Sei sulla pagina 1di 9

Citt

Cronaca

Elettrodotto Pizzuta
La protesta
dei residenti

Rissa davanti
a supermercato
presi due nigeriani
A pagina sette

Quotidiano della Provincia di Siracusa

A pagina cinque

Sicilia

mail: libertasicilia@gmail.com
www.libertasicilia.it
Fondatore Giuseppe Bianca nel 1987
venerd 14 novembre 2014 Anno XXVII N. 263 Direzione, Amministrazione e Redazione: via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 FAX 0931 60.006 Pubblicit: Poligrafica S.r.l. via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 Fax 0931 60.006 0,50

Citt. Adottato il regolamento di polizia mortuaria a Siracusa

E accaduto ieri a Cassibile

Nuovi loculi al posto Anziana ferita


a coltellate
di cappelle private da uno scordiense
Aggiornata lentit delle cauzioni in caso di lavori
Si

COMMENTI

potranno realizzare
nuovi loculi nelle cappelle private del cimitero.
questo l'effetto della modifica nel regolamento di
polizia mortuaria votata
mercoled sera dal consiglio comunale, che ha
anche aggiornato l'entit
delle cauzioni da versare
in caso di lavori all'interno del camposanto e le
eventuali sanzioni da pagare in caso di difformit
rispetto al progetto.

Affaire
nuovo
ospedale

di Concetto Alota

Sulla

realizzazione
del nuovo ospedale di
Siracusa, la parte pi
piccola della politica
siracusana prova a riaccendere i fari abbaglianti,
con il positivo e ottimo
risultato
dellinteresse
generale che suscitano
sempre le notizie per la
costruzione di un moderno nosocomio cittadino,
in sostituzione del vecchio Umberto I, ormai
obsoleto e superato. Prove tecniche di politica
propositiva.
A pagina sei

A pagina tre

cronaca

La storia
infinita
dei cassoni

a storia infinita dei cassoni, prima sequestrati dalla Procura di Siracusa, poi
dissequestrati.
A pagina sette

Santa Lucia

Infiltrazioni
in chiesa
Soluzione

Si va verso una soluzione

al problema delle infiltrazioni di acqua piovana sul


colonnato della chiesa.
A pagina quattro

SANITA

Nessun
allarme
vaccino
E

opportuno non procurare allarme sul caso


del decesso dellanziano
signore di Augusta verificatosi dopo la somministrazione del vaccino antinfluenzale.

E stata ricoverata in ospedale con una prognosi

A pagina cinque

A pagina due

di 15 giorni lanziana accoltellata ieri mattina al


culmine di un litigio con un cinquantenne, denunciato dai carabinieri.

Lex generale Garofano


Salamone innocente
E stata la volta
dellex generale del
Ris di Parma, Luciano Garofano, al processo a carico di al
processo per il duplice omicidio.
A pagina quattro

Cronaca di Siracusa 2
GENNUSO

Nessun
cantiere
di lavoro
a Pachino

Sicilia 14 novembre 2014, venerd

Non c un solo cantiere di lavoro

a Pachino. Forse il sindaco ci spera,


ma al momento nessuno potr avere
unoccupazione, seppur a tempo
determinato per i cantieri di servizio
finanziati dalla Regione.
A smentire le affermazione del sindaco di Pachino, Roberto Bruno,
rilasciate incautamente agli organi

14 novembre 2014, venerd

di stampa, il deputato allArs, Pippo


Gennuso. A me piace parlare di cose
concrete e non di spot propagandistici.
Il progetto stato presentato alla Regione, ma per quel che mi risulta, non
stato ancora finanziato, nonostante
i viaggi della speranza, della squadra
che dovrebbe governare la citt. Gli
ultimi cantieri di lavoro risalgono alla

precedente amministrazione, quando


5 progetti riguardavano lUfficio
tecnico e due i Servizi sociali. Ma
credo, che, non se ne fece nulla. Il
sindaco Bruno aggiunge Gennuso deve fare parlare i fatti, cos
come accaduto sia a Rosolini, che
a Floridia, dove i cantieri di servizio
sono stati gi avviati.

Si va verso una solu-

zione al problema delle infiltrazioni di acqua


piovana sul colonnato
della chiesa di santa
Lucia
extramoenia.
Tribunale di Catania
ha nominato il tecnico
che dovr accertare la
qualit dei lavori sul
tetto del colonnato che
da anni, purtroppo,
subisce le infiltrazioni delle acque piova-

ne. Cos come avevo sempre detto ha


spiegato lon. Enzo
Vinciullo - ora che il
tecnico incaricato dai
giudici accerter gli
eventuali errori nellesecuzione dei lavori,
la Protezioni Civile
potr intervenire velocemente per realizzare
una struttura leggera
che impedir alle acque piovane di rag-

giungere, ancora una


volta, il colonnato.La
Protezione Civile regionale, oltre ad avere
individuato gi le risorse, dovr eseguire
i lavori in dieci giorni
al massimo, in maniera
tale che, al ritorno del
corpo di Santa Lucia,
questa struttura leggera potr impedire
allacqua di penetrare
nel colonnato, in at-

Qui sopra, la chiesa di santa Lucia extramoenia.

tesa di eseguire, dopo


la partenza del corpo
di Santa Lucia, tutti i
lavori necessari alla
messa in sicurezza del
colonnato in maniera
definitiva.
La questione venuta
ulteriormente a galla
la scorsa settimana in
coincidenza con le perturbazioni che hanno
interessato soprattutto
il capoluogo. Le ab-

bondanti precipitazioni
hanno evidenziato i difetti nella realizzazione degli interventi soprattutto per quel che
concerne le grondaie.
La particolarit, visibile anche allesterno,
costituita dal fascio di
tubi che si diparte dal
corpo principale con
lo scopo di incanalare
le acque bianche e farle scivolare per terra

70enne accoltellata
per difendere
la nipote 25enne
le con una prognosi di 15 giorni
lanziana accoltellata ieri mattina al culmine di un litigio con
un cinquantenne, denunciato
dai carabinieri. L'anziana ha riportato, infatti, lesioni da arma
da taglio ad un fianco, a seguito della colluttazione avuta con
un uomo originario e residente
a Scordia, che ieri mattina si
presentato presso labitazione
della donna per conoscere di
presenza la nipote venticinquenne. Il fatto accaduto intorno
alle 8 del mattino a Cassibile.
Secondo una prima ricostruzio-

ne di quanto avvenuto, ad opera


dei carabinieri della stazione di
Cassibile, intervenuti a seguito
della segnalazione da parte della venticinquenne, laggressore si
era presentato a casa della donna,
conosciuta in rete. Questultima,
che credeva trattarsi di un coetaneo, ha respinto quelluomo molto
pi grande di lei con la forza. Ma
lui avrebbe insistito a rimanere.
A quel punto, la vittima ha fatto
intervenire la nonna settantenne,
che si frapposta tra la nipote e
quelluomo, nel tentativo di allontanarlo dallabitazione. Questi, al
culmine della colluttazione, avreb-

Nuovi orari di apertura e chiusura


del campo santo di Siracusa

partire dalla giornata odierna entrano in vigore i nuovi orari di apertura e chiusura del Cimitero comunale di Siracusa. Lorario di apertura
e chiusura del campo santo segue lintroduzione dellora solare. Ecco nel
dettaglio g.i orari: dal luned al sabato lapertura sar alle ore 7 e la chiusura alle ore 16.30; la domenica ed i festivi il Cimitero sar aperto dalle
ore 7.30 alle ore 13.

Loculi nelle cappelle


private del cimitero

i carabinieri denunciano uno scordiense

E stata ricoverata in ospeda-

Cronaca di Siracusa

Citt. decisione assunta dal civico consesso

la chiesa di santa lucia ai raggi x

Infiltrazioni
in chiesa
Nominato
un tecnico

Sicilia 3

be estratto un coltello dalla tasca,


infilzando la malcapitata. Subito
dopo, si allontanato rapidamente nel tentativo di fare perdere le
tracce. La nipote, notata la nonna
sanguinante, ha fatto intervenire
un mezzo di soccorso, con la quale la lanziana stata trasportata
in ospedale. Qui i sanitari le hanno
riscontrato lesioni guaribili in due
settimane. I carabinieri, che hanno
raccolto il racconto della vittima
e della nipote, si sono messi sulle
tracce del presunto autore dellaggressione, che stato rintracciato e
denunciato a piede libero per lesioni personali aggravate.

senza intaccare il colonnato. Invece, il difetto comporta la fuoriuscita dellacqua che


si acconca sul tetto del
portico e poi zampilla
copiosa lungo la parte
destra del colonnato,
provocando delle vere
e proprie cascate artificiali.
La preoccupazione dei
fedeli in prospettiva
e cio a poco meno
di un mese, quando
previsto il ritorno a
Siracusa delle spoglie
della martire e vergine siracusana Lucia.
Come dieci anni fa,
il copro atteso nella
navata principale della
chiesa di santa Lucia
extramoenia, pronta
per essere salutata da
decine di migliaia di
fedeli siracusani e non,
devoti della santa.
Preoccupazione che
adesso pu essere
scongiurata perch entro breve saranno eseguiti i lavori di messa
in sicurezza e cos sar
possibile accedere alla
chiesa senza alcun rischio di farsi la doccia
in caso di pioggia abbondante.
Il tutto, in attesa
dellintervento risolutivo del problema del
deflusso delle acque
piovane dallo storico
edificio religioso.

Definita
la modifica del
regolamento di
polizia mortuaria
a Siracusa
Si

potranno realizzare
nuovi loculi nelle cappelle
private del cimitero. questo l'effetto della modifica
nel regolamento di polizia
mortuaria votata ieri sera
dal consiglio comunale,
che ha anche aggiornato
l'entit delle cauzioni da
versare in caso di lavori
all'interno del camposanto
e le eventuali sanzioni da
pagare in caso di difformit
rispetto al progetto approvato. Il provvedimento
stato votato all'unanimit
dall'assise, che alla stessa
maniera si espresso per la
sua immediata esecutivit.
La seduta si tenuta in seconda convocazione poich
marted sera era mancato il
numero legale mentre si votava un emendamento della
commissione Regolamento
(presidente Stefania Salvo)

In foto, il cimitero di Siracusa.

che rimandava, anche per


le cappelle private, alla legge urbanistica. La riunione
di ieri ripartita, come da
regolamento d'aula, dallo
stesso emendamento, che
stato approvato all'unanimit. Altre modifiche alla
proposta sono state introdotte con tre documenti
della commissione Sanit,
presieduta da Gianluca Romeo, per effetto dei quali,
in caso di lavori, la quota
versata al Comune vanno
a coprire anche le spese

per consumi elettrici (oltre che idrici); inoltre nel


regolamento non si parla
pi di abusi edilizi ma
di difformit. L'unico
emendamento presentato
da consiglieri e approvato,
con voto unanime, stato
quello illustrato in aula da
Salvatore Castagnino con
il quale stata introdotta
la possibilit di rateizzare
le sanzioni in 4 versamenti trimestrali. Dunque, per
il regolamento di polizia
mortuaria si possono rea-

lizzare dei loculi aggiuntivi


allinterno delle sepolture
private (articolo 22 bis), l
dove ci sono le condizioni
strutturali che lo consentono. I loculi possono essere
ottenuti anche sotto il piano
del pavimento, con apertura
dallalto. Nuovo regime anche per depositi cauzionali
e sanzioni in caso di difformit edilizie (articolo 60).
Le cauzioni ammontano a
duemila euro per le nuove
costruzioni e a 500 euro per
le manutenzioni; inoltre

presentate le indicazioni per listruttoria delle pratiche

Linee guida per i pubblici esercizi


L

inee guida per pubblici esercizi, con particolare riferimento


allistruttoria delle pratiche Scia
ai fini della registrazione e dei controlli di competenza relativi alle attivit alimentari, sono state presentate
dallassessore alle Attivit produttive, Maria Grazia Cavarra, nel corso
di un incontro aperto anche ai giornalisti tenutosi in Sala stampa.
Erano presenti, tra gli altri, il dirigente dellassessorato alle Attivit

produttive, Enzo Miccoli, il comandante della Polizia municipale, Salvatore Correnti, il responsabile del
Suap, Giovanni Parisi, i rappresentanti delle forze dellordine, quelli degli Enti che a vario titolo concorrono
nel rilascio delle autorizzazioni, gli
ordini professionali interessati.
Abbiamo ritenuto indispensabile
compendiare le prescrizioni e i requisiti necessari per avviare attivit
pubbliche di somministrazione ali-

mentare: la complessit della materia e le difficolt interpretative delle


norme non agevolano i cittadini nella
predisposzione delle istanze tendenti
ad attivare bar, pasticcerie, attivit di
ristorazione in genere. Circostanza,
che li espone a controversie e sanzioni
facilmente evitabili solo con una semplificazione espositiva, che poi quello che stiamo cercando di attuare. Lo
dichiara lassessore alle Attivit produttive, Maria Grazia Cavarra.

previsto il versamento di 1
euro al giorno per i consumi
idrici ed elettrici. Le sanzioni saranno di mille euro, per
le piccole difformit, e da 2
a 3 mila euro per quelle pi
gravi; potranno essere pagate in 4 rate trimestrali.
Prima del voto finale sul
provvedimento c' stato in
aula un confronto sulle procedure, aperto da Giuseppe
Rabbito che ha lamentato
la mancata trattazione degli emendamenti presentati
dalla commissione Servizi,
di cui presidente, al regolamento sulle commissioni
mensa approvato marted,
quando Rabbito non era potuto essere in aula. Il presidente del consiglio comunale, Leone Sullo, ha risposto
che al suo invito, nessun
consigliere era intervento
per illustrare quelle proposte
di modifica. Ne scaturito
un confronto in aula, al quale sono intervenuti anche il
segretario generale, Danila
Costa, e i consiglieri Salvo
Sorbello e Gaetano Firenze
secondo i quali gli emendamenti dovevano essere comunque discussi dall'aula.
Quindi il presidente Sullo
ha dichiarato la disponibilit a riportare in Consiglio il
regolamento sulle commissioni mensa per integrarlo
con le proposte della commissione Servizi. Prima del
voto, nuovamente intervenuto Rabbito per leggere
una dichiarazione, deposita
agli atti, al termine della
quale ha annunciato di stare riflettendo se dimettersi
dall'incarico di presidente
della commissione Servizi.
Rabbito ha espresso amarezza per l'andamento dei
lavori quando la commissione si occupata del regolamento di polizia mortuaria
e per la mancanza delle risorse necessarie a realizzare
al cimitero interventi di manutenzione, per altro richiesti anche dall'Asp. Si fa
inutile ostruzionismo ha
detto Rabbito ma si deve
fare opposizione costruttiva
e non ostacolare per partito
preso tutte le proposte che
vengono promosse dalla
commissione.

Cronaca di Siracusa 4

Sicilia 14 novembre 2014, venerd

lex capo del ris di parma ieri in udienza a siracusa

Il Generale Garofano
Salamone innocente
Il consulente della difesa ha argomentato su alcuni
esami di laboratorio eseguite su due automobili

E stata la volta dellex

generale del Ris di Parma,


Luciano Garofano, al processo a carico di al processo per il duplice omicidio
di due catanesi, Domenico
Bertollo e Gaetano Trovato, avvenuto nelle campagne di Lentini il 20 dicembre del 2011, che vede alla
sbarra il commerciante
lentinese Salvatore Salamone.
Garofano figura come
consulente tecnico della
difesa, rappresentata dagli
avvocati Giambattista Rizza e Michele Vaira. Lex
generale dei carabinieri
ha commentato gli esperimenti di laboratorio eseguiti sulle tracce ematiche
rinvenute sullautomobile
in cui furono trovati i due
cadaveri carbonizzati. In
particolare, ha fatto notare come la traccia di sangue dello stesso gruppo
sanguigno di Trovato, che,
per stessa ammissione di
Salomone, sarebbe fuoriuscito dal naso a seguito di
un ceffone al culmine del
litigio.
Il consulente di parte poi
intervenuto sulle risultanze dellincidente probatorio eseguito sul tappetino
della vettura dellimputa-

In foto, lex generale del Ris di Parma, Luciano Garofano.

to. Il terriccio rinvenuto


nellabitacolo della sua
vettura non sarebbe compatibile con quello rinvenuto sul luogo del ritrovamento dei due cadaveri.
Garofano ha fatto anche
notare ai giudici della
Corte dAssise di Siracusa
(presidente, Maria Concetta Rita Spanto; a latere, Stefania Scarlata), che
non sono state rinvenute
tracce di polvere da sparo,
non ci sarebbero tracce di

benzina o di altro liquido


infiammabile sulla vettura utilizzata da Bertollo e
Trovato. Per il consulente
di parte, insomma, non vi
sarebbero elementi probatori a carico di Salvatore
Salamone, al contrario di
quanto sostiene il rappresentante della pubblica
accusa.
Il processo per il duplice
omicidio di Lentini alle
battute conclusive. Nella
prossima udienza, fissata

per il 4 dicembre, tocca


ancora la difesa avanzare
richieste ex articolo 507
per produrre nuovi testi
a suo favore. Concluso
questo nuovo capitolo
dibattimentale, sar fissata la data della discussione a cominciare dalla
requisitoria del pubblico
ministero per completare
con le arringhe dei legali
della difesa di Salvatore
Salamone.
F.N.

alla base della protesta il mancato pagamento di ottobre

Senza stipendio, in agitazione


tutti i dipendenti del Comune
I

dipendenti del Comune di Pachino preannunciano


la volonta di indire lo stato di agitazione. La decisione, assunta dalla FP Cisl territoriale, arriva dopo
lincontro tra la segreteria sindacale e i dipendenti.
Alla base della protesta, il mancato pagamento dello
stipendio del mese di ottobre e le mancate risposte
del Sindaco alle sollecitazioni arrivate dal sindacato
intervenuto per sbloccare la vicenda.
I dipendenti hanno percepito il mese di stipendio
non molti giorni fa hanno detto Daniele Passanisi,
segretario generale della FP Cisl Ragusa Siracusa, e
Letizia Ragazzi, responsabile del Dipartimento Enti
Locali della stessa federazione gi maturato il
mese di ottobre e tra non molto stessa cosa avverr
per quello di novembre. Gli oltre 7 milioni di euro
ricevuti dal Comune, utili per il pagamento delle im-

prese sono a disposizione del Comune. Noi abbiamo


pi volte chiesto al Sindaco di attingere ai flussi di
cassa ma, stranamente, non stato possibile neppure
verificare tutto questo.
I dipendenti, spina dorsale dellente locale e di tutti i
servizi che vengono erogati alla cittadinanza hanno
concluso Passanisi e Ragazzi sono estremamente
preoccupati per questa gestione della vicenda. Intere
famiglie sono costrette a sopportare ammanchi nelleconomia mensile, con i problemi che ne derivano per
mutui e gestione di casa. Ci avviamo verso il mese di
dicembre, da sempre momento di ulteriori entrate per
i lavoratori, e latteggiamento del Sindaco non lascia
margini di serenit. Per questo abbiamo deciso di avviarci verso lo stato di agitazione ed i lavoratori sono
pronti a rivendicare il diritto allo stipendio.

14 novembre 2014, venerd

Cronaca di Siracusa

La direzione
sanitaria
provinciale
interviene
sul caso
sostenendo
che il decesso sia stato
provocato
da problemi
cardiaci

CRONACA

Tornano
allufficio
del Gip atti
del processo
a funzionario
dellInail
Si bloccata in dibatti-

mento la posizione giudiziaria dellex consigliere


comunale Claudio Fortuna, imputato da funzionario dell' Inail di Siracusa,
del reato di corruzione.
I giudici del tribunale
penale di Siracusa, infatti,
hanno trasmesso gli atti al
Gip del tribunale, Michele Consiglio, perch
stato rilevato un vizio
di forma nella notifica
del decreto di rinvio a
giudizio. Lo stesso giudice, per, ha dichiarato
la propria incompetenza,
essendo la sua posizione
incompatibile con quella
dellimputato, avendolo
gi giudicato sempre per
questa causa.
Il fascicolo , quindi,
passato nelle mani del
Gip Andrea Migneco, che
ha fissato la data del 18
novembre prossimo per
esprimersi sulla richiesta
di rinvio a giudizio avanzata dalla Procura della
Repubblica di Siracusa a
carico di Fortuna.
L'imputato fu coinvolto in uninchiesta della
magistratura siracusana
e portata a termine il
10 dicembre 2010 dalla
Guardia di Finanza che
lo accusarono di avere
intascato mazzette per
'sistemare il Durc,
il documento unico di
regolarit contributiva, indispensabile a unazienda
privata per richiedere alla
pubblica amministrazione
il pagamento di forniture
e servizi.
Limputato si sempre
protestato innocente
sostenendo di potere
dimostrare la propria
estraneit ai fatti oggetto
della contestazione e che
il suo operato sarebbe
stato coerente e conforme
alle norme che regolano
la materia.
L'indagine legata a un
altro filone che aveva
portato all'arresto di altre
tre persone nell'ambito
dell'operazione 'L'infedele'.

Sicilia 5

In foto, lospedale
Muscatello di Augusta.

Anziano morto per vaccino


Asp: Nessun allarmismo
E

opportuno
non procurare allarme sul caso del decesso dellanziano
signore di Augusta
verificatosi dopo la
somministrazione
del vaccino antinfluenzale. Dai primi
riscontri anamnestici
il decesso potrebbe
essere riconducibile
con alta probabilit
ad un evento cardiaco indipendente dalla somministrazione
del vaccino.
E quanto dichiara la
Direzione aziendale

Necessario attendere lesito dellautopsia


per conoscere le vere cause del decesso

dellAsp di Siracusa
mentre partecipa al
cordoglio della famiglia Mingozzi. La
vicenda venuta a
galla a seguito del
decesso dellanziano
che si era sottoposto
alla
somministrazione del vaccino.
Si parlato di una
partita di vaccini
non idonei presenti
all'ospedale Muscatello di Augusta, ma

lazienda provinciale
sanitaria ha rigettato
al mittente tali illazioni.
E necessario attendere lesito dellautopsia per conoscere
con assoluta certezza
le vere cause del decesso aggiunge .
Secondo la letteratura scientifica eventi
avversi di questo tipo
sarebbero, comunque, estremamente

improbabili. Non
irrilevante precisare
che la mortalit stagionale per complicanze influenzali che
non sono state sottoposte a campagna
vaccinale di gran
lunga superiore alla
probabilit di eventi
avversi e proprio per
questo il Ministero
della Salute raccomanda il massimo
impegno nel pro-

muovere la suddetta campagna. L'Azienda sanitaria di


Siracusa, oltre a fornire massima collaborazione agli organi
inquirenti della magistratura restando in
attesa delle successive determinazioni,
ha anche prontamente segnalato l'evento
avverso al Ministero
della Salute ed ha
avviato una propria
indagine interna al
fine di approfondire
il caso.
R.L.

I residenti della Pizzuta preoccupati per il traliccio

Elettrodotto
in via Monti
Proteste

residenti di via
Luigi Monti e di
via Pasquale Salibra hanno inviato
una lettera al sindaco di Siracusa e al
dirigente dellArpa
per chiedere ulteriori accertamenti
sulle conseguenze
legate alla presenza di un traliccio
dellalta tensione
allincrocio delle
due vie, site nella
zona di contrada

Pizzuta. Ieri mattina i residenti hanno


inscenato una manifestazione di protesta per sensibilizzare anche lopinione
pubblica sul problema che attiene principalmente la salute
pubblica.
Noi del comitato
difesa inquinamento
da campi elettromagnetici spiega lex
consigliere comunale, Sebastiano Di

In foto, il traliccio alla Pizzuta.

Natale, che del comitato anche presidente dello stesso


comitato - siamo
preoccupati per la
presenza degli elettrodotti e delle con-

seguenze che comporterebbero


alla
salute umana. Si parla di aumento delle
leucemie. Ebbene,
lEnel ha deciso di
potenziare la pre-

senza di questi tralicci in via Salibra,


sostituendone uno
gi esistente con
unaltro impianto
a due passi dalle
abitazioni
civili.
Abbiamo chiesto al
sindaco e allArpa
la verifica delle autorizzazioni ma anche la presenza di
alcune centraline di
monitoraggio nelle
vicine villette.
R.L.

Anci Sicilia
contraria
a trivellare
nellisola

Prosegue

limpegno dellAnci Sicilia contro le trivellazioni nel Canale


di Sicilia. Lassociazione dei Comuni siciliani, in
piena sintonia con
i comuni interessati, Greenpeace
e le altre associazioni ambientaliste
ha ribadito, anche
stamattina nel corso dellAudizione
in IV Commissione allARS, la
propria posizione sul cosiddetto
Sblocca Italia
(convertito in legge n. 164 dell11
novembre 2014)
che, allarticolo 38
della legge, consente una procedura amministrativa
eccessivamente
semplificata per le
societ che chiedono lautorizzazione ad avviare
le prospezioni petrolifere anche nel
territorio siciliano
con i conseguenti
rischi per lecosistema dei nostri
mari e delle nostre
coste.
Analisi presentate da multinazionali come la
Schlumberger, non
evidenziano adeguatamente come
lo sviluppo di prospezioni petrolifere nella zona dello
Stretto di Sicilia
possa rappresentare una gravissima
minaccia alla biodiversit e alle attivit economiche
siciliane legate al
mare quali il turismo e la pesca - ha
dichiarato Leoluca
Orlando,
Presidente Anci Sicilia
e autorizzare le
trivellazioni vuol
dire compromettere la vita dei nostri
mari e le prospettive di sviluppo per
il nostro territorio.

Cronaca di Siracusa 6

Sicilia 14 novembre 2014, venerd

di Concetto Alota

Sulla realizzazione
del nuovo ospedale
di Siracusa, la parte
pi piccola della
politica siracusana
prova a riaccendere i fari abbaglianti,
con il positivo e ottimo risultato dellinteresse generale che
suscitano sempre le
notizie per la costruzione di un moderno
nosocomio cittadino, in sostituzione
del vecchio Umberto I, ormai obsoleto
e superato. Prove
tecniche di politica
propositiva in seno
allambiente politico dellassise del
Vermexio; e non
detto che proprio
questa iniziativa dal
basso, dalla base
della politica, riesca davvero dove i
Titani hanno fallito
miseramente.
Occorre continuare
nellincoraggiamento forte e deciso,
dogni ordine e grado, specie da parte
della stampa che non
deve solo riportare
la semplice cronaca,
i comunicati stampa,
le veline, ma deve
chiarire i termini
della questione nella
siffatta condizione
arrivata malamente
ormai alla fine della
corsa. I disagi per
la popolazione sono
al massimo livello
di
sopportazione,
e non basteranno i
proclami stile vecchia e demagogica
politica a risolvere
la delicata questione; oggi occorre agire, spronare, proporre, deliberare, tenere
la fiaccola accesa,
insomma, portare a
tutti i costi la macchina alla fine del
percorso, al traguardo finale, attraverso
la strada intrapresa
dalla Commissione consiliare del
Vermexio, presieduta da Gianluca Romeo, che, a onore
del vero, appare stavolta decisa e protesa a continuare e
insistere sul delicato
quanto importantissimo tema.
Ma attenzione alla
speculazione politica che sempre
in agguato; si tratta

Appaiono
su questannosa questione dei vincoli
ingiustificati,
sospetti,
capziosi,
e nel frattempo non
si riesce a decifrare i tanti
codici criptati di una politica corrotta
In foto, larea
della Pizzuta indicata
per lospedale.

Il nuovo ospedale
Affaire per pochi
e la gente soffre
della scelta del terreno alla Pizzuta,
come gi assegnato
dal Piano Regolatore Generale, oppure
qualcuno, come il
solito, vuole favorire
i compari, i soci, i
compagni di merenda. Non possibile capire questa
difficile deviazione,
altrimenti si riconferma la vecchia
regola che si fanno
le infrastrutture solamente in presenza
di un guadagno per
chi pu condizionare laffare.
questa imposizione, con questo ladrocinio organizzato
della cosa pubblica
e non bastano le volont dichiarate, ma
occorre che anche la
magistratura faccia
luce su questa annosa faccenda, che
avvolge ormai da
anni interessi diffusi verso le lobby
politico-affaristici,
come in un passato
tutto da dimenticare,
scancellare. Si tiene
fermo il programma
per la realizzazione
dellimportante opera pubblica,
come il nuovo e
necessario ospedale di Siracusa, solo
perch bisogna dare

il tempo di definire
lacquisto del terreno dove costruirlo?
O invece cosa? Ma
questa non politica. mafia e di
quella pura, vera e
pesante, che condiziona, senza scrupoli e con uomini che
hanno la sicurezza di
non essere pescati
con le mani nel sacco, nascosti dietro la
logica di una tecnica
sperimentata, e della
legge riferita a norme e regolamenti, o
richieste logistiche
mirate e particolari
da parte della competente amministrazione pubblica finale, che dovr gestire
il sito. E guarda caso
si registrano ogni
volta e puntualmente interventi sincronizzati verso la stessa identica direzione
e interesse, come in
un film dove il regista ha previsto ogni
azione e reazione,
tutte le scene a effetto e il felice classico
finale.
Si registrano sullargomento tante fantomatiche logiche
di politica del traccheggio, sia come di
economia avanzata;
ma la distanza rimane sempre legata alla

volont della classe


politica che governa, che deve slegare
lacci e lacciuoli per
le beghe di partito,
di corrente, dinteressi diffusi dove i
pescecani sono l
in agguato, per liberare
lambiente
deliberante dal condizionamento, dalla
speculazione politica, che regolarmente
e che si presenta al
solo accenno di una
qualsiasi progettazione per uninfrastruttura necessaria
alla collettivit dove
ci sono i soldi pubblici da spendere.
Nessuno oggi in
grado di stabilire e
formalizzare i costi
reali per la realizzazione del nuovo
ospedale; lultima
stima legata allo
scandalo dellExpo
di Milano parlava
di ben 140 milioni
di euro, ma la reale
condizione dei costi
non stata mai abbozzata o pregettata,
e non vero che anche laltra proposta
sulla permuta dei
fabbricati, gli ospedali Rizza, lUmberto I e il Cinque Piaghe era un affare, di
fatto, costava molto
di pi dei 140 mi-

Sicilia 7

14 novembre 2014, venerd

lioni di euro: quindi come valutare se


falso il sole o
falsa la luna? Sulle risorse finanziarie
non c una regola
certa da percorrere e
le notizie si rincorrono e sempre in contrasto luna dallaltra. E senza voler
forzare la mano per
scoprire le falsit e
le verit, i segreti e
gli inganni, messe
ad arte in campo,
la deputazione regionale siracusana
rimane in una posizione di pericoloso
stallo, di una serie di
falli e di una dubbiosa prudenza, senza
scongelare la vera
natura dellaffaire
chiamato ospedale
di Siracusa; in proposito gi nel passato abbiamo assistito
alla passerella che
come un orologio
scandiva i tempi e i
turni degli interventi dei pi proliferi
parlatori
rappresentanti allArs del
popolo siracusano,
ma da qualche tempo sulla vicenda legata al nuovo nosocomio di Siracusa
calato un sospettoso
e assordante silenzio, come a voler
attendere le mosse

degli altri giocatori


in campo che, per la
verit, ultimamente
sono stati davvero
tanti e tutti di prima
categoria. Appaiono su questannosa
questione dei vincoli
ingiustificati,
sospetti, capziosi, e
nel frattempo non si
riesce a decifrare i
tanti codici criptati di una politica
che sarebbe il caso
di mandare in soffitta, visto come si
ridotta la citt in termini di degrado e di
povert diffusa; ma
il carattere abulico e
contorto della nostra
vecchia, nobile e falsa Siracusanit, non
garantisce scenari
rivoluzionari, anzi
la preferenza diretta verso laspettare
quel qualcuno che
arrivi e si presenti come il salvatore
della nostra eterna
battaglia perduta, e
non importa se il tutto sar a pagamento
e con tanti danni perpetui da sommare a
quelli gi accumulati in anni di profonda apatia politica e i
tanti commenti inutili. Si tratta, ora e
non domani, di comprendere, soprattutto in questa nuova
vampata mediatica, il contenuto della
verit messa in campo, da chi e perch,
sulla costruzione del
nuovo ospedale di
Siracusa e solo in relazione a ci possibile trarne gli spunti
per capire la direzione della volont o se
lennesima truffa al
popolo siracusano,
oppure il tramonto
che diventa lalba;
visto i trascorsi forse
davvero il caso che
a occuparsi dellintera pratica per
la realizzazione del
nuovo sito ospedaliero siracusano sia
un magistrato nominato dal garantista
governatore
della
Sicilia, Rosario Crocetta, con un pieno
e libero mandato,
senza quella pesante e fallosa gestione
collettiva della nostra fallita e ladrona
politica. Ogni individuo deve credere e
dubitare. Nessuno di
noi la verit.

Cronaca di Siracusa

sentenza di non luogo a procedere

Storia dei cassoni


con lappendice
di un processo
L

a storia infinita dei cassoni, prima sequestrati


dalla Procura di Siracusa,
poi dissequestrati e trasferiti nellarea di Marina
di Melilli e ora ricollocati
alla Marina per essere posti in sito a rafforzare la
banchina del porto grande,
ha consumato un altro capitolo questa volta di tipo
giudiziario.
Si concluso, infatti, dinanzi al Giudice monocratico del tribunale del
capoluogo Andrea Pino, il
processo a carico dellingegnere Carmelo Misseri,
floridiano di 58 anni, accusato di avere violato il codice della navigazione per
non avere chiesto la concessione al ricovero dei
cassoni nellarea di Marina di Melilli di propriet
del Demanio marittimo.
Lingegnere Misseri
lamministratore
unico

della Societ Consortile


Porto di Siracusa e della
Societ Italiana Costruzioni Stradali, in sigla
Sics, che ha avuto in appalto la realizzazione dei
manufatti che per lungo
tempo rappresentavano la
muraglia della passeggiata
della Marina al Foro Italico in Ortigia.
Il giudice ha emesso sentenza di non luogo a procedere, dichiarando estinto il reato per lintervento
delloblazione da 258 euro
che il professionista ha
corrisposto nel corso del
processo.
La vicenda risale al 4 febbraio 2010 quando, a seguito di una perizia tecnica, il sostituto procuratore
Antonio Nicastro, dispose
il sequestro dei 93 cassoni.
Si ipotizz la costruzione
dei manufatti fosse avvenuta con cemento armato

depotenziato che avrebbe provocato in breve


tempo il disfacimento dei
cassoni e quindi un rischio
per le banchine del porto.
Ulteriori studi e approfondimenti tecnici, dimostrarono che quei manufatti
erano stati realizzati a regola darte. Ci indusse
la Procura di Siracusa a
dissequestrare quei cassoni, che nel frattempo,
nel giugno 2010, cinque
mesi dopo il sequestro, su
imposizione dellamministrazione comunale (lazienda insisteva di calarli
in fondo al mare anche
se in attesa dellesito giudiziario), furono spostati
attraverso le chiatte nellarea di Marina di Melilli, ex
Belleli, in attesa dellesito
delle consulenze e della
definitiva collocazione nel
sito del porto grande, operazione che si concretiz-

In foto, i cassoni alla Marina.

zata nel giugno scorso.


Il 27 luglio 2012, intanto,
lallora comandante della Capitaneria di porto di
Siracusa, Luca Sancilio,
ha inviato a Marina di
Melilli propri militari, per
notificare allamministratore unico della Sics la denuncia per avere collocato
abusivamente 22 cassoni
in unarea di 1200 metri
quadrati su unarea di propriet del Demanio marittimo. In buona sostanza,
limpresa non avrebbe
richiesto e quindi ottenuto le relative concessioni demaniali e nemmeno
lautorizzazione da parte
dellAssessorato regionale al Territorio e Ambiente per loccupazione della
stessa area.
Insomma, come si dice,
oltre al danno la beffa per
limprenditore di finire
iscritto nel registro degli

indagati e di doversi sottoporre, quindi, ad un processo penale che si concluso pochi giorni fa con
il verdetto di non luogo a
procedere.
Nel frattempo, lazienda
ha presentato il conto al
Comune di Siracusa. Un
risarcimento dei danni pari
a 4 milioni di euro, che impegna e non poco il prossimo bilancio di previsione in fase di discussione
in Consiglio comunale.
Lamministrazione pubblica ha previsto il pagamento della somma in tre
soluzioni da 1,7 milioni
di euro allanno a cominciare da questo esercizio
finanziario. Per la cronaca, i cassoni sono tornati
al Foro Italico per essere
definitivamente collocati
in mare come frangiflutti a
difesa della banchina.
Francesco Nania

protagonista della vicenda un siracusano

Irrompe in un magazzino
per rubare attrezzature

Si era inoltrato nelle campagne di Cassibile


con lobiettivo di mettere a segno un furto ai
danni di unimpresa agricola. Ma la sua azione stata intercettata da una pattuglia dei carabinieri, in servizio di controllo del territorio
con la finalit di scongiurare episodi predatori.
Larresto avvenuto nel corso della nottata i
di mercoled scorso quando i Carabinieri della

Stazione di Cassibile hanno arrestato in flagranza per il reato di furto aggravato Giuseppe Rantieri di 58 anni. Lo stesso aveva rotto la
porta di ingresso del magazzino di unazienda
agricola nel tentativo di asportare le attrezzature agricole custodite allinterno. Solo grazie
allintervento dei militari, ha permesso di intercettare il Rantieri proprio mentre si trovava
allinterno del magazzino.

in manette due cittadini nigeriani, che oggi compaiono dinanzi al gip del tribunale

Rissa davanti
a supermarket
Due arresti
U

na rissa tra extracomunitari stata sedata


dai carabinieri a Cassibile con l'arresto di due
persone mentre una terza scappata. Il fatto
accaduto nella mattinata i Carabinieri hanno
tratto in arresto in flagranza per il reato di rissa
aggravata, resistenza a Pubblico Ufficiale e

porto illegali di oggetti atti ad offendere due


soggetti entrambi di origine nigeriana, con precedenti di polizia per il reato di immigrazione
clandestina. La pattuglia intervenuta nei pressi
del supermercato Simply di via Tisia, per la
segnalazione da parte di alcuni dipendenti, della
presenza di tre soggetti che stavano dando vita
ad una lite tra di loro. Allarrivo dei Carabinieri
uno dei tre riusciva a fuggire mentre gli altri due
sono stati bloccati. Al momento del controllo
uno dei due nigeriani, utilizzando un bastone in
legno di lunghezza di 80 centimetri, ha tentato
pi volte di colpire i militari dellArma per farli
desistere ed evitare larresto.

ATTUALITA' 8

14 novembre 2014, venerd

Sicilia 14 NOVEMBRE 2014, VENERD

di Roberto Tondelli

LEvangelo proposta etica. Propone alla persona


umana il comportamento positivo,
buono secondo Dio,
il solo Buono. Tu
ed io siamo liberi
di accogliere tale
proposta o meno.
Per chi laccoglie,
proposta che reca
felicit e onore: Beati i poveri di spirito, beati gli umili,
beati i perseguitati
per ragione di giustizia, beati quelli
che cercano il regno e la giustizia
di Dio. Questa felicit, questo onore,
oggi sono necessari
in famiglia, dove
spesso non c felicit. Perch? Come
mai un uomo e una
donna, che un giorno si sono amati,
arrivano a odiarsi?
vero che la felicit la fanno i soldi?
Qual la malattia di
tante famiglie oggi?
E soprattutto qual
la cura per affrontare dolori e angosce,
per ritrovare fiducia
nel Signore?
Ges il grande
medico che dona
vita eterna. Ecco
alcuni consigli preziosi che Ges regala gratis e senza
rinfacciare: mariti,
amate le vostre moglie come la vostra
stessa carne; mogli,
portate rispetto ai
vostri mariti; figli
ubbidite nel Signore ai vostri genitori;
padri, non irritate
i vostri figli; madri, siate maestre
di ci che buono.
Cerchiamo di apprezzare i suoi doni
buoni e faremo la
nostra felicit in
Cristo!
Dinanzi a noi non
c Ges bambino e neppure Ges
crocifisso. Davanti
abbiamo il Risorto
che ama, ma che
giudica anche. E il
giudizio sar domani, cos breve
la vita che appena

Beati i poveri di spirito, beati gli


umili, beati i
perseguitati
per ragione
di giustizia,
beati quelli
che cercano
il regno e la
giustizia di
Dio
In foto, Palazzo
Ducezio

Pi forte delle radici


degli alberi ai Villini
Famiglia e onore
ci voltiamo gi
finita Ci che
d sapore alla vita
Cristo Risorto
e Vivente oggi. E
presente anche in
un mondo come
questo: corruzione,
adulteri, disonest,
finzioni, malvagit, cattiverie; ma
anche di un po di
intenzione onesta,
bont, generosit,
comprensione, tolleranza, saggezza.
Ci che tu ed io
abbiamo nel cuore,
ci che pensiamo e
facciamo ogni momento, nulla sfugge al Re delluniverso, perch in lui
viviamo, ci muoviamo e siamo.
Occorre lamore
di Dio per salvare
lamore oggi. Occorre una guida sicura. Cristo Ges
lo stesso ieri, oggi
e in eterno. La parola divina non
cambia. I princpi
di comportamento
consigliati da Dio
alla persona restano. Forse talvolta
ignorati, ma immutabili. Letica della

fede del cristiano


ha le sue radici nel
testo dellEvangelo
di Dio. pi facile
sradicare gli alberi
di ficus ai Villini
che sradicare lEvangelo di Cristo!
Lamore non mai
interessato.
Lamore di Cristo
generoso, ha dato
tutto di s per formare un popolo di
persone santificate dalla sua Parola
Buona.
Ricordiamo, molti
anni fa, quando ce-

ra lonore? Cera la
dignit che la persona vuole per s
e che altri gli riconoscono. Basta fare
un confronto per
chiedersi: ma forse
oggi si vive in una
societ senza onore? E una societ
senza onore conosce la vergogna?
Chi onora Cristo
Ges
oggigiorno? Eppure egli ci
chiede di onorarlo.
Chi onora lui onora
suo Padre che lo ha
mandato. Per ono-

rarlo bisogna ascoltare (= ubbidire) la


sua Parola. Cos si
passa dalla morte
alla vita (Giovanni,
5). Ges un folle che fa promesse avventate? No.
Egli infatti garantisce la sua promessa
di vita eterna con
la Sua risurrezione. Dice Cristo: chi
ubbidisce a me non
morir mai (Giovanni, 11). Questo era lEvangelo
predicato da Paolo
apostolo quando

pass da Siracusa.
Queste sono le motivazioni per onorare Dio e il Suo
insegnamento nel
Nuovo Testamento.
Gli insegnamenti
umani sono tuttaltra cosa, specie
quando
tendono
ad adeguare linsegnamento divino
a quello che vuole
la gente. Inizia forse cos uno strano
modo di pensare a
matrimonio e famiglia? Ges dice:
il matrimonio sia
tenuto in onore da
tutti e la vita coniugale sia pura, perch Dio giudicher
i fornicatori e gli
adulteri.
Cristo non cambia,
lo stesso ieri, oggi
e in eterno (Ebrei,
13). Ges onora la
Sua comunit di
credenti, il popolo che appartiene a
Dio, che costituisce
la Sua sposa. Ges
Cristo ha dato se
stesso per questo
popolo. Cos il marito deve essere disposto a ogni sacrificio per la moglie.
E la moglie deve
rispetto al marito,
proprio come la
chiesa deve rispettare il Testamento
Nuovo di Cristo,
senza
cambiarlo
n adulterarlo. Chi
cerca davvero la
volont del Signore, riuscir a trovare onore e immortalit presso Dio
(Romani, 2).
Di questi argomenti si tratter sabato
22 e domenica 23
novembre presso
la sede della Chiesa di Cristo Ges
siracusana
(via
Modica, 3 - davanti
all'Istituto Insolera - conversazioni
bibliche, mercoled
ore 19.30 - culto
al Signore, domenica ore 10.30 info: 0931.24639
- 340.4809173 email: chiesadicristo@alice.it ). Un
cordiale invito agli
interessati.

Sicilia 9

Relatori don
Giuseppe Lombardo, docente
di materie giuridiche ed economiche e docente di Teologia
pastorale e
Antonio Gelardi,
direttore della
Casa circondariale di Brucoli

Carcere e media: le regole


dopo la carta di Milano
La

sezione provinciale dellUnione


Cattolica
della Stampa Italiana di Siracusa,
il Consiglio Nazionale dellOrdine dei Giornalisti
e lOrdine Regionale dei Giornalisti di Sicilia
hanno reso noto
i tre seminari di
aggiornamento
per la formazione
dei giornalisti che
si terranno questo
mese e nel mese
di
Dicembre

Presenzieranno il presidente provinciale dellUcsi Salvatore


Di Salvo e il consigliere nazionale dellOrdine, Santo Gallo

2014. I tre incontri, curati dalla sezione provinciale


dellUcsi, si svolgeranno nel salone San Tommaso, accanto alla
Chiesa del Carmine a Siracusa.
Il primo incontro
si svolger sabato, 15 novembre
2014, dalle ore
9 alle ore 12 e
verter sul tema

Carcere e media:
le regole dopo la
carta di Milano.
Relatori don Giuseppe Lombardo,
docente di materie giuridiche ed
economiche e docente di Teologia
pastorale e Antonio Gelardi, direttore della Casa
circondariale di
Brucoli. Presenzieranno il presi-

dente provinciale
dellUcsi Salvatore Di Salvo, il
consigliere
nazionale dellOrdine, Santo Gallo e
il giornalista Aldo
Mantineo, tutor
dei corsi e componente del Collegio dei Revisori
dei conti dellOrdine
Regionale
dei Giornalisti. Il
secondo incontro

presso il Liceo Scientifico L. Da Vinci Floridia

Un premio agli eroi


del nostro tempo
e giovani per la legalit

Stamane, alle ore 10.30, presso

laula magna del Liceo Scientifico L. Da Vinci in Floridia,


lassociazione Glamour Group
Eventi organizza la prima edizione dellOscar della Legalit.
Scopo del premio insignire,
con la statuetta delloscar rivisitata da maestri vetrai, le persone e le istituzioni che si sono
particolarmente distinte nella
lotta alla criminalit organizzata e alle mafie. Sono previste tre
categorie: Istituzioni al servizio
dei Popoli, Eroi del nostro tem-

po e Giovani per la legalit. Nella


prima categoria sar premiato il
Liceo Scientifico per il baluardo
di democrazia e legalit che offre da sempre nel comprensorio
aretuseo. Nella categoria Eroi del
nostro tempo verr premiato Pino
Maniaci, giornalista di Telejato,
storia emittente televisiva, spesso
minacciato e malmenato dalla mafia. Per la categoria Giovani per la
Legalit sar premiato Ismaele La
Vardera, giovane aspirante giornalista che, con la sua denuncia
alle Iene di Italia 1 su dei broglia,

ha causato le dimissioni di tutta


la giunta comunale di Villabate.
Un premio speciale, Note di Legalit, verr attribuito a Cesare
Cernigliaro, in arte Joker, direttamente da Amici, rapper che canta
testi sulla legalit. Interverranno tra gli altri, il Vice Presidente
della Commissione Regionale
Antimafia, on. Salvatore Cordaro,
il sindaco di Floridia e quello di
Solarino. Saranno inoltre presente le pi alte rappresentanze della
finanza, polizia e carabinieri della
provincia di Siracusa.

si svolger il 6
dicembre dalle 9
alle 12 sul tema
Minori: responsabilit
etica:
il rispetto della
Carta di Treviso.
Relatore
don Fortunato Di
Noto, presidente
dellassociazione
nazionale Meter.
Il terzo seminario
si svolger il 17
dicembre dalle 10
alle 12 sul tema
Informazione
sociale e religiosa e relazioner
Francesco
Zanotti, presidente
nazionale
della
Federazione dei
Settimanali cattolici italiani.
I tre seminari, che
sono tutti gratuiti,
hanno
ottenuto
dieci crediti formativi e avranno
la durata di tre
ore, con 100 posti
disponibili. Per le
iscrizioni nei tre
seminari si potr
accedere tramite
la piattaforma nazionale (Si.Ge.F)
e seguire le indicazioni.
Sar
quindi necessario
stampare e portare con s, nella sede del corso, il foglio con
il codice a barre
inviato via mail

societ

dalla piattaforma
Si.Ge.F a seguito dellavvenuta
iscrizione.
Non
sar pi possibile
effettuare
iscrizioni a mano
allultimo minuto.
I giornalisti che
vorranno
partecipare al seminario del 15
novembre 2014
potranno iscriversi, sulla piattaforma Si.Ge.F., fino
alle ore 24 del 14
novembre 2014.
Si ricorda che per
effetto
dell'art.
7
del
DPR
137/2012, dal primo gennaio 2014
anche i giornalisti italiani dovranno assolvere
all'obbligo della
Formazione Professionale Continua (FPC) per
adeguarsi ad una
normativa
che
prevede l'aggiornamento per tutti
gli iscritti ad un
Ordine
professionale come una
delle condizioni
per poter mantenere la propria
iscrizione all'Ordine stesso. Per
assolvere all'obbligo formativo,
ogni iscritto dovr maturare 60
crediti in un triennio (con un minimo di 15 crediti
annuali) di cui almeno 15 su temi
deontologici. In
base all'art. 3 del
Regolamento attuativo approvato dal CNOG, i
crediti potranno
essere ottenuti in
svariati modi fra
cui attivit formative anche a distanza, frequenza
di corsi, seminari
e master organizzati anche da
soggetti formatori terzi (ad esempio le Universit) autorizzati
dal CNOG. Ogni
ora trascorsa per
partecipare ad un
evento formativo
dar diritto a due
crediti. L'impegno massimo per
ogni iscritto sar
dunque di 10 ore
l'anno.

SPECIALE 10

Sicilia 14 NOVEMBRE 2014, VENERD

IL GRUPPO si attivato per il riconoscimento dei Diritti Umani verso due direzioni

Le attivit del Gruppo Italia 85 Amnesty


International a Siracusa a favore dei Diritti Umani

International si rivolge ai parlamentari di rendere efficaci le leggi gi emanate e di adottare strumenti


di prevenzione e di protezione incisivi nel contrastare l'atto finale della violenza che l'omicidio
di Giovanna
Marino

Nel tempo della


globalizzazione
e dei tristi accadimenti come
da cronaca quotidiana, da pi
parti si avverte
fortemente la
necessit di un
ritorno alla tutela
e alla divulgazione dei Diritti
Umani.
Il Gruppo Italia 85 Amnesty
International a
Siracusa si
attivato per il
riconoscimento
dei Diritti Umani
verso due direzioni.
Il primo impegno riguarda il
grave problema
dell'immigrazione nel nostro paese, che
reca sofferenze
e morte di migliaia di persone, le quali si
avventurano per
raggiungere la
frontiera italiana
rappresentata
dalla Sicilia essendo il punto
d'approdo pi vicino all'Europa.
Sono persone,
le quali per povert, conflitti,
persecuzioni,
abbandonano il
continente africano e Amnesty International
chiede ai governi dell'Unione
Europea di fermare la crescita
del costo umano
e anzi di proteggere le vite e i Diritti Umani lungo
i loro confini.

Il secondo riguarda l'impegno a fermare


la violenza sulle donne. Violenza che sta
assumendo larghe proporzioni
con percentuali
impensabili. Di
conseguenza,
poich il rag-

giungimento di
tale scopo riguarda i governi,
Amnesty International si rivolge ai parlamentari di rendere
efficaci le leggi
gi emanate e
di adottare strumenti di prevenzione e di pro-

tezione incisivi
nel contrastare
l'atto finale della
violenza che
l'omicidio.
Per saperne di
pi sulla operosit di Amnesty
e del Gruppo a
Siracusa abbiamo intervistato
la responsabile

professoressa
Adriana Canclini, la quale fra
l'altro ha promosso presso
l'amministrazione comunale il
riconoscimento
della cittadinanza siracusana
al professore
Ales Bialiatsk
della Bielorussia quale strenue sostenitore
dei Diritti Umani
nel suo paese e
nel mondo, oltre
che per i suoi
meriti letterari
e d'incontro fra
gli scrittori della
sua e delle altre
nazioni. La cittadinanza all'illustre professore
gli stata conferita nella seduta
del 11 novembre
2014.
Quale l'impegno
di Amnesty nel
mondo e in Italia?

14 NOVEMBRE 2014, VENERD

Amnesty International si sta


impegnando nella promozione e
nella difesa di
tutti i Diritti Umani codificati nella Dichiarazione
Universale del
1948 attraverso campagne
internazionali.
Attualmente gli
attivisti si stanno dedicando
al gravissimo
problema della
tortura e dei trattamenti disumani e degradanti
presenti in molti
Stati e non sempre riconosciuti
come reati specifici. Talvolta gli
stessi governi incoraggiano reati
di questo genere
nei confronti dei
dissidenti politici. In altre realt
si penalizzano
le minoranze etniche, religiose,
le fasce deboli
o considerate
portatrici di diversit, in ogni
caso persone
singole o gruppi
che non hanno
possibilit di difendersi.
Tutta la Sezione
Italia di Amnesty
inoltre impegnata da mesi
nella campagna
"S.O.S. Europa:
prima le persone
poi le frontiere"
per responsabilizzare la Comunit Europea sui
problemi dei migranti. Su questa attivit sono
in prima linea i
Gruppi siciliani
di Amnesty e
il Segretariato
internazionale
intervenuto in
pi occasioni ai
massimi livelli
per trovare soluzioni adeguate. Nell'anno in
corso si sta svolgendo la campagna "mai pi
violenza sulle
donne in Italia"

iniziata l'8 marzo


che avr termine
il 25 novembre
2014 con la consegna ufficiale
della petizione
e delle proposte individuate
per migliorare la
sicurezza delle
donne alla massime autorit nazionali.
Quando incide
Amnesty nei paesi dove non
sono rispettati i
Diritti Umani?
Le attivit svolte da Amnesty
sono molto varie e incidono
a tutti i livelli.
Ad esempio gli
attivisti di un paese si dedicano
con varie metodiche a stabilire
contatti con le
autorit di altri
Stati scrivendo
lettere,appelli,
petizioni ai governanti con
proposte relative a migliorare
nelle Costituzioni e nelle leggi
ricordando l'avvenuta adesione ai protocolli
internazionali.
Si pone l'attenzione sulla situazione di individui
o gruppi palesemente fatti oggetto di ingiustizie cercando
di dare informazioni corrette
alla stampa e ai
nuovi media. Gli
interventi su un
paese che non
rispetta i Diritti
Umani vengono organizzate
dal segretariato
internazionale
dopo un'analisi
attenta sulla situazione reale
in modo da individuare la strada
giusta da percorrere per salvare vite umane
in pericolo.
L'Italia una nazione dove vengono rispettati i
Diritti Umani?

Il nostro paese
presenta ancora
numerose lacune pur avendo
una costituzione
molto avanzata.
Andrebbe applicata piuttosto
che cambiata.
Amnesty, come
detto, rileva il
mancato rispetto, nel caso, nei
confronti delle
donne fatte oggetto di violenza
e discriminazione nonostante
i miglioramenti
spesso soltanto
teorici previsti
dalle pari opportunit. Ancora
sono presenti
stereotipi che

sfociano in negazione dei diritti nei confronti


delle persone
omosessuali o
appartenenti a
etnie o a gruppi
religiosi minoritari. Manca invece una decisa condanna al
reato di tortura
nonostante le
direttive chiare
a livello internazionale. Negli
ultimi anni la difficile situazione
economica sta
rendendo pi
fragile il paese e
l'aumento della
disuguaglianza
inversamente
proporzionale

alla fruizione dei


Diritti Umani.
In questo periodo oltre agli
impegni citati
verso quale diritto umano indirizzato in particolare il vostro
lavoro?
La campagna
"Stop Tortura"
fa riferimento
all'articolo 5 della Dichiarazione
Universale dei
Diritti Umani che
afferma: Nessun
individuo potr
essere sottoposto a tortura o
a trattamento o
a punizioni crudeli, inumane o
degradanti.

Sicilia 11

A Siracusa sono
tanti i seguaci di
Amnesty? Per
lo pi donne o
uomini?
La nostra citt
molto vicina
alle tematiche
proposte da Amnesty essendo
culturalmente
avanzata. Moltissimi cittadini
di Siracusa e
Provincia sono
simpatizzanti e
firmano le petizioni riguardanti
le varie campagne e dialogano
volentieri con
il Gruppo Italia
85 in ogni occasione. Gli insegnanti hanno

SPECIALE

dimostrato una
particolare sensibilit nella educazione ai Diritti
Umani degli studenti allo scopo
di dare loro una
dimensione di
cittadini consapevoli. Dobbiamo rilevare le
difficolt nel fare
diventare attivisti
i numerosi iscritti
per mancanza di
tempo disponibile oppure perch
si trovano altrove per motivi di
studio o di lavoro. Pur essendo
molti gli uomini
tra collaboratori
e simpatizzanti,
la presenza di
donne tra gli attivisti sempre
stata prevalente.
Come dobbiamo
fare quali individui, nazione,
perch i Diritti
Umani plasmino la coscienza
dei governanti
e delle persone
in quanto anche
cittadini?
In questo momento storico la
difesa dei Diritti
Umani si impone
come priorit. La
stessa Umanit
sta mettendo in
gioco la propria
sopravvivenza con azioni
belliche molto
preoccupanti.
Individualmente
abbiamo il dovere di creare e
mantenere una
mente critica per
potere comprendere la realt, di
cercare soluzioni non violente e rispettose
dei Diritti Umani
fondamentali nel
nostro vissuto
quotidiano, di
fare pressione
sui governanti
attivandoci e collaborando con
gruppi e associazioni affinch
i Diritti Umani diventino la guida
delle loro azioni.

SPECIALE 12

Sicilia 14 novembre 2014, venerd

14 novembre 2014, venerd

Consulenze chiacchierate, strane indennit e bilanci astrusi

A rischio il destino dellIstituto


Zootecnico della Sicilia

La crisi finanziaria, i buchi gestionali e un incendio di vaste proporzioni mettono


in ginocchio uno dei pi antichi istituti del Paese insieme ai suoi 48 dipendenti

Sul tavolo dellAvv. Nino


Caleca, nuovo assessore
regionale all'agricoltura,
c' una patata bollente
che riguarda l'Istituto
Sperimentale Zootecnico della Sicilia, uno dei
pi antichi del Paese,
istituito con decreto del
Re d'Italia nel 1884,
che, pur avendo svolto
per decenni un ruolo
cruciale nello sviluppo
della zootecnia isolana,
versa oggi in uno stato
di grave sofferenza economica, sia per effetto
dei tagli di finanziamenti
imposti dalla spendingreview del governo, da
tre a due milioni di euro,
del tutto insufficienti per
gli stipendi dei 48 dipendenti che vi lavorano,
sia per il mantenimento
degli animali autoctoni
che vi sono custoditi,
come anche per una
gestione che, secondo
un vezzo antico, lascerebbe molte ombre per
delibere apparentemente
irregolari, consulenze
in sospette condizioni,
o errori grossolani di
contabilit aziendale.
Fatto sta che, secondo
varie interrogazioni parlamentari presentate da
deputati della maggioranza e dell'opposizione,
gli animali sono tenuti a
stecchetto. Come a stecchetto sono stati tenuti
anche i dipendenti che
qualche mese fa, per gli
stipendi arretrati, hanno
inscenato manifestazioni
di protesta. Ad aggravare
il disagio si aggiunto
un incendio di vaste proporzioni sulle cui cause
sta indagando la Procura
di Palermo. Inoltre, secondo fonti qualificate,
alcuni documenti contabili avrebbero dell'incredibile. Nell'ultimo
bilancio l'Istituto, ISZS,
risulta avere un patrimonio immobiliare di 356
mila euro, pi o meno
quanto un appartamento
nel centro di Catania.
Ma, da una lettura delle

Dr. Giuseppe Russo, gi commissario straordinario dellIstituto.

carte, nel Fondo Luparello, a Palermo, dove


si trova una stazione di
ricerca dell'Assessorato
Agricoltura (vi , peraltro, un "meraviglioso
parco borbonico con un
baglio settecentesco, da
cui si gode un panorama
mozzafiato"), l'azienda
di pertinenza estesa
in 52 ettari, con ovili,
sala mungitura, stalla,
caprile, porcilaia, scuderia, fienile, concimaia
e magazzini mentre
nel Centro Avicolo di
Messina, lungo la statale 113, si trova "una
villa risalente alla fine
dell'800 e una struttura
pi recente che un tempo
ospitava una scuola".
La villa stata integralmente ristrutturata per
accogliere il Centro di
documentazione delle
attivit in Sicilia e un laboratorio di tassidermia,
di monitoraggio della
fauna selvatica siciliana
e dell'avifauna migratoria, voliere e parchetti
per ospitare gli animali
selvatici autoctoni, in un
altro immobile, il Museo
della fauna selvatica.
Questo fondo ha una
pertinenza di 152 ettari di
terreno. In pi l'ISZS ha

un'altra azienda, denominata Giardinello. Questo


fondo ha una pertinenza
di 152 ettari di terreno,
e secondo le stime di
alcuni esperti, il valore
reale del patrimonio
immobiliare dell'Istituto
si aggirerebbe invece, e
c' da crederci, sulla cifra
di 13,5 milioni euro. Nel
bilancio la produzione
foraggera riportata senza
alcun valore, la quantit
di foraggio per l'alimentazione di ovicaprini ed

equidi chiaramente sottodimensionata, la mancanza dei costi relativi


ai mangimi per avicoli,
canidi, conigli, suini e
alcuni altri strafalcioni
del genere. A fronte di
tante discrepanze, difficili da spiegare, ma certamente non scusabili,
nelle aziende Luparello
e Giardinello, il mantenimento del rapporto
di fornitura di energia
elettrica con l'Enel, che
espone l'Istituto per 127

mila euro, nonostante


l'ISZS abbia due impianti fotovoltaici con
immissione in rete di una
potenza di 13,94 KWP
superiore alle loro esigenze energetiche. Ma
questi strafalcioni sono
soltanto una parte delle
ombre amministrative
che appaiono. Oggi l'Istituto , infatti, travolto
da polemiche roventi
dopo essere stato scelto,
insieme al centro di Ricerca Rimed e all'Istituto
Zooprofilattico, per la
realizzazione del progetto di ricerca Ispemi
finanziato dall'Unione
Europea e dal governo
italiano con 10,50 milioni e mezzo di euro,
(4,50 milioni all'ISZS,
tre al Rimed e tre allo
Zooprofilattico) per la
creazione di un impianto
di stabulazione per le ricerche applicate in campo veterinario, destinato,
con la ristrutturazione
di una vecchia porcilaia
nell'azienda Luparello,
ad essere una struttura
all'avanguardia in campo
europeo. L'80% delle
somme sono state gi
erogate. Come sono gestite queste somme? Beh,
se lo sono chiesti anche
alla Fondazione Rimed,

preoccupata che una cattiva gestione dell'Istituto


possa coinvolgere gli
altri due partners. Nel dicembre dell'anno scorso
la Rimed scrisse all'allora
assessore regionale Caltabellotta invitandola ad
accelerare l'attuazione
dell'opera, bandendo la
gara dentro il gennaio
successivo, "evitando
che o ritardi imputabili
all'Istituto Zootecnico
cagionino gravissimi
danni ai partners". Si
rimarca ancora come
anche il rappresentante
dell'Autorit di Gestione
del PON, dottor Cobis,
aveva evidenziato "il
modesto stato di avanzamento dl progetto di potenziamento dell'Istituto
Zootecnico, nonostante
l'inderogabilit dei termini previsti per la sua
attuazione (31 dicembre
2014) e sebbene l'Istituto
abbia gi beneficiato,
da oltre due anni, di
un'ingente erogazione".
In una recente denuncia
presentata in Procura, c'
chi afferma che parte di
questi soldi siano stati
distratti per fini diversi
dall'esecuzione del programma. Sar la Procura
ad accertare la verit di
questa affermazione. Ma
inquieta l'allegra gestione dell'Istituto, specie per
quanto riguarda le consulenze. Una in particolare
ha suscitato un vespaio
di polemiche. Con una
delibera del 21 febbraio
2014 il commissario ad
acta del tempo, Giuseppe
Cipriani, due volte sindaco di Corleone, incarica
il direttore dell'Istituto
Zootecnico, responsabile
unico del progetto ISPeMI, di affidare le attivit
di assistenza nella redazione dei contratti che sia
necessario stipulare per
la realizzazione dell'intervento finanziario
nonch l'assistenza giuridico-amministrativa ".
E il direttore, Antonio
Console, individua, secondo quanto egli stesso
dichiara al giornale "Il
Moderatore" , cinque
professionisti dell'Albo
di Palermo, che ritiene
abbiano i requisiti, ai
quali chiede preventivi.
La scelta ricade sull'avv.
Anna Maria Crosta, figlia di un ex superburocrate della Regione
finito agli onori della
cronaca tempo fa per
la pensione d'oro. " Ma
Console serafico: "Ha

i requisiti". Peraltro la
delibera, pubblicata poi
con i fini, l'ammontare
dell'onorario (30 mila
euro) e i riferimenti della
normativa fu pubblicata
prima dopo 4 mesi senza
indicare il nome del prescelto, poi dopo sei mesi,
anzich i dieci giorni
cui obbligano le leggi
in materia. Tutto questo
fece ipotizzare l'esistenza all'interno dell'Istituto
di un archivio parallelo
dove contabilizzare consulenze, esperti ed altri
ammennicoli. Ma non
dato saperne di pi. Si
sa per certo che un'altra
consulenza assegnata (70
mila euro) per la progettazione dell'impianto fu
ritenuta irregolare dagli
organi di vigilanza della
Regione, per cui l'Istituto dovette procedere al
recupero delle somme.
Sono segnali di una gestione che giustamente
allarma i partners del
progetto. Tra l'altro,
pare che sia stata irregolarmente disposta la
corresponsione di una
"indennit di risultato"
a favore del direttore
dell'Istituto e del personale dirigente, senza che
mai siano stati definiti gli
obiettivi per cui prenderla. Su Console, poi, sono
piovuti i sospetti di conflitto di interesse perch
il Direttore " titolare di
un centro ippico, denominato Chirone, a Partanna - Mondello, attivit
per la quale "intrattiene
rapporti commerciali con
ditte che riforniscono
l'istituto, circostanza
del tutto allarmante".
Anche all'ex commissario Cipriani si contesta
la regolarit delle 22
delibere approvate nei
sei mesi dell'incarico.
Ce n' d'avanzo perch
il governatore Crocetta,
che della legalit ha fatto
il suo scudo, proceda
per una operazione di
pulizia. E per la verit,
ci ha gi tentato quando,
prima di Cipriani, nomin commissario straordinario il gi presidente
degli agrotecnici e degli
agrotecnici laureati della
provincia di Siracusa,
lagrotecnico Giuseppe
Russo, il cui mandato termin nel gennaio 2014.
Ma sono stati sei mesi
in cui il gi funzionario
Aras ha dovuto lottare
contro i muri di gomma
dell'apparato che temporeggiava ogni volta che

doveva fornire documentazione di questo o


quell'altro. Diverso peso
avrebbe avuto la nomina
di Presidente. Ma su questa presidenza pare che
alcuni di Art. 4 si siano
messi di traverso. Conoscendone la professionalit, la competenza e
l'onest intellettuale dell'
ex commissario Russo
per le sue iniziative a
sostegno dell'agrozootecnia di sicilia. Fiducia
nel nuovo assessore
regionale agricoltura affinch recepisca quanto
messo in essere per il
rilancio del comparto
zootecnico di Sicilia con
l'aggregazione di ricerca
scientifica (Istituto Sperimentale Zootecnico
Sicilia) ed assistenza
tecnica lavoratori dell
Associazione Regionale
Allevatori Sicilia . Ma
sulla delicata e scottante
vicenda, abbiamo voluto
intervistare, Giuseppe
Russo, gi Commissario
straordinario dell'Istituto
Sperimentale Zootecnico Sicilia: Che cosa
proporrebbe al Presidente della Regione Sicilia
e al nuovo Assessore
Regionale Agricoltura
per rilanciare il comparto
zootecnico di Sicilia ?
Ho gi proposto la realizzazione di un nuovo
polo per la zootecnia che
si potrebbe concretizzare
intanto con l'applicazione delle delibere di
giunta di governo n. 4 e
17/2013 sostanzialmente
la creazione di nuovo
Istituto per la valorizzazione della zootecnia
e l'itticoltura di Sicilia.
Nello specifico riflesso,
l'art. 24 della lr. 10/1999

Sicilia 13

Il Palazzo d'Orleans, a Palermo, palazzo settecentesco,


sede della presidenza della Regione siciliana dal 1947.
prevede la soppressione,
incorporazione e riordino di enti ed aziende. Il
comma due prevede che
gli Assessori competenti
attivano le procedure
necessarie per il riordino,
anche mediante soppressione e/o fusione, tra gli
altri anche dell'Istituto
incremento ippico di Catania e dell'Istituto Sperimentale Zootecnico di
Sicilia. La deliberazione
della Giunta Regionale
n. 4 dell'8 gennaio 2013,
in applicazione dell'art
24 sopra richiamato,
prendendo atto della
proposta dell'Assessore
regionale per le risorse
agricole ed alimentari,
d mandato allo stesso
di attivare le procedure e
porre in essere i provvedimenti per l'attuazione
del disposto normativo
sopra richiamato con

riferimento all'Istituto
incremento ippico di
Catania e all'Istituto
sperimentale zootecnico
di Sicilia. Si propone
pertanto di riorganizzare
il sistema attraverso la
fusione dei due Istituti
che svolgono attivit
analoghe e/o complementari, per ottenere una
razionalizzazione degli
organi di indirizzo amministrativo, di gestione e
consultivi e la riduzione
del numero dei componenti degli organi collegiali, ma anche al fine
di ottimizzare le risorse
patrimoniali e umane
attualmente gestite dai
due istituti, spesso con
ripetizione di strutture o
di attivit e relativo spreco di risorse. Considerato
poi che dal 1 gennaio
l'Assessorato delle risorse agricole e alimentari,

in applicazione a quanto
disposto dall'art. 34 della
l.r. 9/2013, diventato
Assessorato regionale
dellagricoltura, dello
sviluppo rurale e della
pesca mediterranea, si
ritiene opportuno che il
nuovo istituto possa occuparsi anche del settore
pesca e quindi occuparsi
anche di acquacoltura,
piscicoltura, itticoltura,
sia per le specie marine
che di acqua dolce. Il
nuovo Istituto, e/o nuovo polo, svolgerebbe
la propria attivit per
la valorizzazione del
patrimonio agricolo
zootecnico regionale, e
per le attivit delle itticoltura, in tutte le filiere
zootecniche, ed ittiche,
e si occuperebbe della
produzione, riproduzione e salvaguardia delle
specie di maggior rilievo,
delle specie autoctone,
delle specie minori ma
anche della fauna selvatica; della promozione
e divulgazione delle
tecniche di allevamento, di riproduzione, di
coltivazione, di trasformazione e di commercializzazione. Dovr gestire
le aziende e le strutture
loro affidate, sia ai fini
di auto-approvvigionamento che per provvede
al mantenimento ed alla
realizzazione degli scopi
istituzionali; potr realizzare attivit di ippoterapia, onoterapia, ed
attivit inerenti la doma
e l'addestramento di
puledri, anche attraverso
l'eventuale organizzazione di maneggi, ippovie,
strutture recettizie, e

SPECIALE

quant'altro possa dare


impulso all'economia del
settore equestre. Potr
utilizzare le aree disponibili, nel rispetto delle
finalit istituzionali, anche attraverso la promozione e la realizzazione di
progetti relativi alle aree
mercatali e paesistiche;
per manifestazioni ed
eventi; per progetti di
sperimentazione agrarie,
di salvaguardia e valorizzazione della biodiversit animale e vegetale
siciliana; e progetti tesi
alla pubblica fruizione di
parchi e giardini zoologici. Potr organizzare e/o
gestire centri per la cura
e l'assistenza igienico
sanitaria degli animali.
Cosa proporrebbe per
rilanciare il comparto zootecnico all'Avv. Caleca
neo Assessore Regionale
Agricoltura? Proporrei
di attuare immediatamente un nuovo piano
di sviluppo zootecnia
della regione Sicilia con
l'immediata applicazione di un'altra delibera
di giunta regionale la
17 del 17.01.2013. Il
nuovo piano di sviluppo
per il settore zootecnico consentirebbe di
ottimizzare le risorse del
nuovo PSR 2014-2020
Dalla cronaca dei giorni
scorsi, si evince che lei
auspicava il passaggio
in convenzione dei
lavoratori dellAras all
Istituto Sperimentale
Zootecnico? Vero.
ancora oggi ne sono convinto e convinto assertore. Basterebbe applicare
quanto disposto con la
L.R.12/89, L.R.33/96,
tutto ci porterebbe ad
una riorganizzazione
dei servizi destinati agli
allevatori di Sicilia infatti con la creazione
di un nuovo polo per il
comparto zootecnico di
Sicilia di fatto si creerebbero tutte le condizioni
per aggregare ricerca
scientifica (ISZS) ed
assistenza tecnica con
i lavoratori (A.R.A.S)
anche questa positiva ed
intelligente e' supportato
da un impegno assunto in data 11.03.2014
su proposta dell' Ex
Assessore Cartabellotta, avanti al Presidente
della Regione Sicilia
On. Rosario Crocetta,
in considerazione del
paventato "default" dell'
Associazione Regionale
Allevatori Sicilia.
C.A.

Cultura 14

Biagio Poidimani:
scultore e pittore

di Arturo Messina

Encomiabile liniziativa presa dal presidente


della Galleria Roma,
prof. Corrado Brancato, che in questi giorni
sta esponendo alcune
opere dei cinque pi
insigni scultori della
provincia di Siracusa
(Salvo Monica, Giovanni Migliara, Biagio Poidimani, Enzo
Assenza e Giuseppe
Campanelli), per un
doveroso memorial,
come prima ha fatto con i quattro pi
noti pittori siracusani scomparsi (Pippo
Betta, Vittorio Lucca,
Giuseppe Puzzo e Armando Tantillo) mentre alla Galleria Civica
si voluto privilegiarne solo uno, suscitando, ovviamente, il disappunto dei parenti,
degli amici, dei conoscenti degli altri tre.
I primi tre scultori sunnominati, tra i tanti riconoscimenti, ricevettero anche il Premio
di Cultura e Socialit,
che fu loro conferito
nel salone di rappresentanza del palazzo
comunale, ovviamente
in edizioni diverse.
Vogliamo
ricordarli trascrivendone la
motivazione, che ricaviamo dal libro I
megghiu che usc nel
1997 a cura del Comune Di Salvo Monica, che fu anche un
ottimo poetica e pubblic diverse raccolte
di versi, fu premiato
alla VI edizione, nel
1986, si diceva: La
bont, la religiosit,
la socialit trasparse
lungo tutto larco duna lunga vita spesa al
servizio dellarte, della
famiglia, della scuola, della collettivitsempre col sorriso fra
le labbra e nel silenzio della sua intimit- hanno reso Salvo
Monica u megghiu
nel capo della pittura
e della scultura sacra
specialmente, dove ha
raggiunto livelli contenutistici ed espressivi
raramente
raggiunti
da altri e confermati da vasti e innumeri
consensi che ne hanno
sottolineato la tecnica
e lumanit.
Ad esse ha fatto riscontro una valida e

14 novembre 2014, venerd

Sicilia 14 NOVEMBRE 2014, VENERD

Tra i cinque esimi scultori, di cui la Galleria Roma sta esponendo alcune opere,
ce n uno di cui ci ha parlato una sua compaesana: la prof.ssa Iemmolo
nutrita produzione lirica, racchiusa in apprezzatissime raccolte,
come Leco dellanima, La luce intravista. Se non bruci
non splendi
Giovanni
Migliara

material che si sublima,/grazie a suprema


forma e si rischiara.//
Maestro innumerevol schiera/ che con
la tua virt sinquadra
e lima; giusta,, per te,
riconoscenza arride!

gio: questo mito/ dirriducibile amor, che


i siracusani/ han posto nel pi fascinoso
sito!...//Nella plumbea
materia lhai fissato:/
rivive Alfeo, che unisti
ad Aretusa/ come nel

bene da una sua compaesana: la collega rosolinese prof.ssa Ignazia Iemmolo Portelli,
che abbiamo avuto il
piacere di rincontrare
dopo molti anni, come
gi il quotidiano Li-

Encomiabile liniziativa presa dal


presidente della
Galleria Roma,
prof. Corrado
Brancato, che in
questi giorni sta
esponendo alcune
opere dei cinque
pi insigni scultori della provincia
di Siracusa

In alto, Lo scultore Biagio Poidimani;


A fianco, Lo scultore Giovanni Migliara;
Sopra, Lo scultore Salvo Monica.
venne premiato il 19
ottobre del 1991 con
questa
motivazione
sonettata: Se pur
oggi Modigliani/lascia
il critico o il semplice
amatore/ per sculture
invenute in pi occasioni/ attribuite a lui da
intenditore/ ma opera
di inesperti burloni/
che sfruttano loriginal
valore,/ la tua vera
arte! Chi fa obiezione?/ E tra i siracusani
sei il migliore,/ tu, o
Migliara, per lo spirto
che incide/ laccidens

Biagio Poidimani fu Il
terzo insigne scultore
premiato lanno successivo, nella XIII edizione, il 15 ottobre del
1992 addirittura con
questa sonettessa,
che lo defin scultore
mitico-sociale: Rivive nel tuo bronzo,
o Poidimani,/ Prometeo a ricordare che la
vita/ vale sol quando
si spende per il bene/
dellumanit ed acquisita/ se pur essa si
perde. Un nuovo emani/ ed attual messag-

fonte da Ovidio decantato,/ ch con arte immortale lo scolpisti/


Lammireranno- giungendo a Siracusa-/ e si
ameranno di pi anche
i turisti!// Tra i suoi artisti/ qual figlio eletto
lodevol segnalarti/ e
ai cittadini tutti additarti!..../ Le belle arti/ che apertamente il
dica si permetta!-/ sol
grazie a te ha raggiunto simil vetta!
Di lui abbiamo avuto
recentemente il piacere di sentir dire un gran

bert- sempre sensibile agli eventi culturali


siracusani importanti
che si registrano nel
nostro territorio- ha recentemente pubblicato
nella pagina culturale in occasione della
festa di San Martino,
che lAssociazione dei
Rosolinesi, presieduta
da Corrado Di Stefano ha celebrato in un
ristorante di Siracusa,
dove lei ha parlato del
connubio che esiste tra
tradizione e poesia.
Un grande uomo,

un grande artista, un
grande personaggioha cominciato lei a
dire- ma soprattutto potrei aggiungere
un dolcissimo uomo,
amico fraterno di tutti. Io lho conosciuto
personalmente sin da
quando ero bambina:
abitava in via Roma.
Da grande, gli dedicai
una poesia, tra cui dicevo che era un orgoglio per via Roma e per
Rosolini tutta lessere
egli del nostro paese
e labitare proprio in
quella via. Ricordo che
egli in risposta, per ringraziarmi, mi scrisse
una lettera e mi invit
ad andare a trovarlo a
casa sua, dove mi regal un bellissimo suo
quadro di pittura: un
acquerello fatto negli
ultimi anni della sua
vita.
Io mi sono impegnata
personalmente affinch il suo monumento,
dopo tanti anni, venisse posto nella piazza
dei caduti. Infatti lunivo dolore che egli
aveva era quello che
una cos importante
sua opera fosse stata
relegata per tanti anni
nei sotterranei. Assieme alla grande soddisfazione di aver visto
finalmente realizzato
il suo sogno cera un
suo grande dolore: sapeva che la sua fine era
molto imminente: infatti egli mor tre mesi
dopo!
-Le vacanze le trascorreva a Rosolini?
Almeno una buona
parte, visto che pur girando per tutto il mondo, amava tantissimo il
suo paese!
-Oltre che scultore, era
anche pittore?
S, gli piaceva tanto
anche dipingere, se ti
ho detto che mi regal un suo acquerello!
Anche sua sorella Giovanna, abitante da tanti
anni a Siracusa, nei
pressi del Corso Gelone, stata unottima
pittrice di paesaggi.
Voi a Siracusa, del nostro insigne compaesano, avete diverse altre
opere, oltre al Prometeo e lAlfeo e Aretusea, come il crocefisso che nella cripta
del Crocefisso e come
quelle che ha donato
allarivescovado.

Risultati negativi, penalit, reclami, multe e squalifiche

Sul Siracusa di tutto e di pi


e ora c da stringere i denti

Alla sconfitta in Coppa e alle squalifiche di Carpinteri


e di Pettinato c da aggiungere la mancata omologazione della partita col Vittoria per reclamo degli iblei

Il Siracusa stecca
landata dei quarti
di Coppa Italia a
Giarre e incassa
la seconda sconfitta
stagionale.
Due reti, una per
tempo, che hanno
messo al tappeto gli azzurri che
ora sono chiamati ad un non facile recupero nella
partita di ritorno.
Grave peccato di
presunzione che
pu avere anche
ripercussioni
in
campionato, soprattutto per il
reparto difensivo
che in due incontri ha rimediato
ben quattro reti al
passivo.
Ed
alquanto
strano che
un
reparto che fino
a sabato scorso
aveva dato ampie
garanzie, risultando la difesa meno
battuta dei due gironi di eccellenza,
sia diventata nel

giro di soli quattro giorni una sorta di colabrodo.


E se domenica a
Vittoria cera la
grossa attenuante
dellassenza
di Fabio Arena,
a Giarre neanche
questa. Ad aggravare la situazione la scena muta
degli attaccanti,
imbrigliati dalla
difesa giarrese e
messi in condizione di non nuocere.
Laugurio ora
quello che sia il
risultato di Vittoria
che quello di Giarre non
siano segnali di
un malessere che
larrivo della matricola Castelbuonese,
specializzata com in
imprese esterne,
possa
mettere
impietosamente
a nudo. Resta comunque la sensazione di qual-

che scricchiolio
di troppo nella
navicella azzurra che Anastasi
far bene ad eliminare prima che
sia troppo tardi,
anche perch, se
prima era un solo
reparto, il centrocampo, a lasciare
fortemente a desiderare,
nonostante la presenza
del valore aggiunto Mascara, dalla
partita di Vittoria
in poi le lacune si sono estese
anche alla difesa,
lambendo a Giarre anche lattacco.
Il comun denominatore dei due
ultimi risultati
comunque il mal
di trasferta che il
tecnico far bene
a curare come meglio pu se non
vuole che i difetti
affiorati lontano
dal De Simone si
riflettano
anche
sulle partite casa-

linghe. Il momento poco propizio


per legato ad un
problema di fondo che non pu
essere pi ignorato senza rischiare
un clamoroso harakiri : al Siracusa
manca il motore
del centrocampo.
O si sopperisce
con la riapertura delle liste in
gennaio a questa
macroscopica lacuna,
inspiegabilmente
sottovalutata in sede
di impostazione
della
squadra,
oppure bisogner
rassegnarsi ai non
sempre
appropriati rammendi
che Anastasi sta
proponendo
sin
dalla partita iniziale con lo Scordia, con risultati a
dir poco modesti.
Purtroppo le cattive notizie sono
come le ciliegie
nel senso che luna tira laltra. E
nella giornata di
mercoled di notizie non buone
ne sono arrivate parecchie, se
vero che alla
sconfitta di Giarre
si sono aggiunte le squalifiche
di Carpinteri
e
quella ancora pi
pesante di Pettinato e la mancata omologazione
della partita di
Vittoria per il re-

SPORT SIRACUSA

In foto, mister Anastasi

clamo preannunciato dagli iblei


che ha tutta laria
di una ripicca per
quello formulato dal Siracusa in
occasione
della
partita di andata
di Coppa Italia.
Tanto per gradire
ci sarebbe infine
anche una multa di cento euro

appioppata
alla
societ per la reazione dei tifosi
alla provocazione di uno stewart
vittoriese. Ma per
oggi incrociamo
le dita e fermiamoci qui, perch
c a tutto un limite. E quando
troppo troppo!
Armando Galea

Pallanuoto, al via il campionato maschile di A2.


Ortigia in casa Sette Scogli a Roma

Basket, mister Bordiere


analizza il match
di S. Filippo del Mela

Un successo con pi ombre che luci quello


di San Filippo del Mela. I 95 punti subiti
dal Peppino Cocuzza sono un dato che deve
far riflettere in vista delle prossime gare.
E stata una buona prova per due quarti
spiega Luigi Bordieri con una buona
circolazione di palla e intensit in difesa.
Non posso essere soddisfatto di quello che
ho visto in seguito, con un atteggiamento
mentale da censurare, che ha permesso la
loro rimonta e che ha rischiato di vanificare
quanto avevamo costruito".
Una vittoria giunta negli ultimi minuti, grazie anche alle ottime prove sotto canestro
di Bonaiuto e Casiraghi, autori rispettivamente di 26 e 23 punti. "Devo ammettereprosegue Bordieri- che grazie a Bonaiuto e
Casiraghi, con le loro percentuali, alle fine

Sicilia 15

In foto, mister Bordieri

siamo riusciti a portare a casa i due punti.


Adesso dovr lavorare anche sotto laspetto
psicologico per capire cosa sia successo e i
motivi di questi atteggiamenti. Ci aspetta
una partita difficile con Acireale, avversario da prendere con le pinze. Ma dobbiamo
dare continuit al buon momento almeno
dal punto di vista dei risultati.

Tutto pronto il 15 novembre inizia il nuovo campionato di serie


A2 maschile, tre settimane prima
rispetto al precedente, che scatt il
7 dicembre. La stagione regolare
finir con una settimana di anticipo,
il 16 maggio anzich il 24. Playoff e
playout si concluderanno entro il 6
giugno. Il girone sud , che coinvolger in misura maggiore la pallanuoto di casa nostra con ben cinque
formazioni e composto da: Ortigia
Siracusa, Nuoto Catania, Roma
Nuoto,Sette Scogli, Telimar , Arechi,
Promogest Cagliari, Palermo, Latina ,Civitavecchia e Muri Antichi.
La prima giornata di campionato
sar in casa per Ortigia Siracusa
contro lArechi e, debutto esterno
in terra laziale per la 7 Scogli contro la Roma nuoto.
Salvatore Cavallaro

Sicilia

SPORT PAGINA 16 14 novembre 2014, venerd

Notte fonda
per il Siracusa
che ha subito
due reti sul finire
dei rispettivi
tempi nello stadio
"deserto"

Calcio, il punto dellandata di Coppa Italia


nei principali campionati regionali
Coppa Italia in
chiaro scuro per le
formazioni aretuse. In Eccellenza
successi che pesano per il Milazzo,
vittorioso per 2-1
a PaternIl, e per il
Giarre, che a sorpresa ha superato
con un netto 2-0 il
quotato Siracusa.
Mamertini e gialloblu sono adesso
favoriti in ottica
semifinale anche
se il discorso qualificazione
non
pu considerarsi
ancora archiviato.
Nellaltra
met
di tabellone netta
affermazione del
Marsala, capace
di realizzare addirittura sei reti sul
campo del Mussumeli, e pari con
gol tra Parmonval
e Kamarat.
In
promozione,
il Palazzolo esce
imbattuto
dal
confronto esterno
contro l'Atletico
Catania, valevole
per la Coppa Italia di promozione.
Non stata una
gara esaltante, ma

Il Giarre vince contro il Siracusa.


Il Palazzolo esce indenne da Catania

lo 0 a 0 premia
maggiormente
i
gialloverdi
palazzolesi in vista
della gara di ritorno tra 15 giorni.
Fra i migliori in
campo il portiere del Palazzolo
Aglian bravo a
neutralizzare tre
occasioni per gli
etnei con Randis,
Minutola e Reitano. Il Palazzolo ha
avuto una buona
occasione per fare
il colpaccio ad ini-

zio del secondo


tempo, ma Sirugo
stato impreciso nella battuta a
rete. Sono cinque
le messinesi ancora in corso negli
ottavi.
L a f f e r m a z i o n e
pi rotonda quella
della Libertas con
lo Sciacca (5-0).
Successi di misura
invece per Borgata
Torrenove e Cus
Palermo. Tris per
lo Sporting Taormina, che confer-

ma quindi anche
in Coppa Italia il
momento
doro
gi certificato dal
secondo posto in
campionato,
ad
appena una lunghezza dal Trecastagni, che non ha
per avuto scampo
al Bacigalupo.
Con identico punteggio il Rocca
di Caprileone si
imposto sul campo de LIniziativa
di San Piero Patti
mentre la Joni-

Quadro complessivo
dellandata di Coppa Italia
Andata dei quarti di finale
di Eccellenza
Giarre-Siracusa 2-0
Mussomeli-Marsala 2-6
Parmonval-Kamarat 2-2
Patern-Milazzo 1-2

Andata degli ottavi di finale


di Promozione:
Libertas-Sciacca 5-0
Terrenove-Citt di Carini 2-1
Cus Palermo-Real Calcio 1-0
Liniziativa-Caprileone 0-3
FC Spadaf.-Jonica F.C. 1-2
Taormina-Trecastagni 3-0
Santa Croce-Atletico Gela 1-1

Atl. Catania-Palazzolo. 0-0

ca FC ha battuto
la Spadaforese e
potr adesso affrontare il ritorno
con il vantaggio
di una rete ed il
fattore
campo.
Sono infine terminate in parit
la sfide tra Santa
Croce ed Atletico
Gela.
Palazzolo
esce imbattuto dal
confronto esterno
contro l'Atletico
Catania. Non
stata una gara esaltante, ma lo 0 a 0
premia maggiormente i gialloverdi palazzolesi in
vista della gara di
ritorno tra 15 giorni. Fra i migliori
in campo il portiere del Palazzolo
Aglian bravo a
neutralizzare tre
occasioni per gli
etnei con Randis,
Minutola e Reitano. Il Palazzolo ha
avuto una buona
occasione per fare
il colpaccio ad inizio del secondo
tempo, ma Sirugo
stato impreciso
nella battuta a rete.
Salvatore Cavallaro

Controllo
antidoping
alla 5 Maratonina
Citt
di Archimede
Dopo i diversi
controlli antidoping dellultimo
periodo, a livello
nazionale e provinciale sul territorio siciliano,
sempre nella provincia siracusana,
questa volta i
NAS si sono
presentati, a sorpresa, alla quinta edizione della
Maratonina Citt
dArchimede. Il
controllo stato
effettuato esclusivamente sui primi quattro atleti,
uomini, a tagliare il traguardo,
in ordine: Corrado Mortillaro
(Atl. Palzola) in
1h1257,
Vito
Massimo Catania (Atl. Regalbuto)
1h1459,
Franco Carpinteri
(Trinacria
Sport) 1h1544
e Riccardo Alvano (Marathon
Athletic Avola)
1h1552.
A
tagliare
il
traguardo,
al
femminile,
Sebastiana
Bono
(Podistica Messina) che ha chiuso
in 1h3130, Rosalba Rav Pinto
(Atl.
Nebrodi)
in 1h3227 ed
Elena Terraciano (Archimede
SR) in 1h3302.
Quarta Irene Susino (ASD Sport
Nuovi Eventi Sicilia). All'indomani dell'evento
sportivo, polemi
del CdQ d'Ortigia per le tante
lamentele dei residenti per la difficolt nella viabilit nella zona
sud di Siracusa,
in particolare, nel
Centro Storico di
Ortigia.