Sei sulla pagina 1di 1

URBINO E PROVINCIA 27

DOMENICA 27 DICEMBRE 2015

Pasquale Salvucci, colonna del sapere


e riferimento nella vita culturale e civile
Il Magnifico Rettore Vilberto Stocchi ricorda il grande studioso

di VILBERTO STOCCHI *

OGGI indubbiamente mutata


la figura del Maestro, che gi
dallantica Grecia rivestiva un posto fondamentale nelle Arti come
depositario del sapere comune da
trasmettere agli allievi nelle Scuole e nelle Accademie. La nostra
Universit, consapevole dellimportanza del ruolo di educatore,
intende tutelare quel patrimonio
immateriale costituito dalla memoria di tanti docenti che hanno
lasciato una traccia indelebile nel
luogo di insegnamento ma anche
nella comunit scientifica nazionale e internazionale.
E IL CASO di Pasquale Salvucci
(1924 - 1996), a cui stata recentemente intitolata la Biblioteca Regionale di Ortona, a quasi ventanni dalla scomparsa, nel corso di
un incontro che ha posto in rilievo gli aspetti pi significativi della sua esistenza: la Persona, lo Studioso, il Politico. Nel corso della
mia esperienza universitaria, sin
dagli anni Ottanta ho avuto modo
di apprezzarlo come collega e quasi subito come amico. E stato facile per me, giovane professore non
ancora trentenne, intrattenere un
rapporto affabile con quello che
gi allora si imponeva come uno
dei pi illustri protagonisti della
storia universitaria urbinate.

UN ESEMPIO
UNICO

Da Senatore non esit


a dimettersi dallincarico unico in Italia - in seguito
allincompatibilit
con linsegnamento

INTELLETTUALE Sopra, Pasquale Salvucci nel suo studio. Sotto, il


professore accanto a Giuseppe Saltarelli in piazza della Repubblica

EMINENTE figura di storico


della filosofia, Salvucci aveva creato a Urbino una Scuola di altissimo livello, proseguendo lopera
del suo Maestro Arturo Massolo,
tanto che Norberto Bobbio, considerato uno dei Padri della Patria,
afferm nel 1972 che Urbino era
diventato il maggior Centro di
Studi hegeliani in Italia: un riconoscimento dovuto a un Maestro
che aveva diretto a lungo lIstituto di Scienze Filosofiche e Pedagogiche (oggi giustamente intitolato a suo nome), la Facolt di Magistero e la prima Scuola nazionale di Dottorato, e che era stato insignito da Sandro Pertini della
Medaglia doro ai Benemeriti
della Scuola della cultura e dellarte.
* Magnifico Rettore
dellUniversit di Urbino

CREDO che Salvucci, a partire


dagli anni difficili del Dopoguerra, abbia rappresentato una colonna di quel sapere, che si esplicava
nelle aule di studio come nella
prassi della vita pubblica. Durante i tanti nostri incontri, che spesso avvenivano nellanticamera
del Rettore, Salvucci si mostrava
interessato alloggetto delle mie ricerche, dimostrando uno spirito
intellettuale sempre aperto ai nuovi campi del sapere, anche a quelli
apparentemente lontani dalla sua
indagine.
ERA UN UOMO rigoroso, ma il
suo tratto umano, intriso costantemente di buonumore, sapeva en-

IL NUOVO progetto della Fano-Grosseto


muove le riflessioni del movimento locale
Fronte di Azione Popolare che ha seguito in
prima fila la vicenda No Pedaggio. Secondo il presidente del FAP Giacomo Rossi infatti con il nuovo progetto della Fano-Grosseto abbiamo scongiurato il pedaggio nei
tratti esistenti. Di certo, la nostra mobilitazione a riguardo non stata vana, rafforzata
da una petizione popolare che raggiunse i
20mila firmatari, i quali ora da questo lato,
possono cantare vittoria. C da dire per
che il nuovo progetto desta molte perplessit dal punto strutturale, in quanto intende
ancora una volta stravolgere il primo traccia-

trare immediatamente in sintonia con i colleghi, soprattutto


quelli pi giovani, e con gli studenti, nei confronti dei quali riusciva ad esplicare la sua grande generosit. Un atteggiamento positivo che lo ha accompagnato sino
allultimo. Mi piace sottolineare
la sua opera di educatore di intere
generazioni di studenti, una missione che non abbandon mai, anche a costo di sacrificare lattivit
politica, ove peraltro aveva raggiunto altissimi traguardi, diventando Senatore della Repubblica
della VII e VIII Legislatura. E
non esit a dimettersi dallincarico unico in Italia in seguito
allincompatibilit tra linsegnamento universitario e il mandato
parlamentare. Un atto che dest
ammirazione tra gli intellettuali
dellepoca.

IL PROGETTO GIACOMO ROSSI DEL FRONTE AZIONE POPOLARE

Fano-Grosseto non sia unopera a met


to, cio quello concordato da tempo con le
amministrazioni locali. Una Fano-Grosseto
che violenti il nostro paesaggio e che passi
letteralmente sopra dei centri abitati non serve a nessuno.
QUELLO CHE occorre al territorio secondo Rossi unopera che possa realmente far
defluire in maniera ottimale leventuale mole di traffico, non una mezza opera poco funzionale. Dopo la prima vittoria del No Pe-

daggio vorremmo ottenere anche quella


del ritorno al tracciato originario e faremo
di tutto per ottenerlo. Intanto ringraziamo
tutti gli attori istituzionali che credono ancora in una strada dei Due Mari fatta bene e
coloro che si stanno battendo per monitorare che tutto proceda per questo verso, in primis i vari comitati ed il consigliere comunale di Mercatello sul Metauro Tommaso Gentili per la sua opera di informazione.
Andrea Angelini

Il movimento
Con entrambe
le mani lascia
il sindaco Gambini
URBINO

RENDO pubblico il mio


addio al sindaco Gambini e
hai suoi collaboratori pi
stretti, Fabrizio Fedrigucci
fondatore del movimento
Con entrambe le mani si riprende il suo sostegno al sindaco Gambini. Sua moglie,
per, il consigliere di maggioranza Raffaella Vittoria resta, per ora. Il progetto politico che alla base doveva avere un preciso cambiamento
di metodo e una visione dinsieme. In tutto questo periodo ho cercato di collaborare
per la riuscita di quello che
doveva essere un evento storico per la nostra citt dice
Fedrigucci . Tuttavia ho costatato strada facendo una
marginalizzazione dei punti
e obiettivi cardine della nostra unione, in una deriva
personalistica dettata dalla
conoscenza
personale.
Unamministrazione
che
troppo spesso sprofondata
nei grigi del passato, agendo
in emergenza tra slanci e ritirate strategiche, in un fare
prettamente imprenditoriale
che poco ha a che vedere con
limpegno sociale. Emblematiche sono le vicende dellex
assessore Lucia Ciampi,
estromessa non si sa bene
per quale motivo e senza nessuno che chiedesse o desse
spiegazioni plausibili, e della
lista dei Verdi art. 19, cacciati per aver cercato di emulare
il sindaco? Questo a mio avviso la dice lunga sulla moralit e onest intellettuale di
taluni. Tutto ha progressivamente minato la fiducia che
nutrivo in Maurizio e nel
suo staff, fiducia che ha avuto il colpo di grazia con lalienazione delle quote azionarie MMS detenute dal Comune di Urbino. Una vicenda
iniziata circa un anno fa e
conclusasi negli ultimi giorni.
FEDRIGUCCI
critica
lastensione del sindaco
Gambini in assemblea straordinaria dei soci visto che tutto il consiglio allunanimit
gli aveva detto di votare contro alla modifica dello statuto. Di questo ho informato il
mio gruppo e buona parte
dei consiglieri di maggioranza. Pertanto non mi resta che
constatare, che stiamo viaggiando su due binari paralleli, con una interpretazione
della politica diametralmente opposta, saluto e ringrazio
per lospitalit. Chiudo con
una frase di Albert Einstein:
Il mondo non sar distrutto
dalle persone malvagie, ma
da coloro che guardano senza fare niente, dice Fedrigucci.