Sei sulla pagina 1di 1

LO SCOPO DELLEDUCAZIONE

La Montessori ritiene necessario scegliere il materiale didattico verso il quale i


bambini mostrano interesse. Inizialmente tali oggetti rappresentavano il
minimo necessario alla praticit delleducazione sensoriale, oggi invece sono
molti di pi.
Data la sua esperienza coi bambini deficienti, la Montessori colse una
differenza di reazione tra i fanciulli deficienti e i normali verso il materiale
didattico: il medesimo materiale didattico per il deficienti rende possibile
leducazione mentre per i normali provoca lautoeducazione. Tale constatazione
ha reso possibile il metodo dellosservazione e della libert.
La concentrazione su un esercizio spontaneo ripetuto continuamente indice
di superiorit del fanciullo normale che si concentra su uno stimolo isolato con
crescente attenzione; il bambino deficiente invece si distrae facilmente.
Quando il bambino normale sbaglia si corregge da s con procedimenti diversi:
il materiale didattico controlla ogni errore. Il correggere s stesso porta il
fanciullo a intensificare la sua attenzione sulle differenze esercitando la psicosensorialit.
Non si tratta di indurre il fanciullo a saper usare senza errori il materiale
didattico ma a sviluppare lautocorrezione, lautoeducazione, perci la maestra
non deve minimamente intervenire, nonostante il bambino rimanga
imbarazzato davanti allerrore, perch necessario che il egli si perfezioni da
se stesso per mezzo del proprio lavoro.
Il metodo montessori prevede che la maestra insegni poco, osservi molto e ha
la funzione di dirigere le attivit psichiche dei bambini e il loro sviluppo
fisiologico, perci la maestra viene chiamata direttrice.
La Montessori constat inoltre che leducazione dei sensi ha lo scopo di
raffinare la percezione differenziale degli stimoli per mezzo di esercizi ripetuti.
Il materiale didattico della scuola Montessoriana, rendendo possibile
lautoeducazione, permette una metodica educazione dei sensi. Tale abilit non
garantita dalla maestra ma dagli oggetti che attraggono lattenzione
spontanea del bambino e contengono una razionale graduazione degli stimoli.

Valuta