Sei sulla pagina 1di 2

RisorsaRifiuti.

it

Gerarchia dei rifiuti

In linea con quanto previsto dalla direttiva 2008/98/CE, l’articolo 179


del D.Lgs.205/2010 introduce e precisa i criteri di priorità nella
gestione dei rifiuti denominata Gerarchia dei Rifiuti:

1) prevenzione;
2) preparazione per il riutilizzo;
3) riciclaggio;
4) recupero di altro tipo, per esempio il recupero di energia;
5) smaltimento.
Suddividendo in blocchi funzionali ed incorporando il Riutilizzo nella
voce Prevenzione ed il riciclo nella voce Recupero di Materia la
gerarchia dei rifiuti può essere schematicamente semplificata.

La gerarchia dei rifiuti stabilisce, in generale, un ordine di priorità di


ciò che costituisce la migliore opzione ambientale.

In generale si prediligono quelle azioni che minimizzano la quantità


di materia destinata allo smaltimento la gestione dei Rifiuti e
l’impatto ambientale correlato.

Il seguente documento è da considerarsi una nota personale e non esaustiva dell’autore senza nessuna validità.
Per approfondimenti fare riferimento alle leggi e norme di riferimento.
RisorsaRifiuti.it

Nel rispetto della gerarchia dei rifiuti, devono essere adottate le


misure volte a incoraggiare le opzioni che garantiscono il miglior
risultato complessivo.
Vengono specificati, altresì, gli strumenti utilizzabili dalle pubbliche
amministrazioni per favorire il rispetto della gerarchia del
trattamento dei rifiuti, tra cui:
- promozione dello sviluppo di tecnologie pulite, che permettano
un uso più razionale e un maggiore risparmio di risorse naturali;
- promozione della messa a punto tecnica e dell'immissione sul
mercato di prodotti concepiti in modo da non contribuire o da
contribuire il meno possibile, per la loro fabbricazione, il loro uso o il
loro smaltimento, ad incrementare la quantità o la nocività dei rifiuti
e i rischi di inquinamento;
- determinazione di condizioni di appalto che prevedano l'impiego
dei materiali recuperati dai rifiuti e di sostanze e oggetti prodotti,
anche solo in parte, con materiali recuperati dai rifiuti al fine di
favorire il mercato dei materiali medesimi;
- impiego dei rifiuti per la produzione di combustibili e il successivo
utilizzo e, più in generale, l'impiego dei rifiuti come altro mezzo per
produrre energia.

Il seguente documento è da considerarsi una nota personale e non esaustiva dell’autore senza nessuna validità.
Per approfondimenti fare riferimento alle leggi e norme di riferimento.