Sei sulla pagina 1di 46

VdS Alessandra Battezzi

OBIETTIVI

Saper gestire i diversi tipi di ferite

Saper fermare unemorragia


Le FERITE
Lesioni che interrompono lintegrit
della cute.
La CUTE
Funzioni della cute
PROTEZIONE
SENSIBILITA
TERMOREGOLAZIONE
ELIMINAZIONE
ASSORBIMENTO
Classificazione
Escoriazioni
Ferite da taglio
Ferite da punta
Ferite da punta e taglio
Ferite lacero-contuse
Ferite darma da fuoco
Amputazioni
Ferite con corpo estraneo
Escoriazioni
Ferite da taglio
Ferite da punta
Ferite da punta e taglio
Ferite lacero-contuse
Ferite darma da fuoco
Amputazioni
Ferite con corpo estraneo
PRIMO SOCCORSO
AUTOPROTEZIONE
Rimuovere gli indumenti sopra alla ferita
Lavare la ferita con acqua corrente
pulita e sapone
Disinfettare
Ricoprire la lesione con garze sterili
Se emorragia eseguire medicazione
compressiva e tenere sollevato larto.
Sostegno psicologico
Cosa NON fare?

NON usare acqua ossigenata sulle ferite


alla testa, al viso, profonde.

NON usare disinfettanti colorati (es:


betadine)

NON usare cotone direttamente sulla ferita


Ferite da corpo estraneo
MAI estrarre il corpo estraneo,
MAI!
Immobilizzarlo con medicazione
contenitiva
Non lavare o disinfettare
Sostegno psicologico
Attenzione:
Attenzione ferite al torace, alladdome,
alla testa e agli occhi
Amputazioni
AUTOPROTEZIONE
Cercare di arrestare lemorragia
Se PARZIALI:
PARZIALI
1. Avvolgere la parte parzialmente amputata
con materiale sterile
2. Poi con ghiaccio
3. Immobilizzarla
4. Sostegno psicologico
5. Ospedalizzare
Amputazioni
Se TOTALI
1. AUTOPROTEZIONE
2. Chiamata 118
3. Recuperare la parte amputata
4. Avvolgerla con materiale sterile
5. Inserirla in un sacchetto di plastica
6. Posizionarla in un contenitore termico con
ghiaccio
7. Trasportarla insieme al paziente
8. Sostegno psicologico
Attenzione: le parti amputate
NON devono entrare in contatto
con ghiaccio e devono rimanere
in ambiente asciutto.
EMORRAGIE
Fuoriuscita di sangue da un vaso
sanguigno in seguito ad una lesione.
Cosa sono i vasi sanguigni?
Quali sono le funzioni del
sangue?

Distribuzione di O2
Rimozione di CO2
Trasporto di sostanze nutritive
Rimozione di sostanze di rifiuto
Protezione immunitaria
Termoregolazione
EMORRAGIE

1. Esterne
2. Interne
3. Interne esteriorizzate
EMORRAGIE
Emorragie esterne:
Primo soccorso
1) Autoprotezione
2) 118
2) Compressione diretta
3) Fasciatura compressiva
4) Sollevamento dellarto
5) Compressione a distanza
[ 6) Laccio emostatico ]
Emorragie esterne:
Primo soccorso
COMPRESSIONE DIRETTA
- Applicare sulla ferita delle garze sterili e
comprimere (NON se c frattura o corpo
estraneo)
- Non rimuovere le garze impregnate di
sangue
- Tenere larto sollevato
Emorragie esterne:
Primo soccorso
FASCIATURA COMPRESSIVA
- Applicare sopra lo strato di garze un
tampone costituito da pi strati di garza
- Fasciare la zona includendo il tampone
Attenzione: il polso arterioso a
valle devessere rilevabile e larto
non deve essere violaceo.

Braccio: polso radiale

Gamba: polso tibiale


Emorragie esterne:
Primo soccorso
PUNTI DI COMPRESSIONE A DISTANZA
- Se la compressione diretta non
sufficiente
- Comprimo unarteria contro un osso a
MONTE della ferita.
Arteria OMERALE

Arteria SUCCLAVIA
Arteria BRACHIALE

Arteria ASCELLARE
Arteria FEMORALE
Laccio emostatico arterioso

Da usare SOLO quando nientaltro ha funzionato!


Rischio di necrosi dei tessuti

- Emorragie non controllabili


- Pi feriti con emorragie imponenti
- Amputazioni

SCRIVERE LORA DI APPLICAZIONE!!!


EMORRAGIE
ESTERIORIZZATE
Lemorragia interna, ma il sangue esce
attraverso un orifizio naturale.
Vediamo il sangue, ma non la ferita.

- Naso
- Bocca
- Orecchie
- Genitali
- Ano
Dal NASO
EPISTASSI (per rottura di un piccolo vaso)
- Inclinare la testa in avanti e comprimere le
narici
- Impacchi freddi

RINORRAGIA (per trauma)


- Non tamponare le cavit nasali
- Non muovere linfortunato
Dalle ORECCHIE
OTORRAGIA
Se da trauma non muovere linfortunato e non
cercare di bloccare il sangue

Dalla BOCCA
EMATEMESI:
EMATEMESI fuoriuscita di sangue con il
vomito.

Attenzione al rischio di inalazione!!!


EMORRAGIE INTERNE
Non sono direttamente visibili, il sangue si
raccoglie in una cavit dellorganismo (es:
addome).

Sospetto: - Incidenti stradali


- Schiacciamenti
- Precipitazioni
- Ferite penetranti
- Segni di shock
- Tumefazioni
- Dolore e rigidit addominale
E intanto?

Valutazione continua del paziente


(coscienza, respiro, circolo)
Sostegno psicologico
Coprirlo
NON dare da bere
Domande?
Riassumendo
SEMPRE, SEMPRE, SEMPRE autoprotezione!

Corpo estraneo?
MAI rimuoverlo, ma immobilizzarlo

Ferite?
Lavare, disinfettare, garze sterili

Emorragie esterne?
Compressione diretta, arto sollevato,
compressione a distanza
LA CASSETTA DI PRONTO
SOCCORSO
Raccoglie il materiale necessario al primo
trattamento di un infortunato.
Il contenuto devessere mantenuto in
buono stato di pulizia e ripristinato dopo
ogni utilizzo.
Controllare periodicamente la scadenza
dei presidi ed eventualmente sostituirli.
Guanti monouso
Garze sterili e non
Fisiologica da 250 ml
Disinfettante
Bende orlate
Ghiaccio secco monouso
Cerotti
Termometro
Sfigmomanometro
Rotolo di cerotto
Forbici
Pinzette
NO!!!
Alcol
Acqua ossigenata
Betadine
Cotone idrofilo