Sei sulla pagina 1di 9

Citt

Politica

Riapre uno storico


supermercato
di corso Umberto

Quante ombre
nelle bollete
del servizio idrico
A pagina cinque

Quotidiano della Provincia di Siracusa

A pagina due

Sicilia

mail: libertasicilia@gmail.com
Fondatore Giuseppe Bianca nel 1987
mercoled 3 dicembre 2014 Anno XXVII N. 279 Direzione, Amministrazione e Redazione: via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 FAX 0931 60.006 Pubblicit: Poligrafica S.r.l. via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 Fax 0931 60.006 0,50
www.libertasicilia.it

Citt. Consegnati ieri mattina i lavori allimpresa aggiudicataria dellappalto Serrate le indagini sul caso

Addio al ponte
dei Calafatari

La Capitaneria di porto ha interdetto lintera area


Sono

STORIA

stati consegnati
ieri mattina i lavori per la
demoliziine del ponte dei
Calafatari che collegava
Ortigia alla terraferma.
Lufficio tecnjco comunale ha disposto laffidamento dellopera che sar
realizzata a partire dalel
prossime ore. Proprio in
previsione di tale evento,
la Capitaneria di Porto ha
pubblicato sul sito istituzionale lOrdinanza numero 175/2014.

Verzotto
Siracusa
la mafia...
I

di Concetto Alota

l 26 ottobre 1962 Graziano Verzotto, stretto collaboratore del presidente


dellEni Enrico Mattei, sal
sul Saulnier 706 di fabbricazione francese. Verzotto,
Mattei e il pilota, Irnerio
Bertuzzi, volarono da Gela
a Catania. Il giorno dopo
Mattei ripart per Milano,
ma a Bascap in provincia
di Pavia laereo precipit.
Incidente, sabotaggio, una
bomba a bordo? Tante le
ipotesi disse a caldo Graziano Verzotto -, ma nessuna certezza. La supposizione pi diffusa attribuiva
la morte a un attentato orA pagina sei

A pagina tre

OSSERVATORIO

Siracusa
ancora
in basso

i Salvatore Maiorca

CRONACA

Blandino
Io contro
Carrubba
I

non va oltre
lottantatreesimo posto.

l collaboratore di Giustizia Fabrizio Blandino si


sottoposto ieri mattina al
contro esame.

A pagina dodici

A pagina sette

S iracusa

Le altre ipotesi
sullomicidio
dei Elvira Leone

CRONACA

Gioco dazzardo
Un fenomeno
dilagante in citt

Cresce la consapevolezza
della necessit di chiedere
aiuto contro il gioco dazzardo patologico. Sono
nellanno in corso ben 127
persone si sono rivolte
allambulatorio.

urante il nostro viaggio alla ricerca della verit sullomicidio della professoressa Elvira Leone, ex insegnante di geografia astronomica dellIstituto Nautico, rinvenuta morta nel
suo appartamento al sesto piano del palazzo di piazza della
Repubblica nel centro di Siracusa il 3 aprile di questanno.

A pagina due

A pagina quattro

Al Citt di Siracusa arriva


lattaccante Luca Strano
Il Siracusa ha ingaggiato lattaccante ex
Citt di Vittoria, Luca
Strano. 31 anni, Strano arriva in casacca
azzurra per sostituire
Panatteri.
A pagina sedici

Cronaca di Siracusa 2
CITT

Scelto
lo stemma
araldico
di Cassibile

Sicilia 3 dicembre 2014, mercoled

Una

colomba, su campo azzurro, che tiene


nel becco un ramoscello dulivo. Nella sezione
sottostante tre colline sormontate da altrettante
stelle. Sotto, un nastro che tiene due ramoscelli dulivo. E questo il nuovo stemma araldico
della circoscrizione Cassibile. Lo ha deliberato
il Consiglio di quartiere, scegliendolo tra cinque bozzetti, raffiguranti le tradizioni storiche,
sociali e culturali del nostro territorio, accompa-

3 dicembre 2014, mercoled

gnate da dettagliate relazioni descrittive e


raffigurative. Il vincitore del concorso
Angelo Rullini di Cassibile a cui sar consegnato un attestato come previsto nel regolamento del concorso. Intanto, gioved
prossimo si torna discutere di autonomia.
Il consiglio di circoscrizione Cassibile,
infatti, stato convocato per le ore 18 con
allordine del giorno lunico argomento.

stato sottoscritto
da Filcams CGIL, Fisascat CISL, Uiltucs
UIL e Cds gruppo
Romano di Caltanissetta, laccordo sulla
cessione del ramo dazienda ex Aligrup sito
in Corso Umberto a
Siracusa.
Laccordo
prevede
da parte di CDS spa
che aprir a breve un
supermercato a mar-

chio DItaly, il riconoscimento del diritto


di precedenza nelle
assunzioni ai 12 lavoratori gi licenziati da
Aligrup dopo il periodo trascorso in cassa
integrazione ed il successivo licenziamento
con messa in mobilit.
Il format del nuovo
supermercato, la prolungata chiusura che
ha comportato di fatto

la perdita dellavviamento, non consentir


almeno nella fase di
avvio la piena occupazione dei lavoratori licenziati, CDS si resa
infatti disponibile ad
assumere con contratto part time almeno 8
lavoratori che potranno cos ritornare a lavorare nel loro punto
vendita, auspicando
che la riapertura dello

storico punto vendita


di Corso Umberto possa nel pi breve tempo
possibile ridare loccupazione a tutti i 12
lavoratori in mobilit
Con questa apertura
e la rioccupazione parziale dei lavoratori ex
Aligrup dice Stefano
Gugliotta si rid ossigeno in termini occupazionali alla nostra
martoriata provincia;

equipe specialistica multidisciplinare


che svolge attivit di diagnosi, trattamento delle dipendenze da gioco
dazzardo e prevenzione.
Laccesso allambulatorio diretto e
gratuito tramite contatto telefonico al
numero verde 800848042, attivo tutti
i giorni feriali dalle 8,30 alle 13,30,
oppure contattando i numeri telefonici dei Sert di competenza territoriale
con garanzia dellanonimato e della
privacy.
Dal mese di luglio di questanno
sottolinea Roberto Cafiso nellambito dei progetti di prevenzione primaria
e secondaria, abbiamo avviato unattivit in strada con camper. Obiettivo

Nelle prossime
ore sar allestito
il cantiere
da parte della
ditta Petrarca

Qui sopra, il supermercato di corso Umberto.

la vicenda Aligrup
stato un duro colpo
per loccupazione, il
riassorbimento totale
dei lavoratori del punto vendita del centro
commerciale I Papiri
da parte del gruppo
Cambria, come lavvento oggi di CDS per
il punto vendita di corso Umberto, ci fa ben
sperare che a breve
anche i restanti lavo-

Gioco dazzardo
1334 persone chiedono
aiuto al Sert di Siracusa
la consapevolezza della
necessit di chiedere aiuto contro
il gioco dazzardo patologico. Sono
nellanno in corso ben 127 persone
si sono rivolte allambulatorio dedicato, istituito nel 2009 nel Dipartimento delle Dipendenze patologiche dellAsp di Siracusa coordinato
da Roberto Cafiso. Attraverso le
attivit di prevenzione dallinizio
dellanno ad oggi sono state raggiunte 1334 persone.
LAmbulatorio per il gioco dazzardo patologico attivo a livello
territoriale e distrettuale in tutti i
Sert della provincia con il Sert di
Siracusa capofila. Si avvale di una

Centro diurno e dellufficio Servizi sociali di via Nenni, il riordino


e la sistemazione degli spazi esterni alle strutture destinate a verde.
Saranno impiegati 10 lavoratori per 3 mesi. Il secondo cantiere, per
un costo di 31 mila 475 euro, prevede il diserbo degli argini stradali, la rimozione del materiale ingombrante ed inerte, lo spazzamento
straordinario del centro urbano e della frazione di Marzamemi, la
sistemazione dei marciapiedi e delle strade. Anche in questo caso saranno impiegati 10 lavoratori per 3 mesi. Il terzo cantiere finanziato
dalla Regione, per un costo di 31 mila 75 euro, prevede un intervento
nel cimitero comunale: diserbo, pulizia e interventi di manutenzione.

Si demolisce il ponte
dei Calafatari

cresce purtroppo il fenomeno in provincia

Cresce

rrivati i decreti dalla Regione per listituzione i 4 cantieri di servizio destinati a diversi interventi che verranno svolti nelle strutture comunali. Lassessorato regionale della Famiglia, delle Politiche sociali e del Lavoro ha stanziato 213 mila euro per lattivazione. Il primo cantiere coster 29 mila 748
euro e riguarda lavori di lavanderia, stireria, pulizia degli ambienti e della
cucina dei due asili nido comunali di via Catania e via Mazzini, di pulizia del

Cronaca di Siracusa

CITTA. la capitaneria di porto ha interdetto lintera area

accordo sindacale con la Cds Romano

Riapre a breve
lo storico
supermercato
di corso Umberto

Attivati quattro cantieri


di lavoro a Pachino

Sicilia 3

dellattivit, nellottica di andare verso le persone piuttosto che aspettare


che esse si rivolgano al Servizio,
quello di incontrare ed eventualmente
agganciare la persona con comportamento di gioco problematico nellambiente che solitamente frequenta.
In questa prima fase come location
dellintervento sono stati scelti i mercati rionali di Siracusa. Attraverso il
camper viene distribuito materiale
informativo ed a cura degli operatori
vengono offerti sul campo interventi
di informazione e sensibilizzazione
sui rischi legati al gioco dazzardo, di
consulenza e di supporto a chi ne fa
richiesta

ratori possano trovare


la piena occupazione.
Resta ancora insoluta la vertenza che riguarda i 4 lavoratori
del punto vendita di
Francofonte ancora in
mobilit, come la vertenza che riguarda i
24 lavoratori che non
hanno avuto la proroga del contratto da
parte di ANDA srl che
rilev il p.v. del Giardino di Avola; ad oggi
3 lavoratori hanno ottenuto dal giudice del
lavoro la reintegra ai
sensi dellart.18 dello
statuto dei lavoratori ,
i restanti lavoratori licenziati sono in attesa
della determinazione
del Giudice cui stata
rimessa la decisione
stante lintransigenza
di ANDA srl a trovare una soluzione pi
volte richiesta dalle organizzazioni sindacali
anche innanzi al Prefetto di Siracusa.
Insomma, ci sono delle
schiarite sulle vicende
legate ai lavoratori
Aligrup che due anni
fa ha riguardato centinaia di lavoratori in
tutta la Sicilia. Peraltro, riapre uno storico
supermercato che da
due anni aveva chiuso i battenti nel rione
Umbertino.
R.L.

Sono stati consegnati

ieri
mattina i lavori per la demolizione del ponte dei
Calafatari che collegava
Ortigia alla terraferma.
Lufficio tecnico comunale ha disposto laffidamento dellopera che sar
realizzata a partire dalle
prossime ore. Proprio in
previsione di tale evento,
la Capitaneria di Porto ha
pubblicato sul sito istituzionale lOrdinanza numero 175/2014 con la quale,
prendendo atto della comunicazione da parte dellUfficio Tecnico dellAmministrazione comunale di
Siracusa, inerente linizio
delle operazioni di demolizione del ponte denominato dei Calafatari , ritenuto opportuno e necessario
regolamentare luso dellarea demaniale marittima ri-

In foto, il ponte dei Calafatari.

chiesta per lesecuzione dei


lavori con decorrenza immediata e fino alla fine dei
lavori di demolizione del
ponte denominato dei Calafatari, le aree demaniali
marittime adiacenti, meglio identificate dallallegata planimetria che fa parte integrante della presente
Ordinanza, sono interdette
al transito, alla sosta ed alla
fermata di pedoni e veicoli
estranei allesecuzione dei
citati lavori.
I lavori di demolizione del

ponte dei Calafatari stato


aggiudicato, come si ricorder, all'impresa Salvatore Petrarca di Comiso
che dovr anche occuparsi
della successiva bonifica
dell'area di Ortigia dove si
trova la struttura in cemento e ferro chiusa al passaggio dei mezzi dalla fine di
luglio dopo l'ordinanza del
sindaco scattata per le precarie condizioni del collegamento.
L'impresa Petrarca ha
avuto affidato l'appalto per

142 mila euro, applicando


un ribasso del 48,86% , al
termine dell'apertura delle
buste avvenuta nel mese di
ottobre.
I lavori inizieranno praticamente a partire da oggi
e termineranno nel giro di
pochi giorni, il tempo materiale di attrezzare il cantiere
e di procedere alla demolizione pezzo per pezzo della
struttura che per decenni ha
costituito lalternativa allo
storico ponte Umbertino.
Non sar sostituito.

dopo il beneplacito della camera lemendamento passa al senato

Sisma 90: plauso dei commercialisti


D

opo il parere favorevole del Garante del Contribuente Sicilia e la


richiesta di intervento allAgenzia
Regionale delle Entrate presentati
dallAssociazione Nazionale Commercialisti in materia di Sisma 90
e, a seguire, lincontro avvenuto la
scorsa settimana dei presidenti delle associazioni territoriali aderenti
ANC di Ragusa e Siracusa, Antonietta Laterra e Salvo Geraci, con il
direttore della Direzione Regionale

delle Entrate Antonino Gentile, oggi


arriva lapprovazione allemendamento che d il via libera ai rimborsi
delle imposte pagate nel triennio 9092 dai contribuenti delle provincie di
Catania Ragusa e Siracusa colpite dal
terremoto del 13 e 16 dicembre 1990.
Lemendamento approvato alla Legge di Stabilit, sana una vicenda che
dura da 24 anni, riconoscendo il rimborso ai cittadini delle tre province
interessate che ne hanno presentato

istanza entro il primo marzo 2010.


Nella vicenda il merito dellAssociazione Nazionale Commercialisti, ed
in particolare quello dei presidenti di
Ragusa e Siracusa, Antonietta Laterra e Salvo Geraci, stato quello di
aver tenuto sempre vivo linteresse
verso il problema che talvolta sembrava sopirsi, alimentando il dibattito
in tutte le sedi di competenza, sempre
ed esclusivamente nellinteresse del
cittadino-contribuente.

Fondi Pac
Allarme
di Anci
Sicilia:
A rischio
Se

le parole hanno un
senso, bisogna che una volta
per tutte si dica la verit sui
fondi Pac, il Piano di azione
e coesione, che il Governo
nazionale sta rubando ai
servizi agli anziani, minori
e infanzia del Mezzogiorno
per coprire i 3,5 miliardi
necessari ai promessi sgravi
contributivi per assunzioni a
tempo indeterminato. Cos
il Vice Presidente di AnciSicilia, Paolo Amenta, con
delega alle Politiche sociali
e di sviluppo, Sindaco di
Canicattini Bagni, che gi
la settimana scorsa aveva
lanciato lallarme sulla scelta
del Governo, con la Legge di
Stabilit, di stornare questi
fondi (600 milioni di euro
sono destinati alla Sicilia)
che lallora ministro per la
Coesione, Fabrizio Barca,
aveva riprogrammato e
stanziato per le Regioni del
Mezzogiorno, per la riqualificazione dei centri storici,
per gli impianti sportivi,
per gli interventi nel sociale
(anziani, minori e infanzia) e
per agevolazioni in favore di
chi investe nel Sud. Lallarme lanciato da AnciSicilia,
a quanto pare, rimasto nel
vuoto, anche con il recente
Ordine del Giorno.

Cronaca di Siracusa 4

Sicilia 3 dicembre 2014, mercoled

CRONACA. carabinieri stringono il cerchio sullomicidio

Altre ipotesi sullefferato


delitto di Elvira Leone
Si affaccia il movente passionale insieme con lintruso
conosciuto dalla vittima, ingolosito dalle ricchezze

urante il nostro viaggio alla ricerca della verit


sullomicidio della professoressa Elvira Leone,
ex insegnante di geografia
astronomica
dellIstituto
Nautico, rinvenuta morta nel suo appartamento al
sesto piano del palazzo di
piazza della Repubblica nel
centro di Siracusa il 3 aprile
di questanno, spuntano altre ipotesi.
Quella da escludere certamente il coinvolgimento di
un parente prossimo, almeno tra quelli gi individuati
e ascoltati dagli inquirenti
nella prima fase delle indagini, che si sono soffermati
a lungo proprio sul profilo
dei parenti, almeno fin qui
arrivati, e tendono ad escludere ogni coinvolgimento,
non solo per le modalit del
delitto che da considerare
efferato, violento, brutale,
con tanta ferocia e limpiego di una forza rabbiosa
con cui gli aguzzini si sono
accaniti sullanziana donna, e che danno una lettura
alquanto classica che trova
conferma in un qualsiasi
manuale di criminologia di
primo livello; ma soprattutto la condizione economica
in cui si trovano nella generalit dei casi, anche se non
sono mancate le avversit,
i rimbrotti e i risentimenti,
per tutti quei soldi spesi in
acquisti continui dettati dal-

In foto, Elvira Leone.


la passione della donna verso i mobili antichi, classici
e di valore, insiemi a sopramobili particolare di pregio
e di cui la casa era piena
zeppa; fatto che potevano sapere in tanti, come in
tanti hanno potuto avere la
possibilit di rendersi conto
del valore inestimabile di
argenteria, quadri e oggetti dogni genere e natura e
tutti di valore che si trovavano in bella vista per tutta l'appartamento, e in una
casa di gente benestante,
come la vittima, ci sar di
certo una cassaforte e tanto

denaro dentro, o preziosi in


oro e tanti altri beni di valore. Ed ecco che il sipario
si riapre a ventaglio e obbligatoriamente verso altre
ipotesi e direzioni. La passione per i mobili antichi e
di valore pu aver portato
commercianti o restauratori dentro la casa di Elvira
Leone, magari dei lavoranti
per la lucidatura, la riparazione o la consegna, oppure
dei tecnici per le necessarie
riparazioni periodiche di
elettrodomestici, caldaie a
gas, scaldaacqua, impianti
elettrici, idraulici, murato-

ri e pittori; ma questo pu
essere appurato attraverso i
riscontri oggettivi su fatture
e o ricevute di pagamento,
come anche con il riflesso
comparato di telefonate e
lavori eseguiti. Tutte cose
che gli inquirenti hanno
gi ampiamento dispiegato.
Una storia di cronaca nera,
classica, che si ripetuto
nel tempo e di cui sui media la notizia si tante volte
incontrata. Laltra ipotesi
da inserire nello schema
il delitto passionale, magari
a senso unico, da parte di
chi, amico o conoscente,

LA PRIMA VOLTA DI UN GIORNALISTA PROFESSIONALE SIRACUSANO

Di Parenti delegato al congresso della Fnsi


Per la prima volta un giornalista

professionale siracusano stato eletto delegato al congresso della Federazione nazionale della stampa, che
si terr a Chianciano dal 27 al 30
gennaio 2015. Si tratta del collega
Francesco Di Parenti, addetto stampa del comune di Siracusa, presidente del Gruppo uffici stampa Sicilia,
consigliere regionale e componente
della giunta esecutiva dell'Associazione siciliana della stampa.
Di Parenti stato eletto nella lista
del vice segretario nazionale Luigi Ronsisvalle, Giornalisti uniti e
autonomi professionali Catania,
che ha espresso altri due delegati:
lo stesso Ronsisvalle e il segretario
regionale, Alberto Cicero.
Le elezioni dei 13 delegati siciliani

al congresso si sono svolte sabato e


domenica scorsi. I professionali hanno eletto, inoltre, tre delegati della
lista Giornalisti uniti e autonomi
professionali Palermo e due della
lista Professionali liberi e indipendenti siciliani, composta da giorna-

listi di Messina. Gli altri 5 delegati


eletti sono giornalisti collaboratori:
due della lista Giornalisti uniti e
autonomi collaboratori Palermo;
due delle lista Giornalisti uniti e
autonomi collaboratori Catania;
uno della lista Collaboratori liberi
e indipendenti siciliani.
La sezione di Siracusa dell'Assostampa esprime soddisfazione per
l'elezione del collega Di Parenti,
avvenuta nell'ambito di quell'accordo, raggiunto dalla maggioranza
del sindacato dei giornalisti, che da
quattro anni si sta impegnando per
salvaguardare la dignit di una categoria fondamentale per la tenuta
della democrazia, le cui prerogative
sono messe in discussione dalla crisi
dell'editoria.

3 dicembre 2014, mercoled

si sarebbe invaghito, per


amore o per interessi, della donna fino a trovare la
decisa resistenza e allinsistenza del rifiuto dimpeto
trovarsi con la violenza involontaria tra le mani, tanto
da colpire la vittima dopo
il rifiuto, anche per paura
di essere denunciato per
tentata violenza carnale,
e quindi decidere di metterla a tacere per sempre;
ma qui la mappatura delle
telefonate ricavata dalle
celle telefoniche potrebbe
aver dato una qualche indicazione o informazione.
Questultima ipotesi certamente la meno credibile,
esclusa dalla maggior parte
dei testimoni e dai parenti a
suo tempo interrogati, ma
purtuttavia da considerare
e da svolgere, secondo uno
schema classico di probabilit e di cui gli investigatori
hanno scandagliato a dovere. La speranza ancora
legata alla condizione che
la donna prima di essere
ammazzata si possa aver
confidata con qualcuno di
cui si fidava, oppure se i
vicini sono a conoscenza di
fatti che possano avere attinenza o riferimenti indiretti con lomicidio, come ad
esempio se qualche tecnico, operaio o altre persone,
a vario titolo, sono entrati
nellappartamento di via
Brenta per un motivo o per
un altro.
A qualcuno dei vicini di
casa avr forse parlato di
qualcosa che poteva interessare la vita della sua
casa nella generalit, come
aspettare il tecnico, il muratore, lidraulico, il mobiliere o altro. Chi a conoscenza di qualche particolare
parli; ancora una volta
lappello degli inquirenti
per scoprire e fermare chi
ha ucciso senza piet una
povera donna anziana, sola
e indifesa. Cosa che potrebbe capitare a ciascuno di
noi. Ogni delinquente arrestato un pericolo evitato a
tutta la comunit.
Le indagini su questo feroce delitto, rimasto finora
impunito, sono apparse subito ingarbugliate e senza
alcun riscontro oggettivo e
obiettivo da poter contrapporre a prove e indizi, con
il rischio che potrebbero
rimanere in un vicolo cieco ancora per tanto tempo.
Il massimo riserbo da parte
degli inquirenti a volte ha
fatto pensare che avevano
imboccato una pista o una
traccia giusta, ma a ben
vedere, purtroppo, su tutta
questa squallida e feroce
vicenda criminale calato
oltre il silenzio anche il sipario, ma gli inquirenti non
mollano, ed anzi stanno setacciando e seguendo ogni
piccola piuma investigativa
e in ogni direzione.
Concetto Alota

Sicilia 5

Cronaca di Siracusa

Francesco
Lutto
e Sebastiaper il Gip
no Bologna
Rinviato
hanno ribaOpen Land
dito quanto
riferito in oc- Il grave lutto che
ha colpito il giudicasione del
ce per le indagini
preliminari Andrea
processo
Migneco, ha fatto
la programper lomicidio slittare
mata udienza preliminare al processo
del loro
scaturito dalla vicongiunto
cenda Open Land.
In foto, il Tribunale
di Siracusa dall'alto

I fratelli Bologna escussi


al processo Knock out
I

fratelli Bologna
sono comparsi dinanzi al tribunale
penale di Siracusa
in occasione del
processo per la cosiddetta mafia di
Cassibile. Francesco e Sebastiano
Bologna, entrambi
collaboratori di Giustizia, rispondendo
alle domande del
pubblico ministero
Andrea Ursino della
direzione distrettuale
antimafia di Catania,
hanno ribadito quanto affermato in occasione del processo

A loro giudizio il fratello Salvatore non


avrebbe dovuto andare allappuntamento
per luccisione del
loro fratello Salvatore. Hanno ribadito,
infatti, di avere saputo dal loro congiunto dellincontro che
avrebbe
programmato con Antonino
Linguanti nel febbraio 2002. A fare da
tramite sarebbe stato
laltro collaboratore
di giustizia, Sebastiano Troia.
I due si sono stupiti del fatto che loro

fratello si sia fidato


di Linguanti, che poi
lo avrebbe ucciso e
il suo corpo gettato
sulle rive del fiume
Manghisi, come confermato dallo stesso
Troia che di quellomicidio si detto responsabile.
Per lomicidio di
Salvatore Bologna,
come si ricorder,
stato condannato in
primo grado allergastolo proprio An-

tonino
Linguanti,
che figura tra i principali imputati insieme con lex pugile
siracusano Salvatore
Battaglia. Nel corso
dellattivit dindagine sarebbe emerso il
ruolo di primissimo
piano da parte del
cassibilese Salvatore
Galiffi. In pi duna
conversazione i carabinieri lo ascoltano minacciare altri
indagati come Giu-

seppe Olanda e Paolo Sciuto, oltre che


appiccare lincendio
alla vettura di Mirko
Giacona. Minacce
che intendevano fare
comprendere ai tre
chi comandasse il
traffico degli stupefacenti a Cassibile e
costringerli a mettersi in riga.
La nuova udienza
del relativo processo,
scaturito dalloperazione denominata
Knock out, stata
fissata per il 12 gennaio prossimo.
R.L.

i dubbi li solleva il consigliere comunale fabio rodante

Quelle ombre
nelle bollette
dellacqua

l servizio idrico
integrato sar oggetto di dibattito in
consiglio comunale, perch avvolto
da troppe ombre.
Il fallimento della
Sai 8, il contenzioso Sogeas contro il Comune di
Siracusa, le spese
anticipate dal comune di Siracusa
per le riparazioni
urgenti, il nuovo
affidamento a terzi

concessionari che si
insedieranno a gennaio 2015, rappresentano motivi di
approfondimento a
tutela degli interessi
della citt e dei cittadini.
Per tali motivazioni
il consigliere comunale Fabio Rodante
ha presentato istanza di accesso agli
atti per ottenere copia di tutte le deliberazioni di Giunta

In foto, Fabio Rodante.

e di tutti gli allegati


relativi allaffidamento del servizio
e alla scelta della
tariffazione da applicare.

Anche su questo
tema, mille interrogativi dice Rodante non solo per
le criticit rilevate
nella fatturazione

della Curatela del


Fallimento SAI 8,
ma per le ulteriori perplessit che
sorgono leggendo
le nuove bollette
emesse dal Comune di Siracusa.
Un esperto sul
tema affiancher il movimento
Progetto
Siracusa nellesame delle nuove
fatturazioni, dalle
quali si evincono gi distorsioni
sullapplicazione delle spese di
spedizione e sui
calcoli
relativi
allanticipo fattura e al deposito
cauzionale.

Nelludienza di ieri
avrebbero dovuto
essere affrontate le
osizioni dei cinque
imputati, quattro
dei quali hanno
scelto di chiudere
la partita ricorrendo al rito abbreviato. Se ne discuter,
quindi, in occasione della prossima
udienza, fissata per
il 9 dicembre prossimo. In quella circostanza saranno
valutate le posizioni dellingegnere
Natale Borgione,
assistito dallavvocato Ezechia Reale,
nella qualit di dirigente dellufficio
urbanistica del Comune di Siracusa
(oggi capo dellUfficio tecnico comunale), lingegnere
Vincenzo Trigilia,
funzionario capo
del servizio, e il
geometra Raffaele Gallo, tecnico
istruttore,
difesi
dallavvocato
Francesco Favi, e
di Emanuele Serra,
difeso dallavvocato Giulia Genovese, le cui posizioni
sono state stralciate. Ha optato, invece, per il rito ordinario il quinto
imputato Corrado
Gianna, per il quale la Procura di
Siracusa insiste per
il rinvio a giudizio.
I cinque imputati a
vario titolo devono
rispondere di tentata concussione ai
danni dei titolari
dellimpresa che
chiedeva il rilascio
di autorizzazioni
alla costruzione del
centro commerciale in viale Epipoli.

Cronaca di Siracusa 6

Sicilia 3 dicembre 2014, mercoled

Verzotto sfugg a un tentativo di sequestro mentre


rientrava
a casa
a Siracusa nel
pianerottolo
dove trova
tre persone
con il volto
mascherato
e dopo una
colluttazione
part un colpo
di pistola

di Concetto Alota

l 26 ottobre 1962
Graziano
Verzotto,
stretto collaboratore
del presidente dellEni Enrico Mattei, sal
sul Saulnier 706 di
fabbricazione francese. Verzotto, Mattei e il pilota, Irnerio
Bertuzzi,
volarono
da Gela a Catania. Il
giorno dopo Mattei
ripart per Milano, ma
a Bascap in provincia di Pavia laereo
precipit. Incidente,
sabotaggio, una bomba a bordo? Tante le
ipotesi disse a caldo
Graziano Verzotto -,
ma nessuna certezza. La supposizione
pi diffusa attribuiva
la morte a un attentato orchestrato dalle grandi compagnie
petrolifere, le Sette Sorelle, irritate
perch il presidente
dellEni Mattei stava
rovinando il mercato
del petrolio e della
raffinazione. Invece
dellabituale 25 per
cento, lui riconosceva
ai paesi produttori il
50 per cento, stipulava contratti fifty-fifty.
Ma Graziano Verzotto a questa tesi non
crede, perch, a suo
dire, proprio in quel
periodo Enrico Mattei
stava maturando un
accordo con le grandi
compagnie.
Graziano Verzotto, si
considerava lultimo
vero democristiano,
un doroteo inossidabile. Nato a santa
Giustina in Colle, in
provincia di Padova, arriv in Sicilia
nel 1955, spedito da
Fanfani per mettere
ordine nel partito. Fu
alle prese con uno
dei casi politici pi
clamorosi, il milazzismo, e cio Silvio
Milazzo, eletto presidente della Regione
col sostegno di Msi,
monarchici e comunisti insieme. Da qui
il conio politico: il
milazzismo. Graziano Verzotto studi la
strategia migliore per
mandare a casa Milazzo e la sua giunta.
Nelle stanze ovattate
dellhotel delle Palme
di Palermo convinse
il barone Majorana ad
abbandonare Milazzo
con la promessa della
presidenza. Fu architettato anche un atto
di corruzione, e un
comunista di grosso
peso politico casc
nella trappola accettando cento milioni di
lire. Scoppi un puti-

3 dicembre 2014, mercoled

Graziano Verzotto.

Verzotto: Siracusa
mafia, Mattei e Sindona
ferio e la strana giunta
Milazzo fu spazzata
via. Pi passa il tempo gli disse Aldo
Moro e pi ammiro
i Borboni: governavano le due Sicilie, noi
non siamo in grado di
governarne una sola;
ma i complimenti
pi sorprendenti per
la fine di Milazzo in
Sicilia a Graziano
Verzotto,
divenuto
segretario della Dc
siciliana, vennero dal
boss Lucky Luciano.
Gli si avvicin nel bar
dellhotel delle Palme.
La morte di Mattei
segn una svolta nella vita di Graziano
Verzotto e nella storia
dellEni e dellItalia. I nuovi dirigenti
dellente petrolifero
di Stato erano meno
interessati alla Sicilia. Allora la Regione, o meglio la
politica siciliana, in
primis democristiani
e comunisti insieme,
diedero vita allEms,
Ente Minerario Siciliano.
Graziano
Verzotto divenne il
presidente ed entr in
rotta di collisione con
Eni e la Montedison
che
consideravano
lEnte Minerario Siciliano un concorrente pericoloso. Erano
i tempi di Eugenio
Cefis, il quale inaugur una guerra spietata
soprattutto
quando
Graziano Verzotto cominci a frequentare
lAlgeria e divent
buon amico del suo
presidente e di tutto
governo algerino. Si

era messo in testa di


costruire un metanodotto fra la costa algerina e la Sicilia. Ma
per una strana nemesi
storica stato proprio
lEni a riprendere in
seguito quel progetto
e a realizzarlo.
Allimprovviso lEms
di Graziano Verzotto
si trov al centro di
violente polemiche,
non solo per la guerra con lEni, ma anche per la presenza
fra i dipendenti del
Gruppo dellEMS del
mafioso Giuseppe Di
Cristina, il quale un
giorno disse a Verzotto che lui poteva
proteggerlo.
Glielo
disse dopo la scomparsa del giornalista
del giornale lOra
di Palermo, Mauro De
Mauro; Graziano Verzotto conosceva bene
Mauro De Mauro che
aveva lavorato per il
giornale Il Giorno
di propriet dellEni.
Un giorno De Mauro venne a trovarmi,
disse Verzotto dopo la
sua scomparsa ai carabinieri: voleva sapere tutto sulla morte
di Enrico Mattei perch il regista Francesco Rosi progettava
di ricavarne un film.
Gli indicai due o tre
persone alle quali
chiedere. Due giorni
dopo spar. LEMS
fin nella bufera, cos
come Graziano Verzotto; Dc e Psi si accordarono col Pci al
vertice della Regione,
primo esperimento di
compromesso storico
e Achille Occhetto

con i suoi compagni


comunisti lo costrinsero alle dimissioni.
Quattro giorni dopo
Verzotto sfugg a un
tentativo di sequestro mentre rientrava a casa a Siracusa
nel pianerottolo dove
trova tre persone con
il volto mascherato e
dopo una colluttazione part un colpo di
pistola che fer Graziano Verzotto al polso. I tre scapparono
portandosi dietro la
valigetta ventiquattro
ore che Verzotto aveva sempre con s. Le
indagini portano ai responsabili del tentato
sequestro; i carabinieri arrestano Berardino
Andreola, conosciuto
come ling. Sancez.
Palermitano, un truffatore; ma nella banda
che volevano rapire
Verzotto, cerano diversi mafiosi, tra cui
Tano Badalamenti che
fino a quel giorno era
poco conosciuto alle
cronache di mafia. Le
indagini furono difficili da svolgersi, e arrivano a ipotizzare un
finto rapimento; ma
non cos. Le realt
che volevano rapirlo
davvero. Al processo
Andreola sar condannato e muore in
carcere.
Da l a poco Graziano
Verzotto rimane impigliato in uno degli
scandali pi clamorosi del dopoguerra,
i cosiddetti fondi
neri. Enti pubblici e
privati avevano depositato ingenti capitali
nelle banche di Mi-

chele Sindona, buon


amico di Graziano
Verzotto, il quale garantiva interessi in
nero.
Quei fondi occulti
che servivano a finanziare i partiti politici.
LEMS vantava depositi per 10 miliardi
di lire. Per sottrarsi
allarresto, Graziano
Verzotto ripar prima
a Beirut in Libano
e poi a Parigi dove
rimase per 16 anni
nello status di ricercato per i fondi neri
dell'EMS depositati
nella Banca di Michele Sindona ritornando
solo nel 1991.
Fu condannato, pena
in seguito condonata,
con la motivazione
che a incassare i fondi neri erano stati i
dirigenti
dellEms,
ma lui come presidente non poteva ignorarlo, non poteva non sapere, dissero i giudici.
Graziano
Verzotto,
interrogato dal giudice Guido Viola titolare dellinchiesta sul
crack Sindona, spiega che lui non centra con i fondi neri e
che non conosceva i
movimenti che la direzione amministrativa dellEms operava.
Non fu arrestato come
invece si temeva, ma
la sua situazione si era
nel frattempo aggravata. Una talpa avvert Graziano Verzotto
che stava per essere
spiccato un ordine di
cattura contro di lui,
del vice presidente
dellEms e del direttore; una corsa alla-

eroporto e un aereo
lo porta a Beirut in
Libano dove non cera lestradizione per
quei reati. In carcere
per
quellinchiesta
finiranno il vicepresidente dellEms e il direttore. Graziano Verzotto, il potente uomo
politico che aveva
in mano buona parte
delleconomia
della Sicilia, amico del
presidente americano
Nixon e di capi si stato di mezzo mondo,
costretto a rifugiare
a Parigi da latitante,
dove impegna il tempo come consulente
di compagnie petrolifere e holding della
chimica e della raffinazione per trattare
affari doro in mezzo
mondo,
compreso
miniere di diamanti e
di oro. Condonata la
carcerazione ritorna a
Siracusa per salutare
gli amici di sempre
e nella sua citt dadozione di cui era innamorato. Graziano
Verzotto morto il 12
giugno 2010 all'et
di 87 anni in una clinica di Padova. Ma
anche da morto non
ha pace; infatti, una
donna, Maria Cecilia
Zorzi di 53 anni, legata a lui da una profonda amicizia, e sua
stretta collaboratrice
nel passato, al punto
da ritenersi destinataria di una quota della
sua cospicua eredit.
Peccato per che Graziano Verzotto prima
di morire non si sia ricordato di lei nelle sue
volont testamentarie.
Ma la donna, abitante
a Santa Giustina in
Colle paese natale di
Verzotto, non ha voluto farsene una ragione, iniziando cos a
molestare la nuora di
Graziano Verzotto, la
moglie del suo unico
figlio, con decine di
messaggi dal contenuto minaccioso. Angherie e prepotenze
protrattesi dal dicembre 2010 al maggio
2012 che hanno originato una lunga serie di denunce dove
la donna finita sotto
processo.
Nel destino della sua
vita, tra tante altre
cose, interviene un
personaggio
ambizioso e tanto vulcanico,
Giancarlo
Parretti; tra i due si
alternano amore e
odio e tanti interessi
miliardari da Siracusa
fin negli Stati Uniti
dAmerica. Ma questa unaltra storia.

Sicilia 7

Cronaca di Siracusa

il collaboratore di giustizia in videoconferenza

Blandino conferma
Non appoggiai mai
il sindaco Carrubba
I

l collaboratore di Giustizia Fabrizio Blandino si sottoposto ieri


mattina al contro esame
della difesa al processo
scaturito dalloperazione antimafia, che vede,
tra gli altri, imputati
lex sindaco di Augusta,
Massimo Carrubba.
In particolare, Blandino
ha parlato dei rapporti
politici allinterno del
comune di Augusta, sostenendo di essere sempre stato allopposizione
rispetto alla Giunta Carrubba.
Durante la campagna
elettorale del 2004, Blandino avrebbe appoggiato
la candidatura a sindaco
del candidato del centrodestra, lingegnere Giuseppe Span, in contrapposizione di quella di
Carrubba. Uno dei temi
trattati, su sollecitazione
dei legali di Carrubba,
stato quello relativo alle
elezioni amministrative del 2008. Blandino
ha riferito motivi per i
quali non stato possibile presentare la lista
civica Diritti e doveri
da egli rappresentata. Ha
escluso contatti con lallora candidato Carrubba,
con laltro candidato a
sindaco Marco Stella,
mentre ha detto di avere
avito stretti contatti sia
con lex consigliere Cdu
Salvatore Amato sia con
lavvocato Giovanni Intravaia. Ma entrambe le

trattative naufragarono
perch i soggetti contattati hanno ritenuto dovere fare un passo indietro.
Cera il fondato rischio
di non presentare la lista
- ha detto testualmente Blandino - Cosicch
negli ultimi minuti abbiamo trovato laccordo
con lex generale dei
carabinieri, Insolia, che
sarebbe stato il candidato sindaco della nostra
lista. Per tale accordo
brindammo la notte del
21 maggio 2008. Lindomani, per, sfum tut-

to perch lalto ufficiale


rinunci alla proposta.
A quel punto era troppo
tardi per presentare anche la lista, per cui tutti
i designati nella mia lista
trovarono spazio altrove.
Il collaboratore di Giustizia ha anche affrontato il tema dellappalto
della gestione dei rifiuti
solidi urbani ad Augusta:
Nel 2004 - afferma testualmente lex consigliere comunale megarese nel corso del contro
esame - personalmente

In foto, lex sindaco di Augusta, Massimo Carrubba.

mi sono opposto alla


proposta avanzata dalla
Giunta Carrubba di procedere a un nuovo appalto per la raccolta dei
rifiuti. Io lo feci per motivi prettamente politici,
invece, Pippo Amara lo
fece per altri interessi,
legati alla continuazione
dellappalto che in quel
momento era appannaggio di un gruppo imprenditoriale, perch tutto
doveva rimanere cos
comera.
Incalzato dai legali difensori, Blandino ha

CHIEDEVA LA PARTITA VINTA CONTRO IL MILAZZO

Rigettato in Appello
il reclamo del Siracusa
La Commissione Sportiva di Appello

Territoriale ha rigettato il reclamo


proposto dalla ASD Citt di Siracusa
rispetto alla posizione del calciatore
dello Sport Soccer Milazzo Antonino
Laquidara. Come si ricorder, il Citt di
Siracusa ha impugnato la decisione del
giudice sportivo chiedendo che venisse
assegnata gara perduta per 0 3 alla
Societ avversaria, rea di avere fatto
partecipare alla gara stessa il calciatore Laquidara non tesserato e ancora
inserito nella lista svincolati F.I.G.C.
Controdeduce la A.S.D. Sport Soccer
Milazzo, chiedendo la conferma della
decisione di primo grado, facendo
rilevare che si trattato di un mero
errore materiale indotto dalla sovrapposizione del sistema informatico
della L.N.D. commesso allatto del

tesseramento, tuttavia risultando Antonino Laquidara regolarmente tesserato


con decorrenza anteriore alla disputa
della gara in questione. Alludienza
dappello il SIracusa ha insistito nei
motivi del reclamo. La Corte Sportiva
di Appello Territoriale, letti gli atti,
esperiti gli opportuni accertamenti
presso lUfficio Tesseramenti rileva
che il proposto reclamo infondato.
Scrive nella motivazione: Non pu
esservi dubbio alcuno che Laquidara
Antonino e Antonio siano la medesima
persona atteso che lo stesso Ufficio
Tesseramenti ha provveduto alla riunificazione delle posizioni afferenti
il predetto calciatore, per errore tesserato sia come Laquidara Antonio e
quindi come Antonino, con decorrenza
27/08/2014.

lha disposto il tribunale di catania, ufficio prevenzione

Sequestro di beni
per complessivi
tre milioni di euro

La Direzione Investigativa Antimafia di Catania assesta

un nuovo colpo ai clan mafiosi aggredendo il patrimonio


illecito del pericoloso clan dei Carateddi, capeggiato dal
boss Orazio Privitera.
Lo scorso febbraio il Centro Operativo di Catania aveva

eseguito lordinanza di custodia cautelare in carcere


emessa dal Gip di Catania, che aveva consentito di
trarre in arresto 28 persone, tra vertici e fiancheggiatori
del potente gruppo criminale, Ieri in esito a tre distinte
proposte di applicazione di misure di prevenzione personali e patrimoniali formulate dal Direttore della DIA,
Generale Nunzio Antonio Ferla, tre decreti di sequestro
di beni nei confronti di tre degli arrestati, i catanesi Giuseppe Privitera di 43 anni, fratello del capo clan Orazio,
OrazioBuda di 51, e Franco Marino di 41, originario di
Scordia. I provvedimenti di sequestro interessano aziende,
fabbricati, terreni, automezzi e disponibilit finanziarie,
per un valore complessivo di circa 3 milioni di euro.

puntualizzato che sarebbero state fatte pressioni


sui consiglieri comunali
per bocciare la proposta
di Giunta, come poi nei
fatti avvenne. Lo stesso Blandino ha, inoltre,
dichiarato in video conferenza che:Molti consiglieri sono stati indottrinati e ci furono anche
elargizioni di denaro
attraverso il consigliere
Marco Stella.
Bocciata la proposta di
nuovo appalto per la raccolta dei rifiuti, ci sarebbe stata la campagna di
stampa per contro il sindaco Carrubba e la sua
Giunta.
Lex consigliere comunale ha poi espressamente negato di aver
mai svolto alcun ruolo
nei vari incarichi e appalti contestati a Carrubba proprio come frutto
del suo interessamento.
Inoltre, ha spiegato che
Carcione, altro soggetto
che veniva attribuito a
Carrubba, aveva rapporti
preferenziali e esclusivi
con Santaniello
Lultimo aspetto trattato
ieri in Tribunale dal pentito Blandino, legato al
suo coinvolgimento nel
processo alla mafia di
Lentini, scaturito dalloperazione antimafia denominata Gorgia, per
il quale fra i testi da lui
citati a difesa figuravano
sia il sindaco di Augusta
Carrubba, che i consiglieri comunali e anche
alcuni dirigenti del comune megarese.
Il contro esame in video
conferenza di Fabrizio
Blandino stato aggiornato alludienza del 13
gennaio prossimo. Imputati alla sbarra sono
quindici persone a vario
titolo accusati di concorso esterno in associazione mafiosa e voto di
scambio con laggravante di avere agevolato i
clan Bottaro-Attanasio
e Nardo di Lentini.
F.N.

ASTE GIUDIZIARIE 8

3 dicembre 2014, mercoled

Sicilia 3 DICEMBRE 2014, MERCOLED

TRIBUNALE DI SIRACUSA

Spetta
all'Assemblea
Regionale
la centralit
che essa
deve esercitare di fronte
a scelte
strategiche
che riguardano
sia sviluppo
e crescita

PROSSIMA INSERZIONE:

07/12/2014

VENDITE IMMOBILIARI E FALLIMENTARI www.astetribunale.com

CASECITTA'
CERCO/OFFRO
AFFITTO
ORTIGIA gradirei trovare
in affitto appartamento
di tre vani in condizioni
decentemente abitabili,
nel percorso mare di
levante, piano primo,
pigione discreta Telefonare per informazioni
338/5498330

VIA MILANO affittasi


appartamento al pian
terreno, ammobiliata,
comp. da cucina-soggiorno, camera da letto,
bagnetto. Solo con busta
paga. Referenziati. Max
2 persone. Classe Energetica G Tel. 0931/62104
ZONATRIBUNALE, affittasi app.to arredatissimo
con mobili nuovi, compo-

TRIBUNALE CIVILE DI SIRACUSA

Sezione Esecuzioni Immob. Proc n. 280/2011 R.G.E.I.


LAvv. Giocolano Luigi, delegato alla vendita dal
Giudice dellEsecuzione con ordinanza del 5 novembre 2014, AVVISA che presso il proprio studio in Siracusa, Corso Gelone 68, il 25/02/2015,
ore 18:30, proceder alla vendita al prezzo ulteriormente ribassato di 1/4 senza incanto dei
beni infra descritti; in caso di esito negativo di
tale vendita, avr luogo vendita con incanto degli
stessi beni il 04/03/2015, ore 18:30. Lotto n.1:
Descrizione del bene: unit immobiliari facenti
parte del fabbricato sito in Comune di Noto nella
via Sila n. 16, censite al N.C.E.U. del Comune
di Noto, al foglio 430: p.lla 927 sub 3 via Sila
n.16 piano 1-2, Cat. A/3, cl.3, vani 5,5 R.C. .
298,25, e p.lla 928, sub 3, via Sila n.16 piano
1-2 (graffato al mappale 927 sub 3). Limmobile
ha regolare concessione edilizia in sanatoria n
163/2005 del 10/06/2005 rilasciata dal Comune di Noto. Il prezzo di valutazione del bene
29.531,25 decurtato dalla somma occorrente
per il ripristino a progetto di modifiche apportate
non sanabili. Lotto n.2: Descrizione del bene:
Unit immobiliare facente parte del fabbricato
sito nel Comune di Noto nella via Sila nn.12-14,
censita al N.C.E.U. del Comune di Noto, al foglio
430, p.lla 927, sub 2 via sila n.12 piano terra, cat.
C/1, cl. 5, mq 62, R.C. 1.082,29, e p.lla 928
sub 1 via Sila n.12 piano 1 (graffato al mappale
927 sub 2). Il prezzo di valutazione del bene
29.565,00. Gli immobili vengono venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, cos
come identificati, descritti e valutati dallesperto
nella relazione di stima. Vendita senza incanto: Ogni concorrente, per partecipare, dovr depositare separatamente per ciascun lotto presso lo studio del professionista delegato, sito in
Siracusa Corso Gelone 68, entro le ore 12:00 del
24/02/2015, l'offerta, con domanda in bollo, in
busta chiusa, unitamente ad un documento di riconoscimento e se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione a
partecipare ed assegno circolare non trasferibile
intestato al professionista delegato quale cauzione pari al 10% del prezzo offerto, comunque non
inferiore al prezzo base, che sar trattenuta in
caso di rifiuto dacquisto o nel caso di mancata
comparizione dellofferente. Lofferta irrevocabile. L'offerente dovr depositare altres dichiarazione contenente l'indicazione del prezzo, del
tempo e modo del pagamento ed ogni altro elemento utile alla valutazione dell'offerta. Vendita
con incanto: a pena di inammissibilit la domanda dovr essere depositata in busta chiusa
presso la studio del professionista delegato sito
in Siracusa Corso Gelone 68, entro le ore 12:00
del 03/03/2015. Alla domanda si dovr allegare
un assegno circolare non trasferibile intestato al
professionista pari al 10% del prezzo base dasta
fissato. L'aumento minimo per entrambi i lotti
2.000,00. Laggiudicatario dovr depositare il
saldo prezzo, oltre oneri e spese, entro il termine
di gg.60 dallaggiudicazione. Tutte le spese successive all'aggiudicazione sono a carico dell'aggiudicatario. Pubblicazione su www.astegiudiziarie.it. Maggiori informazioni presso il delegato
(Tel/fax 03931 595554; cell. 3281271380).
Siracusa, l 27 novembre 2014

Il Professionista Delegato
Avvocato Luigi Giocolano

sto da 2 c. letto, cucinasoggiorno e bagno. Ref.


Classe Energetica G Tel.
331/4554812
ZONA ZECCHINO affittasi appartamento in
condominio recintato
con posto auto, 4 piano
ascensorato, composto
da ingresso, camera da
letto, soggiorno, cucina
e doppi servizi E 400.
C.E. G Tel. 0931/701000
- 347/0871608

ZONA Santuario/Borgata. Affittasi appartamento


recentemente ristrutturato al secondo piano senza ascensore, composto
da ingresso, tre camere
pi cameretta, cucina
abitabile e bagno E 430.
Solo privati. C.E. G Tel.
338/3302651
A studenti universitari locasi grazioso bivani arredato nel cuore di Ortigia.
C.E. G Tel. 335/6073020

TRIBUNALE DI SIRACUSA

Avviso di vendita
Procedura esecutiva n. 123/12 R.E.I.
Si rende noto che giorno 28/1/15, ore 11.00,
presso il proprio studio sito a Siracusa nel viale
Santa Panagia 136/N, lavv. Giuseppe Librizzi
proceder allesame delle offerte di acquisto
senza incanto, e se del caso allaggiudicazione,
del seguente bene: villa sita a Siracusa in via
Isole delle Molucche 90, vani 4, cat. A\7; in
catasto Fg. 154 p.lla 588. Prezzo base dasta
49.173,37. Minima offerta in aumento
3.000,00. In caso di esito negativo della vendita
senza incanto, il 4/2/15, ore 11.00, sempre presso
il proprio studio, lavv. Giuseppe Librizzi proceder
alla vendita allincanto del suddetto bene. Le
offerte o domande di partecipazione dovranno
essere depositate in busta chiusa, presso lo
studio del suddetto professionista, entro le ore
12.00 del giorno precedente a quello fissato
per la vendita, accompagnate da cauzione del
10% e deposito spese del 20%, con 2 assegni
circolari non trasferibili intestati allavv. Giuseppe
Librizzi. Avviso integrale e relazione dellesperto
disponibile sul sito www.astegiudiziarie.it ovvero
presso lo studio predetto.
Il professionista delegato

Avv. Giuseppe Librizzi

TRIBUNALE DI SIRACUSA
Avviso di vendita
Procedura esecutiva n. 227/90 R.E.I.
Si rende noto che giorno 28/1/15, ore 12.00, presso
il proprio studio sito a Siracusa nel viale Santa
Panagia 136/N, lavv. Giuseppe Librizzi proceder
allesame delle offerte di acquisto senza incanto, e
se del caso allaggiudicazione, dei seguenti beni:
LOTTO 1: appartamento sito a Lentini in via C.
Rosselli 107, piano ammezzato, vani 2,5, esteso
mq. 77 ca., cat. A\4; in catasto Fg. 91 p.lla 2924
sub 3 (ex Fg. 92 p.lla 1325 sub 3). Prezzo base
dasta 23.625,00 (al netto dei costi per sanare
le difformit edilizie e catastali meglio descritta
dal CTU nella relazione di stima in atti). Minima
offerta in aumento 2.000,00.
LOTTO 2: appartamento sito a Lentini in via
C. Rosselli 107, p. 3, vani 1,5, esteso mq. 53
ca., cat. A\5; in catasto Fg. 91 p.lla 2924 sub 6
(ex Fg. 92 p.lla 1325 sub 6). Prezzo base dasta
14.400,00 (al netto dei costi per sanare le
difformit edilizie e catastali meglio descritta
dal CTU nella relazione di stima in atti). Minima
offerta in aumento 1.000,00.
In caso di esito negativo della vendita senza
incanto, il 4/2/15, ore 12.00, sempre presso il
proprio studio, lavv. Giuseppe Librizzi proceder
alla vendita allincanto dei suddetti beni. Le offerte
o le domande di partecipazione dovranno essere
depositate in busta chiusa, presso lo studio del
suddetto professionista, entro le ore 12.00 del
giorno precedente a quello fissato per la vendita,
accompagnate da cauzione del 10% e deposito
spese del 20%, con 2 assegni circolari non trasferibili
intestati allavv. Giuseppe Librizzi. Avviso integrale
e relazione dellesperto disponibile sul sito www.
astegiudiziarie.it ovvero presso lo studio predetto.
Il professionista delegato

Avv. Giuseppe Librizzi

Le ASTE GIUDIZIARIE saranno inserite dalla data di pubblicazione del bando fino alla data prevista per l'asta sul sito:

ADIACENTE piazza
Archimede (Ortigia) affittasi mini appartamento
signorilmente arredato,
solo privati. Classe Energetica G Tel. 0931/30459
AFFITTASI monolocale
in villa, soleggiato e climatizzato e con p.auto.
C.E. G Tel. 340/8281180
AFFITTASI app.to in
villetta zona Villaggio
Miano posto al 1 piano
composto da 2 camere,
saletta, bagno e cucina +
veranda e balcone. Preferibilmente a sposini.
C.E G Tel. 338/3530028
AFFITTASI a non residenti ampio bilocale
composto da cucinasoggiorno, camera da
letto, wc, locale lavande-

ria. A 30mt da scogliera


balneare e 200mt da
pista ciclabile. C.E. G
E 450 Tel. 338/1100626
AFFITTASI a non residenti bilocale ben arredato in villa in zona
Sc. Greca. No animali.
Classe Energetica G Tel.
340/1055500
AFFITTASI appartamento in villa mq 55 ben
rifinito e ben arredato,
mansardato, zona Scala
Greca anche per brevi
periodi. Classe Energetica G Tel. 0931/756554
ore pasti - 368/7102644
AFFITTASI app.to in villa
via arenella, a mt 100
dal mare, ammobiliato.
Classe Energetica G Tel.
328/0099371

TRIBUNALE CIVILE DI SIRACUSA

Sezione Esec. Immobiliari Proc n.190/2011 R.G.E.I.


LAvv. Giocolano Luigi, delegato alla vendita dal
G.E. con ordinanza dell29-ottobre-2014, AVVISA
che presso il proprio studio in Siracusa, Corso
Gelone 68, il 25/02/2015, ore 17:30, proceder
alla vendita al prezzo ulteriormente ribassato di
1/4 senza incanto del bene infra descritto; in caso
di esito negativo di tale vendita, avr luogo vendita
con incanto dello stesso bene il 04/03/2015, ore
17:30. Bene: immobile residenziale sito in Rosolini, via Curtatone, 30, angolo via Platamone, 188,
al N.C.E.U. del Comune di Rosolini al foglio 37,
p.lla 834, sub.5, vani 7, cat.A3, con garage di pertinenza con accesso carrabile dalla via Curtatone, 28, al N.C.E.U. del Comune di Rosolini foglio
37, p.lla 834, sub.4, mq.18, cat.C6. Il prezzo del
bene ribassato ulteriormente 1/4 74.650,79,
somma gi decurtata di 53.300,00 per costi di
regolarizzazione urbanistica e presso il Genio Civile. Limmobile viene venduto nello stato di fatto
e di diritto in cui si trova, cos come identificato,
descritto e valutato dallesperto nella relazione
di stima. Ogni concorrente, per partecipare, dovr depositare presso lo studio del professionista delegato, sito in Siracusa Corso Gelone 68,
entro le ore 12:00 del 24/02/2015, l'offerta, con
domanda in bollo, in busta chiusa, unitamente ad
un documento di riconoscimento e se necessario valida documentazione comprovante i poteri
o la legittimazione a partecipare ed assegno circolare non trasferibile intestato al professionista
delegato quale cauzione pari al 10% del prezzo
offerto, comunque non inferiore al prezzo base,
che sar trattenuta in caso di rifiuto dacquisto o
nel caso di mancata comparizione dellofferente.
Lofferta irrevocabile. Nel caso di vendita senza incanto l'offerente dovr depositare altres dichiarazione contenente l'indicazione del prezzo,
del tempo e modo del pagamento ed ogni altro
elemento utile alla valutazione dell'offerta. Per la
vendita con incanto, a pena di inammissibilit, la
domanda dovr essere depositata in busta chiusa
presso lo studio del professionista delegato sito
in Siracusa Corso Gelone 68, entro le ore 12:00
del 03/03/2015. Alla domanda si dovr allegare
un assegno circolare non trasferibile intestato al
professionista pari al 10% del prezzo base dasta
fissato. L'aumento minimo di 4.000,00. Laggiudicatario dovr depositare il saldo prezzo, oltre
oneri e spese, entro il termine di gg. 60 dallaggiudicazione. Tutte le spese successive all'aggiudicazione sono a carico dell'aggiudicatario. La
relazione di stima, la consulenza integrativa e la
specifica per i costi di condono sono pubblicati
sul sito www.astegiudiziarie.it. Maggiori informazioni presso il delegato (Tel/fax 0931 595554; cell.
3281271380).
Siracusa, l 27 novembre 2014
Il professionista delegato
Avv. Luigi Giocolano

Sicilia 9

La Regione si assuma la responsabilit


sul vasto programma di trivellazioni
Riceviamo e pubblichiamo la nota inviataci dallon. Marika
Cirone Di Marco
riferita alla vicenda
delle trivellazioni in
Sicilia.

Il Parlamento sici-

liano chiamato ad
esprimersi nelle prossime ore su un vasto
programma di trivellazioni off shore e
on shore, delineato a
seguito dell'approvazione da parte della
Giunta Regionale del
Protocollo con Asso-

La netta posizione di contrasto alle trivellazioni in Sicilia,


stata espressa dalle associazioni ambientaliste
mineraria e di quello
per Gela. La complessit delle questioni contenute nei
Protocolli ed il parziale approfondimento intervenuto, sia
nelle Commissioni
legislative Ambiente
e Attivit produttive,
sia nell'informativa
resa in Aula da parte del Governo, non
consentono un'assunzione consapevole di

responsabilit, tanto
pi a fronte di scelte
che intercetteranno
per i prossimi decenni gli interessi e
la qualit della vita
delle nostre comunit. L'impatto riguarder l'ambito delle
perforazioni, di cui
si parla molto e le
infrastrutture a servizio in mare e in terra,
di cui si parla meno,
le une e le altre da

Confotografia propone la sperimentazione

Scuola di Architettura
oggi seminario e mostra
di fotografia su LAquila

Nel pomeriggio, nello spa-

zio mostre della Scuola di


Architettura di Siracusa
(piazza Federico di Svevia), si terr Confotografia. LAquila 2013. Metodi
e pratiche di interazione nel
territorio, terzo incontro
del ciclo Seminario Extra promosso dal corso di
laurea magistrale in Architettura.
Il seminario, tenuto dalla fotografa Alessandra
Chemollo con Antonio Di

Cecco e Roberto Sartor, sar


introdotto da Peppe Maisto
e vedr la presenza come discussant di Caterina Carocci.
Alle 19 sar inaugurata la
mostra Confotografia. LAquila 2013, curata da Chemollo, Di Cecco e Sartor in
collaborazione con SI Fest
Savignano Immagini Festival, per cui stata allestita la
prima edizione questanno in
ottobre. Il seminario e la mostra sono aperte al pubblico.
Confotografia propone la

sottoporre, invece, a
valutazione congiunta e contemporanea,
improntata a trasparenza e rispetto per i
territori. I Protocolli
siglati hanno punti
di chiarezza uniti a
parti indeterminate,
ripetitive, confuse.
Risultano chiare le
motivazioni e definite le richieste delle
Societ interessate
alle trivellazioni in

sperimentazione di un metodo di indagine basato sullo


scambio di conoscenze tra
fotografi e cittadini. Lobiettivo quello di attivare un
processo di osservazione del
territorio - forte di un metodo
- che possa risultare utile alla
citt fornendo gli elementi
per guardarla con occhi diversi. Circa 50 fotografi, diversi per et e con approcci
narrativi differenti, hanno lavorato per sei giorni a stretto
contatto tra loro e con i cittadini, con le associazioni, con
i comitati, con gli studenti.
Hanno parlato di fotografia
e di territorio, fotografato
insieme quello che LAquila
diventata oggi, dopo il terremoto che lha devastata nel
2009, per capire come si pu
rappresentare quanto successo.

merito alle procedure


amministrative,
alla tempistica, alle
royalties da ottenere
da parte dell'Amministrazione Regionale, assai meno chiare
risultano le garanzie
in materia ambientale che le medesime
s'impegnano ad offrire.
Nel Protocollo con
Assomineraria,
il
Monitoraggio Ambientale un impegno da perseguire,
ma come questo debba essere attinto resta
un 'incognita; infatti
non si indicano, in
barba alle direttive
dell'ISPRA, modalit, tecnologie, sistemi
di informazione del
territorio. Altrettanti
elementi di indefinitezza vi sono nel
Protocollo per Gela,
anche se in questo
caso la sottoscrizione del Sindaco della
citt garantisce quel
controllo
dell'Ente Locale ovunque
auspicabile.
L'impostazione seguita
nell'uno e nell'altro
fa passare in secondo piano questioni
imprescindibili come
l'alta sismicit dei
luoghi, le peculiarit
del paesaggio e degli
ambienti marini, gli
interessi delle attivit produttive legate

societ

alla pesca, all'agricoltura, al turismo.


L'ecocompatibilit
sbandierata
nelle
dichiarazioni
alla
stampa da frenetici
supporters, sparisce
di fronte all'assenza
di una complessiva
valutazione
costi/
benefici, in cui inserire accanto ai benvenuti investimenti
e
all'occupazione
"reale " indotta, il rischio ambientale da
perforazione, contaminazione, inquinamento e la eventuale
perdita produttiva di
altri comparti economici. Questo quadro
dimezzato, nel quale
le questioni della tutela dell'ambiente e
della sicurezza appaiono sacrificate, non
consente di esprimere una valutazione
compiuta, n sarebbe
giustificabile in una
materia, che agita la
coscienza, arrivare a
un voto per appartenenza o per contrasto.
Non convince nemmeno la proposta
grillina di andare a
referendum sull'art.
38 dello Sblocca
Italia.
Consentire,
invece, da parte del
Governo Regionale
un'istruttoria approfondita nella quale tutte le legittime
ragioni in campo,
imprenditoriali, ambientali, istituzionali,
amministrative trovino una sintesi alta,
non un maldestro
abborracciamento,
pu essere il modo di
pervenire a una decisione difficile ma
pi condivisa. Sottrarsi agli aut aut di
Protocolli e Sblocca
Italia ,che non possono imbavagliare un
Parlamento, preserva
all'Assemblea Regionale la centralit che
essa deve esercitare
di fronte a scelte strategiche, che riguardano sia sviluppo e
crescita che la funzione dell'Autonomia
Speciale. Su questo
terreno, le trivellazioni hanno riacceso
l'attenzione sugli art.
36 e 37, dello Statuto
Siciliano. Governo e
Assemblea possono
ritrovare una rinnovata sintonia.

SPECIALE 10

Sicilia 3 DICEMBRE 2014, MERCOLED

RUBRICA A CURA DEL DR. SALVATORE FONTANA

I piazzisti dellantifascismo,
di professione voltagabbana

LItalia un Paese di santi, navigatori, trasmigra tori ed esploratori. Non andiamo alla metanpsicosi, punto
centrale della filosofia platonica, ma a scopritori della parte sconosciuta del Pianeta Terra della persona

LItalia un Paese di santi,


navigatori, trasmigra tori ed
esploratori.
Non andiamo
alla metanpsicosi, punto
centrale della
filosofia platonica, ma a
scopritori della parte sconosciuta del
Pianeta Terra
della persona.
Scopritori, s
perch la fantasia dei voltagabbana
va oltre ogni
limite immaginabile. Bruno Vespa, nel
suo libro Italiani voltagabbana, traccia
una linea che
determina una
endemia molto
diffusa, senza
danni quando
i soggetti che
la soffrono la
mantengono
nel loro ambito. Purtroppo
invece uninfezione sociopolitica. Dalle
piccole cose
di vita, e ognuno se la vede
a modo suo.
Quando per
la pertica il
mezzo della scalata al
beneficio del
soggetto praticante e per di
pi maldicente,
a danno del terzo, si precipita
nella persona

monnezza.
Per dare un
senso di consequenzialit a
quanto segue
dobbiamo iniziare, necessariamente, dal
25 luglio 1943.
Giuseppe Bottai, nel 1940,

fond la Rivista Primato, lo


collaborarono
una sfilza di
pronunziati fascisti, sarebbe
lungo citarli tutti. Fra i pi noti
Renato Gattuso. E per
importante

precisare che
Bottai, fra i pi
illuminati del
Fascismo, fu
anche fra i pi
assertore delle
leggi razziali e
cotanto illustri
collaboratori
espletavano
il loro lavoro

con entusiasmo. Lelenco


troppo lungo
per citarli tutti,
come abbiamo
detto prima, ma
i pi noti che si
sono sperticati
nel manifestare la loro enfasi
per il Fascismo
e il suo capo
dobbligo citarli, nel corso
delle nostre riflessioni. Il 25
luglio non che
matur nel corso di una notte,
lo dimostra con
molta semplicit, quando
Mussolini si
reca al Quirinale per comunicare al Re
lesito nella riunione del Gran
Consiglio, organo coagulante del Fascismo; invece di

3 DICEMBRE 2014, MERCOLED

dargli udienza,
comera nella
prassi, lo fece
accogliere da
un ufficiale dei
Carabinieri e
lo arrest in
nome del Re
dItalia, dAlbania e Imprenditore dEtiopia.
Quello che
successo dopo
noto a tutti.
Otto settembre
1943, definito,
dal Generale
E i s e n h o w e r,
sporco affare,
e fra cotanta
sporcizia ci fanno pure festa, a
seguire la tragedia fratricida
e lesercito dei
voltagabbana
si ingrossava
sempre di pi.
Da qui la calata della china
dellesercito
degli adulatori
delluomo della provvidenza, come lo
defin il Cardinale Gasparre,
Segretario di
Stato del Vaticano, a seguito
della firma dei
Patti Latinarenzi 11/2/1929.
Bene, amici
lettori, come
abbiamo detto
prima, abbiamo fatto una
selezione, una
cernita, forse ci
sta meglio, dei
nomi di coloro
che andavano
a messa a
raccomandare
a Dio il loro
Duce, perch
lo conservasse
in salute. Ecco:
1) Norberto
Bobbio: iscritto
al Guf sin da
studente, mantenne sempre
la tessera del
partito fascista
e mosse mari
e monti per ot-

tenere la tanto
desiderata cattedra di filosofia del diritto.
2) Dario Fo:
si arruol, a
diciotto anni,
come volontario, prima nel
battaglione azzurro di Tradate e poi tra
i paracadutisti
della Rsi.
3) G i o r g i o
Bocca: nel 43
scriveva su un
foglio dordini
settimanali della federazione
fascista di Cuneo.
4) Eugenio
Scalfari: scrive per Roma
fascista di cui
diventa anche
caporedattore
e poi per Nuovo occidente.
5) Vitaliano
Brancati: dal
1940 lo scrittore siciliano tra
i pi fervidi collaboratori della
rivista Primato diretta da
Bottai. Di questi, abbiamo
detto prima
6) Giuseppe
Ungaretti: durante il regime
si defin fascista in eterno,
firmando documenti e appelli
per sostenere
il fascismo.
7) Enzo Biagi: dal 1940
redattore del
Carlino sera
firm articoli
antiebraici e
scrisse anche
per riviste fasciste come
Architrave.
Costoro non
aspettarono
pi di un giorno
(25/07/1943)
per cambiare
soggetto e casacca e scrivere le stesse lodi

dette del fascismo e il suo


capo dellantifascismo pi
esacerbato. Gli
storici antifascisti che emigrarono allestero per restare coerenti alle
loro idee, da
Togliatti a Nenni e quantaltri,
subito trovarono la meritata
accoglienza, in
omaggio alla
loro coerenza,
e in onore
delletica, spiritualit della
persona di cui
potersi fidare.
Se dovessimo
tracciare una
linea fra questi
e coloro che
vengono invasi da ravvedimento,
ammissibile, in
omaggio alla
democrazia,
alla libert e al
libero pensiero, ma per non
essere voltagabbana debbono uscire di
scena della

vita pubblica.
Ma quando
si dicono, o
si fanno cose
uguali e contrarie a quelle
di prima della
conversione,
c una sola
certezza: sono
inaffidabili, da
tutti, anche, o
forse soprattutto, dei nuovi amici. Non
danno certezza e continua-

no a sedere
in Parlamento.
Tutti prendono
esempio dei
sopra segnati
cantori e le
maggioranze
sono aleatorie,
non soltanto
nella proposizione ed esposizione di problemi, fra le diverse componenti politiche
partitiche, ma
anche nellam-

Sicilia 11

bito dello stesso partito. La


minoranza non
si acquieta al
confronto della tesi maggioritaria, la
chiamano democrazia,
caos. E una
lotta continua,
e purtroppo,
una endemia
diffusa in tutti i
partiti e a tutti i
livelli della politica. A questo

SPECIALE

punto possiamo affermare,


e nessuno ha
elementi per
smentirci, in
Italia viviamo
in una democrazia apparente, quando
non violenta
in nome della libert, purtroppo tradita a
tutti i livelli, dai
voltagabbana,
tossicosi della
democrazia, e
falsificazione
della libert
Bruno Vespa,
nel suo libro
Italiani Voltagabbana dimostra la radificazione di questa
endemia nella
nostra vita sociale, e riporta
elementi storici, al riscontro di quanto
espone, cita a
testimonianza,
Alan Friedman,
il libro Ammazziamo il gattopardo, riporta
la testimonianza del Segretario di Stato
USA, Timothy
Geithner, nei
colloqui con
Obama, non
ci sono parole
per qualificare
quanto costruito per mandare a casa un
Governo voluto
dal Popolo e
imporre Governi, tre, uno
dopo laltro, in
tre anni. Chiediamo ai nostri
lettori: Diteci
dove sta la democrazia. E
senza dubbio,
vilipendio alla
Costituzione,
con lincoronamento di voltagabbana di
prima classe, e
la eclissi delletica.

attualit 12

Sicilia 3 dicembre 2014, mercoled

3 dicembre 2014, mercoled

LOSSERVATORIO

La classifica del Sole 24 ore sulla qualit della vita

Al fondo della scala


delle province italiane
Ci salva soltanto lexport dei prodotti petroliferi della zona industriale

di Salvatore Maiorca

iracusa non va
oltre lottantatreesimo posto nella
classifica annuale,
elaborata dal Sole
24 Ore, per la
qualit della vita.
Nonostante il recupero di sei punti
rispetto allanno
precedente. Ed
preceduta, fra le
province siciliane,
da Ragusa che si
attesta al settantacinquesimo posto.
Siamo quindi secondi fra gli ultimi.
Vediamo come e
perch.
Ci salva lexport, che il pi
alto fra gli indicatori economici utilizzati dal Sole.
La provincia di
Siracusa infatti
la prima delle pro-

vince dItalia per


lesportazione.

balzare al primo
posto fra le pro-

plice la risposta:
lesportazione dei

Domanda ineludibile: cosa ci fa

vince italiane per


l ex p o rt . S em -

prodotti petroliferi
che escono dalle

La provincia di Siracusa la prima


delle province dItalia per lesportazione.
Terza per la grande distribuzione

due raffinerie della


tanto discussa zona
industriale. Sono
infatti i prodotti
petroliferi soltanto che hanno un
peso significativo
nelle esportazioni
di questa provincia. Insignificante
infatti, ancorch
qualificante, lesportazione dei
prodotti agricoli.
Si tratta di prodotti
di nicchia: poca
cosa sulla bilancia complessiva
dellexport.
Per il tenore della
vita peraltro scendiamo al novantunesimo posto. E
fra glindicatori sui
quali il tenore della
vita calcolato il
migliore limporto medio delle
pensioni: mille e
73 euro al mese.

degrado Unaltra perla per l'amara collana dello sfascio ferroviario


Incendio a bordo del
locomotore dell' ICN
(Inter City Notte)
1955 Roma-Siracusa
a 300 metri dalla stazione di Brucoli. Il
treno rimasto bloccato per ore nel tratto
di linea "in trincea",
cio scavato nella
roccia. Ed arrivato
a Siracusa con oltre
due ore di ritardo.
Intanto calato il
silenzio sul deragliamento di un vagone
letto in manovra, tra
lo scalo Pantanelli e
la stazione centrale,
la sera del 18 gennaio
dellanno scorso.
Il viaggio notturno
racconta Liliana
Gissara, consigliere
nazionale di Italia
nostra, che si trovava
a bordo, - era andato
senza grossi inconvenienti se si escludono
i cronici, sostanziosi,

Incendio a bordo del locomotore


treno fermo nei pressi di Brucoli

Bloccate le portiere delle vetture. Arrivo a Siracusa con oltre due ore di ritardo

tempi morti a Villa


San Giovanni e Messina Centrale. Larrivo a Siracusa era
previsto dall'orario
ufficiale alle 9.35.
E invece alle 9.16 il
treno si improvvisamente fermato prima dell'ex stazione di
Brucoli.
Si pensato prosegue la Gissara a
un semaforo rosso.
Niente affatto. Finch, protraendosi la
sosta, il personale di
bordo ci ha informati dell'incidente alla
motrice, rassicurandoci che, al massimo
in mezz'ora, sarebbe

Per il tenore della vita scendiamo al novantunesimo


posto. E fra glindicatori sui quali il dato calcolato
il migliore limporto medio delle pensioni: mille
e 73 euro al mese. Dato per il quale la provincia
di Siracusa risulta la ventisettesima in Italia
Dato per il quale la provincia di
Siracusa risulta la
ventisettesima in
Italia.
E qui si pone
unaltra domanda
ineludibile: cosa
determina questo
significativo importo medio delle
pensioni in questa
provincia? Semplice anche qui la
risposta: sono le
pensioni dei lavoratori della zona
industriale, che
hanno sempre avuto buste paga piuttosto serie, dalle
quali derivano ora
serie pensioni.
Ma non sar pi
cos per il futuro,
con la zona industriale assediata
dalle contestazioni e conseguentemente priva di
seri investimenti
per lo sviluppo.
E qui dobbligo
citare il sociologo
Danilo Dolci: il
problema non

industria s o industria no, bens


industria come.
In pratica piuttosto
che lasciarsi andare alle proteste
continue, senza
solidi argomenti
n mano, bisognerebbe invece confrontarsi sui fatti e
sugli accorgimenti
da adottare per uno

giunta quella in sostituzione.


Da
indiscrezioni afferma ancora
lesponente di Italia
nostra - sembra che
questo
"incidente"
sia il terzo della serie.
Intanto
le portiere, gestite
con procedura centralizzata dal locomotore, rimanevano
bloccate. In caso di
diffusione
dell'incendio al resto del
treno, per mettersi
in salvo, i passeggeri
avrebbero dovuto attendere che i soli tre
addetti di personale
viaggiante aprissero "manualmente" le
portiere con la chiave
quadra in dotazione.
In tratto aperto e di
giorno una situazione
di emergenza del genere, sempre possibile per la vetust e la
scarsa manutenzione
del materiale rotabile, in qualche modo

gestibile. Me se un
incidente del genere
si verificasse in galleria o di notte? Il
personale viaggiante,
ormai ridotto all'osso
per mere ragioni di
profitto, riuscirebbe
ad intervenire tempestivamente in tutte le
carrozze? riuscirebbe
a controllare le inevitabili manifestazioni
di panico dei passeggeri "bloccati" all'interno delle vetture?
C da aggiungere rileva ancora la
professoressa che
una vettura di questo
convoglio ha marciato con una portiera
guasta, tanto che il
personale,
avendo
trovato a bordo un
clandestino, pare anche ubriaco, ha potuto farlo scendere con
non poche difficolt.
Oltre alla mezz'ora
annunciata prosegue il racconto - ne
sono trascorse altre

sviluppo compatibile con la tutela di


salute, sicurezza e
ambiente. Ma il
confronto non pu
che avvenire nelle
sedi competenti e
tra soggetti competenti. Qua invece si
gioca a chi la spara
pi grossa. E glinvestitori scappano.
Siamo in basso (ot-

attualit

tantunesimi) per il
Pil. Molto in basso
per il valore medio
del patrimonio delle famiglie: centoduesimo posto. E
siamo al novantaseiesimo posto per
il costo della vita.
Mentre per i consumi delle famiglie
saliamo, si fa per
dire, al novantaquattresimo posto.
E basso anche
quello che Il
Sole definisce
lo spirito diniziativa: siamo
settantasettesimi
per numero di imprese registrate su

Da sinistra il pontile della raffineria Isab di Priolo, un


momento della lavorazione degli agrumi e il logo dell'Inps

tre prima che il treno


potesse riprendere la
marcia. Finalmente
alle 11.11 il sospiro
di sollievo: il treno
ripartito. Ed arri-

Sicilia 13

vato a Siracusa con


oltre due ore di ritardo.
Incidenti che possono accadere? No. Lo
sfascio del trasporto

Da sinistra treno intercity in manovra e uno scorcio


della stazione di Siracusa

100 abitanti. Mentre scendiamo al


novantasettesimo
posto per numero
di giovani imprenditori. In pratica
non c gran che di
imprenditoria.
Molto basso poi
il tasso di occupazione: novantacinquesimo posto
sulle 107 province.
Servizi. Abbiamo
pochi asili nido:
ottantaduesimo
posto. Abbiamo
un pessimo ecosistema urbano. Il
che vuol dire non
soltanto qualit
dellaria ma vuol

dire anche troppo


traffico privato e
troppo poco trasporto pubblico.
E vuol dire anche
carente igiene urbana.
Sorprendente il
dato della sanit:
siamo al quarantunesimo posto.
Per lordine pubblico impressionante il dato delle
estorsioni: la provincia di Siracusa
terzultima in Italia,
seguita soltanto
da Vibo Valentia e
Foggia.
Infine impressionante anche il

dato della grande


distribuzione organizzata: la provincia di Siracusa
la terza dItalia.
E quello investito
nella grande distribuzione spesso
danaro da ripulire. Lo afferma il
professor Maurizio
Caserta, della Universit di Catania,
in una delle ultime
relazioni economiche della Camera
di commercio.
In definitiva,
comera da aspettarsi, fra luci e
ombre prevalgono
le ombre.

ferroviario da Napoli
in gi conclude la
professoressa Gissara - avviene nel pi
totale
disinteresse
dei vari esponenti
politici che di tutto si
occupano tranne che
di lavorare per dare
servizi efficienti, decorosi e sicuri anche
a quelli che, ormai,
sono i cittadini di
un'Italia di serie Z.
Il diritto alla mobilit, che se anche sostenibile non guasta,
viene riconosciuto
dalla Campania in
su. Ne sono prova le
molte decine (fino a
89 corse al giorno) di
collegamenti giornalieri con Freccia rossa e convogli similari tra Napoli, Roma,
Milano, Torino, Genova, Venezia. Tutto
il resto non Italia.
Cos unaltra perla si
aggiunge alla ormai
lunga, troppo lunga,
collana del dissesto

ferroviario in Sicilia.
E non si pu non ricordare che la Sicilia lunica Regione dItalia, da anni,
tanti anni, che non
ha ancora firmato il
contratto di servizio
con le Ferrovie dello
Stato.
Per contro la Regione siciliana, con
5 milioni e mezzo
di abitanti e servizi
zero, ha circa 20 mila
dipendenti, duemila
e 700 dirigenti e 56
mila precari sparsi
nei vari enti locali
dellisola ma tutti a
libro paga della regionale.
La Regione Lombardia invece, con 8
milioni di abitanti e
servizi al top in Italia, ha soltanto 8 mila
dipendenti e 700 dirigenti.
Evidentemente qui
siamo di fronte soltanto allo sfascio non
solo della ferrovia

ma dellintera Regione. E per concludere


con la questione ferroviaria non si pu
non ricordare lormai
storica e cruda risposta del responsabile
regionale del traffico
ferroviario, Torina,
allallora presidente di Confindustria
Siracusa Alvaro Di
Stefano: La Sicilia,
rispose quel dirigente, non appetibile
per le Ferrovie dello
Stato a causa dellalto costo del traghettamento sullo Stretto.
E il disegno di fermare i treni a percorrenza nazionale a Vibo
Valentia, a suo tempo
annunciato da FS, anche in sedi ufficiali,
non stato mai abbandonato.
Correva lanno 2008.
Dopo sei anni la situazione non soltanto
non cambiata ma si
pure aggravata.
s.m.

Cultura 14

3 dicembre 2014, mercoled

Sicilia 3 DICEMBRE 2014, MERCOLED

mgghiu
per uomini e donne

di Roberto Tondelli

Il dialetto una
lingua a tutti gli
effetti, nobilitata
dal fatto di aver
accolto molto latino e molto greco.
Quando poi, parlando in italiano si
vuol rendere con
maggior vivezza
un concetto, ecco
che si passa al dialetto.
Questo fenomeno
linguistico noto
in tutte le lingue
nazionali, ed
quello che accade
anche qui parlando di Cristo Ges.
Lepistola
agli
Ebrei
(convertiti al Cristo), attribuita a Paolo
apostolo, punteggiata dellaggettivo meglio,
migliore attribuito a Ges Cristo
Risorto:
meglio
degli angeli; meglio di Mos; sacerdote migliore;
che offre un sacrificio migliore; mediatore migliore;
egli addita una via
migliore.
Come mai? Perch
egli il Vivente. Il
solo che pu dire
di essere il Vivente.
Ecco perch di
Ges si pu dire
che realmente
u megghiu! Ci
si pu accostare a
lui leggendo le sue
parole, la sua vita,
i suoi fatti nel meraviglioso Evangelo di Luca e nel
libro degli Atti
degli
Apostoli.
Luca, collaboratore di Paolo apostolo, era medico,
dunque uomo di
scienza.
Perci
la sua narrazione
pu adattarsi bene
anche alla nostra
mentalit scientifica moderna.
La sua infatti una
narrazione storica
che vede Cristo
Ges al centro del
tempo, quindi nel

Lepistola agli Ebrei (convertiti al Cristo), attribuita a Paolo apostolo, punteggiata


dellaggettivo meglio, migliore attribuito a Ges Cristo Risorto
cuore stesso della vita di uomini e donne. Ges
non importante
solo sotto le feste,
quando si deve
smerciare. Cristo

anche oggi e
proprio oggi quel
Sacerdote che
capace di simpatizzare con noi
nelle nostre infermit, perch lui

ditando la Buona
Notizia secondo
Luca. Ecco una
sintesi della presentazione
che
Luca fa di Ges.
Ges il Signo-

Ges oggi Uomo


Risorto e Mediatore unico fra Dio
e gli uomini. Lui
davvero centrale
nel nostro stesso
rapporto con Dio e
con gli altri.
Soprattutto in un
momento cos difficile come lattuale, con giovani
e famiglie in grave
stato di necessit,
utile ricordare
che Cristo Ges

stesso ha passato
le nostre stesse
sofferenze, per
senza
peccare,
anzi
confidando
nel Padre Celeste
che lo ha sostenuto
e reso forte nella
prova pi terribile.
Molte persone che
dicono di non
avere il dono della
fede potrebbero
imparare a nutrire
la fiducia verace
leggendo e me-

re, il Risorto dai


morti: Lui solo
nostra
Speranza
Vivente. C bisogno di speranza
oggi giorno. Ma di
Speranza verace.
La forza di Ges
la potenza stessa
di Dio che lo ha
mandato: la forza
dellumilt,
che
cos spesso manca
purtroppo nei rapporti fra le persone.

Luca descrive la
mansuetudine di
Cristo Ges: un
fatto pi potente
della violenza; restituire valore alla
mansuetudine si-

Molte persone che dicono


di non avere
il dono della
fede potrebbero imparare
a nutrire la
fiducia verace
leggendo e
meditando la
Buona Notizia
secondo Luca

gnifica aver compreso la bellezza e


la bont di Cristo.
Cristo misericordioso verso il
peccatore che si
ravvede: per ravvedersi
occorre
lumilt di riconoscere i nostri errori, i nostri limiti, la
nostra necessit di
essere perdonati.
Ma da Dio.
Ges vede la povert come un va-

lore: ma condanna
chi
impoverisce
gli altri, condanna
chi sfrutta il prossimo.
Cristo ha una generosit grande: di
cui per non ci si
pu n ci si deve
approfittare;
la
grazia di Dio non
va sprecata n buttando via gli aranci
n buttando via il
dono della salvezza in Cristo Ges.
Ges ha stima
della donna: tanto
vero che ha diverse donne come
sue collaboratrici.
Ma nel Signore n la donna
senza luomo n
luomo senza la
donna.
Cristo ci invita a
riscoprire il valore
del pregare: vero
colloquio positivo
con Dio.
Cristo ci addita il
valore grande della
Buona Notizia di
salvezza che Egli
porta a ciascuno.
Non bisogna salvare lanima propria quasi fosse un
tesoro da conservare.
Occorre
salvarla come si perde
un tesoro, distribuendolo! (Charles Peguy, 18731914). Di questi
argomenti si tratta
presso la sede della Chiesa di Cristo a Siracusa: via
Modica, 3 - davanti
all'Istituto
Insolera - conversazioni bibliche,
mercoled e venerd ore 19.30 - culto al Signore, domenica ore 10.30
- info: 0931.24639
- 340.4809173 email: chiesadicristo@alice.it. Un
cordiale invito agli
interessati. (Foto:
Incipit del Vangelo
Secondo Luca; E.
Burnand, Il mattino della risurrezione Pietro e Giovanni alla tomba di
Ges).

Sicilia 15

SPORT SIRACUSA

Serve un richiamo a non trascurare gli altri settori

Quando gli elogi ai tifosi


ignorano la par condicio

Alla fine del vittorioso incontro con lIgea Virtus ci ha


pensato lallenatore in seconda Vittorio Iemma a far
capire ai giocatori che esiste anche chi soffre in tribuna

Non la prima
volta che Anastasi, tecnico del
Siracusa, nel rappresentare la sua
gratitudine per il
supporto che il
pubblico
offre
alla squadra, si
rivolge solo ad
un
determinato
settore dello stadio, che avr tutti
i meriti di questo
mondo, ma che
non detiene lesclusiva del tifo
siracusano. E siccome quando
troppo troppo,
ben venga una
puntualizzazione per evitare il
perpetuarsi
di
una discriminazione basata solo
sul modo diverso
di incoraggiare i
propri beniamini. Se in curva,
ad esempio, si
canta, si gridano

slogan, si espongono striscioni e


si accendono fumogeni, in tribuna, il tifo magari
pi composto, pi
tradizionale, ma
non per questo
meno
caloroso.
Si sottolineano le
azioni pi brillanti con scroscianti
applausi, si incoraggia a gran
voce la squadra
nei momenti critici, ma non si pu
chiedere a nessuno di far finta di
niente di fronte
a topiche macroscopiche frutto di
anarchie tattiche
o di prestazioni
infelici. Tifo, in
gergo
sportivo,
significa amare e
sostenere la squadra del cuore, ma
solo quando questo amore corrisposto dai prota-

Pallanuoto, per lOrtigia


tanti rimpianti pensando
al derby di sabato

Ancora tanti rimpianti in casa


Ortigia, per la gara persa al cospetto del Tc della Nazionale Sandro
Campagna. Gara molto equilibrata,
penalizzata per tutte e due le formazioni da un arbitraggio tuttaltro che
impeccabile, per le tante decisioni
discutibili, tra cui quella che costata la sconfitta dei ragazzi di mister Leone non ravvisato dai signori
Ercoli e Luciani.
Sono davvero deluso dal comportamento della coppia arbitrale- ha
dichiarato mister Leone- che ha
compromesso di fatto lesito del
match. Non mi lamento per la sconfitta, ma per come questa sia stata
decisa da un arbitraggio decisamente discutibile.
Per quanto riguarda il gioco espresso dai miei ragazzi posso ritenermi

gonisti che hanno


non solo il diritto
ad essere sostenuti ma anche il dovere di rispettare
sia chi li sostiene
che la maglia che
indossano. Ma se
bello ed encomiabile il comportamento di un
settore dello stadio che si snoda
dal primo allultimo minuto, non
giusto ignorare
i tanti episodi da
libro Cuore che
si verificano ogni
domenica in tribuna, soprattutto ad opera dei
vecchi tifosi che
nel bene e nel
male non hanno
mai abbandonato la squadra sin
da quando erano
ragazzini. Bisognerebbe vederli
questi barcollanti
ottantenni, arram-

In foto,Vittorio Iemma, vice allenatore del Siracusa

picarsi la domenica, sempre pi


faticosamente, s
per i gradoni, incuranti delle fitte dolorose alle
articolazioni, del
respiro
sempre
pi corto e dei
battiti
cardiaci
sempre pi accelerati. E bisognerebbe considerare
lesperienza che
hanno accumulato, le diverse pietre di paragone di
cui
dispongono
per giudicare se
una partita bella
o brutta e la loro
intima ma contenuta sofferenza,

molto soddisfatto. Abbiamo affrontato questo derby con la giusta personalit, nonostante lassenza di un
giocatore importante come Daniele,
che per noi un vero punto di riferimento.
Dopo i minuti iniziali, dove abbiamo subito la loro partenza sprint,
siamo riusciti a trovare il coraggio
per reagire. Siamo stati molto propositivi in attacco, dove a parte i
soliti Danilovic e Di Luciano, si
distinto molto bene Martino Abela.
Dobbiamo migliorare ancora tanto
in difesa, perch con le nostre ingenuit concediamo troppe occasioni
facili ai nostri avversari, ma credo
che sia normale con una squadra
cos giovane. Mi ritengo soddisfatto
per il carattere mostrato da tutto il
gruppo, ma resta comunque lamarezza per le dinamiche che hanno
deciso il risultato finale. Adesso
per la compagine aretuea, sabato arrivano al Paolo Caldarella i palermitani della Telimar squadra che attualmente viaggia a vele spiegate
a punteggio pieno.
Salvatore Cavallaro

prima di giudicare questi giovani di ieri, freddi


e distaccati. Ma
quando una persona importante
come lallenatore
distribuisce attestati unilaterali di
gratitudine, volete che la squadra
non lo segua in
questa direzione?
Ed ecco allora
squadra, tecnico
e dirigenti dirigersi a fine partita
verso determinati
settori, dimenticandone altri. Ma
domenica scorsa,
alla fine del vittorioso incontro

con lIgea Virtus,


ci ha pensato Vittorio Iemma, vice
allenatore
del
Siracusa e nobile
figura di sportivo,
a rimettere le cose
a posto. Visto infatti che il gruppo
dopo aver salutato
la curva stava per
imboccare la strada degli spogliatoi, gli ha imposto
di rivolgere analogo saluto ai tifosi della tribuna.
Allinsegna non
solo della par
condicio ma anche del buonsenso.
Armando Galea

Volley, troppo forte la capolista


per lHolimpia Siracusa

Terza sconfitta consecutiva per lHolimpia


di mister Sciaca in casa della capolista Omia
Volley 88 Cisterna . Sono soddisfatto del
risultato, abbiamo avuto un approccio corretto
affrontando lavversario con il giusto rispetto,
come sempre chiedo di fare alle mie giocatrici chiarisce William Droghei, allenatore della
squadra di Cisterna Analizzando la partita
complessivamente posso dire che stata importante la partenza sprint che abbiamo avuto:
questo ci ha concesso di gestire con un pizzico di
tranquillit in pi alcuni problemini fisici che ci
trasciniamo dalla trasferta di Marsala. Ci tengo
a dire che, nonostante la differenza classifica,
questo risultato per me non era scontato e non
lo era nemmeno per le mie giocatrici: con questa vittoria possiamo preparare con pi serenit
la difficile trasferta contro Catania. Sabato
prossimo lHolimpia Siracusa sar impegnata
al PalaAkradina con inizio alle 15.00 nel match
pi abbordabile per le aretusee che rappresente uno scontro salvezza, contro la formazione
dellASD Danunziana Pescara.
S.C.

SPORT PAGINA 16 3

Sicilia

dicembre 2014, mercoled

Prende il posto
di Giuseppe
Carbonaro, a cui la
societ azzurra sta per
consegnare la lista
di fatto svincolandolo
A fianco e sotto, Luca
Strano con lamministratore delegato
Albergamo.

Lattaccante Luca Strano


firma per il Citt di Siracusa
L a t t a c c a n t e

Luca Strano un
nuovo calciatore del Siracusa.
Svincolato
dal
Citt di Vittoria,
Strano ha firmato questa mattina
il contratto che
lo lega al Citt di
Siracusa. Proprio
oggi il suo primo
allenamento con
i nuovi compagni di squadra.
L a t t a c c a n t e ,
proveniente dal
Vittoria, ha gi
sostenuto la prima sessione di
allenamento agli
ordini di mister
Anastasi.
Nato a Catania il
12/08/1983 Strano vanta un curriculum di tutto
rispetto nel campionato di Eccellenza avendo gi
vestito le maglie
dellAdrano,
dellAkragas,
del Vittoria, del
Modica e del
Ragusa. Arrivare a Siracusa
a 31 anni una
cosa bellissima
sono le prime
parole di Strano
Perch si tratta di una piazza
importante e che

Lattaccante, proveniente dal Vittoria, ha gi


sostenuto la prima sessione di allenamento

vuole
vincere.
Sono stato in altre squadre con
obiettivi importanti in questa
categoria,
ma
Siracusa tutta
unaltra
storia.
Ho gi giocato
con Arena e Orefice ad Adrano
dove
abbiamo
vinto il campio-

nato. Sono felicissimo di essere


qua a Siracusa.
Sappiamo di essere in tanti e di
doverci giocare
il posto domenica dopo domenica. Si vedeva
subito che era un
gruppo tosto e
abbastanza affiatato. Il mio obiet-

tivo collegato
alla squadra: vogliamo vincere
il
campionato,
il resto viene
dopo. Prende il
posto di Giuseppe Carbonaro, a
cui la societ azzurra sta per consegnare la lista di
fatto svincolandolo. Stessa cosa

per il siracusano
Paolo Messina,
che ha chiesto
di andare via. In
partenza anche
due under, DAmico e Napoli. A
sorpresa andato
via anche Ignazio Panatteri, di
comune accordo
con la dirogenza del Siracusa.
Altre due pedine
potrebbero
firmare nella giornata di domani
per il Siracusa.

Calcio a 5
vittoria
per i ragazzi
di mister Sarci

Anche la maschile delle


Formiche Siracusa colleziona un nuovo successo
nella gara, valevole per
la 6 giornata del Campionato di serie D, battendo il S.Sofia Sortino
per 7-5. Dopo la vittoria
sul Portopalo della scorsa settimana, altri tre
punti utili che proiettano
la squadra di Peppe Sarci al terzo posto in classifica e a tre lunghezze
dalla capolista i Bruchi
Augusta. Prossimo appuntamento degli aretusei mercoled 3 dicembre
in casa dell'Atletico Cassibile.

Basket,
per la Nuova
Trogylos una
sconfitta con
tanti rimpianti
Battuta

darresto per la Nuova


Trogylos Priolo,
che ha subito la
sconfitta in trasferta contro la Stella Palermo,con il
punteggio finale di
61-56. Partita molto equilibrata, con
minimi
allunghi
delle due squadre a
momenti alternati.
Noi
abbiamo
sofferto molto la
giornata
negativa di Terranella e
Calcerano e ovviamente l'apporto
ridottissimo
che
ha potuto dare la
capitana Morabito,
che in settimana
non si era allenata
causa infortunio
riferisce il tecnico Andrea Bianca - in aggiunta a
tutto questo, alla
fine del quarto/
quarto quando eravamo sotto di soli
3 punti, in fase di
rimbalzo d'attacco la nostra Elys
Mbombo, che fino
ad allora aveva effettuato una prestazione eccezionale e
generosa, ha subito
un contatto fortuito
che ha poi comportato una profonda
lesione alla fronte.
Resta il rammarico per aver perso
l'occasione di poter
giocare al meglio
con un avversario
sicuramente non
superiore a noi, anche se il controllo
del rimbalzo difensivo questa volta
stato con troppa
sufficienza lasciato
in diverse occasioni alle avversarie.
aggiunge il coach
Bianca. Di positivo
rimane da segnalare anche la prestazione di Quadarella, che ha dato
solidit alla difesa
di tutta la squadra.