudenziali, nonch cennare al principio di precauzione, fondamento della normativa comunitaria e nazionale nella materia del diritto dell'ambiente e binario per la definizione ontologica e normativa del danno ambientale. Linquadramento e la definizione del concetto di danno ambientale hanno conosciuto un annoso e difficile processo di elaborazione ed originato elaborati dibattiti in sede dottrinaria e giurisprudenziale.

109

La stessa nozione di ambiente, preliminare alla nozione di danno all'ambiente, divenuta oggetto di copiose e contrastanti interpretazioni. Per operare una sintesi, appare illuminante la definizione di ambiente fornita da una epocale sentenza della Corte di Cassazione, Sezione penale, n. 421 del 1983, secondo la quale: Lambiente l'insieme degli aspetti naturali e culturali (patrimonio storico e artistico della nazione), tutelati espressamente dall'art. 9. E non solo questo, in quanto l'ambiente anche la salubrit dello spazio che ci circonda, che assicura il benessere psico-fisico individuale e collettivo, elevato alla dignit di diritto dell'individuo e interesse della collettivit dall'art. 32 della Costituzione. Da quella epocale sentenza i successivi sforzi definitori tentavano di coniugare il diritto all'ambiente con il diritto alla salute, in ottemperanza all'articolo 32 della Costituzione. Cos, con la legge dell'8 agosto 1985, n. 431, la c.d. legge Galasso, si era addivenuti alla evoluzione dalle teorie che attribuivano al paesaggio un valore esclusivamente estetico, traendo le mosse dall'articolo 9 della Costituzione, alle teorie che intendevano il paesaggio quale uno degli aspetti del pi ampio concetto dell'ambiente inteso in senso metagiuridico, quale bene immanente. Si contrapponevano a tal punto due orientamenti: 1) il primo che intendeva l'ambiente quale un coacervo di aspetti che andavano singolarmente considerati; merita menzione l'apporto del Prof. Massimo Severo Giannini, il quale teorizzava una visione tripartita dell'ambiente e dunque della sua lesione: come paesaggio, come inquinamento e come assetto del territorio; 2) il secondo, successivo in senso cronologico, che tendeva ad una configurazione unitaria dell'ambiente, bene complesso; tale secondo orientamento veniva recepito nella fondamentale legge n. 349/1986. Con la legge 8-7-1986, n. 349, istitutiva del Ministero dell'Ambiente e della VIA e recante norme in materia di danno ambientale, veniva separata la tutela del patrimonio storico, architettonico e culturale da quella ambientale. Inoltre,

110

per la prima volta veniva affrontato il problema della tutela dell'ambiente in maniera unitaria, nel tentativo di offrire gli strumenti idonei per una tutela globale e non pi meramente settoriale dell'ambiente. Solo con la legge n. 349/1986, pur fervendo da anni il dibattito in dottrina e giurisprudenza, il termine danno ambientale assurgeva a dignit legislativa, preliminarmente inducendo ordine definitorio: erano state proposte espressioni quali danno ecologico o danno alla salubrit dell'ambiente o danno al contesto ambientale della persona, inquadramenti superati. La problematica appariva ai limiti della insolubilit per la pluralit di posizioni giuridiche coinvolte, collegabili a singoli individui ed alla collettivit contemporaneamente. Peraltro il coacervo di rimedi da azionare a tutela di posizioni cos eterogenee ha inasprito il dibattito sull'inquadramento delle situazioni da garantire e sottoporre a tutela. Il coesistere di diritti soggettivi e interessi diffusi o collettivi, per definizione adespoti, in una medesima voce di danno ha costituito un ostacolo di non poco conto, con evidente difficolt di intuire quali dovessero essere i rimedi azionabili. Secondo una diversa corrente dottrinaria e giurisprudenziale, che vantava seguito traendo spunto dalla Convenzione di Bruxelles del 1969 sulla responsabilit civile per i danni da inquinamento da idrocarburi, il diritto all'ambiente doveva essere qualificato e tutelato come diritto soggettivo pubblico, facente capo in via diretta allo Stato. Il danno ambientale consiste nella lesione di un bene immateriale, lesione che tuttavia comporta riflessi patrimoniali, connotato da natura pubblicistica, composto dalla lesione di interessi adespoti e contemporaneamente dal bene della salute, dal bene della propriet, dal bene della integrit psico-fisica di ogni individuo. Si proceduto dapprima a tentare di fare assurgere il concetto di danno ambientale ad un concetto autonomo, per consentirne la perseguibilit, e ci si orientava nel considerarlo un interesse collettivo o diffuso. Tuttavia, la difficolt

111

di prevedere rimedi risarcitori per interessi adespoti ha indotto a proseguire nel dibattito. Dunque si proceduto nel senso di non livellare tale nozione unitaria ad un mero interesse diffuso, elevandolo ad un pi compiuto agglomerato di situazioni tutelabili in contemporanea o separatamente, a seconda, di volta in volta, dell'indirizzo puntuale intrapreso dalla lesione. Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione accoglievano tale ultimo approccio sistemico e a seguire la giurisprudenza di legittimit e di merito si conformavano all'idea che la lesione dell'ambiente quale bene immateriale ma giuridicamente riconosciuto e tutelato nella sua unitariet sovente si accompagna alla menomazione di altri beni o interessi collegati a profili in cui quella entit unitaria pu essere scomposta (sentenza n. 440 del 1989). L'art. 18 della legge 8 luglio 1986, n. 349 accoglieva la tesi del diritto pubblico soggettivo, prevedendo un risarcimento verso lo Stato senza escludere lazionabilit dei rimedi previsti per la tutela delle posizioni soggettive e conferendo un ruolo di rilievo alle associazioni istituite a tutela dell'ambiente. In termini applicativi, l'articolo 18 rientra negli schemi del diritto civile, costituendo una specie del genere risarcitorio consacrato con l'articolo 2043 del Codice Civile. La migliore dottrina aveva lamentato l'esclusione di previsione per peculiari situazioni del singolo, quale il diritto soggettivo alla salubrit dell'ambiente, che traeva la sua dignit dalle norme costituzionali sulla tutela della salute e sulla integrit della personalit dellindividuo. Negli anni a seguire la giurisprudenza si era premurata di avallare tali configurazioni dottrinarie, conferendo dignit di nozione e tutela a tali ineludibili aspetti del danno ambientale. La stessa Corte costituzionale in commento all'art. 18 ha pi volte precisato che la giurisdizione del giudice ordinario e la responsabilit che si configura aquiliana e segue le orme della tutela dell'art. 2043 del Codice Civile ma

112

definisce il bene ambiente quale elemento determinativo della qualit della vita e bene immateriale sintetico (Corte cost. sentenza n. 641/1987). A seguire, l'orientamento delle norme comunitarie ha semplificato e ridotto la tematica facendo coincidere le nozioni di ambiente e di danno all'ambiente con elencazioni dei beni interessi che vanno tutelati e la cui lesione produce il danno ambientale.

La nozione di danno ambientale La definizione di danno ambientale inserita nell'articolo 300 del decreto legislativo n.152/2006 in esame di fatto ripropone la nozione di danno all'ambiente, e dunque di ambiente, come definita nella direttiva 2004/35/Ce. Il legislatore italiano antepone alla elencazione dei beni interessi da tutelare, interamente recependo la direttiva europea, una locuzione di respiro generale. All'articolo 300, comma 1, si definisce il danno ambientale quale: ...qualsiasi deterioramento significativo e misurabile, diretto o indiretto di una risorsa naturale o dell'utilit assicurata da questultima. All'art. 302, comma 10 si definiscono risorse naturali specie e habitat naturali protetti, acqua e terreno. La nuova nozione di danno ambientale appare eccessivamente ristretta. Per prima cosa si lamenta che oggetto di tutela sia un deterioramento e non un inizio del processo di deterioramento, che identicamente potrebbe essere configurato come un danno in itinere, parzialmente gi conclamato. Ci si riferisce ad ipotesi di danno verificabili solo a medio o lungo termine. A circoscrivere ulteriormente la nozione, il termine deterioramento viene arricchito degli aggettivi: significativo e misurabile. Per significativo si intende, per interpretazione letterale, che il danno per poter essere preso in considerazione deve avere una decisa connotazione, non bastando un danno di livello minore.

113

A prescindere dalla difficolt dell'interprete di tradurre in concreto tali espressioni eccessivamente generiche, appare difficoltoso accettare l'idea della esistenza di un danno ambientale non significativo. La dottrina pi recente tendeva a configurare la categoria del diritto soggettivo dell'ambiente, intendendo l'ambiente quale oggetto di un diritto della personalit. Tale orientamento traeva le mosse dall'articolo 2 della Costituzione. Si obiettava che il bene ambiente non pu rientrare nella tutela di cui all'articolo 2 della Costituzione, in quanto bene collettivo. A seguito di tali obiezioni la dottrina si spingeva ad inquadrarlo quale diritto della persona, partendo dall'idea che il bene ambiente, collettivo, abbia altres la finalit di soddisfare le esigenze degli individui. Il dibattito non era concluso ed i tentativi di inquadramento sempre pi alto consentivano alla giurisprudenza di riconoscere come risarcibili situazioni di danno raffinate ed innovative. Nel nuovo Testo Unico n.152/2006 si epiteta altres misurabile oltre che significativo il danno all'ambiente. Per misurabilit si ritiene doversi intendere la possibilit di tradurre in pecunia il danno come verificatosi, la possibilit di stabilire il pretium doloris di un danno significativo all'ambiente ovvero quantizzare il livello del danno. Tale requisito contrasta con il favor riconosciuto alla restituzione in pristino poi codificato dal legislatore e sovente porr problemi interpretativi, stante l'ontologica difficolt di misurare il grado o il prezzo di un danno ad un habitat, ad una specie, alle acque o al terreno. Ci si chiede se una menomazione che non presenti i requisiti della misurabilit e della significativit possa essere oggetto di risarcimento. In secondo luogo si lamenta che il danno sia configurabile solo con riferimento a specie e habitat naturali protetti, acqua e terreno. E l'aria, ad esempio? E le forme di danno che cagionano un danno al paesaggio o agli ecosistemi non inclusi nelle categorie delle specie ed habitat protetti?

114

Il principio di precauzione La prima elaborazione concettuale del principio risale alla fine degli anni Ottanta, nell'ambito della discussione sullo sviluppo sostenibile e sulla prevenzione degli episodi di inquinamento ambientale; in particolare trovava origine durante i lavori della Seconda e Terza Conferenza Internazionale sulla Protezione del Mare del Nord, rispettivamente del 1987 e del 1990. Sancito dalla Convenzione di Rio de Janeiro su Ambiente e sviluppo, in particolare inserito al punto 15 della Dichiarazione di Rio nel 1992, veniva ampliato e sviluppato nella Convenzione di Parigi per la protezione dell'ambiente marino dell'Atlantico del nord del settembre 1992 e nel Protocollo sulla biosicurezza adottato a Montreal il 28-1-2000. Il Trattato di Amsterdam del 1999, riprendendo le disposizioni gi introdotte dal Trattato di Maastricht del 1992, poi trasfuso nel Trattato CE del 1994, nell'art. 174 prima parte stabilisce: La politica della Comunit in materia ambientale mira ad un elevato livello di tutela, tenendo conto della diversit delle situazioni nelle varie regioni della Comunit. Essa fondata sui principi della precauzione e dellazione preventiva, sul principio della correzione in via prioritaria alla fonte, dei danni causati all'ambiente, nonch sul principio "chi inquina paga". Il Regolamento n. 178 del 28 gennaio 2002, del Parlamento europeo e del Consiglio, che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l'Autorit europea per la sicurezza alimentare e fissa procedure nel campo della sicurezza alimentare e detta la nozione pi recente ed elaborata del principio di precauzione. L'art. 7 del Regolamento n. 178 del 2002, di seguito riportato, avente per titolo Principio di precauzione, cristallizza il principio: 1. Qualora, in circostanze specifiche a seguito di una valutazione delle informazioni disponibili, venga individuata la possibilit di effetti dannosi per la salute umana ma permanga una situazione di incertezza sul piano scientifico, possono essere adottate le misure provvisorie di gestione del rischio necessarie

115

per garantire il livello elevato di tutela della salute che la Comunit persegue, in attesa di ulteriori informazioni scientifiche per una valutazione pi esauriente del rischio. 2. Le misure adottate sulla base del paragrafo 1 sono proporzionate e prevedono le sole restrizioni al commercio che siano necessarie per raggiungere il livello elevato di tutela della salute perseguito nella Comunit, tenendo conto della realizzabilit tecnica ed economica e di altri aspetti, se pertinenti. Tali misure sono riesaminate entro un periodo di tempo ragionevole a seconda della natura del rischio per la vita o la salute individuato e del tipo di informazioni scientifiche necessarie per risolvere la situazione di incertezza scientifica e per realizzare una valutazione del rischio pi esauriente. Dunque il principio di precauzione si configura quale metodologia di analisi gestionale del rischio e la sua applicazione invocabile in caso di pericolo potenziale, quando l'incertezza scientifica non consente una completa valutazione aprioristica di sicurezza. Il ricorso al principio di precauzione presuppone: a) l'identificazione di effetti potenzialmente negativi derivanti da un fenomeno, un prodotto o un procedimento; b) una valutazione scientifica del rischio che, per l'insufficienza dei dati, il loro carattere inconcludente o la loro imprecisione, non consente di determinare con sufficiente certezza il grado del pericolo. Pertanto un prodotto o un processo produttivo non vanno considerati dannosi solo dopo che l'evento si sia verificato ma, al contrario, vanno giudicati sicuri e dunque immessi sul mercato solo quando stato eliminato ogni ragionevole dubbio sulla loro nocivit e pericolosit per la salute e per l'ambiente. La Corte di Giustizia, nella causa C236/01 del 9-9-2003, riprendendo un orientamento ormai consolidato, definisce il principio di precauzione come l'adozione di misure protettive senza dover attendere che siano

esaurientemente dimostrate la realt e la gravit di rischi per la salute umana.

116

Precisa la Corte che sia sufficiente per l'adozione del principio di precauzione che sussistano incertezze riguardo alla esistenza o alla portata di rischi per la salute umana e che dunque non occorre sia dimostrata l'esistenza medesima del rischio, reputandosi bastevole la situazione di rappresentazione del dubbio.

Commento ai singoli articoli - Parte sesta - del Testo Unico n. 152 del 2006: Ambito di applicazione La Parte sesta, titolata Norme in materia di tutela risarcitoria contro i danni all'ambiente, si articola in tre titoli, dall'articolo 299 all'articolo 318. Il titolo primo comprende gli articoli dal 299 al 303 ed ha quale oggetto l'ambito di applicazione. Larticolo 299, titolato Competenze ministeriali radica la competenza in capo al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio in materia di tutela, prevenzione e riparazione dei danni ambientali. Viene individuata la Direzione competente, la Direzione generale per il danno ambientale, anche per il cui tramite il Ministro competente esercita le funzioni ed i compiti dello Stato in questo delicato settore. Viene posto espresso rinvio alla normativa comunitaria in vigore e si introduce un consueto, ma non obbligatorio onere di collaborazione con le Regioni, gli Enti Locali e con qualsiasi soggetto di diritto pubblico ritenuto idoneo. Il legislatore adopera il termine normalmente e dunque occorre ritenere che sussistano casi nei quali la collaborazione possa non essere richiesta a discrezione. Posta la collaborazione opzionale, si richiamano i principi di sussidiariet e di lealt nella collaborazione tra lo Stato e gli Enti Locali. All'articolo 300, dal titolo Danno ambientale, viene dettata la definizione normativa del danno ambientale. Lungo e travagliato stato l'iter che ha condotto all'inquadramento in una nozione di sintesi del danno ambientale. Con il decreto legislativo n.152/2006 si giunti ad una definizione cristallizzata: per danno ambientale si intende qualsiasi deterioramento

117

significativo e misurabile, diretto o indiretto, di una risorsa naturale o dell'utilit assicurata da quest'ultima (comma 1 dell'art. 300). Per circoscrivere e meglio individuare la nozione di danno ambientale, il legislatore riporta, al comma 2, la definizione descrittiva dettata dalla Direttiva 2004/35/CE secondo la quale costituisce danno ambientale, in particolare, il deterioramento, in confronto alle condizioni originarie, provocato: a) alle specie e agli habitat naturali protetti dalla normativa nazionale e comunitaria, alla fauna selvatica, alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali, nonch della flora e della fauna selvatiche, nonch alle aree naturali protette; b) alle acque interne, mediante azioni che incidano in modo significativamente negativo sullo stato ecologico, chimico e/o quantitativo oppure sul potenziale ecologico delle acque interessate, alle acque costiere ed a quelle ricomprese nel mare territoriale mediante le azioni suddette, anche se svolte in acque internazionali; c) al terreno, mediante qualsiasi contaminazione che crei un rischio significativo di effetti nocivi, anche indiretti, sulla salute umana a seguito dell'introduzione nel suolo, sul suolo o nel sottosuolo di sostanze, preparati, organismi o microrganismi nocivi per l'ambiente. Larticolo 301, titolato Attuazione del principio di precauzione, prescrive le modalit di attuazione del principio di precauzione, indicando, al comma primo, che debba essere assicurato un alto livello di protezione nel caso di pericoli, anche solo potenziali, per la salute umana e per l'ambiente; viene posto espresso richiamo all'art. 174, comma 2 del Trattato CE. Il secondo comma precisa che il rischio debba avere un fondamento scientifico e la sua rilevazione essere conseguenza di una valutazione scientifica obiettiva. Tale precisazione appare conforme con il substrato scientifico necessario all'attuazione del principio di precauzione.

118

Di seguito viene descritta la procedura da adottare nel caso in cui si paventi un rischio per la salute umana e per l'ambiente: l'operatore interessato, senza indugio, deve compiutamente informare gli enti locali e la Regione nel cui territorio si manifesti il pericolo del danno ambientale ed il Prefetto della Provincia che a sua volta informa il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio entro le ventiquattro ore successive. La locuzione senza indugio appare vaga; l'assenza di un termine temporale da rispettare doverosamente rischia di vanificare a sequela il termine di ventiquattro ore imposto al Prefetto. Vengono poi compiutamente descritti i criteri generali per l'attuazione delle misure di prevenzione definite nell'articolo 304. I criteri sono quattro: 1) la proporzionalit rispetto al livello di protezione che si intende raggiungere: il primo criterio dettato induce ad una opzione di ragionevolezza, e tende ad evitare che si crei sproporzione, in esubero o carenza, rispetto all'obiettivo; 2) la coerenza e non discriminazione rispetto ad altre misure analoghe gi adottate: il secondo criterio tende a perequare le misure adottande con la tipologia di misure gi adottate in casi analoghi; 3) la ponderazione tra potenziali vantaggi ed oneri: il terzo criterio introduce il principio del bilanciamento costi-benefici, al fine di consentire che le scelte sulle misure in concreto prescelte non prescindano dall'analisi dei costi. Si interpreta che, a parit di validit qualitativa delle misure individuate, vada prediletta quella meno dispendiosa; 4) le misure devono essere aggiornabili rispetto alla emersione di nuovi dati scientifici: tale ultimo criterio, per essere correttamente interpretato va letto in combinato disposto con il criterio indicato al n. 2: l'omologazione della scelta delle misure a misure gi adottate in casi analoghi deve trovare il limite nel progredire della ricerca. Sicch, se una misura si dimostra scientificamente migliorativa rispetto alla precedente, va prediletta la seconda o viceversa.

119

Da ultimo si concede al Ministro il potere discrezionale di finanziare programmi di ricerca, disporre il ricorso a sistemi di certificazione ambientale e, ad libitum, di intraprendere ogni altra iniziativa al fine di ridurre i rischi di danno ambientale. Si intende che eventuali altre iniziative debbano comunque risultare intraprese seguendo i criteri generali dettati al comma precedente. All'articolo 302, dal titolo Definizioni, vengono dettate le definizioni normative. La prima definizione riguarda lo stato di conservazione di una specie. Per meglio dire viene precisato quando lo stato di conservazione di una specie debba essere considerato favorevole. Cos, risulta favorevole quando i dati relativi alla sua popolazione mostrano che essa si sta mantenendo, a lungo termine, come componente vitale dei suoi habitat naturali e quando l'area naturale della specie non si sta riducendo n si ridurr verosimilmente in un futuro prevedibile; esiste, e verosimilmente continuer ad esistere, un habitat sufficientemente ampio per mantenerne la popolazione a lungo termine. Dunque viene adottato un triplice criterio, il primo avente a riferimento il numero della popolazione della specie; il secondo riguardante il sito territoriale di riferimento; il terzo, di prognosi, sulla perpetrazione dell'habitat. Il legislatore adotta il metodo della elencazione alfabetica, senza precisare se si tratti di criteri alternativamente applicabili oppure da cumulare per ottenere il giudizio di favorevolezza. Per logica parrebbe doversi intendere che tutti i presupposti debbano essere realizzati perch una specie venga considerata in stato di conservazione favorevole. Diversamente si verificherebbe la paradossale situazione di un habitat ad esempio favorevole ad oggi e non idoneo a permanere tale nel futuro.

120

Al comma 2 dell'art. 302 viene seguito analogo criterio per valutare quando debba essere considerato favorevole lo stato di conservazione di un habitat naturale: a) la sua area naturale e le zone in essa racchiuse sono stabili o in aumento; b) le strutture e le funzioni specifiche necessarie per il suo mantenimento a lungo termine esistono e continueranno verosimilmente a esistere in un futuro prevedibile; c) lo stato di conservazione delle sue specie tipiche favorevole, ai sensi del comma precedente. I criteri di valutazione attengono alla stabilit o crescita numerica della estensione territoriale, alla sussistenza e preservazione delle strutture e delle funzioni specifiche, al rispetto dei criteri dettati per il giudizio di favorevolezza. Si forniscono poi le definizioni di acque per rinvio alla parte terza del decreto (comma 3) e la definizione dei soggetti giuridici che esercitano attivit professionale avente rilevanza ambientale. La definizione fornita di operatore e attivit professionale (commi 4 e 5) ampia e generica, includendo qualsiasi persona fisica o giuridica, pubblica o privata, tanto nell'esercizio quanto nel controllo dell'attivit. Viene incluso altres chi eserciti un potere decisionale sugli aspetti tecnici e finanziari, compresi il titolare del permesso o dell'autorizzazione. Quanto al titolare del permesso o dell'autorizzazione, si configura una sorta di responsabilit oggettiva che potrebbe creare problemi interpretativi nel caso di comportamenti aventi rilevanza penale, salvo il caso in cui il medesimo titolare sia la persona che abbia personalmente tenuto il comportamento materiale sindacabile. Al comma 6 si fornisce la definizione di emissione: per emissione si intende il rilascio nell'ambiente, a seguito di attivit umana, di sostanze, preparati, organismi o microrganismi.

121

Immediata e non problematica appare l'interpretazione letterale dei termini sostanze e preparati, intendendosi sostanze chimiche non manipolate dall'uomo e preparati, manipolati dall'uomo. I termini organismi e microrganismi vengono adoperati per ricomprendere anche gli organismi geneticamente modificati ed i microrganismi geneticamente modificati. Gli OGM e gli MGM sono espressamente menzionati negli allegati acclusi al Testo Unico n.152/2006. Al comma 7 si precisa il grado di pericolosit raggiunto per il quale scattano le misure di allerta e riparazione: cos, per minaccia imminente di danno si intende il rischio sufficientemente probabile che stia per verificarsi uno specifico danno ambientale. La probabilit sufficiente, a dire il vero, appare una tutela di livello inferiore rispetto a quello auspicato dall'attuazione tout court del principio di precauzione, che suggerisce che le misure debbano scattare al paventarsi presunto del rischio, non allo stadio di percentuale di rischio di pi del cinquanta per cento. Il comma 8 definisce le misure di prevenzione come le misure prese per reagire a un evento, un atto o un'omissione che ha creato una minaccia imminente di danno ambientale, al fine di impedire o minimizzare tale danno. Cos, quando si verificato un evento, un atto o un'omissione che ha posto in pericolo l'ambiente, vanno attuate le misure di prevenzione per impedire che il danno si verifichi o per minimizzarne gli esiti. Perch scattino le misure di prevenzione occorre che la minaccia di danno sia imminente. Anche in tale caso il legislatore si attenuto ad un criterio meno garantista rispetto alla tempistica di intervento auspicata dal principio di precauzione. Il comma 9 specifica cosa si intenda per ripristino, anche naturale: il legislatore ha previsto una forma di restitutio in integrum e dunque di ripristino dello status quo ante, come previsto dal Codice Civile. Si opera poi un distinguo per la precisazione del concetto di ripristino.

122

Cos, per le acque, le specie e gli habitat protetti per ripristino si intende il ritorno alle condizioni originarie; per il terreno si intende l'eliminazione di rischi per la salute umana e per l'ambiente. Tale distinguo appare conforme alla natura del terreno che non pu essere di massima ripristinato, ma deve essere sanato e non foriero di rischi per la salute umana e per l'ambiente. Viene poi formulata una disposizione generale sul ripristino: in ogni caso occorre giungere alla riqualificazione del sito e del suo ecosistema. Sempre al comma 9, vengono elencate le modalit attraverso le quali occorre operare il ripristino: qualsiasi azione o combinazione di azioni dirette a riparare, risanare o sostituire risorse naturali o servizi naturali danneggiati. Ai commi 10 e 11 si dettano le definizioni normative di risorse naturali e di servizi naturali. Quando si tratta di risorse naturali ci si riferisce alle specie ed agli habitat protetti, acqua e terreno. Quando si tratta di servizi e servizi delle risorse naturali ci si riferisce alle funzioni svolte da una risorsa naturale a favore di altre risorse naturali e/o del pubblico. Quando al comma 12 si precisa cosa si intenda per condizioni originarie si detta una definizione pressoch identica nel contenuto al concetto normativo dello status quo ante; ovverosia le condizioni dovranno essere le medesime sussistenti antecedentemente alla verificazione del danno ambientale. Larticolo 303, dal titolo Esclusioni, reca una significativa casistica di esclusione dell'applicabilit del titolo sesto. Si interpreta come un elenco tassativo altrimenti sarebbe da considerarsi ultroneo. Seguendo la disciplina normativa dettata dal Codice Civile, sarebbero comunque escluse le ipotesi di forza maggiore o di caso fortuito che cassano il sorgere della obbligazione risarcitoria. Il legislatore ha preferito operare una dettagliata elencazione dei fattori di esclusione. Cos costituiscono eccezioni le verificazioni di atti di conflitto armato, sabotaggi, atti di ostilit, guerra civile, insurrezione; fenomeni naturali di carattere eccezionale, inevitabili e incontrollabili; il titolo sesto non si applica ai

123

casi di danno ambientale verificato o paventato provocato da quei casi gi rientranti nella disciplina dettata da quelle convenzioni internazionali a cui l'Italia abbia aderito. Pone salve le ipotesi di limitazione di responsabilit previste dal LLMC (convenzione sulla limitazione della responsabilit per crediti marittimi) del 1976 e dal CLNI (convenzione di Strasburgo sulla limitazione della responsabilit nella navigazione interna) del 1988. Non si applica ai rischi nucleari, gi inclusi dal Trattato istitutivo della Comunit europea dell'energia atomica. Non si applica neanche nei casi di attivit nazionali aventi quale scopo esclusivo la difesa della nazione, la sicurezza internazionale o la protezione dalle calamit naturali. Tale esclusione tuttavia avviene nel solo caso che si versi in stato di necessit. Vengono poi precisate esclusioni dettate dal fattore temporale: ribadendo l'incontestato principio della irretroattivit delle leggi, si esclude l'applicazione nel caso di danno verificatosi antecedentemente alla data di entrata in vigore del titolo sesto; si precisa che non avr vigore per danni causati da pi di trent'anni. Ribadisce il criterio del necessario accertamento della sussistenza del nesso di causalit per la risarcibilit del danno e precisa che nel caso di danno causato da inquinamento di carattere diffuso il titolo sesto non si applica qualora sia impossibile accertare la responsabilit di singoli operatori. Dunque, il criterio di conferimento di responsabilit da danno allambiente segue i criteri di imputazione dettati dalle norme civili e penali ed il meccanismo della responsabilit, dell'elemento soggettivo, del nesso di causalit, dell'evento di danno. Il danno ambientale, se di carattere diffuso non viene risarcito se non si individua la responsabilit di operatori singoli.

124

Si obietta che in tal caso avrebbe potuto prevedersi una modalit di risarcimento a carico dello Stato, quale portatore di un diritto soggettivo pubblico ad un ambiente integro. Da ultimo si esclude l'applicazione del titolo sesto per quelle situazioni in corso di bonifica, salvo che la bonifica non risulti satisfattoria.

Prevenzione e ripristino ambientale Il titolo secondo della Parte sesta dedicato alla prevenzione ed al ripristino ambientale. L'articolo 304, dal titolo Azione di prevenzione, descrive le procedure da seguire nel caso in cui si paventi l'ipotesi che si verifichi un danno ambientale. Perch venga attuata codesta azione di prevenzione occorre che si verifichi la circostanza della imminenza della minaccia. Il concetto di imminenza appare vago e scarsamente pregnante. Se inteso in senso letterale condurrebbe alla definizione di una contingenza temporale ormai ineluttabile. Inteso in senso traslato potrebbe volere coprire il segmento di tempo antecedente alla verificazione del danno. Loperatore interessato il soggetto che deve adottare le misure di prevenzione e di messa in sicurezza. In dettaglio deve, stante l'imminenza della minaccia di danno, innanzitutto agire con la massima sollecitudine. Viene imposto il termine di ventiquattro ore e l'intero onere di spesa. Preliminarmente l'operatore deve inoltrare una comunicazione, avente quale contenuto le generalit dell'operatore, le caratteristiche del sito a rischio, le matrici ambientali coinvolte, la descrizione delle misure da adottare, gli interventi da eseguire. La comunicazione deve essere inviata sia all'ente territoriale nella cui zona di competenza si paventa il rischio di verificazione del danno, sia al Prefetto della Provincia. Il Prefetto a sua volta deve, nelle ventiquattro ore successive, informare il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio.

125

Una volta ricevuta dal Comune la comunicazione, l'operatore abilitato alla immediata adozione delle misure di prevenzione e di messa in sicurezza. In caso di omessa comunicazione e di omesso adempimento della immediata adozione delle misure di prevenzione e di messa in sicurezza nei termini temporali prescritti, viene comminata una sanzione amministrativa pecuniaria per ogni singolo giorno di ritardo cumulato. La sanzione viene graduata da un minimo di mille euro ad un massimo di tremila euro per ogni giorno di ritardo. Il terzo comma analizza i poteri-doveri del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio. Il Ministro, in qualsiasi momento pu richiedere informazioni suppletive all'operatore e ordinare peculiari misure di prevenzione con indicazione del metodo da adottare. Il maggiore potere appare quello conferito dalla lettera c): il Ministro pu adottare egli stesso le misure di prevenzione necessarie. Letteralmente ha facolt di: a) chiedere all'operatore di fornire informazioni su qualsiasi minaccia imminente di danno ambientale o su casi sospetti di tale minaccia imminente; b) ordinare all'operatore di adottare le specifiche misure di prevenzione considerate necessarie, precisando le metodologie da seguire; c) adottare egli stesso le misure di prevenzione necessarie. Una seconda ipotesi di surroga da parte del Ministro dell'ambiente si verifica nel caso di inerzia dell'operatore o nel caso in cui l'operatore non possa essere individuato o nel caso in cui l'operatore sia individuato ma non possa essere reputato onerato ai costi, si intende ai sensi delle eccezioni stabilite nel presente decreto. In tali casi al Ministro conferita la facolt di adottare le misure necessarie per la prevenzione del danno.

126

Viene attribuito un diritto di rivalsa verso il responsabile o corresponsabile, nel caso in cui venga individuato entro un quinquennio, per il pagamento delle spese sostenute, come liquidate ed approvate dal Ministro in apposita nota. Larticolo 305, dal titolo Ripristino ambientale, tratta dell'ipotesi di danno ambientale verificato. In tale caso incombe sull'operatore l'obbligo di comunicare senza indugio all'ente territoriale competente, al Prefetto della Provincia, nonch ad altre autorit eventualmente interessate, tutti gli aspetti pertinenti alla situazione. L'operatore deve immediatamente operare le misure di ripristino ambientale. In particolare deve adottare le misure di ripristino di cui all'articolo 306. Alla lettera a) dell'art. 305 viene dettata una norma che impone all'operatore di adottare qualsiasi iniziativa praticabile per controllare, circoscrivere, eliminare o gestire in altro modo, con effetto immediato, qualsiasi fattore di danno. Lobiettivo di tali iniziative deve essere la tutela della salute umana, prevenire o limitare pregiudizi ambientali ulteriori, nonch impedire il verificarsi di ulteriori deterioramenti ai servizi. Le autorit competenti possono formulare istruzioni inerenti la tipologia di danno verificato. Loperatore pu agire anche sulla base delle specifiche istruzioni formulate dalle autorit competenti relativamente alle misure di prevenzione necessarie da adottare. Il ruolo del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio appare di sinergia e collaborazione con l'operatore, oltrech di surroga, stante la situazione di emergenza nella quale si versa nel caso in cui la minaccia di danno ambientale sia divenuta evento di danno. Cos il Ministro, in qualsiasi momento, ha facolt di: a) chiedere all'operatore di fornire informazioni su qualsiasi danno verificatosi e sulle misure da lui adottate immediatamente; b) adottare, o ordinare all'operatore di adottare, tutte le iniziative opportune per controllare, circoscrivere, eliminare o gestire in altro modo, con effetto

127

immediato, qualsiasi fattore di danno, allo scopo di prevenire o limitare ulteriori pregiudizi ambientali e effetti nocivi per la salute umana o ulteriori deterioramenti ai servizi; c) ordinare all'operatore di prendere le misure di ripristino necessarie; d) adottare egli stesso le suddette misure (comma 2). Anche in tale ipotesi viene previsto il diritto di rivalsa verso l'operatore. All'articolo 306, titolato Determinazione delle misure per il ripristino ambientale, viene posto a carico degli operatori l'onere di individuare le misure per il ripristino ambientale. Gli operatori presentano le misure come individuate dal Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio senza indugio e non oltre trenta giorni dall'evento dannoso, se ancora non sono state attuate misure di urgenza. La decisione su quali siano le misure da attuare spetta al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio. L'obiettivo manifesto di giungere, se possibile, al completo ripristino ambientale. Dunque gli operatori devono individuare le misure ed il Ministro decide quali debbano essere adottate tra quelle individuate dall'operatore;

naturalmente, come stabilito all'articolo precedente, pu d'ufficio indicare o intraprendere le misure reputate necessarie. Al comma 2 viene concessa la possibilit di formulare accordi tra la Pubblica Amministrazione ed i privati, come disciplinati dalla legge 7 agosto 1990, n. 241, articolo 11. Tali accordi sono strumento di natura mista, privatistica e pubblicistica, di matrice contrattuale, e sono soggetti ai principi del Codice Civile, nonostante uno dei due soggetti contraenti sia la Pubblica Amministrazione e dunque un soggetto pubblico. Si tratta di uno strumento duttile che potr fornire una buona possibilit di disciplinare la comune, sinergica volont di operare al meglio per giungere al completo ripristino ambientale. Gli accordi potranno essere utilizzati altres con finalit transattiva per il risarcimento del danno causato. Tale ultima disposizione appare opinabile, per

128

quanti reputano inopportuno che il danno allambiente possa ontologicamente essere transatto. Per sopravvenuti motivi di pubblico interesse l'amministrazione pu recedere unilateralmente dagli accordi, salvo indennizzo. La giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo, ex articolo 11 della legge n. 241/1990. Il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio ha il potere di gradare la priorit del ripristino nel caso in cui si verifichino una serie di danni ambientali. Vengono dettati i criteri ai quali l'Autorit competente deve attenersi per individuare la scala di urgenza del ripristino. Il Ministro tiene conto della natura, dell'entit e delle gravit dei diversi casi di danno ambientale. Lelenco non esaustivo, potendosi prendere in considerazione fattori diversi, come il legislatore ha precisato apponendo la locuzione fra l'altro. La natura, l'entit e la gravit vanno riferiti tanto al tipo di danno quanto al grado di possibilit di un ripristino ambientale. Lespressione usuale che si rinviene in ogni provvedimento comunitario e nazionale in materia di ambiente la salvezza della salute umana e dell'ambiente. Al comma 4 il legislatore prende posizione e si detta lassunto che deve risultare prioritaria la tutela della salute umana rispetto alla salvezza dell'ambiente. Da tale priorit si evince la nozione di ambiente accolta dal legislatore: l'ambiente quale corollario dell'essere umano, non come valore in s meritevole di tutela. Nulla quaestio in ipotesi residuali nelle quali occorra operare una scelta tra la salute umana e l'ambiente: appare evidente che i beni non siano comparabili, seguendo l'etica, laica o religiosa, prima che la Costituzione repubblicana. Ma il rimarcare concetti gi assorbiti anche a livello di normative comunitarie ed internazionali, che usualmente usano negli atti normativi la locuzione tutela della salute umana e dell'ambiente, rischia solo di aprire sterili polemiche.

129

Tale precisazione appare prosaica stante il gi operato espresso richiamo al principio di precauzione. Il bene ambiente stato ricompreso, per l'opera di una attenta giurisprudenza italiana di merito e di legittimit, quale necessario corollario della persona come tutelata in ogni suo aspetto nella Costituzione. Tornando alle procedure il Ministro deve inoltrare l'invito a presentare osservazioni nel termine di dieci giorni. Linvito deve essere rivolto ai soggetti coinvolti, interessati e titolati, nonch ai proprietari di immobili sui quali dovranno se del caso gravare misure di ripristino. Il Ministro, considerate le osservazioni, ne effettua menzione nell'ordinanza. Diversa procedura viene stabilita per i casi di estrema urgenza: l'invito non pu che essere contestuale all'ordinanza. Lestrema urgenza dovr essere motivata. Avverso tale tipologia di ordinanza, necessariamente coercitiva, si potr provvedere in riforma o revoca. Non essendo precisato dal legislatore, che indica solo che occorrer tenere in conto lo stato dei lavori in corso, si interpreta che per riforma o revoca s'intenda sia il caso in cui venga presentato ricorso o istanza, sia il caso di autotutela da parte della medesima Pubblica amministrazione procedente. Larticolo 307, dal titolo Notificazione delle misure preventive e di ripristino, detta una regola generale: l'obbligo della motivazione necessaria nel caso di decisioni che impongano le misure di precauzione, prevenzione e ripristino. Tali decisioni devono essere altres comunicate senza indugio all'operatore. Nel medesimo provvedimento, verranno indicati i mezzi di ricorso ed i termini di legge entro i quali l'operatore potr e dovr esercitare gli strumenti di gravame. Il legislatore precisa che la motivazione, obbligatoria, dovr presentare il requisito dell'adeguatezza. Pertanto si esclude che possa trattarsi di una motivazione eccessivamente succinta, implicita o per relationem.

130

Ai sensi dell'articolo 3 della legge n. 241/1990, comma 1, imposto l'obbligo per la Pubblica Amministrazione di motivare tutti i provvedimenti amministrativi. Uniche eccezioni ammesse sono per gli atti normativi e per quelli a contenuto generale; ammessa la motivazione per relationem a condizione che l'atto dal quale risulti la motivazione sia indicato e reso disponibile. Al seguente articolo 308, dal titolo Costi dell'attivit di prevenzione e di ripristino, si pone a carico dell'operatore che abbia causato il danno o l'imminente minaccia di danno l'onere dei costi delle iniziative statali di precauzione, prevenzione e di ripristino ambientale, in ottemperanza al principio chi inquina paga. Vengono elencate talune modalit con le quali il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio garantisce ed attua il recupero delle somme previamente sostenute per le iniziative tese all'adozione delle misure ambientali. Cos il recupero potr avvenire anche attraverso garanzie reali o fideiussioni bancarie a prima richiesta e con esclusione del beneficio della preventiva escussione. Eccezione il potere del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio di determinare di non recuperare la totalit dei costi. Tale decisione ammessa in due ipotesi: in primis nel caso in cui l'operatore non possa essere individuato, in secundis nel caso in cui non vi sia sufficiente solvibilit. In tali casi la differenza dell'onere del costo rimane a carico dello Stato. L'operatore, quando individuato, per non essere obbligato a risarcire il danno causato o paventato, deve provare e dimostrare due ordini di situazioni che escludono la sua responsabilit. Per essere esonerato deve fornire la prova che l'evento di pericolo o di danno non sia stato causato dal proprio operato, ma provocato da un terzo.

131

Deve altres fornire prova di avere posto in essere ogni misura necessaria per evitare l'evento. Dunque una duplice prova: nonostante l'esistenza di misure idonee l'evento si verificato ad opera dell'azione di un soggetto terzo. La seconda ipotesi riguarda il caso in cui il danno di pericolo o di evento siano conseguenza dell'osservanza di un ordine o istruzione obbligatori impartiti da un'autorit pubblica, diversi da quelli impartiti a seguito di un'emissione o di un incidente imputabili all'operatore; in tal caso il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio adotta le misure necessarie per consentire all'operatore il recupero dei costi sostenuti (lettera b, comma 4). Il secondo ordine di ragioni che possono esonerare l'operatore da responsabilit ne include due ed in entrambi i casi incombe l'onere di dimostrare che non sussisteva l'elemento soggettivo, ovverosia che non aveva agito con dolo o con colpa e che un fattore ulteriore alla sua condotta abbia causato l'evento o la minaccia di evento. Cos si intesa la locuzione che non gli attribuibile un comportamento doloso o colposo. Lattribuibilit dell'evento all'agente sposta il campo alla diversa nozione penalistica della suitas della condotta. Il comportamento corrisponde all'elemento oggettivo di un reato, complicando il lavoro dell'interprete. Nonostante la confusione terminologica, si ritiene che il legislatore abbia inteso riferirsi alle ipotesi in cui il soggetto abbia tenuto un determinato comportamento, ma che abbia agito in assenza di dolo o colpa. La prima causa di esenzione dalla responsabilit costituita da un'emissione o un evento autorizzati espressamente dalla normativa comunitaria. Viene da chiedersi se tale ipotesi di esenzione sia applicabile anche nel caso in cui sia la normativa nazionale ad autorizzare espressamente l'emissione o l'evento. Se pure l'interpretazione letterale della norma lo escludesse, in quanto vi menzione della sola normativa comunitaria, cos ragionando si addiverrebbe alla ipotesi di obbligo di risarcimento a carico dell'operatore anche in caso di attivit regolarmente autorizzata dalla legge italiana.

132

Per non giungere ad interpretazioni contrastanti occorre interpretare quale sia la ratio legis: seguendo i dettami dei principi generali in materia, non pu esistere onere di danno in carico ad un soggetto che risulti esente da responsabilit in quanto l'evento sia autorizzato dalla legge e l'intento dell'odierno legislatore non pu essere quello di avere voluto sperequare situazioni analoghe. Pertanto si presume che la norma vada interpretata in modo estensivo. La seconda causa di esenzione dalla responsabilit costituita dalla ipotesi in cui l'operatore dimostri che le conoscenze scientifiche e tecniche esistenti allo stato non consentivano di supporre che da un'attivit potesse derivare un danno ambientale. Larticolo si chiude con un comma di copertura: Le misure adottate dal Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio in attuazione delle disposizioni di cui alla parte sesta del presente decreto lasciano impregiudicata la responsabilit e l'obbligo risarcitorio del trasgressore interessato. Tale ultima disposizione va intesa nel senso che permane e resta salva la responsabilit civile sia nei confronti dei terzi che nei confronti del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio. L'articolo 309, dal titolo Richiesta di intervento statale, conferisce agli enti territoriali, agli enti locali, alle persone fisiche o giuridiche (comma 1), nonch alle organizzazioni non governative che promuovono la protezione

dell'ambiente, di cui all'articolo 13 della legge 8 luglio 1986, n. 349 (comma 2), il potere di richiedere l'intervento statale. Tali soggetti sono legittimati o nel caso in cui possano essere colpiti da danno ambientale o nel caso in cui vantino un interesse alla partecipazione al procedimento di predisposizione delle misure. La richiesta di intervento statale si concreta nel potere di: 1) inoltrare denunce e osservazioni, corredate da documenti ed informazioni; 2) chiedere l'intervento statale a tutela dell'ambiente a norma della parte sesta del presente decreto.

133

Tali interventi vanno presentati al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio; il deposito va effettuato presso le Prefetture. Il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio, dopo avere valutato le richieste informa senza dilazione i soggetti richiedenti dei provvedimenti assunti a riguardo. Il legislatore, al comma 4, pone una deroga dettata dall'ipotesi di urgenza estrema: il Ministro, in tale ipotesi, provvede sul danno prima di avere inoltrato la risposta alle richieste dei soggetti legittimati denuncianti. Per conferire a tale norma aderenza costituzionale, bisogna interpretarla nel senso che sono salve le notitiae criminis da inoltrare all'Autorit giudiziaria nel caso in cui si lamenti la verificazione di un fatto di reato. Larticolo 310 dedicato ai Ricorsi. Secondo i principi generali, i soggetti indicati al comma 1 dell'art. 309 possono presentare ricorso per l'annullamento degli atti e dei provvedimenti adottati in violazione delle disposizioni di cui alla parte sesta del decreto in esame. Visto che il Ministro tenuto a fornire risposta alle richieste inoltrate dai soggetti legittimati, l'inerzia viene configurata come ipotesi di silenzio inadempimento. Perci si pu ricorrere altres avverso il silenzio inadempimento del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio. Ulteriore motivo di ricorso per il risarcimento del danno subito per il ritardo nell'attivazione delle misure di precauzione, di prevenzione o di contenimento del danno ambientale. La procedura dettata prevede un previo, opzionale atto di opposizione. Lopposizione va depositata o inviata presso il Ministro dellambiente e della tutela del territorio nel termine di trenta giorni dalla notificazione, comunicazione o conoscenza dell'atto. La locuzione piena conoscenza lascia intendere che non sia sufficiente la mera conoscenza della sussistenza dell'atto, al fine seppure non dichiarato di

134

cassare ab origine ricorsi pretestuosi, ma che la conoscenza sia piena, ovverosia che si abbia contezza dell'intero contenuto dell'atto perch il ricorso sia ammissibile. Nel nostro sistema, quando si adopera il termine conoscenza si fa riferimento all'istituto della conoscenza legale dell'atto; tale regime di presunzione del momento in cui si abbia conoscenza non pu che rimanere in vigore, da ci si desume che il termine piena non possa costituirne deroga. Dunque si interpreta nel senso che l'atto di opposizione viene considerato come un atto di gravame e che come tale deve seguire i principi generali delle impugnazioni, l'effetto devolutivo e la puntuale contestazione di determinati capi o punti del provvedimento impugnato. Nel termine di trenta giorni si pu ricorrere avverso l'inerzia del Ministro. La competenza radicata in capo al giudice amministrativo, in sede di giurisdizione esclusiva. Nel caso in cui sia stata presentata l'opposizione ma si versi ancora nelle more della presentazione del ricorso, il termine per la presentazione del ricorso diviene di sessanta giorni dal ricevimento della decisione di rigetto o dal prolungarsi del periodo di inerzia consentito. Come per legge, l'interessato pu inoltrare il ricorso straordinario al Presidente della Repubblica nel termine di centoventi giorni dalla

comunicazione o piena conoscenza dell'atto o del provvedimento che si reputi foriero di danni per l'ambiente. Si tratta di una strada di ricorso alternativa. Risarcimento del danno ambientale Larticolo 311 risulta titolato Azione risarcitoria in forma specifica e per equivalente patrimoniale. Al comma primo si dispone che il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio a poter agire, per il risarcimento del danno ambientale in forma specifica e, se necessario, per equivalente patrimoniale.

135

Si precisa che il Ministro possa agire per il risarcimento del danno ambientale anche esercitando l'azione civile in sede penale, e dunque depositando la costituzione di parte civile nel processo penale eventualmente instaurato avverso quanti devono essere giudicati penalmente responsabili per fatti di reato oggetto di contestazione. In tale caso viene sospesa l'azione civile se gi intrapresa. Tale ultima precisazione appare conforme alle norme del Codice di Procedura Penale che prevede la sospensione del giudizio civile eventualmente gi instaurato nel caso di costituzione di parte civile nel processo penale. Al secondo comma viene dettata una specificazione della responsabilit aquiliana: si prevede che a seguito di un fatto illecito doloso o colposo si costituisca un obbligo risarcitorio in capo al responsabile. Il risarcimento del danno in generale, come del danno all'ambiente, pu essere o in forma specifica o in via residuale, per equivalente patrimoniale. Seguendo i principi generali il legislatore precisa quali siano i comportamenti potenzialmente causa di danno all'ambiente: 1) con la realizzazione di un fatto illecito; 2) o con l'omissione di attivit o comportamenti doverosi. Si arreca danno all'ambiente alterandolo, deteriorandolo o distruggendolo in tutto o in parte. La distinzione tra azione ed omissione appare superflua: ogni fatto giuridicamente rilevante si compone di un'azione o di una omissione. Si precisa che l'omissione debba essere attuata con violazione di legge, di regolamento o di provvedimento amministrativo. Anche tale precisazione appare superflua. Si precisa ancora che l'azione od omissione deve essere connotata da negligenza, imperizia, imprudenza o violazione di norme tecniche. Negligenza, imprudenza, imperizia sono manifestazioni dell'elemento soggettivo della colpa; la violazione di norme tecniche richiamata (ordini, regolamenti, discipline) rientra nella casistica dell'imperizia.

136

Dunque chiunque abbia in tal modo arrecato danno all'ambiente, obbligato al ripristino della precedente situazione e, in mancanza, al risarcimento per equivalente patrimoniale nei confronti dello Stato. Ci si chiede come mai non sia stata posta espressa menzione dell'elemento soggettivo del dolo, pur ovviamente rientrante nell'articolo 2043 c.c. sulla responsabilit extracontrattuale. Per meglio dire, il comma 2 esordisce con la formula chiunque realizza un fatto illecito, formula che sarebbe stata da sola sufficiente, evocando la lettera dell'art. 2043 c.c., a connotare un fatto, comprensivo di azione ed omissione; tale esordio avrebbe implicitamente incluso il dolo e la colpa. Viceversa l'elenco delle caratteristiche dettate dal Codice Penale solo sulla colpa rischiano di causare problemi interpretativi. Non si comprende se tale non espressa menzione del dolo voglia fare intendere che in caso di danno all'ambiente di natura dolosa o a titolo di dolo eventuale rimanga inquadrata la sola fattispecie penale. Nonostante la formulazione della norma, si reputa tuttavia che il legislatore abbia voluto solo fornire descrizioni sull'elemento soggettivo della colpa e includere il dolo nella connotazione della illiceit del fatto, altrimenti si creerebbe una disciplina sperequata. Nel terzo ed ultimo comma si prevede il potere del Ministro dellambiente e del territorio di autoliquidare, in sede amministrativa, il danno ambientale, quantificando il danno subito. Tale previsione appare sindacabile. La quantificazione del danno non pu che rimanere di pertinenza della magistratura. Pu la Pubblica

Amministrazione auto quantizzare un danno che pu essere stato causato da se stessa? Nel caso in cui il danno all'ambiente sia stato causato dall'operato di un altro ministero o da enti pubblici territoriali non si pu distogliere la quantizzazione del danno dalla competenza di un giudice terzo ed imparziale che abbia nelle proprie naturali competenze la liquidazione del danno.

137

Nell'articolo 312 si delinea la procedura della Istruttoria per l'emanazione dell'ordinanza ministeriale. Tale ordinanza, immediatamente esecutiva, viene emanata qualora, all'esito di codesta istruttoria si sia acclarato un fatto che abbia causato un danno ambientale e non siano state attivate dal responsabile le procedure di ripristino. Si opera dapprima un rinvio: il tipo di procedimento seguito per l'istruttoria per l'emanazione dell'ordinanza ricalca la legge n. 241 del 7 agosto 1990. Larticolo 6 della legge n. 241 del 1990, lettera b) recita: il responsabile del procedimento, ai fini istruttori, accerta di ufficio i fatti, disponendo il compimento degli atti all'uopo necessari per l'adeguato e sollecito svolgimento dell'istruttoria. In particolare, pu chiedere il rilascio di dichiarazioni e la rettifica di dichiarazioni o istanze erronee o incomplete e pu esperire accertamenti tecnici ed ispezioni ed ordinare esibizioni documentali. Il comma 2 dell'articolo 312 dispone che il Prefetto competente per territorio pu essere delegato dal Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio per l'accertamento dei fatti, per l'individuazione dei trasgressori, per l'attuazione delle misure a tutela dell'ambiente e per il risarcimento dei danni. Il Ministro pu altres avvalersi, anche mediante apposite convenzioni, della collaborazione delle Avvocature distrettuali dello Stato, del Corpo Forestale dello Stato, dell'Arma dei Carabinieri, della Polizia di Stato, della Guardia di Finanza e di qualsiasi altro soggetto pubblico dotato di competenza adeguata. Il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio, al fine di valutare l'an ed il quantum del danno pu chiedere e disporre che venga effettuata una consulenza tecnica. Questultima deve essere svolta facendo salvo il principio del contraddittorio con l'operatore interessato, e viene effettuata o dagli uffici ministeriali o dagli uffici dei quali il Ministro si avvalso per l'accertamento e la quantificazione del danno ambientale. La consulenza pu essere altres affidata allopera di liberi professionisti, sempre che vi siano fondi sufficienti. In seguito viene prevista e disciplinata la possibilit per il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio di disporre accessi.

138

Il Ministro pu disporre accessi, ossia accedere in luoghi, con delle finalit ben precise: ispezioni documentali, verificazioni e ricerche anche informatiche. Inoltre viene ampliato il potere di accesso, che diviene ad libitum: il Ministro pu disporre l'accesso per ogni altra rilevazione ritenuta utile per l'accertamento del fatto dannoso e per l'individuazione dei trasgressori, pu disporre l'accesso di propri incaricati nel sito interessato dal fatto dannoso. Si precisa solo che necessario che gli incaricati devono essere muniti di apposita autorizzazione che ne indica lo scopo, rilasciata dal capo dell'ufficio da cui dipendono. Non si prescrive neppure che debbano esibire con o senza richiesta il documento attestante l'esistenza dell'autorizzazione, ma che debbano esserne muniti. Per il caso nel quale l'accesso debba avvenire in luoghi adibiti ad abitazione o all'esercizio di attivit professionali l'Amministrazione deve chiedere ed ottenere il nulla osta dell'autorit giudiziaria competente. Il legislatore parla di autorizzazione dell'autorit giudiziaria. Non si comprende la reale natura di tale procedura: la garanzia dell'informazione del titolare dell'attivit, che ha diritto di essere presente avvalendosi della possibilit di farsi assistere da un difensore di fiducia, nonch la possibilit di pretendere che sia redatto processo verbale, lascerebbero intendere che si tratti di un segmento di procedura penale. Ma il Codice di Procedura Penale epiteta decreto motivato l'autorizzazione ed ispezione l'accesso. Peraltro il legislatore ha chiaramente previsto l'istruttoria-ordinanza come procedimento-provvedimento amministrativo, sia richiamando espressamente la legge n. 241 del 1990, sia prevedendo come sistemi di gravame il ricorso al Tribunale amministrativo regionale o il ricorso al Capo dello Stato. Nel caso sia necessaria una perquisizione il Ministro pu chiedere l'autorizzazione alle autorit giudiziarie. La possibilit di chiedere un'autorizzazione alla perquisizione subentra nel caso di gravi indizi che facciano ritenere che libri, registri, documenti, scritture

139

ed altre prove del fatto dannoso si trovino in locali diversi da quelli indicati nel comma 4 (comma 5). Si noti che viene conferita la facolt, non imposto il dovere di richiedere il nulla osta dell'autorit giudiziaria, in palese contrasto con i principi costituzionali imposti agli articoli 13 e 14 e con il disposto del Codice di Procedura Penale. Anche nell'ipotesi di perquisizione, personale o locale, il codice di procedura penale parla di decreto motivato. La questione non solo terminologica: tali mezzi di ricerca della prova, ispezioni e perquisizioni, disciplinati agli artt. 244 e seguenti del codice di procedura penale, risultano legittimamente eseguiti solo in caso di paventato reato e con l'esistenza di ferrei presupposti tecnico giuridici e stringenti, garantiste procedure di attuazione. Solo nel caso di perquisizioni personali e nel caso di apertura coattiva di pieghi sigillati, borse, casseforti, mobili, ripostigli e simili e per l'esame dei documenti e la richiesta di notizie relativamente ai quali sia stato eccepito il segreto professionale prescritto l'obbligo di chiedere il nulla osta all'autorit giudiziaria competente. Di ogni ispezione deve essere redatto processo verbale, secondo le vigenti norme. Il comma 8 rende il sequestro di documenti e scritture ipotesi residuale; la regola fissata che debbano essere riprodotti o inseriti nel contenuto in verbale. Possono essere sequestrati altres nel caso in cui si opponga un rifiuto da parte dell'interessato di sottoscrizione del verbale e nel caso in cui il contenuto del verbale sia contestato: in tali casi possibile procedere al sequestro dei documenti e delle scritture. Ci si chiede come e ottemperando a quali procedure si debba procedere all'eventuale sequestro. Rimane salva la possibilit per gli agenti di acquisire i dati attraverso propri strumenti da sistemi meccanografici, telematici, elettronici e simili.

140

Cos come formulata la norma, la procedura appare in contrasto coi dettami del Codice di Procedura Penale e delle norme costituzionali. Per alcuni tratti rammenta la procedura per la irrogazione delle sanzioni amministrative, come disciplinata dalla legge n. 689 del 24 novembre 1981, ma se ne discosta in quanto omette di disciplinare i limiti. Dovendo dare una lettura costituzionale occorrerebbe interpretare

discostandosi dal significato letterale e trasporsi con l'intento del legislatore ad una diversa procedura. A titolo esemplificativo si potrebbe interpretare assumendo che non sia il ministro direttamente a disporre ispezioni, perquisizioni, sequestri, accessi, ma che possa chiedere all'autorit giudiziaria di effettuarli. Lordinanza viene disciplinata all'articolo 313: si tratta, come detto, di un'ordinanza emanata dal Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio a seguito dell'istruttoria compiuta, il cui esito sia di accertamento di un fatto che risulti causalmente collegato alla emersione di un danno ambientale. Si presuppone che non siano state attivate le procedure di ripristino. Lordinanza immediatamente esecutiva ed ha contenuto ingiuntivo: coloro che siano stati individuati responsabili del fatto dovranno risarcire in forma specifica in un termine di volta in volta stabilito. L'ordinanza va adottata in termini perentoriamente fissati: o centottanta giorni decorrenti dalla comunicazione dell'avvio dell'istruttoria o entro il termine di decadenza di due anni dalla notizia del fatto. Lordinanza ha natura di provvedimento amministrativo, vista la sua ricorribilit in sede amministrativa. Viene stabilita un'ipotesi di interruzione del termine di decadenza dei due anni nel caso in cui gi sia in corso il ripristino ambientale a cura e spese del trasgressore (comma 4). La regola generale imposta che l'ordinanza abbia ad oggetto una forma di ingiunzione di risarcimento per equivalente.

141

Solo in subordine, per inadempimento totale o parziale, impossibilit o eccessiva onerosit il Ministro pu emanare una successiva ordinanza, con la quale si ingiunge il pagamento di una somma per equivalente pecuniario. Il pagamento della somma deve avvenire entro sessanta giorni dalla notifica dell'ordinanza commutativa. Al comma 3 viene prevista un'ipotesi di responsabilit definita solidale, che scatta anche in capo al soggetto nel cui effettivo interesse il comportamento fonte del danno stato tenuto o che ne abbia obiettivamente tratto vantaggio sottraendosi, secondo l'accertamento istruttorio intervenuto, all'onere economico necessario per apprestare, in via preventiva, le opere, le attrezzature, le cautele e tenere i comportamenti previsti come obbligatori dalle norme applicabili. Cos come formulata, pare una previsione di responsabilit oggettiva, presumibilmente tesa ad evitare che dietro gli operatori si celino soggetti occulti che traggano la maggior parte del profitto. Si prevede una forma di responsabilit oggettiva senza inserimento della possibilit di fornire prova contraria. La responsabilit deve essere provata, la partecipazione deve essere provata, secondo i principi generali. A seguire si conferisce al Ministro un ulteriore potere di tipo generale e residuale: pu adottare ulteriori provvedimenti nei confronti dei trasgressori successivamente individuati nei termini dettati dall'articolo 2947 del Codice Civile, commi 1 e 3. Si tratta della norma sulla prescrizione del diritto al risarcimento del danno. Il primo comma dell'art. 2947 c.c. fissa in cinque anni il termine di prescrizione in caso di danno derivante da fatto illecito. Il terzo comma disciplina l'ipotesi di prescrizione quando il fatto previsto dalla legge come reato e dispone che, quando per il reato e previsto un termine di prescrizione pi lungo, tale maggior termine si applica anche allazione civile, salvo che il reato sia estinto per causa diverse dalla prescrizione o sia nelle more intervenuta sentenza in

142

sede penale passata in giudicato; in tali ultimi casi non si verifica l'ipotesi di conformazione ai maggiori termini. Ci si chiede se per ulteriori provvedimenti si intendano altri

provvedimenti della medesima indole di quelli gi descritti, ovvero un ampliamento ad libitum dei poteri del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio. Viene poi prevista l'ipotesi di danno causato da soggetti sottoposti alla giurisdizione della Corte dei Conti: in tal caso il Ministro invia rapporto alla Procura della Corte dei Conti territorialmente competente. Sarebbe risultato opportuno prevedere anche l'ipotesi di dovuta trasmissione alla Procura della Repubblica per il caso che il danno all'ambiente sembri originato da una fattispecie di reato. Tale ultima ipotesi vanta la probabilit pi elevata: per il nostro ordinamento il danno ambientale sovente originato da un fatto che presenta le caratteristiche per integrare una fattispecie penalmente rilevante. Basti pensare ad esempio al danneggiamento, in caso di dolo generico, art. 635 c.p. o alla ipotesi di distruzione e deturpamento di bellezze naturali, art. 734 c.p., oltre che alla copiosa normativa speciale in pieno vigore. Da ultimo si precisa che nel caso in cui sia intervenuto il risarcimento del danno nei confronti del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio, una eventuale azione concorrente non possa costituire aggravio di costi a carico del soggetto danneggiante. Viceversa rimane salva l'azione di soggetti danneggiati nella salute o nei beni di propriet a tutela dei diritti e degli interessi lesi. La salute e la propriet privata sono diritti costituzionalmente garantiti; ci si chiede a quale tipologia di interessi si faccia riferimento con la locuzione usata dal legislatore. Potrebbero essere interessi diffusi o collettivi o legittimi. Larticolo 314 descrive il contenuto dell'ordinanza. L'ordinanza deve contenere le indicazioni necessarie alla individuazione del soggetto reputato responsabile, del fatto addebitabile, i criteri adottabili per la individuazione e quantificazione del danno.

143

Nel caso il responsabile non sia individuato, l'ordinanza deve anche contenere le fonti di prova per l'identificazione dei trasgressori. Le ordinanze ministeriali di cui agli articoli 304, comma 3 e 313 indicano i mezzi di ricorso ed i relativi termini (commi 1 e 6). Nell'ordinanza viene fissato il termine entro il quale il trasgressore deve effettuare il ripristino dello stato dei luoghi. Il termine deve essere non inferiore a due mesi e non superiore a due anni; pu essere anche fissato concordemente con il trasgressore (articolo 11 della legge 7 agosto 1990, n. 241). Viene prevista la possibilit di concedere una proroga non prefissata nella durata, nel caso in cui lentit dei lavori necessari al ripristino la richieda. In relazione alla quantificazione del danno vengono dettati due criteri, il primo di generale applicazione, il secondo, residuale, si applica nel caso in cui non sia possibile l'esatta quantificazione del danno non risarcibile in forma specifica. Il primo criterio dettato prevede che: La quantificazione del danno deve comprendere il pregiudizio arrecato alla situazione ambientale con particolare riferimento al costo necessario per il suo ripristino. Il secondo criterio fissa una presunzione legale: il danno per equivalente patrimoniale si presume di ammontare non inferiore al triplo della somma corrispondente alla sanzione pecuniaria amministrativa, o alla sanzione penale, in concreto applicata. Viene prevista la possibilit per il trasgressore di fornire prova contraria. Nel caso di condanna a sanzione detentiva, si opera l'istituto della conversione di pena detentiva in sanzione pecuniaria, computando

quattrocento euro per ciascun giorno di pena irrogata. Nel caso di condanna penale a seguito di rito ordinario o di sentenza derivante dalla conclusione del rito alternativo dell'applicazione della pena su richiesta, di cui all'art. 444 c.p.p., il c.d. patteggiamento, viene disposto che, entro cinque giorni dalla loro pubblicazione debba esserne trasmessa copia al

144

Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio, a cura della cancelleria del giudice procedente. S'interpreta nel senso di ritenere che si vorrebbe precluso al giudice penale il naturale potere di quantizzare il danno. Non si riesce a coordinare questa disposizione con l'ipotesi in cui il ministro si sia costituito parte civile nel processo penale svoltosi con rito ordinario. Residua un ulteriore dubbio, stavolta veniale: perch si sia distinto il lessico tra sentenza di condanna e provvedimento di patteggiamento, visto che si tratta indiscutibilmente di due sentenze (comma 4). Da ultimo si prevede un onere di comunicazione a carico degli enti territoriali: entro dieci giorni dalla irrogazione delle sanzioni amministrative, le Regioni, le province autonome e gli altri enti territoriali, comunicano al Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio l'avvenuta comminazione. Larticolo 315 titolato Effetti dell'ordinanza sull'azione giudiziaria. Il danno ambientale pu concretarsi in un illecito civile extracontrattuale, in un reato o in un illecito amministrativo. Sovente risulta connotabile come illecito penale. Nell'art. 315 si precisa che il procedimento istruttorio che si conclude con l'ordinanza, provvedimento amministrativo finale, costituisce via alternativa al giudizio da proporsi in sede civile per il risarcimento del danno ambientale. Viene poi espressamente fatta salva la possibilit d'intervento quale persona offesa da reato nel procedimento e nel processo penale. Non viene menzionato il potere di costituzione di parte civile, visto che si gi agito per ottenere il risarcimento del danno. Ci si domanda se il procedimento istruttorio che si conclude con l'ordinanza possa essere alternativo al processo penale eventualmente instaurato. Quando il danno all'ambiente assurge a fattispecie penalmente rilevante, per

l'obbligatoriet dell'azione penale inizieranno delle indagini preliminari che potranno generare in un processo. Come si conciliano le indagini disposte dalle Procure con l'istruttoria del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio?

145

Si svolgeranno in via parallela? O il processo penale diviene pregiudiziale? Nel caso in cui il fatto causativo del danno ambientale sia contemporaneamente illecito amministrativo e reato, quale delle due procedure prevale? Viene in soccorso dell'interprete il Codice di Procedura Penale. Per il combinato disposto degli articoli 2 e 479 c.p.p. il giudice penale risolve ogni questione da cui dipende la decisione, salvi alcuni casi espressamente menzionati. Tra questi l'ipotesi di cui all'articolo 479, secondo il quale qualora la decisione sull'esistenza del reato dipenda dalla risoluzione di una controversia civile o amministrativa di particolare complessit, il giudice penale pu disporre la sospensione. Se entro un anno la questione non risolta con sentenza passata in giudicato il giudice penale pu, anche di ufficio, revocare l'ordinanza di sospensione. L'articolo 316 riguarda il Ricorso avverso l'ordinanza. Entro sessanta giorni dalla comunicazione dell'ordinanza si pu proporre gravame avverso la medesima tramite ricorso al Tribunale amministrativo regionale. Il TAR competente quello nel cui territorio si verificato il danno ambientale. Il TAR competente in sede di giurisdizione esclusiva. Prima di intraprendere la via del giudice amministrativo, il trasgressore pu presentare opposizione, come gi analizzato. Rimane salvo, altres, il rimedio del ricorso straordinario al Presidente della Repubblica nel termine di centoventi giorni dalla ricevuta notificazione o comunicazione dell'ordinanza o dalla sua piena conoscenza. Il legislatore adopera altres per indicare l'alternativit della opzione di ricorso tra il TAR ed il ricorso straordinario al Presidente della Repubblica. In modo dettagliato all'articolo 317 viene disciplinata la Riscossione dei crediti ed istituito il Fondo di rotazione Dopo l'espresso rinvio alla disciplina dettata dal D.Lgs. n. 112 del 13 aprile 1999 per la riscossione delle somme costituenti credito dello Stato, si prevede la possibilit per l'interessato che versi in situazioni economiche disagiate di chiedere una rateizzazione mensile dell'importo dovuto.

146

Il numero massimo di rate venti e ciascuna rata non pu essere inferiore ad euro cinquemila. Viene previsto che il debito possa essere estinto in una soluzione unica in qualsiasi momento. Viene previsto un meccanismo di decadenza dal beneficio della rateizzazione come concesso nella sentenza o nell'ordinanza: il mancato adempimento anche di una sola rata alla sua scadenza comporta l'obbligo di pagamento del residuo ammontare in unica soluzione. In seguito si precisa la destinazione delle somme come riscosse. Le somme vengono versate all'entrata del bilancio dello Stato. Entro sessanta giorni vengono assegnate ad un fondo di rotazione. Lassegnazione al fondo avviene con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze. Il fondo di rotazione istituito nell'ambito di apposita unit previsionale di base dello stato di previsione del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio. Le modalit di funzionamento e di accesso al predetto fondo di rotazione, ivi comprese le procedure per il recupero delle somme concesse a titolo di anticipazione, saranno disciplinate con decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio, adottato di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze. Il fondo istituito al fine di finanziare, anche in via di anticipazione e, in quest'ultimo caso, nella misura massima del dieci per cento della spesa: a) interventi urgenti di perimetrazione, caratterizzazione e messa in sicurezza dei siti inquinati, con priorit per le aree per le quali ha avuto luogo il risarcimento del danno ambientale; b) interventi di disinquinamento, bonifica e ripristino ambientale delle aree per le quali abbia avuto luogo il risarcimento del danno ambientale; c) interventi di bonifica e ripristino ambientale previsti nel programma nazionale di bonifica e ripristino ambientale dei siti inquinati; d) attivit dei centri di ricerca nel campo delle riduzioni delle emissioni di gas ad effetto serra e dei cambiamenti climatici globali.

147

Larticolo 318, Norme transitorie e finali, dopo avere precisato che nelle more della istituzione del fondo rimane in vigore la precedente normativa (il decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio del 14 ottobre 2003), al comma 2 elenca una serie di normative oggetto di abrogazione. Si tratta di normative che hanno rivestito notevole importanza in quanto hanno costituito una porzione di fondamento della elaborazione del diritto sostanziale e del diritto processuale dell'ambiente. Si reputato opportuno riportare integralmente le normative oggetto di diretta abrogazione al fine di rendere edotto il lettore della portata innovativa di tale disposizione. Dunque sono abrogati: - articolo 18 della legge 8 luglio 1986, n. 349, Istituzione del Ministero dell'ambiente e norme in materia di danno ambientale, ad eccezione del comma 5 (modifica introdotta all'ultimo momento). Pertanto le associazioni ambientali possono intervenire nei giudizi per danno ambientale e ricorrere in sede di giurisdizione amministrativa per l'annullamento di atti illegittimi. Art. 18 1. Qualunque fatto doloso o colposo in violazione di disposizioni di legge o di provvedimenti adottati in base a legge che comprometta l'ambiente, ad esso arrecando danno, alterandolo, deteriorandolo o distruggendolo in tutto o in parte, obbliga l'autore del fatto al risarcimento nei confronti dello Stato. 2. Per la materia di cui al precedente comma 1 la giurisdizione appartiene al giudice ordinario, ferma quella della Corte dei conti, di cui all'articolo 22 del decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3. 3. Lazione di risarcimento del danno ambientale, anche se esercitata in sede penale, promossa dallo Stato, nonch dagli enti territoriali sui quali incidano i beni oggetto del fatto lesivo. 4. Le associazioni di cui al precedente articolo 13 e i cittadini, al fine di sollecitare l'esercizio dell'azione da parte dei soggetti legittimati, possono denunciare i fatti lesivi di beni ambientali dei quali siano a conoscenza.

148

5. Le associazioni individuate in base all'articolo 13 della presente legge possono intervenire nei giudizi per danno ambientale e ricorrere in sede di giurisdizione amministrativa per l'annullamento di atti illegittimi. 6. Il giudice, ove non sia possibile una precisa quantificazione del danno, ne determina l'ammontare in via equitativa, tenendo comunque conto della gravit della colpa individuale, del costo necessario per il ripristino e del profitto conseguito dal trasgressore in conseguenza del suo comportamento lesivo dei beni ambientali. 7. Nei casi di concorso nello stesso evento di danno, ciascuno risponde nei limiti della propria responsabilit individuale. 8. Il giudice, nella sentenza di condanna, dispone, ove possibile, il ripristino dello stato dei luoghi a spese del responsabile. 9. Per la riscossione dei crediti in favore dello Stato risultanti dalle sentenze di condanna si applicano le norme di cui al testo unico delle disposizioni di legge relative alla riscossione delle entrate patrimoniali dello Stato, approvato con regio decreto 14 aprile 1910, n. 639. 9-bis. Le somme derivanti dalla riscossione dei crediti in favore dello Stato per il risarcimento del danno di cui al comma 1, ivi comprese quelle derivanti dall'escussione di fidejussioni a favore dello Stato, assunte a garanzia del risarcimento medesimo, sono versate all'entrata del bilancio dello Stato, per essere riassegnate, con decreto del Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica, ad un fondo di rotazione da istituire nell'ambito di apposita unit previsionale di base dello stato di previsione del Ministero dell'ambiente, al fine di finanziare, anche in via di anticipazione: a) interventi urgenti di perimetrazione, caratterizzazione e messa in sicurezza dei siti inquinati, con priorit per le aree per le quali ha avuto luogo il risarcimento del danno ambientale; b) interventi di disinquinamento, bonifica e ripristino ambientale delle aree per le quali abbia avuto luogo il risarcimento del danno ambientale;

149

c) interventi di bonifica e ripristino ambientale previsti nel programma nazionale di bonifica e ripristino ambientale dei siti inquinati di cui all'articolo 1, comma 3, della legge 9 dicembre 1998, n. 426; - l'articolo 9, comma 3, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali. Articolo 9: Azione popolare e delle associazioni di protezione ambientale 3. Le associazioni di protezione ambientale di cui all'articolo 13 della legge 8 luglio 1986, n. 349, possono proporre le azioni risarcitorie di competenza del giudice ordinario che spettino al comune e alla provincia, conseguenti a danno ambientale. Leventuale risarcimento liquidato in favore dell'ente sostituito e le spese processuali sono liquidate in favore o a carico dell'associazione; - l'articolo 1, commi 439, 440, 441, 442 e 443 della legge 23 dicembre 2005, n. 266, Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006) . Art. 1 439. Qualora i soggetti e gli organi pubblici preposti alla tutela dell'ambiente accertino un fatto che abbia provocato un danno ambientale come definito e disciplinato dalla direttiva 2004/35/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 aprile 2004, e non siano avviate le procedure di ripristino ai sensi della normativa vigente, il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio con ordinanza immediatamente esecutiva ingiunge al responsabile il ripristino della situazione ambientale come definito dalla citata direttiva 2004/35/CE a titolo di risarcimento in forma specifica entro il termine fissato. Qualora il responsabile del fatto che ha provocato il danno ambientale non provveda al ripristino nel termine ingiunto o il ripristino risulti in tutto o in parte impossibile, oppure eccessivamente oneroso ai sensi dell'articolo 2058 del codice civile, il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio con successiva ordinanza ingiunge il pagamento entro il termine di sessanta giorni di una somma pari al valore economico del danno accertato. Lordinanza emessa nei

150

confronti del responsabile del danno ambientale come definito e disciplinato dalla citata direttiva 2004/35/CE. 440. La quantificazione del danno effettuata sulla base del pregiudizio arrecato alla situazione ambientale a seguito del fatto dannoso e del costo necessario per il ripristino nel rispetto delle norme di cui alla citata direttiva 2004/35/CE e degli allegati I e II alla stessa. In caso di riparazione del danno ai sensi del presente comma e del comma 439 esclusa la possibilit che si verifichi un aggravio dei costi in capo all'operatore come conseguenza di una azione concorrente; resta fermo il diritto dei soggetti proprietari di beni danneggiati dal fatto produttivo di danno ambientale di agire in giudizio nei confronti del responsabile a tutela dell'interesse proprietario leso. 441. Per la riscossione delle somme di cui ingiunto il pagamento con l'ordinanza ministeriale si applicano le disposizioni di cui al decreto legislativo 13 aprile 1999, n. 112. 442. Le disposizioni previste dai commi da 439 a 441 non si applicano ai danni ambientali presi in considerazione nell'ambito di procedure transattive ancora in corso di perfezionamento alla data di entrata in vigore della presente legge, a condizione che esse trovino conclusione entro il 28 febbraio 2006, n alle situazioni di inquinamento per le quali sia effettivamente in corso o sia avviata la procedura per la bonifica ai sensi e per gli effetti del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22, e del regolamento di cui al decreto del Ministro dell'ambiente 25 ottobre 1999, n. 471. 443. Avverso l'ordinanza di cui ai commi precedenti ammesso ricorso al tribunale amministrativo regionale competente per territorio entro il termine di sessanta giorni o, alternativamente, al Presidente della Repubblica entro il termine di centoventi giorni, in entrambi i casi decorrente dalla sua notificazione, comunicazione o piena conoscenza. Terminata l'elencazione delle norme abrogate, al comma 3 si prevede l'attuazione dell'articolo 14 della direttiva n. 2004/35/CE per l'adozione di

151

misure per la definizione di idonee forme di garanzia e per lo sviluppo dell'offerta dei relativi strumenti per gli operatori interessati. Tale attuazione avverr con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, adottato su proposta del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio di concerto con i Ministri dell'economia e delle finanze e delle attivit produttive. Il comma 4, l'ultimo dell'articolo 318, dedicato all'ipotesi di danno ambientale transnazionale. Nel caso di danno ambientale o di rischio di danno ambientale che possa riguardare una pluralit di Stati membri dell'Unione europea previsto un onere di cooperazione a carico del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio. La cooperazione prevede uno scambio di informazioni, teso alla prevenzione e riparazione del danno. Si distinguono due ipotesi: 1) danno ambientale ha avuto origine nel territorio italiano: in tal caso il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio fornisce informazioni sufficienti agli Stati membri potenzialmente esposti ai suoi effetti; 2) la causa si verificata al di fuori dei confini italiani: in tale caso il ministro ne informa la Commissione europea e qualsiasi altro Stato membro interessato e pu raccomandare ladozione di misure di prevenzione o di riparazione, cercando di recuperare i costi sostenuti in relazione all'adozione delle misure di prevenzione o riparazione.

152

Allegati alla Parte sesta del T.U. n. 152 / 2006.

Allegato 1 a) Convenzione internazionale del 27 novembre 1992 sulla responsabilit civile per i danni derivanti da inquinamento da idrocarburi; b) Convenzione internazionale del 27 novembre 1992 istitutiva di un Fondo internazionale per l'indennizzo dei danni derivanti da inquinamento da idrocarburi; c) Convenzione internazionale del 23 marzo 2001 sulla responsabilit civile per i danni derivanti dall'inquinamento determinato dal carburante delle navi; d) Convenzione internazionale del 3 maggio 1996 sulla responsabilit e l'indennizzo per i danni causati dal trasporto via mare di sostanze nocive e potenzialmente pericolose; e) Convenzione del 10 ottobre 1989 sulla responsabilit civile per i danni causati durante il trasporto di materiali pericolosi su strada, ferrovia o battello di navigazione interna.

Allegato 2 a) Convenzione di Parigi del 29 luglio 1960 sulla responsabilit civile nel campo dell'energia nucleare e convenzione complementare di Bruxelles del 31 gennaio 1963; b) Convenzione di Vienna del 21 maggio 1963 sulla responsabilit civile in materia di danni nucleari; c) Convenzione di Vienna del 12 settembre 1997 sull'indennizzo complementare per danno nucleare; d) Protocollo congiunto del 21 settembre 1988 relativo all'applicazione della convenzione di Vienna e della convenzione di Parigi; e) Convenzione di Bruxelles del 17 dicembre 1971 relativa alla responsabilit civile derivante dal trasporto marittimo di sostanze nucleari.

Allegato 3 II presente allegato stabilisce un quadro comune da rispettare per scegliere le misure pi appropriate cui attenersi per garantire la riparazione del danno ambientate. 1. Riparazione del danno all'acqua o alle specie e agli habitat naturali protetti La riparazione del danno ambientale, in relazione all'acqua o alle specie e agli habitat naturali protetti, conseguita riportando l'ambiente danneggiato alle condizioni originarie tramite misure di riparazione primaria, complementare e compensativa, da intendersi come segue: a) riparazione primaria: qualsiasi misura di riparazione che riporta le risorse e/o i servizi naturali danneggiati alle o verso le condizioni originarie; b) riparazione "complementare": qualsiasi misura di riparazione intrapresa in relazione a risorse e/o servizi naturali per compensare il mancato ripristino completo delle risorse e/o dei servizi naturali danneggiati;

153

c) riparazione "compensativa": qualsiasi azione intrapresa per compensare la perdita temporanea di risorse e/o servizi naturali dalla data del verificarsi del danno fino a quando la riparazione primaria non abbia prodotto un effetto completo; d) "perdite temporanee": perdite risultanti dal fatto che le risorse e/o i servizi naturali danneggiati non possono svolgere le loro funzioni ecologiche o fornire i servizi ad altre risorse naturali o al pubblico fino a che le misure primarie o complementari non abbiano avuto effetto. Non si tratta di una compensazione finanziaria al pubblico. Qualora la riparazione primaria non dia luogo a un ritorno dell'ambiente alle condizioni originarie, si intraprender la riparazione complementare. Inoltre, si intraprender la riparazione compensativa per compensare le perdite temporanee. La riparazione del danno ambientale, in termini di danno all'acqua o alle specie e agli habitat naturali protetti, implica inoltre che si deve sopprimere qualsiasi rischio significativo di effetti nocivi per la salute umana. 1.1. Obiettivi di riparazione. Finalit della riparazione primaria. 1.1.1. Lo scopo della riparazione primaria quello di riportare le risorse naturali e/o i servizi danneggiati alle o verso le condizioni originarie. Finalit della riparazione complementare. 1.1.2. Qualora le risorse naturali e/o i servizi danneggiati non tornino alle condizioni originarie, sar intrapresa la riparazione complementare. Lo scopo della riparazione complementare di ottenere, se opportuno anche in un sito alternativo, un livello di risorse naturali e/o servizi analogo a quello che si sarebbe ottenuto se il sito danneggiato fosse tornato alle condizioni originarie. Laddove possibile e opportuno, il sito alternativo dovrebbe essere geograficamente collegato al sito danneggiato, tenuto conto degli interessi della popolazione colpita. Finalit della riparazione compensativa. 1.1.3. La riparazione compensativa avviata per compensare la perdita temporanea di risorse naturali e servizi in attesa del ripristino. La compensazione consiste in ulteriori miglioramenti alle specie e agli habitat naturali protetti o alle acque nel sito danneggiato o in un sito alternativo. Essa non una compensazione finanziaria al pubblico. 1.2. Individuazione di misure di riparazione. Individuazione di misure di riparazione primarie. 1.2.1. Vanno prese in considerazione altre opzioni, ossia azioni per riportare direttamente le risorse naturali e i servizi alle condizioni originarie in tempi brevi, o attraverso il ripristino naturale. Individuazione di misure di riparazione complementare e compensativa. 1.2.2. Nel determinare la portata delle misure di riparazione complementare e compensativa, occorre prendere in considerazione in primo luogo l'uso di metodi di equivalenza risorsa - risorsa o servizio - servizio. Con detti metodi vanno prese in considerazione in primo luogo azioni che forniscono risorse naturali e/o servizi dello stesso tipo, qualit e quantit di quelli danneggiati. Qualora ci non sia possibile, si devono fornire risorse naturali e/o servizi di tipo alternativo. Per esempio, una

154

riduzione della qualit potrebbe essere compensata da una maggiore quantit di misure di riparazione. 1.2.3. Se non possibile usare, come prima scelta, i metodi di equivalenza risorsarisorsa o servizio-servizio, si devono utilizzare tecniche di valutazione alternative. Lautorit competente pu prescrivere il metodo, ad esempio la valutazione monetaria, per determinare la portata delle necessarie misure di riparazione complementare e compensativa. Se la valutazione delle risorse e/o dei servizi perduti praticabile, ma la valutazione delle risorse naturali e/o dei servizi di sostituzione non pu essere eseguita in tempi o a costi ragionevoli, l'autorit competente pu scegliere misure di riparazione il cui costo sia equivalente al valore monetario stimato delle risorse naturali e/o dei servizi perduti. Le misure di riparazione complementare e compensativa dovrebbero essere concepite in modo che le risorse naturali e/o i servizi supplementari rispecchino le preferenze e il profilo temporali delle misure di riparazione. Per esempio, a parit delle altre condizioni, pi lungo il periodo prima del raggiungimento delle condizioni originarie, maggiore il numero delle misure di riparazione compensativa che saranno avviate. 1.3. Scelta delle opzioni di riparazione. 1.3.1. Le opzioni ragionevoli di riparazione dovrebbero essere valutate, usando le migliori tecnologie disponibili, qualora siano definite, in base ai seguenti criteri: - l'effetto di ciascuna opzione sulla salute e la sicurezza pubblica; - il costo di attuazione dell'opzione; - la probabilit di successo di ciascuna opzione; - la misura in cui ciascuna opzione impedir danni futuri ed eviter danni collaterali a seguito dell'attuazione dell'opzione stessa; - la misura in cui ciascuna opzione giova a ogni componente della risorsa naturale e/o del servizio; - la misura in cui ciascuna opzione tiene conto dei pertinenti aspetti sociali, economici e culturali e di altri fattori specifici della localit; - il tempo necessario per l'efficace riparazione del danno ambientale; - la misura in cui ciascuna opzione realizza la riparazione del sito colpito dal danno ambientale; - il collegamento geografico al sito danneggiato. 1.3.2. Nel valutare le diverse opzioni di riparazione, possono essere scelte misure di riparazione primaria che non riportano completamente l'acqua o le specie e gli habitat naturali protetti danneggiati alle condizioni originarie o che li riportano pi lentamente a tali condizioni. Questa decisione pu essere presa soltanto se le risorse naturali e/o i servizi perduti sul sito primario a seguito della decisione sono compensati aumentando le azioni complementari o compensative per fornire un livello di risorse naturali e/o servizi simile a quello perduto. il caso, per esempio, di risorse naturali e/o servizi equivalenti forniti altrove a costo inferiore. Queste misure supplementari di riparazione sono determinate conformemente alle regole precisate nel punto 1.2.2.

155

1.3.3. In deroga alle disposizioni di cui al punto 1.3.2 e conformemente all'articolo 7, paragrafo 3, l'autorit competente pu decidere di non intraprendere ulteriori misure di riparazione qualora: a) le misure di riparazione gi intraprese garantiscano che non esiste pi un rischio significativo di causare effetti nocivi per la salute umana, l'acqua, le specie e gli habitat naturali protetti e b) i costi delle misure di riparazione da adottare per raggiungere le condizioni originarie o un livello simile siano sproporzionati rispetto ai vantaggi ambientali ricercati. 2. Riparazione del danno al terreno. Si devono adottare le misure necessarie per garantire, come minimo, che gli agenti contaminanti pertinenti siano eliminati, controllati, circoscritti o diminuiti in modo che il terreno contaminato, tenuto conto del suo uso attuale o approvato per il futuro al momento del danno, non presenti pi un rischio significativo di causare effetti nocivi per la salute umana. La presenza di tale rischio valutata mediante procedure di valutazione del rischio che tengono conto della caratteristica e della funzione del suolo, del tipo e della concentrazione delle sostanze, dei preparati, degli organismi o microrganismi nocivi, dei relativi rischi e della possibilit di dispersione degli stessi. Lutilizzo calcolato sulla base delle normative sull'assetto territoriale o di eventuali altre normative pertinenti vigenti quando si verificato il danno. Se l'uso del terreno viene modificato, si devono adottare tutte le misure necessarie per evitare di causare effetti nocivi per la salute umana. In mancanza di normative sull'assetto territoriale o di altre normative pertinenti, l'uso dell'area specifica del terreno determinato, tenuto conto dello sviluppo previsto, della natura dell'area in cui si verificato il danno. Va presa in considerazione un'opzione di ripristino naturale, ossia un'opzione senza interventi umani diretti nel processo di ripristino.

Allegato 4 Il carattere significativo di un danno che produce effetti negativi sul raggiungimento o il mantenimento di uno stato di conservazione favorevole di specie o habitat da valutare in riferimento allo stato di conservazione, al momento del danno, ai servizi offerti dai valori ricreativi connessi e alla capacit di rigenerazione naturale. Gli effetti negativi significativi rispetto alle condizioni originarie dovrebbero essere determinati con dati misurabili, del tipo: - numero degli individui, loro densit o area coperta; - ruolo di determinati individui o dell'area danneggiata in relazione alla specie o alla conservazione dell'habitat, alla rarit della specie o dell'habitat (valutata a livello locale, regionale e pi alto, anche a livello comunitario); - capacit di propagazione della specie (secondo la dinamica propria alla specie o alla popolazione), sua vitalit o capacit di rigenerazione naturale dell'habitat (secondo le dinamiche proprie alle specie che lo caratterizzano o alle loro popolazioni); - capacit della specie o dell'habitat, dopo che il danno si verificato, di ripristinarsi in breve tempo, senza interventi diversi da misure di protezione rafforzate, in uno stato che, unicamente in virt della dinamica della specie o

156

dell'habitat, conduca a condizioni ritenute equivalenti o superiori alle condizioni originarie. Il danno con un provato effetto sulla salute umana deve essere classificato come significativo. Non devono essere classificati come danni significativi: - le variazioni negative inferiori alle fluttuazioni naturali considerate normali per la specie o l'habitat in questione; - le variazioni negative dovute a cause naturali o risultanti da interventi connessi con la normale gestione dei siti, quale definita nei documenti di gestione o di indirizzo relativi all'habitat o praticata anteriormente dai proprietari o dagli operatori; - il danno a specie o habitat per i quali stabilito che si ripristineranno entro breve tempo e senza interventi, o nelle condizioni originarie o in uno stato che, unicamente in virt della dinamica della specie o dell'habitat, conduca a condizioni ritenute equivalenti o superiori alle condizioni originarie. Allegato 5 1. Funzionamento di impianti soggetti ad autorizzazione, conformemente alla direttiva 96/61/Ce del Consiglio, del 24 settembre 1996, sulla prevenzione e la riduzione integrate dell'inquinamento. Include tutte le attivit elencate nell'allegato I della direttiva 96/61/Ce, ad esclusione degli impianti o parti di impianti utilizzati per la ricerca, lo sviluppo e la sperimentazione di nuovi prodotti e processi. 2. Operazioni di gestione dei rifiuti, compresi la raccolta, il trasporto, il recupero e lo smaltimento di rifiuti e di rifiuti pericolosi, nonch la supervisione di tali operazioni e i controlli successivi sui siti di smaltimento, soggetti ad autorizzazione o registrazione, conformemente alle direttive del Consiglio 75/442/Cee, del 15 luglio 1975, relativa ai rifiuti e 91/689/Cee, del 12 dicembre 1991, relativa ai rifiuti pericolosi. Tali operazioni comprendono tra l'altro la gestione di siti di discarica ai sensi della direttiva del Consiglio 1999/31/Ce, del 26 aprile 1999, concernente le operazioni di discarica di rifiuti, e il funzionamento di impianti d'incenerimento ai sensi della direttiva 2000/76/Ce del Parlamento europeo e del Consiglio, del 4 dicembre 2000, sull'incenerimento di rifiuti. 3. Tutti gli scarichi nelle acque interne superficiali che siano soggetti ad autorizzazione preventiva conformemente alla direttiva 76/464/Cee del Consiglio, del 4 maggio 1976, concernente l'inquinamento provocato da certe sostanze pericolose scaricate nell'ambiente idrico della Comunit. 4. Tutti gli scarichi di sostanze nelle acque sotterranee che siano soggetti ad autorizzazione preventiva conformemente alla direttiva 80/68/Cee del Consiglio, del 17 dicembre 1979, concernente la protezione delle acque sotterranee dall'inquinamento provocato da certe sostanze pericolose. 5. Lo scarico o l'immissione di inquinanti nelle acque superficiali o sotterranee che sono soggetti a permesso, autorizzazione o registrazione conformemente alla direttiva 2000/60/Ce. 6. Estrazione e arginazione delle acque soggette ad autorizzazione preventiva conformemente alla direttiva 2000/60/Ce. 7. Fabbricazione, uso, stoccaggio, trattamento, interramento, rilascio nell'ambiente e trasporto sul sito di:

157

a) sostanze pericolose definite nell'articolo 2, paragrafo 2 della direttiva 67/548/Cee del Consiglio, del 27 giugno 1967, concernente il ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative relative alla classificazione, all'imballaggio e all'etichettatura delle sostanze pericolose; b) preparati pericolosi definiti nell'articolo 2, paragrafo 2 della direttiva 1999/45/Ce del Parlamento europeo e del Consiglio, del 31 maggio 1999, concernente il ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative degli Stati membri relative alla classificazione, all'imballaggio e all'etichettatura dei preparati pericolosi; c) prodotti fitosanitari definiti nell'articolo 2, paragrafo 1 della direttiva 91/414/Cee del Consiglio, del 15 luglio 1991, relativa all'immissione in commercio dei prodotti fitosanitari; d) biocidi definiti nell'articolo 2, paragrafo 1, lettera a) della direttiva 98/8/Ce del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 febbraio 1998, relativa all'immissione sul mercato dei biocidi in quantitativi superiori. 8. Trasporto per strada, ferrovia, navigazione interna, mare o aria di merci pericolose o di merci inquinanti definite nell'allegato A della direttiva 94/55/Ce del Consiglio, del 21 novembre 1994, concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative al trasporto di merci pericolose su strada, o nell'allegato della direttiva 96/49/Ce del Consiglio, del 23 luglio 1996, per il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative al trasporto di merci pericolose per ferrovia, o definite nella direttiva 93/75/Cee del Consiglio, del 13 settembre 1993, relativa alle condizioni minime necessarie per le navi dirette a porti marittimi della Comunit o che ne escono e che trasportano merci pericolose o inquinanti. 9. Funzionamento di impianti soggetti ad autorizzazione, conformemente alla direttiva 84/360/Cee del Consiglio, del 28 giugno 1984, concernente la lotta contro l'inquinamento atmosferico provocato dagli impianti industriali relativamente al rilascio nell'aria di una qualsiasi delle sostanze inquinanti coperte da detta direttiva. 10. Qualsiasi uso confinato, compreso il trasporto, di microrganismi geneticamente modificati definiti nella direttiva 90/219/Cee del Consiglio, del 23 aprile 1990, sull'impiego confinato di microrganismi geneticamente modificati. 11. Qualsiasi rilascio deliberato nell'ambiente, trasporto e immissione in commercio di organismi geneticamente modificati definiti nella direttiva 2001/18/Ce del Parlamento europeo e del Consiglio. 12. Qualsiasi spedizione transfrontaliera di rifiuti all'interno dell'Unione europea, nonch in entrata e in uscita dal suo territorio, che necessiti di un'autorizzazione o sia vietata ai sensi del regolamento (Cee) n. 259/93 del Consiglio, del 1 febbraio 1993, relativo alla sorveglianza e al controllo delle spedizioni di rifiuti all'interno della Comunit europea, nonch in entrata e in uscita dal suo territorio.

158

AMBIENTE, BENI CULTURALI E PAESAGGIO NELLA LEGISLAZIONE VIGENTE

SOMMARIO: Profilo storico della legislazione italiana in tema di beni culturali

Premessa storica allintroduzione del concetto di bene culturale La struttura del Codice dei beni culturali e del paesaggio Definizioni Il concetto di bene culturale Il concetto di bene paesaggistico Ambiente e paesaggio. Il diritto ambientale La ripartizione delle funzioni fra Stato e Regioni

Profilo storico della legislazione italiana in tema di beni culturali Per rifarsi alle origini della protezione pubblica in Italia del patrimonio artistico, storico ed archeologico, bisogna guardare agli Stati pre-unitari. Gi nella prima met dell'ottocento, la quasi totalit degli Stati in cui si divideva la penisola aveva emanato norme pi o meno organiche per tutelare le cose di antichit ed arte e i resti archeologici. In questo campo lo Stato della Chiesa a vantare la pi antica tradizione; sotto il governo dei Pontefici stava la citt di Roma, dove pi che in ogni altro luogo si raccoglievano capolavori d'arte e testimonianze del glorioso passato. Fu quindi a Roma che si ebbero le prime e pi significative forme di intervento sovrano per impedire la distruzione e la dispersione delle ricchezze dell'arte e dei resti archeologici. Fin dal secolo XVII vennero cos emanati vari editti che introducevano un controllo di polizia sulla conservazione e sul commercio di cose d'antichit e d'arte, particolarmente per quanto riguarda l'esportazione. per nell'editto del Cardinale Pacca, emanato il 7 aprile 1820 sotto il pontificato di Pio VII, che si suole vedere il primo ed organico provvedimento legislativo di protezione artistica e storica, che assunse importanza anche fuori

159

dei confini dello Stato pontificio, giacch ad esso si ispirarono le iniziative di altri Stati italiani. Risente infatti della sua influenza il decreto emanato nel Regno di Napoli da Ferdinando I di Borbone il 13 maggio 1822. In Toscana si ebbero provvedimenti prevalentemente indirizzati ad impedire la rimozione e la distruzione di tutti gli oggetti d'arte, di pittura e di scultura destinati al pubblico ornamento o esposti alla pubblica vista; in tal senso disponeva da ultimo la legge del Granduca Leopoldo del 18 aprile 1854. Nel Lombardo Veneto, dove gi era stato in vigore un decreto di Maria Teresa, del 13 aprile 1745 contro l'esportazione degli oggetti d'arte, intervennero nel 1818 disposizioni imperiali che vietavano in tutta la monarchia l'esportazione di quadri, statue, antichit, collezioni ed in genere di tutte le cose d'arte e letteratura che contribuiscono al decoro e all'ornamento dello Stato. Successivamente, nel 1827, il divieto di esportazione venne sostituito da un diritto di prelazione in favore dello Stato. Misure contro l'esportazione erano state prese anche nel ducato di Parma (decreto 8 giugno 1760) ed a Modena, (tariffa daziaria del 1857). Dove mancano invece precedenti legislativi il Piemonte sabaudo, nel quale si registra soltanto una iniziativa del 1832 del Re Carlo Alberto per la costituzione di una Giunta di antichit e belle arti, incaricata di proporre provvedimenti per la conservazione degli oggetti antichi e d'arte. A parte l'editto del Cardinale Pacca col il decreto borbonico a quello ispirato, dove si interviene anche in materia di conservazione e restauro di beni immobili e si detta anche una prima disciplina degli scavi, in tutta questa legislazione pre-unitaria il dato comune e di gran lunga prevalente costituito dalla preoccupazione di evitare la fuoriuscita degli oggetti di antichit e d'arte e dei prodotti di scavo dai confini dello Stato; primo segno questo di una considerazione della esistenza di un patrimonio artistico e storico da salvaguardare dalla dispersione.

160

chiaro per che in quei climi politico-costituzionali, alla base dell'intervento pubblico mancava una motivazione che si rifacesse ad un concetto di patrimonio artistico-storico o nazionale o come ricchezza culturale della collettivit. L'editto del Cardinale Pacca merita ancora di essere ricordato per aver avvertito la fondamentale importanza di strumenti conoscitivi diretti ad accertare la consistenza del patrimonio da tutelare; si prevede infatti una sorta di catalogazione di tutti gli oggetti di antichit ed arte che si trovino nelle chiese o in qualunque stabilimento ecclesiastico o secolare, che doveva operare con una denuncia descrittiva dei singoli oggetti da effettuarsi alla Commissione di belle arti. Realizzatasi la unificazione d'Italia, il nuovo Regno non manifest affatto una propensione ad occuparsi della protezione dei beni artistici e storici e della regolamentazione degli scavi archeologici, attraverso un intervento pubblico che necessariamente doveva operare in funzione limitativa delle iniziative individuali e della propriet privata. L'ideologia del liberismo ottocentesco che dominava nella classe di governo dello Stato unitario considerava, con sfavore ogni ingerenza pubblica diretta che in qualche modo inficiasse il principio libero-scambista e la intangibilit della propriet, per la quale valeva il categorico riconoscimento dell'art. 29 dello Statuto Albertino: Tutte le propriet, senza alcuna eccezione, sono inviolabili. In tal modo, nella imponente opera di unificazione legislativa del 1865, i problemi di protezione del patrimonio storico-artistico trovano altro spazio ben modesto: si prevede soltanto nella legge 25 giugno 1865, n. 2359 la possibilit di espropriazione dei monumenti mandati in rovina dalla incuria dei proprietari. Nella assenza di nuove iniziative legislative del Regno d'Italia, finirono sostanzialmente col restare in piedi le norme che erano in vigore nei preesistenti ordinamenti dei singoli stati unitari; la permanente efficacia di quella legislazione venne per formalmente sanzionata soltanto con la legge 28 giugno 1871, n. 286 (art. 5).

161

Frattanto, la presa di Roma nel 1870 e la estensione alla capitale d'Italia e alle province pontificie delle leggi dello Stato unitario, veniva a creare una situazione estremamente precaria nella citt che custodiva i pi grandi tesori di antichit e d'arte. Entrando in vigore a Roma il codice civile del 1865 e le annesse disposizioni transitorie che sopprimevano i fedecommessi, veniva a mancare quel vincolo che pi efficacemente proteggeva, nell'ordinamento pontificio, le pi preziose raccolte museali romane. Fu cos che con il r.d. 27 novembre 1870, n. 6030 si dovette sospendere l'efficacia in Roma delle norme nazionali abolitrici dei fedecommessi. La prima iniziativa legislativa per la protezione delle cose di antichit e d'arte si ebbe con il progetto di legge presentato al Senato nel 1872 dal Ministro Correnti. Ebbe cos inizio una vicenda legislativa tra le pi tormentate; il progetto Correnti non and a buon fine ed i ministri che successivamente si avvicendarono nel ripresentare progetti di legge che sostanzialmente a quello si richiamavano, incontrarono una tenace opposizione parlamentare che invocava, contro lintervento dello Stato, i sacri principi di libert e di inviolabilit dei diritti dei proprietari. Nella difficile impresa si cimentarono i Ministri Bonghi, De Sanctis, Coppino, Villari, Martini; soltanto il Ministro Nasi, ripresentando nel 1902 il progetto del Ministro Gallo, pot ottenere il voto favorevole del Senato e poi della Camera, varando finalmente la legge 12 giugno 1902, n. 185. Questa legge, alla quale faceva seguito un disordinato regolamento di ben 418 articoli approvato con r.d. 17 luglio 1904, n. 431, se pure ha il valore di primo atto di legislazione organica sulla materia, risultava gi allora largamente carente nel suoi contenuti. Le sue maggiori deficienze riguardavano il controllo e la disciplina della esportazione, che risultava vietata solo per le opere dichiarate di sommo pregio

162

e che fossero iscritte nel catalogo, la cui istituzione era prevista dalla stessa legge. Tutto ci impose di porre mano nuovamente alla iniziativa legislativa: nel 1906 venne costituita una Commissione ministeriale con l'incarico di elaborare un nuovo testo che dette poi luogo alla legge 20 giugno 1909, n. 364. In questa legge, che rappresentava un grande progresso rispetto a quella precedente, si ritrovano alcuni degli enunciati fondamentali cui ancora informata la normativa attualmente vigente. Nel definire l'ambito di azione della tutela pubblicistica, si abbandona il pericoloso criterio della necessit, che la cosa risulti previamente iscritta in un catalogo ufficiale; si dichiarano invece soggette alla legge le cose immobili e mobili che abbiano interesse storico, archeologico o artistico (art.1), escludendosi gli oggetti di autori viventi o risalenti a meno di 50 anni. Per le cose appartenenti allo Stato e agli Enti pubblici e privati viene sancita la inalienabilit, per quelle di soggetti privati che siano state notificate come di importante interesse, si istituisce l'obbligo di denuncia di ogni trasmissione di propriet e di possesso e il diritto di prelazione a favore dello Stato. L'esportazione riceve una disciplina unitaria che la vieta quando costituisca danno grave per la storia, l'archeologia e l'arte; si prevede altres il diritto di acquisto coattivo delle cose presentate per l'esportazione. Quanto alle misure conservative, viene imposto il divieto di demolizione, rimozione, modificazione e restauro senza autorizzazione del Ministro. Tuttavia, per le cose di propriet di soggetti privati, la restrizione riguarda soltanto gli immobili per natura o destinazione. Viene infine dettata una puntuale disciplina degli scavi archeologici e consentita l'espropriazione delle cose mobili e immobili nel caso che il proprietario trascuri di provvedere ai necessari restauri. La legge venne poi corredata da un regolamento costituito da un corpo organico di 188 articoli approvato con r.d. 30 gennaio 1913, n. 363.

163

Nei successivi decenni, questa normativa generale stata integrata da alcune importanti leggi speciali: r.d. 31 dicembre 1923, n. 1889 per la compilazione del catalogo dei monumenti e delle opere di interesse storico, archeologico e artistico; regolamento 26 agosto 1927, n. 1917 per la custodia, conservazione e contabilit del materiale artistico, archeologico, bibliografico e scientifico: r.d. l. 15 aprile 1937, n. 623, convertito nella legge 7 giugno 1937, n. 1015, sulla tassa di esportazione di cose di interesse archeologico ed artistico. Si perviene cosi alla legge 1 giugno 1939, n. 1089, che rappresenta sotto vari aspetti un ulteriore perfezionamento della legge n. 364 del 1909. Vengono potenziati alcuni tra i pi importanti mezzi di azione amministrativa estendendosene anche l'ambito di applicazione: ai divieti di demolizione, rimozione, modificazione e restauro soggiacciono ora anche le cose mobili di privata propriet, mentre si allargano le possibilit di intervento attivo dell'Amministrazione per eseguire o imporre opere di manutenzione e restauro; si riconosce inoltre una pi ampia applicazione per scopi di tutela storico-artistica al mezzo espropriativo. Il nuovo codice civile del 1942 introduce un importante elemento innovativo ricomprendendo nel demanio dello Stato e degli enti pubblici territoriali gli immobili riconosciuti di interesse storico, archeologico, artistico e le raccolte dei musei, delle pinacoteche, degli archivi, delle biblioteche (artt. 822 e 824); sono dichiarati appartenenti al patrimonio indisponibile dello Stato le cose di interesse storico, archeologico paletnologico, paleontologico e artistico da chiunque e in qualunque modo ritrovate nel sottosuolo (art. 826). In materia di protezione delle bellezze naturali, si ebbe dapprima la legge 23 giugno 1912, n. 688 che estendeva le norme della legge n. 364 del 1909 alle ville, ai parchi e ai giardini che avessero interesse storico o artistico. Una pi completa disciplina della materia giunse soltanto con la legge 11 giugno 1922, n. 778, che pose sotto tutela anche le bellezze panoramiche. A questa legge poi succeduta la legge 29 giugno 1939, n. 1497.

164

Nello stesso arco di tempo, dove si concentra la produzione legislativa dell'intero settore, si avuta la legge 22 dicembre 1939, n. 2006 sul nuovo ordinamento degli Archivi del Regno. La funzione pubblica di tutela del patrimonio culturale e ambientale assurse alla massima dignit legislativa, con la introduzione, nella Costituzione repubblicana, di un articolo ad essa dedicato. L'art. 9 afferma che: la Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione. Il valore di questa enunciazione esaltato dalla sua collocazione tra i Principi fondamentali della Costituzione. stato giustamente rilevato che con la formulazione di questo principio costituzionale stata fatta una scelta di caratterizzazione della Repubblica italiana come Stato di cultura, con il preciso indirizzo di assumere tra i compiti essenziali dello Stato quello della promozione, dello sviluppo e della elevazione culturale della collettivit, nel cui quadro si inserisce come componente primaria la tutela del patrimonio storico e artistico e del paesaggio. Malgrado questa solenne dichiarazione, che per la verit nacque tra non poche incomprensioni e venne anche fatta segno di non felici ironie, il primo ventennio di vita repubblicana registra una ben scarsa attenzione dei reggitori dello Stato per i sempre pi emergenti problemi della tutela del patrimonio storico-artistico e delle bellezze paesistiche. Le leggi organiche adottate nel 1939, a causa dell'immediato sopravvenire del conflitto mondiale, non avevano praticamente ricevuto un collaudo applicativo. Con questi strumenti legislativi si doveva comunque assolvere gli scopi di tutela nelle vicende italiane della ricostruzione postbellica e del successivo periodo di impetuoso sviluppo economico-sociale. In questa fase della storia italiana, che ha portato ad una profonda trasformazione della vita nazionale segnando il passaggio da una societ ancora prevalentemente agricola ad una societ industriale, il patrimonio culturale e

165

ambientale ha subito la massiccia aggressione della espansione urbanistica e dell'impetuoso moltiplicarsi degli insediamenti industriali. Fatta eccezione per il nuovo ordinamento degli Archivi, approvato con D.P.R. 30 settembre 1963, n. 1409, nello specifico settore del patrimonio storicoartistico e della protezione delle bellezze naturali, non si registrano iniziative legislative di rilievo generale. Se si prescinde dalla legislazione delle regioni a statuto speciale, che in larga parte si richiamano alle vigenti normative statali, si annoverano soltanto degli interventi isolati ed occasionali diretti a porre riparo a situazioni locali di particolare gravit, spesso adottati sotto la spinta di movimenti di opinione, sollecitati dagli ambienti politico-culturali pi sensibili ai problemi di gestione pubblica del patrimonio artistico e del paesaggio. Una presa di coscienza della necessit che l'azione pubblica si rivolgesse con maggiore consapevolezza e con risultati pi efficaci ai compiti di protezione del patrimonio culturale e ambientale, si ebbe con la legge 26 aprile 1964, n. 310, che istitu una Commissione di indagine per, la tutela e la valorizzazione delle cose d'interesse storico, archeologico, artistico e del paesaggio. Questa Commissione, nota come Commissione Franceschini dal nome del suo Presidente, concluse i suoi lavori nel 1966. Raccolti in tre volumi e pubblicati con il titolo Per la salvezza dei beni culturali in Italia, i risultati della indagine danno un quadro completo e drammatico della precaria condizione del patrimonio culturale e ambientale italiano. Denunciando lo stato di grave e continuo deterioramento delle ricchezze archeologiche, storiche, artistiche e paesistiche, la Commissione rileva: nel settore archeologico, la devastazione di antichi siti da parte di scavatori clandestini, la mancanza di programmi organici di ricerca e la carenza di una conveniente valorizzazione scientifica e culturale delle scoperte; nel settore dei beni mobili storici e artistici, l'insufficienza della catalogazione, il deperimento delle opere d'arte per la impossibilit di

166

provvedere al loro restauro, la dispersione dei beni costituenti arredi di chiese o palazzi; nel settore dei monumenti e dell'ambiente urbanistico e naturale, lo stato di abbandono dei monumenti, gli arbitrari ammodernamenti e i falsi restauri, la degradazione di nuclei e quartieri tradizionali ed urbani, il disfacimento dei paesaggi storici e delle bellezze naturali; nel settore dei musei, le carenze di sicurezza e custodia, da cui anche la crescente sottrazione delle raccolte pubbliche allo studio e al godimento dei visitatori. Da questa analisi estremamente preoccupante la Commissione passava a delineare un progetto generale di riforma, proponendo come direttiva di fondo quella che si dovesse decisamente abbandonare il tradizionale principio di un'attivit pubblica di tutela volta alla mera conservazione del bene culturale, per ispirarsi ad una pi moderna visione che sottolinei del bene culturale il valore autentico di testimonianza storica e l'autentica funzione di consentire l'accrescimento delle umane conoscenze. Le proposte della commissione Franceschini sono espresse nella forma di 84 Dichiarazioni, che affrontano l'intera materia dapprima nei suoi profili generali (dich. da 1 a 21) e quindi partitamente per le quattro identificate categorie di beni culturali: beni archeologici (dich. 22-31), beni artistici e storici (dich. 32-38), beni ambientali (dich. 39-49), beni archivistici (dich. 54 - 57), beni liberi (dich. 58-73). Le successive dichiarazioni si occupano dell'organizzazione amministrativa, dell'ordinamento del personale e dei problemi finanziari. La prima dichiarazione propone una definizione giuridica unitaria dei beni culturali: Appartengono al patrimonio culturale della Nazione tutti i beni aventi riferimento alla storia della civilt. Sono assoggettati alla legge i beni di interesse archeologico, storico, artistico, ambientale e paesistico, archivistico e librario, ed ogni altro bene che costituisca testimonianza materiale avente valore di civilt.

167

Si enuncia il principio che la qualit di bene culturale oggetto di mero accertamento, sussistendo essa originariamente ed indipendentemente dalla sua dichiarazione, che preordinata all'effetto di costituire certezza legale della qualit medesima (dich. IV); si propone anche, per venire incontro agli interessi dei privati, una dichiarazione negativa che, accertando la mancanza della qualit, esonera la cosa dai vincoli legali e la rende esportabile (dich. VI). Circa la condizione giuridica dei beni culturali in rapporto alla loro appartenenza, si suggerisce di abbandonare la attuale distinzione, fonte di complicazioni applicative e sostanzialmente non giustificata da pratica rilevanza, tra cose di propriet di enti pubblici, di enti privati e di privati individui, restando quindi solo la fondamentale dicotomia tra beni dello Stato, che sono demaniali, e beni di ogni altro soggetto, pubblico o privato (dich. III). Con la dichiarazione VIII, si fissa uno Statuto dei diritti e degli obblighi dei proprietari nei quali si inserisce, come elemento innovativo, la enunciazione del dovere del proprietario di custodire e di preservare il bene culturale da offese di agenti esterni o da altra causa di deterioramento e di provvedere alla sua manutenzione ordinaria e straordinaria. Per un pi efficace intervento di tutela, si prevede un generico potere di ordinanza del Sovrintendente che lo autorizza ad adottare i provvedimenti contingibili ed urgenti che, secondo le circostanze, siano pi idonei ad assicurare la conservazione del bene culturale (dich. XI). In materia di circolazione dei beni, si propone una generale soggezione ad un controllo autorizzatorio, mentre il diritto di prelazione viene esteso anche ai trasferimenti a titolo gratuito (dich. XIX). Per i beni archeologici, si suggerisce la possibilit di costituzione di riserve archeologiche sui terreni pi ricchi di resti, come il mezzo pi idoneo per la conservazione del patrimonio archeologico indipendentemente dall'esecuzione dello scavo (dich. XXIV), ed un procedimento razionalizzato per la valutazione dell'interesse culturale dei ritrovamenti, anche allo scopo di consentire una

168

messa in libera circolazione delle cose risultate prive di valore culturale (dich. XXIX). In relazione ai beni artistici e storici, si prevede la possibilit che determinati beni culturali siano considerati come beni dichiarati per la sola presenza di definiti caratteri, senza che sia necessario apposito atto di dichiarazione (dich. XXXII). In materia di protezione ambientale, la dichiarazione XXXIX sollecita una radicale innovazione rispetto alla vigente legge, ancorata al concetto di bellezza naturale, formulando un concetto di bene ambientale articolato nei tipi di beni paesaggistico, bene urbanistico (nell'ambito dei quali assumono autonomo rilievo i centri storici e di aree naturali, si riconosce una legittimazione alla iniziativa dei privati ai fini dell'accertamento della qualit di bene ambientale (dich. XLIII); si indica nel piano regolatore lo strumento pi idoneo per disciplinare l'uso dei beni ambientali (dich. XIV); si afferma, in modo chiaro ed univoco, la regola della soggezione alle misure di tutela ambientale di tutte le amministrazioni pubbliche, compresa quella militare (dich. XLIX). A queste precise direttive di riforma legislativa, fanno seguito 9 raccomandazioni, con le quali la Commissione addita delle linee di un primo intervento, suscettibile di attuazione indipendentemente da una integrale revisione della normativa vigente. Si propongono cos delle misure immediate per venire incontro alla pressante esigenza di garantire la sicurezza del patrimonio artistico, storico e archeologico; si auspica la sospensione della approvazione di piani regolatori e di altri progetti di sistemazione che non risultino rispondenti agli obiettivi di tutela e valorizzazione di significativi ambienti di vita urbana e paesistica; si sollecita la rapida formazione di nuovi piani paesistici; si chiede di dare l'avvio ad una catalogazione sistematica dei beni culturali; si sottolinea la esigenza che i beni in uso ad amministrazioni dello Stato (carceraria, militare, giudiziaria) e con destinazione non consona alla loro dignit artistica siano sottratti agli usi incompatibili e restituiti al pubblico godimento.

169

L'indagine della Commissione Franceschini e le sue conclusioni, frutto di una felice collaborazione di insigni giuristi, studiosi dell'arte ed esponenti della cultura, rappresentano un documento di valore storico, anche come testimonianza che non del tutto mancata una sensibilit e un impegno culturale e politico per gli urgenti problemi di protezione del nostro patrimonio culturale e ambientale. In questo fervore di iniziative rinnovatrici, deve anche ricordarsi l'operato della prima e della seconda Commissione Papaldo, istituite dal Governo il 9 aprile 1968 e il 31 marzo 1971, che hanno presentato proposte di riforme, convergenti per molti aspetti con le indicazioni della Commissione Franceschini. Purtuttavia il grido di allarme, l'esortazione e il contributo alla riforma non dettero i risultati pratici che meritavano. Negli anni successivi vi stata indubbiamente una accentuazione dell'interesse del legislatore per la salvaguardia dei valori culturali e dell'ambiente; va citata a questo proposito la legge-ponte n. 765 del 1967 che ha dato un adeguato ingresso nella pianificazione urbanistica agli interessi storico-artistici e paesistici. Ma nel settore specifico, la produzione legislativa si limitata ancora a provvedimenti di portata settoriale e locale, pure se di rilevante importanza (come la legge 16 aprile 1973, n. 171 e il D.P.R. 20 settembre 1973, n. 791 per la salvaguardia di Venezia, la cui esecuzione per notevolmente arretrata). Negli ultimi anni sono stati avviati a soluzione solo i problemi, pure fondamentali, della organizzazione amministrativa, con la costituzione del Ministero dei beni culturali e ambientali. Sempre sotto l'incalzare delle necessit pi urgenti, stata approvata la legge 1 marzo 1975, n. 44 che, oltre a disposizioni riguardanti il riordinamento del personale, ha introdotto misure per facilitare, con la semplificazione dei procedimenti (trattativa privata in luogo dei pubblici incanti e della licitazione privata) e accrescendo le competenze dei Sovrintendenti, le attivit di restauro e riparazione e la realizzazione di

170

installazioni per la prevenzione antifurto e antincendio, e per regolare il commercio delle cose d'arte e archeologiche. Di un certo rilievo anche la legge 2 agosto 1982, n. 512 sul regime fiscale dei beni di rilevante interesse culturale, che ha introdotto un sistema di esenzioni e agevolazioni tributarie, finalizzate a promuovere un'attiva partecipazione dei proprietari privati alla politica di conservazione, restauro e apertura al pubblico godimento dei beni culturali. Sul terreno di una vera e propria riforma del regime di tutela un impegno era stato assunto dall'art. 48 del D.P.R. 24 luglio 1977, n. 616 che, di fronte al difficile problema di definire quali compiti possono essere assegnati in questa materia alle regioni, ha preferito rimetterne la soluzione ad una nuova legge di tutela da emanarsi entro il 31 dicembre 1979. La nuova legge di tutela alla quale si fatto riferimento in precedenza non stata in realt mai emanata. Per circa un ventennio numerose iniziative legislative sono state discusse in parlamento ma nessuna di esse mai arrivata a buon fine, bench la riforma fosse sollecitata da pi parti. cos il legislatore ha preferito in definitiva rinunciare all'approvazione di una legge formale in senso stretto ed ha seguito la strada della formazione di un testo unico. Tale scelta ha naturalmente il limite di non poter consentire una radicale riforma del sistema; ma ha avuto indubbiamente il pregio di arrivare alla redazione di un testo unico che rivela capacit fortemente innovative. Con la legge 8 ottobre 1997, n. 352 recante disposizioni in materia di beni culturali (art. 1), stata attribuita al governo una delega per la redazione di un testo unico nel quale siano riunite e coordinate tutte le disposizioni legislative vigenti in materia di beni culturali e ambientali (D.Lgs. 29 ottobre 1999, n. 490 in vigore fino al 30 aprile 2004).

171

Premessa storica allintroduzione del concetto di bene culturale Il nostro Paese concentra all'interno del proprio territorio un notevole patrimonio storico, artistico e culturale, per il quale pu affermarsi, senza timore di rischiare esagerazioni, che esso costituisce, nella comune opinione, la quasi totalit del patrimonio culturale mondiale. Questo stato oggettivo di cose ha da sempre determinato uno stretto connubio tra settori, anche dell'economia, apparentemente molto distanti tra loro, ma - nella sostanza e col passare del tempo - sempre pi affini: la "cultura", il "turismo" e l'economia. Si pu affermare che solo in tempi relativamente recenti si compreso fino in fondo come la cura del territorio e delle sue bellezze costituisce un punto di forza e di sviluppo, soprattutto per certe parti di esso, assegnando al nostro Paese un primato spontaneo che nessun altro potr mai intaccare. Come spesso accade, per, quando si ha abbondanza di un bene o, pi semplicemente, quando lo si possiede in modo naturale, ad esso non si assegna il giusto valore, salvo rendersi conto di cosa si perduto nel momento stesso in cui non lo si ha pi. Nell'affrontare la ricostruzione storica della materia in esame, sulla quale esistono note ed importanti testimonianze contenute in documenti ufficiali nonch in prestigiosi saggi monografici, la soluzione ritenuta pi idonea a dare conto delle fasi attraverso cui si giunti sino al Codice attuale non pu che essere individuata nel tratteggio degli episodi salienti e dei protagonisti di essi, a cui pertanto ci si atterr, rinviando al materiale suddetto per ogni approfondimento ulteriore. La cennata dottrina riconduce ad una grande area storica la trattazione di quello che definisce con una espressione onnicomprensiva "fatto culturale", tra i cui protagonisti porre l'ordinamento giuridico ed i pubblici poteri in genere: la loro collocazione corrisponde alla storia dello Stato moderno, da quello assoluto allo Stato democratico di oggi, ed in particolare alla storia dall'800 in poi.

172

Prima di tale epoca storica l'atteggiamento privato e pubblico nei confronti del "bene culturale" - al di l dell'andamento altalenante verso il suo sviluppo o la sua protezione - pur presente, si sviluppava secondo canoni diversi e non facilmente comprensibili. Nell'800, secolo questo caratterizzato da ideologie liberiste, si era andato formando un atteggiamento di ostilit nei confronti di ogni forma di ingerenza pubblica su beni di propriet privata, finendo per lasciare in secondo piano l'intervento diretto centralizzato nella materia in esame. Occorre attendere gli inizi del '900 per veder nascere le prime leggi di disciplina dell'uso, conservazione e tutela dei beni e delle cose di interesse storico, artistico ed archeologico, culminate, in pochi decenni, nell'emanazione della legge 1 giugno 1939, n. 1089, nota anche come "Legge Bottai", di riconosciuta ispirazione liberale, seppur nata in un ben preciso periodo storico, quello fascista, notoriamente molto attento alla cura della "bellezza". Nello stesso periodo, e dunque coeva alla legge n. 1089, fu emanata una seconda legge, "gemella" di quella sopra citata, la n. 1497 del 1939, relativa alla tutela delle "bellezze panoramiche e naturali", corollario e completamento della disciplina tutoria dei beni e dell'ambiente in cui si collocano poich, sovente, gli uni traggono valore dagli altri in un rapporto di scambio vicendevole. Dunque, alla fine degli anni '30 entrambi i settori cosiddetti del "bello" ebbero ricevuto una pressoch completa regolamentazione ad opera di specifiche e distinte norme a loro tutela e protezione. La legge n. 1089 del 1939 fu redatta da Santi Romano, uno dei pi grandi giuristi vissuti nel nostro Paese, ed ha costituito sino agli ultimissimi anni, ovvero sino all'emanazione del testo unico n. 490 del 1999, il solo eccellente riferimento legislativo in materia di "cose d'interesse storico e artistico". Tanto la legge che qui rileva, quanto la legge "gemella" sopra citata, si pu dire abbiano preso spunto dalla rielaborazione di vecchie leggi in materia di tutela delle cose d'interesse storico, artistico e del paesaggio. Infatti, sono note

173

agli addetti ai lavori le leggi emanate nei primissimi anni del secolo scorso, quali la legge n. 364 del 1909, c.d. "Legge Rosada", e la legge n. 778 del 1922. Con la legge n. 1089 del 1939, tuttavia, erano state individuate - attraverso una innovativa puntuale elencazione - le cose assoggettate alla particolare tutela introdotta, distinguendo tra cose mobili o immobili, che possono presentare interesse artistico, storico, archeologico o etnografico, o un valore culturale intrinseco, e cose immobili che, a causa del loro riferimento con la storia politica, militare, della letteratura, dellarte e della cultura in genere, rivestono un interesse particolarmente importante, ricomprendendovi quelle cose immobili che si connotano come rilevanti culturalmente solo per il riferimento a determinati eventi. La legge n. 1089 del 1939 aveva altres dettato sia il procedimento amministrativo necessario al fine della declaratoria del particolare interesse storico-artistico di un bene, sia le disposizioni finalizzate alla conservazione, all'integrit, alla sicurezza, alle modalit di alienazione delle cose, tanto nel caso esse appartenessero allo Stato o ad altri enti pubblici, quanto appartenessero ai privati. Vi erano, poi, previste norme sanzionatorie in caso di violazione dei precetti in essa contenuti, al fine di dotare la legge stessa di incisivit pi penetrante per la tutela dell'interesse pubblico al bello leso. Ci che costituiva il punto debole della legge Bottai, e delle leggi collegabili ratione materiae, era la visione prevalentemente soggettiva del bene, maggiormente diretta al momento limitativo della propriet privata, a scapito del valore oggettivo di esso. Una ulteriore tappa di rafforzamento intervenne, quasi un decennio dopo, ad arricchire il quadro tutorio dei beni previsti nella legge 1089 del 1939: l'entrata in vigore del codice civile, con gli articoli 822 e seguenti, e della Costituzione del 1948, la quale, in una norma apparentemente di carattere generale, l'art. 9 (con riferimento specifico al comma 2), rese possibile conseguire due obiettivi: quello della tutela e quello della promozione dei beni in oggetto.

174

Vale la pena di anticipare che le riforme costituzionali operate dalla legge costituzionale n. 3 del 2001 hanno apportato ulteriori modifiche all'impianto normativo, mediante l'inserimento nel nuovo testo dell'art. 117 del 3 comma, il quale prevede che la valorizzazione dei beni culturali e ambientali e la loro promozione costituisce materia di legislazione regionale concorrente nel rispetto dei principi fondamentali, riservati pur sempre alla legislazione statale, responsabile di tutela univoca sullintero territorio. Su quest'ultimo punto, una rilevante dottrina ha recentemente osservato, in termini peraltro molto acuti, che "non facile capire dove finisce la tutela" (che spetta allo Stato) "e dove comincia la valorizzazione" (che spetta alle regioni), concludendo sulla difficolt di poter scindere le due cose. Tornando alla legge n. 1089 del 1939, unanimemente riconosciuto che, pur trattandosi di eccellente corpo normativo, essa portava in s alcune lacune ed imperfezioni che furono presto indicate come le principali cause del mancato raggiungimento degli obiettivi prefissati. Mancava ad esempio "un inventario completo dei beni soggetti a tutela"; la tutela era accordata soltanto ai beni connotati da "particolare pregio, rarit" o che fossero "di non comune bellezza", venendo cos ad escludere implicitamente una grande quantit di beni culturali esistenti sul territorio. Per l'ambito che qui interessa, fu altres riscontrata la mancanza di una definizione di "bene culturale", utilizzata per la prima volta nella Convenzione Internazionale dell'Aja del 1954, e proposta in Italia ufficialmente soltanto nel 1967, con la oramai famosa "Commissione Franceschini". Queste ed altre consapevolezze portarono - terminate le emergenze belliche ed in pieno periodo di boom economico - ad interrogarsi sulla necessit di aggiornare la normativa in vigore, di modificare l'impostazione politica in materia, di salvare le testimonianze della storia secondo ambiti d'interesse allargati, decidendo di costituire apposite Commissioni per studiare ed elaborare proposte di legge modificatrici, in primo luogo, dell'impianto culturale ed ideologico sotteso alla legislazione sino ad allora vigente.

175

Si arriv, dunque, a met degli anni '60, periodo in cui il Ministero della pubblica istruzione istitu la gi citata "Commissione Franceschini", con il compito di definire una proposta di legge - quadro per la valorizzazione e la tutela dei beni culturali. La notissima Commissione, composta sia da parlamentari che da esperti della materia, nell'ambito del proprio incarico doveva, preliminarmente, effettuare una ricognizione dei beni artistici presenti sul territorio e, sulla base dell'opera di "inventariazione" e "catalogazione" della situazione, fondare la nuova politica nazionale di tutela, valutando, nel contempo, la possibilit di riordinare e semplificare le strutture operative degli organi competenti. La situazione che emerse a seguito dell'analisi che venne condotta era a dir poco allarmante, poich la Commissione ebbe modo di constatare come saccheggi, degrado e carenze di vigilanza avevano di fatto inciso pesantemente sui beni culturali e sulle bellezze naturali e del territorio. Sulla base di queste gravi risultanze, la Commissione elabor nel 1967 un ampio documento suddiviso in 84 Dichiarazioni, che per l'epoca storica in cui si collocava venne ritenuto "rivoluzionario". In detti Atti, venivano definiti i beni culturali come "testimonianze materiali aventi valore di civilt". Secondo la Commissione si trattava di un concetto composito, laddove la materialit del bene confluiva nell'immaterialit del valore ideale cosiddetto "di civilt". Anche se i lavori della Commissione Franceschini, al pari di quella successivamente intervenuta ed avente gli stessi compiti, la Commissione Papaldo (che riusc soltanto a presentare uno schema di disegno di legge sulla tutela e valorizzazione dei beni culturali nel febbraio del 1970), non approdarono ad alcun esito concreto, ad essi si deve il grande merito di aver disegnato per la prima volta all'interno del nostro ordinamento alcuni principi, riconosciuti e fatti propri dall'odierna legislazione: in primo luogo, la definizione di bene culturale, poi il valore dichiarativo del vincolo, sino ad

176

individuare nel Soprintendente la figura fondamentale sul territorio per l'esercizio delle funzioni di tutela e valorizzazione dei beni culturali. Da quel momento e per lunghi anni si registr una certa staticit in argomento, nel corso dei quali, tuttavia, furono emanati provvedimenti, apparentemente estranei ovvero rivolti ad altre materie, eppur tesi a tutelare o valorizzare il territorio (strumenti di pianificazione urbanistica, di controllo e salvaguardia del territorio, leggi finanziarie) ed a cedere competenze alle neocostituite regioni: da questo momento in poi, in luogo di concentrare gli sforzi sulla disciplina di tanta materia, iniziarono a sorgere conflitti tra Stato e Regioni sul riparto di funzioni e competenze, che ancora non si sono conclusi. Si tent, cos, di cercare soluzioni idonee a smorzare i toni delle polemiche, dapprima formulando il D.P.R. n. 616 del 1977 e, poi, con altri tentativi frammentati e ritenuti dai pi poco convincenti. Un fattore che modific enormemente i termini del dibattito sino all'epoca maturato, fu la Legge Galassi (n. 431 del 1985) che introdusse criteri di gestione innovativa del territorio, concepiti su larga scala che, dunque, resero ancor pi evidenti le insufficienze connesse ad una gestione centralizzata e la necessit contraria di rivedere gli assetti legati al decentramento. In materia di beni culturali furono presentati nuovi progetti di legge, in particolare fra questi si distinse il disegno di legge Giannini del febbraio 1989, anch'esso rimasto senza seguito, data l'oramai unanime, riconosciuta necessit di dare un assetto ai pi rilevanti profili dei beni culturali connessi, quanto meno, alla tutela, alla valorizzazione ed alla fruizione. Ci diveniva tanto pi urgente, quanto pi anche a livello europeo giungevano segnali forti circa la predisposizione di discipline unitarie sulla circolazione dei beni, sulla restituzione agli Stati proprietari dei beni culturali usciti illecitamente dal territorio, ecc. Nella nuova sensibilit venuta via via crescendo, solo recentemente che, in armonia con quanto gi considerato, il settore dei beni culturali stato oggetto di importanti e ravvicinati interventi normativi: dalle disposizioni finanziarie, al

177

testo unico in vigore dallinizio del 2000 fino al 30 aprile 2004, (D.Lgs. n. 490 del 1999), dal decreto in materia di alienazione (decreto Melandri), per finire al Codice dei beni culturali e del paesaggio (D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42) in vigore dal 1 maggio 2004. Le successive modifiche di cui ai DD.Lgs. nn. 156 e 157 del 24 marzo 2006, non mutano limpianto generale del Codice.

La struttura del Codice dei beni culturali e del paesaggio Il Codice dei beni culturali e del paesaggio D.Lgs. n.42 del 2004 rappresenta, dunque, una ulteriore tappa del percorso e dellobiettivo perseguito dal legislatore dellultimo decennio per semplificare la legislazione amministrativa secondo una scansione ben definita, iniziata con provvedimenti normativi unitari, denominati testi unici e, successivamente, operando la scelta dei codici. In tal modo si avvantaggiata la scelta del codice anzich del testo unico. Innanzitutto occorre considerare le frequenti modifiche ed integrazioni normative che sino ad oggi hanno affastellato la legislazione di una data materia (basti pensare alla disciplina stessa dei beni culturali, degli enti locali, piuttosto che alledilizia, agli espropri ecc.), hanno via via determinato nelloperativit quotidiana pericolosissimi problemi di uniformit

interpretativa, applicativa e di coordinamento allinterno dellordinamento giuridico, che non poteva pi essere celata. Lo strumento ravvisato come ottimale dal legislatore sin dai primi anni 90 per arginare questo stato di cose, nel contempo semplificando, stato dapprima il testo unico, poich ritenuto strutturalmente idoneo alla funzione di riunire molteplici norme frammentate e sparse di un dato sistema legislativo, rendendone, dunque, pi semplice ed agevole la consultazione e lanalisi. Tuttavia, nellelaborazione di testi unici per evitare eccessivi irrigidimenti (in particolare per le modificazioni successive), di norma non viene consentito con lassorbimento di fonti legislativo-regolamentari della materia riordinata,

178

cosicch i testi unici vengono a costituire la disciplina principale di una determinata materia ma non l'unica. Anzi, proprio per loro definizione, i testi unici non devono apportare innovazioni alla disciplina trattata, ma ordinare unicamente l'esistente. Con riguardo al testo unico per i beni culturali, abrogato dal Codice in esame, autorevole dottrina ha evidenziato come esso, pur rispondendo ad esigenze di reductio ad unum della disciplina, lasciasse tuttavia irrisolti molteplici problemi interpretativi ed applicativi; anche se, almeno in parte, il pregio di aver prodotto la novit di assorbire la definizione di bene culturale introdotta in Italia dalla Commissione Franceschini non pu essergli negato. Quanto al Codice (dal latino codex, per indicare le antiche tavolette in legno usate per la scrittura), la sua definizione cos come si evoluta nel tempo ha portato sin da epoche remote ad identificare con questo termine le raccolte di leggi riunite in "corpi organici e sistematici, comprensivi di tutte le norme pertinenti a un ramo del diritto". La funzione di esso quella di armonizzare ed adeguare una determinata disciplina favorendone, nel contempo, l'analisi e la comprensione in armonia con i principi di semplificazione e delegificazione secondo criteri predeterminati dal legislatore delegante. Recentemente il legislatore ha iniziato a fare ricorso a questo strumento, proprio per ridurre in un unico "contenitore" sistematicizzato un complesso di norme giuridiche, anche comunitarie, caratterizzate da omogeneit ratione materiae, nella consapevolezza che il sopra cennato proliferare di leggi (o di provvedimenti analoghi) produce il pi delle volte effetti improduttivi sulla materia principale. La necessit, allora, di raccogliere in un unicum tutte le norme giuridiche esistenti in un determinato momento storico relativamente ad una materia, risponde a due fondamentali esigenze: la prima, attribuire ad essa ordine, sistematicit e coerenza fra norme omogenee e successive; la seconda, tenere conto dei principi in materia di semplificazione amministrativa, avvertito con

179

particolare intensit nella materia dei beni culturali e del paesaggio, trasversale a discipline le pi differenti. Se, dunque, realizzare un codice significa imprimere un'impronta di ordine e sistematicit ad una materia, senza perdere di vista la semplificazione e la comprensione, la materia dei beni culturali e dei beni paesaggistici - proprio per la variet degli operatori ad essa interessati: cittadini, tecnici, giuristi, giudici, pubblici dipendenti, forze dell'ordine, docenti, studenti - costituisce un'impresa non delle pi facili e per la quale vale la pena accettare sfide. La stessa struttura del testo normativo in esame appare immediatamente complessa, attesa la suddivisione in cinque parti, ognuna delle quali distinta in titoli, capi e sezioni, con ci confermando, con i suoi 184 articoli oltre ad un allegato, le predette riflessioni. La prima parte si compone di nove articoli dedicati a disposizioni di ordine generale e principi alquanto eterogenei. La seconda parte, dedicata ai "beni culturali", si articola in tre titoli (tutela, fruizione e valorizzazione, norme transitorie e finali), composti ciascuno da molteplici capi e sezioni. La terza parte interamente dedicata ai "beni paesaggistici" ed composta da un unico titolo (tutela e valorizzazione), suddiviso in cinque capi. La parte quarta , invece, dedicata alle "sanzioni", i cui due titoli, suddivisi in capi, sono relativi alle sanzioni amministrative ed alle sanzioni penali, distinte per parti applicative. La parte quinta comprende, invece, tre soli articoli, dedicati alle disposizioni transitorie, alle disposizioni finali ed alle norme abrogate. Completa l'intero corpo normativo lAllegato A, previsto dagli artt. 63, comma 1, 74, commi 1 e 3, 75, comma 3, lett. a). In esso vengono enumerate le "categorie di beni" ed i "valori applicabili" a dette categorie.

180

Definizioni Il legislatore, a differenza di quanto avvenuto per altre recenti discipline codicizzate, non ha ritenuto di approntare direttamente nel testo definizioni atte a rendere incontrovertibili alcuni concetti fondamentali che, forieri di accesi dibattiti, avrebbe avuto il pregio di migliorare la comprensione della disciplina. Si cos pensato di sfruttare questa occasione per cercare di individuare e circoscrivere il significato di alcuni termini-chiave, prendendo le mosse dal principio attorno cui ruota l'operazione di riordino della materia in esame, ovvero l'art. 9 della Costituzione, il quale prevede "la promozione della cultura e la tutela del paesaggio e del patrimonio storico ed artistico della Nazione" in coerenza con le attribuzioni di cui all'art. 117 della Costituzione. Tutela e valorizzazione, pur attenendosi alle modifiche intervenute con la legge costituzionale n. 3 del 18 ottobre 2001, divengono strategie fondamentali per le due specie di beni che convivono all'interno del codice: da un lato i beni culturali e dall'altro i beni paesaggistici. Nel linguaggio comune si parla genericamente di "tutela" per fare riferimento ad un comportamento diretto a difendere, proteggere o custodire qualcosa o qualcuno. Dunque, il compito di "tutelare" si sostanzia in un officium diretto alla cura di oggetti o soggetti secondo modalit stabilite dalla legge. La definizione di "tutela", cos individuata, sembrerebbe ad una prima analisi non porre alcun problema circa il proprio contenuto. Purtroppo cos non , anche alla luce dello spaccato prodotto proprio dalla modifica costituzionale precitata, in virt della quale la "tutela" spetta allo Stato, mentre la "valorizzazione" rientra nelle competenze regionali concorrenti. Il Codice, forse per porre fine al travaglio interpretativo culminato con l' importante sentenza della Corte costituzionale n. 94 del 28 marzo 2003 (1),

(1)

La Corte costituzionale, con sentenza n. 94 del 28 marzo 2003, ha affermato che la distinzione fra tutela e valorizzazione dei beni culturali pu essere desunta dalla legislazione vigente ed in particolare dagli artt. 148, 149 e 152 del d.lgs n. 112 del 1998.

181

ha affermato che la tutela consiste nell'esercizio delle funzioni e nella disciplina delle attivit dirette, sulla base di una adeguata attivit conoscitiva, ad individuare i beni costituenti il patrimonio culturale ed a garantirne la protezione e la conservazione per fini di pubblica fruizione. Le funzioni di tutela vengono, poi, attribuite al Ministero per i beni e le attivit culturali, che pu esercitarle o direttamente o tramite forme d'intesa e coordinamento con le regioni. Alla tutela pare venir cos assegnato un criterio definitorio di tipo pi organizzativo che letterale: se vero che la tutela consiste in un "esercizio di funzioni" e queste sono "attribuite al Ministero", vale per esse il principio costituzionalmente recepito della sussidiariet verticale per marcare la distinzione fra tutela e valorizzazione, sicch mentre la tutela spetta allo Stato, la valorizzazione spetta all'ente immediatamente inferiore dal punto di vista territoriale, la regione, deputato ad esperire tutte le azioni idonee a conferire o accrescere il valore delle "cose" culturali. La valorizzazione, infatti, consiste nell'esercizio delle funzioni e nella disciplina delle attivit dirette a promuovere la conoscenza del patrimonio culturale e ad assicurare le migliori condizioni di utilizzazione e fruizione pubblica del patrimonio stesso, comprensiva della promozione e conservazione. Le relative funzioni, in seguito al nuovo Titolo V Parte Seconda della Costituzione, spettano alla potest legislativa concorrente delle regioni. Questo il dato definitorio. Tuttavia, il conferire o l'accrescere "valore" riferito ad un "bene" non pu non far sorgere un interrogativo sul significato intrinseco del termine, che forse vale la pena indagare. Infatti, innegabile che, in particolari contesti, l'importanza assegnata ad una cosa o ad un bene in senso pi ampio, muti a seconda di variabili soggettive piuttosto che localistiche, di talch, in luogo di contribuire a fare chiarezza sulla portata delle azioni o funzioni riconducibili al termine in considerazione, a ben vedere, accrescono la sensazione che ci si muova in un ambito indefinito dove manchi ancora un significato unico e universalmente condiviso.

182

Patrimonio culturale l'endiadi sotto cui il legislatore accorpa i beni culturali ed i beni paesaggistici, disponendo che sono: beni culturali le cose immobili e mobili che presentano interesse artistico, storico, archeologico, etnoantropologico, archivistico e bibliografico, oltre ad altre cose individuate dalla legge o in base alla legge quali testimonianze aventi valore di civilt; beni paesaggistici gli immobili e le aree costituenti espressione dei valori storici, culturali, naturali, morfologici ed estetici del territorio, e gli altri beni individuati dalla legge o in base alla legge. tuttavia prevista una eccezione all'ambito oggettivo di applicazione relativamente ai beni la cui et sia inferiore ai cinquanta anni. I soggetti cui la normativa si riferisce sono sostanzialmente tutti i proprietari, possessori sia pubblici che privati. In particolare, il Codice elenca come soggetti destinatari della disciplina: lo Stato, le regioni e gli altri enti pubblici territoriali, ogni ente ed istituto pubblico, le persone giuridiche private senza fine di lucro e i privati cittadini. Resta da verificare se il grande squilibrio sempre esistito tra autorit centrale e soggetti destinatari (sia pubblici che privati) riesca a trovare una qualche via mediana di risoluzione attraverso il recepimento, da parte del Codice, delle garanzie relative alla partecipazione del procedimento. Vengono, poi, utilizzati i termini conservazione, prevenzione, manutenzione e restauro dei beni culturali, a cui tutti i soggetti sopra individuati sono tenuti (la cui rilevanza stata assunta anche dalla Corte costituzionale) intendendo per: conservazione, l'insieme di tutte le attivit necessarie a serbare, mantenere una cosa in modo tale che duri a lungo senza sciuparsi o disperdersi, garantendone la custodia in vista di utilizzazioni durature nel tempo; prevenzione, il complesso delle attivit idonee a limitare le situazioni di rischio per il bene culturale complessivamente inteso; manutenzione, il mantenere in buono stato un bene, ovvero effettuare un insieme di attivit ed interventi destinati al controllo delle condizioni del

183

bene culturale, affinch sia mantenuto integro, funzionalmente efficiente e salva l'identit; restauro, l'intervento diretto sul bene, attraverso un complesso di operazioni finalizzate a rimetterlo in buono stato e in condizioni di funzionalit finalizzate al recupero ed al mantenimento in integrit di esso. Pi in particolare, nel lessico comune, si usa il termine "restauro" per alludere ad ogni intervento di tipo tecnico teso a conservare beni mobili o immobili nella loro efficienza, mantenendone lintegrit e, dunque, il valore. Nelle diverse definizioni sopra specificate compaiono e si compenetrano, in modo ricorrente, terminologie comuni quali valore, valorizzazione e

manutenzione, determinando una notevole fluidit fra vocaboli e funzioni a scapito della chiarezza e distinzione necessari per interpreti, operatori e privati cittadini coinvolti.

Il concetto di bene culturale Il Codice dei beni culturali e del paesaggio, compenetrando le varie normative succedutesi in materia, fonda la propria concezione sullinteresse storico, artistico, archeologico o etnoantropologico del bene culturale e sulla testimonianza avente valore di civilt, collegandolo altres al profilo dellappartenenza in termini di propriet. Quella di bene culturale , anche per la giurisprudenza, la nozione che sostituisce oramai le vecchie categorie di cose di interesse artistico o storico, di cose darte, di cose dantichit, realizzando una considerazione unitaria della materia. Pertanto, il bene culturale viene protetto per ragioni non solo (o non tanto) estetiche, quanto per ragioni storiche sottolineandosi cos limportanza dellopera o del bene per la storia delluomo e per il progresso della scienza. Si deve ritenere abbandonata nellintentio legislatoris, nella prassi amministrativa e nellinterpretazione giurisprudenziale costituzionalmente orientata, una concezione estetizzante (o estetico idealista) del bene culturale (come del bene paesaggistico ambientale), che era alla base della legge

184

fondamentale n. 1089 del 1939, in favore dellevoluzione della nozione che ne valorizza il significato di documento del tempo e dellambiente in cui sorta. La giurisprudenza ha, poi, notato come la nozione di bene culturale sia passata da unaccezione di tipo materialistico, legata alle cose quae tangi possunt ad una diversa connotazione, di tipo immateriale, che vede nel bene un valore espressivo di un ambiente storico e sociale. Come gi si era osservato con riguardo al testo unico, anche il Codice tralascia laggettivo materiale, introdotto dalla Commissione Franceschini, per connotare il valore di civilt, mantenendo in tal modo viva lattenzione sul profilo omnicomprensivo di detto valore, ma dando vita, cos, ad una sorta di non definizione che recupera impostazioni passate. Altres, da circa un decennio ai vari concetti delineati se ne venuto ad affiancare uno nuovo: il bene culturale come risorsa economica. Esiste, poi, il problema dell'individuazione tipologica dei beni culturali, di cui si occupano gli articoli 10 e 11 del Codice. Mantenendo intatta l'architettura giuridica del testo unico abrogato, anche il Codice individua una amplissima categoria di beni culturali, elencandoli nei 4 commi dell'art. 10, ed una categoria, pi ridotta, di beni oggetto di specifiche disposizioni di tutela, elencate all'art. 11. Ci premesso, possono ritenersi "beni culturali": a) le raccolte di musei, pinacoteche, gallerie e altri luoghi espositivi dello Stato, delle regioni, degli altri enti pubblici territoriali, nonch di ogni altro ente ed istituto pubblico; b) gli archivi e i singoli documenti dello Stato, delle regioni, degli altri enti pubblici territoriali, nonch di ogni altro ente ed istituto pubblico; c) le raccolte librarie delle biblioteche dello Stato, delle regioni, degli altri enti pubblici territoriali, nonch di ogni altro ente e istituto pubblico. A questi si aggiungono, quando sia intervenuta la dichiarazione d'interesse culturale:

185

a) le cose immobili e mobili che presentano interesse artistico, storico, archeologico o etnoantropologico particolarmente importante, appartenenti a soggetti diversi da quelli sopraindicati; b) gli archivi e i singoli documenti, appartenenti a privati, che rivestono

interesse storico particolarmente importante; c) le raccolte librarie, appartenenti a privati, di eccezionale interesse culturale; d) le cose immobili e mobili, a chiunque appartenenti, che rivestono un interesse particolarmente importante a causa del loro riferimento con la storia politica, militare, della letteratura, dell'arte e della cultura in genere, ovvero quali testimonianze dell'identit e della storia delle istituzioni pubbliche, collettive o religiose; e) le collezioni o serie di oggetti, a chiunque appartenenti, che, per tradizione, fama e particolari caratteristiche ambientali, rivestono come complesso un eccezionale interesse artistico o storico. Sono, infine, considerati beni culturali: a) le cose che interessano la paleontologia, la preistoria e le primitive civilt; b) le cose di interesse numismatico; c) i manoscritti, gli autografi, i carteggi, gli incunaboli, nonch i libri, le stampe e le incisioni, con relative matrici, aventi carattere di rarit e di pregio; d) le carte geografiche e gli spartiti musicali aventi carattere di rarit e di pregio; e) le fotografie, con relativi negativi e matrici, le pellicole cinematografiche ed i supporti audiovisivi in genere, aventi carattere di rarit e di pregio; f) le ville, i parchi e i giardini che abbiano interesse artistico o storico; g) le pubbliche piazze, vie, strade e altri spazi aperti urbani di interesse artistico o storico; h) i siti minerari di interesse storico od etnoantropologico;

186

i) le

navi

galleggianti

aventi

interesse

artistico,

storico

od

etnoantropologico; l) le tipologie di architettura rurale aventi interesse storico od

etnoantropologico quali testimonianze dell'economia rurale tradizionale. Appartengono, invece, alla categoria dei beni culturali oggetto di specifiche disposizioni di tutela: a) gli affreschi, gli stemmi, i graffiti, le lapidi, le iscrizioni, i tabernacoli e gli altri ornamenti di edifici, esposti o non alla pubblica vista; b) gli studi d'artista; c) le aree pubbliche aventi valore archeologico, storico, artistico e ambientale con riguardo all'esercizio del commercio; d) le opere di pittura, di scultura, di grafica e qualsiasi oggetto d'arte di autore vivente o la cui esecuzione non risalga ad oltre cinquanta anni; e) le opere dell'architettura contemporanea di particolare valore artistico; f) le fotografie, con relativi negativi e matrici, gli esemplari di opere cinematografiche, audiovisive o di sequenze di immagini in movimento, le documentazioni di manifestazioni, sonore o verbali, comunque realizzate, la cui produzione risalga ad oltre venticinque anni; g) i mezzi di trasporto aventi pi di settantacinque anni; h) i beni e gli strumenti di interesse per la storia della scienza e della tecnica aventi pi di cinquanta anni; i) le vestigia individuate dalla vigente normativa in materia di tutela del patrimonio storico della Prima guerra mondiale. Per quanto riguarda quest'ultima categoria, va detto che essa stata inserita dal Codice, dato che sino a questo momento si faceva riferimento per analogia ai singoli oggetti qualificabili "cippi, monumenti, stemmi, graffiti, lapidi, iscrizioni e tabernacoli", previsti dal testo unico e riconducibili all'ambito storico detto.

187

Dapprima la legge 7 marzo 2001, n. 78, intitolata Tutela del patrimonio storico della Prima guerra mondiale, poi il decreto ministeriale del 4 ottobre 2002, hanno provveduto a regolare la materia, partendo dall'esigenza di salvaguardare un diffuso patrimonio storico, che - come dice la relazione parlamentare - "l'usura del tempo e degli agenti atmosferici da un lato, la curiosit e l'interesse non sempre correttamente orientato degli uomini dall'altro, vanno progressivamente ed implacabilmente rimovendo". Al tempo stesso, si inteso regolare e sostenere tutte quelle iniziative spontanee che, negli ultimi anni, si sono prodigate per la difesa, la conservazione, il restauro e la valorizzazione di queste cose realizzando musei, convenzionali o all'aperto, e recuperando strutture da parte di amministrazioni locali, associazioni di volontariato (come l'Associazione Nazionale Alpini) e il Comando delle Truppe alpine, talvolta in azione congiunta di volontari italiani, austriaci e tedeschi. Gli oggetti che la legge espressamente protegge sono le "vestigia della Prima guerra mondiale", intendendo con tale locuzione le cose materiali, del cui "valore storico e culturale" viene fatto espresso riconoscimento, e la cui caratteristica comune di essere state, direttamente o .indirettamente, realizzate per l'attivit bellica della Grande guerra in memoria o per documentazione di questa. Di queste vestigia, l'art. 1, comma 2, della legge n. 78 del 2001, fornisce una elencazione, individuando: a) forti, fortificazioni permanenti e altri edifici e manufatti militari; b) fortificazioni campali, trincee, gallerie, camminamenti, strade e sentieri militari; c) cippi, monumenti, stemmi, graffiti, lapidi, iscrizioni e tabernacoli; d) reperti mobili e cimeli; e) archivi documentali e fotografici pubblici e privati; f) ogni altro residuato avente diretta relazione con le operazioni belliche.

188

Gli interpreti di questo particolare settore hanno osservato come, nel caso de quo, non si tratti di beni culturali, almeno nel senso inteso dalla normativa specifica, poich quelle in esame sono cose che certamente sono sottoposte ad "un processo di rarefazione, ma non giunto fino al punto tale da giustificare un loro generalizzato assoggettamento a quella tutela quali beni storici o storicoartistici". stato, poi, osservato che "se, infatti fosse introdotta per singole cose (ad es., per un forte di particolare pregio architettonico, o per un edificio che fu sede di un particolare evento), la salvaguardia apprestata da quella legge concorrer con questa salvaguardia, senza che l'una escluda l'altra. Del resto, si tratta di una specie particolare di c.d. beni culturali minori, per i quali la necessit presente nel corpo sociale non tanto di una tutela di tipo ablativo, quanto di una normazione a basso regime, vale a dire a vigilanza leggera e fatta pi di servizi e di sostegno che di direzione autoritativa. Di fronte ad una tale domanda sociale, un assoggettamento generalizzato alla normativa di tutela dei beni culturali sarebbe difficilmente accettabile e difficilmente gestibile (si consideri che il solo fronte era di ben 600 chilometri). Al tempo stesso, lasciare fuori da una normativa di salvaguardia un tale patrimonio avrebbe significato rimanere indifferenti alla sua dispersione". Di queste osservazioni il legislatore del testo unico deve aver tenuto conto, non avendo previsto nulla in proposito, diversamente da quanto emerge dalla lettura del Codice, in cui di detti beni si tratta tanto all'art. 11, lettera i), quanto all'art. 50, comma secondo. Limpianto della legge comunque ispirato a non derogare, ma a concorrere comulativamente con altre normative: non solo quella in tema di tutela del patrimonio storico-artistico, ma anche quella in tema di tutela paesistica, che come noto riguarda ex lege tutti i territori di alta montagna o circostanti i fiumi. In sintesi, la legge opera lungo queste direttrici:

189

a) da un lato vengono vietati gli interventi di alterazione delle caratteristiche materiali e storiche delle vestigia protette. Il che di particolare importanza per quanto riguarda il patrimonio immobiliare; b) da un altro lato vengono invece facilitati e sostenuti gli inter-venti di manutenzione, restauro, gestione e valorizzazione delle stesse vestigia, purch eseguiti in conformit a precisi criteri tecnico-scientifici, da fissare da parte del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali, sia da parte privata (con particolare riguardo al volontariato) che da parte pubblica. Circa i soggetti che possono eseguire gli interventi di cui sopra, essi sono indicati dalla legge "secondo un ordine che riflette il principio di sussidiariet, sia orizzontale (privati, singoli o associati) che verticale (enti territoriali)". Occorre, poi, la verifica dell'interesse cultuale del bene, che dovrebbe avvenire da parte del Ministero, mediante schedatura, sulla base di indirizzi di carattere generale stabiliti con il decreto ministeriale 4 ottobre 2002, al fine di assicurare uniformit di valutazione. Ritornando al quadro generale iniziale, qualora in esito al censimento non venga riscontrato l'interesse storico, artistico, archeologico o etnoantropologico, le cose restano escluse dalla disciplina del Codice, sicch, nel caso in cui appartengano al demanio di un ente pubblico territoriale, ne viene disposta la sdemanializzazione ed il bene diventa libero di circolare.

Il concetto di bene paesaggistico Il Codice dei beni culturali e del paesaggio dedica la Parte III ai beni paesaggistici prendendo spunto dal fondamentale parametro costituito dalla Convenzione europea del paesaggio del 20 ottobre 2000. A norma del Codice per paesaggio si intende una parte omogenea di territorio i cui caratteri derivano dalla natura, dalla storia umana o dalle reciproche interrelazioni.

190

La definizione coniata dal legislatore appare prima facie molto generica, comprensiva di tutto e niente, soprattutto per quanto attiene alla sua esatta individuazione, atteso che nel lessico comune si utilizza il termine "paesaggio" per indicare un'entit dai contorni spaziali astratti, un panorama, che si abbraccia con lo sguardo e non evoca necessariamente immagini legate ai beni culturali. Per essere pi precisi ancora, pu sostenersi che il concetto di "paesaggio" contenuto all'interno di quello di "ambiente" e di questo costituisce corollario, poich con tale terminologia sin dai tempi antichi si voleva indicare lo spazio che circonda ogni cosa (ambire, dal latino "circondare"), con i suoi differenti aspetti dati dalla natura, dall'uomo, dagli animali, dalle piante, dal paesaggio, ecc. Una prima notazione di merito riguarda il confronto fra le titolazioni del testo unico, (d.lgs. n. 490 del 1999) e del Codice attuale: mentre nel primo si parlava di beni paesaggistici ed ambientali, senza avanzare definizioni, individuando tuttavia, all'articolo 133, i soli beni ambientali, il Codice preferisce utilizzare una terminologia comprensiva dei due termini, riferendosi soltanto ai beni paesaggistici in armonia con la Convenzione europea sopra citata. Una seconda notazione riguarda, poi, la ratio di tale scelta, spiegabile in chiave costituzionale: mentre l'art. 9 della Costituzione contempla

espressamente la tutela del paesaggio, nulla dice in relazione all'ambiente. Lattenzione che viene prestata alle tematiche ambientali costituisce un fatto socio-culturale che caratterizza la nostra comunit in maniera trasversale alle logiche politiche, ma sorge dalla consapevolezza, propria della nostra epoca, che la civilt moderna giunta sin qui depauperando enormi quantit di risorse naturali e distruggendo immensi patrimoni paesaggistici, archeologici e culturali. Gi la Convezione europea del paesaggio, in risposta a tale presa di coscienza, riconosce il concetto di sviluppo economico cosiddetto ecosostenibile, attraverso cui poter assicurare la localizzazione di opere ed

191

interventi che sia necessario realizzare in aree di particolare valore, cercando di minimizzarne l'impatto ambientale pur assicurandone la qualit progettuale. Nella disamina della legislazione vigente emerge la mancanza di una esplicita e compiuta manifestazione del concetto di ambiente. In sede di illustrazione del disegno di legge stato osservato come detto concetto fosse rinvenibile di massima nella legislazione ordinaria previgente, in particolare nelle leggi 29 giugno 1939, n. 1497 e 1 giugno 1939, n. 1089, in tema, rispettivamente, di protezione delle bellezze naturali e di tutela delle cose di interesse artistico e storico. Si era detto in quella sede che "le esigenze rappresentate dai Costituenti erano quelle di garantire un controllo sulle libert individuali e sulle opere dell'uomo, affinch le stesse non si spingessero fino al punto di alterare o svilire la consistenza di beni, specificamente elencati ed assoggettati, in quanto tali, a disposizioni vincolistiche". L'ambiente, cos inteso, costituiva patrimonio della Nazione, ovvero diritto dello Stato in quanto tale, che ne disponeva nell'interesse comune della collettivit, perseguendo gli episodici comportamenti lesivi finanche con la minaccia penale. Invero, la reale evoluzione del concetto giuridico di ambiente e della corrispondente tutela si realizzata soltanto negli ultimi venti anni. Stimoli in tal senso sono indubbiamente derivati dall'appartenenza del nostro Paese ad organismi internazionali. Cos, gi "la direttiva 85/337/CEE del Consiglio, del 27 giugno 1985, dettava disposizioni in materia di valutazione di impatto ambientale, considerando insiti nell'ambiente, oggetto della sua tutela, oltre al suolo, all'aria, all'acqua, al paesaggio e al clima, i beni materiali ed il patrimonio culturale, ovvero l'insieme degli elementi che, nella complessit delle loro relazioni, costituiscono il quadro, l'habitat e le condizioni di vita dell'uomo. stato quegli anni che l'accezione limitante del concetto di ambiente,

l'approntamento di tutela giuridica per specifici beni culturali o bellezze naturali, ha subito un superamento per effetto anche della nostra legislazione

192

ordinaria. Il decreto-legge 27 giugno 1985, n. 312, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 agosto 1985, n. 431, poneva dei paletti alle facolt dell'individuo connesse alla propriet immobiliare, imponendo delle limitazioni alle stesse in presenza di determinate e generalizzate condizioni ambientali, considerate, in quanto tali, meritevoli di tutela giuridica. Negli stessi anni, con la legge 8 luglio 1986, n. 349, l'attenzione al fenomeno ambiente si sostanziava nell'istituzione di un Ministero, ad esso dedicato, nella correlata valorizzazione delle associazioni che ne hanno come scopo sociale la tutela e nella previsione di un'azione popolare proponibile avverso le sue lesioni. Si operava cos, in modo pi chiaro, un passaggio da una dimensione meramente pubblicistica del problema, all'ambiente quale diritto dei privati e dagli stessi azionabile. Parallelamente, si imponeva una pi adeguata lettura dell'articolo 32 della Carta costituzionale e, nel conferimento anche a tale disposizione di una portata precettiva e non soltanto programmatica, si desumeva, dal diritto inviolabile alla salute, il diritto all'ambiente salubre. Si cos pervenuti ad una lettura nuova e pi pregnante di significati: l'ambiente diveniva valore primario assoluto ed emergeva la sua rilevanza dalla combinazione di un'interpretazione estensiva dell'articolo 9, quale derivazione del concetto di paesaggio ivi contenuto, e dell'articolo 32, nell'accezione di cui si poc'anzi riferito. Esso veniva cos qualificato dalla Corte costituzionale bene immateriale unitario nella sua sentenza n. 641 del 30 dicembre 1987. In tempi ancora pi recenti, l'attenzione riservata all'ambiente si tradotta in specifiche normative che hanno trattato settorialmente le problematiche connesse alle varie forme di inquinamento ambientale ed ai rimedi che, per contro, possono adottarsi per limitarne le fonti o, quanto meno, gli effetti. La Corte costituzionale, recependo gli orientamenti ormai consolidati in tal senso, con la sentenza n. 210 del 28 maggio 1987, utilizzando una espressione di

193

chiusura particolarmente enfatica, ha ricompresso nellambiente tutto ci che garantisce ed assicura la preservazione della persona umana in tutte le sue estrinsecazioni. La scelta compiuta dall'odierno legislatore anelata ancora una volta nel senso di elencare le categorie di beni paesaggistici al fine del loro assoggettamento alle disposizioni del Codice. Sono, pertanto, beni paesaggistici: a) gli immobili e le aree di notevole interesse pubblico, quali: le cose immobili che hanno cospicui caratteri di bellezza naturale o di singolarit gologica; le ville, i giardini e i parchi, non tutelati dalle disposizioni della Parte seconda del presente Codice, che si distinguono per la loro non comune bellezza; i complessi di cose immobili che compongono un caratteristico aspetto avente valore estetico e tradizionale; le bellezze panoramiche considerate come quadri e cos pure quei punti di vista o di belvedere, accessibili al pubblico, dai quali si goda lo spettacolo di quelle bellezze, individuati a seguito di dichiarazione di notevole interesse pubblico; b) le aree tutelate per legge, sottoposte alle disposizioni di tutela fino all'approvazione del piano paesaggistico, individuate ne: i territori costieri compresi in una fascia della profondit di 300 metri dalla linea di battigia, anche per i terreni elevati sul mare; i territori contermini ai laghi compresi in una fascia della profondit di 300 metri dalla linea di battigia, anche per i territori elevati sui laghi; i fiumi, i torrenti, i corsi d'acqua iscritti negli elenchi previsti dal testo unico delle disposizioni di legge sulle acque ed impianti elettrici, approvato con regio decreto 11 dicembre 1933, n. 1775, e le relative sponde o piedi degli argini per una fascia di 150 metri ciascuna, ad eccezione di ci che sia ritenuto irrilevante ai fini paesaggistici;

194

le montagne per la parte eccedente 1.600 metri sul livello del mare per la catena alpina e 1.200 metri sul livello del mare per la catena appenninica e per le isole;

i ghiacciai e i circhi glaciali; i parchi e le riserve nazionali o regionali, nonch i territori di protezione esterna dei parchi;

i territori coperti da foreste e da boschi, ancorch percorsi o danneggiati dal fuoco, e quelli sottoposti a vincolo di rimboschimento;

le aree assegnate alle universit agrarie e le zone gravate da usi civici; le zone umide incluse nell'elenco previsto dal decreto del Presidente della Repubblica 13 marzo 1976, n. 448;

i vulcani; le zone di interesse archeologico gi individuate alla data di entrata in vigore del codice;

c) gli immobili e le aree comunque sottoposti a tutela dai piani paesaggistici. In conclusione, anche per la presente categoria di beni si prevista una disciplina generale, di tutela e valorizzazione del paesaggio da esprimere attraverso una stretta cooperazione tra amministrazioni pubbliche e con gli Stati esteri partecipanti alle Convenzioni internazionali; stata poi prevista una dettagliata individuazione dei beni paesaggistici; infine, si regolato il rapporto tra tutela e pianificazione del territorio, recependo il concetto secondo cui l'opera di tutela e valorizzazione dei luoghi e la programmazione dello sviluppo e delle trasformazioni non riguardano momenti separati, ma concorrono a costituire la pianificazione territoriale in senso ampio e omnicomprensivo.

Ambiente e paesaggio. Il diritto ambientale Un'ultima tematica d'interesse generale riguarda la differente intitolazione dei due corpi normativi succedutisi nell'ultimo quinquennio, dalla cui distinzione ne derivano importanti corollari.

195

Il decreto legislativo n. 490 del 1999, ispirato giustappunto ad "accorpare" disposizioni gi esistenti, era stato intitolato "Testo unico delle disposizioni legislative in materia di beni culturali ed ambientali", derivando la propria essenza dalla sintesi delle famose leggi nn. 1089 e 1497 del 1939, rispettivamente dedicate alla tutela dei beni culturali e dei beni ambientali, trasfuse nel I e II Titolo di detto Testo Unico. Il decreto legislativo n. 42 del 2004, invece, essendo funzionalmente orientato ad armonizzare le predette normative con quelle successive - anche trasversali ad altri rami del diritto pubblico - oltre che, naturalmente, mantenere intatto l'impianto sistematico, stato intitolato "Codice dei beni culturali e del paesaggio". Balza evidente che il termine "ambientale" stato sostituito dal termine "paesaggio". Il mutamento evidenziato, ad una prima analisi, potrebbe apparire di poco conto (oppure potrebbe non apparire affatto), se non adeguatamente interpretato ed approfondito. Nel linguaggio corrente i termini sopra detti vengono spesso utilizzati in maniera indifferente, alla stregua di sinonimi, sottovalutando le importanti differenze che, sebbene minimamente avvertite nelluso comune, opportuno evidenziare in un'analisi tecnico-giuridica della materia, al fine di permettere un'adeguata conoscenza di essa e di evitare di incorrere in errati convincimenti. Sulla base del mutato ruolo regionale e dell'elencazione delle materie esclusive statali e concorrenti, ci che fino a quel momento non destava alcun problema, rischiava ora di determinare rilevanti ed aspri conflitti di competenza e, certamente, creava confusioni lessicali. Non solo. Anche a livello istituzionale, la denominazione del precedente Testo Unico non poteva funzionare, atteso che le funzioni statali in materia di tutela dei beni paesaggistici sono attribuite al Ministero per i beni e le attivit culturali, mentre con riguardo all'ambiente le relative funzioni in materia di tutela sono attribuite al Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio,

196

ricompattando in capo alle regioni la potest legislativa concorrente sulla valorizzazione di entrambe le dette materie. Discorso a parte meritano le regioni a statuto speciale, per le quali sussistono ulteriori forme e particolari condizioni di autonomia concernenti determinate materie. Si rileva, infatti, come il Codice dei beni culturali e del paesaggio si appunti effettivamente su concetti di tutela e valorizzazione del "bene paesaggistico" in un'accezione del tutto differente da quella utilizzata per la tutela dell'ambiente. La distinzione sopra evidenziata fra termini apparentemente simili si riempita di contenuto nel corso degli anni, evolvendo in maniera direttamente proporzionale all'aumentare della consapevolezza della fragilit ed importanza del bene-ambiente. Ecco perch a tale materia stato riservato un proprio ambito normativo in cui viene definito e tutelato il bene ambiente come insieme pi ampio del bene paesaggio, rilevante in quanto porzione del patrimonio culturale. Al contrario, il bene ambiente (e, quindi, laspetto tutorio di esso), viene ad essere identificato per la sua accezione salutistica, fondata su concetti di salubrit dellambiente, di naturalit delle risorse ambientali, di

limitatezza di esse, ecc. Cos, mentre il bene-paesaggio richiama alla mente il "patrimonio paesistico che ricomprende in s quegli elementi che caratterizzano ogni localit", il beneambiente involge riflessioni parallele, legate al diritto alla salute (inquinamento, energia, rifiuti, ecosistema, ecc.). stata emanata la legge 15 dicembre 2004, n. 308, contenente la delega al Governo per il riordino, il coordinamento e l'integrazione della legislazione in materia ambientale, subito soprannominata "codice dell'ambiente", da attuare nei seguenti settori e materie, anche mediante testi unici: gestione dei rifiuti e bonifica dei siti contaminati; tutela delle acque dall'inquinamento e gestione delle risorse idriche; difesa del suolo e lotta alla desertificazione;

197

gestione delle aree protette, conservazione e utilizzo sostenibile degli esemplari di specie protette di flora e di fauna;

tutela risarcitoria contro i danni dell'ambiente; procedure per la valutazione di impatto ambientale (VIA), valutazione ambientale strategica (VAS) e per l'autorizzazione ambientale integrata;

tutela dell'aria e riduzione delle emissioni in atmosfera. In attuazione, poi, della predetta legge delega n. 308 del 2004, stato

emanato il cosiddetto Testo Unico dellambiente (D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152).

La ripartizione delle funzioni fra Stato e Regioni A seguito dellemanazione della legge di riforma del Titolo V, Parte seconda della Costituzione - il cui art. 117 comma 2, lett. s), devolve alla competenza legislativa esclusiva statale la "tutela dell'ambiente e dellecosistema" -, si giunti alla prospettazione di diversi modelli di riparto di competenze, taluni di matrice dottrinale, altri di matrice giurisprudenziale. Anche l'ambiente un settore caratterizzato da strette connessioni con altri, la cui distinzione diviene in certi casi difficoltosa, data la fluidit con cui gli elementi degli uni si rinvengono in altri. Si pensi all'intreccio fra "ambiente" e "paesaggio" in senso culturale, fra "ambiente" e "territorio" in senso urbanistico, fra "ambiente" e "salute", fra "ambiente" e "ecosistema", ecc. Autorevoli studiosi hanno evidenziato in proposito che in conseguenza di interventi variamente connaturati, il dibattito si era spostato sulla

configurazione di ambiente non come vera e propria materia, ma, piuttosto, come valore costituzionale, che si colloca trasversalmente rispetto alle materie di competenza statale e regionale, e al cui perseguimento i diversi attori istituzionali del nostro ordinamento devono dunque concorrere secondo i canoni consueti della leale collaborazione". Opportunamente venivano altres evidenziate le "preoccupazioni destate dal problema del coordinamento tra la nuova materia ambientale e quelle contigue

198

che nel nuovo testo dell'art. 117 cost. vengono invece affidate alla competenza legislativa concorrente delle regioni (quali la tutela della salute e il governo del territorio), o che (presumibilmente) rientrano in quella residuale, quali agricoltura, cave e miniere, ecc". Anche la Corte costituzionale si trovata ad occuparsi in pi riprese del riparto delle competenze in tema di ambiente in occasione dell'entrata in vigore del nuovo Titolo V, Parte seconda della Costituzione. Nella sentenza 18 marzo 2005, n. 108, con cui la Corte costituzionale intervenuta in materia di competenza legislativa delle regioni in tema di tutela dellambiente. In estrema sintesi, la Corte ha ribadito che l'art. 117, secondo comma lettera s), della Costituzione, non fa riferimento ad una "materia" in senso tecnico, qualificabile come "tutela dellambiente", riservata rigorosamente alla

competenza statale, giacch essa, configurandosi piuttosto come un valore costituzionalmente protetto, investe altre competenze che ben possono essere regionali, spettando allo Stato il compito di fissare standard di tutela uniformi sull'intero territorio nazionale, con la conseguenza che la competenza esclusiva dello Stato non incompatibile con interventi specifici del legislatore regionale che si attengano alle proprie competenze. Questo d'altra parte un orientamento che appare ormai ben consolidato nella giurisprudenza della Consulta dal 2002 ad oggi in materia. In buona sostanza, la tutela dell'ambiente, di cui all'art. 117, secondo comma, lettera s), della Costituzione, si configura come una competenza statale non rigorosamente circoscritta e delimitata, ma connessa e intrecciata con altri interessi e competenze regionali concorrenti. Nell'ambito di dette competenze concorrenti, risulta legittima l'adozione di una disciplina regionale

maggiormente rigorosa rispetto ai limiti fissati dal legislatore statale (sentenza n. 222 del 2003). Relativamente all'art. 117, secondo comma, lettera s), della Costituzione, non si pu parlare di una "materia" in senso tecnico, qualificabile come "tutela dell'ambiente"; riservata rigorosamente alla competenza statale,

199

giacch essa, configurandosi piuttosto come un valore costituzionalmente protetto, investe altre competenze che ben possono essere regionali, spettando allo Stato il compito di fissare standard di tutela uniformi sull'intero territorio nazionale (sentenze n. 307 del 2003 e n. 407 del 2002), con la conseguenza che la competenza esclusiva dello Stato non incompatibile con interventi specifici del legislatore regionale: che si attengano alle proprie competenze (sentenze n. 259 del 2004; n. 312 e n. 303 del 2003)".

200

Appendice

LA LEGISLAZIONE STATALE E REGIONALE NEL SETTORE DELLENERGIA


SOMMARIO: Il precedente riparto costituzionale delle competenze in materia energetica ed il vigente art. 117 della Costituzione. Le leggi statali successive allentrata in vigore della legge costituzionale n. 3 del 2001. L'Accordo del 5 settembre 2002 intervenuto nell'ambito della Conferenza unificata Stato-Regioni e Stato-Citt ed autonomie locali in materia di produzione di energia elettrica. La legge n. 239 del 2004 sul riordino del settore energetico, nonch delega al Governo per il riassetto delle disposizioni vigenti in materia di energia. La legislazione regionale in materia energetica dopo la riforma del titolo V parte seconda della Costituzione. Considerazioni conclusive. Allegato: Legge 23 agosto 2004, n. 239.

Il precedente riparto costituzionale delle competenze in materia energetica ed il vigente art. 117 della Costituzione Il nuovo testo dell'articolo 117, terzo comma, della Costituzione ha inserito la produzione, il trasporto e la distribuzione nazionale dell'energia tra le materie su cui si esercita la potest legislativa concorrente di Stato e regioni. Il vecchio testo dell'articolo 117 della Costituzione non menzionava la materia dell'energia che quindi rientrava nella piena competenza dello Stato, salva la facolt, prevista in via generale dal terzo comma, per le leggi statali di demandare alle regioni il potere di emanare norme di attuazione delle disposizioni in materia energetica. Per oltre un trentennio il settore dell'energia stato oggetto di una gestione fortemente centralizzata. I primi accenni di decentramento si sono avuti solo con la legge n. 308 del 1982 che ha affidato alle regioni ed agli enti locali un ruolo di qualificazione della domanda energetica e di gestione dei contributi. L'esplicito riconoscimento di un ruolo, per quanto circoscritto, alle regioni quindi intervenuto con le leggi 9 gennaio 1991, n. 9, "Norme per l'attuazione del nuovo Piano energetico nazionale: aspetti istituzionali, centrali idroelettriche ed elettrodotti, idrocarburi e

201

geotermia, autoproduzione e disposizioni fiscali" e 9 gennaio 1991, n. 10, "Norme per l'attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell'energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili d'energia", con le quali la regione viene stabilmente inserita nel sistema del Piano energetico nazionale. In particolare, la legge n. 10/1991, all'articolo 5, disciplinava i Piani energetici regionali, aventi ad oggetto l'uso razionale dell'energia e l'utilizzo delle fonti di energia rinnovabili e, sulla base dell'articolo 117, terzo comma, della Costituzione allora vigente, demandava alle regioni la potest di emanare norme per la propria attuazione. Sul piano del decentramento amministrativo, ha avuto un significativo impatto il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, "Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, in attuazione del capo I della legge 15 marzo 1997, n. 59", che ha indicato le competenze amministrative riservate allo Stato ed attribuite agli enti locali, delegando alle regioni le restanti funzioni in materia energetica. Il comparto energetico, a partire dagli anni '90, stato interessato da una crescente produzione normativa di fonte comunitaria. Ci comporta che, a livello nazionale, i due settori energetici di maggiore rilievo (elettricit e gas) siano attualmente disciplinati sulla base di normative di recepimento di direttive dell'Unione europea. La regolamentazione fondamentale di tali settori rispettivamente contenuta nel decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, di attuazione della direttiva 96/92/CE e nel decreto legislativo 25 maggio 2000, n. 164, di attuazione della direttiva 98/30/CE. L'obiettivo di fondo delle direttive comunitarie rappresentato dalla costruzione di un mercato unico dell'energia attuata attraverso una progressiva liberalizzazione del comparto bilanciata dall'introduzione di garanzie incentrate sulla nozione di servizio pubblico. Gli interventi normativi ai quali si accennato, nazionali e comunitari, non hanno modificato l'assetto della disciplina del settore che continua a fare perno sul ruolo dello Stato per quanto riguarda la definizione delle politiche energetiche e la relativa attuazione. Il nuovo testo dell'articolo 117 della Costituzione appare pertanto richiedere una profonda riconsiderazione della ripartizione delle competenze legislative in materia energetica. Occorre peraltro valutare i limiti - ulteriori rispetto a quelli derivanti alla potest legislativa regionale dalla determinazione dei "principi fondamentali" ad opera

202

dello Stato - discendenti dalla legislazione statale nelle materie di competenza esclusiva (tutela della concorrenza, livelli essenziali delle prestazioni, tutela dell'ambiente, tutela della sicurezza). Tali limiti sono stati invocati dal Governo a fondamento di taluni interventi legislativi, ma le regioni non hanno mancato di negare la possibilit di richiamarsi a taluni di essi o ne hanno comunque contestato la rilevanza con riferimento a singoli provvedimenti adottati dal legislatore statale ritenuti invasivi delle competenze regionali. Per consentire l'esercizio delle competenze legislative regionali, occorre che venga approvata una legislazione statale di trasferimento delle nuove funzioni di spettanza delle Regioni, alle quali spetter quindi la definizione dei principi fondamentali in tema di "produzione, trasporto e distribuzione d'energia", ma altres il compito di disciplinare, anche eventualmente con norme di dettaglio, quei profili della materia energetica interessati dalle competenze legislative statali di natura esclusiva. Peraltro, sino a quella data, sembrerebbe comunque esservi la possibilit per le regioni di esercitare le competenze legislative in materia energetica nell'ambito dei principi fondamentali "desumibili dalle leggi statali vigenti", come espressamente prevede la legge 5 giugno 2003, n. 131, recante "Disposizioni per l'adeguamento dell'ordinamento della Repubblica alla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3", all'art. 1 terzo comma, riproponendo del resto quanto gi sancito dalla legge 16 marzo 1970, n. 281, con riferimento al testo previgente dell'articolo 117 della Costituzione. E' bene infine ricordare che tale principio stato di recente affermato dalla stessa Corte costituzionale con riguardo al nuovo testo dell'articolo 117 Cost. nella sentenza n. 282 del 2002. Peraltro le regioni, oltre a desumere i principi fondamentali dalle legislazione statale vigente, sembrerebbero altres tenute a considerare i limiti derivanti alla legislazione regionale dalle competenze statali di natura esclusiva.

Le leggi statali successive allentrata in vigore della legge costituzionale n. 3 del 2001 Ai sensi del nuovo testo dellart. 117 Cost., nella materia energetica sono stati effettuati interventi legislativi che, collocandosi nella sostanza nel vigente quadro

203

normativo, hanno tentato di fornire risposte a specifiche esigenze nel settore dellenergia. Nell'ambito di tali interventi, quello di carattere maggiormente significativo, sia per la maggiore complessit sia per la volont di tenere in qualche modo conto, pur non essendo volto a darvi attuazione, del nuovo assetto costituzionale delle competenze, rappresentato dal decreto-legge 7 febbraio 2002, n. 7, recante misure urgenti per garantire la sicurezza del sistema elettrico nazionale, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 aprile 2002, n. 55. Il provvedimento, al fine di evitare il pericolo di interruzione della fornitura di energia elettrica su tutto il territorio nazionale, ha dettato una disciplina di natura transitoria, valida sino alla determinazione dei principi fondamentali della materia in attuazione dell'articolo 117, terzo comma, della Costituzione, e comunque non oltre il 31 dicembre 2003, relativa alla procedura di autorizzazione alla costruzione ed all'esercizio degli impianti di produzione di energia elettrica di potenza superiore a 300 MW termici, agli interventi di modifica ed alle opere connesse. L'autorizzazione disciplinata dal decreto unica ed rilasciata dal Ministro delle attivit produttive, previa intesa con la conferenza Stato-regioni, a conclusione di un procedimento svolto d'intesa con la regione interessata, al quale partecipano le amministrazioni statali e locali interessate. Si inoltre disposto che il rilascio della valutazione di impatto ambientale (VIA) costituisca parte integrante e condizione necessaria del procedimento autorizzatorio. L'istruttoria procedimentale, acquisita la VIA, si deve concludere entro 180 giorni dalla data di presentazione della richiesta. Il decreto-legge in esame presenta aspetti interessanti sotto il profilo ordinamentale ed istituzionale in quanto si configura come una soluzione ponte, adottata per ragioni di necessit ed urgenza, nelle more dell'attuazione del disposto costituzionale. Il legislatore ha tra l'altro ritenuto di sottolineare la necessaria transitoriet delle scelte compiute in materia di esercizio delle competenze statali e regionali prevedendo che le nuove disposizioni cessino, in ogni caso (e quindi anche qualora non si sia ancora provveduto al trasferimento di competenze richiesto dall'art. 117 Cost.) di avere efficacia il 31 dicembre 2003, dando vita ad una peculiare fattispecie di legge "a tempo".

204

La stessa formulazione del provvedimento, che sembra escludere si tratti di esercizio di competenze concorrenti (viene infatti rinviata ad altro provvedimento la definizione dei principi fondamentali ai sensi dell'art. 117, terzo comma, Cost.), pone il problema di individuarne il fondamento costituzionale. Al momento sufficiente rilevare come il titolo del decreto faccia riferimento a "misure urgenti per garantire la sicurezza del sistema elettrico nazionale". L'articolo 1 del decreto chiarisce inoltre come l'intervento si giustifichi alta luce della necessit e dell'urgenza di "evitare il pericolo di interruzione di fornitura di energia elettrica su tutto il territorio nazionale e di garantire la necessaria copertura del fabbisogno nazionale". Un secondo intervento normativo stato attuato con la legge 1 marzo 2002, n. 39 (Legge comunitaria 2001), che, all'articolo 43, ha delegato il Governo al recepimento della direttiva 2001/77/CE sulla promozione dell'energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili. Tale disposizione sembrerebbe risultare neutra sul piano della ripartizione delle competenze legislative tra Stato e regioni. Il comma 5 dell'articolo 1 della legge n. 39/2002 prevede, infatti, con una disposizione di carattere generale valida per tutti i decreti di recepimento delle direttive comunitarie adottati sulla base della legge comunitaria, che i provvedimenti eventualmente adottati nelle materie di competenza regionale entrino in vigore, alla data di scadenza del termine stabilito per l'attuazione della normativa comunitaria, nelle sole regioni nelle quali non sia in vigore una normativa di attuazione e perdano comunque efficacia alla data di entrata in vigore della normativa di attuazione regionale. Tale disposizione non considera espressamente le materie oggetto di legislazione concorrente, ma non sembra vi siano ostacoli a ritenere che, con riferimento a tali materie, il disposto del citato comma 5 si applichi alle norme dei decreti legislativi non concernenti i principi fondamentali della materia. Per quanto riguarda invece i principi fondamentali, desumibili o, come sarebbe preferibile, espressamente definiti tali dai decreti, dovrebbe ritenersi che, secondo i principi generali, entrino in vigore ed acquistino efficacia in via permanente per tutte le regioni allo scadere del termine ordinario di pubblicazione. Va altres segnalato come, tra i principi ed i criteri direttivi della disposizione di delega in questione, figuri la "semplificazione delle procedure amministrative per la realizzazione degli impianti, nel rispetto delle competenze di Stato, regioni ed enti locali". Sembrerebbe in tal modo

205

affidato al legislatore delegato il compito di tenere conto del nuovo quadro costituzionale delle competenze. Correlato con il contenuto del decreto-legge prima ricordato invece un terzo intervento operato dall'articolo 13 del decreto legislativo 20 agosto 2002, n. 190, adottato in attuazione della legge 21 dicembre 2001, n. 443, per la realizzazione delle infrastrutture e degli insediamenti produttivi strategici e di interesse nazionale. Tale articolo individua una specifica procedura per la localizzazione, la VIA, l'approvazione dei progetti e la dichiarazione di pubblica utilit delle infrastrutture strategiche per l'approvvigionamento energetico, incluse nel programma approvato dal CIPE sul quale basato l'impianto di tutto il predetto decreto legislativo. Nei confronti della citata categoria di opere sembra pertanto non debbano trovare applicazione le disposizioni del predetto decreto-legge che appare tra l'altro avere un ambito pi circoscritto risultando attinente al solo settore elettrico limitatamente agli impianti di produzione ed alle infrastrutture energetiche necessarie all'esercizio degli stessi. Va inoltre rilevato come l'articolo in esame, a differenza delle disposizioni contenute nel decreto-legge, non abbia un'efficacia limitata nel tempo e rechi, a tutti gli effetti, norme a regime. La titolarit del procedimento , anche in questo caso, del Ministero delle attivit produttive mentre la potest di approvare il progetto definitivo rimessa al CIPE. Un quarto intervento legislativo statale relativo al settore energetico stato attuato con la legge 12 dicembre 2002, n. 273, "Misure per favorire l'iniziativa privata e lo sviluppo della concorrenza", che reca un Capo (il Capo IV) denominato "disposizioni in materia di politica energetica". Si tratta di otto articoli recanti modifiche ed integrazioni alle normative vigenti e finalizzati ad affrontare specifiche questioni. In tutti i casi, anche quando si tratta di materie oggetto del nuovo testo dell'articolo 117 Cost. (infrastrutture energetiche, distribuzione dei carburanti, fonti rinnovabili ed importazione e fornitura di energia elettrica) il legislatore si limitato ad intervenire, in modo espresso o implicito, sulla legislazione previgente senza modificarne in alcun modo l'assetto. Dinanzi a simili interventi, salvo i casi di esercizio di competenze di natura esclusiva, sembrerebbe porsi il problema dell'ammissibilit di un'attivit di "manutenzione" della normativa vigente che, in assenza di una disciplina volta a fissare i principi fondamentali in materia di energia, sembrerebbe in ogni caso dare vita, in linea di principio, ad una disciplina di natura cedevole destinata ad essere

206

superata dall'esercizio delle competenze legislative regionali ancorch fondato su principi fondamentali autonomamente desunti dalla legislazione statale vigente.

L'Accordo del 5 settembre 2002 intervenuto nell'ambito della Conferenza unificata Stato-Regioni e Stato-Citt ed autonomie locali in materia di produzione di energia elettrica Il 5 settembre 2002, nell'ambito della Conferenza unificata, stato sancito un accordo tra il Governo, le regioni, le province, i comuni e le comunit montane relativamente ai criteri generali di valutazione dei progetti di costruzione ed esercizio di impianti di produzione di energia elettrica nonch ai compiti ed alle funzioni amministrative nel settore della produzione dell'energia elettrica. Nelle premesse dell'Accordo viene espressamente richiamata, oltre al D.Lgs. n. 79 del 1999 di attuazione della direttiva 96/92/CE relativa al mercato comune dell'energia elettrica ed al decreto legislativo n. 112 del 1998, la legge costituzionale n. 3 del 2001. Secondo il testo dell'Accordo, la stessa normativa comunitaria a richiedere che gli Stati membri stabiliscano a priori e rendano pubblici i criteri e le procedure di autorizzazione alla costruzione di impianti sul proprio territorio e questo rende necessario la conclusione di un intesa in merito tra i diversi livelli di governo. L'Accordo non chiarisce gli effetti della riforma del titolo V della Costituzione per quanto concerne il rilascio delle autorizzazioni alla costruzione di nuovi impianti di produzione di energia, limitandosi ad osservare come la legge costituzionale n. 3 del 2001 comporti un potenziamento delle autonomie e sia quindi destinato ad avere dei riflessi sul quadro delle competenze amministrative in materia di energia delineato dal decreto legislativo n. 112 del 1998. L'Accordo, a ben vedere, non poteva rivelarsi lo strumento idoneo per un intervento di tal genere ed quindi comprensibile che si sostanzi nella definizione di linee comuni per l'esercizio delle competenze amministrative ai diversi livelli, senza precisare quale sia l'oggetto delle diverse competenze. Pu, invece, lasciare perplessi la circostanza che l'Accordo non contenga alcun riferimento alla legge 9 aprile 2002, n. 55, di conversione del decreto-legge n. 7 del 2002, sulla quale ci si in precedenza soffermati. Un richiamo a tale normativa, che

207

verte sulla stessa materia dell'Accordo ed entrata in vigore in data antecedente, avrebbe potuto infatti agevolarne l'attuazione, facilitando, in particolare, la conclusione nei termini previsti dei procedimenti di autorizzazione alla realizzazione dei nuovi impianti che, come si visto, sono di competenza statale ma non possono prescindere dal conseguimento di intese con le regioni e gli enti locali. Questa assenza di coordinamento potrebbe ritenersi dovuta alla circostanza che la predetta normativa non diretta a dare attuazione al nuovo impianto costituzionale. Una simile scelta potrebbe tuttavia anche spiegarsi con la decisa avversione delle regioni nei confronti di quel provvedimento legislativo. Non sembra peraltro potersi escludere l'applicabilit anche in sede di attuazione del decreto-legge in questione il quale, sino alla definizione dei principi fondamentali ai sensi del terzo comma dell'articolo 117 Cost., destinato a disciplinare la materia. Ci non toglie che l'Accordo rappresenti, per taluni aspetti, una modalit di soluzione potenzialmente alternativa e comunque parallela ai problemi posti dal nuovo titolo V rispetto a quella individuata per via legislativa e che, tra l'altro, non sembra necessariamente destinata a perdere di efficacia in seguito all'attuazione del disposto costituzionale. Il problema del rapporto tra i due atti venuto all'attenzione del Parlamento in occasione dell'esame del decreto-legge 18 febbraio 2003, n. 25, recante disposizioni in legge in materia di oneri generali del sistema elettrico, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 aprile 2003, n. 83, che, all'art. 3, ha individuato i criteri per l'individuazione delle priorit ai fini della effettuazione della valutazione di impatto ambientale dei progetti di nuova installazione o di modifica di impianti termoelettrici presentati ai sensi del decreto-legge n. 7 del 2002. Nel corso di un'audizione informale presso la Commissione attivit produttive, commercio e turismo della Camera, avente ad oggetto l'approfondimento dei contenuti del decreto-legge n. 25 del 2003, i rappresentanti delle Regioni hanno chiesto di modificare il provvedimento al fine di fare salvi i criteri previsti dall'Accordo prima richiamato. Il Governo si tuttavia dichiarato contrario a tale ipotesi e la Commissione non ha ritenuto di recepire l'indicazione dei rappresentanti regionali. Nel merito va osservato come i criteri introdotti dal decretolegge dovrebbero, in sostanza, prevalere su quelli contenuti nell'Accordo, nel senso che questi ultimi sembrerebbero destinati a ricevere applicazione solo nei confronti dei progetti per i quali sia stata effettuata la valutazione di impatto ambientale.

208

La legge n. 239 del 2004 sul riordino del settore energetico, nonch delega al Governo per il riassetto delle disposizioni vigenti in materia di energia Con il disegno di legge Atto Camera n. 3297, XIV Legislatura, il Governo aveva predisposto un provvedimento articolato secondo tre direttrici: definizione delle competenze dello Stato e delle Regioni in virt di quanto previsto dal vigente titolo V parte seconda della Costituzione; completamento della liberalizzazione dei mercati energetici; incremento dellefficienza del mercato interno. A conclusione dei lavori parlamentari stato approvato il testo normativo, di cui alla legge n. 239 del 2004, composto di un unico articolo, con ben 121 commi, alcuni dei quali suddivisi in paragrafai indicati con le lettere dellalfabeto, i quali in alcuni casi sono ulteriormente organizzati in sottoparagrafi indicati con i numeri arabi egualmente ai commi. Il 1 comma dellunico articolo della legge prevede che nellambito dei principi derivanti dallordinamento comunitario e dagli obblighi internazionali, sono principi fondamentali in materia energetica, ai sensi dellart. 117, 3 comma della Costituzione, quelli posti dalla presente legge, autoqualificando in via generale le proprie norme come principi fondamentali. Sugli effetti giuridici derivanti dall'autoqualificazione statale la Corte costituzionale ha sviluppato un consolidato filone giurisprudenziale nel quale ha negato di poter attribuire allautoqualificazione enunciata dal legislatore un valore prescrittivo; poich spetta in ultima istanza alla Corte stessa, quale custode del riparto di competenze tra lo stato e le regioni, vagliare la natura delle norme statali e non lasciare l'autonomia regionale alla merc del Parlamento; tuttavia, l'esperienza ha dimostrato, d'altro canto, quanto sia difficile identificare un parametro che consenta uno stretto scrutinio da parte della Corte (sentenza n. 482 del 1995). Oltre i principi fondamentali della materia, la fonte statale prevede (1 comma) anche le disposizioni per il settore energetico che contribuiscono a garantire la tutela della concorrenza, la tutela dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali, la tutela dell'incolumit e della sicurezza pubblica, la tutela dell'ambiente e dell'ecosistema al fine di assicurare l'unit giuridica ed economica dello stato e il

209

rispetto delle autonomie regionali e locali, dei trattati internazionali e della normativa comunitaria. Queste disposizioni forniscono allo Stato un ampio titolo per intervenire nella disciplina del settore energetico; ci evidente per la tutela dell'ambiente, ma soprattutto per la tutela della concorrenza. Nel caso del settore energetico, in particolar modo, le esigenze unitarie hanno spinto il legislatore statale ben oltre la definizione dei principi fondamentali, costringendolo a disegnare una disciplina articolata e complessa che tenesse conto delle indicazioni gi espresse dalla Corte costituzionale, salvaguardasse le competenze regionali e rendesse funzionale il sistema. Passando ad analizzare i rapporti tra lo Stato e le regioni nel settore oggetto della disciplina, la legge n. 239/2004 prevede che gli obiettivi e le linee della politica energetica nazionale, nonch i criteri generali per la sua attuazione a livello territoriale, sono elaborati e definiti dallo Stato che si avvale anche dei meccanismi di raccordo e di cooperazione con le autonomie regionali previsti dalla presente legge (comma 1). Il comma 3 dell'art. 1, infatti, prevede un elenco di questi obiettivi (lettere dalla a alla n), i quali, quindi, si atteggiano a principi fondamentali della materia posti dal potere legislativo centrale. L'intervento delle regioni, sempre nell'ambito degli obiettivi generali di politica energetica del paese, invece, opera soprattutto sul piano del conseguimento degli stessi, che, per l'appunto, dovrebbe essere assicurato dallo Stato, dall'autorit di settore, dalle regioni e dagli enti locali, sulla base dei principi di sussidiariet, differenziazione, adeguatezza e leale collaborazione. Occorre, guardando il testo della legge n. 239 del 2004, segnalare anche le previsioni del comma 4 dell'art. 1. Si prevede, infatti, che lo Stato e le regioni, al fine di assicurare su tutto il territorio nazionale i livelli essenziali delle prestazioni concernenti l'energia nelle sue varie forme e in condizioni di omogeneit sia con riguardo alle modalit di fruizione sia con riguardo ai criteri di formazione delle tariffe e al conseguente impatto sulla formazione dei prezzi devono garantire alcune condizioni di seguito elencate: il rispetto delle condizioni di concorrenza (lett. a), l'assenza di vincoli alla libera circolazione dell'energia in Italia e in Europa (lett. b), l'assenza di oneri di qualsiasi specie che abbiano effetti economici diretti o indiretti ricadenti al di

210

fuori dell'ambito territoriale delle autorit che li prevedono (lett. c), l'unitariet della regolazione e della gestione dei sistemi di approvvigionamento e di trasporto nazionale e transnazionale di energia (lett. e), l'adeguato equilibrio territoriale nella localizzazione delle infrastrutture energetiche (lett. f) nonch la tutela dell'ambiente e dell'ecosistema (lett. i). La legge in esame, quindi, si preoccupa di distribuire compiti e funzioni amministrativi nel settore, ai sensi dell'art. 118 della Costituzione, intervenendo sulla disciplina gi in vigore. Prima di far ci, in ogni modo, il legislatore statale ha dovuto definire quali attivit fossero da considerare libere (soprattutto sulla base di quanto prevede la normativa comunitaria, gi attuata con i d.lgs. nn. 79/1999 e 164/2000) e, quali, invece, fossero soggette a concessione e agli oneri di pubblico servizio. E evidente che la stessa individuazione delle attivit libere costituisce un principio fondamentale della materia. Cos, il 2 comma dell'art. 1, prevede che a) le attivit di produzione, importazione, esportazione, stoccaggio non in sotterraneo anche di oli minerali, acquisto e vendita di energia ai clienti idonei, nonch di trasformazione delle materie fonti di energia, sono libere su tutto il territorio nazionale, nel rispetto degli obblighi di servizio pubblico derivanti dalla normativa comunitaria e dalla legislazione vigente; b) le attivit di trasporto e dispacciamento del gas naturale a rete, nonch la gestione di infrastrutture di approvvigionamento di energia connesse alle attivit di trasporto e dispacciamento di energia a rete, sono di interesse pubblico e sono sottoposte agli obblighi di servizio pubblico derivanti dalla normativa comunitaria, dalla legislazione vigente e da apposite convenzioni con le autorit competenti; c) le attivit di distribuzione di energia elettrica e gas naturale a rete, di esplorazione, coltivazione, stoccaggio sotterraneo di idrocarburi, nonch di trasmissione e dispacciamento di energia elettrica sono attribuite in concessione secondo le disposizioni di legge. Il comma 6 prevede che le regioni determinino con proprie leggi il conferimento delle funzioni amministrative non riservate allo Stato dalla stessa legge, mentre i due successivi definiscono compiti e funzioni amministrativi esercitati dallo Stato, anche avvalendosi dell'Autorit per l'energia elettrica ed il gas (AEEG). Nell'esercizio di tali funzioni, lo Stato si trova in numerose occasioni ad interagire con il mondo delle autonomie territoriali; a volte ci accade sulla base della normativa gi vigente (per

211

esempio, la legge n. 443 del 2001, il d.lgs. n. 190 del 2002 e la normativa della legge n. 55 del 2002) cos come forgiata dalle pronunce della Corte costituzionale (sentt. nn. 303 del 2003 e 6 del 2004); in altri casi, la stessa legge n. 239 del 2004 a prevedere un accordo tra lo Stato e le regioni interessate ovvero il coinvolgimento (a vario titolo) del sistema delle conferenze. In pi occasioni si prescrive il raggiungimento di un'intesa con la Conferenza Stato-Regioni o con quella unificata, ovvero un loro parere.

La legislazione regionale in materia energetica dopo la riforma del titolo V parte seconda della Costituzione. Tra le regioni a statuto ordinario ad aver adottato una organica disciplina legislativa in materia energetica successivamente all'entrata in vigore della legge costituzionale n. 3 del 2001 risulta essere il Piemonte. La legge regionale 7 ottobre 2002, n. 23, ha infatti riordinato le funzioni ed i compiti che spettano alla regione, alle province ed ai comuni in materia di energia ai sensi del decreto legislativo n. 112 del 1998. La legge prevede inoltre che la regione, in attuazione dell'articolo 117, terzo comma, della Costituzione, eserciti le attribuzioni non riservate allo Stato dalla legge nazionale emanata ai sensi dello stesso articolo 117 sui principi fondamentali. In merito a tale previsione, contenuta nel comma 1 dell'articolo 2, va peraltro osservato come, poich il riferimento sembrerebbe relativo alle funzioni amministrative non statali, andrebbe approfondito il significato di una riserva di carattere generale in favore della Regione in quanto, ai sensi dell'articolo 118 Cost., le funzioni amministrative devono, in linea di principio, ritenersi di competenza dei comuni, salvo che esigenze di carattere unitario giustifichino l'attribuzione delle stesse ad altri livelli di governo. La legge in esame definisce inoltre i contenuti del Piano regionale energeticoambientale quale strumento di programmazione con il compito di individuare obiettivi, parametri e indicatori di qualit in termini di produzione, trasporto, distribuzione e consumo di energia. Una particolare attenzione dedicata ai temi ambientali e si prevedono azioni specifiche nel settore delle fonti rinnovabili e assimilate, la riduzione dei consumi energetici e l'aumento dell'efficienza del sistema energetico regionale. Per quanto riguarda le disposizioni di raccordo con la programmazione energetica

212

nazionale, si dispone che la regione concorra con lo Stato al raggiungimento degli obiettivi nazionali di politica energetica e si afferma inoltre che il piano regionale dovr essere predisposto nel rispetto degli indirizzi e delle norme vigenti. Per quanto concerne le regioni ad autonomia speciale, va segnalata la legge della regione Friuli-Venezia Giulia 1 novembre 2002, n. 251 "Disposizioni in materia di energia", con la quale sono state disciplinate le funzioni e l'organizzazione delle attivit attribuite alla regione in materia di energia dal decreto legislativo 23 aprile 2002, n. 110 "Norme speciali di attuazione dello statuto speciale della regione Friuli-Venezia Giulia concernenti il trasferimento di funzioni in materia di energia, miniere, risorse geotermiche ed incentivi alle imprese". L'ambito della legge stato quindi definito dalle disposizioni del decreto con il quale si proceduto ad una ripartizione delle funzioni e delle competenze tra Stato, Regione ed enti locali che ricalca quasi pedissequamente quella disciplinata dalle disposizioni del decreto legislativo n. 112 del 1998 relative al conferimento delle funzioni e dei compiti amministrativi. II decreto, infatti, all'articolo 1, provvede a trasferire alla Regione "tutte le funzioni in materia di energia che concemono attivit di ricerca, produzione, trasporto e distribuzione di qualunque forma di energia", all'articolo 2, contiene un'elencazione delle funzioni e delle competenze riservate allo Stato di contenuto analogo all'articolo 29 del decreto legislativo n. 112. Dall'esame della legge regionale si ricava come, nel complesso, la Regione venga ad essere titolare, in materia energetica, di un nucleo di funzioni pi ristretto di quello che le regioni sembrerebbero destinate ad esercitare in seguito all'attuazione del nuovo testo dell'articolo 117, comma terzo, Cost. E' sufficiente in proposito ricordare come risultino permanere in capo allo Stato tutte le funzioni ed i compiti concernenti "la costruzione e l'esercizio degli impianti di produzione di energia elettrica di potenza superiore a 300 MW termici, salvo quelli che producono energia da fonti rinnovabili di energia e da rifiuti ...nonch le reti per il trasporto di energia con tensione superiore a 150 KV, il rilascio delle concessioni per l'esercizio delle attivit elettriche di competenza statale, e le reti di interesse nazionale di oleodotti e gasdotti" (art. 2, comma 1, lett. h), del D.Lgs., n. 110 del 2002). Una riserva di tale ampiezza sembra, ad esempio, consentire di ritenere pienamente legittima, con riferimento al FriuliVenezia Giulia, una disciplina analoga a quella recata dal decreto-legge n. 7 del 2002 che risultata, invece, estremamente controversa alla luce della riforma del titolo V

213

della Costituzione, tanto da indurre il legislatore a prevedere un termine di efficacia delle relative disposizioni. D'altro canto va osservato come la legge regionale riconosca alla Regione anche competenze relative alla trasmissione di energia elettrica, ivi inclusa linterconnessione con le reti di trasmissione estera, senza specificare che, ai sensi dell'art. 2, comma 1, lett. h), tali attivit sembrerebbero poter riguardare solo le reti per il trasporto di energia con tensione inferiore a 150 KV e senza apparentemente tenere conto che le determinazioni in materia di importazione ed esportazione di energia sono riservate allo Stato dall'art. 2, comma 1, lett. c), D.Lgs. n. 110/2002. Riguardo a tale provvedimento, va ricordato come l'articolo 10 della legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3, "Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione", dispone che, "sino all'adeguamento dei rispettivi statuti, le disposizioni della presente legge si applicano anche alle Regioni a statuto speciale ed alle province autonome di Trento e Bolzano per le parti in cui prevedono forme di autonomia pi ampie rispetto a quelle gi attribuite". Sembrerebbe pertanto che, in seguito all'adozione della legge in esame, nei confronti della regione Friuli-Venezia Giulia non trovi in ogni caso pi applicazione il predetto articolo.

Considerazioni conclusive Dallesame dei contenuti della legislazione statale e regionale in materia di energia emergono alcuni temi meritevoli di approfondimento. Un primo problema di carattere generale riguarda il fondamento costituzionale delle competenze legislative esercitate (ed esercitabili) da Stato e regioni. In proposito da premettere come le maggiori incertezze non risultino derivare tanto dalla definizione e dalla titolarit delle competenze di natura concorrente, quanto dall'individuazione delle competenze statali esclusive idonee ad incidere sulla materia energetica. Riguardo alle competenze concorrenti infatti sufficiente osservare come, anche se il disposto costituzionale dell'articolo 117, terzo comma, Cost., si limita a menzionare "produzione, trasporto e distribuzione nazionale dell'energia", non sembrano esservi dubbi circa la volont del legislatore di riferirsi a tutte le attivit tipiche del settore energetico e quindi, in particolare, anche all'importazione, all'esportazione ed allo stoccaggio di energia,

214

attivit in relazione alle quali sarebbe del resto difficile sostenere, sotto il profilo sistematico ma anche sotto quello strettamente tecnico, la sussistenza di una competenza residuale, e quindi piena, delle regioni. Tuttaltro invece il discorso per quanto riguarda la definizione dei profili delle materie di competenza statale esclusiva da ritenersi rilevanti con riferimento alla materia dell'energia. Il Governo, nell'adottare provvedimenti di carattere legislativo in materia energetica ha fatto riferimento, alla necessit di intervenire in materie di esclusiva competenza statale quali la sicurezza, la tutela della concorrenza, la determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali, la tutela dell'ambiente. Le regioni hanno tuttavia sovente contestato la possibilit di invocare determinate competenze di natura esclusiva. Ad esempio, per quanto riguarda la materia della sicurezza, la Corte costituzionale, nella sentenza n. 407 del 2002, ha assegnato una portata restrittiva alla nozione di sicurezza pubblica di cui alla lett. h) dell'articolo 117, secondo comma, Cost. in quanto, a giudizio della Consulta, il contesto specifico del dettato costituzionale "induce, in ragione della connessione testuale con l'ordine pubblico, e dell'esclusione esplicita della "polizia amministrativa locale", nonch in base ai lavori preparatori, ad un'interpretazione restrittiva della nozione di "sicurezza pubblica". Per la Corte ci sufficiente ad escludere che la "nozione di sicurezza pubblica" rivesta una "portata estensiva, in quanto distinta dall'ordine pubblico, o collegata con la tutela della salute, dell'ambiente, del lavoro e cos via". Per quanto riguarda l'energia, sembrerebbe quindi difficile prospettare, ad esempio, la possibilit di interventi legislativi dello Stato ai sensi del secondo comma dell'art. 117 Cost. basati sulla necessit di assicurare la sicurezza del sistema elettrico nazionale. Un diverso fondamento all'intervento statale stato ravvisato nella lettera m), secondo comma, articolo 117 Cost., che attribuisce allo Stato la competenza legislativa esclusiva in materia di determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale. Le regioni hanno escluso tale possibilit. Tuttavia, va osservato come l'interruzione delle forniture energetiche ovvero una crescita spropositata del prezzo dell'energia siano idonee ad influire in maniera estremamente negativa sulle condizioni di vita e di lavoro delle popolazioni e possano, in particolare, incidere in maniera assai significativa, sia

215

pure indirettamente, sulla fruizione di diritti sociali. Si dovrebbe, per altro verso, considerare che la competenza statale risulta in ogni caso limitata alla determinazione dei "livelli essenziali" delle prestazioni. Per il momento la Corte costituzionale, nella sentenza n. 282 del 2002, con riferimento alla materia in questione, ma formulando osservazioni che sembrano estensibili anche ad altre competenze statali esclusive, si limitata a rilevare come non si 'tratta di una materia in senso stretto ma di una competenza del legislatore statale idonea ad investire tutte le materie, rispetto alle quali il legislatore stesso deve poter porre le norme necessarie per assicurare a tutti, sull'intero territorio nazionale, il godimento di prestazioni garantite". Il ragionamento della Corte sembra poter essere, in particolare, esteso alla "tutela della concorrenza. In questo caso, l'obiettivo che potr essere perseguito dal legislatore statale attraverso la disciplina di 'tutte le materie" sar quello di assicurare una regolare competizione tra gli operatori economici. Considerazioni per molti aspetti analoghe la Corte ha quindi svolto nella sentenza n. 407 del 2002 con riferimento alla materia 'tutela dell'ambiente", rilevando come non si tratti di una "sfera di competenza statale rigorosamente circoscritta e delimitata, giacch, al contrario, essa investe e si intreccia inestricabilmente con altri interessi e competenze". Per la Corte l'ambiente, in quanto valore costituzionalmente protetto", "delinea una sorta di materia trasversale", in ordine alla quale si manifestano competenze diverse, che ben possono essere regionali, spettando allo Stato le determinazioni che rispondono ad esigenze meritevoli di disciplina uniformi sull'intero territorio nazionale". Pu inoltre osservarsi come anche la normativa comunitaria potrebbe rivelarsi idonea ad incidere sull'ambito delle competenze statali di natura esclusiva. Determinate limitazioni della potest legislativa regionale potrebbero infatti ritenersi fondate su principi posti dal diritto comunitario, in particolare nei casi in cui questi richiedano un esercizio necessariamente unitario di determinate competenze. Un esempio pu essere fornito dalla rete nazionale di trasmissione di energia elettrica in relazione alla quale la disciplina comunitaria impone di garantire l'interconnessione e l'interoperabilit con le altre reti europee nonch la libert di accesso, a condizioni uniformi, da parte di tutti gli operatori, rendendo assai problematico immaginare una regolamentazione differenziata da regione a regione o la coesistenza di una pluralit di gestori della rete stessa.

216

Quello che complessivamente emerge come, anche per le materie di esclusiva competenza statale che sembrerebbero legittimare interventi nella materia dell'energia, si ponga un problema di proporzionalit ed adeguatezza dell'intervento rispetto ai valori tutelati e, quindi, in primo luogo, di una evidenziazione delle ragioni che giustificano l'intervento stesso. Una circostanza che appare assodata l'intreccio di competenze, concorrenti e esclusive, dal quale ha origine la legislazione in materia energetica. Tale intreccio ha bisogno di essere governato secondo criteri che, in linea di massima, sembrerebbero dover essere condivisi tra Stato e regioni. A questo livello occorre segnalare come, in materia di energia, abbia avuto luogo un'attivit di concertazione tra Governo e regioni finalizzata ad individuare soluzioni il pi possibili concordate per quanto riguarda l'attuazione del dato costituzionale. Sono innanzitutto intervenute intese di principio nell'ambito della Conferenza unificata (Accordo del 5 settembre 2002) non immediatamente legate all'esercizio di specifiche competenze legislative e volte invece ad identificare linee di azione condivise riguardo a determinate problematiche. In occasione dell'adozione dei due principali provvedimenti di competenza statale stata seguita una strada diversa. Nel caso dell'adozione del decreto-legge n. 7 del 2002 il Governo non ha ritenuto di acquisire preventivamente l'assenso, o comunque di interpellare, la Conferenza Stato - regioni o la Conferenza unificata. Il Governo ha invece seguito una strada diversa in occasione della presentazione del disegno di legge A.C. n. 3297 di riordino del sistema energetico, che stato sottoposto al parere della Conferenza unificata e ci, va rilevato, sembra aver consentito di ridurre sensibilmente i punti di contrasto con le regioni e gli enti locali. Il metodo dell'intesa tra lo Stato e gli enti territoriali minori ha infine trovato un significativo spazio nell'ambito dei provvedimenti legislativi approvati o solo proposti all'attenzione del Parlamento. Sono assai frequenti infatti le previsioni normative relative all'adozione di atti statali previo parere delle regioni e degli enti locali ovvero, in non pochi casi, d'intesa con le regioni o con la Conferenza Stato-Regioni. Significativa appare inoltre in tal senso la previsione di competenze regionali, salva la facolt dello Stato di intervenire in via sostitutiva nel caso di inerzia delle regioni.

217

Allegato: Legge 23 agosto 2004, n. 239 "Riordino del settore energetico, nonche' delega al Governo per il riassetto delle disposizioni vigenti in materia di energia"
(pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 215 del 13 settembre 2004)
ART. 1. 1. Nell'ambito dei princpi derivanti dall'ordinamento comunitario e dagli obblighi internazionali, sono princpi fondamentali in materia energetica, ai sensi dell'articolo 117, terzo comma, della Costituzione, quelli posti dalla presente legge. Sono, altres, determinate disposizioni per il settore energetico che contribuiscono a garantire la tutela della concorrenza, la tutela dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali, la tutela dell'incolumit e della sicurezza pubblica fatta salva la disciplina in materia di rischi da incidenti rilevanti, la tutela dell'ambiente e dell'ecosistema al fine di assicurare l'unit giuridica ed economica dello Stato e il rispetto delle autonomie regionali e locali, dei trattati internazionali e della normativa comunitaria. Gli obiettivi e le linee della politica energetica nazionale, nonch i criteri generali per la sua attuazione a livello territoriale, sono elaborati e definiti dallo Stato che si avvale anche dei meccanismi di raccordo e di cooperazione con le autonomie regionali previsti dalla presente legge. Sono fatte salve le competenze delle regioni a statuto speciale e delle province autonome di Trento e di Bolzano che provvedono alle finalit della presente legge ai sensi dei rispettivi statuti speciali e delle relative norme di attuazione. 2. Le attivit del settore energetico sono cos disciplinate: a) le attivit di produzione, importazione, esportazione, stoccaggio non in sotterraneo anche di oli minerali, acquisto e vendita di energia ai clienti idonei, nonch di trasformazione delle materie fonti di energia, sono libere su tutto il territorio nazionale, nel rispetto degli obblighi di servizio pubblico derivanti dalla normativa comunitaria e dalla legislazione vigente; b) le attivit di trasporto e dispacciamento del gas naturale a rete, nonch la gestione di infrastrutture di approvvigionamento di energia connesse alle attivit di trasporto e dispacciamento di energia a rete, sono di interesse pubblico e sono sottoposte agli obblighi di servizio pubblico derivanti dalla normativa comunitaria, dalla legislazione vigente e da apposite convenzioni con le autorit competenti; c) le attivit di distribuzione di energia elettrica e gas naturale a rete, di esplorazione, coltivazione, stoccaggio sotterraneo di idrocarburi, nonch di trasmissione e dispacciamento di energia elettrica sono attribuite in concessione secondo le disposizioni di legge. 3. Gli obiettivi generali di politica energetica del Paese, il cui conseguimento assicurato sulla base dei princpi di sussidiariet, differenziazione, adeguatezza e leale collaborazione dallo Stato, dall'Autorit per l'energia elettrica e il gas, dalle regioni e dagli enti locali, sono: a) garantire sicurezza, flessibilit e continuit degli approvvigionamenti di energia, in quantit commisurata alle esigenze, diversificando le fonti energetiche primarie, le zone geografiche di provenienza e le modalit di trasporto; b) promuovere il funzionamento unitario dei mercati dell'energia, la non discriminazione nell'accesso alle fonti energetiche e alle relative modalit di fruizione e il riequilibrio territoriale in relazione ai contenuti delle lettere da c) a l); c) assicurare l'economicit dell'energia offerta ai clienti finali e le condizioni di non discriminazione degli operatori nel territorio nazionale, anche al fine di promuovere la competitivit del sistema economico del Paese nel contesto europeo e internazionale; d) assicurare lo sviluppo del sistema attraverso una crescente qualificazione dei servizi e delle imprese e una loro diffusione omogenea sul territorio nazionale; e) perseguire il miglioramento della sostenibilit ambientale dell'energia, anche in termini di uso razionale delle risorse territoriali, di tutela della salute e di rispetto degli impegni assunti a livello internazionale, in particolare in termini di emissioni di gas ad effetto serra e di incremento dell'uso delle fonti energetiche rinnovabili assicurando il ricorso equilibrato a ciascuna di esse. La promozione dell'uso delle energie rinnovabili deve avvenire anche attraverso il sistema complessivo dei meccanismi di mercato, assicurando un equilibrato ricorso alle fonti stesse, assegnando la preferenza alle tecnologie di minore impatto ambientale e territoriale; f) promuovere la valorizzazione delle importazioni per le finalit di sicurezza nazionale e di sviluppo della competitivit del sistema economico del Paese; g) valorizzare le risorse nazionali di idrocarburi, favorendone la prospezione e l'utilizzo con modalit compatibili con l'ambiente;

218

h) accrescere l'efficienza negli usi finali dell'energia; i) tutelare gli utenti-consumatori, con particolare riferimento alle famiglie che versano in condizioni economiche disagiate; l) favorire e incentivare la ricerca e l'innovazione tecnologica in campo energetico, anche al fine di promuovere l'utilizzazione pulita di combustibili fossili; m) salvaguardare le attivit produttive con caratteristiche di prelievo costanti e alto fattore di utilizzazione dell'energia elettrica, sensibili al costo dell'energia; n) favorire, anche prevedendo opportune incentivazioni, le aggregazioni nel settore energetico delle imprese partecipate dagli enti locali sia tra di loro che con le altre imprese che operano nella gestione dei servizi. 4. Lo Stato e le regioni, al fine di assicurare su tutto il territorio nazionale i livelli essenziali delle prestazioni concernenti l'energia nelle sue varie forme e in condizioni di omogeneit sia con riguardo alle modalit di fruizione sia con riguardo ai criteri di formazione delle tariffe e al conseguente impatto sulla formazione dei prezzi, garantiscono: a) il rispetto delle condizioni di concorrenza sui mercati dell'energia, in conformit alla normativa comunitaria e nazionale; b) l'assenza di vincoli, ostacoli o oneri, diretti o indiretti, alla libera circolazione dell'energia all'interno del territorio nazionale e dell'Unione europea; c) l'assenza di oneri di qualsiasi specie che abbiano effetti economici diretti o indiretti ricadenti al di fuori dell'ambito territoriale delle autorit che li prevedono; d) l'adeguatezza delle attivit energetiche strategiche di produzione, trasporto e stoccaggio per assicurare adeguati standard di sicurezza e di qualit del servizio nonch la distribuzione e la disponibilit di energia su tutto il territorio nazionale; e) l'unitariet della regolazione e della gestione dei sistemi di approvvigionamento e di trasporto nazionale e transnazionale di energia; f) l'adeguato equilibrio territoriale nella localizzazione delle infrastrutture energetiche, nei limiti consentiti dalle caratteristiche fisiche e geografiche delle singole regioni, prevedendo eventuali misure di compensazione e di riequilibrio ambientale e territoriale qualora esigenze connesse agli indirizzi strategici nazionali richiedano concentrazioni territoriali di attivit, impianti e infrastrutture ad elevato impatto territoriale, con esclusione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili; g) la trasparenza e la proporzionalit degli obblighi di servizio pubblico inerenti le attivit energetiche, sia che siano esercitate in regime di concessione, sia che siano esercitate in regime di libero mercato; h) procedure semplificate, trasparenti e non discriminatorie per il rilascio di autorizzazioni in regime di libero mercato e per la realizzazione delle infrastrutture; i) la tutela dell'ambiente e dell'ecosistema, e del paesaggio, in conformit alla normativa nazionale, comunitaria e agli accordi internazionali. 5. Le regioni e gli enti locali territorialmente interessati dalla localizzazione di nuove infrastrutture energetiche ovvero dal potenziamento o trasformazione di infrastrutture esistenti hanno diritto di stipulare accordi con i soggetti proponenti che individuino misure di compensazione e riequilibrio ambientale, coerenti con gli obiettivi generali di politica energetica nazionale, fatto salvo quanto previsto dall'articolo 12 del decreto legislativo 29 dicembre 2003, n. 387. 6. Le regioni determinano con proprie leggi, ai sensi dell'articolo 118 della Costituzione, l'attribuzione dei compiti e delle funzioni amministrativi non previsti dal comma 7, ferme le funzioni fondamentali dei comuni, delle province e delle citt metropolitane previste dal testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali, di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267. 7. Sono esercitati dallo Stato, anche avvalendosi dell'Autorit per l'energia elettrica e il gas, i seguenti compiti e funzioni amministrativi: a) le determinazioni inerenti l'importazione e l'esportazione di energia; b) la definizione del quadro di programmazione di settore; c) la determinazione dei criteri generali tecnico-costruttivi e delle norme tecniche essenziali degli impianti di produzione, trasporto, stoccaggio e distribuzione dell'energia, nonch delle caratteristiche tecniche e merceologiche dell'energia importata, prodotta, distribuita e consumata; d) l'emanazione delle norme tecniche volte ad assicurare la prevenzione degli infortuni sul lavoro e la tutela della salute del personale addetto agli impianti di cui alla lettera c); e) l'emanazione delle regole tecniche di prevenzione incendi per gli impianti di cui alla lettera c) dirette a disciplinare la sicurezza antincendi con criteri uniformi sul territorio nazionale, spettanti in via esclusiva al Ministero dell'interno sulla base della legislazione vigente; f) l'imposizione e la vigilanza sulle scorte energetiche obbligatorie;

219

g) l'identificazione delle linee fondamentali dell'assetto del territorio nazionale con riferimento all'articolazione territoriale delle reti infrastrutturali energetiche dichiarate di interesse nazionale ai sensi delle leggi vigenti; h) la programmazione di grandi reti infrastrutturali energetiche dichiarate di interesse nazionale ai sensi delle leggi vigenti; i) l'individuazione delle infrastrutture e degli insediamenti strategici, ai sensi della legge 21 dicembre 2001, n. 443, e del decreto legislativo 20 agosto 2002, n. 190, al fine di garantire la sicurezza strategica, ivi inclusa quella degli approvvigionamenti energetici e del relativo utilizzo, il contenimento dei costi dell'approvvigionamento energetico del Paese, lo sviluppo delle tecnologie innovative per la generazione di energia elettrica e l'adeguamento della strategia nazionale a quella comunitaria per le infrastrutture energetiche; l) l'utilizzazione del pubblico demanio marittimo e di zone del mare territoriale per finalit di approvvigionamento di fonti di energia; m) le determinazioni in materia di rifiuti radioattivi; n) le determinazioni inerenti la prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi, ivi comprese le funzioni di polizia mineraria, adottate, per la terraferma, di intesa con le regioni interessate; o) la definizione dei programmi di ricerca scientifica in campo energetico, d'intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano; p) la definizione dei princpi per il coordinato utilizzo delle risorse finanziarie regionali, nazionali e dell'Unione europea, sentita la Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281; q) l'adozione di misure temporanee di salvaguardia della continuit della fornitura, in caso di crisi del mercato dell'energia o di gravi rischi per la sicurezza della collettivit o per l'integrit delle apparecchiature e degli impianti del sistema energetico; r) la determinazione dei criteri generali a garanzia della sicurezza degli impianti utilizzatori all'interno degli edifici, ferma restando la competenza del Ministero dell'interno in ordine ai criteri generali di sicurezza antincendio. 8. Lo Stato esercita i seguenti compiti e funzioni: a) con particolare riguardo al settore elettrico, anche avvalendosi dell'Autorit per l'energia elettrica e il gas: 1) il rilascio della concessione per l'esercizio delle attivit di trasmissione e dispacciamento nazionale dell'energia elettrica e l'adozione dei relativi indirizzi; 2) la stipula delle convenzioni per il trasporto dell'energia elettrica sulla rete nazionale; 3) l'approvazione degli indirizzi di sviluppo della rete di trasmissione nazionale, considerati anche i piani regionali di sviluppo del servizio elettrico; 4) l'aggiornamento, sentita la Conferenza unificata, della convenzione tipo per disciplinare gli interventi di manutenzione e di sviluppo della rete nazionale e dei dispositivi di interconnessione; 5) l'adozione di indirizzi e di misure a sostegno della sicurezza e dell'economicit degli interscambi internazionali, degli approvvigionamenti per i clienti vincolati o disagiati, del sistema di generazione e delle reti energetiche, promuovendo un accesso pi esteso all'importazione di energia elettrica; 6) l'adozione di misure finalizzate a garantire l'effettiva concorrenzialit del mercato dell' energia elettrica; 7) la definizione dei criteri generali per le nuove concessioni di distribuzione dell'energia elettrica e per l'autorizzazione alla costruzione e all'esercizio degli impianti di generazione di energia elettrica di potenza termica superiore ai 300 MW, sentita la Conferenza unificata e tenuto conto delle linee generali dei piani energetici regionali; b) con particolare riguardo al settore del gas naturale, anche avvalendosi dell'Autorit per l'energia elettrica e il gas: 1) l'adozione di indirizzi alle imprese che svolgono attivit di trasporto, dispacciamento sulla rete nazionale e rigassificazione di gas naturale e di disposizioni ai fini dell'utilizzo, in caso di necessit, degli stoccaggi strategici nonch la stipula delle relative convenzioni e la fissazione di regole per il dispacciamento in condizioni di emergenza e di obblighi di sicurezza; 2) l'individuazione, di intesa con la Conferenza unificata, della rete nazionale di gasdotti; 3) le determinazioni inerenti lo stoccaggio di gas naturale in giacimento; 4) l'autorizzazione allo svolgimento delle attivit di importazione e vendita del gas ai clienti finali rilasciata sulla base di criteri generali stabiliti, sentita la Conferenza unificata;

220

5) l'adozione di indirizzi per la salvaguardia della continuit e della sicurezza degli approvvigionamenti, per il funzionamento coordinato del sistema di stoccaggio e per la riduzione della vulnerabilit del sistema nazionale del gas naturale; c) con particolare riguardo al settore degli oli minerali, intesi come oli minerali greggi, residui delle loro distillazioni e tutte le specie e qualit di prodotti petroliferi derivati e assimilati, compresi il gas di petrolio liquefatto e il biodiesel: 1) adozione di indirizzi e di criteri programmatici in materia di impianti di lavorazione e stoccaggio adibito all'importazione e all'esportazione di oli minerali, al fine di garantire l'approvvigionamento del mercato; 2) individuazione di iniziative di raccordo tra le regioni e le amministrazioni centrali interessate, per la valutazione congiunta dei diversi provvedimenti, anche di natura ambientale e fiscale, in materia di oli minerali, in grado di produrre significativi riflessi sulle scelte di politica energetica nazionale, nonch per la definizione di iter semplificati per la realizzazione degli investimenti necessari per l'adeguamento alle disposizioni nazionali, comunitarie e internazionali; 3) monitoraggio, anche sulla base delle indicazioni delle regioni, dell'effettiva capacit di lavorazione e di stoccaggio adibito all'importazione e all'esportazione di oli minerali; 4) promozione di accordi di programma, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, con le regioni e gli enti locali per la realizzazione e le modifiche significative di infrastrutture di lavorazione e di stoccaggio di oli minerali, strategiche per l'approvvigionamento energetico del Paese; 5) individuazione, di intesa con la Conferenza unificata, di criteri e modalit per il rilascio delle autorizzazioni all'installazione e all'esercizio degli impianti di lavorazione e di stoccaggio di oli minerali. Resta ferma la disciplina prevista dalla normativa vigente in materia di autorizzazione integrata ambientale; 6) individuazione, di intesa con la Conferenza unificata, della rete nazionale di oleodotti. 9. Per il conseguimento degli obiettivi generali di cui al comma 3, lo Stato e le regioni individuano specifiche esigenze di intervento e propongono agli organi istituzionali competenti le iniziative da intraprendere, acquisito il parere della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano. 10. Se le iniziative di cui al comma 9 prevedono una ripartizione di compiti tra le regioni, la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, acquisito il parere degli enti locali interessati, provvede a definire tale ripartizione. 11. Ai sensi dell'articolo 2, comma 21, della legge 14 novembre 1995, n. 481, il Governo indica all'Autorit per l'energia elettrica e il gas, nell'ambito del Documento di programmazione economicofinanziaria, il quadro di esigenze di sviluppo dei servizi di pubblica utilit dei settori dell'energia elettrica e del gas che corrispondono agli interessi generali del Paese. Ai fini del perseguimento degli obiettivi generali di politica energetica del Paese di cui al comma 3, il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro delle attivit produttive, pu definire, sentite le Commissioni parlamentari competenti, indirizzi di politica generale del settore per l'esercizio delle funzioni attribuite all'Autorit per l'energia elettrica e il gas ai sensi della legislazione vigente. 12. L'Autorit per l'energia elettrica e il gas presenta al Parlamento e al Presidente del Consiglio dei ministri la relazione sullo stato dei servizi e sull'attivit svolta, ai sensi dell'articolo 2, comma 12, lettera i), della legge 14 novembre 1995, n. 481, entro il 30 giugno di ciascun anno. Nella relazione l'Autorit illustra anche le iniziative assunte nel quadro delle esigenze di sviluppo dei servizi di pubblica utilit e in conformit agli indirizzi di politica generale del settore di cui al comma 11. 13. Nei casi in cui l'Autorit per l'energia elettrica e il gas sia tenuta ad esprimere il parere su provvedimenti o atti ai sensi delle leggi vigenti, fatti salvi i diversi termini previsti dalle leggi medesime, l'Autorit si pronunzia entro il termine di sessanta giorni dalla data di ricevimento del provvedimento o dell'atto. Decorso inutilmente tale termine, il provvedimento o l'atto pu comunque essere adottato. 14. Nei casi in cui l'Autorit per l'energia elettrica e il gas non adotti atti o provvedimenti di sua competenza ai sensi delle leggi vigenti, il Governo pu esercitare il potere sostitutivo nelle forme e nei limiti stabiliti dal presente comma. A tale fine il Ministro delle attivit produttive trasmette all'Autorit un sollecito ad adempiere entro i successivi sessanta giorni. Trascorso tale termine senza che l'Autorit abbia adottato l'atto o il provvedimento, questo adottato con decreto del Presidente della Repubblica, previa deliberazione del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro delle attivit produttive. 15. A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge, l'Autorit per l'energia elettrica e il gas organo collegiale costituito dal Presidente e da quattro membri. Ferma restando la scadenza naturale dei componenti l'Autorit in carica alla predetta data, i nuovi membri sono nominati entro i successivi

221

sessanta giorni, nel rispetto delle disposizioni di cui all'articolo 2, commi 7 e 8, della legge 14 novembre 1995, n. 481. 16. I componenti dell'organo competente per la determinazione delle tariffe elettriche, ivi compresa la determinazione del sovrapprezzo termico, rispondono degli atti e dei comportamenti posti in essere nell'esercizio delle loro funzioni, ove i fatti non abbiano rilevanza penale, ai sensi e per gli effetti degli articoli 2043 e seguenti del codice civile soltanto a titolo di responsabilit civile, in conformit con le disposizioni degli articoli 33, 34 e 35 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 80, come sostituiti dall'articolo 7 della legge 21 luglio 2000, n. 205. 17. I soggetti che investono, direttamente o indirettamente, nella realizzazione di nuove infrastrutture di interconnessione tra le reti nazionali di trasporto di gas degli Stati membri dell'Unione europea e la rete di trasporto italiana, nella realizzazione in Italia di nuovi terminali di rigassificazione di gas naturale liquefatto e di nuovi stoccaggi in sotterraneo di gas naturale, o in significativi potenziamenti delle capacit delle infrastrutture esistenti sopra citate, tali da permettere lo sviluppo della concorrenza e di nuove fonti di approvvigionamento di gas naturale, possono richiedere, per la capacit di nuova realizzazione, un'esenzione dalla disciplina che prevede il diritto di accesso dei terzi. L'esenzione accordata, caso per caso, per un periodo di almeno venti anni e per una quota di almeno l'80 per cento della nuova capacit, dal Ministero delle attivit produttive, previo parere dell'Autorit per l'energia elettrica e il gas. In caso di realizzazione di nuove infrastrutture di interconnessione, l'esenzione accordata previa consultazione delle autorit competenti dello Stato membro interessato. Restano fermi le esenzioni accordate prima della data di entrata in vigore della presente legge ai sensi del decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, e i diritti derivanti dall'articolo 27 della legge 12 dicembre 2002, n. 273, per le concessioni rilasciate ai sensi delle norme vigenti e per le autorizzazioni rilasciate ai sensi dell'articolo 8 della legge 24 novembre 2000, n. 340. Con decreto del Ministro delle attivit produttive sono definiti i princpi e le modalit per il rilascio delle esenzioni e per l'accesso alla rete nazionale dei gasdotti italiani nei casi di cui al presente comma, nel rispetto di quanto previsto dalle disposizioni comunitarie in materia. 18. I soggetti che investono, direttamente o indirettamente, nella realizzazione di nuove infrastrutture internazionali di interconnessione con Stati non appartenenti all'Unione europea ai fini dell'importazione in Italia di gas naturale o nel potenziamento delle capacit di trasporto degli stessi gasdotti esistenti, hanno diritto, nei corrispondenti punti d'ingresso della rete nazionale dei gasdotti, all'allocazione prioritaria nel conferimento della corrispondente nuova capacit realizzata in Italia di una quota delle capacit di trasporto pari ad almeno l'80 per cento delle nuove capacit di importazione realizzate all'estero, per un periodo di almeno venti anni, e in base alle modalit di conferimento e alle tariffe di trasporto, stabilite dall'Autorit per l'energia elettrica e il gas. Tale diritto accordato dal Ministero delle attivit produttive, previo parere dell'Autorit per l'energia elettrica e il gas, che deve essere reso entro il termine di trenta giorni dalla richiesta, trascorso il quale si intende reso positivamente. 19. Ai fini di quanto previsto dai commi 17 e 18, per soggetti che investono si intendono anche i soggetti che, mediante la sottoscrizione di contratti di importazione garantiti a lungo termine, contribuiscono a finanziare il progetto. 20. La residua quota delle nuove capacit di trasporto ai punti di ingresso della rete nazionale dei gasdotti di cui al comma 18, nonch la residua quota delle capacit delle nuove infrastrutture di interconnessione, dei nuovi stoccaggi in sotterraneo di gas naturale e dei nuovi terminali di rigassificazione di cui al comma 17, e dei potenziamenti delle capacit esistenti di cui allo stesso comma 17, sono allocate secondo procedure definite dall'Autorit per l'energia elettrica e il gas in base a criteri di efficienza, economicit e sicurezza del sistema stabiliti con decreti del Ministro delle attivit produttive. 21. I criteri di cui al comma 20 non si applicano in tutti i casi in cui l'accesso al sistema impedirebbe agli operatori del settore di svolgere gli obblighi di servizio pubblico cui sono soggetti, ovvero nel caso in cui dall'accesso derivino gravi difficolt economiche e finanziarie ad imprese del gas naturale operanti nel sistema, in relazione a contratti di tipo "take or pay" sottoscritti prima della data di entrata in vigore della direttiva 98/30/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 giugno 1998. 22. L'Autorit garante della concorrenza e del mercato, anche su segnalazione dell'Autorit per l'energia elettrica e il gas, adotta i provvedimenti di cui alla legge 10 ottobre 1990, n. 287, a carico dei soggetti che non rispettano i criteri in base ai quali hanno ottenuto l'allocazione delle capacit di trasporto, stoccaggio o di rigassificazione di cui al comma 20. 23. Ai fini di salvaguardare la continuit e la sicurezza del sistema nazionale del gas naturale tramite l'istituzione di un punto di cessione e scambio dei volumi di gas e delle capacit di entrata e di uscita sulla rete di trasporto nazionale del gas, l'Autorit per l'energia elettrica e il gas, entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, individua le procedure di cui all'articolo 13 della deliberazione

222

della medesima Autorit 17 luglio 2002, n. 137/02, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 190 del 14 agosto 2002. 24. All'articolo 1-ter del decreto-legge 29 agosto 2003, n. 239, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 ottobre 2003, n. 290: a) il comma 2 sostituito dal seguente: "2. Il Ministro delle attivit produttive emana gli indirizzi per lo sviluppo delle reti nazionali di trasporto di energia elettrica e di gas naturale e verifica la conformit dei piani di sviluppo predisposti, annualmente, dai gestori delle reti di trasporto con gli indirizzi medesimi"; b) nel comma 4 le parole: "e comunque ciascuna societ a controllo pubblico" sono sostituite dalle seguenti: "e ciascuna societ a controllo pubblico, anche indiretto, solo qualora operi direttamente nei medesimi settori". 25. Il termine di cui al comma 7 dell'articolo 1-sexies del decreto-legge 29 agosto 2003, n. 239, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 ottobre 2003, n. 290, prorogato al 31 dicembre 2004. 26. I commi 1, 2, 3 e 4 del citato articolo 1-sexies del decreto-legge n. 239 del 2003 sono sostituiti dai seguenti: "1. Al fine di garantire la sicurezza del sistema energetico e di promuovere la concorrenza nei mercati dell'energia elettrica, la costruzione e l'esercizio degli elettrodotti facenti parte della rete nazionale di trasporto dell'energia elettrica sono attivit di preminente interesse statale e sono soggetti a un'autorizzazione unica, rilasciata dal Ministero delle attivit produttive di concerto con il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e previa intesa con la regione o le regioni interessate, la quale sostituisce autorizzazioni, concessioni, nulla osta e atti di assenso comunque denominati previsti dalle norme vigenti, costituendo titolo a costruire e ad esercire tali infrastrutture in conformit al progetto approvato. Il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio provvede alla valutazione di impatto ambientale e alla verifica della conformit delle opere al progetto autorizzato. Restano ferme, nell'ambito del presente procedimento unico, le competenze del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti in merito all'accertamento della conformit delle opere alle prescrizioni delle norme di settore e dei piani urbanistici ed edilizi. 2. L'autorizzazione di cui al comma 1: a) indica le prescrizioni e gli obblighi di informativa posti a carico del soggetto proponente per garantire il coordinamento e la salvaguardia del sistema energetico nazionale e la tutela ambientale, nonch il termine entro il quale l'iniziativa realizzata; b) comprende la dichiarazione di pubblica utilit, indifferibilit ed urgenza dell'opera, l'eventuale dichiarazione di inamovibilit e l'apposizione del vincolo preordinato all'esproprio dei beni in essa compresi, conformemente al decreto del Presidente della Repubblica 8 giugno 2001, n. 327, recante il testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di espropriazione per pubblica utilit. Qualora le opere di cui al comma 1 comportino variazione degli strumenti urbanistici, il rilascio dell'autorizzazione ha effetto di variante urbanistica. 3. L'autorizzazione di cui al comma 1 rilasciata a seguito di un procedimento unico svolto entro il termine di centottanta giorni, nel rispetto dei princpi di semplificazione e con le modalit di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 241. Il procedimento pu essere avviato sulla base di un progetto preliminare o analogo purch evidenzi, con elaborato cartografico, le aree potenzialmente impegnate sulle quali apporre il vincolo preordinato all'esproprio, le eventuali fasce di rispetto e le necessarie misure di salvaguardia. Al procedimento partecipano il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e le altre amministrazioni interessate nonch i soggetti preposti ad esprimersi in relazione ad eventuali interferenze con altre infrastrutture esistenti. Per il rilascio dell'autorizzazione, ai fini della verifica della conformit urbanistica dell'opera, fatto obbligo di richiedere il parere motivato degli enti locali nel cui territorio ricadano le opere di cui al comma 1. Il rilascio del parere non pu incidere sul rispetto del termine entro il quale prevista la conclusione del procedimento. 4. Nel caso in cui, secondo la legislazione vigente, le opere di cui al presente articolo siano sottoposte a valutazione di impatto ambientale (VIA), l'esito positivo di tale valutazione costituisce parte integrante e condizione necessaria del procedimento autorizzatorio. L'istruttoria si conclude una volta acquisita la VIA o, nei casi previsti, acquisito l'esito della verifica di assoggettabilit a VIA e, in ogni caso, entro il termine di cui al comma 3. Per i procedimenti relativamente ai quali non sono prescritte le procedure di valutazione di impatto ambientale, il procedimento unico deve essere concluso entro il termine di centoventi giorni dalla data di presentazione della domanda. 4-bis. In caso di mancata definizione dell'intesa con la regione o le regioni interessate nel termine prescritto per il rilascio dell'autorizzazione, lo Stato esercita il potere sostitutivo ai sensi dell'articolo 120 della Costituzione, nel rispetto dei princpi di sussidiariet e leale collaborazione e autorizza le opere di

223

cui al comma 1, con decreto del Presidente della Repubblica, su proposta del Ministro delle attivit produttive previo concerto con il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio. 4-ter. Le disposizioni del presente articolo si applicano, su istanza del proponente, anche ai procedimenti in corso alla data di entrata in vigore della presente disposizione eccetto i procedimenti per i quali sia completata la procedura di VIA, ovvero il relativo procedimento risulti in fase di conclusione. 4-quater. Le disposizioni del presente articolo si applicano alle reti elettriche di interconnessione con l'estero con livello di tensione pari o superiore a 150 kV qualora per esse vi sia un diritto di accesso a titolo prioritario, e si applicano alle opere connesse e alle infrastrutture per il collegamento alle reti nazionali di trasporto dell'energia delle centrali termoelettriche di potenza superiore a 300 MW termici, gi autorizzate in conformit alla normativa vigente". 27. Al citato articolo 1-sexies del decreto-legge n. 239 del 2003, al comma 5, le parole: "di reti energetiche" sono sostituite dalle seguenti: "di reti elettriche"; nello stesso articolo 1-sexies, al comma 6, le parole: "anche per quanto attiene al trasporto nazionale del gas naturale e degli oli minerali" sono soppresse. 28. Nell'articolo 9, comma 2, ultimo periodo, della legge 22 febbraio 2001, n. 36, le parole: "decreto di cui all'articolo 4, comma 2, lettera a)" sono sostituite dalle seguenti: "decreto di cui all'articolo 4, comma 4". 29. Fino alla completa realizzazione del mercato unico dell'energia elettrica e del gas naturale, in caso di operazioni di concentrazione di imprese operanti nei mercati dell'energia elettrica e del gas cui partecipino imprese o enti di Stati membri dell'Unione europea ove non sussistano adeguate garanzie di reciprocit, il Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro delle attivit produttive, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, pu, entro trenta giorni dalla comunicazione dell'operazione all'Autorit garante della concorrenza e del mercato, definire condizioni e vincoli cui devono conformarsi le imprese o gli enti degli Stati membri interessati allo scopo di tutelare esigenze di sicurezza degli approvvigionamenti nazionali di energia ovvero la concorrenza nei mercati. 30. All'articolo 14 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, dopo il comma 5-bis sono inseriti i seguenti: "5-ter. A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente disposizione, cliente idoneo ogni cliente finale, singolo o associato, il cui consumo, misurato in un unico punto del territorio nazionale, destinato alle attivit esercitate da imprese individuali o costituite in forma societaria, nonch ai soggetti di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni, risultato, nell'anno precedente, uguale o superiore a 0,05 GWh. 5-quater. A decorrere dal 1 luglio 2004, cliente idoneo ogni cliente finale non domestico. 5-quinquies. A decorrere dal 1 luglio 2007, cliente idoneo ogni cliente finale. 5-sexies. I clienti vincolati che alle date di cui ai commi 5-ter, 5-quater e 5-quinquies diventano idonei hanno diritto di recedere dal preesistente contratto di fornitura, come clienti vincolati, con modalit stabilite dall'Autorit per l'energia elettrica e il gas. Qualora tale diritto non sia esercitato, la fornitura ai suddetti clienti idonei continua ad essere garantita dall'Acquirente unico Spa". 31. Il comma 3 dell'articolo 4 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, abrogato. 32. I consorzi previsti dall'articolo 1 della legge 27 dicembre 1953, n. 959, possono cedere l'energia elettrica sostitutiva del sovracanone ai clienti idonei e all'Acquirente unico Spa per la fornitura ai clienti vincolati. 33. Sono fatte salve le concessioni di distribuzione di energia elettrica in essere, ivi compresa, per quanto riguarda l'attivit di distribuzione, la concessione di cui all'articolo 14, comma 1, del decreto-legge 11 luglio 1992, n. 333, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 agosto 1992, n. 359. Il Ministro delle attivit produttive, sentita l'Autorit per l'energia elettrica e il gas, anche al fine di garantire la parit di condizioni, pu proporre modifiche e variazioni delle clausole contenute nelle relative convenzioni. 34. Le aziende operanti nei settori dell'energia elettrica e del gas naturale che hanno in concessione o in affidamento la gestione di servizi pubblici locali ovvero la gestione delle reti, degli impianti e delle altre dotazioni infrastrutturali, nel territorio cui la concessione o l'affidamento si riferiscono e per la loro durata, non possono esercitare, in proprio o con societ collegate o partecipate, alcuna attivit in regime di concorrenza, ad eccezione delle attivit di vendita di energia elettrica e di gas e di illuminazione pubblica, nel settore dei servizi postcontatore, nei confronti degli stessi utenti del servizio pubblico e degli impianti. Entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, il Ministero delle attivit produttive, l'Autorit per l'energia elettrica e il gas e le altre amministrazioni interessate provvederanno a modificare e integrare le norme e i provvedimenti rilevanti ai fini dell'applicazione delle disposizioni di cui al presente comma.

224

35. L'Autorit per l'energia elettrica e il gas, entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, adotta, compatibilmente con lo sviluppo della tecnologia degli apparecchi di misura, i provvedimenti necessari affinch le imprese distributrici mettano a disposizione dei propri clienti o di un operatore prescelto da tali clienti a rappresentarli il segnale per la misura dei loro consumi elettrici. 36. I proprietari di nuovi impianti di produzione di energia elettrica di potenza termica non inferiore a 300 MW che sono autorizzati dopo la data di entrata in vigore della presente legge corrispondono alla regione sede degli impianti, a titolo di contributo compensativo per il mancato uso alternativo del territorio e per l'impatto logistico dei cantieri, un importo pari a 0,20 euro per ogni MWh di energia elettrica prodotta, limitatamente ai primi sette anni di esercizio degli impianti. La regione sede degli impianti provvede alla ripartizione del contributo compensativo tra i seguenti soggetti: a) il comune sede dell'impianto, per un importo non inferiore al 40 per cento del totale; b) i comuni contermini, in misura proporzionale per il 50 per cento all'estensione del confine e per il 50 per cento alla popolazione, per un importo non inferiore al 40 per cento del totale; c) la provincia che comprende il comune sede dell'impianto. 37. Il Ministro dell'economia e delle finanze provvede alla revisione biennale degli importi di cui al comma 36 con le modalit di cui all'articolo 3 della legge 22 dicembre 1980, n. 925. Nei casi di localizzazione degli impianti in comuni confinanti con pi regioni, i comuni beneficiari del contributo compensativo di cui al comma 36 sono determinati dalla regione sede dell'impianto d'intesa con le regioni confinanti. Per gli impianti di potenza termica non inferiore a 300 MW, oggetto di interventi di potenziamento autorizzati dopo la data di entrata in vigore della presente legge, il contributo, calcolato con riferimento all'incremento di potenza derivante dall'intervento, ridotto alla met e viene corrisposto per un periodo di tre anni dall'entrata in esercizio dello stesso ripotenziamento. Il contributo di cui al presente comma e al comma 36 non dovuto in tutti i casi in cui vengono stipulati gli accordi di cui al comma 5 o risultino comunque gi stipulati, prima della data di entrata in vigore della presente legge, accordi volontari relativi a misure di compensazione. Qualora gli impianti di produzione di energia elettrica, per la loro particolare ubicazione, valutata in termini di area di raggio non superiore a 10 km dal punto baricentrico delle emissioni ivi incluse le opere connesse, interessino o esplichino effetti ed impatti su parchi nazionali, il contributo ad essi relativo corrisposto agli enti territoriali interessati in base a criteri individuati con decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio, da emanare entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge. 38. Le operazioni effettuate sul mercato elettrico di cui all'articolo 5, comma 1, del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, si considerano effettuate, ai fini e per gli effetti di cui all'articolo 6 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, e successive modificazioni, all'atto del pagamento del corrispettivo, salvo il disposto del quarto comma del medesimo articolo 6. 39. Qualora si verifichino variazioni dell'imponibile o dell'imposta relative ad operazioni effettuate sul mercato elettrico di cui all'articolo 5, comma 1, del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, le rettifiche previste dall'articolo 26 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, e successive modificazioni, sono operate con riferimento alla fattura emessa in relazione all'operazione omologa pi recente effettuata dal soggetto passivo nei confronti della medesima controparte. Per operazione omologa si intende quella effettuata con riferimento allo stesso periodo e allo stesso punto di offerta. 40. Dalla data di assunzione di responsabilit della funzione di garante della fornitura di energia elettrica per clienti vincolati da parte dell'Acquirente unico Spa, i contratti di importazione in essere alla data di entrata in vigore del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, in capo all'ENEL Spa e destinati al mercato vincolato, possono essere trasferiti alla medesima Acquirente unico Spa con decreto del Ministro delle attivit produttive, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, garantendo al cedente il beneficio derivante dalla differenza tra il prezzo dell'energia importata attraverso i contratti ceduti e il prezzo dell'energia elettrica di produzione nazionale. L'Autorit per l'energia elettrica e il gas determina le modalit tecniche ed economiche per detto trasferimento. 41. Previa richiesta del produttore, l'energia elettrica prodotta da impianti di potenza inferiore a 10 MVA, l'energia elettrica di cui al secondo periodo del comma 12 dell'articolo 3 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, nonch quella prodotta da impianti entrati in esercizio dopo il 1 aprile 1999 alimentati dalle fonti rinnovabili eolica, solare, geotermica, del moto ondoso, maremotrice e idraulica, limitatamente, per quest'ultima fonte, agli impianti ad acqua fluente, ritirata dal Gestore della rete di trasmissione nazionale Spa o dall'impresa distributrice rispettivamente se prodotta da impianti collegati alla rete di trasmissione nazionale o alla rete di distribuzione. L'energia elettrica di cui al primo e al terzo periodo del comma 12 dell'articolo 3 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, continua ad essere ritirata dal Gestore della rete di trasmissione nazionale Spa. L'Autorit per l'energia elettrica e il gas determina le modalit per il ritiro dell'energia elettrica di cui al primo periodo del presente comma, facendo riferimento

225

a condizioni economiche di mercato. Dopo la scadenza delle convenzioni in essere, l'energia elettrica di cui al primo e al terzo periodo del comma 12 dell'articolo 3 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, esclusa quella di cui al primo periodo del presente comma, viene ceduta al mercato. 42. I produttori nazionali di energia elettrica possono, eventualmente in compartecipazione con imprese di altri paesi, svolgere attivit di realizzazione e di esercizio di impianti localizzati all'estero, anche al fine di importarne l'energia prodotta. 43. Per la riforma della disciplina del servizio elettrico nelle piccole reti isolate di cui all'articolo 2, comma 17, del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, nonch del servizio svolto dalle imprese elettriche minori di cui all'articolo 4, numero 8), della legge 6 dicembre 1962, n. 1643, e successive modificazioni, e di cui all'articolo 7 della legge 9 gennaio 1991, n. 10, il Governo delegato ad adottare, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge e nel rispetto delle prerogative costituzionali delle regioni, un decreto legislativo secondo i seguenti princpi e criteri direttivi: a) tutela dei clienti finali e sviluppo, ove le condizioni tecnico-economiche lo consentano, dell'interconnessione con la rete di trasmissione nazionale; b) definizione di obiettivi temporali di miglioramento dell'efficienza e dell'economicit del servizio reso dalle imprese, con individuazione di specifici parametri ai fini della determinazione delle integrazioni tariffarie; c) previsione di interventi sostitutivi per assicurare la continuit e la qualit della fornitura. 44. Ai fini del raggiungimento degli obiettivi di cui al comma 7, lettera r), e senza che da ci derivino nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, il Governo delegato ad adottare, su proposta del Ministro delle attivit produttive di concerto con il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge e nel rispetto delle prerogative costituzionali delle regioni, un decreto legislativo nel rispetto dei seguenti princpi e criteri direttivi: a) riordino della normativa tecnica impiantistica all'interno degli edifici; b) promozione di un reale sistema di verifica degli impianti di cui alla lettera a) per accertare il rispetto di quanto previsto dall'attuale normativa in materia con l'obiettivo primario di tutelare gli utilizzatori degli impianti garantendo un'effettiva sicurezza. 45. Il comma 7 dell'articolo 9 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, sostituito dal seguente: "7. I soggetti titolari di concessioni di distribuzione possono costituire una o pi societ per azioni, di cui mantengono il controllo e a cui trasferiscono i beni e i rapporti in essere, le attivit e le passivit relativi alla distribuzione di energia elettrica e alla vendita ai clienti vincolati. L'Autorit per l'energia elettrica e il gas provvede ad emanare i criteri per le opportune modalit di separazione gestionale e amministrativa delle attivit esercitate dalle predette societ". 46. A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge, al fine di assicurare la fornitura di gas naturale ai clienti finali allacciati alla rete, con consumi inferiori o pari a 200.000 standard metri cubi annui, che, anche temporaneamente, sono privi di un fornitore o che risiedono in aree geografiche nelle quali non si ancora sviluppato un mercato concorrenziale nell'offerta di gas, l'Autorit per l'energia elettrica e il gas provvede a individuare, mediante procedure a evidenza pubblica, una o pi imprese di vendita del gas che si impegnino ad effettuare detta fornitura nelle indicate aree geografiche. 47. La fornitura di gas naturale di cui al comma 46, a condizioni di mercato, effettuata dalle imprese individuate, ai sensi dello stesso comma, entro il termine massimo di quindici giorni a partire dal ricevimento della richiesta da parte del cliente finale. La stessa fornitura, ivi inclusi i limiti e gli aspetti relativi al bilanciamento fisico e commerciale, esercitata dalle imprese di vendita in base ad indirizzi stabiliti dal Ministro delle attivit produttive da emanare, sentita l'Autorit per l'energia elettrica e il gas, entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge. 48. Resta ferma la possibilit di cui all'articolo 17, comma 5, del decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164. 49. Al fine di garantire la sicurezza del sistema nazionale del gas e l'attuazione della transizione dello stesso ai nuovi assetti, i termini di cui all'articolo 28, comma 4, e all'articolo 36 del decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, sono differiti al 31 dicembre 2005. 50. Le cessioni di gas effettuate nel sistema del gas naturale di cui all'articolo 2, comma 1, lettera ee), del decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, si considerano effettuate, ai fini e per gli effetti di cui all'articolo 6 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, e successive modificazioni, all'atto del pagamento del corrispettivo, salvo il disposto del quarto comma del medesimo articolo 6. 51. Il comma 5 dell'articolo 16 del decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, abrogato. 52. Al fine di garantire la sicurezza di approvvigionamento e i livelli essenziali delle prestazioni nel settore dello stoccaggio e della vendita di gas di petrolio liquefatti (GPL), il Governo delegato ad

226

adottare, entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, un decreto legislativo volto a riordinare le norme relative all'installazione e all'esercizio degli impianti di riempimento, travaso e deposito di GPL, nonch all'esercizio dell'attivit di distribuzione di gas di petrolio liquefatti. Il decreto legislativo adottato su proposta del Ministro delle attivit produttive, di concerto con i Ministri dell'interno, dell'economia e delle finanze, dell'ambiente e della tutela del territorio, sentita la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, sulla base dei seguenti princpi e criteri direttivi: a) assicurare adeguati livelli di sicurezza anche attraverso la revisione delle vigenti regole tecniche, ferma restando la competenza del Ministero dell'interno in materia di emanazione delle norme tecniche di prevenzione incendi e quella del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio in materia di prevenzione e protezione dai rischi industriali; b) garantire e migliorare il servizio all'utenza, anche attraverso la determinazione di requisiti tecnici e professionali per l'esercizio dell'attivit e l'adeguamento della normativa inerente la logistica, la commercializzazione e l'impiantistica; c) rivedere il relativo sistema sanzionatorio, con l'introduzione di sanzioni proporzionali e dissuasive. 53. Ai fini di promuovere l'utilizzo di GPL e metano per autotrazione, nell'articolo 1, comma 2, del decreto-legge 25 settembre 1997, n. 324, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 novembre 1997, n. 403, le parole: "entro l'anno successivo alla data di immatricolazione" sono sostituite dalle seguenti: "entro i tre anni successivi alla data di immatricolazione". 54. I contributi di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto-legge 25 settembre 1997, n. 324, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 novembre 1997, n. 403, come modificato dal comma 53, sono erogati anche a favore delle persone giuridiche. 55. Le regioni esercitano le funzioni amministrative in materia di lavorazione, stoccaggio e distribuzione di oli minerali non riservate allo Stato ai sensi del comma 7. 56. Fermo restando quanto previsto dal comma 2, lettera a), sono attivit sottoposte a regimi autorizzativi: a) l'installazione e l'esercizio di nuovi stabilimenti di lavorazione e di stoccaggio di oli minerali; b) la dismissione degli stabilimenti di lavorazione e stoccaggio di oli minerali; c) la variazione della capacit complessiva di lavorazione degli stabilimenti di oli minerali; d) la variazione di oltre il 30 per cento della capacit complessiva autorizzata di stoccaggio di oli minerali. 57. Le autorizzazioni sono rilasciate dalla regione, sulla base degli indirizzi e degli obiettivi generali di politica energetica, previsti dai commi 3, 4 e 7, fatte salve le disposizioni vigenti in materia ambientale, sanitaria, fiscale, di sicurezza, di prevenzione incendi e di demanio marittimo. 58. Le modifiche degli stabilimenti di lavorazione o dei depositi di oli minerali, non ricomprese nelle attivit di cui al comma 56, lettere c) e d), nonch quelle degli oleodotti, sono liberamente effettuate dall'operatore, nel rispetto delle normative vigenti in materia ambientale, sanitaria, fiscale, di sicurezza, di prevenzione incendi e di demanio marittimo. 59. Allo scopo di promuovere l'espansione dell'offerta energetica, anche al fine di migliorare la sicurezza degli approvvigionamenti e di garantire un efficace assetto delle infrastrutture energetiche, il Ministero delle attivit produttive pu concludere, per investimenti in opere localizzate nelle aree depresse del Paese e definite di pubblica utilit in applicazione del comma 1 dell'articolo 1 del decreto-legge 7 febbraio 2002, n. 7, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 aprile 2002, n. 55, contratti di programma da stipulare previa specifica autorizzazione del Comitato interministeriale per la programmazione economica, ai sensi dell'articolo 1, comma 3, del decreto-legge 22 ottobre 1992, n. 415, convertito, con modificazioni, dalla legge 19 dicembre 1992, n. 488, e della legislazione applicabile. Con apposito regolamento emanato con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze, di concerto con il Ministro delle attivit produttive, sono definite condizioni di ammissibilit e modalit operative dell'intervento pubblico. 60. Nei casi previsti dalle norme vigenti, la procedura di valutazione di impatto ambientale si applica alla realizzazione e al potenziamento di terminali di rigassificazione di gas naturale liquefatto ivi comprese le opere connesse, fatte salve le disposizioni di cui alla legge 21 dicembre 2001, n. 443, e all'articolo 8 della legge 24 novembre 2000, n. 340. Le disposizioni di cui all'articolo 8 della legge 24 novembre 2000, n. 340, valgono anche per la realizzazione di stoccaggi di gas naturale in sotterraneo, ferma restando l'applicazione della procedura di valutazione di impatto ambientale, ove stabilito dalla legge. 61. I titolari di concessioni di stoccaggio di gas naturale in sotterraneo possono usufruire di non pi di due proroghe di dieci anni, qualora abbiano eseguito i programmi di stoccaggio e adempiuto a tutti gli obblighi derivanti dalle concessioni medesime.

227

62. Il Ministero delle attivit produttive, di concerto con il Ministero dell'interno, con il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e con il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, promuove, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, uno o pi accordi di programma con gli operatori interessati, gli istituti di ricerca e le regioni interessate, per l'utilizzo degli idrocarburi liquidi derivati dal metano. 63. Ai fini della concessione dei contributi per la realizzazione di adduttori secondari aventi caratteristiche di infrastrutture pubbliche, previsti dall'articolo 11 della legge 28 novembre 1980, n. 784, e successive modificazioni, sono ammissibili le spese relative alle seguenti voci: progettazione, direzione lavori e sicurezza; servit, danni, concessioni e relative spese; materiali; trasporti; lavori di costruzione civile, montaggi e messa in gas; costi interni; eventuali saggi archeologici ove necessario. 64. Qualora i comuni o i loro consorzi si avvalgano di societ concessionarie per la costruzione delle reti di distribuzione del gas naturale, le spese ammissibili al finanziamento ai sensi della legge 28 novembre 1980, n. 784, comprendono i costi di diretta imputazione, i costi sostenuti dalle unit aziendali impiegate direttamente e indirettamente nella costruzione dei beni, per la quota imputabile ai singoli beni. I predetti costi sono comprensivi anche delle spese generali nella misura massima del 5 per cento del costo complessivo del bene. Non sono comunque ammissibili alle agevolazioni le maggiori spese sostenute oltre l'importo globale approvato con il decreto di concessione del contributo. 65. Per i progetti ammessi ai benefci di cui ai commi 63 e 64, le imprese del gas e le societ concessionarie presentano al Ministero delle attivit produttive, unitamente allo stato di avanzamento finale, una dichiarazione del legale rappresentante, attestante che il costo effettivamente sostenuto per la realizzazione delle opere non inferiore alla spesa complessiva determinata in sede di istruttoria. Nel caso in cui il costo effettivo risulti inferiore alla spesa complessiva determinata in sede di istruttoria, gli stessi soggetti presentano la documentazione finale di spesa corredata da una dichiarazione del legale rappresentante che indichi le variazioni intervenute tra la spesa ammessa a finanziamento e i costi effettivi relativi alle singole opere realizzate. Il contributo calcolato sulla base della spesa effettivamente sostenuta. 66. Il concessionario delle opere di metanizzazione non tenuto a richiedere la certificazione del comune ai fini della presentazione degli stati di avanzamento intermedi dei lavori di cui all'articolo 11 della legge 28 novembre 1980, n. 784, e successive modificazioni. 67. I termini per la presentazione al Ministero delle attivit produttive della documentazione finale di spesa e della documentazione di collaudo, previsti dall'articolo 1, commi 1, 2 e 4, della legge 30 novembre 1998, n. 416, gi differiti al 31 dicembre 2002 dall'articolo 8-quinquies del decreto-legge 23 novembre 2001, n. 411, convertito, con modificazioni, dalla legge 31 dicembre 2001, n. 463, sono ulteriormente differiti al 30 giugno 2005. 68. Al comma 10-bis dell'articolo 15 del decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, la parola: "decorre" sostituita dalle seguenti: "e il periodo di cui al comma 9 del presente articolo decorrono" e le parole: "due anni" sono sostituite dalle seguenti: "quattro anni". 69. La disposizione di cui all'articolo 15, comma 5, del decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, relativa al regime transitorio degli affidamenti e delle concessioni in essere al 21 giugno 2000, data di entrata in vigore del medesimo decreto legislativo, va interpretata nel senso che fatta salva la facolt di riscatto anticipato, durante il periodo transitorio, se stabilita nei relativi atti di affidamento o di concessione. Tale facolt va esercitata secondo le norme ivi stabilite. Le gare sono svolte in conformit all'articolo 14 del decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164. Il periodo transitorio di cui al citato articolo 15, comma 5, termina entro il 31 dicembre 2007, fatta salva la facolt per l'ente locale affidante o concedente di prorogare, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, per un anno la durata del periodo transitorio, qualora vengano ravvisate motivazioni di pubblico interesse. Nei casi previsti dall'articolo 15, comma 9, del decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, il periodo transitorio non pu comunque terminare oltre il 31 dicembre 2012. abrogato il comma 8 dell'articolo 15 dello stesso decreto legislativo n. 164 del 2000. 70. Ai fini della diversificazione delle fonti energetiche a tutela della sicurezza degli approvvigionamenti e dell'ambiente, il Ministro delle attivit produttive, di concerto con i Ministri dell'ambiente e della tutela del territorio e delle infrastrutture e dei trasporti, promuove, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, uno o pi accordi di programma con gli operatori interessati, gli istituti di ricerca e le regioni interessate, per la ricerca e l'utilizzo di tecnologie avanzate e ambientalmente sostenibili per la produzione di energia elettrica o di carburanti da carbone. 71. Hanno diritto alla emissione dei certificati verdi previsti ai sensi dell'articolo 11 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, e successive modificazioni, l'energia elettrica prodotta con l'utilizzo dell'idrogeno e l'energia prodotta in impianti statici con l'utilizzo dell'idrogeno ovvero con celle a combustibile nonch

228

l'energia prodotta da impianti di cogenerazione abbinati al teleriscaldamento, limitatamente alla quota di energia termica effettivamente utilizzata per il teleriscaldamento. 72. L'articolo 23, comma 8, terzo periodo, del decreto legislativo 11 maggio 1999, n. 152, si applica anche alle piccole derivazioni ad uso idroelettrico di pertinenza di soggetti diversi dall'Enel Spa, previa presentazione della relativa domanda entro il 31 dicembre 2005. 73. Il risparmio di energia primaria ottenuto mediante la produzione e l'utilizzo di calore da fonti energetiche rinnovabili costituisce misura idonea al conseguimento degli obiettivi di cui ai provvedimenti attuativi dell'articolo 9, comma 1, del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, e dell'articolo 16, comma 4, del decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164. 74. Al secondo periodo del comma 1 dell'articolo 15 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, dopo la parola: "soggetti" sono inserite le seguenti: ", diversi da quelli di cui al terzo periodo,". 75. Al comma 1 dell'articolo 15 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, dopo il secondo periodo, sono inseriti i seguenti: "I soggetti destinatari di incentivi relativi alla realizzazione di impianti alimentati esclusivamente da fonti rinnovabili che non rispettino la data di entrata in esercizio dell'impianto indicata nella convenzione e nelle relative modifiche e integrazioni sono considerati rinunciatari qualora non abbiano fornito idonea prova all'Autorit per l'energia elettrica e il gas di avere concretamente avviato la realizzazione dell'iniziativa mediante l'acquisizione della disponibilit delle aree destinate ad ospitare l'impianto, nonch l'accettazione del preventivo di allacciamento alla rete elettrica formulato dal gestore competente, ovvero l'indizione di gare di appalto o la stipulazione di contratti per l'acquisizione di macchinari o per la costruzione di opere relative all'impianto, ovvero la stipulazione di contratti di finanziamento dell'iniziativa o l'ottenimento in loro favore di misure di incentivazione previste da altre leggi a carico del bilancio dello Stato. I soggetti beneficiari che abbiano adempiuto l'onere di cui al terzo periodo non sono considerati rinunciatari e perdono il diritto alle previste incentivazioni nei limiti corrispondenti al ritardo accumulato". 76. Il Ministero delle attivit produttive, di concerto con il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio, sentito il Ministero delle politiche agricole e forestali, stipula un accordo di programma quinquennale con l'Ente per le nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente (ENEA) per l'attuazione delle misure a sostegno della diffusione delle fonti rinnovabili e dell'efficienza negli usi finali dell'energia. Dal predetto accordo di programma non possono derivare nuovi o maggiori oneri a carico del bilancio dello Stato. 77. Il permesso di ricerca e la concessione di coltivazione degli idrocarburi in terraferma costituiscono titolo per la costruzione degli impianti e delle opere necessari, degli interventi di modifica, delle opere connesse e delle infrastrutture indispensabili all'esercizio, che sono dichiarati di pubblica utilit. Essi sostituiscono, ad ogni effetto, autorizzazioni, permessi, concessioni ed atti di assenso comunque denominati, previsti dalle norme vigenti, fatto salvo quanto disposto dal decreto legislativo 25 novembre 1996, n. 624. 78. Il permesso e la concessione di cui al comma 77 sono rilasciati a seguito di un procedimento unico, al quale partecipano le amministrazioni statali, regionali e locali interessate, svolto nel rispetto dei princpi di semplificazione e con le modalit di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 241. 79. La procedura di valutazione di impatto ambientale, ove richiesta dalle norme vigenti, si conclude entro il termine di tre mesi per le attivit in terraferma ed entro il termine di quattro mesi per le attivit in mare e costituisce parte integrante e condizione necessaria del procedimento autorizzativo. Decorso tale termine, l'amministrazione competente in materia di valutazione di impatto ambientale si esprime nell'ambito della conferenza di servizi convocata ai sensi della legge 7 agosto 1990, n. 241. 80. Nel caso di permessi di ricerca, l'istruttoria si conclude entro il termine di sei mesi dalla data di conclusione del procedimento di cui all'articolo 4 del decreto legislativo 25 novembre 1996, n. 625. 81. Nel caso di concessioni di coltivazione, l'istruttoria si conclude entro il termine di sei mesi dalla data di presentazione dello studio di impatto ambientale alle amministrazioni competenti. 82. Gli atti di cui al comma 77 indicano le prescrizioni e gli obblighi di informativa posti a carico del richiedente per garantire la tutela ambientale e dei beni culturali. Qualora le opere di cui al comma 77 comportino variazioni degli strumenti urbanistici, il rilascio del permesso o della concessione di cui al medesimo comma 77 ha effetto di variante urbanistica. 83. Le disposizioni di cui ai commi da 77 a 82 si applicano anche ai procedimenti in corso alla data di entrata in vigore della presente legge, eccetto quelli per i quali sia completata la procedura di valutazione di impatto ambientale, ovvero quelli per cui sia in corso di conclusione il relativo procedimento su dichiarazione del proponente. 84. Il valore complessivo delle misure stabilite, a seguito di specifici accordi tra la regione e gli enti locali interessati ed i titolari di concessioni di coltivazione di idrocarburi in terraferma non ancora entrate in

229

produzione alla data di entrata in vigore della presente legge, a titolo di contributo compensativo per il mancato uso alternativo del territorio dovuto alla costruzione degli impianti e delle opere necessarie, agli interventi di modifica, alle opere connesse e alle infrastrutture indispensabili all'esercizio, non pu eccedere il valore complessivo del 15 per cento di quanto comunque spettante alla regione e agli enti locali per le aliquote di prodotto della coltivazione. La regione competente per territorio provvede alla ripartizione dei contributi compensativi con gli enti locali interessati. La mancata sottoscrizione degli accordi non costituisce motivo per la sospensione dei lavori necessari per la messa in produzione dei giacimenti di idrocarburi o per il rinvio dell'inizio della coltivazione. 85. definito come impianto di microgenerazione un impianto per la produzione di energia elettrica, anche in assetto cogenerativo, con capacit di generazione non superiore a 1 MW. 86. L'installazione di un impianto di microgenerazione, purch omologato, soggetta a norme autorizzative semplificate. In particolare, se l'impianto termoelettrico, assoggettata agli stessi oneri tecnici e autorizzativi di un impianto di generazione di calore con pari potenzialit termica. 87. Il valore dei certificati verdi emessi ai sensi del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, stabilito in 0,05 GWh o multipli di detta grandezza. 88. Entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, il Ministro delle attivit produttive, di concerto con il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e il Ministro dell'interno, emana con proprio decreto le norme per l'omologazione degli impianti di microgenerazione, fissandone i limiti di emissione e di rumore e i criteri di sicurezza. 89. A decorrere dall'anno 2005, l'Autorit per l'energia elettrica e il gas effettua annualmente il monitoraggio dello sviluppo degli impianti di microgenerazione e invia una relazione sugli effetti della generazione distribuita sul sistema elettrico ai Ministri di cui al comma 88, alla Conferenza unificata e al Parlamento. 90. Il comma 4 dell'articolo 2 del decreto legislativo 31 gennaio 2001, n. 22, sostituito dal seguente: "4. Il soggetto che immette in consumo i prodotti indicati nel comma 1 obbligato a mantenere la scorta imposta indipendentemente dal tipo di attivit svolta e dalla capacit autorizzata dell'impianto presso il quale avvenuta l'immissione al consumo". 91. Dopo il comma 1 dell'articolo 3 del decreto legislativo 31 gennaio 2001, n. 22, inserito il seguente: "1-bis. Al solo fine di soddisfare l'obbligo stabilito annualmente dall'A.I.E. di cui al comma 1, il prodotto Orimulsion pu essere equiparato, nella misura fissata nel decreto annuale di determinazione degli obblighi di scorta di cui all'articolo 1, ai prodotti petroliferi di cui all'allegato A del presente decreto. Per tale prodotto l'immissione al consumo desunta dall'avvenuto perfezionamento degli adempimenti doganali per l'importazione". 92. L'articolo 8 del decreto legislativo 31 gennaio 2001, n. 22, abrogato. 93. Ai fini di una migliore attuazione della normativa in materia di aliquote di prodotto della coltivazione, dopo il comma 5 dell'articolo 19 del decreto legislativo 25 novembre 1996, n. 625, inserito il seguente: "5-bis. Per le produzioni ottenute a decorrere dal 1 gennaio 2002 i valori unitari dell'aliquota di coltivazione sono determinati: a) per l'olio, per ciascuna concessione e per ciascun titolare in essa presente, come media ponderale dei prezzi di vendita da esso fatturati nell'anno di riferimento. Nel caso di utilizzo diretto dell'olio da parte del concessionario, il valore dell'aliquota determinato dallo stesso concessionario sulla base dei prezzi sul mercato internazionale di greggi di riferimento con caratteristiche similari, tenuto conto del differenziale delle rese di produzione; b) per il gas, per tutte le concessioni e per tutti i titolari, in base alla media aritmetica relativa all'anno di riferimento dell'indice QE, quota energetica del costo della materia prima gas, espresso in euro per MJ, determinato dall'Autorit per l'energia elettrica e il gas ai sensi della deliberazione 22 aprile 1999, n. 52/99, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 100 del 30 aprile 1999, e successive modificazioni, assumendo fissa l'equivalenza 1 Smc |m= 38,52 MJ. A decorrere dal 1 gennaio 2003, l'aggiornamento di tale indice, ai soli fini del presente articolo, effettuato dall'Autorit per l'energia elettrica e il gas sulla base dei parametri di cui alla stessa deliberazione". 94. Dopo il comma 6 dell'articolo 19 del decreto legislativo 25 novembre 1996, n. 625, inserito il seguente: "6-bis. Per le produzioni di gas ottenute a decorrere dal 1 gennaio 2002, al fine di tenere conto di qualunque onere, compresi gli oneri relativi alla coltivazione, al trattamento e al trasporto, in luogo delle riduzioni di cui al comma 6, l'ammontare della produzione annuale di gas esentata dal pagamento dell'aliquota per ciascuna concessione di coltivazione, di cui al comma 3, stabilita in 25 milioni di Smc di gas per le produzioni in terraferma e in 80 milioni di Smc di gas per le produzioni in mare".

230

95. Il valore unitario delle aliquote relative alle produzioni di gas riferite ad anni successivi alla data di entrata in vigore del decreto legislativo 25 novembre 1996, n. 625, fino all'anno 2001, qualora non sussista la possibilit di attribuire in modo univoco ad una singola concessione di coltivazione il prezzo medio fatturato del gas da essa proveniente, pu essere determinato da ciascun titolare come media ponderale dei prezzi di vendita da esso fatturati in tutte le concessioni per le quali non sussiste la suddetta possibilit di attribuzione univoca. 96. Dopo il comma 2 dell'articolo 40 del decreto legislativo 25 novembre 1996, n. 625, inserito il seguente: "2-bis. I titolari di concessioni di coltivazione che hanno presentato istanze di esonero ai sensi dell'articolo 26 della legge 9 gennaio 1991, n. 9, in merito alle quali non risultino conclusi i relativi accertamenti, inviano entro il 31 dicembre 2004 l'aggiornamento dei prospetti di cui al comma 2 relativamente alle opere che risultavano ancora in corso alla data del 31 dicembre 1997. L'aggiornamento, sottoscritto dal legale rappresentante del concessionario o da un suo delegato, indica altres l'importo delle eventuali aliquote non corrisposte e ad esso si allega copia dell'avvenuto versamento, entro la stessa data, a titolo definitivo, dell'80 per cento dell'importo indicato". 97. I commi 3, 4 e 5 dell'articolo 40 del decreto legislativo 25 novembre 1996, n. 625, sono abrogati. 98. Ad integrazione delle disposizioni di cui al decreto-legge 14 novembre 2003, n. 314, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 dicembre 2003, n. 368, la gestione e la messa in sicurezza dei rifiuti radioattivi, che si intendono comprensivi degli elementi di combustibile nucleare irraggiato e dei materiali nucleari presenti sull'intero territorio nazionale, svolta secondo le disposizioni di cui ai commi da 99 a 106. 99. La Societ gestione impianti nucleari (SOGIN Spa) provvede alla messa in sicurezza ed allo stoccaggio provvisorio dei rifiuti radioattivi di III categoria, nei siti che saranno individuati secondo le medesime procedure per la messa in sicurezza e lo stoccaggio provvisorio dei rifiuti radioattivi di I e II categoria indicate dall'articolo 3, comma 1-bis, del decreto-legge 14 novembre 2003, n. 314, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 dicembre 2003, n. 368. 100. Con le procedure di cui all'articolo 1, comma 1, del decreto-legge 14 novembre 2003, n. 314, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 dicembre 2003, n. 368, viene individuato il sito per la sistemazione definitiva dei rifiuti di II categoria. Le opere da realizzare di cui al presente comma e al comma 99 sono opere di pubblica utilit, indifferibili e urgenti. 101. Con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro delle attivit produttive, di concerto con il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e con il Ministro dell'economia e delle finanze, da adottare entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, sono definiti i criteri e le modalit di copertura dei costi relativi alla messa in sicurezza e stoccaggio dei rifiuti radioattivi non coperti dagli oneri generali afferenti al sistema elettrico di cui al decreto-legge 18 febbraio 2003, n. 25, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 aprile 2003, n. 83. Dalle disposizioni del presente comma non possono derivare nuovi o maggiori oneri a carico del bilancio dello Stato. 102. Al fine di contribuire alla riduzione degli oneri generali afferenti al sistema elettrico di cui al decreto-legge 18 febbraio 2003, n. 25, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 aprile 2003, n. 83, nonch alla sicurezza del sistema elettrico nazionale, la SOGIN Spa, su parere conforme del Ministero delle attivit produttive, di concerto con il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio, valorizza i siti e le infrastrutture esistenti. 103. Ai fini di una migliore valorizzazione e utilizzazione delle strutture e delle competenze sviluppate, la SOGIN Spa svolge attivit di ricerca, consulenza, assistenza e servizio in tutti i settori attinenti all'oggetto sociale, in particolare in campo energetico, nucleare e di protezione dell'ambiente, anche all'estero. Le attivit di cui al presente comma sono svolte dalla medesima societ, in regime di separazione contabile anche tramite la partecipazione ad associazioni temporanee di impresa. 104. I soggetti produttori e detentori di rifiuti radioattivi di cui al comma 100 conferiscono, nel rispetto della normativa nazionale e comunitaria, anche in relazione agli sviluppi della tecnica e alle indicazioni dell'Unione europea, tali rifiuti per la messa in sicurezza e lo stoccaggio al deposito di cui al comma 100 o a quello di cui all'articolo 1, comma 1, del decreto-legge 14 novembre 2003, n. 314, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 dicembre 2003, n. 368, a seconda della categoria di appartenenza. Con decreto del Ministro delle attivit produttive, di concerto con il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio, sono definiti i tempi e le modalit tecniche del conferimento. 105. Salvo che il fatto costituisca pi grave reato, chiunque ometta di effettuare il conferimento di cui al comma 104, punito con l'arresto fino a due anni e con l'ammenda fino a euro 1.000.000. Chiunque violi

231

le norme tecniche e le modalit definite dal decreto di cui al comma 104, soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma non inferiore a euro 100.000 e non superiore a euro 300.000. 106. Al decreto-legge 14 novembre 2003, n. 314, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 dicembre 2003, n. 368, sono apportate le seguenti modificazioni: a) all'articolo 1, comma 1, primo periodo, dopo le parole: " effettuata" sono inserite le seguenti: ", garantendo la protezione sanitaria della popolazione e dei lavoratori nonch la tutela dell'ambiente dalle radiazioni ionizzanti,"; b) all'articolo 1, comma 1, secondo periodo, dopo le parole: "in relazione alle caratteristiche geomorfologiche del terreno" sono inserite le seguenti: "e in relazione alle condizioni antropiche del territorio"; c) all'articolo 2, comma 3, secondo periodo, le parole: ", di cui uno con funzioni di presidente" sono soppresse; d) all'articolo 2, comma 3, dopo il secondo periodo inserito il seguente: "Il Presidente della Commissione nominato con apposito decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, d'intesa con la Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, senza maggiori oneri a carico della finanza pubblica". 107. Con decreto del Ministro delle attivit produttive, su proposta dell'Autorit per l'energia elettrica e il gas, sono definite le caratteristiche tecniche e le modalit di accesso e di connessione fra le reti energetiche nazionali e quelle degli Stati il cui territorio interamente compreso nel territorio italiano. 108. I gruppi generatori concorrono alla sicurezza dell'esercizio delle reti di distribuzione e trasporto con potenze inseribili su richiesta del distributore locale o del Gestore della rete di trasmissione nazionale Spa, secondo modalit definite dall'Autorit per l'energia elettrica e il gas, previo parere del Gestore della rete di trasmissione nazionale Spa. 109. Dalla data di entrata in vigore della presente legge e fino al 31 dicembre 2007, gli impianti riconosciuti dal Gestore della rete di trasmissione nazionale Spa ai sensi del decreto del Ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato 11 novembre 1999, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 292 del 14 dicembre 1999, che utilizzano, per la produzione di energia elettrica in combustione, farine animali oggetto di smaltimento ai sensi del decreto-legge 11 gennaio 2001, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 marzo 2001, n. 49, possono imputare a fonte rinnovabile la produzione di energia elettrica in misura pari al 100 per cento della differenza ottenuta applicando le modalit di calcolo di cui all'articolo 4, comma 1, lettera c), del predetto decreto del Ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato 11 novembre 1999, con riferimento esclusivo all'energia elettrica imputabile alle farine animali e al netto della produzione media di elettricit imputabile a fonti rinnovabili nel triennio antecedente al 1 aprile 1999. La produzione di energia elettrica di cui al presente comma non pu essere oggetto di ulteriori forme di incentivazione o sostegno. 110. A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge le spese per le attivit svolte dagli uffici della Direzione generale per l'energia e le risorse minerarie del Ministero delle attivit produttive, quali autorizzazioni, permessi o concessioni, volte alla realizzazione e alla verifica di impianti e di infrastrutture energetiche di competenza statale il cui valore sia di entit superiore a 5 milioni di euro, salvo esclusione disposta con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro delle attivit produttive, per le relative istruttorie tecniche e amministrative e per le conseguenti necessit logistiche e operative, sono poste a carico del soggetto richiedente tramite il versamento di un contributo di importo non superiore allo 0,5 per mille del valore delle opere da realizzare. L'obbligo di versamento non si applica agli impianti o alle infrastrutture per i quali alla data di entrata in vigore della presente legge si sia gi conclusa l'istruttoria. 111. Alle spese delle istruttorie di cui al comma 110, ivi comprese le spese di funzionamento degli organi consultivi, operanti presso la citata Direzione generale per l'energia e le risorse minerarie, incaricati di rendere pareri ai fini dell'istruttoria di cui al medesimo comma 110, si provvede nel limite delle somme derivanti dai versamenti di cui al comma 110 che, a tal fine, sono versate all'entrata del bilancio dello Stato, per essere riassegnate allo stato di previsione del Ministero delle attivit produttive. 112. Rimangono a carico dello Stato le spese relative alle attivit svolte dall'Ufficio nazionale minerario per gli idrocarburi e la geotermia per la prevenzione e l'accertamento degli infortuni e la tutela dell'igiene del lavoro negli impianti e nelle lavorazioni soggetti alle norme di polizia mineraria, nonch per i controlli di produzione e per la tutela dei giacimenti. 113. All'articolo 22, comma 2, della legge 9 gennaio 1991, n. 10, sono soppresse le parole: "per non pi di una volta". 114. All'articolo 3, comma 15, del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, soppresso il secondo periodo.

232

115. Al fine di garantire lo svolgimento degli adempimenti previsti dalla presente legge, e nei limiti delle effettive disponibilit derivanti dai versamenti di cui al comma 110 presso la Direzione generale per l'energia e le risorse minerarie del Ministero delle attivit produttive, possono essere nominati, nei limiti delle risorse disponibili, non pi di ulteriori venti esperti con le medesime modalit previste dall'articolo 22, comma 2, della legge 9 gennaio 1991, n. 10, e dalle relative disposizioni attuative. 116. Al fine di garantire la maggiore funzionalit dei compiti assegnati al Ministero delle attivit produttive nel settore energetico, per il trattamento del personale, anche dirigenziale, gi appartenente al Ministero dell'industria, del commercio e dell'artigianato, autorizzata la spesa di euro 2.000.000 a decorrere dall'anno 2004. Con decreto del Ministro delle attivit produttive, da emanare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, sono individuati i criteri per la ripartizione della somma di cui al periodo precedente, con effetto dal 1 gennaio 2004. 117. All'onere derivante dall'attuazione del comma 116, pari a euro 2.000.000 per ciascuno degli anni 2004, 2005 e 2006, si provvede mediante corrispondente riduzione dell'autorizzazione di spesa di cui all'articolo 1, comma 43, della legge 28 dicembre 1995, n. 549, come da ultimo rifinanziata dalla tabella C, voce "Ministero delle attivit produttive", allegata alla legge 24 dicembre 2003, n. 350. 118. All'articolo 2 della legge 14 novembre 1995, n. 481, sono apportate le seguenti modificazioni: a) al comma 28, la parola: "ottanta" sostituita dalla seguente: "centoventi"; b) al comma 30, la parola: "quaranta" sostituita dalla seguente: "sessanta". 119. Al fine di accrescere la sicurezza e l'efficienza del sistema energetico nazionale, mediante interventi per la diversificazione delle fonti e l'uso efficiente dell'energia, il Ministero delle attivit produttive: a) realizza, per il triennio 2004-2006, di concerto con il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio, un piano nazionale di educazione e informazione sul risparmio e sull'uso efficiente dell'energia, nel limite di spesa, per ciascun anno, rispettivamente di euro 2.520.000, 2.436.000 e 2.468.000; b) realizza, nel triennio 2004-2006, di concerto con il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio, progetti pilota per il risparmio ed il contenimento dei consumi energetici in edifici utilizzati come uffici da pubbliche amministrazioni, nel limite di spesa di euro 5.000.000 annui; c) potenzia la capacit operativa della Direzione generale per l'energia e le risorse minerarie, incrementando, nel limite di 20 unit, in deroga alle vigenti disposizioni, la dotazione di risorse umane, mediante assunzioni nel triennio 2004-2006 e mediante contratti con personale a elevata specializzazione in materie energetiche, il cui limite di spesa di euro 500.000 annui; d) promuove, di concerto con il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio in esecuzione di accordi di cooperazione internazionale esistenti, studi di fattibilit e progetti di ricerca in materia di tecnologie pulite del carbone e ad "emissione zero", progetti di sequestro dell'anidride carbonica e sul ciclo dell'idrogeno, consentendo una efficace partecipazione nazionale agli stessi accordi, nel limite di spesa di euro 5.000.000 per ciascuno degli anni dal 2004 al 2006; e) sostiene, a carico dell'autorizzazione di spesa di cui alla lettera d), gli oneri di partecipazione all'International Energy Forum e promuove le attivit, previste per il triennio 2004-2006, necessarie per l'organizzazione della Conferenza internazionale, che l'Italia ospita come presidenza di turno. 120. All'onere derivante dall'attuazione del comma 119, pari a euro 13.020.000 per l'anno 2004, a euro 12.936.000 per l'anno 2005 e a euro 12.968.000 per l'anno 2006, si provvede, quanto a euro 3.020.000 per l'anno 2004, a euro 2.936.000 per l'anno 2005 e a euro 2.968.000 per l'anno 2006, mediante corrispondente riduzione dello stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale 2004-2006, nell'ambito dell'unit previsionale di base di parte corrente "Fondo speciale" dello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze per l'anno 2004, allo scopo utilizzando l'accantonamento relativo al Ministero delle attivit produttive e, quanto a euro 10.000.000 per ciascuno degli anni 2004, 2005 e 2006, mediante corrispondente riduzione dello stanziamento iscritto, ai fini del medesimo bilancio 2004-2006, nell'ambito dell'unit previsionale di base di conto capitale "Fondo speciale" dello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze per l'anno 2004, allo scopo utilizzando l'accantonamento relativo al Ministero delle attivit produttive. 121. Il Governo delegato ad adottare, entro ventiquattro mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, uno o pi decreti legislativi per il riassetto delle disposizioni vigenti in materia di energia, ai sensi e secondo i princpi e criteri di cui all'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, e successive modificazioni, nel rispetto dei seguenti princpi e criteri direttivi: a) articolazione della normativa per settori, tenendo anche conto dell'organizzazione dei mercati di riferimento e delle esigenze di allineamento tra i diversi settori che derivano dagli esiti del processo di liberalizzazione e di formazione del mercato interno europeo;

233

b) adeguamento della normativa alle disposizioni comunitarie e agli accordi internazionali, anche in vigore nell'ordinamento nazionale al momento dell'esercizio della delega, nel rispetto delle competenze conferite alle amministrazioni centrali e regionali; c) promozione della concorrenza nei settori energetici per i quali si avviata la procedura di liberalizzazione, con riguardo alla regolazione dei servizi di pubblica utilit e di indirizzo e di vigilanza del Ministro delle attivit produttive; d) promozione dell'innovazione tecnologica e della ricerca in campo energetico ai fini della competitivit del sistema produttivo nazionale. La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sar inserita nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge dello Stato. Data a Roma, add 23 agosto 2004 CIAMPI Berlusconi, Presidente del Consiglio dei Ministri Marzano, Ministro delle attivit produttive Visto, il Guardasigilli: Castelli LAVORI PREPARATORI Camera dei deputati (atto n. 3297): Presentato dal Ministro delle attivit produttive (Marzano) il 22 ottobre 2002. Assegnato alla X commissione (Attivita' produttive), in sede referente, il 6 novembre 2002 con pareri delle commissioni I, II, V, VI, VII, VIII, IX, XII, XIV e Parlamentare per le questioni regionali. Esaminato dalla X commissione il 20 novembre 2002; 3, 4, 10, 11, 17, 18, 19 e 22 dicembre 2002; 22 gennaio 2004; 12, 18, 20, 25, 26 e 27 febbraio 2003; 6, 11, 13, 18, 20, 25 e 26 marzo 2003; 9, 10, 15 e 16 aprile 2003; 8, 13 e 14 maggio 2003; 11 giugno 2003. Relazione scritta presentata il 13 giugno 2003 (atto n. 3297-8-1378-2219-2567/A - relatore on. Saglia). Esaminato in aula il 16, 19 giugno 2003 e 15 luglio 2003, approvato il 16 luglio 2003. Senato della Repubblica (atto n. 2421): Assegnato alla 10 commissione (Industria), in sede referente, il 18 settembre 2003 con pareri delle commissioni 1, 2, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 11, 12, 13, 14, giunta per gli affari delle Comunit europee e Parlamentare e per le questioni regionali. Esaminato dalla 10 commissione il 18 settembre 2003; 16, 17 dicembre 2003; 13, 20, 21, 22, 27 e 28 gennaio 2004. Relazione scritta annunciata il 12 febbraio 2004 (atto n. 2421-408-1142-1580-1634-1861, 2328/A relatore sen. Pontone). Esaminato in aula il 25 marzo 2004 e 6 aprile 2004, approvato, con modificazioni, il 26 maggio 2004. Camera dei deputati (atto n. 3297-B): Assegnato alla X commissione (Attivit produttive), in sede referente, il 27 maggio 2004 con parere delle commissioni I, II, V, VI, VIII, XI, XII, XIV e Parlamentare per le questioni regionali. Esaminato dalla X commissione il 22 giugno 2004; 6, 7, 13 e 21 luglio 2004. Esaminato in aula il 23 e 29 luglio 2004 e approvato il 30 luglio 2004.

234