Sei sulla pagina 1di 9

Ipotizziamo di stare in un mondo perfetto Ipotizziamo di stare in un mondo perfetto Gli oggetti guardati dallo specchietto retrovisore sono

pi grandi ... Una recessione immaginaria La pace ai giorni nostri? La spesa pubblica per singola famiglia supera il reddito medio delle famiglie Che cosa volete che vi dica? Las Vegas, Singapore, San Francisco e Carlsbad Un ingegnere, un chimico e un economista sono bloccati su un'isola deserta. Essi stanno morendo di fame, quando miracolosamente trovano un pacco che pieno di cibo in scatola. A quel punto si domandano che cosa fare? Analizzano il problema e cercano di mettere assieme tutte le loro competenze cercando di capire che cosa possono fare. Nel cercare una soluzione, l'ingegnere suggerisce di cercare semplicemente una roccia e provare a colpire le lattine fino a quando queste non si rompono. "No, no!" Dicono il chimico e leconomista piangendo, "faremmo cadere troppo cibo e a quel punto gli uccelli se lo porterebbero via!" Dopo avere fatto un po' di riflessioni, il chimico suggerisce loro di accendere un fuoco e di riscaldare le lattine. La pressione che si generer allinterno delle lattine le far aprire ed inoltre il cibo si riscalder in modo adeguato. Ma a quel punto lingegnere e leconomista, sottolineano giustamente che probabilmente le lattine esploderanno ed il cibo si disperder in tutta la spiaggia. A quel punto l'economista dopo aver attentamente studiato le lattine e letto le etichette inizia scarabocchiare una serie di equazioni sulla sabbia, fino ad arrivare a coprire tutta la spiaggia. Dopo aver riflettuto per lungo tempo in modo eccitato dice, "Ho capito! Ho trovato la soluzione!" come potete vedere da quest'ultima equazione. A quel punto gli chiedono di fornirgli la spiegazione, ma a causa del fatto del fatto che non vedono l'ora di poter finalmente fare un buon pasto questo li porta a dar particolarmente credito alla nuova tesi dell'economista. A quel punto l'economista si schiarisce la voce e incomincia a spiegare: "In primo luogo ipotizziamo che possiamo aprire ..." Non so quanto vecchia sia questa storia, ma certamente risale al momento in cui gli economisti hanno scoperto la matematica e i modelli, ossia il momento in cui gli economisti hanno sviluppato una particolare invidia verso la fisica e cos hanno deciso che avrebbero voluto essere maggiormente considerati pi come degli scienziati piuttosto che dei filosofi. Questa settimana continuiamo ad analizzare i dati e i modelli sviluppati da degli economisti, al fine di comprenderne l'utilit e i loro limiti. I dati che esamineremo questa settimana sono quelli relativi alle previsioni di bilancio degli Stati Uniti per il 2014, previsioni che sono appena state rilasciate questa settimana dal Presidente. Mentre pu sembrare che le previsioni di bilancio della Camera e del Senato possano essere molto divergenti, tra loro ci sono alcune somiglianze di fondo ed anche piuttosto inquietanti. In particolare le tre proposte fanno delle ipotesi molto lontane dal mondo reale. Non importa quale versione preferite, ma tutte sono carenti in termini di precauzioni di base e di coperture che quelli di noi che normalmente contribuiscono alla preparazione dei bilanci familiari e aziendali si assicurano di includere nelle proprie previsioni. Considerando il fatto che potrebbero essere scritti dei libri sulle ipotesi di base che sono state prese in esame su queste proposte di bilancio, noi prenderemo in esame (spero in modo molto contenuto) solo alcune delle problematiche che emergono in modo pi marcato. Ipotizziamo di stare in un mondo perfetto Come i nostri naufraghi avevano a disposizione un abbondanza di cibo in scatola, ma senza disporre di un apriscatole, una previsione di bilancio si trova di fronte al problema di dover predire il futuro fiscale di un sistema economico reale in modo molto approssimativo e senza il disporre di una sfera di cristallo. E come abbiamo visto la scorsa settimana gli economisti non

sono nemmeno cos particolarmente bravi nel raccontarci quello che successo durante l'anno che appena passato e tanto meno nel raccontarci quello che deve ancora arrivare. (E spesso vediamo dei bilanci nazionali che pretendono di fare delle previsioni a dieci o pi anni.) Il concetto di base piuttosto semplice. Vi la necessit di prevedere dei ricavi e dei costi. Delle due, le spese sono la cosa pi semplice da prevedere. La maggior parte delle spese del governo sono voci di un bilancio. "Si prevede di spendere $5 miliardi di dollari all'anno per la manutenzione di strade e ponti, $1 miliardo di dollari per i parchi nazionali, $925 miliardi dollari per la difesa, ecc." Anche i costi della Social Security sono semplici da prevedere. La sanit invece comporta un sacco di stime, ed infine i costi inerenti alla disoccupazione salgono e scendono in relazione all'economia. Viceversa i ricavi sono un po' pi complicati da prevedere. Le entrate fiscali si basano sul reddito, ovviamente salgono e scendono in relazione ai redditi, cos come le imposte sulle societ e quelle sulla Previdenza Sociale e sul Medicare. Se ci fosse poi una recessione le entrate a quel punto diminuirebbero. Se ci fosse invece un boom economico, a quel punto le entrate potrebbero rivelarsi essere anche migliori del previsto. Credo di ricordare che a met degli anni '90 alcuni economisti avevano previsto che per il resto del decennio la crescita dell'economia sarebbe stata piatta o tendente verso il basso - invece abbiamo avuto un boom. A met del decennio scorso io ho previsto che avremmo avuto un economia che tendeva a cavarsela e per me questo significava un 2% di crescita del PIL, e quindi in calo rispetto alla media del 3% che avevamo sperimentato per diversi decenni. Ora scopro che aver detto il due per cento probabilmente sono stato un po' troppo ottimista, anche se mi ricordo molte persone che mi dicevano che ero troppo ribassista. Sarei molto felice se riuscissimo a raggiungere nel decennio in corso un 2% di crescita media. Come ho scritto qualche mese fa (sia qui che qui), ci sono diverse persone che fanno delle previsioni e che sono molto considerati, tra cui Jeremy Grantham e Robert Gordon, che pensano che molto probabilmente avremo solo un 1% di crescita (o forse anche meno!). Lo scorso anno abbiamo avuto un tasso di crescita reale al netto dell'inflazione pari al 1,7%. Nel 2012 la crescita nominale stata pari al 3,5% e questo stato il dato pi basso dalla fine della seconda guerra mondiale. Quindi come faranno le nostre intrepidi previsioni di bilancio nel prevedere i prossimi dieci anni? Non convinti che le attuali tendenze in atto continueranno, si sono messi degli occhiali rosa per cercare di fornirci delle luminose promesse che ci possano cos far presagire una spettacolare crescita. Gioved scorso David Malpass ha scritto sul Wall Street Journal che le previsioni di budget di Obama per il 2013 danno un 3,6% di crescita entro il 2016, con le entrate fiscali che aumenteranno del 50%. Ma Obama pu essere considerato come un abbastanza conservatore se si guardano alle proiezioni di budget del Congressional Office (CBO). Il prossimo grafico arriva da un lavoro fatto da Veronique de Rugy. Essa ci mostra che le proiezioni del CBO ci dicono nel 2013 la crescita rallenter arrivando al 1,4% ma poi passer al 4,2% TRIPLICANDO nei prossimi tre anni! Per gli anni 2015-2017 si prevede che la crescita degli Stati Uniti sar del 4% medio all'anno. Ma quella che si sta prevedendo la crescita reale non quella nominale.

Ho letto l'ultimo rapporto del CBO e se volete leggerlo anche voi potete cliccare qui. Potete trovare questi dati partendo da pagina 40 in poi. Il prossimo grafico quello di pagina 41 delle 77 pagine di cui composto il rapporto, che contiene delle ampie spiegazioni su come arrivano alle loro varie previsioni di spesa e di ricavo. Vorrei sottolineare che sono coerenti, nel senso che loro non proiettano dei bassi tassi di interesse nel corso del loro boom economico che prevedono per i prossimi anni. Invece l'amministrazione Obama prevede nelle proprie previsioni di bilancio che i tassi di interesse saranno nel 2016 solo al 1,2%, supportando una crescita del 3,6% (e un inflazione pari a solo il 2,2%). Quindi questa sarebbe una FED molto accomodante.

Comunque e in entrambi i casi si prevede che i costi per gli interessi possano crescere in modo drammatico durante il prossimo decennio, pi del doppio in termini reali. In termini nominali, si prevede che i costi per i tassi d'interesse aumenteranno di quasi quattro volte, da una spesa corrente pari a $224 miliardi di dollari agli $857 miliardi previsti! Ci significa che si prevede che i costi per i tassi d'interesse potrebbero crescere di circa il 16% entro la fine di questo decennio. L'aumento del debito (in termini di dollari) insieme ad un prevedibile e sostanziale aumento dei tassi di interesse mentre l'economia tende a rafforzarsi, si prevede che generi un netto aumento di quanto deve esser pagato per gli interessi sul debito. Le proiezioni del CBO, in relazione all'attuale normativa, prevedono che la spesa annuale del governo per gli interessi raddoppier in termini di percentuale sul PIL dal 1,5 per cento nel 2014 al 3,3 per cento nel 2023, una percentuale che stata superata una sola volta negli ultimi 50 anni. (CBO) Vorrei sottolineare che sia le ipotesi del CBO che dell'amministrazione Obama sono molto pi ottimistiche di quelle degli economisti della Federal Reserve (rispetto alle proiezioni). E il track record della Fed ci dice che in media hanno previsto una crescita del PIL del 2,1% superiore a quello che poi realmente avvenuto, e questo appena un anno f. Questa settimana Philippa Dunne & Doug Henwood di The Liscio Report mi hanno fornito questo sorprendente dato che hanno cos commentato: Che cosa implica questa cosa per il futuro? Dal momento che i tempi di ritiro del QE dipendono in larga misura da questi principali indicatori economici, si dovrebbe quindi ipotizzare che le previsioni della Fed per quanto riguarda l'evoluzione futura siano poco attendibili. Date le difficolt che hanno dimostrato di fare delle previsioni ad un anno e anche meno, le future

previsioni a due o pi anni sembrano particolarmente discutibili. (Per comprovare che le previsioni della CBO sono poco attendibili siamo tornati indietro a vedere quelle del 2007, dove la previsione di quello che sarebbe avvenuto nei due anni successivi stata sostanzialmente una perdita di tempo.) Poich la maggior parte delle previsioni tendono ad essere delle estrapolazioni del presente e del recente passato, i tempi per il ritiro del QE probabile che siano pi dipendenti dalla reale traiettoria dei principali indicatori economici rispetto a come loro invece si immaginano il futuro. Anche se almeno un economista del CBO ha pensato che fosse una perdita di tempo fare anche solo delle previsioni a due anni, loro hanno comunque deciso di fare delle proiezioni a dieci anni. Quanto sono ottimisti? Bene andiamo ad analizzare il database FRED della Fed di St. Louis (uno strumento meraviglioso e una delle pi importanti fonti di dati disponibili gratuitamente). Questa la variazione percentuale del PIL anno su anno a partire dal 1940. Si noti che dobbiamo tornare al 1960 per trovare un periodo in cui il PIL cresciuto del 4% per tre anni consecutivi. In realt dobbiamo tornare al 1969 per trovare anche solo un anno in cui c' stata una crescita del 4%!

Gli oggetti guardati dallo specchietto retrovisore sono pi grandi ... Avere delle ottimistiche proiezioni del PIL significa che qualsiasi proiezione di fatturato si ipotizzi questa alla fine sar troppo ottimista. Data l'incapacit da parte del governo federale di effettuare un forte controllo sulle spese e dato il suo track record di previsione dei costi molto probabile che le spese siano sottovalutate, rendendo a quel punto gli effettivi disavanzi molto pi grandi di quanto ci si aspetti. Un esempio: abbiamo gi visto che i costi dell'Obamacare sono aumentati di oltre il 40% rispetto alle proiezioni di appena due anni fa. Una recessione immaginaria Tornate indietro e guardate il grafico che abbiamo appena riportato qui sopra. Notate le aree ombreggiate in grigio. Quelle sono le recessioni. Ora notate che non c' mai stato un decennio senza una recessione e che la maggior parte di questi ne hanno due. Obama, il Senato e la Camera sono convinti di aver vinto il virus della recessione e di essere in grado di non prendere nel prossimo futuro questa malattia economica. Volete fare una scommessa sugli Stati Uniti, ossia che in qualche modo non supereranno il resto di questo decennio senza una recessione?

Ma questa esattamente la scommessa che il Congresso e Obama stanno facendo con le vostre tasse. I loro bilanci presentano per i prossimi dieci anni un aumento delle spese. E se dovessimo incappare in una recessione dovranno prevedere dei deficit ancora pi grandi. La loro argomentazione sar quella che non potremo ridurre il deficit di bilancio nel corso di una recessione perch tutto ci peggiorerebbe le cose! L'austerit non funziona, lo sappiamo tutti. Che cosa succederebbe se incappassimo in una recessione? Naturalmente i ricavi scenderebbero. La disoccupazione aumenterebbe cos come i costi associati ed anche i sostegni per la disoccupazione. Guardate il grafico qui sotto. Sono le previsioni del CBO che prevede che il PIL riprender la sua normale trendline, invece di limitarsi a crescere ad un livello inferiore; ed da questo che ottengono i loro osceni e rosei aumenti del 4%.

Che cosa accadrebbe se invece arrivasse una recessione? Non solo non torneremmo a quella tendenza ma saremmo alla deriva, molto lontano da essa! Prendiamo poi in considerazione le proiezioni del CBO che prevede una crescita del PIL pari al 5% per tre anni consecutivi al fine di farci tornare alla tendenza originale? Non sarebbe molto pi assurdo di quello che stanno gi facendo ora. La realt che nessun politico o le agenzie governative in grado di prevedere una recessione. Nessuno di noi sa quando ci sar la prossima recessione. Teoricamente, potremmo andare avanti per altri 10 anni senza vederne una. E' anche possibile che il governo riveli che ci sono davvero gli alieni nell'Area 51. Lascio a voi decidere quale sia la cosa pi probabile. Pur riconoscendo che la previsione di una recessione impossibile e politicamente non vantaggiosa, sarebbe bello se coloro che fanno le previsioni e i politici dovessero ammettere la possibilit di far registrare dei ricavi inferiori alle stime e contemplare ci che potrebbe accadere se la recessione venisse a bussare alla nostra porta. Mentre gli Stati Uniti si avvicinano ad un livello del debito veramente debilitante, a questo punto vorrei chiedere a loro: "Volete dirci quale il vostro piano se dovessimo sperimentare una recessione piuttosto che un'espansione?" Posso sentire la risposta: "Non vogliamo speculare rispetto a delle possibili recessioni. Questo inutile. "Ma la mia controreplica sarebbe:" Voi siete comunque disposti a speculare sul fatto che non avremo una recessione e che cresceremo ad un tasso che non si vede da oltre 40 anni,

nemmeno durante gli anni del boom di Reagan e Clinton. Come mai speculate su questo? "(Dov' Nixon quando abbiamo bisogno di lui? O stata merito della crescita durante il regno ereditato da Kennedy e Johnson? O era solo la produttivit americana che cresciuta?) La pace ai giorni nostri? Si prevede che il bilancio della difesa subir una contrazione di circa il 13% tra il 2011 e il 2014 facendo scendere ogni anno il suo peso percentuale sul PIL. La liberale Brookings Institution sostiene che il bilancio di Obama non realistico in quanto taglia troppe spese. Le proiezioni di spesa del presidente sono ancora meno realistiche. Tra il 2013 e il 2023 le spese per la difesa dovrebbero diminuire del 40 per cento in percentuale sul PIL, cio dal 4,0 per cento al 2,4 per cento, mentre i programmi non inerenti alla difesa dovrebbero diminuire di un terzo, dal 3,7 per cento al 2,5 per cento. Questo a malapena immaginabile, ma altamente improbabile. Nel corso dell'ultimo mezzo secolo le spese per la difesa non sono mai state al di sotto del 3 per cento del PIL, nemmeno negli anni subito dopo la caduta dell'Unione Sovietica e dopo 11 settembre 2001. La spesa non inerente alla difesa non mai scesa al di sotto del 3,2 per cento, un livello raggiunto solo verso la fine dell'amministrazione Clinton. (Durante l'era di Reagan non mai stata al di sotto del 3,5 per cento.) E' difficile credere che le proposte di Obama ci permetterebbero di soddisfare sia le nostre esigenze di sicurezza di base sia di conseguire il livello degli investimenti pubblici che contribuirebbero a sostenere la crescita economica. In breve anche con sostanziali incrementi dei ricavi, la pressione che arriver dai programmi assistenziali e dal debito sta portando il nostro paese a dovre affrontare un cambiamento nell'immediato futuro. Ci che vogliamo o che stiamo sostenendo comporta delle sfide che saremo disposti ad accettare? Prima di impantanarsi in tecnicismi questo l'argomento che dovremmo affrontare. (Brookings Institution) La spesa pubblica per singola famiglia supera il reddito medio delle famiglie Nel 2010, secondo i numeri pubblicati dal Census Bureau e dal Office of Management and Budget (OMB), la spesa netta da parte del governo negli Stati Uniti stata pari a $5.942.988.401.000. Pari a $50.074 per ciascuna delle 118.682.000 famiglie del paese. In quello stesso anno, secondo il Census Bureau, il reddito familiare medio stato pari a $49.445. Ci significa che la spesa totale netta delle Amministrazioni pubbliche per famiglia ($50,074) ha superato il reddito medio delle famiglie ($49.445) di $629 ... Nel 2000 il rapporto tra spesa pubblica e reddito familiare era profondamente diverso. I dati del Census Bureau e del OMB hanno evidenziato che la spesa era pari a $3.239.913.876.000. Che equivaleva a $29.941 per ognuna delle 108.209.000 famiglie. Nel 2000 il reddito familiare medio stato pari a $41.990 ... (Un interessante e-book dal titolo Completely Predictable) Che cosa volete che vi dica? La barzelletta pi vecchia sugli economisti questa: un uomo d'affari intervista un matematico, un contabile e un economista. E gli chiede: "Che cosa fa 2 + 2?" Il matematico risponde: "Esattamente 4." Il ragioniere risponde "A seconda di quale sia il vostro interesse, gli ammortamenti e le tasse il dato potrebbe essere circa 2." L'economista si avvicina alla porta, la chiude e la blocca, chiude le tende e si avvicina a loro e gli chiede a bassa voce, "Che cosa volete che vi dica?" Le previsioni di bilancio sono un po' come questa barzelletta. Un politico vuole mettere in atto una certa politica di riduzione. Vuole fare delle ipotesi che siano a suo vantaggio. Cos chiama un economista che risponde cortesemente, "Hai bisogno di una crescita del 4% per raggiungere questo obiettivo? Nessun problema. Ecco i dati e i calcoli necessari per avvalorare la tua ipotesi." Il CBO dovrebbe essere politicamente neutrale. E lo : tali proiezioni del 4% sono a favore di entrambe le parti. Se si prevedesse una crescita del 2% del PIL reale per i prossimi otto anni, l'agenzia verrebbe sciolta. E con le proiezioni di Jeremy Grantham o (del professore della

Northwestern University) Robert Gordon pari a 1% o con quelle di Bill Gross che sono pari al 1,5% le proiezione del CBO salterebbe completamente in aria. Gli economisti del governo vorrebbero un mondo perfetto: senza recessioni, in pace, senza la necessit di preoccuparsi dei fastidiosi piccoli problemi della difesa, una disoccupazione in calo, poter aumentare le entrate fiscali con la spesa pubblica gi da un bel pezzo fuori controllo, con i tassi di interesse sotto controllo, un deficit che continua a ridursi e cos via. Non facile essere un economista. Ti piacerebbe passare la vita fingendo di poter predire il futuro e di sapere ancora cosa M1? E' assolutamente necessario che noi facciamo delle previsioni con un approccio responsabile alla spesa pubblica, ma abbiamo bisogno di essere pi scettici e usare il buon senso nei nostri budget al fine di poter prevedere ogni tanto qua e l un giorno di pioggia. I Liberal-socialisti in Svezia permettono alle pensioni di crescere o diminuire in funzione del PIL. Hanno fatto questa difficile scelta nel bel mezzo di una crisi del credito. Forse anche noi dovremmo fare ora una scelta difficile. Aspettiamo di vedere che le nostre previsioni sono sbagliate prima di adottare l'ennesima "soluzione" temporanea per poi adottare un'altra previsione che si riveler anch'essa sbagliata. Mi congratulo con i recenti tentativi di DC al fine di arrivare a una soluzione sul deficit e sul budget, ma dove sono i leader che vogliono scendere in campo con delle previsioni? Las Vegas, Singapore, San Francisco e Carlsbad Mentre leggerete questa lettera sar a Las Vegas insieme al mio medico, Mike Roizen, ad un evento di raccolta fondi a favore del Cleveland Clinic. All'evento parteciperanno Sir Michael Caine e Quincy Jones che compiono 80 anni. Nati nello stesso anno, stesso mese, stessa ora, e a pochi minuti l'uno dall'altro. Michael Caine uno dei miei attori preferiti. Torner Lunedi per preparare la valigia per il mio viaggio a Singapore. Mi stato detto che alla conferenza, sponsorizzata da Saxo Capital Markets e The Business Times, si raggiunto il tutto esaurito. Star con vecchi amici come Grant Williams e il suo compagno Steve Diggle e Simon Hunt, che una fonte di conoscenza inesauribile per quanto riguarda la Cina.

Ripartir da Singapore Venerd sera e poi mi fermer a San Francisco per fare un intervento alla National Association of Surety Bond Producers, prima di tornare a casa.

La settimana successiva dal 1-3 maggio, andr a Carlsbad per la mia 10 Conferenza annuale sulle strategie d'investimento (abilmente gestita dai miei partner di Altegris Investment). E' tardi e ho bisogno di premere il pulsante di invio. Devo riposarmi prima di salire su quell'aereo. Buona settimana. Il vostro analista che ha voglia di muoversi,

John Mauldin subscribers@mauldineconomics.com 2013 John Mauldin. All rights reserved. 2013 versione italiana a cura di Horo Capital. Tutti i diritti riservati. Horo Capital - Independent Financial Advisory Firm - Via Silvio Pellico 12 - 20121 Milano www.horocapital.it John Mauldin - www.mauldineconomics.com - un esperto finanziario, autore di best-seller, tra cui l'ultimo Endgame. Ogni settimana, oltre 1 milione di lettori scelgono Mauldin per la sua visione su Wall Street, il mercato globale e la storia economica. La newsletter Thoughts from the Frontline fornisce agli investitori in modo gratuito, informazioni imparziali e di orientamento. La traduzione italiana curata da Horo Capital e disponibile su www.scenarifinanziari.it