Sei sulla pagina 1di 70

a scuola di cucito a scuola di...

UTT

A
T

A
UOV

N
a macchina
PORTATEGLIA CREA con i nostri
PROGETTI
e CARTAMODELLI al 100%
Divertiti
risparmiando!

IMPARA
Tariffa R.O.C. - Poste Italiane Spa - Sped. In Abb. Post. - D.L. 353/2003 (conv. In L. 27.02.2004, n° 46), art. 1, comma 1, S/NA

• Appliqué e Patchwork:
le basi
• Riciclo: come iniziare
• Cucito utile:
gli orli dei jeans
• Cucito a macchina:
il trapunto
PASSO PASSO

CUSCINI
À
3 LIVELLI DI DIFFICOLT
◆ Scegli la macchina
intermedio da cucire ideale per te
◆ Scopri i vari piedini CIGRA 2003

base avanzato e il loro uso


CIGRA

◆ Riconosci
filati e tessuti

I_A SCUOLA DI CUCITO MACCHINA_T MAGGIO.indd 1 09/06/17 16:34


Luglio ~ Agosto

le Scuole 22 Soft Furnishings 38 Portateglie per pic-nic


per imparare come Fare i Cuscini Trapunto

24 Cucito Utile 42 Bandierine


8 Cucito a macchina gli Orli dei Jeans per la festa d’estate
❖ il Trapunto Patchwork
❖ rifiniture con lo Sbieco 28 Attrezzature
❖ Macchina Elettronica 46 Portavaso
o meccanica Appliqué
11 Cucito a mano ❖ Janome it 1028
❖ il Punto catenella semplice ❖ Piedini e Accessori
❖ Zig zag e Festone 50 Grembiule Jeans
❖ rifiniture con uno Sbieco Riciclo
o una Fettuccia

54 T-shirt Jersey
14 Patchwork Tessuti e filati
le Basi della Tecnica

i Tutorial
16 Appliqué tecniche applicate 4 IDEA DEL MESE
le Basi della Tecnica Una romantica cameretta

58 GLOSSARIO
18 Riciclo 32 ❖ Cuscino portatutto Le parole da conoscere
come Iniziare difficoltà facile
❖ Cuscino Romantico 63 QUADERNO DEI PUNTI
Punti base di cucito
difficoltà intermedia
a macchina e a mano
20 I tessuti e i filati ❖ Cuscino Japan style .
il Cotone difficoltà difficile

GABBIA A SCUOLADISOMMARIO.indd 3 09/06/17 11:51


4

04_05_ SC3_apertura lampada.indd 4 07/06/17 14:54


l’idea del mese

Una romantica

Tre idee di grande effetto


e di facile realizzazione

Morbidosa
e delicata la tenerissima
borsa porta pigiama
per completare
una cameretta principesca

Fantasia fiorata
e passamaneria vintage
per il semplicissimo
coprilampada ricavato
da un rettangolo di tessuto
arricciato da un nastro
nella parte superiore

spiegazioni a pagina 6»

04_05_ SC3_apertura lampada.indd 5 07/06/17 14:54


l’idea del mese
termoadesiva. Stiratela sul LA BORSA PORTAPIGIAMA
tessuto scelto e ritagliate a Occorrente
filo del disegno. • 50x110 cm di tessuto
Con il relativo cartamodello a piacere (esterno)
riportate sul rovescio del • 50x110 cm di tessuto a
tessuto anche la sagoma piacere (interno)
del corpo e ritagliatela • 50x110 cm imbottitura
con un’abbondanza termoadesiva
di 1 cm per la cucitura. • 2 strisce di 12x60 cm
Stirate la pancia sul dritto (manico)
del tessuto del corpo del • 25x60 cm di fliselina
gufo, posizionandola dove termoadesiva
indicato sul cartamodello. • Carta da ricalco e matita
Riportate occhi e • Ago, spilli e filo in tinta
decorazioni come • Macchina da cucire
da cartamodello e ferro da stiro
e ritagliate a filo.
Posizionate e cucite Esecuzione
con piccoli punti Riportate sul retro dei
occhi, decorazioni tessuti, e sull’imbottitura il
ed applicazioni. cartamodello e ritagliate
Piegate il tessuto con 1 cm di abbondanza
per il becco a per la cucitura.
metà, in modo Posizionate sul rovescio
da formare un del tessuto per i manici la
rettangolo, ripie- fliselina termoadesiva e
gate i lati corti stiratela.
su se stessi in Piegate a metà i manici
modo da formare sul lato lungo, dritto contro
una punta e dritto, e cucite sul lato
IL COPRI LAMPADA cucitelo sotto lungo. Rivoltate sul dritto
Occorrente gli occhi. Cucite e stirate posizionando
• 35x110 cm di tessuto IL CUSCINO GUFO il gufo lungo tutto la cucitura interna
a piacere Occorrente il perimetro, dritto contro centralmente (non sui lati).
• 110 cm di passamaneria • 60x110 cm di tessuto dritto, lasciando aperto Posizionate l’imbottitura
a pom pon a piacere (corpo gufo) dove indicato sul disegno. termoadesiva sul rove-
• 100 cm di nastro • 50x50 cm di tessuto Cucite e formate la base scio del tessuto e stirate
di organza alto 5 cm a piacere (pancia) come da disegno. Rifilate sul dritto del tessuto
• Ago, spilli e filo in tinta • 50x50 cm carta a 3 mm dalla cucitura, stesso (non direttamente
• Macchina da cucire termoadesiva rivoltate ed imbottite bene. sull’imbottitura).
e ferro da stiro • 30x15 cm di tessuto Chiudete l’apertura con un Cucite il semicerchio
rosa (occhi) sottopunto. della borsa (esterno e
Esecuzione • 10x25 cm di tessuto imbottitura) in modo da
Unite i due lati corti del bianco (occhi) formare un sacchetto.
tessuto in modo da formare • 2 bottoni Ø 4 cm (occhi) Posizionate i manici nella
un anello,aprite e stirate la • 15x15 cm di tessuto parte esterna superiore
cucitura piatta. Ripiegate il (becco) del tessuto,come indicato
bordo inferiore dell’anello • Decorazione a cuore sul cartamodello.
su se stesso per due volte, • Bottoni e decorazioni Cucite a semicerchio
spillate e cucite la passa- a maglia/uncinetto la parte della fodera
maneria con un punto a piacere interna, lasciando
zig-zag fitto. Ripiegate ora • 1kg di imbottitura un’apertura di circa 8
il bordo superiore di 7 cm • Ago, spilli e filo in tinta cm per rivoltare. Inserite
verso sull’interno e cucite • Macchina da cucire la fodera all’interno della
una coulisse con due e ferro da stiro borsa mantenendo dritto
cuciture parallele ad 1 cm • Carta da ricalco contro dritto.
di distanza una dall’altra. e matita Cucite lungo tutto il
Infilate il nastro di organza perimetro e rivoltate
con l’ausilio di una spilla da Esecuzione dall’apertura lasciata
balia. Arricciate alla misura Riportate con il relativo in precedenza che
desiderata tirando il nastro e cartamodello la sagoma chiuderete con un piccolo
annodate. della pancia sulla carta sottopunto.

04_05_ SC3_apertura lampada.indd 6 09/06/17 12:03


Le scuole
per iniziare...

dal trapunto al patchwork,


passando per appliqué
e rifiniture, nelle pagine
seguenti tutto quello
che c’è da sapere anche
su orli, cotone, riciclo, scelta
di una macchina e molto altro

07_cover scuola.indd 7 07/06/17 14:55


In queste pagine SCUOLA tratteremo di volta in volta
un argomento legato a una delle tecniche
di Cucito a Macchina utilizzate nei Tutorial del numero,
che troverete nella seconda parte della rivista.
Partiamo con Le basi del Trapunto e, restando
in argomento, la sua Rifinitura con lo sbieco

il trapunto
le basi, cuciture parallele

Con il termine trapunto, si intende del tessuto. Per trapuntare a patchwork. Per quanto riguarda le
solitamente una cucitura, dritta o macchina, solitamente si utilizza imbottiture, i fogli di ovatta sono oggi
decorativa, che si esegue su due filo di cotone o un filo di nylon disponibili in svariati spessori, colori e
pezzi di stoffa sovrapposti, intercalati trasparente per macchine da cucire. materiali tra cui, estremamente facili
da un foglio di imbottitura. Può Per le trapuntature più semplici, in da usare, quelli termoadesivi. Questi
essere eseguito a mano o, molto linee parallele e/o perpendicolari, ultimi infatti, fissandosi con il calore
più velocemente, a macchina. non saranno necessari piedini del ferro da stiro, in fase di cucitura
Scopo della trapuntatura è quello di particolari, che invece si riveleranno non scivolano fuori dagli strati di
appesantire la stoffa (da cui deriva utilissimi, se non indispensabili, per tessuto. Possono essere sostituiti
il termine “trapunta” sinonimo di il quilting, la trapuntatura dei lavori da fogli semplici spruzzati con un
coperta) di aumentarne lo spessore leggero velo di colla spray per tessuti.
o, semplicemente, di aggiungere Terminata la trapuntatura, il lavoro
una cucitura decorativa, fissando dovrà essere rifinito con l’applicazione
e mettendo in risalto elementi di bordi o passamanerie come, ad
della stampa o delle decorazioni esempio, lo sbieco (vd box pag. 10).

08_10_ SC3_SCUOLA TRAPUNTO prova color.indd 8 08/06/17 11:26


Vediamo quindi come trapuntare
il tessuto che abbiamo scelto per il
tutorial di pag. 38.
Tra i due strati di tessuto, inserite
il foglio di imbottitura che dovrà
essere leggermente più grande del
tessuto. Aggiungete sempre alla
misura necessaria finita almeno 5 Gli spilli*
cm lungo il perimetro, che verranno per quilting:
utilizzati dalle cuciture, per l’aumento lunghi, sottili
dello spessore, risultando così la e con testa piatta
lavorazione finita delle dimensioni
corrette. Su una base piana, fissa
Te con degli spilli* il “sandwich” di
tessuto e imbottitura, stendendo
delicatamente il tessuto.

Per un trapunto
EFFETTO
SPECIALE,
provate ad
utilizzare filati
metallici oppure
a contrasto con
il colore del
tessuto

In questo La prima cucitura deve essere


esempio si è parallela al lato più lungo ed
optato per una eseguita a metà del tessuto così
trapuntatura a da bloccare il lavoro.
riquadri, con Proseguite con cuciture parallele
le cuciture alla prima: l’asta di metallo
parallele ai solitamente in dotazione ai piedini, è
bordi del tessuto una guida che può essere regolata
(Dis. A). alla distanza desiderata (in questo
caso, 3 cm).

In alternativa,
le cuciture
parallele
possono anche
essere eseguite
in diagonale,
ottenendo così
un disegno a
rombi (Dis. B).

Procedete allo stesso modo ma


perpendicolarmente (la prima
cucitura sempre al centro) in modo
da ottenere i riquadri.

08_10_ SC3_SCUOLA TRAPUNTO prova color.indd 9 08/06/17 11:27


Rifinitura con lo SBIECO
Lo sbieco è una striscia di stoffa tagliata in diagonale, in sbieco, appunto

L o sbieco si dice perfetto quando è a 45° rispetto


al drittofilo: cioè lungo la parte più
elastica del tessuto). Questa
modellabile, quindi perfetto per adattarsi ai bordi
arrotondati. Ecco, ad esempio, come bordare i lati
dritti e i cerchi per i manici del portateglia (tutorial a
caratteristica lo rende facilmente pag. 38) e l’unione delle estremità.

1 Posizionate lo sbieco a cavallo del bordo (lasciando un’eccedenza


non cucita di 15 cm) e fissatelo momentaneamente in posizione
con un’imbastitura o, se già pratiche, con gli spilli. Cucite fermandovi
2 Per unire gli sbiechi ed
ottenere un risultato pulito
e ordinato, sovrapponete le
3 Cucite ora da un angolo
all’altro esattamente
sull’incrocio delle strisce di
a 15 cm circa dall’inizio della cucitura. Con gli sbiechi sovrapposti, estremità dritto contro dritto sbieco. Tagliate il tessuto in
segnate con un pennarello-fantasma * il segno di riferimento dove a croce, facendo combaciare eccesso.
andrete ad unire gli sbiechi. accuratamente il segno.

4 Cucite il pezzo mancante (15 cm


ca). Questo metodo consente di
ottenere un’applicazione professionale e
un’unione perfetta delle estremità.

Il *pennarello fantasma per


tessuti chiari e scuri - lascia CONSIGLIO
una traccia momentanea
Sbieco fai-da-te?
Semplicissimo,
con gli appositi
sbiecatori!
Basterà tagliare le
strisce di stoffa
in sbieco e poi passarle
nell’accessorio.
Disponibili anche in
versione “piedino”
per alcune
macchine:
piegano e
cuciono lo
sbieco in una
sola mossa
(a fianco
il mod per
macchine
il manico ritto PFAFF).
l c erchio per o la re d e l bordo d
re d e Partic 38
Partico la
lia di pag. 3
8 lia di pag.
del portateg del portateg

10

08_10_ SC3_SCUOLA TRAPUNTO prova color.indd 10 08/06/17 11:27


In queste pagine SCUOLA tratteremo di volta in volta
un argomento legato a un Punto o a una delle tecniche
di Cucito a Mano, utilizzate nei Tutorial del numero,
che troverete nella seconda parte della rivista.
Partiamo con il Punto Catenella con alcune varianti
e alternative e la Rifinitura con lo sbieco o con la fettuccia

il punto catenella
semplice
È un punto che ha origini molto antiche,
forse indiane o persiane, ed è uno dei
punti base del ricamo a mano su tessuto.
È adatto per l’esecuzione di linee dritte e
curve o per contornare figure piene che
all’interno sono ricamate con altri punti.
L’esecuzione è facile e il risultato
di grande effetto.
È consigliabile utilizzare un filato abba-
stanza spesso e un ago da ricamo
adatto al peso del tessuto e con la cruna
allungata. Tracciare sulla stoffa un disegno
di base con il pennarello fantasma, (vd
box pag.10 ) oppure riportarlo con l’ap-
posita carta da ricalco.
Nella pagina seguente, si vede come
sono stati ricamati gli steli dei fiori dei
coprivasi (tutorial a pag. 46).

LA TEORIA

Prima di iniziare a ricamare sul progetto definitivo, vi


consigliamo di fare pratica su avanzi di tessuto di vario
peso e misura, ad evitare di dover disfare e rifare il lavo-
ro, lasciando antiestetici forellini.

denza del punto di inizio).


Fare un piccolo punto e
uscire nuovamente sulla
traccia formando un anel-
2 Ripetere per il secon-
do punto, entrando in
prossimità del foro di usci-
3 Proseguire creando anel-
lini incatenati seguendo
la traccia.
lino con il filo che passerà ta all’interno dell’anello e Al termine, fermare il lavo-

1 Infilare l’ago sul dritto del


tessuto facendolo usci-
re all’inizio della traccia (o,
sotto la punta dell’ago.
Tirare delicatamente il filo
formando il primo anello
uscendo poco sopra. Far
passare il filo sempre sotto
la punta dell’ago e tirare per
ro con un piccolo punto di
chiusura sul retro del lavoro.

comunque, in corrispon- della catenella. formare il secondo anello.

11

11_13_SC3_SCUOLA CUCITO MANO GV2.indd 11 08/06/17 11:29


LA PRATICA
COME TRACCIARE
Dopo le esercitazioni, potrete passare a non troppo lunghe, per evitare IL DISEGNO GUIDA
ricamare il vostro progetto. ingarbugliamenti che vi costringerebbero
Infilate l’ago con gugliate di filo a tagliare e rifare il ricamo. - a mano libera con un
“pennarello fantasma”, la
cui traccia svanisce con il
calore del ferro da stiro (o con
il lavaggio) a seconda dei
modelli. Disponibile in due
versioni: per tessuti chiari e
tessuti scuri. (da €4,00 ca)

- da un disegno stampato con


la carta da ricalco speciale per
ricami. Anch’essa disponibile
per tessuti chiari e scuri.
A differenza della normale
carta carbone e della carta
grafite, non macchia i tessuti
e il disegno/schema riportato
Vediamo ora come realizzarlo in pratica morbido e formate un anello. Dal rovescio, scompare con il lavaggio.
fate uscire l’ago nel punto di inizio del fate passare il filo all’interno dell’anello (da € 5,00 ca)
ricamo dal rovescio sul dritto; sempre che si sarà formato qualche millimetro
sul diritto rientrate con l’ago nello stesso più sotto facendo passare il filo che forma
punto di inizio. Tirate il filo lasciandolo l’anello sotto l’ago.

Procedete come spiegato


sopra per tutta la
lunghezza della traccia.
Nelle zone curve dovrete
angolare l’ago in modo
da seguire la traccia.

il punto catenella zig zag


L’esecuzione del punto catenella zig zag è lo stesso del punto catenella
semplice, la differenza consiste nella fuoriuscita dell’ago a destra e a sinistra
rispetto al punto di inizio. È un punto più decorativo adatto a bordi e rifiniture
rappresentano

variantE: punto catenella zig zag

CONSIGLIO varianti e alternative


Stiratura dei ricami
In alternativa al punto catenella,
Per non appiattire i ricami è per tracce dritte come,
sempre consigliabile stirarli per esempio, steli, linee
sul rovescio appoggiandoli su
di giunzione ecc, potete ricamare
una superfice morbida.
La stiratura cancellerà anche con il piu semplice punto erba. ALTERNATIVA:punto erba
le tracce disegnate con
prodotti sensibili al Il punto festone
calore. è invece utilizzato
per bordare
le applicazioni
(vd. Scuola Appliqué a pag. 18) ALTERNATIVA:punto festone

12

11_13_SC3_SCUOLA CUCITO MANO GV2.indd 12 08/06/17 11:30


Rifiniture
con uno sbieco o una fettuccia
A mano o a macchina? Dipende: cucire a macchina è certamente più veloce
e preciso, soprattutto per le meno esperte, ma una finitura fatta a mano,
con piccoli punti nascosti, renderà il vostro lavoro molto più professionale e curato

Abbiamo già visto


(pag. 10) come rifinire
una lavorazione
trapuntata con lo sbieco
applicato a macchina.

Vediamo ora come rifinire


a mano piccole parti
di lavoro con lo sbieco,
1 Preparate ago e filo (una gugliata cor-
ta, per evitare ingarbugliamenti). Fate
un piccolo nodo. Ripiegate lo sbieco su se
2 Procedete sul perimetro con piccoli punti
entrando con l’ago dal basso e uscen-
do dall’alto. Prestate attenzione a lasciare
ma anche con nastri e stesso e tenetelo fermo con il dito. Partite da morbido il lavoro e a non tirare i punti.
passamanerie. un angolo e, con il primo punto, portate il Al termine, fate due punti uno sopra l’altro
nodo all’interno e nascondetelo. per bloccare il filo.

E se lo sbieco non ce l’hai o non lo trovi


del colore, della fantasia o del peso giusto?
La risposta è una sola: lo devi fare con il tessuto. Per un aspetto ordinato e professionale, unisci quindi
Vediamo come. Anzitutto lo dovrai tagliare in sbieco, le varie strisce cucendole in diagonale come da
ovvero in diagonale, di conseguenza lo scarto sarà disegno. Elimina l’eccesso di stoffa tagliando a 5 mm
maggiore. Stira poi accuratamente il tessuto, appoggialo circa dalla cucitura diagonale. Al termine dell’unione
sul piano e taglia il numero di strisce che ti occorre a 45° delle varie strisce, stira le cuciture aperte, poi piega
(rispetto alla cimosa) dell’altezza desiderata. le estremitò lunghe verso il centro e poi ancora a metà.

taglia le strisce
in diagonale

cuci le strisce piega e stira Per velocizzare


in diagonale la cucitura la formazione
dello sbieco
puoi utilizzare
lo sbiecatore

13

11_13_SC3_SCUOLA CUCITO MANO GV2.indd 13 08/06/17 11:30


Proseguiamo le nostre SCUOLE con le basi
del Patchwork, tecnica che anche in Italia,
ormai da molti anni, vanta una nutrita schiera
di appassionati. Qui trovate le indicazioni generali
per le prime prove poi, nella sezione
TUTORIAL un progetto nel quale cimentarvi

le basi della tecnica


Origine, moduli e attrezzatura base

Il termine patchwork, ormai entrato nel


gergo comune anche nel nostro pae-
se, pur derivando dalla lingua inglese,
tradotto letteralmente ci spiega alla per-
fezione in cosa consiste questa tecnica.
Patch, toppa, e work, lavoro, cioè “lavo-
ro con le pezze”, ovvero, cucire insieme
pezzi di tessuto accostandoli l’uno all’al-
tro oppure sovrapponendoli.
Questa lavorazione è antichissima e si
è sviluppata dalla necessità di utilizzare
ogni ritaglio di stoffa riutilizzabile, recupe-
rata da vecchi indumenti, cucendone
insieme le parti meno logore nelle mise-
re case della vecchia Inghilterra prima e
poi nell’America dei coloni.
Ed è proprio all’epoca dei pionieri ame-
ricani che si collega la simbologia del
patchwork, ancora oggi più comune-
mente utilizzata: dal Log Cabin che
ricorda la casa di Abramo Lincoln, alle
Stars dei motivi multicolori, al Bridal
Quilt, la coperta di nozze con le fedi
intrecciate e così via.
Oggi il termine patchwork comprende
diversi metodi e tecniche di lavorazio-
ne, dal piercing all’appliqué al quilting,
utilizzato per trapuntare il lavoro a
patchwork. Per sperimentare i primi
rudimenti della tecnica a pag. 42 vi pro-
poniamo una simpatica ghirlanda.

14

14_15_ SC3_SCUOLA PATCHWORKGV.indd 14 08/06/17 11:32


Patchwork: lavoro solitamente in stoffa
realizzato dall’unione di più pezze di diversa
fantasia e colore.
Quilt: trapunta la cui parte superiore è realizzata
con la tecnica del “patchwork”, imbottita e
impunturata (trapuntata). La parola deriva da
quilting, impunturare, trapuntare.

DEL PATCHWORK
Top: la parte superiore del quilt, realizzata a
patchwork.
Sandwich: i tre strati del quilt, top, imbottitura e

LE PAROLE
retro.
Binding: il bordo estreno del quilt fatto con lo
sbieco.
Blocchi: i riquadri lavorati a patchwork che,
uniti, formeranno il top.

Log Cabin: il motivo, che in italiano significa capanna serve comprare


Quello che
di tronchi, richiama la mitica capanna di legno in cui
nacque Abramo Lincoln. Il disegno ebbe origine duran-
te la guerra di secessione americana quando le signore Attrezzatura - Anche nel nostro paese sono ormai
si dedicarono a confezionare quilt destinati alla raccol- reperibili strumenti studiati appositamente per il
ta dei fondi per i soldati al fronte e per l’assistenza ai feriti. patchwork, alcuni necessari, altri facoltativi ma che, in
Nel tempo è poi diventato un disegno classico. alcuni casi, potrebbero facilitare notevolmente il lavoro.
Vediamo per il momento il kit-base che dovreste avere
oltre ai tessuti:
❖ Base da taglio in speciale materiale autorigenerante
e rotella da taglio
❖ Forbici di vario tipo
❖ Righello per quilting e metro a nastro
❖ Aghi e spilli
❖ Fili per cucire a mano e a macchina
❖ Matite e pennarelli fantasma
❖ Carta per cartamodelli
❖ Carta da ricalco per stoffa
❖ Ferro da stiro
❖ Fogli di ovatta per trapunto

Four Patch: uno dei blocchi più semplici composto,


come dice il nome, da quattro scampoli (pezze). Molto
versatili perchè i blocchi possono essere di varie dimen-
sioni e combinati in modo da formare blocchi pià grandi

Tessuti - Il patchwork sposa alla perfezione il concetto di


“riciclo”, quindi, prima grande regola: mai buttare avan-
zi di tessuto, di nessun genere! Per iniziare, vi consigliamo
di utilizzare cotone di medio peso, semplice da cucire
e facilmente recuperabile.

15

14_15_ SC3_SCUOLA PATCHWORKGV.indd 15 09/06/17 12:15


Per la SCUOLA Appliqué, di questo numero iniziamo
con una breve introduzione e le nozioni base della tecnica.
Per metterle subito in pratica, trovate il relativo
TUTORIAL per realizzare dei graziosissimi
coprivasi nella seconda parte della rivista

le basi della tecnica


Origine, moduli e attrezzatura base

C
Mentre il patchwork è l’unione di toppe. Ai giorni nostri, l’appliqué sia a mano che a macchina,
pezzi di tessuto per formare un è diventata una tecnica di cucito nel nostro tutorial invece,
manufatto più o meno grande, con che consente innumerevoli impie- abbiamo utiliz-
l’appliqué gli scampoli vengono ghi. In pratica si tratta di ritagliare zato una delle
sagomati e applicati su un tessu- un pezzo di tessuto, seguendo una tecniche più
to di base. Il suo nome deriva dal sagoma preparata in precedenza semplici, che
francese appliquer che significa, e di cucirla su una base di stoffa. prevede l’u-
appunto, applicare. La tecnica negli anni si è evolu- tilizzo di un
A differenza del patchwork che uti- ta grazie anche a nuovi materiali supporto ter-
lizzava i ritagli di tessuto avanzati, e alla tecnologia, sia per quan- mobiadesivo e
l’appliqué nasceva dall’esigenza to riguarda la preparazione delle della cucitura
di rammendare i vestiti o le coper- sagome, che la loro applicazione. a macchina
te usurate applicando delle Esistono diversi modi di “applicare” (vedi pag. 46).

16

16_17_ SC3_SCUOLA APPLIQUEGV.indd 16 08/06/17 11:34


Terzo Step: cucire
la sagoma.
Per i vari metodi di cucitura
(qualunque tecnica
decidiate di adottare)
vi occorreranno normali
aghi da cucito (o per la
macchina) e filo in tinta.
Ricordate che per un lavoro
piacevole i punti devono
essere fitti e regolari: per
questo motivo vi consigliamo di effettuare alcune prove
preventive su scarti di tessuto.
Primo Step: disegnare la sagoma sulla carta termo-
biadesiva. Utilissime, per ricavare le varie sagome sono
le mascherine da stencil perchè il
concetto è uguale a quello dell’appli- COME LO FACEVANO LE NOSTRE MAMME
qué: per entranbe le tecniche infatti,
è necessario ricavare sagome sepa- Le applicazioni fino alla fine degli anni ‘70 venivano solitamente
rate e semplici. Su libri e riviste, oppure cucite rigorosamente a mano.
online, trovate centinaia di modelli da Dopo aver ritagliato la sagoma desiderata - e averne tagliuzzato
fotocopiare e riportare sul supporto di eventuali curve per far sì che il tessuto “girasse” bene e senza creare
irrobusti- antiestetiche piegoline - veniva rivoltato e stirato sul retro un bordino
mento/ perimetrale di mezzo centimetro circa. L’applicazione veniva poi
CONSIGLIO incollaggio oppure, per il imbastita in posizione e quindi fissata lungo tutto il perimetro con
Un valido alleato metodo classico, con carta piccoli punti invisibili. Successivamente si iniziò ad irrobustire il retro
dell’applicazione con flilesina termoadesiva (vd box sotto) e a cucire
da ricalco o un cartamodel-
Il ferro da l’applicazione con la macchina utilizzando il punto festone,
lo in cartoncino - sui tessuti.
stiro è indispensabile
pechè vi servirà sia per stirare
i tessuti che per incollare ... E COME SI FA OGGI
i supporti. In commecio
si trovano i mini ferri da Secondo Come dicevamo in apertura, l’appliqué oggi si può fare
stiro appositamente creati Step: in molti modi, eccone alcuni.
per le tecniche di cucito ritagliare ❖ con la carta termoBiadesiva (il metodo del nostro tutorial di pag. 46);
creativo: oltre ad essere più la sagoma. ❖ con il metodo tradizionale - cucita a mano a a macchina - senza
maneggevoli e quindi comodi Forbicine affilate da destina- o con i supporti (tipo fliselina): in questo caso la sagoma di tessuto
da utilizzare sulle piccole re esclusivamente ai tessuti dovrà essere di mezzo cm più grande di quella del supporto (bordino
sagome, scaldandosi molto da rivoltare);
leggeri sono lo strumen-
velocemente permettono un ❖ a macchina, tagliando il tessuto in eccesso dopo aver cucito lungo
to ideale per il taglio delle la sagoma disegnata: richiede abilità ed estrema attenzione nel
notevole risparmio energetico.
Una valida alternativa è sagome irregolari. Rotel- momento del taglio.
rappresentata anche dai ferri la, righello e piano di taglio
da viaggio. sono invece perfetti per le
forme regolari.

i Supporti
per irrobustire e incollare la sagoma sul fondo
Come anticipato, la tecnica trova oggi facilmente il termoBIadesivo: si tratta di uno
dell’appliqué è oggi semplificata strato sottile di adesivo protetto su entrambi i lati da
dall’utilizzo dei supporti che carta protettiva.
irrobustiscono il retro delle sagome L’adesivo, con il calore del ferro, fonde quindi,
di stoffa. Per la tecnica tradizionale, posizionato tra due strati di tessuto, li salda tra loro
potete irrobustire la sagoma con della impedendone lo sfilacciamento, ragion per cui non
semplice fliselina che però, essendo sarò più necessario rivoltare i bordi.
adesiva solo su un lato, aderirà solo sul Solitamente sono disponibili in tre diversi spessori a
retro della sagoma. seconda del peso del tessuto che devono incollare:
Per semplificare le cose anche in Italia si leggero, medio e pesante.

17

16_17_ SC3_SCUOLA APPLIQUEGV.indd 17 09/06/17 12:17


Tra le SCUOLE di questo numero ne dedichiamo una
al Riciclo perchè sappiamo per esperienza che quando
i tessuti sono ancora “buoni” e magari di un certo
pregio, sia per la qualità dei filati che per le fantasie, è
un vero peccato buttarli nella spazzatura. Quindi aprite
quell’archivio di vestiti o biancheria inutilizzabili e ... create!

come iniziare
Consigli, trucchi e astuzie

Il primo vero consiglio che ci sen- pronti all’utilizzo!) scampoli, indu- caso, cercate di evitare un accu-
tiamo di darvi è: organizzate il menti e biancheria. L’ideale sarebbe mulo compulsivo, trovando nel più
materiale. Se appartenete infat- poi suddividerli, se non per tonalità, breve tempo possibile l’idea riciclo
ti alla nutrita schiera di creativi che almeno per macro-colori: gialli, ros- in modo da avere materiale sempre
“non-butto-via-niente-perchè-prim- si, verdi ecc. All’interno dei colori poi, nuovo a disposizione.
a-o-poi-servirà”, presto avrete un in tipologie di tessuti: cotone, lino, Nella sezione
problema che non riguarderà sete, lane ecc. Quando “l’archivio” tutorial, troverete
solo voi, ma tutta la vostra fami- diventerà massiccio, l’ideale sareb- come abbia-
glia, ammesso che ne abbiate be catalogarlo in un elenco. In ogni mo riciclato un
ancora una che sopporta le vostre vecchio paio
stramberie! A parte gli scherzi, è di jeans trasfor-
importantissimo creare uno spa- mandoli in un
zio, in un armadio o in un ripostiglio utilissimo grem-
dove riporre, lavati, stirati (perchè biule da lavoro.
occupano meno spazio e sono già (vedi pag.50).

18

18_19_ SC3_SCUOLA RICICLOGV.indd 18 09/06/17 12:20


Terzo step: separate le varie parti
dell’indumento, conservando quelle
destinate ad un utilizzo futuro.
Primo step: Ad esempio, dei jeans non si butta
per questioni di igiene, ma anche via nulla: cinturini, tasche e chiusure
di praticità, la prima cosa da possono essere utilizzate separata-
fare è lavare il capo e piegarlo, mente.

IDEA!
meglio se con il ferro da stiro, così
occuperà meno posto. Vi ricordiamo
la possibilità, in fase
di lavaggio, di
infeltrire le
lane oppure
candeggiare Secondo Step: eventuali strappi
i colori per o altre parti danneggiate van-
ottenere no eliminate. ma, ricordatevi che Se invece di utilizzare il capo intero,
effetti avete anche la possibilità di ... preferite ricavarne degli scampoli,
particolari. “metterci una pezza,” o meglio, ritagliateli con le apposite forbici
un’appliqué (vd esempio a sinistra tagliacampioni per limitare
e pag. 16). lo sfilacciamento,

Un po' di consigli da ricordare


“Il mondo è pieno di cose ovvie che nessuno si prende mai la cura di osservare” Arthur Conan Doyle
Sembra infatti ovvio ATTENZIONE ALLE TARME
ma spesso ce ne
dimentichiamo: se un
indumento è diventato S e avete intenzione di riciclare anche
tessuti di lana, ricordatevi
di inserire degli antitarma,
troppo piccolo o, molto
più raramente, reperibili nei supermercati.
troppo grande, ma Questi fastidiosissimi insetti
è ancora utilizzabile, infatti tendono ad attaccare
ricordiamoci che c’è le fibre naturali e la lana in particolare,
sempre qualcun’altro soprattutto se un po’ vintage e riposti in
che ne ha bisogno. luoghi non arieggiati quotidianamente.
In tal caso portiamoli
nei centri raccola. MERCATINI DELL’USATO
Se invece è troppo E se siete momentaneamente a corto di materiale
rovinato, possiamo da riciclo ma avete visto - magari proprio sulle
tranquillamente riciclarlo nostre pagine! - un progetto che non può aspettare,
per le nostre creazioni visistate i mercatini dell’usato dove troverete “pane per
ricordandoci ...“ la vostra creatività.
che tutto può rinascere Digitando nel vostro motore di ricerca in Internet “mercatini
a nuova vita. dell’usato” seguito dalla vostra città, ne troverete moltissimi.

19

18_19_ SC3_SCUOLA RICICLOGV.indd 19 09/06/17 12:21


il cotone

Fibra tessile per eccellenza, il cotone Il più pregiato è il Sea Island, dalla
è ricavato dai peli (bambagia) che IL FILATO DI COTONE lunga fibra setosa, che viene usato
rivestono i semi della pianta omo- per le lavorazioni più raffinate.
nima. Originaria dell’India e delle La fibra di cotone viene La coltivazione è oggi concen-
lavorata e utilizzata
Americhe subtropicali la pianta del trata principalmente a Barbados,
per la produzione di
cotone venne importata in Euro- molti altri prodotti Antigua e Giamaica, aree che costi-
pa dagli arabi ma la fibra da essa tra cui i filati per tuiscono un vero e proprio paradiso
ricavata, ebbe un’ampia diffusione il cucito e per la climatico.
solo a partire dal XVIII secolo. Gra- lavorazione manuale La varietà chiamata Superfine St.
zie alla rivoluzione industriale infatti, a ferri o uncinetto. Vincent raggiunge i 50 e 60 millime-
con l’avvento delle nuove tecnolo- Per cucire, la regola un tri. II cotone egiziano è caratterizzato
gie, la produzione di tessuti e filati si tempo raccomandava di utilizzare il filato dalle sfumature del colore che
concentrò nel Regno Unito massi- uguale alla fibra del tessuto che si andava vanno dal giallo al bruno. I cotoni
ficando la produzione e la relativa a cucire. Il filo di cotone mercerizzato per peruviani Pima, pregiati come l’egi-
cucire, in realtà oggi è un po’ passato in
commercializzazione. ziano, hanno l’apparenza della lana,
secondo piano cedendo il passo ai filati
Esistono cotoni di diverse qualità a sintetici (poliestere), molto più resistenti, per cui sono spesso usati in miscela
seconda della provenienza. economici e disponibili in infinite con tale fibra. II cotone americano
Si classificano a seconda del “titolo” nouances. invece è a fibra corta e prende la
(solitamente il rapporto tra lunghez- Tuttavia, data l’assenza di elasticità, resta denominazione dalla provenienza:
za e peso), mentre la lunghezza insostituibile per la cucitura di stoffe Texas, Mississippi, Georgia, Orléans.
della fibra ne determina la qualità: delicate. I cotoni indiani hanno fibra anco-
più è lunga, più il cotone è lucente, ra più corta di quello americano e
resistente e pregiato. sono di qualità più scadente.

20

20_21_ SC3_tessutiFILATIGV.indd 20 08/06/17 11:40


CARATTERISTICHE IL COTONE BIO
Il cotone è una fibra leggera e robu- Il cotone da agricoltura biologi- I TESSUTI “AMERICANI”
sta al tempo stesso, non protegge ca – e non semplicemente cotone
dal freddo, come la lana, ma pro- biologico che, se è puro, è SEMPRE Con questa accezione vengono indicati,
tegge dal caldo, specialmente se si biologico per definizione - è coltivato da chi pratica il cucito creativo, i tessuti
indossano vestiti in cotone bianco. in campi protetti dove non vengono 100% cotone reperibili in una grande
Il cotone è molto delicato sulla pelle, utilizzati erbicidi o pesticidi di origi- varietà di colori e soggetti ispirati ad uno
può assorbire il bagnato fino al 20% ne chimica da almeno tre anni. Si stile tipico: motivi grafici floreali, animali,
del proprio peso e dirigerlo verso garantisce inoltre che durante tut- fantasie Paisley o quadretti Vichy, stampe a
l’esterno. I tessuti in cotone natura- ta le fase di produzione,w tessitura pois, stampe africane, stampe giapponesi,
stampe per bambini. Solitamente sono
le sono inoltre antistatici, resistenti, e finissaggio non vengano utilizzate stampati di ottima qualità e di elevata
insensibili alle tarme e possono esse- sostanze nocive ma che tutto ven- resistenza al lavaggio, infatti, i tessuti
re lavati in lavatrice a temperature ga eseguito a secco. Il tessuto risulta “americani” non dovrebbero restringersi
elevate. Dopo il lino e la lana, il coto- così non inquinante e anallergi- né perdere colore.
ne è la fibra tessile più antica. Il co, in quanto l’assenza di sostanze
tessuto di cotone è il più diffuso al chimiche riduce le allergie da con-
mondo: poco costoso, molto versa- tatto. II prodotti in cotone bio hanno
tile, assorbe perfettamente ogni tipo il vantaggio di mantenere le carat-
di colorazione. teristiche della fibra e di resistere più
a lungo.
Oltre ad un atteggiamento rispetto-
so nei confronti della natura, viene
garantita anche un’equa colla-
IL JERSEY borazione con i coltivatori. Infatti la
Il jersey non è propriamente un tessuto, coltivazione è controllata secondo
ovvero realizzato a telaio con trama e direttive internazionali che garan-
ordito, ma un tessuto a maglia e quindi a tiscono, non solo il basso impatto
struttura elastica, con superficie rasata o a
nido d’ape.Risulta elastico sia in lunghezza
ambientale per suolo, acqua e aria,
che in larghezza e può essere prodotto con ma anche sociale, per le persone
qualsiasi fibra tessile: le più usate sono il che lavorano nei campi di cotone.
cotone, la lana e la viscosa. I tessuti jersey
con fili elastan hanno un’elasticità superiore Per maggiori informazioni:
a quelli stretch e sono particolarmente www.icea.info/it/perche-bio/bio-tessile
adatti alla confezione di abbigliamento
sia femminile che maschile, e sportivo. Il cotone per
Ritenuto inadatto alla sartoria, diventò imbastitura
di moda quando, nel 1916, la è molto meno
stilista Coco Chanel lo impiegò
per le sue creazioni. A pag. 54
resistente e
troverete un tutorial semplicissimo adatto solo per
per provare a cucire questo tessuto cuciture tem-
che, sebbene molto pratico perchè poranee fatte a
non necessita di stiratura, ha però mano.
bisogno di qualche accortezza in più.

Il cotone e la creatività
Il tessuto che più di ogni altro ispira il faidate
Oltre al massiccio utilizzo del tessuto e decorazioni e accessori, sia per la persona
dei filati di cotone per la confezione e la che per la casa. I motivi sono molteplici:
lavorazione di capi di abbigliamento e di anzitutto la semplicità nella lavorazione,
teleria, a noi interessa l’aspetto creativo! il cotone non ci sfilaccia e si drappeggia
Il tessuto di cotone infatti è quello in con facilità, la vastissima diffusione e la
assoluto più utilizzato per il cucito creativo: conseguente facilità di reperimento, il costo
patchwork e appliqué in primis ma anche contenuto e la vastissima scelta per peso,
per il semplice confezionamento di qualità e fantasie.

21

20_21_ SC3_tessutiFILATIGV.indd 21 08/06/17 11:40


Con questo termine nei paesi di lingua anglosassone
chiamano tutto il tessile per la casa: dalle tende ai rivestimenti
per divani e poltrone, dai tovagliati per la cucina e la sala da
pranzo alla biancheria per il letto e il bagno. Ciò che per le
nostre mamme e nonne rappresentava “la dote” e che oggi è
rappresentato dal più divertente e veloce cucito creativo.

come fare i cuscini


I modelli base

Sui cuscini ed il modo di di vario genere su uno o entrambi essere collocato praticamente in
realizzarli, potremmo scrivere i lati. ogni ambiente. Dal classico divano
un’enciclopedia, tanto è vasto Quanto poi al successivo utilizzo ai modernissimi cuscini
l’argomento. non v’è che l’imbarazzo della da letto - decorativi e non solo
Iniziamo col dire che il cuscino è scelta: con decine di forme e usati come guanciale - per
un ottimo, se non proprio il migliore, dimensioni diverse infatti, può passare poi in cucina, studio,
progetto col quale iniziare a terrazzi e persino per l’auto.
mettere a frutto le basi del cucito. Nel nostro tutorial di pag. 32 vi
Infatti è il più semplice metodo di insegniamo a realizzarne ben tre:
confezionamento tridimensionale uno semplice per una poltroncina
(prevede due lati ed, country; uno rettangolare con
eventualmente, uno spessore) romantiche applicazioni
che, grazie al fatto di essere e il terzo appositamente
generalmente piatto, può studiato per uno dei nostri
ospitare decorazioni amici a quattro zampe.

22

22_23_SC3_SCUOLA CUSCINIGV.indd 22 09/06/17 12:25


Le imbottiture: potete anche iniziare
con il rivestire un vecchio cuscino.
Eliminate la fodera esistente e se
necessario lavatelo; una volta
asciutto, misuratelo e confezionate il
nuovo rivestimento su misura.
Se invece preferite comprare
l’imbottitura, ricordatevi che esistono
in commercio quelle già rivestite con
una fodera in tessuto (ma sarete
limitati da forme e misure) oppure
quelle in materiale sciolto. Questo
“materiale” può essere naturale
Materiali - lana, piuma o cotone - oppure
❖ Tessuti di ogni genere, anche rici- sintetico, compatto (blocchi/fogli)
clati, come ad es. vecchie tende o oppure in fiocchi. Insomma, non
lenzuola c’è che l’imbarazzo della scelta:
❖ Filo da cucire in tinta con il tessuto. per i nostri progetti, generalmente
❖ Abbellimenti: nastri, passamanerie, utilizziamo materiale sintetico (più
applicazioni, bottoni, pizzi e qualsiasi economico e pratico) ma nulla vi
cosa sia cucibile vieta di imbottire con del pregiato
❖ Imbottiture piumino o fresco cotone.

Un po' di consigli da ricordare


Ad ognuno il suo cuscino: la comodità prima di tutto
LE MILLE FORME IDEA BIO
DEL COMFORT

P erchè non imbottire piccoli cuscini

S pesso le forme con noccioli di ciliegia o altri


dei cuscini non sono elementi naturali? Il cuscino imbottito
solo decorative ma studiate con i noccioli può essere scaldato
appositamente per adattarsi in microonde e, nei mesi invernali,
a uno spazio ben definito diventare una piacevole fonte di tepore.
(coprisedie) o per aggiungere E per l’estate? Provate la pula di miglio o
comodità a schienali troppo farro reperibile nei negozi di articoli biologici.
rigidi o con inclinazione
inadeguata; ecco dunque
i cuscini a rullo (o alla IDEA RICICLO
francese) o quelli alti e tondi,
ideali come poggiapiedi o Non avete a portata di mano
per i nostri amici a quattro imbottiture specifiche? Aprite la
zampe. Quindi, scegliete la vostra scatola di indumenti da
forma e la grandezza che riciclare e riducete a striisce i
vi garantiscono il miglior più morbidi (pile, jersey ecc.):
comfort. ottime imbottiture a costo zero!

23

22_23_SC3_SCUOLA CUSCINIGV.indd 23 09/06/17 12:25


Come accorciare un paio di jeans
(o altri pantaloni sportivi) con “piego e ripiego”

Cosa c’è di più utile del saper fare un orlo ad un paio


di jeans in completa autonomia? Seguite la nostra guida
per diventare subito “esperte accorciatrici”!

gli orli
dei JEANS
Esecuzione
OCCORRENTE
❖ Ago per macchina da cucire
da 90/100/110 (a seconda dello
spessore del tessuto)
1 Indossate il pantalone e segnate la
lunghezza ripiegando all’interno il
tessuto. Se non potete farvi aiutare da
❖ Filo di cotone 50 blu e filo 50 o 70 qualcuno, non preoccupatevi, magari
dello stesso colore delle impunture farete più tentativi: abbassandovi per
(il numero indicata il titolo, ovvero lo piegare il tessuto infatti, potreste perdere
spessore) i riferimenti ma, alla fine. troverete la
❖ Gesso per sarta di cera lunghezza giusta. Indossate le scarpe
❖ Forbici che pensate di mettere con il pantalone
❖ Centimetro e spilli e puntate gli spilli attorno alla gamba.
❖ Ferro da stiro Basterà segnare l’orlo solo in una gamba,
la stessa misura la riporterete sull’altra.

24

24_26_ SC3_SCUOLA RAMMENDO.indd 24 09/06/17 12:27


A

2 Disponete il pantalone sul tavolo e posizionate gli spilli


sulla piegatura del nuovo segno (A) 5 Se, come nel nostro esempio l’orlo originale si trovasse sul
margine di cucitura, scucitelo per ottenere un lavoro più
pulito.

3 Riportate in fuori la piegatura e verificate la misura. Nel


nostro esempio, oscilla tra i 3,5 e 4 cm. Se il pantalone
non è stato mai lavato, prendete in considerazione la misura
inferiore, lasciando quel mezzo cm di abbondanza per un
eventuale accorciamento del tessuto. Se si tratta di un jeans,
avrà giò subito svariati trattamenti e lavaggi e quindi non
c’è pericolo che si accorci ulteriormente. 6 Segnate 4 cm dall’orlo finito e tagliate il tessuto in
eccesso, poi segnate la prima piegatura a 2 cm.

4 Segnate con il gesso la misura tutt’intorno, questo segno


indica la piegatura dell’orlo finito. Decidete quindi a
quale distanza fare l’impuntura, in modo da determinare il
punto di taglio. Volendo fare un orlo pieno - cioè ripiegato
due volte - e un’impuntura a 2 cm, ci serviranno 2+2 cm
di tessuto; volendo invece fare l’impuntura a 1 cm, ci
occorreranno 1+1 cm di tessuto. 7 Piegate di due centimetri e spillate oppure, se vi sentite
sicure, fissate la piega solo con il ferro.

25

24_26_ SC3_SCUOLA RAMMENDO.indd 25 08/06/17 11:47


8 Per evitare spessori, tagliate l’angolo. Ripiegate ancora 2
cm, ottenendo così un orlo pieno. 11 Procedete per tutto il perimetro “a riva” della piegatura
e, a conclusione del giro, fate due punti indietro per fer-
mare i punti.

Accessori
La prima difficoltà che
incontrerete nella cucitura
dell’orlo sarà lo spessore
delle cuciture della
gamba. In questo tratto
il piedino, incontrando
un dislivello, avrà infatti
difficoltà a procedere. Esiste in commercio un
piedino per jeans che può facilitare la cucitura,
ma se imparerete a cucire con il piedino basico in

9 Nella spolina della macchina, avvolgete del filo per le


impunture. L’impuntura avrà così un bell’effetto simile
all’originale. Nella macchina potete infilare un colore
dotazione, saprete cavarvela in molte situazioni!
Un ago lungo e spesso (da materasso), per
esempio, può essere di aiuto in questi dislivelli.
simile al pantalone, blu nel caso del jeans. Usate un ago
abbastanza spesso, numero 80, 90 o, nel caso di un tessuto
molto spesso, anche 100. PIEDINI. Come dicevamo, in commercio
sono reperibili piedini specificamente
studiati per le moderne macchine da
cucire per eseguire cuciture su tessuto
jeans, in particolare nei punti più difficoltosi
come la piega e le cerniere lampo. Lo speciale
snodo con cui è stato progettato, permette di salire
anche su pieghe particolarmente alte: utile anche
su pantaloni in velluto a coste, tute da lavoro e tutti
quei capi che hanno cuciture ribattute.

Un altro accessorio che può rivelarsi utile


è lo SPESSORE PER PIEGHE. Si tratta di
una soletta in plastica per cucire nelle
pieghe dei tessuti. Invece di forzare il
piedino a superare dei dislivelli impegnativi,

10 Iniziate a cucire in prossimità della cucitura dell’interno


gamba. Allungate leggermente la lunghezza del punto.
Mentre cucite, con la punta dell’agone potete controllare
si inserisce la soletta sotto al piedino nella parte
posteriore, la macchina avanzerà senza difficoltà. Il
prezzo di questo accessorio non è impegnativo, ma
l’avanzamento del tessuto e “spingerlo” quando il trasporto anche un piccolo rettangolo sagomato di cartone
del tessuto inizia a rallentare. Procedete lentamente, senza spessorato potrà sostituirlo.
fretta, risulteranno così punti regolari.

26

24_26_ SC3_SCUOLA RAMMENDO.indd 26 09/06/17 12:32


ABBONATI SUBITO!
L
DE

24 ,99€ invece
O

%
NT

9
O
SC
40€ di 35,
2 a
 um
n
o
n n er i

Potrebbero interessarti anche:

VERSIONE
DIGITALE IN
OMAGGIO! Le Borse di Mirtilla Torte della Nonna
29,90€ sconto del 16% 3,90€ su www.sprea.it

PERCHÉ ABBONARSI: COUPON DI ABBONAMENTO


• Prezzo della rivista bloccato per un anno
• Sicurezza di ricevere tutti i numeri Sì! Mi abbono a A Scuola di...
Riceverò  numeri a soli , euro anziché , euro con lo sconto del %

SCEGLI IL METODO PIÙ ❏ Inviate A scuola di... al mio indirizzo:


Tagliare lungo la linea tratteggiata - Puoi anche fotocopiarlo per non rovinare la rivista

COMODO PER ABBONARTI: Cognome e Nome


Via N.
CHIAMACI E ATTIVEREMO INSIEME Località CAP Prov.
IL TUO ABBONAMENTO
Tel. email
•TELEFONA al N. 02 87168197
Dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle 13,00 e dalle 14,00 alle ❏ Scelgo di pagare così:
18,00. Il costo massimo della telefonata da linea fissa è pari a Con bonifico IBAN IT14S0760101600000056565716- intestato a Cigra 2003 S.r.l.
una normale chiamata su rete nazionale in Italia. Con il bollettino intestato a Cigra 2003 S.r.l. Via Raimondo Franchetti 2 - 20124 (MI)
conto postale N° 56565716
•ONLINE www.sprea.it/ascuoladi Con carta di credito: Visa American Express Diners Mastercard
•FAX invia il coupon al N. 02 56561221 Numero
•POSTA Ritaglia o fotocopia il coupon seguendo le Codice di tre cifre che appare
istruzioni a lato e inviacelo insieme alla copia della ricevuta di Scad. (mm/aa) sul retro della carta di credito
pagamento via fax o mail (abbonamenti@myabb.it).
Firma
• CONTATTATECI VIA SKYPE/WHATSAPP
❏ Regalo A scuola di... (quindi non speditelo al mio indirizzo sopra) a:
3206126518 Cognome e Nome
abbonamenti.sprea Valido solo per i mesaggi Via N.
Località CAP Prov.
Informativa ex Art.13 LGS 196/2003. I suoi dati saranno trattati da Sprea SpA, nonché dalle società con essa in rapporto
di controllo e collegamento ai sensi dell’art. 2359 c.c. titolari del trattamento, per dare corso alla sua richiesta di abbona-
Tel. email
mento. A tale scopo, è indispensabile il conferimento dei dati anagrafici. Inoltre previo suo consenso i suoi dati potranno
essere trattati dalle Titolari per le seguenti finalità: 1) Finalità di indagini di mercato e analisi di tipo statistico anche al
fine di migliorare la qualità dei servizi erogati, marketing, attività promozionali, offerte commerciali anche nell’interesse
Il beneficiario del tuo abbonamento riceverà una mail dove gli verrà comunicato il regalo
di terzi. 2) Finalità connesse alla comunicazione dei suoi dati personali a soggetti operanti nei settori editoriale, largo
consumo e distribuzione, vendita a distanza, arredamento, telecomunicazioni, farmaceutico, finanziario, assicurativo,
automobilistico e ad enti pubblici ed Onlus, per propri utilizzi aventi le medesime finalità di cui al suddetto punto 1) e
Compila, ritaglia e invia questo coupon in busta chiusa a:
2). Per tutte le finalità menzionate è necessario il suo esplicito consenso. Responsabile del trattamento è Sprea SpA via
Torino 51 20063 Cernusco SN (MI). I suoi dati saranno resi disponibili alle seguenti categorie di incaricati che li tratteran- Sprea Spa - Servizio abbonamenti - Via Torino ,  Cernusco Sul Naviglio (MI)
no per i suddetti fini: addetti al customer service, addetti alle attività di marketing, addetti al confezionamento. L’elenco
aggiornato delle società del gruppo Sprea SpA, delle altre aziende a cui saranno comunicati i suoi dati e dei responsabili oppure invialo via mail
potrà in qualsiasi momento essere richiesto al numero +39 0287168197 “Customer Service”. Lei può in ogni momento
e gratuitamente esercitare i diritti previsti dall’articolo 7 del D.Lgs.196/03 – e cioè conoscere quali dei suoi dati vengono Accetto di ricevere offerte promozionali e di contribuire Accetto che i miei dati vengano comunicati
trattati, farli integrare, modificare o cancellare per violazione di legge, o opporsi al loro trattamento – scrivendo a Sprea
SpA via Torino 51 20063 Cernusco SN (MI). con i miei dati a migliorare i servizi offerti (come specificato a soggetti terzi (come indicato al punto 2
al punto 1 dell’informativa privacy): ❏ SI ❏ NO dell’informativa privacy): ❏ SI ❏ NO

OFFERTA VALIDA SOLO PER L’ITALIA


Breve guida alla scelta della macchina

Elettronica
o meccanica
La prima, importante decisione, prima di procedere all’acquisto,
è capire cosa ci serve

Una macchina elettronica possiede una scheda a cui metalliche, per la parte dedicata alla cucitura vera e
sono collegati dei pulsanti per la selezione del punto, propria (la struttura dov’è montato l’ago e l’ago stesso).
una macchina da cucire meccanica invece, possiede Esistono però plastiche di diversa qualità e, com’è facile
delle manopole che permettono di selezionare i punti, immaginare, quelle più scadenti sono soggette a faci-
utilizzando. appunto. un principio meccanico. li rotture e a un’usura più rapida rispetto a modelli più
In termini di longevità, qualità dei risultati e del prodot- robusti. Inoltre, anche le leghe della struttura interna pos-
to in sé, non esistono delle differenze tra le due tipologie sono variare ed essere di un ottimo e duraturo metallo,
di macchina che, infatti, rappresentano due alternati- oppure caratterizzate da una fattura più scadente e ine-
ve intercambiabili per quanto riguarda l’affidabilità e la vitabilmente destinata a durare meno.
robustezza. In particolare, poi, dalla qualità delle leghe metalliche
Una macchina che permet- utilizzate per la parte
ta di cucire praticamente che custodisce l’ele-
ciò che si desidera (ma mento più importante
senza realizzare deco- di una macchina da
ri o tecniche particolari) cucire, ossia l’ago,
dovrebbe possedere alme- dipendono le presta-
no i due punti base: zioni dell’apparecchio,
• Il punto lineare: serve per i materiali che sarà in
realizzare la classica cucitu- grado di lavorare e
ra che consiste in una linea anche la facilità con
retta cui si infilerà il filo all’in-
• Il punto zig zag: realizza terno della cruna.
una linea dalla tipica forma In commercio si trova-
a zig zag la cui fittezza dei no diversi marchi che
punti può essere persona- producono macchine
lizzata. da cucire sia mecca-
È molto importante che la niche che elettroniche
macchina da cucire per- ed è importante
metta di selezionare due preferire un brand
elementi: la lunghezza e conosciuto in quan-
la larghezza del punto, cioè per esempio quanto lar- to questo può garantire, non solo l’efficienza del prodotto
go debba essere lo zig zag o altri tipi di punto. Questo vi ma, soprattutto, l’affidabilità di utilizzo di materiali di quali-
permetterà di adattare le cuciture al tipo di tessuto da tà e sicuri.
lavorare e anche di effettuare delle scelte creative e di sti- Risulta conveniente per l’utente rivolgersi ad aziende che
le personale. poi risultino presenti anche nella fase di post-vendita, nel
Per quanto riguarda la produzione di macchine da cuci- caso in cui ci fosse bisogno di riparare l’apparecchio,
re di tipo domestico, ricorrono sempre gli stessi materiali, acquistare un pezzo di ricambio oppure contattare un
ovvero la plastica, per la struttura principale esterna e servizio di assistenza al cliente per qualsiasi imprevisto o
anche per il pedale di funzionamento e delle leghe evenienza.

A fianco potete vedere due macchine


elettroniche e due meccaniche; i prezzi
variano notevolmente a seconda
delle prestazioni ma spesso i produttori e
i rivenditori promuovono offerte
molto vantaggiose.

28

28_30_SC3_ATTREZZATURA2 prova vedere.indd 28 08/06/17 15:47


Janome it 1028
Macchina meccanica entry level

GUIDAFILO SUPERIORE SELETTORE PUNTO


LEVA TENDIFILO
SELETTORE LUNGHEZZA PREZZO
TENDIFILO
DI LISTINO:
INDICATORI LARGHEZZA E LUNGHEZZA PUNTO € 319,00
http://janome.it/
macchine/it1028/
ROTELLA REGOLAZIONE
TENSIONE FILO
12 TIPI DI PUNYI

VOLANTINO
TAGLIAFILO
INFILA-AGO LE NOSTRE CONSIDERAZIONI
ACCENSIONE
Lia, la nostra esperta, ci dice che per iniziare ad
usare la Janome 1028 non serve neanche il
PLACCA AGO libretto di istruzioni tanto è facile ed intuitiva. Dato
l’ingombro ed il peso limitati, si sposta agevolmente
da una stanza all’altra e può essere riposta con
semplicità nei periodi di inattività.
Il caricamento della spoletta inferiore ed il suo
alloggiamento è estremamente semplice, così
come l’infilatura. Nel giro di pochi minuti anche
chi non ha mai usato una macchina da cucire è
pronto per iniziare a creare con stoffe, nastri e
passamanerie. Moltissimi anche gli accessori e i
piedini disponibili separatamente che permettono
di accedere a lavorazioni e tecniche più complesse
e sofisticate. L’abbassamento del trasporto,
permettendo di eliminare temporaneamente il
Perfetta per chi vuole iniziare a cucire CARATTERISTICHE trasporto a carico delle griffe, consente anche il
e per un uso domestico (orli, riparazio- ricamo a mano libera (free motion).
ni ecc.). L’estrema facilità d’uso infatti e Macchina per cucire meccanica
l’ampia gamma di punti e funzioni la ren- Braccio libero
de perfetta per utenti alle prime armi ma Crochet oscillante
desiderosi di cimentarsi con punti e crea- 12 tipi di punti cambiabili, il semplice disinnesto del
tività. La macchina, semplice e affidabile, Asole automatiche filarello, il crochet oscillante frontale, che,
offre la possibilità di usare dodici punti, sia in quattro tempi come dice il nome, oscilla,e si differenzia
funzionali che decorativi, compresa l’aso- Massima larghezza da quello rotativo che, invece ruota. Sul-
la in quattro tempi. del punto 5 mm le macchine basiche è montato questo
Il braccio libero è ideale per realizzare tut- Massima lunghezza tipo di crochet che potrebbe risultare più
ti i tipi di cuciture tubolari (polsi, gambe di del punto 4 mm rumoroso e meno robusto.
pantaloni ecc.) e per i progetti più piccoli Doppia alzata del piedino La lunghezza del punto è variabile fino a
(cucito creativo). Abbassamento del trasporto 4 mm e la larghezza fino a 5 mm. Presen-
L’ampio e comodo pannello consente ti anche infila ago automatico, tagliafilo
Taglia filo
la visualizzazione di tutti i punti, mentre la a lama, una buona illuminazione per la
leva marcia indietro permette la fermatu- Infila ago cucitura e una comoda maniglia per il
ra dei punti. Custodia morbida trasporto.
La macchina favorisce la penetrazione
dell’ago su ogni tipo di tessuto; il solleva-
mento extra del piedino è regolabile e
consente una migliore cucitura sui tessuti DOVE TROVARLA
particolarmente pesanti. Sul sito www.rimoldi1881.it
Ulteriori caratteristiche della macchina Rimoldi - Piazza 24 Maggio, 6 - 20123 Milano
sono i piedini a scatto facilmente inter- Tel 02 58100145 - 02 8358153 - info@rimoldi1881.it

29

28_30_SC3_ATTREZZATURA2 prova vedere.indd 29 08/06/17 15:47


piedini e accessori
Conosciamoli insieme
La vostra macchina da cucire è piedini che potrebbero facilitare e anche piedini compatibili o univer-
sicuramente dotata di almeno un velocizzare la cucitura, sia che si tratti sali che si adattano a molti modelli,
piedino standard. Questo sarà quel- di applicare cordoni e nastri, sia che spesso venduti in kit. In questa sezio-
lo che utilizzerete nella maggior si tratti di cucire tessuti o materiali ne spiegheremo uso e impiego di
parte delle occasioni, sia che usia- particolari. Ogni marca di macchi- piedini particolari, che potreste avere
te un punto dritto o zig zag e con na da cucire ha un rivenditore al già in dotazione ma che, per pigri-
la maggior parte dei tessuti. Tutta- quale potrete rivolgervi per l’acqui- zia, o non conoscenza, non vengono
via, esistono in commercio molti altri sto di piedini originali. Esistono però mai utilizzati.

PIEDINO BORDATORE
itiae SUGGERIMENTO Il piedino bordatore per l’applicazione di sbiechi universali si uti-
Per il piedino che, lizza per creare dei bordi di rifinitura, con sbiechi già pronti in varie
; oltre ad applicare larghezze, in una sola operazione. La larghezza massima dello
lo sbieco lo forma, sbieco utilizzabile è solitamente di 4 cm (misura finita a vista 2 cm).
,
vd pag. 10 Questo piedino consente di tenere lo sbieco in posizione quan-
ta, C. do lo si utilizza per bordare perimetri lineari, ma non è consigliato
rum per curve troppo strette, angoli, o con tessuti di alto spessore. Nel
modello che vedete nella foto, con la vite posta anteriormente al
e piedino si regola la larghezza dell'apertura per lo sbieco, men-
tre, con la rotella accanto al piedino, viene regolata la posizione
dell’ago sullo sbieco.
Lo sbieco viene piegato a metà e inserito nella scanalatura, facen-
dolo scorrere fin dietro il piedino e regolando la larghezza con la
vite anteriore. Una volta agganciato il piedino alla macchina, con
la rotella viene regolata la posizione dell’ago. Selezionato il punto
(preferibilmente dritto o zig zag stretto) si inserisce il tessuto da rifini-
re e si cuce tenendolo ben aderente alla scanalatura.

PIEDINO TRASPORTATORE PREZZI


A meno che non abbiate una macchina da cucire a doppio tra- Sia online che dai
sporto, in tutte le altre (industriali e domestiche) il trasporto del rivenditori di mac-
tessuto inferiore e superiore avviene in modo diverso. chine da cucire,
Sotto la placca ci sono le griffe che, con il loro movimento, fanno troverete prezzi
avanzare il tessuto, ma sopra, sotto il piedino premi-stoffa, lo sposta- differenti a secon-
mento del tessuto avviene per scivolamento e attrito a carico dello da della marca ma,
strato sottostante. La conseguenza è che lo strato inferiore di tessu- indicativamente,
to avanza più velocemente di quello superiore lasciando indietro questi piedini van-
quest’ultimo. Il piedino a doppio trasporto è un vero aiuto nel- no da un minimo di
la lavorazione di stoffe difficili, imbottiture, di tessuti spessi a € 15 a un massimo
quadri e righe, che risulteranno perfetti. Questo piedino aiu- di € 20.
ta la macchina da cucire a trasportare
il tessuto in maniera più regolare per- SUGGERIMENTO
chè viene tenuto fermo e trasportato Quando avrai
dalle griffe superiori e inferiori. È parti- imparato ad usare
colarmente indicato per il quilting a il piedino
macchina e per il cucito con materia- trasportatore,
li poco scorrevoli (velluto o fustagno, ad non sarà pià
esempio). Spesso è venduto insieme necessario imbastire
alla barra spaziatrice che fa da guida il lavoro prima di
alla trapuntatura. eseguire le cuciture!

30

28_30_SC3_ATTREZZATURA2 prova vedere.indd 30 08/06/17 15:47


i tutorial
per imparare
adesso che hai imparato
le tecniche e i trucchi,
mettile in pratica con progetti
utili e divertenti per te
e per la tua casa: dai cuscini
al portateglia, passando
per il “furbo” riciclo

31_cover tutorial.indd 31 07/06/17 15:26


Rortatutto
C
uscino
Scuola di Soft Furnishings a pag. 22

OCCORRENTE

❖ 44x45 cm di cotone tinta unita (davanti)


❖ 44x60 cm di cotone tinta unita (dietro)
1 INIZIATE COL RIPIEGARE I BORDI DI 2 CM.
nei tre tessuti tagliati. Piegate 1cm
più 1 cm, cucite con impuntura *con
❖ 44x23 cm di cotone fantasia (tasche) a riva* a 1 cm. Per le meno esperte: CUCITURA
❖ 27x5 cm cotone fantasia (lacci) ripiegate margini di cucitura con il A RIVA si
❖ Cuscino 42x42 cm (imbottitura) ferro ed eventualmente imbastite. intende
❖ Forbici e spilli Se piegate il tessuto mentre cucite, un’impuntura
fate attenzione che non si arricci: effettuata a
I margini di cucitura di 1 e 2 cm tirate delicatamente verso di voi il ridosso del
sono compresi nelle misure tessuto opponendo così resistenza bordo piegato
al trasporto.

32

32_37_SC3_CUSCINITUTORIALGV.indd 32 09/06/17 13:50


2 POSIZIONATE GLI OGGETTI SUL TESSUTO
FANTASIA e, segnate gli ingombri.
Fissatelo con una cucitura perimetrale
sul tessuto per il davanti. Eseguite
quindi le cuciture verticali per
delimitare gli spazi segnati.

3 ASSEMBLATE I DUE LATI, davanti e dietro,


dritto contro dritto: ripiegando il
tessuto del dietro sul davanti di 15 cm.
Fissate con gli spilli o imbastite.
Cucite sui tre lati creando il risvolto
e rifinite i bordi con la tagliacuci
o lo zig-zag.

A B

4 RIVOLTATE SUL DRITTO, avendo cura di


spingere in fuori gli angoli. 5 PREPARATE I LACCI: piegate a metà le
strisce sulla lunghezza e cucitele
a 1 cm dal bordo. sul lato corto fate
una cucitura obliqua (A) eliminate
l’eccesso e rivoltate sul dritto. Con il
ferro da stiro appiattire la cucitura (B).

6 POSIZIONATE E CUCITE I LACCI sul bordo


di apertura davanti del cuscino
come in foto (A) e, sul retro,
in prossimità della piegatura, facendo
attenzione a prendere solo uno strato
di tessuto (B).

A B

7 RIBALTATE IL NASTRO e cucite


un’impuntura in modo da bloccarlo
sul davanti (A); ripetete per i lacci sul
retro (B) il segno tratteggiato rosso
indica la piegatura del tessuto. Inserire
l’imbottitura.

A B

33

32_37_SC3_CUSCINITUTORIALGV.indd 33 09/06/17 13:51


sagome nel cartamodello allegato

Romantico
OCCORRENTE

C
❖ Cotone grigio a cuori:
32x62 cm (davanti)
14x62 cm (dietro superiore)

uscino
23x62 cm (dietro inferiore)
❖ 2 mt passamaneria
❖ 30x15 cm cotone bianco
❖ Ritaglio di fliselina
❖ Cerniera di 50 cm
❖ Cuscino 60x30 cm (imbottitura)
❖ Forbici e spilli
❖ Carta da ricalco e matita

34

32_37_SC3_CUSCINITUTORIALGV.indd 34 08/06/17 15:52


1 CON LA TAGLIACUCI, o con lo zig-zag,
sorfilate i bordi dei rettangoli (A).
Cucite quindi la cerniera sul retro:
con il ferro da stiro, piegate i margini
di cucitura di 3 cm del dietro superiore
(nel seguito, per brevità, SUP) e
di 2 cm quello inferiore (INF) (B).

A B

3 APPOGGIATE IL BORDO RIPIEGATO del


dietro INF sul nastro della zip e, con
il mezzo piedino per le lampo, cucite
con impuntura “a riva” (A). Appoggiate
quindi il nastro opposto della lampo sul
margine della piegatura del tessuto
SUP in corrispondenza del sorfilo (B)
e cucite (C). Avrete così sul davanti
l’aletta di copertura della zip.
Piegate il tessuto e fate un’impuntura
A B C D
sul dritto del tessuto (D).

4 CUCITE LA PASSAMANERIA SUL PERIME-


TRO del davanti (A), Lasciate uscire
l’estremità del nastro (B) e cucite la
passamaneria morbida sul perime-
tro prestando attenzione a non tirare,
soprattutto sugli angoli (C).

A B C

6 Riportate e ritagliare i cuori, due


grandi e due piccoli (cartamodello
allegato) e posizionateli sul davanti
(A). Se il tessuto fosse troppo leggero,
rinforzatelo con la fliselina (B).
Sul rovescio del tessuto, in
corrispondenza dei cuori, posizionare
la fliselina e bloccatela con degli spilli
o un’imbastitura (C).
A B C

8 Con un punto a zig-zag, cucite i


cuori in posizione (A).
Posizionate quindi il davanti sul dietro,
dritto contro dritto (B).
Fissate con gli spilli e cucite lungo
tutto il perimetro. Rivoltate il lavoro
estraendo accuratamente gli angoli.

A B

35

32_37_SC3_CUSCINITUTORIALGV.indd 35 08/06/17 15:53


sagome nel cartamodello allegato

japan style
C
OCCORRENTE

uscino
❖ 52x52 cm di cotone
pesante fantasia
❖ 310 cm nastro gros-grain
tinta unita alto 7cm
❖ 160 cm di fettuccia
in tinta
❖ cerniera di 100 cm
❖ 49x14cm (altezza)
di gommapiuma rigida
❖ Forbici e spilli

36

32_37_SC3_CUSCINITUTORIALGV.indd 36 08/06/17 15:53


1 RIPORTATE I DUE CERCHI sul
retro del tessuto fantasia
(cartamodello allegato) e
2 FISSATE IL BORDO
DEL NASTRO DELLA
CERNIERA sul bordo del
ritagliateli. Se il tessuto non tessuto con gli spilli
fosse sufficientemente rigi- e cucite a margine
do irrobustitelo con della (A). Se l’avete, con
fliselina adesiva. il mezzopiedino o
Con il ferro ripiegate il mar- piedino per cerniera,
gine di cucitura di la cucitura vi verrà più
1,5 cm con il ferro da stiro. vicina ai denti della
A B
cerniera (B).

3 SPILLATE IL NASTRO GROS-GRAIN sull’altro


lato della cerniera e cucite (A).
Sul resto della circonferenza, non
interessata dalla cerniera, segnate a
1 cm l’appoggio del nastro. Cucite il
nastro con un piccolo punto zig-zag
(B).
per facilitare la
cu
apritela, prima di citura della cerniera,
cucire
A B il secondo lato
in posizione

4 UNITE LE DUE ESTREMITÀ del gros-grain


per chiudere il cilindro (A).
Per raddoppiare l’altezza del cilindo,
dovrete unire il secondo pezzo
di gros-grain: per l’unione userete
la fettuccia come supporto.
Cucitela quindi al bordo inferiore
del gros-grain (B).
A B

5 ACCOSTATE
il secondo
pezzo di gros-
6 CUCITE IL SECONDO DISCO
DI TESSUTO. Segnate
lungo la circonferenza il
grain sulla centimetro di cucitura:
fettuccia l’appoggio del gros-
appena cucita grain. Per avere una
e uniteli con lo distribuzione omogenea
zig-zag piccolo del tessuto, dividete il disco
già utilizzato. in 8 parti (A) e segnate i
punti. Spillate allo stesso
A B
modo anche il gros-grain
(B). Appoggiate il nastro
sul perimetro e cucite

7 A CUSCINO FINITO, cucite


un’impuntura lungo il
bordo di cucitura tessuto
con un piccolo zig-zag
facendo coincidere i punti
del nastro con quelli del
gros-grain su entrambe le tessuto.
circonferenze.

37

32_37_SC3_CUSCINITUTORIALGV.indd 37 08/06/17 15:54


23,5 CM
sagome nel cartamodello allegato

PARTATEGLIA per

38

38_41_SC3_COPRITEGLIAGV.indd 38 08/06/17 12:05


TECNICHE UTILIZZATE BORDATURA-CUCITURA DRITTA-CUCITURA ZIG ZAG
Scuola di Trapunto a pag. 8
85 CM

2 CM 2 CM

33,5 CM
13 CM TESSUTO TRAPUNTATO ROSSO E BIANCO 13 CM

88,5 CM
TESSUTO TRAPUNTATO BIANCO
23,5 CM

23,5 CM
OCCORRENTE
❖ 90x35 cm di tessuto
trapuntato rosso/bianco
1 SPILLATE il cartamodello sul tessuto
trapuntato a pois e tagliate
seguendo il perimetro del modello
(se trapuntate il tessuto, con un’abbondanza di 1,5 cm per le
seguendo la SCUOLA cuciture.. Con la rotella, tagliate anche
di pag. xx, vi occorreranno due i cerchi (vd particolare sotto).
rettangoli di 100x40 cm
e un foglio di ovatta
di 100x40 cm)
❖ 90x25 cm di tessuto trapuntato
bianco
❖ 5 mt di sbieco con bordi
ripiegati rosso a pois bianchi
❖ 30 cm di nastro velcro
bianco alto 2 cm
❖ 2 mestoli di legno lunghi

r
almeno 40 cm
❖ Filo in tinta (sbieco) e bianco
❖ Forbici, rotella da taglio,
ago e spilli
❖ Cartamodello ingrandito
in misura

39

38_41_SC3_COPRITEGLIAGV.indd 39 08/06/17 12:05


5 CUCITE IL VELCRO SUI LATI LUNGHI
del rettangolo bianco (servirà per
chiudere,vd foto), posizionando i lati
“femmina” (quelli piu’ morbidi) sul
rovescio di una delle due ali e i lati
“maschi” (più rigidi) sul dritto dell’ala
opposta.

PER LE MENO ESPERTE


In commercio esistono velcri con una
base adesiva che, rimanendo fermi, facili-
tano il lavoro di cucitura.
Se non lo avete a
disposizione, fissate
quello normale con
un’imbastitura pri-
ma di cucirlo.

2 RIFINITE, tutti i lati con lo sbieco


utilizzando il piedino bordatore (se
l’avete), oppure seguite la scuola a
pag. 10. Applicate prima lo sbieco
sui lati lunghi e poi su quelli corti.
lasciando sempre 3 cm di eccedenza
all’inizio e alla fine di ogni lato. 4RIFINITE con lo sbieco anche il ret-
tangolo trapuntato bianco.

LO SBIECO utilizzato è di cotone appretta-


to, abbastanza rigido per essere cucito in
un unico passaggio con un normale piedi-
no anche in questo tratto curvato e tondo.
Piegatelo a metò e cucitelo a margine.
Per le meno esperte: stirate lo sbieco a
metà senza tirarlo e applicatelo con un

3 BORDATE ANCHE I
CERCHI unendo le
punto zig-zag. Sarete sicure di prendere
anche il bordo sottostanteo
e il punto darà un tocco
6 SOVRAPPONETE, ora
perpendicolarmente il rettangolo
bianco su quello a pois centrandolo
estremità dello sbieco country al lavoro. perfettamente e spillate. Controllate
come spiegato nella che i lati con il velcro, una volta chiusi,
Scuola a pag. 10. combacino perfettamente.

40

38_41_SC3_COPRITEGLIAGV.indd 40 09/06/17 13:56


A

7 CUCITE i due tessuti in


corrispondenza dello sbieco (A),
lasciando aperto uno dei lati corti (B).
otterrete così una tasca dove mettere
i tovaglioli!

8 PIEGATE I LATI PER FORMARE I MANICI.


Seguendo lo schema sopra, per
creare l’apertura per il passaggio dei
mestoli, cucite lungo lo sbieco dove
indicato.

9 RIFINITE LO SBIE-
CO con dei
punti a mano
Variando le misure dei due rettangoli,
adattandoli alla teglia da trasportare,
nascosti (vd potete realizzare originali confezioni
Scuola a pag. regalo per teglie vuote... o piene!
13)

41

38_41_SC3_COPRITEGLIAGV.indd 41 09/06/17 13:57


bandierine

per la tua festa


d’estate
sagome nel cartamodello allegato

42

42_44_SC3_BANDIERINEPATCHWORK.indd 42 08/06/17 12:08


TECNICHE UTILIZZATE CUCITURA DRITTA, APPLICAZIONE SBIECO
Scuola di Patchwork a pag. 14

OCCORRENTE
per 5 bandierine:
❖ scampoli di cotone americano
1 CUCITE I RITAGLI di tessuto dritto contro dritto, poi aprite le cuciture sul retro e
stiratele piatte.

fantasia
❖ 20 cm di tessuto di
cotone in tinta unita PROVATE LA DISPOSIZIONE dei Sul tessuto tinta unita,
❖ 2 mt nastro tessuti prima di cucirli. Se gli tagliate, sempre
sbieco scampoli sono grandi, riducete-
❖ glitter li in pezzi più piccoli e disponeteli con lo stesso modello,
termoadesivi in modo da ottenere un insieme lo stesso numero
❖ forbici e filo in tinta gradevole sia nei colori che nel- di bandierine tagliate
❖ cartamodello le fantasie.
Provate anche il posizionamento dal tessuto assemblato.
bandierina
del cartamodello.

2 TAGLIATE LE SAGOME delle bandierine dal tessuto assemblato:


appoggiate il cartamodello a triangolo. (ricalcato dal
foglio allegato) sul rovescio del tessuto e tracciate il perimetro,
3 ACCOPPIATE I TRIANGOLI patchwork con
quelli tinta unita, dritto contro dritto e
spillateli. Cucite lungo il perimetro dei lati
poi tagliate con un’abbondanza di 1,5 cm. obliqui, lasciando aperto il lato superiore.

43

42_44_SC3_BANDIERINEPATCHWORK.indd 43 08/06/17 12:09


A B

1 TAGLIATE GLI ANGOLI sulle punte


delle bandierine e rivoltatele tutte
sul dritto
2 RIVOLTATE LE BANDIERINE spingendo delicatamente la
punta (A-B). Aiutatevi con un ago da lana per estrarla
completamente (C).

4 UNITE LE BANDIERI-
NE inserendole
nello sbieco piega-
to e cucendo lungo
il bordo.

3 STIRATE appiattendo i bordi delle


bandierine. Stirate anche lo sbieco dopo
5 POSIZIONATE I GLITTER termoadesivi a piacere e fissateli
con il ferro caldo senza vapore per alcuni secondi.
Rimuovete la pellicola protettiva. Se la pellicola oppone
averlo piegato a metà sulla lunghezza. resistenza, stirate ancora per qualche secondo.

44

42_44_SC3_BANDIERINEPATCHWORK.indd 44 08/06/17 12:09


i n e d i c o l a
È

ANCHE IN
VERSIONE
DIGITALE A
1€

Scansiona il QR Code

Acquista la tua copia su www.sprea.it/didolceindolce

210X285 minimale DOLCE DOLCE.indd 1 08/06/17 11:13


Senza titolo-12 1 09/06/17 16:57
sagome nel cartamodello allegato

46

46_49_SC3_PORTAVASO APLIQUEGV.indd 46 08/06/17 12:13


so
TECNICHE UTILIZZATE PUNTO A CATENELLA

Porta va
Scuola di appliqué a pag. 17

appliq u é

OCCORRENTE

❖ Scampoli di cotone fantasia precedentemente


preparati con la carta termoBIadesiva
❖ 2 rettangoli di 53x20 cm cotone in tinta unita di media
pesantezza, per ogni coprivaso (compreso di margini
di cucitura di 0,7 cm)
❖ 2 riquadri di 18x18 cm di cotone fantasia per il fondo
di ogni coprivaso (tagliati come da cartamodello
sul foglio allegato)
❖ filo per ricamo di medio spessore
❖ ago per ricamo con cruna grande
❖ filo in tinta
❖ forbici e spilli
❖ carta da ricalco e matita
❖ ferro da stiro

47

46_49_SC3_PORTAVASO APLIQUEGV.indd 47 08/06/17 12:13


1 2

1 PER OGNI VASO DI FIORI TAGLIATE: due cerchi grandi, due cerchi piccoli,
una foglia, un vaso e un prato (sagome sul cartamodello allegato).

2 ELIMINATE LA CARTA PROTETTIVA e posizionate i pezzi sul rettangolo di


tessuto in tinta unita, componendo i vasi.

3 CON IL FERRO DA STIRO, SENZA VAPORE, fissate i pezzi. Lasciate raffreddare e,


se necessario, stirate ancora.

4 IMPOSTATE QUINDI IL PUNTO FESTONE sulla macchina e cucite intorno al


perimetro delle sagome. A piacere, potete anche eseguire il punto
festone a mano (vd pag. 12),

5 CUCITE I BOTTONI DECORATIVI, poi, con un pennarello fantasma, tracciate il


volo della farfalla e i gambi dei fiori.

5
6 RICAMATE A MANO SUL TRACCIATO con il punto catenella.Terminata
l’appliqué, vediamo come confezionare il portavaso (cuciture 0,7 cm).

48

46_49_SC3_PORTAVASO APLIQUEGV.indd 48 09/06/17 14:00


7

7 CUCITE I LATI CORTI dei rettangoli


(sia quello decorato che quello
senza decorazione) formando due cilindri.
Nel rettangolo non decorato (fodera) lasciate una piccola
apertura che servirà per rivoltare il lavoro finito.

8 DIVIDETE LE CIRCONFERENZE INFERIORI DEI CILINDRI in 4 parti


uguali e segnate in corrispondenza, fate la stessa cosa
con i 2 cerchi fantasia. Cucite quindi i cerchi ai cilindri
facendo combaciare i segni.

9 DISPONETE I CILINDRI uno nell’altro, dritto contro dritto e


cucite lungo la circonferenza superiore. Rivoltate il lavoro
attraverso la fessura lasciata aperta sulla cucitura interna.
Con il ferro da stiro, schiacciate la cucitura superiore e
chiudete con piccoli punti invisibili l’apertura interna.
Con un punto zig-zag, eseguite una cucitura decorativa,
lungo la circonferenza superiore, come a simulare il cielo.

49

46_49_SC3_PORTAVASO APLIQUEGV.indd 49 08/06/17 12:14


50

50_53_SC3_GREMBIULEGV.indd 50 08/06/17 12:17


RICICLO JEANS DA UN VECCHIO JEANS A UN NUOVO GREMBIULE DA LAVORO
Scuola di Riciclo a pag. 18
OCCORRENTE ❖ Forbici
❖ Pinza (per rimuovere
❖ Un vecchio paio di jeans le parti metalliche)
❖ Sbieco pronto con bordi ❖ Metro a nastro
ripiegati colore a piacere ❖ Filo in tinta
❖ Un bottone decorativo ❖ Ago e spilli

1 2 3

4 5 6

1 SEPARATE IL CINTURINO sul davanti dei jeans


e tagliate lungo i fianchi.
così ricavato la parte inferiore del grembiule
dal lato posteriore dei jeans.

2 I RIVETTI sono quasi impossibili da


rimuovere ma, con una pinza, è possibile
allentarli e creare spazio per tagliare con le
4 SCUCITE UN PEZZO DEL CAVALLO dietro, fino a
quando il tessuto non risulterà piatto.

forbici.
5 RIUCITE quindi il cavallo seguendo la
curva originale poi, a seconda della

3 TAGLIATE LUNGO LE CUCITURE interne delle


gambe e il cavallo davanti. Tagliate
quindi lungo le cuciture esterne delle
taglia e della lunghezza desiderata,
eliminate la parte inferiore in eccesso.

gambe ma, sul lato destro, tagliate intorno


al taschino portamonete posto sul davanti
lasciando almeno 1 cm di tessuto. Avrete
6 RICAVATE INFINE LA PETTORINA da un pezzo
della gamba davanti: misurate e tagliate
in modo che sia lunga almeno 27 cm.

51

50_53_SC3_GREMBIULEGV.indd 51 08/06/17 12:17


1

CUCITURA E IMPUNTURA
Spesso sono usati come
sinonimi ma in real-
tà hanno un ben preciso
e diverso significato. Per
quando riguarda il cucito
a macchina, per “cucitura”
si intende il punto generi-
co, con “impuntura” invece
una sorta di imbastitura
con punti più o meno lun-
ghi e distanziati. In ogni
caso, consultate il manua-
le della vostra macchina.
2 3

4 5 6

1 CON LO SBIECO, bordate il perimetro del


grembiule: posizionatelo rovescio su
dritto del grembiule (a cavallo del bordo)
4 RICAVATE un cinturino da un altro capo in
jeans - o altri particolari dallo stesso come,
ad esempio, la pateletta per la tasca - e
fissandolo con gli spilli. Cucite sulla piega rifiniteli con una cucitura a pochi millimetri dal
lungo tutto il perimetro (vd anche come bordo.
applicare lo sbieco a pag.10).

2 RIPIEGATE LO SBIECO attorno al bordo e stirate.


Se preferite, potete fissarlo con gli spilli o
5 CUCITE UN BOTTONE DECORATIVO sulla
cintura, per un’ulteriore regolazione
dell’allacciatura.
imbastirlo.

3 CON UNA IMPUNTURA BLOCCATE lo sbieco


cucendo sopra la prima cucitura.
6 BORDATE con lo sbieco anche la pettorina
aggiungendone almeno 50 cm da
lasciare liberi per lo scollo.

52

50_53_SC3_GREMBIULEGV.indd 52 09/06/17 14:02


1

1 CUCITE il cinturino decorativo sul


davanti e infilatelo nel passante.
Cucite anche la patella su una delle
tasche.

2 UNITE LE DUE PARTI - pettorina e parte


inferiore - del grembiule con una
cucitura sul retro.

ans, si
m b iu le in ro busta tela je diy
il pratico gre imo in giardino o per il
rivelera’ utiliss
53

50_53_SC3_GREMBIULEGV.indd 53 08/06/17 12:18


sagome nel cartamodello allegato

54

54_56_SC3_T SHIRTGV.indd 54 08/06/17 12:23


CUCIRE IL JERSEY
Scuola di Tessuti e Filati a pag. 20
OCCORRENTE
AGO PER TESSUTI STRETCH
❖ 170 cm di jersey a righe Sono aghi dalla punta arrotondata, che consente di scivolare meglio
❖ Filo poliestere in tinta tra le fibre senza danneggiarle. Adatto ai tessuti in maglia e maglina,
❖ Ago da macchina per stretch come, appunto, il jersey. Utilizzate preferibilmente un filo in poliestere.
❖ Forbici e spilli Per maggioni informazioni sul Jersey vd BOX a pag. 21
❖Cartamodello

1 2 3

4 5

1 PIEGATE IL TESSUTO in 4 sia sull’altezza che


sulla lunghezza. Spillate il cartamodello
punto di riferimento durante la cucitura.

posizionandolo come da foto.


Prestate particolare attenzione per questo
tipo di tessuto tende a scivolare e a spostarsi
4 TAGLIATE anche tre strisce di tessuto alte
5 cm e lunghe quanto l’altezza del tessuto
(cintura) e una striscia alta 3 cm e lunga
facilmente. 70 cm (scollo).

2 TAGLIATE IL TESSUTO seguendo il


cartamodello (manica e fianco). 5 APRITE INFINE IL TESSUTO - rimarrà solo
doppio (davanti e dietro) - e tagliate
lo scollo, tenendo quello anteriore più

3 INCIDETE ALCUNE PICCOLE TACCHE


sul giromanica: serviranno come
profondo di quello posteriore
(vd cartamodello).

55

54_56_SC3_T SHIRTGV.indd 55 08/06/17 12:23


1 2

3 4 5

1 CON L’AGO PER TESSUTI STRETCH, cucite


i fianchi con una cucitura elastica
(se disponibile sulla vostra macchina).
Sovrapponetela sullo scollo e cucitela
in posizione.

In alternativa impostate una cucitura


dritta con punto corto. 4 RIFINITE I BORDI con una cucitura zig-
zag o con la tagliacuci.

” je rs ey :
mo
vi consiglia delicatamente
2
SORFILATE I BORDI di cucitura con uno
zig-zag o con la tagliacuci. 5 RIPIEGATE GLI ORLI; piegate e stirate i
bordi inferiori e quelli delle maniche
di 1 cm.
“SCIVoloso E di tirare
ATTENTE ALlo EMPRE prima di cucire
ffa su l
S
DI imbastire etro del piedino
r
3
RIFINITE LO SCOLLO: piegate a metà la
relativa striscia e stiratela.
la sto SORFILARE
Per evitare lo sfilacciamento
dei bordi tagliati e rifinire un
capo sartoriale, è necessa-
rio “bloccare” i bordi con una
cucitura a cavallo, il cd sorfilo.
Esistono macchine che
tagliando il tessuto, lo sorfila-
no contemporaneamente: le
Tagliacuci.

1 IMPOSTATE UNO ZIG-ZAG un po’ largo


e cucite tutti gli orli (inferiori
e maniche) a mezzo centimetro
2 CINTURA: piegate a metà, sulla
lunghezza dritto contro dritto, le tre
strisce e cucite lungo i bordi. Rivoltate
dal bordo. sul dritto aiutandovi con un ferro.
Rifilate il tessuto eccedente.
Con una tagliacuci invece, rifinite
con il “punto copertura”. 3 ANNODATE le tre strisce insieme ad
una estremità e intrecciate.

56

54_56_SC3_T SHIRTGV.indd 56 09/06/17 14:06


Il mensile che rende
divertente la tua passione

Giardino RISVEGLIA
isto
LUGLIO 2017
GUIDA all’acqu
TORI
DECESPUGLIA

i l mi o
elettrici

IL TUO
e a batteria
Giardino

POLLICE
VERDE!
il mio

LTIVIAMO
DAL 1997 CO SIONE
TU
LA A PA S

IDROCO LTURA
a 1, S/NA

senza terra GIARDINO


, n° 46), art.1, comm

coltivare BALCONE
a
solo con l’acqu
.2004
(conv. In L. 27.02

E ORTO
SEMPRE
le. D.L. 353/2003

ANCHE IN
RIGOGLIOSI
abbonamento posta

VERSIONE
DIGITALE A
SPA - Sped. in

,90€
1
- Poste Italiane

CON
Tariffa R.O.C.

DALIEe
bellissim
anche in va
so
POCA
PRATO
brillantete
verdehee in esta
FATICA!
anc

BARBECUEo
rt
pranzare all’ape si
divertendo
€3,90 - CHF 9,00
Mensile N° 213

Ù olti problemi
BAMB
P.I. 23-06-17

a che risolve m Scansiona il QR Code


ianta esotic
una p

In tutte le edicole e su www.sprea.it

min giardino 140x175.indd 1 09/06/17 16:54


"

I termini ricorrenti nelle tecniche di cucito

Appliqué C
sagome ritagliate nella stoffa, appli-
cate su un tessuto di base tramite Canovaccio
supporti termoadesivi e rifiniti lungo i tessuto usato come base o guida per
bordi con punti decorativi. il ricamo.

A Asola Cartamodello
tipo di occhiello. disegno o sagoma base, realizzato in
Alamaro carta e utilizzato per la realizzazione di
allacciatura realizzata con una striscia abiti o altri oggetti cuciti.
di seta, pelle o cordoncino chiusa a
cappio a formare un occhiello, dove B Cavallo
viene fatto passare un bottone di for- in abbigliamento è la parte di panta-
ma allungata. Batista lone che si trova esattamente al punto
tessuto pregiato molto fine, trasparen- di congiunzione delle gambe con il
Altezza te e leggero realizzato in lino o cotone tronco. Nel cucito, cucire “a cavallo”
la distanza tra le cimose di una pez- ad armatura tela. significa posizionare una striscia (di
za di stoffa. stoffa) piegata a metà sul bordo di un
altro tessuto e cucirla in modo da otte-
Ago nere la rifinitura del bordo.
utensile che serve per far passare un
filo attraverso uno o più spessori di tes-
suto da cucire. Di forma allungata ed
appuntito ad una estremità, si utilizza
per unire tramite una cucitura tessu-
ti, pellame, feltro, e altri materiali che
possano essere forati dalla sua punta.
Cerniera lampo
Bisso detta anche zip, è un tipo di chiusu-
tessuto realizzato con la seta ottenuta ra che unisce due lembi di tessuto o
con la tessitura di filamenti secreti da altro materiale.
una ghiandola presente nel piede di
molti molluschi bivalve. Chiffon
stoffa molto leggera, sottile e traspa-
Bottone rente, di seta o di altro filato, usato per
oggetto solitamente piatto e di forma indumenti vaporosi e leggeri
tondeggiante usato per allacciature.
Chintz
Broccato tessuto di cotone robusto, è caratte-
tessuto ornamentale pesante e pre- rizzato dai colori vivaci e da una forte
giato decorato sul dritto con disegni. lucidità.

58

58_62_ SC3_GLOSSARIO ok.indd 58 08/06/17 12:25


il glossario

Ditale
piccolo copridito usato per
proteggere le dita mentre
si cuce. Aiuta soprattut-
to nelle cuciture di tessuti
pesanti.

Doppiopetto
tipo di allacciatura tipico
delle giacche eleganti,
nella quale le due par-
ti del davanti della giacca
si sovrappongono con due file
parallele di bottoni.

Dritto filo
la direzione dei fili longitudinali, cioè
l’ordito, della trama che corre paral- Forbice zig-zag
Cimossa lelo alla cimosa. tipo di forbice per tagliare i tessuti a
o cimosa o vivagno è il bordo non zigzag per decorazione o per evitare
tagliato di una pezza di tessuto. che sfilaccino.

Cintura E Frangia
striscia di stoffa che rifinisce un capo, un ornamento tessile posto sul bordo
solitamente all’altezza della vita. Écru di capi d’abbigliamento o pezzi d’ar-
nome di colore originario, grezzo; soli- redamento.
Colletto tamente viene usato per indicare il
parte di un capo d’abbigliamento lino o il cotone allo stato naturale,
che rifinisce una camicia, vestito, cap- non tinto. G
potto o altri capi.
Emiane Gesso per sarti
Coulisse è un tessuto di nascita abbastanza speciale gessetto usato per segna-
passaggio tra due tessuti, delimita- recente, composto di fibre di lino e re i tessuti.
to da due cuciture parallele, dove far fibre di cotone utilizzato soprattutto
scorrere cordoni, nastri o supporti (ad nel ricamo.
esempio i bastoni delle tende).

Cotone (filo)
filato che si ottiene dalla filatura di F
fibre ricavate dalla peluria che ricopre
i semi della pianta del cotone. Feltro
stoffa realizzata in pelo animale. Non
è un tessuto ma viene prodotto con Gros grain
l’infeltrimento delle fibre; può essere in tessuto o, più spesso, nastro in varie
D lana o poliestere, sovente misto. altezze in tinta unita a dominante
d’ordito, segnato da sottili rigature
Fettuccia orizzontali.
Denim striscia sottile di tessuto. Non è taglia-
tessuto di cotone di vario peso che ta da una pezza di stoffa ma tessuta Gugliata
si usa per confezionare i blue-jeans. con la larghezza necessaria e soli- porzione di filo che si taglia dalla spo-
tamente si usa come rinforzo o per letta per infilarla nell’ago.
legature.

Filato
è l’insieme di fibre tessili tenute assie- I
me da una torsione a formare un filo.
Imbastitura
Fodera cucitura provvisoria utilizzata in
tessuto usato solitamente, ma non sartoria, eseguita a mano o a mac-
solo, per rivestire internamente i capi china, in cui i punti, sostituendo i
d’abbigliamento può essere in seta, definitivi, vengono cuciti con tratti e
raso o sintetica. spazi più ampi.

59

58_62_ SC3_GLOSSARIO ok.indd 59 08/06/17 12:25


Imbottitura o pizzo è una particolare lavorazione
materiale di origine naturale o sinteti- dei filati per ottenere una decorazio-
ca per riempire, isolare o aumentare ne leggera e preziosa.
lo spessore di oggetti in tessuto.
Metro da sarto o cen-
Impuntura timetro metro flessibile
cucitura dritta a punto filza utilizzata usato dai sarti (solita-
per evidenziare i contorni o parte di mente lungo 150 cm).
un disegno o di un’applicazione.
Modista
Interfodera era, sino alla seconda metà del Nove-
materiale che viene posto tra il tessuto cento, un operatore del commercio
e la fodera come rinforzo o imbotti- dell’abbigliamento, di solito una don-
tura. na, che confezionava o vendeva
abiti, cappelli e altri tipi di accessori
di abbigliamento femminili.

N
Lino
tessuto ricavato dalla pianta del lino; Nastro
utilizzato per la confezione di bian- sottile striscia di materiale flessibile,
cheria per la casa e abbigliamento solitamentetessuto ma anche di pla-
estivo (particolarmente apprezzato stica o carta.
per la sua freschezza).

L O
M
Occhiello
Lana cotta Macchina da cucire apertura in cui si infila il bottone per
stoffa simile al feltro o al panno. Non è macchina impiegata per unire, con chiudereun abito, o altri indumenti.
tecnicamente un tessuto perché vie- una cucitura, stoffe o pelli attraverso
ne ottenuta infeltrendo una pezza, il passaggio di uno o più fili di cotone Ordito
realizzata con la lavorazione a maglia o altri materiali per mezzo di un ago o catena è l’insieme di fili che insie-
di filato di lana, mediante follatura, oscillante in modo alternato dall’alto me a quelli della trama concorrono
causandone il restringimento. Differi- verso il basso. nel formare un tessuto.
sce dal feltro, che è fatto di lana solo
cardata, perché fatta con lana car- Macramè Organza
data e filata e dal panno, perché merletti ottenuti con legature e intrec- tessuto sottile e trasparente realizzato
- anche se follato - non è tessuta. ci di corde, cordoni o altro filato di con filato di seta. Prodotta in vari tipi
varia grandezza. tra cui stropicciato, liscio e cangiante.

Matassa
assemblaggio ordinato di un ammas-
so di filo, disposto a spirale, in forma P
circolare. Può avere peso e dimen-
sione differente determinate dalle Panno
caratteristiche del filo, dall’uso e dal- tessuto di lana infel-
la tradizione. trito per renderlo
impermeabile e
Matassina garzato per ottene-
formato del filo per ricamo. re un lato peloso.
Merletto
Panno lenci
stoffa tipo feltro (non tessuta) colora-
ta, morbida, resistente e leggera.

Paramontura
parte interna di un’abbottonatura, a
volte unita al capo e ripiegata, a volte

58_62_ SC3_GLOSSARIO ok.indd 60 08/06/17 12:25


il glossario

rimessa, che serve a rinforzare e rifini- Rocca


re l’abbottonatura. formato industriale di stoccaggio del
filato. Consiste nell’arrotolare il filo intor-
Passamaneria no ad un’anima a forma di cono
bordure che servono per decorare o o tronco di cono, fatta in cartone
rifinire abiti o oggetti. o plastica, la sua caratteristica è la
disposizione inclinata del filo che per-
Patchwork mette lo srotolamento senza muovere
termine inglese, (tradotto:“lavoro con la rocca.
le pezze”) è un manufatto che con-
siste nell’unione, tramite cucitura, di
diverse parti di tessuto.

Polsino
parte terminale della manica che
avvolge il polso.

Punti di cucitura
tutti i tipi di punti fatti a mano e a
macchina.

S
Q Satin
o raso, si realizza principalmente con
Quilt seta, fibre artificiali (rayon) o sintetiche
letteralmente: trapunta. Solitamente (poliestere). Vd anche voce “Raso”.
si intende un manufatto composto
da due strati di tessuto uniti insieme Sbieco
Pile con all’interno uno strato di ovatta. In un tessuto, è la direzione a 45°
tessuto che si ottiene con una parti- Lo strato di tessuto superiore è spes- rispetto alla direzione dei fili di tra-
colare lavorazione a maglia, di una so lavorato con la tecnica patchwork. ma e ordito. Anche nastro per finiture
fibra sintetica ricavata dal polieste- tagliato, appunto, in sbieco E ripiega-
re, che lo rende voluminoso e soffice. Quiltare to al centro sulla lunghezza.
Oltre al poliestere possono essere trapuntare, lavorazione realizzata con
aggiunte altre fibre, come poliammi- impunture decorative a mano o a Scollo
de, acrilico ed elastane. macchina. o scollatura è la parte di un indumen-
to che circonda il collo.
Pince
piega pinzata, cucita, fatta nei punti
di un vestito dove serve per modellar- R
lo sulla forma del corpo.
Raso
Pizzo o satin è un tessuto fine, lucido, unifor-
o merletto, tessuto con particolare me, morbido al tatto. Vd anche voce
tramatura, che disegna sul prodotto “Satin”.
degli intarsi con varie fantasie.
Revers
collo di giacche, cappotti e soprabiti;
solitamente il collo a revers è costitui-
to da due parti distinte: il colletto vero
e proprio e il rever, appunto, uniti da
una cucitura.

Ricamo
attività artigianale costituita dal dise-
gnare su un tessuto con ago e fili
colorati.

61

58_62_ SC3_GLOSSARIO ok.indd 61 08/06/17 12:25


Tulle (tessuto)
tessuto dall’intreccio molto rado e tra-
sparente.

U
Seta Trama Uncinetto
fibra naturale proteica di origine è l’insieme di fili che, con quelli dell’or- strumento in acciaio o plastica dotato
animale con la quale si possono otte- dito, concorrono nel formare un di un uncino ad una delle estremità.
nere tessuti tendenzialmente pregiati. tessuto. Viene utilizzato per la lavorazione di
filati di varie grandezze ed è di con-
Spacco seguenza disponibile in vari diametri.
è un taglio o un’apertura che viene
ricavato sulle gonne, per facilitare il
movimento delle gambe.
V
Spighetta
striscia di tessuto con lavorazione a Velcro
lisca di pesce. Per rifinire orli, scolli o metodo di chiusura composto di
per decorazione. due strisce che si agganciano tra di
loro, una con uncini, l’altra con anelli
Spoletta (filo)
Formato di stoccaggio di filo usato
per il cucito.

T
Tagliacuci
macchina tessile che taglia e cuce in
un unico passaggio. (maschio e femmina).

Tartan Tubolare Velluto


particolare disegno dei tessuti in lana striscia di stoffa piegata a metà dritto tessuto che presenta sul dritto un fit-
delle Highlands scozzesi. contro dritto, cucita sul lato lungo e to pelo (velluto unito) o una serie di
rivoltata in modo da ottenere, appun- anelli (velluto riccio).
Tela Aida to, un tubo.
è il tessuto che costituisce supporto
principale per il ricamo contato, tec- Tweed
nica sulla quale si basa il punto croce. robusto tessuto in lana originario
della Scozia. Il disegno può essere,
Teletta termoadesiva spigato,
o carta o fliselina termoadesiva. quadrettato o
Supporto da fissare ai tessuti (o altri “pied de poule”.
materiali) con il calore del ferro da
stiro. Può essere di vario peso e spes-
sore e anche biadesiva per essere Viscosa
interposta tra due strati di tessuto così fibra tessile artificiale cellulosica,
da unirli insieme. Molto usata negli ottenuta con l’impiego di solfuro di
appliqué. carbonio.

58_62_ SC3_GLOSSARIO ok.indd 62 08/06/17 12:26


O DEI PUNTI
ADERN
E QU In queste utili pagine

ABIL trovate radunati, i punti base di cucito,

S
a macchina e a mano, utilizzati

SPEN per i progetti di questo numero

DI più alcuni consigli generici

L’IN ❖ Imbastitura: per le cuciture tem-


poranee si utilizza una cucitura a
punto lungo. Se la vostra macchi-
QUALCHE CONSIGLIO
sul cucito a macchina
na dispone di un punto imbastitura ❖ Sistemate la vostra
apposito, selezionatelo, oppure sce- macchina su un ripiano
PUNTI CON LA MACCHINA gliete, nel punto dritto, la massima stabile e ampio con una
lunghezza disponibile. L’imba- adeguata fonte di luce
stitura è molto utile per “mettere frontale o superiore. Cucire
❖ Il punto dritto: è sicuramen- in prova” abiti oppure per fissa- con la luce naturale dà
te quello più utilizzato perché, a re momentaneamente appliqué sempre i risultati migliori
ma, in commercio esistono
seconda delle impostazioni sulla o semplicemente per tenere fermi
anche lampade specifiche
lunghezza del punto, può essere uti- due pezzi di tessuto. per i lavori di cucito e
lizzato, per quasi tutte le cuciture. A ricamo.
seconda del peso dei tessuti, varia-
te la lunghezza del punto: da 2 mm ❖Tenete a portata di mano
per quelli più sottili, 2,5 per quel- qualche ago di riserva sia
li di medio peso e fino a 3 mm per universale che specifico per
quelli pesanti. tessuti pesanti e leggeri.

❖Ricordate che con il


piedino universale della
vostra macchina – e con
❖ Sopraggitto: punto utilizzato per una adeguata esperienza –
rifinire i bordi ed evitare sfilacciature. potete cucire quasi tutto ma
Può essere eseguito con lo zig-zag che, con i piedini specifici
ma molte macchine dispongono per le varie lavorazioni, il
di appositi punti per il sopraggit- risultato potrebbe essere
to. Se utilizzati con i piedini appositi migliore e sicuramente
❖ Il punto zig-zag: punto molto si eseguono molto più facilmente, semplificato.
versatile perché, non solo la sua lun- eliminando il rischio di arricciatura
ghezza, ma anche la larghezza può del tessuto. ❖Preparate sempre le
bobine per il filo inferiore
essere modificata.
prima di iniziare a cucire
Infatti, la combinazione di queste avvolgendole con cura; se
due impostazioni, rende il punto uti- si dovessero formare nodi
lizzabile anche per la cucitura di o difetti nell’avvolgimento,
tessuti elastici, per rifinire orli e bor- ripetete l’operazione.
dure oppure per l’applicazione di
elastici. ❖ Lasciate sempre le code di
filo all’inizio e al termine
❖ I punti di fermatura: servono per della cucitura, anche se i
fissare i fili all’inizio e alla fine della punti di inizio e fine sono
stati fermati.
cucitura, in modo che non si disfi. Le
macchine moderne hanno un tasto ❖ Cucite a velocità costante
apposito per questa operazione: in per avere un risultato
pratica la macchina torna indietro
sul punto precedente.

63_64_SC3_SCUOLA PUNTIS.indd 63 08/06/17 16:03


❖ Il punto nascosto: è il punto che ❖ Il punto filza: è il punto dritto uti-
serve per unire due estremità ripie- lizzato per formare arricciature. I
gate di stoffa ed è spesso usato per punti devono essere corti e se, tra
chiudere le aperture (che si lascia- un punto e l’altro si lascia uno spa-
no per rivoltare il lavoro sul dritto o zio uguale alla lunghezza del punto
PUNTI A MANO per infilare un’eventuale imbotti- stesso, l’arricciatura sarà più omo-
tura). Se si eseguono punti piccoli genea. Tirando un’estremità del
❖ Il sopraggitto o sorfilo: punto uti- con un filo in tinta, la cucitura risulta filo otterrete l’arricciatura. Doven-
lizzato per impedire la sfilatura dei quasi invisibile. Stirando i bordi pri- do arricciare un’altezza superiore
bordi del tessuto: può essere ese- ma di iniziare a cucire, l’esecuzione ai 2 cm, cucite più filze parallele a
guito su un solo lembo di tessuto, risulterà molto più semplice distanza di 1-1,5 cm. Otterrete una
oppure, se si tratta di tessuti legge- migliore distribuzione del tessuto e il
ri, su due lembi presi insieme. Per lavoro sarà più gestibile.
eseguirlo, potete procedere indif-
ferentemente da sinistra a destra
o da destra a sinistra, passando
comunque sempre il filo a cavallo
del bordo delle due cimose.
COME ATTACCARE I BOTTONI

1 3 5

4 Girate il filo sotto al bottone


due o tre volte, prima di infilare
nuovamente l’ago nella stoffa.
Questo vi permetterà di creare
un po’ di spazio tra il bottone e il
tessuto, formando una specie di
piccolo gambo. Sarà così più facile
inserire il bottone nell’asola e non
“tirerà” perché avrà spazio per
2 4 muoversi (questo accorgimento
non è necessario per un bottone
1 Infilate l’ago con il filo e annodate in tondo. Se è a 4 buchi, potete con funzione solo decorativa).
le estremità. Infilate l’ago nel creare una croce oppure formare un
tessuto, nel punto esatto dove va quadrato. Il metodo più tradizionale 5 Per chiudere, formate un’asola,
attaccato il bottone, lasciando il è fare due linee parallele. infilando l’ago nel tessuto sottostante
nodo sul rovescio. Date qualche il bottone, e fategli passare dentro
punto. 3 Passate sempre l’ago e il filo l’ago con il filo. Tirate e tagliate il filo.
almeno per 6 volte nei buchi del Se attaccate un bottone su una stoffa
2 Infilate quindi l’ago nel bottone. bottone. Non tirate troppo il filo, è leggera, abbiate quest’ultima, sul
Se è a due buchi, entrate in importante che il bottone si muova rovescio, con un pezzetto di tessuto
entrambi, alternandoli e girando un po’. o fodera in tinta.

63_64_SC3_SCUOLA PUNTIS.indd 64 09/06/17 14:44


da non perdere

Posti alle finestre o allo stipite della porta di casa


questi deliziosi cordoncini marini daranno il giusto tocco d’estate
OCCORRENTE

❖ ritagli di tessuto
(pesci)
❖ 2 occhi in plastica
❖ ovatta da
imbottitura
❖ cordone 1 2
attorcigliato
❖ nastro a rete
❖ accessori mare in
gesso
❖ colla a caldo
❖ palline in
polistirolo diam. 8
❖ saponette
profumate e
bastoncini
3 4

1 RITAGLIARE LA SAGOMA DEL


CARTAMODELLO. Tagliare nel
tessuto scelto la testa del pesce
2 TAGLIARE a 3 millimetri dalla
cucitura fatta su tutta la
sagaoma del pesce come da foto.
(2 pezzi: davanti e dietro).
Cucire i due pezzi dove indicato
nel cartamodello alla parte
davanti e dietro del pesce.
3 IMBOTTIRE il pesce, trapuntare la
coda, cucire le pinne e imbottirle
attraverso l’apertura.
Accoppiare le due parti

1 RIVESTIRE le pal-
line in polistirolo
puntare con alcuni spilli il
cartamodello e cucire a filo
della sagoma.
4 incollare con colla a caldo
le pinne e gli occhi. Potete
realizzare i pesci in diverse tonalità
con una fascia in di tessuto.
juta chiara a scura
e nastro in rete. Rifi-
nire la parte sopra e
sotto con cordone
attorcigliato in due
tonalità (come da
foto). Incollare nella
Vuoi
circonferenza deco- saperne
razioni in gesso.
di più?
2 A N N O DA R E c o n
corda in juta le
saponette. Attorci-
gliare i bastoncini al
cordone tra una pal-
non perdere
lina e l’altra. i love cucito acquistalo
in edicola o su
3 incollare i compo-
nenti con colla a www.sprea.it/ ilovecucito
a soli 5,90 €
caldo personalizzan-
do a piacere.

65

65_SC3_IDEAESTIVA I LOVE CUCITO.indd 65 09/06/17 15:01


TESSUTI:
impariamo
a lavorare
con il LINO

APPLIQUE’:
scopriamo
la tecnica 3D

SCEGLIERE
LA MACCHINA:
Conosciamo
la Taglia/CUCI

a scuola di... FOREIGN RIGHTS Distributore per l’Italia :


Impara e crea
Gabriella Re: tel. 0292432262 Press-Di Distribuzione stampa e multimedia s.r.l. 20090 Segrate - ISSN: 2531-9736
con i nostri
PROGETTI
international@sprea.it Distributore per l’Estero : SO.DI.P S.p.A.
step by step
Via Bettola, 18 - 20092 Cinisello Balsamo (MI)
PUBBLICITÁ
Tel. +390266030400 - Fax +390266030269
Segreteria e marketing: Emanuela Mapelli: tel. 0292432244
sies@sodip.it - www.sodip.it
Bimestrale - prezzo di copertina 5,90 € pubblicita@sprea.it
Via Torino, 51 20063 Cernusco sul Naviglio ABBONAMENTI E ARRETRATI Stampa: Arti Grafiche Boccia S.p.A. - Via Tiberio C. Felice, 7 - 84131 Salerno
Tel. 02924321 Abbonamenti: si sottoscrivono on-line
su www.sprea.it/ascuoladi Copyright Cigra 2003 S.r.l.
Coordinamento
CIGRA 2003 editoriale: Gisella Vanetti La Cigra 2003 S.r.l. è titolare esclusiva della testata A scuola di e di tutti i diritti di pubblicazione e di diffusio-
CIGRA Mail: abbonamenti@myabb.it
Scuole e Creazioni: Lia Buttini ne in Italia. L’utilizzo da parte di terzi di testi, fotografie e disegni, anche parziale, è vietato. L’Editore si dichiara
Al telefono senza addebiti allo 0287168197 (lun-ven / 9:00-13:00 e 14:00-18:00)
Si ringrazia per le fotografie: Federico Sgarbossa pienamente disponibile a valutare - e se del caso regolare - le eventuali spettanze di terzi per la pubblicazione
Fax: 02 56561221 di immagini di cui non sia stato eventualmente possibile reperire la fonte. Informativa e Consenso in materia di
Disegni: Paola Stanca
trattamento dei dati personali (Codice Privacy d.lgs. 196/03). Nel vigore del D.Lgs 196/03 il Titolare del trattamen-
Il prezzo dell’abbonamento è calcolato in modo etico perché sia un servizio to dei dati personali, ex art. 28 D.Lgs. 196/03, è Cigra 2003 S.r.l. con sede legale in Via Senato, 18 20121 Milano. La
Cigra 2003 S.r.l. utile e non in concorrenza sleale con la distribuzione in edicola. stessa La informa che i Suoi dati, eventualmente da Lei trasmessi alla Cigra 2003 s.r.l, verranno raccolti, trattati e
conservati nel rispetto del decreto legislativo ora enunciato anche per attività connesse all’azienda. La avvisiamo,
Socio Unico
inoltre, che i Suoi dati potranno essere comunicati e/o trattati (sempre nel rispetto della legge), anche all’estero,
CDA: Luca Sprea (Presidente), Giangiacomo Castelfranchi (CFO), Roberto Ferri Arretrati: si acquistano on-line su  da società e/o persone che prestano servizi in favore della Cigra 2003 S.r.l. In ogni momento Lei potrà chiedere
(Marketing e iniziative Speciali), Pier Alberto Danioni www.sprea.it la modifica, la correzione e/o la cancellazione dei Suoi dati ovvero esercitare tutti i diritti previsti dagli artt. 7 e
Mail: robertop@cigra.it ss. del D.Lgs. 196/03 mediante comunicazione scritta alla Cigra 2003 S.r.l. e/o direttamente al personale Inca-
Cigra 2003 S.r.l. fa parte del gruppo Sprea Fax: 02 56561221 - Tel: 02 87189093 (lun-ven / 9:00-13:00 e 14:00-18:00) ricato preposto al trattamento dei dati. La lettura della presente informativa deve intendersi quale presa visione
ed è sotto la direzione e il controllo di Gestione Editoriale S.p.A. dell’Informativa ex art. 13 D.Lgs. 196/03 e l’invio dei Suoi dati personali alla Cigra 2003 S.r.l. varrà quale consenso
SERVIZIO QUALITÁ EDICOLANTI E DL espresso al trattamento dei dati personali secondo quanto sopra specificato. L’invio di materiale (testi, fotografie,
disegni, etc.) alla Cigra 2003 S.r.l. deve intendersi quale espressa autorizzazione alla loro libera utilizzazione da
Sprea S.p.A. Sonia Lancellotti: tel. 02 92432295
parte di Cigra 2003 S.r.l. Per qualsiasi fine e a titolo gratuito, e comunque, a titolo di esempio, alla pubblicazione
CDA: Luca Sprea (Presidente), distribuzione@sprea.it gratuita su qualsiasi supporto cartaceo e non, su qualsiasi pubblicazione (anche non della Cigra 2003 S.r.l.), in
Mario Sprea, Claudio Rossi (pubblicità Registrazione testata: A scuola di pubblicazione registrata al Tribunale di Milano il qualsiasi canale di vendita e Paese del mondo.
e marketing), Andrea Franchini (responsabile qualità editoriale) 12.09.2009 con il numero 584 da Cigra 2003 S.r.l. Il materiale inviato alla redazione non potràessere restituito.
Art director: Silvia Taietti Sede legale Via Senato, 18 20121 Milano. Direttore responsabile : Roberto Ferri

66_colophon.indd 3 12/06/17 17:45


Senza titolo-1 1 07/06/17 16:14
a scuola di...

a macchina

REALIZZIAMO INSIEME

A scuola di... N. 3 - Bimestrale - € 5,90

P.I. 23-06-2017 - LUGLIO/AGOSTO

IV_A SCUOLA DI CUCITO MACCHINA_T.indd 1 09/06/17 17:18


Bandierine Patchwork pag. 42 Grembiule jeans pag. 50 T-shirt jersey pag. 54 Appliqué coprivasi pag. 46
a scuola di...

Cuscini da pag. 32 Difficoltà intermedia


Difficoltà avanzata
Difficoltà base
SC3_Cartamodello.indd 1 09/06/17 16:29
Cuscino gufo pag. 4 Borsa portapigiama pag. 4
ingrandire
del 50%

a scuola di...
Pesci pag. 65
Portateglia pag. 38
SC3_Cartamodello.indd 2 09/06/17 16:29