Sei sulla pagina 1di 5

Francesco Crispi

Francesco Crispi
Francesco Crispi

Presidente del Consiglio dei ministri del


Regno d'Italia
Duratamandato
29 luglio 18876 febbraio 1891
Monarca

Umberto I

Predecessore

Agostino Depretis

Successore

Antonio Starrabba

Duratamandato
15 dicembre 189310 marzo 1896
Monarca

Umberto I

Predecessore

Giovanni Giolitti

Successore

Antonio Starrabba

Partitopolitico

Sinistra storica

Francesco Crispi (Ribera, 4 ottobre 1818 Napoli, 12 agosto 1901) stato un politico italiano. Fu presidente del
Consiglio dei ministri italiano nei periodi 29 luglio 1887 - 6 febbraio 1891 e 15 dicembre 1893 - 10 marzo 1896.

Primi anni
Crispi proveniva da una famiglia (paterna) originaria di Palazzo Adriano.[1] Nel 1846 inizi l'attivit di avvocato a
Napoli. Il 12 gennaio 1848 allo scoppio della rivoluzione indipendentista siciliana a Palermo si affrett a raggiungere
l'isola e prese parte attiva alla guida dell'insurrezione. Dopo la restaurazione del governo borbonico, avvenuta il 15
maggio 1849, fu escluso dai benefici dell'amnistia e costretto a rifugiarsi in Piemonte.
Qui Crispi cerc invano di ottenere un impiego come segretario comunale di Verolengo e si ridusse a sbarcare il
lunario facendo il giornalista. Coinvolto nella cospirazione mazziniana di Milano del 6 febbraio 1853, fu espulso dal
Piemonte e costretto a rifugiarsi a Malta e in seguito a Parigi. A Malta spos Rosalia Montmasson, l'unica donna che
partecip alla spedizione dei Mille partendo assieme ad essi. I due vissero insieme per oltre venticinque anni.
Nel 1858 si trovava ancora nella capitale francese e, secondo quanto affermato da Carlo Di Rudio nel 1908,
partecip attivamente all'attentato dinamitardo di Felice Orsini contro Napoleone III. Espulso anche dalla Francia,
raggiunse Mazzini a Londra, dove continu a cospirare per il riscatto dell'Italia.
Il 15 giugno 1859 rientr in Italia dopo aver pubblicato una lettera in cui si opponeva all'ingrandimento del
Piemonte, autoproclamandosi fautore di uno stato italiano unito e repubblicano. Per due volte quell'anno percorse, in

Francesco Crispi
incognito, varie citt siciliane, preparando l'insurrezione del 1860.
Ader[2] alla massoneria, 33 grado del Grande Oriente d'Italia, di cui erano membri Agostino Depretis, Giuseppe
Zanardelli e Giosu Carducci.

La spedizione dei mille


Tornato a Genova, organizz insieme a Bertani, Bixio, Medici e Garibaldi la Spedizione dei Mille e, aggirando con
uno stratagemma le esitazioni di Garibaldi, fece in modo che la spedizione prendesse il via il 5 maggio del 1860.
Dopo gli sbarchi a Marsala il giorno 11 e a Salemi il 13, Garibaldi fu proclamato dittatore della Sicilia con le parole
d'ordine Italia e Vittorio Emanuele.
Dopo la caduta di Palermo, Crispi fu nominato Ministro dell'Interno e delle Finanze del governo siciliano
provvisorio, ma fu presto costretto a dimettersi a seguito dei contrasti fra Garibaldi e gli emissari di Cavour sulla
questione dell'immediata annessione all'Italia. Nominato segretario di Garibaldi, Crispi ottenne le dimissioni di
Depretis, che Garibaldi aveva nominato dittatore in sua vece, e avrebbe sicuramente continuato ad opporsi
risolutamente al Cavour a Napoli, dove era stato nominato da Garibaldi Ministro degli Esteri, se l'arrivo delle truppe
regolari italiane non avesse portato all'annessione del Regno delle due Sicilie all'Italia e poi al ritiro di Garibaldi a
Caprera e alle dimissioni dello stesso Crispi.

La politica
Nel 1861 si candid per la sinistra alla Camera dei deputati nel collegio di Palermo, ma venne battuto. Tuttavia
aveva presentato la sua candidatura, grazie a un caro amico siciliano, il repubblicano Vincenzo Favara, anche nel
collegio di Castelvetrano; qui Crispi, pur essendo sconosciuto ai pi, risult vincitore grazie alla campagna
propagandistica svolta dal suo "grande elettore", che organizz anche una raccolta fondi per consentire al
neo-deputato, all'epoca in gravi ristrettezze economiche, di recarsi a Torino per l'inaugurazione del Parlamento. Nella
capitale, dove all'inizio condusse una vita grama, incontr don Bosco, da cui ricevette aiuto e sostentamento[3] .
Alla Camera Crispi acquist la fama di essere uno dei membri pi combattivi e irruenti del partito repubblicano. Nel
1864, tuttavia, si convert alla fede monarchica, pronunciando la famosa frase, in seguito ripetuta nella sua
corrispondenza con Mazzini: La monarchia ci unisce, la repubblica ci divide.
Nel 1866 declin la proposta di entrare nel governo Ricasoli e nel 1867 si adoper per impedire l'invasione dello
Stato Pontificio ad opera dei Garibaldini, prevedendo la conseguente reazione francese. Fu comunque lui a salvare
Giuseppe Garibaldi, prendendolo in consegna alla stazione di Monterotondo e scortandolo fuori dello Stato
Pontificio prima che i francesi potessero catturarlo. Allo scoppio della guerra franco-prussiana del 1870 si adoper
energicamente per impedire la progettata alleanza dell'Italia con la Francia e per trasferire a Roma il governo Lanza.
Dopo l'avvento al potere della Sinistra nel novembre 1876 fu eletto Presidente della Camera. Nell'autunno del 1877
si rec a Londra, Parigi e Berlino per una missione di carattere riservato, avendo cos occasione di stabilire cordiali
relazioni personali con Otto von Bismarck.
Nel frattempo il rapporto con la moglie si fa burrascoso. Lui sempre pi distante e sostiene che le loro nozze non
hanno mai avuto validit. Il 26 gennaio 1878 prende in moglie Lina Barbagallo, giovane e avvenente leccese, di
nobile ceppo borbonico, dalla quale aveva avuto una figlia cinque anni prima. Il matrimonio celebrato in casa
perch nessuno sapesse niente. Nonostante gli sforzi, per, la notizia trapela e la stampa lo accusa di bigamia
ponendogli alcune domande sulla sua moralit e sull'uso pubblico del suo potere. Ben sei domande dalle colonne de
"Il Piccolo", il quotidiano pi accanito. I giornali rivendicano il diritto di intervenire sulla questione sottolineandone
la valenza pubblica. Crispi replica che sono fatti privati e a quelle sei domande non risponde. Lo scandalo coinvolge
anche la regina Margherita di Savoia, la quale si rifiuta pubblicamente di stringere la mano al ministro Crispi, dopo
aver presa visione della copia fotografica dell'atto di matrimonio celebrato a Malta. Perde la fiducia del re ed
costretto a dimettersi da ministro. La magistratura apre un'inchiesta per bigamia che si conclude con un giudizio a

Francesco Crispi
suo favore, avendo i giudici accertata l'irregolarit formale del matrimonio maltese, dovuta al fatto che il prete
celebrante era in quel momento sospeso a divinis per la sua attivit patriottica. Un "processo breve", anzi brevissimo.
Crispi infatti ancora forte, nonostante le dimissioni, e la magistratura, piegata alle esigenze politiche, sensibile al
potere dominante.
Per nove anni la carriera politica di Crispi ebbe un periodo di stasi, ma nel 1887 ritorn in carica come Ministro degli
Interni nel governo di Agostino Depretis, succedendogli come primo ministro lo stesso anno, a causa della morte del
vecchio "camaleonte" della politica, gi da tempo facile obiettivo delle critiche dell'opposizione per la disfatta
coloniale a Dogali e logorato anche nella salute. Nel 1888 Crispi istitu, sul modello tedesco, la Segreteria della
Presidenza del Consiglio dei ministri, ponendovi a capo il magistrato sorrentino Francesco Saverio Gargiulo. Nel
1889 approv il nuovo codice penale di Giuseppe Zanardelli, che introduceva importanti novit in senso
progressista, come la libert di associazione e di sciopero per la prima volta in Europa e l'abolizione della pena di
morte. In campo economico, adott una politica protezionistica, imponendo dazi doganali sui prodotti commerciali.
Svilupp anche l'apparato industriale soprattutto nella metallurgia e siderurgia, le quali infrastrutture erano
completamente assenti.
Nel 1891 Crispi dovette lasciare il governo a di Rudin. Alla caduta del successivo governo Giolitti, causata dallo
scandalo della Banca Romana, Crispi ridivenne primo ministro. In questa occasione il suo governo assunse un
carattere sempre pi conservatore e autoritario (e per questo fu celebrato dal regime fascista come il proprio
precursore), reprimendo con severit i disordini operai, fra cui i Fasci siciliani, e sciogliendo nel 1894 il Partito
Socialista dei Lavoratori Italiani. Diede impulso anche all'apparato industriale, sostenendo la metallurgia e la
siderurgia, industrie pesanti che al tempo erano completamente assenti in Italia.
Ebbe in questo periodo come suo segretario personale, lo scrittore scapigliato e diplomatico milanese Carlo Dossi.
Una delle sue prime iniziative da capo del governo fu quella di recarsi in visita presso Bismarck, che desiderava
consultare riguardo al funzionamento della Triplice Alleanza. Basando la propria politica estera su tale alleanza,
integrata dal trattato navale con la Gran Bretagna (il cosiddetto naval entente). In politica interna Crispi complet
l'adozione dei codici sanitario e commerciale e riform l'amministrazione della giustizia.
La disfatta di Adua, nel 1896, provoc la definitiva crisi del suo governo e la sua uscita dalla scena politica. Crispi
fece un'ultima apparizione pubblica a Roma quattro anni pi tardi, per assistere defilato ai funerali del re Umberto I,
il sovrano amico che aveva condiviso il suo ideale di 'politica di potenza' per l'Italia unita. Mor a Napoli il 12 agosto
1901.

Voci correlate

Governo Crispi I
Governo Crispi II
Governo Crispi III
Sinistra storica
Et giolittiana

Francesco Crispi

Onorificenze
Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata

Cavaliere dell'Ordine militare di Savoia

Medaglia commemorativa dei 1000 di Marsala

Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d'Indipendenza

Note
[1] Cita le origini di Palazzo Adriano (popolato da coloni arbresh), la pagina Arbitalia.it (http:/ / www. arbitalia. it/ katundet/ palazzo/ palazzo.
storia. htm). Riporta inoltre il battesimo con rito greco, nello stesso Palazzo Adriano invece cilibertoribera.it (http:/ / www. cilibertoribera. it/
indexFRANCESCO CRISPI. htm)
[2] http:/ / books. google. it/ books?id=l9-BAAAAMAAJ& q=%2BGOI+ %2Bcrispi& dq=%2BGOI+ %2Bcrispi& cd=7 su Google Books
[3] Franzo Grande Stevens, "L'Italia unita e voluta nel Risorgimento", La Stampa, 2 gennaio 2009.

Bibliografia
Mario Viana, "Crispi, l'eroe tragico", Imperium, Roma, 1923.
Christopher Duggan, "Creare la nazione. Vita di Francesco Crispi", Roma-Bari, Laterza, 2000.ISBN
9788842062196
Christopher Duggan, "Francesco Crispi. From nation to nationalism",Oxford, University Press, 2002.
Christopher Duggan, "La politica coloniale di Crispi" pp. 43-67 in Pier Luigi Ballini, Paolo Pecorari "Alla ricerca
delle colonie (1876-1896)" Venezia, Istituto veneto di scienze, lettere ed arti, 2007
E. e N. Ciconte, "Il ministro e le sue mogli: Francesco Crispi tra magistrati, domande della stampa e impunit",
Rubbettino, Soveria Mannelli (CZ), 2010.

Altri progetti

Wikimedia Commons contiene file multimediali su Francesco Crispi


Wikiquote contiene citazioni di o su Francesco Crispi

Collegamenti esterni
Parte di questo testo la traduzione dell'articolo presente sull' Enciclopedia Britannica del 1911 (http://www.
1911encyclopedia.org) ora di pubblico dominio.

Fonti e autori delle voci

Fonti e autori delle voci


Francesco Crispi Fonte:: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=38468357 Autori:: Alessandro f2001, Alexander VIII, Archenzo, Arturo.c, Assianir, AttoRenato, Aushulz, B3t, Bramfab,
Brent.oil, Buzz, CUSENZA Mario, Codas, Cotton, Cruccone, Dardorosso, Demart81, Duca6000, Elwood, Enpi, Eumolpo, F l a n k e r, Figiu, Franz Liszt, Frassionsistematiche, Frieda,
Gabriele1972, Gac, Gacio, Gian-, Grifon, Groucho85, Guidomac, Hill, Homer, Hrundi V. Bakshi, IlPisano, Ing.dox, Kaboot, Kal-El, Leopold, Lion 86, Lord Hidelan, Lotho2, Lucio Di Madaura,
LuckyLisp, Luckyz, Lucretius, Luisa, Lulo, M.B., MM, Malemar, Manutius, Marcel Bergeret, Marius, Markos90, Mary89Napoli, Mcimmino, Mercanto, Michaelboris, Moroboshi, Murray,
Musso, Nemo bis, Nickel Chromo, Nivola, PMMO, Pap3rinik, Pdn, Phantomas, Rael, Rago, RamblerBiondo, Red devil 666, Resigua, Sbarzaj, Schekinov Alexey Victorovich, Scorpios90,
Sentruper, Shivanarayana, Silas Flannery, Simo1987, Skyluke, Snowdog, Sorcosdueladri, Terrasque, Tizianol, Twice25, Wikit2006, Wiskandar, Yng, Ysogo, 86 Modifiche anonime

Fonti, licenze e autori delle immagini


File:Francesco Crispi.jpg Fonte:: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Francesco_Crispi.jpg Licenza: sconosciuto Autori:: Immagine:Order of the Most Holy Annunciation BAR.svg Fonte:: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Order_of_the_Most_Holy_Annunciation_BAR.svg Licenza: Public Domain
Autori:: User:F l a n k e r
Immagine:Cavaliere BAR.svg Fonte:: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Cavaliere_BAR.svg Licenza: Public Domain Autori:: User:F l a n k e r
Immagine:1000diMarsala.png Fonte:: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:1000diMarsala.png Licenza: sconosciuto Autori:: User:Arturolorioli
Immagine:CampagneGuerreIndipendenza.png Fonte:: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:CampagneGuerreIndipendenza.png Licenza: sconosciuto Autori:: User:Arturolorioli
Immagine:Commons-logo.svg Fonte:: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Commons-logo.svg Licenza: logo Autori:: User:3247, User:Grunt
Immagine:Wikiquote-logo.svg Fonte:: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Wikiquote-logo.svg Licenza: sconosciuto Autori:: -xfi-, Dbc334, Doodledoo, Elian, Guillom, Jeffq,
Krinkle, Maderibeyza, Majorly, Nishkid64, RedCoat, Rei-artur, Rocket000, 11 Modifiche anonime

Licenza
Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Unported
http:/ / creativecommons. org/ licenses/ by-sa/ 3. 0/