Sei sulla pagina 1di 24

A08

76

Raffaele Zinno
Giovanna Spitaleri
Giuseppe Donato

Scienza delle Costruzioni


ESERCIZI
Strutture isostatiche
Geometria delle aree
Travature reticolari
Cerchi di Mohr

ARACNE

Copyright MMV
ARACNE editrice S.r.l.
www.aracneeditrice.it
info@aracneeditrice.it
via Raffaele Garofalo, 133 A/B
00173 Roma
(06) 93781065
ISBN

8854800341

I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica,


di riproduzione e di adattamento anche parziale,
con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi.
Non sono assolutamente consentite le fotocopie
senza il permesso scritto dellEditore.
I edizione: ottobre 2005

Tutto difficile prima di essere facile


Thomas Fuller

Indice

INDICE

Prefazione

11

Vincoli

13

Sezione 1 Strutture isostatiche


Esercizio 1
Esercizio 2
Esercizio 3
Esercizio 4
Esercizio 5
Esercizio 6
Esercizio 7
Esercizio 8
Esercizio 9
Esercizio 10
Esercizio 11
Esercizio 12
Esercizio 13
Esercizio 14
Esercizio 15
Esercizio 16
Esercizio 17
Esercizio 18
Esercizio 19
Esercizio 20
Esercizio 21
Esercizio 22
Esercizio 23
Esercizio 24
Esercizio 25
Esercizio 26

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

15
17
19
22
24
27
30
32
35
38
42
45
49
52
55
58
61
63
67
70
73
77
80
83
88
94
96

Sezione 2 Strutture reticolari

99

Esercizio 27
Esercizio 28
Esercizio 29
Esercizio 30
Esercizio 31
Esercizio 32
Esercizio 33

101
103
105
110
113
115
117

.
.
.
.
.
.
.

Sezione 3 Geometria delle aree


Esercizio 34
Esercizio 35
Esercizio 36
Esercizio 37
Esercizio 38
Esercizio 39

.
.
.
.
.
.

119
121
123
125
127
128
130

Indice

Sezione 4 Geometria delle aree / Sezioni sottili


Esercizio 40
Esercizio 41
Esercizio 42
Esercizio 43
Esercizio 44

.
.
.
.
.

Sezione 5 Cerchi di Mohr


Esercizio 45
Esercizio 46
Esercizio 47
Esercizio 48
Esercizio 49
Esercizio 50

149

.
.
.
.
.
.

Sezione 6 Esercizi proposti


Esercizi proposti 1 6
Esercizi proposti 7 12
Esercizi proposti 13 16
Esercizi proposti 17 19
Esercizi proposti 20 22
Esercizi proposti 23 26
Esercizi proposti 27 29
Esercizi proposti 30 32
Esercizi proposti 33 36
Esercizi proposti 37 39
Esercizi proposti 40 42
Esercizi proposti 43 45
Esercizi proposti 46 48
Esercizi proposti 49 50

151
155
161
164
165
166

169
....
....
....
....
....
....
....
....
....
....
....
....
....
....

Sezione 7 Soluzione esercizi proposti


Esercizio 1
Esercizio 2
Esercizio 3
Esercizio 4
Esercizio 5
Esercizio 6
Esercizio 7
Esercizio 8
Esercizio 9
Esercizio 10
Esercizio 11
Esercizio 12
Esercizio 13
Esercizio 14
Esercizio 15
Esercizio 16
Esercizio 17
Esercizio 18
Esercizio 19
Esercizio 20
Esercizio 21
Esercizio 22
Esercizio 23
Esercizio 24
Esercizio 25
Esercizio 26
Esercizio 27
Esercizio 28
Esercizio 29
Esercizio 30

133
135
141
143
145
147

.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................

171
172
173
174
175
176
177
178
179
180
181
182
183
184

185
187
188
189
190
191
192
193
194
195
196
197
198
199
200
201
202
204
206
208
210
212
214
216
218
219
220
221
223
225
227

Indice
Esercizio 31
Esercizio 32
Esercizio 33
Esercizio 34
Esercizio 35
Esercizio 36
Esercizio 37
Esercizio 38
Esercizio 39
Esercizio 40
Esercizio 41
Esercizio 42
Esercizio 43
Esercizio 44
Esercizio 45
Esercizio 46
Esercizio 47
Esercizio 48
Esercizio 49
Esercizio 50

.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................
.........................

228
229
231
233
234
235
237
239
240
242
244
245
246
247
248
249
250
251
253
254

11

PREFAZIONE

La Scienza delle Costruzioni ha rappresentato spesso per molti studenti in


ingegneria una delle discipline cui destinare particolari sforzi ed attenzione per la
comprensione dei suoi concetti fondamentali e per il loro trasferimento nella pratica
applicativa. Questa difficolt stata frequentemente anche accompagnata dalla
scarsit di testi specifici destinati alla parte esercitativa, cui gli studenti sopperivano
con lausilio degli appunti delle lezioni che i docenti, o i colleghi pi anziani,
mettevano loro a disposizione. Il passaggio dal vecchio al nuovo ordinamento ha
molte volte acuito questo deficit, e gli Autori hanno potuto sperimentarlo nello
svolgimento della loro attivit didattica nel corso di Scienza delle Costruzioni per la
laurea di primo livello in Ingegneria per lAmbiente ed il Territorio dellUniversit degli
Studi della Calabria. Per dare risposta alla richiesta dei propri allievi, gli Autori hanno
allora, in prima battuta, fatto uso delle moderne tecnologie informatiche che,
attraverso la rete internet, hanno consentito di fornire agli studenti testi e soluzioni
degli esercizi somministrati agli esami. Gli studenti, per, richiedevano, ovviamente,
anche maggiore supporto nello sviluppo di esercizi preparatori allesame. Si giunti
cos allidea di sviluppare questo testo, rivolgendosi particolarmente agli studenti del
nuovo ordinamento in ingegneria ambientale, in ingegneria civile ed in ingegneria
edile.
Sono presentati cinquanta esercizi svolti e ne sono proposti altrettanti, cercando di
favorire lapprendimento delle tecniche risolutive riguardanti le strutture isostatiche,
le travature reticolari, la geometria delle aree e i cerchi di Mohr. Volutamente si
omessa la parte relativa alla descrizione degli esercizi base (trave appoggiataappoggiata, mensola, etc.) che descrivono le tecniche risolutive e la
rappresentazione dei diagrammi delle sollecitazioni. Infatti il testo non sostitutivo di
testi ben noti e, da almeno un ventennio, utilizzati quali ausilio allinsegnamento della
Scienza delle Costruzioni.
Gli argomenti trattati sono, ovviamente, quelli iniziali della disciplina, ma proprio per
questo quelli cui dedicare un tempo sufficiente per il consolidamento del loro
apprendimento, essendo propedeutici a qualunque altro argomento di maggiore
complessit. La loro relativa semplicit non significa, per, scarsa importanza nella
pratica applicazione degli stessi concetti e delle tecniche risolutive. Per questo
motivo si scelto di riprodurre in copertina limmagine e gli schemi statici del famoso
Palazzetto dello Sport di Roma progettato da Pierluigi Nervi. Osservando tali schemi,
infatti, si scopre che sono isostatici, ma essi hanno consentito di realizzare unopera
che naturale definire contemporaneamente bella e ardita. Lo stesso
ragionamento si pu fare per le strutture, quasi sempre isostatiche, in legno
lamellare, per quelle prefabbricate, etc.
La geometria delle aree fondamentale per gli argomenti legati allanalisi dello stato
deformativo e tensionale delle strutture. Le travature reticolari rappresentano una
delle soluzioni per ponti, coperture, etc. da sempre utilizzate, soprattutto se si fa uso
di legno o di acciaio, e che probabilmente rappresenteranno una delle soluzioni pi
consone allutilizzo di materiali compositi, quali i plastici fibrorinforzati pultrusi, le cui
sagome sono spesso molto simili a quelle degli elementi in acciaio. Particolare
attenzione, infine, si dedicata alla descrizione delle tecniche di analisi dello stato
tensionale con i Cerchi di Mohr, perch il testo nasce in corsi di laurea, quale quello
in Ingegneria Ambientale, in cui discipline affini alla Scienza delle Costruzioni, quali

12 Prefazione

la Tecnica delle Costruzioni, la Geotecnica e la Meccanica delle Terre, fanno molto


uso di tale metodo grafico-analitico per i loro scopi didattici e progettuali.
Gli Autori sperano, quindi, di aver contribuito a agevolare gli studenti
nellapprendimento di conoscenze e nellacquisizione di competenze che non si
esauriscono certo con il superamento del singolo esame scritto ed orale di Scienza
delle Costruzioni, ma che dovrebbero divenire bagaglio culturale da sfruttare,
immediatamente, nelle altre discipline ingegneristiche e, successivamente, nella vita
professionale.
Si sicuri che, nonostante gli sforzi profusi e lattenzione dedicata nella stesura di
tale testo, saranno presenti errori ed omissioni. Si sar, quindi, grati a quanti, fra
studenti, professionisti e colleghi docenti, vogliano segnalarceli in modo da
correggerli in eventuali nuove edizioni.

Universit degli Studi della Calabria, Arcavacata di Rende (CS), Ottobre 2005
Raffaele Zinno, Giovanna Spitaleri, Giuseppe Donato

Vincoli 13

Vincoli
Definizione dei Vincoli cinematici
Si definisce vincolo cinematico ogni impedimento alla libera mobilit dei corpi.

Propriet dei vincoli

Olonomi: impongono restrizioni alla sola posizione del corpo


Fissi: indipendenti dal tempo
Bilaterali: ogni componente cinematica impedita lo in entrambi i versi
Privi di attrito: consentono integralmente i movimenti cui non si oppongono.
Vincolo

Reazioni vincolari

Spostamenti non consentiti

Grado di vincolo: 1

Vincoli esterni
V

v
H

Grado di
vincolo: 2

Grado di
vincolo: 3

H
M

Grado di
vincolo: 1

Vincoli interni

'M

M
H

Grado di
vincolo: 2

'u

H H

'u

H
M

'u

y,v
Sistema di riferimento

'v

M
x,u

'M

Sezione 1
Strutture isostatiche

Strutture isostatiche 17

Esercizio 1

2F

F
A

x
L

L/2

F
L

L/2

1) Determinare le reazioni vincolari con le equazioni cardinali della statica.


2) Determinare almeno una reazione con il P.L.V. associato alle catene cinematiche.
3) Disegnare i diagrammi delle caratteristiche di sollecitazione M, T, N.
Soluzione
Punto 1 Utilizzo equazioni cardinali della statica

Convenzioni positive:
2F

forze

spostamenti

HA
A
VA

B
VB

Equazioni di equilibrio globale:


1) // x : H A 0
2) // y : V A  VB 2 F  F  F
3)

Polo A : VB u L  F u 2 L  F u L  2 F u L

0 VB

7
 F
2

11
F
2

Dalla (2) V A

Schema reazioni vincolari


2F

HA A

B
VB=7F
2

VA=11F
2

Punto 2 P.L.V. + catene cinematiche


Calcolo della reazione vincolare V B
2F

Calcolo della reazione vincolare V A

2F

C1

C1

L/2

A
VA

F
L

L/2

L/2

C1

F
L

L/2
C1

P.L.V.:
L
 2 F u LM  F u M  V B u LM  F u 2 LM
2

P.L.V.:
L
2 F u 2 LM  F u M  V A u L M  F u L M
2

18 Sezione 1

7
F
2

VB

VA

11
F
2

Calcolo della reazione vincolare H A


2F

HA
A

C1

P.L.V.: H A u u

u=cost

0 HA

Punto 3 Disegno diagrammi N, T, M


Sforzo Normale N=0
Diagramma Sforzo di Taglio T
7F
5F 'T=F
2
2
2F

Diagramma Momento Flettente M


2FL
FL
4
A

FL

fibre tese

Nel punto C il taglio discontinuo perch in esso applicata una forza concentrata F; ci
comporta un salto 'T nel diagramma pari ad F.
In corrispondenza, nel diagramma del momento, la pendenza diversa a destra e a sinistra del
punto C.

Strutture isostatiche 19

Esercizio 2
C

L
q

y
x

L
A

1) Determinare le reazioni vincolari con le equazioni cardinali della statica


2) Determinare almeno una reazione con il P.L.V. associato alle catene cinematiche
3) Disegnare i diagrammi delle caratteristiche di sollecitazione M, T, N.
Soluzione
Punto 1 Utilizzo equazioni cardinali della statica
v

Convenzioni positive:

forze

spostamenti

VC

AD
HB

45

senD

cos D
y M
x

HA A

Equazioni di equilibrio globale


1) // y : VC qL
2)

Polo B : H A u L  VC u L  qL u 3L  L 2

3) // x : H B

HA HB

0 HA

5 2 qL

5 2 qL

Schema reazioni vincolari


C
VC=qL

HB=5qL
2
B

HA=5qL
2
A

45

L2  2 L
L
1

5L
2L

5
2

5L

5L

20 Sezione 1

Punto 2 P.L.V. + catene cinematiche


Calcolo della reazione vincolare VC

Calcolo della reazione vincolare H B

VC
q

HB

C1

MA

C1

C1

C1

v=cost

P.L.V.:  VC u v  qL u v

0 VC

qL

P.L.V.:  H B u ML  qL u

5L
M
2

0 HB

5
qL
2

Calcolo della reazione vincolare H A


C
M

C1

C1

HA A
L

C1
M

P.L.V.:  H A u ML  qL u

5L
M
2

0 HA

5
qL
2

Punto 3 Disegno diagrammi N, T, M


Diagramma Sforzo Normale N
C
2qL
2

5qL
2
D

5qL
A

N CD

VC cos 45q

qL

2
, N BD
2

HB

5
qL , N AD
2

H A cos D

5
2
qL
2
5

5qL

20

Strutture isostatiche 21

Diagramma Sforzo di Taglio T


C
2qL
2

qL
D

5qL
2
A

Diagramma Momento Flettente M


C

5qL2 2
2 3qL
2
B

D qL2

1qL
2

equaz. II grado

fibre tese

Verifica Nodo D

qL

2
2

5qL2
2

3qL
2

Nel tratto JK il diagramma del taglio linearmente crescente mentre quello del momento
parabolicamente crescente. Il taglio , infatti, la funzione derivata del momento.

22 Sezione 1

Esercizio 3
q
C

y
B

x
L

1) Determinare le reazioni vincolari con le equazioni cardinali della statica.


2) Determinare almeno una reazione con il P.L.V. associato alle catene cinematiche.
3) Disegnare i diagrammi delle caratteristiche di sollecitazione M, T, N.
Soluzione
Punto 1 Utilizzo equazioni cardinali della statica
v

Convenzioni positive:

forze
q

MA

HA

y M
x

B
VB

Equazioni di equilibrio globale:


1) // x : H A 0
2) // y : VB qL
3)

Polo A : M A  VB u L  qL u 3L
2

0 MA

qL2
2

Schema reazioni vincolari


MA=1qL2
A
2
HA

q
C

B
VB=qL

M
u

spostamenti

Strutture isostatiche 23

Punto 2 P.L.V. + catene cinematiche


Calcolo della reazione vincolare H A

Calcolo della reazione vincolare V B


q

HA

C1

A
C1

B
u = cost

VB
v = cost

0 VB

P.L.V.:  V B u v  qL u v

qL

P.L.V.: H A u u

0 HA

Calcolo della reazione vincolare M A


q
C1
C1 C

MA
M

C1
M

L
P.L.V.:  M A u M  qL u M
2

0 MA

qL2
2

Punto 3 Disegno diagrammi N, T, M


Diagramma Sforzo Normale N

Diagramma Sforzo di Taglio T


qL

qL

Diagramma Momento Flettente M


A

qL2
2

fibre tese

24 Sezione 1

Esercizio 4
A

y
L

x
B

L
G

L
O

Q
F

F
L

L/2

R
F

F
L

L/2

1) Determinare le reazioni vincolari con le equazioni cardinali della statica


2) Disegnare i diagrammi delle caratteristiche di sollecitazione M, T, N.
Soluzione
Punto 1 Utilizzo equazioni cardinali della statica
v

Convenzioni positive:

forze

spostamenti

VA
MA
A HA

y M
x

Equazioni di equilibrio globale:


1) // x : H A 0
3L
L
3L
L
2) Polo A : M A  F u
Fu Fu
Fu
2
2
2
2
3) // y : V A F  F  F  F V A 4 F

0 MA