Sei sulla pagina 1di 26

DOC.

: DTE038
DATA : 12/4/2011
REV. :8
MANUALE DI USO E REGOLAZIONE CONTROLLER PAG. :1
R

DOCUMENTO NUMERO

DTE038

TITOLO DEL DOCUMENTO

Manuale di uso e regolazione

Tutte le informazioni contenute nel presente Manuale interno sono da considerarsi riservate, di
esclusiva proprietà del Gruppo OTIS e rivolte esclusivamente ai manutentori e tecnici dipendenti delle
Società del Gruppo OTIS.
A chiunque venga consegnato dal Gruppo OTIS il presente Manuale interno è VIETATO
DIVULGARNE A TERZI, IN QUALUNQUE FORMA O MODO, IL CONTENUTO E/O CONSENTIRNE
A TERZI L’UTILIZZO

Rev. Data Descrizione della revisione Autore Controllato

2 11/06/2010 Aggiunto capitolo diagnostica drive C. Colombari C. Colombari

3 11/06/2010 Modificato capitolo 4 C. Colombari C. Colombari

4 30/06/2010 Modificato capitolo 2 C. Colombari C. Colombari

5 02/12/2010 Documento rivisto completamente C. Colombari M. Sarti

6 07/02/2011 Modificato punto 4.4.1 M. Minelli C.Colombari

7 06/04/2011 Corretta numerazione programmi C. Colombari M. Sarti

8 12/04/2011 Aggiornato menu diagnostica / Inserite istr. agg. SW C. Colombari M. Sarti

Tutte le informazioni contenute nel presente Manuale interno sono da considerarsi riservate, di esclusiva proprietà del Gruppo OTIS
e rivolte esclusivamente ai manutentori e tecnici dipendenti delle Società del Gruppo OTIS.
A chiunque venga consegnato dal Gruppo OTIS il presente Manuale interno è
VIETATO DIVULGARNE A TERZI, IN QUALUNQUE FORMA O MODO, IL CONTENUTO E/O CONSENTIRNE A TERZI L' UTILIZZO
DOC. : DTE038
DATA : 12/4/2011
REV. :8
MANUALE DI USO E REGOLAZIONE CONTROLLER PAG. :2
R
SOMMARIO
1 SEGNALAZIONI LUMINOSE SUL QUADRO.........................................................................................................3
1.1 SCHEDA DI MANOVRA .......................................................................................................................................................................3
1.1.1 Schema serie di sicurezza ......................................................................................................................................................5
1.2 DRIVE ..............................................................................................................................................................................................6
1.3 CARICABATTERIE ............................................................................................................................................................................10
1.4 MRO .............................................................................................................................................................................................11
2 MENU ...........................................................................................................................................................................12
2.1 PAGINA DI STATO E MENU ...............................................................................................................................................................12
2.2 ACCESSO AD UNA PAGINA DI UN MENU ............................................................................................................................................12
2.3 USCITA AD UNA PAGINA DI UN MENU ...............................................................................................................................................12
2.4 PRESET E²PROM ...........................................................................................................................................................................12
2.5 STRUTTURA DEI MENU ....................................................................................................................................................................13
3 ISTRUZIONI PER LA MOVIMENTAZIONE DELLA PIATTAFORMA ...........................................................20
3.1 MOVIMENTAZIONE DELLA PIATTAFORMA CON BOTTONIERA DI MANUTENZIONE ................................................................................20
3.2 DIREZIONE MOTORE ........................................................................................................................................................................20
3.3 ENCODER ADJUSTEMENT .................................................................................................................................................................20
4 ISTRUZIONI PER IL MONTAGGIO E LA MESSA IN MARCIA.......................................................................21
4.1 MESSA IN FUNZIONE DELL’RBI (DISPOSITIVO MONITORAGGIO CINGHIE)...........................................................................................21
4.1.1 Apprendimento automatico utilizzando il tasto LEARN (RBI) ............................................................................................21
4.1.2 Apprendimento manuale utilizzando il service tool (RBI)...................................................................................................22
4.1.3 Apprendimento automatico utilizzando il service tool (RBI)...............................................................................................22
4.1.4 Operazione di RESET (RBI)................................................................................................................................................23
4.1.5 Stato dei CSB LED (RBI) ....................................................................................................................................................23
4.1.6 Test (RBI) ............................................................................................................................................................................23
4.2 USCITA DAL MONTAGGIO ................................................................................................................................................................23
4.3 LEARNING RUN (CORSA ACQUISIZIONE PIANI) ..................................................................................................................................24
4.4 TUNING OPERATORE PORTE AT120 .................................................................................................................................................24
4.4.1 Corsa di apprendimento (AT120)........................................................................................................................................24
4.5 VERIFICA DEI CONTATTI DELLE PORTE .............................................................................................................................................24
4.6 CODIFICA DELLE BOTTONIERE E DISPLAY DI PIANO ...........................................................................................................................25
4.6.1 Cabine con più accessi ........................................................................................................................................................25
4.6.2 Bottoniere con due pulsanti.................................................................................................................................................25
4.6.3 Codifica del display.............................................................................................................................................................26
4.7 PESATORE ......................................................................................................................................................................................26

Tutte le informazioni contenute nel presente Manuale interno sono da considerarsi riservate, di esclusiva proprietà del Gruppo OTIS
e rivolte esclusivamente ai manutentori e tecnici dipendenti delle Società del Gruppo OTIS.
A chiunque venga consegnato dal Gruppo OTIS il presente Manuale interno è
VIETATO DIVULGARNE A TERZI, IN QUALUNQUE FORMA O MODO, IL CONTENUTO E/O CONSENTIRNE A TERZI L' UTILIZZO
DOC. : DTE038
DATA : 12/4/2011
REV. :8
MANUALE DI USO E REGOLAZIONE CONTROLLER PAG. :3
R

1 SEGNALAZIONI LUMINOSE SUL QUADRO


1.1 Scheda di manovra

Sulla scheda di manovra sono presenti 11 led il loro significato è il seguente:

DL1

DL2

DL3

DL4

DL5

DL6

DL7 DL8 DL9 DL10 DL11

LED Funzione
DL1 Serie di sicurezza in fossa (Vedi “Schema serie di sicurezza” pagina 5)
DL2 Serie di sicurezza limitatore di velocità (Vedi “Schema serie di sicurezza” pagina 5)
DL3 Serie di sicurezza di cabina (Vedi “Schema serie di sicurezza” pagina 5)
DL4 Serie di sicurezza porte di piano (Vedi “Schema serie di sicurezza” pagina 5)
DL5 Serie di sicurezza porte di cabina (Vedi “Schema serie di sicurezza” pagina 5)
DL6 Comando di movimento al drive
DL7 Fusibile serie di sicurezza ok
DL8 Fusibile alimentazione freno ok
DL9 Fusibile alimentazione 24 Vdc per controller ok
DL10 Fusibile alimentazione 24 Vdc per cabina ok
DL11 Fusibile alimentazione 24 Vdc per vano ok
Tutte le informazioni contenute nel presente Manuale interno sono da considerarsi riservate, di esclusiva proprietà del Gruppo OTIS
e rivolte esclusivamente ai manutentori e tecnici dipendenti delle Società del Gruppo OTIS.
A chiunque venga consegnato dal Gruppo OTIS il presente Manuale interno è
VIETATO DIVULGARNE A TERZI, IN QUALUNQUE FORMA O MODO, IL CONTENUTO E/O CONSENTIRNE A TERZI L' UTILIZZO
DOC. : DTE038
DATA : 12/4/2011
REV. :8
MANUALE DI USO E REGOLAZIONE CONTROLLER PAG. :4
R

Aggiornamento software del quadro di manovra

Nel caso che si debba aggiornare il software del quadro di manovra per integrare nuove funzioni, è
necessario eseguire la seguente procedura. L’aggiornamento si effettua tramite una memory card
che deve essere di tipo SD max. 2Gb formatta con FAT16. I file aggiornabili sulla CPU del quadro di
manovra sono tre ma non è detto che l’implementazione di una funzione richieda l’aggiornamento di
tutti i file.

I file aggiornabili sono:


• Sistema Operativo - contiene il sistema operativo che fa girare il programma della CPU
• Loader - contiene il programma che permette di eseguire il sistema operativo
• Programma PLC – contiene il programma vero e proprio del controller

Su ogni singola SD Card è possibile utilizzare solo i primi 16 files contenuti. Se i files sono meno di
16 scorrendo con i pulsanti destro e sinistro il display visualizzerà al posto del file mancante la scritta
‘No File’. Di un determinato file, oltre al nome file è possibile leggerne la data e l’ora, la dimensione
oppure il tipo di file, utilizzando per scorrere tra le varie visualizzazioni i tasti Su e Giù.

Ogni tipo di file viene caricato tramite la pressione del tasto Enter.

Nel caso occorra aggiornare più di un file è necessario trasferirli nel seguente ordine: Sistema
Operativo, Loader e Programma PLC.

Caricamento Sistema Operativo


• Accendere il quadro di manovra con la memory card inserita sulla CPU e tasti ▲e▼ premuti
• Deve comparire la scritta “System Loader”
• Premere il tasto Enter
• Selezionare con i tasti destra o sinistra il sistema operativo desiderato con estensione .CRY
• Premere il tasto Enter e attendere il trasferimento del file
• Spegnere e rimuovere la memory card

Caricamento Loader
• Accendere il quadro di manovra con la memory card inserita sulla CPU e premere il tasto
Enter entro 4 secondi.
• Selezionare con i tasti destra o sinistra il Loader desiderato con estensione .CRL.
• Premere il tasto Enter e attendere il trasferimento del file (operazione molto veloce nella quale
può non comparire la percentuale di esecuzione)
• Spegnere e rimuovere la memory card

Caricamento Programmi PLC


• Accendere il quadro di manovra con la memory card inserita sulla CPU e premere il tasto
Enter entro 4 secondi.
• Selezionare con i tasti destra o sinistra il programma PLC desiderato con estensione .S5C.
• Premere il tasto Enter e attendere il trasferimento del file
• Spegnere e rimuovere la memory card

Tutte le informazioni contenute nel presente Manuale interno sono da considerarsi riservate, di esclusiva proprietà del Gruppo OTIS
e rivolte esclusivamente ai manutentori e tecnici dipendenti delle Società del Gruppo OTIS.
A chiunque venga consegnato dal Gruppo OTIS il presente Manuale interno è
VIETATO DIVULGARNE A TERZI, IN QUALUNQUE FORMA O MODO, IL CONTENUTO E/O CONSENTIRNE A TERZI L' UTILIZZO
DOC. : DTE038
DATA : 12/4/2011
REV. :8
MANUALE DI USO E REGOLAZIONE CONTROLLER PAG. :5
R

1.1.1 Schema serie di sicurezza

Lo schema sottostante riporta a grandi linee lo schema delle serie di sicurezza. Per lo schema
effettivo fare riferimento sempre allo schema del controller.
FINE SERIE DI SICUREZZA
INIZIO SERIE DI SICUREZZA (al drive e al contattore)
/4. 5 DL1 DL2 DL3 DL4
SS_2 SS_3 SS_4 SS_CAB5 SS_IN
/16. 6 /16. 8 /16. 6 /16. 8 /7. 2
SS_1
DL6
rRUN

X23 EVOLUX CSB X24


1 3 1 3 rRUN DL5
SS_3 SS_CAB3 SS_4 SS_CAB5
JN JKM SS_CAB6
/16. 6
X8 X7 X4 X6 X9 X6 X6 X8 X9
3 4 2 1 1 3 11 2 9 12 1 2 1 6
SS_1 SS_2 SS_2 SS_3 SS_2 SS_CAB1 SS_4 SS_CAB5
SCD OS ERO P OJ P P SCD OJ
viola

ROSSO

ROSSO
VIOLA
VIOLA

SCS3 SCS1 OS3 OS1 2


-X16.7 -X16.7 -X6.2 -X6.2
ERO -S6.1.4
X
PIT 1 1 CBP
SCS3 SCS1 -X6.1.2
-X6.1 -X6.1 DS1
PES
X OS
SFF
CAL -S6.1.1 LIV
-S6.1.5 -S6.2 CBPn
PIT 2 DSn
SCS -X6.1.2
VANO
PIT 3
-X6.1.2
GTC
TE
-S6.1.2 OJ P OJ P OJ
PIT 4
-X6.1.2 4 11 2 9 12 1 6

PIT 5 X23 X20 X23 X20 X23


-X6.1.2 CONCENTRATORE

KSf
-S6.1.6 X22 X21 X27 X28 X21 X26 X25 X24
-X6.1.2
PIT 6 2 7 1 7 10 11 1 3 2 4 9 12 1 2 4 1 1 4

GM PM FC PRC PM ALT CPIA CPI


PIT 7
-X6.1.2

ALT
CSC FC PRC RTES
-S6.1 UDLS SOS CPIA CPI
-X6.1.2 RGS GS
PIT 8
-X6.1.2
PIT 9 PIT 12 SECONDO ACCESSO
-X6.1.2
CON DOPPIO

PES2
ACCESSO

KSr SFF2
-S6.1.7 -S6.1.8

4 4
-X6.1.2 -X6.1.2 UP DW
PIT 10 PIT 11 X X
3 3
VANO
8 2

IEM 4 4 2
TCI 7 TCI 1 IEM CIB
X X TCI TCIB STOP
X 3 X 3 TES 1
X

BOTTONIERA MANUTENZIONE
CABINA

Tutte le informazioni contenute nel presente Manuale interno sono da considerarsi riservate, di esclusiva proprietà del Gruppo OTIS
e rivolte esclusivamente ai manutentori e tecnici dipendenti delle Società del Gruppo OTIS.
A chiunque venga consegnato dal Gruppo OTIS il presente Manuale interno è
VIETATO DIVULGARNE A TERZI, IN QUALUNQUE FORMA O MODO, IL CONTENUTO E/O CONSENTIRNE A TERZI L' UTILIZZO
DOC. : DTE038
DATA : 12/4/2011
REV. :8
MANUALE DI USO E REGOLAZIONE CONTROLLER PAG. :6
R

1.2 Drive

Sul drive sono presenti 9 led ed un display 7 segmenti.

Il significato dei led è il seguente:

LED Funzione
PWR Led di colore verde, indica la corretta alimentazione della logica di controllo
ENABLE Led di colore verde, indica lo stato di “motore in coppia”. Si accende durante i
movimenti della cabina
STOP Led di colore giallo, riservato per usi interni
ALARM Led di colore rosso, indica uno stato di allarme, si accende e lampeggia qualora il
drive si trovi in fault
RUN Led di colore verde, indica lo stato del protocollo “CAN”
ERROR Led di colore rosso, indica lo stato del protocollo “CAN”
(In caso di completa assenza di segnalazione da parte di questi led, verificare le
connessioni del
cavo “CAN”)
Z Led di colore verde, indica il corretto funzionamento del “canale Z” dell’encoder
B Led di colore verde, indica il corretto funzionamento del “canale B” dell’encoder
A Led di colore verde, indica il corretto funzionamento del “canale A” dell’encoder
(In caso di completa assenza di segnalazione da parte di questi led, verificare le
connessioni del
cavo encoder)

Tutte le informazioni contenute nel presente Manuale interno sono da considerarsi riservate, di esclusiva proprietà del Gruppo OTIS
e rivolte esclusivamente ai manutentori e tecnici dipendenti delle Società del Gruppo OTIS.
A chiunque venga consegnato dal Gruppo OTIS il presente Manuale interno è
VIETATO DIVULGARNE A TERZI, IN QUALUNQUE FORMA O MODO, IL CONTENUTO E/O CONSENTIRNE A TERZI L' UTILIZZO
DOC. : DTE038
DATA : 12/4/2011
REV. :8
MANUALE DI USO E REGOLAZIONE CONTROLLER PAG. :7
R

Il display sul drive mostra in condizioni normali lo stato operativo del drive mentre in caso di fault
mostra alternativamente una lettera ed un numero. Il significato di quanto mostrato sul display è il
seguente:

Codice Allarme Descrizione


P - Procedura di encoder adjustement eseguita
= - Procedura di encoder adjustement non eseguita
 - Motore in movimento
Allarme di sovratempertatura motore.
A0 Allarme termica motore
Verificare le connessioni del Cavo Encoder
A1 Allarme temperatura dissipatore Temperatura dissipatore troppo elevata.
A2 Allarme temperatura dissipatore Temperatura dissipatore troppo elevata
Sensore di temperatura Temperatura del Sensore al di fuori dei range consentiti.
A3
danneggiato Il sensore di temperatura risulta danneggiato
Temperatura dell’elettronica di controllo troppo elevata.
A4 Temperatura interna elevata
Verificare la temperatura all’interno del quadro elettrico
Temperatura dell’elettronica di controllo al di fuori del
Sensore di temperatura interna
A5 limiti consentiti.
danneggiato
Il sensore di temperatura risulta danneggiato
Errore dovuto ad una errata stima della posizione iniziale
effettuata durante la R.A.D. (Rotor Angle Detection).
B1 Allarme stima posizione iniziale
Verificare le connessioni del motore e del cavo encoder,
provare a ruotare il rotore del motore di qualche grado
Allarme dovuto ad un conteggio impulsi giro (tra una
tacca di zero e la successiva) non corretto.
B2 Allarme impulsi giro
Verificare la connessione encoder.
Verificare i parametri impostati nel drive
Allarme dovuto ad un conteggio di impulsi giro
(verificando il valore interno di fasatura) non corretto.
Verificare la connessione encoder.
B3 Allarme fasatura Verificare i parametri impostati nel drive.
Verificare di aver eseguito correttamente la manovra di
Encoder Adjustment
Verificare la qualità della schermatura del cavo motore
Allarme intervenuto durante la procedura di Encoder
Adjustment.
Verificare la connessione del cavo encoder.
B4÷7 Allarme phase angle calibration
Verificare di aver eseguito correttamente la manovra di
Encoder Adjustment (con assorbimento minimo di
corrente superiore a 10 A)
Allarme dovuto ad una lettura delle correnti non corretta
Allarme offset sensori di
C0 all’accensione del drive.
corrente
Verificare le connessione delle fasi motore
La corrente assorbita dal motore risulta oltre il limite
programmato
La corrente dispersa dal motore verso terra è superiore
C1 Allarme corto circuito motore al normale.
Verificare le connessioni delle fasi motore (lato drive e
lato motore). Verificare le connessioni di terra. Verificare
le connessioni della tensione di batteria
Allarme dovuto ad una non corretta lettura dell’ADC
Converter interno. Problemi di Guadagno dell’ADC al di
C3 Allarme calibrazione adc (gain)
fuori dei range ammessi.
Verificare le connessioni delle fasi motore
Tutte le informazioni contenute nel presente Manuale interno sono da considerarsi riservate, di esclusiva proprietà del Gruppo OTIS
e rivolte esclusivamente ai manutentori e tecnici dipendenti delle Società del Gruppo OTIS.
A chiunque venga consegnato dal Gruppo OTIS il presente Manuale interno è
VIETATO DIVULGARNE A TERZI, IN QUALUNQUE FORMA O MODO, IL CONTENUTO E/O CONSENTIRNE A TERZI L' UTILIZZO
DOC. : DTE038
DATA : 12/4/2011
REV. :8
MANUALE DI USO E REGOLAZIONE CONTROLLER PAG. :8
R

Codice Allarme Descrizione


Allarme dovuto ad una non corretta lettura dell’ADC
Allarme calibrazione adc Converter interno. Problemi di Guadagno dell’ADC al di
C4
(offset) fuori dei range ammessi.
Verificare le connessioni delle fasi motore
Allarme dovuto ad una non corretta lettura dei sensori
C9 Allarme gestione freno motore del Freno Motore.
Verificare il connettore del freno motore
Valore della tensione delle batterie sotto la soglia
programmata
D1 Allarme under voltage Verificare la tensione di rete presente sui morsetti “+”, “-
“.
Verificare la programmazione del Drive
Valore della tensione delle batterie sopra la soglia
programmata
D2 Allarme over voltage Verificare la tensione di rete presente sui morsetti “+”, “-
“.
Verificare la programmazione del Drive
Sovraccarico istantaneo della resistenza di Clamp.
Verificare le connessioni della resistenza di Clamp.
D3 Allarme recupero impulsivo Verificare la tensione di rete presente sui morsetti “+” e
“-“.
Montare un'altra resistenza di Clamp esterna al drive
Sovraccarico nella della resistenza di Clamp.
Verificare le connessioni della resistenza di Clamp.
Allarme recupero su range
D6 Verificare la tensione di rete presente sui morsetti “+” e
esteso
“-“.
Montare un'altra resistenza di Clamp esterna al drive
Allarme dovuto ad un malfunzionamento dell’encoder o
D7 Allarme encoder ad Encoder non presente.
Verificare la connessione del cavo encoder
Allarme dovuto ad una incorretta posizione rilevata
Allarme inseguimento
E0 rispetto alla posizione di “set Point”.
(posizione)
Verificare le connessioni del cavo encoder
Allarme dovuto ad una corrente assorbita troppo elevata
per il periodo di tempo programmato.
E2 Allarme I²T Verificare le connessioni delle fasi motore (assicurarsi
dell’ordine “U”, “V” e “W”).
Verificare le connessione del freno
Allarme dovuto ad un rilevamento della velocità effettiva
di rotazione del motore superiore ad una soglia
impostata su parametro.
E3 Allarme fuga (assoluto)
Verificare le connessioni delle fasi motore (assicurarsi
dell’ordine “U”, “V” e “W”).
Verificare che il freno venga alimentato in marcia
Allarme dovuto ad un rilevamento della rotazione del
motore in direzione opposta rispetto al SetPoint.
E4 Allarme fuga (direzione)
Verificare le connessioni delle fasi motore (assicurarsi
dell’ordine “U”, “V” e “W”).
Allarme dovuto ad una non corretta programmazione
Allarme programmazione
F0 dell’E2PROM presente a bordo del drive.
E²PROM
Contattare il fornitore

Tutte le informazioni contenute nel presente Manuale interno sono da considerarsi riservate, di esclusiva proprietà del Gruppo OTIS
e rivolte esclusivamente ai manutentori e tecnici dipendenti delle Società del Gruppo OTIS.
A chiunque venga consegnato dal Gruppo OTIS il presente Manuale interno è
VIETATO DIVULGARNE A TERZI, IN QUALUNQUE FORMA O MODO, IL CONTENUTO E/O CONSENTIRNE A TERZI L' UTILIZZO
DOC. : DTE038
DATA : 12/4/2011
REV. :8
MANUALE DI USO E REGOLAZIONE CONTROLLER PAG. :9
R

Aggiornamento software del drive

Nel caso che si debba aggiornare il software del drive per integrare future applicazioni, è necessario
eseguire la seguente procedura. L’aggiornamento si effettua tramite una memory card che deve
essere di tipo SD max. 2Gb formatta con FAT16. I file aggiornabili sul drive sono tre ma non è detto
che l’implementazione di una funzione richieda l’aggiornamento di tutti i file.

I file aggiornabili sono:


• BootManager - contiene il programma necessario per caricare le funzioni principali del drive
• Firmaware - contiene le funzioni del drive
• Parametrizzazione – contiene i valori di default dei parametri del motore e del drive.

Per l’aggiornamento con la memory card occorre che i files siano organizzati nel seguente modo:
• Il file del BootManager deve essere nominato “boot_hex.hex” e deve essere posto in una
cartella nominata “BOOT” posta nella radice del volume.
• Il file del Firmware deve essere nominato “app__hex.hex” e deve essere posto in una cartella
nominata “HEX” posta nella radice del volume.
• Il file della Parametrizzazione deve essere nominato “par__ibd.ibd” e deve essere posto in
una cartella nominata “IBD” posta nella radice del volume.
ATTENZIONE: Si raccomanda che gli aggiornamenti vengano eseguiti uno per volta e all’interno
della SD card sia presente una sola cartella “valida” alla volta (o la cartella “HEX”, o la cartella
“BOOT”, o la cartella “IBD”, ma mai più di una contemporaneamente).

Priorità di aggiornamento
Per aggiornare due o tre files di cui sopra, occorre avere più memory card contenente ognuna uno
solo dei tre files ed è necessario trasferirli nel seguente ordine: BootManager , Firmware e
Parametrizzazione.

Procedura:
• Abbassare l’interruttore IGM per spegnere il drive
• Commutare il selettore ERO in posizione “EMERG”
• Inserire la memory card con il file da trasferire nello slot del drive
• Alzare l’interruttore IGM per accendere il drive
• Attendere il termine della programmazione segnalata sul display del drive (l’operazione può
durare anche 60 secondi e oltre)
◊ al termine della programmazione del BootManager il display del drive mostrerà uno “0” o
un “8” lampeggiante
◊ al termine della programmazione del Firmware il display del drive mostrerà uno “0”
lampeggiante
◊ al termine della programmazione del Parametrizzazione il display del drive mostrerà una
“I” lampeggiante
• Abbassare l’interruttore IGM per spegnere il drive (*)
• Ripetere la stessa operazione per i file restanti da aggiornare

(*) ATTENZIONE: Se si esita ad abbassare l’interruttore IGM al termine della programmazione, avrà
inizio un nuovo trasferimento del file al drive. Questo è segnalato dal display del drive che mostrerà
altre sigle. Non togliere tensione al drive durante il trasferimento del programma ma attendere
sempre il termine della programmazione

Tutte le informazioni contenute nel presente Manuale interno sono da considerarsi riservate, di esclusiva proprietà del Gruppo OTIS
e rivolte esclusivamente ai manutentori e tecnici dipendenti delle Società del Gruppo OTIS.
A chiunque venga consegnato dal Gruppo OTIS il presente Manuale interno è
VIETATO DIVULGARNE A TERZI, IN QUALUNQUE FORMA O MODO, IL CONTENUTO E/O CONSENTIRNE A TERZI L' UTILIZZO
DOC. : DTE038
DATA : 12/4/2011
REV. :8
MANUALE DI USO E REGOLAZIONE CONTROLLER PAG. : 10
R

1.3 Caricabatterie

Il caricabatterie presenta 4 led verdi ed uno rosso. Il loro significato è il seguente:

LED Descrizione
 primo in alto Tensione di rete presente
 Stato caricabatteria
• Acceso fisso quando la tensione del caricabatteria è tra 53 e 57 Volt.
• Lampeggio con tempo di accensione e spegnimento simmetrico al 50% se carica veloce
in corso.
• Lampi brevi (100 ms acceso 900 ms spento) quando tensione scende sotto i 52 Volt
• Lampi lunghi (900 ms acceso 100 ms spento) quando tensione supera i 58 Volt
 Stato alimentatore logica
• Acceso fisso quando la tensione del convertitore è tra 24 e 30 Volt.
• Lampi brevi (100 ms acceso 900 ms spento) quando tensione scende sotto i 24 Volt
• Lampi lunghi (900 ms acceso 100 ms spento) quando tensione supera i 30 Volt
 Stato alimentatore Helpy
• Acceso con alimentatore Helpy funzionante
 Fault in corso
A seconda del numero dei lampeggi ha il seguente significato:
1 lampeggio – Spegnimento caricabatteria da PLC
2 lampeggi – temperatura > 70°C
3 lampeggi – Corrente di carica > 6 A (fault ripristinabile togliendo tensione)
4 lampeggi – Tensione > 58 V e corrente > 0,5° (fau lt ripristinabile togliendo
tensione)
5 lampeggi – Tensione batterie bassa e corrente di carica nulla (fault ripristinabile
togliendo tensione)

Tutte le informazioni contenute nel presente Manuale interno sono da considerarsi riservate, di esclusiva proprietà del Gruppo OTIS
e rivolte esclusivamente ai manutentori e tecnici dipendenti delle Società del Gruppo OTIS.
A chiunque venga consegnato dal Gruppo OTIS il presente Manuale interno è
VIETATO DIVULGARNE A TERZI, IN QUALUNQUE FORMA O MODO, IL CONTENUTO E/O CONSENTIRNE A TERZI L' UTILIZZO
DOC. : DTE038
DATA : 12/4/2011
REV. :8
MANUALE DI USO E REGOLAZIONE CONTROLLER PAG. : 11
R

1.4 MRO

In prossimità dei comandi per la manovra di soccorso è presente una finestra con 8 led. Il loro
significato varia a seconda se è in corso la manovra di soccorso MRO o no oppure se è stato
diagnosticato un fault sui componenti interessati dalla manovra di soccorso o durante l’esecuzione
della manovra stessa.

Durante il funzionamento normale

LED In funzionamento normale In manovra di soccorso Con fault attivo


 Scheda alimentata e nessun fault Spento
 Velocità in salita > Vmax MRO
Velocità in salita >= 0,5 m/s Acceso
(C11 MaxSpeed MRO)
 Velocità in salita > Vmin MRO
Velocità in salita >= 0,2 m/s Codice errore +1
(C12 MinSpeed MRO)
 Velocità in salita > 0 m/s Codice errore +2
 DZI Cabina in zona sblocco porte
 Velocità in discesa > 0 m/s Codice errore +4
 Velocità in discesa > Vmin MRO
Velocità in discesa >= 0,2 m/s Codice errore +8
(C12 MinSpeed MRO)
 Velocità in discesa > Vmax MRO
Velocità in discesa >= 0,5 m/s Acceso
(C11 MaxSpeed MRO)

In caso di presenza di un fault sommare il codice di errore di ogni led giallo acceso e confrontare il
risultato con la seguente tabella.

Codice Descrizione
1 Guasto sul pilotaggio freno in emergenza (K1 e Q1 in errore )
2 Guasto sull’ingresso MRO (attivo quando si porta la chiave in posizione di emergenza)
Guasto cabina in movimento con freno chiuso (encoder in movimento quando si porta la
3 chiave in posizione di emergenza senza aver ancora premuto il pulsante, quindi con freno
chiuso)
4 -
5 Messo in fuori servizio da PLC (consultare diagnostica su CPU)
6 Errore checkSum flash controllato all’accensione
Errore Timeout movimento cabina, da quando si apre il freno la cabina deve muoversi
7
entro il time-out. (errore ripristinabile che permette di rieseguire la manovra di emergenza)
8 Assegnazione direzione non ancora avvenuta. Impostare la direzione di rotazione del drive
All’attivazione della manovra di soccorso viene eseguito un controllo sulla funzionalità di tutti i led

Tutte le informazioni contenute nel presente Manuale interno sono da considerarsi riservate, di esclusiva proprietà del Gruppo OTIS
e rivolte esclusivamente ai manutentori e tecnici dipendenti delle Società del Gruppo OTIS.
A chiunque venga consegnato dal Gruppo OTIS il presente Manuale interno è
VIETATO DIVULGARNE A TERZI, IN QUALUNQUE FORMA O MODO, IL CONTENUTO E/O CONSENTIRNE A TERZI L' UTILIZZO
DOC. : DTE038
DATA : 12/4/2011
REV. :8
MANUALE DI USO E REGOLAZIONE CONTROLLER PAG. : 12
R

2 MENU
Sulla CPU del controller sono presenti un display e cinque pulsanti che vengono utilizzati per la
diagnostica e la parametrizzazione dell’impianto.

2.1 Pagina di stato e menu

All’accensione viene mostrato sul display lo stato dell’impianto. Scorrendo con le frecce destra o
sinistra è possibile selezionare uno dei 6 menu previsti. Arrivati all’ultimo menu si accede
nuovamente alla pagina di stato.

2.2 Accesso ad una pagina di un menu

Sono presenti 6 menu ognuno dei quali contiene diverse pagine. Al di fuori di una pagina di menu o
mentre si sta visualizzando la pagina di stato, scorrendo con le frecce destra o sinistra è possibile
selezionare uno dei 6 menu previsti. Per accedere ad una pagina di menù è sufficiente premere il
pulsante Enter nel menù selezionato, Si accede così alla pagina 1 del menu selezionato. Se si è
selezionata una pagina di menu lo si capisce perché nei primi caratteri a sinistra della prima riga del
display compare una dicitura composta da una lettera (che identifica il menu selezionato) e due cifre
che indicano la pagina selezionata. Alcune pagine sono di visualizzazione e basta accedervi per
vedere il dato interessato altre pagine invece sono di regolazione. In questo caso oltre al valore del
parametro è indicata la funzione dei pulsanti (per cambiare, cancellare o salvare)

2.3 Uscita ad una pagina di un menu

Con i pulsanti destro e sinistro si esce da una pagina e si accede alla pagina precedente o
successiva. Per uscire da una pagina di un menu e tornare alla selezione dei menu occorre premere
contemporaneamente i pulsanti destro e sinistro.

2.4 Preset E²PROM

Operazione da eseguire solo in fabbrica. Per eseguire il preset della E²PROM che contiene le
parametrizzazioni dell’impianto occorre accendere l’impianto tenendo premuti contemporaneamente i
pulsanti Left e Right. La riuscita dell’operazione è segnalata da un breve suono del cicalino.

Tutte le informazioni contenute nel presente Manuale interno sono da considerarsi riservate, di esclusiva proprietà del Gruppo OTIS
e rivolte esclusivamente ai manutentori e tecnici dipendenti delle Società del Gruppo OTIS.
A chiunque venga consegnato dal Gruppo OTIS il presente Manuale interno è
VIETATO DIVULGARNE A TERZI, IN QUALUNQUE FORMA O MODO, IL CONTENUTO E/O CONSENTIRNE A TERZI L' UTILIZZO
DOC. : DTE038
DATA : 12/4/2011
REV. :8
MANUALE DI USO E REGOLAZIONE CONTROLLER PAG. : 13
R

2.5 Struttura dei menu

Menu Pagina menu Funzione


Pagina di stato AAAAA BBBBB CC Visualizza lo stato dell’impianto.
DDDD EEEEE FFF AAAAA mostra lo stato del controller:
NoAdj: impianto fuori servizio perché non è mai
stato eseguito l’encoder adjustement
NoCuv: impianto fuori servizio perché non è mai
stato eseguito il test delle porte
IDLE: impianto fermo in standby
NR 01: (normal run) comando al drive per servire la
chiamata al piano 1
IRUP: Comando di manutenzione in salita
IRDW: Comando di manutenzione in discesa
BBBBB mostra lo stato del drive
READY: drive fermo in standby
ACC: cabina in accelerazione
CONST: cabina alla velocità nominale
DEC: cabna in decelerazione o in bassa velocità
HALT: cabina in prossimità del piano
INSP: impianto in manutenzione o procedura di
uscita non eseguita correttamente
CPM: posizione cabina non nota al drive. L’impianto
deve andare a rifasare verso un piano estremo
Fault: impianto fuori servizio (consultare la
diagnostica o verificare lo stato degli ingressi p.es.
1LS e 2LS).
CC mostra la posizione della cabina
DDDD mostra la corrente sul motore
EEEEE mostra la tesione sulle batterie
FFF mostra la velocità della cabina in cm/s

Nella pagina di stato premendo il pulsante enter viene


mostrata la data e l’ora impostata sul dispositivo
bidirezionale.

Tutte le informazioni contenute nel presente Manuale interno sono da considerarsi riservate, di esclusiva proprietà del Gruppo OTIS
e rivolte esclusivamente ai manutentori e tecnici dipendenti delle Società del Gruppo OTIS.
A chiunque venga consegnato dal Gruppo OTIS il presente Manuale interno è
VIETATO DIVULGARNE A TERZI, IN QUALUNQUE FORMA O MODO, IL CONTENUTO E/O CONSENTIRNE A TERZI L' UTILIZZO
DOC. : DTE038
DATA : 12/4/2011
REV. :8
MANUALE DI USO E REGOLAZIONE CONTROLLER PAG. : 14
R

Diagnostica Exx xxxxxxxxx Visualizzazione degli ultimi 16 fault.


La prima riga contiene un codice composto dalla
lettere E seguito da un numero e una breve
descrizione del fault.
La seconda riga contiene l’ora ed il giorno di
registrazione del fault (si utilizza l’orologio del
combinatore telefonico).
La diagnostica non è volatile e non si perde allo
spegnimento dell’impianto.
E01 ATNP interv. Tempo corsa. Durante la corsa la cabina non ha
incontrato un sensore magnetico 1LV, 1LS o 2LS per
un tempo stabilito con il parametro “C07 Ritardo
ATNP”. Verificare l’aderenza delle cinghie, aumentare
il tempo o contattare l’assistenza tecnica
E02 Termica MOT. Motore di trazione surriscaldato. Verificare
connessione RE-TH sul controller o TH sul motore.
E03 Risp En ON. Disponibile per future applicazioni
E04 Risp En OFF. Disponibile per future applicazioni
E05 F AP>20" . Tempo apertura porte primo accesso maggiore di 20
secondi. Verificare esecuzione tuning su operatore o
connessione QL su concentratore. Viene mostrato
anche a che piano si è verificato il problema.
E06 R AP>20" . Tempo apertura porte secondo accesso maggiore di
20 secondi. Verificare esecuzione tuning su operatore
o connessione QM su concentratore. Viene mostrato
anche a che piano si è verificato il problema.
E07 Fault CBP . Dieci chiusure senza chiusura del contatto blocco
porte (DS).
E08 Fault CPI . Dieci chiusure senza chiusura del contatto porte di
cabina (GS).
E09 CBP bpass . Problema su contatto porte di piano (DS). Verificare
che all’apertura delle porte il contatto si apra. Viene
mostrato anche a che piano si è verificato il problema.
E10 FCAP A nw . Finecorsa apertura primo accesso non collegato.
Verificare il collegamento elettrico o la funzionalità
dell’operatore porte.
E11 FCAP B nw . Finecorsa apertura secondo accesso non collegato.
Verificare il collegamento elettrico o la funzionalità
dell’operatore porte.
E12 FT A > 1,5'. Fotocellula primo accesso interrotta da un minuto e
mezzo.
E13 FT B > 1,5'. Fotocellula secondo accesso interrotta da un minuto e
mezzo.
E14 F butt 1-8 . Errore su pulsanti di piano
E15 F butt 9-16. Errore su pulsanti di piano
E16 F butt 17-24 Errore su pulsanti di piano
E17 F butt 25-32 Errore su pulsanti di piano
E18 DriveOffline Comunicazione CAN tra drive e scheda di manovra
mancante. Verificare connessione CAN.
E19 Fault Drive. Guasto su drive. E’ possibile consultare gli ultimi 5
fault del drive con il programma “D01 Diagnostica”.
Fare riferimento al capitolo 1.2 del presente manuale.

Tutte le informazioni contenute nel presente Manuale interno sono da considerarsi riservate, di esclusiva proprietà del Gruppo OTIS
e rivolte esclusivamente ai manutentori e tecnici dipendenti delle Società del Gruppo OTIS.
A chiunque venga consegnato dal Gruppo OTIS il presente Manuale interno è
VIETATO DIVULGARNE A TERZI, IN QUALUNQUE FORMA O MODO, IL CONTENUTO E/O CONSENTIRNE A TERZI L' UTILIZZO
DOC. : DTE038
DATA : 12/4/2011
REV. :8
MANUALE DI USO E REGOLAZIONE CONTROLLER PAG. : 15
R

E20 Cab. Offline Comunicazione seriale tra cabina e controller


mancante. Verificare connessione cavo flessibile OJ
E21 Fault DZI . Magnete per la fermata al piano durante la manovra di
soccorso non funzionante. Verificare sensore DZI o
posizionamento magnete di piano.
E22 Fault EncMRO Encoder di soccorso non funzionante. Verificare la
connessione del connettore RE-TH o riprogrammare il
senso di rotazione del motore con il programma “D18
Dir Motore”.
E23 Fault BrkMRO Stadio di potenza della scheda MRO (che effettua la
manovra di soccorso) non funzionante. Sostituire la
scheda MRO.
E24 Fault ChkMRO Parametri MRO non coerenti. Riparametrizzare la
scheda utilizzando i programmi “C11 MaxSpeed
MRO”, “C12 MinSpeed MRO” e “C13 Timeout MRO”.
E25 Fault DirMRO Direzione rotazione motore non programmata.
Riprogrammare il senso di rotazione del motore con il
programma “D18 Dir Motore”.
E26 MRO Offline Connessione seriale tra scheda di soccorso e
controller mancante. Verificare fissaggio scheda MRO
E27 RBI allarme Il dispositivo che controlla l’efficienza delle cinghie ha
rilevato un problema. Verificare lo stato di usura delle
cinghie.
E28 Apert. serie Durante una corsa si è aperta la serie di sicurezza.
Verificare l’accoppiamento delle porte, il limitatore di
velocità e tutte le altre serie di sicurezza.
E29 CaricOffline Connessione seriale tra caricabatterie e controller
mancante.
E30 Ricarica . L’impianto si è fermato a ricaricare 30 minuti le
batterie perché nell’ultima corsa la carica residua delle
batterie è scesa sotto una certa soglia.
E31 Auto cut off Durante il black out la carica residua delle batterie è
scesa sotto una certa soglia e l’impianto si auto-
spento.
E32 PesacOffline Disponibile per future applicazioni
E33 6LS guasto . Limite di manutenzione in salita non efficiente.
Verificare efficienza sensore 6LS e posizionamento
magnete.
E34 Test CUV KO Test CUV abortito. Verificare se l’apertura porte non è
ostacolata, se sono presenti le serie di sicurezza, se
l’impianto è per qualche motivo fuori servizio o se
manca il finecorsa apertura.
E35 48 V assente Mancanza alimentazione 48V. Verificare che non vi
siano cortocircuiti sulla linea 48V.
E36 FLT caric . Guasto su caricabatterie. Viene mostrato il codice di
errore ed occorre fare riferimento al capitolo 1.3.
Cancellaz. diagn Programma che permette di cancellare i fault in
essere e la memoria degli ultimi 16 fault
< + > x uscire Programma per uscire dal menu diagnostica

Tutte le informazioni contenute nel presente Manuale interno sono da considerarsi riservate, di esclusiva proprietà del Gruppo OTIS
e rivolte esclusivamente ai manutentori e tecnici dipendenti delle Società del Gruppo OTIS.
A chiunque venga consegnato dal Gruppo OTIS il presente Manuale interno è
VIETATO DIVULGARNE A TERZI, IN QUALUNQUE FORMA O MODO, IL CONTENUTO E/O CONSENTIRNE A TERZI L' UTILIZZO
DOC. : DTE038
DATA : 12/4/2011
REV. :8
MANUALE DI USO E REGOLAZIONE CONTROLLER PAG. : 16
R

Visual. ingressi I01÷I44 Visualizza 4 alla volta lo stato di tutti gli ingressi.
Nell’ordine vengono mostrati:
gli ingressi del controller
gli ingressi della cabina (concentratore)
gli ingressi del caricabatteria
gli ingressi della scheda di soccorso MRO
gli ingressi della bottoniera di cabina
gli ingressi dei pulsanti di piano
Se la denominazione dell’ingresso è scritta in
minuscolo significa che l’ingresso non è attivo, se
invece è scritta in maiuscolo significa che l’ingresso è
attivo (p.es. nel caso di cabina al piano più basso il
contatto 1LS è aperto e quindi la denominazione sarà
minuscola mentre il contatto 2LS è chiuso e quindi la
denominazione sarà maiuscola).
< + > x uscire Programma per uscire dal menu ingressi
Visual. uscite U01÷U40 Visualizza 4 alla volta lo stato di tutte le uscite.
Nell’ordine vengono mostrate:
le uscite del controller
le uscite della cabina (concentratore)
le uscite del caricabatteria
le uscite della scheda di soccorso MRO
le uscite della bottoniera di cabina
le uscite dei pulsanti di piano
< + > x uscire Programma per uscire dal menu uscite
Setup Drive D01 Diagnostica Permette di visualizzare gli ultimi 5 fault registrati dal
drive. I fault sono denominati da una sigla composta
da una lettera e un numero.
D02 Canc. Diagn. Permette di cancellare la lista dei fualt registrati dal
drive
D03 Posiz.Cabina Visualizza la posizione della cabina (in cm)
D04 Temp. Drive Visualizza la temperatura del drive
D05 Num. fermate Visualizza ed imposta il numero delle fermate.
Quando si variano le fermate occorre poi dare un
comando di scrittura “D21 Scrit.EEPROM” e reset
“D22 Reset Drive”.
D06 Alta veloc. Visualizza ed imposta la velocità nominale. Quando si
varia il parametro occorre poi dare un comando di
scrittura1 “D21 Scrit.EEPROM” e reset “D22 Reset
Drive”.
D07 Veloc.Ispez. Visualizza ed imposta la velocità di ispezione. Quando
si varia il parametro occorre poi dare un comando di
scrittura “D21 Scrit.EEPROM” e reset “D22 Reset
Drive”.
D08 Veloc. Learn Visualizza ed imposta la velocità della learning run.
Quando si varia il parametro occorre poi dare un
comando di scrittura “D21 Scrit.EEPROM” e reset
“D22 Reset Drive”.
D09 Bassa veloc. Visualizza ed imposta la velocità di accostamento al
piano. Quando si varia il parametro occorre poi dare
un comando di scrittura “D21 Scrit.EEPROM” e reset
“D22 Reset Drive”.

Tutte le informazioni contenute nel presente Manuale interno sono da considerarsi riservate, di esclusiva proprietà del Gruppo OTIS
e rivolte esclusivamente ai manutentori e tecnici dipendenti delle Società del Gruppo OTIS.
A chiunque venga consegnato dal Gruppo OTIS il presente Manuale interno è
VIETATO DIVULGARNE A TERZI, IN QUALUNQUE FORMA O MODO, IL CONTENUTO E/O CONSENTIRNE A TERZI L' UTILIZZO
DOC. : DTE038
DATA : 12/4/2011
REV. :8
MANUALE DI USO E REGOLAZIONE CONTROLLER PAG. : 17
R

D10 Accelerazion Visualizza ed imposta l’accelerazione (e la


decelerazione) . Quando si varia il parametro occorre
poi dare un comando di scrittura “D21 Scrit.EEPROM”
e reset “D22 Reset Drive”.
D11 Jerk Visualizza ed imposta il jerk (arrotondamenti del
profilo di velocità) . Quando si varia il parametro
occorre poi dare un comando di scrittura “D21
Scrit.EEPROM” e reset “D22 Reset Drive”.
D12 Spazio BV UP Visualizza ed imposta lo spazio da percorrere dal
momento in cui la cabina incontra il magnete di zona
al momento in cui si ferma in salita. Quando si varia il
parametro occorre poi dare un comando di scrittura
“D21 Scrit.EEPROM” e reset “D22 Reset Drive”.
D13 Spazio BV DW Visualizza ed imposta lo spazio da percorrere dal
momento in cui la cabina incontra il magnete di zona
al momento in cui si ferma in salita. Quando si varia il
parametro occorre poi dare un comando di scrittura
“D21 Scrit.EEPROM” e reset “D22 Reset Drive”.
D14 TempoEndRamp Visualizza ed imposta il tempo da percorrere in bassa
velocità (a questo tempo va aggiunto lo stazio che si è
detto di percorrere con i parametri “D12 Spazio BV
UP” e “D13 Spazio BV DW”).
D15 Tempo BRK ON Visualizza ed imposta il tempo di apertura del freno.
Quando si varia il parametro occorre poi dare un
comando di scrittura “D21 Scrit.EEPROM” e reset
“D22 Reset Drive”.
D16 TempoBRK OFF Visualizza ed imposta il tempo di chiusura del freno.
Quando si varia il parametro occorre poi dare un
comando di scrittura “D21 Scrit.EEPROM” e reset
“D22 Reset Drive”.
D17 Max BeltSlip Visualizza ed imposta il massimo slittamento
ammesso delle cinghie durante una corsa. Quando si
varia il parametro occorre poi dare un comando di
scrittura “D21 Scrit.EEPROM” e reset “D22 Reset
Drive”.
D18 Dir Motore Visualizza ed imposta il senso di rotazione del motore
D19 Encoder Adj Programma che permette di eseguire la procedura di
fasatura del motore. Una volta attivato il programma
occorre movimentare la cabina con la manovra ERO
fino alla fermata automatica della cabina. Evitare se
possibile di arrestare prematuramente la procedura
rilasciando i pulsanti.
D20 Learning Run Programma che permette di lanciare la corsa di
acquisizione delle quote dei piani. Eseguirla solo dopo
un rifasamento o un movimento in ERO.
D21 Scrit.EEPROM Consente di salvare i parametri modificati sul drive.
Eseguire questa operazione dopo una variazione di
questi
D22 Reset Drive Consente di resettare il drive senza dover togliere e
ridare tensione a quest’ultimo
D23 Cancel. EAdj Consente di cancellare la fasatura dell’encoder
(utilizzato in fabbrica)
< + > x uscire Programma per uscire dal menu drive

Tutte le informazioni contenute nel presente Manuale interno sono da considerarsi riservate, di esclusiva proprietà del Gruppo OTIS
e rivolte esclusivamente ai manutentori e tecnici dipendenti delle Società del Gruppo OTIS.
A chiunque venga consegnato dal Gruppo OTIS il presente Manuale interno è
VIETATO DIVULGARNE A TERZI, IN QUALUNQUE FORMA O MODO, IL CONTENUTO E/O CONSENTIRNE A TERZI L' UTILIZZO
DOC. : DTE038
DATA : 12/4/2011
REV. :8
MANUALE DI USO E REGOLAZIONE CONTROLLER PAG. : 18
R

Setup Pesacarico WL1 PesoCorrente Visualizza lo stato dei segnali OLD (sovraccarico) e
LNS (massimo carico)
WL2 Tara Permette di fare la tara della cabina. Liberare la
cabina e premere il pulsante enter. Al termine di
questa operazione occorre eseguire il programma
“WL3 Calibrazione”.
WL3 Calibrazione Permette di tarare la cella di carico. Inserire un peso
noto in cabina, indicare con le frecce salita e discesa il
peso introdotto e premere il pulsante enter.
WL4 Portata Permette di impostare la portata dell’impianto.
Utilizzata per fare intervenire il sovraccarico con 75Kg
in più della porta ed il massimo carico con 75Kg in
meno.
< + > x uscire Programma per uscire dal menu pesacarico
Setup Controller C01 Disab. Porte Permette di disattivare l’apertura delle porte
C02 Ch. un piano Permette di eseguire una chiamata ad un piano
voluto. Con i pulsati up e dw se sceglie la destinazione
e con enter si impartisce il comando
C03 Ch piani est Permette di eseguire le chiamate automatiche ai piani
estremi
C04 Chiam. autom Permette di eseguire le chiamate automatiche a tutti i
piani
C05 Tempo porte Visualizza e regola il tempo di stazionamento a porte
aperte
C06 Tempo luce Visualizza e regola il tempo dopo il quale vengono
spente le luci di cabina in assenza di chiamate
C07 Ritardo ATNP Visualizza e regola il tempo di antipatinage (tempo
massimo di corsa senza che la cabina incontri un
sensore di piano)
C08 CodificaNodi Programma che consente di impostare il nodo dei
pulsanti e dei display seriali
C09 Regol.Volumi Non ancora implementato
C10 Regol.Volume Non ancora implementato
C11 MaxSpeed MRO Velocità massima di esecuzione della manovra di
soccorso MRO. Raggiunta questa velocità il freno
cade per poi riaprirsi raggiunta la velocità impostata
con il parametro “C12 MinSpeed MRO”.
C12 MinSpeed MRO Velocità minima di esecuzione della manovra di
soccorso MRO. Raggiunta questa velocità durante la
chiusura del freno, il freno si riapre per poi richiudersi
raggiunta la velocità impostata con il parametro “C11
MaxSpeed MRO”.
C13 Timeout MRO Tempo massimo dopo il quale in manovra MRO in
assenza di impulsi encoder il freno si richiude
C14 Chiave mont. Programma per attivare o disattivare la chiave di
montaggio
C15 Test CUV Programma che consente di attivare il test dei contatti
delle porte. Premere enter per accedere al
programma e di nuovo enter per avviare il test.
Durante il test compare la dicitura “in corso …”.. Il test
deve essere lanciato con cabina fuori dell’impulsore
1LS.

Tutte le informazioni contenute nel presente Manuale interno sono da considerarsi riservate, di esclusiva proprietà del Gruppo OTIS
e rivolte esclusivamente ai manutentori e tecnici dipendenti delle Società del Gruppo OTIS.
A chiunque venga consegnato dal Gruppo OTIS il presente Manuale interno è
VIETATO DIVULGARNE A TERZI, IN QUALUNQUE FORMA O MODO, IL CONTENUTO E/O CONSENTIRNE A TERZI L' UTILIZZO
DOC. : DTE038
DATA : 12/4/2011
REV. :8
MANUALE DI USO E REGOLAZIONE CONTROLLER PAG. : 19
R

C16 Batterie min. Imposta la tensione minima delle batterie al di sotto


della quale la cabina si ferma per ricaricare le batterie
C17 Corse totali Programma che consente di vedere il numero tatale
delle corse eseguite dall’impianto
C18 Disab.sint. Attivando questa opzione la sintesi vocale non emette
più le frasi “Parteza salita/discesa” ed il piano
raggiunto.
C19 Tempo autom. Imposta il ritardo tra due chiamate durante i cicli
automatici
C20 Caricabatt. Mostra la corrente e la tensione di ricarica delle
batterie, la tensione sulla linea 27Vdc e la temperatura
interna al caricabatterie.
C21 Programma Programma che consente di vedere il nome del
firmware installato sulla CPU
C22 Programma Programma che consente di vedere la revisione del
firmware installato sulla CPU
C23 S. Operativo Permette di vedere la versione del sistema operativo
C24 Loader Permette di vedere la versione del “system loader”
C24 Cancella S&D Negli impianti a prenotazione cancella all’arrivo della
cabina sia la prenotazione salita sia la prenotazione
discesa
< + > x uscire Programma per uscire dal menu controller

Tutte le informazioni contenute nel presente Manuale interno sono da considerarsi riservate, di esclusiva proprietà del Gruppo OTIS
e rivolte esclusivamente ai manutentori e tecnici dipendenti delle Società del Gruppo OTIS.
A chiunque venga consegnato dal Gruppo OTIS il presente Manuale interno è
VIETATO DIVULGARNE A TERZI, IN QUALUNQUE FORMA O MODO, IL CONTENUTO E/O CONSENTIRNE A TERZI L' UTILIZZO
DOC. : DTE038
DATA : 12/4/2011
REV. :8
MANUALE DI USO E REGOLAZIONE CONTROLLER PAG. : 20
R

3 ISTRUZIONI PER LA MOVIMENTAZIONE DELLA PIATTAFORMA


3.1 Movimentazione della piattaforma con bottoniera di manutenzione

La movimentazione della piattaforma può avvenire solo se tutti i contatti previsti sulle serie di
sicurezza sono chiusi. Siccome molti di essi, quando occorre movimentare la piattaforma, non sono
ancora stati montati, occorre utilizzare un apposito cablaggio SPECIFICO PER EVOLUX ECO
fornito da Ceam (non usare altri cablaggi).
Il montaggio dell’impianto senza questo cablaggio, può provocare la rottura delle schede elettroniche
e la decadenza della garanzia. La movimentazione senza concentratore di cabina e riferimenti di
vano è consentita solo se è attiva la chiave di montaggio (programma “C14 Chiave mont”. Del menu
”Controller”). Realizzare quanto prima la procedura di encoder adjustement.

Nota: in assenza del cablaggio, farne richiesta a Ceam assieme alle istruzioni.

3.2 Direzione motore

Il controller è programmato per fare ruotare il motore in senso orario durante la salita della cabina. In
alcuni casi può succedere che il motore debba ruotare nel senso opposto per fare muovere la cabina
in salita. Per cambiare il senso di rotazione del motore occorre utilizzare il programma “D18 Dir
Motore” del menu “Setup Drive”. Con il pulsante salita si cambia il senso di rotazione mentre con il
pulsante enter si conferma la selezione.

3.3 Encoder adjustement

Quando il drive viene spedito, non avendo mai pilotato il motore dell’impianto non conosce dove è
posizionata la tacca di zero dell’encoder rispetto al rotore del motore. In queste condizioni il drive
riesce comunque a pilotare il drive ma garantisce solo l’ 80% della coppia fino a che non è stata
eseguita la procedura di encoder adjustement. Per fare in modo che il drive garantisca il 100% della
coppia occorre eseguire la procedura di encoder adjustement prima possibile durante il montaggio.
Per eseguire la procedura occorre selezionare il programma “D19 Encoder Adj” dal menu “Setup
Drive”, portare il commutatore ERO in posizione ERO (il commutatore sulla bottoniera di
manutenzione deve essere in normale) e movimentare con i pulsanti sulla CPU in uno dei due sensi
di marcia la cabina fino a che questa non si ferma e cade il contattore. La manovra dura all’incirca 30
secondi al termine dei quali il display del drive, a impianto fermo mostra “P”. Se la manovra non va a
buon fine o se non è mai stata eseguita il display del drive, a impianto fermo mostra due trattini
orizzontali. Evitare se possibile di arrestare prematuramente la procedura rilasciando i pulsanti.

Tutte le informazioni contenute nel presente Manuale interno sono da considerarsi riservate, di esclusiva proprietà del Gruppo OTIS
e rivolte esclusivamente ai manutentori e tecnici dipendenti delle Società del Gruppo OTIS.
A chiunque venga consegnato dal Gruppo OTIS il presente Manuale interno è
VIETATO DIVULGARNE A TERZI, IN QUALUNQUE FORMA O MODO, IL CONTENUTO E/O CONSENTIRNE A TERZI L' UTILIZZO
DOC. : DTE038
DATA : 12/4/2011
REV. :8
MANUALE DI USO E REGOLAZIONE CONTROLLER PAG. : 21
R

4 ISTRUZIONI PER IL MONTAGGIO E LA MESSA IN MARCIA


Dopo avere eseguito la procedura di encoder adjustement eseguire nell’ordine le seguenti procedure:

4.1 Messa in funzione dell’RBI (dispositivo monitoraggio cinghie)

Tutte le cinghie e i shortening connectors devono essere installati prima di alimentare il dispositivo.
Dopo aver alimentato il dispositivo il POWER LED verde si illumina.

Il CSB LEDs rosso non deve essere illuminato (si assume che l’apprendimento non è stato
effettuato).

4.1.1 Apprendimento automatico utilizzando il tasto LEARN (RBI)

Requisiti per l’apprendimento:


• Tutte le cinghie devono essere installate nei relative connettori
• La resistenza delle cinghie non deve differire di più del 10%

Per avviare la procedura di apprendimento premere il tasto LEARN 5 volte in 5 secondi.

La procedura di apprendimento utilizzando il tasto LEARN può essere effettuata usa sola volta. Deve
essere utilizzata con un dispositivo RBI mai utilizzato in precedenza e con delle cinghie nuove. Una
volta terminato con successo l’apprendimento, una successiva fase di apprendimento (se richiesta)
deve essere effettuata utilizzando il service tool. Questa procedura previene un accidentale
riapprendimento della resistenza delle cinghie.

La procedura di apprendimento automatica utilizzando il tasto LEAR può essere effettuata una sola
volta. Tale procedura deve essere utilizzata per dispositivi nuovi che montano cinghie nuove.
Una volta completata la procedura di apprendimento , tutte le successive operazioni (se necessarie)
devono essere effettuate utilizzando il service tool.
Questo vincolo previene la possibilità di effettuare apprendimenti successivi al primo.
Tutte le informazioni contenute nel presente Manuale interno sono da considerarsi riservate, di esclusiva proprietà del Gruppo OTIS
e rivolte esclusivamente ai manutentori e tecnici dipendenti delle Società del Gruppo OTIS.
A chiunque venga consegnato dal Gruppo OTIS il presente Manuale interno è
VIETATO DIVULGARNE A TERZI, IN QUALUNQUE FORMA O MODO, IL CONTENUTO E/O CONSENTIRNE A TERZI L' UTILIZZO
DOC. : DTE038
DATA : 12/4/2011
REV. :8
MANUALE DI USO E REGOLAZIONE CONTROLLER PAG. : 22
R

4.1.2 Apprendimento manuale utilizzando il service tool (RBI)

La procedura di apprendimento manuale utilizzando il service tool deve essere utilizzata quando si
installa l’ RBI su impianto che ha eseguito più di 100000 corse o su un impianto che ha più di anno di
vita. L’ apprendimento manuale permette all’ operatore di inserire la lunghezza delle cinghie e la
resistenza iniziale delle cinghie è calcolata nel seguente modo:
(lunghezza delle cinghie [m])*(resistenza della corda per metro)* (numero delle corde nella cinghia).

1. Connettere il service tool nel dispositvo RBI.


2. Accedere al menu Start Resistance data (menu F-1-1)
3. Accertarsi che non ci siano procedure di apprendimento in esecuzione
4. “Il precedente valore di starting resi stance è stato cancellato? (9=Y)”
5. Premere il tasto 9 solo se l’ utente è certo che il precedente valore della starting resistence
deve essere cancellato.
6. “Inserire la lunghezza delle cinghie 000,00 [meters]”
7. Il valore della lunghezza delle cinghie da riportare deve essere arrotondato a 100mm.
8. “Apprendimento dell’ RBI in esecuzione . . .”
9. “Memorizzazione dei dati . . . . successivo resetting . .”

Se la lunghezza inserita non è accettabile apparirà il messaggio: “Illegal SR press Clr to try again”.

Verificare che il display CSB LED stia monitorando le cinghie, ovvero ogni CSB LED deve essere
acceso fisso.

4.1.3 Apprendimento automatico utilizzando il service tool (RBI)

Nota importante: effettuare apprendimenti successive al primo apprendimento implica che i


dati salvati in precedenza siano cancellati e sostituiti con i nuovi.
QUINDI NON EFFETTUARE SUCCESSIVE PROCEDURE D’APPRENDIMENTO SU UN IMPIANTI
CHE E’ IN SERVIZIO!

L’ apprendimento automatico utilizzando il service tool non può essere utilizzato su un impianto che
ha più di 100000 corse o un anno di vita.

L’ apprendimento automatico utilizzando il service tool deve essere utilizzato quando si sostituiscono
le cinghie usurate con delle cinghie nuove.

1. Connettere il service tool alla relative porta dell’ RBI.


2. Accedere al menù “Start Resistance Auto Learn” (menu F-3-1)
3. Accertarsi che non ci siano procedure di apprendimento in esecuzione
4. "Le nuove cinghie sono installate? (9=Y)"
5. Premere 9 SOLO SE L’OPERATORE è CERTO CHE LE CINGHIE NON HANNO UN USURA
SIGNIFICATIVA E CHE UNA NUOVA PROCEURA DI APPRENDIMENTO è NECESSARIA.
6. "Qualsiasi precedente valore di starting resistance è stato cancellato? (9=Y)"
7. Premere 9 SOLO SE L’OPERATORE E’ CERTO CHE IL VALORE PRECEDENTE DI
STARTING RESISTANCE SIA STATO CANCELLATO.
8. "L’ RBI è ora in apprendimento . . ."
9. "Apprendimento dell’ RBI in esecuzione"
10. "Memorizzazione dati . . . Successivo resetting . ."

Verificare che il display CSB LED stia monitorando le cinghie, ovvero ogni CSB LED deve essere
acceso fisso.

Tutte le informazioni contenute nel presente Manuale interno sono da considerarsi riservate, di esclusiva proprietà del Gruppo OTIS
e rivolte esclusivamente ai manutentori e tecnici dipendenti delle Società del Gruppo OTIS.
A chiunque venga consegnato dal Gruppo OTIS il presente Manuale interno è
VIETATO DIVULGARNE A TERZI, IN QUALUNQUE FORMA O MODO, IL CONTENUTO E/O CONSENTIRNE A TERZI L' UTILIZZO
DOC. : DTE038
DATA : 12/4/2011
REV. :8
MANUALE DI USO E REGOLAZIONE CONTROLLER PAG. : 23
R

4.1.4 Operazione di RESET (RBI)

Premere il LEARN switch tre volte in cinque secondi per resettare l’ allarme e le condizioni di allerta
Nota: Il RESET switch non resetta I guasti, viene utilizzato per configurare e installare il software
sulla scheda elettronica.

Se la condizione che ha generato il guasto persiste, il guasto riapparirà al prossimo ciclo di


misurazione (60 secondi).

4.1.5 Stato dei CSB LED (RBI)

Ogni CSB LED mostra un certo numero di condizioni di stato. Tuttavia per semplificare il display, la
causa specifica di ogni allarme o di ogni condizione di allerta deve essere determinata utilizzando il
service tool.

LED Status Condition


OFF fisso La cinghia non è monitorata
ON fisso La cinghia è monitorata
Intermittenza ad elevata frequenza
Apprendimento della starting resistance,
(50 ms ON, 50 ms OFF)
Intermittenza a frequenza media Condizione di allarme o guasto nel sistema di
(250 ms ON, 250 ms OFF) monitoraggio
Intermittenza a bassa frequenza
Condizione di allerta
(1 sec ON, 1 sec OFF)

Ci sono diverse cause possibili, ognuna contrassegnata da uno specifico codice, per una data allerta
o allarme. Fare riferimento al manuale per il service tool AAA21700AG_RBI_ADT per le istruzioni
relative all’ accesso ai codici di allerta e di allarme.

4.1.6 Test (RBI)

Premere il pulsante test per testare la risposta dell’ RBI ad una condizione di allarme.
Ciò avviene forzando la resistenza della cinghia al massimo valore.

4.2 Uscita dal montaggio

Al termine della movimentazione con la piattaforma, per mettere in servizio l’impianto occorre
rimuovere la chiave di montaggio tramite il programma “C14 Chiave mont.” del menu “Setup
Controller”.
Una lettera mostra lo stato della chiave di montaggio Y=attivata N=disattivata. Seguendo le istruzioni
sul display è possibile attivare e disattivare la chiave.
Disattivando la chiave è necessario che sia funzionante il concentratore, gli impulsori e l’RBI
(controllo cinghe).

Tutte le informazioni contenute nel presente Manuale interno sono da considerarsi riservate, di esclusiva proprietà del Gruppo OTIS
e rivolte esclusivamente ai manutentori e tecnici dipendenti delle Società del Gruppo OTIS.
A chiunque venga consegnato dal Gruppo OTIS il presente Manuale interno è
VIETATO DIVULGARNE A TERZI, IN QUALUNQUE FORMA O MODO, IL CONTENUTO E/O CONSENTIRNE A TERZI L' UTILIZZO
DOC. : DTE038
DATA : 12/4/2011
REV. :8
MANUALE DI USO E REGOLAZIONE CONTROLLER PAG. : 24
R

4.3 Learning run (corsa acquisizione piani)

Eseguire la procedura di learning run dopo un rifasamento o una movimentazione in ERO.


Per poter servire le chiamate il drive deve conoscere la quota dei piani. Per farlo occorre lanciare una
corsa di acquisizione (learning run) durante la quale il drive porta la cabina a piano più basso e
successivamente al piano più alto in velocità di learning run registrando la posizione dei sensori
magnetici 1LS (rallentamento al piano più basso), 2LS (rallentamento al piano più alto) e 1LV
(sensore di zona). Per lanciare la learning run occorre utilizzare il programma “D20 Learning Run” del
menu “Setup Drive” e premere il pulsante enter.

4.4 Tuning operatore porte AT120

Prima di accendere l’operatore controllare:


- I collegamenti del motore e dell’encoder al connettore ST306
- Ingressi e uscite a 24Vdc collegati al P5
- L’alimentazione a 24Vdc al connettore ST1

4.4.1 Corsa di apprendimento (AT120)

Il dispositivo è in grado di riconoscere automaticamente l’inizio e la fine della corsa delle porte, grazie
alla corsa d’apprendimento. E’ possibile effettuare la corsa d’apprendimento con il pulsante sulla
Control Board oppure con il Service Tool.

Se avete appena alimentato l’operatore porte, dovrete attendere 30-40 secondi prima di cominciare.
Durante questo tempo avviene lo startup della Control Board, al termine del quale su udirà lo scatto
di un relè.

1. Premere lo stop e commutare in ispezione l' impianto.


2. Sconnettere il connettore ST301/P5 della scheda operatore
3. Aprire le porte manualmente.
4. Riconnettere il connettore ST301/P5 della scheda operatore.
5. Premere per almeno 3 secondi il pulsante “learn run” nell’angolo in alto a sinistra della Control
Board. Le porte spingeranno in apertura per 1 o 2 volte, dopo di ché avverrà la chiusura a
bassissima velocità.

4.5 Verifica dei contatti delle porte

Per poter entrare in servizio l’impianto deve avere prima testato i contatti delle porte di piano.
Utilizzare il programma “C15 Test CUV” del menu “Setup Controller” e premere il pulsante enter. Per
attivare la procedura premere nuovamente enter; il display mostrerà la scritta “in corso…” e testerà
tutte i contatti delle porte a tutti i piani. La procedura deve essere attivara con cabina che non
impegna l’impulsore 1LS.

Tutte le informazioni contenute nel presente Manuale interno sono da considerarsi riservate, di esclusiva proprietà del Gruppo OTIS
e rivolte esclusivamente ai manutentori e tecnici dipendenti delle Società del Gruppo OTIS.
A chiunque venga consegnato dal Gruppo OTIS il presente Manuale interno è
VIETATO DIVULGARNE A TERZI, IN QUALUNQUE FORMA O MODO, IL CONTENUTO E/O CONSENTIRNE A TERZI L' UTILIZZO
DOC. : DTE038
DATA : 12/4/2011
REV. :8
MANUALE DI USO E REGOLAZIONE CONTROLLER PAG. : 25
R

4.6 Codifica delle bottoniere e display di piano

Tramite il programma “C08 CodificaNodi” del menu “Setup Controller” è possibile impostare il numero
di nodo seriale del pulsante di piano e, all’occorrenza, del display Olympus.
I pulsanti (e i display) di piano escono dalla fabbrica configurati come nodo 0; essi, cioè, funzionano
tutti come se fossero il pulsante (o il display) del piano più basso.
Sulla scheda seriale dei pulsanti non sono presenti ponticelli di configurazione. Per impostare il
numero di nodo, occorre eseguire la seguente procedura:

1) Portare la cabina al piano più vicino al locale macchinario.


2) Selezionare il programma sul quadro di manovra:
- Si aprono tutte le porte della cabina.
- Sul display di cabina viene visualizzata la lettera (A, B, C) corrispondente al lato della cabina sul quale si
trova l’accesso.
3) Premere il pulsante di piano
- Il pulsante si auto-configura e lampeggia per segnalare che l’operazione è riuscita.
4) Entrare in cabina e premere il pulsante di chiamata del piano più alto.
- Sul display compare la posizione della cabina lampeggiante.
5) Portare la cabina al piano successivo premendo il corrispondente pulsante di cabina.
- All’arrivo al piano selezionato si apriranno tutte le porte della cabina e sul display di cabina comparirà di
nuovo la lettera (A, B, C) corrispondente al lato della cabina sul quale si trova l’accesso.
6) Ripetere la procedura dal punto 3) al punto 5) per tutti i piani.

Nota: prima di iniziare la codifica dei pulsanti e dei display, la cabina deve avere eseguito la corsa di
rifasamento.

4.6.1 Cabine con più accessi

Se al piano al quale si trova la cabina sono presenti più accessi, il display di cabina mostrerà due
trattini orizzontali - - . In questo caso, il precedente punto 3) cambia nel modo seguente:

3.1) Selezionare un accesso tra quelli presenti tenendo premuto uno dei pulsanti di cabina (escluso
quello di chiamata al piano più alto).
- La lettera corrispondente apparirà sul display.
3.2) Uscire dalla cabina e premere il pulsante di piano corrispondente all’accesso selezionato.
3.3) Ripetere questa procedura selezionando gli altri accessi presenti al piano.

4.6.2 Bottoniere con due pulsanti

Nelle bottoniere di piano degli impianti a prenotazione sono presenti due pulsanti. La procedura da
seguire è la stessa già descritta; per configurare la bottoniera non occorre premere entrambi i
pulsanti di piano ma soltanto quello con la luce rossa accesa. In questi casi il quadro di manovra
accende la segnalazione del pulsante di chiamata per scendere.

Tutte le informazioni contenute nel presente Manuale interno sono da considerarsi riservate, di esclusiva proprietà del Gruppo OTIS
e rivolte esclusivamente ai manutentori e tecnici dipendenti delle Società del Gruppo OTIS.
A chiunque venga consegnato dal Gruppo OTIS il presente Manuale interno è
VIETATO DIVULGARNE A TERZI, IN QUALUNQUE FORMA O MODO, IL CONTENUTO E/O CONSENTIRNE A TERZI L' UTILIZZO
DOC. : DTE038
DATA : 12/4/2011
REV. :8
MANUALE DI USO E REGOLAZIONE CONTROLLER PAG. : 26
R

4.6.3 Codifica del display

Quando la freccia sul display di piano indica la prossima direzione di partenza della cabina
(funzionamento tipico negli impianti a prenotazione), essa deve accendersi solo al piano al quale si
trova la cabina. Perciò occorre impostare il numero di nodo seriale anche per i display. La procedura
è la stessa già descritta per i pulsanti tranne per il punto 3) che cambia nel modo seguente:

3) Dopo aver codificato il pulsante, avvicinare una calamita al display sul lato destro, dell’area visiva,
per il modello LCD, sul lato sinistro per il modello LED.
- Il display si auto-configura e lampeggia per segnalare che l’operazione è riuscita.

Cornice

Avvicinare la calamita
in questa zona
Area visiva

Nota: sono molto indicate allo scopo tre strisce di plastoferrite (quelle comunemente montate sulle
guide) sovrapposte da passare su tutta la superficie del display.

Attenzione! Se al piano al quale si trova la cabina sono presenti più accessi, l’operazione sopra
descritta deve essere effettuata solo quando sul display di cabina è visibile la lettera A.

Se la freccia sul display indica, invece, la direzione di marcia corrente della cabina (funzionamento
tipico negli impianti a manovra universale), tutti i display di piano accendono la freccia pertanto NON
si deve codificare il numero di nodo.

4.7 Pesatore

Al termine del montaggio occorre tarare il pesa carico. Per farlo seguire i seguenti punti:
1. Attenersi a quanto prescritto nelle istruzioni di fissaggio e taratura indicate sulle istruzioni
allegate alla cella di carico. In particolare:
• fissare in modo appropriato la cella al traversa motore
• attendere 15 minuti dall’accensione prima della taratura
• effettuare alcune chiamate prima della taratura
2. Svuotare la cabina ed utilizzare il programma “WL2 Tara” del menu “Setup Pesacarico”
3. Passare al programma “WL3 Calibrazione” del menu “Setup Pesacarico”. Mettere un peso
campione in cabina. Più il peso campione è prossimo alla portata della cabina, più la misura
sarà precisa. Utilizzare le frecce salita e discesa per indicare il valore del peso campione che
è stato inserito in cabina e premere il pulsante Enter per confermare.
4. Passare al programma “WL4 Portata” del menu “Setup Pesacarico”. Utilizzare le frecce salita
e discesa per indicare la portata dell’impianto e premere il pulsante Enter per confermare.
La soglia di sovraccarico è impostata a 75 Kg in più della portata della cabina. Con il programma
“WL1 PesoCorrente” del menu “Setup Pesacarico” è possibile verificare il peso letto dalla cella di
carico e lo stato del sovraccarico.

Tutte le informazioni contenute nel presente Manuale interno sono da considerarsi riservate, di esclusiva proprietà del Gruppo OTIS
e rivolte esclusivamente ai manutentori e tecnici dipendenti delle Società del Gruppo OTIS.
A chiunque venga consegnato dal Gruppo OTIS il presente Manuale interno è
VIETATO DIVULGARNE A TERZI, IN QUALUNQUE FORMA O MODO, IL CONTENUTO E/O CONSENTIRNE A TERZI L' UTILIZZO