Sei sulla pagina 1di 10

SCENARI FINANZIARI

JOHN MAULDIN'STHOUGHTS FROM THE FRONTLINE Newsletter settimanale - Versione Italiana a cura di Horo Capital

E' tutta concentrata sui posti di lavoro


di John Mauldin | 7 aprile 2012 - Anno 3 - Numero 14

In questo numero: Sto solo cercando di mantenere il passo La partecipazione della forza lavoro Qualche buona notizia sull'occupazione San Francisco, Denver, Austin, Philadelphia, Washington DC, Fort Lauderdale, ecc. I numeri dell'occupazione di oggi erano decisamente deboli, ma il tasso di disoccupazione sceso comunque, e questa la migliore cosa che si possa dire. Ed essendo questo un week-end di vacanza, abbiamo l'opportunit di guardare nel dettaglio i numeri sull'occupazione, mentre rimandiamo le riflessioni sulla Spagna alla prossima settimana. E chi lo sapeva che l'essere degli Asiatici-Americani non coniugati negli Stati Uniti significa rischiare di essere disoccupati? Inoltre, altre particolari notizie renderanno questa lettera ancora pi interessante.

Sto solo cercando di mantenere il passo


Marzo ha visto la creazione di "solo" 120.000 nuovi posti di lavoro. Le attese erano per 200.000 nuovi posti di lavoro. Non passato molto tempo da quando ogni numero positivo sarebbe stato visto come una buona notizia, ma con gli ultimi sei mesi dove avevano una media di 200.000 nuovi posti di lavoro, questo dato stato deludente. Tutto questo aumenta la preoccupazione, che ancora una volta, potremmo vedere dei deboli dati sull'occupazione durante la primavera e l'estate. E per dare maggiore forza all'argomento, i numeri sull'occupazione assumeranno un tono decisamente politico quest'estate, in quanto ogni sondaggio mostra che l'occupazione e l'economia sono il problema # 1 nella mente degli elettori. Questo verr inoltre sottolineato appena quattro giorni prima delle elezioni presidenziali che si terranno Marted 6 novembre, con la pubblicazione del report sul mercato del lavoro del mese di ottobre che programmata per Venerd 2 novembre. Non credete che questo verr analizzato pi del solito? Continuo a sostenere che l'attuale versione dei dati mensili viene spesso rivista e quindi negli attuali dati possibile vedere poco pi di un trend; ma questo non limiter il fatto che gli esperti utilizzeranno gli attuali dati per sostenere il loro candidato. Non vi ragione per credere che il dato inferiore di oggi sia stato in parte causato dal fatto, che i dati sono stati molto buoni nella prima parte dell'anno; cos potrebbe essere meglio fare la media degli ultimi due mesi, che rappresentano comunque ancora un dato deludente, nel senso che rimane ancora inferiore rispetto alla crescita della popolazione. Con questo ritmo ci vorranno ancora tre anni prima di tornare a dei nuovi massimi in termini di nuova occupazione, e questo dato non tiene comunque conto della crescita della popolazione. Inoltre, si ipotizza che non vi sar alcuna recessione nel frattempo. Dato che gli Stati Uniti devono, ad un certo punto, incominciare ad avere il proprio bilancio in pareggio, questo lascia poche speranze al fatto che venga attuata una maggiore spesa pubblica (che significa maggiori stimoli). Il Bureau of Labor Statistics sforna una massiccia quantit di dati ogni mese. Diamo un'occhiata ad una tabella e proviamo a discutere di ci che vediamo. Questa la

situazione di Sintesi sull'occupazione Tabella A che arriva dalla raccolta di dati dalle famiglie, dati destagionalizzati.

In primo luogo, il tasso di disoccupazione sceso dello 0,1%, al 8,2%. Ma vediamo che il numero di persone che sono effettivamente occupate sceso di 31.000, e quindi come pu essere sceso il tasso di disoccupazione? Questo perch il numero di persone in cerca di occupazione sceso di 164.000. Ricordatevi che se non siete alla ricerca di un lavoro, non venite considerati disoccupati. Cos il tasso di partecipazione, o il numero di adulti che lavorano o che sono alla ricerca di un lavoro sceso dello 0,1%, al 63,8%. Si noti che questa tabella mostra 133.000 nuovi posti di lavoro. Questa il Household report, che il report fatto da un sondaggio sulle famiglie. Il nuovo numero pari a 120.000 posti di lavoro del Establishement Report, che un sondaggio fatto sulle imprese che cerca di indovinare il numero di posti di lavoro creati da nuove imprese nate nell'ultimo mese, conosciuto anche come rapporto di nascita/morte. In questo mese il rapporto nascita/morte ha aggiunto 90.000 nuovi posti di lavoro al numero totale. Il rapporto B/D un numero molto volatile. Esso si basa sui dati degli ultimi cinque anni sul quale viene fatta una proiezione. Anche in questo caso, il numero sulla disoccupazione raccolto dall'indagine sulle famiglie, e il numero di nuovi posti di lavoro tratto dal Establishement Report. Mentre comunque possibile estrapolare un numero di nuovi posti di lavoro dall'indagine sulle famiglie, questo notoriamente volatile e sostanzialmente inutile come indicatore mese su mese. A titolo di esempio, stato pari a 428.000 in febbraio. E le variazioni possono essere di molte centinaia di migliaia mese su mese. Ma nel corso del tempo l'indagine sulle famiglie fornisce un quadro abbastanza buono e alla fine il dato quasi sempre in linea al Establishement report; ma spesso ci sono alcuni aggiustamenti importanti dopo uno o pi anni, che portano i numeri ad allinearsi con i numeri reali che arrivano dai dati fiscali. Ora, diamo un'occhiata ad alcuni altri elementi. Potete trovare gli occupati per et, razza,

educazione e sesso. Questa pagina contiene una sintesi, anche se possibile ottenere dei dati molto dettagliati. Per esempio, questo mese troviamo che quelli con un diploma di laurea hanno un tasso di disoccupazione del 4,2%, mentre il 12,6% di coloro che non hanno terminato la scuola superiore non hanno un lavoro. Il 25% degli adolescenti disoccupato. Il dato scende con l'aumento dell'et a blocchi di dieci anni, fino ad arrivare a coloro che hanno pi di 55 anni, dove i disoccupati sono solo il 6,2%. Le donne, in tutte le fasce di et, hanno un tasso di disoccupazione inferiore rispetto agli uomini. Gli uomini sposati e le donne (attualmente sposate) sembra che stiano meglio, con un tasso medio di disoccupazione pari al 5,2%. Il grafico che segue ci mostra che gli uomini sposati tendono a perdere i posti di lavoro molto pi velocemente nel corso di una recessione, ma tornano anche al lavoro molto pi velocemente. Penso che sia di aiuto nel trovare un lavoro, se si ha un qualcuno che ci ricorda di andare a lavorare ogni mattina.

Se non si mai stati sposati si avuta una probabilit del 12,5% di essere senza lavoro nel mese di marzo. Per quel che questo possa valere, gli Asiatici-Americani sembrano trovarsi in una situazione migliore rispetto ai bianchi, nella maggior parte delle categorie; mentre gli afro-americani hanno quasi il doppio del livello di disoccupazione. Gli ispanici sono circa a met strada, su tutta la linea, tra i bianchi e i neri. Una cosa strana che emerge che le coppie sposate bianche hanno un tasso inferiore (5,3%) rispetto alle coppie asiatiche (6,2%), mentre il tasso dei disoccupati bianchi non-sposati pari al 10,5% ed invece per gli asiatici pari al 9,2%. Sono sicuro che i miei lettori, sia asiatici che bianchi hanno tantissimi tipi di aneddoti da raccontare su questi risultati. Potete trovare maggiori dati su quello che volete analizzare su http://www.bls.gov/web/empsit/cpseea10.htm.

Absolute Return Partners di Niels C. Jensen - www.arpllp.com - la societ partner di John Mauldin per il mercato Europeo. Horo Capital - www.horocapital.it - il partner di Absolute Return Partners per il

mercato Italiano. Tel. 02 89096674 - rcarraro@horocapital.it

La partecipazione della forza lavoro


In precedenza abbiamo parlato del "tasso di partecipazione della forza lavoro". E' la percentuale di persone, in et lavorativa, in una economia che lavorano o che sono disoccupati, ma alla ricerca di un lavoro. "In genere le persone in et lavorativa" sono quelle persone di et compresa tra i 16 e i 64 anni. La gente che non viene conteggiata in questo fascia di et sono in genere studenti, casalinghe e persone di et inferiore ai 64 anni che sono gi in pensione. Vediamo tre grafici dal database FRED della Fed di St. Louis. Il primo riguarda il tasso di partecipazione degli uomini fin dagli anni '40, il secondo invece si riferisce al tasso di partecipazione delle donne. Il primo grafico mostra il tasso di partecipazione degli uomini, che in caduta costante dal 1950 per poi crollare dal 2007. Tutto questo rappresenta una caduta complessiva del 20%. In contrasto, in modo significativo, con l'aumento della rappresentanza delle donne nella forza lavoro fino a circa il 1995 e il suo successivo graduale declino dal 2008. Negli Stati Uniti (dal 1990) la media del tasso di partecipazione della forza lavoro, fino alla recente recessione, era di solito intorno al 67%.

Diamo un'occhiata all'ultimo dei tre grafici che riguarda il tasso di partecipazione totale, ma questa volta non vengono considerati i lavoratori stagionali. Nota: la maggiore volatilit data dal numero dei lavoratori stagionali. Questo era particolarmente vero negli anni '40, quando hanno iniziato a raccogliere i dati anche se poi la volatilit degli stagionali diminuita con il tempo; per poi incominciare a scendere con la recessione e ritornare ai livelli di dove era a fine degli anni '70. Questo dimostra ancora che sempre pi persone vogliono un lavoro, quando riescono trovarne uno.

Il totale dei nuovi posti di lavoro di questo mese stato deludente, essendo sceso sotto la sua media settimanale, in particolare nel settore manifatturiero. Questo non fa ben sperare per i prossimi mesi. interessante notare che il salario medio del settore produzione ora

inferiore del 2%, rispetto quello dei servizi.

Qualche buona notizia sull'occupazione


Guardando altri dati, possiamo trovare qualche buona notizia sull'occupazione. La societ di sondaggi Gallup pubblica, ogni mese, il suo sondaggio sulle famiglie. Gallup raccoglie quotidianamente i dati durante il mese, mentre il BLS sceglie una settimana come campione a met del mese. Il numero complessivo di Gallup sulla disoccupazione era pari al 8,4%, superiore a quello del BLS, ma poi lo ha fatto scendere bruscamente nella seconda met del mese. Se usassero lo stesso aggiustamento stagionale del BLS, il numero scenderebbe al 8,1%. Entrambe le percentuali sono in forte calo rispetto al mese scorso, e Gallup ha fatto inoltre notare che la maggior parte del calo avvenuta nelle ultime due settimane. Gallup ha fatto i seguenti i commenti, nel rilasciare i dati alla fine di questa settimana (http://www.gallup.com/poll/153761/Unemployment-Declines-March.aspx?ref=more):

"... I tassi di marzo e gennaio sono i pi bassi, da quando Gallup ha iniziato il monitoraggio e il report sulla disoccupazione dal mese di gennaio 2010. Sono inoltre coerenti con Gallup, altri dati sull'economia comportamentale relativi a marzo che mostrano un nuovo picco sul Economic Confidence Index di Gallup e un picco post-recessione sul suo Job Creation Index, cos come una forte spesa dei consumatori. "Mentre, negli ultimi mesi, il forte calo del tasso di disoccupazione degli Stati Uniti chiaramente una buona notizia, questo fa sorgere alcuni interrogativi sull'economia. La tradizionale analisi economica pone la questione sul perch il tasso di disoccupazione cala molto pi rapidamente, rispetto a quanto possa essere giustificato dall'attuale ritmo di crescita dell'economia. Rispondere a questa domanda essenziale, per determinare la

sostenibilit del trend di diminuzione della disoccupazione. "Ben Bernanke, presidente della Federal Reserve, ha fatto di questo problema il centro del suo recente discorso tenuto al National Association for Business Economics, sottolineando che il miglioramento del dato sui posti di lavoro sembra un po' fuori fase rispetto al ritmo di espansione economica. 'Ha continuato ad esporre la sua ipotesi ossia che le aziende, durante la crisi finanziaria e la recessione del 2008-2009, hanno tagliato un maggior numero di posti di lavoro rispetto a quelli che erano necessari, ed ora stanno riequilibrando la loro forza lavoro a causa degli eccessivi tagli fatti in passato. Inoltre, il presidente ha continuato a sottolineare che per raggiungere ulteriori riduzioni del tasso di disoccupazione probabile che sia necessario in futuro, una maggior crescita economica. "Se Bernanke ha ragione, allora il rapido declino del tasso di disoccupazione potrebbe essere arrivato nella fase finale, in quanto le singole imprese hanno raggiunto l'equilibrio della loro forza lavoro. Inoltre, l'economia classica ci suggerisce che molte persone che sono rimaste in disparte in attesa di un miglioramento dell'economia, ora potrebbero decidere che sia giunto il momento di cercare un lavoro, aumentando cos il dato di base utilizzato per il calcolo della disoccupazione. A sua volta, questo potrebbe rallentare la diminuzione del tasso di disoccupazione o addirittura generarne un incremento; influendo cos negativamente sulla fiducia e sull'economia in generale - queste non sono notizie positive per i politici, compreso il presidente. "D'altra parte, l'economia potrebbe continuare l'attuale trend positivo come riportato nei dati comportamentali segnalati da Gallup, o forse l'economia sta gi crescendo pi velocemente rispetto a quanto suggeriscono gli attuali dati economici. Ad ogni modo, se vero, che il tasso di disoccupazione potrebbe scendere nell'immediato futuro - al di sotto del 8,0% (in particolare se la forza lavoro non cresce), questa sarebbe una buona notizia per l'economia, per i politici, e per la rielezione del presidente". Gallup ha pubblicato un grafico che non fa presagire nulla di buono anche per i politici, sebbene anche qui si possa trovare un aspetto positivo nell'orientamento dei dati. Il dato sulla sottoccupazione statunitense unisce, per Gallup, le persone disoccupate con quelle che lavorano part-time, ma che sono alla ricerca di un lavoro a tempo pieno. Ne risulta un forte calo in entrambi i gruppi, il tasso di sottoccupazione sceso a marzo di quest'anno al 18,0% dal 19,1% di febbraio. Il tasso di sottoccupazione era sceso al livello minimo del 18,0% nel luglio scorso, prima di subire un'inversione di tendenza nel mese di agosto; continuando poi ad aumentare da novembre fino a gennaio. Questo dato possiamo confrontarlo con il tasso di disoccupazione BLS U-6 che si attesta al 14,5%; questo tasso composto dai disoccupati e da quelli che hanno un lavoro part-time, ma che sono alla ricerca di un'occupazione a tempo pieno.

L'occupazione e l'economia negli Stati Uniti stanno migliorando, anche se non velocemente come vorremmo. E il mondo ancora vulnerabile nei confronti di una rinnovata crisi europea. David Kotok osserva che la Grecia "in una spirale mortale." E continua dicendo: "Le perdite private sul debito greco sono per lo pi confermate. Governo / istituzioni / perdite ufficiali sono nelle mani dei politici che ancora continuano a mentire. Continua a crescere l'onere del debito, nella gi fragile economia greca. Questa sovvenzione perpetua da parte degli altri oramai in rotta di collisione con l'eventuale collasso finanziario greco. Nel frattempo, 92 membri del parlamento greco hanno proposto emendamenti per alleggerire il programma di austerit. La prossima settimana la Grecia annuncer il suo piano di ricapitalizzazione delle banche. Quelle banche che vengono definite 'vitali', saranno in grado di ottenere i finanziamenti da parte della BCE. La tragedia greca continua. "Stiamo seguendo il bilancio del ELA (Emergency Liquity Assistance) in ogni paese della zona euro. Non facile da fare. Le banche centrali delle 17 nazioni della zona euro dichiarano dei dati poco comparabili tra di loro. Inoltre, arrivano anche con un certo ritardo. La Grecia ha reso noto solo il suo bilancio ELA fino a novembre. Stimiamo che sia di circa 40 miliardi rispetto ai circa 7 miliardi del mese di luglio. Non abbiamo alcuna idea di quale sia oggi la cifra. La Banca centrale europea potrebbe controllare il bilancio ELA di ciascun paese, ma sceglie di non farlo. Perch non lo fa? Considerate questo: vorreste depositare i vostri soldi in una banca che in un sistema nazionale con un bilancio ELA in continuo aumento? No, se si previdenti. Il rovescio della medaglia che la gente della zona euro deve tirare a indovinare." Infatti. Questa sembra essere la coerenza tra le nazioni. I politici non imparano mai finch non troppo tardi, e anche allora

San Francisco, Denver, Austin, Philadelphia, Washington DC, Fort Lauderdale, ecc.
S, tutte le citt che ho citato qui sopra sono programmate nelle mie prossime tre settimane. Sto cercando di capire esattamente chi ha dato vita al mio programma di viaggio. Non posso essere stato io. Giuro che deve essere stato un contabile dell'American Airlines, intento a salvare la compagnia dal suo fallimento con i miei viaggi! Ma una parte del viaggio sar divertente, vi fornir i dettagli la prossima settimana. Sono stato, la scorsa settimana, con un amico che anche un consulente di investimento ad una partita dei Dallas Mavericks. Gli ho fatto notare che il nostro punteggio mediocre, anche perch, in questa stagione, abbiamo avuto un sacco di infortuni. E s, il nostro team "vecchio", ma questo ci che tutti dicevano anche l'anno scorso, ma abbiamo comunque vinto. Se i vecchi possono ricordare i giorni di gloria della loro giovinezza, potremmo davvero fare un altro gran campionato. Forse sono un po' troppo ottimista. "John, perch non puoi essere cos ottimista sull'economia quando scrivi il venerd sera?" Mi ha chiesto il mio amico. Ma quale sarebbe il divertimento nel pensare che usciamo al primo turno? A volte devi solo crederci. il momento di premere il pulsante di invio. tardi e ho bisogno di riposo. La maggior parte dei bambini e alcuni amici saranno qui Domenica, e dovr accendere il grill. Spero che anche tu abbia una grande settimana! Il tuo analista davvero ottimista,

John Mauldin John@FrontLineThoughts.com Copyright 2010-2012 John Mauldin. All Rights Reserved Copyright 2010-2012 Horo Capital. Tutti i Diritti Riservati Disclaimer: La presente pubblicazione distribuita da Horo Capital srl. Pur ponendo la massima cura nella traduzione della presente pubblicazione e considerando affidabili i suoi contenuti, Horo Capital srl non si assume tuttavia alcuna responsabilit in merito allesattezza, completezza e attualit dei dati e delle informazioni nella stessa contenuti ovvero presenti sulle pubblicazioni utilizzate ai fini della sua predisposizione. Di conseguenza Horo Capital srl declina ogni responsabilit per errori od omissioni. Horo Capital srl si riserva il diritto, senza assumersene l'obbligo, di migliorare, modificare o correggere eventuali errori ed omissioni in qualsiasi momento e senza obbligo di avviso. La presente pubblicazione viene fornita per meri fini di informazione ed illustrazione, non costituendo in nessun caso offerta al pubblico di prodotti finanziari ovvero promozione di servizi e/o attivit di investimento n nei confronti di persone residenti in Italia n di persone residenti in altre giurisdizioni, a maggior ragione quando tale offerta e/o

promozione non sia autorizzata in tali giurisdizioni. Le informazioni fornite non costituiscono un'offerta o una raccomandazione per effettuare o liquidare un investimento o porre in essere qualsiasi altra transazione. Esse non possono essere considerate come fondamento di una decisione d'investimento o di altro tipo. Qualsiasi decisione d'investimento deve essere basata su una consulenza pertinente, specifica e professionale. Tutte le informazioni pubblicate non devono essere considerate una sollecitazione al pubblico risparmio o la promozione di alcuna forma d'investimento n raccomandazioni personalizzate ai sensi del Testo Unico della Finanza trattandosi unicamente di informazione standardizzata rivolta al pubblico indistinto. N Horo Capital srl n John Mauldin potranno essere ritenuti responsabili, in tutto o in parte, per i danni (inclusi, a titolo meramente esemplificativo, il danno per perdita o mancato guadagno, interruzione dellattivit, perdita di informazioni o altre perdite economiche di qualunque natura) derivanti dalluso, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalit, dei dati e delle informazioni presenti nella presente pubblicazione. Ogni decisione di investimento e disinvestimento pertanto di esclusiva competenza del Cliente che pu decidere di darvi o meno esecuzione con qualsivoglia intermediario autorizzato; qualsiasi eventuale decisione operativa presa dal Cliente in base alle informazioni pubblicate , infatti, da considerarsi assunta in piena autonomia decisionale e a proprio esclusivo rischio. Il Contenuto presente nella pubblicazione pu essere riprodotto unicamente nella sua interezza ed esclusivamente citando il nome di Horo Capital srl e di John Mauldin, restandone in ogni caso vietato ogni utilizzo commerciale. Si intende per Contenuto tutte le analisi, grafici, immagini, articoli i quali sono tutti protetti da copyright. Horo Capital srl ha la facolt di agire in base a/ovvero di servirsi di qualsiasi elemento sopra esposto e/o di qualsiasi informazione a cui tale materiale si ispira ovvero tratto anche prima che lo stesso venga pubblicato e messo a disposizione della sua clientela. Horo Capital srl pu occasionalmente, a proprio insindacabile giudizio, assumere posizioni lunghe o corte con riferimento ai prodotti finanziari eventualmente menzionati nella presente pubblicazione. In nessun caso e per nessuna ragione Horo Capital srl, sar tenuta, ad agire conformemente, in tutto o in parte, alle opinioni riportate nella presente pubblicazione. Ogni violazione del copyright in qualsiasi modo si esprima ai danni di Horo Capital srl e John Mauldin, sar perseguita legalmente. Per iscriversi alla newsletter GRATUITA settimanale SCENARI FINANZIARI cliccare qui: www.scenarifinanziari.it/Registrazione.aspx Per modificare il proprio indirizzo email di invio della newsletter, effettuare il login su www.scenarifinanziari.it e andare sulla pagina di registrazione. Per cancellare l'iscrizione alla newsletter scrivere una mail a:info@scenarifinanziari.it Thoughts from the Frontline 3204 Beverly Drive Dallas, Texas 75205 Horo Capital Independent Financial Advisory Firm Via Silvio Pellico, 12 20121 Milano Tel. 02 89096674