Sei sulla pagina 1di 14

PAVIMENTAZIONE IN CALCESTRUZZO Progetto, costruzione e prescrizioni di capitolato

Ing. Andrea Graziani


scarica il pdf

Di seguito si riporta la presentazione "Pavimentazioni in calcestruzzo" dell'Ing. Andrea Graziani, in cui vengono illustrati alcuni concetti fondamentali relativi al calcolo delle pavimentazioni industriali. Per chi volesse approfondire ulteriormente l'argomento consigliamo il "Codice della buona pratica" redatto dalla CONPAVIPER (Associazione di Categoria Imprese Pavimenti e Rivestimenti Industriali) e la normativa di riferimento UNI 11146:2005 La presentazione si articola in tre fasi: Progetto, Costruzione e Prescrizioni di capitolato. In questa prima parte l'autore introduce l'argomento "pavimentazioni in calcestruzzo" dandone una definizione "strutturale" e definendo i campi di impiego. INTRODUZIONE Una pavimentazione in calcestruzzo costituita essenzialmente da una LASTRA DI CONGLOMERATO CEMENTIZIO poggiante su una FONDAZIONE DI MATERIALE GRANULARE che trasferisce il carico al terreno in sito (SOTTOFONDO).

Grazie all'elevata rigidezza della lastra di calcestruzzo i carichi veicolari sono distribuiti su un'area di sottofondo pi estesa rispetto alle pavimentazioni in conglomerato bituminoso Pavimentazione in calcestruzzo (RIGIDA) Pavimentazione congl. bituminoso (FLESSIBILE)

CAMPI DI IMPIEGO 1. PAVIMENTAZIONI STRADALI Autostrade e strade a grande traffico (PCP), ma anche viabilit secondaria, parcheggi, marciapiedi 2. PAVIMENTAZIONI AEROPORTUALI In alcuni casi come i piazzali di sosta (aprons) e le testate delle piste di volo le pavimentazioni rigide sono prescritte da alcune normative

3. PAVIMENTAZIONI INDUSTRIALI Per parcheggi, marciapiedi, pavimentazioni di magazzini o edifici industriali o per l'industria pesante Le pavimentazioni in calcestruzzo possono essere realizzate con lastre in c.a. o non armate o possono essere ad armatura continua. TIPOLOGIE COSTRUTTIVE Pavimentazioni a lastre non armate con giunti (Jointed Plain Concrete Pavement -JPCP)

Le pavimentazioni in calcestruzzo a lastre non armate sono costituite da un insieme di lastre, prive di armatura strutturale, tra cui la compartecipazione realizzata attraverso un sistema di giunti longitudinali e trasversali. I giunti consentono di controllare le deformazioni del calcestruzzo limitando le sollecitazioni di origine meccanica termica ed igrometrica. Pavimentazioni a lastre armate con giunti (Jointed Reinforced Concrete Pavement -JRCP)

Linserimento dellarmatura consente una piccola riduzione dello spessore e laumento della spaziatura dei giunti. Compito dellarmatura anche quello di contenere lapertura delle fessure da ritiro che comunque si formano. Pavimentazioni ad armatura continua (Continously Reinforced Concrete Pavement) -CRCP

Le pavimentazioni in calcestruzzo ad armatura continua sono costituite da una lastra continua di calcestruzzo, provvista di unarmatura, anchessa senza soluzione di continuit, cui affidato il compito di guidare la formazione di un sistema di fessure uniformemente distribuite, ravvicinate e di piccola ampiezza. I metodi di calcolo usualmente proposti per il dimensionamento delle pavimentazioni si basano sul comportamento elastico di una piastra su appoggio alla Winkler. DIMENSIONAMENTO MODELLO DI WESTERGAARD (1929)

Piastra, omogenea, isotropa, linearmente elastica, di dimensioni finite Mezzo che fornisce, in ciascun punto, una reazione verticale proporzionale alla deflessione della piastra La soluzione di Westergaard considera il carico trasmesso da una ruota singola distribuito uniformemente su unarea circolare (r = a) posizionata:

Al centro della piastra Sul bordo della piastra

Su un piastra

angolo

della

Carico posizionato al centro della lastra:

h: spessore della lastra P: carico verticale applicato b: raggio di impronta fittizio ?: coeff. di Poisson del Calcestruzzo (0.15)

E' chiaramente necessario tenere in considerazione anche l'influenza di eventuali carichi vicini a quello P considerato. Fondazione e sottofondo - Portanza

p=k*d

[k] = MPa/m La FONDAZIONE deve trasmettere al suolo, attenuandoli, le sollecitazioni indotte dai carichi applicati sulla pavimentazione. Deve essere costruita con materiali selezionati, posti in opera in spessori e con modalit tali da fornire una portanza uniforme. Il valore di k dipende: dalla portanza del sottofondo (terreno in sito) caratteristiche del materiale di fondazione spessore fondazione In fase di PROGETTO k pu essere stimato misurato (campo prova) In fase di COSTRUZIONE k deve essere misurato (CONTROLLO) PROVA DI CARICO SU PIASTRA Stima del Modulo di Reazione (k) Classificazione del terreno di SOTTOFONDO: P200 = 50% WL = 35% IP = 10%

Umidit del terreno di SOTTOFONDO: W = 22%

Misura del Modulo di Reazione (k) Prova di carico su piastra (CNR BU n. 146/92)

Per la prova si utilizza una piastra circolare D = 760mm. Il carico viene trasmesso attraverso un martinetto idraulico utilizzando come contrasto un camion o un qualsiasi altro mezzo di cantiere di peso adeguato. Per evitare flessioni della piastra si interpongono tra questa ed il martinetto altre tre piastre D=600, 450 e 300mm. Gli abbassamenti sono misurati con 3 comparatori disposti a 120 sorretti da un telaio i cui punti di appoggio siano sufficientemente distanti dalla piastra.

Il valore della capacit portante (k) contribuisce alla determinazione dello spessore della

lastra. E' ESSENZIALE CHE LA CAPACITA' PORTANTE SIA UNIFORME E QUINDI CHE VENGA EFFETTUATO IL CONTROLLO DELLA POSA IN OPERA. Fondazione e sottofondo Protezione dell'azione dell'acqua e del gelo

Il fenomeno del pompaggio (pumping)

La presentazione prosegue con la descrizione delle propriet fondamentali del calcestruzzo e le prescrizioni di normativa. Caratteristiche della Lastra in Calcestruzzo

Aggregati per Calcestruzzo (UNI 8520) (oggi sostituita dalla UNI EN 12620) individua una serie di caratteristiche che definiscono la QUALIT DEGLI AGGREGATI per conglomerati cementizi descrive e le PROCEDURE SPERIMENTALI per la misura di parametri rappresentativi di tali caratteristiche individua LIMITI QUANTITATIVI per questi parametri consentendo la classificazione e l'utilizzo di tali materiali Fondamentali per la durabilit del calcestruzzo sono: Individuazione di materiali nocivi (esame petrografico, UNI 8520/4) Contenuto di solfati e cloruri solubili (UNI 8520/11 e 8520/12)

Contenuto di sostanze organiche (UNI 8520/14) Equivalente in sabbia e del valore di blu (UNI 8520/15) Resistenza all'urto ed all'abrasione (Prova Los Angeles, UNI 8520/19) Sensibilit al gelo e disgelo (UNI 8520/20) Potenziale reattivit degli aggregati in presenza di alcali (UNI 8520/22 )

Fondamentali per lo studio della composizione sono: Analisi granulometrica e determinazione della DIMENSIONE MASSIMA nominale degli aggregati (UNI 8520/5) La conoscenza dell'esatta curva granulometrica di ciascuna pezzatura di aggregati consente la loro combinazione per formare la curva ottimale per il calcestruzzo Massa volumica e dell'ASSORBIMENTO (UNI 8520/13 UNI 8520/16)

La conoscenza dell'assorbimento e dell'umidit degli inerti consente di dosare correttamente l'acqua d'impasto nelle miscele. Calcestruzzo Strutturale (Linee Guida) Il calcestruzzo va di regola specificato dal progettista come miscela progettata con riferimento alle propriet richieste:

CLASSE DI RESISTENZA Il calcestruzzo classificato in base alla sua resistenza a compressione (UNI 6132) Campioni cubici (L= 150 mm): Rck Campioni cilindrici (h/d = 2.0): fck Calcestruzzo ordinario C16/20 -C20/25 -C25/30 -C30/37 C35/45 -C40/50 -C45/55 CLASSE DI CONSISTENZA

La LAVORABILIT, indice delle propriet e del comportamento del calcestruzzo nell'intervallo di tempo tra la produzione e la posa in opera, viene comunemente valutata attraverso la misura della CONSISTENZA Misura dellabbassamento al cono -SLUMP Test (UNI 9418)

CALCESTRUZZO - Resistenza a trazione

A questo punto l'autore introduce il concetto dei giunti e degli errori che si possono commettere in fase esecutiva. LASTRE IN CALCESTRUZZO - Giunti

di contrazione: guidano la formazione delle fessure dovute al ritiro igrometrico e alla contrazione termica del conglomerato cementizio ( la tipologia di giunto pi comune) di dilatazione: permette la dilatazione della lastra senza che si producano danni alla lastra stessa o alle strutture adiacenti di costruzione: tra 2 parti della pavimentazione costruite in periodi differenti GIUNTI - Compartecipazione tra lastre E sempre necessario assicurare il TRASFERIMENTO DEGLI SFORZI attraverso il giunto. La COMPARTECIPAZIONE delle lastre avviene attraverso 2 meccanismi: INCASTRO TRA GLI AGGREGATI (ingranamento) Efficienza ottimale per lastre h < 20 cm IMPORTANTI: QUALIT, FORMA E DIMENSIONE AGGREGATI APERTURA RIDOTTA (LUNGH. LASTRE RIDOTTA) SUPPORTO DEL SOTTOFONDO

ARMATURA (Barre di trasferimento/compartecipazione) BARRE LISCE DI GRANDE DIAMETRO A MET ALTEZZA L = 380 -500 mm i = 300 mm BARRE DI LEGATURE AD A.M. NEI GIUNTI LONGITUDINALI

LEFFICIENZA DEL GIUNTO FONDAMENTALE DURABILIT DELLA PAVIMENTAZIONE

PER

LA

GIUNTI TRASVERSALI DI CONTRAZIONE Controllano il quadro fessurativo della pavimentazione prodotto dalle sollecitazioni di trazione e flessione derivanti da: idratazione della pasta cementizia ambiente (variazioni di temperatura ed umidit) traffico

Distanza tra giunti:

Verifica della distanza tra giunti - calcolo dell'apertura del giunto

L = L C 6.38 10-4

Si pu scegliere il miglior prodotto per la SIGILLATURA DEL GIUNTO

GIUNTI DI DILATAZIONE Data la notevole ampiezza (18-20mm) necessitano sempre di una barra di compartecipazione N.B. Se troppo frequenti possono compromettere il trasferimento del carico nei giunti di contrazione GIUNTI DI ISOLAMENTO Permettono il movimento relativo pavimentazione e strutture adiacenti (NON SOTTOVALUTARE) GIUNTI LONGITUDINALI tra

Devono garantire la compartecipazione tra le 2 strisciate longitudinali A differenza dei giunti trasversali non devono trasferire carichi veicolari Vengono normalmente impiegate barre di legatura ad a.m. Possono femmina avere una conformazione maschio-

ERRORI DI ESECUZIONE DEI GIUNTI Mancata esecuzione dei giunti di isolamento

Profondit di taglio insufficiente