Sei sulla pagina 1di 132

Poste Italiane S.p.a.

- Spedizione in Abbonamento Postale - 70% - DCB Cagliari

THE ENGINEERS OF
TIME

XTREMESTUFF MAGAZINE
Dashboard PTC: cronografo automatico ad alta tecnologia.
Cassa in titanio, cinturino in caucciù.

NOVEMBRE / DICEMBRE

Numero 04
ANNO 2005 - €4,50

il magazine dedicato al non convenzionale


Anno I
Giorgio Zatton

numero 04
i

Novembre / Dicembre 20 05
Il secondo
Per informazioni: Corvo&C.spa - Tel. 02 85979860 - info@corvospa.it

Skater al
mondo
a chiudere
il “900”

Zurigo.ch
La fiera del fre
estyle
Mustagh At
su e giu’ i a Red Bull
meno di 11 n Conquering
Il nuovo reco
h Fortezza
rd di velocità
dello sci aplpin La roccaf
ismo estrem orte espugnat
o a
su due ruote

NOVEMBRE / DICEMBRE ANNO 2005


PORSCHE DESIGN
TIMEPIECES
P’6000

€4,50 N.04
www.porsche-design.com Bangkok Berlin Beverly Hills Costa Mesa Dubai Hong Kong Munich

copertina_N04.indd 1 26/10/2005 15.29.15


R 1 QUAD
SPAZ IO PE

SPAZIO PER 4 AMICI

NEW NISSAN NAVARA


Fuggi dalla noia. Scopri il nuovo Nissan Navara. Il primo SUV, formato pick up.
Motore 2.5 dCi da 174 Cv, con 403 Nm a 2000 giri, fino a 5 posti veri, ABS
di serie, da 2 a 6 Airbag. Disponibile nelle versioni King Cab e Double Cab.
ProntoNissan 800.105.800 - www.nissan-navara.it

copertina_N04.indd 2 26/10/2005 15.29.35


SPAZ IO PER 174 CAVALLI

A Z IO, È LA NOIA.
AI SP
I N O N C I SARÀ M
CU
OSA PER
L’UNICA C

fun

impaginato_N04_pubb.indd 1 26/10/2005 17.04.23


impaginato_N04_pubb.indd 2 26/10/2005 17.04.47
Xtreme stuff

NOVEMBRE / DICEMBRE
Sommario
Numero 04
ANNO 2005

DSURF
20
Xtreme stuff


Un po’ di storia

F
MJ4UBUJ6OJUJBMMBGJOF
*MXJOETVSGOBTDFOFH

10
BSSJWB VOB
NB JM TVDDFTTP

SUR
Xtreme stuff EFHMJ BOOJ   MB TVB
EPQP F  EB BMMPSB 
EFDJOB EJ BOOJ

MF'POUBOB
 GJOP B
TFNQSF BVNFOUBUB
QPQPMBSJUË Ò
JNQJDBOFM
EJWFOUBSFEJTDJQMJOBPM

FJTFSF.JDIF
XJOETVSG
JM NPOEP  JM

IN
1SBUJDBUP JO UVUUP TV
JM NBSF JO QJFEJ 
DPOTFOUF EJ TPMDBSF TJ
TVSG B WFMB  TQPTUBOEP
VOB UBWPMB EB

ND
'PUPEJ#VEX
WFOUP-P
BMMBGPS[B EFM

lare
TVMMBDRVB HSB[JF 

Sognava di vo
PFDPOVOBHSBOEF
TDBGPMFHHFSP QJDDPM

WIW
NFUUFBMMXJOETVSGEJ
TVQFSGJDJF WFMJDB QFS

WINDSURF
NPMUPBMUFFEFWPMV
SBHHJVOHFSFWFMPDJUË 1FS RVFTUP
F JODSFEJCJMJ

come Peter Pan


[JPOJ BDSPCBUJDI F RVBTJ UVUUP

F WINDSURF
J HSBOEJ MBHIJ
NPUJWP  UVUUJ
OPTJTPOPGPSOJUJEJ
JMMJUPSBMFNBSJOPJUBMJB 
U4VM-BHP.BHHJPSF
DMVCQFSRVFTUPTQPS MBHIJ EFMMB
EJ (BSEB  TVJ
DPNF TVM MBHP
&OHBEJOB  Ò QPTTJCJMF
'SBODJB P EFMMBMUB MF MPSP
inengo, EJ XJOETVSG DPO
Stefania Mart o di
WFEFSF DFOUJOBJB JODSPDJBOP F
WFMF DIF TJ
DPMPSBUJTTJNF
sa del mond
4FO[B
 TVMMBDRVB
DPNQJPOP FWPMV[JPOJ
campiones femminile, EJNFOUJDBSFDIFUPVS
PQFSBUPSTFBHFO[JF

Ë
Freestyle uff Magazine EJ WJBHHJ PGGSPOP
NPMUJTTJNF PQQPSUVOJU
a Xtremest
EBHMJ
JOUPSOP BM NPOEP
si racconta QFS iTVSGBSFw
4UBUJ6OJUJ BJ$BSBJCJ
EBM.BSPDDPBM4VE
JM
BM$BOBEB FUVUUP
"GSJDB EBMM"VTUSBMJB
OFP
CBDJOPEFM.FEJUFSSB

WIN INDSURF
Attrezzatu ra
UBWPMB  WFMB 
DPNQPOF EJ
*M XJOETVSG TJ
BMCFSPFCPNB JO WBSJ
FTTFSF DPTUSVJUB
-B UBWPMB QVÛ GJCSB EJ
WFUSPSFTJOB F
NBUFSJBMJ MFHOP  EBJ
MF NJTVSF WBSJBOP
DBSCPOJP  NFOUSF GJTTBUP BMMB
DB -BMCFSP Ò
 N BJ N PDIFQVÛ
EPTOPEBU
UBWPMBDPOVOSBDDPS

R
DBSCPOJP *M
EJ WFUSP P JO

WINDSURF
FTTFSF JO GJCSB TDIJBDDJB
EJ VO PWBMF
CPNB IB MB GPSNB 

U
SPFEÒMPTUSVNFOUP
UP ÒGJTTBUPBMMBMCF F DPNQJFSF
JM XJOETVSG
CBTF QFS QJMPUBSF 

WINDSURF DS
QJOOBTFSWF JOWFDF
UVUUFMFNBOPWSF-B
BMMBUBWPMB NFOUSF
QFSEBSFEJSF[JPOBMJUË 

RF
PNQBSTB  QVÛFTTFSF
MBEFSJWB  DIFÒBTD SBQQSFTFOUB
UJSBOEPMB TV 
DJPÒ FMJNJOBUB

W
FTJTUFO[BBMMBWBO[B
VOBWFSBFQSPQSJBiS

DSU
J QSJODJQJBOU J
CJMF QFS
NFOUPw  JOEJTQFOTB EFCPMJ  QFS

mani
BEBUUF B WFOUJ
P DPNVORVF

Il Vento tra le
OBDFSUBE JSF[JPOB
SJVTDJSFBNBOUFOFSFV

WINDSURF

BOEPTJWVPMFBOEBSF
MJUË TPQSBUUVUUPRV

WIN
PDDJBSF
EJCPMJOBTFO[BTDBSS

e la Vela
tra il Surf
...il connubio incontrano
Il Windsurf tecniche si 21 9.

dove le due
JDFNCSF

t unico
/PWFNCSF%

ad uno spor
dando vita

52
20
JDFNCSF

37
/PWFNCSF%
9.

/PWFNCSF %JDFNCSF
11 9.
TFS

,
GPUP0MBW;JQ

Il 900° in Italia
Xtreme stuff

Giorgio Zattoni
10
JDFNCSF
/PWFNCSF%

30
9.
Xtreme stuff

'PUPEJ'SBODFTDB6SCBOP
,
Tony Hawk
mondo, dopo i
skater al di 900 grad
Il secondo una rotazione
a chiudere
/FHSP
'PUPEJ.BSJP

Gran Premio KPWT


d’Europa Kiteboard

SEP.POUJ
ur
“Città di Algher
o” Pro World To

'PUPEJ3JDDB
World Cup 52 /PWFNCSF %JDFNCSF

sorprese Kiteboard
9.

con tante Como Lake


Si e' conclusa 37 9.
JDFNCSF
a del bike /PWFNCSF%

l’ultima tapp o del Mondo di Aqua


Campionat
/PWFNCSF%
JDFNCSF 31 9.

30
JDFNCSF
/PWFNCSF%
9.

35 Aquabike
42 Transahara, l’incontro tra un dopo l’uragano
10 Sognava di volare playboy e un campione di Kite Katrina
Il veicolo più agile
come Peter Pan Il Principe Sergio Ferrero di Muresanu e l’eclettico ed utile per il pronto
Stefania Martinengo, campionessa del mondo di campione del mondo di Kitesurf Christopher Tasti intervento in situa-
Freestyle femminile, si racconta a Xtremestuff. hanno attraversato il deserto in mountainboard. zioni di salvataggio
estreme come il
20 Il vento tra le mani 46 Rollerblades, i pattini acrobatici recupero delle vitti-
me di un uragano
Il Windsurf… connubio tra Surf e Vela dove le Sempre più facile vedere le nostre strade trasfor-
due tecniche si incontrano dando vita a uno sport mate in enormi piste di pattinaggio. Oltre ad esse- 41 Lombardia
unico. re estremamente divertente, fa bene al fisico.
un grande lago

24 Kevin Pritchard 52 Il 900° in Italia, Giorgio Zattoni


Il Lago di Como,
con un’area di 146
A tu per tu col sei volte Campione del Mondo di Il secondo skater al mondo, dopo Tony Hawk, a kmq, è il terzo lago
Windsurf. Il primo e l’unico capace di interrompere il chiudere una rotazione di 900 gradi. italiano per esten-
predominio di un altro grande, Bjorn Dunkerbeck. sione dopo quello di

58 Angoli di America
Garda e il Verbano.

30 Campionato del Mondo di Un fenomeno in crescita, l’ungherese Laslo “Ubi” 55 Storia dello
Aquabike e Gp d’Europa Szilvasi. Giovanissimo atleta dell’Est che, per skateboarding
seguire la sua passione, gira il mondo. Dagli anni '60 ad
“Città di Alghero” oggi un riassun-

64 Freebord, snowboard d’asfalto


Alberto Monti è il nuovo Campione del Mondo di to dell'evoluzione
Aquabike, nella categoria Ski Division, battendo il di uno sport che
francese Kevin Laigle campione uscente. Il nuovo e rivoluzionario sport che permette di diventa stile di vita,
partendo dalla Cali-
sciare anche senza neve. Spettacolare!
37 KPWT
fornia per fare il
giro del mondo.

Kiteboard Pro World Tour 70 Freestyle.ch 2005


Approda in Italia per la prima volta, con una tappa sul La più grande manifestazione di sport freestyle d’Eu-
Lago di Como, il circuito KPWT che porta in giro per il ropa, che ha visto protagonisti riders, snowboarders,
mondo i kiters più apprezzati a livello internazionale. skaters e bikers di livello internazionale.

Novembre - Dicembre 3 X3M04

impaginato_N04_pubb.indd 3 26/10/2005 17.05.06


NOVEMBRE / DICEMBRE

Sommario
Numero 04
ANNO 2005

90
Xtreme stuff

Aspettando
Torino 2006

76
Xtreme stuff

FTTF ¥
'PUPEJ-B1S
dei
dall’inizio
A tre mesi ,
pici Invernali ento
Giochi Olim gia' in ferm
l’Italia e'

Su e giù per il
Mustagh Ata
in meno di 11h cita'
rd di velo
Il nuovo reco alpinismo estremo
dello sci

/PWFNCSF%
JDFNCSF 89 9.

114
Xtreme stuff

88
JDFNCSF
/PWFNCSF%
9.

108
/PWFNCSF%
JDFNCSF 75 9.
GJU ¥
'PUPEJ%ZOB

74
JDFNCSF
/PWFNCSF%
9.

102
Xtreme stuff

Red Bull
100 miglia rtezza
l Conquering Fo
sul deserto de
e
su due ruot
e espugnata
La roccafort

Namib
stremo
limite dell’e
Una gara al piu' bello
sul deserto mondo
e antico del

Un weekend
rada
con igiganti della st no Adriatico
nale di Misa a,
internazio del Camionist
L’Autodromo il Week-end
ha ospitato Truck Race
italiana del
l'edizione
GJMFT
UBOB3FE#VMM1IPUP

FMF'POUBOB

/PWFNCSF%
JDFNCSF 113 9.
'PUPEJ.JDI
'PUPEJ.JDIFMF'PO

112
JDFNCSF
/PWFNCSF%
9.

106
JDFNCSF
/PWFNCSF%
9.

101 9.
NJB$MVC

JDFNCSF
/PWFNCSF%
'PUPEJ5FSSB

100
JDFNCSF
/PWFNCSF%
9.

99 Corsica, un
114 Un week end con i giganti monte sul mare
76 Su e giù per il Mustagh Ata in della strada
La quarta isola del
Mediterraneo non
meno di 11h L’Autodromo internazionale di Misano Adriatico presenta lunghi
Due giovani atleti tedeschi sono saliti in vetta al ha ospitato il Week-end del Camionista, l’edizione fiumi, ma torrenti
Mustagh Ata (7.500m) e rientrati al campo base italiana del Truck Race. ampi, impetuosi e
in appena 10 ore e 41 minuti. ricchi d’acqua d’in-

120 Sportività, versatilità e


verno.

90 Aspettando Torino 2006 lusso…La nuova Audi Q7 113 Ma quanto


A tre mesi dall’inizio dei Giochi Olimpici Invernali, Un auto che unisce in modo superbo sportività e fa bene, all’or-
l’Italia è già in fermento. versatilità, tecnologia all’avanguardia e lusso di un ganismo, anda-

96 Avventura al Corsica Raid


veicolo di classe superiore. re in bici?
Miglior efficienza

122 154 chili di potenza!


Da Bastia ad Ajaccio, atleti di tutte le Nazioni dell'apparato cardio-
si sono affrontati percorrendo 250 km di corsa, vascolare, elevato
mountain bike, canyoning e passaggi in corda. Vyrus 984 C3 2V, un telaio ad omega e un motore consumo di calorie
Ducati 1000DS per una realtà di impostazione e recupero delle

102 100 miglia artigianale che opera in Romagna. attività motorie.

sul deserto del Namib


124 La Salute della pelle
119 Il Truckfest
Una gara al limite dell’estremo sul deserto più di Peterborough
bello e antico del mondo. La vittoria, al tedesco Proteggere la nostra pelle dalle intemperie del Il più importante
Jorg Balle. tempo e dalle espressioni del viso: vi presentiamo festival europeo
alcuni prodotti per prevenire le rughe. dedicato agli autoar-

108 Red Bull


ticolati e ai giganti

126 Il Giro d’Italia a piedi


della strada.
Conquering Fortezza
La Franzenfeste di Bolzano, maestosa roccafor- Da Ventimiglia a Trieste, da confine a confine, a
te asburgica ottocentesca, ha ospitato il primo piedi: 300 km in 60 giorni. L'avventura estrema di
Contest di Downhill e Bike Trial. Christian Lorenzati.

X3M04 4 Novembre - Dicembre

impaginato_N04_pubb.indd 4 26/10/2005 17.06.27


impaginato_N04_pubb.indd 5 26/10/2005 17.09.15
NOVEMBRE / DICEMBRE
Numero 04
IN COVER
ANNO 2005

Giorgio Zattoni un'icona dello skateborard in Italia si racconta


per noi di Xtremestuff Magazine. Curiosità di uno skater con la
passione per il "Wellness", il mare... e le motocross
Foto di: Riccardo Monti

Anno I - Numero 4 - Bimestrale


Novembre - Dicembre 2005

Editoriale
www.xtremestuff.it

Direttore editoriale
e responsabile
Gian Luca Corona Siamo arrivati all’ultimo numero del 2005 e vi confesso che è
gianluca@xtremestuff.it stato un crescendo di emozioni.
Art Director Vedere tutto il materiale che ci inviate in redazione, tutte le
Alessandro Cirina e-mail che ci scrivete, segnalandoci i vari eventi che si svol-
alessandro@xtremestuff.it
gono in giro per l’Europa, consigliandoci i temi da trattare,
Responsabile di Redazione informandoci su tutte le vostre imprese e avventure personali,
Marianna Macis
marianna@xtremestuff.it insomma, sono e siamo veramente felici e lusingati del risultato
che abbiamo raggiunto grazie a voi.
Redazione
Patrizia Salaris Vi anticipo che il numero di gennaio 2006 sarà esplosivo, dedi-
Emanuele Concas cato a tutti gli sport invernali, la moda, la cura e la preparazio-
Paolo Gianfanti
ne del corpo, i viaggi e tanto altro.
Marketing Un numero sempre più non convenzionale e sempre più inte-
Massimo Pieranunzi
ressante, una particolare attenzione la dedicheremo a tutte
Hanno collaborato le atlete “xtreme”, detentrici di titoli nelle diverse discipline
Silvana Casetti, Roberto Locatelli, Christian
Lorenzati, Riccardo Monti, Damiano Ticconi, sportive. Continuate a mandarci i vostri materiali, le vostre
Francesca Urbano segnalazioni e le vostre critiche.
Fotografie Vi aspetto in edicola e on line su www.xtremestuff.it.
Archivio www. redbull.com
Archivio www.terramia.com
Silvana Casetti, Michele Fontana, Roberto Gian Luca Corona
Locatelli, Fabrizio Messineo, Riccardo Monti,
Mario Negro, Francesca Urbano, Olav Zipser

Ringraziamo
Liana Aschini (Connexia),
Manuela Caminada, Gian Giacomo Nieddu,
Michela Stancheris (Ldl Comunicazione)

Concessionaria Pubblicità
Il Sole 24 Ore System
Via Monte Rosa 91
20149 Milano
tel. 02302231

Distributore per l’Italia


Società Europea di Edizioni SpA
Via G. Negri, 4 - Milano OnLine
Stampa
Arti Grafiche Amilcare Pizzi
Xtremestuff.it
Milano Il Magazine dedicato a tutti
gli sport NON convenzionali
Editore ...e non solo
Publiteam s.r.l.
www.publiteam.com

Uffici e sede amministrativa


Via Cagliari, 124 - 09028 Sestu (Ca)
Tel. 070 261055 - Fax 070 230819
e-mail: info@publiteam.com www.xtremestuff.it
Sede Legale Ricco, accattivante e interattivo.
Via Togliatti 78
09028 Sestu (Ca) Accedi, registrati e diventa anche
tu parte attiva del sito...
Non si restituiscono testi e materiali illustrativi non espressa-
mente richiesti. Riproduzione, anche parziale, vietata senza
autorizzazione scritta dell’Editore. L’elaborazione dei testi,
anche se curata con scrupolosa attenzione, non può compor- Nelle sezioni dedicate a Voi lettori, potrete pubblicare le vostre espe-
tare specifiche responsabilità per eventuali involontari errori o
inesattezze. Ogni articolo firmato esprime esclusivamente il
rienze, interagire con il nostro Forum di discussione, lasciare i vostri
pensiero di chi lo firma e pertanto ne impegna la responsabili- messaggi nel Guestbook, scriverci le vostre NEWS che pubblicheremo
tà personale. Le opinioni e più in genere quanto espresso dai
singoli autori non comporta responsabilità alcuna per l’Edito- quotidianamente e tanto altro... Sarete Voi, con le vostre avventure, il
re. Xtremestuff Magazine è registrato presso il Tribunale di
Cagliari al n° 14/05 Codice ISSN 1825-8158 cuore del sito. Venite a trovarci su www.xtremestuff.it

X3M04 6 Novembre - Dicembre

impaginato_N04_pubb.indd 6 26/10/2005 17.09.19


Contributo invisibile. Successo evidente.

Contributo invisibile - Solo pochi esperti sono in grado di valutare a prima


vista le qualità delle corde d'alpinismo. Serve grande resistenza alla rottura
e all'abrasione per affrontare situazioni estreme con la massima sicurezza.
E BASF è presente e fornisce il proprio contributo invisibile alle performance
dei materiali per raggiungere i più elevati livelli di prestazione.

Successo evidente - Insieme ai nostri clienti sviluppiamo e miglioriamo


soluzioni in molti settori dell'industria. I risultati di queste partnership sono
evidenti: processi ottimizzati, qualità superiore e costi ridotti. Collaboriamo
al successo dei nostri clienti, migliorando la qualità della vita di tutti.

www.basf.com/more

PRODOTTI CHIMICI M AT E R I E P L A S T I C H E P R O D O T T I D I N O B I L I TA Z I O N E A G R O FA R M A C I E N U T R I Z I O N E PETROLIO E GAS

impaginato_N04_pubb.indd 7 26/10/2005 17.09.35


Le informazioni sono suscettibili di variazione. Eventuali modifiche sono di esclusiva responsabilità delle fonti organizzative dell'evento o manifestazione

News Abbiamo scelto per voi i prossimi


eventi del panorama sportivo

Boa Vista Ultramarathon


150 chilometri di corsa non-stop nell’affascinante Isola di Boa Vista nell’ar-
cipelago di Capo Verde, tra il deserto e l’oceano, nel tempo massimo di 60
ore. E’ la nuova sfida lanciata dal Friesian Team, che dallo scorso anno orga-
nizza la Boa Vista Ultramarathon, massacrante competizione internazionale,
giunta quest’anno alla quinta edizione. Dal 6 all’8 dicembre, l’Isola di Capo
Verde, paradiso incontaminato dell’Africa del Sud, sarà lo scenario di questa
gara originale quanto dura. Con una temperatura media di 27° e un’escur-
sione termica tra il giorno e la notte del 10%, gli atleti dovranno percorrere
150 chilometri a piedi in due giorni e mezzo. Unici strumenti consentiti, una
cartina e un road-book, col quale i partecipanti potranno scegliere le vie più
brevi o più adatte, un sacco a pelo e una scorta di cibo e acqua. Un’avventura
al limite dell’estremo con un montepremi interessante: 6000 euro. Info su Foto di Mariapaola Gabusi
www.friesianteam.com.

Marabana Marathon
Ancora oggi, dopo cinquecento anni dallo sbarco dei primi europei, Cuba
continua ad incantare i visitatori con i suoi colori e giochi di luci, con i ritmi
sensuali e coinvolgenti delle danze, con lo splendido patrimonio culturale
delle sue città. Ma Cuba non è solo sole, mare, cultura, musica e allegria, è
anche sport. Il 20 novembre si corre, infatti, la Marabana Marathon, gara
bellissima e divertente con partenza dal lungomare Malecon e un percorso
ondulato che attraversa quattro quartieri dell’Havana: Havana Vieja, Havana
Centro, Vedano e Miramar, toccando i principali monumenti della capitale
cubana, il cui centro storico è stato dichiarato, dall’Unesco, Patrimonio
Culturale dell’Umanità. La maratona prevede due giri sullo stesso percorso e
una temperatura media di 24°. Un’esperienza memorabile in una città estre-
mamente bella e affascinante, ospitale e allegra.

Oman Adventure
Dopo i grandi successi del Raid Gauloises, Elf Authentic Adventure e
Reunion D’Aventures, il Gerard Fusil Consultants ci riprova. E lo fa con
l’Oman Adventure. Dal 2 al 10 dicembre il Sultanato dell’Oman sarà, infatti,
il palcoscenico di una delle più importanti gare di Bike & Run, i due sport
outdoor più diffusi al mondo. Circondati dalla sontuosa natura dell’Oman, le
squadre composte da due atleti, uno dei quali su una mtb, dovranno gareg-
giare attraverso 5 lunghe tappe tra montagna, deserto e costa. I partecipanti
verranno divisi in tre categorie: uomini, donne e squadra mista.
Oltre a richiedere una grande forza fisica, la gara è basata su un’ottima strate-
gia tattica, senso pratico e, soprattutto, su uno spiccato spirito di squadra.

X3M04 8 Novembre - Dicembre

impaginato_N04_pubb.indd 8 26/10/2005 17.09.37


LA PIOGGIA
È COMPLETAMENTE
SEDOTTA DALLA PELLE,
MA LA PELLE
LA RIFIUTA
TOTALMENTE.

impaginato_N04_pubb.indd 9 26/10/2005 17.09.47


foto: Olav Zipser

X3M04 10 Novembre - Dicembre

impaginato_N04_pubb.indd 10 26/10/2005 17.09.48


Xtreme stuff

Sognava di volare
come Peter Pan
Stefania Martinengo,
campionessa del mondo di
Freestyle femminile,
si racconta a Xtremestuff Magazine

Novembre - Dicembre 11 X3M04

impaginato_N04_pubb.indd 11 26/10/2005 18.50.05


E’ una delle più acclamate campionesse di paracadutismo
acrobatico. Il cielo è per lei un luogo dove dar libero
sfogo a coreografie, giochi e gare, ma è anche una vera e aerobatica da soli o in gruppo, muoversi in tutte le dire-
propria filosofia di vita. zioni ed orientazioni, creare giochi con i compagni di
volo, persino ballare in aria….il Freefly ed il Freestyle sono
Descrivici questa fantastica disciplina sportiva. delle discipline infinite.
Il Freefly ed il Freestyle sono per me l’ arte del volo A chi la consiglieresti e quale consiglio daresti a chi
umano...Si impara a volare e a muoversi nell’aria a corpo si vuole avvicinare al Freefly?
libero, cioè senza il supporto di un’ala rigida. Da piccoli Non occorrono requisiti particolari per poter praticare il
impariamo a camminare sull’elemento Terra, poi impa- Freefly. Lo consiglierei a tutti!! Il Freefly è una disciplina
riamo a nuotare nell’elemento acqua ed infine a volare molto vasta, c’e n’è per tutti i gusti!
nell’elemento aria… Lanciandosi da 4500 metri, a secon- Credo che ciascuno potrà trovare una caratteristica del
da del tipo di volo e di velocità, si hanno a disposizione Freefly in cui identificarsi o sentirsi più a proprio agio.
da 1 a 2 minuti circa di volo a corpo libero prima di aprire Consigli? E’ importantissimo imparare il Freefly con i giusti
il paracadute. In quel lasso di tempo si può sfogare la passi e, soprattutto all’inizio, farsi seguire da un istruttore
fantasia per creare una coreografia acrobatica o meglio qualificato.

X3M04 12 Novembre - Dicembre

impaginato_N04_pubb.indd 12 26/10/2005 18.50.16


Per i veri cereali
sei sulla “strada buona”.

La bontà unica dei cereali integri, così grandi e gustosi


da mangiarli con gli occhi. Da oggi ancora più buoni,
con il 40% di fibre in più.
LA VERA NATURA DEI CEREALI.

impaginato_N04_pubb.indd 13 26/10/2005 18.50.28


tutt’uno con l’Energia della Terra!!! Spesso nella quotidianità
di tutti i giorni perdiamo l’obiettività e la giusta prospettiva
delle cose… quando mi capita, mi basta fare un lancio, così
anche da sola, esco dall’aereo senza fare nulla di preciso ma
Ho sentito che quando eri piccola tua madre ti leggeva
solo per il gusto di volare… sotto vela respiro a fondo e sento
sempre la favola di Peter Pan. Pensi che, anche inconscia-
una pace dentro.
mente, ti abbia in qualche modo influenzato?
Come riesce un freeflyer a volare spostandosi in avanti,
Oh, certo che sì!!! Un mio sogno ricorrente da piccolina era volare,
indietro, cambiando direzione e orientamento? In prati-
proprio come Peter Pan!! Ora in qualche modo volo per davvero,
ca, ad essere più forte della gravità?
è fantastico! Credo che senza volere tutti siamo toccati dalle
Beh, diciamo che in realtà si tratta di una vera e propria allean-
fiabe che leggiamo da piccoli. Le fiabe ci insegnano a sognare. E’
za con la forza di gravità e con il flusso d’aria. Grazie alla forza

mo
importante non perdere questa capacità perché i sogni sono desi-

tis
di gravità, che inevitabilmente ci attrae verso la Terra, quando

paracadu
deri e noi abbiamo tutte le possibilità di realizzarli, dobbiamo solo
saliamo con l’aereo alla quota di lancio, accumuliamo energia
crederci!!!! Spesso quando diventiamo ‘Grandi’ ci inaridiamo, non
potenziale che poi, uscendo dall’aereo, trasformiamo in ener-
crediamo più nelle favole e nei sogni e così perdiamo la capacità di
gia cinetica. Il corpo accelerato incontra la resistenza dell’aria,

tism
realizzare i nostri desideri.

adu
si formano attorno al corpo zone di alta e bassa pressione.

rac
Cosa provi quando voli a corpo libero?

pa
Manipolando l’aria e modificando volontariamente la nostra
E’ una sensazione indescrivibile! Quando volo, tutti i miei pensieri,

d
forma corporea ed il nostro assetto riusciamo a spostarci a

ca
preoccupazioni di vita quotidiana si dissipano immediatamente.

ra
diverse velocità sia verticali che orizzontali. Per spiegarvi in

pa
La sensazione dell’aria sulla pelle, le luci, i colori del sole e delle
modo più semplice, immaginate di essere in macchina e di
nuvole, il panorama, il sorriso inevitabile che ricevi da chi si lancia
mettere la mano fuori da finestrino, ora muovete la mano,
con te e che inevitabilmente restituisci, la libertà di movimento,
sentirete la mano spostarsi a seconda di come deflettete il
la pace che si prova a vela aperta…tutto questo ti fa sentire un
flusso d’aria, è lo stesso principio...

X3M04 14 Novembre - Dicembre

impaginato_N04_pubb.indd 14 26/10/2005 18.50.29


Xtreme stuff

Palmares
1995: prima donna al mondo a superare l’Atmosphere
Dolphin Test livello A con la spaceball e medaglia d’oro ai
primi campionati italiani di Freestyle (Protoni del Vivaro)
1996: Medaglia d’argento al Coppa del Mondo di Freestyle in
squadra con Olav Zipser (Efes, Turchia) 1998: prima donna al
mondo a superare l’ Atmosphere Dolphin test livello B e C
1999: Medaglia d’oro per il Freefly agli Space Games in squa-
dra con Olav Zipser e Rook Nelson (Chicago, Illinois)
2000: Medaglia d’oro ai Nazionali Italiani sia per il Freestyle
in squadra con Filippo Fabbi come video operatore che per
Fino al ’95 lavoravi all’Alitalia.
il Freefly con la squadra Freefly Circus con Filippo Fabbi e
E’ evidente che hai il volo nelle vene.
Mauro Tannino (Udine, Italia); Medaglia d’oro agli Space
Sì, sono sempre stata attirata dal volo e dai viaggi. Sin da picco-
lina, grazie al lavoro di mio padre, la mia famiglia ha viaggiato Games per il Freestyle in squadra con Olav Zipser e medaglia

tanto…ho sempre amato la parte del volo sull’aereo!! d’argento per il Freefly in squadra con Mike Swanson e Steve
Nel 92’ studiavo ancora Biologia all’Università di Milano, ma Utter (Pahokee, Florida); Partecipante alla prima formazione
stavo passando un periodo un po’ di crisi, non sapevo veramente a 10 head-down 3 punti.
cosa volevo dalla mia vita. Nei momenti in cui mi sentivo triste, 2001: Medaglia d’oro ai nazionali italiani sia per il Freestyle,
prendevo la macchina e andavo all’aeroporto di Linate. Vedere in squadra con Filippo Fabbi, che per il Freefly con la squadra
gente che partiva, che arrivava, aerei che staccavano dalla pista Freefly Circus con Filippo Fabbi e Gabriele Dassori (Verona);
in continuazione chissà per quale destinazione… mi aiutava a Medaglia d’oro al campionato del Mondo di Freestyle con la
ricaricarmi… Poi mi sono detta: sì questo è il messaggio, devo squadra Freestyle Circus con Filippo Fabbi (Spagna); Medaglia
fare una vita di aeroporto o di viaggi!!! Ho un cuore da nomade d’oro ai World Air Games per il Freestyle (Spagna); Medaglia
credo ed il mondo del Paracadutismo come quello degli Aero- d’oro agli Olympic World Games per il Freestyle con la squa-
porti è un mondo di nomadi….

mo
dra Freestyle Circus con Filippo Fabbi (Akita, Giappone)
E non solo tu in famiglia. Anche tua sorella Gaudenzia è 2003: Medaglia d’oro al Gran Galà di Freestyle (Ravenna)

o
una paracadutista acrobatica.

ism
2004: Medaglia d’oro ai nazionali italiani per il Freestyle in

adut
Sì, mia sorella ha fatto molto per il paracadutismo in Italia. Insie- squadra con Olav Zipser (Ravenna); Medaglia d’argento al
me a Marietto, un caro amico, sono stati tra i primi a praticare
campionato del Mondo per il Freestyle in squadra con Olav
la chute assis (volo seduti) e lo Skysurf in Italia. Nel ‘94 Gau ha
Zipser (Boituva, Brasile)
vinto l’oro al primo campionato del Mondo di Skysurf Femminile
2005: Partecipante al Record Italiano di Freefly formazione a
ed ha ottenuto, in squadra con Olav come video-operatore, il
16 Freeflyers (Arezzo)
migliore piazzamento come donna agli Extreme Games. Non

Novembre - Dicembre 15 X3M04

impaginato_N04_pubb.indd 15 26/10/2005 18.50.34


saltavo ancora quando Gau mi ha invitato a fare un Tandem nell’89, Il tuo sogno è sempre stato quello di
tanto per provare….io volevo in realtà prendere il brevetto di Pilota costituire il primo Freefly Circus, un vero
aereo, ma dopo quel lancio non ebbi più dubbi e chiesi di iniziare subito e proprio circo dell’aria da presentare al
il corso!!! Per il brevetto di Pilota sono ancora in tempo più avanti!!! galà di Montecarlo. A che punto è questo
Cosa consiglieresti a chi volesse intraprendere una sfida con te? ambizioso progetto?
Non credo nella competizione per battere un avversario, ma solo nella Credo ancora molto in questa idea, magari in
competizione con se stessi. Un atleta deve cercare di dare il meglio di se, cooperazione con un altro Circo già esistente.
mostrare cosa ha creato durante gli allenamenti, esprimersi…il risultato è Vedo anche una classica Fiera, dove a terra vi
relativo. Se in competizione hai fatto esattamente quello che hai prepara- sono giocolieri, mimi, clowns, acrobati, skate-
to in allenamento e sei soddisfatto della tua prestazione, questo è quello boards, biciclette, giochi. Su un mega scher-
che conta. Durante una gara ci deve essere complicità tra i diversi atleti, mo vengono presentati invece i Freeflyers
non rivalità, per me è fondamentale per vivere l’esperienza in modo posi- che creano sketches, coreografie e scenette
tivo! Cadere nella trappola della comparazione con l’avversario spesso è comiche e con fumogeni attaccati ai piedi
fuorviante perché ci porta a concentrarci troppo sugli errori degli altri e creano disegni in aria tipo frecce tricolori...poi
a non vedere i nostri. ci sono anche aerei acrobatici etc..
Purtroppo non è facile trovare sponsor per far
partire un progetto simile. Chissà un giorno
magari incontrerò qualcuno che ci crederà
quanto ci credo io.

a
tisd
mu
o tismo
ism
d
a c
u
t
a
paracadu
p
paa
r ar
c

X3M04 16 Novembre - Dicembre

impaginato_N04_pubb.indd 16 26/10/2005 18.50.41


Xtreme stuff

Quali sono i tuoi impegni futuri? Parteciperai anche E ai prossimi campionati europei e mondiali presente-
tu agli Space Games e al Freefly Girls Meeting? rai delle novità, se si quali?
Quest’anno ho un calendario molto impegnativo: proprio Sto sperimentando delle figure e dei passaggi nuovi, ma li
ieri qui a Skydive Tortuga Arezzo abbiamo stabilito il nuovo presenterò solo se riuscirò a migliorarne la prestazione e a
Record Italiano di Freefly head-down con una formazione rendere più pulito e fluido il movimento…
a 16 Freeflyers. Bellissimo. A metà giugno ci spostiamo per Quali sono al momento i tuoi più temibili avversari?
il Record Europeo di Freefly adc Empuria Brava in Spagna Tra le Freestylers che sono in allenamento per le prossime
e subito dopo parteciperò al Record del Mondo di Freefly gare, mi piacciono molto lo stile e le coreografie della
Femminile a Chicago negli USA. A luglio iniziano le gare freestyler giapponese Yoko Okazaki. Ci sono anche molte
di Freestyle, quest’anno in squadra con Olav rappresen- nuove atlete che stanno crescendo, per esempio in Italia
tiamo l’Italia alla Coppa Europa in Russia, agli Olympic segnalerei Marianne Cotrin-Mooney, Donata Fialdini e
World Games in Germania ed alla Coppa del Mondo in Tiziana Rossetti.
Arizona!!! Il posto più bello dal quale ti sei lanciata.
I primi di agosto organizzo un incontro di Freeflyers I posti di mare sono i miei preferiti, adoro atterrare in
– donne, in preparazione al Record Europeo Femmini- spiaggia appena prima del tramonto quando il sole riflette
le dell’anno prossimo e subito dopo iniziano gli Space la luce nel mare! Per citarne uno, un mese fa mi sono
Games… Si non vedo l’ora, gli Space Games sono il mio lanciata in Australia a Coolum Beach vicino a Noosa, bellis-
appuntamento preferito! simo!!! Ho in programma di andare presto in Venezuela,
dove un amico ha aperto un centro di paracadutismo, mi
ha promesso che ci porterà a lanciare vicino alla foresta
amazzonica e anche su un’isola corallina, ho visto le foto in
volo e sono rimasta col fiato sospeso….
Una domanda indiscreta! In volo hai trovato anche
l’amore, o sbaglio?
Si, sono 10 anni che condivido la mia vita con Olav Zipser.
Ci siamo dapprima conosciuti durante una gara, poi l’anno
successivo ci siamo rincontrati negli USA dove mi ero recata
per degli allenamenti. Lì è nato l’amore.

Marianna Macis
paracadudutismo
paracadutismo
tismo

Novembre - Dicembre 17 X3M04

impaginato_N04_pubb.indd 17 26/10/2005 18.50.46


Chi e'...
Nome:
Stefania Samina Maria Martinengo
Nata:
Mandibahauddin (Rawalpindi),
Pakistan, il 12 settembre 1967
Specialità:
Freestyle e Freefly. E’ istruttrice della “1st
School of Modern Skyflying” del Centro
di Paracadutismo Skydive Sport Tortuga
di Arezzo, insieme a Olav Zipser e Manuel
Basso. E’ Giudice Internazionale FAI per le
discipline AE.
Hobbies:
Yoga, danza, sport d’acqua (scuba, snoe-
rkling, watersking, wakebaording), sport
di montagna, outdoor sports, dipingere
e leggere.
Salti: 7300

X3M04 18 Novembre - Dicembre

impaginato_N04_pubb.indd 18 26/10/2005 18.50.55


impaginato_N04_pubb.indd 19 26/10/2005 18.51.01
Foto di: Budweiser e Michele Fontana

Il Vento tra le mani


Il Windsurf ...il connubio tra il Surf e la Vela
dove le due tecniche si incontrano
dando vita ad uno sport unico

X3M04 20 Novembre - Dicembre

impaginato_N04_pubb.indd 20 26/10/2005 18.51.03


URFWINDSURF
Xtreme stuff

Un po’ di storia…

F
Il windsurf nasce negli Stati Uniti alla fine

R
degli anni ’50, ma il successo arriva una
decina di anni dopo e, da allora, la sua

U
popolarità è sempre aumentata fino a
diventare disciplina olimpica nel 1984.

S
Praticato in tutto il mondo, il windsurf
consente di solcare il mare in piedi, su

FD
una tavola da surf a vela, spostandosi
sull’acqua grazie alla forza del vento. Lo
scafo leggero, piccolo e con una grande

IN
superficie velica, permette all’windsurf di

WINDSUR
raggiungere velocità molto alte ed evolu-
zioni acrobatiche incredibili. Per questo
motivo, tutti i grandi laghi e quasi tutto

W
il litorale marino italiano si sono forniti di
club per questo sport. Sul Lago Maggiore
come sul lago di Garda, sui laghi della
Francia o dell’alta Engadina, è possibile
vedere centinaia di windsurf con le loro
coloratissime vele che si incrociano e
S compiono evoluzioni sull’acqua. Senza
dimenticare che tour operators e agenzie
di viaggi offrono moltissime opportunità
D
per “surfare” intorno al mondo: dagli
Stati Uniti ai Caraibi, dal Marocco al Sud
Africa, dall’Australia al Canada e tutto il
N
bacino del Mediterraneo.
W WINDSURF

Attrezzatura
W I

Il windsurf si compone di: tavola, vela,


albero e boma.
La tavola può essere costruita in vari
materiali: legno, vetroresina e fibra di
F

carbonio, mentre le misure variano dai


2,4m ai 4m ca. L’albero è fissato alla
R

tavola con un raccordo snodato che può


WINDSURF

essere in fibra di vetro o in carbonio. Il


U

boma ha la forma di un ovale schiaccia-


to, è fissato all’albero ed è lo strumento
S

base per pilotare il windsurf e compiere


tutte le manovre. La pinna serve, invece,
RF

per dare direzionalità alla tavola, mentre


la deriva, che è a scomparsa, può essere
cioè eliminata tirandola su, rappresenta
U

N
URF

una vera e propria “resistenza all’avanza-


S

mento”, indispensabile per i principianti


D

o comunque adatte a venti deboli, per


I
F

riuscire a mantenere una certa direziona-


WINDSUR

WIN

lità, soprattutto quando si vuole andare


WINDS

di bolina senza scarrocciare.

Novembre - Dicembre 21 X3M04

impaginato_N04_pubb.indd 21 26/10/2005 16.07.44


Orzare e Poggiare
Per dirigere la tavola nella direzione volu-
ta è necessario imparare ad orzare e
poggiare. Se orziamo, la tavola girerà
verso la direzione di provenienza del
vento, finchè non si posizionerà prua al
vento. Per orzare è necessario portare
l’albero verso poppa, in modo da sposta-
re il centro velico verso di essa. Il centro
velico non è altro che il punto, immagina-
rio, della vela in cui si concentra la forza
di spinta esercitata dal vento.
Se invece poggiamo, la tavola girerà in
modo da allontanarsi dalla direzione di
provenienza del vento ed andrà sempre
più “con il vento”, fino a raggiunge-
re l’andatura di poppa. Per poggiare è
necessario portare l’albero verso prua,
spostando il centro velico verso di essa. La
tavola ruota in una direzione o nell’altra
a seconda dello spostamento verso prua,
se poggio, o verso poppa, se orzo, del
centro velico. Ciò fa sì che la spinta della
vela si concentri maggiormente verso
l’una o l’altra estremità della tavola e che
facendo “perno” sulla deriva, la tavola
cambi direzione.

X3M04 22 Novembre - Dicembre

impaginato_N04_pubb.indd 22 26/10/2005 16.08.06


Xtreme stuff

F D WINDSURF
U R F
F
D S
N
UF R
SUIR
RWF S
WIND
U RN
UWR
U
I
WINDDSS
S
N
ISWINDSURF D
La teoria dei venti

I
Le specialita'

N
Una delle condizioni indispensabili per

W
imparare la pratica del Windsurf è avere
qualche nozione di base sulle andature Chi lo può praticare Freestyle:
della tavola rispetto al vento. si usa una tavola molto corta e quindi molto

I
Le andature fondamentali sono: Bolina Il windsurf è uno sport alla portata di maneggevole. Questa specialità permette F
(45° rispetto alla direzione di provenienza
del vento), Traverso (90° rispetto alla
direzione di provenienza del vento), Lasco
tutti. Prima di iniziare è comunque neces-
sario apprendere le nozioni base in una
buona scuola. Questo vi porterà ad avere
di compiere strabilianti evoluzioni dai nomi
esotici come vulcan, table top, spock.
Slalom:
W
R
(135° rispetto alla direzione di provenien- un minimo di perfezionamento tecnico e, è la specialità più praticata. Consiste
za del vento), Poppa (180° rispetto alla dopo questo periodo di pratica, saranno nell’andare avanti e indietro sullo spec-
U
direzione di provenienza del vento). solo la costanza, la preparazione atle- chio d’acqua, compiendo delle velocis-
L’andatura più veloce, generalmente, è tica e l’impegno a farvi raggiungere i sime manovre di virata e rifacendo il
FS

il Lasco, mentre quelle più lente sono risultati sperati. Rivolgetevi alle scuole di percorso in senso inverso. Si raggiungono
Poppa e Bolina. windsurf: in Italia, sono prevalentemente anche velocità di 70-80 km/h.
Sulle moderne tavole Funboard, quasi sezioni di circoli di vela, della federazione Bump Jump:
DR

mai si effettua l’andatura di poppa, sia della vela o della Lega Navale. richiede grandi doti tecniche e fisiche. Lo
perché è troppo lenta, sia perchè richiede Ad esse si può fare riferimento perchè si pratica quando il vento soffia ad almeno
U

un buon equilibrio, difficile da mantenere organizzano corsi specifici per chi vuole 40 km/h. Con il mare agitato e in queste
N
NDSURF

su tavole dotate di poco volume. Per avvicinarsi a questo sport. Informazioni condizioni, i surfisti possono compiere
iniziare la planata, è consigliabile prende- più dettagliate si possono avere dalla salti, raggiungere velocità molto alte ed
re velocità al Lasco e poi iniziare a “strin- Federvela e da tutte le sedi periferiche effettuare il giro della morte.
gere” il vento, portandosi al traverso e regionali, sparse su tutto il territorio
D
W

quindi di bolina. nazionale. Marianna Macis


N

Novembre - Dicembre 23 X3M04

impaginato_N04_pubb.indd 23 26/10/2005 16.08.14


Foto di: Courtesy of Maui Sails

W
WIIN
NDDS

Kevin Pritchard
A tu per tu col sei volte
Campione del Mondo di Windsurf

X3M04 24 Novembre - Dicembre

impaginato_N04_pubb.indd 24 26/10/2005 16.08.33


Xtreme stuff

WIND
WIN
W IN
SD
U R
D
WINDSURSFURF SW
SFU
S
W WU
R

W
R
F
I
I
I
F
N
NN
D
W
D
W
D

W
S
I
S
IN
I
U
N
ND
U
D
R
DSU
RF
S
F
U
UR
IN
RDFSURF
RFF

S
W

WI
WIIN
N

Se lo incontri per strada o in spiaggia


D
NW

e ti fermi a parlare con lui, è la perso-


D

na più tranquilla del mondo. Gentile e


WINDS
S

sempre disponibile, risponde con calma


W
DS
UR

e a bassa voce a tutto quello che gli


chiedi… lo conosco da anni e non credo
IIN

di averlo mai visto correre per la fretta…


S

ma quando esce in acqua con il suo


UURRF W
FN

windsurf si trasforma, vederlo in azione è


uno spettacolo, le emozioni che riesce a
D

trasmettere a chi lo segue dalla spiaggia


D

ti lasciano senza fiato ed è a quel punto


che ti rendi pienamente conto con chi
U
S

stavi tranquillamente parlando magari


FUWR
SU

solo pochi minuti prima... Kevin Pritchard


R

è uno dei campioni più completi e rappre-


sentativi del Windsurf mondiale: più volte
F

Campione del Mondo, Campione d’Eu-


I

ropa, d’America etc. In più discipline, è


R
IN

stato il primo e l’unico capace di inter-


N
F

rompere il predominio di un altro grande:


D
F

Bjorn Dunkerbeck… Il Windsurf conta


DSURF

solamente 3 Campioni del Mondo Overall


S

e uno di loro è Kevin Pritchard.


UR

Novembre - Dicembre 25 X3M04


F

impaginato_N04_pubb.indd 25 26/10/2005 16.08.45


W W I N D S
WW
IWN D ISNUW
D
WRI
S
IFN
U
N D
R
D S
F
SUU
URRFF
I N
IND DSURF RF
Bene Kevin, gli amici di Xtremestuff

SUR
Magazine vorrebbero conoscerti.
Dalla California, dove sei nato e
C’è una nuova disciplina, da un
paio d’anni, nel Windsurf, il Supe-

F
Puoi parlarci della grande passione
cresciuto, a Maui, paradiso delle rX, che ne pensi? ti piace?
per il tuo sport?… hai imparato
Hawaii, dove ora vivi… la tua fami- Adoro il SuperX. E’ una combinazione
prima a camminare o ad andare in
glia ti ha sempre sostenuto? di race e freestyle con alcuni ostacoli
Windsurf?

NS
INID
WW
Si certamente, la mia famiglia mi ha da saltare e non puoi assolutamente
Direi che ho cominciato prima a cammi-
sempre sostenuto e continua a soste- distrarti finché non tagli il traguardo.
nare ma ho sempre amato il Windsurf
nermi in ogni cosa io faccia o decida.
IN
Nello slalom, invece, una volta ottenu-
W
sin da quando avevo 8 anni. E’ sempre
Viviamo tutti a Maui ora, a 5 minuti ta la prima posizione, non penso ci sia
stato il mio sogno poter vivere di quello
di strada l’uno dall’altro, ed è una molto più da fare.
e ogni giorno continuo a vivere quel
cosa molto bella e che funziona anche Cosa ti spinge là fuori a sfidare i
sogno…
molto bene. tuoi limiti e il mare, magari con
Quando sei passato alla parte agoni-
Come si svolge una tua giornata onde di oltre 10-12 metri?
stica del tuo sport e hai cominciato a
tipo quando sei a casa? Segui una Amo le grandi onde. Il wave è in asso-
fare gare?
particolare tabella di allenamento? luto la cosa che preferisco. L’adrenalina
Ho cominciato a fare gare nel 1988 a
Solitamente una mia giornata tipo, che mi scorre nelle vene mentre sono
Hood River, in Oregon, e non mi sono
quando non sono in giro a fare gare, là fuori e quello che riesco a fare è
più fermato.
è piuttosto piena: mi alzo abbastanza veramente incredibile. E’ quasi come
Quanta importanza ha avuto avere
presto la mattina, controllo l’e-mail, una droga, tanto da esserne così assue-
un fratello, Matt Pritchard, anche lui
faccio colazione, torno al computer per fatto da voler affrontare onde sempre
Campione di Windsurf, che fa il tuo
rispondere alle mail, una controllatina più grandi… L’emozione che provo è
stesso sport?
al vento, una sistemata all’attrezzatura, sempre diversa e indescrivibile…
Matt è un fratello fantastico ed un
un paio d’ore in acqua ad allenarmi poi Ovviamente viaggi molto per gare,
grande aiuto per me. E’ più grande di
torno a casa per cena, ancora un po’ promozioni e foto shooting: come
me di 3 anni e mi ha sempre aiutato
di lavoro al computer e finalmente a riesci a conciliare il tuo lavoro con
lungo tutto il mio percorso, avere lui che
dormire… e il giorno seguente vengo la tua vita privata, le amicizie, gli
mi incoraggia e a volte mi sfida, è una
risucchiato dallo stesso vortice… amori, la tua famiglia?
grande cosa.

X3M04 26 Novembre - Dicembre

impaginato_N04_pubb.indd 26 26/10/2005 16.08.57


Xtreme stuff

WINDW
WIWW
NIND
I N S U RF
W D S UD
IND RF SURF
Planata S
U RF
La planata è un comportamento idrodinamico della
tavola, che, acquistata la velocità sufficiente, non navi-
ga più ma scivola quasi rimbalzando sulla superficie
SU

dell’acqua. Tutto dipende dalla “portanza”, una forza


perpendicolare alla tavola ed orientata verso l’alto. La
INDSU

portanza contrasta con la forza-peso dell’attrezzatura,


sommata a quella del surfista stesso. Maggiore è la
velocità della tavola, più intensa sarà la portanza;
RF RF

superata la soglia “critica”, la tavola inizierà a planare.


La velocità, a questo punto, aumenta ulteriormente,
vista la radicale diminuzione degli attriti.

WINDSURF
US
NSD FR
RU F
WNID
linea completa 2006, proprio in questi

WINDSU RF Vai in acqua e ti assicuro che una volta


messi i piedi nelle straps e le mani sul
giorni in tutto il mondo e quindi credo
sia veramente un buon inizio.
boma non tornerai più indietro. Adore- Ed ora Kevin, per concludere, espri-
Eh! si, è proprio quello che sto facen- rai le emozioni che ti dà il Windsurf. Il mi un desiderio…
do in quest'ultimo periodo: viaggiare mio consiglio è di andare in acqua il E’ facile: continuare a fare quello che
e lavorare veramente tanto… voglio più possibile, conoscere bene e avere amo così tanto per il resto della mia
vincere e voglio che i miei sponsor cura della tua attrezzatura… aver cura vita… Mi piace molto la mia vita e
siano molto felici alla fine della gior- del tuo corpo, della tua mente e il resto ritengo di essere molto fortunato a
nata, quindi tutto ciò mi impegna verrà da solo. poter fare quello che amo e spero
moltissimo. Ho comunque sempre l’ap- All’inizio del 2005, insieme ad altri possa continuare per sempre.
poggio della mia famiglia e la maggior due grossi nomi del windsurf, Barry
parte dei miei amici sono windsurfers Spanier e Phil McGain, hai dato vita Grazie Kevin per la tua disponibilità…
come me, quindi è abbastanza facile alla MauiSails … una sfida che state E’ sempre molto piacevole parlare con
mantenere i rapporti con tutti loro, vincendo? te… In bocca al lupo per tutto…
malgrado le lunghe trasferte e tutto ciò Proprio ora, mentre stiamo parlando, E voi, amici di Xtremestuff Magazine,
che il mio lavoro comporta. la Maui Sails sta veramente comincian- che ne dite, vi è venuta la voglia di
Cosa diresti a qualcuno che ti chie- do ad affermarsi. Sembra che le nostre provare ad andare in Windsurf?
de un consiglio per iniziare a fare vele piacciano a moltissime persone Ciao a tutti alla prossima
windsurf e magari successivamente e questo è decisamente fantastico.
a fare gare? Stiamo uscendo sul mercato, con la Silvana Casetti

Novembre - Dicembre 27 X3M04

impaginato_N04_pubb.indd 27 26/10/2005 16.09.09


Chi e'...
Nome:
Kevin Pritchard
Nato:
Il 30 gennaio 1976
in California, Stati Uniti
Sport:
Windsurf (Wave – Racing – SuperX)
Disciplina preferita:
Wave
Palmares:
Campione Del Mondo Overall 2000
Campione del Mondo Race 2000
Campione del Mondo Formula Windsur-
fing 2001 – 2002
Campione del Mondo Wave 2002
Campione del Mondo Slalom IFCA 2003
Curiosità:
E’ stato il primo King of the Lake al Lago
di Garda nel 1996.
Altri sport preferiti:
Motocross – Tow in Surfing

X3M04 28 Novembre - Dicembre

impaginato_N04_pubb.indd 28 26/10/2005 16.09.30


impaginato_N04_pubb.indd 29 26/10/2005 16.09.41
Foto di: Mario Negro

X3M04 30 Novembre - Dicembre

impaginato_N04_pubb.indd 30 26/10/2005 16.09.46


Xtreme stuff

Gran Premio
d’Europa
“Città di Alghero”
Si e' conclusa con tante sorprese
l’ultima tappa del
Campionato del Mondo di Aquabike

Novembre - Dicembre 31 X3M04

impaginato_N04_pubb.indd 31 26/10/2005 16.10.38


Kevin Laigle

Settantuno piloti suddivisi nelle diverse


categorie e un pubblico degno delle
grandi occasioni. Questi gli ingredienti scorso anno, infatti, nonostante avesse
della giornata conclusiva del Mondiale dominato quasi tutte le gare del Mondia-
di Aquabike, che si è svolto il 10 e l’11 le, Alberto si era dovuto accontentare
settembre ad Alghero, durante il Gp soltanto di un secondo posto a causa di strappandolo all’ungherese Lazlo Sumegi
d’Europa. guai al motore, regalando così la vittoria che guidava la classifica e che è finito
E dopo tre lunghi anni, Alberto Monti è proprio al francese. terzo. Vicecampione mondiale Runabout,
riuscito a riacchiappare lo scettro mondia- A completare l’ottima performance italia- l’italiano Christian Speciale.
le. Il pilota romagnolo è infatti il nuovo na, Gianfranco Olivieri che, con il quarto Nessuna sorpresa, invece, per il brasilia-
campione del mondo nella specialità della posto, ha conquistato la terza posizione no Alexander Lenzi che si è ancora una
Ski Division, dopo aver dominato una nel mondiale dietro Monti e Laigle. volta confermato campione mondiale di
finale al cardiopalma, superando il fran- Nella classe Runabout, invece, titolo Freestyle.
cese Kevin Laigle, con il quale divideva a mondiale per il lussemburghese Steve Contorno “di lusso” della gara mondiale,
pari punti la classifica mondiale. Una gara Stievenart che, partito in pole position, ha il Rally Jet Sardinia Cup.
spettacolare e combattuta fino all’ultimo ottenuto soltanto il secondo posto dietro Vinta dal grande Cesare Vismara, questa
minuto, anche perché l’italiano aveva l’ungherese Andras Vagott, ma tanto gara sperimentale ha tutta l’intenzio-
un conto in sospeso con Kevin Laigle: lo gli è bastato per conquistare il titolo, ne di diventare presto un’occasione per

X3M04 32 Novembre - Dicembre

impaginato_N04_pubb.indd 32 26/10/2005 16.10.49


Xtreme stuff

Alberto Monti

scoprire i vari porti turistici della Sardegna


e promuoverli in ambito internazionale
proprio attraverso l’aquabike: un vero e
proprio Rally internazionale di endurance
a tappe da Alghero fino a Cagliari. Un
Alexander Le
progetto ambizioso che sta già conqui- nzi

stando l’interesse di molte località turi-


stiche.
Dietro Vismara, per la cronaca, si sono
classificati Fabio Scandiani e Paolo Fior.

Marianna Macis

Novembre - Dicembre 33 X3M04

impaginato_N04_pubb.indd 33 26/10/2005 16.11.02


ar
J. Bravo Aguil

iale
Christian Spec

J.M.Doukhi

tt
Andras Vago

nzi
Alexander Le

X3M04 34 Novembre - Dicembre

impaginato_N04_pubb.indd 34 26/10/2005 16.11.16


Xtreme stuff

Aquabike dopo
l'uragano Katrina

Le moto d’acqua si sono rivelate il


Alberto Monti
mezzo migliore per salvare la vita alle
persone colpite dall’uragano Katrina,
che i primi di settembre ha devastato
il sud-est degli Stati Uniti e, in parti-
colar modo, New Orleans. Episodio
Classifiche significativo, quello che ha visto prota-
Uim-Spes Aquabike Classpro gonista il Capitano della Polizia di New
World Championship - G.P. Europe Alghero Orleans, Donald Curole, che, proprio
grazie ad un’aquabike, ha salvato una
SKI DIVISION
famiglia composta da sei persone, che
MONTI A. ITA da 10 ore si trovava sul tetto della
LAIGLE K. FRA propria casa invasa dall’acqua. Katrina,
OLIVERI G. ITA che ha causato più di mille vittime, si
GADDONI M. FRA è rivelato il terzo uragano più potente
che abbia mai colpito la costa degli Stati
MAZZA M. ITA
Uniti, con venti fino a 360 km/h e una
GIORDANO R. FRA
pressione di oltre 918 mbar. A causa
dell’uragano, l’intera costa fra Luisiana,
RUNABOUT CLASS Mississipi e Alabama, fino alla Florida,
STIEVENART S. LUX è stata flagellata con un innalzamento
SPECIALE C. ITA del livello del mare tra i 4,5 e i 9 metri.
E New Orleans, considerata a rischio
SUMEGI L. HUN
in quanto si trova per buona parte al
VAGOTT A. HUN di sotto del livello del mare, è stata
OSOKIN V. FRA proprio inondata a causa della rottura
DOUKHI J.M. FRA degli argini.

FREESTYLE
LENZI A. BRA
STAMPERS R. FRA
CARUSO R. ITA
STONE L. GBR
CHARLET H. FRA
MARIANI R. ITA

Novembre - Dicembre 35 X3M04

impaginato_N04_pubb.indd 35 26/10/2005 16.11.42


impaginato_N04_pubb.indd 36 26/10/2005 16.11.50
Xtreme stuff

Foto di: Francesca Urbano

KPWT
Kiteboard
Pro World Tour
Como Lake Kiteboard World Cup

Novembre - Dicembre 37 X3M04

impaginato_N04_pubb.indd 37 26/10/2005 16.12.02


Il Kiteboard Pro World Tour è approdato in Italia per la prima
volta con una tappa in Lombardia, sul Lago di Como. La Como
Lake Kiteboard World Cup è il secondo evento della stagione potute svolgere le heat delle classificazioni, gli iscritti sono stati
2005 del circuito KPWT, tour che porta in giro per il mondo quarantacinque, “tra cui quattordici italiani” nelle categoria
i kiters più apprezzati a livello internazionale per promuovere uomini più del previsto tabellone di trentadue raiders, le donne
questo sport. Gli eventi della stagione saranno sette e vedranno erano solo tre. Le classificazioni, iniziate già tardi per problemi
partecipare la categorie degli uomini e donne world champions, organizzativi, sono state interrotte alla seconda heat perché il
dei Senior e Junior. Il programma del Como Lake, che si è svolto vento è calato e non era possibile continuare il tabellone. La
nello splendido scenario della cittadina di Gera Lario, è stato giornata è stata conclusa con un raider meeting in cui è stato
ricco di eventi, anche se i primi giorni, a causa di violenti tempo- deciso che la gara sarebbe stata ripetuta il giorno seguente. L’ap-
rali, è stato ridimensionato. Il 28 giugno non erano previste gare, puntamento è stato fissato per le ore 6 a Cremia, poiché il vento
ma solo le iscrizioni degli atleti e la serata inaugurale a Lido di era previsto da Nord nelle primissime ore della giornata. Dopo
Lenno, il secondo giorno invece erano previste le prime gare, un aperitivo a “La Punta” di Sorico gli atleti, gli organizzatori e
ma non si sono potute disputare per assenza di vento e per un noi fotografi abbiamo tutti preferito una ritirata ”precoce” nelle
forte temporale che nel pomeriggio si è scatenato sopra di noi. nostre stanze, perché la sveglia era stata programmata per le ore
Per fortuna il temporale non ha potuto rovinare la serata che ci 5. Così l’indomani, primo luglio, ci siamo ritrovati puntualissimi
ha visto ospiti a Cremia, altra cittadina che si affaccia sulle rive all’appuntamento per il raider meeting alle sei a Gera Lario ed il
del Lago di Como. Il 30 invece, nel primo pomeriggio, si sono successivo spostamento a Cremia.

X3M04 38 Novembre - Dicembre

impaginato_N04_pubb.indd 38 26/10/2005 16.12.30


Xtreme stuff

Il KPWT ar-
int er na zi on a le pr of essionale del kitebo
e' un circuito to da Frederic Gravoi
lle
ne l 19 99 or ga niz za
ding, nato 12 paesi
o te a m . Co nt a a d oggi ben 36 eventi, in
ed il su izzato
ve rs o i 5 co nt ine nt i. Il circuito e' pubblic
attra
tu tt i i pa es i d a st ampa, Tv e canali
e distribuito in oa rd Pro World Tour” ed il
KP W T “K it eb
satellitari. Il Riders Association”
sono
ss ion a l Ki te bo a rd
PKRA “Profe pr estigiosi di questo sp
ort,
ui ti m on d ia li piu '
i due circ plina
r sv ilu pp a re e pr om uovere questa disci
nati pe prima
es tr em a . Do po tu tti questi anni, per la
sporti va
It a lia e pr ec is a m ente “su quel ramo
volta, approda in ro a l Manzoni che diventa
m o” ta nt o ca
del Lago di Co o, ma bensì, per la prim
a
no , pe r un ro m a nz
lo scenario, nta cosi un evento un
ico
d ia le d i ki te . Di ve
tappa mon to sport da non perd
ere.
a ss ion a ti d i qu es
per gli a pp
o l’I ta lia , to cc he ra ' Turchia, Brasile,
Questo circuito dop a nc ia a novembre, la New
to br e, la Fr
l’Australia ad ot e co m e ultimo appuntamen
to
e no ve m br e,
Caledonia a fin
embre
il Sud Africa a dic o.com
zioni: www.kiteboardpr
Per ulteriori informa

Le finali, combattutissime, hanno visto gareggiare i francesi


Mikael Fernandez, campione del mondo 2004, Charles Deleau,
Il vento invece, meno puntuale di noi, è arrivato solo alle ore Antoine Auriol e, a gran sorpresa, l’italiano Stefano Maselli, che
otto. Il cielo grigio e la temperatura fredda non facevano per la prima volta partecipava ad una competizione ufficiale sia
pensare ad una mattina estiva ed il lago, con l’aumentare del a livello internazionale sia nazionale. La classifica finale ha visto
vento, diventava sempre più agitato. Tutti questi fattori climatici Fernandez al primo posto seguito da Deleau, Auriol e Maselli al
hanno reso difficoltose, quasi impossibili, le riprese dall’acqua, quarto. L’ottima ed inaspettata classificazione del nostro giovane
che invece sarebbero state ideali visto che il campo di gara Stefano ha scatenato negli atleti italiani una partecipata allegria,
era al centro del lago. Per l’organizzazione è stata una buona seguita da festeggiamenti la sera durante la cena. L’indomani,
giornata, il vento che soffiava sui 20-30 nodi, ha reso possibile il raider meeting era stato fissato alle ore 10 per dare la possi-
il completamento del tabellone del Freestyle, partendo dalle bilità a tutti di recuperare un po’ le forze. Il sabato, il villaggio
classificazioni, proseguendo con le heat delle donne e infine allestito sulla riva di Gela Lario prendeva sempre più vita, il
degli uomini. Il vento, a raffiche violente, ha creato non poche folto pubblico affollava gli stand già dal mattino, divertito dalle
difficoltà agli atleti che non si sono potuti esprimere al massimo numerose esibizioni: come la nazionale di Frisbee acrobatico, il
delle loro capacità. Le gare sono proseguite fino alle ore venti. Kite simulator, parapendio exhibition e tanti altri intrattenimenti

Novembre - Dicembre 39 X3M04

impaginato_N04_pubb.indd 39 26/10/2005 16.12.49


dallo skate park offerto dalla Nokia a una grande
vasca da idromassaggio offerta dalla Jacuzzi. La
giornata è proseguita all’insegna del divertimento
con continui raider meeting di aggiornamento in animava le rive di amanti della vela, grazie anche
attesa che entrasse il vento. Alle ore 13 voci di al vento che non si è fatto attendere. Lo scenario
corridoio davano vento a Cremia, ma solo alle ore era spettacolare, quarantacinque kite coloravano
16 l’organizzazione ha deciso di spostarsi all’altro il centro del lago dove era prevista la partenza. Si
spot. Al nostro arrivo purtroppo il vento era gia è dato così il via alla gara di Speed Crossing. Gli
calato rispetto alle prime ore del pomeriggio, ma atleti, dopo i dieci minuti di transizione, fremeva-
è stato deciso di svolgere in ogni modo la gara di no per la partenza ed ognuno era in cerca della
Hang Time uomini. Si ha giusto il tempo di vedere raffica e della traiettoria migliore che lo portasse
in acqua le prime due heat ed il vento cessa del alla meta prima degli altri, l’arrivo era previsto
tutto, rendendo impossibile il completamento davanti al pontile di Gera Lario. Il primo a tagliare
del tabellone. La giornata conclusiva dell’evento, il traguardo è stato il francese Pierre Romain,
domenica 3 luglio, ci ha nuovamente portati sulle seguito dall’immancabile Charles Deleau, al terzo
rive della cittadina di Cremia nelle prime ore del posto Sebastian Cattelan, reduce dalla vittoria
pomeriggio, non facendoci cogliere di sorpresa dello speed ai Mondial du Vent 2005. Tra le donne
dal vento come il giorno precedente. Il sole dava invece al primo posto è arrivata l’agguerritissima
vita ai colori del lago e delle montagne che lo undicenne Gisela Pulido, al secondo Anne Sparre
circondano e la coincidenza con il giorno festivo ed infine la spagnola Noelia Nunez.

X3M04 40 Novembre - Dicembre

impaginato_N04_pubb.indd 40 26/10/2005 16.14.59


Xtreme stuff

In Lombardia
un grande lago

La sua caratteristica forma a Y


rovesciata è data dai tre rami di
Colico a nord, Lecco a sud-est
e Como a sud-ovest, con uno
sviluppo perimetrale complessivo
di 170Km. Il lago è interamente
circondato da montagne, la più
alta è il Monte Legnone (2609
m.), sopra Colico. I corsi d’acqua
affluenti sono 37: il più importante
è l’Adda, seguito dal Mera, che è
anche l’unico emissario; l’Adda
esce dal lago a Lecco e, dopo aver
formato i laghetti di Garlate e di
Olginate, prosegue in direzione del
Po. L’unica isola del lago è l’Iso-
la Comacina, situata nel ramo di
Como di fronte al comune di Sala
Comacina. Meta di appassionati
degli sport più estremi quali wind-
surf e kitesurf, il Lago di Como
è sede di prestigiosi circoli velici,
che prevedono, da aprile a ottobre,

La prima tappa italiana del KPWT si è conclusa


con le premiazioni di rito. Il Como Lake ha portato
corsi per principianti e non.
sulle rive di questo lago numerosi campioni del kite
Durante i mesi estivi è, infatti,
mondiale. Nonostante il mal tempo dei primi gior-
facile incrociare, soprattutto in alto
ni, la manifestazione si è svolta al meglio, i raiders
Lario, campioni del calibro di Paul
hanno dato ancora una volta prova della loro
Cayard o Torben Grael, che spes-
preparazione atletica ed anche l’organizzazione ha
so regatano nei vari Campionati
saputo preparare un bell’evento che ha coinvolto
Internazionali organizzati sul lago.
gli abitanti delle cittadine che lo hanno ospitato,
Numerose, inoltre, sono le scuole
grazie anche alla partecipazione di numerosi ed
che offrono corsi per bambini/
importanti sponsor come: Fiat, Budweiser, Hotel
principianti e corsi di perfeziona-
la Barcaccia, Soleluna Club, Vaca Loca, Misultin mento, dove è possibile affittare
Zone. Un personale ringraziamento va all’orga- tutto il materiale necessario.
nizzazione del KPWT e alla locale Como Lakers
capitanata da Paolo Goni.

Francesca Urbano

Novembre - Dicembre 41 X3M04

impaginato_N04_pubb.indd 41 26/10/2005 16.16.43


Transahara
il playboy
e il campione
Il principe Sergio Ferrero di Muresanu
e il campione del mondo di kite Christopher Tasti
hanno attraversato il deserto africano
in mountainboard

X3M04 42 Novembre - Dicembre

impaginato_N04_pubb.indd 42 26/10/2005 16.17.08


Xtreme stuff

Il Kitesurf, è stato teatro di un incontro fantastico fra


due grandi personalità del mondo dell’avventura e
dell’estremo. Il Playboy milionario del Jet-Set inter-
nazionale, il Principe Sergio Ferrero di Muresanu,
accompagnatore acclamato dalla maggior parte delle
dive ‘glamour’ del cinema italiano e hollywoodiano
degli anni ‘60 e ‘70, e il suo compagno d’avventura,
lo spumeggiante ed eclettico campione del mondo di
Kitesurf Christopher Tasti, star e grande agitatore del
mondo “de la glisse”, hanno attraversato il deserto
africano in Kitesurf da sabbia (mountainboard).
Un’avventura mai tentata prima d'ora.

“Fin dall’inizio abbiamo cercato di stare lontani


dalle dune, per non insabbiarci con le nostre
minuscole mountainboard. La nostra guida ci ha
condotto per sentieri tracciati dai vari nomadi
in movimento e quindi con il fondo più duro. È
molto bello questo sport, però, a differenza del
Kitesurf, dove il nostro corpo produce calore, ma
il mare lo raffredda, con il mountainboard il calo-
re del sole aumenta il calore corporale e siamo,
quindi, costretti a fermarci spesso per bere intere
bottiglie d’acqua e rinfrescarci. Inoltre, il casco
e le varie protezioni ci scaldano ancora di più,
ma non abbiamo intenzione di toglierle, perchè
spesso cadiamo e fa male. Durante le ore più
calde siamo costretti a fermarci e riposarci nella
nostra tenda. Saliamo sul 4x4 di assistenza e
ci incamminiamo al di là di dune impratica-
bili per raggiungere una spianata dura, che
si estende quasi all’infinito. Immediatamente
Christo ed io gonfiamo le nostre ali e, con il
sistema della 5a linea, decollo facilmente la
mia Matrix Wipika di 13,5m². Scivolare qui
è veramente fantastico, con velocità troppo
spesso pericolose. Frenare è praticamente
impossibile. Ma è esattamente questo che
entrambi avevamo sempre sognato."

Sergio Ferrero e Christopher Tasti

Mountain board
,
re ta vol a d er iva ta dallo skateboard
Una particola si st ema speciale monta
to
te , gr a zi e a un
che permet r scivolare senza pr
oblemi
e d i go m m a , d i po te
sulle ruot dalla
i i ti pi d i sa bb ia , un icamente trascinati
su tutt no di
d i un a qu ilo ne . Le ruote “fuoripista” so
potenz a
on i, a m m or ti zz a te , che sterzano in base
grandi dimensi n la “tavola da montagna

to d el pe so . Co
allo spostamen ati, strade sterra
te o
sc en d er e d a pr
e' possibile inare da un kitewing
o da
, op pu re fa rs i tr a
asfaltate amente. .
ez zi . . la fa nt a si a puo' scatenarsi liber
altri m
.
e' puro divertimento

Novembre - Dicembre 43 X3M04

impaginato_N04_pubb.indd 43 26/10/2005 16.17.13


Sergio Ferrero Christopher Tasti
Guiness Book of Records per la traversata dell’Oceano Atlan- Comunemente chiamato “Christo”, ha al suo attivo una serie
tico in Windsurf, nel 1982 in 24 giorni; 8 volte campione del grandissima di titoli nello sport professionale di alto livello:
mondo di Quadriathlon (nuoto/canoa/bici/corsa); Campione Campione di Francia e terzo della Coppa del Mondo di Wind-
del Mondo di Triathlon Ultradistanza (57 km nuoto + 2700km surf (a Brighton nel 1994), Campione del Mondo di Kitesurf
bici + 633km corsa) nel 1995; Recordman del mondo di (Rio de Janeiro, dicembre 2000). Ha anche realizzato 2 exploit
Quadriathlon Ultradistanza, nel 2003; nello stesso anno ha di grande portata: nel 1990, la traversata del Mediterraneo
raggiunto il record con la traversata in surfski (canoa) Baleari (Barcellona – Genova) in Windsurf e, nell’agosto 2003, la
– Spagna in 10 ore e 13 minuti; nell’ottobre 2004, traversata traversata della Manica (Ouessant – Cap Lizard) in team con
del Sahara in Kite e ora, a 63 anni, ha ripetuto la traversata Manu Bertin, l’inventore del Kitesurf, e scortato dall’equipe
dell’Oceano Atlantico, dalle Canarie ai Caraibi, ma questa e dal veliero dell’illustre Olivier de Kersauson. Con alle spalle
volta in Kitesurf. Prossima avventura: traversata dell’Oceano questa grande notorietà negli sport estremi, Christo, recen-
Atlantico in Canoa-Kite ed una profonda meditazione nel temente, è stato il creatore di un movimento culturale: Free-
deserto, seguendo l’esempio di Gesù. riders, una forma di filosofia di vita che prende l’ispirazione
dalla cultura dell’estremo, e che conta con sempre più seguaci
fra le discipline sportive “de la glisse”.

Curiosità…
Una barca a vela molto veloce ha seguito i due
atleti durante la traversata; a bordo, un fotogra-
fo, un team t.v., un dottore e 1’equipaggio. La
grande diffusione a livello mondiale, di stampa,
radio, televisione e internet, ha fatto si che Red
Bull, sponsor di Ferrero da 7 anni, decidesse
di appoggiare finanziariamente il progetto,
apportando 100.000€. I restanti 200.000€, che
servivano a coprire it budget dell’avvventura,
sono stati divisi fra diversi sponsor.

X3M04 44 Novembre - Dicembre

impaginato_N04_pubb.indd 44 26/10/2005 16.18.01


www.landrover.it

CONFORTEVOLE COME UN SALOTTO,


INESPUGNABILE COME UNA FORTEZZA.
Consumi da 9.4 a 15.0 litri/100 Km (ciclo combinato). Emissioni CO2 da 249 a 354 g/Km
LAND ROVER CONSIGLIA

DISCOVERY 3. ESISTE UN MODO PIÙ SICURO DI VIAGGIARE SULLA TERRA?


A bordo, ti avvolgono lo spazio, un piacevole silenzio, il lusso più rifinito. Grazie al design futuristico,
ai sette posti veri, agli interni raffinati. Aggiungi a tutto questo l’eccezionale robustezza, resistenza, durata
di una struttura progettata per dare a te, e a chi viaggia insieme a te, la migliore sicurezza attiva e passiva.
La trovi con motori Diesel 2.7 V6 190 CV e benzina 4.4 V8 300 CV. Prova l’emozione di guidare una
Macchina diversa da tutte le altre.

DISCOVERY 3 È DISPONIBILE ANCHE NELLA VERSIONE BLINDATA. INFORMATI PRESSO TUTTI I CONCESSIONARI LAND ROVER. SUPERARSI SEMPRE

impaginato_N04_pubb.indd 45 26/10/2005 16.18.36


Foto di: Michele Fontana

Rollerblades,
i pattini acrobatici
Se fino a pochi anni fa era un’assoluta novita'
importata dagli Stati Uniti,
oggi e' sempre piu' facile vedere le nostre strade
trasformate in enormi piste di pattinaggio

X3M04 46 Novembre - Dicembre

impaginato_N04_pubb.indd 46 26/10/2005 16.18.45


Xtreme stuff

rollerob
rolle
r
roo lrer
l lre
r
orb
o
l
r
lballa
l
lle
b
l
e l
d
a
rr
r
l
rolle
e
db
e
a
b
d
or
e
l
l
da
a
e
b
l d
bla
d
l
e
le
ea
ed
d

Il Rollerblade t-
ne skating, e' un’a