Sei sulla pagina 1di 29

Carlo Guzzi, aveva una enorme passione per la meccanica e sognava di realizzare la sua moto perfetta.

Figlio di Palamede, ingegnere e docente al politecnico di Milano, assieme al fratello Giuseppe si diplom come perito industriale a Vicenza. La morte prematura del padre port la famiglia Guzzi a trasferirsi da Milano a Mandello del Lario, dove avevano una casa estiva. Qui Carlo inizi a frequentare l officina del Giorgio Ripamonti "Feree" di Mandello, la cui attivit! era rivolta soprattutto alla riparazione e manutenzione dei motori a olio pesante installati sulle "arc#e da trasporto. $ell officina del %ipamonti Carlo pot& affinare la manualit! lavorando direttamente sui motori. 'opo il diploma Carlo trov occupazione presso la (inger ma non si sentiva appagato dal suo lavoro quindi appena ne e""e la possi"ilit! pass alla )sotta Frasc#ini, il massimo per l epoca dove un uomo come lui potesse fare esperienza su motori di ogni genere, autotrazione, navali e aeronautici. $el 1914 Carlo viene c#iamato alle armi ed entra in aviazione come meccanico di idrovolanti. Presso l idroscalo di Venezia Carlo fa una conoscenza c#e gli cam"ier! la vita. )ncontra Giovanni %avelli c#e gli presenta l amico Giorgio Parodi. Giovanni Ravelli, "resciano di origine, oltre ad essere un ottimo pilota di aerei era un motociclista provetto. $el suo palmares figurava una vittoria a Madrid nel *+,+ c#e gli valse l appellativo di -'iavolo italiano.. $el 1913 vinse il titolo italiano su pista. Partecip anc#e al /ourist /rop#0 ma si ritir per guasto al motore.

Pagina 1 di 29

www.aquiledellojonio.it

Giorgio Parodi era ufficiale pilota, figlio di un grosso armatore genovese. ) tre divennero amici e Carlo mostr a loro il suo progetto della moto perfetta c#e da qualc#e anno stava affinando e ormai aspettava solo il momento giusto per poterla produrre. ) tre decisero di creare una societ! a fine guerra dove Carlo avre""e realizzato la moto, Giovanni l avre""e collaudata e portata in pista mentre Giorgio si sare""e occupato dell amministrazione e da finanziatore. 1 guerra finita Carlo ritorn nell officina del %ipamonti (in
Mandello via Cavour 12, dove ancora oggi e possibile visitare l o!!icina ed i luog"i c"e videro la nascita della pri#a $u%%i&

e inizi a costruire il prototipo della sua moto, mentre il Parodi il 2 gennaio del *+*+ ricevette la risposta a quella lettera c#e fa parte della storia della Guzzi dove c#iese e ottenne il finanziamento di 3,,, lire dal padre per avviare la societ!. %avelli rimase in aviazione in attesa c#e la moto fosse pronta. L ** agosto del *+*+ Giovanni alla guida di un aeroplano si sc#ianta al suolo e muore per le ferite riportate. La notizia 4 tragica per Carlo e assieme a Giorgio decidono di portare avanti la societ! anc#e nel ricordo del loro caro amico e per questo come sim"olo misero sulle moto l aquila con le ali spiegate dell aviazione. 'urante l anno 1919 Carlo assieme al %ipamonti assem"la e termina il primo prototipo della sua moto perfetta. Con motore monocilindrico orizzontale di 5,, cc denominata G.P. 6Guzzi7Parodi8 dotato di quattro valvole e al"ero di distri"uzione in testa , alesaggio di 99mm e corsa di 93mm.

Pagina 2 di 29

www.aquiledellojonio.it

La potenza erogata 4 di *3 cavalli, la velocit! massima di *,, :m;#. Per l epoca era una moto assolutamente innovativa. La moto viene presentata ad <manuele Vittorio Parodi, padre di Giorgio, il quale, dopo un primo prestito di duemila lire, accorda un finanziamento per la costituzione di un azienda per la fa""ricazione di motociclette. %ispetto a quasi tutti gli altri costruttori, tesi alla ricerca delle prestazioni, la motocicletta c#e Carlo realizza 4 razionale in tutte le sue componenti, deve garantire affida"ilit! e facilit! d uso. 'al primo prototipo si sviluppa nel 1920 la Normale, il primo modello pronto per la commercializzazione, al fine di contenere i costi di produzione il motore #a solo 3 valvole, con 9 cavalli, una velocit! massima di 9, :m;# ed una percorrenza di 2, :m con un litro di car"urante. Prima al mondo, la $ormale monta un cavalletto centrale, soluzione c#e verr! in seguito adottata da tutti gli altri costruttori. )l nome =G.P.= viene a""andonato su"ito e trasformato, con il consenso unanime di tutti i soci, in Moto Guzzi, anc#e per evitare fraintendimenti tra le iniziali Guzzi7Parodi con quelle del solo Giorgio Parodi. Il 15 marzo del 1921 il cavaliere <manuele Vittorio Parodi, suo figlio Giorgio e Carlo Guzzi fondano a Genova, sede legale, con produzione a Mandello /onzanico 6successivamente diventato Mandello del Lario8, un paese sul Lago di Como, in provincia di Lecco, la =Societ !nonima "oto Guzzi=> nasce cos? uno dei pi@ prestigiosi marc#i motociclistici del mondo.

Pagina ' di 29

www.aquiledellojonio.it

1l fine di promuovere la nuova motocicletta Carlo decide di partecipare a gare di durata. )l 39 maggio *+3*, al raid Milano7 $apoli, le unic#e due moto fino ad allora costruite ottengono un ventesimo ed un ventiduesimo posto. Ma occorrono solo quattro mesi per vedere la Guzzi di Gino Finzi giungere clamorosamente prima al traguardo della famosa /arga Florio. Le prime vittorie funzionano come cassa di risonanza e aumentano le ric#ieste. $el 1921 vengono costruite A* moto del modello $ormale dal prezzo di 9.5,, lire. La produzione da artigianale diventa industriale> viene costruito uno sta"ilimento dall area di 2,, metri quadrati, in cui lavorano *A operai. $el 1924 si svolge la prima edizione dei campionati europei a Monza e Guido Mentasti 6nella foto sotto8 con una B valvole 5,, conquista il titolo europeo. Le Moto Guzzi arrivano prima, seconda e quinta. Guzzi & un marc#io ormai conosciuto da tutti tanto c#e il segretario della Federazione Motociclistica )nternazionale scriver!> =Le tre Moto Guzzi #anno dominato la manifestazione praticamente dall inizio alla fine, dimostrando cos? l importanza dell industria motociclistica italiana.= La Corsa C BV, un evoluzione del prototipo originario G.P. verr! prodotta in serie in B9C esemplari in differenti versioni dimostrandosi una eccellente macc#ina sportiva anc#e per i corridori privati.

Pagina ( di 29

www.aquiledellojonio.it

$el 1925 a Mandello sono costruiti, da oltre 2,, lavoratori, *.3,, Motocicli. )l 5 aprile del *+35 Guido Mentasti tornando a casa dopo aver partecipato al Circuito Motociclistico di Drescia in sella alla Guzzi competizione trov la morte lungo la via Vallecamonica all altezza del civico 3*. 1veva 39 anni. Pro"a"ilmente cadde rovinosamente per una foratura alla ruota. En cippo ricorda questo campione c#e port la sua Guzzi 5,, BV al titolo europeo. Giu#eppe Guzzi detto =$aco=, fratello maggiore di Carlo e vero supervisore tecnico dei modelli della casa con la passione per i grandi viaggi progetta la prima moto gran turismo del mondo. Veniva descritto come un "ur"ero ai limiti del sopporta"ile c#e soffriva enormemente il caldo in qualunque stagione, tanto da lavorare regolarmente al tecnigrafo in canotta e mutande. Forse per questo non amava ricevere visitatori> lo distraevano dai suoi calcoli e, soprattutto, lo costringevano a rivestirsi. 'urante i mesi estivi compiva lung#i viaggi in 1ustria, Germania o in Francia, con il duplice fine di collaudare le sue realizzazioni e trovare un po di refrigerio. $el 192$ =$aco= realizz il prototipo del modello G./. 5,,, prima Moto Guzzi con telaio elastico e, in onore al dirigi"ile italiano c#e l anno precedente aveva consentito alla missione a Em"erto $o"ile e %oald 1mundsen di sorvolare il Polo $ord, la nuova moto viene su"ito ri"attezzata =$orge=. (i trattava di una mossa promozionale c#e tentava di cavalcare l entusiasmo del momento, per suscitando un coro di proteste dalle case motociclistic#e concorrenti, le quali accusarono Fu cos? c#e la Moto Guzzi pot& utilizzare a pieno titolo la denominazione $orge, e Capo $ord divenne una importante meta motociclo turistica. $el 1929 la produzione raggiunge le 3.5,, unit!. $el 1930 arriva il primo motore plurifrazionato> si tratta della B cilindri da competizione, dotato di motore in linea fronte marcia. )n questo periodo era consuetudine da parte degli uomini della Moto Guzzi di firmare i motori c#e
Pagina ) di 29

www.aquiledellojonio.it

costruivano personalmente. 'al *+23 al *+22 La Guzzi produce la pima 2 cilindri orizzontale della storia, la 5,, 2C (tradale. La Moto Guzzi 500 %re Cilindri venne presentata e messa in vendita nel 1932. La ciclistica con telaio elastico, derivata dalla G/ *C, era mossa dal primo motore a quattro tempi tricilindrico orizzontale in linea c#e sia mai stato messo in produzione. Con i suoi B+B,9 cc di cilindrata totale, esprime una potenza di 35 CV a 5.5,, giri. )l veicolo, del peso a vuoto di *C, :g, pu raggiungere la velocit! di *2, :m;#. /uttavia dopo la consegna del primo lotto, immediate furono le lamentele dei clienti per i molti difetti di funzionamento del sofisticato motore, pro"a"ilmente dovuti ad un incompleto sviluppo prototipale. Preoccupato di poter perdere la "uona nomea c#e l azienda aveva rapidamente acquisito in un solo decennio d esistenza, grazie ai modelli (port, Carlo Guzzi prese la decisione di ritirare i poc#i esemplari venduti e di sospendere la produzione del modello. L unico esemplare rimasto 4 custodito nel museo della Moto Guzzi. $el 1933 %omma#o &mo'ono %enni entra in Guzzi. 1lla sua prima gara con la Casa di Mandello, il -/rofeo della Velocit!. a %oma, sul circuito Littorio con la Dicilindrica 5,, fece una tremenda caduta a *9, :m;#F si rialz, ma un guasto alla moto gli imped? di ripartire. $el 1934 Moto Guzzi 4 il maggiore produttore di motociclette in )talia con A,, dipendenti. (toria e leggenda si mescolano nelle imprese di altri piloti leggendari come Ru((o, )orenzetti e !nder#on. $el 1935 con la 'icilindrica 500 dotata di motore a V di *3,G, il pilota irlandese Stanle* +ood# 4 il primo a vincere dopo 3B anni una gara del /ourist /rop#0 all )sola di Man 6la gara allora pi@ importante del mondo8 su di una moto non inglese. )l giro veloce lo fa il compagno di squadra /enni, c#e quando era quinto cade dopo aver preso un corvo, apparso d improvviso dalla ne""ia, procurandosi la frattura di due verte"re.

Pagina * di 29

www.aquiledellojonio.it

Giulio Ce#are Carcano, $el 193, entra in Guzzi come ingegnere progettista. $el marzo 2A sulle strade del Lario /enni, durante un allenamento, prende in pieno un carro. $ell urto si strappa due dita del piede. La leggenda vuole c#e dopo essersi rialzato, a""ia preso le dita e se le sia infilate in tasca nella speranza c#e arrivato in ospedale gliele riattaccassero. Ma pare, c#e nello stordimento, si sia dimenticato di tirarle fuori o lo a""ia fatto troppo tardi. Poc#e settimane dopo, ancora dolorante parte per il /./. $el 193$ sull )sola di Man Hmo"ono /enni entra nella leggenda su una Moto Guzzi 35,, diventando il primo motociclista non inglese a vincere quella c#e all epoca era la gara pi@ famosa al Mondo. <ra la seconda volta c#e ci provava e la stampa )nglese lo aveva accolto con un titolo> -).uomo c/e viene dalla terra dei Ce#ari0. 'opo aver preso la testa della corsa, cadde al termine del primo giro, perdendo la prima posizione e 25 secondi. Lanciatosi in una rimonta forsennata, c#iudendo il BG giro con 3+I 9., riconquist il comando, ma al settimo e ultimo giro si dovette fermare per cam"iare una candela. $onostante tutto inflisse pi@ di mezzo minuto al secondo arrivato, il campione inglese (tanle0 Joods, e B minuti e mezzo al terzo. C#iuder! in 2# 23m Csec alla media di AB miglia ora 6poco pi@ di *3, :m;# nel *+2A8. Verr! soprannominato -%/e 1lac2 3evil0 dalla stampa inglese. $el 193$, Carlo Guzzi rinunci alla g#iotta offerta di /aruffi, pilota della C$1, c#e gli proponeva l acquisto della %ondine, progetto degli ingegneri Giannini e Remor, in quanto gli era inconcepi"ile c#e la Moto Guzzi si presentasse sui campi di gara con una moto non progettata all interno dell azienda.
Pagina + di 29

www.aquiledellojonio.it

$ondimeno, la %ondine si era dimostrata vincente su tutte le piste e prometteva grandi possi"ilit! di sviluppo. )l progetto poi verr! acquistato dalla Gilera c#e assieme a %emor da poco assunto trasformer! la %ondine nella Gilera 5,, BC. )l B cilindri fronte marcia della Gilera %ondine fu il prototipo mondiale della moto moderna. < proprio a questo progetto si ispirarono Konda e LaMasa:i c#e per prime fecero del B cilindri la loro arma migliore per confrontarsi con le industrie europee. Fu cos? c#e Carlo Guzzi, allo scopo di contrastare quel mostro di potenza, decise di rispolverare l accantonato progetto del motore tricilindrico, al quale applic una nuova distri"uzione "ial"ero e un compressore Cozette. La macc#ina scese in pista sul circuito di 1lessandria e concluse la "revissima carriera agonistica al circuito di Genova, sempre nel *+B,. 'opo la parentesi "ellica, i nuovi regolamenti vietarono l uso del compressore nelle competizioni e il tricilindrico venne definitivamente a""andonato. $el 1939 viene presentato l !irone 250 c#e con 29492, esemplari sar! la moto pi@ diffusa in )talia nel successivo decennio. Per i piloti privati vengono approntati modelli sportivi come il 3ondolino, il Gam'alunga e il Condor. 'urante la seconda guerra mondiale dal 1940 al 1945 la produzione civile cessa, ma i progettisti Guzzi riescono a costruire due modelli ad #oc per il conflitto> il mitico %rialce ed il #idecar !lce. La Guzzi ancora oggi 4 impegnata a proporre modelli destinati alle forze di polizia e militari, non solo in )talia ma in tutto il mondo. $el *+BC la Guzzi diventa una (.P.1. Presidente e Giorgio Parodi. $el 194, nasce quello c#e tra la vasta produzione di mezzi adi"iti al trasporto merci 4 forse il pi@ famoso, l 5rcole. La fine della guerra vede un mutamento nei gusti e nelle tendenze del pu""lico. )n un paese fortemente segnato dalle vicende "ellic#e, in cui le strade sono quasi tutte accidentate e l automo"ile 4 un mezzo alla portata di poc#issimi, le due ruote diventano determinanti nella mo"ilit! degli italiani, grazie anc#e ai progressi della
Pagina , di 29

www.aquiledellojonio.it

tecnica c#e consentono di approntare moto di piccola cilindrata molto efficienti. Gli italiani del dopoguerra viaggiano sugli scooter e sulle cosiddette motoleggere c#e attirano un pu""lico molto pi@ vasto rispetto alle sorelle di cilindrata maggiore perc#&, pur raggiungendo una "uona velocit!, sono ro"uste, sporcano poco e si lasciano guidare con facilit! e maneggevolezza. La moto non 4 pi@ un veicolo per poc#i eletti, ma diventa un mezzo da utilizzare tutti i giorni, anc#e per recarsi al lavoro. <cco c#e nel 194, !ntonio "icucci progetta il Guzzino ,5 cc 6oltre 504000 unit! in soli tre anni 8 e il Cardellino c#e saranno le motoleggere pi@ vendute in <uropa. 1l primo raduno ufficiale, organizzato nel 1949 a soli tre anni dalla nascita di questo modello, partecipano pi@ di *B mila persone. )nteressante veicolo economico e ro"usto, era caratterizzato da un trave diagonale del telaio c#e dall asse di sterzo correva diagonalmente fino al fulcro del forcellone in lamiera stampata, sulla cui intersezione erano installate due piccole molle con funzione ammortizzante. )l motore risultava cos? appeso esteriormente al trave diagonale. La struttura progettuale Guzzi di quegli anni era suddivisa in tre squadre autonome. La prima, capeggiata personalmente da Carlo Guzzi, si occupava principalmente di aggiornare e migliorare i modelli della gamma media. La seconda, affidata a "icu##i, si occupava della progettazione e dello sviluppo dei modelli con propulsore a due tempi. La terza, il cele"re reparto corse, era affidata al vulcanico tridente Carcano, %odero e Cantoni. Gi! nel 194$ la Moto Guzzi torna alla vittoria sempre al /ourist /rop#0.
Pagina 9 di 29

www.aquiledellojonio.it

(empre nel *+BA nasce il 6alcone 500cc con *9,+ cv a B.5,, giri e *3, Lm;# di velocit!, cam"io a B marce e freni a tam"uro, peso di *AC Lg. (ostituisce la ormai vecc#ia G%7 500 e !#tore. %appresenter! per un lung#issimo periodo il sogno dei motociclisti italiani in quanto massimo esempio di tecnologia italiana. Per vent anni sar! la moto della Polizia di (tato. Venne soprannominato =l affettatrice. per via del suo volano esterno al motore c#e ricordava le famose affettatrici Der:el. Carlo Guzzi introduce sul Falcone una delle sue invenzioni destinate a far storia, anc#e se sare""e pi@ opportuno parlare di innovazione in questo caso. )n quegli anni la sospensione anteriore, finora generalmente affidata ad un sistema a quadrilatero sviluppato in diverse forme, ad esclusione di Moto Guzzi c#e si affidava ad un sistema a "iscottini inferiori oscillanti 6dal pregevole comportamento stradale ma dall escursione limitata8, stava adottando sempre pi@ diffusamente il sistema a forcella telescopica. 1 differenza delle forcelle finora utilizzate, dove il fodero era solidale alla ruota, Carlo Guzzi ne ri"alta il concetto applicando il fodero alla parte superiore 6oggi il sistema viene definito (orcella rove#ciata o forcella up#ide8do9n8 con il grosso vantaggio di mantenere la struttura pi@ rigida nel punto di maggiore stress meccanico, in corrispondenza del cannotto di sterzo, risolvendo inoltre il pro"lema dei caric#i sospesi. 1ncora oggi le forcelle rovesciate sono utilizzate nei modelli pi@ sportivi per questa loro caratteristica. )l 1 luglio del 194: &mo'ono %enni muore in prova al Gran Premio di Derna alla curva <0matt durante le prove, nella stessa curva dove alcune ore dopo perse la vita anc#e 1c#ille Varzi. La salma del campione fu trasportata da Derna agli sta"ilimenti Moto Guzzi di Mandello del Lario dove fu organizzata la veglia fune"re. 1ll al"a del B luglio la "ara venne trasportata a /reviso da un camion della Moto Guzzi "ardato a lutto, seguito dall alto da aerei dell 1ero Clu" /reviso c#e lanciarono fiori per il tragitto da Castelfranco a /reviso, unitamente alle migliaia di tifosi c#e lo attesero sul ciglio della strada per l ultimo omaggio.
Pagina 1- di 29

www.aquiledellojonio.it

'a molti & considerato il pilota pi@ forte e c#e pi@ #a dato lustro alla casa di Mandello. 1d Hmo"ono /enni 4 intitolato lo stadio di /reviso. La Moto Guzzi gli #a dedicato un monumento c#e campeggia nel Museo. /enni si potre""e paragonare al Valentino %ossi di oggi. <ra un pilota istintivo, il migliore visto fino ad allora. Venne definito dagli inglesi il migliore corridore del mondo e forse di tutti i tempi, un vero idolo per loro. /enni, per le condizioni delle strade e per le moto a quell epoca, volle significare esaltazione del coraggio, dello spirito, della tenacia, volle significare anc#e e soprattutto progresso. 1ncora oggi si usa il termine -piegare alla /enni. come significato di audacia. Progresso tecnico dellIindustria motociclistica italiana per oltre ventIanni> le sue vittorie sono state colte nel segno di un crescente processo innovatore. La Guzzi gli affid sempre, per il collaudo sportivo, i modelli dalle concezioni pi@ avanzate, diremmo rivoluzionarieF ad iniziare da quel famoso -Condor. capostipite delle moto, con telaio elastico, c#e il grande Campione scomparso port per la prima volta in gara al /./. *+25 e c#e costitu? allora, non do""iamo dimenticarlo, la pi@ clamorosa innovazione della motocicletta sportiva e non sportiva. $el 1949 il pilota 1runo Ru((o su Moto Guzzi 35, 4 il primo Campione del "ondo del neonato campionato del mondo di motociclismo. )l 1950 4 caratterizzato dalla costruzione al suo interno, prima casa motociclistica al mondo, di una galleria del vento in scala *>*, tuttora esistente e funzionante. N da segnalare c#e lo stesso impianto venne anc#e concesso in uso gratuito alla concorrenza per i propri studi aerodinamici, tanta era la sicurezza nel proprio superiore livello tecnologico.
Pagina 11 di 29

www.aquiledellojonio.it

Grazie a questo importante strumento Guzzi introduce per la prima volta sulle moto da competizione le prime sovrastrutture erodinamic#e, dapprima semplici carenature superiori 6famoso il ="ecco= destinato a generare carico alla ruota anteriore8, poi allungate verso il "asso a coprire le gam"e del pilota, fino ad arrivare alle carenature cosiddette =a campana= c#e arrivavano ad inglo"are la ruota anteriore. Con l intento di limitare le prestazioni velocistic#e, poc#i anni dopo la Federazione )nternazionale viet l uso di tali estese carenature, ormai utilizzate da tutti 6e c#e si meritarono il maca"ro appellativo di ="are volanti=8. $ello stesso anno arriva sul mercato il Galletto 1,0 cc, il primo scooter a ruote alte della storia. L idea del Galletto nacque in seguito alla grande diffusione dello scooter come mezzo utilitario, protettivo e di facile utilizzo, c#e non intimoriva i neofiti delle due ruote, impersonato alla perfezione dalle varie Vespa e Lam"retta. La Moto Guzzi non volle progettare un veicolo simile perc#& troppo diverso dalla classica motocicletta e dalla tradizione Guzzi. )l Galletto rappresenta la sintesi tra moto e scooter > telaio portante, esteso e protettivo 6la ruota di scorta verticale posta tra la ruota anteriore ed il telaio fungeva anc#e validamente da paraurti8, motore centrale a cilindro orizzontale c#e manteneva una pedana quasi piatta, ruote alte per garantire una sta"ilit! superiore, cilindrate importanti per garantire mo"ilit! a lungo raggio e prestazioni a pieno carico. Fu un successo e l idea di "ase venne poi ripresa decenni pi@ tardi da 1prilia per il suo (cara"eo e da Konda con l (K, c#e #a rilanciato nei tempi moderni lo scooter a ruote alte. $el 1953 3uilio !go#tini con la Guzzi 3ondolino arriva primo assoluto alla Milano7/aranto. (i tratta di una impresa davvero storica per le strade di quel tempo e per i *B,, Lm di percorso. 1gostini c#iuder! primo col tempo di **.5* *,. alla media di *,+, CA9 Lm;# senza assistenza meccanica. (empre nel 52 diventa campione italiano nella 25,cc.

Pagina 12 di 29

www.aquiledellojonio.it

$el 5B 4 campione italiano 35,. Va ricordato questo uomo c#e in Guzzi aveva fatto la gavetta. 'a meccanico semplice per poi passare al reparto corse come meccanico7 collaudatore. Promosso sul campo come pilota ufficiale Guzzi al fianco di piloti come !nder#on, ;avanag/ e )orenzetti fece piazzamenti importanti sia in gare nazionali c#e internazionali. La sua prima gara da privato l aveva vinta con una moto prestata e facendo la colletta per metterci la "enzina. $el 195, apre a Mandello un officina proprio vicino alla fa""rica Guzzi. Quest officina diverr! una delle storic#e concessionarie del marc#io lariano. )n un intervista 'uilio racconta di quando, ufficiale Guzzi con 25, "ial"ero, si present al // del 52. 'urante le prove aveva preso in pieno un sidecar con i "idoni del latte c#e transitava lungo il circuito. )n gara aveva concluso con difficolt! all ottavo posto perc#& aveva la faccia talmente gonfia a causa della caduta in prova da non poter riuscire nemmeno a vedere. %imarr! col naso storto. $el 1954 lo sta"ilimento Guzzi #a una superfice di 244000 m<. $el 1955 muore Giorgio Parodi. (empre nel *+55 Giulio Ce#are Carcano crea la sua opera pi@ "ella. Quella c#e #a fatto s"alordire il mondo e c#e rimane ancor oggi uno straordinario esempio di tecnica motoristica applicata al mondo delle due ruote> la 500 a otto cilindri competizione. %icco di soluzioni evolute e talvolta inedite, il suo motore "ial"ero raffreddato ad acqua era incredi"ilmente compatto e leggero, in relazione alla arc#itettura e al frazionamento.

Pagina 1' di 29

www.aquiledellojonio.it

/ra le caratteristic#e pi@ significative vanno ricordate le canne avvitate nelle due teste, ognuna delle quali era realizzata in unIunica fusione con il relativo "locco cilindri. )l "asamento, fuso in lega di magnesio, era a tunnel e non diviso in due parti. )l motore aveva la distri"uzione "ial"ero con comando a ingranaggiF lIalesaggio era di BB mm e la corsa di B* mm. (i tratta del pi@ elevato frazionamento mai tentato su una moto da competizione. La moto si riveler! col tempo vincente e rimane ancora oggi un esempio tecnico unico e insuperato ancora oggi attuale per costruzione> nessuno #a mai pi@ tentato di inserire un motore cos? frazionato in un telaio motociclistico da competizione. Gi! nel *+5A, ancora all inizio del suo sviluppo, erogava l impressionante potenza di $5 C7 a 11000 giri=min e 2$5 2m=/ di velocit!, portato al de"utto nel GP del Delgio con un peso di soli *5, Lg, mostrer! un potenziale incredi"ile per l epoca. Purtroppo questo capolavoro verr! "loccato ancora nella fase iniziale del suo sviluppo a causa del ritiro dalle competizioni da parte della Guzzi. La )odola 1$5 cc nel 195, e l ultimo progetto firmato da Carlo Guzzi. $el 195$ 1gostini si ritira dalla corse per dedicarsi alla famiglia. $el 195$ la Moto Guzzi dopo aver vinto il quinto campionato del mondo consecutivo nella classe 25,, in accordo con altri costruttori italiani del cali"ro di Mondial e Gilera, cessa la partecipazione alle competizioni. 1 quel momento conta nel proprio palmares 34329 vittorie in gare ufficiali, 14 %itoli "ondiali, 11 vittorie al %ouri#t %rop/*, un vero rullo compressore. $el 195: la Moto Guzzi realizza, per la prima volta al mondo, un motore con la canna del cilindro cromata. Questa innovazione trover! la prima applicazione sul modello >igolo. $el 19,3 il reparto corse Guzzi si iscrive al neonato campionato di regolarit! con il modello )odola e Stornello opportunamente modificati e affidati alle mani di Gian(ranco Saini, Sergio Crema#c/ini e 1runone 7illa, veri specialisti dell epoca. $on mancarono le vittorie.

Pagina 1( di 29

www.aquiledellojonio.it

)l 19,4 registra la morte del fondatore Carlo Guzzi4 $ello stesso anno a causa della massiccia diffusione delle automo"ili il mercato della motocicletta si restringe notevolmente. La motoleggera c#e fino ad ora era il mezzo di trasporto pi@ usato dagli italiani viene sostituito dalle utilitarie a quattro ruote. $el 19,5 Giulio Ce#are Carcano progetta un motore 72 di 90? fronte marcia con trasmissione cardanica, divenuto poi nel tempo l icona stessa della Moto Guzzi ed ancor oggi costantemente aggiornato ed utilizzato. La storia vuole c#e fu anc#e utilizzato allo stadio di prototipo per una utilitaria della Fiat c#e lo rifiut perc#& ritenuto troppo potente per un auto cos? leggera. Cos? fin? in Guzzi ed in seguito usato anc#e per il cosiddetto "ulo "eccanico 3@3 destinato agli alpini. $el 19,$ la Moto Guzzi a causa della crisi del mercato delle due ruote entra in amministrazione controllata dalla S5I"" 6(ociet! <sercito )ndustrie Moto Meccanic#e 8 , una societ! appositamente costituita dal gruppo di "anc#e creditrici. La nuova dirigenza aveva partorito l incomprensi"ile decisione di defenestrare l ingegnere Giulio Cesare Carcano, ormai il progettista storico della Guzzi, trovandosi "en presto nell impossi"ilit! di impostare una nuova gamma per la ripresa produttiva. Carcano dopo la fine dello storico rapporto con Moto Guzzi si dedic#er! all ingegneria nautica, applicando nel canottaggio agonistico una modifica usata oggi in tutto il mondo> sul B7 6quattro senza8 la formazione classica prevede c#e i remi siano alternati 6uno destro uno sinistro, uno destro uno sinistro8F la sua innovazione consisteva nell avere il primo e il quarto da un lato e i due centrali dall altroF questa innovazione fece vincere alla Canottieri Moto Guzzi numerosi titoli e successivamente a tanti equipaggi di varie nazioni. Questa fu un idea di successo, dimostrata dal fatto c#e ancora oggi molti equipaggi utilizzano questa innovazione. 1llo scopo di porre rimedio e con l incarico di progettare una moto adatta a rinverdire l immagine sportiva della Moto Guzzi, venne offerta la direzione tecnica a )ino %onti, il quale si insedi nel prestigioso ufficio c#e era stato di Carcano e, prim ancora, del grande $aco.
Pagina 1) di 29

www.aquiledellojonio.it

$el 19,:, dopo aver convinto la (<)MM circa la necessit! di presentarsi sul mercato con un modello c#e fosse in grado di dimostrare nei fatti la superiorit! della scuola motociclistica europea nei confronti dell ormai dilagante =minaccia nipponica=, /onti si mise all opera, assistito da Am'erto %odero per trasformare la placida VA presenta nel *+CA in un modello turistico7sportivo c#e non temesse confronti nelle produzione di serie. Celermente definiti i parametri progettuali, i due tecnici lavorarono fe""rilmente sia al motore c#e al telaio giungendo, nel *+C+ ad un modello totalmente diverso da quello di partenza c#e, appena giunto ad una soddisfacente forma prototipale, venne testato sulla pista di Monza superando "rillantemente le durissime prove di tenuta e realizzando, in due sole sessioni 6giugno e otto"re8, "en 19 record mondiali di velocit . Visti i risultati superiori ad ogni pi@ rosea previsione, la (<)MM diede il via li"era alla realizzazione dei prototipi pre7seriali, ma l opera di sviluppo venne impedita dalle forti agitazioni sindacali del primo autunno caldo c#e "loccarono qualsiasi attivit! all interno dell azienda. /onti non si rassegn a quella forzata sospensione dei lavori e, aiutato da /odero e da alcuni meccanici del reparto sperimentale, comp? un "litz notturno allo scopo di caricare su un camion aziendale un motore finto ed un fascio di tu"i in acciaio al cromo moli"deno e trasportarli nella sua officina posta nello scantinato della propria a"itazione a Varese. $el 19$1 viene presentata la 7$ Sport, una moto sportiva destinata ad entrare nella storia per le caratteristic#e dinamic#e dell accoppiata motore7telaio e per essere l unica moto di serie, nel panorama mondiale dell epoca, a superare i 200 2m=/. Per il mercato americano vengono approntate le versioni Special e !m'a##ador. < sempre al (alone di Milano, nel *+A*, c#e vengono presentate nuove moto sulla "ase di quel "icilindrico> la :50 G% e la prima di una lunga serie di moto c#iamate Cali(ornia.

Pagina 1* di 29

www.aquiledellojonio.it

'ai successi della 7$ Sport, nascono poi in ordine di tempo, la Sport S e la S3 dotata di tre freni a disco. $el 19$2 inizia una storica colla"orazione con una neonata realt! italiana, la "ergamasca 1rem'o specializzata in sistemi frenanti, nella quale la Guzzi 4 la prima casa motociclistica europea a colla"orare. Grazie alla colla"orazione con Guzzi, la Drem"o in poc#i anni diventer! leader del settore due ruote. $el 19$3 l imprenditore italo7argentino !leBandro 3e %oma#o acquista la Moto Guzzi. 'e /omaso 4 gi! in possesso dei marc#i Denelli, Maserati e )nnocenti. (i distinguono da su"ito due linee di produzione, modelli turistici, tra cui l ammiraglia California, famosa in tutto il mondo, e moto da prestazioni di pi@ alto livello sportivo. Ma l imprenditore non sempre 4 stato in grado di prendere le scelte migliori per la casa di Mandello del Lario, inizia anc#e un lungo periodo discuti"ile con svariati alti e "assi per la casa. )nizialmente si rincorre lo sviluppo di una serie di motori a B cilindri c#e raggiunge il suo apice nella Guzzi 254, per poi reimpostare la produzione intorno allo sviluppo del motore "icilindrico a V, sempre molto apprezzato dal pu""lico c#e ne identifica il carattere distintivo dell 1quila. Commercialmente, il glorioso propulsore V3 oltre c#e nella serie grossa viene proposto, in versione small "loc:, destinato a cilindrate pi@ piccole. 1ppaiono cos? alla fine degli anni A, sul mercato le Guzzi 735 e 750, proposte in vari allestimenti anc#e in versione P.1. $el *+AB la $50S introduce l innovativo sistema frenante a due disc#i anteriori. $el 19$5 viene presentata la 71000I Convert. (i tratta della prima moto al mondo con convertitore di coppia idraulico. )l veicolo era destinato sopratutto al servizio di pattuglia ma venduto regolarmente anc#e al pu""lico. Fu adottata dai corpi di polizia di mezzo mondo compresi molti stati degli E.(.1.

Pagina 1+ di 29

www.aquiledellojonio.it

$el 19$, nasce il modello pi@ popolare e di successo di quegli anni, il )e "an# :50. Molto apprezzata per lo stile e per le prestazioni. La coppia del motore e la solidit! del telaio assicurano la competitivit! del modello proprio nel periodo in cui le industrie giapponesi si stanno affermando nel mercato motociclistico <uropeo. 'el Le Mans verranno prodotte "en tre evoluzioni successive, la )e "an# II, III e la 1000cc. /ra il 19:1 e il 19:2 Lino /onti progetta un motore sensazionale. )l motore a +. (i tratta di un tre cilindri di ++3 cc disposti a C5G e la distri"uzione 4 ad aste e "ilancieri con due al"eri a camme nel "asamento, ai lati del cilindro centrale. ) car"uratori sono della 'ell Hrto da 2, mm. $ella catalogazione dell ufficio esperienze 4 catalogato con la sigla +103. Purtroppo, non si 4 creduto di proseguire il suo sviluppo. $el 19:5 dall ultima versione pi@ evoluta del motore VA5 di Lino /onti vengono presentati vari modelli. L interessante enduro N%@$50, valida alternativa alla %9,;G(, la 7$5G% e la 7$5SP. $el 19:$ viene presentata la terza evoluzione della famiglia California, modello c#e, con motore portato a *,CB cc e dotato di iniezione elettronica, 4 ormai un icona stessa della Casa di Mandello. < la prima moto al mondo a montare la frenatura integrale a tre disc#i. En "revetto Guzzi poi ripreso anc#e da Konda. La California verr! via via migliorata da anno in anno e venduta in vari allestimenti sia a car"uratori c#e ad iniezione.

Pagina 1, di 29

www.aquiledellojonio.it

$el 19:: la gestione 'e /omaso decide la fusione della Moto Guzzi con la F.lli Denelli nella nuova societ! GuzziODenelli Moto 6G.D.M. (.p.1.8 L imprenditore argentino contemporaneamente porta in <uropa il team corse del 3r4 Co/n 6al secolo Po#n Jittner8 dentista americano, inventore del motore 72 a 4 valvole per testa montato sulla 3a*tona 992cc c#e il dottore aveva costruito per il campionato 1M1 Pro7/Min del *+9A con il pilota 'oug Draunec:. La dirigenza Guzzi intravede una possi"ilit! di correre in S1;. (fortunatamente i pro"lemi economici in cui incorre nuovamente la Guzzi fermeranno tutto il progetto, rispetto alla 'ucati c#e, rinata anc#e lei a Monza in quegli anni con la 95*, continuer! la sua avventura nelle corse. $el 19:9 compare la mastodontica Duota 1000. La moto 4 una vera maQi enduro c#e all epoca fu incompresa ma c#e "en prefigurava le attuali maQi enduro moderne. )l 19:9 4 l anno del de"utto della Nevada, una moto c#e migliorata negli anni 4 ancora oggi una delle custom pi@ apprezzate dal pu""lico per affida"ilit! e per le linee senza tempo. $el 1990 viene commercializzata la 3a*tona I454 1000 cc, versione stradale della moto c#e vinse l omonima gara nel *+9A. < una moto eccezionale, destinata ad un ristretto numero di appassionati sia per le prestazioni sia per il prezzo. $el 1993 appare la Sport 1100, una versione pi@ tranquilla della 'a0tona, con un motore a sole 3 valvole per cilindro ma dalla generosa coppia. ) colori disponi"ili erano rosso, giallo e nero.
Pagina 19 di 29

www.aquiledellojonio.it

$el 1995 vengono presentate anc#e la 710 Centauro B Valvole disegnata dalla Mara"ese 'esign. $el *++C la G.D.M. (.p.1., tornata in attivo dopo una drastica cura sotto il controllo della Finprogetti 6cui la 'e /omaso )ndustries )nc. aveva delegato la gestione nel *++B8, cam"ia nuovamente ragione sociale tornando al vecc#io nome di Moto Guzzi spa. Finprogetti rileva una quota consistente e successivamente il controllo della 'e /omaso )ndustries )nc. trasformandola in /%G O /rident %oMan Group )nc. $el 199$ al motosalone di Milano viene presentata la 711 Sport4 $e saranno prodotte diverse versioni, come la -Ro##o Cor#a., la -Scura R. e la -Coppa Italia.. (empre a quel salone viene presentato un interessante prototipo. (i tratta del Ippogri(o, "ella motocicletta mai entrata in produzione dalle soluzione tecnic#e interessanti come la sospensione posteriore cantilever oscillante e mono ammortizzatore sotto la sella, nonc#& il motore sempre a V di +,G ma derivato dalla versione aeronautica c#e la Guzzi fornisce ormai da diversi anni a varie industrie del settore. $el 2000 la Moto Guzzi viene ceduta alla 1prilia di )vano Deggio c#e compra anc#e il marc#io Laverda. Deggio, da vero appassionato lancia un piano di risanamento industriale per Guzzi cercando di conciliare tecnologia, passione e tradizione. La Mara"ese 'esign viene incaricata di disegnare le nuove Guzzi del rilancio. $el 2001 la versione carenata della V** denominata )e "an#, esce nella particolare colorazione -/enni. per ricordare il grande pilota.
Pagina 2- di 29

www.aquiledellojonio.it

) colori riprendono la livrea dell 9 cilindri GP, con sella in alcantara, ser"atoio color alluminio e cupolino verde. $el 2002 viene presentata la spettacolare "GS801 Cor#a realizzata dal team G/ezzi E 1rian. Ka un disegno modernissimo,un vero gioiello, ricca di contenuti tecnologici con un motore derivato dal Centauro e cam"io a C marce del V** (port. Pu""lico e critica sono entusiasti c#e ne c#iedono una versione stradale. Ma anc#e se approntata la versione omologata stradale non entrer!, purtroppo mai in produzione. $el 2003 viene presentato il prototipo della Gri#o 47. (i tratta di una nac:ed sportiva dalla linea veramente innovativa. Veloce e con un ottima tenuta di strada adatta anc#e per il turismo di coppia a medio raggio. (empre nel 3,,2 viene presentata la 1reva $50 derivata dalla meccanica della $evada A5, ma con una linea da nac:ed turistica. < la nuova entr0 level della casa. $el 2004 )vano Deggio & in crisi finanziaria e per non fallire cede il gruppo 1prilia7Guzzi alla Piaggio. )l 3B dicem"re 3,,B presso lo sta"ilimento lariano un moto clu" tedesco offre la cena di $atale ai dipendenti Guzzi c#e non sanno se a gennaio potranno ancora lavorare. 1 fine dicem"re 3,,B il controllo del *,,R del Gruppo 1prilia7Moto Guzzi viene acquisito dal Gruppo Piaggio il BG produttore al mondo di motocicli 6Presidente> %o"erto ColaninnoF Vice Presidente> Matteo ColaninnoF 1mministratore 'elegato> %occo (a"elliF 'irettore Generale> Gianclaudio $eri8. Moto Guzzi entra a far parte di un Gruppo leader continentale forte di *,5 miliardi di euro di fatturato, 3BR del mercato europeo delle -due ruote. e 25R del mercato italiano, oltre C,,.,,, veicoli lIanno, C.,,, dipendenti e 9 impianti industriali nel mondo, e una presenza in oltre 5, Paesi.
Pagina 21 di 29

www.aquiledellojonio.it

Piaggio prosegue la strada di rilancio gi! avviato da Deggio terminando la realizzazione dei modelli gia in avanzato stadio di sviluppo. $el 2005 iniziano le vendite della Gri#o c#e rispetto al prototipo del 3,,2, c#e montava un motore B valvole da ++3 cc, la serie definitiva monta un rivisto 3 valvole per cilindro a singola candela disponi"ile nelle cilindrate **,, e 95,. 'a notare il de"utto della nuovissima trasmissione cardanica denominata C!RC 6cardano reattivo compatto8 in onore all ingegnere Carcano. < proprio nel 2005 all et! di +B anni anc#e l ingegner Giulio Ce#are Carcano muore, l autore del famoso 9 cilindri e del motore a V di +,G, il tMins, quello c#e, con le dovute modific#e culminate nell 9 valvole con camme in testa, 4 montato tutt oggi sulle Moto Guzzi. (empre nel 3,,5 viene presentata la 1reva 1100 e :504 < tutta un altra moto rispetto alla piccola A5,. < tutta nuova, dal telaio, al motore totalmente rivisto e dotato di C1%C. 'isponi"ile a ric#iesta con l impianto 1D(. Comoda, "ella e ottima per il turismo di coppia. < tra le prime moto del mercato ad essere omologata euro2. 1 fine 200, la dirigenza Guzzi presenta la Gri#o 1200 : valvole. La moto arriver! nelle concessionarie appena un anno dopo. La Griso **,, fino a quel momento era tra le nac:ed pi@ vendute ma l attesa per il nuovo modello di fatto ne #a stoppato le vendite.

Pagina 22 di 29

www.aquiledellojonio.it

)l 3,,C & l anno del -Guaro.. ) giorni C e A marzo del 3,,C sono giorni in cui il nome Moto Guzzi torna finalmente e clamorosamente ad essere riscritto negli annali delle competizioni internazionali. )n quei giorni il pilota Gian(ranco Guare#c/i, detto il Guaro, in sella ad una Guzzi "GS801, vince le due manc#e della DH/7 Dattle of /Mins della -'a0tona (peed Jee:= davanti ad oltre 9,.,,, spettatori nella categoria Formula * 6c#e non prevede limiti di cilindrata o modific#e8. $on contenti di queste due storic#e affermazioni, il Guaro e la sua MG(7,* partecipano anc#e alla gara della categoria (ound of /#under c#e ammette anc#e la partecipazione di moto della classe (uper"i:e classificandosi secondi. $ello stesso anno questa accoppiata si aggiudica anc#e il /rofeo (upertMins italiano, al termine di una stagione ricca di vittorie, nonostante la MG(7,* Corsa venga a trovarsi di fronte a moto di "en 5,7C, :g pi@ leggere, facendo valere il suo perfetto "ilanciamento telaistico ed il suo motore c#e, per quanto meno potente della concorrenza, 4 dotato di una coppia e di una progressione eccezionali. )l 200, e l anno del de"utto della Norge 1200 disponi"ile in versione "ase, G% e G%). < per l occasione la Guzzi rievoca quell epico viaggio da Mandello a Capo $ord fatto nel *+39 con un nuovo raid dove *B Guzzi $orge *3,, date alla stampa e l originale G./. 5,, del =$aco= nel luglio 3,,C rifanno lo stesso lungo tragitto senza pro"lemi in C tappe raggiungendo la meta il 3+ luglio.
Pagina 2' di 29

www.aquiledellojonio.it

L impresa vuole rilanciare in grande stile il nuovo modello nel settore del gran turismo, mantenendo vivo il legame con la storia del marc#io dell 1quila. La $orge *3,, e affiancata dal modello 95, entram"e dotate di 1D( di serie. 1ssieme alla $orge viene presentata la Sport 1200. (i tratta della Dreva con il motore *3,, della $orge. La (port si distingue dalla Dreva **,, per i disc#i a marg#erita anteriori,una mappatura inedita dell iniezione e per il cupolino dedicato c#e inglo"a il faro anteriore. Viene messo a disposizione anc#e un Lit ufficiale racing c#e porta il motore al oltre *,, CV. Contro il parere dei concessionari la dirigenza Guzzi decide di adottare la (port di una posizione di guida sdraiata c#e di fatto rende pesante e stancante la guida. En altro errore c#e si ripercuote sulle vendite. La nuova gestione e la rinnovata vitalit! progettuale e commerciale comincia su"ito a produrre risultati incoraggianti. La mattina del giorno ** settem"re 3,,C viene prodotta a Mandello la decimillesima moto dell anno 6si tratta di una *3,,(port8, una crescita costante c#e 4 passata dalle B.,,, moto scarse del 3,,B alle A.,,, del 3,,5, per giungere alle oltre *,.,,, del 3,,C. Per ritrovare lo stesso volume produttivo "isogna fare un salto indietro di oltre vent anni, per l esattezza al *+92. )l Gruppo Piaggio nel "iennio 3,,C7,A investe anc#e sulla storica fa""rica, rinnovando la linea di assem"laggio motori, alla quale se ne aggiunger! una seconda dopo qualc#e mese.

Pagina 2( di 29

www.aquiledellojonio.it

1l salone di Milano del 200$ Guzzi presenta la Gri#o 1200 :7. La $ac:ed rivista nella posizione di guida dotata di un nuovissimo motore a B valvole per cilindro accreditato di **, CV e una coppia di ** Lgm. Viene presentata anc#e una nuova $ac:ed7Custom c#iamata 1ellagio con un motore 3 valvole di +B, cc e A5 Cv. 'otata di ruote a raggi, con un grosso pneumatico posteriore e una sella comoda c#e offre la possi"ilit! di usare la Dellagio anc#e per viaggiare. 'i gran pregio il doppio silenziatore sovrapposto c#e fa da contraltare alla trasmissione C1%C. )l ser"atoio 4 lo stesso della California. $el 200$ con un maggior supporto della Casa Madre e dell importatore americano, Gianfranco Guaresc#i e la sua MG(7,* motorizzata 1ig1ore, un motore potenziato e modificato, si ripresentano al via della -'a0tona (peed Jee:=, non pi@ nelle vesti di outsider. Le aspettative non vengono disattese, e per il secondo anno consecutivo, dopo due gare tiratissime, 4 ancora una doppia vittoria nella classe DH/7Dattle of /Mins , dove riesce a prevalere anc#e di fronte all esordiente 'ucati *,+9. $ella classe li"era, (ound of /#under ,la vittoria sfugge per poco, ma il secondo posto assoluto resta comunque un ottimo risultato. )l =Guaro= mette cos? il sigillo numero 34332 alla lista delle vittorie Moto Guzzi in competizioni ufficiali. 'a sottolineare il fatto c#e a questa seconda partecipazione la "GS801 #a su"ito un notevole sviluppo, essendo ora dotata di raffreddamento a liquido per una cilindrata totale portata a 14350 cc e una potenza di oltre 1$0 Cv.

Pagina 2) di 29

www.aquiledellojonio.it

$el 200: viene presentato l ultimo progetto c#e 1prilia aveva commissionato alla Mara"ese 'esign, la Stelvio 1200. Ena maQi enduro dalla linea molto decisa. Piaggio nel 200: trasferisce l ufficio progettazione a $oale, mentre a fine anno partono i lavori di ristrutturazione degli sta"ilimenti di via Parodi 5A, con progetto e concessione edilizia gi! appese sull esterno della fa""rica. L operazione #a causato la messa in cassa integrazione di "uona parte degli impiegati e il sorgere di numerose polemic#e. $el 200: le 7$ Cla##ic e Ca((F Racer prendono il posto della Dreva A5,. 'otate sempre della stessa meccanica della Dreva, #anno nuove sovrastrutture c#e in c#iave nostalgica si rifanno alla VA degli anni A,. 1l CAG (alone )nternazionale del Motociclo di Milano del 2009, oltre alla rinnovata $orge, vengono presentati tre prototipi denominati rispettivamente 712 )", 712

Strada e 712 @. Le tre avveniristic#e motociclette, disegnate da Pierre %er'lanc/e e "iguel Galluzzi, c#iamati in Piaggio per progettare le Guzzi del futuro, riscuotono enorme successo guadagnando dalla Motorc0cle 'esign 1ssociation 1Mard 6associazione di design c#e vanta *C5 mem"ri distri"uiti in quattro continenti8 il riconoscimento quali migliori modelli presentati al motosalone. 1 fine 3,,+ viene anc#e annunciato dal Gruppo Piaggio un importantissimo programma di investimenti c#e coinvolge non solo lo sviluppo delle future gamme

Pagina 2* di 29

www.aquiledellojonio.it

prodotto di Moto Guzzi, ma anc#e il sito produttivo di Mandello del Lario, nel quale 4 tuttora in corso un profondo intervento strutturale per renderlo pi@ moderno, funzionale ed efficiente in vista del decisivo rilancio del marc#io. $uovi modelli Moto Guzzi anc#e allI<)CM1 di Milano del 3,*,> vengono presentate le nuovissime grandi *3,, 9V a quattro valvole per cilindro O la (telvio *3,, 9V, la (telvio *3,, $/S e la $orge G/ 9V O il cui lancio su strada si 4 tenuto nella primavera 3,** sulle strade della /oscana. $asce inoltre la VA %acer, vera e propria special di serie A5,cc c#e nasce ispirandosi alle ela"orazioni degli anni A, su "ase VA (port. La VA %acer esalta gli stilemi Moto Guzzi attraverso un sapiente miQ di tecnologia e cura artigianale. 1 colpire immediatamente l attenzione sono il ser"atoio cromato, a""ellito da una raffinata cing#ia di pelle, e i fregi metallici del logo Moto

Guzzi, in tinta con il telaio di colore rosso. $ella stessa cilindrata, equipaggiata con il motore small "loc:, viene presentata la $evada 1nniversario, c#e cele"ra i ventIanni della -piccola. di Mandello del Lario con una nuova sport0 custom c#e affianca la popolare ed apprezzata Classic. )l 3,**, anno del +,G anniversario di Moto Guzzi, si apre per il Marc#io dellI1quila con una gradita sorpresa> un inedita Moto Guzzi California svelata nel corso del dealer meeting internazionale del Gruppo Piaggio. L evento, c#e come ogni anno riunisce al Grimaldi Forum di Montecarlo quasi duemila concessionari del Gruppo, si

Pagina 2+ di 29

www.aquiledellojonio.it

4 concluso con l inattesa anteprima di un prototipo c#e anticipa le future strategie di prodotto del -Marc#io dell 1quila. nellIanno c#e segna il +,G compleanno di Moto Guzzi. )l prototipo della nuova California, motorizzato da un inedito "icilindrico trasversale a V di +,G di *B,,cc, raccoglie il testimone di una moto mitica, rilanciando su uno stile inedito c#e esalta l arc#itettura del propulsore e il generoso dimensionamento della sella e del ser"atoio sagomato attorno al corpo cilindri. )l 3,** 4 nel segno dei +, anni del Marc#io dellI1quila> il *5 marzo il Gruppo Piaggio festeggia il -compleanno. ufficiale della fondazione di Moto Guzzi dando lIinizio a una serie di eventi destinati a cele"rare la ricorrenza della pi@ amata azienda motociclistica italiana. 1 terminare le cele"razioni dellIanniversario, lIa""raccio degli oltre 3,.,,, Guzzisti giunti a Mandello per le Giornate Mondiali Moto Guzzi, dove #anno potuto toccare con mano il futuro dellIazienda, sia nel prodotto sia nelle nuove e moderne infrastrutture c#e andranno a integrarsi nella cele"re sede di via Parodi 5A. )l 3,*3 inizia sotto il segno della nuova gamma VA, dotata di un rinnovato propulsore ad alta efficienza capace di proiettare in poc#i mesi la nuova media di Mandello in vetta alla classifica delle moto pi@ vendute dal gruppo. $el frattempo da Miami giungono le prime immagini della California *B,,, moto per fascino e contenuti destinata a segnare una svolta nella storia della produzione Moto Guzzi.
Pagina 2, di 29

www.aquiledellojonio.it

1ddirittura prima della sua presentazione, avvenuta lo scorso novem"re al salone moto di Milano <)CM1, la nuova Moto Guzzi California *B,, #a calamitato lIattenzione degli appassionati di moto in tutto il mondo. (ono "astati lIannuncio dellIarrivo della nuova cruiser costruita nello storico sta"ilimento di Mandello del Lario, e le prime indiscrezioni, per suscitare curiosit! e attesa per lIultima erede di una tradizione c#e pone Moto Guzzi tra i marc#i no"ili del motociclismo mondiale. (tile raffinato, avanguardia tecnologica ed eccezionali doti dinamic#e caratterizzano la nuova California *B,, nelle due versioni /ouring e Custom, c#e rappresentano modelli "en distinti per carattere e destinazione dIuso. La nuova California *B,, 4 la moto dei primati, a partire dal motore *B,,, record di cilindrata per un V3 motociclistico in <uropa. )l poderoso tMin trasversale a V di +,G, montato elasticamente sullIinedita ciclistica, 4 capace di una coppia di *3, $m erogati a soli 3A5, giri;min. /utto su California /ouring e California Custom concorre a unire il meglio della pi@ moderna e avanzata tecnologia con la classicit! e l eleganza proprie del marc#io Moto Guzzi> acceleratore di tipo %ide "0 Jire multimappa, il cruise control, il sistema di controllo di trazione MGC/ e 1D( a due canali. Costruite a mano nello sta"ilimento di Mandello del Lario, dove le Moto Guzzi nascono ininterrottamente dal *+3*, le California *B,, si distinguono per la cura artigianale con la quale ogni singolo componente 4 assem"lato. Ena attenzione c#e fa di ogni Moto Guzzi California un pezzo unico, capace di sposare e sottolineare la personalit! forte di una clientela appassionata ed esclusiva.
Fonti utilizzate> /rincavelli Giovanni 6pronipote di Giorgio %ipamonti8 7 forum.animaguzzista.it autore ="radipo= 7 sito della Moto Guzzi, sito della Polizia di (tato 7 il li"ro della storia della Guzzi di Mario Colom"o 7 Ji:ipedia, articolo di Luigi %ivola su 'ue%uote di settem"re 3,*,, 7 (ito della concessionaria 1gostini 7 Motoclu" /enni /reviso. Pagina 29 di 29

www.aquiledellojonio.it