Sei sulla pagina 1di 30

SCUOLA DI FOTOGRAFIA

Lezione 3 – Il ritratto in studio, le luci


artificiali, gli schemi luce.
SCUOLA DI FOTOGRAFIA
Parte 1 – Il ritratto in studio
© 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 3

Il ritratto in studio
• Il ritratto in studio è una delle maggiori espressioni della
fotografia

• Per quanto possa sembrare banale una foto


«preparata» completamente in studio, il ritratto affonda
fino all’anima del soggetto, ne studia lo sguardo, e ne
lascia immaginare i pensieri e le emozioni

• Per questo il ritratto non deve sfociare nella banalità e


nell’effetto «piatto» tipico della fototessera, ma deve
puntare dritto all’emozione che si vuole rappresentare,
non deve mai essere banale, e deve avvalersi di tutta la
conoscenza tecnica e della vena artistica del fotografo.
© 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 4

Il ritratto in studio
• Il fotografo ritrattista non può essere timido. E’ importante
che il fotografo impari a conoscere e interpretare il
soggetto, che ci parli, che stabilisca un rapporto senza il
quale la posa giusta non si troverà mai.

• Soltanto unendo la tecnica fotografica all'umanità e alla


sensibilità e anche a un pizzico di simpatia, il risultato
sarà un buon ritratto e non solo un'impeccabile fotografia.

• E’ importante poi valorizzare il soggetto nel momento


dello scatto, senza lasciarsi distrarre dallo sfondo, che
deve essere usato con gusto e cautela.
© 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 5

Il ritratto in studio
• Di solito per i ritratti si preferisce impostare sull'obiettivo
un diaframma aperto, perché questo fornisce una
profondità di campo non troppo estesa.

• E’ importante sfocare lo sfondo per fare risaltare il primo


piano, e nello stesso tempo permette al fotografo di
scattare con tempi abbastanza veloci non avere dei
micro-mossi.

• Gli ISO devono rimanere bassi, per non introdurre


«rumore» eccessivo negli scatti in primo piano.
© 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 6

Il ritratto in studio
• Ricordarsi le regole di composizione valgono anche per i
ritratti.

• E’ consigliato usare il formato RAW delle macchine digitali


Reflex per poter poi agire in fase di post-produzione.

• Siccome si usano i diaframmi molto aperti, ricordarsi di far


attenzione al punto di fuoco. E’ spesso consigliabile impostare
il punto di fuoco sugli occhi del soggetto.

• Usualmente, si cerca di far provenire la luce da un punto più


alto rispetto al soggetto, ma ci sono delle eccezioni a seconda
dello schema di luce utilizzato.
© 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 7

Il ritratto in studio
• Come lunghezza focale, gli obiettivi usuali per il ritratto sono
quelli compresi tra gli 80 e i 105 mm.

• Ricordarsi che se c’è molta differenza tra le zone in ombra e


quelle illuminate nel soggetto, è sempre meglio sovraesporre
leggermente.

• Quando si parla con la modella/o e si fa riferimento alla destra


o alla sinistra, ci si riferisce sempre alla destra o alla sinistra
del modello/a e non del fotografo.
© 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 8

Il ritratto in studio
• Bisogna fare attenzione alle ombre. Se l’ombra è troppo netta o
vi disturba, per eliminarla basta allontanare il soggetto dalla
sfondo o cambiare lo schema di luci.

• In alcuni casi, specie nelle figure intere, le ombre potrebbero


invece essere incluse volutamente.

• Il punto di ripresa è fondamentale:


• Per il ritratto in primo piano, è bene posizionarsi esattamente di fronte al
soggetto, alla stessa altezza degli occhi.
• Nella figura intera, ricordarsi che:
• Le riprese dal basso «slanciano» le figure e le snelliscono.
• Le riprese dall’alto «schiacciano» il soggetto e distorcono l’elemento più vicino.
© 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 9

Il ritratto in studio
• Le foto dei ritratti devono trasmettere emozioni: i ritratti devono
sembrare spontanei o in posa, ma mai forzati nelle espressioni,
il soggetto deve sempre sembrare a proprio agio.

• Gli accessori, acconciatura ed espressioni del soggetto,


devono essere funzionali al sentimento che volete esprimere.

• Nel ritratto, ricordarsi di usare le linee guida naturali del corpo


per portare l’attenzione dell’osservatore al punto focale del
ritratto. Dovete quindi usare bene la posizione del corpo, delle
braccia, delle mani e delle gambe.
© 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 10

Il ritratto in studio: Differenze Uomo - Donna


• A seconda del sesso del soggetto, ci sono delle considerazioni
da tenere a mente:

• La posizione del corpo è funzionale alle linee del soggetto,


quindi per una donna è opportuno usare pose a ¾ e sinuose
per enfatizzarne la siluette e le forme. Nell’uomo invece è
opportuno sfruttarne la forza muscolare con riprese
simmetriche e decise.

• La luce scelta è importante: nelle donne è bene utilizzare luci


più diffuse per avere meno contrasto per nascondere eventuali
difetti o imperfezioni. Negli uomini sono consigliate luci forti e
decise (puntiformi) per esaltare le espressioni e la muscolatura.
© 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 11

La scelta delle inquadrature: figura intera


• Più spazio sulla testa, meno sotto i piedi. Occhi su un punto
nodale e sguardo in direzione dello spazio (a seconda del tipo
di sentimento espresso)
© 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 12

La scelta delle inquadrature: taglio al ginocchio


• Si lascia poco spazio sopra la testa, e si taglia la figura al di
sopra del ginocchio.
© 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 13

La scelta delle inquadrature: primo piano


• Poco spazio sulla testa, taglio sul petto
© 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 14

La scelta delle inquadrature: Taglio americano


• Si esclude il parte inferiore del mento e quella superiore della
fronte. Foto di impatto e di tensione. Occhio sul punto nodale.
© 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 15

La scelta delle inquadrature


• Esistono molti altri tagli, a seconda delle emozioni che si
vogliono trasmettere. Si può essere molto creativi, a patto di
non tagliare bruscamente parti devo corpo come mani, dita e
piedi.
SCUOLA DI FOTOGRAFIA
Parte 2 – Le luci artificiali.
© 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 17

Le luci artificiali
• Si definiscono luci artificiali tutte quelle luci non naturali,
prodotte da attrezzatura fotografica, come luci da studio,
luci spot, luci elettriche, flash e pannelli riflettenti.

• Le luci artificiali si dividono luci in vari modi, e possono


essere sia «fredde» che «calde».

• Per semplificare, le luci da studio che tratteremo, le


penseremo come «neutre».
© 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 18

Le luci artificiali
• Le luci definite puntiformi sono quelle che producono un
fascio di luce forte e direzionato, che crea ombre molto
scure e soggetti molto illuminati. Ci sarà quindi un forte
contrato tra le ombre e il soggetto. Fanno parte di questa
categoria, i faretti a incandescenza, e le luci artificiali
senza schermo. (Nel ritratto si usano soprattutto per gli
uomini)

• Le luci definiti omogenee o diffuse, rendono le ombre più


morbide e meno scure, come meno contrasto tra le parti
in ombra e quelle chiare. Le fonti di luce omogenee sono
le luci fotografiche offuscate da diffusori, teli o panni, e le
luci riflesse dal pannello riflettente. (Nel ritratto si usano
soprattutto per le donne)
© 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 19

Le luci artificiali: componenti


1) Telo o fondale
2) Luce primaria - Puntiforme
3) Luce secondaria - Puntiforme
2 4) Soft-box - Diffusa
5) Ombrello Silver - Diffusore
3 6) Ombrello White - Diffusore
7) Flash ausiliario - Puntiforme
8) Luce spot - Puntiforme
1 4 9) Riflettente Silver - Riflettente
10)Riflettente White – Riflettente

Gli ombrelli e i diffusori servono a


5 6 trasformare una luce puntiforme in
7 8 omogenea.
• N.B. Anche dei teli o schermi
possono trasformare una duce
10 11
puntiforme in diffusa
SCUOLA DI FOTOGRAFIA
Parte 3 – Gli schemi luce principali.
© 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 21

Gli schemi luci principali


• Per scattare in studio, specie i ritratti si fa ricorso a degli
schemi luci ben precisi, ognuno dei quasi si differenzia
per numero e posizione delle luci, e che danno un effetto
diverso al soggetto.

• Questi schemi ovviamente, oltre a modificare


l’illuminazione del soggetto, influiscono in maniera
determinante sulle ombre, marcandole, riducendole,
allungandole o eliminandole.

• Bisogna tener presente che per ogni luce puntiforme, è


possibile applicare un diffusore per convertirla in luce
diffusa a seconda delle necessità.
© 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 22

Schema classico a 2 luci


• Illuminazione totale da un lato inclinata a 45° sul soggetto.
Seconda luce meno potente di supporto sull’altro lato.
© 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 23

Schema a taglio o «lama di coltello»


• Luce da un solo lato che illumina solo un profilo del
soggetto lasciando completamente in ombra l’altro.
© 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 24

Schema a taglio o «lama di coltello»


• La parte in ombra può essere schiarita con l’ausilio di un
pannello riflettente (Silver + decisa, White + tenue)
© 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 25

Schema Rembrant
• Prende il nome dal pittore che la introdusse. Usa una sola luce
a 45° posta in alto rispetto al soggetto. Forma un un’area scura
a triangolo sotto l’occhio in ombra. Da un effetto
tridimensionale alla foto. Ottimo se usato con sfondo nero.
© 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 26

Schema a farfalla o «bounce»


• Schema che toglie tutte le ombre dal volto inquadrato, ad eccezione
di una piccola ombra sotto il mento appunto a forma di farfalla. Si usa
soprattutto per ritratti pubblicitari, foto make up e acconciature.
© 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 27

Schema Flare
• Applicabile a tutti gli altri schemi. Si usa una luce ulteriore da
mettere dietro il soggetto e/o una supplementare laterale che
punta sempre lo sfondo. Si usa per staccare il soggetto dallo
sfondo (es. capelli neri su sfondo) e per eliminare le ombre su
di esso.
© 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 28

Schema Flare
• Anche con lo schema a farfalla spesso di una luce «flare» per
staccare il soggetto dallo sfondo
© 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 29

Altri schemi luci e varianti


• Esistono molti altri schemi luci più complessi, adatti a determinati
scopi, che si basano anche su un numero maggiore di luci e di flash
ausiliari e di luci spot.

• Tutti questi schemi possono essere modificati in base al tipo di luce e


di ombra che si vuole ottenere, modificandone l’altezza, la distanza e
l’inclinazione.

• Si possono trasformare le luci puntiformi in omogenee aggiungendo


un diffusore.

• Si possono mitigare le ombre usando dei pannelli riflettenti.

• Si può eliminare l’ombra dal soggetto allontanandolo dallo sfondo.


© 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 30

Lezione 1 – Fine
Ci sono domande?

FINE

© Stefano di Pede Officina Fotografica - Foto di Officina Fotografica e tratte dal web