Sei sulla pagina 1di 7

Regime Tipo di sorgenti Osservazioni e Note

In tutti in cui si
rientri nel campo di
applicazione del
Decreto 230/95.

Sono escluse dall’obbligo


di comunicazione
preventiva le pratiche in
cui

9 I valori di
concentrazione di
attività per unità di
massa siano
inferiori a quelli
indicati della
Tabella VII.1, con
riferimento al
valore massimo
nella pratica.
9 I valori di attività
siano inferiori a L’Allegato VII richiede di
quelli indicati nella adottare il criterio della
Tabella VII.1, con sommatoria pesata per
Comunicazione preventiva riferimento valutare le soglie per il
di pratica ex art 22 Dlgs all’attività regime di comunicazione
230/95 massima presente preventiva in caso di
ad un certo istante presenza di più radionuclidi
nella pratica. nello stesso impianto;
9 Gli apparecchi
contenenti materie
radioattive anche
al di sopra delle
quantità o delle
concentrazioni
precedenti purché
soddisfino tutte le
seguenti
condizioni:
1. siano di tipo
riconosciuto ai
sensi
dell’articolo
26;
2. siano costruiti
in forma di
sorgenti sigillate;
3. in condizioni
di funzionamento
normale, non
comportino,
ad una
distanza di
0,1 m da un
qualsiasi
punto della
superficie
accessibile
dell’apparec
chio,
un’intensità
di dose
superiore a
1 micro
Sv/h;
9 Pratiche in
cui le
condizion
i di
eventuale
smaltime
nto siano
state
specificat
e nel
provvedi
mento di
riconosci
mento di
cui
all’articol
o 26;
9 Gli apparecchi
elettrici, diversi
dai tubi catodici
che soddisfino
tutte le seguenti
condizioni:
1. siano di tipo
riconosciuto ai
sensi
dell’articolo
26;
2. in condizioni di
funzionamento
normale, non
comportino, ad
una distanza di
0,1 m da un
qualsiasi punto
della superficie
accessibile
dell’apparecchi
o un’intensità
di dose
superiore 1
micro Sv/h
9 qualunque tipo di
tubo catodico
destinato a fornire
immagini visive, o
di altri apparecchi
elettrici che
funzionano con una
differenza di
potenziale non
superiore a 30 kV,
purché ciò, in
condizioni di
funzionamento
normale, non
comporti, ad una
distanza di 0,1 m
da un qualsiasi
punto della
superficie
accessibile
dell’apparecchio,
un’intensità di dose
superiore a 1 micro
Sv/h
9 materiali contaminati
da materie
radioattive
risultanti da
smaltimenti
autorizzati che
siano stati
dichiarati non
soggetti a ulteriori
controlli dalle
autorità competenti
ad autorizzare lo
smaltimento.

Sono L’Allegato IX non richiede


sempr di adottare il criterio della
e sommatoria per valutare le
esclus soglie per il regime di nulla
i dal osta (cat.B) in caso di
Esente dal regime di Nulla nulla presenza di più radionuclidi
Osta osta: nello stesso impianto;
-Micr criterio che invece richiede
oscopi espressamente per la
elettro categoria A.
nici,
art.27,
c.4-
bis;

Sorgenti di taratura
di singoli strumenti,
allorché si
verifichino
particolari
condizioni, All.IX
p.8.3
-Macchine radiogene
(escluse quelle mobili)
con Energia delle
particelle £200 keV, all.IX
p.2.5;
Sorgenti radiazioni con
produzione media nel
tempo di neutroni
4
Ф£10 n/s su tutto
l’angolo solido;

Sorgenti non previste dal NO Se nello stesso luogo vi è


di cat. A (esempio mobili) almeno una sorgente di
categoria A, tutte le sorgenti
Sorgenti che non in regime di nulla osta
necessitano di ulteriori diventano della stessa
protezioni, categoria
Nulla Osta di Cat. B indipendentemente dalla
loro attività e non rientrano
nel computo dei valori di
attività presenti
sull’impianto (punto 2.4
All.IX).
Materie radioattive,
allorché il valore massimo
della concentrazione sia
superiore a quello dei
valori indicati in tab. IX-1
ed inoltre si verifichi una
delle due condizioni:

9 Attività totale
presente in
qualsiasi momento
3
>10 dei valori di
tab. IX-1
9 Attività
pervenuta o
prodotta
nell’anno
4
solare >5·10
dei valori di
tab. IX-1

7 In presenza di più isotopi, si


Sorgenti neutroni Ф>10 n/s verifica se la sommatoria dei
su tutto l’angolo solido
rapporti tra le singole attività
ed i rispettivi limiti è ³1.
macchine radiogene che -Sono comunque esclusi i
accelerano elettroni con microscopi elettronici e le
E ³25 MeV apparecchiature radiologiche
le cui particelle accelerate
Nulla Osta di Cat. A
hanno una energia Ep<200
Sorgenti radioattive non keV
sigillate (basta 1
condizione): 9
Attività istantanea
6
³10 dei valori di
tab. IX-1
9 Attività
pervenuta o
prodotta
nell’anno
7
solare ³5·10
dei valori di
tab. IX-1

Sorgenti radioattive sigillate


(basta 1 condizione):
9 Attività presente in
9
qualsiasi momento ³3·10
dei
valori di tab. IX-1
9 Attività
pervenuta o
prodotta
nell’anno
solare
11
³1,5·10 dei
valori di tab.
IX-1

Tutte le altre sorgenti


presenti sull’impianto
(escluse alcune
tipologie)

Non sono mai esenti dal


regime di nulla osta ( p.1.3.
e 2.5 dell’Allegato IX)
9 le sorgenti mobili
impiegate
presso più siti
non
determinabili a
priori (esempio:
radiografia
industriale,
radiologia
specialistica o
complementare
all’esercizio
clinico, ricerca
scientifica,
ecc.);
9 l'aggiunta
intenzionale
sia
direttamente
che mediante
attivazione di
materie
radioattive
nella
produzione e
manifattura di
prodotti
medicinali o di
beni di
consumo;
9 la
somministrazi
one
intenzionale di
materie
radioattive, a
fini di
diagnosi,
terapia o
ricerca medica
o veterinaria, a
persone e, per
i riflessi
concernenti la
radioprotezion
e di persone,
ad animali;
9 l'impiego di
acceleratori, di
apparati a raggi X,
anche con Energia
delle particelle
<200 keV o di
materie radioattive
quanto utilizzate
per esposizione di
persone a fini di
terapia medica

Note alla tabella: per


tutte le sorgenti in
regime di nulla osta (A o
B) deve essere
effettuata la valutazione
di cui all’art.115-ter del
DLgs 230/95 e succ.
modif., integr., correz. e
rettifiche

2
3