Sei sulla pagina 1di 10

Un briefing per la Società Civile su

Geoingegneria,
Cambiamenti Climatici e Cattiva Informazione
Negli ultimi dieci anni, un piccolo ma crescente gruppo di governi e scienziati, la maggioranza dei paesi più
potenti e più inquinanti del clima del mondo, ha spinto per una considerazione politica della geoingegneria,
la deliberata manipolazione tecnologica su larga scala del clima.

La geoingegneria è intrinsecamente ad alto rischio e i suoi effetti negativi saranno probabilmente distribuiti in modo
ineguale. Per questo motivo, la geoingegneria è stata spesso presentata come un "Piano B" per affrontare la crisi climatica.
Ma dopo l'accordo di Parigi, che ha fissato l'ambizioso obiettivo di mantenere la temperatura ben al di sotto dei 2°C e
possibilmente anche di 1,5°C, il discorso è cambiato. Ora, la geoingegneria è sempre più avanzata come mezzo "essenziale"
per raggiungere questo obiettivo, attraverso un mix di tecnologie rischiose che porterebbero il carbonio fuori dall'atmosfera
per creare le cosiddette "emissioni negative" o prendere il controllo del termostato globale direttamente abbassare la
temperatura del clima.
Non dovrebbe sorprendere che la geoingegneria stia guadagnando terreno politico con l'aumento delle temperature.
L'industria dei combustibili fossili desidera disperatamente proteggere i suoi 55 trilioni di dollari stimati di infrastrutture
installate e i suoi 20-28 trilioni di dollari in beni prenotati che possono essere estratti solo se le società sono autorizzate a
superare le emissioni di GHG.
L'ipotesi teorica è che le tecnologie di geoingegneria potrebbero eventualmente consentire loro di recuperare la CO 2
dall'atmosfera e seppellirla nella terra o nell'oceano, o che l'iniezione di solfati nella stratosfera potrebbe abbassare la
temperatura, "dandoci più tempo" per accettare finalmente di ridurre radicalmente la nostra emissioni di combustibili
fossili. In ogni caso, fornisce all'industria dei combustibili fossili i mezzi per evitare di far scoppiare la "bolla del carbonio"
oltre la negazione del clima.
In altre parole, le proposte di geoingegneria stanno diventando il principale strumento dell'industria dei combustibili fossili
per minare la volontà politica di ridurre le emissioni effettive ora. Le proposte di geoingegneria stanno anche diventando
l'arma di ultima istanza per alcuni scienziati del clima disperati incapaci di produrre percorsi che riallineano il nostro
modello economico guidato dalla crescita con un futuro sicuro per il clima.
Ma cos'è esattamente la geoingegneria e quali tecnologie vengono proposte? E quali sono i rischi e le implicazioni associati
alle rispettive tecnologie quando si tratta di integrità ecologica, giustizia ambientale e climatica e democrazia?
Questo documento in lingua inglese, originale di etcgroup.org

Cos'è la geoingegneria?
La nozione di geoingegneria del clima esiste da oltre un secolo. Fino a poco tempo fa, era per lo più discusso come uno
strumento militare proposto per controllare il tempo per scopi ostili. Con l'inizio della crescente crisi climatica, lo spettro
delle proposte di geoingegneria è aumentato e oggi il dibattito pubblico sulla geoingegneria esplora se sia un mezzo per
combattere il cambiamento climatico piuttosto che altre nazioni.
La geoingegneria, o geoingegneria climatica, si riferisce a un insieme di tecniche e tecnologie proposte per intervenire
deliberatamente e alterare i sistemi terrestri su larga scala, in particolare alle manipolazioni del sistema climatico come
"technofix" per il cambiamento climatico. Viene sempre più suggerito come un modo per " guadagnare più tempo" per un
cambiamento reale e trasformativo in futuro, o come una polizza assicurativa per i nostri pronipoti, trasferendo così il
difficile fardello alla generazione successiva.
La geoingegneria può comprendere interventi sulla terra, negli oceani o nell'atmosfera. Può includere la cosiddetta gestione
della radiazione solare (SRM), così come altri interventi del sistema terrestre sotto l'ombrello della rimozione dell'anidride
carbonica (CDR) o della rimozione dei gas serra (GGR). Queste sono tutte proposte teoriche, e sebbene alcune tecniche CDR
possano essere più vicine al mercato secondo i loro promotori, l'affermazione che queste tecnologie sarebbero efficaci per
affrontare il cambiamento climatico è una speculazione, basata nella migliore delle ipotesi su modelli informatici limitati.
Significativamente, nessuna delle tecniche di geoingegneria sul tavolo mira ad affrontare le cause profonde del
cambiamento climatico.
Invece, hanno lo scopo di contrastare parzialmente alcuni dei suoi sintomi. I fattori alla base del cambiamento climatico (ad
es. Aumento del consumo, deforestazione, agricoltura non sostenibile e cambiamenti nell'uso del suolo) continueranno
inalterati.
Poiché la geoingegneria, per definizione, mira ad alterare intenzionalmente i sistemi terrestri come il ciclo del carbonio e il
ciclo idrologico, è di natura transfrontaliera. E poiché sappiamo molto poco del funzionamento dell'ecosistema planetario
nel suo insieme e di tutti i suoi sottosistemi, c'è una significativa probabilità che, anziché migliorare il clima, potrebbe
peggiorare le cose.

Perché la geoingegneria è così pericolosa?

Ogni tecnologia di geoingegneria presenta rischi particolari, ma tutti condividono alcuni problemi chiave:

Scala: per qualsiasi tecnica di geoingegneria su cui avere un impatto il clima globale, dovrà essere dispiegato in maniera
massiccia scala. Conseguenze indesiderate derivanti dalla distribuzione potrebbe quindi essere anche su vasta scala e
probabilmente lo sarà transfrontaliero.
Inaffidabile e ad alto rischio: la geoingegneria intende farlo intervenire in ambienti poco comprensibili, dinamici e
complessi sistemi, come il clima e l'ecologia oceanica. Interventi potrebbe andare storto a causa di un guasto meccanico,
errore umano, conoscenza incompleta e dati climatici, imprevedibili effetti sinergici, fenomeni naturali (come vulcanico
eruzioni, terremoti, tsunami), impatti transfrontalieri, cambiamento di regime politico o fallimenti di finanziamento, tra gli
altri.
In alcuni casi, come la gestione della radiazione solare, improvvisa la terminazione potrebbe portare a sbalzi di temperatura
e effetti di feedback che potrebbero essere anche peggiori del clima effetto destinato a essere affrontato.
Irreversibilità: molti punti critici nel clima globale il sistema sarà irreversibile. Nessuna quantità di "negativo è probabile che
contribuiscano a ricongelare l'Artico o ripristinarlo il monsone. L'applicazione della geoingegneria le tecnologie stesse
possono anche essere irreversibili: ecologiche o danno sociale causato dalla distribuzione della geoingegneria o gli
esperimenti non possono essere annullati. Una volta che iniziamo con raffreddando artificialmente il pianeta continuando a
emettere fossili emissioni di carburante, sarà impossibile fermarsi a metà strada.
Promuovere l'inazione climatica: la geoingegneria è una "perfetta scusa "per i negazionisti del clima e i governi che cercano
di farlo evitare i costi politici delle riduzioni di carbonio. Per quelli cercando di bloccare un'azione significativa per il clima,
l'attivo sviluppo di strumenti ed esperimenti di geoingegneria appare come il percorso preferito per "affrontare" il clima
cambiamento, nonché un argomento per allentare le restrizioni su industrie che emettono carbonio. E anche il cambiamento
climatico i negazionisti potrebbero vederlo come una soluzione (militare) conveniente per un problema che pensano non
esista. Già alcuni di le forze più forti che spingono per la ricerca in geoingegneria sono thinktank neoconservatori vicini
all'industria che in precedenza spacciava il negazionismo climatico come tattica.
(ad esempio Bjorn Il Copenhagen Consensus Center di Lomborg o l'americano Enterprise Institute).
Deviare risorse, finanziamenti e sforzi di ricerca da percorsi urgenti, reali, precauzionali, ecologici e giusti per la mitigazione
e l'adattamento ai cambiamenti climatici.
Unilaterale e disuguale: sembra che le stesse potenti corporazioni di paesi, che sono i principali produttori storici di GHG,
controllino i budget e le tecnologie più in grado di sviluppare ed eseguire queste proposte. Mantenendo gli inquinatori
responsabili della soluzione al cambiamento climatico, continueranno ad essere esclusi gli interessi delle popolazioni
emarginate e oppresse. Gli impatti negativi di molte proposte saranno particolarmente duri tra i paesi in via di sviluppo nel
Sud del mondo.
Pericoli ambientali: tutte le tecniche di geoingegneria proposte hanno impatti ambientali potenzialmente gravi. Ad
esempio, la fertilizzazione dell'oceano è in grado di interrompere la catena alimentare marina, creare fioriture di alghe
nocive e anossia in alcuni strati del mare. Il dispiegamento di bioenergia con cattura e stoccaggio del carbonio (BECCS)
implicherebbe un devastante accaparramento di terra, acqua e sostanze nutritive, coinvolgendo anche "massicci spostamenti
di terra e persone, con implicazioni globali per l'approvvigionamento alimentare, i diritti sulla terra e la giustizia
ambientale".[1] Con le tecniche SRM, non è possibile sapere con certezza come alterare la quantità di calore in arrivo sul
pianeta possa influire sugli ecosistemi, poiché creerà un equilibrio ecologico (o disturbo) completamente nuovo che
potrebbe diminuire la biodiversità e sconvolgere gli ecosistemi. L'energia proveniente dalla luce solare in arrivo è una risorsa
essenziale per la vita sul pianeta ed è strettamente collegata, ad esempio, al supporto delle alghe oceaniche che producono
la maggior parte dell'ossigeno del mondo. Il buon senso ecologico di base ci dice che la modifica di questa variabile chiave
potrebbe avere effetti a catena in tutti gli ecosistemi globali. Ci sono altri effetti potenzialmente molto gravi dell'SRM a
seconda della tecnica e della geografia, tra cui un aumento dell'esaurimento dello strato di ozono, cambiamenti nei modelli
meteorologici intorno ai tropici e subtropicali e gravi siccità in Africa e Asia, che potrebbero essere catastrofiche. Ciò
influenzerebbe gravemente la fonte di cibo e acqua per miliardi di persone.

La geoingegneria è una "scusa perfetta" per i negazionisti del clima e i governi che cercano di evitare i costi
politici della riduzione del carbonio.

Ingiustizia intergenerazionale: l'idea che la geoingegneria possa solo “guadagnare tempo” per consentire un cambiamento
verso politiche sostenibili a basse emissioni di carbonio nei prossimi decenni, è profondamente irrealistica e ingiusta per le
generazioni future. L'efficacia e la fattibilità delle "emissioni negative" basate su tecniche teoriche di CDR non è dimostrata
da nessuna parte, ma solo l'idea di emissioni negative sta già funzionando per ritardare le riduzioni urgentemente
necessarie che devono avvenire ora. Queste tecnologie fantasma mettono il fardello sulle generazioni future. Anderson &
Peters (2016) lo definiscono una "scommessa ingiusta e ad alto rischio". [2] Nel caso di SRM, poiché maschererebbe l'effettivo
riscaldamento nell'atmosfera, se fosse terminato, si verificherebbe un improvviso aumento del riscaldamento, che Sarebbe
molto più difficile per gli ecosistemi adattarsi e per la società da affrontare rispetto al riscaldamento graduale. Non
possiamo condannare i nostri figli e nipoti a essere prigionieri della geoingegneria che abbiamo iniziato e non possiamo
fermare, o vittime di un futuro climatico ancora più difficile perché li abbiamo lasciati a inventare tecnologie fantastiche che
noi stessi non avevamo a disposizione.
Armi: l'origine militare e le implicazioni della geoingegneria per la guerra sono spesso dimenticate o intenzionalmente non
menzionate. Eppure il concetto di controllo del tempo e del clima deriva da strategie militari e ha persino accelerato la firma
della Convenzione internazionale di modifica ambientale (ENMOD).[3]
I leader militari negli Stati Uniti e in altri paesi hanno riflettuto per decenni sulle possibilità di manipolazione meteorologica
armata. Il fatto che lo scopo pubblicamente dichiarato di una tecnologia sia quello di "combattere il cambiamento climatico"
non garantisce che le sue applicazioni saranno limitate a usi pacifici e fornisce una pratica copertura per la sperimentazione
a duplice uso.
Se qualcuno può affermare di controllare il termostato della Terra, questo può e sarà usato per scopi militari e geopolitici,
come ha descritto lo storico James Fleming. [4] Anche prima dell'uso ostile, qualsiasi stato o attore che affermi di essere in
grado di alterare i modelli meteorologici globali rimarrà una potente moneta di scambio geopolitica con cui minacciare e
fare prepotenze.
Esacerbare gli squilibri di potere globale: la prospettiva di controllare le temperature globali solleva seri problemi di potere
e giustizia: chi può controllare il termostato della Terra e regolare il clima per i propri interessi? Chi prenderà la decisione di
schierare se tali misure drastiche saranno considerate tecnicamente fattibili e i cui interessi saranno esclusi? I governi del
mondo hanno trovato impossibile collaborare democraticamente per concordare un trattato sul cambiamento climatico
legalmente vincolante a livello mondiale con la condivisione degli sforzi equi e il sostegno per tutti. È difficile immaginare
che i governi sarebbero in grado di farlo quando si tratta di geoingegneria, dove i paesi hanno chiari interessi geopolitici per
determinare le realtà climatiche regionali e globali. Infatti, se fossimo in grado di ottenere una tale collaborazione
internazionale e fiducia sulle decisioni sul nostro clima comune, non ne avremmo bisogno di parlare ora di geoingegneria.
Vedremmo già una vera azione per il clima in tutto il mondo.
Commercializzazione del clima: la concorrenza è già serrata negli uffici brevetti tra coloro che pensano di avere una
soluzione planetaria per la crisi climatica. La prospettiva di un monopolio privato che detenga i "diritti" per modificare il
clima è terrificante.
Profitto del carbonio: diversi geoingegneri hanno i propri interessi commerciali nella promozione delle tecniche di
geoingegneria a scopo di lucro. Possiedono brevetti e alcuni di loro hanno attivamente cercato di stabilire le tecnologie di
geoingegneria come ammissibili per i programmi di scambio di carbonio.

Violazione del trattato: l'impiego della geoingegneria costituirebbe una violazione di diversi trattati e decisioni delle
Nazioni Unite, compreso il trattato ENMOD, la Convenzione sulla diversità biologica e la convenzione/Protocollo di Londra.

Tecniche di geoingegneria proposte

Rimozione dei gas serra


Greenhouse Gas Removal (GGR) si riferisce a una serie di tecnologie proposte che rimuovono i gas serra dall'atmosfera. Un
termine generico più comune è Rimozione dell'anidride carbonica (CDR), ma questo esclude altri gas come il metano. Di
seguito alcune delle proposte:

Fecondazione oceanica (OF)


La fertilizzazione dell'oceano si riferisce allo scarico di ferro o altri nutrienti (ad esempio l'urea) nell'oceano in aree a bassa
produttività biologica al fine di stimolare la crescita del fitoplancton. In teoria, il fitoplancton risultante attira la CO 2
atmosferica e poi muore, cadendo sul fondo dell'oceano e sequestrando il carbonio. L'efficacia di OF è fortemente messa in
dubbio, poiché molto del carbonio "sequestrato" verrebbe probabilmente rilasciato di nuovo attraverso la catena
alimentare. Può anche provocare interruzioni della catena alimentare marina e anossia (mancanza di ossigeno) in alcuni
strati oceanici e può causare fioriture di alghe tossiche.

Risveglio artificiale
Una tecnica per mescolare le acque oceaniche portando artificialmente acque ricche di nutrienti dalle profondità fino
all'oceano superficiale per stimolare l'attività del fitoplancton. In teoria, questo assorbirebbe CO 2 mediante la fertilizzazione
dell'oceano. Come con OF, la sua efficacia è messa in dubbio. Inoltre interromperà la catena alimentare e l'ambiente marino
e porterà in superficie la CO2 già sequestrata.

Cattura e stoccaggio del carbonio (CCS)


Il CCS si riferisce solitamente alla cattura meccanica delle emissioni di CO 2 da centrali elettriche o altre fonti industriali.
La CO2 viene tipicamente catturata prima che le emissioni lasciano la ciminiera, generalmente con una sostanza chimica
assorbente. La CO2 liquefatta viene quindi pompata in falde acquifere sotterranee per lo stoccaggio a lungo termine. La CCS
era originariamente chiamata "recupero migliorato del petrolio/EOR" poiché è una tecnologia dell'industria petrolifera per
recuperare le riserve residue di petrolio pompando gas pressurizzato in pozzi vuoti. La CCS non è economicamente
sostenibile a meno che non sia fortemente sovvenzionata e, se utilizzata come tecnica di recupero del petrolio, promuove un
ulteriore sfruttamento del petrolio. La sua capacità di sequestrare permanentemente il carbonio è ampiamente messa in
discussione. Il carbonio catturato potrebbe fuoriuscire per molte ragioni: costruzione difettosa, terremoti o altri movimenti
sotterranei. A queste concentrazioni, la CO2 è altamente tossica per la vita animale e vegetale. La CCS associata ai
combustibili fossili è stata esentata dalla definizione della Convenzione delle Nazioni Unite sulla biodiversità sulla
geoingegneria, ma è ancora inclusa in altre definizioni.

Uso e stoccaggio della cattura del carbonio (CCUS)


L'idea alla base di CCUS è che la CO 2 catturata dall'industria o dall'atmosfera può essere utilizzata come materia prima per la
produzione, teoricamente con il risultato che la CO 2 viene immagazzinata nei prodotti fabbricati. Un esempio ipotetico
riguarda l'alimentazione di CO2 catturata ad alghe che producono biocarburanti; un altro è la reazione della CO 2 con minerali
calcificanti per produrre calcestruzzo per scopi edilizi. La CCUS ha molti dei potenziali impatti della CCS, ma con un aumento
del rischio di emissioni di CO2 durante la lavorazione e dai prodotti finali. CCUS potrebbe anche avere un bilancio energetico
discutibile una volta che si tiene conto dell'energia totale richiesta per il trasporto e la lavorazione, oltre a considerazioni
sulla fine del ciclo di vita: potrebbe esserci un aumento netto delle emissioni di gas serra.

Cattura diretta dell'aria (DAC)


DAC si riferisce all'estrazione di CO 2 o altri gas serra dall'atmosfera con mezzi chimici e meccanici, generalmente utilizzando
un assorbente chimico e grandi ventilatori per spostare l'aria ambiente attraverso un filtro. La CO 2 è quindi disponibile come
flusso di gas per CCS o recupero potenziato di petrolio o altri usi. Il DAC è una proposta commerciale che sembra avere un
fabbisogno energetico molto elevato e, come CCS, viene proposto per un migliore recupero del petrolio in luoghi in cui le
fonti industriali di CO2 possono essere limitate. Gli attuali prototipi di DAC recuperano la CO 2 ambientale a livelli bassi. Per
avere un effetto significativo possono avere un impatto ambientale sul terreno e per fornire i livelli necessari di assorbente
possono esserci impatti significativi sulla tossicità. La questione dell'archiviazione è irrisolta e, in teoria, collegarla a CCS o
CCUS non la risolverà, come descritto sopra.

Bioenergia con cattura e stoccaggio del carbonio (BECCS)


BECCS descrive la cattura di CO 2 da applicazioni bioenergetiche (ad esempio, la produzione di etanolo o la combustione di
biomassa per l'elettricità) e successivamente il sequestro di tale CO 2 attraverso CCS o CCUS. La teoria è che BECCS è "carbon
negative" perché la bioenergia è teoricamente "carbon neutral", basata sull'idea che le piante ricresceranno per fissare il
carbonio che è stato emesso. I critici della bioenergia sottolineano che questo trascura le emissioni derivanti dal
cambiamento dell'uso del suolo e le emissioni del ciclo di vita. Secondo IPCC AR5, per mantenere la temperatura sotto i 2
gradi con un sistema BECCS teoricamente efficace sarebbero necessari dai 500 milioni ai 6 miliardi di ettari di terreno.
L'attuale produzione globale di colture copre 1,5 miliardi di ettari: l'impatto su terra, acqua, biodiversità e mezzi di
sussistenza, così come la competizione per la coltivazione della terra sarebbe devastante.

Enhanced Weathering (EW)


Le tecniche EW propongono di sciogliere i minerali frantumati (in particolare i minerali di silicato) sulla terra o nel mare per
reagire chimicamente e fissare la CO2 atmosferica negli oceani e nel suolo. L'enorme domanda di minerali avrebbe gravi
impatti sulla terra e sulla biodiversità, estendendo gli impatti dannosi delle operazioni minerarie. Cambiare
deliberatamente la chimica generale degli oceani è irto di molte incognite e fattori imprevedibili.

Biochar
Le tecniche Biochar propongono di bruciare biomasse e rifiuti urbani senza ossigeno per creare carbone. Questo carbone
viene quindi miscelato nel terreno come additivo per il suolo, seppellendo direttamente il carbonio nel terreno. Si afferma
che i terreni Biochar siano più fertili poiché hanno un contenuto di carbonio più elevato. L'approccio è ispirato (ma molto
diverso dai) terreni neri dell'Amazzonia Terra Preta dove le comunità indigene hanno utilizzato il carbone per migliorare la
fertilità.
Il biochar industriale richiederebbe in seguito grandi aree di terra per le piantagioni da bruciare; potrebbe interrompere la
vita del suolo, aumentando potenzialmente le emissioni di serra dal suolo; ea seconda della fonte della biomassa, può creare
concentrazioni di contaminanti tossici. L'aumento della produttività dichiarato da biochar come emendamento del suolo non
è coerente tra i diversi caratteri.

Gestione della radiazione solare


Solar Radiation Management (SRM) descrive una suite di tecnologie proposte che mirano a riflettere la luce solare nello
spazio prima che riscaldi il clima della Terra. Le principali proposte SRM includono:

Iniezione di aerosol stratosferico (SAI)


Questa è una proposta SRM per spruzzare grandi quantità di particelle inorganiche (ad esempio anidride solforosa) nella
stratosfera (lo strato superiore dell'atmosfera) per agire come una barriera riflettente contro la luce solare in entrata. Le
proposte spaziano dallo sparare alle particelle dei cannoni di artiglieria, all'utilizzo di grandi tubi per raggiungere il cielo o
allo svuotamento di particelle dal retro degli aerei. È stato anche considerato il design di particelle autolevitanti, nonché
l'uso di particelle di altri materiali riflettenti (ad esempio titanio, alluminio, calcite, persino polvere di diamante). La SAI che
utilizza solfati, l'opzione più studiata, probabilmente causerebbe l'esaurimento dello strato di ozono e potrebbe disturbare i
modelli di pioggia e vento attraverso i tropici e le regioni subtropicali. Ciò potrebbe causare siccità in Africa e in Asia e
influenzare i monsoni, con gravi impatti ambientali, e mettere in pericolo la fonte di cibo e acqua per due miliardi di
persone.

Marine Cloud Brightening (MCB) o Cloud Reflectivity Enhancement


Le proposte di MCB mirano ad aumentare il bianco delle nuvole per riflettere più luce solare nello spazio. Come con altre
proposte SRM, il cambiamento della radiazione solare può avere un impatto sui modelli meteorologici e potrebbero esserci
impatti sugli ecosistemi marini e costieri, nonché sull'agricoltura.

Cirrus Cloud assottigliamento


Assottigliando i cirri (nuvole sottili e allungate ad alta quota), alcuni ricercatori hanno proposto che più calore potrebbe
sfuggire nello spazio, creando un raffreddamento generale del clima. Questa idea potrebbe avere un effetto anche opposto,
poiché ci sono molte incognite sulla formazione delle nuvole e sulla chimica con effetti potenzialmente imprevedibili.

Colture ad alto albedo e sgombero delle foreste innevate


Diverse proposte suggeriscono che la coltivazione di colture che riflettono più luce (nuove colture geneticamente modificate
o varietà ad alto albedo di colture esistenti) potrebbe raffreddare l'atmosfera riflettendo più radiazioni solari nello spazio.
Altri suggeriscono di ripulire le foreste che esistono in aree coperte di neve per gran parte dell'anno, il che lo farebbe
aumentare la quantità di luce riflessa nello spazio dalla neve più piatta e luminosa. L'utilizzo di colture o alberi
geneticamente modificati comporta tutti gli impatti sulla biosicurezza e sull'uso del suolo di queste piantagioni, tra cui
l'erosione del suolo e l'uso massiccio di agenti agrochimici contaminanti. Disboscare le foreste per creare dessert bianchi
avrebbe un impatto negativo sulla biodiversità e sul clima.

Microbolle e Schiume di Mare


Si stanno avanzando proposte per aumentare la riflettività della superficie dell'oceano (o di altri corpi idrici) creando
minuscole bolle o disperdendo agenti schiumogeni sulla superficie dell'acqua. Oltre a interrompere il flusso di luce per la
vita oceanica, le schiume possono anche ridurre l'ossigeno negli strati superiori dell'oceano, influenzando negativamente la
biodiversità.

Modifica meteorologica
La modifica del tempo (Weather Modification) si riferisce a varie tecniche, tra cui l'inseminazione delle nuvole e le tecniche
correlate, per modificare i modelli meteorologici e delle precipitazioni senza l'intenzione di modificare i modelli climatici
generali. La WM ha causato alle comunità la siccità e/o l'allagamento dei raccolti, ma poiché si ritiene che abbia solo impatti
locali o regionali, spesso non è considerata geoingegneria.
Sulla governance della geoingegneria

La Convenzione delle Nazioni Unite sulla diversità biologica (CBD) discute di geoingegneria dal 2007. Nel 2009, dopo aver
prodotto un rapporto tecnico approfondito e sottoposto a revisione paritaria sulla fertilizzazione degli oceani e tenendo
conto di una richiesta di "massima cautela" dalla Convenzione di Londra, [5] il Il CBD ha preso una decisione di consenso
chiedendo una moratoria sulla fertilizzazione degli oceani, esortando i governi a garantire che non si svolgerà alcuna attività
di fertilizzazione fino a quando non saranno soddisfatte una serie di requisiti rigorosi, inclusa la presenza di un "meccanismo
di controllo e regolamentazione globale, trasparente ed efficace". [6]
Nel 2010, la CBD ha preso un'altra decisione fondamentale su una moratoria de facto sulla geoingegneria, una richiesta di
consenso da 193 governi (gli Stati Uniti non sono parte della CBD), per garantire che "in linea e coerente con la sua
precedente decisione" sull'oceano fertilizzazione, "non si svolgono attività di geoingegneria legate al clima che possono
influire sulla biodiversità, fino a quando non vi è una base scientifica adeguata su cui giustificare tali attività e un'adeguata
considerazione dei rischi associati per l'ambiente e la biodiversità e associati sociali, economici e culturali impatti". [7]
Tuttavia, nella definizione di geoingegneria, la" CCS da combustibili fossili "(non da bioenergia) non era considerata
geoingegneria dalla CBD. Da allora il CBD ha prodotto due rapporti tecnici sottoposti a revisione paritaria sulla
geoingegneria e ha riaffermato la moratoria nel 2012 e nel 2016. [8]

Nel 2010, la CBD ha preso una decisione fondamentale su una moratoria de facto sulla
geoingegneria, una richiesta di consenso di 193 governi.

Entrambe le moratorie lasciano uno spazio per esperimenti "su piccola scala", ma solo "se giustificato per raccogliere dati
scientifici" e con un elenco di requisiti preliminari da soddisfare prima di procedere, come un'accurata valutazione
preventiva dell'impatto ambientale, un "contesto controllato, "E assicurando che non si verifichino impatti transfrontalieri.
Nel caso della fertilizzazione oceanica, si afferma anche che non può essere "utilizzata per generare e vendere
compensazioni di carbonio o altri scopi commerciali". I governi del CBD considerano queste decisioni altamente rilevanti, al
punto che la discussione su tre esperimenti di geoingegneria ha affrontato le decisioni CBD. (Esperimento di fertilizzazione
oceanica LOHAFEX di India e Germania, [9] l'esperimento privato HRSC di fertilizzazione oceanica nei pressi di Haida Gwaii,
Canada,[10] e un esperimento ideato per provare l'attrezzatura SRM, un esperimento ideato per provare l'attrezzatura SRM,
SPICE, nel Regno Unito.[11]) La Convenzione di Londra, e il suo Protocollo di Londra (Convenzione sulla prevenzione
dell'inquinamento marino dovuto al dumping di rifiuti e altre questioni), hanno portato avanti le discussioni e le decisioni
sulla fertilizzazione degli oceani dal 2007 e hanno lanciato diversi appelli alla "massima precauzione". Nel 2013, il Protocollo
di Londra ha deciso che tutte le attività di fertilizzazione degli oceani non devono essere consentite, ad eccezione di quelle
che costituiscono "ricerca scientifica legittima" - un termine che è stato anche strettamente definito. [12]
Nonostante ciò, un gruppo molto ristretto di governi dei paesi ad alte emissioni del Nord, così come promotori della
geoingegneria, insistono oggi sul fatto che le moratorie sono solo "un appello", cercando di minimizzare la loro rilevanza.
Invece, promuovono "linee guida etiche" non vincolanti, "codici di condotta" e misure volontarie simili sviluppate da gruppi
di accademici come una via da seguire quando si tratta di costruire una governance globale per la ricerca di geoingegneria e
il potenziale impiego. Confrontare la decisione consensuale di 193 governi in un trattato universale come il CBD con le linee
guida sviluppate da accademici approvati dalle istituzioni pro-geoingegneria è una presa in giro della governance
democratica, ma utile per aprire la strada a ulteriori esperimenti e per raccogliere più fondi per la ricerca.
Confrontare la decisione consensuale di 193 governi in un trattato universale come il CBD con le linee guida sviluppate da
accademici approvati dalle istituzioni pro-geoingegneria è una presa in giro della governance democratica, ma è utile per
giustificare ulteriori esperimenti di geoingegneria e per attrarre più fondi per la ricerca.
La Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) non ha considerato la geoingegneria in
quanto tale nella sua agenda ufficiale. Ha discusso la questione della cattura e stoccaggio del carbonio (CCS) dal 2005, con
molti governi che si sono opposti. Nel 2011, CCS è stato approvato per essere incluso nel meccanismo di sviluppo pulito. Nel
2014 si è tenuto un incontro di esperti tecnici su CCS. L'approvazione dell'Accordo di Parigi e il divario tra gli obiettivi
dichiarati e gli NDC presentati hanno creato una situazione in cui i geoingegneri stanno ora tentando di introdurre la
questione della geoingegneria nell'UNFCCC, ad esempio nel contesto del dialogo facilitativo che farà il punto su contributi
determinati a livello nazionale dei governi nel 2018.
L'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) ha fatto menzioni molto minori di geoingegneria dal suo secondo
rapporto di valutazione (AR2) fino al suo rapporto AR4, indicando fondamentalmente che "le opzioni di geoingegneria sono
in gran parte speculative e non dimostrate e con il rischio di effetti collaterali sconosciuti . " Nel 2011, l'IPCC ha tenuto un
Meeting of Experts on Geoengineering, un'iniziativa ampiamente criticata da 160 organizzazioni della società civile
internazionali e nazionali.[13]
In AR5, l'IPCC ha incluso una piccola sezione che analizza alcune delle tecniche CDR e nel suo Rapporto di sintesi ha espresso
che:

“Le tecnologie SRM sollevano interrogativi su costi, rischi, governance e implicazioni etiche di
sviluppo e implementazione.”

Ci sono sfide speciali che emergono per istituzioni e meccanismi internazionali che potrebbero coordinare la ricerca e
possibilmente limitare la sperimentazione e il dispiegamento. Anche se SRM ridurrebbe l'aumento della temperatura
globale causato dall'uomo, implicherebbe ridistribuzioni spaziali e temporali dei rischi.
SRM introduce quindi importanti questioni di giustizia intragenerazionale e intergenerazionale. La ricerca sull'SRM, così
come la sua eventuale implementazione, è stata oggetto di obiezioni etiche. Nonostante i bassi costi potenziali stimati di
alcune tecnologie di implementazione SRM, non supereranno necessariamente un test costi-benefici che tenga conto della
gamma di rischi ed effetti collaterali. Le implicazioni di governance dell'SRM sono particolarmente impegnative, soprattutto
perché un'azione unilaterale potrebbe portare a effetti e costi significativi per gli altri". [14]
Tuttavia, l'elemento sorprendente in AR5 è stato che l'IPCC ha considerato l'ampio uso di un approccio di geoingegneria,
BECCS, nella maggior parte degli scenari per possibili futuri nel suo gruppo di lavoro 3. Nei quattro principali percorsi di
concentrazione rappresentativi (RCP) offerti al clima I responsabili politici, l'uso di BECCS e le "tecnologie a emissioni
negative" sono fortemente rappresentati, senza alcuna considerazione della loro fattibilità e degli impatti estremamente
gravi sociali, sulla sicurezza alimentare e sull'ambiente di una così ampia diffusione di BECCS. Questo pregiudizio ha
motivato la pubblicazione di un numero crescente di documenti altamente critici da parte dei media scientifici e delle
organizzazioni della società civile.[15]
Alla luce di questo errore e della posizione critica di AR5 nei confronti di SRM, è ancora una volta sorprendente vedere che
nei documenti di base per diversi rapporti speciali e altri documenti per AR6, la geoingegneria è stata proposta come
opzione da analizzare. La visione del presidente dell'IPCC per il sesto rapporto di valutazione includeva una proposta per la
geoingegneria da considerare come una questione trasversale in tutti i gruppi di lavoro. Ciò ha già motivato le critiche sia
dei governi che della società civile. La decisione finale sui contenuti dell'AR6 deve ancora essere discussa alla 46a sessione
dell'IPCC, nel settembre 2017.
Sia le decisioni della CBD che della Convenzione di Londra/Protocollo di Londra, nonché le disposizioni in altri forum
multilaterali, costituiscono parti importanti di un quadro di governance della geoingegneria in evoluzione. I previsti impatti
negativi diseguali della geoingegneria tra paesi e regioni, e il suo potenziale di squilibrare ulteriormente il sistema climatico
globale, significa che qualsiasi decisione sugli esperimenti all'aperto o sulla distribuzione di geoingegneria deve essere
presa da un meccanismo di governance globale multilaterale, democratico, trasparente e responsabile, compreso la
considerazione della possibilità di stabilire un divieto permanente di geoingegneria.
La velocità con cui il discorso pro-geoingegneria e la scienza correlata stanno attualmente sviluppando strumenti per grandi
esperimenti e potenziale dispiegamento unilaterale significa che dobbiamo agire rapidamente. Una discussione vivace e
critica della società civile sulla geoingegneria è fondamentale per informare i responsabili politici e il pubblico in generale
sulle implicazioni e sulle alternative.
Ma non dovremmo almeno fare esperimenti per saperne di più ...?

... è essenziale rafforzare l'approccio precauzionale: gli esperimenti nel mondo reale (aria
aperta, oceano, terra) non dovrebbero essere consentiti in assenza di una forte governance.

Gli esperimenti di geoingegneria su piccola scala sono spesso presentati come un passo innocuo e necessario verso un
dibattito più informato sui rischi e sui benefici della geoingegneria. Si sostiene che questi esperimenti avrebbero un impatto
ambientale meno immediato e sarebbero prima di tutto esperimenti per comprendere meglio la chimica atmosferica e la
fisica relative alla geoingegneria. Ma questa prospettiva trascura le questioni chiave.
In primo luogo, la geoingegneria deve essere considerata una questione politica piuttosto che tecnica.
Abbiamo bisogno di discussioni molto più ampie su altri aspetti per decidere come società se scegliamo di intraprendere
queste tecnologie ad alto rischio e antidemocratiche.
In secondo luogo, i sostenitori della geoingegneria sono desiderosi di passare alla sperimentazione all'aria aperta non allo
scopo di una scienza disinteressata, ma allo scopo di una scienza disinteressata, ma per ragioni politiche: una volta che un
campo tecnico si sposta in esperimenti di `` prova di principio '', attraversa un una linea significativa verso la realizzazione e
può essere avanzata in modo più credibile come opzione politica.

Prima politica e precauzione


A causa della posta in gioco geopolitica, del rischio di armamento e delle implicazioni intergenerazionali della
geoingegneria, la comunità globale dovrebbe prima di tutto dibattere su questi aspetti, prima di consentire lo sviluppo di
strumenti che un governo che nega il clima o "una coalizione di volenterosi" potrebbe utilizzare, anche se tutti gli altri
governi concluderebbero che è troppo rischioso e ingiusto da usare. La geoingegneria non può mai essere limitata a una
discussione tecnica, una questione di "sviluppo di strumenti, per ogni evenienza" o limitata solo alla prospettiva del clima.
Questo è uno dei motivi per cui i "test sul campo" sono spesso diventati così controversi (ad esempio, test sul campo di
tecnologie nucleari, colture OGM, armi spaziali, "caccia scientifica alle balene").
Terzo, non esiste un "esperimento di geoingegneria". Nessuna delle proposte di geoingegneria è pronta per essere
implementata su una scala che avrebbe un impatto sul clima globale.
Esperimenti "su piccola scala" per sviluppare conoscenze scientifiche e hardware non ci diranno nulla sull'influenza sul
sistema climatico globale. Per avere quell'effetto, dovrebbero essere dispiegati su una scala geografica e temporale (per
poter differenziare gli impatti delle normali variazioni climatiche e del "rumore" climatico) che non potrebbe più essere
definito un esperimento: sarebbe il dispiegamento, con tutti i suoi rischi e probabili impatti irreversibili.
Pertanto, è essenziale rafforzare l'approccio precauzionale: gli esperimenti nel mondo reale (aria aperta, oceano, terra) non
dovrebbero essere consentiti in assenza di una forte governance.
La ricerca sulla geoingegneria dovrebbe - in linea con la decisione della CBD - concentrarsi su questioni socio-politiche,
ecologiche, etiche e sui potenziali impatti e contribuire a un dibattito sul fatto che la governance democratica della
geoingegneria sia mai possibile, e come. E ancora più importante: i finanziamenti e la ricerca sui cambiamenti climatici
devono essere urgentemente aumentati per supportare l'implementazione di soluzioni ecologicamente e socialmente valide
e comprovate e adattate alla crisi climatica, non tecnofix speculative e che distraggono.
Referenze
1. Silke Beck and Martin Mahony, “The IPCC and the politics of anticipation,” Nature Climate Change, vol. 7 no. 5,
April 2017. https://www.researchgate.net/publication/269697627_Is_the_IPCC_a_learning_organisation
2. Kevin Anderson and Glen Peters, “The trouble with negative emissions.” Science, vol. 354, no. 6309, October 2016
http://smartstones.nl/wp-content/uploads/2016/12/Kevin-Anderson-2016.10.13-the-Trouble-with-Negative-
Emissions-Science-2016.pdf
3. ENMOD è un trattato internazionale firmato nel 1977 che proibisce l'uso militare o altro uso ostile di tecniche di
modifica ambientale che potrebbero avere effetti diffusi, duraturi o gravi. Si è formato dopo che gli Stati Uniti
hanno utilizzato la modifica del tempo come mezzo di guerra nella guerra del Vietnam.
4. James Fleming, Fixing the Sky: The Checkered History of Weather and Climate Control, Columbia Studies in
International and Global History, Columbia University Press, 2012. https://reviews.history.ac.uk/review/1028
5. International Maritime Organization, “Ocean Fertilization under the LC/LP,” (History of the negotiations on
geoengineering under LC and its London Protocol). Available at:
https://www.imo.org/en/OurWork/Environment/LCLP/EmergingIssues/geoengineering/
OceanFertilizationDocumentRepository/OceanFertilization/Pages/default.aspx
6. CBD, COP 9 Decision IX/16 section C, paragraph 4, 2008. Available at: https://www.cbd.int/decision/cop/?id=11659
7. CBD, COP 10 Decision X/33 paragraph 8(w), 2010. Available at: https://www.cbd.int/decision/cop/?id=12299
8. The decade-long history of the CBD negotiations and produced reports are gathered at:
https://www.cbd.int/climate/geoengineering/
9. Quirin Schiermeier, “Ocean fertilization experiment suspended,” Nature News, 14 January 2009. Available at:
http://www.nature.com/news/2009/090114/full/news.2009.26.html
10. ETC Group, “Case Study: Ocean Fertilization near Haida Gwaii,” 28 March 2013. Available at:
http://www.etcgroup.org/content/case-study-ocean-fertilization-near-haida-gwaii
11. ETC Group, “Say no to the Trojan Hose,” News Release, 27 September 2011. Available at:
http://www.etcgroup.org/content/say-no-trojan-hose
12. London Convention/ London Protocol, Resolution LP.4 (8) in LC 35/15. Available at:
https://www.imo.org/en/KnowledgeCentre/IndexofIMOResolutions/Pages/LDC-LC-LP.aspx
13. Open Letter to IPCC, 2011. Available at: http://www.etcgroup.org/content/open-letter-ipcc-geoengineering ETC
Group, “The IPCC ś AR5 and geoengineering,” Briefing, 28 March 2014. Available at
http://www.etcgroup.org/content/ipcc-ar5-geoengineering-march2014
14. IPCC, Climate Change 2014: Synthesis Report. Contribution of Working Groups I, II and III to the Fifth
Assessment Report of the Intergovernmental Panel on Climate Change. IPCC, 2015, p. 69.
https://www.ipcc.ch/report/ar5/syr/
15. Biofuelwatch & Heinrich Boell Foundation, BECCS: Last-ditch climate option or wishful thinking? Report, April
2016. Available at:
https://www.boell.de/en/2016/04/29/last-ditch-climate-option-or-wishful-thinking