Sei sulla pagina 1di 9

www.libertasicilia.it mail: libertasicilia@gmail.

com Fondatore Giuseppe Bianca nel 1987


Sport
Noi ci siamo
Progetto del Coni
per i disabili
A pagina quattro
Sentenza del tribunale penale
Caso Fatima II, stamane
udienza davanti al Gip
La Procura della Re-
pubblica di Siracusa
chieder il rinvio a
giudizio a carico di
due cittadini egiziani e
di un tunisino, ritenuti
responsabili del reato.
A pagina cinque
SINDACATO POLITICA
CIRONE COMMENTI
Ars
Stanziati 19 milioni
per i lavoratori
della Forestale
A pagina quattro
Previsioni nere per i contenziosi annunciati al bando di gara del Comune
La Filcams CGIL di
Siracusa ha inviato una
nota di protesta al Comu-
ne capoluogo.
A pagina due
Scoppia
la grana
Util service
S chiuso anzitempo con un verdetto di non luogo a
procedere per sopraggiunta prescrizione, il processo a ca-
rico di un funzionario dellInpdap di Siracusa, che doveva
rispondere del reato di corruzione.
Intanto, il traffco veicolare inghiotte il centro storico
Ponte dei Calafatari
Demolizione contesa
di Concetto Alota
La tesi dei pubblici mi-
nisteri che ritenevano il
gestore del Servizio idrico
integrato della provincia
di Siracusa, l'ormai famo-
sa Sai8, non essere pi in
possesso dei requisiti ne-
cessari per proseguire nel-
la sua attivit, fu accolta
dai giudici del Tribunale
di Siracusa e la Sai8 fu
cos dichiarata fallita. La
Sezione fallimentare del
Tribunale di Siracusa de-
posit la sentenza, acco-
gliendo la tesi dei sostituti
procuratori.
Acqua
e affari
politici
di Salvatore Maiorca
Era parso a molti che
il ponte cosiddetto dei
Calafatari fosse inutile. E
lamministrazione comu-
nale, dopo averne chiuso
la prima met e poi la se-
conda, ha frettolosamente
deciso di demolirlo e non
ricostruirlo. Troppo fret-
tolosamente. Alla resa dei
conti del traffco invece s
visto, e si vede ogni santo
giorno, che quel ponte era
prezioso.
A pagina dodici
A pagina sei
mercoled 22 ottobre 2014 Anno XXVII n. 243 Direzione, Amministrazione e Redazione: via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 FAX 0931 60.006 Pubblicit: Poligrafca S.r.l. via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 Fax 0931 60.006 0,50
Siamo pronti a svolge-
re il nostro mandato senza
alcun gettone di presenza
e anche senza indennit.
A pagina tre
Stati generali
dei quartieri
il 3 novembre
In due casi siracusani il
Governo Crocetta ha fat-
to scelte all'insegna del-
la doppia morale e, per
quanto la politica sia l'arte
del possibile, c' un mo-
mento.
A pagina due
La doppia
morale
di Crocetta
Truffa Inpdap
Prescrizione
per gli imputati
A pagina due
Quotidiano della Provincia di Siracusa Sicilia
CRONACA DI SIRACUSA 2 Sicilia 22 OTTOBRE 2014, MERCOLED
S chiuso anzitempo
con un verdetto di non
luogo a procedere per
sopraggiunta prescri-
zione, il processo a
carico di un funzionario
dellInpdap di Siracusa,
che doveva rispondere
del reato di corruzione
oltre che di quello per
truffa, e di diciassette
pensionati che erano
accusati di truffa ai
danni dellistituto di
previdenza. La sen-
tenza stata emessa
dal tribunale penale di
Siracusa (presidente
Stefania Scarlata, a
latere Perna e Tripi).
I giudici hanno accolto
la specifca richiesta
avanzata dal pubbli-
co ministero Antonio
Nicastro, il quale ha
bloccato listruttoria
dibattimentale facendo
rilevare che per tutti
i reati oggetto della
contestazione, erano
scaduti i termini e che
quindi andavano consi-
derati prescritti.
Hanno benefciato della
sentenza di non luogo
a procedere Salvato-
re Malignaggi, fun-
zionario dellInpdap,
e gli altri imputati
Liliana Franza Ago-
sta, Maddalena Arceri,
Carmela Amenta, Rita
Amatore, Giuseppina
Midolo, Maria Anna
Avveduto, Antonina Di
Mare, Assunta Gallaro,
Pasolina Barrile, Maria
Broggi, Anna Maria
Bianchini, Itria Gallo,
Elena Leone, Carmela
Oleandro, Rita Pane,
Luigina Ricci Bitti,
Rosina Sciaraffa.
Loperazione, portata
a termine dagli agenti
della polizia munici-
pale in servizio presso
la polizia giudizia-
ria della Procura di
Siracusa. Abbraccia
un arco temporale dal
2005 al 2006 e ruota at-
torno allelargizioni di
aumento degli importi
delle pensioni, che a
giudizio della magistra-
tura siracusana erano
illegittimi.
Secondo quanto rico-
struito dagli investi-
gatori, il perno delle
operazioni era Ma-
lignaggi, il quale, in
qualit di funzionario
dellInpdap avrebbe
istruito le pratiche per
aumentare gli importi
delle pensioni soste-
nendo esservi i titoli
per ottenere anche gli
arretrati. A fronte di
questi favori, Mali-
gnaggi avrebbe chiesto
delle piccole somme di
denaro dalle persone
interessate, poi a loro
volta fnite sottinchie-
sta e processate. In una
circostanza, Malignag-
gi avrebbe prospettato a
una pensionata lungag-
gini burocratiche qua-
lora non avesse ceduto
alle richieste di dazione
di denaro. In questa
circostanza, la Procura
ha ipotizzato nei suoi
confronti il reato di
concussione, Nel corso
del processo, per, tale
capo dimputazione
stato derubricato in
corruzione, per cui
scattata la prescrizione
del reato. Ad avere ap-
profttato di quanto pro-
spettato dal funzionario
dellInpdap, sarebbero
state numerose perso-
ne, titolari di rapporto
pensionistico con listi-
tuto di previdenza, tutte
fnite nellinchiesta per
truffa.
Francesco Nania
Truffe Inpdap
Il processo
stoppato
da prescrizione
Loredana
Faraci
consulente
di Reale
VERDETTO DI NON LUOGO A PROCEDERE PER 18
POLITICA
La siracusana Loredana Faraci,
stata nominata dallassessore
regionale allAgicoltura, Ezechia
Paolo Reale, consulente per
il Cluster Bio Mediterraneo.
43enne, laureata in lettere, per
anni collaboratrice del La Sicilia
e nelluffcio stampa dellIstituto
nazionale del dramma antico
fno alle passate rappresentazioni
classiche, Faraci stata chiamata
a dirigere un importante settore
in vista dellappuntamento con
lExpo del 2015. Il suo incarico,
pubblicato, come prevede la legge,
sulla pagina del sito della Regione
dedicata alle consulenze, avr un
compenso lordo complessivo di
La Filcams CGIL di Siracusa
ha inviato una nota di protesta
al Comune capoluogo in merito
alla situazione della societ UTIL
service.
La cooperativa che opera
nellambito comunale e che ge-
stisce anche il servizio di navette
elettriche, ad oggi non ha ancora
pagato gli stipendi ai lavoratori,
e ci nonostante la cooperativa
abbia - secondo quanto scrive il
sindacato di categoria - ricevuto
dal comune di Siracusa paga-
menti di spettanze arretrate per
ladeguamento del contratto agli
indici dellISTAT.
Una situazione ritenuta dalla came-
ra del lavoro siracusana insosteni-
bile anche perch i lavoratori per-
cepiscono appena 500 euro mensili
e soprattutto alla luce del fatto che
il ritardo nei pagamenti non ri-
guarderebbe tutto il personale del-
la cooperativa, tra laltro, messa in
mora per il mancato pagamenti di
spettanze arretrate a oggi non cor-
risposte.
Una situazione drammatica que-
sta dei lavoratori della cooperativa
UTIL Service afferma il segreta-
rio della Filcams, Stefano Gugliot-
ta di cui il Comune di Siracusa
a conoscenza. Ma fno a oggi,
Niente stipendi
I lavoratori Util service
in agitazione
malgrado le continue e pressanti
segnalazioni, lamministrazione co-
munale nulla fa per evitare questo
stillicidio che si ripete oramai da
troppo tempo.
Attendiamo ancora la convoca-
zione del Comune di Siracusa - af-
ferma ancora il segretario della
Filcams Cgil - approssimandosi la
fne della proroga concessa fno ad
ottobre in attesa dellaggiudicazio-
ne delle nuove gare, perseverando
questo stato di cose, la proclama-
zione dello stato di agitazione con
una manifestazione davanti a pa-
lazzo Vermexio.
R.L.
Qui sopra, il palazzo di Giustizia di Siracusa.
22 OTTOBRE 2014, MERCOLED Sicilia 3 CRONACA DI SIRACUSA
La Commissione Bilancio ha approvato, questa mattina, un emendamento che
stanzia un milione di euro per i lavoratori del CIAPI di Priolo e di Palermo, che
da alcuni mesi non percepivano lo stipendio per lattivit svolta.
Sono soddisfatto per il risultato raggiunto, ha concluso lOn. Vinciullo, che
rende giustizia ai lavoratori che in tutti questi mesi hanno continuato a svolgere
la loro attivit pur non percependo lo stipendio, ha commentato lonorevole
Stanziato un milione di euro
per i lavoratori del Ciapi di Priolo
Soppressione circoscrizioni
Convocati tutti i quartieri
Convocati gli
stati generali
nellaula
Vittorini
il 3 novembre
DOPO LE DICHIARAZIONI DEL SINDACO, LA REAZIONE DELLA BASE
Siamo pronti a svolge-
re il nostro mandato senza
alcun gettone di presenza
e anche senza indennit.
Pronta la replica da parte
del coordinatore dei pre-
sidenti di quartiere, Paolo
Romano, alle dichiarazioni
del sindaco Garozzo, che
intende cancellare con una
penna molte circoscrizioni
di Siracusa, per attuare la
spending review. E pro-
prio per dare forza alla loro
protesta, i presidenti hanno
convocato degli stati ge-
nerali delle Circoscrizioni
convocati per luned 3 no-
vembre prossimo presso
laula consiliare di palazzo
del Vermexio.
Romano prende lo spunto
per attaccare lammini-
strazione comunale soste-
nendo che sia innamorata
dellaccentramento e non
del decentramento.
Prendiamo atto dice il
presidente dei presidenti di
quartiere che fnalmen-
te questa amministrazione
ha buttato gi la masche-
ra sulla questione decen-
tramento. Gi dalle prime
battute della legislatura con
il taglio del numero dei se-
gretari, avevamo avuto la
sensazione che sullargo-
mento si voleva procedere
verso lannullamento delle
Circoscrizioni. Ma anche
latteggiamento di alcuni
assessori nei confronti dei
Consigli Circoscriziona-
li e del fatto che nessuna
somma era stata destinata
ai bilanci circoscrizionali
per manutenzioni e varie
altre voci , (se non una esi-
gua somma di tremila euro
a fne dicembre), il segna-
le stato chiaro sin dalli-
nizio. Il suggerimento di
Romano quello di far
funzionare al meglio gli
organi decentrati che fno
a prova contraria sono or-
gani dellamministrazione
comunale come previsto
dallart. 7 dello Statuto
comunale, e non solo, ma
anche organismi eletti dal
popolo. Se la motivazione
dello scioglimento delle
circoscrizioni sono i getto-
ni dei consiglieri, e quindi
gli sprechi come qualcuno
li defnisce, allora ci adden-
triamo in un percorso che ci
porta a discutere dellintera
argomentazione degli spre-
chi che ci sono allinterno
dellamministrazione ed in
altri organi elettivi. R.L.
Il Presidente della circo-
scrizione Neapolis sull'an-
nunciata abolizione dei
quartieri da parte del sinda-
co Garozzo: "Siamo sempre
pronti al dialogo, ma non
possiamo tollerare nessun
colpo di scure"
"Quando si parla di riduzio-
ne dei costi della politica,
argomento serio e molto
sentito dai cittadini, l'ap-
proccio che un'amministra-
zione seria dovrebbe tenere
quello di effettuare tagli
non lineari ma studiati per
bene, quasi chirurgici",
A parlare il presidente
della Circoscrizione Nea-
polis, l'avvocato Giuseppe
Culotti. "Invece del bisturi
per, il sindaco Garozzo
sceglie di usare la scure,
annunciando via Facebook
l'abolizione totale e scrite-
riata di un organo necessa-
rio per il confronto diretto
con i cittadini, primo livello
istituzionale con il quale
rapportarsi in caso di pro-
blematiche concrete". Con-
tinua Culotti: "al di l del
metodo scelto per annun-
ciare una cos importante
riforma, irrituale e mortif-
cante per tutti i rappresen-
tanti regolarmente eletti nei
vari consigli di circoscrizio-
ne, questa uscita del sinda-
co temo nasconda un poco
velato tentativo di imbava-
gliamento nei confronti di
istituzioni che rappresenta-
no un costante pungolo nel
fanco dell'amministrazio-
ne, segnalando quotidiana-
mente problematiche e dis-
servizi e venendo tra l'altro
spesse volte ignorate. Se il
problema sono i 3 mila euro
annui di budget assegnato
o i gettoni di presenza, gi
abbondantemente ridotti in
passato - prosegue il pre-
sidente - siamo disposti ad
incontrarci e valutare nuove
proposte.
Peppe Culotti
Presidente
di neapolis:
riduciamo
le indennit
LArcigay Siracusa con il patrocinio gra-
tuito del Comune, della Consulta civica di
Siracusa, della Consulta comunale giovanile,
l ANDDOS (Associazione nazionale contro
le discriminazioni da orientamento sessuale),
ha promosso una campagna contro lAIDS
organizzando, per sabato prossimo 25 ottobre,
il Candlelight, una faccolata in memoria
delle vittime dellAIDS, che si terr alla fne
del convegno Noi vs HIV per combattere
il virus e il pregiudizio.
Un convegno nel quale verranno scambiate,
Una faccolata per le vittime dellAids
CANDLELIGHT SARA' PRESENTATA DOMANI MATTINA AL PALAZZO DI CITTA'
In foto, palazzo Vermexio.
PRONTA UNA MANFESTAZIONE AL VERMEXIO
15.000 euro per sette mesi: si oc-
cuper fno ad aprile delle attivit
di competenza dellassessorato
per quanto riguarda lo sviluppo e
la buona riuscita del Cluster 'Bio
Mediterraneo', che dovr essere
coordinato e gestito dalla Regione
Siciliana all'Expo 2015.
R.L.
Vincenzo Vinciullo, Vice Presidente Vicario della Commissione Bi-
lancio e Programmazione allARS.
una serie di informazioni e opinioni, tra addetti ai
lavori con varie specialit. I dettagli delliniziativa,
saranno presentati gioved (23 ottobre alle 10,30),
nel corso di una conferenza stampa che si terr
nella Sala Archimede di piazza Minerva 5.
Saranno presenti, il sindaco, Giancarlo Garozzo,
lassessore alle Pari opportunit, Silvana Gambuz-
za, il presidente dellArcigay Siracusa, Armando
Caravini, e i rappresentanti delle associazioni che
hanno aderito alliniziativa.
Testimonial dellevento: Rosaria Iardino Presi-
dente onoraria nazionale NPS.
CRONACA DI SIRACUSA 4 Sicilia 22 OTTOBRE 2014, MERCOLED
PolItIcA
Marika Cirone
La doppia
morale
di Crocetta
per due casi
siracusani
In due casi siracusani
il Governo Crocetta ha
fatto scelte all'insegna
della doppia morale e,
per quanto la politica sia
l'arte del possibile, c'
un momento nel quale
le furbizie a buon mer-
cato appaiono nella loro
grossolana volgarit.
Lo dice la parlamentare
regionale Marika Ciro-
ne, che si riferisce alla
nomina del Commissario
del Libero Consorzio
di Siracusa e all'attuale
Sovrintendente ai Beni
culturali.
Lascia senza parole la
riconferma del Commis-
sario del Libero Consor-
zio di Siracusa - dice la
Cirone -, fatta in fretta
e furia dalla giunta di
Governo, senza procede-
re ad una verifca accorta
sia in ottemperanza alle
nuove norme naziona-
li che escludono dagli
incarichi i pensionati,
come era stato rigoro-
samente fatto valere in
occasione delle nomine
dei Direttori Generali di
due strutture ospedalie-
re dell'Asp di Catania,
sia per opportunit
politica visti i numerosi
incarichi professionali
che il designato ricopre
in situazioni delicate.
L'altra questione riguarda
l'incarico di Sovrinten-
dente conferito dal nuovo
Dirigente Regionale ai
Beni Culturali, Rizzuto,
ovvero, come la stessa
parlamentare regionale
siracusana afferma: a
un dirigente in presenza
di un processo, che lo
riguarda, ancora in corso
per illegittimit connes-
se ad una concessione
edilizia, con la doppia
incongruenza di lasciare
la pi importante Sovrin-
tendenza siciliana non
solo priva della fgura
titolata a guidarla, ma
anche mortifcata da una
sospensione arbitraria,
che, per quanto si lam-
bicchi, non presenta al-
cun elemento per essere
supportata.
22 OTTOBRE 2014, MERCOLED Sicilia 5 CRONACA DI SIRACUSA
Lattenzione del mon-
do della sport verso la di-
sabilit psico-relazionale
rappresenta una svolta
che merita tutto il nostro
sostegno. Lo ha detto
l'assessore alle Politiche
sociale , Liddo Schiavo,
intervenendo a Noi ci
siamo, il progetto del
Coni di Siracusa rivolto
dal mondo della disabi-
lit e che prender il via
tra dieci giorni. All'in-
contro con i giornalisti
hanno partecipato anche
il delegato provinciale del
Coni, Giuseppe Corso, il
coordinatore provinciale
dell'Uffcio educazione
fsica dell'Uffcio scolasti-
co, Sebastiano Zammitti, e
il presidente di Panathlon
Siracusa, Gaetano D'Aga-
ta.
Noi ci siamo, sostenu-
to anche dal Rotary club
Monti Climiti, giun-
to alla quarta edizione e,
proprio per l'attenzione
rivolta alla disabilit psico
relazionale, uno dei po-
chissimi progetti fnanziati
dallo Stato a livello nazio-
nale. Lo scopo duplice:
da una parte migliorare
le capacit fsiche e com-
portamentali delle persone
interessate; dall'altro rac-
In foto, lassessore Liddo Schiavo.
Progetto Noi ci siamo
Per integrare i disabili
Schiavo: lattenzione del mondo dello sport
rappresenta una svolta che merita sostegno
PRESENTATO IL PROGETTO CONI A CUI ADERISCE IL COMUNE
cogliere dati per gli studi
scientifci sul rapporto tra
attivit fsica e trattamen-
to della varie forme di
disabilit. Il progetto non
ha fnalit agonistiche ma
punta alla socializzazione
dei partecipanti. Le perso-
ne con disabilit, specie se
hanno superato l'et scola-
re, proprio perch tenute
fuori dalla pratica spor-
tiva, vanno incontro a un
decadimento fsico acce-
lerato, al peggioramento
delle capacit relazionali e
a una progressiva emargi-
nazione.
A tutte le persone ha
detto l'assessore Schiavo,
che anche presidente re-
gionale dell'Aics vanno
date le stesse opportunit e
la condizione fsica e men-
tale non pu essere motivo
di discriminazione. La de-
cisione di coinvolgere nel
mondo dello sport sogget-
ti che tradizionalmente ne
erano esclusi, si rivelata
vincente; per tale ragione,
la decisione come asses-
sore e come presidente
di un ente di promozione
sportiva di sostenere il
progetto del Coni.
All'iniziativa hanno ade-
rito due associazioni di
famiglie con disabili,
l'Anfass e l'Assofadi. Le
attivit si svolgeranno al
campo scuola Pippo Di
Natale e in una palestra
scolastica per alcuni mesi;
poi, con l'arrivo della bella
Stanziati 19 milioni per i forestali
La Commissione Bilancio ha approvato il Disegno di
Legge n. 827, che stanzia 19 milioni di euro per i lavo-
ratori della forestale.
I fondi necessari per potere consentire alle tre fasce
di lavoratori della forestale di raggiungere il minimo
contrattuale previsto dalla legge, cio 78 giorni, 101
giorni e 151 giorni, sono stati prelevati dai fondi della
CRIAS.
Tuttavia, ha affermato lonorevole Enzo Vinciullo,
da precisare che i fondi non verranno presi da quel-
li degli artigiani, ma solo ed esclusivamente da quelli
destinati agli agricoltori. Ci comporterebbe il venir
meno del quarto bando per lagricoltura, ma, ha con-
cluso lOn. Vinciullo, dopo unestenuante battaglia in
Commissione Bilancio, siamo riusciti ad ottenere, da
parte del Governo, limpegno a trovare lo stesso i fon-
di necessari a poter emanare comunque il bando che
atteso dagli agricoltori ormai da parecchi mesi.
PROVVEDIMENTO DA PARTE DELLA COMMISSIONE BILANCIO DELLARS
Una targa
per don
Palmiro
Prisutto
Domani alle ore
16.30, salone di
rappresentan-
za, Comune di
Augusta, piazza
d'Astorga,10.
Verr consegna
la Targa a padre
Palmiro Prisutto,
per lalto valore
morale e civile,
per limpegno
profuso per la
tutela della salute
e dellambiente.
Liniziativa pro-
mossa dallAIL
in collaborazione
con luniversit di
Palermo, intende
ogni anno premia-
re le persone con
il loro impegno
hanno contribuito
alla crescita civile,
democratica e
ambientale della
Sicilia. Oggi ne-
cessaria una presa
di coscienza da
parte dei cittadini
a sostegno delle
politiche orientate
ai principi del-
la sostenibilit,
per le scelte e le
decisioni politi-
che nei territori a
tutela della salute
e dellambiente.
Per far questo,
necessario diffon-
dere e promuovere
la consapevolezza
collettiva dei pro-
blemi e dei fattori
critici che minac-
ciano la salute e
lambiente, attra-
verso la crescita di
una cultura della
responsabilit e
della precauzio-
ne, per far fronte
allinquinamento
e per salvaguar-
dia della salute,
in particolare,
in quei settori al
pi alto impatto,
come per i settori
industriali della
chimica o del pe-
trolio e delle aree
particolarmente
esposte. Liniziati-
va organizzata In
occasione dellu-
scita del libro
edito da Navarra
Caso Fatima II, oggi dal Gip
ludienza a carico di 3 persone
Il sostituto
procuratore
Tommaso
Pagano,
chieder
il rinvio
a giudizio a
carico di due
egiziani e di
un tunisino
La Procura della Re-
pubblica di Siracusa
chieder il rinvio a
giudizio a carico di
due cittadini egizia-
ni e di un tunisino,
ritenuti responsabili
del reato di omicidio
volontario ai danni di
Gianluca Bianca, il
marittimo siracusano,
le cui tracce si sono
perse nel luglio di
due anni fa a seguito
dellammutinamento
del peschereccio Fa-
tima II.
Il pubblico ministero
Tommaso Pagano for-
malizzer la richiesta
questa mattina in oc-
casione delludienza
preliminare, fissata
dinanzi al Gip del
tribunale di Siracusa,
Patricia Di Marco.
In udienza non sa-
ranno presenti i tre
indagati, che di fatto
saranno processati in
contumacia. Presenti,
invece, i familiari del
marittimo siracusano,
rappresentati dagli
avvocati Giuseppe
Lipera e Giuseppe
Piccione. La prima
formulazione del capo
dimputazione stata
avanzata dalla magi-
stratura siracusana il
14 marzo dello scorso
anno. Le risultanze
investigative, dopo
indagini piuttosto
complesse e artico-
late, hanno indotto il
sostituto procuratore
Pagano a convincersi
che il comandante
Bianca sia stato ucciso
durante le operazioni
di ammutinamento e
poi il corpo fatto spa-
rire. Una tesi che non
pu essere confermata
dagli altri tre membri
dellequipaggio, tutti
siracusani, che in quei
tragici momenti si
trovavano a bordo del
peschereccio, ma che,
a loro dire, sotto la mi-
naccia delle armi sono
stati rinchiusi in un lo-
cale del peschereccio
e non sono quindi in
grado di riferire che
cosa realmente sia
accaduto a bordo del
Fatima II.
I genitori del coman-
dante Bianca, la mo-
glie, i fgli continuano
a chiedere chiarezza
su tutta la vicenda. Il
processo penale, che
molto probabile che
venga istruito, potr
squarciare il ftto buio
che ammorba il caso
del comandante Bian-
ca. Sempre ammesso
che siano rintracciati
i tre stranieri e che da
loro si possano avere
tutti quei tasselli che
ad oggi mancano.
E il mistero sul destino
del comandante Bian-
ca rimane irrisolto. Un
giallo che sconvolge
i familiari che ancora
oggi chiedono verit.
F.N.
In foto, Gianluca
Bianca.
Nati per leggere
A Canicattini
il progetto
OBIETTIVO: DIFFONDERE LA LETTURA AD ALTA VOCE PER BAMBINI IN TENERA ETA'
Nasce il progetto
Nati per Leggere
(NPL), promosso
a livello nazionale
dall'Associazione
culturale Pediatri,
dall'Associazione
italiana Bibliote-
che e dal Centro
per la Salute del
Bambino di Trie-
ste, al quale ha
aderito uffcial-
mente la Bibliote-
ca Comunale G.
Agnello di Cani-
cattini Bagni, unica
in tutta la provincia
di Siracusa, con una
delibera della Giun-
ta Municipale.
Lobiettivo quel-
lo di diffondere la
lettura ad alta voce
per i bambini da 0 a
6 anni, nel convinci-
mento che ci con-
tribuisca al benes-
sere e a una migliore
qualit della vita del
bambino. Un per-
corso su cui da ol-
tre un anno impe-
gnata la Biblioteca
di Canicattini sotto
la guida della Diri-
gente del 6 Settore
e Responsabile dei
Servizi Culturali,
la dottoressa Paola
Capp, con appun-
tamenti che vedono
protagonisti decine
di bambini canicatti-
nesi (e i loro genito-
ri), dallAsilo Nido
alla Scuola Materna,
grazie alla collabo-
razione con i Volon-
tari della Lettura,
giovani adeguata-
mente formati che
leggono ad alta voce
le storie. La stimo-
lazione e il senso di
protezione che ge-
nera nel bambino il
sentirsi accanto un
adulto che racconta
storie gi dal primo
anno di vita e con-
divide il piacere del
racconto impareg-
giabile. Il benefcio
che il bambino trae
dalla lettura a voce
alta, operata in fami-
glia in et prescola-
re, documentato da
molti studi, favori-
sce il successo.
di Concetto Alota
La tesi dei pubblici
ministeri che ritene-
vano il gestore del
Servizio idrico inte-
grato della provincia
di Siracusa, l'ormai
famosa Sai8, non es-
sere pi in possesso
dei requisiti neces-
sari per proseguire
nella sua attivit, fu
accolta dai giudi-
ci del Tribunale di
Siracusa e la Sai8
fu cos dichiarata
fallita. La Sezione
fallimentare del Tri-
bunale di Siracusa
deposit la sentenza,
accogliendo la tesi
dei sostituti procura-
tori, Marco Bisogni e
Delia Boschetto, che
avevano presentato
l'istanza di fallimen-
to, ritenendo che la
Sai8 non avesse pi
i requisiti necessari
per proseguire nella
sua attivit di gestore
del Servizio idrico;
infatti, la Procura
della Repubblica di
Siracusa aveva ri-
scontrato una serie
d'inadempienze e
anomalie nella ge-
stione della societ,
rimarcando la diff-
cile situazione fnan-
ziaria dell'azienda
non pi in grado di
gestire il servizio in
concessione. La sen-
tenza di fallimento fu
emessa dal tribunale
di Siracusa, dispo-
nendo la nomina di
tre curatori fallimen-
tari per le procedu-
re delliter previsto
dalla legge che port
alla chiusura della
societ, garantendo
lesercizio per la pro-
secuzione del servi-
zio idrico nei comuni
di riferimento.
La tesi della Procura
sosteneva il protrarsi
di uno stato di fatto
e di diritto zeppo di
diffcolt per la so-
ciet che gestiva il
servizio idrico nei
comuni della pro-
vincia di Siracusa,
rilevando nel frat-
tempo una serie di
anomalie nel sistema
dei pagamenti (nelle
entrate e nelle usci-
te) e nelle forniture
tale da non consen-
tire la prosecuzione,
nemmeno provviso-
ria, per la regolare
gestione, che invece
Acqua e affari politici
Pochi uomini decisero
il destino degli utenti
era defcitaria, con
debiti per circa set-
tantacinque milioni
di euro, mentre i ver-
tici di Sai8 avrebbe-
ro accusato perdite
molto inferiori e per
poco meno di due-
milioni e mezzo di
euro, senza riuscire
a recuperare crediti
o a riorganizzare gli
equilibri della ge-
stione societaria. La
difesa di Sai8 aveva
ammesso i problemi
di natura fnanziaria,
derivante anche dal-
la mancata consegna
degli impianti degli
undici Comuni sui
ventuno in contratto
e dall'iniziativa della
Procura che blocc
i pagamenti. Stessa
cosa per l'annuncio
della predisposizione
di un aumento di ca-
pitale per tre milioni
di euro che avrebbe
forse consentito alla
Sai8 di proseguire
nell'attivit. que-
sta la parte fnale di
una brutta pagina
della gestione del
potere politico sira-
cusano, per capire
e far emergere solo
una buona parte del
malaffare della no-
stra mala politica. La
storia della gestione
della rete idrica e
fognaria della citt
di Siracusa, in pri-
ma genitura chiama-
ta "Sogeas" e al suo
nascere, abbastanza
articolata e variegata,
ricca di colpi di scena
e dai mille sospetti in
possibili loschi "af-
fari" transitati nelle
stanze del Palaz-
zo, nelle segreterie
dei partiti politici e
per uomini politici,
di commercialisti
"esperti" e a titolo
di consulenti forse
troppo "interessati" a
fatture, assegni, con-
tanti, e o assunzioni
al nepotismo.
E se volessimo for-
zare per un attimo il
segreto che racchiu-
de la nascita della
rivoluzionaria ge-
stione dellATO idri-
co della Provincia di
Siracusa, lopzione
potrebbe cadere su
una semplice deci-
sione che pochi uo-
mini misero in atto,
decidendo allora
il destino odierno
dellintera popola-
zione della provin-
cia di Siracusa. Una
legge sbagliata, fal-
losa, dove occorre,
per, disgiungere tra
fssare le norme e os-
servarle. Per dettarle
occorrono decisio-
contro laffdamento
e la gestione del ser-
vizio alla Sai8, ac-
cogliendo il ricorso
del Comune di Me-
lilli per la denunciata
esistenza danoma-
lie in tutto il conte-
sto della gara dap-
palto che fu, come si
ricorder, lunga e la-
boriosa. Basta ci per
capire, anche alluo-
mo qualunque, che
gi allora si andava
verso una soluzione
da ricercare in quella
politicamente corrot-
ta e verso la fne del-
la commedia per
scappare con il "mal-
loppo": tutto secondo
copione; ma la nostra
politica locale in tal
senso si divise in due
tronconi: chi difende-
va il mantenimento di
questo stato di cose e
chi voleva, invece
che la SAI8 lasciasse
tutto per essere cac-
ciata via il pi presto
possibile, abbando-
nando ogni pretesa.
Qualcuno insisteva
che ci poteva essere
in tutto questo mara-
sma un grosso e mal
celato sospetto, di chi
si era avvantaggia-
to (forse tanti e in
concorso) gi quando
fu affdato il servizio
idrico e che ora si vo-
glia ripetere quel flm
gi visto pi volte.
Il danno pi grosso
oggi sopportato
dai dipendenti, com-
preso le maestranze
delle societ colle-
gate all'indotto e che
in tanti sono gi in
cassa integrazione
guadagni, ma sono
anche molti gli ex di-
pendenti diretti della
SAI8 che rischiano
di fnire nel tritacar-
ne sociale e in un
vicolo cieco da dove
sar diffcile uscire
senza danni collate-
rali, insieme alle loro
famiglie, con i venti
di guerra che spirano
forte contro il destino
di tanti padri di fami-
glia, che tra indotto
e diretto assommano
a circa cinquecento
unit. Le responsabi-
lit sono sempre dif-
fcili da addebitare e
ancor peggio da pro-
vare, ma qui da noi
succedono e si ripe-
tono sempre le stesse
"cose", ma uffcial-
mente non succede
mai niente.
ni collettive, vale a
dire, la politica, per
osservarle, invece
decisioni individuali,
come le aziende e il
corollario che por-
ta, spesso al "com-
penso" per far fnta
di niente. Natural-
mente, la contrad-
dizione fra interessi
personali e pubblici
dei politicanti sono
sempre esistiti, ma
questa volta sono
stati aggravati dagli
atteggiamenti che
collocano il successo
misurato in termini
dobiettivi raggiunti
nellinteresse della
gente e non del de-
naro pubblico sper-
perato e messo in
tasca di pochi uomi-
ni, che per mandato
del popolo gestiva-
no il potere politi-
co temporale, senza
alcun valore morale
e onest politica, n
intellettuale. Oggi
prevale la ricerca del
proftto individuale,
mentre aumenta il
declino dei processi
dellinteresse comu-
ne. Il principio mo-
rale ha corrotto, dun-
que, la politica? S,
la risposta. Secondo
molti degli addetti
ai lavori, la gestione
dellAto Idrico era,
per fatti mai rac-
contati e rimasti nel
segreto di pochi uo-
mini, quindi, senza
ombra di dubbio,
diretta verso il falli-
mento certo, la fne, il
cataclisma dellinte-
ro importante e vitale
comparto per la vita
civile della popola-
zione. Stiamo parlan-
do dellapprovvigio-
namento dellacqua,
fonte della vita, della
depurazione della fo-
gnatura e non di bri-
scoline. Non ci sono
pi speranze per quel
progetto che parla-
va di "Ottimizzare
il servizio dAmbito
Territoriale", anzi si
va verso il catacli-
sma, l'ignoto, mentre
le somme nelle bol-
lette da pagare sono
lievitate notevolmen-
te e ora gli utenti si
troveranno a pagarne
ben tre e tutti di fla
e salate, senza poter
nemmeno control-
lare i consumi nelle
rispettive letture per-
ch tutti postati in
periodi diversi e con
riferimenti ipotetici e
post datati.
C da aggiungere a
questa querelle, che
la magistratura am-
ministrativa (CGA)
aveva sentenziato
Il danno pi
grosso sop-
portato dai
dipendenti,
compreso le
maestranze
delle socie-
t collegate
all'indotto e
che in tanti
sono gi
in cassa
integrazione
CRONACA DI SIRACUSA 6 Sicilia 22 OTTOBRE 2014, MERCOLED
In Sicilia sono cinquemila le persone affette
da sclerosi multipla ma tanti i gesti di solidariet
Afanco, la sede
della ex Sai 8.
22 OTTOBRE 2014, MERCOLED Sicilia 7 CRONACA DI SIRACUSA
Distribuiti oltre
20 mila sacchetti
di mele per Aism
TUTTI I CAPOLUOGHI SICILIANI HANNO ADERITO ALLEVENTO
Oltre 20 mila sacchetti di
mele distribuiti nei nove
capoluoghi di provincia
grazie ai circa due mila vo-
lontari in tutto il territorio
siciliano. LAssociazione
Italiana Sclerosi Multipla
ringrazia i siciliani che die-
ci giorni fa hanno accolto
linvito alla donazione
per ricevere in cambio un
sacchetto di mele. Denaro
che servir per fnanziare
la ricerca scientifca (non
esiste una cura risolutiva
per la sm), e in parte per
lattivit di assistenza delle
nove sezioni provinciali
AISM che quotidiana-
mente aiutano le persone
con sclerosi multipla. In
Sicilia sono circa 5 mila le
persone colpite da questa
grave malattia del sistema
nervoso centrale. Cronica,
imprevedibile e spesso
invalidante, colpisce per lo
pi i giovani tra i 20 e i 40
solo per garantire sostegno
alla ricerca sulla sclerosi
multipla ma a far vivere
tutti i programmi di AISM
a supporto dei giovani con
sm: sportelli informativi e
di orientamento, convegni
sul territorio, prodotti edi-
toriali pensati per rispon-
dere a quesiti e problemi
che si presentano nella
loro vita quotidiana, sani-
taria, sociale e lavorativa.
La ricerca negli ultimi anni
ha fatto molti progressi.
Esistono terapie in grado di
rallentare la progressione
della malattia e di miglio-
rare la qualit di vita delle
persone. Ma la causa e la
cura risolutiva non sono
state ancora trovate. Per
questo fondamentale
sostenere la ricerca scienti-
fca oggi per garantire una
migliore qualit di vita, per
trovare nuovi trattamenti
sempre pi effcaci doma-
ni, trovare la causa della
sm e la cura risolutiva in un
futuro sempre pi vicino.
LAISM, insieme con la
sua Fondazione (FISM)
lunica organizzazione
nel nostro Paese che da 45
anni interviene a 360 gradi
sulla sclerosi multipla,
indirizzando, sostenendo
e promuovendo la ricerca
scientifca, contribuendo
ad accrescere la conoscen-
za della sclerosi multipla e
dei bisogni delle persone
con sm promuovendo
servizi e trattamenti ne-
cessari per assicurare una
migliore qualit di vita e
affermando i loro diritti.
Ogni anno AISM mette a
disposizione dei ricercato-
ri un banco di ricerca di 3
milione di euro.
Sulla questione delle questioni, la soppres-
sione dei quartieri (o la maggior parte di
essi, interviene il comitato Quartieri fuori
dal Comune), che spiega le proprie ragioni
sulla tesi proposta dal sindaco. La nota fr-
mata dallavvocato Salvo Salerno.
Fin dal 2008 il Comitato, oltre che per
Ortigia e i servizi pubblici, si intensamen-
te speso pure per la riforma e la effettivit
del decentramento comunale, convinti come
siamo, che non pu esistere alcun vero rin-
novamento della classe politica, se non si
garantisce l'accesso a tutti i cittadini, specie
i pi giovani, all'amministrazione delle Isti-
tuzioni, fn dai primo anello democratico,
che appunto costituito dai Quartieri.
Ci tocca oggi apprendere che il Sindaco ha
proclamato di voler abolire le Circoscrizio-
ni di Decentramento comunale, lasciando,
al massimo, in vita quelle di Cassibile e
Belvedere e per di pi, privi di organi elet-
tivi, ma solo con un "delegato" che avrebbe
il compito di mero collegamento con l'am-
ministrazione centrale. Il tutto in nome della
"spending review", perch i tempi sono duri
e non ci sono pi risorse ("non ce lo possia-
mo permettere").
Tuttavia questa "rivoluzione" dovrebbe ve-
dere la luce solo dalla prossima legislatura
(meglio sarebbe dire "consiliatura") e cio
non prima del 2018! Dunque dove si tro-
Il programma del sindaco un venticello
verebbe il preteso risparmio?! Allora i mo-
tivi dell'uscita del Sindaco sembrano ben al-
tri. Un primo risultato quello di fare un bel
botto propagandistico per accreditarsi non da
meno di Renzi e Crocetta (Senato e Province)
nell'autoevirazione degli organi .. elettivi.
Un altro risultato politico quello di delegit-
timare da subito i Presidenti e i Consiglieri
circoscrizionali, insomma di dare ai Quartieri
di Siracusa, gi prostrati dal mancato trasfe-
rimento di risorse, una bella mazzata che in
pratica vuol dire "Io sono io e voi non contate
un .., gi da adesso".
Dalla delegittimazione dei Consigli Circoscri-
zionali e dei loro Presidenti - che, lo ricordia-
mo, sono stati eletti direttamente dal popo-
lo - emerge una concezione muscolare della
politica e delle rappresentanze democratiche,
che non solo del sindaco Garozzo, ma di un
clima generale e nazionale ed anche di ispi-
razione della troika europea. Un assunto che,
col pretesto dei vincoli fnanziari e fscali, e
dell'effcienza, mira a ridurre gli spazi di au-
todeterminazione civica ed elettiva, sostituen-
doli con "amministratori delegati e nominati"
dall'alto.
Molta opinione pubblica cadr nell'illusorio e
luccicante racconto "smart" che ci fanno que-
sti governanti, ma l'importante che tutti sap-
piano cosa ci stiamo vendendo e in cambio di
cosa..
SOPPRESSIONE DELLE CIRCOSCRIZIONI
anni, nel pieno dei progetti
di vita. In Italia si registra
una diagnosi ogni 4 ore.
La malattia si manifesta
per lo pi con disturbi del
movimento, della vista e
dellequilibrio, seguendo
un decorso diverso da
persona a persona.
Questanno una doppia
soddisfazione ha detto
il presidente regionale
AISM, Angelo La Via .
Abbiamo raggiunto nuovi
comuni, ad esempio nelle
provincie di Caltanissetta
e Agrigento, e per noi
signifca contattare tante
persone con sm che non
conosciamo, perch pre-
feriscono restare chiuse in
casa o vivere la loro ma-
lattia in solitudine. Come
associazione il nostro
obiettivo aiutare proprio
queste persone e le loro
famiglie. E poi c stato
un supporto fondamentale
delle scuole siciliane ed in
particolare degli studenti
che ci hanno aiuitato nelle
piazze: a Messina oltre 230
giovani hanno partecipato
alla manifestazione, ade-
rendo alla nostra sfda.
La distribuzione au-
mentata in tante piazze
siciliane, anche se la me-
daglia va conferita forse
al Comune di Randazzo:
oltre 600 sacchetti di
mele distribuiti nel solo
comune in provincia di
Catania con una massiccia
partecipazione di tutta la
citt ed anche dellammi-
nistrazione comunale. La
Mela di AISM nasce non
In alto, iniziativa dellAism. Sotto, Salvo Salerno.
Peraltro Garozzo non avr il nostro consenso,
n pu pretendere il consenso del PD e relativi
elettori che lo hanno fatto sindaco, visto che
con tale progetto abolizionista, egli smentisce
se stesso e il suo programma, per il quale ha
raccolto il suo mandato.
Al unto cinque delle dichiarazioni program-
matiche del primo cittadino in tema di riorga-
nizzazione del decentramento chiaro: pas-
sando a cinque circoscrizioni nel territorio
cittadino, dotate per di effettive competenze,
e istituendo le Municipalit di Cassibile e Bel-
vedere con unautonomia ancora pi ampia.
ASTE GIUDIZIARIE 8 Sicilia 22 OTTOBRE 2014, MERCOLED
TRIBUNALE DI SIRACUSA
ProSSImA InSerZIone:
26/10/2014
le VendIte GIUdIZIArIe
Tutti possono partecipare alle vendite giudiziarie, tranne
il debitore esecutato - art.579 cpc - Non occorre lassi-
stenza di un legale o altro professionista. Ogni immobile
stimato da un perito del Tribunale. Oltre al prezzo si
pagano i soli oneri fscali (IVAo Imposta di Registro), con
le agevolazioni di legge (1 casa, imprenditore agricolo
ecc.). La vendita non gravata da oneri notarili o di
mediazione. Il decreto di trasferimento dellimmobile
viene emesso dal giudice dopo 60 giorni - ex art.585 cpc
- dal versamento del prezzo che va fatto entro 30 giorni
dallaggiudicazione defnitiva. La trascrizione nei registri
immobiliari a cura del Tribunale. Di tutte le ipoteche e
i pignoramenti, se esistenti, ordinata la cancellazione.
Le spese di trascrizione, cancellazione e voltura cata-
stale sono interamente a carico della procedura. Per gli
immobili occupati dai debitori o senza titolo opponibile
allaproceduradel Giudice, ordinalimmediataliberazione.
Lordine di sfratto immediatamente esecutivo e le-
secuzione non soggetta a proroghe o a graduazioni.
Eventuali spese legali sino a euro 516,46 sono a carico
della procedura. Le ASte GIUdIZIArIe saranno
inserite dalla data di pubblicazione del ban-
do fno alla data prevista per l'asta sul sito:
www.astetribunale.com
VENDITE IMMOBILIARI E FALLIMENTARI
come PArtecIPAre
Domanda in carta legale (euro 10,33) con indicazione del bene, del prezzo offerto e dai termini di pagamento, da presentare in
busta secondo i tempi e le modalit stabilite dallorgano che procede alla vendita e pu essere presentata anche nella stessa data
dellesperimento di vendita; nella busta va inserito anche un assegno circolare non trasferibile di importo pari al 10% del prezzo
offerto, quale cauzione, che verr trattenuta in caso di revoca dellofferta. Nel caso di pi lotti di tipologia omogenea nella stessa
procedura, linteressato allacquisto di un solo lotto pu formulare offerte dacquisto per pi lotti allegando un solo assegno circolare
corrispondente alla cauzione richiesta per il lotto di maggior valore, espressamente subordinato alleffcacia delle offerte relative ai
lotti, la cui gara si svolge successivamente, alla mancata aggiudicazione a loro favore del lotto precedentemente posto in vendita.
Nella domanda lofferente deve indicare le proprie generalit (allegando fotocopia doc. identit ovvero visura camerale per le
societ), il proprio cod. fscale, se intende avvalersi dellagevolazione fscale per la 1 casa e, nel caso in cui sia coniugato, se si
trova in regime di separazione o comunione dei beni. Sulla busta deve essere indicato solo lo pseudonimo o motto dellofferente
(che consenta allo stesso lidentifcazione della propria busta al momento dellapertura della gara) la data della vendita e il nome
del giudice senza nessuna altra indicazione (n nome del debitore o del fallimento, n bene per cui stata fatta lofferta). Prima di
fare lofferta leggere la perizia e lordinanza del giudice. Achi intestare lassegno: a nome di Procedura aggiungendo le parole in
calce ad ogni annuncio dopo lindicazione Rif (per es. Procedura RGE 100/99 Rossi). Dove presentare al domanda: in Tribunale
alluffcio Vendite Immobiliari. Come visitare limmobile: rivolgersi al curatore o al custode giudiziario indicati in calce allannuncio;
se non indicati inviare richiesta per la visita dellimmobile alluffcio vendite immobiliari per posta al Tribunale di Siracusa - Uffcio
Vendite Immobiliari - Viale Santa Panagia 96100 Siracusa, indicando limmobile, il n. di Rif., la data della vendita, il proprio nome e
recapito tel. Luffcio comunicher la richiesta allAvvocato ceditore affnch presenti istanza al Giudice per la nomina del Custode.
La partecipazione allincanto disposta dal giudice dellesecuzione con lordinanza di vendita, cui viene data adeguata pubblicit
sul quotidiano di Siracusa Libert. Le vendite giudiziarie possono essere disposte: o dal giudice della esecuzione del Tribunale
di competenza; o, su delega di questultimo, da un notaio; oppure dal giudice del fallimento.
InSerZIonI GrAtUIte
CASEVACANZE
CERCO/OFFRO
AFFITTO terreno di
3500mq recintato, situato
su un punto strategico.
Adetto per qualsiasi at-
tivit commerciale Tel.
330/847391
AFFITTASI terreno 2000
mq x qualsiasi uso a km 7
da Sr Tel. 328/8057615 -
328/5681091
BELVEDERE Villaggio
S. Lucia, (Via Mario
Francese) vendesi 1 ap-
pezzamento di terreno di
3000 mq, panoramico,
provvisto di acqua potabi-
le, luce Tel. 0931/891260
- 388/1288170
TERRENO mq 18.000,
c.da Cugni (km 4 da
Cassibile), 3 lotti, a cor-
po, favolosa posizione
panoramica, prezzoaffare,
vendesi Tel. 0931/36514 -
333/9590258
TREMILIA vendesi ter-
reno di 17.500 mq (sulla
strada) P.R.G., zona C4,
possibilit realizzare n. 8
ville in lotti da 2000 mq.
Prezzo ribassato, ottimo
affare Tel. 338/1378751
VENDESI terrenorecinta-
todi 8000mqconstruttura
di 600 mq su due livelli
compresa mansarda zona
Cassibile - contrada Ca-
vasecca siracusa, prezzo
affare Tel. 320/0249206
VENDESI appezzamento
di terreno di c/a 500 mq,
zona Villaggio Miano,
con progetto approvato
per una costruzione di c/a
140 mq. Occasione da non
perdere E 90.000 tratt Tel.
339/2067818
VENDESI 7000mq di ter-
reno, conacquaededifcio
diroccato ma accatastato
a 3km dallOspedale di
Lentini sulla provincia-
le Lentini-Scordia Tel.
393/6252963
BUCCHERI
BUCCHERI vendesi ter-
reno 13000 mq zona me-
dievale a 1 km c/a dal pa-
ese con uliveto e frutteto,
acqua, luce, casa di 3 vani
e serv. e forno a legno. Tot.
recintatoeadiacentestrada
E50.000Tel. 0931/767641
- 338/2403221
CANICATTINI
VENDESI 3000 mq di
terreno agricolo vicino
Canicattini Bagni, con
piccolo caseggiato di 60
mq c/a da ristrutturare E
16.000 Tel. 334/9280779
FLORIDIA
C.DAMonasteri di Sopra,
vendesi giovane agrumeto
pianeggiante, due lotti
confinanti uno di 4000
mq e uno di 3200 mq,
con due ore di acqua set-
timanali ciascuno da un
pozzo condominiale Tel.
339/2467145
LENTINI
VENDESI 27.000 mq di
terreno a tre km dallo-
spedale di Lentini, sulla
stradaper Scordia, incolto,
con acqua e caseggiato di
200 mq, semidiroccato,
ma accatastato e ripristi-
nabile. Prezzo Affare Tel.
393/6252963
PACHINO
VENDESI o scambiasi
13 Tumuli di terreno con
vignetodi uvanerodavola
da mosto, uliveto, frutteto
e casa abitabile sito in c.da
luparello Pachino con casa
o villetta sita in paese o
citt Tel. 0931/492256 -
340/0914511
VENDESI 8 Tumul i
di terreno con vigneto
di uva nero davola da
mosto con casa di mq
70 Tel. 0931/492256 -
340/0914511
VENDESI 5 Tumuli di
terreno con vigneto di
uva nero davola da mo-
sto Tel. 0931/492256 -
340/0914511
SORTINO
VENDESI zona Manzo
Sortino terreno mq 1800
c/a agricolo panorami-
co prezzo da concordare
Tel.0931/782761oreserali
TERRENO
VENDESI terreno edif-
cabile con destinazione
ricettiva alberghiera di
23000mq in zona arenella
costa del sole. Superfcie
che si pu realizzare 3700
mq Tel. 0931/702714
VIACozzoVillaa3kmdal
mareea5kmdaSRterreno
1000 mq edifcabile, inter.
recintato zona abitata con
progetto approvato 120
mqvendesi 65.000E. Solo
privati. Scrivere sms Tel.
393/3039433
VENDESI terreno edif-
cabile recintato, zona Fa-
nusa, mq 972, Via Olivieri
vicinanzeHotel. Chiamare
ore negozio escluso mer-
coled Tel. 0931/759065
LOCALI COMM.LI
CERCO/OFFRO
AFFITTASI locali per de-
posito a 10 km da Siracusa
su strada statale con buone
possib. parcheggio. Classe
Ener. GTel. 050/552237 -
333/6968504
AFFITTASI basso com-
merciale totalmente ri-
strutturato per uso studio
medico/agenzia immob.
ecc. mq 55, 2 stanze +
bagno zona Borgata, con
ingresso direttamente su
piazzaS. Lucia. E350C.E.
G Tel. 389/6238966
AFFITTASI locale com-
mercialeaSiracusainviale
S. Panagia, n. 2 vetrine su
strada, c/a 170mq. Con
adiac.localeper possibilit
scarico/carico merci. C.E.
GE1300Tel. 0931/756562
- 348/7387296
AFFITTASI basso com-
merciale mq 40 c/a, sito
in Via Tagliamento. No
intermediari. C.E. G Tel.
335/6469098
AFFITTASI locale di mq
200 per uso commerciale,
in Via Montegrapppa. E
950 Classe Energetica G
Tel. 348/2419041
AFFITTASI locale com-
merciale cat C/1 di c/a
52 mq, sito in Via Adige
angolo Corso Gelone,
compl. ristrutturato, con
bagno, condizionatore,
cassaforte, rifiniture di
pregio. Alta visibilit, ide-
ale per qualunque attivit.
Classe Energetica in def-
nizione E 800 poco tratt
Tel. 333/4379139orepasti
AFFITTOlocale comm.le
zona Gelone, 90 mq circa,
4luci, clima. ClasseEn. G.
ChiamareTel. 091/334230
- 339/2029954
AFFITTASI locale-depo-
sito, mq 60, soppalcabile,
zonaM. Teresadi Calcutta.
C.E. G Tel. 050/552237 -
333/6968504
AFFITTASI uffcio piano
terra, fnemente ristruttu-
rato, con o senza mobili
da uffica, con bagno,
piano terra indipendente,
comprensivo di fornitura
di energiaelettrica, acquae
condominioE300mensili.
Zona Piazza Adda. Classe
En. G Tel. 335/8004135
trIbUnAle dI SIrAcUSA
Avviso di vendita
Procedura esecutiva n. 434/09 r.e.I.
Si rende noto che giorno 17/12/14, ore 12.00,
presso il proprio studio sito a Siracusa nel viale
Santa Panagia 136/N, lavv. Giuseppe Librizzi
proceder allesame delle offerte di acquisto
senza incanto, e se del caso allaggiudicazione,
dei seguenti beni:
LOTTO 1: terreno sito a Buccheri nella c.da
Roccata, esteso mq. 12.000 ca.; in catasto Fg.
37 p.lle 222, 228, 231, 227, 352, 353, 354 e 356.
Prezzo base dasta 6.750,00. Minima offerta in
aumento 1.000,00
LOTTO 2: immobile commerciale adibito a panifcio
sito a Ferla nelle vie N. Sauro n. 5 - Umberto I n. 111;
in catasto: Fg. 31 p.lle 4215 sub 1 e sub 3 (graffate)
(ex p.lle 71/1 e 72/1 graffate), cat. C/2, esteso mq.
72 ca., e Fg. 31 p.lle 4215 sub 2 e sub 4 (graffate)
(ex p.lle 71/2 e 72/2 graffate), cat. C/3, esteso mq.
82 ca.. Prezzo base dasta 102.623,28 (al netto
delle spese per la regolarizzazione urbanistica
meglio specifcate in perizia). Minima offerta in
aumento 6.000,00.
LOTTO 3: appartamento, con locale di sgombro
di pertinenza esteso mq. 20 ca., sito a Ferla in
via delle Mimose 10, 2 piano, vani 5, esteso mq.
125 ca., cat. A/3; in catasto Fg. 17 p.lla 497 sub
4. Prezzo base dasta 78.735,96 (al netto delle
spese per la regolarizzazione urbanistica meglio
specifcate in perizia). Minima offerta in aumento
4.000,00
LOTTO 5: terreno sito a Ferla nella c.da San
Marino, esteso mq. 730 ca.; in catasto Fg. 18 p.lla
236. Prezzo base dasta 412,50. Minima offerta
in aumento 1.000,00.
In caso di esito negativo della vendita senza
incanto, il 23/12/2014, ore 12.00, sempre presso
il proprio studio, lavv. Giuseppe Librizzi proceder
alla vendita allincanto dei suddetti beni. Le offerte
o le domande di partecipazione dovranno essere
depositate in busta chiusa, presso lo studio del
suddetto professionista, entro le ore 12.00 del
giorno precedente a quello fssato per la vendita,
accompagnate da cauzione del 10% e deposito
spese del 20%, con 2 assegni circolari non
trasferibili intestati allavv. Giuseppe Librizzi. Avviso
integrale e relazione dellesperto disponibile sul
sito www.astegiudiziarie.it ovvero presso lo studio
predetto.
Il professionista delegato
Avv. Giuseppe Librizzi
trIbUnAle dI SIrAcUSA
Avviso di vendita
Procedura esecutiva n. 414/11 r.e.I.
Si rende noto che giorno 17/12/14, ore 10.00,
presso il proprio studio sito a Siracusa nel viale
Santa Panagia 136/N, lavv. Giuseppe Librizzi
proceder allesame delle offerte di acquisto
senza incanto, e se del caso allaggiudicazione,
dei seguenti beni: lotto 1: appartamento sito a
lentini in via delle Spighe 59, piano terra, vani 3,
esteso mq. 42 circa; in catasto Fg. 94, p.lla 912
sub 1, cat. A\4. Prezzo base dasta 7.291,18
(al netto dei costi per la regolarizzazione della
difformit catastale meglio indicata in perizia).
minima offerta in aumento 1.000,00. lotto
2: appartamento sito a lentini in via delle
Spighe 61, piano II, vani 4,5, esteso mq. 45
circa; in catasto Fg. 94, p.lla 912 sub 3, cat.
A\4. Prezzo base dasta 8.411,97. minima
offerta in aumento 1.000,00.
In caso di esito negativo della v.s.i., il 23/12/14,
ore 10.00, sempre presso il proprio studio,
lavv. Giuseppe Librizzi proceder alla vendita
allincanto dei suddetti beni. Le offerte o le
domande di partecipazione dovranno essere
depositate in busta chiusa, presso lo studio
del suddetto professionista, entro le ore 12.00
del giorno precedente a quello fssato per la
vendita, accompagnate da cauzione del 10%
e deposito spese del 20%, con 2 assegni
circolari non trasferibili intestati allavv. Giuseppe
Librizzi. Avviso integrale e relazione dellesperto
disponibile sul sito www.astegiudiziarie.it ovvero
presso lo studio predetto.
Il professionista delegato
Avv. Giuseppe Librizzi
ProSSImA InSerZIone:
26/10/2014
LeASte GIUdIZIArIe saranno inseritedalladatadi pubbli-
cazione del bando fno alla data prevista per l'asta sul sito:
www.astetribunale.com
TRIBUNALE DI SIRACUSA
VENDITE IMMOBILIARI E FALLIMENTARI
AFFITTASI bassocomm.le
cat c/3, mq 110, ubicato in
Via Elorina. Con soppalco
e servizi. Anche per uso de.
C.E. G Tel. 320/4466055
22 OTTOBRE 2014, MERCOLED Sicilia 9 ASTE GIUDIZIARIE
BASSOcommerciale am-
pio, affttasi in zona Sc.
Greca, composto da 5
vani + 2 bagni. Ideale uso
uffcio Tel. 333/1141658
trIbUnAle dI SIrAcUSA
Avviso di vendita
Procedura esecutiva n. 235/09 r.e.I.
Si rende noto che giorno 17/12/14, ore 12.30, presso il
proprio studio sito a Siracusa nel viale Santa Panagia
136/N, lavv. Giuseppe Librizzi proceder allesame
delle offerte di acquisto senza incanto, e se del caso
allaggiudicazione, dei seguenti beni:
lotto 1: quota pari a 2\3 di un immobile sito
a Palazzolo A. in via milano 4 composto da un
appartamento vani 2, piano terra, cat. A\5, in
n.c.e.U. Fg. 31 p.lla 154/2 ed un magazzino
esteso mq 10, cat. c\2, in n.c.e.U. Fg. 31 p.lla
154/1. Prezzo base dasta 3.500,30 (al netto dei
costi di regolarizzazioneurbanisticameglioindicati
in perizia). minima offerta in aumento 1.000,00.
lotto 2: casa sita a Palazzolo A. nel ronco
Ghibellini 16, vani 4,5, cat. A\3 piano terra e 1, in
n.c.e.U. Fg. 72 p.lla 5614 (ex p.lla 2165). Prezzo
base dasta 7.297,12. minima offerta in aumento
1.000,00.
lotto3: vanoterranositoaPalazzoloA. nel ronco
Ghibellini 13, cat. A\5, in n.c.e.U. Fg. 72, p.lla5615/2
(ex p.lla 2166/2) + magazzino sito a Palazzolo A.
nel ronco Ghibellini 14, cat. c\2, esteso mq. 23
ca., in n.c.e.U. Fg. 72 p.lla 5615/1 (ex p.lla 2166/1).
Prezzo base dasta 5.873,29 (al netto dei costi di
regolarizzazionecatastalemeglioindicati inperizia).
minima offerta in aumento 1.000,00.
lotto 4: villetta (vani 8,5, mq. 205 ca.) sita a
PalazzoloA.nellac.daAdifalca+duemagazzini (mq.
21 e 6), il tutto con terreno di pertinenza (area non
censibile). In catasto Fg. 59 p.lla 177 sub 2 (villetta,
cat. A\7) e p.lle 177 sub 3 e 4 (magazzini, cat. c\2).
Prezzo base dasta 44.971,87 (al netto dei costi
di regolarizzazione urbanistica e catastale meglio
indicati in perizia). minima offerta in aumento
3.000,00.
Incasodi esitonegativodellav.s.i., il 23/12/14, ore12.30,
sempre presso il proprio studio, lavv. Giuseppe Librizzi
proceder alla vendita allincanto del suddetto bene.
Le offerte o domande di partecipazione dovranno
essere depositate in busta chiusa, presso lo studio
del suddetto professionista, entro le ore 12.00 del
giorno precedente a quello fssato per la vendita,
accompagnate da cauzione del 10% e deposito
spesedel 20%, con2assegni circolari nontrasferibili
intestati allavv. Giuseppe Librizzi.
Avviso integrale, ordinanza di delega e relazione
dellesperto disponibile sul sito www.astegiudiziarie.it
ovvero presso lo studio predetto.
Il professionista delegato
trIbUnAle dI SIrAcUSA
Avviso di vendita
Procedura esecutiva n. 574/94 r.e.I.
Si rende noto che giorno 17/12/2014, ore 10.30,
presso il proprio studio sito a Siracusa nel viale
Santa Panagia 136/N, lavv. Giuseppe Librizzi
proceder allesame delle offerte di acquisto
senza incanto, e se del caso allaggiudicazione,
dei seguenti beni:
lotto 1: appartamento sito ad Augusta in via
roma 127, 2 piano, esteso mq. 145 ca., vani 6,
cat. A\3; in catasto Fg. 91 p.lla 3759 sub 7 (ex
Fg. 95 p.lla 384 sub 7). Prezzo base dasta
94.668,75. minima offerta in aumento 5.000,00.
lotto 2: appartamento sito ad Augusta in
via roma 127, 3 piano, esteso mq. 125 ca.,
vani 6,5, cat. A\3; in catasto Fg. 91 p.lla 3759
sub 9 (ex Fg. 95 p.lla 384 sub 9). Prezzo base
dasta 79.200,00. minima offerta in aumento
4.000,00.
In caso di esito negativo della vendita senza
incanto, il 23/12/2014, ore 10.30, sempre presso
il proprio studio, lavv. Giuseppe Librizzi proceder
alla vendita allincanto dei suddetti beni.
In entrambi i casi, le offerte o domande di
partecipazione dovranno essere depositate
(previo appuntamento telefonico) in busta
chiusa, presso lo studio del suddetto
professionista, entro le ore 12.00 del giorno
precedente a quello fssato per la vendita,
accompagnate da cauzione del 10% e
deposito spese del 20%, con 2 assegni
circolari (non postali) non trasferibili intestati
allavv. Giuseppe Librizzi. Avviso integrale
e relazione dellesperto disponibile sul sito
www.astegiudiziarie.it ovvero presso lo studio
predetto.

NEGOZIO di 300 mq 5
porte, zona Bosco Minniti.
Classe Energetica G Tel.
050/552237- 333/6968504
ZONA centro, pressi Chi-
mico, Via Pescara locale
comm.leC/3mq78, afftta-
si per mag., labor. o uffcio.
C.E. G Tel. 0931/944385
CANICATTINI
AFFITTASI basso com-
merciale di mq 40, Ca-
ni cat t i ni Cent ro Tel .
338/1948403
LOCALI COMM.LI
COMPRO/VENDO
CENTRO storico, Ortigia,
in Via dei Candelai, locale
commerciale di 130 mq.
Vendesi prezzo affare.
Classe Energetica G Tel.
360/655284
VENDESI locale commer-
ciale a Siracusa in viale S.
Panagia, n. 2 vetrine su
strada, c/a 170mq. Con
adiacente locale per possi-
bilit scarico/carico merci.
C.E. G Tel. 0931/756562
- 348/7387296
VENDESI basso gi af-
fttato in zona Grotticel-
le. Gi locato ad E 700.
Classe Energetica G Tel.
347/8634425
VENDESI basso com-
merciale di 40 mq c/a, cat.
C1, ottime condizioni, con
annessaattivitdi materiale
elettrico. Zona Viale dei
Comuni. Prezzo da con-
cordare in privato.
Possibilitvenditaseparato
Tel. 339/1942301 oppu-
re giuseppe70.cavarra@
libero.it
VENDESI localedi mq200
per usocommerciale, inVia
Montegrapppa. C. E. GTel.
348/2419041
VENDESI locale a piano
terra Via Agatocle, angolo
Piazza Euripide di mq 168,
dueentrateecortileinterno.
Possibilitdi edif. 1piano.
C.E. G Tel. 334/1033086
VIAPasubiovendesi locale
di mq 37, composto da due
stanze+servizi, pianoterra.
Doppia uscita di cui una su
cortile interno. E 25.000.
C.E. G Tel. 0931/759725
- 331/5772962
VIA FILISTO vendesi lo-
calecommerciale, tre punti
luce, mq90. E160.000tratt
C.E. G Tel. 339/2067818
SOLARINO
SOLARINO vendesi/af-
fttasi n 2 bassi comm.li
di nuova costr., ingressi e
ser. indip. di cui uno con
n. 3 vetrine ed uno con
n. 1 vetrina. C.E. G Tel.
0931/756562
trIbUnAle dI SIrAcUSA
Avviso di vendita
Procedura esecutiva n. 174/11 r.e.I.
Si rende noto che giorno 17/12/14, ore 11.00, presso
il proprio studio sito a Siracusa nel viale Santa
Panagia 136/N, lavv. Giuseppe Librizzi proceder
allesame delle offerte di acquisto senza incanto,
e se del caso allaggiudicazione, dei seguenti
beni: lotto 1: appartamento sito a Solarino
(Sr) in via libert 37 (catastalmente 35), piano
terra, vani 5, cat. A\4, esteso mq. 172 ca., con
terrazza soprastante; in catasto Fg. 15, p.lla
535. Prezzo base dasta 29.663,31 (al netto
dei costi per la regolarizzazione catastale ed
urbanistica indicati in ctU). minima offerta in
aumento 2.000,00.
lotto 2: magazzino sito a Solarino (Sr) in via
Piave 94, esteso mq. 49 ca., cat. c\2; in catasto
Fg. 14, p.lla 682. Prezzo base dasta 4.399,14
(al netto dei costi per la regolarizzazione
urbanistica indicati in ctU). minima offerta in
aumento 1.000,00.
In caso di esito negativo della v.s.i., il 23/12/14,
ore 11.00, sempre presso il proprio studio, lavv.
Giuseppe Librizzi proceder alla vendita allincanto
dei suddetti beni. Le offerte o domande di
partecipazione dovranno essere depositate in busta
chiusa, presso lo studio del suddetto professionista,
entro le ore 12.00 del giorno precedente a quello
fssato per la vendita, accompagnate da cauzione
del 10% e deposito spese del 20%, con 2 assegni
circolari non trasferibili intestati allavv. Giuseppe
Librizzi. Avviso integrale della relazione dellesperto
disponibile su www.astegiudiziarie.it ovvero presso
lo studio predetto.

Il professionista delegato
Avv. Giuseppe Librizzi
trIbUnAle dI SIrAcUSA
Avviso di vendita
Procedura esecutiva n. 34/13 r.e.I.
Si rende noto che giorno 17/12/14, ore 11.30,
presso il proprio studio sito a Siracusa nel viale
Santa Panagia 136/N, lavv. Giuseppe Librizzi
proceder allesame delle offerte di acquisto
senza incanto, e se del caso allaggiudicazione,
del seguente bene:
appartamento sito ad Augusta (Sr) in via
Xifonia 203, 4 piano, vani 5, esteso mq. 110
ca., cat. A\3; in catasto Fg. 91, p.lla 3861 sub
10 (ex Fg. 95, p.lla 888 sub 5). Prezzo base
dasta 90.000,00 (al netto dei costi per la
regolarizzazione urbanistica meglio descritti
in premessa). minima offerta in aumento
5.000,00.
In caso di esito negativo della v.s.i., il 23/12/14,
ore 11.30, sempre presso il proprio studio,
lavv. Giuseppe Librizzi proceder alla vendita
allincanto del suddetto bene. Le offerte o
domande di partecipazione dovranno essere
depositate in busta chiusa, presso lo studio
del suddetto professionista, entro le ore 12.00
del giorno precedente a quello fssato per la
vendita, accompagnate da cauzione del 10% e
deposito spese del 20%, con 2 assegni circolari
non trasferibili intestati allavv. Giuseppe Librizzi.
Avvi so i ntegral e, ordi nanza di del ega e
relazione dellesperto disponibile sul sito www.
astegiudiziarie.it ovvero presso lo studio predetto.

Il professionista delegato
Avv. Giuseppe Librizzi
trIbUnAle dI SIrAcUSA
Avviso di vendita
Procedura esecutiva n. 23/2013 r.e.I.
Giorno 3/12/2014 ore 16.30, presso il proprio studio
sito a Siracusa nella Via San Sebastiano n. 43,
lAvv. Paola Giardina proceder allesame delle
offerte di acquisto senza incanto, e se del caso all
aggiudicazione, del seguente bene: appartamento
sito in Siracusa nella Via luigi bignami n. 11.
In n.c.e.U. al foglio 167, p.lla 6081, sub. 4 ( ex
foglio 168, p.lla 50, sub. 4) cat. A/3. con ogni
accessione, pertinenza e servit. Prezzo base
dasta . 143.000,00. minima offerta in aumento
. 8.000,00. In caso di esito negativo della v.s.i., il
10/12/2014 ore 16.30, presso il proprio studio, lAvv.
Paola Giardina proceder alla vendita allincanto
del suddetto bene. Le offerte o domande di
partecipazione dovranno essere depositate (previo
appuntamento telefonico) in busta chiusa, presso
lo studio della suddetta professionista entro le ore
12.00 del giorno precedente a quello fssato per
la vendita, accompagnate da cauzione del 10% e
deposito spese del 20%, con 2 assegni circolari
non trasferibili intestati allavv. Paola Giardina.
Avviso integrale e CTU disponibili sul sito internet
www.astegiudiziarie.it. ovvero presso lo studio
della predetta.
Il Professionista Delegato
Avv. Paola Giardina
SPECIALE 10 Sicilia 22 OTTOBRE 2014, MERCOLED 22 OTTOBRE 2014, MERCOLED Sicilia 11 SPECIALE
8 settembre del 1943: il Diario che scrisse mio padre
mentre si trovava internato sulle isole Baleari
Imbarcato su alcune unit da guerra della regia marina
durante lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale
CON LA PROCLAMAZIONE DELL'ARMISTIZIO DELL'8 SETTEMBRE DEL 1943 IL NOSTRO PAESE VOLLE DARE UNA SVOLTA SIGNIFICATIVAALLA SUA STORIA
di Luciano Mollica
Con la proclamazione
dell'Armistizio dell'8
settembre del 1943 il
nostro paese volle dare
una svolta signifcativa
alla sua storia, anche se
la speranza della pre-
sunta fne della guerra,
si trasform nel giro di
poche ore in tragedia
per molti nostri giova-
ni costretti ancora a
combattere per la ri-
presa delle ostilit. In
occasione di questa
celebrazione desidero
ricordare fra quei ra-
gazzi anche mio padre
e un nostro concitta-
dino che fu il siracusa-
no Carmelo Mollica (
1920-2005) con la
passione per il canto
che appena dicianno-
venne catapultato im-
provvisamente negli
orrori di un confitto
per necessit degli
eventi riusc in poco
tempo ad imprimersi
un carattere forte e
superare con coraggio
quelle diffcili avver-
sit , ma non dimentic
mai le vicende che
visse in quegli intermi-
nabili lunghi anni di
guerra. Scoppiata la
Seconda Guerra Mon-
diale, mio padre fu
imbarcato su alcune
unit da guerra della
Regia Marina. Il suo
destino decise che
doveva sfuggire a mor-
te sicura, quando, men-
tre si trovava in licenza
a S i r a c u s a , i l
CacciatorpediniereE.
Pessagno dove egli
era imbarcato fu tragi-
camente colpito a nord
di Bengasi il 29 maggio
1942 da un sommer-
gibile Inglese ed affon-
dando trascin con s
i due terzi dellequi-
paggio. Dopo la tragi-
ca sorte della sua nave,
mio padre fu destina-
to sul torpediniere
Impetuoso che fa-
ceva parte della 6
Squadriglia del Gruppo
Torpediniere di La
Spezia (cui appartene-
vano anche le torpedi-
niere Pegaso, Libra,
Orsa, Ardimentoso ed
Orione) e proprio su
questa nave che egli
visse la sua pi dolo-
rosa esperienza della
guerra che lo sconvol-
se a tal punto che
volle raccontarla in un
suo diario personale
dal quale ho tratto que-
sto racconto..! LIm-
petuoso era gi da un
anno in allestimento
nei cantieri di Genova
per lavori di ammoder-
namento fu pronto a
navigare alcuni mesi
prima dellevento
Armistizio e con
esso mio padre subito
incominci ad uscire in
mare per operare in
missioni di guerra in
qualit di di S.Capo .
Fuoch. M.N. sotto il
comando del pluride-
corato C.V. Giuseppe
Cigala Fulgosi. Intan-
to si era arrivati all8
Settembre 1943 ed al
fatidico giorno della
proclamazione dellAr-
mistizio; La Super-
marina per evitare
che le navi presenti nel
golfo ligure per ritor-
sione venissero a ca-
dere nelle mani degli
ex alleati tedeschi ,
ordin a tutta la fotta
di salpare dai porti e
fare rotta per la Sarde-
gna. Siffatto, la matti-
na del 9 Settembre
1943 la Flotta navale
con in testa la nuovis-
sima Corazzata Am-
miraglia Roma era in
navigazione e si era
riunita con la 6 Squa-
driglia delle torpedi-
niere che si trovava gi
in quelle acque essendo
partita prima dal por-
to di La Spezia. Il
gruppo torpediniere
essendo in avanguardia
alle 14,00 circa avvi-
starono per primi le
coste della Sardegna
e, mentre iniziavano
in fla ad entrare nella
porto della Maddalena,
dei segnali da terra
avvertirono che tutta
lisola era gi in mano
ai tedeschi. La Flotta
avvertito il pericolo si
allontan in fretta
dallisola, dopo rice-
vette dei messaggi
radio uno dal comando
tedesco che obbligava
alle navi di rientrare a
Tolone (Francia) men-
tre un successivo dagli
Inglesi diceva di con-
segnarsi a Malta, du-
rante lattraversata vani
furono i tentativi di
mettersi in contatto con
Supermarina in
quando le comunica-
zioni con Roma erano
interrotte . Mentre si
navigava nella totale
confusione ,nel primo
pomeriggio appena la
Flotta super le Boc-
che di Bonifacio im-
provvidamente fu at-
taccate a nord dellA-
sinara da una formazio-
ne di bombardieri te-
deschi con micidiali
bombe radiocomanda-
te impiegate per la
prima volta nel confit-
to. Mentre tutte le navi
rispondevano al nemi-
co con un energico
fuoco e piovevano
bombe dagli aerei, mio
padre si trovava sul
ponte dellImpetuoso
al solito posto di com-
battimento, avendo
terminato la sua guar-
dia in sala macchine,
quando improvvisa-
mente vide da lontano
nella zona delle Coraz-
zate una grossa famma
seguita da una forte
esplosione, la nave
colpita era la Corazza-
ta Roma che spezza-
ta in due affond in
breve tempo. LImpe-
tuoso subito si port al
centro della battaglia
per difendere le unit
in diffcolt. Dopo al-
cuni ore di combatti-
mento, cess lattacco
aereo e tornata la calma
le torpediniere Impe-
tuoso, Pegaso e Orsa
con altre unit raggiun-
sero la zona dove era
colata a picco la Co-
razzata per soccorrere
i sopravvissuti; In po-
chi minuti anche lIm-
petuoso fu sul posto ma
non cera pi traccia
della gigantesca nave,
il mare macchiato di
nafta segnava la su
tomba, molti naufraghi
giacevano in quel vi-
scido specchio dacqua
feriti ed inzuppati di
combustibile , alcuni
dei quali erano aggrap-
pati sulle poche zattere
rimaste e gridavano
come dannati, da tutte
le parti si levavano voci
di aiuto e lamenti stra-
zianti, dalla torpedinie-
ra venne ammainata
in mare un battello a
remi e si incominci il
recupero prima i feriti
gravi, mentre mio
padre a prora della
nave assieme ad alcun
suoi compagni lancia-
va in mare delle sago-
le ai naufraghi che
aggrappandosi riusci-
vano poi a farli salire
sulla nave, salvarono
anche due ustionati con
i loro volti irriconosci-
bili aggrappati ad un
relitto e, poi un altro
sopra un battello che
aveva una gamba spez-
zata, il mare era tanto
agitato che fu faticoso
portarlo a bordo, un
naufrago gi a bordo
incominci a ridere di
continuo senza alcun
motivo e, si dovette
sedarlo con una puntu-
ra, lImpetuoso da solo
trasse in salvo 47 su-
perstiti. Recuperati i
naufraghi Impetuoso
, Pegaso e Orsa allon-
tanandosi dal luogo del
disastro, si accorsero di
essere rimasti isolati
dal grosso delle unit
, poich durante la
battaglia nella confu-
sione la fotta si era
sparpagliata e le navi
avevano preso rotte
diverse. Mentre a bordo
si procedeva alla siste-
mazione dei naufraghi
e alla medicazione dei
feriti improvvisamente
alle ore 19,00, batt
posto di combattimen-
to , unaltra formazio-
ne di bombardieri e
caccia tedeschi attac-
carono con violenza
le tre torpediniere.
Durante lattacco mio
padre era in infermeria
aiutava a medicare i
feriti quando ad un
tratto, videro attraver-
so lobl rimasto aper-
to innalzarsi una gi-
gantesca colonna dac-
qua provocata da un
apparecchio in famme
che abbattuto a pochi
metri dalla nave si
stava inabissando, at-
territi i suoi compagni
scapparono ed egli si
trov solo con i feriti,
tra bombe e cannonate
era la fne del mondo,
gli spostamenti daria
si susseguivano uno
dopo laltro, dal forte
rollio della nave alcu-
ni arredi scorrevano da
una paratia allaltra,
da una vetrinetta ca-
duta a terra usc fuori
tutto il materiale sani-
tario, bottigliette e
ferri chirurgici, si spar-
sero per terra, alcuni
rotolando andarono a
fnire sotto i suoi piedi,
la porta sbattendo
continuamente, gli cad-
de addosso sforando-
lo. Rimasto ancora
solo in quella stanza
con i feriti incominci
ad avere pi paura si
convinsi che da un
momento allaltro, la
nave affondasse, ad
ogni esplosione si sen-
tiva essere colpito, at-
tendeva la sua morte.
I feriti ormai seduti
sulle brande gridava-
no di paura , quelli
gravi dallo spavento
cercavano appena di
alzare la testa dal cu-
scino, quella stanza
divent un manicomio!
Uno degli ustionati
sconvolto trattenne il
braccio di mio padre
con la sua mano spel-
lata insanguinante , e
disperato gli gridava:
<<- nonon mi lascia-
te..! anche voi scappa-
te ? aiuto! aiuto! >>
Dopo che mio padre
tranquillizz quel po-
veretto si raccomand
a Dio, si strinsi pi
forte il suo salvagente
al petto quando la nave
si stabilizz un pochi-
no, continu a medi-
carlo fno allultima
ferita. Ritornato lin-
fermiere dopo che si-
stemarono bene i feri-
ti , ancora sconvolto
volle salire su in coper-
ta per respirare un po
daria nonostante il
pericolo che incombe-
va. Appena si trov
allaperto , vide con
suoi occhi gli aerei
nemici che attaccava-
no la nave da tutte le
direzioni ed accaniti
nella lotta, si lanciava-
no in picchiata sgan-
ciando a tutta forza una
serie di bombe che
cadendo a pochi metri
dalle fiancate della
nave alzavano colonne
dacqua da coprire
quasi tutta la coperta
della nave , atterrito di
quella scena infernale
si fece il segno della
croce. Mentre lImpe-
tuoso continuava a
procedere a zig- zag
alla massima velocit
per schivare le bombe
nemiche, a bordo si
sparava come tanti
dannati; Improvvisa-
mente le contraeree
dellImpetuoso stava-
no rallentarono il
fuoco perch le muni-
zioni stavano per fni-
re e, bisognava un ri-
fornimento, subito mio
padre con una squadra
di marinai si present
ai depositi per preleva-
re le cassette di muni-
zioni che presto li
distribuirono nelle va-
rie postazioni riatti-
vando cos il fuoco.
LImpetuoso nel frat-
tempo aveva abbattuto
circa tre aerei nemici le
altre unit vicino ne
avevano centrati altret-
tanti. Trascorsi due ore
di combattimento gli
aerei tedeschi si riti-
rarono con la coda in
mezzo le gambe, aven-
do subito delle perdite.
Ormai buio a bordo
della torpediniera, le-
quipaggio temendo
che venissero di nuovo
attaccati e rimasero
tutta la notte ognuno
al suo posto di combat-
timento, ed i coman-
danti dell Impetuoso,
Pegaso e Orsa decisero
insieme di fare rotta
alle Isole Baleari della
Spagna neutrale dove
si erano gi dirette
alcune altre unit del-
la fotta. La mattina
del 10 settembre le tre
torpediniere giunsero
nella baia di Pollena
dell'isola di Maiorca ed
appena sbarcati i feri-
ti della Roma il co-
mandante Imperiali del
Pegaso e il comandan-
te Cigala Fulgosi per
non dover consegnare
le navi agli inglesi o
ai tedeschi, decisero di
comune accordo di
convocare a bordo
delle loro unit gli
equipaggi per comu-
nicare la decisione di
affondare le due torpe-
diniere dopo che tutto
il personale di bordo
avrebbe prima abbon-
donato le navi . Dopo
che lequipaggio ap-
prov quel tragico
progetto, Imperiali e
Cigala Fulgosi scel-
sero su ciascun nave
15/17 uomini che sa-
rebbero rimasti a bordo
delle navi e, sotto il
loro comando avrebbe-
ro eseguito le operazio-
ni di affondamento.
Poi tra mezzanotte e le
due di notte dell11
settembre le unit
partirono in segretezza
dal porto di Pollena,
lImpetuoso dopo aver
raggiunto il largo ef-
fettu una breve sosta
in quelle acque e le-
quipaggio abbond la
nave raggiungendo la
costa con ogni mezzo
di salvataggio , poi
ripart con quel ri-
stretto numero di uo-
mini fra i quali vi era
anche mio padre il
quale dopo che lImpe-
tuoso si ferm in acque
pi profonde esegu
subito lordine asse-
gnatogli, apr le sara-
cinesche e le valvole di
presa a mare per alle-
gare le macchine; Su-
bito lacqua del mare
entrando dentro il lo-
cale lo invest con
violenza ed in pochi
minuti stava arrivando
al livello dei motori,
terminata questultima
pericolosa operazione
, bagnato fradicio rag-
giunse i suoi compagni
in coperta. Dopo che
Cigala Fulgosi esegu
sul ponte lappello dei
presenti, tutti presero
posto su lunica scia-
luppa rimasta e abban-
donarono in fretta la
nave. Mentre si allon-
tanavano dallImpe-
tuoso avvistarono il
battello del Pegaso con
a bordo il comandante
ed i suoi marinai ed
assieme presero il largo
aspettando che le uni-
t affondassero. Tra-
scorso circa mezzora
la Pegaso incominci
ad inclinarsi ed in pochi
minuti si rovesci e di
poppa e sprofond in
mare. La scena fu an-
cora pi drammatica e
commovente quando
sul battello , Imperiali
alzatosi in piedi salut
la nave assieme al gri-
do inneggiante dei
marinai del Pegaso;
Nel frattempo anche
lImpetuoso aveva
ormai la prora a livello
del mare , mio padre
emozionato pens fra
s: Poveri miei mo-
tori..! quanta cura.. !
quanto lavoro..! quante
ore ho trascorso in loro
compagnia nelle
notti di sogni e tormen-
ti ! commosso ed
infreddolito, avendo la
mia bottiglia di cognac
accanto, ogni tanto le
davo una sorsata. Ma
appena ho visto la mia
nave che affondava
non lo so cosa suc-
cesso dentro di me
mi sono drizzato i in
piedi con un nodo
che mi serrava la gola
scoppiai in un pianto
che il comandante ri-
mase sorpreso non
solo ma feci commuo-
vere tutti e nei loro visi
scorrevano lacrime di
pianto.. mi calmai.. ma
rimasi molto scorag-
giato, avevo voglia di
piangere ancora fa-
cendo fatica a conte-
nermi..! la torpedinie-
ra si alz con la prora
in alto scese gi col
grido ronco del coman-
dante: Savoia..!
tutti in piedi abbiamo
risposto : Viva il Re..!
Addio Impetuoso ..!
questo stato lultimo
saluto del comandante
mentre la nave dopo
scomparve silenziosa-
mente in mare; Si vo-
gava verso la costa sul
battello nessuno parla-
va il silenzio era emo-
zionante .. il sole si
elevava. si fece gior-
no.. da lontano si
visto avvicinare alcu-
ne motobarche che ci
hanno preso a rimor-
chio assieme al battello
del Pegaso fino alla
riva, difronte un cam-
po di aviazione dove
abbiamo trovato il no-
stri compagni ancora
buttati a terra con la
bi ancher i a spar sa
ovunque ad asciuga-
re..! Gli equipaggi
delle due leggendarie
torpediniere dopo es-
sersi consegnati al co-
mando spagnolo, rima-
sero internate per mol-
tissimi mesi sulle Isole
Baleari assieme ad altri
equipaggi di navi ita-
liane. Durante questi
mesi di segregazione si
svilupp unamicizia
tra i marinai italiani e
gli ispanici.
Nel periodo natalizio
mio padre si esib in
un concerto di Natale,
presso la chiesa madre
di Andraitx una pic-
cola localit situata a
poco distante da Palma
di Maiorca, e poi dopo
si esib con successo in
una piccola compa-
gnia teatrale del luogo
cantando da baritono
brani di opere liriche
e la famosa romanza
Torna a... Surrientu!
alla presenza dei suoi
compagni darmi e
degli abitanti del luogo
che entusiasti della sua
voce gli diedero lap-
pellativo di Carmens
cantor. Mio padre
rientrato in Patria con
tutto lequipaggio e il
suo comandante, per
la sua dedizione alla
Patria fu decorato di
Croce a Valor Militare,
sul campo e fregiato
dellEmblema Nastro
Azzurro fra i combat-
tenti decorati a Valor
Militare della Seconda
Guerra mondiale .
Termina la guerra dopo
alcuni anni egli realizz
la sua primordiale aspi-
razione di diventare un
baritono professionista
e, per oltre quarantan-
ni calc con successo di
pubblico e di critica lo
scenario lirico di im-
portanti teatri italiani
ed esteri affancando
famosi cantanti lirici.
loSSerVAtorIo
Ai calafatari il ponte
dei soldi perduti (tanti)
MESSO A DORMIRE IL PROGETTO PER LA RICOSTRUZIONE E PER IL
RACCORDO VIARIO. ERANO STATI GI SPESI OLTRE CENTOMILA EURO
Sotto il titolo il ponte Umbertino. Al centro il ponte Santa
Lucia. A destra quello dei calafatari che si vuol demolire
Gara bandita per la demolizione. Prevista una montagna di contenziosi
di Salvatore Maiorca
Era parso a molti che
il ponte cosiddetto
dei Calafatari fosse
inutile. E lammini-
strazione comunale,
dopo averne chiuso
la prima met e poi
la seconda, ha fret-
tolosamente deciso
di demolirlo e non
ricostruirlo. Troppo
frettolosamente. Alla
resa dei conti del
traffico invece s
visto, e si vede ogni
santo giorno, che quel
ponte era prezioso. E
non se ne pu fare a
meno.
Domanda sempli-
ce semplice: prima
di assumere quella
decisione (il pon-
te dei Calafatari lo
demoliamo e non lo
ricostruiamo pi)
qualcuno delluffcio
tecnico comunale ha
fatto quattro conti sui
scaricano sul ponte
Umbertino? Qualcu-
no ha messo un vigile
do) quel che accade
alla confuenza del
traffico da piazza
mente di sabato e
domenica? Qualcuno
si chiesto fno a
che limite il ponte
Umbertino possa reg-
gere i nuovi fussi di
traffco? Qualcuno si
chiesto in quanto
tempo un mezzo di
soccorso o delle for-
ze dellordine possa
uscire da Ortigia in
queste condizioni?
Cerchiamo allora di
rivedere un po di
precedenti. Intanto
il ponte Umbertino
una struttura che
risale alla seconda
met dellOttocento
(ai tempi del re d'I-
talia Umberto primo
di Savoia) ed stata
consolidata appena
aglinizi degli anni
Novanta del Nove-
cento. Non che
possa poi dare tante
fussi di traffco che
ogni santo giorno si
urbano a verifcare (e
poi riferire al coman-
Caos circolatorio sul ponte Umbertino sul quale
si concentra ormai tutto il traffco in uscita da
Ortigia. Specialmente il sabato e la domenica
garanzie di solidit
per reggere un cos
intenso volume di
traffco. La discussio-
ne sul ponte dei Cala-
fatari e sul connesso
raccordo viario risale
al tempo della giun-
ta Fatuzzo (giugno
1984-giugno 1989).
E fu defnitivamente
archiviata con la ca-
duta della successiva
giunta DellArte (lu-
glio 99).
Il ponte era stato
aperto dal sindaco
Marcello Sgarlata
(dicembre 1971-mar-
zo 1972): un sindaco
di tre mesi. Il ponte fu
aperto. Ma il raccordo
viario manc. Tant
che fno a quando il
ponte dei Calafatari
stato aperto per
immettersi sulla via-
bilit della terraferma
occorreva percorrere
tutto un ghirigoro
di strade e stradine.
Comunque da Ortigia
si usciva.
La giunta Fatuzzo si
era trovata di fronte
al pasticciaccio brutto
di un progetto curato
dal professor Ma-
landrino. Per evitare
contenziosi affanc
a Malandrino larchi-
tetto Mirko La Corte.
La questione fu rive-
duta. Ne venne fuori
un nuovo progetto per
la riqualifcazione del
ponte e il suo collega-
mento alla terrafer-
ma, salvaguardando
le mura spagnole, che
insistono sulla rada,
parzialmente bonif-
cata, attigua al can-
tiere dei calafatari,
affancando il circolo
nautico Rivellino e
raggiungendo viale
Regina Margherita.
Il progetto fu comple-
tato, pagato (qualcosa
come 150.000 euro) e
messo a dormire.
Il ponte stato poi
lasciato in completo
abbandono, assog-
gettato a quel gran
volume di traffico
che c sempre stato
in uscita da Ortigia, e
poi chiuso per caren-
ze strutturali.
E cos una barca di
soldi stata spesa
invano. Almeno per
la gente. Qualcuno
ci ha lucrato alle-
gramente. E alla fne
tutto questo non
servito a nulla. Oggi
si deciso: signori,
il ponte va demolito.
E lamministrazione
comunale bandisce
la gara non per rifare
il ponte ma semplice-
mente per abbatterlo.
Oltre tutto questa
gara viziata da una
montagna di errori.
E senzaltro preve-
dibile una montagna
di ricorsi.
E cos unaltra barca
di soldi stata buttata
in mare, unaltra in-
compiuta si venuta
ad aggiungere alle
precedenti, un altro
disagio si abbat-
tuto sui siracusani.
E chiss quale altra
spesa inutile si dovr
ancora sopportare.
Senza avere pi il
ponte dei Calafatari.
Del quale invece si
era rivelata (e ora
confermata ) non
soltanto la utilit ma
addirittura la neces-
sit. Ma non sarebbe
meglio rispolverare il
vecchio progetto e re-
alizzarlo? Le risorse
fnanziarie occorren-
ti? Beh, piuttosto che
spendere una barca di
milioni per comprare
un ex albergo (quello
di viale Scala Greca
del quale tanto si
parla per ricavarne
uffci) non sarebbe
meglio cominciare
con il rifacimento
funzionale di questo
ponte?
Una cosa, a detta
dei tecnici, certa:
il ponte Umbertino
non ce la fa a sop-
Decisioni frettolose, improvvisate, approssi-
mative, pasticciate. E montagne di soldi buttati
al vento. Intanto si aspettano da tempo imme-
morabile il Put (Piano urbano per il traffco) e
il Pum (Piano urbano per la mobilit).
E come aspettare Godot. E io pago
portare la gran mole
di traffco che gli si
buttata addosso.
E la gente non ce la
fa a imbucarsi nel
nuovo caos che si
venuto a determinare.
Intanto si aspettano
il Put (Piano urbano
per il traffco), il Pum
(Piano urbano per la
mobilit) e altre dia-
volerie varie per le
quali si sono gi spesi
e ancora si vanno
spendendo montagne
di soldi ma dalle quali
non si avr mai alcun
risultato. E io pago
diceva Tot.
Al l egri a! Di ceva
Mike Bongiorno.
delle Poste sul ponte
Umbertino, special-
ATTUALIT 12 Sicilia 22 OTTOBRE 2014, MERCOLED 22 OTTOBRE 2014, MERCOLED Sicilia 13 ATTUALIT
Quando Sandro Pertini
era un amico di Siracusa
PolItIcA CERA UNA VOLTA UN DIALOGO FRA LE AMMINISTRAZIONI E LA GENTE
NEL GIUGNO DEL 1984 IL SINDACO SALVO E UNA SCUOLA DAL PRESIDENTE
Si C stato un tem-
po in questa citt
in cui le istituzioni
locali riuscivano a
interagire effcace-
mente, da una par-
te, con la gente e,
dallaltra, con le
istituzioni centrali.
Erano diversi i tem-
pi. Erano diversi gli
uomini delle istitu-
zioni, sia al centro
che in periferia. Era-
vamo diversi un po
tutti. Ci sono episo-
di di quel tempo che
meritano di essere
ricordati e raccon-
tati alle nuove gene-
razioni: la visita di
una scolaresca, gui-
data dal sindaco del
tempo, Aldo Salvo,
al presidente della
Repubblica Sandro
Pertini, ad esempio;
e qualche visita che
Pertini, non anco-
ra presidente, fece
a Siracusa, dove
la media Mazzini
di contrada Bosco
Minniti, accompa-
gnati dal sindaco
Aldo Salvo, fu ri-
cevuta al Quirinale
dal presidente della
Repubblica Sandro
Pertini, al quale fu
presentato e illustra-
to il volume conte-
nente una inchiesta
in cui si erano ci-
mentati gli studenti
su Mafa, droga e
terrorismo.
A nome della Citt il
sindaco Salvo offr
al presidente Perti-
ni una riproduzione
in oro di unantica
moneta siracusana
e una copia della
Storia di Siracusa
antica e moderna
del Privitera.
Promotore della ini-
ziativa fu il profes-
sor Scifo. Si adoper
per ottenere ludien-
za e organizz lin-
contro Concetto Lo
Bello, allora deputa-
to. Il sindaco Salvo,
dopo lofferta dei
doni della Citt al
Presidente, pronun-
ci il suo discorset-
to.
Pertini lo ascolt.
Poi fu sbrigativo:
Va bene, va bene,
- rispose al sindaco
ho capito. Grazie.
Adesso diamo spa-
zio a loro, ai bam-
bini. I bambini, per
nulla intimoriti dalla
maestosit del Qui-
rinale, dei corazzie-
ri, e da tutto il con-
testo, si scatenarono.
Posero al presidente
le domande pi di-
sparate. E Pertini
rispose a tutte le do-
mande. Sempre con
un sorriso e con una
carezza: da nonno,
pi che da presiden-
te.
Raccontava Con-
cetto Lo Bello: La
prima volta che fui
eletto alla Camera
il presidente di quel
ramo del Parlamento
era Sandro Pertini.
Ritenni opportuno,
doveroso, presentar-
mi a lui poco prima
dellinizio della pri-
ma seduta alla qua-
le mi accingevo a
partecipare. Lui era
gi al suo scranno
di presidente. Lo sa-
lutai. Anche a nome
della mia Citt. Lui
mi riconobbe subi-
to. E non mi diede il
tempo di dire altro.
La conosco mi
disse. Conosco
Siracusa, dove ho
qualche amico. Co-
nosco Lei e la sua
fama di arbitro inter-
nazionale di calcio.
Ma si ricordi, on.
Lo Bello: qua il f-
siamo sommersi da
unondata di partiti
e movimenti.
Sandro Pertini, al-
lora semplice depu-
tato, venne qualche
volta a chiudere la
campagna elettora-
le del suo partito:
il Partito socialista
italiano. Alloggiava
allHotel des Etran-
gers. Allora non
cerano problemi
di terrorismo n di
scorte. Pertini usci-
va dallalbergo e
saliva a piedi in
piazza Archimede.
Percorreva passeg-
gio Adorno, via del
Collegio, via Lan-
dolina, via dellA-
malftania. E in via
Amalftania era ine-
ludibile una ferma-
ta: davanti alla pro-
fumeria di Turuzzo
Di Mauro.
Pertini si ferma-
va sulla soglia. E
chiamava, con la
sua voce stentorea:
Salvatore. Scatta-
va allora il momento
topico. Turuzzo Di
Mauro gridava a sua
volta: Sandro!.
Lasciava eventuali
clienti alla moglie
Paola. Correva ad
abbracciare il suo
amico Sandro Per-
tini. E gli scappava
la lacrimuccia. Ac-
compagnava il suo
amico Sandro al
palco dei comizi. Vi
si piazzava davanti.
E non perdeva una
parola del comizio
di Sandro Pertini.
Spellandosi le mani
per applaudire con
quanta forza aveva.
A fne serata i due
amici si salutavano.
Un abbraccio. Un
arrivederci. Unaltra
lacrima. E Turuzzo
Di mauro conserv
sempre, gelosamen-
te, attaccata alla sua
patente, la foto del
suo amico Sandro
Pertini. Altri tempi.
Altra gente.
s. m.
Sopra Concetto Lo Bello. A
sinistra Pertini con Salvo
La scolaresca e gl'insegnanti con il presidente Sandro Pertini. In doppio
petto il sindaco Aldo Salvo
schietto lo tengo io.
Buon lavoro.
S, a Siracusa Per-
tini aveva qualche
amico. Uno soprat-
tutto: Turuzzo Di
Mauro, profumiere
in via Amalftania.
Il quel tempo (si era
a met degli anni
Cinquanta del No-
vecento siracusano)
il clou delle campa-
gne elettorali era in
piazza Archimede.
L i partiti tenevano
i loro comizi. Da un
unico palco, piaz-
zato davanti allex
Cassa di risparmio,
oggi sede provvi-
soria della prefettu-
ra. Allinizio della
campagna avevano
unora ciascuno a
disposizione. A fne
campagna mezzo-
ra. Lultima sera un
quarto dora: per far
parlare tutti. Gli ora-
ri dintervento erano
sorteggiati. I partiti
erano tanti. E tutta-
via meno di adesso
che c il cosiddet-
to bipolarismo ma aveva qualche ami-
co; uno soprattutto:
Turuzzo Di Mauro,
profumiere in via
delAmalftania, in
Ortigia. Il 27 giugno
1984 una rappre-
sentanza di alunni e
docenti della scuo-
CULTURA 14 Sicilia 22 OTTOBRE 2014, MERCOLED
Incontro di formazione per educatori, docenti
e genitori sul tema Bambini e lettura
Un percorso che ha
portato alla sot-
toscrizione di un
Protocollo dIntesa
tra la Biblioteca del
Comune di Cani-
cattini Bagni, con
i Medici Pediatri
della provincia di
Siracusa e della
citt, e con le scuole
canicattinesi
La lettura riveste un
fondamentale ruolo pe-
dagogico e psicologico
per la crescita armonica
del bambino: attraver-
so il mondo fantastico
si affrontano la realt,
le emozioni e le paure:
Gli Stati incoraggiano
la produ-zione e la dif-
fusione di libri per l'in-
fanzia (Convenzione
sui diritti del fanciullo
art.17 comma C).
Nasce da queste basi il
progetto Nati per Leg-
gere (NPL), promos-
so a livello nazionale
dall'Associazione cul-
turale Pediatri, dall'As-
sociazione italiana Bi-
blioteche e dal Centro
per la Salute del Bam-
bino di Trieste, al quale
ha aderito uffcialmente
la Biblioteca Comunale
G. Agnello di Ca-
nicattini Bagni, unica
in tutta la provincia di
Siracusa, con una deli-
bera della Giunta Mu-
nicipale.
Lobiettivo quello di
diffondere la lettura ad
alta voce per i bam-
bini da 0 a 6 anni, nel
convincimento che ci
contribuisca al benes-
sere e a una migliore
qualit della vita del
bambino. Un percorso
su cui da oltre un anno
impegnata la Biblio-
teca di Canicattini sotto
la guida della Dirigen-
te del 6 Settore e Re-
sponsabile dei Servizi
Culturali, la dottoressa
Paola Capp, con ap-
puntamenti che vedono
protagonisti decine di
bambini canicattine-
si (e i loro genitori),
dallAsilo Nido alla
Scuola Materna, gra-
zie alla collaborazione
con i Volon-tari della
Lettura, giovani ade-
guatamente formati che
leggono ad alta voce le
storie. La stimolazione
e il senso di protezione
che genera nel bambino
il sentirsi accanto un
adulto che racconta sto-
rie gi dal primo anno
di vita e condivide il
piacere del racconto
impareggiabile. Il
benefcio che il bam-
bino trae dalla lettura
a voce alta, operata in
to attraverso il quoti-
diano contatto con la
lettura mediato dai loro
genitori.
Un percorso ed una
esperienza che ha por-
tato alla sottoscrizione
di un Protocollo dInte-
sa tra la Biblioteca del
Comune di Canicattini
Bagni, in quanto refe-
rente provinciale, con
i Medici Pediatri della
provincia di Si-racusa
e della citt, e con le
scuole canicattinesi, il
1 Istituto Comprensi-
namento provinciale
di Nati per Leggere,
con sede proprio nella
Biblioteca Comu-nale
di Canicattini Bagni,
del quale fanno parte
Bibliotecari e Medici
Pediatri: Paola Capp
(referente per le Biblio-
teche), Pino Pennisi, e i
pediatri Maria Concet-
ta Zinna (referente per i
medici), Carmela Zito,
ed Enza Pappalardo.
Un impegno comune,
dunque, da parte del
Comune di Canicattini
gi dallo scorso anno,
grazie allimpegno del-
la Biblioteca Comunale
e ai giovani Volontari
della Lettura che sono
riusciti a ridare alla Bi-
blioteca quel ruolo so-
ciale che le consono.
Le Biblioteche, infatti,
non vanno viste solo
come un luogo depo-
sitario di conoscenza
e sapere, ma piuttosto
come luogo di incon-
tro, di rafforzamento
dei rapporti sociali, e di
confronto. Un luogo in
cui i cittadini si forma-
no, anche incontrando
la Cultura e il Libro,
strumenti straordinari
che ci accompagnano
nella cresci-ta. Un per-
corso che senza dubbio
va iniziato, come sta-
to sperimentato, sin da
piccoli.
Il primo appuntamento
formativo, riservato ad
Educatori, Docenti e
Genitori, fssato per
Venerd 24 Ottobre, con
inizio alle ore 9:30 nel-
la Saletta dellAgenzia
di Sviluppo degli Iblei
(Gal Val dAnapo) al 1
piano del Palazzo Mu-
nicipale in via P. Jolan-
da n. 51:
ore 9,30
SALUTI
Paolo Amenta -Sinda-
co Canicattini Bagni;
RELAZIONI
ore 10,00
Daniela Cugno - Psico-
loga
I benefci della lettura
ad alta voce sullo svi-
luppo neuropsicologico
del bambino - evidenze
scientif-che;
ore 10,30
Giovanna Strano - Di-
rigente Liceo Scienti-
fco, Sez. Canicattini
Bagni
Il piacere di leggere, il
piacere di crescere
ore 11,00
Paola Capp - Respon-
sabile Biblioteca G.
Agnello- Coordinatri-
ce prov. NPL;
Il progetto NPL a Ca-
nicattini Bagni
ore 11,30
Conclusioni
Giovanna Rubera - Di-
rigente 1 Istituto Com-
prensivo G. Verga
Canicattini Bagni.
re, gestire il progetto, e
formare i Volontari del-
la Lettura, oltre che a
mettere a disposizione
punti lettura e materia-
le; i Pediatri, dal canto
loro, favoriranno la
realizzazione del pro-
getto allinterno degli
ambulatori pediatrici,
la diffusione del pro-
getto anche attraverso
la distribuzione del
materiale informativo
ai genitori e il dono dei
libri ai bambini, che
verranno forniti dal
terno degli ambulatori
pediatrici; le Scuole
si impegnano, per le
proprie competenze, a
favorire la realizzazio-
ne del progetto al loro
interno e ad incentivare
i giovani a diventare
Volontari e partecipa-
re ai previsti momenti
formativi.
Un impegno doveroso
da parte dellAmmini-
strazione comunale
ha detto il Sindaco Pa-
olo Amenta al quale
abbiamo subito aderito,
famiglia in et presco-
lare, documentato da
molti studi, favori-sce
il successo scolastico
in quanto i bambini
iniziano a confrontarsi
con il linguaggio scrit-
vo Giovanni Verga, e
la sezione staccata del
Liceo Scientifco della
citt, il Filippo Juva-
ra di Siracusa.
Nasce cos il Coordi-
Bagni, dei Pediatri e
delle Scuole.
Il Comune, per quanto
lo riguarda, si impe-
gna, attraverso la Bi-
blioteca G. Agnello,
a fnanziare, coordina-
Comune di Canicatti-
ni Bagni attraverso la
Biblioteca, e cureranno
con il supporto della
Biblioteca comunale la
realizzazione di piccole
biblioteche NPL allin-
Lobiettivo quello di diffondere la lettura ad alta voce per i bambini da 0 a 6 anni,
nel convincimento che ci contribuisca al benessere e a una migliore qualit della vita del bambino
22 OTTOBRE 2014, MERCOLED Sicilia 15 SPORT SIRACUSA
Siracusa in grande
spolvero, quello
che ha fatto rin-
foderare al Giarre
i bellicosi propo-
siti della vigilia e
che ha convinto
anche i pi scet-
tici sul futuro di
questa squadra
che in attesa di un
buon metronomo
di centrocampo
ha bisogno di fati-
care il doppio per
vincere le partite
.Com avvenuto
domenica scorsa
quando bastata
una squadra per
nulla trascenden-
tale ma veloce per
far girare a vuo-
to, per quasi tutto
il primo tempo,
lintero reparto
di mezzo che
vissuto solo delle
geniali aperture
di Mascara, con
lanci millimetrici
di quaranta metri
che pescavano con
chirurgica preci-
sione il compagno
smarcato. Certo,
se Mascara avesse
dieci anni di meno
potrebbe occupar-
si a tempo pieno
delle due fasi di
gioco, ma si ri-
trova dieci anni
in pi, ed gi un
miracolo che alla
sua et riesca a su-
perare in velocit,
com accaduto
col Giarre, il suo
diretto marcato-
re che di anni ne
aveva la met e
che era tuttaltro
che un brocco.
Il lato curioso di
questo ragazzi-
no di appena 35
anni che gioca
non solo perch
il suo mestiere, ma
anche perch alla
sua veneranda
et si diverte come
quando tirava i
primi calci nelle
piazze di Caltagi-
rone . Richiamarlo
ai bordi del cam-
po per discutibile
scelta tecnica del
suo allenatore e
invitarlo a rivestir-
si come privarlo
di quelloggetto
con cui sa far tutto
: il pallone.
E allora lui non le
manda a dire, an-
che se dalle tribu-
ne scende un ura-
gano di applausi a
sottolineare la sua
ennesi ma, bel l a
prova.
Ma domenica
scorsa, per felice
congiuntura cera
un altro faro ad il-
luminare la scena
: quel DAgosta,
capace di sguscia-
re di qua e di l
come unanguilla,
con applaudite pi-
roette con cui ri-
usciva a liberarsi
di due, tre uomini
per volta.
E la gente, pur abi-
tuata a gesti tecni-
ci di questo spes-
sore, non mancava
di sottolineare con
scrosciati applau-
si queste giocate
degne di ben altri
palcoscenici.
Un po meno entu-
siasti gli avversari
che quando parti-
va palla al piede il
pi delle volte lo
perdevano di vi-
sta. E quando lal-
lenatore del Giarre
cap da dove arri-
vavano i pericoli
per la sua squadra,
era troppo tardi
perch quei due
avevano gi col-
pito e assicurato
al Siracusa quella
vittoria che gli ha
consentito di rag-
giungere, seppur
Mascara illumina,
DAgosta incanta,
e il Siracusa? Vola
In attesa di un centrocampo funzionante, accontentiamoci
delle invenzioni dei due azzurri pi tecnicamente dotati
che stanno facendo cos da traino allintera squadra
Arriva la vittoria per l'Aretusa
Bordieri: Ancora tanto lavoro
Arriva,fnalmente, la prima vittoria meritata
dell'Aretusa. Contro Ragusa la Kama Italia
Aretusa ha conquistato i primi punti muo-
vendo la classifca di un torneo che si prean-
nuncia molto equilibrato. Soddisfatto coach
Luigi Bordieri per latteggiamento dei suoi
ragazzi, ma la testa gi al prossimo im-
pegno esterno in terra calabrese sabato 25
ottobre.
La partita contro Ragusa stata impostata
per giocare vicino a canestro-spiega il tecni-
co siracusano - ed i ragazzi sono stati bravi a
cercare soluzioni non solo dal perimetro, ma
anche con tiri dal colorato che ci hanno per-
messo di prendere subito un vantaggio che
siamo riusciti ad amministrare fno alla fne.
A tutto questo bisogna aggiungere la buona
prova in difesa, dove siamo riusciti a limita-
re i fratelli Sorrentino e gli altri esterni.
Pesante sconftta per il Belve-
dere contro il Santa Croce di
Camerina."Contro una forma-
zione che non ha fatto nulla di
pi se non i tre gol dir a fne
gara il patron Antonello Liuzzo
per vincerla.
Noi abbiamo fatto male, ma loro
altrettanto, solo che hanno rea-
lizzato tre gol e si sono portati a
casa i tre punti".
Commento amaro quello del pa-
tron Liuzzo, perch il Belvedere
arrivava da un mini-flotto che
aveva fatto guadagnare a Cerru-
to e compagni qualche posizione
di classifca.
La sfortunata autorete di Sara-
ceno in avvio e il raddoppio di
Puma nel fnale di tempo, hanno
tagliato le gambe agli aretusei.
Calcio, stop per il Belvedere
del presidente Liuzzo
in condominio, il
primato in classi-
fca che per gli az-
zurri non rappre-
senta il punto di
arrivo ma quello
di partenza. Per-
ch il diffcile,
bene che si sappia,
comincia proprio
adesso.
Armando Galea
Rimane comunque il fatto che bisogna lavo-
rare ancora tanto per raggiungere la forma
ottimale. Dobbiamo necessariamente mi-
gliorare le nostre prestazioni nei tiri dall'ar-
co dei tre punti, e dalla lunetta. Adesso pen-
siamo al prossimo impegno contro Crotone,
squadra che vanta un buon mix di esperien-
za e giovent con un elementi provenienti
dal prolifco settore giovanile di Catanzaro,
societ appena promossa in B dilettanti
In foto, gol d'Agosta.
In foto, mister Bordiere
SPORT PAGINA 16 22 OTTOBRE 2014, MERCOLED
Sicilia
Presentato al PalaLoBello
il progetto Noi... ci siamo
L'iniziativa
si articoler
anche nelle
palestre
scolastiche
di alcune
scuole
Si comincer il progetto fra una decina di giorni
al Campo scuola Pippo Di Natale
Commemorato
il giornalista
sportivo
Pippo
Di Silvestro
con una
targa
Prima del f-
schio dinizio
della partita fra
Citt di Siracusa
e Giarre, stato
commemor a-
to il giornalista
Pippo Di Silve-
stro, scomparso
due settimane
fa. Il segreta-
rio provinciale
dellUssi Pro-
spero Dente e
lamministrato-
re del sodalizio
azzurro, Gaeta-
no Albergamo,
hanno conse-
gnato una tar-
ga ricordo e un
gagliardetto del
Siracusa ai fgli
del compianto
giornalista si-
racusano, Lo-
redana e Alber-
to. Per decenni
Di Silvestro ha
seguito e scrit-
to di calcio e
in particolare
del Siracusa.
Per ultimo con
la Gazzetta del
Sud. Lultima
partita che ha
seguito s tata
quella contro il
Citt di Scordia.
Il giorno dopo
si sottoposto
a un interven-
to chirurgico e
dopo circa una
settimana ve-
nuto a mancare
allaffetto dei
suoi cari.
Nella sala confe-
renze del Palazzet-
to dello Sport si
tenuta la conferen-
za sul Progetto
Noi ci siamo.
Alla presenza del
delegato Coni
Avv. Pino Corso,
dellassessore alle
politiche sociali
del Comune Lid-
do Schiavo, del
coordinatore sco-
lastico prof. Se-
bastiano Zammitti
e dellingegnere
Gaetano DAga-
ta, del Panathlon
Club di Siracusa
stato dato il via
alliniziativa di
Formazione ed
Osservatorio di
verifca degli ef-
fetti dellattivit
motoria sulle per-
sone portatrici di
disabilit psico-
comportamentale.
Si comincer ope-
rativamente fra
una decina di gior-
ni al campo scuola
Pippo Di Natale,
con due sedute set-
timanali, per una
durata complessi-
va di 4 , 5 mesi. Il
progetto ha gi al
suo attivo quattro
anni di attivit e
oltre al Comune,
vista limportanza
della valenza so-
ciale, verr coadiu-
vata compitamente
dalle associazioni
dei disabili, come
Assofadi ed Anfass
di Fernando Peret-
ti, oltre al Panath-
lon Club Siracusa
ed al Rotary Club
Monti Climiti. Li-
niziativa si artico-
ler anche in una
palestra scolastica
cittadina. Siamo
vicini al progetto-
ha detto Liddo
Schiavo- perch
riteniamo unatti-
vit fondamentale
che da uno spirito
ed una carica di-
versa ai portatori
di disabilit psico-
comportamentale.
Questo soggetti
hanno bisogno di
un minimo di atti-
vit motoria che li
aiuti a stare meglio
fsicamente e ad
allacciare nuove
relazioni.
In foto,un momento
della conferenza
Calcio a 5, ancora una vittoria
per lAugusta contro lOdissea
Ancora una vittoria per gli
augustani,questa volta il turno dei
rossanesi dell' Odissea a dover fare i
conti con la potenza d'attacco del trio
Teixeira, Scheleski, Jorginho.
Gli uomini di Rinaldi dopo una pri-
ma fase di studio hanno trovato la
rete con un fendente di capitan Tei-
xeira che ha dato il la alla goleada
neroverde, a seguire la doppietta di
Jorginho, che chiuder il primo tem-
po, prima bucando l'incolpevole Sa-
pia e poi appoggia in rete un assist di
uno straordinario Scheleski.
Nel secondo tempo il registro non
cambia, l' Odissea cerca di sfruttare
sin dai primi istanti la carta del por-
tiere di movimento mentre i nero-
verdi continuano ad essere cinici ed
Ortisi recupera un pallone e con un
chirurgico lob insacca a porta sguar-
nita.
Ma l'Augusta sembra non essere sa-
zia e Scheleski sale in cattedra pri-
ma con un eurogol un tiro potente da
posizione deflata che bacia il palo
di prima di inflarsi alle spalle di Sa-
pia e poi appoggia in rete in supe-
riorit numerica, vista l'espulsione
di Sapinho per un ingenuo fallo su
Juninho, complica tutto e Scheleski.
A chiudere i conti ci pensa Capitan
Teixeira che servito da Cereta bette
in rete e chiude i conti.
Un risultato che non lascia scampo
e che lancia l'Augusta nelle zone
nobili della classifca, secondo po-
sto assoluto e miglior difesa della
serie A2, ma attenzione a calare la
concentrazione le dirette avversarie
sono a ridosso.

Interessi correlati