Sei sulla pagina 1di 2

Saggio breve: Neorealismo

Il Neorealismo stato un movimento culturale sviluppatosi in


Italia tra l'inizio degli anni quaranta e la met degli anni
cinquanta, che si espresso soprattutto nella narrativa e nel
cinema.
Il termine Neorealismo viene usato negli anni 30 per definire
alcuni romanzi che prestano maggior attenzione alla realt
sociale come Gli Indifferenti di Moravia. Viene poi usato dopo
il 43 per definire il nuovo cinema italiano di Visconti, De Sica,
che poneva laccento sulla narrazione cruda della cronaca.
Subito dopo il termine passa alla letteratura per indicare i nuovi
romanzi del tempo che si basano sulla documentazione della
realt della guerra e del dopoguerra.
Lo scrittore diventa un intellettuale impegnato nella societ del
suo tempo, non pi un geniale creatore di prosa e poesia
disancorato orgogliosamente dalla societ. Le sue opere sono
molto vicine alla societ dei poveri per mostrare il modo
pietoso in cui questi ultimi vivono, anche se presente anche
un piccolo riferimento ai ricchi a volte con un po di
egocentrismo, criticando il loro modo sfarzoso di vivere e la
loro stoltezza a riguardo della classe povera. Sempre riguardo
al ruolo sociale, il neorealismo stato attribuito, politicamente,
al Partito Comunista Italiano (PCI) ma se ne allontanato dopo la
discussione tra Elio Vittorini e Palmiro Togliatti perch Vittorini
avrebbe voluto far rimanere la politica solo un argomento di
cronaca mentre Togliatti avrebbe voluto inserirlo anche
allinterno delle loro opere. Due anni dopo Vittorini esce dal
PCI e con questo gesto finisce lesperienza politica del
Neorealismo.
Anche allinterno del cinema il Neorealismo ha avuto successo
con film come La ciociara di Alberto Moravia e Ladri di
biciclette di Vittorio De Sica. Per la societ stato molto
importante vedere i film neorealisti perch essi spiegano la

realt di ci che stava accadendo oltre che alle persone


istruite, anche agli analfabeti. Quindi narra di storie
contemporanee con una visione al quanto pessimistica del
dopoguerra e del destino della societ. Ma oltre a questo il
cinema criticava il regime fascista di Mussolini e fu proprio per
questo che molte opere furono censurate in modo da non far
perdere potere politico al duce.
I maggiori esponenti di questo movimento furono:
Nella Letteratura;
.Elio Vittorini (opere di maggiore successo sono Il garofano
rosso e Conversazione in Sicilia)
.Cesare Pavese (opere di maggiore successo sono Il carcere
e Il compagno)
.Beppe Fenoglio (opere di maggior successo sono Il
partigiano Johnny e I ventitr giorni della citt di Alba)
.Alberto Moravia (opere di maggior successo sono La
ciociara e Gli indifferenti)
Nel cinema;
.Vittorio De Sica (film di maggior successo sono Ladri di
biciclette e Sciusci)
.Roberto Rossellini (film di maggior successo sono Roma
citt aperta e Pais)