Sei sulla pagina 1di 32

Q CARE LEONARDO DA VINCI

IV.GUIDE DI RIFERIMENTO PER LA CURA.


1. PASSAGGI POSTURALI E TRASFERIMENTI
PASSAGGI POSTURALI E TRASFERIMENTI INTRODUZIONE CONSIDERAZIONI GENERALI PASSAGGI POSTURALI Metterlo a sedere bene Da seduto a disteso Da disteso a seduto Da supino a di lato Da un lato a prono TRASFERIMENTI Alzarsi in piedi Mettersi seduti Da seduto a seduto (direttamente) Alzarsi da terra USO DEL SOLLEVATORE Il sollevatore Limbracatura Posizionamento dellimbracatura Trasferimento POSTURE NEL LETTO (Spasticit) Supino Semi supino Da un lato Semi prono

Q CARE LEONARDO DA VINCI

1. PASSAGGI POSTURALI E TRASFERIMENTI

INTRODUZIONE E importante sapere come poter aiutare una persona a muoversi quando questa non in grado di farlo in modo indipendente. A volte si utilizza la forza, pensando che sia meglio farlo il pi rapidamente possibile. Tuttavia se si rispettassero alcune norme e se si provasse a dare il proprio aiuto con calma anzich frettolosamente, le mobilitazioni e gli spostamenti si compirebbero in modo migliore ed inoltre ci si prenderebbe cura del proprio corpo e di quello della persona da spostare. In queste pagine descriviamo in maniera semplice e visiva alcuni modi per realizzare le mobilitazioni e gli spostamenti. Ne esistono degli altri, e non per tutte le persone valgono gli stessi, per questo motivo consigliamo, in caso di dubbi, di recarsi presso la propria associazione per accertarsi di persona. Abbiamo separato le passaggi posturali dai trasferimenti. Le mobilitazioni sono movimenti che si realizzano su una stessa superficie implicando cambiamenti di posizione o di situazione (passaggi posturali); per esempio: rigirarsi sul letto. Gli spostamenti, invece, vengono fatti da una superficie ad unaltra, come per esempio i movimenti dal letto alla sedia a rotelle o dalla sedia allautomobile (trasferimenti). Inoltre, una stessa manovra diventa differente a seconda del grado di aiuto di cui si ha bisogno, cosicch sono ulteriormente distinte. CONSIDERAZIONI GENERALI E necessario tenere in considerazione alcuni consigli nel momento di realizzare qualsiasi passaggio posturaleo trasferimento al fine di renderli pi facili o anche per evitare delle lesioni: Non tirare mai dal collo, il malato non deve usare il nostro collo come punto per aggrapparvisi e tirare. Nel momento di fare uno trasferimento quando muoviamo il busto del malato, dovremmo stare attenti che il malato guardi sempre

Q CARE LEONARDO DA VINCI

verso il petto, al fine di flettere il collo e di non provocare alcuna lesione. Deve esserci comunicazione fra il malato ed il suo curante, permettendo in tal modo uno trasferimento coordinato. Si potrebbero chiedere al malato le sensazioni che ha provato nel momento di fare il trasferimento per vedere se il modo in cui stato realizzato stato quello corretto. Esistono aiuti tecnici per rendere gli spostamenti pi agevoli: tavole, sollevatori. In molti casi lutilizzo di un aiuto tecnico diminuisce considerevolmente lo sforzo del curante migliorando pertanto lo spostamento. Nei trasferimenti dobbiamo sempre fare in modo che la partecipazione attiva della persona malata sia la maggiore possibile; molto facile infatti, per guadagnare del tempo, cadere nellerrore di rendere disabile colui che capace.

Q CARE LEONARDO DA VINCI

PASSAGGI POSTURALI Metterlo a sedere bene La posizione nella sedia molto importante, soprattutto se il malato passa molto tempo seduto nella stessa posizione.Una corretta posizione della schiena previene dolori, contratture e favorisce il buon funzionamento dei polmoni e degli organi interni. Una persona senza alcun problema di mobilit, anche se sta 5 ore seduto su di una sedia, cambier continuamente posizione; cambier lappoggio dei glutei, la posizione delle gambe..... per quando una persona con problemi di mobilit sta per ore in una stessa posizione, e non in grado di fare neanche piccoli spostamenti, una postura corretta diventa di primaria importanza.

Indipendente Per stare seduti comodi il sedere deve toccare lo schienale della sedia. Per fare questo, si inclina il busto in avanti e spingendosi con le braccia sui braccioli si fa scorrere il sedere allindietro.

Q CARE LEONARDO DA VINCI

Con poco aiuto Se il malato capace di sollevarsi ( alzare il sedere con la forza delle braccia ), stando dietro la sedia, collocheremo le nostre mani allaltezza dellosso del bacino. Chiederemo al malato che inclini il busto in avanti e che sollevi lievemente il sedere. Nel momento in cui il malato lo solleva, lo spingeremo allindietro.

Si pu realizzare la stessa cosa, ma invece di posizionarci dietro, possiamo collocarci avanti e spingerlo dalle ginocchia.

Questa manovra inoltre consigliata nei casi in cui, avendo dolore alle spalle, non si in grado di sollevare il busto.

Q CARE LEONARDO DA VINCI

Con aiuto Se il malato non in grado di sollevarsi, ci posizioneremo dietro la sedia, gli chiederemo di incrociare le braccia sul suo addome e collocheremo le nostre braccia sotto le sue ascelle fin sopra le sue braccia.

Piegheremo in avanti il suo busto e praticheremo un movimento come una virgola allindietro e verso lalto. Dovremmo considerare la nostra posizione per evitare di caricare la schiena: metteremo una gamba pi indietro per passare il peso della gamba anteriore a quella posteriore. Possiamo realizzare la stessa cosa, ma invece di metterci dietro al malato, ci collochiamo avanti. Afferrandolo dalla schiena e con le nostre ginocchia contro le sue, lo incliniamo in avanti e contemporaneamente gli spingiamo le ginocchia allindietro.

Q CARE LEONARDO DA VINCI

Da seduto a disteso Indipendente Anche se la persona capace di sdraiarsi da sola, consigliamo di non distendersi direttamente supina, poich questo produce molta tensione nella zona lombare, e nel caso di spasticit delle arti inferiori, il rialzarsi dal letto potrebbe richiedere molto sforzo. Tutto questo si pu evitare se il malato si afferra le ginocchia e si distende mantenendole flesse ( o solamente la gamba affetta ).

Con poco aiuto La manovra sarebbe identica a quella precedente, solo che noi potremmo aiutare il malato ad alzare la/le gamba/e ( mantenendola/e anche flessa/e ). Con il braccio che abbiamo vicino alla testa del malato accompagnamo il suo busto e con laltro gli prendiamo le gambe. Una volta che la persona seduta sul letto, ci posizioneremo nel lato in cui lui appogger il capo. Cingeremo con un braccio le spalle e con laltro solleveremo la gamba malata. La persona affetta si distender utilizzando come appoggio il braccio pi forte.

Q CARE LEONARDO DA VINCI

Con aiuto Il malato sta seduto sul letto, noi ci collocheremo nel lato in cui appogger la testa e circonderemo la sua schiena con un braccio. Con laltro braccio circonderemo le ginocchia dal basso. Potremmo posizionare sul letto la gamba che gli sta pi vicina in modo da poter far girare poi il malato pi facilmente. Una volta posizionato, non ci resta che compiere il giro utilizzando il sedere come punto di roteazione. Le nostre ginocchia saranno sempre flesse per evitare di caricare tutto il peso sulla schiena. Da disteso a seduto Indipendente Il miglior modo per sedersi sul letto di posizionarsi in primo luogo di fianco. Una volta che in questa postura il malato deve mettere le gambe fuori dal letto aiutandosi poi a sollevarsi spingendo con tutto il suo peso le braccia contro il letto.

Q CARE LEONARDO DA VINCI

Con poco aiuto Generalmente la cosa pi faticosa per il malato mettere le gambe fuori dal letto, ma noi potremmo aiutarlo a farlo. E altres possibile che il malato abbia bisogno di venire aiutato per erigere il busto; potremmo tenerlo per un braccio e tirarlo mentre lui/lei si appoggia con laltro.

Con aiuto Se il malato supino, per prima cosa lo collocheremo di lato con le gambe flesse. Circonderemo con un braccio le sue gambe passando dietro le sue ginocchia e con laltro braccio gli circonderemo il busto ( mai il collo ) in maniera tale che la sua testa rimanga appoggiata sul nostro avambraccio. In questa posizione muoveremo le gambe fuori dal letto e con un movimento coordinato faremo sedere il malato sollevando il busto ed abbassando contemporaneamente le gambe.

Q CARE LEONARDO DA VINCI

Da supino a di lato Indipendente Il malato si trova in posizione supina. Piega il ginocchio opposto a quello che compir il giro e si aiuta con le braccia spingendo contro il bordo del letto per girarsi. Se non ci riesce potrebbe aiutarsi afferrandosi le mani e con le braccia distese lasciarle cadere verso il bordo del letto girando al tempo stesso il capo e spingendo con la gamba flessa.

Con poco aiuto Dipender dal tipo di aiuto di cui ha bisogno. E possibile che abbia bisogno solamente che gli si pieghi una gamba o che lo si aiuti nel girare il busto.

Q CARE LEONARDO DA VINCI

Con aiuto Nel momento di collocarlo di fianco, terremo in considerazione il fatto di dover stare sempre sul lato verso il quale lo gireremo in modo da evitare possibili cadute. Piegheremo il ginocchio della gamba che sta pi lontana da noi e la terremo con una mano. Il braccio che sta lungo il fianco verso cui si dovr girare, lo piegheremo e lo appoggeremo vicino alla sua testa ( se possibile ). Con laltra mano prenderemo il paziente per la schiena, proprio allaltezza dellomero. Con un movimento coordinato lo gireremo posizionandolo di fianco. Se il malato dovr assumere per molto tempo questa postura ( per delle ore ), consigliabile posizionarlo adeguatamente ( vedere : posture nel letto ). Da un lato a prono Indipendente Per mettersi in posizione prona, per prima cosa il malato deve assicurarsi di possedere spazio a sufficienza per girarsi. Se lo possiede, sufficiente curvare leggermente il busto con laiuto delle braccia e girare poi le gambe.

Q CARE LEONARDO DA VINCI

Con aiuto Per girarlo in posizione prona, stenderemo il braccio del malato ( il braccio sar quello del lato verso cui lo gireremo ) ( se possibile ) appoggiandolo lungo il suo busto; in questa maniera, nel girarlo, il busto passer sopra il braccio ed eviteremo che si contorca.

Una volta posizionato, rester solo da eseguire un movimento coordinato delle nostre mani girando il malato verso di noi fino a disporlo prono e una volta collocato in posizione prona gli sistemeremo la testa.

Q CARE LEONARDO DA VINCI

TRASFERIMENTI Alzarsi in piedi Indipendente Per alcuni malati risulta difficile alzarsi in piedi al primo tentativo, sia per mancanza di equilibrio, sia per disabilit. Premesso questo, i consigli saranno diversi, per cui suggeriamo di consultarsi con qualche esperto per trovare il modo pi adatto a ciascuno. Nondimeno, spieghiamo brevemente come si potrebbe fare. Per prima cosa necessario inclinare un poco il tronco in avanti per poter portare il peso sulle gambe. Ci si pu aiutare distendendo le braccia in avanti o spingendosi con loro.

Con poco aiuto Per molti malati, se non sono in grado di farlo da soli, sufficiente un piccolo aiuto per alzarsi in piedi. Noi ci posizioneremo dalla parte pi malata, con una gamba bloccheremo il ginocchio al paziente affinch non scivoli o si fletta e gli afferreremo il braccio per il gomito e per la spalla.Il movimento deve essere coordinato per avere al tempo stesso la forza necessaria.

Q CARE LEONARDO DA VINCI

Inoltre gli possiamo tirare con una mano il braccio e con laltra il pantalone ed aiutarlo in questo modo ad alzarsi.

Con aiuto Ci posizioneremo di fronte al malato, gli chiederemo di circondare con le sue braccia la nostra schiena, le nostre mani saranno posizionate allaltezza dei glutei ( possiamo aiutarci tenendogli i pantaloni ) e con le nostre ginocchia bloccheremo le sue affinch non scivolino in avanti nel momento esatto dello spostamento. Con le nostre mani guideremo il movimento per tutto il tempo; per prima cosa piegheremo in avanti ( verso di noi ) il suo busto e successivamente lo alzeremo con laiuto delle mani e del blocco delle ginocchia.

Una volta in piedi, se il malato ci riesce, dovr fare alcuni passi per avvicinarsi al luogo in cui si vorr sedere. Nel caso in cui non sia capace lo aiuteremo a girarsi per collocarsi di schiena al posto in cui si vorr sedere.

Q CARE LEONARDO DA VINCI

Mettersi seduti Indipendente Quando esistono affaticamento, disabilit o mancanza di equilibrio, molto frequente che il malato di SM si lasci cadere sulla sedia. Questo gesto pu diventare un p pericoloso se la persona non ha calcolato bene la distanza o se la sedia si ribaltasse. Per questo motivo raccomandiamo di farlo nella seguente maniera: La persona si deve mettere completamente di schiena alla sedia, le parti posteriori delle ginocchia devono toccare la sedia. Appoggiando le mani sui braccioli oppure sulla propria sedia ( per accompagnare lazione di abbassarsi ) deve inclinare leggermente il busto in avanti e sedersi lentamente.

Con poco aiuto E possibile che il malato abbia bisogno di aiuto per sedersi lentamente. Possiamo aiutarlo bloccandogli un ginocchio e afferrandogli un braccio ( prendendolo per il gomito e lomero).

Q CARE LEONARDO DA VINCI

Inoltre possiamo disporci dietro al malato e prenderlo dai pantaloni per parargli lazione di abbassarsi. In questo modo possiamo inoltre evitare che la sedia si ribalti.

Q CARE LEONARDO DA VINCI

Con aiuto Se il malato ha bisogno di molto aiuto per sedersi, ci sta a significare che ha anche bisogno di aiuto per alzarsi in piedi, motivo per cui possibilmente questa manovra sar la continuazione di quella di alzarlo in piedi. Staremo di fronte al malato, lui con le braccia intorno alle nostre spalle, noi con le mani allaltezza dei suoi glutei ( possiamo aiutarci tenendolo per i pantaloni ) e con le nostre ginocchia bloccheremo le sue affinch non scivoli in avanti o si fletta. Per metterlo seduto, piegheremo il busto del malato in avanti ( verso di noi ) affinch lazione di abbassarsi sia maggiormente sotto controllo. Senza eliminare il supporto delle ginocchia, ci abbassiamo, la nostra schiena sar sempre diritta e le nostre ginocchia flesse per evitare danni. Dobbiamo avere cura di non cadere in avanti e per evitare ci, quando ci abbassiamo, dobbiamo gettare il nostro sedere allindietro. Da seduto a seduto (direttamente) Nel caso in cui risultasse difficile alzare completamente in piedi il malato, possiamo realizzare il trasferimento in un modo diretto: Indipendente Si posiziona la sedia parallelamente al letto, si toglie il bracciolo dal lato che sta attaccato al letto e si dispongono i piedi a terra, mettendo da parte i poggiapiedi. Con un braccio appoggiato sul letto e laltro sulla sedia, il malato realizza la spinta,

Q CARE LEONARDO DA VINCI

facendo scivolare il sedere dalla sedia al letto; non necessario mettersi in piedi.

Con una tavola per gli passaggio.

spostamenti si facilita

molto questo

Con poco aiuto Per questo trasferimento il malato potrebbe avere bisogno di un aiuto per spostare il sedere. Possiamo posizionarci avanti a lui, bloccandogli le ginocchia e, tenendolo per il pantalone, aiutarlo a fare il trasferimento.

Possiamo anche posizionarci dietro al malato ( se c spazio a sufficienza ) ed aiutarlo a fare il trasferimento tenendolo per la vita.

Q CARE LEONARDO DA VINCI

Per questo trasferimento e per il seguente ci potrebbe essere di giovamento lutilizzo di un disco girevole, poich questo facilita molto la rotazione evitando che le gambe del malato si incrocino.

Con aiuto Se stiamo facendo uno spostamento da una sedia ad unaltra, posizioneremo le sedie a formare un angolo di 90, mentre se stiamo facendo il trasferimento dalla sedia al letto ( o viceversa ), posizioneremo la sedia parallela al letto ( foto ). Lo collocheremo di modo che la gamba pi forte del malato si trovi al lato del letto o della sedia su cui stiamo per metterlo, affinch possa appoggiare il peso su questa gamba. Si tolgono il bracciolo posizionato sul lato del posto in cui stiamo per mettere seduto il malato, ed il poggiapiedi. Lo spostamento risulter pi facile se il posto dove sta seduto il paziente pi in alto rispetto al posto in cui si dovr sedere ( in modo che non sia necessario sollevare il sedere ). Ci posizioneremo di fronte al malato, gli chiederemo di circondare con le sue braccia la nostra schiena, le nostre mani saranno situate allaltezza dei glutei ( possiamo aiutarci tenendo i pantaloni ) e con le nostra ginocchia bloccheremo le sue affinch non scivoli in avanti nel momento di eseguire il trasferimento.

Q CARE LEONARDO DA VINCI

Con le nostre mani guideremo il movimento in qualsiasi momento; per prima cosa lo piegheremo in avanti ( verso di noi ) e non appena gli solleviamo un poco il sedere, lo giriamo direttamente e lo mettiamo a sedere.

Alzarsi da terra Indipendente Se un malato si trova per terra, possibile che sia caduto. Se si fosse verificato questo, la cosa principale da fare di assicurarsi che stia bene. Se il malato non presenta problemi ed in grado di alzarsi da solo, sar sufficiente dargli alcuni consigli. Se si trova supino, per prima cosa bisogna collocarlo di fianco, verso il lato pi forte ( spostamento ), e lui, con una gamba piegata e con laiuto del gomito che spinge contro il pavimento, alzer lentamente il busto per poter appoggiare la mano e mettersi a quattro zampe.

Una volta posizionatosi a gattoni, deve mettere la gamba pi forte in avanti ( postura a cavallo o a cavallerizzo ) ed alzarsi lentamente.

Q CARE LEONARDO DA VINCI

Se non direttamente capace di sollevarsi, che gattoni fino a trovare un appoggio ( una sedia, il letto, il divano...). E importante che lappoggio che trover sia stabile e fisso, che non si ribalti, e che si trovi contro una parete. Appoggiando le mani sulla sedia o sul letto, dovr mettere poi la gamba pi forte in avanti e dovr alzarsi usando la forza delle braccia e delle gambe.

Con poco aiuto La manovra uguale a quella precedente, per in aggiunta il malato ha bisogno di aiuto al momento di mettersi a quattro zampe o al momento di alzarsi in piedi. Se dobbiamo aiutarlo ad alzarsi ci metteremo davanti, le braccia del malato appoggiate sulle nostre e punteremo a terra ciascuno la gamba contraria allaltro. Lasceremo che il malato faccia forza sulle nostre braccia e cominceremo a sollevarlo in modo coordinato.

Q CARE LEONARDO DA VINCI

Con aiuto Per sollevare una persona da terra, preferibile cercare un altro aiuto e farlo in due poich c bisogno di molta forza per realizzarlo. Terremo sempre vicina a noi la sedia sulla quale trasferiremo il malato. Il malato si trova supino e ci posizioniamo ognuno da ciascun lato del malato. Gli pieghiamo entrambe le gambe, ciascuno quella pi vicina a lui, ed appoggiamo i nostri piedi sopra ai piedi del malato per inchiodarlo al suolo. Successivamente lo aiutiamo a sedersi facendogli circondare con le braccia la nostra schiena. Noi lo afferreremo per il braccio e per il pantalone. Bloccando con le nostre ginocchia le sue e fissandogli i piedi a terra, lo posizioneremo in piedi alzandoci contemporaneamente anche noi.

Se il malato non in grado di stare in piedi, dovremmo effettuare uno spostamento direttamente sulla sedia. Esistono due modi per realizzarlo: a) Ci posizioneremo uno dalla parte della testa e laltro dalla parte dei piedi del malato; la sedia la posizioneremo di fianco al malato. Colui che si posiziona dalla parte dei piedi si preoccupa di piegargli le ginocchia e di prenderlo da sotto le ginocchia. Colui che si dispone dalla parte della testa si preoccupa di piegarlo in avanti e di prenderlo per le braccia. Ogni volta che gli inclineremo il busto, chiederemo al paziente di guardarsi i piedi per non avere uniperestensione del collo. In questo trasferimento dobbiamo avere molta cura di tenere le nostre spalle ben diritte.

Q CARE LEONARDO DA VINCI

Con un gesto coordinato ( contando fino a tre...o qualcosa di simile ) lo solleveremo da terra fino alla sedia.

b) Ci posizioniamo ognuno da un lato del malato, la sedia star dietro al malato. Le gambe del paziente flesse, gli solleveremo il busto come se stesse seduto. Gli circondiamo la schiena da sotto gli omeri e facciamo in modo che il malato circondi anche lui le nostre spalle. Gli prendiamo le gambe da sotto le ginocchia e ci intrecciamo le mani sia sotto le ginocchia sia dietro la schiena ( come la cosiddetta "sedia del papa). In modo coordinato ( contando fino a tre...o cose simili ) lo solleveremo da terra fino alla sedia.

Q CARE LEONARDO DA VINCI

USO DEL SOLLEVATORE Il sollevatore Il sollevatore un ausilio tecnico che ci permette di eseguire spostamenti con poco sforzo. E consigliabile il suo utilizzo quando gli spostamenti da fare nel corso della giornata sono numerosi, cos da evitare lo sfinimento del curante. Esistono diversi tipi di gru pertanto importante scegliere il modello che maggiormente si adatta sia alle esigenze del malato e del curante, sia allambiente ( grandezza della casa, larghezza delle porte....). Il sollevatore pi diffuso quello base che costituito da un braccio mobile che si eleva, di forma idraulica o elettrica, su cui c un uncino in cui si aggancia limbracatura.

Il sollevatore da soffitto costituita da alcuni binari installati sul tetto in cui si aggancia limbracatura. Il vantaggio che occupa poco spazio e che il malato stesso si pu spostare in maniera autonoma anche se il trasferimento limitato ai luoghi in cui c linstallazione dei binari.

Limbracatura Si chiama imbracatura il tessuto che avvolge il paziente e che dopo si aggancia alluncino. Esistono diversi tipi di imbracature a seconda delle esigenze e della taglia dellutente. La cosa migliore chiedere un consiglio per scegliere limbracatura pi adatta nel caso si necessiti lausilio di una gru.

Q CARE LEONARDO DA VINCI

Questa limbracatura pi comune, possiede due grappe da disporre al di sotto di ogni gamba. Questa imbracatura si posiziona allo stesso modo di quella precedente per lascia scoperta la zona del sedere per poter essere utilizzata al bagno o nella pulizia intima. Questa unimbracatura dalla seduta lunga con cui la persona completamente coperta, con la testa e tutto il busto sostenuti. Posizionamento dellimbracatura Disteso: Il malato viene posizionato di fianco e sotto il suo corpo viene messa unestremit dellimbracatura.

Successivamente dallaltro fianco e si che era stata

viene posizionato prende lestremit messa sotto.

Una volta supino, avremo collocato limbracatura. Una volta in posizione supina, si collocano le estremit che circondano le gambe. Bisogna avere cura di non lasciare molte pieghe o increspature perch potrebbero danneggiare il malato.

Q CARE LEONARDO DA VINCI

aggancia limbracatura alluncino. Se dobbiamo mettere il malato seduto, conviene collocare le estremit del busto nella posizione pi corta e le estremit delle gambe nella posizione pi lunga; cos facendo quando lo alzeremo star gi praticamente seduto. Nel momento di agganciare le estremit delle gambe, abbiamo due possibilit. Possiamo lasciare le gambe divaricate ( collocando ogni gamba sul lato corrispondente ) oppure possiamo unirle ( incrociando le estremit ). Sceglieremo o luna o laltra possibilit a seconda del tipo di paziente, se scivola preferibile incrociarle, se ha spasticit negli abduttori meglio aprirle...

Si

Seduto: Per collocare limbracatura ad una persona che sta seduta, per prima cosa gli metteremo la parte in corrispondenza della schiena e successivamente le estremit delle gambe. Gli piegheremo il busto in avanti ( se non possiede un buon equilibrio preferibile posizionarci avanti al malato per infondergli sicurezza ) ed infileremo limbracatura dietro la schiena. Successivamente collocheremo le estremit per le gambe sotto le ginocchia. Una volta collocata limbracatura la agganceremo alil sollevatore.

Q CARE LEONARDO DA VINCI

Terra: I passi da seguire sono gli stessi che da disteso, la differenza risiede nel modo in cui avviciniamo il sollevatore al malato. Dipender dallo spazio di cui disponiamo e dalla mobilit che possiede il paziente. Esistono diverse possibilit:

Trasferimento Per spostare il malato con il sollevatore da un luogo ad un altro, occorre considerare diversi aspetti. In primo luogo dobbiamo assicurarci che il sollevatore abbia il freno. Aiuteremo il malato ad alzare, se ne ha bisogno, la testa mentre solleviamo il sollevatore. Si pu girare il gancio per mettere seduto il malato in unadeguata posizione. Nel momento di farlo sedere importante sollevargli il sedere fino allo

Q CARE LEONARDO DA VINCI

schienale della sedia per evitargli di trovarsi troppo disteso con il rischio di cadere. Possiamo farlo standogli davanti ( spingendogli le gambe mentre abbassiamo il gancio ) o dietro ( tenendogli il sedere un poco sollevato mentre abbassiamo il gancio). Se il malato capace, possiamo chiedergli di manovrare lui il comando in modo che noi possiamo avere entrambe le mani libere. Nel caso in cui dobbiamo distendere il malato, lunica cosa da considerare quella di accompagnare labbassamento sostenendogli la testa in caso di bisogno.

Q CARE LEONARDO DA VINCI

POSTURE NEL LETTO (Spasticit) In alcuni casi, sia perch il malato soffre di spasticit ( rigidit ) sia perch sta molto tempo nel letto, importante considerare alcuni aspetti: Occorre cambiare la postura ogni 2 ore. Una persona senza problemi di mobilit si muove continuamente mentre dorme; al contrario, una persona con limitazioni nei movimenti a volte potrebbe rimanere per 8 ore nella stessa posizione. La mancanza di mobilit fa s che durante tutto questo tempo siano sempre le stesse parti del corpo a ricevere pressione ( talloni, ginocchia, osso sacro, testa...) e questa pressione potrebbe provocare un danneggiamento alla pelle insieme ad una mancanza di apporto di sangue provocando alcune ferite chiamate piaghe da decubito . E molto difficile guarire da queste piaghe pertanto importante evitarle. Evitare posture che aumentano la spasticit: nel caso in cui il malato presentasse spasticit importante evitare di posizionarlo in maniera tale da incrementarla; per sapere esattamente quali sono le migliori posture importante consultare il proprio medico oppure un fisioterapista. Qui spieghiamo le posture migliori: Supino E importante tener presente limportanza della postura per evitare contratture o limitazioni articolari. Piedi: Dobbiamo stare attenti a non farli rimanere allungati nel caso in cui la persona sia costretta a trascorrere molto tempo sul letto. Se il letto dispone di una sbarra o di una tavola nella parte dei piedi, potremmo porre un cuscino o un asciugamano sotto i piedi del malato per aiutarlo a mantenere una flessione delle caviglie di circa 80.

Q CARE LEONARDO DA VINCI

Ginocchia: E preferibile tenerle leggermente flesse per ridurre la tensione che una completa estensione potrebbe provocare. Questo consiglio importante per quei malati che possiedono spasticit alle gambe. Anche: Le anche tendono ad aprirsi o a chiudersi a seconda del malato. Cercheremo di mantenere una posizione neutra. Nel caso in cui tendessero a chiudersi, collocheremo un cuscino o un guanciale fra le ginocchia, sia per evitare uno stretto contatto fra di loro sia per evitare le piaghe da decubito. Nel caso in cui tendessero a separarsi, potremmo collocare un cuscino su ciascun lato della gamba ( della biancheria da letto li sorreggerebbe ). Busto e testa: E importante che stiano correttamente allineati, eviteremmo che la testa sia eccessivamente flessa o allungata. La scelta del cuscino fondamentale se il malato deve stare per molto tempo a letto. Possiamo collocare due cuscini incrociati di modo che si possono alzare anche le spalle evitando uneccessiva flessione del collo. Arti superiori: Nel caso in cui il malato presentasse spasticit e le braccia tendessero a piegarsi, le collocheremo leggermente allungate ( non completamente distese perch questo probabilmente provocherebbe del dolore ) aiutandoci con cuscini o guanciali. Faremo anche in modo che le mani non restino chiuse.

Q CARE LEONARDO DA VINCI

Semi supino Questa postura quasi uguale alla precedente, lunica differenza che se il malato si affatica molto a stare in posizione supina, o se questa posizione gli provoca del dolore,....possiamo collocargli un cuscino sotto la schiena ( solo da un lato dallomero allanca ) cosicch il paziente sta leggermente inclinato. In questo modo cambieremmo la pressione dei glutei e delle anche senza posizionarlo completamente di fianco.

Da un lato Gambe: La posizione delle gambe molto importante per evitare punti di pressione e per permettere una postura stabile riducendo in tal modo la spasticit. La gamba che resta sotto sar quasi del tutto distesa. La gamba che sollevata sar flessa e vi metteremo sotto un cuscino cosicch anche lanca sar allineata Arti superiori: Se il paziente presenta spasticit faremo in modo che le braccia non siano completamente flesse. Il braccio che resta sotto lo posizioneremo in avanti (cio a spalla estesa e gomito flesso) e sotto ad un cuscino. Quello che sta sopra lo posizioneremo leggermente flesso sopra ad un cuscino. ( La scelta

Q CARE LEONARDO DA VINCI

dei cuscini dipende dal fatto che ricoprono meglio lintera estremit mentre un guanciale ricopre una zona molto pi piccola ).

Semi prono Questa postura molto simile alla precedente, non comunque molto raccomandata vista la posizione della testa. Il malato star in posizione quasi prona, per metteremo un cuscino sotto da un lato, dallomero allanca.

Posizionare il malato in posizione completamente prona non consigliabile, per lo meno per dormire, vista la postura del collo e della testa. Tuttavia si consiglia questa postura a persone con spasticit agli arti inferiori per stirare e poter cos rilassare lanca.