Sei sulla pagina 1di 48

La pittura di un uomo comune

GAETANO MINALE

Natura
Luce
Colore
IL PITTORE DELLA NATURA
Ci colpisce quel suo modo personale di fare pittura, quel suo
stendere il colore in tanti piccoli colpi, stesse linee che portano
fragranza alle sue opere.
Lunghi paesaggi con antichi ulivi, case dai tetti rossi e gialli
pagliai, ma anche figure femminili dedite al lavoro dei campi e
quelle maschili insieme agli animali.
Gaetano Minale è in rapporto diretto con la natura a cui dona
pace e decoro con il suo dipingere pacato e sobrio, con i colori
carminio e azzurro, giallo e bianco, realizza le distese di fiori e
tetti rossi di case dalle pareti spugnose. In questo modo si lancia
nella poesia, ma la sua particolarità è nella stesura di questo
colore che gli consente di attirare la luce, di rifrangerla in mille
parti e spargerne la luminosità come pochi grandi artisti sanno
fare. Ogni mistica che possa fuoriuscire da queste fusioni, finisce
per concentrarsi in questo luccicare che porta al ricordo, alla
sofferenza alla dolcezza.
La luce entra ed illumina, la luce scivola e rifrange sugli ampi e
fioriti prati costruiti con la divisione degli schemi, il punteggiare
delle corolle, l’accorparsi di cieli bianchi e azzurri, ma anche rossi
di folgore solare per sottolineare certe situazioni.
La magia delle terze campiture dona un senso alla vita in presenza
attiva, la realtà è interpretata e dominata da tutti i valori della
scala cromatica.
La pennellata corre veloce sulla punta a tracciare chiome di alberi
e si fa più spessa per sottolineare tronchi, pagliai e figure. Sono
queste che danno forme e corpo ai mestieri ormai scomparsi, ai
sacrifici ancora attuali, agli scontri tra giovani, che irrompono nel
fragore del presente.
La capacità di Gaetano Minale porta l'osservatore al suo
paesaggio, un paesaggio diverso nell'atmosfera riportato alla vita
con ulivi dallo sfondo romantico, dalla luce solare che inchioda
una realtà di sudore e di lavoro, una realtà che l'arte di Gaetano
Minale parte da un colore che si fa sentimento e storia.
L’uomo, i suoi casolari sono in armonia con la natura e fanno
rivivere la speranza di una nuova fanciullezza lontana dal
logorante frastuono della nostra epoca.
Gaetano Minale, il pittore della natura, in una difesa che non deve
essere solo ricordo ma che Minale affida all’arte.
E questo è il suo messaggio per una vita migliore.
GIORGIO FALOSSI 3
GIOIA E VOGLIA DI VIVERE – 2012 – Olio su tela 50 x 40

….. Son oeuvre , essentiellement figurative est particulièrement le reflet de la vie dans
les Abruzzes et tèmoigne d' une vie rustique.
Ses paysans sont fortement campès dans la tradition d' une peinture qu' en France, nous
appellons “ POPULISTE “ . Le trait et sevère , sans ètre lèger avec l' encre de chine.
L' huile est traitèe par touches vibrantes est ciel sont vifs et soulignement une atmosfère
souvent pesant …....

BERNARD GAUTHRON ( Paris 1976 )

4
SIESTA TRA I GIRASOLI – Olio su tela 80 x 60

5
PAPAVERI IN RIVA AL MARE – 2013 Olio su tela 60 x 30

DISTESA DI GIRASOLI – 2007- Olio su tela 120 x 60

6
CESTO CON FICHI – 2014 – Olio su tela 50 x 40

La pittura di Gaetano Minale esprime innanzitutto, umanità, poesia, dolore in un


contesto reale e vero di paesaggi rurali, contadini, silenziosi, dove è l' ambiente che
grida la sua presenza e impone la sua dominazione.
Capanni, pagliai, masserie, figure solitarie e drammatiche, solari e aperte alla vita
solo quando la natura si risveglia. Quel che traspare è quindi, una simbologia di
nostalgici e commoventi momenti che il tempo moderno sta piano piano
frantumando. I colori e, in particolare, le pennellate utilizzate, del tutto personali,
rimandano ad una cromaticità ricca, intensa, fortemente espressiva che, in molti e
diversi temi trattati, fa trasparire un intimità ed espressività uniche.

ENZO CARMINE DELLI QUADRI

7
TRA MARE E NATURA – 2014 – Olio su tela 120 x 70

RESPIRANDO IN SAPORE DI MARE – 2013 – Olio su tela 70 x 50


8
PASSEGGIATA TRA I PAPAVERI – 2013 – Olio su tela 50 x 70

9
Una consapevole scelta poetica

L' immediatezza comunicativa e la potenza espressiva costituiscono la prima attrazione di


quel lungo ed interessante discorso pittorico che Gaetano Minale crea ed elabora da tempo.
Quando la gamma degli impasti caldi sfocia nelle visioni campestri, l' emotività del fruitore
viene sollecitata, avvinta e percorsa da tante sottili emozioni. Ne scaturisce un contesto
genuino di lontani tradizioni e nel contempo un inquieto, reale e incisivo vedutismo che
coinvolge la sensibilità dell' essere in un amplesso di meravigliosa luce scenica.
I valori tematici sono sottolineati dalle tonalità azzurrine e sebbene con altra modulazione,
rispetto al cromatismo dei gialli, l' interesse non si affievolisce, anzi si rende più penetrante
nel sentimento sino ad insinuarsi costantemente nel pensiero e da qui la consapevolezza di
trovarsi immersi ed “ agganciati “ al discorso.
Le vallate, i pagliai, i casolari ma soprattutto le caratteristiche pietre delle costruzioni
sono la risultante di una precisa terminologia significativa e culturale delle poetiche
che vengono rappresentate con suggestive visioni naturalistiche di vasto respiro e senza
dispersive diversificazioni ambientali.
L' interpretazione delle caratteristiche atmosfere della natia terra è condotta con stile
artistico proprio e sicuro e da esso traspare l' intenso amore, una forza espressiva
sensitiva otre che all' innato gusto del colore . Ad interrompere questa pacata linearità
scenica, spesso è una sottile vena surrealista che si inserisce nel contesto pittorico non
già per evadere dall' ambiente naturale ma per la spontaneità del carattere romantico
il quale, attraverso le interiori forze inquiete , avverte il trasformarsi della natura ad opera
dell' uomo e da qui il tentativo di una accesa resistenza.
Si spiegano così i grovigli degli esseri – alberi quale rappresentazione della vera fonte di
vita , dell' attaccamento dell' uomo alle proprie origini e della decisiva volontà a superare
l' ostacolo della violenza.
Una serie di elaborati , quindi , evocatori di un paesaggio reale e semplice, a volte
fantasioso ma sempre aperto ad un intenso lirismo che chiarisce una spontanea e
consapevole scelta poetica guidata, essa , da un pensiero intelligente e raffinato.

RENATO LAMPERINI

10
CAMPANILE CHIESA SANTA CROCE – 2000 – Pastello su carta 21 x 18

11
IN RIVA AL MARE – 2014 – Olio su tela 50 x 50

12
INDIFFERENZA – 2002 – Olio su tela 50 X 70
13
RIFLESSI DI LUCE NEL BOSCO – 2011 - Olio su tela 50 x 40

CHIESETTA DI CONTRADA – 1993 – Olio e sabbia su compensato 30 x 17


14
PRIMAVERA ALLA MAJELLA – 2014 – Olio su tela 120 x 100

15
Gaetano Minale pittore Georgico e Moderno

…..... per ogni opera che guardo dovrei scrivere fiumi di parole, ma senza senso in
quanto mi trovo davanti ad un' esplosione di colori e sensazioni. Sensazioni che
colorano la vita , una festa per gli occhi, difficile descriverli. Squarci di vita che molti
hanno vissuto che molti ricordano che molti, i più giovani impareranno a conoscere.
Grande Maestro di vita passata e presente che ci insegna a guardare intorno con
occhi attenti e cogliere anche le piccole cose. Un fiore, un prato, un albero, una casa
diroccata angoli e oggetti dimenticati nel tempo che, con il suo tocco, riesce a far
rivivere . Se ti soffermi a guardare con gli occhi dell' animo, il borgo si popola, senti il
profumo dei fiori, dell' erba tagliata del fieno. Rivivi le antiche stagioni, le tiepide
giornate di primavera e i suoi alberi in fiore, l' estate calda e laboriosa, l' autunno
pieno di fervore per prepararsi al lungo inverno e alle giornate di neve.
Ogni dipinto si anima, vive riesci a sentire le voci ; anche una vecchia porta ha
qualcosa da raccontare, una persiana chiusa riesce a far esplodere la fantasia .
Queste opere mi parlano di occhi che intorno a se scorge la vita nelle cose animate,
trasformandole in qualcosa che viva, una mano che riesce a realizzare immagini
incredibili e impensabili.
Gaetano Minale UN ARTISTA che ci regala sogni ma anche tanta poesia ….

MARIA TERESA PIERMATTEI

…...... La civiltà Contadina appare evidente nelle opere di Gaetano Minale: studi di
casupole rurali, di volti di lavoratori, statici perché svuotati di ogni energia dalla fatica
quotidiana e dal pensiero imminente di questa fatica antica e sempre nuova, voluta
non dall' uomo ma dalla natura . Mani rudi, figure composte in una verità vera, che
non vuole essere moda , né messaggio o incitamento, ma vita vissuta, minuto per
minuto, in una eternità senza tempo.
Gaetano Minale scava nella terra stessa i suoi personaggi, i cui volti sono incisi sulla
tela come i solchi nella terra. Padrone del disegno esprime un mondo antico e
paziente nel quale le emozioni si sono macerate in un fuoco senza fiamma del quale
restano gli indelebili segni....

SILVIA RAMINI

16
SCALINATA VERSO CASA – 2013 – Olio su tela 40 x 50

17
PASSEGGIATA NEL BOSCO – 2012 – Olio su tela 60 x 50

…..... Peintre de la terre e du monde paysans des Abruzzes , Gaetano Minale


construit un univers solide et rugueus à l' image de sesa sujets favoris.
Tout y est silencieux , sourdement attentif, sèrieux et digne, il peint avec amours
et sous l' apparente monotonie de ses paysages, ressort la saveur profonde , l' esprit
secret et la force expressive des choses.
C' est un Art puissant et Hamain, d' une veritè intelligente qui divient de la poesie à
force de la justesse dans l' observation.

M: Milet ( La Rue Moderne – Paris )

18
IL PORTONE ROSSO – 2014 -Olio su tela 20 x 30 19
ANGOLO RUSTICO – 2000 – Olio e sabbia su tela 35 x 50

20
PAPAVERI ALLA MAJELLA – 2002 – Olio su carta 50 x 70

21
PENSIERI E RICORDI – 1999 – Olio su tela 40 x 50

22
SAPORI DELLA MIA TERRA – 2007 – Olio su tela 80 x 70

23
PRIMAVERA IN VAL DI SANGRO – 2001 - Olio e sabbia su tela 70 x 50

CASE IN COLLINA – 2002 – Olio e sabbia su tela 60 x 30


24
PAPAVERI – 2014 – Olio su tela 30 x 40

25
PASSEGGIATA AL TRAMONTO – 2012 – Olio su tela 80 x 60

Con grande capacità emotiva Gaetano Minale riesce a cogliere istanti di vita,
sensazioni e sentimenti attraverso forme e cromatismi vivaci da cui si sprigiona
il profondo amore per la vita proprio del suo modo di essere uomo e che come
artista, riesce a rivelare nei soi dipinti.
Le sfumature, la luce e i colori sono fusi in un unico elemento capace di
suscitare serenità e armonia in un mondo espresso naturalmente e filtrato
attraverso lo specchio dell' anima, in un' atmosfera in cui identificare la propria
identità. Le sue immagini divengono esempio di un colloquio immediato col
mondo naturale, sono il veicolo d' incontro con una passione di vita
incontaminata che nasce direttamente dal cuore e dalle sue esigenze più intime.

PAOLO A. DI MARTINO

26
LA TERRA DEI TRABOCCHI – 2014 – Olio su tela 150 x 120

27
PASSEGGIATA TRA I PAPAVERI – 2012 -Olio su tela 80 x 60

28
ANGOLO CON VASI DI FIORI – 2012 – Olio su tela 40 x 50

29
STRADA VERSO IL CASOLARE – 2003 – Olio su tela 200 x 140

30
ARMONIA DI PRIMAVERA – 2014 – Olio su tela 80 x 70

31
PAPAVERI AL VENTO – 2011 – Olio su tela 50 x 70

32
LUNGO L' APPENNINO ABRUZZESE – 2002 - Olio su tela 90 x 70

33
RESPIRANDO IL SAPORE DELLA NATURA – 2012 – Olio su tela 60 x 40

34
PAPAVERO AL VENTO – 2014 – Olio su tela 50 x 40

35
AMORE E NON TRASGRESSIONE – 1996 – Olio e sabbia su tela 100 x 70
36
LA GRANDE QUERCIA – 2005 – Olio su tela 70 x 60

37
LA CAREZZA – 1987 – Pastello su carta 50 x 70

38
PROFUMO DI PRIMAVERA - 2013 – Olio su tela 50 x 40

39
INFANZIA AMARA – 1987 – Pastello su carta 50 x 70

40
BIBLIOGRAFIA

Gaetano Minale è nato ad Agnone ( IS ) nel 1938 e risiede ad Atessa .


Ha tenuto 120 mostre tra personali e collettive nelle principali città
italiane ed ha esposto in manifestazioni artistiche sia in Italia che
all' estero.
E' citato nelle principali pubblicazioni d' arte contemporanea e, per la sua
personalità artistica è stato chiamato a far parte dell' Accademia San Marco
dell' accademia de “ i 500 “ , dell' Accademia d' arte Moderna di Roma ,
dell' Accademia Tiberina e della Legion d' Oro, ed è stato nominato
Accademico d' Italia.
E' membro effettivo dell' Unione Mondiale della Cultura e , la sua scheda
Biblio-Biografica è depositata all' archivio storico per l' Arte Italiana del
novecento e al Kunsthisstoriches Institut in Florenz di Firenze e
nell' archivio Storico dei pittori e scultori Italiani del novecento dalla Casa
Editrice il Quadrato di Milano.
Nel 1977 ha conseguito l' Oscar Italia per le Arti figurative per “ la sua
fattiva importante attività nel campo artistico-culturale “ . Nel 1978 viene
nominato Accademico d' Italia con medaglia d' oro e, nel 1999 ottiene la
nomina di Professore Onoris Causa e conferitogli il premio “ Oxford 89
London Prize “
Nel 2011 viene nominato Artista per l' UNICEF per” Aver Contribuito ,
grazie alla sua sensibilità artistica “ , al miglioramento delle condizioni di
vita dell' Infanzia . Della sua opera pittorica ne ha parlato la stampa
nazionale ed internazionale, radio televisione ; sue opere figurano in
collezioni private e Enti pubblici sia in Italia che all' estero.
Delle sua opera hanno scritto : Roberto Mangione, Renato Lamperini, M. Milet,
Giuseppe Martucci, Diego Castronovo, Nino Scalisi, Domenico Policella,
Giuseppe Franco Arguto, Anna Teresi, Celeste Arcieri, Maria TeresaPiermattei,
Enzo C. Delli Quadri, Nello Punzo, Giuseppe Rancitelli , Elio Moro, Giorgio
Carpaneto , Bernard Gauthron , Rossano Borzillo, Silvia Ramini, Alex Capus,
Paolo A. Di Martino, Maria Carla Morbiducci, Vito Calogero, Giorgio Falossi
ed altri.....

41
BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE
1976-77-78-79 Catalogo Nazionale Il Quadrato Milano
1976 Catalogo Gelmi Sesto San Giovanni
1977-78-79 Annuario Comanducci Milano
1977 Guida all' Arte Italiana Ancona
1977 La Nuova Ribalta Artistica Piacenza
1978 Arte Base Torino
1979 Notiziario Accademia Roma
1980-82 Catalogo Nazionale Bolaffi Torino
1982 Praxis Artistica Rimini
1984-85 Annuario Comed Milano
1984 Il Libro d' Oro dell' Arte contemporanea - Milano
1984 Vademecum dell' Arte Firenze
1989-90-95 L' Elite Selezione Arte Italiana Varese
1994-97-99 Top Art Ancona
1997-2000 Dizionario Alba Ferrara
2005 Pittori e Scultori del Novecento– Castellammare di Stabia
2009 Arte Selezione L' Elite NEW Varese
2010 Censimento Artisti Italiani Palermo
2011 Speciale Artisti dell' UNICEF Palermo
2012 L' Elite Selezine Arte ...Artitalia Varese

INDICE DEL TITOLO


Giorgio Falossi Pagina 3
Bernard Gauthron Pagina 4
Enzo Carmine Delli Quadri Pagina 7
Renato Lamperini Pagina 10
Maria Teresa Piermattei Pagina 16
Silvia Ramini Pagina 16
M. Milet Pagina 18
Paolo A. Di Martino Pagina 26

42
Premi e Riconoscimenti
1976 Premio F. Faruffini ( secondo premio ) Sesto San Giovanni
1977 Premio G. Gigante ( terzo premio ) Napoli
1977 Premio C. R. E. ( primo premio ) Chieti
1978 Premio Dea Minerva ( primo premio ) Lecce
1978 Assegnazione Premio Parlamento Europeo Roma
1978 Premio quadriennale ( terzo premio ) Napoli
1978 Assegnazione Leon d' Oro Firenze
1978 Premio Villa Alessandra ( primo premio ) Alanno
1979 Premio Pratola ( primo premio ) Pratola Peligna
1980 Assegnazione Premio Mid Times Roma
1981 Assegnazione Premio Cultura Fides Città del Vaticano
1982 Premio Emigrazxione (secondo premio) Pratola Peligna
1983 Assegnazione Premio Cesare d' Oro Verona
1985 Segnalazione d' Arte Tsukuba Expo Tokyo
1987 Premio Maestri del Colore ( primo premio ) Fidenza
1988 Premio una Vita per l' Arte ( primo premio ) Milano
1990 Premio Commissione Gran Prix Centeneire Tour Eiffel – Parigi
1991 Premio Maestri famosi nel Mondo ( primo premio ) Viareggio
1993 Assegnazione Premio Le Gran Arc de La Defense Parigi
1990 Assegnazione Gran Premio Bisanzio Istanbul
1997 Assegnazione L' Oscar della Professionalità nell' Arte Latina
1998 Assegnazione Trofeo Città di Padova Padova
1999 Premio Artista anno 2000 ( primo premio ) Latina
1999 Assegnazione Premio alla Carriera Artistica Ferrara
2000 Assegnazione Premio London 2000 Londra
2014 Assegnazione Premio “ Squacciafichère d. o. p. Atessa

PRINCIPALI MOSTRE PERSONALI E COLLETTIVE

1975 Galleria Gelmi Sesto San Giovanni


1976 Galleria La Stadera Sulmona
1976 Galleria Beato Angelico Roma
1976 Galleria Il Pavone Milano
1976 Galleria Lo Scacco Giulianova
1976 Galleria Michelangelo Firenze

43
1976 Sale Maschio Angioino Napoli
1976 Galleria Città Eterna Roma
1976 Galleria Alba Ferrara
1977 Galleria Brixia Brescia
1977 Galleria La Bitta Milano
1977 Mostra Itinerante Madrid
1978 Mostra Itinerante New York
1978 Bottega d' Arte Chieti
1978 Galleria 46 Lanciano
1978 Galleria Tiberina Rona
1978 Galleria Hotel Spiaggia Alassio
1979 Club degli Artisti Foggia
1979 Place Baudoyer Parigi
1980 Palazzo dei Nobili L' Aquila
1980 Galleria Segno Grafico Venezia
1980 Salone Esposizioni Pescara
1981 Galeria Colonnello Saint Vincent
1981 Sale Villa Olmo Como
1981 Galleria Martinez Cannes
1982 Sale Scuola Media Pratola Peligna
1983 Palazzo Esposizione Salsomaggiore
1983 Salone Basilica S. Giovanni Laterano – Roma
1984 Palazzo Reale Milano
1984 International Hall Los Angeles
1985 Sala Consiliare Villa Santa Maria
1985 Gallery Chou-Ku Tokyo
1986 Punto Arte Pescara
1986 Exhbition Gallery Hong Kong
1987 Galleria La Sonda L' Aquila
1990 Camera di Commercio Chieti
1991 Galleria L' Astorìa Karolyl Budapest
1993 Galleria La Defense Parigi,
1996 Pala Pera Palas Istanbul
1997 Auditorium diocleziano Lanciano
1998 Sala San Gaetano Atessa
1999 Galleria Centro Arte Bologna
1999 Galleria Ambassadors Londra
2001 Sala Consiliare Atessa
2002 Sala Museo Palazzo D' Avalos Vasto
2008 Galleria Museo Palazzo Mayer Fossacesia
2009 Sala ex Distretto Sanitario Atessa
2012 Parco Archeologico Monte Pallano Tornareccio

44
INDICE DEL TESTO TESTO

Gioia di Vivere Pagina 4


Siesta tra i Girasoli pagina 5
Papaveri in Riva al Mare pagina 6
Distesa di Girasoli pagina 6
Cesto con Fichi pagina 7
Tra Mare e Natura pagina 8
Respirando il Sapore di Mare pagina 8
Passeggiata tra i Papaveri pagina 9
Campanile Chiesa Santa Croce pagina 11
In riva al Mare pagina 12
Indifferenza pagina 13
Riflessi di Luce nel Bosco pagina 14
Chiesetta di Contrada pagina 14
Primavera alla Majella pagina 15
Scalinata verso Casa pagina 17
Passeggiata nel Bosco pagina 18
Il Portone Rosso pagina 19
Angolo Rustico pagina 20
Papaveri alla Majella pagina 21
Pensieri e Ricordi pagina 22
Sapori della mia Terra pagina 23
Primavera in Val di Sangro pagina 24
Case in Collina pagina 24
Papaveri pagina 25
Passeggiata al Tramonto pagina 26
La Terra dei Trabocchi pagina 27
Passeggiata tra i Papaveri pagina 28
Angolpo con Vasi di Fiori pagina 29
Strada verso il Casolare pagina 30
Armonia di Primavera pagina 31
Papaveri al Vento pagina 32
Lungo l' Appennino Abruzzese pagina 33
Respirando il Sapore della Natura pagina 34
Papavero al Vento pagina 35
Amore e non Trasgressione pagina 36
La Grande Quercia pagina 37
La Carezza pagina 38
Profumo di Primavera pagina 39
Infanzia Amara pagina 40

45