Sei sulla pagina 1di 24

VERIFICA STATICA TRAVI

Le normative tecniche NTC’08, forniscono delle prescrizioni riguardanti:

ARMATURA MINIMA

4.1.6.1.1 Armatura delle travi

L’area dell’armatura longitudinale in zona tesa non deve essere inferiore a:


f ctm
As ,min = 0,26 ⋅ bt ⋅ d (4.1.4.3)
f yk

e comunque non minore di 0,0013 bt d.


Dove:
bt rappresenta la larghezza media della zona tesa; per una trave a T con piattabanda
compressa, nel calcolare il valore di bt si considera solo la larghezza dell’anima;
d è l’altezza utile della sezione;
fctm è il valore medio della resistenza a trazione assiale definita nel § 11.2.10.2;
fyk è il valore caratteristico della resistenza a trazione dell’armatura ordinaria.

Negli appoggi di estremità all’intradosso deve essere disposta un’armatura efficacemente


ancorata, calcolata per uno sforzo di trazione pari al taglio.

Al di fuori delle zone di sovrapposizione, l’area di armatura tesa o compressa non deve superare
individualmente As,max = 0,04 Ac, essendo Ac l’area della sezione trasversale di calcestruzzo.

Le travi devono prevedere armatura trasversale costituita da staffe con sezione complessiva non
inferiore ad Ast = 1,5 b mm2/m essendo b lo spessore minimo dell’anima in millimetri, con un
minimo di tre staffe al metro e comunque passo non superiore a 0,8 volte l’altezza utile della
sezione.
In ogni caso almeno il 50% dell’armatura necessaria per il taglio deve essere costituita da staffe.

4.1.6.1.4 Ancoraggio delle barre e loro giunzioni

Le armature longitudinali devono essere interrotte ovvero sovrapposte preferibilmente nelle zone
compresse o di minore sollecitazione.
La continuità fra le barre può effettuarsi mediante:

• sovrapposizione, calcolata in modo da assicurare l’ancoraggio di ciascuna barra. In ogni


caso la lunghezza di sovrapposizione nel tratto rettilineo deve essere non minore di 20 volte
il diametro della barra. La distanza mutua (interferro) nella sovrapposizione non deve
superare 4 volte il diametro;
• saldature, eseguite in conformità alle norme in vigore sulle saldature. Devono essere
accertate la saldabilità degli acciai che vengono impiegati, nonché la compatibilità fra
metallo e metallo di apporto nelle posizioni o condizioni operative previste nel progetto
esecutivo;
• giunzioni meccaniche per barre di armatura. Tali tipi di giunzioni devono essere
preventivamente validati mediante prove sperimentali.

Per barre di diametro Ø >32 mm occorrerà adottare particolari cautele negli ancoraggi e nelle
sovrapposizioni.

VERIFICHE DI RESISTENZA

4.1.2.1.2.4 Analisi della sezione

Con riferimento alla sezione pressoinflessa, rappresentata in Fig. 4.1.3 assieme ai diagrammi di
deformazione e di sforzo così come dedotti dalle ipotesi e dai modelli σ − ε di cui nei punti
precedenti, la verifica di resistenza (SLU) si esegue controllando che:
MRd = MRd (NEd ) ≥ MEd (4.1.9)
dove
MRd è il valore di calcolo del momento resistente corrispondente a NEd;
NEd è il valore di calcolo della componente assiale (sforzo normale) dell’azione;
MEd è il valore di calcolo della componente flettente dell’azione.
Nel caso di pilastri soggetti a compressione assiale, si deve comunque assumere una componente
flettente dello sforzo MEd = e ⋅ NEd con eccentricità e pari almeno a 0,05h ≥ 20mm (con h altezza
della sezione).
Nel caso di pressoflessione deviata la verifica della sezione può essere posta nella forma:
α α
 M Eyd   
  +  M Esd  ≤ 1 (4.1.10)
 M Ryd  M
   Rsd 

dove
MEyd, MEzd sono i valori di calcolo delle due componenti di flessione retta dell’azione
attorno agli assi y e z;
MRyd, MRzd sono i valori di calcolo dei momenti resistenti di pressoflessione retta
corrispondenti a NEd valutati separatamente attorno agli assi y e z.

L’esponente α può dedursi in funzione della geometria della sezione e dei parametri
ν = NEd/NRcd (4.1.11)
ω t = At ⋅ fyd / NRcd (4.1.12)
con NRcd = Ac ⋅ fcd
In mancanza di una specifica valutazione, può porsi cautelativamente α=1.

4.1.2.1.3 Resistenza nei confronti di sollecitazioni taglianti

Senza escludere specifici approfondimenti, necessari in particolare nel caso di elementi costituiti
da calcestruzzo di classe di resistenza superiore a C45/55, per la valutazione delle resistenze
ultime di elementi monodimensionali nei confronti di sollecitazioni taglianti, si deve considerare
quanto
segue.

4.1.2.1.3.2 Elementi con armature trasversali resistenti al taglio

La resistenza a taglio VRd di elementi strutturali dotati di specifica armatura a taglio deve essere
valutata sulla base di una adeguata schematizzazione a traliccio. Gli elementi resistenti dell’ideale
traliccio sono: le armature trasversali, le armature longitudinali, il corrente compresso di
calcestruzzo e i puntoni d’anima inclinati. L’inclinazione q dei puntoni di calcestruzzo rispetto
all’asse della trave deve rispettare i limiti seguenti:

1 ≤ ctg θ ≤ 2,5 (4.1.16)

La verifica di resistenza (SLU) si pone con:

VRd ≥ VEd (4.1.17)

dove VEd è il valore di calcolo dello sforzo di taglio agente.

Con riferimento all’armatura trasversale, la resistenza di calcolo a “taglio trazione” si calcola


con:

Asw
VRsd = 0,9 ⋅ d ⋅ ⋅ f yd ⋅ ( ctgα + ctgθ ) ⋅ sin α
s (4.1.18)

Con riferimento al calcestruzzo d’anima, la resistenza di calcolo a “taglio compressione” si


calcola con:

(
VRcd = 0,9 ⋅ d ⋅ bw ⋅ α c ⋅ f 'cd ⋅( ctgα + ctg θ ) / 1 + ctg 2θ ) (4.1.19)

La resistenza al taglio della trave è la minore delle due sopra definite:

VRd = min (VRsd ,VRcd ) (4.1.20)

dove d, bw e σcp hanno il significato già visto in § 4.1.2.1.3.1. e inoltre si è posto:


Asw area dell’armatura trasversale;
s interasse tra due armature trasversali consecutive;
α angolo di inclinazione dell’armatura trasversale rispetto all’asse della trave;
f 'cd resistenza a compressione ridotta del calcestruzzo d’anima ( f 'cd = 0,5× fcd );
αc coefficiente maggiorativo pari a:
1 per membrature non compresse:
1 + σcp/fcd per 0 ≤ σcp < 0,25 fcd
1,25 per 0,25 fcd ≤ σcp ≤ 0,5 fcd
2,5(1 - σcp/fcd) per 0,5 fcd < σcp < fcd
In presenza di significativo sforzo assiale, ad esempio conseguente alla precompressione, si dovrà
aggiungere la limitazione:
(ctgθI ≤ ctgθ) (4.1.21)
dove θI è l’angolo di inclinazione della prima fessurazione ricavato da ctg θI = τ/σI mentre τ e σI
sono rispettivamente la tensione tangenziale e la tensione principale di trazione sulla corda
baricentrica della sezione intesa interamente reagente.
Le armature longitudinali, dimensionate in base alle sollecitazioni flessionali, dovranno essere
prolungate di una misura pari a:
a I = 0,9 ⋅ d ⋅ ( ctgθ − ctgα ) / 2 ≥ 0 ) (4.1.22)

Di seguito riportiamo le verifiche statiche condotte per le travi, secondo gli SLU, cioè con
sollecitazioni ricavate con la combinazione:

Fd = γG1⋅G1 + γG2⋅G2 + γP⋅P + γQ1⋅Qk1 + γQ2⋅ψ02⋅Qk2 + γQ3⋅ψ03⋅Qk3 + …


dove:
Gk è il valore caratteristico delle azioni permanenti;
P è il valore caratteristico delle azioni di precompressione;
Qk1 è il valore caratteristico di una delle azioni variabili (azione di base);
Qki sono i valori caratteristici delle altre azioni variabili tra loro indipendenti;
ψ0i sono i coefficienti di combinazione.
γG è il coefficienti parziale di sicurezza per le azioni permanenti (γG = 1,3 – 1,0);
γP è il coefficienti parziale di sicurezza per la forza di precompressione (γP = 1,0);
γQi sono i coefficienti parziali di sicurezza delle altre azioni variabili (γQi = 1,5 – 0,0);

Per ottenere le sollecitazioni massimi e minime agenti sulle travi, occorre fare i diversi schemi
statici e ricavare l’inviluppo, come di seguito viene brevemente illustrato per una trave su due
appoggi. Il nodo trave-colonna dovrebbe essere considerato come un vincolo di semi-incastro, come
illustrato dalla seguente immagine:
Eventualmente si possono considerare separatamente i due seguenti casi elementari:

In pratica si considera una trave su semplice appoggio, caricando le campate secondo i diversi
schemi necessari per ottenere le sollecitazioni massime e poi si considera la campata come
incastrata in modo tale da ottenere i momenti di incastro all’estremità delle travi.
Questo approccio è a favore di sicurezza, ma disponendo del programma di calcolo Straus7,
preferiamo adottare il primo approccio, senza dubbio più realistico. Il carico uniformemente
distribuito da applicare alla trave corrisponde allo scarico del solaio, pertanto si può ottenere
guardando le reazioni sugli appoggi della trave.

I risultati ottenuti per le verifiche di resistenza agli SLU, vengono illustrati qui di seguito, per
ciascuno degli elementi portanti ritenuti principali per la struttura e di cui in seguito si effettueranno
anche le verifiche sismiche. Viene inoltre condotta e riportata la verifica sui minimi prescritti dalla
norma sulle armature a flessione e a taglio, come illustrato all’inizio del capitolo.
Verifica della trave T 21

E’ una trave di secondo solaio, disposta lungo il lato corto dell’edificio. Il solaio sovrastante è
pertanto caricato con un carico variabile Q=0,5 KN/m2, molto piccolo essendo il piano superiore
solo un sottotetto. Si sono considerate le armature effettivamente presenti nella trave, utilizzando
per ricavarle le tavole strutturali. Si è quindi calcolato l’andamento del momento resistente MRd,
lungo l’asse della trave, attraverso il programma “Gelfi- VcaSLU”, inserendo le caratteristiche
geometriche e di armatura delle varie sezioni della trave, come illustrato di seguito:
Si è quindi trovato il diagramma di inviluppo dei momenti sollecitanti Msd attraverso Straus7 e si
sono poi riportati i risultati in un foglio Excel in modo da sovrapporlo con quello dei momenti
resistenti e verificare subito le sezioni.

DATI

CARATTERISTICHE MATERIALI SECONDO DM 1996


CLS CLS 25/30
Resistenza cubica caratteristica Rck [MPa] 30,00
Resistenza cilindrica caratteristica fck [MPa] 24,90
Resistenza a trazione media fctm [MPa] 2,61
Resistenza a flessione media fcfm [MPa] 3,13
Modulo elastico Ecm [MPa] 31220,19
Coefficiente di sicurezza allo SLU γc [-] 1,50
Resistenza cilindrica di progetto SLU fcd [MPa] 13,23
Resistenza a trazione di progetto SLU fctd [MPa] 1,14
ACCIAIO da ARMATURA FeB44K
Resistenza caratteristica a rottura ftk [MPa] 540,00
Resistenza caratteristica allo snervamento fyk [MPa] 430,00
Modulo elastico Es [MPa] 206000,00
Coefficiente di sicurezza allo SLU γs [-] 1,15
Resistenza allo snervamento di progetto fyd [MPa] 373,91

CARATTRISTICHE GEOMETRICHE TRAVE


Nome trave T21
Rettangolare in
Tipologia altezza
Base maggiore [mm] -
Base minore [mm] 400,00
bt [mm] 400,00
Altezza [mm] 550,00
Copriferro [mm] 30,00
Altezza utile d [mm] 520,00
Φlong,max [mm] 20,00
Lunghezza di sovrapposizione minima presente [mm] 800,00
As,maxeffettiva [mm2] 1885,00
2
As,mintesaeffettiva [mm ] 1257,00
VERIFICA MINIMI ARMATURA

VERIFICA DI MINIMI DI NORMATIVA ARMATURA A FLESSIONE


As,min [mm2] 328,25
As,mintesaeffettiva > As,min VERIFICATO
0,0013btd [mm2] 270,40
As,mintesaeffettiva > 0,0013btd VERIFICATO
Ac [mm2] 220000,00
0,04 Ac [mm2] 8800,00
As,maxeffettiva > As,min VERIFICATO
Lunghezza di sovrapposizione minima [mm] 400,00
Lunghezza di sovrapposizione presente
> VERIFICATO
Lunghezza di sovrapposizione minima

CARATTERISTICHE ARMATURA A TAGLIO


Diametro singolo ferro [mm] 10,00
Area singolo ferro [mm2] 78,54
Φlong,min [mm] 20,00
Numero di braccia [-] 4,00
Area sezione trasversale [mm2] 314,16
Passo presente massimo [mm] 200,00
Numero staffe/metro presenti 5,00

VERIFICA DEI MINIMI DI NORMATIVA ARMATURA A TAGLIO


2
Ast,min [mm /m] 600,00
Numero min staffe/metro [-] 1,91
Staffe al metro [mm] 3,00
0,8 d [mm] 416,00
Numero staffe/metro 2,40
Verifica numero minimo staffe VERIFICATO
VERIFICA A FLESSIONE:

VERIFICA A TAGLIO:
Verifica della trave T 22

E’ una trave di secondo solaio di bordo, disposta lungo il lato corto dell’edificio. Il solaio
sovrastante è pertanto caricato con un carico variabile Q=0,5 KN/m2, molto piccolo essendo il piano
superiore solo un sottotetto. Si sono considerate le armature effettivamente presenti nella trave,
utilizzando per ricavarle le tavole strutturali. Si è quindi calcolato l’andamento del momento
resistente MRd, lungo l’asse della trave, attraverso il programma “Gelfi- VcaSLU”, inserendo le
caratteristiche geometriche e di armatura delle varie sezioni della trave.

Si è quindi trovato il diagramma di inviluppo dei momenti sollecitanti Msd attraverso Straus7 e si
sono poi riportati i risultati in un foglio Excel in modo da sovrapporlo con quello dei momenti
resistenti e verificare subito le sezioni.

DATI:

CARATTERISTICHE GEOMETRICHE TRAVE


Nome trave T22
Tipologia L
Base maggiore [mm] 550,00
Base minore [mm] 300,00
bt [mm] 425,00
Altezza [mm] 550,00
Copriferro [mm] 30,00
Altezza utile d [mm] 520,00
Φlong,max [mm] 20,00
Lunghezza di sovrapposizione minima presente [mm] 800,00
As,maxeffettiva [mm2] 1885,00
As,mintesaeffettiva [mm2] 1257,00
VERIFICA MINIMI ARMATURA:

VERIFICA DI MINIMI DI NORMATIVA ARMATURA A FLESSIONE


As,min [mm2] 348,77
As,mintesaeffettiva > As,min VERIFICATO
0,0013btd [mm2] 287,30
As,mintesaeffettiva > 0,0013btd VERIFICATO
Ac [mm2] 202500,00
0,04 Ac [mm2] 8100,00
As,maxeffettiva > As,min VERIFICATO
Lunghezza di sovrapposizione minima [mm] 400,00
Lunghezza di sovrapposizione presente
> VERIFICATO
Lunghezza di sovrapposizione minima

CARATTERISTICHE ARMATURA A TAGLIO


Diametro singolo ferro [mm] 10,00
Area singolo ferro [mm2] 78,54
Φlong,min [mm] 12,00
Numero di braccia [-] 2,00
Area sezione trasversale [mm2] 157,08
Passo presente massimo [mm] 200,00
Numero staffe/metro presenti 5,00

VERIFICA DEI MINIMI DI NORMATIVA ARMATURA A TAGLIO


2
Ast,min [mm /m] 450,00
Numero min staffe/metro [-] 1,43
Staffe al metro [mm] 3,00
0,8 d [mm] 416,00
Numero staffe/metro 2,40
Verifica numero minimo staffe VERIFICATO
VERIFICA A FLESSIONE:

VERIFICA A TAGLIO:
Verifica della trave T 11

E’ una trave centrale di primo solaio, disposta lungo il lato corto dell’edificio. Si sono considerate
le armature effettivamente presenti nella trave, utilizzando per ricavarle le tavole strutturali. Si è
quindi calcolato l’andamento del momento resistente MRd, lungo l’asse della trave, attraverso il
programma “Gelfi- VcaSLU”, inserendo le caratteristiche geometriche e di armatura delle varie
sezioni della trave.

Si è quindi trovato il diagramma di inviluppo dei momenti sollecitanti Msd attraverso Straus7 e si
sono poi riportati i risultati in un foglio Excel in modo da sovrapporlo con quello dei momenti
resistenti e verificare subito le sezioni.

DATI:

CARATTRISTICHE GEOMETRICHE TRAVE


Nome trave T11
Tipologia T
Base maggiore [mm] 700,00
Base minore [mm] 400,00
bt [mm] 550,00
Altezza [mm] 700,00
Copriferro [mm] 30,00
Altezza utile d [mm] 670,00
Φlong,max [mm] 24,00
Lunghezza di sovrapposizione minima presente [mm] 540,00
As,maxeffettiva [mm2] 1885,00
2
As,mintesaeffettiva [mm ] 2513,00
VERIFICA MINIMI ARMATURA:

VERIFICA DI MINIMI DI NORMATIVA ARMATURA A FLESSIONE


As,min [mm2] 581,54
As,mintesaeffettiva > As,min VERIFICATO
0,0013btd [mm2] 479,05
As,mintesaeffettiva > 0,0013btd VERIFICATO
Ac [mm2] 370000,00
0,04 Ac [mm2] 14800,00
As,maxeffettiva > As,min VERIFICATO
Lunghezza di sovrapposizione minima [mm] 480,00
Lunghezza di sovrapposizione presente
> VERIFICATO
Lunghezza di sovrapposizione minima

CARATTERISTICHE ARMATURA A TAGLIO


Diametro singolo ferro [mm] 10,00
Area singolo ferro [mm2] 78,54
Φlong,min [mm] 20,00
Numero di braccia [-] 4,00
Area sezione trasversale [mm2] 314,16
Passo presente massimo [mm] 200,00
Numero staffe/metro presenti 5,00

VERIFICA DEI MINIMI DI NORMATIVA ARMATURA A TAGLIO


2
Ast,min [mm /m] 600,00
Numero min staffe/metro [-] 1,91
Staffe al metro [mm] 3,00
0,8 d [mm] 536,00
Numero staffe/metro 1,87
Verifica numero minimo staffe VERIFICATO
VERIFICA A FLESSIONE:

Verifica non soddisfatta

VERIFICA A TAGLIO:
Verifica della trave T 12

E’ una trave di bordo di primo solaio, disposta lungo il lato corto dell’edificio. Si sono considerate
le armature effettivamente presenti nella trave, utilizzando per ricavarle le tavole strutturali. Si è
quindi calcolato l’andamento del momento resistente MRd, lungo l’asse della trave, attraverso il
programma “Gelfi- VcaSLU”, inserendo le caratteristiche geometriche e di armatura delle varie
sezioni della trave.

Si è quindi trovato il diagramma di inviluppo dei momenti sollecitanti Msd attraverso Straus7 e si
sono poi riportati i risultati in un foglio Excel in modo da sovrapporlo con quello dei momenti
resistenti e verificare subito le sezioni.

DATI:

CARATTRISTICHE GEOMETRICHE TRAVE


Nome trave T12
Tipologia L
Base maggiore [mm] 550,00
Base minore [mm] 300,00
bt [mm] 425,00
Altezza [mm] 600,00
Copriferro [mm] 30,00
Altezza utile d [mm] 570,00
Φlong,max [mm] 24,00
Lunghezza di sovrapposizione minima presente [mm] 530,00
As,maxeffettiva [mm2] 1885,00
2
As,mintesaeffettiva [mm ] 1257,00
VERIFICA MINIMI ARMATURA:

VERIFICA DI MINIMI DI NORMATIVA ARMATURA A FLESSIONE


As,min [mm2] 382,30
As,mintesaeffettiva > As,min VERIFICATO
0,0013btd [mm2] 314,93
As,mintesaeffettiva > 0,0013btd VERIFICATO
Ac [mm2] 217500,00
0,04 Ac [mm2] 8700,00
As,maxeffettiva > As,min VERIFICATO
Lunghezza di sovrapposizione minima [mm] 480,00
Lunghezza di sovrapposizione presente
> VERIFICATO
Lunghezza di sovrapposizione minima

CARATTERISTICHE ARMATURA A TAGLIO


Diametro singolo ferro [mm] 10,00
Area singolo ferro [mm2] 78,54
Φlong,min [mm] 12,00
Numero di braccia [-] 2,00
Area sezione trasversale [mm2] 157,08
Passo presente massimo [mm] 200,00
Numero staffe/metro presenti 5,00

VERIFICA DEI MINIMI DI NORMATIVA ARMATURA A TAGLIO


2
Ast,min [mm /m] 450,00
Numero min staffe/metro [-] 2,86
Staffe al metro [mm] 3,00
0,8 d [mm] 456,00
Numero staffe/metro 2,19
Verifica numero minimo staffe VERIFICATO
VERIFICA A FLESSIONE:

VERIFICA A TAGLIO:

Verifica non soddisfatta


Verifica della trave T 13

E’ una trave centrale di primo solaio, disposta lungo il lato lungo dell’edificio. Si sono considerate
le armature effettivamente presenti nella trave, utilizzando per ricavarle le tavole strutturali. Si è
quindi calcolato l’andamento del momento resistente MRd, lungo l’asse della trave, attraverso il
programma “Gelfi- VcaSLU”, inserendo le caratteristiche geometriche e di armatura delle varie
sezioni della trave.

Si è quindi trovato il diagramma di inviluppo dei momenti sollecitanti Msd attraverso Straus7 e si
sono poi riportati i risultati in un foglio Excel in modo da sovrapporlo con quello dei momenti
resistenti e verificare subito le sezioni.

DATI:

CARATTRISTICHE GEOMETRICHE TRAVE


Nome trave T13
Tipologia Rettangolare in spessore
Base maggiore [mm] 700,00
Base minore [mm] 700,00
bt [mm] 700,00
Altezza [mm] 300,00
Copriferro [mm] 30,00
Altezza utile d [mm] 270,00
Φlong,max [mm] 20,00
Lunghezza di sovrapposizione minima presente [mm] 460,00
As,maxeffettiva [mm2] 1885,00
As,mintesaeffettiva [mm2] 1257,00
VERIFICA MINIMI ARMATURA:

VERIFICA DI MINIMI DI NORMATIVA ARMATURA A FLESSIONE


As,min [mm2] 298,27
As,mintesaeffettiva > As,min VERIFICATO
0,0013btd [mm2] 245,70
As,mintesaeffettiva > 0,0013btd VERIFICATO
Ac [mm2] 210000,00
2
0,04 Ac [mm ] 8400,00
As,maxeffettiva > As,min VERIFICATO
Lunghezza di sovrapposizione minima [mm] 400,00
Lunghezza di sovrapposizione presente
> VERIFICATO
Lunghezza di sovrapposizione minima

CARATTERISTICHE ARMATURA A TAGLIO


Diametro singolo ferro [mm] 10,00
Area singolo ferro [mm2] 78,54
Φlong,min [mm] 16,00
Numero di braccia [-] 4,00
Area sezione trasversale [mm2] 314,16
Passo presente massimo [mm] 200,00
Numero staffe/metro presenti 5,00

VERIFICA DEI MINIMI DI NORMATIVA ARMATURA A TAGLIO


Ast,min [mm2/m] 1050,00
Numero min staffe/metro [-] 3,34
Staffe al metro [mm] 3,00
0,8 d [mm] 216,00
Numero staffe/metro 4,63
Verifica numero minimo staffe VERIFICATO
VERIFICA A FLESSIONE:

VERIFICA A TAGLIO:

Verifica della trave T 1


E’ una trave centrale di primo solaio, disposta lungo il lato lungo dell’edificio. Si sono considerate
le armature effettivamente presenti nella trave, utilizzando per ricavarle le tavole strutturali. Si è
quindi calcolato l’andamento del momento resistente MRd, lungo l’asse della trave, attraverso il
programma “Gelfi- VcaSLU”, inserendo le caratteristiche geometriche e di armatura delle varie
sezioni della trave.

Si è quindi trovato il diagramma di inviluppo dei momenti sollecitanti Msd attraverso Straus7 e si
sono poi riportati i risultati in un foglio Excel in modo da sovrapporlo con quello dei momenti
resistenti e verificare subito le sezioni.

DATI:

VERIFICA MINIMI ARMATURA:

VERIFICA A FLESSIONE:

VERIFICA A TAGLIO:

Verifica non soddisfatta