Sei sulla pagina 1di 184

Guida di formazione

Progettazione sostenibile con Autodesk Ecotect Analysis 2010

Guida di formazione Progettazione sostenibile con Autodesk Ecotect Analysis 2010

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Sommario

Introduzione al corso

1

Lezione 1: Modellazione e sostenibilità

7

Lezione 2: Modellazione del sito di un edificio sostenibile

32

Lezione 3: Posizione, volumetria e layout dell'edificio

64

Appendice della lezione 3: Introduzione alla modellazione in Ecotect

88

Lezione 4: Modellazione del comfort umano

94

Lezione 5: Ottimizzazione del progetto di inviluppo di un edificio

111

Lezione 6: Modellazione del progetto di impianti meccanici, elettrici e idraulici

159

Riepilogo del corso

182

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 1

1

Introduzione al corso

Grazie per avere scelto il corso di progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010.

Il corso si articola in sei lezioni costituite da materiale concettuale, esercizi pratici con set di dati e domande di autovalutazione.

 

Titolo della lezione

Obiettivi di apprendimento della lezione

Lezione 1

Modellazione e sostenibilità

Importare file gbXML e DXF nel software Autodesk® Ecotect® Analysis 2010. Apprendere le procedure ottimali da seguire in Revit Architecture e Revit MEP prima dell'esportazione in Ecotect.

Lezione 2

Modellazione del lotto edificabile sostenibile

Comprendere e operare con file di dati delle condizioni atmosferiche in Ecotect Analysis e Green Building Studio.

Lezione 3

Modellazione del posizionamento, delle volumetrie e del layout di un edificio Appendice della lezione 3: Introduzione alla modellazione in Ecotect

Analizzare l'impatto delle volumetrie, della rotazione e del layout di un edificio sul consumo energetico. Operare e comprendere gli strumenti di modellazione di base di Ecotect Analysis.

Lezione 4

Modellazione del comfort umano

Utilizzare gli strumenti psicrometrici per spiegare e definire i fattori chiave per la determinazione dei livelli di comfort umano in un progetto.

Lezione 5

Ottimizzazione del progetto di inviluppo di un edificio

Eseguire un'analisi della luce diurna e creare nuovi materiali nel software Autodesk® Ecotect Analysis®.

Lezione 6

Modellazione del progetto di impianti meccanici, elettrici e idraulici

Utilizzare alternative progettuali per impianti meccanici nel flusso di lavoro di progettazione sostenibile con GBS ed Ecotect.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

2

2 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Obiettivi

Il corso di progettazione sostenibile si prefigge gli obiettivi seguenti:

Offrire lezioni che forniscano una panoramica delle funzionalità di progettazione sostenibile e delle soluzioni software BIM.

Fornire materiale concettuale ed esercizi pratici che diano dimostrazione dei comuni flussi di lavoro di progettazione sostenibile con Ecotect Analysis, Green Building Studio e Autodesk Revit Architecture o Revit MEP.

Fornire materiali e informazioni da utilizzare in futuro per dimostrazioni o come supporto alla formazione.

Prerequisiti

È consigliabile avere seguito il corso sulla leadership nelle procedure di progettazione sostenibile, nonché avere completato le esercitazioni su Ecotect Analysis fornite con il prodotto.

Software

È necessario disporre di:

Un account per Autodesk® Green Building Studio®

Autodesk® Green Building Studio® Desktop versione 4.0 o successiva

Autodesk® Ecotect Analysis® 2010

Autodesk® Revit® Architecture 2010

Autodesk® Revit® MEP 2010

Per completare gli esercizi, ogni programma deve essere installato e regolarmente concesso in licenza.

Set di dati

Per gli esercizi pratici passo passo sono inclusi dei set di dati, ma è possibile utilizzare anche progetti e file personali.

Scaricare sul desktop la cartella contenente i file dei set di dati per gli esercizi. All'interno della cartella dei set di dati di ogni lezione sono contenuti:

I file necessari per avviare l'esercizio.

I file da importare durante l'esercizio.

Un set di dati finale da confrontare con i propri risultati. Per alcuni esercizi che prevedono l'esecuzione di analisi su un modello, i file dell'analisi completata non vengono forniti.

Nonostante si sia tentato di rendere gli esercizi indipendenti da unità di misura, è comprensibile che la visualizzazione dei risultati dell'analisi può risultare più chiara in un determinato formato. A tale scopo, per la maggior parte degli esercizi i set di dati da utilizzare vengono forniti sia nel formato metrico sia in quello imperiale.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 3

3

Denominazione dei set di dati: i passaggi di un esercizio fanno riferimento al nome di base del file. L'uso

di un prefisso nei nomi dei file indica l'unità di misura utilizzata. Selezionare in base alle proprie

preferenze la versione in unità metriche o imperiali del file EastCommons_For_Analysis.xml.

Nella cartella dei set di dati relativi alla lezione 1 sono presenti due file:

La versione in unità metriche è: m_EastCommons_For_Analysis.xml

La versione in unità imperiali è: i_EastCommons_For_Analysis.xml

Le immagini della schermata possono riferirsi a un set di dati o all'altro. Se non diversamente indicato

nell'introduzione o nel singolo passaggio, la versione del set di dati utilizzata non è rilevante.

Scenario/programma

Gli esercizi contenuti nella presente guida di formazione sono basati sul seguente scenario ipotetico.

Un gruppo di famiglie ha costituito una cooperativa di edilizia abitativa ecocompatibile denominata Green Housing Collective. Essendo interessato alla creazione di una comunità piuttosto che all'acquisto di lotti individuali, il gruppo ha deciso di creare un edificio con unità annesse pari a circa il 60% della normale superficie delle abitazioni standard e di destinare la superficie rimanente ad area comune. Tale area comune ospiterà vani condivisi per la cucina, i pasti, la libreria, il lavoro e il tempo libero.

In ogni lezione lo scenario viene ampliato e vengono presentate nuove problematiche.

Documenti

Non esistono documenti separati per le unità di misura metriche e imperiali. Nel testo e negli esercizi del presente programma si è tentata la massima indipendenza possibile dalle unità di misura. A differenza della maggior parte dei materiali di formazione incentrati sul software, i passaggi utilizzati per illustrare un processo riguardano in misura minore l'immissione di dati e mirano maggiormente a fornire una panoramica sul flusso di informazioni tra vari programmi, ognuno dei quali apporta un proprio contributo specifico nel processo di progettazione sostenibile.

Esercitazioni e altre risorse di apprendimento

Oltre agli esercizi contenuti in questa guida, sono disponibili anche esercitazioni e white paper per Ecotect e Revit, che rappresentano ulteriori materiali di apprendimento in grado di migliorare le competenze e le conoscenze di questi pacchetti software.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

4

4 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

White paper su Green Building Studio

Per Green Building Studio sono disponibili diversi white paper: • Utilizzo di Green Building Studio
Per Green Building Studio sono disponibili diversi
white paper:
• Utilizzo di Green Building Studio con Revit
Architecture e Revit MEP
• BIM e Autodesk Green Building Studio
• Dati delle condizioni atmosferiche per
l'analisi dell'energia degli edifici
Questi e altri documenti possono essere scaricati
dal collegamento seguente:
http://usa.autodesk.com/adsk/servlet/index?
siteID=123112&id=11261770
Collegamento ai white paper nella pagina
principale di Green Building Studio.

Pacchetti di formazione per Autodesk Ecotect Analysis

Sono disponibili per il download alcuni pacchetti di formazione su Autodesk Ecotect. Fare clic sul collegamento relativo alla formazione sulla pagina principale del prodotto nel sito Web di Autodesk:

Collegamento al supporto sulla pagina principale di Ecotect Analysis

Collegamento al supporto sulla pagina principale di Ecotect Analysis

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 5

5

White paper su Autodesk Ecotect Analysis

Come per Green Building Studio, è possibile scaricare documenti e white paper aggiuntivi facendo clic
Come per Green Building Studio, è possibile
scaricare documenti e white paper aggiuntivi
facendo clic sul collegamento ai white paper.
http://usa.autodesk.com/adsk/servlet/index?
siteID=123112&id=13169976
Tra gli altri, alcuni riguardano l'utilizzo di Autodesk
Ecotect Analysis e del Building Information
Modeling e la creazione di modelli per l'analisi
delle prestazioni su edifici esistenti.

Esercitazioni su Revit Architecture e Revit MEP

Nessuno dei prodotti Revit prevede l'installazione delle relative esercitazioni, che devono invece essere scaricate separatamente. Dalle pagine principali dei singoli prodotti è possibile accedere a numerosi file nella sezione dedicata al download delle esercitazioni.

Per Revit Architecture, nella pagina principale del prodotto fare clic sul collegamento relativo alla documentazione, quindi su quello delle esercitazioni e selezionare la versione 2010. In alternativa, il collegamento diretto è:

 

Per Revit MEP, nella pagina principale del prodotto fare clic sul collegamento relativo alla documentazione, quindi su quello delle esercitazioni e selezionare la versione 2010. Il collegamento per l'accesso diretto è:

Per entrambi i prodotti sono presenti più file ZIP da scaricare. Il file dei documenti di esercitazione su RAC o RME contiene le esercitazioni in formato PDF unitamente a un file CHM con le stesse informazioni, mentre gli altri file contengono i set di dati da utilizzare con i singoli esercizi.

Altre risorse per Revit Architecture

Tramite lo stesso collegamento utilizzato per il download delle esercitazioni, sono disponibili anche dei workshop rapidi.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

6

6 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Altre risorse per Revit MEP

Tramite lo stesso collegamento utilizzato per accedere alle esercitazioni, sono disponibili anche dei workshop rapidi su Revit MEP.

Revit MEP dispone inoltre di un centro risorse attraverso il quale è possibile riprodurre filmati di formazione e scaricare white paper:

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 7

7

Lezione 1: Modellazione e sostenibilità

Panoramica

Per il supporto e lo studio della progettazione sostenibile sono disponibili numerosi strumenti di analisi. Nel settore si cerca faticosamente una soluzione per unificare i dati in un formato che possa essere utilizzato da tutte le parti. A causa della diversa natura dei processi di analisi, l'obiettivo di un formato comune per tutti gli strumenti di analisi sarà tuttavia difficile da realizzare. In questa sezione verranno esaminati alcuni dei formati disponibili e condivisi da vari strumenti Autodesk:

gbXML

DXF

IFC

Obiettivi

Al termine della lezione, l'utente sarà in grado di:

Illustrare la differenza tra un modello analitico dei vani e un modello geometrico.

Importare un file gbXML nel software Autodesk® Ecotect® Analysis 2010.

Importare un file DXF nel software Autodesk Ecotect Analysis 2010.

Esercizi

Gli esercizi di questa lezione sono i seguenti:

Esercizio 1-1: Importazione di un file gbXML in Ecotect Analysis

Esercizio 1-2: importazione di un file DXF in Ecotect Analysis

Termini chiave

Modelli basati su zone e vani

I

modelli basati su zone e vani, ad esempio il formato gbXML, contengono la

struttura, i muri, i pavimenti, il tetto e le aperture dell'edificio, ma non includono la geometria più dettagliata, ad esempio ringhiere e scale.

Modelli basati su geometria

modelli basati su geometria, ad esempio il formato IFC o DXF, contengono tutta la geometria dell'edificio.

I

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

8

8 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Concetti

Diverse organizzazioni hanno sviluppato formati di file di interscambio allo scopo di riutilizzare le informazioni da un programma a un altro, consentendo in questo modo un certo grado di interoperabilità tra i software di fornitori diversi. Ognuno dei formati discussi in questa guida ha origini e specifiche diverse. La comprensione del motivo per cui un determinato formato è stato creato aiuterà a chiarire perché un formato è migliore rispetto a un altro per utilizzi specifici.

In questa lezione vengono esaminati alcuni dei formati comuni per lo scambio delle informazioni di modellazione tra pacchetti software di analisi.

Formati di scambio

I formati DXF, gbXML e IFC:

Sono stati sviluppati per uno scopo specifico.

Includono ed escludono informazioni diverse dal file di origine a seconda delle esigenze e dello scopo previsto.

DXF DXF: Drawing Exchange Format o Drawing Interchange Format

Origine: sviluppato da Autodesk (1982)

Questo formato di file è stato creato per l'interscambio di informazioni tra programmi CAD. Alcune delle tipiche informazioni passate dal programma CAD al file DXF comprendono vettori e layer. Il formato è disponibile da molto tempo ed è tuttora utile per la conversione di informazioni geometriche come linee e archi. Può trattarsi di un file di testo ASCII o binario.

gbXML gbXML: Green Building XML

Specifica di origine: sviluppato dal formato pubblico di Autodesk Green Building Studio

Questo formato è stato progettato per semplificare il trasferimento delle informazioni relative agli edifici memorizzate in modelli BIM. Spesso chiamato green building XML o gbXML, si tratta di un file Extensible Markup Language con estensione .xml. È un formato di file robusto, non proprietario, persistente e verificabile, che semplifica lo scambio di dati tra tutti gli strumenti software che adottano lo schema, tra cui applicazioni per la progettazione di impianti HVAC (riscaldamento, ventilazione e aria condizionata), applicazioni di analisi dell'energia e altre applicazioni.

Questo schema di dati consente l'interoperabilità tra i modelli BIM e un'ampia gamma di strumenti e modelli di analisi ingegneristica. In questo modo, i progettisti possono generare una descrizione dettagliata di un singolo edificio o di una serie di edifici per procedere ad analisi dell'energia e delle risorse. Diventa inoltre possibile l'interoperabilità dei dati tra applicazioni BIM come la famiglia di prodotti Autodesk® Revit® e programmi di analisi edilizia come DOE-2.2 del Dipartimento dell'energia degli Stati Uniti.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 9

9

Essendo incentrato sull'analisi dell'energia in fase di progettazione iniziale, il formato non convertirà gli oggetti BIM che non sono considerati fondamentali per l'analisi, ad esempio scale e ringhiere.

Il formato è stato proposto per l'inclusione nello schema aecXML, che viene ora sviluppato da International Alliance for Interoperability e che è basato sul formato IFC.

IFC IFC: Industry Foundation Class

Origine: International Alliance for Interoperability (1995)

Con la creazione del software BIM alla fine degli anni novanta, la quantità di informazioni contenute negli oggetti di un file BIM è molto maggiore rispetto a un tradizionale programma CAD. Mentre CAD gestisce linee e archi, il BIM dipende da oggetti quali muri, porte e finestre, i quali contengono un numero molto maggiore di informazioni, ad esempio informazioni relative a materiali, classificazioni, codici e abachi. Con il formato DXF non è possibile passare queste informazioni aggiuntive da un programma all'altro. Il formato IFC (che è anche un file basato su testo) è invece strutturato in modo da consentire il passaggio di tali informazioni da un programma BIM a un altro come oggetti intelligenti anzichè come raccolta di geometrie, cosa che avviene quando si utilizza il formato DXF.

Differenze tra file DXF, gbXML e IFC In questa sezione, un semplice modello costituito da un solo locale viene esportato in ognuno dei formati. I singoli file esportati vengono aperti con un editor di testo e quindi esaminati.

File Revit di origine

File Revit di origine Il file di origine di questa sezione è costituito da una semplice

Il file di origine di questa sezione è costituito da una semplice raccolta di muri, una porta e un tetto. All'interno del locale ci sono una sedia e una scrivania. Partendo da questo file, la vista 3D viene esportata in ognuno dei tre formati.

DXF

DXF I file DXF possono essere aperti con un editor di testo e contengono informazioni di

I file DXF possono essere aperti con un editor di testo e contengono informazioni di geometria. La ricerca di "Locale" nel file non restituisce alcun risultato. Le informazioni sul locale non sono disponibili in questo file, poiché l'oggetto locale non è una geometria solida ma piuttosto un oggetto definito in questo caso dai quattro muri.

Quando si crea il file DXF, viene esportata una singola vista e vengono esportati solo gli oggetti visibili.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

10

10 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

gbXML

gbXML L'apertura del file XML in Word mostra la relativa struttura XML. In questo caso, la

L'apertura del file XML in Word mostra la relativa struttura XML. In questo caso, la ricerca della parola sedia non restituisce alcun risultato. Poiché il formato gbXML è stato sviluppato per l'analisi dell'energia preliminare, si tratta di un'esportazione selettiva di geometria (muri, porte, finestre, tetto e locali). Non tutta la geometria viene esportata, ma solo quella fondamentale per un'analisi dell'energia preliminare. Tale geometria viene convertita in vani (locali) e superfici (muri) con relative aperture (finestre e porte), ma nessun materiale viene passato nel file.

IFC

IFC Anche il file IFC viene aperto con un editor di testo, ad esempio Word o

Anche il file IFC viene aperto con un editor di testo, ad esempio Word o Blocco note. Poiché è stato progettato per convertire l'intero modello da un programma software in un altro, nel file sono presenti tutti gli elementi. Gli sviluppi futuri potrebbero fare anche di questo formato uno schema XML.

Formati di analisi per Autodesk Green Building Studio Green Building Studio è uno strumento di analisi basato sul Web da utilizzare nelle fasi iniziali del progetto, quando si eseguono iterazioni di studi sulle volumetrie e sulla struttura preliminare. Green Building Studio utilizza esclusivamente il formato gbXML. Data la struttura di tale formato, lo strumento opera solo su vani o locali, strutture esterne e aperture (finestre, porte e vuoti). Geometria aggiuntiva e materiali non sono contenuti nel file gbXML e pertanto non vengono elaborati di default. Nell'interfaccia di Green Building Studio sono disponibili strumenti che consentono di aggiungere alcune informazioni aggiuntive relative, ad esempio, ai tipi di vetrata e di materiale dei muri.

Formati di analisi per Autodesk Ecotect Analysis Ecotect Analysis 2010 è in grado di importare un'ampia gamma di formati, tra cui gbXML, DXF e IFC. A causa della natura dei formati, si ottengono risultati molto diversi a seconda del formato importato. La scelta del formato da utilizzare per il trasferimento del modello dal software BIM in Ecotect Analysis dipende dai fattori esaminati in precedenza e nella sezione successiva Quantità di informazioni per la modellazione.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 11

11

Quantità di informazioni per la modellazione

Quando si crea un modello di edificio, è necessario tenere presente non solo la quantità di informazioni passate al programma di analisi, ma anche il tipo di informazioni inviate. A seconda del tipo di analisi sono infatti necessari livelli di dettaglio diversi.

analisi sono infatti necessari livelli di dettaglio diversi. Nel grafico precedente è illustrata la precisione dei

Nel grafico precedente è illustrata la precisione dei risultati per varie analisi associate al livello di dettaglio dell'edificio. Sia che si stia analizzando l'edificio all'inizio della progettazione concettuale o in una fase intermedia tramite un disegno schematico, il tipo di analisi determina la quantità di informazioni da fornire al programma di analisi. La fase di progettazione, ovvero la fase in cui l'edificio deve essere analizzato, è un fattore che può determinare il corretto formato da utilizzare nell'importazione. Se il progetto è in uno stadio iniziale, quando si studiano la struttura delle volumetrie e le aperture, è opportuno utilizzare il formato gbXML. Più avanti nella progettazione, quando si sviluppano le strategie di ombreggiatura e i pannelli riflettenti, potrebbe essere più idoneo il formato DXF. In alcuni casi può essere necessario combinare i formati, importando il modello di analisi di base in formato gbXML e successivamente solo la geometria complessa di strutture ombra, scale e ringhiere utilizzando il formato DXF.

Scopo dell'analisi: ciò che si intende analizzare è il fattore che maggiormente influisce sulla scelta del formato. Per alcuni calcoli, ad esempio quelli connessi a studi delle dinamiche energetiche generali, sono necessarie solo le informazioni su zone e vani contenute in un file gbXML. Per altri studi, ad esempio l'analisi della luce diurna, è necessario l'intero modello geometrico completo di pannelli riflettenti.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

12

12 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Anche se si dispone di un modello completamente sviluppato, l'invio di tutte le informazioni geometriche al programma di analisi potrebbe sovraccaricare l'analisi, senza peraltro fornire risultati più accurati.

Modelli basati su zone e vani

Modelli basati su geometria

Utilizzare il formato gbXML (modello basato su zone e vani) per i calcoli seguenti:

Utilizzare il formato DXF (modellazione basata su geometria) per i calcoli seguenti:

Termica, energia, acustica

Ombre e oscuramenti

Prestazioni termiche

Flusso d'aria e ventilazione

Radiazione solare trasmessa

Analisi dell'illuminazione e della luce diurna

Dinamiche energetiche

Disponibilità di luce solare esterna

Definizione di indici di sostenibilità. Per un intero assieme vengono calcolati molti numeri di indice. L'analisi potrebbe non riuscire qualora il programma rilevi molte superfici (montanti, maniglie di porte e così via).

L'analisi potrebbe non riuscire qualora il programma rilevi molte superfici (montanti, maniglie di porte e così
L'analisi potrebbe non riuscire qualora il programma rilevi molte superfici (montanti, maniglie di porte e così

File gbXML esportato da Revit

Quando si esegue un'esportazione da Revit Architecture, è possibile selezionare il livello di complessità del file gbXML esportato. La maggiore idoneità di un livello rispetto a un altro dipenderà dal tipo di analisi da eseguire.

Nella finestra di dialogo Esporta gbXML sono disponibili cinque diverse opzioni.

Esporta gbXML sono disponibili cinque diverse opzioni. ©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 13

13

Dal file RevitHelp.

Esporta complessità: consente di specificare il livello di dettaglio fornito per le aperture e se le informazioni sulle superfici ombreggiate devono essere esportate. Le superfici ombreggiate sono superfici non adiacenti ad alcun vano e includono le superfici che creano un'ostruzione della luce solare. Questa opzione è utilizzata solo con Esporta gbXML. La complessità semplice viene utilizzata per l'analisi dei carichi di riscaldamento e raffreddamento.

o

Semplice: facciate continue e sistemi di facciata continua vengono esportati come un'unica apertura (senza i singoli pannelli). Questa opzione è più idonea per l'analisi dell'energia.

o

Semplice con superfici ombreggiate: come l'opzione precedente, ma con esportazione delle informazioni relative alle superfici ombreggiate.

o

Complesso: facciate continue e sistemi di facciata continua vengono esportati come più aperture, pannello per pannello.

o

Complesso con superfici ombreggiate: come l'opzione precedente, ma con esportazione delle informazioni relative alle superfici ombreggiate.

o

Le superfici ombreggiate non sono associate ad alcun locale/vano (sporgenza del tetto, muro indipendente).

o

Complesso con montanti e superfici ombreggiate: come l'opzione Complesso, ma con esportazione delle informazioni relative a montanti e superfici ombreggiate.

I montanti delle facciate continue vengono esportati come superfici ombreggiate. Dai montanti viene generata una superficie ombreggiata analitica semplice, in base alla linea d'asse, lo spessore e l'offset.

Opzioni di esportazione in gbXML

Modello

Modello  
 

Revit

Semplice

Semplice Complesso

Complesso

Semplice Complesso
Semplice Complesso

Semplice

Semplice Complesso

Complesso

Semplice Complesso

con superfici

con superfici

ombreggiate

ombreggiate

   

Complesso

    Complesso
    Complesso

con

montanti e

superfici

ombreggiate

 

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

14

14 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Esportazione in gbXML: confronto tra Revit Architecture e Revit MEP

Il software Autodesk® Revit® MEP presenta alcune opzioni aggiuntive nella finestra di dialogo Esporta gbXML.

Revit Architecture

Revit Architecture

Revit MEP

Revit MEP

Nella finestra di dialogo Esporta gbXML di Revit MEP sono incluse opzioni per gli impianti, la costruzione e la classe di infiltrazioni dell'edificio.

Le opzioni per la costruzione dell'edificio consentono di specificare i tipi di costruzione per molti componenti dell'edificio.

la costruzione dell'edificio consentono di specificare i tipi di costruzione per molti componenti dell'edificio.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 15

15

Lezione 1: esercizio

Prerequisiti

Per gli esercizi di questa lezione è necessario utilizzare i seguenti file di set di dati:

m_EastCommons_For_Analysis.xml, i_EastCommons_For_Analysis.xml

m_exercise_1-2_start.eco, i_ exercise_1-2_start.eco

m_exercise_1-2.dxf, i_exercise_1-2.dxf

Prima di iniziare gli esercizi di questa lezione, è consigliabile acquisire familiarità con la terminologia, i pannelli e le pagine dell'ambiente Ecotect Analysis.

Esercizio 1-1: Importazione di un file gbXML in Ecotect Analysis

Introduzione Quando si importa un file gbXML in Ecotect, è necessario specificare in che modo si desidera che Ecotect interpreti il modello di analisi. Sono disponibili varie opzioni. Una volta eseguita l'importazione in Ecotect Analysis, sarà possibile modificare queste scelte e utilizzare il modello di analisi modificando elementi e materiali.

A differenza del file gbXML, il file DXF contiene solo geometria e non include il modello di analisi basato

su vani. Non solo è importante la preparazione del file in Revit, ma, una volta eseguita l'importazione in Ecotect, sono necessari anche alcuni passaggi per assegnare ulteriori informazioni alla geometria generica del file DXF, in modo tale che la parte di analisi del software comprenda tali geometrie generiche.

In questo esercizio verranno eseguite le operazioni seguenti:

Importazione di un file ed esame delle impostazioni di importazione.

Impostazione delle unità di misura del progetto.

Assegnazione dei materiali.

Importazione di un file gbXML in Ecotect Analysis Prima di iniziare questo esercizio, avviare Ecotect Analysis 2010.

Nota: se Ecotect Analysis è già stato avviato, il file attualmente aperto verrà chiuso nel momento in cui

si importa il file del set di dati e si crea un nuovo file basato sull'importazione.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

16

16 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Importazione del file gbXML In questa sezione dell'esercizio viene eseguita l'importazione del file gbXML e vengono esaminate e regolate le impostazioni di importazione.

1. Selezionare il menu File > Import > Model/Analysis Data.

il menu File > Import > Model/Analysis Data. 2. Verificare che Files of Type sia impostato

2. Verificare che Files of Type sia impostato su Green Building XML. Individuare la posizione in cui sono stati scaricati i set di dati e selezionare la versione in unità metriche o imperiali dei file seguenti: m_EastCommons_For_Analysis.xml o i_EastCommons_For_Analysis.xml.

o i_EastCommons_For_Analysis.xml . 3. Fare clic su Open. 4. Nella finestra di dialogo Import

3. Fare clic su Open.

4. Nella finestra di dialogo Import XML Data, è possibile controllare:

I materiali assegnati alle parti di base del modello.

Se importare o meno determinati elementi.

Gli elementi Zone assegnati.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 17

17

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 17 Esaminare i valori sul lato destro. Per la maggior

Esaminare i valori sul lato destro. Per la maggior parte degli oggetti verranno applicati materiali di default. Le porte Double Glass, Single Flush e Double Flush sono tutte contrassegnate con Guess. Anche se è possibile aggiungere i materiali in questa fase, tale operazione verrà eseguita più avanti nell'esercizio. Per questo esercizio, selezionare Import Only Surface Geometry e lasciare inalterate le altre impostazioni di default come illustrato nell'immagine della schermata.

5. Fare clic su Open as New.

È possibile utilizzare l'opzione Import into Existing per studi su più vasta scala urbana, in cui si lavora con più edifici e si eseguono studi di tipo Right-to-Light o sull'effetto tunnel del vento.

Impostazione delle unità di misura del progetto In questa sezione dell'esercizio vengono verificate le unità di misura del progetto.

1. Nel menu File, fare clic su User Preferences.

2. Nella scheda di localizzazione, specificare le impostazioni preferite: sistema metrico (SI) o imperiale (US Standard). Impostare inoltre le dimensioni preferite per il modello.

3. Fare clic su This Session Only per applicare le impostazioni e tornare al modello.

Molte impostazioni influiscono sulle caratteristiche di default dell'interfaccia, del modello e delle viste. Tenere presente che queste impostazioni di User Preference possono essere applicate alla sessione attuale o a tutte le sessioni. In un ambiente di formazione in cui più persone utilizzano lo stesso computer, è necessario ricordarsi di verificare queste impostazioni all'avvio dei nuovi progetti, poiché è possibile che siano state modificate dall'ultima volta in cui sono state utilizzate. Queste impostazioni utente, comprese quelle relative alle unità di misura, NON vengono salvate nel file del progetto e verranno ripristinate sui valori di default al successivo avvio del software.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

18

18 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Assegnazione dei materiali In questa sezione dell'esercizio vengono esaminate le proprietà del modello importato e le proprietà di una definizione di materiali in Ecotect Analysis e viene assegnato un materiale a più elementi del modello.

1. Nelle schede della pagina di sinistra, fare clic su 3D Editor per aprire la vista 3D del modello.

fare clic su 3D Editor per aprire la vista 3D del modello. Nelle schede del pannello
fare clic su 3D Editor per aprire la vista 3D del modello. Nelle schede del pannello

Nelle schede del pannello di destra, fare clic sul pannello Selector Information.

2. Fare clic su una delle finestre del modello.

2. Fare clic su una delle finestre del modello. 3. Nel pannello Selector fare clic su

3. Nel pannello Selector fare clic su Pri (primario) Material. Fare clic sulla freccia di selezione e scegliere Properties.

Fare clic sulla freccia di selezione e scegliere Properties. ©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 19

19

4. Nella pagina Material Properties esaminare le informazioni associate al materiale. Sono disponibili numerose proprietà che includono informazioni di carattere termico e sulla riflessione, la trasmittanza, l'acustica e i costi.

riflessione, la trasmittanza, l'acustica e i costi. Queste informazioni sono inoltre disponibili tramite il menu

Queste informazioni sono inoltre disponibili tramite il menu di scelta rapida Materials Information.

5. Ripetere le operazioni descritte selezionando un singolo muro e verificare che il relativo materiale sia Brick TimberFrame, ovvero il materiale di default assegnato ai muri quando il modello gbXML è stato importato.

ai muri quando il modello gbXML è stato importato. ©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

20

20 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

6. Sostituire il materiale selezionato per tutti i muri esterni.

Fare clic sul menu Select > By Material.

esterni. • Fare clic sul menu Select > By Material. • Scegliere Wall nella parte inferiore.

Scegliere Wall nella parte inferiore.

Fare clic su Brick TimberFrame.

Fare clic su OK.

Fare clic sul selettore Pri (primario) Material > Select Material.

sul selettore Pri (primario) Material > Select Material. • Nella finestra di dialogo Select Material selezionare

Nella finestra di dialogo Select Material selezionare BrickConcBlockPlaster.

7. Salvare il file. L'esercizio successivo proseguirà da questo punto.

Riepilogo dell'esercizio

Gli strumenti Selector costituiscono un efficiente sistema per operare con elementi simili del modello.

Il modello non è ancora completo e l'origine è al di sotto di esso. Nell'esercizio successivo verrà importato un file DXF nel modello esistente.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 21

21

Esercizio 1-2: Importazione di un file DXF in Ecotect Analysis 2010

Introduzione

A differenza del file gbXML, il file DXF contiene solo geometria e non include il modello di analisi basato

su vani. Non solo è importante la preparazione del file in Revit, ma, una volta eseguita l'importazione in Ecotect, sono necessari anche alcuni passaggi per assegnare ulteriori informazioni alla geometria generica del file DXF, in modo da semplificare l'utilizzo di tali geometrie.

in modo da semplificare l'utilizzo di tali geometrie. Il file exercise_1-2.dxf utilizzato in questo esercizio è

Il file exercise_1-2.dxf utilizzato in questo esercizio è stato esportato da una vista 3D di Revit e include soletta, pilastri, scale, ringhiere e superficie topografica del progetto.

In questo esercizio verranno eseguite le operazioni seguenti:

Importazione del file.

Assegnazione dei materiali.

Riposizionamento dell'origine.

Importazione di un file DXF in Ecotect Prima di iniziare questo esercizio, se si sta continuando dall'esercizio precedente è possibile partire dal punto

in cui lo si è lasciato. Se il modello dell'esercizio precedente non è stato salvato o l'esercizio precedente non è

stato eseguito, aprire la versione in unità metriche o imperiali del file exercise_1-2_start.eco nei set di dati dell'utente. Ricordarsi di impostare le preferenze personali di localizzazione delle impostazioni utente.

Importazione del file In questa sezione dell'esercizio viene eseguita l'importazione del file DXF e vengono esaminate e regolate le impostazioni di importazione.

1. Selezionare il menu File > Import > 3D CAD Geometry.

2. Fare clic su Choose File e nella finestra di dialogo Open:

Fare clic su Choose File e nella finestra di dialogo Open: • Verificare che Files of

Verificare che Files of Type sia impostato su DXF.

Individuare la posizione in cui sono stati scaricati i set di dati e selezionare la versione in unità di misura metriche o imperiali del file Exericse 1-2.dxf.

Fare clic su Open.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

22

22 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

3. Nella finestra di dialogo Import XML Data è possibile controllare i materiali assegnati alle parti di base del modello, se importare o meno determinati elementi, su quale zona verranno creati gli elementi. Nella finestra di dialogo Import Geometry:

Selezionare Remove Duplicate Faces.

Selezionare Auto Merge Triangles.

Verificare che Scale Objects By sia impostato su 1.00.

Selezionare tutti gli elementi sulla destra.

Fare clic su Zone > By Item Name.

sulla destra. • Fare clic su Zone > By Item Name. Se si stanno utilizzando i

Se si stanno utilizzando i file in unità imperiali, occorre OBBLIGATORIAMENTE impostare Scale units by Inches > Millimeters, anche se in User Preferences sono stati impostati piedi e pollici e le unità di base del file DXF sono in pollici. Se si stanno utilizzando i file in unità metriche, tale impostazione deve essere lasciata sul valore 1 di default.

impostazione deve essere lasciata sul valore 1 di default. • Fare clic sul pulsante Import into

Fare clic sul pulsante Import into Existing.

Se non si seleziona Auto Merge Triangles, è possibile farlo in seguito dopo l'importazione del modello.

Il modello è importato in Ecotect.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 23

23

Assegnazione dei materiali In questa sezione dell'esercizio vengono esaminate le selezioni eseguite automaticamente da Ecotect per i materiali e vengono assegnati materiali alla geometria importata.

1. Esaminare visivamente i materiali del modello:

Fare clic sulla scheda della pagina Visualize a sinistra per aprire la pagina Visualize.

Notare che a gran parte del modello è stato assegnato lo stesso materiale.

parte del modello è stato assegnato lo stesso materiale. 2. Esaminare i materiali assegnati automaticamente durante

2. Esaminare i materiali assegnati automaticamente durante il processo di importazione.

Fare clic sulla scheda 3D Editor a sinistra per tornare alla pagina 3D Editor.

Fare clic su una parte qualsiasi della superficie topografica.

Fare clic sulla scheda Selection Information.

Fare clic su un altro elemento del modello ed esaminare la relativa assegnazione del materiale.

modello ed esaminare la relativa assegnazione del materiale. In base all'orientamento della superficie,
modello ed esaminare la relativa assegnazione del materiale. In base all'orientamento della superficie,

In base all'orientamento della superficie, all'oggetto verrà assegnato un tipo di elemento e un materiale.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

24

24 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

3. Selezionare tutti gli elementi della zona dei pilastri:

Fare clic sulla scheda della pagina 3D Editor a sinistra.

Fare clic sulla scheda del pannello Zone Management a destra.

Fare clic sulla zona 3D-Cols.

Fare clic con il pulsante destro del mouse, quindi scegliere Select Objects On.

destro del mouse, quindi scegliere Select Objects On. In questo modo vengono selezionati tutti gli oggetti

In questo modo vengono selezionati tutti gli oggetti presenti in queste zone, che sono quindi pronti per l'assegnazione di un materiale terra.

4. Assegnare un materiale legno agli oggetti pilastri:

Fare clic sul pannello Select Information a destra.

Fare clic sul valore del materiale nel campo Pri Material.

Fare clic sulla freccia verso destra > Select Materials per aprire la finestra di dialogo Select Materials.

Selezionare SolidCore_Oak Timber dall'elenco.

Fare clic su OK.

SolidCore_Oak Timber dall'elenco. • Fare clic su OK. 5. Esaminare le assegnazioni dei materiali: • Fare

5. Esaminare le assegnazioni dei materiali:

Fare clic sulla scheda della pagina Visualize.

Utilizzare lo strumento di rotazione nella barra degli strumenti della pagina Visualize come necessario.

I pilastri in legno sono ora visualizzati in un colore più scuro.

Ripetere queste operazioni come necessario per assegnare i materiali agli altri oggetti.

necessario per assegnare i materiali agli altri oggetti. ©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 25

25

Riposizionamento dell'origine Quando si importa un file DXF, il file potrebbe utilizzare un piano del terreno a un livello diverso rispetto al file Ecotect. In questa sezione viene illustrato come esaminare il punto in cui cadono le ombre e regolare il punto di origine del file Ecotect in modo che le ombre cadano sul piano del terreno.

1. Esaminare le ombre:

Fare clic sulla scheda Visualize.

Nel pannello Shadow Settings fare clic su Display Shadows.

Nel pannello Shadow Settings fare clic su Display Shadows. Notare come le ombre vengono visualizzate al

Notare come le ombre vengono visualizzate al di sotto dell'edificio.

le ombre vengono visualizzate al di sotto dell'edificio. ©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

26

26 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

2. Riposizionare l'origine Ecotect:

Fare clic sulla scheda 3D Editor.

Nella barra degli strumenti fare clic sullo strumento Set Origin.

barra degli strumenti fare clic sullo strumento Set Origin. • Fare clic sul punto più basso

Fare clic sul punto più basso della superficie topografica.

Fare clic sul punto più basso della superficie topografica. 3. Applicare la trasformazione: • Nel menu

3. Applicare la trasformazione:

Nel menu Modify selezionare Transform Origin > Reset World Origin.

selezionare Transform Origin > Reset World Origin. • Fare clic su OK quando viene visualizzato l'avviso.

Fare clic su OK quando viene visualizzato l'avviso.

Fare clic sulla scheda della pagina Visualize. Le ombre ora cadono sul terreno. Suggerimento Utilizzare gli strumenti Pan e Rotate per osservarlo chiaramente.

Riepilogo dell'esercizio

In questo esercizio è stato importato un file DXF con geometria a complemento del modello di analisi gbXML.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 27

27

Procedura: preparazione di un file Revit per l'analisi

Introduzione

Quando si lavora con Revit o con un altro programma di modellazione, è importante comprendere che le funzioni di modellazione potrebbero non creare un modello analitico completo. In questa sezione vengono descritte le operazioni da eseguire in Revit per preparare il file per un software di analisi esterno, ad esempio Ecotect Analysis 2010, o per l'utilizzo di calcoli dei carichi di riscaldamento/ raffreddamento di Revit MEP 2010.

L'esportazione di un file da Revit nel formato gbXML genera un modello basato su vani o zone. La vista da cui viene eseguita l'esportazione non è rilevante. L'esportazione in formato DXF dipende invece dalla vista. Se l'esportazione viene eseguita da una vista di pianta, si otterrà un DXF in 2D; se viene eseguita da una vista 3D, solo gli elementi visibili nella vista verranno esportati nel DFX.

Preparazione di un file Revit per l'esportazione in gbXML

Impostazione dei dati energia e della posizione del progetto

1. Immettere le informazioni relative ai dati energia dell'edificio.

le informazioni relative ai dati energia dell'edificio. Queste informazioni verranno convertite quando si esegue

Queste informazioni verranno convertite quando si esegue l'esportazione in gbXML.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

28

28 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

2. Immettere le informazioni di luogo e posizione dell'edificio.

le informazioni di luogo e posizione dell'edificio. Queste informazioni verranno convertite quando si utilizzano

Queste informazioni verranno convertite quando si utilizzano gli strumenti di Revit MEP per il riscaldamento e il raffreddamento.

Regolazione dei locali per il modello basato su vani Poiché verrà creato un modello basato su vani, il modo in cui tali vani sono configurati nel modello Revit è un fattore di grande importanza. I locali (o i vani se si utilizza Revit MEP) devono formare una massa continua all'interno dell'edificio. Se è presente una distanza tra due locali, il pacchetto di analisi la considererà come una superficie esterna dell'area, inficiando così il risultato dell'analisi.

1. Verificare che per il calcolo dei locali si stiano utilizzando aree e volumi e la linea d'asse del muro anzichè l'impostazione di default, ovvero la superficie di finitura.

Passare alla scheda Inizio > pannello Locali e aree.

Fare clic sull'elenco a discesa del pannello Locali e aree > Calcolo aree e volumi.

del pannello Locali e aree > Calcolo aree e volumi. ©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 29

29

2. Verificare che esistano locali in tutte le aree interne del modello. Se si tralasciano piccole aree, ad esempio tracce per impianti, scale o vani aperti interni, il pacchetto di analisi considererà il bordo come una superficie esterna. Per visualizzare vani e zone in Revit, passare a una pianta del pavimento a cui sia applicato un riempimento di colore o attivare la visibilità/grafica del riempimento interno e del riferimento dei locali.

3. Verificare l'altezza dei locali. Nello stesso modo in cui si crea un modello completo basato su vani per l'analisi, la parte superiore dei locali del piano sottostante deve toccare il pavimento o la parte inferiore del locale soprastante. La parte superiore dei locali dell'ultimo piano deve estendersi completamente fino al tetto. In entrambi i casi, il pavimento e il tetto devono essere definiti come delimitazioni dei locali.

4. Dividere i locali circolari con una linea di delimitazione dei locali. Se è presente un corridoio circondato completamente da altri vani, separarlo con due linee di delimitazione dei locali in modo da creare due corridoi.

5. Assegnare un nome a ogni locale o vano. Quando si esporta il file per l'analisi, il nome di un locale potrebbe essere utilizzato o meno. In Ecotect Analysis, se si converte il file in gbXML, i locali diventeranno zone in Ecotect.

Ottimizzazione

1. Porte e finestre:

Nella conversione di un modello BIM in un modello di analisi vengono ricercate le porte e le finestre. Queste vengono convertite automaticamente come aperture nei muri e verranno utilizzate in alcuni pacchetti di analisi. In Revit sono presenti alcune famiglie di aspetto simile a porte, ma poiché sono state create con un modello di famiglia di categoria diversa, non verranno convertite correttamente. Le porte non riconosciute come porte causeranno lo spostamento di locali attraverso di esse. Le finestre non riconosciute come finestre potrebbero essere considerate come fori nel muro, influendo notevolmente sui requisiti di ventilazione.

2. Facciate continue:

Nel modello di analisi le facciate continue vengono convertite in un muro. I pannelli vengono convertiti come finestre nel muro. Alcuni pacchetti considerano il materiale assegnato alla facciata continua. Se tale materiale ha una trasparenza inferiore al 3%, il pannello viene trattato come un pannello solido.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

30

30 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Preparazione di un file Revit per l'esportazione in DXF La preparazione di un disegno per l'esportazione in DXF è meno complessa. Vengono infatti esportati solo gli elementi attivati (visibili) presenti nella vista corrente.

1. Aprire una vista 3D del modello. Se si tratta di una vista di pianta, di sezione o di prospetto, il file DXF sarà in 2D.

2. Utilizzare Sostituzioni visibilità/grafica in modo da isolare nella vista gli elementi che si desidera siano presenti nel DXF.

3. Esportare la vista in un file DXF. Quando si esegue l'esportazione da Revit in DXF, osservare le impostazioni di esportazione. Nella finestra di dialogo Esporta formati CAD, il pulsante Opzioni consente di verificare le unità di misura da esportare e di selezionare Esporta come mesh poligonale anzichè Esporta come solidi ACIS.

Linee guida

Sebbene sia possibile esportare l'intero modello come file DXF, talvolta è utile combinare un file gbXML con i soli gli elementi più dettagliati non acquisiti dall'esportazione in gbXML da trasferire come file DXF. Se invece in Revit si utilizzano solo volumetrie e non sono stati posizionati locali, è giusto eseguire l'esportazione dell'intero modello in DXF.

Valutazione della lezione 1

Domande di valutazione

1)

Descrivere perché gbXML non è un formato di scambio appropriato per l'esportazione da Revit in Ecotect in uno stadio del progetto in cui i dispositivi esterni di ombreggiatura solare sono già stati posizionati in Revit.

2)

Descrivere un'altra condizione in cui DXF potrebbe essere il formato di scambio più idoneo per l'esportazione da Revit in Ecotect.

3)

Il formato gbXML contiene all'interno della struttura del suo schema componenti quali tavoli e sedie.

A) Vero

B) Falso

4)

Selezionare l’affermazione corretta,quando si prepara un file Revit per un modello di analisi basato su vani o zone:

A) Non è necessario verificare i locali e sono corrette le abituali impostazioni di default.

B) Non è necessario assegnare locali alle aree non condizionate, ad esempio tracce per impianti e aree di deposito, poiché non verranno incluse nel calcolo.

C) Per creare un modello di analisi preciso basato su zone, è necessario che i locali siano completi e verificati.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 31

31

Riepilogo della lezione 1

In questa lezione sono stati presentati tre dei comuni formati utilizzati nel settore, ovvero DXF, gbXML e IFC. Ognuno di essi dispone di specifiche e funzionalità particolari:

Il formato DXF viene utilizzato per il puro trasferimento di geometria.

Il formato gbXML viene utilizzato per trasferire informazioni su vani e zone da un programma a un altro.

Il formato IFC include entrambi i tipi di informazioni dei formati gbXML e DXF, consentendo così lo scambio dell'intero modello dell'edificio.

Risorse aggiuntive

Schema gbXML: nell'Appendice A del file della Guida di Autodesk Revit Architecture 2010 sono fornite informazioni dettagliate sullo schema utilizzato per il formato gbXML.

Preparazione dei file dei progetti Revit per l'esportazione dei modelli di analisi degli edifici: nel sito Web di Autodesk è disponibile il documento ecotectanalysis2010_revituserguide.pdf, in cui viene illustrata con maggiori dettagli la procedura di preparazione dei file Revit per l'esportazione in un modello di analisi basato sui vani, ad esempio in formato gmXML.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

32

32 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Lezione 2: Modellazione del sito di un edificio sostenibile

Panoramica

In questa lezione verranno illustrati le problematiche macro connesse alle condizioni climatiche regionali

e locali.

Obiettivi

Al termine della lezione, l'utente sarà in grado di:

Individuare dove reperire i file delle condizioni atmosferiche.

Esaminare le differenze tra le varie origini dei dati delle condizioni atmosferiche.

Caricare i dati delle condizioni atmosferiche in strumenti di analisi diversi.

Convertire i dati delle condizioni atmosferiche esportati dal software Autodesk® Green Building Studio® nel software Autodesk® Ecotect Analysis®.

Esercizi

Gli esercizi di questa lezione sono i seguenti:

Esercizio 2-1: aggiunta ed esame dei file delle condizioni atmosferiche in Green Building Studio

Esercizio 2-2: individuazione comparativa mediante i file delle condizioni atmosferiche in Ecotect Analysis

Esercizio 2-3: conversione di un file CSV di Green Building Studio in un file WEA di Ecotect Analysis

Aggiornamento dello scenario

La cooperativa Green Housing Collective ha definito come sito della nuova comunità un lotto di terreno

a South Surrey, nella Columbia Britannica (Canada). In questa lezione verranno individuati i dati delle condizioni atmosferiche e verranno utilizzati vari strumenti per lo studio del clima.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 33

33

Termini chiave

Temperatura di

Temperatura ambiente registrata da un termometro esposto all'aria, ma protetto da radiazioni e umidità.

bulbo secco

Temperatura di

Mette in relazione l'umidità relativa con la temperatura ambiente o a bulbo secco.

bulbo umido

Gradi-ore

Riscaldamento o raffreddamento. La termica presume un incremento o una perdita di calore tramite conduzione e infiltrazione d'aria quando la temperatura ambiente dell'edificio è al di sopra o al di sotto di una temperatura di riferimento standard. In Green Building Studio questa viene indicata nel riepilogo delle condizioni atmosferiche come temperatura soglia. I gradi-ore sono cumulativi. Un'ora trascorsa a 5 gradi al di sopra della temperatura di riferimento genera cinque gradi-ore di raffreddamento. I calcoli vengono generati per ogni ora e quindi sommati. Ogni paese possiede valori di riferimento standard diversi.

Grado-giorno

Una misura meno esatta per la stima dell'impatto termico sull'edificio che rappresenta la media dei valori. Dove Tb = temperatura di base e Tm = media delle temperature massima e minima, gli indici di riscaldamento (HDD, Heating Degree Days) per un singolo giorno sono:

Se Tm < Tb, HDD = Tb -Tm Se Tm >= Tb, HDD = 0 L'equazione per gli indici di raffreddamento (CDD, Cooling Degree Days) è:

Se Tm > Tb, CDD = Tm -Tb Se Tm <= Tb, CDD = 0

Concetti base

Viste macro e micro del sito

In questa lezione le problematiche relative alla sostenibilità del sito sono separate in due categorie:

problematiche macro e problematiche micro del sito. Tale semplificazione viene fatta ai fini della lezione e occorre tenere presente che le problematiche micro del sito talvolta hanno un impatto notevole su aspetti regionali come l'effetto delle "isole di calore" sui microclimi regionali.

Le problematiche macro del sito riguardano la relazione del sito con la regione, ad esempio l'accesso dei trasporti ai normali servizi pubblici, i problemi connessi alla flora e alla fauna locale, gli effetti sul clima regionale e sul microclima.

Le problematiche micro del sito sono aspetti sostenibili specifici del sito in questione e possono includere la raccolta e l'immagazzinamento di acqua ed energia, la permeabilità e la capacità di immagazzinamento del calore dei materiali del sito.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

34

34 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Un altro modo per capire questa classificazione è studiare in quale punto del processo di progettazione

si

verificano queste problematiche. Le problematiche macro come la risposta al clima devono fare parte

di

ogni fase di ideazione (consegna progetto integrata) o programmazione (tradizionale) del progetto.

Questi fattori di progettazione devono essere studiati e assimilati prima dell'ideazione delle volumetrie dell'edificio. Le problematiche micro come la permeabilità e l'effetto delle isole termiche nelle aree lastricate e di parcheggio verranno trattate successivamente nel processo di progettazione, durante la progettazione effettiva di tali elementi.

Dati sul clima

Le metriche relative al clima sono il principale fattore di riferimento nella creazione di una soluzione di progettazione sostenibile. Per quanto accurate, la selezione dei materiali e l'efficienza meccanica non sono sufficienti se si ignorano le condizioni climatiche del sito. Troppo spesso i progetti vengono creati sulla base di presupposti generali riguardo a una regione piuttosto che in base a dettagli concreti sul sito. I fattori esterni, come la topografia locale e lo sviluppo adiacente, creano microclimi nel sito che risultano sostanzialmente differenti dalle condizioni regionali.

Un esempio di ciò è riscontrabile a Phoenix, Arizona. Mentre da un punto di vista regionale il sud dell'Arizona è interessato dai monsoni stagionali, la massa della città causa un'isola termica. Salendo verso l'alto, l'aria riscaldata impedisce ai temporali, tranne quelli più violenti, di penetrare all'interno della città.

Il sito utilizzato da questo programma si trova tra Vancouver e il confine degli Stati Uniti. Chi non conosce bene il sito potrebbe supporre che si tratti di una foresta pluviale che non riceve mai molto sole.

A prima vista sembra che il sito South Tuttavia, con uno zoom è possibile vedere
A prima vista sembra che il sito South Tuttavia, con uno zoom è possibile vedere
A prima vista sembra che il sito South Tuttavia, con uno zoom è possibile vedere

A

prima vista sembra che il sito South

Tuttavia, con uno zoom è possibile vedere i microclimi della regione. Le aree più secche ricevono una quantità inferiore di pioggia a causa della presenza dell'isola di Vancouver. Poiché le nubi arrivano da ovest, si fermano sull'isola dove cade gran parte della pioggia e quindi l'area a sinistra rimane molto più asciutta. In un raggio di 60 chilometri la quantità di pioggia che cade in un anno varia da 600 mm a 3.000 mm.

Surry si trovi in un ecosistema di foresta

pluviale con precipitazioni comprese tra 2.000 e 3.000 mm all'anno.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 35

35

Le immagini delle precipitazioni nell'area sono estratte dalla mappa interattiva del clima del sito Web Atlas of Canada, http://atlas.nrcan.gc.ca/site/english/maps/environment/climate/precipitation/precip.

Più la stazione meteorologica è vicina al sito, più facile sarà progettare una risposta sostenibile al clima locale.

Green Building Studio ed Ecotect Analysis presentano i dati meteorologici in tabelle, grafici e diagrammi. Chi ha già svolto studi sul clima, sulle condizioni ambientali o sulla progettazione meccanica degli edifici, dovrebbe avere dimestichezza con questi grafici. In questo caso, l'osservazione di numeri e grafici si traduce direttamente in implicazioni progettuali. Se invece non si ha l'esperienza necessaria per comprendere i dati, nessun grafico tridimensionale al mondo, per quanto affascinante, avrà alcun significato. Tuttavia, questo non è un buon motivo per ignorare i grafici. Un metodo per interpretarli è confrontare i grafici del clima del sito del proprio progetto con quelli di un'area che si conosce bene.

File di dati delle condizioni atmosferiche

In entrambi gli esercizi di questa lezione si utilizzano file di dati delle condizioni atmosferiche. I professionisti della pianificazione e della progettazione di edifici sono sempre più richiesti a livello internazionale. Non è raro per un'azienda che ha sede a Seattle lavorare per un ospedale in Yemen o per un'azienda di Londra partecipare a un progetto per un aeroporto a Sao Paolo. Gli strumenti descritti in questa lezione consentono ai progettisti di comprendere le condizioni climatiche regionali in aree quasi sconosciute. Alcuni strumenti forniscono inoltre suggerimenti utili riguardo all'orientamento ottimale e alle alternative possibili tenendo presenti la temperatura e l'umidità registrate per una località specifica.

La precisione dei dati sul clima è essenziale. Attualmente non esiste purtroppo uno standard un o database globale per la gestione di tali informazioni. Ogni paese di solito conta su più enti governativi per la registrazione di tali dati. La maggior parte degli aeroporti conserva alcune registrazioni dei dati climatici. Tuttavia, analogamente ai formati utilizzati per lo scambio di file descritti nella Lezione 1, i dati registrati e le modalità di archiviazione degli stessi vengono stabiliti da un ente preposto alla raccolta. Anche nel caso in cui si riesca a reperire i dati, non è detto che siano disponibili in formato digitale. In genere i dati digitali sul clima sono disponibili in formato ASCII o binario.

I formati sono descritti nel WIKI di Ecotect.

File ASCII delle condizioni atmosferiche

ASCII è l'acronimo di American Standard Code for Information Interchange. In un file ASCII, tutti i dati vengono salvati come testo o come serie di caratteri alfanumerici in chiaro. "In chiaro" significa che i formati sono costituiti da caratteri riconoscibili, tuttavia sono pochissimi i formati di file ASCII delle condizioni atmosferiche che risultano effettivamente comprensibili per l'uomo.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

36

36 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Tali file quasi sempre registrano i dati meteorologici riferiti a una singola ora in una singola riga del file, quindi un intero anno richiede almeno 8760 righe (365x24). L'ordine effettivo in cui i valori relativi a data, ora, temperatura, umidità o copertura nuvolosa vengono riportati nella riga dipende dal formato del file (non dal "tipo", in questo caso ASCII). Oltre ai valori, molti formati includono contrassegni di "incertezza" dei dati per indicare se i valori sono misure effettive, interpolate da misure eseguite in altri orari o generate matematicamente perché i dati registrati non erano disponibili.

I file ASCII delle condizioni atmosferiche comprendono altri due gruppi distinti.

File con formato fisso

In questo tipo di file, i valori occupano colonne fisse all'interno di ciascuna riga. Ad esempio,

i primi due caratteri possono rappresentare la data, i due successivi il numero del mese, i due

successivi l'ora, i cinque successivi la temperatura di bulbo secco in [gradi Fahrenheit, centigradi

e così via]. Questi file sono tipici dei programmi scritti in linguaggio FORTRAN, che risulta

particolarmente adatto per la gestione di tale formato di record. Ciò significa che ogni riga ha

esattamente la stessa lunghezza e ogni valore viene quindi riempito a destra con zeri o spazi fino

a raggiungere la lunghezza richiesta.

File delimitati

Questi file utilizzano un carattere speciale, normalmente una [virgola] o una tabulazione, per separare o delimitare ogni valore nella riga. Ciò significa che ogni valore può avere la lunghezza desiderata purché il carattere di delimitazione sia presente tra i valori. Vedere la sezione dei collegamenti qui sotto per informazioni dettagliate sugli esempi più comuni di formati di file ASCII delle condizioni atmosferiche.

I file ASCII delle condizioni atmosferiche tendono a essere piuttosto grandi (normalmente più di 800 Kb ciascuno) e, poiché richiedono un'analisi approfondita da parte del programma durante l'accesso in lettura o scrittura, tendono a rallentare molto le operazioni.

File binario delle condizioni atmosferiche

I file binari normalmente vengono salvati sul disco analogamente a come vengono salvati nella

memoria e aperti dal programma che li utilizza. Di conseguenza, sono relativamente piccoli (<200 Kb) e le operazioni in lettura e scrittura sono molto rapide. Tuttavia, risultano completamente illeggibili per l'uomo e, a meno che lo sviluppatore non crei un formato binario dettagliato, non possono essere letti nemmeno da altri programmi.

Lo strumento Weather utilizza un proprio formato di file binario proprietario, con estensione WEA, che è rapido da leggere e relativamente piccolo. Tuttavia, anche se si tratta di un formato accessibile, difficilmente potrà essere utilizzato da un programma diverso dalla suite di strumenti di analisi SQUARE ONE. Questo formato consente di archiviare e trasferire in maniera efficiente grandi quantità di dati delle condizioni atmosferiche, che verranno utilizzati da un software in grado di convertirli nel formato ASCII richiesto.

Il problema è che se non si è certi che il software in uso sia in grado di leggere un determinato formato di file binario, è probabile che il formato risulti assolutamente inutile. Non sarà possibile utilizzare il formato semplicemente caricandolo e visualizzandolo in un programma di fogli di calcolo.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 37

37

Prerequisiti degli esercizi e note aggiuntive

Prerequisiti Negli esercizi di questa lezione vengono utilizzati i seguenti set di dati.

m_SimpleData.xml o i_ SimpleData.xml

gbs2eco.ccf e Ex2-3_GBS_04R20_056177.csv

In particolare, nell'esercizio 2-3 vengono utilizzati i file gbs2eco.ccf e Ex2-3_GBS_04R20_056177.csv del

set di dati anzichè il file esportato nell'esercizio 2-1. Il file CSV è stato modificato passando dalle date normali a quelle giuliane, come descritto nella sezione della procedura alla fine degli esercizi.

Green Building Studio con Safari e Opera Nota Esiste un problema noto per Green Building Studio. L'opzione Create New Project, pagina 3, può non funzionare correttamente nei browser Apple Safari e Opera. Utilizzare un altro browser per questo esercizio.

Green Building Studio Client e Green Building Studio Desktop

In questa lezione, viene caricato uno dei file di set di dati in Green Building Studio. L'operazione può

essere eseguita con Green Building Studio Client o Green Building Studio Desktop. Al momento della

stesura del presente documento, entrambe le applicazioni sono disponibili per il download sul sito Web

di Green Building Studio all'indirizzo www.greenbuildingstudio.com. Client e Desktop sono versioni

diverse dello stesso programma. Attualmente la versione di Green Building Studio Client è la 1.2 e quella

di Green Building Studio Desktop è la 4.0.

Esercizio 2-1: Utilizzo dei file delle condizioni atmosferiche in Green Building Studio

In questo esercizio si utilizza il servizio Web Green Building Studio per reperire dati delle condizioni

atmosferiche per la cooperativa Green Housing Collective. Si verificano gli strumenti disponibili per un

progetto di Green Building Studio. I dati delle condizioni atmosferiche reperiti vengono inoltre esportati

in un file di testo delimitato che verrà utilizzato più avanti in questa lezione.

Il progetto creato in questo esercizio verrà utilizzato negli esercizi successivi per il caricamento dei dati del modello nel progetto.

In questo esercizio verranno eseguite le operazioni seguenti:

Creazione di un nuovo progetto in Green Building Studio.

Caricamento di un file gbXML di segnaposto nel nuovo progetto.

Analisi dei dati delle condizioni atmosferiche accessibili in Green Building Studio.

Esportazione dei dati delle condizioni atmosferiche locali assegnati al progetto.

Utilizzo dei file delle condizioni atmosferiche in Green Building Studio Prima di iniziare questo esercizio, eseguire la registrazione e l'accesso al sito Web di Autodesk Green Building Studio all'indirizzo www.greenbuildingstudio.com.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

38

38 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Creazione di un nuovo progetto in Green Building Studio In questa sezione dell'esercizio, viene creato un nuovo progetto per la cooperativa Green Housing Collective che verrà utilizzato negli esercizi successivi del programma.

1. Nella pagina iniziale di Green Building Studio fare clic su Your Projects. Fare clic su New Project per avviare la procedura guidata di sei pagine New Project. In Create New Project, pagina 1 di 5:

In Project Name immettere South Surrey Housing Collective.

In Building Type selezionare MultiFamily dall'elenco.

Per la pianificazione, selezionare 24/7 Facility.

Fare clic su Demonstration Only.

Fare clic su Next.

2. In Create New Project, pagina 2 di 5, Location:

Immettere South Surrey, BC, Canada.

Fare clic su Find Location.

Nota: se si conoscono l'indirizzo esatto o le vie limitrofe, immettere le informazioni direttamente nella riga della località. Se non si dispone di informazioni così dettagliate, è possibile immettere la città, quindi trascinare l'edificio sul sito come indicato.

Fare due volte clic su Zoom Out.

sito come indicato. • Fare due volte clic su Zoom Out.  Fare clic con il

Fare clic con il pulsante sinistro e trascinare l'edificio nella nuova posizione.

Selezionare This Is My Correct Project Location (scorrere fino alla fine della schermata per visualizzare questa casella di controllo).

Fare clic su Next.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 39

39

3. In Create New Project, pagina 3 di 5, selezionare il pin della stazione meteorologica sulla mappa come indicato da 1 nell'immagine.

Selezionare il pannello Selector Information nelle schede del pannello di destra.

Selector Information nelle schede del pannello di destra. Lungo la parte superiore della scheda di identificazione

Lungo la parte superiore della scheda di identificazione della stazione sono indicate le informazioni disponibili, tra cui le condizioni di progettazione relative a riscaldamento e raffreddamento e l'indice HDD e CDD per questa stazione.

Fare clic su Next.

4. In Create New Project, pagina 4 di 5, Location and Rates:

I campi relativi a latitudine, longitudine, file delle condizioni atmosferiche, paese e stato/provincia, elettricità e carburanti vengono compilati automaticamente dal software.

Immettere South Surrey come nome della città.

Selezionare la valuta preferita in Currency.

Fare clic su Next.

5. In Create New Project, pagina 5 di 5, Data Sharing and Terms of Use:

Accettare i termini del contratto.

Fare clic su Continue to Application nella pagina successiva.

Il progetto è stato creato. Tuttavia, in Green Building Studio non è possibile accedere ai dati delle condizioni atmosferiche associati al progetto finché non viene creata almeno una sessione dello strumento. Nella sezione successiva dell'esercizio, viene caricato un piccolo file di segnaposto.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

40

40 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Caricamento di un file in Green Building Studio In questa sezione dell'esercizio, viene caricato un file di segnaposto nel progetto creato.

1. Avviare Green Building Studio Client o Green Building Studio Desktop. Le istruzioni si riferiscono a Green Building Studio Desktop 2010 e possono essere leggermente diverse se si utilizza Green Building Studio Client. Nota: è possibile installare GBS Desktop dal menu Downloads del servizio Web GBS. Immettere il nome e la password di accesso a Green Building Studio e fare clic su Log In.

2. In Create New Run fare clic su Browse gbXML file.

Individuare i set di dati per la lezione 2.

Selezionare la versione decimale o imperiale di SimpleData.xml.

Il formato dei dati di analisi visualizzati nelle pagine di default di Green Building Studio (metro

o piede quadrato) viene impostato in base ai formati contenuti nel file gbXML selezionato. Per alcune pagine, ad esempio quelle dei dati meteorologici nella sezione successiva, sono disponibili singole opzioni che consentono di passare da un formato di unità a un altro.

Fare clic su Create New Run per avviare il browser Web e visualizzare i risultati.

Chiudere Green Building Studio Desktop ma lasciare il browser Web aperto per la sezione successiva dell'esercizio.

Nella sessione di Green Building Studio del browser è possibile ignorare i risultati relativi a energia e carbonio. Tali dati sono insignificanti poiché il file gbXML utilizzato nel passaggio 2 è solo un piccolo edificio con quattro pareti e un tetto. Tuttavia, ora che si dispone di una sessione di analisi, è possibile visualizzare i dati delle condizioni atmosferiche raccolti dalla stazione selezionata durante l'impostazione del progetto.

Analisi dei dati delle condizioni atmosferiche di Green Building Studio In questa sezione dell'esercizio vengono esaminati i dati delle condizioni atmosferiche disponibili in Green Building Studio.

Occorre ricordare che in questa fase del processo di progettazione l'obiettivo è acquisire familiarità con il clima, aggiungere ulteriori informazioni al programma e soddisfare i requisiti richiesti per la volumetria dell'edificio.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 41

41

1. Nella sessione di Green Building Studio fare clic sulla scheda Weather per aprire le pagine secondarie relative alle condizioni atmosferiche.

le pagine secondarie relative alle condizioni atmosferiche.  Di default viene visualizzata la pagina Weather

Di default viene visualizzata la pagina Weather Summary.

2. Esaminare le informazioni visualizzate nella pagina di riepilogo. La prima tabella mostra i valori relativi agli indici CDD e HDD.

tabella mostra i valori relativi agli indici CDD e HDD. Queste informazioni risultano molto utili se

Queste informazioni risultano molto utili se non si conosce la regione. I valori rappresentano un riepilogo dello stress termico subito dall'edificio. Più alto è il valore, maggiore è l'attenzione necessaria per quell'aspetto del progetto. In questo esercizio è possibile usufruire di un'irradiazione solare soddisfacente per ottenere calore. Al momento questo è l'unico grafico della pagina che non si reimposta automaticamente quando si fa clic sull'opzione dell'unità di misura in basso. Fare clic su IP/SI e tornare nuovamente a IP per aggiornare il resto della pagina. Quali sono le implicazioni a livello di progetto? L'edificio necessita di riscaldamento mentre il raffreddamento può essere minimo o assente. L'obiettivo è sfruttare al massimo l'esposizione ai raggi solari.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

42

42 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

3. Scorrere verso il basso il riepilogo dei dati meteorologici fino alla tabella Annual Design Conditions.

meteorologici fino alla tabella Annual Design Conditions. La soglia indicata in percentuale può essere utilizzata in

La soglia indicata in percentuale può essere utilizzata in un secondo momento dall'ingegnere meccanico. La tabella indica che per lo 0,1% del tempo in questa località, la temperatura di bulbo secco supera i 90,9 gradi Farenheit e per il 5% del tempo supera i 75 gradi. Analogamente, per quanto riguarda il riscaldamento per lo 0,1% del tempo la temperatura di bulbo umido minima corrispondente è inferiore a -11,8 gradi C. Questi dati sono corretti ma che cosa indicano al progettista che sta raccogliendo i dati di progettazione? Ai fini della progettazione preliminare, questa tabella fornisce una stima approssimativa dell'umidità. La differenza tra il bulbo secco e il bulbo umido si riferisce all'umidità dell'aria. Più l'aria è umida, minore sarà la differenza tra le temperature di bulbo secco e di bulbo umido. Quali sono le implicazioni a livello di progetto? Il sito può essere umido ma l'umidità è minore durante l'estate, quindi il raffreddamento mediante evaporazione potrebbe essere un'alternativa. La differenza tra bulbo umido e bulbo secco in inverno è inferiore. È necessario trovare un modo per deumidificare l'aria e mantenere le condizioni ottimali.

4. Scorrere verso il basso il riepilogo dei dati meteorologici fino al grafico dei dati di progettazione mensili.

fino al grafico dei dati di progettazione mensili. A prima vista sembra una rappresentazione delle temperature

A prima vista sembra una rappresentazione delle temperature medie del sito. In realtà il grafico è collegato alla tabella precedente e presenta i dati relativi all'anno in formato grafico.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 43

43

5. Scorrere verso il basso il riepilogo fino ai grafici delle temperature.

il basso il riepilogo fino ai grafici delle temperature. Anche in questo caso le unità di

Anche in questo caso le unità di temperatura sono state rimosse. Se necessario, fare riferimento alla sessione di GBS per questo riferimento. A sinistra è riportata la temperatura di bulbo secco. Il grafico del bulbo secco indica:

Un livello moderato di riscaldamento per gran parte dell'anno.

Non è richiesto un intenso raffreddamento e il tempo necessario è relativamente breve. Tuttavia, in questi grafici viene utilizzata la temperatura di bulbo secco senza tener conto dell'umidità, che è un fattore prioritario per il comfort umano.

6. Scorrere verso il basso il riepilogo dei dati meteorologici fino alle rose dei venti. Le tre rose indicano la direzione e la velocità dei venti in inverno, in estate e nel corso dell'anno.

dei venti in inverno, in estate e nel corso dell'anno. A South Surrey i venti soffiano
dei venti in inverno, in estate e nel corso dell'anno. A South Surrey i venti soffiano
dei venti in inverno, in estate e nel corso dell'anno. A South Surrey i venti soffiano

A South Surrey i venti soffiano da nord in estate e da sud in inverno. Quali sono le implicazioni a livello di progetto? In estate generalmente c'è più vento e si può sfruttare la situazione come strategia di raffreddamento e ventilazione per l'edificio. In inverno i venti soffiano in pratica da nord ma sono relativamente miti. Benché questo sia un fattore da tenere presente durante la progettazione, il suo impatto non è tale da influire sulla forma finale dell'edificio.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

44

44 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

7. Scorrere verso il basso il riepilogo dei dati meteorologici fino ai grafici del punto di condensa

e dell'umidità relativa.

grafici del punto di condensa e dell'umidità relativa. L'ambiente di South Surrey è considerato relativamente

L'ambiente di South Surrey è considerato relativamente umido con un'umidità relativa

superiore al 60% per la maggior parte del tempo. Questo dato non deve sorprendere poiché

il sito si trova in un ecosistema marittimo vicino all'oceano Pacifico.

Quali sono le implicazioni a livello di progetto? Questo dato non è molto significativo, ma preso in considerazione insieme all'indice CDD (basso), la ventilazione naturale può essere una soluzione valida per buona parte dell'anno.

8. Infine, scorrere verso il basso il riepilogo dei dati meteorologici fino ai quattro grafici finali.

dei dati meteorologici fino ai quattro grafici finali. Questi grafici indicano la quantità di irradiazione solare

Questi grafici indicano la quantità di irradiazione solare disponibile nel sito.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 45

45

9. Ciascuna delle altre schede, la frequenza delle condizioni meteorologiche, le rose dei venti e le condizioni di progettazione, consentono di studiare solo i grafici selezionati, limitando il numero di grafici da esaminare in base alla stagione e al tempo.

di grafici da esaminare in base alla stagione e al tempo. Esplorare questa funzionalità autonomamente. 10.

Esplorare questa funzionalità autonomamente.

10. Prima di concludere la sessione di Green Building Studio, fare clic su File Downloads > Weather File CSV. Questa funzione consente di esportare il file delle condizioni atmosferiche per il sito in un formato utilizzabile in altri programmi, ad esempio Ecotect.

L'analisi dei dati delle condizioni atmosferiche è un aspetto importante della progettazione sostenibile. Green Building Studio presenta una notevole quantità di informazioni generali che possono influenzare il progetto. Alcuni di questi grafici sono di facile interpretazione. Tuttavia, se non si conoscono le metriche possono avere poco senso e diventare inutili. Nel passaggio 7 di questo esercizio si chiedeva di visualizzare i grafici relativi all'irradiazione solare per il sito. Se non si ha dimestichezza con i grafici sulla frequenza di irradiazione e con la relativa terminologia, può essere di aiuto confrontare tali grafici con i dati di un'area conosciuta. L'esercizio successivo si propone questo obiettivo. Utilizzando lo strumento Weather, verrà chiesto di scegliere una località con cui si ha familiarità e di confrontarla con i dati di South Surrey. Se si vive in quest'area, scegliere un sito che non si conosce ed effettuare i confronti.

Esercizio 2-2: Analisi comparativa mediante i file delle condizioni atmosferiche in Ecotect Analysis

In questo esercizio gli strumenti di Ecotect Analysis vengono utilizzati per studiare il clima di South Surrey Housing Collective. Se non si ha familiarità con un determinato sito, è possibile utilizzare gli strumenti di analisi per studiare un ambiente che si conosce e confrontarlo con il sito del progetto.

In questo esercizio verranno eseguite le operazioni seguenti:

Impostazione di una località in Ecotect Analysis.

Caricamento di un file delle condizioni atmosferiche in Ecotect Analysis.

Analisi delle informazioni di riepilogo.

Determinazione della migliore esposizione alla luce solare per il sito.

Confronto tra diversi siti mediante lo strumento Weather.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

46

46 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Analisi comparativa mediante i file delle condizioni atmosferiche in Ecotect Analysis Prima di iniziare l'esercizio, aprire una nuova sessione di Ecotect Analysis e impostare le unità preferite.

Impostazione di una località in Ecotect Analysis Di default, a un nuovo file Ecotect non viene assegnato un file delle condizioni atmosferiche.

1. Fare clic sulla scheda della pagina Project per visualizzare le informazioni sul progetto. Come si può notare, il progetto di default è impostato su Perth, Australia, ma al progetto non è associato alcun file di dati relativi al clima.

non è associato alcun file di dati relativi al clima. Se si crea un nuovo progetto,

Se si crea un nuovo progetto, vengono utilizzate le ultime impostazioni utilizzate in quella sessione. Se si avvia una nuova sessione, di default viene selezionata Perth.

2. L'impostazione della località del progetto può essere definita manualmente o derivata dal file delle condizioni atmosferiche. Per impostare manualmente la località, è possibile utilizzare i pulsanti Find e Map nel pannello Site Location della pagina del progetto.

Fare clic su Find.

Immettere Vancouver come nome della località.

Fare clic su Go.

Fare doppio clic su Vancouver, Canada.

Ridurre a icona la finestra di dialogo della località.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 47

47

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 47 3. Per caricare il file delle condizioni atmosferiche per

3. Per caricare il file delle condizioni atmosferiche per Vancouver, Canada:

Fare clic sull'icona Set Current time and/or Location e selezionare Load Weather File.

time and/or Location e selezionare Load Weather File.  Selezionare il file WEA per Vancouver, Canada,

Selezionare il file WEA per Vancouver, Canada, Canada-VancouverBC-1.wea. Caricare il file.

Canada, Canada-VancouverBC-1.wea . Caricare il file.  Fare clic su Yes per aggiornare la posizione globale.

Fare clic su Yes per aggiornare la posizione globale.

Il file Ecotect utilizzerà questi dati sul clima durante le varie attività di analisi del modello. Anche nel caso in cui i dati siano già stati impostati in precedenza, verranno utilizzati i valori archiviati nel file delle condizioni atmosferiche. L'ubicazione del sito e i dati delle condizioni atmosferiche sono correlati ma possono essere utilizzati come parametri separati. Per coincidenza, Vancouver è uno dei file WEA installati di default con il software. Per molte località sarà necessario ottenere i dati delle condizioni atmosferiche da altre fonti. Per le fonti di dati delle condizioni atmosferiche disponibili, vedere Risorse aggiuntive alla fine di questa lezione.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

48

48 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Caricamento di un file delle condizioni atmosferiche in Ecotect Analysis Di default, a un nuovo file Ecotect non viene assegnato un file delle condizioni atmosferiche.

Utilizzo dello strumento Weather In questa sezione dell'esercizio vengono esaminati i dati forniti dallo strumento Weather di Ecotect e dal file WEA di Vancouver. Viene inoltre esaminata la funzionalità di base della pagina di riepilogo. Lo strumento Weather può essere avviato dall'interno di Ecotect Analysis o eseguito separatamente.

1. Fare clic sul menu Tools, quindi su Run the Weather Tool per aprire lo strumento Weather.

su Run the Weather Tool per aprire lo strumento Weather. Poiché il progetto è stato aperto
su Run the Weather Tool per aprire lo strumento Weather. Poiché il progetto è stato aperto

Poiché il progetto è stato aperto all'avvio, i dati relativi a Vancouver risultano caricati. L'applicazione è autonoma, quindi è possibile modificare le ubicazioni senza influire sulle impostazioni del progetto.

2. Come Green Building Studio nell'esercizio precedente, lo strumento Weather si apre con una pagina di riepilogo. Tenere presente che non tutti i file delle condizioni atmosferiche contengono tutte le informazioni visualizzate nella pagina di riepilogo. Nel file delle condizioni atmosferiche di Vancouver i dati relativi al cielo di progettazione e alle ore di luce diurna non sono visualizzati.

e alle ore di luce diurna non sono visualizzati. ©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 49

49

3. Nel pannello Weather File Explorer fare doppio clic su UK-CardiffW.wea.

Weather File Explorer fare doppio clic su UK-CardiffW.wea . Come si può notare, nel riepilogo i

Come si può notare, nel riepilogo i dati relativi all'altitudine non sono disponibili ma quelli relativi al cielo sì. Inoltre, le ore di luce diurna appaiono in un grafico nella parte superiore del grafico Climate Summary.

grafico nella parte superiore del grafico Climate Summary. 4. Se tali dati sono disponibili, è possibile

4. Se tali dati sono disponibili, è possibile immetterli nel pannello Monthly Data. Fare clic su Rainfall sul selettore Monthly Data.

Data. Fare clic su Rainfall sul selettore Monthly Data. Il selettore evidenzia i dati specifici in

Il selettore evidenzia i dati specifici in giallo nella finestra di riepilogo. In questo caso, i dati relativi alle precipitazioni sono visualizzati in basso a sinistra nella schermata di riepilogo.

in basso a sinistra nella schermata di riepilogo. ©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

50

50 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Immettendo i valori, si può notare come le tabelle e i grafici cambino dinamicamente, purché i valori rientrino nell'intervallo indicato nelle tabelle. Nota: le modifiche apportate in questa interfaccia vengono salvate solo se si sceglie Save As dal menu File e si sovrascrive il file originale o si crea un nuovo file con un nuovo nome.

5. Nel pannello Weather File Explorer fare doppio clic su Canada-VancouverBC-1.wea per tornare al sito. Nella pagina di riepilogo sono visualizzate alcune delle informazioni disponibili in Green Building Studio, comprese le temperature medie in gradi-ore.

Building Studio, comprese le temperature medie in gradi-ore. Il formato della presentazione è diverso, ma le
Building Studio, comprese le temperature medie in gradi-ore. Il formato della presentazione è diverso, ma le

Il formato della presentazione è diverso, ma le informazioni sono simili. Se è stato completato l'esercizio 2-1, si noterà una differenza tra i dati presentati da Green Building Studio e i dati presentati dallo strumento Weather.

Building Studio e i dati presentati dallo strumento Weather. Se non si nota tale differenza, rivedere

Se non si nota tale differenza, rivedere le rose dei venti nell'esercizio precedente. La direzione principale dei venti a Vancouver è 90 gradi dall'asse nord-sud visualizzato in Green Building Studio.

Mentre Green Building Studio utilizza un punto dati che è a soli 3 chilometri (2 miglia) dal sito, la stazione di Vancouver è a circa 40 chilometri (26 miglia) dal sito. I dati di Green Building Studio vengono convertiti nell'esercizio 3 di questa lezione. Per il momento, continuare a esplorare le funzioni disponibili nello strumento Weather.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 51

51

Determinazione della migliore esposizione alla luce solare per il sito Lo strumento Weather fornisce numerose funzionalità che consentono di definire il clima. Questa sezione è focalizzata su alcune di esse.

1. Fare clic sul pannello Solar Position. Nel pannello Solar Position è possibile:

Visualizzare i dati relativi alla luce solare in diversi formati.

Sovrapporre i dati relativi alla luce solare ad altre letture del clima.

i dati relativi alla luce solare ad altre letture del clima. 2. Il pannello Solar Position

2. Il pannello Solar Position include inoltre uno strumento che consente di identificare l'orientamento migliore per una determinata posizione:

Fare clic su Solar Position > Best Orientation per aprire la finestra di dialogo Weather Tool: Settings.

per aprire la finestra di dialogo Weather Tool: Settings. ©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

52

52 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Lo strumento Weather inserisce automaticamente i mesi più caldi e più freddi. Si noti che l'analisi viene eseguita solo per i periodi selezionati. È possibile utilizzarla man mano che si raccolgono maggiori informazioni sul sito. Ad esempio, se il sito è in un clima caldo in cui la luce solare da ovest è quella che influisce più negativamente e sono presenti ombre di edifici sul lato ovest del sito in giugno ma non in luglio o settembre, può essere opportuno escludere giugno dall'equazione. Ricordare che questo strumento fornisce l'orientamento ottimale in base ai dati sull'irradiazione solare dell'ubicazione. Per il sito South Surrey, i dati devono essere estesi ai mesi più freddi.

Fare clic su marzo e novembre.

Fare clic su OK.

I numeri elencati nelle caselle Overheated e Underheated Period sotto i pulsanti di selezione sono date giuliane. Tenere presente andando avanti che l'orientamento visualizzato è basato esclusivamente sull'irradiazione solare diretta.

3. Per comprendere lo strumento Best Orientation, eseguirlo per i due siti standard installati:

China-FushunXian.wea e China-HongKong.wea.

installati: China-FushunXian.wea e China-HongKong.wea . Dati per China-FushunXian.wea Dati per China-HongKong.wea

Dati per China-FushunXian.wea

e China-HongKong.wea . Dati per China-FushunXian.wea Dati per China-HongKong.wea ©Copyright 2009 Autodesk, Inc.

Dati per China-HongKong.wea

Dati per China-FushunXian.wea Dati per China-HongKong.wea ©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati
Dati per China-FushunXian.wea Dati per China-HongKong.wea ©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 53

53

È possibile osservare che si tratta di climi molto diversi. Per Hong Kong, la cui longitudine è 22, la traiettoria del sole è più vicina all'apice. Di conseguenza, durante i mesi freddi, l'esposizione del lato sud è meno problematica rispetto a quella dei lati ovest ed est. L'orientamento ottimale è più estremo per il riscaldamento e il raffreddamento rispetto al sito in questione. Fushun Xian è più simile al sito studiato perché ha una latitudine di 41,5. Il grado di differenza tra il raffreddamento e il riscaldamento ottimali è inferiore. Lo strumento Best Orientation consente di ottimizzare l'orientamento attraverso un compromesso tra l'immagazzinamento di luce solare in inverno e la protezione dalla stessa durante l'estate. Tale compromesso prende inoltre in considerazione il livello di stress da riscaldamento e raffreddamento del clima e non corrisponde esattamente all'immagazzinamento invernale ma forma una piccola inclinazione che consente di evitare i caldi raggi del sole pomeridiano in estate.

Lo strumento Weather non solo visualizza i dati, ma fornisce un sistema di esplorazione del clima, che funziona in modo interattivo con vari studi e scenari per evitare interpretazioni errate che possono influenzare la volumetria dell'edificio.

Lo strumento Weather fornisce molte più funzionalità rispetto a quelle indicate in questo esercizio. È opportuno dedicare qualche minuto all'esplorazione delle altre funzioni. Se un elemento apparentemente non ha senso, ricaricare un'ubicazione con cui si ha familiarità e vedere quali conclusioni è possibile trarre.

Un potente strumento di progettazione incluso nello strumento Weather è il grafico psicometrico. La lezione 4 di questa cartella di lavoro contiene esercizi che utilizzano questo strumento in relazione al comfort umano.

Estratto dal Wiki di Ecotect Per ottenere l'orientamento più efficace, lo strumento Weather calcola l'entità dell'irradiazione solare incidente su una superficie verticale di 1 m quadrato per ogni 5 ° di angolo di orientamento. Vengono memorizzati tre valori per ogni angolo, l'irradiazione media giornaliera registrata nell'arco di un intero anno, durante i tre mesi più freddi e durante i tre mesi più caldi. I tre valori possono essere tracciati su un grafico polare dove il raggio di qualsiasi punto dal centro rappresenta il valore di irradiazione incidente. Gli orientamenti più favorevoli si ottengono nei casi in cui l'entità dell'irradiazione incidente in inverno è superiore a quella incidente in estate, dove la linea blu si estende oltre la linea rossa. Tuttavia, è sempre preferibile fornire la massima protezione possibile quando l'irradiazione è al livello massimo in estate. Quindi l'orientamento ottimale fornisce il massimo livello di immagazzinamento in inverno con la massima protezione in estate il che, posto che l'edificio sia più o meno ortogonale, implica un avvicendamento basato sui valori relativi di stress da riscaldamento e raffreddamento del clima. L'angolo di compromesso non si trova esattamente nel punto di massimo immagazzinamento invernale, ma leggermente spostato a est in modo tale da risultare parzialmente riparato dalla forte luce solare pomeridiana in estate.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

54

54 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Esercizio 2-3: Conversione di un file CSV di Green Building Studio in un file WEA di Ecotect Analysis

Nell'esercizio 2-1 i dati sul clima relativi a South Surrey sono stati salvati da Green Building Studio come file CSV (Comma Separated Values, valori separati da virgole). In questo esercizio si utilizzerà lo strumento Weather per convertire i dati da utilizzare in Ecotect.

In questo esercizio verranno eseguite le operazioni seguenti:

Apertura del file CSV con lo strumento Weather ed esecuzione di una conversione nello strumento Weather.

Controllo dei dati.

Aggiunta dei dati relativi alle precipitazioni medie.

Salvataggio del file come file WEA.

Conversione di un file CSV di Green Building Studio in un file WEA di Ecotect Analysis

Prima di iniziare questo esercizio, chiudere tutte le istanze dello strumento Weather aperte e avviare una nuova sessione dello strumento Weather. In questo modo tutti i valori vengono reimpostati e l'esercizio può essere iniziato da capo.

Apertura del file CSV con lo strumento Weather Il file con valori separati da virgole esportato da Green Building Studio non è un formato che può essere interpretato direttamente dallo strumento Weather. È necessario eseguire una conversione per indicare allo strumento Weather che cosa rappresentano le colonne nel file CSV.

1. Aprire il file CSV:

Fare clic su File > Open.

Fare clic su Files of Type > Separated Value Files.

 Fare clic su Files of Type > Separated Value Files.  Selezionare la cartella Lesson

Selezionare la cartella Lesson 2 nei set di dati.

Fare clic su Ex2_3_GBS_04R20_056177.csv.

Fare clic su Open.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 55

55

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 55 2 . Viene visualizzata la finestra di dialogo Weather

2. Viene visualizzata la finestra di dialogo Weather Tool – Read Column Separated Hourly Data perché lo strumento Weather non è in grado di interpretare automaticamente il file CSV. È necessario specificare che cosa significano le colonne di numeri. Le intestazioni di colonna sono riportate nella parte superiore della finestra di dialogo. La prima colonna è l'anno, la seconda è il mese e la terza è la data giuliana.

la seconda è il mese e la terza è la data giuliana. La colonna della data

La colonna della data giuliana è stata modificata rispetto all'esportazione originale da Green Building Studio. La data normale standard di Green Building Studio è stata sostituita dalla data giuliana per ogni ora di ogni giorno contenuto in questo file. L'operazione non è difficile ma è tediosa, quindi questo passaggio è già stato eseguito. Per ulteriori informazioni sulla conversione e su altre funzioni di questa finestra di dialogo, vedere le appendici dell'esercizio 2-3.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

56

56 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

3. Eseguire la conversione per questo file:

Fare clic su Load. Selezionare la cartella Weather nei set di dati per il file gbs2eco.ccf.

cartella Weather nei set di dati per il file gbs2eco.ccf . Il file di conversione inserisce

Il file di conversione inserisce le informazioni richieste dallo strumento Weather. Vedere le appendici dell'esercizio 3-2 per una spiegazione delle caratteristiche del file di conversione.

Fare clic su Import File per caricare i dati nello strumento Weather.

4. Come notato in precedenza, esiste una differenza notevole tra i rapporti delle rose dei venti di Green Building Studio e lo strumento Weather di Ecotect. Le rose dei venti sono ora allineate con i dati provenienti dalla stazione di registrazione più vicina al sito come se fossero create in Green Building Studio. Tuttavia, rimangono alcune informazioni da completare, ad esempio nome, ubicazione e media delle precipitazioni piovose.

nome, ubicazione e media delle precipitazioni piovose. Fare clic su File > Save As e salvare

Fare clic su File > Save As e salvare il file con il nome CANADA-BC-SOUTH-SURREY nella cartella MyWeatherFolder sul desktop in modo tale da averlo a disposizione in un secondo tempo. Questo file verrà utilizzato per tutta la durata del corso. Il file di dati meteorologici è disponibile anche nei set di dati, nella cartella WEATHER.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 57

57

Per fare in modo che il file sia sempre disponibile in Weather File Explorer, salvarlo nella cartella indicata sotto il titolo di Explorer. Benché non sia immediatamente visibile in Explorer, il file sarà disponibile al successivo avvio dello strumento Weather.

disponibile al successivo avvio dello strumento Weather. 5 . Aggiungere un'ubicazione:  Compilare i campi

5. Aggiungere un'ubicazione:

Compilare i campi dei dati relativi all'ubicazione come indicato.

i campi dei dati relativi all'ubicazione come indicato. È possibile utilizzare lo strumento Location, ma la

È possibile utilizzare lo strumento Location, ma la città più vicina indicata nell'elenco è Vancouver o Victoria.

6. Aggiungere i dati relativi alle precipitazioni:

Nel selettore del pannello Monthly Data fare clic su Rainfall. Immettere i valori indicati. Quando si immettono i dati, i valori vengono contemporanemente aggiornati nel grafico.

i valori vengono contemporanemente aggiornati nel grafico. ©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati
i valori vengono contemporanemente aggiornati nel grafico. ©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

58

58 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

7. Ora che l'inserimento dei dati è stato completato, salvare di nuovo il file ed esaminare l'orientamento ottimale:

di nuovo il file ed esaminare l'orientamento ottimale: Con i nuovi dati l'orientamento ottimale è a

Con i nuovi dati l'orientamento ottimale è a sud. Queste informazioni verranno utilizzate per studiare il layout e la volumetria nella lezione successiva.

Procedura: modifica di un file CSV esportato da Green Building Studio per l'importazione nello strumento Weather

Nell'esercizio 2-3, sono stati creati molti file per completare l'esercizio. Questa sezione spiega come e perché è stato creato il file Ex2_3_GBS_04R20_056177.csv.

Esercitazioni di Ecotect

Lo strumento Weather utilizza un file della guida in linea diverso da quello della Guida generale di Ecotect Analysis 2010. Il file della guida di Weather contiene due esercitazioni, una sull'importazione dei dati con formato fisso e l'altra sull'importazione dei dati separati. Nel caso in cui non sia possibile accedere a un punto dati accanto al sito con Green Building Studio, potrebbe essere necessario convertire i dati da un altro formato. Le esercitazioni del file della guida forniscono le indicazioni necessarie. Questa sezione della procedura fornisce ulteriori informazioni sulle esercitazioni.

Green Building Studio

Green Building Studio ha accesso a molti punti dati globali. Più il punto dati è vicino al sito, maggiore è la possibilità di creare un progetto sostenibile dal punto di vista del clima. Questa sezione tratta specificamente della conversione del file CSV generato da Green Building Studio.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 59

59

File CSV di Green Building Studio

Il file CSV di Green Building è costituito da quattordici colonne di informazioni, come indicato sotto.

Year

Month

Day

Hour

GlobHorizRad (Wh/m 2 )

DirNormRad (Wh/m 2 )

DiffHorizRad (Wh/m 2 )

TotalSkyCover (tenths covered)

DryBulbTemp (deg C)

DewPointTemp (deg C)

RelHumidty (%)

Pressure (mb)

WindDir (degrees)

WindSpeed (m/s)

Convertire i dati nello strumento Weather implica indicare allo strumento il significato delle colonne e fornire, se necessario, una unità e una conversione (vedere l'esercitazione sull'importazione dei dati con formato fisso).

Nella maggior parte dei casi i file di dati climatici contengono informazioni necessarie per lo strumento Weather. Per la conversione delle colonne di dati si utilizza l'interfaccia Weather Tool – Read Column Separated Hourly Data per indicare quali colonne utilizzare e quali ignorare. Inoltre, nella stessa procedura, si indica allo strumento Weather il formato dei dati di origine e si applica un fattore di conversione, se necessario. Questa procedura è già stata eseguita nell'esercizio 2-2 e salvata nel formato CCF dello strumento Weather. Caricando il file CCF, le quattordici colonne sono state mappate per indicare allo strumento Weather come utilizzare i valori estratti da ciascuna colonna.

come utilizzare i valori estratti da ciascuna colonna. ©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

60

60 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Nell'interfaccia Weather Tool – Read Column Separated Hourly Data i valori a sinistra sono quelli che lo strumento Weather è in grado di interpretare. A destra è riportata la mappatura sulla base della quale, nello strumento Weather, vengono ricercati questi valori nel CSV.

La riga 1 a destra, <Ignore Value>, indica allo strumento Weather di ignorare qualsiasi cosa sia presente

in quella colonna. Perché? Nel file CSV, quella prima colonna è Year. A sinistra non c'è un parametro

corrispondente comprensibile per lo strumento Weather. In altre parole, non c'è posto in cui possano andare questi dati, di conseguenza nella conversione la colonna 1 del CSV viene ignorata. L'assegnazione <Ignore Value> è una parte importante di questa operazione. Se vengono escluse le prime due righe <Ignore Value> e i valori di colonna iniziano con Julian Date, la prima colonna del file CSV anno (Year) verrebbe letta come giorno (Day). Lo strumento Weather interpreterebbe tutti i dati come se si producessero lo stesso giorno e non verrebbe visualizzato nessun dato. Se si conoscono i valori che verranno ignorati, è possibile aprire il file CSV ed eliminare la colonna, ma questo metodo è più pratico.

Anche la riga 2 è impostata su Ignore Value. La colonna 2 nel file CSV è Month (mese). Lo strumento Weather ha un parametro in cui conservare i dati relativi al mese. Perché non viene assegnato alla riga 2? È probabile che si tratti di un errore da parte dell'autore. Tuttavia, tutto sembra funzionare e tutti i dati sui mesi sembrano corretti. La risposta è nella riga 3, Julian Date.

Julian Date (calendario giuliano)

Ecotect e lo strumento Weather sono basati sul calendario giuliano. In questo sistema, i giorni dell'anno sono numerati da 1 a 365. Per la programmazione è un sistema efficiente, dato che qualsiasi giorno dell'anno può essere identificato con un singolo numero invece che dai due componenti di una data, mese e giorno. Questo è il motivo per cui non è necessario mappare il mese nella conversione.

In questa immagine viene rappresentato il file CSV di Green Building Studio creato nell'Esercizio 2-1.
In
questa immagine viene rappresentato il file CSV
di
Green Building Studio creato nell'Esercizio 2-1.
Il file CSV aperto in Excel mostra le righe dalla
6577 (o dalla fine di settembre, inizi di ottobre).
Il file contiene dati orari per ogni giorno dell'anno.
Il passaggio dal formato mese/giorno a quello
giuliano richiesto da Ecotect non corrisponde alla
semplice modifica di 365 celle, ma di 365 x 24,
ovvero 8.760 celle. Come spiegato nell'esercizio,
non è difficile ma solo noioso anche se si sa come
lavorare in modo efficiente in un foglio di calcolo.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 61

61

Solo la colonna di dati Day richiede una modifica che viene apportata nello stesso modo ogni volta che lo si desidera fare. Se si è un programmatore, questo è un buon esercizio di programmazione. Per i non programmatori, nel set di dati per questo programma è incluso un file extra. Nei set di dati, cartella Weather, il file GBStoJulianConversion.csv contiene una colonna (colonna C per l'abbinamento alle esportazioni di Green Building Studio). È sufficiente aprire il file CSV esportato e copiare e incollare la colonna C. Il formato mese/giorno viene convertito in formato giuliano. Con questa operazione è necessario immettere di nuovo il nome nella cella C1.

è necessario immettere di nuovo il nome nella cella C1. Fatto ciò, il file è pronto

Fatto ciò, il file è pronto per essere importato nello strumento Weather di Ecotect.

È possibile che si verifichi qualche anomalia con il valore di copertura del cielo totale, riga 8 nel file di conversione CCF. Mentre il file di Green Building Studio registra TotalSkyCover (decimi coperti) se viene usato questo formato:

(decimi coperti) se viene usato questo formato: Se viene applicato un fattore di conversione, i file

Se viene applicato un fattore di conversione, i file delle condizioni atmosferiche non si comportano come previsto. Lasciandolo come si trova (%) funzionerà correttamente.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

62

62 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Lezione 2 – Valutazione

Domande

Gli esercizi in questa lezione evidenziano la discrepanza tra la rosa dei venti di Green Building Studio e il file Ecotect WEA per Vancouver. Fornire le possibili spiegazioni per tale significativa differenza tra i due punti di raccolta dati.

Lezione 2 – Riepilogo

L'impatto di una risposta consapevole a fattori climatici non può essere sovrastimato in fase di progettazione sostenibile. In questa lezione si è lavorato con i dati sul clima utilizzando numerosi strumenti. Ogni sito progettato è influenzato da molti fattori che, anche se si vivesse in quella zona, potrebbero non essere così palesi. Più i dati meteorologici sono precisi per un dato sito e maggiore sarà la precisione con cui sarà possibile progettare in modo sostenibile in quell'area.

Risorse aggiuntive

Dati meteorologici

Altri file delle condizioni atmosferiche possono essere scaricati da diverse fonti. Fare clic su Location Tool > Find Weather Data per aprire nel browser Web il sito del Dipartimento dell'energia degli Stati Uniti o di Ecotect da cui scaricare i file.

degli Stati Uniti o di Ecotect da cui scaricare i file. Dal sito Ecotect, è possibile

Dal sito Ecotect, è possibile scaricare i file delle condizioni atmosferiche in formato WEA utilizzabile direttamente in Ecotect. Il Dipartimento dell'energia degli Stati Uniti dispone di file per molti paesi in formato EPW. Nonostante questo formato non sia direttamente leggibile in Ecotect Analysis, può essere letto e convertito tramite lo strumento Weather o Weather Manager. Nel caso si desideri utilizzare file di altre fonti, sono disponibili delle esercitazioni nell'applicazione Weather installata con Ecotect Analysis 2010.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 63

63

Europa

European Climate Assessment (http://eca.knmi.nl/) propone dati su molte nazioni europee. I dati disponibili da questo sito sono scaricabili in formato ASCII.

Dipartimento dell'energia degli Stati Uniti

Il Dipartimento dell'energia degli Stati Uniti dispone di formato di file proprietario: Energy Plus Weather (EPW). Le informazioni da altri paesi vengono convertite e distribuite gratuitamente in questo formato.

Nelle origini dei dati del Dipartimento dell'energia degli Stati Uniti vengono trattati sia la fonte che i formati di ogni fonte.

Altro

Guide to the Science of the Atmosphere – USA Today

Collegamenti relativi a clima e meteorologia http://www.igc.org/igc/issues/ac/or.html

Introduzione alla forza di Coriolis

Ozono e atmosfera – Goddard Space Flight Center Earth Sciences

Immagini MODIS (Moderate Resolution Imaging Spectroradiometer)

Aviation and the Global Atmosphere

Calcolo della produzione di CO 2 per una famiglia

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

64

64 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Lezione 3: Posizione, volumetria e layout dell'edificio

Panoramica

In questa lezione verrà illustrato come utilizzare alcuni degli strumenti disponibili per studiare l'impatto della forma e dell'orientamento sull'utilizzo di energia di un edificio. Verrà inoltre descritto come utilizzare lo strumento Right-To-Light disponibile nel software Autodesk® Ecotect® Analysis per stabilire piani di sconfinamento allo scopo di ridurre al minimo l'impatto sullo sviluppo delle aree adiacenti.

Obiettivi

Analizzare l'impatto delle volumetrie e del layout di un edificio sul consumo energetico.

Analizzare l'impatto della rotazione di uno studio delle volumetrie di un edificio sul consumo energetico.

Identificare i vincoli di forma imposti da problemi di Right-To-Light con lo sviluppo delle aree adiacenti.

Esercizi

Gli esercizi di questa lezione sono i seguenti:

Esercizio 3-1: Impatto delle volumetrie sull'utilizzo di energia

Esercizio 3-2: Impatto della rotazione sul consumo energetico

Esercizio 3-3: Studi sulle volumetrie tramite lo strumento Right-To-Light

Aggiornamento dello scenario

Il sito per la cooperativa Green Housing Collective è una lottizzazione esistente in fase di sviluppo nel South Surrey, Columbia Britannica, Canada. Il terreno è già stato livellato e accoglierà edifici residenziali monofamiliari su un'impronta di circa 230 metri quadri.

monofamiliari su un'impronta di circa 230 metri quadri. ©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 65

65

La località è ubicata sul bordo di un'area rurale e a distanza percorribile a piedi dalla maggior parte dei servizi pubblici. Attualmente è in corso la lottizzazione. Le immagini che seguono illustrano la crescita di quest'area (il sito è evidenziato dal riquadro rosso).

2004 2006 2008
2004 2006 2008
2004 2006 2008

2004

2006

2008

I responsabili della lottizzazione hanno concordato di vendere in blocco sei lotti contigui, ma esistono

solo tre aree in cui sei lotti sono reciprocamente adiacenti. Ognuna di queste possibilità forza il layout in un'unica forma, come illustrato nelle immagini seguenti.

Allungato, sull'asse Nord-Sud Grossomodo squadrato A forma di U, rivolto a Sud
Allungato, sull'asse Nord-Sud Grossomodo squadrato A forma di U, rivolto a Sud
Allungato, sull'asse Nord-Sud Grossomodo squadrato A forma di U, rivolto a Sud

Allungato, sull'asse Nord-Sud

Grossomodo squadrato

A forma di U, rivolto a Sud

Il gruppo ha deciso di creare un edificio con unità annesse pari a circa il 60% della normale superficie

delle abitazioni standard e di destinare la superficie rimanente ad area comune. In questa lezione vengono studiate le possibilità di selezione del sito sulla base delle analisi sia di volumetria che di rotazione dei possibili edifici nel sito.

Data come base sei famiglie:

230 mq X 6 famiglie = 1.380 mq totali suddivisi in circa 830 mq per unità abitative e 550 mq per l'area comune.

O in unità imperiali:

2.500

pq X 6 famiglie = 15.000 pq = 9.000 pq totali suddivisi in circa 6.000 pq in unità abitative e

3.000

pq per l'area comune = 1.500, 2 piani, 800 pq = 25 x 30, 20 x 40.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

66

66 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Termini chiave

Termine

Definizione

Trasferimento

Movimento di energia termica in un fluido, ad esempio negli impianti di riscaldamento ad aria forzata.

termico per

convezione

 

Trasferimento

Trasmissione del calore da molecola a molecola, ad esempio la trasmissione del calore dalla superficie esterna esposta al sole di un muro di mattoni a quella interna.

termico per

conduzione

Trasferimento

L'irraggiamento termico si produce dalla conversione del movimento di particelle cariche negli atomi in radiazione elettromagnetica. Lo spazio intermedio non influenza il trasferimento di energia. Gli edifici che utilizzano impianti di riscaldamento radianti sono progettati con una temperatura dell'aria inferiore rispetto al tipo per convezione ad aria forzata. Riscalda i corpi, non l'aria. Ad esempio, irraggiamento solare e riscaldamento radiante, impianti di riscaldamento sottopavimento.

termico per

irraggiamento

(energia

radiante)

Energia

La media ponderata di tutti gli oggetti in un locale/vano/zona. Oppure, l'MRT è definita come la temperatura uniforme di una superficie circostante rispetto alla radiazione di un corpo nero (emissività e = 1), il che risulta nello stesso guadagno di energia radiante su un corpo umano come flussi di radiazione prevalente, che in genere varia in condizioni di spazio aperto.

radiante media

Fattore di luce diurna

Valore di luminanza: rapporto, espresso in percentuale, fra l’illuminamento interno (dovuto alle sole sorgenti naturali) e quello esterno misurato su un piano orizzontale che vede l’intera volta celeste. In questo calcolo non rientra come fattore la luce diretta del sole.

Componente

La componente cielo verticale (VSC, Vertical Sky Component) corrisponde alla porzione del fattore di luce diurna applicata a una superficie verticale.

cielo verticale

Concetti

Molte fonti identificano i passi generali per la progettazione sostenibile. Pur con alcune differenze, tutte affermano:

1. Posizione, volumetria e layout (orientamento, volumetria e forma), dovrebbero agevolare l'illuminamento naturale e la ventilazione e ridurre i carichi derivanti dal raffreddamento estivo e dal riscaldamento invernale.

2. Involucro dell'edificio a basso impatto ambientale di CO 2 , progettato per l'illuminamento e il riscaldamento invernale, ma per impedire l'aumento del calore estivo.

3. La tecnologia a bassa o zero produzione di CO 2 per le strategie di riscaldamento e raffreddamento, solo per migliorare le decisioni prese nelle prime due categorie.

Oltre a questi passi generali, è necessario prendere in considerazione il tipo di edificio.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 67

67

La progettazione di una casa monofamiliare a impatto di CO 2 neutro richiede strategie diverse rispetto alla progettazione di un edificio commerciale con lo stesso livello di impatto. Mentre molti professionisti e non ritengono di sapere istintivamente cosa genera un "buon edificio", tale intuizione dovrebbe essere basata sugli studi sui dati di utilizzo energetico di edifici esistenti e sui risultati delle simulazioni esaminati e compresi a fondo.

risultati delle simulazioni esaminati e compresi a fondo. ©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

68

68 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Il grafico sopra mette a confronto le percentuali di utilizzo di energia per edifici residenziali e per quelli commerciali negli Stati Uniti. Come si può vedere, negli edifici residenziali la maggior parte dell'energia viene consumata per il riscaldamento dei vani, quasi il 35%. Negli edifici commerciali, invece, allo stesso scopo viene dedicato solo il 16% del dispendio energetico totale. Questi dati indicano che le misure che riducono i carichi di riscaldamento (design solare passivo, miglior isolamento, finestre con valori u inferiori) hanno un ruolo ben più importante nella progettazione di unità abitative a impatto di CO 2 neutro, rispetto a equivalenti edifici commerciali. In zone come il Minnesota, è molto comune che venga richiesto il raffreddamento degli edifici commerciali anche nella stagione invernale per smaltire tramite forti carichi di raffreddamento il calore prodotto dalle persone, dalle luci e dalle apparecchiature. carichi

di riscaldamento negli edifici commerciali si producono tipicamente al mattino presto, prima che

arrivino persone, ma talvolta anche a causa degli impianti di raffreddamento che abbassano troppo la

temperatura di un vano e obbligano a riscaldarlo di nuovo. Ciò indica che il progetto a solare passivo per un edificio commerciale potrebbe non dare i risultati sperati e anzi potrebbe incrementare l'uso di energia dato che il guadagno solare potrebbe non essere utile per la maggior parte del tempo. Un altro interessante fattore per il confronto dell'uso di energia è l'illuminazione. Circa il 28% dell'energia totale consumata in un edificio commerciale viene destinata all'illuminazione, rispetto a un 13% per le unità abitative. Questo dato induce a dedurre che in un edificio commerciale il fattore principale da prendere

in considerazione è la riduzione del carico destinato all'illuminazione (il che si riflette anche su una

riduzione della produzione di calore non desiderato derivante dalle lampade elettriche). L'illuminamento naturale è probabilmente la caratteristica più efficace da introdurre in un edificio commerciale a

impatto di CO 2 neutro. Non solo la riduzione dell'illuminazione elettrica produrrà risparmi energetici, ma

la riduzione del calore sviluppato dalle lampade farà scendere la richiesta energetica da parte

dell'impianto di raffreddamento dell'edificio.

Il nostro scenario di un progetto di unità abitative in cooperativa in cui diverse famiglie lavorano in casa è una combinazione di strategie per edifici residenziali e commerciali.

In questa unità, si studierà per primo l'impatto della forma sul progetto. Con Autodesk® Green Building

Studio®, si caricheranno tre diversi scenari di volumetria e layout. Quindi si applicherà la rotazione alle

opzioni e se ne studierà l'effetto sull'utilizzo dell'energia.

Nell'ultima fase, si creerà uno studio della volumetria in Ecotect e si utilizzeranno gli strumenti Right-To- Light per analizzare i lotti adiacenti. In quest'ultimo esercizio si stabiliranno i piani che utilizzano un angolo rispetto al piano orizzontale atto a limitare l'effetto che il nuovo edificio avrà sulla componente cielo verticale delle proprietà adiacenti. Anche se questi piani possono apparire come un "solar envelope" del progetto, non bisogna confonderli con l'accesso diretto alla luce e all'irraggiamento solare, che non fanno parte della componente cielo verticale.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 69

69

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 69 Questi piani e gli angoli utilizzati per costruirli sono
Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 69 Questi piani e gli angoli utilizzati per costruirli sono

Questi piani e gli angoli utilizzati per costruirli sono basati sulla componente cielo verticale accessibile per gli edifici e le proprietà adiacenti. Una volta sviluppato ulteriormente il progetto, sarà possibile utilizzare lo stesso strumento per elaborare un'analisi Right-To-Light più dettagliata.

Tra questi calcoli supplementari sono incluse variazioni numeriche alla percentuale della componente cielo verticale nonché calcoli No Sky (nessun fattore cielo) per i locali in edifici adiacenti. La lezione è comunque concentrata sulla volumetria e si occuperà solo marginalmente del "solar envelope".

Prerequisiti degli esercizi e note

Prerequisiti

Per gli esercizi di questa lezione è necessario utilizzare i seguenti file di set di dati:

m_lots_(Meters).dxf o i_lots_(Inches).dxf per la versione metrica o imperiale del layout del sito.

m_3_storyBOX_MinimalMass_Windows.xml, m_Ushaped_MinimalMass_Windows.rvt m_NorthSouth_MinimalMass_Windows.xml

i_3_storyBOX_MinimalMass_NoWindows.xml, i_Ushaped_MinimalMass_NoWindows.xml i_NorthSouth_MinimalMass_NoWindows.xml

Nota per l'Esercizio 3-1: prima di iniziare l'esercizio è necessario avere un account Green Building Studio e un progetto valido in cui caricare i file. Lezione 2, Esercizio 1: creazione di un nuovo progetto in Green Building Studio, denominato Green Housing Collective. Per caricare i file per le analisi, sarà necessario avere questo o un altro progetto.

Questo esercizio costituisce un prerequisito per l'Esercizio 3-2 che continua con i file caricati in Green Building Studio.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

70

70 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Note

Come parte dei set di dati, sono forniti file gbXML sia per le unità metriche che per quelle imperiali. È possibile utilizzare uno qualsiasi dei set di file forniti.

I file dei set di dati metrici hanno il prefisso m e quelli imperiali i.

m_3_storyBOX_MinimalMass_Windows.xml
m_3_storyBOX_MinimalMass_Windows.xml

m_3_storyBOX_MinimalMass_Windows.xml

m_Ushaped_MinimalMass_Windows.rvt m_NorthSouth_MinimalMass_Windows.xml

i_3_storyBOX_MinimalMass_NoWindows.xml

i_Ushaped_MinimalMass_NoWindows.xml

i_NorthSouth_MinimalMass_NoWindows.xml

Questi file sono stati creati in Revit ed esportati in gbXML.

Esercizio 3-1: Impatto delle volumetrie sull'utilizzo di energia

In

questo esercizio si utilizza Green Building Studio per valutare il consumo energetico di tre diversi studi

di

volumetria. Green Building Studio è uno strumento adatto per il confronto delle differenze nelle

opzioni degli edifici, grazie alla pronta disponibilità dei totali.

In questo esercizio verranno eseguite le operazioni seguenti:

Caricamento dei file in Green Building Studio ed esecuzione dell'analisi per ciascun file.

Analisi dei dati di Green Building Studio.

Studio della volumetria in Green Building Studio Prima di iniziare questo esercizio, aprire Green Building Studio. Eseguire il login per accedere ai progetti. Aprire il progetto Green Community Housing creato nella Lezione 2, Esercizio 2-1.

Caricamento di un file in Green Building Studio

In questa sezione dell'esercizio vengono caricati i file pronti gbXML nel progetto di Green Building Studio

creato nella Lezione 2.

1. Avviare Green Building Studio Client o Green Building Studio Desktop. Come per la Lezione 2, le istruzioni qui fornite si riferiscono a Green Building Studio Desktop. I pulsanti di Green Building Studio Client sono leggermente diversi ma svolgono le stesse funzioni. Immettere in Green Building Studio nome utente e password.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 71

71

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 71 2. Sotto il titolo Create New Run, fare clic

2. Sotto il titolo Create New Run, fare clic su Browse gbXML file. Aprire la cartella dei set di dati della Lezione 3 e selezionare i file desiderati nella versione metrica o imperiale: m_Ushaped_MinimalMass_Windows.xml o i_Ushaped_MinimalMass_Windows.xml.

o i_Ushaped_MinimalMass_Windows.xml . Fare clic su Create New Run per avviare il browser Web e

Fare clic su Create New Run per avviare il browser Web e visualizzare i risultati.

3. Ripetere la procedura per gli altri due file: NorthSouth_MinimalMass_Windows.xml e

3_storyBOX_MinimalMass_Windows.xml.

Questi file gbXML sono dei semplici riquadri creati in Revit ed esportati in gbXML per
Questi file gbXML sono dei semplici riquadri creati in Revit ed esportati in gbXML per

Questi file gbXML sono dei semplici riquadri creati in Revit ed esportati in gbXML per illustrare le opzioni di layout volumetrico del sito. Nei file creati in Revit, la volumetria non è stata utilizzata dato che il file gbXML è un modello di analisi. Per completare il modello di analisi occorrono oggetti corrispondenti a muri, porte, pavimenti, finestre e tetto. Sebbene per eseguire i report sia necessario creare gli elementi nel modello, si tratta solo di segnaposto per completare il modello analitico e non implicano assolutamente una soluzione di planimetria con disposizione e dimensionamento delle finestre o dei pavimenti al problema di progetto.

Modello analitico

Muri, pavimenti, tetto e finestre in Revit

gbXML

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

72

72 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Nella creazione di questi file, la superficie delle vetrate per ciascuna opzione è simile (entro il metro quadrato). Se si desidera preparare una propria volumetria per lo studio, fare riferimento alla Lezione 1 contenete le istruzioni su come creare un modello Revit da esportare in gbXML.

Analisi dei dati di Green Building Studio Ogni esecuzione dovrebbe aprire una nuova sessione del browser di default e visualizzare la pagina riepilogativa Energy and Carbon Results.

1. Dai dati generati da Green Building Studio, i risultati visualizzati sono simili ai seguenti.

Studio, i risultati visualizzati sono simili ai seguenti. Nonostante i tre layout di volumetria siano differenti,

Nonostante i tre layout di volumetria siano differenti, tutti hanno la possibilità di diventare a impatto di CO 2 neutrale. Il Carbon Neutral Potential, nella colonna di destra, illustra diverse strategie per spostare la natura intrinseca del progetto (principalmente per riscaldamento dell’edificio). I numeri negativi indicano la capacità di raggiungere la neutralità di emissioni.

2. In particolare, esaminare l'utilizzo di energia annuale in elettricità e combustibile. I kWh di energia elettrica (principalmente per illuminazione e apparecchiature) possono costituire un indicatore iniziale approssimativo di quanto illuminamento naturale può essere utilizzato da quella forma volumetrica. L'utilizzo di energia elettrica e combustibile sia in MJ metrici che in Therm imperiali può essere un indicatore dell'efficacia radiante della volumetria.

Layout del

Elettricità annuale

Combustibile annuale (Therm)

progetto

A forma di U

169.940

7.179

Nord-Sud

167.613

7.430

A 3 piani

168.209

6.774

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 73

73

3. Selezionare una delle esecuzioni e scorrere fino alla scheda Energy and Carbon Results. Fare clic sul diagramma Annual Fuel End Use per visualizzare maggiori informazioni.

Annual Fuel End Use per visualizzare maggiori informazioni. 4. Scorrere in basso ulteriormente per vedere i
Annual Fuel End Use per visualizzare maggiori informazioni. 4. Scorrere in basso ulteriormente per vedere i

4. Scorrere in basso ulteriormente per vedere i presupposti base per la costruzione realizzata da Green Building Studio. Green Building Studio suppone questi valori che non sono memorizzati nel modello gbXML. Nella prossima lezione sulla struttura dell'edificio sarà possibile cambiare questi valori. Per il momento, chiudere tutte le sessioni di Green Building Studio.

Riepilogo dell'esercizio

Se si ha già dimestichezza con i concetti di progettazione della volumetria di un edificio per l'adeguamento a un dato tipo di clima, non sarà una sorpresa che l'opzione Nord-Sud richiede meno elettricità, ma più combustibile rispetto alle altre opzioni. L'impronta più stretta di questa volumetria consente un miglior illuminamento naturale a spese di una maggiore superficie dei muri esterni, che in climi freddi non è un fattore positivo. Analogamente, la variante a tre piani risulta efficiente per il combustibile dato che a parità di volume la superficie è minore, ma richiede più elettricità per l'illuminazione.

Le differenze tra i tre layout sono relativamente contenute. Come notato nella Lezione 2, l'edificio di questo sito è principalmente interessato dal riscaldamento. Solo circa 60 giorni estivi all'anno richiedono il raffreddamento. Più importante è la quantità di disponibilità solare. Confrontato con Denver, Colorado, USA, questo sito ha un profilo di riscaldamento/raffreddamento simile.

Strumento Weather: riscaldamento, raffreddamento e disponibilità solare nel South Surrey, Canada Strumento Weather:
Strumento Weather: riscaldamento,
raffreddamento e disponibilità solare nel South
Surrey, Canada
Strumento Weather: riscaldamento,
raffreddamento e disponibilità solare a Denver,
Colorado, USA

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

74

74 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

La disponibilità solare al contrario è molto differente. La differenza tra le opzioni di layout e rotazione tende verso il riscaldamento in questo clima e in inverno, quando si desidera trarre tutto il vantaggio possibile dall'esposizione a Sud, l'irraggiamento solare disponibile è veramente scarso. Se si caricano gli stessi modelli gbXML in un progetto a Denver, Colorado, le differenze tra di essi sarebbero maggiori. Ciò significa che la forma non è un fattore importante nella progettazione sostenibile? No, affatto. Al contrario: significa che occorre utilizzare gli strumenti disponibili in modo che il progetto non si basi su presupposti standard quali "alle latitudini più settentrionali, un lungo asse Est-Ovest è sempre l'orientamento corretto". Esistono molti altri fattori, quali l'esigenza umana di uno spettro luminoso completo, che possono far propendere per l'orientamento che offre la massima esposizione solare durante le ore in cui l'edificio è occupato.

Mentre Green Building Studio è un buon strumento per lo studio dei numeri riepilogativi, in certi casi è bene avere la possibilità di modificare il modello e vedere gli effetti direttamente in tabelle e grafici. Ecotect Analysis è uno strumento eccellente che verrà utilizzato nella prossima lezione, appositamente per studiare l'impatto delle variazioni al modello.

Esercizio 3-2: Impatto della rotazione sul consumo energetico

La volumetria e il layout di un edificio influenzano il consumo energetico. Anche la rotazione può avere un determinato impatto. In questa lezione si accede alle alternative di progetto di Green Building Studio per studiare gli effetti sull'utilizzo di energia nel progetto. L'esercizio prevede l'esecuzione di Design Alternatives in Green Building Studio allo scopo di studiare l'impatto sulla rotazione. Lo strumento Weather ha già individuato la soluzione Nord-Sud come l'orientamento ottimale. Ora verrà eseguito un controllo su questo presupposto.

Design Alternatives consente di modificare il modello senza caricare un nuovo file in Green Building Studio.

In questo esercizio verranno eseguite le operazioni seguenti:

Aggiunta di alternative a un progetto in Green Building Studio e confronto dei risultati della rotazione del volume dell'edificio in +30, +15, -15, -30 gradi.

Impatto della rotazione sul consumo energetico Prima di iniziare questo esercizio, aprire Green Building Studio. Eseguire il login per accedere ai progetti. Aprire il progetto Green Community Housing.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 75

75

Aggiunta di alternative a un progetto in Green Building Studio In questa sezione vengono aggiunte alternative di rotazione del progetto al layout con forma a U.

1. Nell'elenco del progetto di Green Building Studio, fare clic sulla versione di layout U-shaped per tornare alla pagina Energy and Carbon Results.

2. Fare clic su Design Alternatives nella colonna a sinistra della pagina Energy and Carbon Results.

colonna a sinistra della pagina Energy and Carbon Results. 3. Nella scheda General della pagina Design

3. Nella scheda General della pagina Design Alternative:

Fare clic su -15 nella colonna Rotation.

Come nome, inserire negative 15 degrees.

Fare clic su Add Alternative

inserire negative 15 degrees . Fare clic su Add Alternative ©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

76

76 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

4. Ripetere questo passaggio per aggiungere le alternative a -30, +15, +30 gradi. Se si creano dei duplicati, selezionare la casella di controllo a destra per eliminarli.

selezionare la casella di controllo a destra per eliminarli. 5. Fare clic su Run Added Alternatives.

5. Fare clic su Run Added Alternatives.

6. L'esecuzione base per l'orientamento originale nella versione metrica corrisponde a $13.082.

originale nella versione metrica corrisponde a $13.082. 7. Sotto, nella scheda General, viene visualizzata ciascuna

7. Sotto, nella scheda General, viene visualizzata ciascuna alternativa.

scheda General, viene visualizzata ciascuna alternativa. Riepilogo dell'esercizio In questo esercizio si sono

Riepilogo dell'esercizio

In questo esercizio si sono aggiunte al modello opzioni di rotazione del progetto. Ogni rotazione ha dato un costo energetico annuale più alto. Tale risultato conferma l'analisi nello strumento Weather: per questo layout, l'orientamento diretto a Sud è quello più efficiente.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 77

77

Esercizio 3-3: Studi sulle volumetrie tramite lo strumento Right-To-Light

Un progetto sostenibile di volumetria e layout non sarebbe completo se non si prendessero in considerazione anche i requisiti di sostenibilità delle proprietà e degli edifici circostanti. In questo esercizio si utilizzerà il software Autodesk Ecotect Analysis per studiare l'impatto della lottizzazione sulle unità abitative circostanti. Queste informazioni verranno utilizzate per delimitare una planimetria tale da agevolare lo sviluppo relativo all'altezza e all'impronta del progetto.

L'interfaccia di Ecotect Analysis dovrebbe già essere familiare. In caso contrario, leggere l'appendice della Lezione 3: Introduzione alla modellazione in Ecotect e la sezione del file della Guida di Ecotect Analysis sui concetti generali. In questa sezione viene spiegata l'interfaccia utente e come operare in modo efficiente nell'ambiente di modellazione.

In questo esercizio verranno eseguite le operazioni seguenti:

Importazione del file DXF delle linee delle particelle del sito.

Creazione delle case adiacenti a Nord.

Determinazione di un vincolo verticale sulla base della facciata dell'edificio.

Determinazione di un vincolo verticale sulla base del confine catastale.

Studi sulle volumetrie tramite lo strumento Right-To-Light Prima di iniziare l'esercizio, avviare un nuovo file Ecotect in cui collegare le linee delle particelle del sito DXF e impostare l'unità metrica o imperiale preferita.

Importazione del file DXF delle linee delle particelle del sito In questa sezione viene importato il file DXF e si verificano le proprietà della zona per la geometria importata.

1. Fare clic sul menu File > Import > 3D CAD Geometry.

Fare clic sul menu File > Import > 3D CAD Geometry. ©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

78

78 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

2. Nella finestra di dialogo Import Geometry:

Analysis 2010 2. Nella finestra di dialogo Import Geometry: • Selezionare DXF in Files of Type.

Selezionare DXF in Files of Type.

Import Geometry: • Selezionare DXF in Files of Type. • Verificare che Scale Objects By sia
Import Geometry: • Selezionare DXF in Files of Type. • Verificare che Scale Objects By sia

Verificare che Scale Objects By sia impostato correttamente. Se si importa il file metrico m_lots_(Meters).dxf, la scala deve essere impostata a 1000 in modo da scalare in millimetri il DXF basato sui metri. Se si importa il file in unità imperiali, impostarla su 25.4 per scalare la geometria in pollici da pollici a millimetri. Internamente, Ecotect utilizza i millimetri anche se l'utente imposta come preferenza i piedi e i pollici delle unità imperiali.

Fare clic su Choose File. Selezionare m_lots_(Meters).dxf o i_lots_(Inches).dxf per la versione metrica o imperiale del layout del sito.

Fare clic su Import into Existing.

3. Verificare che il file sia stato importato correttamente. La distanza tra i cordoli è di circa 9 metri o 29 piedi.

Fare clic sullo strumento Ruler.

Selezionare ogni lato del cordolo della strada.

Ruler. • Selezionare ogni lato del cordolo della strada. 4. Nel pannello Zone Management, cambiare il
Ruler. • Selezionare ogni lato del cordolo della strada. 4. Nel pannello Zone Management, cambiare il

4. Nel pannello Zone Management, cambiare il colore della zona in grigio scuro e verificare che sia impostato su Non-Thermal.

grigio scuro e verificare che sia impostato su Non-Thermal. ©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 79

79

5. Caricare il file delle condizioni atmosferiche per il progetto creato nella Lezione 2 e salvato sul proprio disco rigido. Se non è stato salvato, è possibile caricare il file CANADA-BC-SOUTH- SURREY.wea dalla cartella WEATHER dei set di dati degli esercizi. Suggerimento: se non si ricorda come caricare un file delle condizioni atmosferiche, consultare l'Esercizio 2-2 nella Lezione 2.

consultare l'Esercizio 2-2 nella Lezione 2. 6. Salvare il file. Creazione delle case adiacenti a Nord

6. Salvare il file.

Creazione delle case adiacenti a Nord In questa sezione vengono aggiunte al progetto due zone per rappresentare le abitazioni in fase di sviluppo a nord del progetto.

1. Nella vista planimetrica della pagina 3D, aggiungere due zone nei lotti come illustrato nell'immagine. Suggerimento: Menu View > Plan quindi utilizzare lo strumento Zone nel pannello degli strumenti a sinistra. Dall'appendice si apprende che è sufficiente completare 3 lati della zona e Ecotect li chiuderà, quindi chiederà di fare clic sullo strumento Select. Per questo esercizio, la dimensione e la posizione esatte di questi edifici non sono essenziali.

e la posizione esatte di questi edifici non sono essenziali. ©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

80

80 Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

2. Dare un nome alle zone mentre le si crea, North House 1 e North House 2.

zone mentre le si crea, North House 1 e North House 2 . Regolare i colori

Regolare i colori a piacere.

3. Regolare l'altezza di entrambi gli edifici a Nord:

3. Regolare l'altezza di entrambi gli edifici a Nord: • Cambiare la vista in Perspective •

Cambiare la vista in Perspective

Ingrandire quanto necessario

Selezionare il pavimento di una delle zone

Nel pannello Selection Information (nel lato destro dello schermo)

Immettere 6800 mm o 20 piedi per l'Extrusion Vector della zona. Premere il tasto Invio.

Eseguire la stessa procedura per l'altra zona abitativa

Si realizza così di una struttura approssimativa a due piani.

©Copyright 2009 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati VIETATA LA DISTRIBUZIONE

Autodesk Learning

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010

Progettazione sostenibile con Ecotect Analysis 2010 81

81

4. Nella vista in pianta, aggiungere un'altra zona per il volume dell'edificio che si sta studiando e denominarla U Shape Bldg South.

che si sta studiando e denominarla U Shape Bldg South. Regolare i confini a Nord a

Regolare i confini a Nord a circa 1 metro (o 3 piedi) dalle linee Nord della proprietà.

5. Regolare l'altezza di questa zona su 10000 mm o 30 piedi, corrispondenti all'altezza massima di un edificio di questo volume su tre piani.

6. Annullare la selezione e salvare il progetto sul desktop per utilizzarlo in seguito. Utilizzare un

nome facile da ricordare, ad esempio "mio_progetto_ecotect". La lottizzazione consentirà la costruzione fino a questo limite in pianta. Il volume non sarà enorme, ma l'esercizio serve a trovare il confine verticale che limiterà tale volumetria.

Determinazione del Solar Envelope sulla base della facciata dell'edificio In questa sezione si utilizzano gli strumenti Ecotect Right-To-Light per aggiungere un piano basato sulla facciata dell'edificio adiacente.

1. Nel pannello Zone Management, fare clic sullo strumento New Zone

pannello Zone Management, fare clic sullo strumento New Zone Aggiungere due nuove zone: SOLAR PLANE AT

Aggiungere due nuove zone: SOLAR PLANE AT PROPERTY LINE e SOLAR PLANE AT FACADE.