Sei sulla pagina 1di 2

LA FUCILAZIONE DEL 3 MAGGIO

LA

FUCILAZIONE DEL 3 MAGGIO (Francisco Goya 1814)

Analisi dellopera:
In questopera Goya ha rappresentato il momento drammatico di una fucilazione a danno di un gruppo di uomini spagnoli,avvenuta la notte del 3 Maggio 1808. I soldati fanno parte dellesercito napoleonico che invase la Spagna .Lartista ha voluto rappresentare la guerra come un fenomeno crudele e in cui non ci sono ne vincitori ne vinti,ma solo la perdita di vite umane ingiustificate. Gli uomini che stanno per essere fucilati non sono rappresentati come eroi,come avveniva nella pittura neoclassica, ma come uomini che pur lottando per la liberazione della loro patria sono terrorizzati dalla morte. Luomo con la camicia bianca e le braccia alzate in segno di resa ha stampato sulla faccia il terrore di morire,il suo viso deformato dalla paura,altri uomini si coprono gli occhi per non vedere la carneficina che si sta compiendo davanti a loro. I soldati dellesercito francese sono visti di spalle perch il pittore non voleva dare un giudizio di colpevolezza nei loro confronti,ma vuole semplicemente affermare che anchessi sono vittime della crudelt della guerra vista come sete di potere e di sopraffazione tra gli uomini.